Page 1

www.ovadaonline.net

settimanale

valliorbalemmestura

Giovedì 3 ottobre 2013 · N. 35

Anno 16 - euro 1,00

Poste Italiane s.p.a. - Spediz. in abb. post. - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n° 46) art. 1, comma 1, DCB/AL - Edizioni SIC s.r.l. Novi Ligure · Iscr. al Registro Stampa del Tribunale di Alessandria al n. 149 del 27/8/1963 · Direttore Responsabile: Marco Matteini

ultim’ora

La crisi si fa sentire sugli italiani di Edoardo Schettino Pasti caldi dalle rosticcerie alla Caritas per aiutare chi ha bisogno. La collaborazione tra l’associazione parrocchiale e due attività della nostra città è stata attivata da poco per far fronte, da un lato alla richiesta crescente di alimenti da parte di chi si trova in ristrettezze economiche, dall’altro alla diminuzione di derrate alimentari in arrivo dal Banco Alimentare. “Al mercoledì e al sabato – spiega Vittoria Tasca, referente dello sportello di Ovada – questi esercenti ci confezionano una parte di quanto preparano. I nostri volontari lo ritirano per distribuirlo a chi ne fa richiesta. Si tratta di un aiuto importante che speriamo si estenda presto anche ad altre attività”. Nei primi mesi del 2013 è leggermente sceso il numero dei capifamiglia assistiti, da 243 a 215; sale però il numero degli italiani che spesso pagano le conseguenze della perdita di lavoro. “A breve – aggiunge Don Giorgio Santi – attiveremo nelle chiese punti di raccolta proprio per quegli alimenti che vengono a mancare. Si tratta di generi fondamentali: latte, uova, farina, zucchero, tonno”. La Caritas spesso interviene a comprare con risorse proprie. Così come, quando possibile, dà una mano per il pagamento delle bollette e dell’affitto. “Ultimamente – aggiunge Tasca - è cresciuta anche la richiesta per i medicinali e le visite mediche. Il primo problema è sempre quello del lavoro. Molte donne hanno perso la loro occupazione come badanti o per le pulizie. Ora, con la vendemmia qualcosa s’è mosso ma si tratta di impieghi di breve scadenza”. Anche la cancelleria per la scuola da poco iniziata ha il suo peso. In collaborazione con Coop Liguria è stata organizzata una raccolta e distribuzione rivolta ai bambini. Così come il prezzo dei libri di scuola, già dalle medie, può rappresentare uno scoglio difficilmente aggirabile. E se sempre più spesso gli italiani sono in difficoltà, si conferma la tendenza degli stranieri, spesso sudamericani, che decidono di tornare al loro paese.

Velo ok:

in una settimana polemiche infinite L’arancione non è mai stato così poco amato come negli ultimi giorni. E’ il colore delle colonnine installate in via Molare e al Gnocchetto per frenare i bollenti spiriti degli automobilisti indisciplinati. I residenti ci fanno i conti da una settimana. C’è chi ha accolPAGINA 15 to con favore la novità, chi è nettamente contrario e chi invece cerca percorsi alternativi, a volte improbabili.

LA RIQUALIFICAZIONE

IL PREMIO

CASTELLETTO

Area ex Lai: il market entro l’estate

Testimone di Pace, venerdì sera allo Splendor

Una notte di musica con “Terra&Vino”

PAGINA 16

PAGINA 19

Discarica abusiva…da anni La soluzione del problema è attesa da anni a colpi di carte bollate e non sembra destinata a sbloccarsi a breve. Stiamo parlando della discarica di Rio Canale, situata ai piedi di Rocca Grimalda, sul territorio di Ovada. Lungo il piccolo corso d’acqua sono presenti da anni centinaia di pneumatici per auto: una discarica abusiva su cui mesi fa è scattata un’indagine del Corpo forestale di Ovada, che ha anche portato a individuare il responsabile della situazione, poi denunciato. PAGINA 17

" # ),(- *&+/'..%+',0) &-+

! "

$

"

"

"

PAGINA 20

POLITICA

Primarie Pd a novembre Si terranno il 24 novembre prossimo le primarie del Pd di Ovada per individuare il candidato sindaco del partito alle elezioni comunali (si dovrebbe votare a fine maggio, con le Europee). La data è stata scelta all’unanimità nell’assemblea di circolo (presenti una cinquantina di persone) che s’è tenuta venerdì scorso all’Itis Barletti, anche se il percorso che porterà alle consultazioni sarà reso più complicato dalle assemblee per il rinnovo della segreteria nazionale e locale. Si potranno candidare anche i non iscritti al PD. Già circolano almeno sei nomi. Ma forse sono un po’ troppi. PAGINA 15


primo piano

ilsettimanale • giovedì 3 ottobre 2013

2 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

lazampata La politica, un viaggio ai confini della realtà di Arturo Pirofilo

Una lista civica alleata del Pd È il progetto per le prossime elezioni amministrative di Camillo Acri, attuale segretario dell’Udc novese ELIO DEFRANI e.defrani@ilnovese.info

Creare una forte lista civica di centro, alleata del Partito Democratico, per vincere le elezioni comunali a Novi Ligure, l’anno prossimo. È il progetto di Camillo Acri, attuale segretario dell’Udc novese. La nuova formazione politica, che sarà presentata ufficialmente all’inizio di novembre, non dovrebbe avere però riferimenti espliciti all’Udc, né nel simbolo né nel nome. Il ruolo di capolista spetterà proprio a Acri, e gli altri nomi che vengono fatti trapelare sono quelli di Marco Mazzarello, sindaco di Mornese, e di Claudio Odino, ex dipendente comunale a Novi, oggi in pensione, che nel 2009 venne candidato dal centrosinistra alla carica di sindaco a Borghetto Borbera, ma senza fortuna. Entrare in consiglio comunale, nel 2014, non sarà uno scherzo: la riforma della legge elettorale degli enti locali, infatti, stabilisce che l’anno prossimo i consiglieri saranno soltanto 16, e non 20 come oggi. Acri ha in tasca 26 nomi, «tutte persone che lavoreranno per il bene della città», spiega l’ex arbitro di Serie A, ma rimane il fatto che ne dovrà lasciare fuori almeno dieci. «Oppure trovarne altre sei, e dare vita a una seconda lista civica di centro», controbatte lui. Camillo Acri non entra nel merito

del dibattito sulle primarie del Partito Democratico, che si terranno il prossimo 27 ottobre. «Questioni interne al Pd», dice. «Per noi i tre candidati – Graziano Moro, Rocchino Muliere e Simone Tedeschi – si equivalgono. Io ho una mia preferenza, certa, ma la forza politica che sto per costituire accetterà il nome che uscirà dalle urne delle primarie senza pregiudiziali», afferma Acri. E le primarie di coalizione? «Inutili», dice Acri. «Noi correremo a fianco dei democratici, sostenendo il loro candidato sindaco». Il programma, per ora, è solo una

lazampatina Riuscirà Acri a entrare in consiglio comunale o a mandarci qualcuno dei suoi? Presto per dirlo, senza aver visto tutti i nomi della sua lista. E, a ben guardare, a Camillo probabilmente non interessa neanche. La cosa importante, per lui che in consiglio si sedette già più di vent’anni fa, nel 1990, è agguantare «qualche manciata di voti da gettare sul tavolo delle trattative». E poi riottenere quella poltrona di presidente dell’Acos da cui è stato sfrattato nel 2011. (A.P.)

bozza di tre-quattro punti, ma qualcuno di essi suona come una dichiarazione di guerra. Tanto per cominciare c’è il termovalorizzatore, bestia nera della sinistra. Acri lo vuole: «Paghiamo per trasportare rifiuti all’estero, paghiamo per farli bruciare, e perdiamo anche l’energia elettrica che si ricava dalla combustione». L’ex presidente di Acos ritiene che un impianto di termovalorizzazione dei rifiuti potrebbe essere gestito proprio dagli uomini della municipalizzata novese, e servire due province: quella di Alessandria e quella di Asti. «Non possiamo continuare ad accumulare spazzatura, l’inceneritore sarà sicuramente nel nostro programma elettorale». Se nel Pd è probabile che trovi molte persone disposte a concordare con lui, chissà invece come la prenderanno i “cugini” della Casa della Sinistra… Altro punto imprescindibile del progetto politico di Acri è la costruzione di un nuovo palazzetto dello sport: «Abbiamo moltissimi giovani che fanno sport, e le strutture novesi non sono adeguate». Poi c’è il lavoro («errore gravissimo essersi lasciati sfuggire la Maruzzella, c’erano tante altre aree industriali adatte a quell’insediamento qui a Novi») e l’attenzione verso i più piccoli («necessaria l’apertura di un nuovo asilo nido comunale, i posti oggi a disposizione sono troppo pochi»).

Giacomo Perocchio, uno studente novese guida il Movimento dei Giovani Padani C’è un novese ai vertici del Movimento dei Giovani Padani. Domenica 29 settembre, nel corso del direttivo dell’Mgp, tenutosi nella storia sede del Carroccio, in via Bellerio a Milano, Giacomo Perocchio è stato nominato vicecoordinatore federale (vale a dire con competenza su tutta l’Italia). «È un ruolo molto importante e allo stesso tempo molto impegnativo. Sono davvero contento che il coordinamento

federale mi abbia assegnato questo incarico e mi impegnerò in ogni modo per esserne all’altezza e quantomeno eguagliare l’ottimo lavoro svolto dal mio predecessore Alessandro Giglio Vigna», ha detto Perocchio, 21 anni. «L’obiettivo da tenere sempre a mente è quello di far crescere sempre più il nostro splendido Movimento Giovanile. Ci aspetta un grande lavoro ma non abbiamo paura di far fatica per qual-

Camillo Acri Segretario cittadino dell’Udc, è stato arbitro anche in Serie A

Marco Mazzarello Attuale sindaco di Mornese, sarà nella lista di centro e si presenterà a Novi

Claudio Odino Ex dipendente comunale, già candidato alla carica di sindaco a Borghetto cosa in cui crediamo. L’amore per la nostra terra e il vento della Libertà e dell’Indipendenza che sta soffiando in tutti Popoli europei, dalla Catalogna, passando per la Scozia fino alla Padania, saranno il carburante che ci permetterà di impegnarci sui territori per il bene della nostra gente, dei giovani e della Lega Nord», ha concluso il neo vicecoordinatore dell’Mgp. Da molti anni Giacomo Perocchio è impegnato sul fronte politico con il Carroccio: la nomina di domenica rappresenta la conferma della tanta strada percorsa dal giovane novese. (E.D.)

Paolo Maggioni, uno dei conduttori della popolare trasmissione radiofonica Caterpillar, sabato scorso era all’Outlet. Mentre girava per i negozi, ha ricevuto la notizia delle dimissioni dei ministri fedeli a Berlusconi e ha poi raccontato, sul suo blog, quella giornata particolare. L’Outlet, ci dice Maggioni, è un non-luogo che cerca di sembrare il vero centro storico di una città: ci sono le vie, le piazze, i bar e i ristoranti. Non ci sono però i ragazzini che giocano a pallone, perché all’Outlet non si può. In questa realtà artefatta, cade la notizia ancor più artefatta della caduta del governo sul tema dell’Iva. Lo sanno tutti che non è vero, che il governo cade per i problemi giudiziari di uno solo, ma la finzione va di pari passo, di fianco alla realtà. E mentre la radio dà la notizia, un ragazzino si chiede quale sarà la prossima canzone. A differenza di un centro storico vero, a una certa ora le quinte dell’Outlet chiudono e le comparse di questa rappresentazione rientrano con le loro auto alle loro case. Sempre più oggi la vita quotidiana ci chiede di distinguere tra realtà e finzione. Le scie chimiche uccidono le persone? I vaccini provocano l’autismo? Berlusconi è innocente? Oggi siamo sempre più bombardati di informazioni, e nulla ci supporta nel difficile lavoro di distinguere la realtà dalla finzione. Il Fact Checking, cioè l’operazione di puntuale verifica delle affermazioni presentate dalla stampa e dai politici, è stato inventato negli Stati Uniti quasi un secolo fa ma in Italia fatica a decollare, lasciandoci soli a chiederci se dar credito a una notizia oppure no. In questi giorni, ad esempio, a Novi si discute dello stato dei conti del Comune. L’assessore al Bilancio Germano Marubbi e il sindaco Lorenzo Robbiano hanno spiegato che i conti del Comune sono in ordine, ma che i tagli dei trasferimenti statali e le incertezze sui trasferimenti relativi all’Imu rendono arduo progettare il futuro della città. Alcuni esponenti dell’opposizione, più o meno rappresentati in consiglio comunale, sentono odore di elezioni e raccontano in giro che il Comune è pieno di debiti, pieno di sprechi, sull’orlo della bancarotta. La stessa strategia che aveva adottato, senza successo, Gigi Moncalvo alle scorse elezioni. Sempre più tra reale e virtuale, tra vero e verosimile, ci troviamo, come nella popolare serie televisiva degli anni Sessanta, “Ai confini della realtà”. Tenetevi pronti, sta per iniziare una puntata speciale, dal titolo “Elezioni amministrative 2014 a Novi Ligure”.


primo piano

ilsettimanale • giovedì 3 ottobre 2013

3 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Primarie Pd, il via a danze e programmi ELIO DEFRANI e.defrani@ilnovese.info

Una sala della biblioteca piena come si vedeva da tempo per un’iniziativa politica ha accolto sabato i tre candidati alle primarie del Partito Democratico. Graziano Moro, Rocchino Muliere e Simone Tedeschi hanno presentato il programma con il quale chiedono la fiducia dei cittadini: in ballo c’è la candidatura a sindaco da parte del Pd. La data fatidica è quella di domenica 27 ottobre, quando tutti gli abitanti di Novi potranno scegliere chi rappresenterà i democratici alle elezioni del 25 maggio 2014. Abbiamo scelto di presentare tre idee, una per ciascun candidato, tra le tante che sono emerse durante l’iniziativa di sabato scorso. Moro: «Un futuro nella logistica per lo scalo di San Bovo» Il trend di innovazione che ha visto Novi crescere e trasformarsi sul piano industriale ha come suo epilogo lo sviluppo della logistica, in particolare dell'area di San Bovo. Questo sviluppo si potrà ottenere solo dentro un sistema logistico del Sud Piemonte, in sinergia con Alessandria e Rivalta Scrivia. San Bovo può avere un utilizzo duplice: una piattaforma di scambio ferro-ferro ma anche di scambio ferrogomma, grazie alla realizzazione della “tangenzialina”, che dovrà essere finanziata da Rfi, e consentirà di connettere San Bovo con Rivalta e con l’autostrada. Ma si badi bene che siccome le amministrazioni che si sono succedute sino ad oggi hanno deliberato la scelta di superare lo shunt (il bypass ferroviario del Terzo Valico che taglia fuori la stazione di Novi), che non è una cosa da poco sotto il profilo

dell’impatto ambientale, poiché significa far passare i treni dell’alta capacità sia sul “baffo” per Milano sia sulla linea storica per Torino. Questa scelta di Novi è una scelta di grande coraggio che: o trova una classe imprenditoriale, a partire da Rfi Logistica, in grado di offrire risposte urgenti al rilancio della logistica, o si dovrà scontare la nostra opposizione al Terzo Valico. Noi non possiamo pensare, neanche immaginare, che una decisione di questa portata – che modifica strutturalmente la nostra città e il nostro paesaggio, il nostro modo di vivere – non porti benefici strutturali alla città! Non sarebbe sostenibile!

Muliere: «Tutelare gli anziani e coinvolgerli nella vita sociale» Una visibile fonte di emarginazione sociale è costituita dalla non autosufficienza degli anziani. Il numero degli anziani non autosufficienti è destinato ad aumentare: a Novi il 25% della popolazione ha più di 65 anni. Nei prossimi anni arriveranno a superare la soglia dei 70 anni i “ragazzi del boom economico”, una generazione molto numerosa. Su questo fronte il Comune ha poche capacità di intervento, dobbiamo pretendere dal legislatore nazionale che al Comune venga lasciato l’intero gettito delle imposte immobiliari. Occorrono regole nuove e più flessibi-

li: si potrebbe, per esempio, seguire modelli europei che prevedono il ricorso alle prestazioni dei pensionati più giovani e in buona salute, con una piccola integrazione della pensione, senza oneri fiscali e contributivi, impegnandoli in servizi di pubblica utilità. Pensate quale incremento dell’assistenza domiciliare potremmo ricavare in collaborazione con le associazioni no profit e con la cooperazione, se potessimo impiegare anche solo una piccola percentuale di quei pensionati. Inoltre, se oggi la cura delle persone non è ancora un motivo di forte diseguaglianza, dobbiamo evitare che lo diventi. Per questo la sanità pubblica e la continuità assistenziale devono essere al centro delle nostre politiche. Ecco perché la battaglia per la difesa del nostro presidio ospedaliero è importante. Tedeschi: «Azzerare il debito vendendo immobili e azioni» Fino a qualche anno fa amministrare significava spendere in maniera più o meno intelligente fondi che arrivavano in gran parte da Roma, Torino o Bruxelles. Oggi la situazione è molto diversa. Se vogliamo fare investimenti di qualsiasi tipo dobbiamo ricavare i soldi direttamente dal bilancio comunale. Negli ultimi anni il Comune di Novi non ha acceso nuovi mutui. Questo ha consentito di ridurre il debito da oltre 20 a meno di 15 milioni. Nonostante ciò rimborsare questi mutui costa ai cittadini novesi circa 1,3 milioni di euro ogni anno. Noi proponiamo di azzerare il debito nei prossimi anni, liberando così importanti risorse da investire nei bisogni della città. Possiamo farlo con un programma serrato di valorizzazione del patrimonio (sia immobili che partecipazioni azionarie). Un Comune leggero è un Comune che sfrutta le moderne tecnologie per diventare più efficiente, che riduce la spesa migliorando la comunicazione e la rapidità del lavoro. In questi anni abbiamo razionalizzato la spesa corrente tagliando complessivamente 3 milioni di euro, ma ci sono ancora molti spazi per ridurre la spesa senza intaccare i servizi. Sui costi di gestione si possono recuperare negli anni tra i 300 e i 500 mila euro. Per esempio: oggi il Comune è diviso su due sedi principali (Palazzo Dellepiane e Palazzo Pallavicini). Noi vogliamo trasferire tutto in un’unica sede, realizzando, solo così, un risparmio di decine di migliaia di euro.

Le alleanze L’esponente di Rifondazione annuncia di voler passare la mano Centrodestra Le mosse della coalizione

L’accorato appello di Negro: « Se la sinistra va divisa alle urne rischia sul serio di scomparire» Ippolito Negro mette una dietro l’altra tre dichiarazioni chiarissime ma difficili da mandare giù, specialmente a pochi mesi dalle elezioni comunali. La prima: l’alleanza che governa la città a Novi è morta, e ad ammazzarla è stata la decisione del Partito Democratico di superare il concetto di centrosinistra, inseguendo le sirene del “centro” piuttosto che puntare al rafforzamento della ormai storica alleanza con la “sinistra”. La scelta di tenere le primarie di partito senza consultarsi con gli alleati è stata la ratifica di questo nuovo indirizzo del Pd. La seconda: se la sinistra continua a spaccarsi, come è accaduto di recente con la fuoriuscita di alcuni membri di Rifondazione e di Sel che hanno dato vita a una sezione novese del Pcl e che si presenteranno autonomamente alle prossime elezioni, non riuscirà a portare nel prossimo consiglio comunale nemmeno un consigliere. E, a ruota, tutto il centrosinistra (o quel che sarà) rischia di perdere le elezioni. La terza: dopo dieci anni da assessore e cinque da presidente del Csp, il consorzio dei servizi sociali, Ippolito Negro ha deciso che con l’anno prossimo terminerà il proprio impegno diretto in politica. Quello che è stato

per anni uno dei punti di riferimento per tutta la sinistra novese e per Rifondazione Comunista in generale, ha deciso di passare la mano. «Non ho più nessun incarico di partito – spiega Negro – Anzi, non ho più nemmeno una tessera di partito in tasca. E dire che la prima tessera, quella del Pci ovviamente, l’avevo presa nel 1969, datami da Andrea Scanu e Gianni Bellasera». Il progetto a cui Ippolito Negro sta lavorando ora è quello di un ricompattamento della sinistra novese. «Non condivido chi è passato nel Partito Comunista dei Lavoratori – afferma Negro – ma pazienza. Il problema ora è che la sinistra va alle elezioni divisa rischia di scomparire». Il presidente del Csp però mette le

cose in chiaro, e lancia un messaggio agli uomini del Pcl: «Non voglio dare copertura al Pd, non voglio fare la foglia di fico che tenta di coprire gli errori del Partito Democratico. Anzi. Ammesso che l’unione della sinistra vada a buon fine, ci alleeremo con i democratici solo se condivideremo il programma». Finora però, la Casa della Sinistra si è quasi sempre allineata alle posizioni del Pd, almeno nella gestione del Comune. «È vero, e ci siamo attirati tante critiche per la nostra lealtà alla linea politica della maggioranza. Ma è una questione di coerenza: nel 2009 gli elettori hanno votato una certa coalizione, e noi intendiamo rispettare la loro volontà. Certo che il Partito Democratico si dimentica troppo spesso di questa lealtà che ci contraddistingue», dice Negro. Il riferimento è alle primarie del prossimo 27 ottobre, «che la segreteria del Pd ha deciso, senza nemmeno degnarsi di, non dico confrontarsi, ma almeno informare gli alleati». Insomma, a prescindere dal candidato che vincerà le primarie – se Moro, Muliere o Tedeschi – il tema delle alleanze dovrà senz’altro essere in cima alla sua agenda. (E.D.)

Alternativa Novese va a scegliere il 7 dicembre il suo candidato sindaco Sono partiti presto, ma tra tentennamenti dei possibili alleati e altri intoppi alla fine ci hanno messo un po’ più del previsto. Parliamo delle primarie di Alternativa Novese, la coalizione formata da Avanti Novi, Fratelli d’Italia e comitato Alfare. La data ormai è fissata: sabato 7 dicembre. Quel giorno, le compagini guidate da Andrea Scotto, Enzo Baiardo e Vincenzo Rapa sceglieranno il loro candidato alla carica di sindaco di Novi Ligure. Facile immaginare che, con le festività natalizie alle porte, la vera sfida con chi uscirà vincente dalle primarie del Pd del 27 ottobre, inizi in realtà a gennaio. Quasi cinque mesi di scaramucce elettorali e poi, il 25 maggio 2014, il voto. La data del 7 dicembre, fanno sapere da Alternativa Novese, è stata fissata «di comune accordo» durante la riunione del direttivo che si è tenuta lunedì 30 settembre. Non è ancora stato diffuso il regolamento. Per ora, si sa solo che alla consultazione «potranno votare tutti coloro che sono iscritti nelle liste elettorali novesi per le elezioni comunali 2014». E, assicurano Scotto, Baiardo e Rapa, «saranno l’occasione per scegliere liberamente, senza imposizioni dall’alto, il candidato che dovrà guidare la squadra di Alternativa Novese al rilancio della città dopo decenni di decadenza». Con ogni probabilità, per candidarsi sarà necessario presentare, entro un certo termine, un congruo numero di firme di cittadini novesi a sostegno della candidatu-

Andrea Scotto e Vincenzo Rapa ra. Non serviranno tessere di partito, ma potrebbe servire la fedina penale: una delle regole che si è data Alternativa Novese è quella di presentare “liste pulite”, cioè composte da persone senza carichi pendenti con la giustizia. Primarie per la scelta del candidato sindaco e liste pulite sono stati i fattori che hanno determinato la rottura delle trattative tra Alternativa Novese e l’altra coalizione di centrodestra, quella formata dal Pdl (o Forza Italia che dir si voglia) e dalla lista civica Novisiamo. L’alleanza Pdl-Novisiamo (dentro cui ha un piede anche la Lega Nord, che però non ha ancora sciolto la propria riserva) vede come il fumo negli occhi l’idea che possano essere i cittadini novesi a scegliere il candidato sindaco. Sfuma quindi la possibilità, per il centrodestra, di presentarsi unito alle elezioni comunali del prossimo anno. (E.D.)


primo piano

ilsettimanale • giovedì 3 ottobre 2013

4 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

I tagli Referendum nazionale per il salvataggio

Il caso La Rai e Alessandria

Piccoli tribunali, si accoda il Consiglio regionale

Ricezione della tv, molte proteste nella provincia

SARA MORETTO s.moretto@ilnovese.info

Il consiglio regionale del Piemonte chiede un referendum nazionale per il salvataggio dei piccoli tribunali cancellati dalla riforma del governo Monti. La richiesta è stata approvata lunedì mattina con 43 voti a favore, sei contrari e due non votanti. In aula era presente anche il governatore Roberto Cota, che si è espresso a sostegno dell’azione referendaria. Il distretto del Piemonte – che comprende anche la Valle d’Aosta – è quello che ha pagato il prezzo più alto alla riforma della giustizia entrata in vigore il 13 settembre: ha perso sette tribunali – Acqui Terme, Alba, Casale Monferrato, Mondovì, Pinerolo, Saluzzo, Tortona – e nove sezioni distaccate: Bra, Novi Ligure, Borgomanero, Chivasso, Cirié, Moncalieri, Susa, Domodossola, Varallo. Il taglio dei piccoli tribunali previsto dalla riforma del Governo Monti «è uno schiaffo al Piemonte»: lo ha affermato nell’aula del consiglio regionale presidente Cota, al momento del voto sul provvedimento. «Il Piemonte – ha rimarcato Cota – è particolarmente penalizzato dalla riforma, subisce infatti un taglio pari al 70 per cento delle sedi

contro il 16 per cento della media nazionale. Posso capire che in Piemonte ci sia qualche tribunale in più, ma noi abbiamo una Corte d’Appello contro le quattro della Sicilia. I soliti furbi se la sono cavata, le eccezioni riguardano tutte Regioni del Sud». «Ritegno questa riforma sbagliata – ha spiegato il governatore Cota – non perché non

Tribunali e referendum Il Piemonte chiede una consultazione popolare sulla chiusura dei Palazzi di Giustizia un po’ in tutta la regione.

esista una esigenza di razionalizzare la giustizia, ma perché la razionalizzazione messa in campo non tiene conto delle esigenze del territorio. Il Governo avrebbe potuto mettere in rete le piccole strutture, realizzando una sorta di giustizia itinerante in cui i giudici avrebbero potuto spostarsi in giorni prefissati nei diversi tribunali, come avviene in altri Paesi».

Circa mezzo milione di piemontesi ricevono con difficoltà il segnale della Rai. E molti di questi sono in provincia di Alessandria. Il dato ha dell’ufficiale, visto che è stato ammesso dalla stessa Rai, in risposta a un’interrogazione parlamentare presentata da tutti i senatori del Pd del Piemonte. I problemi di ricezione del segnale del digitale terrestre Rai riguarda quasi tutte le province piemontesi: Alessandria, Asti, Biella, Torino e Novara. «La causa delle interferenze – presenti già all’atto dello switch off avvenuto il 10 novembre 2010 – è da ricondurre a una sovrapposizione di segnale con una televisione privata lombarda dal sito di Monte Penice». A spiegarlo è il senatore Federico Fornaro, componente della commissione di vigilanza Rai. «Il 1° agosto scorso è stato firmato un accordo tra l’autority per le comunicazioni, il ministero dello Sviluppo Economico e la Rai che, modificando alcune assegnazioni di frequenze, dovrebbe risolvere nei prossimi mesi le problematiche segnalate dagli utenti», fa sapere ancora Fornaro, in una nota congiunta con la senatrice Nicoletta Favero, prima firmataria dell’interrogazione parlamentare. «Continueremo a monitorare la situazione – concludono Favero e Fornaro – e a sollecitare la Rai affinché si arrivi finalmente a risolvere queste questioni tecniche. I cittadini che pagano il canone hanno diritto ad avere la possibilità di scegliere tra tutti i canali del digitale terrestre e non soltanto una parte di essi. In alcune aree siamo arrivati all’assurdo che agli utenti non è consentito neppure vedere i tre canali della tv di Stato». (E.D.)


lacronaca

ilsettimanale • giovedì 3 ottobre 2013

5 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

L’udienza La testimonianza dell’imprenditore al processo Simaf

Repetti: «Sono una vittima e mi hanno anche ricattato» GIAMPIERO CARBONE g.carbone@ilnovese.info

Nel processo Simaf si ritiene una vittima e dice di essere anche stato ricattato. L’imprenditore Giovanni Repetti di Novi, accusato a vario titolo insieme all’architetto Agostino Dellacasa, a Paolo Ravera e Maria Rosa Serra, dirigenti del Comune, di falsità ideologica e abuso edilizio per la costruzione del palazzo di 7 piani di via Pietro Isola da parte della società Simaf, è stato ascoltato nell’udienza di martedì a Alessandria. Secondo l’accusa, nella realizzazione dell’immobile non sono stati rispettati volumi dell’ex Consorzio Agrario, poi abbattuto. Nella precedente udienza il geometra Franco Balostro, incaricato dalla Simaf (di cui erano soci Repetti e Dellacasa) di stimare le volumetrie del vecchio edificio, non verificate dal Comune, secondo l’accusa, si era avvalso della facoltà di non rispondere. Presso il professionista, durante le indagini partite da un esposto anonimo, era stato trovato un foglio sul quale aveva indicato la cubatura. Repetti invece ha parlato: «Il Comune mi ha costretto ad aspettare 18 anni prima di poter costruire in quell’area. Dal 1990 saranno stati presentati dieci progetti, tutti respinti. Poi siamo arrivati all’accordo. A Balostro ho chiesto io di

Giovanni Repetti L’imprenditore novese in udienza ha risposto alle domande dei magistrati sulla vicenda della costruzione del palazzo nella vecchia piazza dei pullman

stimare all’incirca la cubatura del vecchio edificio: lui ha calcolato 13.500 metri cubi». «Perché – ha chiesto il pm – nella convenzione con il Comune sono invece stati citati solo 12.500 metri cubi quando, oltretutto, ne erano disponibili 18 mila in base alla variante? Ha forse voluto regalare dei metri cubi al Comune?». «Il Consiglio comunale – ha risposto Repetti – aveva già approvato in prima lettura la variante parziale che prevedeva i 18

mila metri cubi. Con Dellacasa abbiamo poi concordato per realizzare i 12.500 ma io non ho mai visto la convenzione, mi teneva al corrente lui». Repetti ha sostenuto di aver realizzato 34 locali per uffici, due appartamenti, box auto e un’area commerciale di 1200 metri quadri: «Ho venduto solo 16 spazi per uffici, ci sono anche due negozi vuoti. Ci ho rimesso 2 milioni di euro. Solo per le fondazioni, costruire prevedendo un pa-

lazzo da 20 piani, ho speso 350 mila euro. Ho subito anche un ricatto: in un incontro con gli amministratori della società Praga mi è stato detto che se non avessi venduto a loro l’area avrei dovuto aspettare altri 18 anni prima di poter costruire, ma io ho deciso di andare avanti lo stesso. Questo è avvenuto quando avevo già il permesso in mano. Ero malvisto per cui secondo alcuni avrei dovuto cedere dopo aver subito tanti ostacoli. Al sindaco

Lorenzo Robbiano l’ho detto chiaramente: io di te non mi fido». Ascoltati anche due periti della difesa che hanno contestato la tesi dell’accusa sulle cubature. Ravera ha annunciato di non volersi sottoporre all’esame del pm e delle difese (avvocati Luca Gastini, Mario Boccassi, Giuseppe Cormaio, Alessandro Reale, Vittorio Barosio) L’11 febbraio e il 4 marzo due udienze dedicate alla discussione.

L’incidente Morto a Fabbrica

Alessandria Sono state sette le udienze saltate

Nel caso Singh guerra di perizie

Per Villa Orsini ancora una nuova serie di rinvii

Ribaltata la tesi dell’accusa nel processo ai danni di Dafne Floccari, 21 anni, di Gavi, accusata di omicidio colposo per la morte di Avtar Singh, operaio di Serravalle Scrivia, avvenuta nell’incidente automobilistico dell’11 agosto 2011, in località Fabbrica, lungo la Libarna-Gavi. Per la Procura, l’auto della ragazza sarebbe finita nella carreggiata opposta causando il frontale ma nell’ultima udienza, l’ingegner Bergantin, incaricato dall’avvocato Lorenzo Repetti, ha affermato che i rilievi e le foto scattate dalla Polstrada di Serravalle subito dopo il tragico incidente avrebbero delineato una ricostruzione non veritiera. Il perito, basandosi sul flusso dei liquidi persi dagli automezzi, sulla disposizione dei pezzi delle due auto sparsi sull’asfalto e sulla deformazione dei due automezzi a seguito dell’impatto, ha stabilito che sarebbe stata la Opel Corsa guidata dall’indiano, diretto verso Gavi, a invadere la carreggiata opposta dove stava sopraggiungendo la Fiat Stilo guidata dalla donna. La decisione forse arriverà nell’udienza del 20 marzo, quando si terrà la discussione. Singh morì a causa delle gravi lesioni mentre la ragazza riportò pesanti ferite, guarite dopo diversi mesi. Le indagini sulla dinamica dell’incidente furono complicate dal fatto che, come ha rilevato in passato l’avvocato Repetti, i testimoni oculari dell’incidente sono spariti dopo che è stato chiamato il 118. La moglie dell’indiano si è costituita parte civile. (G.C.)

Anche nel tribunale di Alessandria sui processi ai titolari di Tenuta Villa Orsini aleggia una sorta di “sfortuna” che impedisce di portarli avanti. Ieri, nella prima sessione nel palazzo di giustizia di Corso Crimea, sono state ben sette le udienze rinviate per impedimento, l’ennesimo, dell’avvocato Alberto La Camera, difensore di Tiziano Pieri e Maurizio Canali, promotori del mancato maxi progetto immobiliare a Capriata d’Orba. Due procedimenti penali ai danni di Pieri (accusato di abuso edilizio, esercizio arbitrario delle proprie ragioni e minaccia) doveva concludersi, così come un processo nei confronti di Maurizio Canali sempre per abuso edilizio. Quest’ultimo avrebbero dovuto chiuderne un altro (inosservanza ai provvedimenti dell’autorità, l’accusa) grazie al pagamento di un’oblazione. C’erano inoltre l’avvio del procedimento per violazione delle norme ambientali per la vicenda della ex distilleria Montobbio, dove sono entrambi coinvolti; un’udienza filtro per diffamazione dove è imputato il solo Pieri, accusato dal sindaco Pier Sandro Cassulo, dal tecnico comunale Stefano Cairello e

dall’agente di polizia municipale Francesco Pugliese; l’avvio di un ulteriore procedimento per Pieri per un altro abuso edilizio presso Villa Orsini. Il difensore stavolta ha inviato un certificato medico dal quale è risultato affetto da mal di denti. In passato, l’avvocato aveva più volte rimesso il mandato per poi riprenderlo successivamente e aveva subito un incidente in moto. Lo scorso anno, nel tribunale di Novi, persino un falso allarme bomba aveva fatto rinviare le numerose udienze dedicate alla vicenda. Non sono ovviamente mancati gli scioperi degli avvocati. Ad allungare i tempi, anche

il ricorso in Cassazione (respinto) di La Camera nel quale aveva sollevato la legittima suspicione nei confronti del tribunale novese, dove il clima, a suo dire, sarebbe stato ostile. Il giudice ha deciso di fissare le prossime udienze (sospendendo come in passato la prescrizione) in date il più possibile diverse per evitare altri stop complessivi. Alcune si terranno il 7 novembre, altre il 3 dicembre. Il processo per l’ex distilleria Montobbio attende di partire dal febbraio del 2011. Parte civile alcuni cittadini e il Comune. Altri processi fanno riferimento a fatti avvenuti addirittura nel 2006. (G.C.)

inbreve LA CONDANNA

Otto mesi per violenza Il serravallese Federico Pulice condannato per violenza privata nei confronti dell’ex fidanzata. Il giudice del tribunale di Alessandria Gianluigi Zulian gli ha comminato una pena a 8 mesi di reclusione in primo grado. L’imputato ha goduto di uno sconto di pena poiché ha scelto di essere giudicato in rito abbreviato. Pulice, secondo la tesi della Procura, aveva perseguitato l’ex fidanzata dopo la fine del loro rapporto sentimentale. I fatti risalgono al 2005: dal cellulare del serravallese partirono telefonate ed sms, l’imputato si presentava improvvisamente a casa della donna e sul suo posto di lavoro. Anche i familiari della ex fidanzata sarebbero stati presi di mira. La vittima era arrivata a temere ritorsioni nel caso avesse deciso di frequentare un altro uomo. Il pubblico ministero, ad aprile, nella sezione distaccata del tribunale di Novi Ligure, aveva chiesto una condanna ben più pesante, 2 anni e 2 mesi. Il rinvio a giudizio di Pulice risale al 2008 ma fino al 2010 il dibattimento non è stato aperto poiché la difesa, rappresentata dall’avvocato Enrico Grillo di Genova, all’epoca aveva chiesto tempo per arrivare a un accordo economico, poi raggiunto, tra l’imputato e la donna. Intesa che ha evitato la costituzione di parte civile. (G.C.)

LA DENUNCIA

Omissione di soccorso Nella giornata di giovedì 26 settembre un 42enne di Stazzano è stato denunciato dai carabinieri di Serravalle Scrivia per omissione di soccorso. L’uomo, dopo aver provocato un incidente stradale, si è allontanato senza fermarsi a prestare soccorso agli occupanti dell’altro mezzo coinvolto. Sempre nello stesso giorno, ha sorpreso alla guida un 71enne pregiudicato privo di patente. L’uomo è stato denunciato. Qualche giorno dopo, i carabinieri di Arquata Scrivia hanno denunciato in stato di libertà per guida in stato di ebbrezza alcolica un 22enne residente a Sezzadio. L’uomo, dopo essere stato fermato dai militari, veniva sottoposto all’alcoltest che evidenziava un tasso superiore a quello consentito. Al giovane è stata ritirata la patente. (S.M.)

I CONTROLLI

Droga, tre segnalati Giovedì 26 settembre, un cittadino marocchino 37enne residente in Provincia di Genova, un albanese 23enne residente a Predosa ed un 18enne del capoluogo ligure sono stati segnalati all’Autorità amministrativa quali assuntori di sostanze stupefacenti dai carabinieri di Novi perché trovati in possesso di modiche quantità di hashish. Nei confronti degli interessati è stato inoltre avviato l’iter per la revisione della patente di guida. (S.M.)


ilsettimanale • giovedì 3 ottobre 2013

6 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Ore 8:00 - Caffè al bar del centro

...la tazzina è già stata usata da 512 persone!

USATO TUTTI I GIORNI!

