Page 1

Anno 1 – Numero 3/2011 – Settembre / Ottobre


Gerry’s Corner Anno 1 - N° 3/2011 – Settembre/Ottobre

Sommario / Index Editoriale/Op-Ed Calling all our English Speaking Friends… Parliamo di Noi/Let’s Talk About Ourselves Gerry’s Corner on You Tube

Digital Magazine di Cinema e Intrattenimento a cura dello Staff di Gerry’s Corner & Gerrys Ladies

4

5

Cover Story / 300 Cose che Non Sapevamo di Gerard Butler

6

300 Things We Didn’t Know about Gerard Butler

11

Redazione: La Dame du Lac *Shaula* Demrilla Elcant Akane09 Disclaimer:

Red Carpet & Co. Pranzo alla Hollywood Foreign Press Association

15

HPFA Installation Luncheon

Partita di Beneficenza Leggende Celtic /

17

Celtic Legends Oxfam Appeal Charity Match

APJ Paint the Night Red at AME

21

Eventi Speciali/Special Events – TIFF 2011 Première Coriolanus Première Machine Gun Preacher

25 26

Film del Mese/The Movie of the Month Machine Gun Preacher debutta con una Standing 29 Ovation / Machine Gun Preacher Opens to a Standing Ovation Gerard Butler in Machine Gun Preacher: Quello Che Dicono i Critici 30 Gerard Butler in Machine Gun Preacher: What the Critics are Saying

In Sostegno per conto di Gerard Butler: Machine 31 Gun Preacher/ Gunning on behalf of Gerard Butler: Machine Gun Preacher

Progetti Futuri/Up Next? Hunter Killer The Guv’Nor The Bricklayer

34 36 37

Amarcord/Stardust Memories Attila

38

Immagini/Pictures Dick Lowry Photoshoot Feb. 2010 Locandina del Mese - Dear Frankie

42 44

Film Poster of the Month

Guest Star del Mese / Guest Star of the Month Michael Fassbender 46 Speciale Moda / Fashion Special Tendenze Autunno Inverno 2011-2012 Autumn-Winter Trends 2011-2012

51

Gerry’s Corner è una pubblicazione digitale bimestrale di intrattenimento curata dallo staff di Gerry’s Corner & Gerry’s Ladies, il sito e forum italiani dedicati a Gerard Butler. Le notizie tradotte sono di proprietà di Gerry’s Ladies Forum, hosted by Gerry’s Corner Gallery. Gli articoli originali sono di proprietà dei rispettivi autori/titolari, come citati nei rispettivi credits. Il materiale fotografico è di proprietà dei rispettivi titolari, così come accreditati. Qualora si ravvisassero violazioni del copyright di qualsiasi natura, prego contattare staff@gerryscorner.it per la segnalazione e gli interventi del caso.

Gerry’s Corner is bi-monthly digital magazine of entertainment by Gerry’s Corner & Gerry’s Ladies’ staff, the Italian site and forum dedicated to Gerard Butler. The translated news are property of Gerry’s Ladies Forum, hosted by Gerry’s Corner Gallery. Original articles are property of their respective authors/writers, as cited in the credits. The photographs are property of their titulars, as credited. If anybody should recognize any copyright violation, they can write to staff@gerryscorner.it to notify it and for any proper intervention.


Gerry’s Corner

Editoriale / Op-Ed

Calling All Our English-Speaking Friends! Carissimi amici,

Dearest Friends

Questo numero di Gerry’s Corner prende il via in modo davvero speciale. La redazione del primo Digital Magazine dedicato a Gerard Butler è lieta di annunciare l’introduzione di un’importante novità, che al contempo rappresenta per noi Gerry’s Ladies un punto di svolta.

This issue of Gerry’s Corner kicks off in a really special way. The Editorial Staff of the first Digital Magazine dedicated to Gerard Butler is glad to announce the introduction of an important novelty, which is also a real turning point for all of us at Gerry’s Ladies Forum.

Quando i primi due numeri di Gerry’s Corner debuttarono qualche mese fa, essi furono calorosamente accolti non solo dai fans italiani di Gerry, ma destarono l’interesse e la curiosità tra i fans di lingua straniera.

When the first two issues of Gerry’s Corner debuted a few months ago, they were warmly received not only by the Italian fans of Gerard Butler, but they stirred the interest and curiosity of foreign fans as well.

Pertanto abbiamo pensato di fare cosa gradita presentando il D-Mag in veste bilingue e raggiungere così un più ampio pubblico. Da questo numero in avanti, avrete dunque la possibilità di leggere la notizia tanto nella versione tradotta in Italiano quanto nella versione originale, oppure – se la notizia originale è in Italiano, averne a disposizione una traduzione in Inglese.

Therefore we thought it would be nice to present our D-Mag in a bilingual version, thus reaching a wider reading audience. From this issue on, You will get the opportunity to read the news in both Italian and in its original English version, or – in case the original news is in Italian – read its translation in English language.

Siamo elettrizzate da questa nuova iniziativa e speriamo troverà buona accoglienza presso i nostri lettori, di qualsivoglia nazionalità essi siano. Vi ringraziamo dal profondo del cuore per il calore e l’interesse coi quali avete accolto questa iniziativa all’interno del panorama del fandom di Gerard Butler; faremo sempre del nostro meglio per essere sempre all’altezza. Non resta altro che augurarVi “Buona Lettura”.

Numero 3/2011 – Settembre/Ottobre

We are thrilled by these new publishing venture and we do hope that it will be well received by our readers, regardless of their nationality. We thank You from the bottom of our hearts for the interest You showed in this initiative within Gerard Butler’s fandom, we will always do our best to rise to the occasion. Therefore, nothing is left but wishing You “Enjoy your reading!”

4


Gerry’s Corner

Parliamo di Noi / Let’s Talk About Ourselves

GE ER RR RY Y’S S CO OR RN NE ER RO ON N YO OU U TU UB BE E Quattro mesi fa, le Gerry’s Ladies portarono all’attenzione dei fans di Gerard Butler un’importante novità: la rivista che state sfogliando, seppur solo digitalmente.

Four months ago, Gerry’s Ladies brought to the attention of Gerard Butler’s fanbase an important novelty: the magazine whose pages you are flipping through, even though only digitally.

A pochi mesi di distanza, le Gerry’s Ladies hanno compiuto un altro importante passo.

After a few months, Gerry’s Ladies made another major step.

Progettato, organizzato e curato dalla Gerry’s Lady Akane09, approda in Rete il canale YouTube di Gerry’s Corner:

Designed, managed and updated by Gerry’s Lady Akane09, Gerry’s Corner’s YouTube channel lands on the Net

GerrysCornerChannel

GerrysCornerChannel

http://www.youtube.com/user/GerrysCornerChannel

http://www.youtube.com/user/GerrysCornerChannel

Ecco un’occhiata alla Home:

Here is a sneak peek to the Homepage:

GerrysCornerChannel raccoglierà i video più divertenti ed interessanti che riguardano Gerard: interviste, clip dai suoi film, trailers, saranno mano a mano messi a disposizione di tutti, con una raccolta che sarà in continuo sviluppo ed ampliamento.

GerrysCornerChannel will collect the funniest and most interesting videos about Gerard: interviews, movie clips, trailers will be at everybody’s disposal little by little, with a video collection that will be wider and wider as well as more and more developed.

Invitiamo tutti gli amici di Gerry’s Corner ad unirsi a chi ha già scelto GerrysCornerChannel iscrivendovisi.

We heartily invite all Gerry’s Corner friends to join those who have already chosen GerrysCornerChannel and to subscribe.

Ringraziamo Akane09 per il suo splendido lavoro e per metterci a disposizione così tanto ben di Gerard!

Let us thank Akane09 for her awesome job and for providing us with so much Gerry’s goodies.

Inoltre, Gerry’s Ladies Forum ha rinnovato la propria home page con una nuova grafica tutta da scoprire! Veniteci a trovare su

Furthermore, Gerry’s Ladies Forum renewed its Homepage with a new picture all to be discovered. Come and visit us at

http://gerardbutler.forumfree.it/

Numero 3/2011 – Settembre/Ottobre

http://gerardbutler.forumfree.it/

5


Gerry’s Corner

Cover Story Traduzione dell’intervista: “300 Things we didn’t know about Gerard Butler” –Cal Fussman, Esquire Magazine – Lug./July 2009

300 Cose che Non sapevamo di Gerard Butler I film di quest’uomo hanno incassato più di un miliardo e duecentomilioni di dollari nel mondo. Esce praticamente con chiunque voglia Sarà in molti altri film, iniziando da questo stesso mese. Vive in una casa davvero molto bella. Tutto ciò che abbiamo detto al nostro scrittore è stato che si tratta di...

UN TALE DI NOME

GERRY Di Cal Fussman Fotografie di Sam Jones

Abbiamo inviato uno dei nostri reporter dalla mente più aperta, un uomo ampiamente sgombro da ogni familiarità con il nostro mondo ossessionato da Hollywood, ad intervistare questo tizio. Gli abbiamo dato un nome di battesimo ed un indirizzo, niente di più. Eravamo piuttosto certi che Cal non avesse mai sentito parlare di lui. Questo è ciò che è successo. INVIO un veloce messaggio al mio editore mentre parcheggio la macchina: “Il ragazzo ha una bella casa, questo è sicuro.” La porta d’entrata mi fa sentire come se fossi in Europa, dove una porta potrebbe avere quattrocento anni. Mi chiedo che lavoro faccia. Suono il campanello ed una donna risponde e dice di essere la assistente di Gerry. Molto cordiale. Mi conduce ad un sofà all’interno e lo va a prendere. Mi siedo e mi guardo attorno. C’è un flipper ed un tavolo da biliardo. Come non può piacere un tale che ha un flipper ed un tavolo da biliardo nel suo soggiorno? Arriva. Tipo grosso, faccia interessante. Indossa una t-

Numero 3/2011 – Settembre/Ottobre

shirt stracciata. Questo mi rilassa ancor di più. “Ciao, come va?”

opposte. I suoi occhi si socchiudono sospettosi, ma sta sogghignando.

“E’ grandioso incontrati. Sono Cal.”

“O...kay.”

Ci stringiamo le mani. Fin qui tutto bene.

“Comunque, siamo messi bene, perché ho imparato a fare interviste viaggiando per il mondo – salendo sui treni e incontrando gente. Avevo a malapena i soldi, quindi compravo un biglietto, e cercavo un posto a sedere vuoto di fianco al giusto passeggero. Qualcuno del quale pensavo di potermi fidare e che si fidasse abbastanza di me da portarmi a casa con sé.”

“Ce l’hai il senso dell’umorismo?” “No, non proprio. Perché? Vuoi che ti racconti una barzelletta, o altro?” L’accento. Australia? Nuova Zelanda? Di solito sono bravo in questo. Scozzese? “Mi è stato detto di venire a questo indirizzo e parlare con Gerry. Questa è la sola cosa che so di te.” La testa di Gerry si raddrizza e la sua faccia si divide in espressioni

Lo sguardo in cagnesco se ne sta andando ed il sogghigno sta diventando più ampio. 6


Gerry’s Corner

“E per quanto lo hai fatto?” “Per circa dieci anni.” “Quindi adesso ci immaginiamo di stare su un treno?” “Esatto.” “Ti stanno portando da bere?” “Esattamente” “Puoi prendere qualsiasi cosa tu voglia – vodka, gin?” “Tu che prendi?” “Io non bevo. Ma non me ne frega niente.” “Allora prendo dell’acqua”

“Lo schermo viene giù. Le pareti sono tutte imbottite. E’ fot***amente fantastico.” Pausa “Effettivamente non volevo farti fare un giro.”

“Da dove ca**o arriva quel palloncino?” dice. “Nella mia vita mi sono capitate alcune tra le più strane coincidenze.”

Concordiamo che la terrazza di sopra è il posto migliore. C’è una vista magnifica di Los Angeles. Gerry schiaccia un bottone e si abbassa una tenda.”. La sua assistente, che ha l’aura di qualcuno che potrebbe gestire una delle migliori 500 aziende secondo Fortune, posa un piatto con della frutta e dell’acqua.

“Non sai nemmeno di dove sono. Questo è incredibile. Sono di... Di dove sono? Sono nato a Glasgow. Ma la mia famiglia è di una piccola città chiamata Paisley, famosa per i cotonifici ed il disegno “paisley”. Ad un punto gli stabilimenti davano lavoro all’80% della città. Alcune città progrediscono in alto ed in avanti – come dirlo senza perdere ogni amico che abbia mai avuto a Paisley? – diciamo soltanto che Paisley non è mai riuscita a fare il grande salto.”

“Volevi prendere qualcosa...” “No, e ti dirò perché. La peggior intervista che abbia fatto fu con William Buckley, l'opinionista conservatore. Buckley aveva la miglior parlantina del mondo e se non gli piacevi, poteva ridurti a brandelli. Quindi ero un po’ sulle spine. Sapevo che dovevo restare concentrato. Non avevo mangiato il giorno prima. Mi presento alla sua porta alle undici del mattino, non avevo mangiato da trentasei ore, teso come una corda di violino, entro e lui si sfrega le mani e chiede “Un po’ di scotch?” Ora come potevo bere uno scotch? Sarei andato a corpo morto sul tappeto. Dunque rispondo “Che ne dice di un po’ d’acqua?” E non lo dimenticherò mai: il naso di Buckley si solleva lentamente in aria dice “Ohhwwwee”. E quella è stata la fine dell’intervista. La fece, ma non era presente. Così ho imparato la mia lezione: se tu stai per mangiare termiti fritte a pranzo, metti un posto a tavolo per me.” “Ma ti ho offerto da bere, e tu non l’hai preso. Quindi sarà un’intervista di m**da.” Ora ce la ridiamo tutti e due. Mi porta di sotto, in cerca di un posto più comodo dove sederci. “Ecco qui il mio cinema.” “Ma Gerry, dov’è lo schermo?” Numero 3/2011 – Settembre/Ottobre

“Di dove sei?”

“C’è stato un momento della tua infanzia nel quale sapevi cosa saresti diventato?” Questa sembra una bella maniera di scoprire cosa sia diventato. Si ferma a pensare. “Lascia che ti faccia un esempio. Rispondo. “Quando Mohamed Ali era un ragazzino, aveva l’abitudine di stare ad un angolo di strada e lasciava che il fratello gli tirasse dei sassi addosso. Quindi, lui lasciava che le pietre lo oltrepassassero sibilando semplicemente muovendo la testa, cosa che era esattamente lo stile che utilizzò anni dopo per evitare i pugni su un ring di box.” “Qualunque cosa tu faccia, ho l’impressione che tu la faccia bene.” Gerry sembra non comprendere che io non so davvero cosa lui faccia. “Sono andato più per l’energia che per qualcosa di grosso ed impressionante. E’ stato grandioso quando la mia mamma è venuta e se ne è stata sulla balconata. Il ragazzo sta facendo bene.” Proprio allora, un piccolo palloncino regalo che dice MAMMA si alza direttamente di fronte a noi, al di sopra degli alberi.

“Non so se sia mai arrivato a certi estremi” dice. “Ho passato gran parte della mia infanzia immaginando scenari cinematografici nella mia testa. Camminavo per strada fingendo di essere nell’esercito, parlando alla radio, e facendo manovre. Ho sognato parecchio di interpretare film e vivere fantasie. Avevo moltissimi intensi sogni - alcuni di essi terrificanti. Uno di essi era di stare in un tunnel sottoterra, e questo treno mi inseguiva. Ho smontato la stanza cercando di fuggire e poi sono sceso dalla finestra. Mia mamma mi ha dovuto tirare indietro prendendomi per le

7


Gerry’s Corner

gambe. Quando mi sono svegliato pensavo che il mio cuore stesse per esplodere. Questo era il genere di sogni che facevo. Alcuni erano fantastici, come andare in skateboard attraverso i pianeti e lo spazio. Mi svegliavo e speravo di poter manipolare questi sogni e controllarli. Il problema con la mia mente è che svaria da parte a parte. L’idea di me a fantasticare di diventare attore velocemente ha portato alla depressione. No, non sarebbe mai successo a me. Ero un ragazzetto di 16 anni dall’altra parte del mondo rispetto a dove facevano i film. Gli attori scozzesi non avevano davvero speranze. C’era Sean Connery e questo era quanto.” Un attore. Mi chiedo se mai lo vedrò in qualcosa. Probabilmente no. Fino a sei mesi fa non avevo davvero visto molti film. “NON SAREI diventato attore. Sarei diventato un avvocato. Venivo da una famiglia appena al di sopra della classe operaia, appena al di sotto della classe media, una grande famiglia con valori splendidi. L’idea che io avessi una possibilità di prendere la laurea in legge era allettante. Allettante per me ma anche molto allettante per la mia famiglia. Wow, uno dei nostri sta studiando legge all’università.” C’è stato un momento in cui è cambiato dalla legge al fare film?”

“Sì, il giorno in cui sono stato licenziato.” “Cosa è successo?” “In un certo modo ho sempre avuto la fortuna del diavolo, anche alla scuola di legge. In qualche modo mi sono fatto strada fino alla posizione di presidente della Law Society (la Società che raccoglie gli studenti della Facoltà di Giurisprudenza - ndt). Non sono il più accademico degli individui. Considerando la quantità di lavoro che ci misi è eccezionale che abbia superato la scuola di legge con la laurea con onori. (La laurea con Onori è quella che si consegue affiancando alla materia principale un’altra materia - ndt). “Mi sono preso del tempo e me ne sono venuto in America. E’ così che le cose hanno cominciato a prendere una piega un po’ folle. Qualcosa di molto compulsivo ed oscuro, lascivo e piacevole ma dannoso iniziò a prendere il sopravvento. Fu il sapere improvvisamente che potevo andare in giro e vivere una vita di viaggi, pazzia, avventura, divertimento, donne e tutte le altre che cose che ne conseguono, compreso un senso di abbandono. Stare lontano da casa e non avere lo stesso genere di disciplina e struttura davanti a me significava che potevo fare quel ca**o che volevo, e lo feci.” “Per un periodo, vissi in un

appartamento a Venice Beach con tre tizi irlandesi che bevevano ogni giorno. Era perfetto Eravamo semplicemente rovinati. Cominciai ad avere strani lavori. Un giorno i miei compari saltarono fuori dicendo di aver avuto un lavoro in un parco divertimenti che avrebbe girato le fiere in California. In quest’anno lontano dalla scuola, ho fatto molte cose. Ho guidato da Los Angeles a Miami, da Los Angeles a Chicago, da Miami a Chicago. E continuavo ad essere arrestato per cose stupide – fondamentalmente per l’essere troppo ubriaco. Ero fuori controllo, e lo giustificato con questa idea che Sono giovane, questa è vita. Questo sono semplicemente io che mi comporto in modo sfrenato. Ricordo che una volta fui arrestato e mi misero davvero ai ferri. Stavo andando in giro incatenato ad altri otto uomini. E tecnicamente, ero ancora presidente della Law Society di Glasgow. Sono finito alla prigione della Contea di Los Angeles. Ero in cella con addosso i miei 501 e la mia giacca di pelle aderente e i capelli lunghi, pensando di essere Jim Morrison. Non riesco a credere che ne sto parlando. Farei meglio a non farlo.” Sorride. “Ca**o, delle belle storie, comunque. Quindi, poi, sono dovuto tornare e fare l’anno finale all’università. Quello è l’anno in cui vai all’esterno ad imparare il lavoro, non solo studiando la teoria. Vai a lavorare in un vero studio legale. Per il tempo che sono tornato, tutti lavori importanti erano andati. Eccetto per uno studio (lo Studio Legale MortonFraser, Edinburgo. E' uno dei tanti studi che cura gli affari della Casa Reale in Scozia - ndt). C’erano duecento domande per quel posto, ed avevano parlato con solo quattro persone. “Ero proprio fuori dal giro quando ho fatto il colloquio. Avevo fatto un esame il giorno prima, ed eravamo tutti un po’ incasinati quella sera. Mi sono dovuto alzare il giorno

Numero 3/2011 – Settembre/Ottobre

8


Gerry’s Corner

dopo ed andare ad Edinburgo. Mancai il colloquio, ma lo studio disse “No, no, ti aspettiamo”. Quindi salii sul treno e – come posso spiegarmi? – Ho usato qualche ‘aiutino’ per alzarmi e per l’ora che arrivai, non mi si poteva far stare zitto. E’ finita che feci un colloquio eccezionale ed ebbi il lavoro. Ma quando mi misi completo e cravatta, divenni disperatamente infelice. C’era qualcos’altro al lavoro, qualcosa sulla quale non avevo controllo. Non avessi mandato quel lavoro a p****ne non starei seduto qui ora.” “NON SAI NEMMENO DI DOVE SONO. QUESTO E’ INCREDIBILE. SONO DI... DI DOVE SONO? LA MIA FAMIGLIA E’ DI UNA PICCOLA CITTA’ DI NOME PAISLEY, FAMOSA PER I SUOI COTONIFICI E PER IL MOTIVO ‘PAISLEY’ “ Avrei potuto essere un avvocato molto mediocre in qualche piccola città nel centro della Scozia. Mi sono fatto una reputazione piuttosto cattiva nei circoli legali scozzesi. E’ molto difficile essere licenziato da avvocato-tirocinante – semplicemente non ti fanno qualificare al termine dei due anni. Ma effettivamente mi licenziarono una settimana prima che mi qualificassi. Avrei dovuto aspettarmelo. Era in corso il Festival di Edinburgo. Sapevo che non ce l’avrei fatta a superare il festival, perché era da pazzi – festival della commedia, festival musicali, festival di danza e, più di ogni altra cosa, festival di bevute. La città è su di giri. Andai a vedere una produzione di Trainspotting. Il personaggio principale entra in scena, si tira indietro e racconta, e poi salta di nuovo in scena. Il tale che interpretava il ruolo protagonista (il personaggio di Renton, ndt) era fenomenale. C’era una tale atmosfera. E io stavo morendo dentro. Questa era la vita che volevo vivere. Lo posso fare. So di poterlo fare. Ma è passato, ora. Numero 3/2011 – Settembre/Ottobre

E’ andato. Ho 25 anni. Ho perso l’opportunità. Una settimana dopo mi hanno licenziato.”

