Issuu on Google+

i

Pol

29 maggio 2014

numero 55

Settimanale della Segreteria Nazionale del SILP CGIL

IL SILP CGIL A RENZI: "SERVONO ATTI CO NCRE T I P E R F O RZ E DI P O L I Z I A"

IN QUESTO NUMERO Il SILP CGIL a Renzi: "servono atti concreti per forze di polizia" ­ Senza concorsi non c'è futuro ­ Falcone, Borsellino: SILP CGIL, più risorse per la lotta alle mafie ­ Bologna, alle caserme rosse Patrizia Moretti incontrerà il SILP CGIL ­ Radio Radicale e Rainews24 interviste a Daniele Tissone ­ Incontro con il Vice Capo di Polizia: comunicati congiunti ­ Buoni vestiario: la risposta del Dipartimento al SILP CGIL ­ News e circolari ­

Sindacato Italiano Lavoratori di Polizia CGIL

1


i

Pol

numero 55

29 maggio 2014

Il SILP CGIL a Renzi: "servono atti concreti per Forze di Polizia" Roma, 22 mag. (Adnkronos) ­ ''In un Paese serio non ci si sognerebbe mai di bloccare per oltre cinque anni le retribuzioni di chi serve, con spirito di sacrificio, le proprie istituzioni". Lo sottolinea il segretario generale del Silp­Cgil Daniele Tissone. "L'aver prorogato di un ulteriore anno ­rileva­ il provvedimento di blocco contrattuale, aggravato dall'estensione del blocco al tetto salariale individuale delle donne e degli uomini in divisa non dimostra una reale vicinanza e, per questo, chiediamo al Governo un impegno teso a ripristinare, dal 2015, contratto, assegni di funzione e aumenti derivanti dalle promozioni del personale che, dal 2009, producono effetti estremamente negativi e,deleteri che hanno generato un impoverimento salariale di circa 200 euro medi mensili per ogni singolo operatore". Se si vuole "realmente riconoscere la specificità degli

operatori della sicurezza" ­ conclude Tissone ­ servono atti concreti a sostegno delle rivendicazioni economiche dei singoli appartenenti che comprendano, anche, una seria politica di investimento sulla sicurezza con risorse che vadano nella direzione di fornire sempre piu' elevati standard per tutti i cittadini".

Senza concorsi non c'è futuro

Roma, 26 mag. (Adnkronos) ­ ''La diminuzione degli organici tra le forze dell'ordine, che nella sola Polizia si è ridotta di circa 10.000 unità, associata al vertiginoso aumento dell'età anagrafica, impone nuove politiche di sicurezza da parte dell'attuale governo che conducano, anche sul versante di una maggiore efficenza degli apparati, all'assunzione urgente di un numero maggiore di giovani attraverso pubblici

concorsi''. Lo sottolinea in una nota il segretario generale del Silp­Cgil Daniele Tissone, che lancia l'allarme sui dati che emergono da una ricerca del Forum PA, che si apre domani a Roma, e che "vede tra le forze di polizia una media di 41 anni, cresciuta di otto anni dal 2001 (era all'epoca di 33 anni)''. Per Tissone, "anche la presenza di donne in Polizia, oggi scesa dal 13% a circa l'11% attuale impone scelte diverse rispetto alle assunzioni che, da circa 16 anni, avvengono, unicamente, attraverso la ferma militare che ne soffoca le legittime aspirazioni" ''Garantire la dovuta 'presenza di genere' non solo in Polizia ma, anche, presso tutte le altre forze dell'ordine ­ conclude Tissone ­ dovrà essere una delle priorità che, a partire dal 2015, consenta anche ai più giovani una immissione diretta nei predetti ruoli senza dover obbligatoriamente passare attraverso percorsi obbligati".