5-6 ottobre 10.00-12.30 / 16.00-19.00 COLAZIONE con caffè e brioches! APERITIVO con buffet nel pomeriggio! PALLONCINI per i bambini! www.noviligure.mercatopoli.it SORPRESE PER TUTTI!

Primsoario!! r e v i n An

MERCATOPOLI NOVI LIGURE S.S. 35 Bis dei Giovi, 3 - Novi Ligure (AL) - Tel. 0143 744115 Email: noviligure@mercatopoli.it

www.noviligure.mercatopoli.it


novi ligure

ilsettimanale • giovedì 3 ottobre 2013

7 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

I conti. Un milione e 600 mila euro a disposizione in meno rispetto allo scorso anno. In arrivo nuove decisioni anche per la gestione della farmacia comunale ma non solo.

Bilancio approvato e l’Irpef aumenta Risorse ridotte, tagli in diversi settori e Noviservizi in liquidazione MARZIA PERSI m.persi@ilnovese.info

Il consiglio comunale, con dodici voti a favore e sette contrari, ha approvato, martedì sera, il bilancio di previsione 2013. Bilancio che viene approvato in un momento, come anche sottolineato dall’assessore Germano Marubbi nella sua relazione, che nasce in un momento difficile e confuso dal punto di vista amministrativo visto che il Governo non ha ancora deciso sulle sorti dell’Imu e sulla Servicetax. La stima parla di una riduzione delle risorse disponibili rispetto al 2012 per circa 1,6 milioni di euro. Per far quadrare la cassa l’amministrazione comunale ha deciso di intervenire sull’Irpef come già annunciato da questo settimanale la scorsa settimana, rimarcando, comunque, che fino a 15 mila euro di reddito non viene pagata. Inoltre si apre la fase di liquidazione di Noviservizi srl, società in seno al Comune che fino a ora si è occupata della gestione della mensa, dell’illuminazione votiva e della farmacia comunale. «Le scelte sulle modalità future di gestione, in particolare della farmacia comunale, dovranno partire dalla realtà dei fatti e dal quadro generale della funzione pubblica locale – ha detto Marubbi – Sapendo che una gestione diretta “in economia” rischia di accentuare gli elementi di inefficienza e farraginosità dell’attività aziendale». L’assessore Marubbi, rispendendo a un interpellanza sulla Tares del consigliere comunale Pino Dolcino con la quale chiedeva agevolazioni nel

pagamento per i cittadini già vessati da tante tasse, ha puntualizzato che nel corso dell’estate sono cambiate alcune cose e per questo sono cambiate anche le scadenze di pagamento. La seconda rata della Tares si potrà pagare entro il 16 dicembre e non più a ottobre come precedentemente deciso. «Solo

quando ci sarà la Servicetax – ha sottolineato Marubbi – si potrà valutare il margine di manovra dei Comuni». Marubbi ha bocciato la richiesta del consigliere comunale Francesco Sofio di istituire un fondo per il pagamento dell’Imu per le famiglie bisognose. «Non vi è dubbio –

ha precisato l’assessore – che vi siano famiglie in difficoltà ma oggi è bene ricordare che l’amministrazione comunale interviene nel sostegno ai bisognosi». A tale proposito il consigliere Andrea Vignoli ha sollecitato Sofio a individuare anche le risorse da destinare a questo fondo. La replica di Sofio non si è fatta attendere: «Si possono utilizzare i 400 mila euro destinati alla ristrutturazione del teatro Marenco». E a questo punto il sindaco Robbiano ha puntualizzato che i soldi per la ri-strutturazione del teatro sono 4 milioni a fondo perduto, il Comune deve solo sostenere la spesa di 400 mila euro e che «tale cifra è nella voce investimenti e non può essere spostata». È stata, inoltre, approvata la mozione presentata dal consigliere Franco Ciliberto in merito agli stipendi dei manager pubblici. Il documento è stato emendato in base alle indicazioni già contenute nella relazione presentata dall’assessore Marubbi. In pratica si esortano il sindaco a gli assessori a tentare di contenere le spese per il personale dirigenziale, con particolare riferimento al gruppo delle aziende partecipate del Comune. La mozione ha ottenuto 9 voti favorevoli (la maggioranza) e 3 astensioni (consiglieri Irimia, Porta, Ziccardi). Non hanno partecipato alla votazione 7 consiglieri (Tuo, Piazzale, Accili, Bertoli Dolcino, Sofio, Moro). Ri-cordiamo poi che proprio in occasione della discussione del bilancio è entrata in consiglio, nel gruppo del Pdl, Micaela Irimia Raica al posto del dimissionario Gigi Moncalvo.

I tagli Clamorosa protesta martedì sera in Consiglio

Scoppia la rivolta dei comunali Protesta dei dipendenti comunali, martedì sera, davanti alla sede del municipio di Novi dove si stava svolgendo il consiglio comunale per l’approvazione del bilancio. «Questa mattina [il 1° ottobre; ndr] i lavoratori del Comune di Novi sono stati informati che, nel 2013, non percepiranno una voce dello stipendio, quella relativa al trattamento economico di secondo livello – ha spiegato Alvaro Venturino, della Fp-Cgil – Una decisione inaccettabile, che viene comunicata a ottobre, ad anno ormai praticamente concluso». Il nodo del contendere sono 100 mila euro che quest’anno non verranno erogati ai

dipendenti del Comune. «Parliamo, in media, di 500 euro per ciascun dipendente, su base annua. E qui gli stipendi medi sono di 1.200 euro, non di certo una fortuna, soprattutto se si considera che è dal 2009 che attendiamo il rinnovo del contratto collettivo e che le retribuzioni sono bloccate», ha detto ancora Venturino. Le Rsu di Cgil, Cisl e Uil hanno subito convocato un presidio unitario davanti al municipio. E le rivendicazioni dei sindacati non si fermano ai 100 mila euro della retribuzione accessoria: «Devono ancora essere pagate le somme relative al “Peg Neve” [il piano di sgombero della neve; ndr] e ci sono sei impiegati che

svolgono funzioni di coordinamento senza riceverne il compenso. Infine, nove dipendenti sono andati in pensione e non sono mai stati sostituiti, facendo aumentare il carico di lavoro su tutti gli altri». In consiglio comunale, il presidente Maria Rosa Porta ha dato la parola a Venturino, che a nome dei colleghi ha spiegato la situazione. L’assessore al bilancio Germano Marubbi ha replicato che le regole del cosiddetto fondo di incentivazione del personale sono stabilite dalla legge. «Si tratta di condizioni ben precise, che non possono essere oggetto di trattativa sindacale – ha affermato Marubbi – Non sussistendo le condizioni

Le proteste. Un’immagine della protesta dei comunali in Consiglio necessarie all’erogazione del fondo, i dirigenti non hanno potuto fare altro che comunicarlo ai lavoratori». Una delle condizioni è l’erogazione, da parte del Comune, di nuovi servizi ai cittadini. «Verificheremo con gli uffici comunali se, da qui alla fine dell’anno, sarà pos-

sibile istituire nuovi servizi, e quindi procedere al reintegro dei 100 mila euro per i dipendenti», ha detto Marubbi, che ha anche chiarito come i soldi siano presenti a bilancio. Se non sono stati erogati, è solo perché mancavano i presupposti legali. (E.D.)

ilrapporto Rifiuti, passi avanti di Marzia Persi Ad agosto si è toccato il 51% di raccolta differen-ziata in città. La media da gennaio è stata, per questa prima parte di 2013, del 49%. La quantità media di chilogrammi per abitante al giorno è di 0,62. «Certo è un buon risultato – commenta Oreste Soro, presidente del Csr (Consorzio servizio rifiuti) – soprattutto perché a questo 50% corrisponde una notevole diminuzione pro capite di indifferenziata ciò vuol dire che una minor quantità di rifiuti è andata in discarica». Per il presidente del Csr, tuttavia, si può fare ancora di più «Dopo le esperienze fatte in questi anni siamo in grado – dice – di apportare anche modifiche gestionali per avvicinarci di più e meglio all’utenza». Certamente in questo ultimo anno sul fronte rifiuti si è investito molto con l’attuazione del biodigestore presso la discarica di strada Bosco Marengo, gestita da Srt. «Sta assumendo un’importanza straordinaria – sottolinea Soro – il trattamento della frazione organica. Fino a qualche mese fa l’organico rappresentava un costo a totale carico del cittadino senza alcun ritorno economico. Con la messa a punto del biodigestore oggi riusciamo a invertire completamente questa tendenza, e, anzi, si riesce a produrre dai 3.000 ai 3.500 euro di energia elettrica al giorno e anche compost di qualità che viene impiegato come fertilizzante in agricoltura». Il presidente della commissione consiliare bilancio Diego Accili (Pdl) riferendosi ai costi della raccolta differenziata (circa 5 milioni all’anno) sostenuti dal Comune e di quanto i novesi pagano di Tares, propone di rivedere il servizio “porta a porta” in centro storico che è, dati alla mano, la parte più costosa, magari ritornando ai cassonetti. «Anche durante le varie assemblee che abbiamo avuto in questi mesi – continua Soro – è emerso il problema dei costi e la crisi che ha messo in difficoltà i Comuni. Il tornare indietro da un sistema di “porta a porta” ai cassonetti, però, diventa assai pericoloso anche perché non bisogna dimenticare che quando si è deciso questo sistema di raccolta fra i Comuni, ovvero non un “porta a porta” spinto ma una giusta modulazione, si sono presi degli impegni fra amministrazioni e società che gestiscono il lavoro su qualità e quantità del rifiuto raccolto». Aggiunge Soro: «Le possibilità di abbattere i costi ci sono, tutto sta nella qualità e quantità del rifiuto. Inoltre va precisato che tornare indietro significa un aumento di rifiuti in discarica con un notevole abbassamento della differenziata e, oggi, il costo maggiore è proprio legato alla gestione della discarica».


ilsettimanale • giovedì 3 ottobre 2013

8 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

SergioFerrari

L’inverno è alle porte, sicurezza delle caldaie e risparmio energetico Sergio Ferrari è installatore ufficiale delle caldaie Viessmann ed è specializzato in impianti solari adatti a tutti i tipi di abitazioni

INFORMAZIONE PUBBLICITARIA

L’inverno è alle porte ed è importante che le caldaie delle nostre abitazioni siano in ordine perfetto. C’è l’aspetto sicurezza da considerare, ovviamente, ma anche quello dei costi: una caldaia vecchia o in cattive condizioni consuma tanto, e alla fine della stagione la bolletta rischia di essere salata.

E allora, prima che inizi a fare freddo sul serio, perché non rivolgersi a un professionista per una consulenza? A Novi Ligure ha da poco aperto una nuova azienda che si occupa (anche) di assistenza e installazione di caldaie. Si tratta dell’impresa di Sergio Ferrari, trent’anni di esperienza nel settore, che di recente ha aperto un ufficio anche in città, in via Mazzini 131 (telefono 0143 419145). E allora, prima di accendere la nostra caldaia, è meglio – oltre che previsto dalla legge – farla revisionare da un professionista, che potrà effettuarne la pulizia, la prova di combustione e rilasciare i “bollini” previsti da Provincia e Regione. Sergio Ferrari è installatore e manutentore ufficiale della Viessmann, l’azienda tedesca famosa nel mondo per l’affidabilità delle proprie caldaie. Ferrari offre una gamma completa di prodotti che garantiscono bassi consumi, qualità eccellente, efficienza energetica e lunga durata. Molti dei prodotti Viessmann sono diventati autentiche pietre miliari

nella storia della tecnica del riscaldamento. Ma Ferrari non è solo vendita, installazione e assistenza di caldaie 365 giorni all’anno, sia per le piccole abitazioni private che per i grandi condomìni. Oggi che è sempre più importante il risparmio energetico, l’azienda di via Mazzini si è anche specializzata nell’installazione di impianti solari adatti a tutti i tipi di abitazioni e di impianti di condizionamento e raffrescamento. Tra l’altro, va ricordato che certi tipi di impianti godono della detraibilità fiscale: un vantaggio che va a sommarsi al risparmio sulla bolletta dell’energia elettrica e del gas. E allora perché non chiamare Sergio Ferrari allo 0143 419145 per chiedere un preventivo gratuito?

Ferrari Sergio Via Mazzini, 131 15067 Novi Ligure (AL) tel. 0143.419145


novi ligure

ilsettimanale • giovedì 3 ottobre 2013

9 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

L’allarme Sforato il numero massimo di assegnazioni consentite

Scuola Iniziativa del Rotary

Sfratti, il Comune ha finito gli alloggi di emergenza

100/100 all’esame, borsa di studio per il bravo Federico

GINO FORTUNATO g.fortunato@ilnovese.info

Il Comune di Novi ha esaurito gli alloggi di emer-genza destinati agli sfrattati. «Abbiamo utilizzato la percentuale a nostra disposizione degli appartamenti Atc in base alle assegnazioni previste dai bandi – conferma l’assessore alle Politiche sociali, Felicia Broda – In un regime di emergenza come questo, abbiamo addirittura sforato il numero massimo di assegnazioni consentito. E purtroppo temiamo che questa situazione sia in continuo aggravamento. Abbiamo cinque famiglie che devono lasciare l’abitazione entro ottobre, avendo già ricevuto lo sfratto esecutivo. Ma in breve questo stato di crisi potrebbe decuplicare, avendo a oggi avuto la segnalazione dell’arrivo di un’altra trentina di sfratti. E da lunedì potrebbero aggiungersene altri dieci o forse più. Il numero continua a salire e pertanto vogliamo raccomandare a tutte le famiglie con problemi di alloggio di non aspettare la lettera di sfratto, per recarsi al Csp. Quando lo sfratto è già esecutivo non è infatti più possibile erogare il finanziamento e non si può più trattare con i proprietari. Sinora, in verità, abbiamo trovato molta disponibilità tra i proprietari, a eccezione di un paio di casi». Il Comune ha fornito nei giorni scorsi la disponibilità di 15 mila euro quale fondo per saldare le morosità, ma la cifra è ancora bassa, in considerazione del fatto che la Regione per due anni non erogherà altri contributi. Una nota positiva proviene proprio

dall’Atc che sta per ultimare il nuovo palazzo in via Romita che tamponerà solo parzialmente l’emergenza alloggi. Gli alloggi dovrebbero essere pronti tra la fine dell’anno e l’inizio del 2014. «Oltre al fondo sociale – prosegue l’assessore Broda – trasferiamo una cifra che aggiorniamo di volta in volta in base alle esigenze. Non è mai fissa, ma varia in funzione del riequilibrio di bilancio. Gli altri anni trasfe-

rivamo sul fondo emergenza alloggi 25-30 mila euro. Cercheremo per quanto possibile di rimanere perlomeno su questa cifra. Anche nel caso di alloggi popolari si paga una certa quota. Gli inquilini che devono pagare circa 480 euro all’anno se sono a reddito zero e il 14% dell’affitto stabilito, se beneficiano di reddito minimo. In caso negativo dovremmo decidere decadenze dal diritto sull’alloggio popolare».

Da dicembre All’Isola dei Bambini in viale Cichero

L’INIZIATIVA

Festa grande del Cug per tutti i dipendenti comunali

Passeggiata fotografica mondiale

La settimana scorsa si è tenuta, all’Isola dei Bambini di viale Pinan Cichero la festa del Cug (Comitato unico di garanzia) dei dipendenti comunali novesi. Il Cug per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere dei lavoratori e contro le discriminazioni è un organismo costituito per garantire la tutela delle pari opportunità e del benessere dei lavoratori e delle lavoratrici. Esso è composto, al fine di assicurare complessivamente la rappresentanza di tutto il personale, in modo paritetico da dipendenti dell’amministrazione e delle organizzazioni sindacali più rappresentative a livello di ente e costituisce una risposta attiva a obblighi imposti dalla legge e, soprattutto, in segno di civiltà che, a oggi, pochi ambienti lavorativi danno. Il Cug del Comune di Novi è rappresentato da Eli-sabetta Acquasanta, presidente, Maria Lucia Bel-linceri (Michele Carrozzi supplente), Giuliana Santoni (Davide Traverso Supplente), Michele Zagaglia (Marco Camoni supplente), Nicoletta Dagnino – Uil (Paola Caria supplente), Maura Galliano – Cgil (Enrica Repetto supplente), Marina Robino – Cisl (Piero Aprile supplente) e Guido Demaestri – Sulpm (Alessandro Semino supplente). «La festa organizzata all’Isola dei Bambini – dicono

“Worldwide photowalk” è il titolo dell’evento, giunto alla sua sesta edizione e ideato dal fotografo americano Scott Kelby, per socializzare, conoscere posti nuovi e praticare la propria passione per la fotografia. Si tratta di una giornata internazionale, che si tiene sabato 5 ottobre anche a Novi Ligure, dalle ore 14.00 alle 18.00; una passeggiata fotografica che si svolge in tutto il mondo, aperta a tutti i fotografi, anche non professionisti. La partecipazione è gratuita e le foto scattate potranno essere inserite nel sito worldwidephotowalk.com per partecipare al concorso fotografico legato all’evento. A Novi, il ritrovo è previsto per le ore 14.00 presso il bar del Museo dei Campionissimi. A seguire, visita di Novi e dei suoi monumenti, tra i quali la chiesa della Confraternita del Santissimo Crocifisso, i palazzi dipinti di piazza Dellepiane, il centro storico, il parco del castello e la torre: chi lo desidera potrà salire sulla torre e godere del bellissimo panorama, e visitare i sotterranei del castello (biglietto 3 euro). In caso di maltempo, l’organizzazione suggerisce una visita fotografica al Museo dei Campionissimi (biglietto 7 euro). Alla fine, per chi lo desidera, sarà possibile cenare tutti insieme. Per partecipare è necessaria l’iscrizione sul sito worldwidephotowalk.com. A Novi Ligure l’iniziativa è organizzata in collaborazione con l’associazione Oltregiogo Fotografia. (D.A.)

Una rappresentanza del Cug Da sinistra: Giuliana Santoni, Marina Robino, Michele Zavaglia, Enrica Repetto e Elisabetta Acquasanta. Giuliana Santoni e Enrica Repetto – è stata molto partecipata e ha permesso ai dipendenti di conoscersi. Sovente, infatti, capita che con alcuni colleghi si abbia solo un rapporto telefonico legato strettamente a questioni di lavoro». Per svolgere meglio le proprie funzioni il Cug ha trasmesso a tutti i dipendenti un questionario da compilarsi in forma anonima al fine di permettere a tutti di esprimere liberamente i vissuti relativi al loro ambiente lavorativo esprimendo anche osservazioni,

segnalazioni e proposte di miglioramento. Dal questionario è emerso che sono buoni i rapporti fra colleghi mentre si segnalano problemi nei rapporti con i dirigenti e i responsabili. Emerge dalle risposte che i dipendenti non trovano nei dirigenti un punto di riferimento, spesso il lavoratore viene lasciato solo a risolvere situazioni problematiche al di sopra delle proprie capacità. Inoltre l’86% dei dipendenti non vede possibilità di crescita professionale. (M.P.)

Venerdì 27 settembre è stata consegnata la borsa di studio “Rotary Club Novi Ligure”, istituita da Rotary locale in collaborazione con la ditta Graziano di Tortona. Il riconoscimento è stata assegnato da una commissione composta da rappresentanti del Club, della ditta Graziano e degli istituti superiori di Novi Ligure “Amaldi” e “CiampiniBoccardo” a Federico Gioachini, presentatosi con il voto della maturità di cento centesimi. La borsa di studio, del valore di 2.500 euro sarà destinata al pagamento delle spese di iscrizione al Corso di Ingegneria dell’Autoveicolo presso il Politecnico di Torino. Inoltre, nel caso il giovane vincitore riuscisse a mantenere una media superiore al 27, la ditta Graziano confermerà il contributo anche per il secondo e il terzo anno accademico. Durante l’incontro non sono mancate altre novità. In ottica di orientamento professionale, il Club novese offrirà ad alcuni studenti la possibilità di svolgere diversi stage. Alcuni studenti frequenteranno per quattro giorni la Facoltà di Agraria dell’Università Cattolica di Piacenza. Altri parteciperanno a uno stage di tre giorni alla Stampa di Torino. Altri ancora potranno visitare i laboratori di Restauro artistico della ditta Nicola Restauri in occasione del restauro del dipinto “L’assunzione della Vergine”. Infine il Rotary cittadino organizzerà e offrirà un programma di Screening andrologico per gli studenti delle classi quarta e quinta degli istituti superiori, con un’azione formativa-educativa aperta a tutti gli studenti, dopo la quale si procederà su base volontaria a visite andrologiche ed eventuali accertamenti diagnostici. (S.M.)

inbreve LE CHIUSURE

Lavori sulla A7 Nuova chiusura per lavori di ammodernamento dei dispositivi di sicurezza sulla A7 Milano-Serravalle. Fino a venerdì 4 ottobre, dalla mezzanotte sino alle 5 del mattino, verrà chiusa al traffico la carreggiata sud, in direzione Genova, nella tratta compresa tra la bretella A7-A26 e Serravalle Scrivia, inclusi gli svincoli e l’area di servizio Bettole Ovest. Il percorso alternativo prevede la deviazione del traffico al casello di Novi Ligure dell’autostrada A26, l’indirizzamento in viabilità ordinaria per il successivo rientro in A7 al casello di Serravalle. Gli utenti diretti a Genova potranno altresì proseguire sulla A26-Voltri. (S.M.)

I CORSI

Le donne si difendono Comincia a Novi un corso di difesa personale dedicato esclusivamente alle donne. “Impara a non avere paura” è il messaggio che si vuole trasmettere alle donne in un clima avvelenato dai fatti di cronaca che raccontano una crescente recrudescenza di violenze. Il nuovo corso fa seguito a quelli di autodifesa organizzati lo scorso anno dal Comune e presto sarà rivolto anche alle studentesse delle scuole cittadine tramite una convenzione da definire con l’assessorato alle Politiche sociali. L’autodifesa proposta si basa sul “Krav maga” (combattimento a corta distanza) con una serie di lezioni presentate da una donna, l’esperta Ilham Elena Katibi già protagonista di un corso analogo dedicato alle donne musulmane. «Il Krav maga – spiega – è una tecnica semplice e pratica, nata per essere appresa in breve tempo. Predilige un approccio offensivo per neutralizzare l’avversario con efficacia e rapidità. Ogni gesto è essenziale, ogni colpo è diretto verso un punto sensibile. Il progetto è rivolto alle donne che non gradiscono allenarsi in squadre miste. Quindi ci sarà un trainer donna. Si può provare liberamente per almeno tre lezioni prima di prendere la decisione di frequentare il corso in maniera continuativa, ogni mercoledì alla Fit Gym di via Gramsci a Novi che ospita questa iniziativa. «Vorrei far conoscere questa autodifesa alle ragazze delle scuole superiori e inferiori – conclude Ilham – perché completandola con la preparazione fisica, si acquisiscono maggiori fiducia e autostima. Doti utili in ogni manifestazione della vita quotidiana». (G.F.)


novi ligure

ilsettimanale • giovedì 3 ottobre 2013

10 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

La manifestazione Doppio appuntamento domani e sabato

Alimentaria, l’agnolotto la farà da padrone... MARZIA PERSI m.persi@ilnovese.info

Doppio appuntamento con “Alimentaria”, il mercatino enogastronomico promosso dal consorzio “Cuore di Novi”. Domani e sabato per tutto il giorno la rassegna avrà come protagonista l’agnolotto, la tipica pasta ripiena novese che può essere assaporata con sugo di stufato o di arrosto, a “culo nudo” ovvero senza condimenti, oppure annaffiati con vino rosso. Gli stand gastronomici saranno allestiti lungo viale Saffi e via Girardengo. A novembre, invece, a farla da padrone saranno i ceci, rigorosamente della frazione Merella. Come è tradizione i ceci vengono cucinati in occasione della festività di Ognissanti e il mercatino di “Alimentaria” sarà allestito proprio il 1° e il 2 novembre. I ceci della Merella sono stati il primo prodotto del territorio a ottenere, ormai alcuni anni fa, la Deco (denominazione comunale) e, l’inverno scorso, tale denominazione è stata anche assegnata alla farinata preparata con la farina di ceci di Merella macinata a pietra. L’ultimo appuntamento, il 6 e 7 dicembre, sarà tutto “bollicine”: spumante in primo luogo, ma anche dolci da forno, che a Novi sono rappresentati

inbreve VOX IN FABULA

Concerto per Marenco Continua la rassegna “Dedicato a Marenco – Vox in fabula”. Domani, venerdì 4 ottobre, alle ore 21.00, presso il centro fieristico “Dolci Terre” in viale dei Campionissimi a Novi Ligure, si terrà il concerto “Dedicato a Marenco” con l’Orchestra del teatro Carlo Felice di Genova (direttore Maurizio Billi). Il programma prevede l’esecuzione di musiche di Verdi (Sinfonia da La forza del destino), Cajkovskij (Capriccio italiano, op. 45), Bellini (Sinfonia da Norma), Ponchielli (Danza delle ore da La Gioconda), Rossini (Sinfonia da L’assedio di Corinto), Borodin (Danze Polovesiane da Principe Igor). Il concerto è a pagamento: prevendita biglietti presso la biblioteca civica di via Marconi 66, oppure direttamente la sera dello spettacolo, al centro fieristico, a partire dalle ore 19.30. (RED.)

VOLONTARI

Giornata dell’Aido Per due giorni i volontari dell’Aido animeranno la 12ª edizione della Giornata nazionale sulla donazione degli organi. Sabato 5 e domenica 6 ottobre i volontari dell’Aido saranno presenti in oltre 1.500 piazze per incontrare i cittadini, fornire loro informazioni sull’importanza della donazione come opportunità per salvare la vita a chi non ha altre possibilità di sopravvivenza e per distribuire una piantina di Anthurium. A Novi, saranno presenti in più punti: sabato 5, all’inizio di viale Saffi; domenica 6, all’inizio di via Girardengo; da giovedì 3 a domenica 6, presso l’atrio dell’ospedale S. Giacomo. «Quest’anno abbiamo deciso di rilanciare la Giornata con alcune novità, inserendola nelle iniziative celebrative dei 40 anni della nostra associazione – spiega la presidente del gruppo novese, Isabella Sommo – Le piante di Anthurium saranno accompagnate da palloncini colorati e personalizzati nonché da ricevute “parlanti”». (E.D.)

L’APPUNTAMENTO soprattutto dai canestrelli al vino bianco. La fase sperimentale di “Alimentaria” terminerà a dicembre, se la manifestazione otterrà, come è certo, successo, sarà, poi, ripresa nella primavera 2014. “Alimentaria” è nata da un progetto dell’Ascom e dal “Cuore di Novi” per rivitalizzare il centro storico cittadino nella giornata di sabato, il momento del passeggio e dello shopping. L’amministra-

Agnolotti da re Il tipico piatto della tradizione piemontese sarà protagonista di Alimentaria, il mercato enogastronomico che domani e sabato sarà allestito nel centro storico.

zione comunale aveva puntato su un secondo mercato settimanale, la domenica mattina, la proposta però non aveva trovato consenso fra i commercianti che, invece, puntano sul sabato. Subito dopo il mercatino di questo fine settimana, proseguiranno gli eventi dedicati ai prodotti tipici con il “Chocoday”, la manifestazione più golosa dell’anno: anche in questo caso le giornate saranno due, quelle del 12 e 13 ottobre.

Festa di San Francesco Domani, venerdì 4 ottobre, si celebra anche a Novi la festa di San Francesco da Assisi, patrono d’Italia e dell’ecologia. Fulcro degli appuntamenti la chiesa di Sant’Antonio, in viale della Rimembranza. Si comincia alle 7.45 con la celebrazione delle lodi. Alle 8.00, alle 10.00 e alle 17.30 sarà celebrata la messa. Il rito solenne delle 10.00 sarà presieduto dal vescovo Martino Canessa. Dopo l’omelia, il sindaco Lorenzo Robbiano accenderà la lampada votiva che arderà tutto l’anno con l’olio offerto dall’amministrazione comunale. Al termine della messa, sul sagrato della chiesa, lancio di palloncini con messaggi di pace. Alle 15.30, sul piazzale della chiesa, benedizione degli animali. Alle 17.30, funzione del “Transito” di San Francesco e messa. (E.D.)


novi ligure

ilsettimanale • giovedì 3 ottobre 2013

11 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Energia Prossimo avvio dei lavori per una piccola centrale a Cosola

inbreve

E adesso Acos si lancia nell’era dell’idroelettrico

SAN GIACOMO

Prevenzione renale Una giornata di prevenzione e di informazione sulle possibilità di cura delle malattie renali: lunedì 7 ottobre, dalle 9.00 alle 14.00, nell’atrio dell’ospedale San Giacomo di Novi saranno presenti i volontari dell’Aned per distribuire volantini sulla prevenzione delle malattie renali, sulla situazione delle persone in dialisi e sul trapianto renale. Inoltre, sempre dalle ore 9.00 alle ore 14.00, sarà possibile sottoporsi a una visita gratuita per la valutazione della funzionalità renale mediante la rilevazione della pressione arteriosa e l’esame delle urine. Nel mondo, una persona su dieci ha un problema renale e la prevenzione può migliorare la qualità della vita di molti di noi. Una corretta informazione può consentire una scelta consapevole a livello sia di prevenzione, sia di cura delle malattie renali (dialisi e trapianto), sia di responsabilizzazione sull’importanza della donazione di organi e tessuti a scopo di trapianto. L’iniziativa è organizzata dal comitato piemontese dell’Aned (l’associazione degli emodializzati) e dal reparto di Nefrologia del San Giacomo, diretto da Mario Della Volpe, nell’ambito delle Giornate Nazionali del Dializzato. Per informazioni: Aned Piemonte 011 4374298; reparto di Nefrologia 0143 332520. (E.D.)

GINO FORTUNATO g.fortunato@ilnovese.info

Il Gruppo Acos punta sulla produzione di energia elettrica, attraverso l’utilizzo delle fonti di energia rinnovabile ad ampio raggio. Dopo l’avvio della politica rivolta al fotovoltaico, iniziata oltre due anni fa, tramite Gestione Acqua (sempre Gruppo Acos) viene lanciata adesso “l’era dell’idroelettrico” nel novese e nei bacini di utenza circostanti. Il primo passo riguarda la costruzione di una piccola centrale idroelettrica, i cui lavori sono prossimi all’avvio a Cosola di Cabella. Si tratta di una centralina capace di produrre 200 mila Kwh dotata di una potenza di 45 Kw. Il costo si aggira attorno ai 250 mila euro. In questi giorni la direzione di Gestione Acqua deciderà a quale compagnia affidare i cantieri, sulla base di alcune relazioni tecniche prodotte, al fine di cominciare entro l’autunno i lavori che saranno completati entro Primavera, quando la centralina sarà completamente attiva. L’energia prodotta sarà immessa in rete e quindi non sarà venduta privatamente. Lo scopo è quello di promuovere gli investimenti e di portare l’utente finale a un considerevole risparmio sulla “bolletta della luce”. «Gestione Acqua è l’azienda più energivora del nostro gruppo – spiega l’amministratore delegato di Acos, Mauro D’Ascenzi – La realizzazione di questa centralina in alta val Borbera è solo l’inizio. Infatti abbiamo in programma di costruirne almeno altre tre o quattro in tempi brevi. La prossima sarà a Novi, nella zona del

CARBONARA

Mostra al Dongione

Basso Pieve, mentre le altre sa-ranno ancora in val Borbera e in val Curone». «Spendiamo più di 3 milioni all’anno di energia elettrica, per cui il nostro obiettivo è quello di ottenere sempre più energia da fonti rinnovabili – dice ancora D’Ascenzi – Non solo sotto il profilo ecologico ma favorendo anche il risparmio. Il fotovoltaico, la cui esperienza non è ancora conclusa, ha prodotto risultati assai positivi grazie ai 18 impianti attualmente funzionan-

ti, la maggior parte dei quali sono a Novi. Andiamo avanti cautamente, perché è molto facile in questi settori prendere abbagli. Quindi adesso puntiamo al settore idroelettrico, ma sempre col metodo dello scalino dopo scalino». Lo sfruttamento delle energie rinnovabili del Gruppo Acos ha anche prodotto una turbina da 60 Kw alla piscina di Novi, e anche sotto questo aspetto sono in programma altre simili impianti nel novese.

Espongono insieme a Carbonara Scrivia presso gli spazi espositivi della storica rocca del Dongione due artisti novesi, Rosalba Riviera e Roberto Bonafè. I due fanno parte dell’associazione Centro Arte Pieve di Novi Ligure e, per l’occasione, presenteranno una serie di opere del loro lavoro più recente. La scelta di esporre insieme è per condividere due modi di “fare arte” con molti punti in comune: prima fra tutte la massima libertà di espressione senza essere imbrigliati, da parte della critica, in un unico cliché. Poi la grande voglia di “fare ricerca”, di sperimentare, di osare. Le opere di Rosalba Riviera sono rivolte a indagare l’universo femminile. Il suo operare, giunto alla maturità espressiva, modifica i contorni, li abbandona, lasciando prevalere il segno istintivo e il colore. Il lavoro di Bonafè spazia attraverso i generi più conosciuti della pittura: dalla natura morta, al paesaggio, al ritratto. In tempi più recenti ha però cominciato a produrre una serie di lavori dallo spiccato carattere astratto. Il titolo della mostra “Segno colore contaminazioni” è la sintesi di un percorso prolifico e continuativo di produzione avviatasi, per entrambi, diversi decenni fa. Sarà possibile visitare la mostra fino a domenica 20 ottobre, dal venerdì alla domenica, con orario 16.00-19.00. L’inaugurazione si terrà sabato 5 ottobre, alle 17.00. Domenica 13 ottobre alle ore 16.30 sarà possibile assistere gratuitamente a un evento musicale a cura di Cristina Piras. (RED.)

GAVAZZA POMPE FUNEBRI DAL 1950

L’eccellenza adesso è per tutti. Servizi funebri a partire da 1.190,00

euro

danibelsrl

PAGAMENTI RATEALI SENZA INTERESSI

NOVI LIGURE VIA VERDI 58

POZZOLO FORMIGARO VIA PALENZONA 14

0143.74.62.62 • www.gavazzapompefunebri.it


novi ligure

ilsettimanale • giovedì 3 ottobre 2013

12 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

L’iniziativa/1 L’attività dell’Associazione fondata nel 1985

L’iniziativa/2 I corsi ad Alessandria

Centro di Aiuto alla Vita, un boom di donne dall’est

Csva, un autunno di volontariato per ogni esigenza

MATTEO CLERICI redazione@ilnovese.info

Un centro, dove varie capacità si uniscono per ridurre gli aborti e dare alle giovani madri un aiuto concreto, materiale e morale. Questo è il Centro di Aiuto alla vita di Novi Ligure. A fondarlo, don Valentino Culacciati, nel 1985: in seguito all’approvazione della legge 194, riunì un primo gruppo di volontarie, unite per convincere altre donne a non abortire. Oggi il Centro ha sede alla ex caserma Giorgi, in via Verdi, a fianco del Banco Alimentare: diverse immagini di bambini, famiglia e pannolini fanno capire di essere nel posto giusto. All’interno, Milena Bendinelli (nella foto), che spiega come funziona il lavoro del Cav. Prima di tutto, la precisione: il Centro fornisce aiuto a determinate condizioni. «Per cominciare, servono certificato di famiglia e dichiarazione dei redditi Isee». Soddisfatta la parte burocratica, la giovane mamma può ricevere una serie di servizi. Forse i più richiesti, i beni materiali, come il cibo per bambini, consegnato in base all’età della prole, poi vestiti, come il classico completino e medicinali: «Per questo, ci aiutano gli esperti del Banco Farmaceutico di Casale». Senza dimenticare i contributi, per aiutare la donna a sostenere le spese indispensabili. E poi, visite gratuite da parte di una ginecologa e di una psicologa e le consulenze di un avvocato: «Molto utile per problemi legati al diritto di famiglia e controversie con le autorità». Tra chi si rivolge al Cav, le donne

straniere sono soprattutto quelle dell’Est Europa, ma c’è anche un buon numero di marocchine. Riguardo alle italiane, il loro numero è aumentato con la crisi. A prescindere dalla nazionalità, le giovani madri portano con sé numerosi problemi: molte di loro vengono da famiglie difficili, hanno compagni violenti o una vita sentimentale disordinata; spesso, al momento del parto sono sole e con pochi mezzi. Come prevedibile, il difficile stato

dell’economia ha fatto crescere gli ostacoli: sono aumentate le persone in difficoltà e si sono ridotte le risorse a disposizione, «Anche se continuiamo a servire la nostra zona, Novi e i paesi della val Borbera, e anche Castelnuovo e Cassano». Conclude Milena Bandinelli: «Il vescovo è sempre generoso, i contributi di Provincia e Comune invece sono diminuiti, ma noi andiamo avanti. Le ragazze madri hanno bisogno d’aiuto».

Riprende l’attività di formazione proposta dal Csva e destinata alle associazioni di volontariato della provincia di Alessandria. I corsi che si tengono nel capoluogo provinciale sono: “Informatica: word-excel base”; “Organizzare un evento: principi, strategie, pianificazione”; “Mettersi in gioco: metodi e tecniche di animazione per i gruppi”; “La comunicazione radiofonica come strumento per il volontariato”; “Tablet e smartphone: l’evoluzione dal pc”; “Informatica – applicativo Power Point: come realizzare presentazioni con slide, materiale promozionale e comunicativo”; “Ascolto attivo”. È inoltre in programma l’organizzazione di un seminario dedicato alla “Rendicontazione del 5 per mille”, in data da definire. I corsi sono gratuiti per i volontari ma anche accessibili, a pagamento, a chi non svolge attività di volontariato. I primi due corsi in partenza sono quello dedicato all’“Alfabetizzazione informatica” e quello dedicato all’ “Organizzare un evento: principi, strategie, pianificazione”. Il primo si propone di fornire un’introduzione all’informatica e le indicazioni di base per un approccio corretto all’utilizzo del computer. Gli incontri si svolgeranno, a ottobre, con cadenza settimanale, ogni martedì. Partirà a ottobre anche il corso dal titolo “Organizzare un evento: principi, strategie, pianificazione” che si propone di illustrare le nozioni di base per strutturare con successo un evento, a partire dall’attenta valutazione della sua “opportunità” per arrivare agli step di base funzionali a ottimizzarne la realizzazione. Il corso prevede in tutto due incontri. Per tutti i corsi l’iscrizione è obbligatoria: info www.csva.it o tel. 0131 250389. (RED.)

-50%

*per incentivi statali fino al 31/12/13

Una storia lunga 50 anni...