"Guarda qua. Dopo Megan Fox, chi vorrà mai guardare me sulla copertina di Esquire?"

Gerry mi racconta quanto fosse umiliato quando lo raccontò a sua madre. Tutto era perduto, fuorché i sogni. Il giorno successivo era partito per Londra.

Mi stai prendendo in giro, sto pensando. Nessuno mi ha detto che era la storia di copertina. Una sensazione del tipo "oh me**a" mi inonda lo stomaco. Non mi meraviglio che gli editori mi abbiano chiesto una intervista da tre ore.

“Conoscevo una direttrice del casting che lavorava in piccole produzioni teatrali. Era molto schietta. Mi disse: ‘Alcuni dei miei migliori amici che si sono spaccati la schiena andando alla scuola d’arte drammatica non riescono ad avere lavoro’. Quindi facevo telemarketing, andando in giro per centri commerciali cercando di far interessare la gente ai computer quando nemmeno io sapevo cosa stavo vendendo. Poi, questa direttrice di casting mi disse che potevo assisterla dando le pagine agli attori per una commedia realizzata da Seven Berkoff. Berkoff era piuttosto famoso a Londra per il suo teatro dallo stile fisico e d’avanguardia, e fu poi ridicolizzato a mano a mano che diventava sempre più esagerato e fuori di testa. Ma era una specie di genio. Comunque, incontrai Berkoff in una caffetteria al piano di sotto e dissi “Mi piacerebbe fare una lettura di questo.” Lui rispose “Certo. Perché no.” "Ce l'ho messa tutta. In seguito, la direttrice del casting è venuta da me quasi in lacrime. Disse 'Sei il migliore che abbia visto in due giorni!' Il ritorno a casa fu probabilmente il momento più felice della mia vita, quando c'è in te un'energia che non può essere abbattuta. Ero passato dal passare le pagine ad avere il ruolo principale." "POSSO usare il bagno?" "Certo. Puoi usare quello fuori dalla mia camera. Ti faccio vedere dove sta." Oltrepassiamo un tavolo, e su di esso c'è un recente numero di Esquire. La copertina mostra Megan Fox, un'attrice fantastica i cui lavori non ho visto.

DEVO chiederglielo prima o poi. "In che film sei stato?" Pausa. "Il Fantasma dell'Opera." "Tu eri ne dell'Opera?"

Il

Fantasma

Sono esterrefatto dalla modo in cui la parola tu mi esce di bocca. Suona come se io non gli stia credendo. "Già." "Quale personaggio?" "Ho interpretato il Fantasma." "Tu puoi un'opera?"

cantare

come

in

"Avevo preso, forse, quattro lezioni di canto quando andai a cantare 'Music of the Night' per Andrew Lloyd Webber, la qual cosa fu forse l'esprienza più snervante che abbia mai passato. Ma ebbi il ruolo. Alcune persone pensarono che feci un lavoro fantastico, ma altri pensarono che fu sacrilego." "Che altro hai fatto?" "Ho lavorato in conoscere 300."

300.

Devi

"No." "Fo**uto s...?" "Aspetta! Aspetta! Era quel film su tutti quei guerrieri che era tipo animato? Io non l'ho visto ma mio figlio lo ha adorato." "Ho interpretato Leonida, il protagonista. Devi saperlo. Mi stai pigliando per i fondelli. Non mi dà fastidio. Soltanto penso - wow." "Mai visto. Ma ricordo che fu una cosa grossa. Ricordo il poster - tutti quei guerrieri enormi. Sai che cosa risalta per me di quell'immagine? Mi ricordo una barba." "Ero io quello con la barba!" 9


Gerry’s Corner

"Okay, altro?"

Il

Fantasma.300.

Che

"P. S. I Love You. E' una fantastica commedia romantica con Hilary Swank. E' bella e divertente. Richard LaGravenese l'ha scritto e diretto. Lui scrisse I Ponti di Madison County. Non so perché te lo stia dicendo, perché forse tu non vuoi saperlo." "Quello lo so! Perché intervistai Clint Eastwood. C'era lui in quello, giusto?" "Sì. Probabilmente sei la persona che più si interessa di cinema al mondo, e sarò umiliato quando questo verrà fuori." "No, mi sono trasferito a Los Angeles sei mesi fa. Guardo un film praticamente ogni sera, cercando di mettermi a pari. Hai visto la lista di Esquire dei 75 film che ogni uomo dovrebbe vedere? E' nel numero con Megan Fox." "Non l'ho guardata. Stavo per guardarla, ma non riuscivo ad andare oltre Megan Fox." Gerry tira su la rivista. "E' esposto su diverse pagine," gli dico. Gerry studia. "300 sarà decisamente su questa lista. Non sarebbe una vera lista senza 300. Se c'è un film che un uomo dovrebbe vedere, quello è 300." Guarda la prima pagina. Evidentemente, 300 non è su quella pagina, ma Gerry annuisce approvando. Gira pagina. "Ci sono dei film fantastici qui." Apparentmente 300 non è nemmeno sulla pagina successiva. "Ba****di!" Poche persone sul pianeta possono dire "Ba****di!" in modo divertente come Gerry. Gira pagina. "Ca**o!" "Ca**o!" "Ba****di!" "Voi, ba****di!" Sta esaurendo le pagine. Numero 3/2011 – Settembre/Ottobre

"Nick Mano Fredda - è uno dei miei preferiti. Sai, questa lista è grandiosa. Ma come hanno potuto non inserire 300? Ba****di." "Bene, stasera lo noleggerò. Che altro hai fatto che dovrei vedere?"

d'anni, è diventato, Davvero? Come mai?' "

'Wow.

"Questo può suonare pazzo venendo da me, ma deve esssere difficile quando la gente sa chi sei."

"Ma se tu non ne guardassi nemmeno uno, la cosa non mi urterebbe per niente. Quindi non sentirti in obbligo."

"Sai cosa c'è di divertente? Nel corso dello scorso anno, ci sono state probabilmente voci di dieci diverse donne con le quali si supponeva fossi coinvolto. Penso che forse una è vera. Puoi andare in giro con un centinaio di amici ed è forte, ma nell'istante in cui c'è coinvolta una donna..."

"Sono sempre più curioso di vedere i film di un attore dopo che l'ho incontrato."

"Quindi qualsiasi attrice con la quale tu venga visto, automaticamente è presunta?"

"Beh, allora, puoi passare una settimana Gerry Butler. Se vuoi, puoi guardarli nella mia stanzacinema. E' una stanza splendida. Hey, non devono essere film nei quali ci sono io. Puoi tornare e vedere tutti i film che vuoi là dentro."

"Non sempre. Ma quella nuova è Jennifer Aniston. Inizierò a girare con lei tra un paio di settimane. Penso che sia perché lei è single ed io sono single. Il totale complessivo della nostra conversazione fu di circa quattro minuti al Festival di Toronto. Il giorno successivo la storia è: Gerry Butler e Jennifer Aniston diventano intimi al Toronto Film Festival. Intimi? Eravamo in piedi e circondati da quaranta persone."

"Ebbene, Dear gioiellino."

Frankie

è

un

"Li guarderò tutti."

ORA CHE E' stabilito che siamo soltanto due estranei che non sanno niente l'uno dell'altro, Gerry mi pone delle domande. "Che ne dici delle donne? Hai incontrato qualche donna graziosa nei tuoi viaggi attorno al mondo?" "Già. Come puoi vedere, nessuno può prendermi per un amante dei matinée. Ma quando arrivai in una cittadina dall'altra parte del mondo, diventai esotico. Tutto ad un tratto ero bello. Fu fantastico." "Fantastico. Hai incontrato tua moglie così?" "Esatto," rispondo. "L'ho incontrata su un autobus lungo la strada per una spiaggia in Brasile." "Mi stai fo**utamente prendendo in giro. E' Brasiliana?" "Sì." "Ba****do!" "Sei stato sposato?" "No." "Wow." "Lo so. Alla gente veniva da pensare 'E' magnifico. Sei ancora giovane.' Nell'arco dell'ultimo paio

GERRY va a cambiarsi per il suo prossimo appuntamento. Mi dirigo in cucina per prendere commiato dalla sua molto precisa assistente, il cui lavoro è di cacciarmi fuori. Tra qualche mese da ora, è probabile che avrò scoperto chi sia Gerry. Vivo a Los Angeles ora. E ha un sacco di film importanti in uscita. C'è The Ugly Truth con Katherine Heigl, che sembra piuttosto sexy. Poi c'è Gamer, che sembra essere un incrocio tra Matrix (che ho appena visto per la prima volta) e American Idol. Law Abiding Citizen, che Gerry ha prodotto, con Jamie Foxx. E probabilmente verrò accalappiato per portare mio figlio di sette anni a vedere How to Train Your Dragon. Inoltre, c'è questa commedia con Jennifer Aniston, Bounty Hunter. Improvvisamente, della musica avvolge la casa. Il suono è immane.

10


Gerry’s Corner

Riesco a sentirmelo nelle ossa. E' la colonna sonora de Il Fantasma dell'Opera. La voce di Gerry irrompe attraverso le casse, cantando "Music of the Night." Lui entra in cucina e inizia a cantarci dietro.

Nel profondo della canzone, indugia sulla parola so per quello che sembra mezzo minuto. Mentre è in piedi di fianco al frigorifero, la sua voce e la registrazione perfettamente sincronizzate.

La canzone finisce. Restiamo in un silenzio confortevole. L'assistente dice, "La tua auto attende, Gerry."

Fonti:/ Sources http://www.esquire.com/features/gerard-butler-interview-0809#ixzz0L7Hhuj2n&D http://www.esquire.com/features/gerard-butler-interview-0809-2#ixzz0L7Hsr5HY&D http://www.esquire.com/features/gerard-butler-interview-0809-3#ixzz0L7I7uJ3Y&D Traduzione per Gerry's Corner & Gerry's Ladies La Dame du Lac - 13 Luglio 2009 ******* July 13, 2009, 12:01 AM

300 Things We Didn't Know About Gerard Butler We sent one of our most open-minded reporters, a man largely unsullied by any familiarity with our Hollywood-obsessed world, to interview this guy. We gave him a first name and an address, nothing more. We were pretty certain Cal had never heard of him. This is what happened. By Cal Fussman "Nah, and I'll tell you why. The worst interview I ever did was I send a quick text to my editor as I park the car: "Guy's got a with William Buckley, the conservative commentator. Buckley nice house, that's for sure." The front door makes me feel as if I'm had the world's greatest vocabulary, and if he didn't like you, he in Europe, where a door could be four hundred years old. Wonder could cut you to shreds. So I was a little on edge. I knew I had to what he does. I ring the bell and a woman answers and says she's be focused. I didn't eat the day before. I show up at his door at Gerry's assistant. Very cordial. She leads me to a couch inside and eleven in the morning, haven't eaten in thirty-six hours, sharp as goes to get him. I sit, look around. There's a pinball machine and a razor. I go in, and he rubs his palms together and asks, 'A little a pool table. How can you not like a guy who has a pinball Scotch?' Now, how can I drink Scotch? I'll go nose first into the machine and a pool table in his living room? carpet. So I say, 'How about a little water?' And I'll never forget Here he comes. Big guy, interesting face. He's wearing a ripped this: Buckley's nose slowly lifts into the air, and he says, T-shirt. That relaxes me even more. 'Ohhwwwe.' And that was the end of the interview. He went "Hey, how you doin'?" through with it, but he wasn't there. So I learned my lesson: If "Great to meet you. I'm Cal." you're having fried termites for lunch, set me a place at the table." We shake hands. So far, so good. "But I offered you a drink, and you didn't take it. So it's goin' to be "Have you got a sense of humor?" a crap interview." "No, not really. Why? You want me to tell you a joke or Now we're both laughing. something?" He leads me downstairs, looking for the most comfortable place to The accent. Australia? New Zealand? I'm usually pretty good at sit. this. Scottish? "Here's my cinema." "I was told to come to this address and have a conversation with "But Gerry, where's the screen?" Gerry. That's the only thing I know about you." "The screen comes down. The walls are all padded. It's fucking Gerry's head cocks, and his face splits into opposing expressions. amazing." Pause. "I didn't actually intend to give a tour." His eyes squint with suspicion, but he's grinning. We agree that the balcony upstairs is the best spot. There's a "O... kay." magnificent view of L. A. Gerry hits a button and an awning "We're in good shape, though, because I learned to interview while traveling around the world — getting on trains and meeting people. I hardly had any money, so I'd buy a ticket and look for an empty seat next to the right passenger. Someone I thought I could trust, and who'd trust me enough to take me home with them." The squint is going away, and the grin is becoming wider. "And how long did you do this for?" "About ten years." "So we're going to imagine we're on a train right now?" "That's right." "Do you have a drink coming?" "Exactly." "You can have whatever you want — vodka, gin?" "What are you going to have?" "I don't drink. But I don't give a shit." "I'll have some water then." "You were going to have something — "

Numero 3/2011 – Settembre/Ottobre

lowers. His assistant, who has the aura of someone who could be running a Fortune 500 company, sets down a fruit plate and some water. "Whatever you do, I get the impression that you do it well." Gerry seems not to comprehend that I truly don't know what he does. "I went more for the energy than for something big and bombastic. It was great when my mom came over and stood on the balcony. The boy did good." Just then, a small gift balloon that says MOM rises directly in front of us, out above the trees. "Where the fuck did that balloon come from?" he says. "I've had some of the craziest synchronicities in my life." "Where are you from?" "You don't even know where I'm from. This is unbelievable. I'm from... where am I from? I was born in Glasgow. But my family is pretty much from a little town called Paisley, famous for its cotton mills and paisley pattern. At one point the mills employed 80 percent of the town. Some towns progress forward and upward — how do I say this without losing every friend I ever

11


Gerry’s Corner

had in Paisley? — let's just say Paisley never managed to make that quantum leap." "Was there a moment in your childhood when you knew who you'd become?" This seems like a good way to find out what he's become. He stops to consider. "Let me give you an example," I say. "When Muhammad Ali was a kid, he used to stand on a street corner and let his brother throw rocks at him. Then he'd make the rocks whiz past him simply by moving his head, which was exactly the style he used years later to avoid punches in a boxing ring." "I don't know if I ever went to those extremes," he says. "I did spend a lot of my childhood playing out movie scenarios in my head. I'd walk along the road, pretending like I was in the army, talking on the radio, and doing maneuvers. I dreamt a lot about performing in movies and living in fantasies. I had a lot of powerful dreams — some of them terrifying. One was about being in an underground tunnel, and this train was coming behind me. I smashed up my room trying to get away and then climbed out the window. My mom had to pull me back in by my legs. When I woke up, I thought my heart was going to explode. These were the kind of dreams I had. Some were fantastical, like skateboarding through planets and space. I'd wake up and wish I could manipulate these dreams and control them. "The problem with my mind is it sways from side to side. The idea of me fantasizing about becoming an actor quickly led to depression. No, it was never going to happen to me. I was a sixteen-year-old kid on the other side of the world from where they made movies. Scottish actors never really got play. There was Sean Connery, and that was it." An actor. I wonder if I've seen him in anything. Probably not. Until six months ago, I really hadn't seen many movies. "I wasn't going to be an actor. I was going to be a lawyer. I came from a family just above working class, just below middle class, a great family of wonderful values. The idea of me having a chance for a law degree was enticing. Enticing to me but also very enticing to my family. Wow, one of our own is studying law at university!" "Was there a moment when it turned from law to making movies?" "Yeah. The day I got fired." "What happened?" "I've always kind of had the luck of the devil, even in law school. I kind of blagged my way into the position of president of the Law Society. I'm not the most academic of guys. Considering the amount of work that I put in, it's amazing that I got through law school. And with an honors degree. "I took some time off and went to America. This is when things started to go a little crazy. Something very compulsive and dark and lusty and pleasurable but damaging took over. It was suddenly knowing I could go out and have a life of traveling, craziness, adventure, partying, women, and all the other things that go with that — including a sense of abandonment. Being away from home and not having the same kind of discipline and structure in front of me meant I could do whatever the fuck I wanted, and I did. "For a while, I was living in an apartment in Venice Beach with three Irish guys who drank every day. It was perfect. We just got smashed. I started getting odd jobs. My buddies turned up one day and said they'd gotten a job working in a carnival that was going around the state fairs in California. In this year out of school, I did many things. I drove from L. A. to Miami, from L. A. to Chicago, from Miami to Chicago. And I kept getting arrested for stupid stuff — basically just being too drunk. I was out of control, and justifying it with this idea that I'm young, this is life. This is me just being boisterous. I remember getting arrested once and they actually put me in shackles. I was walking around chained to eight other guys. And technically, I was still president of the Law Society in Glasgow. "I ended up in L. A. County Jail. I was in a cell with my 501s and my tight leather jacket and my long hair thinking I was Jim Morrison. I can't believe I'm talking about this. I'd better not." He smiles. "Fuck, some good stories, though. So then I had to go back and do a final year at university. That's the year you go out and learn the

Numero 3/2011 – Settembre/Ottobre

job, not just study theory. You go out to work at a real law firm. By the time I got back, all the big jobs were gone. Except for one firm. There were two hundred applications for that firm, and they were only taking four people. "I was really out of it when I did the interview. I had done an exam the day before, and we were all a bit of a mess that night. I had to get up the next morning and travel to Edinburgh. I missed the interview, but the firm said, 'No, no, we'll wait for you.' So I get on a train and — how should I put this? — I used a few aids to get up, and by the time I arrived, you couldn't shut me up. I ended up having a great interview and getting the job. But when I put on a suit and a tie, I became desperately unhappy. There was something else at work, something I didn't have control of. If I hadn't fucked up that job, I wouldn't be sitting here right now. I might be a very mediocre lawyer in some small town in the middle of Scotland. "I became quite infamous in Scottish legal circles. It's very difficult to be fired as a trainee lawyer — they just don't qualify you at the end of two years. But they actually fired me one week before I was due to qualify. I should have seen it coming. The Edinburgh Festival was going. I knew I wasn't going to make it through the festival because it's crazy — comedy festivals, music festivals, dancing festivals, and more than anything, drinking festivals. The city is aglow. I went to see a production of Trainspotting. The lead character acts in the scene, steps back and narrates, and then jumps back into the scene. The guy playing the lead role was phenomenal. It was such an incredible atmosphere. And I'm dying inside. This is the life I wanted to live. I can do this. I know I can do this.But it's past now. It's gone. I'm twenty-five. I missed that opportunity. A week later, they fire me." Gerry tells me how humiliated he was when he told his mother. Everything was lost, except the dreams. The next day he went to London. "I did know a casting director who worked small theater productions. She was very blunt. She said, 'Some of my best friends who've busted their fucking balls going through drama school can't get jobs.' So I was doing telemarketing, walking around shopping malls trying to get people interested in computers when I didn't even know what I was selling. Then this casting director said I could assist her in giving out pages to the actors for a play done by Steven Berkoff. Berkoff was kind of famous in London for his avant-garde, physical style of theater and then became ridiculed as he became more and more over-thetop and insane. But he is a bit of a genius. Anyway, I ran into Berkoff in the coffee shop downstairs and said, 'I'd love to read for this.' He said, 'Sure, why not?' "I gave it everything. Afterward, the casting director came up to me almost in tears. She said, 'You're the best he saw in two days!' Walking home was probably the happiest moment of my life, when there's an energy in you that can't be put down. I'd gone from handing out pages to getting the lead role." "Can I use the bathroom?" "Sure. You can use the one off my room. Let me show you where it is." We walk past a table, and on it is a recent issue of Esquire. The cover shows Megan Fox, a stunning actress whose work I haven't seen. "Look at this. After Megan Fox, who's ever going to want to look at me on the cover of Esquire?" You gotta be kidding me, I'm thinking. Nobody told me this was a cover story. An oh-shit feeling floods my stomach. No wonder the editors requested a three-hour interview. I have to ask sooner or later. "What movies have you been in?" A pause. "Phantom of the Opera." "You were in Phantom of the Opera?" I'm startled by the way the word you comes out of my mouth. It sounds like I don't believe him. "Yeah." "What character?" "I played the phantom." "You can sing like you're in an opera?"

