Page 1

21

Sviluppo sostenibile e disparità regionali e internazionali

736-1200

Sviluppo sostenibile Statistica tascabile 2012

Ufficio federale di statistica UST Ufficio federale dello sviluppo territoriale ARE Direzione dello sviluppo e della cooperazione DSC Ufficio federale dell‘ambiente UFAM

Neuchâtel, 2012


La statistica tascabile 2012 mostra attraverso degli indicatori quanta strada ha fatto la Svizzera sulla via dello sviluppo sostenibile. Gli indicatori sono estratti dal sistema di indicatori del monitoraggio dello sviluppo sostenibile in Svizzera (MONET). In base agli obiettini dello sviluppo sostenibile, l’envoluzione di ogni indicatore viene commentata con i seguenti simboli:  positiva – in direzione della sostenibilità ≈ nessun cambiamento sostanziale  negativa – via dalla sostenibilità Viene presentata l’evoluzione a partire dal 1992 (anno in cui si è svolto il Vertice della Terra sull’Ambiente e lo Sviluppo delle Nazioni Unite) o a partire dalla prima rilevazione (se dopo il 1992). L’inizio del periodo consi-derato è contrassegnato nei grafici dal simbolo , qualora non coincidesse con l’inizio del periodo indicato. Ampie informazioni sono disponibili all’indirizzo www.monet.admin.ch.

Rio+20 Il 2012 segnerà il 20° anniversario del Vertice della Terra dell’ONU sull’Ambiente e lo Sviluppo svoltosi a Rio de Janeiro nel 1992. In quell’occasione furono definite le condizioni quadro politiche per l’attuazione dello sviluppo sostenibile e fu approvata l’Agenda 21. Nel 2012 a Rio de Janeiro si terrà nuovamente una Conferenza sullo sviluppo sostenibile («Rio+20»). I temi prioritari affrontati saranno «L’economia verde in relazione allo sviluppo sostenibile e alla lotta contro la povertà» e le «Condizioni quadro istituzionali per uno sviluppo sostenibile». 2


Indice Cosa significa «sviluppo sostenibile»?

4

Condizioni di vita

6

Salute

9

Coesione sociale

11

Collaborazione internazionale

14

Formazione e cultura

17

Ricerca e tecnologia

20

Lavoro

22

Sistema economico

24

Produzione e consumo

27

Mobilità e trasporti

30

Energia e clima

33

Risorse naturali

36

Lo sviluppo sostenibile in Svizzera in breve

40

Informazioni

42 3


Cosa significa «sviluppo sostenibile»? Per le società odierne «sviluppo sostenibile» significa potersi sviluppare coprendo le proprie necessità senza compromettere le stesse possibilità alle generazioni future. Così la Commissione mondiale sull’ambiente e lo sviluppo delle Nazioni Unite (Commissione Brundtland) definiva lo sviluppo sostenibile nel 1987. Il rapporto Brundtland aggiunge a questa definizione due importanti elementi: il primato del soddisfacimento dei bisogni fondamentali dell’uomo (in particolare dei poveri) e i limiti di capacità dell’ambiente in cui viviamo. Il Vertice della Terra di Rio del 1992 ha definito le basi per la realizzazione politica dello sviluppo sostenibile e ha presentato l’Agenda 21 (piano d’azione per il 21° secolo). La Svizzera ha adottato tale piano d’azione e dal 1999 lo sviluppo sostenibile è entrato ufficialmente a far parte della Costituzione federale (art. 2 e 73). Il nostro Paese ha declinato i tre «pilastri» tradizionali dello sviluppo sostenibile (società, ambiente ed economia), che dal Vertice della Terra del 1992 in avanti si sono ampiamente diffusi, in tre obiettivi o dimensioni: • solidarietà sociale, • responsabilità ecologica, • efficienza economica. Questi tre obiettivi sono legati l’un l’altro e possono essere rappresentati da tre cerchi intersecati; l’intersezione dei tre cerchi simboleggia la necessità di conciliare i tre obiettivi, a volte contrastanti.

