Issuu on Google+

Socio n°_________________ Ndg

n°_________________

Spazio riservato a Garcom

DOMANDA DI GARANZIA SU FINANZIAMENTO Piacenza, ________________________ Spett.le COOPERATIVA DI GARANZIA FRA COMMERCIANTI STRADA BOBBIESE, 8 29100 PIACENZA Spett.le BANCA___________________________ FILIALE __________________________

Il sottoscritto___________________________________ nato a _________________________ il ________________ residente in _____________________________________________________________________________________ titolare/ legale rappresentante dell’impresa_________________________________________________________ libero professionista iscritto a (Albo, Collegio, Ordine, etc.)_____________________________in data___________ Insegna________________________________________ con sede in_______________________________________ Via__________________________________________________________________________________

(prov____)

Tel________/_____________Fax________/_____________cellulare _______________________________________ PEC _____________________________________________ e-mail ________________________________________ C.F.____________________________________________ P.I.____________________________________________ n. REA_________________ esercente l'attività di ______________________________________________________ ______________________________________________________________________________________________ Commercialista______________________________________/Associazione_________________________________

CHIEDE la concessione di una garanzia per un finanziamento dell'importo di € ______________________________________ Forma Tecnica: CHIROGRAFARIO

IPOTECARIO

previa estinzione di n. __________ finanziamento/i in corso garantito/i da Garcom

SI

da estinguersi in anni___________ con rate di ammortamento costanti, posticipare mensili

NO trimestrali

destinato per una o più delle seguenti finalità:

_________________________________________ timbro e firma

semestrali


A – Acquisto scorte di magazzino / Consolidamento passività Finanziamento per Scorte di magazzino

€ _________________________

Finanziamenti per consolidamento debiti aziendali da breve a medio lungo temine

€ _________________________

verso banche (fidi di c/c)

BANCA ____________________

€ _________________________

Finanziamenti per consolidamento debiti aziendali (chirografari)

BANCA ____________________

B – Investimenti € _________________________

Finanziamento rivolto agli investimenti aziendali di cui:

€ _________________________ con FATTURE con PREVENTIVI

€ _________________________

Finanziamento rivolto allo sviluppo e la qualificazione dell’offerta turistica regionale – l.r. 40/2002 Totale intervento richiesto

€ _________________________ € ______________________

CHIEDE INOLTRE: -

che il finanziamento venga appoggiato presso il seguente Istituto di Credito (specificare anche la filiale) ……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

SI OBBLIGA 1)

a provvedere puntualmente al rimborso, ad ogni scadenza ed a restituire incondizionatamente ad a semplice richiesta ogni somma che la cooperativa avesse a pagare in conseguenza della garanzia prestata a proprio favore;

2)

ad estinguere anticipatamente il prestito garantito in ogni ipotesi di cessazione dell’attività commerciale;

3)

a chiedere il preventivo consenso della Cooperativa in ogni caso di cessione dell’esercizio o dell’azienda che non sia preceduto dalla preventiva estinzione del prestito garantito;

4)

a non vendere i beni per la durata del finanziamento.

DICHIARA  di aver ottenuto copia del FOGLO INFORMATIVO e di aver chiesto, ottenuto e accettato il DOCUMENTO DI SINTESI; N.B.: - ALL’ATTO DELLA PRESENTAZIONE DELLA PRESENTE ISTANZA L’INTERESSATO DOVRA’ PROVVEDERE AL VERSAMENTO DELLA SOMMA DI € 250,00 PER DIRITTI DI SEGRETERIA; - IL CONSIGLIO D’AMMINISTRAZIONE DI GARCOM VALUTERA’ L’ISTANZA DI FINANZIAMENTO SOLO DOPO AVER RICEVUTO IL PARERE PREVENTIVO E/O LA DELIBERA DELL’ISTITUTO DI CREDITO

_________________________________________ timbro e firma


CONSENSO ALLA DIVULGAZIONE DI DATI PERSONALI

ALLEGATO N. 1

INFORMATIVA AI SENSI DELL’ART. 13 D.lgs. n.196 del 30 giugno 2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” Desideriamo informarVi, ai sensi dell’art. 13 del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196, recante “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i dati personali da Voi forniti in virtù della Vostra partecipazione alla Società Cooperativa di Garanzia fra Commercianti, formeranno oggetto di trattamento nel pieno rispetto delle norme di cui al decreto legislativo indicato, dei principi di liceità, correttezza e trasparenza, e garantendo, comunque, il pieno esercizio dei Vostri diritti, come sotto meglio specificato. Trattamento statutario Il trattamento è necessario per il perseguimento delle finalità consortili previste nello Statuto del nostro Confidi, in part icolare per esigenze gestionali, promozionali, informative, di accesso e tutela del credito, di rilevazione dei rischi creditizi e di insolvenza, di studio e di ricerca statistica. Modalità del trattamento Il trattamento dei dati avverrà nei limiti delle attività consentite dal nostro Statuto e degli scopi dallo stesso perseguiti e, comunque, mediante strumenti idonei a garantirne la sicurezza e, dove necessario, la riservatezza. Potrà, inoltre, essere effettuato mediante l’impiego di strumenti automatizzati idonei a memorizzare, elaborare, gestire e trasmettere i dati stessi, anche avvalendosi di soggetti terzi, ritenuti idonei dal Confidi e, comunque, individuati in un elenco a disposizione presso la nostra sede. Ambito di comunicazione e diffusione Sono fatte salve, inoltre, la diffusione e le comunicazioni ai soggetti individuati analiticamente in un elenco disponibile presso la sede del Confidi, che di seguito indichiamo sommariamente:  banche, confidi, enti e società di riassicurazione, convenzionati per la gestione della pratica ai fini della concessione della garanzia e del finanziamento e per il perseguimento di scopi correlati e strumentali alle finalità statutarie del Confidi;  enti e istituzioni pubbliche, tra cui CCIAA, Regione, Provincia, Comuni, per la concessione di interventi a sostegno delle imprese tramite il Confidi; 

associazioni di categoria locali per una più approfondita conoscenza dell’operatività del Confidi;

 società di servizi ed enti collegati al Confidi qualora ciò risulti necessario allo svolgimento delle attività svolte per lo stesso Confidi;  società esterne al Confidi per attività di informazione e di aggiornamento sulle novità di carattere economico, giuridico, finanziario relativo alla attività di impresa;  Obblighi di legge verso gli ispettori contabili, amministrativi, di controllo Trattamento per obblighi di legge legati alla normative Antiriciclaggio e Antiterrorismo Il trattamento è necessario per l’individuazione delle operazioni sospette di riciclaggio, che questa Cooperativa è tenuta a segnalare all’unità di Informazione Finanziaria, ai sensi della vigente normativa in materia di antiriciclaggio Modalità del trattamento Il trattamento dei dati avverrà nei limiti delle attività consentite dalla normativa antiriciclaggio e degli scopi dalla stessa perseguiti e, comunque, mediante strumenti idonei a garantirne la sicurezza e, dove necessario, la riservatezza. Ambito di comunicazione e diffusione La normativa impone i seguenti obblighi:  Verifica dell’identità e delle informazioni ricevute dai clienti  Registrazione delle operazioni superiori a € 15.000 e dei dati di chi le compie  Segnalazione all’Unità di informazione Finanziaria – UIF delle operazioni sospette e dei loro dettagli e operatori, con obbligo di NON comunicazione al cliente dell’avvenuta segnalazione. Trattamento per obblighi di legge legati alla normativa e alle procedure sulle Indagini Finanziarie Il trattamento è necessario per ottemperare alle richieste provenienti dalla Guardia di Finanza nell’ambito delle indagini finanziarie svolte da quest’ultima Modalità del trattamento Il trattamento dei dati avverrà nei limiti delle attività consentite dalle procedure sulle Indagini Finanziarie e degli scopi dalle stesse perseguiti e, comunque, mediante strumenti idonei a garantirne la sicurezza e, dove necessario, la riservatezza. Ambito di comunicazione e diffusione La normativa impone i seguenti obblighi:  Risposte alla Guardia di Finanza a specifici quesiti da questa inoltrati Diritti dell’interessato Vi informiamo, da ultimo, che, in relazione al predetto trattamento, l’articolo 7 del D.lgs. 196/2003 garantisce l’esercizio di specifici diritti, con particolare riferimento alla possibilità:  di ottenere la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile;  di avere comunicazione dell’origine dei dati personali; delle finalità e modalità del trattamento; della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l’ausilio di strumenti elettronici; degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e dei rappresentanti eventualmente designati; dei soggetti o delle categorie di soggetti, oltre a quelli in precedenza indicati, ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati;  di ottenere l’aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi avrete interesse, l’integrazione dei dati;  di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;


 di ottenere l’attestazione che le operazioni, di cui ai due punti che precedono, sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato;  di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che Vi riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta, ed al trattamento di dati personali che Vi riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. Natura del conferimento Il conferimento dei dati e la comunicazione ai soggetti sopra indicati è da parte Vostra necessario, in ragione della Vostra richiesta di rilascio della garanzia da parte del Confidi; il Vostro mancato conferimento, o conferimento errato, potrebbe impedire la regolare gestione e l’erogazione dei servizi offerti dal Confidi. Titolare e responsabile del trattamento è il legale rappresentante di Garcom: cav. uff. GIOVANNI RONCHINI che è a Sua disposizione per chiarire ogni eventuale dubbio in merito alla tutela della Vostra privacy. Ogni ulteriore informazione potrà essere richiesta direttamente presso la sede di strada Bobbiese 8 a Piacenza CONSENSO AI SENSI DELL’ART. 23 D.lgs. n.196 del 30 giugno 2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali”

