Issuu on Google+

!

""

settimanale

valliscriviaborberalemme

Giovedì 6 giugno 2013 · N. 22 · Anno 51 - euro 1,00 Poste Italiane s.p.a. - spedizione in abb. postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n°46) art.1, comma 1, DCB/AL - Edizioni SIC s.r.l. - Novi Ligure · Iscr. al Registro Stampa del Tribunale di Alessandria al n. 149 del 27/8/1963 · Direttore Responsabile: Marco Matteini

lapolitica

ilrapporto

Riva Fire in testa per fatturato Anche quest'anno ritorna il consueto momento di tirare le somme sul bilancio delle principali aziende della provincia di Alessandria, tenendo conto del loro fatturato relativo all'anno 2011. Le fonti ufficiali si basano principalemente sul "libro bianco" di Mediobanca. Al primo posto di questa classifica troviamo il gruppo Riva Fire, fornitore di servizi per l'ilva di Novi Ligure, con un fatturato di oltre 10 miliardi di euro, mentre l'Ilva si piazza al secondo posto con 6 miliardi. Al terzo c’è il Gruppo Marcegaglia, mentre la Kme è quarta.

PAGINE 4-5

""

CONTIENE I.P.

Gianfranco Chessa lancia bordate a destra e a sinistra ma... i Giovani Democratici si presentano.

Variante: dal consiglio un sì monco È stata approvata lunedì sera in consiglio comunale la variante parziale al Piano regolatore riguardante la ricollocazione di due aziende, una manifatturiera e l’altra dolciaria in capannoni dismessi situati in via Ovada e strada del Turchino. La variante è passata con 13 voti a favore, due astenuti (Federico Tuo e Gianni Piazzale, del Pdl) e due contrari (Francesco Sofio e Francesco Moro, del gruppo misto). Le osservazioni pervenute in Comune da parte dell’associazione “La nostra terra” e dell’avvocato Paolo Sturla, patrocinante in Cassazione di Voghera, sono state respinte. Il dibattito in aula è stato ricco di interventi alla luce dell’importante decisione che l’aula ha dovuto prendere. Non hanno partecipato alla riunione Biagio Zigrino, Dilva Manfredi e Michela Ziccardi della maggioranza. Queste assenze hanno portato il consigliere Marco Bertoli (del gruppo “Per Novi Maria Rosa Porta sindaco”) a sottolineare come «ancora una volta il numero legale è garantito grazie alla presenza della minoranza». Dalla variante dovrebbero arrivare nelle casse comunali tra i venti e i quarantamila euro. PAGINA 7

!

La sfiDa

tra generazioni ALLE PAGINE 2 E 3

IL CASO

LA FESTA

LO SPORT

Terzo Valico, si sgonfia il Novileaks

Ascolta l’Africa ringrazia tutta la città

Novese, arriva mister Zichella?

PAGINA 11

IL COLPO

Svaligiata la cassaforte da cinquanta mila euro Ma uno dei ladri si ferisce gravemente con la sega circolare. Il sangue lo tradisce. PAGINA 6

PAGINA 15

PAGINA 31 Anche il nucleo scientifico investigativo dei carabinieri è sulle tracce dei ladri che, nei giorni scorsi, hanno compiuto un furto di grosse proporzioni all’interno di una villa in località Monterotondo di Gavi. I malfattori potrebbero essere stati traditi dal loro stesso sangue. Approfittando dell’assenza dei proprietari i ladri sono riusciti a penetrare all’interno dell’abitazione, piuttosto isolata, forzando una delle imposte. Probabilmente sapendo che nella cassaforte si celavano numerosi oggetti preziosi. Quindi, utilizzando una sega circolare con disco diamantato, i malviventi hanno avuto buon gioco nel tagliare lo sportello e appropriarsi dei gioielli. A quel punto si è verificato un imprevisto. Forse a causa di un movimento maldestro, uno dei ladri si è ferito profondamente con la sega circolare. Ma non è bastato pulire il pavimento dal sangue per cancellare ogni traccia.


primo piano

ilsettimanale • giovedì 6 giugno 2013

2 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Ecco i giovani nativi democratici Colloquio con i rappresentanti novesi della generazione dei ventenni del Pd nati politicamente scollati dai vecchi partiti come il Pci o la Margherita. Seri e disincantati Si definiscono «una generazione di ventenni disincantati, e non solo in politica», e concordano sul fatto che «l’alleanza con Berlusconi non piace a nessuno, ma la priorità oggi è far ripartire il Paese, a ogni costo». Sono “nativi democratici”, nel senso che, per evidenti ragioni anagrafiche, la loro esperienza di militanza politica è nata all’interno delle “giovanili” del Partito Democratico, e sorridono all’idea che chi è più anziano, e figlio di altre logiche, cerchi di capire se si sentano figli dell’ex Pci, piuttosto che della Democrazia Cristiana. «Noi siamo proprio un’altra cosa, nel frattempo è cambiato il mondo».

L’ALLEANZA L’intesa col Pdl non piace proprio ma le priorità adesso sono quelle di far ripartire il paese dopo la crisi Li incontriamo seduti attorno al tavolo della sala riunioni del Pd novese, per una conversazione senza steccati, che guarda alla realtà nazionale e locale con gli occhi di ragazzi politicamente impegnati, ma anche immersi nella vita cittadina, e universitaria. Sono quattro, tutti maschi («ma per pura coincidenza: doveva esserci anche una nostra amica, che è indisposta»), tra i 21 e i 23 anni, con un’oscillazione anagrafica che a quell’età sembra una differenza rilevante. E probabilmente lo è davvero.

È Stefano Leardi, segretario dei giovani democratici novesi, a rompere il ghiaccio: «Non è che questa strana alleanza Pd, Scelta Civica e Pdl, a sostegno del governo Letta mi convinca pienamente. E senz’altro è un’altra storia, rispetto a chi va a scomodare gli anni Settanta del secolo scorso, e il compromesso storico. Qui il problema è la vera emergenza che oggi il Paese vive, soprattutto sulla pelle dei più deboli. E il mio timore è che si finisca per accordarsi su una serie di compromessi “al ribasso”, mentre soltanto con un vero colpo d’ala, e la messa a punto di riforme istituzionali ed economiche rapide ed efficaci possiamo sperare di uscire dalla situazione in cui siamo precipitati. Capisco però che ci sia chi dice: questi in fondo sono gli stessi partiti che sostennero il governo Monti. Se allora le riforme sono state appena abbozzate, e non portate a termine come si sarebbe dovuto, perché dovrebbe riuscirci Letta? E indubbiamente le grandi, e diversissime tra loro, difficoltà che stanno vivendo Berlusconi da un lato, e il Pd dall’altro, potrebbero pesare, e in negativo». È Daniele Gualco, a questo punto, a intervenire: «Verissimo, ma a dare la svolta in autunno possiamo essere soltanto noi, facendolo nascere davvero, questo Pd: perché diciamocelo, oggi di Pd ne esistono diversi, e spesso in contrapposizione tra loro: ma, attenzione, non è più questione di ex Pci ed ex Dc. Quelli di oggi sono gruppi eterogenei, che però fanno spesso prevalere interessi di parte, rispetto a quelli generali. Certamente il congresso va fatto, e da partito plurale e pluralista dobbiamo confrontarci su tutto. Ma con l’obiettivo di arrivare a una sintesi vera, per imboccare con

decisione una strada di cambiamento». Esiste, secondo i giovani democratici novesi, un concreto rischio di scissione, nel solco di una tradizione “divisiva” che a sinistra è stata più volte percorsa in passato? «Speriamo che si trovi un’intesa vasta su un progetto di Paese – continua Daniele – ma l’unità a tutti i costi non avrebbe senso, se mancasse una reale condivisione di contenuti, di strategia. Personalmente rimango convinto che la soluzione, magari con la necessaria gradualità, stia nei nativi democratici, come siamo noi, e tanti altri». Insomma, nessuna epurazione, e massimo dialogo e confronto tra generazioni ed esperienze diverse: ma solo quando gli ex Pci ed ex Dc «allenteranno un po’ la presa», e a emergere saranno le istanze, e i volti, di una nuova classe dirigente, il Pd potrà dirsi un partito davvero nuovo, in grado di farsi interprete dell’Italia di domani, e non di ieri.

Chi fra voi è renziano? Alla domanda, Alessio Mastella (22 anni, «e nessuna parentela per così dire illustre, precisiamolo») alza la mano, e prende la parola: «Ritengo Matteo Renzi un leader, e spero davvero che possa, nei prossimi mesi e anni, dare un contributo decisivo. Peraltro io Bersani l’ho anche apprezzato, come ministro lavorò benissimo, e fece riforme importanti». Come segretario del Pd un po’ meno, par di capire: ma questi ragazzi hanno davvero già appreso le tecniche della comunicazione politica, e sanno dire, e sottintendere. «Comunque devono essere le primarie – continua Alessio, con segni di condivisione degli altri ragazzi seduti al tavolo – a

consentirci di invidiare il prossimo candidato premier del centrosinistra. E non vedo ragioni per cui il segretario del Pd debba per forza anche essere candidato alla premiership: anzi, personalmente vedrei bene Renzi premier, e preferirei che lasciasse ad altri la guida del partito». È nuovamente Leardi a intervenire: «Credo che ormai nessuno, nel Pd, metta in discussione le qualità di Renzi, anche se è indubbio che durante le precedenti primarie si è mosso in modo un po’ naif, guardando un po’ troppo all’elettorato esterno al partito, e forse spaventando così l’elettorato più tradizionale. Lui stesso poi, alla Fiera del Libro, ha riconosciuto che sul concetto di rottamazione ha esagerato, facendo passare un messaggio eccessivamente divisivo. Ma poi, attenzione: siamo sicuri che con Renzi candidato del centro sinistra avremmo vinto le elezioni? Considerata la fine che è toccata a Prodi durante le votazioni per il Quirinale, è lecito dubitarne…».

Il conflitto generazionale: sul tema, i giovani democratici novesi “frenano”, nel timore di essere fraintesi: «Nessuno deve farsi da parte per forza – precisa Alessio Mastella – così come niente è dovuto per ragioni anagrafiche. Chi vuole spazio, a livello nazionale come locale, deve saperselo conquistare, con la forza delle idee e delle proposte. Senza tenere sempre la carta d’identità in mano insomma. In politica, e ancor più nell’amministrazione degli enti locali, l’esperienza e la competenza sono essenziali. Nessuno deve essere spazzato via: semmai deve esserci un forte trava-

so tra generazioni, con spirito assolutamente collaborativi».

Ed eccoci al piano locale: perché questi giovani novesi oggi, anno di grazia 2013, credono nella politica? E come si sono avvicinati al Partito Democratico? Tradizione di famiglia? Cooptazione tra amici? “Sacro fuoco” che li ha spinti a bussare alla porta del partito? A rispondere per primo è Andrea Suverato, fino a quel momento il più silenzioso dei quattro: «Credo di essere l’ultimo in ordine di arrivo – spiega – poiché mi sono avvicinato al Pd solo pochi mesi fa. E di noi quattro probabilmente sono anche l’unico ad avere una tradizione di impegno politico in famiglia, dal momento che mio nonno è Franco Soffiantini [storico esponente della sinistra novese; ndr]. Semplicemente, mi sembrava arrivato il momento giusto per provare a fare qualcosa in prima persona: forse proprio perché c’è un clima generale

ilcommento

ETTORE GRASSANO ettore.grassano@alessandrianews.it

di così forte disillusione, tra i ragazzi e non solo». Andrea fu in realtà compagno di liceo per cinque anni di Stefano, così come Daniele e Alessio si conoscono dai tempi delle scuole elementari: come inevitabile che sia, in un piccolo centro in cui i ragazzi crescono insieme, “incrociandosi” sempre, prima o poi, o negli studi o nel tempo libero. Ma a Novi, tra i ventenni almeno, è tornato di moda l’impegno politico? «Non esageriamo – sorride Stefano Leardi – non abbiamo la pretesa di essere rappresentativi di una generazione. E quel che constatiamo, tra l’altro, è che esiste già una grande differenza tra noi che abbiamo tra i 20 e i 25 anni, e i liceali di oggi. Certamente nel Pd novese esiste un bel gruppo, di 2530 ventenni, iscritti e frequentanti, diciamo così. Ma ci sono anche altri nostri amici che simpatizzano, e partecipano alle iniziative del partito come la Festa Democratica estiva, senza essere tesserati». SEGUE A PAGINA 3

Ma che fine ha fatto la rabbia giovanile? Sono davvero rappresentativi della loro generazione, questi giovani democratici novesi? E sono loro “la meglio gioventù” cittadina? Difficile azzardare una risposta, che forse solo i loro coetanei sono autorizzati a dare. Preparati, consapevoli e riflessivi (forse troppo: che fine ha fatto la rabbia giovanile?) certamente sono la dimostrazione che il Partito Democratico a Novi (e altrove non è dappertutto così) continua non solo a mantenere una sua capacità di “attrazione” verso i ragazzi, ma anche a essere una “scuola di politica”, sia pur con le nuove modalità che i tempi impongono. Da questo “vivaio” arriveranno i politici e gli amministratori di domani? (E.G.)


primo piano

ilsettimanale • giovedì 6 giugno 2013

3 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Chessa: «Serve una nuova frontiera» tuati da sempre a remare controcorrente, qui nella piccola (ex?) Stalingrado del basso Piemonte. — Senatore Chessa, che scenario vede all’orizzonte? «Complicato e incerto. Sono stranamente d’accordo con Cecilia Bergaglio, segretaria del Pd novese, che di recente ha sottolineato come il segreto del Pci fosse “offrire a persone di diversa estrazione un luogo dove discutere insieme di politica”, in uno sforzo collettivo per migliorare la vita. E poi parla apertamente di disfatta, dei partiti del centrosinistra e di tutti gli altri, proprio perché per strada si è perso quel segreto, quella dimensione valoriale. Sono parole davvero pesanti, e sagge».

ETTORE GRASSANO ettore.grassano@alessandrianews.it

Nelle scorse settimane ha incontrato la delegazione del Pd novese al completo, e non lesina apprezzamenti per la segretaria cittadina Cecilia Bergaglio, «una giovane capace, che capisce di politica, e oggi mica è scontato». Al contempo tiene aperta la porta del dialogo con le diverse componenti del centrodestra novese, «a condizione che non si pongano pregiudiziali, e non ci vengano sottoposti ordini del giorno e programmi già preconfezionati». E naturalmente ancor prima di incontrare gli ambasciatori del Pd c’erano stati gli “abboccamenti” del caso con i vecchi amici del Pdl, guidati da Costanzo Cuccuru. Dalla sua bella casa sulla collina, a 73 anni il senatore Gianfranco Chessa osserva lo scenario novese (ma anche quello nazionale) con un po’ di sano scetticismo, come chi di battaglie ne ha combattute tante, in un’epoca in cui certamente la politica aveva se non una nobiltà, certamente una centralità e una capacità di incidere e decidere superiore a quella attuale. Ma attenzione: chi bolla la sua associazione, Novi Siamo, come Novi Eravamo, per sottolineare l’età media certamente non verde di alcuni suoi promotori (oltre allo stesso Chessa ci sono Piero Vernetti, Alberto Masoero e altri), non sottovaluti la capacità di analisi, e anche di mediazione e trattativa di questi vecchi ragazzi, di scuola democristiana o liberale, ma abi-

— Che fa senatore, prove di alleanza a sinistra? O lancia una polpetta avvelenata? «No, nessuna polpetta, per carità. Constato però che il Pd oggi attraversa, a livello nazionale come novese, una crisi che, dia retta a chi ai tempi l’ha vissuta, assomiglia molto agli ultimi anni della Dc, a cavallo tra la fine degli Ottanta e la fine dei Novanta. La fase delle correnti senza ormai più un filo conduttore comune, in un tutti contro tutti che poi finì nel modo risaputo. Oggi il corpaccione del Pd mi pare indifeso allo stesso modo, esposto all’affondo della lama del primo grillino, ciarlatano o arringapopolo». — A Novi, però, il centrosinistra governa tutto sommato senza scosse… «Lei crede? Ma guardi che, viste da vicino, le sedute del consiglio comunale cittadino sembrano sempre più rissose assemblee di condominio senza capo ne coda, baruffe prive persino di goldoniana ispirazione. E la responsabilità è senz’altro del sindaco Robbiano, protagonista di un decennio amministrativo senza il minimo coraggio (si pensi al caso Maruzzella, che fu emblematico), ma anche della sua giunta di giovani promesse non mantenute, e di tutto il Pd, che ha perso nel tempo non solo quel lascito di disciplina di togliattiana memoria, ma anche la capacità di “leggere” la città, di comprenderne il disagio…» — E l’opposizione, ha fatto la sua parte? «Purtroppo no: l’opposizione in questi anni è stata debolissima, sfilacciata, priva di un idem sentire con la città. Insomma, oggi davvero a Novi viviamo una notte in cui “tutti i gatti sono neri”, come diceva il filosofo».

— Senatore, non sarà ingenerosa questa sua analisi? In fondo è tutto il Paese a essere malmesso… «Concordo, basti vedere che alla recente tornata amministrativa la metà degli italiani è rimasta a casa, e si capisce qual è la gravita della situazione. Però, ripeto, qui da noi il Pd, per il ruolo che ha sempre avuto, mi sembra oggi in particolare sofferenza. Anche se in realtà è il voto dei moderati, su entrambi gli schieramenti, a essere in libera uscita, alla ricerca di un approdo, di una nuova rappresentanza…» — Ma davvero Novi Siamo pensa di poter dar voce e corpo a questa esigenza di novità? Non manca chi vi ricorda impietosamente la vostra anagrafe... «Oggi tutti vogliono essere giovani, lanciano slogan sul futuro, ma perdono di vista la realtà, il bisogno di valori saldi. Diceva Pascal: “Chi non vede la vanità del mondo, è vano a sua volta”. A me pare che Novi sia una città con un’età media piuttosto elevata, e che tutti abbiano diritto di rappresentanza. Oltretutto, la carta dei giovani in questi anni la giunta Robbiano se l’è giocata davvero maluccio, con scarsa autorevolezza». — Quindi? Vi apprestate a sperimentare la vecchia teoria dei due forni? Dialogo a destra come a sinistra, e poi si vede? «È presto per dirlo: diciamo che con un centrosinistra rinnovato, nei temi e nelle persone, si potrebbe provare a dialogare. Ma se il candidato dovesse essere, come si dice in giro, Rocchino Muliere, rimarremmo pienamente nel solco della vecchia tradizione post comunista, e non mi pare davvero che ci potrebbero essere le condizioni per parlarne. D’altra parte, a destra vedo grande confusione. Noi siamo aperti al confronto: dal Pdl a Fratelli d’Italia, fino ai movimenti cittadini e alle liste civiche. Ma solo se ci sono le condizioni per un confronto vero, su temi concreti e con chi crede in una città nuova». — Tre priorità concrete? «Tre forse sono poche: comunque senz’altro le opere pubbliche, a partire dal Terzo Valico. Ma senza se e senza ma, non con la costante incertezza sul tema del Pd. Poi il piano regolatore da rifare, e tutto ciò che ne consegue per la rivitalizzazione della città: ma le pare possibile che dopo più di 10 anni di Outlet siamo ancora qui a chiederci come mai ogni anno arrivano a casa nostra 4 o 5 milioni di visitatori l’anno, e il centro

storico di Novi è deserto? Infine ricostruire il teatro Marenco, anche qui superando ogni tentennamento. Insomma: mi lasci dire che trent’anni fa Novi era orgogliosa di se stessa, e costantemente innovativa sul piano imprenditoriale rispetto a Casale, o Alessandria. Oggi degli antichi fasti dei tempi di Armella o Pagella cosa è rimasto? Davvero la politica deve sapere creare le condizioni per un nuovo sviluppo, oltre che valori condivisi da tutta la comunità: se non sa fare questo, non serve a nulla». — Lei di recente ha ipotizzato che Novi Siamo alle comunali del 2014 potrebbe correre da sola, con un proprio candidato, il 45enne Fabrizio Scarsi: è un’ipotesi concreta, o solo pretattica? «Fabrizio Scarsi è una persona di valore, figlio del grande Pio Scarsi, che tanti novesi ben conoscono e apprezzano. Ma naturalmente in primo luogo dovrebbe essere Scarsi stesso a dimostrarsi disponibile, e poi naturalmente Novi Siamo è un’associazione politica e culturale, non decido io da solo. Dipenderà da molte valutazioni. Io mi limito a dire che Fabrizio Scarsi potrebbe essere un candidato sindaco di ottimo livello». — Senatore Chessa, oggi lei è iscritto al Pdl, a Scelta Civica o a qualche altro partito? «No, al momento sono iscritto solo a Novi Siamo, pur con una forte vicinanza a Scelta Civica, e una personale amicizia con Renato Balduzzi, parlamentare alessandrino ed ex ministro della Salute del governo Monti. E soprattutto mi domando: qual è il nuovo perimetro del centrodestra, e del centrosinistra? E ha ancora senso rincorrere queste etichette, o serve soprattutto un nuovo spirito di frontiera, per dare una svolta in positivo al nostro territorio, e al Paese?» — Chiudiamo con un amarcord su Giulio Andreotti? Si è letto che fu lei a portarlo in visita a Novi… «È così: fu il mio presidente del Consiglio, durante la mia esperienza in Senato. E venne da noi a inaugurare i “forni di ricottura”, all’Ilva. Altro che amarcord: se pensiamo che oggi l’Ilva è costantemente appesa a un filo, con i suoi 800 dipendenti diretti, e almeno altrettanti nell’indotto, ci rendiamo conto che viviamo un’emergenza reale, e che serve una classe di politici responsabili, che abbiano davvero a cuore il futuro dei novesi».

DA PAGINA 2

Ecco i giovani nativi democratici... Su una questione gli intervistati concordano: il Pd novese continua a essere una sorta di “isola felice”, in cui le nuove generazioni vengono accolte all’insegna del confronto, e senza spocchia o diktat da parte dei “fratelli maggiori”, o degli anziani. «Diversi di noi – spiega Alessio Mastella – credo che potrebbero citare Francesco Andronico, che è un po’ più grande, come colui che ci ha accolti e introdotti, quando bussammo, pochi anni fa, alla porta dei giovani democratici. Ma davvero siamo abituati a dialogare, e a essere ascoltati, un po’ da tutti. Da Giacinto Smacchia, che ci lascia ampi margini nell’organizzazione di buona parte della Festa Democratica, agli amministratori comunali, con una particolare menzione per il sindaco Robbia-

no: in questi anni ha sempre trovato il tempo per incontrarci, e per confrontarsi davvero con noi, alla pari. Ma anche Oreste Soro, il professor Firpo, Mario Lovelli: tutti insomma, anche quelli che non citiamo, perché non si può fare l’elenco completo». Consapevoli e informati, ma anche umili al punto giusto, i ragazzi del Pd novese non vogliono strafare: «Non abbiamo un nostro candidato per le primarie – spiega Stefano Leardi – e neanche naturalmente nessuno di noi avrebbe la presunzione di proporsi: fare l’amministratore locale richiede competenze serie, che si costruiscono nel tempo, come crediamo che la giunta Robbiano abbia ampiamente dimostrato. Noi cerchiamo sempre di evidenziarlo, quando parliamo con amici o conoscenti magari meno vicini di noi alla politica: come si

fa a criticare l’operato di amministratori che sono riusciti a risanare i conti dell’ente a tal punto, da ridurre le tasse ai cittadini? Se poi soltanto proviamo a guardare la situazione di comuni come Alessandria o Tortona, il paragone è impietoso». È Daniele Gualco ad aggiungere: «Se un limite può esserci stato, è sul fronte della comunicazione: per cui appunto oggi ci troviamo a dover fronteggiare certe critiche, frutto anche del contesto di crisi nazionale della politica, che qui da noi sono davvero immotivate».

Anche sul Terzo Valico, questi ragazzi dubbi non ne hanno: «È una questione davvero delicata – evidenzia Alessio Mastella – rispetto alla

quale però sia giunta che Pd novese si sono mossi con grande correttezza e trasparenza. Magari sarebbe stato ancora meglio affidare l’appalto con gara europea, che non mi pare ci sia stata. Ma è giustissimo non essere a priori contrari all’opera, e al contempo chiedere garanzie precise, di tipo ambientale, di sicurezza e di progetto complessivo. Perché il Terzo Valico, se si farà, non deve essere una costosa cattedrale nel deserto, ma il tassello di un mosaico più ampio, con una regia complessiva, e l’idea di dove si sta andando, e per fare cosa». E i 5 Stelle novesi? «Conosciamo elettori di Grillo – spiega Daniele Gualco – e ci confrontiamo con loro senza nessuna preclusione ideologica. L’impressione è che se i partiti tradizionali, compreso il nostro, avessero preso per tempo alcune semplici decisioni, come la

riduzione del numero dei parlamentari e della loro retribuzione, il Movimento 5 Stelle non avrebbe fatto “il botto” che ha fatto anche a Novi. E comunque loro sono un sintomo del disagio della società, non certo la soluzione». Ma cosa faranno da grandi questi giovani democratici novesi? Oggi tutti e quattro studenti universitari a Genova, hanno sguardo disincantato, ma anche aperto al nuovo: «Novi è casa nostra – conclude Stefano Leardi – e la amiamo. Ed è anche un territorio fortemente stra-

tegico, e che può continuare ad avere una sua centralità anche economica, se la politica fa le scelte giuste. Ma naturalmente ognuno di noi seguirà credo le proprie inclinazioni, passioni, interessi. Certamente siamo una generazione di viaggiatori, e il nostro orizzonte lavorativo deve essere per forza di cose non solo nazionale, ma almeno europeo. Del resto ormai Londra, Berlino o Parigi fanno parte del nostro bagaglio di esperienze e conoscenze, sono mete assolutamente alla portata di tutti».


primo piano

ilsettimanale • giovedì 6 giugno 2013

4 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Riva Fire in testa alla classifica del fatturato 2011 Ecco l’elenco delle principali aziende della provincia di Alessandria come figurano nel libro bianco di Mediobanca. Ilva seconda, seguita da Marcegaglia, Kme, Cementir, Campari, Smurfit e Roquette Italia ARIANNA BORGOGLIO a.borgoglio@ilnovese.info

Anche quest’anno ritorna il consueto momento di tirare le somme sul bilancio delle principali aziende della provincia di Alessandria, tenendo conto del loro fatturato relativo all’anno 2011. Le fonti ufficiali si basano principalemente sul «libro bianco» di Mediobanca, «Le principali società italiane. Edizione 2012», volume che comprende oltre mille gruppi e più di 2 mila imprese. L’indagine considera le società che durante l’anno hanno raggiunto un fatturato di almeno 50 milioni di euro, ma per quanto riguarda la nostra zona, e considerando il periodo di crisi, la soglia è stata abbassata a 5 milioni, un lavoro di analisi e ricerca svolto grazie all’Ufficio Studi di Confindustria di Alessandria. I dati riguardano le maggiori società

industiali e di servizi, quelle finanziarie, di leasing, factoring e credito, ma anche le principali banche e imprese assicuratrici, includendo anche i grandi gruppi di origine straniera insediati sul territorio locale e, viceversa, le aziende italiane presenti all’estero. Entrando maggiormente nello specifico, al primo posto di questa classifica troviamo il gruppo Riva Fire, fornitore di servizi per l’ilva di Novi Ligure, con un fatturato di oltre 10 miliardi di euro, mentre l’Ilva si piazza al secondo posto con 6 miliardi. Il Gruppo Marcegaglia, leader nel settore dell’acciaieria, supera i 4 miliardi di euro, mentre la KME di Serravalle Scrivia raggiunge i 3 miliardi nel settore metallurgico, e il gruppo Caltagirone, proprietario della Cementir di Arquata Scrivia, supera il miliardo grazie alla produzione di vari tipi di cemento e calce. A seguire la Campari di Novi Ligure, con un mi-

lione circa di fatturato, e poi Smurfit Kappa Italia, che nel settore degli imballaggi supera i 500 milioni di euro, e Roquette Italia, produttrice di amidi e prodotti per l’industria farmaceutica a Cassano Spinola, che si attesta sui 400 milioni di euro. A Capriata d’Orba la Kraft Foods Italia Biscuits Production fattura quasi 160 milioni di euro, Boero Bartolomeo di Rivalta Scrivia, nel settore dell’edilizia, supera i 110 milioni di euro, mentre ICE Spa, industria nel settore dei prodotti chimici e alimentari di Basaluzzo, raggiunge ampiamente i 110 milioni di euro. A Novi Ligure la Elah Dufour si attesta sui 107 milioni di euro, Nuova Eletrofer (produzione di lamiere) e Nuova Solmine di Serravalle Scrivia rispettivamente sui 74 e 73 milioni. 68 milioni di euro per la novese Pernigotti, e 66 milioni, con una differenza di poche centinaia di euro, per per il Gruppo Sutter di Borghetto Borbera

& & & %%%%

" !$ "

!

!

Un per quattro persone di una settimana in palio con gli ultimi !

#

"

"

sconti di 20 euro, pizze, dolci e bevande!

"

" ogni 20 euro di spesa saremo lieti di regalarvi un biglietto da grattare.

!

#


primo piano

ilsettimanale • giovedì 6 giugno 2013

5 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

La crisi Spiraglio anche per lo stabilimento di Novi

L’Ilva commissariata: per tre anni la fabbrica sarà nelle mani di Enrico Bondi

e la Paglieri Sell System di Pozzolo Formigaro, mentre la Tre Colli di Carrosio, nel settore degli acquedotti e oleodotti, supera i 63 milioni. Sui 60 milioni e 46 milioni troviamo il gruppo Albasider di Villalvernia, nel settore dell’acciaio, e la Acciai di Qualità di Vignole Borbera. 26 milioni, 24 milioni e 22 milioni di euro circa, nell’ordine, per Schiavetti Lamiere Forate, di Stazzano, Prisma Group di Basaluzzo (produzione di forni industriali), SLI (Società internazionale lubrificanti) di Vignole e IMET, azienda serravallese che si occupa della lavorazione dell’alluminio. A Predosa il gruppo Grassano, che si occupa dello stoccaggio di rifiuti perico-

losi, la Vezzani di Ovada (presse idrauliche), Bioindustria di Novi Ligure (chimica e farmaceutica) e La Suissa di Arquata Scrivia, nel settore dolciario, raggiungono i 20 milioni, 17 milioni, 14 milioni e 11 milioni di euro, e infine Inco-

plas Italia di Vignole, nel settore delle materie plastiche, Lechner di Arquata, per la produzione di colle e paste adesive, e il Gruppo Fridocks di Pozzolo si fermano a 10 milioni, 8 milioni e 6 milioni di euro di fatturato.

Con l’approvazione del decreto avvenuta nel tardo pomeriggio di martedì 4 da parte di Palazzo Chigi, le voci insistenti che si muovevano in questi giorni sono diventate certezza: l’Ilva di Taranto sarà commissariata e a essere chiamato a risanare lo stabilimento sarà Enrico Bondi, la cui nomina da parte del presidente del Consiglio arriverà entro una settimana. Il commissariamento avrà però una durata massima di 36 mesi e sarà finalizzato a realizzare le prescrizioni dell’Aia, impegno non perseguito dalla dirigenza. Durante questi tre anni il “risanatore” potrà avvalersi di due subcommissari, uno nominato dal ministero dello Sviluppo e uno da quello dell’Ambiente. «La decisione è di convocare oggi il Governo per un decreto che preveda un commissariamento temporaneo dell’Ilva, che consentirà di gestire l’azienda attuando l’Aia», aveva detto il ministro dello Sviluppo, Flavio Zanonato, prima di entrare nell’Aula della Camera per riferire sul caso Ilva e così è avvenuto. Da quanto recita il provvedimento preso ieri in esame, il commissariamento è previsto in presenza di uno «stabilimento di interesse strategico nazionale la cui attività produttiva comporti pericoli degradanti per l’integrità dell’ambiente e della saluta a causa della inosservanza delle norme». Insomma, il Governo, ha affermato Zanonato, ha lavorato per tutelare l’Ilva, conscio che la chiusura dello stabilimento sarebbe potuta costare cara al paese: «oltre otto miliardi di euro annui, cifra imputabile per circa sei miliardi alla crescita delle importazioni, a cui aggiungere 1,2 miliardi per il sostegno al reddito e i minori introiti per l’amministrazione pubblica e circa 500 milioni in termini di minore capacità di spesa per il territorio direttamente inte-

ressato». Questo sarebbe stato l’impatto di una serrata dello stabilimento pugliese, secondo quanto calcolato dal ministro dello Sviluppo. Inoltre la chiusura del pilastro della metallurgia italiana sarebbe stata osservata «con estrema soddisfazione dai maggiori competitor europei e mondiali». Da evitare anche la cessione, mossa che, ha poi aggiunto Zanonato, avrebbe esposto «il nostro Paese al rischio di un forte impoverimento della capacità tecnologica e di innovazione». Si tira così un sospiro di sollievo anche all’Ilva di Novi, la cui produzione si basa sui coils inviati via mare da Taranto. (S.M.)

5 $ !'(# '*/0 (( .(+ 6 $ !'(# "')#*0'! ./' !&# #/'/0# 2'/0+ !&# $ 0100+ " /+(+ 0+, ((+ /) (0')#*0+ "#( 2#."# ,#.!&6 +%*' %'+.*+ ,.+"1!# 1* )1!&'*% "' ,+!&' )'((')#0.' !&# /!+), .# *#( 0#..#*+ !+*!') *"+(+

*/0 (( 4'+*# 2#*"'0 # //'/0#*4 .+ +0 ,.+$#//'+* (' 0 %(' #.

+./+ 0 ('

"

2 "

333 2'((# %' ."'*' '0

2'0 %(' +/0 !+(' .'#*0. (( /# '* ! /+ "' ,'+%%' 0+.* .'! .'! ./' -1 *"+ ( 00#.' /' /0 #/ 1.#*"+


lacronaca

ilsettimanale • giovedì 6 giugno 2013

6 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Monterotondo Svaligiata una cassaforte piena di oggetti preziosi per cinquantamila euro

Colpo grosso in villa a Gavi

AL RETAIL

Sorprese a rubare

I carabinieri sono però sulle tracce dei ladri, forse traditi dal sangue

Cercavano di rifarsi il guardaroba le due cittadine rumene sorprese a rubare all’interno di un negozio del centro commerciale Retail Park di Serravalle Scrivia, dai carabinieri di Novi Ligure, nella giornata di venerdì 31 maggio. Entrambe trentaduenni, residenti l’una a Viguzzolo e l’altra a Rivanazzano, le due donne si erano impossessate di capi di abbigliamento e calzature per un valore complessivo di 500 euro. La merce, interamente recuperata, è stata restituita all’avente diritto, mentre le due donne sono state denunciate in stato di libertà.

GINO FORTUNATO redazione@ilnovese.info

Anche il nucleo scientifico investigativo dei carabinieri è sulle tracce dei ladri che, nei giorni scorsi, hanno compiuto un furto di grosse proporzioni all’interno di una villa in località Monterotondo di Gavi. I malfattori potrebbero essere stati traditi dal loro stesso sangue. L’episodio ricalca, almeno in parte, i soliti cliché. Approfittando dell’assenza dei proprietari i ladri sono riusciti a penetrare all’interno dell’abitazione, piuttosto isolata, forzando una delle imposte. Probabilmente sapendo che nella cassaforte si celavano numerosi oggetti preziosi. Cassaforte che è stata individuata facilmente, essendo posta dietro un quadro. Non è escluso che possano essersi avvalsi anche di un metal detector. Quindi, utilizzando una sega circolare con disco diamantato, i malviventi hanno avuto buon gioco nel tagliare lo sportello e appropriarsi dei gioielli. A quel punto si è verificato un imprevisto. Forse a causa di un movimento maldestro, uno dei ladri si è ferito profondamente con la sega circolare. Ma non è bastato pulire il pavimento dal sangue per cancellare ogni traccia.

inbreve

Per tamponare la ferita è stato utilizzato addirittura un lenzuolo che poi è stato gettato in un vicino cassonetto della spazzatura, prima di fuggire con un’auto. Per disperdere ulteriormente le tracce, il cassonetto è stato incendiato, tanto che si è reso necessario l’intervento di una squadra dei vigili del fuoco, avvisata da alcuni abitanti

Cassaforte svaligiata Ammonterebbe a circa 50 mila euro il bottino che i ladri hanno portato via da una villa a Monterotondo di Gavi.

della zona. I pompieri hanno così scoperto che nella villa era stata commessa un’effrazione. Sul posto sono sopraggiunti i carabinieri che hanno avviato le indagini, coinvolgendo anche il nucleo scientifico. Il reparto speciale dell’Arma avrebbe infatti prelevato alcune gocce di sangue che adesso sono oggetto di accu-

rate analisi di laboratorio. Per quanto abbiano avuto premura di cancellare le tracce ematiche, l’emorragia si è rivelata piuttosto copiosa. Si è trattato comunque di una banda di esperti ladri che quasi certamente avevano spiato per giorni le abitudini dei proprietari della villa. Il bottino si aggirerebbe almeno sui 50 mila euro.

Pozzolo Incendio nell’abitazione

La vicenda Trovato impiccato a Mantovana di Predosa

Salvata dal fuoco da un maresciallo

Giovane suicida in casa della madre

Salva grazie al coraggio di un maresciallo delle fiamme gialle. Questo è l’epilogo della brutta avventura vissuta da una signora sessantacinquenne di Pozzolo Formigaro, la quale nei giorni scorsi ha rischiato di rimanere vittima di un incendio che stava per scatenarsi nella sua abitazione, a causa di un elettrodomestico mal funzionante. Le richieste d’aiuto della donna, hanno richiamato l’attenzione del maresciallo Francesco Rospo, in quel momento non in servizio e ospite da amici nelle vicinanze. Una volta sentite le urla, il finanziere è prontamente corso nel cortile dell’abitazione e, dopo essersi arrampicato sul balcone, è riuscito a forzare una tapparella e ad entrare nella casa, ormai satura di fumo sprigionatosi dall’ elettrodomestico. Una volta entrato, l’uomo si è trovato davanti la terrorizzata anziana completamente in preda al panico e incapace di ogni reazione. Cambiando mestiere e improvvisandosi vigile del fuoco per un giorno, il finanziere ha sottratto la donna da una triste fine. (S.M.)

Un’altra brutta notizia scuote il comune di Predosa. Dopo il tentato suicidio di un ragazzo del paese, avvenuto giovedì scorso, martedì mattina è stato ritrovato, nell’abitazione della madre (residente nella frazione di Mantovana), il corpo senza vita di Gianluca Loddo [nella foto], 33 anni, impiccato. La stessa modalità era stata scelta una settimana prima dall’altro giovane, salvato dal provvidenziale intervento dei volontari del 118 e ricoverato ora in gra-

vi condizioni, ma fuori pericolo di vita. Purtroppo, a nulla è servito questa volta l’intervento dei soccorsi, chiamati dalla madre del ragazzo. Per Gianluca era già troppo tardi. Da quanto riferito dalle prime fonti, pare che a spingerlo verso il tragico gesto sia stata la disperazione nata dallo stato di disoccupazione che continuava da quasi un anno, da quando, dopo aver gestito un paio di bar a Novi e aver collaborato con un’impresa di pulizie, era rimasto sen-

Nella stessa giornata è stato tratto in arresto il ventiseienne, residente a Serravalle Scrivia, Jerson German Bolanos, colpevole di non aver osservato gli obblighi della misura di sorveglianza speciale a cui era sottoposto e quindi colpito dalla sospensione degli arresti domiciliari e seguente ripristino della custodia cautelare in carcere. Un vecchio vizio, quello del giovane, che già nel mese di marzo veniva arrestato per la stessa motivazione, oltre che per aggressione e resistenza a pubblico ufficiale. Sempre venerdì, è stato arrestato per furto aggravato dall’Arma di Novi Ali Hafidi, cittadino marocchino di trentasei anni, in Italia senza fissa dimora. (S.M.)

