Page 1

settimanale

valliscriviaborberalemme

Giovedì 27 giugno 2013 · N. 25 · Anno 51 - euro 1,00 Poste Italiane s.p.a. - spedizione in abb. postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n°46) art.1, comma 1, DCB/AL - Edizioni SIC s.r.l. - Novi Ligure · Iscr. al Registro Stampa del Tribunale di Alessandria al n. 149 del 27/8/1963 · Direttore Responsabile: Marco Matteini

lapolitica

Elezioni, le grandi manovre Ultimi scampoli di politica prima dell’estate. In vista delle elezioni comunali del 2014, a Novi, il centrodestra è impegnato alla creazione di una coalizione più vasta possibile, che possa strappare al centrosinistra lo scettro del governo della città. Il Partito Democratico, come da tradizione, in questo periodo si da più da fare in cucina che nelle stanze del potere. C’è la festa allo stadio Girardengo – che per inciso comincia proprio stasera – e tutte le energie sono concentrate nella riuscita della manifestazione. Nel centrodestra, invece, è stata siglata la pace tra il Pdl e Lega Nord, dopo la bega scoppiata nel 2009 sulla candidatura di Gigi Moncalvo. Ma ora il nodo del contendere è quello delle primarie. “Avanti Novi” e “Fare per fermare il declino” sono i più convinti nel chiedere le primarie. Popolo della Libertà e Lega Nord sembrano meno entusiasti.

A tutta sagra

PAGINA 2

Palazzo LascariS

PAGINA 30

ilcaso

La guerra dell’acqua È guerra dell’acqua tra Novi e Tortona. Il primo cittadino tortonese Berutti e il presidente di Gestione Acqua, il novese D’Ascenzi, sono ai ferri corti per la vendita di Asmt, una società a capitale pubblico che faceva capo al Comune di Tortona. Con la cessione di Asmt a due società – una di Voghera e l’altra di Crema – un settore strategico come quello dell’acqua sarebbe in parte passato “in mani straniere”, per così dire. Il che non è piaciuto a Gestione Acqua, ma soprattutto all’Ato, l’ente pubblico incaricato di supervisionare il servizio di acquedotto, fognatura e depurazione.

PAGINA 5

È finalmente scoppiata l’estate. E l’estate, qui da noi, è sinonimo di sagre. All’elenco di tutte le feste grastronomiche in programma sul territorio durante il weekend dedichiamo un’intera pagina (la 28). Per chi non vuole muoversi dalla città, invece, alle pagine 12 e 13 ecco il programma giorno per giorno di “In Novi d’estate”. Ce n’è davvero per tutti i gusti, nonostante il Comune abbia messo le mani avanti sottolineando la scarsità di risorse economiche a disposizione. Stasera, poi, allo stadio Girardengo comincia la Festa Democratica, un appuntamento fisso dell’estate novese, che eredita e rinnova la tradizione delle feste dell’Unità. Tanto divertimento, d’accordo, ma sempre con la testa sulle spalle. Anche perché i vigili urbani questa estate promettono tolleranza zero nei confronti di chi alza troppo il gomito e poi si PAGINE 11-14 E 28-29 mette alla guida e di chi scambia le vie del centro per una discoteca (pagina 11).

L’ENERGIA

L’OPERA

ARQUATA

Il Comune si scalda con le rinnovabili

Il supertreno investe la strada 35 ter

Piscina, ancora un rinvio sull’apertura

PAGINA 8

LA CRISI

Commercio, che fine faranno i vecchi ‘Giovi’? In difficoltà la società che gestisce la galleria. Dopo un anno, torna la preoccupazione su quello che fu il primo centro commerciale novese PAGINA 3

PAGINA 9

PAGINA 25 Vicenda complicata quella dei Giovi. Un anno dopo la riapertura, su quello che fu il primo centro commerciale della zona del novese, tornano ad addensarsi nubio temporalesche. Terminerà infatti il 30 giugno il concordato preventivo per la società Esse Emme che fa capo all’imprenditore novarese Giosué Maritan, proprietaria dell’immobile. Entro questo termine gli interessati dovranno presentare un piano di risanamento dei debiti, altrimenti andranno incontro al fallimento. Le difficoltà non riguardano la parte alimentare, gestita da Carrefour, e neppure altre attività affittuarie come il centro benessere Om Shanti e il ristorante cinese, ma solo la galleria commerciale.


modello02a primo piano

ilsettimanale • giovedì 27 giugno 2013

2 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

lazampata Aridateci er podestà di Arturo Pirofilo

Elezioni comunali, le grandi manovre Molinari si smarca dagli ex compagni di Rifondazione e annuncia una lista alternativa di sinistra. Moncalvo rottama l’Idv. Il centrodestra ancora deve decidere sulle primarie. E il Pd ora è impegnato in cucina

Rocchino Muliere ELIO DEFRANI e.defrani@ilnovese.info

Ultimi scampoli di politica prima dell’estate. In vista delle elezioni comunali del 2014, a Novi, il centrodestra è impegnato alla creazione di una coalizione più vasta possibile, che possa finalmente strappare al centrosinistra lo scettro del governo della città. Il Partito Democratico, come da tradizione, in questo periodo si da più da fare in cucina che nelle stanze del potere. C’è la festa allo stadio Girardengo – che per inciso comincia proprio stasera – e tutte le energie sono concentrate nella buona riuscita della tredici serate della manifestazione. I vertici dei democratici lo sanno: se la gente esce col sorriso dalla festa, un bel pezzo di campagna elettorale è già fatto. E poi la questione del candidato sindaco pare già risolta: al di là delle dichiarazioni ufficiali e di circostanza, comprese quello del diretto interessato, quasi nessuno pare mettere in dubbio che il Pd proporrà ai propri elettori di votare per Rocchino Muliere. Un nome che dovrebbe mettere d’ac-

Alessandro Molinari

Paolo Moncalvo

Costanzo Cuccuru

cordo senza grossi problemi anche gli alleati dei democratici. Certo, c’è il rischio che Muliere entri papa nel conclave delle primarie e poi ne esca cardinale: qualcuno riuscirà a fargli lo sgambetto? Un po’ ci sta provando un gruppo di novesi che ha deciso di lasciare i propri partiti per confluire nel Pcl, il Partito Comunista dei Lavoratori. Il consigliere comunale Francesco Moro ne fa già parte. Ultimamente l’anno seguìto l’ex coordinatore di Rifondazione Comunista (ed ex portavoce della Casa della Sinistra novese) Alessandro Molinari e l’ex segretario di Sel Pierfranco Pallavicini. «Stiamo organizzando una lista civica di sinistra, che si presenterà autonoma e con un proprio candidato sindaco alle elezioni comunali del prossimo anno», spiega Molinari, che non risparmia critiche nei confronti della creatura politica che qualche anno fa ha contribuito a tenere a battesimo: «La Casa della Sinistra è ormai succube del Pd. Sono solo interessati a tenere in piedi questa maggioranza. Noi invece ci presenteremo con un pro-

gramma coerentemente di sinistra. Ad esempio, avremo qualcosa da dire a proposito delle aziende partecipate dal Comune». Una frecciatina al compagno Renato Staiti, che siede nel consiglio di amministrazione di Acos e che di lasciare Rifondazione per il Pcl non ha nessuna intenzione? Sì, forse è una frecciatina. Di sicuro, invece, è una bomba quella che Molinari scaglia contro Felicia Broda, l’assessore agli affari sociali che fa riferimento alla Casa della Sinistra e il cui lavoro viene definito «di gran lunga meno importante» rispetto a quello di un altro rifondarolo di ferro: Ippolito Negro, presidente del Csp (il consorzio dei servizi sociali). Ma a sinistra si agitano anche i reduci dell’Idv. Dopo la scoppola presa alle elezioni politiche di quest’anno, quando l’Italia dei Valori è confluita nel fallimentare progetto di Rivoluzione Civile, i dipietristi locali stanno organizzando la rivincita. Paolo Moncalvo, già referente della lista civica “Venti per Novi” nel 2009 e poi passato armi e bagagli all’Idv, oggi è alle prese con la creazione di una formazione

politica di carattere extra partitico. “Noi per Novi”, potrebbe essere il nome della lista civica, in cui sarebbero pronti a confluire anche altre figure eccellenti dell’Idv nostrana, come Paolo Parodi e Franco Ciliberto. Nel centrodestra, invece, è stata siglata la pace tra il Pdl e Lega Nord. Venerdì scorso, in biblioteca, si è infatti la prima riunione pubblica convocata a Novi dai partiti e dai movimenti politici che vogliono creare un’alternativa alla coalizione di centrosinistra che amministra Novi. Come è noto, quattro anni fa, Pdl e Carroccio si erano scontrati sulla nomina di Gigi Moncalvo a candidato sindaco del centrodestra. E questa volta, come verrà scelto il candidato alla poltrona più ambìta di Novi? Maneggi tra partiti o primarie? Gli esponenti di “Avanti Novi” e “Fare per fermare il declino” sono i più convinti nel chiedere le primarie. Costanzo Cuccuru per il Popolo della Libertà e Giulio Coppi per la Lega Nord sono sembrati un po’ meno entusiasti. La partita delle primarie, nel centrodestra, non è ancora chiusa.

Il bilancio di previsione per l’anno 2013 dei Comuni italiani sarà fatto il prossimo settembre. Tanto vale non farlo, direte voi. I bilanci sono gli atti più importanti dei Comuni: in quello di previsione si decide come allocare le risorse, e in quello consuntivo si verifica se le previsioni sono state azzeccate o, se preferite, rispettate. In mancanza di bilancio di previsione, non è che un sindaco possa fare un po’ come gli pare: la legge gli impone, mese per mese, di spendere un dodicesimo di quanto speso, voce per voce, nell’anno precedente. Visto che il bilancio di previsione è l’atto politico di indirizzo più importante dell’anno amministrativo di un comune, ritrovarsi sostanzialmente senza questo strumento fa sì che i margini di manovra, di autonomia della politica, si vadano ad azzerare. L’unica certezza che i Comuni hanno avuto, nel corso degli ultimi anni, è di vedersi sempre più tagliati i trasferimenti statali utili per far funzionare i servizi che il comune cerca di offrire ai cittadini. Cittadini che per contro non vedono ridursi – anzi! – le imposte che pagano. Alla fine, il significato è che si pagano sempre più tasse, e sempre meno – ormai praticamente nulla – torna nel territorio, alla faccia del tanto sbandierato federalismo. Sindaci e assessori di ogni colore si ritrovano a dover semplicemente cercare di far quadrare i conti con schemi sostanzialmente obbligati. La sospensione del pagamento della rata dell’Imu è un preciso esempio dei tempi che corrono, essendo stata fatta sulle spalle delle amministrazioni locali: sono loro infatti che dovranno far fronte a questo mancato gettito, e sono loro in prima fila davanti alle giuste proteste dei cittadini. In questo quadro di mancanza di spazi di decisione, e incertezza del futuro, si aggiunge la Sezione di indirizzo della Corte dei Conti, che dispensa continui consigli – a tutti i Comuni, non solo a quello di Novi – che non possono essere ignorati e che “guidano” i Comuni in ogni scelta di tipo economico finanziario. Durante l’ultimo consiglio comunale, anche il sindaco di Novi Ligure Lorenzo Robbiano è sbottato: «tanto vale che a far il sindaco ci mettano un buon ragioniere, e già che ci sono possono chiamarlo podestà», ricordando il tempo sotto il regime fascista in cui la massima carica cittadina, appunto il podestà, non era eletto dai cittadini ma direttamente incaricato dalle stanze romane. Non stupisce in questo quadro che sono sempre meno i cittadini che si recano alle urne a votare, vista la sempre minore autorità dei governi cittadini. Per contro, stupisce il fatto che siano sempre più invece i candidati alla carica di consigliere comunale. Ormai non è raro trovare comuni in cui circa il 20 per cento degli elettori è anche candidato perso in una miriade di liste di partito, civiche o civetta.È questa la risposta della politica alla disaffezione degli elettori, per riportarli alle urne? In buona sostanza, o sei candidato tu, o è candidato un tuo parente... Non puoi mica non andare a votare. Delle elezioni amministrative novesi del 2014 si sa per ora poco dei contendenti in campo, se non che saranno molti. Il centrodestra, ad esempio, oltre ai partiti tradizionali, mostra in questi ultimi mesi una grande proliferazione di liste, simboli, movimenti: da Novisiamo a Avanti Novi, da Alfare a Fratelli d’Italia. Resta il dubbio di vedere chi, e soprattutto quanti, ci siano dietro a questa selva di sigle.


primo piano

ilsettimanale • giovedì 27 giugno 2013

3 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Commercio, tanti segnali di sofferenza “I Giovi” a rischio ad appena un anno dalla riapertura. Ma Carrefour ci crede: «Noi continuiamo a investire nel centro» GINO FORTUNATO redazione@ilnovese.info

Il centro commerciale “I Giovi” di Pozzolo si ritrova a vivere una situazione difficile a poco più di un anno dalla sua riapertura, avvenuta dopo tre anni dalla chiusura della società Iper di Montebello. Terminerà il 30 giugno il concordato preventivo per la società Esse Emme che fa capo all’imprenditore novarese Giosué Maritan, proprietaria dell’immobile. Entro questo termine gli interessati dovranno presentare un piano di risanamento dei debiti, altrimenti, qualora il programma non dovesse soddisfare i creditori, si andrebbe incontro al fallimento. Le difficoltà non riguarda-

no la parte alimentare, gestita in affiliazione con Carrefour dal Gruppo Fantinato (a sua volta affittuario della Esse Emme) e neppure altre attività affittuarie come il centro benessere Om Shanti e il ristorante cinese. Le difficoltà riguardano la galleria commerciale dove oggi, su 25 negozi, ne sono aperti poco più della metà. Tra questi rimane chiuso un esercizio di grande metratura (quasi mille metri quadri) dove si sarebbe dovuto insediare un Brico center. Per il resto resta lo stillicidio di chiusure, poiché non è bastata neanche l’idea di promuovere i temporary shop. «Se non si attueranno subito provvedimenti, come la cessione dell’immobile e un

piano di rilancio commerciale – sostengono alcuni commercianti della galleria – l’intero centro rischierà la chiusura. Non si può del resto pretendere che una galleria commerciale possa risollevarsi senza precise iniziative e senza l’ingresso di marchi capaci di attrarre la clientela. Sappiamo che da tempo esiste l’interesse di un compratore della struttura di cui è al corrente dei debiti che gravano sull’immobile, ma acquisterebbe solo quando saranno risanati. Potrebbe trattarsi di un compratore vicino al Gruppo Fantinato (M3) che ha dimostrato molta sensibilità e senso di responsabilità pagando le utenze. Infatti anche la società che gestisce le spese condominiali

del centro commerciale ha chiesto il concordato preventivo». Ovviamente, chi ha interesse ad acquistare, tenterà di farlo ottenendo il prezzo più basso, ma sotto questo aspetto la Esse Emme non pare intenzionata a cedere. Si punta a ottenere dal Tribunale una proroga di due mesi di concordato, ma in caso contrario sarebbe nominato un curatore fallimentare per la riorganizzazione del pagamento debitorio. La società Esse Emme, proprietaria dell’immobile, sta anche intensificando gli incontri con possibili acquirenti dello stabile o dei singoli negozi interni, per i quali sarebbe stato manifestato l’interesse di diversi imprenditori.

Come dicevamo, però, la crisi dei Giovi non investe il supermercato a marchio Carrefour. «La Fg (società del Gruppo Fantinato che gestisce il Carrefour) dal suo insediamento ai Giovi ha progressivamente aumentato sia il numero clienti che il proprio fatturato – spiega Giancarlo Pignone a nome dell’azienda – Le difficoltà che vive la galleria non mettono assolutamente in discussione la permanenza del supermercato che anzi continuerà, alla luce degli ottimi risultati, la propria politica aggressiva e propositiva. Le difficoltà della galleria sono estranee alle sorti del supermercato la cui proprietà ha intenzione di continuerà ad andare avanti con propri programmi. Le

difficoltà della galleria fanno capo alla famiglia Maritan che comunque si è già attivata al fine di risollevarne le sorti, approntando un programma di rilancio e animazione che sostenga le varie attività commerciali che insistono all’interno». «Credo che ogni imprenditore abbia oggi il dovere di vedere il bicchiere mezzo pieno – aggiunge Paolo Fantinato – Solo guardando con ottimismo e positività al futuro potremo tutti insieme superare nel migliore dei modi questo periodo. Nessuno vuol chiudere i Giovi, anzi, si cercano imprenditori e commercianti coraggiosi, che vogliano condividere con noi questa avventura alla luce degli ottimi risultati del supermercato».

Cit-Saamo,pullmanalleati per rilanciare i trasporti Cit chiama Saamo. Il consorzio dei trasporti del novese cerca di rilanciarsi attraverso una sinergia che potrebbe rappresentare la chiave di volta contro la crisi che sta attanagliando anche le imprese pubbliche dei trasporti. Diventa quindi possibile un’alleanza strategica che potrebbe essere il preludio verso una futura azienda unica che si occuperebbe sia di trasporti che di altre attività connesse. «La Saamo di Ovada è un’azienda pubblica molto seria che, come noi e molte altre in Piemonte, sta vivendo con difficoltà e vicissitudini questo momento di crisi economica – ammette il presidente del Cit, Federico Fontana – In questi giorni ha ultimato l’iter per la costituzione del nuovo assetto societario e pertanto dovremmo presto incontrarci, per valutare la possibilità di stabilire una stretta collaborazione. Almeno questo è il nostro auspicio e desiderio». «Quali saranno gli sviluppi di questo progetto, direi che sia ancora prematuro parlarne, ma sicuramente stiamo lavorando

per operare insieme – dice ancora Fontana – Da parte nostra metteremmo in campo tutte le nostre competenze, soprattutto nei cinque settori fondamentali di cui da

anni ci occupiamo: trasporti urbani, trasporti extraurbani, posteggi, onoranze funebri e noleggio degli autobus. Credo che già entro questa settimana potremmo

avere un incontro importante». L’ipotesi di collaborazione tra Cit e Saamo sarebbe quindi un interessante tentativo per risollevare le casse di entrambe le società,

magari mettendo in comune un parco mezzo unitario, penalizzato dalla mancanza di erogazione finanziaria da parte della Regione. Rimangono infatti bloccati, al momento, gli acquisti dei cinque bus che il Cit aveva già commissionato, a causa del taglio dei fondi di circa il 35 per cento. La Provincia è disponibile a finanziarne uno solo, in linea con le attuali normative. Senza contare che la maggior parte dei vecchi mezzi, non sarebbero più idonei alla circolazione, in quanto di categoria “euro zero”. L’unione dei mezzi di entrambe le società potrebbe anche sopperire a questa carenza. Naturalmente entro quest’ano proseguirà anche la politica di partnership, avviata lo scorso anno come prevede la normativa e coinvolgerà sia Cit che Saamo. Proprio in occasione dell’ultima festa dedicata all’artigianato di Ovada, Saamo ha annunciato il nuovo servizio di noleggio autobus turistico. (G.F.) Altro servizio a pagina 20


cronaca

ilsettimanale • giovedì 27 giugno 2013

4 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Il caso “Dolo eventuale” a carico del guidatore che uccise quattro ragazzi

Strage dell’A26, per i giudici fu un omicidio volontario ELIO DEFRANI e.defrani@ilnovese.info

Ventuno anni e sei mesi di reclusione. Anche in secondo grado, davanti alla Corte d’Assise d’Appello, è stata confermata la condanna a carico di Ilir Beti, l’albanese che nelle prime ore del mattino del 13 agosto 2011, procedendo contromano sull’autostrada A26 con il proprio suv Audi Q7, nei pressi di Rocca Grimalda si schiantò contro l’Opel Astra su cui viaggiavano cinque ragazzi francesi, diretti in vacanza. A causa dell’urto tremendo, quattro morirono sul colpo: Julien Raymond, Vincent Lorin, Audrey Reynard e Elsa Desliens. Uno solo è sopravvissuto: e oggi Laurent Boette paga sulla propria pelle le conseguenze di quello schianto. Secondo i giudici dell’appello, che hanno confermato in toto la sentenza emessa dal tribunale di Alessandria, Beti è colpevole di omicidio volontario plurimo, secondo la formula del “dolo eventuale”: viaggiando a folle velocità, contromano, ubriaco, accettò l’eventualità che il proprio comportamento potesse causare un sinistro. Cosa che poi avvenne. È forse la prima volta in Italia che il dolo eventuale viene applicato nel caso di un incidente stradale. E la condanna per

inbreve VOLTAGGIO

Precipita dalla parete di roccia Attimi di paura venerdì a Molini di Voltaggio, in alta val Lemme, per il grave infortunio di cui è rimasta vittima una giovane appassionata di free climbing. La ragazza, insieme ad alcuni amici, nel primo pomeriggio stava risalendo la parete della palestra di roccia della località, quando è improvvisamente caduta a terra, battendo il capo. Lanciato l’allarme, sul posto sono arrivati i soccorsi. Essendo la zona piuttosto impervia da raggiungere, la ragazza è stata fatta salire sull’ambulanza solo grazie a un verricello e poi trasportata al campo sportivo di Molini, dove era atterrato l’elicottero del 118 che l’ha trasportata di corsa all’ospedale di Alessandria con un grave trauma cranico. La palestra di roccia di Molini è stata inaugurata due anni fa ma non è più utilizzabile per questioni sollevate dal proprietario del terreno. (G.C.)

LE DENUNCE

Ruba i cosmetici al supermercato

Beti sarebbe stata ancora più pesante se non avesse deciso di optare per il rito abbreviato, che determina automaticamente uno sconto di pena pari a un terzo. Non è però detto che la tesi sposata dai giudici torinesi regga all’esame della Cassazione. Durante il processo, infatti, il pubblico ministero Francesco Fassio ha in parte aderito alle richieste della difesa. Per il magistrato della procura generale, l’accusa corretta

Affinché non siano morti per niente La manifestazione dei parenti della vittime di fronte al tribunale di Alessandria, un anno fa. Il caso dell’A26 ha anche dato vita a un dibattito sull’introduzione del reato di omicidio stradale nel codice penale.

sarebbe stata quella di omicidio colposo plurimo aggravato dalla colpa cosciente: 13 anni e 4 mesi la pena chiesta dalla pubblica accusa. Per il difensore di Beti, Mario Boccassi, non sarebbe configurabile neanche la colpa cosciente: l’albanese era ubriaco, non poteva essere consapevole delle proprie azioni. Entro 90 giorni i giudici della Corte d’Assise depositerà le motivazioni della sentenza. Dopodiché la parola passerà ai magistrati della Cassazione.

Diversi sono stati gli interventi compiuti, nella giornata di giovedì scorso, dai carabinieri di Novi Ligure. Una 41enne è stata sorpresa a rubare biancheria e cosmetici al Bennet di Novi Ligure. Il valore della refurtiva si aggirava attorno ai 60 euro. La donna è stata denunciata in stato di libertà per furto. Sempre nella stessa giornata, un 45enne, residente a Pozzolo, è stato denunciato in stato di libertà per truffa. L’uomo, con precedenti alle spalle, avrebbe pagato della merce acquistata da una società di Serravalle, pagandola con un assegno risultato successivamente già oggetto di smarrimento, truffando i venditori per un valore di 700 euro. È stato invece sorpreso privo dei documenti attestanti il regolare soggiorno sul territorio italiano, un 22enne di nazionalità albanese. Il giovane, fermato a Mornese, è stato denunciato in stato di libertà per violazione delle norme sugli stranieri. I militari hanno infine denunciato in stato di libertà per guida in stato di ebbrezza alcolica un 44enne di Ponzone e un 28enne di Ovada. (S.M.)

L’INCIDENTE

Madre e figlia si schiantano in bici Madre e figlioletta di origine ecuadoriana finiscono al pronto soccorso, dopo aver sbattuto in bicicletta contro la portiera di un’auto. Martedì mattina a Novi, in via Verdi, la donna mentre portava sul seggiolino della bicicletta la bambina, transitando all’altezza del bar Aurora, ha urtato la portiera di una Ford Fiesta che il conducente, anche lui abitante in città, aveva spalancato improvvisamente, non avendo visto l’arrivo di madre e figlia che sono rimaste ferite, ma non in maniera grave. Sono intervenuti i carabinieri. (G.F.)

Ovada In un negozio di surgelati di viale della stazione

POMPE FUNEBRI

SERVIZIO IMMEDIATO 24 ORE SU 24 PRESSO ABITAZIONI, OSPEDALI E CASE DI RIPOSO VIA PAOLO GIACOMETTI, 22 C/O COMUNE DI NOVI Servizi funebri, trasporti e pratiche in tutta italia, fornitura fiori ed arredo lapidi

Armato di pistola, porta via l’incasso e una borsa di cibo Vestito da imbianchino, ha rapinato il negozio di pesci e prodotti ittici surgelati Crios di Ovada, nel viale che conduce alla stazione ferroviaria. È successo venerdì scorso intorno alle 12.30: le automobili dei carabinieri a sirene spiegate hanno attraversato la città attirando l’attenzione di diversi cittadini e sono arrivate davanti all’esercizio commerciale, gestito da una commessa, terrorizzata da quanto le era appena capitato, ma del rapinatore nessuna traccia. La dipendente della Crios racconta: «Vista l’ora, stavo chiudendo le serrande delle vetrine dall’interno del negozio quando è entrato un uomo con indosso una tuta bianca da imbianchino e in mano un secchiello. Il viso era già coperto in parte dal cappuccio della tuta e sulla bocca portava una mascherina da lavoro. Sembrava davvero una persona mandata a fare dei lavori. Mi ha detto di chiudere il negozio a chiave in modo piuttosto brusco e io ho chiesto per fare cosa, pur pensando si trattasse di una persona mandata dalla proprietà. Poiché non facevo quello che mi chiedeva, a un certo punto ha tirato fuori dal borsello una pistola, che mi ha puntato sul viso». La donna ha quindi eseguito l’ordine implorando che non le venisse fatto del male e ha aperto il cassetto

del registratore di cassa, dal quale l’uomo, dall’accento arabo e dalle sembianze nordafricane («per quel poco che ho potuto scorgere del viso», dice la commessa), ha prelevato l’intero incasso, di soli 850 euro. Dopodiché, il rapinatore si è diretto verso il frigo dove sono conservate le sogliole: «Mi ha fatto sedere, cercando in qualche modo di tranquillizzarmi, poi ha preso una borsa e ne messe dentro 50-60, dicendo che anche lui deve sfamare una famiglia.

Da come si è comportato sembrava conoscere l’interno del negozio». Alla fine, l’uomo è uscito dirigendosi verso la stazione. Non è chiaro se sia fuggito in treno o in automobile. All’arrivo dei carabinieri si era già dileguato. La commessa ha passato tutto il pomeriggio in caserma per raccontare l’accaduto e fornire ai militari ogni possibile dettaglio per individuare l’autore della rapina. I negozi della catena Crios fanno parte del gruppo Panapesca.


novi ligure

ilsettimanale • giovedì 27 giugno 2013

5 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Tra politica e denaro Parole di fuoco dal sindaco Berutti: «A Acos brucia l’aver perso il controllo di Gestione Acqua». La replica: «Falso, deteniamo il 61 per cento. È l’autorità d’ambito che vuole vederci chiaro»

Una guerra dell’acqua che vale quasi 8 milioni Novi e Tortona ai ferri corti per la vendita di Asmt a due società di Voghera e di Crema ELIO DEFRANI e.defrani@ilnovese.info

È guerra dell’acqua tra Novi e Tortona. Il primo cittadino tortonese Massimo Berutti e il presidente di Gestione Acqua, il novese Mauro D’Ascenzi, sono ai ferri corti da quasi venti giorni per la vendita di Asmt, una società a capitale pubblico che faceva capo al Comune di Tortona. Con la cessione di Asmt a due società – una di Voghera e l’altra di Crema – un settore strategico come quello dell’acqua sarebbe in parte passato “in mani straniere”, per così dire. Il che non è piaciuto a Gestione Acqua, ma so-prattutto all’Ato (Ambito territoriale ottimale), l’ente pubblico incaricato di supervisionare il servizio di acquedotto, fognatura e depurazione su quasi tutta la provincia di Alessandria e su parte di quella di Asti. Ma facciamo un passo indietro. Gestione Acqua è una maxi società in cui sono confluiti i rami di Acos, Asmt e Amias relativi al servizio idrico. Nell’aprile 2013 il Comune di Tortona cede Asmt a Ariet e Asm, due società pubbliche del Comune di Voghera. C’è poi un passaggio successivo, in cui una quota di Asmt – tramite Ariet – finisce nelle mani di Sime, una società di Crema. Insomma, una situazione intricata. Anche perché Ariet non aveva tutti i soldi necessari a onorare l’impegno preso con il Comune di Tortona, e così l’acquisto di Asmt è slittato di un mese. Grazie a una proroga alla fine i soldi sono venuti fuori, ma ora l’Ato ora vuole vederci chiaro perché la cessione di Asmt significherebbe – detto in soldoni – il passaggio di parte del servizio idrico a due società che nulla hanno a che fare con il territorio su cui viene distribuita l’acqua. Mauro D’Ascenzi dapprima parla di «dispiacere» perché «c’è una fetta di territorio che non vede più coinvolti i Comuni interessati».

Poi spiega di dover «verificare che l’operazione non danneggi la gestione del ciclo idrico né Gestione Acqua». L’Ato ha chiesto a Gestione Acqua di chiarire la situazione, e la società a sua volta si è rivolta al Comune di Tortona per avere tutta la documentazione inerente alla cessione di Asmt. «Prima di privatizzare Asmt, Berutti avrebbe dovuto chiedere l’autorizzazione dell’autorità d’ambito – ha detto D’Ascenzi – Non sappiamo se lo ha fatto». Se le cose stanno davvero come sostiene il presi-dente di Gestione Acqua, la vendita di Asmt – un’operazione da 7,9 milioni di euro – potrebbe venire invalidata.

Che le parole di Mauro D’Ascenzi avrebbero mandato su tutte le furie il sindaco Berutti era prevedibile. Il primo cittadino di Tortona non ha peli sulla lingua: prima respinge le accuse in punto di diritto («non dovevamo chiedere l’autorizzazione dell’Ato perché la partecipazione pubblica in Asmt è passata dal 55 all’80 per cento, quindi è aumentata»), poi si scaglia contro il novese D’Ascenzi. Quest’ultimo avrebbe “ispirato” la richiesta di documenti da parte dell’Ato («Gestione Acqua ci ha chiesto la docu-mentazione il 7 giugno, tre giorni prima della decisione dell’Ato che è stata assunta nell’assemblea

del 10 giugno», ha detto Berutti).Ma soprattutto, secondo il sindaco di Tortona D’Ascenzi sarebbe più che altro preoccupato per il fatto che «il cambio di assetto societario in Asmt» fa venire meno «la condizione che vedeva l’Acos di Novi garantirsi il pieno controllo di Gestione Acqua a scapito di Asmt». Insomma, per Berutti i novesi – in accordo con Iren (ex socio del Comune di Tortona in Asmt) – facevano i furbi. E poi c’è la questione dei soldi: «Gestione Acqua risulta in grave dissesto – è sempre Berutti a parlare – tanto che il cda ha chiesto un aumento di capitale di 10 milioni di euro». Piccata la risposta di Gestione Acqua, che non ci sta a essere vista come una società più vicina agli interessi dei novesi che a quelli dei tortonesi (nonostante specifichi che «già oggi Acos è azionista di maggioranza, detenendo il 61,5 per cento del pacchetto azionario di Gestione Acqua»). E sulla situazione finanziaria i vertici societari spiegano: «La gestione economica è positiva» sebbene ci siano «difficoltà nell’incassare quanto dovuto dagli enti pubblici (con in testa la regione Piemonte che dovrebbe versare a Gestione Acqua circa 7 milioni di euro)». «Al pari di ogni altra società italiana del settore idrico – concludono – c’è difficoltà ad accedere al credito bancario. Attraversiamo difficoltà di natura finanziaria ma che non possono in alcun modo essere interpretate come stato di dissesto». Polemica chiusa? Con i 7,9 milioni di euro dell’operazione Asmt in ballo, c’è da giurarci che di questa storia sentiremo riparlare presto.

L’idea Dipendenti e clienti in crescita, si pensa a un ampliamento della sede

Gli uffici di corso Italia a Acos non bastano più Acos potrebbe dare il via a un’operazione di ristrutturazione e ampliamento della storica sede di corso Italia. Un progetto da mezzo milione di euro, che per ora però rimane nei cassetti dell’azienda presieduta da Roberto Rossi, in attesa di essere concretizzato. Il dato è emerso la scorsa settimana, durante la presentazione della terza indagine sulla soddisfazione dei clienti. «L’edificio di corso Italia ormai è troppo piccolo rispetto al numero dei nostri dipendenti – ha spiegato l’amministratore delegato Mauro D’Ascenzi – Inoltre ai nostri sportelli si presentano tanti clienti e anche per loro talvolta si registrano dei disagi».

Gli utenti della ex municipalizzata premiano la società e i suoi lavoratori. Secondo un’indagine, le punte di soddisfazione per il servizio acqua, gas ed elettricità sfiorano il 100%. Più critico il giudizio sulla nettezza urbana.

Una delle idee vagliate dalla dirigenza di Acos è quella del trasferimento: portare tutti gli uffici nel capannone che l’azienda possiede in zona industriale, di fronte all’Ilva. «Per certi versi sarebbe una soluzione più razionale – dice ancora D’Ascenzi – E anche più facile da raggiungere per le persone che usano l’auto, perché in corso Italia di parcheggio ce n’è veramente poco a disposizione. Ma crediamo che per i nostri clienti la sede attuale sia la più co-moda». Le parole di D’Ascenzi paiono essere confermate dall’indagine sulla soddisfazione degli utenti, che la “carta dei servizi” di Acos impegna periodicamente a rile-

vare. Il sondaggio quest’anno è stato svolto dalla Delos Ricerche, su campione complessivo di 1.698 cittadini. Dall’indagine è emerso che il 90 per cento dei clienti guarda positivamente ai servizi resi dal gruppo Acos, con punte che sfiorano il cento per cento per il servizio elettricità, acqua e gas. La situazione più critica si registra sulla nettezza urbana: 20 clienti su cento si dichiarano insoddisfatti, per 30 il servizio è sufficiente, mentre per i restanti 50 è soddisfacente. Due i punti di forza dell’Acos. Il primo è rappresentato dai propri dipendenti. Le percentuali di chi considera il personale di Acos «poco educato» o «per nulla

educato» sono prossime allo zero. Le caratteristiche principali dei lavoratori Acos sono cortesia (96%) e capacità di risolvere i problemi (88%). L’altro punto di forza è il radicamento sul territorio: poter avere un contatto diretto con l’azienda grazie agli uffici di corso Italia – anziché doversi rivolgere a qualche testardo e “disumano” call center – fa davvero la differenza. Non a caso, l’82 per cento

dei clienti si dichiara disinteressato alla possibilità di pagare via internet la bolletta. Ma c’è un altro dato che probabilmente ha fatto la felicità di Rossi, D’Ascenzi & co: il 44 per cento dei clienti ha fiducia in eventuali nuovi servizi offerti da Acos e vi aderirebbe “a scatola chiusa”. Ora all’ex municipalizzata deve solo farsi venire in mente una nuova idea di business. (E.D.)


novi ligure

ilsettimanale • giovedì 27 giugno 2013

6 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Maturità? A noi fa paura solo il futuro Un incontro con gli studenti di “Amaldi” e “Ciampini”. Che guardano all’università con sospetto: «Meglio scegliere la facoltà privilegiando le prospettive occupazionali» ARIANNA BORGOGLIO a.borgoglio@ilnovese.info

Un allegro cicalare, auto che sgommano nei piazzali delle scuole, qualche lacrima e la voglia di portare a termine questo esame di maturità tanto temuto dai ragazzi che lo stanno sostenendo in questi giorni. I giovani novesi hanno affrontato questo momento cruciale nella vita di ogni studente con uno spirito piuttosto positivo. Spirito positivo che invece non si trova se si chiede ai ragazzi come vedono il proprio futuro. In tanti all’università hanno deciso di non iscriversi neanche, ma di provare subito a cercare un lavoro. Chi invece ha scelto di proseguire gli studi, lo farà in facoltà in grado di assicurare i migliori sbocchi occupazionali.

