Page 1

www.ovadaonline.net

settimanale

valliorbalemmestura

Giovedì 17 ottobre 2013 · N. 37

Anno 16 - euro 1,00

Poste Italiane s.p.a. - Spediz. in abb. post. - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n° 46) art. 1, comma 1, DCB/AL - Edizioni SIC s.r.l. Novi Ligure · Iscr. al Registro Stampa del Tribunale di Alessandria al n. 149 del 27/8/1963 · Direttore Responsabile: Marco Matteini

ilcorsivo

Dire qualcosa di impopolare di Edoardo Schettino Oggi ci va di sostenere una tesi che sappiamo essere decisamente impopolare in tempi di grillismo pronunciato e di furia iconoclasta nei confronti di tutto quanto fa politica. L’argomento è particolarmente d’attualità ora che sta partendo la corsa alla poltrona di sindaco e tenuto conto del taglio al numero degli assessori da introdurre nella prossima Giunta. Il politico, anche a livello di un comune come il nostro, dovrebbe essere tale a tempo pieno. E come tale essere retribuito in modo adeguato. Due le ragioni che ci spingono a questo tipo di considerazione. La prima. Meno assessori significa accorpare un maggior numero di deleghe sulle spalle degli stessi. E quindi non è possibile pensare che ad occuparsene sia un soggetto che può dedicare all’amministrazione della cosa pubblica solo porzioni limitate del suo tempo. Sarà necessario anche che qualcuno che ne capisce più di noi, decida come accorpare le competenze. E’ probabilmente necessario iniziare a pensare al turismo, di cui si parla sempre per un rilancio, come a un’attività produttiva vera e propria. Detto del bilancio, per il quale sarà forse necessario reperire in un personaggio nuovo la competenza necessaria, c’è da decidere come gestire Lavori pubblici e Urbanistica, settori con attinenza fra loro. Ma questo è un problema che lasciamo volentieri ad altri con la speranza che la questione sia affrontata nelle riunioni preliminari, perlomeno dandole la stessa importanza che sarà data agli equilibri e la rappresentanza delle forze politiche presenti nella lista vincente. E se l’impegno dev’essere a tempo pieno sarà da retribuire in misura adeguata, lasciando un po’ da parte questa logica mediocre che si è fatta strada secondo la quale i tagli lineari devono essere applicati anche in questo settore. Un cittadino deve pretendere persone competenti in grado di fare scelte consapevoli e argomentate. In assenza di quest’ultimo tassello a far politica potrebbero essere i soliti “riciclati” o soggetti con interessi di natura diversa.

Pellet la truffa

viene dal Nord

Pellet regolarmente pagati ma mai consegnati. E’ la disavventura in cui sono incappati dieci ovadesi coinvolti in una maxi truffa partita dal varesotto, Cassano Magnago dove aveva sede la Broker Sud. La ditta che vendeva materiale per riscaldarsi, ha chiesto il 30% della somma pattuita come garanzie, ma poi non ha mai consegnato. In tutto il nord la ditta ha raccolto almeno 2.000 ordinazioni per un giro d’affari vicino al mezzo milione d’euro. Sui PAGINA 15 fatti stanno indagando i Carabinieri e Guardia di Finanza.

AMBIENTE

SCUOLA

TAGLIOLO

Un insetto salverà i nostri castagni?

Istituto “Pertini”, più valore al territorio

Concorso del Dolcetto: 23 i selezionati

PAGINA 16

PAGINA 18

Ospedale: il suo futuro in un incontro Sarà presentata questa sera, alle 21.00 presso la casa degli Scolopi, l’ipotesi di collaborazione “pubblico-privato” individuata dall’Osservatorio per il futuro dell’ospedale cittadino. La serata dovrà servire a fare chiarezza dopo che, com’era evidente, la proposta ha fatto molto discutere. Nel frattempo si registrano tensioni anche sul fronte del dialogo con i sindaci nell’ambito del tavolo tecnico sulla sanità. PAGINA 15

" # ),(- *&+/'..%+',0) &-+

! "

$

"

"

"

PAGINA 20

PRIMARIE

Sindaco: quattro candidati Sono quattro, almeno per ora i candidati alla poltrona di sindaco che hanno deciso di passare dalle primarie del Partito Democratico. Lunedì scorso hanno infatti ritirato i moduli per la raccolta delle firme l’attuale vice sindaco Sabrina Caneva, l’assessore all’Urbanistica Paolo Lantero, Gian Piero Sciutto consulente aziendale e già attivo all’interno del partito e Antonio Di Cristo, cavallo di ritorno, già assessore in precedenti legislature. “La decisione di affidarsi alle primarie – fanno sapere dal circolo del Pd – è una grande scommessa ma anche una grande opportunità” PAGINA 17


primo piano

ilsettimanale • giovedì 17 ottobre 2013

2 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Via Crucis per le analisi in ospedale Da uno studio emergono i tempi lunghissimi necessari per effettuare gli esami nelle strutture sanitarie pubbliche del Piemonte nell’85 per cento dei casi, alle prenotazioni dei controlli programmati e non urgenti (il cosiddetto follow up) che vengono effettuati a distanza di circa un anno dal precedente», spiegano dall’azienda sanitaria. Inoltre, dice ancora l’Asl, «a fronte di una richiesta del medico curante che riporti l’indicazione di particolare urgenza (contrassegnata dalla lettera U sull’impegnativa rossa) l’esame viene prenotato ed effettuato entro tre giorni; quando l’indicazione è di media urgenza (lettera B) l’esame viene effettuato entro 10 giorni». Muliere: «I pazienti esasperati si rivolgono alle strutture private»

ELIO DEFRANI e.defrani@ilnovese.info

l’iniziativa

Tempi lunghi nella sanità piemontese. Negli stessi giorni in cui l’Agenas, l’Agenzia nazionale per i servizi sanitari, ha premiato la nostra regione come una tra quelle con le migliori strutture, suscitando la soddisfazione dell’assessore Ugo Cavallera («Un risultato lusinghiero per il Piemonte, che dimostra che la nostra sanità è di buon livello con punte di eccellenza»), uno studio effettuato dal gruppo regionale del Partito Democratico metteva in rilievo una lunga serie di criticità legate ai tempi di attesa per gli esami diagnostici. L’analisi del Pd ha riguardato tutti gli ospedali pubblici piemontesi. Qui nei dintorni, ad esempio, si at-

tendono 454 giorni per una mammografia a Tortona (nel 2011 erano 267) e 310 per iniziare un trattamento riabilitativo, 165 per un ecografia. A Novi Ligure per un esame di pneumologia si attendono 112 giorni, mentre per una visita maxillo facciale si arriva a 102 giorni. Inoltre ci sono 16 strutture ospedaliere (tra i quali Alessandria e Tortona) in cui l’ecografia della mammella attende più di tre mesi. L’Asl: «Tempi lunghi solo per gli esami non urgenti» Numeri che però l’Asl invita a prendere con le molle. «Il dato riportato, pari ai 454 giorni di attesa presso l’ospedale Ss. Antonio e Margherita di Tortona, si riferisce,

Insieme contro le malattie andrologiche Rotary Club, Fondazione Cassa di risparmio di Alessandria, Provveditorato agli studi e Asl insieme per prevenire le malattie andrologiche nei ragazzi delle scuole superiori. L’iniziativa, partita da Novi Ligure, è stata ora estesa anche a Alessandria. Le patologie andrologiche giovanili, in seguito all’abolizione della visita militare di leva, dal 2005 risultano frequentemente trascurate. Le malattie andrologiche possono avere effetti negativi sulle prospettive future di fertilità dei giovani di oggi e papà di domani. Così è stato istituito il progetto Pass (Progetto andrologico screening studenti), che vede coinvolto il reparto di Urologia del San Giacomo, diretto da Franco Montefiore [nella foto]. Il progetto Pass si pone l’obiettivo di eseguire nei confronti dei giovani studenti maschi delle classi quinte, esclusivamente su base volontaria, uno screening delle malattie andrologiche. Le visite si potranno tenere direttamente a scuola, oppure presso l’ambulatorio di andrologia dell’ospedale di Novi Ligure o ancora presso l’ambulatorio “Patria” di Alessandria. Il progetto prenderà il via nel gennaio 2014 per concludersi al termine dell’anno scolastico 2013/2014. «Abbiamo aderito con molto interesse a questo progetto rivolto ai giovanissimi – ha dichiarato Pier Angelo Taverna, presidente della Fondazione Cral – in quanto si tratta di una iniziativa che va a colmare una lacuna di conoscenza che in questi ultimi anni si è acuita. Un grazie particolare a Debora Paglieri, presidente del Rotary di Alessandria, a Franco Montefiore e al Provveditore Antonino Meduri: è merito della loro determinazione e della validità del progetto, così importante e attuale, se si è riusciti a concretizzare e presentare l’iniziativa in brevissimo tempo». (E.D.)

Il problema delle liste d’attesa, comunque, esiste. Lo ammette anche l’assessore regionale Cavallera: «Il fenomeno delle liste d’attesa per le visite e gli esami è purtroppo fisiologico in tutti i sistemi sanitari moderni». E aggiunge: «Sul territorio regionale vi è un ampia offerta di strutture pubbliche e private accreditate in grado di garantire a tutti i pazienti la possibilità di curarsi in modo adeguato». Ed è ancora l’Asl a ricordare – sempre rimanendo nell’esempio della mammografia – che la prima visita (anche se non urgente) può essere effettuata entro 7 giorni, sia presso i centri pubblici a Novi, sia presso i privati accreditati a Tortona e a Alessandria, a carico del Servizio Sanitario. Secondo il consigliere regionale Rocchino Muliere, però, quello dei tempi di attesa è un problema che è legato a doppio filo con quello della sanità privati. «Siamo consapevoli delle difficoltà della Regione, ma su questo tema l’assessorato non fa nulla, quasi il problema non ci fosse. Attese di sei mesi, un anno, non possono essere considerate un servizio accettabile: questo oggettivamente porta i pazienti a rivolgersi al privato».

«Intervenire sui medici di base per limitare le visite inutili» Secondo il consigliere regionale del Pd, è necessario intervenire sulla appropriatezza delle richieste dei medici, in modo da ridurre gli esami di laboratorio e radiologici solo a quelli effettivamente necessari. In Italia si eseguono ogni anno 61,5 milioni di esami radiologici, più di un esame a cittadino; si praticano inoltre un miliardo di esami di laboratorio. Per Muliere, occorre anche inserire nel Cup – il centro di prenotazione – le strutture private accreditate, «chiedendo loro di fornire non esami di laboratorio, cui la sanità pubblica è in grado di provvedere, ma le prestazioni specialistiche in cui il sistema sanitario pubblico è più debole». E ancora: per le patologie più gravi e per le attese maggiori è necessario, secondo Muliere, che gli ospedali incrementino la propria attività e che i medici ospedalieri possano prescrivere direttamente gli esami, senza passare dal medico di famiglia. Nel dossier “La salute può attendere”, elaborato dai democratici, è indicata anche una delle possibili fonti del problema “liste d’attesa”: il blocco del turn over del personale, con medici e infermieri che vanno in pensione e che non vengono sostituiti. ha collaborato Desirèe Anfosso

lareplica Dipendenti stangati e dirigenti premiati di Rsu-Cgil, Comune di Novi In relazione all’articolo “La stangata”, pubblicato la scorsa settimana a firma di Arturo Pirofilo, vo-gliamo ricordare che anche i dipendenti comunali sono cittadini e come tutti i lavoratori dipendenti pagano le tasse, compresa l’Irpef che viene calcolata direttamente in busta paga. In secondo luogo restiamo senza parole di fronte a una campagna mediatica tesa a creare una con-trapposizione tra cittadini e dipendenti comunali (che ricordiamo ancora sono anch’essi cittadini), con l’intento di scatenare una guerra tra poveri. Gli articoli sui giornali relativi ai dipendenti pubblici rimandano alla campagna denigratoria, iniziata a livello statale, per giustificare tagli sugli stipendi, blocchi del turn over e mancata stabilizzazione dei precari. Perché in Italia, quando servono soldi i tagli vengono sempre fatti sugli stipendi dei lavoratori e il Comune di Novi sembra allinearsi a questo principio. Difficilmente si leggono articoli sui guadagni dei dirigenti e dei manager pubblici, sulle consulenze milionarie, sugli sprechi che vengono fatti dalle pubbliche amministrazioni. Il dito viene sempre puntato contro il dipendente pubblico che guadagna sì e no mille euro al mese come se fosse la causa di tutti i debiti dello Stato… e allora quelli che guadagnano 5 mila euro, 10 mila euro o più? E nel Comune di Novi Ligure sono previste per quest’anno tre assunzioni: due dirigenti e una categoria D…


primo piano

ilsettimanale • giovedì 17 ottobre 2013

3 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Primarie del Pd, i tre contendenti affilano le armi Mancano ormai solo dieci giorni alla data in cui si sceglierà il candidato sindaco per le prossime elezioni di primavera. Giovedì prossimo una intervista “tripla” Mancano esattamente dieci giorni alle primarie del Partito Democratico, in programma domenica 27 ottobre, e in attesa dell’“intervista tripla” che il nostro settimanale pubblicherà sul numero di giovedì prossimo, 24 ottobre, continua l’analisi dei programmi elettorali dei tre candidati: Graziano Moro, Rocchino Muliere e Simone Tedeschi. Muliere: «Un Comune trasparente» Le tecnologie della rete rendono oggi facile una drastica riduzione del margine di “segretezza” che caratterizza la gestione del potere politico. Si tratta di rendere consultabili in rete, tutti i documenti ed i dati inerenti l’attività del Comune, con la sola eccezione dei dati personali sensibili. Occorre completare quello che, in parte, già avviene con i dati degli amministratori, rendendo trasparenti tutti i mandati di pagamento, le consulenze, gli emolumenti, i dati sui rapporti di lavoro e così via. Non è la democrazia diretta di cui vaneggia qualcuno, ma è il controllo civi-

co, diretto su ogni atto dell’amministrazione del denaro pubblico e su ogni singolo atto della gestione della cosa pubblica. Gli stessi obblighi di trasparenza devono valere per gli incontri del sindaco e della giunta: di tutti gli incontri dovrà essere reso conto sul sito del Comune. Tedeschi: «Una città “gentile”» La qualità della vita passa anche per investimenti immateriali. Dobbiamo essere capaci di costruire un ambiente sereno ed accogliente per tutti. Questo è il valore aggiunto che può permettere a ciascuno di noi di dare il massimo per se e per la propria comunità. Ecco perché abbiamo parlato da subito di gentilezza come cifra del nostro comportamento. Ecco perché pensiamo a Novi come alla città dei diritti. In questi anni ci sono state importanti esperienze come il focus disabili e il focus immigrati, la consulta delle pari opportunità. Nei prossimi anni dovremo continuare su questa strada. Fin da subito ci prendiamo due impegni precisi: la parità di genere nella giunta e in tutti gli enti di secondo grado; la trasparenza totale su tutti gli atti dell’amministrazione, ad esempio metten-

do tutti gli atti di bilancio online in forma leggibile anche da chi non ha competenze tecniche. Moro: «Urbanistica, pratiche più semplici» Vorrei limitare significativamente la burocrazia. Le imprese, oltre la pressione fiscale hanno la pressione burocratica, ossia, il peso anche monetario delle procedure burocratiche. Vorrei offrire la possibilità di ottenere on line certificati che potrebbero essere richiesti da altri livelli amministrativi. Vorrei passare dall’amministrazione che autorizza, all’impresa responsabile della propria attività fondata sull’autocertificazione. La stessa pianificazione urbanistica, se diviene ostacolo burocratico alla possibilità di intervenire su una porzione di territorio, dovrebbe essere modificata, si pensi ai Pec inutilizzati per l’eccessiva frammentazione delle proprietà: qui ci si dovrebbe liberare dal vincolo pianificatorio che addossa sui proprietari l’onere di trovare un accordo e ci si dovrebbe orientare verso una concessione di “edilizia libera” con eventuali compensazioni monetarie.

modalità

ELIO DEFRANI e.defrani@ilnovese.info

Domenica dalle 8 alle 20 Le elezioni primarie per la scelta del candidato sindaco del Partito Democratico si terranno domenica 27 ottobre, dalle 8.00 alle 20.00. Possono votare tutti i residenti a Novi che abbiano compiuto 16 anni, in possesso della carta d’identità e della tessera elettorale. Possono votare anche i cittadini dell’Unione Europea ed extracomunitari in possesso di permesso di soggiorno. Al seggio sarà richiesto un contributo di 2 euro. Gli elettori iscritti alle sezioni 1, 16, 17, 21, 22, 23 e 24 voteranno al seggio numero 1, allestito in via Girardengo 18. Quelli delle sezioni 18, 19 e 20 al seggio numero 2, presso il comitato di quartiere del G3. Il seggio numero 3, allestito presso l’ex asilo nido di viale Saffi 71 voteranno gli elettori iscritti alle sezioni 2, 3, 4, 5, 7, 8, 9, 10 e 11. Infine, Palazzo Lucedio di via Verdi 138 ospiterà il quarto e ultimo seggio, dove voteranno gli elettori iscritti alle sezioni 12, 13, 14, 15, 26, 27, 28 e 29. I candidati tra cui è possibile scegliere sono Graziano Moro, Rocchino Muliere, Simone Tedeschi. (D.A.)

Grandi manovre Dopo l’abbandono di Rifondazione Comunista

La destra Niente primarie adesso

A sinistra Molinari anticipa e spiega Alternativa Novese attaccando le “foglie di fico” della giunta slitta a gennaio Si moltiplicano gli annunci in vista delle elezioni comunali che a Novi Ligure si terranno il 25 maggio del 2014. Nel prossimo mese di novembre, infatti, oltre alla lista civica alleata del Partito Democratico che sarà tenuta a battesimo da Camillo Acri e di cui abbiamo già dato notizia nelle scorse settimane, ci sarà anche la presentazione della lista di sinistra legata al Pcl, il Partito Comunista dei Lavoratori. A rivelarlo è Alessandro Molinari, già segretario di Rifondazione Comunista e portavoce della Casa della Sinistra, abbandonate entrambe per seguire il progetto politico del Pcl a Novi. «La lista non sarà caratterizzata da simboli di partito, perché puntiamo ad aggregare chi non si riconosce più nella Casa della Sinistra novese, che è ormai succube del Partito Democratico», spiega Molinari. Top secret il nome del candidato sindaco, ma senz’altro ad accompagnare Molinari in lista ci saranno Pierfranco Pallavicini (ex coordinatore di Sel a Novi) e Franco Moro, attuale consigliere comunale trasmigra-

I tre del Pcl Da sinistra Alessandro Molinari, Franco Moro e Pierfranco Pallavicini. to nel Pcl da Rifondazione. E la raccomandazione di Ippolito Negro di recuperare l’unità a sinistra? «La proposta di Negro è ragionevole – commenta Molinari – e la nostra lista è aperta a tutti i contributi. Ben venga una lista unica di sinistra. Una cosa però deve essere chiara: non faremo la stampella del Partito Democratico e rifiuteremo qualunque “apparentamento” con chi sosterrà il candidato che emergerà dalle primarie del 27 ottobre». Chiusura totale, insomma,

anche nei confronti di Gianni Malfettani e di Felicia Broda. Il primo consigliere comunale del Pdci e la seconda assessore del Prc, indicati da Molinari e soci come le «foglie di fico» della giunta Robbiano. Cinque i punti che il Pcl indica come prioritari: più fondi per i servizi sociali («la povertà incalza molte famiglie novesi, che per dignità cercano di nasconderla»), stop alle cattedrali nel deserto («il restauro e soprattutto la futura gestione del teatro Marenco ci co-

steranno un mare di soldi»), mantenimento dei beni pubblici («no alla vendita della farmacia comunale, no alla cessione delle azioni Acos»), ferma opposizione al Terzo Valico («c’è chi va alle manifestazioni dei No Tav e poi in consiglio comunale tiene in piedi l’amministrazione novese schierata a favore dell’opera») e infine incremento dei fondi per la manutenzione e la pulizia della città («il livello di incuria e di sporcizia è altissimo»). (E.D.)

Stop temporaneo per le primarie della coalizione di centrodestra “Alternativa Novese” formata dalla lista civica Avanti Novi, dal Comitato Alfare e da Fratelli d’Italia. La data fissata per scegliere il candidato sindaco alle elezioni comunali del 2014 era quella del 7 dicembre, ma si andrà più avanti, a gennaio o febbraio del prossimo anno. «Abbiamo ricevuto numerose richieste di adesione – spiega Andrea Scotto, portavoce di Avanti Novi – e quindi abbiamo ritenuto opportuno rimandare l’appuntamento con le primarie. Vogliamo che più persone possibili possano partecipare al nostro progetto politico e abbiano il tempo necessario per presentare, se lo ritengono, un proprio candidato». Non è ancora stato diffuso il regolamento delle primarie. Per ora, si sa solo che alla consultazione «potranno votare tutti coloro che sono iscritti nelle liste elettorali novesi per le elezioni comunali 2014». E, assicurano Scotto, Baiardo e Rapa, «saranno l’occasione per scegliere liberamente, senza imposizioni dall’alto, il candidato che dovrà gui-

Andrea Scotto Il portavoce di Avanti Novi. dare la squadra di Alternativa Novese al rilancio della città dopo decenni di decadenza». Con ogni probabilità, per candidarsi sarà necessario presentare, entro un certo termine, un congruo numero di firme di cittadini novesi a sostegno della candidatura. Non serviranno tessere di partito, ma potrebbe servire la fedina penale: una delle regole che si è data Alternativa Novese è quella di presentare “liste pulite”, cioè composte da persone senza carichi pendenti con la giustizia. (E.D.)


ilsettimanale • giovedì 17 ottobre 2013

4 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

RDI LA PIZZERIA VE a Eventi in collaborazione con Magic

menù o b m i b o r u e 5

2013


lacronaca

ilsettimanale • giovedì 17 ottobre 2013

5 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Il colpo Scippa un’anziana signora e scappa per le strade di Pozzolo

Una rapina travestito da donna Ma i carabinieri smascherano un giovane pregiudicato novese sbattere a terra la vecchietta. Ma il comandante della stazione di Pozzolo, Mario Tuccia, insospettito dalla presenza di un uomo che a piedi e con andatura spedita stava percorrendo la statale in direzione di Novi, lo fermava capendo subito che si trattava del ricercato, in quanto aveva ancora il viso truccato. Il sospettato, immobilizzato, è stato trovato in possesso di un borsone che custodiva gli abiti femminili che aveva utilizzato poco prima per commettere la rapina, e anche della refurtiva (la borsa e gli effetti personali dell’anziana pozzolese). La vittima della rapina è ricoverata all’ospedale di Novi Ligure, dove le è stata diagnosticata la frattura del bacino.

Una ragazza aggredisce alle spalle un’anziana signora che ha appena ritirato qualcosa in Posta, la butta a terra, le strappa la borsa e poi scappa via per le strade di Pozzolo Formigaro. In tanti assistono alla scena e chiamano il 112 riferendo di «un’avvenente ragazza» che ha appena compiuto una rapina. Le pattuglie dei carabinieri immediatamente si mettono alla ricerca della colpevole e battono a tappeto il paese, e alla fine i militari arrestano... un uomo. Si tratta di Andrea Deregibus, 26enne novese, pluripregiudicato, su cui ora pendono le accuse di rapina e lesioni personali aggravate. Il giovane, verso le 10.30 di venerdì 11 ottobre, completamente travestito con abiti femminili e con il viso truccato, se ne stava nei pressi dell’ufficio postale di Pozzolo, come probabilmente aveva già fatto nei giorni precedenti, attendendo il momento giusto per entrare in azione. L’occasione propizia gli si è presentata quando una 82enne residente in paese è uscita dall’ufficio postale, dove si era recata solo per prendere un documento. Deregibus forse pensava che l’anziana avesse ritirato la pensione e così, dopo averla pedinata, è entrato in azione

Andrea Deregibus L’uomo aveva utilizzato un ingegnoso travestimento per compiere una rapina ai danni di una 82enne di Pozzolo, ma non aveva fatto i conti con l’intuizione dei carabinieri.

aggredendola alle spalle, scaraventandola a terra e riuscendo a impossessarsi della borsetta. E poi via di corsa. I carabinieri di Pozzolo, dopo essere stati avvisati dell’accaduto da un testimone che aveva assistito alla rapina che forniva la prima descrizione dell’autore del delitto descrivendolo come un’avvenente ragazza, iniziavano le ricerche della rapinatrice pattugliando le vie del paese. Altri testimoni che avevano assistito alla scena riferivano ai militari che era stata proprio una bella donna a

l’avventura

ELIO DEFRANI e.defrani@ilnovese.info

Atti osceni in auto “Un’avventura” finita male per un uomo di mezza età di Pozzolo Formigaro. I carabinieri della compagnia di Canelli hanno infatti denunciato per atti osceni in luogo pubblico un 63enne residente a Pozzolo e una romena di 28 anni, residente a Asti. I due sono stati sorpresi a consumare un rapporto sessuale a Isola d’Asti, a bordo dell’autovettura dell’uomo, in prossimità di alcune abitazioni. Il luogo dove la coppietta è stata sorpresa dai carabinieri è abitualmente frequentato da prostitute provenienti dall’Est Europa. Non è la prima volta che le forze dell’ordine effettuano controlli in quella zona dell’astigiano, proprio per cercare di arginare il fenomeno della prostituzione, e le denunce per atti osceni in luogo pubblico presentate dai militari ormai non si contano più. Il reato per atti osceni prevede, in teoria, la pena della reclusione da tre mesi a tre anni. (RED.)

La storia Il corso per geometri

La vicenda Era stato arrestato la settimana scorsa

Scuola in carcere, nuovi problemi

Il palpeggiatore di Bosio patteggia e chiede di curarsi

In questi giorni il tema delle carceri sta cavalcando l’onda delle cronache nazionali e anche delle polemiche che ne derivano. Ma per il carcere di San Michele, oltre al comune problema del sovraffollamento, se ne aggiunge un altro altrettanto importante. Si tratta del fatto che il corso per Geometri attivo all’interno della prigione di Alessandria quest’anno perderà un’altra classe, la quarta (considerando che dallo scorso anno non è più attiva la classe quinta, ovvero l’ultimo anno). «Questa realtà, attiva da 43 anni, ha reso il carcere alessandrino un fiore all’occhiello per la formazione dei detenuti – ha spiegato la Procopio – spiegano – Spesso i detenuti di altre zone del nord Italia chiedono il trasferimento proprio in questa sede, per questo aspetto di crescita formativa oltre che sociale». Il problema sarebbe legato alle difficoltà di pagamento per gli insegnanti: non ci sarebbero abbastanza fondi per garantire tutti e cinque gli anni di corso (che già da quest’anno, comunque, erano stati ridotti a quattro). (RED.)

Paolo Asaro, autotrasportatore di 42 anni, di Bosio, arrestato la scorsa settimana dalla polizia su ordine di custodia cautelare del gip Laura Galli per violenza sessuale e atti osceni, ha confessato e ha chiesto di essere aiutato a curarsi. L’uomo ha confessato nell’interrogatorio di garanzia, presente il difensore Paolo Scovazzi, di Genova, che ha chiesto di trasferirlo dal carcere di Biella, dove è detenuto, a una struttura psichiatrica. Lo stesso pm ha convenuto sulla necessità di

sottoporlo a consulenza per accertare se è in grado di intendere e volere. Asaro ha confessato di avere palpeggiato donne intente a fare footing sugli argini a Alessandria. Ha anche affermato di avere problemi psichici acuiti dal fatto di essere stato abbandonato

dalla donna con la quale ha vissuto sette anni. Da tempo circolava voce che il posto dove tante donne vanno a correre o passeggiare non fosse più tranquillo per la presenza di un “tipo strano”. Questo passaparola era giunto anche alle orecchie di una giovane che ad agosto, in pieno giorno, è poi stata aggredita da uno sconosciuto e palpeggiata. Aveva denunciato l’episodio e la polizia dopo molti appostamenti è risalita a Asaro, riconosciuto in fotografia da una vittima. (RED.)

inbreve SERRAVALLE

Finisce in manette Il 13 ottobre i carabinieri hanno tratto in arresto e portato in carcere il pregiudicato 43enne Giacomo Sorbara, residente a Serravalle. L’ordine di arresto è arrivato dalla Corte di Appello di Torino. L’uomo, già sottoposto alla misura degli arresti domiciliari presso la propria abitazione per spaccio di sostanze stupefacenti, è finito in manette a seguito dell’aggravamento della misura coercitiva cui si trovava sottoposto. Sorbara, nello scorso mese di settembre, è stato infatti denunciato per violenza e minaccia a pubblico ufficiale. Così gli arresti domiciliari sono stati revocati e per il 43enne di Serravalle Scrivia si sono aperte le porte del carcere di Alessandria. (RED.)

lareplica Il sottoscritto Federico Pulice, con la presente, intende replicare a quanto pubblicato in data 3 ottobre 2013 sulla vostra testata alla pagina 5: nell’articolo “Otto mesi per violenza”, il giornalista ha scritto delle cose non corrispondenti alla realtà dei fatti giuridici contestati. In particolar modo, nel trafiletto in questione, viene riportata una vicenda del tutto inesistente, invero, nel dispositivo di sentenza emesso dal Tribunale di Alessandria nella persona del Giudice Zulian in data 24 settembre 2013 i capi di imputazione ascritti risultano essere ben diversi. Altresì, il titolo dell’articolo, poiché non veritiero, è assolutamente fuorviante, infamante e soggetto a interpretazioni negative, lesive della propria dignità e reputazione, in merito i legali di fiducia provvederanno ad agire in giudizio nei confronti dei responsabili. Federico Pulice Gentile signor Pulice, prendiamo atto della Sua replica e volentieri ne diamo pubblicazione. Facciamo rilevare, tuttavia, che non chiarisce in cosa e perché l’articolo in oggetto sarebbe sbagliato. Quanto è scritto nell’articolo, come è nostro uso, è stato tratto dal capo di imputazione del processo e dalle udienze alle quali è stato possibile assistere. (RED.)


ilsettimanale • giovedì 17 ottobre 2013

6 www.novionline.net • www.ovadaonline.net


novi ligure

ilsettimanale • giovedì 17 ottobre 2013

7 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

La vittoria degli ipermercati? Nella zona del novese continuano ad aprire grandi store, l’ultimo è stato il Galassia nella zona di via Manzoni, mentre le attività commerciali medio-piccole fanno fatica a tirare avanti

La crisi non fa sconti chiusi anche i discount Dopo il Dico, giù i battenti alla Ekom Sunflower di via Garibaldi GINO FORTUNATO g.fortunato@ilnovese.info

Tempi di crisi anche per i discount che, sino a oggi, contribuivano a mantenere in equilibrio la bilancia del commercio alimentare. Un altro market “low cost”, dopo il Dico di piazza Pernigotti (chiuso in primavera), chiude i battenti a Novi. Si tratta del market Ekom – Gruppo Sunflower – insediatosi alcuni anni fa nella galleria commerciale di via Garibaldi. L’ultimo giorno di attività è stato ieri, mercoledì. Per l’occasione è stata promossa una liquidazione del 10 per cento sui prodotti alimentari e del 20 per cento su cosmetici, saponi e affini. Un addio non condiviso dalla clientela che ha sempre trovato nel punto vendita novese un servizio affidabile. Quasi contemporaneamente ha chiuso questa settimana l’annessa macelleria che però faceva parte dell’azienda Gavazza di Castello di Annone. Rimangono invariate le altre attività commerciali della galleria. I cinque dipendenti del discount saranno per il momento assorbiti dagli altri punti vendita del Gruppo, in particolare dall’Ekom di Capriata d’Orba, anche se i sindacati non escludono il ricorso alla cassa integrazione. Stessa sorte per i tre dipendenti della ormai ex macelleria il cui futuro si preannuncia più arduo rispetto ai colleghi dell’Ekom. Sunflower aveva stipulato un contratto di subaffitto con il Gruppo Micro, che scadrà alla fine di dicembre, mentre la galleria commerciale è di proprietà della società Immobiliare Novese. Ci si domanda adesso quale sarà il futuro della galleria che ospita altre attività commerciali, tra cui un grande market di frutta e verdura, un bar, una lavande-

ria, un’agenzia immobiliare, un centro estetico e una palestra. Il timore diffuso è che la perdita di un punto di forza come il discount, possa ridurre il flusso della clientela. In questi giorni è in corso una trattativa per la locazione dello stesso che entro breve potrebbe riaprire. Ma con un’insegna diversa. Secondo voci di corridoio, potrebbe insediarsi un’azienda che si occupa di cosmetici, detersivi, saponi e prodotti per la casa. Intanto anche lo storico Ld (Lombardini Discount) di viale Pinan Cichero, ha uffi-

Discount in rosso Anche i supermarket che offrono prodotti a prezzi concorrenziali soffrono le conseguenze della crisi economica. In città due hanno chiuso e uno cambierà presto insegna.

cialmente cessato l’attività. Ld è stato uno dei primi discount ad aver aperto in città, quasi simultaneamente al Lidl. In passato Lombardini Discount contava due punti vendita, compreso quello di via Edilio Raggio, oggi sostituito dal negozio di cosmetici Tigotà. Per il momento la situazione è meno preoccupante per i dipendenti, i quali proseguiranno il loro impiego, poiché il discount è stato acquistato da una catena di supermercati di Napoli: la Lillo Md Discount. Nei prossimi giorni l’attuale insegna sarà sostituita con «Ldd».

Piante malate, taglio a primavera ma e in largo Penne mozze, davanti ai giardini pubblici comunali. In quest’ultimo caso è stato necessario intervenire per tagliare due ippocastani prima che la loro caduta potesse causare rischi per l’incolumità dei passanti e dei bambini che quoti-dianamente sostano nei giochi all’aperto. Il piano completo prevede l’abbattimento degli alberi presenti in otto zone cittadine, compreso largo Penne mozze. Ai giardini pubblici (nello stesso largo) dovrebbe esserne tagliato ancora uno. Seguiranno piazza Leoni di Liguria della ex caserma (15 alberi), viale Rimembranza (4), strada villa Aurora (2), via Manzoni (4),

via Robotti (1), area verde di via Manzoni (2) e via Gazzuolo (4). «Il piano di abbattimento degli alberi malati, di fatto, deve ancora cominciare – spiega il vicesindaco e assessore ai Lavori pubblici, Enzo Garassino – e lo annunceremo ufficialmente ai cittadini, nei dettagli, nel corso di una conferenza che stiamo per organizzare, entro la prima metà di novembre. L’abbattimento dei primi alberi dei giardini è stato necessario per ragioni di pubblica sicurezza. Non si poteva attendere. Inoltre in via precauzionale siamo intervenuti anche alla ex caserma Giorgi transennando i lati a rischio di

IL CASO

Atletica in difficoltà Problemi in vista per il settore giovanile dell’Atletica Novese. Da ormai due anni, bambini e ragazzi della società sportiva novese, durante la stagione invernale, eseguono la preparazione presso le palestre dell’Itis Ciampini, in via Verdi. Da quest’anno, però, potrebbe non essere più possibile. «Abbiamo inoltrato la richiesta al Comune, che ci ha risposto positivamente – spiega Adriano Pasetto dell’Atletica Novese – Quando però siamo arrivati in palestra l’abbiamo trovata chiusa: la scuola sostiene che dal Comune nessuno li ha avvertiti». Ma non è questo il problema più grave. Il preside Roberto Grenna ha infatti preso carta e penna e ha inviato all’assessore allo sport Enzo Garassino una lettera in cui spiega che secondo la legge «spetta al consiglio d’istituto deliberare sull’utilizzo delle strutture scolastiche per attività sportive», e non al Comune. Inoltre, il preside ha precisato che gli orari indicati da Palazzo Pallavicini per l’utilizzo delle palestre «non sono compatibili con le attività didattiche», che prevedono anche rientri pomeridiani, e ha richiamato pure l’attenzione sulla necessità che le strutture sportive della scuola, recentemente ristrutturate dalla Provincia, vengano tenute in perfetto ordine. La soluzione? Grenna si è impegnato a convocare al più presto il consiglio d’istituto per deliberare sull’utilizzo delle palestre. Successivamente, sarà necessario stilare una convenzione tra l’Itis Ciampini e le associazioni sportive interessate all’utilizzo delle strutture. (E.D.)

PINO DOLCINO

Piccioni nel mirino Il consigliere Pino Dolcino ha proposto una nuova interpellanza, riguardante tematiche inerenti la salute pubblica. A finire nel mirino del battagliero consigliere sono questa volta i piccioni, causa dello sporco che imbratta centro storico e cimitero. «I piccioni sono portatori di ben settanta malattie, di cui alcune mortali, contagiose per l’uomo e per gli animali domestici, i cui agenti patogeni vengono trovati nei loro escrementi», spiega Dolcino. Il problema, secondo Dolcino, riguarderebbe ormai non solo il centro storico, ma anche il cimitero. E così lancia l’accusa: «I cittadini che vanno al camposanto per trovare i loro cari si imbattono in una situazione di degrado».

La vicenda Una trentina di alberi in città dovranno essere abbattuti

Numerosi alberi a Novi dovranno essere abbattuti. In base alle verifiche compiute da “Studio verde”, l’azienda di Torino incaricata dal Comune, specializzata nelle malattie delle piante, oltre 30 saranno tagliati entro primavera. Da tempo si era a conoscenza dei problemi degli ippocastani, in particolare quelli della ex caserma Giorgi e del parco Castello, infestati dal parassita “cameraria ohridella”, ma adesso anche le querce stanno subendo la stessa sorte. Pertanto sta per scattare un piano di abbattimento, mentre si segnala la caduta di diversi alberi, proprio nei giorni scorsi, nella vecchia piazza d’armi dell’ex caser-

inbreve

BIBLIOTECA Tagliare per salvare Secondo uno studio commissionato dal Comune, molte piante in città sono malate e vanno abbattute per motivi di sicurezza. caduta degli alberi». L’abbattimento degli alberi costerà all’amministrazione comunale circa 150 euro per ogni essenza malata, mentre l’analisi sulla stabilità è costata circa 5 mila euro. L’onere dell’abbattimento viene definito dal prezziario regionale e varia per ogni

singolo albero, in funzione dell’altezza, del diametro e della zona in cui si trova. Quelli di Novi, trovandosi quasi tutti in aree urbane, avranno un costo d’intervento leggermente superiore rispetto alle aree più isolate, in quanto occorre procedere applicando maggiori cautele. (G.F.)

Fusillo in mostra Sabato 19 ottobre, alle ore 10.45, presso la biblioteca civica di Novi Ligure (via Marconi, 66) verrà inaugurata la mostra personale di Concetto Fusillo dal titolo “Federico II – La scuola poetica siciliana e il Monferrato”. In esposizione circa 60 opere tra oli e tecniche miste. La mostra, a ingresso libero, può essere visitata fino al 2 novembre, nell’orario di apertura della biblioteca.


novi ligure

ilsettimanale • giovedì 17 ottobre 2013

8 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Beni immobili Si parte subito con un palazzo e due appezzamenti

L’accordo Alla stretta finale

Il Comune vuol far cassa e vende i suoi “gioielli”

L’Acos cambierà presto sede e andrà all’asilo

MARZIA PERSI m.persi@ilnovese.info

Il Comune riprova a fare cassa attraverso la vendita di alcuni “gioielli di famiglia”. In un momento difficile come quello attuale l’amministrazione comunale cerca di rendere più appetibili i beni scontando un po’ il prezzo iniziale richiesto, sperando così di invogliare qualche imprenditore a investire. «Gli uffici – dice l’assessore competente Carmine Cascarino – hanno fatto una ricognizione distinguendo gli immobili immediatamente alienabili e gli immobili suscettibili di valorizzazione, ma per i quali occorrono approfondimenti». Gli immobili immediatamente alienabili sono l’ex Centro Anziani di via Concordia e due piccoli appezzamenti di terreno che si trovano in via Toscanini e via Casteldragone. Il primo ha un’ampiezza di 60 metri quadrati e viene venduto a 5 mila e 400 euro, il secondo è decisamente più piccolo, 38 metri quadrati, e costa 3.610 euro. «Per quanto riguarda l’edificio di via Concordia – prosegue Cascarino – si propone una riduzione del 30 per cento sul valore di alienazione del 2012 cui va ulteriormente detratto il costo di demolizione, cioè circa 7 mila euro». Il valore di alienazione 2012 era di 291 mila euro, quello attuale sarebbe di 197 mila euro. «Questa proposta al ribasso – spiega Cascarino – trova la sua giustificazione nel fatto che l’edificio di via Concordia, da un sopralluogo recentemente effettuato, oltre al vincolo urbanistico di parcheggio pubblico, è

emerso che la cantina del fabbricato è impregnata d’acqua, che nella zona è depositata in falde superficiali a pochi metri sotto terra». Aggiunge l’assessore: «Poiché è impensabile il mantenimento del fabbricato, per una nuova costruzione si dovranno considerare le caratteristiche geomorfologiche del terreno, con apposite fondazioni e impermeabilizzanti. Questo, chiaramente, aumenta il costo della costruzione e automaticamente diminuisce il prezzo del ter-

reno». Per quanto concerne invece gli immobili suscettibili di valorizzazione, ma per i quali occorrono approfondimenti e valutazioni aggiornate, gli uffici stanno predisponendo un bando esplorativo per verificare gli interessi degli operatori. Tale bando è finalizzato anche a definire eventuali destinazioni d’uso diverse da quelle attuali, previa procedura di variante al Piano Regolatore Generale, secondo le normative vigenti.

