__MAIN_TEXT__
feature-image

Page 1

5 GIROVENDITA 10-11-12 2020


Isabel Allende Donne dell’anima mia NARRATORI

Traduzione di Elena Liverani Con leggerezza e ironia, Isabel Allende rievoca momenti del passato e indugia sul presente per raccontarci le ragioni di un femminismo, esito naturale del suo vissuto e della sua limpida consapevolezza di genere.

copertina non definitiva

Isabel parte dalle origini, dai dati biografici di un’infanzia e di un’adolescenza passate nella cornice di una rigida struttura patriarcale. L’istinto di ribellione in lei è una sorta di reazione naturale a questa esistenziale forma di discriminazione che genera l’attitudine filosofica che l’ha portata negli anni a schierarsi sempre con i deboli, con gli emarginati e con tutte le donne, vittime di una mancata emancipazione. Isabel ci racconta le tappe del suo cammino, la consapevolezza dell’importanza dell’indipendenza economica, le relazioni tra sessi, la sua biografia sentimentale e professionale. E poi la terza età, ciò che ha significato per lei, donna pienamente liberata e convinta che i modelli imposti portino a una forma di pregiudizio contro la vecchiaia non dissimile dagli atteggiamenti sessisti e razzisti.

L’AUTRICE Isabel Allende è nata a Lima nel 1942, vivendo poi in Cile fino al 1973. Dopo il golpe di Pinochet si è stabilita in Venezuela e, successivamente, negli Stati Uniti. È una delle voci più importanti della narrativa contemporanea in lingua spagnola. pag 144 euro 15,00 isbn 978-88-07-03420-6 In libreria da: novembre 2020

2


Un grande esempio. Donna, madre e lavoratrice, pioniera del movimento femminista, quello di Isabel Allende non è un femminismo istituzionale, ma personale, dettato dall’esperienza di una vita. Un libro godibilissimo che aumenta esponenzialmente il tasso di consapevolezza dei suoi lettori.

3

© Lori Barra

Piano marketing: • Materiali per il punto vendita • Spazi e corner dedicati • Vetrine • Pubblicità sui quotidiani • Banner e newsletter • Attività promozionale sui social network • Interviste • Recensioni


Simonetta Agnello Hornby Piano nobile

NARRATORI

Dopo Caffè amaro, che ha conquistato centinaia di migliaia di lettori, il nuovo episodio di una maestosa trilogia siciliana.

copertina non definitiva

Palermo, estate 1942. Nel suo letto di morte, il barone Enrico Sorci vede passare davanti agli occhi, come in un lucido delirio, la storia recente della sua famiglia. Vede la devozione della moglie, le figlie Maria Teresa, Anna e Lia, i figli Cola, Ludovico, Filippo e Andrea, ma vede anche i bastardi, e nel contempo il destino di una città che a cavallo del secolo splende di opportunità e nuova ricchezza, con i treni che arrivano carichi di merci. Poco prima di morire il barone ordina che la notizia del suo trapasso non venga annunciata subito e infatti, ignari, i parenti si radunano intorno alla grande tavola della sala da pranzo per un affollatissimo simposio che si tiene fra silenzi, ammicchi, tensioni, battibecchi, antichi veleni, nuove ambizioni. È come se il piano nobile di palazzo Sorci fosse il centro del mondo, del mondo che tramonta – fra i bombardamenti alleati e la fine del fascismo – e del mondo che sta arrivando, carico di speranze ma anche di una nuova e più aggressiva criminalità. Cola, per espressa volontà del padre, siede al posto del capofamiglia. E suo è lo sguardo con cui si aprono le nuove vicende. Dopo di lui prendono la parola tutti i personaggi che più da vicino sono coinvolti con il destino della famiglia. Uno dopo l’altro portano testimonianze, visioni, memorie che si avviluppano, come in una spirale di fatti e di passioni, intorno all’accadere che segna Palermo dal 1942 fino all’aprile del 1955. Offesa dalla guerra e dall’occupazione, la città si apre con sventato entusiasmo a una nuova ricchezza e a nuove alleanze con la politica e la malavita. Nelle pieghe della famiglia Sorci si consumano amori, fughe, passioni, ribellioni, rovine. E tutto fluisce, incessante. Agnello Hornby sgomitola storie che sono anche episodi della storia di tutto il Paese e dilatano quella capacità di allacciare la visione d’insieme e la potenza del dettaglio, che i lettori hanno già imparato a riconoscere in Caffè amaro.

L’AUTRICE Simonetta Agnello Hornby è nata a Palermo nel 1945. Cittadina italiana e britannica, vive a Londra dal 1972, dove ha svolto la professione di avvocato dei minori. Dopo il suo esordio con La Mennulara (Feltrinelli, 2002; 2019, nuova edizione accresciuta), sempre per Feltrinelli ha pubblicato: La zia marchesa (2004), Boccamurata (2007), Vento scomposto (2009), La monaca (2010), La cucina del buon gusto (con Maria Rosario Lazzati, 2012), Il veleno dell’oleandro (2013), Il male che si deve raccontare (con Marina Calloni, 2013), Via XX Settembre (2013), Caffè amaro (2016), Nessuno può volare (2017; da cui è tratto il docu-film omonimo girato con il figlio George Hornby per laeffe) e, con Massimo Fenati, la graphic novel de La Mennulara (2018). Nel 2016 il presidente della Repubblica le ha conferito l’onorificenza dell’Ordine della Stella d’Italia nel grado di Grande Ufficiale. Nel 2018 ha ricevuto la Stella di Sant’Alessio per Nessuno può volare e il premio Penna d’Oro.

pag 304 euro 18,00 isbn 978-88-07-03413-8 In libreria da: ottobre 2020

4


Il ritorno di Simonetta Agnello Hornby: un’indiscussa protagonista della narrativa italiana con oltre UN MILIONE E MEZZO DI COPIE VENDUTE. L’evento editoriale più atteso. Il secondo capitolo della saga di Caffè amaro 250.000 COPIE VENDUTE

“L’energia vitale di Simonetta Agnello Hornby è tutt’uno con l’energia trascinante della sua scrittura.” Andrea Camilleri

Piano marketing: • Materiali per il punto vendita • Corner e spazi dedicati • Vetrine • Pubblicità sui quotidiani • Banner e newsletter • Attività promozionale sui social network • Anticipazioni • Interviste • Recensioni • Incontri con i lettori

5


Lorenzo Marone La donna degli alberi NARRATORI

Una baita in montagna e una donna. Attorno a lei, la furia e la meraviglia della natura. La legge del Monte e il miracolo della vita.

copertina non definitiva

La donna è sola, inquieta, in fuga: non vuole più restare dove non c’è amore. Ha lasciato la città, nella quale tutto è frenetico e in vendita, ed è tornata nella vecchia baita dell’infanzia, sul Monte. Qui vive senza passato, aspetta che la neve seppellisca i ricordi e segue il ritmo della natura. C’è un inverno da attraversare, il freddo da combattere, la solitudine da farsi amica. Ci sono i rumori e le creature del bosco, una volpe curiosa e un gufo reale che bubola sotto il tetto. E c’è l’uomo dal giaccone rosso, che arriva e che va, come il vento. A valle lo chiamano lo Straniero: vuole risistemare il rifugio e piantare abeti sul versante nord della montagna, per aiutarla a resistere e a tornare fertile. Una notte terribile riporta la paura, ma la donna si accorge che ci sono persone che vegliano su di lei: la Guaritrice, muta dalla nascita, che comprende il linguaggio delle piante e fa nascere i bambini; la Rossa, che gestisce la locanda del paese; la Benefattrice, che la nutre di cibo e premure. Donne che sanno dare riparo alle anime rotte, e che come lei cercano di vivere pienamente nel loro angolo di mondo. Mentre la montagna si prepara al disgelo e a rifiorire, anche la donna si rimette in cammino. Arriverà un altro inverno, ma ora il Monte la chiama. L’AUTORE Lorenzo Marone (Napoli, 1974) ha pubblicato La tentazione di essere felici (Longanesi, 2015; premio Stresa 2015, premio Scrivere per amore 2015, premio Caffè Corretto – Città di Cave 2016), che ha ispirato un film, La tenerezza, con regia di Gianni Amelio; La tristezza ha il sonno leggero (Longanesi, 2016; premio Como 2016), da cui verrà tratto un film omonimo con regia di Marco Mario De Notaris; Magari domani resto (Feltrinelli, 2017; premio Selezione Bancarella 2017); Un ragazzo normale (Feltrinelli, 2018; premio Giancarlo Siani 2018), Tutto sarà perfetto (Feltrinelli, 2019) e i saggi Cara Napoli (Feltrinelli, 2018) e Inventario di un cuore in allarme (Einaudi, 2020). Ha una rubrica domenicale, “i Granelli”, su “la Repubblica” di Napoli e collabora con “il venerdì di Repubblica” e “tuttolibri”. È tradotto in diciassette paesi. www.lorenzomarone.net

pag 224 euro 16,00 isbn 978-88-07-03414-5 In libreria da: novembre 2020

6


Un autore da 300.000 copie in Feltrinelli

LORENZO MARONE È TORNATO, COME MAI PRIMA D’ORA. La sua scrittura lirica e potente prende la forma di una preghiera, un inno alla vita e alla bellezza del minuscolo, un invito a lasciare dietro di sé gli orpelli inutili per recuperare l’essenziale, a preoccuparsi di ciò che verrà e che è altro da noi. Una piccola intima rivoluzione, quella di una donna che con un rituale antico sovverte il suo – e il nostro – stare al mondo. Un romanzo che tocca in profondità temi importanti del nostro tempo. “Seduta sui rami, ascoltavo le foglie parlare col vento, immaginavo gli abeti piegarsi ad accarezzarmi, e nelle estati tutte uguali imparavo la pazienza.”

© Federica Pane

Piano marketing: • Materiali promozionali • Spazi e corner dedicati • Vetrine • Pubblicità sui quotidiani • Banner e newsletter • Attività promozionale sui social network • Anticipazioni • Recensioni • Interviste • Incontri con i lettori


Eleonora Marangoni E siccome lei NARRATORI

Attraverso il ritratto corale dei personaggi interpretati nella sua lunga carriera, Monica Vitti, attrice quanto mai versatile, è il prisma attraverso cui leggere, racconto dopo racconto, la complessità del femminile e l’Italia della seconda metà del secolo scorso.

copertina non definitiva

Provate a chiedere di lei: ognuno la ricorda per un motivo differente, cercherà un suo aggettivo per definirla, una battuta che gli gira in testa o un’immagine che più di ogni altra sembra raccontarla. In oltre trentacinque anni di carriera, Monica Vitti ha lavorato per il teatro, il cinema, il varietà, la radio e la tv. Chi parla di lei spesso ama definirla “un’icona italiana”, ma della fissità delle icone la Vitti ha poco e niente. La sua personalità è unica proprio perché ne contiene molte: è matura e fragile, divertente e malinconica al tempo stesso; tenera e spietata, coraggiosa e perduta; toglie il fiato e fa ridere, è la ragazza con la pistola e la regina dell’alienazione, la bionda fatale e l’amica con la battuta pronta, e non c’è alcuna contraddizione in questo. E siccome lei non è un romanzo, ed è il contrario di una biografia: è un ritratto corale, somma di tutte le donne che Monica Vitti ha impersonato al cinema, dagli esordi negli anni cinquanta con Edoardo Anton e Glauco Pellegrini agli ultimi film diretti dal marito Roberto Russo negli anni ottanta, passando per Antonioni, Risi, Monicelli, Buñuel, Sordi, Brass, Scola. Cinquanta film – da protagonista, comparsa o comprimaria – in cui la Vitti ha dato corpo e voce a donne diversissime per desideri, carattere e destino. In questo libro Claudia de L’Avventura, Teresa la ladra, Modesty Blaise e Assunta Patanè sono riunite per la prima volta, e raccontate a una a una, insieme a tutte le altre. Non esiste un ordine predefinito, né tantomeno una gerarchia di importanza: alcuni racconti sono alla prima persona, altri alla terza; ci sono monologhi e lettere, interviste immaginarie, note sparse, telegrammi, elenchi e diari di viaggio. In ogni racconto Eleonora Marangoni cattura con il suo stile raffinato e versatile un singolo personaggio, ma al contempo compone, frammento dopo frammento, un disegno più ampio, catturando in un prisma l’essenza composita della personalità della Vitti e dei suoi innumerevoli, memorabili volti. Aiutata in questo da alcuni splendidi ritratti in bianco e nero dell’attrice.

L’AUTRICE Eleonora Marangoni è nata a Roma, si è laureata a Parigi in Letteratura comparata e lavora come copywriter e consulente di comunicazione. Ha pubblicato il saggio Proust et la peinture italienne (Michel de Maule, 2011), il romanzo illustrato Une demoiselle (Michel de Maule, 2013), Proust. I colori del tempo (Mondadori Electa, 2014) e Viceversa, il mondo visto di spalle (Johan e Levi, 2020), saggio dedicato alle figure di schiena nella storia dell’arte e della letteratura. Con il suo primo romanzo Lux, oltre a entrare nella dozzina dello Strega (proposta da Sandra Petrignani), ha vinto il premio Neri Pozza, il premio Megamark e il premio Pop.

pag 192 euro 16,50 isbn 978-88-07-03416-9 In libreria da: ottobre 2020

8


Una delle donne più belle del mondo. Un’attrice entrata nel mito. Un volto che ha rappresentato la femminilità più poliedrica.

Una narrazione corale che è un omaggio a Monica Vitti ma allo stesso tempo è, attraverso gli irresistibili personaggi a cui l’attrice ha dato vita – un capitolo per ogni donna interpretata –, racconto del femminile, storia del nostro Paese, letteratura che si fa affresco per mano di una delle più promettenti autrici del panorama italiano contemporaneo.

Piano marketing: • Materiali per il punto vendita • Spazi dedicati • Banner e newsletter • Attività promozionale sui social network • Recensioni

9


Dave Eggers Il Capitano e la Gloria

NARRATORI

Traduzione di Vincenzo Mantovani Illustrazioni di Nathaniel Russell

Donald Trump ha un nuovo nemico. Dave Eggers gli ha dichiarato guerra e ha aperto il fuoco contro di lui con un libro che è una feroce caricatura dell’attuale presidente degli Stati Uniti.

copertina non definitiva

In un oceano vasto quanto tutti gli oceani messi insieme naviga un bastimento grande come tutti i bastimenti messi insieme. Ma la Glory non è una nave come le altre. Le sue migliaia di passeggeri sono anche i milioni di cittadini di un paese innominato che sta forse cominciando a pentirsi di avere scelto di farsi governare da un uomo con una piuma gialla tra i capelli. Quest’uomo pauroso, irresoluto e crudele, che odia tutti coloro che sono migliori di lui, è il capo di una cricca che a poco a poco allargherà il proprio potere fino a espellere con violenza dalla nave ogni più piccola forma di dissenso. Ma ogni tiranno trova, prima o poi, un tiranno più feroce e più intelligente di lui. Così, un bel giorno la Glory sarà abbordata da altri bastimenti e il Capitano, che si credeva così forte, sicuro e amato su una nave-paese trasformata dal suo oscuro carisma in un adorante pollaio, dovrà fare i conti con pirati ancora più sanguinari di lui ai quali basteranno due risate per distruggerlo.

L’AUTORE Dave Eggers è autore di molti libri, incluso il suo romanzo d’esordio L’opera di un formidabile genio (Feltrinelli Ue, 2019), di grande successo, che ha imposto il suo nome sulla scena internazionale. È il fondatore della casa editrice McSweeney’s, cofondatore di 826 National, una rete di otto scuole di scrittura creativa per giovani disagiati, e di ScholarMatch, che permette di mettere in contatto donatori con studenti, per rendere l’università accessibile. Vive con la sua famiglia nel nord della California.

pag 112 euro 13,00 isbn 978-88-07-03418-3 In libreria da: ottobre 2020

10


A novembre 2020 gli Stati Uniti sceglieranno se rieleggere per un altro mandato Donald Trump e Feltrinelli porta in libreria una graffiante satira del peggior presidente della storia, firmata Dave Eggers.

“Ridacchiavano tra loro, mostrando grande soddisfazione per il fatto che i loro voti avevano messo la persona più ridicola che conoscevano nel posto più importante della nave, mentre in segreto speravano che lui non li ammazzasse tutti.”

Piano marketing: • Materiali per il punto vendita • Spazi e corner dedicati • Vetrine • Pubblicità sui quotidiani • Banner e newsletter • Attività promozionale sui social network • Anticipazioni • Recensioni • Interviste

11


Karl Ove Knausgård In autunno NARRATORI

Traduzione di Margherita Podestà Heir In autunno è il primo volume del nuovo progetto di Knausgård: quattro libri, uno per ogni stagione, dedicati alla figlia Anna, la quarta. Un’enciclopedia personale scritta da un padre per una figlia che deve ancora nascere.

copertina non definitiva

Il primo della serie, In autunno, inizia quando mancano ancora sei mesi al parto. I mesi in questione sono settembre, ottobre e novembre. Ogni mese è introdotto da una lettera che scrive alla figlia, in cui le presenta i suoi fratelli e la sua futura famiglia, le racconta di loro, le parla di quando il papà l’ha vista attraverso le ecografie, di come l’ha accarezzata quando toccava il pancione della madre. In queste lettere trapela l’enorme amore che Knausgård prova già per la piccola, il desiderio che nasca, la sua curiosità di conoscerla, di sapere chi è questa nuova creatura di cui non sa ancora nulla. Ogni lettera è seguita da una serie di brevi saggi, sessanta in tutto, che non superano mai le quattro pagine di lunghezza. Lo scopo di Knausgård è quello di trasmettere ad Anna (e a se stesso) che la vita è dura, ma che è assolutamente bella e degna di essere vissuta. La capacità di cogliere la bellezza dell’esistenza va osservata focalizzandosi sulle piccole cose, siano esse oggetti come un termos, un sacchetto di plastica, una gomma da masticare, insetti come le vespe o le mosche, animali come il tasso o la vipera. Oppure il vomito, il sangue, la pipì. Il dolore, il silenzio. Van Gogh. Il sole. Per poter cogliere la realtà, quella vera, non quella che è frutto delle nostre personali concezioni, delle gerarchie, dell’immagine che abbiamo di essa, dobbiamo imparare a concentrarci sull’oggetto e a poco a poco privarlo delle sue caratteristiche concrete per passare oltre. Un esempio su tutti: il termos. Oltre alla sua funzione pratica di trasportare bevande calde o fredde, è come un’estensione della casa, una componente del nostro focolare domestico che portiamo con noi nel mondo, un totem. Però, se questo oggetto non crea nessun tipo di imbarazzo in ambiti sociali aperti come boschi o parchi o sui mezzi pubblici, in una casa altrui diventa invece una sorta di minaccia/affronto nei confronti della “sovranità territoriale” di quella famiglia.

L’AUTORE Karl Ove Knausgård è nato a Oslo nel 1968. Ha studiato Letteratura all’Università di Bergen e vive a Malmö, in Svezia, con la moglie e i loro quattro figli. Per il suo primo romanzo, Ute av verden (1998), è stato insignito del Norwegian Critics Prize for Literature, primo caso di assegnazione del premio a un debuttante. Il secondo romanzo, En tid for alt, ha vinto molti premi ed è stato giudicato tra i migliori 25 romanzi norvegesi di tutti i tempi. Se i primi due romanzi sono stati molto ben accolti dalla critica e dai lettori norvegesi, è con la pubblicazione del suo capolavoro, i sei volumi intitolati La mia battaglia, più di 3500 pagine autobiografiche pubblicate in Italia da Feltrinelli, che Karl Ove Knausgård viene definitivamente consacrato.

pag 240 euro 18,00 isbn 978-88-07-03417-6 In libreria da: ottobre 2020

12


“28 Agosto. In questo momento, mentre ti scrivo queste parole, sei all’oscuro di tutto, di cosa ti aspetta, del tipo di mondo in cui nascerai. E io non so nulla di te. Ho visto l’immagine di un’ecografia e appoggiato la mano sul pancione in cui sei, nient’altro.”

Piano marketing: • Materiali per il punto vendita • Spazi e corner dedicati • Vetrine • Pubblicità sui quotidiani • Banner e newsletter • Attività promozionale sui social network • Anticipazioni • Recensioni • Interviste

13


AKI SHIMAZAKI AZAMI Traduzione di Cinzia Poli

NARRATORI

copertina non definitiva

Il trentenne Mitsuo Kawano si divide tra la famiglia e il lavoro in una rivista culturale, e per colmare l’inesistente vita sessuale con Atsuko, la madre dei suoi figli, frequenta locali erotici. Un giorno incontra per caso Goro Kida, un ex compagno di classe, diventato presidente di un’importante compagnia ereditata dalla famiglia, che lo invita a trascorrere una serata in un club lussuoso. Lì lavora come entraîneuse la bella e misteriosa Mitsuko, una loro ex amica di scuola, il primo amore segreto di Mitsuo, la ragazza che nel diario giovanile lui chiamava azami, come il fiore del cardo. I ricordi riaffiorano e ben presto tra i due nasce una relazione in cui Mitsuo riscopre una passionalità inattesa e totalizzante. Tuttavia l’apparente equilibrio tra la vita quotidiana e gli incontri furtivi è destinato a incrinarsi per mano dell’intrigante Goro Kida. Repentini cambiamenti di vita e l’infittirsi del mistero attorno a Mitsuko culminano in un malinconico finale ricco di suspense. Coincidenze e simbologie impreziosiscono la sempre evocativa scrittura dell’autrice, dalla radice dei nomi Mitsuo e Mitsuko, che racchiude l’idea dell’appagamento, benché nessuno dei due sia soddisfatto della propria vita, al fiore del cardo, che accompagna tutto il romanzo.

L’AUTRICE Aki Shimazaki è nata a Gifu, in Giappone, nel 1954, ma vive a Montréal, in Canada, dal 1991. I suoi libri sono tradotti in inglese, giapponese, serbo, tedesco, russo e ungherese. È autrice della pentalogia Il peso dei segreti (Feltrinelli, 2016), con cui si è aggiudicata il Prix du Gouverneur-Général nel 2005, di un secondo ciclo romanzesco composto da cinque romanzi intitolato Nel cuore di Yamato (Feltrinelli, 2018) e nel 2015 ha dato inizio a un terzo ciclo con Azami. Tra i suoi scrittori di riferimento ci sono Marguerite Duras, Osamu Dazai e Ágota Kristóf.

L’azami è il fiore del cardo: un fiore bello ma ricco di spine, emblema dell’indipendenza e della vendetta. Con Azami, prima storia di una nuova avvincente pentalogia, Aki Shimazaki dipinge sentimenti intimi, rapporti lacerati vissuti nell’ombra e nella menzogna, partendo da una famiglia come tante.

pag 112 euro 12,00 isbn 978-88-07-03419-0 In libreria da: ottobre 2020

14


LUCE D’ERAMO ULTIMA LUNA Introduzione di René de Ceccatty

COMETE

copertina non definitiva

Villa Felice è una casa di riposo per anziani a Frascati. Qui trascorre i suoi ultimi anni Alfonsina, un’ultraottantenne decisa e vivace che nella sua lunga esistenza ha affrontato da sola la durezza della guerra, le privazioni della povertà, ma è stata capace di lottare per far studiare il figlio, diventando da semplice sartina una delle pantalonaie migliori di Roma. Silvana è la gerontologa che la segue; Bruno è il suo unico figlio, giornalista e scrittore che da molti anni vive in Giappone, ora tornato per pochi giorni in Italia per rivedere la madre. Nella casa di riposo per la prima volta Silvana e Bruno si incontrano, ma in qualche modo si conoscevano già perché Alfonsina, che vorrebbe andarsene senza lasciare il figlio da solo, ha lungamente parlato all’uno dell’altra e viceversa. Induce così Bruno a invitare la dottoressa a cena, con il pretesto di ringraziarla della sua gentilezza con lei, e quel gesto che lui compie solamente per compiacere la vecchia madre diventa invece l’inizio di un legame più profondo. In Ultima luna l’interesse per l’altro da sé che contraddistingue la scrittura lucida e piana di Luce d’Eramo ci fa penetrare in quei luoghi sconosciuti e scongiurati che sono le residenze per anziani, e volge il nostro sguardo verso l’estrema età della vita, l’ultima luna, condizione compatita, rimossa o ignorata, ma mai interrogata. E ci pone interrogativi che risuonano alle nostre orecchie cogenti e non più eludibili.

L’AUTRICE Luce d’Eramo nasce nel 1925 a Reims da genitori italiani e si spegne a Roma il 6 marzo 2001. Fra le sue opere, Nucleo zero (1981), Partiranno (1986), Ultima luna (1993), Una strana fortuna (1997) e L’opera di Ignazio Silone (1970). Nel 1999 esce Io sono un’aliena, una “conversazione” in cui ripercorre le tappe del suo percorso esistenziale e intellettuale. Feltrinelli ha pubblicato Deviazione (2012; Ue, 2017; la prima edizione è del 1979 per i tipi di Mondadori).

“Quando ho scritto Ultima luna, per documentarmi sulla condizione degli anziani mi sono fatta rinchiudere in più di una casa di riposo, e non è stato piacevole.” Mescolando amore e morte, nuovi inizi e ultimi respiri, la storia di Silvana, di Bruno e di Alfonsina ci pone di fronte a interrogativi tornati dolorosamente in primo piano: l’emarginazione degli anziani, la delega della loro cura alle case di riposo. Un romanzo tutto da riscoprire.

pag 480 euro 28,00 isbn 978-88-07-53040-1 In libreria da: novembre 2020

15


Erri De Luca Il peso della farfalla Edizione illustrata e rilegata

NARRATORI

Illustrazioni di Andrea Serio Una farfalla bianca sta sul corno del re dei camosci. Un fucile sta a tracolla del vecchio cacciatore di montagna. Li attende un duello differito negli anni. Più che la loro sorte, si decide la verità di due esistenze opposte…

copertina non definitiva

Il re dei camosci è un animale ormai stanco. Solitario e orgoglioso, da anni ha imposto al branco la sua supremazia. Forse è giunto il tempo che le sue corna si arrendano a quelle di un figlio più deciso. È novembre, tempo di duelli: è il tempo delle femmine. Dalla valle sale l’odore dell’uomo, dell’assassino di sua madre. Anche l’uomo, quell’uomo, era in là negli anni, e gran parte della sua vita era passata a cacciare di frodo le bestie in montagna. E anche quell’uomo porta, impropriamente, il nome di “re dei camosci” per quanti ne ha uccisi. Possiede una Trecento magnum e una pallottola da undici grammi: non ha mai lasciato la bestia ferita, l’ha sempre abbattuta con un solo colpo. Erri De Luca spia l’imminenza dello scontro, di un duello che sembra contenere tutti i duelli. Lo fa entrando in due solitudini diverse: quella del grande camoscio fermo sotto l’immensa e protettiva volta del cielo e quella del cacciatore, del ladro di bestiame, che non ha mai avuto una vera storia da raccontare per rapire l’attenzione delle donne, per vincere la sua battaglia con gli altri uomini. “In ogni specie sono i solitari a tentare esperienze nuove,” dice De Luca. E qui si racconta, per l’appunto, di questi due animali che si fronteggiano da una distanza sempre meno sensibile, fino alla pietà di un abbraccio mortale.

L’AUTORE Erri De Luca è nato a Napoli nel 1950. Tra gli ultimi libri pubblicati con Feltrinelli: Il giorno prima della felicità (2009), E disse (2011), I pesci non chiudono gli occhi (2011), Il torto del soldato (2012), La doppia vita dei numeri (2012), Ti sembra il Caso? (con Paolo Sassone-Corsi; 2013), Storia di Irene (2013), La musica provata (2014; il libro nei “Narratori”, in “Varia” il dvd del film), La parola contraria (2015), Il più e il meno (2015), La faccia delle nuvole (2016), La Natura Esposta (2016), Il giro dell’oca (2018), Impossibile (2019) e, per Feltrinelli Comics, L’ora X. Una storia di Lotta Continua (con Paolo Castaldi e Cosimo Damiano Damato; 2019).

pag 80 euro 14,00 isbn 978-88-07-03415-2 In libreria da: novembre 2020

16


PER LA PRIMA VOLTA IN UN’EDIZIONE RICCAMENTE ILLUSTRATA, IL GRANDE BESTSELLER DI ERRI DE LUCA CHE HA VENDUTO OLTRE MEZZO MILIONE DI COPIE Il racconto della radicalità della natura, dell’antichità del conflitto tra uomo e animale. DOPO GATTI MOLTO SPECIALI DI DORIS LESSING E FLUSH DI VIRGINIA WOOLF, ANCHE QUESTO NATALE LA GRANDE LETTERATURA È IL REGALO PIÙ PREZIOSO.

17


Tiziano Scarpa Venezia è un pesce Una guida nuova

VARIA

“Ti viene spontaneo toccarla. La sfiori, l’accarezzi, le dai buffetti, la pizzichi, la palpi. Metti le mani addosso a Venezia.” Un grande classico per smarrirsi e bighellonare nel labirinto della città lagunare.

copertina non definitiva

Venezia è uno strano modo di stare al mondo, ancora prima di essere una città anomala ed enigmatica. Questa realtà urbanistica così bizzarra è in verità una strategia per inventare da capo l’esistenza. Per capirla si deve toccarla, annusarla, sentirla con tutti gli organi. Ciascun organo del corpo e dell’anima la vive secondo la sua attitudine, ne è abbagliato, contrariato, disorientato o assuefatto. Bisogna ascoltarli tutti. A vent’anni dalla prima edizione, questo classico si rinnova, perché nel frattempo nuovi tragitti dei sensi sono divenuti possibili. Dai livelli eccezionali dell’acqua alta che ha sommerso quasi tutta la superficie della città all’acqua deserta e trasparente della quarantena, qualcosa si è trasformato ed esistono itinerari fisici, spirituali ed emotivi ancora da scoprire. Tiziano Scarpa ci fa strada attraverso le trame, le peripezie e le avventure sensitive e sentimentali che solo a Venezia possono accadere. I capitoli di questa guida ritornano ad ascoltare i piedi, le gambe, il cuore, le mani, il volto, le orecchie, la bocca, il naso e gli occhi e per la prima volta inseguono le sensazioni della pelle.

L’AUTORE Tiziano Scarpa è nato a Venezia nel 1963. Tra i suoi libri più recenti, Il brevetto del geco (Einaudi, 2016), Il cipiglio del gufo (Einaudi, 2018), la raccolta di poesie Le nuvole e i soldi (Einaudi, 2018), Una libellula di città (minimum fax, 2018), Kamikaze d’Occidente (minimum fax, 2019) e La penultima magia (Einaudi, 2020). Le sue opere sono state tradotte in molte lingue, fra cui il giapponese, il cinese, il russo, l’ebraico e l’arabo.

pag 176 euro 15,00 isbn 978-88-07-49286-0 In libreria da: novembre 2020

18


Buttate via le cartine. Venezia è una sterminata foresta capovolta, una testuggine, un pesce. A vent’anni dalla prima edizione, l’unica guida urbana capace di ascoltare e condurre l’anima e il corpo ritorna e si rinnova. Tante cose sono successe, nuove strade dei sensi sono state esplorate. Una passeggiata fisico-emotiva per toccare tutto, sognare a nasi aperti, seguire il battito del cuore invisibile della città sulla laguna.

Piano marketing: • Materiali espositivi • Spazi dedicati • Banner e newsletter • Attività promozionale sui social network • Recensioni

19


SALVATORE SETTIS INCURSIONI

Tradizione nell’arte contemporanea

VARIA

copertina non definitiva

Nel 1937 Duchamp si tagliò la testa. In questa opera senza titolo, di fianco alla testa mozzata dell’artista compare una donna trasognata. Tra le mani ha un metro da sartoria e indossa una veste all’antica, di sacerdotessa o menade. Come si guarda un’opera di Duchamp? Cosa vorrà misurare quel metro? Si può decifrare l’enigma di un montaggio che sfida o addirittura estromette l’osservatore? Cominciano così le incursioni di Salvatore Settis nelle opere di alcuni fra i massimi artisti del nostro tempo. Duchamp, Guttuso, Bergman, Jodice, Pericoli, Bruskin, Penone, Viola, Kentridge e Schutz rappresentano l’onda d’urto dell’arte contemporanea, che travolge regole e abitudini consolidate. Ma la loro opera comporta davvero un rifiuto drastico della tradizione, o la capacità di dimenticarla? “Tra ‘antico’ e contemporaneo,” scrive Settis, “c’è una perpetua tensione, che continuamente si riarticola nel fluire dei linguaggi critici e del gusto, nei meccanismi del mercato, nel funzionamento delle istituzioni. Talora anche in dura polemica con l’arte del passato, ma senza poterla ignorare.” Lo spazio del discorso storico-artistico, la nozione stessa di arte e i contesti necessari alla produzione artistica appartengono a un processo secolare, nel quale pratiche antichissime si disaggregano e si ricompongono continuamente. Ogni artista lo sa e forse lo sa anche il suo pubblico. La citazione, la parodia, la stratificazione della memoria, il ritorno di un gesto sono solo alcune tracce del rapporto che lega i maestri di oggi con il passato. Il coraggio dell’incursione da un artista all’altro, da un’opera all’altra, è il metodo per esplorare connessioni e distanze senza rinunciare alla condizione essenziale della conoscenza: la capacità di sentirsi stranieri in ogni luogo. L’AUTORE Salvatore Settis, archeologo e storico dell’arte, è presidente del Consiglio Scientifico del Louvre. Ha diretto a Los Angeles il Getty Research Institute (19941999) e a Pisa la Scuola Normale Superiore (1999-2010). È stato presidente del Consiglio Superiore dei Beni Culturali (2007-2009) ed è tra i membri fondatori dello European Research Council. Ha scritto di arte antica (Laocoonte. Fama e stile, 1999) e moderna (Artisti e committenti tra Quattro e Cinquecento, 2010). Il suo ultimo libro è Cieli d’Europa. Cultura creatività uguaglianza (2017).

“Tra ‘antico’ e contemporaneo il filo della tradizione non si è spezzato, ma si è consolidato, travestendosi in nuove forme e modalità che chiedono di essere riconosciute e chiamate per nome.” Salvatore Settis ci aiuta a decifrare il discorso che attraversa alcuni tra i massimi artisti del nostro tempo: dalle foto di Marcel Duchamp alla videoarte di Bill Viola, dai disegni e le tele di Renato Guttuso all’arte urbana di William Kentridge, dai film di Ingmar Bergman alla scultura di Giuseppe Penone. Un percorso decisivo per indagare il legame a volte sottile, altre volte turbolento, dell’arte contemporanea con la tradizione.

pag 320 con ill. euro 25,00 isbn 978-88-07-49288-4 In libreria da: novembre 2020

20


SIEGMUND GINZBERG RACCONTI CONTAGIOSI VARIA

copertina non definitiva

Uscita dal lockdown, la signora Dalloway di Virginia Woolf è presa da una voglia insopprimibile di shopping. I frati che dovevano avvertire il Romeo di Shakespeare che la morte di Giulietta è finta sono trattenuti per quarantena in casa di appestati. Il cardinale Borromeo di Manzoni aveva inventato la messa cantata dai balconi. La fantascienza aveva anticipato virus che si comportano anche più perfidamente del corona. Pesti, epidemie, contagi ce li raccontiamo da sempre. Probabilmente da millenni prima che si cominciasse a scriverne. I racconti si somigliano. E soprattutto somigliano in modo impressionante alle cronache dei nostri giorni. Ci sono molte sorprese nelle strade dell’immaginario che Siegmund Ginzberg ripercorre con un occhio all’attualità. Talvolta la fantasia l’azzecca più della scienza. I cronisti antichi più dei contemporanei. Boccaccio copia Tucidide, Lucrezio e Ovidio, London aveva copiato l’idea della “Morte scarlatta” da Poe e del superstite narratore da Mary Shelley. Camus usa la Peste inventata per parlare dell’invasione nazista. Il male non viene chiamato allo stesso modo. Non sappiamo nemmeno se si tratti delle stesse malattie, se il loimós di Atene di Tucidide fosse peste, o tifo, o intossicazione da cereali contaminati, se la peste di metà 1300 di Boccaccio fosse la stessa peste bubbonica di metà 1600 dei Promessi sposi. A un secolo di distanza sappiamo poco della Spagnola. E non abbastanza del Covid. C’è qualcosa di profondamente umano che accomuna tutte le narrazioni: la paura, l’orrore, la ricerca del colpevole, le fake news e i rimedi bislacchi, ma talvolta efficaci. Per un paio di secoli dopo il Decamerone i testi medici indicavano il raccontarsi storie e lo stare allegri come profilassi specifica e contro il contagio. L’AUTORE Siegmund Ginzberg è nato a Istanbul nel 1948 in una famiglia ebrea giunta a Milano negli anni cinquanta. I nonni furono sudditi dell’Impero ottomano. Dopo gli studi in Filosofia ha intrapreso l’attività giornalistica ed è stato una delle storiche firme de “l’Unità”, quotidiano per cui ha lavorato a lungo come inviato in Iran, Cina, India, Giappone, Corea del Nord e del Sud, oltre che a New York, Washington e Parigi. Oltre alla selezione di scritti Sfogliature (2006), ha pubblicato Risse da stadio nella Bisanzio di Giustiniano (2008) e il romanzo famigliare Spie e zie (2015). Nel 2019 con Feltrinelli ha pubblicato Sindrome 1933.

Sempre la stessa storia? O no? Da Omero a Sofocle, a Tucidide, fino alla fantascienza di questi ultimi anni, da Boccaccio, Petrarca, Shakespeare, Defoe, a Manzoni, Dostoevskij, Poe, Camus, Márquez, Mary Shelley e Yan Lianke, hanno raccontato pesti, morte rossa, influenze micidiali, pandemie. La loro narrazione si ripete. Anzi, somiglia troppo alla cronaca dei nostri giorni.

pag 192 euro 16,00 isbn 978-88-07-49287-7 In libreria da: novembre 2020

21


SHAUN USHER (a cura di) GATTI

VARIA

L’arte delle Lettere

Traduzione di Silvia Rota Sperti, Vincenzo Mantovani, Fabio Deotto

copertina non definitiva

Nikola Tesla, Ernest Hemingway, Jack Lemmon, Walter Matthau, Charles Dickens, T.S. Eliot, Elizabeth Taylor, Jack Kerouac, James Joyce, Edward Lear, Ayn Rand, Charles Darwin, Raymond Chandler, Katherine Mansfield, Florence Nightingale, Chester Himes e John Cheever. 30 indimenticabili lettere sui gatti. T.S. Eliot che batte a macchina un invito per tutti i gatti di Jellicle a partecipare al compleanno del suo figlioccio di quattro anni. Ernest Hemingway che cataloga i suoi amici felini all’ex moglie. La madre di Jack Kerouac che piange il lutto del gatto di famiglia. Jack Lemmon che suggerisce con malizia a Walter Matthau di andare insieme ad aprire un rifugio per gatti in Messico. Questa strepitosa raccolta offre uno sguardo affettuoso e gentile al posto che occupano i gatti nei nostri cuori e nelle nostre vite. Queste 30 lettere catturano il profondo piacere di avere o di osservare un gatto e rivelano la natura felina come la nostra. pag 144 euro 12,00 isbn 978-88-07-49266-2 In libreria da: ottobre 2020

MUSICA

VARIA

L’arte delle lettere

Keith Richards, Leonard Cohen, David Bowie, Serge Koussevitzky, Lester Bangs, Audrey Hepburn, Henry Mancini, Pëtr Il’ič Čajkovskij, Madonna, Louis Armstrong, Ludwig van Beethoven, Prince, Erik Satie, Giuseppe Verdi, Giulio Ricordi, Jimi Hendrix, Richard Strauss, James Brown, Kim Gordon, Harry S. Truman, Bruce Springsteen, Coldplay, Tom Waits, Lee “Scratch” Perry, Nick Cave. 30 indimenticabili lettere sulla musica. Verdi che scrive al suo editore di un tipo distinto che ha detestato l’Aida e rivuole i suoi soldi indietro. Keith Richards che racconta alla zia di aver incontrato per caso un amico del liceo di nome Mick Jagger, innamorato anche lui di Chuck Berry. Madonna che descrive le sue difficoltà agli esordi tra Parigi e New York. Prince che medita sullo scrivere canzoni. Eminem che esprime la sua ammirazione per Tupac alla madre del rapper. Improvvisando sulle loro passioni e dintorni, gli artisti in questo volume rivelano candidamente le loro fonti d’ispirazione, cosa significa per loro la musica, perché la creano, e molto, molto di più. Questa ricca collezione di 30 lettere è una celebrazione dell’importanza della musica, in tutte le sue forme e variazioni, nelle nostre vite. pag 144 euro 12,00 isbn 978-88-07-49265-5 In libreria da: ottobre 2020

IL CURATORE Shaun Usher è uno scrittore e il solo custode del popolare blog www.lettersofnote.com. Vive a Wilmslow con la moglie Karina e i loro due figli. 22

copertina non definitiva

Traduzione di Silvia Rota Sperti, Vincenzo Mantovani, Fabio Deotto


Non solo il fascino delle lettere, che a Natale diventano un regalo prezioso e richiesto di anno in anno

ma anche la passione per i gatti e per la musica animano queste raccolte irresistibili e curiosissime.


PlayListWinter VARIA

Dopo Spring, Summer e Autumn la nuova raccolta della serie antologica PlayList.

copertina non definitiva

Letture e racconti brevi selezionati e commentati dalla Scuola Holden, la scuola di scrittura fondata e diretta da Alessandro Baricco.

L’inverno. Quest’inverno. La vibrazione che attraversa l’anima quando viene Natale, la luce bianca delle giornate gelide e terse, la neve che scende per addolcire ogni spigolo, coi suoi singoli cristalli complessi come universi. E i propositi di Capodanno, quell’idea così ingenua e preziosa che un singolo giorno possa dare un nuovo giro alla ruota, in particolare a questo 2020. E quello stare al chiuso, al caldo, come accucciandosi in se stessi prima di correre fuori – uno stare al chiuso così diverso dallo stare rinchiusi. Il tempo dell’inverno, scandito da dodici memorabili racconti che ne catturano il sentimento. Da Raymond Carver a Virginia Woolf, da Romain Gary a Nadine Gordimer, passando per Truman Capote e Ottessa Moshfegh: un’altra, memorabile playlist. pag 208 euro 16,00 isbn 978-88-07-49285-3 In libreria da: novembre 2020

24


ENZO MINGIONE (a cura di) IL LAVORO CAMBIA

L’impatto sociale della trasformazione del lavoro tra evoluzioni storiche e prospettive globali LIV Annale della Fondazione Giangiacomo Feltrinelli

ANNALI

copertina non definitiva

Il lavoro sta attraversando una trasformazione che apre serie preoccupazioni sulle prospettive delle società contemporanee. Si discute soprattutto sulla possibilità che i processi di innovazione tecnologica legati alla robotica e all’intelligenza artificiale possano cancellare, nei prossimi decenni, milioni di posti di lavoro. Il vero spettro con cui confrontarsi, tuttavia, non è la disoccupazione di massa, ma l’aumento dell’eterogeneità e dell’instabilità dei nuovi lavori, la diffusione di impieghi temporanei, precari, poco retribuiti che non permettono condizioni di vita accettabili, un inserimento sociale soddisfacente, il pieno accesso al welfare e ai diritti di cittadinanza. Dinamiche che nel lungo periodo potrebbero minacciare la tenuta del patto sociale. Soprattutto in un contesto in cui gli effetti di discriminazione, diseguaglianza e polarizzazione non sono compensati da politiche efficaci in termini di redistribuzione di risorse e di lavoro, di professionalizzazione e di formazione continua, di ridisegno dei sistemi di protezione rispetto ai nuovi rischi. Per la tradizionale collana degli “Annali di Fondazione Giangiacomo Feltrinelli”, il volume curato da Enzo Mingione prende in esame il cambiamento del lavoro all’interno di un inquadramento storico e globale complesso. Tra digitalizzazione del lavoro e nuova rappresentanza, catene globali del valore e movimenti dei lavoratori, divari di genere e percorsi di aggiornamento delle competenze, una raccolta di saggi – con il contributo di studiosi e interpreti internazionali – per una fotografia aggiornata e multidisciplinare del lavoro che cambia.

IL CURATORE Enzo Mingione è uno dei principali sociologi italiani, già preside della facoltà di Sociologia dell’Università di Milano-Bicocca e presidente della Fondazione Bignaschi. I suoi campi di ricerca scientifica riguardano la povertà e l’esclusione sociale con particolare attenzione ai contesti urbani; il mercato del lavoro e la disoccupazione; i sistemi di welfare e le politiche sociali. Tra le sue pubblicazioni: Beyond Employment (Blackwell, 1985), Fragmented Societies (Blackwell, 1991), Sociologia della Vita Economica (Carocci, 1998), Le sfide dell’esclusione: metodi, luoghi, soggetti (il Mulino, 1999) e Il lavoro (con Enrico Pugliese; Carocci, 2002).

La storia del lavoro procede per continuità e rotture: un processo di mutamento che mette in moto conflitti, mobilitazioni, potenzialità di resilienza e di innovazione che forse ancora non riusciamo a prevedere. Alain Supiot, Beverly Silver, Enrico Pugliese, Richard Sennett, Enrica Morlicchio, Andrea Fumagalli, Ivana Pais: studiosi di diversa provenienza disciplinare illustrano le transizioni in corso, evidenziando problematiche ma anche prospettive di crescita che siano socialmente sostenibili.

pag 384 euro 50,00 isbn 978-88-07-99075-5 In libreria da: novembre 2020

25


Ezio Mauro La dannazione

1921. Cronache dal Congresso di Livorno FUOCHI

I protagonisti straordinari della più lacerante scissione della sinistra italiana rivivono nella cronaca di un evento epocale, animato da ideali altissimi di riscatto sociale, ma cieco nei confronti dell’avanzata della minaccia fascista.

copertina non definitiva

Sulla volta del Teatro Goldoni domina Marx. Sopra il suo ritratto, lo striscione: “Proletari di tutto il mondo unitevi”. Il XVII Congresso del Partito socialista italiano si tenne a Livorno, perché a Firenze la tensione era altissima. La città era già nelle mani dei fascisti. È il 15 gennaio 1921. Si discutono i ventuno punti di Lenin con i quali l’Internazionale comunista detta le regole a ogni partito che ne voglia fare parte. Il dibattito va avanti per una settimana. Nella storia turbolenta dello scontro all’interno del movimento operaio internazionale è arrivato il punto di non ritorno: è vietato qualsiasi compromesso tra rivoluzionari e riformisti. Mosca non tollera più i riformisti. Sembra passato molto tempo dalla presa del Palazzo d’Inverno. In effetti sono trascorsi solo tre anni e poco più, ma questa è un’epoca nuova: il secolo breve è cominciato e avanza molto velocemente. La Rivoluzione c’è stata, la guerra è finita, lo spettro del comunismo ora è uno Stato, ma un nuovo mostro diventa sempre più minaccioso. Mancano meno di settecento giorni alla Marcia su Roma. Costantino Lazzari e Giacinto Menotti Serrati, che nel 1914 aveva preso il posto di Mussolini alla direzione dell’“Avanti!”, aderiscono al diktat del Komintern. Dalla scissione di Livorno, il 21 gennaio 1921, nasce il Partito comunista d’Italia, guidato da Bombacci, Bordiga, Damen, Fortichiari, Gramsci e Terracini. Eppure non si riesce a vedere con chiarezza cosa sta per succedere in Italia. Gramsci scriverà: “Quando il fascismo sorse e si sviluppò in Italia come bisognava considerarlo? Era esso soltanto un organo di combattimento della borghesia, oppure era anche un movimento sociale? L’estrema sinistra, che allora dirigeva il partito, non lo considerò che sotto il primo aspetto, e questo errore ebbe come conseguenza che non si riuscì ad arginare l’avanzata del fascismo come forse sarebbe stato possibile fare”. In una cronaca politica animata dalle voci di protagonisti epici, Ezio Mauro ricostruisce un capitolo fondamentale della storia italiana, che raccoglie in sé straordinariamente la sintesi dell’ideale altissimo e della cecità tragica di fronte alla minaccia imminente del fascismo.

L’AUTORE Ezio Mauro è editorialista di “Repubblica”, di cui è stato direttore dal 1996 al 2016. Ha diretto “La Stampa” dal 1992 al 1996. È stato inviato di politica interna e dal 1988 corrispondente dall’Urss per “Repubblica”. Ha scritto La felicità della democrazia (con Gustavo Zagrebelsky; Laterza, 2012) e Babel (con Zygmunt Bauman; Laterza, 2016). Per Feltrinelli ha pubblicato L’anno del ferro e del fuoco (2017), L’uomo bianco (2018), Anime prigioniere (2019) e Liberi dal male (2020).

pag 208 euro 18,00 isbn 978-88-07-07051-8 In libreria da: novembre 2020

26


La scintilla dell’idea socialista, il demone della sinistra divisa, la cecità nei confronti della catastrofe che si stava avvicinando. La scissione della sinistra italiana segnò la nascita del più grande partito operaio d’Europa. Ma fu anche il gesto di chi volse lo sguardo dall’altra parte mentre il fascismo si impadroniva del Paese e del Novecento. 15 gennaio 1921. A cento anni dal Congresso di Livorno, per la prima volta un grande giornalista racconta, in una cronaca serrata e drammatica, i giorni che cambiarono per sempre la storia d’Italia.

Piano marketing: • Materiali per il punto vendita • Corner e spazi dedicati • Vetrine • Pubblicità sui quotidiani • Banner e newsletter • Attività promozionale sui social network • Anticipazioni • Recensioni • Incontri con i lettori

27


Enrico Deaglio Patria 2010-2020 SERIE BIANCA

Con Azzurra Giorgi Negli ultimi dieci anni l’Italia è cambiata. Forse siamo cambiati anche noi. C’eravamo tutti, ma davvero sappiamo come sono andate le cose?

copertina non definitiva

Mentre l’Italia e tutto il resto del mondo si ritrovano precipitati in una crisi economica e sociale gravissima nessuno ci pensa, ma questo decennio è cominciato con il bunga bunga. Che fai, mi cacci?, disse Fini a Berlusconi. Chi si ricorda più di Emanuele Filiberto sul palco di Sanremo? E del Trota? E dello spread a quota 528? Se ci dimentichiamo, non riusciamo a capire come siamo arrivati qui. Il virus si è rivelato una calamità di dimensioni che nessuno poteva immaginare, neanche quando Wuhan chiuse, neanche quando Codogno chiuse, e intanto la famosa sanità lombarda è crollata, con il più alto numero di vittime in Italia e le conseguenze di una tragica serie di scelte sbagliate e ripetute. Al centro e alla periferia di questo disastro ci sono molti protagonisti di lunga data. Tanti nodi sono rimasti irrisolti, tanti errori sono stati ignorati. Come abbiamo fatto a non impedirlo? In questi dieci anni abbiamo assistito senza fare abbastanza alla tragedia dei migranti in mare, al renzismo, al populismo e al sovranismo, alla farsa dell’abolizione della povertà, all’infamia dei porti chiusi, a Mafia Capitale e alla deriva della giustizia, alla decrescita industriale, abbiamo imparato a usare lo smartphone e scoperto il bosone di Higgs, abbiamo visto i comici al governo, l’invasione delle fake news, i “pieni poteri” e il Papeete. L’Italia si è trasformata profondamente. È come un romanzo pieno di scandali, intrecci e svolte inaspettate. I protagonisti siamo noi. Ma conosciamo davvero tutte le regole e i segreti di questo gioco complicatissimo? Enrico Deaglio chiude la trilogia di Patria con una grande cronaca in diretta degli ultimi dieci anni di storia italiana. Ci sarà un happy end? A dicembre, quando il libro sarà in libreria, sapremo se ci sarà ancora la democrazia in America (e quindi da noi); e se saremo sopravvissuti al virus.

L’AUTORE Enrico Deaglio è nato a Torino nel 1947. Ha lavorato nella carta stampata e nella televisione. Ha scritto molti libri, tra cui La banalità del bene – Storia di Giorgio Perlasca (Feltrinelli, 1991), Il vile agguato (Feltrinelli, 2012), sull’assassinio di Paolo Borsellino, Storia vera e terribile tra Sicilia e America (Sellerio, 2015), su un caso di razzismo all’alba del Novecento, La bomba (Feltrinelli, 2019), su Piazza Fontana e vincitore del Premio Bagutta, e L’ultima moglie di J.D. Salinger (Marsilio, 2020), un giallo sul mito della scomparsa letteraria di Salinger. Dopo Patria 19782008 (il Saggiatore, 2009) e Patria 1967-1977 (Feltrinelli, 2017), questo volume completa la monumentale storia d’Italia, che arriva fino a oggi. Dal 2012 risiede a San Francisco.

pag 640 euro 22,00 isbn 978-88-07-17387-5 In libreria da: novembre 2020

28


20.000 COPIE VENDUTE

2010-2020: questi dieci anni lunghissimi hanno trasformato l’Italia. Una grande narrazione della nostra storia sociale, fatta di trame sotterranee e clamorosi colpi di scena, di dettagli dimenticati e personaggi indimenticabili. Con un diario personale e in tempo reale dei primi quattro mesi dell’epidemia.

Enrico Deaglio completa la trilogia di Patria e scrive la cronaca in diretta degli ultimi dieci anni. Quelli decisivi.