Via Cassano, 17 - Serravalle Scrivia (AL) - tel. 0143 340320 fax 0143 608472 email: fossatimobili@yahoo.it - www.fossatimobili.it


novi ligure

ilsettimanale • giovedì 3 ottobre 2013

13 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Enogastronomia Dal 5 all’8 dicembre un’importante rassegna

Dolci Terre la regina grappa in attesa della notte bianca MARZIA PERSI m.persi@ilnovese.info

Quest’anno protagonista di “Dolci terre di Novi”, la più importante rassegna enogastronomica del basso Piemonte che avrà luogo dall’5 all’8 dicembre prossimi, sarà la grappa. Una vasta area della rassegna sarà dedicata a questo pregiato liquore con la partecipazione dei migliori produttori provenienti dal Piemonte ma anche dal resto del Paese. Il centro fieristico si trasformerà in una grande distilleria e con questa iniziativa la città renderà omaggio anche a uno dei prodotti simbolo della regione. In passato la distilleria Gualco di Silvano d’Orba, una delle più pregiate e antiche del basso Piemonte ha preso parte alla kermesse, qualche anno fa, il maestro pasticcere Gabriele Ancarani, titolare della pasticceria “Pieve” di Novi aveva anche, ideato un nuovo cioccolatino il “gualchino” che univa la nobile grappa Gualco con il cioccolato, un altro prodotto doc del territorio novese. Naturalmente anche per l’edizione 2013 vi sarà l’Enoteca delle Dolci Terre, gestita dalla delegazione di Alessandria della Fisar. Anche quest’anno verrà riproposto il Mercato delle Dolci Terre, prestigiosa rassegna di cento bancarelle

LA LETTURA

Dante incanta «Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza»: ancora una volta il giovane studente novese Andrea Chaves [nella foto] ha incantato gli spettatori con le terzine del Sommo Poeta. Giovedì 26 settembre, ospite speciale al teatro Rasi di Ravenna, Andrea ha mirabilmente interpretato il canto 26esimo dell’Inferno della Divina Commedia, il canto di Ulisse, che celebra la conoscenza e la dignità dell’uomo. La serata, organizzata dai coordinatori del progetto “Dante in rete” e del Centro Dantesco di Ravenna, ha visto protagonisti alcuni studenti delle scuole ravennate insieme al giovane novese del liceo Amaldi. Con perizia teatrale, memoria di ferro e amore per la poesia di Dante, Andrea ha dato prova dell’esistenza, secondo le parole della responsabile del Museo Dantesco, «di una speranza per il futuro della cultura italiana». (G.M.)

LA POLITICA

Malfettani segretario del Pdci

di prodotti tipici della zona ma non solo, organizzata in collaborazione con le associazioni dei settori agricolo, artigianale e commerciale. I visitatori potranno degustare e acquistare: dolci, vini e grappe, salumi e in-saccati, formaggi e confetture, conserve e mostarde, farine e prodotti da forno, prodotti vegetali agricoli trasformati, frutta secca e sciroppata, funghi e tartufi, miele, salse, sughi, sottoli e sottaceti, aceti e con-

Grappa e cioccolato

Defibrillatore: 107 attestati di frequenza Sono stati consegnati gli attestati ai 107 volontari che hanno partecipato al corso per l’utilizzo del defibrillatore durante le attività sportive. L’utilizzo del defibrillatore è semplicissimo e può salvare una vita: serve a far ripartire il cuore in caso di arresto cardiaco, grazie a una scossa elettrica. Il progetto per istruire un centinaio di volontari è partito l’anno scorso, dopo il convegno “Attaccati al cuore” promosso dall’amministrazione comunale di Novi, dalla società calcistica Novese e dall’Asl. Il costo del corso è stato a totale carico del Comune. [foto Dino Ferretti]

inbreve

Il tipico distillato italiano sarà protagonista dell’edizione 2013 di “Dolci terre”. In passato venne proposto un abbinamento con il cioccolato: il maestro pasticcere Gabriele Ancarani creò il “gualchino”.

dimenti, sciroppi, cioccolato, torrone e caramelle, biscotti e amaretti, olio extravergine della vicina riviera ligure e nocciole del Piemonte. Alla manifestazione partecipa tutta la città attraverso la “Notte Bianca” che è in programma la sera del 7 dicembre. Ad accompagnare lo shopping nata-lizio serale vi saranno cori gospel, concerti delle corali negli androni dei palazzi nobiliari, degustazioni e ovviamente fino a mezzanotte i negozi saranno aperti.

Gianni Malfettani è stato eletto segretario della sezione novese dei Comunisti Italiani. La decisione è stata presa dall’assemblea degli scritti al Pdci che si è tenuta lo scorso 23 settembre. Malfettani ha svolto una relazione sull’esito del congresso nazionale straordinario, che ha visto l’elezione del nuovo segretario Cesare Procaccini. Si è poi passati a un’analisi della tematiche locali, con particolare riferimento alla situazione dell’Ilva, alle problematiche inerenti il Terzo Valico, al bilancio di previsione 2013 del Comune di Novi Ligure (approvato l’altro ieri, martedì 1° ottobre, anche con il voto favorevole di Malfettani). (RED.)

LA MOSTRA

La Guenna a Palazzo Ducale “Verdiana, impressione d’arte dalle musiche di Giuseppe Verdi” è il titolo della mostra che si tiene a Genova nel loggiato minore di Palazzo Ducale (chiusura il 13 ottobre). Moltissimi gli artisti che partecipano. Tra i nomi spicca quello della novese Alessandra Guenna che, dopo un’attività scultorea alla quale è tornata recentemente, si è dedicata alla pittura elaborando forme dinamiche. Guenna da ormai vent’anni è direttore artistico di “Spazio Arte”, la galleria nel centro storico di Gavi. (D.A.)


ilsettimanale • giovedì 3 ottobre 2013

14 www.novionline.net • www.ovadaonline.net


ovada

ilsettimanale • giovedì 3 ottobre 2013

15 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

I limitatori di velocità Installati nella piccola frazione verso la valle Stura e in via Molare, teatro di incidenti molto gravi. Ma c’è chi protesta. E così interviene la Provincia

Autovelox della discordia: tutticontroitotemarancioni EDOARDO SCHETTINO ovadese@alice.it

'idea di poter arrivare a scuola all'ultimo minuto perché, intanto, sulla piana si può accelerare un po’”. Il limite stabilito per quella porzione, a 50km/h, è un’ulteriore ragione di malcontento. “E' difficile fare i cinquanta, devi tenere le marce troppo basse e il motore perde i giri comunque. La soluzione più gettonata è quella di passare dalla strada della Coinova che ha lo sbocco su quella che porta a Battagliosi e poi sul ponte. In questo modo ti eviti un paio di velox. L'unico rischio è che decidano di metterli anche nel tratto all'interno dei capannoni”. Ancora tanti sono però gli autisti che frenano bruscamente quando s’accorgono d’aver di fronte le colonnine. Soddisfatti, per ora, i membri del Comitato della Frazione di Gnocchetto che poco tempo fa avevano minacciato di formare una lista civica in modo da far presente, sia a Ovada che a Belforte, problematiche a loro dire dimenticate. “Da quando sono state installate le colonnine arancioni – fanno sapere – si è subito regi-

strato un adeguamento della velocità. Sappiamo che questa è l’unica situazione che si è rilevata praticabile”. Fa discutere anche l’autovelox installato sulla provinciale dal comune di Silvano d’Orba. La scelta dell’amministrazione civica silvanese è innovativa in quanto basta andare su Internet, cliccare sul

labonifica

Sono comparsi la settimana scorsa i “Velo ok”, le colonnine arancioni da tempo annunciate dalla Provincia di Alessandria per contenere la velocità in due tratti molto trafficati e altrettanto controversi: via Molare e la frazione Gnocchetto. “La nostra intenzione è quella di monitorare il traffico ancora per qualche giorno - dice il direttore del progetto Noisicuri, Paolo Goglio - ed entro quella successiva (fra il 7 e il 12 ottobre; ndr) convocheremo una seconda conferenza stampa nella quale illustreremo il confronto sulle velocità dei veicoli prima e dopo il Velo ok”. Non è l’unica operazione urgente: da chiarire c’è anche il quadro normativo. “…il parere tecnico del ministero dei Trasporti – proseguono dalla Provincia sta suscitando polemiche. Ci teniamo a dire che se il dispositivo non ricade fra gli autovelox e neppure fra la segnaletica, non vuol dire che sia illegale. Solo che il legislatore non ha ritenuto di regolamentarne l’uso o le caratteristiche. La discussione non dovrebbe riguardare neppure il fatto che faccia cassa, ma se migliori o no la sicurezza stradale”. Perché è inutile rilevare proprio come quest’ultimo aspetto ha generato più di una discussione. Da una parte c’è chi da tempo chiedeva una misura contro la velocità eccessiva. Dall’altra gli utenti abituali dei tratti di strada interessati. “Basta con le auto che volano nei giardini- commenta Laura a proposito dei nuovi autovelox in via Molare - e con questi incidenti quasi sempre dovuti ad una velocità elevata. Basta anche con

sito del Comune edèpossibile visionare, mese per mese, la programmazione del servizio autovelox, con i giorni, l’orario e anche i punti dei percorsi cittadini. L’autista è anche avvertito nel momento in cui sono in corso i controlli, in modo che sappia del rischio che “corre” a superare il limite.

Al Gnocchetto: Soddisfazione tra i residenti che da tempo esprimevano timore per le auto che sfrecciavano nella frazione

Geirino: due progetti C’è un piano per la bonifica della falda acquifera del Geirino, come richiesto dalla conferenza dei servizi (all’epoca dell’autorizzazione a costruire la piscina) per la presenza di nichel e cobalto superiore ai valori di legge. Se n’è parlato l’altra sera in Consiglio Comunale per un’interrogazione presentata da Gianni Viano. “Mi chiedo perché – è intervenuto il consigliere di Centro Destra – l’intervento sia stato rinviato. Salute pubblica e tutela del territorio dovrebbero avere la priorità”. “Non c’è nessun rischio per la salute – ha ribattuto Paolo Lantero, assessore all’Ambiente – I tecnici stanno valutando due possibili soluzioni. Servono però il completamento di alcuni lavori portati avanti da acque potabili e ulteriori indagini sulla portata d’acqua della faglia in inverno. Dopodiché dobbiamo tenere conto che il piano sarebbe comunque complesso e oneroso”. Polemica anche sulla gestione “dell’emergenza – rifiuti”: in aula è stata letta la lettera inviata dalla Servizi Sportivi al Comune che stima in 900 mila euro i danni subiti per smaltimento e ritardi nell’apertura.

A Silvano: L'Amministrazione ha scelto di informare sugli orari e i punti dei controlli sul web per la massima trasparenza

La politica Ma ci saranno anche il congresso nazionale e quello locale

L’assemblea Pd ha deciso: le primarie il 24 novembre Si terranno il 24 novembre prossimo le primarie del Pd di Ovada per individuare il candidato sindaco del partito alle elezioni comunali (si dovrebbe votare a fine maggio, con le Europee). La data è stata scelta all’unanimità nell’assemblea di circolo (presenti una cinquantina di persone) che s’è tenuta venerdì scorso all’Itis Barletti, anche se il percorso che porterà alle consultazioni sarà reso più complicato dalle assemblee per il rinnovo della segreteria nazionale e locale: entro 6 novembre si svolgeranno i congressi di circolo e provinciale, ed entro l’8 dicembre le primarie per il segretario nazionale. L’assemblea ha dato anche l’ok al regola-

Le regole: per presentare una candidatura occorreranno 40 firme da raccogliere in dieci giorni di cui una parte di iscritti al partito (minimo 20; massimo 25). La campagna elettorale dei candidati durerà circa un mese

mento e alle linee di indirizzo programmatico. “Gestire tutte le operazioni sarà complesso ma la decisione di disputare comunque le primarie al più presto è stata presa per lasciare spazio alle eventuali primarie di coalizione - spiega il segretario uscente Giacomo Pastorino, inviando un piccolo segnale di apertura ai partiti della sinistra con cui sono i rapporti sono oggi piuttosto burrascosi -. Per quel che mi riguarda, dopo 3 anni intensi, non mi ricandiderò a segretario. L’importante è che si arrivi alle primarie con quello nuovo in carica”. All’assemblea hanno partecipato iscritti e non solo - anche se solo i primi hanno votato -

nell’ottica di maggiore apertura a cui il partito lavora da tempo. E che si rintraccia, fanno notare nel Pd, nella scelta di procedere con le primarie in una città sotto i 15 mila abitanti, dove non sono obbligatorie, e nel consentire le candidature anche di chi non è iscritto al partito. Tutti, comunque, dovranno rispettare il regolamento approvato dall’assemblea, dopo una serie di emendamenti alla bozza proposta dalla segreteria. Il percorso verso le primarie sarà il seguente: dal 15 ottobre si raccoglieranno le firme (il quorum è 40, di cui almeno 20 e al massimo 25 di iscritti al circolo; non più di 5 nuovi) a sostegno di

L’apertura La scelta di accelerare i tempi è stata presa per lasciare spazio ad eventuali primarie di coalizione ogni candidatura nell’arco di 10 giorni. Quindi, dopo il controllo (tempo: 5 giorni), si darà il via alla campagna elettorale, fino alle elezioni del 24 novembre. Tenendo conto dei paletti fissati dal regolamento e del numero di iscritti (ora sono 130 ma al via della raccolta firme potrebbero essere circa 150), dovrebbe esserci spa-

zio per almeno 5 candidati. Ma chi saranno? I nomi più gettonati sono quelli di Paolo Lantero, Mario Esposito, Flavio Gaggero, Gian Marco Bisio e Gian Piero Sciutto. Tra i non iscritti al PD si parla di Sabrina Caneva (che però per ora tace). Forse sono un po’ troppi. Ma qualcuno potrebbe fare un passo indietro.


ovada

ilsettimanale • giovedì 3 ottobre 2013

16 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

La vicenda La riqualificazione in via Voltri è partita due mesi fa

La lettera Risolti un paio di problemi

Ex Lai: qualcosa si vede Entro l’estate il market

Dal Gnocchetto i ringraziamenti a sindaci e prefetto

DANIELE PRATO ovadese@alice.it

Inizia a vedersi qualcosa nel quartiere una volta occupato dalla Lai in via Voltri. Entro novembre, nell’area sottoposta a piano di riqualificazione a opera della Blindo Office e da Veneta Grandi Impianti, ci saranno le strade e saranno ultimate le rotatorie e i marciapiedi. Nel frattempo termineranno i lavori di rinforzo della barriera spondale lungo lo Stura, vero nodo del contendere di questi anni tra chi ha sostenuto l’operazione e chi invece si è opposto anche a colpi di esposti alla Magistratura. Terminata questa prima fase dedicata alle opere di urbanizzazione, l’edificio che dovrebbe accogliere il supermercato Lidl, su una superificie di 1.500 metri quadri, più 500 di magazzini, sarà il primo a essere realizzato: per l’inizio del 2014 dovrebbe già vedersi qualcosa anche se è improbabile un’apertura del discount che si trasferirebbe dalla sua attuale sede in via Novi prima della prossima estate. Più incerta, infine, la situazione della seconda superficie commerciale, di minore estensione, per la quale i giochi sono ancora aperti. La parte di residenziale prevista nel disegno originario sarà realiz-

zata per ultima. Il crono programma steso su carta sarà rispettato se anche il tempo atmosferico verrà incontro a chi sta lavorando. “Purtroppo andiamo verso una stagione che potrebbe riservare qualche sorpresa - spiega il direttore dei lavori, Emanuele Rava -, ma i tempi non dovrebbero discostarsi di molto da quelli programmati”. In due

Storia sfortunata Il primo progetto redatto dall’architetto Massa fu presentato nel 2009. Da quel momento un diluvio di polemiche e un esposto alla Magistratura

mesi di cantiere si è proceduto spediti per completare il primo lotto dell’intervento, che comprende tutti i sottoservizi. Sono stati praticamente completati la rete fognaria per le acque bianche e la stesura dei cavidotti elettrici, così come è in fase avanzata la costruzione della nuova cabina Enel, che permetterà di abbattere l’ultima porzione dei vecchi capannoni.

...una valida alternativa!

Gli abitanti di frazione Gnocchetto hanno inviato una lettera agli organi di stampa; questa volta, però, non per protestare, ma per ringraziare. Infatti sono stati installati la scorsa settimana i tanto attesi autovelox. Ma c’è dell’altro. Sono stati asfaltati anche alcuni tratti della vecchia strada che collega il nuovo ponte sullo Stura con la frazione Santo Criste e così ora “si può finalmente transitare su una strada degna di un paese civile”. Nella risoluzione dei problemi della frazione un ruolo lo anche avuto il prefetto, dott.ssa Romilda Tafuri, a cui gli abitanti del Gnocchetto si erano rivolti nell’aprile scorso. Essa ha provveduto a contattare i sindaci di Ovada e Belforte ed in seguito ha incaricato i carabinieri di Ovada di svolgere alcune verifiche, alla luce di quanto comunicatole dai sindaci stessi. E così – a questo punto – sono partiti i ringraziamenti. “E’ doveroso ringraziare – scrivono gli abitanti del Gnocchetto – l’amministrazione provinciale e in particolare l’assessore Gianfranco Comaschi per l’attenzione dei confronti delle esigenze degli abitanti di questa località.” E ancora: “Vogliamo ringraziare i sindaci di Ovada e Belforte per la sensibilità dimostrata, per la disponibilità al confronto e al dialogo e per le approfondite e dettagliate informazioni e precisazioni che hanno voluto comunicare al prefetto, in particolare sulla questione della passerella sul torrente Stura. Un ringraziamento va anche al comandante della stazione dei carabinieri di Ovada, maresciallo Paolo Carlini, per la correttezza con cui ha raccolto le necessarie informazioni”. Forse ci sbagliamo a pensar male, ma ci pare che nel ringraziamento ai sindaci ci sia un po’ d’ironia…


ovada

ilsettimanale • giovedì 3 ottobre 2013

17 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Il caso Nel rio Canale, ai piedi di Rocca Grimalda, ci sono da anni centinaia di pneumatici

Discarica, rinviata la pulizia

L’APPALTO

Legambiente voleva intervenire: ha dovuto desistere per problemi logistici e legali Valle Scrivia, che aveva lanciato l’idea -, ma toccare i pneumatici in questa fase delicata potrebbe anche esporci a conseguenze legali. Avevamo messo in questa iniziativa tutta la nostra buona volontà, intendevamo ripulire 300 metri di rio gratuitamente: avevano aderito anche Provincia e Guardie ecologiche provinciali. A questo punto ci auguriamo che chi ci ha fermati faccia al più presto rispettare l’ordinanza di pulizia o ripulire la zona di propria iniziativa”. Sempre sabato, a Cassinelle, sono stati protagonisti gli alunni delle scuole elementari, impegnati a ripulire le vie del paese da rifiuti e cartacce sotto il coordinamento di Mariano Peruzzo.

Una situazione delicata, la cui soluzione è attesa da anni a colpi di carte bollate e che non sembra destinata a sbloccarsi a breve. Stiamo parlando della discarica di Rio Canale, situata ai piedi di Rocca Grimalda, sul territorio di Ovada. Lungo il piccolo corso d’acqua e nel fianco della collina che lo sovrasta sono presenti da anni centinaia di pneumatici per auto: una vera discarica abusiva su cui mesi fa è scattata un’indagine del Corpo forestale di Ovada, che ha anche portato a individuare il responsabile della situazione, poi denunciato. A questo punto è intervenuto il Comune di Ovada emanando un’ordinanza per obbligare il soggetto in questione a procedere a una bonifica. L’area, al momento, non è sotto sequestro ma gli pneumatici rappresentano, comunque, il corpo del reato. I rifiuti negli anni, a causa di smottamenti e piene del rio, sono scivolati a valle, interessando almeno 4 chilometri di asta fluviale lungo il torrente Orba. Che la situazione in quella porzione di territorio sia davvero intricata se ne sono accorti anche i volontari dei circoli di Legambiente della Valle Scrivia e di Ovada che per sabato scorso avevano orga-

Tutto bloccato C’è stata una denuncia e le gomme abbandonate costituiscono il corpo del reato. Il Comune di Ovada ha emesso un’ordinanza, ma non è successo ancora nulla

nizzato una giornata di lavoro nell’ambito di “Puliamo il mondo”, l’iniziativa che rappresenta il marchio di fabbrica dell’associazione. Alla fine hanno dovuto desistere, proprio perché mettere mano agli pneumatici, in qualche caso molto grandi e immersi nel fango, avrebbe creato problemi dal punto di vista logistico e poteva significare incorrere in noie d’altro tipo. “Siamo molto amareggiati per quanto accaduto – ha commentato Antonio Carnevali, vice presidente del circolo

L’anniversario Celebrato venerdì scorso

lalettera

EDOARDO SCHETTINO ovadese@alice.it

Non sei a Costa! Ci scrivono da Costa d’Ovada: “Scegliendo per caso o per convinzione un vivere alternativo mi sono trovata a far parte della comunità di Costa. Poche centinaia di anime e un grande, unico cuore. Qui si fa tutto per niente… o poco più. Qui si vive per essere vivi. Chi lo afferma è una mamma di tanti bimbi. Chi lo afferma ha trovato quel sapore antico fatto di solidarietà, di rimboccarsi le maniche, di vivere sereni. Un grazie di cuore è la ragione di questo mio scrivere a che si impegna a creare atmosfere, giochi, situazioni per la mia famiglia e altre mille, senza chiedere nulla in cambio. Non venite a Costa se non credete nella cooperazione, se pensate che il mondo sia lucro. Vivetela invece se immaginate che qualcuno creda nelle persone… troverete nel sorriso dei miei figli una risposta ad un grande sogno. Grazie a tutti i Costesi “storici” e ai nuovi (come noi) che così ci hanno accolto”. (T.B.)

I lavori Sarà completamente ammodernato il locale del bar

E la banca a Ovada È partita la ristrutturazione: compie cento anni la Saoms Costa cambia volto Grande festa venerdì scorso alla filiale Unicredit di piazza XX Settembre per il centenario della storica sede ovadese della banca. L’inaugurazione infatti avvenne proprio un secolo fa, il 1° maggio 1913 (allora faceva parte della Cassa di Risparmio di Torino). “Per noi Ovada ha sempre rappresentato un punto strategico” ha spiegato Giovanni Forestiero, responsabile Region Nord Ovest di Unicredit. “Cent’anni fa la città contava circa 10.000 abitanti, un numero decisamente consistente. Dal 1969 la filiale si è trasferita nella sede attuale, grazie all’impegno dell’ex direttore per essere più vicini ai nostri clienti”. Ai festeggiamenti hanno partecipato anche il sindaco, Andrea Oddone e il parroco Don Giorgio Santi, oltre agli impiegati della filiale rappresentati dal direttore dell’agenzia Stefano Garda e dal direttore di Distretto di Ovada Maria Rosa Carlevaro. “Auguro altri 100 anni a questa filiale” ha dichiarato Oddone. “Nel 1913 Ovada è stata scelta come unica sede provinciale dell’esattoria, un vanto per la città. Inoltre, grazie al contributo all’ex CRT (oggi Unicredit), il Comune è riuscito a sistemare il parco Pertini, rendendolo accessibile alle famiglie”. Il direttore Stefano Garda ha premiato il cliente più anziano della filiale, il novantaseienne Ugo Carosio, e quella più giovane, Sofia Amato di appena un anno. “Tutti ci aspettiamo molto dalle banche in questo momento di grande difficoltà” ha concluso Don Giorgio Santi.

inbreve Lavori nello Stura Con un decreto del 23 settembre scorso, a firma dell’ing. Guido Chiappone, l’amministrazione comunale ha aggiudicato in via definitiva alla ditta La Quercia, con sede a Bardineto (Savona), l’appalto dei lavori di riassetto idraulico del torrente Stura nel tratto prospiciente via Voltri, per una spesa totale pari a 33.203,47 (più Iva), con un ribasso su base d’asta pari al 23,68%.

LA NOMINA

Responsabile anticorruzione L’11 settembre scorso, con un provvedimento ad hoc, il sindaco ha proceduto alla nomina del responsabile della prevenzione della corruzione nel Comune di Ovada nella persona della dott.ssa Rossana Carosio, segretario generale. La decisione è stata assunta sulla base della legge 190 del 6 novembre 2012.

LA SPESA

Inaugurazione: 3900 Euro L’inaugurazione della rinnovata scalinata di piazza Castello, con il relativo concerto del Corpo Bandistico “A. Rebora”, della Scuola di Musica “Matra” di Tagliolo e del Carlo & Nao Quartet, ha avuto un costo di 3900 Euro. Lo si apprende da un decreto del 18 settembre scorso con il quale l’amministrazione comunale ha affidato all’associazione musicale “Rebora” l’organizzazione dell’evento.

LA MOSTRA

Riconosciuta fiera locale Con un decreto del 23 settembre scorso il Comune ha riconosciuto la qualifica di “manifestazione fieristica locale” alla Mostra – Mercato “Mostra scambio auto, moto, bici, accessori e ricambi d’epoca” che si terrà l’8 dicembre prossimo nel parco “Pertini” e nel cortile di Palazzo Delfino.

IN COMUNE

La prima settimana di settembre sono iniziati alla Saoms di Costa d’Ovada i lavori di ristrutturazione della sala principale, quella del bar. Approvato all’unanimità dal Consiglio di Amministrazione tenuto in giugno, il rinnovamento del locale è stato deciso per renderlo più confortevole ed accogliente ai soci anche perché l’arredamento attuale risaliva a circa 30 anni fa. Saranno, con l’occasione, anche coibentate tutte le pareti con materiale fono isolante. Tolto tutto il vecchio perlinato, saranno inseriti alle pareti inserti in legno chiaro che formeranno un mo-

La vecchia sala Gli arredi risalivano a circa trent’anni fa: ora cambierà tutto. L’inaugurazione entro la fine di ottobre derno design; sarà sostituito il bancone bar, anch’esso di nuovissima concessione. Avrà sulla parte frontale il logo dell’Estate Costese intagliato in legno e il piano di lavoro ampliato e confortevole. Saranno sostituiti tavolini e sedie scelti in tema con il nuovo look. La direzione dei lavori e tutti i progetti inerenti sono stati curati dall’architetto Cardona, socio e frequentatore dell’Ente. A tutt’oggi restano da ultimare le tinteggiature, la posa del banco, la scelta delle plafoniere a led e la lucidatura a

piombo dei pavimenti. Nonostante i lavori, la Saoms ha continuato l’apertura della sede trasferendo l’attività, in modo ridotto, nella sala superiore non senza qualche disagio per i frequentatori che saranno però poi lautamente compensati da un locale all’avanguardia. L’inaugurazione della sala è prevista per la terza decade di ottobre in concomitanza con la bicchierata per la chiusura dell’Estate Costese e di Costa Fiorita che pure quest’anno ha riscosso un notevole successo.

CI SIAMO SPOSTATI A 700 MT. DALLA ROTONDA IN VIA LERMA Facendo la tessera ogni 10 lavaggi interni/esterni Via Lerma, 39 - Loc. Caraffa - Silvano D'Orba (AL) - Tel. 340 5402907

1 IN OMAGGIO

Il responsabile della trasparenza L’11 settembre scorso il sindaco ha nominato quale responsabile per la trasparenza il dott. Giorgio Tallone, vice segretario comunale e dirigente del settore Affari generali e istituzionali. La nomina è avvenuta in ottemperanza del Decreto Legislativo 33/2013.

DALLA GIUNTA

Concessione patrocinio Con una deliberazione del 16 settembre scorso la giunta ha concesso il patrocinio comunale al Premio Letterario “Michelangelo”, organizzato dall’omonima associazione.

SOLO LA DOMENICA LAVAGGIO INTERNO/ESTERNO €

10,00

(QUALSIASI AUTOVETTURA)

SPAZZOLE ANTIGRAFFIO IO RIMESSAGG R E CAMP


ovada

ilsettimanale • giovedì 3 ottobre 2013

18 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

L’aperitivo L’innovativa proposta ai colleghi baristi arriva dai due titolari del Caffè Torino

Tutti uniti con l’happy hour

IL CASO

Una soluzione per combattere la crisi e la concorrenza delle località vicine ziative che coinvolgeranno altri commercianti del centro storico. Anche questo è un modo per collaborare tra di noi e dare una scossa al settore. Il mio augurio è che altri locali possano seguire l’esempio, rendendosi disponibili a un calendario coordinato di appuntamenti per risvegliare insieme l’happy hour di Ovada, fino a qualche tempo fa decisamente più frizzante di oggi”. Raccogliere l’invito sarà compito dei colleghi, ma i fatti dimostrano che collaborare non è impossibile: in estate, l’iniziativa “Ovada in tavola” ha messo in rete otto ristoranti del territorio intenzionati a rilanciare l’enogastronomia locale.

Se la movida in città non è da tempo particolarmente accesa - la chiusura della storica birreria Insomnia in corso Martiri della Libertà, qualche mese fa, ne è un segnale evidente - ,ora anche il frizzante rito dell’aperitivo, a Ovada, sembra cominciare a perdere le sue “bollicine”. Complice la crisi o, in qualche caso, il “richiamo” delle località vicine, da sempre molto seducenti agli occhi degli ovadesi in cerca di divertimento. Per questo il vulcanico Andrea Grifoni e la moglie Lucrezia Malacari, titolari del Caffè Torino, nell’omonima via, indirizzano un appello ai colleghi per rilanciare l’happy hour all’ombra di piazza Assunta. “Perché non collaborare tra noi, organizzando ogni settimana un aperitivo a tema che accomuni di volta in volta tutti i locali del centro storico – dice Andrea, che a Ovada tutti conoscono come “Il Grifo” -? Non sarebbe difficile, la città è piccola e ci permetterebbe di coordinarci con relativa semplicità. Basterebbe solamente la buona volontà di noi gestori”. La proposta del Caffè Torino è rivolta in primis agli altri tre bar della via, per fare fronte comune sul rilancio di una delle strade principali della città, ma non si esclude di

Il Grifo: “Perché non collaborare tra noi, organizzando ogni settimana un aperitivo a tema che accomuni di volta in volta tutti i locali del centro storico?”

coinvolgere anche le attività delle altre zone del centro storico cittadino. Andrea e Lucrezia si stanno già muovendo per conto proprio, sperando di essere seguiti a breve, con la serata AperiNails, svoltasi venerdì scorso dalle 18 alle 21. “All’ora dell’happy hour abbiamo installato un corner dedicato al trucco e alla cura delle unghie (nails, in inglese, ndr), curato dal salone Linda Estetica, che ha sede proprio in via Torino – spiega Andrea -. E nelle prossime settimane organizzeremo ini-

lalettera

DANIELE PRATO ovadese@alice.it

«Non posso più venire a scuola» Ci scrive Marisa Mazzarello, Direttore del Centro Casa di Carità Arti e Mestieri: “ Mercoledì scorso mi dicono che L.A. (un allievo che ha concluso a giugno il corso di qualifica per operatore meccanico) mi deve parlare. “Mi dispiace, ma non posso frequentare il corso a cui mi sono iscritto perché dal 1° ottobre mi assumono a tempo pieno, con contratto a tempo indeterminato; vado a lavorare grazie a quello che ho imparato qui.” Queste le sue parole. Ecco la conferma di ciò che avevo detto agli allievi che hanno iniziato il loro percorso: studiate con impegno per costruire il vostro futuro perché, quando questa lunga crisi terminerà, le aziende avranno bisogno di voi e delle competenze che la nostra scuola è in grado di fornire. L.A. non è il solo ad aver trovato lavoro, circa la metà degli allievi che hanno terminato a giugno si è occupata nell’estate con contratti a termine o di apprendistato.

Il tempo libero Saranno cinque appuntamenti

IL COLPO

Il Salotto di via Cairoli riparte con un nuovo ciclo di eventi

Un porcino…“extralarge”

S’era imposta come una novità simpatica per l’estate. Ora “Il Salotto”, il circolo nato in via Cairoli come spin off del negozio di antiquariato “Cose vecchie” e che punta ad aggregare rispolverando storia e angoli dimenticati della nostra città, riapre i battenti con cinque appuntamenti per l’autunno. Il primo è fissato per domenica prossima, a partire dalle 11.00 con la visita al birrificio artigianale di Molare per capire come sono le fasi della lavorazione e dare un’occhiata ai macchinari necessari. Domenica 13 settembre è invece prevista la visita alle otto fonti curative di Castelletto d’Orba. L’appuntamento è fissato per le 14.00. Domenica 20 ottobre, alle 18.00, sarà presentato il libro

farlo funzionare?”. Le attività de “Il Salotto” sono curate da Antonio Pini e Giovanni Dolcino. Il circolo invece sarà aperto il mercoledì, il giovedì e il sabato dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 18.00 alle 20.00. Il venerdì stesso orario al mattino e “intervallo lungo” dalle 18.00 alle 24.00. “C’è da sottoscrivere una tessera al costo di 50 euro – conclude Pini – ma per chi vuole provare c’è pure quella mensile da 5 euro”.

E i caprioli vendemmiano

La vendemmia è iniziata da un po’, ma non per opera dei produttori. I protagonisti della nuova vendemmia sono gli ungulati, per la precisione i caprioli. Ma che potesse accadere questo lo si poteva prevedere, viste le ripetute segnalazioni del problema da parte delle associazioni degli agricoltori. Le quasi 12mila firme raccolte da esse e consegnate in Provincia nell’agosto scorso, tra cui quelle di 110 sindaci, hanno evidenziato come il territorio senta il grave problema dei danni da ungulati e, più in generale, da selvaggina. In particolare nell’Ovadese e nell’Acquese i danni causati dai caprioli – secondo quanto sostiene la CIA - stanno demoralizzando i produttori, con la conseguenza che molti di essi intendono cessare definitivamente la loro attività. In questo contesto, - ribadisce ancora la CIA - la grande confusione che regna in Piemonte sulla questione della caccia non semplifica certamente le cose.

LA SCUOLA

Educazione alla cittadinanza Con un decreto del 6 settembre scorso l’amministrazione comunale ha provveduto al pagamento della somma di 1996,50 Euro all’associazione Parcival, con sede ad Alessandria, per l’organizzazione del seminario di educazione alla legalità ed alla cittadinanza rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo e secondo grado. Si tratta della seconda liquidazione della spesa. L’esborso complessivo ammonta a 3025 Euro.

Recentemente Carlo Barisone ha trovato un porcino da Kg. 1,740 nelle nostre zone. “Fungaiolo” da anni, sulla scia del nonno “Biscain” (alias Carlo Barisone, come lui), ha avuto qualche problema nel raccogliere l’eccezionale esemplare, che si trovava a 20 metri da lui, su un dirupo, scivolando per 3 volte. Ma alla fine ce l’ha fatta.

CASTELLETTO D’ORBA “Perché la legalità, le ragioni di una scelta”, scritto da Adriana Patti. Al pomeriggio parteciperà anche padre Giacomo Costa. Venerdì 25 ottobre, a partire dalle 20.30, una serata particolare alla scoperta dei segreti del trucco con il metodo di make up vegano. Due giorni dopo infine, domenica 27, a partire dalle 14.00, andrà in scena un gioco dal titolo “Abbiamo rinvenuto un vecchio distillatore del ‘700: proviamo a

inbreve

Camminata d’autunno a Bozzolina

DAL COMUNE

Il 6 ottobre l’amministrazione comunale di Castelletto d’Orba organizza la 9° edizione della “Camminata d’Autunno” sulle colline della valle Albarola (durata di 1 ora e mezza circa: si raccomanda di calzare scarpe da ginnastica). Il programma: partenza alle ore 14 dall'area parcheggio in località Volta e arrivo nella borgata Bozzolina verso le ore 16 - 16.30 dove i partecipanti troveranno ad accoglierli polenta calda, frittelle e dolci della tradizione. La partecipazione è gratuita grazie all’impegno di un gruppo di volontari di Bozzolina e del Gruppo Comunale di Protezione Civile. In caso di maltempo la manifestazione sarà rinviata alla domenica successiva.

1500 euro per il concerto La conferenza – concerto “Acustico remix”, svoltasi il 29 agosto scorso alla Loggia di San Sebastiano, ha avuto un costo di 1500 Euro. Lo si apprende da un decreto dell’amministrazione comunale con il quale viene pagata la cifra in questione all’associazione “Antonio Rebora”, con sede ad Ovada, che ha organizzato l’evento.

UFFICIO OVADA

Piazzetta Stura, 5 Tel. 0143.80149 UFFICIO ALESSANDRIA

Via Marengo, 16 Tel. 0131.261085

Dott. Gianpaolo Piana - Dott. Lorenzo Bisio

!#

! "

Dott. Lorenzo Bisio

cell. 333.6712602

cell. 339.8411489

e-mail: gianpaolo.piana@finanzaefuturo.it

e-mail: lorenzo.bisio@finanzaefuturo.it

# !

Promotori - Consulenti finanziari e previdenziali Dott. Gianpaolo Piana

"

! 3103,8,0/( 6$'$ ",$ 5/*9 2%$ 4(- ( )$7 (.$,- 4$&&+,/0 3(22$.(/4, -,%(20 ,4

## # #

#

4(-

('( $34(--(440 '9 2%$ 0& 4$8,0/( &(--


ovada

ilsettimanale • giovedì 3 ottobre 2013

19 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Il Premio La consegna dei riconoscimenti venerdì 4 ottobre, alle ore 21, al teatro Splendor

La serata di Testimone di Pace

CON IL CAI

“Polentata” sul Tobbio

Quest’anno assegnato all’associazione di volontariato Jerry Essan Masslo Paolo Dall’Oglio, ospite della nostra città lo scorso ottobre, di cui non si hanno notizie da diverse settimane. A raccontare l’importante esperienza di dialogo interreligioso avviata dal gesuita italiano nel monastero siriano di Deir Mar Musa sarà la professoressa Antonella Ghibaudi. Coordinerà la serata il giornalista di Radio Popolare Danilo De Biasio. Ricordiamo che Testimone di Pace è organizzato dal Comune di Ovada, dal Centro Pace Rachel Corrie, dall’Associazione Articolo 21 e dalla trasmissione radiofonica Fahrenheit (RAI Radio 3), con il sostegno della Provincia di Alessandria, della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria e della Banca Popolare di Milano.