«Io, che provengo dal liceo Scientifico, sono orientata verso Medicina, come molti miei compagni», spiega Costanza, intervistata davanti all’Amaldi, alla fine della seconda prova della maturità. Tra i giovani novesi, le facoltà scientifiche, in particolare Medicina e Fisioterapia, risultano gli indirizzi più quotati, insieme a Economia, Ingegneria e Giuri-

sprudenza, anche per coloro che provengono da studi classici. Le facoltà umanistiche non attirano numerosi studenti, «semplicemente per il timore di non trovare lavoro», ribatte amareggiata Sara, anche lei dell’Amaldi. I ragazzi provenienti dagli istituti tecnici, appaiono più sfiduciati nei confronti del mondo universitario: «Cer-

cherò un lavoro, al giorno d’oggi, in tempi di crisi come questa, preferisco iniziare da subito a mettere da parte un po’ di denaro per il mio futuro», afferma pragmatico Andrea. Ma se le iscrizioni alle università italiane risultano in fase di stallo, l’idea di studiare all’estero, o comunque di provare un’esperienza formativa in un Paese diverso dal proprio, è sempre più gettonata. «Le prospettive d’impiego al di fuori dell’Italia sono numerose, per questo ho deciso di orientarmi verso il mondo anglosassone, per iniziare là il mio percorso universitario», queste le parole di Giada, che consiglia ai coetanei di aprirsi a nuove possibilità, anche attraverso il sito Ucas, che fornisce un elenco completo di corsi all’estero e strutture con-

venzionate. Per concludere, la testimonianza di Francesca, che con le sue parole è diventata un po’ l’emblema di questa generazione, che nonostante tutto, non si sco-

raggia: «Io seguirò la mia passione per la pedagogia, non sono disposta a rinunciare al mio sogno, anche se non mi garantirà un lavoro nell’immediato».

& & & %%%%

" !$ "

!

!

Un per quattro persone di una settimana in palio con gli ultimi !

#

"

"

sconti di 20 euro, pizze, dolci e bevande!

"

" ogni 20 euro di spesa saremo lieti di regalarvi un biglietto da grattare.

!

#


novi ligure

ilsettimanale • giovedì 27 giugno 2013

7 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

L’associazione Una festa a “Dolci terre” anticipa le celebrazioni del 2014 Il premio La consegna a settembre

e regista, Donatori di sangue, 60 anni Attore la Torre d’Oro 2013 di solidarietà tutta novese va a Valerio Binasco

ELIO DEFRANI e.defrani@ilnovese.info

Domenica sono stati premiati i volontari che fanno capo all’Associazione novese donatori sangue. Oltre all’importanza in senso etico della donazione, quella dello scorso 23 giugno, al centro fieristico “Dolci terre” di Novi, è stata soprattutto una grande festa nel senso più classico della parola. Tra l’altro, il numero dei donatori è in costante aumento, come segnala la presidente Maria Rosa Ballestrero. Già nel novembre 1953, a Novi, la Croce Rossa si era fatta promotrice dell’organizzazione di un gruppo comunale di donatori di sangue. L’anno seguen-

te 41 cittadini si erano dedicati con abnegazione alla costituzione dell’associazione, affrontando molte difficoltà. Oggi gli iscritti hanno superato quota 1.900, 1.590 dei quali sono effettivi, 390 onorari, mentre la raccolta delle sacche è arrivata a 2.825, delle quali 2.350 di sangue intero e 475 di plasma. Da tredici anni inoltre l’associazione novese porta avanti il progetto ideato dalla Regione Piemonte “Porgi una mano – qualcuno ha bisogno di te”, rivolto alle ultime classi delle scuole superiori della città, attraverso il quale si cerca di coinvolgere i giovani con un messaggio di solidarietà. «Tutto questo – ha detto la presidente Ballestrero – sta

Più di 1900 I donatori di sangue novesi hanno superato quota 1.900. Tra di loro anche Luigi Piras, che fu fondatore dell’associazione e oggi ha raggiunto la veneranda età di 91 anni. Nel 1954, i primi soci erano appena 41.

dando molti frutti. Naturalmente c’è sempre spazio per migliorare: la donazione del sangue è un atto molto importante nella vita sociale, indispensabile per coadiuvare la scienza medica nella cura delle gravi malattie, come degli incidenti e dei trapianti». Ha suscitato particolare commozione l’intervento del socio fondatore Luigi Piras che, alla veneranda età di 91 anni, ha raccontato in maniera del tutto personale la storia della nascita dell’associazione dei donatori di sangue novesi, dando prova di una memoria davvero straordinaria. Per tutti, l’appuntamento è fissato per il 2014 in occasione del sessantesimo anniversario della fondazione.

23"3& > +" 23"(*.-& 2*-.-*,. %* "++&(1*" %* +*#&13< %* 2&1"3& 2/&-2*&1"3& *- 1*5" "+ ,"1& .((* /*A $)& ,"* +" +*#&13< > 1"//1&2&-3"3" %" 4- 3&+&'.-. $&++4+"1& $)& 3* %*" +" /.22*#*+*3< %* &22&1& *- $.-3"33. $.- $)*4-04& " $.23* "$$&22*#*+* %.54-04& 34 2*" ++.1" -.- 2* %&5& /&1%&1& 3&,/. & #*2.(-" "-%"1& 24#*3. "++" 1*$&1$" %&+ $&++4+"1& (*423. /&1$)= + &23"3& > "//&-" *-*9*"3" & +& 5"$"-9& 2.-. "++& /.13& .- $ > $.,4-04& %" /&1%&1& +" 3&23" /&1 31.5"1& +" 1*2/.23" (*423" #"23" 1*5.+(&12* "+ (&23.1& %* 3&+&'.-*" ,.#*+& $)& 2"//*" "-%"1& *-$.-31. "++& 34& &2*(&-9& & 04*-%* 2&-9" *-%4(* $* 2* %&5& 1*5.+(&1& " 4.* /"22"1& " 2&-9" $",#*"1& *+ 34. -4,&1. 3&+&'.-*$. "++" 2$.12" 2&33*,"-" $ > 4-" *,/&1%*#*+& .''&13" " 2.+* &41. "+ ,&2& "51"* 2,"13/).-& $)*","3& 2,2 & *-3&1-&3 5&+.$& *-$+42* %"55&1. 4-" /1./.23" "++&33"-3& ," %" 2* /4@ "-$)& "5&1& "+"78 $.- ./ ,"13 " /"13*1& %" &41. "+ ,&2& $.,*-43* 2,2 # *-3&1-&3

Il premio Torre d’Oro, istituito dal centro studi “In Novitate”, conferito a persone che hanno contribuito al progresso economico e sociale della città di Novi, quest’anno è assegnato all’attore e regista Valerio Binasco [nella foto]. Molte le motivazioni di questo prestigioso riconoscimento, giunto alla 29esima edizione, tanto che diventa impossibile elencare tutti i successi professionali di Binasco. Nato a Novi nel 1965, uomo di teatro con alle spalle un curriculum di ineccepibile rispetto, sia come attore che regista, pone grande attenzione ai vari temi e alle scelte nella recitazione, ottenendo importanti riconoscimenti. Ricordiamone alcuni: con la regia di Carlo Cecchi, Valerio Binasco ha preso parte a “Finale di partita” di Samuel Beckett, e, nel ruolo di Clov, alla commedia viene conferito il Premio Ubu 1995, come miglior spettacolo italiano e miglior regia (il premio Ubu è considerato il riconoscimento più importante del teatro italiano). Nel 1998 riceve il Premio Ubu come nuovo attore. Seguono molte altre interpretazioni e molti altri premi. Nel 2011, porta in scena “Romeo e Giulietta” e riceve il premio Ubu 2011 come miglior regia. Rimane nella drammaturgia Shakespeariana, e lo scorso anno Valerio Binasco, con la “sua” Popular Shakespeare Kompany ha portato in giro per l’Italia (anche a Novi) “La tempesta”. Quest’anno con gli stessi artisti sta mettendo a punto “Il mercante di Venezia”. Nel ruolo dell’usuraio Shylock c’è un personaggio di primissimo piano del teatro italiano: Silvio Orlando. Ed è affidata proprio a questa Kompany (scritta con la k), l’importante debutto di apertura del Festival Shakespeariano di Verona dal 3 al 6 luglio di quest’anno. (D.A.)

& .''&13& /*A $.-5&-*&-3* /&1 +& 34& &2*(&-9& $.,/&3&-9" 2&15*9* & "22*23&-9" $.- *+5*" & ","-3)" .- 3433" + .''&13" 3&+&'.-" $.-"5*(" $.2,"13/).-& $)*"5&33& 6&# '",*+8 3"#+&3

4&23& & "+31& .''&13& /.31&3& 31.5"1+& /1&22. *+ /4-3. 5&-%*3" 23.1& " .5* *(41& *- $.12. .,4"+%. "1&-$. "/&13. %"+ +4-&%? "+ 5&-&1%? %"++& "++& & %"++& "++& * "##*",. $.-5*-3. &13",&-3& 2?: "++.1" -.- #433"1& 04&23. 2&33*,"-"+& $.-2&15"+. & 04"-%. "-%1"* "+ /4-3. 5&-%*3" 3.1&

; !

.12.

"1&-$.

.5* *(41& 3&+


novi ligure

ilsettimanale • giovedì 27 giugno 2013

8 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Il rapporto Tutta l’energia utilizzata dal Comune arriva da fonti rinnovabili

Città più verde, risparmiati 4,5 milioni di litri di gasolio ELIO DEFRANI e.defrani@ilnovese.info

Novi è una città sempre più “verde”. Lo ha certificato proprio in questi giorni la Global Power, azienda che fornisce energia pulita a quasi un migliaio di Comuni italiani. Tutta l’energia elettrica utilizzata dal Comune di Novi Ligure per l’illuminazione pubblica e per gli edifici di proprietà – si legge nell’attestato – proviene da fonte rinnovabile. In questo modo il nostro Comune evita ogni anno di immettere in atmosfera circa 2 mila tonnellate di Co2. A partire dal 2008, anno in cui è stato stipulato il contratto di fornitura, l’anidride carbonica risparmiata ammonta a oltre 10 mila tonnellate che corrispondono a circa 4,5 milioni di litri di gasolio da riscaldamento. L’amministrazione comunale sta lavorando su questo fronte ormai da anni, anche attraverso l’utilizzo di pannelli fotovoltaici che sono stati installati su sette edifici comunali, e grazie a vari interventi per il risparmio energetico come ad esempio quelli utilizzati per la realizzazione della nuova scuola Martiri della Benedicta. L’utilizzo dell’energia elettrica proveniente da fonti rinnovabili, inoltre, è una delle attività fondamentali individuate dalla Commissione Europea per il raggiungimento dell’obiettivo “20-20-20” (ridurre le emissioni di gas serra del 20 per cento e alzare al 20 per cento la quota di energia prodotta da fonti rinnovabili entro il 2020). E proprio lunedì, a Bruxelles, il primo cittadino Lorenzo Robbiano con

inbreve IL VOLUME

Melucci presenta “Viaggi di-versi” Doppio appuntamento sul versante della cultura. Domani, venerdì 28 alle ore 19.30 all’Ovocenter di Novi Ligure (strada per Serravalle) e domenica 30 giugno alle ore 17.00 al Museo etnografico “C’era una volta” di piazza Gambarina a Alessandria, si terrà la presentazione di “Viaggi Di-versi” raccolta di poesie dell’autore novese Gerardo “Gerry” Melucci Gerardo. Melucci è al suo terzo volume dopo il successo ottenuto con “Fiori di pensiero” e “Suggestioni”. Le presentazioni di Novi e Alessandria saranno accompagnate dalle note della fisarmonica del maestro Carlo Fortunato. (RED.)

L’ALLARME

Asl: «Attenti ai colpi di calore» L’estate 2013 si è fatta attendere, ma ora non bisogna sottovalutare i problemi che – soprattutto alle persone anziane – il caldo può provocare. E così anche quest’anno la Regione Piemonte ha messo a punto un programma di prevenzione dei danni alla salute dovuti alle ondate di calore estivo. La Regione Piemonte e l’Arpa Piemonte pubblicano ogni giorno sui loro siti internet (regione.piemonte.it, arpa.piemonte.it) un bollettino di previsione delle ondate di calore. E come ogni anno anche l’Asl si è mobilitata per far fronte alle possibili emergenze e ridurre i danni alla salute nella popolazione. È necessaria però la collaborazione di tutti nel segnalare persone che vivono in situazioni di pericolo per la salute, come ad esempio gli anziani soli. È possibile farlo telefonando al numero verde dell’Asl 800 234960. In Italia almeno ottomila persone anziane sono decedute come causa diretta dell’ondata di calore dell’estate del 2003: si trattava di anziani soli, di età superiore a 75 anni e con patologie. (RED.)

IL BANDO

Volontariato, premiati due progetti l’assessore Paola Cavanna ha sottoscritto il Patto dei Sindaci. Si tratta del principale movimento europeo che vede coinvolte le autorità locali e regionali impegnate ad aumentare l’efficienza energetica e l’utilizzo di fonti rinnovabili nei loro territori. Attualmente la convenzione è stata firmata da quasi 5 mila sindaci, che rappresentano più di 175 milioni di abitanti. Alla cerimonia, erano presenti personalità di spicco del panorama in-

ternazionale come il presidente della Commissione Europea José Manuel Barroso e l’ex governatore della California Arnold Schwarzenegger, fondatore dell’organizzazione R20 per il risparmio energetico. «In gioco non c’è solo la salvaguardia dell’ambiente – ha detto Robbiano a margine dell’incontro –Sviluppare la green economy, infatti, significa anche rilanciare il tessuto economico con ricadute positive sull’occupazione».

Più di 175 mila euro a favore di 21 progetti: sono i numeri del bando emesso dal Csva, il centro servizi per il volontariato in provincia di Alessandria. Il bando metteva a disposizione un totale di 175 mila euro a sostegno di progetti delle associazioni di volontariato, divisi in due categorie: di “piccola dimensione” e di “grande dimensione”. Le associazioni che hanno aderito al Bando sono state 49. Alla fine sono stati ammessi a finanziamento un totale di 21 progetti: 13 per la piccola dimensione e 8 per la grande dimensione. Complessivamente l’impegno del Csva sarà di 56 mila euro per il sostegno ai progetti di “piccola dimensione” e di 119 mila euro per i progetti di “grande dimensione”. Tra i primi, figurano due progetti novesi: quello del Cav, Centro aiuto alla vita, (progetto “Linee guida per lo svezzamento... il pediatra consiglia”) e quello di Iris (progetto “Presidioteca). (RED.)


novi ligure

ilsettimanale • giovedì 27 giugno 2013

9 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

L’opera Palazzo Ghilini stanzia 1,2 milioni per eliminare le interferenze tra binari e nuova strada

ilcaso

Il supertreno investe la 35 ter

Novi e Pozzolo, per i No Tav La Provincia: «Sapevamo di dover sborsare quella cifra, ne abbiamo tenuto conto» sarà battaglia di Gino Fortunato GIAMPIERO CARBONE g.carbone@ilnovese.info

Costerà oltre 1 milione di euro risolvere l’interferenza tra la nuova strada 35 Ter, tra Novi e Serravalle, e il tracciato del Terzo Valico. Il dato emerge dalla determina della Provincia firmata dall’architetto Roberta Bocchino, con la quale si assegnano 1,2 milioni di euro a Rete ferroviaria Italiana (Rfi), la società dello Stato che ha demandato a Cociv la realizzazione del Tav. «La cifra – spiega il dirigente provinciale – era già stata prevista in base alle richieste formulate nel 2007 dall’allora Tav spa nelle conferenze dei servizi che hanno poi approvato la fattibilità del progetto della 35 Ter. Per dare l’ok al progetto erano state richieste una serie di prescrizioni che dovranno essere eseguite nello scavo del tracciato del Terzo Valico, che passerà al di sotto della nuova strada provinciale». Il treno veloce, tra Serravalle e Novi, passerà infatti sottoterra e, con i soldi richiesti alla Provincia e presumibilmente assegnati da Rfi a Cociv, saranno effettuati studi e lavori per far convivere la linea ferroviaria con la sovrastante strada. Nella zona il Terzo Valico avrà già a che fare con i centri commerciali di Serravalle, in particolare il Retail Park. Anche in questo caso il trac-

ciato passerà sotto gli edifici, sia esistenti sia in progettazione, e dovranno essere presi accorgimenti durante le operazioni di scavo della linea. Fra Rfi e il Comune di Serravalle, negli anni scorsi, era scoppiata una lite legale poiché gli immobili commerciali sono stati costruiti senza tener conto del parere della società ferroviaria, la quale ha avuto ragione dal Consiglio di

Fraconalto Tra i proprietari e Cociv

Strada interrotta Ancora da terminare la bretella che collegherà la strada 35 SerravalleTortona con la 35 bis Serravalle-Novi. La 35 ter incrocerà la galleria della nuova linea ferroviaria.

Stato sulla contestazione della mancata consegna dei documenti progettuali da parte dell’amministrazione comunale. Una criticità a quanto pare superata con una serie di accorgimenti tecnici durante gli scavi da parte di Cociv. Lo stesso avverrà per la strada 35 Ter, al costo suddetto. «Non si tratta di fondi stanziati ora – spiega l’architetto

Bocchino – ma già previsti nella spesa complessiva della 35 Ter», oltre 18 milioni di euro rispetto ai 13 di cui si parlava negli anni scorsi. «E comunque – conclude il dirigente – è una cifra indicata come tetto massimo di spesa, da perfezionarsi comunque al momento della realizzazione dell’opera. Dovrà inoltre essere stipulata una convenzione».

Voltaggio Per il sindaco l’insediamento va autorizzato dal Ministero

Terzo Valico, siglati Campo base per 400 operai, accordi di esproprio il Comune dice no a Cociv Incontro in municipio a Fraconalto con i proprietari dei terreni espropriati da Cociv in vista dei lavori dell’allargamento della strada provinciale della Castagnola e di altre opere riferite al Terzo Valico. I cittadini sono stati convocati mercoledì scorso, 19 giugno, per definire le indennità di esproprio. A dicembre la vicenda delle immissioni in possesso era finita alla ribalta delle cronache poiché, secondo i comitato No Tav e l’opposizione consiliare, in seguito ai blocchi popolari che avevano impedito le immissioni nei terreni, queste erano avvenute a tavolino in municipio, facendo presente ai proprietari i rischi ai quali andavano incontro in caso di ulteriori presidi No Tav. Nell’incontro del 19 giugno nessuna contestazione: tutti o quasi hanno firmato l’accettazione delle indennità (in un caso fino a 30 mila euro), altri lo faranno. Rispetto al progetto definitivo, diminuite di parecchio le superfici da espropriare: in un caso da 4 mila a 800 metri quadri. «Il saldo delle indennità – è stato detto – avverrà entro 15 giorni [quindi tra una settimana; ndr]». Cociv ripeterà l’incontro anche a Voltaggio e Car-rosio, gli altri due Comuni dove le immissioni sono state concluse. «I lavori – dice Cociv – partiranno quando ci saranno tutte le condizioni favorevoli in tutta la val Lemme». (G.C.)

Emergono difficoltà per la realizzazione del campo base del Terzo Valico a Voltaggio (400 operai) ma Cociv smentisce. L’area indicata è il prato a monte della ex cartiera. Un’opera programmata nel secondo lotto ma Cociv può avviare gli scavi nella galleria di servizio del cantiere dal primo, solo dopo che il Ministero dell’Ambiente avrà concluso la verifica di ottemperanza. «Cociv – spiega il sindaco di Voltaggio Lorenzo Repetto – intende riutilizzare il vecchio campo base presso l’ex cava Cementir, di fronte al cantiere [che sarà anche il deposito di 1,3 milioni di metri cubi di smarino, ndr], in attesa di attrezzare l’area vicina all’ex cartiera. Come amministrazione comunale abbiamo evidenziato al consorzio l’impossibilità di autorizzare tale insediamento, come invece era avvenuto nel 2011 con il rinnovo dei permessi. La domanda va rivolta al Ministero dell’Ambiente». L’incognita riguarda la vicinan-

Troppo vicini al Lemme I container destinati ad ospitare i lavoratori sarebbero in una zona su cui grava un vincolo idrogeologico. za dei container al Lemme. Commenta il Comitato No Terzo Valico Vallemme: «In passato avevamo più volte chiesto al Comune di non rinnovare i permessi, anche per la vicinanza con il Lemme, richieste sempre disattese. Solo i cittadini devono rispettare i vincoli idrogeologici e paesaggistici anche per costruire solo una legnaia?». Cociv spiega: «Per gli scavi del primo lotto non serve

un campo base visto il contenuto numero di operai i quali alloggeranno, come concordato anche con le istituzioni locali, in strutture ricettive a pagamento, spesati di tutto. Nel secondo lotto verrà poi assegnato con gara europea il lavoro dello scavo delle quattro gallerie e verrà allestito il relativo campo base. I container nell’ex cava sono un residuo di vecchi lavori. Da valutare l’eliminazione». (G.C.)

Fioccano anche a Pozzolo le lettere di preavviso di esproprio da parte del Cociv. E proseguono anche a Novi. Questo è quanto emerso durante l’incontro pubblico dei No Tav che si è tenuto venerdì sera al Foral di Novi. Continua pertanto lo stillicidio di richieste di sopralluoghi che dovrebbero effettuare i tecnici del Consorzio per l’alta velocità ferroviaria, ma permane l’incertezza del quando e con quali modalità. «Da parte nostra non li faremo passare in nessun caso e faremo barriera – ribadisce Davide Bailo del comitato novese contro il Terzo Valico – Sarà una battaglia lunga fatta di partecipazione e di sforzi comuni. Non ci sono scorciatoie. Considerata l’estensione territoriale che lasciano intendere le ubicazioni delle proprietà terriere che abbracciano una larga parte di territorio tra Novi e Pozzolo, si profilerebbe dal Cociv un attacco di dimensioni massicce. Continuo comunque a pensare che si tratti di misurazioni, per arrivare alla stesura del tracciato definitivo. Cosa faremo? Se noi rallenteremo queste operazioni faremo fallire il loro obiettivo. Senza espropri non si fanno i cantieri e senza cantieri non si apriranno gallerie. Dico questo anche se non è automatico che senza piano esecutivo non si facciano espropri, come del resto abbiamo visto quando hanno tentato di metterli in atto l’anno scorso, ma senza annunci di sopralluoghi preventivi». Al momento sono oltre una ventina le lettere ricevute dai pozzolesi, ma è probabile che siano almeno il doppio. Sempre venerdì sera è stata analizzata la decisione del Governo che, di fatto, ha stornato una parte dei fondi destinati alla costruzione del Terzo Valico. Perlomeno le associazioni dei pendolari sperano che possano essere investiti sul miglioramento delle linee esistenti. «C’è molta confusione anche nel Governo – ha sottolineato al riguardo Bailo – Hanno tolto 773 milioni dal secondo lotto e ciò fa-rebbe pensare che si voglia porre la pietra tombale sull’opera. Invece al Senato, prima in commissione e poi in aula, hanno proposto un altro decreto che finanzia per 120 milioni all’anno il secondo lotto, per 10 anni. Quindi quello che esce dalla porta, poi rientra dalla finestra». Sempre al Foral è stato presentato il documentario “Giù le mani dalla nostra terra”, realizzato dai comitati schierati contro la realizzazione dell’opera.

ECCO UNA DELLE SOLUZIONI!!! e molte altre... 99+euro iva

STANCO DI DIABOLIK?

vendita installazione garanzia 36 mesi

KIT DUO WIRELESS

39 euro mensili + iva Collegamento h 24 ns. sala radio Intervento su allarme

PER INFO 0131-315321


novi ligure

ilsettimanale • giovedì 27 giugno 2013

10 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

I lavori Il primo passo è la creazione di marciapiedi adeguati nei pressi di tutte le scuole

inbreve

Obiettivo: città senza barriere

LA VICENDA

Disabile di Gavi, Con il Focus Group Disabili individuate le aree più critiche su cui intervenire c’è il lieto fine Si è conclusa con un lieto fine l’odissea di M.G. il disabile diciassettenne di Masone, ospite del centro di accoglienza Pratolungo nel Comune di Gavi. Il Tribunale ha decretato una deroga e pertanto potrà rimanere ospite nella stessa struttura che in precedenza era stata giudicata non idonea a ospitare minori. La deroga è stata adottata in considerazione dei risultati soddisfacenti riscontrati e certificati a Pratolungo, nei confronti del ragazzo, in condizioni di autismo. La famiglia temeva che il suo trasferimento in una struttura più adatta ai minori, potesse cancellare tutto quanto di buono era stato fatto negli ultimi mesi. «Nostro figlio sarebbe ricaduto in crisi se lo avessero trasferito – ha spiegato la madre di M.G., Carla Pastorino, soddisfatta del provvedimento – e nelle sue condizioni sarebbe stato assai grave. Ringraziamo pertanto l’Asl, il giudice e tutti coloro che ci hanno aiutato in questa difficile battaglia contro la burocrazia. Non ritenevamo giusto che potesse essere allontanato da un centro di accoglienza dove è seguito e compreso. La sua è una patologia molto complessa e delicata, dove non si può sballottare la persona da un luogo in un altro posto. Quindi questo provvedimento ci regala nuova fiducia verso tutte quelle figure che in questi frangenti possono fare molto, derogando da norme che, se applicate ciecamente, potrebbero diventare deleterie». Nel frattempo il ragazzo è stato dimesso dal reparto di Neurologia dell’ospedale di Novi, dove era stato ricoverato per una crisi nervosa. (G.F.)

MARZIA PERSI m.persi@ilnovese.info

Ancora alla fine del 2012 sono stati stanziati 100 mila euro per abbattere le barriere architettoniche in città. Questa somma è destinata, in particolare, alla realizzazione del marciapiede in via Rattazzi nei pressi della nuova scuola elementare che ha aperto i battenti lo scorso aprile. Questo intervento rientra nel programma di abbattimento delle barriere architettoniche promosso dall’amministrazione comunale in collaborazione con il Focus Group Disabili. E proprio per l’abbattimento delle barriere architettoniche il Comune di Novi ha ricevuto finanziamenti dal Governo, prelevati dal Fondo per la tutela dell’ambiente e la promozione dello sviluppo del territorio, istituito presso il ministero dell’Economia e delle Finanze. Sulla base di questi indirizzi al Comune di Novi sono stati assegnati 300 mila euro per interventi di abbattimento delle barriere architettoniche così ripartiti: 150 mila nel 2009, 100 mila nel 2010 e 50 mila nel 2011. L’ufficio tecnico ha focalizzato la propria attenzione su suggerimento del focus disabili alla sistemazione dei marciapiedi che si trovano davanti agli istituti scolastici cittadini. E così ha preso il via il cantiere in via Rattazzi che prevede la realizzazione del

marciapiede su ambo i lati già a partire dalla rotonda di via Ovada fino a corso Piave. Oltre a quello di via Rattazzi è stato anche ultimato il marciapiede nei pressi della elementare “Oneto” e davanti alla scuola “Rodari”. Per quanto concerne la viabilità e la sicurezza sulla strada per pedoni e veicoli è stata stipulata una convenzione tra l’Asl e il Comune di Novi per regolamentare il controllo, da

parte degli agenti di Polizia Municipale, delle vie di accesso e delle aree di sosta vicine al pronto soccorso dell’ospedale “San Giacomo”. Il tratto interessato parte da via Raggio, fino a comprendere tutto il perimetro ospedaliero. L’accordo stipulato è triennale, ma sarà rinnovabile alla scadenza con tacito accordo fra le parti. Si è arrivati a tale convenzione fra le parti per i gravi problemi e disagi ri-

Nuovi marciapiedi In molti tratti di marciapiede sono state inserite le piastrelle Loges, che aiutano i non vedenti a orientarsi in strada.

Quando il judo incontra l’amicizia

scontrati all’ingresso del “San Giacomo”. Con questa delibera si auspica di migliorare una situazione che ha portato a situazioni di criticità, soprattutto per quanto riguarda la sosta. La presenza di auto parcheggiate, senza seguire le norme, ha sovente causato intralci al traffico e ha creato preoccupazione per il passaggio dei mezzi di soccorso che hanno avuto difficoltà a transitare.

Tubo rotto, via Ovada a secco

LA LAMENTELA

«Non svuotano i nostri bidoni»

Si è conclusa la settimana scorsa l’attività di judo rivolta ai ragazzi del centro diurno del Csp novese (il consorzio dei servizi sociali). È già il terzo anno che i maestri del Judo Club Novi si recano dai ragazzi del centro insegnando loro le basi del judo. Gli incontri sono diventati una consuetudine di cui i ragazzi non riescono più a fare a meno e che li trovano sempre felici di essere protagonisti sotto gli occhi attenti degli istruttori Francesco Deserventi, Enrico Parodi e Italo Parodi. I tre sono diventati grandi amici dei ragazzi, con i quali trascorrono ore di gioco e sana attività fisica. «Ringraziamo gli istruttori – dicono gli operatori e i familiari dei ragazzi del centro – E ovviamente li aspettiamo, in autunno, per l’inizio del quarto anno di attività».

Da via Manzoni arriva una lamentela nei confronti del servizio di raccolta rifiuti. Secondo alcuni abitanti del civico 60, infatti, i bidoni del condominio non verrebbero svuotati dagli spazzini. «Accade spesso che “ci saltino” – dicono – e ogni volta dobbiamo chiamare il numero verde di Gestione Ambiente perché vengano a ritirare i rifiuti. Chiediamo pubblicamente che venga prestata maggiore attenzione». (RED.)

Una maldestra operazione effettuata da un’impresa al servizio del Comune, martedì mattina ha provocato l’allagamento di via Rattazzi, all’imbocco della strada per Pasturana. Nel corso di un intervento di scavo, una ruspa ha spaccato un tubo dell’acqua potabile. La tubatura era pressurizzata e – per qualche minuto – l’acqua è fuoriuscita a getto, creando un “geyser” alto quasi 20 metri. Disagi alla viabilità e all’erogazione dell’acqua in alcune abitazioni, per un paio d’ore. (G.F.)

# $ #

Associazione Over 50

##

" % "& %$"!)

#

+

$ "

" #

!

#

,

$

#*

%

"

#

!!

"

"

%

(#

"" !!

&%''#

'"$

!!

"


novi ligure

ilsettimanale • giovedì 27 giugno 2013

11 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

I controlli Con l’estate al via un piano di pattugliamento straordinario della città. Anche di notte

Teste calde? Ci pensano i vigili Nel mirino i guidatori che alzano il gomito e la movida selvaggia in centro

All’ombra delcampanile Se mille anni vi sembran pochi di Gianfilippo Casanova

MARZIA PERSI m.persi@ilnovese.info

Contro chi si mette alla guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, controlli mirati da parte della polizia municipale. La sicurezza in strada è una delle priorità dell’amministrazione comunale e per questo è stato promosso un programma di servizi ad hoc. In questo fine settimana saranno attive due pattuglie che perlustreranno ed eseguiranno posti di blocco in città dalle 9 di sera alle 4 di mattina. Analoga iniziativa era stata assunta dai civich di Armando Caruso nella primavera scorsa, in quell’occasione erano stati controllati una cinquantina di automobilisti e nessuno è risultato positivo all’alcoltest. Il controllo mirato sarà ripetuto a partire da questo fine settimana per tutto il mese di luglio nel weekend. «Nel corso dell’estate – dicono al comando dei vigili urbani – ripetiamo abbastanza frequentemente questi servizi mirati notturni. Tali controlli fanno parte di un programma che ci siamo prefissati insieme

all’amministrazione comunale collegato a un altro progetto regionale sempre legato alla sicurezza stradale». Inoltre durante le prossime settimane saranno tenuti pattugliamenti nottur-

ni degli agenti di polizia municipale. Tali pattugliamenti hanno lo scopo di evitare che la “movida” novese diventi insopportabile per chi decide di andare a dormire anziché di stare in giro.

D’estate, si sa, da parte dei cittadini aumentano le richieste di intervento per schiamazzi notturni. I giovani si trovano in strada e sovente tengono la musica delle auto radio alta andando a infastidire chi vuole

riposare. Non mancano poi gli amanti della velocità. In particolare in zona museo dei Campionissimi i residenti si sono lamentati ripetutamente dei motociclisti che, sprezzanti del pericolo, percorrono viale dei Campionissimi a tutta velocità, “tagliando” la rotatoria che si trova in via Ovada. «Purtroppo con l’estate – dicono alcuni abitanti – il problema si ripropone. Noi regolarmente chiamiamo le forze dell’ordine ma è difficile anche poter controllare costantemente il viale». Una zona “gettonata” dai giovanissimi è anche quella del Bennet, anche in questo caso, gli abitanti del quartiere hanno chiesto ripetutamente l’intervento delle forze dell’ordine. Un altro quartiere frequentato dai giovani e dai giovanissimi è il Lodolino in particolare dove c’è l’area giochi. In passato si sono verificati atti vandalici che hanno portato al danneggiamento dei gazebo e delle panchine. «La nostra pattuglia – concludono al comando della polizia municipale – sarà in giro ogni sera sicuramente fino alla fine di luglio».

Il fatto Uno spacciatore finisce in manette Il processo Confezioni di ghiaccio istantaneo con troppo azoto

I cittadini chiamano Imprenditore sotto accusa e la polizia arresta per il medicinale “esplosivo” La sera di sabato 15 giugno, gli uomini della Sezione “Antidroga” della Squadra Mobile hanno tratto in arresto il cittadino marocchino Mounir Rharrouch, 33 anni, residente in città, colto in flagranza di reato per spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti. Da tempo la Squadra Mobile alessandrina aveva focalizzato la sua attenzione sul marocchino, grazie anche a segnalazioni pervenute da cittadini, che riferivano di presenze “sospette” nei pressi dell’abitazione del 33enne. Quella sera, intorno alle ore 22.00, gli agenti, dopo aver avvistato un’auto posteggiata da tempo proprio in quella zona, hanno notato Rharrouch scendere in strada e, dopo un breve dialogo con i personaggi seduti nel veicolo, rincasare. Passati pochi minuti, l’uomo è stato visto ritornare in strada e scambiare furtivamente del materiale, rivelatosi poi due involucri del peso complessivo di 1,6 grammi contenenti cocaina. I successivi accertamenti permettevano di rinvenire addosso al marocchino altri due involucri di identica foggia e peso, contenenti anch’essi cocaina, nonché, all’interno della tasca dei pantaloni, la somma in contanti di 170 euro, presumibile prezzo pagato per l’acquisto della droga. (S.M.)

Assolto lo scorso anno in un altro procedimento, il titolare della ditta Euritalia di Novi Ligure, il novese Elvio Bonabello, è sotto processo per aver violato, secondo l’accusa, la normativa sulla restrizione dell’impiego di sostanza chimiche. Avrebbe commissionato alla Dispotec, azienda con sede a Brescia, la fabbricazione di ghiaccio istantaneo, denominato Ice Bag, con quantitativi di azoto superiori ai limiti di legge, fissati dalla normativa europea e nazionale per evitare il rischio di esplosioni, in rapporto con la quantità di nitrato d’ammo-

nio. Bonabello, difeso dall’avvocato Lorenzo Marangoni di Milano, si è opposto al decreto penale di condanna ed è stato rinviato a giudizio. Nell’udienza di ieri ha deposto il maresciallo dei carabinieri del Nas di Lecce che ha effettuato i campionamenti sulle confezioni del prodotto in vendi-

ta in una farmacia pugliese, controlli effettuati su richiesta del Ministero della Salute. «L’azoto rilevato nei campionamenti – ha spiegato il militare – era al 33 per cento, ben oltre la quota del 16 per cento fissata per legge. Il prodotto è stato per questo ritenuto non conforme e non commercializzabile poiché causa di possibili esplosioni». Il prodotto era stato commercializzato nel luglio e nel settembre 2010, dopo l’entrata in vigore del decreto legislativo che aveva fissato i nuovi limiti. Prossima udienza il 26 novembre a Alessandria. (G.C.)