L’Acos sta per cambiare sede. È in fase di soluzione l’accordo tra il Gruppo Acos e l’amministrazione comunale di Novi, per la locazione dell’ex asilo ed ex “Onmi” (consultorio) di viale della Rimembranza. La struttura, già posta più volte in alienazione ma mai assegnata per assenza di acquirenti, potrebbe adesso essere concessa in affitto all’Acos ed essere trasformata in uffici per tutte le aziende che fanno capo al Gruppo. «Stiamo valutando con il Comune di Novi l’affitto dell’ex “Onmi” di viale della Rimembranza – conferma l’amministratore delegato dell’Acos, Mauro D’Ascenzi – dove dovrebbero essere trasferiti tutti gli uffici delle le nostre attività. Teniamo conto che in questi anni il Gruppo ha attuato una politica di espansione e quindi si rende necessario avere una struttura più grande, in sostituzione o in aggiunta della sede centrale di corso Italia». «La scelta del vecchio consultorio è determinata dalla sua posizione particolarmente comoda per l’utente, dove potrà, ad esempio, posteggiare con facilità – dice ancora D’Ascenzi – Nello stesso tempo il cittadino potrà raggiungere gli uffici Acos anche a piedi, essendo il vecchio consultorio situato in una posizione centrale della città. Una volta definito il contratto di locazione, occorrerà almeno un anno di tempo per attuare il trasferimento, poiché la struttura è piuttosto vecchia. Nel complesso, però, avremo una grande sede molto più ampia e funzionale rispetto a quella attuale». «L’ex asilo – conferma l’assessore ai beni patrimoniali Mino Cascarino – è già stato stralciato dal programma delle alienazioni comunali che oggi comprende la vendita dell’ex centro anziani di via Concordia e 2 piccoli appezzamenti di terreno in via Toscanini» [vedi articolo a lato; ndr]. (G.F.)


novi ligure

ilsettimanale • giovedì 17 ottobre 2013

9 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

La tassa Slitta la seconda tranche del balzello

Comune Vertice sui dipendenti

La Tares si dovrà pagare entro il 16 di dicembre

Sportello ambiente e polizia tributaria: progetto o sogno? Dopo il sit in e il volantinaggio davanti a Palazzo Pallavicini due settimane fa in occasione dell’approvazione del bilancio di previsione, i rappresentanti delle Rsu dei dipendenti comunali hanno avuto il primo incontro, nei giorni scorsi, con i capigruppo consiliari per programmare, insieme, servizi a progetto per poter ottenere il salario accessorio, circa 500 euro a lavoratore. «Siamo riusciti a smuovere un po’ le acque – dicono i dipendenti – speriamo che si riesca a trovare una soluzione. Noi siamo pronti alla trattativa». Da quando è partita la protesta, comunque, un paio di dirigenti hanno già proposto sei progetti. Durante il consiglio comunale il capogruppo del Pdl Federico Tuo aveva proposto di convocare una commissione per discutere il problema e trovare una soluzione. La prima conferenza dei capigruppo, tenutasi mercoledì scorso, ha portato a due progetti. Uno riguarda lo sportello ambiente che verrà istituito in occasione della fiera di Santa Caterina il prossimo 25 novembre. Il presidente del consiglio comunale Maria Rosa Porta ritiene che si potrebbe pensare di tenere aperto lo sportello per più tempo e non solo per i giorni della fiera di novembre. Lo sportello ambiente ha lo scopo di fornire informazioni sulle energie rinnovabili. Il secondo progetto è stato proposto dal consigliere comunale Franco Ciliberto [nella foto] ed è quello di istituire in seno alla polizia municipale, una sezione di polizia tributaria: «Non vuole essere un modo per vessare ulteriormente i cittadini, ma i rivoli in cui si perde denaro pubblico per evasione sono molteplici e la nostra polizia municipale potrebbe essere utilizzata anche per il controllo fiscale». Nel prossimo incontro anche i dipendenti faranno le loro proposte. (M.P.)

MARZIA PERSI m.persi@ilnovese.info

Nei prossimi giorni arriverà alle famiglie novesi il bollettino relativo al pagamento della seconda tranche della Tares (tassa rifiuti solidi urbani). Il balzello si dovrà pagare entro il prossimo 16 dicembre e non più a fine ottobre come era stato anticipatamente deciso dalla giunta. Nel luglio scorso i cittadini avevano già pagato il 75 per cento dell’importo totale dovuto. Il consigliere comunale Pino Dolcino, attraverso una interpellanza, aveva chiesto all’assessore al bilancio Germano Marubbi di prevedere delle agevolazioni per i novesi già vessati da tante tasse. L’assessore Marubbi ha puntualizzato che nel corso dell’estate si sono verificati diversi cambiamenti a livello amministrativo proprio su questa tassa e per questo sono cambiate anche le scadenze di pagamento. La seconda rata della Tares si potrà pagare, quindi, entro il 16 dicembre e non più a ottobre come precedentemente deciso. «Solo quando ci sarà la Servicetax – sottolinea Marubbi – si potrà valutare il margine di manovra dei Comuni e quindi relative agevolazioni, proprio per tale mo-tivo non abbiamo spostato il pagamento del saldo Tares al 2014». Come per il bollettino

di ottobre anche per quello di dicembre c’è la possibilità per gli utenti di pagare presso la filiale della Banca Popolare di Sondrio, situata in via Marconi, che svolge la funzione di tesoreria comunale. Sono previste detassazioni per le nuove attività imprenditoriali e di lavoro autonomo che vengano avviate da giovani fino ai 30 anni di età e per

Sei settimane in più Ci sarà tempo fino al 16 dicembre per pagare la seconda rata della Tares. La scadenza, in precedenza, era stata fissata al 31 ottobre.

nuovi insediamenti nel centro storico. Inoltre, nel 2012, vi erano sgravi per chi abita in zone non servite, per locali diversi utilizzati per uso stagionale, abitazioni tenute a disposizione per uso stagionale, per i locali di magazzino e autosaloni con superfici oltre i 500 metri quadrati. L’anno passato per le abitazioni private la tassa a metro quadrato era di 2,14 euro.

$ &#!

'

# "

! ! % !

"" ' !

! ! & $'

! !

#

! ! #

! %%

" #%! &

%% ) !%%

)

&

# #

( "! ) "! ( %%

! ! !

!' &# !%% # !# ! $ ! &$&#

%!

!


ilsettimanale • giovedì 17 ottobre 2013

10 www.novionline.net • www.ovadaonline.net


novi ligure

ilsettimanale • giovedì 17 ottobre 2013

11 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Il progetto L’assessore provinciale Graziano Moro lancia un’idea ambiziosa

Polo scolastico nell’ex caserma? In stretta collaborazione con l’istituto Itis-Ciampini per recuperare la Giorgi immobile di proprietà della Provincia, sito a Acqui Terme». «L’aumento del numero di aule a disposizione è senz’altro auspicabile», ha detto il preside Roberto Grenna. «Il nuovo corso di enogastronomia sta andando molto bene, quest’anno ci sono cinque classi e siamo a tappo. Se l’anno prossimo se ne aggiungesse anche solo una, non sapremmo dove metterla». I lavori di messa in sicurezza del Ciampini sono costati 681 mila euro, divisi in due lotti (il secondo è ancora in fase di esecuzione, il termine è previsto per il maggio del 2014). I lavori si sono concentrati soprattutto sui sistemi antincendio, con l’installazione di nuovi idranti, luci di emergenza, porte tagliafuoco.

Un grande polo scolastico diviso tra l’attuale sede dell’Itis Ciampini e la ex caserma Giorgi: è l’idea dell’assessore provinciale ai lavori pubblici Graziano Moro, che venerdì 11 ottobre ha effettuato un sopralluogo all’istituto tecnico di via Verdi, dove si sono appena conclusi i lavori di messa in sicurezza dell’edificio. Secondo Moro, sarebbe possibile coinvolgere aziende private in un’operazione di recupero della vecchia struttura militare: «Parte della ca-serma potrebbe essere trasformata in appartamenti, uffici, aree commerciali, e parte essere destinata ad aule. È una soluzione che in altri paesi viene adottata normalmente». L’attuale Itis e la caserma, insieme, andrebbero a costituire, insieme, un grande polo scolastico destinato all’insegnamento delle materie tecniche e alla formazione professionale. «Con più aule a disposizione – ha detto ancora Moro – potremmo trasferire in via Verdi anche gli alunni dell’istituto Boccardo di viale Saffi, che presenta grossi problemi. E in quell’immobile, in una posizione di grande pregio, appartamenti e uffici potrebbero sostituire le aule». L’idea di Moro è quella di una

Grenna e Moro Il preside dell’Itis Ciampini e l’assessore provinciale ai lavori pubblici ispezionano la scuola dopo il termine dei lavori di messa in sicurezza dell’edificio.

collaborazione tra pubblico e privato: «Le risorse nelle casse degli enti locali sono scarse, se vogliamo scuole migliori per i nostri ragazzi dobbiamo ottenere il coinvolgimento degli imprenditori». Una sperimentazione della collaborazione auspicata da Graziano Moro si è avuta proprio con i lavori di messa in sicurezza del Ciampini. «Non avevamo tutti i soldi necessari, e così abbiamo inserito nel bando d’appalto la previsione che la ditta vincitrice sarebbe stata pagata per metà in denaro, e per l’altra metà con un

L’evento Migliaia in piazza

illibro

ELIO DEFRANI e.defrani@ilnovese.info

I senza volto di Robbiano Sarà presentato domani, venerdì 18 ottobre, alle 17.00, il nuovo libro di Lorenzo Robbiano: “I senza volto, parte seconda”. Il volume tratta della nascita e dello sviluppo del movimento operaio nel territorio novese. La storia delle società di mutuo soccorso locali va a intrecciarsi con le vicende umane della povera gente, operai, contadini e lavoratori in genere, che sono sempre stati in ultima fila e non hanno mai avuto un volto sui libri della Grande Storia, pur avendo lottato con enorme sacrificio per riscattare la loro dignità e quella del lavoro. All’incontro parteciperanno l’assessore alla cultura Simone Tedeschi, il presidente della Consulta Soms Novi-Ovada Carlo Campora, lo storico Diego Robotti e ovviamente l’autore. La presentazione sarà coordinata dal giornalista Enrico Marià. L’appuntamento è alla biblioteca civica di Novi in via Marconi 66. (RED.)

Enogastronomia Dal 5 dicembre la rassegna

Anche l’edizione 2013 del Chocoday è stata un vero successo. Domenica pomeriggio migliaia di persone si sono riversate nelle vie del centro storico per acquistare prodotti tipici, specialmente di cioccolato, alla fiera allestita per l’occasione. Sono stati distribuiti quasi 300 litri di cioccolata calda messa a disposizione dalla Pernigotti. In piazza Dellepiane, invece, si è potuta assaporare la crema spalmabile Novi con focaccia e pane per una merenda davvero gustosa. Ben cento chilogrammi di crema sono stati spalmati su altrettanto pane e focaccia. Il cioccolato sarà nuovamente protagonista della Notte Bianca in programma il 7 dicembre. (M.P.)

di artisti italiani che accompagneranno i menu appositamente pensati dai cuochi per l’occasione, tracciando così un itinerario alla scoperta della realtà locale italiana, del suo paesaggio, dei suoi prodotti e delle sue eccellenze. Novità di questa edizione è il concorso per food blogger “Master Novi 2013” che decreterà il testimonial della rassegna enogastronomica. Da questa settimana al 24 novembre i concorrenti dovranno elaborare le

L’APPUNTAMENTO

Il salotto teatrale Riprendono gli appuntamenti con il salotto teatrale “Dai Lucedio”. Domani, venerdì 18 ottobre, alle 21.00, il “Duo Deno” formato da Gino Capogna e Andrea Negruzzo porta in scena “Le fiàbole”. Le fiabe che Capogna e Negruzzo racconteranno sul palcoscenico non assomigliano certo a quelle che ci hanno letti da piccoli, ma possono essere considerate componimenti della contemporaneità. L’ingresso è di 8 euro. Prenotazione obbligatoria con sms al 334 2135445 indicando nome e cognome oppure via email a dailucedio@hotmail.it. Il salotto “Dai Lucedio” si trova in via Verdi 138, a Novi Ligure. (RED.)

CHI L’HA VISTO?

Smarrito un beagle È stato smarrito lo scorso 9 ottobre a Novi Ligure in zona Crosa Sospira un cane di razza Beagle di colore nero con macchie marroni e bianche. Il cane risponde al nome di Teo ed è microchippato. Chi l’avesse visto è pregato di telefonare al 338 2693584.

LA VISITA

Chocoday 2013, Iniziato per “Dolci terre” un grande successo il conto alla rovescia in fiera Il conto alla rovescia per Dolci terre di Novi, la rassegna enogastronomica più importante dell’anno in programma dal 5 all’8 dicembre prossimi al centro fieristico, è iniziato. Prima però ci sarà un’anticipazione con una serie di iniziative collaterali. Quest’anno la kermesse del gusto, giunta alla diciottesima edizione, sarà dedicata alla grappa con uno spazio dedicato che vedrà la partecipazione dei produttori delle varie regioni d’Italia e in particolare del Piemonte. Nel mese di novembre prenderà il via “Surtout la table”, inconsueta quanto gustosa rassegna di arte contemporanea ideata da Massimo Palazzi: tre ristoranti novesi selezionati tra i migliori del territorio ospiteranno gli interventi

inbreve

Dalla Russia con amore

loro ricette originali in base ai prodotti tipici del territorio e pubblicarle, insieme a una foto, sui profili Facebook o Twitter di Dolci Terre. I tre utenti che avranno raggiunto il maggior numero di like o di retweet verranno premiati il 6 dicembre durante “Dolci terre”. I finalisti riceveranno in omaggio un viaggio e un pernottamento a Novi, un paniere con tutti i prodotti della manifestazione e un invito agli eventi locali. (M.P.)

Martedì ha visitato la città di Novi una delegazione proveniente dall’area di Voronez, città russa dove nel 1813 nacque Nikolaj Vladimirovic Stankevic, filosofo e letterato che morì a Novi nel 1840. La visita si inerisce nelle iniziative che i concittadini di Stankevic hanno organizzato in occasione del 200esimo anniversario della sua nascita. Dopo aver visitato la chiesa di San Nicolò, dove nel 1840 si svolsero i funerali di Stankevic, la delegazione ha raggiunto il municipio dove è stata ricevuta dalle autorità cittadine. Stankevic fu il fondatore del circolo omonimo, di tendenze idealistiche e liberali, che ebbe grande importanza per la cultura russa dell’epoca. Ne facevano parte, fra gli altri, Aksakov, Belinskij e Bakunin. Nel 1839 si trasferì in Italia nella speranza di un migliora mento della sua salute, minata dalla tubercolosi. Pubblicò molto su riviste dell’epoca e scrisse anche una tragedia e un racconto. (RED.)

Dei Fratelli Barbato

Assistenza - Impianti Elettrici Elettronici - Iniezione benzina Freni ABS - Autoradio ; "! "5 ! 5! " ! "5 2 / : ' ; 5 Meccanica generale

AUTO AUTO SOSTITUTI SO SOSTITUTIVA VA su p prenotazione renotazione e

INCENTIVI PER IL GPL (GAS)

IMPIAN IMPIANTO TO INIEZIONE 3/4 CILINDRI LANDI RENZO

DA D A

1300 IIVATO VATO

POSSIBILITA SIBILITA TA A DI FINANZIAMENTO NANZIAMENTO à D FI IN OMAGGIO PORTARUOTA OM MA M AGGIO IO BORSA BO PO RTARUOTA

Via Novi 1 OVADA (AL) - Tel. 0143.86166 Fax 0143.86186 E-mail: info@elettrauto81.it


novi ligure

ilsettimanale • giovedì 17 ottobre 2013

12 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Il progetto Già visionati alcuni possibili terreni per l’acquisto

Il caso Chiesto un referendum

Chiesa evangelica, in vista convenzione col Comune

Centro islamico, adesso la Lega parte all’attacco

GINO FORTUNATO g.fortunato@ilnovese.info

Dopo l’autorizzazione concessa per la costruzione di un centro di cultura islamico in via Ovada, la Giunta comunale novese procederà a una convenzione anche per l’edificazione di una chiesa di rito evangelico. L’ubicazione non è ancora stata ufficializzata, ma si sta procedendo nella stessa misura dei musulmani, ovvero attraverso la visione di alcuni terreni comunali per l’acquisto. Operata la scelta si procederà al cambio di destinazione d’uso, attraverso una variante del Prg. «In base alla convenzione che sarà stabilita si potrà parlare di concessione di vendita, esattamente come è avvenuto per il centro islamico – specifica l’assessore alle Politiche sociali, Felicia Broda – Hanno diritto a professare il proprio culto tutti, purché nel rispetto delle leggi. Ritengo la libertà religiosa uno dei cardini sul quale si fonda anche la nostra comunità. La Chiesa Evangelica ha pieno titolo per questa richiesta, esattamente come i musulmani. A Novi abbiamo due chiese evangeliche: una è ubicata in via Papa Giovanni e l’altra in piazza XX Settembre. Probabilmente vorranno unificarle, ma anche il circolo ricreativo musulmano è presente nella società novese da oltre vent’anni in via Cavour. Non dimentichiamo poi che in viale Pinan Cichero, dal 1990, è attivo un tempio dei Testimoni di Geova, i primi a creare in città una struttura di notevoli dimensioni oltre alle chiese cattoliche». Intanto la sezione “Oriana Fallaci”

della Lega prosegue con l’iniziativa di indire un referendum tra i cittadini, per impedire la costruzione del centro islamico, chiedendo la sospensione del procedimento amministrativo, ritenendo che: «Neppure tutta la Giunta ha firmato la deliberazione. Deduciamo che possano esserci disaccordi nella stessa squadra di governo della città. Nel contesto cittadino l’iniziativa è stata fatta passare sotto silenzio». «Non mi risultano disaccordi all’in-

terno della Giunta – replica l’assessore Broda – e comunque la Lega dovrebbe sapere che il consiglio comunale, in rappresentanza di tutti i cittadini, è sovrano sulle decisioni. Già nella prossima seduta si discuterà su questi temi. Ho ricevuto un anno e mezzo fa i leghisti, ma allora quando i musulmani erano alla ricerca del terreno, non mi prospettarono la possibilità di un referendum tra i novesi. La liberta di religione è sancita dalla Costituzione».

onoranze funebri

. . . cit Professionalità, totale assistenza che generano armonia e conforto

Servizio continuato

24 ore su 24 via Giacometti n. 22 (Palazzo Pallavicini)

Novi Ligure

0143 2411

Alla fine del mese di settembre, la decisione di collocare il nuovo centro islamico nella zona industriale di via Ovada sembrava aver messo un punto alla questione moschea. Ma la Lega non ci sta. Dalla sezione novese “Oriana Fallaci” è arrivata la richiesta di un referendum popolare. «L’assessore Felicia Broda sostiene che l’iniziativa è stata approvata dalla giunta e condivisa dalla cittadinanza – Spiegano dalla Lega – Ma quale parte della cittadinanza? Forse quella interessata alla realizzazione? Non tutti i componenti della giunta hanno approvato la deliberazione: ne dobbiamo dedurre che neanche nella compagine di governo il parere è unanime». Nasce così la proposta di un referendum popolare, a cui si aggiunge la domanda di poter esaminare gli atti inerenti il cambio di destinazione del terreno scelto per ospitare il centro culturale islamico, un documento che contenga «le motivazioni che hanno sorretto la scelta dell’area, le modalità di attuazione del cambio di destinazione urbanistica, le implicazioni di carattere economico-patrimoniale e le relazioni, i verbali e i resoconti che provino come la bozza di convenzione sia stata condivisa con la cittadinanza». Il timore principale è che «l’iniziativa sia stata fatta passare sotto silenzio». Alla richiesta di interpellare la cittadinanza si aggiunge infine quella di «sospendere tutti i procedimenti sino alla conclusione del referendum e alla più approfondita conoscenza dei fatti». (S.M.)


novi ligure

ilsettimanale • giovedì 17 ottobre 2013

13 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Il caso Accordo tra Cociv e i sindaci. Slitta la data del 10 ottobre

Terzo Valico, tempi lunghi per l’inizio lavori in galleria GIAMPIERO CARBONE g.carbone@ilnovese.info

Si allontana ancora la data dell’avvio dei lavori di scavo nella galleria del Terzo Valico a Voltaggio. Cociv nelle settimane scorse aveva indicato il 10 ottobre ma si sarebbe poi accordata con i sindaci di attendere lo svolgimento dell’incontro a Voltaggio nel quale si sarebbero dovuti rendere noti gli esiti delle analisi su amianto e tutela delle fonti. Proprio le modalità della riunione hanno provocato polemiche. L’orientamento degli amministratori e del Cociv era di invitare solo i consiglieri comunali e alcune associazioni ambientaliste. Il sindaco di Voltaggio Lorenzo Repetto ha successivamente annunciato: «L’incontro non si farà a Voltaggio per problemi di spazio. Siccome il ministro Lupi si è reso disponibile a incontrare i sindaci nella nostra provincia, si è deciso di attendere quell’appuntamento, ancora da fissare, e di cercare una sede consona». Cociv ha comunicato una data di inizio lavori? «A questo punto – risponde Repetto – il consorzio può attendere ancora qualche settimana visto che il Piano Cave è in dirittura d’arrivo, gli studi su amianto e tutela delle fonti quasi e il Piano di utiliz-

inbreve I FUNERALI

L’addio a Padre Gibì Sono stati celebrati lunedì mattina nella chiesa dell’Immacolata di Bordighera i funerali di padre Gian Battista Bruzzone. È stato l’ultimo priore della parrocchia di Sant’Antonio a Novi, nel viale della Rimembranza, prima che i frati venissero trasferiti e sostituiti dai Padri Giuseppini di nazionalità indiana. Il prelato è morto dopo una lunga malattia venerdì a Bordighera, in provincia di Imperia, dove da anni prestava il suo ufficio sacerdotale. “Padre Gibì” come era affettuosamente conosciuto dai parrocchiani novesi, aveva 70 anni compiuti a gennaio ed era originario di Masone, in provincia di Genova. Ministro provinciale dell’ordine dei Frati minori, era un profondo conoscitore della Bibbia e aveva preso i voti religiosi nel 1966. La sua voce era molto ascoltata e rispettata nelle Curie di Genova e Tortona, dove per anni “Padre Gibì” ha rivestito compiti di grande delicatezza, sempre nell’ambito dell’insegnamento e della diffusione delle Sacre scritture. Aveva ottima dimestichezza con la lingua ebraica antica e viene ricordato come un uomo schivo ma con ottimo dialogo soprattutto verso i giovani, molto incline al senso dell’umorismo, dalla battuta sempre pronta. Era anche un ottimo organista. Per anni fu allievo e amico del cardinale Carlo Maria Martini e del biblista Marco Adinolfi. (G.F.)

VOLONTARIATO

La festa dell’Avo

zo delle terre da scavo è stato approvato. Il punto non è quando ma come si lavorerà». Il Forum dell’Alta Vallemme ha commentato così la proposta: «La nostra partecipazione è legata alla condizione che l’incontro sia aperto alla cittadinanza, e che la documentazione su amianto e tutela delle fonti sia resa pubblica in anticipo per poterla valutare». Intanto, mercoledì 9 ottobre, durante la visita al cantiere di

In visita La delegazione del Comune di Novi, che la scorsa settimana ha effettuato un sopralluogo a Voltaggio, al cantiere del Terzo Valico.

Voltaggio da parte dei sindaci, Cociv ha annunciato che nella galleria l’amianto sarebbe assente. Commenta Legambiente: «Non ci può fidare di Cociv, serve un soggetto terzo». Per il Comune di Novi, presenti il sindaco Robbiano, il vicesindaco Garassino, il presidente Porta e i consiglieri Ciliberto, Malfettani, Vignoli e Gabriele. Quest’ultimo ha chiesto di poter eseguire nuovi sopralluoghi a scadenze regolari.

Anche l’Avo (Associazione Volontari Ospedalieri) di Tortona parteciperà, domenica 20 ottobre, alla quinta giornata nazionale del volontariato ospedaliero. Avo opera con propri volontari negli ospedali, nelle residenze assistenziali sanitarie e nelle case di riposo; è giusto che chi si dedica con tanto trasporto a questi generosi compiti accresca il proprio senso di appartenenza, così come, d’altra parte, è necessario far conoscere il volto di coloro che regalano con un sorriso un po’ del proprio tempo a chi vive in solitudine in una casa di riposo oppure si trova in un letto di ospedale a lottare con la malattia. I 90 volontari tortonesi e i quasi 30 di Novi Ligure, prestano servizio negli ospedali Ss. Antonio e Margherita e San Giacomo, assicurando una presenza costante caratterizzata da una forte motivazione personale, un’adeguata preparazione e l’assoluta gratuità delle prestazioni. L’Avo, con il supporto del Csva, allestirà il 20 ottobre punti informativi sull’associazione e sulle attività svolte in favore degli ammalati presso gli ospedali di Tortona e Novi. (RED.)


novi ligure

ilsettimanale • giovedì 17 ottobre 2013

14 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Gli spettacoli Inizia con Shakespeare il nuovo anno al teatro Giacometti. Si parte il 29 ottobre

Silvio Orlando inaugura la stagione: sul palco sale il “Mercante di Venezia” MARZIA PERSI m.persi@ilnovese.info

Fausto Paravidino L’attore ovadese chiuderà il caledario degli spettacoli con il suo “Exit”.

Silvio Orlando Con “Il mercante di Venezia” inaugurerà la stagione teatrale del Giacometti.

e l’8 marzo in occasione della Festa della Donna salirà sul palcoscenico novese Paola Quattrini in “L’attesa”. Chiuderà la stagione, il 9 aprile, “Exit” di Fausto Paravidino. «Accanto alla stagione per adulti, anche quest’anno, visto il successo riscosso l’anno scorso – ha sottolineato l’assessore alla cultura Simone Tedeschi – vi sarà una seconda stagione interamente dedicata alle scuole, la cui direzione artistica è stata affidata al novese Carlo Orlando e a Eva Cambiale».

Si tratta di un cartellone ricco di ben sette spettacoli prodotti da compagnie e registi di fama nazionale. «Tutte le scuole della città – dice Eva Cambiale – sono state coinvolte dalle materne ai licei. L’anno scorso abbiamo avuto un totale di 1.670 biglietti venduti. Il successo riscontrato l’anno passato ci incoraggia a proseguire per il sentire tracciato, cercando di ampliare e arricchire il nostro progetto». Aggiunge Cambiale: «Investiremo ancora di più nell’attività laboratoriale e sulla formazione. Pro-por-

Ennio Fantastichini Sarà impegnato nel monologo “Beniamino”, di Steve J. Spears. remo, unitamente a un laboratorio di recitazione per le superiori, anche un corso di formazione per tecnici di palco. Crediamo così di lavorare non solo alla formazione del pubblico di domani, ma alla fondazione di una cultura teatrale davvero popolare e radicata nel territorio». La prevendita per i biglietti alla stagione al “Gia-cometti” partirà il 22 ottobre presso la biblioteca civica. Il costo dei biglietti singoli è di 20 euro per il primo settore e di 17 euro per il secondo settore.

La ristrutturazione della barriera di permeabilità cutanea: il primo passo verso una pelle più in forma. Tra tutti i trattamenti che “Comunque Belle” propone quello che merita una menzione speciale per la sua grande specificità è la famosa RBP (ristrutturazione della barriera di permeabilità cutanea) che mi vede impegnata da oltre venti anni in una ricerca continua e complessa in quello che può essere considerato uno dei punti più avanzati ed affascinanti dell’estetica: L’EUBIOTICA, la scienza che insegna a considerare la pelle non solo un rivestimento ma un vero e proprio organo “intelligente”. Il primo dei trattamenti eubiotici è proprio la RBP. Destinata al viso, al cuoio capelluto ed al corpo, prepara “il terreno” ad ogni altro tipo di intervento e ne garantisce i migliori risultati. La ristrutturazione della barriera di permeabilità interessa in modo specifico lo strato corneo, il più esterno dell’epidermide, che normalmente funziona come una prima linea di difesa, compatta e ben organizzata con il compito di fare da barriera selettiva, cioè di decidere ciò che può entrare dall’esterno. Accade però che alcuni agenti esterni (sole, freddo, vento, detergenti. fumo, smog…) tendono ad intaccare questo strato così che la pelle diventa via via più vulnerabile, opaca, sottile, senza tono e soprattutto non più in grado di svolgere i suoi compiti. Ed è proprio su questa “sofferenza” che interviene la RBP che in pratica, attraverso l’uso di creme e metodologie applicative molto speciali, restituisce all’epidermide tutte quelle sostanze (fosfolipidi, proteine, vitamine…) indispensabili per funzionare meglio, ripristinare le difese e provvedere naturalmente al suo rinnovamento. La grande forza della RBP sta nei risultati che questa tecnica garantisce, importanti e visibili fin dai primissimi trattamenti: NON PERDETE L’OCCASIONE DI FARE UN GRANDE REGALO ALLA VOSTRA PELLE!

Centro estetico comunquebelle

PER LEI · PER LUI

SIAMO SPECIALIZZATI IN:

PER APPUNTAMENTO

0143 71361

TRATTAMENTI VISO (de-tossicanti, illuminanti, sebo-normalizzanti, anti-age) TRATTAMENTI CORPO (drenanti, esfolianti, tonificanti, pressomassaggio, dimagrimento localizzato) EPILAZIONE (laser - con la pasta di zucchero naturale e delicato) PEDICURE - MANICURE - TRATTAMENTI ALLA PARAFFINA PERCORSI BENESSERE (personalizzati viso, testa collo, spalle e corpo completo) TINTURA CIGLIA E SOPRACCIGLIA MAQUILLAGE GIORNO, SERA E SPOSA

Via P. Isola 24/1 - Novi Ligure - Aperto da martedì a sabato (ore 9-18)

campionissimi

L’attore Silvio Orlando inaugurerà con “Il Mercante di Venezia” di William Shakespeare per la regia di Valerio Binasco, il prossimo 29 ottobre, al “Giacometti” di corso Piave, la stagione teatrale novese. «Grazie alle sponsorizzazioni e alla Fondazione Piemonte dal Vivo – ha detto il sindaco Lorenzo Robbiano – riusciamo a proporre, anche quest’anno, un cartellone di tutto rispetto con attore e registri di alto livello. In un momento difficile come quello attuale è importante, comunque, continuare a investire nella cultura». Il programma proseguirà il 6 novembre con “Medea” di Seneca con Maria Paiato, diretta da Pierpaolo Sepe, il 14 dicembre con “Beniamino” di Steve J. Spears con Ennio Fantastichini. Il 2014 si aprirà con un musical “Cantando sotto la pioggia” mentre a febbraio, al Museo dei Campionissimi, fuori cartellone, è stato inserito “Quella sera al vel d’hiver”: la storia di Costante Girardengo e Sante Pollastri campioni di biciclette e di rivoltella. Il 16 febbraio sarà in scena “Don Giovanni” di Moliere

Quei Sacri Tesori Sono in arrivo diverse iniziative promozionali legate alla mostra “Tesori Sacri dalla collezione civica” allestita presso il Museo dei Campionissimi fino al 9 febbraio 2014. A partire da novembre, ogni primo sabato del mese (2 novembre, 7 dicembre, 4 gennaio e 1° febbraio) nel normale biglietto d’ingresso (7 euro) i visitatori potranno usufruire di una visita guidata alla mostra, con inizio alle ore 16.00, che proseguirà all’esterno con gli oratori delle Confraternite del centro storico e la chiesa della Collegiata, edifici nei quali sono presenti interessanti testimonianze della pittura ligure del Seicento e del Settecento, tema dell’esposizione. Le novità riguardano anche i più giovani. Tutti gli studenti delle scuole novesi, di ogni ordine e grado, possono visitare la mostra gratuitamente accompagnati dal proprio insegnante. Inoltre, all’esposizione sono abbinati tre laboratori didattici. Le attività, che hanno una durata di circa due ore, sono rivolte ai più piccini (scuola dell’infanzia e scuola primaria) oppure ai ragazzi della scuola primaria e secondaria di primo grado e secondo grado. Il costo è di 5 euro per ogni partecipante. La mostra “Tesori Sacri dalla collezione civica” è aperta con gli stessi orari del Museo del Ciclismo: venerdì dalle 15.00 alle 19.00; sabato, domenica e festivi dalle 10.00 alle 19.00. (RED.)

! ! !


ovada

ilsettimanale • giovedì 17 ottobre 2013

15 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Una brutta avventura. Dieci gli ovadesi vittime della Broker Sud, ditta di Cassano Magnago che ha incassato le caparre senza effettuare la consegna. Indagini dei Carabinieri e della Guardia di Finanza

Pellet pagati e mai consegnati: la truffa arriva dalla Lombardia EDOARDO SCHETTINO ovadese@alice.it

Sorpresa sgradita per una decina di ovadesi rimasti coinvolti in quella che è già stata ribattezzata “la truffa dei pellet”, messa in scena da una ditta specializzata, o presunta tale, la Borker Sud di Cassano Magnago. Sulla vicenda è già al lavoro la Compagnia di Busto Arsizio dei Carabinieri, così come la Guarda di Finanza. Perché, almeno nel nord ovest, area geografica in cui la falsa vendita del materiale per riscaldarsi ha avuto il suo epicentro, si parla di diverse decine di clienti “rimasti all’asciutto” per un giro d’affari illecito di diverse migliaia di euro. La Provincia di Varese ha provato a fare una stima: almeno duemila ordinazioni raccolte nel giro di sei mesi per un volume d’affari che supera molto probabilmente il mezzo milione di euro. E d’altronde la ditta che ha sede in via Costa fino a pochi giorni fa sul suo sito vantava un’esperienza di vent’anni nel campo della legna da ardere e dei pellet. Unico requisito richiesto, ordinare un minimo di tre bancali. E così questo gruppo di ovadesi si è messo d’accordo per far arrivare il materiale, e poi dividerselo. “Ci è stato chiesto un anticipo del 30% dell’intera somma – racconta una delle persone coinvolte che non vuole essere nominata in attesa di presentare una denuncia scritta – a casa abbiamo ricevuto un campione in prova del loro materiale. Il prezzo di vendita richiesto era effettivamente più basso rispetto ad altri ma non tanto da farci insospettire. E così abbiamo deciso di fare un tentativo già nei mesi scorsi. Non vedendo effettuare la consegna nei tempi stabiliti abbiamo provato a metterci in contatto con la ditta senza riuscirci. Ci siamo resi conto di quel che era successo anche quando i

giornali e i siti web della Lombardia hanno iniziato a parlare dell’accaduto”. Come sempre internet fa da cassa di risonanza in casi come questi. Tanto che sono nate community e forum in cui si discute dell’accaduto e si prova a immaginare una strategia per tornare in possesso delle cifre investite. C’è chi ha parlato di una class action, senza peraltro definire meglio la cosa. “Nessuno di noi ha perso cifre particolarmente significative (in alcuni casi l’anticipo versato è di poco superiore ai 100 euro ndr) – prosegue il portavoce del gruppo – ciò non significa che non vogliamo provare a rivalerci su chi ci ha fregato. Per questo ci rivolgeremo alle forze dell’ordine. Al tempo stesso speriamo che parlarne ai giornali possa indurre altri potenziali clienti a stare più attenti”. Qualcuno, sempre sui forum via internet, racconta di essere stato negli uffici della Broker Sud ancora attivi, e di

I raggirati Almeno duemila ordinazioni raccolte nel giro di sei mesi per un volume d’affari che supera molto probabilmente il mezzo milione di euro

essersi insospettito per alcuni particolari come un’insegna di plastica legata con alcune fascette e l’assenza di un vero e proprio magazzino per le scorte. “A maggio – racconta uno dei tanti truffati – io e due amici abbiamo acquistato 10 bancali pagando 900 euro di caparra concordando la consegna tra la fine di giugno e luglio ma con una scusa hanno rimandato. La verità è che siamo stati fregati”. C’è chi per acquistare il materiale ha speso anche 500 euro ed ora comprensibilmente è sul piede di guerra. Qualcuno minaccia di metterci di mezzo la televisione, Iene o “Striscia la notizia”. Sarebbe da verificare se e quanto sono preoccupati gli autori della truffa che probabilmente si stanno godendo quanto raccolto illecitamente in qualche posto lontano. Mai come in questi giorni la foto della mano tesa proposta dalla home page del sito appare grottesca.

L’incontro Questa sera se ne discute con le associazioni nel salone degli Scolopi

Ospedale: l’Osservatorio presenta l’ipotesi di collaborazione coi privati L’Osservatorio attivo brucia le tappe e presenterà stasera, in un incontro aperto a tutte le associazioni ovadesi, la sua ipotesi di collaborazione tra pubblico e privato per l’ospedale di Ovada. L’incontro è previsto per le 21.00 in piazza San Domenico nella casa degli Scolopi. L’intento è soprattutto di fare chiarezza sulle prospettive e sulle intenzioni dopo che l’annuncio della settimana scorsa ha provocato non poco scompiglio, com’è ovvio, e un po’ di disorientamento in una materia sempre particolarmente delicata. Che il clima non sia particolarmente rilassato lo si è inteso anche la settimana scorsa. Nuova occasione di polemica è scaturita dal tavolo tra sindaci, dirigenti Asl e associazioni che si doveva tenere giovedì scorso. L’argomento di discussione doveva essere la situazione degli ambulatori dell’ospedale. Solo nella mattinata di giovedì si è invece saputo che si sarebbe discusso di servizi so-

ciali e assistenza. “Con rammarico – ha commentato lo stesso Osservatorio, in una nota piuttosto seccata – notiamo che l’ordine del giorno è stato mutato dandocene comunicazione per interposta persona e in tempi troppo stretti quasi a significare che la nostra presenza sia marginale e ci riservi il ruolo di uditori. Noi desideriamo preparare con cura gli incontri entrando nel vivo della materia. Stravolgere l’ordine del giorno non agevola e non ci dà modo di fornire alcuna considerazione utile”. L’associazione ha poi espresso perplessità sull’esito dei precedenti incontri chiedendo quali siano state le decisione prese in conseguenza dei colloqui. Ultimo motivo di incertezza riguarda la presenza delle religiose all’interno della struttura, in particolare in base al rinnovo della convenzione da stipularsi con l’Asl. In caso di abbandono difficilmente il loro aiuto sarebbe surrogato.

