Page 1

TORINO Free magazine

n.5 anno viii novembre 2013

Alessandro gassmann Vi presento il mio Shakespeare Artissima Torino Film Festival Anteprima regali di Natale Lungo Dora Animalier Beauty antistress Cioccolatò Halloween


contenuti Shop in the City novembre 2013

6

director's cut Rubriche

87

Da Gregoria's corso Moncalieri, 236

Atelier Decòr via Lagrange 31 interno cortile

In copertina Alessandro Gassmann dal 26 novembre al Teatro Stabile. 2 | 11 . 2013 | Shop in the City

10

CONTRIBUTORS

12

poesia da borsetta

14

fermo Immagine

15

Oggetto del desiderio

18

la torinese

19

News&gossip

29

personal shopper

37

pets

45

bambini

48

cocktail

50

ricetta

54

fai da te

56

MUSIC&shop

62

green

77

non sembra torino

86

OPINIONE

La donna che parla veloce Davide Greco

BADhOLE

Adotta un cavallo | Animali al lavoro Come si insegna l'etica? Caco sparkling

Profumo di pane Tricottare

L'ecologia per i bambini

100

coach

102

Cambio vita

109

artigianato

112

Health

113

Shop in the city space

116

letture

118

vita da blogger

120

torinesi a teatro

124

cioccolatò

125

La mcmusa consiglia

127

go away

128

News&gossip

142

oroscopo

144

lettere

Giada Martini


B21 EXTRAORDINAIRE. LA GIOVINEZZA E’ DAVANTI A VOI. Per la prima volta un complesso esclusivo “risetta” le cellule perché ritrovino l’energia e i meccanismi della giovinezza. La texture è lussuosa, la sensazione voluttuosa. I risultati visibilmente straordinari. La pelle è immediatamente levigata, vellutata. I segni dell’età, le rughe, le macchie sono attenuati e il

In esclusiva a Torino nelle Profumerie CAMURATI e nella Boutique Orlane in Via Gramsci, 2

info@orlane.it

viso ritrova tono e splendore.


contenuti Shop in the City novembre 2013

magazine

Blumarine Home Collection, da Lyda Türck corso Vittorio Emanuele II 90

58

4passi

72

outfit

87

moda

91

beauty

Lugo Dora Dario Gagnesi Magnifica preda L'inquinamento interiore

110

In persona

66

in vetrina

Rossy De Palma

ALESSANDRO GASSMANN 104

58

Anteprima regali natale

40

freestyle

82

TFF

95

ARTISSIMA

98

non solo .issima

133

Company profile

136

Programma di sala

La domenica uggiosa Halloween Residenza a Porta Palazzo

31° edizione del Torino Film Festival

Hangar Shoes | Caffè Vergnano

Dolcetti all'uncinetto per cani da Kakapò via Belfiore 84

98 4 | 11 . 2013 | Shop in the City

110


car style

La Fiat 500 interpretata da Seven

Fiat 500 fashion style

I

l famoso marchio Seven, leader nel settore della produzione di zaini e articoli per la scuola, presenta per l’autunno-inverno 2013-2014 una nuova linea di borse in omaggio ad uno dei più noti simboli italiani: la Fiat 500. Questa collezione di borse femminili è interamente creata in ecopelle scamosciata in diverse nuances ed è disponibile in diversi modelli e grandezze; borse fantasiose che stupiranno per l’originalità, abbinabili sia ad outfit casual che fashion. Modelli di borse che sono stati ideati non solo per le donne ma anche per le ragazze che seguono la moda e vogliono un articolo originale e trendy.

La borsa con portachiavi a forma di Fiat 500 è abbellita da un nastro di nylon a contrasto e accessoriata con tracolla removibile e con comode tasche porta smartphone o specchietto per il trucco. Lasciatevi ammaliare dalla Fiat 500 by Seven, un articolo di tendenza che colpisce grazie alle sue forme e linee che evocano la citycar della famosa casa automobilistica torinese. In vendita presso lo Store del Mirafiori Motor Village, Piazza Cattaneo, Torino. Tel. 011 0043244, mail: store_mmv@fiat.com

Porta questa copia di Shop in the City al Mirafiori Store. Fino al 31 dicembre 2013, avrai il 15%* di sconto sulla collezione di borse Fiat 500 by Seven.

*Promozione non cumulabile con le condizioni Dipendenti Gruppo Fiat e altre offerte in corso.

Shop promotion | Shop in the City | 11 . 2013 | 5


director's cut

Castagne e dintorni Sabrina Roglio

Q

ualche settimana fa, passeggiando per corso Vittorio Emanuele ho trovato lei, una castagna. Per l’esattezza una castagna “gigia”, che non si può mangiare, ma che, secondo la leggenda, se messa in tasca farebbe passare il raffreddore. Per me la castagna, insieme alle foglie degli alberi che cambiano colori - da piccola mia mamma organizzava una vera e propria gita per andarle a vedere nei boschi vicino casa - è sinonimo di autunno, freddo, pioggia, neve, cioccolata calda, tisane e copertina di lana. In autunno poi, Torino diventa meravigliosa – andate a passeggiare nei parchi cittadini, dal Valentino alla Colletta – e ci offre come sempre occasioni imperdibili. Novembre è ormai il mese di Artissima e delle altre manifestazioni off legate all’arte contemporanea (Paratissima, The Others ecc…) e da quest’anno è anche il mese del cioccolato. Cioccolatò si sposta infatti a fine novembre nel salotto di Torino, piazza San Carlo. E come non dimenticare il Torino Film Festival che quest’anno si preannuncia scoppiettante, con la direzione di Paolo Virzì e con Luciana Littizzetto conduttrice d'eccezione della serata inaugurale . La nostra copertina è dedicata al grande attore Alessandro Gassman che porta in scena il Riccardo III di Shakespeare al Teatro Stabile dal 26 novembre all'8 dicembre. All’interno del giornale troverete anche un’intervista a Rossy De Palma, musa di Almodovar, che tornerà a Teatro Baretti a marzo. In questo numero alcune rubriche si trasformano e ne nascono di nuove. La Poesia da borsetta parlerà delle donne attraverso le borse che usano; nel Fermo immagine, invece, verrà dato spazio ai giovani fotografi e i loro progetti. La nuova rubrica Go away presenterà mostre o eventi da non perdere fuori dal Piemonte e nella pagina La Mcmusa consiglia, accoglieremo i suggerimenti americani di Mcmusa da poco tornata da un viaggio negli States. Nella moda spazio all’animalier: fantasie leopardate, maculate e zebrate sono il must have di questa stagione. Nel beauty vi presentiamo la nuova tendenza autunnale: le creme per il viso che promettono di combattere l’inquinamento esteriore e interiore. E come ogni novembre non poteva mancare l’anteprima regali. Sì, il Natale si avvicina sempre più e non è mai troppo tardi per iniziare a pensare cosa regalare alla zia o al fidanzato. Siete carichi? Noi sì. direzione@shopinthecity.it

6 | 11 . 2013 | Shop in the City


novembre 2013

Editore

Ad Local srl Corso G. Lanza 105, 10133 Torino tel. 011.6608003 - fax 011.6602875

Direttore responsabile Sabrina Roglio direzione@shopinthecity.it

In redazione Coordinamento editoriale Elisa Montesanti redazione@shopinthecity.it

Arte - Cultura - Spettacoli

Marta Ciccolari Micaldi - Pietro Raboni

Moda - Beauty - Personaggi Irene Soave - Marco Bandinelli

Attualità - Curiosità a cura della redazione

Personal Shopper - Fai da te Isabella Maria Morbelli

Grafica editoriale Via Botero Giovanni 16 T 011 545404

Antonella Ferrari

Hanno collaborato

Maria Grazia Belli - Matilde Gianfico Eleonora Chiais

Immagini

Beppe D'Angelo - Paolo Alù - Antonella Ferrari

Stampa

Roto 2000 spa - Via L. Da Vinci 18/20 - 20080 Casarile (MI)

Pubblicità

Ad Local srl Corso G. Lanza 105, 10133 Torino tel. 011.6608003 - fax 011.6602875 - info@adlocal.it

Per segnalazione eventi e invio di materiali Corso G. Lanza 105, 10133 Torino tel. 011.6608003 - fax 011.6602875 - info@adlocal.it Registrazione Tribunale di Torino n. 6005 - 18-10-2006 Seguici su:

www.facebook.com/ShopInTheCityTORINO Registrazione Tribunale di Torino n. 6005 - 18-10-2006 Tutti i diritti di riproduzione, in qualsiasi forma e di qualsiasi parte della pubblicazione, sono riservati. L’ editore si scusa per eventuali omissioni ed è a disposizione di coloro che involontariamente non fossero stati citati. La redazione non si assume alcuna responsabilità per notizie, foto, marchi, testi utilizzati dagli inserzionisti nè per eventuali cambiamenti di orari, luoghi o note di servizio indicate nelle schede informative. Il materiale eventualmente inviato alla redazione non viene restituito.

8 | 11 . 2013 | Shop in the City


C’ERA UNA VOLTA UNA MELA... OGGI C’È NEÀ SPA

MOLTO PIÙ di un semplice centro benessere NEA-SPA presso Hotel Air Palace Via Torino, 100 - Leinì (TO) Tel. +39 011 - 99 83 171 - www.neaspa.it

di sconto PRESENTA QUESTO COUPON DAL 1/9/2013 AL 31/12/2013 PER OTTENERE LO SCONTO SULL’ACCESSO E I TRATTAMENTI


contributors marta ciccolari micaldi

isabella morbelli

Giornalista

Publisher

Nata a Moncalieri nella primavera

Ferrata nella conoscenza della

dell'82, abbina al romantico profumo dei fiori in germoglio la tenacia

comunicazione pubblicitaria e la

rossa del segno del toro e un

Isabella è l'ideatore della rivista.

Elisa montesanti

Segreteria di redazione

piccante tocco creativo di

Grazie alla profonda conoscenza

Personaggio “eclettico” ma

provenienza calabra. Dopo la

dei negozi torinesi è diventata la

schematico, che riporta sulla retta

Spagna e Berlino ha scelto l'Italia.

personal shopper di riferimento.

via i venditori e alla quale puoi

Lavora come freelance nel

Tutti  i giorni è impegnata nella

rivolgerti per qualsiasi dato,

movimentato mondo dell'editoria

vendita delle pagine pubblicitarie.

statistica, nominativo di cui hai

e della comunicazione, adora la

La potrete incontrare sulla sua

bisogno... insomma “le figarò della

letteratura americana e il suo

veloce vespa rosa.

rivista”...

compagno più amato è il rock'n'roll.

conoscenza dei media in genere,

klara simkova

antonella ferrari

veronica faustini

Social media manager

Grafica

Giornalista

é di Praga e ha vissuto in Germania e

Dopo la laurea in Disegno

Laureata in lettere e filosofia è

Inghilterra. Da otto anni è torinese

Industriale, conseguita nel 2001

docente e articolista per diverse

adottiva e in passato ha lavorato per

presso il Politecnico di Milano,

riviste e quotidiani.

importanti multinazionali all'estero.

ha collaborato con società di

Ama tutto ciò che è inerente al

progettazione e consulenza

mondo della comunicazione ed

nei campi del design, della

ha conseguito una specializzazione

comunicazione e dell'architettura.

pedagogico –artistica. Nel tempo

Nel 2002 è stata cultore della

libero adora dipingere e usa l’arte

materia presso il Laboratorio

come espressione primordiale del

di Comunicazione visiva del

proprio essere.

Politecnico di Milano.

10 | 11 . 2013 | Shop in the City


contributors

enrica ajo

Account

Chiara Alotto

holly:Ti dirò una cosa, Fred, tesoro.

Account

irene soave

Te, per denaro, ti sposerei subito.

La grande passione per la scrittura

Giornalista

E tu sposeresti me per denaro?

nasce insieme al suo primo diario

Classe 1984, Gemelli. Giornalista

paul:Immediatamente.

segreto e si evolve fino agli articoli

freelance (collabora anche con

holly:Meno male che nessuno dei

di cronaca locale, passando per

Vanity Fair e Corriere della Sera),

due e ricco, eh?

qualche libro iniziato, racconti e recensioni. Con penna e taccuino

saviglianese espiantata con un

Holly Golightly (Audrey Hepburn), Paul

piede a Torino e uno nella rivale

'Fred' Varjak (George Peppard)

sempre in tasca, scopre, grazie a

dal film "Colazione da Tiffany" di Blake

Shop in the city, che una rivista è

Milano - indovinate in quale tra le due città sta il suo cuore?

giulia mussetti

Edwards

loredana barbero

molto di più di ciò che si legge.

silvana mia

Account

Responsabile amministrativa

Account

Laureata in scienze dei beni

Loredana Barbero sagittario

Torinese dedita all’attività di vendita

culturali. Eporediese, ma ormai da

57 segno di fuoco per eccellenza,

da circa sei anni, ama trascorrere il

qualche anno residente a Torino.

a contatto con i numeri da  una

proprio tempo libero con la

Da poco ha iniziato la collaborazione

vita,   ama svagarsi  attraverso

sua famiglia e concretizzare le sue

con Shop in the City, ma sta

i viaggi, la  musica e il ballo.

fatiche con meravigliosi viaggi.

imparando dai migliori.

Shop in the City | 11 . 2013 | 11


poesia da borsetta

La donna che parla veloce Un po’ eccentrica ma molto capiente, molto vivace nei colori ma geometrica e precisa nelle forme, questa borsetta è in realtà un mondo di aspirazioni, compiti da svolgere e veloci corse in bicicletta o in motorino. C’è solo un tipo di donna che potrebbe indossarla, capace di unire in un amalgama personale e spontaneo la sua forte personalità e la comodità invidiabile: La donna che parla veloce, descritta dalla poetessa americana Anne Waldman. Legata alla beat generation per formazione e temi, la Waldman – oggi quasi 70 anni – ha un’anima zen, una tempra rock e una bravura performativa inarrivabile. La donna protagonista della sua poesia più famosa studia, chiama, scrive, archivia. Ha un innato talento per l’arte e la creatività, “è il poeta che sogna dentro la sua casa”. Ha una meta chiara in testa, ma per raggiungerla ha bisogno di portare ovunque con sé il suo studio e i suoi quaderni – reali o metaforici – pieni di colori accesi e forti. E si definisce così: “Sono la donna misteriosa / sono la donna demistificata / sono la donna apocalisse / sono la donna temeraria”. “Io so come urlare / io so come cantare…”

12 | 11 . 2013 | Shop in the City


la Nuova filosofia del Benessere

Alleate per la Pelle Dalla natura, la ricerca CALIDAE, ha selezionato preziosi elementi tra cui l’HELIX ASPERSA FILTRATE 100% (bava di lumaca) mirati al trattamento cosmetico quotidiano delle pelli mature con rughe. I principi attivi selezionati e sinergizzati tra loro danno vita a due prodotti: •SIERO

FL187 •CREMA FL187

di altissima qualità capaci di regalare alla pelle una cascata d’idratazione, tono, turgore, freschezza, luminosità, RIDUCENDO LE MACCHIE, LE CICATRICI E LE RUGHE PROFONDE. La particolarità dei nostri prodotti è che: • NON contengono ACQUA • Tutte le sostanze funzionali sono state mixate solo ed esclusivamente all’HELIX ASPERSA FILTRATE 100% (bava di lumaca)! • Il prodotto è senza parabeni e non viene testato sugli animali

Da oggi puoi trovarla e provarla: Istituto Ortopedico Molinette in corso Bramante 80 Torino telefono 011 6633048 Crocetta Medico Sanitari via Fratelli Carle 49 Torino telefono 011 19586399 Presentando la copia di Shop in the City riceverai uno sconto del 10% sull’acquisto del prodotto.

Le chiocciole sono allevate all’aperto e la raccolta della bava viene effettuata senza causare loro alcuno stress.


fermo immagine

Classe '82, vive e lavora tra Torino e Ginevra. I suoi lavori sono stati esposti al FNAC Torino, al Museo di Arte Contemporanea del Castello di Rivoli e al Centro Italiano della Fotografia d'Autore (CIFA).

Davide Greco

Una delle foto del progetto,ancora in fase di realizzazione, "Sognare a Spina 3" che indaga i cambiamenti in atto nell'area torinese un tempo occupata dalle storiche fabbriche.

D

avide Greco, torinese classe 1982, vive e lavora tra Torino e Ginevra. Comincia a fotografare in digitale nel 2006 e si avvicina fin da subito alla fotografia street, al reportage sociale e al ritratto. Nel 2011 le sue fotografie vengono selezionate dal FIAF per il progetto The family of Flickr, a cui segue una pubblicazione sulla rivista "Riflessioni". Nel 2012 è stato allievo di Luigi Gariglio dell'agenzia Contrasto e lo stesso anno vince il concorso 1 Euro project organizzato dall'agenzia Luz Photo. I suoi lavori sono stati esposti a FNAC Torino, Museo di Arte Contemporanea del Castello di Rivoli e Centro Italiano della Fotografia d'Autore (CIFA). Davide fa inoltre parte del collettivo fotografico Quattroperdue

14 | 11 . 2013 | Shop in the City

con il quale realizza reportage di matrimonio ed eventi. La foto presentata da Shop in the City fa parte del suo progetto Sognare a Spina 3 che, ancora in fase di realizzazione, indaga i cambiamenti in atto nell'area torinese un tempo occupata dalle storiche fabbriche dell’industria siderurgica e manifatturiera: edifici residenziali alti fino a 22 piani, centri commerciali, frammenti del passato industriale e grandi spazi vuoti occupati dai cantieri ancora aperti si alternano e si mescolano ai ritratti dei suoi abitanti, nel tentativo di restituire al quartiere una nuova identità . Altri suoi lavori si possono vedere su internet digitando www.cargocollective.com/davidegreco oppure www.flickr.com/photos/morninglord.


oggetto del desiderio

Prodotto in Gran Bretagna ecco il nascondiglio ideale per fuggire da tutto e da tutti e prendersi una pausa per stare soli.

Hush by Freyja Sewell

Un bozzolo, un rifugio personale,

è realizzata con fibre di lana

una fuga nel buio, nel silenzio. Hush

riciclata. La lana utilizzata è

è tutto questo: in un mondo sempre

prodotta da pecore allevate nei

più globale e con sempre più

prati. Grazie all’utilizzo di questo

persone intorno, il lusso è diventato

tessuro biodegradabile, Hush è

quello di riuscire a trovare spazi

traspirante, resistente e multi-

tranquilli. Progettato della designer

climatico: è caldo quando

londinese Frejya Sewell, Hush è in

l'ambiente è freddo e fresco quando

feltro industriale tagliato in unico

fa caldo.

pezzo mentre l'imbottitura interna

www.freyjasewell.co.uk

Frejya Sewell Si è laureata in 3D Design all’Università di Brighton nel 2011. Durante la sua laurea, ha vinto una borsa di studio a Nagoya University of Arts. Nel 2012 il London Design Museum l’ha selezionata per partecipare al prestigioso workshopDesigners in Residence.

Shop in the City | 11 . 2013 | 15


oggetto del desiderio

La clutch Knot di Bottega Veneta, per commemorare il 250° anniversario di Kpm, si veste di bronzo e sfoggia medaglioni di porcellana con angeli incisi a mano e zirconi.

250th Anniversary KPM

Per commemorare il 250°

appositamente per Bottega Veneta,

anniversario di KPM (Koenigliche

incastonato in una cornice in Oro

Porzellan-Manufaktur Berlin), una

Bruciato e contornato da una

delle più antiche e prestigiose case

delicata applicazione a contrasto di

produttrici di porcellana finissima in

zirconi cubici marroni. Ai lati del

Europa, Bottega Veneta ha creato

medaglione c’è un semplice

una limited edition color bronzo

emblema in porcellana. I profili e la

della sua famosa clutch Knot. La

chiusura della Knot sono decorati

parte frontale è arricchita da un

con gocce di verre irisé color

medaglione in porcellana con angeli

mattone.

incisi a mano, prodotto

www.bottegaveneta.com

16 | 11 . 2013 | Shop in the City

Bottega Veneta, nata nel 1966 a Vicenza dalla tradizione dei maestri pellettieri italiani, è uno dei principali marchi mondiali del lusso. La partnership con Koenigliche PorzellanManufaktur Berlin, è attiva dal 2008.


tel. +39 011.54.76.77 - fax +39 011.55.611.92 info@lydaturck.net

www.lydaturck.it

CORREDI E LISTE NOZZE | COMPLEMENTI D’ARREDO | CONFEZIONI SU MISURA | BIANCHERIA PER LA CASA | BIANCHERIA E ABBIGLIAMENTO NEONATO | PROFUMAZIONI PER AMBIENTE | TENDAGGI | RIVENDITORE FLAMANT

C.so Vittorio Emanuele II, 90 - 10121 Torino


la torinese

BADhOLE

Silvia Novelli, Milena Paulon, Lara Gastaldi, Giustina Iannelli e Paola Cuniberti nella vita fanno i lavori più disparati, ma nel tempo libero sono filmmaker part-time. Hanno iniziato per caso, dieci anni fa, e non hanno più smesso. Con i loro ‘piccoli film’ parlano di donne, diritti, lavoro, discriminazioni e in generale di tutto quello che le fa indignare. Lo fanno in modo ironico perché pensano che l’ironia sia l’arma più dirompente; e lo fanno a Torino, la città delle nuove idee e la città delle amiche che con il loro tempo, il loro sostegno e il loro entusiasmo hanno fatto sì che in questi anni le BADhOLE producessero 12 lavori presentati a più di 80 festival nazionali e internazionali. Anche nel nome si portano appresso un po’ di torinesità, l'h delle BADhOLE è scritta rigorosamente in piccolo perché è muta, si scrive all'inglese ma si legge alla piemontese: Badòle. La serie

L’ultimo lavoro delle BADhOLE Video è “Re(l)azioni a catena”, una serie per il web ancora work in progress, le cui prime 4 puntate, realizzate grazie a una campagna di crowdfunding, sono visibili online (badholevideo.com). La serie, una web comedy sulla chimica delle relazioni tra donne, è l’unica italiana fra le 50 recentemente selezionate al Raindance Web Festival, primo festival del Regno Unito dedicato alle serie per il web. La prima puntata è stata proiettata a fine settembre a Londra, al Vue Cinema Piccadilly (Apollo), nell'ambito del 21° Raindance Film Festival, inserito da Variety nella top 50 mondiale dei "festival imperdibili".

18 | 11 . 2013 | Shop in the City


news&gossip

Erica Maggiora ha creato un calendario di corsi di cucina da leccarsi i baffi

Scuola di dolci ma non solo

Erica Maggiora, una delle più importanti Chef e Cordon Bleu del territorio, nonché guida dell’Alta Scuola di cucina “La Maggiorana”, realtà rivolese dal 1973, darà vita alla rivisitazione del mitico Pinguino di Pepino. Da qui è nato lo spunto per una lezione in cui Erica interpreterà ricette dolci e salate che avrà per protagonisti i gusti classici del gelato Pepino. Questa lezione in programma l’8 di novembre, aprirà un calendario improntato sul Natale: a partire dal “Finger food di Natale”, previsto per il 19 novembre, al “mini corso di pasticceria: rovesciate e charlotte” il 21, fino ad arrivare al vero e proprio “menù di Natale”, punto di forza della Scuola da sempre, a cui si dedicheranno tre lezioni, il 28 novembre, e il 3 e il 5 dicembre. www.lamaggiorana.it www.facebook.com/La-Maggiorana

art chandelier Il marchio Art Chandelier è di proprietà dell’atelier Ricordi, il quale deve la sua storia alla passione della famiglia Molino, tramandata per tre generazioni. I lampadari diventano delle vere e proprie opere d’arte. Alla base del loro lavoro c’è un forte amore per l’artigianato e per la realizzazione a mano di ogni singolo prodotto, ogni lampadario è realizzato in ferro battuto e vetro di murano.

"come fate a farli così buoni?” Usiamo solo gli ingredienti che ci piacciono, non quelli che costano un po' di meno. Li scegliamo vicini a noi, da piccoli produttori piemontesi. E li lavoriamo come si faceva una volta: niente coloranti, niente conservanti, niente aromi artificiali. Con la sapienza di chi fa cose buone dal 1908, mica da ieri. Se no, non è Albergian. www.albergian.it Shop in the City | 07 . 2013 | 19


news&gossip

caldi maglioni La nuova collezione Ivories presenta capi in maglia trattati come materia plasmabile. Infeltrita, garzata con metodi naturali, tinta, ammorbidita. Le forme ed i volumi sono allo stesso tempo destrutturati e scolpiti.

Grandi elementi geometrici e nastri in cotone

Bijoux in cartone

La nuova collezione di bijoux Marni è realizzata con componenti di cartone riciclato e pressato. Le collane, nel colore naturale del cartone o tinto di nero, esibiscono grandi elementi geometrici modulari, infilati in nastri di cotone in sequenza o abbinati a composizioni in strass di vetro e cristallo. www.marni.com

napoli e palermo sempre più vicine La compagnia aerea low cost Volotea ha da poco inaugurato i suoi voli da Torino per Napoli e Palermo. I biglietti sono in vendita da 19,90 euro.

20 | 11 . 2013 | Shop in the City

a new landscape La nuova collezione Autunno Inverno di Mandarina Duck racconta una storia forte, moderna, pulita, colorata. Tutti i prodotti sono accomunati dagli aspetti propri del marchio: la giocosità, l’approccio grafico ai volumi, superfici caratterizzate da geometric bicolor prints e urban fragments. www.mandarinaduck.com/it/


news&gossip

corsi triennali di teatro abbigliamento per yoga e pilates Doymos ha creato Actizen una nuova linea di abbigliamento pensata per chi pratica yoga e pilates. Per muoversi il più liberamente possibile durante la realizzazione di quelle posizioni che costringono il corpo a movimenti complessi e che richiedono passaggi fluidi.

“La piccola accademia del teatro ragazzi e dell’animazione” riapre i suoi corsi. Due anni intensi per imparare le basi del teatro ma non solo. Il percorso, rivolto a giovani con diploma di scuola media superiore e con un'età compresa tra i 18 e i 35 anni, è a numero chiuso. www.fondazionetrg.it

look intenso Nars a creato per l'autunno una collezione audace e moderna: 4 ombretti mat, due smalti, due matite per gli occhi, due matite per le labbra, palette e rossetti. www.narscosmetics.eu

La pop star italiana festeggia 20 anni di carriera

Pausini in Armani

Laura Pausini vestirà Giorgio Armani per festeggiare i suoi vent’anni di carriera (celebrati con l’uscita a novembre dell’album 20 - The Greatest Hits) e durante il suo prossimo importante tour mondiale. www.armani.com/it

22 | 11 . 2013 | Shop in the City


news&gossip

il faraone veste paginesì

Il concorso scade il due dicembre

La statua del faraone della

Fotografare il parco

XVIII dinastia Amenofi, uno dei capolavori del Museo

Nona edizione per il concorso di fotografia naturalistica organizzato dai Parchi Nazionali dello Stelvio, Gran Paradiso, Abruzzo, Lazio e Molise e Vanoise. Ogni autore potrà concorrere, entro il 2 dicembre, alle categorie previste dal regolamento (I paesaggi, Fauna selvatica, Macro e Digiscoping). Info www.fotografareilparco.it

Egizio, è stata scelta per essere la copertina del nuovo elenco telefonico di PagineSì.

religioni urbane In occasione di Torino Spiritualità la Fondazione Benvenuti in Italia ha lanciato la piattaforma ReParty.it. Un portale dedicato al pluralismo religioso urbano. Il sito è

sneaker crocs

organizzato attorno a due tematiche

Per quest'atunno Crocs propone le sue nuove sneakers,

principali: la ricerca sui luoghi della religiosità

comode leggere e prefette da indossare in città.

urbana e lo studio delle principali festività religiose e delle tradizioni ad esse legate.

il barattolo è tuo Nutella ha deciso di dare a ognuno la possibilità di personalizzare il suo vasetto con il proprio nome di battesimo. Mai più liti in casa, da oggi il vasetto sarà tuo. www.nutella.it

Shop in the City | 07 . 2013 | 23


news&gossip

karitè solidale Il burro di karitè è ottimo per le sue proprietà nutrienti e protettive. Adesso fa anche del bene agli altri. Comprando il sapone da 50gr L’Occitane s’impegna a sostenere la deficienza visiva. Il 100% dei ricavi del Savon Solidaire Rose Tendresse finanzierà i progetti di un’Ong per la salute visiva nei paesi in via di sviluppo. it.loccitane.com

timo e lavanda L’armoniosa combinazione della tradizione di J.S. Douglas Söhne e la più recente tecnologia danno origine alla nuova linea di prodotti Lavanda & Timo. Dal bagno schiuma al latte corpo. www.douglas.it

Bracciale in maglia e cassa tonda con lunette

Orologi lunari Morellato stupisce con i suoi tre modelli di orologi della collezione Luna. Bracciale in maglia milanese, cassa tonda e arricchita da lunette con cristalli e quadranti lavorati con finiture guillochè. www.morellato.com

trasparenze acquatiche La nuova collezione "Aqua decor" di Yvone Christa New York, sono un mix di stile ed eleganza. Pendenti circolari, ovali e rettangolari racchiudono, in un contorno sublime di filigrana, cristalli sfaccettati.

24 | 11 . 2013 | Shop in the City

stile vintage Forme sinuose, colore e trasparenze per gli occhiali da sole Madam di Face à Face. Un accessorio che vi accompagnerà per tutto l'inverno con un tocco di stile.