Piano marketing: • Materiali per il punto vendita • Corner e spazi dedicati • Vetrine • Pubblicità sui quotidiani • Banner e newsletter • Attività promozionale sui social network • Recensioni • Interviste

29


‘ALA AL-ASWANI LA DITTATURA Racconto di una sindrome Traduzione di Giancarlo Carlotti SERIE BIANCA

copertina non definitiva

Una sindrome è un complesso più o meno caratteristico di sintomi e può essere espressione di una certa malattia. Come una malattia che si presenta con sintomi ogni volta diversi a seconda della persona, eppure ugualmente minacciosi, la dittatura è prima di tutto la condizione di chi finisce per appoggiarla. È un pericolo profondo e a volte difficilmente governabile, che nessuno dovrebbe sottovalutare. Neanche in una democrazia. In un viaggio che ricorda le atmosfere e i colori di Palazzo Yacoubian, ‘Ala al-Aswani ragiona sul fascino per l’esercizio autoritario del potere, portando l’attenzione sui sintomi che sono comuni a ogni dittatura. Il sintomo principale deve interessarci, perché è urgente e ci riguarda da vicino: è l’attrazione per l’uomo forte, che offre sicurezza in cambio della rinuncia a diritti e libertà. Al-Aswani riflette sul concetto di sindrome come solo uno scrittore può fare: rievoca episodi della sua vita in Egitto sotto Nasser ma anche episodi decisivi della storia del Novecento, dimostrando che in Europa e in Medio Oriente la stessa sindrome si è manifestata in forme diverse e che la Germania di Hitler, l’Iran di Khomeini e l’Iraq di Saddam Hussein sono lontani nella geografia, ma forse lo sono di meno nell’esperienza. Come scrive al-Aswani, “in una dittatura c’è sempre una contraddizione tra ciò che viene annunciato e la verità, tra le idee e la pratica, tra le parole e le azioni”. Il risultato è un catalogo dei segni che dobbiamo riconoscere in noi anche oggi, anche in Italia. Ed è anche una guida per affacciarsi a una conoscenza più attenta e vigile di noi stessi, come cittadini e come membri di una società. L’AUTORE ‘Ala al-Aswani è nato al Cairo nel 1957. Di professione dentista, è stato uno dei membri fondatori del movimento egiziano per la democrazia Kifaya e ha partecipato attivamente alla Rivoluzione egiziana nel 2011. La sua prima opera, Palazzo Yacoubian (Feltrinelli, 2006), ha suscitato grande scalpore per i temi affrontati e, da allora, è il romanzo più venduto nel mondo arabo; dal libro è stato tratto un film presentato al Festival di Roma nel 2006. Feltrinelli ha pubblicato anche Chicago (2008), Se non fossi egiziano (2009), La rivoluzione egiziana (2011), Cairo Automobile Club (2014) e Sono corso verso il Nilo (2018).

La dittatura è molto più di una scellerata forma di governo. È un pericolo insidioso, che si manifesta in un insieme di sintomi e minaccia ciascuno di noi, a prescindere dalla geografia. Il grande scrittore egiziano esplora questi sintomi e ci offre uno strumento di indagine profonda di noi stessi, non solo come singoli individui, ma soprattutto come cittadini.

pag 256 euro 18,00 isbn 978-88-07-17386-8 In libreria da: ottobre 2020

30


UMBERTO GALIMBERTI HEIDEGGER E IL NUOVO INIZIO Il pensiero al tramonto dell’Occidente

CAMPI DEL SAPERE

copertina non definitiva

La metafisica, inaugurata da Platone, secondo Martin Heidegger ha messo in circolazione un’unica forma di pensiero: il pensiero calcolante, che ha trovato nell’economia e nella tecnica l’espressione più alta e organizzata. “Tutto funziona,” scrive Heidegger, e “questo è appunto l’inquietante.” La tecnica è infatti la realizzazione compiuta dell’intenzione segreta della metafisica, la più idonea a garantire non solo la disponibilità di tutte le cose, ma anche la loro riproducibilità. Eppure, la razionalità imposta dalla tecnica, che esige di raggiungere il massimo degli scopi con l’impiego minimo dei mezzi, finisce per mettere fuori gioco la condizione umana. Ciò che fuoriesce da questa razionalità, per la tecnica è solo un elemento di disturbo e dunque deve essere eliminato. Accade però che l’uomo non sia solo razionalità, ma anche irrazionalità. Infatti irrazionale è la fantasia, l’immaginazione, l’ideazione, il desiderio, il sogno. E se questi aspetti vengono ridotti o soppressi, abbiamo ancora a che fare con l’uomo? Umberto Galimberti ci conduce nella riscoperta del pensiero di Heidegger e fa un fondamentale passo in avanti. Al tempo di Heidegger la tecnica poteva ancora essere considerata uno strumento nelle mani dell’uomo. Oggi non lo è più: è diventata l’ambiente in cui l’uomo vive, e l’uomo stesso è diventato un oggetto della tecnica. “Questo libro,” scrive Galimberti, “è una guida alla lettura di Heidegger e, come ogni guida, conduce da un ‘primo inizio’ a un ‘altro inizio’, come lo chiama Heidegger, per giungere al quale occorre attraversare l’intero pensiero occidentale, che è stato governato dalla metafisica inaugurata da Platone.” L’AUTORE Umberto Galimberti ha insegnato Antropologia culturale, Filosofia della storia, Psicologia generale e Psicologia dinamica all’Università Ca’ Foscari di Venezia. Dal 1985 è membro ordinario dell’International Association for Analytical Psychology. Dal 1986 al 1995 ha collaborato con “Il Sole-24 Ore” e dal 1995 collabora con “la Repubblica”. Le sue opere sono tradotte in tedesco, francese, spagnolo, portoghese, olandese, sloveno, serbo, greco, ceco e giapponese. Nel 2018 ha pubblicato con Feltrinelli il Dizionario di psicologia, psichiatria, psicoanalisi, neuroscienze.

Noi abitiamo ancora la Terra o unicamente la Tecnica? Oggi la tecnica è molto di più che uno strumento nelle mani dell’uomo: è l’ambiente in cui l’uomo vive. Umberto Galimberti ha scritto una nuova guida alla lettura di Heidegger, la cui opera arriva fino a oggi e illumina il mondo contemporaneo.

pag 288 euro 19,00 isbn 978-88-07-10553-1 In libreria da: ottobre 2020

31


MARCO D’ERAMO L’ULTIMO CAPITALISTA

Cinquant’anni di guerra dei potenti contro i sudditi

CAMPI DEL SAPERE

copertina non definitiva

Dai birrifici del Colorado alle facoltà di Harvard, ai premi Nobel di Stoccolma, Marco d’Eramo ci guida nei luoghi dove una guerra è stata pensata, pianificata, finanziata. Di una vera e propria guerra si è trattato, anche se è stata combattuta senza che noi ce ne accorgessimo. Lo ha riconosciuto uno degli uomini più ricchi del mondo, Warren Buffett: “Certo che c’è guerra di classe, e la mia classe l’ha vinta. L’hanno vinta i ricchi”. La vittoria è tale che oggi termini come “capitalisti”, “sfruttamento”, “oppressione” sono diventati parolacce che ci vergogniamo di pronunciare. Oggi “ci è più facile pensare la fine del mondo che la fine del capitalismo”. La rivolta dall’alto contro il basso ha investito tutti i terreni: non solo l’economia, il lavoro, ma la giustizia, l’educazione: ha stravolto l’idea che noi ci facciamo della società, della famiglia, di noi stessi. Ha sfruttato ogni crisi, ogni tsunami, ogni attentato, ogni recessione, ogni pandemia. Ha usato ogni arma, dalla rivoluzione informatica alla tecnologia del debito. Ha cambiato la natura del potere, dalla disciplina al controllo. Ha imparato dalle lotte operaie, ha studiato Gramsci e Lenin. Forse è arrivato il momento di fare lo stesso e di imparare dagli avversari. “Il lavoro da fare,” scrive D’Eramo, “è immenso, titanico, da mettere spavento. Ma ricordiamoci che nel 1947 i fautori del neoliberismo dovevano quasi riunirsi in clandestinità, sembravano predicare nel deserto, proprio come noi ora.”

L’AUTORE Marco d’Eramo è nato a Roma nel 1947. Laureato in Fisica, ha poi studiato Sociologia con Pierre Bourdieu all’École Pratique des Hautes Études di Parigi. Giornalista, ha lavorato per “Paese Sera”, “Mondoperaio” e “il manifesto”. Collabora con “MicroMega”, “New Left Review”, “Die Tageszeitung”. Tra le sue pubblicazioni: Gli ordini del caos (manifestolibri, 1991), Via dal vento. Viaggio nel profondo sud degli Stati Uniti (manifestolibri, 2004), Moderato sarà lei (con Marco Bascetta; manifestolibri, 2008) e, con Feltrinelli, Il maiale e il grattacielo (1995), Lo sciamano in elicottero. Per una storia del presente (1999) e Il selfie del mondo (2017).

Negli ultimi cinquant’anni è stata compiuta una gigantesca rivoluzione dei ricchi contro i poveri, dei padroni contro i sudditi, dei dominanti contro i dominati. Tanto che insorgere contro questo dominio sembra ormai una stramberia patetica. Il capitale umano è diventato l’equivalente moderno dell’anima. E tale resterà se non impariamo da chi continua a sconfiggerci, sfruttando anche i virus.

pag 240 euro 19,00 isbn 978-88-07-10554-8 In libreria da: ottobre 2020

32


DOMENICO BARRILÀ #NOI RESTIAMO INSIEME La forza dell’interdipendenza per rinascere

URRA

copertina non definitiva

Tutto è iniziato millenni fa, quando l’uomo, diventato cacciatore, ha avuto bisogno dell’aiuto dei suoi simili per poter prevalere sugli animali feroci. E tuttavia questo avrebbe fatto di noi solo degli efficienti cooperatori, come le formiche o le api, sebbene con una diversa taglia fisica. Occorreva un’ulteriore svolta. Ed è la compartecipazione ad aiutarci a rompere i diaframmi più ostinati e a dare inizio alla rivoluzione che ci avvicina sempre, introducendo nel nostro vocabolario parole inimmaginabili, fatte di gratuità e di sentimenti sempre più raffinati. Concetti come altruismo, egoismo, individualismo, autonomia, dipendenza, legami oggi non avrebbero alcun senso se, in qualche punto remoto del tempo, qualcuno non avesse iniziato a sentire come proprio il dispiacere provato da un estraneo, ad avvertirne i movimenti interiori sentendosene parte. Da lì in avanti l’uomo si scopre dipendente dai propri simili, ma apprezza anche i vantaggi di questi nuovi intrecci, che generano gli stati d’animo tipici di quella che chiamiamo umanità e che ci permettono ogni giorno di affrontare e superare prove che mai un uomo solo potrebbe affrontare. In queste pagine vogliamo raccontare come questa lunga storia si manifesta tutti i giorni nella nostra vita quotidiana, determinandone il corso, nel bene e nel male, ma vogliamo anche dimostrare come i comportamenti cooperativi siano i nostri più grandi alleati della salute mentale dell’individuo oltre che stimoli evolutivi per l’intera specie, come la recente pandemia ci ha dimostrato.

L’AUTORE Domenico Barrilà, psicoterapeuta e analista adleriano, è impegnato da decenni nell’attività clinica, accompagnata da una produzione editoriale che comprende una ventina di fortunati volumi, molti dei quali tradotti all’estero. Tra questi, pubblicati da Feltrinelli, I legami che ci aiutano a vivere (2012), Quello che non vedo di mio figlio (2016), I superconnessi (2018), Tutti bulli (2020). Crede da sempre nella responsabilità sociale della psicologia, da cui discende la sua costante presenza sul territorio, con numerosi seminari e conferenze svolti in Italia e all’estero, e un migliaio di articoli, divulgativi e scientifici, apparsi su quotidiani e periodici.

Il coronavirus ce lo ha ricordato: l’altruismo è l’unica scelta possibile. Scopriremo: • Perché siamo diventati squadra; • Perché l’impegno cooperativo è la forma più geniale di competizione; • Perché chiedere aiuto è un atto di forza e di coraggio; • Perché la riconoscenza edifica la nostra vita e le nostre comunità; • Perché i sentimenti sono un’evoluzione di un sano spirito cooperativo; • Perché si riparte solo restando insieme.

pag 144 euro 13,00 isbn 978-88-07-09144-5 In libreria da: ottobre 2020

33


SYLVIE GALLAND QUANDO I FIGLI CRESCONO E I GENITORI INVECCHIANO

Costruire legami solidi e giusta distanza tra genitori e figli adulti Traduzione di Fabrizia Berera

URRA

copertina non definitiva

Ci sentiamo esasperati dai nostri genitori? Oppure, da madre o da padre, siamo delusi, feriti, dai comportamenti dei nostri figli, o contrari alle loro scelte? Ci annoiamo o ci irritiamo quando andiamo a far visita ai nostri genitori? Siamo schiacciati dai sensi di colpa o di impotenza? Questi sono segnali che ci dicono che dovremmo apportare un cambiamento alla nostra relazione, con tutto l’amore possibile. Ma come svolgere il nostro ruolo di figlio o di figlia, una volta raggiunta l’età adulta? E come essere genitori di adulti? Sylvie Galland affronta questi temi, basando le sue riflessioni su più testimonianze. Presenta gli adattamenti necessari nella relazione tra genitori e figli durante le diverse età della vita, che possono arrivare, con l’invecchiamento dei primi, fino all’inversione dei ruoli. Descrive le condizioni che ostacolano il progresso reciproco e suggerisce possibili vie d’uscita da compiti, lealtà e sistemi relazionali costrittivi. Qual è l’obiettivo dell’evoluzione desiderata? Che i genitori e i loro figli adulti, insieme, possano trovare un sano distacco che permetta l’ascolto e il riconoscimento reciproco, degli incontri autentici e una comunicazione vivace.

L’AUTRICE Psicoterapeuta e animatrice di sessioni di psicodramma, Sylvie Galland ha lavorato per quarant’anni nel settore dell’educazione specialistica; è stata direttrice del Centro di psicoterapia dell’Ospedale pediatrico di Losanna. Ha formato molti professionisti di psicodramma psicanalitico.

“Migliaia di libri descrivono e analizzano il rapporto tra genitori e figli, dal concepimento alla fine dell’adolescenza. E poi? Che cosa succede in seguito nei rapporti tra gli adulti e i loro genitori?” Un viaggio verso i cambiamenti necessari nella relazione genitori/figli secondo le tappe della vita adulta e l’evoluzione della comunicazione tra ascendenti e discendenti.

pag 144 euro 13,00 isbn 978-88-07-09145-2 In libreria da: novembre 2020

34


EMILY MIGNANELLI NON BASTA DIVENTARE GRANDI PER ESSERE ADULTI

Come smetterla di essere figli e prendere in mano la nostra vita URRA

copertina non definitiva

Se qualcuno ti chiedesse quando si diventa adulti, cosa risponderesti? Siamo sicuri che indipendenza economica, lavoro, tetto sopra la testa, razionalità di pensiero siano condizioni per potersi definire tali? Secondo l’autrice, questa è solo la punta dell’iceberg, finché non prendiamo in carico la nostra infanzia, finché questa non viene guardata, curata, risarcita, ascoltata, adulti non si diventa mai. Riprenderla in carico non significa tenere in vita il bambino che siamo stati, al contrario, significa elaborarne il lutto, considerarlo morto e in attesa di sepoltura. Riprenderla in carico significa guardare con lucidità indietro, nel viaggio iniziale che ha formato quello che siamo ora, ridando i giusti pesi e restituendo ciò che non ci appartiene. Non è un lavoro interiore riservato a chi ha figli, tutt’altro, è un’immersione necessaria a chiunque, perché l’infanzia è una condizione umana imprescindibile per tutti noi. Questo è il modo per smascherare e disinnescare copioni tossici che creano sofferenza e rendono prigionieri. Questo è il modo, perché il segreto delle nostre esistenze è nell’infanzia, scatola nera e quartier generale del nostro esserci. Da lì tutto è cominciato e, quando ci perdiamo, è esattamente lì dove dobbiamo tornare. Solo così scopriamo chi siamo ora, se siamo padroni della nostra vita e capiamo come metterci al suo timone.

L’AUTRICE Emily Mignanelli nasce nel 1987 da un parto frettoloso e il primo sguardo che riserva al mondo è quello di chi capisce che servirà rimboccarsi le maniche. Insegnante, pedagogista, ricercatrice e madre, dal 2009 porta avanti progetti educativi sperimentali per bambini e famiglie. Tra viaggi di ricerca e percorsi universitari, fonda Serendipità Scuola-comunità dinamica, una scuola per bambini da 1 a 14 anni, e Corallo, centro di ricerca pedagogica e sostegno famigliare. Convinta che l’educazione sia la risposta alle problematiche sociali di ciascuna epoca, crea il concetto di pedagogia dinamica, come risposta flessibile e mobile in grado di leggere la realtà, trarre arricchimento e strumenti da quanto teorizzato e praticato finora, ma senza giurare fedeltà a nessun metodo né autore, ma solo all’essere umano. È autrice del blog Hundreds of Buddha, https://hundredsofbuddhas.com/

Il TED Talk di Emily Mignanelli ha registrato oltre 11.000 visualizzazioni. I post del blog Hundreds Of Buddhas: 200.000 visualizzazioni. “Ho conosciuto la donna che sussurrava ai bambini. Non solo ai nostri. Anche a quelli che siamo stati noi e che, da qualche parte, sempre saremo. Quella donna si chiama Emily Mignanelli.” Chiara Gamberale

pag 128 euro 13,00 isbn 978-88-07-09146-9 In libreria da: ottobre 2020

35


Corrado Augias Guarda!

100 storie di artisti per scoprire il mondo KIDS

Con Francesco Frisari e Micol Suber Illustrazioni a colori Dall’Homo Sapiens a Banksy, la realtà attraverso gli occhi degli artisti. Una nuova importante operazione culturale rivolta al pubblico di bambini e ragazzi.

copertina non definitiva

“Vedere davvero un’opera d’arte è cosa molto diversa dal guardarla.” Con queste parole Corrado Augias ci invita a compiere un viaggio tra gli artisti di ogni epoca e a percorrere il cammino dell’uomo dagli albori fino alla contemporaneità. Una storia dell’arte raccontata in forma insolita: 100 storie di artisti, 100 sguardi diversi sul mondo. Il desiderio di fermare un istante del discobolo, la fantasia sfrenata delle grottesche nella Domus Aurea, le prospettive impossibili di Escher o la banalità della zuppa di Warhol: ogni quadro e ogni storia ci mostra un modo di vedere e interpretare la realtà. Nasce così un libro per bambini e ragazzi che, grazie a un linguaggio chiaro, alla ricchezza delle illustrazioni unite a un’indagine storica accurata e a riflessioni mai scontate, farà scoprire e amare la storia dell’arte anche agli adulti.

Cattelan L’AUTORE Giornalista e scrittore, Corrado Augias è nato a Roma. Ha trascorso molti anni all’estero. Parigi prima, poi New York, da dove è stato corrispondente del settimanale “L’Espresso” e del quotidiano “la Repubblica”. Per “la Repubblica” cura la rubrica quotidiana di corrispondenza con i lettori. Ha pubblicato numerosi libri sia di narrativa sia di saggistica; tra questi, notevole fortuna hanno avuto i suoi libri dedicati ai “romanzi” delle città, largamente tradotti in varie lingue. Ha ideato e condotto numerosi programmi televisivi. È autore di testi teatrali. I primi, nel 1965, furono allestiti in una cantina d’avanguardia, il “Teatro del 101” diretto da Antonio Calenda, primo attore Luigi Proietti, che segnò un’importante stagione nel rinnovamento del teatro italiano. Il saggio più recente, Breviario per un confuso presente (Einaudi, 2020). pag 224 euro 19,00 isbn 978-88-07-92332-6 In libreria da: novembre 2020

36


Dopo lo straordinario successo del libro PerchĂŠ? di Umberto Galimberti altra importante operazione di Feltrinelli dedicata ai ragazzi

50.000 COPIE VENDUTE 100 storie di artisti. 100 sguardi diversi sul mondo. Un grande autore e maestro della divulgazione si affaccia al pubblico dei lettori piĂš giovani con un libro prezioso che accompagna alla lettura grazie alle illustrazioni a colori.

37


Da Francesca Cavallo co-autrice di

Storie della buonanotte per bambine ribelli. Ispirato alla storia breve diventata virale in tutto il mondo, un albo illustrato sul coronavirus e sul primo eroe di questa pandemia.


Chi era il Dottor Li Wenliang? Fu il primo a lanciare l’allarme per un virus a Wuhan. La polizia cercò di zittirlo, accusandolo di diffondere informazioni false. Il dottor Li è morto a causa del Covid-19 il 7 febbraio, ma è diventato un simbolo universale dell’importanza della ricerca scientifica e della libertà.

, Il potere dell empatia Un libro illustrato che parla di quello che è successo e sta ancora succedendo, offrendo ai bambini uno spazio per esplorare i propri sentimenti durante la pandemia attraverso le storie di tenacia e coraggio di chi ha lottato in prima linea.

Un virus con la corona! L’importanza di fornire ai più piccoli informazioni chiare sugli aspetti scientifici: come gli scienziati lavorano per risalire alle origini di un virus e perché siamo dovuti rimanere tutti in casa così a lungo.

ISBN 978-88-07-92335-7

Illustrazioni a colori | 48 pagine | euro 14,00 formato 21x 28 cm | uscita: novembre 2020 isbn 9788807923357

9 788807 923357

, L illustratrice

Francesca Cavallo è la co-autrice del bestseller mondiale Storie della buonanotte per bambine ribelli, quattro milioni di copie vendute nel mondo e libro d’oro in Italia nel 2017. Francesca ha lanciato alcune delle campagne di crowdfunding di maggior successo nella storia dell’editoria affermandosi come una delle voci più innovative dell’editoria per l’infanzia a livello mondiale. Nel 2019 ha pubblicato per Feltrinelli Elfi al quinto piano, una favola di Natale di ispirazione per i bambini di tutto il mondo e con Il Dottor Li e il virus con in testa una corona ha lanciato una nuova campagna che porterà alla pubblicazione del libro in cinque paesi entro la fine del 2020. I suoi libri sono tradotti in cinquanta lingue.

Claudia Flandoli, autrice di fumetti e illustrazioni, è specializzata in disegni a tema scientifico per bambini. Abita in Inghilterra dove collabora con l’Università di Cambridge.

feltrinellieditore.it

, L autrice


Jutta Bauer Opinioni di un gatto KIDS

Traduzione di Anna Patrucco Becchi Un gatto guarda il mondo degli umani e lo descrive con il suo acume e la sua intelligenza. Un piccolo gioiello, scritto e illustrato dall’artista tedesca Jutta Bauer, autrice del classico per l’infanzia Urlo di mamma.

copertina non definitiva

Liam è un gattone rosso, grande e a strisce come una tigre. Orgoglioso della sua pancia e del suo pelo lustro. Da che ricordi ha sempre vissuto con Miss B. e osservando le sue azioni e quelle degli altri abitanti del quartiere si è fatto un’idea molto chiara: gli umani sono creature misteriose che non fanno mai quello che i gatti vorrebbero. Per fortuna i loro comportamenti sono terribilmente prevedibili, per questo Liam ha deciso di dare vita a un piccolo compendio del pensiero felino e libretto di istruzioni per indurre i padroni a realizzare tutti i desideri di un gatto. I suoi pensieri e le sue opinioni sul mondo sono raccolti in forma di appunti, come un piccolo dizionario in ordine sparso. Dalla T di Tappeto, oggetti fantastici dove correre a vomitare una palla di pelo o depositare un topo morto, alla C di Cibo che non ha la forma di nulla e secca in un attimo, alla A di Acqua, troppo bagnata ma che gli umani si ostinano a trovare meravigliosa. Un piccolo manuale dello stile di vita felino, deliziosamente illustrato da schizzi e disegni a colori.

L’AUTRICE Jutta Bauer è nata ad Amburgo dove ha studiato Design. Subito dopo ha cominciato a lavorare come illustratrice di libri per bambini e come vignettista per giornali e riviste e da allora non ha più smesso. Nel 2001 ha vinto il Deutscher Jugendliteraturpreis, il premio letterario più importante del mondo tedesco, per il libro illustrato Urlo di mamma, considerato ormai un classico per l’infanzia. Nel 2010 ha ricevuto anche la più alta onorificenza mondiale per l’illustrazione, il premio Hans Christian Andersen.

pag 56 euro 13,00 isbn 978-88-07-92333-3 In libreria da: novembre 2020

38


“Sono un gatto, grosso, bello e rosso. Da diversi anni mi diverto a osservare gli uomini e il loro mondo. Onestamente, sono piuttosto strani!”

Meravigliosamente scritto e illustrato da Jutta Bauer, questo libro è una chicca che farà impazzire i tanti amanti dei gatti.

Piano marketing: • Materiali per il punto vendita • Spazi e corner dedicati • Vetrine • Segnalibri • Cartoline online • Banner e newsletter • Attività promozionale sui social network 39


ALBERTO ROSSETTI DAL GIORNO ALLA NOTTE

Scuola, amici, famiglia. La vita dei ragazzi al tempo del coronavirus

KIDS

copertina non definitiva

Alcuni ragazzi hanno smesso di andare a scuola il 23 febbraio, altri il 5 marzo. Date che hanno segnato un “prima”, la vita di sempre, e un “dopo”, la vita sospesa del lockdown. In che modo i ragazzi hanno reagito alla quarantena? Come hanno vissuto questi mesi di “arresti domiciliari” all’interno delle loro case? Non possiamo certo dire quali saranno gli effetti di questo trauma sulle loro vite. Possiamo però fermarci ad ascoltare le loro storie, conoscere il modo in cui hanno vissuto la scuola, le relazioni tra di loro, con gli insegnanti e i genitori. Possiamo ascoltare le emozioni che hanno accompagnato questi mesi in cui i ragazzi hanno dimostrato, almeno apparentemente, una grande capacità di adattamento e un forte senso di responsabilità. Attraverso alcune interviste a ragazzi di diverse zone d’Italia, post sui social network, articoli di giornale e podcast fatti da adolescenti, sono state raccolte le storie di questi mesi. Ci sono frammenti di vita che parlano della scuola, del rapporto con compagni e professori, della didattica a distanza. Altri che mettono al centro le relazioni con gli amici, con la fidanzata o il fidanzato. Altri ancora che raccontano di come sia difficile vivere questa solitudine forzata all’interno delle proprie abitazioni. Ci sono sogni spezzati ma anche nuovi amori. L’autore, psicoterapeuta, approfondisce e prova a dare delle risposte alle molte domande facendo emergere anche le straordinarie qualità che i ragazzi hanno mostrato e che certamente saranno strumenti utili per il loro futuro. A partire dai 13 anni L’AUTORE Alberto Rossetti, psicoterapeuta e psicoanalista, si occupa della clinica dell’adolescente. Al lavoro clinico affianca progetti di prevenzione a diretto contatto con i ragazzi. Ha pubblicato Nasci, cresci e posta (2017) e I giovani non sono una minaccia. Anche se fanno di tutto per sembrarlo (2019).

Leggere il presente, guardare al futuro dopo il coronavirus.

pag 128 euro 13,00 isbn 978-88-07-92334-0 In libreria da: ottobre 2020

40


CHIARA FRUGONI LA STORIA DELLA LIBELLULA CORAGGIOSA Illustrazioni di Felice Feltracco

KIDS

copertina non definitiva

Un bambino chiede alla madre perché il nonno non c’è più. La risposta è una fiaba. C’era una volta uno stagno. E sul fondo soffice di questo stagno vivevano piccole larve di libellula. Il paesaggio in cui si muovevano era un bosco di piante acquatiche sempre in movimento, sui cui steli le larvette si dondolavano come in una culla. Ogni tanto una larva diventava un po’ più grande delle altre e veniva presa dalla voglia di salire in superficie. Le compagne la vedevano arrampicarsi su uno stelo d’erba e sparire per sempre. Questo le rendeva molto tristi ma anche molto curiose. Una piccola larva coraggiosa promise che, quando fosse stato il suo turno, sarebbe tornata sott’acqua a raccontare alle compagne la sua avventura. E il grande giorno arrivò...

L’AUTRICE Chiara Frugoni ha insegnato Storia medievale all’Università di Pisa, Roma e Parigi. Ha pubblicato numerosi saggi sulla figura di san Francesco. Feltrinelli ha pubblicato anche Perfino le stelle devono separarsi (2013; premio Benedetto Croce 2014), San Francesco e il lupo. Un’altra storia (illustrazioni di Felice Feltracco; 2013), San Francesco e la notte di Natale (illustrazioni di Felice Feltracco; 2014).

La riproposta di una storia che affronta il tema della perdita raccontata dalla penna di Chiara Frugoni e magistralmente acquarellata da Felice Feltracco. Un racconto avventuroso che emoziona e consola un bambino in cerca del nonno. Una delicata metafora del cambiamento e del lutto.

L’ILLUSTRATORE Felice Feltracco, oltre a lavorare come scenografo per spettacoli teatrali, ha dedicato la sua attività di pittore allo studio del paesaggio con disegni e acquerelli. Nel 2009 alcune sue opere sono state esposte al Royal Institute of Painters in Watercolours a Londra. Nel 2014 il Comune di Bergamo ha organizzato un’importante mostra degli acquerelli contenuti nei due albi su San Francesco pubblicati da Feltrinelli. Recentemente Felice Feltracco si è applicato all’acquisizione delle tecniche pittoriche orientali.

Una fiaba per bambini e adulti.

ristampa in prenotazione pag 32 euro 15,00 isbn 978-88-07-92263-3 In libreria da: ottobre 2020

41


ANONIMO

con Giuseppe Salvaggiulo

IO SONO IL POTERE Confessioni di un capo di gabinetto NUOVA EDIZIONE AGGIORNATA

“Un libro che per la prima volta svela dall’interno la sala macchine e il retrobottega dello Stato.” Il Venerdì

“Un racconto memorabile sulla gestione del potere.” Sky Tg24

“Qui siamo a Pirandello. Cioè all’Italia più sfuggente ma anche la migliore.” Il Messaggero

“Un libro illuminante e spassoso.” Libero


Serie Bianca

Torna in una nuova edizione il caso editoriale dell’anonimo capo di gabinetto. Che questa volta ci svela cosa è successo nei palazzi del potere mentre l’Italia era prigioniera dell’epidemia di coronavirus. Perché i decreti della Presidenza del Consiglio, i famosi dpcm, venivano illustrati sempre la sera tardi? Perché le disposizioni erano sempre così vaghe? Chi ha deciso le chiusure, le riaperture, gli aiuti e gli incentivi? È sempre stato privilegiato l’interesse del paese? Il famigerato capo di gabinetto, autore delle confessioni che hanno tenuto col fiato sospeso i palazzi del potere romano, ci svela come è stato gestito lo stato di emergenza. Perché non basta un virus a cambiare il potere. Casomai lo consolida, lo immunizza. I capi di gabinetto sono sempre gli stessi, e rifiutano di parlarsi su Teams o su Zoom, provando per la prima volta la solitudine di un ufficio con la segretaria in smartworking.

“Il coronavirus ha semplicemente accelerato ed estremizzato traiettorie di potere a noi ben note. Come i decreti legge, i dpcm li scriviamo noi. Li negoziamo. Li correggiamo. Li cambiamo quando non si dovrebbe più. In una Roma virginale e rarefatta, abbiamo governato un’emergenza che nemmeno i padri costituenti avevano immaginato. Mentre si rischiavano rivolte sociali e assalti ai supermercati, con lo Stato sulla via del default, abbiamo consentito ai politici di promettere soldi che non c’erano inventando meccanismi così farraginosi da farci guadagnare il tempo necessario a non svelare il bluff. Noi abbiamo trattato con i Benetton. Noi abbiamo evitato di spezzare il filo tra governo e Regioni. Non abbiamo mai smesso di riposizionarci, in vista di un cambio di governo e di una campagna elettorale per il Quirinale già in pieno svolgimento. E abbiamo trovato anche il tempo di farci la guerra tra noi. Di regolare conti rimasti in sospeso. Di giocarci ai dadi del potere posti nella Corte costituzionale, nelle Autorità di garanzia, nelle grandi aziende pubbliche. E di gestire l’unico business che non è andato in crisi, anzi è fiorito rigoglioso: le amministrazioni straordinarie, i carrozzoni di Stato, le consulenze a sei zeri. Chi l’ha detto che l’Italia si è fermata? Certo non ci siamo fermati noi. Le cene romane sono continuate anche durante il lockdown.”

euro 18,00 isbn 978-88-07-17388-2 In libreria a ottobre 2020 ISBN 978-88-07-17388-2

9 788807 173882

feltrinellieditore.it


PERCHÉ LAVORO?

Due risposte di Richard Sennett e Alain Supiot

FONDAZIONE

Cosa indica oggi la parola “lavoro”? Che significato assume questo termine per donne, uomini, società alle prese con lavori sempre più discontinui e mal pagati? Il lavoro umano è destinato a perdere di senso, scalzato dall’innovazione tecnologia e ormai “uberizzato” in task e mansioni prive di raccordi? La domanda è di portata epocale: da un lato chiama in causa l’ormai lungo dibattitto sulla presunta “fine del lavoro” indotta dalla quarta rivoluzione industriale; dall’altro porta a chiedersi che ruolo giochi oggi il lavoro nella costruzione delle nostre biografie. Una delle voci più importanti della sociologia contemporanea, Richard Sennett, e uno dei più autorevoli giuristi del lavoro, Alain Supiot, si interrogano sui molteplici significati che abitano la parola “lavoro” e sugli effetti che questi producono sulla dimensione soggettiva del sé e dei rapporti con gli altri. Che ne è oggi di quel fare che non è solo strumento di sussistenza ma anche realizzazione di sé e costruzione della propria identità? Come ripensare il diritto del lavoro per far sì che anche il contenuto del proprio lavoro torni a contare, che riassuma significato anche quel che si fa, come lo si fa, la ragione per cui lo si fa? Sono domande di valore politico, ci dicono Sennett e Supiot. Domande che potrebbero orientare una riscossa dei movimenti dei lavoratori e contribuire alla formulazione di nuove regole per un “lavoro realmente umano”.

RICERCHE

Perché lavoro?

copertina non definitiva

Due risposte di Richard Sennett e Alain Supiot

GLI AUTORI Richard Sennett ha fondato il New York Institute for the Humanities e oggi insegna Urban studies alla London School of Economics e alla Harvard University. Feltrinelli ha pubblicato: La coscienza dell’occhio (1992), L’uomo flessibile (1999), L’uomo artigiano (2008), Insieme. Rituali, piaceri, politiche della collaborazione (2012), Lo straniero (2016) e Costruire e abitare. Etica per la città (2018).

È bene che il lavoro venga considerato in termini di occupazione, di salari e di profitti. Ma non possiamo dimenticarci del valore che riveste per le storie personali e collettive. C’è un valore politico nella capacità di ricomprendere i tanti significati cui rinvia la parola “lavoro” e nella capacità di raccontarsi attraverso il proprio fare mettendo in comune esperienze che accendono la possibilità della solidarietà e la scrittura di nuovi diritti.

Alain Supiot, giurista e professore emerito al Collège de France, insegna all’Università di Nantes ed è membro dell’Institut universitaire de France. Tra le ultime opere Le travail n’est pas une marchandise. Contenu et sens du travail au XXIe siècle (Éditions du Collège de France, 2019) e, sotto la sua direzione, Le travail au XXIe siècle (Éditions de l’Atelier, 2019).

pag 128 euro 12,00 isbn 978-88-6835-393-3 In libreria da: novembre 2020

42


STORIE DELLA BUONA NOTTE PER ELLY SCHLEIN L’eredità incompiuta del campo progressista

Introduzione di Massimiliano Tarantino in dialogo con Salvatore Veca FONDAZIONE

Nel corso della sua lunga storia, la socialdemocrazia ha saputo cogliere le inquietudini di larghi strati della popolazione, ponendosi un obiettivo preciso: non il raggiungimento di formule utopiche, bensì la costruzione di società progressivamente più giuste. Tutto questo ha tenuto finché la fase è stata espansiva. Quando la crisi si è fatta violenta e duratura, la capacità di intercettare consenso e la presa sui rapporti di forza si sono via via allentate. A che punto della storia ci troviamo oggi? Il libro, recuperando dal patrimonio di Fondazione Giangiacomo Feltrinelli le voci di intellettuali, attivisti, sindacalisti che hanno segnato la storia dei diritti del Novecento, mette a fuoco il lascito ma anche l’immediato futuro delle proposte politiche che hanno caratterizzato il campo della sinistra. Il lavoro con Giuseppe Di Vittorio, la scuola democratica con Tristano Codignola, le relazioni educative con Ada Gobetti, il diritto alla salute con Franco Basaglia, un’idea di sviluppo rispettosa dell’occupazione e dell’ambiente con Silvio Leonardi. Rinnovati nella lettura grazie ad attenti interpreti della contemporaneità – tra cui John Foot, Vanessa Roghi, Fabrizio Barca, Luca Michelini –, i testi proposti nel volume offrono un’antologia di storie di impegno e di attivazione che hanno caratterizzato il laboratorio riformista.

RICERCHE

Storie della buona notte per Elly Schlein L’eredità incompiuta del campo progressista

copertina non definitiva

AA.VV.

INTRODUZIONE DI Massimiliano Tarantino è il direttore della Fondazione Giangiacomo Feltrinelli e il responsabile della Comunicazione corporate e delle Relazioni istituzionali del Gruppo Feltrinelli. Da gennaio 2019 è responsabile del progetto Feltrinelli Education, start-up del Gruppo Feltrinelli per le attività formative. Nato a Trieste nel 1975, laureato in Legge, è giornalista professionista e lavora da più di vent’anni nel mondo della comunicazione e delle relazioni istituzionali. Ha ricevuto nel 2013 il premio Cultura + Impresa e nel 2015 il premio Ischia come Comunicatore dell’anno.

A fronte di un’insicurezza che genera nuovi conflitti e mina la credibilità della politica sgretolando quel poco che rimane del vecchio patto sociale su cui si basava il welfare state, quali sono le priorità che un tempo caratterizzavano il campo della sinistra e che è bene appuntarsi per le agende progressiste di domani?

IN DIALOGO CON Salvatore Veca insegna Filosofia politica alla Scuola universitaria superiore Iuss di Pavia. Dal 1999 al 2005 è stato preside della facoltà di Scienze politiche dell’Università di Pavia. È presidente onorario della Fondazione Giangiacomo Feltrinelli. Tra le ultime pubblicazioni, con Feltrinelli: L’idea di incompletezza (2011), Sarabanda (2011), L’immaginazione filosofica e altri saggi (2012), Il senso della possibilità (2018), Qualcosa di sinistra. Idee per una politica progressista (2019).

pag 208 euro 16,00 isbn 978-88-6835-392-6 In libreria da: novembre 2020

43


ANDREW J. NATHAN ET AL. LA CINA DEL MONDO

Verso un ordine internazionale post-liberale e post-occidentale

FONDAZIONE

A trent’anni di distanza dalle iconiche proteste di piazza Tienanmen, la Cina è nuovamente al centro dell’attenzione globale per le marce e le tensioni che stanno interessando Hong Kong e la sistematica repressione con cui sono stati arrestati centinaia di manifestanti. Non solo. Nelle settimane segnate dalla crisi epidemica da Covid-19, la Cina è stata protagonista dei mutati rapporti di forza nello scacchiere geopolitico internazionale. La contesa sul virus ha amplificato la competizione geopolitica in atto fra le maggiori potenze, inasprendo la rivalità tra Cina e Stati Uniti. La posta in gioco riguarda la crescita economica e i modelli di sviluppo, ma anche la democrazia, le libertà individuali, le forme di controllo. Come scrive Andrew Nathan, professore di Scienze politiche alla Columbia University, la Cina rimane per molti l’alternativa al modello di democrazia occidentale ed è un riferimento per chi contesta la fiducia – troppo spesso acritica – nel paradigma liberale. Il successo economico, da un lato, e una forma di governo capace di mitigare i disordini di cui sono preda le democrazie atlantiche, dall’altro, farebbero della Cina un attore capace di affascinare e rivendicare il proprio primato. A partire dallo scritto di Andrew Nathan che analizza il ruolo del modello cinese nella progressiva crisi di fiducia di cui sembrano vittima le democrazie occidentali e con documenti tratti dall’archivio di Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, un libro per riflettere sulle luci e sulle ombre di un gigante lanciato alla conquista del XXI secolo.

RICERCHE

La Cina del mondo Verso un ordine internazionale post-liberale e post-occidentale

copertina non definitiva

Con testi di Andrew J. Nathan et alii

L’AUTORE Andrew J. Nathan è professore di Scienze politiche alla Columbia University. Si occupa di diritti umani, relazioni internazionali e di politica estera cinese. Tra le sue ultime pubblicazioni, Will China Democratize?, scritto con Larry Diamond e Marc F. Plattner (Johns Hopkins University Press, 2013), China’s Search for Security (con Andrew Scobell; Columbia University Press, 2012) e The Tiananmen Papers, curati insieme a Perry Link (Public Affairs, 2001).

La crisi sanitaria e poi economica e sociale dovuta alla pandemia ha dato nuovo impulso a una partita già in corso, che ci accompagnerà anche nei prossimi decenni: la grande partita per la redistribuzione del potere e del prestigio dalla quale dipenderanno anche i contenuti politici, economici e ideologici dell’ordine internazionale del XXI secolo. Un ordine almeno in parte postliberale e, ancora più probabilmente, postoccidentale.

pag 160 euro 14,00 isbn 978-88-6835-394-0 In libreria da: ottobre 2020

44


5 GIROVENDITA 10-11-12 2020


ROMAIN GARY L’ANGOSCIA DEL RE SALOMONE Traduzione di Augusto Donaudy

UE

copertina non definitiva

“È una vergogna. Il mondo diventa ogni giorno più pesante da portare.” Così il vecchio ebreo Salomon Rubinstein, il re dei pantaloni, dà voce alla propria angoscia, la stessa che ogni essere sensibile prova di fronte alle ingiustizie. Da parte sua decide di passare all’azione e di investire la propria fortuna, frutto di un’intera vita di lavoro, nella SOS Benevoli, un’associazione che ha come scopo quello di aiutare i diseredati. Aiutare, del resto, è stato da sempre il verbo più importante del suo vocabolario. L’umanità attende da troppo tempo di essere consolata e ha urgente bisogno del Messia: modestamente, seppure ad interim, Salomon Rubinstein si prova a esserlo, scegliendosi anche un discepolo, il giovane Jeannot, vero “autodidatta dell’angoscia”. Pubblicato nel 1979 con lo pseudonimo di Émile Ajar, per la sconcertante e formidabile ironia, per i toni irresistibilmente paradossali, L’angoscia del re Salomone rappresenta per molti il capolavoro di Romain Gary.

L’AUTORE Romain Gary, pseudonimo di Roman Kacew, nasce a Vilnius nel 1914. Vive alcuni anni a Varsavia e nel 1928 si trasferisce a Nizza con la madre. Dopo studi di Diritto si arruola nell’aviazione francese e nel 1940 raggiunge il generale de Gaulle. Alla fine della guerra pubblica il primo romanzo e inizia la sua carriera di diplomatico. Nel 1956 ottiene il premio Goncourt con Le radici del cielo. Dal 1961 si dedica a tempo pieno alla letteratura e alla realizzazione di film. Poi, con lo pseudonimo di Émile Ajar, conduce una doppia vita artistica pubblicando romanzi di grande successo. Muore suicida a Parigi nel 1980. Diversi suoi libri sono stati adattati al cinema.

La graffiante ironia di Gary nel suo romanzo “capolavoro”.

novità pag 304 euro 9,50 isbn 978-88-07-89430-5 In libreria da: ottobre 2020

3


ZERUYA SHALEV UNA RELAZIONE INTIMA Traduzione di Massimo Bracchitta

UE

copertina non definitiva

Yaara è sempre stata affascinata da Arieh, amico e coetaneo di suo padre. Il suo strano magnetismo animalesco e la sua aggressività interiore la attraggono irresistibilmente. E durante una veglia funebre di una settimana i due, condividendo la stessa casa, hanno l’occasione per vivere appassionati e convulsi incontri d’amore, durante i quali non solo si donano reciproco piacere, ma che sono per Arieh le occasioni per infliggere crudeli violenze alla giovane amante, sempre ingenuamente remissiva. Malgrado tutto, Yaara ne è però attratta in maniera ossessiva: lo cerca, lo bracca, si lascia usare fino ad affossare addirittura carriera e matrimonio. Un romanzo straordinario, in cui sensualità, distacco e ironia danno spessore a una storia avvincente, che passo dopo passo cattura irrimediabilmente il lettore, grazie anche al sapiente uso di una trama dai toni del thriller.

L’AUTRICE Zeruya Shalev, la scrittrice di maggior successo in Israele, è nata nel 1959 nel Kibbutz Kinneret. Attualmente vive a Gerusalemme. È, con Amos Oz e David Grossman, uno degli autori israeliani più letti nel mondo. In italiano: Una storia coniugale (Frassinelli, 2001), Il bambino della mamma (Mondadori, 2004), Dopo l’abbandono (Frassinelli, 2007), Quel che resta della vita (Feltrinelli, 2013; premio Femina Étranger e premio Roma) e Dolore (Feltrinelli, 2016).

Una storia d’amore “maledetta” raccontata come fosse un thriller, con il passo di una narrazione impeccabile.

novità pag 320 euro 10,00 isbn 978-88-07-89431-2 In libreria da: novembre 2020

4


SIMONETTA AGNELLO HORNBY LA MENNULARA

UE

Nuova edizione rivista e accresciuta

L’AUTRICE Simonetta Agnello Hornby vive a Londra dal 1972, dove ha svolto la professione di avvocato dei minori. Dopo il suo esordio con La Mennulara (2002), per Feltrinelli ha pubblicato: La zia marchesa (2004), Boccamurata (2007), Vento scomposto (2009), La monaca (2010), Il veleno dell’oleandro (2013), Caffè amaro (2016), Nessuno può volare (2017). Nel 2016 il presidente della Repubblica le ha conferito l’onorificenza dell’Ordine della Stella d’Italia nel grado di Grande Ufficiale. pag 272 euro 10,00 isbn 978-88-07-89432-9 In libreria da: ottobre 2020

MAURIZIO MAGGIANI L’AMORE

copertina non definitiva

Da quando La Mennulara fu data alle stampe nel 2002, Simonetta Agnello Hornby ha sempre pensato che sarebbe ritornata sul romanzo per un ulteriore lavoro di approfondimento e per aggiungere quelli che da allora ha chiamato “i capitoli perduti”, ovvero pagine andate effettivamente perdute ma popolate di immagini rimaste incise nella sua memoria: quelle pagine inedite sono state finalmente ricostruite e ora rafforzano la macchina della storia, l’atmosfera della narrazione, i profili di alcuni personaggi. In questa nuova edizione, interamente rivista dall’autrice, la Mennulara è più sensuale, crescono gli affondi di atmosfera e gli agganci alla società siciliana dei primi anni sessanta. La spirale di commenti, post mortem, sulla buona o sulla mala condotta della Mennulara – vero motore della narrazione – si avvale di alcune voci in più, a sostegno della complessità psicologica della protagonista e della società in cui agisce.

“Un divertimento maestoso.” Aldo Busi NUOVA EDIZIONE ACCRESCIUTA Il romanzo che ha venduto oltre un milione di copie ritrova i suoi capitoli perduti.

UE

L’AUTORE Di Maurizio Maggiani (1951) tra i libri pubblicati con Feltrinelli: Il coraggio del pettirosso (1995; premi Viareggio Rèpaci e Campiello 1995), La regina disadorna (1998; premi Alassio e Stresa per la Narrativa 1999), È stata una vertigine (2002; premio letterario Scrivere per amore 2003), Il viaggiatore notturno (2005; premi Ernest Hemingway, Parco della Maiella e Strega), Mi sono perso a Genova. Una guida (2007), Meccanica celeste (2010), Il Romanzo della Nazione (2015; premio Elsa Morante 2015; premio Anthia 2016).

pag 204 euro 9,00 isbn 978-88-07-89433-6 In libreria da: ottobre 2020

5

copertina non definitiva

“È notte, ci sono due sposi.” Inizia così, dalla notte, il racconto della giornata di uno sposo, che in ventiquattr’ore ripercorre i suoi amori, tenendo però sempre fermo – come punto di partenza e di arrivo – l’ultimo, quello incontrato in età matura. È alla sua sposa che la sera racconta un “fatterello”, e a lei piace che quel fatterello riguardi uno dei suoi amori passati. Quando si fa mattino, la sposa esce di casa per andare a insegnare e lui, rimasto solo, non smette di ricordare e di chiedersi: “Dove ho imparato a dire ti amo?”. Riemergono dal passato gli altri amori. È attraverso di loro che lo sposo ripercorre il suo lungo “allenamento a dire ti amo ti amo ti amo” in questa giornata che sembra qualunque, e si scopre invece particolare. Un romanzo cantabile come una canzone.

“In questa canzone in forma di romanzo nell’arco di un giorno rivive una vita intera.” Concita De Gregorio, “la Repubblica”


SIBILLA ALERAMO IL PASSAGGIO

UE

A cura di Bruna Conti

L’AUTRICE Sibilla Aleramo (1876-1960) è stata una scrittrice e poetessa italiana. Feltrinelli ha pubblicato: Una donna (1950, 2013), Diario di una donna. Inediti 1945-1960 (1978), Un amore insolito. 1940-1944 (1979), Andando e stando (1997), i romanzi Amo dunque sono (1998) e Il passaggio (1999), il carteggio con Dino Campana, Un viaggio chiamato amore. Lettere 1916-1918 (2000, 2015) e Orsa minore. Note di taccuino e altre ancora (2002). pag 128 euro 8,50 isbn 978-88-07-89434-3 In libreria da: ottobre 2020

EVA CANTARELLA COME UCCIDERE IL PADRE

copertina non definitiva

Dopo il tentativo attuato con Una donna di trasformare le vicende personali in un messaggio di rivolta sociale, Sibilla Aleramo con questo secondo romanzo ritorna sulla propria vita per sviscerare stati d’animo e sentimenti, per confessarsi e testimoniare la centralità della categoria dell’amore. “Il passaggio è una rievocazione lirica nella quale si frantuma l’elemento narrativo, per permettere al documento di diventare canto, prosa poetica, non aliena dal frammentismo vociano che è evidente sia nella scelta autobiografica sia nell’atteggiamento fortemente etico che lo detta sia nello stile che cerca la musicalità della parola e l’indagine struggente dell’intimo. Le vicende non vengono stravolte – anzi continuamente ne viene rivendicata l’autenticità e affermata la verità – ma si dilatano, grazie alla tensione lirica che Sibilla estorce a esse.”

Il secondo romanzo di Sibilla Aleramo, per confessarsi e testimoniare la centralità della categoria dell’amore.

UE

Genitori e figli da Roma a oggi

copertina non definitiva

Dopo lo studio sul mondo greco di Non sei più mio padre, Eva Cantarella ritorna sul tema centrale della famiglia e indaga le regole della vita famigliare nel mondo romano, per verificare l’ipotesi secondo la quale la famiglia infelice nascerebbe solo con la modernità. Dimostra così che a partire dai Sette re di Roma fino al VI secolo d.C. e alla stesura del Corpus iuris civilis di Giustiniano, il potere di vita e di morte dei padri sui figli è assoluto e l’uccisione del padre appartiene con impressionante frequenza alla realtà sociale di ogni famiglia romana, svelando così una storia tanto sconosciuta quanto decisiva per le nostre radici culturali, che ci spinge a riflettere sul carattere atavico e profondamente umano dello scontro fra le generazioni. L’AUTRICE Eva Cantarella ha insegnato Diritto romano e Diritto greco all’Università di Milano ed è global visiting professor alla New York University Law School. Nel 2002 è stata nominata Grande Ufficiale dell’Ordine al merito della Repubblica italiana. I suoi libri sono stati tradotti in molte lingue. Quasi tutte le sue opere sono state pubblicate da Feltrinelli. Le famiglie infelici sono sempre esistite. Un’indagine sullo scontro fra le generazioni nell’antica Roma: le radici conflittuali della nostra cultura famigliare.

pag 144 euro 8,50 isbn 978-88-07-89435-0 In libreria da: ottobre 2020

6


NICOLAS BARREAU LA DONNA DEI MIEI SOGNI

UE

Traduzione di Monica Pesetti

L’AUTORE Nicolas Barreau (Parigi, 1980) ha studiato Lingue e letterature romanze alla Sorbonne. Autore bestseller, i suoi romanzi hanno venduto milioni di copie nel mondo, tradotti in trentaquattro paesi. Feltrinelli ha pubblicato: Gli ingredienti segreti dell’amore (2011), un vero e proprio caso editoriale diventato un film per Zdf e una pièce teatrale, Con te fino alla fine del mondo (2012), Una sera a Parigi (2013), La ricetta del vero amore (2014), Parigi è sempre una buona idea (2015), La tigre azzurra (2016) e Il caffè dei piccoli miracoli (2017).

copertina non definitiva

Un fugace incontro in un caffè di Parigi. Un biglietto non del tutto leggibile con un nome e un numero di telefono. Ventiquattro ore per trovare l’amore. “Un inno alle meravigliose follie dell’amore.” Fresco e delicato, il romanzo d’esordio di Nicolas Barreau porta i lettori in alcuni dei luoghi più affascinanti e romantici della Ville Lumière. Un inno all’amore e alle follie che si fanno in suo nome, un’incantevole favola moderna per chi crede nei colpi di fulmine e nell’imperitura magia di Parigi.