Venerdì sera, 4 ottobre, alle ore 21, al teatro Splendor appuntamento con la serata di premiazione della ottava edizione del premio Testimone di Pace, quest’anno assegnato all’associazione di volontariato Jerry Essan Masslo di Castel Volturno (CE) per il progetto “La casa di Alice”. Saranno il presidente dell’associazione Renato Franco Natale e la responsabile della sartoria sociale “La casa di Alice” Anna Cecere a raccontare le difficili condizioni in cui operano i volontari dell’associazione, in una terra a fortissima immigrazione africana e diffusa illegalità per la presenza della camorra. Parteciperà alla serata anche il giornalista Sergio Nazzaro, premiato quest’anno per la sezione Informazione, che al litorale casertano ha dedicato un importante volume pubblicato da Einaudi: «Castel Volturno. Reportage sulla mafia africana». Sul palco anche un grande esperto di temi legati all’immigrazione africana nel nostro Paese, il giornalista Gianni Ballarini , redattore del periodico dei comboniani “Nigrizia”. Interverrà poi la giornalista de “Il Mattino” Rosaria Capacchione, che alla situazione del casertano ha dedicato importanti inchieste. Senatrice

Gli ospiti Oltre al giornalista Sergio Nazzaro, premiato in questa edizione per il settore informazione, ci saranno anche Gianni Ballarini, Rosaria Capacchione, Antonella Ghibaudi e Danilo De Biasio

PD, Rosaria Capacchione vinse il premio Testimone di Pace 2008 per la sezione Informazione. Il lavoro di ricerca e la pubblicazione di articoli sugli affari e le collusioni camorristiche nel casertano l’ha resa un bersaglio per il clan dei “casalesi”. Ha dedicato alla camorra campana un importante saggio, uscito nel 2008 («L’oro della camorra», Rizzoli). Attualmente vive sotto scorta. Uno spazio particolare durante la serata sarà inoltre dedicato al conflitto siriano e alla difficile situazione di Padre

all’annunziata

EDOARDO SCHETTINO ovadese@alice.it

inbreve

Festa della Madonna della Salute Si rinnova anche quest'anno presso l'Oratorio della S.S. Annunziata di Ovada la festa della Madonna della Salute con un Triduo di preparazione (il 5, 6 e 7 ottobre alle ore 20,30) ed una solenne Celebrazione Eucaristica. L’8 ottobre, Festa della Madonna della Salute, S. Messa alle ore 8,30, mentre alle 17,30 verrà celebrata la Messa Solenne con la partecipazione della Cantoria Parrocchiale di Rossiglione Inferiore diretta da Gian Luigi Olivieri e accompagnata all'organo da Claudio Martini. Inoltre sabato 5 ottobre, alle 21, si terrà un concerto del Gruppo Vocale Tiglietese diretto da Claudio Martini e Giovanna Parodi. Verrà accompagnato all'organo dal giovane confratello Francesco Caneva, attualmente iscritto al 7° corso della Scuola di Organo presso il Conservatorio “A. Vivaldi” di Alessandria. L'organo dell'Oratorio, della bottega dei fratelli Serassi, risale ai primi anni dell’Ottocento.

L’evento Domenica prossima 6 ottobre

L’iniziativa L’idea di biblioteca e assessorato alla Cultura

Festa in piazza Per i donatori

Riparte “Insieme a Teatro”: otto appuntamenti a Genova

Un momento di festa e incontro tra i volontari delle associazioni che curano la raccolta del sangue nella nostra regione. E’ questo il senso della festa regionale, inserita nell’ambito delle giornata nazionale promossa dalla Fidas, organizzata per domenica 6 ottobre. Quest’anno la sede del ritrovo è Ovada, con la supervisione dell’Ados in collaborazione con la Croce Verde Ovadese e il patrocinio del Comune di Ovada. La nostra città riceve il testimone da Cuneo. L’epicentro dell’iniziativa è piazza Martiri della Benedicta, la piazza Rossa, dove verrà allestita la tensostruttura che ospiterà tutti i volontari in arrivo dalle altre cinque federate del Piemonte per il pranzo sociale di fine mattinata. Il programma completo prevede il ritrovo, attorno alle 9.00, e la formazione del corteo che sfilerà per le vie principali con i gonfaloni delle diverse associazioni aderenti. Il lungo serpentone sarà accompagnato dalla banda A. Rebora. Per le 11.00 è prevista la messa presso la Parrocchia di Nostra Signora Assunta. Alle 12.30 il rientro verso piazza Martiri e, come detto, il pranzo sociale. “L’iniziativa – spiega Gian Luigi Lanza, presidente dell’Ados Ovada – è nata da poco ma già dalle prime edizioni è diventato un momento molto sentito tra i donatori e uno strumento importante di divulgazione della nostra attività nei confronti di chi ancora ha dei dubbi sulla possibilità di dare la sua adesione”.

Riparte “Insieme a Teatro”, il ciclo di “viaggi teatrali” organizzati dalla Biblioteca Civica, con la collaborazione dell’assessorato alla Cultura, allo scoperta dei cartelloni dei principali teatri del capoluogo ligure. Il programma di quest’anno prevede quattro visite al Teatro della Corte più una al Duse e tre al Carlo Felice. Si comincia domenica 27 ottobre, alla Corte, con “Attenti a quei tre/due”, con Tullio Solenghi, Maurizio Lastrico e Enzo Paci. Sempre alla Corte, domenica 10 novembre, sarà la volta di Luca Barbareschi con “Il discorso del re”. Sabato 30 novembre protagonista il balletto, al Carlo Felice, con “Lo schiaccianoci” di Ciajkovsky, nella particolare rappresentazione con il ballet-

La sezione di Ovada organizza per domenica 6 ottobre, la tradizionale “polentata” sulla vetta del monte Tobbio. Il ritrovo è fissato alle ore 8,30 in piazza Martiri della Benedicta (piazza rossa) oppure entro e non oltre le ore 11 sulla cima del monte. Per informazioni: Cai Ovada via XXV Aprile 10; tel. 0143 822578; apertura il mercoledì e il venerdì dalle ore 21.

A GRILLANO

Festa vendemmiale Domenica 6, in frazione Grillano, è in programma la “Festa Vendemmiale” con visita alle Cantine dell’Azienda Agricola Carlotta e Rivarola ed illustrazione delle principali fasi della vinificazione. Seguirà la degustazione guidata dei vini dell’Azienda accompagnati da gastronomia locale. Prenotazione obbligatoria. Info: Azienda Agricola Carlotta e Rivarola: 0143 82 10 85 –338 48 56 811; tcr.grillano@libero.it www.carlottaerivarola.it

L’INCONTRO

Conversazioni filosofiche Venerdì 11 Ottobre, alle ore 20,45, presso il Salone Nobile di Palazzo Spinola, in piazza San Domenico, nell’ambito delle “Conversazioni filosofiche”, si terrà un incontro con il prof. Oscar Meo sul tema “L'Estetica della Caricatura”.

ALLO SPLENDOR

Festival Fred

to su ghiaccio di San Pietroburgo. Pausa poi fino all’anno nuovo. Il 4 gennaio, sempre al Carlo Felice, è previsto l’Otello di Giueppe Verdi con la direzione di Andrea Battistoni. Domenica 2 febbraio tappa al Duse per “La voce umana / Il Bel indifferente” di Jaques Cocteau con Adriana Asti. Due settimane dopo, il 16 febbraio, si torna alla corte per “Giocando con Orlando”, da Ludovico Arioso, con Stefano Accorsi. Domenica 9 marzo sale

sul palco della Corte Gabriele Lavia con “I pilastri della società” di Henrik Ibsen. Chiusura con l’opera: il 17 maggio, al Carlo Felice, c’è la Carmen di Bizet. Rimane invariato il costo del trasporto: Euro 5 per i residenti ad Ovada, Euro 8 per i non residenti. Per prenotazione e ulteriori informazioni è possibile contattare lo 0143.81774. Presso la Biblioteca sarà inoltre possibile ritirare il materiale promozionale dell’iniziativa.

Mercoledì 17 Ottobre, alle ore 21, al Cinema – Teatro Splendor, per la seconda edizione di “Fred in Festival”, è in programma una serata di rievocazione dell’opera artistica di Fred con la partecipazione di Enrico Ruggeri e di altri importanti testimoni diretti della straordinaria esperienza musicale del Maestro Ferrari.

IN PIAZZA

Mercatino biologico Tutti i sabati del mese in Piazzetta Cereseto, ad Ovada, si tiene il “Mercatino del biologico e dell’artigianato ecocompatibile”.

Dei Fr atelli Barbato

Assistenza - Impianti Elettrici Elettronici - Iniezione benzina Freni ABS - Autoradio ; "! "5 ! 5! " ! "5 2 / : ' ; 5 Meccanica generale

AUTO AUTO SOSTITUTI SO SOSTITUTIVA VA su p prenotazione renotazione e

INCENTIVI PER IL GPL (GAS)

IMPIAN IMPIANTO TO INIEZIONE 3/4 CILINDRI LANDI RENZO

DA D A

1300 IIVATO VATO

POSSIBILITA SIBILITA TA A DI FINANZIAMENTO NANZIAMENTO à D FI OM MA M AGGIO IO BORSA PO RTARUOTA IN OMAGGIO PORTARUOTA

Via Novi 1 OVADA (AL) - Tel. 0143.86166 Fax 0143.86186 E-mail: info@elettrauto81.it


ovada

ilsettimanale • giovedì 3 ottobre 2013

20 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

La zona Sono stati stipulati diversi accordi, ma apparentemente senza logica territoriale

Unione dei Comuni, ora è caos E a Molare c’è polemica sulla futura convenzione con Mornese e Tagliolo di scelte operate dal sindaco e dal capogruppo di maggioranza, ci troviamo a doverci unire con i soli paesi rimasti senza accordi, Tagliolo e Mornese, che non ci sono limitrofi. Senza contare che si parla di una sede dell’Unione a Mornese, il paese più piccolo e distante da noi”. Nel frattempo continua l’attesa per la nomina, da parte della Regione, dei commissari delle Comunità Montane il cui compito sarà pagare i debiti, riscuotere i crediti e assegnare la proprietà dei beni. A questo proposito c’è chi si chiede che fine farà la Cantina di montagna di Lerma, già di proprietà della Comunità Montana.

L’abolizione delle Comunità Montane sta generando una sorta di caos. Molti piccoli Comuni, in previsione della nuova legge (ma sarà mai varata?) sulla cancellazione delle province, stanno dando vita ad una serie di accordi tra di loro. Infatti la futuribile nuova normativa prevede la realizzazione di Unioni o di Consorzi tra i vari enti locali entro la fine dell’anno. Il guaio è che, al momento, gli accordi sembrano sorgere senza alcuna logica territoriale, in un contesto di anarchia campanilistica. C’è chi – come Dino Angelini, già presidente del Consiglio della Comunità Appennino Aleramico Obertengo – parla apertamente della nascita di tanti piccoli “feudi”. Ed in effetti, se andiamo a vedere le Unioni e le Convenzioni già stipulate o in fase di definizione, sembrerebbe proprio che la confusione regni sovrana e sorge il sospetto che gli accordi nascano sulla base di simpatie o antipatie recenti o storiche piuttosto che su un ragionamento vero e proprio. Nel dettaglio: è stata creata l'Unione fra Bosio, Lerma, Belforte, Casaleggio Boiro e Montaldeo e presto dovrebbe nascere quella tra Fraconalto, Voltaggio, Carrosio e Parodi. Inoltre Gavi e San Cristoforo hanno stipulato una convenzione, mentre

Piccoli feudi E’ la definizione data dall’ex presidente del Consiglio della Comunità Appennino Aleramico Obertengo, Dino Angelini, sull’anarchia campanilistica nata dalle ceneri delle Comunità Montane

Mornese, Tagliolo e Molare pare si apprestino a “unirsi”. Su quest’ultima operazione però c’è da registrare una polemica tutta “molarese”. Il gruppo di minoranza “Vivere Molare” infatti ha preso posizione contro il sindaco Gian Marco Bisio su questo argomento. Motivo del contendere: Cassinelle. “In una prima fase ci era stata prospettata una convenzione con Cassinelle, Tagliolo e Mornese, poi con la sola Cassinelle – spiega l’opposizione -. Ora però Cassinelle ha iniziato a muoversi con altri Comuni. Noi, a causa

castelletto

DIEGO CARTASEGNA ovadese@alice.it

Festival di Oltregiogo Il Festival di Oltregiogo Letteratura, giunto ormai alla sua Terza Edizione, ha affrontato quest’anno le tematiche legate al cibo ed all’alimentazione. La rassegna è stata promossa ed organizzata dal Distretto Culturale ed Ambientale dell'Oltregiogo in collaborazione con l’Associazione Lettere e Arti, che ne ha curato l’aspetto scientifico. La serie di appuntamenti, iniziata il 19 settembre a Gavi, si concluderà domenica 6 ottobre a Castelletto d’Orba. Il programma della giornata prevede, alle ore 17, nei locali dell’Antico Torchio, in frazione Bozzolina, un momento “letterario”: infatti i poeti e narratori “racconteranno” l’Oltregiogo; seguirà, alle ore 18.30, una serie di letture e di performance da parte degli autori intervenuti. Alle ore 19.30 è prevista una pausa buffet, al termine della quale, alle ore 20,30, a conclusione Oltregiogo letteratura 2013, ci sarà la proiezione del docufilm “Mani in pasta”.

Rossiglione Con la tradizionale castagnata Castelletto d’Orba Sabato 5 ottobre, dalle 19 fino a notte

Expo Valle Stura, Ultimo week end

Terra&vino , un festival folk della musica e danza popolare

Si concluderà domenica prossima, 6 ottobre, l’Expo Valle Stura. In questo secondo fine settimana (da venerdì a domenica) farà da cornice alla manifestazione la suggestiva e tradizionale Castagnata a cura della Pro Loco di Rossiglione, giunta quest’anno alla 36ª Edizione. Nella mattinata arriverà il treno storico a vapore (per informazioni e prenotazioni: tel. 346 3619103). Sul treno ad accogliere i viaggiatori ci saranno, a cura del Museo Passatempo, figuranti in costume. Ogni sera alle 19 e sabato e domenica a mezzogiorno aprirà il ristorante, mentre in mattinata sarà possibile fare colazione con latte e focaccia tipica. L’iniziativa si svolge con il sostegno dell’ANCI Liguria, della Fondazione Carige, della Camera di Commercio, della Regione Liguria, del GAL Appennino Genovese e della Provincia di Genova. L’iniziativa ha lo scopo di promuovere e favorire le attività e le produzioni che maggiormente qualificano le valli del’entroterra genovese e quelle che fanno parte dell'artigianato puro

Sabato 5 ottobre, a partire dalle ore 19 e fino alla mattina di domenica il centro sportivo in località Castelvero a Castelletto d'Orba, ospiterà “Terra&Vino: Castelletto Folk Festival 2013”, una manifestazione organizzata dal Comune, col contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria. “Compiendo uno sforzo straordinario, grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, e all'impegno dei volontari, siamo riusciti

anche nel 2013 a mantenere in calendario "Terra&Vino”, spiega il sindaco di Castelletto d'Orba, Federico Fornaro. Poche manifestazioni, infatti, riescono a richiamare sul nostro territorio appassionati da tutt’Italia: un obiettivo raggiunto grazie alla scelta compiuta anni fa di far conoscere e valorizzare il variegato mondo del folk”. Sul palco si alterneranno il Duo Botasso (bal folk), i Contraggiro (pizziche), gli Statale 45 (4 Province) e i “padroni di casa” della

Banda Brisca (bal folk), con Bernardo Beisso. La notte proseguirà con la mazurka libera del Duo Pastis. Anche quest'anno sarà possibile cenare al coperto dalle 19 alle 22.30 - con i piatti e i vini Doc e Docg dell'Alto Monferrato, grazie all'impegno dei volontari dell'associazione “Insieme per Castelletto” e della Polisportiva Comunale. Si ballerà fino all'alba di domenica 6 ottobre e per questo il bar rimarrà aperto fino alle ore 3. L'ingresso è completamente gratuito.

MARANZANA ABBIGLIAMENTO

inbreve APPUNTAMENTI

Passeggiata e… “splinsougni” Doppio appuntamento domenica 6 Ottobre a Castelletto d’Orba: sono infatti in programma la “Passeggiata d’Autunno”, alle ore 14, con partenza dal parcheggio Volta e arrivo in borgata Bozzolina, e la “Festa delle castagne e degli splinsciougni”, in piazza Marconi. Quest’ultima iniziativa è promossa dalla Pro Loco.

A ROCCA

Paesaggi del Monferrato Resterà aperta fino a domenica 13 Ottobre, a Rocca Grimalda, la mostra “Paesaggi dal Monferrato all’Oltregiogo”. Espongono: Luigi Costa, Andrea Gaione, Andrea Gandino, Renato Gastaldo, Marialisa Ottonello, Lino Scarsi e Adriano Volpi.. Orario: Venerdì e Sabato 16 19; domenica 15 -19.

ROSSIGLIONE

Al via il corso ginnastica dolce Il 30 settembre a Rossiglione è ripreso il corso di ginnastica dolce, organizzato dalla UISP (Unione Italiana Sport per tutti) e dal Comune. Le lezioni sono tenute dal prof. Claudio Priarone e si svolgono presso la palestra delle scuole il lunedì, dalle ore 16.30 alle 17.30, ed il giovedì, dalle ore 17.30 alle 18.30. Il corso è indirizzato, in particolare, alle persone di una certa età che desiderano “mantenersi in forma”.

SULLA STATALE

Lavori tra Campo e Rossiglione Lungo l’ex statale del Turchino, tra Rossiglione e Campo Ligure, sono ripresi i lavori di ampliamento della carreggiata, con senso unico regolato da impianti semaforici. Si tratta del terzo intervento, dopo quelli svolti negli anni precedenti, in un tratto dove è ancora presente un restringimento. Questi lavori dovrebbero risolvere definitivamente il problema in quanto nelle zone adiacenti ormai la sede stradale risulta abbastanza ampia.


pozzolo

ilsettimanale • giovedì 3 ottobre 2013

21 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

La gita Domenica prossima camminata ecologica alla portata di tutti

Alla scoperta delle trunere a zonzo per la Fraschetta LISA LANZONE l.lanzone@ilnovese.info

Una giornata alla portata di tutti – non solo dei “camminatori” esperti – immersi nella natura, alla scoperta del territorio. È questa l’idea che sta alla base dell’iniziativa organizzata per domenica 6 ottobre, dalle Guardie Ecologiche della Provincia di Alessandria, in collaborazione con il Museo Civico di Storia Naturale di Stazzano. Si tratta di una suggestiva passeggiata naturalistica alla scoperta delle antiche “Trunere”, le tipiche costruzioni in terra cruda che caratterizzano la zona compresa tra Serravalle, Pozzolo e Novi. L’itinerario è stato, quindi, denominato “A zonzo nella Fraschetta”: Fraschetta è, infatti, il nome con cui solitamente viene denominata l’area che circonda le campagna della nostro territorio, nei pressi del torrente Scrivia. Il raduno dei partecipanti è previsto alle 8.30 in piazza Risorgimento, a Stazzano, con trasferimento – con mezzi propri – alla frazione Bettole di Pozzolo. Un secondo punto di ritrovo è quindi previsto alle 9 davanti alla chiesa parrocchiale della frazione. Dopo una breve passeggiata tra i campi del territorio, il gruppo raggiungerà la Cascina Tolentina, risalente, con tutta probabilità, al 17esimo secolo, e realizzata quasi interamente in terra battuta e con un mi-sto di mattoni crudi e cotti. Dopo la visita alla struttura, è previsto il ritorno alla Chiesa di Bettole, dove si potranno ammirare i recenti restauri e gli affreschi realizzati dal pittore Roberto Bonafè.

inbreve OTTOBRE

Castello Aperto Ultimo mese di apertura del Castello Medievale di Pozzolo Formigaro, attuale sede degli uffici comunali. La struttura, che ha aderito al circuito regionale “Castelli Aperti”, sarà aperta al pubblico – con visite guidate gratuite (anche multilingue) – durante tutte le domeniche di ottobre (6, 13, 20 e 27) dalle 15 alle 18.30. Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi alla biblioteca comunale, durante gli orari di apertura degli uffici comunali, oppure contattare il numero 0143 417054; oppure ancora inviare una email all’indirizzo biblioteca@pozzoloformigaro.gov.it. Le visite si svolgono in collaborazione con i volontari dell’associazione “Pozzolo d’argento”. (L.L.)

VILLALVERNIA

Madonna del Rosario Villalvernia si prepara a celebrare la festa patronale della Madonna del Rosario, che si tiene la prima domenica di ottobre, con il culmine dei festeggiamenti il giorno successivo. Quest’anno quindi la manifestazione si terrà lunedì 7 ottobre e per l’intera giornata tutti gli uffici comunali rimarranno chiusi al pubblico. (L.L.)

VILLALVERNIA

Convenzione rinnovata

E dopo il pranzo presso i locali della pro loco, sarà proprio Bonafè a parlare delle tecniche di costruzione delle “trunere”. Nel pomeriggio è, invece, prevista la visita a un edicola realizzata in terra battuta dallo stesso pittore. Alla giornata naturalistica prenderà, inoltre, parte l’agronomo Alberto Mallarino, che spiegherà ai partecipanti le caratteristiche delle colture tipiche della Fraschetta. Il percorso è di circa 8 chilometri,

con un dislivello di poche decine di metri e quindi adatto anche per famiglie con bambini. La giornata sarà quindi l’occasione ideale per ammirare i colori dell’autunno, della campagna, oltre che per scoprire luoghi tipici del territorio. Il rientro a Stazzano è previsto intorno alle 18. Per partecipare è indispensabile l’iscrizione al numero 345 8159215; il pranzo presso la pro loco ha un prezzo indicativo di 15 euro a partecipante.

È stato rinnovato l’accordo per il servizio gratuito di trasporto degli alunni disabili residenti a Villalvernia, che frequentano la scuola media di Cassano Spinola. Il servizio garantisce agli alunni residenti nel territorio comunale, in condizioni di svantaggio psico-fisico e non in grado di servirsi dei normali mezzi pubblici, il trasporto gratuito, per un numero di quattro posti disponibili. Per l’anno scolastico in corso, però, risulta iscritto alla scuola media cassanese soltanto un alunno in condizioni di svantaggio psico-fisico e pertanto risultano ancora disponibili tre posti: il Comune di Villalvernia intende, quindi, soddisfare alcune richieste, già pervenute, da parte di familiari di alunni frequentanti le scuole dell’obbligo di Cassano, che versano in condizioni di particolare disagio economico. A questo scopo viene stabilito il seguente ordine di priorità: alunni portatori di handicap, certificati dalla scuola e su specifica richiesta della famiglia con difficoltà nell’aiuto parentale; alunni frequentanti la scuola secondaria di 1° grado di Cassano, con esclusione per i frequentanti la scuola primaria, le cui famiglie risultano in condizioni di particolare disagio economico certificato dai servizi sociali. Le domande dovranno essere inoltrate agli uffici comunali e saranno valutate in base a un’apposita graduatoria. (L.L.)


serravalle · stazzano Traffico Svolta a un anno dalla sua installazione

Adesso il velox comincerà a dare davvero le multe ARIANNA BORGOGLIO a.borgoglio@ilnovese.info

A distanza di un anno dall’installazione del “Velo ok” a Serravalle Scrivia, in via Gambarato e via Romita, e dopo il successo iniziale del dispositivo che ha ridotto sensibilmente la velocità di transito degli autoveicoli, l’effetto deterrente appare totalmente svanito. Evidentemente gli automobilisti hanno intuito che in nessuno dei box arancioni, nella fase di sperimentazione condotta finora, è presente il tanto temuto autovelox e per questo motivo la velocità ha ricominciato ad aumentare. Inevitabile che, a questo punto, l’amministrazione abbia deciso di iniziare ad applicare anche le sanzioni. «Lo faremo con gra-dualità – dice il vice sindaco, Pasquale Vecchi – ma la sicurezza è una priorità. “Noi sicuri” [la ditta che fornisce questo dispositivo; ndr] aveva rilevato, per esempio, in via Gambarato, che senza “Velo ok” il limite dei 50 all’ora era stato superato in media 882 volte al giorno». Altrettanto inevitabile la rinascita delle polemiche sulla legittimità di questo

ilsettimanale • giovedì 3 ottobre 2013

22 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

inbreve L’INIZIATIVA

Divertirsi in Biblioteca Anche quest’autunno riparte “CreAttività! Divertiamoci insieme creando, inventando e… riciclando”, un’iniziativa della biblioteca comunale “Roberto Allegri” di Serravalle per promuovere fantasia e abilità manuale nei bambini e nei ragazzi dai 3 ai 14 anni. L’iniziativa, partendo dall’idea di un gioco divertente, favorirà non solo la socialità dei ragazzi ma soprattutto insegnerà a utilizzare materiali eterogenei (principalmente di riciclo) per costruire con le proprie mani giocattoli e oggetti invece di acquistarli. Il primo appuntamento della stagione, quello di domani, venerdì 4 ottobre, è intitolato “Costruiamo un riparo per i nostri amici pennuti”. I ragazzi impareranno a realizzare delle coloratissime e divertenti casette per uccelli che aiuteranno questi ultimi a proteggersi dal freddo. Impareranno inoltre alcune informazioni sugli uccelli che popolano il nostro territorio. L’appuntamento è alle ore 16.30 presso la biblioteca comunale in piazza Carducci. (A.B.)

I CORSI

Ginnastica senza età A Serravalle sono iniziati i corsi di “Ginnastica senza età”, che si tengono presso il palazzetto dello sport di viale Rimembranza. Le lezioni si svolgono di lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9.15 alle 10.15 o dalle 10.15 alle 11.15. Per info 0143 609450. (A.B.)

L’INIZIATIVA

Imparare a fotografare dispositivo. I responsabili dell’azienda hanno dichiarato in proposito: «Sono vecchie dicerie che puntualmente riaffiorano in ogni provincia dove partiamo con il progetto. I “Velo ok” non hanno alcun profilo di illegittimità. E poi il ministero dei Trasporti non è affatto contrario al sistema, né ha mai sollevato dubbi circa la sua piena legittimità. Insomma la classica bufala». Secondo l’associazione Globoconsumatori di Alessandria, invece, i “Velo ok”

non avrebbero la necessaria omologazione, e cita in proposito un parere del ministero dei Trasporti. In realtà, il parere del ministero è esplicito nel chiarire che è consentito l’impiego dei “Velo ok” quando è prevista «l’installazione al loro interno di misuratori di velocità [autovelox; ndr]». A voler fare gli azzeccagarbugli, però, va considerato che non sempre i totem arancioni disseminati per Serravalle contengono l’autovelox, anzi. La loro

funzione principale è quella di spingere l’automobilista a sollevare il piede dall’acceleratore. Un deterrente, insomma, più che un sistema per multare i guidatori. Sempre secondo il ministero, non è nemmeno ne-cessario il presidio, cioè la presenza, nei pressi dell’autovelox, delle forze dell’ordine, quando «vengano utilizzati dispositivi appositamente approvati per funzionare senza la presenza degli organi di polizia stradale».

Sono aperte a Serravalle le iscrizioni al sesto corso base di fotografia digitale organizzato dall’associazione “Amici dell’arte”, in collaborazione con l’assessorato alla Cultura. Il corso avrà inizio mercoledì 9 ottobre, alle ore 21.00, presso le ex scuole elementari di via Giani 18, e terminerà il 18 dicembre. Le lezioni si terranno al mercoledì, dalle 21.00 alle 23.00. Il corso sarà tenuto da Fausto Mogni e sarà composto da otto lezioni più due uscite sul campo. Le uscite saranno dedicate alla fotografia notturna e alla fotografia macro e panoramica. Per informazioni 347 4109278. (RED.)

SCUOLA

Migliorie al riscaldamento Il Comune di Serravalle sosterrà una spesa di oltre 34 mila euro, di cui 27 mila per migliorie al sistema di riscaldamento con biomassa del complesso scolastico “Martiri della Benedicta”, della scuola materna “Divano”, dell’asilo nido e della scuola materna di via Abbazia e delle ex scuole elementari in via Giani. (A.B.)

Il progetto Primo carico di una nuova filiera

Waxy, un mais speciale alla Roquette di Cassano Il primo carico del mais coltivato in base al progetto denominato “Qualità e valore dalla terra – Filiera mais speciali” è stato conferito alla Roquette di Cassano Spinola. Si tratta di un mais denominato waxy, un genere adatto alle lavorazioni dell’amideria. Fra le ottanta aziende agricole coinvolte nel progetto, la prima a portare il suo carico a destinazione è stata la Peretti Valerio di Casale Popolo. Con l’iniziativa presentata a inizio anno con il supporto dell’Università Cattolica di Piacenza, Roquette punta al «miglioramento qualitativo e l’innalzamento della redditività del mais waxy non solo grazie alla selezione di varietà adattabili alle diverse situazioni agroclimatiche e all’adozione di pratiche agronomiche rispettose dell’ambiente, ma anche attraverso un maggior seguito della coltura in campo da parte dei tecnici del Servizio agronomico di Roquette Italia e la pianificazione della sequenza logistica che consente di contenere entro non più di sei ore il tempo che trascorre tra l’inizio della raccolta e la consegna del mais allo stabilimento».

Il mais conferito presenta un’umidità di circa il 30 per cento ed è esente da contaminazioni di origine fungina, rispettando quindi gli standard qualitativi richiesti dal progetto, grazie anche al fatto che la consegna è avvenuta a meno di tre ore dalla raccolta. (G.C.)


arquata · val borbera

ilsettimanale • giovedì 3 ottobre 2013

23 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

La vicenda Dal Consiglio dovrebbero esserci i nuovi finanziamenti

Il caso Videosorveglianza e un cancello

Vocemola, oggi arrivano i soldi per i lavori sul ponte

Parco Mairano, forse l’apertura è davvero vicina

GIAMPIERO CARBONE g.carbone@ilnovese.info

Nel bilancio di previsione 2013 del Comune di Ar-quata (in approvazione nella seduta del Consiglio di oggi, giovedì 3 ottobre, alle 18) in programma il finanziamento dei lavori di due lotti del ponte di Vocemola, da anni in attesa di essere sistemato. Il documento ha già ottenuto l’ok della giunta, con il voto favorevole del vicesindaco Franco Bisignano. Quest'ultimo la scorsa primavera aveva puntato i piedi dopo che il responsabile finanziario del Comune aveva annullato il mutuo da 1,35 milioni di euro con la Banca Carige previsto per il ponte poiché all’epoca non erano ancora stati approvati né il bilancio di previsione né il consuntivo 2012 e in quanto, in base al parere del revisore dei conti, c'era il rischio di non rispettare il patto di stabilità. Un parere definito da Bisignano, in una lettera inviata al responsabile finanziario, «indebito e contraddit-torio». Ora, con l’ok al bilancio, non dovrebbero più esserci problemi al finanziamento dei primi due lotti. Spiega Bisignano: «Nel bilancio sono previsti interventi per 2,53 milioni per intervenire sui primi 230 metri di ponte, quelli ridotti peggio. Ac-

cendere un mutuo più elevato per sistemare tutto il ponte si è rivelato impossibile a causa dei limiti di spese imposti ai Comuni. Per gli altri 150 metri da sistemare cercheremo in qualche modo i fondi, ci stiamo comunque già muovendo». Il Comune può contare anche su 600 mila euro della Regione. Il ponte, oltre a essere sistemato dal punto di vista della

Ponte, oggi si decide Nel consiglio comunale previsto per questo pomeriggio dovrebbe essere approvato il finanziamento dei lavori al ponte di Vocemola, da anni in attesa di essere sistemato.

sicurezza, sarà allargato. Durante i lavori è previsto un guado provvisorio sullo Scrivia, già autorizzato dal settore Opere pubbliche della Regione. La minoranza, in sede di approvazione del bilancio consuntivo 2012, aveva annunciato voto contrario ai lavori per il ponte nel caso fossero rimasti dubbi sulla tenuta dei conti del Comune a causa di questo mutuo milionario.

Parco Mairano, forse ci siamo. Dal Comune parlano di apertura imminente grazie all’installazione della videosorveglianza e di un cancello automatico. Il giardino è stato realizzato a spese (200 mila euro) del costruttore del nuovo immobile edificato al posto del cosiddetto Vecchio Caffè, dove sono stati costruiti 24 alloggi. I 3800 metri quadri del parco avrebbero già dovuto diventare proprietà comunale oltre trent’anni fa ma nessuna amministrazione, fino al 2008, li aveva mai rivendicati. Nonostante i lavori siano terminati da parecchi mesi, l’area non è ancora stata aperta al pubblico. In primavera, dal municipio avevano spiegato che il motivo era l’assenza di un gestore del verde, da rintracciare tramite bando (dopo l’emanazione di un apposito regolamento) come per altre aree verde pubbliche, oltre che alcuni interventi di completamento. Di recente la giunta ha approvato l’installazione di altre tre telecamere in paese, una al Movicentro, ulteriore a quelle esistenti, e due appunto al Mairano, per permettere ai cittadini di frequentare l’area in sicurezza e di prevenire atti di vandalismo. «Senza telecamere – dicono dal Comune – il parco sarebbe stato certamente oggetto di danneggiamenti, come purtroppo capita spesso. Abbiamo inoltre voluto ripetere l’esperienza dell’area giochi di piazza Caduti, dove con il cancello automatico nelle ore serali lo spazio è al sicuro da eventuali teppisti». Oltre 8 mila euro la spesa prevista, stavolta a carico del Comune. Resta in futuro l’ipotesi di affidare a un privato la gestione del parco, che potrà installare un piccolo chiosco oppure piccoli pannelli pubblicitari con nome della sua azienda, pubblicizzata anche sul sito internet del Comune. (G.C.)

Vignole Approvato il progetto preliminare

Sì alla variante del Prg ma con parecchia bagarre Ok del Consiglio comunale di Vignole al progetto preliminare della variante strutturale al piano regolatore (Prg). Oltre agli adeguamenti normativi, l’obiettivo dell’amministrazione comunale è, come si legge nella relazione del progetto, «un aggiornamento delle aree residenziali al fine di introdurre incrementi moderati a quelle già previste dal prg finalizzate a rispondere a specifiche richieste di cittadini e un aggiornamento delle aree produttive al fine di consentire lo sviluppo delle attività esistenti e mantenere, almeno, gli attuali livelli occu-pazionali». Il prg prevede circa 150 nuove abitazioni, per la maggior parte su aree edificabili da decenni e mai utilizzate per circa 30 mila metri cubi. Il Comune ha chiesto di aggiungerne altri 15 mila. Si potrà costruire solo vicino al centro abitato senza alcuna previsione, come era già stato stabilito nel documento programmatico, oltre la strada provinciale 140. Previsto poi uno sviluppo dell’area industriale dove opera la Deref, in località Fornace. Eliminate alcune aree edificabili in località Vanzelle, Variano e Madonna del Chioccale. In Consiglio, dopo l’esposizione del contenuto della variante da parte dell’architetto Rosanna Carrea,

onoranze funebri

. . . cit Professionalità, totale assistenza che generano armonia e conforto

Lite sui metri cubi Bagarre in consiglio comunale a Vignole sulla variante al Prg. Alla fine il documento è stato approvato, ma Renati e Caviglia hanno votato contro. incaricata dal Comune, bagarre con l’opposizione sugli indici di edificabilità. Giancarlo Renati, esponente della minoranza, ha chiesto chiarimenti sulla diminuzione degli indici da 0,8 a 0,4 e il suo collega di gruppo, Paolo Caviglia, ha affermato: «La popolazione andava informata di questa scelta. Inoltre, un architetto dello staff del sindaco ha presentato un piano esecutivo convenzionato (Pec) poco prima di questa seduta per ottenere lo 0,8». Il primo cittadino, Giuseppe Teti, ha replicato: «Gli

indici sono stati diminuiti per precisa scelta politica: si vuole cementificare di meno e avere più verde pubblico. Per ogni cento mq edificabili saranno necessari 400 mq di terreno per avere maggiore privacy per i residenti. L’architetto in questione non fa più parte del mio staff da gennaio-febbraio. Ampia informazione sulla variante». Alla fine, progetto approvato con il voto contrario di Renati e Caviglia. L’iter di approvazione prevede ancora l’approvazione del definitivo. (G.C.)