La Birra

Premium Olandese

Bevi Responsabilmente

dal 1719

Da 300 anni, nel Sud dell’Olanda, Bavaria utilizza ingredienti di qualità superiore (malto d’orzo, luppolo, lievito) e acqua minerale certificata estratta da una sorgente millenaria, per produrre una birra dalle caratteristiche uniche, apprezzata in tutto il mondo. www.bavaria.com

bavariaitaly


news&gossip

ispirato alla musica Si chiama Brit Rhythm, la nuova fragranza da uomo di Burberry. La campagna di Brit Rhythm vede come protagonisti il musicista inglese George Barnett di These New Puritans e l'attrice Suki Waterhouse. it.burberry.com

freschezza in poche calorie La famiglia Tic Tac si ingrandisce con l’arrivo di Tic Tac Breeze. Grazie a piccoli cristalli di xylitolo la mitica tic tac diventa ancora più fresca e sugar free. Nuovo è anche il packaging come i tre sapori: mela, cocco e pompelmo.

gruppi di lettura Si conclude giovedì 19 dicembre la sessione invernale dei gruppi di lettura al Circolo dei lettori di Torino. Più di dieci gli approcci differenti alla lettura condivisa con appuntamenti fissi settimanali. www.circololettori.it

colori preziosi I quarzi idrotermali insieme all'argento, creano un'esplosione di luce e colore che illumina gli anelli della collezione Brightness di Pianegonda.

Un progetto per giovani artisti

Tiger Music

Tiger Music è il nuovo progetto di Tiger. Nell’ottica di aiutare gli artisti a far si che la loro musica raggiunga un largo pubblico, realizzano dei CD disponibili negozi Tiger al costo di 4€. Per l'occasione il 7 novembre per la prima volta in Italia, la stella nascente della Tiger Music, Alex Vargas salirà sul palco dell'Hiroshima Mon Amour con Meg. Ingresso libero. tigermusic/events

26 | 11 . 2013 | Shop in the City


CAPI PERSONALIZZATI SU MISURA E PER CERIMONIA

Nuovi marchi acquisiti Donna RVR Lardini ASK Me Esseutesse Eleventy New Britain Brand Unique Swiss Criss Memoire ImprimĂŠe Martinica Uomo Santoni Isaia Aspesi Eleventy Drumohr Barba Brunello Cucinelli Swiss Criss Camerucci Don Wash J for James Truzzi Hilton

Esclusiva I-SHU di Nizza32 Via Nizza 32/i Torino


Personal shopper Vuoi essere tu la protagonista del prossimo Personal Shopper? Inviaci il tuo profilo, la redazione con Isabella realizzeranno il tuo percorso di shopping. redazione@shopinthecity.it

Personal Shopper C'era da immaginarselo che portare a spasso Luisella Cressano Suitner non sarebbe stato un gioco da ragazzi! Infatti lei, fondatrice dell'omonimo studio di pubbliche relazioni, che è sempre stata ancorata per scelta a Torino pur lavorando con aziende di respiro internazionale come Guerlain, Champagne Roederer, Alfa Romeo e molte altre, conosce bene la città. Difficile darle torto, durante il tour, si è lanciata in mille preziosi consigli... È stata una giornata costruttiva sia per me (personal shopper) sia per Antonella che ci seguiva per cogliere lo scatto giusto. di Isabella Morbelli foto di Antonella Ferrari Shop in the City | 11 . 2013 | 29


Personal shopper

Il giro è cominciato dal Motorvillage, dove siamo andate a prendere la vettura preferita di Isabella! Infatti il direttore marketing Ginfranco Agniusdei e il responsabile vendite Giacomo Marra l'hanno resa felice dandole l'opportunità di provarla per tutto il giorno! La nuova Fiat 500L non ha deluso le aspettative, comoda, elegante e spaziosa, ma la cosa più 30 | 11 . 2013 | Shop in the City

bella è stata scoprire la semplicità di utilizzo del collegamento bluetooth all'IPhone. Tornate in centro siamo passate al Gran Bar in Gran madre, dove Shop in the City ha una saletta dedicata, dove si può trovare sempre la rivista, e anche copie dei numeri precedenti. Dopo esserci rifocillate ed aver acquistato il buon pane di Delper siamo partite alla ricerca di negozi di abbigliamento e oggettistica per la casa.


Personal shopper

Come potete vedere di fronte a tanta meraviglia e capacità di indossare, mi sono trovata inerme e travolta dalla nostra protagonista Luisella, che ha fatto man bassa di sciarpone da Gregoria's e poi ci ha ubriacate di defilè di capi in pelliccia di Borello Pellicce, stupita anche lei della modernità dello stile del nostro artigiano piemontese.

Shop in the City | 11 . 2013 | 31


Personal shopper

Da Mac Bun però Luisella non c'era mai stata! E non aveva mai assaggiato la Mole Cola, due punti a nostro favore! É tempo di fermarsi e lasciarsi viziare da Anna, l'abile responsabile del negozio di Orlane. Avendo prenotato la nostra seduta gratuita, per circa 40 minuti siamo state curate e coccolate; abbiamo scoperto come è composta la nostra pelle, grazie ad un un macchinario che analizza l'immagine del nostro viso attraverso una semplice fotografia, e successivamente abbiamo beneficiato di un massaggio con prodotti specifici. Insomma il massimo del relax ed il migliore dei risultati!

32 | 11 . 2013 | Shop in the City


Personal shopper

Il percorso continua tra via Roma e corso Vittorio Emanuele II dove abbiamo conosciuto Valentina e Susanna proprietarie del negozio Lyda T端rck di

oggettistica e tessile per la casa con prestigiosi marchi come Society, Centopercentocachemire, Patrizia Nobile e tanti altri. Poi un salto da Maison de

Flo per scegliere una composizione di fiori di stoffa per lo studio di Luisella.

Shop in the City | 11 . 2013 | 33


Personal shopper

Anche un semplice maglione da Nizza32 è un capo perfetto per ogni occasione, Luisella passa un'oretta tra girocolli e cardigan sapientemente scelti dal team del negozio. Ancora splendide, dopo 4 ore di shopping sfrecciamo sulla nostra Fiat 500L verso l'ultima tappa, quella piÚ divertente, Tiger, dove è impossibile uscire senza aver acquistato qualcosa. 34 | 11 . 2013 | Shop in the City


Un negozio luminoso situato in una delle piazze più “caratteristiche” di Torino, che all’uomo dedica proposte d’abbigliamento attuali e sobriamente anticonformiste, nei suoi spazi, colore, creatività, modernariato e arte. Se non vuoi il cappotto, troppo formale, oppure il piumino, troppo sportivo, nemmeno l’impermeabile, troppo ispettore, abbiamo il capo spalla perfetto per affrontare l’autunno, giacche, cardigan, giacconi, in calda e morbida maglia, da indossare in modo dinamico e sportivo, per lavoro e tempo libero, in auto e bicicletta, da abbinare ad una esultanza di camicie e pantaloni, dal fit rinnovato, lavati e ammorbiditi nel più classico del “gusto vintage” nei tradizionali toni del grigio e blu o nei più attuali bordeaux, senape, verde army e blu acceso. La moda uomo senza età, un look informale e libero dagli “schemi” che non si limita alla durata di una stagione ma durevole nel tempo. Proposte no logo dalla qualità e rifiniture ricercate, pur mantenendo un ottimo rapporto tra prezzo e pregio del capo.

GB five Torino Piazza Statuto 15 T 011 4546365


cro tà d l onn stre l o s s i n tre i con stre psi ss vec onn oa gita diffi chia o ag mino co-fi s ss cent ss raz itat ri d sic pos to a colt me ion o o i à n sat str f fes e ess c fatica di co to e e zza atti me nce sta spo dai f rol lo p va nto ntr nch ssa ast inve c d id t a e sic o-f igest duran zione zza ezza i sta chiam gio io te p inv isic nal ento ecc o s ne rat i ich oss hiam tres e s ate spo zza ento rtiv e

®

La difesa naturale per il benessere psico-fisico

100% Papaya bio-fermentata arricchita con mix di attivi

100% Papaya bio-fermentata

www.dietalinea.it

Ogni ingrediente dà scacco in maniera differenziata per raggiungere sinergicamente il massimo risultato: UN BENESSERE PSICO-FISICO A 360°!!! La Papaya fermentata, assume quelle caratteristiche appropriate a supportare le naturali difese dell’organismo esaltando al contempo l’azione anti-ossidante già esistente nel frutto fresco e introducendo un’azione immuno-modulante. Inoltre, la mancanza di papaina e chimo-papaina - enzimi peculiari al frutto fresco non più presenti dopo l’avvenuto processo di fermentazione - aiuta la riduzione delle possibili manifestazioni allergiche a volte presenti nell’uso protratto della polpa. Il composto ottenuto in seguito alla trasformazione - quasi una pre-digestione - risulta dunque totalmente assimilabile e utile a tutte le età. Valida per contrastare le infezioni intestinali e per svolgere buona azione antisettica. Il Polygonum Cuspidatum, deve la sua “notorietà” all’estratto derivato il cui principale componente è il resveratrolo, a cui si attribuiscono proprietà antiossidanti, depurative, toniche e di supporto all’apparato cardiovascolare. Il Goji, frutto dalle bacche vermiglie allungate, utilizzato fin dai tempi più antichi per le sue proprietà salutistiche. In particolare le sue molteplici doti riguardano la sfera relativa alla capacità antiossidante in grado di proteggere l’organismo dai radicali liberi. La vitamina A, con la sua azione di supporto ai tessuti epiteliari, contribuisce al mantenimento di una pelle sana. Agisce inoltre positivamente sulla capacità visiva e sulla funzione del sistema immunitario. La vitamina C, aiuta la normale formazione del collagene, costituente della pelle, delle ossa e delle cartilagini, contribuisce inoltre alla protezione delle cellule dai radicali liberi, aiuta a ridurre stanchezza ed affaticamento e supporta la normale funzione psicologica. Contribuisce al funzionamento del sistema immunitario ed è infine essenziale per la rigenerazione della forma ridotta della Vitamina E (forma attiva contro i radicali liberi). La vitamina E, altamente antiossidante e liposolubile, agisce come “messaggero” tra le cellule, difendendole dalle pressioni dei radicali liberi. Il selenio previene i danni causati dai radicali liberi e protegge le membrane cellulari dall’ossidazione. Agisce infine sul normale funzionamento del sistema immunitario. Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta variata, equilibrata e di un sano stile di vita.

SENZA GLUTINE SENZA LATTOSIO In farmacia, parafarmacia ed erboristeria

papaya NOÆGING® Ti protegge!


pets

A causa della crisi dell'ippica sono oltre 3mila i cavalli che cercano casa.

Adotta un cavallo di Maria Grazia Belli

Varenne

Varenne è un cavallo ex trottatore italiano nato il 19 maggio del 1995 in provincia di Ferrara.Ha iniziato a vincere fin da giovane. È stato il trottatore più ricco e più veloce di tutti i tempi e ha vinto tantissimi premi. Ha finito la sua carriera il 28 settembre 2002 e viene impiegato come riproduttore. Trascorre la sua pensione nell'allevamento Il Grifone, a Vigone, in provincia di Torino.

I numeri

A

lzi la mano chi non ha mai voluto da piccolo un pony o un cavallo. Sono il sogno di tanti e da qualche tempo l’‘incubo’ di molti allevatori Italiani. E non perché abbiano cambiato idea, anzi. Ma perché il settore dell’ippica sta attraversando una crisi terribile che colpisce l’intera filiera (15mila persone in tutta Italia) compresi i cavalli. Sono almeno 3mila quelli che non possono più essere mantenuti e che- paradossalmente- non possono neanche essere macellati. Chi alleva un puledro nel momento in cui registra la nascita (questa legge è stata da poco cambiata proprio per la crisi che sta investendo il settore e quindi i nuovi puledri possono essere registrati con un passaporto che prevede la macellazione) deve dichiarare se il cavallo sarà destinato all’alimentazione animale (e quindi macellato) o di compagnia. Naturalmente fino ad oggi gli allevatori hanno sempre scelto la seconda opzione. Giovanna Romano, veterinaria piemontese del centro equino Arcadia, segue i grandi campioni, tra cui il fuoriclasse e pluripremiato Varenne.

250.000 il numero di cavalli in Italia

Dalla scorsa primavera ha deciso di portare avanti una campagna per “adottare” o “affidare” i cavalli a rischio abbandono. Quando è iniziata questa crisi dell’ippica? «La crisi degli ippodromi, dell’ippica in generale, è iniziata cinque anni fa, ma nell’ultimo anno e mezzo è stata terribilmente aggravata dal fatto che il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali non paga i premi e ha debiti con tutti gli operatori del settore ippico che ammontano a centinaia di milioni di euro». In che senso? «I cavalli che vincono un premio lo vincono solo sulla carta. Gli allevatori che dovrebbero percepire il 20% della vincita del cavallo che hanno allevato non percepiscono le loro quote e di conseguenza neanche i proprietari dei cavalli da corsa». Da quanto tempo? «Da almeno due anni. In questo momento i proprietari hanno finito i soldi». Quanto costa mantenere un cavallo da corsa?

3.000 cavalli in cerca di affidamento 150 milioni di vecchie lire il prezzo pagato per Varenne nel 1998 dopo le prime corse 6 milioni di euro le vincite di Varenne (il record mondiale) 3mila euro oggi per ogni puledro di Varenne nato e sano (prima della crisi era di 15.000 euro) 30 gli ippodromi funzionanti oggi in Italia (erano 43 nel 2010) 1300 le giornate di corse nel 2013 in Italia 1100 le giornate previste per il 2014.

Shop in the City | 11 . 2013 | 37


L’angolo di San salvario più economico per i tuoi animali!!

pets

«Circa mille, duemila euro al mese. Con questi costi e con le vincite non saldate, iniziano a sparire i proprietari, e se spariscono loro, che sono i destinatari finali della filiera della produzione del cavallo da corsa e del trotto, salta l’intero sistema». Se non ci sono più i proprietari che fine fanno i cavalli? «A livello italiano abbiamo un sovrappiù di produzione di cavalli e fattrici (circa 3mila ndr) che gli allevatori non sanno più come mantenere. Ci sono già stati dei sequestri e degli abbandoni di animali. E la situazione non sembra possa migliorare a breve». Per questo avete pensato all’affido o al regalo? «Sì. Ci sono due formule: quella di affidare i cavalli a chi ha un giardino o un pezzo di terreno adeguato o l’“adozione a distanza”». Come funziona? «Se il ‘genitore adottivo’ ha un giardino (i cavalli vivono tranquillamente all’aperto ndr.) basta fare un passaggio di proprietà, una sorta di voltura, che costa 200 euro. L’adozione a distanza costa circa 150 euro al mese, meno di un maneggio (5-700 euro al mese) o in un ippodromo (1-2mila)». Per informazioni: info@centroequinoarcadia.it 38 | 11 . 2013 | Shop in the City

Per adottare un cavallo sono sufficienti 150 euro al mese, meno di un maneggio o di un ippodromo.


pets Vuoi presentarci il tuo cucciolo? Ami il tuo quattro zampe così tanto da portarlo con te in ogni occasione? Raccontaci la sua storia e mandaci una foto a redazione@shopinthecity.it

Continua la rubrica che va alla ricerca degli animali che non si separano mai dai loro padroni...

Animali al Lavoro

Lola La mia ombra

Jemima Princess

L

J

ei è Lola, il mio grande amore, la mia ombra”. Si illuminano gli occhi di Lella, giovane imprenditrice torinese, quando parla della sua shar pei di tre anni, diventata a tutti gli effetti sua compagna di vita. Non si separano mai, Lola accompagna tutti i giorni la sua padrona al lavoro, la osserva dalla sua cuccia tra un sonnellino e l’altro. Appena Lella ha un momento libero la porta a fare una passeggiatina e, tornate in ufficio, si riaccuccia buona buona nella sua postazione. Se c’è da andare da qualche parte naturalmente loro ci vanno insieme, anche in auto, ormai sono tutti abituati a vedere questa simpatica cagnolona seduta sul sedile del passeggero. Quando vanno al supermercato vicino a casa Lola fa la guardia alla macchina, e le commesse nel negozio, sapendo quanto non sia abituata a stare da sola, fanno teneramente la guardia a lei. Sempre insieme Lola e Lella dunque, proprio come nei grandi amori che si rispettino.

emima è entrata a far parte della vita di Gaspare, giovane commercialista torinese, da circa un anno e da subito sono diventati inseparabili. In questo caso si può certamente parlare di anime gemelle. Al mattino è lei, questa dolce bassotta nana color gianduia, a dargli la sveglia, da quel momento la loro giornata insieme ha inizio. Durante la colazione al bar Jemima rimane seduta in attesa di un pezzetto di brioche o di qualsiasi cosa si possa mangiare, è un cane golosissimo, una lotta continua per Gaspare che tiene moltissimo a mantenerla in forma. La giornata prosegue in ufficio, dove lei è la padrona. I suoi giochi sono ovunque, due o tre cucce qua e là, anche se per la maggior parte del tempo il suo posto preferito sono le gambe del suo amatissimo padrone, che naturalmente le concede qualunque cosa, perché lei, in fondo, è la sua amata principessa. Shop in the City | 11 . 2013 | 39


freestyle

Alcune idee per intrattenere i vostri bambini quando fuori piove.

Soluzioni per una domenica uggiosa di Maria Grazia Belli

E

ccoci qui. Dopo una settimana di lavoro in cui avete: litigato con il capo; portato ‘Lucia’ a danza per 3 volte, ‘Paolo’ a calcio il mercoledì e il sabato mattina; siete riuscite a infilare una ceretta all’inguine, tra un panino e la riunione delle 14; siete passate dal macellaio, dal verduriere e dal medico per farvi prescrivere il Malox; finalmente è Domenica. Ma, naturalmente, piove. Si preannuncia una

10

Merenda o pranzo con animazione. Se le soluzioni dall’1 all’8 non hanno funzionato cercate su internet. Esistono dei locali che organizzano pranzi o merende con animazione per bambini.

9

Dobbiamo uscire. Se proprio dovete uscire perché i suggerimenti che vi abbiamo dato non sono serviti, fiondatevi in un museo, possibilmente uno che possa piacere ai vostri figli (no, il museo di arte contemporanea russa non è quello giusto)

giornata terribile con i bambini annoiati e voi in preda ad una crisi di nervi. Non vi preoccupate, la soluzione c’è. Ci siamo fatti aiutare dal libro della Scuola Holden “Ogni maledetta domenica - 71 idee per quando sono finite le idee” a cura di Arianna Giorgia Bonazzi edizioni Feltrinelli, e abbiamo selezionato alcune idee.

1

Giochi divertenti da fare in casa. Dal nascondino in tutte le salse: vi nascondete, si nascondono loro, nascondete un pupazzo, uno spillo – così durerà tantissimo – o la merenda. Oppure potete creare una tenda nel lettone e leggere insieme un bel libro o improvvisare sfilate di moda.

2

I giochi che si basano sul niente. Il classico “facciamo che io ero” e inizia la storia. Oppure “nomicose-città”. Prendete unalettera dell’alfabeto e sfidatevi a trovare animali, cose e città che inizino con quella lettera.

3

Evviva la tecnologia. Sicuramente quando è nato vostro figlio avete comprato una videocamera. È ora di usarla. Filmate il bambino mentre balla, suona o recita una poesia. E poi guardatelo e riguardatelo.

8

Non è sfruttamento, sono fatine! Fatevi aiutare a pulire e riordinare le camere. Come? Ma trasformando i vostri pargoli in fatine della polvere o maghi del mocio.

7

Chattate, chattate, chattate. Connettetevi via skype con il vostro amico che sta a Londra o con la nonna. Ai bambini piace interagire con la videocamera, vedrete come si divertiranno.

40 | 11 . 2013 | Shop in the City

4 6

Gli evergreen. Andate in soffitta e prendete uno dei vostri vecchi giochi da tavola, per i bambini sarà una bellissima novità e potrete passare qualche ora a divertirvi.

YouTube è pieno di risorse. Su Youtube c’è tutto, dai Muppet alla Pimpa, dai Barbapapà a video per imparare l’inglese.

5

Bricolage in cameretta. Con un po’ di fantasia, carta e contenitori potrete trasformare la camera di vostro figlio in un fondale marino, un prato pieno di insetti o un’astronave.


freestyle

Il 31 di ottobre è alle porte, i negozi son già tutti agghindati, manca solo qualche accessorio per ultimare l'outfit da urlo.

Per la notte delle streghe di Maria Grazia Belli

Z

ucche ossa teschi e ragni. Anche gli accessori cambiano il look per Halloween e si accendono con i colori di questa festa: nero marrone e arancione. La parola d'ordine ĂŠ stupire, ma con gusto. E allora: dolcetto o scherzetto?

Misis Anello argento placato oro con zirconi bianchi.

Morellato Drops tematici.

Le Vaporisateur Tout Noir Metallo nero, forme geometriche, linee essenziali.

Shiseido Makeup Il look di Halloween by Dick Page.

Sweet Papillon Colletto a ragnatela e pipistrello per uno stile gotico-horror.

Amore&baci Bracciali in argento.

Paperself Ciglia finte di carta.

Cupcake Dolcetto o scherzetto?

Lush Gel doccia Notti Magiche.

42 | 11 . 2013 | Shop in the City


borelloitalia.it | P.zza Lagrange, 2 | 2째 piano | 10123 Torino | tel. 011 19856958


SHOPVILLE LE GRU 路 VIA CREA 10 路 GRUGLIASCO (TO) 路 TEL. 011 7708923


bambini

Perché non bisogna copiare i compiti? Perché non è giusto saltare scuola? A volte i figli pongono domande a cui è difficile dare una risposta. Un libro ci aiuta a trovare le soluzioni ai dilemmi etici.

Come si insegna l'etica?

di Irene Soave

Andrea Quercetti

Dr. Toy consiglia:

Questo mese il nostro esperto di giocattoli Dr. Toy, Andrea Quercetti, ci presenta isotta, l'automobilina più educativa che si può trovare. Isotta è formata da 3 moduli, ognuno rappresentante una delle funzioni principali di ogni automobile con motore a scoppio. C'è il Motore, con bielle e pistoni che si muovono all'interno dei cilindri trasparenti. C'è il Cambio, dotato di 3 marce selezionabili con apposita leva e di folle. C'è la Trasmissione con trazione posteriore. Ogni modulo riproduce in maniera precisa le funzionalità meccaniche delle vetture. I moduli si possono

N

on appoggiare i gomiti sul tavolo. Dì sempre per favore e grazie. Pulisciti la bocca prima di bere, non bere alla bottiglia, non avanzare quel che hai nel piatto, sii gentile. Non è difficile – anche se spesso sembra un'impresa improbabile – insegnare ai propri figli l'etichetta. Più difficile è spiegare loro l'etica: perché non bisogna copiare i compiti? Come si deve reagire ai bulli? Perché non è giusto saltare scuola? Come ci si comporta con l'amica in difficoltà? Che fare se si assiste a un torto? A tutte queste domande, spesso, non è facile rispondere, anche noi adulti – tra una visita medica pagata in nero, un messaggino dell'amante, la mail privata di un collega "letta per errore" – facciamo i conti, a qualunque età, con questioni etiche che restano per sempre

montare e smontare sul telaio, come

irrisolte. Con un grande leit-motiv: "e se nessuno mi becca?". È questo il titolo di un libretto appena uscito (per la casa editrice Il Castoro, 160 pagg., euro 13,50) del serissimo columnist americano Bruce Weinstein: illustrato con divertenti fumetti (dell'italianissimo autore Tuono Pettinato) propone, pagina dopo pagina, la soluzione a dilemmi etici piccoli e grandi. Qui ne proponiamo qualcuno, con tanto di risposta multipla: voi, al posto del bambino a cui il libro è rivolto, cosa fareste? Provate a rispondere coprendo la risposta giusta con un foglio. Sono tutti ambientati tra la cameretta, il cortile e le aule scolastiche: ma se con uno sforzo di immaginazione li trasportiamo in casa, per la strada o in ufficio avremo probabilmente, a tutte le età, la possibilità di imparare qualcosa.

anche le ruote. Quando Isotta è tutta montata si può guidare con il volante in dotazione e imparare a fare manovre di parcheggio. Adatta dai 4 anni in su.

Shop in the City | 11 . 2013 | 45


bambini

1) Dovrei ripetere alla mia amica ciò che la gente dice di lei? "La mia migliore amica Alessia ha molto successo a scuola, e quindi molte ragazze ne sono gelose. A mensa sento spesso cattiverie e pettegolezzi sul suo conto. Non partecipo mai, ma non so se dirglielo. Che fare?"

a) Riferisco ad Alessia ciò che ho sentito: lo deve sapere.

b) Le ragazze sono tremende. Dico loro

di non sparlarle alle spalle, se non hanno il coraggio di farlo di persona. c) Queste ragazze meritano una lezione: scrivo robaccia su di loro sulla mia pagina facebook.

2) Che cosa c'è di male a entrare al cinema senza pagare?

"Io e i miei amici abbiamo trovato un modo fighissimo per vedere due o tre film al prezzo di uno: andiamo in un multisala, paghiamo per una visione, poi quando finisce anziché uscire andiamo in un'altra sala. La mia amica Ali dice che non è giusto: non starà esagerando?"

a) Bella idea, ci provo anche io. b) Ali ha ragione, ho pagato per un film e

ho diritto a vedere solo un film. c) Non è giusto, ma se il cinema non manda nessuno a controllare i biglietti il problema è loro.

46 | 11 . 2013 | Shop in the City

3) Ok, è gravissimo. Ma devo proprio dirlo?

Ieri la mia capa, nel bar dove lavoro, è uscita dal bagno senza lavarsi le mani. Non le ho detto niente, avrebbe potuto licenziarmi e a me quel lavoro serve per pagarmi le vacanze.

a) Se è successo solo questa volta, va bene anche non dire niente, ma se si ripeterà dirò qualcosa. b) Non metto a rischio il mio lavoro facendo una critica al capo. c) é sbagliato che sia un capo a violare il codice igienico, quindi faccio rapporto. 4) é giusto comprare un biglietto ridotto sapendo che nessuno se ne accorgerà? Sembro più piccolo della mia età; di solito non ne vado molto fiero, ma quando vado al cinema o a una mostra posso passare per un bambino. Papà dice che sarebbe sbagliato chiedere un ridotto, ma se la cassiera pensa che io sia un bambino non c'è problema. Mamma dice che è comunque sbagliato.

a) Chiunque sembri sotto i 12 anni non dovrebbe pagare il biglietto intero al cinema. b) Non mi sembra giusto comportarmi così, ma non vorrei neanche litigare con mio papà. c) Chiedo a mio padre di comprarmi un intero.

5) Non é vietato: allora posso farlo?

La libreria dove vado mi permette di cambiare la merce fino a 30 giorni dopo l'acquisto. Così compro un fumetto, lo leggo e lo riporto indietro. La mia amica Emily dice che è sbagliato, ma le regole del negozio lo permettono. Chi ha ragione?

a) Se al negozio va bene, non c'è problema. b) Accidenti... sono veramente in pena per la casa editrice, multimilionaria, che perderà qualche euro perché non compro i suoi fumetti. c) Non mi sento a mio agio a comportarmi così.


bambini

Risposte giuste: 1) b. Rimanere in silenzio e non dire

niente può passare per un assenso, ma dirlo ad Alessia la ferirebbe. E lei non te lo ha chiesto; ripagare le bulle con la stessa moneta, invece, ti mette al loro livello. Dire loro "non vorrei che diceste queste cose" è un buon esempio, e un comportamento pieno di dignità.

2) b. Rubare significa prendere qualcosa

senza pagare. Ed è quello che stai facendo tu. Probabilmente non ti farà finire in prigione, ma se ti beccano potrebbero impedirti di andare al cinema per molto tempo. E poi hai intaccato la tua onestà: il nostro carattere vero si capisce da come ci comportiamo quando nessuno ci vede.

3) c. Sì, a volte è giusto non dire niente,

ma questa non è una di quelle volte. Il lavoro in un bar non è solo prendere gli ordini, ma anche assicurarsi, per quanto è in suo potere, che i clienti non si ammalino. È difficile, ma devi avvertire il proprietario del locale.

4) c. I cinema offrono sconti per fare un

OPEN DAY

favore alle famiglie con bambini e anziani. Lasciando loro credere che sei un bambino, violando questa regola, il tuo papà ti comunica che pur di farla franca tutto è permesso. Questo ha conseguenze complesse: quando manderai un curriculum, è giusto dire che il tuo voto di maturità era 100, se nessuno controllerà? È sbagliato ingannare le persone.

9 Novem br dalle 10 al e orario co le 17 ntinuato

5) c. Ha ragione Emily: te ne stai

approfittando. Queste regole sono pensate per lasciare ai clienti la libertà di fare un regalo, ad esempio, e poterlo portare indietro se il proprietario ce l'ha già. Ma un negozio non è un istituto di beneficienza, se tutti facessero come te dovrebbe chiudere. Un conto è comprare una cosa in buona fede e poi, capito che non ti piace, restituirla. Un altro è farlo di proposito.

E se nessuno mi becca? Breve trattato di etica per ragazzi, di Bruce Weinstein. Illustrazioni di Tuono Pettinato. Shop in the City | 11 . 2013 | 47


cocktail

Caravaggio in un bicchiere.

Caco sparkling P

er accogliere la stagione autunnale Shop in the City vi propone un cocktail che ha come base uno dei frutti principali di questa stagione. Il Caravaggio è uno sparkling molto semplice realizzato con succo centrifugato di cachi e spumante secco. Le sette virtù del caco In Cina si narra che l'albero del caco incarni sette vitù: la dolcezza del frutto la robustezza del fusto la longevità della pianta la bellezza delle foglie l'ardore del fuoco dei suoi rami l'imponenza della pianta.

Flûte Per non scaldare il contenuto del bicchiere tenendolo in mano, il flûte ha una forma allungata dal gambo sottile e viene spezzo utilizzato per la degustazione di spumanti.