Domenica scorsa, in occasione della festività di san Pietro, nella chiesa parrocchiale che ne porta il nome, sono stati festeggiati gli anniversari di matrimonio “significativi”: un anno, e poi di cinque in cinque fino a 50 anni e oltre. Quest’anno anche due coppie che ricordavano 55 anni di matrimonio. Un gruppo numeroso di coppie ha accettato l’invito e così – ha commentato il presidente del consiglio Pastorale Fulvio Ghiara – «erano presenti… quasi mille anni di matrimonio! Quasi mille anni di “normalità” – ha aggiunto – quasi mille anni di semplice, normale amore». Per i credenti il matrimonio è un sacramento, cioè un segno, un valore in sé, ma anche un valore che rimanda ad altri valori, un amore che richiama ed esprime un amore più grande, un amore smisurato. Vedere persone di ogni età, tra cui molti anziani, sorreggersi l’un l’altro e avvicinarsi all’altare per ricevere un piccolo riconoscimento, una pergamena, una rosa, un applauso e per essere di nuovo al centro dell’attenzione e fotografati come tanti anni prima, non può non aver suscitato nei presenti emozioni forti, insieme con il pensiero di quanta fatica, quante difficoltà, quanti momenti felici e quanti giorni difficili hanno caratterizzato questi mille anni di matrimonio. Tante le presenze note, tra le quali, sedute fianco a fianco, nello stesso banco, due coppie di commercianti che hanno fatto la storia delle salumerie di via Roma. Chissà, forse concorrenti un tempo, si sono trovate accomunate dalla celebrazione dell’anniversario di matrimonio. La normalità, nulla di più. Senza voler imporre una propria visione, senza assolutamente voler condannare chi non ce l’ha fatta, chi ha gettato la spugna, chi non ha trovato l’aiuto degli altri nei momenti di difficoltà, la chiesa locale esprime in questo modo le proprie convinzioni. E la tenerezza di queste coppie, mano nella mano (mentre l’altra mano, a volte, impugnava il bastone…) ha detto cose ben più convincenti di certe omelie sul matrimonio e di certe invettive sulle sue deviazioni.


novi ligure

ilsettimanale • giovedì 27 giugno 2013

12 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Estate dimessa, ma alle tradizioni non si rinuncia Risorse scarse quelle che il Comune ha potuto mettere in campo per gli appuntamenti di “In Novi d’estate”. Ma nonostante tutto rimangono alcuni grandi eventi come i “Venerdì di luglio” e lo spettacolo pirotecnico. A palazzo Dellepiane sbarca il teatro di “Donne dirette” MARZIA PERSI m.persi@ilnovese.info

«Nonostante la scarsità di risorse dovuta alla crisi riusciamo anche quest’anno ad assicurare ai novesi una “In Novi d’estate” ricca di appuntamenti». Ad affermarlo è l’assessore alla cultura Simone Tedeschi che aggiunge: «Il programma è frutto della collaborazione tra l’amministrazione comunale, l’Ascom novese, il consorzio Cuore di Novi e l’aiuto di sponsor privati». A farla da padrone saranno, anche quest’anno, i Venerdì di Luglio con lo shopping sotto le stelle, rassegna di spettacoli abbinata all’apertura serale dei negozi, ristoranti, bar, vinerie, Si partirà il 5 luglio con le vetrine animate, in abbinamento al salotto delle auto e al body painting. Il 12 luglio si proseguirà con “Sognando Bollywood”, una serata per gli amanti di danza, musica e cucina indiana. Sarà

di Erica Roncati

allestito un ristorante indiano in piazza Delle piane dove verrà proposto un piatto unico. «Riproponiamo questa serata con ristorante perché l’anno passato – dice Fabrizio Stasi, presidente del Cuore di Novi – ha riscosso un buon successo». Il 19 luglio serata “Country & Western” con musica e balli, giochi del far west, cowboy, cowgirl e indiani. Chiuderà la kermesse il 26 luglio la musica con la “Swing Jazz Friday”. Tra le novità, la mostra mercato sapori bio, con prodotti enogastronomici tipici, allestita in via Girardengo nelle giornate del 5, 6, 19, 20 luglio e 3, 4 agosto. «Quest’anno per questioni di budget non abbiamo il personaggio televisivo come in passato – prosegue Stasi – ma non escludiamo di poter avere ancora qualche sorpresa dal momento che la nostra agenzia è comunque sempre in contatto con i vari agenti e magari all’ultimo momento l’ospite potrebbe arrivare».

Come tradizione, non mancherà la Notte Bianca del 4 agosto con i fuochi artificiali (lo spettacolo pirotecnico si terrà allo stadio comunale alle 22.00) e una grande festa che coinvolgerà tutta la città con musica, luci e colori. In programma anche il Gran Ballo con l’orchestra di Carlo Santi al Parco Castello. L’attrazione principale sarà in piazza Dellepiane dove, subito dopo lo spettacolo pirotecnico, è in programma il concerto dei Montefiori Cocktail, band che rappresenta in Italia la massima espressione della musica lounge. Il 4 agosto sarà anche inaugurata la mostra permanente sul Risorgimento allestita nell’ex Caserma del Carmine di via Solforino. «I locali dell’ex caserma del Carmine – dice il sindaco Lorenzo Robbiano – sono stati ristrutturati con fondi dei Contratti di Quartiere come anche la nuova scuola di via Rattazzi. Con questa mostra si inizia la costituzione del museo civico

Piccola Gastronomia di Cucina casalinga Farinata Pizza Focaccia di Recco ORARI: LUNEDÌ 17.00-20.00 DAL MARTEDÌ AL SABATO 10.00-13.00 - 17.00-20.00 DOMENICA TUTTO IL GIORNO E LUNEDÌ MATTINA CHIUSO

...la tradizione continua

SIAMO IN VIA MARCONI 67 A NOVI LIGURE · AL

338.3044904


novi ligure

ilsettimanale • giovedì 27 giugno 2013

13 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

La mostra Da stasera in biblioteca

Nel chiostro cinque artistiperundialogo contemporaneo

cittadino. Accanto ai cimeli storici sarà possibile ammirare una cartina della città che indica i luoghi del Risorgimento novese che possono essere visitati. Tornerà anche a Novi il plastico della battaglia di Marengo». A luglio si svolgerà anche una mini stagione teatrale denominata “Donne dirette” a cura delle associazioni teatrali novesi come Karkadè, Teatrolab, Dai Lucedio Salotto & Teatro e I Pochi di Alessandria. Gli spettacoli si terranno ogni sabato di luglio alle 21.30 nell’androne di palazzo Dellepiane. A dare il via alla mini stagione sarà il 6 luglio “Fremiti fermi” di Davide Sannita con Silvia Gatti, Antonella Ferranti e Lorenza Torlaschi. Naturalmente ci saranno gli appuntamenti in biblioteca che quest’anno raddoppiano. Infatti ogni giovedì si avrà alle 18.00 una conferenza e alle 21.00 un concerto o altro intrattenimento. Questa sera la rassegna “InChiostro” propone, alle 18.00, Incon-

tro con l’autore con la presentazione del volume “Ovada” di Andrea Repetto, alle 21, “Dialoghi Contemporanei”, inaugurazione della mostra di pittura e scultura a cura del circolo culturale Roncoli [vedi articolo a lato]. Dall’11 al 17 agosto, poi, tornerà in

piazzetta Carenzi la Festa della Birra con stand gastronomici, musica e sorprese. «Quest’anno protagonista sarà la birra sarda – spiega Gian Luca Spinola, promotore dell’iniziativa – e quindi abbineremo piatti della tradizione sarda».

La Medicina per la Bellezza

MEDICINA ESTETICA DA OLTRE VENT’ANNI La mia filosofia “Voglio che i miei pazienti raggiungano il miglior aspetto possibile, con un effetto totalmente naturale. Utilizzo sempre tecniche aggiornate e trattamenti sicuri”

MEDICINA ESTETICA DEL VOLTO Rughe - Botulino Acido Ialuronico Blefaroplastica non chirurgica Rigenerazione e ringiovanimento pelle con Fattori di Crescita Prevenzione dell’invecchiamento Peeling medico

MEDICINA ESTETICA DEL CORPO Cellulite e grasso Ringiovanimento di mani e piedi Dieta Proteica TRAP = Rigenerazione delle vene e dei capillari Test genetici e alimentari

PER INFORMAzIONI E PRENOTAzIONI Via Girardengo, 105 Novi Ligure 0143 745731 C.so F. Cavallotti, 64 Alessandria 392 9895017 www.mariosirito.it - carodottore@gmail.com

Con la mostra “Dialoghi contemporanei” gli artisti novesi Stefano Borasi, Pietro Casarini, Franca Cultrera, Luciano Fasciolo e Giovanni Maccioni propongono una rilettura dello spazio interno del chiostro della biblioteca di Novi Ligure (via Marconi 66), attraverso un percorso espositivo che evidenzia le singole narrazioni contestualmente a un interessante scambio traversale. Il luogo della mostra è il comune denominatore degli artisti, accomunati dal fatto di essere presenti nello stesso momento in questo magnifico contenitore, così poco convenzionale e, per certi versi, complicato. In particolare, ognuno ha accettato di dilatare la propria identità per evidenziare quegli “sconfinamenti” tra le diverse poetiche, rappresentati in modo diverso per ogni pittore e scultore: origine della natura, visioni notturne, sorgenti luminose, architetture impossibili, ragni che tessono in molte direzioni, tutte forme che riproducono la struttura profonda dell’esistenza umana e della natura, attraverso una costruzione minuziosa e circostanziata. Il progetto di questa mostra ha come fil rouge lo scambio tra i diversi universi degli artisti che, pur non appartenendo a un movimento artistico comune, riescono a trovare un naturale scenario nel confronto costruttivo delle individualità. Durante l’inaugurazione, che si terrà stasera, giovedì 27 giugno alle 21.00, è in programma la lettura di testi poetici di Laura Accerboni, Mauro Ferrari, Enico Marià e Milva Caldo, letti da Sara Salvatico. La mostra, organizzata dal Circolo Culturale Roncoli con il patrocinio della città di Novi Ligure, è inserita tra le iniziative di “InChiostro 2013” e resterà aperta fino al 3 settembre nell’orario di apertura estivo della biblioteca. L’inaugurazione della mostra sarà preceduta, oggi alle 18.00, dalla presentazione del volume “Ovada” di Andrea Repetto. (RED.)

Con i trattamenti estetici la prova costume non fa paura L’estate è arrivata e la prova costume è alle porte. Ogni donna vorrebbe poter trasformare il proprio corpo in un battere di ciglia ma non è possibile. Però, oggi, c’è chi è in grado, senza interventi invasivi, di poter donare al vostro corpo nuovamente armoniosità ed elasticità. Si tratta del dottor Mario Sirito, libero professionista dal 1989, si occupa di medicina estetica, anti invecchiamento e nutrizione. Ha frequentato la scuola di medicina estetica del Fatebenefratelli di Roma. Uno dei problemi che più affliggono le donne, ma non solo loro, sono quelle adiposità localizzate in particolari parti del corpo, che non migliorano né con la dieta né attraverso l’attività fisica. Oggi però si può ovviare a questi inestetismi senza intervenire chirurgicamente. Se gli accumuli non sono eccessivi, la terapia infiltrativa di intralipoterapia uniforma e snellisce i profili senza chirurgia. Il trattamento di intralipoterapia rappresenta un approccio nuovo e mininvasivo al rimodellamento del corpo. Consiste in iniezioni localizzate esattamente nelle zone che presentano l’accumulo adiposo. Queste sostanze sono in grado di sciogliere le cellule adipose, il cui contenuto, il grasso appunto, viene riassorbito e smaltito per vie naturali. In questo modo si provoca la riduzione dei cuscinetti e delle irregolarità della pelle in modo selettivo. La terapia infiltrativa di intralipoterapia è l’ideale per snellire i distretti corporei colpiti da antiestetici accumuli adiposi di entità lieve e media, nei casi in cui la cute non è più tonica, nei casi in cui non si voglia subire un intervento di liposuzione. In alcuni casi questa tecnica può essere praticata dopo una liposuzione, rifinire i risultati, oppure per eliminare definitivamente alcune irregolarità di modeste dimensioni. Le aree del corpo trattabili con questa metodica sono: l’addome, i fianchi, i glutei, i trocanteri (esterno cosce), l’interno cosce e ginocchia. L’assoluta non invasività di questa tecnica la rende idonea a trattare sia esterno cosce che zone di estensione limitata o non trattabili con altre metodiche (la liposuzione ad esempio) quali caviglie, braccia, doppio mento, collo e schiena. Ma non si tratta ovviamente dell’unica tecnica praticata dal dottor Sirito. Anche d’estate, ad esempio, si possono trattare le rughe con acido ialuronico e botulino, per essere perfette nelle serate estive.


novi ligure

ilsettimanale • giovedì 27 giugno 2013

14 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

La manifestazione Da stasera, per tredici giorni allo stadio Girardengo

Musica,agnolottieimpegno civile alla festa democratica DESIRÈE ANFOSSO redazione@ilnovese.info

Musica, divertimento e impegno civile vi attendono durante le tredici ricchissime giornate che si apriranno questa sera allo stadio Girardengo di Novi Ligure. Da oggi e fino a martedì 9 luglio, infatti, è in programma la festa del Partito Democratico novese, un appuntamento che si ripete ormai da molti anni e che rinnova la tradizione delle feste dell’Unità. Musica e divertimento, certo, ma anche ristoranti e cocktail bar per soddisfare ogni genere di palato. Stasera si potrà ascoltare una conferenza organizzata dalle donne democratiche: “Verso le elezioni amministrative: la preferenza per parità di genere”, con Claudia Deagatone e il neo segretario provinciale del Pd Domenico Ravetti. Inoltre si potrà ballare con l’orchestra di Paolo Bagnasco. “Giocare: un azzardo che ti può costare” è il titolo dell’incontro di venerdì 28, con la partecipazione, tra gli altri, di Valeria Zavan, Mauro Croce, Carla Repetto, Pietro Magri, Angela Fioroni, Vittorio Demicheli e Lorenzo Robbiano. Poi si aprono le danze con l’orchestra Gianni e Morena. Per ballare sotto le stelle non mancherà la mitica orchestra di Carlo Santi, che salirà sul palco sabato 29 giugno.

Per chi ama la storia, appuntamento da non mancare domenica 30 giugno, con la presentazione dell’ultimo libro di Federico Fornaro: “Pierina, la staffetta dei ribelli”. Oltre all’autore, parteciperanno Mariano Santaniello e Cesare Manganelli. Poi tutti in pista con l’orchestra di Lillo Baroni. Lunedì 1° luglio la serata vede protagonista il ballo con l’esibizione della scuola Asd Wb Danze Alessandria dei maestri Wilmer Poggio e Francesca Baradel. A seguire un’energica esibizione di fisarmoniche. “Tolleranza, pluralismo e liber-

L’estate del Pd La festa democratica eredita e rinnova una lunga tradizione cominciata molti anni fa con le feste dell’Unità.

tà di culto”: di questo si parlerà sempre lunedì 1° luglio, con Giacomo Orlando, Rachida Hasbane, Carla Repetto e Felicia Broda. Martedì 2 luglio chi ha voglia di scatenare le energie sarà aiutato dall’orchestra spettacolo di Valentina Valenti, mentre nell’area dibattiti Rocchino Muliere, Aldo Reschigna e Gianfranco Morgando discuteranno di Piemonte: “Tre anni di governo Cota, tre anni di fallimenti”. Mercoledì 3 luglio sarà la volta delle melodie di Al Rangone, da ascoltare e da ballare. L’orario di inizio di tutti i dibattiti è previsto alle ore 21.00.

inbreve IL CONCERTO

Lindberg e il suo liuto in Collegiata Per una serata all’insegna della cultura e della buona musica, arriva il quarto e ultimo appuntamento di “Domus aurea”, volta a promuovere il grande patrimonio di fede e cultura, domenica 30 giugno alle ore 21.15 nella collegiata di Novi Ligure. L’indiscusso protagonista della serata è il liutista Jakob Lindberg [nella foto], nato in Svezia, che matura la passione musicale ascoltando i Beatles, finché non decide di approfondire gli studi in ambito classico e all’età di 14 anni si rivolge allo liuto e proseguendo il suo percorso decide di dedicarsi alla musica rinascimentale e barocca, oggi è artefice di un’opera di sensibilizzazione e diffusione della musica scozzese per liuto e, nell’evento novese, intende trasportare il pubblico in un clima rilassante e commuovente con i brani di John Dowland, come omaggio al 450esimo anniversario della nascita dell’artista, avvenuta forse in Irlanda nel 1563. Jakob vuole ricordare con grande delicatezza il musicista che fu grande artista, compositore, cantante e liutista e che ebbe il privilegio di lavorare all’interno di corti come quella di Cristiano IV e Elisabetta I che gli conferirono grande successo. (D.A.)

LA SCUOLA

Borse di studio, richieste solo online A partire da quest’anno, la richiesta dei contributi per assegni e borse di studio (iscrizione e frequenza, libri, trasporti, attività integrative) per l’anno scolastico 2012/13 e per i libri di testo dell’anno scolastico 2013/14 si potrà presentare solo online. È necessario, già in questi giorni, registrarsi sul sito www.piemontefacile.it – servizi ai cittadini – assegni di studio – per ottenere le credenziali di accesso al sistema. Sul sito, inoltre, si trovano altre informazioni sulla nuova procedura. La presentazione delle richieste dovrà essere effettuata online dal 16 settembre al 15 ottobre, utilizzando le credenziali di accesso. È necessario avere l’attestazione Isee in corso di validità e conservare la documentazione delle spese sostenute. Per informazioni è possibile rivolgersi all’ufficio Pubblica Istruzione del Comune di Novi (tel. 0143 772234 o 772249). (RED.)

5 $ !'(# '*/0 (( .(+ 6 $ !'(# "')#*0'! ./' !&# #/'/0# 2'/0+ !&# $ 0100+ " /+(+ 0+, ((+ /) (0')#*0+ "#( 2#."# ,#.!&6 +%*' %'+.*+ ,.+"1!# 1* )1!&'*% "' ,+!&' )'((')#0.' !&# /!+), .# *#( 0#..#*+ !+*!') *"+(+

*/0 (( 4'+*# 2#*"'0 # //'/0#*4 .+ +0 ,.+$#//'+* (' 0 %(' #.

+./+ 0 ('

"

2 "

333 2'((# %' ."'*' '0

2'0 %(' +/0 !+(' .'#*0. (( /# '* ! /+ "' ,'+%%' 0+.* .'! .'! ./' -1 *"+ ( 00#.' /' /0 #/ 1.#*"+


ilsettimanale • giovedì 27 giugno 2013

15 www.novionline.net • www.ovadaonline.net


ilsettimanale • giovedì 27 giugno 2013

16 www.novionline.net • www.ovadaonline.net


ovada

ilsettimanale • giovedì 27 giugno 2013

17 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Un week end ad altissima tensione Per i ragazzi che sono tornati sui banchi per la terza prova senza sapere cosa sarebbe successo per la seconda che non è poi stata annullata.

Pascal: compiti copiati Dai voti la verità sui fatti I famigliari chiedono punizioni solo per chi non ha rispettato le regole GIANPIERO CARBONE DANIELE PRATO redazione@ilnovese.info

La notizia che ha stemperato gli animi di tutti, al termine di un week end di altissima tensione è arrivata lunedì nel tardo pomeriggio. Niente ripetizione collettiva della seconda prova. E nemmeno il tanto temuto 1 collettivo che avrebbe “cambiato la vita” di tanti studenti che puntavano a voti alti. Ai commissari è stato affidato il compito di capire chi la settimana scorsa ha copiato durante la prova di matematica. L’operazione da eseguire nel corso della correzione dei compiti. E’ stato l’ufficio scolastico regionale, ovviamente dopo essersi consultato con il Ministero, a prendere questa decisione. Proprio dall’ufficio sono arrivate rassicurazioni per chi si è comportato correttamente. L’esperienza dei commissari è il fattore decisivo per valutare i procedimenti utilizzati dai ragazzi. Nel frattempo vanno avanti le due inchieste parallele, quella portata avanti dai carabinieri, che ha rilevanza penale, e quella interna alla struttura scolastica per capire se e quali siano le responsabilità del personale. Perché una cosa è certa: le soluzioni nel gabinetto della scuola dove poi sono state trovate non sono arrivate da sole. La ricostruzione. Fogli stampati con le soluzioni e fogli scritti a mano. Questo è stato trovato giovedì scorso nei bagni della scuo-

la. Si è insospettita una professoressa della commissione per il via vai insolito e superiore alla media. Subito sono stati avvertiti i carabinieri, tutto bloccato. Coinvolti sulle prime i 70 studenti impegnati nella prova. A quel punto è stato chiamato il commissario ministeriale, Alessandro Militerno. Proprio quest’ultimo, a caldo, ha ipotizzato la ripetizione della prova nella data del 2 luglio.

Le reazioni. “I nostri figli chiedono tranquillità – è stata la posizione di molti familiari nei momenti caldi in cui ancora la decisione definitiva non era stata presa – Se qualche cretino ha voluto fare il furbo facendosi aiutare in maniera scorretta è sbagliato che tutti ne paghino le conseguenze. Domani (Lunedì, ndr) faremo il punto della situazione, valutando anche la possibilità di fare ricor-

so contro le decisioni della commissione d'esame. Senz'altro qualcuno doveva controllare la condizione dei locali, lasciati senza dubbio in ordine dagli insegnanti del liceo”. C’è poi chi si è affidata a un legale, l’avvocato alessandrino, Silvio Bolloli. “Quel giorno – ha spiegato – non tutti i ragazzi si sono recati in bagno durante la prova. C'è un foglio nel quale sono stati annotati i nomi di chi ha chiesto di uscire, con gli orari di uscita e di rientro in aula. Stabilito che non tutti coloro che sono andati ai servizi devono per forza di cose aver copiato, è certo invece che chi è rimasto al suo posto non ha barato. Nessuna volontà di ostacolare le indagini né tantomeno di coprire chi ha copiato. Si vuole solo far sì che paghi solo chi ha sbagliato, evitando di fare di tutt'erba in fascio”. “Io mi sono comportato in maniera corretta – ha riassunto lo stato d’animo di molti studenti, Alberto - senza recarmi in bagno e quindi senza neppure venire a conoscenza della presenza dei risultati. Chiedo che debbano essere puniti solo coloro che hanno agito in maniera illegittima e non tutti indistintamente. Questa vicenda ci ha tolto senz'altro la serenità necessaria in questo periodo così importante”. La terza prova. Affrontarla, quando ancora il verdetto dell’ufficio regionale non era stato pronunciato è stata una fatica doppia per i ragazzi. “Ho pensato solo ai quiz”. “Le vere vittime sono i ragazzi che hanno studiato”.

«Sui fatti indagano i carabinieri e l’ufficio scolastico regionale. I famigliari intanto chiedono che siano puniti solo gli studenti che non si sono comportati correttamente»

«Le vere vittime sono i ragazzi che hanno studiato», è il pensiero di Alberto. Il legale delle famiglie ha chiesto chiarimenti formali.

Il problema Le città vicine hanno fatto più strada. E parte una nuova campagna

La raccolta rifiuti è un rebus e lo sceriffo non può lavorare C’è di sicuro qualcosa che non va nel sistema di raccolta dei rifiuti adottato qui in città se è vero che spettacoli poco gradevoli di contenitori stracolmi, spazzatura abbandonata nei pressi dei cassonetti sono sempre più frequenti, non solo nelle zone periferiche ma anche in centro. E’ di qualche giorno fa la “bruttura” di via Buffa in cui i rifiuti sparpagliati sono rimasti accanto ai cassonetti per qualche giorno, prima che venissero raccolti. E la suddivisione di competenze tra Consorzio Smaltimento Rifiuti, Econet e assessorato all’Igiene di Ovada, di certo non aiuta a fare chiarezza sulle responsabilità. Di certo c’è che la aggrovigliata vicenda dello

L’assessore Briata: «Internalizzare i cassonetti, in certe zone, è impossibile, perché sono gli stessi condomini a opporsi»

sceriffo dei rifiuti, il controllore delle abitudini degli ovadesi, che c’è ma non ha la possibilità di fare fino in fondo il suo dovere non è ancora stata risolta. Manca l’atto ufficiale del Comune che lo autorizzi a staccare le multe nei confronti di chi conferisce senza rispettare le regole o, spesso, abbandona sacchetti e ingombranti fuori dai cassonetti. In altre città le cose sono andate avanti con maggiore velocità. Ma poi, non essendo i cassonetti ancora stati internalizzati in ogni condominio, sarebbe comunque difficile individuare i colpevoli di eventuali cattivi comportamenti. “Internalizzare i cassonetti, in certe zone, è impossibile, perché

sono gli stessi condomini a opporsi – afferma l’assessore all’Igiene ambientale, Roberto Briata - Per il resto, invece, il problema è risolto: dopo un confronto, s’è deciso che il controllore potrà occuparsi direttamente delle multe (in un primo tempo sembrava dovessero intervenire i vigili, ndr) ma abbiamo aspettato a partire per non bastonare le famiglie in questo momento difficile. Procederemo entro fine estate, sperando che le iniziative di sensibilizzazione facciano il loro effetto”. E’ infatti partita nei giorni scorsi, con una serie di locandine affisse nei condomini del centro storico di Ovada, la nuova campagna

Zona delle Cappellette: i residenti lamentano cassonetti sempre pieni. Odori sgradevoli un po’ ovunque in città di sensibilizzazione sulla raccolta porta a porta. Se ne occupa proprio lo sceriffo che è un dipendente di Econet che per svolgere il suo compito è stato formato, in modo da evitare di ripetere l’esperienza di un paio d’anni fa quando la prima figura a prendersi in carico il compito optò per un’occupazio-

ne diversa dopo pochi mesi. In attesa che gli vengano consegnati penna e blocchetto, lo sceriffo porterà a termine la sua campagna per ricordare ai residenti del centro storico che i sacchetti con carta e plastica andranno esposti fuori dai portoni entro le 8 di ogni martedì.


ovada

ilsettimanale • giovedì 27 giugno 2013

18 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

L’arredo urbano In diversi viali cittadini tante le aiuole vuote. Ma non soltanto lì Il piano regolatore Costerà 25 mila euro

Incarico esterno per preparare la variante parziale

Il verde pubblico è in crisi mancano decine di alberi

L’amministrazione comunale ha deciso di procedere a una “variante parziale” del Piano Regolatore che determinerà una serie di modifiche all’attuale normativa. Sarà attuata una più precisa definizione degli elementi significativi dei cosiddetti “edifici caratterizzanti” (che sono circa un centinaio) e degli interventi che potranno essere effettuati nel Centro Storico. Inoltre saranno apportati chiarimenti alla normativa tecnica, saranno definite alcune aree destinate a servizi, edilizia residenziale e strutture produttive e infine si procederà a un adeguamento alle nuove disposizioni di legge. Per realizzare tutto questo, l’amministrazione co-munale, con decreto datato 3 maggio (ma in realtà è stato pubblicato solo il 21 giugno scorso), firmato dal dirigente del Settore Tecnico, ing. Guido Chiappone, ha deciso di affidare un incarico esterno all’ing. Italo Bruno dello Studionovi, uno studio associato con sede a Novi Ligure, in quanto «l’Ufficio Tecnico comunale non è in grado di provvedere all’attività progettuale». Il motivo? Per predisporre la “variante parziale” – si afferma nel decreto – occorrerà effettuare numerosi sopralluoghi e, stante il personale a disposizione, ciò creerebbe disservizi alle normali attività. Ma perché è stato scelto proprio l’ing. Italo Bruno? Perché «conosce il Prg di Ovada in quanto redattore della variante strutturale approvata dalla Regione del 2008». Il compenso previsto per l’ing. Bruno è stato quantificato in 25.121 euro e il professionista novese avrà a disposizione 7 mesi, dal conferimento dell’incarico, per concludere il tutto. Nel decreto viene altresì precisato che tale incarico è una «prestazione di natura strettamente temporanea e a carattere episodico».

Il verde pubblico ovadese non sembra godere buona salute. Nei viali cittadini i “vuoti” crescono di numero; sono ormai tante le aiuole abitate solo da qualche erbaccia e prive di piante. Da una breve e sommaria indagine da noi effettuata (solo in una parte della città) è emerso che gli alberi che mancano all’appello sono almeno una trentina. Corso Italia e corso Saracco presentano i deficit maggiori: undici piante assenti nel primo (e, tra le superstiti, ce n’è anche una secca) e altrettante nel secondo (con due secche ancora in piedi). Altre due mancano in corso Martiri della Libertà, una in piazza Bat-tina Franzoni (dietro alle elementari di via Fiume), due in corso Cavour (vicino al bar Nello) e almeno quattro nei giardini pubblici davanti alla Caserma dei Carabinieri. La nostra indagine si ferma qui, ma pensiamo che renda abbastanza l’idea. In alcune zone della città (per esempio nell’ultimo tratto di corso Italia) il verde pubblico sembra da anni in sofferenza. Nell’inverno scorso l’amministrazione comunale è interve-

nuta per tagliare alcune piante che erano morte; è poi intervenuta una ditta specializzata che ha rimosso diversi ceppi. In primavera però non c’è stata alcuna “piantumazione”. Le aiuole erano vuote e tali sono rimaste. Eppure ci pare di ricordare che il Comune abbia effettuato l’acquisto di alcuni alberi. Come mai non sono stati ancora piantati? Colpa della primavera fredda e piovosa, della carenza di personale o dell’effetto dei tagli alla spesa pubblica?

laserata

DIEGO CARTASEGNA ovadese@alice.it

Pd, festa al parco “De André” La Festa Democratica 2013 prenderà il via venerdì 28 giugno alle 19 con il primo evento che si terrà presso il parco Fabrizio De André in via Palermo (località Leonessa). Si inizierà (per chi lo desidera) con un aperitivo e poi si svolgerà una “classica” serata gastronomica, incentrata – come lo scorso anno – sui ravioli del Borgo. Non mancherà lo spazio per l’approfondimento culturale e politico. L’occasione e lo spunto li fornirà il sen. Federico Fornaro che, nel corso della serata, presenterà il suo ultimo libro: “Pierina – La staffetta dei ribelli”, ma al circolo Pd hanno in serbo qualche piccola sorpresa. «Stiamo studiando – ci dicono – forme diverse di coinvolgimento, affinché anche la Festa itinerante sia un’occasione di apertura e di ascolto per progettare meglio il futuro dell’ovadese».

OVADA Piazza Assunta 8 Tel 0143.833159 PASTA FRESCA

GASTRONOMIA

AGNOLOTTI AGNOLOTTI SENZA BORDO AGNOLOTTI DEL PLIN TAGLIATELLE TORTELLINI LASAGNE CANELLONI GNOCCHI TROFIE CRESPELLE PASSATELLI

INSALATA RUSSA INSALATA DI MARE CAPRICCIOSA CARPIONE DI CARNE CARPIONE DI PESCE FRITTO MISTO ARROSTI ROAST BEEF VITELLO TONNATO FRITTATE E TORTE CONTORNI VARI

.

RAGU' ALLE NOCI PESTO GENOVESE

/*

%

#) !

+ * !

! ""

! ,

$ ! )

$ +

!

)

FORNITURE PER SAGRE E RISTORANTI

! ) "

(

)

-)

)

)(

!

)

+

# %

!

(

% - , !

!

! )

COMPLETI OT TI PROD LITÀ A DI QU

#)

!

….E TANTO ALTRO focaccia senza strutto pizza crème caramel PRANZI

)

)

+

SUGHI

" )

! #

!

! # )

!

&

!

! #) %

*

#

!

!

( ""

+

0424 ! * !

"

)

* "

!

)

' " *

""

* 0412)

)

!

)

3

+

* )

)

'

) "

)


ovada

ilsettimanale • giovedì 27 giugno 2013

19 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

L’annuncio L’Osservatorio vuole verificare la legittimità della riorganizzazione ospedaliera

Ospedale: c’è il ricorso al Tar

inbreve LA LETTERA

Un grazie I sindaci e il volontariato si incontrano in vista del prossimo vertice con Asl all’Ospedale re l’atteggiamento dell’Asl. “Sulla questione dei servizi si è già parlato a lungo – ha ribadito in una recente intervista concessa a Alessandrianews il direttore generale, Paolo Marforio - Il principio non può che essere quello di tutelare la sicurezza dei cittadini, offrendo loro la cura in strutture in grado di affrontare al meglio determinati interventi, con personale preparato. La richiesta di offrire tutto ovunque a costo di farlo male non è saggia, e tutto fatto bene ovunque non è sostenibile. Anche perché sono gli stessi cittadini a scegliere, quando hanno bisogno, strutture a più alta affidabilità. Da parte nostra non ci sono preclusioni, ma è chiaro che i fondi sono quelli che sono e se si privilegiano alcuni aspetti bisogna rinunciare ad altri”.

E’ andato in scena venerdì scorso, in Comune a Ovada, il primo incontro tra sindaci e realtà attive nel mondo volontariato sanitario ovadese, per fare il punto in vista della partenza del tavolo al quale si siederanno anche i vertici dell’Asl per parlare della situazione attuale dell’ospedale cittadino. E’ durato non più di 20 minuti per ribadire quali sono gli obiettivi di partenza di quello che il sindaco Oddone ha voluto chiamare “Osservatorio 2”: primo fra questi la verifica degli spazi per il ritorno della reperibilità degli anestesistI per l’emergenza, il principale taglio entrato in vigore dopo la riorganizzazione del 15 aprile. Gli altri punti: il passaggio all’ospedale di Ovada dei codici verdi, le emergenze meno gravi nella scala di classificazione del servizio 118, il futuro dei servizi di assistenza erogati dal distretto, il mantenimento degli ambulatori a oggi presenti all’interno della struttura ovadese. C’erano, all’incontro di venerdì scorso, anche i rappresentati dell’Osservatorio, nonostante i dubbi espressi dal presidente Padre Ugo Barani sull’iniziativa. E proprio dall’Osservatorio è arrivato il colpo di scena, l’annuncio della presentazione al Tar di un ricorso contro la delibera che

La dichiarazione Il direttore generale Asl, Marforio: “Da parte nostra non ci sono preclusioni, ma è chiaro che i fondi sono quelli che sono e se si privilegiano alcuni aspetti bisogna rinunciare ad altri”.

ha sancito il declassamento a punto di primo intervento del pronto soccorso cittadino. Si tenta quindi la strada già percorsa in altri punti della regione, ad esempio contro la chiusura del servizio di emodinamica dell’ospedale di Orbassano. E proprio lo stesso studio legale torinese si occuperà della questione per conto dell’osservatorio. Cauto, sull’iniziativa, si è mostrato il sindaco Andrea Oddone. Non è chiaro quindi, in questo clima bloccato, cosa possa venire fuori dal tavolo. Soprattutto quale possa esse-

l’iniziativa

EDOARDO SCHETTINO ovadese@alice.it

“Vela” in gita ad Alba Si è svolta sabato 15 giugno scorso la gita organizzata dall’Associazione Vela per visitare la tenuta di “Fontanafredda” e la Fondazione Ferrero di Alba, oltre al tour virtuale dell’industria dolciaria tra le più famose del mondo. Alla giornata hanno partecipato quaranta persone, guidate dalla presidente Angela Bolgeo, tra cui molti volontari attivi e diversi sostenitori dell’Associazione ovadese, presente sul territorio da 15 anni. Durante la mattinata si è svolta la visita delle Cantine “Fontafredda” e del Parco dei Pensieri, situati a Serralunga d’Alba. Prima del trasferimento verso Alba, i partecipanti hanno pranzato presso il Ristorante “Villa Contessa Rosa” con un menù tipico della zona accompagnato da vini del territorio astigiano. Nel pomeriggio la comitiva si è recata ad Alba per la visita della Fondazione Ferrero e il tour virtuale dello Stabilimento della multinazionale dolciaria.