La protesta. L’associazione presieduta da Padre Ugo prende posizione anche sulle modalità con le quali procede il tavolo tecnico coi sindaci

lapolemica Parcheggi blu: mistero sul vincitore di Edoardo Schettino E’ attesa nei prossimi giorni una parola definitiva sull’esito della gara per l’assegnazione dei parcheggi a pagamento sulla quale è calato un velo di mistero. L’unico dato certo è infatti l’apertura delle buste, andata in scena lo scorso 11 settembre. Da quel giorno solo silenzi, sul numero delle aziende che hanno partecipato, ma soprattutto sul possibile vincitore. Sull’argomento, pressoché impossibile carpire un commento a Palazzo Delfino.”L’iter va avanti – è l’unica dichiarazione che esce dagli uffici comunale dove si fa notare che c’è un accordo comunque valido fino alla fine dell’anno - ma si sono registrati alcuni rallentamenti”. E quindi, almeno per ora, non c’è il successore della Gestopark, la dita di Albissola che negli ultimi anni ha gestito la partita, anche al termine del contratto vero e proprio prorogato più volte. La materia interessa perché la sosta blu ha fruttato nell’ultimo anno 166 mila euro e perché nella partita è coinvolta anche Saamo, l’azienda del trasporto pubblico locale, sempre alla disperata ricerca di un settore verso il quale aprire un nuovo ramo di attività. Chi non aspetta la conclusione definitiva della vicenda per dire la sua è l’opposizione. “La vicenda – è l’affondo del consigliere del Gruppo Misto Fulvio Briata – è stata gestita male dall’inizio e si sta concludendo anche peggio. Il bando non va a favore della città per le sue caratteristiche tecniche. Fissa un minimo troppo basso a pannaggio delle casse comunali, quando abbiamo esempi vicini dove l’appannaggio per il pubblico è molto più alto. Se poi si considera che ogni stallo frutta mediamente 1.50 euro al giorno, c’è qualcosa di strano: forse alcuni sono sottoutilizzati e quindi non necessari”. Pronto a tirare fuori la questione in consiglio comunale si dice il consigliere Gianni Viano. “La questione – aggiunge Angelo Priolo, Fratelli d’Italia – doveva già essere affrontata nell’ultimo consiglio comunale. Non si è fatto e ciò la dice lunga anche sull’assenza dell’opposizione. Da parte mia rimango dell’idea iniziale: si poteva procedere ad un affidamento diretto, così come nella vicenda del trasporto scolastico. E’ legittimo che un ente tuteli gli interessi della sua partecipata”. Dei rallentamenti di cui si parla non viene spiegata la natura ma, considerato questo nulla di fatto, è evidente che l’inciampo a cui ci si trova di fronte non sia cosa da poco.


ovada

ilsettimanale • giovedì 17 ottobre 2013

16 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Costume Un parassita sta distruggendo le piante; in arrivo un rimedio

Il rimedio A Masone i primi successi

È tempo di castagnate Ma le castagne ci sono?

Lotta al cinipede, se ne è discusso a Campo Ligure

SIMONETTA ALBERTELLI ovadese@alice.it

Dopo quelle di Battagliosi, Rocca Grimalda e Cassinelle, il 19 a Costa e il 20 a Tagliolo, Silvano e Cremolino: si parla di castagnate nell'Ovadese. E se è vero che “sotto ogni riccio c'è un capriccio”, anche nel caso delle castagne, oltre che per i capelli, i capricci si moltiplicano e già da qualche anno, l'insetto killer proveniente dalla Cina, ha creato rallentamenti alla produzione italiana di castagne. In sintesi, il parassita, noto come “cinipide del castagno”, oltre ad aver gravemente compromesso la produzione, sta debilitando le stesse piante. L’insetto, introdotto accidentalmente in Piemonte circa 13 anni fa, ha avuto una rapida diffusione creando non pochi problemi alla castanicoltura tanto da frutto quanto da legno. Dal Piemonte si è propagato velocemente in tutto il Nord Italia e in Toscana. In nove anni ha colonizzato l'intera Valle Camonica e i tecnici calcolano che sia in grado di far ammalare ogni anno cinquanta chilometri di castagneti. Nessuna sorpresa se quasi dappertutto il prezzo è decisamente aumentato, raggiungendo i 5 euro al kg per quelle in arrivo dalla Spagna. C'è qualcuno che giura di averle

acquistate anche a 10 euro: “Un vero peccato calcolando che fra Santa Lucia, Colma, Bandita e boschi sopra Lerma e Molare, trovare le castagne non è mai stato un grande problema, anzi è sempre stato un motivo per fare le ultime scampagnate prima dell'inverno”. E qualcun' altro si chiede ancora: “Ma quanto costeranno quest'anno i cartocci venduti alle fiere?”. L'idea

Prezzi alle stelle Cinque euro al chilo per quelle provenienti dalla Spagna, ma qualcuno le ha pagate anche sette; quanto costerà il cartoccio delle caldarroste alla prossima fiera?

è da brivido: chi cede regolarmente alla tentazione provocato dal profumo invitante, sa di cosa si parla. Ma non bisogna perdersi d'animo: il rimedio pare esserci. Si tratta della lotta biologica: si libera nei castagneti un altro insetto che mangia e uccide il cinipide. Per avere risultati interessanti ci vorranno dai cinque agli otto anni. Noi attendiamo speranzosi.

...una valida alternativa!

Come debellare il cinipide che infesta i nostri castagni? Se ne discusso in un’assemblea lo scorso 10 ottobre a Campo Ligure, tenutasi presso l’ex salone della giustizia e voluta dal consigliere regionale del PD Antonino Oliveri. Nello specifico si è parlato dell’insetto antagonista in grado di debellarlo, ovvero il torimide. Di fronte ad una sala gremita soprattutto di cacciatori, fungaioli e frequentatori dei boschi, il consigliere ha presentato le azioni messe in atto dalla Regione Liguria e quelle previste per il futuro. Dopo l’introduzione affidata ad Andrea Pastorino, Presidente dell’Unione di Comuni, Oliveri ha spiegato come, le molte segnalazioni arrivate dal nostro territorio lo abbiano spinto a promuovere l’incontro e a sollecitare l’azione di contrasto già avviata dalla Regione. Marcello Storace, dirigente del settore fitosanitario regionale, ha parlato degli aspetti tecnici di questa azione di contrasto, caratterizzati principalmente dai lanci dell’insetto antagonista. Visto il positivo effetto di questa azione in altre regioni, anche la Liguria ha adottato questo sistema, l’unico per adesso, volto a debellare il parassita. Anche in Valle Stura, in particolare a Masone, lo scorso anno, sono stati effettuati alcuni lanci che sembrano aver avuto un effetto positivo, visto che, quest’autunno si iniziano a vedere le prime piccole castagne. Il dott. Storace ha poi spiegato che, oggi, i lanci del torimide hanno un costo nettamente inferiore rispetto a quelli effettuati i primi anni e che l’allevamento di questo insetto ha già portato all’apertura di una nuova attività per i biologi. Speriamo solo che, in futuro, non si debba poi intervenire per limitare la diffusione anche di questo insetto. (E.B.)


ovada

ilsettimanale • giovedì 17 ottobre 2013

17 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

La consultazione Come il centro sinistra sceglie il candidato sindaco

inbreve

Primarie Pd: quattro candidati

ORMIG

Un premio per De Lucia

Due membri dell’attuale giunta, un outsider e un cavallo di ritorno ma dell’Ovadese”. “Effettuare le primarie – spiega il coordinatore del circolo ovadese, Giacomo Pastorino – rappresenta una grande scommessa ma anche una grande opportunità. E’ la prima volta che ci si confronta a livello locale e su temi locali. Possiamo affermare che il riscontro ricevuto (e la candidatura di un’indipendente lo conferma) ci rafforza nelle nostre convinzioni e ci stimola a lavorare ancora affinché il Pd continui ad essere punto di riferimento per tutta l’area di centrosinistra ovadese. Registrare quattro persone di valore interessate alle nostre primarie è motivo di soddisfazione e ci fa prevedere un notevole arricchimento del dibattito».

Ricomincia da quattro il Partito Democratico. Sono questi infatti i primi candidati per il centro sinistra alla poltrona di sindaco che lunedì scorso hanno ritirato i moduli necessari per la raccolta firme. L’attuale vice sindaco Sabrina Caneva, l’assessore all’Urbanistica Paolo Lantero, Gian Piero Sciutto già attivo all’interno del partito e Antonio di Cristo, cavallo di ritorno e assessore ai Lavori Pubblici tra l’80 e l’85. I quattro aspiranti raccoglieranno le firme necessarie fino al 24 ottobre. La consultazione è prevista per domenica 24 novembre alla Soms. “La mia decisione – spiega Sabrina Caneva, indipendente - è quella di provare a mettere a disposizione della mia città la mia esperienza amministrativa e mettere a frutto ciò che ho imparato prima come assessore, poi come vice sindaco. Credo che mai come in questo momento storico ci sia bisogno delle energie e delle risorse di tutti, insieme, per ricostruire un nuovo patto di cittadinanza. E ciascuno deve fare la propria parte, con umiltà e spirito di servizio.” Poche parole per Paolo Lantero. “Penso di poter essere ancora utile a questa città dopo dieci anni di esperienza amministrativa – ci ha detto – nella consapevolezza che tutti dobbiamo rimboccar-

ci le maniche e lavorare”. Vuole essere una piccola provocazione la scelta di Antonio di Cristo. “L’intento – ci spiega – è quello di provare a suscitare un nuovo interesse nella vita politica e nei problemi della città. Per questo sono interessato a sentire le opinioni della gente, risvegliare un dibattito che pare sopito”. “Avrei voluto candidarmi anche in passato – afferma Gian Piero Sciutto, nella vita consulente aziendale – ma non c’era mai stato spazio. Lo faccio oggi per mettere in campo la mia visione di sviluppo, non solo della città

La frase Giacomo Pastorino: “Registrare quattro persone di valore interessate alle nostre primarie è motivo di soddisfazione e ci fa prevedere un notevole arricchimento del dibattito”

alsanpaolo

EDOARDO SCHETTINO ovadese@alice.it

C’è la festa del quartiere Domenica 20 ottobre, a conclusione delle celebrazioni in onore di Santo Paolo della Croce, patrono della città, si svolgerà un pomeriggio di festa e giochi insieme organizzato dalla comunità San Paolo presso il Santuario in corso Italia. Negli spazi attorno alla chiesa saranno allestiti punti di incontro che offriranno occasioni di gioco e di dialogo per tutti coloro che interverranno. In un clima di famiglia, in cui ci si ascolta, si condivide il cammino, si fa festa, si apprezza e si dà significato a ogni persona nella sua specificità, si potranno trascorrere alcune ore, a partire dalle 14 in gioiosa compagnia e perché no, fare nuove conoscenze e condividere una semplice merenda con frittelle e caldarroste. L’invito degli organizzatori dell’iniziativa è rivolto a tutti… da zero a cento anni. La manifestazione si terrà comunque: in caso di pioggia avrà luogo all’interno dei locali di comunità.

Viabilità Ex statale del Turchino

Il ricordo Scomparso la settimana scorsa a 80 anni

Pochi chilometri a passo di lumaca

L’ultimo addio a Luigi Maggio “Un ovadese d’altri tempi”

In questi ultimi tempi chi si deve recare in automobile da Ovada verso la Valle Stura e viceversa, e non sono pochi coloro che frequentano questa via di comunicazione per motivi di lavoro o di studio, hanno avuto la sgradevole sorpresa di vedere moltiplicato il tempo di percorrenza lungo la strada. Infatti per fare quei pochi chilometri, 10 per l’esattezza, che separano la nostra cittadina da Rossiglione, a volte, si è arrivati ad oltre 40 minuti di guida. Il motivo è quasi sempre lo stesso: i passaggi a livello che stanno chiusi per lungo tempo dando origine a code interminabili. Qualche settimana fa, addirittura, le sbarre sono state abbassate per più di 20 minuti, prima che sopraggiungesse il treno passeggeri proveniente da Genova e diretto ad Acqui. Lo stesso problema si verifica quando transitano dei convogli merci, che procedono spesso ad andature molto ridotte. Il più delle volte, poi, non si ha il tempo per superare il passaggio livello successivo, a causa delle coincidenze ad Ovada, per cui si rimane bloccati per la seconda volta. In questo periodo, inoltre, anche l’alternativa dell’autostrada è sconsigliata perché, a causa di lavori, il restringimento della carreggiata provoca code lunghissime. E così sono molti i veicoli, tra cui anche numerosi mezzi pesanti, che escono al casello di Ovada e rientrano a quello di Masone e viceversa, creando ulteriori rallentamenti e disagi.

“Un uomo d’altri tempi, che c’è ma che non si vede”. Sta nei versi della poesia che gli amici hanno voluto dedicargli durante il funerale l’essenza di Luigi Maggio, figura storica di Ovada, scomparso a 80 anni, per un malore improvviso, la settimana scorsa. Impossibile da non notare, elegante, che pareva uscito dalle pagine di un libro o da dietro un vecchio sipario, chiacchierone eppure discreto, a volte impercettibile. A dirgli addio, ieri, nella parrocchia dell’Assunta, decine di ovadesi. Autorità, volti noti degli ambienti sociali, religiosi e civili, parenti, amici e anche semplici conoscenti: quelli che lo incontravano abitualmente in piazza, ogni mattina, impeccabile nei suoi completi sartoriali,

con la cravatta di seta e l’immancabile cappello, vezzo elegante che rivelava molto della sua personalità. Lungo il percorso fino al campo santo, a salutarlo c’erano le sue vecchie foto, affisse nelle vetrine dai

commercianti che erano soliti incrociarlo ogni mattina. “Il giorno prima era ancora in piazza Assunta, a chiacchierare, il giorno successivo non c’era più. La sua morte improvvisa ha lasciato sgomenti non solo la sua famiglia e i suoi amici, ma tutta Ovada - ha ricordato il parroco, don Giorgio Santi, durante l’omelia -. Sarà impossibile dimenticare il suo carattere signorile, il suo impegno per la confraternita, il suo modo di vivere la fede, la generosità”. La stessa che, nel giugno scorso, lo spinse ad acquistare 36 cappe nuove color scarlatto, da donare ai confratelli per la processione di San Giovanni: cappe che loro hanno indossato anche ieri, per dargli un ultimo saluto colmo d’affetto. (D.P.)

La Ormig S.p.A., azienda ovadese leader nel settore del sollevamento e movimentazione dal 1949, ci comunica che un suo valido collaboratore da 31 anni, Giuseppe De Lucia è stato insignito di un prestigioso premio da parte della giuria degli ILTA, Italian lifting & transportation awards, per le capacità professionali dimostrate nel comparto dei costruttori di macchine per il sollevamento. Il premio è stato consegnato a Palazzo Farnese a Piacenza il 27 settembre scorso. Nella motivazione si legge “Apprezzato e stimato dai clienti e collaboratori per la preparazione e competenza, etica professionale, correttezza e lealtà sia verso i clienti stessi che nei confronti della azienda in cui opera”.

VENERDÌ

Festa di S. Paolo della Croce Venerdì 18 Ottobre per la solennità di San Paolo della Croce, patrono della città, nel Santuario di San Paolo in corso Italia sarà celebrata una S. Messa solenne alle ore11, presieduta da Padre Max Anselmi, passionista. In Parrocchia ore 17 invece avrà luogo la solenne concelebrazione presieduta da Mons. Pier Giorgio Micchiardi, Vescovo di Acqui Terme. Seguirà la processione per le vie della città. Nella Casa Natale del santo, in via San Paolo, le Sante Messe saranno celebrate alle ore 8, 9, 10 e 20:30. Durante le Processione presterà servizio il Corpo Bandistico “A. Rebora”.

TAGLIOLO

I sentieri della Colma Domenica 20 ottobre, alle ore 10, a Tagliolo Monferrato, presso il salone comunale, sarà presentato il libro “Rete di sentieri Monte Colma”, un’iniziativa promossa dall’Associazione Amici della Colma” in collaborazione col Parco Naturale Capanne di Marcarolo, l’Ecomuseo Cascina Moglioni, il Comune di Tagliolo e la sezione di Ovada del Club Alpino Italiano.

I PROGETTI

Sistemazione di due frane La giunta ha approvato due progetti (entrambi predisposti dall’ing. Marco Arata) relativi alla sistemazione di due frane verificatesi nel maggio scorso. Una è quella in località La Guardia (poco più di 111 mila euro la spesa prevista), l’altra è in strada Termo (circa 27 mila euro).

UFFICIO OVADA

Piazzetta Stura, 5 Tel. 0143.80149 UFFICIO ALESSANDRIA

Via Marengo, 16 Tel. 0131.261085

Dott. Gianpaolo Piana - Dott. Lorenzo Bisio

!#

! "

Dott. Lorenzo Bisio

cell. 333.6712602

cell. 339.8411489

e-mail: gianpaolo.piana@finanzaefuturo.it

e-mail: lorenzo.bisio@finanzaefuturo.it

# !

Promotori - Consulenti finanziari e previdenziali Dott. Gianpaolo Piana

"

! 3103,8,0/( 6$'$ ",$ 5/*9 2%$ 4(- ( )$7 (.$,- 4$&&+,/0 3(22$.(/4, -,%(20 ,4

## # #

#

4(-

('( $34(--(440 '9 2%$ 0& 4$8,0/( &(--


ovada

ilsettimanale • giovedì 17 ottobre 2013

18 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Scuola Che succede all’Istituto Comprensivo “Pertini” dopo un anno di razionalizzazione

Meno progetti, più territorio

inbreve ALLA REGIONE

Proroga assegni Calano le iniziative “coreografiche”; tutte le attività legate all’offerta formativa di studio tori fanno un po’ di confusione. La certificazione relativa ai disturbi di apprendimento non è una disabilità (per quella c’è un’apposita normativa): gli alunni che ne soffrono sono normodotati e quindi l’attestazione del loro problema non è un “salvacondotto”. Si tratta solo di predisporre per loro dei piani individualizzati di apprendimento, ma gli obiettivi stabiliti dai programmi vanno raggiunti. Resta il fatto che, se in una classe ci sono molti casi di questo tipo, il docente deve lavorare di più. In ogni caso la scuola presta maggiore attenzione ai bisogni degli alunni, però non si può “medicalizzare” ogni difficoltà che i ragazzi incontrano nel loro percorso scolastico”.

E’ passato più di un anno dall’operazione di “razionalizzazione” delle scuole ovadesi. L’Istituto Comprensivo Pertini” ora raccoglie tutte le scuole dell’obbligo statali della città (più quelle dell’infanzia) per un totale, secondo le ultime statistiche, di 1088 alunni. “L’attuale sistemazione – ci dice il dirigente scolastico dott.ssa Patrizia Grillo – è sicuramente più logica della precedente e consente di dare risposte più articolate all’utenza. E’ sparito il dualismo tra la Primaria di via Dania e quella di via Fiume e gli effetti sono positivi. Resta il fatto che gestire un istituto di queste dimensioni certamente non è cosa facilissima”. Ma come funziona ora questa scuola e che cosa è cambiato in questi ultimi tempi? “Rispetto al recente passato – ci dice ancora la dott.ssa Grillo – è aumentata l’attenzione al territorio e c’è stata una riduzione nel numero dei progetti. Ora vengono scartati quelli “coreografici”, ma poco attinenti all’offerta formativa e si lavora per far sì che le attività siano strettamente connesse agli obiettivi che la scuola persegue. Anche per gite scolastica si opera nello stesso modo, con particolare riguardo alla co-

Il dirigente scolastico “Per chi ha difficoltà di apprendimento ci sono piani individualizzati. Ma attenzione: non si può medicalizzare tutti i problemi degli alunni”

noscenza dell’area in cui viviamo, un’area che presente numerose emergenze di rilievo dal punto di vista naturalistico, architettonico e geologico.” Ma tra le novità scolastiche più recenti è comparsa anche la certificazione dei cosiddetti “disturbi di apprendimento” che sembrano interessare un numero sempre crescente di studenti. Il che non ha semplificato il lavoro degli insegnanti. “Diciamo subito – afferma la dott.ssa Grillo – che su questo problema talvolta i geni-

L’iniziativa Da parte della Pro Loco

achieri

DIEGO CARTASEGNA ovadese@alice.it

Premiati tre studenti ovadesi Il 13 ottobre scorso , nella città di Chieri (Torino), si è svolta la premiazione della XXIV edizione del “Palazzo Grosso 2013”, un premio nazionale di poesia e narrativa aperto alla scuola secondaria di secondo grado. Per la sezione “Poesia” il primo premio è andato alla classe 1^ A del Liceo Scientifico “B. Pascal” di Ovada, che è stata presentata dalla prof.ssa Roberta Carosio. Oltre a questo successo collettivo, ci sono stati anche dei riconoscimenti individuali. Infatti sono arrivati tre premi per altrettanti alunni della stessa classe. Si tratta di Riccardo Cenonfolo di Tagliolo Monferrato, che ha avuto il 1° premio per la poesia “Alba”, di Francesca Bruzzone di Ovada che ha centrato il secondo posto con la lirica “Sovrani rumorosi” ed infine di Lisa Bruzzone di Tagliolo per “Il rumore del cuore” (3° premio). Insomma si è trattato di un “en plein” davvero prestigioso per l’Istituto ovadese.

La cerimonia Domenica scorsa il 69° anniversario

Ospiti di Lercaro, “Aria”, l’unico sopravvissuto un pranzo speciale ricorda l’eccidio di Olbicella La Pro Loco di Ovada ha offerto un pranzo agli ospiti autosufficienti della Casa di Riposo Lercaro. Così una trentina di ospiti trasportati con un pullman messo a disposizione dalla Saamo e un’autovettura della Croce Verde hanno raggiunto, accompagnati dagli assistenti, i locali dell’Enoteca di Via Torino per un pomeriggio diverso. Ad attenderli i gestori dell’Enoteca, la famiglia Ferrari, il presidente della Pro Loco Tonino Rasore e per il direttivo la Vice Anna Parodi e la segreteria Lina Turco.

Domenica scorsa, ad Olbicella di Molare, è stato celebrato il 69° anniversario dei rastrellamenti nazisti dell’ottobre 1944, quando i nazifascisti seminarono distruzione e morte, anche nelle località di Piancastagna di Ponzone e Bandita di Cassinelle. Numerose le delegazioni ufficiali con i sindaci della zona presenti. Dopo la funzione religiosa celebrata nella chiesetta dove il 7 ottobre 1944 vennero rinchiusi tutti gli abitanti della frazione, mentre i tedeschi saccheggiavano

ed incendiavano le loro case, davanti al monumento che ricorda l’evento, hanno fatto seguito i discorsi celebrativi. A conclusione l’orazione ufficiale del presidente della Provincia Paolo Filippi. Fra i vari interventi, significativa la testimonianza dell’ex partigiano Mario Ghiglione (Aria) che proprio qui ad Olbicella il 7 ottobre 1944, ha assistito all’impiccagione dei suoi sei compagni, che con lui i tedeschi avevano fatto prigionieri. Fra questi “Pan-

cho”, l’ovadese Giovanni Villa che prima di essere impiccato, venne orribilmente sfigurato, con il calcio del fucile che il suo boia impugnava, dopo che in segno di disprezzo nei confronti del tedesco che gli imponeva il cappio, il partigiano, gli aveva sputato in viso. “Aria”, forse per la sua giovane età, venne salvato dalla morte, ma fu bastonato a sangue, e fu costretto ad assistere alla impiccagione dei compagni, avvenuta nella piazzetta attigua alla chiesa.

C’è un mese di tempo in più per richiedere gli assegni di studio sulle spese scolastiche di iscrizione e frequenza, libri, trasporti e attività integrative: la Regione Piemonte ha deciso di prorogare il termine di scadenza delle domande dal 15 ottobre al 15 novembre 2013. La domanda va presentata on line sul sito www.piemontefacile.it attraverso tre possibili modalità: tramite posta certificata, tramite firma digitale oppure attraverso le apposite credenziali (username, password, Pin) ottenute on line registrandosi su Sistema Piemonte al link www.sistemapiemonte.it/registrazione (per i residenti nei comuni integrati al sistema: elenco consultabile su www.sistemapiemonte.it/scuole/assegnistudio) o recandosi in uno degli sportelli accreditati su tutto il territorio regionale (elenco consultabile su www.sistemapiemonte.it/scuole/assegnistudio). Chi non avesse richiesto le credenziali può ancora farlo. Ad Ovada per informazioni si ci può rivolgere in Comune, all’Ufficio Istruzione e PSA (1° piano; tel. 0143836217 – 0143836311) il lunedì e il mercoledì dalle 15 alle 17,15 oppure il martedì e il giovedì dalle 8,40 alle 12,15.; e-mail: assistenza@comune.ovada.al.it cultura@comune.ovada.al.it.

JOV@NET

Gli ammessi al tirocinio Sono stati resi noti i nominativi dei giovani disoccupati ammessi ai tirocini formativi e di orientamento nell’ambito del progetto “Orienta Jov@net”, promosso dalla Provincia di Alessandria con la partecipazione finanziaria della Regione Piemonte. Il progetto riguarda i Comuni di Ovada, Molare, Castelletto d’Orba e Tagliolo Monferrato. Gli ammessi sono: Simone Borsari, Camilla Cavanna, Sara Gargaglione, Erik Isola, Dzanis Artemyeu Lanza, Miriam Lucca, Luca Musante, Fabiola Ravera e Laura Repetto.

SCUOLA

Agevolazioni tariffarie L’amministrazione comunale ha versato la somma di 3148,50 Euro alla SAAMO quale rimborso per le agevolazioni tariffarie del trasporto scolastico relativo all’anno 2012/2013.


ovada

ilsettimanale • giovedì 17 ottobre 2013

19 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Splendor Sabato pomeriggio prende il via la Rassegna del “Teatro per la famiglia”

Si apre con Clownerentola

ALLA COOP

Elio Berti rivisita una delle fiabe più note al mondo: sorprese e colpi di scena chiude ancora con “I ragazzi dello Splendor” che portano in scena “Il cantastorie e la favola dimenticata”. Un libro dimenticato, una favola che da molto tempo nessuno racconta più. Le parole sono svanite, solo i personaggi la possono far rivivere. Ci riusciranno? Al termine di ogni spettacolo sarà distribuita una merenda equosolidale e tutti i piccoli spettatori parteciperanno al concorso “Porta quattro amici in pizzeria”. “Si tratta di un'iniziativa in cui abbiamo creduto da subito – dichiara l'assessore all'istruzione Sabrina Caneva – e che ha riscosso apprezzamento da parte delle famiglie. Un modo diverso e alternativo per trascorre un sabato in famiglia, divertirsi e farsi domande insieme”.

Dopo il successo degli scorsi anni, parte sabato pomeriggio l'ottava edizione del Teatro per la Famiglia, a cura degli assessorati all'Istruzione e alla Cultura del comune di Ovada insieme all'associazione “I ragazzi delle Splendor”. La rassegna si apre sabato prossimo, alle ore 16,30 con lo spettacolo “Clownerentola”. Con la regia di Elio Berti va in scena uno spettacolo per tutti che con dolcezza e comicità racconta una delle “favole” più conosciute al mondo. Un teatro, una compagnia che non c'è più, una regista esigente e un attrezzista, Andrè , che cerca di arrangiarsi. Ogni tentativo è vano, la favola non può essere raccontata perché almeno lei, la protagonista, Cenerentola, deve esserci: ma forse fra il pubblico qualcuno... Il secondo appuntamento è in programma sabato 30 novembre con la compagnia “I ragazzi dello Splendor” che presenta “Chi farà dimagrire Babbo Natale”, testo e regia di Fabiana Parodi. La notte di Natale si sta avvicinando e le renne non sanno più come dire a Babbo Natale che sta mettendo su chili. E allora? Sciopero! Ma secondo voi può finire così? Ci vuole una idea grandiosa...

Il calendario Gli appuntamenti sono in tutto quattro: dopo quello di sabato, ci saranno spettacoli il 30 novembre, il 25 gennaio ed infine 22 febbraio

Sabato 25 gennaio 2014 terzo spettacolo con Timoteoteatro che presenta “Bu bu sette” (per ridere di paura). In scena quattro attori alle prese con lo spettacolo di Hallowen. All'aprirsi del sipario il pubblico potrà vedere quello che accade in scena ma anche dietro le quinte, dove tutto diventa comico e divertente. Fantasmi che compaiono senza motivo, personaggi che si dimenticano di entrare in scena, attori che si spaventano tra loro, insomma un vero disastro… Il 22 febbraio si

L’evento Il 9 e il 10 novembre

lagita

GIULIANA CANTAMESSA ovadese@alice.it

Scoprire Monet Le Scuderie del Castello di Pavia presentano, fino al 15 dicembre prossimo, un’importante mostra (“Monet au cœur de la vie”) dedicata a uno dei massimi esponenti del movimento impressionista. Si tratta di una selezione di opere provenienti da prestigiosi musei di tutto il mondo: dagli USA alla Francia, dal Sud Africa alla Romania fino alla Lettonia. La mostra è stata visitata anche dagli alunni delle 3 classi prime del Liceo scientifico “Pascal” di Ovada, accompagnati dai loro insegnanti. Gli alunni hanno potuto così scoprire importanti lavori di Claude Monet e di ripercorrere le tappe principali della sua produzione artistica, dalla formazione fino alla grande maturità. Attraverso un percorso espositivo innovativo ed emotivo, la mostra ha offerto ai ragazzi un’inedita modalità di avvicinamento anche alla sfera personale della vita del Maestro, consentendo loro di scoprire l’”uomo” oltre che il grande artista.

Il caso L’assessore Subrero cade dalle nuvole: “Non sapevo”

“Ovada in mostra” Via Bisagno: giardino segreto con vino e tartufi E Briata accende la polemica La quinta edizione di “Ovada in mostra” si svolgerà in concomitanza con l’iniziativa, promossa dalla Pro Loco, “Vino e tartufi” il 9 e il 10 Novembre prossimo. E’ prevista la presenza di trentina di imprese di varie tipologie di attività. La sede dell’evento sarà Piazza San Domenico dove verrà allestita una tensostruttura di circa 400 mq garantendo il passaggio di circa 2 metri su lato negozi e di una ventina di metri davanti all’ingresso della Chiesa degli Scolopi. Per ridurre al minimo i disagi nel centro storico si è stabilito di avviare i lavori di montaggio della struttura mercoledì 6 novembre a partire dalle ore 14. Conseguentemente il mercato dei generi alimentari del sabato verrà spostato in Piazza XX settembre con le bancarelle sul lato dei negozi mentre il traffico sarà veicolato nella corsia dei bus. Piazza S. Domenico tornerà libera martedì 12 novembre a fine mattinata . Come è noto “Ovada in mostra” ha lo scopo di promuovere le nostre imprese e tutto il territorio dell’Ovadese.

Un “giardino segreto” nascosto tra le palazzine colorate di via Bisagno, nel cuore del centro storico. Basta attraversare la piazzetta al centro del complesso per scoprire, al di là di una cancellata, un polmone verde da dove è possibile guardare questo angolo di città da una prospettiva inusuale. Per questo piccola area verde, un tempo pertinenza del vecchio complesso di edifici e sotto il quale sono stati ricavati dei box, si profilava un futuro da parco pubblico. Ma

nonostante a Palazzo Delfino fosse già pronto un piano di fattibilità, l’idea è finita nel dimenticatoio. “Non sapevo di un progetto simile per quel giardino – dice l’assessore ai Lavori pubblici, Simone Subrero -. Approfondirò la questione ma non voglio alimentare illusioni: aprire un nuovo parco vorrebbe dire accollarsi altri oneri, economici e non, in un momento in cui fatichiamo a seguire gli spazi verdi già esistenti”. Ma a protestare è il consigliere di minoranza Fulvio

Briata, che sull’area di via Bisagno vuole riaccendere i riflettori. “E’ vero che il Comune non può spendere ma con un investimento minimo si potrebbe dare a Ovada un parco nuovo, di cui le famiglie hanno diritto di fruire – dice -. Tanto più in un punto strategico, vicino al nuovo quartiere Aie e nel mezzo del centro storico. Ci sono i presupposti per farne una grande area ideale per i bambini, magari trasferendo i giochi presenti al parco Pertini”.(D.P.)

MARANZANA ABBIGLIAMENTO

inbreve I nostri funghi Oggi pomeriggio alle 15,30 presso la sala Punto Soci Coop in via Gramsci, nell’ambito della rassegna “Corsi e Percorsi: Incontri, Esperienze per noi Consumatori”, si terrà un incontro sul tema “I nostri funghi”, relatore il prof. Renzo Incaminato.

QUESTA SERA

Enrico Ruggeri allo Splendor

Secondo appuntamento, questa sera, dell’edizione 2013 di “Fred in Festival”. Per ricordare Fred Ferrari, il noto pianista-arrangiatore, ovadese d’adozione, il Lions Club Distrettuale, i Lions Club Ovada e Pozzolo Formigaro, in sinergia con la Regione Piemonte, il Comune Di Ovada, la Fondazione Cral, la Confartigianato-Cna, l’Enoteca Regionale di Ovada e del Monferrato e Telecity, con la direzione artistica dell’Orchestra Classica di Alessandria, presentano, per giovedì 17 ottobre alle ore 21,00, la serata dal titolo “Vai Rrouge!” parole, musica, emozioni e immagini con la presenza del celebre cantautore milanese Enrico Ruggeri.

A COSTA

Castagnata notturna La castagnata in notturna a Costa d’Ovada ci sarà, come da programma, sabato 19 ottobre alle ore 20.30 L’amministrazione della Saoms, organizzatrice dell’evento, nutriva qualche dubbio sulla data in quanto sono in corso, presso la sala bar, i lavori di restauro dei locali. All’unanimità il consiglio direttivo ha deciso di procedere con la manifestazione, che si svolgerà nei campi da bocce, quindi all’aperto. Il ricavo della festa sarà devoluto, come sempre, in beneficenza.

IN PIAZZA

Mercatino biologico Tutti i sabati del mese in Piazzetta Cereseto, ad Ovada, si tiene il “Mercatino del biologico e dell’artigianato ecocompatibile”.


ovada

ilsettimanale • giovedì 17 ottobre 2013

20 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Tagliolo Sabato prossimo, in Comune, la consegna dei riconoscimenti

Concorso del Dolcetto Sono 23 le aziende premiate LUCA PIANA ovadese@alice.it

SILVANO D’ORBA

Incontro con Salvatore Borsellino L’Assemblea Provinciale di “Libera – Nomi e Numeri contro le mafie”, si riunirà venerdì 18 ottobre, alle ore 17.30, presso il Teatro della S.O.M.S. in via Roma, 33 a Silvano d’Orba per discutere un ordine del giorno che prevede l’ approvazione degli obiettivi e del programma delle attività 2013-2014 e la Campagna di Natale 2013. Inoltre ci sarà l’incontro pubblico con Salvatore Borsellino: l’agenda rossa a 21 anni da Capaci e via d’Amelio. L’iniziativa è organizzata e patrocinata dalla SOMS e dal Comune di Silvano d’Orba.

SABATO PROSSIMO

E ora il vino va in scena

sica castagnata nel Borgo del Castello di Tagliolo. Facendo un salto a Acqui Terme, domenica 20 ottobre, presso la cripta del duomo, alle ore 21.00, si terrà il concerto conclusivo di “Musica in estate”: il musicista genovese di fama internazionale Giovanni Scaglione eseguirà brani di Johann Sebastian Bach e Gaspar Cassadò. Protagonista assoluto sarà il violoncello, con un programma improntato sulle celeberrime Suites che Bach dedicò a questo strumento.

tagliolo

Sabato 19 ottobre, presso il municipio di Tagliolo Monferrato, si svolgeranno le premiazioni del 15esimo concorso enologico del Dolcetto d’Ovada, un’iniziativa collegata a “Le storie del vino”. Sono 23 le aziende che hanno ottenuto il riconoscimento, per un totale di 27 vini. Un premio speciale sarà assegnato Enrica Spanò, proprietaria dell’azienda agricola Cascina Brettarossa di Tagliolo, che si è adoperata alla conservazione e la diffusione della cultura e dei prodotti del territorio dell'Alto Ovadese. Sempre sabato 19 ottobre, alla vineria “Il Bagatto”, a Trisobbio, alle ore 22.00, concerto del Jazz Quartet con Giorgio Biasiolo (batteria), Domenico Missarelli (chitarra), Guido Sais (basso) e Patrizia Toselli (voce). Seguirà buffet e degustazione di vini. Info: 342 3020430. Tanti sapori autunnali saranno protagonisti domenica 20 ottobre, ancora a Tagliolo Monferrato: dalle ore 12.00 si potranno gustare il risotto al tartufo, le uova fritte con tartufo, gli agnolotti, la farinata, i focaccini sulla ciappa. A partire dalle 14.00 poi ci sarà la clas-

inbreve

Vendemmia Jazz, 6ª edizione Il Comune di Tagliolo organizza, sabato 19, la 6ª edizione di “Vendemmia Jazz” per celebrare ed avvicinare la musica al vino Dolcetto d’Ovada prodotto nei vigneti del proprio territorio. Il programma della manifestazione, che si svolgerà nella chiesa parrocchiale di Tagliolo, prevede, alle ore 21,15, il concerto del “Marangolo Challenge Combo”, composto da Antonio Marangolo (sassofono), Oscar Del Barba (tastiere) e Loris Lombardo (percussioni). L’ingresso è libero. Antonio Marangolo, in occasione della sesta edizione di Vendemmia Jazz, rassegna che lo ha generosamente ospitato negli ultimi anni, si ripresenta con una nuova formazione in compagnia di due giovani musicisti capaci quindi di produrre suoni che un dinosauro come lui non potrebbe mai nemmeno immaginare. Al termine del concerto avrà luogo una degustazione del Dolcetto di Ovada.

Sabato 19 ottobre, alle 16,30 si terrà Palcoscenico di Vino, organizzato dall’associazione Moonfrà in collaborazione con le aziende vitivinicole Rocco di Carpeneto e Facchino e con l’Agriturismo Val Del Prato. Dalle ore 16,30 degustazioni guidate e visita alle cantine delle aziende Rocco e Facchino. Alle ore 17, “Melodie in Vigna”, passeggiata tra i vigneti del Rocco di Carpeneto con l’accompagnamento musicale del duo dei Pifferai delle 4 Provincie. Alle 18 ci sarà “Impariamo il “Cake design”, presso l’azienda vitivinicola Facchino. Dalle ore 19,30 Apericena nell’Agriturismo Val Del Prato con degustazione di prodotti tipici e vini delle aziende che partecipano all’evento. Per concludere, la Compagnia Teatrale “Sopra il Palco” di Maurizio Silvestri metterà in scena la commedia “Un giorno in pretura”.

CASA DI CARITÀ

Inaugurazione del laboratorio Sabato 19 Ottobre, alle ore 9,45 presso l’Oratorio Votivo in Via Gramsci saranno ricordati i 20 anni di presenza di Casa di Carità Arti e Mestieri ad Ovada e i 70 anni dalla proclamazione del voto che ha dato a Ovada il suo centro di formazione professionale. Per l’occasione sarà anche inaugurato il laboratorio di Macchine Utensili a Controllo Numerico, completamente rinnovato. I n ricordo dell’imprenditore che per primo seppe vedere nella formazione professionale la chiave per la realizzazione del futuro di tanti giovani e che tanto si prodigò per la crescita e il consolidamento del Centro, il laboratorio sarà intitolato a Guido Testore.

VIA G. GARIBALDI 17 NOVI LIGURE (al 1° piano centro commeciale)

VENDESI Zona Lodolino vic.ze Scuole Boccardo, alloggio su 2 livelli (sottotetto con balcone) di buona metratura pari al nuovo, composto da ingresso, cucina, soggiorno con balcone, 2 camere, doppi servizi. CORSO ITALIA vendesi alloggio di buona metratura in bel contesto signorile e comodo al centro, composto da ingresso, salone, cucina, doppi servizi, 3 camere, terrazzi e cantina. Da vedere, presso interessante, info in ufficio. NOVI LIGURE - alloggio di buona metratura, vicino a scuole e impianti sportivi, termoautonomo, composto da ingresso, dispensa, doppi servizi, 3 camere, cucina, sala, terrazza abitabile verandata e box. Prezzo interessante. NOVI a pochi passi dalla Stazione appartamento composto da ingresso, sala, soggiorno, cucinotto, dispensa, bagno, 2 camere da letto, cantina e box. Possibile acquistare l’immobile senza il box. 105 000 €

PASTURANA - Bellissima casa indipendente di grande metratura, totalmente ristrutturata con giardino e terreno di proprietà. L'immobile si sviluppa su 2 livelli di 130 mq ciascuno. Completano la proprietà la cantina e un ampio e luminoso sottotetto. Trattative in ufficio. CASETTA LUNGO FIUME In posizione tranquilla ma vicina ai servizi e non isolata, casetta da terminare ma già abitabile, composta da ingresso su soggiorno e cucina al piano terra, 2 camere e bagno al secondo piano. L'immobile sorge su una superficie di 1400mq già con cancello elettrico e illuminazione. Ideale come seconda casa. Possibilità di aumentare la superficie abitativa. 97 000 € NOVI LIGURE - Via Garibaldi alloggio in ottimo stato composto da ingresso, salotto, 2 camere ampie, bagno, dispensa, cucina abitabile e cantina. Completa e valorizza ancor meglio l'immobile la bella terrazza abitabile.