4


Il seguente schema illustra le sfide dello sviluppo sostenibile: • la garanzia della qualità di vita delle generazioni odierne (soddisfacimento dei bisogni), • la conservazione delle risorse per le generazioni future (stock di capitale), • l’attenzione all’equità (punto di incontro tra la solidarietà sociale e gli altri due obiettivi), • la necessità di utilizzare le risorse in modo razionale (punto di incontro tra la responsabilità ecologica e l’efficienza economica).

Sganciamento delle risorse – quanto siamo efficienti nel loro sfruttamento?

Equità – come sono distribuite le risorse?

Solidarietà sociale

Stock di capitale

Responsabilità ecologica

Stock di capitale

Soddisfacimento dei bisogni – qual è la nostra qualità di vita al giorno d’oggi?

Efficienza economica

Stock di capitale

Preservazione del capitale – cosa consegniamo ai nostri figli?

Il sistema di indicatori per il monitoraggio dello sviluppo sostenibile (MONET) è composto da indicatori che illustrano le sfide in questo ambito. Le pagine seguenti riportano questi indicatori suddivisi nei 12 temi principali dello sviluppo sostenibile. 5


Condizioni di vita Un principio dello sviluppo sostenibile afferma che ogni membro della società ha diritto a una vita dignitosa. Per vita dignitosa si intende non solo la possibilità di soddisfare bisogni fondamentali quali la sicurezza, l’abitazione e l’alimentazione, ma anche di disporre delle giuste opportunità per appagare altre esigenze materiali e immateriali (come la soddisfazione e la felicità).

Il reddito delle economie domestiche rimane invariato

Reddito disponibile Reddito disponibile equivalente medio, importi in franchi a prezzi del 2008 5000 4000 3000 2000 1000 0 1998

1999

2000

2001

2002

2003

2004

2005

Fonte: Ufficio federale di statistica, Indagine sul budget delle economie domestiche

6

2006

2007

2008 © UST


Chi guadagna meno spende proporzionalmente sempre di più per l’abitazione

Costi dell’abitazione Quota dei costi per l’abitazione (spese accessorie incluse) sul reddito disponibile delle economie domestiche, per gruppo di reddito, mediana della quota percentuale 50%

20% più basso 2° quinto

40% 30% 20%

3° quinto 28

27 22 19 17 14

31

29

22 20 18

15

22 20 18

15

23 20 18

4° quinto 20% più alto 15

10% 0%

1998

2000–2002

2003–2005

2006–2008

Fonte: Ufficio federale di statistica

© UST

La quota di persone molto soddisfatte rimane invariata

Soddisfazione nella vita Quota della popolazione di 16 anni e più molto soddisfatta 100% 80%

74,6

73,5

60% 40% 20% 0%

2008

2009 Intervallo di confidenza al 95%: 1,0

Fonte: Ufficio federale di statistica

© UST

7


Negli ultimi 20 anni il tasso di suicidi è calato

Tasso di suicidi Decessi per suicidio su 100’000 abitanti 30 25 20 15 10 5 0

1981 1983 1985 1987 1989 1991 1993 1995 1997 1999 2001 2003 2005 2007 2009 Fonte: Ufficio federale di statistica

© UST

Cresce il numero di condanne per reati violenti

Reati violenti Condanne per reati consumati (omicidio, lesioni personali gravi, violenze carnali, rapine con violenza, presa di ostaggi) 300 250 200 150 100 50 0 1990

1992

1994

Fonte: Ufficio federale di statistica

8

1996

1998

2000

2002

2004

2006

2009 © UST


Salute Lo stato di salute influisce enormemente sulla qualità della vita delle persone e rappresenta un fattore importante per l’efficienza economica. In uno sviluppo che sia sostenibile, quindi, la tutela e la promozione della salute sono altamente prioritari. Sono determinanti in proposito sia la salute fisica che quella psichica.