L’interruzione Sulla linea Ovada-Genova Scuola Importante iniziativa alla scuola dell’infanzia Giovanni Paolo II

Frana di Molare: week end coi bus

Sicurezza: ora c’è un amico, è il cane “Affy Fiutapericolo”

Scatterà sabato e domenica la chiusura della linea ferroviari Acqui – Genova, nel tratto più vicino alla stazione di Molare, per consentire ai tecnici di intervenire per la messa in sicurezza della frana che minaccia il passare della tratta ferroviaria. I collegamenti tra la nostra città e Acqui Terme saranno assicurati mediante l’organizzazione di un servizio di bus sostitutivi. Sul sito dell’Associazione Pendolari dell’Acquese è possibile consultare gli orari individuati per l’occasione. In direzione Genova al sabato i bus arriveranno alle 6.28, 7.25, 7.50, 10.52, 12.30, 14.35, 17.32, 18.38, 21.04. Dalla nostra stazione partirà pochi minuti dopo il treno verso il capoluogo ligure. In direzione Acqui gli orari di partenza sono 7.10, 8.19, 10.07, 13.22, 15.23, 16.49, 18.47, 20.22, 21.44. Alla domenica gli orari previsti per Genova sono le 7.56, le 9.21, le 10.54, le 12.23, le 13.54, le 16.21, le 18.04, le 19.36, le 21.09. Da Ovada a Acqui i bus partiranno alle 8.35, 10.07, 11.39, 13.05, 14.41, 17.07, 18.47, 20.22, 21.44. La Direzione Regionale Liguria comunica inoltre che il treno da Brignole delle 20.36 sarà limitato ad Ovada e sostituito con bus per Acqui Terme anche il giorno venerdì 28 giugno. Lunedì dovrebbe essere ripristinata la normale circolazione. La linea sarà poi nuovamente chiusa dal 5 agosto al 4 settembre per i lavori di manutenzione ordinaria, diventati oramai una consuetudine consolidata.

I bambini delle sezioni A ed E della scuola dell’infanzia “Giovanni Paolo II” hanno partecipato al progetto “Affy Fiutapericolo”, promosso dall’Asl, che ha effettuato la formazione dei docenti ed ha fornito materiale per informare bambini e famiglie sul tema dei pericoli domestici. La scelta delle insegnanti di aderire a questa iniziati-

va e affrontare la tematica della “sicurezza” è scaturita dall’esigenza di rendere i bambini più consapevoli e informati rispetto ai pericoli presenti nel loro “piccolo” mondo fatto di casa, scuola e luoghi di gioco. Nel percorso proposto, i bambini sono stati guidati da un personaggio di fantasia, il cane Affy, che, con arguzia e simpatia, ha rac-

contato storie e proposto giochi che li hanno coinvolti in simulazioni di incidenti domestici. Tutto questo ha favorito la presa di coscienza dei possibili rischi che si corrono e delle azioni che si devono attivare per prevenirli. Il progetto si è concluso con la premiazione dei bambini che hanno ricevuto la medaglia di “Esperti fiutapericolo”.

La famiglia Ferro porge un attestato di stima incondizionata ai medici, agli infermieri ed alle Suore Ospedaliere del reparto di Medicina dell’Ospedale di Ovada per le cure, l’assistenza e il conforto prestato al loro congiunto Piero Ferro, che è stato accompagnato nella Sua Malattia, fino purtroppo all’inevitabile decesso, con grande carica professionale ed umana, sicuramente oltre il semplice dovere professionale.

MOLARE

Degustazione di Ovada docg Il 29 giugno, a Molare, per iniziativa della Pro Loco, nelle cantine di palazzo Tornielli, alle ore 15, convegno sul tema “Sviluppo e crescita del territorio ovadese: l’Ovada docg come punto di partenza”. Seguirà la degustazione dell’Ovada docg.

MUSICA

Un brillante diploma Il Maestro Andrea Oddone ha arricchito il suo già prestigioso curriculum conseguendo, presso il conservatorio “G. Verdi” di Torino il diploma di Direzione d’Orchestra. Oddone, che ha sostenuto la prova da privatista, ho ottenuto il punteggio di 10/10. La sua prova è stata salutata da un applauso dall’orchestra da lui diretta per l’occasione. Andrea Oddone attualmente è direttore della banda cittadina di Salò “Gasparo Bertolotto” oltre che di quelle di Novi Ligure e Savona.

A SILVANO

Aspettando il Ferragosto Sabato 29 giugno in piazza C. Battisti a Silvano d'Orba si svolgerà “Aspettando il Ferragosto in piazza”, un’iniziativa promossa dalle associazioni silvanesi col patrocinio dell’amministrazione comunale. Sarà presente l'Unità Mobile Oftalmica della Provincia di Alessandria che effettuerà visite gratuite alla vista, in collaborazione con l'Unione Italiana Ciechi attraverso il suo presidente Paolo Bolzani. Il programma prevede apertire dalle ore 15.30, animazione per bambini, una merenda, la presentazione del libro “I senza volto” con l'autore Lorenzo Robbiano, sindaco di Novi, l’apericena con sangria, il torneo di cirulla e tanta musica. Sarà anche possibile visitare lo stand della Biblioteca Comunale.


ovada

ilsettimanale • giovedì 27 giugno 2013

20 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

I trasporti L’azienda dei bus alle prese con un momento davvero difficile L’iniziativa Promossa dal PD

Saamo: bilancio in rosso e il consiglio è da rifare DANIELE PRATO ovadese@alice.it

È il quadro di un’azienda che sta lentamente appassendo quello che è stato disegnato la settimana scorsa quello fuoriuscito dall’assemblea che la settimana scorsa ha approvato il bilancio consultivo per il 2012. E per la prima volta, la voce è in rosso con un passivo che supera di poco i 28 mila euro. Sullo sfondo, un taglio di contributi di 105 mila euro che rappresenta il vero nocciolo della questione per una realtà che si trova nella necessità di fare economia su qualsiasi voce. «Per contenere i danni – spiega l’attuale presidente Franco Piana, il cui mandato è in scadenza – abbiamo agito su tre fronti, oltre al taglio delle corse. La razionalizzazione massima delle spese, sia quella relativa alla manutenzione dei mezzi che al personale. Siamo poi riusciti a farci riconoscere un contributo extra di 4, 5 centesimi a chilometro percorso che ha migliorato, seppur di poco, la situazione delle entrate. È infatti stata riconosciuta la realtà particolare di un territorio montano e vasto che rappresenta una fascia debole».

In cerca di un capo Si cerca di nominare anche un successore dell’attuale vertice. In ballo la riconferma di Franco Piana o l’affidamento a un sindaco di un piccolo Comune. Di fatto però non si capisce quale possa essere il futuro di un’azienda che ha già subito tagli del 15% delle corse e che dovrà probabil-

mente fronteggiare una nuova consistente decurtazione dei chilometri da percorrere. Già diversi mesi fa, l’assessore ai Traporti, Simone Subrero aveva lanciato l’allarme per il venire meno di quel concetto di mobilità che ha pure un risvolto sociale per chi è solo e non ha mezzi propri. Nel frattempo, è ancora in piedi la questione della nomina dei nuovi vertici. I sindaci si sono presi qualche giorno di riflessione

sull’argomento. Il mandato durerebbe un anno, dato che per il prossimo anno sono previste le elezioni in molto comuni dell’ovadese. Le ipotesi sul piatto sono la riconferma dello stesso Piana oppure l’affidamento dell’incarico a un sindaco di un comune con meno di mille abitanti. Sarebbe questa peraltro l’ipotesi caldeggiata anche dall’ad uscente Alessandro Figus, non da oggi in conflitto più o meno aperto col suo stesso presidente.

Disegnare il futuro di tutto l’ovadese: quali sono le idee? Il 4 luglio prossimo, alle ore 20, presso i locali della Soms di Ovada, il Partito Democratico presenta l’iniziativa “È il momento dell’ovadese, le tue idee per il nostro futuro”. Si tratta di un esperimento partecipativo nel quale, con modalità che verranno spiegate durante la serata, i cittadini potranno far sentire la loro voce e condividere le proprie esperienze. La manifestazione, nelle intenzioni degli organizzatori, si dovrà svolgere in modo molto snello e interattivo; non sono quindi previsti quegli interventi istituzionali di rito, che invece contraddistinguono altri momenti, ma che non si addicono a questo tipo d’iniziativa. Gli esperimenti partecipativi saranno guidati da facilitatori volontari, che cercheranno insieme agli intervenuti di far scaturire alcune idee per il futuro del territorio. Durante la serata, convocata a un’ora insolita, sarà servita un’apericena che sarà parte integrante del progetto. Infatti sarà l’occasione informale per coinvolgere i partecipanti, invitandoli a esprimere la loro idea di territorio e cosa dovrebbe diventare l’ovadese. Progettare e aprirsi: queste sono le linee di indirizzo del Pd, ma dovrebbero esserlo anche per chi è alla guida amministrativa della città. Secondo i democratici, ascoltare prima di progettare non vuole essere una fuga dalle responsabilità, ma intende esprimere attenzione e umiltà. Confrontare le diverse esperienze dei cittadini e porre domande sul futuro dovrebbe permettere di far emergere, in modo condiviso, le risorse della zona da sfruttare per il rilancio. Il Partito Democratico quindi ha intenzione di contribuire a elaborare, in maniera partecipata, un progetto per l’ovadese e di chiedere agli amministratori di farsene interpreti.

L’iniziativa Nella parrocchia dell’Assunta a conclusione dell’anno

Messa per scuole cattoliche Il 10 giugno scorso le scuole cattoliche di Ovada, per concludere l’anno scolastico, si sono ritrovate insieme nella parrocchia di N.S. Assunta per assistere alla messa. Erano presenti alunni, insegnanti e personale dell’Istituto S. Caterina – Madri Pie nei diversi ordini di scuola dall’infanzia al Liceo, della Scuola dell’Infanzia Coniugi Ferrando e della scuola professionale Oratorio Votivo Casa di Carità Arti e Mestieri. La celebrazione è stata animata dai canti dei ragazzi che si sono cimentati con entusiasmo impegnandosi non solo nel coro, ma anche suonando vari strumenti musicali. Ha suscitato commozione il momento in cui i bimbi di cinque anni della scuola dell’infanzia, in procinto di passare alla scuola primaria, sono stati protagonisti di

)%,#--* '& #,* )$*,( 1&*)& *+, ''/*%* ! ,*%#.. 1&*)# /*,& (&-/, ,#0#).&0& %, ./&.& &) )1& (#).& *)-#%)# # !*'' /"* --&-.#)1 +*-. 0#)"&.

un bellissimo gesto: ciascuno ha portato un fiore per simboleggiare il seme che la scuola deve far crescere in ogni alunno affinché germogli e porti frutto nel tempo. Nell’omelia il parroco, don Giorgio Santi, ha saputo trovare le parole giuste per catturare l’attenzione di tutti, dagli alunni più grandi ai più piccolini ed ha individuato in Gesù il maestro di tutti, che ci ac-compagna nel cammino per tutta la vita. Lo scam-bio di saluti e degli auguri finali, specialmente per coloro che devono affrontare le fatiche degli esami, hanno reso la celebrazione vivace e coinvolgente. Durante la messa non è mancato il ricordo di madre Luigia, scomparsa improvvisamente nel novembre scorso dopo aver dedicato tutta la vita alla scuola dell’infanzia.

#. !*(+'#.* + ,.&,# " 2 &0 &)!'/&)-#,#)"* +& )* !*../, " 2

0&

#,, 0 ''# (* &'&$&!&* ''&#0& '& #,* &.

&0 &)!'/-

!(


ovada

ilsettimanale • giovedì 27 giugno 2013

21 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Costume La crisi fa sentire i suoi effetti anche sulle vacanze degli ovadesi

Ferie? No, mancano i soldi Meglio un giro tra le sagre SIMONETTA ALBERTELLI ovadese@alice.it

Per dirla alla Clooney “No soldi… no party”. Questo è l’atteggiamento degli ovadesi nei confronti della nuova stagione. «Per avere le ferie bisognerebbe lavorare – ci fa notare Giorgio, cassaintegrato – Io mi sto avviando verso una quasi certa sospensione del lavoro e i soldi diventano necessari per sostenere le spese quotidiane». «Le ferie sono diventate un bene superfluo – commenta Silvia, artigiana – Tuttavia credo sia positivo per la possibilità di riscoprire il nostro territorio». Silvia non è l’unica a pensarla così: non muoversi da Ovada significa, per molti, partecipare ai venerdì di Spese Pazze (fino al 19 luglio), cenare alle sagre presenti sul territorio (una delle più gettonate, al momento, sembra essere la Festa del Cristo che si svolgerà a San Luca dal 4 al 7 luglio) e organizzarsi per ascoltare buona musica (ricordiamo il Rock Fest 2013 a Belforte Monferrato). «Restare in loco – scherza Laura, barista trentenne – ti consente di fare un salto in più alle piscine, risparmiando comunque sui pernottamenti». Polemico, invece, Mauro, costruttore edile: «L’unico neo dell’ovadese è quello di non

inbreve IN PIAZZA CERESETO

“Identità”, una mostra fotografica Da venerdì 28 giugno a domenica 7 luglio, in piazza Cereseto, si terrà la mostra fotografica “Identità” di Francesco Rebuffo. Orari: tutti i giorni dalle 17 alle19; mercoledì e sabato: ore10-12,30 e 1719; venerdì e sabato: ore 21-23 e 17-19.

DOMENICA

Raduno di auto e moto storiche Domenica 30 giugno è in programma “Le Storiche sulle colline ovadesi”, secondo raduno di auto e moto storiche d’epoca a Ovada. L’iniziativa è organizzata dalla Soms Unione ovadese in collaborazione con Gruppo Amici Auto Storiche dell’Alta Valle dell’Orba. L’iscrizione è aperta a tutte le auto costruite non oltre il 1983 e alle sportive costruite entro il 1990. Il programma prevede alle ore 9 l’apertura iscrizioni presso Bar Soms in Via Piave 30, alle 11 la chiusura delle iscrizioni, alle 11,15 la partenza per il giro panoramico tra le colline dell’ovadese, alle 12,30 l’aperitivo presso l’Azienda Vitivinicola Facchino, alle 13 il pranzo presso il Salone Soms e alle 16 la premiazione e i saluti di commiato ai partecipanti. Info: Pierangelo 339 8522930; Andrea 338 3295061; Bar Soms 0143 86019.

IL 30 GIUGNO

‘900 Express torna in scena

essere realmente aperto al turismo. Neanche a quello che, per scelta o costrizione, si crea dall’interno. Forse, quando c'era maggiore possibilità, si potevano investire meglio i soldi per creare strutture pubbliche e private pronte ad accoglierlo. Abbiamo la cultura del vino e po-sti bellissimi, anche per andare al fiume e a cam-minare a costo zero. Peccato per la mancanza, in certi luoghi,

Soluzioni alternative Riscoprire il nostro bel territorio oppure fare visita agli amici o ai parenti che vivono in località marittime o montane. L’importante è risparmiare.

di una vera manutenzione». La mancanza di fondi pro-ferie, per altri ovadesi, è lo stimolo per fare visita ad amici e parenti che vivono in località marittime o montane. «Niente agenzie di viaggio, quest’anno – conferma Luigi, commerciante – Solo un biglietto per il treno e al-loggio assicurato a casa di amici in Toscana». Conclusione: le vacanze, volendo, si possono anche reinventare...

In teatro ogni spettacolo “nasce” e “rinasce” quando viene messo in scena. E quindi anche chi l’avesse visto a maggio allo Splendor ha ottime ragioni per tornare ad assistere a “900 Express”, l’appassionante viaggio in treno lungo il secolo scorso scritto e diretto da Ian Bertolini e allestito dalla compagnia teatrale “A Bretti”, stavolta nel cortile dei Padri Scolopi, il 30 giugno alle 21.30. Fra l’altro, in alcuni casi ci saranno nuovi attori. Per esempio, nella parte ambientata durante le contestazioni degli anni Settanta, al posto di Edoardo Mazzarello abbiamo Giulia Piccoli. (S.P.)

CON IL CAI

Escursione a Casaleggio Martedì 2 luglio, terza uscita per “Passeggiate sotto le stelle”, promossa dalla sezione Cai di Ovada. Il percorso stavolta si snoderà nei pressi del castello di Casaleggio Boiro, con difficoltà escursionistiche. Il ritrovo è fissato alle ore 19.30 presso il ponte per Laghi della Lavagnina. Materiale richiesto: scarpe da escursionismo, pila. Per informazioni: Cai sez. di Ovada, via XXV Aprile 10; tel. 0143 822578; apertura sede: mercoledì e venerdì sera dalle ore 21.

La segnalazione In strada San Lorenzo, una sbarra dopo una curva

Una protezione? No, un pericolo Ci scrive Bruno Bertone: «A proposito dell’articolo di Diego Cartasegna su l’ovadese n. 23, circa la percezione di eventuali pericoli intorno a noi, forse per alcuni di noi è cambiata la percezione del mondo circostante, ma è anche possibile che le segnalazioni di condizioni pericolose siano solo un inutile rito senza risposte. Vorrei ricordare la vicenda della strada S. Lorenzo: da diversi anni segnaliamo tra l’altro la barra di protezione per un pericoloso e nascosto fosso in cemento, “protezione” chiamata da alcuni “il cavaliere del torneo”, che resiste imperterrita e oggi ancora manifesta la sua minaccia ai passanti. Si tratta di una sbarra di tubo messa parallela alla strada, ad altezza d’uomo, normalmente invisibile per varie cause, in curva sulla destra di chi scende. Qualche passante, per segnalarla in qualche modo, ogni tanto aggiunge un legnetto con bandierina bianca, caratterizzando ancor più la nomea di “ca-

valiere”. L’amministrazione avvisata più volte ha riconosciuto l’opportunità di sostituirla con qualcosa di più decente (2 metri di guard rail), con un costo assolutamente limitato, ma nulla è stato fatto. Segnalazioni tante, vedi quella di due anni orsono, su www.sanlorenzoovada.eu/testi/strada/punto_rs.htm oppure, già dal 1999, vedere il link “Il documento del 1999” (stesso sito web). Non ci siamo svegliati male e non abbiamo scoperto un pericolo; se di sonno si può parlare, non è riferibile ai residenti. Reiteriamo la richiesta, sperando che cambi qualcosa. O qualcuno».

$

!'(.

)$'!,,

#(

,!% /// &( -"%!0 $, /// #$(*

'()$+ $'! (& $'"( )$+ $'!#$(*

'( (&


ovada

ilsettimanale • giovedì 27 giugno 2013

22 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Campo Ligure La manifestazione durerà tre giorni: dal 28 al 30 giugno

Festa Anpi nel “caruggio” tra gastronomia e cultura ELISABETTA BASCHIERA ovadese@alice.it

ROCCA GRIMALDA

Le mafie da nord a sud Venerdì 28 giugno, alle ore 18, presso la biblioteca comunale di Rocca Grimalda, in piazza Vittorio Veneto, avrà luogo la presentazione del libro di Enza Galluccio “Mafie da nord a sud (vedo, sento, parlo…)”.

ROCCA GRIMALDA

Barbarians Party Sabato 29 e domenica 30 giugno a Rocca Grimalda, presso il campo sportivo, si terrà il Barbarians Party 2013. Interverranno artisti di cabaret e al sabato sera ci sarà uno show musicale. Domenica sera appuntamento gastronomico; non mancheranno momenti di sport con tornei di calcio e di rugby per tutte le età. È prevista anche musica dal vivo, discoteca, karaoke, notte sotto le stelle (possibilità di dormire in tenda).

BATTAGLIOSI

Sagra del “fiazein” Domenica 30 giugno a Molare, in frazione Battagliosi, si svolgerà la tradizionale Sagra del “fiazein” (focaccino). Dalle ore 15 alle 22 si potrà gustare il favoloso “fiazein” farcito in tanti modi. Non mancheranno i vini locali le bancarelle, i giochi per bambini e la musica live con karaoke. Info: 349 1566581 daniele.priarone@libero.it.

CREMOLINO

Arriva la “festa nel campo” della festa sarà possibile visitare anche la Mostra sulla Resistenza che è stata allestita all’interno del Circolo. Ricordiamo infine che sabato 29, alle ore 16.30, il sindaco di Campo Ligure, Andrea Pastorino, introdurrà la presentazione del libro “Fischia il vento” di Marco Sommariva. Il volume, la cui prefazione è stata affidata a don Andrea Gallo, racconta la storia dei sette uomini genovesi che, all’inizio del 1945, diedero vita alla “Brigata Walter”.

cremolino

La sezione locale dell’Anpi di Campo Ligure si è distinta negli ultimi anni per le numerose iniziative volte a preservare la memoria di quegli eventi che, durante la seconda guerra mondiale, hanno toccato da vicino gli abitanti della nostra Valle. Negli ultimi anni essa ha dato il via a un nuovo evento, che ha subito riscosso grande successo: una festa allestita nel “caruggio” proprio di fronte alla sede del circolo. Anche quest’anno viene riproposta l’iniziativa, che prenderà il via venerdì 28 giugno e terminerà domenica 30. Tutte le sere, a partire dalle ore 19, apriranno gli stand gastronomici con ravioli al sugo e al vino, tagliatelle al pesto, grigliate di carne, patatine, baccalà, macedonia, dolce e frittelle. Alla domenica il ristorante aprirà anche per l’ora di pranzo. Le serate saranno accompagnate, come sempre, da musica dal vivo: venerdì ci sarà il piano bar con Serafina, sabato musica sarà la volta de i “Sioux” Anpi Band e infine domenica si ci potrà divertire col karaoke di Michela. Inoltre, durante i giorni

inbreve

Solo energie rinnovabili Il Comune di Cremolino ha ottenuto per il 2013 la certificazione che attesta la provenienza da fonti rinnovabili del cento per cento del fabbisogno di energia elettrica. Gli impianti di illuminazione pubblica e gli edifici comunali, dunque, utilizzano un’energia che consente all’ente di evitare l’immissione in atmosfera di gas climalteranti. Socio del consorzio per l’energia Cev dal 2011, Cremolino ha sino a oggi evitato di immettere in atmosfera 153,33 tonnellate di Co2, calcolate sulla base dei consumi annuali dell’ente. Inoltre, insieme agli altri 1.077 soci del consorzio Cev (fra cui 931 Comuni), ha contribuito a risparmiare complessivamente ol-tre 2.183.200 tonnellate di Co2 col solo acquisto dell’energia elettrica. Continua, dunque, l’impegno di Cremolino che si fa promotore di una nuova cultura dell’energia.

Durerà tre giorni, e precisamente dal 5 al 7 luglio, la “Festa nel campo”, la sagra enogastronomica con serate danzanti, in programma ogni estate a Cremolino. L’iniziativa è organizzata dal locale circolo del Partito Democratico. Molte le specialità che si potranno gustare, tra cui i celebri “ravioli del Borgo” e il coniglio alla piastra, una ricetta un po’ particolare che negli ultimi anni ha riscosso un crescente successo. Il tutto innaffiato dai vini cremolinesi che, storicamente, sono una garanzia di qualità.

CASTELLETTO D’ORBA

Lucciolata in Bozzolina Sabato 29 giugno a Castelletto d’Orba in borgata Bozzolina, alle ore 21.15, si terrà la “Lucciolata”, una notte magica tra luci danzanti, a cura dell’Associazione Culturale Amici di Bozzolina. Ritrovo presso la Chiesa di Bozzolina. Seguirà un percorso nei boschi della Caranzana a Miraluna e, al termine, ristoro per i partecipanti.

Rossiglione A colloquio col presidente Prociv Ivan Pontremoli

Protezione Civile, educare chi sarà il cittadino di domani

##& $%!%"%"

Pubblichiamo la seconda parte del nostro colloquio con Ivan Pontemoli, presidente di Prociv Italia. «Prociv Italia – ci dice – è interamente basata sullo spirito di servizio di 800 volontari, suddivisi in 40 gruppi: veniamo da altre associazioni e ci siamo conosciuti a L’Aquila. Lì abbiamo capito che si poteva lavorare anche diversamente. L’affiliazione è stata particolarmente numerosa in Sardegna, Calabria, Puglia, Lombardia, Liguria. Le istanze solidaristiche sono il denominatore comune, si arriva da posti differenti, vissuti diversi con approcci eterogenei che vanno messi insieme». Percepite la giusta attenzione verso il vostro mondo? «No, l’attenzione verso il volontariato vi è unicamente quando purtroppo succede qualcosa. Manca una cultura organica in questo senso e ci si accorge del lavoro solo quando vi è l’evento tragico. Ne siamo consapevoli, ma non per questo ci perderemo d’animo». Una sensibilità particolare verso i più piccoli… «Lavoriamo sui ragazzi perché occorre formare. Gli adulti sono meno ricettivi, mentre coi più gio-vani possiamo fare tanti ragionamenti e attivare una corretta sensibilità. La collaborazione da parte dei cittadini è fondamenta-

Cos’è Prociv Ottocento volontari suddivisi in quaranta gruppi sparsi un po’ in tutta la penisola; una forte presenza in Liguria e Lombardia. le e lavorare coi ragazzi è una scelta politico amministrativa. Questa è infatti utile per entrambi gli attori e stimola un allenamento continuo». Il campo scuola di Rossiglione è stato accolto con entusiasmo: 40 richieste a fronte di una capacità ricettiva per la metà dei partecipanti. «Sì, sono arrivate molte più adesioni di quelle che ci era possibile accogliere. Per il gruppo di volontari che impegnati qui è la prima esperienza di questo genere. Cerchiamo di far conoscere ciò che una volta veniva af-

frontato in parte fra i banchi di scuola nell’ora di Educazione civica; purtroppo un approccio simile non è più sufficiente, occorre un lavoro strutturato che possa essere maggiormente continuativo. Oggi in questi temi il rapporto non è impostato sulla di-cotomia docente-alunno: siamo qui per stare insieme senza distinzioni e imparare l’uno dall’altro, vogliamo condividere e dare una possibilità a tutti questi piccoli amici per instaurare un circolo virtuoso. La parola spesa oggi con un bambino, domani si trasformerà in responsabilità». (K.P.)


dintorni

ilsettimanale • giovedì 27 giugno 2013

23 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

L’accordo I governi di otto Paesi insieme per far conoscere le chiese rurali

Santa Croce, rete europea per i gioielli dell’arte sacra GIAMPIERO CARBONE g.carbone@ilnovese.info

Santa Croce (Bosco Marengo), Santa Giustina (Sezzadio) e San Francesco (Cassine), tre chiese alessandrine risalenti al Medioevo e al Rinascimento faranno parte del progetto Thetris, al quale hanno aderito enti locali di Polonia, Germania, Repubblica Ceca, Slovacchia, Ungheria, Austria, Slovenia e Italia. Un’idea lanciata a Attila Tilki, parlamentare ungherese che punta a far conoscere a livello europeo le chiese delle aree rurali del centro Europa. La settimana scorsa, il politico magiaro era a Bosco Marengo, ospite del convegno svoltosi a Santa Croce dedicato alla sua iniziativa. Nel nostro Paese, gli enti promotori sono le province di Padova e Torino e l’agenzia di sviluppo Lamoro di Asti. «È importante cooperare – ha detto Tilki, insieme a Umberto Fava, presidente di Lamoro – per far conoscere queste realtà del territorio europeo, frequentate sempre meno dai devoti ma pur sempre ricche di storia e opere d’arte». Il progetto punta a «creare e promuovere una rete transnazionale di chiese e strutture religiose attraverso l’uso delle tecnologie e la messa in rete delle buone pratiche sviluppate nelle regioni dell’Europa centrale». «Un tesoro – è stato detto – quello costituito da questi numerosi edifici religiosi, che va conservato sviluppando itinerari transnazionali e sperimentando soluzioni innovative per preservare e promuovere il patrimonio culturale. Il tutto dovrà essere legato al territorio coinvolgendo i

inbreve POZZOLO FORMIGARO

Lo statuto comunale si tinge di rosa Il consiglio comunale di Pozzolo Formigaro ha provveduto ad approvare le modifiche allo Statuto comunale, al fine di adeguarlo alle disposizioni in materia di pari opportunità, che riguardano anche le commissioni consiliari. Sempre il consiglio comunale, ha approvato il documento relativo alla riduzione degli organismo collegiali non previsti espressamente da norme di legge e non ritenuti indispensabili per lo svolgimento della normale attività amministrativa e in particolare, ha confermato che, all’interno dell’Ente, già non esistono organi che non sono ritenuti indispensabili dal punto di vista amministrativo: per questo sono state confermate le commissioni attualmente in vigore e già precedentemente ridotto, secondo le normative. (L.L.)

BOSCO MARENGO

Uffici comunali, orario estivo Entrerà in vigore dal 1° luglio il nuovo orario estivo degli uffici comunali di Bosco Marengo, che sarà attivo sino al 14 settembre. In particolare, gli uffici amministrativi, di Polizia Municipale, Ragioneria e Tributi osserveranno il seguente orario: dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12 e il sabato mattina chiuso (in caso di decessi è possibile chiamare il numero 348 9129608). L’Ufficio Tecnico e Urbanistica, invece, sarà aperto il lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9 alle 12 e chiuso il sabato (per emergenze è possibile chiamare il numero 348 9136936). (L.L.)

L’INIZIATIVA

soggetti privati, come gli operatori economici e le associazioni». A Torino, la Provincia punta sull’abbazia medievale di Novalesa e sulla via Francigena, alla quale i tre siti alessandrini saranno collegati. «Finalmente – ha commentato il sindaco di Bosco Angela Lamborizio – sarà l’occasione per far salire Santa Croce agli onori del mondo». Giampiero Cassero, presidente del Consiglio comunale di Cassine: «A noi piccoli comuni, non in grado di fa-

re promozione a certi livelli, spetterà il compito di coinvolgere il territorio, organizzando l’accoglienza se gli operatori accetteranno il progetto. Senza di loro non riusciremo a fare granché». Alla presentazione hanno partecipato anche Gianfranco Cuttica di Revigliasco, direttore del Museo di Santa Croce; Antonio Marco D’Acri, assessore alla cultura della Provincia di Torino; Riccardo Molinari, assessore regionale.

Festa multietnica, allegria in piazza Grande successo per la Festa Multietnica, che si è tenuta sabato in piazza Castello a Pozzolo Formigaro. Per tutto il pomeriggio musica, costumi sgargianti e buon cibo hanno animato la piazza di Pozzolo [foto Dino Ferretti].


serravalle · stazzano Il bando Approvati i progetti per PalaPatri e Bailo: lavori per un milione di euro

Impianti sportivi, il Comune spera nei fondi governativi MAURIZIO IAPPINI sport@ilnovese.info

Serravalle ci prova. Il Comune infatti ha approvato a fine mese un paio di delibere di giunta per approvare altrettanti progetti preliminari che attengono l’ammodernamento del PalaPatri e la realizzazione del fondo in sintetico del campo sportivo Bailo. «Abbiamo deciso di prendere parte al bando governativo per la promozione dello sport ma è chiaro che l’esecuzione dei lavori dipendere esclusivamente dall’accoglimento della nostra istanza. Il nostro è anche un segnale per far comprendere che non siamo insensibili ai richiami che ci vengono dalle nostre società sportive ma in temi di crisi siamo vincolati a reperire risorse anche attraverso la partecipazione a bandi ministeriali», ha spiegato con franchezza e onestà intellettuale l’assessore allo sport Marco Freggiaro ma il solo fatto di avere aderito a una sorta di maxi concorso testimonia della volontà dell’amministrazione di non lasciarsi sfuggire eventuali occasioni per ammodernare due importantissime infrastrutture sportive. I progetti riguardano il fon-

ilsettimanale • giovedì 27 giugno 2013

24 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

inbreve IL CONCERTO

Summerfest in piazza Bosio Tanta buona musica, ottimi panini accompagnati da birra artigianale, ma soprattutto la voglia di stare insieme e portare una ventata di vitalità a Serravalle Scrivia. Questo il programma del Serravalle Summerfest, una serata all’insegna della musica d’autore con il gruppo di cantautori Doc (Direzione Ostinata Contraria, nella foto) e del rock delle band locali The Ramrod e Kimono Banana. L’appuntamento è previsto per stasera, giovedì 27 giugno, dalle ore 21.30 fino alla mezzanotte circa, in piazza Paolo Bosio. (A.B.)

SERRAVALLE E ARQUATA

Centri estivi, doppia opportunità

Palasport da sistemare Lo studio dell’ufficio tecnico prevede un migliore utilizzo della cubatura e la realizzazione di strutture ricettive. Il costo si aggira sui 550 mila euro.

do in sintetico di ultima generazione dello stadio Bailo (almeno 500 mila euro la portata del progetto) con smantellamento del campo in erba naturale e creazione di un nuovo fondo che, se realizzato, permettereb-

be di giocare senza soluzione di continuità e senza usura a tutte le squadre del Libarna (otto contando anche le giovanili) e della Serravallese, il neonato team iscritto in terza categoria. Per quanto riguarda il palasport intitolato a Gian Patri, l’ingegner Federico Fontana del Comune ha spiegato che si tratterebbe di opere finalizzare a sfruttare meglio cubatura e spazi dell’impianto anche per creare nuove strutture recettive in grado di ampliare l’offerta dell’impianto e anche in questo caso la portata economica dell’opera è

importante e tocca i 550 mila euro. Difficile ipotizzare i tempi anche perché tutto dipenderà da Roma e dall’eventuale accoglimento dei progetti ma se in inverno venissero approvati gli interventi il conseguente finanziamento permetterebbe di fare partire i lavori in estate. Per evitare però di avere grossi guai in inverno, il Comune ha già stanziato facendoli partire immediatamente i lavori per il rifacimento del fondo in erba naturale del Bailo con rasature e risemina dell’erba perché a settembre si torni a giocare.

Anche quest’anno il Comune di Serravalle Scrivia organizza il centro estivo rivolto ai bambini delle scuole materne, elementari e medie, con la collaborazione dell’Istituto “Martiri della Benedicta”, che fornirà i locali e le strutture scolastiche, e dell’associazione Pro Loco, che si occuperà del personale educativo incaricato della gestione del centro. L’iniziativa si articola in due fasi, una per i bambini della scuola materna dal 1° al 26 luglio, e una per i ragazzi delle scuole elementari e medie dal 1° luglio al 9 agosto. Il Comune ha stimato una spesa complessiva poco sopra i 23 mila euro. La quota a carico delle famiglie è di 50 euro a settimana per i residenti a Serravalle e 60 euro per i bambini di altri comuni. A quello di Serravalle farà da concorrenza il centro estivo per i bambini organizzato dal Comune di Arquata. In programma cinque settimane di iniziative per i bambini delle elementari e quattro per i bambini della materna. Il centro estivo si svolgerà presso la scuola elementare in cinque turni settimanali fino al 26 luglio per la scuola primaria ed in quattro turni settimanali dal 1° luglio al 26 luglio per la scuola dell’infanzia. Le quote settimanali di iscrizione: per la elementare, 50 euro per i bambini residenti ad Arquata per il primo figlio e 45 euro per secondo figlio; 75 euro per i bambini residenti in altri Comuni per il primo figlio e 60 euro per il secondo figlio; per la scuola d'infanzia, 40 euro per i bambini residenti ad Arquata per il primo figlio, 35 euro per secondo figlio; 60 euro per i residenti in altri Comuni per il primo figlio e 50 euro per il secondo figlio. Quota pasto: 4,30 euro per tutti. Info in municipio. (A.B.-G.C.)