I CONTROLLI

Un anno per furto za lavoro. Sul profilo Facebook, nei giorni passati, Gianluca aveva sfogato tutta la sua disperazione: «Senza un posto di lavoro, la vita è inutile e insignificante», concludendo con «Mi sono rotto di questa vita infame». Nel paese turbato dalla notizia, martedì sera si è tenuto il rosario, ieri i funerali. (RED.)

I carabinieri hanno tratto in arresto il 41enne Nicola Azzarito Cannella, di Serravalle Scrivia, condannato all’espiazione della pena di un anno di reclusione a seguito della sentenza di condanna per furto aggravato e porto abusivo di armi o oggetti atti a offendere, commessi in provincia di Alessandria nell’anno 2006. L’uomo, rintracciato dai militari su ordine di carcerazione emesso dall’Ufficio Esecuzioni Penali del Tribunale di Alessandria, è ora in carcere. (RED.)

!

Associazione Over 50 !

! !

&''*(#

! ! "$ "

!

(

$,

!

+$" (&))$

)#%

##

!# & " $" % '% !

# ! " !% # !"


novi ligure

ilsettimanale • giovedì 6 giugno 2 0 1 3

7 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Consiglio Comunale avvelenato Il documento urbanistico è stato approvato con 13 voti a favore, 2 contrari e 2 astenuti, ma ben 3 consiglieri della maggioranza erano assenti alla discussione. Ed è giallo

Prg, un sì alla variante ma il voto sembra monco Dibattito ricco di interventi: respinte le osservazioni della “Nostra Terra” MARZIA PERSI m.persi@ilnovese.info

È stata approvata lunedì sera in consiglio comunale la variante parziale al Piano regolatore riguardante la ricollocazione di due aziende, una manifatturiera e l’altra dolciaria in capannoni dismessi situati in via Ovada e strada del Turchino. La variante è passata con 13 voti a favore, due astenuti (Federico Tuo e Gianni Piazzale, del Pdl) e due contrari (Francesco Sofio e Francesco Moro, del gruppo misto). Le osservazioni pervenute in Comune da parte dell’associazione “La nostra terra” e dell’avvocato Paolo Sturla, patrocinante in Cassazione di Voghera, sono state respinte. Il dibattito in aula è stato ricco di interventi alla luce dell’importante decisione che l’aula ha dovuto prendere. Non hanno partecipato alla riunione Biagio Zigrino, Dilva Manfredi e Michela Ziccardi della maggioranza. Queste assenze hanno portato il consigliere Marco Bertoli (del gruppo “Per Novi Maria Rosa Porta sindaco”) a sottolineare come «ancora una volta il numero legale è garantito grazie alla presenza della minoranza». L’assessore all’urbanistica Paola Cavanna ha rimarcato il fatto che «in una grave congiuntura economica come stiamo vivendo in questo periodo è importante rafforzare il tessuto industriale cittadino e quindi l’amministrazione ritiene che l’arrivo di questi due insediamenti produttivi

abbia un indubbio interesse pubblico». Secondo tale variante verranno sistemati i capannoni che si trovano vicino alla cabina dell’Enel di via Ovada, e anche lo “scheletro” del capannone che si incontra in strada del Turchino all’altezza della cascina Catanietta.

Per questi due insediamenti è stata necessaria una variante parziale del piano regolatore generale. La variante è obbligatoria per due motivi: uno riguarda il cambio di destinazione d’uso, l’altro il trasferimento di cubature dall’area artigianale che avrebbe dovuto sorgere in Z1-Z2

(Euronovi) ai capannoni ancora vuoti. Negli edifici di via Ovada, ex Enel (3.914 metri quadrati), arriverà una azienda manifatturiera che ha attualmente 68 dipendenti e prevede nel breve-medio periodo di assumerne altri 10, mentre nel capannone che si trova in strada del Turchino (3.cento metri quadrati) si insedierà la ditta dolciaria Bodrato di Capriata d’Orba dove lavorano una quindicina di unità ma tra il 2013 e il 2015 ne saranno assunte altre cinque. «L’arrivo della ditta Bodrato in città – spiega il sindaco Lorenzo Robbiano – è il frutto di un lavoro iniziato anni fa e confluito nel progetto “Dolci terre di Novi” che ha reso decisamente più attrattivo il nostro territorio dove insistono già aziende del comparto agroalimentare molto affermate non solo in Italia». Su quale sarà l’importo degli oneri di urbanizzazione che andranno al Comune con queste due riqualificazione «è difficile dirlo oggi – sottolinea Paola Cavanna – ma si può parlare di una “forbice” che va dai 23 ai 46 mila euro». Durante il consiglio comunale è stato ribadito da parte sia dell’assessore Cavanna sia dall’architetto Maria Rosa Serra capo ufficio Urbanistica che la zona definita “di fondo valle” rimarrà agricola e che il Comune ha già richiesto, in particolare alla ditta Bodrato, di piantumare intorno al fabbricato una serie di alberi autoctoni per integrare al territorio la struttura.

Marco Bertoli «Ancora una volta il numero legale è garantito solo grazie alla presenza della minoranza. Mancano Manfredi, Ziccardi e Zigrino»

Paola Cavanna «La variante approvata porterà nelle casse comunali tra i 23 mila e i 46 mila euro a titolo di oneri di urbanizzazione»

La cerimonia Insignito dell’onoreficenza ad oltre ottanta anni

Una festa in prefettura per il cavalier Sergio Domenica scorsa in Prefettura a Alessandria, in occasione della Festa della Repubblica, è stato insignito del titolo di cavaliere il novese Sergio Valditerra. Sergio Valditerra, ultra ottantenne, è il figlio di Angelo Valditerra che fondò la Valditerra Spa nell’ormai lontano 1936. Angelo, allora, intuisce le grandi opportunità offerte da un settore in forte sviluppo: quello dell’armamento ferroviario. «Bisognava unire l’Italia» e la ferrovia sarebbe stata il grande “sistema nervoso” di una nazione ancora giovane su cui sarebbe transitato un traffico sempre crescenti di merci e persone. L’impresa Valditerra iniziò così, con Angelo e due soli operai.

Con la Valditerra e i suoi rivoluzionari brevetti, Angelo prima e Sergio poi portarono il nome della città di Novi in giro per tutto il mondo. Fu loro l’intuizione di una macchina capace di costruire quasi da sola i binari ferroviari. Oggi Sergio è Cavaliere della Repubblica

La svolta arriva negli anni Settanta con il figlio Sergio, che letteralmente cresce fra rotaie e scambi, sviluppando la passione del padre. Sergio, osservando la fatica e la complessità delle operazioni per costruire o rinnovare binari e massicciata, ha una brillante intuizione. Dopo anni di studi e prove Sergio Valditerra crea una macchina destinata a rivoluzionare per sempre il sistema di lavoro sul binario. Nel mondo degli addetti ai lavori sarà conosciuto come “Treno di rinnovamento sistema Valditerra”. Un nome che ha portato Novi in giro per tutto il mondo. La macchina elaborata dai Valditerra è in sostanza un treno in grado di posare a nuovo o ri-

muovere in un solo passaggio una linea ferroviaria con risultati di produttività mai visti nella storia dell’armamento ferroviario. La macchina, nella prima versione, viene denominata Matisa P 811 dal nome dell’azienda costruttrice che ne ha sviluppato i brevetti e la commercializzazione. Nel 1989 Sergio Valditerra crea il “Pony”, un mezzo ancora più innovativo. Talmente preciso, veloce, compatto e versatile da rendere ancora più prestigioso il “Treno di Rinnovamento sistema Valditerra”. Qui ha trovato ampia applicazione anche la tecnologia informatica che consente di conferire alla posa del binario appena costruito o rinnovato un asset-

Il treno cantiere della Valditerra Il convoglio per la costruzione e la manutenzione dei binari fotografato a Sestri Ponente da Maurizio Zanella. to perfetto con un ricorso di uomini a terra pressoché nullo. Sergio Valditerra per la sua professionalità e per la sua dirittura morale ha sempre goduto della stima e dell’affetto dei novesi e dell’amministrazione comunale che nella persona del sindaco Lorenzo Robbiano lo ha proposto per l’alta onorificenza.

Domenica sono stati anche consegnati i diplomi delle onorificenze dell’ordine al Merito della Repubblica Italiana a Dino Bergaglio, Pietro Governale, Piero Martinetti, Mario Mazzarello, Antonio Sapio, Gianni Breda, Carlo Lavagnino, Francesco Maggio, Cosimo Pappadà, Antonio Rolando, Alberto Rubba. (M.P.)


novi ligure

Assunzioni in vista alla Vectorys L’azienda di trasporti merci franco-araba, con sede in via Pietro Isola cerca a Novi personale qualificato ma non lo trova

ilsettimanale • giovedì 6 giugno 2013

8 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

GINO FORTUNATO redazione@ilnovese.info

Assunzioni in vista a Novi da parte di una nota azienda franco-araba, con interessi sul Continente e nell’Africa del Nord. Si tratta della “Vectorys Transport & Logistic” che ha sede in via Pietro Isola. L’attività preminente è il trasporto di merci varie, dirette dall’Europa verso Libia, Marocco, Algeria, Tunisia e Malta, attraverso rimorchi frigoriferi e dry. «Stiamo facendo sul territorio, ciò che i genovesi hanno fatto negli anni Settanta, allargando però la veduta di attività sull’Europa. Siamo alla ricerca di personale qualificato per i settori commerciale e amministrativo ma, sembrerà assurdo in un simile momento di crisi generale, non ci riusciamo. Secondo una nota agenzia genovese da noi incaricata per assumere personale, i novesi avrebbero “la pancia piena”. I giovani preferiscono fare i commessi nei centri commerciali che acquisire professionalità. Mi sono ribellato a questo re-

sponso, in un primo momento. Abbiamo quindi proceduto a numerosi colloqui, ma ci siamo quasi arresi all’evidenza. Eppure siamo alla spasmodica ricerca di personale selezionato. Ma non di “superman”. Dal maggio 2012 al maggio 2013 siamo riusciti ad assumere solo dieci persone; trenta negli ultimi 18 mesi». Parla Fabio Mandirola, direttore generale di Vectorys Italia, con una dichiarazione tutto sommato shock, se pensiamo alla fame di lavoro di questi tempi e alla depressione delle aree produttive che si accentua giorno dopo giorno. Ci sono però realtà come la Vectorys (gruppo con fatturato da 120 milioni di euro, recentemente insediatosi alle porte della città, in via Pietro Isola) che riconoscono ancora nel Basso Piemonte, e in particolare nel novese, una strategica posizione logistica. L’azienda si è insediata a Novi in tempi recenti ed è in forte espansione, con personale giovane fortemente radicato nel territorio tra Novi e Tortona.


novi ligure

ilsettimanale • giovedì 6 giugno 2013

9 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

La crisi Due aziende a rischio

Sama e Vulkan in crisi profonda: chiusura in vista

«Al momento abbiamo difficoltà a reperire profili, sia pur non eccessivamente specialistici – afferma il direttore commerciale Franco Di Lorenzo – Viene richiesta la conoscenza delle lingue francese e inglese e flessibilità degli orari. In questo le donne sono molto più elastiche degli uomini nel recepire le nostre esigenze. Nel nostro lavoro è infatti richiesta la velocità organizzativa perché si lavora d’anticipo per organizzare e prevedere tutto il percorso del tra-

sporto e anche perché si collabora con uffici di tutta Europa. Una buona parte del nostro tempo la investiamo nel fare formazione interna a persone che sono al primo impiego, oppure provengono da altri settori totalmente diversi. Da noi imparano un mestiere. I compiti richiesti? Innanzitutto “planner” per i trasporti e “affrettement”, ovvero compravendita di trasporti a livello internazionale». Dopo l’estate per la Vectorys è pre-

visto il trasferimento in una nuova sede, sempre situata nella zona industriale verso strada Bosco Marengo (zona Ilva). Si tratta di un complesso di enormi dimensioni che permetterà di sfruttare la posizione retro portuale del territorio novese, come ponte logistico tra Europa e Maghreb, ubicazione strategica dell’azienda che si occupa di servizi e trasporti e di vari generi, soprattutto ricambi per i più famosi gruppi automobilistici.

La crisi economica fa sentire sempre più la sua mano pesante sul territorio. È notizia recente che ben settanta posti di lavoro a Novi Ligure verranno persi in due aziende che operano da anni in città. Alla Sama, storica concessionaria della Fiat, l’attività è in fase di chiusura e i cinquanta dipendenti resteranno senza lavoro. Dice Antonio Bordon della Fim-Cisl: «Abbiamo già avuto un incontro a Alessandria nella sede dell’Unione Industriali. La speranza è che la concessionaria sia rilevata da altri ma le prospettive, data la profonda crisi del settore auto e generale, non sono buone. A oggi la Sama è già in fase di liquidazione e all’incontro era rappresentata da un liquidatore. Per i 25 lavoratori del settore metalmeccanico gli ammortizzatori sociali ci sono. Peggio stanno gli altri 25 del settore commercio. Per legge, le aziende con meno di 50 dipendenti di quest’ultimo settore non hanno diritto ad alcun ammortizzatore: né cassa integrazione ordinaria né mobilità. Resta la possibilità della cassa in deroga ma non sappiamo se lo Stato ha in cassa i soldi necessari». L’altra azienda è la Vulkan, con sede al Cipian, dove si producono e si commercializzano giunti per motori diesel per navi, auto, ferrovie dando lavoro, finora, a circa 40 dipendenti. La decisione della proprietà, il gruppo tedesco Vulkan Kupplungs – und Getriennebau, di chiudere il settore produttivo novese, farà perdere il posto a oltre venti persone. «La proprietà – spiegano dall’azienda novese – ha deciso di trasferire la produzione in Germania entro la fine di quest’anno». La Vulkan è a Novi dal 1987, quando era stata aperta una filiale esclusivamente commerciale con due soli addetti. Negli anni è stata attivata una produzione di giunti e altri prodotti del settore, fino ad arrivare agli attuali 40 dipendenti, anche grazie al trasferimento dell’attività un tempo operativa a Celle Ligure (Savona). È già stata avviato un confronto con i sindacati ma le prospettive, secondo l’azienda, al momento sono la cassa integrazione e poi la mobilità, salvo che qualche dipendente non sia disposto a trasferirsi in Germania. (G.C:)


ilsettimanale • giovedì 6 giugno 2013

10 www.novionline.net • www.ovadaonline.net


novi ligure

ilsettimanale • giovedì 6 giugno 2013

11 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Terzo Valico Un fantomatico atto nascosto dal Comune?

Novileaks, la polemica si spegne in ventiquattr’ore ELIO DEFRANI e.defrani@ilnovese.info

Qualcuno ha provato a battezzarla Novileaks, in omaggio a Wikileaks, il sito che pubblica documenti altamente riservati dei governi di tutto il mondo. Ma la polemica montata in città la scorsa settimana – a proposito di un atto relativo al Terzo Valico che l’amministrazione comunale avrebbe tenuto nascosto – si è spenta in meno di 24 ore. Il comitato contro il supertreno, infatti, il 31 maggio ha pubblicato sul proprio sito web una lettera dell’Osservatorio ambientale sul Terzo Valico, un ente costituito in seno al ministero dell’Ambiente, a Roma. Secondo il comitato, con la lettera l’Osservatorio ambientale avrebbe rigettato la richiesta di moratoria sulla nuova linea ferroviaria avanzata dai Comuni del novese. «Finora i sindaci che hanno chiesto la moratoria ci hanno raccontato che da Roma non era arrivata nessuna risposta – hanno affermato gli esponenti del comitato No Tav – Ma non è vero. Roma ha risposto eccome, in data 8 maggio. Ma nessuno dei primi cittadini che ha ricevuto la lettera l’ha detto, perché la risposta non è stata, come dire, esaltante». Una tesi respinta dai sindaci: «nessun documento nascosto» e, soprattutto, «nessuna risposta alla richiesta di moratoria». «Non spetta all’Osservatorio dare risposte in questo senso», afferma Lorenzo Repetto, primo cittadino di Voltaggio. Sulla stessa lunghezza d’onda anche il Comune di Arquata e quello di No-

vi. «Non è la una risposta sulla moratoria, bensì la puntualizzazione dell’Osservatorio ambientale su alcuni punti che erano contenuti del documento di richiesta di moratoria – dice Lorenzo Robbiano, sindaco di Novi – A giorni risponderemo che non siamo d’accordo con quel che sostiene il presidente dell’Osservatorio». Ma, allora, da chi si devono attendere risposte i sindaci che hanno chiesto la moratoria? «Dal governo», afferma Robbiano che anticipa che «il senatore Daniele Borioli ha chiesto in questi giorni un incontro con il ministro Lupi sulla questione Terzo Valico».

inbreve ASL

Veterinari in via Isola È diventata operativa la nuova sede del Servizio Veterinario dell’Asl in via Pietro Isola 126. La scorsa settimana sono stati completati gli allacciamenti delle linee di trasmissione dati indispensabili per il collegamento alla rete regionale e così è stata definitivamente chiusa la palazzina della ex caserma Giorgi, in via Verdi, che dal 2000 a oggi ha ospitato il servizio. I nuovi locali sono al piano terra di un edificio a due piani e hanno un accesso indipendente rispetto al complesso immobiliare. I nuovi locali occupano i 240 metri quadri del piano terra, qui trovano posto nove uffici collocati ai lati di un corridoio centrale. Dall’ingresso, privo di barriere architettoniche, si accede direttamente alla sala d’attesa e prospiciente i due uffici aperti al pubblico. Rimangono invariati i recapiti: telefono 0143 2027 e fax 0143 745500. (RED.)

LA SPERIMENTAZIONE

Spazzamento stradale Da lunedì scorso, 3 giugno, è entrata in vigore la nuova sperimentazione dello spazzamento stradale. L’amministrazione comunale già alla fine del 2012 aveva deciso di diminuire i passaggi della spazzatrice per risparmiare. «Abbiamo definito il calendario dei passaggi – dice l’assessore all’Ambiente Carmine Cascarino – Abbiamo già effettuato tutti i controlli necessari con l’ufficio viabilità ma, non è escluso che in fase di rodaggio sorga qualche problema». Aggiunge Cascarino: «Abbiamo provveduto a razionalizzare la pulitura della strade per i costi, oggi, però, non sono in grado di dire quanto sarà il risparmio». Prima le vie venivano pulite quattro volte al mese nel concentrico, da domani saranno spazzate una volta ogni quindici giorni. Il Comune ha poi disposto la pulitura da giornaliera a trisettimanale nel centro storico tranne però in via Roma, via Girardengo, via Paolo da Novi e via Municipio. Questa modifica fa sì che l’amministrazione risparmi, a spanne, circa 200 mila euro. E prossimamente inizierà anche il lavaggio dei cassonetti dell’umido (una volta al mese d’estate) e dell’indifferenziato (due volte all’anno). (M.P.)

PASTURANA

La Croce di Malta Sarà Raffaele Floris, originario di Pontecurone, il prossimo ospito della rassegna “Scrittori e territorio”, incontri letterari coordinati da Puntoacapo Editrice e dal Comune di Pasturana. L’appuntamento è per domani, venerdì 7 giugno, alle ore 21.00, presso la Sala Europa del municipio di Pasturana. Mauro Ferrari introdurrà l’autore e il suo volume di narrativa “La croce di Malta”. (RED.)

Associazionismo La quarta edizione della manifestazione

Pedalando con il cuore Di ritorno dalla carovana rosa del Giro d’Italia, i volontari del Gruppo Aido di Novi Ligure sabato 8 giugno saranno impegnati nell’organizzazione della quarta edizione di “Pedalando col cuore”. Infatti, nell’ambito delle celebrazioni del suo trentennale di costituzione, il Gruppo novese dell’Aido, in collaborazione con la sezione provinciale di Genova, organizza una pedalata non competitiva da Busalla al Museo dei Campionissimi di Novi Ligure. L’invito alla partecipazione è rivolto a tutti: dai bambini ai “diversamente giovani”. I volontari novesi – guidati dalla presidente Isabella Sommo – continuano anche attraverso questi eventi sportivi alla campagna d’informazione e sensibilizzazione sulle finalità della loro associazione, per promuovere la cultura della donazione degli organi, delle cellule e dei tessuti nel mondo del ciclismo con lo scopo di partecipare e vincere la quotidiana corsa per la vita dei tanti malati in attesa del dono più bello.

SERVIZIO IMMEDIATO 24 ORE SU 24 PRESSO ABITAZIONI, OSPEDALI E CASE DI RIPOSO All’arrivo premiazione per il ciclista più giovane, per quello più anziano e per il gruppo più numeroso. Il percorso prevede la partenza alle 14.30 presso l’ex Genoa Club di via dell’Argine, a Busalla. L’arrivo invece è previsto alle 17.30 al Museo dei Campionissimi di Novi. Sosta intermedia all’asilo Augusti di piazza Caduti, a Arquata. Info 348 5917616. (RED.)

Animali La tradizionale iniziativa organizzata dall’Arca

Domenica con i cani in festa Domenica 9 giugno si svolgerà l’ormai tradizionale “Festa del cane” organizzata da Arca, l’associazione che si occupa della gestione del canile di Novi. Nel verde rigoglioso del Parco Aurora presso il piazzale Pieve a Novi si potranno incontrare cani e amici umani, in un clima di gioia e divertimento. A partire dalle ore 14.00 si apriranno le iscrizioni al costo di 10 euro. I cani iscritti parteciperanno a una sfilata con valutazione da parte di una giuria che definirà le caratteristiche peculiari di ogni soggetto. La premiazione sarà ricchissima e varia, saranno in palio anche due viaggi

POMPE FUNEBRI

per quattro persone e verranno offerti interessanti gadget. Durante il pomeriggio si potranno incontrare comportamentalisti che ci daranno consigli sul nostro cane, momenti di divertente animazione e la possibilità di conoscere gruppi finalizzati alla difesa degli animali. Saranno presenti le associazioni: Lav, Animals Asia, Oipa, Mici x caso, Leal. «Potrete fare amicizia con alcuni cani del canile di Novi, questa festa è dedicata anche a loro che aspettano di essere adottati – spiegano i volontari di Arca – Vi invitiamo a partecipare, non resterete delusi». (RED.)

VIA PAOLO GIACOMETTI, 22 C/O COMUNE DI NOVI Servizi funebri, trasporti e pratiche in tutta italia, fornitura fiori ed arredo lapidi


novi ligure

ilsettimanale • giovedì 6 giugno 2013

12 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Le iniziative Tutta la gamma di offerte per i ragazzi nella bella stagione

La grande sfida dei centri estivi Obiettivo divertimento ma coniugato in maniera intelligente ELIO DEFRANI e.defrani@ilnovese.info

All’ombra delcampanile Sport, oratorio ed educazione di Gianfilippo Casanova

Una volta erano semplicemente un posto dove i genitori potevano “parcheggiare” i figli finita la scuola. Oggi invece i centri estivi si sfidano a suon di iniziative e di programmi educativi. L’obiettivo, giustamente, non deve solo essere quello di far divertire bambini e ragazzi, ma di farlo in maniera intelligente e magari insegnando loro qualcosa.

La maxi estate del Don Bosco Sono molti, ad esempio, i laboratori che l’oratorio Don Bosco, a Novi, organizza per l’estate ragazzi che comincerà il 13 giugno. In via San Giovanni Bosco, ben 250 giovani saranno ospitati da una struttura che offrirà loro la possibilità di imparare l’arte della fotografia, della pittura e della creatività in generale. Per i più sportivi, invece, corsi di pattinaggio e skate. Una volta alla settimana, poi, tutti in piscina al Bolle Blu di Borghetto. «Abbiamo deciso di puntare molto sulle attività ricreative e sui giochi», spiegano dall’oratorio. Previste anche un paio di serate di giochi “in notturna”, per concludere alla grande l’esperienza dell’estate ragazzi. Il centro chiuderà il 19 luglio ed è riservato a bambini e ragazzi dalla prima elementare alla terza media. Gli orari vanno dalle 8.00 alle 18.00, dal lunedì al venerdì. I costi sono di 20 euro alla settimana, ma si pagano a parte i pasti (5 euro l’uno) e la gita settimanale in piscina (10 euro).

Santa Rita, tra educazione e divertimento L’altro grande centro estivo novese è quello di Santa Rita. Gestito dai volontari della Casa del Giovane di San Pietro e dal comitato SportInNovi, a partire dal 17 giugno ospiterà una quarantina di bambini dai 5 ai 13 anni. È sicuramente la novità dell’estate 2013, almeno per due motivi: tanto per cominciare, è l’unico che proseguirà la propria attività per tutta la stagione, addirittura fino al 6 settembre. In secondo luogo, baserà le proprie animazioni sul tema educativo della Fom, la Fondazione degli oratori milanesi: per i giovani novesi non solo sport e divertimento nel nuovo campo in sintetico realizzato nel centro di Santa Rita in via Monte Grappa, ma anche attività didattiche e ricreative. «Ad esempio aiuteremo i ragazzi con i compiti delle vacanze – spiegano gli istruttori e gli animatori della Casa del Giovane – L’obiettivo è creare momenti piacevoli ma costruttivi, affinché il “tempo libero” non si risolva in un semplice “passare il tempo”, ma diventi per i bambini un momento di socializzazione da vivere nello sport e nelle varie attività ricreative». Il tema educativo che accompagnerà l’intera estate ragazzi è “Everybody: un corpo mi hai preparato”. I ragazzi saranno invitati a guardare – attraverso attività creative e sportive –alle potenzialità del loro copro e all’utilizzo di quello che la natura ha dato loro per il bene degli altri, contribuendo così a formare un’unica famiglia: quella umana. «Siamo tutti fatti di carne e di ossa, di muscoli e di cervello, di cuore e polmoni… siamo fatti di emozioni, passione e intelligenza, abbiamo tutti una coscienza e usiamo le parole e compiamo i gesti per dire e fare qualcosa di più del semplice sopravvivere – dicono don Livio Vercesi e Stefano Gabriele, rispettivamente parroco di San Pietro e responsabile della Casa del Giovane – L’obiettivo è di animare ed educare i ragazzi in modo che il lungo pe-

riodo estivo sia pieno di stimoli e divertimento, con un occhio di riguardo verso quei valori che non sono solo propri della religione cristiana ma comuni a tutti gli esseri umani». Il centro estivo di Santa Rita è organizzato con la collaborazione del Comune di Novi: sono infatti previsti sconti e abbonamenti che possono variare anche in funzione delle varie fasce di reddito. Indicativamente, i prezzi a settimana variano dai 30 ai 50 euro (dai 50 ai 70 se si usufruisce della mensa). Per informazioni e iscrizioni, ogni pomeriggio sono attivi i seguenti numeri: 392 0889471 e 347 8396587.

Pazzanimazione si fa in quattro A Novi c’è anche il centro pastorale del quartiere G3 che ospiterà circa 35 bambini, dall’11 giugno al 6 luglio. E sarà il gruppo novese di Pazzanimazione, in collaborazione con gli Animattori, a gestire i centri estivi comunali di Cassano, Predosa, Arquata e Borghetto. «Il compito del nostro gruppo è quello di fornire il personale professionista e tutta l’organizzazione necessaria per il funzionamento dei centri comunali – spiega il responsabile Paolo Plazza – Ogni Comune, però, decide autonomamente prezzi, date, orari, età dei bambini ammessi e così via». A Cassano si partirà il 17 giugno, il 24 giugno a Arquata, mentre Predosa e Borghetto slitteranno a luglio; in tutti e quattro i casi, si andrà avanti fino alla metà di agosto. Due i temi che questa estate animeranno i centri gestiti da Pazzanimazione: il viaggio nel tempo e il biowatching. I bambini costruiranno una macchina del tempo e andranno a spasso nei secoli, imparando divertendosi. Con il biowatching, invece, i ragazzi saranno portati a osservare la natura e tutte le bellezze naturali che ci circondano.

Pozzolo, l’estate ragazzi raddoppia A Pozzolo Formigaro quest’anno l’estate ragazzi raddoppia. Non ci sarà solo quella organizzata dal Comune, ma anche quella gestita dall’associazione novese Fabulae a Villa Roma. «Si tratta di una splendida location immersa nel verde – spiega la presidente di Fabulae Ginevra Paternoster – I nostri animatori organizzeranno per i bimbi varie attività creative, sportive e di-

Paolo Plazza e il gruppo di animatori di Pazzanimazione

dattiche. I bambini faranno corsi di pasticceria, découpage e pasta di sale, si potrà parlare inglese, francese e spagnolo, e tutti i giorni si faranno i compiti. I bambini verranno suddivisi in gruppi a seconda delle fasce d’età e saranno seguiti dai loro animatori. Non mancherà lo sport come il calcio, basket, impareranno a ballare hip hop, break dance e latino americano. Una delle novità di quest’anno sarà il teatro e l’orto biologico». Una volta alla settimana, poi, tutti in piscina a Novi. L’estate ragazzi comunale quest’anno trasloca invece al centro sportivo. «Il servizio sarà sempre sostenuto dal Comune ed avrà la stessa organizzazione dello scorso anno, con anche gli stessi costi per le famiglie, ma per questa estate sarà gestito dal centro sportivo, che ha la possibilità di offrire molti servizi ai ragazzi», spiega l’assessore Gianluca Tavella. Il servizio avrà una durata molto ampia: l’estate ragazzi pozzolese prenderà il via lunedì 17 giugno e proseguirà sino al 3 agosto (dal lunedì al venerdì). Il costo per una giornata intera sarà di 40 euro per ogni bambino; 25 euro, invece, il prezzo di iscrizione per mezza giornata (solo pomeriggio). Disponibile anche un servizio mensa (con pranzo all’aperto) che avrà un costo di 6 euro a giornata [il servizio completo con tutti i dettagli è a pagina 23].

Il campo estivo diventa steineriano Non è una novità, anche se forse è sconosciuto ai più, il campo estivo a indirizzo steineriano organizzato dall’associazione “Intorno al melo” sulle colline di Novi, sulla strada per Monterotondo. I bambini, sotto la guida di maestre con formazione steineriana, trascorreranno le giornate accompagnati da canti e filastrocche, facendo passeggiate e svolgendo attività artistiche e artigianali come la pittura ad acquarello, l’uso dell’argilla e della cera d’api, il lavoro al telaio... Un’occasione per permettere ai bambini di trascorrere delle gioiose giornate all’aria aperta ed entrare in contatto con la pedagogia steineriana. È ancora possibile iscriversi alla seconda settimana del campo estivo, che va da lunedì 8 a venerdì 12 luglio, con orario 8.00-16.00 (costo 100 euro a settimana, informazioni e iscrizioni 393 2469888).

Don Livio Vercesi con i ragazzi della casa del giovane

Due fatti, in questi giorni, ci portano a parlare dello sport praticato negli oratori della città. Il primo è, semplicemente, la consueta festa di fine anno della Polisportiva giovanile salesiana dell’oratorio don Bosco: una camminata festosa per la città, che si svolgerà domenica, partendo dalla chiesa di san Pietro dopo la Messa delle 10, per concludersi con un pranzo all’aperto nel cortile dell’oratorio. Calcio, pallavolo e danza sono gli sport praticati dalla Pgs, con un coinvolgimento di decine di bambini e ragazzi. La seconda notizia è un po’ più impegnativa: la decisione di rilanciare il centro pastorale santa Rita di via Monte Grappa, presa con qualche titubanza (economica, innanzitutto) dalla parrocchia di san Pietro. Tre sono gli interventi che saranno realizzati: una sistemazione dell’edificio di culto, la riqualificazione del dormitorio gestito dalla Caritas e infine, ma in realtà il primo a essere realizzato, un oratorio estivo con campetto di calcio in sintetico, campo polifunzionale e locale bar. Il progetto è parzialmente finanziato dalla regione Piemonte (per l’impianto sportivo), dalla fondazione Margherita Zingardi (per dormitorio e docce per i senzatetto), mentre i lavori della chiesa saranno totalmente a carico dei parrocchiani. Sport e oratorio, dunque: un’abbinata storica, che ha visto in passato grandissimi campioni muovere i primi passi su un campo proprio all’ombra di un campanile. Un’abbinata che continua anche oggi, e che acquisisce nuovo valore: in un mondo iper competitivo, dove già bimbetti delle elementari vengono spinti all’agonismo da genitori talvolta addirittura incapaci di controllarsi, gli oratori offrono lo sport davvero per tutti. Allenatori-educatori in gran parte volontari accolgono ragazzini di ogni livello agonistico e di ogni ceto, per avviarli al gioco di squadra, al movimento, alla competizione fatta per rinsaldare amicizie e scambiare esperienze. Le principali difficoltà di questi movimenti sportivi non sono quelle economiche (che pure ci sono), né quelle di trovare allenatori capaci, ma proprio la reazione di genitori che cercano sul campo di calcio una rivincita alle loro frustrazioni e con difficoltà accettano che anche i meno dotati scendano in campo e che la sconfitta sia una possibilità da accettare senza reazioni, neppure verbali, né verso i figli né verso gli avversari.


novi ligure

ilsettimanale • giovedì 6 giugno 2013

13 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

La vicenda Il parco perde la sponsorizzazione con l’azienda dolciaria

In Novitate Il nuovo numero

Riaperto Novi Avventura ma senza l’Elah Dufour

Il ciclo di vita del collegio S. Giorgio va in edicola

ELIO DEFRANI e.defrani@ilnovese.info

Continuerà a chiamarsi Novi Avventura, ma il riferimento non sarà più alla Novi Elah Dufour. Il parco avventura del castello ha infatti perso la sponsorizzazione dell’industria dolciaria. Divorzio? Più che altro una separazione consensuale, con il mancato rinnovo del contratto di sponsorizzazione. Il gestore della struttura, Johnny Pascanu, nonostante le difficoltà non manca di entusiasmo, e sabato scorso ha riaperto il parco dopo una lunga pausa invernale: in tanti si sono già presentati per provare gli emozionanti percorsi sugli alberi. Il parco era stato chiuso a settembre, a causa del pignoramento dei beni operato dal tribunale per conto di alcuni fornitori non pagati – sostiene Pascanu – dai precedenti gestori. Novi Avventura avrebbe dovuto riaprire a Pasqua ma la data è slittata: il tempo inclemente ha impedito di eseguire i necessari lavori di manutenzione. «La serietà del mio lavoro è dimostrata dal fatto che, nonostante tutte le difficoltà, sono qui a riaprire le porte di Novi Avventura – dice Pascanu – Mio padre era una guardaboschi, io sono cresciuto con il culto della natura e i no-

vesi sono molto fortunati ad avere un parco come quello del castello, con alberi bellissimi». Saranno sempre 11 i percorsi del parco avventura. Sette sono dedicati agli adulti, indicati da colori diversi in base alla difficoltà: verde, arancione, blu, rosso, marrone, oltre ai 1650 metri per il percorso big game e al tracciato briefing per un allenamento di 20 minuti in compagnia di un istruttore. Altri 4 percorsi per i bambini: briefing, bianco,

Johnny Pascanu Il gestore di Novi Avventura ha riaperto il parco con l’intenzione di creare altri quattro percorsi sugli alberi.

giallo e azzurro. Fino allo scorso anno, tutti i percorsi erano indicati con i nomi di alcuni prodotti della Novi Elah Dufour. «Siamo alla ricerca di un nuovo sponsor – dice Pascanu – per cercare di migliorare ancora il Novi Avventura rispetto a quanto offriremo al pubblico. Siamo pronti a indicare i nomi dei percorsi con i prodotti di chi sponsorizzerà la nostra struttura che, lo ricordiamo, nei 19 mesi prima della chiusura del settembre 2012, è stata visitata da 57 mila persone».

Il progetto Da sabato al Museo dei Campionissimi

Mettiamo le opere in comune, dieci acquarelli al femminile Il progetto “Mettiamo le opere in comune” coinvolge una serie di comuni piemontesi di Langhe, Monferrato e Roero disposti ad accogliere presso le loro sedi istituzionali la donazione di dieci opere d’arte, tutte di artisti diversi, destinate a essere esposte per un periodo di tempo definito all’interno di spazi messi a disposizione dagli stessi comuni partecipanti. L’iniziativa è stata accolta con favore anche dalla Città di Novi Ligure, che vi ha aderito insieme alle amministrazioni comunali di Alba, Bra, Canale, Casale Monferrato e La Morra. La rassegna verrà inaugurata sabato 8 giugno alle ore 17.00 al Museo dei Campionissimi con una mostra di acquarelli tutta al femminile curata da Anna Borgarelli, alla presenza di Paolo Levi, giornalista e critico d’arte, nonché promotore dell’iniziativa. Saranno esposte le opere, oltre che della maestra Anna Borgarelli, nata a Torino ma la cui famiglia ha origini a Novi e Pozzolo, anche delle artiste: Rosanna Bianchi, Vilma Borra, Cristina De Maria, Silvana Di Tavi, Marisa Mazzarello, Piera Pertusati, Roberta Riva, che presenteranno una ventina di lavori ciascuna, con un variegato repertorio capace di disegnare un percorso d’arte che ben si innesta nella cornice storica della città di Novi e del Museo

Coppi diventa un acquarello Anna Borgarelli e il suo gruppo di artiste saranno protagoniste della mostra che sarà inaugurata sabato al Museo dei Campionissimi. Inevitabile un omaggio all’Airone. dei Campionissimi. Il progetto, che nasce da un’idea di Elede Editrice di Torino e dell’associazione Arte Pozzo di Angela Maioli Parodi, è accompagnato da un volume curato da Paolo Levi e Stefania Bison. La partecipazione a questa interessante iniziativa culturale ed editoriale ha un duplice significato per il Comune di Novi Ligure: da una parte, prosegue il per-

corso avviato fin dall’inaugurazione del Museo dei Campionissimi nell’aprire le sale espositive non solo al ciclismo e allo sport, ma anche alle arti figurative; dall’altra, visto il momento di difficoltà economica per enti e istituzioni, partecipa alla diffusione dell’arte e della cultura attraverso l’attivazione di sinergie tra diverse realtà del territorio provinciale. (M.C.)

