Page 1

BILANCIO  SOCIALE  2012  


SOMMARIO PARTE  1:  INTRODUZIONE  E  NOTA  METODOLOGICA  .......................................................................................  7   1.1   Lettera  del  Coordinatore  Nazionale  ....................................................................................................  7   1.2   Arco  temporale  a  cui  si  riferisce  la  rendicontazione  ...........................................................................  9   1.3   N.  di  edizioni  del  bilancio  sociale  già  realizzate  ...................................................................................  9   1.4   Processo  seguito  nell’elaborazione  del  Bilancio  ..................................................................................  9   1.5   Perimetro  del  bilancio  .........................................................................................................................  9   1.6   Contatti  e  indirizzi  utili  per  richiedere  informazioni  ............................................................................  9   PARTE  2:  CARATTERISTICHE  ISTITUZIONALI  ED  ORGANIZZATIVE  ...................................................................  10   2   Identità  dell’Organizzazione  .....................................................................................................................  10   2.1   Nome  dell’organizzazione  .................................................................................................................  10   2.2   Indirizzo  sede  legale  ..........................................................................................................................  10   2.3   Luogo  della  sede  operativa  dell’Organizzazione  ...............................................................................  10   2.4   Forma  giuridica  ..................................................................................................................................  10   2.5   Configurazione  fiscale  dell’Organizzazione  .......................................................................................  10   2.6   Breve  storia  .......................................................................................................................................  10   2.7   Dimensione  dell’organizzazione  e  cambiamenti  ...............................................................................  10   2.8   Paesi  esteri  in  cui  ha  operato  l’Organizzazione  nel  corso  del  2012.  ..................................................  10   2.9   Riconoscimenti/premi  ricevuti  nel  periodo  .......................................................................................  11   2.10   Missione,  finalità,  valori  e  principi  dell’ente  ......................................................................................  13   2.11   Indicazione  dell’oggetto  sociale  ........................................................................................................  13   2.12   Settore  in  cui  l’organizzazione  opera  ................................................................................................  13   2.13   Sottoscrizione  o  adozione  di  codici  di  condotta  principi  e  carte  .......................................................  13   2.14   Indicazione  di  obiettivi  e  strategie  di  medio-­‐lungo  termine  ..............................................................  14   3   Mappa  e  coinvolgimento  degli  stakeholder  .............................................................................................  14   3.1   Elenco  degli  stakeholder  ....................................................................................................................  14   3.2   Impegni  e  responsabilità  assunti  nei  confronti  degli  stakeholder  dall’organizzazione  .....................  15   3.3   Attività  di  coinvolgimento  degli  stakeholder  effettuate  nel  corso  dell’esercizio  ..............................  15   4   Assetto  istituzionale  .................................................................................................................................  17   4.1   Assemblee  tenute  nel  periodo  oggetto  di  rendicontazione  ..............................................................  17   4.2   Composizione  organo  di  governo:  Il  Comitato  di  Gestione  ...............................................................  17   4.3   Modalità  di  nomina  dell’organo/i  di  governo  ....................................................................................  17   4.4   N.  di  incontri  tenuti  nel  periodo  oggetto  di  rendicontazione  ............................................................  17   4.5   Soggetto  che  ha  la  rappresentanza  legale  .........................................................................................  17   4.6   Deleghe  conferite  ai  componenti  dell’organo  di  governo  .................................................................  17   2  

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  


4.7 Composizione  dell’organo  di  controllo  ..............................................................................................  18   4.8   N.  di  incontri  del  collegio  nell’anno  ...................................................................................................  18   4.9   Regime  di  pubblicità  esterna  dei  verbali  delle  assemblee  e  delle  decisioni  ......................................  18   4.10   Regime  di  pubblicità  del  bilancio  di  esercizio  ....................................................................................  18   5   Reti  ...........................................................................................................................................................  19   5.1   Eventuali  partecipazioni  a  reti  e  collaborazioni  attive  con  altre  organizzazioni  ................................  19   6   Composizione  dei  gruppi  di  lavoro  ...........................................................................................................  21   6.1   Composizione  del  Gruppo  Scuola  ......................................................................................................  21   6.2   Composizione  del  Gruppo  Sport  ........................................................................................................  21   6.3   Composizione  del  Gruppo  Lavoro  .....................................................................................................  21   6.4   Composizione  del  Gruppo  Stato  Sociale  ............................................................................................  21   7   Composizione  della  base  sociale  ..............................................................................................................  22   7.1   N.  dei  soci/associati  e  relativa  dinamica  ............................................................................................  22   7.2   Partecipazione  alle  Assemblee  ..........................................................................................................  22   8   Personale  retribuito  ..................................................................................................................................  22   8.1   N.  lavoratori  a  fine  anno  ed  evoluzione  negli  ultimi  3  anni  ...............................................................  22   8.2   Tipologia  di  contratti  collettivi  applicati  per  i  lavoratori  dipendenti  .................................................  22   8.3   Costo  aziendale  per  le  diverse  categorie  di  lavoratori  ......................................................................  22   9   Volontari  ...................................................................................................................................................  23   9.1   N.  volontari  attivi  in  modo  continuativo  ...........................................................................................  23   9.2   N.  totale  di  ore  di  volontariato  ..........................................................................................................  23   9.3   Descrivere  le  modalità  di  gestione  dei  rimborsi  spese  ai  volontari  ...................................................  23   9.4   Forme  di  copertura  assicurativa  attivate  per  i  volontari  ...................................................................  23   10   Ricorso  a  contratti  di  outsourcing  ............................................................................................................  23   10.1   Soggetti  esterni  ai  quali  sono  attribuite  funzioni  e  incarichi  .............................................................  23   10.2   Costo  totale  per  prestazioni  in  outsourcing  e  incidenza  ...................................................................  23   PARTE  3:  AREE  DI  ATTIVITÀ  E  RELATIVI  RISULTATI  SOCIALI  ............................................................................  24   11   Giornata  Mondiale  2012  ...........................................................................................................................  24   11.1   Perché  una  Giornata  Mondiale  ..........................................................................................................  24   11.2   La  Risoluzione  dell’ONU  ..................................................................................................................  25   11.3   Integration  Day  –  Comunicato  stampa  sul  progetto  di  comunicazione  per  la  Giornata  Mondiale  nato   in  collaborazione  con  Saatchi&Saatchi  .......................................................................................................  25   11.4   Board  creatività  e  gestione  progetto  di  comunicazione  ....................................................................  26   11.5   La  parola  ai  protagonisti.  .................................................................................................................  26   11.6   Saatchi  &  Saatchi  –  The  Lovemarks  Company  ...................................................................................  28   11.7   La  collaborazione  con  Deichmann  Calzature  .....................................................................................  28   BILANCIO  SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  

3


11.8 Rassegna  stampa  della  campagna  del  21  marzo  ...............................................................................  29   11.9   Portata  pagina  FB  nel  periodo  ...........................................................................................................  32   11.10  Andamento  visualizzazioni  nel  periodo  .............................................................................................  32   11.11  Portata  Canale  YouTube  nel  periodo  .................................................................................................  33   12   Giornata  Nazionale  2012  ..........................................................................................................................  34   12.1   Il  Comunicato  Stampa  .......................................................................................................................  34   12.2   Il  Manifesto  della  GNPD  ....................................................................................................................  35   12.3   Il  Pieghevole  ......................................................................................................................................  36   12.4   I  messaggini  .......................................................................................................................................  36   12.5   Gli  8  video  di  Spartaco,  Sandra,  Matteo,  Simone,  Nicola,  Alice,  Francesco  e  Giorgia  .......................  37   12.6   Lo  Spot  ...............................................................................................................................................  37   12.7   Parteciazioni  televisive  –  RAI  NEWS  ..................................................................................................  37   12.8   Sintesi  della  rassegna  stampa  ............................................................................................................  38   12.9   Visualizzazione  della  pagina  GNPD  su    FB  nel  periodo  ......................................................................  39   12.10  Messaggi  di  cioccolata  .......................................................................................................................  39   13   Raccolta  fondi  diretta  .............................................................................................................................  41   13.1   Un  Goal  per  Amore  ...........................................................................................................................  41   13.2   Rete  del  Dono  -­‐  Raccolta  fondi  on-­‐line  pro  Class  Action  contro  i  pregiudizi  nei  confronti  delle   persone  con  sindrome  Down  ......................................................................................................................  42   13.3   Campagna  5  per  mille  2012  ............................................................................................................  42   13.4   Il  sostegno  dei  clienti  Deichmann  Calzature  ......................................................................................  43   13.5   Concorso  a  premi  –  premi  non  ritiriati  ..............................................................................................  43   14   Raccolta  fondi  indiretta  –  Beni  e  servizi  ottenuti  gratuitamente  .............................................................  44   14.1   WDSD  –  Giornata  Mondiale  .............................................................................................................  44   14.2   GNPD  –  Giornata  Nazionale:  ..............................................................................................................  44   14.3   Torneo  delle  Regioni  2012:  ................................................................................................................  44   15   Attività  Istituzionale  ...............................................................................................................................  44   15.1   Chiusura  anno  internazionale  del  volontariato  .................................................................................  44   15.2   CoorDown  al  Villaggio  Solidale  -­‐  Lucca  ..............................................................................................  45   15.3   I  diritti  dei  disabili  “fatti  a  pezzi”  Protesta  choc  -­‐  Roma  ....................................................................  46   15.4   Incontro  al  Dipartimento  per  le  Pari  Opportunità  .............................................................................  47   15.5   Meeting  di  Rimini  ..............................................................................................................................  47   15.6   L’Aquila  abbraccia  il  volontariato  italiano  –  Lettera  al  paese  ............................................................  47   15.7   Compleanno  dell’associazione  Down  Lucca  ......................................................................................  49   16   Attività  Gruppo  Scuola  ..............................................................................................................................  49   4  

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  


16.1 Principali  azioni  del  gruppo  nel  2012  .................................................................................................  49   17   Gruppo  Lavoro  ..........................................................................................................................................  50   17.1   Situazione  nel  2012  ...........................................................................................................................  50   18   Attività  Gruppo  Sport  ...............................................................................................................................  51   18.1   Torneo  delle  Regioni  ..........................................................................................................................  51   19   Attività  internazionale  ..............................................................................................................................  52   19.1   Montenegro  .......................................................................................................................................  52   19.2   Parigi/1  ..............................................................................................................................................  52   19.3   Parigi/2  ..............................................................................................................................................  52   20   Programmi/principali  progetti  in  corso.  ...................................................................................................  53   20.1   Progetto  +1.  Dal  Punto  alla  Rete    -­‐  2012-­‐2014  ..................................................................................  53   21   Progetto  C+1  Entertainment  -­‐  2012-­‐2103  ................................................................................................  55   21.1   Indicatori  di  qualità  oggettiva  dell’attività  svolta  ..............................................................................  56   21.2   Scheda  del  profilo  dei  partecipanti  ....................................................................................................  56   21.3   Modalità  di  copertura  dei  costi  dell’attività  ......................................................................................  57   21.4   Soggetto  finanziatore  del  Progetto  ...................................................................................................  57   21.5   Soggetto  capofila  titolare  del  finanziamento  ....................................................................................  57   21.6   Fasi  di  realizzazione  ...........................................................................................................................  57   21.7   Valore  complessivo  di  spesa  /Totale  dei  budget  disponibile  .............................................................  57   22   Diritti  umani/Azioni  di  tutela  legale/  Class  Action  ....................................................................................  57   22.1   Intervento  adesivo  causa  Aceto/Gardaland  ......................................................................................  57   23   Denuncia  alla  Procura  di  Torino  ...............................................................................................................  58   PARTE  4:  RISULTATI  ECONOMICI  ED  AMBIENTALI  ..........................................................................................  59   24   Risultati  economici  ...................................................................................................................................  59   24.1   Nota  integrativa  ...............................................................................................................................  59   24.2   Rendiconto  Economico  ......................................................................................................................  62   24.3   Rendiconto  Patrimoniale  ...................................................................................................................  65   24.4   Rapporto  tra  fonti  dei  proventi  .........................................................................................................  67   24.5   Provenienza  e  peso  specifico  delle  fonti  dei  ricavi  e  dei  proventi  istituzionali  .................................  67   24.6   Soggetti  che  contribuiscono  alla  determinazione  del  totale  dei  proventi  da  donazioni  e  raccolta   fondi  68   25   Nota  integrativa  raccolta  fondi  “Un  Goal  per  Amore”  e  relativa  ripartizione  tra  i  partecipanti.  .............  69   25.1   Criterio  di  selezione  dei  beneficiari  ...................................................................................................  69   25.2   Rendiconto  delle  spese  sostenute  per  la  manifestazione  .................................................................  69   25.3   Scheda  con  l’indicazione  della  tipologia  dei  beneficiari  e  relativa  suddivisione  ...............................  69   25.4   Tipologia  dei  beneficiari  e  della  quantità  dell’apporto  da  vendita  biglietti  .......................................  70   BILANCIO  SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  

5


26 Descrizione  degli  oneri  e  suddivisione  nella  gestione  ..............................................................................  71   26.1   Peso  specifico  degli  oneri  istituzionali  ...............................................................................................  71   27   Nota  integrativa  progetto  “+1.  Dal  Punto  alla  Rete”  con  Fondazione  per  i  Sud  .......................................  72   27.1   Valore  complessivo  spese  del  progetto  da  rendicontare  ..................................................................  72   27.2   Valore  complessivo  spese  con  ripartizione  .......................................................................................  72   27.3   Suddivisione  spese  tra  i  partecipanti  al  progetto  ..............................................................................  72   27.4   Totale  spese  già  effettuate  di  competenza  esercizio  2012  ...............................................................  72   28   Oneri  e  Investimenti  per  comunicazione  e  raffronto  con  gli  anni  precedenti.  .........................................  73   29   Totale  contributi  associativi  su  raccolta    da  GNPD  e  raffronto  con  anni  precedenti  ................................  73   29.1   Proventi  /perdite  correlate  per  competenza  alle  sole  attività  della  GNPD  e  relativi  oneri  -­‐  raffronto   con  gli  anni  precedenti  ................................................................................................................................  74    

6

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  


PARTE 1:  INTRODUZIONE   1 Introduzione  e  nota  metodologica    

1.1 Lettera del  Coordinatore  Nazionale   Come   prefazione   al   Bilancio   Sociale   del   CoorDown   di   quest’anno,   anziché   una   lettera   personale,   ho   preferito   riportare   e   condividere   le   valutazioni   emerse,  in  un  confronto  inter  associativo,  nel  precorso  di  approfondimento   sui   temi   che   sarebbero   stati   affrontati   nella   Conferenza   Nazionale   del   Volontariato  tenutasi  a  l’Aquila  dal  5  al  7  ottobre  2012,  nei  quali  possiamo   sicuramente  riconoscerci.       Nel  2012  abbiamo  affrontato  il  sesto  trimestre  di  recessione  consecutivo.  La   crisi   dura   da   oltre   5   anni,   ma   le   associazioni   possono   testimoniare   che   è   dal   1990  che  il  paese  è  bloccato,  e  che  c’è  stata  una  pauperizzazione  generale.   Non  è  facile  leggere  questa  crisi,  che  ha  tante  facce.  E  quindi  non  è  facile  neanche  individuare  i  modi   più  giusti  per  affrontarla.  Sicuramente,  il  volontariato  non  può  limitarsi  a  rispondere  alle  emergenze,   ma  deve  guardare  al  futuro:  occorre,  infatti,  costruire  le  condizioni  perché  una  crisi  di  questo  genere   non   torni   più.   Per   questo   è   importante   che   le   associazioni   si   confrontino   tra   loro   e   abbiano   dei   momenti   di   approfondimento   che   permettano   di   capire   come   la   crisi   possa   essere   “abitata”.   Bisogna   insomma  mettere  in  piedi  dei  “laboratori  di  idee”.   La   crisi   è   soprattutto   culturale,   anzi,   nasce   dalla   povertà   culturale   di   questi   anni.   Una   povertà   che,   prima   di   tutto,   ha   dimenticato   il   valore   dei   diritti   acquisiti   e   consolidati   nel   tempo   e   li   ha   sospesi.   Dimentichiamo   anche   di   essere   europei,   visto   che   disattendiamo   sistematicamente   le   direttive   e   perfino  le  condanne  nei  confronti  delle  politiche  messe  in  atto  nel  nostro  Paese.   Per  affrontare  la  crisi,  ogni  territorio  deve  individuare  quali  sono  le  proprie  priorità.  Le  associazioni,   con   la   loro   esperienza   e   il   loro   radicamento,   possono   dare   un   contributo   importante   alle   Amministrazioni  in  questo  lavoro.   Un   punto   nodale,   per   affrontare   la   crisi   guardando   al   futuro,   è   dato   dalla   partecipazione:   occorre   riscoprire  questo  valore  e  individuare  nuovi  luoghi  e  nuove  forme  per  la  partecipazione  dei  cittadini.  Il   volontariato  è  per  sua  natura  un  laboratorio  di  partecipazione  e  deve  esserlo  sempre  più.   Nella   crisi   c’è   anche   qualcosa   di   positivo   che   si   sta   muovendo:   si   stanno   riscoprendo   le   relazioni,   le   forme  di  solidarietà  informali  (familiari,  amicali,  di  quartiere...).  E  c’è  un  nuovo  attivismo:  sempre  più   si   mobilitano,   attorno   a   problemi   specifici,   non   solo   le   organizzazioni,   ma   anche   le   singole   persone.   Bisogna   valorizzare   tutto   questo,   perché   crea   capitale   sociale   e   apre   una   speranza   su   un   futuro   migliore.   Poiché   la   crisi   è   anche   una   crisi   di   sistema,   è   necessario   che   ogni   associazione   svolga   due   compiti:   quello   di   denuncia   delle   ingiustizie   e   dei   bisogni,   e   quello   di   proposta   di   soluzioni   nuove.   Dobbiamo   reimparare   a   “disturbare”:   troppo   spesso   ci   schiacciamo   sulla   collaborazione   con   le   istituzioni   e   rinunciamo  a  far  sentire  con  voce  forte  le  nostre  critiche.     Le  associazioni  sono  in  genere  disponibili  a  lavorare  con  le  Amministrazioni  e  le  istituzioni,  ma  devono   farlo  al  di  fuori  delle  logiche  clientelari.  Ci  sono  sempre  state  associazioni  che  hanno  accettato  questa   logica,   ma   i   tagli   al   welfare   e   la   diminuzione   delle   risorse   pubbliche   hanno   peggiorato   la   situazione,   accentuando   la   concorrenza   tra   di   esse,   e   tra   le   associazioni   e   gli   altri   soggetti   del   Terzo   settore,   facendo   sentire   molto   più   fortemente   la   tentazione   di   ricorrere   all’assessore   “amico”   o   al   politico   di   riferimento.     BILANCIO  SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  

7


Questa però  è  una  battaglia  da  fare  tutti  insieme,  perché  solo  insieme  si  potrà  ottenere  più  trasparenza   ed  equità  nella  distribuzione  delle  risorse.   Occorre   dire   di   no   ad   un   sistema   che   vorrebbe   usare   il   volontariato   come   manovalanza   gratuita,   obbediente  alle  indicazioni  che  arrivano  da  chi  sta  al  potere  e  capace  di  coprire  le  carenza  dei  servizi   pubblici.  Ognuno  deve  fare  la  propria  parte:  pubblico,  privato  e  terzo  settore,  nel  rispetto  della  propria   natura  e  delle  proprie  finalità.  Il  nostro  compito  è  difendere  i  diritti,  non  sostituire  il  pubblico  nel  fare  i   servizi,  altrimenti  ci  troveremo  ad  essere  nello  stesso  tempo  vittime,  complici  e  carnefici.   Con   le   altre   componenti   del   Terzo   settore   bisogna   avviare   una   riflessione   seria   sull’economia   civile.   L’impresa  sociale  è  indubbiamente  un  fattore  di  crescita  nel  paese,  ma  bisogna  mettere  a  fuoco  qual  è   l’apporto  che  l’associazionismo  e  il  volontariato  possono  o  devono  dare  e  che  ruolo  devono  avere  nel   welfare  di  questo  paese.   Inoltre   bisogna   riuscire   a   far   lavorare   meglio   la   nostra   rete:   l’esperienza   ci   dice   che   è   più   facile   far   emergere   le   criticità   che   le   proposte,   e   i   protagonismi   associativi   e   personali   non   aiutano   a   dare   efficienza  al  lavoro  di  rete.   È   necessario   che   Il   CoorDown   abbia   un’identità   chiara,   un   sistema   di   rappresentanza   forte   e   la   preparazione  adeguata  per  sedere  ai  tavoli  come  soggetto  interlocutore  di  pari  dignità  delle  istituzioni.   Le   esperienze   dei   coordinamenti   regionali   vanno   messe   a   confronto,   perché   sono   un   sistema   di   rappresentanza   e   di   partecipazione   che   in   alcuni   luoghi   funziona   bene,   e   che   quindi   andrebbero   valorizzate  dappertutto.   Prima   ancora   di   chiedere   sostegni   o   finanziamenti,   dalla   politica   bisogna   esigere   che   si   rimetta   al   centro   la   persona,   i   suoi   bisogni,   la   sua   promozione.   Ne   guadagnerebbe   la   società,   ma   ne   guadagnerebbe   la   politica   stessa,   che   forse   riconquisterebbe   un   po’   di   quella   fiducia   che   i   cittadini   adesso  le  negano.   Al   Ministero   dell’Istruzione   chiediamo   un   forte   impegno   per   diffondere   nelle   scuole   percorsi   di   educazione  alla  cittadinanza,  alla  partecipazione,  alla  solidarietà.  Ci  sono  molte  esperienze  positive  di   progetti  fatti  dal  volontariato  nelle  scuole:  devono  diventare  prassi  comune.  Se  bisogna  ricostruire  una   cultura   dei   diritti   e   del   bene   comune,   il   ruolo   della   scuola   è   fondamentale,   perché   permette   di   raggiungere  le  nuove  generazioni.     Ci  serve  una  politica  giusta,  che  si  occupi  davvero  del  bene  comune,  e  non  può  farlo  se  non  rimette  al   centro   la   persona.   Il   Governi   recenti   hanno   affrontato   una   serie   di   problemi   impellenti   per   il   nostro   Paese,  ma  nei  confronti  del  terzo  settore  non  ha  mandato  segnali  positivi:  le  incertezze  attorno  al  5  per   mille,   al   finanziamento   del   servizio   civile,   il   tentativo   di   abolire   gli   osservatori...   Chiediamo   ai   futuri   Governi  di  tenere  in  maggiore  considerazione  il  mondo  della  solidarietà,  ma  soprattutto  va  detto  con   chiarezza   che   deve   affrontare   il   problema   di   una   maggiore   giustizia   sociale:   non   si   può   continuare   a   discutere  solo  di  spread  e  di  borse.  Non  c’è  sviluppo  economico  se  non  c’è  anche  sviluppo  sociale.  

Sergio  Silvestre        

8

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  


1.2 Arco temporale  a  cui  si  riferisce  la  rendicontazione   2012  e  confronto  con  gli  anni  precedenti,  dal  1  gennaio  al  31  dicembre  2012  

1.3 N. di  edizioni  del  bilancio  sociale  già  realizzate   Questo  è  il  terzo  bilancio  sociale  annuale  consecutivo.    

1.4 Processo seguito  nell’elaborazione  del  Bilancio   Il  bilancio  sociale  s’integra  in  maniera  organica  con  gli  strumenti  di  programmazione,  amministrazione   e   controllo   del   CoorDown:   viene   usato   infatti   come   base   per     gli   strumenti   della   programmazione   (bilancio   di   Previsione   annuale),   del   monitoraggio   (reportistica   periodica   sulle   attività),   dell'amministrazione   (bilancio   economico     e   bilancio   finanziario),   della   comunicazione   (campagne   di   comunicazione  sociale,  sito  internet,  facebook),  della  qualità.  