La speranza di vita in buona salute cresce sia per le donne che per gli uomini

Speranza di vita in buona salute Speranza di vita alla nascita, in anni 80 70

63,9 65,3

65,2 64,7

1992

1997

67,5 68,7

69,4 70,3

2002

2007

Uomini Donne

60 50 40 30 20 10 0

Fonte: Ufficio federale di statistica

© UST

Altri indicatori online sulla salute: Il benessere psichico della popolazione migliora

Le spese per la salute rispetto al prodotto interno lordo aumentano  9


La quota di persone che praticano un’attività fisica fino a sudare almeno una volta alla settimana aumenta

Comportamento in relazione alla salute: attività fisica Quota di persone che praticano un’attività fisica fino a sudare almeno una volta alla settimana 100% 90% 80% 70%

64,3

60%

60,7

63,2

1997

2002

68,3

50% 40% 30% 20% 10% 0%

1992/93

2007

Fonte: Ufficio federale di statistica

© UST

Sono sempre di più le persone in sovrappeso

Sovrappeso Quota della popolazione di 15 anni e più in sovrappeso (BMI 25 o più) 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0%

30,3

1992

Fonte: Ufficio federale di statistica

10

34,9

37,0

37,3

1997

2002

2007 © UST


Coesione sociale Agire in modo solidale è una condizione essenziale perché una società funzioni e sopravviva. Uno sviluppo che sia sostenibile presta perciò particolare attenzione alla promozione della coesione sociale e della partecipazione alla vita economica, politica e sociale da parte di tutti i gruppi sociali e di tutte le regioni. Il principio della parità di diritti e opportunità è al riguardo determinante.

Le disparità nella distribuzione dei redditi restano

Disparità nella distribuzione dei redditi Rapporto tra la media dei redditi del 20% più ricco della popolazione con quella del 20% più povero (reddito disponibile equivalente) 6 5 4 3 2 1 0 1998

1999

2000

2001

2002

2003

2004

2005

Fonte: Ufficio federale di statistica, Indagine sul budget delle economie domestiche

2006

2007

2008 © UST

11


Cala il numero di persone che prestano volontariato

Volontariato Quota di persone che prestano volontariato rispetto alla popolazione residente di 15 anni e più 50% 40,8

40%

40,8

38,1 32,9

30% 20% 10% 0%

2000

2004

2007

2010

Fonte: Ufficio federale di statistica

© UST

La quota di donne nel Consiglio nazionale è aumentata

Quota di donne nel Consiglio nazionale Quota di donne sul totale degli eletti 50% 40% 30% 20% 10%

5,0

7,5

10,5

11,0

1979

1983

14,5

21,5

26,0

29,5

29,5

2007

2011

0% 1971

1975

Fonte: Ufficio federale di statistica

12

17,5

23,5

1987

1991

1995

1999

2003

© UST


Diminuisce la differenza in materia di competenza in lettura dei giovani con ambiente socioeconomico differente

Competenza in lettura dei quindicenni secondo l’ambiente socioeconomico Quota di quindicenni che in lettura raggiungono almeno il livello di competenza 2 (su una scala da <1 a 6*), secondo le condizioni socioeconomiche dei genitori 100%

4° quarto (status socioeconomico più alto)

80%

3° quarto 2° quarto

60%

1° quarto (status socioeconomico più basso)

40% 20% 0% 2000

2003 2006 *2009: cambiamento dei profili di competenza

2009

Fonti: Ufficio federale di statistica; Consorzio PISA.ch

© UST

La quota di giovani tra i 18 e i 24 anni di origine straniera che non seguono alcuna formazione dopo la scuola dell’obbligo diminuisce

Abbandono precoce della scuola secondo la nazionalità Quota di giovani tra i 18 e i 24 anni che non vanno più a scuola e hanno concluso al massimo la scuola dell’obbligo 50%

Svizzeri Stranieri

40% 30% 20% 10% 0% 2003

2004

2005

Fonte: Ufficio federale di statistica

2006

2007

2008

2009

2010 © UST

13


Collaborazione internazionale Lo sviluppo sostenibile affronta direttamente questioni quali la lotta alla povertà mondiale e l’equo utilizzo delle risorse. Ogni membro della comunità mondiale deve partecipare alla risoluzione dei problemi globali. Il commercio mondiale deve soddisfare i criteri di equità sociale e di compatibilità ambientale senza pregiudicare i bisogni di altre nazioni. Devono essere incoraggiati la coesistenza pacifica dei popoli e delle nazioni e il rispetto dei diritti umani.