“Nicolas Barreau è il maestro della commedia sentimentale.” “TTL – La Stampa”

pag 144 euro 8,50 isbn 978-88-07-89436-7 In libreria da: ottobre 2020

CLAUDIA PIÑEIRO LE MALEDIZIONI

UE

Traduzione di Pino Cacucci

L’AUTRICE Claudia Piñeiro è nata a Buenos Aires nel 1960. Scrittrice, drammaturga e sceneggiatrice, con Feltrinelli ha pubblicato: Tua (2011), Betibú (2012), La crepa (2013), con il quale si è aggiudicata il premio Sor Juana Inés de la Cruz 2010, Un comunista in mutande (2014), Piccoli colpi di fortuna (2016) e Le vedove del giovedì (2016; premio Clarín 2005, poi adattato al cinema da Marcelo Piñeyro nel 2009). Nel 2019 si è aggiudicata il premio Pepe Carvalho, riconoscimento internazionale destinato agli scrittori di polizieschi, vinto in passato da autori come Camilleri e James Ellroy.

pag 338 euro 10,00 isbn 978-88-07-89437-4 In libreria da: ottobre 2020

7

copertina non definitiva

Román Sabaté è un giovane senza particolari aspirazioni che si ritrova “assunto” da un nuovo partito, Pragma, fondato da uno spregiudicato imprenditore la cui ascesa irresistibile risponde a una totale mancanza di scrupoli: Román sembra far carriera per caso, diventando ben presto il braccio destro del capo indiscusso, finché, passo dopo passo, avverte l’inquietante sospetto di essere solo una marionetta manovrata per un fine inconfessabile. Un giallo che svela la verità della “nuova politica”, basata su un assoluto pragmatismo che nasconde una totale mancanza di scrupoli e un’ambizione senza limiti.

“La voce di Claudia Piñeiro è una voce di seta, ma di seta affilata.” “Qué Leer”


ALESSANDRO VANOLI STRADE PERDUTE

UE

Viaggio sentimentale sulle vie che hanno fatto la storia

copertina non definitiva

“Siamo esseri in movimento. Ogni nostro cambiamento, ogni nostra scoperta, ogni nostra crisi è legata a uno spostamento.” Allora per scoprire chi siamo non resta che metterci in viaggio. Il Nilo, le rotte del Mediterraneo, la Via della seta, la Route 66: le nostre radici sono fatte di strade. Alcune celebri, molte altre ignote. Per conoscerle basta rimettersi in viaggio. In fondo, cosa è sempre stato più naturale: chiudersi in casa o esplorare il mondo? L’AUTORE Alessandro Vanoli, storico e scrittore, ha lavorato come docente in diverse università. Collabora con numerosi festival culturali e si dedica tanto a progetti teatrali quanto ad attività didattiche. Tra i suoi libri: Quando guidavano le stelle (2015), Storie di parole arabe (2016), Storia del Mediterraneo in 20 oggetti (con Amedeo Feniello; 2018) e Inverno (2018).

“Si legge più facilmente di un romanzo.” Armando Torno, “il Sole 24Ore”

pag 208 euro 9,50 isbn 978-88-07-89438-1 In libreria da: ottobre 2020

DANIEL H. PINK WHEN

UE

I segreti della scienza per scegliere il momento giusto Traduzione di Paolo Poli

L’AUTORE Daniel H. Pink, prima assistente del segretario del Lavoro americano Robert Reich, e successivamente, nel biennio 1995-1997, principale speech writer del vicepresidente degli Stati Uniti Al Gore, ha segnato con le sue pubblicazioni dei punti di svolta nel dibattito su ciò che determina la motivazione e l’influenzamento. I suoi libri hanno ricevuto molti premi e sono stati tradotti in tutto il mondo. Ha pubblicato numerosi articoli su “The New York Times”, “Harvard Business Review”, “Fast Company” e “Wired”. Nel 2015 è stato inserito da “Thinkers50” tra i 10 più influenti pensatori al mondo nella sfera del management.

copertina non definitiva

Ci confrontiamo costantemente con decisioni che devono essere “tempestive”. Il loro buon esito dipende più dal quando che dal cosa si fa. Tuttavia, prendiamo tali decisioni in modo azzardato, contando sull’intuito o su congetture. Questo è l’approccio più sbagliato. Daniel H. Pink dimostra al di là di ogni dubbio che il tempismo, più che un’arte, è una scienza.

Il tempo è tutto, il tempismo è una scienza. “La portata del libro è impressionante.” Associated Press

pag 224 euro 9,50 isbn 978-88-07-89439-8 In libreria da: ottobre 2020

8


MIYAMOTO MUSASHI IL LIBRO DEI CINQUE ANELLI Gorin no sho

A cura di Tea Pecunia e Marina Panatero Traduzione di Yoko Dozaki UE UE ORIENTE

copertina non definitiva

Il nome di Miyamoto Musashi è associato a Il Libro dei Cinque anelli, che scrisse negli ultimi anni di vita. Musashi è il più grande maestro di spada del Giappone feudale. Il Gorin no sho è la sintesi di tutta la sua esperienza. Secondo Musashi il guerriero deve affrontare qualsiasi situazione della vita con la stessa impostazione mentale con cui scende in battaglia. Non a caso, quest’opera viene frequentemente accostata a L’arte della guerra di Sun tzu, il testo classico di strategia militare cinese che non poteva di certo mancare fra le letture di un membro colto della casta samurai. Il Libro dei Cinque anelli è noto anche con il titolo de Il Libro dei Cinque elementi, poiché i cinque capitoli che lo formano recano il nome dei cinque elementi costitutivi del mondo: Terra, Acqua, Fuoco, Aria e Vuoto. Ciascuno dei cinque elementi incarna una forma di strategia. Chi li padroneggia alla perfezione è pertanto un samurai invincibile. Infatti, i cinque capitoli, come i cinque elementi del mondo, sono interdipendenti. Ricorre la raccomandazione di agire sempre in accordo con le circostanze. La presente edizione è tradotta dal giapponese ed è corredata da un’appendice contenente il Dokkodo ovvero La Via da seguire da soli, il brevissimo manoscritto terminato pochi giorni prima di morire, in cui Musashi condensava in ventun precetti la propria eredità spirituale.

L’AUTORE Miyamoto Musashi (1584-1645) è stato il più grande uomo di spada della storia dei samurai, imbattuto in trent’anni di attività. Dopo sessanta duelli vittoriosi, si ritirò per dedicarsi alla meditazione e allo studio e diventò maestro di calligrafia, pittura, scultura, forgiatura e della cerimonia del tè. Questo personaggio per alcuni aspetti eccentrico, in cui la biografia si fonde con la leggenda, ricorreva spesso all’astuzia psicologica, per esempio arrivando in ritardo ai duelli per spazientire l’avversario. Fu profondo conoscitore e praticante dello Zen, e considerava l’arte della spada un mezzo per affilare lo spirito.

Importante quanto L’arte della guerra, questo libro è il testo fondamentale della filosofia della spada giapponese.

LE CURATRICI Marina Panatero e Tea Pecunia si occupano di tradizioni orientali, in particolare di buddhismo, Zen, classici della letteratura giapponese sui samurai. Per Feltrinelli hanno curato diversi libri, tra cui Bushido. La Via del guerriero (2013), Kendo. Gli insegnamenti di spada di un maestro zen samurai (2017), Che colore ha il vento? Insegnamenti zen per questi tempi terribili (2018), Bushido per donne guerriere. Risveglia il samurai che c’è in te (2018), Shonin-ki. L’insegnamento segreto dei ninja (2019).

pag 160 euro 8,00 isbn 978-88-07-89440-4 In libreria da: ottobre 2020

9


MARCEL SCHWOB VITE IMMAGINARIE A cura di Luca Salvatore Postfazione di Riccardo Castellanai UE UE CLASSICI

copertina non definitiva

Abbozzate in pochi tratti sapienti, magistrali per concisione, perfezione formale (che Colette trovava perfino irritante) e densità informativa, le Vite immaginarie di Marcel Schwob, pubblicate nel 1896, si leggono come entrando e permanendo in un’allucinazione possente: sono “puro hashish… danno fuoco all’immaginazione,” dirà Albert Samain subito dopo averle lette, un focolaio di reminiscenze e registri espressivi (dall’orrido-grottesco al visionario) maneggiati con prodigiosa disinvoltura e perizia, in cui sfilano indistintamente ladri e assassini, “matrone impudiche” e pirati “illetterati”, uomini eminenti e illustri sconosciuti, ma capaci di ridestare in noi mille voci, “la voce di tutti i morti che portiamo intellettualmente dentro di noi, e di cui noi stessi siamo fatti”. Inseriti d’ufficio nel solco di una tradizione che affonda le sue radici nelle Vite e dottrine dei più celebri filosofi di Diogene Laerzio, in Polibio, Svetonio e nelle Vite parallele di Plutarco, quei destini d’incomprensibile geometria emersi dalle pieghe segrete della Storia non hanno mai smesso di esercitare il loro fascino su intere generazioni di scrittori (Jorge Luis Borges, Pierre Michon, Michel Schneider, Juan Rodolfo Wilcock, Antonio Tabucchi, Roberto Bolaño, Alfonso Reyes…) e di lettori, che sanno “leggere nel bianco delle pagine”, fra le righe.

L’AUTORE Marcel Schwob (1867-1905), figura centrale ed enigmatica della Parigi “fin de siècle”, non fu soltanto lo straordinario interprete di Villon e di Stevenson, il traduttore di Defoe e di Shakespeare. Per tutta la sua vita ha obbedito al pungolo ossessivo del demone dell’erudizione.

Un libro cult. “Tra i massimi scrittori di ogni tempo.” Jorge Luis Borges

IL CURATORE Luca Salvatore ha curato e tradotto, fra gli altri, i Canti di Maldoror di Lautréamont (premio Monselice per la traduzione letteraria 2012) e Gli Amori gialli di Tristan Corbière (premio Babel-BooksinItaly 2016). Per Feltrinelli ha tradotto Lo scannatoio di Émile Zola (2018), i Racconti neri di Guy de Maupassant (2018) e Il Monaco di Lewis e Artaud (2020).

pag 368 euro 12,00 isbn 978-88-07-90375-5 In libreria da: novembre 2020

10


SØREN KIERKEGAARD IN VINO VERITAS A cura di Ingrid Basso UE UE CLASSICI

copertina non definitiva

Primo dei cinque scritti che compongono l’opera polifonica Stadi sul cammino della vita (1845), In vino veritas è una brillante rivisitazione in chiave moderna del Simposio platonico. Cinque commensali si danno segretamente appuntamento per discutere dell’amore: ritroviamo Johannes, già autore del Diario del Seduttore, Victor Eremita, l’editore di Enten-Eller, Constantin Constantius, autore de La ripetizione, un Giovane e un Sarto. Se il Giovane inesperto guarda all’amore e al rapporto tra i sessi nell’ottica di un’idealità che faticosamente si concilia con la concretezza della vita, lo smaliziato Constantin racconta invece la storia di un’esperienza reale declinandola nell’ottica disimpegnata del gioco, dello scherzo, mentre Victor discetta filosoficamente della trasformazione spirituale che causa nell’uomo il rapporto con il femminile. Il tono diviene solo apparentemente frivolo quando il Sarto dimostra la sua conoscenza della natura femminile che si rivelerebbe autenticamente solo nel rapporto con la Moda, e infine Johannes il Seduttore si cimenta in una lode dell’eterno femminino inesauribile in una singola donna. In una cornice struggentemente romantica, ironia e arguzia squarciano costantemente il velo della malinconia per rivelare la profondità dialettica che si cela dietro l’apparente superficie delle scelte amorose.

L’AUTORE Søren Aabye Kierkegaard (Copenaghen, 1813-1855) fu educato a un cristianesimo severo di impronta pietista, e visse la morte precoce di cinque dei fratelli e della madre come una punizione divina abbattutasi sulla famiglia per una misteriosa colpa del padre. Istrionico flâneur di giorno e disperato penitente di notte, concluse a fatica ma brillantemente gli studi di filosofia e teologia nel 1840 e, abbandonata inspiegabilmente la promessa sposa Regine Olsen, decise di non intraprendere né la carriera universitaria né quella pastorale.

Cos’è l’amore? Quali i suoi segreti più riposti? In questo libello, la penna affilata di Kierkegaard rilegge il Simposio di Platone.

LA CURATRICE Ingrid Basso è ricercatrice in Filosofia teoretica presso l’Università Cattolica di Milano. Ha approfondito lo studio del pensiero di Kierkegaard presso l’Università di Copenaghen e la Kierkegaard Library del St. Olaf College, Northfield, Minnesota. Di Kierkegaard ha tradotto e curato l’edizione critica degli Appunti delle Lezioni berlinesi di F.W.J. Schelling sulla “Filosofia della Rivelazione” (Bompiani, 2008) e Il diario del Seduttore (Feltrinelli, 2019).

pag 192 euro 8,00 isbn 978-88-07-90376-2 In libreria da: ottobre 2020

11


VITTORIO ALFIERI LA VITA A cura di Carla E. Forno UE UE CLASSICI

copertina non definitiva

È la primavera del 1790 quando Vittorio Alfieri inizia a scrivere La Vita. Dalla casa di rue de Provence ha seguito la stampa parigina delle proprie tragedie; passando in carrozza fra le macerie della Bastiglia, ha assistito al dilagare della violenza. In questo tempo estremo, in cui i destini sono travolti dagli eventi della storia, si moltiplicano gli scritti autobiografici, dai Memoires, stampati da Goldoni nel 1787 per affermare la vocazione di commediografo, alle Confessions di Rousseau, completate l’anno successivo. Altri, come Casanova, avrebbero pubblicato scritti giocati su memoria e menzogna. Alfieri è al centro di questa temperie culturale, eppure La Vita segna per lui il culmine di un percorso di autoconoscenza, avviato nelle pagine di un diario giovanile e proseguito in generi letterari diversi: una ricerca della propria identità nel metaforico specchio della mente, con la capacità di prendere le distanze dal proprio personaggio, di estraniarsi dalla materia trattata per decantarla, se necessario, nel filtro dell’ironia. La sua autobiografia fu cominciata a poco più di quarant’anni, dopo aver scritto le tragedie e soprattutto dopo aver vissuto l’amara delusione della degenerazione della Rivoluzione francese. La Vita è quindi molti libri in uno: le memorie dell’infanzia e le avventure della maturità, gli amori, la riflessione politica e infine quella poetica, che trasformano quest’opera nell’unico, autentico romanzo del nostro Settecento.

L’AUTORE Nobile piemontese, imbevuto di cultura francese, Vittorio Alfieri (Asti, 1749 – Firenze, 1803), passionale e ribelle, in viaggio per le strade d’Europa con bauli di libri in carrozza, è immagine prismatica di intellettuale al di là del suo tempo, pur essendone protagonista: poeta, uomo di teatro, tragico, comico, satirico. Fra scrittura autobiografica, trattati filosofico-politici, traduzione dei classici.

Un’autobiografia che è più libri in uno. L’unico vero romanzo della letteratura italiana del Settecento, nell’edizione più puntuale presente sul mercato.

LA CURATRICE Carla Forno, astigiana, dal 1986 è direttore del Centro di studi alfieriani, ora Fondazione, e ha all’attivo pubblicazioni e l’insegnamento nelle Università della Valle d’Aosta, del Piemonte orientale, alla Humboldt di Berlino e nelle Università di Potsdam, Kyoto, Minsk, Buenos Aires.

pag 448 euro 10,00 isbn 978-88-07-90377-9 In libreria da: novembre 2020

12


Marsilio

5/2020

Strenne ottobre novembre

www.marsilioeditori.it www.sonzognoeditori.it

5 GIROVENDITA ISBN:05 978-88-073-4040-6 2020


Torna il commissario Giovanni Buonvino, protagonista di Assassinio a Villa Borghese. Due nuovi ingressi ricompongono “i magnifici sette al contrario”, stavolta alle prese con un cold case dai risvolti oscuri

copertina non definitiva

Lucciole

Walter Veltroni Buonvino e il caso del bambino scomparso

È l’estate del 2020. I romani, tra speranze e paure, stanno uscendo dalla lunga quarantena imposta dalla pandemia. Un anno dopo aver brillantemente risolto il terribile caso dei corpi smembrati, il commissario Buonvino sta ancora vivendo il suo momento di gloria, anche se in realtà non vede l’ora di uscire dalla luce dei riflettori. Una ragazza lo avvicina per chiedergli di indagare sul fratello minore, scomparso anni prima e mai ritrovato dopo una gita con la famiglia nel parco di Villa Borghese. Buonvino si appassiona a quel cold case dai risvolti oscuri e decide di aiutarla. Ad affiancarlo nelle indagini c’è sempre la sua scalcinata squadra di poliziotti, integrata da due nuovi ingressi che non mancano di creare scompiglio sia tra gli uomini che nel cuore del commissario. Ma dipanare la matassa di quella vicenda che ha distrutto un’intera famiglia metterà a dura prova le capacità investigative di Buonvino e dei suoi “magnifici sette al contrario”, portando alla luce verità sconcertanti.

Dopo il grande successo di Assassinio a Villa Borghese, 50.000 copie vendute, tornano il commissario Buonvino e la sua scalcinata squadra «È pieno di segreti, misteri e colpi di scena. Ed è l’ironia la pistola carica del giallista Veltroni che scava tra le rovine fumanti della moderna Roma» Mirella Serri, La Stampa

Walter Veltroni è nato a Roma il 3 luglio 1955. È stato direttore

dell’Unità, vicepresidente del Consiglio e ministro per i Beni e le attività culturali, sindaco di Roma, fondatore e primo segretario del Partito democratico. Oltre al primo capitolo delle indagini del commissario Buonvino, Assassinio a Villa Borghese, pubblicato sempre da Marsilio nel 2019, ha scritto vari romanzi tra i quali La scoperta dell’alba (2006), Noi (2009), L’isola e le rose (2012), Ciao (2015), Quando (2017), tutti editi da Rizzoli. Ha realizzato diversi documentari tra i quali Quando c’era Berlinguer (2014), I bambini sanno (2015), Indizi di felicità (2017), Tutto davanti a questi occhi (2018) e la serie sulla storia dei programmi televisivi Gli occhi cambiano (2016). Nel 2019 è uscito il suo primo film, C’è tempo. Collabora con il Corriere della Sera e La Gazzetta dello Sport.

Hanno scritto di Assassinio a Villa Borghese: «Una trama solida e forte, animata da colpi di scena e sovvertimenti di pregiudizi sapientemente assecondati, condita da ironia sapientemente disseminata» Maurizio de Giovanni, Corriere della Sera «Un romanzo giallo che rimette in riga il bene e il male» Michele Serra, la Repubblica

978-88-297-0256-5 e 14,00

978-88-297-0256-5 e 14,00

978-88-297-0862-8 espositore a 8 celle isbn 978-88-297-0799-7 uscita nel mese di novembre

brossura con alette 12 × 18,2 cm pp. 240 euro 14,00

ISBN: 978-88-297-0799-7

ISBN: 978-88-297-0862-8

2

3


Dalla Danimarca, la nuova stella del giallo scandinavo

Traduzione dal danese di Claudia Valeria Letizia e Eva Valvo

Il primo romanzo della serie di Copenaghen. Un elettrizzante poliziesco che dalla Danimarca sta conquistando i lettori di tutto il mondo. Un thriller sul potere della scrittura e della fantasia ad alto tasso di adrenalina

copertina non definitiva

Farfalle

Katrine Engberg Il guardiano dei coccodrilli

Julie Stander, giovane studentessa di letteratura, viene trovata assassinata in una casa nel centro di Copenaghen, sfregiata dalla lama di un coltello che ha inciso sul suo viso un disegno simile a un origami. Jeppe Kørner e Anette Werner – i due investigatori a cui viene affidato il caso, lui in profonda crisi di autostima, lei florida e sempre di buonumore – si concentrano sulla padrona di casa che vive al terzo piano della stessa palazzina. La donna in questione, una professoressa in pensione con il vizio di bere un po’ troppo e la tendenza a organizzare scintillanti cene mondano-artistiche, si rivela infatti essere un’aspirante scrittrice di gialli. E l’omicidio di cui si legge nel suo manoscritto ricalca esattamente le modalità con cui è stata uccisa la sua inquilina. Un collegamento tra finzione e realtà troppo clamoroso per essere ignorato. Sorprendente rivelazione in un genere letterario molto amato, Katrine Engberg rinnova la tradizione del poliziesco scandinavo con la sua voce fresca, la ricchezza emotiva e psicologica dei suoi personaggi, i colpi di scena e la sua profonda sensibilità nel ritrarre i destini umani. Katrine Engberg (1975), ex ballerina e coreografa con un passato in televisione e in teatro, è tra le più belle sorprese del poliziesco nordico degli ultimi tempi. Il suo esordio, Il guardiano dei coccodrilli, a lungo ai vertici delle classifiche di tutta la Scandinavia, verrà pubblicato in 25 paesi. Katrine Engberg vive a Copenaghen con la sua famiglia.

«Che fantastico esordio! Adoro i personaggi, lo stile frizzante e le descrizioni di Copenaghen. Katrine Engberg è una star assoluta!» Camilla Läckberg Un bestseller internazionale venduto in 25 paesi, per settimane stabilmente al primo posto delle classifiche nei paesi nordici

«Era sorprendente come tanti anni di condivisione dell’ufficio e di lavoro in tandem avessero smussato così pochi spigoli. Nonostante questo, Jeppe e Anette finivano quasi sempre in squadra insieme. Lui la considerava un po’ un bulldozer, lei gli dava della femminuccia. Nelle giornate buone si beccavano come una vecchia coppia, in quelle cattive lui aveva solo voglia di buttarla nell’Øresund» «Un esordio sorprendente. I personaggi indimenticabili di Katrine Engberg e la trama vorticosa catturano gli amanti del giallo ad alta tensione» Kathy Reichs «L’omicidio è intrigante, i personaggi taglienti, la città bellissima, in tutte le sue contraddizioni» Publishers Weekly

isbn 978-88-297-0808-6 uscita nel mese di ottobre

brossura con alette 14 × 21,5 cm pp. 416 euro 18,00

ISBN: 978-88-297-0808-6

4

5


Un luogo isolato, la morte di una giovane donna, un esiguo numero di sospetti: Dieci piccoli indiani incontra il meglio del giallo dall’Islanda

Dal creatore della serie del commissario Wallander, la struggente storia di un uomo che percorre il Novecento, coerente con i suoi principi, in lotta per l’anima di una nazione

Traduzione dallo svedese di Alessandra Albertari e Alessandra Scali

Sono passati molti anni dall’ultima volta in cui Ásta ha messo piede a Kálfshamarsvík, il minuscolo villaggio a nord dell’isola, affacciato sul Mare di Groenlandia. Ma è come se il tempo avesse congelato il paesaggio: la casa che guarda il fiordo, le vaste distese deserte, il faro. Al suo arrivo, non c’è nessuno a dare il benvenuto ad Ásta, e quando due giorni prima di Natale il suo cadavere viene trovato ai piedi della scogliera, la gente si chiede cosa sia davvero successo a quella ragazza venuta da fuori: si è gettata nel vuoto, oppure è stata spinta da qualcuno? Ari Thór, incaricato di indagare in quella terra dimenticata e perduta, vuole scoprire la verità, ma per riportarla a galla dovrà tornare indietro di venticinque anni, a quando i corpi senza vita della madre e della sorella di Ásta giacevano nello stesso identico punto al di sotto del faro, ai piedi di quella stessa scogliera.

copertina non definitiva

Traduzione dall’islandese di Silvia Cosimini

Romanzi e racconti

Henning Mankell L’uomo della dinamite copertina non definitiva

Farfalle

Ragnar Jónasson La donna del faro

Alle tre del pomeriggio di un sabato del 1911, Oskar Johansson – brillatore alle prese con la costruzione di una ferrovia – rimane coinvolto in una devastante esplosione. Il giornale locale lo dà per morto, ma si sbaglia. Perché Oskar Johansson è un sopravvissuto dalla nascita. Nonostante le gravi ferite riportate, il giovane operaio torna al lavoro, e torna a vivere. E la sua sarà una vita di forti passioni: un grandissimo amore, tre figli, e un travolgente ardore civile e politico, che lo animerà fino ai suoi ultimi giorni. Morirà nel 1969, dopo aver visto l’inizio di qualcosa che assomiglia vagamente alla rivoluzione che aveva sempre aspettato, e che continua a immaginare dall’isolotto nell’arcipelago dove, ormai in pensione, trascorre l’estate in una vecchia sauna da lui risistemata. L’intenso romanzo di esordio di Henning Mankell è colmo del vigoroso desiderio di giustizia sociale che percorre tutti i suoi polizieschi, che hanno rappresentato un pilastro nella storia del genere. Scritto con uno stile quasi chirurgico, L’uomo della dinamite è il racconto poetico, vivido e penetrante di un vero eroe della classe operaia.

Ragnar Jónasson (1976) vive a Reykjavík. Avvocato e giornali-

sta, insegna diritto d’autore all’Università di Reykjavík ed è anche traduttore. Membro della Crime Writers’ Association britannica e cofondatore di Iceland Noir, festival del giallo nordico, è l’autore della serie Dark Iceland, un successo internazionale, di cui La donna del faro – dopo L’angelo di neve (2017), I giorni del vulcano (2018) e Fuori dal mondo (2019) – è il quarto episodio.

Henning Mankell (1948-2015) ha vissuto tra la Svezia e il Mozambico. Scrittore e regista teatrale, noto per la serie del commissario Wallander, è autore di romanzi, polizieschi e libri per bambini che hanno venduto più di quaranta milioni di copie nel mondo. Con Sabbie mobili ha lasciato anche un libro testamento in cui si confronta con la malattia cui si è dovuto arrendere il 5 ottobre del 2015. La sua opera è pubblicata in Italia da Marsilio.

«Nessuno sa raccontare l’isolamento meglio di Jónasson, un maestro nel ritrarre il rude paesaggio islandese e la sua selvaggia bellezza» The Times «Un’eccellente miscela di giallo nordico e poliziesco dell’età dell’oro, bellissimo» The Guardian «Da leggere assolutamente» New York Post

«Il grande fascino di questo romanzo sta anche nel vigore – e nella raffinatezza – con cui Mankell esprime la sua preoccupazione per la giustizia sociale e il riconoscimento dell’unicità di ogni individuo. Le sue riflessioni rievocano i temi e l’ingegno dei suoi ultimi polizieschi. Un romanzo inquieto, complesso, grandioso» Paul Binding, The Times Literary Supplement

«Altamente raccomandato» Lee Child

La serie Misteri d’Islanda (3 episodi) è disponibile nella collana Universale Economica Feltrinelli

isbn 978-88-297-0701-0 uscita nel mese di novembre

brossura con alette 14 × 21,5 cm pp. 256 euro 17,00

978-88-317-1319-1 e 9,50

978-88-297-0259-6 e 9,50

nel copertinario UE 978-88-297-0852-9 e 9,50

ISBN: 978-88-297-0701-0

6

978-88-317-2820-1 e 18,00

isbn 978-88-297-0807-9 uscita nel mese di novembre 7

brossura con alette 14 × 21,5 cm pp. 256 euro 17,00

978-88-317-2925-3 e 18,00

978-88-317-2562-0 e 18,00

ISBN: 978-88-297-0807-9


Biografia fantastica di Giorgio Manganelli Romana Petri racconta con ironia e crudeltà la vita tutta esatta e tutta mentita di Giorgio Manganelli, uno dei più originali scrittori italiani

Il protagonista di questo romanzo è il padre di Norama Tripe ed è uno scrittore. Non lo è da subito, mica ci si nasce, lo è da quando ruba un trattore a Barcellona, scappa a Siviglia, trova lavoro in un magazzino di granaglie e lì comincia a leggere. E dopo aver tanto letto, scrive. Il padre di Norama Tripe, fuggendo a cavallo del trattore, ha lasciato dietro di sé una moglie, una domestica rimbambita e la piccola Norama Tripe, che anni dopo, quando ha imparato a leggere, vede su un giornale la foto del padre che, dal vivo, non aveva quasi mai visto. E decide di andarlo a cercare, per riprenderselo. Tuttavia il padre di Norama Tripe, che di nome fa Jorge, di paterno non ha niente. Dorme nel magazzino di granaglie nonostante il suo editore gli abbia donato una casa e nonostante abbia una devota amica con la quale ogni tanto va a letto e che probabilmente ama. Il padre di Norama Tripe, che è ormai un grande e venerato scrittore spagnolo, desidera restare il pessimo padre che è sempre stato ma desidera soprattutto che la figlia non metta mai le mani su ciò che ha scritto. La teme, teme che il suo essere pessimo l’abbia resa rancorosa, non verso di lui, ma verso le parole, l’unica cosa di cui gli importa. Anche della signora Dolores gli importa, in un certo senso, perché se la vita non si sceglie, ma ci tocca, alla signora Dolores è toccata la tenacia per aspettarlo per tutta la giovinezza. Con un incedere rapido e comico, tragico e grottesco, Romana Petri dà vita a un romanzo magistrale. Romana Petri è nata a Roma. Scrittrice, traduttrice e critica lette-

raria, ha ottenuto numerosi premi, tra i quali il Premio Mondello, il Rapallo Carige, il Grinzane Cavour e il Bottari Lattes Grinzane; per due volte è stata finalista al Premio Strega. Collabora con tuttolibri, il Venerdì di Repubblica, Corriere della Sera e Il Messaggero. Tra le sue opere ricordiamo: Il gambero blu e altri racconti (Rizzoli 1990), L’Antierotico (Marsilio 1995), I padri degli altri (Marsilio 1999), Ovunque io sia (Beat 2012), Alle Case Venie (Marsilio 1997, Beat 2017), Pranzi di famiglia (Neri Pozza 2019), Figlio del lupo (Mondadori 2020). I suoi libri sono tradotti in Inghilterra, Francia, Stati Uniti, Spagna, Serbia, Olanda, Germania e Portogallo.

isbn 978-88-297-0792-8 uscita nel mese di ottobre

brossura con alette 14 × 21,5 cm pp. 144 euro 15,00

copertina non definitiva

Romanzi e racconti

Romana Petri Cuore di furia

Autrice, traduttrice e critica letteraria, Romana Petri ci sorprende con un romanzo rapido e comico, tragico e grottesco «Una scrittrice intensamente visiva, cromatica, e insieme incline al gioco enigmatico» Giorgio Manganelli Una biografia fantastica, una storia costruita magistralmente, ci ricorda che la vita non si sceglie, ma ci tocca

«Hai voluto il genio?» le chiese scherzando il padre di Norama Tripe. «Bene, ora tienitelo e stai zitta» «Al mondo ci si viene proprio per questo, benedetta figlia, per stare a vedere» «Si sa, esistono persone che per disperazione tornano indietro nel passato e se lo rifanno a gusto loro»

ISBN: 978-88-297-0792-8

8

9


a cura di Luisa Bienati

La più straordinaria e commovente fiaba sul Natale. Un grande successo editoriale che continua anno dopo anno

a cura di Marisa Sestito | con testo a fronte

Racconti

Uno degli scrittori più amati e geniali della letteratura mondiale in un’esaustiva raccolta di racconti per buona parte inediti

Akutagawa Ryu-nosuke (1892-1927), uno degli scrittori giappo-

nesi più significativi del xx secolo, ha scritto centinaia di racconti di vari argomenti, tutti accomunati da una sensibilità letteraria raffinata, dall’intento anti-realista, dal gusto della storia e dalla scelta sapiente di parole e ritmi narrativi.

Luisa Bienati insegna Letteratura giapponese moderna e contemporanea presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia.

isbn 978-88-297-0785-0 uscita nel mese di ottobre

brossura con alette 12 × 18,2 cm pp. 384 euro 18,00

Come tutte le grandi storie, Un canto di Natale ci accompagna da sempre, e sempre sa ritrovare le parole giuste: una fiaba da raccontare ai bambini e da rileggere da grandi, una storia di paura, di morte ma anche di solidarietà umana, di fantasmi grotteschi che si sfumano e si frammentano nel sogno e nell’incubo privato, un grande ritratto di solitudine e di vecchiaia e di una città degradata, e soprattutto un magico regalo di Natale che trasforma il gelo e il buio dell’egoismo e dell’avarizia nel calore di un sorriso e di una festa per tutti. Marisa Sestito, già professore ordinario di Letteratura inglese presso l’Università di Udine, ha pubblicato studi monografici e saggi su Shakespeare, Milton, Dryden, sulla narrativa vittoriana e novecentesca. Ha tradotto testi di drammaturgia contemporanea e romanzi di Elizabeth Gaskell, Anne Brontë e Charles Dickens. Per la Letteratura universale Marsilio ha curato l’Edipo di John Dryden e Nathaniel Lee (2008), La signora Dalloway di Virginia Woolf (2012), vari testi dickensiani – Un canto di Natale (2001, 201917), Una fantasia di Natale (2005, 20183), Readings (2012), la raccolta di racconti del mistero Nero Dickens (2016) – e La Natività dei pastori (2019).

isbn 978-88-317-7837-4 uscita nel mese di novembre cartonato con sovraccoperta e nastro segnalibro 12 x 18,2 cm, pp. 256 euro 15,00

RISTAMPA IN PRENOTA ZIONE

ISBN: 978-88-317-7837-4

La Natività dei pastori

Letteratura universale

Il volume raccoglie la produzione di Akutagawa attraverso la varietà di temi dei suoi racconti: racconti cristiani e racconti storici L’interesse per la religione cristiana, da Akutagawa considerata fonte di ispirazione per le sue opere e per la sua maturazione interiore, accompagnò lo scrittore fino alla sua morte precoce. I racconti storici sono invece ambientati nel periodo Heian (794-1185), in cui le arti raggiunsero un altissimo grado di maturità e originalità. racconti fantastici Tipici del periodo più fecondo di Akutagawa, sono attraversati da una potente vena onirica, da una creatività che si sottrae alle limitazioni del realismo per spaziare nel territorio della libera immaginazione. Si rivisitano leggende, eventi storici, si intessono trame dal sapore surreale in una comune ispirazione fantastica. racconti autobiografici Per la prima volta presentata nella sua completezza in italiano, la serie de Le storie di Yasukichi (Yasukichimono), in cui si fa strada nella sua opera un alter ego: Horikawa Yasukichi. Dai racconti emerge lo strano connubio di spirito metropolitano e sopravvivenze più arcaiche. L’attenta, affascinata relazione con le innovazioni tecnologiche convive qui con il favoloso mondo delle leggende popolari giapponesi che la tecnologia scalza e desacralizza. In Yasukichi è costante lo sforzo di osservare attento, cinico, e non raramente commosso, la realtà di un Giappone segnato dal sisma culturale causato dall’adozione di nuovi modelli di vita occidentali.

Letteratura universale

Charles Dickens Un canto di Natale

copertina non definitiva

Letteratura universale

Akutagawa Ryu-nosuke Sotto il segno del drago

Secunda Pastorum

a cura di Marisa Sestito | con testo a fronte | con una nota di Mariapia Veladiano

Una parodia esilarante, un canto colmo d’amore e tenerezza per il Bambino appena nato

Il carattere ryu- del suo nome proprio significa drago. Da qui il nostro titolo «Ora vivo in un mondo di nervi malati, limpido come il ghiaccio... non so quando avrò il coraggio di uccidermi. So solo che per me la natura non è mai stata così bella. Riderete forse di questa mia incoerenza: amare tanto la bellezza della natura e pensare al suicidio. Ma è proprio qui, davanti ai miei occhi negli ultimi istanti che si riflette questa bellezza» Akutagawa Ryu-nosuke Adottato a Venezia

978-88-317-6160-4 e 13,00

ISBN: 978-88-297-0785-0

10

La notte di Natale, tre pastori si lagnano del freddo, della fatica, del padrone. Ne arriva poi un altro, che mentre tutti dormono ruba una pecora bella grassa e la porta a casa. Quando lui e la moglie sentono arrivare gli altri pastori in cerca della pecora, la fasciano e la mettono nella culla, in una parodia esilarante della Natività. Dopo la sorpresa iniziale, i due vengono smascherati e scoppia una rissa. Arriva però l’annuncio dell’Angelo, e i pastori si avviano verso Betlemme: la questione finisce in un canto d’amore per il Bambino appena nato, povero e infreddolito come loro. Il tutto in un linguaggio vivace e realistico, ma intriso di pietas e umanità. Il testo, che risale alla prima metà del xv secolo, interseca elementi di grande suggestione e modernità. La maestria dell’autore si manifesta nel giustapporvi il ribaltamento comico della nascita sacra con una storia leggera, ironica, che culmina infine nel lirismo: i pastori della campagna inglese, con parole semplici e toccanti, adorano il Bambino e celebrano la Natività. Marisa Sestito, già professore ordinario di Letteratura inglese presso l’Università di Udine, ha pubblicato studi monografici e saggi su Shakespeare, Milton, Dryden, sulla narrativa vittoriana e novecentesca. Ha tradotto testi di drammaturgia contemporanea e romanzi di Elizabeth Gaskell, Anne Brontë e Charles Dickens. Per la Letteratura universale Marsilio ha curato l’Edipo di John Dryden e Nathaniel Lee (2008), La signora Dalloway di Virginia Woolf (2012), vari testi dickensiani – Un canto di Natale (2001, 201917), Una fantasia di Natale (2005, 20183), Readings (2012), la raccolta di racconti del mistero Nero Dickens (2016) – e La Natività dei pastori (2019). 11

isbn 978-88-297-0261-9 uscita nel mese di novembre brossura con alette 12 × 18,2 cm pp. 96 euro 11,00

RISTAMPA IN PRENOTA ZIONE

ISBN: 978-88-297-0261-9


Un viaggio verso il tempo che ci attende Arriva per tutti un momento nella vita un cui si avverte la necessità di allontanarsi da casa per ritrovarsi, dopo tanta strada, cambiati. Antonio Polito ci guida in un appassionante viaggio materiale attraverso il paese, e, in parallelo, spirituale e comunitario, per riaccendere i sensi, riscoprire i significati, ritrovare una direzione, attraverso la più potente delle metafore: mettersi in cammino

Dopo aver raccontato con maestria e leggerezza la realtà del padre (Riprendiamoci i nostri figli) e dell’uomo maturo in fase di bilanci (Prove tecniche di resurrezione), Polito ci invita a una nuova ripartenza. Se il cammino è da sempre sinonimo di ricerca del senso dell’esistenza, per affrontare la fase che stiamo vivendo a livello personale e collettivo appare oggi ancor più urgente tornare a uscire da sé per guardare la propria vita con altri occhi, capire quanto è rimasto delle radici e quanto invece è andato perduto. Tra incontri inaspettati, incidenti e scoperte, stupore nel contemplare da un altro punto di vista ciò che si pensava di conoscere, l’autore sceglie di condividere con i lettori un’esperienza a più dimensioni. Si parte da un percorso sulle tracce di san Benedetto, in terra umbra, in un rinnovato legame tra la dimensione rurale che credevamo perduta e quella urbana, stravolta dal lockdown. Incontra poi il rapporto con l’altro sesso, si spinge alle soglie della spiritualità, per recuperare quel bagaglio di valori che ci accomuna come europei e affonda le radici proprio in Italia, nell’esperienza delle comunità monastiche e religiose; si confronta con la maturità politica, il passaggio dalla rivoluzione al riformismo e alla gradualità del cambiamento; una nuova visione delle regole che disciplinano la comunità e delle responsabilità verso chi ci vive accanto; il delicato equilibrio tra libertà personale e benessere collettivo; la fratellanza come riscoperta dell’altro quale fonte di ricchezza e non potenziale nemico. Antonio Polito (1956) è vicedirettore del «Corriere della Sera». È autore di due libri-intervista (con Eric Hobsbawm e con Ralf Dahrendorf ), di Contro i papà (2012), In fondo a destra (2013) e Il muro che cadde due volte (2019). Con Marsilio ha pubblicato Riprendiamoci i nostri figli (2017, premio Cesare Pavese 2018, 2019 edizione tascabile UE) e Prove tecniche di resurrezione (2019, 2020 edizione tascabile UE).

isbn 978-88-297-0800-0 uscita nel mese di ottobre

brossura con alette 14,5 × 21 cm pp. 176 euro 17,00

copertina non definitiva

Nodi

Antonio Polito In cammino

Dall’autore di Riprendiamoci i nostri figli e di Prove tecniche di resurrezione, 50.000 copie vendute, un viaggio in Italia per ritrovare se stessi e ciò che rende la vita degna di essere vissuta «Polito si dimostra assai convincente quando intreccia la riflessione sulla condizione umana con l’analisi dei tempi tormentati che viviamo» Stefano Folli, la Repubblica Un cammino laico per dare un senso alle mete raggiunte, ripensare le regole, riscoprire gli altri

Hanno scritto di Prove tecniche di resurrezione: «Un saggio brillante e profondo sulla condizione sociale e psicologica di chi è entrato nel “quarto quarto” della vita» la Repubblica «La ricetta di lunga e buona vita che propone Polito si applica a tutte le attività quotidiane, al rapporto di coppia e a quello con il prossimo» Massimo Gramellini, Corriere della Sera

978-88-317-4306-8 e 9,00

978-88-297-0287-9 e 8,50

ISBN: 978-88-297-0800-0

12

13


A duecento anni dalla morte, Alessandra Necci compone un sorprendente ritratto di Napoleone Bonaparte, una biografia sui generis attraverso le vite delle donne a lui più vicine. Tra storia e leggenda, l’imperatore rivive non nelle gesta e nella gloria, bensì negli affetti, nelle passioni più dirompenti e negli addii più dolorosi

copertina non definitiva

Specchi

Alessandra Necci Le donne di Napoleone

Dopo Isabella e Lucrezia e Caterina de’ Medici, un nuovo appassionante tassello della storia d’Europa e della riflessione sul potere dal punto di vista femminile

I libri di Alessandra Necci hanno venduto complessivamente 50.000 copie

Grande stratega militare, sottile politico, finissimo genio poliedrico, Napoleone conosce un destino contrassegnato prima dalla fedeltà e dall’adulazione familiare e generale, poi dagli abbandoni e dai tradimenti di coloro a cui più aveva dato, in termini di ricchezza, potere, titoli, favori. Differenti e controverse, le relazioni del Corso con l’altro sesso sono più importanti di quello che si crede. Alcune molto note, come quella con la moglie Giuseppina, indolente e sensuale, che fu il suo «portafortuna», e sarebbe rimasta sempre l’Imperatrice, nonostante lui poi avesse divorziato per sposare Maria Luisa d’Austria. O come Paolina Borghese, sorella capricciosa, con una vita travagliata da amori fugaci, che pure sarebbe rimasta fedele al fratello. L’ascendente di altre figure femminili dei Bonaparte è meno conosciuto, ma rilevante: Elisa, calcolatrice e predisposta al comando, convinse Napoleone a nominarla principessa ereditaria di Piombino e ad affidarle Firenze; l’ambiziosa Carolina, protagonista di una feroce «caccia al trono», giunse a vendersi ai nemici del fratello. E ancora Maria Luisa, che aveva sposato per avere un figlio e fondare una dinastia pienamente legittimata di fronte a tutta Europa, ma che lo avrebbe rinnegato nel momento della caduta. Alessandra Necci è nata a Roma. Professore universitario alla

luiss e avvocato, dopo la laurea in Giurisprudenza alla Sapienza di Roma, si è specializzata alla facoltà di Sciences Politiques a Parigi. Con Marsilio ha pubblicato Il prigioniero degli Asburgo (2011, 2020 edizione tascabile UE), Re Sole e lo Scoiattolo (2013, 2020 edizione tascabile UE, Premio Fiuggi 2013), Il Diavolo zoppo e il suo Compare (2015, finalista Premio Acqui Storia), Isabella e Lucrezia, le due cognate (2017, Premio Boccaccio 2018, 2019 edizione tascabile UE) e Caterina de’ Medici (2019 Premio Minerva, Premio Biagio Agnes). Ha ricevuto l’onorificenza di Chevalier des Artes et des Lettres dalla Francia e di Cavaliere emerito della Repubblica dall’Italia. 978-88-297-0375-3 e 11,00

isbn 978-88-297-0802-4 uscita nel mese di novembre

brossura con alette 14 × 21,5 cm pp. 304 euro 18,00

La figura personale e politica di Napoleone esce completamente ridisegnata dalla ricerca di Necci, che getta nuova luce sul ruolo determinate giocato dalle donne ai più alti livelli

Giuseppina il folle amore ripudiato e rimpianto

Carolina la sorella ingrata che lo tradì

Paolina la Venere dell’Impero sempre fedelissima

«Alessandra Necci è una scrittrice più di taglio europeo che italiano» Corriere della Sera «Si dice che non si possono scrivere biografie di personaggi che non ti piacciono. Io dico che non si possono scrivere personaggi in cui non ti identifichi. Sono un pezzo di tutti i personaggi di cui ho scritto» Alessandra Necci

978-88-297-0604-4 e 12,00

978-88-297-0715-7 e 14,00

978-88-317-8097-1 e 13,00

Elisa l’ambiziosa sorella che gli «strappò» l’Italia

978-88-297-0825-3 e 12,00

Maria Luisa la seconda moglie che gli diede il colpo di grazia

Maria Walewska l’amante che lo seguì all’Elba

ISBN: 978-88-297-0802-4

14

15


Se è vero che si vede più lontano venendo da lontano, quali lezioni d’avvenire può consegnarci, dopo il trauma della pandemia, chi ha già vissuto crisi epocali e la fine di un’era? Una mappa del mondo nuovo per leggere e comprendere il tempo fluido che stiamo vivendo, con intuizioni di sorprendente freschezza sulle responsabilità di ciascuno, il governo del mondo, le sfide di domani

Dai paninari al risotto allo champagne, dai tortellini con la panna alla cucina molecolare, gli anni Ottanta in ottanta racconti in forma di ricette. Un viaggio nella memoria culinaria e politica del paese, tra edonismo e sperimentazione, per rivivere un decennio memorabile e decisivo di eccessi e perversioni difficilmente dimenticabili

Tesi e malintesi sul mondo che sarà

In che direzione si sta orientando il mondo post-coronavirus? È realistico pensare a una nuova comunità? O è più probabile il prevalere di posizioni sovraniste? Come interpretare il trionfo del «modello cinese»? E come porre rimedio alle tante ferite inflitte all’Occidente dalla crisi della democrazia liberale i cui effetti sono stati drammaticamente accelerati dalla pandemia? Se è vero che i germi dell’avvenire provengono dal passato, da interprete e acuto osservatore della politica a cavallo tra due secoli, Achille Occhetto si pone come interlocutore per riflettere con uno sguardo ampio su ragioni e opportunità di una stagione decisiva. Tra tesi spiazzanti e segnali positivi da cogliere, l’autore fornisce un prontuario per affrontare i tanti capitoli aperti: il riemergere del populismo, il falso europeismo e l’ipocrisia sui valori, l’oscillazione convulsa tra liberalismo esasperato e derive autoritarie, il recupero delle libertà fondamentali e il sogno mai realizzato di una democrazia inclusiva, la fine dell’ossessione per il leader e la dittatura della maggioranza, la tecnopolitica, il ruolo della competenze e dell’istruzione, il pieno riconoscimento delle donne e la parità realizzata, una visione realista e onesta delle risorse del pianeta e della loro gestione, per gettare le basi di un modello diverso di sviluppo. Un’illuminante analisi per rispondere a una sfida paragonabile e parallela a quella di ridisegnare le nostre vite e i nostri percorsi comunitari dopo la devastante esperienza della pandemia.

Cartabianca

Carlo Spinelli Ottantafame

«Il virus ha sollevato il velo sui grandi drammi planetari che per molto tempo ci siamo ostinati a nascondere. A partire dalla prima grande riflessione nei pensieri nascosti di molte coscienze: la scelta tra dittatura e democrazia» «Rifiuto l’aspirazione di tornare a una “normalità” che considero la vera “anormalità”. Invito al coraggio di “andare oltre”, pensare “oltre”. Anche come medicina dell’anima»

Gli anni Ottanta sono il decennio in cui il cibo, in Italia, diventa food. Appena uscito dagli anni di piombo e dalla crisi economica, il paese desidera lasciarsi alle spalle divisioni e austerità, per aprirsi al mondo e allo stesso tempo dedicarsi al piacere privato del cibo. E in una cultura gastronomica varia ma tradizionalista come la nostra questo vuol dire in primo luogo rompere tabù, «contaminare»: ecco che i classici tortellini in brodo vengono annegati in panna, prosciutto e piselli, il salmone affumicato, il risotto allo champagne e i vol-au-vent prendono posto nelle case degli italiani che fanno sfoggio di un nuovo benessere, mentre i giovani milanesi scoprono l’America in un fast food di piazza San Babila e Gualtiero Marchesi rivoluziona l’alta cucina internazionale. In questo percorso a tappe tra piatti iconici e ingredienti inusuali Carlo Spinelli (che in quel decennio era solo un bambino attratto irresistibilmente dal gelato gusto puffo) approfondisce e divaga con leggerezza su un periodo fondante della nostra identità e dei nostri desideri, raccontando splendori e miserie della Prima repubblica, gli albori dei programmi di cucina nelle televisioni commerciali, i mondiali di calcio del 1982 e la Milano da bere divisa tra paninari e yuppies. Confermando ancora una volta che, qualunque sia l’epoca, siamo quello che mangiamo, ma soprattutto mangiamo come le persone che vorremmo essere. Carlo Spinelli viaggia, mangia e scrive in ordine sparso per «ItaliaSquisita», «Rolling Stone», «La Cucina Italiana» e «Wired». Sui social è conosciuto come Doctor Gourmeta. Ha studiato lettere e storia dell’alimentazione. Conduce il tv show IlMangiaDischi, dove fa incontrare intorno ai fornelli grandi musicisti e chef stellati. Ha pubblicato Bistecche di formica e altre storie gastronomiche (2015).

Achille Occhetto (Torino, 1936) è stato l’ultimo segretario del

copertina non definitiva

Ricettario sentimentale da un decennio interminabile copertina non definitiva

Nodi

Achille Occhetto Una forma di futuro

«Se oggi ci sono MasterChef in tv, Battle Chef Brigade nella consolle dei videogiochi o le pubblicità dell’Esselunga con giochi di parole e voli pindarici, forse è anche merito degli anni Ottanta»

Partito comunista italiano e il primo del Partito democratico della Sinistra. Tra i suoi ultimi libri Pensieri di un ottuagenario. Alla ricerca della libertà nell’uomo (2016) e La lunga eclissi. Passato e presente della sinistra (2018).

isbn 978-88-297-0827-7 uscita nel mese di ottobre

brossura con alette 14,5 × 21 cm pp. 176 euro 17,00

ISBN: 978-88-297-0827-7

16

isbn 978-88-297-0806-2 uscita nel mese di ottobre 17

brossura con alette 12,2 × 20,5 cm pp. 224 euro 18,00

ISBN: 978-88-297-0806-2


Una storia erotica dell’arte italiana

Un mondo di bellezza virale

traduzione di Angela Ricci / illustrazioni di Falk Nordmann

Luca Scarlini, saggista, drammaturgo, insegna all’Università Ca’

Foscari e in altre istituzioni italiane e straniere. Tra i suoi libri Un paese in ginocchio (2011), La sindrome di Michael Jackson. Bambini, prodigi, traumi (2012), Alfabeto Poli (a cura di, 2013), Ermafroditi. Chimere e prodigi del corpo tra storia, cultura e mito (2015), Ziggy Stardust. La vera natura dei sogni (2015), Teatri d’amore (2018), Il Caravaggio rubato. Mito e cronaca di un furto e L’ultima regina di Firenze. I Medici: atto finale (entrambi del 2018), L’uccello del paradiso. Mario Mieli e la lingua perduta del desiderio (2020). Collabora con Radio 3 e scrive regolarmente su «Alias» e sul «Corriere della Sera» di Firenze.

Dalla peste agli antibiotici, un’appassionante esplorazione nell’universo dell’infinitamente piccolo, tra storia culturale e microbiologia. Il misterioso mondo dei primi abitanti della Terra non smette di attrarre per la strabiliante combinazione tra il fascino dell’invisibile e la paura di ciò che sfugge alla nostra immediata comprensione

copertina non definitiva

Una messa in scena eretica (ed erotica) del Cinquecento italiano, tra imprese, amplessi, amanti e genio artistico dei suoi protagonisti più o meno noti, dai sonetti licenziosi di Aretino ai tormenti di Tasso, dalla poesia cortigiana di Gaspara Stampa alla commedia alchemica di Giordano Bruno

In una scorribanda colta e senza freddezza accademica nel Rinascimento italiano, Luca Scarlini ridà giustizia (e gusto) a un secolo che ha avuto come fulcro il trionfo del corpo. Lo fa mettendo in scena una galleria di personaggi bizzarri e curiosi, cortigiani ed ermafroditi, moralisti e libertini, timorati di Dio e di Eros, capaci nelle loro opere di mescolare registri aulici e triviali. Il Cinquecento italiano è infatti allo stesso tempo il secolo di Pietro Aretino e di san Carlo Borromeo: la sua vicenda letteraria e artistica, divisa tra i due poli ideali di Firenze, con lo splendore neopagano dei Medici, e Roma, segnata dalla maestosa decadenza della corte papale, è stata rimossa con la massima determinazione dall’afflato censorio della Controriforma. Passando da Siena, Venezia, Ferrara, con incursioni a Palermo, Napoli, Londra e Lione, il libro disegna il ritratto inedito di un secolo cruciale della storia italiana, dal quale nascerà la prima figura di intellettuale pubblico moderno, il libertino, capace, grazie alla sottile arte della metafora e dell’allusione, di discutere di ogni possibile tema, ovvero di sesso, politica e religione.