Il sottoscritto ___________________________________________________ in qualità di legale rappresentante dell’impresa ___________________________________________________________________________________________________________, a conoscenza del contenuto dello Statuto sociale di GARCOM, acquisite le informazione che precedono, acconsente al trattamento dei dati personali, propri e dell’impresa rappresentata sin qui raccolti o che verranno raccolti nel prosieguo del rapporto associativo, nei limiti e per le finalità descritte nella suddetta informativa. Ai fini dell’art. 26 del D.lgs. 196/2003, inoltre, do consenso al trattamento del dato relativo alla eventuale appartenenza dell’impresa all’Associazione di categoria.

____________ Luogo e data

________________________________ timbro e firma legale rappresentante


Codice di deontologia e di buona condotta per i sistemi informativi gestiti da soggetti privati in tema di crediti al consumo, affidabilità e puntualità nei pagamenti INFORMATIVA (G.U. n 300 del 23 dicembre 2004)

Come utilizziamo i Suoi dati

(art. 13 del Codice sulla protezione dei dati personali art. 5 del codice deontologico sui sistemi di informazioni creditizie) Gentile Cliente, per concederLe il finanziamento richiesto, utilizziamo alcuni dati che La riguardano. Si tratta di informazioni che Lei stesso ci fornisce o che otteniamo consultando alcune banche dati. Senza questi dati, che ci servono per valutare la Sua affidabilità, potrebbe non esserLe concesso il finanziamento. Queste informazioni saranno conservate presso di noi; alcune saranno comunicate a grandi banche dati istituite per valutare il rischio creditizio, gestite da privati e consultabili da molti soggetti. Ciò significa che altre banche o finanziarie a cui Lei chiederà un altro prestito, un finanziamento, una carta di credito, ecc., anche per acquistare a rate un bene di consumo, potranno sapere se Lei ha presentato a noi una recente richiesta di finanziamento, se ha in corso altri prestiti o finanziamenti e se paga regolarmente le rate. Qualora Lei sia puntuale nei pagamenti, la conservazione di queste informazioni da parte delle banche dati richiede il Suo consenso1. In caso di pagamenti con ritardo o di omessi pagamenti, oppure nel caso in cui il finanziamento riguardi la Sua attività imprenditoriale o professionale, tale consenso non è necessario. Lei ha diritto di conoscere i Suoi dati e di esercitare i diversi diritti relativi al loro utilizzo (rettifica, aggiornamento, cancellazione, ecc.). Per ogni richiesta riguardante i Suoi dati, utilizzi nel Suo interesse il fac-simile presente sul sito ( www.garcom.it nella sezione Download) inoltrandolo alla nostra società:

Società Cooperativa di Garanzia fra Commercianti

Strada Bobbiese, 8 29121 PIACENZA tel. 0523/711101 fax. 0523/711113 e-mail gar@garcom.it

e/o alle società sotto indicate, cui comunicheremo i Suoi dati: CRIF S.p.A. Troverà qui sotto i loro recapiti ed altre spiegazioni.

Conserviamo i Suoi dati presso la nostra società per tutto ciò che è necessario per gestire il finanziamento e adempiere ad obblighi di legge. Al fine di meglio valutare il rischio creditizio, ne comunichiamo alcuni (dati anagrafici, anche della persona eventualmente coobbligata, tipologia del contratto, importo del credito, modalità di rimborso) ai sistemi di informazioni creditizie, i quali sono regolati dal relativo Codice di deontologia e di buona condotta (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale Serie Generale del 23 dicembre 2004, n. 300; disponibile al sito web www.garanteprivacy.it). I dati sono resi accessibili anche ai diversi operatori bancari e finanziari partecipanti, di cui indichiamo di seguito le categorie. I dati che La riguardano sono aggiornati periodicamente con informazioni acquisite nel corso del rapporto (andamento dei pagamenti, esposizione debitoria residuale, stato del rapporto). Nell'ambito dei sistemi di informazioni creditizie, i Suoi dati saranno trattati secondo modalità di organizzazione, raffronto ed elaborazione strettamente indispensabili per perseguire le finalità sopra descritte, e in particolare estrarre in maniera univoca dal sistema di informazioni creditizie le informazioni a lei ascritte. Tali elaborazioni verranno effettuate attraverso strumenti informatici, telematici e manuali che garantiscono la sicurezza e la riservatezza degli stessi, anche nel caso di utilizzo di tecniche di comunicazione a distanza. I Suoi dati sono oggetto di particolari elaborazioni statistiche al fine di attribuirLe un giudizio sintetico o un punteggio sul Suo grado di affidabilità e solvibilità (cd. credit scoring), tenendo conto delle seguenti principali tipologie di fattori: numero e caratteristiche dei rapporti di credito in essere, andamento e storia dei pagamenti dei rapporti in essere o estinti, eventuale presenza e caratteristiche delle nuove richieste di credito, storia dei rapporti di credito estinti. Alcune informazioni aggiuntive possono esserLe fornite in caso di mancato accoglimento di una richiesta di credito. I sistemi di informazioni creditizie cui noi aderiamo sono gestiti da: 1.

ESTREMI IDENTIFICATIVI: CRIF S.p.A., con sede legale in Bologna, Ufficio Relazioni con il Pubblico: Via Zanardi, 41 - 40131 Bologna. Fax: 051 6458940, Tel.: 051 6458900, sito internet: www.consumatori.crif.com / TIPO DI SISTEMA: positivo e negativo / PARTECIPANTI: Banche, Intermediari Finanziari, soggetti privati che nell’esercizio di un’attività commerciale o professionale

1Tale consenso non è necessario qualora Lei lo abbia già fornito sulla base di una nostra precedente informativa


concedono dilazioni di pagamento del corrispettivo per la fornitura di beni o servizi/ TEMPI DI CONSERVAZIONE DEI DATI: tempi indicati nel codice di deontologia, vedere tabella sotto riportata / USO DI SISTEMI AUTOMATIZZATI DI CREDIT SCORING: SI / ALTRO: CRIF S.p.A. aderisce ad un circuito internazionale di sistemi di informazioni creditizie operanti in vari paesi europei ed extraeuropei e, pertanto, i dati trattati potranno essere comunicati (sussistendo tutti i presupposti di legge) ad altre società, anche estere, che operano – nel rispetto della legislazione del loro paese – come autonomi gestori dei suddetti sistemi di informazioni creditizie e quindi perseguono le medesime finalità di trattamento del sistema gestito da CRIF S.p.A. (elenco sistemi esteri convenzionati disponibili al sito www.crif.com/ ). Lei ha diritto di accedere in ogni momento ai dati che La riguardano. Si rivolga alla nostra società [Titolare e responsabile del trattamento per il riscontro alle istanze di cui all’art. 7 del Codice è il legale rappresentate di Garcom: cav. uff. GIOVANNI RONCHINI], oppure ai gestori dei sistemi di informazioni creditizie, ai recapiti sopra indicati. Allo stesso modo può richiedere la correzione, l'aggiornamento o l'integrazione dei dati inesatti o incompleti, ovvero la cancellazione o il blocco per quelli trattati in violazione di legge, o ancora opporsi al loro utilizzo per motivi legittimi da evidenziare nella richiesta (art. 7 del Codice; art. 8 del codice deontologico). Tempi di conservazione dei dati nei sistemi di informazioni creditizie: richieste di finanziamento

6 mesi, qualora l'istruttoria lo richieda, o 1 mese in caso di rifiuto della richiesta o rinuncia alla stessa

morosità di due rate o di due mesi poi sanate

12 mesi dalla regolarizzazione

ritardi superiori sanati anche su transazione

24 mesi dalla regolarizzazione

eventi negativi (ossia morosità, gravi 36 mesi dalla data di scadenza contrattuale del rapporto o dalla data in cui è risultato necessario l'ultimo inadempimenti, sofferenze) non aggiornamento (in caso di successivi accordi o altri eventi rilevanti in relazione al rimborso) sanati rapporti che si sono svolti positivamente (senza ritardi o altri eventi negativi)

36 mesi in presenza di altri rapporti con eventi negativi non regolarizzati. Nei restanti casi il termine sarà di 36 mesi dalla data di cessazione del rapporto o di scadenza del contratto, ovvero dal primo aggiornamento effettuato nel mese successivo a tali date.

CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI Vista l’informativa che mi è stata resa ai sensi dell’art. 13 del Codice sulla protezione dei dati personali e dell’art. 5 del codice deontologico sui sistemi di informazioni creditizie, autorizzo il trattamento dei miei dati, anche positivi, consapevole che in assenza la Banca non potrà dar corso all’istruttoria per il finanziamento richiesto.

___________________________ Luogo e data

____________________________________ timbro e firma legale rappresentante


DATI DELL’IMPRESA/IMPRENDITORE

ALLEGATO N. 2

Data di costituzione _______________________ Dipendenti n° _______ Tipologia impresa:

□ Commercio □ Artigiana

□ Servizi □ Turismo □ Trasporti/logistica

□ Agricola □ Agente

□ Industria

Eventuali unità operative (diverse dalla sede legale) regolarmente censite al registro delle ditte CCIAA: Indirizzo (1)_____________________________________________ telefono___________________________ attività svolta______________________________________________________________________________ Indirizzo (2)_____________________________________________ telefono___________________________ attività svolta______________________________________________________________________________ Attività esercitata in locali : in affitto

dal ___/___/_____

di proprietà

scadente il ___/___/_____

dal ___/___/_____

Elenco soci dell’impresa (eventuali nominativi compilare un foglio a parte): Cognome e nome (quota) Data di Nascita Carica Sociale Residente in

Via

Terreni e immobili di proprietà dell’azienda e/o dei soci e/o dei garanti: (eventuali ulteriori nominativi/immobili compilare un foglio a parte) Descrizione

Intestato a:

(tipo, località)

Nome e Cognome / Ragione Sociale, % quota

VINCOLI posseduta

A favore di

Importo

Scad.

Residuo

Segue -----------


Rapporti bancari in corso o richiesti: (eventuali ulteriori rapporti bancari compilare un foglio a parte) BANCA

IMPORTO CONCESSO

C/C

SBF

IMPORTO UTILIZZATO

C/C

SCADENZA

GARANZIE CONCESSE

SBF

Rapporti di mutuo (chirografari – ipotecari) in corso o richiesti: (eventuali ulteriori rapporti di mutuo compilare un foglio a parte)

BANCA

IMPORTO MUTUO

SCADENZA

IMPORTO

RATE

RATA

IMPAGATE

DEBITO RESIDUO

GARANZIE CONCESSE

CONCESSO

□SI □ NO

□SI □ NO □SI □ NO

□SI □ NO

Luogo e data

(timbro e firma)


ALLEGATO N. 3

SCHEDA RIASSUNTIVA PER OPERAZIONI DI CONSOLIDAMENTO DEBITI 1) Evidenziare le ragioni che hanno determinato lo squilibrio finanziario dell’impresa.

2) Se si intende estinguere debiti commerciali: indicare i fornitori verso i quali si ha l’esposizione e gli importi e quali si intendono estinguere e allegare fotocopie fatture Nome fornitore

Importo

……………………………………………………………………………………………………………………… ……………………………………………………………………………………………………………………… ……………………………………………………………………………………………………………………… ……………………………………………………………………………………………………………………… 3) Se si intendono estinguere debiti a breve o a medio periodo verso Istituti di Credito allegare piani di ammortamento ed indicare: Banca

Tipo

durata

tasso %

imp. da consolidare (residuo)

……………………………………………………………………………………………………………………….. ……………………………………………………………………………………………………………………….. 4) Se si intende chiudere o ridurre uno o più fidi di c/corrente allegare il/i saldo/i del/i conto/i ed indicare: Banca

tasso

importo fido

……………………………………………………………………………………………………………………….. …..…………………………………………………………………………………………………………………… 5) Breve descrizione dei vantaggi finanziari previsti.

Luogo e data

(timbro e firma)


Allegato 4 Modulo richiesta agevolazione soggetto beneficiario finale – Pagina 1 di 8 Data: |_|_|

|_|_| |_|_|_|_| Spett.le MedioCredito Centrale SPA Area Fondi di Garanzia e interventi per il capitale di rischio FONDO DI GARANZIA A FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE - LEGGE 662/96 RICHIESTA DI AGEVOLAZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL’IMPRESA BENEFICIARIA AI SENSI DELL’ARTT. 46 e 47 DPR 28 dicembre 2000, N. 445 (da tenere agli atti presso il soggetto richiedente)

Ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. n. 445/2000, il sottoscritto (cognome e nome) .................................................. ............................................ n a t o a ................................................................ il

|_|_| |_|_| |_|_|_|_| , nella qualità

di legale rappresentante dell’impresa (denominazione e ragione sociale) .............................................................. con codice fiscale ……………………………….e sede in …………………………….., consapevole delle responsabilità anche penali derivanti dal rilascio di dichiarazioni mendaci e della conseguente decadenza dai benefici concessi sulla base di una dichiarazione non veritiera ai sensi degli articoli 75 e 76 del DPR 28 dicembre 2000, n. 445, richiede l’agevolazione sotto forma di garanzia prevista dalle leggi 662/96 (art. 2, comma 100, lettera a) e 266/97 (art. 15), qualificabile come aiuto di Stato ai sensi dell’art. 87 del Trattato dell’Unione Europea e, allo scopo di fruire della medesima,

scheda 1 (1/3) DICHIARA 1. che l’impresa è in possesso dei requisiti per l’accesso alla garanzia del Fondo di cui alle leggi 662/96 (art. 2, comma 100, lettera a) e 266/97 (art. 15), alle relative norne di attuazione, nonché alle vigenti Disposizioni Operative (normativa consultabile sul sito www.fondodigarazia.it) e pertanto richiede l’ammissione alla garanzia del medesimo Fondo

per

l’operazione

finanziaria

di

euro

……………………………………, della durata di mesi

|_|_|_|_|_|_|_|_|

, |_|_| , concessa da/richiesta a

|_|_|_|;

2. che l’impresa è regolarmente iscritta al Registro delle Imprese, rispetta i parametri dimensionali previsti dalla Raccomandazione della Commissione Europea 2003/361/CE del 06/05/2003 pubblicata sulla G.U.U.E. n. L124 del 20/05/2003, nonché dal decreto del Ministero delle Attività Produttive del 18.4.2005 (consultabi le sul sito www.fondidigaranzia.it); 3. che l’impresa non è destinataria di provvedimenti giudiziari che applicano le sanzioni amministrative di cui al decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231; 4. di conoscere, avendone preso visione sul sito www.fondidigaranzia.it, ed accettare l’intera normativa comunitaria, nazionale, primaria e secondaria, che regola la concessione e la gestione della garanzia del Fondo e di rispettarne le relative disposizioni e limitazioni; 5. di ben conoscere e accettare la normativa e le vigenti Disposizioni Operative che disciplinano l’intervento del Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese, riguardo all’impossibilità di opporre al Gestore le e ccezioni derivanti dal rapporto originario con il soggetto richiedente, per la natura pubblica della Garanzia del Fondo ex L. 662/96, ai sensi dell'art. 24, comma 33, della legge n. 449/97 e dell'art. 9, comma 5, del d.lgs. n. 123/98;