Sindacato Italiano Lavoratori di Polizia CGIL

2


i

Pol

numero 55

29 maggio 2014

F a l c o n e ­B o r s e l l i n o : S I L P C G I L , p i ù r i s o r s e p e r l a l o tta a l l e m a fi e

Roma, 23 mag. (TMNews) ­ Per vincere il "cancro­mafia" serve "l'impegno delle istituzioni" e "investimenti mirati sulla sicurezza". Lo afferma il segretario nazionale del Silp­Cgil Daniele Tissone. L'appello per "Costruire un futuro libero dalle mafie nel ricordo degli omicidi Falcone e Borsellino, avvenuto ventidue anni fa vicino a Palermo, nei pressi dello svincolo autostradale per Capaci, in cui moriva Giovanni Falcone e, con lui, cinque agenti di scorta, Agostino Catalano,

Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina, deve costituire, per il Silp­Cgil, una rinnovata occasione per non dimenticare chi ha pagato, con la propria vita, un tributo elevato in favore della legalità e dello sviluppo di un Paese che, ogni giorno, deve veder affrancati i temi della legalità e della giustizia". Per il segretario del Silp­ Cgil Daniele Tissone, "affinché un simile sacrificio non risulti vano, occorre un impegno sinergico da parte di istituzioni e enti finalizzato alla creazioni di condizioni di sviluppo e legalità che, ancora, stentano, ad affermarsi, soprattutto, in quelle regioni dove è alto il tasso di illegalità e dove, le istituzioni, non riescono ad affermare tali principi". "Oltre alle celebrazioni, ­ concluide Tissone ­ occorre affermare tali principi attraverso investimenti mirati destinati alla sicurezza dei cittadini potenziando quegli organismi che, come la Dia, sono in grado di contrastare l'illegalità e il malaffare, vero cancro del nostro Paese".

Bologna ­ Alle Caserme Rosse Patrizia Moretti i n c o n tr e r à i l S I L P C G I L (DIRE) Bologna, 27 mag. ­ La festa della Cgil di Bologna si fa in tre. Come l'anno scorso, infatti, il sindacato propone "Idee al lavoro" con nove giorni di eventi (dal 7 al 15 giugno) al parco delle Caserme rosse, in collaborazione con Libera, Arci e con l'associazione Paolo Pedrelli che gestisce l'archivio storico della Camera del lavoro. Questa volta, però, questo sarà solo il primo capitolo di un calendario piu' articolato: seguiranno altri quattro giorni di festa Anpi (dal 19 al 22) ed infine tre giorni targati Emergency (dal 26 al 29). Le diverse realtà coinvolte hanno presentato il tris di rassegne questa mattina, in conferenza stampa. segue a pagina successiva...

Sindacato Italiano Lavoratori di Polizia CGIL

3


i

Pol

numero 55

29 maggio 2014

...segue da pagina precedente

L'obiettivo e' costruire "un momento di attenzione, rivolto a tutta la citta'­ sottolinea il segretario della Cgil, Maurizio Lunghi­ sui grandi temi che attraversano il mondo dell'associazionismo". Questo mediante "una festa che cambia nel tempo ma resta la stessa", aggiunge Gianluigi Amadei, vicepresidente vicario dell'Anpi di Bologna, che incentrerà la propria iniziativa attorno al tema "Antifascismo ieri, oggi e domani". E questo nel cuore "del triennio che celebra il 70esimo anniversario della Liberazione", sottolinea Amadei. Anche per Emergency c'e' da festeggiare i 20 di vita dell'associazione, cosi' l'appuntamento alle Caserme rosse "ci e' sembrata una buona occasione per fare rete, essere presenti sul territorio e farci conoscere", spiega la coordinatrice bolognese Patrizia Pedriali. Quello creato dalla triplice festa "e' un clima positivo ed entusiasmante", aggiunge il presidente dell'Arci, Stefano Brugnara: si attiva una "collaborazione sussidiaria tra diverse organizzazioni per la costruzione di un cantiere aperto di un mese su un'idea alta di cittadinanza e di partecipazione". Si comincia il 7 giugno con lo spettacolo "Storie di ordinaria ingiustizia", scritto dagli studenti del liceo Laura Bassi. Per l'occasione, a poche settimane di distanza dai contestati applausi al congresso del Sap, la Camera del lavoro ha pensato di mettere attorno allo stesso tavolo Patrizia Moretti, madre di Federico Aldrovandi, e Daniele Tissone, segretario nazionale del Silp, cioe' la sigla di categoria che all'interno della