NOVI - appartamento comodo al centro ma in zona tranquilla, completamente ristrutturato a nuovo, composto da ingresso, grande dispensa, cucina, salotto con balcone, camera da letto, cameretta, bagno e cucina con balcone. Completa la proprietà la cantina. Da vedere! POZZOLO F.RO Centro paese, bella casa in stile liberty con finiture in marmo e pavimenti alla genovese, su più livelli con cantine e solaio abitabile. Grande metratura, bel porticato su grande giardino di proprietà e frutteto. Fanno parte dell'immobile: rustico con altro ingresso, da adibire ad altro alloggio e/o box, cucina e bagno estivi. Per informazioni, contattarci direttamente in ufficio. NOVI (corso Italia) Appartamento in ottima posizione e contesto di 70mq ca composto da ingresso, dispensa, ampio soggiorno, cucina, bagno e camera da letto. Balcone. Piano alto. 75 000 €

MONTE SABOTINO Comodo alla stazione e ai servizi, alloggio soleggiato composto da ingresso, 2 camere ampie, bagno, cucinotto e ampio soggiorno e balcone. Completano la proprietà la cantina e il box. 105 000 € NOVI LIGURE - vendesi alloggio comodo al centro, piano rialzato composto da ingresso, cucina, bagno, soggiorno, camera e dispensa. Prezzo davvero interessante VIA M. PASUBIO - vendesi alloggio in posizione tranquila e panoramica composto da ingresso, 3 camere, cucinotto, soggiorno, bagno, dispenza, cantina e terrazzi. Luminoso e tranquillo, richiesta 100 000 € NOVI LIGURE - C. Italia alloggio parzialmente da ristrutturare sito al primo piano e ideale anche come uso ufficio composto da ingresso, soggiorno, cucina, doppi servizi, 2 camere e terrazza abitabile. Prezzo interessante. NOVI LIGURE - Via Isonzo - alloggio composto da ingresso, corridoio, cucina, soggiorno, due camere e bagno. Prezzo interessante. PASTURANA - Ville monofamigliari a un piano con garage di buona metratura. Disegni e informazioni presso i nostri uffici

COMPRAVENDITE E LOCAZIONI ABITATIVE E COMMERCIALI GESTIONE AFFITTI - RISTRUTTURAZIONI - PICCOLI INTERVENTI ECC.. PRATICHE CATASTALI: ACCATASTAMENTI, VOLTURE, SUCCESSIONI, TIPI MAPPALI PRATICHE EDILIZIE - DIREZIONE LAVORI - PERIZIE: ESTIMATIVE E DI PARTE CERTIFICAZIONE ENERGETICA - LEGGI 10 SICUREZZA NEI CANTIERI: PIANI DI SICUREZZA E PIANI OPERATIVI DI SICUREZZA


pozzolo

ilsettimanale • giovedì 17 ottobre 2013

21 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Bosco Marengo Appeso a un filo il futuro di tredici ricercatori

inbreve

Fabbricazioni Nucleari sempre a rischio chiusura

CASTELLO

Assemblea in Cantina Domani, venerdì 18 ottobre, alle 21.00, appuntamento alle Cantine del Castello di Pozzolo Formigaro, dove si terrà l’assemblea pubblica organizzata dai comitati “No Tav-Terzo Valico” di Novi e Pozzolo. Il tema della serata sarà l’amianto: in particolare, verrà presentato uno studio relativo alla presenza di amianto nell’Appennino; verranno inoltre discussi gli sviluppi della vicenda legata al Terzo Valico e al nostro territorio. Alla serata prenderanno parte Francesco De Milato (ingegnere e autore di uno studio sulla presenza di amianto); Diego Quirino (associazione “Voci della memoria” di Casale Monferrato) e Luigi Gambarotta (ingegnere, docente dell’Università di Genova). (L.L.)

IRENE NAVARO irene.navaro@alessandrianews.it

Resta appeso a un filo il futuro dei tredici ricercatori di Fabbricazioni Nucleari che lavorano a progetti di ricerca all’interno dello stabilimento di Bosco Marengo, affidato a Sogin per lo smantellamento. Il pool che era rimasto presente a Bosco, dopo che la maggior parte dei dipendenti erano già stati trasferiti a Saluggia, non riceve stipendio da giugno, a parte un piccolo acconto corrisposto in quel mese, e non ha visto neppure la quattordicesima. Quel che è peggio, è che si fatica anche a vedere un futuro. La scorsa settimana i sindacati hanno ottenuto la convocazione di un tavolo in Provincia al quale hanno partecipato il presidente Paolo Filippi, l’assessore al lavoro Cesare Miraglia, i parlamentari eletti in provincia e i vertici delle due società che convivono nell’impianto di Bosco: Sogin ed Enea, proprietaria al 98 per cento di Fn. «Purtroppo temiamo che nel breve periodo la situazione non si sbloccherà, né per quanto riguarda gli stipendi, né per le prospettive», spiega Maurizio Cantello, funzionario Cgil. La mancanza di liquidità di Fn e la mancanza di commesse avrebbe determinato la grave

LA PRECISAZIONE

C’era anche Grosso La scorsa settimana abbiamo raccontato la gloriosa storia della squadra ciclistica Siof di Pozzolo Formigaro, che ha potuto “rivivere” grazie all’Eroica che si è tenuta in Toscana. Dobbiamo, però, precisare che nella squadra che ha vinto il campionato italiano dilettante con la maglia della Siof, nel secondo dopoguerra vi era anche Angelo Grosso. Con Grosso la squadra vinse la gara a cronometro della Coppa Italia per la terza volta: il successo valse alla Siof il titolo di Campione d’Italia nel 1953, a Tortona, con il quartetto Riccardo Filippi, Angelo Grosso, appunto, Pino Favero e Ilio Grassi. (L.L.)

VILLALVERNIA

Convenzione con le terme

situazione di cassa dell’azienda. I ricercatori, tutti qualificati, stanno terminando un progetto di per la realizzazione di una parte dell’impianto di raffreddamento di una centrale in Francia. Poi, il nulla, almeno per ora. «Durante l’incontro – spiega il sindacalista – Enea si è detta disponibile a valutare la possibilità di riassorbire i 13 dipendenti Fn, anche se questo

Appesi a un filo Il futuro dei tredici ricercatori delle Fabbricazioni Nucleari rimane incerto. I dipendenti sono senza stipendio da giugno.

potrebbe significare il loro trasferimento a Saluggia. I tempi sono comunque lunghi». Altra prospettiva è l’assorbimento dei ricercatori da parte di Sogin «che però vorrebbe prima capire quali sono le reali prospettive per lo stabilimento di Bosco Marengo». Alcune risposte potrebbero arrivare il prossimo 25 ottobre, quando è convocato un nuovo tavolo tecnico in Provincia.

Il Comune di Villalvernia organizza il secondo ciclo annuale di cure termali, rinnovando al convenzione con le Terme di Rivanazzano, per il periodo compreso tra il 21 ottobre e il 2 novembre. La convenzione con le Terme garantisce l’accesso alle cure termali dei cittadini residenti in paese e dei loro familiari e comprende anche il trasporto. È, infatti, la stessa struttura termale a concedere in comodato d’uso gratuito al Comune un idoneo mezzo di trasporto. (L.L.)

LIONS CLUB

Ruggeri a Ovada Prosegue la collaborazione tra il Lions Club di Pozzolo e di Ovada, così come proseguono gli eventi del “Fred InFestival 2013”. Infatti, questa sera, giovedì 17 ottobre, sarà la volta di Enrico Ruggeri, che si esibirà al Teatro Splendor di Ovada (ore 21.15). La serata è organizzata dai due Lions Club, in collaborazione con la Regione Piemonte, il Comune di Ovada e l’Orchestra Classica di Alessandria. (L.L.)

GAVAZZA POMPE FUNEBRI DAL 1950

L’eccellenza adesso è per tutti. Servizi funebri a partire da 1.190,00

euro

danibelsrl

PAGAMENTI RATEALI SENZA INTERESSI

NOVI LIGURE VIA VERDI 58

POZZOLO FORMIGARO VIA PALENZONA 14

0143.74.62.62 • www.gavazzapompefunebri.it


serravalle · stazzano I trasporti La protesta dei pendolari serali

C’è un “buco” di due ore: Serravalle resta isolata SARA MORETTO s.moretto@ilnovese.info

Un nuovo problema sulla tratta di Trenitalia che collega Novi Ligure a Genova, un “buco” di servizio che colpisce la stazione di Serravalle Scrivia, nella fascia oraria serale, più precisamente dalle 19.00 alle 21.00. La denuncia arriva da un pendolare abbonato alle Ferrovie dello Stato, che segnala come «in quel lasso di tempo non vi è alcun treno né in arrivo né in partenza da tale stazione in direzione nord. Questo crea problemi a chi come me finisce l’orario lavorativo alle 19.30 e non ha un treno per rientrare a Novi Ligure fino alle 21.15, tempo di attesa chiaramente inaccettabile». Ad acuire il problema, nell’ultimo periodo, si è aggiunta la soppressione da parte del Cit di tutte le corse di pullman da Arquata a Novi Ligure, transitanti per Serravalle, dopo le 19.30. Se già in precedenza utilizzare il bus comportava il disagio del costo aggiuntivo (il biglietto del mezzo, in aggiunta all’abbonamento del treno), raggiungere Novi Ligure da Serravalle in quella data fascia oraria sembra diventato impossibile. Serravalle Scrivia non può certo essere considerata una stazione secondaria, sia per il numero di abitanti del Comune inte-

ilsettimanale • giovedì 17 ottobre 2013

22 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

inbreve IN BIBLIOTECA

Si legge Dante Al via un nuovo ciclo di serate dedicate a Dante Alighieri e alla sua maggiore opera, la Divina Commedia, presso la biblioteca comunale “Roberto Allegri” di Serravalle Scrivia. La lettura e il commento dell’opera saranno come sempre a cura di Benito Ciarlo. Il primo appuntamento del programma 2013 prevede l’esegesi del canto settimo dell’Inferno. L’appuntamento è per venerdì 18 ottobre alle ore 21.00. (A.B.)

CA’ DEL SOLE

Serata benefica Venerdì 25 ottobre alle ore 21.00, presso il salone del centro parrocchiale “Maria Regina” di Ca’ del Sole, appuntamento con la serata benefica di musica e teatro a favore della scuola materna “Maria Divano”. Buonumore in scena, da un idea di Gino “Corbe”, con “Gli skec del Kec” – “Man de casa semmu rivè!” rappresentata dalla compagnia di teatro dialettale “Del Barchì”. L’accompagnamento musicale sarà opera delle vocalist del gruppo “Le arcobalene”. (A.B.)

LA SPESA

Fotovoltaico a terra

ressato, sia per il numero di pendolari che utilizzano il servizio ferroviario. Un disagio che non colpirebbe solo i passeggeri diretti a Novi Ligure, ma anche i residenti di Serravalle che dovessero rientrare da Genova dopo il lavoro. Il buco di arrivi copre ben due ore nella fascia oraria citata (19.20-21.15). Una

Senza treni Per circa due ore, alla sera, Serravalle Scrivia rimane isolata: non ci sono né pullman né convogli ferroviari. [foto Maurizio Boi]

segnalazione grave, che il pendolare ha già sottoposto all’attenzione, precisa «sia alla direzione regionale Piemonte che Liguria, ottenendo per ora solo risposte vaghe e poco esaurienti». Si riuscirà a dare una soluzione al problema, magari, come suggerisce chi manda avanti la segnalazione, aggiungendo una fermata?

Il Comune di Serravalle Scrivia sosterrà una spesa di 76 mila euro circa, di cui 45 mila per il servizio di spazzamento stradale, affidato alla Serravalle Servizi Spa. I rimanenti 31 mila euro serviranno per l’installazione di pannelli fotovoltaici a terra, nelle vicinanze dei plessi scolastici locali. L’incarico verrà affidato alla ditta Cev, Consorzio Energia Veneto e alla Global Power Service Spa. Altri 9 mila euro saranno spesi per lavori di manutenzione straordinaria delle strade comunali, affidati alla ditta Val d’Orba Sas di Silvano; poco più di 3 mila per l’acquisto di materiale bibliografico per la biblioteca comunale presso la libreria “Buone Letture” di Novi Ligure e altri 3 mila come contributo economico straordinario alla Asd Bocciofila Serravallese. (A.B.)

STAZZANO

Videosorveglianza L’amministrazione comunale di Stazzano sosterrà una spesa di mille euro circa per la manutenzione, assistenza e gestione tecnica dell’impianto di videosorveglianza all'interno del centro abitato cittadino. L’incarico è affidato alla ditta Mavianmax Srl di Milano. (A.B.)


arquata · val borbera

ilsettimanale • giovedì 17 ottobre 2013

23 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

La vicenda Fissata al 22 novembre l’udienza dal giudice di pace a Serravalle

Cementir, via al processo civile L’azienda rischia adesso di dover pagare salati rimborsi ai cittadini

ilcaso Nuovo centro raccolta rifiuti: niente da fare di Giampiero Carbone

giugno, «ha spento il forno dello stabilimento, ipotetica fonte delle emissioni contestate» (fatto successivo però ai fatti contestati). Ascoltati i testi della difesa, fra cui l’ingegner Pinuccio Allegretti: «Nel 2009/2010 la presenza di polveri diffuse a Campora è scesa da 50 a 35 microgrammi per metro cubo». Marta Cavalli, dipendente dell’azienda, ha ricordato che Cementir ha speso 3,8 milioni per il miglioramento ambientale. Alessandro Pergola ha spiegato il funzionamento del forno, sostenendo di non ricordare la presenza di guanidina tiocianato – pericolosa sostanza che provoca il blocco respiratorio – nei rilevamenti effettuati sui camini dello stabilimento.

Comincerà il 22 novembre, dal giudice di pace di Serravalle, il processo per la quantificazione del danno che la Cementir dovrà pagare alle 81 parti civili del procedimento penale con il quale Leonardo Laudicina, ex direttore dello stabilimento di Arquata, lo scorso anno è stato condannato alla sanzione di 320 euro, al pagamento delle spese processuali e di costituzione di parte civile per reati quali disturbo della quiete delle persone e di getto pericoloso di cose per gli episodi avvenuti tra il 2007 e il 2008. L’imputato era stato condannato anche a versare 27.900 euro di provvisionale ai ricorrenti. La decisione sul risarcimento del danno era stata quindi rinviata al giudice di pace. La Cassazione, a giugno, ha confermato la condanna di primo grado respingendo tutte le eccezioni sollevate dalla difesa. Cementir ora rischia un salasso a favore dei cittadini che dal 2007 hanno inviato esposti e segnalazioni ripetute, cosa avvenuta anche successivamente tanto da far avviare un secondo processo. Giovedì scorso, a Alessandria, si è tenuta una nuova udienza del secondo procedimento, riferito agli anni

Mini sanzione ma... Comincerà a novembre il processo civile nei confronti della Cementir. In sede penale, il direttore dello stabilimento arquatese è stato condannato a 320 euro di sanzione, ma ora il conto potrebbe essere più salato.

2008-2010. Imputato è sempre Laudicina, che deve rispondere di superamento dei limiti nelle emissioni di polveri e rumori e di emissioni odorose. L’avvocato Fracchia, difensore dell’ex direttore, ha annunciato che chiederà nuovamente l’oblazione, già ottenuta per le emissioni di polveri dai cumuli della Cementir e per i rumori emessi durante lo spazzamento dei piazzali, pagando 1.290 euro. Fracchia ha motivato l’ulteriore richiesta di oblazione con il fatto che la Cementir, a

eventi

GIAMPIERO CARBONE g.carbone@ilnovese.info

Gli appuntamenti del weekend Nel fine settimana non mancano eventi: sabato 19 ottobre, alle ore 16.00, nella frazione Ponte del Mulino di Fabbrica Curone si tiene l’inaugurazione dell’iniziativa di sviluppo locale “Caseificio Montebore”, nella quale verranno presentate la struttura realizzata con il “progetto integrato” della Comunità Montana. Il giorno seguente, domenica 20 ottobre, l’ex asilo di Carrosio vi attende per una gustosissima castagnata, che avrà inizio alle ore 14.30 con le caldarroste, il vin brulè, la cioccolata calda e tanta buona musica dal vivo con Mastromarino. Una giornata all’insegna dell’arte vi aspetta invece a Carbonara Scrivia nelle sale del Dongione, domenica alle ore 17.00, con “Il tessuto dell’arte”, una lezione a cura di Chiara Francina, curatrice del museo dei tessuti, che parlerà della rappresentazione del tessuto nella storia dell’arte, accompagnandoci in un viaggio dal Rinascimento alla modernità. (D.A.)

Il caso/2 In attesa del commissario

Vignole Dopo il parere favorevole del Consiglio comunale

Terre del Giarolo battono cassa

Ma la Regione contesta il deposito di fuochi artificiali

La Comunità montana Terre del Giarolo attende l’arrivo del commissario che dovrà provvedere alla sua liquidazione, annunciata sin da marzo. In attesa che la Regione provveda alla nomina, più volte data per sicura, l’ente doveva comunque assicurare ai 30 Comuni che ne fanno parte i servizi associati oggetto della convenzione stipulata nel 2010, al momento della fusione tra la Valli Curone, Grue, Ossona e la Valli Borbera e Spinti. Tutto normale, ma il problema sono, ancora una volta, i soldi. Dalla sede di Cantalupo il segretario della Terre del Giarolo Alberto Pastori ha inviato a tutti i sindaci una lettera con all’oggetto la richiesta di pagamento dell’acconto di quanto dovuto per i servizi associati per l’anno in corso. Scrive infatti Pastori: «La situazione finanziaria dell’ente è particolarmente grave poiché la Regione non è in grado di provvedere entro il corrente esercizio al saldo dei trasferimenti dovuti per il 2012 [pari a circa 500 mila euro; ndr] e non ha ancora comunicato l’entità di quelli dovuti per l’anno in corso». Pastori continua: «Ai crediti con la Regione si aggiungono le vertenze con i soggetti privati – primo fra tutti il gestore dell’impianto golfistico di Momperone – per il recupero di ulteriori consistenti crediti. La Terre del Giarolo reclama infatti 720 mila euro di canoni non versati». L’ente ha chiesto ai Comuni di versare l’80% delle rispettive quote. (G.C.)

Alla Regione non piace il progetto di deposito di fuochi artificiali previsto a Vignole dalla variante strutturale al piano regolatore, in corso di approvazione. Alcune settimane fa è arrivato dal Consiglio comunale l’ok al progetto preliminare, nel quale figura la previsione del deposito in località Fornace, vicino all’area industriale ma in una superfice lontana da altri insediamenti per questioni di sicurezza. Secondo la Regione, il nuovo impianto contrasta con previsioni del Piano paesaggistico regionale, che indica per l’area una destinazione volta al recupero delle limitate aree a prato stabile e un contenimento delle nuove costruzioni. «Inoltre – ha scritto la Regione nelle sue osservazioni alla variante – la previsione costituisce un consumo irreversibile di suolo agricolo nella classe più pregiata presente in valle. Si valutino altro localizzazioni compresa l’opzione zero [cioè che il deposito non venga realizzato; ndr] nonché mitigazioni di carattere ambientale e paesaggistico». Il Comune, nel preliminare della variante, ha deciso di andare avanti nel progetto inserendo una norma che impone la firma di

)%,#--* '& #,* )$*,( 1&*)& *+, ''/*%* ! ,*%#.. 1&*)# /*,& (&-/, ,#0#).&0& %, ./&.& &) )1& (#).& *)-#%)# # !*'' /"* --&-.#)1 +*-. 0#)"&.

#. !*(+'#.* + ,.&,# " 2 &0 &)!'/&)-#,#)"* +& )* !*../, " 2

0&

#,, 0 ''# (* &'&$&!&* ''&#0& '& #,* &.

&0 &)!'/-

!(

una convenzione con il proponente per sancire l’obbligo della restituzione dell’area alla originaria destinazione agricola al momento della dismissione dell’attività. «Per rispettare la distanza dall’abitato – ha scritto il Comune – non è stato possibile valutare altre localizzazioni alternative. Le norme di attuazione prescrivono un inserimento ambientale compatibile tramite un’adeguata presenza piante locali oltre che il parziale interramento della struttura». (G.C.)

Ancora niente da fare a Arquata per i lavori del nuovo centro di raccolta dei rifiuti, necessario anche ai residenti di Serravalle. Nell’ultima seduta del Consiglio, durante la discussione sul regolamento comunale sulla gestione dei rifiuti, sollecitato dal Consigliere di opposizione Debora Inglese, il vicesindaco Franco Bisignano ha fatto il punto della situazione sul progetto che da anni vede ai ferri corti l’amministrazione comunale e Gestione Ambiente, gestore del servizio rifiuti sul territorio arquatese: «Finora non si è visto alcun lavoro avviato. In passato abbiamo sollecitato Gestione Ambiente per i ritardi inaccettabili dopo che avevamo rilasciato il permesso di costruire, per altro lasciato scadere. La società ha risposto dopo molto tempo sostenendo che mancava la concessione d’uso del terreno scelto per il centro di raccolta, documento in realtà inutile. Il Comune lo ha comunque inviato. Dopodiché Gestione ambiente ha finalmente indetto la gara d’appalto per un importo di 480 mila euro, gara vinta dalla ditta Val d’Orba di Silvano con un ribasso del 40% ma, ancora una volta, i lavori non sono partiti. La scusa accampata da Gestione Ambiente a questo punto è la mancata concessione di mutui da parte delle banche». L’amministrazione comunale in passato ha anche messo per iscritto la possibilità di adire le vie legali in caso di inadempienza. La scorsa primavera, in Commissione Lavori pubblici, il vicesindaco aveva comunicato che la società novese aveva annunciato il via ai lavori a partire dal primo luglio di quest’anno, ma tutto è rimasto fermo, come ha poi ribadito Bisignano in Consiglio comunale. Una situazione che vede l’amministrazione comunale costretta a sopportare costi notevoli per lo sgombero e il trasporto dei rifiuti ingombranti abbandonati sul territorio da cittadini che non intendono avvalersi della raccolta domiciliare. Bisignano ha infine ricordato che nell’ultima assemblea del Consorzio Servizio Rifiuti (Csr) a Novi Gestione Ambiente si sarebbe impegnata ad avviare al più presto i lavori del centro di raccolta arquatese. Che sia la volta buona?


gavi · vallemme

ilsettimanale • giovedì 17 ottobre 2013

24 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Viabilità L’Amministrazione aveva però rinunciato a resistere in giudizio

Il Tar da ragione al Comune sul contenzioso con la Tre Colli GIAMPIERO CARBONE g.carbone@ilnovese.info

Beffa per i gaviesi con la sentenza del Tar che ha chiuso il contenzioso tra il Comune e la Tre Colli di Carrosio sul tema viabilità. L’ordinanza con cui nel 2007 l’amministrazione comunale aveva imposto le fasce orarie al transito dei mezzi pesanti (superiori alle 7,5 tonnellate) in via Mameli era legittima poiché il ricorso della Tre Colli è risultato privo di fondamento. Avendo però il sindaco Nicoletta Albano abrogato, a giugno, il provvedimento del 2007, il tribunale non ha potuto far altro che dichiarare il ricorso «improcedibile per sopravvenuto difetto di interesse» non essendo più in vigore l’ordinanza impugnata. Ricapitolando: nel 2005 il Comune emana un’ordinanza che vieta del tutto il transito ai mezzi pesanti e la Tre Colli, sentendosi danneggiata nella sua attività, va al Tar e ottiene ragione poiché manca il parere della Provincia (e il Comune non presenta appello). Due anni dopo ecco la nuova ordinanza: stavolta c’è il parere provinciale e i camion possono passare solo a certe ore (dalle 13 alle 15 e di notte). La Tre Colli va ancora al Tar, che nel 2008 sospende l’atto. Il Comune aveva a quel punto poteva o rivolgersi al Consiglio di Stato per chiedere di annul-

Sentenza beffa Il Tar avrebbe dato ragione al Comune di Gavi sull’ordinanza anti-tir. Ma l’amministrazione comunale della val Lemme ha rinunciato a resistere in giudizio.

lare la sospensiva o fare richiesta di discussione del ricorso il più presto possibile. Invece non fa nulla. È la Tre Colli che la primavera scorsa, dopo cinque anni, chiede di fissare l’udienza, mentre il sindaco Albano emette l’ordinanza che abroga la precedente. Il motivo? Siccome il Comune ha chiesto (ma non ottenuto) alla Regione i fondi per costruire i marciapiedi in via Mameli, secondo Albano il pericolo per i pedoni non c’è più, anche se i mar-

ciapiedi non ci sono. Il Tar, a questo punto, ha preso atto che l’ordinanza del 2007 non c’è più. La Tre Colli è ovviamente soddisfatta: dal 2008 ha potuto passare in via Mameli senza problemi e a giugno ha ottenuto un non si sa quanto inaspettato omaggio dal Comune. La sentenza è un’ulteriore beffa per i gaviesi, che da anni chiedono di essere tutelati: il ricorso Tre Colli è infondato poiché «il divieto solo a certe categorie di mezzi non può considerarsi misu-

ra priva di logica e contraddittoria, sussistendo la necessità di operare nel rispetto del principio di proporzionalità e, quindi, di evitare una indiscriminata imposizione del divieto di traffico». Non solo: «Il richiamo agli analoghi divieti disposti dai Comuni di Serravalle e Novi e al conseguente aumento di traffico a Gavi non è argomento irrazionale, privo di logica o affetto da travisamento, così da rendere la relativa censura inammissibile in

quanto afferente valutazioni tecnico-discrezionali». Di fatto, le eccezioni della Tre Colli sarebbero state tutte respinte se non fosse stata pubblicata l’ordinanza sui marciapiedi virtuali. Tutto ciò mentre l’Associazione Commercianti at-tende ancora di essere ricevuta dal Comune per avere una risposta sulla proposta di pedonalizzazione di via Mameli. Già due incontri con il sindaco sono saltati per improvvisi impegni di quest’ultimo.

La vicenda Dopo la sentenza di appello sul caso-giunta

ll caso Il giallo delle foto

Per l’affare Pestarino l’Asl si è rivolta al Prefetto

Ma l’isola ecologica funziona o no?

L’Asl si rivolge al Prefetto di Alessandria Romilda Tafuri per la vicenda dell’assessore del Comune di Gavi Mario Pestarino. Dipendente dell’ospedale San Giacomo di Novi, Pestarino è stato citato nella sentenza di appello che un anno fa ha visto assolte il sindaco Nicoletta Albano e l’ex segretaria comunale Maria Pia Sciutto dall’accusa di falso in atto pubblico nella vicenda delle false (secondo l’accusa) indicazioni delle presenze degli assessori nelle delibere di giunta del 2006. Nella sentenza si fa riferimento al fatto che l’assessore, confermato nel 2011, «non è stato in grado di confermare le timbrature sul posto di lavoro». Il giudice ha infatti considerato incompleta e contradditoria la prova dell’assenza di Pestarino alle sedute di giunta, decisione che, diversamente dai due giudizi separati di primo grado, ha portato all’assoluzione delle imputate. Durante la vicenda pro-

cessuale si è parlato di timbrature false da parte del dipendente del Pronto Soccorso. Da inizio anno, dopo la pubblicazione della sentenza, l’Asl chiede inutilmente al Comune informazioni (di cui non viene rivelata la natura) per poter procedere nei confronti di Pestarino. L’amministrazione comunale ha risposto solo a luglio dopo vari solleciti, sostenendo che si sarebbe avvalsa di un legale per dare un riscontro alla richiesta dell’Asl. L’azienda sanitaria, di fronte all’ulteriore silenzio del Comune di Gavi, ha nuovamente scritto al sindaco Albano il 17 settembre e, al contempo si è rivolta anche al Prefetto «quale organo di vigilanza. Resta inteso – spiegano da Novi – che l’ulteriore mancato riscontro alla richiesta di questa azienda sarà oggetto di specifica segnalazione». L’Asl non spiega se la citata segnalazione sarà ancora al Prefetto o all’autorità giudiziaria. (G.C.)

ASSOCIAZION E NOVESE NOVESE ASSOCIAZIONE DONATORI V OLONTARI SANGUE SANGU E DONATORI VOLONTARI Via Via Mazzini 2 29/5 Tel. el. 0 0143.746112 9/5 · Novi Ligure · T 143.746112 www.andvs.org www.andvs.org · andvs@andvs.org

Il sangue g serve sempre s p di più.

Donalollo anche D h tu.

Puoi donare tutti i giorni feriali, dalle 8 alle 10 10 presso il Servizio Trasfusionale d di ovi

Nel gennaio 2012, rispondendo a una segnalazione dell’associazione “Progetto ambiente” ai carabinieri del Nucleo operativo ecologico sulla situazione dell’isola ecologica, il capo dell’ufficio tecnico comunale di Gavi Pierpaolo Bagnasco aveva sostenuto che «l’isola ecologica attuale non è funzionante poiché priva delle caratteristiche di legge. Da oltre un anno è utilizzata come ricovero temporaneo dei cassoni». Commentando le foto allegate alla segnalazione, nelle quali era ritratto un camion accostato a uno dei cassoni, aveva scritto: «La presenza dei veicolo non dimostra nulla. Diverso sarebbe stato se la foto avesse immortalato persone che prelevavano materiale dal mezzo e lo depositavano nel cassone, compiendo una violazione delle norme. Essendo un piazzale a destinazione pubblica e polifunzionale è chiaro che l’accesso possa avvenire a prescindere dagli orari del conferimento rifiuti, per esempio per la pesatura dei carichi o per il 118». Eppure, nella foto pubblicata in questo numero del nostro settimanale si vede proprio una persona che sta scaricando una sedia con accanto il cassone. Si intravede anche un’addetta del Comune. Ogni mercoledì l’area resta aperta e ci sono cassoni dove presumibilmente (visto quanto dichiarato da Bagnasco) la gente può depositare rifiuti ingombranti. Oppure no? (G.C.)

ilcaso Eolico al Poggio con problemi di Giampiero Carbone Servirebbero milioni di euro per adeguare la strada provinciale 160 al transito dei trasporti eccezionali destinati a portare le torri eoliche della società Seva di Milano sul monte Poggio, tra il passo della Bocchetta e Fraconalto. La situazione è stata illustrata nell’incontro organizzato da Legambiente Vallemme l’altra settimana alla cascina Certosini di Voltaggio per una prima illustrazione del progetto (7 torri alte oltre cento metri) dal punto di vista viabilistico. Invitati i sindaci dell’alta valle (presenti solo Carrosio e Fraconalto), ha partecipato anche l’assessore provinciale Graziano Moro. Il progetto è in fase di valutazione da parte della conferenza dei servizi provinciale ma l’iter ha subito una sospensione poiché è emerso che le torri della Seva rischiano di ritrovarsi a ridosso di quelle programmate nel territorio di Mignanego, in Liguria, dalla società Idrops e addirittura di sovrapporsi a causa di una mancata definizione dei confini tra le due Regioni. La procedura ripartirà solo dopo che il contenzioso fra Piemonte e Liguria sarà del tutto definito. Dall’incontro di Legambiente è intanto emerso che i mezzi per il trasporto delle torri saranno lunghi 44 metri e peseranno 400 tonnellate. In val Lemme, per consentire il loro passaggio, dovranno essere costruiti quattro guadi provvisori sul Lemme: a Gavi, in località Maddalena, a Voltaggio presso i ponti San Filippo, San Giorgio e della Madonna del Leco. «L’impatto sul torrente – ha spiegato Mario Bavastro, presidente del circolo Legambiente – sarà notevole, senza contare che lo stesso sarà interessato in futuro dai lavori del nuovo gasdotto Gavi-Pietralavezzara e dai prelievi legati al Terzo Valico».Le curve a gomito che da Molini saliranno alla Bocchetta dovranno essere letteralmente tagliate, con interventi che dovranno essere eseguiti all’interno del Parco Capanne di Marcarolo e del sito di importanza comunitaria omonimo. Anche dentro l’abitato di Molini sarà necessario, se il progetto verrà mai autorizzato, utilizzare un’ampia area privata per permettere il transito degli enormi automezzi. Dal passo della Bocchetta al monte Poggio la Seva utilizzerebbe la vecchia via Postumia. Legambiente organizzerà altre serate informative sul progetto di eolico. «Toccherebbe – è stato detto – ai Comuni informare la popolazione su cosa succederà nel caso la proposta della Seva venga autorizzata».L’impressione emersa dalla serata di Voltaggio è che la Seva non abbia tenuto in considerazione la viabilità esistente né che in val Lemme sono già previsti progetti impattanti come i citati Terzo Valico e gasdotto.


ilsettimanale • giovedì 17 ottobre 2013

25 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Palazzo LascariS UFFICIO DI PRESIDENZA Presidente Valerio Cattaneo Vicepresidenti Fabrizio Comba, Roberto Placido Consiglieri segretari Lorenzo Leardi, Gianfranco Novero, Tullio Ponso

Istituzioni

I Consigli regionali ad Assisi

offerto dalla Regione Umbria che negli stessi giorni ha ospitato l’assemblea plenaria della Conferenza dei presidenti dei Consigli regionali e delle Province autonome.

“Quella del Papa è stata un’esortazione toccante, perché è necessario mettere al centro dell’attenzione sociale e politica le persone più svantaggiate”, ha commentato Cattaneo. “Il pontefice è un uomo innovatore e capace di sorprendere per la sua straordinaria capacità di scaldare i cuori della gente. Mentre salutava un gruppo di bambini, all’esterno della chiesa, gli ho ricordato che il Piemonte, terra d’origine dei suoi avi, lo aspetta con trepidazione. Lui mi ha risposto con un radioso sorriso d’assenso”. Nell’ambito delle celebrazioni francescane 2013 le Assemblee legislative delle Regioni hanno deciso di organizzare la mostra fotografica Francesco nel cuore delle Regioni, inaugurata il 3 ottobre dal presidente del Senato Pietro Grasso (nella foto a lato). L’esposizione si compone di 21 pannelli che mettono in risalto come di spirito francescano sia imperniata l’arte, la cultura, la tradizione, la quotidianità e, ovviamente la spiritualità di ogni regione d’Italia. In questo contesto il Consiglio regionale del Piemonte ha predisposto un pannello che riproduce l’immagine di una delle cappelle del Sacro Monte di Orta, dedicato al Poverello d’Assisi.

Mostre

Giulia e Tancredi In occasione del 175° anniversario dalla morte del marchese Carlo Tancredi Falletti di Barolo, alla Biblioteca della Regione (in via Confienza 14 , a To r i no), è visitabile fino al 15 novembre la mostra che ricostruisce la vita e le opere del nobile piemontese e della moglie Giulia. L’allestimento delle teche - curato dalle Suore di Sant’Anna - si compone di documenti, fotografie, oggetti, attestati, reliquie, medaglie e pubblicazioni che testimoniano l’impegno sociale e culturale del marchese e il contributo da lui fornito alla formazione delle nuove generazioni. La mostra è aperta dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 16 e il mercoledì pomeriggio fino alle 18. Info e prenotazioni: tel. 011 5757371.

www.cr.piemonte.it A cura della Direzione Comunicazione Ufficio Stampa - Via Alfieri, 15 - 10121 Torino tel 011 5757 251-252 • uff.stampa@cr.piemonte.it

Omaggio a San Francesco

“Preghiamo per la Nazione italiana, perché ciascuno lavori sempre per il bene comune, guardando a ciò che unisce più che a ciò che divide”, così ha affermato Papa Francesco ad Assisi durante l’omelia della messa celebrata lo scorso 4 ottobre, festa del patrono d’Italia San Francesco, alla quale hanno preso parte anche il premier Enrico Letta e i presidenti delle Assemblee legislative regionali, tra i quali Valerio Cattaneo per il Piemonte. Durante la celebrazione è stata accesa la lampada votiva con l’olio

• Ottobre 2013 •

L’impegno regionale per le riforme costituzionali Del ruolo delle Regioni all’interno del processo decisionale europeo e del rafforzamento della loro autonomia nell’ambito della cooperazione con gli altri livelli di governo si è parlato nei giorni scorsi ad Assisi, durante la riunione plenaria straordinaria delle Assemblee legislative regionali (nella foto). Dopo una discussione articolata e partecipata, è stato approvato un ordine del giorno sulle riforme costituzionali. Un percorso per il quale i Consigli regionali auspicano un equilibrato compimento affinché possa favorire il superamento dell’attuale crisi istituzionale, economica, sociale e culturale. Fra le principali questioni sottolineate nel documento: la richiesta di istituzione del Senato delle Regioni e delle autonomie, la revisione dell’idea di Città metropolitane, l’importanza del tener conto delle differenziazioni territoriali e l’opportunità di rafforzare gli strumenti di coordinamento e i rapporti con l’Unione europea.

La Conferenza ha anche osservato un minuto di silenzio in memoria delle vittime della tragedia dei profughi di Lampedusa. Sul tema è stato approvato un ordine del giorno che chiede al presidente del Consiglio dei Ministri italiano, Enrico Letta, la convocazione di un Consiglio europeo straordinario per affrontare la questione dei migranti e approntare più efficaci strumenti di politica migratoria che siano espressione di quella solidarietà fra i popoli che l’Unione rappresenta.

Patrimonio culturale

I tesori di un ebanista Legni di essenze pregiate e raffinati decori contraddistinguono i mobili barocchi di Pietro Piffetti. Al re degli ebanisti ed ebanista di re Carlo Emanuele III è dedicata la prima rassegna monografica curata dalla Fondazione Accorsi-Ometto di Torino. Il percorso espositivo si compone di due parti: una dedicata alle più numerose opere profane e l’altra a quelle, assai più rare, di ambito sacro. Allestita nelle sale del museo Accorsi Ometto fino al 12 gennaio 2014, la mostra presenta una sezione anche a Palazzo Lascaris, sede del Consiglio regionale. Qui sono ammirabili, fino al 30 novembre, una coppia di stipi e uno dei due sontuosi tabernacoli da un secolo custoditi insieme a Bene Vagienna. Il tabernacolo, realizzato molto probabilmente per il convento cappuccino di Carrù, su possibile committenza dei Costa della Trinità, è strutturato come una piccola cappella, impreziosita da intarsi in madreperla e avori policromi.

Orta, il Monte di Francesco Il complesso delle cappelle del Sacro Monte di Orta è dedicato al patrono d’Italia. Una specificità - il fatto di essere incentrato sulla figura di un santo anziché sulla passione di Cristo o sui misteri del rosario - che lo differenzia dagli altri Sacri Monti. Il complesso fu edificato sul finire del Cinquecento su progetto del frate cappuccino Cleto da Castelletto Ticino. L’immagine che è stata esposta nei giorni scorsi ad Assisi in occasione della mostra organizzata dalle Assemblee legislative delle Regioni d’Italia riproduce un particolare della cappella I, nascita di San Francesco, una panoramica sul percorso devozionale e l’interno della cappella XX, ove è raffigurata la canonizzazione di San Francesco, avvenuta il 16 luglio 1228. La scena, animata da numerose statue, presenta Papa Gregorio IX che consegna la bolla a un cardinale e il Padre generale dei francescani in ginocchio, alla presenza di alti prelati, sovrani e principi. I Sacri Monti per secoli furono meta di pellegrini e di fedeli cattolici, ma nell’ultimo dopoguerra conobbero una stagione di pericoloso abbandono. L’intervento lungimirante della Regione Piemonte li ha riportati all’originale splendore e oggi i Sacri Monti, istituiti in aree protette, sono sette. Accanto a Orta si contano Belmonte, Crea, Domodossola, Ghiffa, Oropa e Varallo. Per le loro caratteristiche di beni universali, unici e insostituibili, dal luglio 2003 sono iscritti nella lista del Patrimonio mondiale dell’Unesco, insieme ai due Sacri Monti lombardi di Ossuccio e Varese. www.sacrimonti.net


lelettere

ilsettimanale • giovedì 17 ottobre 2013

26

danovi

danovi

Oltregiogo Letteratura Novi-Genova, una sinergia e le grandi voci del Novecento a ritmo di musica Domenica 29 settembre ho avuto l’occasione e il piacere di presenziare, con un gruppo di amiche, a un incontro di alto livello, presso il Mulino di Basaluzzo, nell’ambito delle manifestazione legate al programma dell’Oltregiogo Letteratura. Andrea Sisti ha da par suo presentato i dotti volumetti di Andrea Aveto su Elio Vittoriani e Giovanni Boine, due delle grandi voci del Novecento che Aveto è riuscito a far rivivere anche davanti al pubblico basaluzzese. Considerata la bravura del presentatore e del relatore non avevo dubbi sulla riuscita dell’appuntamento letterario. La sorpresa del tutto gradita e inaspettata è giunta però quando il sindaco Gianfranco Ludovici con i suoi assessori ha inviato tutti i presenti a una cena preparata con cura e servita con garbo e cordialità dalle signore della locale bocciofila. Un clima di festosa ospitalità ha gratificato i commensali per tutta la serata e ha fatto comprendere come nei piccoli paesi esistano ancora punti e luoghi di aggregazione in cui gli abitanti si ritrovano non solo per passatempo, ma anche per scambiare le loro opinioni e fare il punto sui fatti del giorno. Elena Persi Marescotti

Novi in fashion, sprint finale Domani sera, venerdì 18 ottobre, alle ore 21.00, presso il foyer del teatro Marenco, si terrà la premiazione della gara fotografica “Novi in fashion”. Fino a domani, è possibile votare su Facebook (accedendo alla pagina “Team Tarantola” e mettendo “mi piace” alla foto preferita) oppure con il tagliando che pubblichiamo in questa pagina. Ogni preferenza espressa attraverso il social network equivale a un voto, mentre ogni tagliando equivale a cinque voti. I tagliandi possono presso il negozio di parrucchiere “Tarantola”, in viale Saffi 38.