1.5 Perimetro del  bilancio   Gli   obiettivi   con   cui   il   CoorDown   realizza   il   bilancio   sociale   sono   molteplici   ma   tutti   accomunati   dall'esigenza  di  rendere  conto,  in  maniera  trasparente  e  diffusa,  a  quanti  ne  hanno  interesse  e  diritto,   del  grado  di  perseguimento  della  propria  missione  sociale.  In  particolare  con  il  bilancio  sociale  si  vuole   mettere  in  grado  il  lettore  di  valutare:   l'efficacia  dei  risultati  sociali  ottenuti  (non  di  tipo  reddituale)  per  superare  il  rischio  di  essere   valutati  solo  sulla  base,  ad  esempio,  di  quanto  speso  dei  fondi  assegnati;    l'efficienza   delle   attività,   che   non   sempre   sono   misurabili   in   termini   di   costi-­‐benefici   di   tipo   economico  soprattutto  per  un'organizzazione  senza  scopo  li  lucro;    l'effettivo  perseguimento  della  missione;    le  relazioni  e  i  rapporti  con  tutti  i  portatori  di  interessi  (il  CoorDown  entra  infatti  in  contatto   con   una   molteplicità   di   soggetti   diversi   e   per   ognuno   si   realizza   uno   scambio   sociale   significativo);   il   livello   di   "capitale   sociale"  che   il   CoorDown   produce   (valore   aggiunto   in   termini   di   ricchezza   sociale   creata   e   distribuita).   Il   presente   documento   prende   in   considerazione   le   attività   sviluppate   dal   CoorDown  su  tutto  il  territorio  nazionale  e  internazionale.   

1.6 Contatti e  indirizzi  utili  per  richiedere  informazioni   Sede  Operativa  -­‐  Via  Alessandro  Volta  19/4  -­‐  16128  Genova     Tel.  010  5705461  –  Fax  010  5956693   e-­‐mail  :  segreteria@coordown.it  -­‐  www.coordown.it   BILANCIO  SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  

9


PARTE 2:  CARATTERISTICHE   ISTITUZIONALI  ED  ORGANIZZATIVE   2 Identità  dell’Organizzazione     2.1 Nome  dell’organizzazione   CoorDown  Onlus  -­‐  Coordinamento  Nazionale  Associazione  delle  persone  con  sindrome  di  Down  

2.2 Indirizzo sede  legale   Viale  delle  Milizie  106  -­‐  Roma  

2.3 Luogo della  sede  operativa  dell’Organizzazione     Via  A.  Volta  19/4  -­‐  Genova  

2.4 Forma giuridica   Associazione  di  Volontariato  

2.5 Configurazione fiscale  dell’Organizzazione   ONLUS  di  fatto,  iscritta  all’Anagrafe  unica  delle  Onlus  in  data  12.01.2006  e  ONLUS  di  diritto  in  quanto   Iscritta  nel  Registro  Regionale  delle  Organizzazioni  del  Volontariato  del  Lazio  –  Sezione  Servizi  Sociali   in  data  12.04.2012.  

2.6 Breve storia   ll  Coordinamento  Nazionale  Associazioni  delle  persone  con  sindrome  di  Down  nasce  nel  2003,  in   occasione   della   prima   Giornata   Nazionale   delle   persone   con   sindrome   di   Down,   con   lo   scopo   di   attivare   e   promuovere   azioni   di   comunicazione   unitarie   e   condivise   tra   le   diverse   associazioni   italiane   che   si   occupavano   di   tutelare   e   promuovere   i   diritti   delle   persone   con   sindrome   di   Down.   Nel   2008   approva  il  primo  statuto  assumendo  l’acronimo  di  CoorDown  Onlus.  

2.7 Dimensione dell’organizzazione  e  cambiamenti   Nel   marzo   2012,   l’assemblea   modifica   alcuni   articoli   dello   statuto   necessari   per   l’iscrizione   dell’associazione  all’Albo  Regionale  del  Lazio.  

2.8 Paesi esteri  in  cui  ha  operato  l’Organizzazione  nel  corso  del  2012.   -­‐ -­‐    

10

Montenergro Francia  

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  


2.9 Riconoscimenti/premi ricevuti  nel  periodo   “The   Integration   Day   “   è   il   titolo   della   campagna   di   comunicazione   sociale,   realizzata   in   collaborazione   con   l’Agenzia   Saatchi&Saatchi   in   occasione   della   Giornata   Mondiale   sulla   sindrome   di   Down.,  risultata  vincente  al  Festival  della  Creatività  di  Cannes  con  l’assegnazione  di  7  Leoni  d’Oro  e   uno  di  bronzo.        

  BILANCIO  SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  

11


La campagna   “The   Integration   Day   “conquista   il   Premio   “San   Bernardino”   per   la   pubblicità   socialmente   responsabile   2012.   Durante   la   giornata   di   premiazione   presso   l’Università   LUISS   Guido   Carli   di   Roma,   la   campagna   di   CoorDown   è   stata   giudicata   la   più   efficace   delle   sei   in   gara   da   docenti   universitari   di   semiotica,   giornalisti   ed   esperti   di   comunicazione.   Procter   &   Gamble   ha   partecipato   alla   selezione   per   il   San   Bernardino   2012   con   la   campagna   “Grazie   di   cuore   mamma”;   Timberland  con  “Earthkeepers  on  the  road”;  Ferrovie  dello  Stato  italiane  e  Enel  Cuore  onlus  con  “Un   cuore  in  stazione”;  Ponte  del  sorriso  onlus  con  “Casting”;  Amref  con  la  campagna  “Stand  Up  For  African   Mothers”.   «L’idea   originale   alla   base   della   campagna   di   comunicazione   CoorDown   –   spiega   motivando   l’assegnazione   del   Premio,   Paolo   Peverini,   professore   di   Semiotica   dei   media   all’Università   LUISS   Guido   Carli,   incaricato   di   analizzare   il   profilo   semiotico   delle   sei   campagne   in   gara   insieme   a   Michele   Sorice,   docente   di   Comunicazione   politica   nello   stesso   ateneo   -­‐   consiste   nel   raffigurare   il   tema   dell’integrazione   a   partire   da   un’intelligente   provocazione   mediatica:   proporre   una   versione   alternativa  di  spot  realizzati  per  importanti  brand  partner  dell’iniziativa,  mantenendone  inalterata  la   struttura   ma   affidando   i   ruoli   centrali   del   racconto   a   persone   con   sindrome   di   Down.   L’efficacia   del   progetto   consiste   nel   sollecitare   l’intelligenza   dello   spettatore,   inscrivendo   il   racconto   sociale   all’interno   di   spazi   mediatici   tanto   praticati   dal   pubblico   da   sembrare   ovvi,   come   la   pubblicità   o   i   programmi   di   intrattenimento.   La   campagna   si   distingue   per   la   capacità   di   argomentare   in   modo   brillante  il  tema  dell’integrazione  mostrando  agli  spettatori  sull’esigenza  di  sostenerne  la  realizzazione   nella  vita  vera».  

12

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  


2.10 Missione, finalità,  valori  e  principi  dell’ente   Nella  convinzione  che  una  forte  presenza  del  volontariato  costituisca  un  fondamentale  lento  progresso   sociale,   civile   ed   economico,   il   CoorDown   si   propone   di   promuovere,   qualificare   e   sostenere   le   associazioni  aderenti  e  di  responsabilizzare  la  comunità  locale  rispetto  alle  problematiche  sui  cui  esse   intervengono.   L’azione  del  CoorDown  si  fonda  sul  riconoscimento  ed  il  rispetto  per  l’autonomia  e  l’identità  di  tutte  le   associazioni  aderenti.  Il  suo  ruolo  vuole  essere  di  supporto,  impulso  e  affiancamento  in  modo  tale  che   si  sviluppino  al  loro  interno  competenze  diffuse:     •

assumendo, nei   confronti   delle   istituzioni   pubbliche   un   ruolo   di   collaborazione   propositiva,   mantenendo  la  propria  specificità  e  diventino  un  soggetto  attivo  nella  programmazione,  nella   gestione  e  nella  valutazione  delle  politiche  promosse  come  risposta  ai  bisogni  sociali;    

lavorando in  rete,  condividendo  e  scambiando  le  esperienze.    

2.11 Indicazione dell’oggetto  sociale   Tra  gli  scopi  principali  il  CoorDown  ha  le  seguenti  priorità:   •

Condividere esperienze  tra  le  associazioni.  

Individuare e  mettere  in  atto  strategie  comuni  rispetto  a  problemi  "politici"  condivisi  (richieste  di   modifiche  legislative,  applicazioni  di  leggi,  etc.).  

Attivare azioni  comuni  di  comunicazione  sociale    

2.12 Settore in  cui  l’organizzazione  opera   <02.014></02.014>  

2.13 Sottoscrizione o  adozione  di  codici  di  condotta  principi  e  carte   Il  CoorDown  ispira  la  propria  azione  e  la  propria  gestione  ad  una  serie  di  principi  che  riguardano  sia   l’attività  che  i  rapporti  con  le  associazioni  aderenti,  sia  i  valori  più  generali  del  volontariato.  Di  seguito,   verranno  richiamati  in  sintesi:   •

Uguaglianza

Imparzialità e  continuità  

Efficienza ed  efficacia  

Vicinanza e  prossimità  

Orientamento al  servizio  

Informazione

Trasparenza.

Su queste  basi,  il  CoorDown  svolge  la  propria  attività  su  scala  nazionale  ed  internazionale.       Il   CoorDown   realizza   i   propri   scopi   statutari   anche   mediante   il   coinvolgimento   delle   risorse   inter   associative  e  del  volontariato  attivo.   BILANCIO  SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  

13


Il CoorDown,  inoltre,  fa  propri  i  valori  riportati  nella  CARTA  DEI  VALORI  DEL  VOLONTARIATO.  

2.14 Indicazione di  obiettivi  e  strategie  di  medio-­lungo  termine   Nel  2012  è  stata  avviata  una  procedura  di  revisione  dello  statuto  attraverso  il  coinvolgimento  di  tutte   le   associazioni   aderenti   che   hanno   potuto   formulare   proposte.   La   bozza,   contenete   tutte   le   proposte   di   modifica   è   stata   inviata   ad   ogni   associazione   aderente   per   le   opportune   valutazioni.   Il   testo   sarà   portato  in  approvazione  in  occasione  dell’Assemblea  annuale  nel  2013.    

3 Mappa e  coinvolgimento  degli  stakeholder   3.1 Elenco  degli  stakeholder   EDSA  European  Down  Syndrome  Association   DSI  Down  Syndrome  International   CEV  European  Volunteer  Center     EAASi  European  Association  Amusement  Supplier  Industry     PRESIDENZA  DELLA  REPUBBLICA   MINISTERO  DEL  LAVORO  E  DELLE  POLITICHE  SOCIALI     INPS   CIP  Comitato  Italiano  Paralimpico   FISDIR  Federazione  Italiana  Sport  Disabilità  Intellettive  Relazionali     FONDAZIONE  CON  IL  SUD   FONDAZIONE  PUBBLICITÀ  PROGRESSO     SPES  Centro  di  Servizi  per  il  Volontariato  del  Lazio     CONVOL  Conferenza  Permanente  Volontariato  Italiano     CSVNET   FORUM  TERZO  SETTORE   FiSH  Federazione  Italiana  Superamento  Handicap     FAND  Federazione  tra  le  Associazioni  Nazionali  dei  Disabili     SUPERANDO.iT     INAIL  (superabile.it)   REDATTORE  SOCIALE     MEDIA  FRENDS  ONLUS     RAI  (Segretariato  Sociale)     LA7   GRANDI  STAZIONI  (Gruppo  Ferrovie  dello  Stato)     OPUS  PROCLAMA   GAMBERO  ROSSO     DEICHMANN  CALZATURE   ESSELUNGA     MINITALIA  -­  LEOLANDIA     SAATCHI&SAATCHI    e  clienti:   • AVERNA     • CARTASÌ     • ENEL     • ILLY     • PAMPERS     • TOYOTA     • CARREFOUR   VIVANI&MARSON  (Studio  Legale)   FONDAZIONE  LEJEUNE   BANCA  DI  CREDITO  COOPERATIVO  PORDENONESE     14  

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  


3.2 Impegni e  responsabilità  assunti  nei  confronti  degli  stakeholder   dall’organizzazione   Il   dialogo   con   tutti   gli   stakeholder   è   estremamente   importante   per   concorrere   alla   costruzione   della   comunità,  nel  creare  cioè  capitale  sociale,  quale  insieme  di  fiducia  e  reciprocità  che  sono  alla  base  di   un’efficace  connessione  tra  gli  individui.  Questo  dialogo  nel  corso  degli  anni  è  stato  attivato  e  sarà  in   futuro  migliorato  anche  attraverso   alcuni  strumenti  di  controllo  e  di  pubblicizzazione  delle  attività:   •  il  bilancio  sociale   •  Il  bilancio  economico-­finanziario  (pubblicato  su  quotidiano  a  tiratura  nazionale)     •  il  sito  internet  (+social  network)    

3.3 Attività di  coinvolgimento  degli  stakeholder  effettuate  nel  corso   dell’esercizio   PRESIDENZA  DELLA  REPUBBLICA   Il  Presidente  delle  Repubblica  Giorgio  Napolitano  ha  concesso  il  patrocinioo  alla  Giornata  Nazionale     MINISTERO  DEL  LAVORO  E  DELLE  POLITICHE  SOCIALI  -­  Dipartimento  per  le  Pari  Opportunità   Il   28   maggio   si   è   tenuto,   presso   il   Dipartimento   delle   Pari   Opportunità,   un   incontro   tra   il   capo   dipartimento   Dott.ssa   De   Rose   e   il   gruppo   tecnico   che   sta   lavorando   sul   superamento   delle   discriminazioni   nei   parchi   gioco.   In   tale   occasione     sono   state   sollevate   tutte   le   questioni   in   atto.   Abbiamo   ottenuto   un   sostanziale   sostegno   all’azione   legata   alla   diffusione   del   protocollo   “C+1   Entertainment”   ed   un   invito   ad   assumere   come   CoorDown   il   riconoscimento   ministeriale   dei   soggetti   legittimati  ad  agire  a  tutela  delle  persone  con  disabilità  oggetto  di  discriminazione.   EDSA  European  Down  Syndrome  Association   Il  10  e  11  novembre  abbiamo  partecipato  all’ANNUAL  GENERAL  ASSEMBLY  che  si  è  tenuta  a  Parigi.  In   una  apposita  sezione  del  bilancio  sono  illustrati,  con  ampia  sintesi,  esito  i  lavori.     DSI  Down  Syndrome  International   L’organizzazione   ha   sviluppato   una   intesa   attività   di   comunicazione   in   occasione   delle   Giornata   Mondiale  attraverso  il  sito  dedicato  appositamente    divulgazione  delle  iniziative  a  livello  mondiale.  Il   CoorDown  ha  partecipa  all’iniziativa.     CIP   Comitato   Italiano   Paralimpico   -­‐   FISDIR   Federazione   Italiana   Sport   Disabilità   Intellettive   Relazionali.   Collaborazione   e   presenza   con   una   nostra   rappresentanza   ai   Campionati   del   Mondo   di   nuoto   svoltisi   a   Loano.   Patrocinio   e   collaborazione   nell’organizzazione   del   primo   “Torneo   delle   Regioni”   manifestazione   sportiva   di   calcio   a   5   che   ha   visto   la   partecipazione   di   associazioni   aderenti   al   CoorDown.  In  apposita  sezione  del  Bilancio  Sociale  ampia  sintesi  dell’evento.     FONDAZIONE  CON  IL  SUD   La  Fondazione  con  il  Sud  è  un  ente  non  profit  privato  nato  nel  novembre  2006  (come  Fondazione  per  il   Sud)  dall’alleanza  tra  le  fondazioni  di  origine  bancaria,  il  mondo  del  terzo  settore  e  del  volontariato,   per  promuovere  l’infrastrutturazione  sociale  del  Mezzogiorno,  ovvero  favorire  percorsi  di  coesione   sociale  per  lo  sviluppo.   La  Fondazione  sostiene  interventi  “esemplari”  per  l’educazione  dei  ragazzi  alla  legalità  e  per  il   contrasto  alla  dispersione  scolastica,  per  valorizzare  i  giovani  talenti  e  attrarre  i  “cervelli”  al  Sud,  per  la   tutela  e  valorizzazione  dei  beni  comuni  (patrimonio  storico-­‐artistico  e  culturale,  ambiente,  riutilizzo   sociale  dei  beni  confiscati  alle  mafie),  per  la  qualificazione  dei  servizi  socio-­‐sanitari,  per  l’integrazione   degli  immigrati,  per  favorire  il  welfare  di  comunità.  

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  

15


La Fondazione  CON  IL  SUD  ha  sostenuto  oltre  430  iniziative,  tra  cui  la  nascita  delle  prime  3  Fondazioni   di  Comunità  del  Mezzogiorno,  coinvolgendo  nelle  partnership  di  progetto  oltre  5.500  organizzazioni   ed  erogando  complessivamente  oltre  96  milioni  di  euro.   Nel   corso   del   2012     la   Fondazione   ha   approvato   il   progetto   presentato   dal   CoorDown   dal   titolo   “+1.   Dal  Punto  alla  rete”  finanziandolo  in  quota  parte  per  un  importo  complessivo  di  €.140.000,00     GRANDI   STAZIONI   Gruppo   Ferrovie   dello   Stato   e   OPUS   hanno   collaborato   alla   GNPD   mettendo   in   onda   grtuitamente   lo   spot   realizzato   per   l’occasione,   nel   circuito   televisivo   presso   tutte   le   stazioni   ferroviarie  e  nelle  sale  cinematografiche  della  catena.         DEICHMANN  CALZATURE  e  ESSELUNGA  hanno  consentito,  ad  oltre  un  centinaio  di  persone  con  sdD,   di   effettuare   dei   brevi   tirocini   lavorativi   in   occasione   della   GNPD   presso   i   loro   negozi.   LA   stretta   collaborazione   in   atto   con   Deichmann   Calzature   anche   in   altre   occasioni,   e   ampiamente   illustrata   in   una  apposita  sezione  del  Bilancio.     La   collaborazione   in   atto   con   SAATCHI&SAATCHI  è   sicuramente   lo   strumento   che   ha   contribuito   maggiormente   alla   crescista   esponenziale   della   qualità   e   dell’efficacia   delle   azioni   di   comunicazione   sociale  nel  2012  e  che  merita  una  analisi  dettagliata  riportata  in  altre  apposite  sezioni.     FONDAZIONE  LEJEUNE   E’  iniziata  nel  2012  la  collaborazione  con  la  Fondazione  intitolata  a  Jeròme  Lejeune,  il  genetista   francese  che  ha  individuato  nella  trisomia  21  la  causa  della  sindrome  di  Down.   La  Fondazione  Lejeune  si  occupa  di  temi  culturali  e  di  finanziare  ricerche  sulla  sindrome  di  Down  in   collaborazione  con  ricercatori  di  tutto  il  mondo.       BANCA  DI  CREDITO  COOPERATIVO  PORDENONESE   L’associazione  intrattiene  con  la  banca  rapporti  bancari  per  le  sue  operatività  con  la  gestione  di  n.2   conti  correnti.  La  particolare  mission  delle  BCC  prevede  che  gli  utili  derivanti  dalla  loro  attività   bancaria  non  siano  a  remunerazione  della  compagine  sociale  ma  redistribuiti  nel  territorio  di   operatività  a  favore  di  progetti  di  utilità  sociale.    Il  CoorDown,  quindi,  riceve  dalla  BCC  Pordenonese   diverse  prestazioni  a  titolo  gratuito  quali:   -­‐consulenza  fiscale,  gestionale  e  amministrativa;   -­‐  stampa  di  materiali  istituzionali  (  lettere,  relazioni,  brochure  ecc.)     -­‐  fornitura  di  cancelleria  varia   -­‐  sostegno  economico  a  favore  di  particolari  iniziative  istituzionali.  

16  

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  


4 Assetto istituzionale   4.1 Assemblee  tenute  nel  periodo  oggetto  di  rendicontazione   Il  giorno  03  marzo  2012  alle  ore  10,00,  con  prosieguo  il  giorno  04  Marzo,  presso  l’Air  Hotel  Milano   Linate,  Via  Francesco  Baracca  2  –  20090  Segrate  (MI),  si  è  tenuta  l’Assemblea  Nazionale  per  deliberare   sui  seguenti  punti  all’O.d.g.:   -­‐ Relazione  attività  anno  2011     -­‐ Approvazione  Bilancio  consuntivo  2011     -­‐ Definizione  quota  Sociale  2012     -­‐ Programma  attività  anno  2012  –  Bilancio  preventivo  2012   -­‐ Azione  legale  verso  Gardaland     -­‐ Proposte  Assicurative     -­‐ Rapporti  CoorDown/FISH   -­‐ Relazione  Gruppi  di  Lavoro     -­‐ Elezioni  Comitato  di  gestione  e  Collegio  dei  Revisori  dei  Conti     -­‐ Ratifica  e  approvazione  modifiche  statutarie  come  richiesto  dalla  Regione  Lazio     -­‐ Varie  ed  eventuali.  

4.2 Composizione organo  di  governo:  Il  Comitato  di  Gestione   Sergio  Silvestre                 Carlo  Tiano         Franca  Buzzo  Torti         Antonella  Falugiani         Luigi  Porrà                 Elisa  Orlandini                           Giovanni  Lacoppola       Simonetta  Isella                       Le  Piane  Rita            

(ASS. DOWN  F.V.G)     (AIPD  Saluzzo/Savigliano/Fossano)   (CEPIM  Genova)       (AT21  Firenze)       (CeD    Cagliari)       (Down  Da.Di.  Padova)   (Air  Down  Moncalieri)   (AIPD  Bergamo)   (AIPD  Cosenza)  

4.3 Modalità di  nomina  dell’organo/i  di  governo   L’Assemblea,   convocata   a   Milano   in   data   3   e   4   marzo   2012,   ha   provveduto   ed   eleggere   il   nuovo   Comitato  di  Gestione  per  il  biennio  2012-­‐2014.  

4.4 N. di  incontri  tenuti  nel  periodo  oggetto  di  rendicontazione   Calendario  incontri  Comitato  2012:   Genova  4/2/2012   Roma  20//2012   Roma  14/4/2012   Genova  6/7/2012   Bergamo  1/12/2012  

4.5 Soggetto che  ha  la  rappresentanza  legale   Coordinatore  Nazionale  –  Sergio  Silvestre  

4.6 Deleghe conferite  ai  componenti  dell’organo  di  governo  

-­‐

Vice coordinatore  Nazionale  –  Carlo  Tiano   Segretario  Nazionale  –  Franca  Bruzzo  Torti   Elisa  Orlandini,  cura    i  rapporti  con  l’EDSA,  Convol  e  internazionali.     Luigi   Porrà,   ha   l’incarico   di   seguire   gli   aspetti   giuridico/legali,   con   particolare   riferimento   alla   problematica  Gardaland  .   Simonetta  Isella  cura  il  sito  e  i  rapporti  inter  associativi.   Antonella  Falugiani  cura  i  contatti  per  la  comunicazione.   Rapporti  con  Osservatorio  disabilità  e  gruppi  di  lavoro:   gruppo  Lavoro:  Le  Piane  Rita   BILANCIO  SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  

17


-­‐ -­‐

gruppo Scuola  :  Lacoppola  Giovanni   gruppo Riconoscimento invalidità: Franca Bruzzo

4.7 Composizione dell’organo  di  controllo   Fino  alla  data  dell’assemblea  2012  il  Collegio  dei  Revisori  del  Conto  era  composto  da:   -­  Enrico  Pedemonte   -­  Gianni  Macchi   -­  Giuseppe  Peroli.   Il  giorno  4  marzo  2012  l’assemblea  ha  eletto  il  Collegio  dei  Revisori  del  Conto  composto  dai  sigg.ri:   -­  Enrico  Pedemonte   -­  Gianni  Macchi   -­  Giovanni  Alemanno  

4.8 N. di  incontri  del  collegio  nell’anno   Il   Collegio   si   è   riunito   il   giorno   27   Febbraio   2012   alle   ore   14,00   presso   la   segreteria   operativa   in   Genova   Via   Alessandro   Volta   n.19/4,   al   fine   di   esprimere   il   parere   sul   bilancio   di   esercizio   chiuso   al   31.12.2011,   costituito   da   rendiconto   patrimoniale,       rendiconto   economico   gestionale   a   proventi   ed     oneri    comparato  con  l’anno  precedente  2010.  