La quota di aiuto pubblico allo sviluppo è in aumento

Aiuto pubblico allo sviluppo Rispetto al reddito nazionale lordo (in precedenza: prodotto nazionale lordo) 0,7% 0,6% 0,5% 0,4% 0,3% 0,2% 0,1% 0,0%  1980 1982 1984 1986 1988 1990 1992 1994 1996 1998 2000 2002 2004 2006 2008 2010 2008 e 2009 valori provvisori; 2010 stima Fonti: Direzione dello sviluppo e della cooperazione; Segreteria di Stato dell’economia

14

© UST


Oscilla la quota del reddito nazionale lordo destinata all’aiuto pubblico allo sviluppo per i Paesi meno sviluppati

Aiuto pubblico allo sviluppo per i Paesi meno sviluppati Quota di aiuto pubblico allo sviluppo che la Svizzera destina ai Paesi in sviluppo meno progrediti in proporzione al reddito nazionale lordo 0,20% 0,16% 0,12% 0,08% 0,04% 0,00% 1990

1992

1994

1996

1998

2000

2002

2004

2006

2008

Fonte: Direzione dello sviluppo e della cooperazione

2010 © UST

Dopo essere diminuita, la quota di persone che auspicano un incremento dell’aiuto allo sviluppo aumenta di nuovo

Atteggiamento verso l’aiuto allo sviluppo Quota di persone che auspicano un incremento dell’aiuto allo sviluppo 50% 40%

36

37

30%

30

27 20

20%

22

10% 0%

1984

Fonte: gfs.berne

1989

1994

1999

2004

2009 © UST

15


I trasferimenti monetari dei migranti nei loro Paesi di origine aumentano

Trasferimenti monetari dei migranti Totale dei trasferimenti monetari privati ufficiali dei migranti per motivi di lavoro dalla Svizzera verso i loro Paesi di origine, in millioni di franchi 6000 5000 4000 3000 2000 1000 0  1980 1982 1984 1986 1988 1990 1992 1994 1996 1998 2000 2002 2004 2006 2008 2010 Fonte: Banca mondiale

© UST

Altri indicatori online sulla collaborazione internazionale: Costante la quota di accordi multilaterali stipulati entrati in vigore ≈ Cresce la quota di merci provenienti dai Paesi meno progrediti che possono essere importate esenti da dazio

Aumenta il volume degli investimenti diretti della Svizzera nei Paesi in via di sviluppo

16


Formazione e cultura In uno sviluppo che sia sostenibile, il capitale umano deve essere tutelato e sviluppato. Deve essere pertanto consentita una sufficiente istruzione di base così come una formazione permanente. L’accesso alle informazioni, ad es. tramite Internet, e il relativo utilizzo sono di capitale importanza per l’integrazione sociale e l’esercizio dei diritti politici. Nel concetto di sviluppo sostenibile rientrano anche la tutela della varietà culturale e il mantenimento del patrimonio socioculturale.

La quota di giovani capaci di svolgere almeno compiti di lettura di base aumenta

Competenza in lettura dei quindicenni Quota dei quindicenni che raggiungono almeno il livello di competenza 2 in lettura (su una scala da < 1 a 6*) 100% 80%

79,6

83,4

83,6

83,1

60% 40% 20% 0%

2000

2003 2006 *2009: cambiamento dei profili di competenza

Fonti: Ufficio federale di statistica; Consorzio PISA.ch

2009 © UST

17


Ancora impossibile raggiungere il tasso auspicato del 5% entro il 2020 del numero di giovani tra i 18 e i 24 anni senza formazione postobbligatoria

Abbandono precoce della scuola Quota di giovani tra i 18 e i 24 anni che non vanno più a scuola e hanno concluso al massimo la scuola dell’obbligo 50% 40% 30% 20% 10% 0% 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2010: rilevazione modificata Fonte: Ufficio federale di statistica

© UST

La partecipazione ai corsi di formazione permanente è relativamente stabile dal 1996

Partecipazione ai corsi di formazione permanente Tasso di partecipazione ai corsi di formazione permanente della popolazione residente dai 20 ai 74 anni 50% 40% 30% 20% 10% 0% 1996

1997

1998

1999

Fonte: Ufficio federale di statistica

18

2000

2001

2002

2003

2004

2005

2006

2007

2008 © UST


Dopo un forte aumento iniziale, diminuisce la differenza di utilizzo di Internet tra chi guadagna poco e chi guadagna tanto

Utilizzazione di Internet secondo il reddito Quota della popolazione di 14 anni e più che utilizza Internet più volte alla settimana, secondo il reddito mensile in franchi 100% 80%

10’000 fr. e più Da 8000 a 9999 fr.