Il premio Una medaglia alla memoria della critica stazzanese

Giuliana Callegari, celebrato l’amore per il grande schermo “Le cementare”, ecco il titolo del racconto che ha assicurato a Vittorio Casillo la vittoria con 297 voti del concorso online Novecento Bit, l’iniziativa che premia i talenti letterari emergenti. Il nome del vincitore è stato reso noto lo scorso venerdì 21 giugno, presso il parco comunale “Ragazzi della Benedicta” di Serravalle Scrivia, dove si è celebrata la serata di premiazione della 14esima edizione del premio letterario nazionale “Le Storie del Novecento”. Oltre alle premiazioni, la serata ha fornito l’occasione per l’assegnazione della medaglia della Presidenza della Repubblica alla memoria della critica cinematografica Giuliana Callegari, prematuramente scomparsa, che è stata consegnata quest’anno proprio durante la serata di venerdì, per mano dell’assessore alla Cultura del Comune di Serravalle Scrivia, Marco Freggiaro, che l’ha affidata al compagno di Giuliana, il docente universitario e critico cinematografico Nuccio Lodato. «Giuliana Callegari nasce a Stazzano il 23 gennaio del 1943. Ha sempre coltivato con grande passione il suo amore per il cinema: ne scriveva, lo studiava, lo mostrava in rassegne e cineforum – ha sottolineato l’assessore – Proprio perché amava il cinema lo conosceva bene, quello vecchio e quello nuo-

Storie del Novecento, e sono quattordici I vincitori del concorso letterario, insieme all’assessore Freggiaro, al consigliere regionale Muliere e al personale della biblioteca di Serravalle. vo, era attenta ad aspettare che il nuovo si sedimentasse per poter capire quanto davvero potesse valere. Era insomma appassionata e accorta». Amica di Adelio Ferrero, dopo la sua scomparsa, ne interpreta l’eredità, fondando con altri, tra i quali Enrico Foà, nel 1980, il “Gruppo Cinema di Alessandria”. Nei primi anni Ottanta era stata eletta vicepresidente della Federazione Italiana Cineforum e, da allora, era sempre stata riconfermata alla carica.

Gentile, ironica e anche severa, virtù oggi poco praticata, il 3 settembre 1998 Giuliana è partita per altre terre. «Per tutto questo il Comune di Serravalle Scrivia consegna a Nuccio Lodato la Medaglia d’oro della Presidenza della Repubblica per Giuliana Callegari», ha detto Freggiaro. A conclusione della serata, l’annuncio che la medaglia del presidente Giorgio Napolitano verrà assegnata al concorso sabato 6 luglio, durante la serata conclusiva della rassegna. (A.B.)


arquata · valborbera

ilsettimanale • giovedì 27 giugno 2013

25 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Il caso Ancora un ritardo per l’apertura della piscina. Il Comune: «Ma questo sarà l’ultimo»

Primotuffo,c’èancoradaaspettare La vasca scoperta sarà inaugurata probabilmente intorno a metà luglio al fuoco, attaccato per l’autopompa dei vigili, due nuove uscite di sicurezza. Lo scorso autunno sono stati necessari anche interventi ulteriori sulle fondazioni a causa delle caratteristiche del terreno. Un intervento che ha fatto salire la spesa da 2,534 a oltre 2,642 milioni di euro. Il Comune per la piscina ha acceso un mutuo ventennale da 2,2 milioni di euro, che non ha causato lo sforamenti del patto di stabilità paventato dalla minoranza. Inoltre, con il canone pagato da Aquarium e con gli introiti derivanti dagli impianti fotovoltaici installati sugli edifici comunali le rate del mutuo saranno inferiori ai 17 mila euro annui previsti.

Ancora in ritardo l’apertura della piscina di Arquata ma questa dovrebbe essere la volta buona. Lunedì è stata firmata davanti a un notaio la convenzione tra il Comune e la società Aquarium di Novi, gestore delle piscine di Ronco Scrivia e Novi. Un accordo che, secondo fonti novesi, è stato molto difficile partorire per via della mancata intesa su vari aspetti, che hanno fatto slittare l’apertura di oltre sei mesi, impedendo l’utilizzo, per questa prima parte del 2013, della vasca al coperto. Aquarium, certa della firma dell’accordo nonostante le lungaggini, aveva già diffuso i manifesti nei quali annunciava l’apertura della vasca estiva per giugno ma a questo punto si andrà a luglio. Erano state diffuse persino voci di rottura tra le parti. «Nessun rischio di rottura tra l’amministrazione comunale e il gestore – precisa il vicesindaco Franco Bisignano – ma solo una serie di dettagli e clausole da definire al meglio rispetto a quanto deliberato dal Consiglio comunale. Dalla firma della convenzione il Comune ha tempo cinque giorni per la consegna della struttura a Aquarium e quest’ultima deve aprirla al pubblico entro i successivi

Sei mesi persi È stato firmato solo lunedì, dopo sei mesi di trattative, l’accordo tra il Comune di Arquata e Aquarium, a cui è stata affidata la gestione dell’impianto. La società novese verserà 31.500 euro all’anno per quindici anni.

15. Con gli ultimi interventi di sistemazione delle aree esterne direi che la parte estiva potrà essere utilizzabile tra il 10 e il 15 luglio». Confermato il canone annuo destinato al Comune, 31.500 euro per 15 anni. Durante i lavori, affidati alla Edil Contract di Roma, necessario adeguare gli spazi alla normativa antincendio, sopravvenuta nel frattempo. La legge ha infatti imposto regole ferree non solo per il locale caldaie, come in precedenza, ma anche per tutta la struttura, con cavi resistenti

La mozione L’opposizione all’attacco

l’opera

GIAMPIERO CARBONE g.carbone@ilnovese.info

Dovrebbero cominciare a breve i lavori di demolizione del guado sullo Scrivia realizzato nel 2003 tra Arquata e Vignole, collegamento d’emergenza costato oltre 1 milione di euro, necessario dopo la chiusura del vicino ponte, danneggiato dall’alluvione del novembre 2002. La Provincia ha approvato il progetto definitivo-esecutivo per la demolizione, finanziato 260 mila euro arrivati dalla Regione. Lo scorso anno si era aperto un dibattito: mantenere o no la struttura? I due Comuni interessati erano in disaccordo. Le piene hanno nel frattempo spazzato via parte delle strutture realizzate. I lavori prevedono anche la sistemazione dell’alveo dello Scrivia. «Il guado – spiegano dalla Provincia – fu autorizzato dalla Regione come opera temporanea utilizzabile solo per il periodo di inagibilità del ponte. Una volta ristrutturato quest'ultimo si doveva provvedere al ripristino dello stato dei luoghi». (G.C.)

Il bilancio Conti in rosso, il Comune vara un piano di risanamento

Il Comune ci riprova: sollecitato ancora una volta dalla Corte dei Conti, ha varato un programma di risanamento del bilancio che in cinque anni do-vrebbe tappare il maxi buco da 194 mila euro riferito al consuntivo 2011. Lo ha approvato il consiglio comunale, con soli 7 consiglieri presenti e ben 6 assenti. A inizio 2013 la Corte aveva sottolineato le cause del disavanzo: troppe anticipazioni di tesoreria richieste alla banca (addirittura non restituite), troppi debiti e zero fondi in cassa, piani di rientro non attuati o inefficienti, spese eccessive rispetto alla disponibilità. Il sindaco Giorgio Storace [nella foto], nel replicare alle osservazioni dei magistrati contabili, aveva ricordato di aver avviato il

LA RIUNIONE

Fotovoltaico, ecco le opportunità Due appuntamenti organizzati da Legambiente Vallemme per far conoscere come installare i pannelli fotovoltaici e le opportunità economiche e ambientali di questa iniziativa. Il primo sarà stasera, giovedì 27 giugno, alle 21.00, a Arquata, nella sala Juta, il secondo domani, venerdì 28, nella scuola elementare di Voltaggio. Relatori Gian Piero Godio, referente energia di Legambiente Piemonte, e l’architetto Roberto Gazzola. (G.C)

VOLTAGGIO

Una giornata con la biunda

Guado, parte la demolizione

«Strade colabrodo, Rocchetta, per tappare il buco il Comune le asfalti» l’unico dipendente si fa in due Un piano urgente di interventi per la manutenzione straordinaria e l’asfaltatura delle strade comunali finanziato con somme certe e da attuare in tempi brevi. Lo chiede il gruppo di opposizione del Comune di Arquata al sindaco Paolo Spineto attraverso una mozione da discutere nel prossimo consiglio comunale. La situazione delle strade arquatesi è da tempo critica ed è stata oggetto di polemica anche da parte del vicesindaco Franco Bisignano, che in una delle ultime sedute consiliari ha contestato il ritardo nell’assegnazione dei fondi da parte degli uffici del Comune. In vista del bilancio di previsione 2013 è stato quindi redatto un piano di interventi sulle strade ma ora la minoranza chiede maggiori certezze: «Da molto tempo numerose strade cittadine (strada del Bovo, strada Antica Varinella, via Serravalle, via Moriassi, solo per fare degli esempi) risultano in un precario stato di manutenzione e presentano buche anche molto profonde. Il perdurare di tale situazione rap-presenta un pericolo per la circolazione di mezzi e pedoni e potrebbe procurare danni alle persone e agli autoveicoli. Il sindaco e la giunta comunale, nella predisposizione del bilancio previsionale 2013, definiscano un piano urgente di interventi accompagnato da un report economico-finanziario che destini, in via prioritaria rispetto ad altre opere, somme certe che ne permettano la tempestiva esecuzione». (G.C.)

inbreve

recupero delle tasse non pagate, di aver aumentato le aliquote di imposte e servizi locali e cercato di contenere la spesa corrente, tanto che il nel bilancio 2012 il deficit sarebbe sceso a 157 mila euro.

Il nuovo piano di risanamento prevede l’alienazione di palazzo Tassorello per 95 mila euro e accertamenti su Ici e Imu, già deliberati; richiesta di un’anticipazione di 150 mila euro alla Cassa depositi e prestiti; utilizzo dell’unico dipendente al 50% da parte di altri Comuni; revisione di tutti i contratti di fornitura. Pur evidenziando la volontà di non far pesare il disavanzo sui cittadini, il Consiglio ha deliberato di rivedere tariffe e aliquote fiscali non appena dal governo arriveranno certezze su Imu e Tares. «Quando saranno disponibili le risorse ottenute da tali provvedimenti – è stato detto in Consiglio comunale – il Comune inizierà a pagare i debiti a partire da quelli più vecchi». (G.C.)

Sabato 29 giugno il Parco Capanne organizza una giornata informativa a Voltaggio dal titolo La Giornata della Biunda, dedicata alla razza bovina bionda tortonese. Dalle 14.30 alle 18.00, a Palazzo Gazzolo, incontro sul tema “La razza bionda tortonese – Nuove prospettive economiche”, al quale interverranno esperti e allevatori della razza. A seguire, serata gastronomica in collaborazione con Slowfood condotta del Gavi e di Ovada. I principali prodotti (formaggi e carne) saranno ricavati dalla razza Tortonese-varzese. Ad ogni piatto sarà abbinato un vino dell’azienda agricola Ghio presentato dal titolare Roberto Ghio delle vigne Piemontemare di Bosio. Prenotazioni: tel. 0143 635654, cell. 388 0413947. (G.C)

TERZO VALICO

Festa e musica per dire no al Tav Festa No Tav sabato e domenica a Arquata, nella piazza delle scuole medie. Il comitato contro il Terzo Valico arquatese punta a raccogliere fondi per le proprie attività. Dalle 19 bar, farinata di ceci della Merella, panini e salsiccia, mostre, banchetti informativi, musica afro beat, hip hop, sud sound folk e rock’n’roll dalle 21.00. Sabato in programma il documentario “Giù le mani dalla nostra terra”, di Letizia Lupino e Benni Repetto. Stasera alle 21.00, invece, assemblea sul progetto esecutivo del Terzo Valico a Voltaggio, nella scuola elementare. Forum, associazione Afa e Comitato No Terzo Valico illustreranno le ricadute del primo lotto sul territorio vallemmino. (G.C)


gavi · vallemme

ilsettimanale • giovedì 27 giugno 2013

26 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Il rendiconto La Corte dei Conti: «Troppi residui attivi risalenti al 2007 non più esigibili»

«Bilancio comunale a rischio» Oltre 162 mila euro di crediti non ricossi e un avanzo 2011 di soli 84 mila

ilcaso Corte dei conti, le opposizioni all’attacco di Giampiero Carbone

GIAMPIERO CARBONE g.carbone@ilnovese.info

Stavolta non sono le opposizioni ma la Corte dei Conti a sottolineare che il bilancio del Comune di Gavi potrebbe essere in rosso anziché in attivo. In base alla relazione sul rendiconto 2011 i giudici torinesi hanno avviato un’istruttoria dalla quale sono emerse varie criticità. La più problematica è senza dubbio l’elevato ammontare di residui attivi, riferiti a entrate tributarie ed extratributarie non ricosse dal 2007 per quasi 209 mila euro. La Corte torinese ha evidenziato come, a fronte di una cifra del genere e a un avanzo di amministrazione pari a soli 84.240 euro, il rischio concreto è che «se anche solo in parte detti crediti si rivelassero insussistenti [cioè non più esigibili dal Comune; ndr] l’ente si troverebbe in situazione di disavanzo». L’amministrazione comunale ha risposto ai rilievi della magistratura contabile sostenendo: «I crediti in questione sono riferiti a ruoli della tassa rifiuti (Tarsu) e ruoli ex acquedotto. Se anche i crediti sono consistenti, gli importi degli stessi derivano da ruoli esecutivi e affidati a Equitalia Nord per la riscossione». Ha precisato, inoltre, che nel corso del 2012 ha incassato l’importo di 14.744 euro in relazione ai crediti tributari e di 25.612

euro riguardo ai crediti extratributari. Secondo il Comune, in ordine ai crediti maturati nel 2007, rimarrebbero ancora a residuo 162.250 euro e lo stesso ha ricordato di aver costituito un fondo svalutazione crediti pari a euro 32 mila euro. Cifre che però non hanno convinto la Corte, la quale ha stabilito: «L’ammontare delle ri-

L’appello Squadra in crisi chiede aiuto

Duello sulle cifre Botta e risposta tra l’amministrazione del sindaco Nicoletta Albano e i magistrati contabili di Torino. Molti i tributi che non sarebbero stati riscossi.

scossioni effettuate nel 2012 e a inizio 2013 evidenzia che se una parte dei crediti è recuperabile l’altra, maggiore, è difficilmente riscuotibile. Infatti a fronte di un complessivo residuo del 2007 pari a 208.912 euro sono stati riscossi solamente 46.661 euro, con un residuo pari a 162.251 euro, importo pari al doppio del risultato di amministrazione

dell’esercizio 2011». Il sindaco Nicoletta Albano nell’ultimo consiglio comunale ha ricordato che il Comune ha provveduto a eliminare parte di tali residui. Il rischio per l’amministrazione comunale, in caso di mancato adempimento a quanto richiesto dalla Corte dei Conti, è di incorrere in gravi irregolarità contabili.

Carrosio L’associazione Pro Natura scrive alla Regione

«Troppa l’acqua prelevata, Tifosi e azionisti, l’idea della Gaviese Lemme a rischio senza controlli» La Gaviese chiede un aiuto ai gaviesi. Lo fa promuovendo un azionariato popolare fra i cittadini in un momento difficile per la storica società sportiva biancogranata. La squadra di calcio intende infatti iscriversi al prossimo campionato di Promozione, dove quest’anno, nel girone D, ha ottenuto la salvezza. La società ha inviato a tutti i simpatizzanti una lettera firmata dai presidenti onorari Lorenzo Traverso e Franco Bergaglio, nonché dal direttore sportivo Ivano Zunino, con la quale si comunica la convocazione dell’assemblea dei soci per domenica 7 luglio, alle 10.30, alla Bottega del vino. All’ordine del giorno, la relazione tecnica e finanziaria della stagione 2012/13, l’elezione del presidente e del Consiglio direttivo per la prossima annata sportiva con la relativa iscrizione, compresa quella per le numerose squadre giovanili e, infine, l’organizzazione dell’azionariato popolare, proposta avanzata da Traverso. Con questa iniziativa, le quote della Gaviese andrebbero ai tifosi-sottoscrittori e non più solo ai soci attuali per dare una maggiore stabilità al sodalizio. Il più famoso esempio al mondo di azionariato popolare in ambito sportivo arriva dal Barcellona, che conta 163 mila soci-azionisti, che hanno voce in capitolo nelle scelte societarie come detentori delle quote. Nella lettera inviata ai gaviesi, un appello alla partecipazione visto il momento delicato della Gaviese. (G.C.)

Nel mirino di Pro Natura i due prelievi idrici della Tre Colli di Carrosio dal Lemme, entrambi da 600 litri al secondo in media e da mille litri al secondo come misura massima, operativi a Voltaggio e Carrosio. L’associazione ha evidenziato la situazione nelle osservazioni inviate alla Regione per il disegno di legge sulla modifica della normativa ambientale. Il testo previsto, ancora da approvare, stabilisce che «il rinnovo dell’autorizzazione ad attività non sottoposte all’epoca del rilascio ad alcuna valutazione di impatto ambientale va sottoposto alla fase di verifica», la quale serve a comprendere se un prelievo abbia impatti ambientali notevoli sul corso d’acqua e sui pesci. Per Pro Natura, il testo del ddl è condivisibile: «Le due concessioni della Tre Colli sul Lemme sono state rinnovate dalla Provincia per trent’anni senza essere sottoposte alla verifica. Non essendoci una disposizione di legge che esclude i rinnovi di concessione idroelettrica dalla valutazione di impatto ambientale (Via), la Provincia avrebbe dovuto sottoporre almeno a verifica i rinnovi per le derivazioni con porta-

ASSOCIAZION E NOVESE NOVESE ASSOCIAZIONE DONATORI V OLONTARI SANGUE SANGU E DONATORI VOLONTARI Via Via Mazzini 2 29/5 Tel. el. 0 0143.746112 9/5 · Novi Ligure · T 143.746112 www.andvs.org www.andvs.org · andvs@andvs.org

Il sangue g serve sempre s p di più.

Donalollo anche D h tu.

Puoi donare tutti i giorni feriali, dalle 8 alle 10 10 presso il Servizio Servizio Trasfusionale Trasfusionale dell’Ospedale di Novi Ligure

ta superiore a 260 litri al secondo. Invece, basandosi sul fatto che l’impianto è già esistente, la concessione è stata semplicemente rinnovata, creando così disparità tra i nuovi prelievi, sottoposti a verifica, e quelli vecchi, che continueranno ad assorbire acqua senza rispettare le leggi». Pro Natura ha evidenziato la mancata realizzazione della scala di risalita per i pesci, obbligatoria e utile per il rispetto del deflusso minimo vitale, e si chiede se la Provincia abbia verificato l’installazione dei misuratori di portata. (G.C.)

Inevitabile da parte delle opposizioni in consiglio comunale a Gavi andare all’attacco dell’operato della maggioranza dopo la pronuncia della Corte dei Conti. Nicola Galleani d’Agliano, capogruppo del gruppo “Gavi cambia e riparte”, ricorda di avere più volte, in passato, «segnalato questa situazione. Il rischio, a questo punto, è che anche i bilanci degli anni passati possano essere stati in realtà in disavanzo anziché in attivo. Come ho ricordato nell’ultima seduta consiliare, i Consiglieri che hanno votato a favore di quei bilanci rischiano in prima persona se sarà necessario ripianare un eventuale buco». Livio Destro e Manuela Barisone (gruppo “Gavi futura”), commentano: «Come da noi previsto, la Corte non solo ha confermato le difficoltà del bilancio del Comune ma ha effettuato ulteriori approfondimenti che mettono in evidenza altre criticità». Gli esponenti della minoranza rilevano: «È emerso il bilancio consuntivo 2011 presenta un saldo negativo di ben 177 mila euro sulle spese correnti, situazione che prosegue dal 2009, quando tale disavanzo era di già oltre 111 mila euro. Per sanare questo disavanzo il Comune ha utilizzato i contributi per i permessi a costruire, una pratica non corretta. Non solo: è emerso un elevato scostamento fra accertamento e riscossione in relazione al recupero dell’evasione tributaria. Sull’Ici si prevedeva di incassare 10 mila euro, ne sono stati solamente accertati (e non riscossi quell’anno) solo 529 euro. Rispetto alla Tarsu, la previsione era di 50 mila euro, di cui accertati (e sempre non incassati) solo 34 mi-la». Rispetto ai residui attivi, “Gavi futura” ricorda di aver sostenuto nell’ultimo consiglio sul consuntivo 2012: «Viene il dubbio che siano mantenuti questi crediti per continuare ad avere un avanzo di amministrazione, ma che in realtà si possa avere la consapevolezza di non poterli incassare». Il rischio concreto, affermano oggi, «è un aumento della tasse o il taglio dei servizi per coprire il passivo che potrebbe emergere, mentre il Comune che da anni continua a vendere i beni come le scuole, l’ex Cit e Corte Zerbo».

SMETTERE DI GIOCARE OGGI È POSSIBILE Esiste un’associazione fatta da giocatori ed ex giocatori che si riuniscono tutti i mercoledì dalle 20.30 alle 22.30. Se hai il vizio del gioco, unisciti a noi: smetteremo insieme. Giocatori Anonimi Alessandria - Corso Acqui 58, tel. 392 1754932 email ga.alessandria@yahoo.it


ilsettimanale • giovedì 27 giugno 2013

27 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

PROGRAMMA ESTIVO 2013 RESIDENZA AMEDEO lunedì 24 GIUGNO ore 19.30 Apericena a buffet con Severino Guglielmini e la sua fisarmonica

martedì 2 LUGLIO ore 20.30 Serata danzante con Emanuele Piu

lunedì 8 LUGLIO ore 17.30 Incontro-dibattito con il professor Alessandro Meluzzi sul tema “CRISI DEL WELFARE E CONFLITTO GENERAZIONALE DEL XXI SECOLO”

venerdì 12 LUGLIO ore 20.00 “BATTESIMO DELLA SELLA” per i bambini con i Pony del “MANEGGIO LE RONDINI”. Ad ogni bambino verrà rilasciato l’attestato di partecipazione

venerdì 19 LUGLIO ore 19.30 Serata gastronomica a base di pesce

martedì 6 AGOSTO ore 20.30 Serata danzante con Emanuele Piu

venerdì 23 AGOSTO ore 20.30 Serata “CABARET”

mercoledì 18 SETTEMBRE ore 19.30 "

!"

"

!

$ ! $

!

#!

$ "

! #"

#

% !" "


feste&sagre

ilsettimanale • giovedì 27 giugno 2013

28 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Il calendario Il ricco programma di manifestazioni da stasera a domenica 30 giugno

Ravioli o stoccafisso, rock o liscio Nel weekend ce n’è per tutti i gusti

DESIRÈE ANFOSSO redazione@ilnovese.info

Gli appuntamenti per rilassarsi e festeggiare l’estate questo week end partono da giovedì 27 giugno con musica, cibo e teatro, attrazioni di tutti i tipi per riempire il vostro fine settimana. A partire da oggi, giovedì 27 giugno, a Serravalle Scrivia prende vita la festa della pro loco, che prevede tre serate di enogastronomia, buona cucina e divertimento sotto le stelle, tutte le sere a partire dalle ore 21.00 si inizia con la musica rock, con la discoliscio, l’orchestra Athos Bassissi e Marina Gillian e infine orchestra Serena Group. Vignole Borbera, venerdì 28, alle ore 21.00 rallegra il clima estivo vedendo uno spettacolo di varietà con la compagnia “Vergogna zero e C.” per una serata divertente. Mentre sabato 29, alle ore 21.00 “Una canzone per volare” tiene il suo terzultimo appuntamento, con la presenza di nuovi talenti musicali per deliziare il pubblico con le loro melodie. L’aria rinfrescante e immersa nel verde della baita di Carrosio vi attende per una vera e propria fusione di rock, drink e balli, fino a tarda notte con Pinewood sabato 29 giugno. Una lettura tutt’altro che statica e di esaltazione di scorci e monumenti: questa è Ovada interpretata da Andrea Repetto, fotografo paesaggista, ovadese di nascita, che presenta il suo libro dal titolo “Ovada” (edizioni Il Piviere), oggi nella biblioteca civica di Novi Ligure alle ore 18.00 [servizio a pagina 13] e venerdì 28 nella casa lunga di San Cristoforo alle ore 21.00, non perdetevi gli appuntamenti culturali. Per gli appassionati e non solo, Bosio s’impegna a rendere campestri due serate, sabato 29 e domenica 30, con il secondo raduno dei trattori d’epoca e mietitura notturna.

L’attivo gruppo della pro loco di Francavilla Bisio non si arrende e vuole essere l’ambasciatrice della futura bella stagione, con un solenne “Benvenuta Estate”. Le due serate gastronomiche di sabato 29 e domenica 30 avranno inizio a partire dalle 19.00 presso l’area pro loco di Francavilla, al coperto. Viene proposto un menù appetitoso nel quale non potrà il mitico raviolo di Francavilla Bisio, dal 2010 tutelato dal marchio di denominazione comunale d’origine, preparato seguendo il disciplinare tradizionale. Per scatenarsi a ritmo di rock arriva con strepitosa energia uno degli appuntamenti più attesi per gli appassionati del genere, sabato 29, a Gavi, ha luogo RockinGavi, con i Flatliners, Alice Lenaz e Alessandro Balladore e Paolo Bonfanti band [servizio a pagina 29]. Per immedesimarsi nel mondo vampiresco e vampireggiare per le vie del paese, a Voltaggio vi attende “The Twilight saga day”, nel centro storico domenica 30 a partire dalle ore 15.00 tanti giochi, proiezioni, bancarelle, menù a tema ed elezione del trucco e costume più belli, animazione a cura di Fabulae e la partecipazione di dj Romeo. La musica tiene ancora compagnia con la serata del 30 giugno dalle ore 21.00, con l’associazione bandistica Andrea e Eugenio Mongiardini e le corali di Borghetto e Persi, a Borghetto Borbera, per rilassarvi sotto le stelle. L’associazione stazzanese “Amici della musica” e il comune di Stazzano, per la piccola stagione musicale 2013, ospitano “Il fascino dell’operetta (fra piume e lustrini)” sabato 29 nella sala parrocchiale dalle ore 21.00, in programma arie tratte dalle più celebri e conosciute operette. L’ensemble d’autore con Elena D’Angelo (soprano/soubrette), Vera Anfossi (violino), Fabrizio Pepino (pianoforte), Michelangelo Pepino (tenore), Davide Repetto (contrabbasso), Monica Punzi (ballerina), infine i balletti della “Maison della danse” di Cuneo con le coreografie di Simona Rivotti.

Proloco,unvolanoperilterritorio Tassare le sagre anziché aumentare l’Iva. È la proposta di Luigi Boani, presidente dell’Ascom, l’associazione dei commercianti di Alessandria. Secondo gli esercenti, infatti, le manifestazioni di pro loco e affini creerebbero troppa concorrenza ai ristoratori e ai baristi già afflitti dalla crisi. La replica di Eleonora Norbiato, segretario generale di Unpli Piemonte, l’associazione che raccoglie le pro loco, non si è fatta attendere. «Le pro loco pagano l’Iva e pagano la Siae come qualunque ristorante dando il 10 per cento dell’incasso della serata. E abbiamo ispettori che ci controllano tutte le volte facendoci le pulci. Non è vero che non paghiamo, abbiamo agevolazioni, sì, ma non possiamo dedurre i costi come in-

vece fanno gli esercizi commerciali». Inoltre Norbiato non manca di insistere sul fatto che le pro loco e le sagre possono comunque agevolare il flusso turistico nei nostri paesi, che spesso non vedono in calendario nessun altro evento. «La Pro Loco di Cavour, in provincia di Torino, ha iniziato l’organizzazione quarant’anni fa di “Tutto mele”, della durata di dieci giorni. Oggi tutti i ristoranti del paese fanno tre turni al giorno per riuscire a soddisfare tutta la clientela che hanno a mangiare. È successo perché i ristoratori hanno sfruttato il volano che si è creato con la sagra e proponendo piatti a basi di mele», cita Norbiato a titolo di esempio. Scopo delle pro loco, lo dice il termine

stesso, è quello di promuovere il territorio. «In provincia di Alessandria con l’Ascom abbiamo sottoscritto un protocollo d’intesa sulle sagre di qualità che utilizzano i prodotti tipici. È anche però che ci sono pro loco che non rispettano questi criteri. Noi lo segnaliamo sempre», dice ancora la segretaria Unpli. Che rincara la dose: «Per acquistare il necessario per le sagre, le pro loco si rivolgono ai produttori e ai commercianti del territorio, ma càpita che questi se ne approfittino aumentando i prezzi rispetto agli altri clienti». E il volano per l’economia locale c’è: «Per le pro loco lo scopo delle sagre non è guadagnare. Tutti i soldi incassati, alla fine, vengono reinvestiti sul territorio». (D.A.)

L’ottavo appuntamento con la notte bianca, arriva a Carezzano sabato 29 a partire dalle ore 16.30, con una miriade di attrazioni quali, musica, spettacoli teatrali, danza, mercatino, farinata e molto altro, per 12 ore di divertimento assicurato. Fiumi di birra e di musica vi attendono sabato 29 e domenica 30 a Cassano Spinola, nella 19esima edizione della sagra di San Pietro, il menù prevede specialità gustose come lo stocafisu dei castè, e molta musica in compagnia di Max & Cinzia, per la prima serata e Nadia & Martina per la seconda serata. Aspettando il ferragosto in piazza è l’evento che Silvano d’Orba vede per una giornata di intrattenimento e giochi per tutti, sabato 29 dalle ore 15.30 si parte con l’animazione per bambini, a seguire la presentazione del libro “I senza volto” a cura di Lorenzo Robbiano (sindaco di Novi Ligure), poi l’intervento del senatore Federico Fornaro e Carlo Campora, a conclusione l’apericena, il torneo di cirulla e tanta musica. A Rivalta Scrivia l’ospite atteso della serata enogastronomica, sabato 29 giugno, è Bruno D’Andrea, cantante e musicista italiano con ricca carriera artistica. Frugarolo stasera tiene un movimentato saggio di danza per grandi e piccini, con la scuola associazione orizzonte danza dell’eclettica artista Ketty Doglioli. Mentre la carne di bufalo fa da protagonista in paese da venerdì 28 fino a domenica 30 giugno con una sagra che evidenzia l’abilità delle cuoche e il divertimento assicurato del dopocena con le varie orchestre. I gustosi sapori del pesce arrivano a Valenza con “Valenza E-State”, la partenza è prevista per giovedì 27 fino a domenica 30 con ristorazione aperta dalle ore 19.30, la sagra prevede balli e musica di ogni genere tutte le sere partendo dalle melodie anni Sessanta delle Minigonne, al movimentato tributo a Ligabue con le anime in plexiglass, fino ad arrivare ai Mambo e chiudere con Ricky show.

Fotografa la tua sagra Ricordiamo inoltre che l’Unpli (Unione nazionale pro loco d’Italia), dà la possibilità di partecipare a un concorso, per i più appassionati di sagre, intitolato “La sagra più bella che c’è”, l’obbiettivo è quello di raccogliere le immagini più rappresentative e identificative delle sagre che ogni anno si svolgono nei paesi, nonché di premiare le più pregevoli, sia da un punto di vista artistico sia come rappresentazione del territorio locale e della sua storia, il primo classificato riceverà un premio di mille euro, il secondo e il terzo di 500 euro. Il tutto serve per la promozione delle nostre sagre e del nostro territorio ed è anche una sorta di ringraziamento a quelli che s’impegnano tutti gli anni a mantenere viva la pro loco del loro paese, e la rendono funzionale in ambiti come quello turistico, sociale, enogastronomico e culturale, per non affondare le tradizioni popolari che ci caratterizzano da sempre, d’altronde non bisogna dimenticare che Pro Loco in latino significa a favore del luogo e chi meglio delle nostre associazioni può rappresentarlo? Per informazioni sul concorso:

www.unplipiemonte.it Vi attendiamo numerosissimi, per dare il via a un’estate ricca di musica, cibo e divertimento.


inagenda

ilsettimanale • giovedì 27 giugno 2013

29 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

VILLA VIDUA DI CONZANO

PARCO DI MARENGO

Il viaggio senza responsabilità del serravallese Vito Boggeri

Il festival dell’Allegria raddoppia con la musica

“Viaggio senza responsabilità” è il titolo della mostra dell’artista Vito Boggeri. L’inaugurazione è prevista per le ore 18.00 di venerdì 28 giugno e l’esposizione sarà aperta fino domenica 21 luglio, nella villa Vidua di Conzano, visitabile la domenica dalle ore 15.00 alle 19.00 (gli altri giorni solo su appuntamento, tel. 0142 925132). Boggeri nasce a Serravalle Scrivia nel 1939 e inizia la sua attività artistica giovanissimo, le sue opere sono fatte di essenzialità, nell’ultimo ventennio egli fonde il contrasto tra realtà e sogno e partecipa a numerose mostre in Italia e all’estero, come a New York e Tokio. Le opere di Boggeri possono vivere autonomamente oppure possono essere uniti come capitoli in un racconto. (RED.)

Il terzo weekend della manifestazione “Allegria” al Parco di Marengo, prevede tanti altri appuntamenti tra gastronomia e musica sabato 29 giugno e domenica 30 giugno. Sabato il parco aprirà alle 17.00 con il mercatino delle pulci; a seguire spazio alla musica italiana dei Radiofreccia, con il loro bellissimo tributo a Luciano Ligabue. Domenica nel parco ci sarà ancora musica dal vivo tutta da ballare con il gruppo degli “Zero in condotta” le migliori canzoni pop-rock degli ultimi anni rivisitate dal quartetto proveniente dalla provincia di Alessandria. A seguire esibizione di dj Ciro di Radio Kaos. La ristorazione è internazionale e italiana. Si cena dalle 19.30 alle 24. L’entrata al parco e all’area spettacoli è gratuita. (RED.)

Flatliners,BonfantieLenaz fanno danzare tutta Gavi Due interessanti appuntamenti con la musica dal vivo prenderanno luogo tra il Monferrato e l’alessandrino, durante i prossimi giorni. È estate, tempo di festival, e anche dalle nostre parti si provvede affinché certe tradizioni non vengano smentite. Il primo appuntamento, particolarmente suggestivo, è l’Adunaton Festival, che inizierà domani a Vaglio Serra (in provincia di Asti, subito dopo Nizza Monferrato), e toccherà anche le giornate di sabato e di domenica. Adunaton, letteralmente “cosa impossibile”, nasce dallo spirito e dalla voglia di realizzare un sogno, un’ emozione, per tramutarla in realtà e regalarla alla comunità a cui si appartiene. In questa tre giorni il festival accoglierà tornei di calcio-tennis e palleggi, esibizioni di danza e tanto altro, ma soprattutto una nutrita schiera di band emergenti e artisti già affermati, che si avvicenderanno sul palco tra il tardo pomeriggio e la sera, durante le prime due serate. Di particolare interesse è la scaletta per la giornata di domani, prevista dalle 17.00 alle 21.30, che vede esibirsi, tra gli altri, il duo elettronico di Minneapolis “Plastic Be-lievers”, e la cover-band astigiana “Blue Wild Angel”; ad aprire le danze ci penseranno però gli “Endgame?”, giovane band post-punk alessandrina, prossima a rilasciare il primo EP au-

toprodotto, seguiti dai “Tomakin”, gruppo di Acqui Terme, reduce dal secondo album “Epopea di uno qualunque”. Headliner della serata saranno i “Jutty Ranx”, gruppo elettronico statunitense, per la prima volta in Italia dopo il grande successo e il disco di platino con il singolo "I see you". Il costo dei biglietti per il festival è di 18 euro, e l’acquisto dà diritto all’entrata a tutte e tre le giornate – è inoltre possibile acquistare le prevendite online. Tornando nell’alessandrino, nel corso della giornata di sabato si terrà, presso il campo sportivo di Gavi, la terza edizione del “Rock In Gavi”, festival promosso dalla Pro Loco cittadina, con media partner ufficiale Radio Alex. L’evento, il cui costo d’ingresso è di 5 euro, inizierà alle 19.00, i concerti invece partiranno alle 21.00. La scaletta, davvero di ampio respiro, attraversa tempi e generi diversi, dal funk al soul, al jazz, dal blues al rock, e alla musica d’autore. Si esibiranno tre diverse formazioni della zona: i primi a salire sul palco saranno il trio “Flatliners”, seguiti dal duo Alice Lenaz (nella foto) e Alessandro Balladore (che presenteranno i loro brani inediti), e infine ampio spazio alla Paolo Bonfanti Band (nella foto). Durante la manifestazione, sarà inoltre presente lo stand gastronomico della Pro Loco di Gavi che delizierà gli ospiti dell’evento con prodotti tipici delle nostre zone, sia da bere che da gustare.

ilrecital

ANDREA SUVERATO redazione@ilnovese.info

La sinfonia di Vadervorst Questa sera, alle ore 21.00, presso l’auditorium Pittaluga di Alessandria (via Parma 1), si terrà il sesto appuntamento con “Scatola Sonora”, il festival internazionale di opera e teatro musicale di piccole dimensioni, giunto alla 16esima edizione. L’evento, organizzato dal conservatorio Vivaldi di Alessandria, presenterà questa sera il recital senza parole “Sinfonia di Oggetti Abbandonati”, di e con Max Vandervorst, noto compositore belga, nonché inventore di strumenti musicali. L’evento è a ingresso libero, fino all’esaurimento dei posti disponibili. (A.S.)