Storie naturali

Ludger Wess Atlante dei batteri copertina non definitiva

Biblioteca

Luca Scarlini Rinascimento Babilonia

Sono più dei corpi celesti nella nostra galassia. Ricoprono ogni superficie del pianeta. Possono tornare in vita dopo milioni di anni di quiescenza e sopravvivere alle condizioni più estreme: nello spazio, in cima all’Himalaya, nel deserto del Sahara, sul nocciolo di un reattore nucleare, nel cuore dei vulcani. I batteri scompongono gli inquinanti, decompongono i materiali organici, convertono i nitrati in azoto, l’azoto in ammoniaca. Senza di loro non esisterebbero yogurt, birra e formaggi. E, tra le altre cose, hanno lo straordinario e terribile potere di rendere possibile la vita sulla Terra e allo stesso tempo di provocare malattie devastanti come peste, colera, tetano e tifo. Coadiuvato dalle illustrazioni di Falk Nordmann, il biologo Ludger Wess racconta la storia del nostro rapporto con i batteri, spaziando dalla botanica alla biologia, dall’economia alla storia culturale delle malattie infettive, e offrendo al lettore cinquanta ritratti affascinanti e approfonditi di questi minuscoli padroni del mondo. Ludger Wess, dopo gli studi in chimica e biologia, ha lavorato come ricercatore nel campo dello sviluppo molecolare. Divulgatore scientifico dagli anni Ottanta, è autore di saggi e romanzi.

«Una vera e propria cornucopia di racconti di sfrenamenti dei sensi, che le storie ufficiali e canoniche della nostra cultura assai volentieri mettono tra parentesi, ritenendoli eccessi, bizzarrie, male azioni»

Marsilio

978-88-317-8829-8 e 15,00

«Animali e piante vanno e vengono. I batteri rimangono»

978-88-317-8801-4 e 15,00

978-88-317-8800-7 e 15,00

978-88-297-0281-7 e 15,00

storie naturali La natura ha una storia da raccontare

isbn 978-88-297-0804-8 uscita nel mese di ottobre

cartonato con sovraccoperta 12 × 20 cm pp. 160 euro 16,00

ISBN: 978-88-297-0804-8

18

isbn 978-88-297-0805-5 uscita nel mese di ottobre 19

cartonato 12,5 × 18,5 cm pp. 280 euro 25,00

ISBN: 978-88-297-0805-5


Un catalogo di meraviglie scultoree per la prima volta studiate compiutamente

Sei secoli di scultura a Venezia

a cura di Toto Bergamo Rossi, fotografie di Matteo De Fina

A 1600 anni dalla fondazione di Venezia, uno splendido volume illustrato ripercorre la storia dei dogi

Il prossimo anniversario, nel 2021, dei 1600 anni dalla fondazione della città – tradizionalmente collocata al 25 marzo 421 – ci offre, con questo originale volume, un nuovo spunto di riflessione e conoscenza della storia e dell’arte veneziane. Una teoria di centoventi dogi – guerrieri, politici, letterati, perfino un santo, Pietro Orseolo – abbraccia la storia millenaria della Repubblica di Venezia, evocando la grandezza di uno stato che, nel periodo della sua massima espansione, andava da Bergamo e Brescia fino all’isola di Cipro. Dalla nomina del primo dux, che si perde nelle nebbie del tempo e della leggenda, alla data fatale del 12 maggio 1797 – quando l’ultimo doge, Ludovico Manin, abdicava in favore dei francesi –, lo studio dei monumenti funebri dei dogi della Serenissima ci consente un excursus tra i maggiori nomi della scultura di tutti i tempi, che si sono occupati di questa particolarissima forma artistica, in un vero compendio di meraviglie plastiche: dai Lombardo ad Antonio Rizzo, da Sansovino a Vittoria, da Longhena a Tirali. Commissionati direttamente dal doge o dalla sua famiglia, questi magnifici monumenti non solo riflettono le preoccupazioni personali del doge per l’aldilà, ma diventano strumenti squisitamente politici particolarmente adatti all’analisi delle dinamiche della città, soprattutto in un contesto, come quello della Repubblica di Venezia, in cui il doge era soltanto un primus inter pares e in cui nessuna forma di autoesaltazione pubblica di singoli individui era tollerata. Le tombe offrivano pertanto una rara opportunità di autorappresentazione, con investimenti che potevano perfino superare quelli profusi nella costruzione delle tombe papali a Roma.

Un’esclusiva campagna fotografica ci regala inediti dettagli, che sono una gioia per gli occhi

copertina non definitiva

Grandi Libri Illustrati

I monumenti dei dogi

Il volume è destinato a diventare un ideale punto di partenza per innumerevoli itinerari nei luoghi veneziani più insoliti e segreti Una sorta di catalogo riccamente illustrato di una mostra permanente che non solo traccia i confini storici e artistici di un corpus di opere ancora in parte inesplorato, ma ne promuove una fruizione più consapevole e attenta il doge di venezia Marino Zorzi

Toto Bergamo Rossi, da sempre impegnato nel restauro e nella

promozione del patrimonio artistico veneziano, dirige la fondazione Venetian Heritage. Ha ideato numerose esposizioni e volumi dedicati all’arte veneta tra i quali L’arte di vivere a Venezia (2018).

‡ basilica dei santi giovanni e paolo

› corner 1365marco 1368·

il doge primo magistrato della repubblica

marco M corner

olti oneri e ben pochi vantaggi pratici comportava la carica di Doge, almeno nella forma che essa assunse nel Quattrocento e conservò fino alla fine della Repubblica. La giornata del Doge era piena di impegni, faticosa, anche nei giorni festivi: come scrive il Sanudo, “da mattina in Collegio, da poi disnar o Conseio di X, o Conseio di Pregadi, o audientia publica; di feste Gran Conseio (il Maggior Consiglio si riuniva ogni domenica), sì che all’anno rari sono li zorni di riposo”.Doveva quindi essere presente all’attività di tutti i maggiori organi costituzionali; doveva svolgere vari compiti assegnatigli dalle leggi, cui accenneremo; doveva essere al centro di numerose feste religiose e civili. E poteva capitargli di essere svegliato in piena notte dall’arrivo di consiglieri e savi con messaggi urgenti, come accadde più volte a Leonardo Loredan e ad Andrea Gritti.Un lavoro davvero “full time”1. Dal lato economico, la carica era costosissima. Il doge, appena eletto, doveva percorrere la piazza sul “pozzetto” gettando denaro al popolo, pagando di tasca sua, e poi offrire grandiosi banchetti in varie occasioni, a sue spese. Riceveva un’indennità di carica, ma del tutto insufficiente, e su quella doveva anche pagare le tasse. Ogni anno doveva mandare a tutti i nobili, a carnevale, “cinque oselle per uno in segno d’amor”, ricevendo all’epoca del Sanudo un contributo statale ad hoc di 300 ducati, benché “el spenda assai più del suo”. Le oselle sostituivano l’antico uso di offrire a tutti i nobili un dono di cacciagione. Doveva anche offrire a tutti, scrive il Sanudo, “uno pezzo di carne di porco per uno, chiamato zozolo, di alcuni porchi li vien donati dal Friul per questo”, ma l’obbligo cadde poi in disuso. La sua attività costituzionale era circondata di una serie di disposizioni e di limiti e si svolgeva secondo rigide regole. Non poteva concedere udienze se non in presenza dei consiglieri; se qualcuno gli parlava

Matteo De Fina ha iniziato a lavorare nel 1990 presso la storica ditta di Osvaldo Bohm e opera come libero professionista dal 2001. Collabora da oltre vent’anni con le maggiori istituzioni culturali veneziane.

IL DOGE DI VENEZIA

pagine_tipo_tombe_dogi_4.indd 8-9

|

icoprì incarichi diplomatici e fece parte di importanti legazioni fuori confine, ma al tempo della congiura di Marino Falier la sua presenza è attestata a Venezia: dapprima gli fu affidata la difesa della città e poi in qualità di vicedoge resse le sorti della patria nei giorni fra l’esecuzione del Falier e l’elezione del Gradenigo. Fu uno degli ambasciatori inviati al cospetto di Carlo IV per chiedere il riconoscimento del possesso di Treviso in seguito alla pace stipulata con gli ungheresi; pagine_tipo_tombe_dogi_4.indd 28-29 richiamati a Venezia furono imprigionati per circa un anno dal duca d’Austria, risentito con i veneziani per la distruzione di un suo castello. La sua elezione non fu scontata in quanto gli furono rimproverati l’età avanzata, l’origine non nobile della moglie e l’amicizia con principi stranieri, possibile causa di pericolose manie di grandezza; essendo egli stesso tra i quarantuno elettori, si autodifese presentando con convinzione le proprie ragioni. Il suo breve dogado si svolse nel segno del commercio e della tranquillità; unica eccezione fu la violenta repressione della rivolta cretese. Iniziò la facciata gotica di Palazzo Ducale verso il bacino e fece decorare la sala del Maggior Consiglio. Il monumento funebre al doge Marco Corner si trova nella cappella maggiore della basilica dei Santi Giovanni e Paolo alla sinistra dell’altare e nel 1815 fu leggermente spostato dalla sua posizione originaria per lasciare spazio all’istallazione del imponente monumento Vendramin.

9

08/06/20 12:08

º scultura

nino pisano e scultori veneziani

1365 › 1368

Monumento a MARCO CORNER

isbn 978-88-297-0491-0 uscita nel mese di novembre

cartonato 24 × 31 cm pp. 352 con ca. 300 ill. a col. euro 70,00

|

29

pietro mocenigo

1476·

08/06/20 12:11

1368·

1365 › 1368

pagine_tipo_tombe_dogi_4.indd 26-27

basilica dei santi giovanni e paolo

1474›

08/06/20 12:11

50

|

LE TOMBE DEI DOGI

ISBN: 978-88-297-0491-0 pagine_tipo_tombe_dogi_4.indd 50-51

a quiatet ut ex esenis escilit, ipsuntiateni venihilit, es maiostis inctum exeris º scultura peri quam, con et ad ut alique laceaqu iatiur, cullibus, inverro ruptia intis pietro lombardo elecerro totas dentia cus. Aquidunt. Ur, qui acereptaquae nis eos animagn ihilit qui totatur? Mendam, occum, sandit landaernam restia perferibus endiciis aliquae. Poritaquunt, sime antes et ipiendi tiuntur, sedit exces pro con cone et qui aperspe discill andae. Ut et unt. Esto bea voluptatem eoste anderio. Qui sim quatem intius et utae eat. Cus, omnihilles consequid ut porrum am, corene erum harum, aut hiciusc itatiam, venet min nust, sit, te aborem doluptae explique volor se duciis nis ilis asperem cor magnate sendelit utam fugit volest adi to vendunt late volo odictus, nimil inum velitas adist, sum seque con corum escitat ius eossit odit, senimus quamusdam, ipiet optaerovides estio mo enimus reptae. Et assum et eiunt eum et qui comnimint estis quamusam, que quis moluptaquiam ero maio te illoren ihillorro idicae est doloriatur aut quas et ut fuga. Itatemp oriberessus, ut et aut volo dia num fugiti a viduciunt, nonsequatur aut acimint, sin culpa doluptatibus ipsapis debis senisci uriorum reic temporum qui ini ommolorum si coribusdam qui ipsus nos volorei untescipsam qui omnimpos quae erio berio tem. Nam, net, omniae quia destem quiaeperchil in nonsequibus invendunt La tomba un’importante novità nella strutadia ped millatur? Editiae vendi unt di comnis veria alit ium nihiliqrappresenta uatius, saeprate tura compositiva monumenti funebri veneziani. La ditaquas mos in nessitatem eatent quatur, similistia im in pore, utempore, autdeipostrup parte in un sacello in pietra d’Istria idelic tenduci conestore enihitem qui utestibusam endebiscit laminferiore et quaestconsiste autatur aut sorretto da cusciendebis due ricche mensole sulle quali sopra teste dolendi pienis maio qui cus natet unt quas dolupta tiberibus endit, as leonine sono scolpiti gli stemmi Corner partiti d’oro e andebis et aspelic te simos aut maio officia erferiandes nosamen ditationet videbist, d’azzurro. sunt eos atque liqui blabo. Natis rerrum quae sin cullestesed mo beat.L’arca non riprende i motivi figurativi utilizzati dallevelent precedenti sepolture dogali; il fronte è deOmnis dis res et re conse qui ommo quossinvero dolest, sequaestis plaborum un fregio nemo di foglie e da formelle quadrate voluptis alitatiscia que sum hillorrum ipidus autet eariaecorato nonet con aut invendae dorati, delis su cuidemricade un drappo, il quale era bero cor sinciat ommod eum eos pliquae expercidunt aditcon ad fiori quossimus a imitazione dei preziosi tessuti trecenteschi. que parum invelestios velique illati disquis nim lacepudaedipinto aliqui nihille ndenesendae Il doge è raffigurato disteso su un piano inclinato per poter essere ammirato dal basso e viene rappresentato 1474 › 1476 Monumento a PIETRO MOCENIGO | 51 qui per la prima volta con la spada. L’utilizzo della pietra d’Istria per la parte inferiore del monumento e per l’architettura policroma che ospita entro cinque nicchie le sculture della parte superiore dello stesso, denuncia la loro esecuzione veneziana. Le statue invece sono in 08/06/20 marmo di Carrara ed eseguite da Nino Pisano e dalla sua bottega a Pisa entro il 1368, anno della morte sia dello scultore che del doge, e successivamente inviate a Venezia. Pochi anni prima furono spedite a Padova alcune sculture di Giovanni Pisano per la cappella degli Scrovegni. La prima moglie del doge era Giovanna Scrovegni, figlia di Enrico, committente della celebre cappella patavina affrescata da Giotto. Le statue rappresentano la Vergine con il bambino, sulla cui base vi è incisa la firma 30

|

LE TOMBE DEI DOGI

pagine_tipo_tombe_dogi_4.indd 30-31

20

21

52

|

LE TOMBE DEI DOGI

BASILICA DEI SANTI GIOVANNI E PAOLO

pagine_tipo_tombe_dogi_4.indd 52-53

12:09

dello scultore, tra San Pietro e San Polo e due angeli. Fa da sfondo al monumento una decorazione dipinta, per la maggior parte non originale, a imitazione dei tessuti preziosi che erano utilizzati come paramenti durante le cerimonie liturgiche più importanti. Presso la cappella Corner nella chiesa dei Tolentini si trova un busto raffigurante il doge Marco, eseguito all’inizio del XVIII secolo. (battute: 3320) BASILICA DEI SANTI GIOVANNI E PAOLO

1365 › 1368

Monumento a MARCO CORNER

|

31

08/06/20 12:11


Guide

Carpaccio a Venezia

a cura di Giulio Manieri Elia

Itinerari

a cura di Patricia Fortini Brown, testi di Gabriele Matino

Ricchissime di dettagli affascinanti (animali domestici e non, stoffe, tappeti, abiti, acconciature, dettagli architettonici di città ideali), le Storie di sant’Orsola di Vittore Carpaccio sono un vero gioiello dell’arte italiana, che un approfondito e recente restauro ci ha restituito in tutta la loro magnifica opulenza. Carpaccio fu uno dei protagonisti dell’arte a Venezia a cavallo tra il Quattro e il Cinquecento, forse il maggiore produttore di teleri e certamente il miglior testimone della vita, dei costumi e dell’aspetto straordinario della Serenissima in quegli anni. Le Storie di sant’Orsola sono la sua prima opera datata: nove dipinti su tela di grandi dimensioni eseguiti tra il 1490 e il 1495, commissionati dall’omonima Scuola che aveva in Orsola la sua santa patrona. Per dare vita al suo ciclo, Carpaccio si ispira alla Legenda Aurea di Jacopo da Varagine in cui vengono narrate le peripezie di Orsola: principessa, promessa sposa, pellegrina e martire cristiana del IV secolo, figlia del re di Bretagna, che viene chiesta in moglie dal figlio del re pagano d’Inghilterra. In cambio dell’accettazione del matrimonio, Orsola ottiene la conversione del principe pagano e un comune pellegrinaggio a Roma. Sulla via del ritorno, sorpresi a Colonia dagli Unni, i fidanzati finiscono martirizzati insieme a undicimila vergini. Una storia fantastica e fantasiosa, di santi e vergini, eroi ed eroine dell’epoca cristiana. Nel metterla in scena, Carpaccio la aggiorna all’immaginario teatrale del proprio tempo, attualizzando gli eventi attraverso una studiata messinscena, in un’ambientazione contemporanea arricchita da infiniti dettagli verosimili che ci consentono di partecipare alla vita lagunare di fine Quattrocento: dalle feste cittadine alle rappresentazioni teatrali, dall’arrivo degli ambasciatori ai cortei, ai pellegrinaggi.

Autore di cicli pittorici, pale d’altare, dipinti devozionali e ritratti, Carpaccio fu in grado di interpretare meglio di chiunque altro la Venezia del suo tempo, tra la fine del Quattrocento e l’inizio del Cinquecento, e di fondere in un’unica visione leggenda e storia, devozione e politica, sogno e realtà. Al tempo di Carpaccio le sue opere erano diffuse in tutta la città, dalle aree più periferiche fino al cuore della Repubblica. Di questo suo radicamento nel tessuto urbano oggi rimangono molte tracce e questo volume propone un itinerario per tornare nei luoghi di Carpaccio, passeggiando per le calli e i campi e seguendo le vie percorse dal pittore più di cinque secoli fa. Il libro accompagna il lettore a riscoprire le opere nella loro collocazione originale, nei sestieri dove Carpaccio abitò e tenne bottega, e ancora nei luoghi dove si accordò con i suoi committenti e consegnò le sue tele. Parte integrante del percorso saranno anche i grandi musei veneziani, veri e propri custodi dell’eredità di Carpaccio. Patricia Fortini Brown è una storica dell’arte americana specia-

lizzata nell’arte del Rinascimento, già professore alla Princeton University.

Nel 2021 si terrà a Palazzo Ducale a Venezia una grande mostra su Carpaccio

Gabriele Matino è Research Fellow di Save Venice Inc. ed esperto

8

9

SESTIERE DI SAN MARCO

I

00. De Barbari, Sestiere San Marco

n Visceribus urbis, nelle viscere della città. Così in apertura del Cinquecento il sestiere di San Marco era percepito da chi, veneziano e non, decidesse di avventurarsi nel chiassoso brulichio di calli, rii e campielli posti tra Rialto e San Marco. Un’area ridotta, quella del sestiere di San Marco, stretta a settentrione dai sestieri di Cannaregio e Castello bagnati dalle acque salmastre della laguna, e a occidente da quelli di Santa Croce e Dorsoduro affacciati sul Canal Grande.

botteghe di artigiani affollavano le calli oltre San Moisè fino alla parrocchia di San Maurizio dove Carpaccio risiedeva in un palazzetto affacciato sul Canal Grande (n. ). Agli odori delle merci e al vociare di artigiani, mercanti e facchini si aggiungevano i colori sgargianti delle insegne dei negozi: architetture immaginifiche, animali fantastici, geni, virtù, astri, schiere celesti, angeli, arcangeli e santi promettevano ai visitatori di esaudire ogni loro desiderio.

Allora come oggi, le Mercerie collegavano il centro portuale della città, il bacino di San Marco, con l’emporio dei mercanti d’oltralpe a Venezia, il Fondaco dei Tedeschi. Botteghe, spezierie, vendecolori, librerie, pizzicherie, osterie e locande gremivano campo San Bartolomeo, si accalcavano lungo le pareti della chiesa di San Salvador spingendosi attraverso la Spadaria e la Frezzeria fin sotto i portici delle Procuratie Vecchie in piazza San Marco. Oltre la chiesa di San Geminiano, che un tempo sorgeva di fronte alla basilica marciana, case e

È in questo turbinio di voci, suoni e colori che tra il 1501-07 Carpaccio si fece strada, giorno dopo giorno, per raggiungere Palazzo Ducale dove dipinse le tele oggi perdute per le sale dei Pregadi e del Maggior Consiglio. Ed è all’estremo opposto di questo percorso mercantile urbano che nel 1508 Carpaccio fu chiamato a giudicare gli affreschi di Giorgione per la facciata del Fondaco dei Tedeschi: crocevia, in visceribus urbis, di merci, uomini e culture tra Oriente e Occidente.

6

Valturio de Re Militari

23/06/20 14:56

12

13

nome cognome

Titolo saggio storia e significato del ciclo

24

CARPACCIO a VENEZIA: ITINERARI

SESTIERE DI SAN MARCO

carpaccio_pagine_tipo_modifica.indd 24-25

00.

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit.

sant_orsola_progetto_grafico.indd 6-7

23/06/20 14:56

[00.]

SCUOLA DEI SANTI GIORGIO E TRIFONE

00.

La Scuola dei Santi Giorgio e Trifone fu fondata il 19 maggio 1451 per offrire assistenza alla comunità dalmata veneziana e, in particolare, ai tanti connazionali arruolati nella flotta della Serenissima. A promuoverne la costituzione fu un gruppo di immigrati dai territori veneti in Dalmazia e Albania, noti al tempo come Schiavoni e residenti perlopiù nel sestiere di Castello. Il 30 maggio 1451 la scuola si insediò nell’O[00.] spedale di Santa Caterina (n. ), un edificio trecentesco di proprietà del Priorato dell’Ordine 25 di San Giovanni di Gerusalemme che sorgeva a pochi passi dalla chiesa di San Giovanni del Tempio (oggi di Malta). Nell’edificio aveva anche sede la Scuola di San Giovanni che fino all’Ottocento occupò due piccole stanze al piano terra. Nel 1452 si dette avvio ai lavori di ristrutturazione dell’ospedale. La sala terrena 08/06/20 12:48 fu trasformata in cappella e una volta ultimata comprendeva un altare intitolato a San Giorgio e un soffitto policromo con al centro il San Giorgio e il drago oggi spostato sull’altare del piano superiore. Entro il 1455 su questo piano si trovavano due sale per riunioni. Fu qui che [00.] in chiusura del Quattrocento Carpaccio si ace Trifone si aggiunse quello di San Gerolamo, cordò con i capi della scuola sui contenuti dei patrono della Dalmazia. Inoltre, il 24 aprile suoi famosi dipinti. 1502 Paolo Valaresso, ammiraglio della ReLe guerre turco-veneziane (1463-79 e 1499pubblica e reduce della disfatta contro i Tur1503) segnarono nel profondo la vita della chi a Modone e Corone (1499), fece dono alla confraternita. Tra il 1464-1502, i ripetuti inscuola di una preziosa reliquia di San Giorgio terventi della scuola in soccorso dell’armata subito collocata sull’altare della cappella. della Serenissima furono premiati con la conNel 1551, centenario della fondazione della cessione di una serie di lucrose indulgenze. scuola, il Guardian Grande Giovanni da Lissa Sempre in questo periodo al culto di Giorgio dette avvio al rinnovo della sede. A dirigere il cantiere fu chiamato il proto dell’Arsenale Giovanni de Zon. Per prima cosa si mise mano alla sala terrena dove l’innalzamento del solaio comportò la rimozione del soffitto ligneo quattrocentesco. L’intervento più consistente interessò però la facciata. Al sobrio prospetto trecentesco si sostituì un elaborato fronte di gusto sansoviniano scandito da paraste e arricchito da rilievi ornamentali. Su insistenza della Scuola di San Giovanni, nella finestra di destra furono aggiunti due medaglioni con la Vergine e il Battista, mentre sull’architrave fu inciso il nome della confraternita. Nel registro mediano, invece, trovò posto il San Giorgio e il drago di Pietro da Salò, che alla consueta figura della principessa aggiunse un agnellino, simbolo di innocenza e mitezza. Collocato al di sotto della Madonna in trono tra Santa Caterina, il Battista e un cavaliere gerosolimitano risalenti all’epoca in cui l’ospedale era ancora attivo, il rilievo di Pietro da Salò veniva così a coniugare presente e passato di un

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. 26

sant_orsola_progetto_grafico.indd 12-13

cartonato 20,5 × 25 cm pp. 96 con 50 ill. a col. euro 27,00

00.

De Barbari, Schiavoni

00.

Scuola Dalmata, bassorilievo

00. La Scuola della Scuola San Giorgio degli Schiavoni

00.

isbn 978-88-297-0782-9 (italiano) 978-88-297-0783-6 (inglese) uscita nel mese di novembre

San Giorgio sconfigge il drago

7

1.

11. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget dolor. Aenean massa. 12. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget dolor. Aenean massa. 13. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget dolor. Aenean massa. 14. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget dolor. Aenean massa. 14. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget dolor. Aenean massa. 16. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget dolor. Aenean massa. 17. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget dolor. Aenean massa. 18. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget dolor. Aenean massa.

00.

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit.

sant_orsola_progetto_grafico.indd 8-9

Coreper rovitatibus audae nos vel inus nimus quam haribus volorecae velit invelit, sernam, quid que volupta tustem exped quibus, volorep ererspe rendellantia autem hicit, omnimus ciisque pa con pa sam, temperecus eicitatur11? Officium cor rerum explia prorpor ionsequia comnihit aut harumqui in custiusa quis maximin torerferi ullamenihil idunt quis venti blabores eumquia quae si con et event haritaesti utae eum es nisquiaectat as doluptam quam, nullitae omnimperchil inctatin plamet, quae sim nam aut diatur? Aboresc ilignam comnis esti cupident lam accatur si dici cones minciis sequaes dolorec aboriam veliqua tionseque nobit ut untotasse dite non rem faciuri onesti ute pre possinv eliaspid que etur, eaque eum facea voluptatia cone que aut ommolum dit abo. Occus, ullam quunt apient12. Im quiae pario to minto consedigenis estem. Tatem nonsed magnimi, sum iunt ex eum nonsero cus entotaquia ditiae eatur? Ro officae scipiendae acestion possedi aeperum estiatus sit quo. Otatures eium etus magnimet omnit ut labo. Ciditem culpari od quo delecab oreritem lautem restius, suntis modi corem facculp archic torepre mquaese quaspe int, tendit earum voluptis id eatem exeriti ommoles reniminctio. Itas essi re cor aped utem fugit ut que ipsame pro que ne simuscid utatati bustrumendi nonsequae eturend estiis ius moles dolorem erisque cum quidit vellenis eosti int. Occupta tasit13, ea endae con explaboraero et am dit eium hillenient. Agnatem lique ne eaque poribea int faccaes et veliantis et aut que voloratqui audi rerro dellam ut vel eiundamus. Aquis voluptur min natemquidis mini tem fuga. Ihit quis ese vendent est anditata nem atio. Ut harum quo que sint quae suntur, omnim id ut atur, iliquiat. El iliqui officatat. Acculli gnatium fugit adicipicia voluptam apit et ab iustiam laccabo14 rersperio. Nequis esequossima venia audis adi comnihi lignimi, eum quas que eum, solorro id quo doluptas mi, ius abo. Loribus everum ea sit unt ped mo occuptatem ressimus di vid que non nit volendipsa vit faccum nusam, sequis mi, cone non cus dolut fuga. Ita dolumqui acere lacepe pel initi asitio conecus, cus eum, omnis aut aliquias volutae perepratur? Tempor am fuga15. Aximolor seditatur? Fugit perunditae ne rem. Itate pel ea illant ratis excepedios eatur adia nem nobitatius doles et ut am volliquam, nobiscienest iusandi cus, secusant, is ariae rem abo16. Nequidem. Feri sima volorem esto temqui blaboruptur antum quibus. Ebitas maximol uptatur, ad molores recto to to occus. Iscim re17, id et maioremolo molore delenia parchic te comnimende velecer natempero to beribust, ipsaecab il et quia volupta tiosamus et volupta poriore voleseditat volorereium dolupta quistem exernat. Net laccus, nem andite vella quas aligendis que volorem18. Ne nata dolore nes dem que pa dit aut alis voloribus modisi temporepero

Il volume esce sulla scia di Tintoretto a Venezia. Itinerari (2018)

nome cognome

Giulio Manieri Elia è direttore

di Carpaccio e della pittura narrativa delle scuole veneziane, su cui ha pubblicato numerosi saggi e articoli scientifici.

Nel 2021 si terrà a Palazzo Ducale a Venezia una grande mostra su Carpaccio

busantiur? Quis sequundel eos iuriae. Sae voluptatum ut arum id ut etur rehendios dis archillit dolupti doluptatur, et pa quatibusto doluptaes apel et aut ulpa debit, ut ullia dolore perest lantium evelicid quis sitatur molorio coriti occus reptur, omnimo omniet quibeate dolorporatae vidus autat unte nones arcita quo cus, anis dolorum ad que samenet mincto debis dolum rerovitis sandent eatem ius ne pore rehent ex explique non reriatur? Ferecae peliquibus mi, volorem qui officium. Sed ullaborestio ent. Nem as eaqui ra aut parit es il illat volupta sequi autatur re vitatur molorrume cus mossequas quo officimusci num et lanihil eliquam, ute lissum harciunt et eicte sa nescipis de volorum quia quiae veliqua temped quaereh enihil eos evene nonsequo dolupta tureped quatisciis ent ame veliscia peratempore volupicatiam inullup tatempor mi, am sunti que reperspient elibearum res rerum quo mi, nonecatate omnim invel essunt, quo que vent, sa sum voluptatia sinvelesse nitatiis dissumqui doluptat ped enimetu rioribu sciusandae poreiciam quis magniste nobit quam eiunt molorectis as excerfero eum et eosto volut ad qui occab idenis et quis dolut qui doluptionsed quiam aliae por mi, sunt. Seditis es dolor alici doluptur? Met modiore rspiet unt qui tecepudis resto eicimillabo. Um sinihil iquodicipit qui ni de pedit laut et a doluptatur, sit abo. Nequae ped mos aut exerum rem ipsanti onsequi duciist porepta spitate ndipsapid magnihicias antis sequias eaqui dolupiet ex etusam eum et, cusapit iatiis molupta derspist, ut ad et litia volum nonseque eum fugit alis a velibus, omnistionet quam sedit, tes sequi atur sequo id qui alit, cum exerem ratur, qui alitiasperi bero omnis amenimus, cus, consequia pratatur apientusam volor sernatio. Odit vendam inverchitam fuga. Itatus eturernatem. Optat que mil il maio blaboreped etum re videndel ini aliqui volorecto corioreptat maion plataescias int fugiatiuscid que ide optas. Ita pore pe cuptat pratur ad et landis aut fuga. Eveless incienti re est volutemporem que voluptur mo quatis et et, officae rrovit aces maxim el inis doluptur ab isquia num endebis untium quis aliquae volo optatet, ut quae. Ut dolorrovid quis archilitat aceped qui ipsunt eos cus, sum res ad eatempe liatur, intia sint id exces aut ad exerum versperi consectae lit voluptur, sitio ipsandis verrum etur? Icipicillor sunt esequi dem iste plit ut enimusdame nobis sapit velest, omnihitas esed qui delia alicit ut autate dus ulparuptaspe nonse ersped qui te rem faces est eturestio. At hil ent quis aut ut audit offic tem fugiate net recture hendam aut officat iissunt, officiis modi voluptatum, quunt aut est, sum fuga. Alita qui ut earumqu aerferci officatatet prat aut aut apeliqu asimet, quiae quibus dit mos dolupta cor mo qui cusdamus. Tis am aboremp erepernati consece strumqu isquaerem. Itatur a isit hit, sapienda coribus. Pe nus, none res eum volorrovit imi, conem quaturi onsequi quat invendia quo excerum illest harions equatectios modit evendelent00.

delle Gallerie dell’Accademia di Venezia.

Una guida riccamente illustrata, che permette una visita inedita e affascinante di Venezia

copertina non definitiva

Una piccola, preziosa monografia dedicata a un grande capolavoro dell’arte rinascimentale

copertina non definitiva

Grandi Libri Illustrati

Le storie di sant’Orsola

23/06/20 14:57

ISBN: 978-88-297-0782-9

italiano

ISBN: 978-88-297-0783-6

inglese 22

isbn 978-88-297-0772-0 (italiano) 978-88-297-0781-2 (inglese) uscita nel mese di settembre 23

SESTIERE DI SAN MARCO

[00.]

dalla stretta del morso, l’animale si scaglia contro il drago mentre Giorgio affonda la sua lancia. Il colpo è preciso, l’impatto talmente vigoroso che nel trapassare il cranio del mos-

[00.]

edificio dalla storia centenaria. Restaurata tra il 2001-04 grazie al sostegno di Save Venice Inc., ancora oggi la facciata accoglie i visitatori di una delle pochissime scuole veneziane sopravvissute, pressoché indenni, alle spoliazioni napoleoniche.

SAN GIORGIO SCONFIGGE IL DRAGO Ca. 1501-02 141 x 360 cm Iscrizione: illeggibile Opera tra le più note di Carpaccio, San Giorgio sconfigge il drago è di certo la più ammirata dell’intero ciclo degli Schiavoni. A commissionarla, assieme al trionfo del santo, dovette essere Paolo Valaresso: comandante delle fortezze di Modone e Corone durante il conflitto turco-veneziano del 1499-1503. È probabile che la tela si trovasse sulle pareti della scuola già nei primi mesi del 1502. Fu infatti in quell’anno, nel giorno della festa di San Giorgio (24 aprile), che Valaresso donò alla confraternita una reliquia del santo patrono affidatagli sul letto di morte dal patriarca di Gerusalemme. La donazione rappresentò un

momento cruciale per l’identità devozionale della scuola dato che molti dei confratelli erano originari di Antivari, città dell’Albania Veneta posta sotto il patronato di San Giorgio. L’immagine si ispira alla Legenda Aurea di Jacopo da Varagine, serbatoio inesauribile per l’immaginario di Carpaccio. Vi si narra come in Libia, sulle sponde di «uno stagno grande quanto il mare», viveva un drago il cui fiato pestifero ammorbava la città pagana di Selene. Barricati dietro le[00.] mura, i Seleniti riuscivano a stento a frenare gli appetiti del mostro, sfamato dapprima con delle pecore 28 e poi, obbligati da un editto del re, con i corpi innocenti dei propri figli. «Ormai quasi non ne rimanevano – lamenta la Legenda – quando la sorte cadde sull’unica figlia del re». Salutato il padre tra singhiozzi e recriminazioni, la principessa già si stava per offrire al drago quando apparve Giorgio che si scagliò «nel nome carpaccio_pagine_tipo_modifica.indd 28-29 di Cristo» contro il mostro. È a questo punto che Carpaccio dà inizio alla storia trascinando l’osservatore nel cuore della mischia. Lo scontro va in scena tra resti di cadaveri, ossa, teschi. Sul terreno strisciano dei rettili immondi: serpenti, lucertole, rospi, tutti irrefrenabilmente attratti dai corpi dilaniati di una giovane coppia. È su questo orrore che si erge, maestoso, il cavallo di Giorgio. Le zampe anteriori sospese, la criniera frustata dal vento, il collo flesso e la lingua esposta

Scuola dei Santi Giorgio e Trifone

SESTIERE DI SAN MARCO

svettavano infatti delle bandiere con dragoni apocalittici che ben presto i veneziani associarono all’esercito degli infedeli, al «draco turco». Non solo. Dalle loro fortezze i veneziani lottavano davvero contro dei draghi, o quantomeno questo credevano quando vedevano avvicinarsi alle mura i cannoni turchi mascherati da dragoni sputafuoco. Nella mente dei veneziani, la leggenda di San Giorgio non poteva quindi che richiamare gli scontri con gli ottomani. Questo dovette essere a maggior ragione il caso dei confratelli dalmati, il cui aiuto alla flotta della Serenissima valse loro riconoscimenti di Stato e indulgenze papali. Di certo, questo fu il caso di Paolo Valaresso, rientrato a Venezia nel 1501 a seguito delle disfatte di Modone e Corone (1500). È così che San Giorgio – il miles christianus che liberò la città assediata sconfiggendo il drago che la teneva in ostaggio – divenne metafora del riscatto del comandante veneziano, strumento di esaltazione delle sue virtù militari nella lotta contro il Turco. 4.800 battute a pagina piena.

Scuola dei Santi Giorgio e Trifone

TRIONFO DI SAN GIORGIO Ca. 1501-02 141 x 360 cm Iscrizione: illeggibile Opera tra le più note di Carpaccio, San Giorgio sconfigge il drago è di certo la più ammirata dell’intero ciclo degli Schiavoni. A commissionarla, assieme al trionfo del santo, dovette essere Paolo Valaresso: comandante delle fortezze di Modone e Corone durante il conflitto turco-veneziano del 1499-1503. È probabile che la tela si trovasse sulle pareti della scuola già nei primi mesi del 1502. Fu infatti in quell’anno, nel giorno della festa di San Giorgio (24 aprile), che Valaresso donò alla confraternita una reliquia del santo patrono affidatagli sul letto di morte dal patriarca di Gerusalemme. La donazione rappresentò un momento cruciale per l’identità devozionale della scuola dato che molti dei confratelli erano originari di Antivari, città dell’Albania Veneta pos-

29

08/06/20 12:48

27

carpaccio_pagine_tipo_modifica.indd 26-27

brossura 16 × 24 cm pp. 160 con 100 ill. a col. euro 18,00

tro il legno si spezza. Eppure Giorgio sembra assente. Alla tensione del suo corpo Carpaccio contrappone infatti uno sguardo quieto, quasi afflitto, a indicare nel soldato crociato lo strumento di una volontà superiore. All’estremità opposta della lancia il drago ha perso la sua ferocia: il fiato pestifero si è spento, annegato in un fiotto di sangue, mentre le orecchie abbassate già evocano il mutamento da fiera sanguinaria in – queste le parole della Legenda – «un cagnolino mansuetissimo». Completano la scena la principessa che ammira devota l’impresa del cavaliere e, sul lato opposto, Selene, la città pagana con l’ingresso fortificato ispirato al Bāb al-Futuh del Cairo, da dove i cittadini osservano la fine dei loro tormenti. Ai tempi di Carpaccio, allo scontro leggendario tra Giorgio e il drago si sovrapponeva di certo quello attualissimo tra Venezia e il Turco. In battaglia, dalle file avversarie

08/06/20 12:48

ISBN: 978-88-297-0781-2

ISBN: 978-88-297-0772-0

italiano

inglese


Interpretare i messaggi dell’intestino per vivere meglio Una guida chiara e autorevole per comprendere i segnali della pancia e rimettere in sesto corpo e mente

copertina non definitiva

Scienze per la vita

Silvio Danese La pancia lo sa

Troppo stress? La pancia lo sa. Cibo spazzatura? La pancia lo sa, eccome se lo sa. Vita sedentaria? Anche in questo caso, la pancia lo sa. È lo snodo più sensibile del corpo: durante la nostra vita, nell’intestino transitano circa 30 tonnellate di cibo e 50.000 litri di liquidi. Ospita la più vasta comunità di microbi dell’organismo, che collaborano a funzioni vitali come la digestione e la produzione di vitamine. Non solo: sta acquattato laggiù il nostro secondo cervello, dotato di 100 milioni di cellule nervose, in dialogo continuo con i neuroni dentro la scatola cranica. Studi all’avanguardia concludono che lo stato di salute generale e il benessere psicologico sono collegati intimamente allo stomaco e all’intestino. In questo libro, Silvio Danese, uno dei gastroenterologi più apprezzati, guida il lettore alla comprensione dei segnali che la pancia ci invia. Forte della pratica clinica, delinea i problemi più comuni (irritazione, colite, gonfiore, irregolarità), spiega quali sono i test seri per diagnosticarne l’origine, indica i comportamenti inconsapevoli che minano equilibrio, salute e persino l’umore. Per finire, le indicazioni da seguire a tavola, con un approfondimento sui cibi infiammatori e su quelli che, al contrario, spengono l’infiammazione cronica. Silvio Danese è uno dei più autorevoli gastroenterologi italiani: è coordinatore dell’Immuno Center, responsabile del Centro di ricerca e cura per le malattie infiammatorie croniche intestinali e professore ordinario di gastroenterologia presso l’ospedale universitario Humanitas di Milano. Presidente della European Crohn’s and Colitis Organisation, la più grande associazione internazionale di specialisti dell’intestino, è autore di centinaia di articoli scientifici. Come divulgatore ha scritto il bestseller La dieta antinfiammatoria per l’intestino (Demetra 2018).

isbn 978-88-454-0119-0 uscita nel mese di ottobre

brossura con alette 14,5 × 21 cm pp. 224 euro 16,00

Il libro che inaugura la collana Scienze per la vita diretta da Eliana Liotta: un progetto editoriale che combina qualità scientifica e approccio divulgativo

Da uno dei maggiori gastroenterologi italiani, La pancia lo sa è un testo ricco di consigli pratici per adottare subito uno stile di vita sano a partire dal benessere del nostro intestino

• I test più affidabili • I risultati delle ultime ricerche • I rimedi per allentare le tensioni e rendere la pancia la nostra migliore alleata • I consigli e i suggerimenti per rafforzare le nostre difese ed evitare le malattie stagionali Silvio Danese è un punto di riferimento per la comunità scientifica internazionale. Viene spesso intervistato da stampa, radio e tv su temi riguardanti la salute Anche il sistema immunitario dipende dall’intestino: il libro contiene consigli e suggerimenti per rafforzare le nostre difese e affrontare al meglio le malattie stagionali

I PIÙ SCOPRI D IANT L NEL DÉP NALE PROMOZIO

ISBN: 978-88-454-0119-0

24

25


Piccoli rimedi per combatterla e conquistare la vita che vuoi Che cosa fare quando tutto va storto? La guida scanzonata di un’influencer amatissima per saltare gli ostacoli della vita con un agile sorriso

copertina non definitiva

Varia

Federica Micoli @Closette È stata sfiga a prima vista

Dieci anni da export manager nella moda, tanti viaggi, il matrimonio e una famiglia da costruire... Sembra un sogno e invece tutto precipita. Federica deve abbandonare il lavoro, le diagnosticano un tumore che le impedirà di avere figli e la madre muore all’improvviso. Molti sarebbero crollati, ma lei no: per sfogarsi e ripartire, apre il blog Closette, il suo spazio della felicità quotidiana, dove pubblica ricette, letture, idee e spunti per alleggerire la giornata. In breve raccoglie intorno a sé migliaia di donne e ragazze, che si rivolgono a lei in cerca di consigli come farebbero con un’amica. Partendo dalla sua storia personale, in questo libro Federica racconta con ironia qual è il suo segreto: abituata fin da piccola a calamitare sfighe piccole e grandi, ha imparato a farsele amiche, o almeno a conviverci serenamente. Perché se ti bullizzano a scuola saprai come reagire quando succederà in ufficio, non avere figli non significa essere una donna a metà e un lavoro perso diventa l’occasione per inventarsi una professione e una vita migliori. E quando proprio niente funziona, resta sempre la possibilità di riderci sopra.

Una vita che sembra un sogno, poi tutto precipita...

Federica Micoli, milanese di base ma cosmopolita di vocazione,

ha fondato nel 2017 il blog Closette, che è diventato in breve il punto di ritrovo per una community fedelissima. Ogni giorno riceve centinaia di messaggi, a cui risponde puntualmente. Grazie al suo successo, oggi è un’imprenditrice digitale molto ricercata e ha avviato collaborazioni con noti brand. Ha partecipato come speaker al 9Muse di Milano.

Con una media di 3.200 like e quasi 500 commenti al giorno, Federica vanta una delle community più fidelizzate e attive. Che da tempo le chiede un libro

70.000 follower

Amica di altre importanti influencer, l’autrice coinvolgerà il suo network nella promozione

127.000 visualizzazioni

Saranno organizzate speciali presentazioni-evento nelle principali città italiane

isbn 978-88-454-0126-8 uscita nel mese di ottobre

brossura con alette 14,5 × 21 cm pp. 208 euro 16,00

ISBN: 978-88-454-0126-8

26

27

... eppure Federica Micoli è riuscita a riconquistare come @Closette uno spazio di felicità che condivide con migliaia di persone

Ottimo engagement Partecipazione attiva da parte di una fanbase entusiasta


Varia

365 idee + 1 per coltivare la gioia ogni giorno

Lezioni di vita dalle nostre sorelle immortali Traduzione dall’inglese di Ida Amlesù

Da sempre le donne aspirano a migliorare se stesse: amano confrontarsi le une con le altre, imparare dai propri errori, dispensare consigli. Ma perché accontentarsi di modelli mortali, quando disponiamo di esempi divini? I miti, antichi quanto l’umanità, con le loro storie popolate di creature magiche, di gesta coraggiose, ma anche di fallimenti epici, ci aiutano a comprendere il nostro posto nel mondo e a raggiungere i più alti obiettivi. Le autrici di questo libro ci accompagnano in un avventuroso viaggio attraverso leggendarie divinità, con esempi tratti da venticinque miti provenienti da ogni angolo del globo. Sono storie educative, ma non sempre edificanti: per coltivare le qualità esteriori e interiori, è necessario conoscere le virtù ma anche i lati oscuri del proprio carattere. Dalle dive greche, come Atena o Afrodite, a eroine meno note, come la nipponica Uzume, dea dell’alba, Ixchel, la dea giaguaro della cultura Maya, fino alla sirena africana Mami Wata, ogni racconto contiene insegnamenti per coltivare il potere personale, curare la salute, diventare sicure di sé e ottenere il successo. Siccome la maggior parte dei miti furono tramandati da autori maschi, questo libro sottolinea anche gli stereotipi che, nei secoli, hanno accompagnato la figura femminile (la fanciulla in pericolo, la madre che si sacrifica, la seduttrice insidiosa): conoscerne l’origine è il primo passo per risvegliare il proprio talento e trasformarlo in un “superpotere” utile nella realtà di tutti i giorni. Elizabeth Foley e Beth Coates sono entrambe scrittrici e editor

Trenta minuti al giorno per un anno: seguendo il calendario, una guida sfiziosa per prendersi cura di sé e riscoprire la felicità nelle piccole cose

copertina non definitiva

Dalle autrici di Cosa farebbe Frida Kahlo?, un nuovo libro motivazionale che celebra il potere femminile. Dall’essere single alla solidarietà tra donne, al coraggio di intraprendere nuove strade, una brillante raccolta di leggende ispirate alle grandi divinità del passato che si legge come una guida di saggi consigli per affrontare le sfide quotidiane

copertina non definitiva

Varia

Almanacco della felicità

Elizabeth Foley, Beth Coates La dea che è in te

I mesi di lockdown lo hanno dimostrato: in fase di crisi, le donne spendono le loro energie per la famiglia e il lavoro, dimenticandosi di se stesse. E nei periodi normali non va meglio: danno la priorità agli altri, ritrovandosi poi stressate e insofferenti. Invece basterebbe davvero poco per non lasciarsi schiacciare dalle preoccupazioni: dovrebbero ritagliarsi un inviolabile spazio personale di benessere e self care quotidiano. Forse non risolve i problemi, ma almeno aiuta a ridimensionarli e affrontarli con lucidità. Trenta minuti per un anno: questa è l’idea che dà forma all’Almanacco. Giorno per giorno, il libro suggerisce semplici attività, spesso da realizzare in casa in autonomia, per stare bene, ritrovare l’equilibrio, affrontare gli smacchi quotidiani e riscoprire il buonumore. Dalla respirazione profonda alla selezione dei film scacciapensieri, dalle coccole relax alle ricette sane e golose, fino ai ritratti di grandi donne alle quali ispirarsi, una guida femminile e femminista per riappropriarsi del proprio tempo e dedicarsi un piccolo gesto d’amore quotidiano.

A romAterApiA

Beauty

«Dio è nei dettagli, ma la dea è nelle domande. Una volta che inizi a portele, non torni più indietro» Gloria Steinem

sc th e O A nd es to... go

Gennaio MESE DELL’INTERIORITÀ

ar

La Natura consiglia...

Obiettivo del mese

ti aspetta! Un intero anno e pianifica Rifletti su te stessa essere. ciò che vuoi

INFO DEL MESE

a Capodanno, chiaro e dolce Proverbio: Tempo tutto l’anno. assicura bel tempo garofano. Fiore del mese: blu scuro. Colore del mese: il sole sorge al primo del mese: Calendario solare alle 16.37. . alle 7.58 e tramonta al 21) e Acquario (fino no le: Capricor Segno zodiaca

978-88-454-0016-2 e 16,00

A romAterApiA

Beauty

Ikigai giapponese

Una perfetta idea regalo che si inserisce nel fortunato filone dei libri di empowerment femminile

Le donne stanno imparando a rivendicare tempo per sé: l’Almanacco suggerisce tanti modi utili e piacevoli per farlo, toccando i trend più attuali (cucina, riordino, salute, giardinaggio, libri e film)

sc th e O A nd es to... go

Marzo

La Natura consiglia...

Ikigai giapponese

A romAterApiA

Beauty

sc th e O A nd es to... go

il sole e prendi pazzerello guarda Proverbio: Marzo l’ombrello. narciso Fiore del mese: bianco Colore del mese: il sole sorge al primo del mese: Calendario solare alle 18.00 alle 6.54 e tramonta al 21) e Ariete le: Pesci (fino Segno zodiaca

Febbraio MESE DELL’AMORE

ar

La Natura consiglia...

Ikigai giapponese

19sabato

potranno

tagliare tutti i fiori ma non fermeranno paBlo neruda mai la primavera.

Ripulisciti dall’inverno

INFO DEL MESE

Le idee proposte sono semplici, variegate, si possono realizzare a casa e richiedono solo mezz’ora al giorno: un piccolo impegno per un grande risultato

Obiettivo del mese

è nell’aria: La primavera e depurazione! rinnovamento

INFO DEL MESE

londinesi. Con Sonzogno, hanno pubblicato il fortunato Cosa farebbe Frida Kahlo? nel 2019.

Il libro perfetto da regalare e regalarsi: confezione accattivante, illustrato a due colori, tono ironico e coinvolgente

MESE DETOX E DEL CAMBIAMENTO

ar

gioioso. nevoso, estate Proverbio: Febbraio violetta o primula. Fiore del mese: azzurro. Colore del mese: il sole sorge al primo del mese: Calendario solare alle 17.17. alle 7.39 e tramonta al 21) e Pesci. le: Acquario (fino Segno zodiaca

I lunghi mesi invernali ti hanno un po’ assopita. Quindi, via libera quindi a un bel programma di depurazione interna ed esterna. È a tavola che si inizia e completa una buona e corretta operazione DETOX. Prima di tutto bisogna aumentare il consumo di vegetali freschi di stagione, che, grazie alla ricchezza di calcio, magnesio, sodio, potassio e acqua, o Ci stiamo lasciand … sono tra i potenti alcalinizzanti naturali. alle spalle l’inverno cuore! Inoltre bisogna privilegiare quelli con maggiore potere Risveglia il tuo alcalinizzante, come le cime di rapa, i porri, l’erba cipollina, il cavolo verza, il sedano, la lattuga, le bietole. E non dimentichiamo la tanto preziosa frutta: limoni e pompelmi, frutti di bosco, pere, melagrana, agrumi, kiwi, fonte non solo di buone percentuali di carotenoidi, ma anche di vitamina C, antiossidante che interviene nella formazione del collagene, una delle “materie prime” della giovinezza dei tessuti.

Obiettivo del mese

Vita sociale Cerca di trascorrere un po’ di tempo all’aria aperta: stando almeno 20 minuti alla luce del sole produci vitamina D, che protegge le tue ossa e i tuoi denti! E poi la luce del sole ti arricchisce di energia positiva... Dopo tutto il grigio dell’inverno, buttati nella luce!

lo Scopo della vita è lo Sviluppo di noi SteSSi, la perfetta realizzazione della noStra natura: è per QueSto che noi eSiStiamo. oScar Wilde

20

domenica

Vellutata di barbaietole Ecco una ricetta di facile esecuzione per disintossicarti senza dimenticare il gusto.

Rosola in una casseruola antiaderente l’olio evo, l’aglio sbucciato e la cipolla tagliata a tocchetti, poi aggiungi la barbabietola a dadini e la patata lessa a pezzetti. Lascia insaporire quindi aggiungi il brodo e fai cuocere per 15 minuti a fiamma media. Nel frattempo scalda l’olio di semi in un pentolino e friggi il timo (i rametti più grossi e coriacei eliminali usando solo le foglie). Una volta croccanti trasferiscili su un foglio di carta da cucina per asciugare l’olio in eccesso. Al termine della cottura, frulla la vellutata di barbabietole con un frullatore a immersione e trasferiscila nelle boule. Forma con il caprino freddo delle palline che andrai ad adagiare nella vellutata. Decora con il timo fritto, un filo di olio a crudo e un pizzico di pepe rosa.

250 g di barbabietole lesse 1 patata lessa 1/2 cipolla 1 spicchio d’aglio 500 ml di brodo di verdura 100 g di formaggio caprino fresco un mazzetto di timo 3 cucchiai di olio di semi un cucchiaio di olio evo pepe rosa qb

minerali è ricca di sali La barbabietola magnesio potassio, ferro, (sodio, calcio, B). C e gruppo di vitamine (A, e fosforo) e

Marzo

isbn 978-88-454-0125-1 uscita nel mese di ottobre

brossura con alette 14,5 × 21 cm pp. 256 euro 16,00

ISBN: 978-88-454-0125-1

28

isbn 978-88-454-0131-2 uscita nel mese di novembre 29

brossura con alette 14,5 × 21 cm pp. 368 euro 14,90

ISBN: 978-88-454-0131-2


Marsilio 5 GIROVENDITA ISBN:05 978--88-073-4038-3 2020


Camilla Läckberg La gabbia dorata

David Lagercrantz La ragazza che doveva morire

Traduzione di Laura Cangemi

Traduzione di Laura Cangemi

Millennium | 6 copertina non definitiva

Il primo romanzo di una nuova, grande serie noir della regina del giallo nordico

Faye ha tutto: un marito di successo, una splendida figlia, un bellissimo appartamento a Stoccolma. Ma sotto questa superficie dorata, la sua vita apparentemente perfetta nasconde crepe profonde. Faye è una donna fragile, ha una bassa autostima e deve fare i conti ogni giorno con i segreti di un passato terribile che sperava di aver seppellito a Fjällbacka, l’isola natale che ha lasciato da ragazza. Nemmeno il marito Jack è adorabile come sembra. Faye cerca costantemente di compiacerlo e di anticiparne i bisogni, ma lui la umilia, la sminuisce. E un giorno, tornando a casa prima del previsto, Faye lo scopre a letto con una collega. Il mondo le crolla addosso. A lui ha dedicato la propria esistenza, ha rinunciato a tutto per aiutarlo a fare carriera, ha destinato ogni energia alla vita coniugale, e ora è tutto in frantumi. Come se non bastasse, dopo essere stato scoperto, Jack chiede il divorzio e lascia Faye senza l’ombra di un quattrino. La depressione è dietro l’angolo, eppure questa svolta drammatica le dà la forza per reagire e per far confluire la sua rabbia in un piano preciso: un piano di vendetta. Camilla Läckberg è tra gli autori più letti al mondo. I dieci libri della serie di Fjällbacka, pubblicati in Italia da Marsilio, hanno venduto 25 milioni di copie in 60 paesi. Läckberg è anche imprenditrice di successo e una delle fondatrici di Invest in Her, una società che investe nell’imprenditoria femminile ed è impegnata in prima linea per l’abbattimento della disparità salariale tra uomini e donne. La gabbia dorata segna un nuovo capitolo nella sua produzione letteraria e presenta per la prima volta ai lettori una protagonista indimenticabile, portavoce di un forte messaggio femminista. Nel 2020, sempre per Marsilio, è uscito Ali d’argento, il secondo volume della serie.