Servizio continuato

24 ore su 24 via Giacometti n. 22 (Palazzo Pallavicini)

Novi Ligure

0143 2411


ilsettimanale • giovedì 3 ottobre 2013

24 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Bailo, i progetti che durano nel tempo “Principessa Gavina” così verrà denominata la nuova residenza che sorgerà, a Gavi, sulle ceneri dell’ex magazzino Cit. Si tratta di una ristrutturazione urbanistica, ristrutturazione che prevede la demolizione e la ricostruzione dell’edificio che sarà commerciale a piano terra e residenziale ai livelli superiori. Inoltre sono previsti due piani seminterrati di box auto. In un momento di difficoltà economica generale, in cui sono sempre meno le opportunità di lavoro, la ditta Bailo, forte della sua esperienza e competenza nel settore dell’edilizia, vuole, almeno a livello locale, invertire la tendenza andando a realizzare un’opera edilizia importante che andrà a valorizzare il centro di Gavi. «Il recupero dei fabbricati fatiscenti- spiega l’architetto Silvia Bailo- nei centri abitati tiene conto di un particolare studio dell’aspetto energetico senza, però, dimenticare l’estetica. La struttura che stiamo realizzando a Gavi, sarà esteticamente legata al contesto abitativo in cui si trova. I nostri palazzi dialogano con ciò che li circonda. Alla base del progetto c’è sempre uno studio attento del contesto, ed in particolare dei colori delle facciate dei palazzi adiacenti. Il fabbricato deve essere bello, funzionale, deve permettere a chi via abita di spendere il meno possibile dal punto di vista energetico, ed inoltre deve durare nel tempo». Oggi più che mai l’attenzione verso il risparmio è un diktat al quale non si può e non si deve rinunciare. Risparmio energetico è sinonimo di funzionalità e di rispetto dell’ambiente in cui si vive, per questo l’architetto sottolinea come nel suo lavoro di progettazione questo aspetto sia

da tenere in estrema considerazione. Aggiunge infatti: «Quando si realizza un progetto si pensa anche all’aspetto sociale, gli spazi devono avere più destinazioni d’uso con attività commerciali ed aree verdi, insomma si devono creare aree fruibili dall’intera comunità. Vanno evitate situazioni di degrado e col passare degli anni, l’immobile, deve mantenere il suo valore. Non vogliamo creare dormitori, ma strutture vive che abbiano una loro continuità nel tempo. E, in tale contesto, l’attività commerciale consente una fruizione continua». Inoltre «il lavoro che sta dietro al recupero edilizio non è casuale ma fa parte del “modus operandi” del nostro studio. Mio padre, l’ingegner Giuseppe Bailo, ha sempre eseguito un’attenta analisi del contesto in cui si va ad operare. Il tessuto urbanistico di Gavi, ad esempio, è carente di box auto e di spazi pubblici aperti, pertanto si è andati a plasmare il complesso immobiliare su queste due destinazioni d’uso prevalenti. Attenzione particolare è stata rivolta anche alla viabilità. Verrà, infatti, collegato il parco giochi adiacente l’edificio con la nuova piazza che sarà realizzata; in questo modo si offrirà ai gaviesi un nuovo ambiente che valorizzerà l’intera area. Conclude Silvia Bailo: «Questo è uno dei primi progetti importanti a cui sto lavorando e, nella sua realizzazione, fondamentale è stata, e continua ad essere, la collaborazione con l’architetto Brigida Gallo, con l’architetto Cristina Sanguinazzi, con mio padre, l’Ing. Giuseppe Bailo e, per quanto riguarda la parte commerciale, con Luciano Bianchi dell’ Abi Immobiliare».


gavi

ilsettimanale • giovedì 3 ottobre 2013

25 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Rifiuti Nel mirino la raccolta porta a porta nel centro storico

«La differenziata in difficoltà» Secondo il presidente di Econet l’amministrazione comunale è stata carente GIAMPIERO CARBONE g.carbone@ilnovese.info

Differenziata al palo In centro storico manca la raccolta porta a porta dei rifiuti (nella foto la situazione di via XX Settembre). Secondo Econet, il Comune di Gavi non ha mai chiesto di avviare il servizio anche nel concentrico cittadino.

livelli migliori e i gaviesi pagherebbero molto meno il costo di utilizzo della discarica, dando un positivo contributo dal punto di vista ambientale. Solo che l’amministrazione comunale a quanto pare non ci sente. Nell’ultimo consiglio comunale, sollecitato dalle opposizioni sul tema, il sindaco Nicoletta Albano ha parlato ancora di «confronti con Econet, la quale però non è dotata dei mezzi adatti a passare nelle vie strette del centro storico».

lamostra

«Dal Comune di Gavi non è mai arrivata una richiesta ufficiale di valutare l’avvio del sistema porta a porta nel centro storico»: lo sostiene Piergiorgio Giacobbe, presidente di Econet, la società che gestisce il servizio di raccolta e smaltimento rifiuti. A Gavi la raccolta differenziata è intorno al 34 per cento, molto al di sotto dei limiti previsti dalla legge (oltre il 50 per cento) anche perché la raccolta domiciliare dell’umido avviene solo nel concentrico (da piazza Roma alle località Fabbrica e Maddalena) dal 2008, dopo che il Consorzio Servizio Rifiuti (Csr) aveva minacciato l’amministrazione comunale di espulsione. Oggetto del contendere era proprio l’applicazione del porta a porta, almeno per l’umido: Gavi, con i suoi 4.700 abitanti, rientra nei Comuni obbligati ad applicare il servizio per diminuire il quantitativo di indifferenziato in discarica e quindi a ridurre i costi di smaltimento. Proprio dopo il 2008, infatti, la percentuale è passata dall’8 al 30 per cento, a dimostrazione dell’efficacia del servizio. Se il porta a porta venisse applicato anche al centro storico, dove risiede la maggior parte della popolazione, la differenziata potrebbe balzare a

«Rispetto ai mezzi – dice Giacobbe – bisogna prima sedersi intorno a un tavolo per valutare cosa vuole il Comune e quindi quale impiego di mezzi e personale è necessario. Gavi, visto il numero di abitanti, in base al contratto firmato con Econet nel 2006, deve fare il porta a porta per l’umido e la raccolta stradale degli altri rifiuti. Per noi il servizio può essere svolto, basta mettersi d’accordo». Nessuno ha ancora smentito quanto affermato dal consigliere Livio Destro in consiglio comunale: «I gaviesi pagano aliquote della tassa rifiuti come se tutti usufruissero del porta a porta, operativo invece solo nel concentrico».

Il soffio della vita “Il soffio della vita” è il titolo della mostra che si tiene a Gavi, in corte Zerbo, nella galleria “Spazio Arte”, a partire da sabato 5 ottobre e che vede protagonista l’artista Giovani Massolo. La mostra verrà inaugurata alle ore 17.30, con la presenza dell’artista e continuerà fino a domenica 27 ottobre (apertura dal giovedì alla domenica, dalle ore 16.00 alle 19.00). L’artista savonese fin da molto giovane inizia il suo percorso, con il liceo artistico e l’Accademia di Belle Arti di Torino, si appassiona alla tecnica dell’incisione e non solo, le influenze durante la sua formazione vedono personaggi importanti come Giuseppe Di Cairo, Felice Casorati, Eso Peluzzi, Cesare Maggi. Massolo ha insegnato per molti anni disegno dal vero all’istituto d’arte Jona Ottolenghi di Acqui Terme. (D.A.)

L’iniziativa L’associazione Oltregiogo

La polemica Un manifesto del circolo della Vallemme

Forte, un appello per valorizzarlo

Critiche della Corte dei conti, il Pd attacca il Comune

Appello del Consigliere provinciale Dino Angelini per la valorizzazione del Forte di Gavi. Il presidente dell’associazione Oltregiogo, in apertura del convegno “Tracce liguri tra Oltregiogo e Oltremare” di giovedì scorso si è rivolto «alla politica nazionale». «Il Forte – ha detto Angelini – è la risorsa più importante dell’Oltregiogo. Encomiabili gli sforzi della Soprintendenza e la sua disponibilità, come lo sono tutte le iniziative organizzate, che aumentano di anno in anno. Però il Forte ha bisogno di altro per essere vivo: ha bisogno di un impianto di risalita (in ogni castello dell’Austria esiste) e vi è già un progetto esistente presentato al Ministero». Il riferimento è al progetto dell’architetto di Genova Roberto Burlando, presentato (ma mai troppo sostenuto) dal Comune al Ministero delle Infrastrutture su iniziativa dei Lions e mai finanziato. «Il Forte – ha detto ancora Angelini – ha bisogno di essere riempito di contenuti. Pensiamo ai cannoni e ad altri pezzi importanti di proprietà del Forte che giacciono a Torino e che qualcuno si ostina a non restituire. È la politica nazionale che deve intervenire. Le amministrazioni locali e le associazioni possono fare ben poco, se non segnalare e protestare: i nostri politici a Roma devono farsi carico del problema. Con un esito positivo si potrebbe veramente cambiare, dal punto di vista economico, questo territorio». (G.C.)

Il circolo Pd della val Lemme attacca l’amministrazione comunale di Gavi e lo fa con un manifesto riferendosi alla pronuncia della Corte dei conti del Piemonte che pochi mesi fa ha messo nero su bianco numerose criticità riscontrate nel bilancio consuntivo 2011. Ricordiamo l’elevato ammontare di residui attivi, cioè crediti non riscossi, riferiti a entrate tributarie ed extratributarie non ricosse dal 2007 per quasi 209 mila euro, cifra da eliminare come prevede la legge e la cui permanenza fa apparire il bilancio in attivo quando in realtà sarebbe in negativo. Il Pd evidenzia anche altri problemi emersi, come il dato negativo rispetto alla spesa corrente (quella per far funzionare ogni giorno

il Comune), per il quale la Corte ha richiesto l’adozione di «misure gestionali che escludano rischi per i futuri equilibri di bilancio». Inoltre, il circolo ricorda la richiesta della Corte di provvedere al recupe-

ro dell’evasione tributaria in base a dati certi, senza quindi mantenere i suddetti residui attivi troppo datati e quindi non più recuperabili, per evitare di incorrere «in gravi irregolarità amministrative». «Esprimiamo – dicono dal Pd della val lemme – vera preoccupazione circa l’operato dell’amministrazione comunale di Gavi in materia finanziaria e di spesa in particolare, spesso motivata da motivazione elettorali. Invitiamo tutta la popolazione gaviese a seguire con molta attenzione l’operato della giunta per evitare possibili conseguenze che potrebbero coinvolgere tutta la cittadinanza come è successo a Alessandria per colpa della precedente giunta di centrodestra». (G.C.)

ilcaso “Smarino, il parco vigilerà” di Giampiero Carbone «La valutazione di incidenza va fatta ma non noi abbiamo ricevuto nessun documento sul progetto di deposito»: il Parco Capanne di Marcarolo risponde così all’associazione Amici delle Ferrovie e dell’Ambiente (Afa) sul 1,3 milioni di mc di smarino del Terzo Valico previsti nell’ex cava Cementir, a Voltaggio, alla base del Monte delle Rocche. Qui Cociv intende ammassare l’enorme quantità di rocce e terre da scavare nel tunnel del vicino cantiere operativo. L’ex cava è però dentro il sito di importanza comunitaria (Sic) Capanne di Marcarolo, un’area protetta istituita dall’Unione Europea da tempo, ulteriore ai confini del Parco e da questo ente gestita. Per operare al suo interno nonché ai suoi confini servono studi che dimostrino quale può essere l’impatto ambientale e quindi la fattibilità o meno dell’intervento. L’Afa aveva richiesto al Parco «di verificare se sussistono i presupposti per attivare una procedura di valutazione di incidenza, come prescritto dalle norme del Sic. Le rocce da stoccare rischiano di contenere quantità rilevanti di amianto nonché di composti tossici di nichelio, cobalto e cromo». Il Parco, ammettendo la necessità dello studio, ha risposto: «La valutazione di incidenza viene attivata in base alla documentazione presentata dal proponente [il Cociv; ndr]. Questo ente non è in possesso di alcuna informazione in merito né a conoscenza di progetti in approvazione». Interpellato, il Parco ha affermato che, se Cociv comincerà a depositare lo smarino, attiverà il servizio di vigilanza. L’Afa commenta: «Abbiamo ricordato al Parco e alla Regione che la valutazione di incidenza serve per legge, altrimenti la conferenza dei servizi sul piano cave, alla quale per altro curiosamente il Parco non è mai stato convocato, rischia di essere invalidata. Se non si interverrà informeremo l’autorità giudiziaria». Domani sera, venerdì 4 ottobre, alla Soms di Arquata, il comitato No Tav organizza un’assemblea sul rischio amianto. Sabato alle 21 altra assemblea a Gavi con l’Afa e il circolo Vallemme Terra e libertà per fare il punto della situazione sul Terzo Valico.

ASSOCIAZION E NOVESE NOVESE ASSOCIAZIONE DONATORI V OLONTARI SANGUE SANGU E DONATORI VOLONTARI Via Via Mazzini 2 29/5 Tel. el. 0 0143.746112 9/5 · Novi Ligure · T 143.746112 www.andvs.org www.andvs.org · andvs@andvs.org

Il sangue g serve sempre s p di più.

Donalollo anche D h tu.

Puoi donare tutti i giorni feriali, dalle 8 alle 10 10 presso il Servizio Trasfusionale d di ovi

)%,#--* '& #,* )$*,( 1&*)& *+, ''/*%* ! ,*%#.. 1&*)# /*,& (&-/, ,#0#).&0& %, ./&.& &) )1& (#).& *)-#%)# # !*'' /"* --&-.#)1 +*-. 0#)"&.

#. !*(+'#.* + ,.&,# " 2 &0 &)!'/&)-#,#)"* +& )* !*../, " 2

0&

#,, 0 ''# (* &'&$&!&* ''&#0& '& #,* &.

&0 &)!'/-

!(


società

ilsettimanale • giovedì 3 ottobre 2013

26

Capriata A Villa Carolina il 13° Torneo “Pro-Am Erg Golf Invitational”

Golf, anche Vialli trionfa nel nome di Duccio Garrone ELIO DEFRANI e.defrani@ilnovese.info

Si è tenuto lunedì 30 settembre il tredicesimo trofeo “Pro-Am Erg Golf Invitational”, nella splendida cornice del golf club Villa Carolina a Capriata d’Orba. L’evento di lunedì è intitolato alla memoria del grande imprenditore Riccardo Garrone, che si è spento a Grondona il gennaio scorso: le sue passioni erano il calcio, la caccia, la pesca e il golf ovviamente, al quale ha sempre ha dedicato grande impegno. Si dice che osservando come una persona gioca a golf, si può comprendere come quella stessa persona si comporti nella vita. Nel golf, infatti, ogni persona è arbitro di se stessa. Un concetto che Garrone ha sempre fatto proprio, e che l’ha probabilmente aiutato a diventare uno dei più grandi e più amati imprenditori italiani. Per la sua dedizione al lavoro, per il suo amore per lo sport. E a un appuntamento di così grande rilievo come quello di lunedì, non potevano mancare nomi di spicco, non solo dell’ambito golfistico. Basta dare una rapida scorsa alla classifica per accorgersene: nella classifica a squadre, primo posto net-

to per la compagine formata da Canonica, Mauro, Semino e Vialli. Dove Canonica sta per Emanuele Canonica, il grande golfista originario di Moncalieri; Mauro sta per Massimo Mauro, il giocatore di Juventus e Udinese con più di trecento presenze in Serie A; Vialli sta per Gianluca Vialli, la mitica stella della Sampdoria dei record; e Semino sta per Marco Semino, grande appassionato di golf e vul-

canico organizzatore di mille iniziative a cavallo tra sport, solidarietà e moda. Nella squadra che ha conquistato il primo posto lordo, invece, si leggono i nomi di Silvio Grappa-sonni, Filippo Fiori, Emanuele Bonomi e Edoardo Garrone. L’imprenditore e attuale presidente della Sampdoria, sul green di Villa Carolina, ha seguito le orme del padre in una bellissima giornata di sport.

Sempre nel gioco a squadra, secondo posto netto per Delio Lovato, Uberto Cravotto, Giuseppe Ferraris, Eugenio Dadone; terzo netto a Paolo Terreni, Christian Nardi, Roberto Radaelli e Daniele Massaro, il grande attaccante del Milan di Capello; quarto netto a Benedetto Pastore, Roberto Deideri, Gian Paolo Boniperti (figlio del presidentissimo della Juventus, Giampiero) e Giorgio Boselli.

l’appuntamento

www.novionline.net • www.ovadaonline.net

L’arte del Denim “The Art of Denim” è il titolo dell’appuntamento che sabato 5 e domenica 6 ottobre animerà l’Outlet di Serravalle Scrivia. “The Art of Denim” è una campagna internazionale dedicata appunto all’arte e al tessuto più conosciuto al mondo, e approda in Italia grazie alla McArthurGlen. A Serravalle, l’artista alessandrino Riccardo Guasco sarà impegnato nella realizzazione di un’opera di oltre 7 metri quadrati davanti agli occhi dei visitatori del centro, su un palcoscenico stage appositamente progettato per valorizzare l’opera e la spettacolarità dell’esecuzione. Riccardo Guasco è fumettista, illustratore e pittore. Nato a Alessandria nel 1975, influenzato da movimenti come il cubismo e il futurismo e da personaggi come Picasso, Munari, Feininger, Savignac, Chaplin, disegnare è per lui una forma di poesia. Con linee semplici e pochi colori cerca la leggerezza della forma e il calore cromatico. I suoi lavori sono costellati di case altissime, biciclette, grandi cetacei, uccelli migratori, barche sospese, nuvole e altri oggetti provenienti da un posto chiamato fantasia. Le sue illustrazioni appaiono su campagne pubblicitarie, riviste, libri, cappelli e biciclette. Tra i suoi clienti ci sono Eni, Diesel, Rizzoli, Giunti, Moleskine, Thames & Hudson, DeAgostini. (E.D.)

Nel gioco individuale, il primo posto è andato a pari merito a Gregory Molteni, Paolo Terreni, Emanuele Canonica e Benedetto Pastore. Nel driving contest buca 13, si sono affermati Terreni Paolo nei Pro, Filippo Fiori e Anna Pettene negli Amateur. Infine, per la gara Nearest to the pin buca 12, vittoria di Benedetto Pastore nei Pro e Augusto Passadore negli Amateur.

Non è la prima volta che Vialli e Mauro si fanno vedere dalle nostre parti. È sempre Semino a chiamarli l’aprile scorso all’Outlet di Serravalle Scrivia, al torneo di street golf finalizzato a raccogliere fondi per la fondazione benefica a cui i due calciatori hanno dato vita nel 2004: la Fondazione Vialli-Mauro, che si occupa di finanziare enti caritatevoli o di ricerca medico scientifica.

GRAZIE AL CENTRO DOWN

UN VADEMECUM PER L’INTEGRAZIONE SCOLASTICA Per le scuole e le famiglie con ragazzi diversamente abili A vedersi è un “libricino” di una trentina di pagine, dalla veste curata ma non appariscente, che sulla copertina accoglie un simpatico disegno con un gruppo di bimbi che evoca il ricordo, comune ad ognuno di noi, delle “foto di classe”. Il titolo, poi, “Vademecum per l’integrazione scolastica” non lascia dubbi: è una guida destinata al mondo della

ALLA CITTADELLA

“QUANDO LE FOGLIE CADONO” l’arte contemporanea valorizza LA NATURA E IL TERRITORIO L’Associazione di Volontariato “Legambiente Ovadese e Valli Stura – Circolo Progetto Ambiente” con alcune importanti associazioni ambientalisti locali e il supporto del CSVA, propone alla comunità “Quando le foglie cadono”, installazione-mostra ed eventi organizzati in occasione della 9 “Giornata del Contemporaneo” promossa dall’Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiani che gode del patrocinio del Comune di Alessandria. Location d’eccezione della Mostra (curatore Michele Dellaria) sarà la Cittadella di Alessandria, con una straordinaria installazione di Setsuko sul platano che si erge a fianco del bastione di Sant’Ambrogio: si tratta della messa in opera di reti, posizionate all’altezza del fusto della pianta, che permettono di “valorizzare” le foglie, sospendendole tra la chioma e la terra, nel momento della loro caduta. Ad essere offerta, dunque, una nuova e decisamente suggestiva visione del verde, delle foglie, del cielo…La mostra si potrà visitare dal 5 ottobre sino all’11 marzo 2014. In programma, durante il periodo di apertura, anche visite guidate alla Cittadella e molti ed eterogenei eventi dedicati al tema “natura”. In particolare le Associazioni locali che collaborano alla realizzazione dell’evento, Legambiente, Italia Nostra, FAI e Pro Natura, proporranno diverse attività sul tema dell’albero e della memoria. Il momento inaugurale è programmato per sabato 5 ottobre, alle ore 16.00. Per informazioni: 347 3892189, e.mail: michele.dellaria@libero.it

CSVA

NUOVI CORSI DI FORMAZIONE ATTIVATI PER IL SECONDO SEMESTRE DEL 2013 Si parte ad ottobre Riprende l'attività di formazione proposta dal CSVA e destinata a soddisfare le principali esigenze delle Associazioni della provincia di Alessandria. I corsi organizzati in provincia di Alessandria per il periodo ottobre 2013 – febbraio 2014 sono: “Organizzare un evento: principi, strategie, pianificazione” ad Alessandria (ottobre); “Mettersi in gioco: metodi e tecniche di animazione per i gruppi” (organizzato in collaborazione con l’Associazione Il Porcospino) ad Alessandria (ottobre e novembre); “La comunicazione radiofonica come strumento per il volontariato” (organizzato in collaborazione con l’Associazione La Vita Buona) ad Alessandria (ottobre-novembre); “Internet e posta elettronica” ad Ovada (novembre); “Tablet e smartphone: l'evoluzione dal pc” ad Alessandria (novembre); “Informatica – applicativo Power Point: come realizzare presentazioni con slide, materiale promozionale e comunicativo” ad Alessandria (novembre-dicembre); “Ascolto attivo” ad Alessandria (gennaio-febbraio 2014). E’ inoltre in programma l’organizzazione di un seminario dedicato alla “Rendicontazione del 5 per mille”, ad Alessandria, in data da definire. I corsi sono gratuiti per i volontari ma anche accessibili, a pagamento, a chi non svolge attività di Volontariato. Il primo corso a prendere il via è “Organizzare un evento: principi, strategie, pianificazione” che si propone di illustrare le nozioni di base per strutturare con successo un evento, a partire dall’attenta valutazione della sua “opportunità” per arrivare agli step di base funzionali ad ottimizzarne la realizzazione. Il corso prevede in tutto 2 incontri. Ad Alessandria il 18 e il 25 ottobre, dalle ore 16.45 alle 18.45, presso la Sala Formazione del CSVA (via Vochieri, 80). Iscrizioni entro l’11 ottobre. Ricordiamo, inoltre, che sempre ad ottobre, prenderà il via uno speciale corso, organizzato dal CSVA in collaborazione con l’Associazione “Il Porcospino”, funzionale a sviluppare le competenze di base per facilitare l’attivazione e la gestione dei gruppi. Si articola in due moduli: il primo residenziale (dall’11 al 13 ottobre, con spese per vitto e alloggio); il secondo nel mese di novembre, in 4 incontri. Per tutti i corsi l’iscrizione è obbligatoria: è necessario compilare un apposito modulo di iscrizione.

Per informazioni dettagliate sui corsi, sulle modalità e tempistiche di iscrizione: www.csva.it o contattare il CSVA: tel. 0131 250389 – e.mail: formazione@csva.it.

Scuola e dedicata ad alunni “speciali”, quelli diversamente abili, in primis, ma non solo, bimbi con la Sindrome di Down. La peculiarità di questo vademecum non deve stupire visto che, a realizzarlo, è l’Associazione Centro Down di Alessandria, grazie al supporto del CSVA e, soprattutto, grazie alla disponibilità del C.S.A de L’Aquila che ne detiene la “paternità”, sia per quanto concerne i contenuti che la divulgazione sul territorio nazionale a quanti ne facciano richiesta. Proprio così, perché il Vademecum che oggi il Centro Down di Alessandria mette a disposizione delle scuole e delle famiglie della provincia è stato concepito e realizzato a beneficio di tutti e dal quale tutti possono trovare utili e “applicabili” indicazioni per facilitare l’inserimento scolastico - primo e fondamentale “passo” nel cammino della vita “sociale” - dei bimbi e ragazzi diversamente abili: “Questa pubblicazione”, spiega Mario Bianchi, Direttore del Centro Down di Alessandria, “va

ad affiancarsi alla guida ‘Un progetto di vita’, elaborata dai Componenti del G.L.I.P e del G.L.H. di Alessandria e Novara e distribuita nel 2010 a tutte le scuole e ai genitori degli alunni portatori di handicap della nostra provincia: entrambi gli opuscoli possono aiutare genitori e docenti ad orientarsi nel difficile percorso che ha come fine una reale integrazione scolastica”. Bianchi, ricorda inoltre che proprio presso la sede dell’Associazione Centro Down Alessandria (via Mazzini, 85) a partire da questo mese viene attivato uno “SPORTELLO INTEGRAZIONE SCOLASTICA”, gestito da due Psicopedagogiste che, previo appuntamento telefonico al n. 0131260123 o scrivendo una mail a alessandria@centrodown.org offrono consulenza gratuita a insegnanti e genitori per favorire l'integrazione scolastica. La pubblicazione del Vademecum è un’occasione per ricordare la preziosa attività svolta dal Centro Down sul territorio che, dagli anni ’90, mette i propri servizi ed attività a disposizione dei bambini e ragazzi disabili della provincia. Opera con lo scopo di aiutare, da un lato le persone portatrici della trisomia 21 - sia nel percorso riabilitativo sia nell'inserimento nella vita normale - dall'altro, di creare un gruppo di supporto e di aiuto ai genitori che si trovano a dover gestire i propri figli affetti da questa disfunzione genetica. “L'aiuto dell'associazione”, sottolinea Mario Bianchi, “non si limita all'offerta di sostegni di logopedia, musicoterapia, nuoto e danza terapia ma offre ai soci la possibilità di laboratori di falegnameria, tessitura, decoupage, cucina, coro. Con l'aiuto di esperti il Centro gestisce un laboratorio teatrale che, tutti gli anni, mette in scena una rappresentazione interpretata dai nostri ragazzi, con il sostegno di volontari”. Da non dimenticare l’importante attività che l’Associazione svolge a favore e sostegno dei genitori di bimbi con Sindrome di Down: vieni, infatti, offerta alle famiglie la possibilità di colloqui con una psicologa esperta in persone sindrome di down, l'appoggio di personale altamente qualificato nello studio dei percorsi scolastici, attività da fare con i propri ragazzi ed il confronto e l'appoggio di altri genitori che vivono la stessa avventura. I volontari, all’interno del Centro Down, rappresentano la forza trainante, come ci tiene a sottolineare Bianchi:

“svolgono, nella nostra associazione, un ruolo fondamentale. Appoggiano i professionisti nel proprio compito di aiuto ai ragazzi, gestiscono, dopo un'adeguata preparazione ed affiancamento, attività in proprio secondo le personali capacità, svolgono ruoli di segreteria e di supporto amministrativo, sono, in poche parole, la spina dorsale dell'associazione”. Da sottolineare che, recentemente, per venire incontro alle molte richieste, l'associazione ha aperto le porte anche ai soci con diverse patologie riguardanti la sfera intellettiva: la scelta di pubblicare il “Vademecum”, strumento utile per l’inserimento scolastico dei bimbi diversamente abili “in generale”, ne è una chiara dimostrazione. Dove trovare il “Vademecum”, dunque? Sarà veicolato dal Centro Down, grazie alla Collaborazione del Provveditorato agli Studi, presso le scuole della provincia e si potrà trovare oltre che presso la sede del Centro Down (via Mazzini, 85 - Alessandria) anche presso il CSVA. Per avere la pubblicazione, inoltre, è possibile contattare

il Centro Down (tel. 0131260123 – mail: alessandria@centrodown.org). “Invitiamo, inoltre”, conclude Mario Bianchi, “i genitori di bambine e bambini con problematiche psico-intellettive e chi avesse la voglia e la disponibilità di dedicare qualche ora al volontariato, a contattarci presso la sede sociale o via mail, all'indirizzo alessandria@centrodown.org”. Per le attività proposte dall’Associazione potete contattare la segreteria o visitare il sito: www.centrodown.org. Pagina facebook: gruppo associazione centro down alessandria.


inagenda

ilsettimanale • giovedì 3 ottobre 2013

27 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

CANTALUPO

FRESONARA

Domenica la festa della carne all’erba

La poesia si sposa con musica e ballo

Per chi ama i sapori veraci, domenica 6 ottobre a Cantalupo Ligure arriva l’ottava “Festa della carne all’erba”. La specialità del giorno sarà il vitello allo spiedo, che si potrà gustare a pranzo a partire dalle ore 12.30, ma solo su prenotazione entro e non oltre domani, venerdì 4 ottobre (335 1458297 o 0143 90960). Ma la festa non sarà sinonimo solo di enogastronomia: dalle ore 16.00 si potrà partecipare al palio dei balloni e ad altri giochi campestri, inoltre saranno presenti bancarelle di prodotti tipici locali e una splendida mostra bovina e ovi-caprina. Una giornata immersi nel verde della val Borbera da trascorrere piacevolmente tra gustosi piatti e divertimenti “di una volta”. (D.A.)

La poesia in unione con la musica e il ballo, è questa la serata che si prepara a Fresonara il 5 ottobre, dalle ore 21.15, nel teatro Comunale. “Note di emozioni: poesia che danza col tango” è il titolo dell’evento nel quale il poeta e attore Gerry Melucci presenterà la sua ultima raccolta “Viaggi di-versi” in una cornice di esibizioni del gruppo “Tanguera” diretto dal maestro Carlo Fortunato, con la partecipazione straordinaria della coppia di campioni italiani Mauro Taricco e Rita Panebianco. La serata sarà introdotta da Tiziana Boccaccio, le letture saranno tenute dal noto attore Francesco Parise e a presentare la serata sarà Marta Calcagno. Gerry ama il sud America, terra in cui nasce il tango al quale dedica molte poesie che divengono arte e si fondono con la musica e il ballo in un vero, imperdibile, spettacolo. (D.A.)

Malattie, regine, erbe e guaritori Il medico e docente universitario ovadese Paolo Mazzarello pubblica il suo romanzo, basato su precise ricerche storiche Una malattia devastante, un’erba misteriosa, un guaritore bulgaro e la regina d’Italia, sono i quattro protagonisti del romanzo “L’erba della regina, Storia di un decotto miracoloso” (Bollati Boringhieri) che Paolo Mazzarello [nella foto] ha scritto con grande passione e curiosità. L’autore, cresciuto a Mornese, ha lavorato all’ospedale di Novi Ligure per molti anni e attualmente insegna storia della medicina all’università di Pavia, è presidente del sistema museale di ateneo e direttore del museo per la storia dell’università, dal 2005 scrive romanzi, la sua grande passione è quella per la storia della medicina legata alle vicende umane. Una misteriosa cura bulgara somministrata ai pazienti affetti da encefalite letargi-

ca all’ospedale di Pavia, proprio da qui nasce la curiosità di Paolo per l’argomento che lo porta poi a cimentarsi in ricerche impegnate fino ad arrivare al romanzo finito. I viaggi in Bulgaria e Montenegro, gli archivi, i documenti del Cinquecento e di inizio Novecento, quelli in cirillico, è così che si snoda la ricerca avventurosa del docente che svela i segreti di una cura miracolosa. L’atropa belladonna è un’erba dalle moltissime proprietà: rende la pelle liscia, gli occhi lucenti, ma serba anche un veleno che può essere mortale, è la pianta della vita e della morte. Tutto ha inizio in Bulgaria, all’epoca della fine della prima guerra mon-

Arquata Al via l’anno accademico

diale, quando un medico, Ivan Raev, scopre che l’encefalite letargica, malattia già descritta in “Risvegli” di Oliver Sacks, che allora colpiva gran parte della popolazione, ha caratteristiche simili alla malattia del sonno degli animali, i sintomi sono svariati dalle convulsioni, al sonno perenne alle paralisi alternate, Raev s’imbatte in una donna malata e nota che facendole bere un infuso di belladonna migliora lo stato di salute, non ha più i sintomi, chiaramente la paziente ha bisogno di eliminare il veleno che questa erba rilascia e il medico trova rimedi anche per questo. La cura approda ben presto in Italia grazie alla regina,

moglie di Vittorio Emanuele III, Jelena di Montenegro, detta Elena, una donna molto ben istruita, amante della natura, della vita all’aria aperta e della medicina che viene incuriosita dalla guarigione di un colonnello italiano colpito da encefalite letargica in Bulgaria e curato da Raev, quando Elena ne viene a conoscenza se ne interessa e contatta il medico, iniziando quindi a ricevere decotti dal dottore bulgaro che li produceva ormai su larga scala. La cura, approvata dal grande neurologo italiano Giuseppe Panegrossi, inizia a essere somministrata con risultati sorprendenti ed eccezionali, inoltre Elena voleva che il trattamento fosse somministrato anche alle persone che soffrivano per i postumi della malattia, così fu e nel 1934 una sezione del Policlinico divenne il primo Istituto Regina Elena per lo studio e la cura del-

Il concerto Festival Lavagnino alla Juta

l’encefalite, infine la cura arrivò fino alla Germania nazista. Una trama del tutto originale, commuovente, magica,

illibro

DESIRÈE ANFOSSO d.anfosso@ilnovese.info

scientifica e colorata da personalità e vicende molto curiose, che sono state importanti per la nostra nazione e non solo.

Quelle notti in val Borbera C’era un pezzo di alessandrino in “Notti Nere”, la rassegna noir organizzata il 13 e 14 settembre scorsi nel Castello dei Paleologi di Acqui Terme con tanti autori noir presentati dal noto esperto del genere Luca Crovi (per dieci anni ha condotto in radio la rubrica “Tutti i colori del giallo” dove intervistava scrittori di noir). E non solo per la location: accanto ad autori come la torinese Margherita Oggero e il romano (più noto come sceneggiatore cinematografico) Enrico Vanzina, c’era anche l’alessandrino Giulio Massobrio che ha presentato “L’eredità dei Santi” (Bompiani), il suo secondo giallo. Come nel precedente “Occhi chiusi” il protagonista è il commissario Stefano Piazzi, stavolta alle prese con l’omicidio, nell’Alessandria del 1963, della maglierista Clelia Santi, originaria della val Borbera. Delitto forse collegato a quello di suo padre, archiviato come incidente, avvenuto trent’anni prima in val Borbera. Una vicenda appassionante e molto ben documentata («Negli anni Sessanta si uccideva con strumenti diversi da quelli di adesso», ha spiegato Massobrio che non dimentica di essere in primis uno storico), in buona parte ambientata in una terra misteriosa, magica e poco raccontata come la val Borbera. (S.P.)

Gavazzana Con i ‘Pulin & the Little Mice’

Roberta Alloisio Blues, un viaggio Unitre, si studia da ottobre a giugno e la gente di cinema a ritroso nel tempo Sei le conferenze e 32 i corsi organizzati da ottobre a giugno dall’Unitre di Arquata e Grondona per l’anno accademico 2013-14, la cui inaugurazione si terrà sabato 5 ottobre, alle 21.00, presso la sala Juta di Arquata Scrivia (via Buozzi). Aprirà l’anno la conferenza di Marco De Paoli [nella foto] con “Storia e costi della sanità”, quella italiana ovviamente. Sarà una carrellata sull’evoluzione del sistema sanitario italiano attraverso le sue riforme, ma soprattutto una panoramica di come sono cambiate le esigenze sanitarie, i livelli di assistenza e quanti risultati sono stati raggiunti in termini di salute e di sopravvivenza. Sull’altra faccia della medaglia i costi esorbitanti della sanità e i sistemi per reperire risorse e garantire servizi. Il tutto con molte foto e aneddoti per non appesantire la conferenza con troppi dati e tabelle. Il dottor De Paoli, arquatese di nascita, ha conseguito nel 1987 la laurea in medicina e chirurgia, nel 1996 la specializzazione in scienza dell’alimentazione. Dirigente medico presso gli Ospedali Galliera di Genova, docente di chirurgia presso l’Istituto di Amburgo (Germania), è oggi responsabile del centro di alta specializzazione per la cura dell’obesità. È autore di oltre cento pubblicazioni scientifiche e relatore a congressi nazionali e internazionali. Durante l’inaugurazione sarà ricordata Piera Ferretti De Paoli, madre del relatore e presidente dell’Unitre, scomparsa di recente. Molto conosciuta in valle Scrivia, era impegnata in diverse associazioni e membro del consiglio dei Lions di Novi. (RED.)

Penultimo appuntamento della tredicesima edizione del Festival Lavagnino “Musica e Cinema” che si svolgerà domani, venerdì 4 ottobre, presso la sala Juta di Arquata Scrivia, in via Buozzi. L’Orchestra Classica di Alessandria presenterà “Gente di cinema”: una raccolta di curiosità, aneddoti, commenti e colonne sonore che scorrono sulla pellicola del tempo. Protagonisti dello spettacolo saranno la cantante e attrice genovese Roberta Alloisio [nella foto]. Immancabile sarà la presenza dei solisti dell’Orchestra Classica di Alessandria che proporranno brani di Armando Trovajoli, recentemente scomparso e grande amico e collaboratore di Lavagnino. Non mancheranno melodie indimenticabili tratti dalla commedia musicale “Rugantino” e temi filmici scritti a quattro mani (“Bravissimo”, “America paese di Dio” e così via), inoltre brani di Nino Rota in occasione dei vent’anni della scomparsa di Federico Fellini. Parteciperà inoltre lo scenografo Carlo Leva che racconterà, attraverso simpatici aneddoti, le sue esperienze lavorative accanto a mostri sacri del cinema come Federico Fellini e Sergio Leone. Altro ospite della serata sarà il compositore e arrangiatore genovese Marco Grasso (direttore d’orchestra al Festival di San Remo, arrangiatore per Caterina Caselli, Rosalinda Celentano, Albano e Romina, Pierangelo Bertoli) al quale verrà assegnato il “Lavagnino Composer Award 2013”. L’ingresso al concerto è a offerta e il ricavato sarà utilizzato a scopo umanitario sul territorio a cura del Rotary Club Gavi Libarna. (RED.)

Le storielle, i trucchi per sopravvivere, le sfide quotidiane per tirare avanti un altro giorno, le voci basse e roche di chi deve trovare le forze per non lasciarsi andare, il sudore che scorre giù per braccia dei lavoratori, i tradimenti, le storie difficili di donne e di uomini, le filastrocche, i blues, le musiche da ballo, i gemiti, i drammi. Una musica sempre alla ricerca delle proprie radici, piena zeppa di personaggi leggendari e sconosciuti, legata indissolubilmente alla gente e alle sue storie. Tutto questo si può trovare nella musica dei “Pulin and the Little Mice”, alle cantine di Gavazzana, lunedì 7 ottobre alle ore 21.30, per scatenarsi a ritmo di blues, ragtime, country, bluegrass, musiche da ballo, canzoni tradizionali. Fatevi accompagnare dai “Pulin and the little mice” in un viaggio a ritroso nel tempo alla riscoperta dei generi che si sono incrociati e spesso fusi indissolubilmente per creare sonorità uniche fino alle radici di questa musica antica ma ancora viva e arzilla. La band porta avanti la propria attività live in quartetto acustico e, recentemente anche nella inedita formazione “busker”, utilizzando strumenti tradizionali, offrendo nei loro concerti non solo l’intrattenimento tipico del live, ma soprattutto un recupero delle canzoni che hanno segnato il cammino della musica blues e country nel tempo e una ricerca delle radici della musica così come noi oggi la conosciamo. Il concerto è a ingresso a offerta. (D.A.)


ilsettimanale • giovedì 3 ottobre 2013

28 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

pranzo della domenica

è come essere a tradizione, innovazione e... un pizzico di creatività Aperti da tutti i giorni dalle 18 alle 2 la domenica a pranzo

Via Dogana 5/a - 15067 Novi Ligure (AL) Tel. 0143.321455 347.9772359 - 349.0728563

www.locandadelsantobevitore.com


losport

ilsettimanale • giovedì 3 ottobre 2013

29 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

CALCIO

POLEMICHE

TENNIS TAVOLO

Ancora un turno con poche gioie per l’Ovadacalcio

Villalvernia paese con squadra altrove

In partenza la stagione della Saoms Ovada

PAGINA 30

PAGINA 32

PAGINA 35

Una Novese inguardabile perde la partita e la faccia

MAURIZIO IAPPINI sport@ilnovese.info

C’è modo e modo di perdere una partita ma la Novese ha scelto quella col Giana Erminio per perdere metaforicamente parlando, la faccia sia in campo che nel dopo partita. Contro una compagine da prendere come esempio per quello che significa “spirito dilettantistico” (tre allenamenti la settimana dopo le 18 quando i giocatori finiscono di lavorare) i biancocelesti di giallo vestiti per una cervellotica regola federale che impone alla squadra ospitante di cambiare casacca, hanno giocato la classica partita da “non pervenuti” come si indicavano le temperature climatiche ante-in-

ternet. Svuotati di energie, stanchi, senza mordente tattico e agonistico i novesi si sono lasciati sopraffare dall’organizzazione tattica dei milanesi di Gorgonzola che hanno vinto 2-0 grazie alla corsa e al senso tattico che ha reso dei giganti elementi che fino alla passata stagione militavano in eccellenza. Aveva ragione Banchieri a inizio stagione quando predicava calma nel presentare la squadra. “Con le figurine si fanno gli almanacchi non le squadre” obbiettava il tecnico a chi spiegava le qualità della sua squadra e a giudicare dal match di domenica aveva ragione. Se contassero solo le presenza, la Novese avrebbe vinto per manifesta superiorità ma invece la serie D si è con-

fermata ostica da capire per chi viene dai professionisti perché alcuni elementi fanno fatica a trovare il passo e forse non si sono calati ancora nella parte di chi deve correre per reggere il confronto con avversari magari poco blasonati ma certo vogliosi di vincere. Il 2-0 col Giana Erminio arriva al termine di un match dove la Novese non ha mai capito la partita con una difesa a tratti imbarazzante (Malgrati e Fasano sempre in ritardo e troppo statici), un centrocampo privo di idee e filtro (Ulloa e Corso perennemente saltati e in ritardo nell’uno contro uno) e un attacco dove il solo Zirilli rimane elemento di qualità. C’è da sperare che il ko sia la concomitanza di

eccellenza

11 giornate storte di altrettanti elementi perché se così non fosse si prospetterebbe un’altra stagione di sofferenza. Invocare le assenze serve a poco perché una squadra vera sa far quadrato e sopperire con la sofferenza alle assenze. Ora c’è la trasferta di Santhià, campo tradizionalmente ostico per i biancocelesti ma i tifosi e gli addetti ai lavori si aspettano uno scatto d’orgoglio per una squadra a cui nessuno imputa mancanza di impegno ma difficoltà nel calarsi nella parte e nella categoria. Elementi come Bertolotto o Malgrati dovrebbero fare la differenza dall’alto delle loro presenze in C1 mentre a oggi faticano l’uno a saltare l’avversario di turno, l’altro a contrarre l’attaccante avversario. Ma oltre che sul campo,

la Novese domenica ha perso anche nel dopo partita quando ha fatto saltare senza nessuna comunicazione la tradizionale conferenza stampa post partita per una “riunione tecnica” con Banchieri protrattasi oltre le 19 senza peraltro che nessun dirigente avvertisse il bisogno di comunicare qualcosa alla stampa e col solo Banchieri che dopo le 20 si è scusato telefonicamente e personalmente coi giornalisti. Dalla dirigenza invece nessuna telefonata di chiarimenti, un atteggiamento che mal si addice coi propositi neanche troppo velati di professionismo e organizzazione. Domenica sera invece pareva di assistere alla Corrida con “Dilettanti allo sbaraglio”. Della serie: per vincere bisogna crescere, sul campo e in società.