In relazione alla lettera sul concerto “Dedicato a Marenco” (a firma di Edilio Bottaro), pubblicata da diversi organi di stampa, l’amministrazione comunale di Novi Ligure, che ha sempre avuto rispetto nei confronti dei cittadini e del pubblico della rassegna, intende a precisare quanto segue. Il concerto tenutosi a Novi Ligure dall’Orchestra del Teatro Carlo Felice il giorno 4 ottobre è stato effettivamente eseguito il giorno 3 a Genova. Tale doppia esecuzione, annunciata fin dall’inizio della programmazione, rientra negli accordi di cooperazione tra il Comune di Novi Ligure ed il prestigioso Teatro genovese, avviati l’anno scorso e che non si limitano alla coproduzione di spettacoli, ma prevedono altri progetti collaterali. Ricordiamo, ad esempio, i corsi di formazione musicale tenuti presso la Biblioteca Civica dai Professori dell’Orchestra del Carlo Felice all’inizio di quest’anno. Si tratta, a nostro giudizio, di un esempio di sinergie positive tra le istituzioni culturali, attuate in un’ottica di razionalizzazione delle spese e valorizzazione delle ricadute territoriali. Peraltro la riproposizione di uno stesso concerto in più date è prassi assolutamente normale e non mette in secondo piano nessuna delle rappresentazioni. Cogliamo l’occasione per sottolineare la crescita di pubblico fatta registrare in questi primi spettacoli della rassegna, e per ringraziare i numerosi sponsor privati e partner pubblici che ogni anno sostengono l’impegno di questa Amministrazione verso la cultura e senza i quali non sarebbe possibile offrire ai nostri concittadini una ricca stagione musicale. L’amministrazione comunale

Silvano, leva del 1946 in festa

NOVI in FASHION a a a a a a a

b b b b b b b

c c c c c c c

Istruzioni per invecchiare meno/1

Segnare con una X sulla lettera corrispondente alla foto dell’autore scelto

Palpebre rilassate: ora il bisturi è superfluo

Rubrica a cura di dott. Mario Sirito cell. 392 9895017 carodottore@gmail.com www.mariosirito.it

La leva del 1946 di Silvano d’Orba ha festeggiato il proprio compleanno assistendo alla messa celebrata da monsignor Sandro Cazzulo. Deposto un omaggio floreale presso il cimitero a ricordo degli amici defunti, il gruppo si è ritrovato a far festa presso un noto ristorante dei dintorni.

Il problema dell’eccesso di pelle alle palpebre toglie agli occhi l’aspetto brillante e luminoso. L’unica soluzione del passato era l’intervento chirurgico di blefaroplastica, ma la paura dell’anestesia, dei punti e dei lividi ha allontanato la maggior parte delle persone dalla possibilità di ringiovanire lo sguardo. La scelta più nuova e meno impegnativa è adesso la Blefaroplastica non chirurgica con il metodo Plexer: non richiede punture, né infiltrazione di anestetico, né punti di sutura, né medicazioni o cerotti. Non lascia cicatrici di alcun tipo, né caduta del sopracciglio, né ematomi, né asimmetrie destra/sinistra. Si riprendono immediatamente le proprie attività e l‘efficacia nel tempo è la stessa dell’intervento chirurgico. Con il metodo Plexer, si accorcia la cute della palpebra in eccesso, in modo graduale e progressivo e si ottiene un effetto lifting, che invece l’intervento chirurgico non dà e che migliora le piccole rughe di tutta l’orbita (zampe di gallina). Non si ha mai un effetto artificiale (occhio fisso) e la progressività del risultato, con sedute programmate, permette di rispettare la riservatezza personale. Come si effettua una seduta: dopo aver applicato una crema anestetica, il medico agisce con il dispositivo Plexer, che ha le dimensioni di un grosso pennarello. Agisce riscaldando brevemente la cute, che reagisce accorciandosi. Una seduta dura 5-10 minuti, e si può ripetere dopo un mese. La Blefaroplastica con metodo Plexer può essere considerata superiore alla chirurgia classica dal punto di vista dei risultati estetici e per la drastica riduzione di disagi, rischi e costi.

SistemaSicurezza

Alex Corsino Andrea Clovis Daniele Bonato Gianni Raselli L.Victor Clora Marco Gatti Miriana Mezzani

Pensatedistile

www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Il grunge, sulle tracce di Kurt Cobain Rubrica a cura di Giulia Cipollina letintarellediluna.blogspot.com Lo stile grunge, tipico degli anni Novanta e in gran auge per questo autunno, prende vita dal mondo della musica underground, del quale pioniere fu Kurt Cobain a capo dei Nirvana. Il nome arriva dallo slang americano e significa “sporco”, “sudicio” e l’intenzione del movimento è quella di infrangere i canoni di estetica e perbenismo che avevano caratterizzato il decennio precedente. I giovani che hanno vissuto lo stile grunge – che, diversamente dai tempi moderni, non era solo un trend ma un vero e proprio stile di vita e di pensiero – si ponevano in contrasto con l’edonismo sfrenato degli anni Ottanta, degli yuppie dai vestiti firmati e dal fisico scolpito. Era un modo di vivere e di pensare anticonformista, che rompeva regole e convenzioni sociali, espandendosi come una nuova moda urbana. Essere grunge, negli anni Novanta, significava indossare jeans sdruciti, maglioni larghi e camice di flanella, ma voleva anche dire

Il nebbiogeno antifurto Rubrica a cura di Luigi Paletta www.paletta.it

Che cosa è il nebbiogeno? Lo dice la parola stessa. Il nebbiogeno è un dispositivo antifurto che, se attivato, soffia una fittissima nebbia all’interno dei locali da proteggere impedendo agli intrusi di vedere e di fatto agire nel furto o per atti vandalici. Il concetto è quello di proteggere le proprie cose, impedendo il furto. Infatti quello che non si può vedere non si può rubare e nello stesso istante non si procurano danni a persone o cose. La nebbia emessa da questo fantastico dispositivo non è altro che vapore acqueo opportunamente trattato, innocuo, secco, non gocciola, non intacca le tende, i tappe-

andare contro le norme bigotte di quella falsa vita brillante che, per noi italiani, è stata quella della “Milano da bere”. L’industria della moda, sensibile ai movimenti culturali e alternativi giovanili, iniziò a occuparsi di questo fenomeno: lo stile povero venne trasformato e ricreato a tavolino, con capi invecchiati da tecniche di lavaggi e lavorazioni sempre più raffinate. Intere collezioni di jeans, maglioni, scarpe e camice invadevano i negozi mostrando capi invecchiati, ma in realtà nuovi di pacca. Inevitabilmente, il successo mondiale del grunge ne dichiarò il declino, poiché la pubblicità e il commercio ne avevano ribaltato il significato stesso. Ma si sa, anche nella moda ci sono i “corsi e ricorsi” e ultimamente molti giovani stilisti contemporanei hanno attinto a piene mani a quel periodo storico che hanno vissuto in prima persona. Per questo motivo le passerelle di Yves Saint Laurent si sono popolate di modelle con leggings strappati e camice a quadri, felpe annodate in vita sopra abiti di pizzo e anfibi con suola in gomma. Hedi Slimane, attuale head designer e classe 1968, ha infatti rivoluzionato lo stile della casa. La sua missione è stata quella di modernizzare il brand donandogli un’impronta “rock”, in grado di avvicinare molti giovani a quello che, negli ultimi anni, era sempre stato un settore probabilmente più adulto. La sfilata Autunno/Inverno è stata infatti intitolata “California Grunge” e ha mescolato linee semplici a tagli e tessuti inusuali. Lunghezze mini per gli abiti ma sempre abbinati a maglioni over, pantaloni skinny e boleri di paillettes; pellicce, mohair e tessuti scozzesi sono sfruttatissimi, così come il colore nero (che la fa da padrone), abbinato però a stampe fantasia e a tonalità metalliche di oro e argento. Slimane sovverte l’eleganza tipica della maison in perfetto stile grunge: ma durerà o sarà destinato a fare la stessa fine del suo originale predecessore?

ti, i mobili, non lascia alcun residuo. Poi, dove esiste la necessità di proteggere dei locali con la presenza di lavorazioni sensibili come la pasta fresca, le creme o carne cruda e magari non è indicato questo dispositivo nebbiogeno, la soluzione sta nell’utilizzare dei dispositivi luminosi ed acustici dedicati ottenendo lo stesso risultato. La percentuale dei furti sventati in presenza del dispositivo nebbiogeno è prossima al cento per cento. Non è una novità dell’ultima ora. Sono diversi anni che esiste la macchina nebbiogena, con applicazioni dedicate nelle situazioni di furti dove la tempestività di intervento è determinante. Basta immaginare un locale dove esiste della merce importante come per i tabaccai, gli ottici, l’abbigliamento, le sale gioco dove magari già esiste un impianto di sicurezza antifurto e un impianto di videosorveglianza dovutamente collegato al pronto intervento: tutto questo può essere insufficiente nel momento che si subisce un evento di furto che si risolve in pochi minuti. Quindi è importante l’installazione della macchina nebbiogeno: alla rilevazione degli intrusi, si mette in funzione soffiando una fittissima nebbia impedendo di fatto, immediatamente, di agire. Tutto questo ragionamento può essere coerente con la propria casa o attività per il motivo che non è meno importante del negozio o tabaccaio sotto casa. Sono da tenere conto, nel progetto di installare una macchina nebbiogeno, il modello per la copertura e la posizione ideale all’interno dei locali da proteggere. Per l’estetica, dove si tratta di installare una macchina magari in un contesto elegante, non è un problema. Il modello più piccolo che potrebbe andare bene per un appartamento, ha una forma moderna, cilindrica e si abbina benissimo a qualsiasi contesto e può essere di colore chiaro o scuro. Pensare di stare tranquilli quando si è fuori casa, con i locali protetti dal sistema nebbiogeno, da una certa serenità. Quindi ben venga la nebbia e “stop ai ladri” in pochi secondi con la nebbia di sicurezza.


inagenda

ilsettimanale • giovedì 17 ottobre 2013

27 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

GAVI

NOVI LIGURE

Mostra di foto sulla Val Lemme

Sevilla Flamenca al Giacometti

Prosegue anche nel prossimo fine settimana la mostra fotografica sulla val Lemme organizzata nella sede del circolo “Vallemme Terra e Libertà”, in via Mameli 113 a Gavi. Il circolo e l’associazione Amici dell’Arte di Serravalle Scrivia hanno promosso l’evento che raccoglie suggestive immagini della vallata scattate da fotografi amatoriali e professionisti, come Gianni Camera, Daniela Demergasso, Pino Loiacono, Fausto Mogni, Silvana Rebora, Eugenio Traverso e Gianni Torchia. La mostra è aperta il sabato dalle 15.30 alle 19.00, la domenica dalle 9.30 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 19.00. (G.C.)

Verso la conclusione gli appuntamenti della rassegna “Dedicato a Marenco”, a Novi Ligure. Domenica 20 ottobre si terrà al teatro Giacometti lo spettacolo “Sevilla Flamenca” con Juan Lorenzo alla chitarra flamenca (ingresso a pagamento, info e prevendite presso la biblioteca civica di via Marconi 66). Domenica 3 novembre a centro fieristico Dolci Terre si terrà il concerto del Coro Panatero di Alessandria, diretto dal maestro Gian Marco Bosio. Infine, sabato 28 dicembre l’Orchestra Classica di Alessandria, diretta dal maestro Billi, saluterà il 2013 con il consueto concerto di fine anno. (RED.)

Non solo “Urlo” Munch al Ducale ELIO DEFRANI e.defrani@ilnovese.info

Nel 150esimo anniversario della sua nascita, Edvard Munch è celebrato in tutto il mondo. L’Italia rende omaggio al sublime artista norvegese con un’imperdibile retrospettiva che si terrà a Palazzo Ducale di Genova dal prossimo novembre. La mostra è curata da Marc Restellini, direttore della Pinacotheque de Paris, che nel 2010 dedicò al maestro norvegese una straordinaria esposizione visitata da oltre 600 mila persone. «Realizzare questa mostra proprio nell’anno delle celebrazioni e con le enormi difficoltà legate ai prestiti di Munch è stato un miracolo – dichiarano gli organizzatori – La scommessa è stata altissima, ma vedremo opere straordinarie, concesse dai più importanti collezionisti di Munch». Il percorso espositivo racconterà tutta l’evoluzione artistica di Munch con oltre 120 opere. Si prevedono lunghe code per visitare la mostra. E molti se ne aggiungeranno, an-

che per “Warhol after Munch”: una “mostra nella mostra” in anteprima assoluta per l’Europa, una serie di opere realizzate da Andy Warhol e ispirate alla produzione di Munch. Il corto circuito è assicurato: l’artista dei sentimenti più oscuri interpretato dall’artista pop per eccellenza. «Munch dipinge ciò che vede – racconta Marc Restellini – ma oltre le proprie paure ha anche una nuova visione dell’arte che è pura avanguardia e in questa mostra saranno esposte le sue opere più belle, sentite, amate e sofferte». Per questo motivo l’esposizione di Palazzo Ducale è allo stesso tempo rappresentativa del percorso artistico ed esistenziale di Munch, ma anche testimonianza del passaggio da un naturalismo di stampo impressionistico a una pittura nuova e audace che contribuisce in maniera determinante a sconvolgere tutta l’arte del XX secolo. «La mostra racconta – continua Restellini – un Munch artista che potremmo in qualche modo considerare il contrario di tutto ciò che esisteva fino ad

L’evento Cena e danza

allora. Munch si oppone deliberatamente a ciò che vede e conosce. In una logica quasi anarchica, si mette in contrasto con l’impressionismo, il simbolismo, il naturalismo per inventarsi una forma di espressione artistica in rivolta contro tutto ciò che sin dalla sua infanzia gli è stato presentato come regola sociale». «È sorprendente scorgere così presto nella storia dell’arte moderna un artista capace di staccarsi da tutte le convenzioni alle quali ci avevano abituati gli artisti e i movimenti precedenti; ed è prodigioso notare sin dagli anni Ottanta dell’Ottocento come Munch si accanisca sugli strati di colore, vederlo letteralmente solcare la superficie pittorica o lasciare le sue tele esposte alla pioggia e alla neve, trasferire fotografie e fotogrammi di film muti all’interno dei suoi dipinti e dei suoi lavori grafici. Stupefacente è anche l’audacia con cui sopprime i confini tra i supporti e le tecniche, nelle sue incisioni, sculture e fotografie, come nei suoi quadri, collage e film», conclude il curatore.

Capriata Appuntamento Oltregiogo

Madonna, 1896 litografia, 60,5 x 44,7 cm

EDVARD MUNCH Palazzo Ducale, Genova 06.11.2013 – 27.04.2014 Orari: da martedì a domenica ore 10.00-19.00; lunedì ore 14.00-19.00. Biglietto intero: euro 15 (ritagliando e presentando il coupon in calce a questa pagina si ha diritto all’ingresso a prezzo ridotto)

Bosio Accademia delle culture

Capanne di Cosola, Il raduno Teatro di Fresonara, delle confraternite cabaret di risate raduno di pifferi Sabato 19 ottobre si rinnova il 14esimo appuntamento con la “Curmà di pinfri”, il grande raduno di suonatori, ballerini e cantori della tradizione musicale delle Quattro Province, il territorio appenninico dove confinano le province di Alessandria, Pavia, Piacenza e Genova. Alle ore 20.00 cena presso l’Albergo di Capanne di Cosola, quindi, dalle 22.00 circa, inizieranno le danze al suono di piffero, fisarmonica e “musa”, l’antica cornamusa delle Quattro Province. L’evento, organizzato dalla Pro Loco di Cosola, dall’associazione Musa e dall’Albergo di Capanne di Cosola, richiama appassionati della musica, del ballo e del canto tradizionale dall’Italia e dall’estero e si propone come momento di incontro dei numerosi suonatori di diverse età intorno ai quali si è conservata fino a oggi una tradizione locale autentica, tramandata di generazione in generazione. Nel tempo dominato dall’omologazione culturale, la “Curmà di pinfri”, che corona (ma non chiude) la lunga stagione estiva di feste improntate alla tradizione musicale locale, rappresenta un raro momento per avvicinarsi a una cultura che affonda le sue radici nel remoto passato della civiltà contadina montanara dell’Appennino tra il Mediterraneo e la Pianura padana. (RED.)

L’appuntamento è fissato per il 20 ottobre: in quella data a Capriata d’Orba si terrà il primo raduno delle Confraternite dell’Oltregiogo. L’evento, organizzato dall’omonima associazione che opera per la promozione della cultura locale, giunge a battesimo proprio quest’anno. Mai, infatti, fino a oggi si era riusciti a creare una manifestazione che riuscisse ad aggregare tutte le fraternità religiose di un territorio che, se si presenta omogeneo da un punto di vista culturale, altrettanto non lo è da quello dell’amministrazione religiosa: da Francavilla a Bosio, da Arquata a Belforte, sono ben quattro le diocesi (Alessandria, Genova, Tortona e Acqui). C’è anche l’intenzione di accompagnare il raduno del 20 ottobre con una mostra di suppellettili sacre, presso il centro polifunzionale di Capriata: dai crocefissi ai tabarri, dai quadri ai gonfaloni, passando per bolle papali e bastoni pastorali, sono molte le testimonianze di arte locale conservate negli oratori. Dal momento che l’evento si svolgerà al termine della stagione delle processioni, in un periodo in cui le giornate si sono accorciate di molto, la messa del vespro sarà anticipata alle 15 (presso la chiesa parrocchiale); al termine di essa gli imponenti Cristi delle Confraternite locali verranno portati attraverso le vie cittadine. (RED.)

L’Accademia delle Culture di Bosio, in collaborazione con il comune di Fresonara, presenta “Un cabaret di risate” rassegna teatrale del laboratorio Zelig presso il teatro di Fresonara. Si parte domani, venerdì 18 ottobre ore 21.30, per offrire momenti di puro divertimento. Dopo l’esperienza estiva organizzata a Bosio, Accademia delle Culture propone sul palcoscenico di Fresonara un ciclo di sei serate da ottobre ad aprile. Domani aprirà la rassegna Daniele Raco, uno dei più bravi monologhisti presenti sul panorama teatrale italiano. Prima di lui Roberto Zambarelli spalancherà il sipario per preparare il pubblico ad una serata ricca di emozioni e risate, con Alice Colombo e Davide Fabbrocino che oltre ad essere attori hanno anche ideato e progettato questa serie di eventi. L’Accademia delle Culture è un’associazione culturale che opera in Piemonte e Liguria attraverso la promozione del teatro e della musica. Ha sedi in provincia di Alessandria a Bosio e Voltaggio dove propone laboratori e serate e conduce stage presso le scuole di ogni ordine e grado. Dal 2013 ha iniziato a promuoversi anche a livello nazionale e internazionale con master e spettacoli a livello professionale. (RED.)


ilsettimanale • giovedì 17 ottobre 2013

28 www.novionline.net • www.ovadaonline.net


losport

ilsettimanale • giovedì 17 ottobre 2013

29 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

CALCIO

PALLAVOLO

PODISMO

Ovada polveri bagnate. Gaviese a pieni giri

Sabato si parte Novi e Ovada il calendario

Maratonina tutti i tempi e le foto

PAGINA 30

PAGINA 34

PAGINA 36

Con un super Zirilli la Novese stende Caronno

lapolemica

MAURIZIO IAPPINI sport@ilnovese.info

Il rispetto e la buona educazione La Novese tiene a scusarsi con gli organi di stampa per i toni eccessivi, dovuti all’enfasi di una gara di grande importanza, tenuti dal tecnico Simone Banchieri durante la conferenza post-partita. La buona immagine e la professionalità dei colori biancocelesti rappresentano, prima ancora dei risultati sportivi, il primo obbiettivo della società nei confronti di addetti ai lavori, media e tifosi. Ufficio Stampa Novese Se una società avverte il dovere di emettere un comunicato per scusarsi della condotta di un suo tesserato senza che questo significhi prenderne le distanze (non traspare nessuna censura verso l’allenatore: d’altronde, nessuno la pretende), appare palese che le parole pronunciate dal tecnico Simone Banchieri nei confronti anche del nostro Maurizio Iappini devono essere state quantomeno fuori luogo. Ma stiano tranquilli dirigenti, tecnici e tifosi della Novese. Questo giornale e chi ci scrive non è solito fruire dei propri spazi per campagne mediatiche contro qualcuno. Il solo pensarlo, sarebbe un’offesa all’intelligenza del lettore. Continueremo pertanto a esprimere giudizi, a non diffondere pregiudizi e a dare notizie sulla Novese: dirigenti, giocatori e tecnici continueranno, come sempre abbiamo fatto, a essere giudicati per quello che fanno sul campo o dietro una scrivania. Tanto dovevamo per rispetto al lettore, che è il nostro unico referente.

Ci sono giocatori che fanno la differenza e la Novese ne possiede almeno uno che nel campionato nazionale dilettanti ha pochi eguali. Un bomber come Alessandro Zirilli infatti è da solo capace di cambiare il corso del match e lo ha dimostrato in Novese-Caronnese. Non solo si è procurato il rigore decisivo ma lo ha anche trasformato; ma la prestazione del bomber di origini romane si è rivelata superlativa per il gran lavorio svolto per tutti i 90’: Zirilli ha fatto reparto da solo recuperando un mare di palloni aerei, ha difeso palla permettendo di far salire la squadra, ha saputo essere importante in fase difensiva sui calci piazzati ma soprattutto è stato leader del gruppo permettendo a una rimaneggiata Novese di vincere lo scontro diretto con la Caronnese e di issarsi nelle zone alte della classifica, proprio come si auguravano i tifosi un paio di mesi fa. Riuscire a competere con le big del girone con 9 assenze pesanti la dice lunga sulle potenzialità di un gruppo che ha faticato tanto a settembre e che ha avuto bisogno di un elettrochoc (il ko interno col Giana Erminio) per darsi la scossa giusta. Con una compagine ordinata, aggressiva ma priva di fantasia come la Caronnese, la Novese è andata a nozze grazie a un modulo nuovo, un 4-3-3 dove Ponsat in alcune circostanze agisce da falso centravanti permettendo a Zirilli e a Bortolotto di tagliare al centro. Ma il successo non ha solo la paternità di Zirilli. I giovani fuoriquota in campo hanno fatto faville con un Firriolo che in mezzo al campo ha giganteggiato (non a caso a seguirlo c’erano osservatori di club professionistici) rivelandosi determinante nel finale con due recuperi in extremis sugli attaccanti varesini. Ponsat poi ha qualità e classe da vendere: se

la palla gli arriva nei mpiedi è come metterla in cassaforte perché togliergliela è improbabile mentre Canalicchio in porta ha fatto parate determinanti facendosi perdonare qualche errore di posizione nelle uscite finali. Prestazione eccellente anche per i centrali Malgrati e Fasano e viene da chiedersi dove potrà arrivare questa squadra quando saranno recuperati i 9 assenti di sabato scorso. Avevamo ragione quando a inizio stagione sostenevamo che questa Novese ha i numeri per essere protagonista e commetteva errore di umiltà chi parlava di “squadra che vuol salvarsi il prima possibile per poi divertirsi”. Alla lunga i valori nel campionato nazionale dilettanti so-

Decide il bomber I biancocelesti si godono la classe della rosa e i giovani di talento

no destinati ad emergere e questa Novese ha non solo qualità ma anche carattere. Un ottimo viatico per il futuro. Il presente invece parla di tante assenze ma di un gruppo capace di fare di necessità virtù, che nei momenti difficili riesce a esprimere il meglio e che ha “toppato“ un paio di partite (il ko col Giana Erminio e il pari in casa con la Pro Dronero) ma che dai propri errori ha tratto una lezione importante. Dopo gli arrivi di Sorci e Canalicchio il direttore sportivo Pasquale Gigliotti sta per tesserare anche il giovane Cortez, un elemento 1996 proveniente dall’America centrale (El Salvador) segnalato al dirigente biancoceleste da Ciccio Graziani, indimenticato bomber del Torino.

POI A RAPALLO

Domani nuova sede col Vescovo Il vescovo di Tortona Martino Canessa inaugurerà domani pomeriggio alle 16 la nuova sede della Novese in piazza Dellepiane: il religioso infatti impartirà la benedizione ai nuovi locali e alle squadre della società del presidente Renato Traverso. I nuovi uffici della dirigenza sono in un palazzo storico cittadino, nel cuore della città ma gli uffici del Girardengo rimangono a disposizione per il club per le riunioni tecniche della settimana e per le partite della domenica. Intanto la squadra sta già lavorando per la trasferta di domenica prossima a Rapallo contro il Bogliasco. I liguri si sono fusi in estate col capoluogo tigullino dive hanno trovato una nuova casa (l’anno scorso giocavano a Santa Margherita Ligure) e hanno allestito una corazzata per ambire al salto di categoria. In panchina è arrivato un galantuomo come Marco Sesia e in queste prime giornate anche i rivieraschi, come la Novese, hanno un po’ stentato come è naturale che sia per chi ha cambiato tanto. Nelle fila dei biancocelesti non ci saranno ancora Vigliotta, Capozzi, Pernice, Taverna, Catenacci, Nanci (si è rotto una caviglia durante una seduta in palestra) e Bugatti mentre si spera che bomber Carboni possa recuperare dopo l’elongazione muscolare rimediata col Santhià.

Eccellenza La squadra di mister Alberto Merlo viaggia a vele spiegate

Eccellenza Un punto fra le polemiche

Il Libarna ritrova i gol e le vittorie

Villalvernia, 2-2 con rabbia

Con 7 punti in tre partite, il Libarna mette definitivamente alle spalle la crisi di risultati e di gioco che l’aveva attanagliato a fine settembre. Merito della forza di un gruppo plasmato dal tecnico Alberto Merlo a sua immagine: grintosi e mai arrendevoli, i rossoblù hanno saputo fare un esame di autocoscienza (individuale e collettiva) trovando all’interno dello spogliatoio le cause del momento nero durato 3-4 partite dove, va peraltro ricordato, si è comunque riusciti a contenere le sconfitte e a mettere punti in cascina. Domenica i serravallesi erano chiamati alla partita più facile sulla carta e più difficile sulla teoria perché il Libarna è solito sbagliare gli appun-

tamenti semplici. Invece, dimostrando di avere imparato la lezione di Olmo, i rossoblù in casa dello Sporting Cenisia (ripescato ma con una linea verde che vuole valorizzare i giovani del vivaio) non hanno

fallito la missione che aveva chiesto mister Merlo, imponendosi senza affanni con un 3-1 che non dà adito interpretazioni sul match. Gara senza difficoltà perché gli alessandrini sono scesi in campo con la testa

sul collo. Merlo peraltro era stato chiaro nei momenti bui quando aveva rpeteso che la sua squdra uscisse dalle secche in cui si era cacciata, convinto a ragione di disporre di un gruppo che, al completo può fare meglio di una tranquilla salvezza. Il rotondo 3-0 rifilato in settimana a un Castellazzo decimato da infortuni e squalifiche aveva preannunciato il ritorno in pompa magna alla miglior condizione di Pellegrini e Mossetti, due elementi imprescindibili per il Libarna, assieme alla condizione fisica migliorata di Manno, leader silenzioso ma essenziale dello spogliatoio. Domenica i serravallesi ricevono la Cheraschese, partita aperta a ogni risultato.

Pareggio tra mille polemiche per il Villalvernia che tra le mura amiche non va oltre il 2-2 contro il modesto Atletico Gabetto. Gli uomini di mister Casone recriminano per un arbitraggio ai limiti della supponenza, con il direttore di gara che in più di un’occasione si è reso protagonista di scelte alquanto discutibili. Gli episodi più contestati sono state le due espulsioni dirette inflitte a D’Alessandro e Cesana, le quali creeranno non pochi problemi in vista della sfida cruciale in casa del Cavour di domenica prossima. Tornando alla gara i tortonesi regalano ancora

una volta un tempo agli avversari ma sono bravi a recuperare il doppio svantaggio nella ripresa prima con Sacchetti e poi con D’Alessandro. Sulle ali dell’entusiasmo i bianchi spingono per trovare una vittoria insperata ma l’arbitro infligge le due contestatissima espulsioni e il Villa deve accontentarsi. Furibondo al termine del match il ds Francesco Musumesci: “Non solo il direttore di gara ma l’intera terna arbitrale è stata a dir poco indecorosa. Con i sacrifici che tutte le società devono fare, aspettarsi degli arbitri all’altezza mi sembra il minimo”.


losport

ilsettimanale • giovedì 17 ottobre 2013

30 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Promozione A Acqui finisce 0-0 con tante occasioni sprecate

Le reazioni Cercasi spalla per Barone

Ovada ancora all’asciutto Il gol proprio non arriva

La società torna sul mercato per trovare un attaccante

ENZO PRATO sport@ilnovese.info

Pomeriggio agrodolce per l’Ovada Calcio. Sul campo del La Sorgente è arrivato un pareggio a reti inviolate che muove la classifica al termine di una settimana non troppo tranquilla successiva alla sconfitta con la Gaviese, ma risulta una mezza sconfitta in virtù dei risultati maturati sugli altri campi in cui si lotta per la salvezza. Grande rammarico per la formazione di Pier Mario Fiori perché le occasioni migliori sono capitate proprio sui piedi degli ovadesi. Arsenie in particolare, al rientro dopo quale turno di assenza, ha avuto due ottime possibilità per dare alla gara un corso diverso tra il 10’ e il 19’. Nella prima la palla è terminata a lato della porta di Brites, sulla seconda lo stesso portiere ha sventato un tiro troppo tenero per essere realmente insidioso. Il giovane attaccante è poi uscito al termine del primo tempo. La formazione di casa si è affidata al pericoloso Balla. Ma altre sono state le chance per l’Ovada. In avvio di ripresa Krezic si presenta in area su servizio di Gonzales, ma il tiro centrale è facile preda di Brites. Si assiste poi al 55’ ad una punizione di Lovisolo sulla quale devia Brites in angolo e poco dopo Moretti non ha fortuna nella conclusione. Al 60’ Petrozzi dalla destra esce dall’area lancia Krezic che apre a Gonzales dalla parte opposta, cross e Stocco calcia sul fondo. Al 69’ sempre Krezic di testa devia fuori Al 70’ ci pensa Fiori ad uscire su Balla in agguato e al 79’ è davvero bravo l’estremo difensore ovadese Fabio Fiori a deviare in angolo una bor-

data da posizione angolata di Stojkovski. L’Ovada tenta di spingere alla ricerca del successo ma i tre punti non arrivano. Domenica arriva al Geirino la vice capolista Villafranca per una gara in cui provare a recuperare i punti persi in casa contro la Gaviese. Sarà ancora assente Barone che sconterà la sua seconda giornata di squalifica. Si allungano i tempi di recupero di Giannichedda, mai disponibile in campionato. Ha ripreso invece Ottria dopo l’infortunio al gomito. L’Ovada deve provarci affidandosi ancora ai suoi giovani in attesa che la società trovi una punta vera durante il mercato di dicembre,

sperando però che non sia troppo tardi. I cuneesi han segnato solo otto reti ma subito meno con cinque gol al passivo. Avversario ostico quindi per chi ha difficoltà in avanti. LA SORGENTE-OVADA CALCIO 0-0 LA SORGENTE: Brites, Goglione, Vitari, Seminara, Bottiglieri, Daniele (81’ De Burba), Stojkovski, Barbasso, Nanfara (67’ Nanfara), Balla, Benatelli. All.:Cavanna. OVADA CALCIO: F.Fiori, Petrozzi, Gaggero, Lovisolo, Oddone, Pini, Moretti, Gioia, Stocco, Arsenie (46’ Gonzales), Krezic. All.: P.M. Fiori ARBITRO: Grosso di Cuneo

Promozione Biancogranata pimpanti e a pieni giri

SECONDA

Gaviese, il peggio è alle spalle

Il G3 Novi non sa più come si vince

Sembra essere uscita dalla crisi nera che ne ha caratterizzato l’inizio di stagione la Gaviese che al “Pedemonte” supera con un netto 2-0 il Castagnole. Seconda vittoria consecutiva per i vallemmini, i quali dopo diverse domeniche sottotono e sfortunate, giocano una gara pimpante, dove finalmente si vede la mano dell’esperto tecnico Amarotti, bravo a non perdere l’entusiasmo e a credere nei suoi giocatori. Il vantaggio dei padroni di casa arriva a pochi minuti dall’intervallo quando il solito Clementini su punizione pennella una traiettoria imparabile che si infila sotto il sette. Nella ripresa l’esuberanza agonistica dei granata non si placa e dopo diverse occasioni da rete trovano il raddoppio con il

giovane Kraja abile a insaccare in rete l’ottimo assist di Portaro. Che sia la giornata della Gaviese ne si ha prova cinque minuti più tardi quando Lucarno ipnotizza Corsaro dal dischetto mettendo così il risultato in cassaforte. Al termine dell’incontro il ds Massimo Figini non

nasconde la propria soddisfazione: “Il nostro campionato è cominciato da due giornate. Sono queste le prestazioni che ci aspettiamo, siamo coscienti di non essere una squadra da retrocessione e ora che abbiamo trovato la quadra dobbiamo uscire in fretta dalla zona calda”.

Mornese batte Lerma in Terza

Spettacolo e divertimento in terza categoria dove il Mornese, in un derby avvincente e seguito da un pubblico che fatica ad esserci in serie D, ha superato di misura 3-2 LermaCapriata. E mantenendo l’imbattibilità. Bel successo anche per la Serravallese (1-0 al Sanbernardino) e primo punto per la Tiger Novi (1-1 a Mirabello).

Terza sconfitta consecutiva per la Real NoviG3 che in quel di Paderna perde 2-0. La compagine novese inciampa nell’essima prova opaca, complici le numerose assenze e l’inesperienza di gran parte dei giocatori. La prova degli uomini di mister Aurelio non è del tutto da buttare ma i padroni di casa dimostrano di essere più squadra e sfruttano con grande cinismo le occasioni da rete create. Difficile ora “prescrivere” la medicina adatta per uscire da questo momento che malgrado gli ultimi risultati non si può definire crisi, dagli spalti però è apparso evidente che la squadra necessita di elementi di esperienza che in queste categorie possono davvero spostare gli equilibri. La creatura di patron Coscia è giovane, atleticamente sta addirittura forse meglio delle avversarie, ma in determinate situazioni di gioco, quando servono malizia e un po’ di “mestiere”, è carente. Troppo presto comunque per mettere in croce la squadra che ben aveva approcciato al campionato, se durante la settimana verrano toccate le corde giuste cambiare rotta non sarà difficile. Queste le parole del dirigente Danilo Salvarezza al termine del match: “I nostri avversari hanno messo quel qualcosa in più che alla fine è risultato determinante. La prova non è da buttare, a tratti abbiamo giocato discretamente bene ma se vogliamo tornare a fare punti dobbiamo fare qualcosa in più”.