Ingredienti:

Preparazione:

1cl di succo di limone

direttamnete nel flûte, aggiungere il

7cl di spumante secco italiano

succo di limone per stemperare la

2cl di centrifugato di cachi

Versare il centrifugato di cachi

dolcezza del caco e lo spumante, dare una mescolata e servire freddo come aperitivo o in qualunque momento della giornata.

48 | 11 . 2013 | Shop in the City


OF F ERTA SPECI A LE DI BEN V EN U TO

49

, 90

A SOLI

anzichè € 68,10

25% TO

DI SCON

(codice 45322)

Tutte le bottiglie si intendono da cl 75.

6 bottiglie di vini pregiati

PIÙ DEL

1 Moscato d’Asti 1 Valpolicella DOC 2011 DOCG 2012 Superiore Ripasso

1 Barbera d’Asti 1 Valdobbiadene 1 Sicily Nero d’Avola 1 Chianti DOCG 2010 Riserva 2011 Superiore Prosecco DOCG 2012 Sicilia IGT 2011

DOCG

Gratis IN PIÙ

Vinoteca Club Giordano propone i vini di alta gamma di produzione Giordano ad un pubblico attento di grandi estimatori. Sono i vini eccellenti, quelli più preziosi. Richiedono competenza e passione enologica e sono dedicati a chi sa apprezzarne il valore e riconoscerne l’unicità. Il mondo Vinoteca è fatto di eccellenze italiane, viste nel contesto dei singoli territori al fine di arricchire la cultura del vino, con la competenza di chi il vino lo fa davvero.

Chiami subito il Numero Verde gratuito (citando il codice 45322-16605)

UNA BOTTIGLIA DI

BAROLO DOCG 2008 + COFANETTO

Offerta valida fino al 31/12/2013

UN MONDO ESCLUSIVO PER GRANDI ESTIMATORI

CON 5 ACCESSORI VINO Per lei il re dei vini, un Barolo invecchiato del 2008 e un cofanetto da sommelier con 5 accessori per servirlo con stile: • 1 cavatappi in acciaio • 1 termometro • 1 versavino con tappo in acciaio • 1 tappo a cono • 1 anello salvagoccia

800 122.799 dal lunedì al venerdì - ore 10.00 - 21.00

Cofanetto in legno: cm 36,3 x 11,5 x 11 h

LA CONSEGNA A CASA È GRATUITA!


ricetta

Pain du vigneron Una ricetta francese, tipica della stagione della vendemmia è il pane del vignaiolo. Gli ingredienti principali di questo tipo di pane sono la farina integrale, il vino rosso e i gherigli di noci. Un cibo molto appetitoso adatto al clima autunnale. Il consiglio

Un consiglio per servire questo pane in maniera differente dal solito potrebbe essere di formare dei filoncini con parte dell'impasto e disporli su una teglia antiaderente. Far riposare nuovamente per 15 minuti. Cospargere di sale in fiocchi ed infornare in forno preriscaldato a 200° per 10-15 minuti. Sfornare e lasciar raffreddare. Nel frattempo preparare la farcia: lavorare il burro a temperatura ambiente con la scorza del limone grattato, il prezzemolo ben tritato, il pepe di Timut aromatizzato agli agrumi. Infine aggiungere lo scalogno precedentemente stufato e tritato. Regolare di sale ed amalgamare bene. Fare delle incisioni diagonali lungo il filoncino, senza tagliarlo completamente. Farcire queste incisioni con il burro aromatizzato utilizzando un coltello a lama sottile. Infornare nuovamente a 180° per pochi minuti, giusto il tempo di far sciogliere il burro aromatizzato. Sfornare, decorare con sale in fiocchi e prezzemolo tritato e servire tiepido come aperitivo oppure come pane da mettere in tavola.

È forse il ‘cibo’ per antonomasia. Il comfort food di noi mediterranei – chi non si è mai abbandonato a pane, olio extravergine e sale o il classico e rassicurante pane, burro e zucchero?-. Se non avete la macchina del pane e il panettiere è chiuso ecco una ricetta veloce per preparare una ‘biova’ a casa.

Profumo di pane Ingredienti:

400 grammi di farina bianca per pane 100 grammi di farina integrale 300 grammi di acqua tiepida 3 cucchiaini rasi di sale fino 2 cucchiaini di zucchero 1 bustina di lievito secco o 1 cubetto di lievito di birra

50 | 11 . 2013 | Shop in the City

Procedimento:

Q

uesta ricetta è "semplificata" rispetto a quella con il lievito madre perché prevede una lievitazione più breve. Mettere in una terrina le farine, il sale, lo zucchero e il lievito secco (il lievito di birra in cubetto deve essere sciolto nell'acqua). Amalgamare tutti gli ingredienti secchi con una forchetta e iniziare ad aggiungere l'acqua. Spostare l'impasto su un piano da lavoro e con le mani impastare bene il tutto per circa 10 minuti. Formare una palla e metterla nella terrina. Fare una croce con la lama del coltello, coprire con un panno umido e far lievitare in un luogo tiepido per 2 ore. Intanto accedere il forno a 200gradi e inserire all'interno una ciotola con dell'acqua, aiuterà la cottura del pane. Prendere l'impasto e posarlo sulla teglia foderata con un foglio di carta da forno dandogli la forma desiderata. Fare dei tagli sulla pasta e infornare la teglia per 40-50 minuti. Prima di servire il pane lasciarlo raffreddare. Nella pagina seguente le foto delle varie fasi...


ricetta

PASTICCERIA CIOCCOLATERIA GELATERIA www.avidano.it - info@avidano.it

PRENOTA DA NOI IL REGALO NATALIZIO PERSONALIZZATO PER I TUOI CLIENTI

Shop in the City | 11 . 2013 | 51

Via Madama Cristina, 62/d - TORINO - 011.66.98.929 Via Vittorio Emanuele II, 46 - CHIERI - 011.94.78.354


freestyle

È stato inaugurato il primo edificio per chi è in difficoltà con 27 alloggi (13 monolocali e 14 bilocali), un ristorante, locali commerciali e spazi comuni.

Una residenza temporanea a Porta Palazzo di Maria Grazia Belli

Alcune foto della residenza, Giorgio Bombieri e interno di Tullio Deorsola.

D

'una città non godi le sette o settantasette meraviglie, ma la risposta che dà a una tua domanda”. È questa frase di Italo Calvino che ha ispirato il programma di Housing Sociale della Compagnia di San Paolo che ha da poco inaugurato il primo edificio che fa parte del progetto ‘Luoghi Comuni’, una residenza temporanea a Porta Palazzo. 27 alloggi (13 monolocali e 14 bilocali), un 52 | 11 . 2013 | Shop in the City

ristorante e 3 locali commerciali oltre a spazi comuni. Una residenza per studenti, lavoratori di passaggio, “city users” e turisti ma anche – e soprattutto- persone sotto stress abitativo o incapaci di affrontare la spesa di un affitto. La residenza si affaccia su Porta Palazzo, nell'isolato compreso fra piazza della Repubblica, via Clemente Damiano Priocca, piazza Don Albera. Una ristrutturazione

costata circa 5 milioni di euro, che ha fatto rivivere un edificio di proprietà del Comune. In due anni sono stati recuperati di 2.250 metri quadrati che adesso, affidati alla gestione del Consorzio Kairos, ospiteranno 27 alloggi, un ristorante e 3 locali commerciali (ad oggi Viaggi Solidali, una Bottega Gastronomica e L’Osteria del Mercato). La residenza, con canoni inferiori a quelli di mercato e con spese per le utenze contenute, accoglierà per periodi di tempo limitato (3-6 mesi, massimo 1 anno) tutte quelle persone che per ragioni economiche, sociali e familiari vivono una fase di difficoltà come le persone in situazione di stress abitativo o emergenza abitativa, che hanno quindi la necessità di trovare una soluzione ponte tra la vecchia e la nuova casa. Ma saranno anche la soluzione per lavoratori e professionisti di passaggio, turisti o studenti. E, nell’estate del 2014, verrà inaugurata una seconda Residenza Temporanea in via San Pio V. www.luoghicomuni.org


...creare e decorare i tuoi dolcetti preferiti? Abbiamo pensato agli amanti dei dolci e appassionati del cake design creando una linea dedicata, ideale per chi vuole compiere i primi passi nell’arte della decorazione.

a idegalo re

Inoltre proponiamo 4 kit base, ottimi anche come idea regalo! Non resta che scoprire la nostra offerta per la creazione di dolci belli oltre che buoni. Per maggiori informazioni www.guardini.com Visita il nostro store on-line www.guardini.com/store . STORE

Seguici su

GUARDINI S.p.A. Via Cravero, 9 - 10088 Volpiano (TO) - ITALIA - Tel. +39 011 9952890 - Fax +39 011 9952142 info@guardini.com - www.guardini.com


DIY Vuoi essere tu la prossima protagonista del Fai Da Te? Inviaci le foto e la descrizione delle tue creazioni a redazione@shopinthecity.it

La nostra lettrice Cristina Ferrando ci ha inviato il suo DIY ispirato al nostro numero precedente. Ha recuperato due vecchie sedie per la sua cucina. Belle, brava!

Se si vuole realizzare un modello con tesa ĂŠ sufficiente, al fondo del berretto, fare un giro in cui prendere solo mezza catenella, la parte esterna, ottenendo uno sbalzo. Per aggiungere il paraorecchie basta allungare per 10 maglie solo sui fianchi leggermente arretrati in modo da riconoscere il dietro dal davanti.

54 | 11 . 2013 | Shop in the City

Rilassante e di grande resa, se si usano filati grossi, il lavoro all'unicinetto è tornato alla ribalta. Grandi marchi della moda sfoderano gli uncini e ci presentano sulle passerelle borse e cappelli tricottati. Anche Margherita da Moncalieri ci ha mandato due consigli per realizzare un cappello per l'inverno.

Tricottare fa bene al corpo e alla mente!


DIY

Procedimento:

T

empo di realizzazione con lana grossa e ferro 9: circa 2 ore. É consigliabile usare lana misto acrilico sia per la resa sia per il lavaggio (la lana potrebbe provocare pruriti). Si parte dal punto catenella con 4 maglie, poi si riprende la prima maglia e si chiude ad anello. Una volta eseguito l'anello entrare con il ferro nel buco e lavorare circa 12 maglie a punto basso. Il giro dopo iniziare a crescere di una maglia per ogni catenella, ovvero entrare due volte nella catenella in modo da allargare il cappello sino a circa dieci centimettri di diametro. Successivamente, raggiunta la circonferenza della testa, smettere di crescere e continuare per per una ventina di giri (in cui Ê possibile anche alternare i colori). Sono una neofita dell' uncinetto...trovo molta soddisfazione a realizzare un prodotto col cuore per i miei cari, ma sono certa che potrete trovare indicazioni piÚ precise sui siti (ad esempio http://it.opitec.com/opitec-web/ myboshi/c/ktstmy) o sui libri: io ne ho uno che spiega facilmente come realizzare dei cappelli e fornisce la lana esatta. Non mi resta altro che dirvi buon lavoro! Di seguito le foto delle varie fasi...

Cosa occorre:

2 gomitoli da 100 gr di lana e acrilico, un uncinetto 9.

Shop in the City | 11 . 2013 | 55


music&shop farwaste, i rifiuti possono andare lontano Un giovane e potentissimo collettivo di architetti e designer - abbastanza visionari e smaliziati da sapersi proporre con successo a tantissime realtà nazionali - fa da una manciata d’anni un lavoro davvero degno di nota: trasformare lo scarto in design, il rifiuto in oggetto utile e bello. Sul loro sito www.farwaste.it

Robbie Williams, Il Liga, Raffaella Carrà

di Pietro Raboni

si trovano igloo fatti di latte di pomodoro per la pizza, lampadine dentro vecchi ferri da stiro, librerie costruite con sedie rotte e sedie nuove realizzate con bottiglie di birra. Tutti in vendita.

libri che si ascoltano C’è una casa editrice italiana che fa un ottimo servizio a tutti quei lettori che amano le storie ma meno i libri. Si chiama emons:audiolibri e pubblica – appunto – solo libri da ascoltare, spesso molto amati dal pubblico, letti e interpretati da grandi voci nazionali.

Robbie Williams canta swing

È fissata per il 18 novembre l’uscita del nuovo album dell’ex Take That Robbie Williams, il ribelle. Questo inverno Robbie regala ai suoi fan un album tutto swing, Swings Both Ways, con molte cover, alcuni inediti e splendidi duetti con colleghi d’eccezione, come Michael Buble e Lily Allen. L’album, disponibile in versione standard e in versione deluxe (con più tracce e alcuni video) sul suo sito ufficiale, è una dedica elegante a un’epoca culturale che il cantante sente molto sua, anche senza esserci mai vissuto, “un’ode definitiva e uno sguardo amorevole verso un’era a cui non sono stato invitato ma a cui mi sento ancora fortemente legato".

Di recente uscita, si segnalano Io non ho paura, il capolavoro di Niccolò Ammaniti letto da Michele Riondino e Il piccolo libraio di Archangels di George Simenon letto dalla voce “solida” di Claudio Santamaria.

www.emonsaudiolibri.it il paradiso dello shopping online Sulla home page del sito www.yoox. com/it si capisce subito di essere

Il Liga sta tornando

L’attesa per questo album è stata davvero mediaticamente perfetta, oltre che lunga: prima la notizia della nuova creazione dopo tre anni di silenzio, poi la tracklist trascritta sulla pagina Facebook di Ligabue, poi l’uscita a settembre del singolo Il sale della terra e le tre date sold out all’Arena di Verona, e infine il nome, attesissimo, del nuovo album: Mondovisione, di nuovo comunicato tramite Facebook. L’uscita è prevista per il 26. I suoi capelli sono diventati bianchi ma lui non pare volerli nascondere, anzi, adatta il suo look rockettaro al passare degli anni e – a questo punto – a una mondovisione che è anche – lo dice lui – visione di un mondo.

arrivati in un posto importante: tutti dicono #iloveyoox, soprattutto le donne! Ottima navigabilità online, assoluta affidabilità offline, Yoox offre capi e accessori di tutte le marche e i prezzi, per tutti i gusti e le esigenze. La chiave del loro successo? L’offerta completa delle grandissime firme accanto ai designer più innovativi e sperimentali, da tenere sempre d’occhio per le vere appassionate.

56 | 11 . 2013 | Shop in the City

Musica Dance per Raffa

Non per carriera ma per gioco: solo un’esuberante Raffaella Carrà, classe 1943, poteva permettersi un’affermazione del genere per annunciare la ragione del suo ritorno in studio dopo ben quattordici anni dall’ultima sua fatica discografica. A fine ottobre, infatti, è prevista l’uscita di un suo nuovo lavoro, anticipato nei mesi estivi dal singolo Replay: predominante la declinazione dance, oggi Raffaella sembra più vitale che mai. Forse merito della stagione a The Voice, forse merito del settantesimo compleanno festeggiato nelle Filippine, il fatto è che la sua energia sembra davvero inesauribile e siamo pronti a scommettere che sarà ancora lei la protagonista di tante serate dance invernali.


4 passi

Lungo Dora Il nuovo mondo dietro la Dora. di Marta Ciccolari Micaldi foto di Antonella Ferrari

C

’è una zona di Torino in cui fino a pochi anni fa passeggiare era un’esperienza perturbante: atmosfere cupe per la vicinanza del cimitero monumentale, fabbriche dismesse e abbandonate, zone verdi mal frequentate. Nel giro di breve tempo, tuttavia, questo quadrilatero urbano un po’ curvo, compreso tra via Bologna, Lungo Dora Firenze e Corso Novara è profondamente cambiato e attira molti cittadini. Sia per le attività che qui sono nate, che quindi offrono

58 | 11 . 2013 | Shop in the City

intrattenimento e servizi, sia per la grande azione di riqualificazione dei suoi edifici, che quindi invita imprenditori e abitanti a trasferirsi tra le sue vie. A differenza del centro storico o di altre zone di Torino, forse più conosciute, forse più tradizionali, il miglior modo per conoscere questa zona non è – solo – bighellonare per le sue strade, ma conviene armarsi di una buona guida e approfondire uno alla volta i suoi segreti, le novità e le trasformazioni. È una zona che va

conosciuta partendo anche da uno sguardo all’indietro, per cogliere meglio il senso del tempo e il suo potere innovatore. Ecco, quindi, un piccolo breviario alla scoperta del quadrilatero più curvo e sorprendente di Torino.

La pacifica invasione dei grandi

L’ultima grande iniziativa in ordine cronologico, ma una delle più importanti per la riqualificazione di questo quartiere, riguarda il complesso


4 passi

Nelle immagini a sinistra l'ingresso dell'Espace, sotto il laboratorio Giardini Villa. Nella pagina precedente il nuovo campus Einaiudi dell'Università degli Studi di Torino.

della ex Centrale Elettrica di via Pisa 5, dove lo scorso 4 ottobre si è insediata la nuova sede dell’Istituto d’Arte Applicata e Design (IAAD) e dove nel prossimo futuro si insedierà anche il nuovo centro direzionale della Lavazza. Questi due soggetti, infatti, rappresentanti di due grandi eccellenze torinesi nel campo della formazione e dell’imprenditoria, hanno stipulato un accordo con la Città di Torino per favorire “interventi di valorizzazione e recupero funzionale, con attenzione ai valori formali e strutturali dell’edificio storico”. Così dichiara Mario Turetta, direttore regionale per i Beni culturali e paesaggistici del Piemonte, riferendosi al progetto architettonico di Cino Zucchi e Cristiano Picco, che ha trasformato un enorme edificio industriale in disuso (la ex Centrale Elettrica, appunto) in un complesso urbano polifunzionale di 19mila mq, dove nei prossimi mesi convergeranno studenti, professionisti e cittadini. Molto simile è stato il processo che ha portato negli ultimi anni (ce ne sono voluti un po’) l’Università degli Studi di Torino a trasferire una parte dei propri spazi dal centro storico alle sponde della Dora, non esattamente sul lato di Lungo Dora Firenze, ma sull’altro, su Lungo Dora Siena. La

nuova sede, ipermoderna, dalle linee curve, gli spazi funzionali e la tecnologia imperante, ospita i dipartimenti di Giurisprudenza e Scienze Politiche, in particolare una biblioteca interdipartimentale con oltre 500mila volumi, un bookstore, strutture specifiche per la ricerca, altre per i laboratori informatici e linguistici, 27 aule, 600 posti auto, sale studio e una grande piazza centrale di 80 metri di diametro su cui convergono le diverse strutture. Molto simile a un campus anglosassone, quindi, la nuova sede dell’università, che è intitolata all’ex Presidente della Repubblica Luigi Einaudi, è stata progettata e costruita all’insegna della sostenibilità ambientale e del comfort ottico e uditivo. Un’altra grande istituzione torinese che ha costruito la propria sede riqualificando una vecchia fabbrica in disuso (l’ex Lanificio Cologno) e che negli ultimi tempi ha intensificato tantissimo la propria attività, diventando un vero e proprio punto di riferimento della creatività e della cultura della nostra regione, è il Cineporto di via Cagliari 42, ovvero la sede della Film Commission Torino Piemonte. Più di 9mila mq – riconvertiti in quattro anni di lavoro e con grande attenzione al recupero degli

elementi strutturali originali – oggi costituiscono una vera e propria cittadella del cinema con uffici di produzione che possono ospitare fino a 5 produzioni in contemporanea, sale costumi, falegnameria, area lavanderia, sale casting e un bar-ristorante molto colorato sempre aperto al pubblico. Vale la pena passare di qui anche solo per entrare qualche istante in un’atmosfera magica e ispiratrice. Ci sono altri importanti nomi e altre eccellenze piemontesi che in questo quartiere hanno portato un pezzo di sé, o addirittura la propria sede. C’è il Ceipiemonte di corso Regio Parco 27, un centro che silenziosamente e ogni giorno lavora “per favorire la crescita dell’innovazione, della competitività e dell’attrattività del Piemonte” (e infatti “cei” sta proprio per Centro Estero Internazionalizzazione); ci sono la fabbrica del cioccolato di Gobino (via Shop in the City | 11 . 2013 | 59


4 passi

Nelle immagini, sopra la sede dell'Iren in corso Palermo, l'interno de La Casa del Barolo e l'installazione urbana del tram Diogene. Sotto, il susseguirsi di diversi stili architettonici in via Parma.

Cagliari 15/b) e La casa del Barolo (via Perugia 26); ci sono l’agenzia di comunicazione Bellissimo e la sede di Quarta Rete, nascoste in una via che si chiama Regaldi e che per trovarla si fa un po’ di difficoltà ma poi, una volta dentro, ti fa capire bene cosa vuol dire “riqualificazione urbana”: dove una volta c’era disagio e buio oggi c’è un’invasione di creatività e operosità. Infine, non si può non includere in questo breve profilo di storia del quartiere uno sguardo al futuro e, in particolare, al progetto di co-housing di via Perugia: non solo professionisti e aziende, uno spazio può essere condiviso anche per vivere. Questa è la filosofia che sta alla base del concetto di co-housing, un modo di abitare gli spazi già molto diffuso nel nord Europa e arrivato da noi solo da poco: locali in comune (lavanderia, asilo per i bambini, taverna, giardino, a volte anche la stessa cucina e spazi di relax) si uniscono anche a tempi in comune (io offro a te, vicino, qualche ora del mio tempo per guardare i tuoi bimbi e tu, vicino, ricambi dedicandomi due ore per 60 | 11 . 2013 | Shop in the City

ridipingere le pareti del salotto) per consolidare l’idea che il vivere bene, risparmiando anche soldi ed energie, è una dimensione che si può praticare insieme e condividendo. Un ex opificio (la fabbrica Pastore) di via Perugia è stato dunque scelto per venire riqualificato e riconvertito in appartamenti di co-housing e un parco di circa 5mila mq da destinare a vicini di casa che amano comunicare (per saperne di più: www. coabitare.org/viaperugia).

Piccole chicche crescono

Accanto ai grandi nomi ce ne sono altri più piccoli, ma altrettanto vivaci (se non di più). In corso Regio Parco la gelateria Torre e il Basic Village offrono sfizi diversi ma irrinunciabili: la prima, già famosa per lunghissime code sul marciapiede d’estate, fa ottimi gelati e introvabili granite siciliane; il secondo è un centro polifunzionale diversissimo da qualsiasi altro, perché all’impersonalità del non luogo tipica di altri centri il Basic Village ha sostituito l’impronta urban, spartana e

postindustriale. Qui si trovano – tra gli altri – i loft di Robe di Kappa, Superga e K-Way, i Fratelli la Cozza, gli uffici di BasicNet (proprietaria dei marchi appena citati) e BBB Architetti Associati, un roof garden, una lavanderia e un Carrefour. In via Pisa c’è La casa del Cavallo – Rider’s Shop, un


4 passi

Nelle immagini un suggestivo murales di corso Brescia e la sede della fabbrica di Gobino in via Cagliari. Sotto l'ex mercato d'ingrosso di fiori.

luogo unico nel genere e mai visto da nessun’altra parte, perfetto – ovviamente – per chi va a cavallo; per le signore, in via Catania 9 c’è La Perla, mentre al 16 della stessa via c’è la stilista Ombra di foglia, senza contare la scuola di tango argentino di Vanna e Nicola in via Parma 29. Per i giovani, invece, in via Perugia 32 c’è un punto di riferimento storico per la moda urban, i Docks Dora, mentre al numero 75 di via Parma c’è Qubì, uno spazio fisico da condividere per proporre mostre di fotografie, imparare l’inglese mangiando o semplicemente a mangiare meglio grazie a un ricettario di cucina condiviso (incuriositi? Anche noi. Visitate: www.qubito.org). Infine una visita va fatta nella nuova libreria Il ponte sulla Dora, un incrocio di libri, lettori e idee in movimento.

La mappa puntinata dell’intrattenimento

Tra squarci di ponti sulla Dora, accessi futuristici al futuro e paperelle volanti (quelle sulle finestre dell’asilo nido

Papaveri e papere, che sbuca all’improvviso come una casetta incantata in mezzo ai palazzi di via Pisa), anche il divertimento vuole la sua parte. Ecco quindi alcune istituzioni delle serate torinesi: l’Espace (uno spazio trasversale di cultura, socializzazione e comunicazione sito in via Mantova 38, dove produzioni teatrali d’avanguardia si alternano a grandi eventi), le Officine Corsare (il circolo Arci più conosciuto di Torino, soprattutto dagli studenti universitari, in via Pallavicino 35) e il Caffè Basaglia (il centro di animazione sociale e culturale delle comunità, in via Mantova 34, dove presentazioni di libri, lezioni di tango, spettacoli teatrali, pasti, serate danzanti e seminari portano il programma culturale ben oltre il tempo di un caffè). Infine una menzione speciale va a Teatroria, uno spazio di corso Brescia 77 che unisce il teatro alla trattoria e “lo spettacolo del gusto al gusto per lo spettacolo”: un matrimonio anticonvenzionale e pieno di sorprese.

I 4 passi sono stati stancanti? Forse un po’ sì, ma non sono finiti se non si va a fare una foto al tram Diogene, un’installazione urbana del Progetto Diogene costituita da un vagone di un vecchio tram torinese posizionato al centro della rotonda di corso Regio Parco e convertito in spazio espositivo, spazio d’incontro per artisti, spazio fantastico per fare del contesto urbano una scenografia surreale.

Shop in the City | 11 . 2013 | 61


green

Dai libri alle app, dal museo ai corsi del Wwf, tutti i modi per insegnare ai bambini il vivere green.

L’ecologia è un gioco da ragazzi di Maria Grazia Belli

Sopra il libro Buone notizie dal pianeta terra, Editoriale Scienza; a destra due delle copertine della collezione Nina e Nello, Sassi Junior Editore.

A

wwf: 40 anni di esperienza il WWF, seguendo le linee guida del Ministro dell’Istruzione, mette a disposizione dei docenti e alunni (dalle elementari alle medie): una serie di risorse didattiche per parlare di ambiente (i rifiuti, i cambiamenti climatici, l’importanza della biodiversità), delle lezioni e dei video scaricabili gratuitamente, e utilizzabili

lle elementari la maestra Margherita – donna severa, intelligente e molto attenta alle tematiche ambientali – teneva il corso di ‘ecologia’. Tra le tante attività proposte ricordo ancora la raccolta dei rifiuti con un guanto di jeans costruito da noi alunni. Portavo quel guanto ovunque e sembravo una spazzina impazzita. Oggi, 25 anni dopo, solo il pensiero che qualcuno getti un rifiuto per terra mi infastidisce. Educare i bambini a rispettare e conoscere l’ambiente in cui vivono è importante. E la responsabilità di questo insegnamento e sia delle famiglie, sia della società. Ecco alcuni suggerimenti di giochi, letture e buone pratiche per aiutarvi in questo – fondamentale- compito.

con la lavagna interattiva, i campi scuola dove i ragazzi possono approfondire i temi ambientali direttamente a contatto con la natura.

www.wwf.it/scuole 62 | 11 . 2013 | Shop in the City

Libri: facciamoci aiutare da chi ‘ha studiato’ Perché non leggere insieme a vostro figlio un bel libro che parla di risparmio

energetico, di riciclo, dell’importanza di chiudere il rubinetto dell’acqua o di salvare la natura? Diversi editori dedicano intere collane a questi temi: “Nina e Nello”, Sassi Junior Editore, 3 anni + Due bambini sono i protagonisti di una serie di storie legate ai temi della natura e dell’ecologia. Dal riciclo, alla raccolta differenziata, dalla produzione di latte biologico al riutilizzo dei materiali. Tutti i libri sono inoltre stampati con inchiostri ecologici su carta ottenuta da foreste sostenibili. “Buone notizie dal pianeta terra”, Editoriale Scienza, 8 anni + “Non è il solito libro sull’ambiente!”. Tra le pagine non si troveranno infatti messaggi catastrofici sullo stato del pianeta o concetti complicatissimi. Attraverso una grafica accattivante il libro spiega invece ai bambini come, con le loro azioni, possono migliorare il mondo.


green

A fianco alcune schermate del gioco Zoe va controcorrente. Al centro una delle attività proposte dal museo A come Ambiente. Sotto le copertine del catalogo I Piedi sulla Terra, Kite Edizioni.

“I Piedi sulla Terra”, Kite Edizioni, 5 anni + Kiko, un alce verde, porterà i bambini a scoprire tutti i segreti per salvare il pianeta. Grazie ad una grafica molto colorata e piena di dettagli i bambini impareranno i piccoli gesti per fare la differenza. Ogni volume ha anche un utile dizionario dell’ecologia con la spiegazione dei termini più difficili. I titoli in catalogo sono “Ricicliamo i rifiuti!”, “Chiudiamo il rubinetto!”, “Proteggiamo la natura!” e “Spegniamo la luce!”.

mix tra divulgazione, informazione, consigli e indicazioni sui propri comportamenti. Un posto dove ‘Conoscere e giocare…’con l’energia, i trasporti, i rifiuti, l’aria, l’acqua, il suolo, l’alimentazione, i cambiamenti climatici, il piccolissimo o la biologia. www.museoambiente.org

APP: Zoe va controcorrente, 7-11 anni Zoe è una bambina curiosa che, insieme a Pedro, imparerà quanto è importante l’acqua anche grazie all’aiuto di un principe Ranocchio. Realizzato dalla Museo A come Ambiente: un Commissione Europea, il gioco laboratorio per tutte le età funziona su PC, smartphone e tablet A Torino, in corso Umbria 90, c’è l’unico Apple e Android. Sul sito ci sono anche museo in Europa che si occupa delle note didattiche per gli insegnanti. esclusivamente di attualità ambientale. www.ec.europa.eu/environment/pubs/ Il museo dedicato a grandi e piccini, children/zoe/ utilizza un linguaggio multimediale e interattivo. Parola d’ordine: toccare, interagire, conoscere e divertirsi. Un Shop in the City | 11 . 2013 | 63


green By co.va.r 14

Co.va.r 14 in breve

Il CO.VA.R. 14 è uno degli 8 consorzi obbligatori di bacino della Provincia di Torino, previsti dall’art. 11 della Legge della Regione Piemonte 24 ottobre 2002 n. 24 e costituiti ai sensi dell’art. 31 del D. Lgs. 267/2000. Il consorzio, costituito dai 19 comuni della cintura sud di Torino, svolge le funzioni di governo e coordinamento dell’organizzazione dei servizi di raccolta rifiuti e di igiene urbana nel bacino di competenza assicurando la gestione unitaria dei rifiuti urbani nella fase

Dal 16 al 24 novembre si terrà la settimana europea di riduzione dei rifiuti.