4.9 Regime di  pubblicità  esterna  dei  verbali  delle  assemblee  e  delle  decisioni   Pubblicazione   dei   testo   integrale   dei   verbali   e   avvenuto   sul   sito   on   line   nell’area   riservata   alle   associazioni  aderenti.  

4.10 Regime di  pubblicità  del  bilancio  di  esercizio   Pubblicazione  del  Bilancio  sul  una  testata  giornalistica  a  diffusione  nazionale  (testata:  Internazionale)  

18

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  


5 Reti 5.1 Eventuali  partecipazioni  a  reti  e  collaborazioni  attive  con  altre   organizzazioni      EDSA  -­  European  Down  Syndrome  Association   L’EDSA  è  una  organizzazione  non-­‐profit  di  supporto  e  rappresenta  le  persone  con  sindrome  di  Down   in  Europa.  L’EDSA  riunisce  le  organizzazioni  di  tutta  Europa,  con  il  fine  di  condividere  informazioni  e   promuovere  la  collaborazione  per  migliorare  la  vita  delle  persone  con  sindrome  di  Down  e  delle  loro   famiglie.  

    Ha  sede  nel  Regno  Unito  ed  è  una  organizzazione  non-­‐profit  che  opera  a  livello  internazionale.  Aderiscono  a   DSI  un  insieme  dei  membri  ed  organizzazioni  di  tutto  il  mondo,  impegnati  a  migliorare  la  qualità  della  vita   delle   persone   con   sindrome   di   Down   in   tutto   il   mondo,   promuovendone   il   diritto   inalienabile   di   essere   accettate   ed   incluse   secondo   il   principio   di   uguaglianza   nella   loro   comunità.   DSI   è   il   collettore   di   tutte   le   iniziative  internazionali  legate  alla  Gionata  Mondiale  sulla  consapevolezza  della  sindrome  di  Down  (WDSD)   che  si  celebra  il  21  marzo  di  ogni  anno.    

il Coordinamento   Nazionale   dei   Centri   di   Servizio   per  il  Volontariato  promuove,  qualifica  e  sostiene  lo   sviluppo   dei   CSV,   presenti   in   tutta   Italia   per   supportare   il   volontariato,   esercizio   di   libertà   e   responsabilità  

Il Coordinamento  Nazionale  dei  Centri  di  Servizio  per  il  Volontariato  e  il  CEV   CSVnet  è  il  Coordinamento  Nazionale  dei  Centri  di  Servizio  per  il  Volontariato  (CSV)  e  nasce  l'11   gennaio  2003  per  raccogliere,  dare  continuità  e  rafforzare  l'esperienza  del  Collegamento  Nazionale  dei   Centri  di  Servizio  costituito  nel  1999.     Ad  oggi  riunisce  e  rappresenta  oltre  il  90%  dei  78  Centri  di  Servizio  per  il  Volontariato  presenti   in  Italia.   CSVnet  si  ispira  ai  principi  di  solidarietà,  democrazia  e  pluralismo  e  alla  Carta  dei  valori  del   volontariato  e  ha  fatto  propri  i  principi  espressi  dalla  Carta  della  rappresentanza.   La  sua  azione  si  propone  di  rafforzare  la  collaborazione,  lo  scambio  d'esperienze,  di  competenze  e  di   servizi  fra  i  CSV  per  meglio  realizzarne  le  finalità  istituzionali,  nel  rispetto  della  loro  autonomia.  È  uno   strumento  di  collaborazione  e  confronto  permanente  per  le  tematiche  di  impegno  dei  CSV.  Fornisce   servizi  di  formazione,  consulenza,  sostegno  e  accompagnamento  ai  CSV  soci.   Gli  organi  che  orientano  e  governano  l'attività  del  Coordinamento  Nazionale  sono:  l'Assemblea  dei   Soci,  il  Consiglio  Direttivo  e  il  Comitato  Esecutivo.   BILANCIO  SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  

19


CSVnet è  socio  del  Centro  Europeo  per  il  Volontariato  (CEV)  che  ha  sede  a  Bruxelles;  è  inoltre  socio   di  Euricse,  (European  Research  Institute  on  Cooperative  and  Social  Enterprises),  la  fondazione  di   ricerca  creata  per  rilanciare  la  riflessione  scientifica  e  la  formazione  sulla  cooperazione,  sull'impresa   sociale  e  sul  volontariato;  è  poi  socio  sostenitore  di  Labsus,  il  Laboratorio  per  la  sussidiarietà   fondato  da  Gregorio  Arena  e  dell'IID  (Istituto  Italiano  della  Donazione),  nato  per  diffondere  la   cultura  e  l'etica  della  donazione;  da  diversi  anni  fa  parte  delle  Associazioni  Osservatrici  del  Forum   Nazionale  del  Terzo  Settore.   CSVnet  è  stato  inoltre  tra  i  promotori  della  Fondazione  per  il  Sud,  nata  il  22  novembre  del  2006   grazie  ad  un  protocollo  d'intesa  tra  le  fondazioni  di  origine  bancaria  e  il  mondo  del  terzo  settore  e  del   volontariato  per  promuovere  l'infrastrutturazione  sociale  del  Mezzogiorno.  Il  protocollo  è  stato   firmato  nel  2005  dal  Forum  Nazionale  del  Terzo  Settore  e  dall'ACRI,  in  rappresentanza  delle   fondazioni  di  origine  bancaria;  ad  esso  hanno  poi  aderito,  oltre  CSVnet:  la  Compagnia  di  San  Paolo,  la   Consulta  del  Volontariato  presso  il  Forum  Nazionale  del  Terzo  Settore,  la  ConVol  -­‐  Conferenza   Permanente  Presidenti  Associazioni  e  Federazioni  Nazionali  di  Volontariato,  la  Consulta  Nazionale  dei   Comitati  di  Gestione-­‐Co.Ge.     CONVOL  –  Conferenza  Permanente  Presidenti   Associazioni  e  Reti  N azionali  di  Volontariato     La  Conferenza  Permanente  delle  Associazioni,  Federazioni  e  Reti  di  Volontariato  –  ConVol  -­‐  è  un   organismo  di  coordinamento  costituito  nel  1991.   Alla  ConVol  aderiscono  23  realtà  di  volontariato  che  agiscono  in  campo  nazionale  e  internazionale.   La  ConVol  non  ha  scopo  di  lucro,  ha  fini  esclusivi  di  solidarietà,  è  apartitica  ed  aconfessionale,  la  sua   struttura  e  i  suoi  contenuti  sono  democratici.   Attualmente  la  ConVol  è  membro  effettivo  dell’Osservatorio  Nazionale  del  Volontariato  e  partecipa  al   Tavolo  Permanente  di  confronto  tra  Governo,  Forum  Terzo  Settore  e  Volontariato.   CoorDown  partecipa  attivamente  alle  attività  promosse  da  ConVol  sia  in  campo  nazionale  che   internazionale.     Programma  FTQS.    La  Formazione  dei  Quadri  del  Terzo  Settore,  linea  di  intervento  strategica  della   Fondazione  con  Il  Sud,  vede  come  promotori:  il  Forum  del  Terzo  Settore;  la  Consulta  del  Volontariato   presso  il  Forum  del  Terzo  Settore;  la  Conferenza  Permanente  delle  Associazioni,  Federazioni  e  Reti  di   Volontariato  (ConVol);  Il  Coordinamento  Nazionale  dei  Centri  di  Servizio  per  il  Volontariato  (CSVnet).   FQTS  2012-­‐  ADI  610-­‐  è  la  continuazione  e  l’evoluzione  di  due  precedenti  esperienze  già  finanziata   dalla  Fondazione  con  il  Sud.  Intende  investire  sulla  formazione  e  sull’aggiornamento  delle  competenze   organizzative,  gestionali  e  relazionali  di  manager  e  di  quadri  dirigenziali  del  mondo  del  Terzo  Settore,   ma  anche  di  soggetti  sociali  ed  economici  del  territorio  nonché  delle  istituzioni  locali.   L’intervento  consiste  nell’implementazione  di  un  sistema  integrato  di  azioni  che  prevede  attività  di   ricerca  e  analisi  dei  fabbisogni,  percorsi  di  formazione  regionali,  sperimentazioni  di  reti  di  intervento   su  obiettivi  di  sviluppo,  orientamento  alle  risorse  e  alle  opportunità  del  territorio,  promozione  e   diffusione.   L’intervento  formativo  nelle  sei  regioni  del  Meridione,  intende  coinvolgere  circa  160  partecipanti  nella   formazione  annuale  delle  attività  laboratoriali,  tutti  i  partecipanti  alle  due  precedenti  edizioni  nella   formazione  continua  e  altre  centinaia  di  soggetti  di  terzo  settore,  del  privato  sociale  e  profit,  della   20  

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  


pubblica amministrazione  e  dei  corpi  intermedi  nelle  agorà  regionali  ed  inter-­‐regionali.  Sarà  quindi   articolato  su  due  livelli:  regionale  ed  interregionale  che  si  articoleranno  su  tre  linee  formative:  le   Agorà,  i  Laboratori  di  ricerc-­‐azione,  progettazione  partecipata,  comunicazione  sociale  e  la  creazione  di   una  comunità  di  pratica  con  l’obiettivo  di:   •

Incrementare e  migliorare  le  capacità  di  relazione,  partecipazione,  proposizione  e   negoziazione  nei  processi  sociali  dalla  fase  della  programmazione  degli  interventi,alla   valutazione  e  verifica  dei  risultati,  costruendo  una  cultura  e  pratica  politica  efficace  delle   organizzazioni  di  TS  del  Mezzogiorno;   Rafforzare  le  reti  di  cooperazione  del  TS  anche  dal  punto  di  vista  dello  sviluppo  economico  e   sociale,  valorizzando  le  differenze  tra  Volontariato,  APS  e  Cooperazione,  promuovendone  le   complementarietà  di  ruolo  e  di  progetto  nell'ottica  di  costruire  sperimentazioni  economiche  e   sociali  alternative  e  non  dipendenti  esclusivamente  dal  finanziamento  pubblico,  incrociando   così  anche  la  linea  di  intervento  della  Fondazione  con  il  Sud  relativa  alle  fondazioni  di   comunità.   Condividere  e  migliorare  il  patrimonio  delle  conoscenze,  valutazioni  ed  elaborazioni  comuni   utili  ad  accrescere  ed  innovare  l'azione  del  terzo  settore  meridionale  per  la  cultura  della   legalità,  lo  sviluppo  sostenibile  ed  autocentrato,  il  rafforzamento  delle  reti  di  welfare  e  le   pratiche  di  governance  tra  istituzioni  e  terzo  settore.  

Un proprio  rappresentante,  Adriano  Tedeschi,  partecipa  come  volontario  al  gruppo  di  lavoro  “Cabina   di  Pilotaggio  FTQS  2012”      

6 Composizione dei  gruppi  di  lavoro   6.1 Composizione  del  Gruppo  Scuola   Paola  Gherardini   Coordinatrice   Nicola  Tagliani  ,  Giuseppe  Peroli,  Antonella  Falugiani,  Giovanni  Lacoppola,  Grazia  Minelli,  Adriano   Tedeschi,  Giuliana  Fornaro,  Sonia  Mazzitelli,  Milena  Manigrasso.   il  gruppo  si  è  riunito  2  volte:   20  gennaio  a  Milano   14  aprile  a  Roma    

6.2 Composizione del  Gruppo  Sport   Carlo  Tiano   Coordinatore   Elisa  Orlandini,  Giovanna  Favret,  Giovanni  Cappellari,  Tersilio  Pallanca,  Cristian  Tosatto.  

6.3 Composizione del  Gruppo  Lavoro   Le  Piane  Rita   Coordinatrice   Massimo  Rota,  Gianni  Lacoppola,  Orizio  Pierangelo,  Panizza  Agostino    

6.4 Composizione del  Gruppo  Stato  Sociale   Franca  Bruzzo   Coordinatrice     Edoardo  Censi,  Patrizia  Danesi,    M.  Luisa  Petito,  Roberto  Morali,  Adriano  Tedeschi.  Claudio  Rizzoli,   Silvia  Bologna  

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  

21


7 Composizione della  base  sociale   7.1 N.  dei  soci/associati  e  relativa  dinamica   L’iscrizione   al   CoorDown   è   aperta   a   tutte   le     associazioni   di   che   occupano   di   modo   prevalente   di   persone  con  sindrome  di  Down  .  Per  aderire  è  sufficiente  formulare  apposita  domanda  al  Comitato  di   Gestione.   Nel  corso  degli  anni  il  CoorDown  si  è  sempre  proposto  di  avere  una  compagine  sociale  variegata  ed  il   più   possibile   rappresentativa.   Tra   i   soci,   accanto   ad   alcune   grandi   organizzazioni   o   reti   nazionali   è   molto  nutrita  la  presenza  di  piccole  realtà.     Distribuzione  per  area  geografica      NORD  n.  35      CENTRO  n.20        SUD  n.17           72  associazioni  socie  al  31.12.2012  (74  meno  2  decadute  nel  corso  dell’anno)  

Associazioni iscritte   79   78   77   74   73   72  

2007

2008

2009

2010

2011

2012

7.2 Partecipazione alle  Assemblee   Associazioni  partecipanti   soci   presenti   voti  aventi  diritto   deleghe  

   

2008 81   44   111   67  

2010 79   35   100   65  

2012 74   31   101   70  

8 Personale retribuito   8.1 N.  lavoratori  a  fine  anno  ed  evoluzione  negli  ultimi  3  anni   n.1  addetto  alla  segreteria  

8.2 Tipologia di  contratti  collettivi  applicati  per  i  lavoratori  dipendenti    Commercio  e  Terziario  –  2°  livello  part  time  

8.3 Costo aziendale  per  le  diverse  categorie  di  lavoratori   € 19.698,50 22  

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  


9 Volontari 9.1 N.  volontari  attivi  in  modo  continuativo   I  volontari  attivi  nelle  attività  del  Comitato  di  Gestione  e  nei  gruppi  di  lavoro  è  rimasto  invariato  rispetto   all’anno  precedente  attestandosi  su  30  unità.  Con  l’avvio  del  Progetto  con  la  Fondazione  per  il  Sud  si   prevede  il  coinvolgimento  e  l’incremento  di  ulteriori  volontari  per  l’attuazione  delle  azioni  specifiche   previste  dal  progetto.  

9.2 N. totale  di  ore  di  volontariato   Numero  totale  di  soci  volontari    attivi             Ore  di  volontariato  dedicate  alle  attività  interne           Ore  di  volontariato  dedicate  alle  attività  esterne  e  di  rappresentanza   Ore  di  volontariato  dedicate  alla  redazione  del  Blancio  Sociale    

n. 30 n.  2.300  (+20%) n.  1.500  (+20%)  n.420  

9.3 Descrivere le  modalità  di  gestione  dei  rimborsi  spese  ai  volontari   I  rimborsi  sono  effettuati  a  fronte  di  fogli  missione  nominativi,  precedentemente  autorizzati,  nei  quali   sono   specificate   le   attività   da   svolgere,   i   luoghi     e   i   mezzi   da   utilizzare.   Tutti   i   rimborsi   vengono   effettuati   a   fronte   di   pezze   giustificative   nel   limite   del   budget   assegnato.   Con   pagamento   a   mezzo   bonifico  bancario  direttamente  al  volontario  o  all’associazione  di  appartenenza.    

9.4 Forme di  copertura  assicurativa  attivate  per  i  volontari   Contratto  assicurativo  stipulato  con  ASSIMOCO  per  la  copertura  dei  rischi  derivanti  da  infortuni,   responsabilità  civile  e  malattie.    

10 Ricorso a  contratti  di  outsourcing   10.1 Soggetti  esterni  ai  quali  sono  attribuite  funzioni  e  incarichi   -­  Ufficio  Stampa   Dott.  Federico  de  Cesare  Viola     -­  Elaborazione  dati  e  contabilità     Dott.ssa  Valeria  Bilanci     -­  Consulente  del  Lavoro   Rag.  Luca  Degiovanni     -­  Responsabile  RSSP   Ing.  Giovanni  Carbone    

10.2 Costo totale  per  prestazioni  in  outsourcing  e  incidenza   €.  25.319,07  pari  al  12%  dei  costi  complessivi  di  gestione.    

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  

23


PARTE 3:  AREE  DI  ATTIVITÀ  E  RELATIVI   RISULTATI  SOCIALI   11 Giornata  Mondiale  2012   11.1 Perché  una  Giornata  Mondiale       Il  21  marzo  riconosciuto  dall’ONU   Giornata  Mondiale  sulla  sindrome  di   Down     Il   World   Down   Syndrome   Day   ha   finalmente   ottenuto   il   sostegno   e   la   risoluzione   delle   Nazioni   Unite.   Significativo   l’accento   posto   sulla   “consapevolezza”   della   sindrome   di   Down.   Da  diversi  anni,  in  Italia  e  in  molti  Paesi  del   mondo,   il   21   marzo   si   celebra   il   World   Down  Syndrome  Day,  ovvero  la  Giornata   Mondiale   sulla   sindrome   di   Down,   un   importante   appuntamento   per   informare,   sensibilizzare   e   promuovere   la   collaborazione   tra   le   diverse   associazioni   mondiali   che   si   occupano   di   tutelare   i   diritti  delle  persone  con  sindrome  di  Down.       Perché   è   stata   scelta   proprio   questa   data?   Perché   il   21   è   il   numero   della   coppia   cromosomica,  presente  all’interno  delle   cellule,   che   caratterizza   la   sindrome   di   Down   e   marzo   è   il   terzo   mese   dell’anno,   proprio   come   il   terzo  cromosoma  in  più  -­‐  tre  invece  di  due  -­‐  all’interno  della  coppia.   Lo   scorso   ottobre   l’organizzazione   DSI   (Down   Syndrome   International   -­‐   Improving   Life   for   People   with   Down   Syndrome,   nata   in   Gran   Bretagna   nel   1993)   aveva   lanciato   una   petizione   internazionale,   sostenuta   anche   dalle   associazioni   italiane,   per   spingere   le   Nazioni   Unite   a   riconoscere   il   21   marzo   come  Giornata  Mondiale  di  Consapevolezza  sulla  Sindrome  di  Down.   E   finalmente,   lo   scorso   1   novembre,   l’ONU   ha   adottato   la   risoluzione   A/C.3/66/L.27/Rev.1   che   sancisce   ufficialmente   il   21   marzo   come   Giornata   Mondiale   sulla   sindrome   di   Down:   un   riconoscimento   di   grande   importanza   e   un   ulteriore   passo   in   avanti   nel   lavoro   di   tutela   e   salvaguardia   dei  diritti  e  della  dignità  della  persone  con  sindrome  di  Down  in  tutto  il  mondo,  soprattutto  nei  Paesi  in   via  di  sviluppo  dove  molte  persone  con  sdD  sono  discriminate,  vittime  di  pregiudizi  o,  nei  casi  peggiori,   relegati  all’interno  di  istituti,  senza  la  possibilità  di  condurre  una  vita  piena,  autonoma  e  dignitosa.   24  

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  


27 gli   Stati   firmatari:   Argentina,   Australia,   Bangladesh,   Bielorussia,   Bolivia,   Brasile,   Egitto,   Georgia,   Germania,   Giamaica,   Guatemala,   Iraq,   Irlanda,   Israele,   Malta,   Panama,   Perù,   Polonia,   Portogallo,   Repubblica  Dominicana,  Singapore,  Siria,  Slovenia,  Stati  Uniti,  Tailandia,  Turchia  e  Uruguay.   La  risoluzione  richiama  –  oltre  al  World  Summit  Outcome  del  2005  e  alla  United  Nations  Millennium   Declaration  -­‐  la  Convenzione  sui  Diritti  delle  Persone  con  Disabilità,  secondo  cui  “le  persone  con   disabilità   devono   poter   vivere   una   vita   piena   e   dignitosa,   in   condizioni   che   assicurino   dignità,   che   promuovano   fiducia   in   sé   e   che   facilitino   la   partecipazione   attiva   alla   comunità   e   il   godimento   di   tutti   i   diritti  umani  e  delle  libertà  fondamentali  nello  stesso  modo  delle  altre  persone”.  

11.2 La Risoluzione  dell’ONU       Questo  il  testo  della  risoluzione:     Nell’affermare   che   assicurare   e   promuovere   la   piena   realizzazione   dei   diritti   umani   e   delle   fondamentali   libertà   per   ogni   persona   con   disabilità   è   un   aspetto   critico   nel   raggiungimento   degli   obiettivi  concordati  di  sviluppo  internazionale,       Consapevoli   che   la   sindrome   di   Down   è   un   adattamento   cromosomico   naturale   che   ha   sempre   fatto  parte  della  condizione  umana,  che  esiste  in  ogni  regione  del  pianeta  e  che  ha  effetti  comuni  variabili   nella  capacità  di  apprendimento,  nelle  caratteristiche  fisiche  e  nelle  condizioni  di  salute,       Ricordando  che  l’accesso  adeguato  alle  cure  mediche,  a  programmi  di  intervento  preventivo  e  di   educazione   inclusiva,   così   come   ricerche   appropriate   sono   indispensabili   per   la   crescita   e   lo   sviluppo   dell’individuo,       Riconoscendo   la   dignità,   il   valore   e   il   significativo   contributo   delle   persone   con   disabilità   intellettive   nel   promuovere   il   benessere   e   la   diversità   della   loro   comunità,   e   l’importanza   della   loro   autonomia  individuale  e  indipendenza,  includendo  la  libertà  di  poter  fare  le  proprie  scelte,     1)     Decide   di   designare   il   21   marzo   come   Giornata   Mondiale   sulla   sindrome   di   Down,   che   dovrà   essere  osservata  ogni  anno  a  partire  dal  2012;   2)   Invita   tutti   gli   Stati   Membri,   tutte   le   principali   organizzazioni   delle   Nazioni   Unite   e   le   altre   organizzazioni   internazionali,   così   come   la   società   civile,   incluse   le   organizzazioni   non   governative   e   il   settore  privato,  a  osservare  la  Giornata  Mondiale  sulla  sindrome  di  Down  nella  maniera  appropriata,  allo   scopo  di  promuovere  la  pubblica  consapevolezza  della  sindrome  di  Down;   3)   Incoraggia   gli   Stati   Membri   a   prendere   iniziative   per   promuovere   la   consapevolezza   dentro   la   società,  compreso  in  ambito  familiare,  a  riguardo  delle  persone  con  sindrome  di  Down;   4)   Chiede   al   Segretario   Generale   di   portare   la   risoluzione   all’attenzione   degli   Stati   Membri   e   dell’organizzazione  delle  Nazioni  Unite.  

11.3 Integration Day  –  Comunicato  stampa  sul  progetto  di  comunicazione  per  la   Giornata  Mondiale  nato  in  collaborazione  con  Saatchi&Saatchi   CoorDown   e   Saatchi   &   Saatchi   insieme   per   una   innovativa   campagna   di   comunicazione     a  favore  dell’integrazione  delle  persone  con  sindrome  di  Down.  Il  21  marzo  -­  Giornata  Mondiale   sulla  sindrome  di  Down  -­  in  TV,  sulla  stampa  e  su  www.coordown.it  le  versioni  alternative  degli   spot  e  delle  campagne  stampa  di  alcuni  dei  principali  marchi  italiani  e  internazionali  nei  quali   gli  attori  originali  sono  stati  sostituiti  da  attori  con  sindrome  di  Down.  