Allegato 4 Modulo richiesta agevolazione soggetto beneficiario finale – Pagina 2 di 8

scheda 1 (2/3) 6. di essere a conoscenza e accettare le Disposizioni Operative - Parte II, paragrafo H.6.1, e Parte III, paragrafo H.5.7, e la normativa che disciplina la surrogazione legale del Fondo di Garanzia ex L. 662/96 - artt. 2, comma 4, e 3, comma 3, del D.M. 20 giugno 2005, pubblicato in G.U.R.I. n. 152 del 2.7.2005; in particolare, dichiara di conoscere ed accettare che, a seguito della liquidazione della perdita al soggetto finanziatore, il Fondo acquisisce il diritto di rivalersi sullo stesso soggetto beneficiario finale per le somme pagate, e proporzionalmente all’ammontare di queste ultime, il Fondo si surroga in tutti i diritti spettanti al soggetto finanziatore 7. di impegnarsi a comunicare al soggetto richiedente eventuali variazioni societarie e ogni altro fatto rilevante sulla situazione aziendale; 8. di impegnarsi a trasmettere al soggetto richiedente tutta la documentazione necessaria al Gestore del Fondo per effettuare i controlli orientati all’accertamento della veridicità dei dati contenuti nel modulo di richiesta e dell’effettiva destinazione dell’agevolazione del Fondo; 9. di impegnarsi a trasmettere al soggetto richiedente, nel caso di Finanziamenti a medio-lungo termine e di Prestiti partecipativi, idonea documentazione (copia delle fatture o documenti equipollenti) comprovante la realizzazione degli Investimenti, prima dell’erogazione del finanziamento ovvero entro tre mesi dall’avvenuta erogazione dello stesso (nel caso di finanziamento con erogazione a Stato Avanzamento Lavori – SAL, tale documentazione dovrà essere trasmessa in relazione all’erogazione delle singole quote di finanziamento); 10. si obbliga a consentire, in ogni momento e senza limitazioni, l’effettuazione di controlli, accertamenti documentali ed ispezioni in loco presso le sedi dei medesimi stessi, da parte del Gestore del Fondo, degli organismi regionali, nazionali e comunitari ai quali la normativa comunitaria, nazionale e regionale riconosce tale competenza; 11. si impegna a versare al Fondo un importo pari all’equivalente sovvenzione lordo nei casi di revoca della concessione dell’agevolazione previsti dalla normativa di riferimento e dalle vigenti Disposizioni Operative; 12. di prendere atto che il Gestore del Fondo inoltrerà la corrispondenza relativa ai supplementi di istruttoria per l’ammissione alla garanzia al soggetto richiedente (Banca o altro intermediario finanziario, in caso di Garanzia Diretta; Confidi o altro fondo di garanzia, in caso di Controgaranzia); 13. di prendere atto che, in caso di concessione dell’intervento, il nome dell’impresa, i relativi dati fiscali, e l’importo della garanzia concessa saranno resi pubblici sulla rete internet ai sensi dell’art. 18 del D.L. 22 giugno 2012, n. 83, convertito con modificazioni nella legge 7 agosto 2012, n. 134, nonché ai sensi dell’art. 11 del DLgs 27 ottobre 2009, n. 150 e successive modificazioni; 14. che l’operazione finanziaria sopra indicata è stata richiesta/concessa per le seguenti finalità: …………………………………………………………………………………………………………………………………………… …………………………………………………………………………………………………………………………………………… …………………………………………………………………………………………………………………………………………… …………………………………………………………………………………………………………………………………………… 15. che i dati sull’eventuale investimento sono i seguenti: UBICAZIONE:

 SEDE LEGALE

 SEDE OPERATIVA

Comune di .......................... Prov: ...... Via/Piazza: ......................................... n° …..…

CAP .............

I N V E S T I M E N T O / P I A N O D I S V I L U P P O P R O D U T T I V O D I E U R O : |_|_|_|_|_|_|_|_| , |_|_| I N V E S T I M E N T O / P I A N O D I S V I L U P P O :  INIZIATO IN DATA |_|_| |_|_| |_|_|_|_| INVESTIMENTO / PIANO DI SVILUPPO PRODUTTIVO:  AGEVOLATO

 NON AGEVOLATO

 DA INIZIARE


Allegato 4 Modulo richiesta agevolazione soggetto beneficiario finale – Pagina 3 di 8 scheda 1 (3/3) Se l’investimento è agevolato, ai fini della verifica dell’intensità dell’aiuto, specificare i riferimenti dell e altre agevolazioni ottenute, compilando il seguente riquadro. Riferimento normativo e amministrazione concedente

Tipologia di contributo (c./interessi, c./capitale, ecc.)

Data di concessione dell’agevolazione

ESL ottenuto (in percentuale)

|_|_| |_|_| |_|_|_|_| |_|_| |_|_| |_|_|_|_| |_|_| |_|_| |_|_|_|_|

|_|_| , |_|_|_| % |_|_| , |_|_|_| %

|_|_| |_|_| |_|_|_|_|

|_|_| , |_|_|_| %

|_|_| , |_|_|_| %

16. che la garanzia del Fondo viene richiesta secondo la regola “de minimis”:  S I  N O 17. ove previsto dalle vigenti Disposizioni Operative, di aver già beneficiato, nell’esercizio finanziario in corso e negli ultimi due esercizi finanziari, dei sottoelencati aiuti a titolo “de minimis”: Riferimento normativo Tipologia di contributo e amministrazione (c./interessi, c./capitale, ecc.) concedente

Data di concessione dell’agevolazione

Importo agevolazione in euro

|_|_| |_|_| |_|_|_|_| |_|_| |_|_| |_|_|_|_| |_|_| |_|_| |_|_|_|_| |_|_| |_|_| |_|_|_|_| |_|_| |_|_| |_|_|_|_| |_|_| |_|_| |_|_|_|_| |_|_| |_|_| |_|_|_|_| |_|_| |_|_| |_|_|_|_|

|_|_|_|_|_|_|_|_| , |_|_|_|_|_|_|_|_| , |_|_|_|_|_|_|_|_| , |_|_|_|_|_|_|_|_| , |_|_|_|_|_|_|_|_| , |_|_|_|_|_|_|_|_| , |_|_|_|_|_|_|_|_| , |_|_|_|_|_|_|_|_| ,

TOTALE

|_|_| |_|_| |_|_| |_|_| |_|_| |_|_| |_|_| |_|_|

|_|_|_|_|_|_|_|_| , |_|_|

e di impegnarsi a rispettare per un periodo di tre anni dalla data di ottenimento del primo aiuto “de minimis” il limite di cumulo pari a euro 200.000,00 complessivi ovvero a euro 100.000 complessivi, limitatamente alle imprese di autotrasporto merci per conto terzi. 1 8 . che l’impresa è caratterizzata da cicli produttivi ultrannuali e/o di operare su commessa o a progetto

 SI  NO

1 9 . che l’impresa è una “Start-up innovativa” ai sensi dell’art. 25, comma 2, del decreto-legge n. 179/2012, iscritta nella sezione speciale del Registro delle imprese di cui all’art. 25, comma 8, del medesimo decreto-legge n. 179/2012  SI  N O 20. che l’impresa è un “Incubatore certificato” ai sensi dell’art. 25, comma 5, del decreto-legge n. 179/2012, iscritto nella sezione speciale del Registro delle imprese di cui all’art. 25, comma 8, del medesimo decreto-legge n. 179/2012  S I  N O

DATA : |_|_|

|_|_| |_|_|_|_|

si allega fotocopia di documento di identità in corso di validità.

FIRMA E TIMBRO


Allegato 4 Modulo richiesta agevolazione soggetto beneficiario finale – Pagina 4 di 8

scheda 2 DICHIARA, INOLTRE, DI TROVARSI IN UNA DELLE SEGUENTI CONDIZIONI (barrare secondo il caso che ricorre)  di non rientrare fra coloro che hanno ricevuto, neanche secondo la regola “de minimis”, aiuti dichiarati incompatibili con le decisioni della Commissione Europea indicate nell’art. 4 del d.P.C.M. 23.5.2007, adottato ai sensi dell’art. 1, comma 1223, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italian a, Serie generale, n. 160 del 12.7.2007;  di rientrare fra i soggetti che hanno ricevuto secondo la regola “de minimis” gli aiuti dichiarati incompatibili con le decisioni della Commissione Europea indicate nell’art. 4 del d.P.C.M. 23.5.2007, adottato ai sensi dell’art. 1, comma 1223, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, Serie generale, n. 160 del 12.7.2007, per un ammontare totale di euro

|_|_|_|_|_|_|_|_| , |_|_| e di non essere

pertanto tenuto all’obbligo di restituzione delle somme fruite;  di

aver

rimborsato

in

data

(giorno,

mese,

anno)

|_|_| |_|_| |_|_|_|_|

mediante

............................................................. (indicare il mezzo utilizzato: modello F24, cartella di pagamento ecc. con cui si è proceduto al rimborso) la somma di euro

|_|_|_|_|_|_|_|_| , |_|_| , comprensiva degli interessi calcolati ai sensi

del Capo V del Regolamento (CE) 21.4.2004 n. 794/2004 relativa all’aiuto di Stato soggetto al recupero e dichiarato incompatibile con la decisione della Commissione europea indicata nell’art. 4, comma 1, lettera …….. (specificare a quali delle lettere a, b, c, o d)

(1)

del d.P.C.M. adottato ai sensi dell’art. 1, comma 1223, della legge 27 dicembre 2006, n.

296, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, Serie generale, n. 160 del 12.7.2007;  di aver depositato nel conto di contabilità speciale acceso presso la Banca d’Italia la somma di euro

|_|_|_|_|_|_|_|_| , |_|_| comprensiva degli interessi calcolati ai sensi del Capo V del Regolamento (CE) 21.4.2004 n. 794/2004 relativa all’aiuto di stato soggetto al recupero e dichiarato incompatibile con la decisione della Commissione europea indicata indicate nell’art. 4, comma 1, lettera …. [ specificare a quali delle lettere a, b, (1)

c, o d)

del d.P.C.M. adottato ai sensi dell’art. 1, comma 1223, della L. n. 296/2006.

(1) a) La decisione Commissione 11.5.1999, concernente il regime di aiuti di Stato concessi dall'Italia per interventi a fa vore dell'occupazione, mediante la concessione di agevolazioni contributive connesse alla stipulazione di contratti di formazione lavoro; b) decisione della Commissione 5.6.2002, concernente il regime di aiuti di Stato concessi dall'Italia per esenzioni fiscali e mutui agevolati, in favore di imprese di servizi pubblici a prevalente capitale pubblico; c) decisione della Commissione 30.3.2004 concernente il regime di aiuti di Stato concessi dall'Italia per interventi urgenti in materia di occupazione; d) decisione della Commissione del 20 ottobre 2004, concernente il regime di aiuti di Stato concessi dall'Italia in favore delle imprese che hanno realizzato investimenti nei comuni colpiti da eventi calamitosi nel 2002, previsti dall'art. 5-sexies d.l. 24.12.2002, n. 282, convertito dalla l. 21.2.2003, n. 27.

DATA: |_|_|

|_|_| |_|_|_|_|

si allega fotocopia di documento di identità in corso di validità.

FIRMA E TIMBRO


Allegato 4 Modulo richiesta agevolazione soggetto beneficiario finale – Pagina 5 di 8

scheda 3

DICHIARA: di prendere atto che, come previsto dalle vigenti Disposizioni Operative, la Riserva PON è uti lizzata prioritariamente quando:  il soggetto beneficiario è localizzato nelle Regioni Convergenza  l’operazione è ammissibile alla Riserva PON;  la finalità dell’operazione indicata nella richiesta di ammissione è una o più delle seguenti: 

Investimento

Interventi sul capitale circolante* – Consolidamento di passività a breve termine su diversa banca/gruppo bancario

Interventi sul capitale circolante* – Rinegoziazione

Interventi sul capitale circolante* – Liquidità

* Per capitale circolante deve intendersi “la differenza tra attività correnti e passività correnti di un’impresa”. Rientrano tra gli interventi sul capitale circolante – e, dunque, sono ammissibili alla garanzia della Riserva PON – le operazioni finanziarie a breve, medio e lungo termine finalizzate alla copertura dei fabbisogni finanziari dell’impresa nelle fasi della sua creazione, avvio o sviluppo. Rientrano tra gli interventi sul capitale circolante anche le operazioni di consolidamento di passività a breve termine con “banca/gruppo bancario diversi” o di rinegoziazione del debito, a condizione che il nuovo finanziamento concesso preveda l’erogazione all’impresa di credito aggiuntivo in misura pari ad almeno il 10% (dieci percento) dell’importo del debito residuo in essere dei finanziamenti oggetto di consolidamento o rinegoziazione.

DATA: |_|_| |_|_| |_|_|_|_| si allega fotocopia di documento di identità in corso di validità.

FIRMA E TIMBRO


Allegato 4 Modulo richiesta agevolazione soggetto beneficiario finale – Pagina 6 di 8

scheda 4

DICHIARA: di prendere atto che, come previsto dalle vigenti Disposizioni Operative, la Riserva POI è utilizzata prioritariamente quando:  il soggetto beneficiario è localizzato nelle Regioni Convergenza  l’operazione è ammissibile alla Riserva POI;  l’operazione indicata nella richiesta di ammissione è riferibile ad uno dei seguenti ambiti operativi della Riserva POI:  Attività 1.1: Interventi di attivazione di filiere produttive che integrino obiettivi energetici e obiettivi di salvaguardia dell’ambiente e sviluppo del territorio;  Attività 1.2: Interventi a sostegno dello sviluppo dell’imprenditoria collegata alla ricerca e all’applicazione di tecnologie innovative nel settore delle fonti rinnovabili;  Attività 1.4: Interventi sperimentali di geotermia;  Attività 2.1: Interventi a sostegno dell'imprenditorialità collegata al risparmio energetico con particolare riferimento alla creazione di imprese e alle reti;  Attività 2.5: Interventi sulle reti di distribuzione del calore, in particolare da cogenerazione, e per il teleriscaldamento ed il teleraffrescamento.  la finalità dell’operazione indicata nella richiesta di ammissione è una o più delle seguenti: 

Investimento

 Interventi sul capitale circolante* – Consolidamento di passività a breve termine su diversa banca/gruppo bancario 

Interventi sul capitale circolante* – Rinegoziazione

Interventi sul capitale circolante* – Liquidità

* Per capitale circolante deve intendersi “la differenza tra attività correnti e passività correnti di un’impresa”. Rientrano tra gli interventi sul capitale circolante – e, dunque, sono ammissibili alla garanzia della Riserva POI – le operazioni finanziarie a breve, medio e lungo termine finalizzate alla copertura dei fabbisogni finanziari dell’impresa nelle fasi della sua creazione, avvio o sviluppo. Rientrano tra gli interventi sul capitale circolante anche le operazioni di consolidamento di passività a breve termine con “banca/gruppo bancario diversi” o di rinegoziazione del debito, a condizione che il nuovo finanziamento concesso preveda l’erogazione all’impresa di credito aggiuntivo in misura pari ad almeno il 10% (dieci percento) dell’importo del debito residuo in essere dei finanziamenti oggetto di consolidamento o rinegoziazione.

DATA: |_|_| |_|_| |_|_|_|_| si allega fotocopia di documento di identità in corso di validità.

FIRMA E TIMBRO


Allegato 4 Modulo richiesta agevolazione soggetto beneficiario finale – Pagina 7 di 8

scheda 5

DICHIARA: di prendere atto che, come previsto dalle vigenti Disposizioni Operative, la Riserva POI Turismo è utilizzata prioritariamente quando:  il soggetto beneficiario è localizzato in uno dei territori delle Regioni Convergenza (Calabria, Campania, Puglia e Sicilia) eleggibili alle azioni del POIn Turismo;  l’operazione è ammissibile alla POIn Turismo;  la finalità dell’operazione indicata nella richiesta di ammissione è una o più delle seguenti: 

Investimento

Investimento sul capitale circolante* - Consolidamento di passività a breve termine su diversa banca/gruppo bancario

Investimenti sul capitale circolante* - Rinegoziazione

Investimenti sul capitale circolante* - Liquidità

* Per capitale circolante deve intendersi “la differenza tra attività correnti e passività correnti di un’impresa”. Rientrano tra gli interventi sul capitale circolante– e, dunque, sono ammissibili alla garanzia della Riserva POIn Turismo – le operazioni finanziarie a breve, medio e lungo termine finalizzate alla copertura dei fabbisogni finanziari dell’impresa nelle fasi della sua creazione, avvio o sviluppo. Rientrano tra gli interventi sul capitale circolante anche le operazioni di consolidamento di passività a breve termine con “banca/gruppo bancario diversi” o di rinegoziazione del debito, a condizione che il nuovo finanziamento concesso preveda l’erogazione all’impresa di credito aggiuntivo in misura pari ad almeno il 10% (dieci percento) dell’importo del debito residuo in essere dei finanziamenti oggetto di consolidamento o rinegoziazione.