60%

Da 4000 a 7999 fr.

40%

Fino a 3999 fr.

20% 0% 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 Dati semestrali (media da aprile a settembre e da ottobre a marzo) Fonti: MA-Net; Net-Metrix-Base

© UST

Altri indicatori online sulla formazione e cultura: Rimane pressoché costante la percentuale di popolazione che utilizza almeno due lingue nazionali nella vita di tutti i giorni

Partecipazione ad attività culturali

1 valore

Attività svolte a livello amatoriale

1 valore 19


Ricerca e tecnologia La ricerca, lo sviluppo e la tecnologia sono forti locomotive dell’attività innovatrice e della competitività di una società. Pertanto sono premesse importanti per il mantenimento dell’efficienza economica. La conservazione e il miglioramento del capitale produttivo e umano, infatti, favoriscono lo sviluppo sostenibile.

Sono annunciati sempre più brevetti

Domande di brevetti Numero di domande presentate da persone residenti in Svizzera al PCT (Patent Co-operation Treaty), per milione di abitanti 350 300 250 200 150 100 50 0 1990

1992

1994

1996

1998

2000

2002

2004

2006

2008

2008: valore provvisorio Fonte: Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE)

20

© UST


Il tasso di persone formate e di occupati nella scienza e nella tecnologia aumenta

Risorse umane in scienza e tecnologia Quota di persone formate e attive nella scienza e nella tecnologia sul totale degli occupati 50% 40% 30% 20% 10% 0% 1992

1994

1996

1998

2000

2002

2004

2006

2008

Fonte: Ufficio federale di statistica

2010 © UST

La quota delle spese per la ricerca e lo sviluppo aumenta

Spese per la ricerca e lo sviluppo Quota sul prodotto interno lordo 5% 4% 3% 2,2

2,8

2,7

2,6

1986

1989

1992

2,7

2,6

1996

2000

2,2

2,9

3,0

2004

2008

2% 1% 0% 1981 1983

Fonte: Ufficio federale di statistica

© UST

21


Lavoro Nell’ambito dello sviluppo sostenibile, le persone che desiderano svolgere un’attività lavorativa dovrebbero trovare un lavoro soddisfacente che consenta loro di provvedere a se stessi. Un’economia efficiente ha infatti bisogno di sufficiente forza lavoro. Il mercato del lavoro dovrebbe assicurare a tutti le stesse opportunità e integrare le persone svantaggiate.

La quota di giovani senza lavoro aumenta

Giovani inoccupati Quota di inoccupati rispetto alla popolazione attiva tra i 15 e i 24 anni 10% 8% 6% 4% 2% 0%

1992

1994

1996

1998

Fonte: Ufficio federale di statistica

2000

2002

2004

2006

2008

2010 © UST

Altri indicatori online sul lavoro: Sale il tasso di inoccupati 22


I salari delle donne e degli uomini si avvicinano

Differenze salariali secondo il sesso Differenza salariale tra uomini e donne rispetto al salario mensile lordo degli uomini 50% 40% 30%

23,7

22,9

21,5

21,3

20,7

19,7

18,9

19,3

18,4

1998

2000

2002

2004

2006

2008

2010

20% 10% 0%

1994

1996

Fonte: Ufficio federale di statistica

© UST

Cala leggermente la differenza tra la quota di donne e di uomini con funzioni dirigenziali

Posizione professionale secondo il sesso Quota di lavoratori/lavoratrici con funzioni dirigenziali sul totale dei lavoratori 60%

Uomini

50%

Donne

40% 30% 20% 10% 0% 1991

1993

1995

1997

1999

2001

2003

2005

2007

2009

1996: rilevazione modificata Fonte: Ufficio federale di statistica

© UST

23


Sistema economico Per garantire a lungo termine il soddisfacimento dei bisogni fondamentali della popolazione l’economia deve rimanere efficiente. Ciò significa promuovere la competitività e l’innovazione. Se il meccanismo di mercato si inceppa, lo Stato deve adottare interventi correttivi facendo uso in primo luogo degli strumenti di mercato. Ai fini di uno sviluppo sostenibile, l’indebitamento pubblico non deve superare livelli tali da pregiudicare alle generazioni future la possibilità di soddisfare i bisogni individuali e sociali o da impedire gli investimenti.