È in uscita in edicola e in libreria il nuovo ricco numero della rivista “In Novitate”, edita dal centro studi omonimo, che si occupa della tutela del patrimonio storico, artistico, religioso, sportivo e delle parlate locali. Ogni sezione contiene temi molto ricchi, differenti e stuzzicanti. Giuseppe Rocca percorre il ciclo di vita del collegio San Giorgio a Novi, dall’avviamento dei padri Somaschi nel 1648 in poi, mentre Bruno Soro evidenzia l’importanza del collegio nei primi anni Sessanta del Novecento, un periodo che ha visto uscire personaggi di spicco. Giovanni Leardi si sofferma su un documento del 1648, contro Gio Paolo Balbi, accusato di tradimento, dando importanza ai rapporti della nobile famiglia dei Balbi con la città di Novi. Gian Camillo Cortemiglia approfondisce il tema della centuriazione romana nella pianura alessandrina, con riferimento all’agro di Dertona. Sempre rimanendo sul territorio tortonese la giovane studiosa Ambra Daminato ipotizza una possibile fondazione paleocristiana della chiesa di San Michele a Sarezzano e ci offre molti spunti interessanti. Francesco Faccini, Manuel Lo Iacono, Sergio Pedemonte e Alessandro Sacchini, propongono un’analisi delle variazioni morfologiche del torrente Scrivia. Dario Grassi ricorda il tenente pozzolese Cesare Gavazza, internato dai tedeschi in Germania, che raccontò la sua tragica esperienza in otto quaderni e in Polonia gli fu compagno di prigionia Giovanni Guareschi. Giuseppe Garibaldi traccia una panoramica della valle Borbera, una vallata ligure in territorio piemontese, che dal 1859 fa parte della provincia alessandrina. Si conclude con il ricordo del giornalista Cesare Viazzi, legato sia a Novi che a Predosa. (D.A.)


novi ligure

ilsettimanale • giovedì 6 giugno 2013

14 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

L’apertura Orari e prezzi per tutti i gusti e le tasche

Il caso Aquarium lancia l’allarme

controllo Arriva l’estate? La mappa «Fuori tutti i costi di piscine e parchi acquatici perilriscaldamento» DESIRÉE ANFOSSO redazione@ilnovese.info

Reduci da un lungo e freddo inverno, attendiamo con ansia l’apertura estiva delle piscine e dei parchi acquatici. A Novi la piscina scoperta targata Aquarium aprirà al pubblico sabato 8 giugno. L’orario va dalle ore 10.00 alle ore 19.00, ma nei festivi l’apertura sarà anticipata di un’ora. I prezzi variano in funzione degli orari: per il giornaliero intero 8 euro (ridotto 5,40 euro); per la sola mattina o il solo pomeriggio 6,40 euro; per la pausa pranzo 5,20 euro; solo 3,80 euro per la cosiddetta chiusura. Numerosi anche i corsi che l’impianto di via Fratelli Rosselli offre, dedicati sia agli adulti che ai bambini (iscrizioni fino al 15 giugno). Continua senza interruzione fino a ferragosto anche l’attività del fitness in acqua. La piscina coperta sarà in funzione al mattino dalle 10.00 alle 12.00 e la sera dalle 20.00 alle 20.45 per tutto il mese di giugno e luglio. L’Acquapark Bolleblu inaugurerà la stagione estiva il 15 giugno e rimarrà aperto tutti i giorni dalle ore 9.30 alle 19.00 con prezzi che vanno dai 12 euro (bambini, biglietto feriale) ai 17 euro (adulti, biglietto festivo). La Baita Bellaria a Pasturana dà la possibilità di rilassarsi in piscina con apertura dalle 9.30 alle 19.30 pagando un biglietto di 8 euro. A Capriata d’Orba gli orari della piscina vanno dalle 9.30 alle 19.00 con biglietto feriale intero a 8 euro, ridotto a 5 euro, festivo a 10 euro. Sconto speciale per i residenti. Ad Ovada l’apertura estiva delle piscine Geiri-

no avverrà sabato 15 giugno dalle ore 9.00 alle ore 19.00, con ingresso giornaliero intero di 7,50 euro e ridotto 5,50 euro. A Trisobbio l’inaugurazione della stagione estiva è avvenuta sabato 1° giugno, l’orario è dalle ore 9.00 alle ore 19.00 con biglietto feriale intero 7 euro, ridotto (fino ai 14 anni) 5 euro; festivo intero 8 euro, ridotto (fino ai 14 anni) 6 euro; la piscina offre inoltre la possibilità di uno sconto residenti pari a 1,50 euro.

Il parco acquatico Lavagello apre all’estate sabato 8 giugno dal lunedì al sabato dalle ore 10.30 alle ore 18.30 e la domenica dalle 9.30 alle ore 18.30. I prezzi variano dagli 8 euro dei giorni feriali, ai 10 del sabato, ai 12 euro della domenica. La piscina di Lerma vi attende invece a partire da sabato 8 giugno dalle 9.00 alle 19.00, con prezzo feriale intero a 6,50 euro, ridotto 5,50 euro; festivo intero 8 euro e ridotto 6,50 euro.

«I costi del riscaldamento della piscina di Novi sono fuori controllo»: l’allarme arriva da Alberto Ghibellini, ex campione di pallanuoto e fra i dirigenti della società sportiva Aquarium Srl, gestore dell’impianto novese. Lo stop al progetto di riqualificazione energetica dell’impianto, approvato a marzo dalla giunta comunale, fa riemergere il problema. Era prevista una serie di interventi per limitare le dispersioni di calore con una spesa di 400 mila euro, da finanziare all’80% con un contributo della Regione e del 20% da parte della società Aquarium Spa, che ha costruito la struttura di via Fratelli Rosselli, poi affidato alla società sportiva Aquarium Srl. La candidatura al bando regionale è stata però respinta. «La situazione – spiega Ghibellini – �� pesante. Apprezziamo che il Comune abbia tentato in qualche modo di porre rimedio ai problemi della piscina ma lo stop al progetto è una notizia davvero negativa. Servono lavori urgenti per contenere i costi del riscaldamento». L’ex pallanuotista dice che la dirigenza di Aquarium Spa «è a conoscenza da tempo dei costi che sosteniamo, così come l’amministrazione comunale. In passato sono state effettuate una serie di coibentazioni che vanno però migliorate, mentre in altre aree della piscina questi interventi non sono stati realizzati». Secondo Ghibellini, la nuova dirigenza di Aquarium Spa sembra essere maggiormente attenta al problema: «Speriamo in positivo, anche perché la nostra società conta più di 130 atleti tra nuoto e pallanuoto ed è la più importante della città. Negli anni l’attività è cresciuta ma, soprattutto dal Comune, non arriva la dovuta attenzione a questa importante realtà». (G.C.)

L’UNICO MODO DI CAMBIARE È DECIDERE DI CAMBIARE

con

trovi anche il TUO PESO PERFETTO!

JUSTWELLNESS

®

SINTONIA ALIMENTARE ED EMOZIONALE INCONTRO CON DINO SINTONI

Venerdì 14 GIUGNO

RELAIS VILLA POMELA

IDEATORE DEL METODO

APERICENA

Ore 19.00 un esclusivo ...per IMPARARE a CAMBIARE... MUSICA DAL VIVO con CLAUDIO MASTROMARINO 25€ APERTO A TUTTI

...per VOI un BUONO da 50 €

< valido fino al 31 ottobre e non cumulabile con altre promozioni >

Via Caduti di Nassiriya, 2

...e puoi scegliere i trattamenti che vuoi!

(ex prolungamento via Dacatra)

NOVI LIGURE (AL)

E’ GRADITA LA PRENOTAZIONE: INFO 0143 78857


novi ligure

ilsettimanale • giovedì 6 giugno 2013

15 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

La solidarietà Successo della manifestazione di sabato scorso in piazza Dellepiane

Ascolta l’Africa ringrazia tutti Pomeriggio di giochi e animazione ed in serata poi la grande festa MICHELA FERRANDO redazione@ilnovese.info

Sabato 1° giugno, in occasione della manifestazione che si è svolta in piazza Dellepiane, l’associazione novese Ascolta l’Africa ha consegnato al sindaco Lorenzo Robbiano il riconoscimento “Africa d’oro”, dedicato alla cittadinanza di Novi Ligure, in quanto: «La sua sensibilità ci ha permesso di portare aiuto, speranza e sostegno ad una popolazione che ormai ci è diventata amica e sentiamo per tanti motivi vicino al cuore». Nella stessa giornata, sempre in piazza Dellepiane, si è svolta la nona edizione della manifestazione organizzata dalla stessa associazione Ascolta l’Africa della Parrocchia di San Pietro. La festa, iniziata nel pomeriggio con i giochi gonfiabili e le animazioni a cura del Liceo Amaldi dedicate ai bambini e proseguita con il saggio delle ragazze della Forza e Virtù di Novi, è entrata nel vivo alla sera quando, i due mattatori, don Massimo Bianchi e Maria Pina Saulino, hanno presentato il “Boccadoria – DreamShow”, musical interpretato dagli alunni delle Scuole medie “Boccardo” e “Doria” e delle elementari “G. Pascoli”. Dopo la consegna delle onorificenze al sindaco, la kermesse è proseguita con

inbreve COLLEGIATA

Domus Aurea Domani, venerdì 7 giugno, nella Collegiata di Novi si apriranno le manifestazioni di “Domus Aurea” (giunte alla sesta edizione), appuntamenti musicali volti a promuovere il grande patrimonio di fede e cultura, rappresentato dalla principale chiesa cittadina, attualmente oggetto di restauri e scoperte. Ad aprire la manifestazione (alle ore 21.15) sarà con un concerto d’organo del maestro Fabrizio Callai, titolare dei Grand’Organi e maestro di Cappella delle Basiliche Insigni Collegiate di S. Maria Assunta in Carignano e N.S. delle Vigne in Genova e organista nella Basilica di S. Andrea in Valle in Roma. Sullo straordinario strumento ottocentesco dei Fratelli Serassi, vanto della città di Novi, saranno eseguite musiche del Settecento e dell’Ottocento italiano, un repertorio tra i più adatti a essere eseguiti su tale strumento. In programma musiche di Verdi, Ponchielli, Panerai, Bellando, Bossi, Petrali. (RED.)

l’esibizione di Giorgio Verduci, mattatore di “Zelig”, che ha fatto divertire tutta la piazza con la sua esilarante performance. La manifestazione si è conclusa con i ritmi e le danze dell’Associazione culturale “Ars Alkemia”, con uno spettacolo di giocoleria infuocata. La manifestazione è stata organizzata grazie al supporto del Centro Servizi volontariato per la Provincia di Alessandria, dell’Acos Spa e con il patrocinio del Comune di Novi. Il ricavato della serata sarà impiegato per proseguire la realizzazione dell’ambulatorio odontoiatrico della missione di Murayi in Burundi.

DOLCI TERRE

Il saggio di fine anno

Chi è la ragazza con l’orecchino? Nel 1999 Tracy Chevalier tenne con il fiato sospeso più di un milione di lettori con il suo romanzo “La ragazza con l’orecchino di perla”, da cui venne tratto anche un film di successo. Oggi invece Novi si interroga sulla reale identità di un personaggio comparso di recente su Facebook: la ragazza con l’orecchino di pirla. Lei – che di nome farebbe Simona – ogni settimana intrattiene sul web il proprio pubblico con mini sit-com e sketch divertenti. Simona – ammesso che si chiami davvero così – sarebbe approdata su Facebook (e su YouTube) dopo una delusione in amore. Ridendoci sopra.

MARANZANA ABBIGLIAMENTO

Sabato 8 giugno a partire delle ore 16.00 presso il centro fieristico Dolci Terre si svolgerà il saggio di fine anno del Progetto “BandAscuola”; dedicato al Corso di Propedeutica Musicale concepito dal corpo musicale “R. Marenco” di Novi Ligure che si pone, come proposito e fine, di andare a colmare quei vuoti sociali e didattici che l’attuale panorama evidenzia. Attraverso un’esperienza attiva ogni allievo ha avuto la possibilità di intraprendere un percorso didattico atto alla conoscenza dei linguaggi musicali rivivendoli sotto un aspetto ludico che ne consente l’accessibilità. Le lezioni, a cadenza settimanale, sono state tenute da Monica Garavelli, diplomata in pianoforte, e membro effettivo della Banda, e poi integrate da altri membri del Corpo Musicale, con lo scopo di far conoscere ai ragazzi una delle Associazioni più prestigiose di Novi. Sabato, per coronare degnamente il termine di questa esperienza, gli alunni delle Scuole Primarie dell’Istituto Comprensivo 2 di Novi (Oneto, Martiri della Benedicta e Leonardo Da Vinci di Pasturana) saranno chiamati ad esibirsi in pubblico accompagnati dalla banda “Marenco”. (RED.)


ilsettimanale • giovedì 6 giugno 2013

16 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Villa Carmelita è il nuovo Hotel 4 stelle inaugurato nell’estate 2012. La struttura Luxury con ottimo ristorante interno, “Il Vino di Ismàro”, già collocato tra i migliori ristoranti dell’alessandrino, è situata nel cuore del Monferrato, a Carpeneto, un piccolo comune medievale, situato ora le colline Ovadesi e quelle di Acqui Terme. Villa Carmelita è dotata di ogni comfort immaginabile per ogni tipo di cliente. La nuova esclusiva struttura turistico alberghiera del Monferrato, si colloca a soli 8 km dal prestigioso campo di golf 27 buche Villa Carolina, per cui, per i residenti è prevista una convenzione. Piscina di 20 metri con bar, campo da tennis in erba sintetica, parco di 10000 mq segnato all’orizzonte dalle forme del Monviso e Monte Rosa. Per il relax, sauna, bagno turco, e sala da biliardo rivolto a chi ricerca nella semplice eleganza delle cose, il proprio benessere fisico e mentale. Il ristorante e la piscina sono aperti anche ai clienti esterni. Gli ospiti dell’albergo hanno diritto di prelazione su tutti i servizi previsti dalla struttura.

www.villacarmelita.it - www.ilvinodismaro.it

Propone il nuovo Menu Primaverile da martedì a domenica Insalata di Baccalà, spuma di patate al basilico, Olive di Taggia Ravioli al Dentice, Bufala, salsa Bisquè Gran fritto di Sarde con verdura Millefoglie di cioccolato con Mousse di frutti di bosco Acqua, caffè Nel menù troverete altri deliziosi piatti a base di carne, verdura e pesce. Per prenotazioni telefonare al numero: 0143 84 58 00

Villa Carmelita Via Torino 58 - 15071 Carpeneto (AL) - Tel. +39 0143 84 58 00 - Fax +39 0143 85 424 - info@villacarmelita.it


ovada

ilsettimanale • giovedì 6 giugno 2013

17 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Il blocco. Non si potrà affidare tutti gli interventi necessari e già previsti per ragioni controllo della spesa. Il Comune proverà a procedere in tranche successive. Le risorse verranno dagli oneri di urbanizzazione

Asfalto: niente restyling Lavori al minimo storico Interessate via Ruffini, via Marconi, ma anche strada San Bernardo DANIELE PRATO EDOARDO SCHETTINO ovadese@alice.it

A occhio, quella messa peggio è via Ruffini, la strada che collega corso Saracco all’ospedale, ridotta a una sequenza di buche più o meno profonde, con marciapiedi molto deteriorati, sporchi e in alcuni momenti della stagione anche molto scivolosi. Le lamentele dei cittadini sono costanti. “Dire che la strada è in condizioni pessime è un eufemismo. Il Comune la tratta come una via di serie B quando, invece, ogni giorno è attraversata da centinaia di auto e pedoni, diretti all’ospedale, al centro sportivo del Geirino”. Sul banco degli imputati è finita anche l’illuminazione pubblica, in attesa dell’installazione dei nuovi lampioni a led che potrebbe concretizzarsi al termine dell’estate. Ben difficilmente, nel breve periodo, si riuscirà a fare qualcosa per la sede stradale. E’ infatti in forte dubbio, per non dire che è saltato definitivamente, il piano di restyling degli asfalti previsto per l’estate che sta per arrivare. E proprio via Ruffini era una delle priorità, in un elenco che comprende anche via Marconi, che da corso Saracco porta verso via Galliera. E poi la se-

conda tranche dell’intervento in strada San Bernardo. E ancora: la sistemazione di piazza Mazzini, in particolare dei blocchetti di porfido che si sono staccati dando all’angolo del centro storico un aspetto ben poco gradevole. Dal punto di vista economico l’esborso maggiore riguarda San Bernardo con 86 mila euro. Poi piazza Mazzini con poco meno di 60 mila, e la già citata via Ruffini con 33 mi-

la. Non c’è una stima precisa per le necessità di via Marconi, ma nemmeno per altre piccole cose che sarebbe da fare in corso Saracco e via Fiume. Proprio ragioni di controllo della spesa sono alla base delle decisioni di Palazzo Delfino. E d’altronde che il futuro immediato sarebbe stato contraddistinto da un brusco giro di vite sui lavori pubblici lo si era capito al momento della presentazio-

ne del piano triennale, peraltro un atto dovuto e non vincolante in alcuno modo, che alla voce 2012 prevede solo l’intervento alla “scarpata della Voltegna”. “Viste le previsioni di un ulteriore giro di vite al patto – conferma l’assessore ai Lavori Pubblici, Simone Subrero s’è deciso di non inserire il piano asfaltature nel calendario delle opere pubbliche”. Questione delicata perché sull’argomento la

cittadinanza è particolarmente sensibile. Forse anche per questo motivo, viene fuori la soluzione di riserva. “Invece di affidare in blocco gli interventi – precisa ancora Subrero abbiamo cercato un’alternativa. Scorporeremo alcuni dei lavori e li manderemo in porto finanziandoli con gli oneri di urbanizzazione di quest’anno, a mano a mano che li incasseremo”. Nel frattempo ci si dovrà accontentare dei rattoppi a cui oramai siamo particolarmente abituati. Nei giorni scorsi i cantonieri sono infatti tornati all’azione in alcuni punti particolarmente accidentati. Via Torino, prima di tutto nella parte che dal Comune porta verso via Gramsci, che attende di essere rimessa a posto da prima dell’inizio dei lavori di recupero del quartiere delle Aie. Gli uomini del comune sono intervenuti sul marciapiede applicando del cemento colorato di rosso (simile a quello delle piastrelle) nei punti più malconci e accidentati. La pavimentazione risale agli anni Sessanta e, da allora, non è più stata toccata, peggiorando senza sosta. Gli interventi del Comune, comunque, non si fermeranno qui. Nei prossimi giorni si procederà con altri marciapiedi, seguendo la scala delle priorità.

La ricerca Il sindaco Oddone: “Soddisfatto”. Boccaccio mette in dubbio il campione

Ovada ancora prima per qualità di vita secondo i cittadini Gli ovadesi sono convinti di stare bene. E’ questo l’esito dello studio realizzato dalla società The European House – Ambrosetti di Milano presentato ad Alessandria la scorsa settimana. Il campione di 48 residenti interrogati on line con un questionario consegnato il mese scorso, ha assegnato un punteggio di 7.6 in una scala che va da 1 a 10. Ovada supera la media provinciale, ferma a 6.1, di un punto e mezzo e distanzia il capoluogo di Provincia, Alessandria, che non va oltre un risicatissimo 4.1. E’ il secondo anno consecutivo che

la nostra città ottiene la palma d’oro per la qualità della vita percepita. E già in passato ricerche analoghe si erano pronunciate in tal senso. E questo nonostante non manchino le criticità, dai tagli ai trasporti e ai servizi sanitari. I cittadini ovadesi, sempre secondo la ricerca, sono anche quelli che meno hanno percepito un peggioramento negli ultimi cinque anni. “Un “sette” Ovada lo vale, per contesto e posizione – dice Paolo Rebora, esercente storico di via San Paolo - L’aria buona e le colline, però, non sono merito di nessuno: servono

più cura e voglia di fare”. Pazienza se qualcuno lamenta una scarsa manutenzione delle strade e delle aree verdi, oppure la scarsità di opportunità di svago serali. “Ovvio che arrivare primi mi renda soddisfatto – ha commentato il sindaco Andrea Oddone - A Ovada si è ancora persone e non solo numeri, la scelta di un’economia diversificata ha evitato il tracollo della zona”. C’è chi però mette un dubbio la bontà della ricerca. “Il campione – ha tuonato l’ingegner Eugenio Boccaccio – rappresenta solo lo 0.4% degli ovadesi. E la co-

sa ancor più sorprendente è che il ridottissimo campione, forse per dare al sondaggio un maggiore rigore scientifico, viene addirittu-

ra analiticamente scorporato in 72% di maschi e in 28% di femmine. Nemmeno Trilussa aveva fatto un’analisi così profonda”. (eschet)

lapolemica Ovada, una città che slitta di Diego Cartasegna Notizie della settimana: slitta ancora l’installazione dei dissuasori di velocità “speed check” in via Molare, promessi dalla Provincia; slitta pure il completamento dei lavori per mettere in sicurezza gli attraversamenti pedonali di corso Italia; e infine, tanto per non farci mancare nulla, slittano gli interventi di asfaltatura delle strade. Ovada sta diventando una città davvero “scivolosa”, in cui, a causa di una situazione perennemente viscida, tutto viene rinviato. Ci manca solo una pioggia di lumache per completare l’opera. A parte gli scherzi, non c’è proprio da stare allegri. Se pensavamo che le cose andassero male, scopriamo, settimana dopo settimana, che invece vanno peggio. Colpa dei tagli alla finanza pubblica, del patto di stabilità o di qualcuno o qualcosa molto più vicino a noi? Su questo tema le opinioni sono ovviamente contrastanti. A sentire certi esponenti dell’opposizione, sembrerebbe che gran parte dei nostri guai arrivino da un’incapacità di governo della giunta attualmente in carica, che riesce a sbagliare tutto lo sbagliabile oppure ad adagiarsi in una colpevole inerzia. Va detto però che gli esponenti dell’opposizione guardano le cose da un punto di vista un po’ “esterno”. Non devono far quadrare i bilanci e non devono neppure fare i conti con i dirigenti e la burocrazia comunale. Quindi si limitano a pontificare, un po’ come fanno certe volte i giornalisti. Abbiamo l’impressione però che non tutti i nostri guai arrivino da fuori: qualcuno ce lo fabbrichiamo in casa. Come, per esempio, lo Story Park. E poi, i tempi della macchina comunale che viaggia, e non solo da oggi, a ritmi decisamente più lenti rispetto a quelle che sono le attese e soprattutto la necessità di dare una risposta ai problemi. Anche in epoche passate, in cui non si parlava ancora di spending rewiew o di tagli alla spesa pubblica, la nostra città non brillava certo per la rapidità con si realizzavano le opere. E oggi, con questi chiari di luna, i difetti si sono ingigantiti. E non diamo la colpa alle leggi dello Stato. In altre realtà, anche non lontanissime da noi, si sono fatte le cose in modo più rapido, con meno chiacchiere e soprattutto nei modi e nei tempi dettati dalla politica e non in quelli stabiliti dalla burocrazia che lavora a Palazzo Delfino


ovada

ilsettimanale • giovedì 6 giugno 2013

18 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Trasporti Da domenica in vigore l'orario estivo. A agosto linea chiusa

Per l’estate nessuno taglio, c’è sollievo tra i pendolari EDOARDO SCHETTINO ovadese@alice.it

Ora c’è anche la conferma ufficiale. L’orario estivo di Trenitalia che entrerà in vigore da domenica prossima, il 9 giugno, non contiene tagli, contrariamente a quanto temuto fino a qualche settimana fa dalle associazioni che rappresentato gli interessi degli utenti. Tirano quindi un sospiro di sollievo i viaggiatori già alle prese con i disagi di un servizio che più di una volta ha messo in luce pecche rilevanti e ritardi. Il primo intoppo, peraltro necessario, è però la chiusura di due giorni della linea, in programma il 29 e 30 giugno, per i lavori di messa in sicurezza della frana di Molare. “Si tratta di lavori complessi – spiega Alfio Zorzan, presidente dell’associazione pendolari dell’Acquese – che si possono fare solo interrompendo la circolazione. Con un escavatore bisognerà intervenire in cima alla collina, dove saranno creati terrazzamenti e canali di scolo per le acque”. Per quei due giorni il treno partirà direttamente da Ovada. Il collegamento tra la nostra città e Acqui, compresi i paesi, sarà assicurato per messo dei bus. E’ un po’ l’antipasto di quel che dovrà succedere anche tra il 5 agosto e il

inbreve COSTA

Anziani di Lercaro ospiti alla Saoms Oggi pomeriggio la Saoms di Costa d’Ovada ospiterà gli anziani di Lercaro. I degenti della Casa di Riposo ovadese saranno accolti dai volontari che molte volte si sono recati presso il ricovero, per divertire gli arzilli vecchietti. Allieterà il pomeriggio la musica di Giovanni Alloisio, prezioso collaboratore. Sarà offerta loro una merenda a base di bibite, the, dolcetti e gli immancabili, famosi “focaccini costesi”.

ARTIGIANI

Eccellenza a tavola E’ stato presentato ieri l’iniziativa che si svolgerà il 14 giugno prossimo, a Villa Bottaro, a Silvano d’Orba, promossa dalla Confartigianato, dedicata all’“Eccellenza artigiana a tavola” che vede coinvolte alcune aziende del settore, quali il salumificio Pernigotti, la gastronomia Piera, i Grissinari dei fratelli Dotto, la pasticceria Bottaro e Campora, la pasticceria Alessia, la Torrefazione Leprato e la distilleria Gualco.

PRO LOCO

Assemblea generale dei soci Venerdì 7 giugno, alle 21, in via Palermo 5, si terrà l’assemblea ordinaria e straordinaria dei soci della Pro Loco Costa d’Ovada e Leonessa per discutere un ordine del giorno che prevede l’approvazione del bilancio consuntivo 2012 e del bilancio preventivo 2013, la nomina dei revisori dei conti ed il programma delle future attività.

MORSASCO

Festival della musica antica 4 settembre, una settimana in più rispetto al solito, con la chiusura programmata della linea per i lavori di manutenzione estivi che negli ultimi anni sono diventati una costante. Gli autobus in quel caso daranno la spola tra la nostra città e il capoluogo ligure. Dal monitoraggio effettuato dall’Associazione Pendolari dell’acquese nel mese di apri-

L'intervento Il 29 e 30 giugno bus tra Acqui e Molare per la messa in sicurezza della frana. A aprile 34 treni in ritardo

le si evidenzia come tra l’1 e il 30, siano stati 34 i treni arrivati in ritardo. Di questi, la stragrande maggioranza, sono contenuti in una fascia tra i 5 e 10 minuti, comunque significativa dati i tempi di percorrenza medi già molto alti. Giornata peggiore il 12 aprile con sei treni in ritardo. Il problema più grosso si è registrato al 2, con il regionale 6157 in ritardo di 40 minuti.

Domenica al Castello di Morsascosi terrà la 9ª edizione del Festival europeo di musica antica. Alle 18, si terrà presso la dimora storica il concerto “Weep you no more” con la soprano greca Marina Theodoropoulou accompagnata al liuto dall’inglese Elena Cicinskaite.

DALLA REGIONE

Calendario raccolta tartufi La Giunta Regionale, in accordo con la Consulta per la valorizzazione del patrimonio tartufigeno piemontese, ha dato il via libera al nuovo calendario per la raccolta dei tartufi. La stagione si aprirà il 21 settembre e avrà due periodi di sospensione: dal 1° al 31 maggio e dal 1° al 20 settembre.

Econet Il bilancio è a posto; la liquidità però è in calo

I Comuni pagano, ma in ritardo Nel 2013 l’Econet rischia di trovarsi a corto di liquidità. La società di raccolta rifiuti e pulizia strade, che opera in tutto l’Ovadese e l’Acquese (più la zona di Gavi), al momento, ha i conti a posto, come dimostra l’utile di 415 mila euro certificato dal consuntivo del 2012, ma non è detto che in futuro la situazione si confermi altrettanto rosea. Il problema sta nei ritardi nei pagamenti da parte dei Comuni che, con le casse sempre più vuote, in diversi casi non riescono a disporre i bonifici per i servizi prestati nei tempi pattuiti. Nomi dei “morosi” non se ne fanno ma, per evitare che il problema diventi cronico, Econetsi è mossa. “La situazione non è generalizzata;

c’è anche chi è in regola con i pagamenti - dice il presidente, Tito Negrini -. Tuttavia, abbiamo trasmesso a ogni Comune (in tutto 50) il resoconto della propria situazione finanziaria nei confronti della società, chiedendo a quelli più esposti un impegno scritto per assicurare il rientro in tempi ragionevoli. Bisogna fare attenzione perché troppi ritardi potrebbero mettere in crisi la nostra liquidità, fondamentale per gli investimenti”. Il 2012 questi sono stati corposi (580 mila euro solo sul parco mezzi), ma c’è stato un calo nella liquidità a breve e un aumento dell’indebitamento a medio lungo termine. (D.P.)

Musica e canti alla fine dell’anno

A conclusione del percorso didattico musicale “Fa.Re.La.Musica” guidato dall’esperta Maria Regina le classi terze con le maestre Nicoletta Porata, Ornella Ravera, Luisa Russo, della Scuola Primaria “Giovanni Paolo II” dell’Istituto Comprensivo “Pertini” hanno svolto un piccolo saggio di incontro con le note sul flauto presentando “l’Inno alla gioia di Beethoven” e canti mimati. Non sono mancati i calorosi applausi dei genitori e i complimenti della Dirigente Scolastica Patrizia Grillo che ha sottolineato il valore della musica nella vita.


ovada

ilsettimanale • giovedì 6 giugno 2013

19 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

La fuga Anche dalle nostre parti molti genovesi provano a vendere. Penalizzati i piccoli paesi

Casa in campagna: lusso per pochi Spese alte, manutenzione e tasse alla base dell'inversione di tendenza supera l’offerta. Chi è eventualmente interessato all’acquisto fa leva su questi aspetti per spuntare condizioni migliori. Anche l’aumento del carburante ha avuto effetto su scelte di questo tipo: spostarsi in macchina diventa sempre più costoso. Per paradosso, un viaggio in aereo verso una capitale europea con l’offerta giusta può non costare tanto di più. E poi i costi di manutenzione e la tassazione. “Ma l’Imu – aggiunge ancora Laura Tardito – non ha avuto un effetto determinante come in molti avevano preannunciato sul mercato. Rischiano comunque di essere vanificati gli sforzi degli amministratori che hanno puntato molto sul concetto “piccolo e bello” per rivitalizzare i comuni.

La seconda casa in campagna non sembra essere più un bene rifugio, ma nemmeno un lusso che molti genovesi vogliono o possono più permettersi. Succede a Ventimiglia e nello spezzino. E’ la vera piaga di luoghi un tempo molto considerati come Crocefieschi. Ma accade anche dalle nostre parti dove è facile vedere avvisi di vendita per le case in campagna. E dire che fino a qualche anno fa questa era considerata “terra di conquista” per chi pensava di vendere in Liguria e trasferirsi dalle nostre parti per godere di uno stile di vita più a misura d’uomo. Molare, Tagliolo, Belforte sono sempre stati considerati soluzioni ottimali perché comodi e ben collegati. Meno appeal esercitavano luoghi più gradevoli, come Mornese, ma difficili da raggiungere. L’eccezione che conferma la regola Carpeneto anche per prezzi molto più bassi che consentivano di spuntare ottimi affari. Linversione di tendenza di oggi è invece un fenomeno che è stato fotografato di recente dalla sezione genovese della Fiaip, la Federazione Italiana Agenti Immobiliari Professionisti. Ch i ha l’abitazione al mare prova a resistere. Ma chi ha ereditato dai genitori, spesso non si

Il parere Laura Tardito, vice presidente Fiaip: “Rispetto a qualche anno fa, l’interesse è meno costante. Ma non è soltanto colpa dell’Imu”

tratta di regge ma piccole abitazioni, oggi è tentato di vendere. “Non è un fenomeno di quest’ultimo anno – commenta Laura Tardito che della Fiaip è referente in città – ma che in realtà è in corso da qualche anno. Se qualche anno fa l’interesse per queste abitazioni era costante, non si può dire lo stesso adesso. Vende chi ha immobili che oscillano tre gli 80 e i 100 mila euro. Le fasce più alte non hanno subito grandi variazioni”. E’ un equilibrio instabile: i prezzi scendono, la domanda

In Comune Oggi la presentazione

ilconcorso

LUCA PIANA ovadese@alice.it

Dolcetto, sabato le premiazioni Si terrà sabato 8 giugno, presso i locali dell’Enoteca Regionale “Balloon”, la premiazione dei vincitori del concorso sul vino e la viticoltura locale a cui hanno partecipato gli alunni dell’Istituto Comprensivo di Ovada e di quello di Molare. L’obiettivo del progetto, promosso dall’Enoteca regionale del Dolcetto d’Ovada, in collaborazione con il Comune, e che ha visto impegnati in prima persona gli assessori Sabrina Caneva e Silvia Ferrari, prevedeva la produzione di elaborati di diverso tipo (temi, video, disegni, etichette per bottiglie) ispirati proprio al vino ed alla viticoltura, vale a dire agli aspetti peculiari del nostro territorio. La partecipazione, da quello che ci risulta, è stata piuttosto ampia ed ha visto la partecipazione degli studenti della scuola primaria e della secondaria di primo grado, che si sono cimentati nella scoperta di quello che è il vitigno tipico della nostra zona.

La sagra benefica In esposizioni anche i trattori d'epoca

Per il Centro Hanna Croce Verde: week end lungo, ecco il quaderno n. 7 menù classico con tante novità Oggi alle ore 15 presso la Sala Giunta del Comune, si terrà la presentazione del Quaderno 7 del centro Nuove Tecnologie per l’integrazione Hanna. Ormai giunta alla 7^ edizione la pubblicazione è come sempre a cura di Pietro Moretti, docente di sostegno presso la scuola media ovadese e da anni instancabile promotore di numerose iniziative organizzate nell’ambito della multimedialità e gravi disabilità. Ne è testimonianza il lavoro quotidiano del Centro Hanna, un lavoro di tale qualità da renderlo un punto di riferimento a livello nazionale. E’ recente la partecipazione del “Pertini” al Salone del Libro di Torino con uno stand voluto dal Ministero dell’Istruzione in collaborazione con oltre 30 scuole italiane, a dimostrare il valore dei percorsi individualizzati didattico riabilitativi progettati con l’uso della multimedialità e finalizzati al recupero delle abilità comunicative dei disabili presso il Centro. Introducono l’Assessore all’Istruzione Sabrina Caneva, il Dirigente Scolastico del “Pertini” la dott. Patrizia Grillo, il Dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale Antonino Meduri. E’ prevista anche una presentazione multimediale curata dai Ragazzi e dalle Ragazze del Centro Hanna e dell’Istituto Pertini. L’iniziativa nasce da una collaborazione tra l’Istituto Comprensivo “Pertini” di Ovada ed il CTS (Centro Territoriale di Supporto) Tecnologie e Disabilità del MIUR.

Torna nella sua collocazione abituale il week end della Croce Verde, in programma quest’anno da giovedì 20 giugno fino a lunedì 24, serata di San Giovanni. Quattro giorni in cui la sagra, che anche per la sua dodicesima edizione servirà a finanziare l’acquisto di attrezzatura sanitaria e a sostenere finanziariamente le attività dell’ente, si legherà alle celebrazioni del santo patrono aggiungendo anche un evento organizzato ad hoc. Il menù è quello classico, già riproposto negli anni scorso con le sue specialità. La novità: i testaroli, la pasta della Lunigiana da condire col pesto di Pra,

quest’anno saranno di produzione proprio. C’è anche il fritto misto, altra chicca che ha riscosso successo negli anni passati. “Per noi – raccontano dalla Croce Verde – il week end è un grande impegno, specie quest’anno che abbiamo deciso di aggiungere un giorno. Ma tutto il lavoro serve anche per riaffermare il legame tra il nostro ente e le gente di Ovada, sempre molto generosa con noi”. Anche quest’anno sarà possibile pranzare alla

Croce nella giornata di domenica. Il lunedì invece sarà la sera dello stoccafisso. Ci sarà anche un’attrazione in più per la giornata di domenica. In piazza XX settembre ci sarà infatti la festosa invasione dei trattori d’epoca, in esposizione con un omaggio alla cultura contadina così importante anche dalle nostre parti. “L’anno scorso la risposta della gente è stata molto importante ed anche questo contributo ci ha consentito di essere presenti e pianificare con una certa tranquillità l’attività e rimanere attenti all’intento dell’associazione che è di vicinanza ai chi soffre e solidarietà”.

inbreve L’INIZIATIVA

In arrivo la Festa PD Sta prendendo forma la Festa Democratica 2013 organizzata dal Circolo Pd di Ovada. Si tratterà della seconda edizione “itinerante” della Festa, dopo l’esperimento dello scorso anno. Il programma di quest’anno sarà presentato ufficialmente nel corso di una cena la sera di sabato 8 giugno e dovrebbe essere arricchito con qualche tappa aggiuntiva. Inoltre l’estate democratica sarà scandita anche da eventi politici: un’assemblea per definire il percorso delle eventuali primarie ed una serie di eventi per preparare il programma amministrativo per il 2014. Le tradizionali feste democratiche dei paesi della zona inizieranno a luglio con Cremolino per proseguire poi nel mese di agosto.

PARROCCHIA

Aspettando Callieri… In preparazione al campo estivo di Callieri, gli animatori della Parrocchia di Ovada organizzano per venerdì 7 giugno al Don Salvi, in via Buffa, dalle 18,30 alle 22,30, una serata di ritrovo per giovani e giovanissimi, per chi è un vecchio amico, per chi ci sarà, per chi vuole divertirsi. In questo inedito appuntamento non mancherà la possibilità di vedere le fotografie degli anni scorsi e soprattutto ci sarà tanta, ma davvero tanta musica. L'ingresso è libero. Durante la serata, sarà inoltre possibile acquistare per la prima volta le nuovissime T-shirt del ben noto “Rifugio alpino ovadese”: il ricavato sarà utilizzato per autofinanziamento.

L’APPALTO

Lavori nello Stura L’amministrazione comunale ha indetto un bando di gara con il sistema della “procedura ristretta” per l’affidamento dei lavori di riassetto idraulico del torrente Stura in via Voltri. L’importo a base d’asta è fissato in 43.199,40 Euro. La durata dell’intervento è prevista in 90 giorni. Il termine per la presentazione delle offerte scade il 14 giugno prossimo.

PER IL TORNEO

Patrocinio allo “Zainetto” Il 20 maggio scorso la giunta ha concesso il patrocinio comunale al Centro Diurno Terapeutico Riabilitativo per disabili “Lo Zainetto” per il triangolare di calcio “Trofeo Lo Zainetto”, che si terrà il 6 giugno prossimo alle ore 20,30 presso l’impianto polisportivo del Geirino.


ovada

ilsettimanale • giovedì 6 giugno 2013

20 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

L’evento Domenica 9 giugno alle ore 14 presso il Parco dell’Appennino

Scuola Nelle future prime del Liceo

Madri Pie Molare e Cassinelle unite: Alla sono in partenza bimbi sulle orme di Aleramo le “cl@ssi 2.0” GIOVANNA FERLISI ovadese@alice.it

Domenica 9 giugno alle 14 presso il parco dell’Appennino si terrà una festa dal sapore medievale organizzata dalle scuole dell’Infanzia di Cassinelle e Molare. Infatti nel corso dell’anno sono state protagoniste di un progetto denominato “Sulle orme di Aleramo” oggetto di tesi e in collegamento con la facoltà Scienze della Formazione Primaria di Genova. Il progetto ha ruotato intorno alla leggenda di Aleramo con la finalità principale di trasmettere ai bambini conoscenza e consapevolezza dell’appartenenza al territorio in cui vivono attraverso modalità adeguate all’età. Per dare maggior concretezza al lungo lavoro svolto, le insegnanti hanno pensato di organizzare un contesto che riproduca l’atmosfera medievale e le abitudini dell’epoca. Vi saranno quindi due gruppi che interagiranno coi bambini facendoli danzare con musiche tipiche e combattere con le spade secondo le regole degli antichi cavalieri. Sarà attivato dall’arch. Sara Molinari, mamma di una bimba di Molare, un laboratorio di tessitura con piccoli telai e promossa una gara a premi, con cavalli di legno, per chi riuscirà a percorrere “la cavalcata

aleramica” su scala ridotta, nel minor tempo. Cavalli veri con la possibilità di cavalcare saranno messi a disposizione da due mamme proprietarie degli animali. I bambini proporranno una drammatizzazione della leggenda con una scenografia realizzata dei ragazzi della II A del Liceo artistico di Acqui e dal loro docente prof. Nicola Tudisco. Il tutto sarà corredato dalla pos-

L’obiettivo Trasmettere ai piccoli alunni la consapevolezza di appartenere al territorio in cui vivono attraverso un contesto che riproduce l’atmosfera medievale dei tempi del Marchese

sibilità di gustare focaccine di farina d’orzo con miele sapientemente cucinati dalla Pro loco di Battagliosi. Altre prelibatezze saranno confezionate, sempre secondo ricette medievali, dalla Pro loco di Cassinelle. Interverranno, oltre alle autorità scolastiche, anche i docenti relatori della tesi, prof. Matricardi e dott.ssa Pisano, e il prof. Taraglio docente dell’Uni di. di Aosta.