Cgil rappresenta i lavoratori di polizia: un modo, spiega Lunghi, per intrecciare la vicenda Aldrovandi ad un ragionamento su "come garantire la legalita' nel Paese, con quali modi e sistemi". Nella stessa giornata è prevista la presenza della segretaria della Cgil, Susanna Camusso, per un dibattito sulle ecomafie a cui parteciperà anche don Maurizio Patriciello del comitato Terra dei fuochi. Tra gli altri appuntamenti si segnala, il 10 giugno, una tavola rotonda su "Sviluppo e infrastrutture" con Matteo Lepore (assessore comunale all'Economia), Duccio Campagnoli (presidente di BolognaFiere), Giuseppina Gualtieri (presidente di Tper), Nazareno Ventola (direttore generale dell'aeroporto Marconi) e Tiziana Primori (amministratore delegato di Eataly world). Il 14, invece, e' prevista una discussione sulla nascente Città metropolitana, a cui parteciperanno il sindaco Virginio Merola, il governatore Vasco Errani e Cesare Melloni, della segreteria regionale della Cgil. Tra gli altri nomi di primo piano anche quello del segretario della Fiom, Maurizio Landini, che parteciperà ad un dibatitto sulla contrattazione. Sul fronte degli spettacoli, invece, spiccano le presenze di Ascanio Celestini, Moni Ovadia, Eugenio Finardi e Isabella Ragonese, ma ci sarà spazio anche per un contest tra band emergenti ("Ilsound dell'avvenir) e per lo spettacolo "Come una Perla", che racconta la storia delle operaie dell'omonima azienda.

Tissone, Silp­Cgil a Radio Radicale: "andare verso la piena libertà sindacale, aprire alle donne ed ai giovani i concorsi pubblici direttamente dalla vita civile, maggiori risorse per gli operatori, rivedere l'attuale modello di sicurezza garantendo i cittadini. Vero risparmio c'è attraverso unificazione delle forze di polizia con l'utilizzo dei beni demaniali e di quelli confiscati". Argomento della trasmissione: 360° con il Segretario Generale del Silp­Cgil Daniele Tissone. Radio Radicale 27 maggio 2014: clicca qui

Expo2015, Tissone Silp Cgil: come contrastare le infiltrazioni criminali. (Fonte Rainews24) clicca qui