Co.va.r 14 e gli ospedali della cintura sud di Torino insieme per la riduzione dei rifiuti La Settimana Europea di Riduzione dei Rifiuti, rappresenta una vetrina importante per la sperimentazione di nuove strategie volte alla prevenzione e alla riduzione dei rifiuti.

di raccolta e avvio al recupero e smaltimento ed esercita i poteri di vigilanza sullo svolgimento dei servizi stessi. Predispone i piani finanziari e la tariffa, per ciascun comune, provvede alla riscossione di quest’ultima, previo assenso dei comuni. Il Co.va.r 14 realizza campagne di comunicazione ambientale e

Il Co.va.r 14, l’ente che gestisce i servizi di raccolta e di igiene urbana in 19 comuni della cintura sud di Torino, partecipa ormai da anni all’iniziativa facendosi promotore di iniziative che, in linea con le direttive europee in materia di rifiuti, pongono come obbiettivo prioritario la prevenzione dei rifiuti attraverso la riduzione degli imballaggi e degli sprechi.

progetti educativi nelle scuole per promuovere la raccolta differenziata ed educare al rispetto per l’ambiente. I comuni del Covar 14: Beinasco, Bruino, Candiolo, Carignano, Castagnole La Loggia, Lombriasco, Moncalieri Nichelino, Orbassano, Osasio, Pancalieri, Piobesi, Piossasco, Rivalta, Trofarello, Villastellone, Vinovo, Virle.

Per saperne di più www.covar14.it

In occasione della quinta edizione della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti (16-24 novembre) il Covar 14 focalizza l’attenzione sulla produzione dei rifiuti nelle strutture ospedaliere dei Comuni consorziati con l’obiettivo di ottimizzarne il sistema di raccolta e di recupero e renderne più semplice la gestione; all’interno degli ospedali, infatti, oltre ai rifiuti sanitari, vengono raccolte grandi quantità di rifiuti in plastica, alluminio, vetro,carta, organico e anche di rifiuti non recuperabili.

64 | 11 . 2013 | Shop in the City | Shop promotion

Quest’anno l’evento vedrà protagonisti i tre complessi ospedalieri del bacino consortile: l’azienda OspedalieroUniversitaria San Luigi Gonzaga di Orbassano, l’ospedale Santa Croce di Moncalieri e l’Istituto di Ricerca per la Cura del Cancro di Candiolo, i quali verranno coinvolti con le seguenti finalità: • Rendere più efficiente ed accessibile la raccolta differenziata all’interno della struttura ed ottimizzare il sistema di raccolta rifiuti esistente; • Sensibilizzare il personale ospedaliero incaricato alla gestione dei rifiuti ad una corretta raccolta differenziata ed a ridurre a monte la produzione di rifiuti; • Avviare una collaborazione con Banco Alimentare per il recupero dei pasti non somministrati, al fine di ridurre i rifiuti organici prodotti dalle mense ospedaliere e attivare meccanismi di solidarietà nei confronti delle persone indigenti. “Prevenire è meglio che curare” è lo slogan della campagna: una frase comune, legata alla prevenzione in ambito medico, che vuole sensibilizzare sul nesso tra salute dei cittadini e attenzione ai problemi ambientali.


in vetrina

Alessandro gassmann

Vi presento il mio Shakespeare L'attore porta in scena Riccardo III al Teatro Stabile dal 26 novembre all'8 dicembre. "Per rendere la furia e la violenza che animano Riccardo ho cercato di rivivere la rabbia che avevo tra i 15 e i 20 anni". di Irene Soave

Alessandro Gassmann. Foto di Gianmarco Chieregato. 66 | 11 . 2013 | Shop in the City


in vetrina

Alessandro Gassmann in Riccardo Terzo.Nella foto in alto Alessandro Gassmann con Palia Pavese. Foto di Federico Riva © 2013.

I

l carismatico Kenneth Branagh nei panni del regista fallito in Celebrity. Il cowboy John Wayne che fa Gengis Khan ne Il conquistatore. Il magnifico tontolone Colin Farrell nel ruolo di Alessandro Magno in Alexander. La storia del cinema e del teatro è costellata di parti sbagliate per l'attore sbagliato: il figone monoespressivo nella parte del protagonista tormentato, il caratterista nella parte dell'eroe positivo, la bella truccata da brutto anatroccolo a cui però non crede nessuno. Sulla carta, Alessandro Gassmann nei panni del Riccardo III di William Shakespeare sarebbe potuto essere un azzardo simile: Gassmann è solare, simpatico, alto due metri, muscoloso, sexy, mentre il sovrano d'Inghilterra (le cui spoglie, ritrovate a settembre 2012 sepolte sotto un parcheggio di Leicester, confermerebbero) piccoletto, tutto storto, curvo e deforme e quindi anche livoroso e, come il giudice nano di De André, animato da una livida sete di conquista a mo' di rivalsa sul mondo intero. Eppure il successo delle decine repliche del "Riccardone" – così lo ha soprannominato Gassmann che dal 2012 lo dirige, oltre a interpretarlo – non lascia dubbi:

la parte è perfettamente riuscita. Prima che possiate giudicarlo da voi – il suo Riccardo III è in cartellone al Teatro Stabile dal 26 novembre all'8 dicembre – gli abbiamo chiesto di raccontarci come ha fatto. «Io e Vitaliano Trevisan, che ha sceneggiato il dramma, ne abbiamo fatto un diverso. Non potevo camuffarmi da piccoletto: ho deciso quindi di rovesciare la sua mostruosità, scegliendo attorno a me attori bassi di statura ed esasperando l'altezza di Riccardo. Vado in scena con scarpe alte, una delle quali ha una zeppa più spessa per farmi camminare storto. E così il mio Riccardo fa orrore perché è "fuori scala". È un diverso: è la sua diversità a renderlo bramoso, distruttivo. Si nutre del suo potere, man mano che lo conquista. Non ne ha mai abbastanza, e sfrutta la sua intelligenza per

«Così il mio Riccardo fa orrore perché è "fuori scala". È un diverso: è la sua diversità a renderlo bramoso, distruttivo».

Shop in the City | 10. 2013 | 67


in vetrina

Riccardo Terzo da sinistra Marta Richeldi, Alessandro Gassmann, Mauro Marino, Sergio Meogrossi, Sabrina Knaflitz. Foto di Federico Riva © 2013.

eliminare gli avversari con violenza e sangue. ma quando raggiunge il potere e diventa re perde forza, perché si siede sugli allori. Cessa di essere così intelligente e diventa tronfio, diventa semplicemente violento e smette di pensare, eliminando persone che lo hanno anche aiutato, senza pensare che senza di loro è perduto». Un ritratto del potere più ottuso. «Ma anche di quello che è successo in questi giorni (l'intervista è stata registrata ai primi di ottobre, ndr) con la crisi di governo. Io ho idee politiche, di cui non parlo pubblicamente. Se non per dire che sono esterrefatto di questa situazione: siamo al momento più basso dal dopoguerra. In questo senso il testo shakespeariano regge ancora oggi. Non sta a noi dire che i nostri politici somigliano al Riccardone: ci cascano dentro loro nella trama, riga per riga». E lei? Fisicamente così diverso, in cosa somiglia a Riccardo? «Per rendere la furia e la violenza che lo animano ho cercato di rivivere la rabbia che avevo tra i 15 e i 20 anni, quando ero un ragazzo incontenibile, un attaccabrighe. Ne ho prese e ne ho date tante: ero un gigante

68 | 11 . 2013 | Shop in the City

in un mondo di ragazzini, e mi sentivo molto sotto i riflettori, anche per il mio cognome, quindi spesso facevo a botte». Non si direbbe. «Mi hanno salvato lo studio, il teatro, la passione per il mio lavoro. E una palestra di pugilato dove mi iscrisse mio padre. Lì potevo sfogarmi, nel rispetto delle regole. E ho capito quanto i pugni fanno male. Sono diventato un non violento totale, un pacifista». Perché ha scelto un testo così difficile? Anche per il pubblico: il Riccardo III ha mille personaggi, molti hanno lo stesso nome...non è un'opera semplice. «Shakespeare scriveva con grande ridondanza perché scriveva per un pubblico di analfabeti,

«Il teatro mi ha emozionato molto, più del cinema. Ma mi ha anche annoiato molto. Più del cinema. Shakespeare era un maestro. Se annoia è perché è troppo paludato, messo in scena in modo ripetitivo; o perché è troppo cerebrale».


in vetrina

e doveva spiegare le cose più volte. A noi non serve: quindi ho ridotto il tempo da 3 ore, la durata media di una regia classica del Riccardo, a 2 ore e 10. Ho cercato di diminuire il numero di personaggi e semplificare - nel rispetto della scrittura di Shakespeare - il linguaggio, avvicinandolo a quello dei più giovani. È uno Shakespeare per tutti, bambini compresi». Le è mai capitato di annoiarsi tantissimo a teatro? «Il teatro mi ha emozionato molto, più del cinema. Ma mi ha anche annoiato molto. Più del cinema. Shakespeare era un maestro. Se annoia è perché è troppo paludato, messo in scena in modo ripetitivo; o perché è troppo cerebrale. O troppo lungo. Anche al cinema: trovo che gli ultimi film americani siano tutti troppo lunghi di mezz'ora. cioè devi proprio essere Incontri Ravvicinati per durare tre ore e non farmi addormentare. Il Riccardone qua invece mi da grandi soddisfazioni. perché si capisce tutto e ci si diverte anche». Sul Riccardo III si sono misurati grandissimi registi, a teatro e al cinema. Tra loro, suo padre Vittorio e Carmelo Bene. Da chi ha

preso spunto? «Non ho mai visto quello di mio papà, anche se in casa mia sono cresciuto con un cavallo di scena in salotto, quello della famosa battuta "Il mio regno per un cavallo". Ma nel mio spettacolo c'è qualcosa di tutti gli altri. Looking for Richard con Al Pacino è stato interessante. Ma mi sono anche ispirato a Tim Burton, gotico, crepuscolare. Ritraggo un mondo di morti, come quelli di Burton; come quelli di Burton è spaventoso, ma fa anche molto ridere».    La battuta che secondo lei contiene più verità. «"Io non ho nulla in me del fratello né del figlio. Ma se così si è voluto rendere il mio corpo, per amore di simmetria si storpi anche il mio animo". Così parla l'orribile Riccardo. Che mette al servizio di fini disonorevoli un cervello straordinario, storpiandolo».  Facile, per lei che è bello, avallare il cliché del brutto che diventa cattivo perché frustrato. «Ma no. Non è uno stereotipo in cui credo. Ci sono anche cattivi bellissimi. E poi pensi a Gandhi. Non era mica un bell'uomo».

Riccardo Terzo Sabrina Knaflitz e Alessandro Gassmann. Foto di Federico Riva © 2013.

Shop in the City | 11 . 2013 | 69


72 | 11 . 2013 | Shop in the City

riesce ad essere concreto.

Un architetto/artista, pratico che

arrangio a ritmo del cliente".

pezzo musicale esistente che

Saint Tropez. La casa per lui è "un

Ha già lavorato tra Torino, Milano e

donano un’aria nuova alla casa.

recuperare anche quei 30 cm che

gusto. Lavora con gli operai per

atmosfere mai banali e di gran

percorsi semplici e geniali creando

mode del momento. Per farlo segue

Il casco Diesel by Agv dal colore verde militare si può abbinare a ogni outfit, dal jeans al calzone.

Le collezioni di cronografi Lotus al maschile conquistano per il carattere deciso della scelta monocromatica. Dalla personalità spiccata i cinturini di poliuretano hanno una finitura mat che fanno da sfondo alla lunetta dall’effetto verniciato.

Vuoi essere tu il prossimo protagonista del nostro Outfit? Raccontaci il tuo stile a redazione@shopinthecity.it

carattere dei proprietari e dalle

volta, traendo ispirazione dal

Le trasforma e le veste volta per

possibile le "case" delle persone.

cerca di personalizzare il più

Cambia contro la globalizzazione e

di alto livello ha deciso di cambiare.

nella moda per aziende di prodotto

360 gradi. Dopo 30 anni di scelte

tale e che applica la sua creatività a

Un architetto che non ama definirsi

Dario Gagnesi

outfit


Foto di Antonella Ferrari

Classico ma tecnologico. Un uomo al passo con i tempi ma che non rinuncia allo stile del doppiopetto.

Just Cavalli for Him è stata realizzata dai maestri profumieri Domitille Bertier e Clément Gabarry di IFF. È una composizione fresca legnosa effetto cuoio.

Il Travel Tailoring di Burberry è un nuovo tipo di sartorialità maschile perfetto per l'uomo che viaggia. I tessuti seguono il movimento del corpo, pur mantenendo il forte aspetto del classico abito su misura.

Gusto e atmosfera blue

Derapage, collezione MoleCube da sole. Innovazione tecnica e stile a servizio della protezione dei raggi del sole. La nuova collezione di occhiali di Derapage è rivoluzionaria perché utilizza la costruzione tecnica del progetto brevettato MoleCube, 100% Made in Italy. Lenti multistrato sfumate o specchiate. www.derapage-eyewear.com

Fx Frau propone una collezione completamente rinnovata in cui i contenuti tecnici si fondono con dettagli di stile.

outfit

Shop in the City | 11 . 2013 | 73


Immaginavi che i tuoi vecchi cimeli di famiglia potessero essere una risorsa?

Collezionista Privato Cerca Oggetti ex militari dal risorgimento alla seconda guerra mondiale (1848–1945) Medaglie, croci smaltate, decorazioni, distintivi, elmetti, berretti, cappelli da alpino, divise, cinturoni, equipaggiamenti, bandiere e gagliardetti, album di fotografie con militari in divisa, cartoline, bronzi e quadri a carattere militare e giocattoli militari d’epoca.

Chiama il 3662536596 oppure manda le tue foto via e-mail cercomilitaria@hotmail.com e riceverai la nostra valutazione senza impegno. Pagamento immediato massima serietĂ e riservatezza


non sembra torino

Trentino

Din-din-din, il treno per le dolomiti è in partenza dal binario uno. Zaino in spalla, sci, scarponi, tutto è pronto per la settimana bianca.. Guardando bene però qualcosa non torna. Siamo infatti in piazza Modena a Torino, alla stazione di Sassi dove parte la storica tranvia a dentiera Sassi – Superga, unica in Italia nel suo genere.

Shop in the City | 11 . 2013 | 75


non sembra torino

C'era una volta...

...una fabbrica dove si creava il cioccolato, omini vestiti di bianco assaggiavano il nettare di Dio che sgorgava da una sorgente interna e tutto profumava di cacao. Questa non è un immagine tratta da un libro di favole ma la facciata di una vera "fabbrica di cioccolato" quella di Guido Gobino in via Catania.

76 | 11 . 2013 | Shop in the City


non sembra torino

Organo a canne

Pensate di essere in una chiesa barocca, alta e maestosa. Mentre siete lì ad ammirare l'edificio un suono si diffonde, é quello dell'Organo. Inventato nel 275 circa a Alessandria d'Egitto questo strumento così affascinante si è poi diffuso in tutto il mondo. Qui non siamo in una chiesa ma in via Perugia: questo edificio così lineare non sembra anche a voi un organo?

Shop in the City | 11 . 2013 | 77


non sembra torino

Un tuffo nel XV secolo

Tra dame e messeri, tra fanciulle e cavalieri camminiamo per le vie di questo borgo medievale. Non si tratta di un set cinematografico ma è il famoso Borgo Medievale di Torino, costruito fra il 1882 e il 1884 dall'architetto portoghese Alfredo d'Andrade per l'Esposizione internazionale del 1884. Diventato museo civico nel 1942 oggi il borgo è sede di mostre, eventi e botteghe.

78 | 11 . 2013 | Shop in the City


non sembra torino

Zurigo

È la maggiore città svizzera e a lei hanno dedicato anche un asteroide il “13025 Zürich”. Con i suoi 50 musei e oltre 100 gallerie Zurigo è una metropoli tutta da scoprire e sede dei prestigiosi marchi della moda internazionale. A vederla da questa angolatura, alle spalle della fontana Angelica, piazza Solferino le assomiglia un po’, non trovate?

Shop in the City | 11 . 2013 | 79


non sembra torino

Bauhaus

Lo sapete che la scuola Bauhaus fece capolino anche da noi? Ma certo, nello specifico in corso Giovanni Lanza. E questo palazzo ne è un esempio. Ma no, non è vero! Però a noi, questo edificio squadrato e con torretta ci ricorda tanto il Bauhaus Dessau.

80 | 11 . 2013 | Shop in the City


E TU CHE “TORINO” SEI?®

Per informazioni commerciali contattare info@birrificiotorino.com Disponibile in fusto e bottiglie da 33cl e 75cl

www.birrificiotorino.com

Birra Torino L’Originale chiara doppio malto alc.6.8% vol Birra Torino La Classica chiara alc.4.6% vol Birra Torino La Rossa rossa doppio malto alc.6.8% vol Birra Torino La Speziata bianca allo zenzero alc.4.2% vol Birra Torino L’Amara i.p.a. ambrata alc.6.2% vol Birra Torino L’Affumicata chiara affumicata alc.5% vol Birra Torino La Masca scura al caffè alc. 5.2% vol ...E Birra Torino di Natale


tff

Grandi rassegne da non perdere

La nova edizione diretta da Virzì riaccende il cinema in città.

Riflettori puntati sulla 31° edizione del Torino Film Festival

new hollywood. il nuovo cinema americano tra il 1967 e il 1976 è una retrospettiva che si articola in due anni ed è a cura di Emanuela Martini. Volta alla riscoperta di quel periodo storico in cui la cultura

di Pietro Raboni

statunitense cambiò per sempre e nacquero i grandi protagonisti del cinema contemporaneo sulla scia dei miti e dei moti della controcultura, la rassegna vuole ambiziosamente ricostruire l’immaginario collettivo dell’epoca proponendo circa ottanta film tra cui alcuni cult come Pat Garret e Billy The Kid, Easy Rider e Il laureato. tratti e ritratti. per alberto. 33 fotografie di fulvia farassino è una mostra a cura di Cesare Colombo che viene inaugurata al Museo del cinema il 23 novembre (fino al 6 gennaio) ed è dedicata ad Alberto Farassino, giornalista e critico cinematografico di Repubblica ritratto dalla moglie Fulvia, fotografa professionista.

Nella foto un fotogramma del film La mossa del Pinguino diretto da Claudio Amendola. Nella pagina accanto Last Vegas, il film che verrà proiettato nella serata dell'innaugurazione del festival. A fianco il il manifesto del 31° TFF, realizzato da Gipi.

82 | 11 . 2013 | Shop in the City

22

-30 novembre: queste le date di inizio e fine della settimana torinese del cinema, quando quasi tutte le sale della città si trasformano in appuntamenti al buio gremiti di spettatori curiosi e a volte un po’ inconsapevoli, le parole retrospettiva e concorso sono protagoniste assolute, fuori inizia a fare freddo sul serio ma nessuno rinuncia a qualche passeggiata furtiva a caccia di attori e registi. Il Torino Film Festival per Torino è proprio questo: lunghe code, un bagno di fotogrammi mai visti prima, incursioni in territori del cinema (come i corti o i documentari) che fino a qualche giorno prima erano interesse esclusivo dei cinefili. Il TFF di quest’anno, in più, si annuncia come uno dei più attesi di sempre e la ragione più importante di tanta attesa è il cambio di direzione: dal 2013 il nuovo direttore del Torino Film Festival è Paolo Virzì, il regista che ha firmato film molto amati dal pubblico come

Caterina va in città, La prima cosa bella (nominato agli Oscar 2011 come Miglior film in lingua straniera) e Ovosodo. Così Virzì definisce il suo TFF: “Un festival caldo e accogliente, sostanzialmente inalterato nell’identità, che tenterà di realizzare in nove giorni l’utopia di un cinema senza confini, dove lo spettacolo e l’intrattenimento popolare abitano nello stesso luogo dei percorsi d’autore, del documentario e del cinema sperimentale; ma anche un Festival 2.0, continuamente ‘connesso’ e fruibile dagli utenti del web”. Tra le novità più rilevanti annunciate da Virzì c’è senz’altro la volontà di valorizzare il cinema italiano attraverso, da un lato, un ciclo di film nostrani degli ultimi vent’anni, discussi da giornalisti e autori per capire come queste pellicole abbiano raccontato il nostro paese e, dall’altro, attraverso una retrospettiva dedicata a un cineasta recente. Il 31° Torino Film Festival accende i suoi riflettori la sera del 22 novembre, con


tff

Se il programma, quindi, sembra accogliere momenti di leggerezza accanto a sperimentazioni di interpretazione più complessa, c’è un elemento che colpisce ancora di più per l’edizione 2013: il manifesto del 31° TFF, realizzato apposta per l’occasione da Gipi, fumettista e regista italiano, nonché numero uno della graphic novel in Europa, che ritrae un bacio, un bacio nostalgico e antico, in cui una donna dai una cerimonia inaugurale all’insegna capelli color ocra e un uomo con i baffi Frances Ha (Usa, 2012, 86’), diretto da dell’ironia, il sorriso, la leggerezza: Noah Baumbach. Una divertente fiaba neri danno vita a un momento d’amore all’Auditorium Giovanni Agnelli (via altamente cinematografico, ma nella quale il regista esplora New York, Nizza 280) Luciana Littizzetto veste i altrettanto vero. È da quel bacio, infatti l’amicizia, la classe, l’ambizione, il panni di madrina del festival e con il suo fallimento e la redenzione. Frances si sembra suggerire l’immagine -, che stile intelligente e dissacrante getta a capofitto nei suoi sogni, vuole più nasce il bambino dai capelli rossi che la accompagna il pubblico dentro le stessa donna tiene per mano davanti di quel che possiede ma vive la sua vita atmosfere di questa nuova edizione, a allo schermo dell’amore, come a fargli con gioia e leggerezza. cominciare da quelle giocose della capire da dove viene. Sullo sfondo, la The Way Way Back (Usa, 2013, 103’), proiezione d’apertura, l’anteprima del notte di una città che ricorda Torino. diretto da Nat Faxon e Jim Rash. Il film Last Vegas (in uscita in Italia a fine timido quattordicenne Duncan passa le Ci mettiamo dunque in curiosa attesa di gennaio 2014). Ben quattro premi Oscar vacanze estive con sua madre, il suo quanto dichiarato dal direttore Virzì ad un po’ invecchiati – Michael Douglas, apertura dei lavori: “Perché il Festival sia compagno iperprotettivo e il fidanzato Robert De Niro, Morgan Freeman e davvero una festa, da un lato abbiamo il della figlia. Durante un difficile Kevin Kline – vanno a Las Vegas per progetto di rilanciare il Premio del ambientamento, trova un amico festeggiare l’addio al celibato dell’ultimo inaspettato in Owen, direttore del parco pubblico, nel quale gli spettatori scapolo - un po’ fuori tempo - della saranno invitati a votare i film del acquatico Water Wizz. compagnia, ma la Città del Peccato non Tra quelle italiane, invece, la curiosità è Festival, e dall’altro stiamo studiando la è più quella che loro ricordano e, tra maniera con cui dare un risalto attratta da La mossa del pinguino un’avventura e l’altra, l’amicizia dei affettuoso al momento dell’ingresso diretto da Claudio Amendola, che quattro sarà messa a dura prova. Il degli ospiti in sala, attraverso una racconta l’avventura verso il sogno regista John Turteltaub sarà presente in olimpico di quattro uomini perdenti, che formula nuova, spettacolare e sala per presentare il suo film. scoprono il gioco del curling e cercano di informale, un caloroso benvenuto al Tra le altre proiezioni americane del 31° partecipare alle Olimpiadi Invernali di quale partecipi anche il pubblico TFF si segnalano: torinese”. Torino 2006. Shop in the City | 11 . 2013 | 83


tff

Il pubblico che affolla le sale durante le giornate del festival.

Breviario dello spettatore smaliziato: come orientarsi al tff Alcuni preziosi consigli di Alberto

Orari, prezzi e novità dell’ultimo

sempre infilarmi in uno dei tanti bar

Gallo, giornalista e blogger di

minuto sono una specie di rebus in

del centro e parlare di cinema con

cinema (C’era una volta il cinema 2.0 >

costante mutazione. Da dove

qualche sconosciuto o sfogliare il

albertogallo.wordpress.com).

accedo alla verità?

catalogo e trovare un’altra

Ovviamente le fonti principali sono

proiezione. E in ogni caso per ogni

Sfoglio il programma del TFF e mi

il sito del Festival e il programma

film perso ce n’è sempre altri quattro

prende il panico, ci sono troppi

cartaceo. Ma, trattandosi di una

o cinque in contemporanea, che non

titoli e sono tutti sconosciuti. Che

manifestazione ancora

vedono l’ora di svelarsi ai nostri

faccio?

adorabilmente “casereccia”, spesso è

occhi. E le belle sorprese sono

Be’, innanzitutto c’è da dire che non

il passaparola a dire la verità meglio

sempre dietro l’angolo.

tutti i film del TFF sono sconosciuti:

di ogni fonte ufficiale. Per non

uno dei punti di forza della

parlare di quei miseri foglietti che

manifestazione sono proprio le

talvolta vengono appesi in tempo

retrospettive, dedicate a registi o

reale sulle porte d’ingresso dei

movimenti artistici sempre

cinema, fondamentali per venire a

interessanti e spesso ben noti (negli

conoscenza dei cambi in corsa

ultimi anni mi vengono in mente

dell’ultimo minuto.

Le proiezioni si svolgeranno nelle

Roman Polanski, Robert Altman, la

Se poi l’imponderabile accade e

Multisala Cinema Massimo (via

British Renaissance...). Quindi un

non riesco a entrare a una

Verdi 18), Multisala Lux (Galleria San

cinefilo poco “coraggioso” o poco

proiezione, c’è troppa coda o non

Federico 33), Multisala Reposi (via

interessato alle novità può anche

mi sanno dire se avanzano

XX Settembre 15).

dedicarsi ai vecchi film. Per quanto

abbastanza biglietti... Come posso

Biglietto intero per una proiezione >

riguarda le opere inedite il mio

rimediare per non perdere la mia

7 euro, ridotto > 5 euro;

consiglio è di andare a intuito, senza

giornata dedicata al cinema?

abbonamento giornaliero > 10 euro;

stare troppo a pensarci: la trama è

Credo che il TFF abbia una

abbonamento intero per il festival >

accattivante? C’è un’attrice

dimensione tale (né troppo grosso

80 euro, ridotto > 55 euro.

particolarmente carina? Alcune

né troppo piccolo: molto torinese,

Sito > torinofilmfest.org; mail >

scene sono state girate nella città

insomma) e location ideali per

info@torinofilmfest.org; telefono >

dove sono andato in vacanza l’estate

essere considerato anche, forse

011.8138811.

scorsa? Ok, allora oggi vado a vedere

soprattutto, un’occasione sociale: se

Facebook > torinofilmfestival;

quel film.

perdo il film che volevo vedere posso

Twitter > @torinofilmfest.

84 | 11 . 2013 | Shop in the City

Info utili


opinione

Fashion-jungle di Eleonora Chiais

Z

ebrato, tigrato, leopardato o pitonato che sia, l’animalier rappresenta senz’altro un punto fermo nel sistema moda contemporaneo ed è stato utilizzato, nel tempo, in tutte le sue declinazioni da stilisti anche molto diversi tra loro. Dal punto di vista semiotico possiamo riconoscere a questa fantasia la capacità di definire, immediatamente, l’outfit perfetto per una donna grintosa che è capace di modificarsi nell’aspetto, letteralmente cambiando pelle, e immedesimarsi in vari ruoli. Storicamente, invece, il

Maddalena fu rappresentata, appunto, con addosso una vistosa pelliccia maculata. Studi più approfonditi, però, riconoscono all’animalier (che, nell’antica Grecia, era definito “zoote”) una associazione diretta con il satanico e l’esoterico in genere, che forse deriva dalla cultura egizia nella quale il leopardo rappresentava il vincolo con l’aldilà e la personificazione della Libidine era rappresentata come rivestita di pelle di pardo. Grazie ai suoi molti significati, più o meno connessi alla storia e alla cultura occidentale e non, l’animalier è stato anche molto utilizzato sulle passerelle di moda e sarà protagonista ancora una volta per l’autunno/inverno declinandosi, soprattutto, nel mondo degli accessori.

tessuto maculato è antichissimo e, originariamente, si riconduceva al culto dionisiaco tanto che, nell’epoca grecoromana, era addirittura Un grande ritorno visto che sono associato all'ebrietà e alla passati più di quarant’anni da lussuria. Un riferimento, questo, quel 1971 definito da Vogue come “l'anno della zoologia nei destinato a durare nel tempo tanto da ricami” e quasi tre decadi da tornare in tutta l’iconografia quando Valentino venne quattrocentesca quando spesso Maria

86 | 11 . 2013 | Shop in the City

incoronato "Re della giungla della moda", il 26 dicembre del 1987. Ma la fashion-jungle è piaciuta a

molti. Tra i suoi seguaci più blasonati spuntano i nomi di Roberto Cavalli, Christian Dior, John Galliano, Jean-Paul Gaultier, Alexander McQueen e Gianni Versace che di tigrato e zebrato ha fatto il suo marchio di fabbrica. Vista, però, la capacità di definire simbolicamente in modo istantaneo il corpo che la sfoggia questa fantasia non è estranea nemmeno al cinema. Registi e sceneggiatori, con alterne fortune, hanno proposto immagini della donna-fiera ma la regina indiscussa è senz’altro quella Josephine Baker, stella del Folies Bergère, che si impone nel 1930 grazie ai suoi costumi succinti da donna-pavone. Le fa eco l’indimenticabile Ava Gardner, in perle e guêpière leopardata adagiata su un manto en pendant, e l’iconica Audrey Hepburn, in “Sciarada” del 1963, con quel cappello leopardato che tornerà, rivisitato, nelle vetrine autunnali.


moda

. 01

. 01 Cloche in pelo fatta a mano, Laurence Bossion. . 02 Handbag con dettagli in cuoio nero, Ermanno Scervino. . 03 Guanti in leopardo e cuoio nero, Ermanno Scervino. . 04 Decolleté con punta in lacca, Luciano Padovan. . 05 Tronchetto con zeppa, Bata.