Partiranno nel prossimo anno scolastico presso l’Istituto S. Caterina le cl@ssi 2.0. Saranno interessate le future prime del Liceo Linguistico e del Liceo Economico-sociale grazie ai finanziamenti della Regione Piemonte (Bando 2013 Scuola digitale, circa 13.000 euro), della Fondazione CRT (5.000 euro), di donazioni di privati e della Casa generalizia delle Madri Pie (circa 8.000 euro). Il progetto consiste nell’allestimento di classi 2.0, in cui gli strumenti tecnologici favoriscano l’apprendimento. Le nuove tecnologie individuali e collettive saranno utilizzate in tutte le materie, ma soprattutto nelle discipline di studio (classe I Liceo Linguistico: Italiano, Latino, Storia e Geografia, Matematica, Inglese, Francese, Tedesco, Religione; classe I Scienze Umane Opzione economico-sociale: Italiano, Inglese, Francese, Storia e Geografia, Diritto, Matematica, Scienze sociali e metodologia della ricerca, Religione). L’utilizzo delle nuove tecnologie non sarà occasionale, ma quotidiano. Fino ad oggi le opportunità di utilizzare le TIC erano confinate alle ore di laboratorio informatico, con il progetto Classe 2.0 l’aula si fa laboratorio disponibile tutti i giorni e per tutte le materie. Anche l’adozione di libri scolastici digitali o in forma mista favorisce ed in molti casi rende indispensabile l’uso delle TIC. Le aule, raggiunte dalla connessione wireless, saranno allestite con la LIM (Lavagna Interattiva Multimediale), proiettore, PC fisso per la condivisone dei materiali, stampante, computer portatili che saranno assegnati in comodato d’uso ad ogni docente e studente. Il progetto è stato illustrato a famiglie e studenti in un incontro che si è tenuto presso la sede dell’Istituto il 4 giugno scorso.


ovada

ilsettimanale • giovedì 6 giugno 2013

21 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Escursionismo Sei gli appuntamenti, in calendario ogni martedì, dal 18 giugno al 23 luglio

Cai: si cammina sotto le stelle

inbreve IN COMUNE

Incontri Riproposte le passeggiate serali che l’anno scorso hanno riscosso un grande successo d’autore Discorso diverso per la passeggiata del 9 luglio ai Laghi della Lavagnina: anche in questo caso la classificazione è “EE”, non per problemi “tecnici” ma semplicemente per la sua lunghezza. Molto più accessibili gli itinerari delle ultime due “passeggiate sotto le stelle”, il 16 luglio a Battagliosi (“giro della Granozza”) ed il 23 luglio a Lerma in località Cirimilla. Quest’ultimo è il più semplice di tutti: infatti è classificato come “T”, cioè turistico. La sezione di Ovada del CAI comunque ricorda che, pur trattandosi di escursioni brevi ed in ambienti privi di difficoltà, non vanno comunque prese “sotto gamba”. Occorre un minimo di allenamento e di equipaggiamento (scarpe da escursionismo e torcia elettrica).

Dopo lo straordinario successo ottenuto lo scorso anno, con la partecipazione di centinaia di persone, anche quest’anno la sezione di Ovada del CAI ha deciso di riproporre nei mesi di giugno e luglio le “passeggiate sotto le stelle”. Si tratta di sei escursioni in programma alla sera nella zona dell’Ovadese e nella vicina Valle Stura. Gli itinerari sono in genere brevi e di moderata difficoltà. Si comincerà 18 giugno con il “giro delle terre verdi”, sui monti vicino alla nostra città. Infatti il ritrovo è fissato alle ore 20 alla fine di strada Faiello, in località Bataquerci. Si tratta di un percorso escursionistico che tocca un angolo suggestivo delle alture situate a sud di Costa. Le “terre verdi” devono il loro nome al loro curioso colore verdastro e sono situate in una zona boscosa non lontana dalla strada del Termo. L’appuntamento successivo, fissato per il 26 luglio a Rossiglione si può considerare ormai un “classico”: si tratta del “giro della Gargassa”, un itinerario che passa all’interno del canyon formato dal torrente in mezzo a rocce di conglomerato dalle forme assai curiose. Va detto però che questo ap-

I percorsi Dai monti a sud di Costa, alla val Gargassa, da Casaleggio ai Laghi della Lavagnina vengono toccati angoli suggestivi del nostro territorio. Ma attenzione: non tutti sono

puntamento non è proprio “per tutti”. Gli organizzatori (ed in particolare l’infaticabile Sandro Dagnino, che si dedica da anni a questa attività) lo classificano infatti come “EE”, cioè riservato solo ad escursionisti esperti, a causa di alcuni passaggi rocciosi che si incontrano nei pressi del corso d’acqua. Più semplice invece è il percorso in calendario per il 2 luglio a Casaleggio Boiro (cioè il “giro del castello”), che può essere affrontato da normali escursionisti.

l’iniziativa

GIULIANA CANTAMESSA ovadese@alice.it

Serata in ricordo di Terzani Si terrà domani sera, in scalinata Sligge nella spazio di “Due sotto l’ombrello” a partire dalle 21.00 la serata organizzata in ricordo di Tiziano Terzani. Lo scopo dell’incontro è raccogliere fondi per il film che il regista Mario Zanot vuole realizzare da “Un indovino mi disse”, uno dei libri più famosi tra quelli pubblicati dal giornalista fiorentino. Letture, con l’attore Fabrizio Matteini, momenti musicali con il duo composto dalla voce di Flavia Barbacetto e dal violoncello di Stefano Cabrera e con il sassofonista Antonio Marangolo, spezzoni dei film realizzati dallo stesso Zanot per tratteggiare la figura di Terzani, sono gli ingredienti principali dell’incontro organizatto dal circolo “Il Salotto”, con il patrocinio del Comune di Ovada. I proventi del film, una volta realizzato, sarano devoluti a Emergency per l’ospedale gestito a Lashkar-gah, in Afghanistan.

Gli eventi Da giugno fino ad ottobre tanissimi gli appuntamenti

SCUOLA MEDIA PERTINI

La musica, il teatro, le mostre nel castello di Rocca Grimalda

Laboratorio Teatrale in scena

Estate ricca di appuntamenti al castello di Rocca Grimalda. Da giugno ad ottobre ci sarà spazio per musica, teatro, mostre, nonchè per le visite guidate all’antico maniero. L’iniziativa è organizzata dall’associazione di promozione culturale e sociale “Castello di Rocca Grimalda” con il patrocinio del Comune della regione Piemonte e della Provincia di Alessandria e con il sostegno delle Fondazioni CRT e Cassa di Risparmio di Alessandria, nonchè della Banca Carige. Da sabato 8 giugno a e domenica 7 luglio, nelle cantine del castello, è in programma la mostra, organizzata e promossa dal Mu-

seo internazionale Luzzati, “In viaggio con Don Chisciotte. Realtà e illusione in mostra a Rocca Grimalda”. Sempre il 7 luglio, per “A cori uniti nel parco”, esibizione del “Gruppo Genovese di Musica Antica”. Il 21 Luglio, nell’ambito della 5^ edizione di “L’Altro Monferrato”, percorsi d’ arte e teatro tra borghi

e castelli, dedicata al Decamerone di Giovanni Boccaccio, nel salone del castello si svolgerà lo spettacolo “Ouverture des saponettes”, un concerto per bolle di sapone di Michele Cafaggi, regia di Davide Fossati, ispirato alla novella “Calandrino e l'elitropia”. L’8 settembre è in calendario il concerto di “Pro Musica Antiqua” e del Gruppo di Danza Antica “Le Gratie D’Amore”, iniziativa che rientra nel circuito “Musica antica e danze nei castelli del Piemonte”. La conclusione della stagione avverrà il 13 ottobre con un altro concerto di “A cori uniti nel parco”: si esibirà il gruppo “Vetera Nova”.

Il 10 giugno, alle 21, nei giardini della scuola di musica “Rebora”, spettacolo finale del laboratorio teatrale della scuola secondaria di I grado “Pertini” dal titolo “Ubu Re, ovvero la sete di potere vista da noi”, frutto di un lavoro annuale degli studenti in attività pomeridiana facoltativa. Sono previste due repliche: una nella mattinata del 10 giugno sempre ai giardini della scuola di musica, ed una serale al Teatro Soms di Silvano d’Orba l’11 giugno alle 21. La regia dello spettacolo è di Tobia Rossi, il laboratorio di recitazione è curato dalla prof. Giosiana Barisione, coreografie del prof. Fabio Poggi e coordinamento della prof.ssa Priano.

L’INIZIATIVA

La domenica di Trisobbio Trisobbio sotto i riflettori domenica 9 giugno per un’interessante iniziativa in programma dalle 8,30 alle 14. Si tratta della “Domenica di Trisobbio” che vedrà i negozi aperti, la mostra e vendita di prodotti tipici locali e il mercato di generi non alimentari. Alle ore 11,30 inoltre, presso la Saoms, ci sarà un aperitivo con spumante e fragole, rigorosamente trisobbiesi. Intanto va segnalato che Trisobbio è andato in onda nella trasmissione televisiva di Rete 4 condotta da Davide Mengacci “Ricette all’italiana” lunedì scorso, 3 giugno, e stamattina ci sarà una seconda puntata dalle ore 10.50 alle ore 11.30 dedicata ai vini doc Dolcetto e Barbera.

COCCO MASSIMO LAVORI AGRICOLI LAVORI AGRICOLI MECCANIZZATI MECCANIZZATI SCAVI E MOVIMENTO SCAVI MOVIMENTO TERRA TERRA DEMOLIZIONI E COSTRUZIONI COSTRUZIONI EDILI EDILI DEMOLIZIONI Serietà e professionalità al vostro servizio Cascina Minetti, 19 - Capriata d’Orba (AL) Tel. 0143 46203 - Fax 0143 467424 Cell. 330 600235 - e-mail: mc.cocco@libero.it

HAPPY DAYS

Venerdì 7 Giugno, nella sala “quattro stagioni” del Palazzo Comunale, alle ore 18, nell’ambito della XVII Rassegna “Incontri d’autore”m avrà luogo la presentazione del libro “Pierina la staffetta dei ribelli”. Interverranno Vittorio Rapetti (ISRAL) e Sabrina Caneva (coordinamento nazionale donne ANPI). Sarà presente l'autore Federico Fornaro. Info: Biblioteca Civica tel. 0143 81774

MUSEO

Escursione in val Gargassa Sabato 8 Giugno, per iniziativa del Museo Paleontologico, nell’ambito di “Museando… in primavera – Natura e dintorni” si svolgerà l’’escursione Geopaleontologica con visita alla Val Gargassa, già prevista per il 25 maggio e rinviata a causa del maltempo. Appuntamento alle ore 14 davanti al Museo. Per informazioni: www.museopaleontologicomaini.it museomaini@comune.ovada.al.it

ALLO SPLENDOR

Premio “Fred Ferrari” Martedì 11 Giugno, alle ore 21, al teatro Splendor, il Rotary Club Ovada del Centenario istituisce il Premio “Fred Ferrari” (1° Edizione), in collaborazione con i migliori alunni del corrente anno della Scuola di Musica “A.Rebora” di Ovada che si esibiranno durante la serata con il Prof. Marcello Crocco (flauto traverso) e il Prof. Andrea Oddone (pianoforte). Direttore artistico del Premio è il Prof. Marcello Crocco. L’ingresso, ad offerta, sarà devoluto alla Croce Verde Ovadese.

ALLE MADRI PIE

Medicine alternative Mercoledì 12 Giugno, alle ore 20,30, presso l’Istituto Madri Pie, nell’ambito della “Scuola italiana del cittadino responsabile”, organizzata dall’associazione “Vela”, si svolgerà un incontro sul tema “Medicine alternative o complementari? Se, come e quando... i vari perché”. Interverrà il dott. Paolo Bellingeri, responsabile Cure palliative dei Distretti di Novi, Arquata, Ovada, Acqui Terme. Info: 0143 826415 340 5253607 vela@associazionevela.it


ovada

ilsettimanale • giovedì 6 giugno 2013

22 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Il caso Dopo l’annuncio dell’apertura di una grande sala (100 mq) in centro paese

Masone e l’intera valle Stura si ribellano alle slot machine ELISABETTA BASCHIERA ovadese@alice.it

A Masone presto aprirà una grande sala slot, la prima in Valle Stura, 100 metri quadrati al piano terreno di un condominio in centro paese. Pare che il locale rispetti tutti i regolamenti e, dopo l’approvazione dei condomini, nessun ostacolo si frapponga più all’avvio dell’attività. In paese e nel resto della valle, però, c’è una certa ostilità. La prima a farsi interprete di tutto ciò è stata l’associazione Auser Valli Stura e Orba che, sulla scia della campagna contro il gioco d’azzardo “Mettiamoci in gioco”, indetta da varie associazioni liguri, sta coinvolgendo associazioni e singoli cittadini in un’azione volta sottolineare il danno economico, sociale, psicologico, comunitario che arreca quella che può essere definita la “nuova droga” dei nostri giorni. Per questo motivo, Pro Loco di Valle, Comitato Genitori di Rossiglione, Consiglio d’Istituto Vallestura, associazioni sportive, Club Artistico Masonese, associazione Commercianti, ANPI, SPI, Protezione Civile Vallestura, Croce Rossa, Auser, hanno deciso di sostenere un’interpellanza che sarà presentata in Consiglio comunale di Masone dal capogruppo di mag-

inbreve A SILVANO

Spettacolo comico Venerdì 7 Giugno, a Silvano d’Orba, presso il teatro Soms, per la rassegna “Arte musica e spettacolo”, andrà in scena “Questa nostra strana, strana situazione”, uno spettacolo comico di e con Fajeu e Scaramacai. L’ultimo appuntamento rassegna è fissato invece il 22 giugno con “Il nido di carta, ideali, drammi e sentimenti che solcano il tempo...” a cura della Compagnia Teatrale “I Conviviali”.

TAGLIOLO

Festa di primavera Domenica a Tagliolo è in programma la Festa della primavera, già prevista per il 26 maggio e rinviata a causa del maltempo. Alle ore 9 è previsto il ritrovo in località Magnoni per una camminata (organizzata dall’associazione Amici della Colma e dal CAI di Ovada) lungo un percorso del Monte Colma; alle ore 12 ci sarà il pranzo all'aperto ed infine, alle 15, i giochi campestri e la merenda a base di focaccini sulla “ciappa”. L’iniziativa è promossa dal CCRT di Tagliolo.

CREMOLINO

Le veterane nel borgo antico Domenica, a Cremolino, appuntamento con “Le veterane nel borgo antico”, 9° Raduno d'Auto d'Epoca. Per iscrizione e informazioni rivolgersi alla Pro loco di Cremolino – Luciano Carosio tel. 0143 821026 oppure Scarsi Rossana Oddone tel. 0143 80429.

LERMA

Concertino per canto e piano gioranza Tommaso Nino Macciò in cui tra l’altro si afferma “Considerato l'allarme sociale provocato dal sempre più frequente uso delle macchinette cosiddette mangiasoldi”, (…) “tenuto conto che il fenomeno non accenna a diminuire ma, come appare ormai certo, è previsto in sensibile aumento con l'apertura a Masone, di una vera e propria sala gio-

Le reazioni Si mobilitano moltissime associazioni per sostenere un’interpellanza in consiglio comunale. Interviene anche il consigliere regionale Antonino Oliveri

chi”, (…) “Chiede” di conoscere se siano allo studio iniziative volte a limitare l'incremento di dette attività o, almeno, per la più ampia divulgazione fra gli abitanti, circa la reale pericolosità dell'attività stessa”. Alla vicenda si è interessato anche il neo consigliere regionale Antonino Oliveri che ha presentato, all’Assemblea legislativa della regione Liguria, un’interrogazione sull’argomento.

Domenica, ore 17 a Lerma “I concertini della Filarmonica 2013” II edizione, appuntamento col bel canto. E’ in programma “In dulci jubilo”con la partecipazione dei cantanti A. Barisone, S. Chang, P. Gronda, R. Piccini, A. Rocca, A. Tocco e del pianista N. Ratti.

MONTALDO

Semi e piante del mondo contadino Domenica a Montaldo Bormida, alle ore 17,30, Massimo Angelini presenterà il suo nuovo libro “Minima Ruralia – Semi, piante e mondo contadino”. Sarà un'occasione per ascoltare, chiedere, discutere di AgriCultura con un esperto teorico e pratico a “chilometro uno”. Ingresso libero. Info: biblioteca.montaldobormida@gmail.com 348 9225331.

Campo Ligure Mostra inaugurale dell’Associazione “De Vignola”

Attività benefiche con l’arte Verrà inaugurata Sabato 15 Giugno, con una mostra di opere degli iscritti, l’Associazione Culturale “De Vignola” , fondata a Campo Ligure all’inizio di questa primavera. L’idea nasce dal maestro Gian Mauro Merlo De Vignola, a cui si deve il nome dell’Associazione, che nel corso degli anni ha riunito intorno a sé un sempre più nutrito gruppo di appassionati dell’arte pittorica. I soci fondatori sono tutti infatti allievi del De Vignola e sono accomunati, oltre che dalla passione per la pittura, dall’impegno in attività benefiche che ha portato nel tempo al finanziamento di diverse iniziative in Sud America, Africa, India, oltre che in Italia. L’Associazione sorge appunto dall’esigenza di dare ufficialità ad un gruppo già consolidato di amici, pittori e simpatizzanti, che si pone come fine la promozione di attività culturali legate alla pittura ed al mondo artistico in generale, oltre

a portare avanti iniziative di beneficenza già avviate. La mostra, in cui ogni iscritto avrà la possibilità di esporre le proprie opere nella sede di via Saracco 80, vedrà protagonisti anche gli ultimi lavori del De Vignola. L’inaugurazione è fissata alle 17, 30; l’esposizione resterà aperta anche nei giorni successivi. Domenica 16 Giugno inoltre ci sarà la festa “Sapori nel Borgo”, organizzata dalla Pro Loco di Campo Ligure.

Silvano d’Orba Incontro tra associazione dei burattini e alunni

Un muro con piastrelle colorate

##& $%!%"%"

Si è svolto il 27 maggio, nella Corte Padre Dionisio a Silvano d'Orba, l’incontro tra l'Associazione dei Burattini e i ragazzi della locale Scuola Media. E’ stata l’occasione per installare nel muretto le nuove piastrelle degli artisti (alcune realizzate da importanti nomi, come il fotografo Mario De Biasi, scomparso proprio in questi giorni), che si sono aggiunte a quelle già presenti. All'incontro ha partecipato Maria Rosa Scarcella (vicesindaco e assessore alla cultura), che ha illustrato le piastrelle degli artisti. Sono intervenuti anche Pupi Mazzucco (dell'associazione dei burattini, nonché ideatore del premio “Ai bravi bu-

rattinai d'Italia”) e Setsuko, che ha ringraziato gli alunni che avevano partecipato (nel 2012) all'incoraggiamento a Shozo Shimamoto firmando i palloncini, il quale ha proposto ai ragazzi un workshop sui 5 elementi (aria, acqua, terra, fuoco e vuoto). Questi hanno risposto con entusiasmo, colorando, scrivendo e appendendo all'albero presente sotto la seduta soprannominata “Serpentone”, le sagome bianche preparate. Erano presenti anche le Prof. Anna Merlo, Elisa Ferrando, il Prof. Gian Piero Camera (docente d'arte e autore della piastrella ”L'acrobata”) e Michele Dellaria.


pozzolo

ilsettimanale • giovedì 6 giugno 2013

23 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

L’iniziativa Nuova sede ma i costi restano lo stesso invariati

“Estate ragazzi” quest’anno trasloca al centro sportivo LISA LANZONE l.lanzone@ilnovese.info

Nuova sede per l’Estate Ragazzi di Pozzolo Formigaro, che quest’anno trasloca al centro sportivo. «Il servizio sarà sempre sostenuto dal Comune e avrà la stessa organizzazione dello scorso anno, con anche gli stessi costi per le famiglie, ma per questa estate sarà gestito dal centro sportivo, che ha la possibilità di offrire molti servizi ai ragazzi», spiega l’assessore Gianluca Tavella. Il servizio avrà una durata molto ampia: l’estate ragazzi pozzolese prenderà, infatti, il via lunedì 17 giugno e proseguirà sino al 3 agosto (dal lunedì al venerdì). Il costo per una giornata intera sarà di 40 euro per ogni bambino; 25 euro, invece, il prezzo di iscrizione per mezza giornata (solo pomeriggio). Disponibile anche un servizio mensa (con pranzo all’aperto) che avrà un costo di 6 euro a giornata: «Il pranzo avrà un menù che varierà ogni giorno e che è già in parte disponibile per le famiglie, che intendono di iscrivere i propri bambini al centro estivo. La mensa sarà allestita proprio a fianco del parco giochi, all’aperto, se le condizioni meteo lo permetteranno», precisano gli organizzatori. Il centro sportivo fornisce la possibilità di iscrizione anche per singole giornate, oltre che per intere settimane: «Offriamo diverse opzioni alle famiglie e possibilità di iscrizione molto flessibili. I posti a disposizione restano comunque limitati e per questo consigliamo di rivolgersi agli organizzatori il prima possibile per

inbreve IL CASTELLO

Visite guidate Domenica 9 giugno ultimo appuntamento del mese con le visite guidate al Castello Medievale di Pozzolo Formigaro. La struttura – oggi sede del Municipio- ha aderito alla 18esima edizione della rassegna regionale “Castelli Aperti”, che ha programmato una serie di aperture straordinarie del Castello. Domenica l’orario di apertura sarà dalle 15 alle 19.30. Nessuna possibilità di visita durante il mese di luglio: gli appuntamenti riprenderanno, ad agosto e proseguirà, con varie date, sino al mese di ottobre. (L.L.)

LA CAMPAGNA

No alla violenza contro le donne Con una delibera di giunta, anche il Comune di Pozzolo Formigaro ha deciso di aderire alla campagna “365 giorni no alla violenza contro le donne”, promossa dalla città di Torino, in collaborazione con l’Anci, l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani. La scorsa settimana la giunta pozzolese ha quindi approvato la Carta di Intenti sul delicato tema. Con tale documento, i Comuni sottoscrittori si impegnano a promuovere, anche in collaborazione con altri enti e istituzioni, iniziative volte a prevenire ogni forma di violenza contro le donne e a rimuovere le cause che possono portare alla violenza stessa. I Comuni – si legge ancora nella Carta – si impegnano inoltre a istituire e sostenere reti che coinvolgano il più ampio numero di enti, istituzioni, servizi e associazioni, in grado di individuare modalità di intervento condivise per prevenire le violenze e offrire aiuti concreti alle donne che ne sono vittima. Tra gli altri punti (dieci), quello relativo all’apertura sul territorio di Centri Antiviolenza e Case Rifugio. (L.L.)

IL PROGETTO ricevere l’apposito modulo da compilare per la partecipazione. I nostri animatori, per lavorare al meglio, stanno già organizzando i gruppi di bimbi per fasce di età. Ovviamente, per ogni settimana, saremo in grado di variare qualcosa nelle attività, in base alle iscrizioni, che ci sono giunte», spiegano ancora dal centro sportivo. All’Estate Ragazzi potranno partecipare i bambini che hanno un’età compresa tra i 5 e i 12 anni: il grup-

po di bimbi sarà seguito da Lello e dai suoi animatori, che anche lo scorso anno hanno partecipato alle attività estive. Ogni giorno sarà, infatti, possibile praticare vari tipo di sport, oltre che giochi di squadra, attività educative e laboratori didattici. Per avere maggiori informazioni è possibile rivolgersi al centro sportivo di via Frascheta, oppure si può contattare il numero 0143 418477 (Alessandro) o visitare il sito www.centrosportivopozzolo.it.

Via alla pavimentazione La giunta del Comune di Pozzolo ha approvato il progetto definitivo/esecutivo relativo ai lavori di completamento della pavimentazione di piazza Castello. L’intervento sarà effettuato quale scomputo della quota del diritto di escavazione della cava autorizzata alla Cascina Ponzana. Approvato anche il progetto relativo ai lavori di sistemazione della rampa di accesso all’Ufficio Postale e della banchina stradale e all’installazione delle “canaline” per la raccolta dell’acqua piovana in alcuni tratti di strada, che si trovano nella frazione Bettole. In questo caso di tratta di opere compensative collegate all’autorizzazione della cava di ghiaia alla Cascina Cascinone. (L.L.)


serravalle · stazzano L’iniziativa Comincia sabato la quattordicesima edizione del concorso

Con Le storie del novecento tre sere di musica e cultura ARIANNA BORGOGLIO a.borgoglio@ilnovese.info

La quattordicesima edizione del concorso Le storie del Novecento, nato nel 1999, inizierà da sabato 8 giugno presso la biblioteca comunale “Roberto Allegri” di Serravalle Scrivia. Sono tre le serate di musica e cultura, i racconti sono arrivati da tutta l’Italia. In crescita anche il concorso letterario on-line NovecentoBit, dedicato al rapporto tra la letteratura e internet – Proprio in questo periodo di acuta crisi economica – come ha detto l’assessore alla Cultura Marco Freggiaro – è importante dedicare particolare attenzione alla cultura. Sono infatti in molti a credere che ogni crisi economica abbia la sua origine prima di tutto in una crisi culturale e di valori, per cui ritengo che l’impegno sul fronte culturale, da parte di un amministrazione comunale, sia fondamentale. Per tale motivo abbiamo voluto fortemente proseguire nell’organizzare il Concorso letterario Le storie del Novecento molto importante per quelli che vi partecipano, nonché grande veicolo dell’immagine di Serravalle in Italia. Il primo appuntamento,

ilsettimanale • giovedì 6 giugno 2013

24 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

inbreve VIA GIANI

Lezioni di fotografia Mercoledì 12 giugno alle 21, presso le ex scuole elementari di via Giani, il Comune di Serravalle ospiterà Marco Balostro, il 35enne serravallese che grazie alla sua passione per la fotografia è arrivato a essere fotogiornalista del quotidiano genovese “Il Secolo XIX”. Durante l’incontro, organizzato grazie al circolo fotografico “Oltregiogo fotografia” di Serravalle, il noto fotografo illustrerà numerosi tra i suoi scatti più importanti: non sono solo cronaca quindi, ma una narrazione visiva dei fatti, che unisce al lavoro una grande passione. (A.B.)

L’AMMINISTRAZIONE

Domani Consiglio Comunale È stato convocato per domani, venerdì 7 giugno, alle ore 17.30, il consiglio comunale di Serravalle. Numerosi gli argomenti all’ordine del giorno: l’esame della mozioni presentate dal gruppo consiliare “Serravalle Futura” circa lo stato delle attività commerciali interne, la manutenzione degli impianti semaforici in viale Martiri della Benedicta, nei pressi della stazione ferroviaria, e della rete fognaria in piazza XXV Aprile, ma anche il problema legato alle deiezioni canine che ledono l’immagine del paese, la definizione della Tares, tassa comunale sui rifiuti e sui servizi, e il regolamento comunale sulla polizia mortuaria e sulle modalità di occupazione del suolo cittadino. (A.B.)

LA GITA

Con il Museo in valle dei Campassi previsto appunto per l’8 giugno, alle 21.00, si terrà alla chiesa dei Ss. Martino e Stefano, con la presentazione del cd A tempo, a modo e il concerto del gruppo Rocco Parisi’s Bass Clarinet Quartet (nella foto), in omaggio a Vito Marsico, maestro scomparso lo scorso anno. L’ingresso è a offerta, i fondi raccolti saranno devoluti alla fondazione Faritmo di Genova. Introdurrà la serata Andrea Bacigalupo, responsa-

bile del Centro Trapianti Midollo Osseo dell’Ospedale San Martino di Genova, che parlerà della ricerca nel campo del trapianto di cellule staminali emopoietiche e della donazione di midollo. Gli incontri proseguiranno venerdì 21 giugno, alle 21.00, nel parco comunale Ragazzi della Benedicta, dove avrà luogo la serata del premio, con la presentazione dell’antologia 2012 “La pietra d’angolo”, la

premiazione di Novecento Bit e dei racconti vincitori di Le storie del Novecento, il racconto premiato di questa edizione verrà letto dall’attore Rami Osama Ragab. La serata si concluderà con Gaber e Scerbanenco, una “Milano d’Autore” reading musicale di Roberto Paravagna e Gianni Repetto. Sabato 6 luglio, alle 21.00, sempre presso il parco comunale, il concerto della Fanfara della Brigata Alpina Taurinense.

La valle dei Campassi, il monte Croso, le zone di Casoni di Berga e della Sella Banchiera saranno le mete della passeggiata naturalistica organizzata dal Museo di Storia Naturale “Villa Gardella” di Stazzano. L’appuntamento, inserito nel ciclo di passeggiate a contatto con la natura organizzate dal museo, è previsto per domenica 16 giugno, e il punto di ritrovo è a Stazzano, in piazza Risorgimento, alle ore 8.00, per proseguire poi, con mezzi propri, a Croso dei Campassi, e percorrere l’itinerario prestabilito di 6 chilometri circa, fino al ritorno in paese, previsto per le ore 18.00. Le iscrizioni saranno aperte fino a sabato 8 giugno, mentre sarà possibile pranzare a Campassi con un contributo di 15 euro a partecipante. Per info 0143 61151 oppure 345 8159215. (A.B.)

L’anniversario I festeggiamenti per la Pippo Bagnasco

Carosello di suoni e colori !

Proseguono le iniziative per festeggiare i 150 anni della fondazione del corpo musicale “Pippo Bagnasco” di Serravalle Scrivia. Domenica 9 giugno, a partire dalla ore 17, Serravalle farà da palcoscenico a un non comune carosello di musica, ritmo e colori, con il raduno bandistico che vedrà protagonisti, nelle vie e nelle piazze del paese, la banda di Arquata Scrivia, quella di Cassine e quella di Novi: sodalizi artistici alessandrini dalla storia prestigiosa e realtà musicali di interesse nazionale, ospiti d’onore e sparring partner d’eccezione della banda “Pippo Bagnasco” di Serravalle, diretta dal maestro Giuseppe Carlone, in occasione del suo specialissimo

#

# # # #

centocinquantesimo “compleanno”. Il programma della manifestazione prevede alle ore 17, in Piazza Bosio, l’arrivo e lo schieramento delle quattro bande partecipanti e la successiva sfilata musicale per le vie di Serravalle, sino a piazzetta Pallavicini, dove alle ore 18 si terrà la messa in ricordo. Alle ore 18.45 la “sarabanda” riprenderà il proprio cammino per le vie del paese per ritornare in Piazza Bosio. Alle ore 21, presso l’arena del parco di Villa Caffarena, esibizione delle bande partecipanti e gran finale d’assieme. A seguire, come in ogni festa di compleanno che si rispetti, il taglio della torta per i 150 anni della “Bagnasco”. (RED.)

Il Comune: «La piazza sarà risistemata»

$(-&+)$-'.$ ,*&%'$('//$-$ !

!

! "

!

Gli alberi di fronte alla banca popolare di Novara, a Serravalle Scrivia, sono stati sradicati. Alle numerose proteste dei “Serravallesi Inquieti” sul web, che lamentano il deturpamento del paesaggio e la mancanza di aree verdi in paese, risponde l’amministrazione comunale di Serravalle Scrivia. L’area sarà oggetto di opere di manutenzione straordinaria, per migliorarne l’aspetto estetico ed eliminare i rischi dovuti alle precarie condizioni di stabilità delle robinie presenti, risalenti al 1928. Queste verranno sostituite con piante di liquidambar. (A.B.)


arquata · valborbera

ilsettimanale • giovedì 6 giugno 2013

25 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Il processo Con la condanna dell’ex direttore, via libera ai risarcimenti per gli abitanti?

ilcaso Rifiuti, tassa cara? È colpa Mini sanzione da 320 euro, ma ora la causa si trasferisce al tribunale civile degli arretrati

Cementir, una sentenza apripista

Soddisfazione dal comitato dei residenti intorno alla Cementir: «I sindacati hanno parlato di delirio mediatico contro il cementificio messo in atto da noi. Invitiamo i rappresentanti dei lavoratori a venire a Campora o Le Vaie quando arrivano i miasmi della Cementir per comprendere realmente la situazione. Rispettiamo ovviamente il diritto dei lavoratori a mantenere il posto di lavoro ma accusare noi cittadini di spaventare la proprietà è davvero eccessivo». Il comitato rileva infine una nuova comparsa dei miasmi esattamente dal 29 maggio quando, a suo dire, il forno Cementir è stato riacceso dopo circa dieci giorni: «Con il forno spento, gli odori erano assenti».

Con la sentenza della Cassazione in mano, i residenti intorno alla Cementir di Arquata che si erano costituiti parte civile nel processo contro l’ex direttore Leonardo Laudicina potranno presentare le richieste danni nei confronti della società al tribunale civile. Per l’azienda c’è il rischio di sborsare cifre consistenti. La Cassazione ha infatti confermato la condanna di Laudicina alla sanzione di 320 euro. Novantadue le parti civili, che avevano citato l’azienda per disturbo della quiete delle persone e di getto pericoloso di cose. L’imputato era stato condannato a versare, a diverso titolo, 27.900 euro alle parti civili. Il giudice aveva inoltre rinviato al tribunale civile la decisione sul risarcimento del danno, cosa che avverrà in base alla sentenza della Cassazione. La questione riguardava fatti avvenuti tra il 2007 e il 2008, quando dal cementificio furono emessi polveri e rumori oltre i limiti di legge. Quella della Cassazione è la prima sentenza dei due processi avviati dai cittadini a diventare definitiva. «La prima sezione penale della Corte di Cassazione – spiega l’avvocato Vittorio Spallasso, difensore delle parti civili – ha

Lavoro vs salute In passato, polemiche tra il comitato dei residenti e i rappresentanti dei lavoratori: al centro, il rischio che il cementificio fosse danneggiato dalle proteste degli abitanti.

confermato la condanna di primo grado respingendo il ricorso della Cementir. La sentenza è importante poiché interpreta nella maniera per noi corretta l’articolo 674 del codice penale sul getto pericoloso di cose. È stato ribadito dalla Corte che le polveri diffuse, emesse da un’industria non dal camino ma da altre fonti, sono un reato. Una decisione che sarà molto utile nel secondo processo in corso a Novi, per il quale l’11 giugno è stata fissata la nuova udienza».

Lo scontro Per il pagamento dei premi

l’incontro

GIAMPIERO CARBONE g.carbone@ilnovese.info

Unitre, ultimo giorno di scuola La serata conclusiva dell’anno accademico 2012-13 dell’Unitre di Arquata Scrivia si terrà domenica 9 giugno, alle ore 21.00 presso la sala Juta (via Buozzi). Sarà l’occasione per ringraziare i docenti e per festeggiare il termine dei corsi e delle conferenze, in compagnia degli iscritti, cui va la riconoscenza dell’Unitre per la fiducia accordata. Quest’anno si è registrato un trend in salita sia di corsi (39 più 9 conferenze), che di iscritti (277), che di docenti (37). In tanti si sono prodigati per la buona riuscita delle iniziative: la presidente Piera Ferretti De Paoli, la direttrice dei corsi Maura Pernigotti, la vice-presidente Luisa Grosso, la signora Angela Pestarino che ha affiancato la direttrice, la segretaria Gabriella Tegaldo, la tesoriera Anna Massa, la signora Cristina Bisio che si è spesa in mille attività. «Mi auguro che il prossimo anno sia all’insegna di un’ulteriore crescita di consenso», ha dichiarato la presidente. (RED.)

Rocchetta I conti del Comune sotto la lente dei magistrati contabili

Comune e sindacati Per ogni abitante mille euro sono ai ferri corti di debito: la Corte bacchetta Relazioni difficili tra il Comune di Arquata e i sindacati hanno portato alla proclamazione dello stato di agitazione dei dipendenti dell’ente. Le segreterie provinciale di Cgil, Cisl e Uil Funzione pubblica sostengono che il Comune, da mesi, continuerebbe a non ricevere le parti sociali, «penalizzando tutto il personale che, a fronte di attività lavorative importanti per la salvaguardia dei livelli dei servizi ai cittadini, rese ormai da tempo, non si vede riconosciuti i corrispondenti emolumenti salariali. A fronte di questa situazione di stallo sono invece state pagate, con determina di fine dicembre, le retribuzioni di risultato 2011 al personale incaricato di posizione organizzativa, con evidente disparità di trattamento tra lavoratori». Replica il sindaco Paolo Spineto: «Nell’ultimo in-contro con i sindacati, nel quale si dovevano definire le questioni legate alle responsabilità di servizio, mancava la relazione sulla produttività del servizio finanziario. Per questo, d’accordo con alcuni sindacalisti, si era deciso di sospendere il confronto in attesa del documento. Le due successive riunioni sono saltate per l’indisponibilità del segretario comunale. Rilevo che la relazione del servizio finanziario è arrivata solo quattro giorni fa e che ora si può riprendere il confronto. C’è stata certamente qualche difficoltà di comunicazione con i sindacati e all’interno del Comune». (G.C.)