Sindacato Italiano Lavoratori di Polizia CGIL

4


i

Pol

numero 55

29 maggio 2014

INCONTRO CON IL VICE CAPO DELLA POLIZIA PREFETTO MARANGONI SU UTILIZZO DELLE MICROTELECAMERE NEI SERVIZI DI O.P. ­ PROGETTO DI RIORGANIZZAZIONE DEI REPARTI PREVENZIONE CRIMINE Il 20 e 21 maggio u.s. si è svolto l' incontro tra una delegazione del Dipartimento della P.S., guidata dal Vice Capo della Polizia ­ Vice Direttore Generale della Pubblica Sicurezza con funzioni vicarie Prefetto Alessandro Marangoni e composta dal Direttore Centrale per le Risorse Umane Prefetto Raffaele Aiello, dal Direttore Centrale della Polizia Anticrimine Prefetto Nicola Zito e dal Direttore dell’Ufficio per le Relazioni Sindacali, V.Prefetto. Tommaso Ricciardi, con i rappresentanti delle organizzazioni sindacali, sui seguenti temi: utilizzo delle microtelecamere nei servizi di o.p.; progetto di riorganizzazione per i Reparti Prevenzione Crimine. UTILIZZO MICROTELECAMERE NEI SERIZI DI O.P.­ Il Prefetto Marangoni ha comunicato che nell'ambito delle iniziative dell'Amministrazione di dotarsi di strumenti tecnici che possano migliorare la qualità e l'efficacia dei servizi operativi e che possano garantire maggiore tutele al personale, sono state acquistate 160 microtelecamere da impiegare nei servizi di o.p. in fase sperimentale nelle città di Roma, Milano, Napoli e Torino. Sarà preventivamente avviata una fase addestrativa e sperimentale della durata di almeno sei mesi; predisposto un disciplinare d'utilizzo per definire nel dettaglio modalità e tempi d'impiego, prima del passaggio alla eventuale dotazione organica di reparto, all'esito favorevole della sperimentazione. I Sindacati hanno ribadito che, prima di fornire un parere seguiranno con attenzione e nel dettaglio ogni fase evolutiva della complessa e articolata problematica in tutti i suoi diversi aspetti e profili, tecnici ed anche giuridici, affinché l'iniziativa dell'Amministrazione vada nella concreta direzione di fornire maggior tutele e garanzie al personale che opera e non diventi un'ulteriore occasione e fonte di maggiore rischio e danno professionale per il singolo poliziotto e di deresponsabilizzazione dell'Amministrazione. Alla stessa, infatti, compete l'onere primario di tutelare e garantire l'operato ed il lavoro dei propri dipendenti impartendo direttive precise e dotandoli di strumenti idonei e adeguati al raggiungimento degli obbiettivi nel pieno rispetto delle leggi. PROGETTO PER I REPARTI PREVENZIONE CRIMINE.­ Il Prefetto Marangoni ha illustrato il progetto del'Amministrazione di forte potenziamento organico degli Reparti Prevenzione Crimine esistenti senza crearne di nuovi. In particolare è stato affermato che nel prossimo mese di settembre saranno immessi in ruolo 1377 nuovi agenti al termine del 188° e 189° corso di formazione Allievi Agenti. La ripartizione di questi nuovi innesti di personale, secondo il piano predisposto dall'Amministrazione avverrà con le seguenti assegnazioni: 518 unità alle Questure in proporzione alla percentuale di carenza d'organico (media nazionale ­ 11%); 500 unità agli RPC; 200 unità ai Reparti Mobili; 80 unità alla Polizia Stradale; 60 unità alla Polizia di Frontiera aerea e 4 unità ai Reparti Volo. La mobilità del personale e le assegnazioni avverranno secondo le modalità attualmente vigenti attingendo dalle richieste del personale già in servizio secondo la graduatoria nazionale e successivamente completando il piano dei posti lasciati scoperti dalla mobilità generale con le prime assegnazioni dei nuovi colleghi che termineranno i citati corsi. L'assegnazione così massiccia e in un'unica soluzione agli RPC è frutto di una scelta politica del controllo del territorio che l''Amministrazione segue a pagina successiva...

Sindacato Italiano Lavoratori di Polizia CGIL

5


i

Pol

numero 55

29 maggio 2014

...segue da pagina precedente

intende perseguire incrementando l’attività di supporto offerta alle Questure. Gli RPC avrebbero un incremento dell’organico dalle attuali 1191 unità alle future 1691, dotandoli di 190 nuove autovetture Lancia Delta che verranno consegnate tra settembre e ottobre prossimi. Nella fase illustrativa del progetto l'Amministrazione ha manifestato la volontà di voler inviare agli RPC solo agenti di età inferiore ai 40 anni, in deroga agli attuali criteri che regolamentano la mobilità; nonché prevedere una maggiore flessibilità d'impiego specie sulle fasce serali e nelle giornate festive, in deroga alle procedure previste dall'ANQ e di voler incrementare l'impiego straordinario dei reparti mediante una estensione dell'attribuzione dell'indennità di o.p.. I sindacati hanno puntualizzato : ­ preliminarmente una contrarietà alla filosofia politica dell'Amministrazione che intende accentuare il concetto di controllo del territorio attraverso l'incremento massiccio d'organico peraltro, in un'unica soluzione, degli RPC, anziché con il potenziamento degli altri settori operativi delle Questure, quali l’UPGSP, con le Volanti effettivo e permanente presidio di conoscenza e controllo del territorio. Secondo i sindacati, pertanto, vi è la necessità di procedere ad un graduale incremento degli RPC come delle Questure e di tutti gli altri reparti della polizia, che sono oggi fortemente in sofferenza a causa della riduzione del turn­over e dell'organico complessivo della Polizia di Stato. ­ la propria contrarietà ad avvallare la proposta dell'Amministrazione di trasferire 500 uomini agli RPC solo tra coloro i quali ad oggi non abbiano superato l'età di 40 anni, non già in via teorica e pregiudiziale, ma rispetto alla situazione attuale e alle odierne regole di accesso del personale agli RPC e a quelle che presiedono alla mobilità generale; ­ che, allo stato, non si può derogare alle regole fissate con l'ANQ che contiene già norme e procedure per un impiego flessibile dei reparti, attuate a livello territoriale, a garanzia dell’efficienza dei servizi e della tutela del personale operante, anche nel caso sia necessario far fronte ad esigenze straordinarie e improvvise di servizio. ­ che l'attribuzione dell'indennità di ordine pubblico in particolari e straordinari casi e modalità di utilizzo del personale non può essere attribuita in modo difforme, a parità d'impiego e tipologia di servizio, tra un reparto e l’altro. Il Prefetto Marangoni dopo aver sentito gli interventi e le obiezioni poste dai sindacati ha sinteticamente ribadito: ­ che è intenzione dell'Amministrazione proseguire nella politica di contrasto alla criminalità e del controllo del territorio secondo il progetto esposto; ­ che verranno rispettati gli attuali criteri sulla mobilità generale e che quindi non verrà introdotto con i prossimi movimenti il limite massimo dei 40 anni di età per essere assegnati agli RPC; ­ che in materia di orari di lavoro e servizio saranno rispettate, come richiesto, le norme dell'ANQ, così come i le norme che presiedono all'attribuzione dell'indennità di o.p. Roma, 21 maggio 2014