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  

25


Mercoledì 21   marzo   si   celebra   in   tutto   il   mondo   il   World   Down   Syndrome   Day,   la   Giornata   Mondiale   sulla   sindrome   di   Down,  un  appuntamento  internazionale  –  da   quest’anno   sancito   ufficialmente   anche   da   una   risoluzione   dell’ONU   -­‐   nato   per   diffondere   una   maggiore   consapevolezza   e   conoscenza   sulla   sindrome   di   Down,   per   creare   una   nuova   cultura   che   superi   pregiudizi  e  luoghi  comuni  e  per  promuovere   il   rispetto   e   l’integrazione   nella   società   di   tutte  le  persone  con  sindrome  di  Down.   Il   21   Marzo   2012,   in   occasione   della   Giornata  Mondiale  sulla  sindrome  di  Down,  il   CoorDown   e   l’agenzia   di   pubblicità   Saatchi   &   Saatchi   vogliono   promuovere   insieme,   in   un   modo   unico,   l’importanza   dell’integrazione:   realizzandone   un   esempio   eccezionale.   Delle   campagne   pubblicitarie   di   alcuni   tra   i   più   importanti   marchi   nazionali   ed   internazionali,   preziosi   partner   nel   progetto,   è  stata  realizzata  una  versione  alternativa  che   sarà  pianificata  solo  la  giornata  del  21  marzo   2012.   Nella  versione  alternativa,  un  attore  dello  spot  originale  o  della  campagna  stampa,  è  stato  sostituito  da   un  attore  con  sindrome  di  Down.  I  partner  che  hanno  aderito  all’iniziativa  sono:   Averna,  Carrefour,   CartaSi,  Enel,  illycaffè,  Pampers,  Toyota.    Con   lo   stesso   spirito,   persone   con   sindrome   di   Down   saranno   protagoniste   di   presenze   e   partecipazioni   all’interno   di   vari   programmi   televisivi.   L’integrazione   delle   persone   con   sindrome   di   Down  è  davvero  possibile,  non  solo  negli  spot,  ma  anche  nella  vita  reale.  Perché  essere  differenti  è   normale.  

11.4 Board creatività  e  gestione  progetto  di  comunicazione   Direttori   creativi   del   progetto   Agostino   Toscana,   Alessandro   Orlandi,   oltre   a   Luca   Lorenzini   e   Luca   Pannese,  rispettivamente  anche  copywriter  e  art  director  del  progetto.  

11.5 La parola  ai  protagonisti.   “Siamo   orgogliosi   di   poter   far   parte   di   un   progetto   di   comunicazione   così   innovativo   in   cui   crediamo   molto,  in  occasione  della  Giornata  Mondiale  –  ha  sottolineato  Sergio  Silvestre,  Coordinatore  Nazionale   CoorDown  -­   e   siamo   grati   alla   Saatchi   &   Saatchi   e   a   tutti   i   partner   del   progetto   per   il   prezioso   sostegno   e   la   sensibilità   dimostrata.   Sul   tema   dell’inclusione   c’è   ancora   molto   da   fare,   soprattutto   in   ambito   lavorativo   e   scolastico,   a   partire   dai   pregiudizi   delle   persone.   L’idea   vincente   di   questa   campagna   è   il   messaggio   di   normalità.   Le   persone   con   sindrome   di   Down   hanno   il   diritto   di   esprimere   le   loro   capacità   e   di   avere   le   stesse   opportunità   di   chiunque   altro   e   invece   troppo   spesso   sono   considerati   diversi   e   incapaci   26  

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  


di condurre   una   vita   autonoma.   Questa   campagna   è   un   esempio   eccezionale,   noi   speriamo   che   possa   diventare  l’esempio  normale,  ogni  giorno”.   “Siamo   molto   fieri   di   questa   iniziativa   che,   andando   ben   al   di   là   della   solita   campagna   sociale,   ha   coinvolto   tutta   una   serie   di   persone,   aziende   e   associazioni   che   ne   hanno   amplificato   l'impatto   e   il   significato  -­  ha  dichiarato  Giuseppe  Caiazza,  Chief  Executive  Officer  di  Saatchi  &  Saatchi  in  Italia  e  Head   of  Automotive  Business  Saatchi  &  Saatchi  EMEA  -­.  Va  dato  merito  a  CoorDown  di  aver  capito  subito  come   questo   approccio   innovativo   e   unico   avrebbe   attirato   l’attenzione   dell’opinione   pubblica   in   maniera   massiccia   a   sostegno   di   questa   importante   causa.   E   vorrei   ringraziare   tutti   i   nostri   colleghi   che   hanno   lavorato   con   passione   a   questa   idea,   coinvolgendo   i   nostri   Clienti   che   hanno   risposto   in   maniera   entusiasta  e  grazie  ai  quali  il  progetto  è  diventato  realtà”.   “Averna   significa   convivialità,   senso   della   famiglia,   amici.   Il   concetto   di   “star   bene   insieme”   -­   ha   dichiarato   Luisa   Polizzi   Averna,   Direttore   della   Comunicazione   Averna   -­   è   un   valore   che   fa   parte   del   nostro   DNA   e   della   nostra   comunicazione   da   sempre.   Abbiamo   aderito   a   questa   importante   iniziativa   perché   pensiamo   che   l’integrazione   sia   fondamentale   per   uno   sviluppo   sano   della   società,   e   che   rappresenti   un’occasione   di   crescita   e   di   arricchimento   per   tutti.   Questo   è   il   messaggio   che   abbiamo   voluto  lanciare  attraverso  lo  spot,  per  far  vedere  concretamente  come  le  “differenze”  possano  integrarsi   perfettamente  tra  di  loro.  Per  noi  anche  questo  è  gusto  pieno  della  vita”.   “Siamo   convinti   che   l’integrazione   -­   ha   detto   Barbara   Cossetto,   Direttore   Marketing   e   Relazioni   Istituzionali   di   CartaSi   -­   sia   un   valore   indispensabile   per   l’evoluzione   sociale   di   un   Paese:   per   questo   abbiamo  scelto  di  aderire  al  progetto  di  CoorDown.  È  un  progetto  che  ci  ha  coinvolto  emotivamente  e  al   quale   partecipiamo   con   orgoglio   perché   crediamo   che   un’azienda   non   viva   solo   di   business   ma   debba   venir  riconosciuta  anche  per  il  contributo  sociale  che  riesce  a  dare.”      “Non   esiste   diversità.   Ciascuno   è   unico,   come   lo   è   chi   ha   la   sindrome   di   Down   -­   ha   dichiarato   Paolo   Iammatteo,   responsabile   comunicazione   esterna   e   Csr   Enel   -­.   Dobbiamo   tutti,   cittadini,   aziende,   associazioni   e   gruppi   di   interesse,   batterci   per   eliminare   le   barriere   che   impediscono   l’integrazione   di   queste   persone   nella   società,   a   cominciare   da   quelle   mentali,   che   sono   le   più   difficili   da   abbattere.   Con   questo   spirito   Enel   aderisce   con   entusiasmo   al   progetto   ideato   da   CoorDown   e   da   Saatchi   &   Saatchi   in   occasione  della  Giornata  mondiale  sulla  sindrome  di  Down.  Così  come  una  persona  con  sindrome  di  Down   è   perfettamente   capace   di   avere   una   famiglia,   un   lavoro   e   degli   interessi,   altrettanto   può   essere   il   protagonista  di  una  campagna  pubblicitaria  per  una  grande  azienda  come  Enel.”    “Siamo  al  fianco  delle  persone  con  sindrome  di  Down  -­  ha  dichiarato  Maurizio  Chirieleison,  Direttore   Commerciale   Fater   -­   e   riteniamo   che   l’informazione   e   la   sensibilizzazione   siano   cruciali   per   la   piena   integrazione.  Il  nostro  auspicio  è  che  anche  attraverso  uno  spot  Pampers  si  possa  contribuire  a  superare   pregiudizi  e  ad  enfatizzare  l’apporto  alla  società  che  viene  dalle  persone  con  sindrome  di  Down.”     “Partecipiamo   con   orgoglio   a   questa   iniziativa.   Lo   spot   illy   ha   oggi   un   protagonista   speciale   -­   ha   dichiarato  Anna  Adriani,  Global  PR  e  Corporate  Responsibility  Director  di  illycaffè  -­  che  sa  esprimere  e   raccontare   come   la   felicità   possa   scaturire   dai   piccoli   gesti   quotidiani   e   quanto   la   vita   di   ogni   giorno   possa  essere  straordinaria,  per  tutti”.   “Siamo   molto   orgogliosi   di   partecipare   a   questo   progetto   -­   ha   dichiarato   Lorenzo   Matthias,   Direttore   Relazioni  Esterne  e  Stampa  di  Toyota  Motor  Italia  -­.  Ci  ha  colpito  il  taglio  innovativo  dell’operazione,  il   comunicare   l’importanza   e   la   normalità   della   diversità   attraverso   lo   strumento   che   quotidianamente   permea  la  nostra  vita  e  che  cattura  la  nostra  attenzione  in  ogni  momento  della  giornata:  la  pubblicità.   Siamo   fieri   di   contribuire   alla   divulgazione   di   questo   messaggio,   che   racchiude   i   valori   alla   base   della   filosofia   Toyota   che   pongono   sempre   la   persona   al   primo   posto,   i   clienti   da   una   parte   e   i   dipendenti   BILANCIO  SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  

27


dall’altra, come   risorsa   vitale.   Sono   le   persone   che   con   il   talento   e   la   passione,   la   varietà   e   la   diversità   fanno  della  nostra  azienda,  una  “grande  azienda.”    

11.6 Saatchi &  Saatchi  –  The  Lovemarks  Company   Saatchi   &   Saatchi   Italia   fa   parte   di   un   network   che   comprende   140   uffici   nel   mondo   e   oltre   6.000   persone.  In  Italia  ha  due  sedi  operative,  una  a  Milano  e  una  a  Roma,  con  un  totale  di  oltre  180  persone.     Tra   i   principali   clienti:   AIA,   Alpitour,   Autostrade   per   l’Italia,   Averna,   Calzedonia,   Carrefour,   Cartasi,   Enel,  Fater,  Groupama,  illycaffè,  Intesa  Sanpaolo,  Lexus,  Parmalat,  Procter  &  Gamble,  Soffass,  Toyota  e   Visa.   Saatchi   &   Saatchi   è   una   Lovemarks   Company   e   lo   spirito   che   guida   il   nostro   lavoro   è  “nothing   is   impossibile”.      

11.7 La collaborazione  con  Deichmann  Calzature   DEICHMANN   CALZATURE   rinnova   ormai   da   tre   anni   il   suo   sostegno   concreto   con   il   CoorDown,   attraverso   un   progetto   di   integrazione   nel   mondo   del   lavoro   grazie   al   quale   ragazzi   e   ragazze   con   sindrome  di  Down  possono  avere  la  preziosa  opportunità  di  essere  collocati  in  maniera  stabile  presso   l’azienda.  Così  avviene,  ad  esempio,  nelle  filiali  di  Mestre  e  Cinisello  Balsamo.  

28

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  


11.8 Rassegna stampa  della  campagna  del  21  marzo   Una  breve  sintesi  della  corposa  rassegna  stampa    

102428

www.ecostampa.it

Settimanale

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  

29


30

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  


BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  

31


11.9 Portata pagina  FB  nel  periodo     Persone  che   parlano  di  questo   argomento  

Notizie Pagina   settimanale  

Notizie Pagina   28  giorni  

"Mi piace"  totali   dall'inizio  

Utenti coinvolti  sulla  Pagina     nei  28  giorni  

Portata totale    nei  28   giorni  

7.964

5.283

14.782

1.692

12.835

2.836.448

11.10 Andamento  visualizzazioni  nel  periodo    

32

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  


11.11 Portata Canale  YouTube  nel  periodo              

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  

33


12 Giornata Nazionale  2012   12.1 Il  Comunicato  Stampa   DOMENICA  14  OTTOBRE  2012    GIORNATA  NAZIONALE  DELLE  PERSONE  CON  SINDROME  DI   DOWN  “SIAMO  DIFFERENTI.  TRA  NOI”   Otto   storie   di   ragazzi   e   ragazze   alle   prese   con   il   mondo   del   lavoro.   Otto   video   racconti   da   seguire  e   condividere  su  coordown.it  e  su  facebook  per  scoprire  che  l’integrazione  lavorativa  delle  persone  con   sindrome   di   Down   non   solo   è   possibile   ma   in   molti   casi   è   già   una   realtà.  In   oltre   200   piazze   italiane,   come  di  consueto,  i  volontari  delle  associazioni  offriranno  un  messaggio  di  cioccolato,  in  cambio  di  un   contributo,  per  sostenere  i  progetti  delle  associazioni  aderenti  al  CoorDown.   Alice,   Francesco,   Giorgia,   Matteo,   Nicola,   Sandra,   Simone   e   Spartaco:   sono   loro   i   protagonisti   della   Giornata   Nazionale   delle   persone   con   sindrome   di   Down,   promossa   anche   quest’anno,   domenica   14   ottobre,  dal  CoorDown  Onlus  -­‐  Coordinamento  Nazionale  Associazioni  delle  persone  con  sindrome  di   Down.   Otto   ragazzi   e   ragazze   di   tutta   Italia   raccontano   la   loro   storia   e   la   loro   esperienza   lavorativa   in   otto   video   da   seguire   e   da   condividere,   settimana   dopo   settimana   fino   al   14   ottobre,   sul   sito   (www.coordown.it)   e   sulla   pagina   Facebook   (facebook.com/coordown)   del   CoorDown.   Per   scoprire   che  l’integrazione  nel  mondo  del  lavoro  non  solo  è  possibile  ma  in  alcuni  casi  è  già  una  realtà.   Proprio   in   un   momento   di   grandi   tensioni   economiche   e   sociali   il   CoorDown   ha   scelto   di   dedicare   l’edizione   2012   della   Giornata   Nazionale   al   tema   del   lavoro,   per   rilanciare   con   forza   la   necessità   per   le   persone   con   sindrome   di   Down   di   avere   gli   stessi   diritti   e   le   stesse   opportunità   di   chiunque   altro,   in   base  alle  proprie  capacità,  all’esperienza  e  al  percorso  formativo.  Ecco  perché  lo  slogan  di  quest’anno   recita  –  dalla  viva  voce  dei  ragazzi  protagonisti  –  “Siamo  differenti.  Tra  noi”.  È  un  modo  per  ribadire   l’importanza   di   una   cultura   della   diversità   e   l’unicità   di   ogni   persona,   contro   i   pregiudizi   che   ancora   accompagnano  la  disabilità.  Perché  “essere  differenti  è  normale”.   Le   persone   con   sindrome   di   Down   non   sono   tutte   uguali.   È   fondamentale   conoscerle   e   metterle   alla   prova.   Ci   sono   persone   che   non   sono   in   grado   di   lavorare.   Molte   altre,   invece,   hanno   enormi   potenzialità   e   sono   capaci   di   svolgere   una   professione   con   impegno,   costanza   e   soddisfazione.   Serve   però   maggiore   sostegno   da   parte   delle   Istituzioni,   serve   più   comunicazione   tra   gli   enti   territoriali   e   serve  più  coraggio   e  fiducia  da   parte  delle  aziende,   pubbliche  e  private,  per  investire  in  questi  ragazzi.   Perché   un   lavoro,   oltre   che   un   diritto,   è   lo   strumento   più   importante   per   garantire   loro   una   vita   autonoma,  una  piena  integrazione  nella  società  e  un  futuro  dignitoso.   Dall’ultima   indagine   CoorDown   risulta   che   solo   il   13%   delle   persone   con   sindrome   di   Down   lavora   stabilmente,  con  un  contratto  a  tempo  determinato  o  indeterminato.  Difficoltà  croniche  dei  Centri  per   l’impiego,  assenza  di  controlli  e  di  figure  mirate  come  il  “diversity  manager”  all’interno  delle  aziende,   mancato   rispetto   degli   obblighi   di   assunzione:   questo   è   il   quadro   estremamente   critico   in   materia   di   integrazione  lavorativa  delle  persone  con  sindrome  di  Down,  nonostante  il  grande  lavoro  sul  territorio   di  numerose  associazioni  che  svolgono  un  utile  ruolo  di  intermediazione  e  facilitazione  all’inserimento   nel  mercato  del  lavoro.  

34

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  


12.2 Il Manifesto  della  GNPD    

BILANCIO  SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  

35


12.3 Il Pieghevole                                            

12.4 I messaggini            

36

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  


12.5 Gli 8  video  di  Spartaco,  Sandra,  Matteo,  Simone,  Nicola,  Alice,  Francesco  e   Giorgia  

12.6 Lo Spot    

12.7 Parteciazioni televisive  –  RAI  NEWS                

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  

37


ANCHE ALICE DI CINISELLO NEL VIDEO DI COORDOWN...

http://www.monza-news.it/?action=read&idnotizia=7245

12.8 Sintesi della  rassegna  stampa     NEWS

ANCHE ALICE DI CINISELLO NEL VIDEO DI COORDOWN 14.10.2012 00:13 di Redazione MonzaNews

articolo letto 158 volte

Alice, Francesco, Giorgia, Matteo, Nicola, Sandra, Simone, Spartaco: sono loro i protagonisti della Giornata Nazionale delle persone con sindrome di Down, promossa anche quest'anno, domenica 14 ottobre, dal CoorDown Onlus - Coordinamento Nazionale Associazioni delle persone con sindrome di Down. Alice (nella foto) è una ragazza che lavora alla DEICHMANN Calzature all'Auchan Via di Cinisello Balsamo, dove oggi si terrà la giornata nazionale 2012 dedicata al tema del lavoro per rilanciare la necessità per le persone con sindrome di Down di avere gli stessi diritti e le stesse opportunità di chiunque altro, in base alle singole capacità, all'esperienza e al percorso formativo. La ragazza è stata anche protagonista di un video (Clicca qui per vederlo)

Otto ragazzi e ragazze di tutta Italia raccontano la loro storia e la loro esperienza lavorativa - fatta di sogni, passioni e ambizioni - in otto video da seguire e da condividere, settimana dopo settimana fino al 14 ottobre, sul nostro sito e sulla pagina Facebook. Per scoprire che l'integrazione nel mondo del lavoro non solo è possibile ma in alcuni casi è già una realtà. Lo slogan di quest'anno - "Siamo differenti. Tra noi" - vuole ribadire l'importanza di una cultura della diversità e l'unicità di Città di Venezia - Giornata Nazionale della Persona con sindrom...

ogni persona, contro i pregiudizi che ancora accompagnano la disabilità. Perché "essere differenti è normale".

http://www.comune.venezia.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/...

Molte persone con sindrome di Down possono svolgere una professione con impegno, costanza e soddisfazione. Ma è fondamentale conoscerle e metterle alla prova. Ecco perché serve anche maggiore sostegno da parte delle Istituzioni, più comunicazione tra gli enti territoriali e più fiducia da parte delle aziende, pubbliche e private, per investire in questi ragazzi. Un lavoro, oltre che un diritto, è lo strumento più importante per garantire loro una vita autonoma, una piena integrazione nella società e un futuro dignitoso. Domenica 14 ottobre vieni a conoscerci in oltre duecento piazze italiane, in prossimità di chiese e centri commerciali. I ragazzi, le famiglie e i volontari delle associazioni ti offriranno una tavoletta/messaggio di cioccolato (realizzato con cacao proveniente dal commercio equo e solidale) in cambio di un contributo per sostenere i progetti delle 73 associazioni che fanno capo al CoorDown.

Giornata Nazionale della Persona con sindrome di Down

1 di 2

SABATO 13 E DOMENICA 14 OTTOBRE 2012

14/10/12 14.37

Lo slogan di quest'anno "Siamo differenti. Tra noi" vuole essere un modo per ribadire l'importanza di una cultura della diversità e l'unicità di ogni persona, contro i pregiudizi che ancora accompagnano la disabilità. Perché "essere differenti è normale". Proprio in un momento di grandi tensioni economiche e sociali il CoorDown ha scelto di dedicare la 10^ edizione

della Giornata Nazionale al tema del lavoro, per rilanciare con forza la necessità per le persone con sindrome di Down di avere gli stessi diritti e le stesse opportunità di chiunque altro, in base alle proprie capacità, all'esperienza e al percorso formativo. Con questo messaggio anche quest'anno, sabato 13 e domenica 14 ottobre, in oltre 60 città italiane, più di 70 associazioni riunite nel Coordinamento Nazionale Associazioni delle Persone con Sindrome di Down

Quotidiano

Quotidiano

www.ecostampa.it

rinnoveranno l'appuntamento con la "Giornata Nazionale della Persona con sindrome di Down". L'Associazione Italiana Persone Down Onlus Sezione di Venezia-Mestre sarà presente sabato 13 e informativo e offrire a fronte di un contributo minimo di Euro 5,00 un "messaggio di cioccolato". Un prodotto artigianale realizzato con cacao del commercio Equo e Solidale. Ci trovate a: VENEZIA: C.po S. Bortolomio (sabato e domenica) , C.po S. Polo (Domenica). MESTRE: Piazza Ferretto (sabato e domenica), Piazza Carpendo (domenica mattina), all'interno del negozio Deichmann presso l'Auchan di Mestre (sabato).

www.ecostampa.it

domenica 14 ottobre 2012 nei punti sotto indicati dalle ore 9.00 alle ore 18.00 per distribuire materiale

MARGHERA: presso il negozio SME (sabato). NOALE: Spazi Loggia Comunale (domenica) ASSOCIAZIONE ITALIANA PERSONE DOWN ONLUS sezione di Venezia Mestre via dello Squero 10- 30173 Mestre-Venezia TEL. 041/3969197 FAX 041/2682126 e-mail aipdvenezia@virgilio.it COD. FISC 94045330274 http://www.aipd.it/cms/index.php

1 di 2

14/10/12 14.40

    102428

38  

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  


12.9 Visualizzazione della  pagina  GNPD  su    FB  nel  periodo    

 

12.10 Messaggi di  cioccolata     Associazioni  partecipanti  alla  GNPD  con  ritiro  della  cioccolata  

44    

Associazioni partecipanti  solo  con  materiali  cartacei  

7    

Associazioni non  partecipanti  GNPD  

23    

   n.  47.640  

Messaggi cioccolata  ritirati    

Valore messaggi  cioccolata    

€. 132.027,00  

Valore materiali  cartacei  

€.      15.286,74    

 

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  

39


Associazioni partecipanti   2012   2011   2010   2009   2008   2007   2006   2005   Associazioni  partecipanti  

2005 53  

2006 58  

2007 62  

2008 70  

2009 40  

2010 43  

2011 56  

2012 51  

 

Messaggi cioccolata   74.000     66.000    

65.000  

60.000   50.700    

50.000  

2005

63.340  

2006

2007

2008

2009

47.640  

2010

2011

2012

Nel 2012   il   quantitativo   di   cioccolate   ritirate   è   stato   il   più   basso   dal   2005,   con   una   riduzione   di   n.15.770   unità   rispetto   all’anno   precedente.   Ciò   ha   comportato   una   riduzione   di   risorse,   pari   a   circa   €.34.237,00  da  destinare  all’attività  organizzativa  e  di  comunicazione.   Ciò   ha   comportato   un   disavanzo,   dalla   sola   gestione   della   Giornata   Nazionale   pari   a   €.   11.195,00,   disavanzo   compensato   solo   grazie   alle   minori   spese   in   comunicazione   e   dai   contributi   pervenuti   tramite   donazioni   in   denaro,   in   beni   o   servizi   che   hanno   consentito   di   limitare   la   perdita   iscritta   nel   bilancio  2012.    