12


Gerry’s Corner

"I'd had maybe four singing lessons when I went to sing 'Music of the Night' for Andrew Lloyd Webber, which was perhaps the most nerve-racking experience I ever went through. But I got the role. Some people thought I did a great job, but others thought it was sacrilegious." "What else have you done?" "I did 300. You must know about 300." "No." "Fuckin' A?" "Hold on! Hold on! Was that the movie about all those warriors that was sort of animated? I didn't see it, but my son loved it." "I played Leonidas, the lead. You must know that. You're putting me on. It doesn't bother me. I'm just like — wow." "Never saw it. But I remember it being a big deal. I remember the poster — all these hulking warriors. You know what stands out to me from that image? I remember a beard." "I was the one with the beard!" "Okay, Phantom.300. What else?" "P. S. I Love You. That's a romantic comedy with Hilary Swank. It's kind of beautiful and funny. Richard LaGravenese wrote and directed it. He wrote Bridges of Madison County. Don't know why I'm telling you, because you won't know it." "That one I do! Because I interviewed Clint Eastwood. He was in that one, right?" "Yes. You're probably the world's biggest movie buff, and I'm going to be humiliated when this comes out." "No, I moved to L. A. six months ago. I've been watching a movie almost every night, trying to catch up. Did you see Esquire's list of the seventy-five movies every man should see? It's in the Megan Fox issue." "I haven't looked at it. I was gonna look at it, but I couldn't get past Megan Fox." Gerry picks up the issue. "It plays out over several pages," I say. Gerry studies. "300 will definitely be on this list. It's not gonna be a real list without 300. If there's ever a movie that a man should see, it's 300." He looks at the first page. Evidently, 300 is not on that page, but Gerry nods his approval. He flips. "There are some great movies in here." Apparently 300 is not on the following page, either. "Fuckers!" Few people on the planet can say "Fuckers!" as hilariously as Gerry. He turns the page. "Fuck!" "Fuck!" "Fuckers!" "You fuckers!" He's running out of pages. "Cool Hand Luke — that's one of my favorites. You know, this is a great list. But how could they not put 300 in here? Fuckers." "Well, I'll rent it tonight. What else have you done that I should see?" "Well, Dear Frankie's a gem." "I'll watch 'em all." "But if you weren't to watch any of them, it wouldn't hurt me in the slightest. So don't feel that obligation." "I'm always more curious to see an actor's films after I meet him." "Well, then, you can have Gerry Butler week. If you want, you can watch them in my movie room. It's a great room. Hey, doesn't have to be movies that I'm in. You can come back and watch all the movies you want in it."

Numero 3/2011 – Settembre/Ottobre

Now that it's established that we're just two strangers who don't know anything about each other, Gerry asks me some questions. "What about women? Did you meet some nice woman along your trip around the world?" "Yeah. As you can see, nobody is going to confuse me for a matinee idol. But when I walked into a small town on the other side of the world, I became exotic. All of a sudden, I was handsome. It was great." "Fantastic. You didn't meet your wife that way?" "I did," I say. "I met her aboard a bus on the way to a beach in Brazil." "You're fucking kidding me. Is she Brazilian?" "Yeah." "Bastard!" "Have you ever been married?" "No." "Wow." "I know. People would go, 'That's great. You're still young.' Over the last couple years, though, it's become, 'Wow. Really? Why?' " "This must sound crazy coming from me, but it must be hard when people know who you are." "You know what's funny? In the last year, there have probably been rumors of ten different women I'm supposed to be involved with. I think maybe one is true. You can walk around with a hundred of your buddies and it's cool, but the second there's a woman involved..." "So any actress who you're seen with, it's automatically assumed?" "Not always. But the new one is Jennifer Aniston. I start filming with her in two weeks. I think it's because she's single and I'm single. The sum total of our conversation was about four minutes at the Toronto Film Festival. The next day, the story is: Gerry Butler and Jennifer Aniston get cozy at the Toronto Film Festival. Cozy? We were standing up and surrounded by forty people." GERRY goes to change for his next appointment. I head to the kitchen to say goodbye to his very precise assistant, whose job it is to kick me out. A few months from now, it's likely that I would've found out who Gerry is. I do live in L. A. now. And he's got a lot of big movies coming out. There's The Ugly Truth with Katherine Heigl, who sounds pretty hot. Then there's Gamer, which appears to be a cross between The Matrix (which I just saw for the first time) and American Idol.Law Abiding Citizen, which Gerry produced, stars Jamie Foxx. And I probably would've been roped into taking my seven-year-old to How to Train Your Dragon. Plus, there's that comedy with Jennifer Aniston, Bounty Hunter. Suddenly, music envelops the house. The sound is huge. I can feel it in my bones. It's the soundtrack to The Phantom of the Opera. Gerry's voice booms through the speakers, singing "Music of the Night." He steps into the kitchen and begins to sing along. Deep into the song, he lingers on the word so for what seems like half a minute. As he stands there next to the refrigerator, his voice and the recording perfectly align. The song ends. We stand in a comfortable silence. The assistant says, "Your car is waiting, Gerry." Sources: http://www.esquire.com/features/gerard-butlerinterview-0809#ixzz0L7Hhuj2n&D http://www.esquire.com/features/gerard-butlerinterview-0809-2#ixzz0L7Hsr5HY&D http://www.esquire.com/features/gerard-butlerinterview-0809-3#ixzz0L7I7uJ3Y&D

13


Gerry’s Corner

Gerry’s Corner è / Gerry’s Corner is…

Il Sito / The Website

http://www.gerryscorner.it

Numero 3/2011 – Settembre/Ottobre

14


Gerry’s Corner

Red Carpet & C.

Leonardo DiCaprio, Taylor Lautner, e Gerard Butler sono tra i rubacuori di Hollywood all’annuale Pranzo della HFPA Luncheon Postato il 4 Agosto, 2011 3:10 pm da Lindsay Miller Photo credit: Getty

Svariate grandi star si sono fatte avanti per il pranzo annual della Hollywood Foreign Press Association. Leonardo DiCaprio, Taylor Lautner, Gerard Butler, e Mark Wahlberg sono saliti tutti sul podio all’interno dell’evento annuo. Il pranzo dà alla HFPA, l’ente votante alle spalle dei premi Golden Globe, l’opportunità di dare riconoscimento ai propri funzionari e raccogliere denaro per enti dello spettacolo senza scopo di lucro. Non sono stati solo gli uomini di Hollywood ad essere a portata di mano per le celebrazioni — anche Lea Michele, Elizabeth Olsen, e Elisabeth Moss hanno calcato il red carpet.

Abbiamo avuto la possibilità di scambiare due parole con la star emergente Elizabeth Olsen, la quale ci ha raccontato che sebbene si troppo presto per parlare di Very Good Girls, nel quale – stando alle voci – apparirà al fianco di Dakota Fanning, le due in effetti si conoscono al di fuori del lavoro. Infatti, si sono incontrate quando Elizabeth ha fatto fare a Dakota un giro del suo liceo, dove poi Dakota è andata. Abbiamo anche parlato con Jessica Chastain, che è coprotagonista di The Help, a proposito del suo ruolo. Ci ha raccontato che sua nonna era una grande fan del libro, per cui ha in programma di portarla con sé alla prima la settimana prossima, ed è in verità un po’ nervosa di vedere quanto le piacerà l’adattamento cinematografico! Per altro ancora della nostra copertura del red carpet dell’evento di oggi, comprese le nostre interviste complete con Jessica ed Elizabeth, restate sintonizzati su PopSugar Rush

Fonte: http://www.popsugar.com/LeonardoDiCaprio-Taylor-Lautner-HFPA-LunchPictures-18595555

Traduzione per Gerry’s Corner & Gerry’s Ladies La Dame du Lac – 31 Agosto 2011

Leonardo DiCaprio, Taylor Lautner, and Gerard Butler Are Among the Hollywood Heartthrobs at the HFPA Annual Luncheon Posted August 4, 2011 3:10 pm by Lindsay Miller Several big stars stepped out this afternoon for the Hollywood Foreign Press Association's annual luncheon. Leonardo DiCaprio, Taylor Lautner, Gerard Butler, and Mark Wahlberg all took the podium inside the yearly event. The lunch gives the HFPA, the voting body behind the Golden Globe Awards, the opportunity to recognize its officers and raise money for entertainment nonprofits. It wasn't only the men of Hollywood who were on hand for the festivities — Lea Michele, Elizabeth Olsen, and Elisabeth Moss also walked the red carpet. We had a chance to catch up with rising star Elizabeth Olsen, who told us that while it's too early to talk about Very Good Girls, in which she's reportedly starring opposite Dakota Fanning, the two actually know each other outside of work. In fact, the two met when Elizabeth gave Dakota a tour of her North Hollywood high school, where Dakota ended up going. We also chatted with Jessica Chastain, who costars in The Help, about the role. She told us her grandmother was a big fan of the book, so she's planning to bring her along to the premiere next week, and is actually a little nervous to see how she likes the big-screen adaptation! For even more of our red-carpet coverage from today's event, including our full interviews with Jessica and Elizabeth, stay tuned to PopSugar Rush. Source: http://www.popsugar.com/Leonardo-DiCaprio-Taylor-Lautner-HFPA-Lunch-Pictures-18595555

Numero 3/2011 – Settembre/Ottobre

15


Gerry’s Corner

Gerard Butler appare snello e in forma al Pranzo della HFPA (foto) Inside Hollywood - http://www.celebuzz.com/inside-hollywood/

Siamo noi o Gerard Butler sembra un po’… piccolo? L’attore dimagrito è uscito allo scoperto per il pranzo (con altri belli di Hollywood come Taylor Lautner) alla Hollywood Foreign Press Association di oggi. Le celebrità sono fioccate al Beverly Hotel giovedì, dove le persone che assegnano i Golden Globe hanno consegnato più di un milione di dollari in donazioni a varie organizzazioni artistiche. spiccioli, gente! Chi ha i conti? Gerard, Taylor ed altri hanno contribuito a consegnare i fondi all’evento, che sono stati assegnati a 46 organizzazioni educative e senza scopo di lucro. Le opere buone non si fanno a poco prezzo! Prossimamente, Gerard apparirà in Coriolanus nel ruolo di un eroe caduto che si vendica sulla città di Roma (detto così sembra che parlino di Coriolano, ma di fatto il medesimo discorso si può fare anche di Aufidio – ndt). Wes Ferguson Scritto da/Written by Fonte/Source: http://www.celebuzz.com/2011-08-

04/gerard-butler-looking-slim-and-trim-at-hfpaluncheon-photos/

Gerard Butler Looking Slim and Trim at HFPA Luncheon (PHOTOS) Is it just us, or does Gerard Butler look a little, well, little? The slimmed-down actor stepped our for lunch (along with other Hollywood hotties like Taylor Lautner) to the Hollywood Foreign Press Association Luncheon today. Celebs descended upon the Beverly Hotel on Thursday, where the people who put together the Golden Globe Awards presented over $1 million in grants to various arts organizations. That’s some serious money, honey! Who got the bills? Gerald, Taylor and more helped hand out the funds at the private event, which were presented to 46 nonprofit and educational organizations. Good works don’t come cheap! Up next, Gerard will appear in Coriolanus as a fallen hero who takes revenge upon the city of Rome

GIO, 04 AGOSTO 2011 - 5:10 PM

Gerard Butler pranza con la HFPA Photo Credit: Frazer Harrison, Kevin Winter, Jason Merritt; Photos: Getty Fonte: http://justjared.buzznet.com/2011/08/04/ger ard-butler-hfpa-luncheon/ Traduzione per Gerry’s Corner & Gerry’s Ladies La Dame du Lac – 31 Agosto 2011 *** THU, 04 AUGUST 2011 AT 5:10 PM

Gerard Butler Lunches with the HFPA Gerard Butler si mette elegante per il Pranzo di Insediamento 2011 della Hollywood Foreign Press Association, tenutosi al Beverly Hills Hotel Giovedì (4 Agosto) a Beverly Hills, Calif. Nel corso dell’evento il 41enne attore scozzeseha incontrato l’amico produttore Ryan Kavanaugh. Gerard ha presenziato al matrimonio di Ryan in Italia lo scorso mese, dove lo ha visto “stringere il nodo” con la ballerina Britta Lazenga. La scorsa settimana, Gerry ha assistito alla partita delle MLS All-Star contro il Manchester United in New Jersey. All’interno altre 20 foto di Gerard Butler al pranzo della HFPA …

Numero 3/2011 – Settembre/Ottobre

Gerard Butler suits up for the Hollywood Foreign Press Association’s 2011 Installation Luncheon held at the Beverly Hills Hotel on Thursday (August 4) in Beverly Hills, Calif. The 41-year-old Scottish actor met up with his producer pal Ryan Kavanaugh at the event. Gerard attended Ryan’s wedding in Italy last month, where he watched him tie the knot with dancer Britta Lazenga. Last week, Gerry attended the MLS All-Star match against Manchester United in New Jersey. 20+ pictures inside of Gerard Butler at the HFPA Luncheon… Credit: Frazer Harrison, Kevin Winter, Jason Merritt; Photos: Getty Source: http://justjared.buzznet.com/2011/08/04/gerard-butlerhfpa-luncheon/

16


Gerry’s Corner

L LA AS ST TA AR RD DI IH HO OL LL LY YW WO OO OD DG GE ER RA AR RD DB BU UT TL LE ER RS SI I U UN NI IS SC CE EA AL LC CE EL LT TI IC CP PE ER RP PA AR RT TI IT TA AB BE EN NE EF FI IC CA A La star di The Bounty Hunter vestirà la casacca degli "hoops" contro il Manchester United a favore dell'appello per la carestia in Africa Orientale. 8 Agosto 2011 Gerard Butler giocherà al fianco di Henrik Larsson e ai membri dei The View. (Foto: stvnews) L'attore di Hollywood Gerard Butler giocherà per il Celtic, come annunciato dal club di Glasgow, in una partita benefica contro il Manchester United per aiutare a raccogliere denaro per affrontare la carestia in Africa orientale. Da sempre tifoso del Celtic indossera la famosa casacca a strisce per la prima volta nella partita benefica delle "leggende", che vedrà una schiera di ex giocatori e fan celebri da entrambe le parti darsi battaglia a Parkhead, martedì. Un portavoce del club ha affermato che la star di The Bounty Hunter è "deliziata di avere la possibilità di giocare al Celtic Park". Il 41enne attore, nativo di Paisley, assurto alla fama nel film d'azione 300, sarà raggiunto sul fronte di Parkhead da Henrik Larsson, Chris Sutton e l'allenatore Neil Lennon. L'ex pugile campione del mondo Ricky Hatton, il pugile Steve Collins, Pete Reilly e Kyle Falconer - membri della band The View - faranno inoltre parte dello schieramento. Nel frattempo, l'ex boss del Celtic Gordon Strachan indosserà la sua ex maglia per unirsi al Manchester United. Sarà raggiunto da Teddy Sheringham, Dwight Yorke e Ole Gunnar Solskjaer per raccogliere denaro per la crisi. Altre celebrità che giocheranno per gli ospiti comprendono i cantanti Richard Ashcroft, Tinchy Stryder e Simon Webbe e l'ex presentatore di "Have I Got News For You" Angus Deayton. Altre celebrità comprendenti Billy Connolly saranno a Parkhead con secchielli per la raccolta, incoraggiando i tifosi degli Hoops e dello United ad aiutare ad alleviare le sofferenze nel Corno d'Africa. Una parte del ricavato andrà a favore dell'ex difensore del Celtic John Kennedy, la cui carriera è stata stroncata da un infortunio occorso durante una partita internazionale della Scozia contro la Romania ad Hampden Park. Il manager del Celtic, Lennon, ha affermato che lui era "molto emozionato" per la partita. Ha raccontato: "Il Manchester United ha avuto delle fantastiche formazioni nel corso degli anni, e molti dei giocatori saranno presenti. La storia del nostro club è fu Numero 3/2011 – Settembre/Ottobre

fondato come organizzazione benefica per gli immigrati Irlandesi di Glasgow (il Celtic FC fu fondato da un frate - ndt) e attraverso gli anni abbiamo portato avanti la cosa facendo delle donazioni. "Speriamo davvero che la serata sia una grandiosa occasione e che avremo tantissime persone ai tornelli. Il calcio d'inizio del match è alle 7.45pm di Martedì (9 Agosto - ndt). Fonte: http://news.stv.tv/scotland/westcentral/265419-hollywood-stargerard-butler-joins-celtic-forcharity-match/ Traduzione per Gerry's Corner & Gerry's Ladies La Dame du Lac - 26 Settembre 2011

Hollywood star Gerard Butler joins Celtic for charity match The Bounty Hunter star is to don the hoops against Manchester United for east Africa famine appeal. Hollywood actor Gerard Butler is to play for Celtic in a charity match against Manchester United to help raise money to tackle famine in east Africa, the Glasgow club has announced. The lifelong Celtic fan will pull on the famous hooped jersey for the first time in the "legends" charity match, which will see a host of former players and celebrity fans from both sides battle it out at Parkhead on Tuesday. A club spokesperson said The Bounty Hunter star is "delighted at getting the opportunity to play at Celtic Park". The 41-year-old Paisley-born actor, who rose to fame in action film 300, will be joined in the Parkhead side by Henrik Larsson, Chris Sutton and manager Neil Lennon. Former world champion boxer Ricky Hatton, boxer Steve Collins and The View band members Pete Reilly and Kyle Falconer will also be in the line-up. Meanwhile, former Celtic boss Gordon Strachan will pull on his former jersey to suit up for Manchester United. He will be joined by Teddy Sheringham, Dwight Yorke and Ole Gunnar Solskjaer to raise money for the crisis.Other celebrities playing for the visitors include singers Richard Ashcroft, Tinchy Stryder and Simon Webbe and former Have I Got News For You host Angus Deayton. Celebrities including Billy Connolly will also be at Parkhead with collection buckets, encouraging Hoops and United supporters to help ease the suffering in the Horn of Africa. A share of the proceeds will benefit former Celtic defender John Kennedy, whose career was cut short by an injury sustained during a Scotland international match against Romania at Hampden Park. Celtic manager Lennon said he was "very excited" about the match. He said: "Manchester United have had some great teams over the years, and a lot of the players will be turning up for that. "The history of our club was that it was started as a charitable organisation for Irish immigrants in Glasgow and we have carried that through year after year on donating to charity ever since. "We just hope on the night it's a great occasion and we get a lot of people through the turnstiles." The match kicks off at 7.45pm on Tuesday. Source: http://news.stv.tv/scotland/westcentral/265419-hollywood-star-gerard-butler-joinsceltic-for-charity-match/

17


Gerry’s Corner

A Avvrreeii vvoollu uttoo a avveerree u un n ssiixx--p pa acck kd deell ggeen neerree!! L La a lleeggggeen nd da aC Ceellttiicc H Heen nrriik k L La arrssssoon nn noon n rriieessccee a an na assccoon nd deerree ll''iin nvviid diia ap peerr ii m mu ussccoollii d dii G Geerra arrd d B Bu uttlleerr d du urra an nttee p pa arrttiitta ad dii cca allcciioo bbeen neeffiicca a Di Daily Mail Reporter - Ultimo Aggiornamento - 10:54 AM - 10 Agosto 2011 Ai tempi, Henrik Larsson era uno dei calciatori più sexy in Svezia. Ma, mentre sedeva in spogliatoio con Gerard Butler questo pomeriggio, prima di una partita di calcio di beneficienza, Larsson non ha potuto fare a meno di lanciare uno sguardo invidioso al fisico incredibilmente muscoloso dell'attore di Hollywood. Mentre Butler mostrava la lingua alla macchina fotografica intanto che indossava la maglia, si poteva vedere Larsson nell'angolo fallire nel tentativo di mascherare la sua gelosia per il six-pack della star di 300. Avrei voluto avere un six-pack del genere! Henrik Larsson guarda con invidia mentre Gerard Butler mette in mostra I muscoli nello spogliatoio prima di una partita di calcio di beneficienza tra Celtic e Manchester United / I wish I had a six-pack like that! Henrik Larsson looks on enviously as Gerard Butler shows off his muscles in the changing room ahead of a charity football match between Celtic and Manchester United

Butler era solo una delle celebrità che è scesa in campo per Celtic mentre la squadra ha affrontato il Manchester United in una partita di calcio di beneficenza per contribuire a raccogliere denaro per fronteggiare la carestia in Est Africa. Tifoso da un vita dei Celtics, Butler non è riuscito a mascherare la propria soddisfazione mentre entrava in campo a Parkhead per la partita tra leggende. Il 41enne attore è stato visto raggiante mentre si faceva strada nello stadio in t-shirt bianca e pantaloni beige, prendendosi il tempo di fare foto con i fans. In posa: I due hanno sorriso per la macchina fotografica mentre hanno postato con la maglia del Celtic di Butler / Posing up: But the pair smiled for the camera as they posed with Butler's Celtic football shirt

Preparativi: La possibilità di giocare per il Celtic è stata la realizzazione del sogno di una vita per la star di 300 Butler / Preparations: The chance to play for Celtic was the fulfilling of a lifelong dream for 300 star Butler

Il campione di boxe Ricky Hatton, il pugile Steve Collins e i componenti della band The View Pete Reilly e Kyle Falconer hanno anche giocato nella partita, mentre l'apparizione dell'ex boss del Celtic Gordon Strachan dalla parte del Manchester United ha contribuito all'atmosfera. Si è unito a Teddy Sheringham, Dwight Yorke e Ole Gunnar Solksjaer per raccogliere fondi per la crisi dovuta alla carestia. E Richard Ashcroft, Tinchy Strider e Simon Webbe dei Blue sono stati raggiunti dall'ex presentatore di