Sindacato Italiano Lavoratori di Polizia CGIL

6


i

Pol

numero 55

29 maggio 2014

INCONTRO CON IL VICE CAPO DELLA POLIZIA PREFETTO MARANGONI SUI CRITERI DI RIPARTIZIONE DEL MONTE ORE STRAORDINARIO Nelle giornate del 20 e 21 maggio u.s., si è svolto il preannunciato incontro tra una delegazione del Dipartimento della P.S., guidata dal Vice Capo della Polizia ­ Vice Direttore Generale della Pubblica Sicurezza con funzioni vicarie Prefetto Alessandro Marangoni e composta dal Direttore Centrale per le Risorse Umane Prefetto Raffaele Aiello, dal Direttore Centrale della Polizia Anticrimine Prefetto Nicola Zito e dal Direttore dell’Ufficio per le Relazioni Sindacali, V.Prefetto. Tommaso Ricciardi, con i rappresentanti delle Organizzazioni Sindacali; sui criteri di massima per la ripartizione del monte ore di lavoro straordinario. La discussione su questa problematica fa seguito all'incontro con il Prefetto Aiello svoltosi l'11 aprile scorso, di cui si è dato conto con specifico comunicato, sull'individuazione dei criteri di ripartizione del monte ore di lavoro straordinario per il 2014. In quella circostanza i Sindacati avevano sottolineato che si tratta di una tematica estremamente delicata ed importante, e che la gestione del monte ore di lavoro straordinario deve avvenire secondo principi di unicità, equità e trasparenza nella ripartizione delle risorse, per le ricadute immediate sul reddito dei colleghi e anche sul loro futuro trattamento previdenziale oltre che sulla funzionalità degli uffici e dei servizi. In tale occasione i sindacati, nel condividere il piano di assegnazione del monte ore con un incremento per il 2014 per tutti gli uffici territoriali, avevano chiesto al Prefetto Aiello di: 1) definire per tutti i singoli Uffici centrali e territoriali un unico monte ore di lavoro straordinario per tutto il personale senza alcuna distinzione di ruolo e/o qualifica; 2) definire i criteri di ripartizione del monte ore straordinario per ogni singola Direzione Centrale stabilendo specifici parametri di calcolo, come già fatto per tutti gli Uffici territoriali. Il Prefetto Marangoni ha espresso condivisione dell'Amministrazione sulle citate richieste del Sindacato ed ha impartito direttive all'Ufficio Relazioni Sindacali di pianificare una serie d'incontri a partire dalla metà di giugno per stabilire e definire entro l'anno in corso le modalità di attuazione di quanto sopra esposto, affinché le richieste suddette possano regolarmente attuarsi dal prossimo anno, quando verranno definiti i criteri per il 2015. Roma, 21 maggio 2014

Sindacato Italiano Lavoratori di Polizia CGIL

7


i

Pol

numero 55

29 maggio 2014

B u o n i v e s ti a r i o : l a r i s p o s ta d e l D i p a r ti m e n to al S I L P CG I L