“Siamo questi – commenta Mister Fiori alla conclusione della gara - viviamo alla giornata, ai ragazzi predico di vivere con tranquillità questa situazione in attesa di una prima vittoria”. Quasi serafico l’atteggiamento dell’allenatore squalificato domenica scorsa dopo l’espulsione della gara precedente. Non dev’essere stato facile vedere per l’ennesima volta i suoi creare occasioni interessanti, senza finalizzare e soprattutto senza ottenere un successo pieno che servirebbe come l’aria che si respira. Occorre anche tanta esperienza e nervi saldi per gestire una situazione che è forse la peggiore fra quelle che si potevano ipotizzare all’inizio della stagione. Ultimo posto in classifica, nessun successo e due chance fallite contro l’abbordabilissimo Canelli e contro la Gaviese in altrettante gare casalinghe. In società si è discusso della situazione nella scorsa settimana, arrivando, come è stato scritto anche nel pezzo principale, alla valutazione che se si vuole essere davvero competitivi per la salvezza è necessario trovare sul mercato una spalla di sostanza per Barone. L’ex Molare si è mosso anche bene, senza però dimostrare di essere l’attaccante d a 15 gol che servirebbe tanto. Arsenie ha mostrato buone cose all’inizio ma si sta perdendo. E d’altronde chiedere a un semi “deb” di togliere le castagne dal fuoco è tanta roba. Stocco ha segnato due reti, senza però convincere troppo. Il problema del gol chiama in causa però anche un centrocampo che finora ha mostrato più doti di contenimento che di inserimento in zona gol. Tre reti segnate finora sono più di una sentenza. E questo indipendentemente da un girone in cui le alessandrine sembrano comunque destinate a recitare un ruolo da comprimarie. (eschet)

inbreve AMATORI

Pizzeria Gadano Ovada scatenata e super successo per 28-3 Nel calcio a 7 Acsi girone ovadese del raggruppamento AcquiOvada, netto 5-1 della Capriatese sul San Giacomo: per i padroni di casa in gol Cazzulo, Ponasso, Crocco e due volte Scontrino, per gli avversari in gol Barca. Polisportiva Castelferro a valanga sul Monferrato Calcio, 8-1 per merito di un autorete avversario e dei gol di Viglione, Santamaria, doppietta di Re e tripletta di Polastri, per gli avversari in gol Valeri. Vince Sezzadio contro Trisobbio 4-2 grazie ai gol di Cadamuro, un autorete avversario e la doppietta di Zingrone, per gli ospiti a segno due volte M’baye. Finisce 4-4 Belforte Calcio e Morbello, padroni di casa in gol con Giuttari e tre volte con Bottero,per gli ospiti in gol Palazzo, Sobrero e due volte Peruzzo. A Basaluzzo invece si è giocata l'ultima giornata della fase a gironi della fase preliminare del campionato di calcio a 5 Acsi. Nel girone A Pozzolo supera 7-4 Legère Team Parodi grazie alle doppiette di Manfredi e Tiseo e ai gol di Cassano, Najhi e Crisafulli. Per Parodi non bastano i gol di Gualco, Arecco, Bricola e Repetto. Devils supera I-Team 5-3 grazie ai 2 gol di Bianchi e De Luca, Pistone e Cazzadore. Per I-Team tripletta di Calderaro. Nel girone B vittoria a tavolino 4-0 della Virtus Pieve in Valrossara non si è presentata.Nella seconda partita invece Kick Ass regola 6-3 ComPet con tripletta di Boveri e gol di Ponta e Bosio. Per Com-Pet in gol Subrero, Forgia e Viglione. Nel Girone C Alessandria-Borgoratto supera con non poca fatica Gavi Drink Team grazie ai 4 gol di Ben Yahya e un autogol. Per Gavi in gol 2 volte Garbarino e Bouzai. Nell'ultima partita Cortilese supera 6-5 All Stars grazie ai 4 gol di Grosso e ai gol di Romano e Cabella. Per All Stars tripletta di Oliveri e gol di Franco e Iacono. Nel calcio a 5 Ovada, bella vittoria del Bar Roma sull’A-Team 7-5 grazie ai gol di Gheorghita, Maruca e cinque reti di Marasco, per gli avversari a segno Chiarello, Lotero, Barletto e due volte Sobrero. Animali alla Riscossa Ottico Ugo tornano alla vittoria e lo fanno con un pirotecnico 9-7 su Sport Service. Marcatori per i padroni di casa Marana, tre volte Carbone e cinque Echino, per gli ospiti in gol El Youri e tre volte entrambi El Abassi e Galan. Goleada senza precedenti della Pizzeria Gadano contro la Croce Verde Ovadese, 28-3 grazie alla doppietta di Malvasi, la tripletta di Stalfieri cinque reti di Lorenzo, sei di Domino e 12 Camminante, per gli avversari in gol Ugas, Vignolo e Roberto. Netto 11-4 del San Giacomo contro l’Atletico ma non troppo grazie ai gol di Nushi, le doppiette di Sobrero e Perfumo e le triplette di Casazza e Farruku, per gli avversari in gol Rossignoli, Pareto, Cagliano e Grillo. Bella vittoria del Vasluy contro Play, 6-2 grazie alla doppietta di Lazar e quattro reti di Ionut, per gli avversari in gol due volte Facchino. Vince ancora l’Happy Day’s , 7-2 rifilato alla Taverna del Falco grazie ai gol di Vignolo, Macri’, la doppietta di Scarcella e la tripletta di Oddone, per gli avversari in gol due volte Bisso.


losport

ilsettimanale • giovedì 17 ottobre 2013

31 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Prima Categoria Vittoria e piazza d’onore per la squadra di Pastorino

All’Arquatese piace il poker ne fa le spese la Pro Molare LUCA PIANA ovadese@alice.it

L’Arquatese conferma la buona prestazione contro il Felizzanolimpia e si ripete sul campo della Pro Molare con un'altra vittoria per 4-1. Per i padroni di casa seconda sconfitta di fila dopo il cocente ko nel derby con la Silvanese. Per provare a cancellare questo momento difficile mister Albertelli ha proposto un 4-4-2 con Guineri e il rientrante Gotta in avanti, panchina per Zito e Tosi mentre Marek è costretto alla tribuna per un infortunio. Fuori anche Facchino e lo squalificato Matteo Parodi, Arquatese in campo con la formazione tipo. Primo tempo tutto a favore degli ospiti che alla prima occasione passano. Fallo di Barisione su Perfumo in area, l’arbitro assegna il rigore che viene trasformato dallo stesso attaccante. La Pro Molare prova a cancellare il brutto inizio ma il pressing degli avversari sul portatore di palla è costante. Guineri ci prova su punizione, ma la conclusione termina alta di poco. Finale di tempo amaro per i padroni di casa che a dieci minuti dalla fine subiscono il secondo gol. Da una triangolazione sulla fascia sinistra tra Perfumo e Scali nasce un bel cross rasoterra per Vera che si fa trovare solo a centro area e batte Russo. Nella ripresa entra Tosi al posto di Morini per dare una scossa alla partita. Al 50’ è infatti l’attaccante appena entrato a raccogliere l’invito di Gotta, abile a vincere tre rimpalli di forza, e a battere Torre. La reazione dei

inbreve PRIMA CATEGORIA

Cassano pirotecnico ma la difesa fa preoccupare Finisce con uno spettacolare 4-4 la sfida che vedeva opposte Felizzano e Cassano. Per i novesi realizzano in successione Grillo, Bagnasco, Pulitanò e a tempo scaduto Dell'Aira. Ora i numeri per la compagine di mister Masneri prendono una piega preoccupante: non sembra convincere una difesa che seppur formata da elementi di assoluto spessore per la categoria fa acqua da tutte le parti: sono ben 19 i gol subiti in sole sette giornate di campionato, un ruolino che definire da retrocessione è dir poco. Ed ora anche la classifica non sembra sorridere a Bagnasco e compagni che con un bottino di soli otto punti vedono avvicinarsi i bassi fondi della classifica. Servono una serie di risultati utili per tirarsi fuori da una situazione che ad inizio campionato non pareva pronosticabile. In sede di commento queste le parole di un rammaricato Andrea Campi, ds cassanese "Per quanto ha fatto vedere il campo il pareggio è più che giusto, però noi ci abbiamo messo del nostro in negativo per farlo diventare così rotondo. In difesa ci complichiamo sempre la vita, avremmo addirittura potuto perdere una partita che con più attenzione si portava a casa senza tutto questo patimento. Aver segnato quattro reti e non essere riusciti a vincere deve farci riflettere. L'unica nota positiva della giornata è stata il ritorno al gol di Dell'Aira, fondamentale per il morale del nostro bomber e di conseguenza dell'intera squadra". Nel prossimo turno il Cassano ospiterà un'altra squadra che al momento non ha reso come sperato, la ProMolare. (U.C.)

PRIMA CATEGORIA

La Silvanese non si ferma più: travolto il Monferrato padroni di casa si esaurisce sul gol del due a uno. L’Arquatese è più viva che mai e lo dimostra il palo colpito da Perfumo direttamente da calcio d’angolo. Poi Russo atterra Vera in area ma l’arbitro lascia correre. Serve un capolavoro di Petrosino su punizione per chiudere il match. Il centrocampista sfrutta al meglio l’opportunità calciando con potenza il pallone, che colpisce la traversa e si insacca alle spalle di Russo. Nel finale Talarico sfrutta al meglio un assist di

Perfumo e segna il quarto gol a porta vuota. “Onore ai nostri avversari, sono una squadra forte che potrà sicuramente vincere il campionato” ha dichiarato a fine partita il dirigente accompagnatore della Pro Molare, Enrico Marchelli. “Anche oggi abbiamo offerto una buona prestazione, se proseguiamo su questa strada possiamo toglierci tante soddisfazioni” è stato il commento di Vittorio Lipari, dirigente accompagnatore dell’Arquatese.

Quarta vittoria consecutiva per la Silvanese che si conferma tra le posizioni nobili del campionato. A San Salvatore è finita 3-1 contro un Monferrato ancora fermo a quota 1. I ragazzi di mister Tafuri si sono imposti grazie alle reti di Carnovale, Chillé e Montalbano portandosi a quota quindici punti. La Silvanese spezza l’equilibrio dopo appena cinque minuti grazie a Carnovale che sfrutta una gran giocata di Coco sulla fascia e segna un gol di rapina. Bertrand al 20’ deve però arrendersi a Bonsignore che trasforma un calcio di rigore discutibile concesso dall’arbitro per un fallo di Aloe. Il risultato di parità dura appena sessanta secondi: Chillé conclude una bella azione condotta sulla fascia da Coco. Nella ripresa gli ospiti aumentano il vantaggio con Montalbano, che sfrutta l’ennesimo assist di Coco per chiudere la partita. “E’ evidente che i ragazzi stanno bene, nella ripresa avremmo potuto dilagare” ha dichiarato il mister della Silvanese. “Abbiamo disputato una buona partita, Bertrand ha fatto due grandi parate determinanti per il risultato ma sicuramente il loro portiere è stato più impegnato”.

www.citroen.it

A OTTOBRE NUOVA CITROËN C3 PICASSO BENZINA, GPL, DIESEL ALLO STESSO PREZZO. A 12.900 EURO. A OTTOBRE PUOI SCEGLIERE ALLO STESSO PREZZO DI SETTEMBRE: Nuova Citroën C3 Picasso 1.4 VTi 95 Seduction BENZINA Nuova Citroën C3 Picasso 1.4 VTi 95 GPL Airdream Seduction Nuova Citroën C3 Picasso 1.6 HDi 90 FAP Seduction DIESEL TI ASPETTIAMO DOMENICA 27. CRÉATIVE TECHNOLOGIE

Consumo su percorso misto: Nuova Citroën C3 Picasso 1.4 VTi 95 6,1 l/100 Km; Nuova Citroën C3 Picasso 1.4 VTi 95 GPL Airdream/B enzina (uso a benzina) 6,6 l/100 Km - (uso GPL) 8,5 l/100 Km; Nuova Citroën C3 Picasso 1.6 HDi 90 FAP 4,0 l/100 Km. Emissioni di CO2 su percorso misto: Nuova Citroën C3 Picasso 1.4 VTi 95 140 g/Km; Nuova Citroën C3 Picasso 1.4 VTi 95 GPL Airdream/Benzina (uso a benzina) 153 g/Km - (uso GPL) 134 g/Km; Nuova Citroën C3 Picasso 1.6 HDi 90 FAP 105 g/Km. Offerta promozionale esclusi IPT, Kit sicurezza + contributo PFU e bollo su dichiarazione di conformità, al netto dell’ “Incentivo Concessionarie Citroën”. Offerta delle Concessionarie Citroën che aderiscono all’iniziativa, riservata ai clienti privati, valida sulle vetture in pronta consegna con immatricolazione entro il 31/10/2013 e su tutte le vetture disponibili in rete fino ad esaurimento scorte non cumulabile con altre iniziative in corso. Offerta valida fino al 31/10/2013. Le foto sono inserite a titolo informativo.

CONCESSIONARIA CITRÖEN TRAVERSO EUGENIO SRL - VIA SERRAVALLE 60 - 15067 NOVI LIGURE TEL. 0143 329880 VIA DELL'ARTIGIANATO 2 - ALESSANDRIA TEL. 0131 030110


losport

ilsettimanale • giovedì 17 ottobre 2013

32 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Campionato Uisp Contro il Volpedo finisce 2-4

La Rotonda, due gol ma non bastano ELIO DEFRANI e.defrani@ilnovese.info

Questa settimana spetta a LaRotonda-Volpedo lo scettro di partita più entusiasmante del campionato provinciale Calcio Uisp: sei reti sul campo di Fresonara, dove la squadra novese ha ceduto per 2-4 agli atleti del Volpedo. Per i padroni di casa è andato a segno due volte Zunino, a cui gli ospiti hanno replicato con una trippletta di Penna e con un gol di Gallisai. Ventisei le reti totali segnate nella terza giornata del campionato – 13 per le squadre di casa e altrettante per le squadre ospiti – e altre ancora se ne potrebbero aggiungere questa sera, giovedì 17 ottobre, quando sarà giocato il recupero di Volpedo-NewTeamOltrepo, non disputatasi la settimana scorsa. Girone A. La Sansebastianese guida la classifica del girone con 7 punti (due vittorie e un pareggio) e una differenza reti da fare invi-

dia: nove gol segnati e solo uno subito. A fermare la corsa della squadra di San Sebastiano Curone, ci ha provato a Robecco Pavese il NewTeamOltrepo: 1-1 il risultato finale, con reti di Fiorini per i padroni di casa e Gualdana per gli ospiti. I Rangers di Arquata invece sono andati incontro alla terza sconfitta consecutiva, ma non hanno sfigurato contro i Canottieri Tanaro: i mandrogni hanno sì vinto per 1-0 con gol di Fresta, ma hanno faticato a imporsi contro gli arquatesi che ce l’hanno messa davvero tutta. A Rivanazzano Terme, pareggio tra l’Oratorio San Domenico e i Lovers Cassano: una rete per parte con Antonuccio per i lombardi e Marchini per i cassanesi. Il Pasturana ha osservato il turno di riposo. Nel fine settimana, attese le sfide tra Canottieri Tanaro e Oratorio San Domenico, Lovers Cassano e NewTeamOltrepo, Volpedo e Pasturana, e infine Sansebastianese e LaRotonda (riposeranno i

Rangers di Arquata). Girone B. Nel girone B tre squadre in vetta alla classifica: Deportivo Acqui, Rossiglione e Molarese sono a pari merito con sette punti. La differenza reti premia l’Acqui, che in tre partite ha segnato nove gol e ne ha incassati tre. L’attacco è il miglior reparto anche per il Rossiglione: pure i liguri hanno segnato nove gol, ma ne hanno subiti sei. Il Rossiglione, che la scorsa settimana guidava la classifica, non è andato oltre il pareggio con il Roccagrimalda, e si è fatto raggiungere da acquesi e molaresi. Il Rossiglione è andato in gol con Minetti e Parisi, il Rocca con Filimbaia e Arata: 2-2 il risultato finale. La Molarese ha battuto 2-1 il Carpeneto: per i padroni di casa reti di Subrero e Parodi, per gli ospiti Mbaje. L’Acqui rifila il poker alla Silvanese (reti di Cavelli, Facelli, Bruno e Varano); per gli ospiti, gol della bandiera di Khouzam: 4-1 il finale.

Pareggio a reti inviolate, a Masio, tra l’Internet&Games e il Predosa. La CapriateseLerma si impone a Tagliolo Monferrato per 2-1. Il Taiò va a segno con Vignolo, gli ospiti con Totu e Pestarino. Prossimo turno: Capriatese-

SERIE D - GIRONE A

ECCELLENZA - GIRONE B Squadra ACQUI PINEROLO VALENZANA CAVOUR TORTONAVILLALVERNIA LIBARNA CHERASCHESE BENENARZOLE BUSCA SALUZZO COLLINEALFIERI LUCENTO OLMO CASTELLAZZO CHISOLA FOSSANO GABETTO CENISIA

P.ti 27 21 17 17 15 15 14 14 13 12 12 11 10 9 7 6 5 1

G 9 9 9 9 9 9 9 9 9 9 9 9 9 9 9 9 9 9

Partite V N 9 0 6 3 5 2 5 2 4 3 4 3 4 2 4 2 4 1 3 3 3 3 3 2 3 1 2 3 2 1 2 0 1 2 0 1

P 0 0 2 2 2 2 3 3 4 3 3 4 5 4 6 7 6 8

Reti F S 21 6 18 8 21 12 19 14 18 10 14 11 18 10 16 18 12 16 15 13 13 11 13 11 10 12 14 19 9 15 11 17 8 19 5 33

RISULTATI (8ª giornata): Bene Narzole-Colline Alfieri 3-2, SaluzzoTortona Villalv. 0-0, Atl.Gabetto-Pinerolo 0-3, Valenzana-Sp.Cenisia 30, Libarna-Castellazzo B. 3-0, Olmo-Busca 1-2, Fossano-Lucento 2-3, Cavour-Cheraschese 0-2, Chisola-Acqui 0-1. RISULTATI (9ª giornata): Busca-Saluzzo 1-4, Castellazzo B.-Fossano 1-2, Sp.Cenisia-Libarna 1-3, Colline Alfieri-Chisola 0-1, Lucento-Bene Narzole 3-0, Pinerolo-Cavour 2-2, Acqui-Olmo 1-0, Cheraschese-Valenzana 2-2, Tortona Villalv.-Atl.Gabetto 2-2. PROSSIMO TURNO (20/10/2013, ore 14.30): ValenzanaPinerolo, BeneNarzole-Castellazzo, Fossano-Sp.Cenisia, Acqui-Busca, Chisola-Lucento, Atl.Gabetto-Saluzzo, Libarna-Cheraschese, Olmo-Colline Alfieri, Cavour-Tortona Villalv.

Lerma – Deportivo Acqui, Carpeneto – Taiò, Molarese – Internet & Games, Roccagrimalda – Predosa, Silvanese – Rossiglione.

Il resoconto di tutte le partite e le classifiche sono anche su www.alessandrianews.it e su www.novionline.net

1ª CATEGORIA - GIRONE H

Squadra VADO BORGOSESIA GIANAERMINIO CARONNESE CHIAVARI NOVESE CHIERI ASTI LAVAGNESE RAPALLOBOGLIASCO VALLEED’AOSTE ALBESE DERTHONA SANTHIÀ PRODRONERO CARATESE SESTRI VERBANIA

Schierate sul campo I novesi della Rotonda (in alto) e l’Oratorio San Domenico di Rivanazzano Terme (in basso).

P.ti 15 13 13 12 12 12 12 9 9 9 8 7 7 7 6 6 4 3

G 7 7 7 7 7 7 7 7 7 7 7 7 7 7 7 7 7 7

Partite V N 4 3 3 4 3 4 3 3 3 3 3 3 4 0 2 3 2 3 2 3 2 2 1 4 2 1 1 4 1 3 1 3 1 1 0 3

P 0 0 0 1 1 1 3 2 2 2 3 2 4 2 3 3 5 4

Reti F S 9 4 12 6 10 4 11 4 8 4 12 9 11 12 7 6 9 8 7 7 5 8 5 6 9 11 6 8 12 16 5 10 7 15 4 11

Squadra SAVOIA FBC ARQUATESE FRUGAROLOXFIVE SILVANESE AURORACALCIO VILLAROMAGNANO CASTELNOVESE FORTITUDO BOSCHESE CASSINE CASSANO PROMOLARE QUATTORDIO FELIZZANOLIMPIA VIGUZZOLESE MONFERRATO

P.ti 19 16 15 12 12 12 10 10 9 8 8 8 7 2 2 1

G 7 7 7 6 7 7 7 7 7 7 7 7 7 6 7 7

Partite V N 6 1 5 1 5 0 3 3 4 0 3 3 2 4 3 1 2 3 2 2 2 2 2 2 2 1 0 2 0 2 0 1

P 0 1 2 0 3 1 1 3 2 3 3 3 4 4 5 6

Reti F S 16 8 23 9 13 8 17 6 12 9 10 9 8 8 8 9 11 15 11 10 15 19 8 13 12 12 9 15 7 20 5 15

RISULTATI (7ª giornata): Verbania-Vado 0-1, Vallee d'Aoste-F. Caratese 2-1, Borgosesia-Derthona 2-1, Rapallo Bogliasco-Santhià 1-1, Albese-Chiavari C. 1-1, Lavagnese-Asti 2-1, Novese-Caronnese 1-0, Sestri L.-Giana Erminio 0-2, Chieri-Pro Dronero 3-2.

RISULTATI (7ª giornata): Pro Molare-Arquatese 1-4, Felizzanolimpia-Cassano 4-4, Monferrato-Silvanese 1-3, Cassine-Auroracalcio 2-4, Villaromagnano-Frugarolo X Five 0-2, Viguzzolese-Savoia Fbc 1-2, Boschese-Quattordio 1-0, Fortitudo -Castelnovese C. 1-1.

PROSSIMO TURNO (20/10/2013, ore 15.00): Pro Dronero-Verbania, Caronnese-Chieri, Derthona-Vallee d'Aoste, Santhià-Sestri L., F. Caratese-Albese, Asti-Vado, Giana Erminio-Borgosesia, Chiavari C.-Lavagnese, RapalloBogliasco-Novese.

PROSSIMO TURNO (20/10/2013, ore 14.30): Savoia-Boschese, Frugarolo X Five-Auroracalcio, Cassano-Pro Molare, Viguzzolese-Cassine, Castelnovese-Villaromagnano, SilvaneseFortitudo, Quattordio-Felizzanolimpia, Arquatese-Monferrato.

PROMOZIONE - GIRONE D Squadra VIRTUSMONDOVÌ VILLAFRANCA CORNELIANO SAVIGLIANO SOMMARIVA CASTAGNOLE MORETTA ASCA CANELLI SANGIULIANONUOVO PEDONA SANTOSTEFANESE BOVES GAVIESE LASORGENTE OVADA

P.ti 16 15 14 13 12 11 11 10 9 9 8 8 7 6 5 3

G 7 7 7 7 7 7 7 7 7 7 7 7 7 7 7 7

2ª CATEGORIA - GIRONE M Partite V N 5 1 5 0 4 2 4 1 4 0 3 2 3 2 3 1 2 3 3 0 2 2 2 2 2 1 2 0 1 2 0 3

P 1 2 1 2 3 2 2 3 2 4 3 3 4 5 4 4

Reti F S 12 5 8 5 11 8 17 8 8 11 12 9 11 12 9 11 9 6 8 10 9 9 7 8 9 10 5 8 5 11 3 12

RISULTATI (7ª giornata): Corneliano-Moretta 2-4, Canelli-Sommariva P. 3-0, Asca-Santostefanese 2-2, LaSorgente-Ovada 00, Boves-Virtus Mondovi' 1-4, Fc Savigliano-Pedona 2-1, Villafranca-S.Giuliano N. 1-0, Gaviese-Castagnole 2-0. PROSSIMO TURNO (20/10/2013, ore 14.30): Pedona-Canelli, Castagnole-LaSorgente, Savigliano-Boves, SantostefaneseVirtus Mondovi', S.Giuliano N.-Asca, Sommariva P.-Corneliano, Moretta-Gaviese, Ovada-Villafranca.

Squadra P.ti LUESE 10 QUARGNENTO 10 SEXADIUM 10 CASTELLETTOMONFERRATO 10 FULVIUS1908 10 VALMILANA 9 DONBOSCO 7 MANDROGNE 6 PADERNA 6 POZZOLESE 6 GARBAGNA 6 G3REALNOVI 6 MONTEGIOCO 5 TASSAROLO 0

G 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5

Partite V N 3 1 3 1 3 1 3 1 3 1 3 0 2 1 2 0 2 0 2 0 2 0 2 0 1 2 0 0

P 1 1 1 1 1 2 2 3 3 3 3 3 2 5

Reti F S 11 4 9 5 10 7 9 7 6 4 10 10 8 8 12 12 8 9 7 8 8 10 6 9 3 5 6 15

RISULTATI (5ª giornata): Fulvius 1908-Luese 0-2, GarbagnaTassarolo 3-1, Montegioco-Castelletto Monferrato 2-0, Paderna-G3 Real Novi 2-0, Pozzolese-Mandrogne 4-2, Quargnento dilettanti-Sexadium 3-2, Valmilana Calcio-Don Bosco Alessandria 1-2. PROSSIMO TURNO (20/10/2013, ore 14.30): Castelletto Monferrato-Valmilana, Don Bosco Alessandria-Fulvius 1908, G3 Real Novi-Pozzolese, Luese-Paderna, Mandrogne-Quargnento Dilettanti, Sexadium-Garbagna, Tassarolo-Montegiogo.


losport

ilsettimanale • giovedì 17 ottobre 2013

33 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Volley Parte nel week end una cavalcata lunga 26 giornate in un girone che rappresenta un incognita

Plastipol e Mangini: si dia inizio alle danze Entrambe neopromosse le due compagini cercato una dimensione in B2 alle prese con avversari difficili

2ª GIORNATA andata 26.10.2013, ritorno 15.02.2014 Opem Audax Parma – Pastipol Ovada Mangini Novi – Nationaltr Villadoro Fanton Modena – Osgb United Service Wts Volley Massa – Akomag Busseto Zephyr Trading LaSpezia – Volley Sassuolo Csc Poliespanse – Cus Genova Sid Investigazioni – Matrci Campeginese 3ª GIORNATA andata 02.11.2013, ritorno 22.02.2014 Nationaltr Villadoro – Akomag Busseto Opem Audax Parma – Fanton Modena Volley Sassuolo – Mangini Novi Cus Genova – Wts Volley Massa Osgb United Service – Csc Poliespanse Plastipol Ovada – Sid Investigazioni Matrix Campeginese – Zephyr Trading LaSpezia 4ª GIORNATA andata 09.11.2013, ritorno 01.03.2014 Akomag Busseto – Volley Sassuolo Nationaltr Villadoro – Cus Genova Wts Volley Massa – Osgb United Service Mangini Novi – Matrci Campeginese Csc Poliespanse – Pastipol Ovada Zephyr Trading LaSpezia – Fanton Modena Sid Investigazioni – Opem Audax Parma 5ª GIORNATA andata 16.11.2013, ritorno 08.03.2014 Volley Sassuolo – Nationaltr Villadoro Cus Genova – Akomag Busseto Osgb United Service – Mangini Novi

Plastipol Ovada – Wts Volley Massa Matrix Campeginese – Csc Poliespanse Opem Audax Parma – Zephyr Trading LaSpezia Fanton Modena – Sid Investigazioni 6ª GIORNATA andata 23.11.2013, ritorno 15.03.2014 Volley Sassuolo – Cus Genova Akomag Busseto – Osgb United Service Wts Volley Massa – Matrci Campeginese Zephyr Trading LaSpezia – Pastipol Ovada Nationaltr Villadoro – Sid Investigazioni Csc Poliespanse – Opem Audax Parma Mangini Novi – Fanton Modena 7ª GIORNATA andata 30.11.2013, ritorno 22.03.2014 Cus Genova – Mangini Novi Osgb United Service – Volley Sassuolo Matrix Campeginese – Akomag Busseto Plastipol Ovada – Nationaltr Villadoro Sid Investigazioni – Zephyr Trading LaSpezia Opem Audax Parma – Wts Volley Massa Fanton Modena – Csc Poliespanse 8ª GIORNATA andata 07.12.2013, ritorno 29.03.2014 Cus Genova – Osgb United Service Volley Sassuolo – Matrci Campeginese Akomag Busseto – Pastipol Ovada Nationaltr Villadoro – Fanton Modena Wts Volley Massa – Zephyr Trading LaSpezia Csc Poliespanse – Sid Investigazioni Mangini Novi – Opem Audax Parma

10ª GIORNATA andata 21.12.2013, ritorno 12.04.2014 Osgb United Service – Matrci Campeginese Cus Genova – Zephyr Trading LaSpezia Volley Sassuolo – Fanton Modena Nationaltr Villadoro – Opem Audax Parma Wts Volley Massa – Csc Poliespanse Akomag Busseto – Sid Investigazioni Mangini Novi – Pastipol Ovada

12ª GIORNATA andata 18.01.2013, ritorno 03.05.2014 Matrix Campeginese – Fanton Modena Volley Sassuolo – Sid Investigazioni Nationaltr Villadoro – Wts Volley Massa Cus Genova – Pastipol Ovada Osgb United Service – Opem Audax Parma Mangini Novi – Zephyr Trading LaSpezia Akomag Busseto – Csc Poliespanse

9ª GIORNATA andata 14.12.2013, ritorno 05.04.2014 Osgb United Service – Nationaltr Villadoro Matrix Campeginese – Cus Genova Plastipol Ovada – Volley Sassuolo Opem Audax Parma – Akomag Busseto Zephyr Trading LaSpezia – Csc Poliespanse Fanton Modena – Wts Volley Massa Sid Investigazioni – Mangini Novi

11ª GIORNATA andata 11.01.2013, ritorno 26.04.2014 Plastipol Ovada – Osgb United Service Fanton Modena – Cus Genova Opem Audax Parma – Volley Sassuolo Matrix Campeginese – Nationaltr Villadoro Csc Poliespanse – Mangini Novi Zephyr Trading LaSpezia – Akomag Busseto Sid Investigazioni – Wts Volley Massa

13ª GIORNATA andata 25.01.2013, ritorno 10.05.2014 Plastipol Ovada – Matrci Campeginese Fanton Modena – Akomag Busseto Wts Volley Massa – Mangini Novi Opem Audax Parma – Cus Genova Zephyr Trading LaSpezia – Nationaltr Villadoro Csc Poliespanse – Volley Sassuolo Sid Investigazioni – Osgb United Service

Prima giornata I novesi in trasferta

IN SERIE D

Ovada: primo test con gli struzzi di Modena

Una poltrona per Ovada, Gavi e Arquata

E’ modenese il primo avversario della Plastipol che inizia il campionato al Geirino, sabato alle 17.45. Arrivano “gli struzzi” della Fanton, compagine considerata dagli osservatori tra le più ostiche di un girone tutto da scoprire. Per i biancorossi di Suglia subito un test probante quindi, per capire a che punto è la costruzione del gruppo. In Coppa, la formazione guidata in panchina di Roberto Bicego, s’è subito dimostrata molto efficace chiudendo con tre vittorie e una sconfitta. “Sicuramente – è l’analisi del direttore sportivo Alberto Pastorino – un avversario di rilievo. Dai video che abbiamo visto una squadra molto compatta, con un’altezza media importante e un ottimo palleggiatore. Modena non ha un giocatore che può essere considerato una stella ma di sicuro un organico interessante”. La prova generale è stata fatta martedì, col giornale in stampa, nell’amichevole di Asti. “Ci serve giocare – prosegue Pastorino – In allenamento si è vista una crescita costante, la partita è però un’altra cosa”. Sembrano riassorbiti i piccoli infortuni muscolari, frutto di un lavoro molto intenso. “Ci siamo allenati tanto, il lavoro è finalizzato a uscire nel medio periodo”. Da verificare le scelte. Nel Lantero sono andati in campo Ricceri in palleggio, De Michelis opposti. Centrali Zappavigna e Belzer, di banda Bavastro e Graziani. Proprio il ruolo dello schiacciatore è quello che vede maggior competizione interna. Trasferta parmense per la Mangini Novi che dopo essersi qualificata in coppa Italia grazie al ripescaggio come miglior seconda di tutti i gironi, farà visita al Busseto, in un match che è un’incognita perché non si conosce il valore degli avversari anche se quello dei biancoblù di coach Agosto è di altissimo livello perché elementi come Pegorari, o Diotallevi sono una garanzia nella serie superiore, figurarsi in B2.

Esordio anche per la Cantine Rasore Ovada di Piero Gombi che alle 21.00 affronta le torinesi della Finoro Chieri. Obiettivo della rinnovatissima squadra ovadese ottenere una vittoria dopo la bella qualificazione ottenuta in Coppa Piemonte. Di fronte una formazione neo promossa che però nel corso dell’estate ha saputo puntellare l’organico. In Coppa, la prossima avversaria delle ovadesi ha chiuso con sei punti. “Inutile dire – spiega il ds Alberto Pastorino – che le aspettative sono abbastanza alte. I risultati ottenuti finora, soprattutto le vittorie contro squadre della nostra categoria, non devono illudere perché probabilmente di fronte non abbiamo avuto compagini della fascia alta. Però c’è del potenziale: lo dimostrano le due buone prestazione andate in scena contro squadre di categoria superiore”. L’obiettivo del campionato, dopo la decisione societaria di rinunciare alla C2 comunque mantenuta sul campo, rimane la valorizzazione del patrimonio tecnico della società, senza che questo precluda la possibilità di togliere soddisfazioni. Esordio in casa anche per l’Argos Lab Arquata che trova sulla sua strada l’Aurora Venaria. Va nel torinese Gavi che affronta a San Mauro la Nixsa Allotreb Torino.

Il primo punto. Nocerino in gol

TigerNoviNews

1ª GIORNATA andata 19.10.2013, ritorno 08.02.2014 Pastipol Ovada – Fanton Modena Akomag Busseto – Mangini Novi Matrix Campeginese – Opem Audax Parma Volley Sassuolo – Wts Volley Massa Nationaltr Villadoro – Csc Poliespanse Cus Genova – Sid Investigazioni Osgb United Service – Zephyr Trading LaSpezia

Un buon pareggio conquistato a Mirabello Monferrato porta il primo punto in casa della Tiger Novi. Va detto che non è stata una bellissima partita, ma l’impegno e la tenacia alla lunga hanno premiato i ragazzi di mister Ravetti. La partita si era messa subito male, quando al 16’pt., la Tiger Novi ha subito la marcatura del Mirabello. La risposta della Tiger Novi non si è fatta attendere, al 35’pt. Faillace, all’esordio nelle file biancorossonere, ha sfiorato il pareggio. Nella seconda parte di gioco la Tiger Novi ha maggiormente attaccato e già al 3’st. Nocerino Mario ha sfiorato su calcio di punizione la marcatura. Al 14’st. un palo colpito da Devito, ha fatto gridare alla sfortuna. Ma la Tiger Novi ha continuato ad attaccare e al 31’st. ha conquistato un rigore per uno strattonamento in area di Nocerino Mario che dagli undici metri ha segnato la rete del pareggio. Mercoledì 16 alle 20.30, la Tiger Novi sarà impegnata in Coppa Piemonte contro il Fresonara, mentre domenica 20 giocherà in casa alle 14.30 ospitando il Mornese. TIGER NOVI: Cancello D., Fraula, Spataro, Cancello S. (15’st. Ravetti), Romanini A., Devito, Ciliberto (33’st. Moldovanu), Nocerino C., Faillace (25’st.Cancello W.), Nocerino M., Casentino. Allenatore: Ravetti G.. A disposizione: Fusetto, Spinelli, Piccione.

Allievi con orgoglio Domenica mattina ad Arquata la squadra degli Allievi della Tiger Novi, non ha vinto ma ha dimostrato un pizzico di orgoglio disputando una bella ed intensa gara. Diciamo subito che la partita è terminata 4-2 per l’Arquatese, ma se la gara si fosse chiusa in parità di certo i ragazzi di mister Cazzadore non avrebbero rubato nulla. Andati sotto di due reti la Tiger Novi ha reagito segnano all’11.st. con Manca e al 39’st. con Gabbiani. Da segnalare che al 10’st. Deluca ha colpito un palo e che al 35’st. ha sfiorato nuovamente la marcatura. La squadra Giovanissimi, sabato pomeriggio in quel di Gavi, con alcuni acciaccati che rientravano, ha perso per 11-0 sfiorando la rete della bandiera con Ache. Sabato prossimo gli Allievi ospitano La Sorgente, mentre i Giovanissimi la fortissima Ovada.

Pulcini: piacevole episodio di razzismo a Molare La squadra Esordienti giocherà mercoledì 16 contro il Carrosio, mentre i Pulcini, sabato hanno perso 3-0 a Molare, da segnalare che nonostante la fattiva collaborazione dei dirigenti della Società Pro Molare, sempre cortesi e gentili, non si può non denunciare che alcuni tifosi molaresi hanno offeso con frasi razziste i bambini stranieri della Tiger Novi. Nel prossimo week-end i Pulcini ospiteranno il Val Borbera, mentre gli Esordienti faranno visita alla Pozzolese.

ASD TIGER NOVI - “Calcio e Solidarietà” Cell. 335/6882654 – 339/7334611 – 349/3133652


ilsettimanale • giovedì 26 settembre 2013

losport

34 w w w. n o v i o n l i n e . n e t • w w w. o v a d a o n l i n e . n e t

Pallacanestro Successo 86-70 per i biancorossi ma gara ostica per tre quarti

Red Basket: percorso netto Serravalle schianta Aosta

inbreve ARTI MARZIALI

Tempio del Karate Novi campione tricolore Under 16

EDOARDO SCHETTINO ovadese@alice.it

Non si ferma la Red Basket che pesca la sua terza vittoria consecutiva e rimane in vetta alla classifica tra le squadre imbattute. A farne le spese questa volta è stata Cogoleto, al termine di una partita davvero tirata, a tratti bella. E’ finita 86-70, non inganni il punteggio largo. Mossi e compagni si sono staccati nell’ultima frazione con dieci minuti di grande energia dopo che il punteggio al 30’ era sul 61-58. E davvero ricco di contenuti il duello tra Mossi, che ha terminato a quota 29, e l’ex capitano ovadese Gorini, miglior marcatore della gara con 32 punti, trascinatore dei suoi nel terzo periodo in cui Cogoleto ha messo anche per due volte la testa avanti. Proprio nel momento in cui Gorini si è fermato, pagando comprensibilmente lo sforzo profuso, Ovada ha ripreso il controllo del match. Nella quarta frazione la Red Basket è partita a razzo con due canestri consecutivi di Gay e Lorenzo Cornaglia. Ma la difesa ha fatto la differenza, togliendo agli avversari le facili conclusioni da sotto dei minuti precedenti. E così i padroni di casa sono andati via gradualmente trovando addirittura il +12 a 4’ dalla fine sul 74-62 con due liberi di Gaido e un successivo canestro in contropiede del play italo argentino. La squadra di coach Brignoli si era illusa che tutto fosse facile al termine del primo quarto, concluso sul +9 sul 25-16.“Per fortuna – ha commentato il presidente Mirco Bottero – ci siamo staccati nel momento giusto. Ar-

rivare al finale col punteggio in equilibrio sarebbe stato pericolo. Vincere partite di questo tipo soffrendo ha un doppio valore di classifica e per la crescita della squadra”. Ora è in programma la sfida in trasferta sul campo dell’Aurora Chiavari ma sempre avversario temibile. In C regionale piemontese, dominio incontrastato del Serravalle Basket Gruppo Praga che ha surclassato 8154 il malcapitato Val d’Aosta, che ha

avuto la sfortuna di dovere affrontare i rossoblu dopo lo scivolone rimediato dalla squadra di Ponta a Torino. Ci si aspettava delle risposte dai padroni di casa e sono puntualmente arrivate: per tutta la partita Zunino e compagni non abbassano mai il livello di guardia e la soglia di attenzione e infatti per Aosta rimangono le briciole di un match a senso unico in cui è difficile trovare una pecca nella prestazione degli alessandrini.

Il “Tempio del Karate” di Novi dei maestri Borsoi,Vecchi, Bellora ancora protagonista ai Campionati Italiani di Karate Feika under 16, specialità “kata a squadre” a Varese. Questi i risultati: Oro per le squadre: Gian Luigi Pastore, Edoardo Giordano, Andrea Chaves cintura marrone cat juniores seguiti a ruota da: Gaia Pulcino, Francesco Borriello, Irene Giordanocint. Arancio cat. bambini; Lucia Repetto, Matteo Salinardi, Gaia Pantalone, cint.verdi cat. cadetti. Argento per la squadra: Lorenzo Dell’aglio, Alessandro Cuccu, Valerio Bagnasco cint. verde cat. speranze; Bronzo per Melissa Mangione, Emma Caroli, Irene Sala cint. gialle cat bambini. Impossibile citare tutti gli atleti del “Tempio under16” presenti, molti dei quali hanno sfiorato il podio dimostrando comunque di essere all’altezza della massima prova in campo Nazionale. Il prof. Manuele Borsoi, maestro del Tempio del Karate è soddisfatto per il momento d’oro che hanno da subito vissuto gli atleti, con la riconquista del titolo Tricolore anche nella specialità kata a squadre . Si ricorda che al “Tempio del Karate” le iscrizioni per l’anno sportivo 2013-2014 sono ancora aperte e che tutti i nuovi allievi vengono accolti con un periodo di prova gratuito. La storica società prepara allena e diverte i propri atleti con corsi differenziati per bambini/e, ragazzi/e, adulti, in questi siti della provincia: a Novi nella splendida palestra delle scuole elementari Martiri in via Rattazzi (collinetta) con ampio parcheggio, ogni martedì e giovedì dalle 17alle 20.

Arti Marziali Importante evento collettivo per confrontarsi e crescere SCACCHI

CALCIO GIOVANILE

Il Judo si ritrova al Palasport Vignole, Milano e Genova a confronto

Carrosio giovanile, ranghi ridotti ma gli esordienti non sbagliano

Un semplice allenamento che diventa un momento di crescita e di reciproca conoscenza. E' accaduto a Vignole Borbera dove, nella sede del palazzetto dello sport, il judo club ha ospitato alcuni atleti provenienti di Milano e da Genova per condividere non solo la tecnica ma,soprattutto, lo spirito di questa antica disciplina giapponese. Così racconta uno dei promotori, Marco Carrega: “Un allenamento insieme ad altre palestre è sempre un momento di gioco e di svago per i ragazzi. Il Judo per loro deve essere questo, specialmente in questo momento, in cui i bambini subiscono tante pressioni, a scuola e fuori scuola. In particolare curare i rappor-

ti umani tra loro è molto importate poiché le occasioni di incontro sono poche. Quel che è accaduto a Vignole, l'allenamento congiunto con i ragazzi della Polisportiva Mandraccio sezione Judo, ci ha portato un nuovo modo di vedere le cose”. Lo sport, ancora una volta, è stato un veicolo di aggregazione importante: “sono venuti due ragazzi di Milano con il loro istruttore e sono venuti due istruttori di due palestre di Milano e Lecco. Abbiamo visto bimbi e ragazzi giocare tra loro, entrando in contatto, anche fisico, scoprendo che 'l'altro' non è un entità astratta, un 'avatar', ma una persona. Tutto questo grazie alla sapienza sempli-

ce del maestro Giuseppe 'Pippo' Piazza. Pippo conosce il judo e i suoi segreti, come nessuno di noi, ma conosce anche i bimbi e con la sua "normalità " ha fatto vivere due ore di spensieratezza ai nostri ragazzi. Facendo E' sicuramente l'inizio di una nuova avventura per il judo Club Val Borbera e per il judo nella nostra zona. Partecipanti: Maestro Giuseppe Piazza dell'associazione "associazione il cerchio", www.ilcerchiojudo.it, Maestro Luca Sciutto Polisportiva il Mandraccio sezione Judo, porto antico Genova, Maestra Cristina Sala, Maestro Vincenzo Piserà, Maestro Livio Barisone Judo Club Val Borbera.