DATA: |_|_| |_|_| |_|_|_|_| si allega fotocopia di documento di identità in corso di validità.

FIRMA E TIMBRO


Allegato 4 Modulo richiesta agevolazione soggetto beneficiario finale – Pagina 8 di 8

scheda 6 INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI AI SENSI DELL’ART. 13 D.LGS. N. 196/2003 ("CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI") Banca del Mezzogiorno - MedioCredito Centrale S.p.A. (di seguito “MCC S.p.A.”) Società con socio unico, soggetta all’attività di direzione e coordinamento di Poste Italiane S.p.A., iscritta all’albo delle Banche al n. 74762.60, con sede in Roma, Viale America n. 351, nella sua qualità di Titolare del trattamento, informa che i dati personali contenute nei moduli e nelle dichiarazioni, da Voi spontaneamente forniti, potranno essere utilizzati da MCC S.p.A. esclusivamente nell’ambito del procedimento per il quale la presente informativa viene resa e saranno utilizzati per il conseguimento delle finalità allo stesso connesse. I Vostri dati saranno inseriti nel database informatico di MCC S.p.A. ed il trattamento degli stessi potrà essere effettuato mediante elaborazioni manuali o strumenti elettronici o comunque automatizzati, informatici e telematici, con logiche strettamente correlate alle finalità del presente procedimento e, comunque, in modo da garantire la sicurezza e la riservatezza dei dati stessi. I Vostri dati potranno essere comunicati, per le finalità di cui sopra, oltre che ad autorità, organi di vigilanza e di controllo, anche ad altri soggetti nei confronti dei quali la comunicazione di Vostri dati risponde a specifici obblighi di legge, quali enti pubblici e ministeri. Per ognuna di queste forme di comunicazione non è richiesto il Vostro consenso, poiché i soggetti sopraindicati agiscono in qualità di autonomi Titolari al trattamento dei dati. L'Interessato gode dei diritti di accesso ai dati, integrazione, rettifica e opposizione al trattamento, sanciti dall'art. 7 del d.lgs. 196/2003, che potranno essere esercitati rivolgendosi alla Funzione Legale e Affari Societari della Banca al medesimo indirizzo in Roma, Viale America 351, 00144. La presente comunicazione è resa, altresì, in osservanza degli articoli 18 e 24 del d.lgs n. 196/2003, per le finalità di cui all’art. 1, comma 5, della legge n. 150/2000, nonché in esecuzione degli obblighi contrattuali assunti con l’Amministrazione di riferimento per la fornitura di informazioni alle imprese e agli altri soggetti interessati in ordine alle condizioni ed alle modalità di accesso alle agevolazioni.


ALLEGATO N.5

LETTERA DEL RICHIEDENTE E DEGLI EVENTUALI GARANTI CHE AUTORIZZA GLI ISTITUTI DI CREDITO A FORNIRE INFORMAZIONI A GARCOM Spett.le Banca:………………………………………………………………… Io sottoscritto………….…………………………………legale rappresentante della azienda…………………………………………………………….. con sede in……………………………………………………… in ottemperanza ai disposti della convenzione in essere, autorizzo il Vostro Istituto a rilasciare alla Cooperativa di Garanzia, con sede in Piacenza , strada Bobbiese, 8 tutte le informazioni relative ai rapporti in corso ed estinti (anche non assistiti da garanzia Garcom), nonché quelle di carattere commerciale e/o patrimoniale di cui è in possesso relativi anche ad eventuali garanzie che assisteranno l’operazione in richiesta.

____________

________________________________

Luogo e data

timbro e firma legale rappresentante

DISPONIBILITA’ A PRESTARE GARANZIE Terreni/Immobili/Titoli: Descrizione

Intestato a: Nome e Cognome e % quota posseduta

A favore di Importo

Vincoli Scad.

residuo

Inoltre propongo a garanzia del finanziamento in oggetto i seguenti nominativi (indicare il nome di tutti i garanti compreso quello dei soci) NOME E COGNOME/ RAGIONE SOCIALE

DATA E LUOGO DI NASCITA

Professione (se diversa dall’attività per cui si chiede garanzia specificare se libero professionista o dipendente ed in quest’ultimo caso specificare nome ditta o datore di lavoro)

importo

Che autorizzato il Vostro Istituto a rilasciare a Garcom tutte le informazioni relative alle garanzie prestate, nonché quelle di carattere commerciali e/o patrimoniale di cui è in possesso. I garanti

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


COMPILAZIONE DELLE DICHIARAZIONI ED IMPEGNI

ALLEGATO N. 6

COMPILARE E SOTTOSCRIVERE LE DICHIARAZIONI E IMPEGNI DELL’AZIENDA RICHIEDENTE DI SEGUITO RIPORTATI:

Il sottoscritto______________________________________________in qualità di legale rappresentante dell’ azienda ________________________________________________________________________ rilascia, sotto la propria responsabilità, le seguenti dichiarazioni:  che, conscio delle responsabilità penali previste dall’art. 26 della Legge 04/01/1968 n. 15, nei confronti dell’azienda predetta e nei confronti di se stesso e dei soci non sussistono protesti cambiari negli ultimi tre anni precedenti la data della presente dichiarazione e che lo stesso non ha subito condanne e pene che comportino l’interdizione anche temporanea dai pubblici uffici;  che l’azienda è regolarmente iscritta al registro Imprese della Camera di Commercio Industria Agricoltura e Artigianato di Piacenza e di essere in regola con il pagamento alla medesima Camera di Commercio del diritto annuale;  che l’azienda rientra nei parametri dimensionali PMI di cui al D.M. Ministero attività produttive 18/04/2005, G.U. 12/10/2005, n. 238 2e in particolare di possedere ai sensi delle vigenti normative nazionali ed europee i requisiti di:  Micro-impresa  Piccola impresa  Media impresa  Consorzio  che, nel caso in cui vengano richieste all’azienda ulteriori garanzie di terzi, di farsi parte diligente per ottenere da questi ultimi il consenso (ai sensi del D.lgs. 196/2003) a favore della banca, affinché rilasci a Garcom le informazioni necessarie alla valutazione della pratica e a favore di Garcom al trattamento di suddetti dati;  che l’impresa non è assoggettata a procedura concorsuale;  che i dati e le notizie riportati nel presente modulo sono veri e conformi alla documentazione in suo possesso e che si impegna a fornire, a richiesta della cooperativa, l’eventuale ulteriore documentazione necessaria al completamento della pratica;  di avere preso visione dello statuto e di essere a conoscenza dei diritti e dei doveri del socio derivanti dallo stesso;  di (barrare, se necessario, la casella corrispondente): o aver realizzato l’investimento, di cui alla relazione programmatica allegata, nei dodici mesi antecedenti la data di presentazione della domanda; o impegnarsi a realizzare l’investimento di cui alla relazione programmatica allegata, entro i dodici mesi successivi alla erogazione del finanziamento. Si impegna:  a comunicare tempestivamente alla Cooperativa di garanzia ogni evento che possa determinare il venire meno dei presupposti di fatto e di diritto per la concessione della garanzia;  a tenere a disposizione della Cooperativa di garanzia ogni documento e attestazione predisposti ai fini della concessione della garanzia;  In caso di rinuncia alla domanda di finanziamento, il richiedente dovrà far pervenire comunicazione debitamente firmata, direttamente alla Segreteria di GARCOM.  a non vendere i propri beni immobili per tutta la durata del finanziamento. Inoltre si rende disponibile:  ad un colloquio preliminare in sede Garcom  ad accettare su richiesta, uno o più incontri nella propria sede aziendale con un delegato Garcom per l’analisi della documentazione aziendale  ad accettare, su richiesta, la verifica periodica da parte del delegato Garcom sull’andamento della gestione

Luogo e data

2

(timbro e firma)

Micro-impresa: numero di occupanti inferiore a 10, fatturato annuo oppure totale di bilancio annuo non superiore a 2 milioni di euro; Piccola-impresa: numero di occupanti inferiore a 50, fatturato annuo oppure totale di bilancio annuo non superiore a 10 milioni di euro; Media-impresa: numero di occupanti inferiore a 250, fatturato annuo non superiore a 50 milioni d euro oppure totale di bilancio annuo non superiore a 43 milioni di euro;