«Le difficoltà derivano dalle spese per il servizio scolastico a favore degli altri paesi e per Palazzo Spinola»: il Comune di Rocchetta ha giustificato così la pesante situazione delle sue finanze alla Corte dei Conti, che ha nuovamente messo sotto la sua lente di ingrandimento il bilancio consuntivo 2011, dal quale emerge un disavanzo di oltre 194 mila euro. È come se ognuno dei 215 residenti avesse sulle spalle un debito di mille euro. Secondo i magistrati contabili, hanno portato a questa situazione troppe anticipazioni di tesoreria richieste alla banca (addirittura non restituite), troppi debiti e zero fondi in cassa: «Una situazione particolarmente delicata. Servono interventi di risanamento tempesti-

vi, anche in relazione ai processi di aggregazione previsti per i Comuni». Il disavanzo 2011 è tornato ai livelli del 2009 dopo che nel 2010 era sceso a 178 mila euro. La Corte sottolinea come l’amministrazione comunale, «nel triennio 20092011 non ha attuato alcun

piano di rientro o, qualora lo abbia attivato, si è rivelato inefficiente. Il Comune ha inoltre impegnato maggiori somme rispetto alla disponibilità e non ha individuato ulteriori risorse necessarie per il risanamento». L’amministrazione comunale del sindaco Giorgio Storace [nella foto] ha ricordato di aver avviato il recupero delle tasse non pagate, aumentato le aliquote di imposte e servizi locali e cercato di contenere la spesa corrente, anche chiudendo per alcuni giorni gli uffici comunali e, in via definitiva, l’impianto di riscaldamento, riscaldando un solo locale con altri mezzi. Ora il Consiglio, entro 60 giorni, deve adottare provvedimenti per il risanamento. (G.C.)

di Giampiero Carbone Il presidente dell’Ascom di Novi Massimo Merlano parla di «cifre che non si pagano neppure a Manhattan» ma secondo il Comune di Arquata si tratta, in sostanza, di una cantonata. Di recente in paese sono stati recapitati gli avvisi di pagamento della tariffa di igiene ambientale (Tia) inviati dall’amministrazione comunale a commercianti e gestori di bar e ristoranti. In diversi casi si va da 2 mila e 6 mila euro. Merlano e Pino Pasero del consorzio “Le Botteghe di Arquata” ricordano che «un’attività di somministrazione quale bar o ristorante in Arquata paga il 200% in più rispetto a Novi e il 400% in più di una similare a Serravalle. Una situazione insostenibile. Abbiamo chiesto un incontro con il sindaco Paolo Spineto: va chiarito il metodo di calcolo della Tia. Si deve capire se il calcolo è effettuato in base alla superficie del locale o sulla quantità di rifiuti prodotta. Sarebbe più corretta la seconda ipotesi ma nonostante siano anni che chiediamo chiarezza, siamo al punto di partenza». In realtà, secondo il Comune, non si tratta della Tia 2013. Spiega l’assessore al bilancio Alberto Basso: «Le lettere pervenute a una serie di commercianti non riguardano la Tia che il Comune chiede di pagare per il 2013 ma sono solleciti di pagamento per la tariffa non versata nel 2010. Ad Arquata, fra gli esercenti, ci sono infatti contribuenti che o non hanno pagato parte di quanto dovuto o non hanno versato nulla. Per questo ci sono cifre elevate, nelle quali, per altro, non sono stati calcolati sanzioni ed e interessi che sarebbero dovuti in questi casi. Nell’incontro richiesto dal consorzio chiariremo tutti questi aspetti». Basso ricorda inoltre che la Tia ha subito un piccolo aumento nel 2012, quindi i solleciti di pagamento non riguardano incrementi della tariffa. Alla fine del 2012 la Corte dei conti aveva sollecitato il Comune ad attuare un recupero della Tia non riscossa negli anni scorsi. Nel 2010, a fronte di una previsione di accertamenti di 91 mila euro, ne sono stati riscossi solo 23 mila. Nel 2011, in cassa sono arrivati 25 mila invece dei 112 mila accertati.


gavi · vallemme

ilsettimanale • giovedì 6 giugno 2013

26 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

La decisione Il sindaco Albano revoca lo stop ai tir del 2007, già sospeso dal Tar

«Via Mameli sicura, via l’ordinanza» La motivazione: il progetto del Comune sui marciapiedi lungo la strada

ilcaso Pratolungo, i Nas tornano alla Residenza di Giampiero Carbone

GIAMPIERO CARBONE g.carbone@ilnovese.info

Per il sindaco di Gavi Nicoletta Albano via Mameli diventerà una strada sicura e quindi l’ordinanza del 2007 che fissava orari precisi per il transito dei camion va revocata. Sei anni fa lo stop ai mezzi superiori a 7,5 tonnellate era entrato in vigore a luglio: ogni giorno, dalle 8 alle 13 e dalle 15 alle 19, niente camion e limite fissato ai 30 chilometri orari. Come era avvenuto due anni prima, la Tre Colli di Carrosio aveva impugnato l’ordinanza e il Tar l’aveva sospesa nel marzo 2008 sostenendo, tra l’altro, che «l’ordinanza non illustra in modo esauriente le ragioni del provvedimento e richiama un rapporto della polizia municipale senza indicarne gli estremi». In sostanza, era scritta male. Il Comune, forse consapevole di questo, non ha mai impugnato la sospensiva né ha mai chiesto che venisse fissata la discussione nel merito. Lo ha fatto a gennaio la Tre Colli, che in teoria, potendo utilizzare la strada da cinque anni, poteva infischiarsene. L’udienza per annullare o confermare l’ordinanza si terrà l’11 luglio ma, in quella sede, tutto finirà in una bolla di sapone a causa della revoca dell’atto. Curiose le motivazioni utiliz-

zate per giustificare la revoca: le criticità causate dal traffico pesante che avevano portato all’ordinanza del 2007 verrebbero meno con il progetto di riqualificazione di via Mameli da circa 300 mila euro, presentato dal Comune alla Regione nel 2011, che prevede, oltre al porfido, anche marciapiedi laterali a tutela dei pedoni e per limitare o eliminare i mezzi pesanti.

Ma i soldi ci sono? La Regione ha apprezzato il progetto per rendere più sicura la via centrale di Gavi, dove spesso passano anche mezzi pesanti, ma non lo ha ancora concretamente finanziato.

La Regione, però, da allora, pur ritenendolo valido il progetto e ammettendolo, solo sulla carta, a contributo, non lo ha ancora finanziato e quindi i marciapiedi non ci sono. Oltretutto, rispetto a quel progetto, la Provincia aveva chiesto il rispetto della larghezza della strada, che non può essere ridotta a piacere per impedire il transito di qualsivoglia automezzo.

Una nota di colore: nel 2008, nel commentare, la sospensiva dell’ordinanza, Albano sostenne che è consuetudine sospendere gli atti da parte del Tar, mentre i giudici spesso respingono tali richieste. Soprattutto affermò: «La sentenza sarà emessa tra breve. Confido in un verdetto che tenga conto della sicurezza della popolazione e della salvaguardia delle strutture».

Carrosio Gomme tagliate ai mezzi Geotec La polemica Per l’opposizione piante non salvaguardate

Tav: brutti episodi Piazza Dante, via gli alberi. e sedicenti comitati Ma è lite sulla cura del verde Gomme tagliate agli automezzi delle ditte, aggressioni verbali agli operai e sedicenti nuovi comitati: è successo di tutto nella vicenda Terzo Valico nell’ultima settimana. Mercoledì i due episodi più gravi: gli operai della Geotec, incaricata da Cociv dei sondaggi per le opere viabilistiche, hanno scoperto che al furgone pick-up e al camion parcheggiati a Carrosio erano state tagliate le gomme. Il Comitato No Terzo Valico Vallemme si è dissociato: «L’episodio va condannato. Stabilito che l’opera è inutile ed è quindi da contrastare, il gesto non fa altro che danneggiare chi, associazioni e persone, da anni combatte il Tav studiando il progetto e informando la popolazione. Il tutto senza alcun riferimento alla violenza, a fronte degli atteggiamenti tutt’altro che trasparenti di Cociv e di vari sindaci». Cociv ha poi sostenuto che un operaio della Geotec lo stesso giorno sarebbe stato aggredito verbalmente a Arquata da sei persone, appartenenti al movimento No Tav secondo il consorzio di imprese. Infine, ieri, mercoledì, nel ristorante La Masseria di Gavi, in località Fabbrica, il comitato No Tav di Gavi ha organizzato un’assemblea sul tema «dell’opposizione concreta al Terzo Valico», suscitando non poca confusione nei cittadini. Il Comitato No Terzo Valico Vallemme, operativo da oltre un anno, ha precisato «di non aver nulla a che fare con il sedicente neo comitato». (G.C.)

Sempre meno alberi a Gavi. Anni fa sono stati tagliati in parte e non sostituiti i pini del cimitero, nei mesi scorsi la pulizia quasi totale nel Lemme. Di recente il Comune ha eliminato le piante di piazza Dante malate da tempo, sia davanti alla farmacia e alle Poste sia di fronte all’albergo Al Castello. È stato fatto qualcosa per cercare di tutelare questi alberi? Non si sa. Un anno e mezzo fa i consiglieri di minoranza Livio Destro e Manuela Barisone avevano presentato un’interrogazione al Comune per chiedere l’attuazione di «un programma di difesa degli alberi per salvaguardare un patrimonio storico e per fermare il contagio utilizzando prodotti non dannosi per l’ambiente e per le api» poiché, all’epoca, sia gli ippocastani di piazza Dante sia del parco giochi di via Roma, così come i tigli di via Bertelli, delle case popolari nella stessa via e gli alberi del viale della Rimembranza apparivano «profondamen-

Piante malate, il Comune le abbatte Non si sa se verranno sostituite. Nel piano regolatore in piazza Dante il numero di alberi risulta ridotto, per far posto a nuovi edifici. te defogliati, con vistosi arrossamenti sulle foglie». Nell’estate 2011 dagli ippocastani di piazza Dante erano caduti pezzi di corteccia creando pericolo per i passanti. Dal municipio nessuna risposta ai consiglieri. Alla domanda se le piante verranno sostituite, dal Comune al momento non forniscono rassicurazioni: «Per ora sono state taglia-

te, poi vedremo». Nel piano regolatore il numero di alberi in piazza Dante risulta di molto ridotto. Davanti alle Poste saranno eliminati per fare spazio ai garage sotterranei del palazzo da cinque piani previsto al posto della caserma. In programma solo alcuni davanti alla farmacia e solo una fila davanti all’albergo Al Castello. (G.C.)

Nuovo sopralluogo dell’Asl e dei carabinieri del Nas nella Residenza Pratolungo (ex Hotel California), in località Zerbi a Pratolungo di Gavi, dove sono ospitati una ventina di disabili mentali nell’edificio proprietà della società Sorelle Zerbo e gestita dalla cooperativa Eliana di Grondona. A marzo (ma la notizia è stata resa nota più di recente) il personale dell’azienda sanitaria provinciale aveva rilevato gravi irregolarità nella gestione degli ospiti (un numero di operatori insufficiente rispetto ai disabili presenti, tra l’altro) e nelle condizioni di alcuni locali, allagati e umidi, nonché non attrezzati. Già dopo quel primo intervento l’Asl ha annunciato la possibile sospensione dell’accreditamento in Regione della struttura (cioè la possibilità di ricevere fondi pubblici) e dell’attività. A Pratolungo, durante il nuovo sopralluogo, è emersa l’assenza di numerosi documenti, dagli strumenti di valutazione e di verifica dei servizi erogati al programma delle attività di supporto psicologico a favore del personale e degli utenti, dal protocollo per una corretta gestione dei farmaci a quello per la prevenzione infezioni e parassitosi. Nella Residenza Pratolungo non sono stati trovati, tra l’altro, i documenti attestanti i collaudi statici o di idoneità statica, la relazione del progettista attestante la conformità del progetto ai sensi della normativa antisismica, la dichiarazione di un tecnico abilitato sul superamento delle barriere architettoniche, documentazione che il gestore ha affermato essere presente in municipio a Gavi. Irreperibile anche la documentazione sull’idoneità al funzionamento della struttura, tranne il certificato di agibilità rilasciato dal Comune nel 2007. Ora dalla Commissione di vigilanza dell’Asl parlano di «situazione delicata». La cooperativa Eliana ha avuto tempo 15 giorni per fornire tutta la documentazione mancante a partire dal 14 maggio, data del secondo sopralluogo. Il direttore generale dell’Asl ha delegato, «viste le criticità evidenziate, il presidente della Commissione di Vigilanza Asl a espletare tutte le verifiche ritenute necessarie per il mantenimento del titolo autorizzativo e dell’accreditamento istituzionale della struttura». Della situazione sono stati informati vari enti, tra cui anche la Regione e il Comune, nella persona del sindaco di Gavi Nicoletta Albano.

ECCO UNA DELLE SOLUZIONI!!! e molte altre... 99+euro iva

STANCO DI DIABOLIK?

vendita installazione garanzia 36 mesi

KIT DUO WIRELESS

39 euro mensili + iva Collegamento h 24 ns. sala radio Intervento su allarme

PER INFO 0131-315321


Quando finisce un amore… Rubrica a cura di Daria Ubaldeschi mib@ilnovese.info

27 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

“…senza una ragione né un motivo, senza niente, ti senti un nodo nella gola… ti senti un vuoto nella testa… e vorresti cambiare il mondo ma sai perfettamente che non servirebbe a niente”. Così, recitava Cocciante in una canzone che molti di voi ricorderanno e che ho preso a prestito come metafora della storia di una nostra lettrice. Mi chiede di parlare di questo tema, Alessandra, che mi scrive di un amore che sente essere arrivato al capolinea, del dolore che prova, perché rendersi conto che l’amore per una persona, per La Tua Persona, si sta consumando è devastante, è una tempesta che travolge speranze, progetti, obiettivi e, soprattutto, quelle che si pensava fossero delle assolute certezze. Possiamo provare a fare finta, a pensare che sarà solo un temporale passeggero, tornerà il sereno, ma non possiamo mentire a noi stessi quando, dice Alessandra, “sentiamo che l’amore che ci ha spinto a condividere la nostra vita con un altro è cambiato”. Ma è davvero finito? O si è modificato e noi non riusciamo più a riconoscerlo? Rilancio in questo modo a Alessandra, che sa benissimo di poter ritrovare ovunque rubriche per cuori infranti nelle quali vengono dispensati consigli sul tema, ma certamente sa anche che ognuno può trovare la risposta solo dentro di sé, in base alla propria storia di vita. La ricerca della vicinanza e del contatto con l’altro è una predisposizione innata che ci porta a costrui-

L’acqua che mangiamo

Rubrica a cura di Claudio Casonato bufole@ilnovese.info Lo scorso 22 marzo era la giornata mondiale dell’acqua, e con un po’ di ritardo vorrei darvi qualche informazione al riguardo. Quanta acqua consumiamo annualmente? Secondo le ultime stime, ogni italiano utilizza mediamente 152 metri cubi d’acqua l’anno. Ma si tratta solamente dell’acqua utilizzata per bere, cucinare, lavare e lavarsi. Se volessimo contare anche l’acqua che serve per produrre gli alimenti che mangiamo quotidianamente, il conto sarebbe ben diverso. È quella che Marta Antonelli e Francesca Greco hanno definito “L’acqua che mangiamo”, dal titolo del volume appena pubblicato per le Edizioni Ambiente. Si parla sempre dell’acqua in bottiglia, o per uso domestico, ma la verità è – dice una delle autrici – che se oggi parliamo di scarsità idrica, ci riferiamo alla scarsità d’acqua riguardo al cibo. Andando a curiosare tra i numeri, si scoprono cose interessanti. Per esempio, la nostra tazzina di caffè, per essere prodotta, richiede in tutto (coltivazione, trasporto, trattamento eccetera) circa 140 litri di acqua. Per la produzione di un chilo di carne di manzo ci vogliono invece ben 16 mila litri d’acqua! Il Professor Andrea Segrè, preside facoltà di Agraria di Bologna, afferma: “È stato calcolato che il 70% dei consumi d’acqua dolce, a livello mondiale, è impiegato nel settore agricolo. Un pò meno del 40% nei Paesi industrializzati e più dell’80% nei Paesi in via di sviluppo”. Se si calcola l’impronta idrica (la quantità di acqua usata in totale) di un singolo individuo si scopre che quella di un cittadino italiano è pari a 2.303 metri cubi d’acqua procapite, a fronte di una media mondiale di 1.385 metri cubi (fonte www.waterfootprint.org). Parlando di alimenti, è stato calcolato che cento gr di pomodoro “costano” 19 litri di acqua, contro i 133 litri richiesti da cento gr di pane, 500 litri per

“Quando la notte è così buia da non scorgere il proprio naso, statene certi, l’alba è vicina”

re la relazione amorosa, nella quale ci riconosciamo reciprocamente importanti, ma ciò non esclude la possibilità di conflitti, l’ambivalenza affettiva, i dubbi, i momenti nei quali non si riesce a ritrovare il senso di ciò che si sta vivendo. Perché la relazione cambia continuamente con il nostro evolversi, si modifica nella forma, nell’intensità e nelle caratteristiche, ma ciò non significa che sia un amore finito, anche se non è facile comprendere la differenza. Vero è che il piacere di amare e condividere è spesso messo a dura prova: l’amore deve essere protetto, curato, fatto crescere. Ognuno di noi può costruire un rapporto reale con il proprio partner solo se ha la possibilità di con-vivere con lui l’autenticità del proprio progetto esistenziale, di ciò che vuole essere nel mondo come individuo e come coppia, al cui interno sentire di poter essere autentici integrandosi e co-costruendo degli obiettivi. È nel momento in cui ci lasciamo prendere da ciò che è dato per scontato, in cui cessa il desiderio di condividere le scelte, a partire dagli atti della quotidianità, e in cui ricerchiamo solo qualcuno che aderisca alla nostra routine, che non vogliamo modificare, che il progetto diventa inautentico, che esistiamo con l’altro per confonderci, di fatto per non scegliere, ed emerge una sofferenza sorda e profonda, come quella di cui parla Alessandra.

cento gr di formaggio e 1900 litri per un hamburger. Fatti i dovuti conti, il professor Segrè precisa che “dietro i pasti che consumiamo ci sono enormi quantità d’acqua: circa 3.600 litri al giorno per un’alimentazione a base di carne, o 2.300 per una dieta vegetariana. In un anno la dieta mediterranea utilizza poco più di 1.700 metri cubi d’acqua pro capite, mentre quella di tipo anglosassone ben 2.600 metri cubi”. Enormi volumi, quindi. “Se però si utilizzasse tutto quanto viene prodotto dai campi, ci sarebbe forse una giustificazione”, ragiona l’economista. Il problema dello spreco si pone in modo drammatico, invece, se si considera che quantità ingenti di prodotti agricoli non arrivano mai al negozio, ma restano per vari motivi a marcire nei campi. Dice ancor il Prof. Segrè che “nel 2010 s’è prosciugato un volume d’acqua pari al lago d’Iseo: esattamente 1,2 miliardi di metri cubi d’acqua, andata sprecata per la produzione di 1,5 milioni di tonnellate di prodotti agricoli abbandonati nei campi”. Marta Antonelli aggiunge altre considerazioni: “In più in Italia i prelievi di acqua sono tra i più alti del mondo, l’efficienza di uso tra le più basse. L’agricoltura italiana, in particolare, impiega una quantità di acqua enorme, e quanta più ne usa, tanto meno efficiente appare essere il suo modello gestionale. Con gli accorgimenti adeguati, i prelievi idrici potrebbero essere di molto ridotti”. Le soluzioni non sono semplici, ma qualcosa si può e si deve fare: “Il prezzo è un segnale, potrebbe essere un accorgimento e un limite allo spreco, ma l’acqua fossile non ha un prezzo, non è preso in considerazione”. Un’alternativa potrebbe essere costituita da una ”etichetta idrica”, in cui informare il consumatore della quantità d’acqua utilizzata per produrre quello specifico alimento. Perché se è vero, come è vero, che la popolazione mondiale è destinata a crescere ulteriormente, aumentando notevolmente la richiesta di cibo, comprendere la sostenibilità (idrica, ma più in generale ambientale) della nostra dieta è assolutamente fondamentale. Questo libro è un primo, utile strumento per acquistate consapevolezza delle proprie azioni. Da sempre, l’unica maniera per affrontare e risolvere i problemi. Alla prossima!

Chiacchiereincucina

Bufole

Messaggiinbottiglia

lelettere

ilsettimanale • giovedì 6 giugno 2013

(massima cinese)

Un po’ di pastiera e torna il sorriso Rubrica a cura di Serena Cellotto viadellechiacchiere5 blogspot.it La primavera più fredda da cinquant’anni... freddo record nei mesi di aprile e maggio… a causa dell’anticiclone delle Azzorre arrivato al momento sbagliato, imperversa il maltempo da mesi… come non essere demoralizzati e meteoropatici? Beh, contro il tempo nulla si può fare, ma, forse, possiamo ricorrere a qualche escamotage per ovviare alle giornate piovose. Cosa c’è di meglio di un buon dolce benaugurante, per tradizione partenopea tipico del periodo pasquale, ma perché no, anche primaverile? Una buona pastiera è quel che serve: la sua origine è molto antica, la si può far risalire alle feste pagane, durante le quali si preparava per celebrare l’arrivo della primavera (quindi mai come quest’anno tanto attesa); un aneddoto interessante riguarda la moglie di re Ferdinando II di Borbone, Maria d’Austria, regina nordica e severa, che non sorrideva mai, o come dicevano i sudditi “nun redeva maje”. Pare che un giorno, cedendo alle insistenze del marito, la donna assaggiò una fetta di pastiera, che le procurò subito un tale piacere da disegnare sul suo volto un grande sorriso; da qui nasce il detto partenopeo “magnatell’na risata”. E se ha funzionato con lei, potrebbe essere un ottimo rimedio per tutti! La sua diffusione viene fatta risalire al Seicento e lo testimonia una citazione tratta dalla favola “La gatta Cenerentola” di Giambattista Basile, che menziona il dolce tra le delizie del banchetto dato dal re per festeggiare la famosa fanciulla che aveva perso la sua scarpetta.

)%,#--* '& #,* )$*,( 1&*)& *+, ''/*%* ! ,*%#.. 1&*)# /*,& (&-/, ,#0#).&0& %, ./&.& &) )1& (#).& *)-#%)# # !*'' /"* --&-.#)1 +*-. 0#)"&.

Come spesso capita, il gusto può variare perché ogni famiglia possiede il suo segreto che da quel “quid” in più (a Napoli esisteranno più di diecimila ricette). Questa è la mia: Ingredienti per la frolla del peso di 550 grammi circa: 250 gr di farina 125 gr di burro 100 gr di zucchero 1 uovo intero e un tuorlo una busta di vanillina Ingredienti per il ripieno: 250 gr di grano cotto 2 uova intere e 2 tuorli 1 cucchiaio di cannella 25 gr di acqua di fiori di arancio 350 gr totali di ricotta di mucca e pecora vanillina scorza grattuggiata di un limone 50 gr di arance candite 350 gr di zucchero 50 gr di cedro candito 30 gr di burro 200 ml di latte Procedimento: Per prima cosa prepariamo la pasta frolla con le dosi indicate e una volta pronta la mettiamo a rassodare in frigorifero per circa 40 minuti. Prepariamo poi la crema di grano, versando in una pentola il grano precotto, il latte, il burro e la buccia grattugiata del limone; facciamo bollire a fuoco dolce, mescolando fino a che non si avrà una crema densa. Versiamo poi il composto in una ciotola, lasciando intiepidire. Intanto, in un mixer, frulliamo le uova insieme allo zucchero, alla ricotta, all’acqua di fiori d’arancio, alla vanillina e alla cannella, fino ad avere una crema senza grumi. Stendiamo la pasta frolla (tenendone solo una piccola quantità per preparare le strisce per la decorazione) e mettiamola in una teglia tonda di 28 cm di diametro, imburrata prima. Uniamo intanto la crema di grano intiepidita con la crema di ricotta e mescoliamo; aggiungere poi il cedro e l’arancia canditi. Versiamo il ripieno nella teglia, pareggiando i bordi della pasta frolla. Con la pasta tenuta da parte, formiamo delle strisce di frolla di 1,5-2 cm circa che servono per decorare la superficie della pastiera, e intersecandole, si ottengono dei rombi. Spennelliamo delicatamente le striscioline con un uovo sbattuto e inforniamo a 200°; dopo un’ora circa, togliamola e lasciamo raffreddare nella tortiera. Una volta fredda mettiamola su un piatto da portata e a piacere, spolverizziamo con zucchero a velo prima di servire.

#. !*(+'#.* + ,.&,# " 2 &0 &)!'/&)-#,#)"* +& )* !*../, " 2

0&

#,, 0 ''# (* &'&$&!&* ''&#0& '& #,* &.

&0 &)!'/-

!(


lacultura

ilsettimanale • giovedì 6 giugno 2013

28 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

A Genova mostra sul lato meno conosciuto del famoso cineasta con New York al centro della scena

Kubrick, le fotografie di un magnifico regista ilvolume

L’esposizione fino al 25 agosto a Palazzo Ducale

Vestigia romane nell’alessandrino

SARA MORETTO s.moretto@ilnovese.info

Stanley Kubrick, registra a cui la cinematografia mondiale deve film-capolavoro come “Shining”, “Full Metal Jacket”, “Arancia meccanica” e “2001: Odissea nello spazio”, arriva a Genova, in una mostra che ne rivela il lato meno conosciuto: l’opera svolta non dietro la cinepresa, ma con la macchina fotografica. Dopo il grande successo della mostra dedicata alla fotografia di Steve Mc Curry, Palazzo Ducale rilancia e accoglie fino al 25 agosto la nuova grande esposizione dedicata alla breve ma straordinaria carriera di fotografo di Stanley Kubrick. L’amore per la fotografia del grande film maker sboccia nel 1945, quando a solo 17 anni, il giovane Stanley scatta la straordinaria foto di un edicolante rattristato della notizia della morte del presidente Roosevelt; la foto viene venduta alla rivista “Look” e diventa il primo passo della carriera da fotografo di Kubrick, da lì a

poco fotografo di punta della rivista newyorkese. Abituati ad associare la conturbante personalità del regista alla claustrofobica follia dell’Overlook Hotel o alla cinica violenza incarnata dalla figura di Alex DeLarge, protagonista di “Arancia Meccanica”, avremmo ora la possibilità di aprire una nuova finestra sul mondo di questo pilastro della cinematografia. In 160 fotografie, tirate con stampa al bromuro d’argento dai negativi originali conservati nella Look Magazine Collection del Museo della città di New York, arriva a Palazzo Ducale l’opera realizzata da Stanley Kubrick dal 1945 al 1950, come fotografo della rivista Look. La rassegna in arrivo a Genova, testimonia un Kubrick capace di documentare la vita quotidiana dell’America dell’immediato dopoguerra, attraverso le immagini di una New York fatta di persone immortalate in inquadrature fulminanti e ironiche. Nell’opera fotografica di Kubrick, la città che proprio in quegli anni stava prendendo i connotati della metropoli

che conosciamo ora, diviene metafora dell’intero mondo occidentale e della sua evoluzione. Dalla photo-story dedicata al dodicenne Mickey, lustrascarpe nel quartiere di Brooklyn, fino ai ritratti dedicati all’universo circense, il ‘più grande spettacolo del mondò racchiuso in serie di immagini dietro le quinte del circo, arrivando all’epopea del pugilato, con i due servizi che, tra il 1949 e il 1950, raccontano la vita del pugile Rocky Graziano e quella del peso medio Walter Cartier, l’occhio e l’obiettivo di Kubrick fanno da guida in una New York priva di lirismi. L’esposizione, curata da Michel Draguet, è stata presentata lo scorso anno in prima mondiale nella prestigiosa sede dei Musées Royaux des Beaux-Arts de Belgique a Bruxelles. La mostra è visitabile tutti i giorni, con orario continuato da martedì a domenica (10.00-19.00) e ridotto il lunedì (14.00-19.00). Il costo dell’ingresso è di 10 euro, 8 euro per il biglietto ridotto, 7 euro per i gruppi e 4 euro per le scuole.

gliappuntamenti

Con il volumetto “Vestigia romane nel territorio alessandrino” prosegue il progetto editoriale che vede impegnata la Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria nel proporre una vera e propria collana dedicata ai beni culturali della provincia. Dopo le pubblicazioni “Guida alla Cittadella” e “Alle radici di Alessandria”, si aggiunge ora un nuovo strumento di conoscenza e divulgazione dedicato al patrimonio archeologico di età romana presente in provincia. Oggetto dell’opera sono infatti le “vestigia romane”, cioè quelle testimonianze storiche rimaste a documentare l’importanza che il territorio alessandrino ha avuto nel contesto della romanizzazione dell’Italia di nord-ovest. Il volume presenta immagini e informazioni relative a cinque siti di età romana: Forum Fulvii, Libarna, Aquae Statiellae, Vardacate e Dertona, e giunge nel momento in cui le antichità romane del territorio hanno una grande visibilità grazie alla mostra “Argenti di Marengo a Palatium Vetus. Un tesoro nel tesoro”, che sta riscuotendo grande successo di visitatori e ha suscitato l’interesse di un vasto pubblico di appassionati. «Si tratta – ha dichiarato il presidente della Fondazione Pier Angelo Taverna – di una sorta di guida al turismo archeologico, che pensiamo rientri pienamente tra gli scopi statutari che la Fondazione persegue con impegno quotidiano. Il progetto di questo lavoro è sorto, infatti, nell’ambito della politica culturale propria della Fondazione, in un contesto che si rivolge a garantire sostegno alla ricerca storica, alla tutela e alla valorizzazione dei beni artistici, alla divulgazione degli stessi, alla promozione delle varie espressioni locali che rendono vivace il panorama culturale della nostra provincia». Il volume si rivolge prevalentemente al mondo della scuola, ma non trascura le esigenze di tutti coloro che desiderano approfondire le proprie conoscenze in materia del patrimonio storico che il territorio alessandrino custodisce. (M.C.)

eventi in programma nel raggio di cento chilometri

km5 L’ANNIVERSARIO

km20 L’ARCHEOLOGIA km30 LA RASSEGNA

km35 LA MOSTRA

SERRAVALLE SCRIVIA • In occasione del 150° anniversario della fondazione del Corpo Musicale Pippo Bagnasco, è stato pubblicato il libro “Avanti con brio... da 150 anni” in cui si ripercorre un itinerario tra storia e memoria del sodalizio che ha accompagnato con le sue note gran parte dei momenti pubblici dei serravallesi. Per l’occasione è stata allestita anche una esposizione di arti figurative dal titolo “Indefinito strumenti”, in cui si trovano le opere di quindici artisti che interpretano liberamente il tema della musica. La mostra sarà visitabile fino al 23 giugno (apertura straordinaria 6 luglio) nelle sale espositive comunali in via Berthoud 60 (ex Caffe?Roma) negli orari: da giovedi? a sabato 16.3018.30, domenica 10.30-12 e 16.30-19.

ALESSANDRIA • Prosegue con grande successo la mostra “Argenti di Marengo. Un tesoro nel tesoro a Palatium Vetus” allestita nell’antico broletto della sede della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, in cui è possibile ammirare il complesso di argenti di eta?romana del II-III secolo d.C. ritrovato nel 1928 nei pressi della cascina Pederbona e conservato nel Museo di Antichita?di Torino. Il percorso espositivo consente al visitatore di approfondire la conoscenza degli oggetti attraverso ingrandimenti fotografici e documenti che aiutano a contestualizzare lo scenario politico e culturale dell’epoca. La mostra resterà aperta fino al 31 luglio a Palatium Vetus in piazza della Liberta?28 ad Alessandria nel seguente orario: da martedi?a venerdi?10-13 e 15-18 (lunedi?chiuso).

ACQUI TERME • È stata inaugurata la mostra “Ricordare e creare” di Maurizio Barbieri, che presenta un percorso incentrato sui risultati della sua produzione più recente. I lavori di Barbieri spesso vengono accostati al realismo perché, di fatto, nascono da una riflessione sulla realtà, che però viene rielaborata e riadattata dall’artista, e non solo semplicemente rappresentata. Queste rielaborazioni partono da una fotografia, una specie di appunto mnemonico, in cui lo spazio fisico si svuota per diventare luogo di meditazione e immaginazione. La mostra, allestita nella sala d'arte di Palazzo Robellini in piazza Levi, resterà aperta fino al 9 giugno con il seguente orario: da giovedì a domenica 16-19 (da lunedì a mercoledì chiuso).

PIOVERA • Il tempo è il tema dell’edizione 2013 della rassegna di scultura contemporanea “Fossili moderni”, che sarà inaugurata venerdì 7 giugno alle 18, presso il castello di Piovera. “La forma del tempo - Libertà e memoria” è il titolo di questa nuova esposizione curata, come sempre, da Dino Molinari e Niccolò Calvi di Bergolo. Ad accompagnare l’evento, domenica 16 giugno alle 21.15, nell’ambito del IX Festival Europeo di Musica Antica Piemonte Orientale, si svolgerà il concerto “Contrahecha a la de El Milanés” dei musicisti Alfred Fernandez Pons e Massimo Marchese, alla vihuela. La mostra resterà aperta fino al 7 luglio il sabato e la domenica dalle 16 alle 19.30.


inagenda

ilsettimanale • giovedì 6 giugno 2013

29 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

ALESSANDRIA

ARQUATA SCRIVIA

Gita all’orto botanico sul lago Maggiore

Sui passi dell’estate perduta

L’associazione “50 & più”, con sede in via Trotti 46 a Alessandria, organizza per mercoledì 12 giugno una gita sul Lago Maggiore. Il programma prevede la visita orto botanico di Villa Taranto con guida. Il battello, a disposizione del gruppo, sosta all’Isola Pescatori per il pranzo, nonché visita dell’isola. Il pomeriggio è caratterizzato dall’immancabile sosta all’Isola Bella per osservare le meraviglie di Palazzo Conti Borromei (facoltativa). L’ultima tappa sulle sponde del Verbano è dedicata a Stresa, la perla del Lago Maggiore, con le sue graziose stradine, i suoi negozi, concluderà questa suggestiva giornata. Le iscrizioni si ricevono nella sede dell’associazione oppure allo 0131 260380. (RED.)

Questa lunga e atipica primavera, così piovosa e fredda, potrebbe essere lo scenario ideale per la presentazione dell’ultimo libro della scrittrice e giornalista arquatese Patrizia Ferrando [nella foto]. “Sui passi dell’estate perduta” – questo infatti è il titolo del volume – sarà presentato domenica 9 giugno, alle 16.15, nelle sale dell’asilo Agusti (piazza Caduti, Arquata Scrivia). Un’opera tutta dedicata alla cittadina della valle Scrivia: tra narrazione e ricerca, storie dimenticate e dettagli da osservare, “Sui passi dell’estate perduta” è un viaggio sentimentale nell’Arquata del primo Novecento, con i suoi villini e la sua dolcezza del vivere. Presenterà il volume Marco Fezzardi. (RED.)

L’orchestra di fiati suona nel cortile della Benedicta ANDREA SUVERATO redazione@ilnovese.info

Sarà l’Orchestra di Fiati della Filarmonica Sestrese, diretta dal maestro Matteo Bariani, la protagonista dell’ottavo “Concerto per la Repubblica” eseguito all’aperto, sui monti del Parco delle Capanne di Marcarolo, nel cortile della cascina Benedicta, domenica 9 giugno con inizio alle 16.30. «Ancora una volta i luoghi che nell’aprile del 1944 furono teatro del tragico eccidio, diventano sala da concerto, in onore di quella Repubblica libera e democratica che quel sacrificio, insieme a tanti altri in Italia, fece nascere», sottolinea Andrea Foco, presidente dell’associazione Memoria della Benedicta che il concerto ha promosso e organizzato in collaborazione e con il patrocinio di molte istituzioni e associazioni (Provincia di Alessandria, Provincia di Genova, Città di Alessandria, Comune di Bosio, Comune di Genova, Consiglio regionale del Piemonte, Regione Liguria, Aned Piemonte, Anpi di Alessandria, Anpi di Genova) e con il contributo della Fondazione Carige. Il concerto 2013 offre una variegata gamma di proposte, che vanno dalle marce per banda, alla sinfonia e all’opera, al jazz, alle colonne sonore. Come sempre l’apertura sarà riservata al nostro inno nazionale e la chiusura all’inno della Benedicta “Siamo i ribelli della montagna”. Ricorda ancora il presidente Foco che «l’ingresso è libero e la cittadinanza è come sempre calorosamente invitata a partecipa-

re a questo evento che da otto anni apre l’estate mettendo insieme la struggente bellezza del paesaggio del parco, la gioia della musica, la passione civile, la memoria della Resistenza». La Filarmonica Sestrese svolge da oltre 160 anni la propria attività in ambito musicale e culturale. Fondata nel 1845, è da sempre protagonista di spicco nel panorama culturale genovese. La scuola di musica dell’associazione, che conta oggi più di 260 iscritti, prevede corsi di indirizzo

musicale a partire dai tre anni di età. Tra i suoi obiettivi principali la formazione di musicisti da inserire nell’organico della sua Orchestra di Fiati, composta attualmente da 70 elementi di età media inferiore ai 25 anni. Il suo direttore Matteo Bariani, classe 1979, si è diplomato in clarinetto al conservatorio “Puccini” della Spezia. Ha studiato con i maestri Cesare Marchini e Luigi Gallo, con i quali si è specializzato in clarinetto e saxofono, toccando i più importanti autori

del repertorio classico e jazz. Dal 2005 al 2007 ha frequentato il corso di direzione d’orchestra presso l’Accademia Chigiana di Siena sotto la guida del maestro Gianluigi Gelmetti. In occasione del concerto, nei pressi del Sacrario della Benedicta, sarà istituito un divieto di transito che rimarrà in vigore per tutto il pomeriggio. Il traffico sarà deviato sulle strade provinciali 170 Ovada-Gavi, 172 della Caraffa, 155 NoviOvada e sulla Ss 456 del Turchino.

Lo spettacolo Festival Echos 2013

L’appuntamento Cultura e Sviluppo

Parodi La manifestazione di sabato

San Cristoforo, il concerto

Finanza territoriale, Arte in campo come funziona? a Tramontana

Dopo l’ultimo memorabile weekend, con i concerti a Gavi, Cassano Spinola e Tassarolo ai quali hanno assistito circa mille persone, il viaggio musicale del Festival Echos 2013 tra i luoghi d’arte della provincia di Alessandria giunge al termine. Il concerto di chiusura della quindicesima edizione si terrà sabato 8 giugno nel cortile del Castello di San Cristoforo (inizio alle 21.15) e vedrà protagonista il duo formato dal violoncellista Ivo Scarponi e dalla pianista Moira Michelini. Ivo Scarponi si è esibito in tutta Italia e in Spagna, Austria, Germania, Messico e Giappone, suonando per le maggiori associazioni concertistiche. Membro fondatore del Quintetto Scarponi, è stato primo violoncello dell’Orchestra da Camera dell’Umbria, e dell’Hermans Consort; attualmente è membro stabile dell’Orchestra da Camera di Uto Ughi. Moira Michelini debutta invece nel 1987 e da allora svolge un’intensa attività concertistica suonando in tutta Europa e in Malesia, Argentina e Giappone. Il Duo Scarponi-Michelini sta per festeggiare i dieci anni di vita (è stato fondato nel 2004) e suona regolarmente in Italia e nel resto d’Europa. A San Cristoforo proporrà un recital dal titolo “Romanticismo e passione”. In programma opere di Fauré (Elegia op. 24), Saint-Saens (Allegro appassionato), Schumann (Pezzi Fantastici op. 73), Ginastera (Pampeana Rapsodia n. 2) e si chiuderà con due celebri brani di Astor Piazzolla: Adios Nonino e Le Grand Tango. In caso di maltempo il concerto si terrà nella cantina del castello. L’ingresso è libero fino a esaurimento dei posti. (RED.)