Vignole Sabato nuovo appuntamento con la competizione

Alessandria Domani sera convegno della Fondazione Longo

Una canzone per volare, in gara i magnifici quattro

Soldi, cultura, economia: spezzare la spirale della crisi

Elena Tognati

Isabella Franzè

Torna lo storico festival musicale “Una canzone per volare”, sabato 29 giugno alle 21.00, nell’area sagre a Vignole Borbera (i prossimi appuntamenti sono fissati per sabato 6 e sabato 13 luglio). A presentare la manifestazione sono Carlo Scarafia e Gabriele Corbellini. Tra i ragazzi che, con grande abilità canora, partecipano all’evento c’è anche qualcuno della nostra zona. Ad esempio la giovanissima Martina Allegrotti, 17 anni di Vignole Borbera, figlia d’arte: anche la madre infatti è stata un’affermata cantante; Martina è iscritta al liceo Amaldi di Novi Ligure e attualmente segue un corso di canto. Isabella Franzè, 37 anni di Capriata d’Orba, impiegata alla Boero, inizia giovanissima la sua esperienza canora. Fa parte di un gruppo vocale “La compagnia della vigne”, di un coro gospel e di una band musicale rock

Martina Allegrotti

Tommaso Genovese

progressive, “The shaky number”. Il diciassettenne Tommaso Genovese, anche lui di Vignole Borbera, ha completato il secondo anno della scuola Alberghiera a Tortona, giocare a calcio e cantare sono i suoi grandi hobby. E infine Elena Tognati, 35 anni di Novi Ligure, amante della musica in generale ma particolarmente affezionata al canto, ha frequentato il conservatorio e attualmente segue un corso di canto lirico alla scuola Casella di Novi Ligure. È stata finalista al festival di Saint Vincent lo scorso anno. «Il primo classificato andrà in autunno a New York – a un’importante serata dedicata alla canzone italiana – il secondo, il terzo e il quarto, invece parteciperanno alla serata finale del festival “Sorrisi e canzoni” in programma a novembre a Zurigo», spiega il direttore artistico Gino Borelli. (D.A.)

Domani sera, presso la sede dell’associazione Cultura e Sviluppo di Alessandria (piazza Fabrizio De André 76), a partire dalle ore 19.30, si terrà un incontro circa le possibilità e le prospettive delle istituzioni culturali del territorio: la valorizzazione della cultura ha bisogno difatti sempre più spesso di azioni coordinate e organizzate, mentre nel nostro Paese, al giorno d’oggi, tale offerta risulta prevalentemente frammentata. La Fondazione Luigi Longo di Alessandria apre il convengo “Precipotevolissemevolmente 2013”, giunto alla sua terza edizione, analizzando proprio questo problema. È inevitabile arrendersi alla dura realtà della crisi, che investe in particolare il settore culturale, o ci sono altre vie, altri sentieri percorribili per uscirne? A questa e altre domande risponderanno i numerosi invitati all’evento, che con accura-

te relazioni toccheranno i vari aspetti della cultura locale, dalle biblioteche, ai musei, al teatro, all’industria culturale come fattore di sviluppo economico. Il convegno inizierà alle

ore 15.00, con i saluti di Guido Ratti, presidente della Fondazione Luigi Longo di Alessandria, e Giorgio Guala, presidente dell’associazione Cultura e Sviluppo. (A.S.)


ilsettimanale • giovedì 27 giugno 2013

30 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Palazzo LascariS UFFICIO DI PRESIDENZA Presidente Valerio Cattaneo Vicepresidenti Fabrizio Comba, Roberto Placido Consiglieri segretari Lorenzo Leardi, Gianfranco Novero, Tullio Ponso

• Giugno 2013 • www.cr.piemonte.it A cura della Direzione Comunicazione Ufficio Stampa - Via Alfieri, 15 - 10121 Torino tel 011 5757 251-252 • uff.stampa@cr.piemonte.it

Convegno nazionale

La ricerca

Il contributo del Sud alla Resistenza in Piemonte

Migliaia di storie poco conosciute

Settemila giovani provenienti dalle regioni meridionali hanno partecipato alla lotta per la Liberazione

Dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943, in tutta Italia, migliaia di soldati abbandonati al proprio destino si sottrassero alla cattura e alla deportazione. Molti di loro tornarono a casa, altri ripresero le armi, questa volta per combattere contro le truppe nazifasciste che avevano invaso il Nord del paese. La loro scelta ha comportato sacrifici per tutti, in alcuni casi anche della vita. “Sono stati circa 7mila i giovani provenienti

dalle regioni del Sud Italia che hanno partecipato alle vicende della Resistenza piemontese, con ruoli diversi: da quelli di primo piano nel comando e nella guida del movimento ai militanti sul campo”. Così il vicepresidente del Consiglio regionale, Roberto Placido, ha aperto il 16 giugno al Teatro Carignano di Torino il convegno nazionale “Meridionali e Resistenza. Il contributo del Sud alla lotta di Liberazione in Piemonte, 1943-1945”,

promosso dal Comitato regionale Resistenza e Costituzione, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica. “In occasione dell’avvio delle celebrazioni del 70° anniversario dell’inizio della lotta di Liberazione – ha sottolineato il presidente Valerio Cattaneo – il Consiglio regionale ha promosso questo convegno per sottolineare un fatto storico importante: non c’è regione del Sud d’Italia che non abbia contato partigiani che si sono battuti, con valore e spirito di libertà, per liberare il Piemonte e l’Italia dall’oppressione nazifascista. Ricordarne l’impegno, e talvolta il supremo sacrificio, non è solo un giusto riconoscimento ma il segno profondo che l’Italia repubblicana e democratica può e deve ricordare che le sue radici portano il segno indelebile dell’unità nazionale. Dobbiamo essere riconoscenti a tutti coloro che, con provenienze delle varie regioni d’Italia, si batterono per il riscatto della dignità, offesa e tradita, del popolo italiano, per affermare quei principi che costituiscono le solide basi della nostra carta costituzionale”.

Claudio Dellavalle, presidente dell’Istituto piemontese per la storia della Resistenza “Giorgio Agosti”, ha concluso i lavori illustrando i contenuti della ricerca e del volume che hanno dato il titolo al convegno. Svolta con il contributo di tutti gli Istituti storici della Resistenza in Piemonte, la ricerca evidenzia la difficoltà di avere una visione d’insieme del fenomeno, anche alla luce dell’Unità italiana, per anni sostanzialmente letto come una vicenda legata soltanto all’Italia settentrionale. Le storie delle migliaia di giovani venuti a combattere lontano da casa per una causa che riguardava tutti sono ancora poco conosciute, per tante ragioni: le difficoltà del dopoguerra, il ritorno nelle famiglie che avevano lasciato anni prima e di cui non sapevano più nulla, la fatica quotidiana per sopravvivere in un’Italia impoverita dalla guerra. Il volume riporta in appendice, divisi per regione di provenienza, cognomi e nomi di battaglia delle migliaia di giovani meridionali che parteciparono alla lotta di Liberazione in Piemonte fra il 1943 e il 1945. “Un giusto riconoscimento a chi spese la propria giovinezza per liberare la nostra regione”, ha concluso Dellavalle.

I relatori

Il filmato storico

Le sei Regioni ospiti al convegno

Memoria di voci e volti

Dopo i saluti introduttivi di Enzo Lavolta, assessore comunale di Torino che ha letto un messaggio del sindaco, di Antonio Saitta presidente della Provincia di Torino, e del presidente provinciale Anpi, Diego Novelli, il giornalista Rai del programma “La Storia siamo noi” Sergio Leszczynski ha moderato gli interventi dei rappresentanti di sei regioni del Sud. Sono intervenuti i presidenti dei Consigli regionali della Basilicata Vincenzo Santochirico, della Campania Paolo Romano, della Puglia Onofrio Introna e i vicepresidenti dei Consigli regionali della Sardegna Michele Cossa e della Calabria Alessandro Nicolò. Per la Regione Siciliana è intervenuto l’assessore Dario Cartabellotta. L’intervento conclusivo del convegno è stato svolto dal vicepresidente del Senato della

Repubblica, Valeria Fedeli, che ha esortato a “insegnare nelle scuole la Resistenza e lo spirito di unità dell’Italia”. La processione in onore di San Cataldo, patrono di Corato (Bari), passando davanti al Teatro Carignano, ha fatto incontrare il vescovo di Trani Giovanni Battista Pichierri con i relatori del convegno.

Il direttore dell’Archivio nazionale cinematografico della Resistenza, Paola Olivetti, ha introdotto il filmato di 18 minuti che presenta le testimonianze di otto partigiani meridionali che combatterono in Piemonte (provenienti da Calabria, Sicilia e Campania), realizzato dall’Archivio in collaborazione con il Consiglio regionale in vista di un lavoro più ampio sulle testimonianze dei partigiani. Le interviste sono state realizzate in momenti diversi dal 1970 a oggi e soltanto due degli intervistati sono ancora vivi. Il filmato si conclude con la ripresa originale non montata della sfilata che si svolse a Torino il 6 maggio del ’45 in cui si riconoscono due dei personaggi intervistati (Colajanni e il comandante Petralia).


losport

ilsettimanale • giovedì 27 giugno 2013

31 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

CALCIO

PODISMO

IL TORNEO

Ovada: le novità prima del raduno

Stradolcetto edizione 30+3 domenica a Ovada

Controbar Ovada tutte le foto dei team partecipanti

PAGINA 32

PAGINA 33

PAGINA 34

Novese, la calma apparente prima della tempesta di mercato

MAURIZIO IAPPINI sport@ilnovese.info

Non si fa distrarre dalle notizie romane il direttore sportivo Pasquale Gigliotti che in questi giorni sta tessendo la fitta trama per allestire una novese competitiva in vista della prossima stagione. Sulla carta non si è mosso nulla perché la strategia del nuovo uomo mercato biancoceleste è chiara: attendere i “saldi” di luglio per trovare gli uomini giusti in ogni reparto. In pratica però il dirigente bianco-celeste ha le idee chiare. Ha già bloccato molti giovani di esperienza provenienti da altri gironi per poi dedicarsi al mercato

degli esperti dove radiomercato ha dato notizia di elementi di alto livello: contatti sono stati avviati con la punta del Cuneo Torri, con gli ex grigi Fanucchi e Roselli, con l’ex Casale Taddei (il più papabile) e con il bomber della Pergolettese Amodeo (accasatosi al Real Vicenza) ma è difficile che i nomi reali siano questi: più facile invece che gli uomini esperti arrivino dalla categoria e in quest’ottica uno dei papabili è il centrocampista Catenacci ex Voghera. Sugli altri acquisti è difficile azzardare nomi anche perché il mercato è in mano a Gigliotti che non fa menzione con nessuno delle sue strategie che hanno previsto un ricambio totale o quasi del-

la rosa anche se con qualche dubbio: che senso ha lasciare libero il miglior portiere della categoria se si vuole puntare in alto con un estremo difensore di esperienza? Lascia interdetti anche il sacrificio di Camussi come difensore centrale e la conferma di Ferrando che quest’anno dovrà riscattarsi dopo una stagione quantomeno opaca. Dei “magnifici 7” acquistati la scorsa estate e decantati da qualcuno come dei fenomeni pronti a esplodere, non ne rimarrà nemmeno uno: non Porceddu, non Benabid, non Rebolini. Tutti se ne andranno per fare posto a giovani con tante presenze in categoria. Mister banchieri però si ritroverà il 23 luglio in

ilcaso

Trentino (la sede è stata scelta nel fine settimana dopo che Traverso, Gia-comello, Taverna e Gigliotti hanno visionato 3-4 località montane) con la squadra già al completo perché il repulisti totale necessita di tempo e lavoro per poter assemblare un organico rifatto in toto. Nelle intenzioni del club infatti ogni ruolo prevede due elementi, un giovane e un esperto ma sarà Banchieri in assoluta autonomia a decidere chi far giocare “senza guardare la carta di identità” come dichiarato dal tecnico in conferenza stampa. È evidente che se le intenzioni verranno confermate dai fatti la rosa sarà giocoforza competitiva e ricca di alternative ma prima di esprimere giudizi occorre-

rà valutare il livello e la portata dei nuovi arrivi anche perché ormai manca poco ai fatidici “primi giorni di luglio” indicati sempre dal direttore sportivo Gigliotti come quelli cruciali per le sorti del calciomercato biancoceleste. Difficile poi ipotizzare delle amichevoli ma l’unica certezza è che la stagione partirà il 18 agosto col preliminare di coppa Italia dove la novese sarà fra le compagini impegnate a passare il turno, probabilmente contro una ligure o una delle altre 12 piemontesi che saranno in serie D. Il campionato invece partirà il primo settembre ma le piemontesi potrebbero essere divise in due tronconi con la novese nel girone A e quelle novarese-verbano nel girone B.

Squalifiche per la dirigenza Una tegola per la novese che si è vista inibire dalla Commissione disciplinare nazionale della Federcalcio presidente, vicepresidente con poteri esecutivi e amministratore delegato. L’organo di primo grado della Giustizia sportiva ha accolto la proposta di patteggiamento avanzata da Renato Traverso, Emanuela Giacomello e Marco Taverna comminando ai tre rispettivamente 80, 150 e 60 giorni di inibizione. Secondo l’accusa, i dirigenti sono venuti meno al principio di lealtà sportiva. Nel corso di un’altra indagine della Procura federale, i tre avrebbero cercato di far rendere ai calciatori Alessandro Ruvio e Piercarlo Di Giuseppe (giovani del vivaio oggi maggiorenni) «una dichiarazione di comodo e comunque non veritiera» rispetto ai fatti su cui stava indagando la giustizia sportiva. Il legale dei dirigenti biancocelesti, l’avvocato Chiacchio, ha avanzato istanza di patteggiamento: la strategia difensiva si è resa necessaria anche perché nella giustizia sportiva l’onere di provare la propria assenza di responsabilità è in capo all’accusato, circostanza che rende difficile «scagionare» chi è oggetto di indagini. La sentenza costringerà i tre ad affidare a persona di fiducia il compito di poter operare in seno alla novese perché l’inibizione impedisce loro di poter svolgere le mansioni ordinarie.

ZUCCOTTI SALUTA

La Bp Novara premia i giovani del vivaio Venerdì pomeriggio nella sede della novese la Banca Popolare di Novara ha elargito a tanti ragazzi del settore giovanile della novese un mini premio di 50 euro, un bel gesto che avvicina la squadra a un’importante realtà economica della città. Intanto la società ha dovuto prendere atto della rinuncia alla nomina di team manager di Elio Zuccotti, designato da pochi giorni in coppia con il rientrante Luigi Ciano. Una scelta quella di Zuccotti avvenuta in piena serenità e senza alcun spirito polemico: semplicemente i suoi impegni di lavoro non gli permettevano di poter dedicare alla novese il tempo che il nuovo ruolo gli avrebbe richiesto perché Elio è persona che quando prende un impegno lo mantiene fino a fondo come la sua storia in biancoceleste ha sempre dimostrato. A Lavagna, nella prima partita dopo il forte ridimensionamento imposto da patron Valter Marletti (in pratica da no-vembre in poi si giocò con Under) a rappresentare la novese c’era Zuccotti, uno che come dirigente accompagnatore di storie da raccontare, belle e brutte ne avrebbe tante ma che in quasi 15 anni di passione novese ha sempre saputo ricoprire il proprio ruolo con dedizione e spirito di sacrificio anche quando magari non era d’accordo con le scelte della proprietà, qualunque essa fosse. Faremo fatica a non ritrovarlo in panchina. (M.I.)

Eccellenza In rossoblu il team manager Elio Zuccotti

La forza tranquilla arma in più del Libarna Senza l’assillo della vittoria a ogni costo e con un bilancio che si chiuderà in pareggio sostanziale, il Libarna può gettare le basi per la prossima stagione e lo fa illustrando le linee guida della gestione societaria per bocca del presidente Ezio Ponassi. «Quest’anno per il dodicesimo anno consecutivo il club sarà guidato da questo gruppo dirigente dove le persone vengono prima dei ruoli e delle cariche sociali perché la fiducia è alla base del rapporto che ci lega. Io non so quali gioca-

tori compreranno il ds Renzo Guazzotti (6 anni in rossoblù) o mister Alberto Merlo, non so quali saranno le innovazioni del settore giovanile di Fabio Marletta o le linee guida del bilancio tracciate da Mauro Forlini ma so che di loro mi posso fidare per cui avranno come sempre piena autonomia. Non siamo una realtà grande che fa leva su un colosso alle spalle viviamo del sostegno di amici e aziende e per questo siamo soliti ragionare per difetto e mai per eccesso in termini eco-

nomici». Una linea “aziendale” che ha dato i suoi frutti e che non prevede grandi scossoni sul mercato come anticipato dal direttore sportivo Renzo Guazzotti e dal tecnico Alberto Merlo. L’ossatura della squadra verrà mantenuta e si farà di tutto per trattenere bomber Pellegrini ormai vicino all’Oltrepò del suo mentore Fasce e di Gaffeo. Per il resto qualche piccolo sacrificio (Ilardo e Costa assieme al portiere Picollo sono dati per partenti da radiomercato) permetterà di continua-

re a fare affidamento sui pezzi da novanta del club, da Mossetti a Manno, da Bagnasco ai tanti giovani maturati nel corso della stagione anche se fra i fuoriquota verranno anche valorizzati i ragazzi del prolifico settore giovanile. Sul fronte acquisti, dirigenti e tecnici non hanno fatto nomi ma si sa che piacciono alcuni portieri (il sogno è Teti, la realtà Frisone), e un difensore centrale di ruolo anche perché probabilmente Mirone potrebbe appendere le scarpe al chiodo. Si vocifera del

ritorno di Ravera dal Busalla mentre in avanti molto dipenderà da Pellegrini. Il ritiro di 9 giorni sarà a Mornese dal 5 al 14 agosto e si è in attesa di conoscere la risposta delle primavera del Torino per un’amichevole di lusso in vista del campionato che partirà il primo settembre e si preannuncia

difficile e impegnativo. L’obbiettivo è ripetere la bella stagione chiusa un mese addietro col miglior risultato sportivo della gestione del Libarna targata Ezio Ponassi la cui gestione ha portato in rossoblu il team manager Elio Zuccotti un importante ex della novese.


losport

ilsettimanale • giovedì 27 giugno 2013

32 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Calcio La società del presidente Piana ha definito lo staff per la prossima stagione

L’Ovada guarda al futuro: prima squadra e giovanili ENZO PRATO ovadese@alice.it

È una società che ha tanti progetti, non solo legati alla prima squadra, l’Ovada Calcio che di fatto ha aperto la stagione 2013-2014 sabato scorso nella bella cornice di Villa Carmelita a Carpeneto. E in particolare l’attenzione va al settore giovanile per il quale sono stati definiti i quadri tecnici per i campionati che saranno disputati l’anno prossimo. Rispetto a dodici mesi fa i tesserati per l’Ovada Calcio sono aumentati di quasi un quarto: il totale è di 266, di cui 174 Ovada Calcio, 17 Boys, 51 Lega Nazionale Dilettanti e 24 Amatori. «A quest’aumento – spiegano dall’Ovada Calcio, corrisponde anche una serie di buoni risultati sul campo: quinto posto per la Juniores, quarto per gli Allievi, il secondo dei Giovanissimi di Librizzi e il quarto dei Giovanissimi di Cardella. Da notare poi che le nostre squadre hanno ottenuto posti importanti anche nella Coppa Disciplina, aspetto al quale teniamo molto». L’attività di base che rientra tra i Boys Ovada annovera tra i Piccoli Amici Vincenzo Avenoso e Massimiliano Baratti; nei Pulcini 2005 a cinque Roberto Pappalardo e Giuseppe Cancilla; nei Pulcini 2004 a sei giocatori e 2003 a sette giocatori Vincenzo Avenoso e Emanuele Torio; negli Esordienti 2002 a nove giocatori Silvio Pellegrini e Gian Andrea Gaggero e negli Esordienti 2001 a undici Mario Tamani. L’attività agonistica che rientra sotto Asd Ovada Calcio pre-

CALCIO GIOVANILE

Novese Allievi, altro trionfo È arrivato al capolinea il memorial Maurizio Zanaboni 2013, oramai classica kermesse organizzata dalla Castelnovese in ricordo di un caro dirigente riservata alla categoria allievi. Il Voghera battendo il Derthona si è aggiudicato il terzo posto mentre la finalissima giocata tra due superpotenze provinciali è stata vinta dalla Novese che ha superato la Valenzana Mado di misura. Finale molto equilibrata con le due compagini che hanno passato gran parte della prima frazione di gioco a studiarsi senza colpo ferire. Gara dall’alto tasso tecnico che lasciava presagire che si sarebbe ricorso ai calci di rigore ma a pochi minuti dalla fine è stato bravo Giarrusso a insaccare ed a regalare la gioia della vittoria alla novese scesa in campo con Rossini, Donghi, Correzzola, Marasco, Salvi, Rolceri, Liistro, Pagano, Ceria, Fiore, Giarrusso, Cipollina, Buonocunto, Sarnasaro. Allenatore Riccardo Cerutti.

CALCIO ACSI

Epilogo a sorpresa a Basaluzzo

senta il ritorno di Mauro Sciutto per i Giovanissimi fascia B; la riconferma per Fabio Li-brizzi per i Giovanissimi 99, Ajjor Jurgen negli Allievi; Marco Albertelli alla Juniores. C’è poi il capitolo legato alla prima squadra che attende di sapere qualcosa di più sulla possibilità di essere ripescata in Promozione. Spifferi che provengono dalla Federazione spingono all’ottimismo. E per questo la squadra si sta attrezzando dopo l’avvicendamento sulla panchina per cer-

ti versi inaspettato tra Marco Tafuri e Pier Mario Fiori. Sarebbero intanto più vicine le riconferme dei giocatori ovadesi giovani, da Oddone a Gioia a Giannichedda, che costituirebbero il “tocco di ovadesità” e di continuità con il progetto tecnico dei passati campionati. Nel frattempo il direttore sportivo Giorgio Arata è al lavoro per puntellare ulterior-mente la rosa. Di sicuro servono un centrocampista e un difensore in grado di pesare nell’architrave della formazione titolare.

Tornei estivi Al circolo del Sacro Cuore una kermesse molto partecipata IL TORNERO

Nel memorial Bruno Labate si impone la Premafer

Ha vinto la Premafer ma in senso lato si può dire che abbia trionfato la voglia di fare calcio (anzi calcetto) e di divertirsi tutti insieme. E’ questa la sintesi finale del memorial Bruno Labate, kermesse che per tre settimane ha animato il campo dal calcetto del circolo Sacro Cuore in via Don Sturzo a Novi: presenti alla premiazione alcuni familiari di Bruno Labate, il vice sindaco e il parroco della parrocchia. La manifestazione voluta fortemente dagli amici di un ragazzo che il destino ha strappato ai suoi affetti troppo prematuramente, ha centrato per l’ottavo anno consecutivo lo spirito voluto degli organizzatori che

inbreve

del torneo tendono a privilegiare l’aspetto sociale e umano a quello agonistico che rimane comunque il motore della competizione perché le sfide, nei limiti della correttezza, rimangono sempre sentite e appassionate con compagini che ormai si affrontano ogni anno quasi come in dei derby stracittadini e con squadre in cui militano molti ex campioni del campionati dilettantistici locali. Al termine della kermesse domenica sera è stato premiato il team Premafer che in finale ha liquidato 61 i Dada’s altro team storico della competizione che nel passato ha saputo imporsi in almeno un paio di edizioni.

Non si è giocata invece la sfida per il terzo e quarto posto perché Galletto fc non era presente e al terzo posto sono saliti i ragazzi della Casa del Giovane club che ha anche vinto il premio fair play mentre quello di capocannoniere è andato a Paterniani dei Dada’s autore di una caterva di centri; miglior portiere uno stoico Michele Orlando che in finale ha continuato a giocare nonostante un infortunio. L’appuntamento è per il prossimo anno per una torneo che da un paio di edizioni prevede anche un’appendice dedicata ai più giovani che si sfidano però nella prima settimana di giugno.

Don Salvi: è l’ora dei cannonieri Quinta e sesta giornata molto emozionanti al torneo Don Dalvi di via Buffa con partite particolarmente tirate. E-Smoker Club ha battuto 52 il Caffè Trieste. Per i vincitori a segno Giovanni Carosio con una doppietta, Darius Chindris, Marco d’Agostino e Andrea Olivieri. Tra le fila degli sconfitti due reti di Alberto Porotto. Combattuta anche la seconda gara con i Quasi amici che hanno battuto per 6-4 Il Baretto. A segno per i vincitori Andrea Perasso, Filippo Bisso, Alberto Nervi, autori di doppiette. Sull’altro fronte tripletta per Matteo Priano e rete di Daniele Priano. Nella seconda giornata Gli Stracotti hanno batutto Comenacatapulta con il punteggio di 5-3. Squadra vincente a segno con la tripletta di Marco Garrone, le reti di Francesco Puppo e Matteo Minetti. La squadra perdente ha risposto con Gennaro Srobino, autore a sua volta di tre reti. Sisal Match Point ha infine battuto seccamente I Patetici. Record di gol della settimana con dieci per i vincitori. A segno Antonio Marasco, quattro volte, Nicolas D’Agostino con una doppietta così come Patrick Panzu. Completano il punteggio le reti di Elias Bottero e Filippo Donghi. Andrea Rossi, doppietta, Andrea Landolfi, Pietro di Cristo e un autogol hanno completato il punteggio per gli sconfitti. Col giornale già in stampa sono poi andate in scena le giornate successive.

Atti conclusivi per il campionato primaverile di calcio a 5 a Basaluzzo giunto ai quarti di finale con La Magliana-Virtus Pieve, Arsenal-Gavi Drink Team, Northampton Town-Valrossara e Pozzolo Team-Kick Ass. La Magliana, viene sconfitta ai rigori dalla Virtus Pieve, dopo il 5-5 (cinque gol di di Chille per La Magliana e due di Domenico Scarato e uno a testa per Soffientini, Seminara e Norscia per la Virtus). Nel secondo quarto Pozzolo Team supera 3-2 Kick Ass grazie ai gol di Crisafulli, Najhi e Laudadio. Per Kick Ass non bastano i due gol di Boveri. Terzo quarto dominato da Arsenal su Gavi Drink Team 8-1. In gol per Arsenal due volte Nocerino e una volta a testa Tirelli, Iacono, Barberis, Caruso, Campanile e Cosentino. Per Gavi gol della bandiera di Carrea. L’ultimo quarto la spunta 7-5 Valrossara grazie ai cinque gol di Zunino e ai due di Merlano. In gol per Northampton tre volte Percipiano e una volta Fossati e Tofalo. In semifinale Virtus Pieve-Pozzolo Team e ArsenalValrossara. Parte forte la Virtus che si porta sul 4-0 grazie a una doppietta di Seminara e ai gol di Scarato Domenico e Norscia. Nel secondo tempo si fa sotto Pozzolo accorciando le distanze sul 4-2 grazie ai gol di Najhi e Laudadio. Quando il terzo gol di Seminara porta il risultato sul 5-2 sembra fatta per la Virtus ma Pozzolo non demorde e sul finale grazie ad altri due gol di Najhi e uno di Laudadio riesce a pareggiare 5-5. Ai rigori la spunta la Virtus Pieve sfruttando gli errori di Pozzolo. La seconda semifinale ha visto affrontarsi Valrossara e Arsenal. Partita meno combattuta con Valrossara più concreta sotto porta e con Arsenal che invece trova qualche difficoltà di troppo. Valrossara si porta sul 6-0 grazie a due gol di Merlano e quattro di Zunino prima di chiudere 7-3.

VOLLEY

Plastipol, stagione da incorniciare

La lunga stagione della Plastipol maschile si è ufficialmente conclusa domenica 23 giugno alle piscine del Geirino. In mattinata gli atleti e lo staff dirigenziale della società biancorossa guidata dal presidente Marianne Mazza sono stati ricevuti a Palazzo Delfino: l’assessore allo Sport Roberto Briata ha consegnato un attestato e una medaglia. Nel corso della giornata in piscina i ragazzi si sono confrontati tra di loro in un torneo di beach volley vinto da Andrea Ricceri che già si era guadagnato la targa di miglior giocatore della stagione 2012-2013.

PUGILATO

La boxe in rosa anima Ovada Torna la boxe sotto le stella sabato sera in piazza Assunta, a partire dalle 21.15 con la riunione che vedrà sfidarsi in un triangolare femminile le regione del Piemonte, della Lombardia e dell’Emilia Romagna. La serata, organizzata dalla Boxe Ovada, prevede la disputa di una decina di incontri nelle varie categorie di peso e vedrà anche la partecipazione delle pugili ovadesi Barbara Massolo e Maddalena Boccaccio (nella foto) impegnate a portare punti alla rappresentativa piemontese. Tra le partecipanti ragazze di grande valore, come l’emiliana Alessandra Manfredini, 10 match disputati e altrettanti successi che hanno messo in luce un talento molto promettente. Sempre inseriti nel programma ci saranno due incontri riservati agli school boy, i giovani. Ospite d’onore della serata sarà la vice campione del mondo nella WBA Loredana Piazza. Il dettaglio prevede i seguenti match: Majorie Bouma – Lara Crecchi, Camilla Fadda, Alessandra Manfredini, Cristina Meazzi Giulia Nichetti, Cecilia Stella – Sara Tusa, Rita Camarile, Margorzata Kusiak. E ancora Waby Amal – Francesca Lungi. E ancora Barbara Massolo contro Beatrice Gregori, Laura Passatore – Dorata Cusiak, Maddalena Boccaccio contro Marta Ripamonti


losport

ilsettimanale • giovedì 27 giugno 2013

33 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Podismo Domenica si corre a Sant’Evasio, albo d’oro di tutto rispetto

Pallacanestro Al polisportivo Geirino

bambini: Stradolcetto, la classicissima Quanti è la bella invasione sfida alle colline ovadesi dei piccoli cestisti EDOARDO SCHETTINO ovadese@alice.it

L’anno scorso Edmil Albertone si impose, lasciando agli avversari poco spazio per resistere al suo ritmo. L’atleta genovese chiuse la sua prova col tempo di 33’52”, correndo in scioltezza l’ultima parte del percorso. Il tracciato della Stradolcetto di quest’anno, che parte domenica alle 9.00 dal campo sportivo di Sant’Evasio, è lo stesso di 9,2 chilometri. Tra i motivi di interesse ci sarà quindi vedere se il successore di Albertone sarà in grado di fare meglio dell’anno passato. Anche la vincitrice della prova femminile, Silvia Bolognesi portacolori della Cambiaso Risso, si impose in 43’20”, brava ad agganciare il treno di rincalzo della gara maschile e a sfruttare il ritmo. Da verificare quest’anno il livello delle partecipanti a una manifestazione che negli anni passati ha visto ai nastri di partenza, oltre all’attuale regina della maratona italiana Valeria Straneo, anche atlete di grande valore come la genovese Viviana Rudasso, primatista per numero di vittorie, e l’ovadese Flavia Gaviglio. «Da parte nostra – spiegano gli organizzatori della corsa arrivata alla 33esima edizione – abbiamo cercato di dare continuità pur cambiando i percorsi, mantenendo quel mix collinare di asfalto e sterrato che poi è il tratto distintivo delle gare dell’ovadese. Le salite spesso sono dure ma consentono anche di apprezzare scorci particolarmente gradevoli dei nostri panorami. E questo è sempre molto apprezzato

da chi partecipa». Nell’edizione dell’anno scorso furono più di duecento i podisti ai nastri di partenza. Il tracciato si snoda tra Sant’Evasio e le Cappellette, la valle di San Bernardo e i vigneti delle Frascare. Anche quest’anno la gara è inserita nel calendario delle corse Aics. Possono quindi partecipare i tesserati alla Fidal e gli iscritti agli enti di promozione sportiva convenzionati. Per i veri tapascioni c’è anche la prova non competitiva che si sviluppa sullo stesso percorso.

La quota di iscrizione è fissata in 6 euro. I primi duecento iscritti riceveranno due bottiglie di vino Dolcetto di Ovada, ai successivi andrà una bottiglia. Il ritrovo è fissato alle 7.30. Saranno premiate le otto società podistiche più numerose. Per i premi di categoria sono previsti riconoscimenti ai primi cinque maschi (otto categorie) e prime cinque donne (tre le categorie). Per info: 347 5598935 o 0143 822852.

Mountain bike Vince un valenzano ma trionfa lo sport

Borberissima, che numeri Domenica a Rocchetta si è disputata la seconda “Borberissima – Le strade del Timorasso”, manifestazione cicloturistica organizzata dall’Adventure Sporting Club Valborbera. Al via del percorso di circa 25 chilometri con 800 metri di dislivello complessivo, tecnico ma non eccessivamente impegnativo, si sono presentati 140 atleti provenienti da varie province italiane. Sui suggestivi sentieri tra la val Borbera e la val Sisola, tra gli uomini si sono imposti Gian Piero Mastronardo (La Fenice, in 1h20’17”) davanti a Damiano Chiesa (Pedale Godiaschese) e Vincenzo Crivellari (Pedale Godiaschese). Tra le donne affermazione di Daniela Di Prima, 27° assoluta (Pedale Godiasche-

se, in 1h42’06”) davanti a Anna Manzo. Tra i premiati anche la coppia in tandem capitanata da Manuela Rossi, che ha terminato il percorso con un ottimo 56° posto assoluto in 2h04’22”. Per i gruppi più numerosi premiati “Aquilotti” e “Senzafreni”, seguiti da “Stazzano”. Dopo la gara ottimo

pranzo preparato dalla Proloco di Rocchetta Ligure, che ha rifocillato sia gli atleti che il nutrito gruppo di accompagnatori. Gli organizzatori, molto soddisfatti per il successo di questa seconda edizione che ha visto raddoppiato il numero di atleti partecipanti.

Ciclismo Camussa secondo nella prova a squadre

Il novese Soro domina in Liguria Ancora un weekend da protagonisti per Mania Bike Twin Team. Questa volta è stata la cronometro a squadre disputatasi a Genova sabato scorso che ha visto primeggiare il sodalizio alessandrino nella fascia A, oltre a un onorevole secondo posto assoluto nella competizione che valeva anche come prova unica di campionato regionale ligure. Il terzetto impegnato nella gara di sabato era composto da Piergiorgio Camussa, Alberto Borromeo e Mauro Parodi. Sottolinea il presidente Andrea Camussa: «È stata una bella vittoria di squadra di tutto il team, ottima prova del terzetto impegnato, frutto non solo dell’allenamento, ma anche della stima reciproca e dell’ami-

cizia». Con questo risultato Mania Bike Twin Team saluta con piacere l’ingresso di Birra Pasturana. Camussa domenica proverà a Cervinia a vincere il circuito di coppa Piemonte. Ma nel campionato regionale ligure Acsi di Genova le belle notizie arrivano anche dal novese del team ligure “Oro”. Ezio Soro che si è laureato campione regionale assoluto grazie a uno sprint regale, impresa a cui è avvezzo essendo da un paio di anni campione del mondo Udace. A Arzachena poi Patrizia Cabella, compagna di club di Soro, si è laureata campionessa italiana femminile master nella prova femminile.