Numero 3/2011 – Settembre/Ottobre

18


Gerry’s Corner

Have I Got News For You, Angus Deayton, a far visita alla squadra del Manchester United. Pronto per l'azione: Butler sorride e saluta mentre posa prima di scendere in campo prima del match / Ready for action: Butler grins and waves as he poses before taking to the field before the match

Il manager del Celtic Neil Lennon, prima della partita, ha detto di essere molto emozionato per l'imminente incontro. Ha affermato: 'Il Manchester United ha avuto grandi squadre nel corso degli anni, e molti dei giocatori saranno presenti. La storia del nostro club è stata di essere stato fondato come organizzazione caritatevole per gli immigranti irlandesi e abbiamo portato avanti questo anno dopo anno facendo fin da allora donazioni benefiche. Sono libero! Butler sembra in un mondo suo mentre gioca durante l'energica partita partita / I'm free! Butler looks in a world of his own as he plays during the energetic game

Riscaldamento: Butler si gode un "torello" con Roy Keane del Manchester United prima della partita / Warming up: Butler enjoys a kickabout with Manchester United's Roy Keane before the match

'La maggior parte del ricavato sarà destinato per la carestia in Est Africa ed una parte degli incassi al botteghino andra al giovane giocatore John Kennedy, che ora lavora per il club. 'Si è tragicamente ritirato molto presto in carriera ed aveva un grande talento, andato perso a causa di un terribile infortunio. Speriamo soltanto che la serata sia una grande occasione e di riuscire ad accogliere tante persone oltre i tornelli.' Emozionato: Butler non poteva nascondere la sua gioia mentre si faceva strada nello stadio per la partita / Excited: Butler couldn't hide his delight as he made his way into the stadium for the game

Casual: Butler, vestito casual con un paio di pantaloni e T-shirt bianca, ha preso tempo per posare coi fans / Casual: Butler, dressed casually in a pair of beige combats and white T-shirt, took the time to pose with fans

Fonte/Source: http://www.dailymail.co.uk/tvshowbiz/article2024267/Celtics-Henrik-Larsson-hide-envy-GerardButlers-muscles.html Traduzione per Gerry’s Corner & Gerry’s Ladies La Dame du Lac – 05 Ottobre 2011

Numero 3/2011 – Settembre/Ottobre

19


Gerry’s Corner

I wish I had a six-pack like that! Celtic legend Henrik Larsson can't hide his envy over Gerard Butler's muscles during charity football match By Daily Mail Reporter Last updated at 10:54 AM on 10th August 2011 Back in the day, Henrik Larsson was one of the hottest football heartthrobs in Sweden. But, as he sat in the changing room with Gerard Butler this afternoon, ahead of a charity football match, Larsson couldn't help casting an envious glance at the Hollywood actor's incredibly muscular physique. As Butler stuck his tongue out at the cameras while putting his top on, Larsson could be seen in the corner, failing to mask his jealousy over the 300 star's six-pack. Butler was just one of the celebrities who took to the football field for Celtic as the team took on Manchester United in a charity football match to help raise money to tackle famine in East Africa. Lifelong Celtics fan Butler couldn't hide his delight as he took to the field at Parkhead for the legends match. The 41-year-old star was seen beaming as he made his way into the stadium in his white T-shirt and beige trousers, taking the time to have photographs taken with fans. Champion boxer Ricky Hatton, boxer Steve Collins and The View band members Pete Reilly and Kyle Falconer also played in the game, while former Celtic boss Gordon Strachan's appearance for the Manchester United side added to the atmosphere. He joined Teddy Sheringham, Dwight Yorke and Ole Gunnar Solksjaer to raise cash for the famine crisis. And Richard Ashcroft, Tinchy Strider and Simon Webbe from Blue were joined by former Have I Got News For You host Angus Deayton for visiting team Manchester United. Celtic manager Neil Lennon said before the match he was 'very excited' about the upcoming game. He said: 'Manchester United have had some great teams over the years, and a lot of the players will be turning up for that. 'The history of our club was that it was started as a charitable organisation for Irish immigrants in Glasgow and we have carried that through year after year on donating to charity ever since. 'The majority of the proceeds will go to the East African famine and a portion of the gate receipts will go to a young player John Kennedy, who's now working at the club. 'He tragically retired very early in his career and he was a great talent which was lost due to a horrific injury. 'We just hope on the night it's a great occasion and we get a lot of people through the turnstiles.' Source: http://www.dailymail.co.uk/tvshowbiz/article-2024267/Celtics-Henrik-Larsson-hide-envy-Gerard-Butlers-muscles.html

Numero 3/2011 – Settembre/Ottobre

20


Gerry’s Corner

Gli Artists for Peace and Justice battono record di raccolta fondi al TIFF 11 Settembre 2011 - Di Calum Shanlin E' facile venir catturati da tutte le prime, le feste e l'avvistamento di celebrità a Toronto durante il TIFF, ma ci sono ancora gruppi che trasmettono il loro messaggio per il quale ci sono persone che hanno ancora bisogno di aiuto. Gli Artists for Peace and Justice lavorano nelle zone più povere di Haiti fin da prima del devastante terremoto nel 2010. Hanno tenuto un evento per la raccolta di fondo all'AME di Toronto, invitando il pubblico a pagare 150 dollari per un biglietto e stare spalla a spalla con un po' dell'élite Hollywood, come Gerard Butler, Jason Reitman ed il fondatore degli APJ, il Premio Oscar ed Emmy Paul Haggis. Il nostro George Stroumboulopoulos era l'anfitrione dell'evento al loro fianco. Gli APJ stanno lavorando per costruire scuole ad Haiti, hanno lavorato per prevenire il colera e il loro obiettivo finale è di costruire e gestire un'università sull'isola. Il costo del biglietto di 150 dollari coprirà il costo di un'uniforme più libri e forniture per uno studente della Academy for Peace and Justice per un intero anno scolastico. Il 100% del denaro raccolto andrà agli APJ, e l'evento di quest'anno ha battuto un record. Fin dal 2009, gli eventi APJ a Toronto hanno raccolto circa 300mila dollari. Venerdì sera, Haggis ha raccolto oltre 400mila dollari prima di varcare la porta, frantumando i loro precedenti record di raccolta fondi. Siamo stati abbastanza fortunati da scambiare due parole con gli ospiti: Cos'è che continua a farvi tornare a Toronto? Paul Haggis: Beh, è il Canada, ed è Toronto - Devo venire, giusto? No, Adoro qui. Adoro il festival cinematografico; sono nato a 100 miglia da qui, per cui vengo al festival fin da quando è iniziato. Adoro qui. Sei sopraffatto da tutta la reazione positiva che stai ottenendo? PH: Ne sono molto grato. Molto grato. Abbiamo raccolto oltre 400mila dollari prima di entrare dalla porta. E' piuttosto forte. Ogni anno raddoppia, e raccoglieremo molto di più. Abbiamo davvero bisogno dei soldi - quella scuola da sola ci costerà 1 milione di dollari all'anno per gestirla e ci costerà svariati milioni costruirla. Il solo acquisto del terreno ci costa 1,6 milioni di dollari - le cose sono costose ad Numero 3/2011 – Settembre/Ottobre

Haiti, è un'isola. Abbiamo costruito il nostro centro anti-colera molto velocemente, 36 ore prima che il colera arrivasse a Port-au-Prince avevamo aperto un centro anti-colera e fino ad ora abbiamo avuto 10mila pazienti. 5mila di questi sarebbero morti in 24 ore senza di esso - gran parte dei quali bambini. I bambini muoiono proprio così per il colera. Lo abbiamo aperto e siamo semplicemente bravi a trovare e a fidarci delle persone giuste. Tutti gli Haitiani, le persone che costruiscono la nostra scuola - architetti haitiani, progettisti strutturali haitiani, ingegneri haitiani, lo stesso con tutti gli altri – i dottori haitiani. Accogliamo volontari ma sono davvero orgoglioso che stiamo contribuendo a dare forza alle persone di Haiti e non ad andare laggiù come dei neo-colonialisti che dicono 'Io so cosa sia meglio'- Sono loro a prendere le decisioni. Che cosa ti fatto desiderare di lavorare con il nostro George? PH: Beh, George è un membro del nostro consiglio e una delle prime persone alle quali mi sono rivolto quando si decise di avviare gli APJ Canada. E' una delle voci più fidate del Canada ed è anche - oltre un grande intervistatore - un'ottima persona. Quindi mi sono rivolto subito a lui chiedendogli se avesse voluto fare parte e lui subito rispose 'assolutamente'. Ero elettrizzato che l'abbia fatto. George, devi essere molto orgoglioso non solo di far parte ma anche di essere nel consiglio della APJ? George Stroumboulopoulos: Già, non so se sono più orgoglioso o eccitato. Voglio dire, mi conosci, giusto? Sai che se sento che sto facendo qualcosa allora ho la sensazione che non sto sprecando tempo come essere umano. Non sono inconsapevole di quanto strano sia avere un qualsiasi genere di immagine - hai molti benefici. Generalmente se ne è molto imbarazzati - in special modo i Canadesi - quindi questa è una possibilità di fare ciò che si supponga tu faccia come essere umano, fare quelle cose che faranno felici la mia mamma, le cose che lei mi ha insegnato a fare da ragazzo e a stare con persone che davvero vogliono che le cose siano fatte. Sono davvero entusiasta. Paul non è uno di quei tipi che fa le cose per l'immagine, fa le cose perché sa che può fare in modo che le cose siano fatte. Non gliene frega nulla dell'immagine. Penso che sia piuttosto notevole. E speri di andare a Haiti tu stesso? GS: Sì, stiamo parlando del viaggio proprio ora, appena non stiamo girando - ogni volta che possiamo andare là. Gerard Butler ha affermato che il tempismo con cui ha scoperto la APJ è stata una passa coincidenza: Mi è stato detto degli Artists for Peace and Justice – ed suona da matti – appena due giorni prima del

21


Gerry’s Corner

terremoto. Ero con i miei agenti, i quali mi stavano raccontando di questa fantastica organizzazione che era già coinvolta a Haiti. Due giorni dopo quello, si è verificato il terremoto. E’ sembrata quasi una bizzarra sincronia, sai? Una chiamata per me, ed immediatamente mi sono messo in contatto con Paul Haggis e gli ho detto, 'cosa posso fare?' Organizzò i viaggi così rapidamente (se avessero bisogno di una brava con la logistica – ndt) e raccolse un incredibile monte di soldi e fondamentalmente partì. Il primo giorno in cui eravamo sul posto ed ora stiamo continuando questo programma educativo, ed il programma alimentare. E’ piuttosto incredibile. Quello che stasera stiamo celebrando è che abbiamo aperto la prima ala della scuola per 700 studenti e per la fine della prossimo anno arriveranno a 3000. E’ una cosa abbastanza incredibile da portare avanti. Ci sono un paio di modi differenti per affrontare la cosa – si potrebbe prestare l’aiuto di base e semplicemente combatterci contro o puoi entrarci dentro a questo livello che guarda davvero ad un futuro a lungo termine per i ragazzi. Mi fa talmente sorridere essere coinvolto con la causa di questa gente perché penso che sia bellissimo. Non possiamo dimenticare che questo è il TIFF, un festival del cinema. Gerard è qui anche per promuovere il film Machine Gun Preacher – dove interpreta Sam Childers, un ex biker spacciatore che ha trovato Dio ed è diventato un difensore di centinaia di bambini sudanesi che sono stati obbligati a diventare soldati. Gli abbiamo chiesto se aiutare gli APJ gli ha dato una certa affinità al suo personaggio. Butler: Assolutamente sì. Non è perché l’ho fatto, perché non sapevo – a quel punto – che avrei fatto MGP. Quello di cui sono stato testimone quando andai ad Haiti e la semplice natura di quello chef anno e di ciò che ho visto – lo stesso di chiunque altro – è molto simile a quello che Sam Childers ha sperimentato quando andò per la prima volta in Africa e si imbatté in cose così potenti da essere quasi incredibili ee cambiano la sua intera vita. Così, sai, sì. Ero decisamente molto alimentato dalla mia esperienza.

Fonte: http://www.cbc.ca/live/artists-for-peaceand-justice-break-fundraising-records-at-tiff.html

Traduzione per Gerry’s Corner & Gerry’s Ladies La Dame du Lac – 22 Settembre 2011

**** Artists for Peace and Justice Break Fundraising Records at TIFF September 11, 2011By Calum Shanlin | @calumshanlin It's easy to get caught up in all the premières, parties and celeb spotting in Toronto during TIFF, but there are still groups getting

Numero 3/2011 – Settembre/Ottobre

their message out that some peoples still need help. Artists for Peace and Justice has been working in Haiti's poorest areas since before their devastating earthquake in 2010. They held a fundraising event at Toronto's AME, with the public being invited to pay $150 for a ticket to rub shoulders with some Hollywood Elite, like Gerard Butler, Jason Reitman and the founder of APJ, Ontario's Gemini, Emmy and Oscar winner Paul Haggis. Our very own George Stroumboulopoulos was hosting the event alongside them. APJ are working to build schools in Haiti, have worked to prevent cholera and their ultimate goal is to build and run a university on the island. The $150 cost of the ticket will cover the cost of a uniform, books and supplies for an Academy for Peace and Justice student for a full school year. 100% of the money raised is going to APJ, and this year's event was a record breaker. Since 2009, the APJ events in Toronto have raised around $300,000. On Friday night, Haggis had raised over $400,000 before walking in the door, breaking their previous fundraising records. We were lucky enough to have a word with the hosts: What is it that keeps bringing you back to Toronto? Paul Haggis: Well, it's Canada, and it's Toronto - I gotta come, right? No, I love it here. I love the film festival, I was born 100 miles from here so I've been coming to the festival since it began. I love it here. Are you overwhelmed at all by all the positive response you're getting? PH: I'm very grateful for it. Very grateful. We've raised over $400,000 tonight before walking in the door. That's pretty cool. Every year it doubles, and we'll raise a lot more. We really need the money - that school alone will cost us $1,000,000 a year to run and it's costing us several million to build. The land alone there cost us $1.6m to buy - things are expensive in Haiti, it's an island. We built our cholera centre very quickly, 36 hours before cholera got to Port-au-Prince we had a cholera centre open and we've had 10,000 patients so far. 5,000 of those would have died in 24 hours without it - most of those kids. Kids just die like that from cholera. We had it open and we're just really good at finding and trusting the right people. All Haitians, the folks that build our school - Haitian architects, Haitian structuralists, designers, Haitian engineers, same with everybody else - Haitian doctors. We bring in volunteers but still, I'm really proud that we're helping empower the people of Haiti and not walk in there as neocolonialists and say 'I know what's best' - they make the decisions. What made you want to work with our man George? PH: Well George is a member of our board and one of the first people I reached out to when we decided to start APJ Canada. He's one of the most trusted voices in Canada and he's also besides a great interviewer - a great guy. So I reached out to him right away and asked if he'd be a part of this and he said right away, absolutely. I was thrilled that he did. George, you must be pretty proud to be not just part of APJ but on the board as well? George Stroumboulopoulos: Yeah, I don't know that I'm proud as much as I'm excited. I mean, you know me right? You know that if I feel like I'm doing something then I feel like I'm not wasting my time as a human. I'm not unaware of how bizarre it is to have any kind of profile - you get a lot of perks. You're generally - especially Canadians - embarrassed about it so this is a chance to do what you're supposed to do as a human being, to do the stuff that will make my Mom happy, stuff that she taught me to do as a kid and to be around other people who really want to get it done. I'm really excited. Paul isn't one of those guys who does stuff for the profile, he does stuff 'cause he knows he can get stuff done. He doesn't give a sh*t about the profile. I think that's pretty remarkable. And you're hoping to head out to Haiti yourself? GS: Yeah, we're talking about the trip right now, just whenever we're not shooting - whenever we can get there. Gerard Butler said his timing of finding out about APJ was a crazy coincidence:

22


Gerry’s Corner

I had been told about Artists for Peace and Justice - this sounds crazy - but two days before the earthquake. I'd been with my agents who were telling me about this great organisation who were already involved in Haiti. Two days after that, the earthquake happened. It almost seemed like weird synchronicity, y'know? A calling for me, and immediately I got in touch with Paul Haggis and said, 'what can I do?' He put the trips together so quickly and raised an incredible amount of money and basically went in. The first day they were on the scene and now are continuing this education program, and the food program. It's pretty incredible. What we're celebrating tonight is that we just basically opened the first wing of the school for 700 students and by the end of next year we'll be up at 3,000. That's a pretty incredible thing to pull off. There's a couple of different ways to go about it - you could be basic aid and just struggling with that or you can go in at this level which really looking at the long term future for the kids. It just gives me such a big smile to be involved with these guys 'cause I think it's beautiful.

Numero 3/2011 – Settembre/Ottobre

We can't forget that this is TIFF, a film festival. Gerard is also here promoting the film Machine Gun Preacher - where he plays Sam Childers, a former drug-dealing biker who found God and became a crusader for hundreds of Sudanese children who've been forced to become soldiers. We asked if helping with APJ gave him a certain kinship with his character. Butler: Absolutely it did yeah. It's not why I did it, because I didn't know I was going to do MGP at that point. What I witnessed when I went down to Haiti and just the nature of what they do and what I saw - the same as anybody else - is very similar to what Sam Childers experienced when he first went down to Africa and came across things so powerful as to almost be unbelievable and change his whole life. So, y'know, yeah. I definitely was fed a lot by my experience.

Source: http://www.cbc.ca/live/artists-for-peace-andjustice-break-fundraising-records-at-tiff.html

23


Gerry’s Corner

Gerry’s Corner è… / Gerry’s Corner is-…

Forum

http://gerardbutler.forumfree.it

Numero 3/2011 – Settembre/Ottobre

24


Gerry’s Corner

Speciale TIFF 2011 LUN, 12 SETTEMBRE 2011

Gerard Butler & Jessica Chastain Presentano 'Coriolanus' Gerard Butler e Jessica Chastain presenziano alla première di Coriolanus all'Elgin Theatre, Lunedì (12 Settembre)) a Toronto, Canada. I due co-protagonisti protagonisti sono stati raggiunti sul red carpet da Brian Cox e Ralph Fiennes, che ha anche diretto il thriller. Nell'arco della giornata, il cast ha promosso il film ad una conferenza stampa durante il Toronto International Film Festival. Nota: Jessica indossa un abito Viktor & Rolf con goielli di Jack Vartanian.

MON, 12 SEPTEMBER 2011 AT 11:20 PM

Gerard Butler & Jessica Chastain Premiere 'Coriolanus' Gerard Butler and Jessica Chastain attend the premiere of Coriolanus at The Elgin Theatre on Monday (September 12) in Toronto, Canada. The two co-stars were joined on the carpet by Brian Cox and Ralph Fiennes, who also directed the thriller. Earlier in the day, the cast promoted the flick at a press conference during the Toronto International Film Festival. FYI: Jessica is wearing a Viktor & Rolf dress with Jack Vartanian jewelry.

Credit: Alberto E. Rodriguez; Photos: Getty

Fonte/Source Material http://justjared.buzznet.com/2011/09/12/gerard http://justjared.buzznet.com/2011/09/12/gerardbutler-jessica-chastain-premiere premiere-coriolanus/

Numero 3/2011 – Settembre/Ottobre

25


Gerry’s Corner

Le sciocche buffonerie di Gerard Butler sul red carpet a Toronto non riescono a portare via i riflettori alla splendida co-star Michelle Monaghan Di Laura Schreffler – Ultimo aggiornamento 6:58 AM 12 Settembre 2011 Non c’è dubbio a riguardo: Gerard Butler è un gigione. L’attore scozzese si è fatto strada a suon di facce buffe lungo il red carpet durante la prima del suo nuovo film, Machine Gun Preacher, al Toronto Film Festival. Ha posato con i fans, fatto facce ai fotografi e fatto il saluto alla folla alla Roy Thomson Hall. Eccentrico e felice: Gerard Butler ha fatto smorfie lung oil red carpet oggi alla prima del suo nuovo film, Machine Gun Preacher, alToronto Film Festival / Wacky and happy: Gerard Butler mugged his way down the red carpet today at the Toronto Film Festival premiere of his new movie, Machine Gun Preacher

Semplicemente splendida: Niente ha potuto distrarre dalla bellezza di Michelle Monaghan -- nemmeno la sua buffa co-star / Simply stunning: Nothing could detract from Michelle Monaghan's beauty -- not even her goofy co-star

Sfortunatamente per Gerry, le sue buffonate non hanno potuto sviare l’attenzione dalla sua radiosa e magnifica co-star, Michelle Monaghan. Mentre l’attore 41enne faceva smorfie e posava coi fans, l’attrice ha semplicemente sorriso timidamente e rubato la scena. Aveva un aspetto meraviglioso in tubino bianco e décolletées vertiginose in pelle scamosciata color borgogna di Brian Atwood. Copie: La folla scimmiottava ogni mossa dello Scozzese / Copy-cats: The Scotsman has the crowd aping his every move

Linguaccione: L’attore scozzese ha fatto smorfie mentre scendeva il red carpet a Toronto / Tongue twister: The Scottish actor made faces as he walked down the red carpet in Toronto

Numero 3/2011 – Settembre/Ottobre

26


Gerry’s Corner

Un po’ d’aiuto? Le buffonate dell’attore hanno sembrato stancarlo / A little help? The actor's antics appeared to tire him out

Guarda caso le sue calzature si abbinavano ai suoi capelli; la loro tinta rossa è stato un cambiamento dalle sue solite ciocche brune. L’attrice 35enne certamente non sembra che sarà interprete in un film d’azione, sebbene di frequente salti fuori in film dal ritmo sostenuto come Source Code e Mission Impossible III. Anche Gerry solitamente si trova nel mezzo di roba d’azione come 300 e RocknRolla. Guardatemi! La star ha raccolto l’attenzione / Look at me! The star lapped up the attention

Fare il carino: Gerry ha posato coi fans. Tenero! / Playing nice: Gerry posed with fans. Sweet!