. 02

. 03

. 05

. 04

Per stupire perchè non "giocare" con l'animalier. Quest'anno sulle passerelle e nei negozi non si vede altro. E allora divertitevi... ma senza esagerare.

Magnifica preda di Irene Soave

Negli anni Trenta e Quaranta vestiva le dive: Joan Crawford, Carole Lombard, Bette Davis, Rita Hayworth, Josephine Baker portavano in scena pellicce e stampe animalier, come sintomo di femminilità e sofisticatezza. Poi corsi e ricorsi storici gli hanno cambiato valore: e negli anni ha perso di classe, diventando sexy, aggressivo e spesso un po' volgare. Recuperato in chiave pop negli anni Ottanta e in chiave grunge nei Novanta, il leopardato è un fenomeno carsico: appare e scompare, non muore mai. E ora sta rifiorendo:

mai come quest'anno passerelle e vetrine si travestono da giungla, tra tigrati, leopardati, zebrati. In versione bon-ton. Come si abbina? Dipende: sempre ok marrone e nero, secondo il tono delle macchie; jeans, se maculato è l'accessorio; rosso, dal corallo per lo zebrato al bordeaux per leopardo e tigre; colori accesi, se la volete buttare sulla provocazione (ma lo ripetiamo: il maculato più attuale è quello "da salotto"). Regole per portarlo: non strafare. Un accessorio o abito

leopardato per volta basta e avanza. Evitare il tono sexy: l'animalier cattura da solo gli occhi di un uomo, senza bisogno di arricchirlo con abbronzatura, gioielli-lampadario, unghie rosse, tacchi a spillo. Preferire, per la stessa ragione, forme svasate invece che attillate; investire (e questo vale sempre, ma l'effetto sexy-shop con il maculato da bancarella è dietro l'angolo) in accessori e capi di qualità. Come quelli che vi proponiamo in questo servizio. Roar!

Shop in the City | 11 . 2013 | 87


moda

. 02

. 01 . 03

. 01 Total-look con spolverino, guanti e sandali animalier, Ermanno Scervino. . 02 Piumino maculato, Herno. . 03 Abito a vestaglia con pince in strass, Liu-Jo. . 04 Clutch con catenella, Liu-Jo. . 05 Ballerina pieghevole da borsetta, Butterfly Twist. . 06 Polacchino con fibbia, Bata.

. 04

. 06

. 05

88 | 11 . 2013 | Shop in the City


moda . 01 Orologio in caucci첫 con quadrante safari, O clock by Fullspot. . 02 Giubbottino in peluche zebrato, K-Way. . 03 Borsa in caucci첫 e lapin maculato, Fullspot. . 04 Sneakers donna, Katie Grand loves Hogan. . 05 Sneakers uomo, Trinomics by Puma. . 01

. 02

. 03

. 04

. 05 Shop in the City | 11 . 2013 | 89


E ZZ LA B E LL

UTTI A È DI T

, a c i t e t s e o m r e d a l l e d o i l g e Il m . i p m e t i r t l a prezzi d’a PREZZO UN IC

O O NA AZ

30

Fotoepilazione Corposcultura Ringiovanimento della pelle o di ervizi tale! S o v Nuo ento Den cam Sbian

www.pulsazione.it

L’unica cosa retrò in Pulsazione è il prezzo. Vieni in qualsiasi nostro centro e rimarrai stupito per l’efficacia dei nostri sistemi di ultima generazione in dermoestetica non invasiva. Per lei e per lui. Tutto a 30€ per zona e sessione. Senza bisogno di promozioni e accessibile a tutti! A Cuneo. Via Cascina Colombaro, 31. 12100 / T.01711873289 / cuneo@pulsazione.it A Torino. Corso Mediterraneo, 84. 10129 / T.0117643068 / to_crocetta@italia.pulsazione.com Siamo presenti in Milano, Roma, Benevento, Olbia, Latina, Nettuno, Castelli Romani, Madrid, Barcellona, Lisboa, Buenos Aires, São Paulo, Bogota, Medellin, Mexico, ...


beauty

Un esercito di prodotti di bellezza contro lo stress quotidiano

Combattere l'inquinamento interiore di Irene Soave

C

'era una volta la crema antismog. Quella che proteggeva dalle polveri sottili, additate come unico responsabile del grigiore, dell'acne, dell'invecchiamento precoce e dei rossori. Ma è passata di moda: la nostra pelle, nonostante Ztl e domeniche a piedi, sfiorisce sotto notti brave (che la rendono asfittica), aperitivi (che fanno venire l'acne), fumo (uguale rughe),

iperlavoro e persino troppo esercizio fisico, (la fatica accelera l'ossidazione della pelle). Insomma: stress. E per avere una bella pelle ci vorrebbe una gita in un monastero zen. O un trattamento estetico: in profumeria è spuntata una nouvelle vague di creme protettive che tra i nemici da combattere non hanno individuato solo l'inquinamento esteriore. Ma anche quello interiore. Shop in the City | 11 . 2013 | 91


beauty IBUKI Una famiglia di prodotti con un solo principio: rilassare le cellule epidermiche, la cui contrazione porta pori dilatati, brufoli, aridità. Ibuki – il nome della linea – in giapponese significa respiro. L'ingrediente chiave è il Phyto Resist Complex, un estratto delle piante che procura alla pelle idratazione permanente. La linea comprende sette prodotti da mixare lungo l'arco della giornata, dal siero al contorno occhi.

Idealia, Liftactiv, Novadiol Tre cure per rimediare ai danni dello stress. Liftactiv a base di Rhamnose tratta le rughe con effetto lifting su fronte, collo e zampe di gallina. Idealia a base di the Kombucha leviga e illumina. Neovadiol con Pro-xylane ricostruisce i tessuti della pelle danneggiati dal rallentamento ormonale

Salba Da Salba, marchio storico di cosmesi farmaceutica degli anni Settanta, una crema rigenerante dalla texture ricca, nutriente rassodante: per pelli da normali a secche, con Peptidi e Ceramidi, Vitamina A, estratto di gemme di Faggio, olio di Melograno. Favorisce la naturale sintesi del collagene grazie all’azione di Peptidi e Ceramidi biodisponibili aiutando così la pelle a rigenerarsi.

Siero Divina Olio Age Perfect Due prodotti con le proprietà antiossidanti dell'olio. Siero Divina di Mediterranea unisce cellule native da olio di olivo, tripeptide, olio di oliva e Vitamina E, che contrastano la formazione dei radicali liberi (dovuti allo stress). L'Olio Straordinario Age Perfect di L'Oreal unisce invece 16 olii essenziali (dal jojoba alla rosa canina alla lavanda) in una texture secca, ultraleggera e naturale. Ne bastano tre gocce la sera sul viso!

Nutri-Lévres Vichy Nutri-Mains Vichy Anche le mani e le labbra portano il segno dello stress: due extra nutrienti come NutriLévres e Nutri-Mains di Vichy le riparano e le leniscono.

L'Oreal Nude Magique ...e per camuffare la pelle spenta e asfittica e il colorito da fatica che non siete riuscite a combattere, basta un concealer: come la Cc cream all'albicocca L'Oreal Nude Magique. Che dà tutto il colorito del frutto simbolo dell'estate.

92 | 11 . 2013 | Shop in the City


Specializzati in:

beauty

Igiene orale e preparazione iniziale

Elnett Satin_spray_lisci Elnett Satin_spray_volume Garnier_Ud_shampoo e balsamo Keramine H maschera e balsamo Anche i capelli patiscono lo stress. E diventano secchi, con doppie punte, sfibrati. O spezzati dal troppo arrotolarseli sulle ciocche. Per ripararli, Keramine H maschera e shampoo, che ricostruiscono i capelli con lo storico principio attivo della cheratina. Per uno shampoo rilassante, al profumo della lavanda, Garnier Ultradolce lancia shampoo e balsamo ai profumi di Provenza. E per lisciarsi le chiome senza distruggerle, due prodotti per lo styling di Elnett, che preparano il capello alla piega e lo rendono resistente a un calore fino a 230 gradi.

Chirurgia pre protesica-estrattiva Protesi fissa e mobile Conservativa Parodontologia Ortodonzia Endodonzia Implantologia Pedodonzia

Equipe specializzata

www.centrodentisticorivoli.it

Tecnologie e strumenti avanzati

Shop in the City | 11 . 2013 | 93

Corso Susa, 242 - Condominio Prisma RIVOLI Tel. 011.9531606 info@centrodentisticorivoli.it


Artissima

Sono passati venti anni e la fiera del contemporaneo torinese è sempre più interessante e riconosciuta tanto da essere al quinto posto tra le fiere d'arte più importanti del panorama mondiale.

Buon compleanno Artissima di Matilde Gianfico

Marcello Jori Insula Dulcamara 1976 colour photograph 94 x 114.5 cm Courtesy Galleria Bianconi.

della Main section, che si cullano sulle certezze artistiche consolidate, e le New entries, giovani galleristi con pochi anni di carriera, alla prima esperienza torinese. Sono 27 le gallerie ammesse e provenienti da 14 paesi: al miglior progetto di ricerca e promozione andrà il premio Guido Carbone. Il Present future è fatto di talenti emergenti invitati da un team di curatori internazionali: al centro del padiglione espositivo, ventiquattro giovani leve artistiche si contendono il premio illy uon compleanno Artissima! Present Future e l’opportunità di una parallelamente ha visto una Compie vent’anni la fiera torinese mostra personale al Castello di Rivoli. partecipazione in costante aumento che ha saputo leggere il tempo e Le opere, un po’ un ibrido tra una di gallerie. Questa edizione ne conta interpretare le tendenze e i fenomeni mostra collettiva e una personale di ben 190 di cui solo sessanta sono del mercato dell’arte contemporanea. E italiane. Il rigido criterio di selezione artista, sono inedite e alla loro prima buon compleanno Torino, che esposizione nel contesto europeo ed degli espositori, che valuta il progetto risvegliatasi dal grigiore dell’era post italiano. Ritorno agli artisti del futuro curatoriale prescindendo dalla forza industriale, ha vinto la sua scommessa che hanno sperimentato e rinnovato economica del gallerista, è tra i fattori investendo in cultura come nessuna negli anni Sessanta e Settanta, il di successo che hanno contribuito a altra città italiana è stata capace di fare linguaggio dell’arte moderna: è la far crescere Artissima posizionandola fino ad oggi. Tanti auguri dunque, ad un tra le eccellenze del panorama sezione Back to the future che conta 30 evento artistico che ha recentemente gallerie, solo sei le italiane, che internazionale. Ricerca artistica e ottenuto un prestigioso riconoscimento capacità di innovare, di fiutare le mode, proporranno show di livello museale schizzando al quinto posto nelle con i lavori di 32 artisti sparsi per il incidere sulle tendenze, ma anche di graduatoria delle fiere d’arte più mondo. C’è infine la sezione dedicata saper riproporre la segmentazione importanti a livello mondiale: è quanto del mercato dell’arte e di un’offerta all’arte da sfogliare, si chiama Art emerge dalla ricerca annuale condotta edition la summa dei capolavori culturale parcellizzata che mette a dagli analisti di Skate’s Art Market editoriali nel panorama artistico confronto artisti storicizzati, Research di New York. I numeri delle contemporaneo, e un nuovo premio in avanguardie ed emergenti. passate edizioni facevano presagire un Il format così costruito, riprende infatti questa edizione del 2013: quindicimila successo mediatico di questa portata: da cinque sezioni e all’interno dei ventimila euro per l’acquisto dell’opera esposta ad 47 a 50 mila il trend di crescita dei Artissima che entrerà a far parte del metri quadri dell’Oval Lingotto, gli visitatori nell’ultimo anno che museo Ettore Fico di Torino. spazi si dividono tra i galleristi adulti

B

94 | 11 . 2013 | Shop in the City


Artissima

Giulio Delvè Acquaintances, friends and relatives 2013 gypsum and mdf 48x40x36cm Courtesy CO2, Roma.

Santo Tolone Mandarini, 2012 Serigrafia 127 x 117 x 4 cm Courtesy l’artista e Limoncello Gallery, London.

One Torino

Metti sette affermati curatori internazionali e cinque tra i più prestigiosi luoghi del contemporaneo in città, a Torino; chiama cinquanta artisti provenienti da ogni parte del mondo e falli dialogare con la città, la sua storia e la sua contemporaneità, fatta di arte, cultura e mercato. Nasce così nella edizione numero venti di Artissima,One Torino, un numero uno che più che segnare un nuovo inizio (perché del resto, la strada è quella giusta sulla quale continuare!) sembra voglia stringere il capoluogo Piemontese intorno ad una sola identità, che se da un lato rafforza il sistema museale torinese, dall’altro sottolinea il carattere cosmopolita dell’evento artistico. Il progetto collaterale parte dal successo dell’esperienza dello scorso anno con “It’s Not the End of the World” e con “LIDO”, ed è stato ideato e prodotto in

«Da 47 a 50 mila il trend di crescita dei visitatori nell’ultimo anno che parallelamente ha visto una partecipazione in costante aumento di gallerie»

Shop in the City | 11 . 2013 | 95

WHAT A WONDERFUL BOB MARONGIU

Bob Marongiu nasce in Svizzera, ma vive in Sardegna dall’età di 11 anni. Studia Arti Sceniche a Firenze, dove avviene il primo contatto con il mondo dell’arte e inizia a dipingere, spinto dal desiderio di creare opere allegre e positive. Residente a Oristano, è un pendolare che alterna soggiorni a Cagliari, dove usa il proprio laboratorio in via Torino 12 come piedà-terre, ad altri in giro per la Sardegna, l’Italia e il mondo. Continua a ricevere consensi sempre maggiori in occasione delle mostre e delle esposizioni. Scherzando, si considera un normale pittore - come Picasso, Matisse, Mirò. La sua arte è un cocktail di allegria che unisce Barbapapà a Mordillo, Walt Disney a Vicky il Vichingo, Iacovitti a Willy il Coyote. Immagini di sana e folle allegria che hanno come unico scopo quello di regalare sorrisi e pensieri positivi a chi ha il tempo di staccare la spina e rilassarsi un momento. La vita quotidiana è spesso complicata e dura, cerchiamo nel nostro piccolo di renderla un po’ più facile e divertente. Di sicuro Bob ci riesce, e noi lo ringraziamo di cuore!


Artissima Nina Beier The Demonstrators (Drowning Coins), 2011 Trapezes, rope, stock image posters Unique / SONB/I 2011-071 Courtesy Standard (Oslo), Oslo.

Vanessa Safavi Real Life is Elsewhere, 2011 Sand Dimensions variable ‘Resorts’, Solo exhibition, Kunsthaus Glarus, Glarus, 2011 Installation view Courtesy the artist and Chert, Berlin.

DIRETTO DA GUY CARON

DAL 21 AL 24 NOVEMBRE

TORINO

PALAOLIMPICO Biglietti su livenation.it e cirquedusoleil.com infoline 011 6164971 www.setuplive.com

OFFICIAL SPONSORS

MEDIA PARTNER

collaborazione con le maggiori istituzioni d’ arte contemporanea e sedi espositive torinesi, il Castello di Rivoli museo d’arte Contemporanea, il GAM Galleria civica d’arte moderna e contemporanea, la Fondazioni Merz e Sandretto Re Rebaudengo e il settecentesco barocco Palazzo Cavour, ospiteranno cinque mostre collettive (curatela di Julieta Gonzales e Gary Carrion-Murayari, Chris Fitzpatrick e Anna Colin, Beatrix Ruf, Andrew Berardini e Gregor Muir). Le mostre sono progettate dai curatori in stretta collaborazione con le istituzioni sia per la scelta degli spazi che per le tematiche e gli artisti coinvolti, e dando vita ad un percorso espositivo unitario e allungano il ciclo di vita del prodotto Artissima: le mostre che saranno inaugurate il prossimo 6 novembre, resteranno infatti aperte al pubblico fino al 12 gennaio 2014. 96 | 11 . 2013 | Shop in the City

Dove

Oval - Lingotto Fiere - Torino ingresso e parcheggi via Nizza 230 ingresso pedonale via Nizza 294.

Foto dell'esterno Oval , ©Enrico Frignani.

Come

Intero: € 15 / Ridotto: € 10 Abbonamento valido per 3 giorni (8-9-10 novembre): € 30. Possibilità di acquisto in prevendita senza spese di commissione su vivaticket.it. Biglietto omaggio su presentazione dell'abbonamento Torino Musei e della Torino + Piemonte Card.

Quando

Dall’8 al 10 novembre, dalle 12 alle 20.


non solo .issima

Info Paratissima: sito > paratissima.it;

mail > info@paratissima.it; telefono > 011.2073075

Nelle settimane di Artissima l'arte Off trova spazio in città

L’arte non è solo issima. Paratissima e The Others, gli eventi paralleli di Marta Ciccolari Micaldi

È

ormai una tradizione consolidata quella che vede Torino riempirsi di eventi artistici OFF negli stessi giorni in cui la fiera ON, Artissima, attira collezionisti, stampa e artisti al Lingotto. Mentre da questo lato si compra e si critica ad altissimi livelli, dall’altro lato della città l’arte si fa popolare, accessibile, più giovane e meno critica. Con due manifestazioni, in particolare: Paratissima e The Others.

tempo per farsi conoscere a un pubblico vasto, vario e curioso, oltre Paratissima e la Pararte che incredibilmente numeroso Quest’anno è già la nona edizione ma (l’edizione 2012 ha contato poco meno Paratissima invece di invecchiare si è di 100mila presenze); ma anche artisti solo perfezionata. Nata come affermati che intendono presentarsi in manifestazione per e di artisti contesti diversi dal solito e interagire emergenti nel quartiere di San Salvario maggiormente con pubblico e colleghi. – allora lontano dal sovraffollamento Gli ingredienti di Paratissima sono che vive oggi – e attenta anche quindi volti alla partecipazione, non all’aspetto di riqualificazione urbana alla semplice vetrina. Ecco dunque oltre che di promozione artistica, oggi prendere forma veri e propri workshop la fiera off torinese per eccellenza di fotografia con maestri come Bruna festeggia il suo secondo compleanno Biamino e Franco Fontana, oppure il all’ex MOI (Mercati Ortofrutticoli cosiddetto Paramarket, un progetto all’Ingrosso), al Borgo Filadelfia, che vuole avvicinare artisti e potenziali proprio sotto l’arco rosso del Lingotto, acquirenti proponendo un servizio di solo che dall’altra parte del canone consulenza e valutazione delle opere rispetto ad Artissima. dinamica e gratuita, oppure – ancora – Chi sono, infatti, gli artisti proposti da Botteghe d’Artista, ovvero l’esposizione Paratissima? E quali gli eventi che dei lavori di sette artisti alle prime armi organizza? Dichiarato come fosse quasi e “tirocinanti” negli atelier di altrettanti un manifesto, la vision di questa artisti professionisti che hanno manifestazione è “sostenere la insegnato loro tecniche e stili. creatività in tutte le sue forme mettendo a sua disposizione una Il tema di Paratissima IX è Art Games vetrina qualificante e un ricco e tra i nuovi progetti proposti si programma di workshop, laboratori, segnalano SKINcodes e G@p – contest e progetti speciali per Galleries at Paratissima: il primo è innescare una partecipazione attiva dedicato al mondo dei tattoo, il body degli artisti e del pubblico all’evento". painting e la chirurgia estetica ed Artisti emergenti, quindi, in primis, espone i lavori di Nicolai Lilin, Orlan, che hanno a disposizione spazio e Andres Serrano, Joel-Peter Witkin, 98 | 10 . 2013 | Shop in the City

Giovanni Gastel, Liu Bolin, Robert Gligorov, Shirin Neshat, Plinio Martelli, Fabio Viale, i Santissimi, Daniela Perego, Dario Neira; il secondo, invece, è un vero e proprio spazio indipendente della manifestazione, dedicato alle gallerie d’arte contemporanea italiane e internazionali dove si propone la vendita delle opere a un pubblico di giovani collezionisti con qualche regola ferrea (e innovativa): gli artisti presentati dalla galleria non possono essere più di cinque e il prezzo di ogni singola opera può andare solo dai 100 ai 5mila euro. Come a dire, l’arte e la persona sono mondi che possono incontrarsi anche più spesso di quanto fanno di solito.


non solo .issima

Nella pagina precedente alcune foto delle passate edizioni di Paratissima. A sinistra il manifesto di The Others 2013.

The Others e il contrario della crisi

Quest’anno cambia tutto. Abolizione della parola “crisi” e del concetto di “fiera”: questo l’obiettivo primario – e molto forte – dell’edizione 2013 di The Others, la manifestazione artistica più cool e innovativa della settimana torinese dell’arte. Nome (gli altri.. chi sono gli altri?), location (ex carcere Le Nuove, per ogni realtà artistica una cella) e protagonisti (“gallerie nate dopo il 1 gennaio 2009 e, indipendentemente dalla data della propria apertura, centri no-profit, associazioni e fondazioni, collettivi di artisti o curatori, artist-run-spaces, progetti editoriali, premi d’arte, residenze per artisti, scuole e accademie d’arte, librerie che si occupano di arte, spazi di design giovane ed autoprodotto, grafica d’artista”) danno vita a un progetto unico nel suo genere, definito dal direttore artistico Olga Gambari e dal comitato scientifico (Roberta Pagani e Stefano Riba) come un avamposto, un’antenna. Rivolto infatti a tutte quelle realtà che stanno al gioco e che non hanno timore di mettersi in gioco, The Others si toglie di dosso gli abiti

troppo stringenti e anacronistici della fiera, ovvero di un insieme di stand, e propone in loro alternativa quelli dell’happening culturale in cui a stare insieme sono tante piccole e diverse mostre. Il motivo di questo rovesciamento radicale delle prospettive è il tema di The Others 2013: Boom! Pensato proprio come antidoto e insieme grido liberatorio contro la crisi che tutto soffoca e tiene al di sotto di una cappa, Boom! è l’invito che l’organizzazione fa ai partecipanti e che da loro si propagherà anche ai visitatori: la proposta di un artista, un progetto, un lavoro nuovo, che sappiano guardare al futuro con l’energia giusta per mettere in crisi la crisi e smettere di esprimersi solo a lamentele. Ogni cella una mostra, dunque, e ogni allestimento un nome che, unito a tutti gli altri, potrà ridefinire il concetto di Boom! e di sguardo verso l’avvenire. Accanto alla manifestazione prettamente artistica, che vede il coinvolgimento di decine di gallerie piemontesi e nazionali, e alcune internazionali, l’interesse di The Others è dato anche dal suo calendario di iniziative parallele: musica,

letteratura, teatro e tecnologia faranno da satelliti creativi all’happening e condivideranno lo spazio con l’arte figurativa, completandola. Da segnalare, infine, l’assegnazione di quattro premi, pensati per andare alla scoperta di espressioni creative limitrofe e complementari a quelle artistiche: il premio Sarpi-Bridge, dedicato all’art design; il premio Residenza Igav, che premierà un giovane artista under 30 con un mese di residenza presso l’Igav (Istituto Garuzzo per le Arti Visive); il premio Miglior Progetto Curatoriale, per premiare il miglior rapporto sinergico fra galleria, artista e curatore all’interno delle celle dell’ex carcere Le Nuove; e infine il premio Rock the Academy, dedicato ai giovanissimi che frequentano le accademie d’arte. The Others accadrà dall’8 al 10 novembre. E allora Boom!

Info The Others: sito > theothersfair.com;

mail > theothers@theothersfair.com; telefono > 011.850660

Shop in the City | 11 . 2013 | 99


coach

Inventata da Giuseppe Palombella, la nuova disciplina per divertirsi e perdere calorie si chiama DANCeMOTION. Un mix tra passi di danza e esercizi di aerobica.

Abbandonarsi alla voglia di ballare a cura della redazione

N

on è un vero e proprio ballo né una banale sequenza di esercizi di ginnastica aerobica, tuttavia prevede delle coreografie e fa consumare fino a 600 chilocalorie a lezione. Si chiama DANCeMOTION, la nuova disciplina inventata da Giuseppe Palombella. Istruttore e dottore in scienze motorie ha iniziato la sua formazione in accademia come ballerino di danza classica passando per tutti i generi e stili: dalle danze caraibiche a quelle latino americane, dalla danza moderna a quelle orientali. 100 | 11 . 2013 | Shop in the City

Quando è nata l'idea? «Tutto nasce dopo aver conosciuto Zumba. Una disciplina che combina l'aerobica con le danze caraibiche. Solo che c'era qualcosa che non mi convinceva». Come l'ha cambiata? «Ho mantenuto la struttura e le finalità della lezione di aerobica, combinandola però con dei passi base del ballo per creare piccole coreografie accessibili a tutti». É facile? «Sì, nel metodo è incluso

l'apprendimento, non occorre fare della propedeutica. È sufficiente lasciarsi andare e abbandonarsi alla voglia di ballare». Quando ha iniziato a insegnarlo? «L'anno scorso dopo averlo testato a San Diego in California». Perchè DANCeMOTION? «È l'unione delle parole “danza” e “emotività”. La seconda è molto importante. È un’attività spontanea dove, attraverso la danza, le persone possono sfogarsi e eliminare lo stress accumulato durante la giornata». E fanno allenamento fisico. «Si possono bruciare fino a 500-600 chilocalorie a lezione. È un lavoro sopratutto aerobico ma anche anaerobico. Grazie ai movimenti fluidi, propri della danza classica, gli allievi imparano a coordinare braccia e gambe e a creare delle coreografie. È un ottimo esercizio cardiovascolare perfetto per tutti, anche coloro che hanno riportato traumi». Come si svolge una lezione? «Inizia con la nostra sigla “DANCeMOTION” cantata da me e da Chiara La Piana che insieme a suo padre ha scritto il testo. Poi inizia la lezione che prevede delle sequenze di coreografie (ne ha inventate circa 40 ndr.) con intensità via via sempre maggiore». Il futuro? «La presentazione ufficiale è prevista per la prossima primavera a New York. Quest’anno a Urbino, la facoltà dove mi sono laureato, terrò i primi corsi di formazione per insegnanti». Nelle foto un momento dell'attività in palestra, la dimostrazione in piazza San Carlo e l'ideatore della nuova disciplina Giuseppe Palombella. Passi Motion Lab corso Moncalieri 21bis.


Vero infuso di Thé. ®

APPENA NATO. SUBITO PREMIATO. Eletto Prodotto dell’Anno.

Eletto Prodotto dell’Anno 2013 dai consumatori italiani per la categoria Thé. Ricerca di mercato GPMI© su una pre-selezione di prodotti innovativi presenti sul mercato italiano, condotta da SymphonyIRI Group su 12.000 consumatori con più di 15 anni, svoltasi a novembre 2012. www.prodottodellanno.it cat. thé

Gusti: LIMONE, PESCA e THÉ VERDE. Disponibile in bottiglia da 0,5 e 1,5 litri e nel bicchierino da 200 ml.


cambio vita Conoscete qualcuno che ha deciso di cambiare vita? Lo avete fatto anche voi? Scriveteci: redazione@shopinthecity.it

Giada Martini ha lasciato l'Italia tre anni fa e si è trasferita in Uk. Il suo sito koalalondinese.com dà i consigli giusti per chi vuole fare come lei.