La quota del prodotto interno lordo destinata agli investimenti aumenta

Quota del PIL per gli investimenti Investimenti fissi lordi rispetto al PIL 50% 40% 30% 20% 10% 0% 1990

1992

1994

1996

1998

2000

2002

2004

2006

2008

2010

2009 e 2010: valori provvisori Fonte: Ufficio federale di statistica

24

© UST


La produttività del lavoro aumenta

Produttività del lavoro Evoluzione della produttività secondo le ore lavorate, indice 1991 = 100 125 120 115 110 105 100 95

1992

1994

1996

1998

2000

2002

2004

2006

2008

2010

2009 e 2010: valori provvisori Fonte: Ufficio federale di statistica

Fino alla fine degli anni ’90 il tasso d’indebitamento era in crescita e dal 2003 è tornato a calare

© UST

Tasso d’indebitamento delle amministrazioni pubbliche Debito lordo cumulato di Confederazione, Cantoni e Comuni (senza le assicurazioni sociali) rispetto al PIL 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0%  1980 1982 1984 1986 1988 1990 1992 1994 1996 1998 2000 2002 2004 2006 2008 2010 Dal 1990 calcolo con il PIL riveduto, 2010: valore stimato Fonte: Amministrazione federale delle finanze

© UST

25


La quota fiscale delle amministrazioni pubbliche aumenta

Quota fiscale delle amministrazioni pubbliche Proventi da imposte e contributi obbligatori alle assicurazioni sociali rispetto al PIL 50% 40% 30% 20% 10% 0% 1990

1992

1994

1996

1998

2000

2002

2004

2006

2008

2010

2010: valore stimato Fonte: Amministrazione federale delle finanze

© UST

I proventi delle imposte ambientali aumentano Imposte ambientali sul totale dei proventi da imposte e contributi sociali 1 10% 8% 6% 4% 2% 0% 1991

1993

1995

1997

1999

2001

2003

2005

2007

2009

2009: totale delle imposte e dei contributi sociali provvisorio 1

In base al Sistema europeo dei conti SEC 95

Fonte: Ufficio federale di statistica

26

© UST


Produzione e consumo Per essere sostenibili, i modelli di produzione e di consumo devono essere a basso impatto ambientale e socialmente equi. Tali modelli definiscono un efficiente utilizzo delle risorse ed evitano il più possibile la produzione di rifiuti.

Il fabbisogno totale di materiale aumenta

Fabbisogno totale di materiale In milioni di tonnellate 400 350 300 250 200 150 100 50 0 1991

1993

1995

Fonte: Ufficio federale di statistica

1997

1999

2001

2003

2005

2007

2009 © UST

27


Diminuisce il fabbisogno totale di materiale rispetto al valore aggiunto economico

Intensità di materiale Fabbisogno totale di materiale (TMR) rispetto al PIL (in termini reali), indice 1990=100 105 100 95 90 85 80

1991

1993

1995

1997

1999

2001

2003

2005

2007

2009

2009: valore provvisorio Fonte: Ufficio federale di statistica

© UST

I consumatori svizzeri acquistano sempre più prodotti biologici

Consumo di prodotti bio Quota delle spese per prodotti bio sul totale delle spese per derrate alimentari e bevande (economie domestiche) 10% 8% 6% 4% 2% 0% 1998

1999

2000

Fonte: Ufficio federale di statistica

28

2001

2002

2003

2004

2005

2006

2007

2008 © UST


In Svizzera sono prodotti sempre più rifiuti

Rifiuti urbani Totale dei rifiuti urbani prodotti compreso il riciclaggio, in milioni di tonnellate 6 5 4 3 2 1 0  1980 1982 1984 1986 1988 1990 1992 1994 1996 1998 2000 2002 2004 2006 2008 2010 A partire dal 2004 senza i rifiuti importati Fonte: Ufficio federale dell’ambiente

© UST

Altri indicatori online sulla produzione e sul consumo: Il trasferimento all’estero del fabbisogno di materiale aumenta

La vendita di caffè del commercio equo oscilla

La quota di rifiuti destinati al riciclaggio aumenta

 29


Mobilità e trasporti Un sistema di trasporti sostenibile garantisce l’accesso alla mobilità a tutti i gruppi della popolazione e a tutte le regioni del Paese. Inoltre permette un efficiente funzionamento dell’economia e riduce al minimo l’impatto ambientale e il consumo di risorse non rinnovabili.