Libarna, un brodino caldo Pareggio interno per il Libarna che non va oltre l’1-1 con gli astigiani del Colline Alfieri. Un punto che sa tanto di brodino caldo dopo i due scapaccioni rimediati in quattro giorni ma che comunque non risolve del tutti i problemi, tecnici e caratteriali di un gruppo che appare sempre sul punto di maturare ma che non riesce a dare continuità di risultati al proprio cammino ma che anzi quando incontra una difficoltà va in tilt perdendo sicurezza e lasciando per strada punti preziosi. Il pari col Colline Alfieri è per certi versi figlio delle sconfitte inopinate con Olmo e Acqui, ko maturati in circostanze diverse e che si sono ripercossi domenica quando Merlo ha dovuto fare a meno delle punte Motta e Pellegrini perdendo almeno il 70% del proprio potenziale offensivo. Per la verità le cose contro i colligiani gialloblù astigiani si erano messe per il verso giusto con la rete su rigore di Mossetti a seguito di fallo su Bagnasco ma già al 35’ gli ospiti pareggiavano con una sberla dal limite di Pantaleone mentre nella ripresa le azioni degne di nota erano poche anche quando gli ospiti rimanevano in inferiorità numerica per l’espulsione del giovane portiere Brustolin. Ora il calendario riserva la trasferta torinese di Lucento dove tornano a disposizione Pellegrini e Motta e mister Merlo potrà disporre di qualche opzione in più in attacco.

ECCELLENZA

Primo ko per il Villa col Pinerolo Dopo un pareggio e tre vittorie arriva la prima sconfitta per il Tortona Villalvernia che tra le mura amiche perde 3-2 contro il Pinerolo. I bianchi di mister Casone giocano una partita a ritmi altissimi creando un’enorme mole di gioco e numerose palle gol: la doppietta di uno scatenato D’Alessandro fa chiudere la prima frazione sul 2-1, con gli ospiti che erano riusciti a trovare il pareggio con Piroli. Nella ripresa, complice una contestatissima espulsione comminata ai danni di Giordano per fallo di reazione, la gara cambia volto: gli ospiti spingono e prima trovano il pareggio con Pepe e in seguito passano in vantaggio con un contropiede finalizzato ancora da Piroli che sigla così la doppietta personale.. Al termine del match queste le parole di un rammaricato Francesco Musumeci, ds villalverniese: “È una sconfitta che non ci voleva, arrivavamo da diversi risultati utili consecutivi e questa battuta d’arresto brucia un po’, soprattutto per come è arrivata. Ora non bisogna drammatizzare più del dovuto, abbiamo perso per colpa di alcuni episodi sfavorevoli, sono sicuro che in parità numerica avremmo potuto portare a casa il risultato”.(U.C.)

Calcio In campo i club del calcio regionale piemontese

I risultati del mercoledì con le note negative Turno infrasettimanale la scorsa settimana per Eccellenza promozione e Prima categoria. Nel massimo campionato regionale piemontese, brutto scapaccione per il Libarna che si è arreso 4-1 sul campo della capolista Acqui quasi senza giocare perché già dopo 2’ i rossoblù privi degli squalificati Pellegrini e Motta erano sotto e al 49’ perdevano 4-0: solo un centro a risultato acquisito di Ilardo ha alleviato la pesante sconfitta che ha fatto pronunciare parole di fuo-

co al tecnico Alberto Merlo che ha parlato di una squadra senza mordente, la brutta copia di quella che negli ultimi due anni si è guadagnata col sudore e la fatica due salvezze consecutive senza patemi. Senza attacco e con alcuni uomini chiave non al top come Manno (infortunato) e Mossetti (lontano dalle sue giornate migliori) per il Libarna non c’è stata storia. In Promozione invece continua il filotto negativo della Gaviese di mister Amarotti che ha ceduto an-

cora una volta di misura col Pedona. Quarto ko per 1-0 segnale che se la difesa tutto sommato tiene, l’attacco bianco granata necessita di pesanti inserimenti perché chi gioca è spuntato anche per l’assenza per squalifica di un elemento del calibro di Portaro. E’ andata di poco meglio all’Ovada che il pareggio con il Canelli lo ha acciuffato nel finale di una gara dai due volti. La rete di Stocco è arrivata in coda a un buon secondo tempo dei bianconeri. Ma il

primo, forse ancora condizionato dal pesante 6-1 di tre giorni prima, era stato da dimenticare dopo lo sfortunato autogol di Oddone, colpito da una conclusione ospite dalla lunga distanza. Il cambio di modulo e una maggiore determinazione nella spinta hanno fatto la differenza. In Prima categoria invece l’Arquatese si è riscattata del ko domenicale col Savoia e ha giocato sul velluto liquidando 6-0 la malcapitata Viguzzolese. Il Fusaro sii conferma terra di

conquista col Cassano che ha ceduto 1-2 alla forte capolista Savoia, unico team in vettal girone H della prima categoria. Molto bene invece le ovadesi. Sei reti a segno per la Silvanese di Marco Tafuri che ha di colpo dimenticato la pareggite delle prime giornate. Malcapitato avversario

di turno la Boschese. Di valore il successo esterno della Pro Molare contro un Frugarolo che fino a quel momento aveva solo vinto. Segnale evidente di come la squadra di Albertelli abbia del potenziale e possa quindi recitare un ruolo di immediato rincalzo alle prime della classe.


losport

ilsettimanale • giovedì 3 ottobre 2013

30 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Promozione A Corneliano la sconfitta (2-0) arriva nella ripresa

Le reazioni Un bilancio finora povero

deluso: Ovada:lontanodalGeirino Arata «Buono solo le cose proprio non vanno il primo tempo» Due punti in cinque giornate rappresentano una prima parziale sentenza. Specie se il mese e mezzo iniziale di gara doveva servire come verifiche delle potenzialità dell’organico allestito in estate. “Purtroppo non siamo stati premiati dal risultato”, ha commentato dopo la gara il direttore sportivo Giorgio Arata, mostrando d’aver poca voglia di parlare. E ancora: “La prestazione è stata buona, soprattutto nel primo tempo”. Evidentemente il nuovo assetto a quattro difensori, definito da mister Fiori “più facile da interpretare per i nostri giovani” ha contribuito a un minimo di stabilità in più. Peraltro sono due i dati di fatto che la trasferta di Cornegliano hanno rimesso in evidenza. Fare punti lontano dal Geirino, a meno che non si rimanga nell’alessandrino, sarà sempre difficile pur riconoscendo ai bianconeri di aver affrontato tre squadra insediate nella parte nobile della classifica. Ancora più significativo, e già segnalato, il bottino di reti realizzate: due in cinque partite, una sola di queste realmente significativa. La squadra di Fiori ha iniziato il campionato provando a saltare il centrocampo senza ottenere risultati particolarmente apprezzabili nelle prime due uscite. Contro il Canelli si è vista più manovra ma è venuta fuori un’altra mancanza dell’organico, l’assenza del giocare che sappia dare i tempi giusti, e un minimo di razionalità. In vista dello scontro di domenica il quadro è chiaro perché le squalifiche di Oddone e Lovisolo tolgono al mister la possibilità di fare scelte. Fondamentale il rientro di Petrozzi, spostato sulla fascia nel turno infrasettimanale per dare maggiore spinta. Ma la priorità è trovare qualche gol in fretta.

LUCA PIANA ovadese@alice.it

E’ stata finora avara di soddisfazioni la campagna cuneese dell’Ovada Calcio. Tre gare, tre sconfitte. Domenica la storia si è ripetuta sul campo del Corneliano, un tiro di schioppo da Sommariva Perno dove s’era giocato all’esordio. La squadra di Fiori ha perso 2-0, cancellando almeno in parte lo sgradevole ricordo del pomeriggio di Savigliano ma non conquistando punti necessari per muovere una classifica sempre deficitaria. L’avversario, dal canto suo vola sull’entusiasmo della vetta conquistata proprio battendo l’Ovada. E questa volta ci si è messa pure la sfortuna a determinare l’ennesimo risultato negativo. Nel primo tempo sono gli ospiti a fare la partita e a rendersi pericolosi dalle parti di Marengo che risponde presente. Fiori è costretto a rinunciare a Petrozzi, lasciato in panchina per un dolore al piede. Il modulo riproposto è quello varato nella ripresa della gara con il Canelli che prevede la presenza di quattro difensori. Davanti la coppia formata da Barone e Stocco, ancora in stand by Arsenie. L’occasione migliore dell’intera prima frazione capita proprio sui piedi dell’ex molarese che coglie una clamorosa traversa. La squadra padrone di casa sembra aspettare il momento giusto per accelerare e colpire. Se ne accorge l’Ovada all’inizio della ripresa. Lo svantaggio arriva di fatto al primo vero affondo dei cuneesi: palla persa sulla trequarti e contropiede micidiale di Maghenzani che

batte Fiori e porta in vantaggio i suoi. La rete subita a freddo fa male ai bianconeri che perdono la sicurezza messa in mostra nel primo tempo. Pochi minuti dopo arriva la svolta di fatto decisiva. Oddone spazza un corner anticipando in mischia un attaccante, l’arbitro fischia rigore, rifilando al difensore il secondo giallo e lasciando così l’Ovada in 10. Fiori però riesce a respingere la conclusione. Finale concitato, con l’Ovada che rimane in nove per la

doppia ammonizione a Lovisolo e il Corneliano che ne approfitta per portarsi sul due a zero grazie ad un altro contropiede finalizzato da Maghenzani. Pesa sul risultato anche la consapevolezza che i due giocatori usciti dal campo non saranno disponibili per la sfida di domenica contro la Gaviese. Ora come ora l’incrocio con i granata rappresenta l’ultima spiaggia per entrambe le squadre. Quello del Geirino sarà un pomeriggio ad alta tensione.

Campionato provinciale Al Rocca il primo derby contro il Taiò

TigerNoviNews

Oltre un’ora di buon gioco. Ma non basta

Uisp, calcio e tanto spettacolo

Due reti negli ultimi minuti hanno fatto pagare pegno alla Tiger Novi, che domenica ospitava la forte compagine del LermaCapriata, sodalizio fra i più quotati per la promozione. Un 0-2 maturato negli ultimi 15’. Al 32’ st. Scontrino ha portato in vantaggio gli ospiti essendo più lesto a ribattere in rete una palla non tenuta dal portiere. Va detto che il tiro precedente è stato figlio di un’azione, non interrotta dall’arbitro, viziata da un fallo a favore della Tiger. Al 44’ st. Scontrino ha nuovamente segnato, per il definitivo 0-2, racco-gliendo un errato scarico della difesa in mezzo all’area novese, dove sul tiro l’estremo difensore della Tiger non ha potuto far nulla. Da segnalare che il Lerma ha colpito due traverse e che sullo 0-0 non è stato assegnato un rigore per la Tiger. Domenica prossima la Tiger Novi effettuerà il turno di riposo. Intanto, mercoledì 2 in serata, incontrerà nuovamente il Lerma, incontro valevole per la Coppa Piemonte. TIGER NOVI: Fusetto, Piccioni (12’ st. Fraula), Spataro, Boidi, Moldoanu (16’ st. Cosentino), Goma (31’ st. Spinelli), Devito, Ciliberto E.C., Nocerino, Romanini. A disposizione: Cancello D., Gravante, Cancello W.: Allenatore: Giuseppe Ravetti. Ammoniti: Ciliberto e Fraula (T).

Allievi e Giovanissimi. Avversari più forti, ma anche pessimi arbitraggi Nel fine settimana appena trascorso c’è stata ancora una sconfitta per le squadre Allievi e Giovanissimi. I primi sabato hanno ospitato l’Ovada che ha vinto 8-1. Per i primi minuti è stata pressata nella sua metà campo, poi la svolta è avvenuta all’8’ p.t. quando gli ospiti sono andati in vantaggio nonostante un fuorigioco di oltre dieci metri che l’arbitro non ha fischiato. Un’Ovada sicuramente più forte, un arbitraggio a senso unico contro la Tiger con un’espulsione, l’allontanamento dell’allenatore, e due infortuni, hanno fatto si che per la metà del secondo tempo la Tiger ha giocato in nove. La rete della bandiera è stata segnata da Manca. I Giovanissimi, domenica mattina, hanno perso 15-0 contro il Libarna.

Il Dertona C.G. vince il 3° “Calcio e Solidarietà” Il Dertona C.G. ha vinto il terzo Torneo “Calcio e Solidarietà”, valido per categoria Pulcini 2013 o Misti, seconda X-Five, terza il ValleStura e quarta la Tiger Novi. La Categoria Pulcini 2004-05 è stata vinta dal Due Valli, seconda l’Ovada, terza e quarta, rispettivamente le squadre A e B del ValleStura. Infine, negli incontri ludicoricreativi si sono affrontate le squadre dei Piccoli Amici della Tiger Novi, Arquatese, Val Borbera Scrivia e XFive.

ASD TIGER NOVI - “Calcio e Solidarietà” Cell. 335/6882654 – 339/7334611 – 349/3133652

Diciannove squadre, due gironi, più di 90 partite da giocare da qui al 25 novembre, senza contare il ritorno. Sono i numeri del campionato provinciale organizzato dalla Lega Calcio Uisp, che ha preso il via lo scorso venerdì, 27 settembre. Girone A. A Alessandria, pareggio spettacolare tra Canottieri Tanaro e Lovers Cassano, finita 3-3. All’inizio del secondo tempo i Lovers erano avanti per due reti a zero (gol di Carniglia e Marchini). Fresta su punizione riesce però ad accorciare le distanze e ancora lui sfrutta un’incomprensione tra il portiere del Cassano e i suoi difensori. Lovers di nuovo in vantaggio con Semino, ma Fresta non ci sta e fissa il definitivo 3-3. Goleada della Sansebastianese a Arquata, che rifila cinque gol al Gruppo Rangers: a segno due volte Gualdana, altrettante Maraffa e poi Tosi. Inviolata la rete degli ospiti.

Pareggio invece a Robecco Pavese tra New Team Oltrepò e Pasturana; 2-2 il finale con reti di Ferrante e Herrera per i padroni di casa e Piatta e Bongiovanni per gli avversari. Girone B. Doppietta di Mbaye per il Carpeneto sul campo di casa. Affrontando la CapriateseLerma, il Carpeneto ha tenuto le redini della gara per tutto il primo tempo, salvo poi concedere qualcosa di più nel secondo tempo. CapriateseLerma a segno allo scadere con Pestarino: 2-1 il finale. A Masio, il Rossiglione batte per 3-1 l’Internet&Games. Dopo pochi minuti dall’inizio della partita, il Rossiglione era già in vantaggio grazie ai gol di Bardi su punizione e al raddoppio di Pastorino. Nel secondo tempo, Rossiglione ancora a rete con Cardaciotto, che appena entrato insacca in rete con una rovesciata. Nel finale, rigore per i masiesi che realizzano con Cu-

gis per il definitivo 3-1. Esordio sfortunato per il Taiò (“Tagliolo”, nella foto) sul campo di casa. Contro il Roccagrimalda, i tagliolesi vanno subito in vantaggio con Camera, ma il Rocca è bravo a procurarsi parecchie punizioni dal limite dell’area di rigore. Al termine della partita nelle gradinate i tifosi parleranno di «arbitraggio a senso unico». Intanto però il Rocca ottiene il pareggio con un insidioso tiro di Subrero che l’estremo difensore del Taiò non riesce a trattenere. Il secondo tempo vede il raddoppio ancora di Subrero che approfitta di un preciso traversone dalla fascia destra e in finale il Roccagrimalda va di nuovo a segno con Marcello Cioncoloni: 3-1 il risultato finale. (E.D.) Il resoconto di tutte le partite, le classifiche e la galleria fotografica di Taiò-Roccagrimalda su www.novionline.net


losport

ilsettimanale • giovedì 3 ottobre 2013

31 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Prima categoria Sul campo la squadra di Tafuri ha vinto 3-0

Silvanese: partita sospesa per la follia d’un giocatore LUCA PIANA ovadese@alice.it

E’ durata solo settanta minuti la gara di domenica scorsa tra Silvanese e i padroni di casa del Felizzanolimpia. Il merito degli uomini di Tafuri fino a quel momento era stato quello d’aver già messo al sicuro il risultato con tre reti. La gara è stata sospesa dal direttore di gara dopo l’aggressione subita dal giocatore di casa Ramponelli. Un fallo, che costa al felizzanese l’uscita dal campo anticipata, la successiva spallata e uno schiaffetto. A quel punto per l’arbitro, molto giovane come spesso accade in Prima Categoria, non ci sono state le condizioni per portare a termine la gara. Ora si attende, al momento di scrivere non siamo in grado di riportare, la decisione del giudice sportivo nei confronti del giocatore e della società. Dal punto di vista del calcio giocato netta è apparsa la superiorità di Carnovale e compagni. Proprio il centravanti ha avuto un ruolo di primo piano per la vittoria segnando la rete del 2-0. Il vantaggio della Silvanese era arrivato al 5’ con Tedesco alla sua seconda rete consecutiva. Ma proprio in avvio Carnovale aveva spaventato la difesa avversaria andando vicinissimo al gol. Per tutto il primo tempo la formazione di Tafuri ha mostrato bella sicurezza nel gioco e creato occasioni mettendo in difficoltà i padroni di casa che hanno provato a rispondere con l’unica arma a loro disposizione, l’aggressività a volte anche sopra le righe. Per la rete del 3 a 0 bisogna aspettare la ripresa, con Chillé

inbreve PRIMA CATEGORIA

Pro Molare fermata in casa Dopo aver rifilato quattro gol in trasferta all’ex capolista Frugarolo XFive, la Pro Molare impatta tra le mura amiche contro la Castelnovese. Finisce a reti inviolate la partita, con i padroni di casa a recriminare per qualche occasione fallita nel secondo tempo. Formazione tipo per i ragazzi di mister Albertelli, con Zito e Guineri confermati come terminali offensivi dopo i gol segnati nel turno infrasettimanale. L’inizio è decisamente favorevole agli ospiti, che dopo dieci minuti sprecano un calcio di rigore con Felisari, che calcia a lato alla sinistra di Russo, ammonito nell’occasione dall’arbitro Murgolo di Chivasso. Primo tempo avaro di occasioni, nel finale è Guineri che prova ad accendere la partita ma il suo tiro dal limite dell’area finisce alto sopra la traversa. Nella ripresa l’occasione più nitida per i giallorossi viene sprecata ancora dal capocannoniere della squadra, che si coordina bene ma calcia alto. Nel finale Guineri viene sostituito, al suo posto entra Grillo, ma il risultato non cambia. “Era una partita da vincere, ma il pareggio è giusto considerando anche il loro errore dal dischetto” ha dichiarato a fine gara Enrico Marchelli, accompagnatore della squadra.

PRIMA CATEGORIA

Arquatese, un pari che serve a poco

che trova una nuova prodezza personale dopo il gol segnato nel pareggio 2-2 contro la Viguzzolese. Pochi minuti dopo la sospensione definitiva, un episodio che ricorda in qualche modo quanto successo nella scorsa stagione proprio a Silvano e che portò alla squalifica di diversi giocatori ovadesi. “Abbiamo disputato una buona partita, il nostro bottino avrebbe anche potuto essere più ampio” ha dichiarato a fine gara mister

Tafuri. Virtualmente gli ovadesi hanno 9 punti, un distacco di quattro dal Savoia attualmente in testa alla classifica con 13. Proprio per questo motivo è ancora più interessante il derby di domenica prossima, orario di inizio posticipato alle 17.00, contro al Pro Molare che a sua volta sta vivendo un buon momento di forma. Le premesse per una sfida tirata ci sono quindi tutte.

Prima categoria Biancocelesti corsari a Viguzzolo

PROMOZIONE

Cassano, tutto funziona

La Gaviese fanalino di coda

Vittoria fondamentale per il Cassano che con una prestazione di cuore e orgoglio espugna il “Carnevale” di Viguzzolo con il risultato di 3-2. La classifica dei biancoazzurri torna a muoversi e le zone pericolose tornano a distanza di sicurezza. Dell’Aira e compagni giocano un primo tempo al di sotto delle aspettative, con i padroni di casa che si portano sul doppio vantaggio grazie alle reti di Macchione e Sella. Nella ripresa la compagine di mister Masneri cambia pelle e riagguanta la parità con i gol di Grillo e di bomber Dell’Aira. Quasi allo scadere completa il sorpasso Giacomelli, regalando una vittoria tanto importante quanto insperata per come si era messo il match. Questa

Prosegue il periodo nerissimo della Gaviese perde col S. Giuliano Nuovo 3-1. I numeri sono un contorno impietoso: nei primi 5 turni, altrettante sconfitte con un solo gol fatto e 7 subiti. Se nelle scorse uscite la Gaviese sembrava aver fatto vedere qualcosa di buono questa volta nemmeno la prestazione è da salvare: la compagine di mister Amarotti non scende praticamente mai in campo e il risultato è una partita a senso unico, con Promutico mattatore del match grazie ad una splendida tripletta. A nulla è valso il momentaneo pareggio di Giacalone che comunque non ha spostato l’inerzia della partita e ha regalato la prima rete a uno satentato attacco vallemmino che per risollevarsi deve cambiare registro tattico e mentale. (U.C.)

l’analisi al termine dell’incontro di Andrea Campi, direttore generale cassanese: “Siamo stati bravi a trovare la scossa giusta dopo un primo tempo non interpretato nella maniera corretta. Nella ripresa abbiamo preso in mano la partita, sbagliando anche parecchie

occasioni da gol. Vittoria davvero importante soprattutto per le numerose assenze per squalifiche ed infortuni. Avevamo un solo risultato a disposizione, ora il morale è più alto e possiamo guardare alle prossime partite con più fiducia”. (U.C.)

Giovanili Storico risultato nel memorial Ivano Traverso

Il Carrosio batte i Grigi 10 anni fa sarebbe stato impensabile che una squadra del Carrosio potesse tenere testa all’Alessandria Calcio, oggi tutto questo non solo è possibile ma ci scappa addirittura la vittoria. E’ finito così a Carrosio il memorial Ivano Traverso con Sestrese, Alessandria Calcio e Carrosio Calcio. La vittoria iniziale del Carrosio per 5 a 3 sulla Sestrese è stata sofferta anche se meritata. Sotto 3 a 1 i vallemmini hanno reagito pressando gli avversari nella loro area prima di ribaltare il risultato. Match decisivo tra grigi e vallemmini: questi ultimi, ordinati, reattivi, pronti a

lottare su ogni pallone, riescono a battere l’Alessandria con un bellissimo goal di Matteo Tosonotti. “La società ha scelto il settore giovanile e quindi dedicare ogni attenzione ai nostri ragazzi che stiamo crescendo e producendo buoni risultati. Se ritorneremo nel settore agonistico sarà perchè avremo avuto continuità nelle squadre che abbiamo oggi.” così dichiara un dirigente del Carrosio. L’affiliazione alla Sampdoria intanto comincia a produrre l’attenzione per qualcuno di questi ragazzi. Martedì uno di loro era a Bogliasco per essere visionato dai tecnici blucerchiati” spiegano con orgoglio i dirigenti carrosini.

Ancora una partita male interpretata per l'Arquatese che sul campo della Boschese non va oltre l’1-1. La squadra scesa in campo domenica è parsa abulica, disordinata e a tratti leziosa con parecchi dei suoi uomini di spicco forse non ancora proiettati nella dimensione giusta in cui si deve affrontare un campionato di prima categoria. I padroni di casa non rubano nulla, la mettono sulla corsa e sull'impegno con Inzerillo che replica solo nel finale al momentaneo vantaggio firmato Zuccaro. Furibondo al termine della gara il ds arquatese Vittorio Lipari: "La delusione è enorme non tanto per il risultato ma per l'atteggiamento della squadra, manca la giusta cattiveria agonistica. In settimana cercheremo di trovare qualche correttivo perché è impensabile che una compagine con elementi importanti come la nostra si renda protagonista di una prestazione così apatica. Dobbiamo cambiare rotta se non vogliamo perdere il treno delle prime posizioni". Anche perchè l’organico e le potenzialità del gruppo sono di primo piano. (U.C.)

SECONDA CATEGORIA

Arriva il primo stop per la G3 Novi Primo stop per la Real NoviG3 a Valmilana crolla 4-2. Brutta interpretazione della gara per gli uomini di Aurelio che non riescono a ripetere le belle prestazioni viste finora, entrando in campo con l'approccio mentale sbagliato. La gara finisce virtualmente dopo mezz'ora durante il quale la squadra di casa rifila tre gol ai novesi. Nella ripresa arriverà anche il quarto gol, con Bledi e Giotta a salvare l'onore per la RealNoviG3. Al termine dell'incontro questa l'analisi del presidente Massimo Coscia: "Brutto passo indietro rispetto alle scorse apparizioni. Può essere una di quella classiche giornate storte, spero che ci serva di lezione per il futuro. Perdere ci sta, ma non in questa maniera. Non accetto che si rinunci a lottare, l'impegno e il sacrificio non devono venire mai meno".

AMATORI

Calcio Acsi, al via 24 squadre Ritorna il calcio targato Acsi coi tornei ormai in partenza. A Basaluzzo è ricominciato il campionato di Calcio a 5 con al via la fase preliminare che vede le 12 squadre partecipanti divise in 3 gruppi all'italiana da 4 con partite di sola andata. Nel girone A Devils prevale 5-4 su Pozzolo in una partita tirata fino all'ultimo grazie ai 3 gol di Tellalli, al gol di De Luca e a un autogol. Per Pozzolo non bastano i gol di Tiseo, Crisafulli, Cassano e Najhi. Legére Team Parodi vince largamente contro I-Team 8-2 grazie ai 5 gol di uno scatenato Paterniani e ai gol di Arecco, Gualco A. e Repetto. Per I-Team gol di Forte S. e Santo. Nel girone B la Virtus Pieve F.C. vince 3-1 contro Com-Pet con i gol di Scarato D., Longobardi e Seminara. Per Com-Pet risponde il solo Crisafulli. Kick Ass regola 5-0 Valrossara con il bomber Boveri già in gran forma autore di 4 gol. Ultimo gol per Kick Ass di Ponta J. Nel girone C Alessandria-Borgoratto prevale 4-1 su Cortilese grazie ai 2 gol di Yahya e ai gol di Ouchbab M. e Ben Yahya. Per Cortilese risponde il solo Cabella F. L'ultima partita ha visto All Stars prevalere 2-1 su Gavi Drink Team grazie ai gol di Abbruzzese e Nicastro. Per Gavi in gol Garbarino. A Ovada inizia la stagione con il consueto Torneo D’Apertura che anticipa il Campionato a 5. Al via 12 squadre Crb San Giacomo, Atletico Ma Non Troppo, Bar Roma, A-Team, Animali Alla Riscossa Ottico Ugo, Sport Service, Fc Vaslui, Play, Pizzeria Gadano, Croce Verde Ovadese, Happy Day’s, Taverna Del Falco.


losport

ilsettimanale • giovedì 3 ottobre 2013

32 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Polemiche La squadra gioca a Sale, si allena a Paderna e si chiama Tortona

Villalvernia, paese dove non si gioca a pallone

GIOVANILI

Ovada: week end da ricordare la Juniores batte Molare

MAURIZIO IAPPINI sport@ilnovese.info

Deserto. È la prima cosa a cui si pensa costeggiando la piccola via che porta al campo sportivo comunale di Villalvernia. La sensazione di solitudine non è data dall’adiacente campo santo ma dalle condizioni in cui si trova quella struttura che per anni è stata punto di ritrovo e non solo per i villalverniesi. Come fa il silenzio a farla da padrone in un luogo dove dovrebbe essere praticato lo sport più bello del mondo? Semplice, manca la squadra. O meglio la squadra ci sarebbe. Si chiama Apd Tortona Villalvernia, ha sede ufficiale a Tortona, si allena a Paderna e disputa le proprie partite casalinghe a Sale. Ed è proprio questo che non va giù agli abitanti del piccolo paesino. “Tolgano il nome Villalvernia dalla denominazione sociale, non ci sentiamo coinvolti e rappresentati da questa società” si sente borbottare da un po’ nei bar da cittadini villalverniesi. La proposta forse non è insensata come sembrerebbe. Ma una comunità con poco più di novecento anime ha davvero bisogno di dare il nome ad una società che lotta per salire in serie D? Fino al 2008 la squadra del paese si chiamava A.C.Villalvernia 1983, dispu-

tava il campionato di prima categoria e richiamava un gran numero di appassionati al seguito. Poi ci fu un cambio radicale della struttura tecnica e societaria con patron Vittorio Mazzariol che prese in mano le redini di comando. Durante la sua presidenza, impreziosita da diversi salti di categoria fino alla serie D, la denominazione cambiò in Villalvernia Val Borbera (un ossimoro geografico già poco congeniale ai cittadini) e nell’estate della passata stagione si passò alla denomi-

nazione attuale. Tutto però a caro prezzo. A Villalvernia non si fa più calcio da parecchio tempo. E pensare che proprio su quel campo si destreggiarono anche campioncini in erba che poi sarebbero diventate stelle di caratura mondiale come Montolivo e Cigarini. A fine anni ’90, a Villalvernia veniva organizzato il Torneo Internazionale Nike sponsorizzato dal famoso colosso americano. Ma c’erano altre persone e soprattutto c’era l’A.C.Villalvernia.

Squadra

ECCELLENZA - GIRONE B Squadra ACQUI PINEROLO TORTONA VILLALV. CAVOUR BENE NARZOLE VALENZANA CASTELLAZZO B. COLLINE ALFIERI SALUZZO LIBARNA CHERASCHESE OLMO BUSCA LUCENTO CHISOLA GABETTO FOSSANO CENISIA

P.ti 18 14 13 13 11 10 9 9 8 8 7 7 7 4 4 4 3 1

G 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6

Partite V N 6 0 4 2 4 1 4 1 3 2 3 1 2 3 2 3 2 2 2 2 2 1 2 1 2 1 1 1 1 1 1 1 1 0 0 1

P 0 0 1 1 1 2 1 1 2 2 3 3 3 4 4 4 5 5

Reti F S 15 4 11 5 16 7 12 9 11 9 11 9 12 9 9 7 10 10 8 10 13 8 7 9 8 11 7 9 8 12 6 13 7 11 3 22

RISULTATI (5ª giornata): Acqui – Libarna 4-1, Busca – Pinerolo 1-3, Castellazzo – Gabetto 4-2, Cheraschese – Tortona Villalvernia 1-2, Chisola – Bene Narzole 1-2, Colline Alfieri – Valenzana 2-1, Lucento – Cavour 0-1, Olmo – Fossano 0-2, Sporting Cenisia – Saluzzo 0-3. 6ª giornata: Tortona Villalvernia – Pinerolo 2-3, Gabetto – Sp.Cenisia 2-0, Bene Narzole – Olmo 0-2, Cavour – Castellazzo 3-3, Chisola – Busca 1-1, Fossano – Acqui 0-1, Libarna – Colline Alfieri 1-1, Saluzzo – Cheraschese 2-1, Valenzana – Lucento 2-1. PROSSIMI TURNI: 6/10/2013, ore 15.00: Colline Alfieri – Fossano, Pinerolo – Saluzzo, Lucento – Libarna, Olmo – Chisola, Acqui – Bene Narzole, Cenisia – Cavour, Cheraschese – Gabetto, Castellazzo – Valenzana, Busca – Tortona Villalvernia. 9/10/2013, ore 20.30: Bene Narzole – Colline Alfieri, Saluzzo – Tortona Villalvernia, Gabetto – Pinerolo, Valenzana – Cenisia, Libarna – Castellazzo, Olmo – Busca, Fossano – Lucento, Cavour – Cheraschese, Chisola – Acqui.

P.ti 11 9 9 9 8 8 8 7 6 6 6 5 5 4 4 3 3 3

G 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5

Partite V N 3 2 2 3 2 3 3 0 2 2 2 2 2 2 1 4 1 3 1 3 1 3 1 2 1 2 1 1 1 1 0 3 0 3 0 3

P 0 0 0 2 1 1 1 0 1 1 1 2 2 3 3 2 2 2

Reti F S 9 1 8 3 7 4 7 7 4 2 5 4 4 3 5 3 10 10 4 4 8 8 2 3 3 6 5 7 7 10 4 7 2 7 2 7

RISULTATI (5ª giornata): Albese-ProDronero 0-0, BorgosesiaVerbania 1-1, Chieri-Derthona 2-1, Caratese-Caronnese 0-3, Lavagnese-Vado 0-0, Novese-GianaErminio 0-2, RapalloBogliascoChiavari 2-0, Sestri-Asti 0-2, Vallee d’Aoste-Santhià 1-2. PROSSIMO TURNO (6/10/2013, ore 15.00): Caratese – RapalloBogliasco, Derthona – Verbania, Vado – Vallee d’Aoste, Giana Erminio – Chieri, Chiavari – Sestri, Caronnese – Albese, Asti – Borgosesia, Santhià – Novese, Pro Dronero – Lavagnese.

PROMOZIONE - GIRONE D Squadra CORNELIANO VILLAFRANCA SAVIGLIANO CASTAGNOLE VIRTUS MONDOVÌ ASCA SOMMARIVA PEDONA MORETTA SANGIULIANO CANELLI BOVES SANTOSTEFANESE LA SORGENTE OVADA GAVIESE

Tutte vittoriose le giovanili dell’Ovada nel week end. Successo dei Boys di Sciutto nei Giovanissimi di fascia B: a Tortona finisce 3-2 con il vantaggio di Marchelli, il raddoppio di Ciliberto. Subito il pareggio, ancora Marchelli trova la rete decisiva. . “Non guardiamo alla classifica – afferma il tecnico Sciutto – quanto alla bella prestazione”. Oggi alle 18 a Silvano d’Orba arriva il Libarna. Tre sono i successi consecutivi dei Giovanissimi 99. Dopo Pro Molare e Novese la squadra di Librizzi batte la Gaviese 3-0. Doppietta di Potomeanu e rete finale di Lerma. Domenica 6 trasferta a Pozzolo Formigaro. Allievi di Jurgen Ajjor vincono facile a Fresonara contro il Tiger Novi per 8-1. Già la prima frazione si era chiusa sul 3-0 per l’Ovada e nella ripresa le altre realizzazioni. A segno con una doppietta Chindris e Rossi quindi un gol per Di Cristo, Volpara, Zunino e Parodi. “Benchè l’avversario sia stato modesto – dice il tecnico ovadese- abbiamo giocato bene”. Domenica 6 impegno in trasferta con l’Aurora. Infine la Juniores cancella la brutta prestazione dell’esordio superando nel derby la Pro Molare per 3-0. Ad un buon primo tempo durante buono durante il quale la squadra di Marco Albertelli realizza i due gol con Vignolo al 26’ e Panariello al 32’ ,oltre a sfiorare la realizzazione con Potomeanu e Barletto, nei primi venti minuti della ripresa non si annotano emozioni fino al rigore trasformato da De Simone che fissa il punteggio sul 3-0. Sabato trasferta a Bosco Marengo.

1ª CATEGORIA - GIRONE H

SERIE D - GIRONE A

CARONNESE BORGOSESIA VADO CHIERI ASTI RAPALLOBOGLIASCO CHIAVARI GIANA ERMINIO PRO DRONERO SANTHIÀ NOVESE ALBESE VALLEE D’AOSTE DERTHONA SESTRI LAVAGNESE CARATESE VERBANIA

inbreve

P.ti 13 12 10 10 10 9 9 8 7 6 5 4 4 4 2 0

G 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5

Partite V N 4 1 4 0 3 1 3 1 3 1 3 0 3 0 2 2 2 1 2 0 1 2 1 1 1 1 1 1 0 2 0 0

P 0 1 1 1 1 2 2 1 2 3 2 3 3 3 3 5

Reti F S 7 2 7 3 14 5 10 5 6 4 7 7 6 7 8 5 6 9 5 8 5 5 6 6 3 6 4 8 2 10 1 7

RISULTATI (4ª giornata): Asca – Villafranca 3-2, Castagnole – Savigliano 1-0, Moretta – Pedona 1-1, Ovada – Canelli 1-1, San Giuliano Nuovo – Corneliano 0-1, Santostefanese – Gaviese 1-0, Sommariva – Boves 2-1, Virtus Mondovì – La Sorgente 2-1. 5ª giornata: Boves – Asca 3-0, Canelli – Castagnole 1-1, Corneliano – Ovada 2-0, Savigliano – Moretta 3-1, Gaviese – SanGiuliano 1-3, La Sorgente – Santostefanese 1-0, Pedona – Sommariva 3-0, Villafranca – Virtus Mondovì 1-0. PROSSIMO TURNO: (6/10/2013, ore 15.00): Moretta – Canelli, Sommariva – Savigliano, SanGiuliano – La Sorgente, Pedona – Boves, Virtus Mondovì – Asca, Castagnole – Corneliano, Ovada – Gaviese, Santostefanese – Villafranca.