Di bell’aspetto: Michelle Monaghan e Gerard Butler sono una coppia bellissima / Looking good: Michelle Monaghan and Gerard Butler are one good-looking pair

Da guardare: La folla guarda anche ogni mossa di Michelle, ma per ragioni molto diverse / Eye-catching: The crowd is watching Michelle's every move as well, but for a very different reason

Il suo ultimo film, Machine Gun Preacher, è la storia di un ex criminale diventato missionario, Sam Childers, che ha fondato un orfanotrofio in Africa. La pellicola è diretta da Marc Foster ed è anche interpretata da Michael Shannon, Madeline Carroll e Kathy Baker. E’ in programma una distribuzione limitata negli USA il 23 Settembre 23.

Fonte: http://www.dailymail.co.uk/tvshowbiz/article-2036376/Gerard-Butler-mugs-red-carpetMichelle-Monaghan-Machine-Gun-Preacher-premiere-Toronto-2011-Film-Festival.html?ito=feedsnewsxml Traduzione per Gerry’s Corner & Gerry’s Ladies La Dame du Lac – 18 Settembre 2011

Numero 3/2011 – Settembre/Ottobre

27


Gerry’s Corner

Gerard Butler's goofy red carpet antics can't steal the spotlight from stunning costar Michelle Monaghan in Toronto By Laura Schreffler - Last updated at 6:58 AM on 12th September 2011 There's no doubt about it: Gerard Butler is a ham. The Scottish actor mugged his way down the red carpet during the Toronto Film Festival premiere of his new movie, Machine Gun Preacher. He posed with fans, made faces at photographers and saluted the crowd at Roy Thomson Hall like a sailor. Unfortunately for Gerry, his antics couldn't detract any attention away from his glowing and gorgeous co-star, Michelle Monaghan. While the 41-year-old actor made faces and posed with fans, the actress simply smiled shyly and stole the show. She looked stunning in a white sheath dress and Brian Atwood's burgundy suede Power Studs pumps Her footwear also happened to match her hair; its red cast was a change from her typically brunette locks. The 35-year-old actress certainly doesn't seem like she'd be starring in an action picture, though she frequently crops up in fast-paced films like Source Code and Mission Impossible III. Gerry, too, usually finds himself in the midst of action fare like 300 and RocknRolla. His latest film, Machine Gun Preacher, is the story of a former criminal turned crusader Sam Childers, who founded an orphanage in Africa. The picture is directed by Marc Foster and also stars Michael Shannon, Madeline Carroll and Kathy Baker. It is scheduled for a limited US release on September 23.

http://www.dailymail.co.uk/tvshowbiz/article-2036376/Gerard-Butler-mugs-red-carpet-Michelle-MonaghanSource: Machine-Gun-Preacher-premiere-Toronto-2011-Film-Festival.html?ito=feeds-newsxml

Numero 3/2011 – Settembre/Ottobre

28


Gerry’s Corner

Preview – Machine Gun Preacher

TToorroonnttoo 220 01111:: ''M Maacchhiinnee G Guunn PPrreeaacchheerr'' aapprree ccoonn uunnaa ssttaannddiinngg oovvaattiioonn 11 Settembre 2011 | 8:41 pm Si poteva sentire il sospiro di sollievo collettivo, Domenica sera, arrivare dal settore dei cineaste della Roy Thomson Hall quando i titoli di coda hanno iniziato a scorrere per la proiezione al Toronto International Film Festival di "Machine Gun Preacher," il film interpretato da Gerard Butler su Sam Childers, l’ex-detenuto diventato un giustiziere in Africa. La prima mondiale del film, che è stato una fatica dettata dalla passione per tutte le parti coinvolte — compreso Butler, che dice di aver realizzato una frazione del suo normale salario per interpretare Childers — ha tenuto il pubblico inchiodato alle poltroncine. Si sono alzati solo una volta che i titoli finali sono scorsi, e allora lo è stato per dare un’ovazione ai realizzatori. Sia Butler che Childers, che ha presenziato al festival con sua moglie, Lynn, si sono alzati e tenuti per mano per la chiamata finale. Il film si incentra su Childers, un violento e armato ex-detenuto dalle campagne della Pennsylvania, che mette la sua vita a soqquadro dopo aver trovato Gesù e diventa ossessionato dai massacri di bambini che accadono a mezzo mondo di distanza in Sudan. Egli avvia un orfanotrofio che ospita più di 200 bambini ed aiuta a combattere gli uomini che li hanno lasciati orfani. La sua ricerca di vendetta e la sua spinta a salvare i giovani diventa un grande sacrificio per sua moglie e sua figlia. Gli spettatori sono apparsi molto coinvolti dal film spesso violento e sconvolgente, diretto da Marc Forster ("Monster's Ball," "Quantum of Solace") e scritto da Jason Keller. Anche avere Childers nel pubblico è stata un grandiosa approvazione — il 49enne biker da Harley Davidson ha chiarito che non sarebbe stato a Toronto se non gli fosse piaciuto ciò che ha visto sullo schermo. Butler, in particolar modo, è sembrato piuttosto sollevato dalla reazione. Una volta che le luci si sono riaccese, l’attore scozzese ha annunciato, "Andiamo a prendere un drink."

Numero 3/2011 – Settembre/Ottobre

— Nicole Sperling

Fonte: http://latimesblogs.latimes.com/movies/2011 /09/toronto-2011-machine-gun-preacheropens-to-standing-ovation.html

Traduzione per Gerry’s Corner & Gerry’s Ladies La Dame du Lac – 19 Settembre 2011

Toronto 2011: 'Machine Gun Preacher' opens to standing ovation September 11, 2011 | 8:41 pm You could feel the collective sigh of relief Sunday night coming from the filmmaker section of Roy Thomson Hall when the credits began to roll for the Toronto International Film Festival screening of "Machine Gun Preacher," the Gerard Butler-starrer about real life ex-con-turned-African-vigilante Sam Childers. The world premiere of the film, which has been a labor of love for all the parties involved — including Butler who says he made a fraction of his regular salary to play Childers — kept audience members rooted to their seats. They only stood once the final credits rolled, and then it was to give an ovation to the filmmakers. Both Butler and Childers, who attended the festival with his wife, Lynn, stood and grabbed hands for a final curtain call. The movie centers on Childers, a violent gun-toting ex-con from rural Pennsylvania, who turns his life around after finding Jesus and becomes obsessed with the child massacres occurring half a world away in the Sudan. He starts an orphanage that houses more than 200 children and helps fight the men who have left them orphans. His quest for vengeance and his drive to save the young people comes at great sacrifice to his wife and daughter. The audience seemed engrossed for the often violent and disturbing film, directed by Marc Forster ("Monster's Ball," "Quantum of Solace") and written by Jason Keller. Having Childers in the audience was a great endorsement too — the 49year-old Harley Davidson biker has made it clear he would not have been in Toronto had he not liked what he saw on the screen. Butler, particularly, seemed quite relieved by the response. Once the lights came up, the Scottish actor, announced, "Let's go get a drink." — Nicole Sperling Source: http://latimesblogs.latimes.com/movies/201...ngovation.html

29


Gerry’s Corner

G GE ER RA AR RD DB BU UT TL LE ER R IIN N ''M MA AC CH HIIN NE EG GU UN NP PR RE EA AC CH HE ER R'':: Q QU UE EL LL LO OC CH HE ED DIIC CO ON NO O II C CR RIIT TIIC CII 1:29 PM PDT 17/09/2011 di THR staff Il film diretto da Marc Forster "calza alla perfezione al genere di aggressività piena d'animo - metà santo, metà sociopatico" di Butler, scrive un recensore. Gerard Butler ritorna sul grande schermo con Machine Gun Preacher del regista Marc Foster, la vera storia dell'ex-detenuto, biker e attaccabrighe Sam Childers, che ha finito per costruire una chiesa comunitaria in Pennsylvania e a predicare lì. Le recensioni sono arrivate alla spicciolata dalla sua proiezione al Toronto Film Festival e molti hanno lodato l'interpretazione di Butler. Il film esce nelle sale Venerdì, 23 Settembre. Kirk Honeycutt di The Hollywood Reporter scrive che "i critici saranno entusiasti della performance energica nel ruolo di Sam Childers. Ma non si può sfuggire alla fastidiosa sensazione che il film non scavi abbastanza in profondità nella vita del proprio eroe, realmente esistente. Il film non esplora tutti quei perché' e 'cosa.'" Catherine Shoard di The Guardian scrive che il film "calza alla perfezione a quel genere tutto suo di aggressività piena d'animo - mezzo santo, mezzo sociopatico." Ma ha evidenziato alcune cose mancanti, compreso il fatto che il film non spieghi mai per cosa "combattano i nemici di Childers, o molto del conflitto sullo sfondo." Persino così, ha assegnato al film tre stelle su cinque, facendo notare che Butler ha anche contribuito al progetto in qualità di produttore esecutivo. Nel contempo, Drew McWeeny a HitFix ha dato Machine Gun Preacher una recensione relativamente negativa, dicendo che il film azione trainato da Butler era strano ed oltremodo sincero, ma a suo credito ha osservato che Butler "offre una interpretazione genuinamente appassionata " e che "fa del proprio meglio per dare vita al personaggio in modo abbozzato." In ultimo, egli scrive, "Penso che Machine Gun Preacher abbia buone intenzioni, ma persino sapendo che Sam è una persona reale, questo film tuttavia dà l'idea di un altro film ancora dove ci vuole un uomo bianco, estraneo alla cultura, che venga a salvare da loro stessi gli arretrati nativi e renderlo un film che si concentra sui bambini sembra una scorciatoia a buon mercato verso i sentimenti." Gabe Toro di Indiewire definisce Machine Gun Preacher una specie di Rambo, il film di Sylvester Stallone distribuito qualche anno prima. "Butler non riesce proprio a rendere le sfumature a meno che non possa metter su il cipiglio e un'aria assorta e impostata. Tuttavia fa certamente un'entrata grandiosa; dopo una breve apertura nella quale

Numero 3/2011 – Settembre/Ottobre

vediamo la lotta del popolo Sudanese, Butler esce di prigione con lo sguardo torvo e un mullet (il notorio taglio corto e all'indietro davanti col capello lungo sul collo, vedi MacGyver... - ndt), lanciando improperi alle guardie," ricorda, dichiarando che il film non mette Butler in mostra; invece,è "Rambo venuto male." Fonte/Source: http://www.hollywoodreporter.com/news/gerardbutler-machine-gun-preacher-236749 Traduzione per Gerry's Corner & Gerry's Ladies La Dame du Lac - 17 Ottobre 2011

Gerard Butler in 'Machine Gun Preacher': What Critics Are Saying 1:29 PM PDT 9/17/2011 by THR staff The Marc Forster-directed film is "a terrific fit" for Butler's "brand of soulful aggression -- half saint, half psychopath," writes one reviewer. Gerard Butler returns to the big screen with director Marc Foster's Machine Gun Preacher, a true story about the life of excon, biker and hellraiser Sam Childers, who ended up building a community church in Pennsylvania and preaching there. Reviews have been trickling in ever since it screened at the Toronto Film Festival and many have praised Butler's performance. The film is out in theaters Friday, Sept. 23. The Hollywood Reporter's Kirk Honeycutt writes that "critics will rave about Gerard Butler's fast-and-furious performance as Sam Childers. But one can't escape the nagging feeling that the film doesn't dig deeply enough into its real-life hero. The film doesn't explore all those 'whys' and whats.' " The Guardian's Catherine Shoard writes that the film is "a terrific fit for his own brand of soulful aggression -- half saint, half psychopath." But she did bring up some things that lacked, including the fact that the film never explains what "Childers' enemies are fighting for, or much about the background of the conflict." Even so, she gave the film three out of five stars, making note that Butler also executive produced the project. Meanwhile, Drew McWeeny at HitFix gave Machine Gun Preacher a relatively negative review, saying that the Butlerheadlined action feature was strange and overly sincere, but to his credit, noted that Butler "gives a genuinely impassioned performance" and "dos his very best to give some sort of roughhewn life to the character." Ultimately, he writes, "I think Machine Gun Preacher means well, but even knowing that Sam is a real person, this film still ultimately feels like yet another movie in which it takes a white man from outside the culture to come save all the backwards natives from themselves and and making it a movie that focuses on kids feels like a cheap shortcut to sentiment." Indiewire's Gabe Toro calls Machine Gun Preacher something of a Rambo, the Sylvester Stallone film released a few years prior. "Butler can’t really play nuance as much as he can scowl, brood and posture. But he sure makes a hell of an entrance — after a brief opening where we see the strife of the Sudanese people, Butler struts out of prison with a glower and a mullet, cursing off the guards," he recalls, declaring that the film doesn't showcase Butler; instead, it's "Rambo done wrong."

30


Gerry’s Corner

In sostegno per conto di Gerard Butler:

Machine Gun Preacher Postato il 29/09/11 01:16 PM ET Mi sono imbattuta in Gerard Butler per due sere a fila -prima alla proiezione del suo nuovo film Machine Gun Preacher presso la Producers Guild, e poi di nuovo alla prima con raccolta fondi. Che film! Che attore! E' affascinante e accattivante e all'apice della sua carriera, per cui è un momento eccitante della sua vita - in particolar modo con un film così avvincente che mette in mostra il suo talento! Rappresenta la molta passione che c'è voluta nel far diventare una storia e un libro degni di Dateline della NBC in un film pieno di energia! Andate a vederlo! Butler fa sembrare Stallone un passerotto -- ma comunque, io ho un'idea alquanto ferma di quello che serve per fare una star. Mio padre godette della profonda e fedele amicizia di Jimmy Stewart e ho imparato molto di cosa servisse avere per essere una star del cinema. Lui deve essere esagerato -- ed avere una certa energia -- ed è stato facile trascurare la sua abilità perché tutto sembrava così naturale. Penso che sia una maledizione per un attore di bell'aspetto, e non fa eccezione per Gerard Butler, che non solo è protagonista ma anche produttore esecutivo di Machine Gun Preacher, la vera storia di Sam Childers, un ex detenuto tossicodipendente figlio di pu**ana che si converte alla cristianità e va in Africa orientale (Uganda e Sudan) nel mezzo della guerra civile per aiutare i bambini co-optati come soldati ad uscire dai combattimenti e a tornare alle loro vite da bambini. E' un film fenomenale, sebbene abbia ricevuto recensioni discordanti -- i critici possono avere così torto. Uno ha detto che lui è in ogni scena e avendo pianficato che fosse così. Oh per favore! La storia parla di Sam Childers e questa è la sua sotria! Sono solo gelosi di Butler, che può portare i film alla vita e ci fa bella figura nel farlo! George Clooney ha il proprio modo di fare con gli altri (vi rimando alla rubrica della prossima settimana) e sospetto che il fascino di Gerard Butler non lo terrà indietro ancora per molto. Spero che il suo umorismo ed umiltà lo portino lontano ad Hollywood. Quando disse di essere onorato per essere stato coinvolto in questo progetto, era sincero e vero, proprio come io sono stata onorata di parlare con lui a tu per tu. Quello che veramente controbilancia la sua fisicità, che apre il film, è la sua sensibilità, qualcosa che nessuno Scozzese ammetterebbe mai. Quella è qualità da star. Lui diventa i suoi personaggi; lui sente i suoi personaggi. Ne Il Fantasma dell'Opera, ad opera del meravigliosamente dotato Joel Schumacher, fu un Fantasma sublime. E so che Joel Schumacher amò lavorare con questo attore che iniziò la propria carriera sulla scena da bambino. Nella vita reale, la sua salvezza Numero 3/2011 – Settembre/Ottobre

potrebbe essere il calcio, ma qui lo è il fervore [religioso] della moglie del suo personaggio, che ella condivide con lui. In Machine Gun Preacher vediamo follia borderline e Butler rende completa l'illusione quando più avanti nel film, nel ruolo di Childers, egli torna in Africa in una frenesia assassina in nome dei bambini. Qui è dove mettiamo in dubbio le sue motivazioni -- quanto egli viene spinto dai propri demoni personali e quanto lo è per i bambini? Da persona che è stata in trincea nel Terzo Mondo combattendo per l'alfabetizzazione con la mia organizzazione (www.powerforkids.com), il suo comportamento violento è conflittuale e confonde. Mi sarebbe molto piaciuto fornire a quei bambini dei libri ed insegnare loro a leggere, ma il nostro personaggio doveva uccidere il nemico che rapisce i bambini e assassina i loro genitori, per cui questo forte dilemma morale ha pervaso il film. "Tu non ucciderai" (5° Comandamento - ndt) è stato gettato bellamente fuori dalla finestra -- sebbene fosse per autodifesa. Aveva ragione ad uccidere? Gli spettatori sembrano pensarla così. Butler sembra a proprio agio con le sue emozioni, le quali - per un attore - sono un po' come il contenuto di un frigorifero -- dovendo essere in grado di avere a portata di mano e tirar fuori una birra e servirla. O una rossa torta vellutata, un bicchiere di champagne, o un cheeseburger. Qui, abbiamo un pranzo da gourmet, dato che Butler trasforma il proprio aspetto e voce in quelli di un "campagnolo della Pennsylvania" irriconoscibile. Non ha avuto timore di fare del proprio meglio per il film e coinvolgere le migliori persone che potesse trovare, compreso il trainer vocale Jerome Butler, che lo ha aiutato ad avere il perfetto accento da "campagnolo della Pennsylvania", e un regista dalla mano ferma, Marc Forster, che ha perfettamente funzionato per esprimere le dure realtà della storia. In una toccante scena, vediamo le malvagità dello LRA, mentre obbligano un bambino ad uccidere la propria madre cosi andrà a combattere con l'infame Lord's Resistance Army. E' una scena che non dimenticherete mai. L'intensità di Mr. Butler tiene in ostaggio il pubblico. Vi sfida. Potrà non farvi desiderare di abbracciarlo, ma certamente fa vivere la storia e si tratta di un racconto che - anche provandoci - non si può inventare. E' così avvincente e primitiva e vera che alla première con raccolta fondi, gli spettatori erano come sotto un incantesimo e alla proiezione per addetti ai lavori alla quale ho presenziato il film ha ricevuto una standing ovation! Ecco come il "fattore wow" va scritto: W-O-W!