Una guida per chi vuole espatriare e trasferirsi a Londra di Irene Soave

P

rendo, parto e vado a Londra a imparare l'inglese». Alzi la mano chi non l'ha mai pensato o non ha un amico che, a un certo punto, molla tutto e parte allo sbaraglio, con un inglese scolastico e tanta voglia di leggerezza, per trasferirsi armi e bagagli a tempo indeterminato in quella che, sulla carta, è la cara vecchia Swingin' London dove per uomini e donne di buona volontà c'è sempre, dietro l'angolo, almeno un lavoretto di lavapiatti per guadagnarsi da vivere imparando l'inglese «quello vero». L'avventura poi si trasforma, in genere, in un vespaio di problemi: l'inglese scolastico non basta nemmeno a comprare il latte, entro un mese finiscono i soldi perché la sterlina è carissima, il lavoro di lavapiatti è massacrante o non si trova. E l'emigrante benintenzionato torna, con le pive nel sacco, in Italia, dove in fondo non si sta poi male e la lingua almeno non è un problema. «Errori tipici: anche

102 | 11 . 2013 | Shop in the City

per il lavoro più umile serve un inglese ottimo. Voi assumereste uno che non conosce la vostra lingua? Anche solo per dirgli lava e asciuga questi piatti, che fate glielo mimate a gesti, fate due disegnini?» Giada Martini non ha peli sulla lingua: lei, 33 anni, le regole dell'expat, l'emigrante più o meno giovane che arriva a Londra pieno di belle speranze, le conosce a memoria, essendosi trasferita nella capitale inglese tre anni fa per cambiare vita e realizzare il suo sogno. «A differenza di molti di quelli che espatriano io avevo un lavoro: ero una commessa e assistente store manager. Rispettabilissimo, ma non era quello che avevo sognato per me. Come molti, mi ero laureata nella speranza di darmi una chance in piú per fare quello che amavo ossia entrare nel mondo della pubblicità. Non era andata così: dopo vari lavoretti, stage, impieghi non pagati, mi ero arresa e stanca di non avere un soldo mi ero

adattata a lavorare come commessa. Stavo per compiere trent'anni, ed ero piena di dubbi». Ora, dopo mesi non facilissimi in cui «ero spesso sola, non conoscendo nessuno, e ho preso un sacco di craniate anche lavorative», è content writer e traduttrice, oltre a curare profili professionali su Linkedin e creare curriculum e cover letter in inglese, ad hoc per i vari mercati del lavoro: quello inglese, quello americano, quello europeo. E gestisce un sito, koalalondinese.com, che è diventato il vero punto di riferimento per tutti gli italiani che vogliono fare come lei: a loro uso e consumo Giada pubblica, quasi ogni giorno, i consigli più utili, «quelli che nessuno dice». Come scrivere una lettera di lavoro; in quale zona andare a vivere; con quanti soldi partire, «perché Londra è cara e i primi tempi vedi come ti escono i soldini». Partire sola, tra le critiche dei parenti e amici perché lasci un contratto a tempo


Cambio vita

indeterminato, non è facile. E spuntano i dubbi: «Tutti mi dicevano: “sei troppo vecchia per espatriare”. In effetti avevo trent'anni, non un'età da Erasmus. Non riuscivo a distinguere cosa era giusto o sbagliato, se la mia voglia di partire era solo bisogno di sperimentare dell'altro o di scappare da una realtà che non combaciava più con la mia visione di vita, e con la visione di quello che volevo essere o avrei dovuto essere. Poi piano piano capii quanto mi stavo lasciando plasmare dal pensiero altrui. Amici e parenti, tutti avevano qualcosa da dire e da sindacare sulla mia vita, ma io ero io, e loro erano loro. Rimandai al mittente tutti i consigli, commenti e dubbi, e feci le valigie». L'inizio non è facile: «Arrivata qui non conoscevo nessuno se non una ragazza che peró viveva fuori Londra e che vedevo saltuariamente. A Londra me la sono dovuta cavare totalmente da sola. In piú ero partita allo sbaraglio, avevo raccolto per mesi informazioni e consigli da blog e siti web ma molte informazioni erano discordanti o incomplete. Insomma non c'era davvero nessuno che di prima persona, e sulla propria pelle raccontasse la nuda e cruda veritá: che Londra non era l'Inghilterra e che qui non esisteva la cuccagna, o quell'Eldorado che molti mi avevano dipinto della serie sai bene l'inglese? Allora tranquilla che trovi subito lavoro in un paio di giorni! Non é affatto cosí, almeno non per il 90%. Io non ero specializzata in qualcosa di settoriale, non avevo grossi nomi nel CV e poi la vita in UK non é solo arrivi e trovi lavoro ma é anche integrazione, riuscire ad amalgamarsi con una cultura e modo di pensare molto diverso dal nostro. Ho preso molte craniate ma ognuna di essa é stata una lezione per assestare meglio il tiro. E dopo quasi 4 anni mi ritengo molto soddisfatta: io, un tipo timido, chiuso, poco spavaldo, sono stata capace di gettarmi e imparare a nuotare senza salvagente».

C

M

Y

CM

MY

CY

CMY

I tre consigli di Giada per chi vuole cambiare vita K

investite denaro. «Per cambiare città non si può partire con due spicci. Qui a Londra, ad esempio,

affitti e mezzi pubblici costano, e non è detto che il lavoro salti fuori subito». siate aperti. «Disposti a mettervi in gioco, umili quel tanto per imparare e ambiziosi da “sgomitare” e far vedere quanto valete. Abbiate fiducia in voi stessi, e se prendete delle craniate non ve la prendete con questo e quello ma usatele per regolare il tiro e centrare l'obiettivo». non è mai troppo tardi. «Non esiste una etá buona o cattiva, una giusta o sbagliata per cambiare vita. Tutte sono valide!».

Nelle immagini Giada Martini e Portobello Road. Shop in the City | 11 . 2013 | 103


anteprima regali natale

DOnna . 01 Piumino , Tatras. 02 Occhiali in legno, WooDone Eyewear, da Rikar's via Villa della Regina1, corso Alcide De Gasperi 4. 03 Pennello make up, Forever , da Sephora. 04 Crema mani, L'Occitane, via Lagrange 32. 05 Bikers, Luciano Padovan. 06 Sneakers unisex, Lotto. 07 Borsa imbottita, North Sails, via Pietro Micca 20. 08 Mousse disciplinante modella ricci, Cielo Alto. 09 Orecchini Siriana, Mattioli, da Del Vago piazza Gran Madre di Dio 14. 10 Ombretto monocolore, Elizabeth Arden, da Camurati piazza Adriano 1.

. 01 . 02

. 10

. 03

. 09

. 04

. 08

. 07 . 05

. 06

104 | 11 . 2013 | Shop in the City


anteprima regali natale

uomo . 01 Ombrello 4c marchiato Alfa Romeo, Fiat, piazza Cattaneo. 02 Orologio capsule collection Las Vegas, GagĂ Milano. 03 Giacca designer Olmes Carretti, Henri Lloyd. 04 Bracciali Bandy, Sector no Limits, da Dettino Perazzo corso Racconigi 5. 05 Scarpa , GB Five, da GB Five piazza Statuto 15. 06 Occhiali in plastica, ALeRO. 4. 07 Beauty maschile, Bottega Verde. 08 Capo tecnico, New Britain, da Nizza32 via Nizza 32/i.

. 01

. 08

. 02

. 03

. 04 . 07

. 05

. 06

Shop in the City | 11 . 2013 | 105


anteprima regali natale

bambino . 01 Occhiali in plastica, ALeRO. 02 La nuova edizione del progetto “Children’s imaginary world” dal tema “Nature in my country”, Marni. 03 Georello-Farm, Quercetti. 04 Cioccolato, Kinder Ferrero. 05 Sneakers, Nike, da Piedidolci via Mazzini 7, corso Alcide de Gasperi 48. 06 Camicia, Pepe Jeans, via Lagrange 16B. 07 Luminoso, Tiger, da Tiger, via XX Settembre 51/g, angolo via Bertola, corso Vittorio Emanuele II 62, via Nizza 185-187, angolo via Abegg.

. 01 . 07

. 06

. 02

. 03 . 04

. 05

106 | 11 . 2013 | Shop in the City


anteprima regali natale

delizie . 01 Gianduiotti, Avidano, via Madama Cristina 62/d, via Vittorio Emanuele II 46, Chieri. 02 Torta violetta, Pasticceria Cavallero, corso Moncalieri 286. 03 Capsule di thè Thèspresso1882, Caffè Vergnano. 04 Confezione in latta Eraclea Golosa, Eraclea. 05 Il Sauvignon blanc,Cantina Giordano. 06 Caramelle assortite, Albergian, Corso Torino, 85, Pinerolo. 06 La Grappa Of Vintage Sei Stelle, Distillerie Bonollo Umberto di Padova. 07 Gianduiotto tricolore, Caffarel. 08 Panettone, Galup prossima apertura in via Maria Vittoria 27/a.

. 03

. 01

. 04

. 05

. 02

. 05

. 06

. 08 . 07

Shop in the City | 11 . 2013 | 107


anteprima regali natale

casa . 01 Guanti, Tiger, da Tiger, via XX Settembre 51/g, angolo via Bertola, corso Vittorio Emanuele II 62, via Nizza 185-187, angolo via Abegg. 02 Éspria, realizzata in partnership con Electrolux, “A Modo Mio”, Lavazza. 03 Sapone, crema da doccia e bavetta , Mathilde M, da Lyda Türck corso Vittorio Emanuele II 90. 04 Confezione regalo per cupcakes, Ballarini. 05 Strumenti per cake design, Guardini , Guardini store. 06 Pirottini, Kasanova +. 07 Robot da cucina Kenwood Chef Classic, Kenwood. 08 Stampo in silicone, Silikomart, da Berruto 1801 piazza Vittorio Veneto 7. . 01

. 08

. 02

. 07 . 03

. 06

. 05

108 | 11 . 2013 | Shop in the City

. 04


artigianato

Gaia Audino

serenapolettoghella Performae Il lato buono della moda

Oltre la forma e i materiali

Atelier di Gaia Audino

serenapolettoghella

www.performae.it

via Giolitti 51

Piazza Galimberti 24 - 10134 Torino

gaiaaudino.com

Solo su appuntamento per telefono o mail.

www.facebook.com/gaiaaudino

T. +39 011 5822767

Effetto Farfalla

seapgh@gmail.com

“Sono Gaia e oggi mi piacerebbe cucire la tua storia”. Si potrebbe riassumere così la filosofia che sta alla base dei capi realizzati da Gaia Audino. Immaginati di notte, quando la città dorme e realizzati con maestria dando forma e vita a quei sogni. Fortemente torinese, ama e vive la città e da essa trae ispirazione per creare pezzi unici, tradizionali contemporanei e forti. La sua arte prende vita dall’amore per i tessuti, i colori e le persone. Ogni abito è pensato per celebrare chi lo indossa, dopo una attenta osservazione della sua personalità e della sua storia.

www.serenapolettoghella.it

Il mio atelier è in una piazza di Torino che sembra un villaggio, a pochi passi dal Lingotto. Qui cerco di aiutarvi a trovare il lato buono della moda, fatto di passione e qualità, senza prendersi troppo sul serio. Davanti ad una tazza di caffè faremo quattro chiacchiere, sia che cerchiate un abito tra le mie collezioni sia che vi serva un capo su misura per un’occasione importante. Se vorrete, potrò darvi consigli sulla vostra immagine e realizzare insieme a voi una mini collezione che vi rappresenti per quello che volete essere. Tutto fatto e pensato qui, a pochi passi da casa.

Performae è un gruppo di lavoro che opera in campi diversi della progettazione, ricorrendo per ogni realizzazione a due linguaggi: quello delle forme, composte tra loro in modo funzionale e narrativo e quello dei materiali, impiegati per le loro caratteristiche funzionali, estetiche e di autenticità. Gli ambiti di lavoro variano dall'arredamento al gioiello, alternando in questo caso i metalli preziosi e le pietre con il legno ed i tessuti. Esempio tra tutti la linea Talee, innesti di balsa in noce tagliata al laser con lacci di cotone. L'anello si compone di cinque piccole lastre sovrapposte che nella successione dei livelli rivelano delicatamente il piano successivo. La collana è un gioco di elementi liberi di scorrere sui lacci di cotone, che possono conformarsi come un unico ciondolo o restare distanti l'uno dall'altro. Talee, design Emiliano Pera e Agnese Falconi.

Shop promotion | Shop in the City | 11. 2013 | 109


in persona

Rossy De Palma, 49 anni, è una diva senza tempo. A marzo sarà al Cineteatro Baretti per presentare il suo spettacolo.

La musa di Almodovar di Marco Bandinelli

Q

uando si parla di Rossy De Palma, all'anagrafe Rosa Elena Garcìa Echave, 49 anni, lanciata ai tempi di Donne sull'orlo di una crisi di nervi dal regista Pedro Almodòvar, che da allora non l'ha più mollata, ci si imbatte spesso (a onor del vero quasi sempre) in termini come «musa», «icona», «diva». Questo perché la sua allure, più che la sua bellezza, è eversiva e senza te­mpo. Più che ai volti dei quadri di Picasso, a cui molti giornalisti di costume la paragonano per il suo naso severo, la

110 | 11 . 2013 | Shop in the City

sua bocca dai denti aguzzi e i suoi occhi dal taglio decisamente all'ingiù, però, Rossy De Palma somiglia a una sorta di Lady Gaga. Ante litteram, ci tiene a specificare lei: «Sono nata nel '64, dunque molto prima di Gaga. È fondamentale, perché ho potuto vivere un'epoca di grande creatività, di cui mi nutro ancora e ancora». L'abbiamo intervistata in occasione della sua prossima visita a Torino: a marzo sarà sul palco del Cineteatro Baretti per presentare il suo spettacolo.

«"Musa", "icona", "diva". Questo perché la sua allure, più che la sua bellezza, è eversiva e senza te­mpo». A febbraio era già stata a Torino, sempre al Baretti, per portare sul palco l'opera – che dirige e interpreta – Mater & Bellum, una lettura scenica drammatizzata che nasce come adattamento del monologo "Ombra


in persona Qui sotto alcune foto dello spettacolo Mater & Bellum. Nella pagina a fianco e a sinistra immagini di Rossy De Palma.

e culla" ideato e composto da lei nel 2005. Il tema è doppio: maternità e guerra. Che più che intrecciarsi si somigliano, in un parallelo controverso. «Una parte è autobiografica», spiega De Palma, che ha due figli, con cui vive in Francia, «ma volevo soprattutto parlare del tema di dare la vita a un essere umano, del creare la vita in contrapposizione alla distruzione della vita nelle guerre». Quella non era la prima volta torinese dell'attrice, che venne sotto la mole trent'anni fa a suonare con la sua band.«Ci chiamavamo ''Peor Imposible'': peggio di così, è impossibile. Eravamo pop, molto teatrali. E Torino ci piacque molto. Ha un ritmo più tranquillo di Roma o Milano. E ha una personalità che mi ricorda Oviedo, luogo di origine dei miei genitori». Per il resto, silenzio o quasi: «no comment» alle domande sulla sua bellezza, «speriamo debba ancora arrivare» quando le chiediamo il momento più significativo della sua carriera; l'intervista, insomma, non è servita a dissipare la sua posa da diva, da icona, da musa – alle nostre 18 domande l'attrice ha risposto con 5 frasi in tutto. Per questo abbiamo pensato di sottoporla a un giochino. Un classico, senza tempo come lei: il Questionario di Proust.

Rossy De Palma e il questionario di Proust Il tratto principale del mio carattere. LA BONTÁ la qualità che preferisco in un uomo. L'ONESTÁ La qualità che preferisco in una donna. L'ONESTÁ Quel che apprezzo di più nei miei amici. LA TENEREZZA Il mio principale difetto. NON VEDERE I MIEI DIFFETTI La mia occupazione preferita. CREARE Il mio sogno di felicità. SALUTE E AMORE Quale sarebbe, per me, la più grande disgrazia. NON VOGLIO NEPPURE DIRLO Il mio più grande amore. I FIGLI: IL MIO BIMBO E LA MIA BIMBA Quel che vorrei essere. ? Il paese dove vorrei vivere. MI PIACE IL MONDO INTERO Il colore che preferisco. NERO E ROSSO I miei autori preferiti in prosa. FERNANDO PESSOA I miei poeti preferiti. RAINER MARIA RILKE I miei eroi nella finzione. TARZAN I miei eroi nella vita reale. MIA MAMMA E TANTE DONNE Quel che detesto più di tutto. ABUSO DI POTERE E INGIUSTIZIA Il dono di natura che vorrei avere. INVISIBILITÁ, A SCELTA Come vorrei morire. MAGARI DORMENDO DOLCEMENTE Stato attuale del mio animo. GIOVANE E ENTUSIASTA Le colpe che mi ispirano maggiore indulgenza. LA PAURA Il mio motto. COMPASSIONE E EMPATIZZARE

Shop in the City | 11 . 2013 | 111


Health

Ci sono diversi fattori che portano all'indebolimento e alla perdita dei capelli. Studi dimostrano come alcuni elementi possano aiutare a rafforzare la capigliatura.

Per una chioma sana e bella a cura della redazione

L

a perdita dei capelli è un fenomeno naturale, quando però è eccessiva nasconde indubbiamente uno squilibrio. I fattori scatenanti una perdita importante di capelli possono essere molti: sempre più spesso si tratta di stress psico-fisico, ma la causa può anche derivare da trattamenti farmacologici, fattori genetici, ambientali e alimentari possono alterare la situazione, oltre a una generale intossicazione dell’organismo. Un capello sano, ben strutturato e resistente, è costituito da una radice in grado di svolgere al meglio le proprie funzioni e questo dipende da un processo nutritivo adeguato. Quando i capelli crescono sani vengono anche

112 | 11 . 2013 | Shop in the City

regolarmente sostituiti nel naturale ricambio operato dal follicolo. Viene da sé quindi che quando l’organismo non è correttamente nutrito, i capelli s’indeboliscono e insieme alle concause sopra citate può iniziare la loro caduta. Quali sono le soluzioni possibili? Dati inequivocabili dimostrano che un apporto bilanciato di amminoacidi, di tutte le vitamine e i sali minerali, sono alla base di una capigliatura sana. In particolare è dimostrato che alcuni elementi, assunti in una formula altamente concentrata, sono specifici ed essenziali per contrastare la caduta dei capelli, favorirne la ricrescita e addirittura rallentarne l’ingrigimento,

con un conseguente aspetto più giovane e sano, sia nell’uomo che nella donna. Tra questi spicca la Serenoa repens, i cui principi attivi, vengono largamente utilizzati nel trattamento dell’alopecia androgenica (caduta dei capelli dovuta a disordini endocrini). Associando a questi quattro amminoacidi essenziali per la ricrescita del capello, ovvero l’l-Cistina, l’l-Metionina, l’l-Arginina e l’l-lisina, insieme alle vitamine fondamentali nella regolazione della crescita e del mantenimento del cuoio capelluto, tra cui la A, B6, C ed E, pare ci si possa assicurare non solo un mantenimento ottimale della chioma ma un’importante azione rinvigorente in caso di eccessivo indebolimento.


shop in the city space

Conserva il biglietto del parcheggio ACI di piazza Bodoni e Madama Cristina.

Mostrando il biglietto all'interno dei negozi convenzionati potrai approfittare di sconti e iniziative sempre nuove. Vai sul sito www.shopinthecity.it per avere maggiori informazioni.

Seguici su:

www.facebook.com/ShopInTheCityTORINO Shop promotion | Shop in the City | 11 . 2013 | 113


shop in the city space

2 EURO di sconto sul biglietto del cinema

10% di sconto sull'acquisto mamma e figlio

ristorante pizzeria

Scopri i negozi sulle CASSE DEL PARCHEGGIO

114 | 11 . 2013 | Shop in the City | Shop promotion


shop in the city space

Speciale Gamma GPL

25% di sconto immediato

Portaci il biglietto del parcheggio e il tuo tavolo riceverĂ il 10% di sconto

vai al sito WWW.SHOPINTHECITY.IT

Shop promotion | Shop in the City | 11 . 2013 | 115


letture

In occasione del Torino Film Festival e della settimana del cinema nella nostra città, Shop in the City va alla scoperta di alcuni libri fondamentali sulla settima arte, soprattutto dalla prospettiva di chi li pubblica.

PAGINE DI CINEMA

di Marta Ciccolari Micaldi

Il cinema secondo Dino Audino Con un catalogo di 200 testi quasi solo su cinema e sceneggiatura,

Il cinema secondo Lindau

la casa editrice romana diretta e fondata da Dino Audino è oggi un imprescindibile punto di riferimento per chi intende approfondire

Lindau è una casa editrice torinese specializzata in critica

il cinema partendo da uno qualsiasi dei suoi ingredienti: presentati

cinematografica e letteratura sul cinema: è infatti con questa

come testi da cui si può apprendere qualcosa di diverso, come originali

declinazione che nasce nel 1989, per poi allargare negli anni il

saggi adatti a un pubblico curioso, già solo la lettura del catalogo è

proprio catalogo includendo soprattutto attualità, spiritualità e

un’esperienza in sé. Ci sono, ovviamente, libri che parlano di scrittura

discipline orientali. I volumi dedicati al cinema sono moltissimi,

e drammaturgia del cinema, ma anche di come fare i costumi di scena,

raccolti in più di dieci collane: si va dai Saggi o gli Strumenti, che

di come portare e usare la Poetica di Aristotele a Hollywood, di come

comprendono testi divulgativi e riflessioni sul mestiere vero e

mettere in relazione immagine e suono. È come se il cinema venisse

proprio di fare cinema, ai Grandi Film Restaurati, una collana

scomposto e analizzato, un elemento via l’altro, per poi rimettere

composta da più volumi, ognuno dedicato a un film storico del

insieme un’idea di apprendimento globale e approfondito. Non va

cinema italiano, restaurato dalla Associazione Philip Morris

dimenticato, oltretutto, che Dino Audino è anche il direttore di

Progetto Cinema e corredato di sceneggiatura integrale, a –

“Script”, la più nota rivista italiana di scrittura per il cinema e lo

ancora – La Via Lattea, ovvero volumi che vogliono presentare

spettacolo, e si è occupato per quasi venticinque anni di formazione

tendenze cinematografiche o esperienze particolari nel mondo

cinematografica, attraverso il corso di sceneggiatura Script-RAI.

del cinema sia italiano che internazionale. Proprio in occasione del 31° TFF, Lindau presenta Una vita da film. Come il cinema e la filosofia possono aiutarci a vincere le sfide della vita di Giovanni Piazza, un volume della collana Le Querce che instaura collega i grandi quesiti della vita con alcuni capolavori del cinema internazionale, da Il gladiatore a Carlito’s Way (25 ottobre, ore 18.30 alla libreria Belgravia in via Vicoforte 14/b).

C’è un pilastro della letteratura sul cinema che non può mancare nella libreria di nessun cineasta, che sia alle prime armi o già sulla strada del successo. Questo testo è I tre usi del coltello di David Mamet (minimum fax, 320 pp., 14,50 euro), sceneggiatore, drammaturgo, regista, 116 | 11 . 2013 | Shop in the City

mostro sacro di Hollywood, nonché vincitore del premio Pulitzer e firma di Il postino suona sempre due volte, Gli intoccabili e Hannibal. Il testo è diviso in tre parti: la prima è dedicata all’individuazione degli obiettivi di chi si mette in procinto di narrare una storia e quindi di diventare

sceneggiatore; la seconda, invece, è concentrata sulla regia e riporta fedelmente le lezioni di regia che Mamet tenne alla Columbia University; la terza, infine, mette in luce il ruolo dell’attore e di chi deve dirigerlo.


VITA DA BLOGGER

Letteratura 2.0

Tazzina di caffè eccomimi.blogspost.com

Holden&Company

holdenandcompany.com

di Marta Ciccolari Micaldi

Shop in the City fa un salto nel web, alla scoperta delle blogger (e anche di qualche boy blogger) che, da dietro lo schermo, informano, incuriosiscono, stimolano i loro lettori sugli argomenti più diversi (moda, stile, costume, letteratura, food, viaggi), imponendosi come punti di riferimento dell’informazione dei giorni nostri, originali e creativi. Shop in the City presenta in ogni numero 5 blogger e un tema comune: questa è la volta della letteratura, la lettura, la passione per i libri. E la provenienza è, rigorosamente, Torino e il Piemonte.

118 | 11 . 2013 | Shop in the City

H

Q

uando Noemi Cuffia ha iniziato il suo blog ormai cinque anni fa ha creato un genere o, meglio, ha inventato un format molto intuitivo: le recensioni dei libri accompagnate da una tazzina di buon caffè. Che sia la lunghezza o il ritmo della sua scrittura, il carattere del libro recensito, l’energia dell’evento letterario proposto o, ancora, che sia il tempo di lettura richiesto, in effetti il blog Tazzina di caffè è perfetto per interrompere lunghi periodi di lavoro e impegno con fantasiosi e leggeri momenti di letteratura, di tutti i generi e i tempi. Il blog è infatti una collezione di letture, gusti e impressioni dallo stile informale e diretto, che come merito ha quello di farsi comprendere da tutti e come chiave del successo la migliore semplicità. Noemi, che lavora da sempre nel campo dell’editoria e che di recente ha pubblicato lei stessa un libro che ha già fatto il giro d’Italia, Il metodo della bomba atomica, ama accoppiare avventure letterarie e caffè prendendo spunto da una vita quotidiana sempre immersa nei libri: web, librerie, biblioteche, incontri letterari sono infatti la sua preziosa fonte. Un consiglio di lettura per quando cadono le foglie e l’inverno è alle porte? “Neve, di Orhan Pamuk”!

olden viene subito da abbinarlo alll’Holden di Salinger, Company a tutti gli altri personaggi e autori che fanno parte di quella che il curatore del blog definisce la più immaginifica, contraddittoria, esplosiva e affascinante letteratura del mondo: quella americana. Luca Pantarotto, infatti, è un blogger con una passione esclusiva a stelle e strisce, quasi una missione letteraria che rende il suo spazio in rete un perfetto incontro tra serietà – di quella professionale, ben informata e ragionata – e spontaneità – di quella che scaturisce solo quando si parla di un oggetto d’amore. Diviso tra un impiego che ha del fiabesco (lavora per una società milanese specializzata nello studio e nella vendita di manoscritti d'epoca) e letture che richiedono tempo e riflessioni, Luca trova il modo di sfogliare altri lit-blog (soprattutto Wuz), prendersi cura dei dettagli, come la ricerca iconografica per il suo sito, e non perdere d’occhio alcuni idoli letterari come il “New Yorker”, spesso fonte d’ispirazione. Un consiglio di lettura per quando cadono le foglie e l’inverno è alle porte? “Nessun dubbio: leggere (o rileggere) Le correzioni di Jonathan Franzen. Non c'è alternativa, quando dalla prateria arriva un fronte freddo autunnale”.


VITA DA BLOGGER

Inchiostro La lettrice rampante indelebile

Del furore di avere libri

U

L

lalettricerampante.blogspot.com

n blog è lo specchio di chi lo gestisce: così dichiara Elisa Ponassi, che ha aperto il suo quando doveva laurearsi e che mantiene con grande cura anche oggi che è traduttrice per un’industria chimica e articolista per alcune riviste cartacee e in rete. Il titolo è un omaggio al barone calviniano, che però lei ha trasformato in un personaggio femminile innamorato dei libri. Recensioni, interviste, riflessioni e pareri personali costituiscono così la materia prima su cui la curatrice del blog lavora con molta personalità e originalità, prendendo spunto dagli stessi libri che legge, dalle pagine culturali dei quotidiani e dagli altri blog letterari che trova in rete e da cui riesce a estrapolare materiale molto interessante. Con il tempo le sezioni del blog sono aumentate e hanno trovato posto una rubrica che confronta i titoli originali delle opere con le loro traduzioni italiane, alcune riflessioni sul mondo dell’editoria e interviste con gli autori. Un consiglio di lettura per quando cadono le foglie e l’inverno è alle porte? “Leggerei qualche classico, o uno di quei libri che per un motivo o per l’altro, vuoi per la mole vuoi per il contenuto, si è sempre rimandato. L’autunno e l’inverno, per me, sono le stagioni migliori per le letture più impegnative. Io leggerò Libertà di Franzen”.

inchiostro indelebile.wordpress.com

delfurorediaverlibri.blogspot.it

oredana Gasparri ha intitolato il suo blog come fece Giacomo Volpi per un suo “sorridente” testo del XVIII secolo, cercando di tradurre in parole quell’incontenibile e anche un po’ violento desiderio di accumulare letture che l’ha colta sin da bambina, quando per l’età poteva lasciarsi andare solo ara Bauducco ha due passioni, che alle figure. Crescendo, poi, Loredana accompagnano la sua vita lavorativa ha iniziato a leggere di tutto e ha fatto da sempre: il giornalismo e le lingue. della sua passione per la lettura un Insegna e traduce inglese e tedesco, mestiere: oggi, infatti, il blog è la sua e collabora come giornalista pubblicista occupazione principale e studia per alcune testate. Nel suo blog, però, costantemente per migliorare se stessa si aggiunge un altro elemento, quello e il suo grande contenitore di storie. centrale: la passione per i libri. Come in salotto o in un ambiente Affrontato da una prospettiva molto caldo e rilassato, propone ai suoi concreta e originale: entrare nei libri lettori romanzi o racconti che lei ritiene partendo dai fatti della vita quotidiana, possano stimolare o irritare, e lo fa dagli incontri con le persone, dalle fiere con uno stile informale e piacevolmente o gli eventi, a volte anche dai viaggi e personale, come se a chiacchierare dai fatti di cronaca. Sono sufficienti di libri si fosse davvero tra amici. una chiacchierata in treno, un incontro È per questo motivo, infatti, che tra le di lavoro, una cena. Se quindi le storie fonti principali dei suoi post figurano della letteratura sembrano essere anche i siti degli scrittori, una terza ovunque, l’influenza della professione presenza che entra a pieno diritto nel di Sara si fa sentire soprattutto nel taglio salotto virtuale. Un consiglio di lettura che lei dà ai suoi post: descrittivo per quando cadono le foglie e (per i racconti di viaggio e gli eventi) l’inverno è alle porte? “Quando la e giornalistico, quando si tratta di stagione si fa più fredda, di solito leggo raccontare libri o personaggi, che è bello più fantasy, di cui sono una grande – dichiara la curatrice del blog – che appassionata. Il mio autore preferito in possano emergere da sé tra le parole dei assoluto è Tolkien, ma adoro le saghe di suoi post. Un consiglio di lettura per Weis & Hickman, e tutto il team di quando cadono le foglie e l’inverno Dragonlance, nel genere”. è alle porte? “Due i libri che desidero consigliare: Evelina e le fate di Simona Baldelli (Giunti) scalda il cuore con pennellate magiche; Avventure dello stampatore Zollinger di Pablo d'Ors (Quodlibet) è un viaggio dentro i sogni e il destino”.