«Con l’età ho capito che ho una voce pubblica e che la gente mi ascolta. Ora voglio usarla per parlare di temi che mi stanno a cuore» Camilla Läckberg «Nella Gabbia dorata Camilla Läckberg si misura con una storia di sesso, sangue, vendetta e stereotipi femminili: un vero successo» El País

Un fenomeno editoriale da 100 milioni di copie vendute nel mondo

Lisbeth Salander è scomparsa. Ha svuotato e venduto il suo appartamento in Fiskargatan, a Stoccolma, e nessuno sa dove si nasconda. Neppure dal suo computer arrivano segnali di vita, e ora Mikael Blomkvist, alle prese con una deludente inchiesta sul crollo delle borse destinata al prossimo numero di Millennium, ha bisogno del suo aiuto. Sta cercando di risalire all’identità di un senzatetto trovato morto in un parco, a Tantolunden, con in tasca il suo numero di telefono. Per quale ragione quel barbone alcolizzato che non compare in alcun registro ufficiale voleva mettersi in contatto con lui? E perché farneticava ossessivamente di Johannes Forsell, il discusso ministro della Difesa, al centro di una feroce campagna mediatica? Lisbeth, però, ha ben altro per la testa: la ragazza che odia gli uomini che odiano le donne è sulle tracce di Camilla, la sorella gemella con cui vuole regolare i conti una volta per tutte. Ma mentre cerca di chiamare a raccolta il desiderio di vendetta che l’anima da sempre, il passato torna a mettersi in mezzo, con il suo seguito di violenza e distruzione. In una caccia dove le parti continuano a invertirsi e, tra sorprendenti scoperte genetiche e misteriose fabbriche di troll, un filo di fuoco unisce le vette dell’Everest agli abissi della rete criminale russa, l’indomita hacker con il drago tatuato sulla schiena intende mettere finalmente a tacere quelle ombre, e bruciare il male alla radice. David Lagercrantz (1962), affermato giornalista e scrittore tradotto in 46 paesi, vive a Stoccolma. È autore di romanzi e biografie, tra cui la celebre Io, Ibra sulla vita di Zlatan Ibrahimovic´. Di Lagercrantz, oltre agli ultimi tre volumi della saga Millennium creata da Stieg Larsson, Marsilio ha pubblicato i romanzi La caduta di un uomo. Indagine sulla morte di Alan Turing (2016) e Il cielo sopra l’Everest (2018).

brossura al vivo 13 × 20 cm pp. 416 euro 12,00

«Lagercrantz ha fatto un lavoro magnifico, difficile immaginare un sequel più fedele a Stieg Larsson di questo» The Wall Street Journal «I fan di Lisbeth Salander possono stare tranquilli: la nostra hacker punk è in ottime mani» Usa Today Millennium 1. Uomini che odiano le donne 2. La ragazza che giocava con il fuoco 3. La regina dei castelli di carta 4. Quello che non uccide 5. L’uomo che inseguiva la sua ombra 6. La ragazza che doveva morire

La storia di Faye 1. La gabbia dorata 2. Ali d’argento

isbn 978-88-297-0809-3 uscita nel mese di ottobre

copertina non definitiva

La storia di Faye | 1

ISBN: 978-88-297-0809-3

2

isbn 978-88-297-0810-9 uscita nel mese di ottobre 3

brossura al vivo 13 × 20 cm pp. 416 euro 12,00

ISBN: 978-88-297-0810-9


Ragnar Jónasson Fuori dal mondo

Gianni Farinetti La bella sconosciuta

Misteri d’Islanda | 3 Traduzione di Silvia Cosimini

Il ritrovamento di una vecchia foto riapre un caso
di morte sospetta che risale a quando, nel 1955, due giovani coppie decisero di trasferirsi in un fiordo isolato
e apparentemente deserto, nel Nord dell’Islanda.
Una delle due donne morì poco dopo in circostanze misteriose, e l’avventura finì per tutti. Negli anni, nessuno è mai riuscito a spiegare cosa fosse realmente successo. Davvero quell’aspro paradiso naturale pieno di promesse era disabitato come tutti credevano? E davvero si può morire per la solitudine e la paura del buio?
Alla stazione di polizia di Siglufjörður, mentre il villaggio è colpito da un violento contagio che ha costretto alla quarantena tutti gli abitanti, Ari Þór, necessariamente
in servizio, si appassiona a quella storia che per lunghi anni è stata sulla bocca di tutti, e che per qualcuno sembra rappresentare ancora una minaccia.
Immerso nel silenzio opprimente di una comunità barricata in casa, e incalzato a percorrere luoghi sperduti, inospitali e allo stesso tempo di incredibile bellezza, il giovane poliziotto cerca di ricostruire
una vicenda che, a quanto pare, non è affatto conclusa.

Metti una notte di San Lorenzo, stelle cadenti, un prato con una festosa brigata di amici, cibo e vini buonissimi – eh già, facile, siamo nell’Alta Langa piemontese –, l’atmosfera scanzonata e carica di erotismo – eh già, facilissimo, siamo nel pieno di una torrida e languida estate in campagna. Metti che questa arcadia venga bruscamente interrotta da una funesta disgrazia che, metti, il maresciallo Giuseppe – Beppe – Buonanno, comandante della locale stazione dei carabinieri, sospetta da subito non essere affatto un incidente ma un omicidio bello e buono. Metti che tra conosciuti e amati personaggi della saga farinettiana guidati dall’immancabile Sebastiano Guarienti, ai quali se ne aggiungono di nuovi – alcuni irresistibili –, il maresciallo Buonanno si trovi a sbrogliare una delicatissima matassa che appare come uno sfuggente gioco di specchi, di bugie, di omissioni, con una domanda ben ferma in testa: ma chi è realmente Angela, la bella sconosciuta ospite di Sebastiano alle Vignole, assediata da tre uomini in competizione fra di loro? Metti che tutti i tasselli del rebus trovino il loro ordinato – ma inatteso, inquietante – posto. E se invece il gioco rimanesse aperto?

Ragnar Jónasson (1976) vive a Reykjavík. Avvocato e giornalista, insegna diritto d’autore all’università. Membro della UK Crime Writers’ Association,
è l’autore della serie Dark Iceland, un successo internazionale in uscita in 30 paesi, di cui Fuori dal mondo è il terzo episodio. Nel 2020, sempre per Marsilio, uscirà il quarto volume della serie, La donna del faro.

«La bella sconosciuta si legge con grande piacere, si sorride e alla fine si accelera perché un mistero da svelare c’è, anche se non è quello che si pensava» 7 – Corriere della Sera

copertina non definitiva

copertina non definitiva

«Ispirato dalla traduzione del grande giallo inglese, Ragnar Jónasson ha creato detective stories originali e bellissime» The Guardian

Gianni Farinetti (Bra, 1953) ha esordito con Marsilio nel 1996 con il romanzo Un delitto fatto in casa (premio Grinzane Cavour autore esordiente 1997, premio Premier Roman di Chambéry 1997). Oltre a La bella sconosciuta, con Marsilio ha pubblicato L’isola che brucia (1997, premio Selezione Bancarella 1998), Lampi nella nebbia (2000), Regina di cuori e La verità del serpente (2011), Rebus di mezza estate (2013), Prima di morire (2014), Il segreto tra di noi (2016, premio Via Po 2009) e Il ballo degli amanti perduti (2016, premio Racalmare Leonardo Sciascia 2016, premio La Provincia in Giallo 2017, premio NebbiaGialla 2017). Vive fra Torino e le Langhe.

«Un autore di punta della crime fiction mondiale» The Sunday Times «Una versione moderna del giallo in stile Agatha Christie»
 Ian Rankin Misteri d’Islanda 1. L’angelo di neve 2. I giorni del vulcano 3. Fuori dal mondo 4. La donna del faro

«Farinetti scandaglia la vita di ognuno, sia di chi indaga, sia dei sospettati» il Fatto Quotidiano «A creare l’intreccio della Bella sconosciuta è un Farinetti che fa alla perfezione il Farinetti: ironico, dissacrante, abile nel mescolare le vite di lavoratori romeni, di coppie gay, di ex mariti noiosi, di ragazzini, di donne misteriose, di due vecchie zitelle, di un ricco erede “bello e un po’ stronzone” e poi di cani, gatti e caprioli» tuttolibri – La Stampa I libri di Gianni Farinetti 1. Un delitto fatto in casa 2. L’isola che brucia 3. Prima di morire 4. Rebus di mezza estate 5. Il ballo degli amanti perduti 6. Il segreto tra di noi 7. La bella sconosciuta

isbn 978-88-297-0852-9 uscita nel mese di ottobre

brossura al vivo 13 × 20 cm pp. 256 euro 9,50

ISBN: 978-88-297-0852-9

4

isbn 978-88-297-0812-3 uscita nel mese di ottobre 5

brossura al vivo 13 × 20 cm pp. 256 euro 9,50

ISBN: 978-88-297-0812-3


Gabriella Genisi Spaghetti all’Assassina

Rosa Teruzzi Non si uccide per amore

«Perché leggerlo? Perché Gabriella Genisi potrebbe diventare la Camilleri pugliese» Vanity Fair

Il terzo caso per la fioraia del Giambellino: un cold case che la tormenta da anni

Per cucinare gli spaghetti all’Assassina, il piatto più famoso di Bari, ci vuole la padella in ferro nero che si trova solo nella città vecchia. Ed è proprio lì che sorge il ristorante di Colino Stramaglia, inventore della famosa ricetta. Una mattina di primavera, all’apertura del locale, il grande chef viene trovato morto, ammazzato in maniera talmente efferata da far sospettare un torbido movente passionale. Quale grave sgarbo avrebbe commesso l’illustre personaggio per meritare una fine così orrenda? E quanti misteri si celano dietro al mondo sempre più competitivo dell’alta cucina? Fra le persone informate sui fatti, un affascinante cuoco algerino, una spogliarellista brasiliana e un capocameriere con un’aria da becchino uscito da un film western. A indagare è il commissario Lolita Lobosco, che stavolta trova imbrattate di sangue le sue due attività preferite: l’amore e la cucina. Sullo sfondo di una città sempre più pulp, una nuova intricata indagine, con fosche tinte da noir mediterraneo, metterà a dura prova l’abilità e l’istinto della caparbia investigatrice barese. Gabriella Genisi è una scrittrice pugliese e vive tra Bari e Parigi. Ha creato la fortunata serie di cui è protagonista Lolita Lobosco: otto volumi, tutti pubblicati da Sonzogno. Per Rizzoli è uscito nel 2019 Pizzica amara.

«Un noir a tinte gastronomiche, nella Bari delle osterie» Corriere del Mezzogiorno «Bari torna città di invenzione e letteratura, dove mediterranea è anche la luce che inonda il delitto perfetto» Grazia

Un biglietto, ormai ingiallito, trovato in una vecchia camicia a quadri nel fondo di un armadio, riporta la memoria di Libera, la fioraia del Giambellino, all’episodio più doloroso della sua vita. Quella camicia è del marito, ucciso vent’anni prima senza che sia mai stato trovato il colpevole, e quel biglietto sembra scritto da una donna. Ma è passato tanto tempo: perché riaprire antiche ferite? Libera ha sempre cercato di dimenticare, piano piano ha messo su un’attività che funziona, se la cava abbastanza bene, altri uomini la sfiorano e la corteggiano. Eppure, quel buco nero della sua esistenza continua a visitare le sue notti insonni, tanto più che – ora lo vede bene – alcuni particolari, nell’archiviazione del caso, la convincono sempre meno. E così, dopo essersi improvvisata detective, nei romanzi precedenti, per risolvere i casi degli altri, questa volta Libera vuole trovare il coraggio per rivangare le vicende del proprio passato. Con l’aiuto della madre, eccentrica insegnante di yoga dalla battuta facile e dai costumi spregiudicati, e di una giovane cronista di nera con un sesto senso per i misteri – e nonostante la vana opposizione della figlia poliziotta – Libera si spingerà dalla sua Milano fino in Calabria, per trovare una risposta alle domande che l’opprimono da vent’anni e per guardare in faccia l’amara verità. E per scoprire che forse il nemico si nasconde molto più vicino di quanto avesse mai immaginato. Rosa Teruzzi (1965) vive e lavora a Milano. Esperta di cronaca nera, è caporedattore della trasmissione televisiva Quarto grado (Retequattro). Oltre ai libri della serie I delitti del casello, editi da Sonzogno, ha pubblicato diversi racconti e tre romanzi. Per scrivere si ritira sul lago di Como, in un vecchio casello ferroviario dove colleziona libri gialli.

Le indagini di Lolita Lobosco 1. La circonferenza delle arance 2. Giallo ciliegia 3. Uva noir 4. Gioco pericoloso 5. Spaghetti all’Assassina 6. Mare nero 7. Dopo tanta nebbia 8. I quattro cantoni

isbn 978-88-297-0822-2 uscita nel mese di ottobre

brossura al vivo 13 × 20 cm pp. 192 euro 9,00

copertina non definitiva

I delitti del casello | 3 copertina non definitiva

Le indagini di Lolita Lobosco | 5

«Per chi, in un romanzo giallo, cerca emozioni, atmosfere, colpi di scena e una sana dose di ironia» Massimo Picozzi «Un’autrice che si serve del genere poliziesco per parlare anche di famiglie, di segreti e di dinamiche personali» Annarita Briganti, la Repubblica I delitti del casello 1. La sposa scomparsa 2. La fioraia del Giambellino 3. Non si uccide per amore 4. Ultimo tango all’Ortica 5. La memoria del lago

ISBN: 978-88-297-0822-2

6

isbn 978-88-297-0823-9 uscita nel mese di ottobre 7

brossura al vivo 13 × 20 cm pp. 160 euro 8,50

ISBN: 978-88-297-0823-9


copertina non definitiva

Paolo Roversi Cartoline dalla fine del mondo La serie di Radeschi | 6 «Nel mondo del noir italiano s’è affacciato un nuovo investigatore, Enrico Radeschi, giornalista freelance e abilissimo hacker» la Repubblica

Paolo Roversi è nato nel 1975. Scrittore, giornalista e sceneggiatore, vive a Milano. Con Marsilio, oltre ai volumi della serie di Radeschi, nel 2015 ha pubblicato il dittico Città rossa, due romanzi sulla storia della criminalità milanese degli anni Sessanta, Settanta e Ottanta: Milano criminale e Solo il tempo di morire (premio Selezione Bancarella, premio Garfagnana in giallo). I suoi libri sono tradotti in otto paesi tra cui Francia, Spagna, Germania e Stati Uniti. Collabora con quotidiani e riviste ed è autore di soggetti per serie televisive e cortometraggi. È fondatore e direttore del NebbiaGialla Suzzara Noir Festival e del portale MilanoNera.

«Mathieu scrive una storia ambiziosa, mescola alla perfezione stile e argomento, ha aggettivi impeccabili e un lessico mimetico ma anche letterario» tuttolibri – La Stampa Prix Goncourt 2018

La serie di Radeschi 1. La confraternita delle ossa 2. Blue Tango 3. La mano sinistra del diavolo 4. Niente baci alla francese 5. L’uomo della pianura 6. Cartoline dalla fine del mondo 7. Alle porte della notte

isbn 978-88-297-0811-6 uscita nel mese di ottobre brossura al vivo 13 × 20 cm pp. 272 euro 9,50

Dittico della Città rossa ISBN: 1. Milano criminale 2. Solo il tempo di morire

978-88-297-0811-6

copertina non definitiva

Grazia Verasani Quo vadis, baby? Le indagini di Giorgia Cantini | 1 La prima indagine dell’investigatrice tenace e malinconica creata da Grazia Verasani

Giorgia Cantini ha quasi quarant’anni, è single ed è un’investigatrice privata. È una donna complessa, contraddittoria; passa le notti ad ascoltare jazz in diversi locali di Bologna, le piace bere, ma soprattutto è tormentata dal dubbio di aver sprecato la propria vita. Sa che è dura vivere senza rimuovere, cioè accettare l’assenza di chi si ama. Questa volta l’indagine che deve seguire la costringe a scavare nel suo passato. Sarà una scatola da scarpe piena di lettere a cambiare la sua esistenza. Sono le lettere scritte da Ada, la sorella “bella”, partita per la Capitale in cerca di fortuna come attrice e finita suicida sedici anni prima. Giorgia, ancora tormentata dal rimorso di non averla potuta aiutare, decide di riaprire il caso mettendosi alla ricerca dell’amante della sorella, che lei non ha mai conosciuto e che forse era presente nei suoi ultimi istanti di vita. Grazia Verasani (Bologna, 1964) ha esordito giovanissima con alcuni racconti apparsi su il manifesto. Oltre a Quo vadis, baby? – da cui nel 2005 è stato tratto l’omonimo film di Gabriele Salvatores e nel 2008 una serie tv prodotta da Sky – e agli altri libri della serie con protagonista l’investigatrice Giorgia Cantini (l’ultimo dei quali è Come la pioggia sul cellofan, uscito nel 2020 per Marsilio) ha pubblicato L’amore è un bar sempre aperto (Fernandel 1999), Fuck me mon amour (Fernandel 2001), Tracce del tuo passaggio (Fernandel 2002), From Medea (Sironi 2004), da cui nel 2012 è stato realizzato il film Maternity Blues di Fabrizio Cattani, Tutto il freddo che ho preso (Feltrinelli 2008), Vuoto d’aria (Transeuropa 2010), Accordi minori (Gallucci 2013), Mare d’inverno (Giunti 2014), Lettera a Dina (Giunti 2016) e La vita com’è (La nave di Teseo 2017). I suoi libri sono tradotti in vari paesi tra cui Francia, Germania, Portogallo, Stati Uniti, Russia.

Traduzione di Margherita Botto

copertina non definitiva

Milano. Durante un esclusivo party all’interno del palazzo dell’Arengario, sede del museo del Novecento, uno degli invitati viene misteriosamente ucciso sotto il quadro Il quarto stato di Giuseppe Pellizza da Volpedo. Il vicequestore Loris Sebastiani, incaricato delle indagini, capisce subito che in quel delitto qualcosa non torna e che avrà bisogno di aiuto per catturare il misterioso e geniale hacker che si fa chiamare Mamba Nero e tiene in pugno la polizia. Solo una persona può fare al caso suo: il giornalista e hacker Enrico Radeschi. È tempo che rientri in servizio, ovunque si nasconda. Così, dopo otto anni trascorsi da fuggitivo in giro per il mondo, Radeschi viene richiamato a Milano per seguire il complicato caso. Una vera e propria partita a scacchi con Mamba Nero, i cui delitti sempre più efferati sembrano direttamente ispirati da Leonardo da Vinci.

Nicolas Mathieu E i figli dopo di loro

Lorena, agosto 1992. Anthony ha quattordici anni, le spalle larghe e una palpebra semichiusa che gli dà sempre un’aria imbronciata. Stéphanie è la più bella della scuola, ma nella valle dimenticata da Dio in cui è cresciuta l’avvenenza serve a poco. Hacine è un po’ più grande, ama le moto (soprattutto quelle prese agli altri) ed è ormai rassegnato all’idea di deludere il padre, arrivato in Francia dal Marocco sognando l’integrazione. L’estate in cui i tre ragazzi si incontrano è quella del primo bacio, delle prime canne, dei Nirvana nelle orecchie e delle corse in Bmx intorno al lago, della noia che si mescola alla rabbia e al desiderio di fuggire. Ma è anche un’estate torrida, in cui il vento caldo della globalizzazione ha già spazzato via buona parte dei posti di lavoro della regione lasciando le famiglie sul lastrico, impreparate ad affrontare la chiusura delle fabbriche e a immaginare un futuro diverso per sé e i propri figli. Di questo piccolo mondo periferico Nicolas Mathieu racconta dolori e gioie, speranze e miserie, dando forma a un affresco sociale umanissimo e insieme feroce. L’adolescenza di Anthony, Stéphanie e Hacine diventa per lui una lente straordinaria con cui guardare a un’Europa di provincia, alle sue illusioni di benessere bruciate nei falò estivi, alla sua innocenza perduta. Un’Europa che è anche la nostra. Nicolas Mathieu nasce a Épinal, nella regione dei Vosgi, nel 1978 e oggi vive a Nancy. Dopo aver studiato storia e cinema, si è trasferito a Parigi, dove ha svolto i mestieri più disparati, quasi tutti mal retribuiti. E i figli dopo di loro ha vinto il Prix Goncourt nel 2018 ed è stato tradotto in 30 paesi. Come una guerra, la sua opera d’esordio, premiata dalla critica e osannata dai lettori, ha ispirato una serie tv andata in onda su France 3 e verrà pubblicato da Marsilio nel 2020.

«Per scrivere di adolescenza e dei suoi riflessi cangianti serve una sensibilità tagliente e un tono capace di raccontare il battito del cuore, la rabbia e la fragilità: Nicolas Mathieu dimostra di esserne un maestro» Le Monde «La struttura ellittica e frammentata di E i figli dopo di loro rende bene l’idea di un periodo come gli anni Novanta in cui si è intravisto un futuro possibile che non si è realizzato» il venerdì – la Repubblica «Un romanzo bellissimo, che avvince i lettori senza effetti speciali» Il Sole 24 Ore

Le indagini di Giorgia Cantini 1. Quo vadis, baby? 2. Velocemente da nessuna parte 3. Di tutti e di nessuno 4. Cosa sai della notte 5. Senza ragione apparente 6. Come la pioggia sul cellofan

isbn 978-88-297-0755-3 uscita nel mese di ottobre brossura al vivo 13 × 20 cm pp. 192 euro 9,00

ISBN: 978-88-297-0755-3

8

isbn 978-88-297-0815-4 uscita nel mese di ottobre 9

brossura al vivo 13 × 20 cm pp. 480 euro 12,00

ISBN: 978-88-297-0815-4


Tiziana Triana Luna Nera

La saga di Poldark | 5

Libro primo – Le Città Perdute

Traduzione di Maura Parolini e Matteo Curtoni

Tiziana Triana, nata a Tivoli, vive e lavora a Roma. È direttrice editoriale di Fandango Libri. Le Città Perdute è il primo volume della trilogia Luna Nera, pubblicata da Sonzongo, da cui Netflix ha tratto l’omonima serie televisiva. Nel 2020 uscirà, sempre per Sonzogno, Il Libro dei Regni, il secondo volume.

isbn 978-88-297-0820-8 uscita nel mese di ottobre

brossura al vivo 13 × 20 cm pp. 528 euro 13,00

copertina non definitiva

«Noi siamo tempesta, anzi lo siamo sempre state. Dal Seicento di Tiziana Triana fino ai giorni nostri» Michela Murgia

«Trasportati dalla prosa di Graham sulle pericolose e ripide coste della Cornovaglia, abbiamo la sensazione di essere in buone fin dalle prime pagine» Daily Mail

Cornovaglia, 1794. Tra Inghilterra e Francia infuria la guerra, ma gli affari di Ross Poldark finalmente prosperano, e il suo amore per Demelza, passato attraverso prove tanto difficili, sembra ora aver ritrovato la serenità. Tanto più che Elizabeth, la vecchia fiamma di Ross andata in sposa a George Warleggan, ha appena dato alla luce un bambino, nato prematuramente in una notte di eclissi lunare. Intorno a loro, però, le passioni avvampano, e nuovi personaggi entrano in scena. Compare infatti il giovane Drake, fratello di Demelza, affascinante e povero come lei, che suscita l’amore di Morwenna, sorella di Elizabeth, promessa a un ricco reverendo. E intanto Ross dovrà lanciarsi in nuove avventure per salvare l’amico Dwight, fatto prigioniero dai francesi. Ma la vera minaccia alla felicità dei Poldark è un oscuro segreto che sta per essere rivelato e rischia di distruggere ogni cosa. Winston Graham (1908-2003), nato a Manchester e poi trasferitosi a diciassette anni a Perranporth, in Cornovaglia, è stato un prolifico romanziere inglese, noto principalmente per la saga di Poldark, la grande opera della sua vita in dodici volumi, e per il thriller Marnie, portato sul grande schermo da Alfred Hitchcock. La luna nera è il quinto episodio della sua fortunata serie storica ambientata tra il 1783 e il 1820. La saga di Poldark ha avuto anche due adattamenti televisivi di straordinario successo prodotti dalla Bbc: il primo nel 1975, e poi nel 2015. In Italia, la serie va in onda su laeffe.

La saga di Poldark 1. Ross Poldark 2. Demelza 3. Jeremy Poldark 4. Warleggan 5. La luna nera 6. I quattro cigni 7. La furia della marea 8. Lo straniero venuto dal mare 9. La danza del mulino

isbn 978-88-297-0819-2 uscita nel mese di ottobre brossura al vivo 13 × 20 cm pp. 496 euro 12,00

ISBN: 978-88-297-0819-2

Anne Lise Marstrand-Jørgensen La sognatrice

copertina non definitiva

Italia, campagna laziale, Diciassettesimo secolo. La giovane Adelaide (Ade), sedici anni, corre e tiene per mano suo fratello Valente, che è ancora un bambino. Deve fuggire da Torre Rossa e dalla casa in cui è cresciuta, perché l’accusa che le pende sulla testa porta dritta al rogo: stregoneria. Nel folto del bosco si nasconde un gruppo di donne che si sussurra pratichino la magia nera. Nessuno sa chi siano né da dove vengano; reclutano e proteggono ragazze come Ade, che la comunità ha messo al bando. È qui – in un mondo di sole donne, ciascuna delle quali ha una misteriosa avventura alle spalle e porta il nome di un’antica città scomparsa – che Ade e il suo fratellino trovano rifugio: saranno iniziati alle arti del gruppo e ai loro segreti rituali, nell’attesa, trepida e inquieta, che si compia la grande Profezia. A questa comunità femminile in odore di stregoneria danno una caccia spietata i Benandanti, una congrega di uomini forti con un solo nemico, le streghe, e un potente sostenitore, la Chiesa cattolica; credono che quelle donne nei boschi siano una terribile minaccia, e sono decisi a sterminarle. Tutti, meno uno: Pietro, il figlio del capo dei Benandanti, che non crede alle superstizioni e, soprattutto, si è innamorato di Ade dal primo momento in cui l’ha vista. Quando scoppierà la battaglia finale tra questi nemici giurati, si scoprirà quanto labile sia il confine tra realtà e magia, tra falsità e conoscenza, e perfino tra maschile e femminile. E quanto, nella vita, l’incantesimo più difficile di tutti resti ancora quello di crescere.

copertina non definitiva

Winston Graham La luna nera

Storia vera di Ildegarda di Bingen Traduzione di Ingrid Basso e Bruno Berni

«Luna Nera ci aiuta a ricordare quel che abbiamo dimenticato. Si legge d’un fiato» Loredana Lipperini

Un animo poetico, una mente anticonformista e una fede d’acciaio: il racconto senza tempo di una donna straordinaria

«Una storia piena di magia in un mondo dominato dal male della superstizione e della misoginia» Robinson – la Repubblica

Ildegarda, monaca autorevole e ammirata, è stata condotta nel monastero benedettino di Disibodenberg dalla sua inquieta giovinezza, durante la quale aveva abbandonato la nobile famiglia d’origine per seguire la propria missione. Neanche questa, tuttavia, potrà essere la sua dimora: una visione le appare, esortandola a partire e a fondare una nuova comunità religiosa, in un luogo remoto e isolato. È la chiamata divina, che la sprofonda nell’angoscia, ma alla fine la voce interiore sarà più forte di tutte le troppo umane esitazioni. Ildegarda dovrà assumere il ruolo del costruttore, dello stratega, del capo per le sue sorelle, e dovrà affrontare prove durissime per realizzare la propria missione di mistica, teologa anticonformista e, soprattutto, donna di Dio. Questa storia romanzata di Ildegarda riporta in vita una personalità leggendaria che ancora oggi seduce per la sensibilità artistica, le scoperte pionieristiche nel campo della medicina alternativa, la forza d’animo con cui seppe far coesistere dentro di sé la propria femminilità e la propria vocazione.

Luna Nera 1. Le Città Perdute 2. Il Libro dei Regni

ISBN: 978-88-297-0820-8

10

Anne Lise Marstrand-Jørgensen, nata in Danimarca nel 1971, è autrice di cinque romanzi e quattro raccolte di poesie. Oltre a La sognatrice, con Sonzogno ha pubblicato La guaritrice (2009), La doppia vita dei coniugi Horn (2013) e L’imperatrice del deserto (2016). Come il primo romanzo dell’autrice, anche La sognatrice ha vinto il prestigioso premio letterario scandinavo Weekendavisen ed è stato nominato “libro dell’anno” in Danimarca nel 2010. 11

isbn 978-88-297-0821-5 uscita nel mese di ottobre brossura al vivo 13 × 20 cm pp. 544 euro 13,00 ISBN: 978-88-297-0821-5


«Signore delle lacrime è uno tra i testi più significativi nella recente letteratura italiana» La Stampa

Antonio Franchini è nato a Napoli nel 1958. Ha esordito nel 1992 con Camerati. Quattro novelle sul diventare grandi (Leonardo). Per Marsilio ha pubblicato anche Quando vi ucciderete, maestro? (1996, 2019), Acqua, sudore, ghiaccio (1998, 2003), L’abusivo (2001, 2019), Cronaca della fine (2003, 2019) e Memorie di un venditore di libri (2011). Pratica da anni diverse arti marziali.

Il racconto dell’esilio e della permanenza in terra straniera della scrittrice premio Nobel 2009

Herta Müller è nata nel 1953 a Nitzkydorf nella regione del Banato svevo, passato alla Romania dopo la Seconda guerra mondiale. Dopo gli studi nell’Università di Timişoara ha lavorato come traduttrice e poi insegnante ed è stata membro attivo del gruppo “Aktionsgruppe Banat”. Nel 1987 è emigrata nella Repubblica federale tedesca e da allora vive a Berlino come libera scrittrice. La sua raccolta di racconti Niederungen (in edizione parziale Bucarest 1982, Berlino 1984) è stata tradotta in italiano nel 1987 con il titolo Bassure, poi ripubblicata da Feltrinelli nel 2013. Tra le sue opere principali citiamo Il paese delle prugne verdi (Keller 2008) e L’altalena del respiro (Feltrinelli 2010), nel quale l’autrice ritorna alle tematiche della minoranza tedesca nel Banato.

ISBN: 978-88-297-0817-8

copertina non definitiva

«Con A cercar la bella morte, Carlo Mazzantini ha rotto un silenzio torbido e turbato intorno a un’esperienza di vita che molti giovani fecero scegliendo la fedeltà assoluta all’ideale fascista» la Repubblica

In questa opera autobiografica, Carlo Mazzantini racconta la sua esperienza di giovane “ragazzo di Salò”. A diciotto anni, dopo l’armistizio dell’8 settembre, Mazzantini scappa da casa per andare al fronte a combattere. Unitosi ai superstiti di un battaglione di Camicie nere conoscerà sui monti della Valsesia e della Val d’Ossola gli orrori, le lacerazioni e le contraddizioni della guerra civile. Giulio Nascimbeni di questo libro ha scritto: «È la storia di uno dei tanti che dopo l’8 settembre scelsero di stare dalla parte dei tedeschi e dei repubblichini. Sognavano di combattere in prima linea contro gli angloamericani che risalivano lentamente l’Italia; quasi tutti andarono invece a rastrellare partigiani e renitenti alla leva nelle valli del Settentrione.» stizio dell’8 settembre 1943 si è unito ai superstiti di un battaglione di Camicie nere e ha combattuto in Valsesia. Catturato, ha rischiato la fucilazione ma è stato poi liberato. Ha vissuto a lungo all’estero insegnando nel liceo di Tangeri e all’università irlandese di Galway. Oltre ad A cercar la bella morte, con Marsilio ha pubblicato anche I balilla andarono a Salò (1997), Ognuno ha tanta storia (2000), Restano le nuvole (2001), Amor ch’al cor gentil (2002), L’ultimo repubblichino (2005) e L’italiano di Tangeri (2011).

Herta Müller scrive questo romanzo per tanti aspetti autobiografico subito dopo il proprio passaggio dalla Romania alla Germania ovest nel 1987 e viene pubblicato due anni dopo, alla vigilia della caduta del Muro di Berlino. Si tratta di una delle prime e più forti testimonianze della difficoltà di vivere quel passaggio, che racconta l’esperienza di fuga da una dittatura e il travaglio di un esilio volontario, tanto cercato quanto doloroso e traumatico; della nostalgia e della perdita, della vita nomadica, di una coazione al movimento attraverso stazioni grandi e piccole, su treni, sale d’aspetto e altri non-luoghi. Con uno stile secco e tagliente, senza tentazioni sentimentali, e con una lingua alla quale resterà fedele negli anni, Herta Müller fissa in maniera quasi ossessiva gli oggetti e i gesti minimi di una vita tra confini e non-luoghi, e racconta gli amori, le inibizioni e i ricordi di una giovane donna, il suo disagio di fronte a nuove relazioni umane.

isbn 978-88-297-0817-8 uscita nel mese di ottobre brossura al vivo 13 × 20 cm pp. 128 euro 8,00

Carlo Mazzantini A cercar la bella morte

Carlo Mazzantini è nato a Roma nel 1925 ed è morto a Tivoli nel 2006. Dopo l’armi-

Traduzione di Lidia Castellani

isbn 978-88-297-0814-7 uscita nel mese di ottobre brossura al vivo 13 × 20 cm pp. 320 euro 10,00

ISBN: 978-88-297-0816-1

Giacomo Gardumi La notte eterna del coniglio Un allucinato e terrorizzante thriller-horror nel solco di Stephen King. Un romanzo che è diventato un cult tra gli appassionati del genere

Un’inaspettata apocalisse nucleare spazza via la razza umana e trasforma la Terra in un pianeta morto. Quattro piccoli nuclei familiari di San Francisco sopravvivono sigillati dentro altrettanti minirifugi antiatomici scavati nel prato dietro casa. Completamente isolati gli uni dagli altri, i superstiti possono comunicare tra loro in video grazie a un trasmettitore satellitare e per una manciata di giorni sembra che la vita possa continuare quasi normalmente. All’improvviso, però, gli occupanti di uno dei rifugi cominciano a udire degli strani rumori, dei colpi battuti contro la pesante porta blindata che li separa dall’esterno, come se qualcuno stesse «bussando» per poter entrare, nonostante la telecamera con cui scrutano la superficie riveli loro che nessuno si è mai avvicinato. Nel volgere di poche ore gli avvenimenti misteriosi si moltiplicano, finché un inimmaginabile «coniglio» rosa penetra nel rifugio e compie un orrendo massacro. Giacomo Gardumi è nato a Milano nel 1969. Dopo aver trascorso l’adolescenza a Roma ha studiato lingue orientali. Sposato con due figli, vive attualmente a Shanghai. Con Marsilio ha pubblicato anche L’eredità di Bric (2005). Da La notte eterna del coniglio è stato realizzato un film coprodotto da Rai Cinema per la regia di Valerio Boserman.

ISBN: 978-88-297-0814-7

12

isbn 978-88-297-0816-1 uscita nel mese di ottobre brossura al vivo 13 × 20 cm pp. 176 euro 9,00

copertina non definitiva

“Signore delle lacrime” è uno degli appellativi di Śiva, la potente divinità che con Brahmā e Visnu forma il pantheon induista. Brahmā, il creatore dell’universo, è poco più di un principio primo, mentre le ragioni della devozione per Visnu, colui che preserva il mondo, appaiono intuibili. Meno, si direbbe, quelle che spingono a venerare Śiva, il distruttore. Ma dalla distruzione scaturisce la rigenerazione, e allora Śiva, dalle sue antichissime rappresentazioni terrificanti, con il passare del tempo si è trasformato in un dio della rinascita. Attorno a questa suggestione spirituale si coagulano i temi di un racconto che mescola narrazione, memoria, riflessione sulla letteratura e gli dèi e la ragione prima del fascino di Śiva risiede in una ambiguità profonda: allo stesso tempo distruttore e rigeneratore, dio dell’ascetismo e della rinuncia possiede. Il libro di Franchini non è, però, un saggio su Śiva e tanto meno il resoconto di un viaggio in India ma una meditazione sulla morte e un apparente bilancio sulla vita che ogni uomo, giunto a un certo punto dell’esistenza, sente di dover fare, senza pretendere di riuscirci davvero ma lasciandosi attraversare da suggestioni, impressioni, letture, brividi di ricordi o di premonizioni, immagini di luoghi infestati da ogni forma di falsità e tuttavia impregnati di sacro in ogni più intima fibra.

Herta Müller In viaggio su una gamba sola

copertina non definitiva

copertina non definitiva

Antonio Franchini Signore delle lacrime

isbn 978-88-297-0813-0 uscita nel mese di ottobre brossura al vivo 13 × 20 cm pp. 432 euro 12,00 ISBN: 978-88-297-0813-0

13


Alessandra Necci Caterina de’ Medici

Erika Fatland La frontiera

Un’italiana alla conquista della Francia

Viaggio intorno alla Russia

Traduzione di Sara Culeddu, Elena Putignano e Alessandra Scali

Finalista al Premio Terzani 2020

Erede della cultura rinascimentale italiana, Caterina de’ Medici è una donna innamorata del bello e allo stesso tempo a suo agio con le dinamiche di costruzione del potere, che ha segnato profondamente la vita e le sorti della nuova patria. Tra luci e ombre, Alessandra Necci compone un ritratto inedito di una geniale mente politica, che sembra incarnare il Principe al femminile, capace di trovare un equilibrio tra Fortuna e Virtù, maestra nel valorizzare le caratteristiche della terra d’origine, una Firenze al massimo del suo splendore, e le opportunità offerte da quella d’adozione, la Francia dei Valois. Attraverso le vicende personali di una vita lunghissima e travagliata e i mille intrighi dinastici che la contraddistinsero, lo stile inconfondibile e l’abilità narrativa di Alessandra Necci fanno rivivere il clima di un’intera epoca. Alessandra Necci è nata a Roma. Professore universitario e avvocato, dopo la laurea in Giurisprudenza alla Sapienza di Roma, si è specializzata alla facoltà di Sciences Politiques a Parigi. Con Marsilio ha pubblicato Il prigioniero degli Asburgo (2011, 2020 edizione tascabile UE), Re Sole e lo Scoiattolo (2013, 2020 edizione tascabile UE, Premio Fiuggi 2013), Il Diavolo zoppo e il suo Compare (2015, finalista Premio Acqui Storia) e Isabella e Lucrezia, le due cognate (2017, 2019 edizione tascabile UE, Premio Boccaccio 2018).

«Necci padroneggia l’arte della biografia e ha una predilezione per i personaggi machiavellici» Il Venerdì di Repubblica «Alessandra Necci ci restituisce una protagonista della scena internazionale del Cinquecento indagando la complessa psicologia di una donna di potere» Il Foglio

isbn 978-88-297-0825-3 uscita nel mese di ottobre

brossura al vivo 13 × 20 cm pp. 400 euro 12,00

Dall’autrice di Sovietistan, un incredibile viaggio, per mare e per terra, dalla Corea del Nord alla Norvegia, lungo i confini della Russia

copertina non definitiva

copertina non definitiva

Chi fu realmente la figlia di Lorenzo il Magnifico, madre di ben tre sovrani di Francia, prima a concretizzare le intuizioni di Machiavelli? Fra tattiche e strategia, l’appassionante ritratto di una protagonista della storia politica europea

ISBN: 978-88-297-0825-3

14

Cosa significa essere il vicino della più grande nazione del mondo? Da sempre attratta dalla cultura e dall’anima russe, Erika Fatland ha dedicato anni a cercare di capire quella terra smisuratamente vasta. Dopo aver sognato di camminare su una grande carta geografica, muovendosi lungo il sinuoso confine russo, decide di tentare un nuovo approccio: è possibile capire un paese e un popolo osservandoli dall’esterno? Comincia così la pianificazione di un itinerario favoloso che abbraccia l’intera superficie di uno dei giganti della politica mondiale. Partendo da Pyongyang e spostandosi verso ovest a bordo dei mezzi più disparati – aerei a turboelica, treni, cavalli, traghetti, autobus e persino renne e kayak –, l’autrice percorre l’interminabile linea di confine tra la Russia e i paesi vicini. Dall’Oriente all’Asia centrale, e poi attraverso il mar Caspio fino al Caucaso. E ancora, al di là del mar Nero, l’Ucraina divisa dalla guerra, e poi l’Est dell’Europa e i Paesi baltici, fino all’estremo Nord e a Murmansk. Per 259 giorni, Erika Fatland ha raccolto testimonianze e immagini, componendo un ritratto affascinante e vivido di paesaggi, culture, società e stati le cui differenze sbiadiscono di fronte all’unico elemento che li accomuna: l’essere confinanti della Russia. E le storie, ora pittoresche, ora tragiche, spesso incredibili, che le persone incontrate durante il cammino tra due continenti raccontano, trovano tutte una spiegazione in questa fondamentale condizione geopolitica. Scrittrice e antropologa, Erika Fatland (1983) vive a Oslo. Nominata nel 2015 tra i migliori autori norvegesi under 35, ha vinto il premio per la migliore non-fiction dell’anno, e nel 2016 Literary Europe Live l’ha selezionata tra le 10 voci emergenti più interessanti d’Europa. Collabora con diverse testate, e si è imposta sulla scena internazionale con Sovietistan, tradotto con successo in 13 paesi (Marsilio 2016, ora disponibile in edizione tascabile UE).

isbn 978-88-297-0826-0 uscita nel mese di novembre 15

brossura al vivo 13 × 20 cm pp. 672 euro 14,00

«Vibra una passione intensa per la Russia, un “mondo a sé”, la sua lingua e quel patrimonio unico di meraviglie e di orrori che ne costituiscono la storia secolare» tuttolibri – La Stampa «Un libro fantastico, un mix riuscitissimo tra diario di viaggio, storia e antropologia sociale» Nordjyske

ISBN: 978-88-297-0826-0


Philipp Blom La grande frattura

Massimo Fini La Ragione aveva Torto?

L’Europa tra le due guerre (1918-1938) Traduzione di Francesco Peri

Alla fine del 1918, a guerra appena conclusa, non tutti avrebbero scommesso che l’Europa sarebbe stata capace di rialzarsi. Lo scontro più sanguinoso della storia aveva cancellato dalla cartina imperi, religioni e culture secolari, lasciandosi alle spalle milioni di morti. Ma proprio quando i valori del passato sembravano seppelliti tra gli orrori delle trincee, in Occidente si assistette a un’ondata di edonismo e a un desiderio di riscatto mai visti. Per Philipp Blom, dal 1918 al 1938 il conflitto non si estinse, ma la sua energia venne impiegata in altri ambiti, dando vita a un periodo eccezionale, in cui disillusione, brama di rivincita e completa fiducia in un futuro rivoluzionario convivevano, dove apparivano i primi racconti di Hemingway, le opere dei Surrealisti e Il tramonto dell’Occidente di Oswald Spengler, e al cinema si proiettava Metropolis di Fritz Lang, mentre per le piazze risuonavano marce e slogan che di lì a poco avrebbero condotto al potere nuovi, terrificanti regimi. In questa storia culturale Blom, concentrandosi su alcuni eventi chiave, racconta un’epoca piena di contraddizioni, in cui il lettore non potrà fare a meno di ritrovare alcune somiglianze con il tempo presente. Philipp Blom (Amburgo, 1970) ha studiato filosofia, storia moderna e cultura ebraica a Vienna e a Oxford. Storico, giornalista, autore e traduttore, scrive per riviste e quotidiani europei e americani, tra cui «Financial Times», «The Independent» e «The Guardian». I suoi libri sono tradotti in tutto il mondo e gli sono valsi numerosi riconoscimenti. Per Marsilio ha pubblicato Il primo inverno. La piccola era glaciale e l’inizio della modernità europea (2018, 2019 edizione tascabile UE) e Un viaggio italiano. Storia di una passione nell’Europa del Settecento (2020).

isbn 978-88-297-0824-6 uscita nel mese di ottobre

brossura al vivo 13 × 20 cm pp. 576 euro 13,00

«Blom è un maestro della divulgazione storica, con grande gusto per le atmosfere e capacità di trovare punti di vista, dettagli e collegamenti sempre originali» The Telegraph

Un sarcastico e documentato pamphlet contro l’Illuminismo

copertina non definitiva

copertina non definitiva

Tra utopie rivoluzionarie, innovazioni artistiche e personaggi straordinari, il periodo più nero e fecondo insieme del Secolo breve nel racconto di un grande storico della modernità. Da D’Annunzio sul Carnaro a Marlene Dietrich, dalla Grande depressione a Guernica di Picasso, cultura, politica e cronaca nel ventennio tra le due guerre

Pubblicato per la prima volta nel 1985, La Ragione aveva Torto? è, a suo modo, un libro profetico. Sottoponendo a una critica radicale la società uscita dalla Rivoluzione industriale e sostenendo, con un raffronto serrato col passato, che l’uomo occidentale si è creato un mondo ancora più invivibile di quello da cui, con l’ottuso e pericoloso ottimismo di Candide, aveva voluto sfuggire, l’autore avanza dubbi che, un tempo negati e rimossi, sono oggi penetrati profondamente nella pelle della gente. Opera fondante nel suo pensiero, La Ragione aveva Torto? è alla radice dei suoi saggi successivi, in cui Fini demolisce tutti i capisaldi della nostra società: la democrazia, l’economia, la tecnologia, la pretesa totalitaria dell’Occidente di ergersi a “cultura superiore”. Massimo Fini è un Premio Montanelli alla carriera. Per Marsilio ha pubblicato La Ragione aveva Torto? (1985, 20147), Elogio della guerra (1989, 20116), Il denaro. «Sterco del demonio» (1998, 20125), Il vizio oscuro dell’Occidente. Manifesto dell’Antimodernità e Sudditi. Manifesto contro la Democrazia (2002 e 20066; 20043; nuova edizione tascabile in un unico volume 2012), Il Ribelle. Dalla A alla Z (2006, 20142) – i sei volumi sono raccolti in La modernità di un antimoderno. Tutto il pensiero di un ribelle (2016, 20172) –, Il Conformista (1990, 20113), Il Dio Thoth (2009), Il Mullah Omar (20113), Nerone. Duemila anni di calunnie (1993, 201315), Nietzsche. L’apolide dell’esistenza (2002, 2009, 20145), Catilina. Ritratto di un uomo in rivolta (1996, 201610), Confesso che ho vissuto (2018) – in cui sono raccolti Di[zion]ario erotico. Manuale contro la donna a favore della femmina (2000, 2014³), Ragazzo. Storia di una vecchiaia (2008, 2012), Una vita. Un libro per tutti. O per nessuno (2015³) –, Storia reazionaria del calcio (con Giancarlo Padovan, 2019).

«Blom ripercorre con acume e anticonformismo gli anni che separano le due guerre mondiali in tutto il mondo occidentale» Avvenire

ISBN: 978-88-297-0824-6

16

isbn 978-88-297-0818-5 uscita nel mese di ottobre 17

brossura al vivo 13 × 20 cm pp. 192 euro 9,00

ISBN: 978-88-297-0818-5


Carlo Gozzi. Le opere | a cura di Nadia Palazzo | introduzione di Paolo Bosisio

L’immaginario di Matteo Garrone è contraddistinto da una fondamentale fluidità in cui tutto si tiene e si mescola: la ricerca della suggestione pittorica con “l’estetica del brutto”; l’aspirazione verso la purezza morale con la più sordida abiezione; l’energia primigenia della fanciullezza con lo scetticismo cinico dell’età adulta. A dare originalità espressiva a questa serie di articolazioni dialettiche è uno stile che, partendo dal dato fenomenologico colto nella sua più solida matericità, produce invenzioni visive sempre originali. Ne deriva una produzione filmica in cui realismo e surrealismo, approccio documentaristico e costruzione fantastica, naturalismo e trasfigurazione grottesca si tengono insieme in una perturbante quanto personale visione del mondo.

La scelta del soggetto da parte di Gozzi si inquadra, certamente, nella straordinaria fioritura della letteratura esotica nel teatro veneziano. Eppure, non vi è dubbio intorno al fatto che la stesura dell’opera sia scaturita, primariamente, dalla necessità di Gozzi di difendersi dagli attacchi che i suoi avversari avevano rivolto alle prime produzioni fiabesche, nell’intento di dimostrare i propri meriti come autentico drammaturgo, affrancato dal ruolo quasi ancillare consapevolmente svolto nei confronti della Commedia dell’Arte. Mosso, dunque, da motivazioni polemiche e dall’intenzione di sperimentare strade nuove per la sua ancor giovane drammaturgia, Gozzi imprime con Turandot, quarta fra le sue fiabe, una svolta al corso della propria esperienza di scrittore per il teatro. Adottato a Venezia

Il fascino arcano della fiaba di Turandot nel nuovo volume dell’edizione nazionale delle opere di Carlo Gozzi

978-88-297-0787-4 uscita nel mese di novembre brossura con alette, 12 × 18,2 cm ISBN: 978-88-297-0787-4 pp. 448, euro 33,00

Enrico Cerni, Giuseppe Zollo Ulisse, parola di leader CUOA Business School

Il mito di Ulisse specchio della società del xxi secolo: una rilettura dell’Odissea in chiave di leadership

Elementi

Piermario Vescovo L’incerto fine

La peste, la legge, il teatro 978-88-297-0869-7 uscita nel mese di ottobre brossura, 14,5 × 21 cm ISBN: 978-88-297-0869-7 pp. 192, euro 18,00

Boccaccio, Shakespeare e Pirandello al centro di una preziosa monografia sulla commedia

978-88-297-0791-1 uscita nel mese di ottobre brossura, 13,5 × 18,5 cm pp. 224, euro 13,00

Saggi

ISBN: 978-88-297-0791-1

La prospettiva di partenza muove da una riflessione sulla radice etimologica che accomuna il fatum alla fabula, a cui fanno specifico riferimento le poetiche mediolatine, le compilazioni, i commenti. Boccaccio e il rapporto tra «orrido cominciamento» e «fine lieta» caratterizzante la struttura del Decameron, ma anche una sua connessione – da Tito Livio a Sant’Agostino – che pone l’invenzione del teatro, dei ludi scenici, in rapporto al culto idolatrico, quale tentativo di scongiurare la peste. Lo Shakespeare “italiano” e in particolare l’ispirazione allo stesso Boccaccio, nel rapporto tra legge tragica e una “giurisprudenza comica”, che si oppone all’orizzonte della vita condannata. E con essi altre storie e vicende, fino al contrapposto ritorno dell’inderogabilità del finale tragico nella finzione della scrittura “a soggetto” di Pirandello.

Ricerca e progettazione territoriale per la mitigazione del rischio idraulico a cura di Lucia Masotti

Adottato a Venezia

L’evoluzione delle regioni del Padovano in seguito all’alluvione del Veneto del 2010

Gaetano Antonio Gualtieri Fra Estetica, Diritto ed esaltazione della virtù

Se è vero che l’acqua che scorre torna sul proprio cammino, la conoscenza delle divagazioni degli alvei, delle progettualità e degli interventi idraulici, delle logiche e necessità che guidarono le scelte di comunità, governi e proprietari è fondamentale non solo per gli studi accademici ma anche per la costruzione di una relazione sostenibile con il territorio e con le trasformazioni da cui è oggi investito. Il secondo volume delle Acque di Terraferma presenta gli esiti scientifici prodotti dalla collaborazione tra Regione Veneto e Università di Verona conseguente all’alluvione del 2010, e informa il lettore sullo stato della progettazione e delle opere previste dalla pianificazione regionale per la mitigazione del rischio. Adottato a Verona

978-88-297-0661-7 uscita nel mese di ottobre brossura con alette, 17 × 24 cm ISBN: 978-88-297-0661-7 pp. 152, euro 20,00

Le formazioni autonome nella Resistenza italiana

Il poliedrico pensiero di Gianvincenzo Gravina in un’esaustiva monografia

ISBN: 978-88-297-0788-1

Il volume propone spunti di riflessione a chi oggi ha il compito di portare a termine progetti in team o di guidare persone che lavorano in singoli uffici, grandi dipartimenti o intere organizzazioni. L’Ulisse descritto in questo testo si rivolge a chi affronta le sfide quotidiane in contesti complessi, proponendo chiavi di lettura e punti di vista originali per interpretare la contemporaneità. Il viaggio di Ulisse viene utilizzato come metafora della società odierna: l’eroe greco diventa così un leader capace di interpretare la realtà avvalendosi del suo pensiero multiforme; il figlio, Telemaco, rappresenta la seconda generazione che fatica a prendere il posto dei genitori e a costruire nuove visioni del mondo; Laerte, il vecchio padre, è la raffigurazione dell’ordine costituito, stanco e vulnerabile.