31


Gerry’s Corner

Ho chiesto a Mr. Butler come mai ha ricevuto un accredito come produttore esecutivo dato che sono membro della Producers Guild - e spesso questo è un problema - e, nel caso in cui se lo sia guadagnato, volevo invitarlo a diventare membro della nostra organizzazione. Era tranquillo e potrei dire che stava facendo il modesto; a questo punto l'Amministratore Delegato della Relativity Media, Ryan Kavanaugh, si è intromesso e ha affermato, "Se non fosse stato per Mr. Butler, il film non avrebbe mai potuto venire realizzato. E' stato il suo impegno verso il progetto e verso la storia che lui ci ha visto dentro che ha portato tutto alla vita." Wow! Mica lodi leggere! Ho immediatamente pensato

Gunning on Behalf of Gerard Butler: Machine Gun Preacher Posted: 9/29/11 01:16 PM ET I bumped into Gerard Butler two nights in a row -- first at a Producers Guild screening of his new movie, Machine Gun Preacher, and then again at a charity fundraiser and the premiere of it. What a film! What an actor! He is engaging and charming and at the top of his career so it's an exciting time in his life -especially with such a compelling movie to show off his talent! It represents a lot of passion that went into bringing a Dateline NBC story and book into its own powerhouse film! Do see it! Butler makes Stallone look like a titmouse -- but then again, I have a very staunch idea of what make a film star. My dad enjoyed a deep and abiding friendship with Jimmy Stewart and I learned a lot about what it was like to have to be a movie star. He has to be larger than life -- and that certain energy -- it was easy to overlook his skill because it all looked so natural. I think this is a curse for the handsome actor and this no exception for actor Gerard Butler who not only stars in Machine Gun Preacher, a true story of Sam Childers, a bad-ass drug dealing ex-con who converts to Christianity and goes to East Africa (Uganda and the Sudan) in the midst of civil war to help coerced children get out of fighting and return to their lives as children, but executive produces as well! It's a phenomenal movie though it has received mixed reviews -- the critics can be so wrong. One said that he is in every scene and planned it that way. Oh please! The story is about Sam Childers and this is his story! They are just jealous of Butler, who can bring movies to life and look good doing it! George Clooney has a way with others (see next week's column) and I suspect Gerard Butler's charm won't keep him far behind. I hope his humor and humility take him far in Hollywood. When he spoke of being honored to have been involved with this project, he was honest and real, just as I was honored to have spoken with him one on one. What really counters his physicality, which opens the movie, is his sensitivity, something no Scottish lad would ever admit to. That's star quality. He becomes his characters; he feels the characters. In wonderfully gifted Joel Schumacher's Phantom of the Opera, he was a delicious Phantom. And I know Joel Schumacher loved working with this actor who began his career as a child on the stage. In real life, his salvation may have been soccer but here it is his character's wife's fervor which she shares with him. In Machine Gun Preacher, we see a borderline madness and Butler makes the illusion complete when later in the film as Childers, he

Numero 3/2011 – Settembre/Ottobre

al mio personale progetto scozzese e mi sono fatta un appunto mentale di condividerlo con lui se dovessi vedere vedere Mr. Butler per la terza serata di fila! - Patricia Rust Fonte/Source: http://www.huffingtonpost.com/patriciarust/gerard-butler-machine-gunpreacher_b_986334.html Traduzione per Gerry's Corner & Gerry's Ladies La Dame du Lac - 25 Ottobre 2011 goes back to Africa on a killing spree in the name of the children. This is when we question his motives -- how much is driven by his personal demons and how much is it for the children? As someone who has been in the trenches in third world countries fighting for literacy with my own organization (see www.powerforkids.com) his kick-ass behavior is conflicting and confusing. I would have loved to supply these children with books and teach them to read but our character had to murder the enemy who is stealing children and murdering their parents so that this strong moral dilemma plagued the movie. "Thou shall not kill" went right out the window -- even though it was in self-defense. Was he right in killing? The audiences seem to think so. Butler seems comfortable with his emotions, which are something like an actor's refrigerator contents -- they have to be able to reach in and pull out a beer and serve it up on tap. Or a red velvet cake, a glass of champagne, or a cheeseburger. Here, we get a gourmet meal as Butler transforms his looks and voice into those of a "Pennsylvania hillbilly" who is unrecognizable. He wasn't afraid to do his best for the film and involve the best people he could find including voice coach Jerome Butler, who helped him have a perfect "Pennsylvania hillbilly" accent and heavy-handed director, Marc Forster, which worked perfectly to deliver the harsh realities of the story. In one moving scene, we see the evils of the LRA, as they force a child to kill his mother so he will have to go fight with the evil Lord's Resistance Army. It's a scene that you will never forget. Mr. Butler's intensity holds the audience hostage. He challenges you. He may not make you want to lean in and hug him but he sure makes the story come alive and it's a story that you couldn't make up if you tried. It is so compelling and raw and real that at the charity-fundraising premiere, the audience was spellbound and at the industry screening I also attended, the film received a standing ovation! It's wow factor is spelled W-O-W! I asked Mr. Butler why he received an executive producer credit since I am a member of the Producers Guild and this is often an issue and if he earned it, I wanted to invite him to become a member of our organization. He was quiet and I could tell he was being modest and it was at this point Relativity Media CEO Ryan Kavanaugh stepped in and said, "Were it not for Mr. Butler, the film could never have been made. It was his commitment to the project and story that he saw through which brought it to life." Wow! No faint praise here! I immediately thought of my own Scottish project and made a mental note to share it with him if I saw Mr. Butler a third night in a row! - Patricia Rust

32


Gerry’s Corner

Gerry’s Corner è… / Gerry’s Corner is…

Facebook

http://www.facebook.com/pages/Gerrys-Corner/114059642008149

Numero 3/2011 – Settembre/Ottobre

33


Gerry’s Corner

Progetti Futuri/Next Up

Gerard Butler in trattative per Hunter Killer? Fonte: Edward Douglas – 19 Agosto 2011 Qualche mese fa, è stato riferito che il regista Phillip Noyce (Salt) avrebbe diretto un adattamento del romanzo "Firing Point" re-intitolato Hunter Killer, prodotto dalla Original Film di Neal Moritz. Il distributore Relativity Media ha persino fissato la data di uscita per il 21 Dicembre 2012. Scritto da Don Keith e George Wallace, il romanzo racconta di una squadra di NAVY Seals in un sottomarino mandato in missione in Russia per impedire ad un ammiraglio di iniziare una guerra contro l’America. ComingSoon.net ha sentito borbotti che Gerard Butler potrebbe essere in trattative per interpretare uno dei ruoli protagonisti nel film, quello di Joe Glass, il Capitano del sottomarino Toledo. Butler appare in Machine Gun Preacher di Marc Forster, distribuito dalla Relativity il 23 Settembre, così ha senso che vogliano che il rapporto vada avanti. La scelta di Butler non è ancora stata confermata, ma da quel che sappiamo del romanzo, ci sono molte parti da riempire compresi altri tre ruoli chiave, per cui qui speriamo che ci saranno altre notizie man mano che il cast viene messo insieme. Fonte/Source: http://www.comingsoon.net/news/movienews. php?id=81222

Gerard Butler in Talks for Hunter Killer? Source: Edward Douglas - August 19, 2011 A few months back, it was reported that director Phillip Noyce (Salt) would be helming an adaptation of the novel "Firing Point" retitled Hunter Killer, produced by Neal Moritz's Original FIlms. Distributor Relativity Media even set the movie's release date for December 21, 2012. Written by Don Keith and George Wallace, the novel tells about a team of NAVY Seals in a submarine sent on a mission to Russia to stop an admiral from starting war with America. ComingSoon.net has heard rumblings that Gerard Butler might be in talks to play one of the leading roles in the movie, that of Joe Glass, the Captain of the submarine Toledo. Butler appears in Marc Forster's Machine Gun Preacher, being released by Relativity on September 23, so it makes sense they'd want to keep that relationship going. Butler's casting isn't confirmed as of yet, but from what we know of the novel, there are a lot more parts to be filled including three other key roles, so here's hoping there will be more news as this cast comes together.

Numero 3/2011 – Settembre/Ottobre

Phillip Noyce Si Ritira dal Thriller Sottomarino Hunter Killer Pubblicato: 22-08-2011 - 07:53:26 - Autore: Sean O'Connell

Abbiamo recentemente riferito di voci che la star di 300 e Machine Gun Preacher Gerard Butler stava contemplando di interpretare il capitano di un team di Navy SEAL nel thriller sottomarino Hunter Killer. Ma se lui finirà per aggiudicarsi il ruolo, lavorerebbe per un regista diverso rispetto a quanto inizialmente programmato. Phillip Noyce, regista di due adattamenti da Tom Clancy (Patriot Games/Giochi di Potere tratto da “Attentato alla Corte di Inghilterra” e Pericolo Imminente/Clear and Present Danger dal romanzo omonimo – ndt)- e del film della scorsa estate con Angelina Jolie Salt, ha lasciato perdere Killer perché troppo vicino per dimensioni e intendimento a film che ha fatto in passato, come Moviehole riferisce. Noyce invece sceglierà tra la storia d’amore Timeless o un thriller Above Suspicion, il second dei quali è stato firmato dal nominato al Golden Globe Chris Gerolmo (Mississippi Burning). Ora Relativity Media deve tornare al tavolo di progettazione se vogliono mantenere Killer in pista per la sua già annunciata data d’uscita del 21 Dicembre 2012. Il film è un adattamento del romanzo Firing Point di Don Keith e George Wallace, che è stato opzionato dalla Original Films di Neil Moritz. Avere Butler a bordo per la storia – che vede i SEALs dirigersi all’interno del territorio russo per impedire lo scoppio della III Guerra mondiale – aiuterebbe un regista a partire in quarta. Ma l’esperienza di Noyce nel genere avrebbe aiutato ad elevare Killer, per cui spero che lo studio possa trovare un cineasta con un simile insieme di capacità che possa trasformare questo da comune thriller militare in qualcosa di speciale. Viene alla mente Tony Scott (sebbene questo potrebbe essere troppo simile al suo Crimson Tide/Allarme Rosso, sempre tratto da Tom Clancy). Viene anche in mente Kathryn Bigelow, specialmente se riesce a portare con sé Jeremy Renner (sarebbe… wow! – ndt) – ma lei ha già in corso un proprio progetto sui SEAL, Kill Bin Laden. A questo punto è tutta speculazione. Vedremo se l’abbandono di

34


Gerry’s Corner

Noyce ferma i passi in avanti del progetto, o se la Relativity riesce a inserire un rimpiazzo e a proseguire. Fonte/Source: http://www.cinemablend.com/new/PhillipNoyce-Walks-Away-From-Submarine-ThrillerHunter-Killer-26357.html

Phillip Noyce Walks Away From Submarine Thriller Hunter Killer published: 2011-08-22 07:53:26 Author: Sean O'Connell We recently reported on rumors that 300 and Machine Gun Preacher star Gerard Butler was contemplating playing the captain of a Navy SEAL team in the submarine thriller Hunter Killer. But if he ends up grabbing the role, he’ll be working for a different director than initially planned. Phillip Noyce, director of two Tom Clancy adaptations and last summer’s Angelina Jolie vehicle Salt, has passed on Killer because it’s too close in size and scope to films he has made in the past, Moviehole reports. Noyce instead will choose between the love story Timeless or a thriller Above Suspicion, the latter of which was penned by Golden Globe nominee Chris Gerolmo (Mississippi Burning). Now Relativity Media has to head back to the drawing board if they’d like to keep Killer on track for its previously announced Dec. 21, 2012 release date. The movie's an adaptation of Don Keith and George Wallace’s novel Firing Point, which has been optioned by producer Neil Moritz’s Original Films. Having Butler on board for the story – which sees the SEALs heading into Russian territory to prevent the launch of World War III – would help a director to hit the ground running. But Noyce’s experience in the genre would have helped elevate Killer, so I hope the studio can find a filmmaker with a similar skill set who could turn this from a run-of-the-mill soldier thriller into something special. Tony Scott comes to mind (though this might be too similar to his Crimson Tide). Kathryn Bigelow also comes to mind, especially if she can bring Jeremy Renner with her-- but she's already got her own SEAL project Kill Bin Laden going. At this point it's all speculation. We’ll see if Noyce’s departure halts the project’s forward progress, or if Relativity can plug in a replacement and keep moving.

http://www.cinemablend.com/new/PhillipNoyce-Walks-Away-From-Submarine-ThrillerHunter-Killer-26357.html

Hunter Killer si assicura il regista Antoine Fuqua Antoine Fuqua dirigerà Hunter Killer Il regista Antoine Fuqua è in trattative finali per dirigerà Hunter Killer per Relativity Media. Lo scorso mese abbiamo riferito che il regista di Salt Phillip

Numero 3/2011 – Settembre/Ottobre

Noyce ha abbandonato il progetto, cosa che ha permesso ad Antoine Fuqua di prenderne le redini. Hunter Killer si concentra su un neo-capitano di sottomarino che unisce le proprie forze ad una squadra di Navy SEAL per salvare il presidente russo. Devono anche fermare un generale russo che ha avviato un colpo militare prima che inneschi la III Guerra Mondiale. Jamie Moss (Street Kings), Arne Schmidt (XXX: State of the Union), e John Kolvenbach hanno scritto la sceneggiatura di Hunter Killer, che è adattata dal romanzo Firing Point di Don Keith e George Wallace. Neal H. Moritz, Toby Jaffe, e Ryan Kavanaugh produrranno, con Tucker Tooley che fungerà da produttore esecutivo. La produzione ha in programma di partire questo inverno. Hunter Killer arriverà nelle sale il 21 Dicembre 2012 (calendario Maya permettendo… - ndt) e vede interpreti Thomas Dekker, Josh Friedman, Steve Galich, Lena Headey,(ah sì?!? – ndt) Jeffrey G. Hunt, Jim Lima, Heather MacDougall, James Middleton. Il film è diretto da Antoine Fuqua. Fonte/Source: http://www.movieweb.com/news/hunterkiller-gets-director-antoine-fuqua Traduzione per Gerry’s Corner & Gerry’s Ladies La Dame du Lac – 28 Settembre 2011

Hunter Killer Gets Director Antoine Fuqua Antoine Fuqua set to direct Hunter Killer Filmmaker Antoine Fuqua is in final talks to direct Hunter Killer for Relativity Media. We reported last month that Salt director Phillip Noyce left the project, which allowed for Antoine Fuqua to take the reins. Hunter Killer centers on a new submarine captain who teams up with a Navy SEAL team to rescue the Russian president. They must also stop a Russian general that started a military coup before he can start World War III. Jamie Moss (Street Kings), Arne Schmidt (XXX: State of the Union), and John Kolvenbach wrote the screenplay for Hunter Killer, which is adapted from the Don Keith and George Wallace novel, Firing Point. Neal H. Moritz, Toby Jaffe, and Ryan Kavanaugh are producing, with Tucker Tooley serving as executive producer. Production is scheduled to start this winter. Hunter Killer comes to theaters December 21st, 2012 and stars Thomas Dekker, Josh Friedman, Steve Galich, Lena Headey, Jeffrey G. Hunt, Jim Lima, Heather MacDougall, James Middleton. The film is directed by Antoine Fuqua.

35


Gerry’s Corner

Revolver ha in canna racconto su pugile a mani nude 5:48 AM 16/08/2011 di Stuart Kemp Jason Statham, Gerard Butler e Michael Fassbender tutti in cima alla lista dei desideri del produttore per interpretare un famigerato personaggio LONDRA – La brutale biografia di uno dei più famigerati pugili a mani nude d'Inghilterra si farà largo verso il grande schermo. La britannica casa di distribuzione, finanziamento e produzione indipendente Revolver Entertainment sta sviluppando una sceneggiatura basata sulla vita ed epoca di Lenny McLean, noto anche come “the Guv’nor.” Il copione del film, il cui titolo di lavorazione è "The Guv'nor", è basato sul libro “The Guv’nor Tapes,” redatto da Peter Gerrard da estese interviste con McLean e con coloro che lo circondavano. Paul Van Carter sta scrivendo la sceneggiatura al fianco di Martin Askew, il nipote di Lenny, per il progetto. I finanziatori dicono che la sceneggiatura mira ad offrire un resconto senza compromessi della sua vita violenta e dalla cattiva nomea, dagli umili inizi a Hoxton, nella East London, a pugile, buttafuori, lottatore a mani nude, attore, accusato d'omicidio e padre di famiglia.” Justin Marciano della Revolver e Nick Taussig produrrano il film con il figlio di Lenny McLean, Jamie McLean. Il budget sarà attorno ai 5 millioni di dollari, in funzione del casting. Diversi nomi sono sulla lista dei desideri dei produttori per interpretare il duro dell' East End con Jason Statham, Gerard Butler e Michael Fassbender a guidare la schiera di consolidati talenti. Anche le interpretazioni degli emergenti Lucas Pittaway e Daniel Hensall nel dramma criminale Snowtown hanno catturato l'occhio dei produttori. Revolver ha strappato i diritti di distribuzione nel Regno Unito alla Snowtown durante Cannes all'inizio di quest'anno. “La storia di McLean esemplifica la pura brutalità del crescere nell' East End di Londra durante gli anni postbellici, ma è anche il viaggio di un uomo che trova la redenzione attraverso l'infernale mondo della lotta a mani nude,” ha affermato Marciano. Gerrard scrisse “The Guv’nor Tapes” grazie ad estese interviste registrate con McLean per creare un racconto senza barriere della vita di McLean. Revolver ha acquisito i diritti per il libro e, con il sostegno della famiglia McLean mira a trasformare la storia di McLean in un film.

Numero 3/2011 – Settembre/Ottobre

Fonte/Source: http://www.hollywoodreporter.com/news/rev olver-guns-british-bare-knuckle223574?utm_source=twitterfeed&utm_mediu m=twitter&utm_campaign=Feed%3A+thr%2Ff ilm+%28The+Hollywood+Reporter++Movies%29

Gerard Butler potrebbe interpretare 'Guv’nor', l'Uomo più tosto di Gran Bretagna in un biopic Londra, 17 Ago (ANI): Gerard Butler è in cima alla lista dei desideri stilata dai produttori per interpretare “L'Uomo più tosto di Gran Bretagna” Lenny McLean. La star di ’300′ viene vista come l'uomo ideale per impersonare il famigerato lottatore a mani nude, un violento brutto ceffo dell'East End noto come The Guv’nor. Secondo i produttori, la storia di Mclean “esemplifica la pura brutalità del crescere nell' East End durante gli anni post-bellici”, ha riferisce Contactmusic. Il 41enne attore scozzese fronteggia la competizione per il ruolo dell'action-man Jason Statham e della star di ‘X-Men’ Michael Fassbender. (ANI) Fonte/Source: http://truthdive.com/2011/08/17/GerardButler-may-play-Britain-s-hardest-man-Guvnor-in-biopic.htmll Traduzione per Gerry's Corner & Gerry's Ladies La Dame du Lac - 01 Settembre 2011

Revolver Guns For British BareKnuckle Boxer Tale 2:48 AM PDT 8/16/2011 by Stuart Kemp

Jason Statham, Gerard Butler and Michael Fassbender all high on producer wish list to play notorious character. LONDON – The brutal life story of one of Britain’s most notorious bare-knuckle fighters is set to punch its way onto the big screen. U.K. independent distribution, finance and production house Revolver Entertainment is developing a script based on the life and times of Lenny McLean, a man also known as “the Guv’nor.” The film script, working title The Guv'nor, is based on the book “The Guv’nor Tapes,” compiled by Peter Gerrard from extensive interviews with McLean and those around him. Paul Van Carter is writing the screenplay alongside Martin Askew, Lenny’s nephew, for the project. Backers said the script aims to offer “an uncompromising account of his violent and notorious life from his humble beginnings in Hoxton, East London to boxer, bouncer, bare-knuckle fighter, actor, accused murderer and family man.” Revolver’s Justin Marciano and Nick Taussig will produce the film with Lenny McLean’s son Jamie McLean.

36


Gerry’s Corner

The budget is set to be around $5 million subject to casting. Several names are on the producers’ wish list to play the East End hard man with Jason Statham, Gerard Butler and Michael Fassbender leading the field of established talent. Upcomers Lucas Pittaway and Daniel Hensall's performances in crime drama Snowtown have also captured the eye of the producers. Revolver snapped up U.K. distribution rights to Snowtown during Cannes earlier this year. “McLean’s story typifies the sheer brutality of growing up in the East End of London through the post-War years, but it is also the journey of a man who finds redemption through the hellish world of bare-knuckle fighting,” said Marciano. Gerrard compiled “The Guv’nor Tapes” from extensive recorded interviews with McLean to create a no-holds-barred account of McLean’s life. Revolver snapped up the rights to the book and, with the support of the McLean family aims to turn McLean’s story into a film.

Gerard Butler may play ‘Britain’s hardest man Guv’nor’ in biopic London, Aug 17 (ANI): Gerard Butler tops the wish list drawn by producers to play “Britain’s hardest man” Lenny McLean. The ’300′ star is being seen as the ideal man to portray the notorious bare-knuckle brawler, a violent East End enforcer known as The Guv’nor. According to producers, the story of Mclean “typifies the sheer brutality of growing up in the East End through the post-war years”, Contactmusic reported. The 41-year-old Scottish actor is facing competition from action man Jason Statham and ‘X-Men’ star Michael Fassbender for the role. (ANI)

Gerard Butler interpreterà il thriller FBI 'The Bricklayer,' basato sul romanzo di Noah Boyd

Hanna Weg (Enigma - bello quel film, sottovalutato ma bello - ndt) sta adattando il romanzo per lo schermo. Butler, Alan Siegel e Danielle Robinson sono alla produzione , con Erik Lindsay e Weg a fungere da produttori esecutivi. The Bricklayer fu pubblicato dalla William Morrow a Gennaio 2010. Boyd è in realtà lo pseudonimo usato dall'ex agente FBI Paul Lindsay. Nel libro, il suo personaggio principale, Steve Vail, è un ex agente dell'FBI, che lavora come muratore a Chicago, e al quale l'agenzia si rivolge per avere aiuto nel rintracciare e combattere una banda di criminali. La trama coinvolge inoltre una vice-direttrice dell'FBI che viene assegnata a lavorare con Vail – ruolo che ancora non è stato assegnato. Butler, rappresentato da CAA e Alan Siegel Entertainment, sarà prossimamente visto in Coriolanus e Machine Gun Preacher, entrambi in proiezione all'imminente Toronto International Film Festival. Boyd è rappresentato da ICM, mentre Weg dalla UTA. Fonte/Source: http://www.hollywoodreporter.com/news/ger ard-butler-star-fbi-thriller-220434 Traduzione per Gerry's Corner & Gerry's Ladies La Dame du Lac - 01 Settembre 2011

Gerard Butler to Star in FBI Thriller 'The Bricklayer,' Based on the Novel by Noah Boyd 7:50 PM 8/8/2011 by Gregg Kilday

7:50 PM 8/8/2011 di Gregg Kilday Il progetto è il primo ad essere messo insieme da Mark Gill, da quando è divenuto presidente della Millennium Films. Photo Credit: Andreas Rentz/Getty Images Millenium Films ha acquisito i diritti di The Bricklayer, il romanzo campione di vendite dell'ex agente dell'FBI Noah Boyd, e Gerard Butler vi è associato quale interprete di una canaglia ex agente chiamato in causa per aiutare a combattere un gruppo che pretende una crescente serie di riscatti multimilionari. E' il primo progetto ad essere assemblato da Mark Gill da quando, nel Giugno scorso, ha assunto il ruolo di presidente della Millenium, e lo supervisionerà insieme a Boaz Davidson, capo dello sviluppo e degli affari creativi, ed al capo della produzione John Thompson.