DICHIARAZIONE DE MINIMIS

ALLEGATO N. 7

(sostitutiva dell’atto di notorietà – art. 47 DPR 28.12.2000 n. 445) Il sottoscritto nato a Codice fiscale residente a in qualità di legale rappresentante dell’impresa con sede in

il

PRESO ATTO che la Commissione Europea con il proprio Regolamento (UE) n. 1407/2013 del 18 dicembre 20131 ha stabilito: -

che l’importo massimo complessivo di aiuti pubblici “de minimis” che possono essere concessi a un’impresa unica2 nell’arco di tre esercizi finanziari3 - senza la preventiva notifica ed autorizzazione da parte della Commissione Europea - è pari a € 200.000,00 (€ 100.000,00) se l’impresa opera nel settore del trasporto di merci su strada per conto terzi4);

-

che gli aiuti de minimis sono considerati concessi nel momento in cui all’impresa è accordato il diritto di ricevere gli aiuti, indipendentemente dalla data di erogazione degli aiuti all’impresa;

-

che gli aiuti de minimis possono essere cumulati (i) con gli aiuti de minimis concessi a norma del Regolamento (UE) n. 360/2012 della Commissione (aiuti de minimis a imprese che forniscono Servizi di Interesse Economico Generale) nel rispetto del massimale previsto in tale Regolamento e (ii) con gli aiuti de minimis concessi a norma di altri regolamenti de minimis purché non superino il massimale di € 200.000,00 (€ 100.000,00 se l’impresa opera nel settore del trasporto di merci su strada per conto terzi);

-

che gli aiuti de minimis non sono cumulabili con aiuti di Stato concessi per gli stessi costi ammissibili o con aiuti di Stato relativi alla stessa misura di finanziamento del rischio se tale cumulo comporta il superamento dell’intensità di aiuto o dell’importo di aiuto più elevati fissati, per le specifiche circostanze di ogni caso, in un regolamento d’esenzione per categoria o in una decisione della Commissione; gli aiuti de minimis non concessi per specifici costi ammissibili possono invece essere cumulati con altri aiuti di Stato concessi sulla base di un regolamento di esenzione per categoria o di una decisione della Commissione;

-

che ai fini della determinazione dell’ammontare massimo di € 200.000,00 (€ 100.000,00 se l’impresa opera nel settore del trasporto di merci su strada per conto terzi) devono essere presi in considerazione tutti gli aiuti pubblici, concessi da autorità nazionali, regionali o locali, a prescindere dalla forma dell’aiuto de minimis o dall’obiettivo perseguito e a prescindere dal fatto che l’aiuto concesso sia finanziato interamente o parzialmente con risorse provenienti dall’Unione;

-

che la disciplina de minimis di cui al Reg. 1407/2013 non è applicabile: agli aiuti concessi a imprese operanti nel settore della pesca e dell’acquacoltura5 per i quali esiste una disciplina de minimis ad hoc (Reg. 875/2007); agli aiuti concessi a imprese operanti nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli6 per i quali esiste una disciplina de minimis ad hoc (Reg. 1408/2013);

1

Pubblicato nella G.U.U.E. 24 dicembre 2013, n. L 352. Per “impresa unica” si intende l’impresa beneficiaria e le imprese, a monte e a valle, ad essa legate da uno dei rapporti di collegamento indicati all’art. 2, par. 2, del Reg. de minimis 1407/2013. 3 Il periodo di tre esercizi finanziari viene determinato facendo riferimento agli esercizi finanziari utilizzati dall’impresa ed è valutato su base mobile (tenendo conto dell’esercizio finanziario in questione e dei due esercizi finanziari precedenti), come previsto dall’art. 3, par. 5, e dal considerando 10 del Reg. de minimis 1407/2013. 4 Gli aiuti de minimis non possono essere utilizzati per l’acquisto di veicoli destinati al trasporto di merci su strada. Se un’impresa che effettua trasporto di merci su strada per conto terzi esercita anche altre attività soggette al massimale di €200.000,00, all’impresa si applica tale massimale purché sia dimostrabile che l’attività di trasporto merci su strada non tragga un vantaggio superiore a € 100.000,00. 5 Tuttavia se un’impresa operante nel settore della pesca e dell’acquacoltura opera anche in uno o più settori o svolge anche altre attività che rientrano nel campo di applicazione del Reg. de minimis 1407/2013, quest’ultimo si applica agli aiuti concessi in relazione a tali ulteriori settori o attività purché sia dimostrabile che le attività di pesca e acquacoltura non beneficiano di aiuti de minimis concessi sulla base del Reg. 1407/2013. 2


agli aiuti concessi a imprese operanti nel settore della trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli, quando l’importo dell’aiuto è fissato in base al prezzo o al quantitativo di tali prodotti acquistati da produttori primari o immessi sul mercato dalle imprese interessate, oppure quando l’aiuto è subordinato al fatto di venire parzialmente o interamente trasferito a produttori primari7; agli aiuti all’esportazione (si intendono tali quelli direttamente legati alle quantità esportate, alla costituzione e al funzionamento di una rete di distribuzione o alle spese correnti connesse all’attività di esportazione; non rientrano normalmente negli aiuti all’esportazione gli aiuti inerenti ai costi di partecipazione a fiere commerciali o quelli per studi o servizi di consulenza, necessari per il lancio di un nuovo prodotto o di un prodotto già esistente su un nuovo mercato); agli aiuti subordinati all’impiego preferenziale di prodotti interni rispetto ai prodotti d’importazione; 8 agli aiuti “non trasparenti” ; -

che nel caso in cui la concessione di nuovi aiuti de minimis comporti il superamento della soglia di € 200.000,00 (€ 100.000,00 se l’impresa opera nel settore del trasporto di merci su strada per conto terzi), nessuna delle nuove misure di aiuto può beneficiare della disciplina del Reg. de minimis 1407/2013;

consapevole delle sanzioni penali, nel caso di dichiarazioni non veritiere, di formazione o uso di atti falsi richiamate dall’art. 76 del D.P.R. 445 del 28 dicembre 2000,

DICHIARA che l’impresa, congiuntamente con altre imprese ad essa eventualmente collegate nell’ambito del concetto di “impresa unica”, non ha beneficiato, nell’esercizio finanziario in questione nonché nei due esercizi finanziari precedenti, di contributi pubblici, percepiti a titolo di aiuti de minimis ai sensi del Regolamento (UE) n. 1407/2013 e di altri regolamenti de minimis, per un importo superiore a € 200.000,00 (€ 100.000,00) se l’impresa opera nel settore del trasporto di merci su strada per conto terzi), in quanto: [ ] - l’impresa non ha percepito aiuti pubblici in de minimis nel corso del periodo sopra indicato oppure [ ] – nel corso del periodo sopra indicato la suddetta impresa ha beneficiato solo dei seguenti aiuti de minimis: a) euro b) euro c) euro d) euro

Luogo, data

concessi in data concessi in data concessi in data concessi in data

da da da da

, (Timbro dell’azienda e firma del legale rappresentante)*

Dichiara inoltre di essere informato, ai sensi del D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che:

6

Tuttavia se un’impresa operante nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli opera anche in uno o più settori o svolge anche altre attività che rientrano nel campo di applicazione del Reg. de minimis 1407/2013, quest’ultimo si applica agli aiuti concessi in relazione a tali ulteriori settori o attività purché sia dimostrabile che l’attività di produzione primaria di prodotti agricoli non beneficia di aiuti de minimis concessi sulla base del Reg. 1407/2013. 7 Tuttavia se un’impresa operante nel settore della trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli nei casi esclusi indicati opera anche in uno o più settori o svolge anche altre attività che rientrano nel campo di applicazione del Reg. de minimis 1407/2013, quest’ultimo si applica agli aiuti concessi in relazione a tali ulteriori settori o attività purché sia dimostrabile che l’attività di trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli nei casi esclusi indicati non beneficia di aiuti de minimis concessi sulla base del Reg. 1407/2013. 8 Sono “trasparenti” gli aiuti per i quali si può calcolare con precisione l’equivalente sovvenzione lordo ex ante senza che sia necessario effettuare una valutazione dei rischi (art. 4, Reg. 1407/2013).


-

-

i dati personali raccolti saranno trattati, anche con strumenti informatici, nell’ambito e per le finalità del procedimento per il quale la presente dichiarazione viene resa ed in conformità ad obblighi previsti dalla legge, da un regolamento o dalla normativa comunitaria; il relativo trattamento non richiede il consenso dell’interessato ai sensi dell’art. 18 del D. Lgs. 196/2003; il conferimento dei dati richiesti è obbligatorio e il rifiuto di fornirli comporterà l’impossibilità di proseguire con la liquidazione del contributo; i dati raccolti potranno essere oggetto di comunicazione ad autorità pubbliche nazionali e dell’Unione Europea in conformità ad obblighi di legge; potranno essere esercitati i diritti specificatamente previsti all’art. 7 del D.Lgs. 196/2003; titolare del trattamento dei dati è la Camera di Commercio di .