40

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  


13 Raccolta fondi  diretta   13.1 Un  Goal  per  Amore     Personaggi  dello  sport  e  dello   spettacolo  insieme  in  un   derby  di  beneficenza  a   sostegno  di  CoorDown  e   dell’associazionismo  no-­ profit  piemontese.              

Mercoledì 16   maggio,   alle   ore   20.30,   lo   Stadio   Olimpico   di   Torino   ha   ospitato   “Un   goal   per   amore”,   partita   benefica     tra   le   rappresentative   del   Torino   e   della   Juventus,   in   un   grande   evento   di   sport   e   solidarietà.  “Un  goal  per  amore”  è  stato  organizzato  con  il  patrocinio  della  Figc,  della  Città  di  Torino  e   della  Regione  Piemonte.     Le  squadre,  composte  da  attori,  personaggi  della  televisione  ed  ex-­‐giocatori,  sono  scesi  in  campo  per   raccogliere   fondi   in   favore   di   CoorDown   -­‐   Coordinamento   Nazionale   delle   Associazioni   persone   con   sindrome   di   Down   -­‐   e   di   circa   altre   quaranta   associazioni   e   realtà   no-­‐profit   piemontesi.   Il   supporto   logistico   all’organizzazione   è   stato   fornito   dall’Associazione   Airdown   di   Moncalieri   a   cui   hanno   contribuito   Avo   -­‐   sezione   di   Torino,   Associazione   Eos,   Casa   Oz,   Cepim   Torino,   Croce   Rossa  -­‐   sezione   di   Torino,  Fidas  -­‐  sezione  di  Torino,    Forma,  Gott,  Un  vero  sorriso  e  Volare  Alto.    L’incasso   complessivo   delle   manifestazione,   al   netto   delle   spese,   è   stato   di   €.   62.136,72   di   cui   €.   49.709,37  di  competenza  delle  associazioni  locali  e  €.12.427,35  di  competenza  del  CoorDown.   Alla  data  del  31.12.2012  il  CoorDown  ha  incassato  solo  un  anticipo  delle  somme  spettanti,  in  quanto   l’organizzazione   non   ha   ancora   provveduto   a   versare   alla   associazioni   beneficiarie   quanto   dovuto,   motivo  per  il  quale  è  stata  depositata  alla  procura  di  Torino  una  denuncia  querela,  nei  confronti  degli   organizzatori,  per  appropriazione  indebita.    

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  

41


13.2 Rete del  Dono  -­  Raccolta  fondi  on-­line  pro  Class  Action  contro  i  pregiudizi   nei  confronti  delle  persone  con  sindrome  Down         Obiettivo  €.  25  000.00     Raccolto  €.  197.00     n.  6  donazioni  

13.3 Campagna 5  per  mille  2012   La  pagina  pubblicitaria  relativa  alla  promozione  del  5  per  mille  è  stata  pubblicata  sul  settimanale   Venerdi  di  Repubblica,  senza  nessun  onere  diretto  a  carico  CoorDown.  

La   pubblicizzazione   attraverso   l’acquisto   di   spazi   a   pagamento   (link)   sul   canale   Facebook,   ha   comportato  una  visualizzazione  complessiva,  nel  periodo  marzo-­‐luglio  2012,  del  messaggio  da  parte  di   n.2.715.462   utenti,   con   una   interazione   diretta   sulla   pagina   presente   sul   sito   coordown.it   di   n.   793   utenti.  Il  costo  dell’intervento  è  stato  pari  a  €.  218,53.  

42  

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  


13.4 Il sostegno  dei  clienti  Deichmann  Calzature   Presso  le  casse  dei  40  punti  vendita  Deichmann  Calzature  sono  stati  inseriti  dei  crowner  con  materiale   illustrativo  sulle  attività  del  CoorDown  ed  una  cassettina  dove  i  clienti  possono  donare  gli  “spiccioli”   del   resto   dei   loro   acquisti.   Per   il   terzo   anno   consecutivo,   la   cifra   raccolta   (euro   5.430,00)   da   tutti   i   punti   vendita   è   stata   donata   al   CoorDown   in   occasione   della   Giornata   Nazionale,   con   una   semplice   cerimonia  presso  il  negozio  di  Calenzano  (FI).  

 

Aiutaci nell’aiuto

La tua elargizione arriva intatta

Noi li abbiamo messi alla prova, con SUCCESSO!

DEICHMANN CALZATURE S.r.l Sede legale: Via XXV Aprile 5, 20016 Pero (MI) Tel. 02 383 480 01 - Fax 02 383 480 99 www.deichmann.com

Stage lavorativi: collaborazione tra Coordown e l'azienda tedesc...

http://social.tiscali.it/articoli/speciali/12/10/03_speciale_down.html

13.5 Concorso a  premi  –  premi  non  ritiriati  

sociale | tiscali | web Per il   secondo   anno   consecutivo   la   Deichmann   Calzature   ha   destinato   al   CoorDown   il   controvalore   dei   Cerca in sociale premi  non  ritirati  dalla  cliente  in  occasione  dei  vari  concorsi.  L’importo  erogato  nel  2012  ammonta  a   €.  10.500,00   Videonews Regioni Finanza Sport Spettacoli&Cultura Lifestyle Motori Tecnologia Viaggi Giochi Annunci 7""8,993336*%2#"")*%5)-+#'%6+"9:%""#$'+);)"+/+%6#58<=+2; !"#$%&'#()*#"+(+,&-)''#.)*#/+)0%&"*#&1))*2)30&%&'4#/+%02#&"%2%5-666

Ultimora Notizie

Cronaca

Politica

Tiscali sostiene...

Esteri

Interviste

Economia Speciali

Sociale

Socialnews

Scienze

Socialnews

Le Associazioni

Interviste

Iniziative e Racconti

Photostory Telethon

Rassegna Stampa Agenzia e contatti RedattoreRedazione Sociale

Centro Documentazione

Elenco Abbonati

Aiuto

OSPITE

Come Abbonarsi

Allegati Non sono presenti allegati

NOTIZIARIO

ARCHIVIO

DISABILITA'

CALENDARIO

ORGANIZZAZIONI

11.58 11/10/2012

Stage lavorativi: collaborazione tra Coordown e l’azienda tedesca Deichmann

Stage lavorativi: collaborazione tra Coordown e l'azienda tedesca Deichmann Consiglia

0

Tweet

0

0

Commenta

ROMA - In occasione della Giornata nazionale che si svolge sotto l’alto patronato del presidente della Repubblica, il 13 e 14 ottobre numerosi ragazzi e ragazze con sindrome di Down saranno impegnati in stage lavorativi presso i punti vendita Deichmann Calzature, dove i clienti avranno anche modo di incontrare i volontari e conoscere e sostenere l’attività delle associazioni. L’azienda calzaturiera tedesca (fondata nel 1913 a Essen e controllata al 100% dalla famiglia fondatrice) rinnova così la sua collaborazione con Coordown. Ecco l’elenco dei punti vendita coinvolti nell’iniziativa e presidiati dalle associazioni del Coordown: Albano Sant’Alessandro, Antegnate, Calenzano, Caselle Torinese, Chieri, Cinisello Balsamo, Legnago, Legnano, Mestre, Orio al Serio, Ortona, Peschiera Borromeo, Roma, Sesto San Giovanni, Spoltore, Torreano di Martignacco, Tradate, Vanzaghello. “Grazie a questa collaborazione tra Deichmann e Coordown – dice attraverso una nota l’azienda tedesca - alcuni ragazzi possono avere la preziosa e concreta opportunità di essere collocati in seguito, in maniera stabile, presso l’azienda così come avviene, ad esempio, nelle filiali di Mestre e Cinisello Balsamo”. Inoltre il 14 ottobre alle ore 12.30, presso il punto vendita Deichmann Calzature di Calenzano (Firenze), l’amministratore delegato Stefano Granata consegnerà i proventi raccolti a favore del Coordown. La Giornata nazionale vuole sensibilizzare l’opinione pubblica per creare una nuova cultura che superi i pregiudizi e i luoghi comuni che ancora accompagnano le persone con sindrome di Down. Per saperne di più - “Siamo differenti. Tra di noi”. Giornata nazionale persone con sindrome di Down sul lavoro

In occasione della Giornata nazionale, il 13 e 14 ottobre ragazzi e ragazze con sindrome di Down impegnati presso diversi punti vendita in tutta Italia. Nelle filiali di Mestre e Cinisello Balsamo impiegati in Photogallery maniera stabile

Greenpeace: La Sicilia a Il lavoro al centro della Giornata personeilDown. Ma solo il 13% ha Clini: salva mare dalle un’occupazione trivelle

DOCUMENTAZIONE

MILLE BATTUTE

SPECIALI

LOGIN

Attenzione! Contenuto riservato agli abbonati Per vedere il contenuto è necessario effettuare il LOGIN nel pannello alla vostra destra. Se non siete abbonati potete registrarvi gratuitamente per 15 giorni alla pagina Come Abbonarsi.

username ssilvestre password •••••• »Registrati gratis »Password dimenticata?

CERCA in tutto il sito nel notiziario »Ricerca avanzata in archivio

Punta tutto sul lavoro la campagna promossa da Coordown. “Ci sono Down capaci di svolgere una professione con impegno, costanza e soddisfazione”. Ma risulta che solo il 13% lavora stabilmente, con contratto a tempo determinato o indeterminato

Greenpeace: abbiamo finito anche le sardine

Multimedia Photogallery Se per ordinare un caffè si usa la Lis

© Copyright Redattore Sociale Indietro

Greenpeace: orsi polari in azione a Mosca

Video

CoorDown

L'integrazione lavorativa è realtà: la storia di Sandra, testimonial

Photogallery Psichiatria: dopo la 180 le famiglie lasciate sole con la malattia

Video

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  

Cinquemila km sul Tuk-Tuk dal nord al sud dell'India

43

Photogallery

Al Cie di Lamezia Terme per radersi si entra in “gabbia”


14 Raccolta fondi  indiretta  –  Beni  e  servizi  ottenuti  gratuitamente   14.1  WDSD  –  Giornata  Mondiale   Progetto  grafico  realizzato  da  collaboratori  tecnici  per  un  valore  di    

€.    6.500,00  

Acquisto pagine  pubblicitarie  per  un  valore  di      

€. 13.500,00  

Progetto grafico  e  pubblicazione  pagina  5  per  Mille  per  un  valore    

€.    4.500,00  

Catering e  Location  Conferenza  Stampa  WDSD  Roma    

€.    3.500,00  

14.2 GNPD –  Giornata  Nazionale:   Progettazione  grafica  GNPD  per  un  valore  di      

€.    2.500,00  

Acquisto pagine  pubblicitarie  per  un  valore  di      

€.    3.700.00  

€.    1.500,00  

14.3 Torneo delle  Regioni  2012:   Acquisto  n.200  t-­‐shirt  con  stampa  personalizzata  

Totale valorizzazione  beni  e  servizi  ottenuti  gratuitamente  €.  35.700,00  

15 Attività Istituzionale  

15.1 Chiusura anno  internazionale  del  volontariato      Il  giorno  26  gennaio  2012  a  Genova,  alla  presenza  delle  autorità  di   governo  e  locali,  si  è  tenuta  la  manifestazione  nazionale    di  chiusura   dell’Anno  Internazionale  del  Volontariato.  Il  CoorDown  era  presente  con   una  sua  delegazione.    

44  

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  


15.2 CoorDown al  Villaggio  Solidale  -­  Lucca    

La   seconda   edizione   di   Villaggio   Solidale   si   è   chiusa   facendo   registrare   circa   10.500   presenze   complessive  in  quattro  giorni.  Ben  1.500  in  più  dell’edizione  2011,  che  si  era  conclusa  con  la  visita  di   9.000   persone.   Al   salone   del   volontariato   italiano,   che   si   è   svolto   al   Polo   Fiere   di   Lucca   dal   23   al   26   febbraio,   hanno   preso   parte   2.850   addetti   ai   lavori   e   230   associazioni.   Più   di   50   gli   eventi   in   programma,  che  hanno  richiamato  nelle  7  sale  convegni  circa  9.500  persone  e  200  relatori.    “I   risultati   ottenuti   in   questa   seconda   edizione   del   salone,   la   prima   senza   Maria   Eletta   Martini   –   commenta   Maria   Pia   Bertolucci,   vicepresidente   vicario   del   Cnv   –   hanno   davvero   superato   ogni   più   rosea  aspettativa.  Ma  ciò  che  più  conta  è  aver  contribuito  alla  costruzione  di  relazioni  tra  associazioni,   favorendo  inoltre  la  creazione  di  spazi  culturali  di  confronto,  dibattito  e  approfondimento.”.   “Il   successo   della   manifestazione   e   la   sua   crescita   –   commenta   il   presidente   della   Fondazione   volontariato   e   partecipazione,   Stefano   Ragghianti   –   dimostrano   la   necessità   che   c’è   all’interno   del   mondo   del   volontariato   di   discutere   e   confrontarsi   in   una   fase   in   cui   il   volontariato   stesso   si   trova   di   fronte  nuove  sfide.  L’interesse  che  ha  riscontrato  lo  studio  ‘Struttura  e  dinamiche  delle   organizzazioni  di   volontariato  nell’Italia  della  crisi’  ci  spinge  a  continuare  il  lavoro  intrapreso  e  approfondire  le  tendenze   del   volontariato.   Una   mission   che   abbiamo   ereditato   da   Maria   Eletta   Martini   e   che   continueremo   a   svolgere”.   Sulla   stessa   linea   è   anche   Patrizio   Petrucci,   presidente   del   Cesvot.   “Anche   quest’anno   –   sottolinea   Petrucci   –   il   salone   ha   registrato   non   solo   una   grande   partecipazione   ma,   come   dimostrano   i   tanti   dibattiti   in   programma,   anche   tanta   voglia   di   incontrarsi   e   discutere   nonostante   la   difficile   fase   che   stiamo   vivendo.   Uno   dei   successi   di   Villaggio   Solidale   è   aver   offerto   a   dirigenti   di   associazioni,   rappresentanti   delle   amministrazioni   locali   e   del   governo   nazionale   un’importante   occasione   di   discussione  e  confronto,  proprio  in  un  momento  di  grande  incertezza  economica  e  fragilità  sociale.  Non   credo   che   si   possa   uscire   dalla   crisi   senza   un   dialogo   continuo   tra   volontariato   e   istituzioni   e   senza   un   volontariato  unito,  capace  di  imporsi  nell’agenda  politica”.               Il  Coordinatore  Silvestre  al  Villaggio  Solidale  incontra  il   sottosegretario  Cecilia  Guerra          

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  

45


15.3 I diritti  dei  disabili  “fatti  a  pezzi”  Protesta  choc  -­  Roma      Il  6  marzo  si  è  svolta  una  manifestazione  nazionale  di  protesta  sui  tagli  previsti  dalla  manovra   finanziaria  a  cui  il  CoorDown  ha  dato  la  sua  adesione.  Questo  il  testo  del  documento:  

“La  macelleria  della  disabilità  a  Montecitorio”   Rigore,   equità   e   sviluppo   sono   stati   i   principi   enunciati   dal   professore   Monti   al   momento   dell'insediamento  del  suo    governo.   A   distanza   di   oltre   100   giorni,   in   un   contesto   che   appare   sempre   più   incerto,   il   rischio   che   la   parola   equità  rimanga  un  lodevole  proposito  e  nient'altro  per  i  disabili  è  diventata  una  prospettiva  concreta.   Non   comprendere   che   la   condizione   degli   oltre   2   milioni   e   mezzo   di   disabili   italiani   si   è   fatta   negli   ultimi  anni  drammatica  sarebbe  gravissimo.   All'orizzonte   si   profila   concretamente   la   possibilità   che   le   indennità   di   accompagnamento   e   le   “agevolazioni”  (sono  tali  per  un  disabile?)  fiscali  vengano  eliminate.     La   sopravvivenza   dei   disabili   viene   già   prevalentemente   assicurata   dalle     famiglie   che   si   trovano   in   condizioni   economiche   sempre   più   precarie   mentre   i   Comuni   richiedono     rette   insostenibili   per   la   compartecipazione  alle  spese.   Contemporaneamente  una  cinica  operazione  di  chirurgia  sociale  sta  costringendo  i  genitori  dei  disabili   a   ricorrere   alla   giustizia   civile   perché   vedono   “magicamente”   ridurre   il   grado   di   invalidità   dei   loro   figli.   Il   tutto   si   svolge   in   un   Paese   che   ha   azzerato   qualche   mese   fa   il   fondo   per   i   non   autosufficienti   ed   ha   ridotto   ad     un   terzo   il   fondo     delle   politiche   sociali   riducendo,   di   fatto,   la   maggior   parte   degli   interventi  a  favore  dei  disabili.   Le  risorse  per  il  welfare  vanno  utilizzate  in  modo  razionale  ma  devono  esistere.     Oggi   in   Italia   non   ci   sono     e   tra   poco     saranno   cancellati   diritti   che   non   rappresentano   privilegi   o   sprechi  come  per  tanti  altri.   Il   governo   Monti   deve   rispondere   ai   più   deboli   indicando   quante   e   quali   risorse   intende   impegnare  per  restituire  dignità  ai  disabili  ed  ai  loro  familiari.   -­Contro   il   taglio   delle   indennità   di   accompagnamento   e   di   tutte   le   provvidenze   di   natura   assistenziale   previste    nell'articolo  5  della  Legge  214/11-­Decreto  Salva  Italia   -­Contro  la  riduzione  “magica”  delle  diagnosi  di  gravità     -­Contro  la  compartecipazione    alle  spese  che  i  Comuni  impoveriti  chiedono  ai  disabili   -­Per  il  finanziamento  immediato  dei  LEA  e  dei  LIVEAS   -­Per  il  finanziamento  immediato  del  fondo  per  i  non  autosufficienti   -­Per  il  reintegro  immediato    del  fondo  nazionale  delle  politiche  sociali.   46  

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  


15.4 Incontro al  Dipartimento  per  le  Pari  Opportunità     Il   28   maggio   si   è   tenuto,   presso   il   Dipartimento   delle   Pari   Opportunità,   un   incontro   tra   il   capo   dipartimento   Dott.ssa   De   Rose   e   il   gruppo   tecnico   che   sta   lavorando   sul   superamento   delle   discriminazioni   nei   parchi   gioco.   In   tale   occasione     sono   state   sollevate   tutte   le   questioni   in   atto.   Abbiamo   ottenuto   un   sostanziale   sostegno   all’azione   legata   alla   diffusione   del   protocollo   “C+1   Entertainment”   ed   un   invito   ad   assumere   come   CoorDown   il   riconoscimento   ministeriale   dei   soggetti   legittimati  ad  agire  a  tutela  delle  persone  con  disabilità  oggetto  di  discriminazione.  

15.5 Meeting di  Rimini   In  seguito  all’invito  da  parte  degli  organizzatori  del  Meeting  per  l’Amicizia  fra  i  Popoli  di  Rimini,  Elisa   Orlandini  ha  partecipato  il  22  agosto  2012  alla  presentazione  della  mostra  “Che  cos’è  l’uomo  perché  te  ne   ricordi?”  sulla  figura  di  Jeròme  Lejeune,  il  genetista  francese  che  ha  individuato  nella  trisomia  21  la  causa   della  sindrome  di  Down.  In  tale  occasione  ha  presentato  davanti  a  una  platea  di  circa  800  persone  gli  scopi   del  CoorDown,  sottolineando  la  necessità  di  una  forte  sinergia  fra  la  ricerca  scientifica  in  campo  medico  e  lo   sviluppo  di  interventi  sul  piano  psicopedagogico  per  valorizzare  la  piena  dignità  delle  persone  con  sindrome   di  Down  e  la  loro  concreta  partecipazione  alla  vita  sociale.  

15.6 L’Aquila abbraccia  il  volontariato  italiano  –   Lettera  al  paese     VI  CONFERENZA  NAZIONALE  DEL  VOLONTARIATO     L’AQUILA,  5  -­  7  OTTOBRE  2012  

Volontariato solidarietà  a  km  zero  

Dalla Conferenza  Nazionale,  alla  quale  hanno  partecipato  Elisa  Orlandini  e  Sergio  Silvestre,  sono   emersi  nei  gruppi  di  lavoro,  che  si  sono  confrontati  nella  tre  giorni  di  lavoro,  alcuni  temi  confluiti  un   documento  poi  approvato  all’unanimità  dall’assemblea  in  seduta  plenaria.  Proponiamo  di  seguito  il   testo  integrale:     LETTERA  AL  PAESE   I   volontari,   riuniti   nella   VI   Conferenza   Nazionale   del   Volontariato   dell’Aquila,   rivolgono   il   seguente   appello  ai  cittadini  e  a  tutte  le  componenti  sociali,  istituzionali,  politiche,  produttive  ed  economiche  del   Paese.   Anche   se   questa   crisi   sta   colpendo   duramente   tutti,   e   soprattutto   i   più   deboli,   noi   crediamo   che   sia   un’occasione  per  ripensare  a  fondo  la  nostra  società  e  il  nostro  modello  di  sviluppo  e  per  delinea‐  re  un   futuro  più  sostenibile  e  giusto.   Occorre  però  affrontarla  con  un  grande  sforzo  culturale,  per  individuare  le  strade  del  cambiamento,  con   disponibilità   e   capacità   di   innovazione,   perché   non   è   una   crisi   solo   economica   e   finanziaria,   ma   anche   sociale,   politica,   culturale   e   spirituale.   In   questo   sforzo   culturale   vogliamo   coinvolgere   i   cittadini,   la   politica,  le  Istituzioni.   Noi,   che   già   siamo   presenti   in   tutte   le   situazioni   più   difficili   e   ovunque   ci   sia   da   difendere   il   bene   comune,   ci   impegniamo   ad   esserlo   ancora   di   più,   con   la   gratuità,   la   solidarietà   e   la   responsabilità   che   ci   contraddistinguono.   Ci   impegniamo   a   difendere   i   diritti   di   ciascuno,   soprattutto   dei   più   deboli,   e   ad   assumere   con   responsabilità  il  nostro  ruolo  di  denuncia  dei  bisogni,  delle  ingiustizie,  delle  inefficienze.   Ci   impegniamo   ad   attivare   percorsi   di   coesione   sociale,   rigenerando   i   tessuti   relazionali   delle   nostre   comunità,  nel  rispetto  delle  specifiche  identità.   Ci   impegniamo   a   cercare   e   proporre   nuovi   stili   di   vita   e   modelli   di   sviluppo,   che   ci   permettano   di   guardare  con  più  fiducia  al  futuro.   Ci   impegniamo   a   collaborare   con   gli   altri   soggetti   del   terzo   settore   e   della   società   civile,   BILANCIO  SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  