Torneo d’autunno: i vincitori

Venerdì scorso si è disputato a Novi il torneo lampo d’Autunno, una prova di scacchi organizzata dal circolo locale che ha sede sociale nel Dopolavoro Ferroviario in piazza Falcone e Borsellino, In lizza 12 alfieri e alla fine si è imposto il casalese Scagliotti che ha preceduto l’alessandrino Gemma e i novesi Roatta e Giudici. A seguire, gli altri concorrenti. Proprio il novese Alberto Giudici ha conquistato punti preziosi in chiave Grande Slam. Il circuito provinciale che comprende i più importanti eventi del mondo della scacchiera della zona è alle sue battute conclusive e terminerà a dicembre con i tornei di Natale di Acqui e Novi. La classifica generale provvisoria premia in questo momento proprio il novese che nei principali eventi è stato sempre presente piazzandosi nelle prime posizioni e ottenendo così punti preziosi che gli hanno consegnato a pochi tornei dalla fine l’ipoteca sulla vittoria finale. In buona posizione di classifica anche altri portacolori del Dlf Noviscacchi team dinamico e in prima fila nell’organizzazione di molti eventi. Con il nuovo anno inizieranno poi i campionati italiani a squadre dove il team novese naviga in posizioni tranquille e senza affanni.

Settimana con due compagini in campo per le giovanili del Carrosio. Stop ai box i pulcini 2005 e 2004 per il turno di riposo previsto dal calendario Figc mentre gli esordienti misti recupereranno in settimana la partita con il Tiger Novi che ne ha richiesto lo spostamento. Così in campo sono andati i ragazzi di Mister Cavo, (esordienti 2001) che hanno trovato nel Don Bosco Alessandria un team più impostato a difendere che ad offendere, ritrovandosi così costretti a giocare in spazi ristrettissimi. I Vallemmini hanno così aggirato l’ostacolo, mettendo in mostra anche ottime capacità di palleggio, ed alcune giocate di elevata tecnica. Il parziale del primo tempo sul 3-0 è stato condito anche da un rigore fallito e da una traversa. Pur con il risultato in mano l’atteggiamento non è mutato e la spinta offensiva non è mai venuta meno. Il 7-0 finale risulta essere la conferma come i ragazzi di Mister Cavo abbiano maturato anche una mentalità di possesso del pallino del gioco, mai lasciato nelle mani dell’avversario, anche laddove le motivazioni a risultato acquisito, potrebbero venir meno. Ed in campo sono andati anche i Pulcini misti di Gianni Penna che dopo aver vinto la prima di campionato hanno offerto una buona prestazione in casa contro il Tortona Villalvernia. Anche grazie al vallemmino Diego Traverso risultato tra i migliori in campo - i piccoli del Carrosio hanno avuto in mano la partita fino a 5 minuti dal termine. Ma nonostante il vantaggio hanno comunque cercato di sfruttare le possibilità di arrotondare il bottino, pur di fronte ad un avversario con alcune buone individualità. Mister Penna ritiene che sia ancora troppo presto per far passare il concetto del risultato come determinante e così non ha ritenuto giusto chiudersi in difesa. Il gioco e l’attenzione a migliorarsi devono essere prioritari rispetto ad ogni altro obiettivo. Il pareggio finale lascia forse un pizzico di amaro in bocca, ma alla fine tutti sono risultati consapevoli di aver ottenuto dal campo un giusto verdetto.


losport

ilsettimanale • giovedì 26 settembre 2013

35 w w w. n o v i o n l i n e . n e t • w w w. o v a d a o n l i n e . n e t

Ciclismo Buone notizie dal glorioso team giallorosa

Fausto Coppi Novi, pronta la nuova stagione

inbreve CALCIO GIOVANILE

Ovada: Giovanissimi ai Regionali Juniores: pari con l'Arquatese

MAURIZIO IAPPINI sport@ilnovese.info

La buona notizia arriva dalla Sc Novese Fausto Coppi: il team che per scelta si dedica esclusivamente alla valorizzazione dei giovani ciclisti non ha intenzione di “abdicare” ma continuerà a portare in giro per l’Italia i colori sociali e il nome del Campionissimo. Lo spiega il vice presidente Angelo Piras: “La decisione di rinunciare alla squadra Juniores era stata presa in estate e la nascita di altri team locali non c’entra nulla. D’altronde non abbiamo frapposto alcun ostacolo al passaggio nel nascituro club di qualche nostro tesserato. La Fausto Coppi però ci sarà sempre e nella prossima stagione saremo ai nastri di partenza nelle altre categorie giovanili come i Giovanissimi. Una decisione maturata perché siamo soliti fare il passo lungo come la gamba. Anche nella stagione appena conclusa, abbiamo onorato tutti gli impegni dando il massimo: i ragazzi della Juniores sono stati seguiti e hanno potuto prepararsi in Trentino e le mail di ringraziamento e di riconoscenza dei genitori e degli atleti sono la nostra migliore vittoria. D’altronde la nostra filosofia privilegia la valorizzazione dei giovani alle vittorie. L’obbiettivo, in altre parole è far correre in bicicletta dei ragazzi e farli divertire indipendentemente dal risultato”. La società del presidente Giampiero Montecucco anche nel 2014 organizzerà due eventi che ormai ne fanno parte integrante, la coppa Romita e il Memorial Calissano. E’ in fase di valutazione l’allestimento di una com-

pagine Allievi ma d’altronde la stagione si programma tra novembre e dicembre e c’è tutto il tempo per decidere. In effetti la Novese Fausto Coppi è da sempre uno dei team più gloriosi del Piemonte per il nome che porta (i colori sociali sono un omaggio alle maglie gialle del Tour e rosa del Giro conquistate da Coppi) e per la passione dei suoi dirigenti che prima ancora che nel campione preferi-

scono investire sui ragazzi perché la bicicletta rimane uno sport duro e faticoso dove però si impara il senso della vita e si sa dare il giusto peso ai risultati. Ora la pausa invernale prima della ripresa dell’attività su strada che sarà come sempre a primavera anche perché si preferisce far terminare la scuola ai ragazzi prima di entrare a pieno regime sulle due ruote.

Pattinaggio Ora sotto coi tricolori Uisp Livelli

HOCKEY

Persi-Faedda con onore in Francia

Novi, in-line debutta in serie A1

Si è svolta ad Hettange Grande l’ edizione 2013 dell’ Open International de Dance, importantissima manifestazione europea di pattinaggio delle specialità “Solo Dance“ e “Coppie Danza “ che ha richiamato oltre 150 atleti provenienti da Francia, Gran Bretagna, Portogallo, Germania, Paesi Bassi, Spagna e, naturalmente, Italia. La compagine italiana, selezionata dal Commissario Tecnico Antonio Merlo, si è ottimamente comportata ottenendo un terzo posto, sette secondi posti e ben sei primi posti. Gli atleti dell’ Aurora Camilla Persi e Andrea Faedda hanno degnamente rappresentato il proprio club di appartenenza ottenendo sia il secondo posto nella Coppia Danza Junior che, da parte del solo An-

drea Faedda, nella Solo Dance Junior. Camilla e Andrea , alla loro quarta convocazione in nazionale, hanno dato vita ad esibizioni di alto livello , a coronamento di una stagione impegnativa ma ricca di soddisfazioni, come ha sottolineato anche il tecnico dell’AURORA Matteo Marinello, che ha seguito i due atleti nella trasferta francese, ribadendo il proprio compiacimento per i risultati conseguiti e ricordando il lavoro svolto - ed i traguardi raggiunti - dall’intera compagine biancoazzurra a partire dal Tecnico Francesca Rivara e da tutti gli atleti. Il prossimo appuntamento a cui sono chiamati gli atleti dell’ Aurora sarà il Campionato Italiano Uisp Livelli che si terrà a Calderara di Reno.

Ginnastica, Davide Porta (Fev) sul podio Tornano in pedana anche i maschi della Forza & Virtù a Torino nel campionato di categoria. Dove gli atleti eseguono il programma completo sui sei attrezzi. Per il team bianconero in campo Davide Porta e Luca Lovelli impegnati rispettivamente nella categoria Junior e nella categoria Allievi di 3°livello. Lovelli, negli allievi di 3° livello ha concluso al 4° posto, mentre Porta nella prima fascia Juniores, ha terminato con un eccellente argento al collo. Questa prima prova di campionato è servita per testare i nuovi esercizi e per calibrare gli eventuali miglioramenti per novembre dove si ambirà alle qualificazioni dei Campionati Italiani.

Ci siamo, sabato alle 19 dopo un’estate ricca di colpi di scena e di lavori frenetici il Noviu Hockey debutta nella massima serie a squadre di in.line, l’hockey che si gioca coi pattini in linea e su piste di varia natura. Un debutto storico, con la squadra biancorossa che è stata “cooptata2 in A1 a fine luglio anche grazie a un requisito che gli fa onore perché è fra i pochi team di B che possono vantare ben due formazioni nel settore giovanile, segno che la società del giocatore-presidente Daniele Gaviotis crede in un progetto a lungo termine che ha nel collettivo di A1 il terminale. L’avversario è il Mammuth Roma, uno dei candidati alla salvezza assieme al club allenato da coach Alessandro Tarantola che ha inserito nel roster dei diavoli biancorossi tanti elementi di belle speranze disposti a una annata di sacrifici. Il calendario riserva poi il derbyssimo già il 26 ottobre quando al pala Massa di Monleale si confronteranno proprio i novesi e i tortonesi che sono invece fra i favoriti alla vittoria finale. Un derby dai mille risvolti e da seguire in massa per dimostrare l’affetto che la città nutre verso i ragazzi dell’hockey in line. Prima però il debutto di sabato in un pattinodromo che ha subito un significativo maquillage per uniformarsi alla massima serie. Non è quello che ci si aspettava ma è un segnale che lo sport a Novi non viene lasciato solo. (M.I.)

Tre formazioni giovanili dell’Ovada Calcio sono in corsa per i Regionali. Si tratta dei Boys Ovada, dei Giovanissimi e degli Allievi. Per i Giovanissimi di Fabio Librizzi il passaggio è quasi scontato dopo la bella vittoria contro il Tortona Villalvernia per 3-2. Una vittoria strepitosa e soffertissima grazie ad una prova di carattere dei nerostellati che sotto di un gol dopo 2’ di gioco, ha pareggiato al 13’ della ripresa con Potomeanu. Torna in vantaggio il Villa. La banda di Librizzi non subisce il colpo e reagisce da grande squadra pareggiando con Potomeanu e trovando la rete decisiva con Borgatta allo scadere. Domenica trasferta con la Tiger Novi. I Boys Ovada di Mauro Sciutto allo “Stefano Rapetti” di Silvano d’Orba, umiliano la Gaviese dell’ex Diego Cardella per 11-1. Quattro reti di Ciliberto, tripletta di Marchelli e doppiette di Molinari e Cavaliere. trasferta con il Cassine. In corsa per un posto nei Regionali anche gli Allievi di Jurgen Ajjor vittoriosi con il Libarna per 3-2. Un successo che significa terzo posto in classifica con 13 punti distanziando l’inseguitrice Libarna ferma a quota 9. Vantaggio per merito di Tine Silva che da un cross scaturiva un tiro imprendibile, quindi il raddoppio di Chindris e il terzo gol di Matteo Parodi. Infine parità per 1-1 per la Juniores di Marco Albertelli opposta all’Arquatese.Il vantaggio al 16’ ad opera di Lanza su calcio d’angolo di Repetto oltre ad altre conclusioni pericolose di Barletto e Potomeanu, lasciavano pensare ad una vittoria ovadese. Invece l’Arquatese perveniva al pari su una ribattuta. abato al Moccagatta arriva alle 15 il Villaromagnano.

BADMINTON

Boccardo My Floor Novi un weekend da incorniciare Dieci atleti del Boccardo BadmintoNovi a medaglia in 3 diversi tornei A Santa Marinella, Roma, nel Grand Prix conferma di Camilla Negri che continua la sua marcia asfaltando tutte le sue avversarie nel Singolare U17. Stessa storia nel Doppio Misto, dove in coppia con Manuel Scafuri si toglie la soddisfazione di conquistare il secondo oro ai danni degli acquesi Diego GentileMartina Benzi che in semifinale avevano battuto la coppia di Novi Tommaso Cardi- Lidia Rainero. Un gradino piu' in alto invece per l'atleta torinese,novese di maglia, che non riesce a superare nella partita decisiva la romena Gloria Pirvanescu. Finale per David Camozza-Nicolò Catena, nell’U19 e argento per loro dopo un binomio acquese. Coach Tomasello è argento nel Doppio Nazionale battuto dai campioni in carica Galeani-Maddaloni. A Bolzano, grande prestazione di Stefano D'Elia che ottiene due terzi posti nel Misto U15 e nel singolare e ottiene poi la vittoria nel Doppio Maschile assieme a Rudi Sagmeister, sempre del Malles team “gemellato” idealmente con Novi. Sofia Zacco vince il bronzo nel singolare U17 per poi doppiarlo in coppia con Costanza Sansebastiano,sconfitte in semifinale. Invece nel Challenge di Alba medaglia di bronzo per Wiaime Bounejar nel Singolare mentre due terzi posti per Roberto Lucio Scarabello (Singolare Master e Doppio Senior con l'albese Ezio Bossati) a suggellare un fine settimana bellissimo per la società del Direttore Sportivo Agostino Remotti.

GINNASTICA

Forza & Virtù domina a Torino Nell’ormai consueta sede di gara, il Pala Ginnastica di Torino, si è svolta la prima delle due prove del Campionato Regionale di serie C 2013 per la categoria Allieve. Due le squadre impegnate nella competizione, la squadra A formata dalle tre “veterane” Emma Novello, Asia Pandolfo e Irene Abbate mentre le “piccole” della squadra B sono scese in pedana con Nicole Clemente, Giulia Parodi, Alessandra Coco ed Elisa Terzi sotto la guida tecnica di Eleonora Gabrielli e Giulia Caglieris. Per il trio della squadra A le competizioni di serie C rappresentano gli ultimi impegni nella categoria Allieve visto che a gennaio saliranno in quella superiore e quindi un ottimo banco di prova per preparare il difficile passaggio. Perciò lo staff tecnico del presidente Caglieris ha optato per il più difficile dei programmi da presentare, in particolare per Emma Novello e Asia Pandolfo, scommettendo quindi su valori di partenza molto alti ma anche con il rischio di commettere diversi errori. La scommessa è stata vinta visto che su dodici esercizi c’è stato un solo errore al corpo libero e solo imprecisioni dovute proprio alle difficoltà presentate. Alla fine la squadra A ha vinto con un punto e mezzo sulla seconda classificata, la Ginnastica Torino, sorpresa della giornata. Un margine di certo non tranquillizzante in vista della seconda prova, ma comunque importante. Molto buona anche la prova delle esordienti più piccole che non hanno mostrato particolare emozione nell’affrontare l’impegno. Per loro il 21° posto su ventinove squadre,


losport

ilsettimanale • giovedì 17 ottobre 2013

36 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Maratonina, i primi 150 Trionfa il genovese Rity Mohamed, secondo Laaouine Abdelhadi Si è svolta la settimana scorsa la Maratonina di Novi organizzata da Atletica Novese. Di seguito l’ordine di arrivo dei primi duecento atleti. 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 10. 11. 12. 13. 14. 15. 16. 17. 18. 19. 20.

Rity Mohamed, Asd Podistica Peralto Genova, 1:08:20.07 Laaouina Abdelhadi, Atletica Susa, 1:08:27.31 Bianco Francesco, Atletica Palzola, 1:09:57.00 Chihaoui Ridha Ben Lazhar, Cambiaso Risso Running Team Ge, 1:10:48.32 Giorgianni Andrea, Delta Spedizioni, 1:12:37.15 Faranda Achille, A.T.A., 1:14:27.20 Galfre' Massimo, Asd Dragonero, 1:14:55.87 Litterio Gianluca, Cambiaso Risso Running Team Ge, 1:16:23.55 Liguori Fausto, S.S. Vittorio Alfieri Asti, 1:16:49.45 Balestra Fabio, Ondaverde Athletic Team, 1:16:52.53 Parodi Roberto, Atletica Valle Scrivia, 1:17:26.15 Fracchia Gilberto, Atletica Varazze, 1:17:41.04 Scabbio Diego, Atl. Novese, 1:17:52.51 Paluzzi Silvio, A.S.D Pam Mondovi-Chiusa Pesio, 1:18:16.36 Giordanengo Graziano, Asd Dragonero, 1:18:24.08 Vineis Andrea, A.S.D.Podistica Valle Varaita, 1:18:49.73 Liotta Paolo, Asd Podistica Peralto Genova, 1:18:52.72 Liborio Michele, Atl. 99 Vittuone, 1:18:56.66 Anghilante Claudio, A.S.D.Podistica Valle Varaita, 1:19:15.73 Mascherpa Giovanni, C.U.S. Pavia, 1:19:24.73

Demetri Leandro, G.S.D. Sai Frecce Bianche Pod, 1:19:36.60; Castaldi Massimo, Pod.Tranese Unione Industriale, 1:19:40.46; Cavallera Romina, A.S.D. G.S. Roata Chiusani, 1:19:44.54; Camozzi Pietro, Atletica Varazze, 1:19:53.00; Siccardi Sebastiano, Run&Motion, 1:19:55.94; Fontan Pierpaolo, Atletica Susa, 1:19:58.19; Barp Marco, Atletica Est Torino, 1:19:58.98; Barbieri Riccardo, Atletica Valle Scrivia, 1:20:05.76; Zunino Roberto, Atl. Pavese, 1:20:22.54; Castagno Ezio, C.R.C. Alpignano, 1:20:50.21; Campassi Nicola Pietro, G.P. Cartotecnica Piemontese A, 1:21:08.42; Ivaldi Gabriele, Cartellino Giornaliero, 1:21:47.72; Valsecchi Cristian, Evolution Sport Team, 1:21:58.71; Gentile Massimo, Cambiaso Risso Running Team Ge, 1:22:08.90; Bottiani Fabio, Amatori Atl. Casorate S., 1:22:11.73; Viola Simona, Cus Pis a Atletica Cascina, 1:22:19.70; Lembo Pier Luigi, Cartellino Giornaliero, 1:22:33.94; Quintino Fabio, Cambiaso Risso Running Team Ge, 1:22:35.84; Garbarino Alessandro, G.A.U. Giovani Amici Uniti, 1:22:47.24; Volpi Matteo, G.S.D. Sai Frecce Bianche Pod,

1:22:53.51; Musso Marco, Us Costigliole G. Giordano, 1:22:57.67; Costa Gilberto, Atletica Valle Scrivia, 1:23:07.08; Gulino Giuseppe, A.S.D. Gate-Cral Inps, 1:23:16.65; Magro Eufemia, Asd Dragonero, 1:23:26.00; Mansella Massimo, S.S. Vittorio Alfieri Asti, 1:23:30.63; Sirio Giovanni, G.S.D. Sai Frecce Bianche Pod, 1:23:31.87; Giarda Loretta, Atl. Cento Torri Pavia, 1:23:33.13; Siri Roberto, Maratoneti Genovesi, 1:23:56.35; Venturino Giuseppe, G.S.R. Ferrero A.S.D., 1:23:59.35; Benente Fabrizio, Maratoneti Genovesi, 1:24:26.39; Albertoni Danilo, Maratoneti Genovesi, 1:24:31.98; Carbone Luca, Delta Spedizioni, 1:24:35.26; Schella Massimo, Cambiaso Risso Running Team Ge, 1:24:37.23; Ianniello Vittorio, G.S.D. Sai Frecce Bianche Pod, 1:24:55.3 0; B arisone Massimo, Atl. Novese, 1:24:5 9.10; Antonuccio Ros ario, Podismo Avis Novara, 1:25:03.10; Repetto Stefano, Multedo 1930, 1:25:05.45; Vassallo Giuseppe, A.S. Marathon Club Statte, 1:25:06.35; Gatto Alessandro, Atletica Cairo, 1:25:07.57; Gallese Nando, Atl Pod San Gavino, 1:25:10.64; Galbiati Alessandro, Atl. Team Brianza Lissone, 1:25:13.71; Vallone Sandro, Asd Podistica Peralto Genova, 1:25:26.94; Raab Hermann, Triathlonlecco, 1:25:53.63; Pensiero Mirco, Atletica Frecce Zena, 1:25:53.68; Pedretti Danilo, Maratoneti Genovesi, 1:25:54.39; Todaro Ferdinando, Uisp, 1:26:00.35; Porcile Fabio, Multedo 1930, 1:26:00.90; Balbi Stefano, Atletica Valle Scrivia, 1:26:03.05; Scasso Davide, Atletica Varazze, 1:26:28.5 8; Dutto Elio, Asd Dragonero, 1:26:33.37; Bertaina Silvano, Asd Dragonero, 1:26:38.45; Galfre' Roberto, Asd Dragonero, 1:26:44.32; Franceschino Luca, Delta Spedizioni, 1:26:48.76; Sorrentino Pasquale, Maratoneti Genovesi, 1:26:4 9.8 4; Melis Massimo, Acquirunners, 1:26:54.63; Cabella Fabrizio, G.P. Solvay Solexis, 1:27:01.22; Traverso Matteo, Atletica Valle Scrivia, 1:27:03.49; Fadda Daniele, Asd Podistica Peralto Genova, 1:27:03.63; Lusetti Giuseppe, Cambiaso Risso Running Team Ge, 1:27:04.00; Alvino Maurizio, Gruppo Citta' Di Genova, 1:27:05.39; Pastorino Michele, Atletica Varazze, 1:27:08.82; Puccini Luigi, Cambiaso Risso Running Team Ge, 1:27:15.03; Zucca Paolo, Acquirunners, 1:27:21.45; Mattone Giuseppina, A.S.D. Boves Run, 1:27:21.58; Matzedda Marco, Gruppo Citta' Di Genova, 1:27:24.61; Culicchi Roberto, Atl. Lambro Milano, 1:27:25.72; Riva Stella, Atletica Susa, 1:27:27.93; Rattazzi Andrea, Uisp, 1:27:43.16; Oliva Andrea, Turin Marathon, 1:27:45.93; Beccaria Giacomo Pietro, Atl. Novese, 1:27:46.59; Balestra Massimo, Atletica Cairo, 1:27:48.74; Canepa Giuliano, Maratoneti Del Tigullio, 1:27:49.67; Braccini Mauro, S.S. Vittorio Alfieri Asti, 1:27:50.92; La Manna Luis, Cambiaso Risso Running Team Ge, 1:27:51.45; Bagossi Massimo, Delta Spedizioni, 1:27:59.99; Augliera Adriano, Cambiaso Risso Running Team Ge, 1:28:01.69; Perillo Michele, Raschiani Triathlon Pavese,

1:28:03.06; Guolo Gianni, S.S. Vittorio Alfieri Asti, 1:28:06.89; Bondanza Massimo, Atletica Valle Scrivia, 1:28:09.40; Benzi Cesare, G.S.D. Sai Frecce Bianche Pod, 1:28:25.83; Marenzano Fabrizio, A.S.D. Podistica Torino, 1:28:29.14; Scolari Stefano, Running Saronno, 1:28:30.00; Pertica Roberto, Delta Spedizioni, 1:28:31.68; Andolina Sonia, Gruppo Citta' Di Genova, 1:28:33.36; Farella Federico, Atletica Trecate, 1:28:33.70; Donadoni Michele, Atletica Due Perle, 1:28:43.70; Allemani Massimo, Atl. Ovadese Ormig, 1:28:45.77; Martina Fabio, Atl. Novese, 1:28:48.39; Campagnoli Salvatore, Cambiaso Risso Running Team Ge, 1:28:50.90; Puccini Giuseppe, Cambiaso Risso Running Team Ge, 1:28:55.89; Tosa Raffaello, Atletica Susa, 1:28:56.46; Broggi Rosa, Maratoneti Genovesi, 1:29:02.94; Amore Gabriele, A.S.D. Podismo Di Sera, 1:29:04.28; Benedetti Roberto, Asd Podistica Peralto Genova, 1:29:06.73; Chieregato Raffaele, Cartellino Giornaliero, 1:29:07.31; Segalerba Stefano, Maratoneti Genovesi, 1:29:17.09; Vineis Gabriele, A.S.D.Podistica Valle Varaita, 1:29:22.64; Cazzato Corciulo Donato, G.S.D. Sai Frecce Bianche Pod, 1:29:22.77; Michetti Andrea, Asd Podistica Peralto Genova, 1:29:23.16; Cappelletti Paolo, Atl. Novese, 1:29:24.37; Gioffre' Christian, Cambiaso Risso Running Team Ge, 1:29:25.98; Canonico Luciano, Us Costigliole G. Giordano, 1:29:27.95; Pisanu Mario, Cambiaso Risso Running Team Ge, 1:29:30.25; Bacigalupo Christian, Maratoneti Genovesi, 1:29:30.89; Agostini Matteo, Atletica Valle Scrivia, 1:29:33.67; Garozzo Marco, Cambiaso Risso Running Team Ge, 1:29:3 4.11; Caroleo Massimo, Maratoneti Genovesi, 1:29:35.40; Mencaglia Alberto, G.S. Comunale S. Olcese, 1:29:35.66; Costantino Pietro, Atleticanelli, 1:29:41.04; Repetto Enrico, Cambiaso Risso Running Team Ge, 1:29:45.56; Mereta Sergio, Gruppo Citta' Di Genova, 1:29:47.39; Lamberti Riccardo, A.S.D.Podistica Valle Varaita, 1:29:57.00; Peloso Mauro, G.S. Comunale S. Olcese, 1:29:58.76; Brondino Franco, A.S.D.Podistica Valle Varaita, 1:30:07.62; Tomaghelli Gianni, Atl. Novese, 1:3 0:12.25; B alestrero Mauro, Atl. Novese, 1:30:12.39; Bruschi Maurizio, Running Oltrepo', 1:30:14.57; Garcia Elizabeth, Uisp, 1:30:15.56; Zarrillo Antonio, Atl. Novese, 1:30:19.24; Costa Simone, Cambiaso Risso Running Team Ge, 1:30:19.40; Figari Federico, A.S.D. C.U.S. Genova, 1:30:19.57; Vallarino Daniele, Pol. Arenzano Sez. Atletica, 1:30:22.92; Marras Giovanni, Atl. Novese, 1:30:23.80; Esposito Gerardo, Uisp, 1:3 0:26.15; Cazzorla Gianluigi, A.S.D. Gate-Cral Inps, 1:30:37.38; Magno Crescenzio, Atletica Trecate, 1:30:38.36; Scaparrino Franco, G.P. Cartotecnica Piemontese A, 1:30:47.67; Oliveri Massimo, Asd Podistica Peralto Genova, 1:3 0:57.9 9; B oasso Emiliano, A.S.D.Millone Accornero, 1:31:00.51; Iovino Francesco, A.S.D. Podismo Di Sera, 1:31:03.91;


latelevisione

ilsettimanale • giovedì 17 ottobre 2013

37 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

laprogrammazione giovedì

venerdì

dal 17 al 23 ottobre

sabato

domenica

lunedì

martedì

mercoledì

17 18 19 20 21 22 23 ottobre

14.10 Verdetto finale, attualità 15.20 La vita in diretta, attualità 18.50 L’Eredità, gioco 20.00 Tg1 20.30 Affari tuoi, gioco 21.10 Provaci ancora Prof 5, fiction 23.10 Porta a porta, attualità

14.10 Verdetto finale, attualità 15.20 La vita in diretta, attualità 18.50 L’Eredità, gioco 20.00 Tg1 20.30 Affari tuoi, gioco 21.10 Tale e quale show, varietà 23.25 TV7, attualità

15.25 Le amiche del sabato, varietà 17.15 A Sua Immagine, attualità 17.45 Passaggio a Nord Ovest, doc. 18.50 L’eredità, gioco 20.00 Tg1 - Rai Tg sport 21.10 Ballando con le stelle, varietà 23.15 TG1 60 secondi

14.00 L’Arena, varietà 16.35 Domenica In, varietà 18.50 L’eredità, varietà 20.40 Affari tuoi, gioco 21.10 Un passo dal cielo 2, fiction 23.10 Tg1 60 secondi 23.15 Speciale Tg1

14.10 Verdetto finale, attualità 15.20 La vita in diretta, attualità 17.00 Tg1-Che tempo fa, attualità 18.50 L’eredità, gioco 20.40 Affari Tuoi, gioco 21.10 Una grande famiglia 2, fiction 23.20 Porta a Porta, attualità

14.10 Verdetto finale, attualità 15.20 La vita in diretta, attualità 17.00 Tg1-Che tempo fa 18.50 L’eredità, gioco 20.40 Affari tuoi, gioco 21.10 Paura di amare 2, fiction 23.20 Porta a Porta, attualità

14.10 Verdetto finale, attualità 15.20 La vita in diretta, attualità 17.00 Tg1-Che tempo fa 18.50 L’eredità, gioco 20.30 Affari Tuoi, gioco 21.30 The tourist, film 23.25 Porta a Porta, attualità

14.00 Detto fatto, attualità 16.15 Ghost Whisperer, telefilm 18.15 Tg2 18.45 Squadra Speciale Cobra 11, tf 19.35 NCIS, telefilm 21.10 Un minuto per vincere, gioco 23.20 Tg2 - Tg2 Punto di vista

14.00 Detto fatto, attualità 16.15 Ghost Whisperer, telefilm 18.15 Tg2 18.45 Squadra Speciale Cobra 11, tf 19.35 NCIS, telefilm 21.10 Virus, il contagio delle idee, att. 23.20 Tg2

17.10 Sereno variabile, attualità 18.05 Rai Sport 90° Minuto Serie B 19.35 Squadra Speciale Cobra 11, tf 20.30 Tg2 21.05 Castle, telefilm 21.50 Elementary, telefilm 22.40 Tg2

15.40 Quelli che il calcio 17.10 Rai Sport Stadio Sprint 18.10 90° minuto, attualità 19.35 Squadra Speciale Cobra 11, tf 20.30 Tg2 21.00 NCIS, telefilm 22.40 La domenica sportiva

14.00 Detto Fatto, attualità 16.15 Ghost Whisperer, telefilm 18.45 Squadra Speciale Cobra 11, tf 19.35 NCIS, telefilm 20.30 Tg2 21.10 Pechino Express 2, Reality 23.30 Made in Sud, Varietà

14.00 Detto Fatto, attualità 16.15 Ghost Whisperer, telefilm 18.45 Squadra Speciale Cobra 11, tf 19.35 NCIS, telefilm 20.30 Tg2 21.10 Criminal minds, telefilm 22.45 Bates Motel, telefilm

14.00 Detto Fatto, attualità 16.15 Ghost Wisperer, telefilm 18.45 Squadra Speciale Cobra 11, tf 19.35 NCIS, telefilm 20.30 Tg2 21.10 Il passato non muore mai, fl 23.40 Freelancers, film

15.10 La signora del West, telefilm 16.00 Aspettando Geo, documenti 16.40 Geo, documenti 20.00 Blob 20.35 Un posto al sole, soap 21.05 The Newsroom, telefilm 22.30 Gazebo, attualità

15.15 La signora del West, tf 16.40 Geo, documenti 19.00 Tg3 Regione 20.00 Blob 20.35 Un posto al sole, soap 21.05 The Newsroom, telefilm 23.00 Correva l’anno, documenti

16.55 Timbuctu, documenti 17.10 Cuori al verde, film 19.00 Tg3 - Tg Regione 20.00 Blob 20.10 Che tempo che fa 21.30 Ulisse: il piacere del..., doc 23.35 Tg3 - TG Regione

14.30 In 1/2 ora, attualità 15.00 Tg3 L.I.S. (per non udenti) 15.05 Kilimangiaro, documenti 19.00 Tg3 Regione 20.10 Che tempo che fa, talk sh. 22.45 Tg3- TG Regione 23.00 Sostiene Bollani, musicale

15.10 La signora del West, telefilm 16.40 Geo, documenti 19.00 Tg3 Regione 20.00 Blob 20.35 Un posto al sole, soap 21.05 Report, attualità 22.50 Sfide, documenti

14.50 TgR Leonardo 15.10 La signora del West, telefilm 16.40 Geo, documenti 19.00 Tg3 Regione - Blob 20.35 Un posto al sole, soap 21.05 Ballarò, varietà 23.20 Gazebo, attualità

15.10 La signora del West, tf 16.40 Geo, documenti 19.00 Tg3 Regione - Blob 20.15 Sconosciuti, attualità 20.35 Un posto al sole, soap 21.05 Chi l’ha visto?, attualità 23.15 Gazebo, attualità

15.30 Hamburg distretto 21, tf 16.45 Mezzo professore tra..., film 18.55 Tg4 - Meteo.it 19.35 Tempesta d’amore, soap 20.25 Quintacolonna,ilquotidiano, att. 21.25 Life-Uomo e natura, docum. 00.20 Blu profondo, film

14.45 Lo sportello di Forum, attualità 16.00 La storia di Ruth, film 18.55 Tg4-Meteo.it 19.35 Tempesta d’amore, soap 20.25 Quintacolonna,ilquotidiano, att. 21.10 Quarto Grado, attualità 24.00 Rivelazioni - Sesso è..., film

14.45 Lo sportello di Forum, attualità 15.30 Ieri e oggi in TV Speciale, doc. 16.45 Perry Mason, film 19.35 Tierra de Lobos, telefilm 20.30 Tempesta d’amore, soap 21.30 Fire Down Below, film 23.40 The Defender, film

13.00 I viaggi di life, documenti 14.40 Donnavventura, documenti 15.35 La battaglia dei giganti, film 18.55 Tg4-Telegiornale-Meteo 19.35 Il comandante Florent, telefilm 21.30 Tempesta d’amore, soap 23.15 Burn after reading, film

14.45 Lo sportello di Forum, attualità 15.30 Hamburg distretto 21, telefilm 17.00 Perry Mason, film 19.35 Tempesta d’amore, soap 20.25 Quinta Colonna-Quotidiano, att. 21.10 Quinta Colonna, attualità 23.55 Terra!, attualità

15.30 Hamburg distretto 21, telefilm 16.45 Due stelle nella polvere, film 18.55 Tg4 - Meteo 19.35 Tempesta d’amore, soap 20.30 Quinta colonna, attualità 21.10 Tutto può succedere, film 23.55 Le streghe di Eastwick, film

15.30 Hamburg distretto 21, tf. 16.35 Il cigno, film 18.55 Tg4 - Meteo 19.35 Tempesta d’amore, soap 20.30 Quinta colonna, attualità 21.10 The Mentalist, telefilm 23.05 The Closer, telefilm

16.10 Il segreto, soap 16.55 Pomeriggio Cinque, attualità 18.50 Avanti un altro!, gioco 20.00 Tg5 - Meteo 20.40 Striscia la notizia, varietà 21.10 Baciato dalla fortuna, film 23.30 Supercinema, attualità

16.10 Il segreto, soap 16.55 Pomeriggio Cinque, attualità 18.50 Avanti un altro!, gioco 20.00 Tg5 - Meteo 20.40 Striscia la notizia, varietà 21.10 Venuto al mondo, film 23.50 Matrix, attualità

15.25 Il segreto, soap 16.15 Verissimo, attualità 18.50 Avanti un altro!, gioco 20.00 Tg5 - Meteo 20.40 Striscia la notizia, varietà 21.10 Italia’s got talent, varietà 00.20 Speciale Tg5, attualità

12.00 Melaverde, attualità 13.00 Tg5 - Meteo 14.00 Domenica live, varietà 18.50 Avanti un altro, gioco 20.40 Paperissima Sprint, varietà 21.30 Io canto, musicale 00.20 X-Style, attualità

16.10 Il segreto, soap 16.55 Pomeriggio Cinque, attualità 18.50 Avanti un altro!, gioco 20.00 Tg5 - Meteo 20.40 Striscia la notizia, varietà 21.10 Squadra antimafia 5, fiction 23.30 Invasion, film

16.10 Il segreto, soap 16.55 Pomeriggio Cinque, attualità 18.50 Avanti un altro!, gioco 20.00 Tg5 - Meteo 20.40 Striscia la notizia, varietà 21.10 La cortigiana, film 23.30 Matrix, attualità

16.10 Il segreto, soap 16.55 Pomeriggio Cinque, attualità 18.50 Avanti un altro!, gioco 20.00 Tg5 - Meteo.it 20.40 Real Madrid-Juventus, calcio 22.45 Speciale Champions League 00.50 Striscia la notizia, varietà

14.35 What’s my destiny..., cartoni 15.00 Naruto Shippuden, cartoni 15.40 2 Broke Girls, telefilm 18.30 Studio Aperto - Meteo 19.20 CSI-Miami, telefim 21.10 CSI - New York, telefilm 23.55 Le Iene, varietà

14.35 What’s my destiny..., cartoni 15.00 Naruto Shippuden, cartoni 15.40 2 Broke Girls, telefilm 18.30 Studio Aperto - Meteo 19.20 CSI-Miami, telefim 21.10 Colombiana, film 23.05 Bangkok Dangerous, film

16.00 Looney Tunes Back in Act.., fl 17.55 Magazine Champions League 18.30 Studio Aperto 19.00 Mike e Molly, telefilm 19.25 Scooby-Doo: i mostri..., film 21.10 Madagascar 2, cartoni 23.00 Il destino di un cavaliere, film

14.00 Motociclismo: GP di Spagna 15.00 Superbike: GP di Spagna 16.20 Fuori giri, attualità 18.30 Studio aperto - Meteo 19.25 Colpo grosso al drago rosso, fl 21.15 Lucignolo, attualità 01.00 Californication, film

14.35 What’s my destiny..., cartoni 15.30 Salvi chi può, telefilm 17.05 Community, telefilm 18.30 Studio Aperto 19.20 CSI Miami, telefilm 21.10 Colorado, varietà 24.00 Tiki Taka, attualità

14.35 What’s my destiny..., cartoni 15.00 Naruto Shippuden, cartoni 15.45 2 broke Girls, telefilm 18.30 Studio Aperto 19.20 CSI Miami, telefilm 21.10 Le Iene show, varietà 24.00 Champions League Speciale

14.35 What’s my destiny..., cartoni 15.00 Naruto Shippuden, cartoni 15.30 2 broke Girls, telefilm 18.30 Studio Aperto 19.20 CSI Miami, telefilm 21.10 Le amiche della sposa, film 23.35 American Pie-Il matrimonio, fl

14.40 Le strade di San Francisco, tf 16.30 The District, telefilm 18.15 Il commissario Cordier, telef. 20.00 Tg La7 20.30 Otto e mezzo, telefilm 21.10 Servizio Pubblico, attualità 24.00 Tg La7 Night Desk, attualità

14.40 Le strade di San Francisco, tf 16.30 The District, telefilm 18.15 Il commissario Cordier, telef. 20.00 Tg La7 20.30 Otto e mezzo, telefilm 21.10 Crozza nel paese..., varietà 22.30 Il medico della mutua, film

14.40 L’ispettore Barnaby, telefilm 16.30 The District, telefilm 18.15 Il commissario Cordier, tf 20.00 Tg La7 20.30 Otto e mezzo, attualità 21.10 Ben Hur, film 00.30 Qualcuno volò sul nido.., fl

14.00 Tg La7- Cronache 14.40 Trapezio, film 16.30 The District, telefilm 18.15 Il commissario Cordier, film 20.00 Tg La7 21.00 Grey’s Anatomy, telefilm 23.45 Saving Hope, telefilm

14.40 Le strade di San Francisco, tf 16.30 The District, telefilm 18.15 Il commissario Cordier, telef. 20.00 Tg La7 20.30 Otto e mezzo, attualità 21.10 Piazzapulita, attualità 24.00 La7 Night Desk, attualità

14.40 Le strade di San Francisco, tf 16.30 The District, telefilm 18.15 Il commissario Cordier, telef. 20.00 Tg La7 20.30 Otto e mezzo, attualità 21.10 Linea gialla, attualità 24.00 La7 Night Desk, attualità

14.40 Le strade di San Francisco, tf 16.30 The District, telefilm 18.15 Il commissario Cordier, telef. 20.00 Tg La7 20.30 Otto e mezzo, attualità 21.10 La gabbia, attualità 24.00 La7 Night Desk, attualità

Canale5

Rai1

ottobre

Rai2

ottobre

Rai3

ottobre

Rete4

ottobre

Italia1

ottobre

La7

ottobre

" '++ '++

555 .-.0#-7'(3-'$0*.4#&'1* %., '&' +')#+' 4*# !! '22',$0' 2'+ (#6

*+4#-.