Numero 3/2011 – Settembre/Ottobre

Project is the first to be assembled by Mark Gill, since becoming president of Millennium Films. Millenium Films has acquired the rights to The Bricklayer, the best-selling novel by former FBI agent Noah Boyd, and attached Gerard Butler to star as a rogue former agent who’s called in to help battle a criminal group that is demanding an escalating series of multi-million dollar ransom payments. It’s the first project to be assembled by Mark Gill since he stepped into the role of Millenium president in June, and he’ll oversee it along with Boaz Davidson, head of development and creative affairs, and head of production John Thompson. Hanna Weg (Enigma) is adapting the novel for the screen. Butler, Alan Siegel and Danielle Robinson are producing, with Erik Lindsay and Weg serving as executive producers. The Bricklayer was published by William Morrow in January, 2010. Boyd is actually a pseudonym used by former FBI agent Paul Lindsay. In the book, his main character, Steve Vail, is a former FBI agent, working as a Chicago bricklayer, whom the agency reaches out to help track down and combat the criminal gang. The plot also involves a female deputy director at the FBI who is assigned to work with Vail – a part that that has not yet been cast. Butler, repped by CAA and Alan Siegel Entertainment, will next be seen in Coriolanus and Machine Gun Preacher, both of which are playing the upcoming Toronto International Film Festival. Boyd is repped by ICM, while Weg is repped by UTA.

37


Gerry’s Corner

Amarcord / Stardust Memories

Attila the Hun a cura di Maristella Santambrogio e Argentina Brunetti USA Network ed i produttori di The Mummy e The Jackal hanno unito le forze per varare “Attila the Hun” mini-serie televisiva di 4 ore che riporta in vita uno tra i personaggi della storia più interessanti. Il film è stato girato totalmente in Lituania. Gli attori e la troupe hanno dovuto superare molte difficoltà durante il loro avventuroso lavoro in Europa con più di 4.000 cavalli, pericolose coreografie per coordinare scene di battaglia, quasi 10.000 comparse, l'uso di effetti speciali per muovere 500 persone come se fossero 3000 ricreare una Roma autentica e disegnare costumi per più di mille attori (Jane Robinson costumista più volte premiata e nominata per due Accademy Award per “A Handful of Dust” e “Separate Table”). Il pezzo forte naturalmente è Attila interpretato da Gerard Butler, sangue scozzese, attore con esperienze teatrali interessanti, come un “Coriolano”, “Improvvisamente l'Estate Scorsa” e “Trainspotting”. Un film nominato all'Oscar, “Mrs. Brown”, altri come "Fast Food", "One More Kiss", “Dracula 2000” “Shooters". Giovane, bello forte, passionale che altro ci si può aspettare da un Attila, se non vederlo tra breve tra le top star? Tuttavia la competizione in America è tremenda già dietro di lui un più giovane intenso e promettente Rollo Weeks, Attila ragazzo. Non dimenticatevi questo nome perché è già nella lista dei Top 10. La storia è semplice: l'Impero Romano al massimo del suo splendore vede insediarsi tra i suoi confini un popolo inaspettato, gli Unni, nomadi guerrieri, che combattono con arco e frecce, abili a cavallo e specialmente senza paura in battaglia. Roma si sente minacciata quando tra gli Unni emerge il nuovo leader che, passato alla storia con il nome di Attila, unisce il suo popolo con altre nazioni in un solo impero. Trovandosi improvvisamente orfano, il giovane Attila (Rollo Weeks) deve imparare a sopravvivere. Adottato dallo zio, Re Rua (Steven Berkoff), Attila (Gerard Butler) diventa presto un warleader; suo rivale è il fratellastro Bleda (Tommy Flanagan). Alla rivalità' politica tra i due si insinua anche quella per la stessa donna, la schiava Nakara (Simmone Jade MacKinnon). Galena (Pauline Lynch), mezza maga e veggente avrà molta influenza nella presa di potere di Attila, lo spronerà a seguire il destino che lo aspetta prendendo coscienza delle opportunità al momento giusto. Attila trova nell'amicizia con il generale romano Flavio Aetius (Powers Boothe) una porta aperta verso Roma, il potere e i piaceri che gli vengono offerti dalla principessa Honoria (Kirsty Mitchell). Numero 3/2011 – Settembre/Ottobre

Attila the Hun Written by Maristella Santambrogio and Argentina Brunetti USA Network and the producers of The Mummy and The Jackal joined their forces to launch “Attila the Hun” a TV mini-series running 4 hours which brings to life one of the most interesting historical characters again. The movie was entirely shot on location in Lithuania. The actors and the crew had to get over many difficulties during their adventurous job in Europe with more than 4,000 horses, dangerous choreographies to coordinate battle scenes, almost 10,000 extras, the use of special effects to move 500 people like they were 3,000 and re-create Rome, designing costumes for more than one thousand actors (by costume designer Jane Robinson, award nominated and winning for “A Handful of Dust” and “Separate Table” respectively). The main character is Attila, of course. Gerard Butler portrays Attila, a Scottishborn actor with interesting stage experience in “Coriolanus”, “Suddenly Last Summer” and “Trainspotting”. Furthermore an Oscar nominated movie, “Mrs. Brown”, and others like "Fast Food", "One More Kiss", “Dracula 2000” “Shooters". Young, handsome and strong, passionate: what else should we expect from such Attila, if not seeing him among the top stars shortly? Still, competition in America is terrible; the younger, intense and well-promising Rollo Weeks, who plays Attila as a boy, comes close behind him. Don’t forget this name because he’s already in the Top 10 list. The story is simple: The Roman Empire is at its top and sees the settling of an unexpected new people close to its boundaries: the Huns, warrior nomads, who fight with bow and arrows, very skilled in horseback riding and fearless amidst the battle. Rome feels threatened when among the Huns a new leader rises; historically known as Attila, he unites his people with other nations, establishing an empire. Finding himself suddenly orphaned, young Attila (Rollo Weeks) must learn to survive. Adopted by his uncle, King Rua (Steven Berkoff), Attila (Gerard Butler) quickly becomes a war-leader; his rival is Bleda , his stepbrother (Tommy Flanagan). Besides political rivalry, the one for the same woman, the slave Nakara (Simmone Jade MacKinnon), creeps between the two men. Galena (Pauline Lynch), half sorceress and clairvoyant, will have a great influence in Attila’s rise to power; she will spur him to follow his fate and become aware of the opportunities at the most convenient time.

38


Gerry’s Corner

Presto, con l'intensificarsi delle conquiste da parte degli Unni, al comando di Attila, la solidarietà e stima del generale romano, non può che diventare l'opposto e la rivalità porterà ad entrambi rovina. Attila troverà presto spazio nei nostri schermi, nel frattempo noi ve lo anticipiamo, visto che le immagini possono correre veloci, perché aspettare che tutti ne parlino…

Fonte/Source: http://www.freedigital.it/maristella/articoli/maristella_attila.htm

Attila finds a door open towards Rome through his friendship to Roman General Flavius Ætius, as well as towards the power and the pleasure which are offered to him by princess Honoria (Kirsty Mitchell). As the Huns conquests increase under Attila’s lead, the General’s respect and solidarity soon switch to the opposite side and this rivalry will bring the two of them to their undoing. Attila will soon find place on our TV screens; in the meanwhile we disclose it; since pictures can run fast, why must we wait for everybody to talk about it? Translation for Gerry’s Corner by La Dame du Lac

Numero 3/2011 – Settembre/Ottobre

39


Gerry’s Corner

Attila: pupe sexy, bagni e, ehm, controllo delle nascite Questo film per la TV del 2001 a volte si fa proprio sciocco, ma costituisce un colpo sorprendentemente buono alla storia del famigerato Re Unno Regista: Dick Lowry Grado di Intrattenimento: C– Voto in Storia: C (nella scala dei voti anglosassone la C vale – credo – Sufficiente – ndt) Attila fu un re Unno del 5° Secolo che depredò gran parte dell’Europa. Cultura: Si sa poco degli Unni. Alcuni storici pensano che fossero originari dei confini della Cina prima di farsi strada verso l’Europa. E’ una piacevole sorpresa scoprire che i produttori abbiano posato i loro sguardi sulle informazioni esistenti. In una scena iniziale, il giovane Attila correttamente identifica gli animali sacri agli Unni come il ghiottone, l’orsa e il cavallo. Più avanti, la sua corte viene raffigurata in linea con la descrizione dello storico Prisco, che la vide con i propri occhi. Garantito, né Gerard Butler nel ruolo di Attila, né Steven Berkoff nel ruolo del suo predecessore, Re Rua, sembra potessero essere originari dei confine della Cina; tuttavia, nessuno sa davvero che aspetto avvero gli Unni, né è mai stato dimostrato in modo conclusivo da dove venissero. Tecnologia: Attila si innamora di una graziosa schiava dai capelli rossi, e lei di lui. Ma il suo [di Attila] geloso fratello maggiore, Bleda, la prende come sua concubina. Un’irritante strega coperta di fango e stecchi offre alla schiava una soluzione: "Questi semi. Inghiottine uno ogni giorno. Terranno i piccoli Bleda fuori dal tuo grembo." Ora, aspettate un attimo. La schiava dai capelli rossi non è vera, ma molti film storici inventano storie d’amore. L’irritante strega non è reale, ma gli Unni avevano effettivamente dei sacerdoti-profeti. Ma non si può andare in giro inventando pillole per il controllo delle nascite nel 5 secolo per tappare una falla nella trama. Se la contraccezione semplice e sicura fosse esistita negli ultimi 1600 anni, l’intera storia del mondo avrebbe potuto essere diversa.

Storie d’amore: Attila se ne va a Roma, che è piena di ragazze sexy che si spogliano in orge rappresentate in modo immaginativo. Ecco Onoria, sorella del terzo Imperatore Valentiniano, abbigliata in un improbabile corsetto turchese iridescente ed abbinata veste con spacco dalla caviglia alla zona bikini. Mostra ad Attila il proprio bagno. Lui è totalmente fuori di testa. Più

Numero 3/2011 – Settembre/Ottobre

tardi, si lamenta con un suo aiutante: "Conquistiamo città, governiamo il mondo, e tuttavia non riusciamo nemmeno a costruire un bagno." Onoria è troppo cortese per rimarcare che questo era senza dubbio ovvio nel momento in cui lui è entrato dalla porta e – dopo una rapida abluzione – lo seduce. Nella realtà Attila non ha mai visito Roma, né incontrato Onoria. Ed aveva un bagno. (Ed anche nel film, alla fine, riesce ad averne uno.) Guerra: Onoria viene scoperta a letto con il suo ciambellano, Eugenio, col quale sta complottando di uccidere il fratello (certe cose non cambiano mai… ndt) . L’imperatore la esilia in un convento di Costantinopoli. Per fuggire, Onoria invia segretamente un anello ad Attila proponendogli il matrimonio. Lui accetta e prontamente invade l’Impero Romano, reclamandone la metà quale dote. Eccezionalmente, questo è grosso modo quello che accadde veramente. La cronologia era diversa nella realtà, ed il film manca un paio di svolte, compreso il fidanzamento forzato di Onoria ad un senatore. Tuttavia, la cosa è fondamentalmente giustificata nel ritrarre la storia dell’Europa del Quinto Secolo come una specie di pastone ad alta velocità di Sunset Beach e Rambo. La verità è roba di prima qualità. Battaglia: Alla fine, arriviamo alla Battaglia dei Campi Catalani – talvolta descritta come una delle più significative della storia, malgrado il risultato incerto. E’ ancor più un pasticcio nel film, a meno che non riconosciate i Visigoti dagli Ostrogoti e gli Unni dagli Alani. Fu notoriamente violenta. Edward Gibbon cita un tributo di in vite umane tra i 162.000 e i 300.000. Lo storico romano Giordano dice che un fiume fu ingrossato dal sangue dei caduti e “quelli che furono indotti dalle ferite ad estinguere la loro ardente sete bevvero acqua mista a sangue". Il budget del film non arriva a questo, quindi abbiamo delle più economiche palle di fuoco e due dozzine di comparse che giacciono sparsi sul fianco di una collina, vagamente fingendo di essere morti. Verdetto: Attila in alcuni punti si fa un po’ sciocco, ma la ricerca dietro ad esso è in realtà abbastanza credibile. Il che è molto più di quanto possa essere detto della parrucca di Gerard Butler. (con tutto quel ben di Dio una si ferma alla parrucca… Velo pietoso… - ndt) Traduzione per Gerry’s Corner & Gerry’s Ladies La Dame du Lac – 30 Gennaio 2010 Fonte/Source: http://www.guardian.co.uk/film/2010/jan/28/ reel-history-attila-gerard-butler

40


Gerry’s Corner

Attila: hot babes, baths and, erm, birth control This 2001 made-for-TV movie does get very silly at times, but it does make a surprisingly good fist of the history of the infamous Hun king Director: Dick Lowry - Entertainment grade: C– - History grade: C Attila was a fifth-century Hun king who ravaged much of Europe. Culture: Little is known of the Huns. Some historians think they originated on the borders of China before making their way to Europe. It's a pleasant surprise to find that the film-makers have cast their eyes over what information exists. In an early scene, the young Attila correctly identifies the Huns' sacred animals as the wolverine, the she-bear and the horse. Later, his court is depicted in line with the description by the historian Priscus, who saw it with his own eyes. Granted, neither Gerard Butler as Attila, nor Steven Berkoff as his predecessor, King Rua, looks like he might have originated on the borders of China; then again, no one really knows what the Huns looked like, nor has proven conclusively where they came from. Technology: Attila falls for a comely ginger slave-girl, and she for him. But his jealous elder brother, Bleda, takes her for his concubine. An irritating witch covered in mud and sticks offers the slave-girl a solution: "These seeds. Swallow one every day. They will keep little Bledas out of your womb." Now, just hold on a minute. The ginger slave-girl isn't real, but lots of historical films invent romances. The irritating witch isn't real, but Huns did have prophetic priests. But you can't just go around inventing birth control pills in the fifth century to fill a hole in your plot. Had easy, safe, reliable contraception existed for the last 1,600 years, the entire history of the world might have been different. Romance: Attila strops off to Rome, which is full of hot babes stripping off at imaginatively depicted orgies. Enter Honoria, sister of the third Emperor Valentinian, clad in an improbable iridescent turquoise corset and matching skirt split from ankle to bikini line. She shows Attila her bath. He's totally freaked out. Later, he complains to an aide: "We conquer cities, we rule the world, and yet we can't even build a bath." Honoria is too polite to point out that this was no doubt obvious the minute he walked in the door, and – after a quick wash – seduces him. In real life, Attila never visited Rome, nor met Honoria. And he did have a bath. (He does eventually get one in the film, too.) War: Honoria is discovered in bed with her chamberlain, Eugenius, with whom she is plotting to kill her brother. The emperor exiles her to a convent in Constantinople. To escape, Honoria secretly sends a ring to Attila, proposing marriage. He accepts and promptly invades the Roman Empire, half of which he claims as a dowry. Amazingly, this is pretty much what really happened. The chronology was different in real life, and the film misses out a few twists, including Honoria's forced betrothal to a senator. Still, it is basically justified in portraying fifthcentury European history as a kind of high-velocity mash-up of Sunset Beach and Rambo. The truth is cracking stuff. Battle: Finally, we get the Battle of the Catalaunian Fields – sometimes described as one of the most significant in history, despite its unclear outcome. It's even more of a muddle in the film, unless you already know your Visigoths from your Ostrogoths, and your Huns from your Alans. It was famously violent. Edward Gibbon quotes a death toll of between 162,000 and 300,000. The Roman historian Jordanes says a stream was swollen with the blood of the fallen, and "those whose wounds drove them to slake their parching thirst drank water mixed with gore". The film's budget isn't up to this, so we get some cheapo fireballs and two dozen extras lying around on a hillside, vaguely pretending to be dead. Verdict: Attila gets a bit silly in places, but the research behind it is actually quite credible. Which is more than can be said for Gerard Butler's wig.

Numero 3/2011 – Settembre/Ottobre

41


Gerry’s Corner

Immagini / Pictures Dick ick Lowry Photoshoot Feb. 2010

Numero 3/2011 – Settembre/Ottobre

42


Gerry’s Corner

N° 3/2011-- Settembre/Ottobre

43


Gerry’s Corner

Locandina del Mese / Film Poster of the Month

N° 3/2011-- Settembre/Ottobre

44


Gerry’s Corner

Gerry’s Corner è… / Gerry’s Corner is…

You Tube – GerrysCornerChannel

http://www.youtube.com/user/GerrysCornerChannel

N° 3/2011-- Settembre/Ottobre

45


Gerry’s Corner

Guest Star del Mese / Guest Star of the Month

MIIC CH HA AE EL L FA AS SS SB BE EN ND DE ER R Da Wikipedia, the free encyclopedia Michael Fassbender al Festival Cinematografico di Cannes - 2009 (Photo Credit: Georges Biard)

M

ichael Fassbender (nato il 2 Aprile 1977) è un attore GermanoIrlandese.[1][2] Meglio noto per aver interpretato il Ten. Archie Hicox in Bastardi Senza Gloria di Quentin Tarantino (2009) e Magneto nel blockbuster supereroico X-Men: Le Origini (2011), annovera tra i propri altri lavori il film Fish Tank (2009); il 2011 lo vede grande protagonista con ben tre film: un nuovo adattamento cinematografico del romanzo-capolavoro di Charlotte Brontë Jane Eyre; la pellicola di David Cronenberg, A Dangerous Method, dove interpreta lo psicologo Carl Gustav Jung; ed infine l'acclamato Shame, diretto da Steve McQueen, che lo vede di nuovo al lavoro col regista che già lo aveva diretto in Hunger (2008); presentato al Festival Internazionale del Cinema di Venezia di quest'anno, Shame ha fruttato all'attore la Coppa Volpi come miglior attore. Il 2012 lo vedrà interprete per Ridley Scott della pellicola Prometheus.

Formazione Fassbender è nato ad Heidelberg, in Germania (ex Germania Ovest). Sua madre, Adele, è Nord Irlandese originaria di Larne, Countea di Antrim, mentre suo padre, Josef Fassbender, è Tedesco.[3][4] Secondo la tradizione di famiglia, sua madre è la bisnipote di Michael Collins, il leader irlandese durante la guerra di indipendenza.[3][5] Quando aveva due anni, i genitori si trasferirono a Killarney, nel Kerry, dove hanno avviato un ristorante, il West End House, con il padre in qualità di chef.[3][4] Fassbender ha ricevuto un'educazione cattolica e ha servito come chierichetto.[6] Frequentò il collegio St. Brendan's a Killarney, dove poi è tornato in visita nel Marzo 2010 raccontando agli studenti i propri ricordi di scuola ed esibendosi in alcuni brani alla chitarra, e il Drama Centre nella zona nord di Londra, che però abbandonò insoddisfatto dal concetto poco lusinghiero che nell'istituto avevano del lavoro di attore cinematografico.[7] In continuo spostamento tra film britannici e americani, attualmente Fassbender risiede a

N° 3/2011-- Settembre/Ottobre

Londra, compiendo regolari viaggi di lavoro a Los Angeles.

Carriera Primi lavori Fassbender iniziò la propria attività d'attore con la parte di Burton "Pat" Christenson in Band of Brothers, la premiata serie prodotta da Tom Hanks e Steven Spielberg. Interpretò poi il personaggio di Azazeal in entrambe le serie di Hex (ovvero: maledizione) sulla rete Sky One ed apparve anche quale personaggio principale nel video musicale del brano "Blind Pilots" della band britannica The Cooper Temple Clause. Fassbender recitò la parte di Jonathan Harker in una serie radiofonica in 10 puntate di Dracula prodotta dalla BBC Northern Ireland e trasmessa all'interno della serie Book at Bedtime (approssimativamente: Il Libro della Buona Notte) tra il 24 Novembre e il 5 Dicembre 2003. Agli inizi del 2004 lo si è visto in un spot pubblicitario per la birra Guinness intitolato The Quarrel, nel quale un uomo attraversa a nuoto l'Oceano dall'Irlanda a New York per scusarsi di persona col fratello. Nel 2006, durante il Fringe Festival di Edimburgo, Fassbender interpretò Michael Collins in Allegiance, un dramma ad opera di Mary Kenny basato sull'incontro tra Winston Churchill e Collins; il ruolo risulta particolarmente suggestivo in virtù del fatto che - come detto più in alto - Adele, la madre di Fassbender, ne è la bis-nipote.[8] Inoltre, tramite la propria società di produzione (la Peanut Productions) ha prodotto, diretto ed interpretato la versione teatrale di Reservoir Dogs (titolo italiano Le Iene) di Quentin Tarantino. In Angel, pellicola sull'ascesa ed eventuale caduta della giovane e promettente scrittrice britannica di inizio XX Secolo Angel Deverell (interpretata da Romola Garai), egli interpreta l'oggetto dell'amore della protagonista, il mediocre pittore Esmé. Il film drammatico – primo lavoro in lingua inglese del regista francese François Ozon, basato sul romanzo di Elizabeth Taylor – fu presentato il 17 Febbraio 2007 al Festival Internazionale del Cinema di Berlino e il 14 Marzo 2007 debuttò a Parigi. Ha poi effettuato una rapida apparizione nel film per la TV Wedding Belles (che annovera tra i propri autori il romanziere Irvine Welsh), nel ruolo di Barney e recitando con accento scozzese.