Se lo sport nella sua versione più pura è gioco, socializzazione ma anche scuola di vita che ti spinge a migliorare le tue capacità, una bella dimostrazione è arrivata in questi dieci giorni al Geirino con il camp organizzato da Insieme nel Basket, il progetto che raduna sotto un unico tetto la Red Basket Ovada e l’Auxilium Genova. Due settimane ancora in corso e davvero intense, in cui i 60 partecipanti provenienti dalla Liguria e dal basso Piemonte, con un’età compresa tra i 6 e i 12 anni, hanno potuto stare sul campo, imparare i fondamentali del gioco con lezioni teoriche e mettersi alla prova con la pratica. Obiettivo della settimana fornire ai ragazzi buone basi tecniche che costituiscono poi il presupposto fondamentale per farne giocatori migliori e completi nel corso della loro crescita. Particolare attenzione è stata data al movimento del tiro, di sicuro il fondamentale decisivo delle sport, con spiegazioni dirette del responsabile tecnico del Progetto “Insieme nel Basket”, Andreas Brignoli, e del professor Gianni Chiapparo, allenatore con un lungo curriculum nei settori giovanili lombardi. E che il Geirino stia diventando un centro d’eccellenza per la pallacanestro è dimostrato, non solo dal corso per aspiranti allenatori organizzato dal Comitato ligure della Fip, ma anche dal ritorno della Pallacanestro Varese che al polisportivo terrà la seconda edizione del suo camp di alta specializzazione. La settimana programmata è quella dal 7 al 13 luglio, con lo storico sodalizio della pallacanestro italiana, quest’anno tornato ai massimi livelli, che porterà formatori d’eccezione divisi ruolo per ruolo, l’anno scorso arrivò anche Andrea Meneghin, e i migliori giovani a disposizione.

CICLISMO

inbreve Eduard Grusu dell’Overall BOCCE campione romeno La Marchelli vince il “Minetto”

Overall si veste dei colori romeni grazie alla per-formance di Eduard Grosu, che ha dominato i Campionati Nazionali a Cronometro infliggendo oltre 1’ ai rivali. Questa volta Grosu ha messo in vetrina le proprie doti di cronomen e la concentrazione era massima anche perché la prova in linea non gli era favorevole. Naturalmente euforico l’atleta balcanico che, appena terminata la prova, al telefono con il team manager Massimo Subbrero ha espresso tutta la sua gioia e ringraziamenti nei confronti del Team e non ha scordato di inviare un grazie particolare al titolare Celestino Vercelli dell’azienda Vittoria Schoes che ha approntato un paio di scarpini tecnici per porre nelle migliori condizioni il romeno. «Questo ringraziamento lo allarghiamo ai nostri sosteni-tori, ai tecnici e ai compagni di squadra di Grosu, che gli hanno permesso di raggiungere questo traguardo che vale doppio in quanto è anche la prima vittoria in assoluto per Overall», spiega il dg Pierfranco Marietta. Negli altri impegni Elite a Prato dignitosa prova di Loris Basciu mentre a Andalo spicca il 5° posto di Lorenzo Ratto nella prova di Mtb e il 18° di Alessandro Godo in strada, sfortunato l’altro portacolori Mirco Paveto caduto in ambedue le prove.

È finita 13 a 8 la partita della finale a bocce del Trofeo Oreficeria Minetto a Costa d’Ovada. La Bocciofila Cros Marchelli di Ovada si è aggiudicata la Coppa e il primo premio battendo la Società Val Bormida in un incontro avvincente che ha visto, venerdì 21 giugno scorso, una grande partecipazione di pubblico riversarsi nei campi da gioco di Costa d’Ovada. Entrambe le finaliste avevano battuto nell’ordine la Bocciofila Negrini di Molare e la Bocciofila di Belforte. Arbitro d’eccezione per semifinale e finale il designatore Arbitri del Comitato provinciale signor Angelo Agostino figura di spicco a livello nazionale. Nel discorso finale il presidente della Saoms, Giuliano Gaggero ha ricordato la figura di Paolo Minetto, costese doc e socio sempre di-sponibile nei confronti dell’Ente. Ha poi ringraziato la famiglia Minetto presente alla premiazione, i partecipanti, gli sponsor e tutti coloro che si sono prodigati per la riuscita del torneo che questo anno ha superato ampiamente le prospettive delle previsioni.

CICLISMO

Guizzardi va bene ai Regionali. E’ stato disputata domenica 16 giugno a Candiolo, provincia di Torino la gara valida per il Campionato Regionale Cronometro individuale in prova unica.. Buone le prestazioni dell'ASD Cicli Guizzardi di Ovada. I tre atleti del team presenti si sono distinti. Tra loro la new entry Veronica Costa (nella foto) alla sua terza gara ha ottenuto un ottimo terzo posto nella sua categoria. Renato Priano, solo per un soffio ha sfiorato la vittoria classificandosi secondo a soli 12 secondi dal vincitore. Anche per Andrea Olivieri il piazzamento è stato buono. Un ulteriore prova del buon lavoro svolto dalla società ovadese.


losport

ilsettimanale • giovedì 27 giugno 2013

34 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Il classico Otto le formazioni al via nel torneo che ha ereditato il ruolo di uno degli appuntamenti clou del calcio estivo ovadese

Controbar entra nel vivo Grandi sfide al Moccagatta STEFANO DANIELLI ovadese@alice.it

È in pieno svolgimento presso il campo sportivo Moccagatta di Ovada il Controbar, il tradizionale torneo estivo di calcio organizzato dall’Ovada Calcio. Otto le compagini al via divise in due gironi; nell’A troviamo I Ragazzi di Tito, Caffè Trieste, Il Baretto e Bar Giannino, mentre nel B abbiamo La pappa è pronta, Il Faro, Bar Croce Verde e Ipo. Le prime due classificate di ogni raggruppamento si affronteranno nelle semifinali incrociate in programma martedì 2 luglio. La finale per il 3°-4° posto e la finalissima si disputeranno invece nella serata di domenica 7 luglio. Questa settimana, con questa edizione già chiusa, si disputa il terzo turno dei gironi eliminatori che determinerà la classifica finale e quindi le squadre che accederanno alle semifinali. Il primo turno ha fatto registrare partite equilibrate, se si esclude la vittoria per 5-1 de Il Baretto su I ragazzi di Tito; nelle altre gare vittoria di misura, 1-0, de La pappa è pronta su Bar Croce Verde, rete del silvanese Sorbara, finisce 2-2 tra Caffè Trieste e Bar Giannino: per i primi doppietta di Oscar Tosi del Pro Molare, mentre il Bar Giannino realizza grazie a

1

2

3

4

un autorete di Alpino e a un centro di Francesco Desiato, del Finale Ligure. La sfida tra Il Faro e Ipo nell’ultima gara di giornata finisce a reti inviolate anche se non sono mancate azioni pericolose da ambo le parti. Anche la seconda serata si apre con un match senza reti, è quello tra Caffè Trieste e Il Baretto. Ipo si impone per 4-1 su La pappa è pronta grazie alla doppietta di Marasco e le reti di Panzu e dell’ex milanista Minetti; con lo stesso punteggio, 4-1, il Bar Croce Verde supera Il Faro; a chiudere I Ragazzi di Tito regolano con una rete di scarto, 2-1, il Bar Giannino. Nelle foto 1. Bar CroceVerde 2. Bar Giannino 3. Caffè Trieste - 4. Il Baretto 5. Il Faro - 6. IPO 7. I Ragazzi del Tito 8. La Pappa è Pronta

5

Tambass Rinviata la gara col Grazzano

8

7

6

Tamburello Carpeneto ko con il Monte

Tagliolo riposa ma è sempre secondo Stagione stregata per le ovadesi in A Nella quinta giornata di ritorno del campionato di tamburello serie B a muro, il Tagliolo non disputa il suo incontro con il Grazzano in quanto il campo è stato utilizzato dalla Croce Verde ovadese impegnata nella sua bella festa. La partita sarà recuperata probabilmente in giorno infrasettimanale alle 17 nella prima settimana di luglio, comunque ve ne daremo segnalazione precisa nella prossima occasione. Per quanto riguarda gli altri incontri, da segnalare nel recupero della quarta giornata, giocato in settimana, la vittoria netta del Grazzano a Vignale contro i padroni di casa per 19 a 9, mentre nei match di quinta giornata il fanalino di coda Piea è sconfitto tra le mura amiche dal Moncalvo 19 a 10, il Montemagno mette fine a un serie di sconfitte battendo fuori casa il Vignale per 19 a 14, il Rocca d’Arazzo vince facilmente a Calliano per 19 a 8, il Portacomaro ridimensiona il Monferrina battendolo per 19 a 15. La classifica in attesa dell’incontro del Tagliolo, vede sempre in testa il Rocca

d’Arazzo a 25 punti, Tagliolo 20, Montemagno 17, Moncalvo 15, Monferrina e Portacomaro 13, Grazzano 12, Vignale e Calliano 9, Piea 2. Il match di cartello della prossima giornata vedrà il Tagliolo fare visita al Mon-temagno sabato 29 alle 16.30.

Sembra una stagione più che stregata quella delle ovadesi impegnate della Serie A di tamburello. Anche nell’ultimo week end sono arrivate due sconfitte. Significativa la battuta d’arresto del Carpeneto in casa contro il Monte. È finita 13-6. Una gara che ha avuto poca storia, con i veronesi a condurre fino dalle prime battute contro una squadra che non è mai riuscita a trovare continuità nel suo gioco. Elo-quenti i parziali: 4-0, 8-4, 11-5. La squadra del direttore tecnico Stefania Mogliotti rimane però terza, con un distacco di 16 punti dal Monte che è secondo, per la concomitante sconfitta del Sommacampagna a Cavriana. Quest’ultimo risultato in-

guaia il Cremolino che perde a Castellaro col punteggio di 13-7 e si vede sempre più trascinata nel gorgo delle squadre pericolanti. I biancazzurri – tra l’altro – in questi giorni devono fare anche i conti con le voci che darebbero Monzeglio pronto a un ritorno al Medole.

Il mondo del tamburello intanto è scosso dall’ufficializzazione della rinuncia del Callianetto alla prossima stagione. È stato lo stesso presidente del sodalizio astigiano Fassio a dare la notizia. Si chiude una parentesi di tredici anni con un dominio, salvo rari casi, incontrastato.


latelevisione

ilsettimanale • giovedì 27 giugno 2013

35 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

laprogrammazione giovedì

venerdì

dal 27 giugno al 3 luglio

sabato

domenica

lunedì

martedì

mercoledì

27 28 29 30 01 02 03 giugno

luglio

luglio

luglio

15.10 Terra d’amore, film 16.30 Estate in diretta, attualità 18.50 Reazione a catena, gioco 20.00 Tg1 20.30 Techetechetè, varietà 21.15 Una voce per Padre Pio, att. 23.20 Tg1 60 secondi

16.10 Road Italy, attualità 17.15 A Sua Immagine, attualità 17.45 Passaggio a Nord Ovest, doc. 18.50 Reazione a catena, gioco 20.00 Tg1 - Rai Tg sport 21.15 La principessa Sissi, film 23.20 Premio Biagio Agnes, attualità

14.00 Matrimoni e pregiudizi, film 15.45 Una stella in cucina, film 17.05 Finale 3° p. Confederation Cup 20.05 Tg1 20.30 Techetechetè, varietà 21.15 Una grande famiglia 23.35 Finale Confederation Cup

14.10 Ho sposato uno sbirro, ficition 15.10 La magnifica coppa, film 16.30 Estate in diretta, attualità 18.50 Reazione a catena, gioco 20.30 Techetechetè, varietà 21.15 Il commissario Montalbano, fic. 23.25 Overland 14, documenti

14.10 Ho sposato uno sbirro, fiction 15.10 La tata dei desideri film 16.30 Estate in diretta, attualità 18.50 Reazione a catena, gioco 20.30 Techetechetè, varietà 21.15 La madre della sposa, film 23.05 Passaggio a Nord Ovest, doc.

15.10 Amori e dissapori, film 16.30 Estate in diretta, attualità 18.50 Reazione a catena, gioco 20.00 Tg1 20.30 Techetechetè, varietà 21.15 Last cop, telefilm 23.05 Spy Kids, film

16.10 Revenge, telefilm 16.55 Guardia Costiera, telefilm 17.50 Tg Sport 18.45 Senza traccia, telefilm 19.35 Castle, telefilm 21.10 La fontana dell’amore, film 23.10 Tg2 - Punto di vista

16.10 Revenge, telefilm 17.45 Tg2 Flash Lis - Rai Sport 18.45 Senza traccia, telefilm 19.35 Castle, telefilm 20.30 Tg2 21.10 Crossing Lines, telefilm 23.10 Fascino a Est Berlino, doc.

14.00 Air Bud, film 15.30 Squadra Speciale Colonia, tf 17.15 Terre meravigliose, attualità 18.05 Automob.: GP di Gran Bretagna 20.30 Tg2 21.05 Il doppio volto della paura, fl 22.35 Criminal Minds, film

15.45 Squadra omicidi Istanbul, film 17.15 Squadra Speciale Lipsia, tf 18.05 Prossima fermata omicidio, fl 19.40 Lasko-La maledizione, tf 20.30 Tg2 21.00 Automob.: GP di Gran Bretagna 23.00 Incontriamoci a Las Vegas, fl

15.35 Revenge, telefilm 17.00 Guardia Costiera, telefilm 18.45 Senza traccia, telefilm 19.35 Castle, telefilm 20.30 Tg2 21.10 Squadra Speciale Cobra 11, tf 23.45 Made in Sud Summer, varietà

15.35 Revenge, telefilm 17.00 Guardia Costiera, telefilm 18.45 Il Palio di Siena, attualità 20.30 Tg2 21.10 Squadra Speciale Cobra 11, tf 21.55 Countdown, telefilm 22.50 Strike Back, telefilm

14.00 Divieto di sosta, attualità 14.45 Blue Bloods, telefilm 15.35 Army Wives, telefilm 18.45 Senza traccia, telefilm 19.35 Castle, telefilm 21.10 Virus, il contagio delle idee, att. 23.30 Cleaner, film

15.45 Tre scapoli e una bimba, film 17.30 Geo Magazine 2013, docum. 19.00 Tg3 Regione 20.15 Celi, mio marito!, varietà 20.35 Un posto al sole, soap 21.05 Law and Order, telefilm 24.00 Doc 3, documenti

15.45 Resurrecting the champ, film 17.35 Geo Magazine 2013, docum. 19.00 Tg3 Regione 20.15 Celi, mio marito!, varietà 20.35 Un posto al sole, soap 21.05 La guerra dei mondi, attualità 23.15 Radici, l’altra faccia del.., doc.

14.50 Ciclismo: tour de France 18.05 I misteri di Murdoch, film 19.00 Tg3 - Tg Regione 20.00 Blob 20.20 Common law, telefilm 21.05 Django, film 23.05 Un giorno in pretura, docum.

14.30 In 1/2 h, attualità 15.05 Ciclismo: Tour de France 17.30 Tour Replay 18.10 Squadra Speciale Vienna, tf 20.00 Blob 21.05 Kilimangiaro, documenti 23.50 Nowhere Boy, film

14.55 Ciclismo: Tour de France 16.30 Tour Replay 17.00 Geo Magazine 2013, docum. 19.00 Tg3 Regione - Blob 20.35 Un posto al sole, soap 21.05 Il viaggio, attualità 23.45 I dieci comandamenti, attualità

14.55 Ciclismo: Tour de France 16.30 Tour Replay 17.00 Geo Magazine 2013, docum. 19.00 Tg3 Regione - Blob 20.35 Un posto al sole, soap 21.05 Ballarò, attualità 24.00 Report Cult, documenti

14.55 Ciclismo: Tour de France 17.30 Tour Replay 17.00 Geo Magazine 2013, docum. 19.00 Tg3 Regione - Blob 20.35 Un posto al sole, soap 21.05 Chi l’ha visto? 23.15 Tg3 Linea Notte

14.45 Lo sportello di Forum, attualità 15.30 Flikken coppia in giallo, telefilm 16.35 Magnifica ossessione, film 18.55 Tg4 - Meteo 19.35 Tempesta d’amore, soap 21.10 Io non ho paura, film 23.35 Bordertown, film

14.45 Lo sportello di Forum, attualità 15.35 My life-segreti e passioni, soap 16.00 Obiettivo Brass, film 19.35 Tempesta d’amore, soap 20.30 Quintacolonna,ilquotidiano, att. 21.10 Alive,storiedi sopravvissuti, doc. 00.55 Una notte per decidere, film

14.45 Lo sportello di Forum, attualità 15.30 Poirot, telefilm 16.50 Perry Mason, telefilm 19.35 Tierra de Lobos, telefilm 20.30 Tempesta d’amore, soap 21.15 Senza Tregua, film 23.20 L’uomo nel mirino, film

13.00 Ricette all’Italiana 14.40 Donnavventura, documenti 16.00 Evita, film 19.35 Tierra de Lobos, telefilm 20.30 Tempesta d’amore, soap 21.30 Julie Lascaut, telefilm 23.25 Storia di noi due, film

14.45 Lo sportello di Forum, attualità 15.30 Flikken coppia in giallo, telefilm 16.35 Il conte di Montecristo, fict. 18.55 Tg4 - Meteo 19.35 Tempesta d’amore, soap 21.10 Beverly Hills Cop 3, film 23.30 Psycho, film

16.35 My life, soap 17.00 Sfida nella valle dei Comanche, fl 18.55 Tg4 - Meteo 19.35 Tempesta d’amore, soap 20.30 Quintacolonna,ilquotidiano, att. 21.10 Benvenuti a tavola, fiction 23.20 Maledetto il giorno che t’ho in.., fl

15.30 Flikken, coppia in giallo, tf. 16.35 My life, soap 18.55 Tg4 - Meteo 19.35 Tempesta d’amore, soap 20.30 Quintacolonna,ilquotidiano, att. 21.10 The Closer, telefilm 23.15 Volver - Tornare, film

14.45 Il segreto, soap 15.40 Pomeriggio Cinque, attualità 18.50 Avanti un altro!, gioco 20.00 Tg5 - Meteo 20.40 Paperissima Sprint, varietà 21.10 Le pagine della nostra vita, fl 23.15 Tg5 Puntonotte, attualità

14.45 Il segreto, soap 15.40 Pomeriggio Cinque, attualità 18.50 Avanti un altro!, gioco 20.00 Tg5 - Meteo 20.40 Paperissima Sprint, varietà 21.10 Inga Lindstrom, varietà 23.10 Speciale Tg5, attualità

15.10 Il mmento di tornare, film 16.50 Rosamunde Pilcher, film 18.50 Avanti un altro!, gioco 20.00 Tg5 - Meteo 20.40 Paperissima Sprint, varietà 21.10 Panariello non esiste, varietà 24.00 Supercinema, attualità

13.40 L’arca di Noè, attualità 14.00 Dov’è mia figlia?, fiction 16.30 Lo show dei record, varietà 18.50 Avanti un altro!, gioco 20.00 Tg5 - Meteo 21.10 L’amore è eterno finchè dura, fl 22.45 Buio, film

14.45 Il segreto, soap 15.40 Le tre rose di Eva, fiction 18.50 Avanti un altro Estate, gioco 20.00 Tg5 - Meteo 20.40 Paperissima Sprint, varietà 21.10 Ti presento un amico, film 23.25 Tg5 Puntonotte, attualità

14.45 Il segreto, soap 15.40 Le tre rose di Eva, fiction 18.50 Avanti un altro Estate, gioco 20.00 Tg5 - Meteo 20.40 Paperissima Sprint, varietà 21.10 Jump, stasera mi tuffo, real. 24.00 Tg5 Puntonotte, attualità

14.45 Il segreto, soap 15.40 Le tre rose di Eva, fiction 18.50 Avanti un altro Estate, gioco 20.00 Tg5 - Meteo 20.40 Paperissima Sprint, varietà 21.10 Studio 5, varietà 23.30 Tg5 Puntonotte, attualità

15.00 Naruto Shippuden, cartoni 15.25 The Vampire Diaries, telefilm 16.20 Smallville, telefilm 18.30 Studio Aperto - Meteo 19.20 CSI-New York, telefim 21.10 Tutti pazzi per l’oro, film 23.20 Non mi scaricare, film

15.05 Motociclismo: GP d’Olanda 16.00 The Middle, telefilm 16.20 Smallville, telefilm 18.30 Studio Aperto - Meteo 19.20 CSI-New York, telefim 21.10 12 Round, film 23.20 Person of interest, telefim

14.25 Motociclism: GP d’Olanda 16.00 Fuori Giri, sportivo 16.50 Piccola Peste, film 18.30 Studio Aperto 19.00 Free Willy 2-La grande Fuga, fl 21.10 Alla ricerca dell’isola di Nim, fl 23.10 No ordinary family, telefilm

12.55 Studio Aperto 13.55 Top One, gioco 15.00 Superbike: GP di Italia 18.20 Studio Aperto - Meteo 19.25 Scuola di polizia, film 21.15 Archimede, documenti 00.35 Street Food Heroes, reality

15.00 Naruto Shippuden, cartoni 15.25 The vampire diaries, telefilm 16.20 Smallville, telefilm 17.15 Top One, gioco 19.20 CSI New York, telefilm 21.10 CSI - Scena del crimine, tf 23.00 Covert Affairs, telefilm

15.00 Naruto Shippuden, cartoni 15.25 The vampire diaries, telefilm 16.20 Smallville, telefilm 17.45 Top One, gioco 19.20 CSI New York, telefilm 21.10 Catwoman, film 23.15 Sucker Punch, film

15.00 Naruto Shippuden, cartoni 15.25 The vampire diaries, telefilm 16.20 Smallville, telefilm 17.15 Top One, gioco 19.20 CSI New York, telefilm 21.10 A cena con un cretino, film 23.30 Scemo e più scemo, film

16.30 Suor Therese, telefilm 18.10 The District, telefilm 20.00 Tg La7 20.30 Otto e mezzo, attualità 21.10 Servizio Pubblico Più, attualità 22.20 Mi piace lavorare mobbing, fl 23.55 Omnibus Notte, attualità

14.40 Le strade di San Francisco, tf 16.30 Suor Therese, telefilm 18.10 The District, telefilm 20.00 Tg La7 20.30 Otto e mezzo, attualità 21.10 Crozza a colori, varietà 22.20 Viva Zapatero, documentario

14.00 Tg La7 Cronache 14.40 Cuore d’Africa, telefilm 16.30 The District, telefilm 18.10 L’ispettore Barnaby, telefilm 20.00 Tg La7 20.30 In onda, attualità 23.00 Verdetto finale, film

14.40 Uno sparo nel buio, film 16.30 The District, telefilm 18.10 L’ispettore Barnaby, telefilm 20.00 Tg La7 20.30 In onda, attualità 21.30 Un detective particolare, film 23.40 Tg La7 Sport

14.40 Le strade di San Francisco, tf 16.30 Jane Doe, tf 18.10 The District, telefilm 20.00 Tg La7 20.30 In onda estate, attualità 21.10 Ben Hur, film 00.40 Omnibus notte, attualità

14.40 Le strade di San Francisco, tf 16.30 Suor Therese, telefilm 18.10 The District, telefilm 20.00 Tg La7 20.30 In onda estate, attualità 21.10 S.O.S tata, reality 00.10 Omnibus notte, attualità

14.40 Le strade di San Francisco, tf 16.30 Suor Therese, telefilm 18.10 The District, telefilm 20.00 Tg La7 20.30 In onda estate, attualità 21.10 The Constant Gardener, film 23.35 Omnibus notte, attualità

La7

Rai3

Rai2

Rai1

15.10 Nel flusso della vita, film 16.30 Estate in diretta, attualità 18.50 Reazione a catena, gioco 20.00 Tg1 20.30 Calcio: Seconda semifinale 23.35 Tg1 60 secondi 23.40 Porta a porta, attualità

Rete4

giugno

Canale5

giugno

Italia1

giugno

" '++ '++

555 .-.0#-7'(3-'$0*.4#&'1* %., '&' +')#+' 4*# !! '22',$0' 2'+ (#6

*+4#-.

0$#

#0+. 0*++. ,*+*. /#7#+

',#*+ +20' 1'&*

4*#+' 2#7*.-' '-20#+' 4*# .,# / 77# #0*$#+&*


ilsettimanale • giovedì 27 giugno 2013

36 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Villa Carmelita è il nuovo Hotel 4 stelle inaugurato nell'estate 2012. La struttura Luxury con ottimo ristorante interno, "Il Vino di Ismàro", già collocato tra i migliori ristoranti dell'alessandrino, è situata nel cuore del Monferrato, a Carpeneto, un piccolo comune medievale, situato ora le colline Ovadesi e quelle di Acqui Terme. Villa Carmelita è dotata di ogni comfort immaginabile per ogni tipo di cliente. La nuova esclusiva struttura turistico alberghiera del Monferrato, si colloca a soli 8 km dal prestigioso campo di golf 27 buche Villa Carolina, per cui, per i residenti è prevista una convenzione. Piscina di 20 metri con bar, campo da tennis in erba sintetica, parco di 10000 mq segnato all'orizzonte dalle forme del Monviso e Monte Rosa. Per il relax, sauna, bagno turco, e sala da biliardo rivolto a chi ricerca nella semplice eleganza delle cose, il proprio benessere fisico e mentale. Il ristorante e la piscina sono aperti anche ai clienti esterni. Gli ospiti dell'albergo hanno diritto di prelazione su tutti i servizi previsti dalla struttura.

www.villacarmelita.it - www.ilvinodismaro.it

Propone il nuovo Menù estivo da Martedì a Domenica per godere di una deliziosa giornata e di una romantica serata, lasciatevi accarezzare dalle dolci note che risuonano nell'ambiente de "Il Vino di Ismàro" e condividete con il nostro staff una calda atmosfera estiva. Il nostro Chef, Emanuele Spinelli ed il Maìtre Luciano Rigo vi propongono il nuovo menù estivo con deliziosi sapori e piacevoli vini da gustare come:

Capesante scottate su crema di peperone rosso Tagliatelle ragù di Scorfano e olive Taggia Gran fritto di Calamari e Gamberi Cestino di Wafer con Gelato fatto in casa

Monferrato Bianco Gavi di Gavi Altalanga Brut

Per prenotazioni telefonare al numero: 0143 84 58 00 Villa Carmelita Via Torino 58 - 15071 Carpeneto (AL) - Tel. +39 0143 84 58 00 - Fax +39 0143 85 424 - info@villacarmelita.it


notizieutili lefarmacie

www.farmapiemonte.org

NOVI LIGURE Giovedì 27: Baiardi (via Girardengo); venerdì 28: Cristiani (via IV Novembre); sabato 29: Valletta (via Garibaldi), di appoggio diurno: Giara (via Girardengo) e Nuova (viale Saffi); domenica 30: Giara; lunedì 1: Moderna (via P.Giovanni XXIII); martedì 2: Beccaria (via P.Isola); mercoledì 3: Comunale (via Verdi). OVADA Domenica 30 giugno Gardelli, Corso Saracco NEI PAESI Giovedì 27: Libarna (Serravalle) e Marucchi (Borghetto); venerdì 28: Foco (Stazzano); sabato 29: Moderna (Arquata); domenica 30: Belleri (Gavi), Maiocchi (Cabella) e Libarna; lunedì 1: Balbi (Serravalle); martedì 2: Giacoboni (Arquata); mercoledì 3: Di Matteo (Vignole). BASALUZZO: Moccagatta (aperta la seconda domenica del mese); CAPRIATA D’ORBA: Opizzi (terza domenica del mese); CABELLA: Maiocchi (seconda domenica del mese); PASTURANA: Bianchi (prima domenica del mese); POZZOLO FORMIGARO: Perseghini (seconda e quarta domenica del mese). Contattando il sito www.farmapiemonte.org al link: “cerca la farmacia aperta più vicina” è possibile conoscere, anche con largo anticipo, le farmacie di turno desiderate.

leedicole NOVI LIGURE Domenica 30 giugno M & M (Portici nuovi); Semino (piazza del Maneggio); Fossati (piazza Matteotti); Campi (via Verdi); Fossati (Giardini pubblici); Ponte (Stazione Fs); Scarsi (viale P. Cichero); Arecco (via Amendola); Effe di Silvano (via Ovada), Guidetti (via Dacatra); Fanin (via Papa Giovanni XXIII); Edicola di viale Saffi. OVADA Domenica 30 giugno Via Torino, Piazza Castello, Piazza Cappuccini

ilsettimanale • giovedì 27 giugno 2013

37 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

leposte

parrocchieemesse

ORARIO CONTINUATO (dal lunedì al venerdì 8.25-19.10; sabato 8.25-12.35) Novi Ligure (p.zza De Negri 1), Ovada (via Monsignor Cavanna 16).

NOVI LIGURE

ORARIO ORDINARIO (dal lunedì al venerdì 8.25-13.35; sabato 8.25-12.35) Novi Ligure (via Garibaldi), Arquata Scrivia (via Libarna 201), Cassano Spinola (via Arzani 93), Cremolino (via San Bernardino 1), Gavi (piazza Dante 10), Pasturana (via Roma 18), Serravalle Scrivia (via Brodolini 17) (dal lunedì al venerdì 8.15-13.45; sabato 8.15-12.45) Basaluzzo (via Stazione 3), Borghetto Borbera (via Roma 63), Borghetto Borbera (Persi, via Provinciale 14), Bosio (via Umberto I 42), Cabella Ligure (piazza della Vittoria), Capriata d’Orba (via San Giovanni 2), Carpeneto (piazza Vittorio Emanuele II 1), Castelletto d’Orba (via G. B. Borgatta 7), Lerma (corso Spinola 12), Molare (via P. Albareto), Pozzolo Formigaro (piazza IV Novembre 4), Prasco (via Roma 1), Predosa (via Cavour 6), Rocca Grimalda (piazza Vittorio Veneto 1), Silvano d’Orba (piazza Battisti 48), Stazzano (piazza Risorgimento 5), Tagliolo Monferrato (via Roma 2), Trisobbio (via Roma 12), Vignole Borbera (viale Torino 14), Voltaggio (piazza Garibaldi 6).

OVADA ORARIO RIDOTTO (lunedì, mercoledì e venerdì 8.15-13.45) Rocchetta Ligure (piazza Regina Margherita), Cantalupo Ligure (via Umberto I 27), Albera Ligure (via Roma), Belforte Monferrato (via San Colombano 3), Carrosio (via G. Odino 39), Francavilla Bisio (via Guasco 16), Fresonara (piazza Italia 10), Grondona (via Municipio), Parodi Ligure (piazza Municipio 5), San Cristoforo (via Irmo Ferrari 16a), Tassarolo (piazza Libertà 10). (martedì, giovedì e sabato) Predosa (Castelferro, via Pellizza 3)

numeridiemergenza Ambulanza 118; Carabinieri 112; Vigili del fuoco 115; Polizia 113; Guardia di finanza 117

Direzione GENOVA 6.00 R 21107 (§) • Serravalle Scrivia 6.08, Arquata 6.21, Genova Sampierdarena 7.21, G. Principe 7.29, G. Brignole 7.35. 6.05 R 21161 (^) Serravalle 6.14, Arquata 6.21, Sampierdarena 7.21, Principe 7.29, Brignole 7.35. 6.19 R 6109 (*) Serravalle 6.26, Arquata 6.34, Sampierdarena 7.11, Principe 7.19, Brignole 7.27. 6.45 RV 2043 Serravalle 6.52, Arquata 6.59, Sampierdarena 7.43, Principe 7.52, Brignole 7.58. 7.05 R 6111 (§) Serravalle 7.12, Arquata 7.19, Principe 7.54, Brignole 8.00. 7.26 R 10323 Serravalle 7.33, Arquata 7.39, Principe 8.16, Brignole 8.23. 9.44 RV 2161 Serravalle 9.55, Arquata 10.06, Principe 10.34, Brignole 10.40. 12.47 RV 2163 Serravalle 12.53, Arquata 13.00, Principe 13.36, Brignole 13.42. 14.48 R 2051 Serravalle 14.55, Arquata 15.01, Principe 15.37, Brignole 15.43. 15.15 IC 515 (§) Principe 15.56, Brignole 16.02. 16.45 RV 2167 Serravalle 16.51, Arquata 16.58, Principe 17.36, Brignole 17.42. 18.48 RV 2055 Serravalle 18.54, Arquata 19.01, Principe 19.37, Brignole 19.43. 19.15 IC 519 Principe 19.55, Brignole 20.01. 20.40 R 21157 (§) Arquata 20.50, Sampierdarena 21.55, Principe 22.03, Brignole 22.09. 20.47 RV 2171 Serravalle 20.53, Arquata 21.00, Principe 21.36, Brignole 21.42. Direzione MILANO 6.20 R 2180 (§) Pozzolo 6.27, Tortona 6.43, Voghera 6.56, Pavia 7.16, Rogoredo 7.41, Milano Lambrate 7.46, Milano Centrale 7.55. 6.34 R 2882 (§) Pozzolo 6.42, Tortona 6.58, Voghera 7.12, Pavia 7.32, Rogoredo 7.53 7.56 R 2674 (§) Pozzolo 8.02, Tortona 8.16, Voghera 8.29, Pavia 8.51, Rogoredo 9.10, Lambrate 9.18, Milano Centr. 9.30.

Nostra Signora Assunta (piazza Assunta): ore 8.00, 11.00, 17.30; prefestivi ore 17.30; feriali ore 8.30. San Paolo della Croce (corso Italia): ore 11.00; prefestivi ore 20.30; feriali ore 20.30. Padri Cappuccini: ore 10.30. Padri Scolopi (piazza San Domenico): ore 7.30, 10.00; prefestivi ore 16.30; feriali 7.30, 16.30. Madri Pie: feriali ore 17.30. Monastero Passioniste: ore 10.00. Ospedale: prefestivi e feriali ore 18.00. San Venanzio (frazione San Venanzio): festivi ore 9.30. Grillano: festivi ore 9.00. Nostra Signora della Neve (frazione Costa): festivi ore 10.00. San Lorenzo (frazione San Lorenzo): festivi ore 11.00.

guardiamedica

itreni Partenze da Novi

Collegiata (piazza Dellepiane): ore 9.00, 11.00, 12.00, 17.00; prefestivi ore 17.00. Sant’Andrea (piazza Sant’Andrea): ore 10.00. Sant’Antonio (viale Rimembranza): ore 8.00, 10.00, 11.00, 17.30. Cimitero (via P. Isola): ore 8.45. Sacro Cuore (via Don L. Sturzo): ore 8.00, 11.00, 17.00; prefestivi ore 17.00. San Nicolò (via Girardengo): ore 8.30, 10.30, 11.30, 18.00; prefestivi ore 18.00. Cristo Risorto (quartiere G3): ore 9.30. Maddalena (via Abba): prefestivi ore 17.00. San Pietro (via Roma): ore 10.00, 11.30, 18.15; prefestivi ore 18.15. Santa Rita (via Monte Grappa): ore 9.00. San Giovanni Bosco (via San G. Bosco): ore 9.00. Barbellotta (frazione Barbellotta): ore 11.00. Ospedale (via Raggio): prefestivi ore 18.00. Pieve di Santa Maria (piazzale Pieve): ore 9.00, 11.00, 17.00; prefestivi ore 17.00.

Direzione TORINO 6.15 R 6100 (*) Alessandria 6.30, Asti 6.52, Torino Lingotto 7.34, Torino Porta Nuova 7.40. 6.3 9 RV 215 8 Aless andria 6.57, Asti 7.20, Torino Lingotto 8.04, Torino Porta Nuova 8.10. 7.11 RV 216 0 Aless andria 7.29, Asti 7.55, Torino Lingotto 8.31, Torino Porta Nuova 8.40. 7.41 IC 500 Alessandria 7.57, Asti 8.18, Torino Lingotto 8.47, Torino Porta Nuova 8.55. 8.41 IC 502 Alessandria 8.57, Asti 9.18, Torino Lingotto 9.47, Torino Porta Nuova 9.55. 9.12 R 20 4 4 Aless andria 9.29, Asti 9.52, Torino Lingotto 10.32, Torino Porta Nuova 10.40. 13.09 RV 2164 Alessandria 13.29, Asti 13.52, Torino Lingotto 14.31, Torino Porta Nuova 14.40. 14.13 RV 2166 Alessandria 14.29, Asti 14.52, To. Lingotto 15.31, To. Porta Nuova 15.40. 15.0 9 R 20 4 8 Aless andria 15.29, Asti 15.52, Torino Lingotto 16.31, To. Porta Nuova 16.40. 17.09 RV 2170 Alessandria 17.29, Asti 17.52, To. Lingotto 18.31, To. Porta Nuova 18.40. 17.39 IC 512 (§) Alessandria 17.57, Asti 18.18, Torino Lingotto 18.47, Torino Porta Nuova 18.55. 19.0 9 R 2052 Aless andria 19.29, Asti 19.52, Torino Lingotto 20.31, Torino Porta Nuova 20.40. Direzione LA SPEZIA 6.45 RV 2043 Serravalle Scrivia 6.51, Arquata Scrivia 6.58, Principe 7.49, Brignole 7.58, Portofino 8.31, Rapallo 8.36, La Spezia 09.59. 8.27 RV 18 45 (^) Genova Principe 9.07, Genova Brignole 9.15, Rapallo 9.53, La Spezia 11.03. 14.4 8 RV 2051 Serravalle Scrivia 14.54, Arquata Scrivia 15.00, Genova Brignole 15.43, Portofino 16.25, Rapallo 16.29, La Spezia 17.59. 18.4 8 RV 2055 Serravalle Scrivia 18.53, Arquata Scrivia 19.00, Genova Brignole 19.43, Portofino 20.31, La Spezia 22.02.