Luogo, data,

, (Timbro dell’azienda e firma del legale rappresentante)*

(*) Ai sensi dell’art. 38 D.P.R. 445 del 28 dicembre 2000, la dichiarazione è sottoscritta dall’interessato in presenza del funzionario addetto ovvero sottoscritta e presentata unitamente a copia fotostatica non autenticata di un valido documento d’identità del sottoscrittore.

Avvertenze: Qualora la dichiarazione presenti delle irregolarità rilevabili d’ufficio, non costituenti falsità, oppure funzionario competente a ricevere la documentazione ne dà comunicazione all’interessato per la completamento. Qualora invece, da un controllo successivo, emerga la non veridicità del contenuto della dichiarazione, il dai benefici eventualmente conseguenti al provvedimento emanato sulla base della dichiarazione non DPR n.445/2000).

-

Allegati: fotocopia di un documento di identità in corso di validità del firmatario.

sia incompleta, il regolarizzazione o dichiarante decade veritiera (Art. 75


ALLEGATO N. 8

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO RILASCIATA DALL’AZIENDA, AI SENSI DEGLI ARTICOLI 46 e 47 del D.P.R. 445/00

Con la presente io sottoscritto/a _________________________________ nato a _______________________ il ____/_____/_______ in qualità di titolate/legale rappresentante della ditta ______________________________ ____________________________________________________________________________________________ con sede in ________________________________________ via ________________________________________ C.F. _____________________________________ P.IVA _____________________________________________ consapevole delle responsabilità derivanti dal rendere dichiarazioni false, ai sensi dell’art. 76 del DPR n. 445/2000, nonché in quanto indicato dall’art. 75 del medesimo DPR n. 445/2000 in tema di decadenza dai benefici

DICHIARO che la ditta non ha in essere alcun rapporti di lavoro subordinato.

Luogo e data

(timbro e firma)


COSTI Il sottoscritto, DICHIARA di essere a conoscenza delle condizioni applicate per l’ottenimento della garanzia richiesta: a) Diritti di Segreteria di € 250,00 da versare all’atto della presentazione della domanda di finanziamento; b) Quote Sociali pari al 4,983% del finanziamento erogato, trattenute direttamente dalla banca erogatrice al momento dell’erogazione e restituite al loro valore nominale, solo in caso di recesso – art. 2532 c.c. Non vengono trattenute quote sui finanziamenti ai sensi della legge 108 (antiusura); c) Commissione sul finanziamento ottenuto, proporzionale alla durata del finanziamento, che sarà trattenuta direttamente dalla banca erogatrice al momento dell’erogazione: COMMISSIONE ANNUA durata in anni CREDITO D’ESERCIZIO – SCORTE

Da 3 a 7

CREDITO D'ESERCIZIO – SCORTE IPOTEC.

Da 3 a 15

CONSOLIDAMENTO

Da 3 a 7

CONSOLIDAMENTO IPOTECARIO

Da 3 a 15

INVESTIMENTO

Da 3 a 7

INVESTIMENTO IPOTECARIO

Da 3 a 15

0,60% 0,30% primi 5 anni 0,20% dal 6al 10 anno 0,10% dal 11 al 15 anno 0,60% 0,30% primi 5 anni 0,20% dal 6al 10 anno 0,10% dal 11 al 15 anno 0,30% se comprovati da fatture 0,60% con preventivi 0,30% primi 5 anni 0,20% dal 6al 10 anno 0,10% dal 11 al 15 anno

c bis) Sui finanziamenti (chirografari) supportati da pegno verranno applicate delle commissioni

scontate

proporzionalmente al pegno prestato. c ter) Nel caso di finanziamenti rivolti allo sviluppo e la qualificazione dell’offerta turistica regionale – l.r. 40/2002, verranno applicate le stesse commissioni previste per gli INVESTIMENTI.

Nessuna commissione viene richiesta sui finanziamenti ai sensi della legge 108 (antiusura) d) Nel caso di rinegoziazione di finanziamenti in essere (modifica durata piano ammortamento e/o aumento importo in linea capitale) già garantiti da Garcom è previsto un costo pari alla commissione del consolidamento moltiplicata per il periodo residuo nel caso di aumento di importo in linea capitale, moltiplicata per la maggior durata nel caso di prolungamento del piano di ammortamento. e) Nel caso di finanziamento chirografario rivolto allo sviluppo e la qualificazione dell’offerta turistica regionale – l.r. 40/2002, eventuale costo della fideiussione bancaria a favore della Regione Emilia-Romagna in ragione d’anno sul contributo. f) Nel caso di intervento del FONDO DI GARANZIA, Garcom applicherà uno sconto del 10% sulle commissioni di finanziamento; g) Nel caso di accollo verranno applicati diritti di segreteria pari ad € 100,00; h) Nel caso di Conferma Garanzia verranno applicati diritti di segreteria pari ad € 100,00; DELEGA la Banca erogatrice del finanziamento a trattenere le quote sociali e le commissioni per la garanzia prestata a favore della Cooperativa che accrediterà direttamente sul Conto corrente indicato in delibera.

Luogo e data

(timbro e firma)


ELENCO DEI DOCUMENTI DA ALLEGARE ALLA DOMANDA DI FINANZIAMENTO Ai fini dell’ottenimento del finanziamento si allegano i seguenti documenti: 1) consenso alla divulgazione di dati personali – allegato 1; 2) dati dell’impresa/imprenditore – allegato 2; 3) In caso di finanziamento rivolto al consolidamento debiti – allegato 3; 4) Modulo di richiesta agevolazione soggetto beneficiario finale – allegato 4; 5) Autorizzazione del richiedente e degli eventuali garanti che autorizza gli Istituti di Credito a fornire informazioni a Garcom e disponibilità a prestare garanzie – allegato 5; 6) Dichiarazioni ed Impegni – allegato 6; 7) Dichiarazione De Minimis – allegato 7; 8) Dm10 o, dichiarazione sostituto d’atto notorio che l’azienda non ha dipendenti – allegato 8; 9) copia del documento di identità in corso di validità (se non cittadino della Comunità europea copia del permesso di soggiorno in corso di validità) e del codice fiscale del titolare o del rappresentante legale. Nel caso di società copia del documento di identità e del codice fiscale di tutti i soci; 10) visura camerale di data non anteriore a 30gg. dalla data di presentazione della domanda (per IMPRESE) o fotocopia del certificato di attribuzione della Partita IVA del/i richiedente/i e certificato di iscrizione al Collegio/Albo/Ordine di appartenenza (PER LIBERI PROFESSIONISTI); 11) Bilanci: –

società di capitali (s.r.l., s.p.a., s.c.a.r.l.): ultimi due bilanci, approvati e depositati in tribunale, più situazione patrimoniale e conto economico aggiornati ai 2 mesi precedenti la presentazione della domanda;

società di persone (s.a.s., s.n.c.) o imprese individuali: ultimi due bilanci chiusi (situazione patrimoniale e conto economico) e, situazione patrimoniale e conto economico aggiornati ai 2 mesi precedenti la presentazione della domanda; n.b.: occorre elencare crediti e debiti anche per società in contabilità semplificata.

-

start up: business plan triennale e relazione tecnica;

12) fotocopia ultime due dichiarazioni dei redditi delle società; 13) fotocopia ultima dichiarazione dei redditi dei soci e degli eventuali garanti; 14) fotocopia ultima dichiarazione IVA; 15) preventivi in originale o fotocopie fatture relative le spese sostenute (fatture di data non anteriore a dodici mesi dalla data di presentazione della domanda) – in caso di finanziamento rivolto al consolidamento a medio/lungo termine di esposizioni a breve termine: fotocopia piano di ammortamento se trattasi di estinzione chirografari o fotocopia estratto conto scalare se trattasi di consolidamento di fidi di c/c con indicazione del tasso di interesse passivo applicato alle linee di credito che si consolidano; 16) Contratto di locazione o certificato di proprietà immobile aziendale; 17) Indirizzo di posta elettronica certificata dei richiedenti; Tutti i documenti allegati non saranno comunque restituiti

Luogo e data

(timbro e firma)


Modulistica