Come funziona la finanza territoriale? Qual è il contesto economico e finanziario in cui sono costretti a muoversi gli enti locali? Nel prossimo incontro dei “Giovedì culturali”, che si terrà questa sera a partire dalle ore 19.00, presso l’associazione Cultura e Sviluppo di Alessandria (piazza De André 76), questi temi saranno affrontati confrontando esperienze e punti di vista molto diversi tra loro. La situazione della finanza territoriale nel nostro Paese è oggi al centro di un vivace dibattito, al quale però mancano spesso riferimenti storici e normativi precisi. Ricostruire il percorso della finanza pubblica decentrata in Italia è fondamentale per comprendere il contesto particolarmente difficile nel quale sono costretti a muoversi gli enti locali. In tal senso, un punto di osservazione di particolare interesse è dato dal Comune di Alessandria, con la certificazione del dissesto finanziario e il tentativo arduo di recuperare in tempi ragionevoli una situazione di normalità. «Nel corso della serata avremo anche occasione di presentare alla cittadinanza il corso di laurea di Economia Aziendale, che dal mese di settembre andrà ad arricchire l’offerta formativa della sede di Alessandria dell’Università del Piemonte Orientale. Un importante occasione di crescita per il nostro territorio, utile a maggior ragione in una situazione finanziaria così delicata», spiegano da Cultura e Sviluppo. Gli ospiti della serata – dal titolo “Evoluzione della finanza territoriale in Italia” – saranno Stefano Piperno (vicedirettore dell’Ires Piemonte), Matteo Ferraris (assessore al Bilancio del Comune di Alessandria) e Giovanni Fraquelli (professore di economia all’Università del Piemonte Orientale). Il prossimo incontro, a Cultura e Sviluppo, sarà venerdì 14 giugno, alle 19.00, con la presentazione del libro di Carlo Galli “Sinistra. Per il lavoro, per la democrazia”. (RED.)

“Arte in campo” è l’evento che avrà luogo nel campo sportivo di Tramontana, frazione di Parodi Ligure, sabato 8 giugno. La manifestazione propone per la seconda volta la festa dell’arte che vede protagonisti colori, suoni e parole in gioco. Il tutto avrà inizio alle 14.45 con il benvenuto degli organizzatori e delle autorità, seguiranno a partire dalle 15.00 fino alle 17.30 Vincenzo Landi e i complessi musicali Mimòbios e Eight Sistem’s, alle 17.30 si esibirà il drammaturgo Ragni Giancarlo e la compagnia teatrale Barchì; alle 19.00 complessi musicali Mimobios e Eight Sistem’s; alle 20.00 Guido Michelone presenta Libri in musica; alle 21.00 saluti delle autorità; alle 21.30 Vincenzo Landi (chitarra), Ottria Nicola, docente di tecniche dell’incisione presso l’Accademia linguistica di belle arti di Genova e Nevina Traverso presenta “danzare la vita”; alle 22.00 Bailo Giovanni (chitarra), alle 22.30 videopitturando e concerto Svamp Quartet, alle 24.00 concluderanno i complessi musicali Mimòbios e Eight Sistem’s, inoltre nell’ambito della manifestazione sarà funzionante servizio bar e ristoro. Parteciperanno all’evento molti importanti artisti di correnti diverse e artisti che vanno dalla pittura, art-color, videopittura fino alla fotografia, per vivacizzare una giornata con musica, oggetti, colori e immagini. (D.A.)


ilsettimanale • giovedì 6 giugno 2013

30 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Centri ottica Reverchon Risparmio e qualità da sempre Fino al 15 luglio e attiva la promozione che offre lo sconto del 25% per l’acquisto di occhiali da vista e da sole. Basta ritagliare il buono sconto dal dépliant distribuito con il giornale di oggi. Dopo una lunga e piovosa primavera, finalmente sta per arrivare l’estate. Il caldo la farà da padrone e in tanti stanno già correndo ai ripari per presentarsi in forma alla prova costume. C’è da buttare giù la pancia e da tonificare i muscoli. Ma abbiamo pensato anche ai nostri occhi? Anche loro hanno bisogno di cure e il passaggio a un look più estivo non può tralasciare la necessità di rinnovare montatura e lenti degli occhiali. Ecco che le vantaggiose proposte dei centri ottica Reverchon, diventano l’occasione ideale per assicurarsi anche più di un paio di occhiali, per se e persino per i famigliari. Offrire al cliente la possibilità di acquistare prodotti di qualità a prezzi contenuti e infatti da sempre la filosofia commerciale di Paolo ed Enrico Reverchon, titolari dei centri ottica omonimi. «Nella nostra attività – spiegano – questa regola e sicuramente basilare: al momento dell’acquisto si ricerca sempre il meglio, cercando di spendere il meno possibile. Ecco perché cerchiamo di andare incontro a questa esigenza proponendo molte soluzioni per articoli di qualità, classici e alla moda». Entrando nel dettaglio si scopre inoltre che in aggiunta all’acquisto si riceverà in omaggio un ulteriore occhiale completo. «Tra le tante opzioni – spiegano i titolari – c’e ad esempio quella riservata ai multifocali: 2 x 155 euro, che si traduce in un occhiale multifocale a cui si aggiungerà in omaggio un secondo paio completo per vedere da lontano o da vicino con una montatura del valore di 62 euro». «Proponiamo inoltre – continuano – la formula 2 x 48 euro: ovvero, scegliendo un occhiaie completo di tale importo, il secondo del valore

complessivo di 24 euro sarà gratis. Un’altra da 2 x 62 euro prevede invece due occhiali completi di lenti bianche e montatura: in pratica, pagandone uno solo si avrà in omaggio il secondo, per il cliente stesso o per parente o amico con cui vorrà condividere questa straordinaria opportunità». Ma non e tutto. I punti vendita Reverchon offrono inoltre la possibilità di pagamento rateale, con la prima rata che si inizia a pagare dopo ben 90 giorni dall’acquisto. «Le offerte – aggiungono i fratelli Reverchon – proseguono con la formula 2 x 82 euro: con l’acquisto di un occhiaie completo del valore di 82 euro si potrà avere gratis il secondo paio da 62 euro (lenti + montatura). E per i bambini si potranno trovare montature a partire da 8 euro e 90 centesimi». «Oppure – sottolineano ancora – vi e la possibilità della promozione 2 x 114 euro che prevede un occhiale completo di quel valore a cui se ne aggiunge un secondo da 62 euro. Interessantissima e infine la proposta denominata “Pacco famiglia”, a cui si accede con un occhiaie del valore minimo di 62 euro (lenti + montatura) e vale un anno dalla data del rilascio». Le promozioni sono relative a occhiali da vista completi con montatura e lenti bianche con gradazioni fino a Sf + o -3dt Cil + -1. Nei centri ottica Reverchon e inoltre possibile sottoporsi gratuitamente al test visivo computerizzato. E prevista anche la prova, sempre gratuita, delle lenti a contatto, anche queste in offerta. Il personale dei punti vendita e disponibile per ogni informazione.


losport

ilsettimanale • giovedì 6 giugno 2013

31 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

CALCIO

EVENTI

CICLISMO

A Novi e Ovada i tanti tornei dell’estate 2013

Meeting Disabili a Ovada il “solito” successo di sport

Il fuoriclasse ligure Bonifazi domina la Romita

PAGINA 33

PAGINA 33

PAGINA 34

Ovada choc: va via Tafuri Già pronto il sostituto?

EDOARDO SCHETTINO ovadese@alice.it

A sorpresa, si complica il futuro immediato dell’Ovada Calcio. Ha infatti deciso di lasciare l’incarico Marco Tafuri, il mister che aveva raccolto la squadra tre anni fa appena retrocessa dalla Promozione e che nella stagione conclusa due settimane fa aveva condotto il gruppo al terzo posto e allo spareggio poi perso con l’Aurora. La notizia è arrivata venerdì corso nel tardo pomeriggio, dopo due giorni di gestazione. “Non ci sono più le condizioni per andare avanti”, ha poi spiegato il tecnico. Non sarà come l’anno scorso quando arrivarono le dimissioni, poi rientrate, a mercato già concluso.

Si sapeva che nel corso della stagione la navigazione era stata accidentata. Nessuno però pensava, a conferma di fatto già sicura, e con una domanda di ripescaggio che verrà comunque inoltrata, a un ribaltone di questo tipo. “Pensavo che il seme della programmazione avesse attecchito – ha aggiunto Tafuri – e invece mi rendo conto di avere a che fare con una società che fa sempre gli stessi errori. Peccato, perché avevamo messo assieme un gruppo molto unito di ragazzi ovadesi che avevano sposato un progetto. Vado via deluso ma anche tranquillo di aver fatto tutto quel che era possibile fare”. Rilievi sull’andamento del campionato e su alcune

scelte hanno reso complicato nel corso dell’anno il rapporto col direttore sportivo Giorgio Arata. “Ci aspettavamo – conferma Arata – una crescita da parte della squadra. E invece anche nel girone di ritorno ci sono stati tanti alti e bassi”. Al punto da avanzare anche il nome di un possibile sostituto, Piermario Fiori che porterebbe con se il figlio Fabio, portiere a Molare. Al momento sembra questa la soluzione più probabile. Una decisione definitiva arriverà però tra qualche settimana e probabilmente sarà comunicata solo il 22 giugno, in occasione della cena già fissata per la conclusione della stagione. “Mi dispiace tantissimo – spiega il presidente della

acsi

società Gianpaolo Piana – perché Tafuri in questi tre anni ci ha dato tanto. E’ necessario essere attenti perché, anche se siamo una società dilettantistica, far andare bene le cose richiede una gran quantità di tempo e soldi. Ma la continuità della dirigenza è un fattore importante per una società e per questo la scelta era obbligata”. Tra gli altri fattori che hanno contribuito a guastare il rapporto un certo personalismo da parte del mister nel prendere le decisioni, come nel caso dell’esclusione di Giannichedda dal derby ovadese con la Pro Molare, valutazioni diverse sul mercato. E poi un carattere definito ruvido da chi in questi anni si è trovato a collaborare con lui. La questione si è riproposta nel momento in cui,

come detto, è apparsa chiara la distanza nelle valutazioni. Per Tafuri la mancanza di personalità della squadra sarebbe stata da colmare solo aggiungendo un tassello di peso al gruppo. Da valutare ora lo scenario di fronte alla società, soprattutto l’impatto che l’addio del tecnico potrà avere sui giocatori. In questo senso c’è già stato un chiarimento (col giornale già in stampa). Difficile però nascondere che senza l’allenatore che tre anni fa ha preso in mano un gruppo di giovani acerbi e ha valorizzato i prodotti del settore giovanile come mai era stato fatto nel passato recente, possa mancare uno dei pilastri sul quale l’aspirazione della società a far parte di un calcio più competitivo si fondava.

Capriata detta legge a Ovada Nel calcio a 7 Acqui-Ovada, vince Sassello 6-3 col Predosa e reti predosine di Brusascetto e due volte Paschetta; netto 7-2 del San Giacomo con Morbello grazie alle doppiette di Ionut e Barca e tripletta di Gallo. Importante vittoria nel recupero per il Belforte col Garage Marina, 2-1 il finale grazie ai gol di Giuttari e Cucco. Nell’altro recupero bella vittoria del Lupo Team Montechiaro sulla Banda Bassotti, 3-2 grazie ai gol di Visconti, Pistone e Roso, per gli ospiti in gol Piovano e Monti. Vince 31 Sassello contro San Giacomo in gol con Alberto Bisio. Sconfitta interna Castelferro 6-3 contro l’Atletico ma non Troppo. Per i padroni di casa in gol Gandini, Re e Polati; vince anche la Betula ET Carat nel recupero contro i 4 Amici al Bar, 8-3 grazie ai gol di Surian, Merlo, Bruno, la doppietta di Bruno e la tripletta di Oliva, per gli avversari in gol tre volte Santamaria. Netta vittoria della capolista Capriatese contro Sezzadio 8-1 il finale grazie ai gol di Crocco, Montaiuti, la doppietta di Kurtj e la quaterna di Sorbino.Spettacolare pareggio tra Trisobbio e Betula et Carat, padroni di casa in gol con Serratore e tre con Grillo, per gli ospiti in gol Bruno e tre volte Riccardo Bruno. Finisce 1-1 Belforte e Banda Bassotti, padroni di casa in gol con Giuttari ed ospiti a segno con Piovano.

ECCELLENZA

Il Libarna parte sicuro Merlo in panchina Non ha perso tempo la dirigenza del Libarna: fine maggio era il termine che il club rossoblu si era dato per programmare la nuova stagione e la riunione del direttivo serravallese è arrivata puntuale al pari delle indicazioni per organizzare il terzo anno consecutivo di Eccellenza. Come da noi anticipato a metà maggio, il tecnico del Libarna sarà ancora Alberto Merlo, un trainer che si è guadagnato sul campo e nello spogliatoio la stima del gruppo e dei dirigenti perché 81 punti in 40 partite sono una media importante e perché il trainer acquese si è rivelato allenatore a tutto tondo, capace di convincere uomini di categoria superiore a vestire la casacca del Libarna. Merlo è gia al lavoro per predisporre un piano sportivo che passerà per la conferma del blocco che si è salvato con tranquillità la passata stagione. Inevitabile qualche sacrificio tra centrocampo e attacco ma rimarranno Mossetti e Pellegrini ma in programma anche qualche arrivo. Piace il portiere Frisone ma a fine settimana se ne saprà di più. Per il Libarna l’ennesima dimostrazione che con la programmazione e la serietà si può fare calcio a buoni livelli con poche risorse in un’Eccellenza dove le corazzate aumentano. Il prossimo anno dovranno ancora fare i conti coi rossoblu.

Serie D Per la panchina in pole position Antonio Zichella ex Val d’Aosta. Ritiro in Trentino?

Novese quasi tutta nuova ma la proprietà non cambia Archiviata in fretta una delle salvezze più sofferte della storia del club, la Novese non ha tradito le attese con un fine settimana pirotecnico in fatto di novità e sorprese. Patron Traverso si è rivelato un buon giocatore di poker, capace di mascherare le sue carte quando la scorsa settimana prevedeva 7-10 giorni di tempo per riorganizzare società e squadra. In realtà venerdì scorso la proprietà della Novese (lui, la moglie Emanuela Giacomello e Marco Taverna) ha definito l’accordo con un nuovo gruppo di soci i cui capofila sono i pavesi Enzo Giardina e Stefano Avogadro in rappresentanza anche di altri imprenditori sempre lombardi. Già in questi giorni verrà definito il nuovo organigramma dove troveranno spazio i nuovi arrivi e soprattutto dove occuperà un ruolo operativo di primo piano, in pratica un plenipotenziario in ambito

sportivo, il 34enne Pasquale Gigliotti, dirigente sportivo di lungo corso nonostante la giovane età. Il neo responsabile tecnico ha lavorato in molte piazze del sud come Catanzaro, Messina, Sapri o Milazzo ma in provincia si è fatto apprezzare a Casale e a Voghera. Nel Monferrato portò molti giocatori di ottimo livello contribuendo non poco a una stagione importante ma distinguendosi anche per la rigidità morale nei confronti dei suoi tesserati mentre a Voghera l’anno appena concluso fu un calvario sportivo con una società paralizzata per beghe interne che compromise l’annata sportiva rossonera e che rischia oggi di non essere iscritta alla serie D. “Vengo in una società importante e con una storia da valorizzare alle spalle. Con il mio arrivo si è appena accesa la macchina societaria ma per quando concerne tecnico e squadra, molto di-

penderà dal budget”, ha dichiarato Gigliotti. Sugli obbiettivi della stagione patron Traverso è stato lapidario: “Puntiamo in alto perché le forze ci sono”. Parole che suonano come manna dal cielo in questo periodo dove si fatica a quadrare i conti. Quanto ad allenatore e squadra probabilmente nel weekend se ne saprà di più anche se radiomercato parla di un nome che assomiglia e molto a quello descritto dai dirigenti biancocelesti: Antonio Zichella, vincitore del campionato col Val d’Aosta due anni fa e appena retrocesso dalla Seconda Divisione, uno che coi giovani ci sa fare. Sul fronte dei giovani, nulla di definitivo sull’approdo di qualche promessa del vivaio in qualche settore giovanile di prestigio: basterebbe che 1 solo giovane biancoceleste approdi in club di A e B per non parlare di stagione sprecata. (M.I.)


losport

ilsettimanale • giovedì 6 giugno 2013

32 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Volley Pastorino: “Dopo la vittoria con Vercelli ho capito che eravamo forti”

Plastipol: i segreti di un successo memorabile EDOARDO SCHETTINO ovadese@alice.it

Solidità tecnica e caratteriale, una capacità sorprendente di muoversi come un collettivo. Questi gli ingredienti della stagione della Plastipol che ha conquistato la promozione in B2 inanellando una serie impressionante di risultati positivi, subendo solo due battute d’arresto al tie break. “A fine girone di andata – racconta Alberto Pastorino, direttore sportivo biancorosso – abbiamo battuto Vercelli e i dirigenti della squadra avversaria mi hanno fatto notare come i giocatori stavano sul campo a un livello altissimo per la C. Forse quelle parole mi han fatto realizzare per la prima volta che eravamo sulla strada giusta”. Ma la prova del nove è arrivata a Aosta. “Era la prima di tre partite determinanti. E su quel tasto avevamo battuto molto in allenamento. L’abbiamo vinta dopo una battaglia durissima”. E’ poi arrivata la successiva vittoria netta e indiscutibile contro Novi, l’avversario di una stagione, e con lo Sporting Parella. Anche dal numero esiguo di set persi appare chiaro come i cali di tensione siano stati minimi. “Siamo stati bravi a non mollare mai, anche se in questo il pungolo della Mangini è stato determinante. Arrivando in fondo, abbiamo evitato il passaggio dagli spareggi che sono sempre un’incognita, ottenendo un risultato davvero straordinario. Il primo a crederci, già dalla preparazione, è stato il coach, Alberto Capello che poi l’ha trasmesso col lavoro ai giocatori”.

PALLAVOLO

Mangini, una stagione comunque da ricordare Perdere 4 punti in un campionato e non salire di categoria. E’ l’amaro destino cui è andata incontro la Mangini Novi, dominatrice con Ovada del torneo di C piemontese. A differenza della Plastipol però i biancoblù non sono riusciti a salire in B2 dalla post season. Anche nel girone a 4 per l’accesso alla finalissima, i novesi hanno pagato a caro prezzo il pesante 3-0 subito a Novara nel primo incontro e a nulla sono valse le vittorie con Torino e Busca. Non tutto il male però viene per nuocere: la giovane età dei ragazzi di coach Ruscigni è garanzia per il futuro prossimo in serie C mentre il salto di categoria avrebbe probabilmente costretto il club a intervenire con rinforzi d’esperienza sinonimo di sacrifici per i ragazzi del gruppo mentre in questo modo il gruppo potrà crescere ancora magari inserendo gli elementi più interessanti di un vivaio che non smette di regalare giocatori alla prima squadra, cosa che non avviene in altre realtà. In realtà le sirene della vicina B2 di Ovada si sono fatte sentire per qualche elemento fra i più promettenti ma l’intenzione del club è di trattenere tutti.

VOLLEY

Plastigirls, una salvezza sofferta Ora si riparte del vivaio ovadese

La squadra festeggerà la vittoria al Geirino il 23, un’occasione per stare assieme meno formale e più conviviale in attesa di iniziare a gettare le basi per la prossima stagione. “Prima di fare programmi – chiarisce Pastorino – è necessario capire se e in che modo l’impegno della B2 è sostenibile. Partiamo da un gruppo che a mio giudizio avrebbe ben figurato anche nella categoria superiore. Però, una vol-

ta definito questo primo aspetto, proveremo a fare anche qualche intervento. Vogliamo dare la chance a chi ha conquistato questo risultato di difenderlo. Ma crediamo che serva anche qualcosa in più per la panchina”. I nodi preliminari saranno sciolti entro pochi giorni, nella consapevolezza di un panorama generale molto difficile in tutti gli sport che a maggior ragione

Podismo I due atleti si impongono nella “7Cascine”

UNIVERSITARI

Ramorino-Bergaglio: re a Tagliolo

Le atlete del CusPo fanno tris

Corrado Ramorino si è portato a casa la 33° edizione della “7Cascine di Tagliolo”, la gara classica di Tagliolo quest’anno andato in scena su un percorso in parte rivisto a causa del maltempo che ha reso impraticabili un paio di passaggi più complessi. Il portacolori dell’Atletica Varazze si è imposto in 29’42” precedendo di 54” il secondo arrivato, Achille Faranda dell’ATA Acqui. Terzo Enrico Ponta dell’Azalai. Sesto l’Ovadese Diego Scabbio, ottavo il novese Beppe Tardito. Nella gara femminile si è invece imposta Ilaria Bergaglio della “Ovada in Sport”. La podista arquatese ha tagliato il traguardo in 35’12”, all’11° posto assoluto. Molto staccata la seconda classificata, Angela Pastorino della

inbreve

Podistica Mele che ha chiuso la sua prova in 38’02”. Al terzo posto infine l’imperiese Sonia Cassiano, della Maurina Olio Carli, che è arrivata alla fine in 38’17”. Prima ovadese Cristina Bavazzano, arrivata quarta in 39’27”. Al traguardo in totale 168 atleti sui 180 iscritti per una competizione che

anche quest’anno ha saputo richiamare partecipanti anche dalla Liguria, non solo Genova, e dalla Lombardia. Prossimo appuntamento la “Notturna Castellazzese”, in programma venerdì 7 giugno a partire dalle 20.15 che allo scorso 2 giugno contava già una quarantina di iscritti.

Serie D Gavi scende e Novi e Pozzolo tornano in Prima divisione

Argos Arquata saluta i playoff E’ finita l’avventura nei playoff di serie D per il salto in C dell’Argos Lab Arquata ma la stagione delle ragazze di coach Tamburini rimane comunque splendida e lascia ben sperare per il prossimo anno. L’ossatura della squadra capace in pochi anni dis calare i livelli e i valori della provincia dovrebbe rimanere invariata nelle linee generali secondo il motto “squadra che vince non si cambia”. Quest’anno poi le compagini della zona avranno un motivo in più per ritrovare verve ed entusiasmo perché scenderà di categoria anche la Kme Gavi dopo la retrocessione a testa alta di quest’anno anche se dalla vallemme potrebbero arrivare

altre novità. Una serie D che non vedrà ai nastri di partenza dopo quattro stagioni Pozzolo che ha salutato senza ottenere neppure in punto. Mancherà anche Novi ma il team biancoblù potrebbe chiedere il ripescaggio per ottenere d’ufficio quello che sul campo non è riuscito a mantenere a causa di un ritorno da dimenticare, dove si è pagato dazio all’esperienza e all’assenza di qualche giocatrice che seppur giovane in grado di qualità faceva la differenza. E’ presto per impostare il futuro ma l’impressione è che l’estate sarà foriera di novità in ogni team. Ora le vacanze dopo una stagione logorante.

Un podio d’oro per Elena Vanessa Salvetti, Erica Profumo, Laura Passatore: la prestazione delle tre studentesse iscritte al Cus Piemonte Orientale (Cuspo) sugli impianti di gara ai Campionati Nazionali Universitari (Cnu) nelle discipline di atletica leggera (salti in estensione), tiro a volo (fossa olimpica), pugilato (64 kg.) è stata premiata con la decorazione aurea. Elena conquista l'oro nel salto lungo (6,08 metri) e l'argento nel salto triplo (12,63 metri). Erica custodisce il primato di categoria Ladies e parteciperà alle universiadi di Kazan (Repubblica di Tartastan) ospitate nella federazione russa dal 6 al 17 luglio 2013. L’oro di Laura è stato conquistato sul ring per 18 a 9 contro l’avversaria Roberta Rubini (Cus Bari). L’edizione Cnu numero 67 è stata disputata da giovedì 16 a domenica 26 maggio 2013: la squadradegli studenti sportivi includeva le vincitrici insieme agli atleti Alice Sauda (atletica leggera - 400 hs), Jacopo Rutigliano, (scherma spada), Angelo Ermelindo (arti marziali - taekwondo). Angelo, cintura nera 4° Dan Kukkiwo, assicura il quarto posto nel combattimento di categoria 80 kg. Questa serie di successi ottenuti al Cnu di Cassino aggiunge quattro decorazioni ai riconoscimenti conquistati dagli atleti del Cuspo alle edizioni precedenti delle competizioni nazionali e internazionali. Per il team che ha sede ad Alessandria una dimostrazione di forza e qualità.

Una salvezza ottenuta con una giornata d’anticipo che può sembrare il risultato minimo ma che ha un grande significato al termine di una stagione costellata da grandi difficoltà. E’ il bilancio delle Plastigirls che il loro campionato lo hanno visto irrimediabilmente cambiato dopo l’addio del tecnico Paolo Repetto che doveva essere il puntello di partenza. “A conti fatti – ammette il ds Alberto Pastorino – una scelta sbagliata da parte mia. Non si è mai creato nel gruppo quel clima di collaborazione che è necessario per ottenere buoni risultati”. Una volta interrotto il rapporto, dopo la sconfitta traumatica di Gavi, la squadra si è trovata a fare i conti anche con la defezione di due sesti dell’organico titolare. Ed è iniziata così una rincorsa affannosa. “Con Consorte (il tecnico che ha ereditato la posizione scomoda ndr) il gruppo ha ritrovato fiducia. Fondamentale è stato ritrovare fiducia”. Anche perché la squadra ha dovuto sopperire anche a diversi contrattempi, come gli infortuni del libero Fossati e di Moro che hanno rischiato di compromettere tutto nell’ultimo mese. “Siamo soddisfati – conclude Pastorino – di quanto fatto. Ma siamo consapevoli della necessità di una riflessione, con l’opportunità di ripartire valorizzando quel che abbiamo in casa”. A breve sarà scelto il nuovo tecnico, più un responsabile tecnico che sappia coniugare lavoro con la Prima e con i giovani, che un allenatore vero e proprio.

NELL’UNDER 12 REGIONALE

Tennis, racchette vincenti all’Ilva Enrico Ghirardi, Edoardo Longo e Francesco Romagnano sono gli alfieri che stanno portando lontano il nome della sezione tennis giovanile del Nuovo Circolo Ilva. Le promesse novesi allenate da Leopoldo Barzi e Luca Scoffio infatti, dopo avere brillantemente superato con un filotto di 5 successi in altrettanti incontri la fase provinciale del torneo a squadre riservato alla categoria Under 12, hanno debuttato nelle gare regionali con un altro successo, bel biglietto da visita per far capire di che pasta sono fatti. Sabato i novesi hanno sconfitto 2-1 lo Sporting Fossano e sabato prossimo proveranno ad allungare la striscia vincente di risultati affrontando il temuto Indoor Club Torino.

GINNASTICA

Serravallese, bronzo ai tricolori Uisp Nella prima settimana dei Campionati Nazionali Uisp di ginnastica artistica femminile in svolgimento a Rosignano Solvay le ragazze della Ginnastica Serravallese hanno ottenuto con Vittoria Maestrelli il bronzo nel volteggio tra le senior della prima categoria ed il quinto posto nell’esercizio al corpo libero. Tra le allieve della stessa categoria Sara Carrea sesta nella classifica assoluta. Clarissa Bocca nel concorso B della categoria Mini3 allieve ha ottenuto la ventesima posizione e la junior Maddalena Cartesegna, al debutto, non ha sfigurato. I punteggi individuali di Natalia Viani e di Melania Monteleone, ginnaste junior della prima categoria, in attesa delle classifiche, le posizionano ai piedi del podio nelle varie specialità. Per le allenatrici Elena Nicorelli e Francesca Gastaldi un ulteriore punto di merito va alle ragazze serravallesi per essersi cimentate quest’anno nelle categorie superiori.


losport

ilsettimanale • giovedì 6 giugno 2013

33 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Sport&Disabilità In scena al Geirino sabato scorso

Lions: un meeting che abbatte le barriere EDOARDO SCHETTINO ovadese@alice.it

Una mattinata carica di significati che vanno oltre il semplice fatto sportivo. Un risultato davvero significativo in termini di partecipazione, non solo sul campo di gara, ma anche sugli spalti. E’ questo, in estrema sintesi, il bilancio dell’edizione del Meeting disabili organizzato sabato scorso al Geirino dalla sezione ovadese del Lions Club e che, per la prima volta, ha messo assieme tre città a La Spezia, è andato in scena il programma del nuoto. A Sant’Olcese la pallacanestro in carrozzina. Anche questa manifestazione ha avuto un’appendice ovadese con la consegna di una targa a Irga Scotti, vedova di Sergio Scotti al quale la manifestazione genovese era intitolata. Particolarmente significativa anche la partenza, a conclusione della giornata, della “30 ore – Correre per...” che è andata a formare un ulteriore ponte con la città di Alessandria, dove l’iniziativa benefica che ha raccolto fondi per la Caritas, si è chiusa con il passaggio in cittadella. E poi i numeri della manifestazione. Più di 120 atleti hanno partecipato alle gare, in rappresentanza di nove società. Il gruppo più numeroso è stato quello della Sempione 82 di Verbania che ha così portato a casa il trofeo intitolato a Giorgio Giacobbe. Il via alle competizioni è stato dato con la cerimonia dell’arrivo nella fiaccola. E’ stato Lorenzo Ricci a consegnarla scendendo dall’elicottero. Ricci, velocista non vedente, è stato medaglia d’oro alle Paralimpiadi di

Sidney nei 100 metri e nella staffetta 4x100. Particolarmente nutrito anche il contigente di studenti delle scuole che hanno assistito alla giornata. Oltre agli istituti dell’Ovadese infatti, erano presenti delegazioni di Novi Ligure e Pozzolo Formigaro. “Alla buona riuscita della manifestazione – spiegano i Lions – hanno collaborato in tanti dando il loro contributo e abbassando al minimo i costi di organizzazione. Per questo non pos-

siamo che unire tutti in un ringraziamento collettivo. Dal Distretto Lions 108Ia2 che ha offerto le targhe, alla Protezione Civile che ha assicurato la sicurezza durante l’atterraggio dell’elicottero, ai volontari giovani dei Leo e degli Scout che si sono affiancati ai giudici e si sono occupati dell’allestimento del pranzo finale. Un grazie anche alle istituzioni, sempre molto vicine alla nostra iniziativa”.

Golf Tanti professionisti sul percorso “della Marchesa”

TORNEI

Weekend ricco a Villa Carolina

Don Salvi: si parte

A Villa Carolina di Capriata d’Orba, Venerdì 31 si è disputata la Pro Am della Marchesa-Biscottificio Grondona Genova. Professionisti da tutto il nord italia si sono sfidati con le loro squadre sul Percorso La Marchesa. La classifica a squadre ha visto imporsi Felice Crotti, Antonio Napoli, Mario Guglielmi e Fabio Calvano che hanno preceduto Andrea Chiapuzzo, Amedeo Bagnasco,Filippo e Bruno Broglia; terzo posto per Andrea Perdoncin, Massimo Bonafede, Fedele Cassese, Andreal Guglieri seguiti da Mario Tadini, Pierpaolo Maestro, Minnie Minnie e Filippo Salvetti. Nell’individuale, Crotti ha preceduto Reaters, Perdoncin e Limon-

ta. Driving Contest Buca 13 per i Pro Andrea Perdoncin poi Alessandro Nadasi e Mel Clara Prete. Nearest to the pin in buca 3 ancora per il prof Perdonci. Nella giornata di sabato si è svolto il prestigioso Trofeo Paglieri. Fra i prima categoria successo di Giacomo Lombardi su Massimo Bonafede, primo lordo Federica Bragone. Fra i seconda categoria, Carlo Castelli ha preceduto Ferdinando Sciutto mentre fra i terza Gianpiero Pittatore ha avuto la meglio su Giancarlo Ottria. Prima lady Rosanna Piredda, primo senior Piervittorio Bonelli, Nearest ti the pin Alberto Dessy e Anna Ferrando, Longest drive Stefano Aucello e Narcisa Orlovic. Do-

menica i giocatori hanno potuto poi rilassarsi sfidandosi in una divertente Louisiana a squadre in memoria di Anna Carbone, sorella del Dott. Paolo Carbone. Ben 31 le squadre che hanno partecipato alla ormai tradizionale Zingarata annuale.

Tiger Novi, un’estate ricca di tornei

Ultimi appuntamenti per le squadre della Tiger Novi. Pulcini e Esordienti stanno concludendo l’attività della stagione impegnati nel Torneo di Pozzolo Formigaro. Domenica una rappresentanza del club ha partecipato alla Festa della Repubblica. Domenica 9 Giugno, presso i campi del Centro Sportivo Comunale (ex All Season) a Novi Ligure, si svolgerà il 3° Torneo “Unità d’Italia” per la Categoria Pulcini. Dal 13 Giugno, in collaborazione con Novisoccorso, 3ª “Novi Cup”, torneo di calcetto a 5 Under e Over 18. Partite al Csc Nove martedì e giovedì. Per eventuali informazioni e iscrizioni al “Novi Cup”; 339/7334611 -335/6882654 334/3720380 – 349/3133652.

Manca davvero poco alla partenza dell’edizione 2013 del torneo del Don Salvi. Il calcio d’inizio sarà dato infatti lunedì sera, nel piccolo campo dell’oratorio di via Buffa. Per quest’anno la scena sarà riservata interamente alla categoria “Over 16”. Solo in occasione della finale si disputerà la gara tra le due squadre femminili iscritte. Nella rassegna maschile saranno quattro i gironi per sfide infuocate che terranno banco tre giorni la settimana. La conclusione del torneo è presta per l’8 luglio. “Abbiamo deciso di ampliare il gruppo delle partecipanti nell’over 16 – spiegano gli organizzatori – Dalle 12 che avevamo previsto al momento dell’apertura delle iscrizioni, siamo passati a 16. In questo modo daremo a tutti la possibilità di giocare. Sempre nel giorno della finale ci sarà anche una partita under”. Non sappiamo ancora, al momento di scrivere, come sono composte le squadre, quattro giocatori sul campo più le riserve, che si sfideranno. Ancora nelle ultime ore diversi giocatori dei campionati “regolari” stavano cercando una squadra per cimentarsi con gli ingredienti principali del torneo: spazi molto stretti adatti a chi ha gambe veloci, ritmo molto serrato. L’anno scorso la finale fu molto serrata, se l’aggiudicò Aldenkitchen.com battendo per 8-7 Polenta e stracotto. Nomi pittoreschi che fanno parte del gioco.

inbreve CALCIO GIOVANILE

Due Valli, Pulcini super in Liguria Il Due Valli Stefano Rapetti di Capriata si impone al XVI° Trofeo Alfonso Mondini Leva 2004. Al torneo, hanno partecipato 18 compagini divise in sei gironi. In campo anche CArrosio e Novese. Il Due Valli di Carmelo Barca e Giulio Maffieri ha avuto una partenza in salita con una sconfitta a calci di rigore contro la Fulgor subito rimediata con una spettacolare vittoria contro la Rivarolese che ha valso il primato nel girone E. Nel girone finale fra le prime classificate, la compagine di Barca e Maffieri ha regolato 1-0 il forte Granarolo e si e’ imposta 4-0 sul Serra Ricco’. Finalissima fra Due Valli e Nuova Oregina preceduta da un suggestivo Inno di Mameli. Partita tesissima anche a causa del grande caldo e della stanchezza dei giovani atleti ma vibrante ed intensa con continui cambi di fronte. Avanti i genovesi per 1-0 con un bel tiro da fuori area ma subito raggiunti dal Due Valli grazie ad una splendida azione collettiva dei giovani blaugrana. La partita si conclude 1-1 e il vincitore si decide ai calci di rigore. Questi vedono prevalere il Due Valli 3 -2. Grande merito del successo al portiere Yasha Tamarchenko autore di due incredibili parate ai calci di rigore finali. Due Valli: Yasha Tamarchenko, Nicolò Mazzarello, Stefano Sciutto, Edoardo Barbato, Jacopo Cannonero,Samuele Taglietti, Federico Alloisio, Tommaso Campodonico. Allenatore Giulio Maffieri.

IL MEMORIAL

Castelletto: l’Ovada Calcio vince il “nuovo” Cappellini Va all’Ovada Calcio l’edizione di quest’anno del Memorial “Fioretta Capellini”, trasformato in torneo di calcetto giovanile. La squadra di Gaggero ha battuto in finale i Boys Ovada di Pellegrini con una doppietta di Mazzotta. Per gli sconfitti rete di Persico. Nella finale per il 3° posto il Due Valli di Barisione aveva la meglio sul Vallestura di Vaccaro per 3-1. In vantaggio il Valle Stura con Vaccaro, pareggio di Barbavara e doppietta decisiva per Giulio Emiliani. Proprio quest’ultimo, assieme a Mazzotta, s’è aggiudicato la classifica dei marcatori. Il premio per il Miglior Portiere è andato a Ferrari dell'’Ovada. Girone del mattino dominato dagli ovadesi che si qualificano per la finale battendo nell'ordine uno sfortunato DV per 2-1 che colpisce tre pali, vincendo il derby con i BO per 1-0 e chiudendo surclassando il Vallestura per 3-0. La partita tra gli ospiti della Casa del Giardino di Voltaggio e la Squadra Femminile è terminata 6-3.

GIOVANILI

Ovada: i Giovanissimi chiudono vincendo il “Pipino Ricci” Successo per i Giovanissimi dell’Ovada Calcio di Fabio Librizzi a Cassine nella decima edizione del Memorial “Pipino Ricci”. Quattro le formazioni partecipanti: Cassine, Voluntas, Koala ed Ovada Calcio. L’Ovada si aggiudicava il torneo pareggiando con il Koala per 1-1 con rete di Coletti, quindi superando i locali per 2-0 con reti di Giacobbe e Marzoli e pareggiando per 0-0 con la Voluntas. In finale per il 1° e 2° l’Ovada aveva la meglio sulla Voluntas per 4-0 con tripletta di Potomeanu e gol di Es Sidouni. Per il 3° e 4° posto affermazione del Koala Alba ai rigori sul Cassine per 3-0 dopo che i regolamentari si erano chiusi sull’1-1.

LE ISCRIZIONI

Controbar, ancora quattro giorni Sono sempre aperte le iscrizioni per il Controbar, il torneo classico che si giocherà dal 17 giugno al 7 luglio al Moccagatta di Viale Rimembranza. La finestra per iscriversi si chiuderà il 10 giugno. Per tutte le informazioni è possibile consultare la pagina Facebook del torneo. L’Ovada Calcio ha pensato di riproporre la rassegna dopo la pausa dell’anno scorso dovuta essenzialmente a problemi organizzativi. Per adesioni è comunque possibile contattere Joacopo al 347.81.95.748 oppure Fabrizio al 339.44.06.501.


losport

ilsettimanale • giovedì 6 giugno 2013

34 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Ciclismo In evidenza anche gli atleti dell’Overall di Pasturana

Ciclismo La gara al Borgo di sabato scorso

vincente: Il ligure Niccolò Bonifazio Sprint Coralli regola detta legge alla Romita 106 avversari REDAZIONE redazione@ilnovese.info

Un vincitore certamente fuori dal comune per una edizione 2013 della Coppa Romita anch’essa non comune in quanto la prima dopo decenni senza Massimo Gemme, per tanti anni Direttore di Corsa e di organizzazione. Tra i dilettanti c’è un corridore forte nelle volate come lo è Mark Kavendish tra i professionisti: è Niccolò Bonifazio, ventenne di Diano Marin.. Ha già in tasca il contratto per passare l’anno prossimo tra i professionisti e sabato ha posto la sua firma sulla Coppa Romita con una volata imperiosa, letteralmente “strapazzando” gli avversari. Con Bonifazio il sigillo sulla medaglia ricordo incastonata in un trofeo donata dalla famiglia Gemme a ricordo di Massimo è andato a Pirro, Direttore Sportivo della Viris di Vigevano, che ha bissato la vittoria ottenuta nel 2012 con Mattia Pozzo. Organizzata dalla Novese Fausto Coppi, la corsa è stata diretta da Danilo Massocchi, Francesco Dottore e Walter Massasso. La cronaca. Dopo circa 50 km di gara, nasce una fuga di 7 atleti che in pochi km diventano 14. I traguardi volanti a Basaluzzo sono vinti da Grosu della Overall e da Voicu. La fuga termina ai Crebini di Castelletto d’Orba, a 35 km dall’arrivo e da lì inizia una serie di scatti e contro scatti. A Gavi (primo passaggio) sono in testa circa 25-30 corridori con 14” sul gruppo. Sono molto attivi Borella e Capillo della Monviso, tanto che al-

l’attacco della salita che porterà per la seconda volta a S. Cristoforo hanno 12” su Barbero (Overall), Gallio e Orrico e 24” sul gruppo. La salita rimescola le posizioni e al GPM passano nell’ordine Orrico, Borella e Tedeschi (Team Idea) e si forma in testa un gruppetto di 8 atleti (Orrico, Borella e Tedeschi e poi Tizza, Capillo, Barbetta e Colonna, Vicini con una quindicina di inseguitori a 14” ed una trentina a 22”. A Gavi (secondo passaggio) conduce

la corsa un gruppetto di 22 atleti con 15 inseguitori a 8” ed il gruppo a 52”. Alla svolta verso Tassarolo la corsa è condotta da Orrico, Ravasi e Tedeschi alla guida di un gruppo di 37 unità e gli inseguitori sono a 1’45”. Al GPM di Tassarolo passano nell’ordine Di Ruscio, Lampa e Tedeschi con gli altri a ruota, poi ai meno 3 km dall’arrivo spunto di Davide Orrico ma nell’abitato di Novi Ligure è raggiunto dagli inseguitori e va in scena la volata show di Bonifazio.