47


dell’Amministrazione pubblica  e  del  privato  per  costruire  filiere  di  solidarietà  e  di  inclusione.   Ci  impegniamo  a  ricercare  ad  ogni  livello  dal  locale,  al  regionale,  al  nazionale,  forme  di  rappresentanza   per  essere  più  incisivi,  sia  a  livello  sociale  che  a  livello  politico.   Ci  impegniamo  ad  essere  i  primi  testimoni  di  trasparenza  nel  corretto  utilizzo  delle  risorse,  sia  umane  che   economiche.   Ci  impegniamo  a  comunicare  sempre  meglio  i  temi  di  cui  ci  occupiamo,  chi  siamo  e  che  cosa  facciamo.   CHIEDIAMO   Chiediamo   di   rimettere   al   centro   delle   scelte   politiche,   economiche,   culturali   ed   amministrative   la   persona  umana,  criterio,  cifra  e  misura  di  ogni  politica.   Chiediamo   che   il   volontariato   sia   riconosciuto   come   un   moltiplicatore   di   risorse   relazionali   ed   economiche,   in   grado   di   contribuire   alla   governance   delle   nostre   comunità   e   dei   nostri   territori.   Non   possiamo   accettare   di   essere   chiamati   solo   ad   attuare   scelte   fatte   da   altri   o   a   coprire   le   carenze   dei   servizi  pubblici,  delle  Amministrazioni  e  delle  istituzioni.  Chiediamo  di  incidere  sulla  determinazione  delle   politiche  locali,  nazionali  e  globali,  sui  temi  di  cui  ci  occupiamo.   Chiediamo  alla  politica,  alle  amministrazioni,  alle  aziende  che  facciano  della  legalità,  dell’etica  del  bene   comune,   della   solidarietà   e   della   sobrietà   la   base   di   qualsiasi   comportamento   personale   e   collettivo.   Chiediamo   di   conseguenza   la   trasparenza   necessaria   per   costruire   rapporti   corretti.   Il   volontariato   difende  la  propria  autonomia  e  rifiuta  logiche  clientelari  o  di  strumentalizzazione.   E’  all’interno  di  questa  cornice  che  chiediamo:     ‐  che  il  mondo  del  lavoro  costruisca,  promuova  e  agevoli  il  volontariato;   ‐   che   ne   venga   riconosciuto   il   valore   educativo,   anche   inserendo   sistematicamente   programmi   specifici   nella  scuola  e  nella  formazione  degli  adulti;    ‐  l’applicazione  dei  livelli  essenziali  di  assistenza  su  tutto  il  territorio  nazionale;     ‐  chiediamo  l’approvazione  di  una  legge  efficace  contro  la  corruzione  e  il  riutilizzo  nel  sociale   delle  risorse  liberate  e  dei  beni  confiscati  ai  corrotti;     ‐  che  il  Governo  aumenti  e  stabilizzi  i  finanziamenti  per  il  servizio  civile  nazionale;     ‐  che  faccia  diventare  il  5  per  mille  legge  dello  Stato,  conceda  agevolazioni  fiscali,  abbatta  l’Iva  e  preveda   alcune  esenzioni  (Irap,  tassa  rifiuti,  bollo  auto...)  anche  alla  luce  delle  indicazioni  dell’Unione  Europea;   ‐  che  Governo  e  forze  politiche  si  facciano  carico  dell’urgenza  di  rivedere,  diminuendole,  le  spese  militari  e   di  aumentare  l’impegno  di  risorse  per  il  welfare;   ‐   che   si   semplifichino   le   pratiche   burocratiche   e   amministrative   che   soffocano   soprattutto   le   piccole   organizzazioni;   ‐  che  si  inserisca  il  parametro  della  reciprocità  nelle  relazioni  con  la  Pubblica  Amministrazione,  per  avere   certezza  dei  finanziamenti  e  dei  tempi  di  erogazione;   ‐   che   si   mettano   a   disposizione   delle   associazioni   strutture,   strumenti,   spazi   urbani,   anche   velocizzando   e   rendendo  più  trasparenti  l’assegnazione  dei  beni  confiscati.   ‐  l’istituzione  del  Registro  delle  Reti  nazionali  di  volontariato  e  la  riforma  dell’Osservatorio  Nazionale.   ‐   che   le   istituzioni   comunitarie   elaborino   un   programma   chiaro   di   promozione   e   sviluppo   del‐   la   cittadinanza  attiva  europea,  anche  in  funzione  della  promozione  del  volontariato;   ‐   che   le   istituzioni   nazionali   ed   europee   riconoscano   e   valorizzino   la   realtà   del   volontariato   internazionale,  quale  strumento  di  promozione  della  pace  e  di  valorizzazione  della  cittadinanza  globale;   ‐   che   il   Governo   si   attivi   affinché   il   servizio   pubblico   radiotelevisivo   presti   maggiore   attenzione   al   volontariato  e  alla  comunicazione  sociale  e  che  venga  attivato  un  canale  ad  esso  dedicato;   ‐   chiediamo   che   i   media   offrano   una   rappresentazione   del   volontariato   e   del   sociale   più   arti‐   colata   e   rispondente  alla  realtà.   Ringraziamo  quei  cittadini  che  tante  volte  ci  hanno  dimostrato  fiducia,  e  chiediamo  loro  un’alleanza  più   forte,  per  cambiare  e  ricostruire  insieme  il  nostro  Paese.  

48

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  


15.7 Compleanno dell’associazione  Down  Lucca     Domenica  14  Ottobre  2012  Associazione  Down  Lucca  ONLUS  ha  festeggiato  la  ricorrenza  del   decennale  della  sua  fondazione  e  la  Giornata  Nazionale  della  Persona  con  Sindrome  di  Down.  

16 Attività Gruppo  Scuola   16.1 Principali  azioni  del  gruppo  nel  2012   State  dell’arte  FAQ  e  diffusione  Vademecum  Scuola:   Per   quanto   riguarda   le   Faq,   entro   maggio   è   stat   conclusa   la   revisione   per   l’invio,   insieme   al   Vademecum,  a  giugno  al  Coordown  per  l’inserimento  nel  sito.  Per  quanto  riguarda  l’aggiornamento  del   Vademecum  da  inserire  sul  sito  del  Coordown,  si  è  proceduto  in  questo  modo:   -­‐  quantificazione  delle  schede  AIPD  dell’avvocato  Nocera  di  quest’ultimo  anno  (  a  cura  AIPD)       -­‐  confronto  con  il  Vademecum  precedente  (a  cura  AIR  down);   -­‐  predisposizione  della  nuova  revisione  grafica(a  cura  CoorDown);   -­‐  verifica  e  controllo  finale  a  cura  Aipd  e  Avv.  Nocera.     Referenti  Scuola  delle  Associazioni:   E’  stata  rivaluta  la  necessità  di  favorire  la  partecipazione  di  nuovi  membri  delle  associazione  al  lavoro   del   gruppo   scuola,   che   nel   momento   storico   attuale,   necessita   di   avere   un   quadro   più   preciso   e   attento   alle   esigenze   territoriali.   Adriano   Tedeschi   ha   inviato   una   lettera   ai   presidenti   delle   associazioni   per   sollecitare   la   nomina   di   un   referente   scuola   nelle   associazioni   aderenti   al   Coordinamento.   A   seguito   dell’’invio,  predisposto  dalla  segreteria  del  Coordown.  Gianni  Lacoppola  ha  contato  telefonicamente  i   presidenti  delle  associazioni.    

 

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  

49


17 Gruppo Lavoro   17.1 Situazione  nel  2012   Il  09  ottobre  2012  è  stata  resa  pubblica  dal  Ministro  del  lavoro  e  delle  politiche  sociali  la  VI  Relazione   sulla  attuazione  della  L.  68/99  “Norme  per  il  diritto  al  lavoro  dei  disabili”:  anni  2010  –  2011.   La  sesta  relazione  al  parlamento,  a  cura  del  Direttore  generale  della  Direzione  generale  per  le  politiche   dei  servizi  per  il  lavoro  del  Ministero  del  lavoro  e  delle  politiche  sociali,  dott.ssa  Grazia  Strano,  è  stata   realizzata  sulla  base  dei  dati  trasmessi  dalle  Regioni  al  Ministero,  ai  sensi  dell’articolo  21  della  legge   68/99,  e  delle  attività  di  indagine  curata  dall’Isfol,  ai  sensi  della  convenzione  Isfol  Ministero,  sullo  stato   di  attuazione  della  presente  legge.   La  Relazione  al  Parlamento  illustra  periodicamente  lo  stato  di  attuazione  della  Legge  12  marzo  1999  n.   68,   “Norme   per   il   diritto   al   lavoro   dei   disabili”.   Questa   VI   edizione   della   Relazione   presenta   i   dati   di   applicazione   dei   dispositivi   di   legge   su   base   nazionale   e   regionale   con   riferimento   al   biennio   2010   e   2011.   realizzata   dall’Isfol   per   il   Ministero   del   Lavoro.   I   risultati   2010-­‐2011   restituiscono   un   dato   confortante:  nonostante  la  crisi  economica  ed  occupazionale  degli  ultimi  anni  gli  avviamenti  al  lavoro   delle  persone  disabili  sono  aumentati,  registrando  rispettivamente  quota  22.360  nel  il  2010  e  22.023   nel  2011.  La  distribuzione  geografica  degli  avviamenti,  però,  sottolinea  l’approfondirsi  del  divario  tra   Mezzogiorno,   dove   si   assiste   ad   un’ulteriore   contrazione,   e   la   restante   parte   del   Paese   che   invece   partecipa  alla  ripresa.  In  particolare  si  conferma  il  peso  maggioritario  rappresentato  dal  Nord-­‐Est  che   raggiunge   nel   2011   il   34%   del   totale   degli   avviamenti,   seguito   dal   Nord-­‐Ovest   (33,1%)   e   dal   Centro   (21,6%).  Fanalino  di  coda  il  Sud  con  il  10,9%.Accanto  all’analisi  d’insieme  nella  sesta  relazione   è  stato   riservato   un   focus   a   due   target   specifici:   gli   extracomunitari   e   le   donne   con   disabilità,   entrambi   beneficiari   della   Legge   68/99.   Riguardo   ai   primi,   si   registra   una   progressiva   crescita   tra   gli   iscritti   agli   elenchi  provinciali  che  passano  dai  7.073  del  2008  agli  11.600  del  2011.  Ovviamente  la  distribuzione   geografica  delle  iscrizioni  riflette  la  dislocazione  territoriale  degli  extracomunitari  che  privilegiano  le   aree   del   NordOvest   e   del   Nord-­‐Est   dove   i   mercati   del   lavoro   sono   più   ricettivi.   Positivi   i   dati   degli   avviamenti   che   nel   biennio   2010-­‐2011   rilevano   un   progressivo   aumento   passando   da   622   (2010)   a   693  (2011).  In  entrambe  le  annualità  un  terzo  degli  avviamenti  riguarda  le  donne.  Quanto  al  secondo   target   bisogna   considerare   l’importanza   ricoperta   dal   collocamento   mirato   che   in   questo   caso   deve   essere  capace  di  coniugare  il  lavoro  con  le  esigenze  specifiche  della  donna  con  disabilità.   Il   tentativo   è   quello   di   evitare   il   fenomeno   della   “discriminazione   multipla”   che   assommerebbe   la   discriminazione  connessa  al  genere  insieme  a  quella  legata  alla  condizione  di  disabilità.  I  dati,  a  questo   proposito,   ci   dicono   che   la   percentuale   di   donne   avviate   nel   biennio   di   riferimento   aumenta   sensibilmente   per   tutte   le   tipologie   ad   eccezione   della   chiamata   numerica.   Sono   8.862   nel   2010   (39,6%)  che  aumentano  a   8.902   (40,4%)   nell’anno   successivo.   Sul   versante   delle   iscrizioni,   invece,   a   fronte   di   una   generale   diminuzione  sia  per  gli  uomini  che  per  le  donne,  nel  2010-­‐2011  si  conferma  l’inferiorità  numerica     delle  iscritte  rispetto  agli  uomini  (382.226  nel  2012,  pari  al  48,7%  e  328.382  nel  2011  pari  al  48,1%).   E’  importante  ricordare  che  nonostante  i  dati  positivi  dell’ultimo  biennio     complessivamente  gli  avviamenti  al  lavoro  degli  uomini  sono  sempre  maggiori  rispetto  a  quelli  delle   donne,  in  tutte  le  aree  geografiche.        

    50  

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  


18 Attività Gruppo  Sport     18.1 Torneo  delle  Regioni             Dal  18  al  21  Ottobre,  si  è  tenta  la  prima  edizione  del  Torneo  delle  Regioni,  manifestazione  di  calcio  a  5   riservata  solo  ed  esclusivamente  ad  atleti  con  sindrome  di  Down  a  cui  il  CoorDown  ha  dato  il   patrocinio  ed  ha  contribuito  all’organizzazione.  Carlo  Tiano,  delegato  per  le  attività  sportive,  ne  ha   seguito  tutte  le  fasi  e  mantenuto  i  contatti  con  le  associazioni  coinvolte.       A  questa  manifestazione  hanno  partecipato  130  tra  atleti  e  staff  in  rappresentanza  di  otto  regioni   italiane:  Piemonte,  Lombardia,  Veneto,  Marche,  Lazio,  Puglia,  Sicilia  e  ovviamente  i  padroni  di  casa   dell'Abruzzo.   Le  gare  si  sono  svolte  presso  il  Palazzetto  dello  Sport  Giovanni  Paolo  II  -­‐  già  sede  dei  Giochi  del   Mediterraneo  2009  –  da    venerdì  pomeriggio  (19  Ottobre)  fino  domenica  mattina  (21  Ottobre).   Ogni  squadra  ha  giocato  un  minimo  di  quattro  partite  in  tre  giorni.  Le  otto  squadre  sono  state  divise  in   due  gironi  da  4:  le  prime  due  di  ogni  girone  si  sono  sfidate  nella  finalissima  mentre  le  seconde  di  ogni   raggruppamento  nella  finalina  terzo  e  quarto  posto.   Alla  Conferenza  stampa  in  Comune  prevista  per  la  mattina  di  venerdì  abbiamo  partecipato  con  una   rappresentanza  del  CoorDown,  cerimonia  di  chiusura  si  è  tenuta  presso  Parco  de  Riseis  (Comitato   Organizzatore  Locale)  il  sabato  alle  ore  20.00.     Importante  manifestazione  perché  è  stata  il  banco  di  prova  per  la  selezione  di  una  rappresentativa   nazionale  FISDIR  che  rappresenterà  l'Italia  nei  prossimi  eventi  internazionali  organizzati  dalla  FIFDS,   la  Federazione  Internazionale  di  Futsal  riservata  ad  atleti  con  sindrome  di  Down.    

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  

51


19 Attività internazionale   19.1 Montenegro     Il   Coordinatore   Nazionale   ha   partecipato   alla   Conferenza   Internazionale   "Improving   the   quality   of   community-­‐based   voluntary   services"   -­‐Hotel   “Crna   Gora”   -­‐   Podgorica,   nei   giorni   25   e   27   Gennaio   2012   con  propri  contributi  nelle  seguenti  sessioni  di  lavoro:     •  Workshop   4  -­‐  Inclusione   sociale   -­‐  esclusione  sociale  /  gruppi  svantaggiati  -­‐  bambini  e  giovani  con   disabilità,  i  popoli  Rom,  senza  fissa  dimora,  vittime  di  violenza.   •  Workshop  5  -­‐  Sviluppo  di  protezione  delle  aree  rurali,  sanitari  e  sociali  degli  anziani,  lo  stile  di  vita   Salute.   •   Workshop   6   -­‐   allo   sviluppo   della   Comunità   /   servizi   di   comunità   in   funzione   di   uno   sviluppo   sostenibile,  turismo,  lavoro  con  i  bambini.                              

19.2 Parigi/1 Parigi  3°  Prix  International  Sisley-­Lejeune     Il  CoorDown  è  stato  invitato  a  presenziare  insieme  con  altre  associazioni  europee  alla  consegna  del  3°   Prix  international  Sisley-­‐Lejeune  al  Prof.  Reeves  a  Parigi  il  22  novembre  2012.  La  partecipazione  a   questo  evento  ha  permesso  a  Elisa  Orlandini,  in  rappresentanza  di  CoorDown,  di  visitare  l’Istituto   Lejeune,  che  svolge  attività  di  ricerca  di  base  e  clinica,  seguendo  dal  punto  di  vista  medico  circa  4000   persone  con  sindrome  di  Down  l’anno.  L’approccio  ai  pazienti  è  multidisciplinare,  personalizzato  e   grande  importanza  riveste  l’azione  di  counseling  familiare.  L’incontro  con  gli  specialisti  dell’Istituto  ha   posto  le  basi  per  una  futura  collaborazione  sia  nella  raccolta  di  dati  epidemiologici  sia  nella   valutazione  di  eventuali  trial  clinici.  La  Fondazione  Lejeune  si  occupa  invece  di  temi  culturali  e  di   finanziare  ricerche  sulla  sindrome  di  Down  in  collaborazione  con  ricercatori  di  tutto  il  mondo.   Nell’incontro  con  rappresentanti  europei  delle  Associazioni  che  di  occupano  di  persone  con  sindrome   di  Down  il  23  novembre  2012  si  sono  affrontati  temi  etici  e  si  sono  poste  le  basi  per  una  comune   campagna  europea  di  comunicazione  in  vista  della  Giornata  Mondiale  2013.    

19.3 Parigi/2 Parigi  Assemblea    EDSA  AGA  PARIS  –  10-­11  Novembre  2012   Dal  9  all’11  novembre  2012  si  è  svolto  l’incontro  annuale  dell’EDSA  a  Parigi:  in  rappresentanza  di   CoorDown  ha  partecipato  Elisa  Orlandini.  Si  festeggiava  il  25°  anniversario  di  EDSA,  che  riunisce  tutte   le  Associazioni  che  si  occupano  di  sindrome  di  Down  in  Europa.  Si  sono  affrontati  temi  riguardanti  self-­‐ advocacy,  gli  sviluppi  della  ricerca  scientifica  e  le  problematiche  etiche  che  le  nuove  tecniche  di   diagnosi  pre-­‐natale  impongono.  Durante  l’Assemblea  Generale  delle  Associazioni  si  sono  apportate   52  

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  


modifiche statutarie  che  permettono  all’EDSA  di  partecipare  e  contribuire  ai  progetti  della  Comunità   Europea  in  tema  di  supporto  e  difesa  dei  diritti  delle  persone  con  disabilità.  Le  diverse  strutture   legislative  nei  paesi  europei  rendono  ancora  complesso  un  affronto  comune  di  molte  problematiche,   anche  se  si  riconosce  da  parte  delle  Associazioni  una  forte  identità  di  vedute  sulle  reali  esigenze  in   tema  di  istruzione,  di  sviluppo  delle  autonomie  personali  e  sociali,  di  integrazione  nel  mondo  del   lavoro  e  di  superamento  di  tutte  le  forme  di  discriminazione.    

20 Programmi/principali progetti  in  corso.   20.1 Progetto  +1.  Dal  Punto  alla  Rete    -­  2012-­2014   Premessa   La   Fondazione   CON   IL   SUD   nei   primi   anni   della   sua   attività   ha   puntato   alla   selezione   ed   al   sostegno   dei   progetti   esemplari   esclusivamente  attraverso  il  meccanismo  dei  Bandi  (o  Inviti)  che  si   riferivano   ad   uno   degli   ambiti   di   intervento   in   cui   si   articola   la   missione  delineata  dallo  Statuto.   Nel   luglio   2010   la   Fondazione   ha   assunto   una   iniziativa   sperimentale   invitando   i   soggetti   interessati   a   presentare   delle   idee   progettuali   senza   alcuna   indicazione   di   ambiti   di   intervento,   “Progetti  Speciali  ed  Innovativi”:  con  questo  invito  potevano  essere   presentate  idee  progettuali  in  forma  molto  sintetica  (e  non  ancora   in   progetto)   da   chiunque   fosse   interessato:   nel   caso   in   cui   l’idea   fosse   stata   ritenuta   coerente   con   la   missione   della   Fondazione,   e   non  riferita  ad  ambiti  di  intervento  tradizionalmente  “coperti”  dai   bandi,  il  Comitato  di  Indirizzo  le  ammetteva  alla  fase  successiva.   Alla   data   del   15   ottobre   2010   sono   pervenute   1.024   idee   progettuali,   e   la   Fondazione   ha   deciso   di   incrementare   la   dotazione   finanziaria,   inizialmente   fissata   in   2.5   milioni,   fino   a   10   milioni   (4   milioni   nel  2011  e  3.5  nel  2012).   L’enorme  bacino  di  idee  alimentato  da  una  simile  iniziativa  ha  offerto  alla  Fondazione  la  possibilità  di   analizzare  quella  che  è  la  richiesta  di  intervento  da  parte  del  territorio,  e  poter  individuare  eventuali   ambiti   tematici   maggiormente   avvertiti   come   rilevanti,   ma   sui   quali   non   era   ancora   stata   prevista   un’apposita  programmazione.     Sulla   scorta   della   sperimentazione   del   primo   Bando,   la   Fondazione   CON   IL   SUD   si   è   rivolta,   con   il   Bando   Sostegno   a   Programmi   e   Reti   di   volontariato,   alle   Organizzazioni   di   Volontariato   che   intendono   accrescere  il  loro  impatto  sociale  sul  territorio  e  sulle  comunità  di  riferimento.   Il   Bando   ha   l’obiettivo   di   sostenere,   da   un   lato,   le   reti   nazionali   che   intendono   rafforzare   la   propria   azione   nel   Mezzogiorno   e,   dall’altro,   altre   reti   che   propongono   Programmi   volti   a   rafforzare   e   sostenere   la   presenza   e   il   ruolo   del   volontariato   nel   Mezzogiorno.   Il   sostegno   al   volontariato   costituisce,   parte   decisiva   della   missione   di   Fondazione   CON   IL   SUD,   come   testimoniato   dalle   numerose   iniziative   sinora   condotte   dalla   Fondazione,   che   hanno   già   visto   la   partecipazione   attiva   delle   Organizzazioni   di   Volontariato.   Con   questa   nuova   iniziativa   si   intende,   pertanto,   rafforzare   ulteriormente  l’impatto  dell’azione  svolta  dalle  Organizzazioni  di  Volontariato  sul  territorio.     Sintesi  dell’intervento   Il  Programma  si  pone  come  obiettivo  generale  di  potenziare  e  rafforzare  le  capacità,  l’operatività,   le  relazioni  delle  associate  CoorDown  del  Mezzogiorno  che  partecipano  al  progetto.     Da  questo  obiettivo  generale  discendono  alcuni  obiettivi  specifici  del  Programma:   BILANCIO  SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  

53


1. Aumentare la   conoscenza   dei   servizi   presenti   e   dei   bisogni   delle   associazioni   coinvolte   nel   progetto,   dei  loro  beneficiari  e  dei  volontari     2. Diffondere   know   how   e   competenze   tecniche   tra   le   associazioni   coinvolte   nel   programma   e   all’interno   delle  famiglie       3. Favorire  il  confronto  e  la  circolazione  di  idee,  esperienze  e  conoscenze  tra  le  associazioni  della  rete  e   nei   confronti   del   territori   di   riferimento,   con   particolare   attenzione   ai   genitori   delle   persone   con   sindrome  di  Down  che  non  fanno  ancora  riferimento  alle  associazioni  partner  del  progetto  o  ad  altre   associazioni  di  uguale  natura   4. Promuovere   azioni   di   tutela   dei   diritti   delle   persone   con   disabilità   e   di   opportunità   di   integrazione   presso  gli  enti  pubblici  territoriali  e  le  aziende  locali.   5. Sensibilizzare  il  territorio  e  la  collettività  rispetto  al  tema  dell’integrazione  delle  persone  con  disabilità   intellettiva,  favorire  l’integrazione  delle  persone  disabili  nel  loro  contesto  di  vita  attivando  risorse  del   territorio,   coinvolgere   nuove   persone   nelle   attività   di   volontariato   delle   associazioni   nei   territori   di   riferimento.   Il  Programma  si  propone  di  raggiungere  gli  obiettivi  identificati  tramite  l’implementazione  di  azioni   di:   1. indagine   tramite   questionario   delle   realtà   delle   associazioni   coinvolte   e   del   loro   contesto   di   riferimento   2. informazione  e  formazione  per  il  personale  e  per  i  volontari  delle  associazioni,  nonché  per  le  famiglie   delle  persone  con  sindrome  di  Down   3. comunicazione   e   condivisione   di   conoscenze   ed   esperienze,   tramite   seminari,   momenti   di   confronto     e   due  convegni  plenari  tra  le  associazioni  partner  del  Programma,  aperti  al  territorio   4. incontri  che  coinvolgano  enti  pubblici  e  aziende  del  territorio   5. incontri   e   iniziative   che   coinvolgano   la   collettività,   organizzati   in   partnership   con   organizzazioni   del   territorio,  in  particolare  organizzazioni  non  profit  e  di  aggregazione  sportive  e  culturali.     Per  quanto  riguarda  le  modalità  di  coordinamento  e  comunicazione  tra  i  partner  di  progetto,   particolare  importanza  verrà  data  all’utilizzo  dell’Area  Riservata  del  sito  internet  di  CoorDown.   Obiettivi  e  strategie  di  intervento   Potenziare  e  rafforzare  le  capacità,  l’operatività,  le  relazioni  delle  associate  CoorDown  del  Sud   Italia  che  partecipano  al  progetto,  sia  all’interno,  sia  all’esterno  della  propria  rete.   Il  raggiungimento  di  questo  obiettivo  è  funzionale  ad  un  globale  miglioramento  della  situazione  delle   associate  CoorDown  del  Sud  Italia,  nelle  relazioni  tra  di  loro,  con  il  Coordinamento  Nazionale,  con  le   altre  organizzazioni  e  istituzioni  del  territorio,  per  poter  migliorare  la  propria  azione  a  tutela  dei   diritti  delle  persone  con  disabilità  intellettiva  e  a  sostegno  delle  famiglie  di  persone  con   sindrome  di  Down  nei  territori  del  Sud  Italia  di  riferimento.  