S

Shop in the City | 11 . 2013 | 119


torinesi a Teatro

Dal cartellone di Off Stage si segnalano: amori e altre dissonanze

(26 ottobre, cafè des arts), compagnia paperelle Scampate e al contrabbasso Michele Anelli > Dai testi di Edgard Allan Poe, Alda Merini e Jean Cocteau prende vita uno straordinario concerto-spettacolo sul filo dell’improvvisazione. Elisabeth, Euridice e Alda; tre figure femminili legate da un filo: amore

Quando il teatro viene "dal basso", pubblico e attori si capiscono di più.

Off stage, la rassegna dei performer e delle arti performative di Marta Ciccolari Micaldi

per l'Amore, e Poesia. Musica, voci e corpi si inseguono, si lasciano e si fondono per raccontare queste donne e le loro passioni. Passando attraverso tre ritratti, tre diversi amori, in scena prende forma un percorso che tende all’Amore con la “A” maiuscola. L’Amore che danna, condanna e salva. “La più saggia delle follie, una amarezza capace di soffocare, una dolcezza capace di guarire." voci del varietà (8 novembre, rainbow) di e con alessandra defaccis e anna fantozzi > Un viaggio tra le migliori voci del teatro comico italiano del Novecento. I maestri della tradizione tornano alla ribalta per uno straordinario spettacolo di cabaret. Si comincia con Petrolini, immergendosi nelle atmosfere dei teatri romani degli anni Venti; si prosegue riscoprendo una storia della tradizione napoletana, raccontata da De Filippo; si azzarda poi un’incursione nelle serate impossibili dei futuristi, con Palazzeschi, fino ad approdare a un ritratto cinico e dissacrante della società contemporanea, ispirato da Rezza. Energia, qualità e divertimento intelligente: sono questi gli ingredienti segreti di Voci del Varietà, una miscela davvero esplosiva!

120 | 11 . 2013 | Shop in the City

. 01

I

l teatro è un’arte distante, o almeno così viene percepito dalla maggior parte dei pubblici. Eppure chi ne è appassionato lo è spesso molto di più di un suo pari verso un’arte diversa: a parità di interessi e successo, molte volte un performer teatrale batte uno scrittore per coinvolgimento emotivo, commistione di realtà e arte, lavoro e passione. Ancora, spessissimo il teatro è molto più vicino di quanto siamo disposti a credere e un’azione teatrale, una performance non è cosa aliena, bensì è un evento ben calato nella nostra vita quotidiana. Un preambolo del genere, un po’ retorico e un po’ riflessivo, si fa d’obbligo se ad andare in scena è OFF STAGE, una rassegna teatrale dedicata ai performer e alle performance teatrali,

dove le arti si ibridano a vicenda e – soprattutto – dove l’accento è posto sulla provenienza dal basso del progetto. Dal basso è un concetto che si spiega presto, accorciando quella distanza tra pubblico e arte menzionata in apertura: performance è infatti qualsiasi azione scenica che viene svolta ovunque ci sia pubblico, da chiunque possa essere definito un perfomer, con qualsiasi mezzo e intenzione artistica questo si presenti sul palco. Nessun limite, dunque, né di genere, né di categoria, né di scuola seguita. Un solo obiettivo, di contro: educare il pubblico alla vicinanza tra persona e arte, tra attore e spettatore, tra intrattenimento e pubblico. Ragione che ha spinto gli organizzatori della rassegna, in particolare le direttrici artistiche


torinesi a Teatro

Per info e cartellone completo

palc00scenico.wordpress.com www.facebook.com/ PalcoOscenicoRassegna www.facebook.com/ FacceDaPalco faccedapalco@gmail.com

. 02

. 01, . 02 Alcune scene degli spettacoli di Off Stage. . 03 PalcoOscenico, foto di GC ArtFactory.

Tiger sostiene il teatro

Tiger, la catena di negozi dedicata al design low cost, sostiene la rassegna teatrale “Concentrica – un progetto a rete”. I clienti Tiger, presentando alla cassa dei teatri uno scontrino (validità 11 ottobre 23 novembre) dal valore maggiore o uguale a 15 euro avranno un ingresso ridotto allo spettacolo. Ogni spettatore che presenterà a Tiger il biglietto di uno degli spettacoli, con un acquisto maggiore o uguale a 5euro, riceverà un omaggio.

www.rassegnaconcentrica.com

. 03

Nathalie Bernardi, Elena Mulè e Francesca Puopolo, a mettere in scena gli spettacoli in alcuni locali popolari di Torino: il Bazura, il Cafè Liber, la Casa del Quartiere di San Salvario, il Cafè des Arts e Rainbow – Il Ritrovo. La rassegna si articola così: ci sono alcune serate contenitore in cui il progetto Palco Oscenico fa da cornice e include altri eventi teatrali per creare insieme una stupefacente e ibrida commistione di alto e basso, dove le arti performative (circo, musica, danza, illusionismo e cabaret) incontrano pittura, fotografia e video per sollecitare tutti e cinque i sensi del pubblico e sperimentare nel nome della creazione e della trasversalità. Queste serate compongono una parte del cartellone della rassegna, mentre

un’altra parte è dedicata a singoli spettacoli teatrali di compagnie o artisti significativi della scena underground (di cui si offre un assaggio nel box). Infine, una terza parte della rassegna è dedicata a Facce Da Palco, un talent show in cui due performer hanno 20 minuti per sfidarsi sul palco a suon di numeri e vengono giudicati sia dal pubblico che da una giuria specializzata. Le iscrizioni per partecipare al talent show sono già aperte e rivolte a chiunque abbia qualcosa da proporre, da Torino come dal resto d’Italia. Al vincitore sarà data la possibilità di portare in scena il suo intero spettacolo in due serate retribuite in giro per Torino.

Shop in the City | 11 . 2013 | 121


Le Antiche Terme di Pigna, Istituto Termale della Liguria, nella Val Nervia, a 40 minuti da Montecarlo e da Sanremo, si presenta come una struttura lussuosa esclusiva e confortevole. TERMALE

* Validità dal 30/09/2013 al 15/12/2013

Le terme sono convenzionate con il Sistema Sanitario Nazionale. Per poter usufruire delle cure è sufficiente presentare la prescrizione del proprio Medico di base o dello Specialista dell’ASL, indicante la diagnosi e il tipo di cura, prescrizione valida per un ciclo di cure termali gratuito (salvo normativa ticket vigente). Le Acque delle Terme di Pigna sono Sulfuree Solfato Clorurato Sodiche e ipotermali microbiologicamente pure. Uno Staff medico specialistico, coordinato da una Direzione Sanitaria specializzata in tematiche di medicina termale e idrologia medica e il personale altamente qualificato, accompagnano l’ospite passo dopo passo, ascoltando ogni sua esigenza e consigliandolo, in modo che ogni trattamento diventi un momento esclusivo e personale.

BENESSERE - BEAUTY

Fanghi estetici sauna e bagno turco. Massaggio Zar e Zarina all'ambra. Piscina interna ed esterna, percorso flebologico. Massaggi tonificanti, rilassanti, olistici e orientali. Trattamenti estetici e palestra.

OFFERTA "ZERO SPESE DI VIAGGIO"

Per ogni soggiorno prenotato di almeno 5 notti / 6 giorni il viaggio per raggiungerci sia in auto che in treno ve lo regaliamo noi!*

OFFERTA "WEEKEND"

Se possiedi la copia di Shop in the City e lo comunichi al momento della prenotazione riceverai uno sconto pari al 10% sia sul pernottamento che sui trattamenti. Per ulteriori informazioni contattare la reception dell'hotel.


ISTITUTO TERMALE CONVENZIONATO SSN E MEDICAL SPA

GRAND HOTEL PIGNA ANTICHE TERME SPA & BEAUTY REGIONE LAGO PIGO 18037 PIGNA (IM) IT

HOTEL: +39 0184240010 TERME: +39 0184240040 WWW. TERMEDIPIGNA.IT INFO@TERMEDIPIGNA.IT


cioccolatò

Si sposta a novembre la manifestazione dedicata al cacao, ai produttori e ai prodotti locali.

Quando

22 novembre – 1 dicembre

Dove

Piazza San Carlo è il centro principale, ma bisogna seguire le tracce di cioccolato anche tutt’intorno.

Perché

C’è solo un motivo per cui andare a passeggiare tra gli stand di Cioccolatò ed è che Torino è la capitale indiscussa del cibo degli dei, sicuramente a livello italiano, in buona posizione anche nelle classifiche internazionali.

Cioccolatò, quando ai torinesi èPerchiesto di esser golosi nove anni si è svolto nel mese di marzo ma per la sua decima

edizione il festival torinese del cioccolato si sposta a fine novembre, il tempo della raccolta del cacao. E il tempo, anche, in cui l’autunno piega all’inverno, il Natale è alle porte e di cioccolato vi è un gran bisogno. Dopo che l’anno scorso la manifestazione si è chiusa con un totale di circa 500.000 presenze, quest’anno si vuole fare un ulteriore salto di qualità puntando l'attenzione sui produttori e i prodotti locali. Deve risultare chiaro, infatti, ai turisti che vengono in città in questo periodo, che Torino ha con il cioccolato un rapporto privilegiato e unico, che può guidare la nostra piccola economia nel nome della golosità e della delizia. di Marta Ciccolari Micaldi

Moltissimi i produttori locali, tra le più raffinate le case dolciarie nate in territorio piemontese, una maschera tradizionale della città che è anche il nome del nostro cioccolatino per eccellenza, il gianduiotto: la cultura torinese del cioccolato ha radici antichissime e ogni anno si rinnova grazie a un festival che offre ai cittadini la scoperta di nuovi prodotti, artigiani e ricette.

Info

Programma e iniziative sul sito

www.cioccola-to.it o alla mail info@cioccola-to.it

124 | 11 . 2013 | Shop in the City

L

a manifestazione è organizzata dal Gruppo Gioform Unipersonale, con il patrocinio della Città, della Provincia di Torino e della Regione. Più di tutti gli altri, però, i veri protagonisti di Cioccolatò sono i produttori di cioccolato, che arrivano da tutto il territorio piemontese e anche da quello nazionale per presentare i loro cioccolatini e i dolci di cacao. C’è chi approfitta dell’ora dell’aperitivo per proporre abbinamenti di cioccolato e alcol; chi punta sul coinvolgimento dei giovani, a cui non solo si fanno assaggiare i prodotti ma a cui si chiede anche di mettersi in gioco attivamente nella preparazione dei cioccolatini; chi, ancora, prepara degustazioni a cui nessuno saprebbe resistere.

Non ci credo! Quest’anno il claim della manifestazione è “Chi lo fa ti aspetta”, con l’accento tutto rivolto ai produttori, a coloro che il cioccolato lo fanno e lo presentano. E se da un lato l’intimidazione racchiusa in questo claim è di chiara percezione, dall’altro saremo ben lieti di accontentare il maitre chocolatier nell’arrivare puntuali all’appuntamento annuale di Torino con il cibo degli dei. Le lancette del Ciokotime non perdonano!


LA MCMUSA CONSIGLIA

Shop in the City va alla scoperta dell’America con La McMusa (blogger di cultura e letteratura nordamericana): mostre, happening, inaugurazioni – e il racconto del meglio della cultura a stelle e strisce.

Los Angeles e le cittá invisibili di lamcmusa.wordpress.com

Los Angeles è una città che vive della sua fama planetaria. Fino all'8 novembre ospita Invisible Cities, un’opera lirica che verrà messa in scena nella Union Station di Los Angeles, la stazione dei treni.

stazione e al di fuori delle cuffie tutto sarà silenzioso. Il progetto è stato finanziato tramite crowdfunding su Kickstarter e coprodotto da The Industry e il Los Angeles Dance Project, alcuni grandi nomi dell’avanguardia artistica californiana. Il libro di Calvino, che racconta di città sono autostrade che si piegano a cerchio ideali, fantasma e fantastiche, non e poi si intersecano. poteva trovare location migliore: la Union Station, infatti, è un elegante Tuttavia, c’è un grandissimo tuttavia. edificio di acciaio, mattone e vetro, in Le tendenze - che sia la moda, il design, cui i binari sono nascosti alla vista, così la fotografia o qualsiasi altra come il rumore metallico di treno e facilmente nascono qui e gli sposalizi rotaie sono celati all’udito. Al loro tra diversi tipi di creatività danno vita posto, il viaggiatore trova confortevoli e ad esperimenti avanguardistici. aggraziate poltrone di pelle nera su cui È il caso di Invisible Cities, un’opera far scorrere i minuti in tutta comodità, lirica che verrà messa in scena uffici informazioni, edicole e ristoranti nell’elegante e affollatissima Union in perfetto stile fabbrica del XX secolo, Station di Los Angeles, la stazione dei un’intera ala chiusa al pubblico con treni, dal 19 ottobre all’8 novembre seggi di antica costruzione e soffitti in (in versione limitata). Il testo e il libretto vetro, luci gialle alle pareti e ampie Siamo a Los Angeles, una città che vive dell’opera sono tratti da una delle più finestre da cui far entrare la luce tutto della sua fama planetaria più che della belle creazioni letterarie del nostro Italo l’anno. realtà: tolte Beverly Hills, Melrose Place, Calvino, le Città invisibili appunto, tutte le spiagge sul Pacifico e il roboante mentre la musica è del giovane e È bello arrivare qui da lontano: tra le via vai di persone da e per Hollywood, talentuoso Cristopher Cerrone. città invisibili che un viaggiatore si trova Los Angeles non è una gran bella città. La novità di quest’opera è che la musica ad attraversare, la Union Station sarà Architettonicamente si presenta come verrà eseguita da un’intera orchestra ma quella ricordata per la sua quiete quasi una immensa e dispersiva periferia, ascoltata da attraverso delle cuffie wifi musicale, la luce e un’opera lirica in sala l’inquinamento è alle stelle e le strade distribuite agli spettatori sparsi per la d’attesa.

L

’anno sta per finire, ma sono ancora tanti gli eventi che rendono onore all’Italia. Nel 2013, infatti, in America si è festeggiata la cultura italiana e, in tutte le maggiori città, qualcosa di grande, bello e affascinante ci rappresenta Il 2013, infatti, in America è l’anno della cultura italiana e in tutte le maggiori città qualcosa di grande, bello e affascinante ci rappresenta. La maggior parte degli eventi è organizzata o patrocinata dagli Istituti italiani di cultura e tra questi c’è da selezionarne uno davvero curioso.

Shop in the City | 11 . 2013 | 125


Diventa un campione da New Club Il Pardo

Anche l’Australia del Rugby sceglie la palestra il Pardo

S

i va verso il tutto esaurito per il test mach degli azzurri della nazionale italiana di rugby che si terrà allo stadio olimpico di Torino sabato 9 novembre. Ad oggi quasi tre quarti dei biglietti sono già stati venduti ed arrivare al tutto esaurito sembra ormai cosa fatta. L’Italia ritrova gli australiani dopo la sconfitta fiorentina dell’anno passato subita negli ultimi minuti di gioco e spera che questa possa essere l’occasione giusta per battere per la prima volta nella storia del rugby italiano i portacolori dell’emisfero sud.

In realtà non sarà impresa facile: i Wallabies sono la seconda nazionale del ranking mondiale e l’Italia, nonostante i grandissimi progressi fatti negli ultimi anni, è ancora in attesa del salto di qualità che la porti nel rugby di primissimo piano. La speranza è che i nuovi giovanissimi innesti possano andare a dare spessore soprattutto nel ruolo di mediano di apertura che in Italia da troppi anni non è ricoperto da giocatori di vera caratura internazionale. Il solito paradosso: nel paese dei calciatori non si riesce a

126 | 11 . 2013 | Shop in the City3 | Shopromotion

Nelle immagini la squadra di Rugby australiana e alcuni interni del New Club Il Pardo.

trovare un regista dai piedi buoni e dalla capacità di prendere in mano la squadra nei momenti di difficoltà. Nella settimana che precederà l’incontro la nazionale australiana sarà a Torino e perfezionerà la sua preparazione fisica presso le strutture della Palestra New Club Il Pardo di Via Accademia Albertina. Non è la prima volta che un team di eccellenza sceglie il Club per le sue attività infatti l’anno passato gli azzurri erano stati ospiti della struttura che da tanti anni è sinonimo di qualità e professionalità. Ovviamente sarà un’occasione di confronto importante in cui si potrà vedere al lavoro una delle squadre regina dello sport dalla preparazione fisica più impegnativa. Gli atleti alterneranno le sezioni di attrezzi a quelle di nuoto e molto probabilmente chiuderanno la loro giornata tra saune e bagni turchi. I tecnici e le strutture sono pronte all’evento come lo sono quotidianamente per tutti i soci. Appuntamento da lunedì 4 novembre presso la Palestra New Club Il Pardo.


Go away

LE AVANGUARDIE NELLA PARIGI FIN DE SIÈCLE Signac, Bonnard, Redon e i loro contemporanei Fino al 6 gennaio 2014 Peggy Guggenheim Collection Palazzo Venier dei Leoni Dorsoduro 701 - Venezia www.guggenheim-venice.it

Paul Signac Saint-Tropez. Fontaine des Lices, 1895, olio su tela, 65 x 81 cm, collezione privata.

Tokidoki

Ospitata nel meraviglioso ‘palazzo

artistici i soggetti sono gli stessi dei

non finito’ – il Palazzo Venier dei

loro predecessori impressionisti

È nata “Cappuccino” la scultura in

Leoni iniziato nel 1748 su progetto

(paesaggi, vedute cittadine moderne,

vinile, in edizione limitata (solo

dell'architetto Lorenzo Boschetti- la

attività ricreative, a cui si

300 esemplari numerati) nata

mostra presenta un centinaio di

aggiungono scene introspettive e

dalla collaborazione tra la

opere tra dipinti, disegni, stampe e

visioni fantastiche) ma è la modalità

Collezione Peggy Guggenheim

lavori su carta di Signac, Bonnard,

con cui questi temi vengono trattati

e Tokidoki, il brand di ispirazione

Redon e i loro contemporanei. Un

a cambiare. La mostra si sofferma in

giapponese di Simone Legno.

vero e proprio racconto della scena

particolar modo su alcuni dei

Cappuccino è un cucciolo di

artistica parigina di fine ‘800, in

maggiori protagonisti di

Lhasa Apso, la razza canina

particolar modo su

quest’epoca: Paul Signac, Maximilien

preferita dalla collezionista

neo-impressionisti, Nabis e

Luce, Maurice Denis, Pierre Bonnard,

d’arte americana Peggy

simbolisti. In questi movimenti

Félix Vallotton e Odilon Redon.

Guggenheim, alto 32cm con braccia e coda snodabili.

Shop in the City | 11 . 2013 | 127


news&gossip

labbra idratare e nutrite “Pretty pink” e “desert rose” sono le due nuove nuance autunnali del nuovo rossetto di Elizabeth Arden. La sua formula idrata, nutre e ridensifica le labbra in una sola applicazione e assicura un effetto cromatico eccezionale che dura 12 ore. www.elizabetharden.it

capi reversibili Un capospalla che unisce glamour e praticità. È l’ultimo modello di Canadian, ultraleggero, waterproof e reversibile: tinta unita per chi predilige la semplicità, camouflage per chi ama le fantasie. www.canadian.it

La nuova linea Davines per capelli, viso e corpo

Prodotti naturali

La nuova linea Davines Authentic Formulas utilizza l’olio di cartamo, dall’elevate proprietà antiossidanti, nutrienti e idratanti. Quattro prodotti ricchi di ingredienti di origine naturale (dal 98 al 100%) con formule in grado di apportare benefici a capelli, viso e corpo. www.davines.com

city bag Per l'uomo Timberland ha realizzato Briefcase della linea City Explorer. Realizzata in tela di canvas impermeabile, con ampie tasche interne, ha diversi dettagli in pelle come la cinghia e i manici.

128 | 11 . 2013 | Shop in the City


DIVERTIRSI FA BENE presenta

Stasera Fiorello

10

a a

E ED DIIZ ZIIO ON NE E

TEATRO REGIO Serata di beneficenza ADISCO a favore dei bambini malati di leucemia. Lunedì 18 novembre ore 21 Prevendite dal 25 ottobre al cell. 3669535971 o via mail info-piemonte@adisco.it Vendite e ritiro biglietti: dall’11 novembre presso “San Carlo dal 1973” in piazza San Carlo 201 Per informazioni: divertirsifabene.com


news&gossip

borracce fluo Sigg ha creato tre nuove borracce dai colori al neon. Crazy Pink, Funky Yellow e Freaky Orange: idratarsi non è mai stato così esuberante ed eccentrico.

tema colore

Notkunst è il nuovo marchio torinese di alta sartoria

Borse che danno sollievo Si chiama Notkunst il nuovo marchio torinese che realizza borse di alta sartoria dal design essenziale e minimalista. Un kit di pronto soccorso per “portare sollievo attraverso la somministrazione di piccoli quantitativi di arte”. www.notkunst.it

Pomellato 67 ha realizzato una collezione dedicata al viola. L'anello è in argento con ametista idrotermale quadra, ovale, quadra e triangolare. www.pomellato.com/ pomellato67

alpi per passione

vanni stardust

È appena nato il nuovo portale

VANNI in forme e finiture sorprendenti: è “Stardust”. La colorazione glitter è ottenuta attraverso una verniciatura tridimensionale -originariamente sviluppata per proteggere le teste dei motori delle auto e resistere alle alte temperature-, poi arricchita da polvere metallica luccicante. www.vanniocchiali.com

www.piemonteoutdoor.it che raccoglie tutte le informazioni sulle attività praticabili all’aperto, sportive, ricreative, enogastronomiche, culturali, offerte dalle montagne e dai Parchi piemontesi.

130 | 11 . 2013 | Shop in the City


news&gossip

the north face a torino Il leader mondiale nel settore dell’abbigliamento, dell’attrezzatura e delle calzature outdoor tecnicamente d’avanguardia ha aperto il suo undicesimo monomarca italiano nel centro della città, in via Roma 339.

camouflage e jeans Con oltre cinquant’anni di esperienza nel mondo del denim, Rifle torna alle radici per raccogliere l’ ispirazione guida della nuova collezione. Il jeans è il punto di partenza con tanto studio su modelli e materiali.

Nuovi colori per viaggiare

Valigie in lavanda e smeraldo È in polipropilene riciclabile al 100% e interamente Made in Italy il trolley Light Young di Roncato. Da abbinare alla gamma di articoli da viaggio della linea Rolling in tessuto. Per questa stagione sono disponibili nei nuovi colori lavanda e smeraldo. www.roncato.com

prezioso silicone Le Corone presenta il suo Solitario. Il cestino a forma di corona ad otto punte è fissato su gambo in silicone regolabile e ospita una perla da 10 mm in 5 diverse varianti colore. Dal classico bianco neve al grigio ghiaccio, dal rosa tramonto e al nero notte.

scegliere una zeppa in corda Tronchetti con zeppe in corda e pelle o in corda e cotone rigido. Sono i nuovi modelli autunno inverno di Espadrilles comodi e per tutte.

Shop in the City | 11 . 2013 | 131


news&gossip

scarpe comode come un calzino The Flexx l’azienda toscana, con un’esperienza che risale al 1838, ha presentato le sue collezioni di scarpe da donna. Le scarpe non utilizzano contrafforti o sottopiedi che irrigidiscono e nemmeno collanti che inquinano. Risultano così super flessibili, leggere ed ecologiche.

imparare il cinema Sono aperte le iscrizioni ai nuovi corsi di cinema, organizzati dall’Aiace Torino. Sono nove i cicli di lezioni di quest'anno, suddivisi tra corsi propedeutici e tecnicopratici e corsi monografici inediti. www.aiacetorino.it

Alluminio e colori accesi

Lady Gaga style Dall'apparizione nel video di Lady Gaga in Paparazzi la “bandana” per occhio in alluminio di AND_i è diventata un must. La collezione autunno/inverno la propone in colori forti e accesi, da abbinare con i bracciali o con le lunghe collane.

per capelli spenti Per capelli stressati, inariditi o danneggiati Aesop ha creato Nurturing Shampoo e Rose Hair & Scalp Moisturing. I due prodotti sono efficaci già dalla prima applicazione, rendendo i capelli idratati lucidi, morbidi e luminosi. www.olfattorio.it

132 | 11 . 2013 | Shop in the City

rimedi contro la pioggia Per affrontare al meglio la pioggia e la neve non c’è niente di meglio dei nuovi stivali da pioggia Colors of California. Impreziositi da zip multicolor si trovano in nero, verde militare, grigio ghiaccio, beige e tanti altri colori.


company profile

Il lato rosa delle aziende Il 5° Salone dell’Imprenditoria Femminile promosso dall’Associazione Gamma Donna in collaborazione con la Camera di commercio di Torino e il suo Comitato per l’imprenditoria femminile si è svolto nell’ottobre scorso. Dall’analisi compiuta dall’Osservatorio Gamma Donna fra le quasi sessanta imprenditrici “reinventate” partecipanti, provenienti da tutta Italia, risulta che, nel 60% dei casi, le donne capaci di dare una nuova chance alla propria vita professionale attraverso una scelta imprenditoriale provengono da un’esperienza di lavoro dipendente. L’età media delle nuove imprenditrici si attesta sui 40 anni e il 70% di loro ha conseguito una laurea. di Maria Grazia Belli • Secondo la ricerca la vita di coppia non pare costituire un ostacolo all’attività in proprio (l’85% ha un compagno). Ma non mancano le difficoltà: in particolare l'accesso al credito e ai finanziamenti e il rapporto con la burocrazia.

Hangar Shoes Maria Rita Ferretto

Hangar Shoes nasce nel 2012 dalla passione e dalla dedizione dell’imprenditrice Maria Rita Ferretto. Dalla sua storia personale e professionale prende vita il mondo Hangar, in cui la tradizionale pelletteria italiana sposa il design contemporaneo urban oriented per creazioni autentiche ed esclusive.

L'imprenditrice biellese Maria Rita Ferretto.

I

n questo momento di crisi economica dove tutto sembra essere messo in discussione, secondo i dati, le imprese femminili hanno perdite inferiori rispetto a quelle capeggiate dall’altro sesso, secondo lei a cosa è dovuto? Visti i tempi, sicuramente non sarebbe stato il momento per mettersi a fare impresa. Non so se i dati delle statistiche siano veramente attendibili per le imprese a conduzione femminile e se davvero abbiano perdite inferiori di quelle a conduzione maschile: sicuramente, a mio avviso, dipende molto dalle persone, indipendentemente dal sesso. Esistono donne che riescono a conciliare famiglia e figli con il successo professionale. Queste donne “ investono, progettano e rischiano”. Lei si rispecchia in questa descrizione? Conciliare famiglia e lavoro è

Caffè Vergnano Carolina Vergnano

Caffè Vergnano, la più antica azienda produttrice di caffè a livello nazionale, diretta dal 1882 dalla famiglia Vergnano, prosegue con successo da più di 130 anni nel segno della tradizione e dell’innovazione a promuovere la cultura del caffè in Italia e nel mondo.

Nata a Torino nel Luglio del 1981, Carolina Vergnano ricopre in azienda il ruolo di Responsabile Export Departement dal 2005. Sposata e con due bimbi.

I

n questo momento di crisi economica dove tutto sembra essere messo in discussione, secondo i dati, le imprese femminili hanno perdite inferiori rispetto a quelle capeggiate dall’altro sesso, secondo lei a cosa è dovuto? Sicuramente l’apporto femminile è importante ma non credo che il dato sia strettamente legato al ruolo manageriale di una donna piuttosto che di un uomo. Per quel che riguarda la mia azienda penso che la ricetta vincente sia quella di avere un’intera famiglia coinvolta nel business. Generazioni, personalità e spiriti diversi che riescono a dare ognuno il proprio contributo. L’azienda stessa viene gestita come una famiglia, nella quale tutti collaborano, ognuno con il suo ruolo attivo. Esistono donne che riescono a conciliare famiglia e figli con il successo professionale. Queste Shop in the City | 11 . 2013 | 133


company profile

Hangar Shoes

Caffè Vergnano

abbastanza faticoso e i sacrifici sono notevoli. Per fortuna ho tre figli meravigliosi, che mi aiutano insieme alla sorella più piccola: credo di rispecchiarmi nella vostra descrizione. Se cosi non fosse, non mi sarei messa in discussione in un momento del genere. Quali sono gli ingredienti giusti per conciliare lavoro e famiglia? Gli ingredienti giusti non li conosco:secondo me usare il buonsenso è determinante.

donne “ investono, progettano e rischiano”. Lei si rispecchia in questa descrizione? Io cerco di essere il più equilibrata possibile. L’azienda mi porta via la maggior parte del tempo. Il 70% della mia vita è sicuramente assorbito dal lavoro. Quello che mi resta è tutto destinato ai miei figli. Io non vedo l’ora di stare con loro e considerato che il tempo non è moltissimo cerco di dare il massimo, condividendo un tempo di “qualità”. La verità è che uso lo stesso approccio sia in famiglia che in azienda: investo e progetto. Organizzo, mi do degli obiettivi, cerco di pianificare la giornata per avere ogni giorno uno scopo.

Lei è madre, ci sono molti che ritengono che la maternità ostacoli la carriera, è d'accordo? Nella sua azienda sono molte le donne con figli? Non credo che la maternità ostacoli la carriere, assolutamente no. Dipende sempre dalla donna e da quanti sacrifici è disposta a fare. Da noi in azienda ci sono donne con famiglia che riescono a conciliare lavoro e impegni famigliari, riuscendo a essere sempre presenti (cosa molto importante). Poter contare sulle persone con cui lavori è molto importante, e tra l'altro in azienda la presenza femminile è in maggioranza.