Partenze da Ovada

18.52, Campo-Masone, 18.58, Genova Sampierdarena 19.35, Genova Piazza Principe 19.45, Genova Brignole 19.51. 21.09 R 6175 Rossiglione 21.17, Campo-Masone, 21.23, Sampierdarena 22.01, Genova Principe 22.08, Brignole 22.14.

Il servizio è attivo nei giorni feriali, dalle ore 20.00 alle 8.00 del mattino successivo. Il sabato e nei giorni prefestivi dalle ore 10.00 alle 8.00 del lunedì o del giorno successivo a quello festivo.

Direzione ALESSANDRIA Direzione GENOVA 6.24 R 11397 (^) Rossiglione 6.33, Campo-Masone, 6.41, Genova Sampierdarena 7.16, Genova Principe 7.24, Genova Brignole 7.30. 6.33 R 11399 (§) Rossiglione 6.41, Campo-Masone 6.47, Genova Sampierdarena 7.26, Genova Principe 7.34, Genova Brignole 7.43. 7.30 R 6155 (§) Rossiglione 7.38, Campo-Masone, 7.44, Sampierdarena 8.20, Genova Principe 8.27, Genova Brignole 8.33. 7.55 R 6157(§) Rossiglione 8.04, Campo-Masone, 8.10, Genova Sampierdarena 8.37, Principe 8.45, Genova Brignole 8.53. 9.21 R 6181 (^) Rossiglione 9.30, Campo-Masone, 9.36, Sampierdarena 10.11, Principe 10.18, Brignole 10.24. 12.23 R 6185 (^) Rossiglione 12.32, Campo-Masone, 12.38, Sampierdarena 13.14, Principe 13.21, Brignole 13.27. 12.35 R 6163 (§) Rossiglione 12.44, Campo-Masone, 12.51, Sampierdarena 13.28, Principe 13.35, Brignole 13.41. 13.42 R 6165 (§) Rossiglione 13.51, Campo-Masone, 13.57, Sampierdarena 14.33, Principe 14.40, Brignole 14.46. 13.54 R 6187 (^) Rossiglione 14.03, Campo-Masone, 14.09, Sampierdarena 14.45, Principe 14.53, Brignole 14.59. 14.40 R 6167 (§) Rossiglione 14.49, Campo-Masone, 14.55, Sampierdarena 15.31, Principe 15.38, Brignole 15.44. 16.14 R 6169 (§) Rossiglione 16.22, Campo-Masone, 16.28, Genova Sampierdarena 17.05, Genova Principe 17.12, Genova Brignole 17.18. 16.21 R 6189 (^) Rossiglione 16.31, Campo-Masone, 16.37, Sampierdarena 17.00, Genova Principe 17.24, Brignole 17.30. 18.43 R 6173 (§) Rossiglione

6.33 R P 524 (#§) Predosa 6.53, Alessandria 7.20. 6.34 R P 518 (#^) Predosa 6.55, Alessandria 7.30. 7.40 R P 520 (#§) Predosa 8.01, Alessandria 8.26. 8.07 R P 538 (#§) Predosa 8.27, Alessandria 8.54. 11.00 RP 508 (#§) Predosa 11.21, Alessandria 11.46. 13.30 RP 528 (#§) Predosa 13.51, Alessandria 14.16. 14.31 RP 560 (#§) Predosa 14.51, Alessandria 15.18. 14.36 RP 530 (#^) Predosa 14.57, Alessandria 15.32. 15.35 RP 532 (#§) Predosa 15.56, Alessandria 16.21. 18.50 RP 562 (#*) Predosa 19.10, Alessandria 19.37. Direzione ACQUI TERME 7.06 R 6150 Acqui 7.28. 8.15 R 6152 (§) Acqui 8.38. 8.31 R 6178 (^) Acqui 8.52. 9.56 R 6154 (§) Acqui 10.17. 11.18 R 6156 (*) Acqui 11.39 11.35 R 6182 (^) Acqui 11.55 13.01 R 6184 (^) Acqui 13.22 13.18 R 6158 (§) Acqui 13.39 14.18 R 6160 (*) Acqui 14.38 15.19 R 6162 (§) Acqui 15.40. 15.33 R 6188 (^) Acqui 15.54. 16.45 R 6164 (§) Acqui 17.06. 17.03 R 6190 (^) Acqui 17.23. 17.58 R 11396 (*) Acqui 18.15. 18.44 R 6166 Acqui 19.05. 19.22 R 6168 (*) Acqui 19.44. 20.09 R 6192 (^) Acqui 20.31. 20.18 R 6170 (§) Acqui 20.39. Sono indicate solamente le fermate nelle stazioni principali dei treni che circolano dalle 6.00 alle 21.00. Per gli orari completi visit ate il sito www.trenitalia.it oppure consultate le bacheche della vostra stazione ferroviaria. (^) Circola solo i giorni festivi (§) Non circola nei giorni festivi (*) Non circola nei giorni festivi né il sabato (#) Bus sostitutivo

NOVI LIGURE (tel. 0143 746569) risponde per i comuni di Novi, Basaluzzo, Capriata, Cassano Spinola, Francavilla Bisio, Pozzolo Formigaro, Pasturana, Tassarolo. OVADA (tel. 0143 81777) Ovada, Carpeneto, Casaleggio, Cremolino, Lerma, Molare, Rocca Grimalda, Silvano d’Orba, Tagliolo, Trisobbio. ARQUATA SCRIVIA (tel. 0143 636129) Arquata Scrivia, Albera Ligure, Borghetto Borbera, Cabella Ligure, Cantalupo Ligure, Carrega Ligure, Grondona, Mongiardino Ligure, Roccaforte Ligure, Serravalle Scrivia, Vignole Borbera. GAVI (tel. 0143 642551) Gavi, Bosio, Carrosio, Fraconalto, Parodi Ligure, San Cristoforo, Voltaggio. CASTELLAZZO BORMIDA (tel. 0131 270027) Predosa.

edizioni sic srl • novi ligure Direttore responsabile: MARCO MATTEINI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .direttore@ilnovese.info Vicedirettore: ELIO DEFRANI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .e.defrani@ilnovese.info Direttore marketing: MILVA CALDO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .m.caldo@ilnovese.info Segretaria di Redazione: PIERA FIRPO . . . . . . . . . . . . . . . . . . .amministrazione@ilnovese.info Impaginazione in proprio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .grafica@ilnovese.info Pubblicità: Limongelli Ravizza (cell. 338 1964245) Paolo Moncalvo (cell. 393 3377444) - Giacinto Smacchia (cell. 339 8366843)

Redazione di Novi Ligure

Redazione di Ovada

via Garibaldi 17 - Tel. 0143.314700 Fax 0143.2127 - redazione@ilnovese.info Giampiero Carbone . . .g.carbone@ilnovese.info Maurizio Iappini . . . . . . . . . . . . .sport@ilnovese.info Lisa Lanzone . . . . . . . . . . . .l.lanzone@ilnovese.info Sara Moretto . . . . . . . . . . .s.moretto@ilnovese.info Marzia Persi . . . . . . . . . . . . . .m.persi@ilnovese.info Collaboratori: Arianna Borgoglio, Umberto Cabella, Serena Cellotto, Daria Ubaldeschi, Claudio Casonato, Michela Ferrando, Gino Fortunato, Enrico Ivaldi, Andrea Suverato, Giulia Cipollina. Abbonamenti: Euro 35 - c.c.p. n° 12398111 intestato a ‘il novese’ Via Garibaldi 17 - Novi L.

via Buffa 39 - Tel. e fax 0143.81054 ovadese@alice.it Redattori capo: Diego Cartasegna, Claudio Priarone Edoardo Schettino . . . . . . . .eschet@gmail.com Collaboratori: Simonetta Albertelli, Elisabetta Baschiera, Giuliana Cantamessa, Dania D’amato, Stefano Danielli, Lorenzo Martinengo, Luca Piana, Daniele Prato, Stefano Priarone, Laura Caneva (fotoservizi) Abbonamenti: Euro 35 - c.c.p. n° 13718150 intestato a ‘l’ovadese’ Via Cavallotti 118 Novi Ligure

Stampa AGA Arti Grafiche Associate - corso C. Brunet 13/15 - Cuneo


puntolavoro

ilsettimanale • giovedì 27 giugno 2013

38 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

RIF. 904 Azienda privata vicinanze casale ricerca n° 2 barman con almeno 2 anni di esperienza (preferibile titolo di studio inerente) - assunzione a tempo determinato – orario di lavoro dal giovedì alla domenica dalle ore 16.00 alle ore 02.00 – conoscenza lingua inglese automunito – preferibili sgravi contributivi. RIF. 926 Azienda privata in casale ricerca n° 1 add. Banco salumeria / gastronomia con almeno 2 anni di esperienza tassativa nella mansione – età massima 50 anni – part-time - preferibili sgravi contributivi . RIF. 942 Azienda agricola privata vicinanze casale ricerca n° 1 add. Pulizia stalle e spostamento animali (suini) con esperienza – part-time 20 ore settimanali (richiesta disponibilità sabato e domenica) – assunzione a tempo determinato 3 mesi rinnovabili.

alessandria Per informazioni rivolgersi a: CENTRO PER L’IMPIEGO DI ALESSANDRIA via Cavour 17 - Alessandria - Tel. 0131/303359 - 303367 RIF. 773. Bed & breakfast a Bubbio (asti) cerca una coppia: lui in qualita’ di giardiniere, lei di addetta alla pulizia delle camere; entrambi alla preparazione della colazione a buffet ed all’accoglienza dei clienti. Necessaria esperienza consolidata nel settore e referenze espressamente specificate, buona conoscenza della lingua inglese ed ottima di quella italiana ed uso del pc. Contratto a tempo pieno, della durata di 2 mesi con possibilita’ di trasformazione. Alloggio a disposizione

noviligure Per informazioni rivolgersi a: CENTRO PER L'IMPIEGO DI DI NOVI LIGURE Via Oneto, 29 - Tel. 0143/2374 – Fax 0143/321296 RIF. 909 azienda privata in: Novi Ligure cerca: n. 2 consulenti assicurativi per sviluppo, gestione e fidelizzazione del portafoglio clienti messa in atto delle strategia di marketing - attuazione di un servizio di consulenza assicurativa destinato a privati ed aziende. Requisiti richiesti: buone conoscenze informatiche - età compresa tra i 23 e i 55 anni - non indispensabile esperienza nella mansione - patente b - automunito - titolo di studio: diploma o laurea – orario: full time dal lunedì al venerdì – condizioni contrattuali: libera professione - mandato di agenzia: contribuzione mensile più provvigioni più incentivi e premi di produzione RIF. 910 azienda privata in: Novi Ligure cerca: manager commerciale - gestione e training delle risorse affidate - sviluppo gestione e fidelizzazione del portafoglio clienti - messa in atto delle strategie di marketing - attuazione di un servizio di consulenza assicurativa destinato a privati ed aziende - requisiti richiesti: buone conoscenze informatiche - età compresa tra i 23 e i 55 anni - patente b - automunito - esperienza lavorativa nella mansione di almeno 2 anni titolo di studio: diploma o laurea. Condizioni contrattuali: libera professione - mandato di agenzia: contribuzione mensile più provvigioni più incentivi e premi produzione. RIF. 938 azienda privata in: Novi Ligure cerca: 1 addetto alla manutenzione e riparazione gruppi frigoriferi con conoscenza di gas refrigeranti, centraline elettroniche ed elettricità - requisiti richiesti: diploma di perito elettronico - esperienza di almeno 2 anni nella mansione – patente B automunito – Orario di lavoro: full time dalle ore 8,00 alle ore 12,00 e dalle ore 14,00 alle ore 18,00 – Condizioni contrattuali: Contratto a tempo determinato di 6 mesi – gradita iscrizione alle liste di mobilità – Per candidarsi inviare il curriculum a: info@coffigel.com o fax: 0143-746118 - Scadenza avviso 17/07/2013 RIF. 940 azienda privata in: Novi Ligure cerca: 1 addetto all’installazione e manutenzione di attrezzature con conoscenza elementi di idraulica e gas refrigeranti - requisiti richiesti: diploma di perito elettronico - esperienza di almeno 2 anni nella mansione – patente B automunito – Orario di lavoro: full time dalle ore 8,00 alle ore 12,00 e dalle ore 14,00 alle ore 18,00 – Condizioni contrattuali: Contratto a tempo determinato di 6 mesi – gradita iscrizione alle liste di mobilità – Per candidarsi inviare il curriculum a: info@coffigel.com o fax: 0143-746118 - Scadenza avviso 17/07/2013

RIF. 828 Ditta dell’ovadese cerca. N. 1 operatore tornio-fresa con esperienza ventennale anche nell’uso di trapano, moletta, rugosimetro e plateau di riscontro, in saldatura di riparazione, aggiustaggio componenti da accoppiare con raschiettatura manuale, controlli geometrici/dimensionali. - Requisiti necessari: passaporto italiano valido e con scadenza non inferiore ai 6 mesi e lettura disegno meccanico. Preferibile conoscenza della lingua inglese. Contratto di lavoro di 15 giorni con possibilità di proroga in Bangladesh. RIF. 873 Ditta di Ovada cerca n. 1 agente di commercio per la vendita di spazi/mezzi pubblicitari. Raggio d’azione: 100 km. Utilizzo auto propria. Necessario diploma di scuola superiore e spiccate doti comunicative. Contratto a progetto o partita iva. RIF. 908 Studio dentistico di ovada cerca n. 1 assistente alla poltrona. Eta' compresa tra i 19 ed i 29 anni. Inserimento tramite tirocinio della durata di 3 mesi, con possibilita' di trasformazione in contratto di apprendistato. Part-time di 20 ore settimanali, sabato mattina compreso (dopo i 3 mesi, sara’ un full-time) RIF. 915 Agente di vendita, procacciatore di clienti, venditore con esperienza consolidata superiore ai due anni - anche nel rilievo di misure e nel settore edile. Titolo di studio: geometra/tecnico/perito. Orario di lavoro: full-time, dal lunedi' al venerdi', zona: provincia di alessandria, asti e genova. Eta' : 28/40 anni. Necessaria apertura partita iva ed utilizzo propria auto

casalemonferrato Per informazioni rivolgersi a: CENTRO PER L’IMPIEGO via Magnocavallo 11/13 - tel. 0142 452394 RIF. 539 Azienda privata in Casale cerca n° 5 intermediari assicurativi per attività commerciale di gestione portafoglio clienti e ricerca nuovi clienti. Età compresa tra i 22 e 45 anni. In possesso della patente b e automunito. Richiesta esperienza anche minima nella mansione e predisposizione al contatto con il pubblico. Orario: full-time. Contratto offerto: mandato di agenzia, fisso e provvigioni. RIF. 732 Azienda privata in Casale Monferrato ricerca n° 2 addetti/e etichettatura caschi con esperienza nella mansione - assunzione a tempo determinato 6 mesi – automuniti – preferibili sgravi contributivi

ovada

RIF. 732/1 azienda privata in Casale Monferrato ricerca n° 2 addetti/e lavaggio pulizia e prima verniciatura calotte con esperienza nella mansione - assunzione a tempo determinato 6 mesi. Automuniti, preferibili sgravi contributivi.

Per informazioni rivolgersi a: SPORTELLO TERRITORIALE - via Nenni 12/16 tel. 0143 80150 - fax 0143 824455 RIF. 679 Ditta dell’ovadese cerca n. 1 programmatore meccanico su macchine fresatrici/alesatrici a controllo numerico (heidenhain in particolare). Necessaria esperienza di almeno 2 anni nel settore e capacita’ di lettura ed interpretazione dei disegni meccanici. Età minima richiesta: 26 anni. Contratto a tempo indeterminato.

!

RIF. 880 Azienda privata in Casale ricerca n° 1 falegname qualificato con almeno 2 anni di esperienza nella mansione - assunzione a tempo indeterminato – part-time 15 ore settimanali (3 ore al giorno) - automunito – preferibili sgravi contributivi.

*

RIF. 905 bar vicinaze Alessandria ricerca barista con esperienza pluriennale, età compresa tra i 25 e 45 anni,capacita' di gestire un locale in piena autonomia, in possesso di patente ed auto- disponibile ad orario dalle 15.00 alle 21.00 (compresi festivi) RIF. 907 azienda agricola nelle vicinanze di alessandria cerca addetto guida mezzi agricoli- requisiti: esperienza nella conduzione di trattori, cura di aree verdi e viti, eta’ compresa tra i 20 e i 45 anni. Contratto di lavoro a tempo determinato con possibilita’ di inserimento definitivo. RIF. 925 bar pizzeria nelle vicinanze di alessandria cerca apprendista barista. Requisiti: età compresa tra i 20 e i 29 anni-automunita. Persona giovane seria e responsabile,disponibile a imparare a gestire bar e caffetteria, compresa pulizia del locale e riordino merce, sono richieste inoltre doti relazionali e bella presenza. RIF. 937 ditta metalmeccanica cerca un tecnico installatore e manutentore impianti fotovoltaici sia a terra che su tetti- requisiti: automuniti. Eta' compresa dai 20 ai 55 anni, gradita conoscenza scolastica della lingua spagnola e pc. Contratto iniziale a tempo determinato con possibile inserimento definitivo. RIF. 946 ristorante pizzeria nelle vicinanze di alessandria cerca aiuto pizzaiolo. Requisiti: automunito ,preferibile esperienza nel ruolo , doti relazionali e buona volonta’.- Si offre contratto di 5 ore settimanli, sabato sera dalle 18.00 ale 24.00. RIF. 950 pizzeria ristorante ad alessandria cerca pizzaiolo con esperienza pluriennale - Eta’ superiore ai 30 anni-precisione ed affidabilita’ per preparazioni per intolleranti. Preferibilmente in mobilita’ o disoccupati da almeno 24 mesi. Condizioni contrattuali: contratto iniziale a tempo determinato con fututro inserimento

valenza Per informazioni rivolgersi a: SPORTELLO TERRITORIALE via IX Febbraio ang. via Carducci tel. 0131 942104 - fax 0131 920611 RIF. 894 Azienda privata in Valenza cerca 2 intermediari assicurativi – requisiti richiesti: età 23/35 anni; diploma o laurea; conoscenza pacchetto office – internet. Pat. B – automuniti. Attivita’ previste: intermediazione assicurativa; ricerca nuovi clienti; gestione e sviluppo portafoglio clienti; gestione rete vendita. Condizioni contrattuali: preliminare corso di formazione finalizzato all’iscrizione al rui (sez. C) – lettera d’incarico; fisso + provvigioni. Prospettiva di assunzione a tempo indeterminato. Orario: full time RIF. 906 Azienda artigiana in Valenza cerca 1 apprendista per mansioni di idraulico per impianti requisiti richiesti: età min 16 anni max 29 anni. Esperienza in impianti idraulici, di condizionamento, di riscaldamento e gas condizioni contrattuali: contratto di apprendistato orario: full time

# % $( &'+ !!" #% ))" !"!

"!

+

RIF. 895 ditta privata cerca addetta pulizie con patente e auto, età compresa tra i 40 e 55 anni, in mobilita' o disoccupazione da più di 24 mesi. Disponibile al lavoro nei giorni festivi (riposo a rotazione). Si prevede iniziale formazione a tempo pieno, poi inserimento part time al mattino (7.30-10.30). Si potranno considerare ammesse solo le persone con queste caratteristiche.

*

!'" (%"

*

* *


ilmercatino l’arredo VENDO credenza 5 ante (base + cristalliera) anni 60 ; tutto legno color noce chiaro. Usata , in ottimo stato Tel 320 0684930 VENDO 2 divani (3 posti), 2 poltrone in tessuto marrone. Euro 200,00. Anche separatamente. Tel. 339 3835070. VENDO causa trasloco mobilia varia tutta in buono stato. Tel. 340 5458645. VENDO stufa a pellet Sideros kw 7 – 9 anno 2010. Euro 600. Tel. 0143 70466 – 339 4222265. VENDO sala Chippendale fine anni ‘50 in radica noce intarsiata con buffet con specchio, tavolo, 8 sedie, ecc. Tel. 339 4878425. VENDO stufa a pellet 4 mesi di vita causa trasferimento. Vera occasione. Tel. 347 6704464. VENDO Stufa In Ghisa Con 4 Fuochi A Euro 200.00 tel 339 3368812 CAUSA trasloco vendo arredamento nuovo: armadio, letto in ferro, ecc. Anche cuccia per cane. Tel. 347 1995633. SCRIVANIA Ikea bianca/argento cm. 160 nuova. Euro 60. Tel. 346 0190175. VENDO armadio a 6 ante con 3 cassettiere e 2 comodini color ciliegio. Euro 500,00 tratt. Tel. 366 2963747. VENDO frigorifero 2 ante Sharp e cucina a Gas Nardi con due cestelli laterali a Euro 1200.00 trattabili - tel. 347 5759829 VENDESI comoda poltrona letto in tessuto 95x90x83. Euro 50,00. Tel. 338 1052949. VENDESI lettino bimbo nuovo completo di materasso. Euro 50,00. Tel. 329 7958911. REGALO mobili cucina con tavolo. Tel. 377 114 79 23 LAVELLO per cucina da incasso bianco 50x86 vasca a destra, completo di rubinetto vendo euro 110,00. Tel. 347 5220329. VENDO comò cassettone in stile Impero metà ‘800. Euro 800,00 tratt. Tel. 347 7501789. VENDO divano letto matr. In tessuto. Euro 100,00 in omaggio 2 abat-jour da comodino + lampadario 4 luci. Tel. 333 8983392. VENDESI 2 divani stile arabto + divano 3 posti + 2 poltrone in pelle sauvage (verde oliva) Euro 300,00. Tel. 329 7958911. SVENDO causa trasloco testiera e pediera in ferro per letto mat. senza reti. Euro 30,00 + 3 sedie rosse da giardino euro 30,00. Tel. 333 7859380. VENDO ventilatore da soffitto con luce. Euro 20,00. tel. 346 7110387. CEDO servo scala Ceteco con poltroncina abilitata anche per usi esterni. Usato 2 mesi nel 2011. lunghezza cremagliera mt. 5,00- tel 338 4723303. VENDO cucina componibile, 5 mt di lunghezza, anno 2010, con elettrodomestici e tavolo + sedie. Euro 1300,00 tratt. Tel. 345 1721012.

gliimmobili AFFITTASI garage in piazza Mazzini a Ovada; ampia metratura, adatto anche uso magazzino. Tel. 331 5704553 VENDESI box auto a Novi via Dei Mille ang. Via IV Novembre. Tel. 339 4340009. AFFITTASI app. solo referenziati via M.te Nero 4p: sala, cucina, 2 letto, bagno, 2 terraz., ecc. Tel. 338 2595888. CASA indip. 2 piani con 300mq di sedime, risc. Metano, doppi vetri, 1°p ristrutturato. Tel. Ore pasti 0143 745480 o 338 4610180. VENDESI appartamento a Novi centro storico: 4 stanze, cucina, servizi, cantina e garage. Euro 140.000,00. Tel. 338 9493829. AFFITTO Novi centro bilocale 50mq semiarredato: cucina, soggiorno, camera, bagno, poggiolo. Tel. 338 4276382.

AFFITTASI in Sanremo bilocale centrale, 1° piano zona Casinò vicissimo spiaggia libera. Prezzo da concordare in base al periodo. Tel 377 1597715. AFFITTO a Novi in via Zanotta app.ammobiliato al 1°p: cucina, ab., 2camere, risc.aut., ecc. Euro 320,00. Tel. 340 7671829. AFFITTO alla Barbellotta casa semindipendente con giardino semiarredata. Solo referenziati. Tel. 335 6123187. AFFITTO centro storico Novi box-magazzino apertura mt.2. Solo referenziati. Tel. 335 6123187. AFFITTASI a Novi in zona Pascoli appart. al pt arredato, risc.auton., giardino privato. Tel. 333 9556583. VICINANZE Golf Gavi vendo casa con 11mila mq terreno con parco cintato. Tel. 347 4550144. VENDESI bilocale ristrutt. E arredato in centro a Torino in zona ospedale Mauriziano. Prezzo int. Tel. 347 8111126. VENDO a Novi villetta bifamiliare con giardino e orto. Tel. 339 1055893. VENDESI a Silvano d’O. Casa semindip. Subito abitabile con cortile e terreno. Euro 98.000,00. Tel. 333 6643452. VENDESI casa di campagna con portico edificabile e terreni 9 vani. Tel. 333 9751762. VENDO a Novi appartamento 100mq in via Cavallotti, ultimo piano: cucina, tinello, 3 letto, bagno, 2 terrazzi. Euro 86.000,00 tratt. Tel. 320 3463130. STUDIO medico in Novi, perfetto, posizione unica, via Caval-lotti, privato affitta. Tel. 335 6109033 AFFITTO appartamento a Nov in zona Viali con risc.aut.: doppi serv., 3 letto, ascensore e cantina Affitto bloccato per 5 anni. Tel. 347 6958430. VICINANZE Outlet affitto bi-locale arredato per brevi periodi. Tel. 333 1857298. AFFITTASI a Celle L. villetta a schiera. 7 posti letto (giu-lugago). Tel. 333 1857298. AFFITTASI Sardegna Castelsardo appartamento in villetta 8 postiletto doppi servizi, piscina, postoauto. Tel. 347 1646343.

illavoro MATERIE umanistiche, aiuto per compiti ed esami. Insegnante impartisce lezioni anche a domicilio. Tel. 380 3095639 o 0143 642816. RAGAZZA neo-diplomata in lingue straniere cerca lavoro come baby sitter e ripetizioni nelle materie suddette. Tel. 339 2129991 SI impartiscono lezioni di fisica e matematica; tel. 3341394865 0143 510657 SIGNORA con esperienza pluriennale cerca occupazione fulltime come commessa. Tel. 320 6733725. RINGRAZIAMENTO I Familiari sentitamente commossi ringraziano di cuore tutti coloro che hanno partecipato al loro dolore per la scomparsa della cara

ilsettimanale • giovedì 27 giugno 2013

39 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

INSEGNANTE impartsce lezioni estive di italiano, filosofia, inglese e francese. Disponibile anche per compiti elle vacanze. Tel. 3318770178 ESPERTO panettiere offresi con pronta disponibilità. Tel. 340 9932881. CERCO lavoro come baby sitter e lavori domestici, ass.anziani anche la domenica. Tel. 389 0239748. SIGNORA, 50enne, italiana, cerca lavoro per lavori domestici, baby sitter. Automunita. Novi e dintorni. Tel. 347 1066965. SIGNORA, 27 anni, cerca lavoro come addetta alle pulizie, assi-stenza anziani, barista. Chiedo serietà. Tel 388 1183182 SIGNORA 27 anni, cerca lavoro come addetta alle pulizie, assi-stenza anziani, barista, pizzaiola. Disponibilità immediata. Tel 346 7844810 INSEGNANTE laureata impartisce lezioni private, aiuto compi-ti. Disp. Anche come baby sitter. Tel. 347 7807927. RAGAZZA con esperienza offresi quale badante, sempre disponibile. Tel. 329 1795007. CERCO lavoro come baby sitter, pulizie, ecc. Max serietà. Tel. 389 0239748. SIGNORA rumena di 38 anni, referenziata, offresi per ass.anziani, anche non autosuff., pulizie, ecc. Disp. la domenica e festivi. Tel. 346 2870086. SIGNORA rumena di 46 anni, da 10 in Italia, ref., offresi per ass.anziani anche non autosuff., pulizie, ecc. Tel. 345 1721012. SIGNORA italiana referenziata, automunita, offresi per pulizie domestiche, uffici, ecc. Tel. 349 0796441. SIGNORA con esperienza offresi come badante 7gg su 7. Tel. 393 3731298. RAGAZZO 38enne, cerca lavoro come addetto front-office, rece-pionist aziendale, ecc. Ottimo francese. Tel. 377 1211426. SIGNORA italiana, automunita cerca lavoro come ass.anziani (diurno), baby sitter, pulizie. A Novi e zona. Tel. 340 8205060. RAGAZZA max esperienza e serietà offresi quale badante. 24Hsu24. Tel. 345 1595681. RAGAZZA offresi come badan-te, pulizia, baby sitter 24hsu 24. Tel. 380 7958046. RAGAZZO 38enne cerca lavoro extra sabato e/o domenica per assistenza persone autosufficienti. Tel. 377 1211426. RAGAZZA referenziata offresi come parrucchiera e baby sitter con esperienza anche weekend. Tel. 348 5672218. RAGAZZA con esperienza offresi come baby sitter (anche tempo pieno). Tel. 346 5945768. SIGNORA cerca lavoro 3-4 giorni la settimana, esperienza settore amministrativo. Tel. 329 7643803. ESEGUO lavori di cucito di varia entità. Tel. 342 6038792.

Attenzione Compila il tagliando con il testo dell’annuncio e consegnalo o spediscilo a Sic srl, Via Garibaldi 17, 15067 Novi Ligure. Verranno pubblicati solo gli annunci pervenuti sul tagliando in originale (non sono ammesse fotocopie, fax, email). Non si ricevono annunci per telefono

ELVIRA COSTICH Un particolare ringraziamento al reparto Oncologia Day Hospital di Novi Ligure, Infermieri e Dottori Domiciliari, volontari Associazione Iris, Croce Rossa e tutti coloro che hanno vissuto con lei. Novi Ligure, 22 giugno 2013 S.p.A. Pompe Funebri via Paolo Giacometti, 22 c/o Comune di Novi

Per inserzioni a pagamento contattare la redazione: 0143. 314700 annunci@ilnovese.info Annunci e ricordi dei propri cari devono pervenire entro e non oltre il venerdì antecedente l’uscita del giornale

CERCASI baby sitter referenzia-ta, diplomata o laureata per 2 bambini con aiuto compiti. Zona Ovada Cremolino. Tel. ore serali 348 2557552 S IG NORA referenziata con esperienza cerca lavoro come badante. Disponibilità 24 H. 340 5189390. SIGNORA cerca occupazione 3 o 4 mattine la settimana. Esperienza pluriennale. Tel. 320 7643803. CERCO lavoro come pulizie, stirare, cucito, badante. Anche a ore. Tel. 342 6038792. GUARDIA giurata ricerca impiego decreto/documenti in corso di validità. Tel. 3 92 9905148. ESEGUO lavori in patchwork. Ti interess a? Tel. 3 4 0 5142898.

a cura di VIZI e SERVIZI Tabaccheria Alberti dal 1970 piazza Mazzini 21, Ovada, tel. 0143 86402

I capilista delle 10 ruote Ruota

Ritardo attuale

Ritardo storico

85 46 25 11 74 62 22 35 60 47 78

125 51 97 80 112 67 81 94 71 98 77

88 88 96 97 154 125 119 104 92 114 77

BARI CAGLIARI FIRENZE GENOVA MILANO NAPOLI PALERMO ROMA TORINO VENEZIA NAZIONALE

imotori VENDO Vespa pk 125 motore rifatto, carrozzeria da riordinare. Tel. 331 5814234. VENDO Suzuki Ignis 4x4 gpl, esente bollo 2014, grigio met. Tel. 348 9133470. VENDO moto Honda Hornet 600, anno 2002, Km 20000. Euro 2000,00 tratt. Tel. 339 8667584 VENDO Suzuki Santana Sj410 anno ‘87, gpl, frizione e motore rifatti, rev. Euro 5000,00 . Tel. 331 3640823. VENDO scooter Yamaha Majestic 400 aprile 2005 Km 24000, cinghia, rulli e batteria nuovi. Euro 2100,00. Tel. 349 1770095. VENDO motorhome Itineo anno 2011 pluriacces. Come nuovo. Per info e visione telefonare al numero 349 5215613 (Sara). VENDO Audi D1.5 A/4, 4 ruote motrici, cambio automatico, Km. 191.000, anno 2003, ecc. Euro 5000,00 trattabili. Telefonare al numero 0143 645064.

Numero

Ambi con i ritardatari

BARI 85-48 85-81 85-90

Da giocare Decina del 70 su Bari Cadenza 3 su Firenze Figura 4 su Milano Radicali 3 su Palermo

DATI AGGIORNATI AL 20/06/2013 PREVISIONI DA GIOCARSI PER 3 ESTRAZIONI

levarie VENDESI piscina fuori terra nuova ancora sigillata, ovale mt. 6,60x3,66x1,20. Euro 1200 tratt. Tel. 335 1797706. CANOA 4 posti, rossa, 2 pagaje, gavoni stagni. Tel. 331 5814234. Kajak Ercini grigio met. Tel. 331 5814234. VENDO pinguino Delonghi modello pac 46, con accessori. Ottime condizioni. Tel. 340 3237747. VENDO botte di vetroresina q. 5. Euro 150,00. Tel. 349 8476821.

VENDO piscina fuori terra tipo “laghetto”, costruita con telo pvc, con scaletta in acciaio, ecc. Tel. 347 2788972. VENDO portapacchi per Passat Variant 98 o per Golf Variant. Nuovo, originale, con astuccio. Euro 50,00. Tel. 339 5037143. VENDO pelliccia di visone canadese. Prezzo int. Ottimo stato. Tel. 366 8022754. VENDO tappatrice per bottiglie. Usata Tel 320 0684930. VENDO monete italiane e di tutto il mondo. Fuori corso. Tel 320 0684930.

anniversario

anniversario

anniversario

È ricorso l’anniversario della scomparsa di

Il 28 giugno ricorre l’anniversario della scomparsa di

Il 28 giugno ricorre l’anniversario della scomparsa di

VINCENZO BRULLO

ALESSIO BRULLO

TOMASZ PAGOWSKI

La moglie e il figlio lo ricordano con immenso affetto e amore.

I genitori e i nonni lo ricordano con immenso affetto e amore.

La mamma e i nonni lo ricordano con immenso affetto e amore.

GLI ANNUNCI DE ‘IL MERCATINO’ SONO GRATUITI ESCLUSIVAMENTE PER I PRIVATI

Non verranno pubblicati annunci pervenuti in forma anonima. Il nome – se non espressamente richiesto – non comparirà sul giornale. Le inserzioni gratuite vengono pubblicate a discrezione del giornale e in base alla disponibilità di spazio. L’editore si riserva a proprio insindacabile giudizio di rifiutare gli annunci che non siano conformi alle istruzioni indicate o comunque ritenuti non pubblicabili. L’inserzionista è informato dell’esistenza dei diritti che il d.lgs. 196/2003 riserva al titolare dei dati personali ed in particolare al diritto di verifica e del diritto di richiederne la cancellazione. L’inserzionista pertanto acconsente alla raccolta di tutti i dati forniti ed alla loro comunicazione ai nostri partner contrattuali.

Nome e Cognome . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Indirizzo

.......................................................................................

Telefono . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Testo dell’annuncio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........................................................................................................... ........................................................................................................... ........................................................................................................... ........................................................................................................... ........................................................................................................... ........................................................................................................... ...........................................................................................................

Firma leggibile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


ilsettimanale • giovedì 27 giugno 2013

40 www.novionline.net • www.ovadaonline.net


IL NOVESE n. 25 del 27 giugno 2013  

Settimanale di informazione delle valli Borbera, Lemme e Scrivia. Dal 1963 il giornale di Novi Ligure

Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you