54

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  


21 Progetto C+1  Entertainment  -­  2012-­2103   ACCESSIBILITA’   PARCHI   DI   DIVERTIMENTO   DA   PARTE   DI   PERSONE   CON   SPECIALI   NECESSITA’   -­‐   PROGETTO  PILOTA  REALIZZATO    N  COOPROGETTAZIONE   Negli   ultimi   anni   -­‐   con   riferimento   a   statistiche   non   ufficiali   -­‐   sembrerebbe   avere   avuto   un   lieve   incremento   il   numero   di   incidenti   all’interno   dei   parchi   di   divertimento   che   hanno   portato   a   percepire   queste   strutture   come   un   luogo   potenzialmente   pericoloso   ed   in   alcuni   casi   si   è   dovuto   ricorrere   ad   interventi   sanitari.   Allo   stesso   modo   sono   aumentati  anche  gli  episodi  di  presunta  “discriminazione”  nei   confronti   dei   soggetti   con   speciali   necessità,   che   si   sono   visti   rifiutare   l’accesso   ad   alcune   attrazioni,   sulla   base   di   una   “generica   e   supposta   pericolosità   legata   alla   disabilità,   sia   di   tipo   fisico   che   mentale”.   Particolarmente   discriminati   in   queste  situazioni  sono  risultati  i  soggetti  portatori  di  sindrome     di   Down   che,   se   pur   responsabili   di   sé   dal   punto   di   vista   giuridico,   hanno   avuto   negato   l’accesso   a   molte   attrazioni   .   Sembra   chiaro   che   la   possibilità   di   individuare   immediatamente   questo   tipo   di   disabilità,   legata   alla   facies   tipica   dei   soggetti   con   sindrome   di   Down   li   espone,   più   di   altre   persone   con   speciali   necessità   a   sgradevoli   ed   ingiustificati   episodi  di  discriminazione.   Il   presente   progetto   vuole   quindi   affrontare   in   maniera   sistematica   e   corretta,   sia   dal   punto   di   vista   scientifico  che  da  quello  tecnico,  tali  problematiche  con  lo  scopo  di  migliorare  l’accessibilità  ai  parchi   di   divertimento,   anche   dal   punto   di   vista   della   piena   e   consapevole   fruibilità   nel   rispetto   dei   diritti   delle   persone   diversamente   abili,   delle   norme   di   sicurezza   e   della   legislazione   vigente.   In   questo   modo   ci   si   propone   un   intervento   ampiamente   integrativo   e   nell’ambito   delle   pari   opportunità,   che   consente   a  chiunque,  a  prescindere  da  eventuali  disabilità,  di  poter  fruire  in  sicurezza  dei  parchi  di  divertimento   nel   miglior   modo   ragionevolmente   possibile,   nel   rispetto   di   quanto   previsto   dall’ONU   relativamente   al   diritto  di  ciascuno  a  non  essere  discriminato.   OBIETTIVI  DEL  PROGETTO   L’obiettivo   del   progetto   è   di   arrivare   alla   stesura   di   linee   guida   condivise   a   livello   nazionale   ed   espanderle   a   livello   internazionale   affinché   le   persone   con   speciali   necessità   possano   fruire   delle   attrazioni   dei   parchi   divertimento,   con   la   massima   sicurezza   ed   autonomia   ragionevolmente   possibile.   Fine   ultimo   è   di   evitare   episodi   di   “discriminazione”   e   stigma   nei   confronti   di   soggetti   con   disabilità,   tanto  di  tipo  fisico  che  psichico.   Il   progetto   ha   anche   una   ricaduta   nel   settore   dell’industria   di   riferimento,   il   cui   obiettivo   è   di   avere   delle   basi   scientifiche   per   sviluppare   la   Valutazione   del   Rischio   e   migliorare   in   sicurezza   l’accessibilità   sia  delle  attrazioni  che  dei  parchi  di  divertimento.   Enti  Partecipanti:   Istituto  Superiore  di  Sanità  Roma     Ospedale  Pediatrico  Bambin  Gesù  Roma   BILANCIO  SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  

55


ANCASVI Associazione   Nazionale   Costruttori   Attrezzature   Spettacoli   Viaggianti   ANESV   Associazione   Nazionale  Esercenti  Spettacoli  Viaggianti  Consorzio  C.A.S.A.  Consorzio  Fun  Italian  Export   COORDOWN  Coordinamento  Nazionale  Associazioni  persone  con  sindrome  di  Down  EAASI  European   Association   Amusement   Supplier   Industry  IAAPA   Europe   –   International   Association   of   Amusement   Parks  and  Attractions  –  Brussels  Pianeta  Down   Parco  di  divertimento  permanente  Minitalia  Leolandia  (Bergamo)  Parco  di  divertimento  permanente   Miragica  (Bari)   Responsabile   Scientifico   del   Progetto:   Prof.   Stefano   Vicari,   Neuropsichiatria   infantile   Ospedale   Bambin   Gesù  Roma   Responsabile   Tecnico   del   Progetto:   P.I.   Gianni   Chiari   -­‐   Segretario   tecnico   di   ANCASVI   e   segretario   Tecnico  Operativo  di  EAASI.  Membro  Italiano  del  Comitato  -­‐  Tecnico  Europeo  CEN/TC  152  e  di  quello   Internazionale  ISO/TC  254.  

21.1 Indicatori di  qualità  oggettiva  dell’attività  svolta   MODALITA’  DI  ATTUAZIONE   Costituzione   di   un   Board   medico-­‐scientifico   formato   da   personalità   di   particolare   e   comprovata   esperienza   nel   campo   della   disabilità   sia   fisica   che   psichica,   che   opererà   sia   sulla   revisione   della   letteratura   scientifica   esistente,   sia   nella   formulazione   della   metodologia   del   programma   sperimentale   sulla  cui  base  saranno  poi  redatte  le  Linee  Guida.  

21.2 Scheda del  profilo  dei  partecipanti   Board  medico-­scientifico:   Prof.  Stefano  Vicari,  specialista  in  neuropsichiatra  infantile,  Ospedale  Bambino  Gesù  Roma   Dott.ssa  Francesca  Cirulli,  Primo  ricercatore  in  Neuroscienze,  Istituto  Superiore  di  Sanità  ,  Roma   Dott.ssa  Stefania  Cerino,  psichiatra,  Roma   Dott.  Francesco  Manfredi,  specialista  in  Ortopedia  e  Fisiatria,  Ospedale  Giovanni  XXIII,  Policlinico  di   Bari,  Presidente  Consorzio  C.A.S.A,  Bari   Prof.ssa  Antonella  Piccotti,  docente  Corso  di  Laurea  in  Scienze  Motorie  e  Sportive,  Facoltà  di  Medicina   e  Chirurgia  -­‐  Università  degli  Studi  di  Perugia     l  Board  giuridico-­legale:     Dott.  Aldo  Aceto,  Presidente  Associazione  Pianeta  Down,  Magistrato     Avv.  Giorgio  Caramori,  Legale  di  riferimento  di  ANCASVI  e  di  primari  Parchi  di  divertimento     Dott.  Maurizio  Crisanti  -­‐  Segretario  Nazionale  ANESV     Avv.  Licia  Giannini,  legale  del  Parco  Minitalia  Leolandia     Avv.  Luigi  Porrà  specializzato  in  diritto  e  procedura  civile  Tribunale  per  i  minorenni.     Esperti  con  funzioni  consultive:     Anna  Contardi,  CoorDown  Onlus,  Roma     Andrea  Gasperoni,  Direttore  Operativo  Rainbow  Magicland  -­‐Roma     Guido  Giovanelli  Responsabile  Sicurezza  Dipendenti  e  Visitatori  Minitalia  Leolandia  Park  BG     56  

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  


Sergio Silvestre,  Coordinatore  Nazionale  CoorDown     Ing.  Duilio  Spolador  Direttore  Tecnico  AlfaPark  (Rainbow  Magicland  -­‐Roma  e  Miragica  –  Molfetta)   Roberto  Vitali,  consulente  INAIL,  referente  tecnico  per  il  settore  Turismo  nella  FISH  (Federazione   Italiana  Superamento  Handicap),  Presidente  di  Village  for  all  –  V4A  

21.3 Modalità di  copertura  dei  costi  dell’attività   Finanziamento  tramite  partecipazione  a  bando    

21.4 Soggetto finanziatore  del  Progetto   Provincia  di  Reggio  Emila  

21.5 Soggetto capofila  titolare  del  finanziamento  

Via  Cocchi,19  –  42100  Reggio  Emilia    

21.6 Fasi  di  realizzazione   Entro  dicembre  2012  stesura  del  progetto  e  adesione  dei  soggetti  partner.  Avvio  sperimentazione  e   conclusione  entro  il  2013.  

21.7 Valore complessivo  di  spesa  /Totale  dei  budget  disponibile   €.30.000,00  

22 Diritti umani/Azioni  di  tutela  legale/  Class  Action   22.1 Intervento  adesivo  causa  Aceto/Gardaland   Il  giorno  3  marzo  2012  l’Assemblea  del  CoorDown  ha  deliberato  l’attivazione  di  una  procedura  legale   denominata   “azione   di   classe”   per   difendere   il   diritto   delle   persone   con   sindrome   di   Down   alla   correttezza,  trasparenza  ed  equità  nei  rapporti  contrattuali  concernenti  beni  e  servizi  e  quindi  il  loro   diritto  a  poter  accedere,  come  la  generalità  dei  consumatori-­‐utenti,  alle  attrazioni  presenti  in  uno  dei   maggiori  Parchi  Divertimenti  d’Italia.   Le   restrizioni   presenti   nel   regolamento   del   parco   limitano   genericamente   l’accesso   a   numerosissime   giostre  ed  attrazioni  alle  “persone  con  disabilità  intellettiva”.     Ciascuna   singola   limitazione   peraltro   avviene   attraverso   informazioni   simboliche   poco   chiare   e   poco   comprensibili  nel  momento  in  cui  si  accede  al  Parco.   Inoltre,   di   fatto,   la   restrizione   nei   confronti   delle   persone   con   disabilità   intellettiva   viene   attuata   a   priori     prevalentemente   nei   confronti   delle   persone   con   la   sindrome   di   Down   e   principalmente   per   i   loro  tratti  somatici,  senza  una  qualsivoglia  analisi  della  loro  capacità  di  relazione  ed  interazione  con  il   gioco  e/o  l’attrazione.   In   data   12   giugno   2012   lo   studio   legale   Vivani&Marson   per   il   tramite   degli   Avv.   Manuela   Pessano   e   Avv.  Katia  Marras,  su  incarico  di  CoorDown  ha  depositato  presso  il  Tribunale  di  Verona,  l’Intervento   adesivo  alla  causa  promossa  dai  Signori  Francesca  del  Villano  Aceto  e  Aldo  Aceto  contro  la  Spettabile   Gardaland  S.r.l.  

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  

57


23 Denuncia  alla  Procura  di  Torino     Il  CoorDown  denuncia  gli  organizzatori  della  manifestazione  benefica  “Un  gol  per  amore”:  mancano   38mila  euro  destinati  alle  associazioni.   Parte  dell’incasso  della  partita  di  calcio  benefica  organizzata  a  Torino  lo  scorso  16  maggio  non  è  stato   mai  versato  alle  associazioni  di  volontariato  a  cui  era  destinato.  L’organizzatore,  nonostante  le  diffide  e   le  sollecitazioni,  non  restituisce  i  soldi.   Il  CoorDown  ha  depositato  il  20  ottobre  2012  una  denuncia  nei  confronti  di  Marco  Casula,  titolare  di   MC  Production  e  organizzatore  dell’evento  di  beneficienza  a  favore  di  CoorDown  e  di  altre  associazioni   del  territorio,  per  appropriazione  indebita  della  somma  di  €.  38.640,00.  La  società  MC  Production  ha   avuto   la   competenza   esclusiva   nella   gestione   economica   e   finanziaria   dell’evento   avendo   nelle   sue   disponibilità   parte   dei   proventi   derivanti   dalla   vendita   dei   biglietti   ma,   contrariamente   a   quanto   espressamente   previsto,   non   ha   versato   nei   termini   tutte   le   somme   incassate.   In   un   incontro   tra   le   parti  in  data  11  luglio  2012  il  legale  rappresentante  di  Mc  Production  ammetteva  di  avere  “trattenuto”   le  somme  derivate  dalla  vendita  dei  biglietti  e  sottoscriveva  una  dichiarazione  riconoscendosi  debitore   nei   confronti   di   CoorDown,   impegnandosi   contestualmente   a   restituire   quanto   prima   le   somme   indebitamente  detenute,  sulla  base  di  un  piano  di  rientro  con  scadenze  specificatamente  indicate.  Alle   scadenze   concordate   nessuna   somma   è   stata   versata   e   dopo   numerose   sollecitazioni,   la   promessa   di   restituzione  dei  soldi  è  ad  oggi  completamente  disattesa.   Il  CoorDown  è  stato  dunque  costretto  a  denunciare  l’accaduto  alla  Procura  della  Repubblica  di  Torino   nella  speranza  che  possa  vedersi  restituita  la  somma  sottratta  e  che  in  futuro  nessun  altra  associazione   possa  essere  vittima  di  simili  raggiri.  

58

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  


PARTE 4:  RISULTATI  ECONOMICI  ED   AMBIENTALI   24 Risultati  economici   24.1 Nota  integrativa     Principi  di  redazione  del  bilancio  -­  Criteri  di  valutazione   Ad  eccezione  delle  società  coop.  e  delle  coop.sociali  la  ONLUS  –  a  pena  di  decadenza  dai  benefici  fiscali   deve  ottemperare  ai  seguenti  obblighi  di  contabilità  e  rendicontazione:     − − − −

− −

art.20-­‐bis, co.1  lett.a)  DPR  n.600/73  scritture  contabili  e  redazione  di  documento  con  Sit.   Patrimoniale,  Conto  economico  e  Situazione  Finanziaria  per  attività  complessive  delle  ONLUS   (e  obblighi  assolti  al  co.2);       art.  20-­‐bis,  co.  1  lett.  b)  DPR  n.  600/73  (scritture  contabili  artt.  14,  15,  16  e  18),  incluso   l’inventario  e  il  bilancio  per  le  attività  commerciali  e  connesse);     art.20-­‐bis,  co.3,  rendiconto  entrate  e  spese  complessive  (anche  per  ONLUS  di  diritto  di  cui  al   co.4).     art.20-­bis  co.4  DPR  n.600/73):    Onlus  ex  lege  (di  diritto),  quali  enti  di  volontariato  (art.3   co.3  L.  n.266/91  obbligo  di  formazione  del  “bilancio”  dal  quale  devono  risultare  i  beni  i   contributi  o  i  lasciti  ricevuti,  nonché  le  modalità  di  approvazione  delo  stesso  da  parte   dell’assemblea  degli  aderenti)  e  organizzazioni  non  governative,  tranne  le  cooperative   sociali.      Possono  tenere  in  deroga:  -­  rendiconto  (scritture  e  documento  finale)  entrate  e   spese  “semplificato”  -­  nei  termini  e  modi  art.20,  co.2  DPR  n.600/73  -­  conservato  ai  sensi   dell’art.22  DPR  n.600/73.   art.143  co.3  lett.a)  TUIR  per  il  rinvio  dell’art.26  Dlgs  n.460/1997,  redazione  di  separato   rendiconto  e  relazione  illustrativa  per  raccolta  pubblica  di  fondi;     art.14  DL  n.35  del  14/3/2005  scritture  e  bilancio  condizioni  per  dedurre  liberalità  in  caso  di   erogazioni  liberali.  

Con riferimento  allo  Stato  Patrimoniale,  sono  stati  applicati  i  criteri  di  seguito  descritti.   Le  Immobilizzazioni  materiali  e  immateriali  sono  iscritte  al  costo  di  acquisto,  eventualmente   incrementato  per  gli  oneri  accessori  di  manutenzione,  e  sono  ammortizzate  laddove  le  stesse  risultino   essere  strumentali  all’attività  di  funzionamento,  in  relazione  alle  residue  possibilità  di  utilizzazione  dei   beni.   Le  Attività  finanziarie  immobilizzate  quotate/non  quotate  sono  iscritte  al  costo  di  acquisto  e  le   svalutazioni  vengono  effettuate  unicamente  in  presenza  di  perdite  di  valore  considerate  durevoli.  Il   valore  originario  viene  ripristinato  negli  esercizi  successivi  se  vengono  meno  i  motivi  della   svalutazione.   I  Crediti  sono  iscritti  al  valore  di  presumibile  realizzo.  Con  riferimento  ai  crediti  verso  la  Fondazione   per  il  Sud  è  stata  contabilizzata  per  competenza,  si  è  deciso  di  adottare,  a  partire  dal  2012,  il  criterio  di   cassa  iscrivendo  quindi  solo  i  contributi  effettivamente  utilizzati  entro  la  data  di  redazione  della  bozza   di  bilancio.   Le  Attività  finanziarie  che  non  costituiscono  immobilizzazioni  quotate/non  quotate  sono  valutate   al  costo  d’acquisto.     BILANCIO  SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  

59


Portafoglio in  deposito  amministrato   Il  portafoglio  si  compone  di  un  BTP  Inflation  Linked  presso  la  BCC  Pordenonese,  per  un  valore   nominale  di  €.10.000,00  e  un  valore  di  bilancio  di  €  9.507,90(*)  .  Nel  corso  dell’esercizio  son  maturati   interessi  pari  €.373,04.   (*)  I  costo  di  acquisto  dei  titoli  è  comprensivo  del  disaggio  di  emissione,  commissioni  e  spese  ove  presenti.  

Le Disponibilità  liquide  sono  rappresentate  dai  saldi  dei  conti  correnti  bancari  e  dalle  giacenze  di   cassa  e  sono  iscritte  al  valore  nominale.   I  Ratei  e  risconti  sono  calcolati  secondo  il  principio  della  competenza  temporale.   I  Debiti  sono  iscritti  al  valore  nominale.  Il  Patrimonio  netto  è  composto  dal  Fondo  di  dotazione,  dalle   riserve  e  dall’avanzo  (disavanzo  residuo)  dell’esercizio.   I  Fondi  rischi  su  cediti  e  Fondo  spese  Class  Action  sono  destinati  soltanto  a  coprire  perdite,  oneri  o   debiti  di  natura  determinata  e  di  esistenza  certa  o  probabile,  dei  quali  tuttavia,  alla  chiusura   dell’esercizio,  sono  indeterminati  o  l’ammontare  o  la  data  di  sopravvenienza.  Si  tratta  di  oneri   “qualitativamente  determinati”,  ovvero  specifici,  cioè  inerenti  a  particolari  decisioni,  operazioni  o   programmi  posti  in  essere  dall’Associazione  e  relativi  a  iniziative  in  corso  alla  data  di  chiusura   dell’esercizio,  di  competenza  economica  dell’esercizio  in  cui  vengono  contabilizzate.   Il  Trattamento  di  fine  rapporto  è  calcolato  nel  rispetto  dell’art.  2120  del  Codice  Civile.   I  Debiti  vengono  iscritte  al  valore  nominale;  la  voce  concerne  le  somme  contabilizzate    da  liquidare,   corrispondenti  a  specifici  beneficiari.   I  Debiti  verso  fornitori    e  fatture  da  ricevere  si  riferiscono  al  valore  nominale  dei  beni  e  servizi  già   acquistati  o  ricevuti,  ma  per  i  quali  non  è  ancora  pervenuta,  dai  rispettivi  fornitori,  la  relativa  fattura.   I  Debiti  verso  personale  si  riferiscono  al  calcolo  dello  stipendio  maturato  alla  data  del  31.12.2012.   I  Debiti  verso  fogli  missione  si  riferiscono  ai  rimborsi  spese  del  Comitato  di  gestione  del  quarto   trimestre  2012  non  ancora  liquidati.   I  Debiti  INAIL,  IRAP,  INPS  ,Rit.  Lav.  Autonomi    e  Dipendenti,  sono  di  competenza  dell’esercizio   2012,  ma  che  verranno  versati  nel  trimestre  e  nel  mese  di  giugno  2013.   I  Debiti  verso  carta  di  credito  si  riferiscono  ai  costi  relativi  alla  carta  di  credito  aziendale,  di   competenza  dell’esercizio  2012,  che  verranno  addebitati  sul  conto  corrente  nel  mese  di  gennaio  2013.   Con  riferimento  al  Conto  Economico,  sono  stati  applicati  i  criteri  di  seguito  descritti.  Gli  Interessi  e  i   proventi  sui  quali  sia  stata  applicata  una  ritenuta  a  titolo  d’imposta  o  un’imposta  sostitutiva,  sono   riportati  nel  conto  economico  al  netto  delle  imposte.   I  Proventi  (da  attività  tipiche  o  da  donazioni  e  raccolta  fondi)  sono  di  competenza  dell’esercizio  in  cui   vengono  incassati.   I  Costi  sono  valutati  rispettando  il  principio  della  competenza  temporale.   I  Compensi  per  servizi  e  Ufficio  stampa  riguardano  per  €.  16.869.50  prestazioni  professionali  e  per   €.  3.823,60  acquisto  di  servizi  stampa.   Nelle  spese  di  rappresentanza  e  istituzionali  sono  compresi  prevalentemente  i  costi  sostenuti  per  i   rimborsi  spese    agli  organi  che  hanno  partecipato  a  attività  istituzionali  in  Italia  e  all’Estero    oltre  alle   attività  in  partnership  realizzate  in  occasione  della  manifestazione    “Torneo  delle  Regioni”  pari  a   €.1.499,99.     60  

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  


Nelle spese  relative  a  Consulenze  professionali  sono  compresi  i  compensi  relativi  alla  tenuta  della   contabilità,  gestione  paghe,  compenso  responsabile  RSPP,  supporto  occasionale  organizzazione  GNPD.     Alla  voce  perdite  su  crediti  sono  contemplate:  il  mancato  versamento  delle  quote  sociali  di  n.  2   associazioni  entro  l’anno  solare  di  competenza    (  AIPD  sez.  Matera  e  AIPD  Sez.  Avellino  che  sono  state   quindi    dichiarate  decadute)  ed  è  stato  definitivamente  stornato  un  credito    inesigibile  relativo   all’associazione  Futuro  Down  di  Benevento  non  più  socia.   La  voce  sopravvenienze  passive  si  riferisce  a  debiti  intervenuti  nell’esercizio  che  non  erano  stati   precedentemente  contabilizzati  o  per  rilevazioni  effettuate  erroneamente.     Alla  voce  IRAP  viene  indicato  l’accantonamento  effettuato  in  previsione  degli  oneri  relativi   all’esercizio  in  chiusura.  L’imposta,  disciplinata  dal  D.Lgs  del  15  dicembre  1997  n.  446,  viene   determinata  secondo  il  sistema  cosiddetto  “retributivo”  e  viene  calcolata  sulla  base  imponibile   costituita  dalle  seguenti  voci:   1)    retribuzioni  spettanti  al  personale  dipendente;     2)    redditi  assimilati  a  quelli  di  lavoro  dipendente  di  cui  all’art.  50  del  Testo  Unico  delle  Imposte  sui   Redditi;     3)  compensi  erogati  per  i  rapporti  di  collaborazione  coordinata  e  continuativa  o  collaborazione  a   progetto  di  cui  all’  art.  50  c-­‐bis  del  Testo  Unico  delle  Imposte  sui  Redditi;     4)  compensi  erogati  per  attività  di  lavoro  autonomo  non  esercitate  abitualmente  di  cui  all’art.  53  del   Testo  Unico  delle  imposte  sui  redditi.      