Acque di Terraferma: il Padovano

Dialoghi, discorsi, trattati nella speculazione di Gianvincenzo Gravina

978-88-297-0788-1 uscita nel mese di novembre brossura, 14,5 × 21 cm pp. 304, euro 26,00

Ricerche

Adottato a Roma

ISBN: 978-88-297-0790-4

a cura di Tommaso Piffer

Il libro ripercorre alcune fra le tappe fondamentali del pensiero di Gianvincenzo Gravina, inquadrandole all’interno dei generi letterari maggiormente praticati dall’autore calabrese. In questo modo, emerge un intreccio fra temi culturali e generi letterari attestante la capacità di Gravina di padroneggiare vari aspetti della cultura del suo tempo. Lo sfondo culturale, politico e sociale del periodo compreso fra la fine del Seicento e i primi anni del Settecento, con la sua complessità, traspare dai dialoghi e dai trattati del pensatore, per il quale si fa strada l’esigenza di tornare ai valori della tradizione classica e di recuperare le virtù tipiche della letteratura antica per promuovere un rinnovamento culturale, politico e civile della società.

30

Ricerche

978-88-297-0790-4 uscita nel mese di novembre brossura, 13,5 × 18,5 cm pp. 192, euro 12,50

Un’analisi dei capolavori di uno dei registi italiani del nuovo millennio dalla firma più riconoscibile

Letteratura universale

Carlo Gozzi Turandot

Sequenze d’autore | a cura di Christian Uva

Il fondamentale ruolo della resistenza autonoma nella storia della guerra di liberazione

978-88-297-0041-7 uscita nel mese di ottobre brossura, 14,5 × 21 cm ISBN: 978-88-297-0041-7 pp. 304, euro 25,00

31

A lungo ignorata dalla storiografia, la resistenza “autonoma” rappresentò una componente significativa del fronte resistenziale dal punto di vista numerico, militare e politico. Formazioni come l’Osoppo, le Fiamme Verdi o il primo gruppo divisioni alpine di Enrico Martini Mauri inquadrarono migliaia di uomini, che spesso portarono in dote l’esperienza militare acquisita nel Regio esercito. Fu grazie a persone come Alfredo Pizzoni, Edgardo Sogno e Raffaele Cadorna che il clnai poté garantirsi la fiducia degli alleati occidentali. Saggi di Marco Andreuzzi, Danilo Aprigliano, Alfredo Canavero, Eugenio Capozzi, Giampaolo del Luca, Ernesto Galli della Loggia, Rossella Pace, Marco Patricelli, Paolo Pezzino, Tommaso Piffer, Roberto Tagliani, Francesco Tessarolo, Roberto Tirelli, Fabio Verardo.

Ricerche

Elementi

Matteo Garrone


Ricerche

L’Arsenale di Venezia

Da grande complesso industriale a risorsa patrimoniale a cura di Paola Lanaro e Christophe Austruy

La lunga storia dell’Arsenale di Venezia: la riconversione dell’antica fabbrica navale

978-88-297-0793-5 uscita nel mese di ottobre brossura, 14,5 × 21 cm ISBN: 978-88-297-0793-5 pp. 224, euro 20,00

Il volume raccoglie saggi di vari studiosi italiani e francesi dedicati all’Arsenale di Venezia, sia per la sua ricca storia urbana, sia come importante testimonianza della storia del lavoro, ricostruito nella dimensione maschile e femminile e in un approccio di lunga durata. I contributi affrontano anche il tema della eventuale transizione di un luogo di lavoro tra i più pregni di storia verso una destinazione che ne esalti il contenuto patrimoniale. Saggi di Marie-Morgane Abiven, Christophe Austruy, Maurice Aymard, Martina Buran, David Celetti, Giovanni Favero, Paola Lanaro, Filippo Paladini, Guido Zucconi. Adottato a Venezia

Ricerche

Marcello Mascherini Teatro

a cura di Paolo Quazzolo

Un’accurata trattazione sull’attività teatrale del celebre scultore

978-88-297-0795-9 uscita nel mese di novembre brossura con alette, 17 × 24 cm ISBN: 978-88-297-0795-9 pp. 208, euro 24,00

I saggi raccolti in questo volume, firmati da illustri docenti e studiosi, tracciano una panoramica degli ambienti culturali in area triestina e giuliana dagli anni quaranta agli anni settanta del Novecento e ripercorrono l’attività teatrale di Mascherini dagli esordi presso il Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia fino agli ultimi allestimenti per il Teatro dell’Opera di Roma, passando attraverso l’attività dell’associazione culturale triestina La Cantina, ove l’artista allestì alcune prime assolute nazionali di opere di Beckett. I contributi contestualizzano poi l’attività di Mascherini all’interno del vivace panorama artistico della Trieste del secondo dopoguerra e indagano la sua produzione scenografica alla luce delle sue opere scultoree e delle suggestioni artistiche a lui contemporanee.

Riviste

Rivoluzioni incompiute Oasis n. 31

Il mondo arabo alla ricerca di un nuovo ordine politico

978-88-297-0798-0 uscita nel mese di novembre brossura con alette, 17 × 24 cm ISBN: 978-88-297-0798-0 pp. 160, euro 15,00

L’entusiasmo suscitato dai sollevamenti arabi del 2010-2011 ha presto lasciato il posto allo sconforto per le guerre, i conflitti settari e le derive autoritarie che nell’ultimo decennio hanno sconvolto il Nord Africa e il Medio Oriente. In realtà, le manifestazioni scoppiate nel 2019 in Algeria, in Sudan, in Libano e in Iraq hanno dimostrato che il ciclo storico aperto in Tunisia dalla fine del regime di Ben Ali non è chiuso. Per interpretare questo processo non basta tuttavia concentrarsi ancora una volta sui movimenti di protesta e sui loro effetti immediati. Questo volume indaga i nodi, dal petrolio al ruolo dell’Islam, che devono essere sciolti per giungere davvero a quel cambiamento invocato dalle piazze e richiesto dalla realtà delle cose.

I giorni

Maurizio Sacconi Volevo solo una girandola Racconti brevi di vita pubblica

Una raccolta di racconti inediti e personali sulla vita politica di Maurizio Sacconi

978-88-297-0797-3 uscita nel mese di ottobre brossura, 12 × 18,2 cm ISBN: 978-88-297-0797-3 pp. 128, euro 10,00

I ricordi racchiusi in questo volume abbracciano la vita intera di Maurizio Sacconi, dagli anni in cui maturarono le sue scelte fino alla conclusione della sua lunga carriera politica. Sono ordinati secondo criteri narrativi e formativi insieme: la passione, la paura, l’impopolarità delle decisioni, le visioni del futuro, la crisi dell’economia, i traumi della democrazia, la politica e la morte. Lo scopo dichiarato è incuriosire e incoraggiare coloro che, dopo un evento straordinario come la pandemia, vogliono cimentarsi con l’impegno civile e politico come i molti che lo fecero dopo la guerra. Per ricostruire una nazione piegata ma ancora in grado di rialzarsi. 32


la collana delle meraviglie

comics.feltrinellieditore.it


Fumettibrutti Anestesia IL LIBRO

Le serate a lavorare nei night, un amore folle e inaspettato, un viaggio doloroso per conquistare il proprio nucleo vitale più autentico e luminoso. Dopo Romanzo esplicito  e  La mia adolescenza trans, l’autrice rivelazione, vincitrice dei più importanti riconoscimenti del settore (come i premi a Lucca Comics e a Napoli Comicon), torna a raccontare se stessa, mettendosi a nudo con una sincerità che disarma e colpisce.

l'autrice Nata a Catania nel 1991, Josephine Yole Signorelli, in arte Fumettibrutti, è il nuovo grande fenomeno del fumetto italiano. Con testi e disegni diretti, duri e spiazzanti sta raccontando la realtà e i sogni, spesso disillusi, della sua generazione. Romanzo esplicito (Feltrinelli Comics 2018) è stato il suo esordio editoriale. È  seguita una storia sull’antologia  Post Pink  (Feltrinelli Comics, 2019). Ancora per Feltrinelli Comics,  Fumettibrutti ha firmato P. La mia adolescenza trans (2019) e, come curatrice, l’antologia Sporchi e subito (2020).

ISBN 978-88-07-55060-7

9 788807 550607

pag 144 euro 16,00 formato 16 x 24 cm isbn 978-88-07-55060-7 In libreria ottobre 2020

La graphic novel che conclude la trilogia di successi iniziata con Romanzo esplicito e proseguita con P. La mia adolescenza trans. Un libro attesissimo, destinato a diventare un evento, dentro e fuori i confini del fumetto. Josephine Yole Signorelli è una figura di riferimento per la sua generazione, con un enorme seguito in rete. Una storia basata su vicende reali, che tocca temi attualissimi. Un'indagine introspettiva che assume un valore universale, raccontando l'importanza di difendere le proprie scelte e la propria identità.


Daniele Caluri, Emiliano Pagani

L'origine del Male e altre storie IL LIBRO

Ritorna il dissacrante e irresistibile Don Zauker, l’esorcista creato dal genio dei “Paguri”, il vulcanico duo di fumettisti costituito da Emiliano Pagani e Daniele Caluri, che con questo libro proseguono la saga del loro personaggio e, allo stesso tempo, ne recuperano le radici. Una parte del libro è infatti costituita da una nuova storia, realizzata appositamente, e da materiale inedito, mentre il resto raccoglie una serie di episodi originariamente pubblicati sul leggendario “Vernacoliere”, in una versione totalmente rivista dagli autori.

ISBN 978-88-07-55062-1

9 788807 550621

pag 144 euro 16,00 formato 16 x 24 cm isbn 978-88-07-55062-1 In libreria ottobre 2020

gli autori Emiliano Pagani (Livorno, 1969) è uno degli autori di punta del “Vernacoliere”. Insieme a Daniele Caluri crea e produce i volumi di Don Zauker, di cui è autore di soggetti e sceneggiatore. Collabora poi con “Il Mucchio” e “Il Male”. Nel 2012, sempre in collaborazione con Daniele Caluri, crea la serie umoristica  Nirvana, per Panini Comics. Nel 2015 inizia a collaborare con Sergio Bonelli Editore per alcuni albi di Dylan Dog. Per Tunué pubblica la graphic novel  Kraken, con i disegni di Bruno Cannucciari che vince il premio Romics e il premio Boscarato, come miglior fumetto italiano e che viene pubblicato in Francia, Belgio, Polonia e Spagna.

Daniele Caluri (Livorno, 1971) inizia a pubblicare a quattordici  anni per “Il Vernacoliere”, per il quale crea le serie umoristiche Fava di Lesso,   Luana la Bebisìtter,  Nedo, oltre a  Don Zauker   con cui inaugura il suo sodalizio con Emiliano Pagani.  Collabora anche con Sergio Bonelli Editore,  come disegnatore di  Martin Mystère e Dylan Dog, ed è creatore, ancora insieme a Pagani, della miniserie da edicola Nirvana, per Panini Comics. Caluri ha ricevuto riconoscimenti come il Premio Gran Guinigi e il premio Micheluzzi. È inoltre docente di disegno e storia dell’arte. Pagani e Caluri hanno pubblicato per Feltrinelli Comics tre volumi con protagonista Don Zauker: Ego te dissolvo (2019), Santo subito – Inferno e paradiso (2019) e Habemus Papam – Venga il mio regno (2020).


Torna Don Zauker, uno dei personaggi piĂš seguiti e acclamati del panorama fumettistico italiano. Una nuova storia, materiale inedito e una selezione di episodi ricercatissimi dai fan, usciti originariamente sul “Vernacoliereâ€?. Gli autori promuoveranno il libro sui loro popolarissimi canali social e con una serie di interviste. Continua la serie per Feltrinelli Comics inaugurata da Ego te dissolvo. Ogni nuovo libro di Don Zauker è ormai un evento nel mondo del fumetto.


Vanna Vinci Parle-moi d’amour Vite esemplari di grandi libertine IL LIBRO

© SANDRA SISOFO

Le hanno chiamate cortigiane, donne fatali, grandi orizzontali, cocotte, leonesse, mangiatrici di uomini o semplicemente puttane. Hanno ispirato versi di Baudelaire, personaggi della Recherche, dato volto e corpo a sensuali opere d’arte. La Paiva, Cora Pearl, Apollonie Sabatier, Valtesse de La Bigne, Émilienne d’Alençon, Liane de Pougy, Carolina Otero: disprezzate e adorate, crudeli e amorevoli, ognuna consapevole di sé e del proprio fascino, queste celebri donne vissute tra Ottocento e Novecento hanno fatto del piacere e del lusso uno stile di vita, incuranti del giudizio e scandalosamente libere. Con la curiosità di un’intervistatrice, Vanna Vinci si cala in un mondo perduto per seguirle attraverso dimore sfarzose, vasche colme di champagne e locali al centro della mondanità parigina, raccontandoci la storia di donne discusse, uniche e straordinarie.

ISBN 978-88-07-55065-2

l'autrice Vanna Vinci è nata a Cagliari e lavora nel mondo del fumetto dal 1990. Da allora ha collaborato con Feltrinelli Comics, 24 Ore Cultura, Bao Publishing, Dargaud, Rizzoli Lizard, Hachette, Planeta, Kappa Edizioni, Granata Press, Kodansha. I suoi libri sono stati pubblicati in Italia, Francia, Spagna, Germania, Regno Unito, Stati Uniti, Corea. Lavora anche come illustratrice per ragazzi e il suo libro La bambina giurassica è pubblicato da Mondadori Ragazzi. Ha vinto lo Yellow Kid come Miglior disegnatore di fumetti nel 1999 e il Gran

9 788807 550652

pag 192 euro 22,00 formato 20,5 x 25,2 cm isbn 978-88-07-55065-2 In libreria novembre 2020

Guinigi di Lucca Comics nel 2005. Nel 2001 il suo libro L’età selvaggia ha vinto il premio Romics come Miglior opera di scuola europea. Nel 2015 al Treviso Comic Book Festival ha ricevuto il premio Boscarato come Miglior autore. Per “D-La Repubblica Magazine”, ha realizzato i personaggini della pagina della community. Per Feltrinelli Comics nel 2018 ha pubblicato Io sono Maria Callas. La bambina filosofica è il suo personaggio più ribelle e sulfureo. Vive e lavora a Bologna.


Interviste immaginarie, in cui l’autrice mette in scena se stessa e si trasporta in un’epoca leggendaria e controversa. Vite di donne libere, indipendenti, trasgressive, ın una ricostruzione che unisce mito e Storia. La nuova graphic novel dell’autrice di Io sono Maria Callas, Frida Kahlo - Operetta amorale a fumetti, Tamara de Lempicka. Icona dell’art déco e delle strisce della Bambina filosofica. Un volume di pregio, di grande formato, che propone nella veste migliore le splendide tavole illustrate da Vanna Vinci.


Silvia Ziche Lucrezia tutta, o quasi IL LIBRO

Un libro desiderato da tutti i lettori e le lettrici di Silvia Ziche, che hanno imparato a conoscere e amare il personaggio di Lucrezia, con cui l’autrice ha raccontato l’evolversi dei costumi, delle virtù e dei vizi e, soprattutto, del ruolo della donna nella società. Pubblicate settimana dopo settimana sulle pagine di “Donna Moderna”, ora finalmente le migliori vignette di Lucrezia vengono raccolte in un grande libro curato da Ziche. Un’opera da leggere, rileggere e frequentare, tenendola vicino, come un’amica.

ISBN 978-88-07-55061-4

l'autrice

9 788807 550614

pag 240 euro 19,00 formato 16 x 24 cm isbn 978-88-07-55061-4 In libreria ottobre 2020

Silvia Ziche è una star del fumetto italiano, conosciuta e pubblicata in tutto il mondo. Dopo avere esordito sulle pagine di “Linus”, per poi passare a “Smemoranda” e “Comix”, si è affermata come autrice disneyana, firmando acclamate storie per “Topolino”, e in parallelo come vignettista satirica grazie al personaggio di Lucrezia, che appare ogni settimana su “Donna Moderna” con grande successo. Silvia Ziche è stata anche autrice di graphic novel, gran parte delle quali con protagonista proprio Lucrezia, che ormai è il suo autoironico alter ego. Per Feltrinelli Comics ha pubblicato ...e noi dove eravamo? (2018) e L’allegra vita della quota rosa (2019).

Finalmente in libreria una grande raccolta delle vignette con protagonista Lucrezia, il personaggio diventato famoso sulle pagine di “Donna Moderna”. Un’antologia selezionata e curata dall’autrice, nata dalle continue richieste dei suoi fan. Silvia Ziche ha un seguito di centinaia di migliaia di lettori e lettrici, di ogni età ed estrazione sociale. Un fenomeno di culto e, allo stesso tempo, popolare. Un libro che attirerà grande interesse in rete e sulla carta stampata.


Paolo Castaldi La buona novella

Testi originali di Fabrizio de André

IL LIBRO

Ritenuto dallo stesso De André uno dei suoi album migliori, La buona novella  canta la poesia e la forza racchiuse nei vangeli apocrifi, svelando la tradizione cristiana nel suo volto più umano e rivoluzionario. A cinquant’anni dall’uscita di uno dei più importanti dischi italiani, per la prima volta la Fondazione De André consente di pubblicare in un libro a fumetti i testi originali. Come nella visione del grande cantautore, nel tratto lirico di Paolo Castaldi la vicenda di Gesù di Nazareth si fa universale, e nelle illustrazioni che accompagnano le canzoni leggiamo una storia che, attraverso i secoli, coinvolge il presente.

ISBN 978-88-07-55064-5

9 788807 550645

l'autore Paolo Castaldi si è imposto con la graphic novel Diego Armando Maradona, con cui ha raccontato a fumetti uno dei miti del calcio. Fra le altre sue opere, pubblicate in vari paesi del mondo, Etenesh, l’odissea di una migrante, Gian Maria Volonté (su sceneggiatura di Gianluigi Pucciarelli), Pugni (insieme a Boris Battaglia) e Allen Mayer. All’attività di fumettista, Castaldi affianca quella di disegnatore di story-board, che lo ha portato a collaborare con lo studio di Bruno Bozzetto. Per Feltrinelli Comics ha pubblicato  Zlatan. Un viaggio dove comincia il mito (2018) e L’Ora X. Una storia di Lotta continua (2019), da una graphic novel di Erri De Luca sceneggiata con Cosimo Damiano Damato.

pag 112 euro 16,00 formato 16 x 24 cm isbn 978-88-07-55064-5 In libreria ottobre 2020


Per la prima volta una graphic novel con i testi originali di Fabrizio de AndrĂŠ. Parole e musica che diventano immagini. L'adattamento a fumetti di uno dei dischi piĂš famosi e amati della musica d'autore italiana. Il volume sarĂ pubblicato in occasione della celebrazione dei cinquant'anni dall'uscita dell'album La buona novella. Dal disegnatore di Zlatan e L'Ora X: una storia di Lotta continua.


Francesco Guarnaccia, Roberto D’Agnano

Party Hard IL LIBRO

Cinque amici uniti dai tempi del liceo e separati da diverse scelte universitarie riescono a ritrovarsi durante il weekend, in occasione di eventi pazzeschi che puntualmente degenerano in abusi di alcolici e sostanze varie. E fin qui nulla di troppo strano. Ma cosa succede se questi cinque scalmanati vengono sfidati a organizzare la miglior festa di sempre? Può scoppiare l’armageddon formato party. Un’avventura dagli esiti imprevedibili, che è anche una grande riflessione sull’essere giovani in questo e in ogni tempo.

gli autori

ISBN 978-88-07-55063-8

9 788807 550638

pag 160 euro 16,00 formato 16 x 24 cm isbn 978-88-07-55063-8 In libreria ottobre 2020

Roberto D’Agnano, classe ‘97, è fumettista, illustratore e graphic designer. È del 2016 la sua prima storia breve su LÖK ZINE #07. Nel 2018 autoproduce Trapkid. Nel 2019 disegna due episodi di Kersos, apparsi su Wilder Online, e partecipa alla realizzazione di Pinguini Tattici Nucleari a fumetti. Attualmente si sta laureando in graphic design all’Accademia di Belle Arti a Bologna.

Francesco Guarnaccia, classe ’94, è fumettista e illustratore. Fa parte del collettivo Mammaiuto, con cui ha pubblicato From Here To Eternity e, dopo averlo rimandato per anni, ha finito il suo libro fantasy sulla procrastinazione: Il Cavalier Inservente. È vincitore di prestigiosi premi (Gran Guinigi, Micheluzzi, Bartoli) e pubblica con Bao, DeAgostini, Beccogiallo, Shockdom, Rizzoli, “Linus”, “Internazionale”, “Smemoranda” e molte realtà dell’autoproduzione italiana.


La prima graphic novel sulla “generazione after”, quella dei ragazzi che tirano fino al mattino, in feste in cui perdersi e poi ritrovarsi. Che cosa c’è oltre la movida. Francesco Guarnaccia è una delle stelle nascenti del fumetto, vincitore di premi a Lucca Comics e Napoli Comicon. Roberto D’Agnano è un illustratore che porta nel fumetto i colori e i tratti dei cartoni animati più innovativi e del graphic design contemporaneo. Un libro creato da due autori giovani, per raccontare che cosa significa essere giovani oggi e in ogni epoca.


GRANT SNIDER

Dimmi cosa leggi e ti diro' chi sei

IL LIBRO

Chi non ha mai sbirciato nella libreria di qualcuno per conoscerlo a fondo? Quanti amori sono nati di fronte a uno scaffale splendidamente assortito e quanti sono sfumati per incompatibilità di letture? Niente parla di noi più di quei dorsi impilati, accatastati, parcheggiati in doppia fila, e nessuno più di un vero bibliofilo lo sa. Ma questo è solo uno dei mille aspetti che animano il meraviglioso mondo dei divoratori di storie. Giocoso e leggero, questo fumetto è pensato per chi venera i libri come oggetti sacri, per chi è uno scrittore o sogna di diventarlo, per chi semplicemente ama leggere. Dall’elenco degli oggetti strampalati con cui tenere il segno della pagina alle riflessioni argute sulla costruzione della trama, Grant Snider esplora la passione per i libri in ogni sua forma, realizzando un vero gioiello che non può mancare nella libreria di un lettore e non potrà sfuggire a chi la sbircerà.

ISBN 978-88-07-55054-6

9 788807 550546

l'autore Grant Snider, lettore vorace fin da bambino, divide il suo tempo tra l’odontoiatria e il fumetto. Dopo aver esordito sul giornale studentesco della University of Kansas, oggi i suoi lavori sono ospiti frequenti sulle pagine del “New York Times”. Nel 2007 ha creato Incidental comics, un sito di culto in cui pubblica le sue tavole dalla delicatezza inconfondibile, piccole finestre sulla vita e sul suo rapporto con i libri. Le più belle sono raccolte in Dimmi cosa leggi e ti dirò chi sei.

pag 128 euro 20,00 formato da definire isbn 978-88-07-55054-6 In libreria novembre 2020


UN LIBRO CHE FARÀ LA GIOIA E IL DIVERTIMENTO DI BIBLIOFILI GRANDI E PICCOLI, E DI CHI SEMPLICEMENTE AMA LA LETTURA. DA UNO DEI PIÙ APPREZZATI VIGNETTISTI AMERICANI, DIVENTATO FAMOSO SULLE PAGINE DEL “NEW YORK TIMES”. UNA RACCOLTA DI TAVOLE DIVENTATE VIRALI IN RETE. UN VOLUME CHE È ANCHE UN GIOCO PER CONOSCERSI E RICONOSCERSI. UN SUCCESSO INTERNAZIONALE FINALMENTE PUBBLICATO IN ITALIA. 


Marco Rizzo La Tram

LA PRIMA BOMBA IL LIBRO

Milano, 1969. Curzio Naso è un ispettore della buon costume. Vedovo, con un passato di militanza fascista, tormentato da una figlia ribelle e innamorato della persona sbagliata, ormai lascia che gli eventi intorno a sé lo travolgano. Ma quando gli eventi del quotidiano si intrecciano con la Storia, la sua vita cambierà... così come le sorti dell’Italia. Dopo le graphic novel sui martiri della mafia, Marco Rizzo torna a narrare il passato recente del Paese, raccontando da un punto di vista inedito i mesi che precedettero lo scoppio della bomba di Piazza Fontana. Un noir italiano a confronto con la grande Storia, illustrato con toni pop e retrò da La Tram.

gli autori

ISBN 978-88-07-55066-9

© Sara Lorusso

9 788807 550669

pag 112 euro 16,00 formato 16 x 24 cm isbn 978-88-07-55066-9 In libreria novembre 2020

Marco Rizzo, giornalista e scrittore, è tra gli autori italiani più rappresentativi nel filone del “graphic journalism”. Per Feltrinelli Comics ha pubblicato due pluripremiati reportage a fumetti, illustrati da Lelio Bonaccorso:  Salvezza, racconto dell’esperienza a bordo di una nave di soccorso migranti, e ...A casa nostra – Cronaca da Riace, inchiesta sul sistema di accoglienza. Spesso affiancato da Bonaccorso, ha ricostruito in graphic novel di successo le vite di Peppino Impastato, Che Guevara, Marco Pantani, Jan Karski, Mauro Rostagno e Ilaria Alpi. Rizzo è anche autore di “fiabe di impegno civile” in uso nelle scuole di tutta Italia: La mafia spiegata ai bambini, L’immigrazione spiegata ai bambini e L’ecologia spiegata ai bambini, quest’ultima illustrata da La Tram. Ha scritto saggi, inchieste, testi teatrali e un romanzo (Lo scirocco femmina, Laurana) su temi come la lotta alla mafia e al caporalato.

La Tram (Margherita Tramutoli) lavora per anni come grafica per la cooperazione internazionale (Unesco, CCIVS France e altre ONG italiane e internazionali) per poi approdare all’illustrazione e al fumetto.  Come illustratrice ha collaborato con “Corriere della Sera”, “Il Manifesto”, “Jacobin Italia”, “L’Espresso”, “Linus”. Tra i suoi volumi, illustrati e a fumetti, L’ecologia spiegata ai bambini (Beccogiallo), scritto da Marco Rizzo, Medusa, l’altro volto del mito (DeAgostini),  Post Pink (Feltrinelli Comics). Insegna Teoria del colore alla TheSign – Comics & Arts Academy di Firenze. 


la nascita dell'eversione nera e l'incubo delle “stragi di stato”, prima di Piazza Fontana. Una graphic novel dura e coraggiosa, che farà riflettere e discutere. Il noir come chiave di lettura e rilettura del nostro tempo. Adrenalinico, coinvolgente e sorprendente come una serie televisiva di successo. Marco Rizzo è l'autore di Salvezza e... A casa nostra - Cronaca di Riace, e uno dei più apprezzati sceneggiatori DEL MONDO FUMETTISTICO ITALIANO. La Tram (Margherita Tramutoli), disegnatrice originale e innovativa, in questo libro ha unito un tratto modernissimo a suggestioni vintage.


Alessandro Bilotta Dario Grillotti

Vito Volterra Uno scienziato contro il fascismo IL LIBRO

Chi fu Vito Volterra? Un matematico inventivo e originale, sin dagli anni degli studi presso la Scuola Normale Superiore di Pisa, dove ottenne la cattedra a soli 23 anni. Un politico e patriota, già senatore del Regno a 40 anni per meriti scientifici. Presidente dell’Accademia dei Lincei e primo Presidente del CNR-Consiglio Nazionale delle Ricerche, dove si fece promotore di un’idea del tutto inedita secondo la quale la matematica e le scienze di base sono cruciali per il progresso sociale, economico e industriale di un paese. Ma soprattutto fu “Uno dei dodici”: gli unici universitari italiani, su oltre milleduecento, che nel 1931 rifiutarono di prestare giuramento di fedeltà al fascismo, venendo così privati della cattedra. La vita di una delle figure più importanti, coraggiose e meno conosciute della cultura italiana rivive in una storia a fumetti appassionante, storicamente accurata e densa di approfondimenti.

gli autori

Alessandro Bilotta ha dato vita a numerose serie a fumetti, in Italia e in Francia. Ha scritto la graphic novel Povero Pinocchio  per i disegni di Emiliano Mammucari e creato  Le strabilianti vicende di Giulio Maraviglia, in coppia con Carmine Di Giandomenico. Insieme hanno pubblicato Romano per Vents d’Ouest che ha avuto un grande riscontro di critica in Francia. È uno degli autori di Dylan Dog, per cui ha creato e scrive la saga Il Pianeta dei Morti. Tra le sue ultime serie, Valter Buio, lo psicanalista di fantasmi pubblicato da Star Comics, e Mercurio  Loi, il genio perdigiorno della Roma papalina, pluripremiata serie di Sergio Bonelli Editore. Ha vinto numerosi premi tra cui il Gran Guinigi, il Micheluzzi e il premio Repubblica XL. Per Feltrinelli Comics ha pubblicato La dottrina (2019) con Carmine Di Giandomenico.

ISBN 978-88-07-55067-6

9 788807 550676

pag 128 euro 16,00 formato 16 x 24 cm isbn 978-88-07-55067-6 In libreria novembre 2020

Dario Grillotti (Viareggio, 1984) si diploma presso la Scuola Internazionale di Comics di Firenze nel 2008. Come illustratore ha collaborato con Giunti editore, Piemme, Kleiner Flug, Zanichelli e l’IBC Emilia Romagna, e come colorista per DoubleShot, Mad For Comix e Delcourt. Aderisce al movimento “Urban Sketchers” e ha partecipato al progetto “Disegnatori in cammino” per i castelli del ducato di Parma e Piacenza e per la Fondazione Architetti di Reggio Emilia. Nel 2013 è stato selezionato al Rendez-vous du Carnet de voyage di Clermont-Ferrand. È insegnante di fumetto, illustrazione e concept art presso la Scuola Internazionale di Comics di Reggio Emilia. Vive e lavora a Bologna.


Un libro realizzato in collaborazione con il CNR (Centro Nazionale delle Ricerche), che ne promuoverĂ la diffusione. Scritto da Alessandro Bilotta (Mercurio Loi, Dylan Dog, La Dottrina): uno dei fumettisti piĂš acclamati e premiati degli ultimi dieci anni. Un fumetto che ricostruisce la storia di Vito Volterra, scienziato e politico: uno dei dodici universitari italiani che si rifiutarono di giurare fedeltĂ  al fascismo. Illustrato da Dario Grillotti, una stella nascente del fumetto italiano.


5

GIROVENDITA G GI IR RO OV VE EN ND D 10-11-12 10 1 0 -1 -11 1--12 12 20 2020


Cucina Botanica la guida per un’alimentazione vegetale, buona e consapevole Carlotta Perego

collana “Sapori e fantasia” formato 19,5×25 cm confezione brossura con alette pagine 200 fotografie e illustrazioni circa 80 in libreria ottobre prezzo € 16,90

COPERTINA PROV VISORIA

Carlotta Perego è il volto di Cucina Botanica, un sito e un canale YouTube dedicati alla cucina vegana creativa, salutare e semplice da realizzare. Il suo canale, a oggi, conta oltre 250.000 utenti. L’autrice ha studiato nutrizione e cucina vegetale negli Stati Uniti, lavorando poi per una nota scuola di alimentazione vegetale americana. Fra queste pagine ci accompagna in un viaggio che inquadra con una nuova luce la cucina vegana, sfatando molti “falsi miti” e, soprattutto, offrendo idee e punti di vista innovativi, ma al tempo stesso semplici da mettere in pratica. Oltre alle originali ricette presenti nel libro, troviamo infatti consigli per chi voglia iniziare a capire meglio cosa significhino nutrizione e stile vegan, ma anche perfezionare la propria cucina, informazioni sul perché, oggi, può avere senso avvicinarsi a uno stile di vita più salutare e rispettoso per noi stessi e per gli altri, oppure sul perché i limiti (solo apparenti) di una dieta vegan siano in realtà grandi vantaggi, in quanto conducono a scoprire nuovi sapori e abbinamenti. Il tutto sempre raccontato con scrupolosità, ma anche con grande apertura mentale e la voglia di mettere a proprio agio il lettore nella scoperta di un mondo nuovo, fatto di sapori e benessere.

argomenti di vendita

Carlotta Perego è laureata in design, ama la cucina e le piante. Ha lavorato nella moda ma un giorno, dopo una grossa presa di coraggio, ha deciso di volare fino a Los Angeles, dove ha studiato cucina vegetale e nutrizione. Ha poi lavorato come assistente per Plantlab, una scuola di cucina vegetale, diventando alla fine insegnante di cucina vegetale e crudismo. Tornata in Italia, ha deciso di portare qui quello che ha imparato. Ha creato Cucina Botanica «per aiutare le persone a vivere in modo più sano, a cercare sapori fantastici con ingredienti naturali».

La popolarità del canale YouTube Cucina Botanica (oltre 250.000 iscritti) e dell’omonimo sito. Un personaggio che piace, senza distinzioni, a diverse fasce d’età e target. Un libro pensato per inserirsi con originalità nel filone di successo della cucina vegana e del benessere, proponendo idee e ricette originalissime.

«Ho dedicato quattro anni della mia vita

a un progetto che possa aiutare le persone a scoprire il mondo dei vegetali in cucina, e di conseguenza a vivere in modo più sano e più rispettoso dell’ambiente che ci circonda.

»

2

e n o g a s t ro n o m i a


«Il mondo della cucina vegetale è visto da molti come un modo di alimentarsi sconosciuto, triste e limitato. A me piace pensare di poter diventare, un giorno, una di quelle persone che cambieranno questa errata percezione.

»

«In questo libro troverete consigli

sull’alimentazione vegetale, sull’organizzazione della spesa e del menu settimanale, insieme a tante ricette facili e gustose, adatte a tutte le stagioni e a tutta la famiglia.

»

e n o g a s t ro n o m i a

COPERTINA PROV VISORIA

sullo stesso scaffale Il Goloso Mangiar Sano Il grande libro delle bucce Ecocucina Autoproduzione in cucina - pocket Vegolosi Frutta secca e semi vegolosi Sapori vegolosi Dolci vegolosi

3


Glossario di pasticceria dalla a alla z, tutti i segreti dell’arte dolce Luca Montersino

collana “Sapori e fantasia” formato 13,7×21,5 cm confezione cartonato con taglio colore pagine 288 fotografie e illustrazioni circa 30 in libreria novembre prezzo € 19,90

Un vero e proprio glossario dedicato al mondo della pasticceria, realizzato grazie alla competenza di uno dei Maestri pasticcieri più di successo, autore di numerosi best seller e inventore in Italia del concetto di pasticceria golosa ma salutare. Professionista rigoroso e dal background solidissimo, Luca Montersino ci guida attraverso i vari lemmi, dalla A di “Acido citrico” alla Z di “Zucchero fondente”. Il libro, pensato per i tanti amanti del mondo del dolce, ma anche per i professionisti di settore, è in grado di rispondere a qualsiasi domanda del lettore e si propone come un nuovo punto di riferimento nel vasto mondo dei libri dedicati alla pasticceria.

argomenti di vendita

COPERTINA PROV VISORIA

La popolarità di Luca Montersino, chef televisivo e autore da oltre 250.000 copie vendute. Un libro nuovo e originale, che si inserisce nel ricco filone dei manuali di pasticceria. Un’opera dal design e dai materiali curati che richiama il titolo best seller La grammatica dei sapori.

un autore da oltre 250.000 copie vendute

Luca Montersino, classe 1973, ha iniziato giovanissimo a far parlare di sé, e oggi è fra i nomi più popolari nel mondo dell’alta pasticceria. Direttore dal 2001 al 2004 dell’Istituto Superiore Arti Culinarie Etoile, oggi è chef, consulente, docente, food manager, personaggio televisivo: l’eclettismo è una costante nella vita di Luca, che non smette mai di comunicare il proprio sapere a professionisti e amatori. Nel 2004 inizia la sua avventura imprenditoriale con l’apertura del laboratorio di Alba, molto apprezzato per aver aperto la strada al concetto di pasticceria salutistica, e contemporaneamente diventa protagonista di numerosi programmi televisivi tra cui: Peccati di Gola, Accademia Montersino, La Prova del Cuoco e I segreti in cucina in onda su Alice Tv. È autore di numerosi best seller di cucina e pasticceria.

4

e n o g a s t ro n o m i a


sullo stesso scaffale La grammatica dei sapori

e n o g a s t ro n o m i a

5


collana “Passioni” formato 16×12×5 cm confezione scatola + libro + 60 carte pagine 24 fotografie e illustrazioni circa 60 in libreria ottobre prezzo € 16,90

La scatola dei sogni 60 carte per decifrare l’inconscio nconscio Teresa Cheung

Sognare di volare, di perdersi in un labirinto, oppure di incontrare una persona che non vediamo da tempo. Sono moltissimi i sogni che facciamo e di cui non sappiamo interpretare il significato. Questo cofanetto contiene la descrizione di 60 sogni, “grandi classici” raccontati e illustrati in altrettante carte che aiuteranno il lettore a comprenderne l’origine e il significato, per riuscire a decifrare un mondo visibile solo a occhi chiusi. Un bellissimo progetto editoriale, originale e curato sia nella realizzazione dei contenuti, sia nella scelta del design e dei materiali, che può fungere sia da originale “dizionario dei sogni”, sia da gioco di carte da fare con gli amici o da soli.

argomenti di vendita ar Uno splendido oggetto regalo, ideale per il periodo natalizio. Le ridotte dimensioni del cofanetto lo rendono perfetto per un eventuale posizionamento in avancassa. Un titolo che, nella sua versione in lingua inglese, ha venduto oltre 40.000 copie in pochi mesi, ottenendo inoltre ottime recensioni online.

un cofanetto perfetto come idea regalo, realizzato da un’autrice tradotta in 25 paesi, che all’estero ha venduto in pochi mesi oltre 40.000 copie

Teresa Cheung, dopo essersi laureata alla Cambridge University, è diventata articolista per vari quotidiani e autrice di numerosi libri best seller dedicati alla spiritualità e al rapporto fra mente e corpo. I suoi libri sono attualmente tradotti in 25 Paesi e hanno venduto circa mezzo milione di copie.

6

m a n ua l i


La grammatica dei fiori Simona Recanatini

collana “Passioni” formato 17,5×24,5 cm confezione cartonato con taglio colore pagine 224 fotografie e illustrazioni circa 50 in libreria novembre prezzo € 19,90

Dopo La grammatica delle spezie e La grammatica dei profumi è la volta dei fiori, con il loro variegato universo di essenze e colori. La grammatica dei fiori, come i suoi predecessori, è un libro curatissimo in ogni minimo dettaglio, a partire dai materiali e fino alla parte grafica e iconografica. I testi, curati dall’autrice e giornalista Simona Recanatini, raccontano aneddoti, citazioni, proprietà terapeutiche, curiosità legate al mondo floreale. Una splendida idea regalo, per gli altri o per se stessi, pensata per un largo pubblico di appassionati, ma anche per chi, semplicemente, è alla ricerca di un libro bello sia da leggere sia da sfogliare.

argomenti di vendita

COPERTINA PROV VISORIA

Un libro che si pone come ideale successore dei libri di successo La grammatica delle spezie e La grammatica dei profumi, best seller di Gribaudo. Design e confezione curatissimi, con taglio colore e lavorazioni di pregio.

«mi chiedi perché compro riso e fiori? compro il riso per vivere e i fiori per avere una ragione per cui vivere.» confucio

sullo stesso scaffale La grammatica delle spezie La grammatica dei sapori

Simona Recanatini, classe 1971, è nata a Milano ed è una giornalista professionista. Si è sempre occupata di fitness, wellness e salute realizzando articoli e interviste per alcune testate e siti web. È autrice di diversi libri dedicati principalmente al benessere e al food.

m a n ua l i

7


Instant filosofia il corso per capire in modo facile idee, concetti e personaggi, dagli esordi a oggi Simonetta Tassinari

collana “Straordinariamente” formato 14,3×23 cm confezione brossura con alette pagine 320 fotografie e illustrazioni circa 100 in libreria novembre prezzo € 14,90

Dalla scuola di Mileto alla bioetica contemporanea, passando per le figure e le correnti più significative, tutta la filosofia in un “Instant”. Questo nuovo volume di una collana ormai popolarissima presenta personaggi e scuole di pensiero, ma anche aneddoti e curiosità per capire la filosofia in un modo del tutto inedito e originale: dalla “leggendaria” passeggiata di Kant con gli abitanti di Königsberg, che regolavano gli orologi su di lui (sembra che abbia fatto ritardo solo il giorno in cui aveva saputo che era scoppiata la rivoluzione francese), a Bacone, che morì di polmonite perché faceva esperimenti in pieno inverno sul modo di surgelare un pollo. Contiene inoltre “interviste impossibili” ai filosofi più celebri, test per misurare la comprensione delle tematiche trattate e la propria personale situazione filosofica, nonché giochi, simulazioni, esperimenti mentali e laboratori di diverso genere.

argomenti di vendita

COPERTINA PROV VISORIA

Una collana che, partendo dallo studio delle lingue, sta arrivando a coprire con ottimi riscontri gli argomenti più disparati: dall’arte alla moda passando per la filosofia. La filosofia come non l’avete mai letta, narrata da un’autrice che ha fatto del raccontare il pensiero filosofico in un modo alternativo un proprio tratto distintivo.

lE cOnVinZioNi, Più DelLe buGIe, sOno nEmiChE pErIcoLoSe dEllA VerItà.

dall’autrice de il filosofo che c’è in te. i superpoteri della filosofia nella vita quotidiana

sullo stesso scaffale Instant moda Instant arte

fRieDrIch nIetZsChe Simonetta Tassinari è nata a Cattolica e cresciuta tra la costa romagnola e Rocca San Casciano, sull’Appennino. Vive da molti anni a Campobasso, in Molise, dove insegna Storia e Filosofia in un liceo scientifico. Ha scritto sceneggiature radiofoniche, libri di saggistica storico-filosofica e romanzi storici. Con il romanzo La casa di tutte le guerre (2015) ha vinto il premio Lago Gerundo e il premio Pagine di Territorio. Vive in campagna con la famiglia, tre gatti e un cane. Il suo ultimo libro è Il filosofo influencer. Togliersi i paraocchi e pensare con la propria testa (ed. Urra, Feltrinelli).

8

m a n ua l i


collana “Passioni” formato 15,5×22,8 cm confezione cartonato con taglio colore pagine 144 fotografie e illustrazioni circa 15 in libreria ottobre prezzo € 12,90

L’arte della guerra Sun Tzu con una lettura critica di Marco Morelli illustrazioni di Valentina Biasetti

COPERTINA PROV VISORIA

«I guerrieri vittoriosi prima vincono e poi vanno in guerra, mentre i guerrieri sconfitti prima vanno in guerra e poi cercano di vincere»; «L’invincibilità sta nella difesa. La vulnerabilità sta nell’attacco. Se ti difendi sei più forte. Se attacchi sei più debole». Con le sue massime geniali e spesso spiazzanti, L’arte della guerra è diventato un grandissimo classico del pensiero orientale, oggi talmente letto e rinomato da aver travalicato ogni confine geografico e temporale. Il libro è diventato un punto di riferimento obbligato anche per i manager dei settori più svariati, che negli anni l’hanno interpretato come una grande metafora del mondo del lavoro e dei suoi delicati equilibri. Grazie alle sue competenze, Marco Morelli ne fa una lettura critica che lo rende ancora più interessante per chiunque voglia leggere L’arte della guerra come un vademecum per districarsi fra le varie dinamiche lavorative che riguardano il capo, i colleghi, la carriera (per parafrasare il suo recente successo in libreria). Inoltre, grazie a una veste grafica estremamente curata e accattivante, il libro diventa non solo un testo fondamentale per conoscere se stessi, gli altri e le dinamiche che ci governano, ma anche una splendida idea regalo.

Sun Tzu (Maestro Sun) è l’appellativo onorifico di Sun Wu, personaggio dai contorni biografici incerti, originario dello stato di Qi e attivo nel Sud della Cina verso la fine del VI secolo a.C.

un best seller reinterpretato grazie alle tavole di un’illustratrice di talento e alla rilettura critica di un manager di successo

Marco Morelli è da tempo ai vertici di importanti istituzioni finanziarie italiane ed estere, e membro di diversi consigli di amministrazione. È Professore incaricato presso le facoltà di Economia e Finanza e di Impresa e Management dell’Università LUISS di Roma, dove si è laureato in Economia e Commercio. Gli è stato conferito dalla stessa università il riconoscimento Alumnus 2017 ed è attualmente componente del CdA. Morelli è socio fondatore e vicepresidente del Consiglio Direttivo della Fondazione Don Gino Rigoldi, attiva nei progetti di sostegno ai giovani. È autore per Gribaudo di Capi, colleghi, carriere, questi sconosciuti (2020).

Valentina Biasetti nasce a Parma il 21 marzo del 1979. Dopo il diploma in Grafica Pubblicitaria all’ Istituto d’ Arte di Parma, si laurea in Pittura all’Accademia di Belle Arti di Bologna. Dal 2002 ha inizio l’attività espositiva con mostre collettive e personali sul territorio nazionale. Nel 2004 viene selezionata alla XIX edizione del premio Morandi di incisione alla GAM di Bologna. Sul suo lavoro sono stati pubblicati articoli e recensioni su riviste di settore. Per Gribaudo ha illustrato Instant moda (2019).

m a n ua l i

argomenti di vendita Edizione di pregio di un grande classico del pensiero mondiale. Con una lettura critica di Marco Morelli.

9


collana “Passioni” formato 25×30 cm confezione cartonato pagine 360 fotografie e illustrazioni circa 600 in libreria ottobre prezzo € 39,90

La storia del mondo in oltre 150 mappe

Il grande affresco della storia, raccontato attraverso più di 150 mappe, in un’opera maestosa e di grande respiro. Tramite questo libro è possibile rivivere la storia del mondo, colta in tutta la sua grandezza e complessità, grazie alle numerose mappe progettate appositamente per il volume. Molto più di un semplice atlante storico, il libro contiene anche immagini evocative, approfondimenti e timeline che accompagnano il lettore attraverso eventi fondamentali, quali la Seconda guerra mondiale, la Rivoluzione industriale, la nascita dei regimi totalitari o l’invenzione della stampa. Uno splendido viaggio, dalle prime migrazioni dell’essere umano alle missioni spaziali, valorizzato da un apparato testuale e iconografico impareggiabile.

argomenti di vendita Un libro di grande formato, con testi e immagini di grande spessore. Un’idea originale che fornisce un punto di vista nuovo sulla storia del mondo, grazie all’innovativa chiave di lettura delle mappe. I libri dedicati alle mappe stanno riscuotendo in libreria un grande successo.

10

sullo stesso scaffale Grandi mappe di città Le grandi mappe

m a n ua l i


collana “Passioni” formato 25×30 cm confezione cartonato pagine 440 fotografie e illustrazioni circa 2.500 in libreria novembre prezzo € 39,90

Fauna il regno animale visto da vicino

«Osservate a fondo la natura, capirete tutto meglio.» Questa frase, attribuita ad Albert Einstein, condensa in poche parole tutta l’importanza che rivestono il regno vegetale e quello animale per il nostro Pianeta. Dopo il successo di Flora arriva un altro splendido titolo, pensato per capire e vedere da vicino il regno animale, con la sua meravigliosa complessità e i suoi prodigi quotidiani. Immagini incredibili e testi sempre chiari e dettagliati rivelano l’anatomia, il comportamento e la bellezza di tutte le creature viventi. Peli, scaglie, baffi e code ci introducono in un mondo che alcuni credono ormai lontanissimo da noi, ma che in realtà ci riguarda molto da vicino e non smette di affascinarci. Il libro è realizzato grazie al contributo fondamentale dello Smithsoninan che, con circa 140 milioni di oggetti, è il museo più grande del mondo, nonché un istituto di istruzione e ricerca dedicato alla pubblica istruzione, al servizio nazionale e a borse di studio indirizzate all’arte, alle scienze e alla storia.

sullo stesso scaffale Flora

argomenti di vendita Dopo lo splendido Flora, un altro libro dal fortissimo impatto mpatt grafico e visuale. Contenuti dettagliati per migliaia di animali, tutti analizzati attentamente ma sempre con un linguaggio chiaro e comprensibile. L’opera che si propone come il punto di riferimento per i libri illustrati dedicati al mondo animale.

m a n ua l i

11


I grandi diari lettere, agende, taccuini di personalità straordinarie

collana “Passioni” formato 25×30 cm confezione cartonato pagine 256 fotografie e illustrazioni circa 500 in libreria novembre prezzo € 26,90

Oscar Wilde ha scritto: «Non viaggio mai senza il mio diario. Si dovrebbe sempre avere qualcosa di sensazionale da leggere in treno». Grazie a questa avvincente raccolta, che percorre le varie epoche dell’umanità, è possibile tornare indietro nel tempo e prendere parte sia alla vita di tutti i giorni sia ai grandi momenti storici. Splendidi diari storici e letterari, album di schizzi degli artisti di ogni tempo, lettere, taccuini di esploratori e scienziati: questo libro offre un punto di vista intimo e privilegiato sulle vite e sul pensiero di alcune fra le personalità più interessanti e sui fatti più avvincenti degli ultimi duemila anni.

argomenti di vendita Uno splendido libro, un’idea originalissima che rilegge la storia grazie a un fortissimo elemento biografico. Un ricco apparato testuale e iconografico trasporta il lettore nei luoghi e nelle epoche protagonisti di questi splendidi diari e taccuini. Un libro pensato per un pubblico vastissimo, dagli appassionati di diaristica e biografie fino agli amanti di arte, storia e lettura.

12

m a n ua l i


sullo stesso scaffale I libri che hanno cambiato la storia

m a n ua l i

13


Le Signorine Buonasera il racconto di un mito tutto italiano, dagli anni cinquanta a oggi

collana “Passioni” formato 14,5×23 cm confezione brossura con alette pagine 320 fotografie e illustrazioni circa 50 in libreria ottobre prezzo € 14,90

Michele Vanossi

Icone dell’Italia mediatica, e non solo, le Signorine Buonasera hanno popolato per circa mezzo secolo l’immaginario collettivo di milioni di italiani, apparendo in prima serata prima sulla Rai e poi anche su Mediaset, annunciando i programmi televisivi serali. Nicoletta Orsomando, Marina Morgan, ma anche Gabriella Golia ed Emanuela Folliero (che qui firma un’originale introduzione) insieme a molte altre hanno raccontato la nostra televisione, parlando di riflesso anche dell’Italia e dei suoi principali avvenimenti. Il libro contiene diciannove interviste ad altrettante Signorine Buonasera, e ripercorre gli avvenimenti dell’epoca. Inoltre è impreziosito da intermezzi scritti dall’autore specializzato in costume e società Jacopo Bedussi, che raccontano costumi e società italiani, dal 1953 (data in cui inizia la sua attività la Orsomando) al 2016, anno in cui terminano il loro servizio Claudia Andreatti ed Elisa Silvestrin, ultime testimonial di un’epoca.

argomenti di vendita

COPERTINA PROV VISORIA

Un libro che, attraverso il fenomeno mediatico delle Signorine Buonasera, racconta l’Italia nell’arco temporale di oltre mezzo secolo, con curiosità e aneddoti. Un libro pensato per una vasta platea di curiosi e affezionati. Prefazione di Emanuela Folliero e ampi sbocchi promozionali.

uno splendido libro amarcord che racconta gli avvenimenti dell’italia in oltre mezzo secolo, dagli anni cinquanta ai duemila

14

Michele Vanossi è nato a Erba (Como) e da sempre lavora a Milano, dove ha abitato per tanti anni. Ama la natura, il trekking, il nuoto, lo sci e colleziona oggetti d’arredo vintage. Pur vivendo attualmente in un paese del comasco ai piedi delle montagne, ha una spiccata predilezione per il mare. Da vera persona poliedrica ed entusiasta afferma sempre che ci vorrebbero molte vite per sperimentare e provare i tanti lavori che lo appassionano. Per il momento, oltre a lavorare e a collaborare per un noto quotidiano nazionale, cerca di comunicare, di parlare e di scrivere degli argomenti lo incuriosiscono e che lo appassionano maggiormente: cucina, turismo, benessere, medicina, televisione, lifestyle. In passato ha collaborato con il mensile “Ulisse” (l’inflight di Alitalia) e per “Maxim”; per un paio di anni per il magazine “Profilo Salute” ha realizzato interviste ai medici, ma soprattutto ai personaggi della televisione e dello spettacolo. In televisione partecipa in veste di opinionista a trasmissioni televisive di successo su Raiuno come Storie Italiane e Vita in diretta; da giovane ha partecipato a quiz televisivi e ha recitato piccole parti in soap opera e spot pubblicitari.

m a n ua l i


La mia vita… a cascata ricette, vita e passioni di peppe di napoli

collana “Passioni” formato 14,5×23 cm confezione brossura con alette pagine 256 fotografie e illustrazioni circa 50 in libreria novembre prezzo € 14,90

Peppe di Napoli

Peppe di Napoli è il proprietario della celebre Pescheria di Napoli, nel quartiere partenopeo di Pianura. Da mesi sul web spopolano i suoi consigli gastronomici e le sue videoricette, visibili su Facebook e YouTube, grazie ai quali raggiunge spesso e volentieri decine di migliaia di utenti, proponendo con passione piatti autentici e gustosissimi, spesso rifiniti con un pizzico di prezzemolo versato “a cascata” (da qui il detto che è diventato un vero e proprio “marchio di fabbrica” dello chef). Semplicità e genuinità, ricette veraci, simpatia sono le chiavi di lettura di un personaggio che sta diventando un fenomeno mediatico del web. Questo è il suo primo libro, ma non è solo un ricettario, in quanto oltre alle tante proposte gastronomiche racconta la storia di un’impresa e di un personaggio di grande successo.

argomenti di vendita

COPERTINA PROV VISORIA

Un incredibile fenomeno mediatico, attualmente in crescita, grazie alla sua simpatia e alla sua genuinità ma anche al talento come chef. Non solo ricette: un libro che racconta la storia di uno chef e del suo successo. Prefazione di Simone Rugiati.