46


Gerry’s Corner

Mutanti. Il film, distribuito il 3 Giugno 2011 con grande successo finanziario e di pubblico, ha ulteriormente Fassbender balzò all'attenzione del grande pubblico contribuito a rendere Fassbender una star americano con il memorabile personaggio di Stelios nel cinematografica di ancor maggior successo. film girato nel 2006 300 diretto da Zack Snyder. Nel 2011, Fassbender è tra i protagonisti di A Nel 2008 Michael fu chiamato dal regista Steve Dangerous Method del regista canadese David McQueen ad interpretare il ruolo di Bobby Sands nel Cronenberg, nel quale porta sullo schermo lo psichiatra film Hunger. La trama rievoca lo sciopero della fame e psicologo svizzero Carl Gustav Jung, contrapposto al sostenuto da alcuni prigionieri del carcere di Maze, Sigmund Freud di Viggo Mortensen. Inoltre, è il meglio noto come Long Kesh o H Blocks, per protestare protagonista di Shame, pellicola nella quale ha il ruolo contro le disumane condizioni di detenzione e di Brandon, un tormentato trentenne che combatte rivendicare i diritti dei detenuti. Per calarsi nella parte contro la propria dipendenza dal sesso. Shame lo del personaggio, un membro del Provisional Irish riunisce al regista Steve McQueen ed è stato presentato Republican Army (i cosiddetti Provos, movimento in prima assoluta al Festival Internazionale del Cinema militare di estrema sinistra distaccatosi dall'IRA) di Venezia, ove Fassbender ha conquistato la Coppa incarcerato a Maze, Fassbender si sottopose ad una Volpi come miglior attore.[14] A Venezia è stato inoltre drastica dieta da sole 600 calorie giornaliere, arrivando presentato anche A Dangerous Method.[10] così a pesare 59 chilogrammi, contro i 73 abituali, Ultimo, ma non meno importante, nel nuovo distribuiti su una statura di 1 metro e 83 centimetri. adattamento ad opera di Cary Fukunaga di Jane Eyre; L'anno successivo alla propria affermazione al Festival Fassbender interpreta Edward Rochester, mentre la del Cinema di Cannes con Hunger, egli è apparso in giovane stella in ascesa Mia Wasikowska ha il ruolo due film. Il primo fu Bastardi Senza Gloria di dell'eroina creata dalla penna di Quentin Tarantino, nel quale Charlotte Brontë.[13] ricoprì il ruolo dell'ufficiale britannico Tenente Archie Progetti futuri Hicox. L'altro film è stato Nel 2012, Fassbender, nel ruolo di Fish Tank diretto da Andrea un androide di nome David, sarà tra Arnold (attualmente si parla i protagonisti di Prometheus,[15] molto della sua riduzione per la regia di Ridley Scott, e al iper-realistica di Cime fianco di Noomi Rapace (la Lisbeth Tempestose). Entrambi Salander della Trilogia di Stieg furono acclamati dalla critica, Larsson), Charlize Theron e altri così come il lavoro di volti noti come Patrick Wilson, Idris Fassbender. Fassbender (a destra), Josh Brolin e Megan Fox Elba e Guy Pearce. La pellicola parla Dando il via ad un periodo nel promuovono il film del 2010 Jonah Hex al Comic-Con del di un gruppo di scienziati alla quale il suo "status di star è 2009. ricerca delle origini del genere salito in modo umano che si troverà a viaggiare negli angoli più oscuri esponenziale"[10], nel 2010 Fassbender ha preso parte a Jonah Hex e ha girato Haywire, (precedentemente dell'universo, dove dovranno combattere per la intitolato Knockout.)[11]. Ha inoltre impersonato salvaguardia del futuro dell'umanità; attualmente il film Quintus Dias nel thriller bellico di Neil Marshall è in post-produzione e con uscita prevista per il mese di Centurion,[12] ed è stato scelto per il ruolo di 'Richard Giugno del prossimo anno. Wirth' nella pellicola di Joel Schumacher Blood Creek A causa di alcuni conflitti nella programmazione dei (noto anche come Town Creek) al fianco del Dominic propri molti impegni, Fassbender ha dovuto ritirarsi Purcell di Prison Break e al giovane emergente Henry dalle trattative per lavorare con il regista premio Oscar Cavill. La storia parla di un uomo del West Virginia che, Danny Boyle, nel suo nuovo film, Trance.[16] sceso a patti con le proprie riserve morali, decide di All'inizio del 2012, inizierà le riprese di un film sui aiutare il proprio fratello a vendicarsi della famigla che vampiri ancora privo di titolo diretto da Jim Jarmusch; non solo dà ospitalità ad uno studioso dell'occulto al suo fianco nuovamente la sua co-protagonista in nazista, il Richard Wirth di Fassbender appunto, ma che Jane Eyre, Mia Wasikowska, oltre a Tilda Swinton e inoltre lo ha tenuto prigioniero per due anni affinché John Hurt.[17] Wirth lo utilizzasse come cavia per degli aberranti In aggiunta a quello che appare come un 2012 veramente denso di lavoro, Michael è fresco di firma per esperimenti. Fassbender ha poi interpretato Magneto in X-Men: Le prendere parte al debutto registico dell'attore irlandese Origini, fondamentale prologo all'intera saga degli XBrendan Gleeson At Swim-Two-Birds,[18] adattamento Men. Ambientato nel 1962, esso è incentrato cinematografico del romanzo dell'autore irlandese Brian sull'amicizia tra Charles Xavier (interpretato da James O'Nolan che lo pubblicò sotto lo pseudonimo di Flann McAvoy) e Erik Lehnsherr/Magneto e sull'origine dei O'Brien. loro rispettivi gruppi, gli X-Men e la Fratellanza dei

Il successo col grande pubblico

N° 3/2011-- Settembre/Ottobre

47


Gerry’s Corner

Filmografia Anno Titolo Band of Brothers 2001 Hearts and Bones NCS Manhunt 2002 Holby City 2003 Carla Gunpowder, Treason & Plot

Ruolo Burton 'Pat' Christenson Hermann Jack Silver Christian Connolly Rob Guy Fawkes

Julian Fellowes Investigates: A Most Mysterious Murder – Charles Bravo 2004 The Case of Charles Bravo A Bear Named Winnie Lt. Harry Colebourn Sherlock Holmes and the Case of the Silk Stocking Charles Allen

2005

2006

2007

Murphy's Law Our Hidden Lives Hex

Caz Miller German POW Azazeal

William and Mary Agatha Christie's Poirot episode After the Funeral

Lukasz George Abernethie

Trial & Retribution: Sins of the Father

Douglas Nesbitt

300 Angel Wedding Belles

Stelios Esmé Howe-Nevinson Barney

Hunger 2008 Eden Lake

Bobby Sands Steve

The Devil's Whore Blood Creek 2009 Fish Tank

Thomas Rainsborough Richard Wirth Connor

2010

2011

2012 2013

Inglourious Basterds Centurion

Lt. Archie Hicox Quintus Dias

Jonah Hex Jane Eyre

Burke Edward Rochester

X-Men: First Class A Dangerous Method Shame

Erik Lensherr / Magneto Carl Gustav Jung Brandon

Pitch Black Heist Haywire

Michael Paul

Prometheus Prisoners At Swim-Two-Birds

David TBA TBA

Accrediti in qualità di Produttore Anno Titolo 2011

Pitch Black Heist

Note Produttore esecutivo e attore

Videogiochi Anno Videogioco 2010

Fable III

N° 3/2011-- Settembre/Ottobre

Ruolo

Note

Logan

48


Gerry’s Corner

Teatro Anno Produzione 1999 Tre Sorelle

Autore Anton Chekhov

Ruolo Note Alexei Petrovich Fedotik Performance: The Oxford Stage Company

2006 Allegiance

Mary Kenny

Michael Collins

Performance: The Edinburgh Fringe Festival

Riconoscimenti Anno Premio Stockholm Film Festival

2008

Categoria Miglior Attore

Progetto Hunger

Risultato Vittoria

Montréal Festival of New Cinema

Premio alla Recitazione

Hunger

Vittoria

European Film Awards Chicago International Film Festival

Miglior Attore Hugo d'Argento come Miglior Attore

Hunger

Nominato

Hunger

Vittoria

British Independent Film Awards

Miglior Attore

Hunger

Vittoria

Miglior Attore

Hunger

Nominato

Attore Britannico dell'Anno

Hunger

Vittoria

The Devil's Whore

Nominato

Hunger

Vittoria

Toronto Film Critics Association Awards London Critics Circle Film Awards

Irish Film and Television Awards 2009

Vittoria

Evening Standard British Film Miglior Attore Awards

Hunger

Nominato

Chicago International Film Festival

Targa d'Oro come Miglior Attore Non Protagonista

Fish Tank

Vittoria

British Independent Film Awards BAFTA Awards

Miglior Attore Non Protagonista Rising Star Award

Fish Tank

Nominato

London Critics Circle Film Awards

Miglior Interpretazione Collettiva di un Cast in un Lungometraggio Attore Non Protagonista Britannico dell'Anno

Irish Film and Television Awards Central Ohio Film Critics Association

Screen Actors Guild Awards

2010

Miglior Attore Non Protagonista in Televisione Miglior Attore in un Ruolo Principale in un Lungometraggio Rising Star Award

Chlotrudis Awards 2011 Venice Film Festival

Nominato Inglourious Basterds Vittoria Fish Tank

Vittoria

Miglior Attore Non Protagonista in un Film

Fish Tank

Nominato

Miglior Insieme

Inglourious Basterds Vittoria

Miglior Attore Non Protagonista Coppa Volpi come Miglior Attore

Fish Tank

Nominato

Shame

Vittoria

(Source: IMDb.com)

N° 3/2011-- Settembre/Ottobre

49


Gerry’s Corner

Riferimenti 1.

^ Wonderland Magazine Interview MichaelFassbender.org. Retrieved June 27, 2011

2. ^ Movie review: 'Jane Eyre' Los Angeles Times. Retrieved June 27, 2011 3. ^ a b c Garratt, Sheryl (18 October 2008). "Michael Fassbender on playing Bobby Sands in Hunger". The Daily Telegraph (London). http://www.telegraph.co.uk/culture/film/3562289/Michael-Fassbender-onplaying-Bobby-Sands-in-Hunger.html. 4. ^ a b "Blood, sweat, tears". The Irish Times. 5 April 2008. http://www.irishtimes.com/newspaper/theticket/2008/0530/1212048820425.html. Retrieved 4 June 2011. 5. ^ Mottram, James (9 August 2009). "Interview: Michael Fassbender – Lean and mean". The Scotsman. UK. http://living.scotsman.com/movies/Interview-Michael-Fassbender--Lean.5536707.jp. Retrieved 4 June 2011. 6. ^ "Mia Wasikowska and Michael Fassbender for W". Tom & Lorenzo. 16 March 2011. http://www.tomandlorenzo.com/2011/03/mia-wasikowska-and-michael-fassbender-for-w-magazine2.html. Retrieved 4 June 2011. 7.

^ Michael Fassbender visits the Sem St. Brendan's, Killarney. Retieved June 27, 2011

8. ^ O'Doherty, Cahir (16 February 2011). "Michael Fassbender is officially a Hollywood leading man". IrishCentral. http://www.irishcentral.com/ent/Michael-Fassbender--116301824.html?page=3. Retrieved 16 February 2011. 9. ^ "2008 Winners at British Independent Film Awards". Bifa.org.uk. 16 June 2011. http://bifa.org.uk/winners/2008. Retrieved 23 June 2011. 10. ^ a b Maytum, Matt, "Venice 2011: Michael Fassbender wins Best Actor for Shame", TotalFilm.com, Sep 11 2011. Retrieved 2011-09-12. 11. ^ 16 February 2010 (16 February 2010). "in 2010". Alesrybarik.com. http://www.alesrybarik.com/knockout-has-begun-filming-in-dublin/. Retrieved 23 June 2011. 12. ^ "Get Ready to Jump in New 'Centurion' Clip". Bloody-disgusting.com. http://www.bloodydisgusting.com/news/19551. Retrieved 23 June 2011. 13. ^ Bartyzel, Monika (9 February 2010). "Casting Bites: From Weisz's 'Dream' to Wasikowska's 'Eyre' – The Moviefone Blog". Cinematical.com. http://www.cinematical.com/2010/02/09/casting-bites-from-weiszsdream-to-wasikowskas-eyre/. Retrieved 23 June 2011. 14. ^ a b Nikkhah, Roya (10 September 2011). "Michael Fassbender wins best actor at Venice for sex-addict role". The Daily Telegraph. http://www.telegraph.co.uk/culture/film/venice-filmfestival/8755009/Michael-Fassbender-wins-best-actor-at-Venice-for-sex-addict-role.html. Retrieved 11 September 2011. 15. ^ Ryan, "Michael Fassbender Talks About Shooting Prometheus", reelzchannel.com blogpost quoting an unidentified LA Times interview; 4.12.11. 16. ^ Abrams, Rachel; Kroll, Justin (6 May 2011). "Fassbender in talks for Danny Boyle's 'Trance'". Variety. http://www.variety.com/article/VR1118036555. Retrieved 16 May 2011. 17. ^ Macnab, Geoffrey (16 May 2011). "Swinton, Fassbender and Wasikowska line up for Jarmusch's vampire story". ScreenDaily. http://www.screendaily.com/news/production/swinton-fassbender-and-wasikowskaline-up-for-jarmuschs-vampire-story/5027597.article. Retrieved 16 May 2011. 18. ^ Wiseman, Andreas, (Subscription required) "Michael Fassbender, Luxembourg Fund join Gleeson's At-

Swim-Two-Birds", screendaily.com, 9 July, 2011.

N° 3/2011-- Settembre/Ottobre

50


Gerry’s Corner

Speciale Moda Autunno Inverno / Fashion Special Autumn-Wintern

Gucci – Prada ( Vogue.it) Ad ogni stagione arriva il momento in cui ci chiediamo: “Cosa indosseremo questa stagione?”, ed ogni volta, come un appuntamento fisso, troviamo una risposta negli spunti che gli stilisti ci danno ad ogni sfilata. Anche per questa stagione autunno/inverno 2011-2012 le idee non mancano e - mai come in questa stagione - le tendenze moda sono davvero interessanti da seguire e, soprattutto noi donne, potremo scegliere lo stile che più ci è congeniale. Sarà un inverno pieno di colore, con tante stampe d’ispirazione geometriche/etniche e floreali, tessuti leggeri e trasparenze. C’è un ritorno al passato con ispirazioni agli Anni ‘60 e ‘70, della vernice e del pitonato; l’ispirazione country-style con l’uso del tweed e dello scozzese. C’è tanta femminilità con abiti bon ton ed anche rigore con gli abiti dal taglio maschile ma di grande fascino. Ma ora analizziamo nel dettaglio i key pieces di questa stagione: OVER Hermès – Blugirl – Philosophy by Alberta Ferretti (Vogue.it) Ovvero come proteggersi dalle temperature fredde! Quindi parliamo dei capispalla, che mai come quest’anno sono tornati alla ribalta. Incominciamo con il cappotto corto al ginocchio, d’ispirazione bon ton; in versione maschile o di stile militare con bottoni grossi e spalle ben delineate; dalla linea scivolata, stile Anni ‘60 con colletto tondo; oppure linea robe manteau stretto in vita e svasato sui fianchi. I colori sono nelle nuances più soft come i colori pastello ed il beige, tocchi di nero e colori fluo come il blue elettrico ed il rosso. Oltre che nella versione corta il cappotto si presenta in passerella anche in versione lunga, quasi rasoterra con una allure da diva, che scivola fluida sul corpo. Dopo molti anni torna il doppio petto, presentato da quasi tutte le griffe. Per chi non ama i cappotti la scelta su come sostituirlo nel proprio armadio è molto vasta! Si possono utilizzare le cappe, in tinta unita o versione tartan, con dettagli bon ton oppure profili di pelle o colli di pelliccia. Riappaiono, per soddisfare le nostre esigenze, anche i montoni, da indossare sia su abiti lunghi in fantasia sia su abiti da cocktail e quindi non solo di giorno ma anche la sera. Si continua con le pellicce, (naturalmente sono preferibili quelle ecologiche ;) ) coloratissime, dai colori forti e sgargianti dalle linee couture. Ed infine tra le varie proposte, c’è anche il montgomery , rivisto e corretto rispetto a quello classico, molto piiu’ grintoso, con linee avvitate od anche scivolate ma con dettagli deluxe. Paola Frani – Philosophy by Alberta Ferretti – Burberry Prorsum – Fendi ( Vogue.it)

Giacche + Gonne + Pantaloni Dior – Max Mara – YSL (Vogue.it) Finalmente, dopo anni, ritorna la giacca, che si allunga notevolmente rispetto alle precedenti stagioni; monopetto o doppio petto, nei tessuti classici maschili o piu’ eccentrici come le fantasie e gli scozzesi, diventa un capo adatto 24 h su 24, da usare da giorno o di sera. Proprio il ritorno alla giacca, consacra anche il ritorno del tailleur. Giacche e gonne per tutti i gusti: dallo stile Chanel al genere minimal; gonne a tubo oppure svasate, rigorosamente al ginocchio, con giacche che - in questo caso – si fanno più corte per slanciare la figura.

N° 3/2011-- Settembre/Ottobre

51


Gerry’s Corner

Nella versione giacca/pantalone dà vita ad uno stile decisamente maschile, ma sempre super femminile grazie ai pantaloni dalla linea slim, da abbinare a giacche ben costruite, spesso a doppio petto, su camicie classiche o con fiocchi sul davanti. Chi non ama i pantaloni dalla linea “asciutta” può scegliere il pantalone a palazzo, very 70’s , dalla linea più alta per slanciare la figura, e creare un look molto femminile abbinandolo oltre che con delle giacchine corte, con delle camicie femminili. Abiti Da diverse stagioni ormai l’abito è diventato un elemento irrinunciabile, anche perché ormai lo sanno tutti: basta un semplice tubino nero e non si sbaglia mai! Quest’anno c’è una scelta molto vasta che accontenta tutte. Fa la sua apparizione il tubino, da giorno e da cocktail, dalle linee semplici, giocate con tagli che accompagnano il corpo e lo esaltano, in tinta unita, bicolori o con stampe arricchite da ricami, e sempre lungo al ginocchio. Ci sono poi gli abiti bon ton, dalle nuances delicate e linee piu’ scivolate, arricchite da dettagli come fiocchi o colletti, realizzati in tessuti come il pizzo, tessuti lucidi o ricamati, per un gusto retrò, Maniche corte o a tre quarti, ma spesso a giro manica. Per la sera invece abiti lunghissimi, con tessuti leggerissimi come pizzi, chiffon, satin. Linee svolazzanti e fluide per abiti di sicuro effetto. Di certo non passerete inosservate ;) . Stella McCartney – Bottega Veneta – Gucci ( Vogue.it) Stampe Le stampe sono tantissime quest’anno, e dipende solo dal nostro gusto scegliere quelle che più ci piacciono e ci fanno sentire a nostro agio. Anche se personalmente non amo molto il pitonato, quest’anno è molto utilizzato in versione d’alta classe con abbinamenti inusuali; attenzione – però – è da evitare il total look, privilegiando un solo capo oppure un accessorio realizzato in questo materiale. Gucci – D&G – Dolce & Gabbana – Hermès ( Vogue.it) Passiamo dunque alle stampe più facili da indossare come quelle floreali, che richiamano la primavera, oppure stampe dall’ispirazione geometrica ma di gusto etnico, o ancora stampe stellari e gusto pop art. Naturalmente il segreto sta nel mescolare le varie fantasie con accessori tinta unita ;) Color Trends Il colore per eccellenza quest’anno è il bianco totale; in alternativa: il nero per un look dark, oppure il cipria molto bon ton, per passare poi ai colori forti, dal rosso, all’ arancio, il blue elettrico, il giallo lime, verde smeraldo, fucsia e viola, da mescolare tra loro dando vita ad abbinamenti nuovi ed originali. Hermès – Bottega Veneta – Gucci – Richmond ( Vogue.it)

Prada – Blugirl – Nina Ricci - Alberta Ferretti (Vogue.it) Elcant / Gerry’s Corner

N° 3/2011-- Settembre/Ottobre

52


Gerry’s Corner

Gerry’s Corner è… / Gerry’s Corner is…

Twitter

https://twitter.com/#!/GerrysCorner

N° 3/2011-- Settembre/Ottobre

53


Gerry’s Corner

Digital Magazine bimestrale di Cinema & Intrattenimento a cura dello staff di Gerry’s Corner Anno 1 – Numero 3 – Settembre/Ottobre 2011 ********* Bi-monthly digital magazine about cinema and entertainment by Gerry’s Corner website Year 1 – Issue #3 – September/October 2011

N° 3/2011-- Settembre/Ottobre

54

GERRY_S CORNER NUMERO 3  

ANNO 1 - SETTEMBRE OTTOBRE

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you