Squadra SAVOIA FRUGAROLO X FIVE ARQUATESE VILLAROMAGNANO AURORACALCIO CASSINE PRO MOLARE SILVANESE CASTELNOVESE FORTITUDO CASSANO BOSCHESE QUATTORDIO VIGUZZOLESE FELIZZANOLIMPIA MONFERRATO

P.ti 13 12 10 9 9 8 8 6 6 6 6 5 4 2 1 1

G 5 5 5 5 5 5 5 4 5 5 5 5 5 5 4 5

Partite V N 4 1 4 0 3 1 2 3 3 0 2 2 2 2 1 3 1 3 2 0 2 0 1 2 1 1 0 2 0 1 0 1

P 0 1 1 0 2 1 1 0 1 3 3 2 3 3 3 4

Reti F S 12 6 11 7 15 7 8 6 7 5 8 4 7 5 10 5 6 7 6 8 9 13 8 13 7 10 5 13 4 7 4 11

RISULTATI (4ª giornata): Castelnovese – Felizzanolimpia 2-1, Arquatese – Viguzzolese 6-0, Auroracalcio – Monferrato 3-1, Cassano – Savoia 1-2, Frugarolo X Five – Pro Molare 24, Quattordio – Cassine 0-3, Silvanese – Boschese 6-1, Villaromagnano – Fortitudo 3-2. 5ª giornata: Boschese – Arquatese 1-1, Cassine – Villaromagnano 0-0, Felizzanolimpia – Silvanese 0-0, Fortitudo – Auroracalcio 0-2, Monferrato – Frugarolo X Five 0-2, Pro Molare – Castelnovese 0-0, Savoia – Quattordio 2-1, Viguzzolese – Cassano 2-3. PROSSIMO TURNO: (6/10/2013, ore 15.00): Silvanese – Pro Molare, Cassano – Boschese, Savoia – Cassine, Frugarolo X Five – Fortitudo, Auroracalcio – Villaromagnano, Castelnovese – Monferrato, Quattordio – Viguzzolese, Arquatese – Felizzanolimpia.

2ª CATEGORIA - GIRONE M Squadra P.ti LUESE 7 CASTELLETTO MONFERRATO 7 SEXADIUM 7 FULVIUS 7 MANDROGNE 6 G3 REAL NOVI 6 VALMILANA CALCIO 6 QUARGNENTO DILETTANTI 4 DON BOSCO ALESSANDRIA 3 POZZOLESE 3 GARBAGNA 3 MONTEGIOCO 1 PADERNA 0 TASSAROLO 0

G 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3

Partite V N 2 1 2 1 2 1 2 1 2 0 2 0 2 0 1 1 1 0 1 0 1 0 0 1 0 0 0 0

P 0 0 0 0 1 1 1 1 2 2 2 2 3 3

Reti F S 8 2 7 4 5 2 3 1 7 3 5 4 7 7 3 2 5 6 2 3 4 7 0 4 1 6 3 9

RISULTATI (2ª giornata): Fulvius – Mandrogne 2-1, Garbagna – Don Bosco Alessandria 3-2, Montegioco – Luese 0-0, Paderna – Quargnento 0-2, Pozzolese – Sexadium 0-1, Tassarolo – Castelletto Monferrato 1-3, Valmilana Calcio – G3 Real Novi 4-1. PROSSIMO TURNO (6/10/2013, ore 15.00): Castelletto Monferrato – Garbagna, Don Bosco Alessandria – Montegiogo, G3 Real Novi – Fulvius, Luese – Valmilana Calcio, Mandrogne – Paderna, Quargnento – Pozzolese, Sexadium – Tassarolo.


losport

ilsettimanale • giovedì 3 ottobre 2013

33 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Volley Anche se la Coppa Italia non interessa le sconfitte bruciano

Mangini, primi successi dopo un avvio choc

PODISMO

Brichi ‘d Seravale e Maratonina tornano le corse della tradizione novese L’autunno e la primavera sono da sempre le stagioni deputate alle corse sulla lunga distanza perché il clima non eccessivamente caldo o freddo permette ai podisti di esprimersi al meglio delle proprie potenzialità e in questo frangente l’area del novese da sempre è sinonimo di corse ottobrine di primo piano. Anche quest’anno apre le danze la tradizionale Brichi ‘d Seravale, la gara organizzata dall’Atletica Serravallese che si disputa domenica mattina dalle 9 con partenza nella piazza antistante la Bocciofila. Una corsa contraddistinta da salite impegnative ma anche da lunghi rettilinei in falsopiano, l’ideale per chi “vuole farsi la gamba” per le lunghe distanze anche perché la lunghezza del tracciato (12 chilometri) rappresenta una misura consona per chi è allenato. Invariato il tracciato che prevede subito la salità per raggiungere Ca’ del Sole e la zona del golf Serravalle per poi salire ancora fino a “svallare” in zona bivio Monterotondo quando si imbocca la strada che porta a Novi fino ai micidiale 350 metri che toccano strada Castellone, in pratica il punto di ritorno dell’anello del tracciato. Intanto a Novi fervono i preparativi per la tradizionale Maratonina d’Autunno, made in Atletica Novese. Ormai prossima al trentennio la mezza maratona è da sempre molto partecipata perché il tracciato estremamente veloce e senza la minima asperità permette alle gambe allenate di mantenere il passo e di fare velocità costante. Iscrizioni ancora aperte sia per la prova lunga che per il trofeo Birra Pasturana, 14 chilometri su un percorso che riproduce la maratonina con tante strade secondarie nella piana che porta a Merella. Prevista la presenza di molti big del panorama dilettantistico amatoriale locale e nazionale perché l’albo d’oro parla forestiero ormai da parecchie edizioni.

MAURIZIO IAPPINI sport@ilnovese.info

Settimana agrodolce per la Mangini Novi che mercoledì scorso ha perso pesantemente a Cantù mentre sabato sera si è riscattata liquidando i Diavoli Brianza e ripetendosi l’altra sera nella gara di ritorno in Lombardia con una ltro netto 3-0. Fra i motivi di un inizio stagione balbettante e ricco di contraddizioni, la mancanza di amalgama di un gruppo che nei titolari è stato cambiato per 4 undicesimi e che si sta allenando da meno di un mese. Nella pallavolo, più che in altre discipline, è fondamentale conoscere i modi e le preferenze dei propri compagni di squadra perché il palleggiatore deve sapere quale è la palla prediletta dallo schiacciatore e se manca questo feeling diventa difficile riuscire a fare risultati. La sconfitta di mercoledì a Cantù aveva preoccupato perché i parziali erano pesanti ma l’attenuante migliore per la Mangini arriva anche dalla forza delle rivali perché Bergamo e Cantù sono compagini che lottavano l’anno passato per la B1 e che in estate si sono ulteriormente rafforzate. Sabato invece, contro un avversario normale, la squadra di coach Agosto si è ridestata chiudendo 25-15/8/22 segno che le potenzialità sono ancora inespresse e che i venti giorni che separano i biancoblu dall’avvio della stagione dovranno essere sfruttati appieno per migliorare amalgama e tempi della squadra. Si esordirà a Busseto ma le emiliane per definizione sono compagini di prima qualità al pari

inbreve

della lombarde per cui il livello rimarrà molto alto. Intanto la formazione di serie C in coppa Italia a Canelli, ha vinto con Acqui e perso con Caluso. Ovada. Prosegue il cammino della nuova Cantine Rasore, la compagine femminile di Piero Gombi. Anche nel secondo concentramento di Coppa sono arrivate una vittoria e una sconfitta. Successo per 3-0 contro la

Fortitudo Occimiano con il primo e il terzo set davvero combattuti e chiusi sul 25-22. In mezzo la passeggiata del secondo vinto 25-5. La sconfitta è poi arrivata con la Flavacout Oleggio che si è imposta nelle prime due frazioni, 25-19, 25-17, per poi lasciare alle ovadesi al terza a quota 22. In questo week end terzo mini girone con l’esordio ufficiale al Geirino. Arriveranno Gavi e Arquata.


ilsettimanale • g i o v e d ì 3 o t t o b r e 2 0 1 3

losport

34 w w w. n o v i o n l i n e . n e t • w w w. o v a d a o n l i n e . n e t

Basket Ormai avviati i rispettivi tornei piemontese e ligure

Red Ovada, buona la prima Serravalle, altro rotondo successo in casa col Carmagnola EDOARDO SCHETTINO ovadese@alice.it

Ancora un successo per l’ambizioso Gruppo Praga Serravalle basket. Nella seconda giornata di andata del campionato regionale di pallacanestro di C Piemontese, i rossoblu di coach Sandro Ponta si sono agevolmente sbarazzati del torinesi del Carmagnola. Miglior esordio stagionale al PalapPatri non poteva esserci per una compagine che dal mercato estivo ha trovato rafforzamento alla voce esperienza e qualità. Con Carmagnola gara quasi mai in discussione a dispetto dei primi 30’ quando i torinesi rimangono aggrappati al match con le unghie e chiudono sul 44-44. Decisivo come sempre il terzo quarto dell’incontro dove si decidono i destini di una match e dove i valori del campo vengonoa galla: non a caso Serravalle, trascinato da un Zunino incontenibile, piazza l’allungo determinante chiudendo 74-65 e ipotecando la vittoria. Un po’ di suspence nel finale rimette in gioco Carmagnola che a 3’ dall fine si riporta sotto a un tiro da tre punti ma ancora Zunino si carica la sua nuova squadra sulle spalle e la fa vincere 92-81 con uno score di 28 punti. Per Serravalle secondo successo vicino a quota 100 sinonimo di compagine matura che tanto concede in difesa ma poco sbaglia in attacco. E’ vincente l’esordio della Red Basket che batte 83-70 l’Alcione Rapallo. La squadra di coach Brignoli s’è imposta mettendo in mostra grande determinazione e altrettanta lucidità nella quarta frazione quando di fatto è stato necessario rinunciare all’apporto di Mossi

gravato dai falli. Rapallo si è portata una prima volta a -3 ma è stata ricacciata indietro dalle bombe di Gay e Giacomo Cornaglia. A 5’ dal termine Ovada è a + 9 sul 6758. Nel finale gli ospiti ci provano presidiando l’area con i due pivot, Tassisto e Bacigalupo, tornando a 4 con una conclusione dalla lunga distanza di Vexina. Ma gli stessi Cornaglia e Gay hanno trovato i punti per tenere a distanza gli avversari. “La vittoria – ha commen-

Ciclismo Nei tricolori Mtb marathon

tato al termine il presidente Mirco Bottero – mi è sembrata meritata. Siamo sempre stati avanti, dal secondo quarto in poi. Nel finale abbiamo preso buone iniziative senza paura. Per una squadra con molti esordienti è un buon segnale”. Decisivo il contributo di Gaido, miglior marcatore al termine con 23 punti e una manciata di canestri importanti nel momento in cui Rapallo ha spinto per rientrare. Mossi ha

chiuso con 16 e uno sprazzo di quattro triple consecutive nel secondo quarto. Sabato alle 18.00 sfida sul campo di Sestri Levante, la favorita per la promozione che però è partita con una soffertissima vittoria 74-72 sul campo del Sestri Ponente. Tabellino: Gaido 23, Camisasca 5, Gay 7, Riccino 2, Maldino 8, Cornaglia L. 11, Cornaglia G. 11, Mossi 16, Foglino, Cardano. All.: Brignoli.

Rugby Seconda edizione del memorial Cico Garassino

Alberto Riva Rugby Novi, un esordio domina il vulcano vincente per l’Under 20

Ancora un podio tricolore per l’arquatese Alberto Riva. Lo specialista di mountain bike infatti ha chiuso col bronzo al collo il campionato italiano Mtb Marathon corso sulle pendici del vulcano Etna in Sicilia, preceduto solamente da Ivan Degasperi e Vincenzo Delle Rocca ma per Riva la corsa è stata particolarmente difficile: «Non sono abituato a gare di 78 chilometri con dislivello di quasi 3000 metri e con larga parte del tracciato vicino a quota 2000 per cui nel finale ho visto le streghe ma non è stata la tipica crisi di fame: non ne avevo quasi più e ho stretto i denti per chiudere sul podio. Anche durante la corsa avevo la sensazione di andare meglio del riscontro cronometrico che conta più di tutto. D’altronde l’Italiano di Marathon Mountain non era in cima ai miei pensieri ma ho riassaporato la lunga distanza dopo anni e in queste gare non sono ammesse improvvisazioni». Il bronzo però è sinonimo che, seppur senza una specifica preparazione per le lunghe distanze, la condizione e la base del biker arquatese rimane sempre fra le migliori d’Italia perché chiudere in 3h56’59” non è da tutti. Per lui ora il meritato riposo (ma i suoi allenamenti proseguiranno all’aperto per tutto ottobre per poi passare all’indoor su rulli che permettono di simulare percorsi di mountain bike) in vista della prossima stagione quando nel mirino dell’appassionato di mountain bike arquatese ci saranno i campionati tricolori di primavera e il campionato del mondo master nel 2014 in programma in Norvegia.

Giornata di rugby e beneficenza quella organizzata dal Rugby Novi a Pasturana per il Memorial “Cico” Garassino. Organizzata dalla squadra novese per ricordare un ex giocatore biancoverde è stata una vera e propria festa di inizio stagione che ha visto, oltre al debutto casalingo della squadra U18, il debutto assoluto della squadra femminile e la classica partita fra le “vecchie glorie” del Novi. A dare il via alle danze, però, sono stati i giovanissimi del mini-rugby, scesi in campo per una partitella tutta novese. Piatto forte della giornata, la sfida fra Rugby Novi e Cus Pavia U18, valevole per il trofeo “Cico” Garassino. La partita è stata vinta per 27-17 (17-5 nel primo tempo) dalla squadra di casa, a segno per ben 5 volte con Gabriele Ivaldi (2), Fabio Catalfo, Enri Lipo e Roberto Vernetti. “E’ stato un ottimo banco di prova per i ragazzi. - ha dichiarato l’allenatore Alessandro Vernetti Quest’anno siamo partiti con tribolazione, a causa delle improvvise assenze di alcuni cardini di questa squadra, ma la squadra ha saputo reagire, ribaltando le assenze in punti di forza.” Dopo i ragazzi è venuto il momento del debutto asso-

luto del Rugby Novi Femminile in un derby contro le “cugine” dell’Alessandria Rugby. La partita, finita 1-3 per le “grigie”, ha visto il debutto di ben 6 giocatrici: Lara Caruso, Veronica Deandrea, Chiara Contotto, Maria Elena Scorza, l’autrice della meta per il Novi Elisa Vernetti e la giovanissima Francesca Barbin, le quali si sono unite alle veterane Lisa Borghini e al capitano Vittoria Sansebastiano. Nonostante la sconfitta di misura, la partita è stata equilibrata dall’inizio alla fine, con uguali occasioni da una parte e dall’altra. A concludere questa bellissi-

ma giornata di sport, la partita fra gli OLD, ossia le “vecchie glorie” del Rugby Novi, diventata ormai un classico di inizio stagione. Fra goliardia e giocate di classe, la partita si è conclusa 4-2 per lo staff della società. Mentre in campo si giocava la partita fra gli old, sugli spalti e nella “Club House” scendeva in campo la partita della solidarietà. Per questa giornata il ricavato delle vendite del merchandising della squadra e del bar è andato in favore dell’associazione Ascolta L’Africa e la donazione è stata fatta a nome di Luca Garassino. (G.V.)

inbreve GOLF

Tanti i vip per onorare Riccardo Garrone

Luca Vialli, Massimo Mauro, Lea Pericoli, Valerio Staffelli, Claudio Sclosa, Stefan Schwoch Alessandro Bonan, Paolo Cristallini, Claudio Chiappucci, Stefano Nava, Nicola Berti, Pavel nedved. Artisti tv, giocatori di calcio ciclisti, tutti presenti lunedì scorso al golf Villa Carolina di Capriata per la Pro Am Erg memorial Riccardo Garrone, una kermesse di golf voluta per onorare la memoria di uno sportivo che sui green di Capriata era di casa. 152 gli atleti iscritti per 39 quadrette. Si è iniziato alle 13 e si è chiuso alle 18, poi cena con dirigenti e giocatori della Sampdoria il club presieduto da Edoardo Garrone, figlio di Riccardo e come il padre grande appassionato di golf e calcio.

MINIGOLF

Mgc Novi super in Toscana con Paolo Porta

Minigolf Novi a Follonica, per la 15° edizione del Trofeo internazionale. In una gara dall’altissimo livello tecnico, Paolo Porta concede il bis: il novese, ottiene la vittoria assoluta dopo una gara molto emozionante e tirata, giocata colpo a colpo con il campione locale Nicola Bellucci e risoltasi, come a Novi, solo all’ultima decisiva pista del percorso di 18 buche. Alla pista 17, il distacco tra i due era di un sol colpo, ma concludendo entrambi la diciottesima pista con un “asso” Porta portava a casa un altro prestigioso trofeo già vinto nel 2009 e 2011. Per il club novese, buono anche il 9° posto ottenuto da Omar Sessa con 89 colpi. Altro podio individuale arriva dalla categoria femminile, dove Tiziana Chiaravalli si aggiudica la terza posizione. Ottimo podio per il club novese anche nella competizione a squadre. Paolo Porta, Piero Porta, Omar Sessa e Tiziana Chiaravalli centrano un brillante terzo posto dietro, appunto alle due squadre di casa, Follonica 1 e 2.


losport

ilsettimanale • g i o v e d ì 3 o t t o b r e 2 0 1 3

35 w w w. n o v i o n l i n e . n e t • w w w. o v a d a o n l i n e . n e t

Badminton Edizione riuscita con 160 atleti e tanta qualità

Tennis Tavolo Nel week end a Tagliolo

Il Boccardo Novi domina il torneo Forza

Saoms Costa parte lagrandecorsain B2

MAURIZIO IAPPINI sport@ilnovese.info

Più di 160 atleti si sono confrontati durante questo fine settimana in una kermesse di badminton di a Vignole. La manifestazione ha sancito anche la nascita della societa’ “Vignole Badminton”, presente con 3 giovani atleti, che ha collaborato alla riuscita del 3° Torneo Grand Prix Forza organizzato dal Boccardo Badminton Novi. La presenza di Giovanni Greco, Marco Mondavio, Megumi Sonoda e Gloria Pirvanescu hanno premiato le fatiche che gli organizzatori hanno prodigato per la buona riuscita di questa che si puo’ considerare una vera maratona. Grande affermazione del giocatore altoatesino, in forza alla squadra di Serie A di Novi, Pirmin Klotzner che ha sconfitto dopo un’ora di gioco l’acquese Marco Mondavio nella finale del Singolare Senior e si è piazzato al secondo posto nel Doppio assieme al nuovo acquisto della società del presidente Monica Ubaldeschi, Thomas Mair battuti dalla coppia olandese-svizzera VervoortBless. Lo svizzero in compenso supporta Silvia Corradi alla conquista della medaglia di bronzo nel Doppio Misto Senior. Bella affermazione di Stefano D’Elia che si esalta nei doppi dove conquista il primo posto nell’Under 15 assieme al giocatore Rudi Sagmeister del Malles, societa’ dove milita anche Vera Stecher con cui raggiunge il secondo posto nel Misto. Due finali per Paolo Leardi concluse a favore degli avversari: nel Singolare U17 cede al lombardo Stegani mentre i sogni di gloria del novese, assieme a Tommaso Cardi nella cate-

Tambass Sport e beneficenza a favore di Vela

goria Junior cedono due altoatesini. Bicchiere mezzo pieno per Manuel Scafuri che si aggiudica l’oro nella categoria Junior assieme alla nuova compagna di club Camilla Negri, per cedere nel Singolo contro il portacolori del Chiari Nicola Vertua. Doppio oro invece la Negri, che batte in finale U 17 l’altoatesina Nadine Thurner con un secco 21-10 21-9 e manca la vittoria nel Doppio per la defezione

della sua compagna Giulia Fiorito. Il primo posto viene assegnato ad un’altro volto nuovo del club novese Lidia Rainero, proveniente da Torino, assieme all’albese Juliana Arsova. Terzo posto per Costanza Sansebastiano nel Doppio Misto U 17 assieme a Marco Giuliano dell’Acqui Junior, cosi come Roberto Scarabello che viene bloccato in semifinale del Singolare Master Massimo Merigo.

Pugilato Successo al Geirino per la riunione Piemonte - Lombardia

Si fanno onore le promesse ovadesi La Lombardia ha la meglio, nel confronto di boxe con il Piemonte al termine di una serata di ricordi e nello stesso tempo vetrina per i giovani delle due regioni. La manifestazione organizzata ad Ovada presso il Palazzetto del Geirino dalla locale Società di Boxe, registra anche liete sorprese. L’esordiente Alfredo Scatola della Boxe Ovada, classe ‘89 per i Pesi Medi, al suo primo combattimento, supera ai punti Federico Volpi di Pavia. Sfortunate le prove degli altri ovadesi Daniele

Parte sabato prossimo, presso la palestra comunale di Tagliolo, la B2 di tennis tavolo con la Policoop Costa affronterà il T. T Romagnano Sesia. Paolo Zanchetta, Daniele Marocchi, Pierluigi Bianco e Alessandro Millo daranno inizio alla loro corsa alla salvezza nella durissima categoria nazionale contro il T.T. Romagnano. Sempre tra le mura amiche di Tagliolo prenderà il via anche il campionato di C2 regionale con Ivo Rispoli, Ivo Puppo ed Enrico Canneva pronti a difendere la categoria. Sarà invece impegnata in trasferta la Nuova GT “B” di Giorgio Riccardini, Emanuele Massa, Daniele Ramassa, Marco Carosio e Marco Cazzulo a San Salvatore. Nell’ultimo fine settimana è andato in scena a Torino il primo torneo nazionale Over 2001 (riservato a tutti gli atleti dalla posizione 2001 in giù della classifica nazionale) e la SAOMS ha, ancora una volta, ben figurato grazie alle prestazioni dei propri portacolori. Dopo il terzo posto ottenuto sempre a Torino nel primo torneo regionale di 5° categoria, Fabio Babboni non riesce a ripetersi anche a causa di un attacco influenzale. Ben figura, ma non riesce a superare il proprio girone eliminatorio Giorgio Riccardini. Inserito nel girone numero 7, il costese lotta in tutte le partite giocate ma non riesce ad ottenere le vittorie necessarie per il passaggio del turno. Stesso discorso vale per il neoacquisto della Saoms Carlo Renzetti che, alla sua prima uscita in un torneo nazionale non si fa sorprendere dall’emozione e da filo da torcere ai più forti avversari. La bella sorpresa della giornata è stato l’altro neo-acquisto Andrea Ricardi che ha passato il suo girone grazie a una bellissima vittoria ai vantaggi del quinto set contro l’emiliano Cazzella.

Pesce nei pesi Super Welter contro Ruben Zaiat di Pavia, Filippo Cotella (anche lui al primo combattimento) nei pesi Medio Massimi contro Daniele Tavella di Pavia entrambi sconfitti per inter-

vento medico alla terza ripresa dopo aver condotto in maniera positiva le prime. Non c’è vincitore nel confronto per i pesi Gallo tra Alessandro Scarsi di Ovada contro Alessio De Lorenzis.

REGOLAMENTO 1) Il Premio “SPORTISSIMA 2013 - L’Oscar dello Sportivo Novese” avrà inizio il 1 Ottobre 2013 e si concluderà il 30 Novembre 2013. Nella prima quindicina del mese di Dicembre ci sarà la premiazione del migliore sportivo classificatosi e della sua Società. 2) Nel suddetto periodo si può esprimere la propria preferenza votando una cartolina (vale 10 punti) che si trova presso gli esercenti convenzionati che la rilasceranno a chi effettuerà un acquisto/consumazione. Alla cartolina votata dovrà essere pinzato lo scontrino o il timbro o visto dell’esercente. 3) Altresì si può esprimere il proprio voto usando il coupon in originale (vale 2 punti) pubblicato settimanalmente dal settimanale Il Novese. 4) Sia le cartoline che i coupon dovranno essere consegnati nelle urne posizionate presso i seguenti esercenti: BAR PASTICCERIA CARLETTO, via Girardengo; MG MOTO, c.so Piave 82; LOLIINFORMATICA, via P. Isola 11; FOTO OTTICA REBORA, via P. Giacometti 36; BAR CONVERSANDO, v.le Saffi; IL NOVESE, via Garibaldi 17. 5) Le cartoline votate prive di scontrino o timbro o visto, come i coupon fotocopiati non saranno riconosciuti validi per la classifica del punteggio. 6) La classifica del Premio sarà pubblicata dal settimanale Il Novese. 7) La premiazione non avrà valore economico.

è possibile esprimere la propria preferenza ritagliando il coupon a fianco. Non sono valide le fotocopie

Buone anche le prestazioni di Alessio Baldassarre della Boxe Nicotra di Capriata d’Orba che nei pesi Welter vince ai punti su Luca Gervino di Chiavari, dell’acquese Addeljalil Bouchfar nei pesi Welter su Lorenzo Caly di Pavia e del valenzano Roman Padyk nei pesi Super Welter opposto a Luigi Giandebiaggi di Cremona. Sconfitti nei pesi Welter Renè Morales di Ovada dal Daniele Caccamo, Giangiusi Loi di Ovada da Kevin Colombi di Cremona e Gabriele Chiarenza da Antonio Vanzillotta di Pavia.

12 ore: allo Sferisterio campioni e appassionati Ritorna puntuale nel mese di ottobre allo Sferisterio Comunale di Ovada la “12 ore di tamburello” una manifestazione che unisce lo sport alla solidarietà, allo spettacolo e allo stare insieme. E’ in programma la 14° edizione di un appuntamento di grande spessore umanitario; il ricavato infatti verrà devoluto all’Associazione Vela che opera all’interno dell’Ospedale di Ovada. Un’altra mobilitazione che ha sullo sfondo la sanità, pur organizzata in modi diversi, che viene organizzata dagli insuperabili Marco Barisione e Wanda Vignolo. Una non stop tamburellistica che prenderà avvio alle 9,30 per concludersi a sera. In molti hanno già dato l’adesione, ma altre iscrizioni sono arrivate in questi giorni. Si alterneranno sul glorioso rettangolo di Via Lung’orba Mazzini alcuni big quali Aldo Marello “Cerot” Luca Monzeglio e Paolo Baggio del Cremolino, mentre per il tamburello a muro Alberto Bicocca, Luigi Matterozzi, Roberto Fracchia, Stefania Mogliotti, attuale Direttore Tecnico del Carpeneto. “Lo scorso anno – dicono gli organizzatori- si sono alternati circa 120 giocatori, come sempre si cerca di allargare il bacino dei partecipanti dall’ovadese, al basso Monferrato, alla Val Cerrina”.


latelevisione

ilsettimanale • giovedì 3 ottobre 2013

36 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

laprogrammazione giovedì

venerdì

dal 3 al 9 ottobre

sabato

domenica

lunedì

martedì

mercoledì

03 04 05 06 07 08 09 Rai1

ottobre

14.10 Verdetto finale, attualità 15.20 La vita in diretta, attualità 18.50 L’Eredità, gioco 20.00 Tg1 20.30 Affari tuoi, gioco 21.10 Provaci ancora Prof 5, fiction 23.15 Porta a porta, attualità

14.10 Verdetto finale, attualità 15.20 La vita in diretta, attualità 18.50 L’Eredità, gioco 20.00 Tg1 20.30 Affari tuoi, gioco 21.10 Tale e quale show, varietà 23.25 TV7, attualità

15.25 Le amiche del sabato, varietà 17.15 A Sua Immagine, attualità 17.45 Passaggio a Nord Ovest, doc. 18.50 L’eredità, gioco 20.00 Tg1 - Rai Tg sport 21.10 Ballando con le stelle, varietà 00.25 TG1 60 secondi

14.00 Formula1: GP Corea del Sud 16.05 L’Arena, varietà 18.50 L’eredità, gioco 20.00 Tg1 - Rai Tg sport 20.40 Affari tuoi, gioco 21.10 Un caso di coscienza 5, fict. 23.10 Tg1 60 secondi

14.10 Verdetto finale, attualità 15.20 La vita in diretta, attualità 17.00 Tg1-Che tempo fa, attualità 18.50 L’eredità, gioco 20.30 Affari Tuoi, gioco 21.10 The Tourist, film 23.25 Porta a Porta, attualità

14.10 Verdetto finale, attualità 15.20 La vita in diretta, attualità 17.00 Tg1-Che tempo fa 18.50 L’eredità, gioco 20.30 Affari Tuoi, gioco 21.10 Paura di amare 2, fiction 23.15 Tg1 60 secondi

14.10 Verdetto finale, attualità 15.20 La vita in diretta, attualità 17.00 Tg1-Che tempo fa 18.50 L’eredità, gioco 20.30 Affari Tuoi, gioco 21.10 La farfalla granata, film 23.20 Porta a Porta, attualità

Rai2

ottobre

14.00 Detto fatto, attualità 16.15 Ghost Whisperer, telefilm 18.15 Tg2 18.45 Squadra Speciale Cobra 11, tf 19.35 NCIS, telefilm 21.10 Romeo e Giulietta, musicale 00.05 Tg2-Tg2 Punto di vista

14.00 Detto fatto, attualità 16.15 Ghost Whisperer, telefilm 18.15 Tg2 18.45 Squadra Speciale Cobra 11, tf 19.35 NCIS, telefilm 21.10 Virus, il contagio delle idee, att. 23.20 Tg2

17.20 Sereno variabile, attualità 18.05 Rai Sport 90° minuto 19.35 Squadra Speciale Cobra 11, tf 20.30 Tg2 21.05 Castle, telefilm 21.50 Elementary, telefilm 22.40 Tg2

15.40 Quelli che...il calcio, varietà 17.05 Tg2 L.I.S. (per non udenti) 18.10 90° minuto serie B, attualità 19.35 Squadra Speciale Cobra 11, tf 20.30 Tg2 21.05 NCIS, telefilm 22.40 La domenica sportiva

14.00 Detto Fatto, attualità 16.15 Ghost Whisperer, telefilm 18.45 Squadra Speciale Cobra 11, tf 19.35 NCIS, telefilm 20.30 Tg2 21.00 Una mamma imperfetta, tf 23.30 Made in Sud, varietà

14.00 Detto Fatto, attualità 16.15 Ghost Whisperer, telefilm 18.45 Squadra Speciale Cobra 11, tf 19.35 NCIS, telefilm 20.30 Tg2 21.10 Criminal minds, telefilm 22.45 Bates Motel, telefilm

14.00 Detto Fatto, attualità 16.15 Ghost Wisperer, telefilm 18.45 Squadra Speciale Cobra 11, tf 19.35 NCYS, telefilm 20.30 Tg2 21.10 Rex, telefilm 22.45 Under the Dome, telefilm

Rai3

ottobre

15.00 Le nuove avventure di Flipper, tf 16.40 Geo, documenti 19.00 Tg3 Regione 20.00 Blob 20.35 Un posto al sole, soap 21.05 Beyond, film 23.00 Gazebo, attualità

15.00 Le nuove avventure di Flipper, tf 16.40 Geo, documenti 19.00 Tg3 Regione 20.00 Blob 20.35 Un posto al sole, soap 21.05 Boris-Il film, film 23.00 Correva l’anno, documenti

17.00 Timbuctu, documenti 17.30 A gonfie vele, fl 19.00 Tg3 - Tg Regione 20.00 Blob 21.30 Ulisse, il piacere della s.., doc. 23.35 Tg3 -Tg Regione 23.55 Storie maledette, documenti

14.30 In 1/2 ora, attualità 15.10 Ciclismo: giro di Lombardia 17.25 La vittoria di Luke, film 19.00 Tg3 Regione 20.10 Che tempo che fa, talk sh. 22.45 Tg3- TG Regione 23.00 Sostiene Bollani, musicale

15.10 Le nuove avventure di Flipper, tf 16.40 Geo, documenti 19.00 Tg3 Regione 20.00 Blob 20.35 Un posto al sole, soap 21.05 Report, attualità 22.50 Sfide, documenti

14.50 TgR Leonardo 15.10 Le nuove avvenure di Flipper, tf 16.40 Geo, documenti 19.00 Tg3 Regione - Blob 20.35 Un posto al sole, soap 21.05 Ballarò, varietà 23.20 Gazebo, attualità

15.10 Le nuove avvenure di Flipper, tf 16.40 Geo, documenti 19.00 Tg3 Regione - Blob 20.15 Pane quotidiano, attualità 20.35 Un posto al sole, soap 21.05 Chi l’ha visto?, attualità 23.15 Gazebo, attualità

Rete4

ottobre

14.45 Lo sportello di Forum, attualità 15.30 Flikken coppia in giallo, telefilm 16.35 Per amore...dei soldi, fl 18.30 Tg4 - Meteo 18.50 Calcio: Trabzonspor-Lazio 21.25 Life-Uomo e natura, docum. 00.20 Speciale Europa League, sp.

14.45 Lo sportello di Forum, attualità 16.05 Il capitano dei Mari del Sud, fl 18.55 Tg4-Meteo.it 19.35 Tempesta d’amore, soap 20.25 Quintacolonna,ilquotidiano, att. 21.10 Quarto Grado, attualità 00.20 Incontro fatale, film

14.45 Lo sportello di Forum, attualità 15.30 Ieri e oggi in TV Speciale, doc. 16.45 Perry Mason, film 19.35 Tierra de Lobos, telefilm 20.30 Tempesta d’amore, soap 21.30 Duro da uccidere, film 23.35 Man of Honor, film

13.00 I viaggi di life, documenti 14.40 Donnavventura, documenti 15.20 Francesco, fiction 18.55 Tg4-Telegiornale-Meteo 19.35 Il comandante Florent, telefilm 21.30 Tempesta d’amore, soap 23.00 Presunto innocente, film

14.45 Lo sportello di Forum, attualità 15.30 Flikken coppia in giallo, telefilm 16.50 Il solitario di Rio Grande, film 19.35 Tempesta d’amore, soap 20.25 Quinta Colonna-Quotidiano, att. 21.10 Quinta Colonna, attualità 23.50 Terra!, attualità

15.30 Flikken coppia in giallo, telefilm 16.50 Faccia da schiaffi, film 18.55 Tg4 - Meteo 19.35 Tempesta d’amore, soap 20.25 Quinta colonna, attualità 21.10 The Mentalist, telefilm 23.05 The Closer, telefilm

15.30 Flikken, coppia in giallo, tf. 16.50 U-112 Assalto al Queen Mary, fl 18.55 Tg4 - Meteo 19.35 Tempesta d’amore, soap 20.25 Quinta colonna, attualità 21.10 Radio Belva, attualità 23.50 Dentro la notizia, attualità

Canale5

ottobre

16.10 Il segreto, soap 16.55 Pomeriggio Cinque, attualità 18.50 Avanti un altro!, gioco 20.00 Tg5 - Meteo 20.40 Striscia la notizia, varietà 21.10 Baciato dalla fortuna, film 23.30 Supercinema, attualità

16.10 Il segreto, soap 16.55 Pomeriggio Cinque, attualità 18.50 Avanti un altro!, gioco 20.00 Tg5 - Meteo 20.40 Striscia la notizia, varietà 21.10 Baciamo le mani, fiction 23.00 Matrix, attualità

15.00 Il segreto, soap 16.15 Verissimo, attualità 18.50 Avanti un altro!, gioco 20.00 Tg5 - Meteo 20.40 Striscia la notizia, varietà 21.10 Italia’s got talent, varietà 00.20 Speciale Tg5, attualità

12.00 Melaverde, attualità 13.40 L’arca di Noè, attualità 14.00 Domenica live, varietà 20.00 Tg5 - Meteo 20.40 Striscia la notizia, varietà 21.30 Io canto, musicale 00.20 Smash, telefilm

14.40 Uomini e donne, talk show 16.55 Pomeriggio Cinque, attualità 18.50 Avanti un altro!, gioco 20.00 Tg5 - Meteo 20.40 Striscia la notizia, varietà 21.10 Gianni Morandi Live, musicale 23.30 Nel bianco, film

16.10 Il segreto, soap 16.55 Pomeriggio Cinque, attualità 18.50 Avanti un altro!, gioco 20.00 Tg5 - Meteo 20.40 Striscia la notizia, varietà 21.10 Gianni Morandi Live, musicale 23.50 Matrix, attualità

16.10 Il segreto, soap 16.55 Pomeriggio Cinque, attualità 18.50 Avanti un altro!, gioco 20.00 Tg5 - Meteo.it 20.40 Striscia la notizia, varietà 21.10 Le tre rose di Eva 2, fiction 23.30 Un altro mondo, film

Italia1

ottobre

14.35 What’s my destiny..., cartoni 15.00 Naruto Shippuden, cartoni 15.30 2 Broke Girls, telefilm 18.30 Studio Aperto - Meteo 19.20 CSI-Miami, telefim 21.10 Hannibal, telefilm 24.00 Le Iene, varietà

14.35 What’s my destiny..., cartoni 15.00 Naruto Shippuden, cartoni 15.30 2 Broke Girls, telefilm 18.30 Studio Aperto - Meteo 19.20 CSI-Miami, telefim 21.10 Sherlock Holmes, film 23.45 Miami Vice, film

14.45 Superbike: GP di Francia 16.00 Mr. Nice Guy, film 17.55 Magazine Champions League 18.30 Studio Aperto 19.25 La tela di Carlotta, film 21.10 L’era glaciale, film 22.55 Mission to Mars, film

14.00 Community, telefilm 15.00 Superbike: GP di Francia 16.20 Fuori Giri, attualità 17.00 Scooby-Doo e il fantasma, fl 19.15 Il mistero di Sleepy Hollow, fl 21.25 Adam Kadmon, documenti 00.50 Ultracorpi, film

14.35 What’s my destiny..., cartoni 15.00 Naruto Shippuden, cartoni 15.30 2 broke Girls, telefilm 18.30 Studio Aperto 19.20 CSI Miami, telefilm 21.10 L’incredibile Hulk, film 23.20 Tiki Taka, attualità

14.35 What’s my destiny..., cartoni 15.00 Naruto Shippuden, cartoni 15.30 2 broke Girls, telefilm 18.30 Studio Aperto 19.20 CSI Miami, telefilm 21.10 Iron Man 2, film 23.35 XXX-The Next Level, film

14.35 What’s my destiny..., cartoni 15.00 Naruto Shippuden, cartoni 15.30 2 broke Girls, telefilm 18.30 Studio Aperto 19.20 CSI Miami, telefilm 21.10 Capitain America, film 23.20 Outlander: l’ultimo vichingo, fl

La7

ottobre

14.40 Le strade di San Francisco, tf 16.30 The District, telefilm 18.15 Il commissario Cordier, telef. 20.00 Tg La7 20.30 Otto e mezzo, telefilm 21.10 Servizio Pubblico, attualità 00.00 Tg La7 Night Desk, attualità

14.40 Le strade di San Francisco, tf 16.30 The District, telefilm 18.15 Il commissario Cordier, telef. 20.00 Tg La7 20.30 Otto e mezzo, telefilm 21.10 Bersaglio mobile, film 00.00 Tg La7 Night Desk, attualità

14.40 L’ispettore Barnaby, telefilm 16.30 The District, telefilm 18.15 La libreria del mistero, film 20.00 Tg La7 20.30 Otto e mezzo, attualità 21.10 I Borgia, fiction 23.20 Caccia all’uomo, film

14.00 Tg La7- Cronache 14.40 Nadine, film 16.30 The District, telefilm 18.15 Il commissario Cordier, film 20.00 Tg La7 21.00 Grey’s Anatomy, telefilm 23.45 Saving Hope, telefilm

14.40 Le strade di San Francisco, tf 16.30 The District, telefilm 18.15 Il commissario Cordier, telef. 20.00 Tg La7 20.30 Otto e mezzo, attualità 21.10 Piazzapulita, attualità 24.00 La7 Night Desk, attualità

14.40 Le strade di San Francisco, tf 16.30 The District, telefilm 18.15 Il commissario Cordier, telef. 20.00 Tg La7 20.30 Otto e mezzo, attualità 21.10 Linea gialla, attualità 24.00 La7 Night Desk, attualità

14.40 Le strade di San Francisco, tf 16.30 The District, telefilm 18.15 Il commissario Cordier, telef. 20.00 Tg La7 20.30 Otto e mezzo, attualità 21.10 La gabbia, attualità 24.00 La7 Night Desk, attualità

" '++ '++

555 .-.0#-7'(3-'$0*.4#&'1* %., '&' +')#+' 4*# !! '22',$0' 2'+ (#6

*+4#-.