Peppe di Napoli è nato a Napoli nel 1973. Figlio e nipote di pescivendoli, comincia da ragazzino a lavorare insieme al padre. Oggi è il proprietario e chef dell’omonima ristopescheria a Pianura, quartiere nell’area nord di Napoli. È sposato dal 2000 con Brunella. Hanno due figli: Aurora di 18 anni e Alessandro di 13. Nel febbraio 2019 pubblica sulla sua fanpage, con la complicità della figlia Aurora, una videoricetta che in poche ore raggiunge il milione di visualizzazioni. In pochi mesi diventa, grazie alla sua autentica veracità, un personaggio della rete seguito e amato. Il suo motto è “a cascat… !” definizione che usa per comunicare abbondanza, generosità e gioia di lavorare.

m a n ua l i

uno chef autentico e verace che sta facendo parlare di sé grazie all’intensa attività social, con videoricette visualizzate da oltre 50.000 utenti

15


collana “Straordinariamente” formato 15×21 cm confezione brossura con alette pagine 200 fotografie e illustrazioni circa 70 in libreria novembre prezzo € 14,90

Io sono la solitudine guida pratica per conoscerla e affrontarla Diego De Leo e Marco Trabucchi

COPERTINA PROV VISORIA

La solitudine è una vera e propria malattia, che purtroppo non conosce età o confini. Parliamo chiaramente non della solitudine “sana”, cioè di quel tempo che scegliamo di dedicare solo a noi stessi, ma di quel tempo, imposto dagli altri o dalle situazioni, che la persona vive come costrizione. Questo libro, scritto da due autori che hanno analizzato e conoscono a fondo l’argomento, è un viaggio dentro la solitudine, da quella nelle case di riposo a quella delle comunità multietniche, dalla solitudine scaturita dalla crisi dell’ideale religioso al fenomeno degli Hikikomori, fino a quella delle fasce più deboli della società come migranti, carcerati, categorie più povere. Il libro, a metà strada fra saggio e manuale, presta particolare attenzione al fenomeno della solitudine negli anziani: quanti sono in Italia? Come sono distribuiti sia a livello geografico che anagrafico? E poi, a livello pratico, come prendersi cura di un anziano? Come alleviare la solitudine degli anziani che abbiamo al nostro fianco?

argomenti di vendita

circa 3 milioni di persone in italia dichiarano di non avere una rete di amici o un sostegno

Un libro a metà strada fra saggio e manuale, scritto da due autori di rilievo. Pagine incentrate su un tema di grande attualità. Un’opera che si pone nella scia del libro Io sono l’Alzheimer, piccolo fenomeno editoriale per la sua capacità di raccontare e di leggere in chiave propositiva una realtà drammatica.

sullo stesso scaffale Diego De Leo è direttore del Dipartimento di Psicologia alla Primorska

Io sono l’Alzheimer

University, Slovenia, e dello Slovene Centre for Suicide Research. È professore emerito di Psichiatria presso la Griffith University a Brisbane, Australia, dove è anche direttore emerito del Centro Collaborativo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per la Ricerca e la Formazione nella Prevenzione del Suicidio. Ha pubblicato più di 450 articoli peer-reviewed.

Marco Trabucchi, già professore ordinario di Neuropsicofarmacologia nell’Università di Roma Tor Vergata, specialista in psichiatria, è direttore scientifico del Gruppo di Ricerca Geriatrica di Brescia, presidente dell’Associazione Italiana di Psicogeriatria, Consigliere della SIGG (Società Italiana di Gerontologia e Geriatria). Nel 2010 ha dato via al primo progetto di rilevazione dell’attività dei Caffè Alzheimer in Italia.

16

m a n ua l i


Che rasatura! manuale illustrato per uno stile impeccabile Marco Balocchi

collana “Straordinariamente” formato 15×21 cm confezione cartonato pagine 200 fotografie e illustrazioni circa 70 in libreria ottobre prezzo € 16,90

Un libro illustrato che non lascia nulla al caso, consigliatissimo per chi è alla ricerca della rasatura perfetta ma anche per chi voglia conoscerne la storia e gli aneddoti, dalla rasatura di Sumeri ed Egizi, passando per il Medioevo, il Rinascimento, il Romanticismo e arrivando fino ai giorni nostri, con la nascita di tecnologie e invenzioni innovative che hanno rivoluzionato il nostro modo di raderci. E poi: il rito della rasatura e il modo migliore per preparare la pelle, gli utensili da scegliere, il dopobarba, i “miti da sfatare” sul radersi a casa. Non poteva mancare un capitolo “non solo viso”, dunque legato alla rasatura di gambe, braccia e, immancabilmente, testa. Il libro si conclude con un capitolo dedicato a curiosità e aneddoti dedicati alla rasatura e ai rasoi. Dai primi barbieri della storia a… Figaro.

argomenti di vendita COPERTINA PROV VISORIA

Il libro più completo sulla rasatura, con una grafica vintage e accattivante. Segue il fortunato titolo di Gribaudo Che barba!.

il libro definitivo sulla rasatura, con tecniche, consigli, ma anche storia e aneddoti sullo stesso scaffale Che barba!

Marco Balocchi è nel mondo cosmetico di alta qualità dal 1978, oggi possiede un’azienda che continua la sua mission in collaborazione con partner di livello Nazionale e Internazionale, ricerca e sviluppa intere collezioni di articoli per l’igiene, la bellezza e la cura della persona, specializzandosi nella cura della barba e nella cura della rasatura.

m a n ua l i

17


Ti racconto i campioni del Milan 50 fuoriclasse che hanno fatto la storia del club rossonero

collana “Le grandi raccolte” formato 19,2×22,8 cm confezione cartonato pagine 240 in libreria ottobre prezzo € 18,50

7+

Demetrio Albertini - Paolo Castaldi

COPERTINA PROV VISORIA

Una raccolta illustrata delle biografie narrative dei campioni che hanno fatto la storia del Milan, selezionate e scritte da Demetrio Albertini, storico centrocampista del club rossonero e della Nazionale e oggi presidente del settore tecnico della FIGC. Un excursus che parte dalle indimenticabili vecchie glorie della squadra, dal leggendario trio Gre-No-Li formato da Gren, Nordahl e Liedholm, passando per Gianni Rivera, Maldini e Altafini, fino al Dream Team degli anni Novanta e arriva ai giorni nostri. Ciascuna biografia, oltre a dare informazioni sul calciatore (scheda tecnica, palmares…) si concentra soprattutto sul racconto “personale” dell’autore, offrendo il punto di vista unico e privilegiato di un grande calciatore che i grandi campioni li ha conosciuti, sul campo e fuori, e regalandoci anche episodi e aneddoti inediti.

Le biografie e le schede tecniche dei 50 CAMPIONI più rappresentativi del club rossonero, curate da un grande calciatore che li ha conosciuti e li racconta attraverso ricordi e aneddoti personali.

Demetrio Albertini (1971) è ritenuto tra i più validi centrocampisti della sua generazione. Ha legato la sua carriera al Milan, in cui ha militato per 13 stagioni, vincendo numerosi titoli, tra cui 5 scudetti e 3 Champions League. È stato vicecampione del mondo (1994) e vicecampione d’Europa (2000) con la Nazionale Italiana. Oggi è responsabile del settore tecnico giovanile della FIGC e fondatore di una scuola calcio che coinvolge oltre 1000 ragazzi. Paolo Castaldi (1982), milanese, è fumettista e visual artist. I suoi lavori, editi in Italia e all’estero, hanno vinto numerosi premi. Nel 2018 pubblica Zlatan, graphic novel che segna il suo debutto per la collana Feltrinelli Comics.

argomenti di vendita La rilevanza di Demetrio Albertini, nome di spicco del calcio internazionale e oggi dirigente di successo e creatore di una scuola calcio che coinvolge migliaia di ragazzi. Ha sempre avuto a cuore la formazione di bambini e ragazzi (nel 2019 è stato anche Ambasciatore UE della formazione per l’Italia) e li incontra regolarmente per parlare dell’importanza dello sport, dello spirito di squadra e del calcio come esperienza formativa a 360°. Grande comunicatore, è disponibile a partecipare a incontri ed eventi per promuovere il libro. La narrazione in prima persona di un campione tra i campioni: Albertini racconta i calciatori che ha ammirato, conosciuto e con i quali ha giocato, svelando aspetti, aneddoti e particolari inediti “da spogliatoio”, non noti al grande pubblico: chicche che ogni tifoso vorrebbe sapere! E lo fa con uno stile fluido, efficace e coinvolgente. Un libro – e una potenziale collana – trasversale che può coprire target molto differenti e piacere a tutta la famiglia: dal padre tifoso, al ragazzo appassionato, al bambino che inizia a seguire la squadra del cuore. Il successo dei format “biografie illustrate”, come Storie della buonanotte per bambine ribelli e Perché? 100 storie di filosofi per bambini curiosi di Umberto Galimberti. Oltre 100 ritratti illustrati dalla matita di Paolo Castaldi, fumettista apprezzato già autore Feltrinelli Comics, che darà un sapore originale al volume, con un tratto e uno stile cross over che piaceranno sia i bambini che gli adulti.

18

ba m b i n i


un regalo perfetto per tifosi grandi e piccoli! il primo libro di una collana dedicata ai club calcistici piĂš importanti, sia italiani che internazionali

ba m b i n i

19


Amici da leggere

collana “Le grandi raccolte” formato 19×24 cm confezione cartonato pagine 96 in libreria ottobre prezzo € 16,90

Roberto Piumini - Elisa Paganelli

9+

COPERTINA PROV VISORIA

Quante volte il protagonista di un romanzo vi ha conquistato a tal punto da farvi piangere e soffrire con lui, ridere alle sue battute, o gioire delle sue vittorie, mentre leggevate le sue vicende? Ci sono personaggi dai quali fatichiamo a separarci, alla fine di un libro, e che vorremmo continuare ad avere accanto a noi, se solo fossero reali! Come Ulisse, l’astuto re dei viaggi e del ritorno, o Mowgli, cucciolo d’uomo tra animali molto umani, o ancora Frodo Baggins e la sua compagnia… Sarebbero amici straordinari con i quali vivere fantastiche avventure. Questo libro raccoglie e racconta 40 personaggi indimenticabili della letteratura: la loro storia, i tratti della personalità, in che libro si parla di loro e chi l’ha scritto.

argomenti di vendita Il successo dei format “biografie illustrate”, come Storie della buonanotte per bambine ribelli e Perché? 100 storie di filosofi per bambini curiosi. Roberto Piumini, il più accreditato autore italiano per bambini e ragazzi vivente. Un invito alla lettura a alla riscoperta dei classici della letteratura antica, moderna e contemporanea utilizzando una chiave nuova e originale; un libro per i lettori forti che vogliono approfondire la conoscenza dei personaggi che hanno amato e scoprire nuovi romanzi a cui appassionarsi, ma che allo stesso tempo può incuriosire i lettori in erba, facendogli conoscere prima il personaggio e spingendoli a leggere il classico in un secondo momento. I poetici ritratti illustrati da Elisa Paganelli che accompagnano ogni personaggio e impreziosiscono il volume.

Roberto Piumini è nato a Edolo, in provincia di Brescia, nel 1947. Si è laureato in Pedagogia all’università Cattolica e ha frequentato la Scuola Superiore di Comunicazioni Sociali di Milano. È stato insegnante di Lettere alle scuole medie e superiori, burattinaio, attore di teatro, ha tenuto corsi di dinamica espressiva, scrittura poetica e teatrale, ha tradotto Shakespeare, Milton e Plauto, è stato tra gli autori della trasmissione televisiva L’Albero Azzurro, ha scritto e condotto le trasmissioni radiofoniche Radicchio e Il Mattino di Zucchero. Vincitore di numerosi premi, la sua produzione letteraria è ampissima: ha scritto romanzi, racconti e poesie per bambini e adulti, canzoni, testi teatrali, soggetti e sceneggiature per cartoni animati e fiction. Per Gribaudo ha già pubblicato una riscrittura dei Racconti di Mamma Oca di Perrault.

i 40 personagg ra della letteratu e or tt le ni og che a ppassionato scere vorrebbe cono nella realtà !

sullo stesso scaffale Eroi a quattro zampe 100 storie di atleti per piccoli e grandi campioni

Elisa Paganelli è nata a Modena, ma vive stabilmente in Gran Bretagna, dove lavora come illustratrice freelance e creative designer sia per l’editoria che per la pubblicità. Ha vinto numerosi premi ed esposto i suoi lavori in diverse mostre collettive. Ha pubblicato con editori italiani, francesi, inglesi e statunitensi.

20

ba m b i n i


Le più belle storie di Re Artù e dei cavalieri della Tavola Rotonda

collana “Le grandi raccolte” formato 19,6×28 cm confezione cartonato pagine 192 in libreria ottobre prezzo € 14,90

5+

Luisa Mattia - Patrizia Manfroi

Tra storia e leggenda, una raccolta delle vicende più famose che hanno per protagonisti re Artù e i suoi cavalieri: dall’estrazione della spada nella roccia all’incontro con Merlino, Morgana e la bella Ginevra; dalle battaglie contro i draghi ai feroci scontri con i nemici per conquistare e poi difendere la Britannia, fino a fondare uno smisurato impero; dall’arrivo di Lancillotto alla ricerca del Sacro Graal, passando per lo struggente amore tra Tristano e Isotta. L’eroico mondo di Camelot rivive, sfavillante come la lama di Excalibur, in questi racconti di Luisa Mattia.

argomenti di vendita

COPERTINA PROV VISORIA

Il successo dei precedenti titoli della collana. L’immaginario medievale, che ha sempre un enorme seguito, e il fascino evergreen del ciclo bretone, da cui tutti i media sempre attingono per film, serie TV e libri. La firma di Luisa Mattia, autrice di rilievo nella dalla letteratura per ragazzi, sia per gli addetti spada ai lavori che per il seguito di pubblico. nella roccia La ricchezza di illustrazioni, presenti alla ricerca in tutte le pagine del libro e lo stile del sacro graal, del disegno, per un’immersione totale le leggende nell’atmosfera medievale di Camelot. più belle

del ciclo bretone

Luisa Mattia, romana, ha lavorato per molti anni nella scuola e ora si dedica a tempo pieno alla scrittura. È stata autrice di Melevisione, trasmissione per bambini su RAI TRE, e di testi teatrali per ragazzi. Ha scritto numerosi romanzi che hanno ottenuto prestigiosi riconoscimenti, tra cui il Premio Pippi – dedicato a Astrid Lindgren – nel 2006 e il Premio Andersen 2008 come Miglior Scrittore. Per Gribaudo ha pubblicato Le più belle storie dei miti greci, I più grandi eroi dei miti greci, Le più belle storie dell’antico Egitto e Le più belle storie di mostri mitologici.

Patrizia Manfroi vive e lavora a Milano. Si è diplomata in scenografia presso l’Accademia di Belle Arti di Brera e frequenta la Scuola di Fumetto e Illustrazione del Castello Sforzesco. Frequenta diversi corsi di illustrazione presso la NABA con Pietro Puccio, il Mimaster Milano con Chiara Carrer o l’Associazione Culturale Teatrio a Venezia con Lizbeth Zwerger e Adelchi Galloni. Ha partecipato a diversi concorsi internazionali di illustrazione. Per Gribaudo ha illustrato Le più belle storie dell’antica Roma, Le più belle storie del Vecchio Testamento e Le più belle storie del Nuovo Testamento.

della stessa serie Le più belle storie dei miti sudamericani

I più grandi eroi dei miti greci

Le più belle storie del Nuovo Testamento

Le più belle storie dei miti greci

Le più belle storie dell’Africa

Le più belle storie dell’antica Roma

Le più belle storie dei miti giapponesi

Le più belle storie dell’antico Egitto

I più terribili mostri della mitologia

I più grandi inventori della storia

Le più belle storie di donne coraggiose

Le più belle storie della mitologia nordica

Le più belle storie dell’Antico Testamento

ba m b i n i

21


Il nuovo Cantafiabe dei bimbi

collana “Libri sonori” formato 16,5×21,2 cm confezione cartonato bombato

+ CD audio pagine 40 in libreria novembre prezzo € 14,90

testi e musiche per sognare con le più belle storie classiche

2+ Dolores Olioso

Le più b e fiabe cla lle ssiche da legg ere e ascolt a re: canzoni

+

una trac cia extra

Questo libro dalle splendide e originalissime illustrazioni racchiude nove delle più belle fiabe classiche, raccontate in modo semplice, per coinvolgere ancor più i bambini. Inoltre, è allegato un fantastico CD con le canzoni che richiamano le fiabe e che i bambini possono cantare, seguendo i testi riportati alla fine di ciascuna storia nel libro.

argomenti di vendita Il successo delle precedenti edizioni per la libreria (25.000 copie vendute) e dell’edizione per la promozione nelle LF (13.000 copie vendute in 2 mesi). Il titolo è stato per anni un long seller del catalogo Gribaudo. La ricchezza del prodotto: un libro di fiabe + CD audio con canzoni originali.

Dolores Olioso, insegnante e nota musicista veronese laureata in psicologia, dopo aver frequentato il Conservatorio E. F. Dall’Abaco a Verona ha iniziato a lavorare come insegnante di scuola dell’infanzia nel 1972. Ha cominciato a scrivere canzoni per bambini nel 1986. Ha lavorato presso le scuole dell’infanzia di Monaco di Baviera e ha tenuto numerosi concerti per bambini in Germania. Per Gribaudo ha già scritto i testi delle canzoni della precedente edizione del Cantafiabe.

Laura Giorgi è nata nel 1975 a Torino. Nel 2000 ha iniziato a collaborare con successo con molti editori, giornali, riviste, agenzie pubblicitarie e produttori di giochi, sia italiani che stranieri. Ha vinto premi e ricevuto onori. Il suo stile è divertente e giocoso, molto amato dai bambini, ma anche dalle persone adulte, che trovano i suoi disegni buffi e malinconici allo stesso tempo.

22

le fiabe • • • • • • • • •

Cappuccetto Rosso I tre porcellini Il gatto con gli stivali Biancaneve e i sette nani Pollicino Il brutto anatroccolo Riccioli d’oro Hänsel e Gretel Il lupo e i sette capretti

ba m b i n i


nuova edizione con nuovi testi, nuove illustrazioni e 5 nuove tracce!

ba m b i n i

23


Animali diVersi... per modo di dire 20 storie in rima di animali che si ribellano agli stereotipi

collana “Albi illustrati” formato 20×24 cm confezione cartonato pagine 48 in libreria ottobre prezzo € 12,90

4+

Rita Poggioli - Francesca Buonanno

COPERTINA PROV VISORIA

Lo stereotipo è un grande ostacolo culturale che dobbiamo conoscere, affrontare e superare. Ecco perché questo libro vuole raccontare animali diversi da come ce li hanno sempre descritti, e farci riflettere. Gli animali fanno parte della nostra vita quotidiana e sono entrati con forza nella cultura e nel linguaggio comune. Li ritroviamo così descritti, raccontati e imprigionati in molte espressioni, modi di dire e proverbi: ignorante come una capra, coraggioso come un leone, scontroso come un orso… E se la capra invece amasse studiare? E se il leone fosse timido e timoroso? E l’orso socievole e desideroso di compagnia? Questi animali rivendicano il diritto di andare controcorrente ed essere differenti da come li si dipinge nel senso comune. Rita Poggioli ha dato loro voce in versi divertenti e melodici, profondi e metaforici; Francesca Buonanno ha dato loro una forma spiritosa e tenera… perché il messaggio arrivi ai bambini forte e chiaro: non facciamoci limitare e condizionare da stereotipi e pregiudizi.

un libro per riflettere su stereotipi e pregiudizi

ne? studia con dedizio «“Una ca pra che ” nsiderazione! Non va tenuta in co i i docenti Erano invece felic mplimenti.» co di che la riempivano

argomenti di vendita Un tema importantissimo, quello del superamento degli stereotipi e dei pregiudizi, trattato in modo originale, immediato e gioioso, attraverso storie di animali in cui il bambino può facilmente riconoscersi e immedesimarsi. Le filastrocche sono “le bambine del linguaggio” e per la loro leggerezza e brevità, per la loro ritmica, la loro musicalità entrano subito in sintonia con i piccoli lettori. Testi semplici, che sfuggono alle regole convenzionali creando figure inattese e rappresentano uno strumento privilegiato ed efficace per catturare l’attenzione dei bambini. Il buon andamento del precedente albo dello stesso formato di Rita Poggioli: L’alfabeto delle emozioni. Le favolose illustrazioni di Francesca Buonanno, che danno ancora più carattere ai personaggi delle storie.

24

Rita Poggioli è nata e vive all’Isola d’Elba, dove insegna nella scuola primaria. Da sempre interessata alla narrativa per i ragazzi, cura da anni la biblioteca della sua scuola, ha realizzato laboratori e circoli di studio sull’animazione alla lettura ed è molto attiva nella realizzazione di progetti didattici su teatro, ambiente, informatica, giornalismo. Per Gribaudo ha pubblicato L’alfabeto delle emozioni e Margherita cuore d’ortica. Francesca Buonanno nasce ad Ancona nel 1992. Da sempre attratta dal disegno e dall’animazione, si avvicina al mondo dell’illustrazione iscrivendosi all’Accademia di Belle Arti di Macerata. Ricerca la sua forma stilistica all’Académie Royale des Beaux-Arts de Liège in Belgio e frequenta poi il Master Ars in Fabula sviluppando una tecnica personale usando gli inchiostri e pastelli. Per Gribaudo ha illustrato Anna Hillop e il drago Bruciabiscotto.

della stessa autrice L’alfabeto delle emozioni

ba m b i n i


in onda da settembre 2020 su rai yoyo la serie completa

Un personaggio nato nel 1959 e diventato un classico nell’immaginario di grandi e piccini: torna in tv il cartone di Topo Gigio, in onda su Rai Yoyo a partire da settembre. Topo Gigio e i suoi amici, nelle loro avventure quotidiane, veicolano i valori più belli e importanti: l’amicizia, la curiosità, lo spirito di squadra, la scoperta, il senso della famiglia, l’integrazione e il rispetto degli altri.

N ISTI O G A T O R P I

BIKE BOB

G-TEAM

TOPO GIGIO Un topolino un po’ ingenuo, ma sicuro di sé, avventuroso e pieno di energia, tenero e alla ricerca di coccole.

Talpa, Coniglietti, Piccione, Tartaruga, Rospo accompagnano Topo Gigio nelle sue avventure. Topo Gigio preme il pulsante del G-Orologio e loro arrivano subito!

argomenti di vendita

Instancabile ciclista, inventore di nuovi veicoli, propone sempre soluzioni che molte volte… non funzionano!

ZOE La sua migliore amica, curiosa e iperorganizzata, ma a volte così imbranata.

I BAMBINI

QUARTIERE Un personaggio amato da tante generazioni che catturaDEL il cuore dei genitori e Sono amici di Zoe dei bambini. e frequentano la sua I primi 13 episodi sono dal 9 aprile in prima assoluta su RaiPlay; la scuola. serie stessa Sono Emilia, completa sarà in onda a settembre su Rai Yoyo. timidissima bambina; Importanti licenziatari a bordo: Giochi Preziosi, Clementoni, Bauli, Alberta Jo, che ha una cotta per lei; Ferretti, Hopplà, Play press. Twyla, fashionista; Anche sui social media il personaggio è forte: su Youtube conquista più di Tatum, il bulletto cuore tenero. 4.000.000 di visualizzazioni e su Facebook 5.000.000 di dal follower. A dicembre 2020 verrà inaugurata a Milano una mostra dedicata a Topo Gigio per celebrare i suoi 60 anni.

ba m b i n i

25


“Topo Gigio”

collana “Topo Gigio” formato 25×25 cm confezione cartonato bombato pagine 40 in libreria novembre prezzo € 9,90

3+

Le storie di Topo Gigio. Il fantasma

COPERTINA PROV VISORIA

Sembra che a casa di Zoe e Topo Gigio durante la notte si aggiri un fantasma… ma il G-team non ha paura e organizza una caccia allo spettro, dopo essersi armato con gli ingegnosi marchingegni antifantasmi progettati da Bob.

Le storie di Topo Gigio. Il singhiozzo

COPERTINA PROV VISORIA

Zoe deve presentare una relazione davanti a tutta la classe, ma mentre fa colazione le viene il singhiozzo. Gigio fa di tutto per farglielo passare e permetterle di fare bella figura a scuola, ma per quanto si impegni i suoi metodi non danno molti risultati...

Le storie di Topo Gigio. La grande fuga

26

COPERTINA PROV VISORIA

Gigio e i suoi amici devono incontrare Orso Pelato, il loro presentatore preferito. Ma Gigio ha la febbre alta, e i genitori di Zoe gli proibiscono di uscire. Zoe, Bob e il G-team elaborano un piano per far “evadere” Gigio e permettergli di incontrare il suo eroe.

ba m b i n i


collana “Topo Gigio” formato 19,8×24 cm confezione brossura con alette pagine 64 in libreria novembre prezzo € 9,90

3+

Gioca e impara con Topo Gigio

COPERTINA PROV VISORIA

Disegnare, colorare, ritagliare, attaccare, staccare, indovinare, giocare, leggere, contare: potrai fare tutte queste cose con Topo Gigio e i suoi amici.

con

25

adesivi

argomenti di vendita Un personaggio amato da tante generazioni, zioni, mbini che cattura il cuore dei genitori e dei bambini I primi 13 episodi sono dal 9 aprile in prima ima assoluta su RaiPlay; la serie completa sarà in onda a settembre su Rai Yoyo. Importanti licenziatari a bordo: Giochi Preziosi, Clementoni, Bauli, Alberta Ferretti, Hopplà, Play press. Anche sui social media il personaggio è forte: su YouTube conquista più di 4.000.000 0 di visualizzazioni e su Facebook 5.000.000 di follower. A dicembre 2020 verrà inaugurata igio a Milano una mostra dedicata a Topo Gigio per celebrare i suoi 60 anni.

ba m b i n i

27


formato 27,7×40 cm confezione cartonato pagine 20 in libreria ottobre prezzo € 19,90

“Amico lupo” Orianne Lallemand Éléonore Thuillier

3+ Cerca e trova con Lupo |

Tutto il mondo di Lupo racchiuso in un libro ENORME che contiene scenari tematici (principesse e cavalieri, la casa stregata, lo spazio, la foresta incantata e molti altri) pieni di dettagli da osservare. Con 8 tavole plastificate, 40 elementi da cercare in ogni scena e 8 figure ricorrenti da trovare in ogni tavola. Con Lupo e i suoi amici il divertimento è assicurato!

argomenti di vendita Un personaggio che ha venduto oltre 400.000 copie in Italia. Un formato gigantesco, che unisce la notorietà del personaggio all’attività “cerca e trova”, amatissima dai più piccoli. Un regalo perfetto! Un volume spassoso e coloratissimo che stimola la capacità di concentrazione.

un libro-gioco GIGANTE!

ente attentam OS SERVA cena ri, i g randi s tti TROVA tu CERCA e i. gli oggett

nella stessa collana Il lupo che voleva cambiare colore

Il lupo che aveva la testa fra le stelle

Le mie storie di Lupo

Il lupo che voleva cambiare colore

volume 2

touch & feel

Il lupo che entrava nelle fiabe

Il lupo che voleva fare il giro del mondo

Il lupo che voleva cambiare colore scatola + peluche

La valigetta del lupo nel Paese delle Fiabe

Il gioco del lupo giramondo

Il gioco del lupo. Il lupo che voleva cambiare colore

Il lupo investigatore al museo

I viaggi segreti di Lupo

Il lupo che cercava l’amore

Il lupo che non amava il Natale

Il lupo che scalava le montagne

Il lupo che si emozionava troppo

Il lupo che non voleva più camminare

Il lupo che non amava leggere

Scopri le emozioni con il Lupo

Il lupo che voleva fare l’artista

Il lupo che trovò un nuovo amico

Il lupo che viaggiava nel tempo

Il lupo che voleva la festa di compleanno

Le mie storie di Lupo volume 1

28

ba m b i n i


Orianne Lallemand, nata in Francia nel 1972, è scrittrice, svolge attività di animazione per bambini presso le scuole e le biblioteche e si occupa dei suoi quattro figli.

Éléonore Thuillier illustra libri per l’infanzia. Lavora impiegando principalmente gli strumenti tradizionali, quali matite, pittura con colori acrilici e ad acquerello, talvolta unendovi la tecnica digitale.

formato scatola 20,5×14,5×5 cm formato libro 10×10 cm confezione scatola + plancia + carte + dado + pedine + libro pagine 12 + 12 carte in libreria ottobre prezzo € 14,90

4+ Il gioco del Lupo. Indagine al museo | Al museo del Louvre, un’opera d’arte è scomparsa! Lancia i dadi, scopri le carte e cerca di essere il primo a trovare il quadro mancante. Da 2 a 6 giocatori.

aiuta lupo a indagare e ritrovare il dipinto mancante!

argomenti di vendita Un personaggio che ha venduto oltre 400.000 copie in Italia. La ricchezza della confezione, con una storia e due giochi! Giochi divertenti che intrattengono e allenano la concentrazione.

Il lupo che voleva essere un supereroe

amico lupo compie 10 anni Il lupo che si emozionava troppo

amico lupo compie 10 anni Il lupo che entrava nelle fiabe

Imparo a leggere le ore con Lupo

amico lupo compie 10 anni Il lupo che non amava leggere

amico lupo compie 10 anni Il lupo che voleva essere un supereroe

Il gioco del lupo. Corri, Lupo!

amico lupo compie 10 anni Il lupo che voleva fare il giro del mondo

Il lupo che si piaceva troppo

amico lupo compie 10 anni Il lupo che voleva cambiare colore

Il lupo che aveva paura della sua ombra

amico lupo compie 10 anni Il lupo che voleva la festa di compleanno

Il gioco del lupo. Buon compleanno, Lupo!

scatola + peluche

Il lupo marinaretto peluche

La lupa marinaretta peluche

Il lupo va al mare peluche

Peluche Lupo grande + libro amico lupo compie 10 anni Il lupo che cercava l’amore

ba m b i n i

amico lupo compie 10 anni Il lupo che non amava il Natale amico lupo compie 10 anni Il lupo che viaggiava nel tempo

29


“Amico lupo” Orianne Lallemand - Éléonore Thuillier

Con die-ecruttina in cop a formae! di cuor formato cofanetto 14,5x15 cm formato libri 14×14 cm confezione cofanetto con 5 volumi

e fustella in copertina pagine 16×5 in libreria novembre prezzo € 19,90

2+

argomenti di vendita

Lupetto ama... |

5 storie piene di tenerezza da leggere con chi ami di più! Il cofanetto contiene i volumi: Lupetto ama la sua mamma, Lupetto ama il suo papà, Lupetto ama la maestra, Lupetto ama la sua nonna, Lupetto ama Babbo Natale.

Il successo internazionale di Lupo e Lupetto, sempre più amato dai piccoli lettori e da genitori e insegnanti della scuola dell’infanzia. Un’offerta editoriale sempre più ampia, capace di soddisfare ogni desiderio ludico e narrativo dei bambini, e le esigenze educative e didattiche degli adulti. Formati sempre nuovi e vari che piaceranno a grandi e piccini, confezioni di pregio e qualità, perfette da regalare!

formato cofanetto 33×17×2,5 cm formato libri 16×16 cm confezione valigetta di cartone

plastificato con 4 libri in cartonato accoppiato pagine 12×14 libri in libreria ottobre prezzo € 19,90

2+

La valigetta dei primi passi di Lupetto | Una valigetta che contiene quattro libri: per scoprire le forme, i numeri, i colori, gli opposti e imparare le prime nozioni con Lupetto.

30

ba m b i n i


con il libro cartonato imbottito lupetto mangia solo pastasciutta formato scatola 35,5×23×5,7 cm formato libro 16×16 cm confezione scatola +

4 utensili da cucina + libro pagine 24 in libreria novembre prezzo € 24,50

1+

A tavola con Lupetto | Oggi Lupetto non vuole mangiare. Non gli piacciono i funghi! E nemmeno il prosciutto! E nemmeno le verdure! Ogni giorno è la stessa battaglia. A Lupetto piace solo la pastasciutta... Ma con il piatto, la scodella e le posate giuste, arriva anche l’appetito! Un coloratissimo set per bambini dai 18 mesi in su, che comprende piatto, scodella, forchetta, cucchiaio… Lupetto accompagna i bambini anche nel momento della pappa.

nella stessa collana Il libro puzzle di Lupetto

Lupetto ama la sua mamma

La valigetta di Lupetto

Lupetto ama Babbo Natale

Il gioco della buonanotte di Lupetto

Lupetto scopre i veicoli

Buonanotte Lupetto

Lupetto si lava da solo

Le 7 storie della buonanotte di Lupetto

Lo specchio delle emozioni di Lupetto

Lupetto alla fattoria

Lupetto Il bagnetto

Lupetto è educato

Lupetto Al mare

Lupetto festeggia il compleanno

Lupetto ama la sua nonna

Lupetto va a trovare i nonni

Il libro della calma di Lupetto

Lupetto ama il suo papà

Impara a contare con Lupetto

ba m b i n i

31


“Più facile!” Una collana pensata per i lettori più piccoli, con font speciale e testi in maiuscolo per facilitare la lettura.

formato 14×19 cm confezione cartonato pagine 32 in libreria novembre prezzo € 7,90

5+

Orianne Lallemand - Éléonore Thuillier Il lupo che non amava il Natale |

Lupo non ama il Natale, gli fa venire proprio il mal di testa! Ma quando arriva il 24 dicembre i suoi amici sono decisi a fargli godere la festa. Alla fine Lupo si convincerà?

argomenti di vendita Il successo degli albi di Lupo e dei titoli già pubblicati nell’edizione della collana “Facile!”. Un font che facilita la lettura per i primissimi lettori e per i bambini dislessici. Una storia di Natale da regalare, alare, per la gioia dei piccoli fan di Lupo.

nella stessa collana Riccia e la luna più facile!

32

ba m b i n i


“Amico lupo”

formato 22×22 cm confezione cartonato accoppiato pagine 45 in libreria novembre prezzo € 15,90

2+ Orianne Lallemand - Éléonore Thuillier Le sette storie di Natale di Lupetto | Natale si avvicina! Mancano solo sette giorni, in cui Lupetto fa tante cose: lunedì esce a giocare con la neve, martedì prepara i biscotti con la nonna, mercoledì va alle giostre, giovedì prepara un albero di Natale un po’ speciale, venerdì disegna un bel biglietto di auguri, la sera della vigilia incontra suo cugino Tim… E la mattina di Natale, cosa troverà sotto l’albero?

argomenti di vendita Il successo internazionale di Lupo e Lupetto, sempre più amato dai piccoli lettori e da genitori e insegnanti della scuola dell’infanzia Un’offerta editoriale sempre più ampia, capace di soddisfare ogni desiderio ludico e narrativo dei bambini, e le esigenze educative e didattiche degli adulti. Formati sempre nuovi e vari che piaceranno a grandi e piccini, confezioni di pregio e qualità, perfette da regalare!

ba m b i n i

33


Ho mangiato il sole a colazione un viaggio sorprendente nell’officina naturale delle piante

collana “Enciclopedie per ragazzi” formato 21×26,5 cm confezione cartonato pagine 128 in libreria settembre prezzo € 18,00

8+ Michael Holland - Philip Giordano

COPERTINA PROV VISORIA

Da dove arrivano i cereali che mangiate a colazione? Sapevate che la gomma sotto le vostre scarpe proviene da un albero? E che alcune piante possono curare le ferite, e altre causarle? Questo volume meravigliosamente illustrato celebra tutte quelle piante che, quasi senza che ce ne accorgiamo, fanno parte del nostro quotidiano e del nostro mondo. Anche se non abbiamo un giardino, o un balcone fiorito, le piante – in forme diverse – sono sempre intorno a noi. Micheal Holland, esperto botanico ed ecologista, ci mostra come le piante, nutrendosi soltanto dei raggi del sole che ricevono, producano il cibo che mangiamo, i materiali che usiamo e – prima di tutto – l’aria che respiriamo. Un viaggio sorprendente nell’officina naturale delle piante, che renderà i ragazzi più consapevoli del ruolo cruciale che la natura gioca nella nostra vita.

Michael Holland ha insegnato per 23 anni educazione all’ambiente e ha vinto premi per i progetti ambientali innovativi che realizzato nel corso degli anni. Ha tenuto conferenze e lezioni a migliaia di adulti e ragazzi su come sostenere e aiutare l’ambiente in modo creativo e ricreativo. È anche fotografo, un nerd del compost e giardiniere per hobby. Un libro ispirazionale, che ci dimostra – attraverso un intelligente percorso formativo fatto di informazioni scientifiche, spettacolari illustrazioni e divertenti attività – quanto le piante siano presenti e indispensabili nella nostra vita.

Philip Giordano è nato in una piccola cittadina costiera della Liguria, da madre filippina e padre svizzero. Ha frequentato l’Accademia di Belle Arti di Brera, l’Istituto Europeo del Design e conseguito un master in Tecniche di animazione a Torino. Pubblica albi illustrati con successo sia in Italia che all’estero.

argomenti di vendita Un utile strumento per avvicinare in modo originale i giovani lettori al mondo delle piante, mostrando come esse siano presenti in tutto ciò che mangiamo, vestiamo, adoperiamo… e i processi attraverso cui, ad esempio, il cotone diventa la T-shirt che indossiamo. Attraverso le attività da sperimentare (fare lo slime con la farina di mais, far germogliare un’arachide o una radice di zenzero, usare il succo di limone come inchiostro invisibile, creare una lampada con due patate…) i bambini potranno vedere piante, fiori e frutti sotto una luce diversa, comprendere meglio il ciclo della vita e avvicinarsi in modo ludico al riciclo, al recupero e al riutilizzo dei materiali. Un libro che è una gioia per gli occhi, con le vivide illustrazioni di Philip Giordano, e parla ai bambini in modo semplice e giocoso degli aspetti scientifici, biologici, medici delle piante. Anche gli adulti lo apprezzeranno e impareranno qualcosa di nuovo. L’importanza crescente di tutto ciò che è green e la riscoperta del gardening come attività ludica da proporre ai ragazzi.

34

ba m b i n i


con attivitĂ e divertenti esperimenti da fare a casa per i giovani botanici!

ba m b i n i

35


collana “QUID+” formato 25×25 cm confezione cartonato pagine 96 in libreria novembre prezzo € 14,90

“Quid+” a cura di Barbara Franco

3+

di Barbara Franco e Terenzio Traisci

COPERTINA PROV VISORIA

Il grande libro del buonumore. Affrontare le emozioni difficili e trovare l’equilibrio interiore | Quando ridiamo e siamo di buonumore

EMOZIONI E SOCIALITÀ io e gli altri

Inteligenza emotiva - Affettività Consapevolezza di sè / dell’altro Regole sociali e di comportamento

Barbara Franco si laurea in Ingegneria Gestionale al Politecnico di Torino per poi specializzarsi nel settore delle imprese con alto valore culturale. Da anni lavora in campo editoriale con le più grandi realtà italiane e internazionali. Nel 2013 è diventata mamma di Pietro. Nel 2015 ha ideato la linea editoriale QUID+ condividendo la sua esperienza e la sua ricerca in campo pedagogico. Affidandosi di prodotto in prodotto ai più grandi specialisti del settore di riferimento, lo scopo di QUID+ è regalare ai bambini gli strumenti per vivere al meglio il proprio futuro.

Terenzio Traisci è psicologo del lavoro, formatore e speaker aziendale. Esperto di Edutainment, cioè formazione unita all’intrattenimento, ha unito le sue competenze di comico professionista a quelle di psicologo formatore. Svolge lezioni-spettacolo sulla Gestione dello Stress, dell’Umore al lavoro, della Motivazione e del Cambiamento oltre a tenere anche corsi di formazione in forma di Team Building. Ha insegnato Psicologia Positiva all’Università La Sapienza di Roma, nel corso CAF di Lifestyle Medicine.

il nostro cervello produce sostanze chiamate endorfine che hanno diverse proprietà benefiche legate soprattutto alla diminuzione della sofferenza e degli stati ansiosi. Molti studi inoltre hanno dimostrato lo straordinario potere della risata e del buonumore e gli effetti positivi sul bambino e sulla famiglia, perché si innesca una relazione virtuosa: il bambino è più sereno e i genitori vedendo questo risultato a loro volta si tranquillizzano. Questo libro è un importante strumento per imparare a creare lo stato d’animo necessario a superare stress e difficoltà attraverso un metodo semplice, scientifico e pratico che comprende concetti ed esercizi di psicologia positiva, visual comedy e intelligenza emotiva. Con esempi pratici e divertenti attività da fare insieme, il volume insegna a interpretare gli stati emotivi difficili non come nemici, ma come alleati che possono aiutare i nostri bambini a superare le sfide che quotidianamente incontrano nel loro percorso di crescita.

argomenti di vendita Il libro guida che accompagna il genitore nel percorso di acquisizione delle tecniche fisiche e psicologiche per coltivare il buonumore. Una chiara spiegazione delle metodologie educative applicate legate alla psicologia positiva e all’intelligenza emotiva. La scientificità del contenuto, elaborato in collaborazione con Terenzio Traisci, autore di diversi best seller affini a questo tema. Un prodotto innovativo per aiutare i genitori a gestire le emozioni difficili e gli stati ansiosi del bambino con la tecnica del buonumore. La varietà di attività proposte sotto forma di giochi per guidare il bambino e studiate appositamente per il target di riferimento.

nella stessa collana quid+ Scopriamo l’Europa Il superpotere della mindfulness Il mago delle tabelline Il linguaggio delle emozioni

36

Scopriamo il mondo Senti come suono Il Rubasillabe Senti come parlo

Tutto quello che so della paura Tutte le facce delle emozioni Quanto manca a domani? Le parole per leggere

ba m b i n i


collana “QUID+” formato 25×25 cm confezione cartonato pagine 192 in libreria novembre prezzo € 16,90

3+

di Barbara Franco e Andrea Bordin basato sul metodo NeuroVoiceColors®

Andrea Bordin svolge attività di coaching e trainer. Nel 2010 incontra Ciro Imparato e inizia a frequentare i suoi corsi fino a diventare un trainer certificato e autorizzato a svolgere formazione basata su FourVoiceColors®. Nelle sue attività ha messo a punto e coniugato due tecniche relazionali, una che predilige il controllo del corpo e delle emozioni e l’altra che punta a sviluppare un naturale flusso di energia attraverso il corpo e la voce. Nel corso degli anni ha formato migliaia di persone su tematiche relative alla leadership, ai processi decisionali, alle tecniche di vendita e negoziazione e sull’uso della voce come strumento per ottenere grandi risultati in tutti questi ambiti, ma anche per aumentare la propria autostima e il benessere per sé e per gli altri.

nella stessa collana quid+ Le sfumature delle emozioni La mente matematica L’inventafiabe

9

argomenti di vendita Il libro guida che accompagna il genitore nel percorso di conoscenza delle tecniche della lettura ad alta voce spiegando con esempi pratici i principi educativi applicabili. La scientificità del contenuto, elaborata da uno specialista del settore e basata su un metodo frutto di studi e ricerche che hanno come punto di partenza FourVoiceColors® di Ciro Imparato. I contenuti audio e video scaricabili permettono di imparare in modo semplice e immediato la tipologia di voce da utilizzare in base alla tipologia del racconto. Le storie illustrate in cui il bambino può immedesimarsi. L’accuratezza delle illustrazioni, studiate appositamente per il target di riferimento.

COPERTINA PROV VISORIA

parlo

Lessico - Comunicazione orale Lettura - Comunicazione scritta Lingue straniere

COPERTINA PROV VISORIA

LINGUAGGIO

bambini implica una relazione e un’empatia che si realizza attraverso la voce, che diventa un importante strumento e canale di inclusione. La lettura ad alta voce rafforza il legame affettivo tra l’adulto che legge e il bambino che ascolta, stimolando la sua curiosità e rendendolo consapevole delle proprie emozioni. Quando leggiamo la voce assume un ritmo, una tonalità, un colore, un suono che sono differenti dal semplice parlare o narrare. Ma che cosa significa che la voce ha un colore? Perché si può dire che esiste una voce verde, una gialla, una rossa, una blu e addirittura una voce nera? Quali sono le emozioni della voce? Questo libro ha l’obbiettivo di far scoprire i benefici della lettura ad alta voce con i bambini e offre ai genitori le tecniche di base e gli accorgimenti per renderla efficace. Il volume contiene diversi esempi pratici di lettura di molte tipologie di storie, dalla ninnananna al racconto breve a quello più articolato.

COPERTINA PROV VISORIA

COPERTINA PROV VISORIA

Letture ad alta voce. Scoprire il potere della voce per esprimere le emozioni | Leggere ad alta voce con i

788858 025130

ba m b i n i

37


collana “I libri girevoli” formato 17,5×17,5 cm confezione cartonato

“I libri girevoli”

accoppiato fustellato

Studiati appositamente per i piccolissimi, questi volumi sono uno strumento prezioso per abituare i bambini ad apprezzare i libri fin dai primi anni di vita. Osservando le immagini degli animali, esercitano la loro capacità di riconoscimento e di associazione con i rispettivi nomi; ruotando gli elementi girevoli allenano la motricità e il coordinamento occhio-mano. Un’esperienza divertente, colorata e coinvolgente!

pagine 10 in libreria ottobre prezzo € 9,90

1+

La fattoria Cavallo, cane, asino, mucca… Gira le pagine e i musetti degli animali della FATTORIA e combinali con i nomi corretti!

La giungla Scimmia, panda, zebra, leone… Gira le pagine e i musetti degli animali della GIUNGLA e combinali con i nomi corretti!

perfetti per stimolare manualità e divertimento, e iniziare con i propri figli un processo di conoscenza

argomenti di vendita Il successo dei precedenti libri girevoli per questa fascia d’età. L‘ottimo rapporto qualità-prezzo. La grafica semplice e dai colori vivaci, la qualità tecnica e dei materiali.

38

ba m b i n i


nella stessa collana Facciamo le facce Cane e gatto La fattoria Le forme I numeri I colori I contrari

ba m b i n i

39


Le sei storie di Alice nel Paese delle Meraviglie

collana “Le sei storie” formato 19×19 cm confezione cartonato bombato pagine 96 in libreria ottobre prezzo € 9,90

5+

Sophie Fatus

COPERTINA PROV VISORIA

Un libro che, attraverso la narrazione di brevi racconti illustrati, ripercorre i sei episodi più significativi del celebre romanzo di Lewis Carroll, semplificandone i contenuti e rendendolo accessibile anche ai lettori più piccoli.

Sophie Fatus è nata a Boulogne sur Seine, ma da molti anni vive e lavora a Firenze. Si è laureata all’Ecole des Beaux Arts di Parigi. Pittrice, scultrice e grafica, ha pubblicato numerosi libri per ragazzi. Nel 1998 ha vinto il premio d’illustrazione Apel es Mestres per le Edizioni Destino di Barcellona. Ha realizzato due importanti installazioni per l’Ospedale pediatrico Meyer di Firenze. Nel 2015 ha collaborato con la libreria LF di Firenze per la decorazione dell’area kids. Per Gribaudo ha già pubblicato Riccia e la luna e Le sei storie del Piccolo Principe.

argomenti di vendita Il successo degli altri titoli della stessa serie (Le sei storie dei perché, Le sei storie delle paroline magiche, Le sei storie delle emozioni, Le sei storie dei sì e dei no, Le sei storie scacciapaura, Le sei storie della rabbia, Le sei storie della felicità, Le sei storie della gentilezza, Le sei storie del papà, Le sei storie della mamma, Le sei storie dei nonni, Le sei storie dei valori, Le sei storie della meraviglia, Le sei storie salvapianeta e Le sei storie della buonanotte). Le buone vendite del volume Le sei storie del Piccolo Principe, strenna 2019, con l’adattamento della stessa autrice. I testi semplici e le delicate illustrazioni della celebre Sophie Fatus. La passione dei lettori di ogni età per l’intramontabile classico a cui si ispira quest’edizione.

della stessa autrice Le sei storie del Piccolo Principe

40

ba m b i n i


collana “Le sei storie” formato 19×19 cm confezione cartonato bombato pagine 96 in libreria novembre prezzo € 9,90

Le sei storie di Natale Valentina Camerini - Anita Barghigiani

3+

COPERTINA PROV VISORIA

C’erano una volta… una vecchina che aveva un grosso nasone, un carattere burbero e brontolone e si chiamava Befana; un pupazzo di neve curioso che vuole entrare in casa a festeggiare il Natale insieme ai bambini; una grande fabbrica di giocattoli al Polo Nord in cui centinaia di elfi si danno da fare per costruire doni da consegnare ai bambini; un pasticcere che vuole creare un dolce unico con uvetta e canditi, per rendere ancora più bello il giorno in cui si celebra la nascita di un bambino speciale; una fanciulla abbandonata nella foresta dalla matrigna che spera si congeli, che viene salvata dal misterioso Re Gelo; un elfo e una fatina che per rimanere insieme per sempre decidono di tramutarsi lui in un piccolo arbusto e lei in una bacca, dando così origine al vischio. Sei storie di Natale tutte da leggere sotto l’albero!

argomenti di vendita Il successo degli altri titoli della stessa serie. Una versione “strenna” con racconti dal contenuto natalizio. Un’autrice dalla penna brillante, già rodata sulle storie di Natale.

Valentina Camerini è nata e vive a Milano. Esordisce sulle pagine patinate delle riviste di moda per poi passare a quelle popolari dei fumetti: sceneggia storie per la Walt Disney e per “Topolino”. Con Feltrinelli ha pubblicato il romanzo Il secondo momento migliore (2014) e con Gribaudo Le avventure di Pinocchio, Le più belle storie di Santa Lucia, Le più belle storie di maghi e streghe, Le più belle storie di draghi e folletti, I racconti di Natale di Dickens per bambini, Le storie del brivido, I racconti di Edgar Allan Poe per ragazzi, Le più belle storie di donne coraggiose e Babbo Natale incontra i bambini di tutto il mondo.

Anita Barghigiani è nata a Pisa nel 1987, si è laureata con lode all’Accademia di Belle Arti di Firenze in Scenografia e Costume Design, e poi diplomata all’Accademia di Arti Digitali NEMO di Firenze, nel 2016. Oltre che da illustratrice ha lavorato come tattoo designer e fotografa, e come pittrice e decoratrice per il marchio Dolce&Gabbana. Per Gribaudo ha già illustrato Nonno, mi racconti una fiaba? e alcune delle storie contenute nella raccolta Le più belle storie di Natale dal mondo.

nella stessa collana Le sei storie del Piccolo Principe

Le sei storie delle emozioni

Le sei storie dei nonni

Le sei storie dei desideri

Le sei storie delle paroline magiche

Le sei storie dei valori

Le sei storie del papà

Le sei storie dei perché

Le sei storie salvapianeta

Le sei storie della mamma

Le sei storie scacciapaura

Le sei storie della buonanotte

Le sei storie della gentilezza

Le sei storie dei sì e dei no

Le sei storie della felicità

Le sei storie della rabbia

ba m b i n i

41


collana “Albi illustrati” formato 27×25 cm confezione cartonato pagine 32 in libreria novembre prezzo € 12,90

Il topolino e Babbo Natale Tracey Corderoy - Sarah Massini

3+

È la notte della Vigilia. Tutti dormono, in attesa che Babbo Natale si cali giù dal camino… eccetto un topolino dalla sciarpetta rossa, tutto intento a esprimere un desiderio. Così, quando Babbo Natale finisce nel bel mezzo di una bufera e perde la strada, il topolino è l’unico che può aiutarlo a ritrovare la via e a consegnare in tempo tutti i regali. Ce la faranno prima dell’alba?

argomenti di vendita Una storia tenera e poetica sullo spirito del Natale. Il successo dell’albo illustrato natalizio del 2019, Il Pettirosso e Babbo Natale, dello stesso editore inglese. Una strenna di Natale perfetta per temi, personaggi e colori.

sicale in rima, mu Una storia bello iù p sul dono e delicata, re: ra e a desid che si poss . o ic un vero am

Tracey Corderoy vive nelle vicinanze di Gloucester. È stata insegnante

sullo stesso scaffale

di scuola primaria, prima di dedicarsi a tempo pieno alla scrittura per ragazzi. Ama incontrare i bambini nelle scuole, nelle biblioteche e in libreria e li incoraggia sempre a scrivere le loro storie. Ha vinto numerosi premi.

Il Pettirosso e Babbo Natale

Sarah Massini vive nell’East Sussex e ha iniziato a disegnare non appena è stata capace di tenere una matita in mano. A scuola, per lei ogni lezione era educazione artistica, perché durante geografia disegnava mappe elaborate, a biologia elaborava eleganti diagrammi e sul libro di francese schizzava invitanti croissant… Ha pubblicato diversi albi e vinto importanti premi.