Ciclismo Alla coppa Romita brutte notizie per i novesi

CICLISMO

Overall, largo ai giovani

Il 13 giugno torna a Novi la ”notturna”

I dilettanti impegnati sulle strade di casa ovvero nella Coppa Romita di sabato a Novi Ligure, non hanno lasciato il segno o meglio ne sono usciti con le ossa rotte, proprio questo il termine più adatto per riassumere la gara. Con l’atteso Grosu che è incappato in una giornata negativa staccandosi sulle prime asperità di giornata, le speranze dell’Overall si sono rivolte all’altro portacolori gialloblu Thierry Moret; il valdostano veleggiava nelle prime posizione della corsa quando scendendo per la seconda volta da San Cristoforo è incappato in una brutta caduta dove ha rimediato la frattura scomposta della clavicola destra. Previste quattro settimane di

fermo. “Una brutta botta per tutto il Team, Moret era in crescendo di forma ed era nostro punto di riferimento per le prossime gare con percorsi impegnativi, compresi i Campionati Italiani di Prato e Giro di Romania. A questo punto dovremo rivedere un po’ tutto il programma gare, non vogliamo lamentarci della sfortuna, ma certamente possiamo dire che la buona stella non ci assiste” spiega il team manager Massimo Subbrero. Di segno opposto le promesse giovanili in quel di Pontecurone: Mirco Paveto 3° alla prima gara su strada, Mattia Bauce 16° e Lorenzo Ratto ancora 3° nelle varie categorie di età.

Horseball, il Circolo di Novi ai tricolori Impegno da bollino rosso per il Circolo di Novi. Il team di horseball leader in Italia e rispettato in Europa c cercherà di fare il bis al campionato italiano assoluto di horseball in programma nel fine settimana. I novesi allenati da Fabrizio Sforza arrivano a questo appuntamento forti di una condizione fisica e psicologica importante anche grazie al terzo posto ottenuto di recente in Francia e ai riconoscimenti morali susseguiti dopo la kermesse transalpina. L’anno scorso le due squadre del circolo novese dello sport a metà strada tra il cricket e il basket seppero vincere con la formazione femminile terza.

Giovedì 13 giugno alle ore 20,30 a Novi Ligure tradizionale notturna ciclistica sul percorso corso Italia, via Nizza, via Garibaldi, via Verdi e ritorno in corso Italia, dove di fronte al Bar Gel avranno luogo le partenze e gli arrivi delle 4 gare in programma: Giovanissimi G5 e G6, esordienti e allievi. Percorso di km. 0,900 da percorrere un numero di giri differente a seconda delle categorie, con sprint intermedi a punti per determinare le classifiche delle varie gare. Ritrovo a partire dalle ore 18,30 presso il Bar Gel, il locale davanti al quale è posizionato il traguardo di ogni singola categoria. La formula della kermesse garantisce spettacolo. Il percorso ad anello si snoderà lungo il quadrilatero che delimita la caserma Giorgi toccando in rapida successione, via Nizza, via Garibaldi, via Verdi e il rettifilo di corso Italia. Negli anni la kermesse si è sempre più affermata divenendo punto di riferimento e appuntamento fisso per il movimento del ciclismo giovanile e infatti la partecipazione e la presenza di molti club sportivi delle due ruote provenienti da tutto il nord Italia. Riuscire a coinvolgere e a convogliare nella città dei Campionissimi giovani promesse della bicicletta o ragazzini alle prime armi è sinonimo della serietà e della stima di cui gode la Sc Novese Fausto Coppi nel mondo del ciclismo giovanile.

In 106 hanno preso parte al Gran Premio del Borgo, manifestazione ciclistica organizzata da “Ovada in Sport” con la lega UISP, sezione ciclistica valida per l’assegnazione del titolo regionale. Nella prima fascia 85 i partenti con le categorie Veterani, Gentlemen e Supergentlemen. Al traguardo di Viale Rebora sprint finale di Gianpaolo Coralli del Team Pezzetti, seguito da Fabrizio Fracassi del Fornasari Auto, Mirko Merlo del Rodman Team e Roberto Giannini del Bici Camogli. Nella seconda partenza che annoverava solo 21 iscritti affermazione di Simone Sorace del Quinto al Mare, seguito da Marco Guardone del Team Bici, Gabriele Davi dell’U.C. Bornia. Tra le donne successo di Patrizia Cabella del Rodman Team. Buoni anche i piazzamenti dei locali; oltre al terzo posto di Mirko Merlo di San Cristoforo, da registrare il primato di Renato Priano del Guizzardi Ovada, mentre nei Supergentlemen A successo di Lorenzo Valenza. Tra gli altri ovadesi in gara Max Oliva e Gian Luca Galliano del Uò Cycling Team con prestazioni importanti si posizionavano nella top ten delle rispettive categorie. I titoli regionali di categoria regionali assegnati invece a Fabrizio Straddini per la 1° fascia ed Emanuele Guercio entrambi del Team Bici Bra. Una bella corsa “baciata” finalmente da una giornata estiva e per il percorso individuato dagli organizzatori con il circuito Ovada, Rocca, Schierano, Pratalborato, Silvano, Ovada ripetuto tre volte, mentre l’ultimo giro comprendeva la salita di San Giacomo e il ritorno verso Rocca. Buona anche la velocità del gruppo con i vincitori che hanno sfiorato la media dei 43h nei 64 chilometri di gara. Unica nota negativa la limitata presenza di ciclisti stante la concomitanza di altre manifestazioni.

inbreve GOLF

Al Serravalle di scena la coppa Erg Prosegue la stagione del Golf Serravalle che sulle prime colline del Gavi riserva impegni divertenti e avvincenti come nel prossimo weekend quando saranno in programma il Cus Genova day e un’altra kermesse altrettanto importante. Sabato nell’All inclusive golf cup successo di Gilberto Iannicelli e di Niccolò Ricciardi fra i seconda davanti a Sandro Trezza mentre fra i terza Alessandro Griso ha preceduto Paola Origone. Premi speciali per Andrea Sartirana, Stefania Gaggero e Riccardo Ricciardi. Iannicelli si è ripetuto nella prova a 9 buche di domeniche precedendo Sartirana e Melotti mentre fra i seconda categoria Gabriella Forni Gloor ha preceduto Erica Lerici e Gianluca Berruti. Venerdì invece Club Italia Coppa Erg con successo di Gianni Manetta su Alessandro Sigalone e Luigi Tura mentre nella speciale categoria Amicie & soci, successo di Mario Aina su Marco Semino e Alessandro Albertini; premi speciali per Luigi Lasala e Monica Mondini mentre Anna Pettene ha vinto Longest Drive e Nearest to the pin.

BADMINTON

Novi ospita un Interregionale

Questo fine settimana la palestra "Boccardo" di Novi Ligure, sede del team di A, ha ospitato il primo raduno interregionale per lo sviluppo del badminton in Liguria, Piemonte e Valle d'Aosta. Il tecnico incaricato dalla FIBa Henry Veervoort , con la collaborazione del "coach" della societa' ospitante Fabio Tomasello, ha iniziato il percorso che la federazione ha indicato per elevare la qualità dei giovani atleti grazie questi appuntamenti periodici. Le società Tigullio, Junior Acqui, Space di Settimo, Genova, Alba Shuttle, Acqui nonché il BadmintoNovi hanno inviato i loro migliori rappresentanti Under e Junior .


losport

ilsettimanale • giovedì 6 giugno 2013

35 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

Pallacanestro I gialli chiudono con l’onore delle armi e programmano la prossima stagione

Alba troppo forte, Novi non ce la fa Due match sempre sul fil di lana alla fine premiano il team langarolo pick and roll aiuta i ragazzi di Bonazzi a sbloccare l'attaco caricando di falli gli ospiti ed aprendo il campo. Novi torna in partita sul 9, 54-63 con 4 minuti da giocare. Il match si accende e i contatti si moltiplicano. I due fischietti si dimostrano non all'altezza dell'appuntamento gettando sul parquet fischi approssimativi e pericolosi ma Novi è viva. Gialli in campo con 4 esterni nel finale che si accende alla tripla di Oliveri che vale il -5 con 100 secondi da giocare, 62-67. Ma il pirotecnico antisportivo fischiato alla difesa novese spegne definitivamente le speranze di rimonta. Pallacanestro Novi che raccoglie gli applausi dei suoi tifosi mentre la sirena finale sancisce il termine della sfida. Il 62-71 finale rende merito ad Alba che accede alla finale per l'accesso alla serie D. Ora a Novi si guarda al futuro con maggiore serenità e con un vivaio in crescita. Il vero punto di forza del club.

Si interrompe in semifinale il sogno della Pallacanestro Novi 1980 di accedere alla Serie D del basket piemontese. I novesi cedono nel doppio confronto alla corazzata Nuova Pallacanestro Alba e salutano i playoff della Promozione. Nulla da fare per i ragazzi di coach Bonazzi a confronto con la vincitrice del girone torinese e candidata numero uno al salto di categoria. Primo incontro in terra albese con i gialli di scena sul parquet dal palazzetto di corso Langhe. Novesi in partita nei primi due quarti ma costretti a cedere ad un Alba solida ed ordinata in ogni fase del gioco. Novi forse ha poca fiducia nei suoi mezzi e di fronte al talento dei padroni di casa Sobrero e Duffaut si gretola chiudendo il match sul 70-53. Tutt'altra storia nella gara 2 giocata di fronte al caldo pubblico del palazzetto dello sport di Viale Cichero. Novi conduce in avvio trascinata dal cecchino Bassi e dalla buona guardia di Arbora sugli esterni avversari. Alba schiera una zona mista che imbriglia le bocche da fuoco novesi e la prima frazione vede la parità sul 14-14. La bomba di Oliveri regala quello che sarà l'ultimo vantaggio dei padroni di casa sul 17-16, l'intensità difensiva di Alba esce alla distanza e l'esecuzione dei gialli si blocca. Il parziale del quarto è pesante: un 10-20 che segnerà l'esito dell'incontro.

Novi al riposo lungo in doppia cifra di svantaggio ma sempre sostenuta dai suoi tifosi ancora una volta numerosi sulle gradinate. Il secondo tempo trova Ricci finalmente incisivo dall'arco e in penetrazione ma Alba risponde colpo su colpo. Il play Portinale diventa un fattore ed il tentativo di rimonta novese è vanificato. Parità anche nel parziale del terzo quarto (18-18) e Novi che insegue ancora sul 42-52. L'avvio dell'ultima frazione sembra segnare il tracollo della Pallacanestro Novi che sotto le triple di Rosso sprofonda a -17 (44-61). Novesi feriti ma non al tappeto: il

basket

REDAZIONE redazione@ilnovese.info

Gruppo Praga, serve l’impresa Si è giocato ieri la partita decisiva della semifinale playoff di C regionale di basket fra Gruppo Praga e Eagles Borgosesia. La partita era valida per la quarta sfida della serie al meglio delle 5 ma i rossoblu avevano sovvertito il pronostico in gara due la scorsa settimana a Borgosesia dove, dopo il ko nel primo match, con una condotta garibaldina, acuta e tatticamente impeccabile, avevano vinto con un piccolo margine. Borgosesia però ha ristabilito le gerarchie con una vittoria a Serravalle imponendosi 75-69 e soprattutto dimostrando qualità tecniche importanti. Ieri serviva l’impresa per avere la meglio su un avversario tosto e quadrato e soprattutto per portare la serie a gara cinque eventualmente in programma domenica sera alle 18 a Borgosesia. Per Serravalle comunque l’ennesima dimostrazione della solidità di un gruppo che in questa stagione ha saputo lottare alla pari con compagini attrezzate al salto di categoria.

Bocce: a Costa si giocano i Memorial Minetto e Ravera Giunto alla sua 18° edizione continua il Torneo a Bocce “Memorial P. Minetto” che si giocherà sui campi della Saoms nelle sere da lunedì 10 a venerdì 21 giugno prossimi. La classicissima kermesse a quadrette vedrà in gara giocatori di alto livello che si contenderanno l’ambito trofeo messo in palio dalla famiglia del compianto Paolo, socio e giocatore appassionato di questo sport. E’ intanto partito sui campi di Molare e Costa anche il memorial “Dino Ravera. Domani sera a Costa è prevista la finale.

Tambass a muro Consolidato il 2° posto

Bene il Tagliolo: vicina la vetta

Bella vittoria per il Carpeneto che torna da Cavriana con un rotondo 13-6 e riacciuffa il terzo posto in classifica. Gli ovadesi si impongono in una gara equilibrata nella prima parte, dal 4-2 al pareggio locale sul 44. A quel punto arriva lo scatto in avanti della squadra diretta da Stefania Mogliotti che sale 8-4. Il vantaggio rimane costante e si allarga nel finale di partita. Ora la squadra ha una classifica diversa a quella di un mese fa (col giornale in stampa è andata in scena la chiusura della gara di Castiglione partita dal 9-9). Per domeni-

ca prossima è prevista la gara interna col Sommacampagna, spareggio vero e proprio per il gradino più basso del podio. Efficace anche il Cremolino che si impone proprio sul Castiglione per 13-8. Successo fondamentale per i ragazzi di Viotti che allontanano la parte bassa della classifica. Avvio duro per i padroni di casa costretti a inseguire fino al 5-4. Il pareggio ovadese arriva sul 6-6. Poi il break decisivo per l’11-7. Il Cremolino sale così a 15 punti. Domenica c’è il Callinetto primo in classifica, sfida che appare proibitiva.

PATTINAGGIO/1

Lucky Star profeta a Novi

Prosegue la stagione agonistica della Lucky Star. Gli atleti della compagnie novese sono stati protagonisti nei Campionati regionali FIHP per la specialità “Categoria”. Il 12 maggio l’impianto di Novi Ligure ha ospitato i campionati regionali FIHP e gli atleti della Lucky non hanno tradito le aspettative. Nella categoria Esordienti Regionali 6° posto per Guidi Lucia sia negli obbligatori sia nel libero mentre Cassano Elisa ha conquistato il 4° posto negli obbligatori e si è piazzata 11^ nel libero. Ottava piazza per Aime Ambra nel libero. Tutti ottimi piazzamenti in una gara che ha visto impegnati un trentina di atleti provenienti da tutto il Piemonte. Buonissima la prestazione di Aroni Samuel che nella categoria maschile si è laureato campione regionale di obbligatori e ha conquistato un ottimo secondo posto nel libero. Il 18 maggio per la categoria Giovanissimi hanno ben figurato Dunca Bianca ( quarta in obbliga e settima in combinata) e Fagioli Teresa (quinta in libero e settima in combinata). Il giorno dopo sono scese in pista Gaseni Ludovica che ha conquistato un brillantissimo oro nel libero e la terza piazza negli obbligatori, mentre Leva Chiara e Assenza Chiara hanno ottenuto rispettivamente un ottimo terzo e quinto posto nella categoria Formula 3 B. Soddisfatta l’allenatrice Patrizia Filanti che nonostante le difficoltà dovute ai passaggi di categoria di molti atleti impegnati in difficoltà sempre più sfidanti, ha raccolto i frutti del gran lavoro svolto nel corso della stagione.

PATTINAGGIO/2

Solo Dance ricca di ori

Tambass Dopo la vittoria di Cavriana. Cremolino ok

Carpeneto torna sul podio

inbreve

Doppia vittoria per il Tagliolo nel week end di tamburello a muro. Nell’incontro di sabato valido per la seconda giornata di ritorno, vittoria per 19 a 7 contro il Calliano. Partita che sinceramente ha avuto poca storia visto le evidenti differenze di valori; gli ovadesi non hanno dovuto sprecare molte energie e si sono limitati a controllare il gioco ed aspettare l’errore avversario. Fin dalle prime battute la partita ha preso la piega giusta e mai nelle fasi successive il risultato è stato in discussione. Formazione Tagliolo: Priano, Boccaccio, Robbiano, Soldi, Vignolo. Domenica è poi andato in scena il recupero dell’incontro rinviato per pioggia contro il Piea due settimane fa. E’ arrivata la seconda vittoria col punteggio di 19 a 11. La partita contro il fanalino di coda del campionato è stata comunque più difficile del previsto ed il risultato finale non rende i meriti agli avversari che sono arrivati ad Ovada per vendere cara la pelle. Dopo un buon inizio del Tagliolo che si portava sul 5 a 1 il Piea rientrava in partita sul 7 a 5 e rimaneva in scia fino al 12 a 9 Appena ripreso il pallino del gioco, ritornando a spingere la palla a fondo campo, l’incontro è tornato sui binari giusti e la chiusura è arrivata sul 19 a 11. Non cambia nulla in classifica, con il Tagliolo sempre al secondo posto con due lunghezze da recuperare al Rocca d’Arazzo. Ma è da segnalare la seconda sconfitta consecutiva del Montemagno che aumenta il distacco dal duo di testa.

Lucky Star Novi super nella “Solo Dance” con atleti impegnati nelle competizioni regionali e anche in questa specialità i risultati non si sono fatti attendere. Le coppie Fossati/Sardi e Meneghello/Marangoni hanno conquistato rispettivamente l’oro e l’argento nelle competizioni regionali Uisp. Ai campionati regionali Uisp di Solo Dance bronzo per Beatrice Giuso Dellalba nella categoria Divisione Nazionale B, argento per Giulia Francavilla nela categoria internazionale jeunesse e bronzo per Viola Fossati nella categoria internazionale esordienti. 4° posto per la giovane Cassano Elisa e buone le prestazioni di Cassano Gaia, Sardi Simone e Meneghello Alisia. Ottime prestazioni anche nel campionato di Federazione Solo Dance. Beatrice Giuso è salita sul gradino più alto del podio, Francavilla Giulia ha conquistato l’argento mentre Fossati Viola e Cassano Gaia hanno ottenuto un brillantissimo terzo posto. Ottimi piazzamenti anche per Cassano Elisa, Meneghello Alisia e Sardi Simone. Visti i risultati non si può che attendere un futuro radioso per le la Lucky versione “solo dance” allenata da Virginia Di Pasquale.


latelevisione

ilsettimanale • giovedì 6 giugno 2013

36 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

laprogrammazione giovedì

venerdì

dal 6 al 12 giugno

sabato

domenica

lunedì

martedì

mercoledì

06 07 08 09 10 11 12 giugno

15.05 Una tata e tre nipoti, film 17.00 Che tempo fa 18.50 Reazione a catena, gioco 20.00 Tg1 20.30 Techetechetè, varietà 21.20 Il padre delle spose, film 23.25 Porta a porta, attualità

15.10 L’ombrellone, film 17.00 Tg1 - Che tempo fa 17.15 La vita in diretta, attualità 18.50 Reazione a catena, gioco 20.00 Tg1 20.30 Calcio: Repub. Ceca-Italia 23.10 Tv7, attualità

17.45 Passaggio a Nord-Ovest, att. 18.50 Reazione a catena, gioco 20.00 Tg1 - Rai Tg sport 20.30 Techetechetè, varietà 21.10 Carosello Reloaded, varietà 21.15 Con il cuore, attualità 24.00 Cinematografo speciale, att.

14.00 Un truffatore in famiglia, film 16.30 Tg1 - Che tempo fa 16.35 Homicide Hills, telefilm 17.20 Nero Wolfe, fiction 19.00 Automobilismo: GP Canada 22.00 Lezioni di sogni, film 23.40 Speciale Tg1

16.30 La vita in diretta, attualità 18.50 Reazione a catena, gioco 20.00 Tg1 20.30 Techetechetè,vistalarivista, var. 21.10 Carosello Realoded, varietà 21.20 Arena di Verona 2013, music. 23.40 Porta a Porta, attualità

14.10 Ho sposato uno sbirro, fiction 15.05 La ragazza della giungla, film 17.15 La vita in diretta, attualità 18.50 Reazione a catena, gioco 20.00 Tg1 20.30 Calcio: Haiti-Italia 23.20 Porta a porta, attualità

17.15 La vita in diretta, attualità 18.50 Reazione a catena, gioco 20.00 Tg1 20.30 Techetechetè,vistalarivista, var. 21.10 Carosello Realoded, varietà 21.20 Tutti i padri di Maria, fiction 23.25 Porta a porta, attualità

16.15 Senza traccia, telefilm 17.45 Tg2 Flash Lis - Rai Sport 18.45 Cold Case, telefilm 19.35 Squadra Speciale Cobra 11, tf 20.30 Tg2 21.05 Made in Sud, varietà 23.45 Tg2 - Punto di vista

16.15 Senza traccia, telefilm 17.45 Tg2 Flash Lis - Rai Sport 18.45 Cold Case, telefilm 19.35 Squadra Speciale Cobra 11, tf 20.30 Tg2 21.05 Rex 4, telefilm 23.05 L’ultima parola, attualità

14.00 La nave dei sogni, film 16.25 Squadra Speciale Stoccarda, tf 17.15 Terre meravigliose, attualità 18.05 Automobilismo: GP Canada 20.30 Tg2 21.05 Frammenti di un omicidio, film 22.45 NYC 22, telefilm

15.45 Toni Costa,commissarioaIbiza, tf 17.45 Squadra Speciale Lipsia, tf 18.05 5 amiche e un ricatto, film 19.35 Lasko-Rapporto Segreto, tf 20.30 Tg2 21.00 Hawaii Five-0 23.15 La domenica sportiva estate

14.00 Divieto di sosta, attualità 15.20 Blue Bloods, telefilm 18.45 Senza traccia, telefilm 19.35 Cold Case, telefilm 20.30 Tg2 21.05 Criminal Minds, telefilm 23.45 Emozioni, musicale

14.00 Divieto di sosta, attualità 15.20 Blue Bloods, telefilm 16.10 Revenge, telefilm 17.45 Calcio: Italia-Norvegia 21.10 Squadra Speciale Cobra 11, tf 21.55 Countdown, telefilm 23.55 #aggratis!, varietà

14.00 Divieto di sosta, attualità 15.20 Blue Bloods, telefilm 16.10 Revenge, telefilm 18.45 Senza traccia, telefilm 19.35 Cold Case, telefilm 21.05 Beautyand the Beast, telefilm 22.45 Supernatural, telefilm

15.45 Good Morning, Vietnam, film 17.45 Geo Magazine 2013, docum. 19.00 Tg3 Regione 20.15 Celi, mio marito!, varietà 20.35 Un posto al sole, soap 21.00 Atletica leggera, sport 22.35 La storia siamo noi, docum.

15.45 Il seme del tamarindo, film 17.50 Geo Magazine 2013, docum. 19.00 Tg3 Regione 20.15 Celi, mio marito!, varietà 20.35 Un posto al sole, soap 21.05 Amore criminale, documenti 23.05 È uno di quei giorni che..., doc.

16.50Timbuctu-Iviaggidi Davide, doc. 17.15 Così parlò Bellavista, film 19.00 Tg3 - Tg Regione 20.00 Blob 20.15 Calcio: Italia-Israele (under 21) 22.30 Highlights Europei 23.05 Un giorno in pretura, docum.

14.30 In 1/2 h, attualità 15.05 Palla di neve, film 16.40 Safe Harbor, film 18.05 Squadra Speciale Vienna, tf 20.00 Blob 21.05 The tree of life, film 23.45 I baci mai dati, film

15.00 Speciale ballottaggi 2013 18.00 Geo Magazine 2013, docum. 19.00 Tg3 Regione - Blob 20.15 Celi, mio marito!, varietà 20.35 Un posto al sole, soap 21.05 L’ultima legione, film 22.55 I dieci comandamenti, attualità

15.45 Rugantino, film 17.30 Geo Magazine 2013, docum. 19.00 Tg3 Regione - Blob 20.15 Celi, mio marito!, varietà 20.35 Un posto al sole, soap 21.05 Ballarò, attualità 23.20 Report Cult, documenti

13.10 Lena-Amoredellamia vita, soap 15.00 Ponderosa, telefilm 17.25 Geo Magazine 2013, docum. 19.00 Tg3 Regione - Blob 20.05 Celi, mio marito!, varietà 20.35 Un posto al sole, soap 21.05 Chi l’ha visto?

14.45 Lo sportello di Forum, attualità 15.30 Flikken coppia in giallo, telefilm 16.50 Dream Hotel: Caraibi, film 18.55 Tg4 - Meteo 19.35 Tempesta d’amore, soap 21.10 The Closer, telefilm 23.20 Il rapporto Peliken, film

14.45 Lo sportello di Forum, attualità 15.35 My life-segreti e passioni, soap 15.50 Cuori ribelli, film 19.35 Tempesta d’amore, soap 20.30 Quintacolonna,ilquotidiano, att. 21.10 Quarto grado, attualità 23.45 Il mostro di Firenze, fiction

14.45 Lo sportello di Forum, attualità 15.30 Poirot telefilm 16.45 Perry Mason, telefilm 19.35 Tierra de Lobos, telefilm 20.30 Tempesta d’amore, soap 21.15 Sorvegliato speciale, film 23.25 Un mondo perfetto, film

13.00 Ricette all’Italiana 14.40 Il gigante, film 18.55 Tg4 - Meteo 19.35 Tierra de Lobos, telefilm 20.30 Tempesta d’amore, soap 21.30 I pilastri della terra, fiction 23.45 Mary Reilly, film

15.30 Flikken coppia in giallo, telefilm 16.35 My life, soap 17.00 Suor Therese, telefilm 18.55 Tg4 - Meteo 19.35 Tempesta d’amore, soap 21.10 Quinta Colonna, attualità 00.00 Scoop, film

16.35 My life, soap 17.00 Il vendicatore del Texas, film 18.55 Tg4 - Meteo 19.35 Tempesta d’amore, soap 20.30 Quintacolonna,ilquotidiano, att. 21.10 Lo straniero che venne..., film 23.45 Espiazione, film

15.30 Flikken, coppia in giallo, tf. 16.35 My life, soap 18.55 Tg4 - Meteo 19.35 Tempesta d’amore, soap 20.30 Quintacolonna,ilquotidiano, att. 21.10 The Closer, telefilm 23.15 Il mostro di Firenze, fiction

14.45 Rosamunde Pilcher, film 16.30 Pomeriggio Cinque, attualità 18.50 Avanti un altro!, gioco 20.00 Tg5 - Meteo 20.40 Striscia la notizia, varietà 21.10 Pupetta, il coraggio..., fiction 23.30 Tg5 Puntonotte, attualità

14.45 Amore sui tetti, film 16.30 Pomeriggio Cinque, attualità 18.50 Avanti un altro!, gioco 20.00 Tg5 - Meteo 20.40 Striscia la notizia, varietà 21.10 Ghost, film 23.35 Speciale Tg5, attualità

15.10 Beautiful Dreamer, film 17.00 Inga Lindstrom, film 18.50 The Money Drop, gioco 20.00 Tg5 - Meteo 20.40 Striscia la notizia, varietà 21.10 Amici, reality 23.30 X-Style, attualità

13.40 L’arca di Noè, attualità 14.00 Anna e i cinque, fiction 16.30 Lo show dei record, varietà 20.00 Tg5 - Meteo 20.40 Striscia la domenica, varietà 21.30 SuperPaperissima, varietà 23.30 Stevie, film

14.45 Il segreto, soap 15.50 Pomeriggio Cinque, attualità 18.50 Avanti un altro!, gioco 20.00 Tg5 - Meteo 20.40 Striscia la notizia, varietà 21.10 Dov’è mia figlia?, fiction 23.10 Tg5 Puntonotte, attualità

14.45 Il segreto, soap 15.50 Pomeriggio Cinque, attualità 18.50 Avanti un altro!, gioco 20.00 Tg5 - Meteo 20.40 Striscia la notizia, varietà 21.10 La vita facile, film 23.30 Tg5 Puntonotte, attualità

14.45 Il segreto, soap 15.50 Pomeriggio Cinque, attualità 18.50 Avanti un altro!, gioco 20.00 Tg5 - Meteo 20.40 Striscia la notizia, varietà 21.10 Jump, stasera mi tuffo, real. 24.00 Tg5 Puntonotte, attualità

15.00 Naruto Shippuden, cartoni 15.25 Le avventure di Lupin III, cartoni 15.55 Smallville, telefilm 18.30 Studio Aperto - Meteo 19.20 CSI-New York, telefim 21.10 Colorado, varietà 00.20 Borar, film

15.00 Naruto Shippuden, cartoni 15.25 Le avventure di Lupin III, cartoni 15.55 Smallville, telefilm 18.30 Studio Aperto - Meteo 19.20 CSI-New York, telefim 21.10 True Justice II, film 23.00 Person of interest, telefim

13.40 Ragazze nel pallone, film 15.45 Superbike, GP Portogallo 17.05 Tom & Jerry, cartoni 18.30 Studio Aperto 19.20 Astro boy, cartoni 21.10 Dragonball Evolution, film 22.50 No ordinary family, telefilm

12.30 Superbike: GP Portogallo 1 13.45 Fuori Giri 14.25 Derren Brown, documenti 16.00 Superbike: GP Portogallo 2 17.20 The Middle, telefilm 21.25 Fast & Furious, film 23.35 Fightin, film

15.00 Naruto Shippuden, cartoni 15.25 The vampire diaries, telefilm 16.10 Smallville, telefilm 17.45 Top One, gioco 19.20 CSI New York, telefilm 21.10 CSI - Scena del crimine, tf 23.00 Covert Affairs, telefilm

15.00 Naruto Shippuden, cartoni 15.25 The vampire diaries, telefilm 16.10 Smallville, telefilm 17.45 Top One, gioco 19.20 CSI New York, telefilm 21.10 Radio Italia Live, musicale 23.30 L’uomo perfetto, film

15.00 Naruto Shippuden, cartoni 15.25 The vampire diaries, telefilm 16.10 Smallville, telefilm 17.45 Top One, gioco 19.20 CSI New York, telefilm 21.10 Centurion, film 23.10 Doomsday, film

16.30 Suor Therese, telefilm 18.10 The District, telefilm 19.05 NYPD Blue, telefilm 20.00 Tg La7 20.30 Otto e mezzo, attualità 21.10 Servizio Pubblico, attualità 24.00 Omnibus Notte, attualità

16.30 Il commissario Cordier, telefilm 18.10 The District, telefilm 19.05 NYPD Blue, telefilm 20.00 Tg La7 20.30 Otto e mezzo, attualità 21.10 Vacanzenelpaesedellem., var. 22.20 Recital, attualità

14.00 Tg La7 Cronache 14.40 Cuore d’Africa, telefilm 16.30 The District, telefilm 18.10 L’ispettore Barnaby, telefilm 20.00 Tg La7 20.30 In onda, attualità 23.00 21 grammi, il peso del.., film

14.40 “Due figli di...”, film 16.40 The District, telefilm 18.20 L’ispettore Barnaby, telefilm 20.00 Tg La7 20.30 In onda, attualità 21.30 La tela dell’assassino, film 23.40 Jack Hunter e la stella, film

14.40 Le strade di San Francisco, tf 16.30 Il commissario Cordier, tf 18.10 The District, telefilm 20.00 Tg La7 20.30 Otto e mezzo, attualità 21.10 Piazzapulita, attualità 23.45 Omnibus notte, attualità

14.40 Le strade di San Francisco, tf 16.30 Suor Therese, telefilm 18.10 The District, telefilm 20.00 Tg La7 20.30 Otto e mezzo, attualità 21.10 S.O.S tata, reality 00.10 Omnibus notte, attualità

14.40 Le strade di San Francisco, tf 16.30 Suor Therese, telefilm 18.10 The District, telefilm 20.00 Tg La7 20.30 Otto e mezzo, attualità 21.10 Un uomo perbene, film 00.30 Omnibus notte, attualità

Canale5

Rai1

giugno

Rai2

giugno

Rai3

giugno

Rete4

giugno

Italia1

giugno

La7

giugno

" '++ '++

555 .-.0#-7'(3-'$0*.4#&'1* %., '&' +')#+' 4*# !! '22',$0' 2'+ (#6

*+4#-.

0$#

#0+. 0*++. ,*+*. /#7#+

',#*+ +20' 1'&*

4*#+' 2#7*.-' '-20#+' 4*# .,# / 77# #0*$#+&*


notizieutili lefarmacie

www.farmapiemonte.org

NOVI LIGURE Giovedì 6: Giara (via Girardengo); venerdì 7: Moderna (via P.Giovanni XXIII); sabato 8: Beccaria (via P.Isola), di appoggio diurno: Giara e Nuova (viale Saffi); domenica 9: Cristiani (via IV Novembre); lunedì 10: Nuova; martedì 11: Baiardi (via Girardengo); mercoledì 12: Comunale (via Verdi). OVADA Domenica 9 giugno Gardelli, Corso Saracco NEI PAESI Giovedì 6: Belleri (Gavi) e Maiocchi (Cabella); venerdì 7: Balbi (Serravalle); sabato 8: Giacoboni (Arquata); domenica 9: Di Matteo (Vignole), Libarna (Serravalle); lunedì 10: Cantù (Gavi), Sartorotti (Rocchetta); martedì 11: Libarna e Marucchi (Borghetto); mercoledì 12: Foco (Stazzano). BASALUZZO: Moccagatta (aperta la seconda domenica del mese); CAPRIATA D’ORBA: Opizzi (terza domenica del mese); CABELLA: Maiocchi (seconda domenica del mese); PASTURANA: Bianchi (prima domenica del mese); POZZOLO FORMIGARO: Perseghini (seconda e quarta domenica del mese). Contattando il sito www.farmapiemonte.org al link: “cerca la farmacia aperta più vicina” è possibile conoscere, anche con largo anticipo, le farmacie di turno desiderate.

leedicole NOVI LIGURE Domenica 9 giugno Mandirola (corso Marenco); Magenta (via Marconi); Fanin (via Papa Giovanni XXIII); Salinelli (piazza XX Settembre); Ferrarese (via Verdi); Ponte (Stazione Fs); Scarsi (viale P.Cichero); Arecco (via Amendola); Rebora (via Casteldragone); Edicola di viale Saffi. OVADA Domenica 9 giugno Piazza Assunta, Corso Saracco, Corso Libertà

ilsettimanale • giovedì 6 giugno 2013

37 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

leposte

parrocchieemesse

ORARIO CONTINUATO (dal lunedì al venerdì 8.25-19.10; sabato 8.25-12.35) Novi Ligure (p.zza De Negri 1), Ovada (via Monsignor Cavanna 16).

NOVI LIGURE

ORARIO ORDINARIO (dal lunedì al venerdì 8.25-13.35; sabato 8.25-12.35) Novi Ligure (via Garibaldi), Arquata Scrivia (via Libarna 201), Cassano Spinola (via Arzani 93), Cremolino (via San Bernardino 1), Gavi (piazza Dante 10), Pasturana (via Roma 18), Serravalle Scrivia (via Brodolini 17) (dal lunedì al venerdì 8.15-13.45; sabato 8.15-12.45) Basaluzzo (via Stazione 3), Borghetto Borbera (via Roma 63), Borghetto Borbera (Persi, via Provinciale 14), Bosio (via Umberto I 42), Cabella Ligure (piazza della Vittoria), Capriata d’Orba (via San Giovanni 2), Carpeneto (piazza Vittorio Emanuele II 1), Castelletto d’Orba (via G. B. Borgatta 7), Lerma (corso Spinola 12), Molare (via P. Albareto), Pozzolo Formigaro (piazza IV Novembre 4), Prasco (via Roma 1), Predosa (via Cavour 6), Rocca Grimalda (piazza Vittorio Veneto 1), Silvano d’Orba (piazza Battisti 48), Stazzano (piazza Risorgimento 5), Tagliolo Monferrato (via Roma 2), Trisobbio (via Roma 12), Vignole Borbera (viale Torino 14), Voltaggio (piazza Garibaldi 6).

OVADA ORARIO RIDOTTO (lunedì, mercoledì e venerdì 8.15-13.45) Rocchetta Ligure (piazza Regina Margherita), Cantalupo Ligure (via Umberto I 27), Albera Ligure (via Roma), Belforte Monferrato (via San Colombano 3), Carrosio (via G. Odino 39), Francavilla Bisio (via Guasco 16), Fresonara (piazza Italia 10), Grondona (via Municipio), Parodi Ligure (piazza Municipio 5), San Cristoforo (via Irmo Ferrari 16a), Tassarolo (piazza Libertà 10). (martedì, giovedì e sabato) Predosa (Castelferro, via Pellizza 3)

numeridiemergenza Ambulanza 118; Carabinieri 112; Vigili del fuoco 115; Polizia 113; Guardia di finanza 117

Direzione GENOVA 6.00 R 21107 (§) • Serravalle Scrivia 6.08, Arquata 6.21, Genova Sampierdarena 7.21, G. Principe 7.29, G. Brignole 7.35. 6.05 R 21161 (^) Serravalle 6.14, Arquata 6.21, Sampierdarena 7.21, Principe 7.29, Brignole 7.35. 6.19 R 6109 (*) Serravalle 6.26, Arquata 6.34, Sampierdarena 7.11, Principe 7.19, Brignole 7.27. 6.45 RV 2043 Serravalle 6.52, Arquata 6.59, Sampierdarena 7.43, Principe 7.52, Brignole 7.58. 7.05 R 6111 (§) Serravalle 7.12, Arquata 7.19, Principe 7.54, Brignole 8.00. 7.26 R 10323 Serravalle 7.33, Arquata 7.39, Principe 8.16, Brignole 8.23. 9.44 RV 2161 Serravalle 9.55, Arquata 10.06, Principe 10.34, Brignole 10.40. 12.47 RV 2163 Serravalle 12.53, Arquata 13.00, Principe 13.36, Brignole 13.42. 14.48 R 2051 Serravalle 14.55, Arquata 15.01, Principe 15.37, Brignole 15.43. 15.15 IC 515 (§) Principe 15.56, Brignole 16.02. 16.45 RV 2167 Serravalle 16.51, Arquata 16.58, Principe 17.36, Brignole 17.42. 18.48 RV 2055 Serravalle 18.54, Arquata 19.01, Principe 19.37, Brignole 19.43. 19.15 IC 519 Principe 19.55, Brignole 20.01. 20.40 R 21157 (§) Arquata 20.50, Sampierdarena 21.55, Principe 22.03, Brignole 22.09. 20.47 RV 2171 Serravalle 20.53, Arquata 21.00, Principe 21.36, Brignole 21.42. Direzione MILANO 6.20 R 2180 (§) Pozzolo 6.27, Tortona 6.43, Voghera 6.56, Pavia 7.16, Rogoredo 7.41, Milano Lambrate 7.46, Milano Centrale 7.55. 6.34 R 2882 (§) Pozzolo 6.42, Tortona 6.58, Voghera 7.12, Pavia 7.32, Rogoredo 7.53 7.56 R 2674 (§) Pozzolo 8.02, Tortona 8.16, Voghera 8.29, Pavia 8.51, Rogoredo 9.10, Lambrate 9.18, Milano Centrale 9.30.