Quali sono gli ingredienti giusti per conciliare lavoro e famiglia? Ci vuole positività, tanta voglia di fare, di rimboccarsi le maniche… E sicuramente bisogna mettere in conto di dormire poco.

La presenza femminile in azienda può veramente essere una marcia in più e apportare un sistema lavorativo diverso rispetto al tipico approccio maschile? Succede anche nella sua? Ci fa qualche esempio? Lei è madre, ci sono molti che ritengono che la maternità ostacoli la carriera, è d'accordo? Nella sua azienda sono molte le donne con figli? Sicuramente la società odierna non aiuta e, se ci si dedica totalmente ai figli, non è facile ricoprire dei ruoli manageriali in azienda. Il lavoro ti assorbe e limita il tuo tempo. Io ho la fortuna di avere una famiglia che mi supporta e che si prende cura dei miei figli quando io sono al lavoro. Credo però che per ricoprire un ruolo manageriale, sia fondamentale trovare il giusto equilibrio: rispettare le 134 | 11 . 2013 | Shop in the City


company profile

Hangar Shoes

Caffè Vergnano

La marcia in più c'è se ci sono donne con sani principi senza gelosie o invidie: diversamente, se manca la collaborazione, non può funzionare. Devo spezzare una lancia a favore anche dei nostri collaboratori di sesso maschile che in azienda devo dire sono molto collaborativi. Non ho esempi specifici da riportare, ma come dicevo per me importante è poter lavorare in un clima di vera collaborazione, spinti da un obiettivo comune.

esigenze e i tempi della vita familiare senza perdere il contatto con la sfera lavorativa. In Caffè Vergnano la maggior parte delle donne che lavorano ha figli.

Collezione A/I, Catalogo A/I, Stand Micam 2013 (Progetto Studio APE - Art direction Renato Santanchè). hangarshoes.com

La presenza femminile in azienda può veramente essere una marcia in più e apportare un sistema lavorativo diverso rispetto al tipico approccio maschile? Succede anche nella sua? Ci fa qualche esempio? Più che altro ritengo che il connubio tra due punti di vista così diversi come quello maschile e femminile sia il miglior punto di forza per un’azienda. Per quando mi riguarda, per esempio, in quanto donna tendo a prediligere le sensazioni e a seguire l’istinto. La determinazione nel portare avanti le mie intuizioni in azienda si unisce bene all’approccio maschile, più riflessivo e razionale.

Nelle immagini la famiglia Vergnano e Èspresso1882, di cui Carolina è responsabile dal 2010, la nuova linea di capsule lanciata sul mercato da Caffè Vergnano a settembre del 2011 e prima in Italia ad essere compatibile con le macchine Citiz, Pixie, Essenza, Lattissima, U e Maestria ad uso domestico a marchio Nespresso®* Macchina Trè e nuove capsule di thè Thèspresso1882, anch’esse compatibili con le macchine Nespresso® www.caffevergnano.com www.espresso1882.com *Il marchio non è di proprietà di Caffè Vergnano S.p.A. né di aziende ad essa collegate.

Shop in the City | 11 . 2013 | 135


programma di sala

eventi MOVEMENT TORINO ELECTRONIC MUSIC FESTIVAL

Gli artisti di Paratissima sono i creativi (pittori, scultori, fotografi, illustratori, stilisti, registi, designer) emergenti, che

Fino al 2 novembre

non sono ancora entrati nel

Luoghi vari

circuito ufficiale dell’arte.

Il TEMF, giunto all’ottava

www.paratissima.it

edizione, propone il meglio del panorama italiano e internazionale della musica elettronica. Nella notte di Halloween, il 31 ottobre, il Festival raggiungerà il clou nel Padiglione 3 Lingotto Fiere, con i grandi nomi del panorama. Il Festival chiude il 2 novembre con

THE OTHERS

un grande Closing Party dove si

8-10 novembre

esibiranno Derrick May, DJ W!LD

ex carcere Le Nuove

e Terrence Parker.

The Others è un progetto

www.movement.it

espositivo dedicato all’arte contemporanea emergente. I protagonisti sono tutti gli operatori che lavorano su programmi dedicati a giovani artisti: gallerie nate dopo il 1 edizione di ONE TORINO, una

gennaio 2009 e associazioni e

grande rassegna realizzata in

fondazioni, collettivi di artisti o

8-10 novembre

collaborazione con Castello di

curatori, artist-run-spaces,

Oval Lingotto Fiere

Rivoli Museo d’Arte

progetti editoriali, premi d’arte,

Sotto la direzione artistica di

Contemporanea, GAM Galleria

residenze per artisti, scuole e

Fino al 10 dicembre

Sarah Cosulich Canarutto, la

Civica d’Arte Moderna e

accademie d’arte, librerie che si

Gam Torino

20esima edizione Artissima si

Contemporanea, Fondazione

occupano di arte, spazi di design

Musiche in mostra continua a

conferma sempre più un evento

Merz, Fondazione Sandretto Re

giovane ed autoprodotto.

esplorare il mondo della musica

di rilievo internazionale. Con un

Rebaudengo. Otto affermati

www.theothersfair.com

e dell’arte ospitando una

focus sulle aree emergenti del

curatori internazionali, hanno

trentina di artisti di livello

Sud America e dell’Asia. Il salone

progettato cinque mostre

internazionale. Questa edizione

dell’arte contemporanea ospita

collettive, che insieme daranno

dal sottotitolo “Wet Paint:

oltre 180 gallerie suddivise nelle

vita a un percorso espositivo

musica figurativa” è ispirata al

tradizionali cinque sezioni Main

unitario. www.artissima.it

pensiero del filosofo Friedrich

section, New Entries,

Wilhelm Joseph Schelling. Il

Present Future, Back to the

PARATISSIMA

primo appuntamento è il 27

Future e Art Editions.

6-10 novembre

ottobre con il NED Ensemble.

www.artissima.it

Ex M.O.I

ARTISSIMA MUSICHE IN MOSTRA

www.rivegaucheconcerti.org

136 | 11 . 2013 | Shop in the City

Sotto le storiche arcate dei

ALFA MITO CLUB TO CLUB

“Mercati Ortofrutticoli

7 - 10 NOVEMBRE

all’Ingrosso” di via Giordano

Luoghi vari

dal 7 novembre al 12 gennaio

Bruno riparte Paratissima con

Il festival internazionale di

2014

500 artisti, gallerie d’arte,

musica, arte e cultura elettronica

Sedi varie

mostre tematiche, progetti

torna in città. Il tema di

Artissima presenta la prima

speciali e performance live.

quest’anno è Twins! a

ONE TORINO. EDIZIONE #1


programma di sala

simboleggiare il gemellaggio

contemporanea grazie alla

che lega idealmente Torino alle

seconda edizione

altre città in cui il festival si

di Modissima e Modissima feat

muoverà, insieme alla capacità

Contemporary Turkey a cura

di creare una community

dall’Associazione Golfart in

autentica tra tutti gli artisti. Già

collaborazione con MAT, Moda

annunciati i primi 26

d’Autore a Torino. Sono presenti

protagonisti: Four Tet, James

28 i fashion designer che hanno

Holden, Jon Hopkins, Fuck

scelto di lavorare a Torino, ma

Buttons, Modeselektor e tanti

provengono da storie ed

altri. www.clubtoclub.it

esperienze diverse tra loro e 6 artisti che rappresentano la giovane arte contemporanea.

RESTRUCTURA

all'autoconsapevolezza e alla

21-24 novembre

responsabilità verso il mondo e

Lingotto Fiere

quello che accade.

Recupero, ristrutturazione,

www.fondazionemerz.org

riqualificazione. Questi i temi centrali sui quali intende concentrarsi la nuova Restructura, il più grande salone-evento dedicato

CIOCCOLATÒ

TURIN MARATHON

all’architettura sostenibile e all’edilizia. Per l’edizione 2013

Dal 22 novembre al 1 dicembre

Restructura è ospitato all’Oval.

Luoghi vari

www.restructura.com

sposta a fine novembre, prima

GIANNI BERENGO GARDIN E FRANCESCO NERI

Cambia data Cioccolatò e si del natale. Quest’anno la

Fino al 10 novembre

17 novembre

manifestazione dedicata al

Palazzo Madama

Torino

cioccolato made in Italy ed

La “Turin Marathon 2013 Gran

internazionale, si concentrerà

Premio La Stampa”, la

sulle produzioni artigianali della

“StraTorino” e la “Junior

tradizione cioccolatiera

Marathon”, si svolgeranno

piemontese.

domenica 17 novembre. Come

www.cioccola-to.it

ogni anno, dalla centralissima

MOSTRE ALFREDO JAAR

Piazza San Carlo partiranno

TFF

migliaia di persone per la

22 - 30 novembre

2014

manifestazione che coinvolge

Cinema vari

Fondazione Merz

tutta la città.

Prima edizione del Torino Film

Una grande mostra personale, a

www.turinmarathon.it

Festival diretta da Paolo Virzì.

cura di Claudia Gioia, di un

Accanto al concorso principale

indiscusso protagonista dell’arte

Palazzo Madama presenta le

riservato ai lungometraggi il TFF

di oggi. Rappresentante del

fotografie di Gianni Berengo

Fino al 17 novembre

presenta quello per i

padiglione cileno alla 55

Gardin e Francesco Neri al primo

Palazzo Natta-Vitta, Casale

documentari internazionali, i

Esposizione Internazionale

piano di Palazzo Madama nel

Monferrato

documentari italiani e per i

d’Arte di Venezia e artista scelto

Gabinetto Cinese. Saranno

Le sale storiche di Palazzo Natta-

cortometraggi italiani.

da Luci d’Artista, Alfredo Jaar fa

esposte le 20 fotografie

Vitta a Casale Monferrato

www.torinofilmfest.org

suo l'ottimismo della volontà e

realizzate al Museo da Gianni

con determinazione sollecita

Berengo Gardin e Francesco

MODISSIMA

ospitano la moda e l’arte

Dal 5 novembre al 2 febbraio

Shop in the City | 11 . 2013 | 137


programma di sala

Neri, vincitore del premio

Berlino). Dalle prime opere che

Agarttha Arte, in occasione del

traevano ispirazione dal

150º anniversario del Museo

linguaggio del cinema e

Civico.

indagavano micro-narrative quotidiane, agli aspetti di

FOTOGRAFIA E NARRAZIONE: DALLA CRONACA ALLA LETTERATURA

coinvolgimento del pubblico quale protagonista sono diventati parte preponderante della ricerca di Senatore. www.castellodirivoli.org

Fino al 17 novembre

DOVE NON SI TOCCA

Fondazione Bottari Lattes La Fondazione Bottari Lattes apre al pubblico la mostra che

partnership con la East China

da Patrizia Bottallo.

Fino al 12 gennaio 2014

comprende la personale di

Normal University di Shanghai –

www.scrignodellarte.it

Museo Tornielli, Ameno

Uliano Lucas “Racconti di

Facoltà di Design.

Fotogiornalismo” e la collettiva

L’ORSO DELLE CAVERNE

Dove non si tocca è una mostra temporanea in cui gli artisti

Daewong Kim, Laura Lamanda,

RITRATTO DI FAMIGLIA / PORTRAIT DE FAMILLE

Michela Bernasconi e Maddalena

Fino al 24 novembre

Naturali espone presso la sede

spazio museale e che è da anni il

Migliore. Le mostre presentano

Museo Eso Peluzzi

di Palazzo Lascaris un cranio

luogo di attività di Asilo Bianco.

al pubblico i diversi possibili

Monchiero Alto (CN)

di Ursus spelaeus,  uno dei

www.museotornielli.it

“Fotografia & Scrittura”, cui partecipano Federico Massimiliano Mozzano,

coinvolti instaurano tra loro

Fino al 25 novembre

dialoghi sul tema dell'acqua,

Galleria Belvedere - Palazzo Lascaris

elemento che connota in modo

Il Museo Regionale di Scienze

forte il territorio in cui si trova lo

percorsi che legano Fotografia e

mammiferi più diffusi delle

Narrazione.

caverne pleistoceniche

www.fondazionebottarilattes.it

piemontesi. Ramo della linea evolutiva che comprende anche

TOSH – TORINO SHANGHAI. DIALOGHI D’ARTE

l’orso bruno.

Fino al 17 novembre In una chiesa sconsacrata nel

LA BARCA SUBLIME

meraviglioso contesto naturale

Fino al 2 febbraio 2014

delle Langhe, giunge una

Venaria Reale

proposta che mette a confronto

Nell’imponente Scuderia Grande

l’arte moderna con quella

si può ammirare la mostra su il

Palazzo Saluzzo Paesana

contemporanea; si tratta di una

“Bucintoro del Re di Sardegna”, il

30 giovani artisti, 15 che operano

attraverso le opere di una

a Torino e 15 a Shanghai

famiglia di artisti: Eso Peluzzi

MARINELLA SENATORE. COSTRUIRE COMUNITÀ

presentano le loro opere in una

(1894-1985), Scipione (Gino

Fino al 6 gennaio 2014

esistente al mondo. Per

mostra che vuole mettere in

Bonichi 1904-1933), Claudio

Castello di Rivoli Museo D'arte

l’occasione è stato ideato

confronto due realtà dissimili

Bonichi (1943), Benedetta

Contemporanea

un allestimento multimediale

ma legate da una storia culturale

Bonichi (1968).

Un’importante selezione dei

curato da Davide Livermore,

forte. La mostra è ideata e

La mostra, già ospitata al Musée

progetti a oggi realizzati da

registra specializzato in teatro

realizzata dall’Istituto Garuzzo

du Montparnasse di Parigi, per

Marinella Senatore (Cava dei

musicale.

per le Arti Visive – IGAV in

l’appuntamento italiano è curata

Tirreni 1977, vive e lavora a

www.lavenaria.it

mostra che racconta un secolo di arte italiana (1912-2012)

138 | 11 . 2013 | Shop in the City

più incredibile dei manufatti di Casa Savoia, l'ultima imbarcazione veneziana originale del Settecento


programma di sala

RENOIRE

medium tessile nell'arte

festeggiare i 50 anni di carriera

NEGRAMARO

Fino al 23 febbraio 2014

contemporanea, a cura di Irene

della mitica band. Sarà anche

28 novembre

Gam - Galleria Civica d’Arte

Calderoni.L’uso del tessuto come

l’occasione per presentare il

Palaolimpico

Moderna e Contemporanea di Torino

materiale per creare immagini

nuovo brano "Nomadi" scritto

I Negramaro tornano, a gran

artistiche è oggi ripreso dagli

per loro da Guccini.

richiesta, ad esibirsi dal vivo.

artisti nelle sue molteplici

Il sestetto composto da Giuliano

sociali e simboliche, una ricca

VERDI, NARRAR CANTANDO

trama di significati di cui questa

14-16 novembre

Carlà, Danilo Tasco ed Andrea De

mostra rende conto.

Teatro Regio

Rocco, presenta il loro Tour “una

www.fsrr.org

A chiusura dei festeggiamenti

storia semplice”.

valenze, storiche, politiche,

MUSICA RENATO ZERO

Sangiorgi, Andrea Mariano, Emanuele Spedicato, Ermanno

per il bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi e Richard Wagner andrà in scena in prima assoluta “Verdi, narrar

28-31 ottobre

cantando”, spettacolo dell’attore

Palaolimpico

Marco Paolini e il violoncellista

Con circa 60 capolavori

Il live dei record di Renato Zero:

Mario Brunello.

dell’impressionista francese

otto straordinari musicisti,

www.teatroregio.torino.it e

Pierre- Auguste Renoir presi in

un’orchestra di trentaquattro

www.filarmonica900.it.

prestito dal Musée d’Orsay e dal

elementi diretti dal Maestro

Musée de l’Orangerie - che

Renato Serio e dodici ballerini

conservano la collezione più

che danzeranno le coreografie di

completa al mondo dell’opera del

Bill Goodson.

LUKE WINSLOW KING QUARTET

PAOLO CONTE 29 novembre Auditorium Giovanni Agnelli Paolo Conte sale sul grande palco

pittore- la rassegna

22 novembre

dell’Auditorium Giovanni Agnelli

documenterà tutta l’attività di

FolkClub

a Torino per un grandioso

questo autore, testimoniando i

Il programma di quest’anno del

concerto a favore della Ricerca

momenti più significativi e le

FolkClub mantiene il mix della

Oncologica in Urologia.

svolte della sua vita artistica.

passata edizione. Il 22 ci sarà il

www.gamtorino.it

concerto dwi Luke Winslow King originario di Detroit, con il suo

Fino al 23 marzo 2014 Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, 

Photo Alessandro Menegatti

Quartet. Luke Winslow è

SOFT PICTURES

personalissimo stile: una

IL BARBIERE DI SIVIGLIA

meravigliosa miscela di elementi ragtime, rock, e musica tradizionale.

7 - 17 novembre Teatro Regio

TEATRO

Rossini firmò nel dicembre del 1815 un contratto per un’opera da rappresentarsi alla fine

DE GENERE

dell’imminente stagione di

2 novembre

Carnevale, incaricò del

Teatro Civico Garybaldi, Settimo

libretto Cesare Sterbini e nacque

Torinese (TO)

il Barbiere di Siviglia.

La pièce è un adattamento del

9 Novembre Soft Pictures è una mostra

Teatro Colosseo

collettiva dedicata all'uso del

“50 anni Nomadi" è il tour per

testo "Sangue sul collo del gatto" © Flowers 2012

NOMADI

scritto da R. W. Fassbinder e presentato per la prima volta a teatro nel 1971. Un testo che rappresenta una provocazione:

Shop in the City | 11 . 2013 | 139


programma di sala

nel mirino c'è l'uomo, la sua

mondi Disney fondendoli in un

IL CASO SALGARI

Luca Cupiello il quale, "giocando

identità, il linguaggio, i

unico spettacolo che promette

20- 22 novembre

con il suo presepe" cerca di

meccanismi sociali e infine il

forti emozioni per tutti.

Teatro Baretti

comunicare disperatamente ai

teatro stesso.

www.disneytorino.ridi.it

Massimo Popolizio per la

suoi cari i propri sentimenti per

seconda volta inaugura la

le cose semplici e tradizionali.

PRISCILLA LA REGINA DEL DESERTO

stagione del Baretti. Il caso Salgari è una conferenzaspettacolo dove l’immagine di

Fino al 10 novembre

Salgari è trattata con

Teatro Alfieri

competenza e un po’ di ironia e

Tratto dall’omonimo film cult

leggerezza.

“Priscilla - La Regina del Deserto” vincitore di un Premio Oscar, trasgressiva avventura “on the

LA TORRE D’AVORIO

road” di tre amici a bordo di un

19-24 novembre

ALESSANDRO SIANI

vecchio bus rosa

Teatro Carignano

23 novembre

soprannominato Priscilla.

Berlino 1946. Nell’ufficio del

Teatro Colosseo

maggiore Arnold si trova il celebre

"Siamo in zona" è il nuovo

direttore d’orchestra Wilhelm

spettacolo dell'attore comico

5-17 novembre

Furtwängler. I due si

napoletano Alessandro

Teatro Gobetti

fronteggiano. Luca Zingaretti e

Siani. Monologhi nuovi di zecca

Senso è noto al grande pubblico

Massimo De Francovich sono i

conditi da sketch irresistibili,

grazie alla versione

grandi protagonisti della pièce,

per sfatare e dissacrare i luoghi

cinematografica del 1954 diretta

che mette sotto i riflettori

comuni.

da Luchino Visconti e

l’autonomia dell’arte di fronte alla

interpretata da Alida Valli. Irene

politica.

Priscilla è la travolgente e

SENSO

vicenda che, nel suo diario,

DRALION CIRQUE DU SOLEIL

racconta la sua storia d’amore e

21-24 novembre

d’odio con un ufficiale «forte,

Palaolimpico

bello, perverso, vile». Lo

Dralion approda in città.

spettacolo è diretto da Valter

Un’affascinante fusione della

Malosti.

tradizione di oltre 3000 anni di

Ivaldi veste i panni di Livia, la nobildonna protagonista della

arte acrobatica cinese con l’approccio del Cirque du Soleil,

FERITE A MORTE

Dralion trae ispirazione dalla filosofia orientale e dalla sua

20 Novembre

infinita ricerca di armonia tra

Teatro Colosseo

umani e natura.

Quattro donne (Lella Costa,

NEL MARE CI SONO I COCCODRILLI 26 novembre,

Rita Pelusio) daranno la voce a chi

NATALE IN CASA CUPIELLO

14-17 novembre

non l'ha più, a donne che sono

22 novembre

narra le avventure di Enajat un

Palaolimpico

diventate delle vittime ferite a

Teatro Nuovo

ragazzo fuggito dal suo paese in

“Disney On Ice - Un Mondo di

morte. Scritto da Serena Dandini

"Natale in casa Cupiello" un

guerra. Parlerà della fame,

Fantasia” è il nuovissimo

lo spettacolo è la raccolta di

classico di Eduardo De Filippo

l’emigrazione, ma anche

spettacolo sul ghiaccio che

indagini giornalistiche, un

andò in scena per la prima volta

l’integrazione e l’accoglienza,

porterà la “magia Disney” in

progetto di sensibilizzazione sul

nel 1931 come atto unico. Siamo

quella che l’Italia ha saputo dare

Italia. Lo show unirà quattro

femminicidio.

alla vigilia di Natale in casa di

al piccolo Enajat.

DISNEY ON ICE

140 | 11 . 2013 | Shop in the City

Giorgia Cardaci, Orsetta De Rossi,

Teatro Agnelli Fabio Geda, autore del libro,


oroscopo

23|10 22|11

SCORPIONE stabilità

Toro

21|04 20|05

Grandi novità per voi che siete sempre alla ricerca di nuovi stimoli. Cercate di stabilizzare i vostri spostamenti e regolarizzate quanto più

Lento lento ma pare che il meccanismo cominci ad ingranare... Se ne

potete la vostra routine settimanale. Se riuscite concedetevi totale

accorgeranno anche le persone a voi vicine. Continuate per questa

relax nel week -end ne potrà giovare anche la sfera lavorativa.

strada e non abbiate più dubbi, é quella vincente.

Sagittario

Gemelli

23|11 21|12

22|05 21|06

Se le mura di casa sono un contesto difficile, vi muovete però molto

Ogni cosa torna al suo posto, il karma pare essersi ricomposto e ora

bene tra i confini del mondo. Periodo perfetto per volare e fare

più che mai vedete tutto con trasparenza. Questo il momento di

shopping all'estero. Mosca, Budapest, Stoccolma sono le città in cui vi

riallacciare i rapporti con quell'amica che da tempo non vedete!

troverete meglio.

Capricorno

Cancro

22|12 20|01

22|06 22|07

Se la vostra solita serenità e calma tentenna, vi farà piacere sapere che

Siete sempre ossessionati dell'amicizia cosmica, dal bene comune...

il periodo è per tutti difficile, e anche voi ne uscirete prima o poi.

cercate però di finalizzare le vostre forze su quell'unico obiettivo che

Cercate di guardare avanti e il sole tornerà a splendere.

da tempo aspetta riposto in un cassetto.

Acquario

Leone

21|01 19|02

23|07 22|08

Occhio ai colpi d'aria e alle influenze che sono in agguato. Cercate di riguardarvi e, se avete già qualche malanno di stagione, state

Impavidi e sportivi come siete non sarà certamente questa crisi

tranquilli perché il vostro partner certamente vi accudirà nei migliori

globale a scoraggiarvi. Cercate di affrontare tutto, dal lavoro alla vita

dei modi.

di coppia, con più determinazione.

Pesci

Vergine

20|02 20|03

23|08 22|09

Tenetevi lontano dai guai, se potete morsicatevi la lingua prima di parlare, lasciate che ad esporsi sia qualcun altro. Se si tratta di affari di

Sempre troppo precisi! In questo mese cercate di smettere di fare i

cuore allora il consiglio è "buttatevi", date spazio ai sentimenti e

soliti confronti poco costruttivi. Arrendetevi, si vive meglio senza

liberate la fantasia.

sospettare e dubitare degli altri.

Ariete

21|03 20|04

Bilancia 23|09 22|10

Sicuramente oggi come oggi il vostro rapporto con il mondo

Guardatevi le spalle, questo mese infatti non sarà facilissimo. Voi

circostante e buono. Siete attenti al bene del pianeta ma non lasciatevi

cercate di non essere tesi, rilassatevi e state attenti. La vostra

prendere dallo sconforto quando scoprirete che non tutti la pensano

caparbietà come sempre vi farà uscire dai guai!

come voi.

142 | 11 . 2013 | Shop in the City


oroscopo Vuoi scrivere anche tu a Shop in the City? Ecco i nostri riferimenti: redazione@shopinthecity.it o via posta Corso Giovanni Lanza 105, 10133 Torino

corrispondenza dai nostri

lettori

Abbiamo voluto creare uno spazio per le nostre care lettrici chiedete e noi vi risponderemo.

Gentili redattrici buon giorno, vi scrivo intanto per farvi i complimenti per la rivista che trovo sempre ricca di sorprese e novità ma soprattutto perché devo partecipare alla festa di halloween e non so come vestire le mmie due bambine! Mi dareste uno spunto? Dove posso trovare qualcosa di poco costoso che abbia resa? Vi ringrazio sin da ora ! Buona giornata, Elisa! Ciao cara Elisa, Halloween è diventata davvero un'occasione per trasformarsi e divertirsi anche qui da noi! Per cui siamo contente di darti suggerirti su come trovare accessori e materiali adatti. Intanto il tema predilige i colori nero, arancione e viola, poi sarà opportuno sfruttare la matita nera sugli occhi per trasformare il viso tracciando occhiaie, nei e cicatrici orribili. Per agghindarsi, ti proponiamo un giro in un negozio di stoffe, noi amiamo la Fiera del Tessuto in via Nizza, da loro puoi trovare il tulle semplice per tutù, che costa 7 euro al metro, sarà divertente creare una gonna a strati o a teli semplicemente annodando pezzi di tulle ad un elastico in vita. Il tulle lo trovi di tutti i colori, sarà sufficiente mettere una dolcevita e una calzamaglia nera e avrai una streghetta perfetta! Buona notte degli orrori!!! 144 | 11 . 2013 | Shop in the City

Buongiorno, sono una vostra affezionata lettrice, vi faccio i complimenti per questa rubrica che su altre riviste si è un po' persa, secondo me ingfatti la lettera non perde mai il suo fascino. Ho notato che siete sempre attenti a soddisfare le esigenze del lettore, apprezzo la cura con cui rispondete. Spero che possiate dare anche a me un'informazione, ho trovato nel sommario del numero scorso una coperta di Society, lavorata a nido d'ape, di un verde salvia meraviglioso. Conosco la casa produttrice è davvero una garanzia di qualità , sapete per caso dove trovarla a Torino? Grazie a presto Carola Carola grazie, ci piace lavorare con cura perchè lettrici come te possano essere coccolate! Il plaid di Society che hai visto è in vendita da Lyda Türck in corso Vittorio Emanuele 90, se ti capita di passare certamente puoi chiedere di Valentina, la titolare. Siamo certe che ti tratterà nel migliore dei modi.

Ciao Shop in the City , sono Dario di Rivoli, il mio rapporto con la vostra rivista è di odio e amore, perchè la mia ragazza quando la trova mi fa impazzire! Intanto avete troppe pagine ricche di prodotti che Monica andrebbe subito a comprare, e poi gli appuntamenti, le mostre e le fiere ci fanno sentire in un posto davvero vivo, ma al tempo stesso è frustrante non riuscire a fare tutto. Forse l'unico appunto che posso farvi è che non avete una rubrica dello sport, mi piacerebbe trovarla scritta con il vostro stile così vivace. Inoltre a Torino ci sono varie attività che sono tornate è il caso di dire - in "voga" come per esempio il canottaggio. Sono molti i giovani che si avvicinano a questo sport. Mi aspetto di scoprire su uno dei prossimi numeri che il mio consiglio sia stato accettato. ciao Dario Caro Dario, ogni consiglio è ben accetto, ci fa crescere e migliorare, e in questo caso hai proprio ragione, ci penseremo certamente e vedremo di recuperare il prossimo anno con una nuova rubrica sportiva. Continua a seguirci, sarà divertente scoprire in che modo la costruiremo!


CAPELLI CHE CADONO? DIRADATI - CON POCO VOLUME - INDEBOLITI E INGRIGITI? ULA PO T RM

ZIATA EN

FO

SENZA GLUTINE SENZA LATTOSIO

SERENOA REPENS 500 + AMINOGROW®

Serenoa Repens - 500mg ad altissima concentrazione

CONTRASTA LA CADUTA FAVORISCE LA CRESCITA DI CAPELLI SANI Biokeratin® Neo Pecia Forte 500 è un mix di elementi specifici per integrare carenze alimentari o aumentati fabbisogni organici di nutrienti per contrastare la caduta dei capelli, favorire la crescita di capelli sani tanto negli uomini quanto nelle donne.

Aminogrow® - 400mg miscela registrata di 4 aminoacidi Biotina e Zinco contribuiscono al mantenimento dei capelli sani Selenio contribuisce al mantenimento di capelli sani e protegge dallo stress ossidativo Vitamina C, Niacina, Vitamina B5, Vitamina B6: supportano il metabolismo energetico In farmacia

Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta variata, equilibrata e di un sano stile di vita.

parafarmacia ed erboristeria

www. dietalinea.it Ogni giorno più forza ai tuoi capelli

®


Shop in the City novembre 2013  

Shop in the City, moda animalier, beauty antistress, Alessandro Gassmann, Artissima, Paratissima, Cioccolatò, Torino Film Festival

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you