0$#

#0+. 0*++. ,*+*. /#7#+

',#*+ +20' 1'&*

4*#+' 2#7*.-' '-20#+' 4*# .,# / 77# #0*$#+&*


notizieutili lefarmacie

www.farmapiemonte.org

NOVI LIGURE Giovedì 3 ottobre: Valletta (via Garibaldi); venerdì 4: Giara (via Girardengo); sabato 5: Moderna (via P. Giovanni XXIII) di appoggio diurno: Baiardi (via Girardengo) e Cristiani (via IV Novembre); domenica 6: Beccari (via P.Isola); lunedì 7: Cristiani; martedì 8: Nuova (viale Saffi); mercoledì 9: Baiardi. OVADA Domenica 6 ottobre Frascara, Piazza Assunta NEI PAESI Giovedì 3 ottobre: Moderna (Arquata); venerdì 4: Belleri (Gavi) e Maiocchi (Cabella); sabato 5: Balbi (Serravalle); domenica 6: Giacoboni (Arquata) e Libarna (Serravalle); lunedì 7: Di Matteo (Vignole); martedì 8: Cantù (Gavi) e Sartorotti (Rocchetta); mercoledì 9: Libarna e Marucchi (Borghetto). BASALUZZO: Moccagatta (aperta la seconda domenica del mese); CAPRIATA D’ORBA: Opizzi (terza domenica del mese); CABELLA: Maiocchi (seconda domenica del mese); PASTURANA: Bianchi (prima domenica del mese); POZZOLO FORMIGARO: Perseghini (seconda e quarta domenica del mese). Contattando il sito www.farmapiemonte.org al link: “cerca la farmacia aperta più vicina” è possibile conoscere, anche con largo anticipo, le farmacie di turno desiderate.

leedicole NOVI LIGURE Domenica 6 ottobre M & M (Portici nuovi); Semino (piazza del Maneggio); Fossati (piazza Matteotti); Campi (via Verdi); Fossati (Giardini pubblici); Ponte (Stazione Fs); Scarsi (viale P. Cichero); Arecco (via Amendola); Effe di Silvano (via Ovada), Guidetti (via Dacatra); Fanin (via Papa Giovanni XXIII); Edicola di viale Saffi. OVADA Domenica 6 ottobre Via Torino, Piazza Castello, Piazza Cappuccini

ilsettimanale • giovedì 3 ottobre 2013

37 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

leposte

parrocchieemesse

ORARIO CONTINUATO (dal lunedì al venerdì 8.25-19.10; sabato 8.25-12.35) Novi Ligure (p.zza De Negri 1), Ovada (via Monsignor Cavanna 16).

NOVI LIGURE

ORARIO ORDINARIO (dal lunedì al venerdì 8.25-13.35; sabato 8.25-12.35) Novi Ligure (via Garibaldi), Arquata Scrivia (via Libarna 201), Cassano Spinola (via Arzani 93), Cremolino (via San Bernardino 1), Gavi (piazza Dante 10), Pasturana (via Roma 18), Serravalle Scrivia (via Brodolini 17) (dal lunedì al venerdì 8.15-13.45; sabato 8.15-12.45) Basaluzzo (via Stazione 3), Borghetto Borbera (via Roma 63), Borghetto Borbera (Persi, via Provinciale 14), Bosio (via Umberto I 42), Cabella Ligure (piazza della Vittoria), Capriata d’Orba (via San Giovanni 2), Carpeneto (piazza Vittorio Emanuele II 1), Castelletto d’Orba (via G. B. Borgatta 7), Lerma (corso Spinola 12), Molare (via P. Albareto), Pozzolo Formigaro (piazza IV Novembre 4), Prasco (via Roma 1), Predosa (via Cavour 6), Rocca Grimalda (piazza Vittorio Veneto 1), Silvano d’Orba (piazza Battisti 48), Stazzano (piazza Risorgimento 5), Tagliolo Monferrato (via Roma 2), Trisobbio (via Roma 12), Vignole Borbera (viale Torino 14), Voltaggio (piazza Garibaldi 6).

OVADA ORARIO RIDOTTO (lunedì, mercoledì e venerdì 8.15-13.45) Rocchetta Ligure (piazza Regina Margherita), Cantalupo Ligure (via Umberto I 27), Albera Ligure (via Roma), Belforte Monferrato (via San Colombano 3), Carrosio (via G. Odino 39), Francavilla Bisio (via Guasco 16), Fresonara (piazza Italia 10), Grondona (via Municipio), Parodi Ligure (piazza Municipio 5), San Cristoforo (via Irmo Ferrari 16a), Tassarolo (piazza Libertà 10). (martedì, giovedì e sabato) Predosa (Castelferro, via Pellizza 3)

numeridiemergenza Ambulanza 118; Carabinieri 112; Vigili del fuoco 115; Polizia 113; Guardia di finanza 117

Direzione GENOVA 6.00 R 21107 (§) • Serravalle Scrivia 6.08, Arquata 6.21, Genova Sampierdarena 7.21, G. Principe 7.29, G. Brignole 7.35. 6.05 R 21161 (^) Serravalle 6.14, Arquata 6.21, Sampierdarena 7.21, Principe 7.29, Brignole 7.35. 6.19 R 6109 (*) Serravalle 6.26, Arquata 6.34, Sampierdarena 7.11, Principe 7.19, Brignole 7.27. 6.45 RV 2043 Serravalle 6.52, Arquata 6.59, Sampierdarena 7.43, Principe 7.52, Brignole 7.58. 7.05 R 6111 (§) Serravalle 7.12, Arquata 7.19, Principe 7.54, Brignole 8.00. 7.26 R 10323 Serravalle 7.33, Arquata 7.39, Principe 8.16, Brignole 8.23. 9.44 RV 2161 Serravalle 9.55, Arquata 10.06, Principe 10.34, Brignole 10.40. 12.47 RV 2163 Serravalle 12.53, Arquata 13.00, Principe 13.36, Brignole 13.42. 14.48 R 2051 Serravalle 14.55, Arquata 15.01, Principe 15.37, Brignole 15.43. 15.15 IC 515 (§) Principe 15.56, Brignole 16.02. 16.45 RV 2167 Serravalle 16.51, Arquata 16.58, Principe 17.36, Brignole 17.42. 18.48 RV 2055 Serravalle 18.54, Arquata 19.01, Principe 19.37, Brignole 19.43. 19.15 IC 519 Principe 19.55, Brignole 20.01. 20.40 R 21157 (§) Arquata 20.50, Sampierdarena 21.55, Principe 22.03, Brignole 22.09. 20.47 RV 2171 Serravalle 20.53, Arquata 21.00, Principe 21.36, Brignole 21.42. Direzione MILANO 6.20 R 2180 (§) Pozzolo 6.27, Tortona 6.43, Voghera 6.56, Pavia 7.16, Rogoredo 7.41, Milano Lambrate 7.46, Milano Centrale 7.55. 6.34 R 2882 (§) Pozzolo 6.42, Tortona 6.58, Voghera 7.12, Pavia 7.32, Rogoredo 7.53 7.56 R 2674 (§) Pozzolo 8.02, Tortona 8.16, Voghera 8.29, Pavia 8.51, Rogoredo 9.10, Lambrate 9.18, Milano Centr. 9.30. Direzione TORINO

Nostra Signora Assunta (piazza Assunta): ore 8.00, 11.00, 17.30; prefestivi ore 17.30; feriali ore 8.30. San Paolo della Croce (corso Italia): ore 11.00; prefestivi ore 20.30; feriali ore 20.30. Padri Cappuccini: ore 10.30. Padri Scolopi (piazza San Domenico): ore 7.30, 10.00; prefestivi ore 16.30; feriali 7.30, 16.30. Madri Pie: feriali ore 17.30. Monastero Passioniste: ore 10.00. Ospedale: prefestivi e feriali ore 18.00. San Venanzio (frazione San Venanzio): festivi ore 9.30. Grillano: festivi ore 9.00. Nostra Signora della Neve (frazione Costa): festivi ore 10.00. San Lorenzo (frazione San Lorenzo): festivi ore 11.00.

guardiamedica

itreni Partenze da Novi

Collegiata (piazza Dellepiane): ore 9.00, 11.00, 12.00, 17.00; prefestivi ore 17.00. Sant’Andrea (piazza Sant’Andrea): ore 10.00. Sant’Antonio (viale Rimembranza): ore 8.00, 10.00, 11.00, 17.30. Cimitero (via P. Isola): ore 8.45. Sacro Cuore (via Don L. Sturzo): ore 8.00, 11.00, 17.00; prefestivi ore 17.00. San Nicolò (via Girardengo): ore 8.30, 10.30, 11.30, 18.00; prefestivi ore 18.00. Cristo Risorto (quartiere G3): ore 9.30. Maddalena (via Abba): prefestivi ore 17.00. San Pietro (via Roma): ore 10.00, 11.30, 18.15; prefestivi ore 18.15. Santa Rita (via Monte Grappa): ore 9.00. San Giovanni Bosco (via San G. Bosco): ore 9.00. Barbellotta (frazione Barbellotta): ore 11.00. Ospedale (via Raggio): prefestivi ore 18.00. Pieve di Santa Maria (piazzale Pieve): ore 9.00, 11.00, 17.00; prefestivi ore 17.00.

6.15 R 6100 (*) Alessandria 6.30, Asti 6.52, Torino Lingotto 7.34, Torino Porta Nuova 7.40. 6.3 9 RV 215 8 Aless andria 6.57, Asti 7.20, Torino Lingotto 8.04, Torino Porta Nuova 8.10. 7.11 RV 216 0 Aless andria 7.29, Asti 7.55, Torino Lingotto 8.31, Torino Porta Nuova 8.40. 7.41 IC 500 Alessandria 7.57, Asti 8.18, Torino Lingotto 8.47, Torino Porta Nuova 8.55. 8.41 IC 502 Alessandria 8.57, Asti 9.18, Torino Lingotto 9.47, Torino Porta Nuova 9.55. 9.12 R 20 4 4 Aless andria 9.29, Asti 9.52, Torino Lingotto 10.32, Torino Porta Nuova 10.40. 13.09 RV 2164 Alessandria 13.29, Asti 13.52, Torino Lingotto 14.31, Torino Porta Nuova 14.40. 14.13 RV 2166 Alessandria 14.29, Asti 14.52, To. Lingotto 15.31, To. Porta Nuova 15.40. 15.0 9 R 20 4 8 Aless andria 15.29, Asti 15.52, Torino Lingotto 16.31, To. Porta Nuova 16.40. 17.09 RV 2170 Alessandria 17.29, Asti 17.52, To. Lingotto 18.31, To. Porta Nuova 18.40. 17.39 IC 512 (§) Alessandria 17.57, Asti 18.18, Torino Lingotto 18.47, Torino Porta Nuova 18.55. 19.0 9 R 2052 Aless andria 19.29, Asti 19.52, Torino Lingotto 20.31, Torino Porta Nuova 20.40. Direzione LA SPEZIA 6.45 RV 2043 Serravalle Scrivia 6.51, Arquata Scrivia 6.58, Principe 7.49, Brignole 7.58, Portofino 8.31, Rapallo 8.36, La Spezia 09.59. 8.27 RV 18 45 (^) Genova Principe 9.07, Genova Brignole 9.15, Rapallo 9.53, La Spezia 11.03. 14.4 8 RV 2051 Serravalle Scrivia 14.54, Arquata Scrivia 15.00, Genova Brignole 15.43, Portofino 16.25, Rapallo 16.29, La Spezia 17.59. 18.4 8 RV 2055 Serravalle Scrivia 18.53, Arquata Scrivia 19.00, Genova Brignole 19.43, Portofino 20.31, La Spezia 22.02.

Partenze da Ovada

Genova Sampierdarena 19.35, Genova Piazza Principe 19.45, Genova Brignole 19.51. 21.09 R 6175 Rossiglione 21.17, Campo-Masone, 21.23, Sampierdarena 22.01, Genova Principe 22.08, Brignole 22.14.

Il servizio è attivo nei giorni feriali, dalle ore 20.00 alle 8.00 del mattino successivo. Il sabato e nei giorni prefestivi dalle ore 10.00 alle 8.00 del lunedì o del giorno successivo a quello festivo.

Direzione ALESSANDRIA Direzione GENOVA 6.24 R 11397 (^) Rossiglione 6.33, Campo-Masone, 6.41, Genova Sampierdarena 7.16, Genova Principe 7.24, Genova Brignole 7.30. 6.33 R 11399 (§) Rossiglione 6.41, Campo-Masone 6.47, Genova Sampierdarena 7.26, Genova Principe 7.34, Genova Brignole 7.43. 7.30 R 6155 (§) Rossiglione 7.38, Campo-Masone, 7.44, Sampierdarena 8.20, Genova Principe 8.27, Genova Brignole 8.33. 7.55 R 6157(§) Rossiglione 8.04, Campo-Masone, 8.10, Genova Sampierdarena 8.37, Principe 8.45, Genova Brignole 8.53. 9.21 R 6181 (^) Rossiglione 9.30, Campo-Masone, 9.36, Sampierdarena 10.11, Principe 10.18, Brignole 10.24. 12.23 R 6185 (^) Rossiglione 12.32, Campo-Masone, 12.38, Sampierdarena 13.14, Principe 13.21, Brignole 13.27. 12.35 R 6163 (§) Rossiglione 12.44, Campo-Masone, 12.51, Sampierdarena 13.28, Principe 13.35, Brignole 13.41. 13.42 R 6165 (§) Rossiglione 13.51, Campo-Masone, 13.57, Sampierdarena 14.33, Principe 14.40, Brignole 14.46. 13.54 R 6187 (^) Rossiglione 14.03, Campo-Masone, 14.09, Sampierdarena 14.45, Principe 14.53, Brignole 14.59. 14.40 R 6167 (§) Rossiglione 14.49, Campo-Masone, 14.55, Sampierdarena 15.31, Principe 15.38, Brignole 15.44. 16.14 R 6169 (§) Rossiglione 16.22, Campo-Masone, 16.28, Genova Sampierdarena 17.05, Genova Principe 17.12, Genova Brignole 17.18. 16.21 R 6189 (^) Rossiglione 16.31, Campo-Masone, 16.37, Sampierdarena 17.00, Genova Principe 17.24, Brignole 17.30. 18.43 R 6173 (§) Rossiglione 18.52, Campo-Masone, 18.58,

6.33 R P 524 (#§) Predosa 6.53, Alessandria 7.20. 6.34 R P 518 (#^) Predosa 6.55, Alessandria 7.30. 7.40 R P 520 (#§) Predosa 8.01, Alessandria 8.26. 8.07 R P 538 (#§) Predosa 8.27, Alessandria 8.54. 11.00 RP 508 (#§) Predosa 11.21, Alessandria 11.46. 13.30 RP 528 (#§) Predosa 13.51, Alessandria 14.16. 14.31 RP 560 (#§) Predosa 14.51, Alessandria 15.18. 14.36 RP 530 (#^) Predosa 14.57, Alessandria 15.32. 15.35 RP 532 (#§) Predosa 15.56, Alessandria 16.21. 18.50 RP 562 (#*) Predosa 19.10, Alessandria 19.37. Direzione ACQUI TERME 7.06 R 6150 Acqui 7.28. 8.15 R 6152 (§) Acqui 8.38. 8.31 R 6178 (^) Acqui 8.52. 9.56 R 6154 (§) Acqui 10.17. 11.18 R 6156 (*) Acqui 11.39 11.35 R 6182 (^) Acqui 11.55 13.01 R 6184 (^) Acqui 13.22 13.18 R 6158 (§) Acqui 13.39 14.18 R 6160 (*) Acqui 14.38 15.19 R 6162 (§) Acqui 15.40. 15.33 R 6188 (^) Acqui 15.54. 16.45 R 6164 (§) Acqui 17.06. 17.03 R 6190 (^) Acqui 17.23. 17.58 R 11396 (*) Acqui 18.15. 18.44 R 6166 Acqui 19.05. 19.22 R 6168 (*) Acqui 19.44. 20.09 R 6192 (^) Acqui 20.31. 20.18 R 6170 (§) Acqui 20.39. Sono indicate solamente le fermate nelle stazioni principali dei treni che circolano dalle 6.00 alle 21.00. Per gli orari completi visit ate il sito www.trenitalia.it oppure consultate le bacheche della vostra stazione ferroviaria. (^) Circola solo i giorni festivi (§) Non circola nei giorni festivi (*) Non circola nei giorni festivi né il sabato (#) Bus sostitutivo

NOVI LIGURE (tel. 0143 746569) risponde per i comuni di Novi, Basaluzzo, Capriata, Cassano Spinola, Francavilla Bisio, Pozzolo Formigaro, Pasturana, Tassarolo. OVADA (tel. 0143 81777) Ovada, Carpeneto, Casaleggio, Cremolino, Lerma, Molare, Rocca Grimalda, Silvano d’Orba, Tagliolo, Trisobbio. ARQUATA SCRIVIA (tel. 0143 636129) Arquata Scrivia, Albera Ligure, Borghetto Borbera, Cabella Ligure, Cantalupo Ligure, Carrega Ligure, Grondona, Mongiardino Ligure, Roccaforte Ligure, Serravalle Scrivia, Vignole Borbera. GAVI (tel. 0143 642551) Gavi, Bosio, Carrosio, Fraconalto, Parodi Ligure, San Cristoforo, Voltaggio. CASTELLAZZO BORMIDA (tel. 0131 270027) Predosa.

edizioni sic srl • novi ligure Direttore responsabile: MARCO MATTEINI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .direttore@ilnovese.info Vicedirettore: ELIO DEFRANI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .e.defrani@ilnovese.info Direttore marketing: MILVA CALDO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .m.caldo@ilnovese.info Segretaria di Redazione: PIERA FIRPO . . . . . . . . . . . . . . . . . . .amministrazione@ilnovese.info Impaginazione in proprio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .grafica@ilnovese.info Pubblicità: Limongelli Ravizza (cell. 338 1964245) Paolo Moncalvo (cell. 393 3377444) - Giacinto Smacchia (cell. 339 8366843)

Redazione di Novi Ligure

Redazione di Ovada

via Garibaldi 17 - Tel. 0143.314700 Fax 0143.2127 - redazione@ilnovese.info Giampiero Carbone . . .g.carbone@ilnovese.info Maurizio Iappini . . . . . . . . . . . . .sport@ilnovese.info Lisa Lanzone . . . . . . . . . . . .l.lanzone@ilnovese.info Sara Moretto . . . . . . . . . . .s.moretto@ilnovese.info Marzia Persi . . . . . . . . . . . . . .m.persi@ilnovese.info Collaboratori: Arianna Borgoglio, Umberto Cabella, Serena Cellotto, Daria Ubaldeschi, Claudio Casonato, Michela Ferrando, Gino Fortunato, Enrico Ivaldi, Andrea Suverato, Giulia Cipollina. Abbonamenti: Euro 35 - c.c.p. n° 12398111

via Buffa 39 - Tel. e fax 0143.81054 ovadese@alice.it Redattori capo: Diego Cartasegna, Claudio Priarone Edoardo Schettino . . . . . . . .eschet@gmail.com Collaboratori: Simonetta Albertelli, Elisabetta Baschiera, Giuliana Cantamessa, Dania D’amato, Stefano Danielli, Lorenzo Martinengo, Luca Piana, Daniele Prato, Stefano Priarone, Laura Caneva (fotoservizi) Abbonamenti: Euro 35 - c.c.p. n° 13718150 intestato a ‘l’ovadese’ Via Cavallotti 118 Novi Ligure

Stampa AGA Arti Grafiche Associate - corso C. Brunet 13/15 - Cuneo


ilmercatino

ilsettimanale • giovedì 3 ottobre 2013

38 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

glianimali

gliimmobili illavoro

imotori

DISPONIBILI su prenotazione cuccioli di bracco ungherese (Vizsla). Tel. 338 9296366.

CERCO in regalo per famiglia indiana armadio cameretta o sta-gionale. Tel. 0143 73722 o 328 5366622 VENDESI arredamento di appartamento: 2 camere, 1 sala, 1 salotto + tinello e accessori vari. Tel. 329 7958911. VENDO credenza 5 ante (base + cristalliera) anni 60 ; tutto legno color noce chiaro. Usata , in ottimo stato Tel 320 0684930 VENDO 2 divani (3 posti), 2 poltrone in tessuto marrone. Euro 200,00. Anche separatamente. Tel. 339 3835070. VENDO causa trasloco mobilia varia tutta in buono stato. Tel. 340 5458645. VENDO stufa a pellet Sideros kw 7 – 9 anno 2010. Euro 600. Tel. 0143 70466 – 339 4222265. VENDO sala Chippendale fine anni ‘50 in radica noce intarsiata con buffet con specchio, tavolo, 8 sedie, ecc. Tel. 339 4878425. VENDO stufa a pellet 4 mesi di vita causa trasferimento. Vera occasione. Tel. 347 6704464. VENDO Stufa In Ghisa Con 4 Fuochi A Euro 200.00 tel 339 3368812 CAUSA trasloco vendo arredamento nuovo: armadio, letto in ferro, ecc. Anche cuccia per cane. Tel. 347 1995633. SCRIVANIA Ikea bianca/argento cm. 160 nuova. Euro 60. Tel. 346 0190175. VENDO armadio a 6 ante con 3 cassettiere e 2 comodini color ciliegio. Euro 500,00 tratt. Tel. 366 2963747.

VENDO in Genova Marassi appartamento 5 vani € 140.000. tel 334 3563405 VE N DO villa con terreno a Roccagrimalda. Bellissima casa in splendida posizione. € 300.000 tratt. Tel 334 3563405 NOVI G3 affitto alloggio al 2°p, 4 camere, risc.autonomo, 2 terrazzi, garage e cantina. Contratto affitto agevolato. Tel. Ore pasti 0143 745480 o 338 4610180. TASSAROLO vendo casa unifamiliare a 2 piani Risc.metano, serramenti nuovi, box porticati, sedime 300 mq. Tel. 0143 745480 o 338 4610180. AFFITTASI app. solo referenziati via M.te Nero 4p: sala, cucina, 2 letto, bagno, 2 terraz., ecc. Tel. 338 2595888. AFFITTASI a Novi (via P.Isola) alloggio luminoso 4p: 4 camere, 2 terrazzi, cantina. Solo referenziati. Tel. 0143 73722 o 328 5366622. AFFITTASI Sardegna Castelsardo appartamento in villetta 8 postiletto doppi servizi, piscina, postoauto. Tel. 347 1646343. AFFITTASI appartamento in Novi L. (viale Saffi): ingresso, cucina ab., 2 camere, servizio, ecc. Tel. 389 2148130. AFFITTASI garage in piazza Mazzini a Ovada; ampia metratura, adatto anche uso magazzino. Tel. 331 5704553 VENDESI box auto a Novi via Dei Mille ang. Via IV Novembre. Tel. 339 4340009. CASA indip. 2 piani con 300mq di sedime, risc. Metano, doppi vetri, 1°p ristrutturato. Tel. Ore pasti 0143 745480 o 338 4610180. VENDESI appartamento a Novi centro storico: 4 stanze, cucina, servizi, cantina e garage. Euro 140.000,00. Tel. 338 9493829.

VENDO ciclomotre Peugeot anno 2007. Km. 782. Euro 700,00. Tel. 320 5688074. VENDO Volkswagen Touareg Grigio Metalizzato – anno 2004. Tel 334 3563405. DS Squalo ‘72 d’epoca versione D super 5 marce e gomme e impian-to gpl. Euro 9500,00. Perfetta. Tel. 347 0706404. VENDO scooter elettrico per anziani: 4 ruote, 15Km/h, autonomia 40 km. Come nuovo. Tel. 340 5012752 ore serali. VENDO APE 50 del 2007 rev. Nel 2012. Occasione. Tel. 340 8926795. VENDO APE 50 in ottimo stato. Anno 2500, km 12000. Prezzo interessante. Tel. al 339 2106399 VENDO fuoristrada Ymmy colore argento met., 4 gomme neve, 1.3, apriile 2009, km 10.140 euro 10.000. Ottimo stato. Tel. 3389946307 Deborah VENDO vespa Piaggio 200 colore verde acqua met., con 2 caschi km 8.400 euro 2.000. Ottimo stato. Tel. 3389946307 Deborah VENDO Vespa pk 125 motore rifatto, carrozzeria da riordinare. Tel. 331 5814234. VENDO Suzuki Ignis 4x4 gpl, esente bollo 2014, grigio met. Tel. 348 9133470. VENDO moto Honda Hornet 600, anno 2002, Km 20000. Euro 2000,00 tratt. Tel. 339 8667584 VENDO Suzuki Santana Sj410 anno ‘87, gpl, frizione e motore rifatti, rev. Euro 5000,00 . Tel. 331 3640823. VENDO scooter Yamaha Majestic 400 aprile 2005 Km 24000, cinghia, rulli e batteria nuovi. Euro 2100. Tel. 349 1770095.

anniversario

anniversario

Il 3 ottobre ricorre il 2° anniversario della scomparsa di

E’ ricorso l’anniversario della scomparsa di

l’arredo

GIUSEPPE ROBBIANO

CLEMENTE GUALCO

La moglie e le figlie lo ricordano con immenso affetto e rimpianto.

La moglie e il figlio lo ricordano con infinito amore.

anniversari Nella ricorrenza del 4 ottobre la figlia ricorda con immenso affetto i genitori

SIGNORA italiana offresi come baby sitter, pulizie, stiro, cucinare. Novi e zona. Tel. 340 8205060. DISABILE cerca persona automunita per accompagnamento viaggi di breve distanza. Remunerato. Tel. 338 8811961. CERCASI signora tuttofare, automunita, possibilmente di-plomata. Disp. Solo diurna. Tel. 339 10558936. CERCASI signora tuttofare, automunita, possibilmente diplomata. Tel. 388 1068018. OFFRESI barista refer., direttore di sala, elettricista, operaio, ecc. Lingua italiana e tedesca. Tel. 328 3596769. GUARDIA giurata con documenti validi cerca impiego. Tel. 392 9114052. CERCO lavoro come badante, disponibile lavori domestici e pulizie. Tel 0143 837621. IMPARTISCO lezioni in Ovada di Fisica e Matematica. Tel. 329 1428222 IMPARTISCO lezioni in Ovada di Inglese, Francese, Italiano. Tel. 331 87701178 EX dipendente ospedaliera offre per ore diurne e notti anche ass. in ospedale anche la domenica. Novi e dintorni. Tel. 392 0108542 o 392 1641863. ITALIANA referenziata e automunita cerca lavoro come collaboratrice domestica, baby sitter ecc. Seria. No perditempo. Tel. 340 7209266. VALBORBERA cerco per taglio legna boschi di querce, castagni e acacia. Tel. 333 1857298. TUNISINO di 32 anni, serio, cerca lavoro come imbianchino, manovale, operaio. Tel. 328 8785728. RAGAZZA italiana cerca lavoro per assistenza anziani, collaboratrice domestica, ottima stiratrice. Tel. 333 8913984. INSEGNANTE impartisce lezioni a ragazzi di elementari, medie di matematica, chimica, fisica, ecc. Tel. 333 9751762. ANNI 48 elettricista con esperienza cerca qualsiasi lavoro. Tel. 349 3625513. CERCO impiego come addetto front-office, recepionist aziendale o commesso. Tel. 377 1211426. CERCO lavoro come baby sitter, badante, per la sola giornata do-menicale. Novi e dintorni. Tel. 347 2949851. SIGNORA italiana, referenziata, automunita, offresi per pulizie uffici ed eserc.commerciali. Tel. 349 0796441. SIGNORA rumena 47enne 10 anni in Italia, referenziata, offresi per ass.anziani anche non autosuffi., lavori domestici, cucito. Tel. 3451721012. SIGNORA rumena 39enne, 10 anni in Italia, referenziata offresi per ass.anziani anche non autosuff., lavori domestici, cucito. Tel. 346 2870086.

Attenzione Compila il tagliando con il testo dell’annuncio e consegnalo o spediscilo a Sic srl, Via Garibaldi 17, 15067 Novi Ligure. Verranno pubblicati solo gli annunci pervenuti sul tagliando in originale (non sono ammesse fotocopie, fax, email). Non si ricevono annunci per telefono Per inserzioni a pagamento contattare la redazione: 0143. 314700 annunci@ilnovese.info

RINA GIRARDENGO e

FRANCO FILIPPI

Annunci e ricordi dei propri cari devono pervenire entro e non oltre il venerdì antecedente l’uscita del giornale

levarie

a cura di VIZI e SERVIZI Tabaccheria Alberti dal 1970 piazza Mazzini 21, Ovada, tel. 0143 86402

I capilista delle 10 ruote Ruota

Numero

Ritardo attuale

Ritardo storico

30 29 38 46 74 57 19 57 64 52 21

70 91 81 70 153 81 90 62 88 65 54

87 102 97 121 154 99 104 107 155 119 104

BARI CAGLIARI FIRENZE GENOVA MILANO NAPOLI PALERMO ROMA TORINO VENEZIA NAZIONALE

Ambi con i ritardatari

Da giocare

MILANO 74-82 74-16 74-30

Decina del 60 su Milano Cadenza 7 su Venezia Figura 3 su Firenze Radicali 4 su Milano

DATI AGGIORNATI AL 26/09/2013 PREVISIONI DA GIOCARSI PER 3 ESTRAZIONI CAUSA inutilizzo vendo sega a disco per legna motore monofase. Prezzo da concordare. Tel. 0143 745038. VENDO portapacchi per Passat Variant 98 o per Golf Variant. Nuovo, orig., con astuccio. Euro 50,00. Tel. 339 5037143. VENDO pali di castagno per vigna o recinzioni. Tel. 340 1537247. VENDESI piscina fuori terra nuova ancora sigillata, ovale mt. 6,60x3,66x1,20. Euro 1200 tratt. Tel. 335 1797706. CANOA 4 posti, rossa, 2 pagaje, gavoni stagni. Tel. 331 5814234.

VENDO bici da corsa Trek integralmente in carbonio cambio Shimano Durace, accessoriata. Euro 1700,00. Tel. 338 3885163. CINQUE ettari di terreno gratis altezza mt. 1700 nel comune di Albera (Giarolo). Tel. 333 6257572. VENDO grandi pietre per giardino o panchine + antico paracarro. Euro 50. Tel. 333 1857298. COMPRO monete da 500 lire in argento tipo caravelle, cavalli o altre monete da collezione. Tel. 320 3463130. 60 arbanelle (vasi Bormioli 4 stagioni) da 500gr. Vendo 20 euro. Tel. 320 3463130. VENDO materiale avanzato da ristrutturazione: termosifoni in ghisa, piatto doccia, ecc. Telefonare al numero 338 3011925. VENDO persiane per tre finestre e tre portefinestre in castagno tinta noce. Euro 500,00 tratt. Tel. 340 2675079.

KAJAK ERCINI grigio met. Tel. 331 5814234.’ VENDO pinguino Delonghi modello pac 46, con accessori. Ottime condizioni. Tel. 340 3237747. VENDO botte di vetroresina q. 5. Euro 150,00. Tel. 349 8476821. VENDO piscina fuori terra tipo “laghetto”, costruita con telo pvc, con scaletta in acciaio, ecc. Tel. 347 2788972. VENDO pelliccia di visone canadese. Prezzo int. Ottimo stato. Tel. 366 8022754. VENDO tappatrice per bottiglie. Usata Tel 320 0684930

ANNIVERSARIO

TRIGESIMA

Nel 1° anniversario della scomparsa del caro

Nella trigesima della scomparsa del compianto

GHIO LUIGI LUCIANO TRAVERSO la moglie, il figlio e i familiari tutti lo ricordano con una S. Messa di suffragio che sarà celebrata domenica 6 ottobre alle ore 9.45 nella Chiesa Parrocchiale di S. Giuseppe di Bettole di Tortona. Si ringraziano quanti si uniranno nel ricordo e nella preghiera.

la figlia e il nipote lo ricordano con immutato affetto. Una S. Messa di suffragio sarà celebrata domenica 6 ottobre alle ore 11.00 nella Chiesa Parrocchiale della Pieve di Novi Ligure. Si ringraziano quanti si uniranno nel ricordo e nella preghiera.

Bettole di Tortona, 2 ottobre 2013

Novi L., 2 ottobre 2013

S.p.A. Pompe Funebri via Paolo Giacometti, 22 - c/o Comune di Novi

GLI ANNUNCI DE ‘IL MERCATINO’ SONO GRATUITI ESCLUSIVAMENTE PER I PRIVATI

Non verranno pubblicati annunci pervenuti in forma anonima. Il nome – se non espressamente richiesto – non comparirà sul giornale. Le inserzioni gratuite vengono pubblicate a discrezione del giornale e in base alla disponibilità di spazio. L’editore si riserva a proprio insindacabile giudizio di rifiutare gli annunci che non siano conformi alle istruzioni indicate o comunque ritenuti non pubblicabili. L’inserzionista è informato dell’esistenza dei diritti che il d.lgs. 196/2003 riserva al titolare dei dati personali ed in particolare al diritto di verifica e del diritto di richiederne la cancellazione. L’inserzionista pertanto acconsente alla raccolta di tutti i dati forniti ed alla loro comunicazione ai nostri partner contrattuali.

Nome e Cognome . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Indirizzo

.......................................................................................

Telefono . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Testo dell’annuncio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........................................................................................................... ........................................................................................................... ........................................................................................................... ........................................................................................................... ........................................................................................................... ........................................................................................................... ...........................................................................................................

Firma leggibile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


ilsettimanale • giovedì 3 ottobre 2013

39 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

!


ilsettimanale • giovedì 3 ottobre 2013

40 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Il servizio gas e luce di Acosenergia

energia Presso il nostro ufficio, nel centro di Ovada, puoi avere tutte le informazioni direttamente dal nostro personale. Acosenergia ti offre un servizio faccia a faccia, vicino a te, proprio nella tua città. Da più di 30 anni Acos è presente sul nostro territorio, ne conosce gli aspetti, lavora per le persone che qui abitano e ne raccoglie le esigenze.

Hai bisogno di informazioni sui servizi gas metano? Hai dubbi sulla bolletta del gas? Desideri dividere in ogni bolletta i consumi annui di gas? Vuoi cambiare il tuo attuale fornitore? Devi fare un nuovo allaccio? Vuoi riattivare un contatore chiuso?

A OVADA NOI CI SIAMO!

ACOSenergia

Via Buffa, 49 · Ovada orari: lunedì- mercoledì - venerdì 9.00 - 12.30 lunedì - mercoledì 15.00 - 19.00

? A R P S A A T T E L L BO

Il servizio gas e luce non è un lusso ma un’esigenza. Per questo ad Ovada Acosenergia c’è! energia

con zzi puoi farla a pSeUMO PIATTO”

VIZIO “CON * SCEGLI IL SER

Acosenergia, sempre attenta ai propri clienti, ha pensato al Servizio “Consumo Piatto”, consentendo di rateizzare la bolletta eliminando così i “picchi” invernali.

ACOS CONSIGLIA lla rammazione de ienti nella prog cl ni ri og op in pr i re e ar de evol ente di divi Pensato per ag ali. o Piatto, cons rn um ve ns in Co i" ch io ic iz i "p spesa, il serv s, eliminando umi annui di ga mc ed i 5.000 mc bolletta i cons 500 i tra i pres umi annui com *

offerta riservata

i con cons

ai Clienti domestic

energia

.824450 576 - Fax 0143 Tel. 0143.823 85321 49 00 , 80 fa e: uf B rd Via - numero ve .it ia rg ne se www.aco

Attenzione alle proposte commerciali di falsi addetti che non riguardano in alcun modo la nostra azienda.

In ogni caso, per informazioni, verifiche, segnalazioni o dubbi, contattare immediatamente i nostri uffici allo 0143.823576.

www.acosenergia.it - numero verde:800085321

L'OVADESE n. 35 del 3 ottobre 2013  

Settimanale di informazione delle valli Orba e Stura. Dal 1997 il giornale di Ovada