Nostra Signora Assunta (piazza Assunta): ore 8.00, 11.00, 17.30; prefestivi ore 17.30; feriali ore 8.30. San Paolo della Croce (corso Italia): ore 11.00; prefestivi ore 20.30; feriali ore 20.30. Padri Cappuccini: ore 10.30. Padri Scolopi (piazza San Domenico): ore 7.30, 10.00; prefestivi ore 16.30; feriali 7.30, 16.30. Madri Pie: feriali ore 17.30. Monastero Passioniste: ore 10.00. Ospedale: prefestivi e feriali ore 18.00. San Venanzio (frazione San Venanzio): festivi ore 9.30. Grillano: festivi ore 9.00. Nostra Signora della Neve (frazione Costa): festivi ore 10.00. San Lorenzo (frazione San Lorenzo): festivi ore 11.00.

guardiamedica

itreni Partenze da Novi

Collegiata (piazza Dellepiane): ore 9.00, 11.00, 12.00, 17.00; prefestivi ore 17.00. Sant’Andrea (piazza Sant’Andrea): ore 10.00. Sant’Antonio (viale Rimembranza): ore 8.00, 10.00, 11.00, 17.30. Cimitero (via P. Isola): ore 8.45. Sacro Cuore (via Don L. Sturzo): ore 8.00, 11.00, 17.00; prefestivi ore 17.00. San Nicolò (via Girardengo): ore 8.30, 10.30, 11.30, 18.00; prefestivi ore 18.00. Cristo Risorto (quartiere G3): ore 9.30. Maddalena (via Abba): prefestivi ore 17.00. San Pietro (via Roma): ore 10.00, 11.30, 18.15; prefestivi ore 18.15. Santa Rita (via Monte Grappa): ore 9.00. San Giovanni Bosco (via San G. Bosco): ore 9.00. Barbellotta (frazione Barbellotta): ore 11.00. Ospedale (via Raggio): prefestivi ore 18.00. Pieve di Santa Maria (piazzale Pieve): ore 9.00, 11.00, 17.00; prefestivi ore 17.00.

Direzione TORINO 6.15 R 6100 (*) Alessandria 6.30, Asti 6.52, Torino Lingotto 7.34, Torino Porta Nuova 7.40. 6.3 9 RV 215 8 Aless andria 6.57, Asti 7.20, Torino Lingotto 8.04, Torino Porta Nuova 8.10. 7.11 RV 216 0 Aless andria 7.29, Asti 7.55, Torino Lingotto 8.31, Torino Porta Nuova 8.40. 7.41 IC 500 Alessandria 7.57, Asti 8.18, Torino Lingotto 8.47, Torino Porta Nuova 8.55. 8.41 IC 502 Alessandria 8.57, Asti 9.18, Torino Lingotto 9.47, Torino Porta Nuova 9.55. 9.12 R 20 4 4 Aless andria 9.29, Asti 9.52, Torino Lingotto 10.32, Torino Porta Nuova 10.40. 13.09 RV 2164 Alessandria 13.29, Asti 13.52, Torino Lingotto 14.31, Torino Porta Nuova 14.40. 14.13 RV 2166 Alessandria 14.29, Asti 14.52, To. Lingotto 15.31, To. Porta Nuova 15.40. 15.0 9 R 20 4 8 Aless andria 15.29, Asti 15.52, Torino Lingotto 16.31, To. Porta Nuova 16.40. 17.09 RV 2170 Alessandria 17.29, Asti 17.52, To. Lingotto 18.31, To. Porta Nuova 18.40. 17.39 IC 512 (§) Alessandria 17.57, Asti 18.18, Torino Lingotto 18.47, Torino Porta Nuova 18.55. 19.0 9 R 2052 Aless andria 19.29, Asti 19.52, Torino Lingotto 20.31, Torino Porta Nuova 20.40. Direzione LA SPEZIA 6.45 RV 2043 Serravalle Scrivia 6.51, Arquata Scrivia 6.58, Principe 7.49, Brignole 7.58, Portofino 8.31, Rapallo 8.36, La Spezia 09.59. 8.27 RV 18 45 (^) Genova Principe 9.07, Genova Brignole 9.15, Rapallo 9.53, La Spezia 11.03. 14.4 8 RV 2051 Serravalle Scrivia 14.54, Arquata Scrivia 15.00, Genova Brignole 15.43, Portofino 16.25, Rapallo 16.29, La Spezia 17.59. 18.4 8 RV 2055 Serravalle Scrivia 18.53, Arquata Scrivia 19.00, Genova Brignole 19.43, Portofino 20.31, La Spezia 22.02.

Partenze da Ovada Direzione GENOVA 6.24 R 11397 (^) Rossiglione 6.33, Campo-Masone, 6.41, Genova Sampierdarena 7.16, Genova Principe 7.24, Genova Brignole 7.30. 6.33 R 11399 (§) Rossiglione 6.41, Campo-Masone 6.47, Genova Sampierdarena 7.26, Genova Principe 7.34, Genova Brignole 7.43. 7.30 R 6155 (§) Rossiglione 7.38, Campo-Masone, 7.44, Sampierdarena 8.20, Genova Principe 8.27, Genova Brignole 8.33. 7.55 R 6157(§) Rossiglione 8.04, Campo-Masone, 8.10, Genova Sampierdarena 8.37, Principe 8.45, Genova Brignole 8.53. 9.21 R 6181 (^) Rossiglione 9.30, Campo-Masone, 9.36, Sampierdarena 10.11, Principe 10.18, Brignole 10.24. 12.23 R 6185 (^) Rossiglione 12.32, Campo-Masone, 12.38, Sampierdarena 13.14, Principe 13.21, Brignole 13.27. 12.35 R 6163 (§) Rossiglione 12.44, Campo-Masone, 12.51, Sampierdarena 13.28, Principe 13.35, Brignole 13.41. 13.42 R 6165 (§) Rossiglione 13.51, Campo-Masone, 13.57, Sampierdarena 14.33, Principe 14.40, Brignole 14.46. 13.54 R 6187 (^) Rossiglione 14.03, Campo-Masone, 14.09, Sampierdarena 14.45, Principe 14.53, Brignole 14.59. 14.40 R 6167 (§) Rossiglione 14.49, Campo-Masone, 14.55, Sampierdarena 15.31, Principe 15.38, Brignole 15.44. 16.14 R 6169 (§) Rossiglione 16.22, Campo-Masone, 16.28, Genova Sampierdarena 17.05, Genova Principe 17.12, Genova Brignole 17.18. 16.21 R 6189 (^) Rossiglione 16.31, Campo-Masone, 16.37, Sampierdarena 17.00, Principe 17.24, Brignole 17.30. 18.43 R 6173 (§) Rossiglione 18.52, Campo-Masone, 18.58,

Sampierdarena 19.35, Principe 19.45, Brignole 19.51. 21.09 R 6175 Rossiglione 21.17, Campo-Masone, 21.23, Sampierdarena 22.01, Principe 22.08, Brignole 22.14.

Il servizio è attivo nei giorni feriali, dalle ore 20.00 alle 8.00 del mattino successivo. Il sabato e nei giorni prefestivi dalle ore 10.00 alle 8.00 del lunedì o del giorno successivo a quello festivo.

Direzione ALESSANDRIA 6.33 R P 524 (#§) Predosa 6.53, Alessandria 7.20. 6.34 R P 518 (#^) Predosa 6.55, Alessandria 7.30. 7.40 R P 520 (#§) Predosa 8.01, Alessandria 8.26. 8.07 R P 538 (#§) Predosa 8.27, Alessandria 8.54. 11.00 RP 508 (#§) Predosa 11.21, Alessandria 11.46. 13.30 RP 528 (#§) Predosa 13.51, Alessandria 14.16. 14.31 RP 560 (#§) Predosa 14.51, Alessandria 15.18. 14.36 RP 530 (#^) Predosa 14.57, Alessandria 15.32. 15.35 RP 532 (#§) Predosa 15.56, Alessandria 16.21. 18.50 RP 562 (#*) Predosa 19.10, Alessandria 19.37.

NOVI LIGURE (tel. 0143 746569) risponde per i comuni di Novi, Basaluzzo, Capriata, Cassano Spinola, Francavilla Bisio, Pozzolo Formigaro, Pasturana, Tassarolo. OVADA (tel. 0143 81777) Ovada, Carpeneto, Casaleggio, Cremolino, Lerma, Molare, Rocca Grimalda, Silvano d’Orba, Tagliolo, Trisobbio. ARQUATA SCRIVIA (tel. 0143 636129) Arquata Scrivia, Albera Ligure, Borghetto Borbera, Cabella Ligure, Cantalupo Ligure, Carrega Ligure, Grondona, Mongiardino Ligure, Roccaforte Ligure, Serravalle Scrivia, Vignole Borbera.

Direzione ACQUI TERME 7.06 R 6150 Acqui 7.28. 8.15 R 6152 (§) Acqui 8.38. 8.31 R 6178 (^) Acqui 8.52. 9.56 R 6154 (§) Acqui 10.17. 11.18 R 6156 (*) Acqui 11.39 11.35 R 6182 (^) Acqui 11.55 13.01 R 6184 (^) Acqui 13.22 13.18 R 6158 (§) Acqui 13.39 14.18 R 6160 (*) Acqui 14.38 15.19 R 6162 (§) Acqui 15.40. 15.33 R 618 8 (^) Acqui 15.54. 16.45 R 6164 (§) Acqui 17.06. 17.03 R 6190 (^) Acqui 17.23. 17.58 R 11396 (*) Acqui 18.15. 18.44 R 6166 Acqui 19.05. 19.22 R 6168 (*) Acqui 19.44. 20.09 R 6192 (^) Acqui 20.31. 20.18 R 6170 (§) Acqui 20.39. Sono indicate solamente le fermate nelle stazioni principali dei treni che circolano dalle 6.00 alle 21.00. Per gli orari completi visit ate il sito www.trenitalia.it oppure consultate le bacheche della vostra stazione ferroviaria. (^) Circola solo i giorni festivi (§) Non circola nei giorni festivi (*) Non circola nei giorni festivi né il sabato (#) Bus sostitutivo

GAVI (tel. 0143 642551) Gavi, Bosio, Carrosio, Fraconalto, Parodi Ligure, San Cristoforo, Voltaggio. CASTELLAZZO BORMIDA (tel. 0131 270027) Predosa.

edizioni sic srl • novi ligure Direttore responsabile: MARCO MATTEINI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .direttore@ilnovese.info Vicedirettore: ELIO DEFRANI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .e.defrani@ilnovese.info Direttore marketing: MILVA CALDO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .m.caldo@ilnovese.info Segretaria di Redazione: PIERA FIRPO . . . . . . . . . . . . . . . . . . .amministrazione@ilnovese.info Impaginazione in proprio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .grafica@ilnovese.info Pubblicità: Limongelli Ravizza (cell. 338 1964245) Paolo Moncalvo (cell. 393 3377444) - Giacinto Smacchia (cell. 339 8366843)

Redazione di Novi Ligure

Redazione di Ovada

via Garibaldi 17 - Tel. 0143.314700 Fax 0143.2127 - redazione@ilnovese.info Giampiero Carbone . . .g.carbone@ilnovese.info Maurizio Iappini . . . . . . . . . . . . .sport@ilnovese.info Lisa Lanzone . . . . . . . . . . . .l.lanzone@ilnovese.info Sara Moretto . . . . . . . . . . .s.moretto@ilnovese.info Marzia Persi . . . . . . . . . . . . . .m.persi@ilnovese.info Collaboratori: Arianna Borgoglio, Umberto Cabella, Serena Cellotto, Daria Ubaldeschi, Claudio Casonato, Michela Ferrando, Gino Fortunato, Enrico Ivaldi, Andrea Suverato, Giulia Cipollina. Abbonamenti: Euro 35 - c.c.p. n° 12398111 intestato a ‘il novese’ Via Garibaldi 17 - Novi L.

via Buffa 39 - Tel. e fax 0143.81054 ovadese@alice.it Redattori capo: Diego Cartasegna, Claudio Priarone Edoardo Schettino . . . . . . . .eschet@gmail.com Collaboratori: Simonetta Albertelli, Elisabetta Baschiera, Giuliana Cantamessa, Dania D’amato, Stefano Danielli, Lorenzo Martinengo, Luca Piana, Daniele Prato, Stefano Priarone, Laura Caneva (fotoservizi) Abbonamenti: Euro 35 - c.c.p. n° 13718150 intestato a ‘l’ovadese’ Via Cavallotti 118 Novi Ligure

Stampa AGA Arti Grafiche Associate - corso C. Brunet 13/15 - Cuneo


puntolavoro

ilsettimanale • giovedì 6 giugno 2013

38 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

RIF. 878 Azienda privata in Casale Monferrato ricerca n° 1 elettricista qualificato con almeno 2 anni di esperienza nella mansione - assunzione a tempo indeterminato – part-time 15 ore settimanali (3 ore al giorno) - automunito – preferibili sgravi contributivi. RIF. 879 Azienda privata in Casale Monferrato ricerca n° 1 idraulico – caldaista (in possesso di abilitazione) con almeno 2 anni di esperienza nella mansione - assunzione a tempo indeterminato – part-time 15 ore settimanali (3 ore al giorno) - automunito – preferibili sgravi contributivi. RIF. 881 Azienda privata in Casale Monferrato ricerca n° 1 muratore qualificato con almeno 2 anni di esperienza nella mansione - assunzione a tempo indeterminato – part-time 15 ore settimanali (3 ore al giorno) - automunito – preferibili sgravi contributivi. RIF. 732 Azienda privata in Casale Monferrato ricerca n° 2 addetti/e etichettatura caschi con esperienza nella mansione - assunzione a tempo determinato 6 mesi – automuniti – preferibili sgravi contributivi. RIF. 732/1 azienda privata in Casale Monferrato ricerca n° 2 addetti/e carico scarico calotte con esperienza nella mansione assunzione a tempo determinato - automuniti – preferibili sgravi contributivi.

valenza

alessandria

Per informazioni rivolgersi a: SPORTELLO TERRITORIALE via IX Febbraio ang. via Carducci tel. 0131 942104 - fax 0131 920611

Per informazioni rivolgersi a: CENTRO PER L’IMPIEGO DI ALESSANDRIA via Cavour 17 - Alessandria Tel. 0131/303359 - 303367

RIF. 894 Azienda privata in Valenza cerca 2 intermediari assicurativi – requisiti richiesti: età 23/35 anni; diploma o laurea; conoscenza pacchetto office – internet. Pat. B – automuniti. Attivita’ previste: intermediazione assicurativa; ricerca nuovi clienti; gestione e sviluppo portafoglio clienti; gestione rete vendita. Condizioni contrattuali: preliminare corso di formazione finalizzato all’iscrizione al rui (sez. C) – lettera d’incarico; fisso + provvigioni. Prospettiva di assunzione a tempo indeterminato. Orario: full time

RIF. 855 azienda commerciale cerca segretaria per ufficio commerciale estero per gestione clienti e fornitori (anche stranieri), bollettazione e organizzazione funzioni di assistenza e informazione ai clienti. Indispensabile ottima conoscenza della lingua inglese. Orario settimanale: part time - 20 ore settimanali. Età minima: 20 età massima: 50 - inserimento per sostituzione maternità.

RIF. 872 Azienda orafa in San Salvatore M.to cerca 1 tagliatore di pietre preziose e semipreziose – requisiti richiesti: si richiede esperienza di almeno due anni nella mansione di taglio pietra dura. Età compresa tra i 20 e i 50 anni. Gradita possibilità di beneficiare di sgravi contributivi. Condizioni contrattuali: offresi contratto a tempo determinato (durata da definire) Orario: full time.

categorieprotette Per informazioni rivolgersi a: CENTRO PER L'IMPIEGO DI RIFERIMENTO

RIF. 895 ditta privata cerca addetta pulizie con patente e auto, eta' compresa tra i 40 e 55 anni, in mobilita' o disoccupazione da piu' di 24 mesi. Disponibile al lavoro nei giorni festivi (riposo a rotazione). Si prevede iniziale formazione a tempo pieno, poi inserimento part time al mattino (7.30-10.30). Si potranno considerare ammesse solo le persone con queste caratteristiche.

casalemonferrato

RIF. 862 Settore Pubblico Impiego con sede in Alessandria cerca n. 9 operatori tecnici servizi generali e tecnici per servizi di portineria, centralino ed accoglienza. I candidati dovranno aver assolto la scuola dell’obbligo e sarà prevista una prova selettiva teorico-pratica ed un colloquio in ambito di cultura generale, un tirocinio di 12 mesi rinnovabile una volta e finalizzato all’assunzione. Saranno valutati e riconosciuti ulteriori titoli di studio e professionali abilitanti purché attinenti e precedenti esperienze lavorative. Riservato categoria disabili. RIF. 863 Settore Pubblico Impiego con sede in Alessandria cerca n. 4 operatori tecnici addetti alla manutenzione. I candidati dovranno aver assolto la scuola dell’obbligo e sarà prevista una prova selettiva teorico-pratica consistente in interventi manuali e tecnici ed un colloquio in ambito di cultura generale, un tirocinio di 12 mesi rinnovabile una volta e finalizzato all’assunzione. Saranno valutati e riconosciuti eventuali ulteriori titoli di studio e professionali abilitanti purché attinenti e precedenti esperienze lavorative. Riservato categoria disabili. RIF. 867 Azienda privata settore commercio con sede in Guazzora cerca n. 1 ausiliario di magazzino con patente B ed automunito, per un lavoro a tempo determinato di 10 mesi e tempo pieno. Riservato alla categoria disabili.

!

RIF. 857 agenzia assicurazione cerca add. gestione front office per agenzia assicurazioni veicoli e gestione pratiche auto. Necessaria esperienza nella stessa mansione e una buona conoscenza della lingua inglese - età minima: 25 età massima: 55 – inserimento a tempo determinato con prospettive di conferma.

Per informazioni rivolgersi a: CENTRO PER L’IMPIEGO via Magnocavallo 11/13 tel. 0142 452394 RIF. 903 Azienda privata vicinanze casale ricerca n° 1 impiegato/a qualificato/a con esperienza settore commerciale (contatti con i clienti – spedizioni) 20/35 anni – buona conoscenza lingua inglese - uso pc - assunzione a tempo determinato 12 mesi – disponibile a trasferte - automunito – preferibili sgravi contributivi. RIF. 904 Azienda privata vicinanze casale ricerca n° 2 barman con almeno 2 anni di esperienza (preferibile titolo di studio inerente) - assunzione a tempo determinato – orario di lavoro dal giovedì alla domenica dalle ore 16.00 alle ore 02.00 – conoscenza lingua inglese automunito – preferibili sgravi contributivi. RIF. 880 Azienda privata in Casale ricerca n° 1 falegname qualificato con almeno 2 anni di esperienza nella mansione - assunzione a tempo indeterminato – part-time 15 ore settimanali (3 ore al giorno) - automunito – preferibili sgravi contributivi.

*

ovada Per informazioni rivolgersi a: SPORTELLO TERRITORIALE via Nenni 12/16 tel. 0143 80150 - fax 0143 824455 RIF. 875 Famiglia di Rocca Grimalda cerca n. 1 colf fissa (giorno e notte). Richiesta esperienza in cucina, nelle pulizie e nelle faccende domestiche. Necessario esplicitare le referenze. Un giorno e mezzo di riposo infrasettimanale. Contratto a tempo determinato, con possibilità di trasformazione a tempo indeterminato. RIF. 873 Ditta di Ovada cerca n. 1 agente di commercio per la vendita di spazi/mezzi pubblicitari. Raggio d’azione: 100 km. Utilizzo auto propria. Necessario diploma di scuola superiore e spiccate doti comunicative. Contratto a progetto o partita iva. RIF. 828 Ditta dell’ovadese cerca. N. 1 operatore tornio-fresa con esperienza ventennale anche nell’uso di trapano, moletta, rugosimetro e plateau di riscontro, in saldatura di riparazione, aggiustaggio componenti da accoppiare con raschiettatura manuale, controlli geometrici/dimensionali. Requisiti necessari: passaporto italiano valido e con scadenza non inferiore ai 6 mesi e lettura disegno meccanico. Preferibile conoscenza della lingua inglese. Contratto di lavoro di 15 giorni con possibilità di proroga in Bangladesh. RIF. 679 Ditta dell’ovadese cerca n. 1 programmatore meccanico su macchine fresatrici/alesatrici a controllo numerico (heidenhain in particolare). Necessaria esperienza di almeno 2 anni nel settore e capacita’ di lettura ed interpretazione dei disegni meccanici. Età minima richiesta: 26 anni. Contratto a tempo indeterminato. RIF. 773 Bed & breakfast a Bubbio (Asti) cerca n. 1 giardiniere, addetto alla pulizia delle camere, alla preparazione della colazione a buffet ed all’accoglienza dei clienti. Necessaria esperienza nel settore e referenze espressamente specificate, buona conoscenza della lingua inglese ed ottima di quella italiana ed uso del pc. Contratto a tempo pieno, della durata di 2 mesi con possibilità di trasformazione. Alloggio a disposizione. RIF. 679 Ditta dell’ovadese cerca n. 1 programmatore meccanico su macchine fresatrici/alesatrici a controllo numerico (heidenhain in particolare). Necessaria esperienza di almeno 2 anni nel settore e capacità di lettura ed interpretazione dei disegni meccanici. Eta’ minima: 26 anni. Contratto a tempo indeterminato.

# % $( &'+ !!" #% ))" !"!

"!

+

RIF. 732/2 azienda privata in Casale Monferrato ricerca n° 2 addetti/e lavaggio pulizia e prima verniciatura calotte con esperienza nella mansione - assunzione a tempo determinato 6 mesi. Automuniti, preferibili sgravi contributivi.

*

!'" (%"

*

* *


ilmercatino l’arredo VENDO credenza 5 ante (base + cristalliera) anni 60 ; tutto legno color noce chiaro. Usata , in ottimo stato Tel 320 0684930 VENDO 2 divani (3 posti), 2 poltrone in tessuto marrone. Euro 200,00. Anche separatamente. Tel. 339 3835070. VENDO causa trasloco mobilia varia tutta in buono stato. Tel. 340 5458645. VENDO stufa a pellet Sideros kw 7 – 9 anno 2010. Euro 600. Tel. 0143 70466 – 339 4222265. VENDO sala Chippendale fine anni ‘50 in radica noce intarsiata con buffet con specchio, tavolo, 8 sedie, ecc. Tel. 339 4878425. VENDO stufa a pellet 4 mesi di vita causa trasferimento. Vera occasione. Tel. 347 6704464. VENDO Stufa In Ghisa Con 4 Fuochi A Euro 200.00 tel 339 3368812 CAUSA trasloco vendo arredamento nuovo: armadio, letto in ferro, ecc. Anche cuccia per cane. Tel. 347 1995633. SCRIVANIA Ikea bianca/argento cm. 160 nuova. Euro 60. Tel. 346 0190175. VENDO armadio a 6 ante con 3 cassettiere e 2 comodini color ciliegio. Euro 500,00 tratt. Tel. 366 2963747. VENDO frigorifero 2 ante Sharp e cucina a Gas Nardi con due cestelli laterali a Euro 1200.00 trattabili - tel. 347 5759829 VENDESI comoda poltrona letto in tessuto 95x90x83. Euro 50,00. Tel. 338 1052949. VENDESI lettino bimbo nuovo completo di materasso. Euro 50,00. Tel. 329 7958911. REGALO mobili cucina con tavolo. Tel. 377 114 79 23 LAVELLO per cucina da incasso bianco 50x86 vasca a destra, completo di rubinetto vendo euro 110,00. Tel. 347 5220329. VENDO comò cassettone in stile Impero metà ‘800. Euro 800,00 tratt. Tel. 347 7501789. VENDO divano letto matr. In tessuto. Euro 100,00 in omaggio 2 abat-jour da comodino + lampadario 4 luci. Tel. 333 8983392. VENDESI 2 divani stile arabto + divano 3 posti + 2 poltrone in pelle sauvage (verde oliva) Euro 300,00. Tel. 329 7958911. SVENDO causa trasloco testiera e pediera in ferro per letto mat. senza reti. Euro 30,00 + 3 sedie rosse da giardino euro 30,00. Tel. 333 7859380. VENDO ventilatore da soffitto con luce. Euro 20,00. tel. 346 7110387. CEDO servo scala Ceteco con poltroncina abilitata anche per usi esterni. Usato 2 mesi nel 2011. lunghezza cremagliera mt. 5,00- tel 338 4723303. VENDO cucina componibile, 5 mt di lunghezza, anno 2010, con elettrodomestici e tavolo + sedie. Euro 1300,00 tratt. Tel. 345 1721012.

gliimmobili AFFITTO a Novi in via Zanotta app.ammobiliato al 1°p: cucina, ab., 2camere, risc.aut., ecc. Euro 320,00. Tel. 340 7671829. AFFITTO alla Barbellotta casa semindipendente con giardino semiarredata. Solo referenziati. Tel. 335 6123187. AFFITTO centro storico Novi box-magazzino apertura mt.2. Solo referenziati. Tel. 335 6123187. AFFITTASI a Novi in zona Pascoli appart. al pt arredato, risc.auton., giardino privato. Tel. 333 9556583. VICINANZE Golf Gavi vendo casa con 11mila mq terreno con parco cintato. Tel. 347 4550144. VENDESI bilocale ristrutt. E arredato in centro a Torino in zona ospedale Mauriziano. Prezzo int. Tel. 347 8111126.

ilsettimanale • giovedì 6 giugno 2013

39 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

VENDO a Novi villetta bifamiliare con giardino e orto. Tel. 339 1055893. VENDESI a Silvano d’O. Casa semindip. Subito abitabile con cortile e terreno. Euro 98.000,00. Tel. 333 6643452. VENDESI casa di campagna con portico edificabile e terreni 9 vani. Tel. 333 9751762. VENDO a Novi appartamento 100mq in via Cavallotti, ultimo piano: cucina, tinello, 3 letto, bagno, 2 terrazzi. Euro 86.000,00 tratt. Tel. 320 3463130. VENDESI appartamento in centro Novi: 2 camere letto, 2 terrazzi, cucinotta, bagno, cantina, garage. Tel. 0143 741037. STUDIO medico in Novi, perfetto, posizione unica, via Cavallotti, privato affitta. Tel. 335 6109033 AFFITTO appartamento a Nov in zona Viali con risc.aut.: doppi serv., 3 letto, ascensore e cantina Affitto bloccato per 5 anni. Tel. 347 6958430. VICINANZE Outlet affitto bi-locale arredato per brevi periodi. Tel. 333 1857298. AFFITTASI a Celle L. villetta a schiera. 7 posti letto (giu-lugago). Tel. 333 1857298. AFFITTASI Sardegna Castelsardo appartamento in villetta 8 postiletto doppi servizi, piscina, postoauto. Tel. 347 1646343. CERCO alloggio per 3 persone in Novi Ligure con risc.autonomo. Garanzia nel pa-gamento. Tel. 329 7958911.

ESEGUO lavori di cucito di varia entità. Tel. 342 6038792. CERCASI baby sitter referenziata, diplomata o laureata per 2 bambini con aiuto compiti. Zona Ovada Cremolino. Tel. ore serali 348 2557552 S IG NORA referenziata con esperienza cerca lavoro come badante. Disponibilità 24 H. 340 5189390.

illavoro

levarie

SIGNORA, 50enne, italiana, cerca lavoro per lavori domestici, baby sitter. Automunita. Novi e dintorni. Tel. 347 1066965. SIGNORA, 27 anni, cerca lavoro come addetta alle pulizie, assi-stenza anziani, barista. Chiedo serietà. Tel 388 1183182 SIGNORA 27 anni, cerca lavoro come addetta alle pulizie, assistenza anziani, barista, pizzaiola. Disponibilità immediata. Tel 346 7844810 INSEGNANTE laureata impartisce lezioni private, aiuto compiti. Disp. Anche come baby sitter. Tel. 347 7807927. RAGAZZA con esperienza offresi quale badante, sempre disponibile. Tel. 329 1795007. CERCO lavoro come baby sitter, pulizie, ecc. Max serietà. Tel. 389 0239748. SIGNORA rumena di 38 anni, referenziata, offresi per ass.anziani, anche non autosuff., pulizie, ecc. Disp. la domenica e festivi. Tel. 346 2870086. SIGNORA rumena di 46 anni, da 10 in Italia, ref., offresi per ass.anziani anche non autosuff., pulizie, ecc. Tel. 345 1721012. SIGNORA italiana referenziata, automunita, offresi per pulizie domestiche, uffici, ecc. Tel. 349 0796441. SIGNORA con esperienza offresi come badante 7gg su 7. Tel. 393 3731298. RAGAZZO 38enne, cerca lavoro come addetto front-office, rece-pionist aziendale, ecc. Ottimo francese. Tel. 377 1211426. SIGNORA italiana, automunita cerca lavoro come ass.anziani (diurno), baby sitter, pulizie. A Novi e zona. Tel. 340 8205060. RAGAZZA max esperienza e serietà offresi quale badante. 24Hsu24. Tel. 345 1595681. RAGAZZA offresi come badante, pulizia, baby sitter 24hsu 24. Tel. 380 7958046. RAGAZZO 38enne cerca lavoro extra sabato e/o domenica per assistenza persone autosufficienti. Tel. 377 1211426. RAGAZZA referenziata offresi come parrucchiera e baby sitter con esperienza anche week-end. Tel. 348 5672218. RAGAZZA con esperienza offresi come baby sitter (anche tempo pieno). Tel. 346 5945768. S IG NORA cerca lavoro 3-4 giorni la settimana, esperienza settore amministrativo. Tel. 329 7643803.

VENDO botte di vetroresina q. 5. Euro 150,00. Tel. 349 8476821. VENDO piscina fuori terra tipo “laghetto”, costruita con telo pvc, con scaletta in acciaio, ecc. Tel. 347 2788972. VENDO portapacchi per Passat Variant 98 o per Golf Variant. Nuovo, originale, con astuccio. Euro 50,00. Tel. 339 5037143. VENDO pelliccia di visone canadese. Prezzo interessante, Ottimo st ato. Tel. 3 6 6 8022754. VENDO tappatrice per bottiglie. Us at a Tel 320 0684930. VENDO monete italiane e di tutto il mondo. Fuori corso. Tel 320 0684930. VENDO 4 giubbotti uomo vera pelle taglia media, usati ma in ottimo stato. Adatti per i motociclisti. Tel. Roberto 3 4 9 1437338 VE N DO schede telefoniche da collezione. In tutto 3 8 0 pezzi. Tel. 0143 72986. VENDO miniescavatore Messer-sì 16q. 8 8 0 ore anno 200 6 in ottimo st ato. Euro 12.000,00. No perditempo. Tel. 347 0374266 dopo le 21. VENDO affettatrice elettrica in acciaio - in ottimo stato, come nuova. Euro 35.00. tel 328 3683841

imotori VENDO Suzuki Santana Sj410 anno ‘87, gpl, frizione e motore rifatti, rev. Euro 5000,00 . Tel. 331 3640823. VENDO scooter Yamaha Majestic 400 aprile 2005 Km 24000, cinghia, rulli e batteria nuovi. Euro 2100,00. Tel. 349 1770095. VENDO motorhome Itineo anno 2011 pluriacces. Come nuovo. Per info e visione telefonare al numero 349 5215613 (Sara). VENDO Audi D1.5 A/4, 4 ruote motrici, cambio automatico, Km. 191.000, anno 2003, ecc. Euro 5000,00 trattabili. Telefonare al numero 0143 645064. 500 Fiat 1965 vendo, buono stato, revisionata, uniproprietario, ricambi moto e carrozzeria. Euro 5000,00 tratt. Tel. 348 0505323 dopo le 21. VENDO moto Guzzi 500, anno 1949, restaurata, doc. regolari. Tel. 0143 744080.

Attenzione Compila il tagliando con il testo dell’annuncio e consegnalo o spediscilo a Sic srl, Via Garibaldi 17, 15067 Novi Ligure. Verranno pubblicati solo gli annunci pervenuti sul tagliando in originale (non sono ammesse fotocopie, fax, email). Non si ricevono annunci per telefono Per inserzioni a pagamento contattare la redazione: 0143. 314700 annunci@ilnovese.info Annunci e ricordi dei propri cari devono pervenire entro e non oltre il venerdì antecedente l’uscita del giornale

VENDO piatti del buon ricordo di Copenaghen vari anni. Prezzo da concordare. Tel. 333 7859380. COMPRO monete da collezionare italiane, estere e 500 lire argento. Tel. 320 3463130. VENDO abbigliamento uomo nuovo e seminuovo tg extralarge. Tel. 0143 744080. VENDO pelliccia di visone, come nuova, lav.a trasporto, tg. 44/46 abb. Trattativa interess ante, tratt abile. Tel. 331 9115018. DUE frac da ballo taglia 4850, uno usato, l’altro tre volte + due camicie + due bretelle + due colletti vendesi euro 500,00. Tel. 340 4969044. VENDO shearling color ruggine, pelo raso marrone. Tg 44. euro 300,00 tratt. Tel. 347 2543369. VENDO volpe ambra tg. 44 lunga. Euro 500,00 tratt. Tel. 347 2543369. CAPPA aspirante Faber cm 60 bianca, imballata, come nuova. Euro 30. Tel. 346 0190175. WII Resort nera limited edition con 2 controller ottime condizioni. Euro 60,00. Tel. 347 2543369. VE N DO frigo con freezer h 1,20 profondo cm. 35 biaco a soli 50 euro. Tel. 333 7863235. VENDO blackberry 9300 gold, con scatola originale, sd card 2gb, auricolari, 2batterie € 100,00. Tel. Cristian 320 0537646. VENDO gomme da neve Mod .165/70/14 a Euro 20 cad. in buon stato. Tel. 340 9235098 VENDESI occasione 4 finestre in legno pino di Svezia con relati-ve persiane. Vetri doppi. Tel. 331 9854292 OGGETTO RITROVATO Il 2 novembre nel parco delle Capanne di Marcarolo, ritrovata sacca portaoggetti, trasparente. 392 9950404 per restituzione.

a cura di VIZI e SERVIZI Tabaccheria Alberti dal 1970 piazza Mazzini 21, Ovada, tel. 0143 86402

I capilista delle 10 ruote Ruota BARI CAGLIARI FIRENZE GENOVA MILANO NAPOLI PALERMO ROMA TORINO VENEZIA NAZIONALE

Numero

Ritardo attuale

Ritardo storico

85 17 25 36 74 70 27 35 53 47 20

115 58 87 108 102 59 132 84 87 88 73

88 168 96 96 154 129 124 104 110 114 64

Ambi con i ritardatari

Da giocare

PALERMO 27-2 27-56 27-38 GENOVA 36-73 36-22 36-19 BARI 78-59 78-75 78-85

Decina del 70 su Bari Cadenza 3 su Firenze Figura 4 su Milano Radicali 3 su Palermo

DATI AGGIORNATI AL 30/05/2013 PREVISIONI DA GIOCARSI PER 3 ESTRAZIONI

""

!

!

! #

CAUSA inutilizzo vendo scala in legno, allungabile fino a 9 mt. Tel. 349 5552412. VEN DO tappatrice manuale per bottiglie - usata - tel 320 0684930

VEN DO cisterna in plastica usata da 1000 l. con gabbia in acciaio e rubinetto Euro 50.00. Ritiro a cura del compratore - telefonare al 320 0684930.

RINGRAZIAMENTO

RINGRAZIAMENTI

TRIGESIMA

Il figlio e i nipoti sentitamente commossi ringraziano di cuore tutti coloro che hanno partecipato al loro dolore per la scomparsa della cara

Silvana e Chiara, Domenico e Valentina ringraziano, commossi, per l’affetto dimostrato a

Nella trigesima della scomparsa della compianta

CLE Novi L., 31 maggio 2013

LUIGIA FOSSATI

Un particolare ringraziamento al Dott. Lombardi, Dott.ssa Morelloni e Dott.ssa Zanni, il Sig. De Carli, la Sig.ra Elena, la Sig.ra Giorgia, la Sig.ra Ada e tutto il Personale della Casa di Riposo “Don Beniamino”.

I figli sentitamente commossi ringraziano di cuore tutti coloro che hanno partecipato al loro dolore per la scomparsa della cara ALFONSINA CAPURRO

Novi L., 30 maggio 2013

Novi L., 4 giugno 2013

PONZANO FRANCA VED. VAIENTI le figlie, i generi, i nipoti ed i parenti tutti la ricordano con immutato affetto. Una Messa di suffragio sarà celebrata domenica 9 giugno alle ore 9,45 nella Chiesa di Bettole di Pozzolo F.ro. Si ringraziano quanti vorranno unirsi nel ricordo e nella preghiera. Bettole di Pozzolo, 5 giugno 2013

S.p.A. Pompe Funebri - via Paolo Giacometti, 22 - c/o Comune di Novi

GLI ANNUNCI DE ‘IL MERCATINO’ SONO GRATUITI ESCLUSIVAMENTE PER I PRIVATI

Non verranno pubblicati annunci pervenuti in forma anonima. Il nome – se non espressamente richiesto – non comparirà sul giornale. Le inserzioni gratuite vengono pubblicate a discrezione del giornale e in base alla disponibilità di spazio. L’editore si riserva a proprio insindacabile giudizio di rifiutare gli annunci che non siano conformi alle istruzioni indicate o comunque ritenuti non pubblicabili. L’inserzionista è informato dell’esistenza dei diritti che il d.lgs. 196/2003 riserva al titolare dei dati personali ed in particolare al diritto di verifica e del diritto di richiederne la cancellazione. L’inserzionista pertanto acconsente alla raccolta di tutti i dati forniti ed alla loro comunicazione ai nostri partner contrattuali.

Nome e Cognome . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Indirizzo

.......................................................................................

Telefono . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Testo dell’annuncio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ........................................................................................................... ........................................................................................................... ........................................................................................................... ........................................................................................................... ........................................................................................................... ........................................................................................................... ...........................................................................................................

Firma leggibile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


ilsettimanale • giovedì 6 giugno 2013

40 www.novionline.net • www.ovadaonline.net

GAVAZZA DAL 1950

POMPE FUNEBRI

L’eccellenza adesso è per tutti. Servizi funebri a partire da

1.190,00 euro PAGAMENTI RATEALI

danibelsrl

SENZA INTERESSI

NOVI LIGURE VIA VERDI 58

POZZOLO FORMIGARO VIA PALENZONA 14

0143.74.62.62 • www.gavazzapompefunebri.it


Il Novese n. 22 del 6 giugno 2013