Oggetto: Attribuzione “buono vestiario” agli appartenenti agli uffici Scorte delle Questure. Di seguito a precorsa corrispondenza prot. N. 006816/2013, class. 557/RS/0120/17 del 11 novembre 2013 e con riferimento alla nota di codesta Segreteria Nazionale, datata 15 maggio 2013, concernenti la problematica in oggetto, la Direzione Centrale per gli Affari Generali della Polizia di Stato ha rappresentato quanto segue. La vigente normativa in materia è il D.M. 4 ottobre 2005 art.4 commi 4 e 5, e la circolare esplicativa è la n. 559/A/1/753.M.14.2/1/8322 del 28 del 28 dicembre 2005. Il suddetto Decreto ha espressamente abrogato quello del 19 febbraio 1992, rinviando ad un emanando provvedimento del Capo della Polizia per la parte relativa alle singole tabelle di vestiario. Le suddette norme contemplano l’esenzione dall’uso della divisa per il personale adibito permanente a servizi di carattere investigativo, prevedendo che il Capo della Polizia possa individuare altre eventuali categorie a cui possa essere applicato lo

stesso regime. La prima categoria (personale addetto a servizi investigativi) costituisce una vera e propria esenzione normativa dall’uso della divisa, mentre per le altre categorie si tratta solo di una “possibilità” lasciata alle valutazioni del Capo della Polizia. Da ciò consegue che, in rapporto alle risorse effettivamente disponibili, l’esigenza prioritaria e non derogabile da soddisfare è quella del personale che espleta servizi investigativi e, solo in subordine, quella delle “altre categorie”. Ad oggi non v’è alcuna esplicita disposizione del Capo della Polizia che individui queste “altre” categorie di personale. Ad oggi non v’è alcuna esplicita disposizione del Capo della polizia che individui queste “altre” categorie di personale. In un ottica di gestione ottimizzata delle risorse, peraltro, l’esiguità delle stesse non consentirebbe comunque di soddisfare tutte le richieste, ma, in particolare, qualora il numero degli aventi diritto fosse elevato, a ciascuno verrebbe attribuita una quota pro­capite particolarmente esigua, a scapito della qualità e della funzionalità dei capi acquistati.

Sindacato Italiano Lavoratori di Polizia CGIL

8


i

Pol

numero 55

29 maggio 2014

N EW S e C I R C OL A R I Polizia Stradale: assegnazione nuovi automezzi. Il Silp Cgil nel corso di un incontro avuto con il Direttore del Servizio di Polizia Stradale, ha appreso che entro il mese di giugno p.v. saranno assegnati 37 nuovi veicolo marca Freemont, acquistati con fondi europei per il contrasto all’immigrazione clandestina (Frontex). I Reparti della Polizia Stradale interessati all’assegnazione saranno quelli dislocati nelle Regioni Sicilia e Calabria.

Accordo per l'utilizzazione delle risorse previste dal fondo per l'efficienza dei servizi istituzionali ­ Anno 2013 LEGGI TUTTO

Determinazione dei criteri di massima da adottare negli scrutini per merito comparativo relativo all'anno 2014, per la promozione alla qualifica di Sovrintendente Capo, del ruolo dei Sovrintendenti della Polizia di Stato. LEGGI TUTTO

Rimborso rette asili nido. Anno solare 2014 (1 gennaio ­ 31 dicembre) LEGGI TUTTO

Rinforzi estivi 2014 LEGGI TUTTO

Sindacato Italiano Lavoratori di Polizia CGIL

9


i

Pol

29 maggio 2014

numero 55

TESSERAMENTO 2014 Per la LegalitĂ  il Lavoro e i Diritti Sempre dalla Tua parte

Sindacato Italiano Lavoratori di Polizia CGIL Via delle Quattro Fontane n. 109 00184 Roma www.silpcgil.it segreterianazionale@silp.cgil.it

tel. 06 4927111 ­ fax 06 44702297

Seguici su twitter! @silp_cgil

Seguici su facebook! clicca qui

Sindacato Italiano Lavoratori di Polizia CGIL

10


iPol n.55