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  

61


24.2 Rendiconto Economico   ONERI ISTITUZIONALI

2012

2011

1) Oneri da attività tipiche 1.1 Acquisto prodotti e trasporto G.N.P.D.

€ 69.524,21

€ 89.808,67

1.2 Compenso servizi e ufficio stampa

€ 20.693,10

€ 22.830,80

1.3 Spazi pubbl. e serv. Comunc. G.N.P.D.

€ 26.899,57

€ 35.115,10

1.4 Spese assemblea nazionale

€ 10.024,45

1.587,77

€ 2.307,18

€ 1.199,63

€ 381,15

€ 295,40

€ 1.233,60

€ 3.070,91

1.8 Spese Conv. Ins. Lav

€ 185,50

€ 12.597,75

1.9 Rimb. Spese Oss. ISFOL

€ 556,51

€ 515,21

1.10 Spese incontri Comitato

€ 8.819,09

€ 7.220,78

€ 10.218,95

€ 11.074,22

1.5 Cancelleria 1.6 Assistenza tecnica 1.7 Rimb. Spese Gruppo Scuola

1.11 Spese WDSD 1.13 Spese Un goal per Amore

€ 5.636,89

1.14 Spese Fondazione per il Sud a progetto

€ 3.366,35

1.15 Spese progettazione bando Fondadine per il Sud

€ 3.502,62

1.16 Retribuzione Dip. Quota FxS

€. 1.682,03 Totale

165.031,20

185.316,24

€ 11.884,63

€ 7.482,48

€-

€ 7.975,09

€ 11.884,63

€ 15.457,57

€ 815,00

€ 472,00

€ 12.142,10

€ 12.783,01

€ 3.953,67

€ 3.613,53

3.4 TFR

€ 999,70

€ 917,45

3.5 Fondo Est

€ 106,00

€ 70,00

€ 18.016,47

€ 17.855,99

€ 3.467,37

€ 2.282,64

2) Oneri promozionale e di raccolta fondi 2.1 Spese rappr. e prom. 2.2 Spese campagna 5xmille Totale 3) Oneri del personale e prestazioni di terzi 3.1 Irap 3.2 Retribuzione dipendente 3.3 Oneri sociali

Totale 4 ) Oneri istituzionali 5) Oneri diver. di gestione 5.1 Telefonia 5.2 Consulenze Legali 5.2.1 Spese legali Class Action 5.2.2 Spese legali Un goal per Amore 5.3 Consulenze professionali

€ 252,24 € 4.625,98

€ 4.597,96

5.4 Varie

€ 428,41

€ 627,87

5.5 Polizze assicurative

€ 655,62

€ 306,07

5.6 Spese gestione sito

€ 36,30

€ 300,00

€ 276,49

€ 1.365,86

5.7 Spese postali

62

€ 2.573,55

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  


5.8 Perdite su crediti

€ 1.021,50

€ 450,00

€ 13.337,46

€ 9.930,40

6.1 Quota ammort.attrezz. Elettroniche

€ 699,32

€ 1.442,49

6.3 Quota ammort. Software

€ 926,17

€ 926,17

€ 1.625,49

€ 2.368,66

€ 527,45

€ 537,61

€ 527,45

€ 537,61

€ 698,66

€ 578,60

€ 698,66

€ 578,60

Totale 6) Quote ammort. Periodo

Totale 7) Oneri finanziari e patrimoniali 7.1 commissioni e spese c/c Totale 8) Oneri straordinari 8.1 Sopravvenienze passive Totale 9) Rimanenze Iniziali 9.1 Rimanenze Cioccolate

€ 1.200,00

9.2 Rimanenze Mater. Inform. E Stamp. Totale TOTALE ONERI

€ 600,00 € 1.800,00 € 212.921,36

€ 232.045,07

- € 3.504,08

€ 3.736,24

€ 209.417,28

€ 235.781,31

AVANZO/DISAVANZO GESTIONE TOTALE

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  

63


PROVENTI ISTITUZIONALI

2012

2011

1) Proventi da attività tipiche 1.1 Contributo giornata naz

€ 147.313,74

1.2 Contributo Spese assemblea

€ 175.317,60

€ 8.296,00

1.3 Contributo vademecum s. 1.4 Quote sociali

€ 392,50

€ 821,50

€ 13.175,00

€ 13.000,00

1.5 Contributo Spese Conv. Ins. Lav.

€ 11.303,00

1.6 Contributo Fisdir WDSD

€ 7.860,00

1.7 Contributo FxS

€ 3.366,35 Totale

€ 172.543,59

€ 208.302,10

€ 25,00

€ 671,68

2) Proventi da donazioni e raccolta fondi 2.1 Oblazioni 2.2 Donazioni 5 per mille

€ 3.787,45

2.3 Donazioni clienti Deichman 2.4 Donazioni Deichmann

€ 5.433,00

€ 5.410,00

€ 10.558,93

€ 19.429,26

2.5 Donazioni Fisdir

€ 2.000,00

2.6 Donazioni CIP

€ 8.000,00

2.7 Donazioni per spese Class Action

€ 250,80

2.8 Raccolta fondi Un Goal per Amore

€ 3.640,29

2.9 Rimborso spese Un Goal per Amore

€ 2.770,08

Totale

€ 36.465,55

€ 25.510,94

€ 408,14

€ 168,27

€ 408,14

€ 168,27

4) Proventi finanziari e patrimoniali 4.1 Interessi attivi Totale 5) Proventi straordinari 5.1 Sopravvenienze attive 6) Rimanenze di magazzino 6.1 Rimanenze Cioccolate

€ 1.200,00

6.2 Rim. Mater. Inform. E Stamp

€ 600,00 Totale

TOTALE PROVENTI

€ 1.800,00 € 209.417,28

€ 235.781,31

€ 209.417,28

€ 235.781,31

AVANZO/DISAVANZO GESTIONE TOTALE

64

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  


24.3 Rendiconto Patrimoniale   RENDICONTO  PATRIMONIALE  AL  31/12/2012   ATTIVO ANNO 2012

ANNO 2011

A) CREDITI VERSO ASSOCIATI 1) Quote TOTALE

€ 600,00

€ 450,00

€ 600,00

€ 450,00

I - Immobilizzazioni Immateriali 1) Software - F.do amm.to Software TOTALE II - Immobilizzazioni materiali Attrezzature Elettroniche - F.do Amm.to Attrezzature Elettroniche TOTALE

€ 1.852,34

€ 1.852,34

-€ 1.852,34

-€ 926,17

€-

€ 926,17

7.553,07 -5.707,85

7.292,36 -5.008,53

1.845,22

2.283,83

III - Immobilizzazioni finanziarie, con separata indicazione, per ciascuna voce dei crediti, degli importi esigibili entro l'esercizio successivo: TOTALE

1.845,22

3.210,00

€ 13.121,00

€ 9.394,20

€ 13,88

€ 3,58

II - Crediti, con separata indicazione per ciscuna voce, degli importi esigibili entro l'esercizio successivo 1) Credito per contributo specifico v/associate 2) Credito 5 per mille 3) Credito acconto irap 4) Credito per ritenute su int 5) Anticipo a fornitori 6) Credito per iniziativa Un Goal per Amore 7) Credito per Progetto Fondazione per il Sud TOTALE

€ 6.410,37 € 97.985,50 € 117.530,75

€ 9.397,78

€-

€ 1.800,00

€-

€ 1.800,00

€ 9.507,90

€ 9.507,90

€ 9.507,90

€ 9.507,90

V - Disponibilità liquide 1) Banco Posta n. 65019275

€ 820,07

€ 3.761,82

2) Denaro e valori in cassa

€ 532,85

€ 164,36

3) Banca BCC Pordenonese

€ 20.105,32

€ 29.808,40

3) Banca BCC Pordenonese FxS

€ 42.025,33

III - Rimanenze finali TOTALE IV - Attività finanziarie che non costituiscono immobilizzazioni 1)TITOLI TOTALE

TOTALE D) RATEI E RISCONTI ATTIVI

€ 63.483,57

€ 33.734,58

176,70

175,54 BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  

65


TOTALE ATTIVO

€ 193.144,14

€ 58.275,80

I - Patrimonio Libero 1) Capitale netto

€ 36.793,19

€ 41.056,95

2) Risultato gestionale esercizio in corso

-€ 3.504,08

€ 3.736,24

€ 33.289,11

€ 44.793,19

PASSIVO A) PATRIMONIO NETTO

TOTALE II - Fondo di dotazione dell'ente 1) Progetto Fondaz. Per il Sud TOTALE

B) FONDI RISCHI I - Fondi rischi su crediti II - Fondi spese per Class Action TOTALE C) TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO 1) Fondo tfr TOTALE

€ 136.614,65 € 136.614,65

€-

€ 450,00 € 8.000,00

€ 450,00

€ 8.450,00

€ 450,00

3.279,78

2.294,27

3.279,78

2.294,27

-€ 1.559,62

€ 1.624,19

€ 733,00

€ 697,00

€ 787,82

€ 693,93

€ 2.322,98

€ 930,38

D) DEBITI, CON SEPARATA INDICAZIONE DEGLI IMPORTI ESIGIBILI ENTRO L'ESERCIZIO SUCCESSIVO 1) Debiti verso Fornitori 2) Debito verso personale 3)Debito verso Inps 4) Debiti.Rit Lav. Autonomi 5) Debiti Rit Dip 6) Fatture da ricevere 7) Debiti v/Inail

330,69 € 3.172,08

€ 4,60

€ 62,29

8) Carta di credito in attesa di addebito

€ 966,84

€ 327,84

9) Debiti diversi

€ 680,70

€ 1.949,51

10) Debito per Irap

€ 423,37

€ 288,00

11) Fogli missione da rimborsare TOTALE TOTALE PASSIVO

66

427,76 € 5.962,03

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  

761,11

662,43

€ 11.510,59

€ 10.738,34

€ 193.144,13

€ 58.275,80


24.4 Rapporto tra  fonti  dei  proventi    

Proventi da  donazioni  e  raccolta  fondi   PROVENTI  ISTITUZIONALI  

17%

83%

 

24.5 Provenienza e  peso  specifico  delle  fonti  dei  ricavi  e  dei  proventi   istituzionali    

Contributo Spese   assemblea     5%  

Contributo vademecum   0%  

Quote sociali   8%  

Contributo Fond.  per   il  Sud   2%  

Contributo giornata   nazionale   85%  

   

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  

67


24.6 Soggetti che  contribuiscono  alla  determinazione  del  totale  dei  proventi  da   donazioni  e  raccolta  fondi     2.9  Rimborso  spese   Un  Goal  per  Amore   10%  

2.8 Raccolta  fondi   Un  Goal  per  Amore   13%  

2.4 Donazioni   Deichmann   39%  

2.7 Donazioni  per   spese  Class  Action   1%   2.6  Donazioni  CIP   30%  

2.5 Donazioni  Fisdir   7%  

 

68

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  


25 Nota integrativa  raccolta  fondi  “Un  Goal  per  Amore”  e  relativa   ripartizione  tra  i  partecipanti.   25.1 Criterio  di  selezione  dei  beneficiari     Le  proposte  di  riparto  proposte  inizialmente  dall’organizzazione  prevedevano  una  suddivisione,  al  netto  delle   spese  organizzative  e  SIAE,  per  il  20%  a    favore  del  CoorDown  e  per  l’80%  a  favore  delle  altre  associazioni   coinvolte  oppure,  qualora  il  CoorDown  si  fossa  fatta  carico  dei  costi  logistici  (alloggio  personale  organizzazione  e   predisposizione  ufficio  operativo  con  postazioni  PC),  la  suddivisione  poteva  essere  aumentata  al  30%  a  favore   del  CoorDown  e  per  il  70%  a  favore  delle  associazioni  partecipanti.     Sulla  base  di  questa  ultima  proposta  e  alla  luce  dell’incertezza  delle  somme  che  sarebbero  potute  incassare  dalla   vendita  dei  biglietti,    è  stato  sottoscritto  il  contratto  di  collaborazione  e  il  CoorDown  ha  prudenzialmente   assegnato  un  budget,  per  la  gestione  delle  spese  di  sua  competenza,  nel  limite  massimo  di  €.5.000,00  anticipando   la  dotazione  economica  all’associazione  AIR  Down  di  Moncalieri  delegata  alla  gestione  in  loco  dell’iniziativa  con   contestuale  apertura  di  un  conto  corrente  a  loro  intestato  (per  motivi  fiscali  e  operativi)  sul  quale  far  transitare   tutte  le  entrate  e  le  uscite  di  competenza,  oltre  ad  essere  funzionale  per  la  raccolta  delle  somme  derivanti  dalla   vendita  dei  biglietti.     In  fase  esecutiva,  le  spese  di  competenza  del  CoorDown  hanno  avuto  un  notevole  incremento  dovuto  a  scelte   fatte  autonomamente  dall’organizzazione,  attestandosi  a  consuntivo  per  complessivi  €.  14.753,28,  superiori   quindi  al  budget  assegnato,  per  cui  al  termine  della  manifestazione  è  stato  comunicato  all’organizzazione  che  si   sarebbe  optato  per  la  soluzione  prospettata  inizialmente  e  cioè  con  una  ripartizione    a  favore  del  CoorDown  del   20%  al  netto  delle  spese.   Anche  alla  luce  della  situazione  verificatasi,  con  la  mancata  restituzione  di  parte  dell’incasso  da  parte   dell’organizzazione,  questa  soluzione  avrebbe  consentito  alle  altre  associazioni  partecipanti  di  poter  ottenere   almeno  il  40%  di  quando  spettante  sulle  somme  disponibili  al  netto  delle  spese.       La  suddivisione  dell’incasso  è  stato  effettuato  quindi  in  base  al  numero  di  biglietti  venduti  direttamente  dalle   associazioni  partecipanti.  

25.2 Rendiconto delle  spese  sostenute  per  la  manifestazione     DESCRIZIONE  

Spese

Anticipo spese  ARIDOWN   GRAFICO  -­‐  SPESE  TELEFONICHE-­‐ADSL  -­‐  SPESE  C/C  /SIAE  

Entrate

255,13 2.770,08   14.753,00    

RESIDENCE /  ALLOGGI  /  VETTOVAGLIE    

 

365,07    

Fondo spese  SIAE  eventuali   INCASSO  TOTALE  VENDITA  BIGLIETTI   SPESE  TOTALI  

€ 80.280,00  

18.143,28    

SALDO NETTO  

€ 62.136,72    

Alle associazioni  80%  sull'incasso  netto   A  CoorDown  20%  sull'incasso  netto  

€ 49.709,37   €  12.427,35  

25.3 Scheda con  l’indicazione  della  tipologia  dei  beneficiari  e  relativa   suddivisione       Associazioni partecipanti (80%)

Importo

Importo netto

Importo

Acconto già

biglietti

dedotto spese

spettante

ritirato 40% ritirare 40%

€ 80.280,00

€ 62.136,72

€ 49.709,37

€ 15.252,88

€ 4.630,87

€ 30.190,70

€ 12.427,35

€ 3.640,29

€ 1.330,65

€ 7.456,41

CoorDown (20%) Importo trattenuto da organizzazione

Acconti da

Rimanenza

€ 38.640,00

BILANCIO  SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  

69


25.4 Tipologia dei  beneficiari  e  della  quantità  dell’apporto  da  vendita  biglietti  

70  

ASSOCIAZIONE  ACAT      ADRICESTA  ONLUS      AGBD  ARONA      AIPD  SALUZZO        AIR  DOWN      ALI  D'ARGENTO      ALLOTREB      ALTRO  DOMANI      ANDOS      ASD  BACIGALUPO      ASD  DRUENTO      ASS  MIO      ASSOCIAZIONE  DOWN      AUSER      AVO      BARRACUDA      BASSA  VALLE  PINEROLESE      CASA  OZ      CENISIA      CEPIM      CIFA      CON  ALTRI  OCCHI      CORPO  NAZIONALE    GUARDIA  FUOCHI      COVAO      CRAL  ITALGAS      CRAL  REGIONE  PIEMONTE      CROCE  ROSSA  MONCALIERI      CUS  TORINO      DIAPSI      DLF      DON  BOSCO  RIVOLI      EOS      FIDAS  NICHELINO      FIDAS  VIA  PONZA      FIPAV      FONDAZIONE  FIBROSI  CISTICA      FUTURO  ROSA      GIOC      GOTT      IC  VIA  PALMIERI      ITALIA  CONGO      JUVENTUS  MONCALIERI      KAPPA  DUE      KSI  MONCALIERI      MENEGHINI  DIEGO      NEWS  BLACKS      ORDINE  DELLA  FENICE      POLISPORTIVA  MONTATESE      POOL  SPORT      PROTEZIONE  CIVILE  GIUBBE  VERDI      RIVER  MOSSO      ROLIS      SOCIETA'  CARLO  ALBERTO      UN  VERO  SORRISO      UNA  FINESTRA  SU  BRANDIZZO      VIP  SOGNANDO    CHIVASSO      VOLARE  ALTO      UISP     VERSAMENTO  VARI   BIGLIETTERIA  STADIO     DA  PIEMONTETICKET      

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  

Importo Biglietti  venduti    €  500,00      €  1.975,00      €  65,00      €  300,00      €  7.103,00      €  420,00      €  2.290,00      €  2.035,00      €  620,00      €  500,00      €  1.260,00      €  125,00      €  5.340,00      €  325,00      €  750,00      €  615,00      €  260,00      €  500,00      €  390,00      €  5.725,00      €  975,00      €  270,00      €  670,00      €  490,00      €  195,00      €  390,00      €  7.445,00      €  615,00      €  440,00      €  15,00      €  3.395,00      €  615,00      €  1.420,00      €  2.310,00      €  150,00      €  890,00      €  1.045,00      €  1.665,00      €  1.645,00      €  2.135,00      €  10,00      €  290,00      €  440,00      €  875,00      €  10,00      €  70,00      €  710,00      €  280,00      €  7.820,00      €  590,00      €  80,00      €  280,00      €  925,00      €  4.105,00      €  105,00      €  1.300,00      €  1.655,00      €  135,00      €  535,00      €  1.147,00      €  1.045,00      €  80.280,00    


26 Descrizione degli  oneri  e  suddivisione  nella  gestione     oneri  di  gestione  Oneri  xinanziari   2%   6%   oneri  del   personale/terzi   9%    oneri   promozionali  e  di   raccolta  fondi   6%  

oneri istituzionali   77%  

 

26.1 Peso specifico  degli  oneri  istituzionali      Spese  incontri    Spese    Spese  Un  goal    Rimb.  Spese   Comitato   WDSD   per  Amore   6%   1%   Gruppo  Scuola   6%  

Spese  progetto   Fond.x  Sud   4%  

1%  Cancelleria   2%    Spese   assemblea   nazionale   6%  

Acquisto  prodotti  e   trasporto  G.N.P.D.     44%    Spazi  pubbl.  e  serv.   Comunc.  G.N.P.D.   17%  

Compenso  servizi  e   uf‚icio  stampa   13%  

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  

71


27 Nota integrativa  progetto  “+1.  Dal  Punto  alla  Rete”  con   Fondazione  per  i  Sud   27.1 Valore  complessivo  spese  del  progetto  da  rendicontare     Riepilogo Fonti a copertura delle spese Contributo richiesto alla Fondazione Risorse Umane Volontarie

%

Totale

74%

€ 139.985,50

26%

Costo complessivo del programma

€ 49.583,50 € 189.569,00

27.2 Valore complessivo  spese  con  ripartizione   Valorizzazione Risorse Umane Risorse Umane Volontarie Beni e Materiali Servizi esterni Altri costi Costo complessivo del programma

€ € € € €

74.113,62 49.583,50 6.991,88 4.000,00 54.880,00

€.189.569,00

27.3 Suddivisione spese  tra  i  partecipanti  al  progetto   Quota di Contributo richiesto alla Fondazione gestito dai diversi Soggetti che compongono la rete CoorDown Napoli Cosenza Taranto Martina Franca (TA) Cagliari Palermo Totale Contributo richiesto alla Fondazione

% 70% 5% 5% 5% 5% 5% 5% 100%

27.4 Totale spese  già  effettuate  di  competenza  esercizio  2012   Valorizzazione Risorse Umane Risorse Umane Volontarie Beni e Materiali Spese progettazione bando Valore complessivo del programma già attuato

72

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  

€ € € €

1.682,30 5.500,00 3.366,35 3.502,62

€.14.051,27


28 Oneri e  Investimenti  per  comunicazione  e  raffronto  con  gli   anni  precedenti.    

Oneri e  investimenti  per  comunicazione   istituzionale   2012  

€  57.810,00    

2011

€  46.304,00    

2010

€  42.675,00    

2009

€  35.000,00    

2008

€  26.200,00    

2007 2006   2005  

€  25.000,00      €  10.000,00      €  4.000,00    

29 Totale contributi  associativi  su  raccolta    da  GNPD  e  raffronto   con  anni  precedenti    

Entrate GNPD    €  187.000      €  162.499      €  137.300    

€  182.020      €  175.317      €  164.000      €  147.610      €  147.314    

2005 2006   2007   2008   2009   2010   2011   2012  

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  

73


29.1 Proventi /perdite  correlate  per  competenza  alle  sole  attività  della  GNPD  e   relativi  oneri  -­  raffronto  con  gli  anni  precedenti    

Avanzo/Disavanzo da  GNPD      €  37.296,38      €  25.158,68      €  16.608,98      €  1.729,68     2005  

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

-­€ 4.891,39     -­€  11.195,00     -­€  21.942,97     -­€  34.845,38    

€  3.736     -­€  3.504    

2011

2012 da  sola  gestione  GNPD  

-­€ 21.942    

dato bilancio  complessivo   -­€  11.195    

  Minori  entrate  nette  da  contributo  messaggi  cioccolato  €.21.260,00  sul  preventivo   Minori  spese  su  GNPD  €.  13.085,90  sul  preventivo       74  

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  


ELABORAZIONE/REDAZIONE: a  cura  del  Comitato  Gestione    CoorDown  Onlus  ©  ALL  RIGHTS  RESERVED

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  

75


CoorDown Onlus     Coordinamento  Nazionale  Associazioni  delle  persone  con  la  sindrome  di  Down       Sede  Legale:  V.le  delle  Milizie  106  -­‐  00192  Roma  -­‐  Tel.  06  92958421  -­  C.F.  97378930586     Iscritta  nel  Registro  Regionale  delle  Organizzazioni  del  Volontariato  del  Lazio  –  Sezione  Servizi  Sociali   Sede  Operativa  -­  Via  Alessandro  Volta  19/4  -­‐  16128  Genova  -­‐  Tel.  010  5705461  –  Fax  010  5956693   e-­‐mail  :  segreteria@coordown.it  -­‐  www.coordown.it    

76

BILANCIO SOCIALE  2012   CoorDown  Onlus  

Bilanciosoc 2012 coordown  

Terza edizione del bilancio sociale e di missione del CoorDown Onlus

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you