0$#

#0+. 0*++. ,*+*. /#7#+

',#*+ +20' 1'&*

4*#+' 2#7*.-' '-20#+' 4*# .,# / 77# #0*$#+&*


notizieutili lefarmacie

www.farmapiemonte.org

NOVI LIGURE Giovedì 17 ottobre: Baiardi (via Girardengo); venerdì 18: Comunale (via Verdi); sabato 19: Valletta (via Garibaldi) di appoggio diurno: Baiardi e Cristiani (via IV Novembre); domenica 20: Giara (via Girardengo); lunedì 21: Moderna (via P.Giovanni XXIII); martedì 22: Beccaria (via P.Isola); mercoledì 23: Cristiani. OVADA Domenica 20 ottobre Moderna, Via Cairoli NEI PAESI Giovedì 17 ottobre: Libarna (Serravalle) e Marucchi (Borghetto); venerdì 18: Foco (Stazzano); sabato 19: Moderna (Arquata); domenica 20: Belleri (Gavi), Maiocchi (Cabella) e Libarna; lunedì 21: Balbi (Serravalle); martedì 22: Giacoboni (Arquata); mercoledì 23: Di Matteo (Vignole). BASALUZZO: Moccagatta (aperta la seconda domenica del mese); CAPRIATA D’ORBA: Opizzi (terza domenica del mese); CABELLA: Maiocchi (seconda domenica del mese); PASTURANA: Bianchi (prima domenica del mese); POZZOLO FORMIGARO: Perseghini (seconda e quarta domenica del mese). Contattando il sito www.farmapiemonte.org al link: “cerca la farmacia aperta più vicina” è possibile conoscere, anche con largo anticipo, le farmacie di turno desiderate.

leedicole NOVI LIGURE Domenica 20 ottobre M & M (Portici nuovi); Semino (piazza del Maneggio); Fossati (piazza Matteotti); Campi (via Verdi); Fossati (Giardini pubblici); Ponte (Stazione Fs); Scarsi (viale P. Cichero); Arecco (via Amendola); Effe di Silvano (via Ovada), Guidetti (via Dacatra); Fanin (via Papa Giovanni XXIII); Edicola di viale Saffi. OVADA Domenica 20 ottobre Via Torino, Piazza Castello, Piazza Cappuccini

ilsettimanale • giovedì 17 ottobre 2013

38 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

leposte

parrocchieemesse

ORARIO CONTINUATO (dal lunedì al venerdì 8.25-19.10; sabato 8.25-12.35) Novi Ligure (p.zza De Negri 1), Ovada (via Monsignor Cavanna 16).

NOVI LIGURE

ORARIO ORDINARIO (dal lunedì al venerdì 8.25-13.35; sabato 8.25-12.35) Novi Ligure (via Garibaldi), Arquata Scrivia (via Libarna 201), Cassano Spinola (via Arzani 93), Cremolino (via San Bernardino 1), Gavi (piazza Dante 10), Pasturana (via Roma 18), Serravalle Scrivia (via Brodolini 17) (dal lunedì al venerdì 8.15-13.45; sabato 8.15-12.45) Basaluzzo (via Stazione 3), Borghetto Borbera (via Roma 63), Borghetto Borbera (Persi, via Provinciale 14), Bosio (via Umberto I 42), Cabella Ligure (piazza della Vittoria), Capriata d’Orba (via San Giovanni 2), Carpeneto (piazza Vittorio Emanuele II 1), Castelletto d’Orba (via G. B. Borgatta 7), Lerma (corso Spinola 12), Molare (via P. Albareto), Pozzolo Formigaro (piazza IV Novembre 4), Prasco (via Roma 1), Predosa (via Cavour 6), Rocca Grimalda (piazza Vittorio Veneto 1), Silvano d’Orba (piazza Battisti 48), Stazzano (piazza Risorgimento 5), Tagliolo Monferrato (via Roma 2), Trisobbio (via Roma 12), Vignole Borbera (viale Torino 14), Voltaggio (piazza Garibaldi 6).

OVADA ORARIO RIDOTTO (lunedì, mercoledì e venerdì 8.15-13.45) Rocchetta Ligure (piazza Regina Margherita), Cantalupo Ligure (via Umberto I 27), Albera Ligure (via Roma), Belforte Monferrato (via San Colombano 3), Carrosio (via G. Odino 39), Francavilla Bisio (via Guasco 16), Fresonara (piazza Italia 10), Grondona (via Municipio), Parodi Ligure (piazza Municipio 5), San Cristoforo (via Irmo Ferrari 16a), Tassarolo (piazza Libertà 10). (martedì, giovedì e sabato) Predosa (Castelferro, via Pellizza 3)

numeridiemergenza Ambulanza 118; Carabinieri 112; Vigili del fuoco 115; Polizia 113; Guardia di finanza 117

Direzione GENOVA 6.00 R 21107 (§) • Serravalle Scrivia 6.08, Arquata 6.21, Genova Sampierdarena 7.21, G. Principe 7.29, G. Brignole 7.35. 6.05 R 21161 (^) Serravalle 6.14, Arquata 6.21, Sampierdarena 7.21, Principe 7.29, Brignole 7.35. 6.19 R 6109 (*) Serravalle 6.26, Arquata 6.34, Sampierdarena 7.11, Principe 7.19, Brignole 7.27. 6.45 RV 2043 Serravalle 6.52, Arquata 6.59, Sampierdarena 7.43, Principe 7.52, Brignole 7.58. 7.05 R 6111 (§) Serravalle 7.12, Arquata 7.19, Principe 7.54, Brignole 8.00. 7.26 R 10323 Serravalle 7.33, Arquata 7.39, Principe 8.16, Brignole 8.23. 9.44 RV 2161 Serravalle 9.55, Arquata 10.06, Principe 10.34, Brignole 10.40. 12.47 RV 2163 Serravalle 12.53, Arquata 13.00, Principe 13.36, Brignole 13.42. 14.48 R 2051 Serravalle 14.55, Arquata 15.01, Principe 15.37, Brignole 15.43. 15.15 IC 515 (§) Principe 15.56, Brignole 16.02. 16.45 RV 2167 Serravalle 16.51, Arquata 16.58, Principe 17.36, Brignole 17.42. 18.48 RV 2055 Serravalle 18.54, Arquata 19.01, Principe 19.37, Brignole 19.43. 19.15 IC 519 Principe 19.55, Brignole 20.01. 20.40 R 21157 (§) Arquata 20.50, Sampierdarena 21.55, Principe 22.03, Brignole 22.09. 20.47 RV 2171 Serravalle 20.53, Arquata 21.00, Principe 21.36, Brignole 21.42. Direzione MILANO 6.20 R 2180 (§) Pozzolo 6.27, Tortona 6.43, Voghera 6.56, Pavia 7.16, Rogoredo 7.41, Milano Lambrate 7.46, Milano Centrale 7.55. 6.34 R 2882 (§) Pozzolo 6.42, Tortona 6.58, Voghera 7.12, Pavia 7.32, Rogoredo 7.53 7.56 R 2674 (§) Pozzolo 8.02, Tortona 8.16, Voghera 8.29, Pavia 8.51, Rogoredo 9.10, Lambrate 9.18, Milano Centr. 9.30.

Nostra Signora Assunta (piazza Assunta): ore 8.00, 11.00, 17.30; prefestivi ore 17.30; feriali ore 8.30. San Paolo della Croce (corso Italia): ore 11.00; prefestivi ore 20.30; feriali ore 20.30. Padri Cappuccini: ore 10.30. Padri Scolopi (piazza San Domenico): ore 7.30, 10.00; prefestivi ore 16.30; feriali 7.30, 16.30. Madri Pie: feriali ore 17.30. Monastero Passioniste: ore 10.00. Ospedale: prefestivi e feriali ore 18.00. San Venanzio (frazione San Venanzio): festivi ore 9.30. Grillano: festivi ore 9.00. Nostra Signora della Neve (frazione Costa): festivi ore 10.00. San Lorenzo (frazione San Lorenzo): festivi ore 11.00.

guardiamedica

itreni Partenze da Novi

Collegiata (piazza Dellepiane): ore 9.00, 11.00, 12.00, 17.00; prefestivi ore 17.00. Sant’Andrea (piazza Sant’Andrea): ore 10.00. Sant’Antonio (viale Rimembranza): ore 8.00, 10.00, 11.00, 17.30. Cimitero (via P. Isola): ore 8.45. Sacro Cuore (via Don L. Sturzo): ore 8.00, 11.00, 17.00; prefestivi ore 17.00. San Nicolò (via Girardengo): ore 8.30, 10.30, 11.30, 18.00; prefestivi ore 18.00. Cristo Risorto (quartiere G3): ore 9.30. Maddalena (via Abba): prefestivi ore 17.00. San Pietro (via Roma): ore 10.00, 11.30, 18.15; prefestivi ore 18.15. Santa Rita (via Monte Grappa): ore 9.00. San Giovanni Bosco (via San G. Bosco): ore 9.00. Barbellotta (frazione Barbellotta): ore 11.00. Ospedale (via Raggio): prefestivi ore 18.00. Pieve di Santa Maria (piazzale Pieve): ore 9.00, 11.00, 17.00; prefestivi ore 17.00.

Direzione TORINO 6.15 R 6100 (*) Alessandria 6.30, Asti 6.52, Torino Lingotto 7.34, Torino Porta Nuova 7.40. 6.3 9 RV 215 8 Aless andria 6.57, Asti 7.20, Torino Lingotto 8.04, Torino Porta Nuova 8.10. 7.11 RV 216 0 Aless andria 7.29, Asti 7.55, Torino Lingotto 8.31, Torino Porta Nuova 8.40. 7.41 IC 500 Alessandria 7.57, Asti 8.18, Torino Lingotto 8.47, Torino Porta Nuova 8.55. 8.41 IC 502 Alessandria 8.57, Asti 9.18, Torino Lingotto 9.47, Torino Porta Nuova 9.55. 9.12 R 20 4 4 Aless andria 9.29, Asti 9.52, Torino Lingotto 10.32, Torino Porta Nuova 10.40. 13.09 RV 2164 Alessandria 13.29, Asti 13.52, Torino Lingotto 14.31, Torino Porta Nuova 14.40. 14.13 RV 2166 Alessandria 14.29, Asti 14.52, To. Lingotto 15.31, To. Porta Nuova 15.40. 15.0 9 R 20 4 8 Aless andria 15.29, Asti 15.52, Torino Lingotto 16.31, To. Porta Nuova 16.40. 17.09 RV 2170 Alessandria 17.29, Asti 17.52, To. Lingotto 18.31, To. Porta Nuova 18.40. 17.39 IC 512 (§) Alessandria 17.57, Asti 18.18, Torino Lingotto 18.47, Torino Porta Nuova 18.55. 19.0 9 R 2052 Aless andria 19.29, Asti 19.52, Torino Lingotto 20.31, Torino Porta Nuova 20.40. Direzione LA SPEZIA 6.45 RV 2043 Serravalle Scrivia 6.51, Arquata Scrivia 6.58, Principe 7.49, Brignole 7.58, Portofino 8.31, Rapallo 8.36, La Spezia 09.59. 8.27 RV 18 45 (^) Genova Principe 9.07, Genova Brignole 9.15, Rapallo 9.53, La Spezia 11.03. 14.4 8 RV 2051 Serravalle Scrivia 14.54, Arquata Scrivia 15.00, Genova Brignole 15.43, Portofino 16.25, Rapallo 16.29, La Spezia 17.59. 18.4 8 RV 2055 Serravalle Scrivia 18.53, Arquata Scrivia 19.00, Genova Brignole 19.43, Portofino 20.31, La Spezia 22.02.

Partenze da Ovada

18.52, Campo-Masone, 18.58, Genova Sampierdarena 19.35, Genova Piazza Principe 19.45, Genova Brignole 19.51. 21.09 R 6175 Rossiglione 21.17, Campo-Masone, 21.23, Sampierdarena 22.01, Genova Principe 22.0 8, Brignole 22.14.

Il servizio è attivo nei giorni feriali, dalle ore 20.00 alle 8.00 del mattino successivo. Il sabato e nei giorni prefestivi dalle ore 10.00 alle 8.00 del lunedì o del giorno successivo a quello festivo.

Direzione ALESSANDRIA Direzione GENOVA 6.24 R 11397 (^) Rossiglione 6.33, Campo-Masone, 6.41, Genova Sampierdarena 7.16, Genova Principe 7.24, Genova Brignole 7.30. 6.33 R 11399 (§) Rossiglione 6.41, Campo-Masone 6.47, Genova Sampierdarena 7.26, Genova Principe 7.34, Genova Brignole 7.43. 7.30 R 6155 (§) Rossiglione 7.38, Campo-Masone, 7.44, Sampierdarena 8.20, Genova Principe 8.27, Genova Brignole 8.33. 7.55 R 6157(§) Rossiglione 8.04, Campo-Masone, 8.10, Genova Sampierdarena 8.37, Principe 8.45, Genova Brignole 8.53. 9.21 R 6181 (^) Rossiglione 9.30, Campo-Masone, 9.36, Sampierdarena 10.11, Principe 10.18, Brignole 10.24. 12.23 R 6185 (^) Rossiglione 12.32, Campo-Masone, 12.38, Sampierdarena 13.14, Principe 13.21, Brignole 13.27. 12.35 R 6163 (§) Rossiglione 12.44, Campo-Masone, 12.51, Sampierdarena 13.28, Principe 13.35, Brignole 13.41. 13.42 R 6165 (§) Rossiglione 13.51, Campo-Masone, 13.57, Sampierdarena 14.33, Principe 14.40, Brignole 14.46. 13.54 R 6187 (^) Rossiglione 14.03, Campo-Masone, 14.09, Sampierdarena 14.45, Principe 14.53, Brignole 14.59. 14.40 R 6167 (§) Rossiglione 14.49, Campo-Masone, 14.55, Sampierdarena 15.31, Principe 15.38, Brignole 15.44. 16.14 R 6169 (§) Rossiglione 16.22, Campo-Masone, 16.28, Genova Sampierdarena 17.05, Genova Principe 17.12, Genova Brignole 17.18. 16.21 R 6189 (^) Rossiglione 16.31, Campo-Masone, 16.37, Sampierdarena 17.00, Genova Principe 17.24, Brignole 17.30. 18.43 R 6173 (§) Rossiglione

6.33 R P 524 (#§) Predosa 6.53, Alessandria 7.20. 6.34 R P 518 (#^) Predosa 6.55, Alessandria 7.30. 7.40 R P 520 (#§) Predosa 8.01, Alessandria 8.26. 8.07 R P 538 (#§) Predosa 8.27, Alessandria 8.54. 11.00 RP 508 (#§) Predosa 11.21, Alessandria 11.46. 13.30 RP 528 (#§) Predosa 13.51, Alessandria 14.16. 14.31 RP 560 (#§) Predosa 14.51, Alessandria 15.18. 14.36 RP 530 (#^) Predosa 14.57, Alessandria 15.32. 15.35 RP 532 (#§) Predosa 15.56, Alessandria 16.21. 18.50 RP 562 (#*) Predosa 19.10, Alessandria 19.37. Direzione ACQUI TERME 7.06 R 6150 Acqui 7.28. 8.15 R 6152 (§) Acqui 8.38. 8.31 R 6178 (^) Acqui 8.52. 9.56 R 6154 (§) Acqui 10.17. 11.18 R 6156 (*) Acqui 11.39 11.35 R 6182 (^) Acqui 11.55 13.01 R 6184 (^) Acqui 13.22 13.18 R 6158 (§) Acqui 13.39 14.18 R 6160 (*) Acqui 14.38 15.19 R 6162 (§) Acqui 15.40. 15.33 R 6188 (^) Acqui 15.54. 16.45 R 6164 (§) Acqui 17.06. 17.03 R 6190 (^) Acqui 17.23. 17.58 R 11396 (*) Acqui 18.15. 18.44 R 6166 Acqui 19.05. 19.22 R 6168 (*) Acqui 19.44. 20.09 R 6192 (^) Acqui 20.31. 20.18 R 6170 (§) Acqui 20.39. Sono indicate solamente le fermate nelle stazioni principali dei treni che circolano dalle 6.00 alle 21.00. Per gli orari completi visit ate il sito www.trenitalia.it oppure consultate le bacheche della vostra stazione ferroviaria. (^) Circola solo i giorni festivi (§) Non circola nei giorni festivi (*) Non circola nei giorni festivi né il sabato (#) Bus sostitutivo

NOVI LIGURE (tel. 0143 746569) risponde per i comuni di Novi, Basaluzzo, Capriata, Cassano Spinola, Francavilla Bisio, Pozzolo Formigaro, Pasturana, Tassarolo. OVADA (tel. 0143 81777) Ovada, Carpeneto, Casaleggio, Cremolino, Lerma, Molare, Rocca Grimalda, Silvano d’Orba, Tagliolo, Trisobbio. ARQUATA SCRIVIA (tel. 0143 636129) Arquata Scrivia, Albera Ligure, Borghetto Borbera, Cabella Ligure, Cantalupo Ligure, Carrega Ligure, Grondona, Mongiardino Ligure, Roccaforte Ligure, Serravalle Scrivia, Vignole Borbera. GAVI (tel. 0143 642551) Gavi, Bosio, Carrosio, Fraconalto, Parodi Ligure, San Cristoforo, Voltaggio. CASTELLAZZO BORMIDA (tel. 0131 270027) Predosa.

edizioni sic srl • novi ligure Direttore responsabile: MARCO MATTEINI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .direttore@ilnovese.info Vicedirettore: ELIO DEFRANI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .e.defrani@ilnovese.info Direttore marketing: MILVA CALDO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .m.caldo@ilnovese.info Segretaria di Redazione: PIERA FIRPO . . . . . . . . . . . . . . . . . . .amministrazione@ilnovese.info Impaginazione in proprio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .grafica@ilnovese.info Pubblicità: Limongelli Ravizza (cell. 338 1964245) Paolo Moncalvo (cell. 393 3377444) - Giacinto Smacchia (cell. 339 8366843)

Redazione di Novi Ligure

Redazione di Ovada

via Garibaldi 17 - Tel. 0143.314700 Fax 0143.2127 - redazione@ilnovese.info Giampiero Carbone . . .g.carbone@ilnovese.info Maurizio Iappini . . . . . . . . . . . . .sport@ilnovese.info Lisa Lanzone . . . . . . . . . . . .l.lanzone@ilnovese.info Sara Moretto . . . . . . . . . . .s.moretto@ilnovese.info Marzia Persi . . . . . . . . . . . . . .m.persi@ilnovese.info Collaboratori: Arianna Borgoglio, Umberto Cabella, Serena Cellotto, Daria Ubaldeschi, Claudio Casonato, Michela Ferrando, Gino Fortunato, Enrico Ivaldi, Andrea Suverato, Giulia Cipollina. Abbonamenti: Euro 35 - c.c.p. n° 12398111 intestato a ‘il novese’ Via Garibaldi 17 - Novi L.

via Buffa 39 - Tel. e fax 0143.81054 ovadese@alice.it Redattori capo: Diego Cartasegna, Claudio Priarone Edoardo Schettino . . . . . . . .eschet@gmail.com Collaboratori: Simonetta Albertelli, Elisabetta Baschiera, Giuliana Cantamessa, Dania D’amato, Stefano Danielli, Lorenzo Martinengo, Luca Piana, Daniele Prato, Stefano Priarone, Laura Caneva (fotoservizi) Abbonamenti: Euro 35 - c.c.p. n° 13718150 intestato a ‘l’ovadese’ Via Cavallotti 118 Novi Ligure

Stampa AGA Arti Grafiche Associate - corso C. Brunet 13/15 - Cuneo


ilmercatino glianimali CUCCIOLI Bassotto tedesco pelo corto, eccellente. Pedigree, vaccinati, microchips. Tel. 338 5334422. S I SONO smarriti 2 gatti a B as aluzzo: femmina (Pissi) bianca/grigia e un maschio (Giacomo) bianco/grigio tigrato entrambi con occhi verdi. Piccola ricompensa. Tel. 347 4796182.

l’arredo CERCO in regalo per famiglia indiana armadio cameretta o stagionale. Tel. 0143 73722 o 328 5366622 VENDESI arredamento di appartamento: 2 camere, 1 sala, 1 salotto + tinello e accessori vari. Tel. 329 7958911. VENDO credenza 5 ante (base + cristalliera) anni 60 ; tutto legno color noce chiaro. Usata , in ottimo stato Tel 320 0684930 VENDO 2 divani (3 posti), 2 poltrone in tessuto marrone. Euro 200,00. Anche separatamente. Tel. 339 3835070. VENDO causa trasloco mobilia varia tutta in buono stato. Tel. 340 5458645. VENDO stufa a pellet Sideros kw 7 – 9 anno 2010. Euro 600. Tel. 0143 70466 – 339 4222265. VENDO sala Chippendale fine anni ‘50 in radica noce intarsiata con buffet con specchio, tavolo, 8 sedie, ecc. Tel. 339 4878425. VENDO stufa a pellet 4 mesi di vita causa trasferimento. Vera occasione. Tel. 347 6704464. VENDO Stufa In Ghisa Con 4 Fuochi A Euro 200.00 tel 339 3368812 CAUSA trasloco vendo arredamento nuovo: armadio, letto in ferro, ecc. Anche cuccia per cane. Tel. 347 1995633. SCRIVANIA Ikea bianca/argento cm. 160 nuova. Euro 60. Tel. 346 0190175. VENDO armadio a 6 ante con 3 cassettiere e 2 comodini color ciliegio. Euro 500,00 tratt. Tel. 366 2963747. VE N DO frigorifero 2 ante Sharp e cucina a Gas Nardi con due cestelli laterali a Euro 1200.00 trattabili - telefonare 347 5759829 VE N D E S I comoda poltrona letto in tessuto 95x90x83. Euro 50,00. Tel. 338 1052949. VENDESI lettino bimbo nuovo completo di materasso. Euro 50,00. Tel. 329 7958911. REGALO mobili cucina con tavolo. Tel. 377 114 79 23 LAVELLO per cucina da incasso bianco 50x86 vasca a destra, completo di rubinetto vendo euro 110,00. Tel. 347 5220329. VENDO comò cassettone in stile Impero metà ‘800. Euro 800,00 tratt. Tel. 347 7501789.

gliimmobili VENDO in Novi zona centrale box mq. 15. Euro 18.000,00 tratt. Tel. 0143 746453. VENDESI villetta 240 mq a Cà del Sole Serravalle: salone, cucina, 2 bagni, 4 camere, cantina, giardino, ecc. Euro 275.000 euro tratt. Tel. 333 3300332. AFFITTASI bilocale centro storico a Novi con o senza box. Solo referenziati. Tel. 335 6123187. VENDO in Genova Marassi appartamento 5 vani € 140.000. tel 334 3563405 VE N DO villa con terreno a Roccagrimalda. Bellissima casa in splendida posizione. € 300.000 tratt. Tel 334 3563405 NOVI G3 affitto alloggio al 2°p, 4 camere, risc.autonomo, 2 terrazzi, garage e cantina. Contratto affitto agevolato. Tel. Ore pasti 0143 745480 o 338 4610180.

TASSAROLO vendo casa unifamiliare a 2 piani Risc.metano, serramenti nuovi, box porticati, sedime 300 mq. Tel. 0143 745480 o 338 4610180. AFFITTASI app. solo referenziati via M.te Nero 4p: sala, cucina, 2 letto, bagno, 2 terraz., ecc. Tel. 338 2595888. AFFITTASI a Novi (via P.Isola) alloggio luminoso 4p: 4 camere, 2 terrazzi, cantina. Solo referenziati. Tel. 0143 73722 o 328 5366622. AFFITTASI Sardegna Castelsardo appartamento in villetta 8 postiletto doppi servizi, piscina, postoauto. Tel. 347 1646343. AFFITTASI appartamento in Novi L. (viale Saffi): ingresso, cucina ab., 2 camere, servizio, ecc. Tel. 389 2148130. AFFITTASI garage in piazza Mazzini a Ovada; ampia metratura, adatto anche uso magazzino. Tel. 331 5704553 VENDESI box auto a Novi via Dei Mille ang. Via IV Novembre. Tel. 339 4340009. CASA indip. 2 piani con 300mq di sedime, risc. Metano, doppi vetri, 1°p ristrutturato. Tel. Ore pasti 0143 745480 o 338 4610180. VENDESI appartamento a Novi centro storico: 4 stanze, cucina, servizi, cantina e garage. Euro 140.000,00. Tel. 338 9493829. AFFITTO Novi centro bilocale 50mq semiarredato: cucina, soggiorno, camera, bagno, poggiolo. Tel. 338 4276382. AFFITTASI in Sanremo bilocale centrale, 1° piano zona Casinò vicissimo spiaggia libera. Prezzo da concordare in base al periodo. Tel 377 1597715. AFFITTO a Novi in via Zanotta app.ammobiliato al 1°p: cucina, ab., 2camere, risc.aut., ecc. Euro 320,00. Tel. 340 7671829. AFFITTO alla Barbellotta casa semindipendente con giardino semiarredata. Solo referenziati. Tel. 335 6123187. AFFITTO centro storico Novi box-magazzino apertura mt.2. Solo referenziati. Tel. 335 6123187. AFFITTASI a Novi in zona Pascoli appart. al pt arredato, risc.auton., giardino privato. Tel. 333 9556583.

illavoro RAGAZZA referenziata offresi quale badante a tempo pieno, baby sitter, cameriera. Tel. 393 0979388. CERCASI lavoro come badante o tutto fare. Tel 348 3422176. D I PLOMATA contabile con esperienza cerca lavoro fulltime. Possibilità assunzione con sgravi fiscali. Tel. 329 7643803. RAGAZZO 38enne diplomato, cerca lavoro front-office. Referenziato. Tel. 377 1211426. PIZZAIOLO con esperienza offresi anche come aiuto pizzaiolo e cucina. Tel. 347 2749606. SIGNORA italiana offresi come baby sitter, pulizie, stiro, cucinare. Novi e zona. Tel. 340 8205060. DISABILE cerca persona auto-munita per accompagnamento viaggi di breve distanza. Remunerato. Tel. 338 8811961. CERCASI signora tuttofare, automunita, possibilmente diplomata. Disp. Solo diurna. Tel. 339 1055893. OFFRESI barista refer., direttore di sala, elettricista, operaio, ecc. Lingua italiana e tedesca. Tel. 328 3596769. GUARDIA giurata con documenti validi cerca impiego. Tel. 392 9114052. CERCO lavoro come badante, disponibile lavori domestici e pulizie. Tel 0143 837621. IMPARTISCO lezioni in Ovada di Fisica e Matematica. Tel. 329 1428222 IMPARTISCO lezioni in Ovada di Inglese, Francese, Italiano. Tel. 331 87701178

ilsettimanale • giovedì 17 ottobre 2013

39 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

EX dipendente ospedaliera offre per ore diurne e notti anche ass. in ospedale anche la domenica. Novi e dintorni. Tel. 392 0108542 o 392 1641863. ITALIANA referenziata e automunita cerca lavoro come collaboratrice domestica, baby sitter ecc. Seria. No perditempo. Tel. 340 7209266. VALBORBERA cerco per taglio legna boschi di querce, castagni e acacia. Tel. 333 1857298. TUNISINO di 32 anni, serio, cerca lavoro come imbianchino, manovale, operaio. Tel. 328 8785728. RAGAZZA italiana cerca lavoro per assistenza anziani, collaboratrice domestica, ottima stiratrice. Tel. 333 8913984. INSEGNANTE impartisce lezioni a ragazzi di elementari, medie di matematica, chimica, fisica, ecc. Tel. 333 9751762. ANNI 48 elettricista con esperienza cerca qualsiasi lavoro. Tel. 349 3625513. CERCO lavoro come baby sitter, badante, per la sola giornata do-menicale. Novi e dintorni. Tel. 347 2949851. SIGNORA italiana, referenziata, automunita, offresi per pulizie uffici ed eserc.commerciali. Tel. 349 0796441. SIGNORA rumena 47enne 10 anni in Italia, referenziata, offresi per ass.anziani anche non autosuffi., lavori domestici, cucito. Tel. 3451721012. SIGNORA rumena 39enne, 10 anni in Italia, refeenziata offresi per ass.anziani anche non autosuff., lavori domestici, cucito. Tel. 346 2870086. GRAFICO pubblicitario, cameriere, direttore sale, ecc. Offresi. Tel. 335 8790645. INSEGNANTE impar-tisce lezioni a domicilio di latino, greco, italiano. Tel. 331 7459724. CERCO lavoro per la domenica. Tel. 347 2949851. RAGAZZA referenziata offresi quale estetista diplomata, badan-te, baby sitter, barista, ecc. Tel. 340 3179013. 18ENNE cerca lavoro estivo part time esclusi i week end. Disponi-bile a qualsiasi tipo di impiego. Se interessati, contattare il n. 331 7465969 o chiedere di Marta al n. 0143 849222 SIGNORA 27 anni, cerca lavoro come barista, pizzaiola, assistenza anziani. Tel. 346 7844810 SIGNORA cerca lavoro come assistenza anziani, baby sitter, collaboratrice domestica. Tel. 388 1183182. CERCHIAMO lavoro come badanti ad Ovada e dintorni anche 24 ore su 24. tel 0143 837621 RAGAZZA referenziata offresi quale badante anche 7g su 7. Baby sitter, pulizia uffici. Tel. 349 7013744. RAGAZZA neo-diplomata in lingue straniere cerca lavoro come baby sitter e ripetizioni nelle materie suddette. Tel. 339 2129991

Attenzione Compila il tagliando con il testo dell’annuncio e consegnalo o spediscilo a Sic srl, Via Garibaldi 17, 15067 Novi Ligure. Verranno pubblicati solo gli annunci pervenuti sul tagliando in originale (non sono ammesse fotocopie, fax, email). Non si ricevono annunci per telefono Per inserzioni a pagamento contattare la redazione: 0143. 314700 annunci@ilnovese.info Annunci e ricordi dei propri cari devono pervenire entro e non oltre il venerdì antecedente l’uscita del giornale

SI impartiscono lezioni di fisica e matematica; tel. 3341394865 0143 510657 INSEGNANTE impartsce le-zioni estive di italiano, filosofia, inglese e francese. Disponibile anche per compiti elle vacanze. Tel. 3318770178 ESPERTO panettiere offresi con pronta disponibilità. Tel. 340 9932881. SIGNORA con esperienza pluriennale cerca occupazione fulltime come c ommessa. Tel. 320 6733725. CERCO lavoro come baby sitter e lavori domestici, ass.anziani anche la domenica. Tel. 389 0239748. SIGNORA, 50enne, italiana, cerca lavoro per lavori domestici, baby sitter. Automunita. Novi e dintorni. Tel. 347 1066965. INSEGNANTE laureata impartisce lezioni private, aiuto compiti. Disp. Anche come baby sitter. Tel. 347 7807927.

a cura di VIZI e SERVIZI Tabaccheria Alberti dal 1970 piazza Mazzini 21, Ovada, tel. 0143 86402

I capilista delle 10 ruote Ruota BARI CAGLIARI FIRENZE GENOVA MILANO NAPOLI PALERMO ROMA TORINO VENEZIA NAZIONALE

Numero

Ritardo attuale

Ritardo storico

30 29 38 55 74 57 19 20 64 52 21

76 97 87 61 159 87 96 61 94 71 62

87 102 97 110 154 99 104 115 155 119 104

Ambi con i ritardatari

Da giocare

MILANO 74-82 74-16 74-30

Decina del 60 su Milano Cadenza 7 su Venezia Figura 3 su Firenze Radicali 4 su Milano

imotori VENDESI Fiat 500 F 1965 uniproprietario, buone condizioni, con ricambi. Euro 5000 tratt. Tel. 3480505323 dopo le 21. VENDO per inutilizzo scooter Yamaha Majesty 180 anno 2006. Km. 12651 reali. Gommato nuovo. Perfetto. Tel. 347 4233051. VENDO ciclomotre Peugeot anno 2007. Km. 782. Euro 700,00. Tel. 320 5688074. VENDO Volkswagen Touareg Grigio Metalizzato - anno 2004. Tel 334 3563405. DS Squalo ‘72 d’epoca versione D super 5 marce e gomme e impian-to gpl. Euro 9500,00. Perfetta. Tel. 347 0706404. VENDO scooter elettrico per anziani: 4 ruote, 15Km/h, autonomia 40 km. Come nuovo. Tel. 340 5012752 ore serali. VENDO APE 50 in ottimo stato. Anno 2005, km 12000. Prezzo interessante. Tel. 339 2106399 VENDO fuoristrada Ymmy colore argento met., 4 gomme neve, 1.3, apriile 2009, km 10.140 euro 10.000. Ottimo stato. Tel. 3389946307 Deborah VENDO vespa Piaggio 200 colore verde acqua met., con 2 caschi km 8.400 euro 2.000. Ottimo stato. Tel. 3389946307 Deborah VENDO Vespa pk 125 motore rifatto, carrozzeria da riordinare. Tel. 331 5814234. VENDO Suzuki Ignis 4x4 gpl, esente bollo 2014, grigio met. Tel. 348 9133470. VENDO moto Honda Hornet 600, anno 2002, Km 20000. Euro 2000,00 tratt. Tel. 339 8667584 VENDO Suzuki Santana Sj410 anno ‘87, gpl, frizione e motore rifatti, rev. Euro 5000,00 . Tel. 331 3640823. VENDO scooter Yamaha Majestic 400 aprile 2005 Km 24000, cinghia, rulli e batteria nuovi. Euro 2100. Tel. 349 1770095.

DATI AGGIORNATI AL 10/10/2013 PREVISIONI DA GIOCARSI PER 3 ESTRAZIONI

levarie VENDESI miniescavatore ottimo stato, usato anno 2006. 12.000 euro tratt. Tel. 347 0374266 VENDO divano letto e mobile soggiorno come nuovo. Tel. 348 7837215. COMPRO e pago in contanti 500 lire in argento,banconote e monete tutto il mondo, orologi, cartoline, ecc., cose vecchie in genere. Tel. 33 8 7546581. VENDO bici da corsa Trek integralmente in carbonio cambio Shimano Durace, accessoriata. Euro 1700,00. Tel. 338 3885163. CINQUE ettari di terreno gratis altezza mt. 1700 nel comune di Albera (Giarolo). Tel. 333 6257572. VENDO grandi pietre per giardino o panchine + antico paracarro. Euro 50. Tel. 333 1857298. COMPRO monete da 500 lire in argento tipo caravelle, cavalli o altre monete da collezione. Tel. 320 3463130. 60 ARBANELLE (vasi Bormioli 4 stagioni) da 500gr. Vendo 20 euro. Tel. 320 3463130. VENDO materiale avanzato da ristrutturazione: termos. In ghisa, piatto doccia,, ecc. Tel. 338 3011925. VENDO persiane per tre finestre e tre portefinestre in castagno tinta noce. Euro 500,00 tratt. Tel. 340 2675079. VENDO pressa idraulica per vinacce n. 60 usata poco. Prezzo da concordare. Tel. 0143 745038.

CAUSA inutilizzo vendo sega a disco per legna motore monofase. Prezzo da concordare. Tel. 0143 745038. VENDO portapacchi per Passat Variant 98 o per Golf Variant. Nuovo, orig., con astuccio. Euro 50,00. Tel. 339 5037143. VENDO pali di castagno per vigna o recinzioni. Tel. 340 1537247. VENDESI piscina fuori terra nuova ancora sigillata, ovale mt. 6,60x3,66x1,20. Euro 1200 tratt. Tel. 335 1797706. CANOA 4 posti, rossa, 2 pagaje, gavoni stagni. Tel. 331 5814234. Kajak Ercini grigio met. Tel. 331 5814234.’ VENDO pinguino Delonghi modello pac 46, con accessori. Ottime condizioni. Tel. 340 3237747. VENDO botte di vetroresina q. 5. Euro 150,00. Tel. 349 8476821. VENDO piscina fuori terra tipo “laghetto”, costruita con telo pvc, con scaletta in acciaio, ecc. Tel. 347 2788972. VENDO pelliccia di visone canadese. Prezzo int. Ottimo stato. Tel. 366 8022754. VENDO tappatrice per bottiglie. Usata Tel 320 0684930. VENDO monete italiane e di tutto il mondo. Fuori corso. Tel 320 0684930. VENDO 4 giubbotti uomo vera pelle taglia media, usati ma in ottimo stato. Adatti per i motociclisti. Tel. Roberto 349 1437338 VENDO schede telefoniche da collezione. In tutto 380 pezzi. Tel. 0143 72986. VENDO abbigliamento uomo nuovo e seminuovo tg extralarge. Tel. 0143 744080.

GLI ANNUNCI DE ‘IL MERCATINO’ SONO GRATUITI ESCLUSIVAMENTE PER I PRIVATI

Non verranno pubblicati annunci pervenuti in forma anonima. Il nome – se non espressamente richiesto – non comparirà sul giornale. Le inserzioni gratuite vengono pubblicate a discrezione del giornale e in base alla disponibilità di spazio. L’editore si riserva a proprio insindacabile giudizio di rifiutare gli annunci che non siano conformi alle istruzioni indicate o comunque ritenuti non pubblicabili. L’inserzionista è informato dell’esistenza dei diritti che il d.lgs. 196/2003 riserva al titolare dei dati personali ed in particolare al diritto di verifica e del diritto di richiederne la cancellazione. L’inserzionista pertanto acconsente alla raccolta di tutti i dati forniti ed alla loro comunicazione ai nostri partner contrattuali.

Nome e Cognome . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Indirizzo

.......................................................................................

Telefono . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Testo dell’annuncio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........................................................................................................... ........................................................................................................... ........................................................................................................... ........................................................................................................... ........................................................................................................... ........................................................................................................... ...........................................................................................................

Firma leggibile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


ilsettimanale • giovedì 17 ottobre 2013

40 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Il servizio gas e luce di Acosenergia

energia Presso il nostro ufficio, nel centro di Ovada, puoi avere tutte le informazioni direttamente dal nostro personale. Acosenergia ti offre un servizio faccia a faccia, vicino a te, proprio nella tua città. Da più di 30 anni Acos è presente sul nostro territorio, ne conosce gli aspetti, lavora per le persone che qui abitano e ne raccoglie le esigenze.

Hai bisogno di informazioni sui servizi gas metano? Hai dubbi sulla bolletta del gas? Desideri dividere in ogni bolletta i consumi annui di gas? Vuoi cambiare il tuo attuale fornitore? Devi fare un nuovo allaccio? Vuoi riattivare un contatore chiuso?

A OVADA NOI CI SIAMO!

ACOSenergia

Via Buffa, 49 · Ovada orari: lunedì- mercoledì - venerdì 9.00 - 12.30 lunedì - mercoledì 15.00 - 19.00

? A R P S A A T T E L L BO

Il servizio gas e luce non è un lusso ma un’esigenza. Per questo ad Ovada Acosenergia c’è! energia

con zzi puoi farla a pSeUMO PIATTO”

VIZIO “CON * SCEGLI IL SER

Acosenergia, sempre attenta ai propri clienti, ha pensato al Servizio “Consumo Piatto”, consentendo di rateizzare la bolletta eliminando così i “picchi” invernali.

ACOS CONSIGLIA della ogrammazione clienti nella pr ri ogni op in pr i re e ar de ol ev ente di divi Pensato per ag ali. o Piatto, cons rn um ve ns in Co i" ch io ic iz iminando i "p spesa, il serv el s, ga di i nu umi an ed i 5.000 mc bolletta i cons presi tra i 500 mc umi annui com *

offerta riservata

i con cons

ai Clienti domestic

energia

.824450 576 - Fax 0143 Tel. 0143.823 85321 49 00 , 80 fa e: uf B rd Via - numero ve .it ia rg ne se www.aco

Attenzione alle proposte commerciali di falsi addetti che non riguardano in alcun modo la nostra azienda.

In ogni caso, per informazioni, verifiche, segnalazioni o dubbi, contattare immediatamente i nostri uffici allo 0143.823576.

www.acosenergia.it - numero verde:800085321


L'OVADESE n. 37 del 17 ottobre 2013  

Settimanale di informazione delle valli Orba e Stura. Dal 1997 il giornale di Ovada

Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you