42

ba m b i n i


collana “Le grandi raccolte” formato 19×24 cm confezione cartonato bombato pagine 324 in libreria novembre prezzo € 14,90

Babbo Natale incontra i bambini di tutto il mondo

3+

Valentina Camerini - Giulia Quagli È la notte più magica dell’anno e tutto è pronto: la slitta trainata dalle fidate renne, il sacco colmo di doni confezionati dai laboriosi elfi… Babbo Natale può partire per il suo incredibile viaggio intorno al mondo, dal Polo Nord all’Australia, e visitare le case di tutti i bambini che lo aspettano sognando il suo arrivo. Come il piccolo Yebrahim, che lo attende dormendo sereno nella sua tenda al centro di un’oasi nel deserto algerino. O Hachiro, che vive in cima a un grande monte del Giappone e vuole dirgli grazie creando qualcosa per lui. Con il prezioso aiuto di vecchi e nuovi amici – e oggetti molto speciali – Babbo Natale riuscirà a far fronte a ogni imprevisto e porterà a termine la sua missione. Anche quest’anno, il giorno più bello dell’anno sarà meraviglioso!

argomenti di vendita

COPERTINA PROV VISORIA

Il successo dei titoli precedenti della collana. Storie da leggere come fiabe in famiglia, per fare un giro del mondo sulla slitta di Babbo Natale e scoprire in compagnia dei piccoli protagonisti dei racconti come si festeggia il Natale nei differenti Paesi. Le meravigliose illustrazioni dall’atmosfera vivace e coloratissima. Un’edizione potenzialmente long seller, dal prezzo competitivo.

una ricca raccolta di storie, un viaggio alla scoperta di usanze e tradizioni Valentina Camerini è nata e vive a Milano. Esordisce sulle pagine patinate delle riviste di moda per poi passare a quelle popolari dei fumetti: sceneggia storie per la Walt Disney e per “Topolino”. Con Feltrinelli ha pubblicato il romanzo Il secondo momento migliore (2014) e con Gribaudo Le avventure di Pinocchio, Le più belle storie di Santa Lucia, Le più belle storie di maghi e streghe, Le più belle storie di draghi e folletti, I racconti di Natale di Dickens per bambini, Le storie del brivido, I racconti di Edgar Allan Poe per ragazzi e Le più belle storie di donne coraggiose.

Giulia Quagli è nata in Toscana nel 1984, dove attualmente vive e lavora. Dopo il Liceo Scientifico si è dedicata totalmente al disegno e alla pittura frequentando l’Accademia di Belle Arti e successivamente la Scuola Internazionale di Comics a Firenze. La sua formazione parte dalle tecniche tradizionali più disparate per poi approcciare al digitale, dove trova massima espressione per le sue creazioni. La sua produzione spazia da immagini per il web alla grafica, dall’advertising all’editoria per l’infanzia. Insegna illustrazione presso The Sign - comics and art academy. Ha una profonda passione per il caffè, gli art-book di animazione e le cartoline spedite dai luoghi più disparati!

ba m b i n i

sullo stesso scaffale Le più belle storie di Natale dal mondo

43


Le più belle storie dei Re Magi Stefania Lepera - Giulia Rossi

collana “Le grandi raccolte” formato 14,5×19,5 cm confezione cartonato bombato pagine 224 in libreria novembre prezzo € 12,90

3+

Una notte di duemila anni fa, apparve in cielo una luce. Non si trattava del sole, e nemmeno della luna. Tre distinti signori di nome Gaspare, Melchiorre e Baldassarre riconobbero in quella luce il segnale che tanto avevano atteso: il più grande re di tutti i tempi stava per venire al mondo. Quindi partirono per fargli visita, e ciascuno di loro portò con sé un dono da offrirgli: oro, incenso e mirra. Durante il lungo viaggio che i Magi dovettero intraprendere, incontrarono persone che a loro volta decisero di donare qualcosa al neonato in arrivo… tesori semplici, ma infinitamente preziosi. Una raccolta dei più bei racconti che celebrano i Re Magi e il loro viaggio verso Betlemme, arricchito da curiosi aneddoti e simpatiche avventure scaturiti dalla fantasia dell’autrice.

Stefania Lepera vive a Bologna. Ha esordito come COPERTINA PROV VISORIA

sceneggiatrice per Topolino e ha pubblicato libri per bambini per Mondadori e Giunti. Lavora come autrice, traduttrice e copywriter per diverse case editrici e agenzie di comunicazione. L’accento nel suo cognome cade sulla seconda “e”, per rispondere alla prima domanda che tipicamente si sente rivolgere quando fa conoscenza con qualcuno.

argomenti di vendita Il successo dei titoli precedenti della collana. Storie da leggere in famiglia e da regalare. Una scrittura briosa e piena di verve, che rende i Re Magi personaggi godibilissimi e attuali, pur rispettando la tradizione. Le illustrazioni a colori trasmettono perfettamente la suggestiva atmosfera natalizia. Una ricca raccolta di racconti a un prezzo competitivo.

Giulia Rossi è nata a Rimini nel 1987 dove vive e lavora come designer e illustratrice. Dopo la laurea in Architettura approfondisce il suo interesse per l’illustrazione editoriale conseguendo il master in illustrazione editoriale presso Ars in Fabula. Ha collaborato con diversi editori e le sue illustrazioni sono state selezionate per mostre e concorsi a livello nazionale e internazionale. accolta Per Gribaudo ha illustrato la raccolta Le più belle storie dell’antico Egitto e La magia del Natale.

sullo stesso scaffale La magia del Natale Le più belle storie di Santa Lucia Le più belle storie della Befana Le più belle storie di Babbo Natale I racconti di Natale di Charles Dickens per bambini

44

ba m b i n i


collana “Disegna e crea” formato 19,2×25,5 cm confezione brossura con glitter

Gioca e crea il tuo magico Natale

in copertina

giochi, storie, idee e attività… per vivere con allegria la magia delle feste

pagine 108 in libreria novembre prezzo € 6,90

3+

Giochi, puzzle, cerca&trova, labirinti, disegni da completare e colorare: questo activity ha tutti gli ingredienti per piacere ai bambini, e inoltre tanti soggetti natalizi che animano le coloratissime pagine, tutte in perfetto stile natalizio. Oltre a tanti giochi stimolanti e divertenti, ci saranno suggerimenti per dolci ricette, idee per realizzare lavoretti creativi e storie da condividere in famiglia per vivere la magia delle feste. In compagnia di Rudolph, degli elfi, di Babbo Natale e di tanti amici animali sarà divertente risolvere enigmi, rompicapi… per trascorrere le feste in allegria!

argomenti di vendita

COPERTINA PROV VISORIA

Il successo degli activity book, in cui i bambini si divertono imparando. Attività divertenti che aiutano a sviluppare abilità logiche e intuitive ed esercitare la concentrazione. Un design colorato e ricco, con tante pagine costruite ad hoc. La richiesta di prodotti dedicati al Natale.

un activity per immergersi nell’incantata atmosfera del natale, pagina dopo pagina…

sullo stesso scaffale 1.000 sticker per giocare a Natale

ba m b i n i

45


La grande sorpresa di Natale sta per tornare… Grandi storie pubblicate in tutte le lingue del mondo e preziosi plaid con soggetti unici in una confezione elegante, per stupire lettori da 7 a cent’anni.

Il Piccolo Principe Antoine de Saint-Exupéry

GRAFICA PROV VISORIA

pagine 128

Un capolavoro della letteratura mondiale destinato a tutti i bambini, quelli di oggi e quelli di ieri.

« Gli adulti da s o non capiscono n li iente, ed è stancante i bambini dover per semp spiegare tutto… re »

collana “Vola la pagina” | confezione scatola 37×25×10 cm | misure plaid 120×180 cm | formato libro 13,5×19 cm | confezione libro cartonato + sovraccoperta poster | in libreria novembre | prezzo € 22,50

46

7+

ba m b i n i


testo integrale

argomenti di vendita Il successo della collana (libri con confezione elegante dal taglio cross-over e copertina/poster sorpresa dedicata ai bambini). Classici senza tempo, in edizione integrale. La ricchezza della confezione, con coperte originali e di qualità. Una preziosa idea regalo per Natale e per ogni occasione, per lettori di tutte le età.

Il meraviglioso mago di Oz GRAFICA PROV VISORIA

Lyman Frank Baum

pagine 192

Una geniale fiaba dei tempi moderni «Non importa quanto triste e grigia sia la nostra casa, noi gente di carne e ossa preferiamo vivere lì piuttosto che in un altro Paese, per quanto bello possa essere.»

o n do «Non esiste al m posto migliore sa.» della propria ca

della stessa serie Il Canto di Natale - con plaid Piccole donne - con plaid L’isola del tesoro - con plaid Alice nel Paese delle Meraviglie con plaid

ba m b i n i

47


Il Mostro dei colori Anna Llenas

collana “Il mostro dei colori” misure sacca 32×35 cm misure peluche 24 cm di altezza formato libro 12×12 cm confezione sacca 100% cotone

con velcro + peluche + libro

Torna il simpatico mostro pasticcione, protagonista del fortunatissimo I colori delle emozioni, con un libro abbinato a quattro peluche in quattro colori, ciascuno dedicato a un’emozione.

pagine 16 in libreria novembre prezzo € 24,90

0+

Gioi a

Questa volta, il peluche sarà rinchiuso in una splendida sacca al 100% di cotone. Insieme al mostro dei colori i bambini impareranno a riconoscere e a dare un nome a ciò che provano, in un percorso di educazione emozionale.

Cal m

a

e r o Am

ia b b Ra argomenti di vendita Il successo del personaggio del mostro dei colori. La ricchezza della confezione, con sacche originali e di qualità. Una preziosa idea regalo per ogni occasione, per lettori di tutte le età.

48

ba m b i n i


Anna Llenas vive a Barcellona, dove dopo la laurea in Pubblicità e Pubbliche Relazioni ha conseguito il diploma in Disegno Grafico e un master in Illustrazione. Ha lavorato come direttore artistico e creativo per diverse aziende e attualmente è impegnata a tempo pieno come autrice e illustratrice (www.annallenas.com).

splendidi peluche confezionati in morbide e bellissime sacche di cotone 100%

della stessa autrice Diario agenda del mostro dei colori I colori delle emozioni Kamishibai Il diario delle emozioni I colori delle emozioni album da colorare I colori delle emozioni pop-up I colori delle emozioni cartonato accoppiato

ba m b i n i

I colori delle emozioni albo illustrato Il mostro dei colori va scuola Se io fossi un gatto Talpino terremoto Il Sole è in ritardo Mi piaci (quasi sempre) pop-up Mi piaci (quasi sempre) albo illustrato Il buco

Labirinto dell’anima Il mostro dei colori peluche azzurro - tristezza Il mostro dei colori peluche nero - paura Il libro dei contrari Mi piaci (quasi sempre)

49


collana “Enciclopedie per ragazzi” formato 25×30 cm confezione cartonato pagine 360 in libreria ottobre prezzo € 26,90

Explanatorium della scienza L'enciclopedia completa che ti svelerà tutti i segreti della scienza.

7+

Incredibili fotografie e immagini mozzafiato al microscopio elettronico mostrano in un modo straordinario come funzionano la chimica, la fisica e la biologia, e appassioneranno non solo i bambini, ma anche gli adulti. Scopri come le piante trasportano l’acqua negli steli e come i petali dei fiori rilasciano l’ossigeno nell’atmosfera; come la materia cambia forma e perché alcune trasformazioni causano esplosioni… Osserva come lavorano i batteri nei diversi ambienti che popolano, tra cui il sistema digerente umano! Per conoscere tutti i segreti dell’universo, dalle cellule più microscopiche alle infinite galassie!

argomenti di vendita Il successo della collana di enciclopedie a marchio DK-Gribaudo. La serietà scientifica, la ricchezza dei contenuti e dell’apparato iconografico. La a fascinazione asc dei bambini e dei ragazzi per la scienza. L’impatto visivo dello spettacolare L’impat materiale materia fotografico. I buoni risultati di vendita del prim primo titolo della serie: Explanatorium della natura. Explana

il libro regalo lo definitivo, che risponderà rà a ogni piccola ae grande domanda nda sull’universo! o!

nella stessa collana

50

Explanatorium della natura

La grande enciclopedia dell’universo

Esperimenti scientifici (da fare a casa)

Il regno animale

Supernatura

La grande enciclopedia del corpo umano

Esperimenti scientifici

La grande enciclopedia dei dinosauri N.E.

Supersquali

Super corpo umano

101 grandi esperimenti scientifici

La scienza anno per anno

La grande enciclopedia degli animali

Minerali & gemme

Trattori e altre macchine da lavoro

Superpianeta

Superinsetti

Ruspe, trattori e altri mezzi di trasporto

ba m b i n i


collana “Enciclopedie per ragazzi” formato 22×28 cm confezione cartonato pagine 224 in libreria ottobre prezzo € 22,00

Natura strabiliante Ben Hoare - Angela Rizza - Daniel Long

Una preziosa collezione che svela le meraviglie della natura attraverso splendide illustrazioni, fotografie mozzafiato e incredibili curiosità.

7+

Scopri le sorprendenti forme di vita che popolano il nostro pianeta. Dall’albero del drago di Socotra, la cui resina rossa ha l’aspetto del sangue, all’affascinante caravella portoghese, una creatura simile alla medusa dai velenosissimi tentacoli lunghi oltre dieci metri… lasciati stupire dalle straordinarie caratteristiche di oltre 100 esemplari appartenenti al mondo minerale, vegetale e animale.

argomenti di vendita Il successo della collana di enciclopedie a marchio DK-Gribaudo. La serietà scientifica dei progetti di divulgazione proposti da DK e le meravigliose illustrazioni immersive del volume. La particolarità degli esemplari trattati, che stupirà bambini e adulti. Il buon assorbimento del primo titolo della serie: Animali intriganti, uscito nelle strenne 2019.

Ben Hoare è un giornalista pluripremiato che ha scritto e curato molti libri e riviste di storia naturale per l’editore DK, la BBC, il Museo di storia naturale di Londra e molti altri. Dal 2008 è stato redattore di “BBC Wildlife Magazine”. Nel 2015 Ben è stato insignito della Medaglia Dilys Breese per la comunicazione scientifica al British Trust for Ornithology (BTO).

Angela Rizza vive e lavora a New York. Insegna Illustrazione al Fashion Institute e illustra libri per bambini e ragazzi. Daniel Long vive a Norfolk, in Inghilterra, dove lavora come illustratore. Il suo stile è influenzato dal design anni Cinquanta e illustra intessendo texture e chiaroscuri per ottenere immagini di grande intensità.

Animali intriganti

Esperimenti scientifici all’aperto

Dinosauri

Le mappe del cielo

Superspazio

Genius! Sfida te stesso

La grande enciclopedia della scienza

Invenzioni

Alberi, foglie, fiori & semi

Come funzionano tutte le cose

La storia di tutte le cose

Esploratori

L’enciclopedia degli elementi

Inventor Lab

La grande enciclopedia della storia

Robot

La magia e il mistero degli alberi

La grande enciclopedia dei ragazzi

ba m b i n i

51


“Storie a 4 zampe”

collana “Storie a 4 zampe” formato 25×25 cm confezione cartonato bombato pagine 32 in libreria novembre prezzo € 9,90

S o rie a4 zampe

3+

Buon Natale, Piccola Talpa! Orianne Lallemand - Claire Frossard È la vigilia di Natale. La neve scende fitta e ricopre tutto con il suo mando candido. Piccola Talpa si annoia, chiusa in casa: cosa può fare nella lunga giornata che l’aspetta? A un tratto… Toc-toc-toc! Chi bussa alla porta?

Gli amici di Lupo - Piccola Talpa, Baffo e Azzurro tornano con nuove avventure, tutte natalizie!

Azzurro e la sfida di Babbo Natale Laurent e Olivier Souillé - Jérémie Fleury Mentre il draghetto Azzurro sta addobbando l’albero, un misterioso folletto suona alla porta: ha un messaggio di Babbo Natale per lui! La renna Panna quest’anno non potrà trainare la slitta per consegnare i regali e Babbo Natale sta cercando un sostituto. Azzurro è al settimo cielo! Per ottenere il posto, però, deve superare alcune prove e competere con Vermiglio, un draghetto furbo e prepotente. Chi vincerà la sfida di Natale?

52

ba m b i n i


Baffo e lo spirito del Natale Armelle Renoult - Mélanie Grandgirard È la vigilia di Natale e Baffo sta giocando nella piazza del villaggio. Mentre salta sui rami del grande abete fa cadere la stella dorata, che si rompe in mille pezzi. Per rimediare, Baffo va nel bosco alla ricerca di ramoscelli con cui intrecciare una nuova stella, e scopre che là gli animali sono al freddo e non hanno cibo… anche se è Natale. Così Baffo decide di portare loro doni e un po’ di allegria. La sua generosità sarà premiata da una persona molto speciale.

argomenti di vendita I primi titoli della collana “Storie a 4 zampe” hanno prenotato talmente bene che è stato chiesto ad Auzou un allungo di tiratura. Personaggi teneri e spiritosi che hanno funzionato molto bene in Francia, nell’edizione originale. Storie illustrate di amicizia, accettazione, collaborazione, solidarietà, ascolto. I temi di questi episodi: la solidarietà, la competizione, l’accoglienza… e naturalmente il Natale!

nella stessa collana Simone il procione e la casa nuova Simone il procione ha la testa fra le nuvole Peluche Piccola Talpa con libretto Piccola Talpa, chi bussa alla porta? Una sorpresa per Piccola Talpa Baffo alla riscossa! Baffo Re dei pasticci Azzurro, il drago che spegneva il fuoco Azzurro alla ricerca di Cippi!

ba m b i n i

53


Imparo con i magneti 5 diversi tipi di magneti per ricostruire il corpo umano: lo scheletro in 19 pezzi, i muscoli in 19 pezzi, gli organi in 6 pezzi, il cuore in 6 pezzi e i denti in 6 pezzi.

collana “Imparare per gioco” formato 22,7×32,7 cm confezione scatola + libro + gadget pagine 64 in libreria ottobre prezzo € 21,95

3+

Il corpo umano. Imparo con i magneti Lo sapevi che l’uomo è uno dei pochi vertebrati la cui colonna vertebrale non termina in una coda? Quanto è solido un osso? Quanto è grande il cuore? Lo sapevi che le emozioni modificano la respirazione? I piccoli lettori troveranno tutte le risposte a queste domande e tante altre informazioni e curiosità sul corpo umano all’interno di questo libro. In più, nella confezione sono compresi 56 magneti che rappresentano le diverse parti del corpo umano e una grande sala operatoria su un tabellone magnetico gigante, per giocare e individuare tutte le parti del corpo!

argomenti di vendita La ricchezza del prodotto: un libro più grande tabellone magnetico e tanti magneti con cui giocare. La passione dei bambini per lo spazio e l’interesse dei genitori per il tema del corpo umano. Un gioco educativo per imparare a conoscere il corpo umano e lo spazio.

4 diversi tipi di magneti per conquistare lo spazio: l’ATV in 6 pezzi, un razzo in 6 pezzi, una tuta spaziale in 12 pezzi e il sistema solare in 8 pezzi.

Lo spazio. Imparo con i magneti Qual è la temperatura del sole? Che cosa sono le comete? Qual è il compito delle sonde spaziali? La Terra a che velocità gira su se stessa? Alla fine del libro un utile glossario ti permette di approfondire le tue conoscenze. I piccoli lettori troveranno tutte le risposte alle loro domande e tante altre informazioni e curiosità sullo spazio all’interno di questo libro. In più, nella confezione sono compresi 32 magneti e un tabellone magnetico che raffigura lo spazio, per giocare e ricostruire il sistema solare, l’interno di una navicella spaziale e anche una tuta spaziale.

54

della stessa serie I dinosauri - Imparo con i magneti Gli animali del mondo - Imparo con i magneti

ba m b i n i


Le più belle opere liriche

collana “Libri sonori” formato 34×23 cm confezione cartonato pop-up

con 6 brani musicali pagine 20 in libreria novembre prezzo € 26,95

7+

Il flauto magico di Wolfgang Amadeus Mozart, Il Barbiere di Siviglia di Gioachino Rossini, L’elisir d’amore di Gaetano Donizetti, Il vascello fantasma di Richard Wagner, La traviata di Giuseppe Verdi, Carmen di Georges Bizet: le più belle storie delle opere liriche raccontate in un fantastico libro pop-up. Per vivere l’incanto di questi capolavori attraverso suggestive illustrazioni e divertirsi ad ascoltare le melodie che hanno reso tali opere famose in tutto il mondo.

argomenti di vendita Un magnifico pop-up dalle illustrazioni delicate e poetiche. 6 estratti musicali da ascoltare premendo i punti touch tra le pagine. Una perfetta idea regalo per gli amanti della musica.

ba m b i n i

della stessa serie I Balletti più belli Le più belle arie della musica classica

55


I minieroi della giungla la fabbrica di storie

collana “Giochi creativi” formato 21×30×6 cm confezione cartonato +

4 marionette da dita pagine 16 in libreria novembre prezzo € 22,95

1+

Giuliano, il tucano è l’eroe del bagno, Stella l’unicorno è l’eroina senza paura, Teo il bradipo è l’eroe che cura gli amici e Riccardo il ghepardo è l’eroe che conosce le risposte… Un libro con quattro storie dei 4 piccoli eroi, da leggere e da animare con le 4 marionette da dita fornite nella confezione.

argomenti di vendita Una scatola con un libro e 4 marionette con cui animare le storie e divertirsi a inventare situazioni. La passione dei bambini per gli animali. Un’originale idea regalo.

della stessa serie I minieroi della foresta

GIULIANO

il tucano

ba m b i n i

STELLA

l'unicorno

TEO

il bradipo

RICCARDO

il ghepardo

56


5

GIROVENDITA 10-11-12 2020 2019


Fotografia

2

Il libro della fotografia digitale Guida ai segreti per scatti da professionista Scott Kelby

Pagine: 272 Prezzo: € 24,90 Formato: 19,5 x 25,5 cm In libreria: ottobre

In questa edizione completamente aggiornata del best seller Il libro della fotografia digitale, Scott Kelby mostra ancora una volta i segreti per realizzare scatti da professionista, condividendo con il lettore oltre 200 "trucchi del mestiere". Lasciando da parte gli aspetti teorici, il manuale si concentra sulla pratica. Ogni pagina è dedicata a un argomento specifico: si parte dai suggerimenti per ottenere scatti nitidi e dalla scelta dell'obiettivo più adatto per poi passare ai vari generi fotografici, dai paesaggi ai ritratti, dalla fotografia di viaggio a quella di matrimonio e di eventi sportivi. Il libro si conclude con i consigli per stampe di qualità, oltre a vere e proprie "ricette" per ottenere immagini da ricordare. Una guida pragmatica e di facile lettura, dedicata a chi vuole diventare un professionista della fotografia o semplicemente un fotografo migliore. Argomenti trattati • Conoscere i segreti per ottenere foto nitide • Scegliere l'obiettivo più adatto per ogni scopo • Scattare paesaggi e fotografie di viaggio • Creare ritratti da professionista • Sfruttare il flash nei ritratti • Scattare fotografie di matrimonio e di eventi sportivi • Stampare le foto in modo professionale

Scott Kelby è tra i principali divulgatori al mondo nel campo della manualistica fotografica, nonché editore dell'acclamata rivista Photoshop User. È conduttore del talk show The Grid e tiene workshop e seminari di fotografia digitale in tutto il mondo. Autore pluripremiato, nel corso della sua carriera ha scritto oltre 90 libri; gli ultimi, pubblicati da Apogeo, sono Fotografare il paesaggio e Fotografare con la luce naturale. Per sapere tutto di lui potete visitare il suo sito web all'indirizzo https://scottkelby.com.

CONSIGLIATO CON

La nuova edizione di un best seller mondiale


Fotografia

3

Nudo Fine Art Tecniche di illuminazione e posa per fotografare il corpo umano Lindsay Adler

Pagine: 288 Prezzo: € 29,90 Formato: 19,5 x 25,5 cm In libreria: novembre

Ritrarre il corpo nudo è da sempre una delle sfide più potenti dell'arte fotografica. Sebbene le forme umane siano la tela bianca per eccellenza, le possibilità per creare uno scatto elegante ed espressivo sono infinite. Allo stesso tempo, un soggetto così semplice non dà modo di nascondersi: un'illuminazione scarsa e una posa inefficace si noteranno senza sconti, così come la mancanza di una storia da raccontare. In questo manuale Lindsay Adler insegna a creare splendide fotografie di nudo artistico: si parte dalla scelta dei modelli e dalle modalità per interagire e collaborare con loro, per poi passare alle tecniche di illuminazione e posa che esaltano le forme del corpo. Non mancano importanti suggerimenti su come trovare ispirazione e sviluppare una storia durante il setting fotografico. Al termine del volume vengono infine presentati dieci casi di studio che mostrano l'intero flusso di lavoro: dalla definizione del concept all'illuminazione, dalla posa alla post-produzione e alla selezione dello scatto finale. Una guida dedicata sia a chi desidera muovere i primi passi nella fotografia di nudo, sia ai fotografi esperti che vogliono portare le proprie capacità a un livello superiore fondendo arte e tecnica. Argomenti trattati • Conoscere i diversi tipi di fotografia di nudo • Pianificare uno scatto di successo • Scegliere i modelli e interagire con loro • Impiegare le tecniche di posa più adatte • Modellare la luce per esaltare le forme del corpo • Passare dal concept allo scatto finito

Lindsay Adler è stata nominata tra i dieci migliori fotografi di moda del mondo. I suoi lavori sono apparsi su riviste come Marie Claire, InStyle, Noise Magazine, Zink Magazine, Elle, Rangefinder, Professional Photographer. Tiene workshop e conferenze a livello internazionale e ogni anno insegna e condivide la sua esperienza con migliaia di fotografi. È autrice di La guida definitiva alla posa fotografica, edito da Apogeo. In Rete la trovate all'indirizzo https://www.lindsayadlerphotography.com.

CONSIGLIATO CON

Dall’autrice del best seller sulla posa


Web marketing e business

4

Tecniche di persuasione visiva Creare immagini che colpiscono e ispirano le persone Larry Jordan

Pagine: 400 Prezzo: € 39,90 Formato: 19,5 x 25,5 cm In libreria: novembre

Le immagini possono essere molto più pervasive e potenti della parola scritta. Un tempo solo cineasti e professionisti del video potevano sfruttarle per comunicare, raccontare storie e convincere ma oggi questa possibilità è per tutti. Questo libro spiega come pensare in modo visuale e creare immagini e video avvincenti per la pubblicità, i social media e il Web. Attraverso esempi tratti dal mondo reale ed esercizi pratici, descrive i fondamenti della persuasione e mostra perché e come la comunicazione visiva è così potente. I vari capitoli spiegano come convincere le persone attraverso le immagini e il lettore apprende così le tecniche per realizzare ed editare fotografie d'impatto e a produrre video che catturano l'attenzione, curandone tutti gli aspetti, dalle riprese al suono alla post-produzione. Una guida pratica e completa, ricca di spunti creativi e suggerimenti, pensata per chi lavora nel campo della comunicazione e vuole valorizzare un messaggio grazie alle tecniche di persuasione visiva. Argomenti trattati • Conoscere i fondamenti della persuasione visiva • Gestire le emozioni associate ai font e alle immagini • Realizzare fotografie efficaci lavorando sia con amatori che con professionisti • Comporre ed editare gli scatti • Ottimizzare l'impatto dei messaggi video lavorando su trama, immagini e suono • Editare i video e padroneggiare gli effettivi visivi • Creare animazioni e grafiche 3D capaci di attirare l'attenzione

Larry Jordan è un produttore, regista, montatore, docente e formatore pluripremiato. Ha prodotto, diretto e montato video per emittenti televisive locali e nazionali statunitensi e ha una vasta esperienza nel campo dei video aziendali e di formazione. Come docente si occupa di media, marketing, comunicazione e arte della persuasione visiva. Ha insegnato alla USC di Los Angeles per oltre un decennio ed è membro sia della Directors Guild of America che della Producers Guild of America.

CONSIGLIATO CON

Per la comunicazione e la pubblicità


Computer e programmi

5

Illustrazione digitale Guida completa Peter Hoffmann

Pagine: 432 Prezzo: € 39,90 Formato: 19,5 x 25,5 cm In libreria: novembre

Per chi si occupa di grafica e illustrazione apprendere i metodi e le tecniche di disegno digitale è oggi fondamentale. Questa guida pratica tutta a colori mostra i segreti per creare illustrazioni professionali e utilizzare al meglio gli strumenti software più comuni. Esercitazioni specifiche si alternano a spiegazioni dei principi di progettazione, pianificazione, schizzo e creazione dell'immagine finale, accompagnando i lettori in una vera e propria "scuola di disegno". Attraverso tutorial passo passo in Photoshop, Illustrator, Painter e SketchBook il lettore apprende a disegnare, dipingere, colorare, fare collage, utilizzare la grafica vettoriale, illustrare app mobile e molto altro ancora. Un volume completo, magistralmente progettato e illustrato, ricco di esempi per stimolare la creatività e affinare la tecnica, dedicato a studenti e professionisti che vogliono diventare dei maestri del disegno digitale. Argomenti trattati • Comprendere le differenze tra disegno analogico e digitale • Creare il proprio ambiente di lavoro • Apprendere le tecniche di disegno • Progettare le immagini • Comporre le immagini • Passare dall'idea al disegno finito • Imparare a lavorare in Photoshop, Illustrator, Painter e SketchBook. • Essere creativi e produttivi allo stesso tempo

Peter Hoffmann ha studiato design della comunicazione e illustrazione. Ha lavorato prima in agenzia e poi come freelance per riviste, band musicali ed emittenti televisive, creando marchi, copertine di dischi e illustrazioni. Ha ricevuto vari premi, tra cui il Red Dot Award "Best of Communication Design". Da oltre dieci anni lavora come docente in varie università.

CONSIGLIATO CON

A scuola di disegno digitale


Computer e programmi

6

Il manuale dell'E-learning Guida strategica per la scuola e la formazione aziendale Matteo Uggeri

Pagine: 240 Prezzo: € 24,90 Formato: 16,8 x 24 cm In libreria: ottobre

Da oltre vent’anni l’e-learning è una forma d’innovazione della didattica e della formazione, uno stimolo al miglioramento e all’integrazione fra tecnologia e apprendimento. Questo manuale mostra come l’e-learning non sia solo tecnologia ma debba partire sempre dalle persone che progettano un percorso didattico e da quelle che ne fanno parte. L'obiettivo è guidare il lettore nella risposta ad alcune domande fondamentali — a chi mi rivolgo? che cosa voglio insegnare e con quali obiettivi? con quali mezzi? — in un contesto estremamente mutevole, segnato dall’evolversi frenetico delle offerte del mondo digitale. L’analisi dei software disponibili e la scelta di quello più adatto per la propria azienda o classe non viene trascurata, ma il filo rosso del manuale sono il metodo, i processi e — in definitiva — le forme di buone pratiche che guidano la migliore progettazione di un corso didattico. Una guida strategica dedicata a chi si occupa di formazione sia in ambito scolastico che aziendale e vuole iniziare a ideare e realizzare corsi online che abbiano al centro le persone e i loro bisogni. Argomenti trattati • Conoscere cos'è e-learning e l'evoluzione della didattica a distanza • Definire gli step base per costruire un corso online • Esplorare i principali software di videolezione e le piattaforme di e-learning • Valutare e tracciare i risultati ottenuti: test, assesment ed esami • Costruire un corso online "fatto in casa" • Guadagnare con l'e-learning • Conoscere le ultime frontiere e valutare gli sviluppi futuri

Matteo Uggeri si occupa di apprendimento online come esperto di formazione, progettista di interfacce e project manager. Dal 2012 lavora presso la Fondazione del Politecnico di Milano, dove si occupa di progetti nazionali e internazionali dedicati a vari ambiti: scuola in ospedale, Open Education Resources, competenze trasversali, transizione scuolauniversità-lavoro, accreditamento e altro ancora. Fa parte del comitato scientifico dell’evento eXploring eLearning che si tiene a Milano ed è referente per l’Italia del progetto OER World Map.

La nuova formazione ai tempi del COVID


Programmazione

7

Insegnare il coding La guida per formare i programmatori del futuro Stephen R. Foster, Lindsey D. Handley

Pagine: 240 Prezzo: € 24,90 Formato: 16,8 x 24 cm In libreria: ottobre

Cos'è il coding? Perché i bambini dovrebbero imparare a programmare? Perché molte scuole non insegnano adeguatamente la scienza dei computer? Anche se la stragrande maggioranza di docenti, genitori e studenti comprende l'importanza dell'informatica nel 21° secolo, molti faticano a trovare risorse educative adeguate. Questo libro vuole colmare una lacuna nelle conoscenze attuali spiegando esattamente cos'è il coding e come possa essere insegnato in modo adeguato. Scritto da educatori e ricercatori esperti, è una guida pratica e accessibile a tutto ciò che serve sapere per poter insegnare un linguaggio di programmazione, sfatando alcuni falsi miti e offrendo spunti per definire un percorso educativo in campo informatico. I capitoli, scritti con un linguaggio chiaro e privo di tecnicismi, esplorano una vasta gamma di argomenti: dalla storia dell'educazione informatica e della sua influenza sull'attuale sistema scolastico all'analisi dei linguaggi programmazione. Ricco di spunti di riflessione ed esercizi, questo libro è indispensabile per gli insegnanti alle prime armi e utile a docenti e formatori più esperti che vogliono migliorare l’approccio all’insegnamento del coding. Argomenti trattati • Esplorare le sfide e le problematiche attuali nell’insegnamento del coding • Analizzare la storia dell'educazione informatica e la sua influenza sul presente • Esaminare le pratiche di insegnamento attraverso un approccio computazionale • Comprendere come la mente umana impara a programmare • Mettere a fuoco l'origine e le caratteristiche dei linguaggi di programmazione

CONSIGLIATO CON

Stephen R. Foster è ricercatore, autore e co-fondatore di diverse imprese sociali la cui mission è mostrare ai docenti come insegnare il coding. Esperto nella programmazione di videogiochi e nell'educazione informatica, ha svolto ricerca scientifica, creato soluzioni tecnologiche per insegnanti e studenti e avviato startup educative e organizzazioni senza scopo di lucro. Lindsey D. Handley è insegnante, ricercatrice, autorice e co-fondatrice, insieme a Stephen R. Foster, di ThoughtSTEM e MetaCoders.org, organizzazioni che hanno supportato centinaia di migliaia di programmatori principianti.


Programmazione

8

Social Media Hacking Esplorare le reti sociali per estrarre e analizzare dati Riccardo Meggiato

Pagine: 224 Prezzo: € 24,90 Formato: 16,8 x 24 cm In libreria: novembre

Ogni giorno milioni di persone frequentano i social media, generando una quantità enorme di dati. Pochi però sanno che imparando alcuni semplici principi di programmazione, e qualcosa di più sulla struttura interna di un social network, è possibile raccogliere informazioni di tutti i tipi da servizi quali Facebook, Twitter e Instagram. Le possibilità sono varie: verificare che qualcuno abbia scritto, detto o mostrato qualcosa, analizzarne le relazioni e le interazioni, conoscerne gli interessi, i gusti e così via. Questo libro mostra come trovare ed estrapolare dati istruendo semplici software, realizzati da zero e sulla base delle proprie esigenze. Si parte dalle basi, illustrando come sono fatti i social network, in particolare quelli più utilizzati, per poi passare a tutto ciò che serve per iniziare a “setacciarli”, creando e configurando il proprio laboratorio grazie a rudimenti di HTML, CSS e JavaScript e Python, che permettono di dedicarsi al mining vero e proprio di Facebook & Co., ricavando dati da analizzare. Che tu sia un social media manager, un professionista del marketing, un giornalista o un semplice curioso, questa guida facile e ricca di esempi passo passo è il libro che fa per te. Argomenti trattati • Sapere come sono fatti i social network e dove trovare i dati • Apprendere le basi di HMTL, CSS, JavaScript e Python • Creare semplici programmi in Python • Estrarre dati da Facebook, Instagram, Twitter e LinkedIn • Analizzare i dati estratti • Conoscere e utilizzare alcuni tool pronti all'uso

Per cacciatori di dati

Riccardo Meggiato, dopo la programmazione di videogiochi e di sistemi di intelligenza artificiale, si è dedicato alla sicurezza informatica e al mondo della divulgazione scientifica e tecnologica. Apprezzata firma del magazine Wired Italia, per Apogeo è autore di numerose pubblicazioni. Tra i suoi più recenti successi troviamo Il lato oscuro della Rete, L'hacker dello smartphone, Spia nella Rete e Imparare l'hacking.

CONSIGLIATO CON


ST REN NE

2020


DALL’AUTORE DI ZORBA IL GRECO. TREDICI ANNI DI LAVORO. SETTE STESURE. TRENTATREMILATRECENTOTRENTATRÉ VERSI. IL CAPOLAVORO DI KAZANTZAKIS PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA.

Nikos Kazantzakis Odissea pag 912 euro 35,00 In libreria novembre 2020 isbn 978-88-8306-321-3 ISBN 978-88-8306-321-3

9 788883 063213


NOVITÀ Nikos Kazantzakis

ODISSEA Traduzione e cura di Nicola Crocetti

Nikos Kazantzakis, nato a Iraklion (Creta) nel 1883, studiò Giurisprudenza e Filosofia ad Atene. Nel 1907 si trasferì a Parigi, dove seguì le lezioni di Henri Bergson e conobbe la filosofia di Nietzsche, da cui fu molto influenzato. Dalla fine della Prima guerra mondiale viaggiò incessantemente in tutto il mondo. La sua opera è sterminata: compilò dizionari ed enciclopedie, scrisse libri per ragazzi e di viaggio, romanzi, tragedie, biografie, opere teatrali e filosofiche, una storia della letteratura russa. Tradusse in neogreco Platone, i poemi omerici, la Commedia di Dante, opere di Machiavelli, Goethe, Nietzsche, Darwin, Bergson, Büchner, Eckermann, Maeterlinck, e i maggiori poeti spagnoli dei primi decenni del Novecento. Dopo la Seconda guerra mondiale, divenne il leader di un piccolo partito della sinistra non comunista e per pochi mesi entrò nel governo greco come ministro senza portafoglio. Deluso dalla situazione politica del suo Paese, nel 1946 lasciò definitivamente la Grecia e si stabilì ad Antibes. Nel 1953 fu scomunicato dalla Chiesa ortodossa per il romanzo L’ultima tentazione. Nel 1957 perse per un voto il Premio Nobel, assegnato ad Albert Camus, che gli scrisse: «Voi l’avreste meritato cento volte di più». Lo stesso anno, pur malato di leucemia, fece un viaggio in Cina e in Giappone. Al ritorno, contrasse una grave infezione e fu ricoverato a Friburgo, in Bresgovia, dove morì il 26 ottobre 1957. La Chiesa ortodossa gli rifiutò la sepoltura in un cimitero, ed è inumato sulle mura della fortezza Martinengo, a Iraklion. Su una tomba spoglia l’epitaffio da lui dettato: “Non spero niente. Non temo niente. Sono libero”.

L’Odissea di Nikos Kazantzakis, “il più lungo epos della razza bianca”, come lo definì il suo autore, è la prosecuzione fantastica dell’omonimo poema omerico. Fu portato a termine dopo 13 anni e mezzo di lavoro (dal 1925 al 1938) e sette stesure autografe. Nella versione definitiva si compone di 33.333 versi (la penultima redazione contava 42.500 versi) suddivisi in 24 canti, lo stesso numero delle lettere greche e dei canti dei poemi omerici. In quest’opera dall’estensione fluviale – tre volte l’Odissea di Omero – Kazantzakis riversò tutte le sue esperienze intellettuali e spirituali, sviluppando una dottrina ascetica sincretistica, basata sui principi di diverse religioni e di grandi, utopistici ideali politici. La narrazione delle straordinarie avventure di Ulisse dopo il ritorno a Itaca celebra soprattutto la mente libera dell’uomo. Quello di Kazantzakis è anche un avatar dell’Ulisse dantesco assetato di conoscenza, oltre che un alter ego del poeta stesso, alla disperata ricerca di una nuova visione di Dio e della salvezza del mondo. Poema di grande complessità, l’Odissea è anche un’arca di Noè linguistica, in cui Kazantzakis ha imbarcato e salvato dall’estinzione migliaia di termini popolari raccolti dalla bocca di pastori, contadini, pescatori e abitanti spesso analfabeti di isole e villaggi dell’Egeo. Un patrimonio linguistico prezioso destinato a scomparire, ma che Kazantzakis ha salvato tramandandolo ai posteri. Tradotto in inglese, francese, tedesco, spagnolo e svedese, questo capolavoro è ora disponibile anche in italiano.


Ghiannis Ritsos

PIETRE RIPETIZIONI SBARRE

Ghiannis Ritsos Pietre Ripetizioni Sbarre Traduzione di Nicola Crocetti pag 192 euro 16,00 | In libreria ottobre 2020 isbn 978-88-8306-319-0 ISBN 978-88-8306-319-0

9 788883 063190

Ghiannis Ritsos nacque a Monemvasià nel 1909. Dopo un’infanzia segnata da gravi lutti familiari, nel 1926, colpito dalla tisi, fu ricoverato in sanatorio, dove rimase per tre anni. In seguito esercitò la professione di attore-ballerino e di copista in una banca. Nel 1933 entrò nelle file della sinistra, avviando un impegno politico che segnerà, spesso dolorosamente, la sua esistenza. Durante la guerra civile, il successivo governo di destra e la dittatura dei Colonnelli (19671974) fu ripetutamente incarcerato e deportato nei “campi di rieducazione nazionale”, ma restò sempre fedele ai suoi ideali di libertà e di giustizia sociale. L’impegno politico ebbe un’importanza centrale anche nella sua poesia, ma in Ritsos risuonano tutte le note, dolenti e gioiose, della grecità. Ottenne numerosi riconoscimenti internazionali di grande prestigio, e fu candidato per anni al Premio Nobel per la Letteratura. Morì ad Atene nel 1990.

Le poesie di Pietre Ripetizioni Sbarre sono state composte tra il 1968 e il 1969, negli anni in cui Ghiannis Ritsos era confinato nei campi di concentramento sulle isole di Ghiaros e Leros, e poi agli arresti domiciliari a Karlòvasi, sull’isola di Samo. Nel suo consueto dialogo con il Mito e con il passato, Ritsos racconta la memoria che resiste e che parla attraverso le pietre delle statue morte e delle colonne spezzate. Nei gesti che si ripetono da sempre, incessantemente, ritroviamo echi del passato che diventano immagini di un presente fatto di sbarre di carceri, di ricerca di una libertà definita dal poeta “immensa, estatica orfanezza”. Nella sua solitudine, simile a quella degli eroi antichi, Ritsos conserva integra la sua dignità e la speranza nell’uomo, e afferma la sua fede nel potere di redenzione della poesia.


Maria Grazia Calandrone

SERIE FOSSILE

Maria Grazia Calandrone Serie Fossile pag 144 euro 14,00 In libreria ottobre 2020 isbn 978-88-8306-320-6 ISBN 978-88-8306-320-6

9 788883 063206

Maria Grazia Calandrone (Milano, 1964) vive a Roma. Poetessa, drammaturga, artista visiva, autrice e conduttrice di programmi culturali per RaiRadio 3, scrive per “Corriere della Sera”, “Poesia”, e collabora con riviste di cinema e psicoanalisi. Tiene laboratori di poesia in scuole, carceri, DSM, con i migranti e presta servizio volontario nella scuola di lettura per ragazzi “Piccoli Maestri”. Ha pubblicato volumi di poesia, monologhi teatrali e un romanzo. Le sue raccolte poetiche edite da Crocetti sono La scimmia randagia (2003, premio Pasolini opera prima), La macchina responsabile (2007), Sulla bocca di tutti (2010, premio Napoli), Serie fossile (2015, premi Marazza e Tassoni, rosa Viareggio) e Il bene morale (2017).

Serie fossile è un poema sull’amore, dal miracolo della sua nascita allo strazio della fine. È un amore che rifonda il mondo, ha il potere di illuminare e generare luce dall’interno di un corpo che si scuote dal ripiegamento su se stesso, torna alla vita, sboccia in un’Alba. E poi si ritrae, lasciando tracce incastonate in fossili, incancellabili, ma di pietra, non più vivi. Chi ancora ama può soltanto offrire un ultimo dono, che è un’estrema speranza: la visione di due galassie gemelle individuate nel 2013 dal telescopio spaziale Hubble della Nasa. Sono scientificamente inseparabili, abbastanza vicine da avvertire l’una la forza di gravità dell’altra, senza disturbi gravitazionali visibili, per ora, ma destinate a fondersi tra qualche centinaio di milioni di anni.


Vivian Lamarque

IL SIGNORE D’ORO

Vivian Lamarque Il signore d’oro pag 94 euro 11,00 | In libreria ottobre 2020 isbn 978-88-8306-345-9 ISBN 978-88-8306-345-9

9 788883 063459

Vivian Lamarque è nata a Tesero (Trento) nel 1946 ed è sempre vissuta a Milano, dove ha insegnato italiano agli stranieri e letteratura in istituti privati. Scoperta da Giovanni Raboni, ha esordito nel 1978 con la raccolta L’amore mio è buonissimo (Quaderni della Fenice). Nel 1981 ha vinto il premio Viareggio Opera prima con Teresino. Ha ricevuto alcuni tra i più prestigiosi premi italiani di poesia, tra cui il Montale (1993), il Camaiore (2003), il Carducci (2016) e il Bagutta (2017). Ha scritto numerose fiabe e ha tradotto dal francese diversi autori, tra cui Valéry, Baudelaire, Prévert, La Fontaine, Céline e Grimm. Collabora con il “Corriere della Sera”.

Nel 1984, a 38 anni, Vivian Lamarque entra in analisi. I brevissimi testi di Il signore d’oro, composti tra il 1984 e il 1986 e dedicati al suo analista junghiano, raccontano l’esperienza del transfert e dipingono con grazia e dolore le scene di un amore profondo e proibito. Lo sguardo è sempre stupito e innocente, ma chi narra sa che “la realtà non c’era, era abdicata. // Splendidissima regnava la vita immaginata”. La leggerezza dei versi di Vivian Lamarque è apparente e non deve trarre in inganno: nonostante la convinzione che il lieto fine sia possibile, ogni tanto si aprono squarci che mostrano la realtà temuta: “Era un signore andato via. // A lei qui rimasta tantissimo mancava. // La traccia di lui lasciata segnava // ovunque intorno a lei l’aria. // Come un quadro spostato per sempre segna la parete”.


POESIA

Rivista Poesia 4 | pag 128 | euro 13,00 formato 16 x 24 cm | In libreria novembre isbn 978-88-8306-297-1 ISBN 978-88-8306-297-1

9 788883 062971

Il servizio di apertura del numero 4 di “Poesia” è dedicato a Federico García Lorca e alla sua raccolta Poeta en Nueva York, composta ottant’anni fa durante la permanenza del poeta alla Columbia University (19291930). Considerata l’apice dell’opera lorchiana, la raccolta fonde temi politico-sociali e modi espressivi del Surrealismo. Con straordinaria lucidità, Lorca individua nell’identificazione con gli esclusi e i vinti la vera funzione del poeta. Dirà: “Io volevo scrivere il poema della razza nera del Nord-America e sottolineare il dolore che hanno i negri d’essere negri in un mondo ostile: schiavi di tutte le invenzioni dell’uomo bianco e delle sue macchine”. Ma, aggiungerà, fra i negri “c’era il dolore che conosce la consolazione”, mentre nel luogo-emblema della ricchezza, Wall Street, scorre il fiume dell’oro e della morte: “In nessuna parte del mondo come lì si sente l’assenza totale dello spirito”. Nell’assegnare a Seamus Heaney il Premio Nobel per la letteratura nel 1995, l’Accademia di Svezia evidenziò la “bellezza lirica e la profondità etica” della sua poesia. I versi di Heaney parlano dei miracoli quotidiani e del passato che continua a vivere con una dolcezza e una potenza che trafiggono. L’inedito che “Poesia” presenta su questo numero conferma la grandezza di un poeta che è stato soprattutto un grande uomo. Nonostante la lunga esperienza di traduttore da varie lingue (principalmente inglese, russo e ceco), Giovanni Giudici parlava di sé come di un “dilettante” della traduzione. La sua conoscenza non perfetta delle lingue lo ha continuamente esposto al rischio dell’errore, suggerendogli l’invenzione di una nuova metafora. Il concetto di errore entrò infatti nella riflessione di Giudici sulla “strana" lingua della poesia, soprattutto della propria, e divenne l’elemento che accomuna i versi tradotti e i versi composti da lui stesso. Sul numero 4 di “Poesia” l’attività di traduttore di Giovanni Giudici è analizzata da Teresa Franco, italianista dell’Università di Oxford. La rubrica di Silvio Ramat dedicata alla “giovinezza della poesia in Italia”, cioè alle opere pubblicate nei primi quattordici anni del Novecento e inaugurata sul primo numero della nuova serie di “Poesia”, analizza le prime prove poetiche di Aldo Palazzeschi (1885-1974). Gli Inni omerici sono trentatré componimenti poetici greci attribuiti dalla tradizione a Omero. La lingua, il metro e lo stile degli Inni sono propri della poesia epica, ma la loro funzione era introduttiva alle recitazioni dei rapsodi e cantavano le gesta degli dèi a cui erano intitolati. Uno dei maggiori inni omerici è l’Inno ad Apollo, che “Poesia” propone nella traduzione di Daniele Ventre. Completano il numero 4 di “Poesia” articoli dedicati al poeta francese Michel Cosem e all’autore cinese Hai Zi e gli inediti di Federico Italiano.


La rivista “Poesia” ha inaugurato la sua nuova serie (maggio-giugno) con una copertina dedicata a Edna St. Vincent Millay, icona americana dell’anticonformismo degli anni ’20-’30 e vincitrice del premio Pulitzer per la poesia nel 1923. Il servizio d’apertura del primo numero è una nuova traduzione del saggio In difesa della poesia di Percy B. Shelley. Segue il ricordo, scritto dal direttore Nicola Crocetti, dell’ultimo incontro con Ghiannis Ritsos, che introduce la sua traduzione inedita del poemetto del poeta greco Il Guardiano del faro. Su questo numero, il critico Silvio Ramat avvia la rubrica “La giovinezza della poesia in Italia”, che passerà in rassegna le raccolte poetiche pubblicate dal 1900 al 1914. Il protagonista della prima puntata è Corrado Govoni. Completano il primo numero della nuova serie di “Poesia” testi inediti di Milo De Angelis, Valeria Rossella, Daniele Piccini e Franca Mancinelli, letture critiche dei più recenti volumi di Cesare Viviani e Roberto Sanesi e due servizi dedicati ai poeti Armando Romero (Colombia) e Theodor Fontane (Germania). Rivista Poesia 1 | pag 128 | euro 13,00 formato 16 x 24 cm | isbn 978-88-8306-294-0 In libreria maggio-giugno 2020

Dal 2009 al 2019 Carol Ann Duffy è stata il Poet Laureate della Gran Bretagna, prima donna a ottenere questa nomina dall’inaugurazione della carica nel 1668, durante il regno di Carlo II. Poco prima che scadesse il suo incarico decennale, Duffy ha pubblicato la raccolta Sincerity, in cui coniuga l’interesse per l’attualità e per gli avvenimenti politici e sociali britannici con temi come l’ecologia, l’immigrazione e le discriminazioni di ogni genere. A Carol Ann Duffy “Poesia” dedica la copertina e l’apertura del secondo numero. L’anglista Massimo Bacigalupo è il curatore di un lungo servizio su uno dei massimi poeti inglesi, William Wordsworth, nel duecentocinquantesimo anniversario della nascita. Il servizio è arricchito da traduzioni di testi finora inediti in italiano. La rubrica curata da Silvio Ramat “La giovinezza della poesia in Italia” si concentra sull’opera di Sergio Corazzini, mentre le letture critiche di opere edite analizzano antologie di Robert Walser e di Leonardo Sinisgalli. Su questo numero sono inoltre ricordati due grandi autori italiani morti nelle ultime settimane: Mario Benedetti e Joseph Tusiani. I testi inediti sono di Maria Grazia Calandrone, che ha scritto poesie sul Coronavirus, e dell’esordiente Alessandro Santese. Completa il Sommario un servizio su Mary de Rachewiltz, figlia di Ezra Pound e attenta studiosa dell’opera del padre. ISBN 978-88-8306-295-7

9 788883 062957

Rivista Poesia 2 | pag 128 | euro 13,00 formato 16 x 24 cm | isbn 978-88-8306-295-7 In libreria luglio-agosto 2020

Il numero 3 della nuova serie di “Poesia” si apre con un servizio dedicato a Stephen Crane (1871-1900), considerato l’iniziatore del Naturalismo americano. La fama di Crane è legata a Il segno rosso del coraggio (1895), un romanzo che racconta con grande realismo la Guerra di secessione ed è un classico della letteratura americana. Oltre a romanzi e racconti, Crane pubblicò una raccolta poetica accolta con grande favore dalla critica. Su “Poesia” si presenta questa produzione marginale ma non minore di Crane, finora trascurata. Il secondo servizio in Sommario analizza “Il piacere di tradurre”. Ne è autore Nicola Gardini, professore di Letteratura italiana all’Università di Oxford e autore di romanzi, raccolte poetiche, saggi e di molte raffinate traduzioni di scrittori classici e contemporanei. La terza puntata della rubrica di Silvio Ramat “La giovinezza della poesia in Italia” analizza i testi di Marino Moretti. Il poemetto “Gara fra un cuoco e un fornaio, arbitro Vulcano”, tradotto dal latino, fornisce l’occasione per parlare di antichissimi manuali di cucina e dei gusti di autori come Platone e Aristotele. Gli inediti presentati su questo numero sono di Umberto Piersanti. In Sommario ci sono inoltre articoli su Guido Zernatto (Germania), Marceline Desbordes-Valmore (Francia) e sul poema Architrenius (1184 ca.) di Giovanni di Altavilla. Capolavoro latino a lungo sconosciuto e di sorprendente attualità, da poco tradotto in italiano, Architrenius narra il viaggio di un uomo alla ricerca della Natura, considerata responsabile dei mali umani.ISBN 978-88-8306-296-4

9 788883 062964

Rivista Poesia 3 | pag 128 | euro 13,00 formato 16 x 24 cm | isbn 978-88-8306-296-4 In libreria settembre-ottobre 2020

Profile for simona tagliati

strenne 2020 polo Feltrinelli  

strenne 2020 polo Feltrinelli  

Advertisement