Cresce la percentuale di utilizzo dei trasporti pubblici sul totale del traffico passeggeri

Ripartizione modale del traffico passeggeri Quota dei trasporti pubblici rispetto al traffico passeggeri totale su strada e ferrovia in percentuale di persone-chilometri 50% 40% 30% 20% 10% 0%

1981 1983 1985 1987 1989 1991 1993 1995 1997 1999 2001 2003 2005 2007 2009 1995: modifica del metodo di rilevazione Fonte: Ufficio federale di statistica

30

© UST


Meno emissioni di CO2 per persone-chilometro percorso

Intensità di CO2 nel traffico individuale motorizzato Emissioni di CO2 rispetto alla prestazione di trasporto, in grammi/persone-chilometro 160 140 120 100 80 60 40 20 0 1991

1993

1995

1997

1999

2001

2003

2005

Fonti: Ufficio federale dell’ambiente; Ufficio federale di statistica

La quota del traffico merci su ferrovia diminuisce

2007

2009 © UST

Ripartizione modale nel traffico merci Quota del traffico merci su ferrovia sul totale del traffico merci terrestre (ferrovia, strada), in percentuale delle tonnellate-chilometro 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0%

1981 1983 1985 1987 1989 1991 1993 1995 1997 1999 2001 2003 2005 2007 2009 2009: valore provvisorio Fonte: Ufficio federale di statistica

© UST

31


Sempre più persone sono esposte al rumore del traffico

Persone esposte al rumore Percentuale della popolazione che dichiara di sentirsi regolarmente disturbata dal rumore del traffico a casa (rumore di auto, treni, aerei) 50% 40% 30%

32,6

32,2

2002

2007

28,1

20% 10% 0%

1997

Fonte: Ufficio federale di statistica

© UST

Altri indicatori online sulla mobilità e sui trasporti: Stabile il consumo energetico dei trasporti

Cresce l’intensità del traffico merci, ovvero il traffico merci cresce più dell’economia

Forte aumento di atterraggi e decolli fino al 2000

32


Energia e clima Perché l’approvvigionamento energetico soddisfi gli obiettivi dello sviluppo sostenibile, il consumo di risorse non rinnovabili deve essere mantenuto al di sotto del potenziale di sviluppo delle energie rinnovabili. Inoltre, in uno sviluppo che sia sostenibile, bisogna impedire danni ambientali gravi o irreversibili. Le emissioni di gas a effetto serra devono essere pertanto evitate quanto più possibile.

Le importazioni di energia aumentano

Dipendenza energetica Produzione indigena di vettori energetici primari e importazione (eccedenza di importazioni di vettori energetici e combustibili nucleari), in terajoule 1 200 000

Produzione indigena

1 000 000

Eccedenza delle importazioni di vettori energetici/ combustibili nucleari

800 000 600 000 400 000 200 000 0 1980

1984

1988

Fonte: Ufficio federale dell’energia

1992

1996

2000

2004 2007 2010 © UST

33


La quota di energie rinnovabili rispetto al consumo finale di energia  aumenta Energie rinnovabili Quota sul consumo finale di energia 50% 40% 30% 20% 10% 0% 1990

1992

1994

1996

1998

2000

2002

2004

2006

2008

Fonte: Ufficio federale dell’energia

2010 © UST

Ancora impossibile raggiungere il valore di emissioni di gas serra indicato negli obiettivi del Protocollo di Kyoto

Emissioni di gas a effetto serra Evoluzione e obiettivo del Protocollo di Kyoto nel periodo 2008–2012 CO2 equivalenti, in milioni di t 60 50 40 30

CO2 equivalenti Obiettivo di Kyoto Evoluzione teorica

20 10 0 1990 1992 1994 1996 1998 2000 2002 2004 2006 2008 2010 2012 Fonte: Ufficio federale dell’ambiente

34

© UST


L’economia cresce più in fretta delle emissioni di CO2

Intensità di CO2 Emissioni di CO rispetto al PIL ai prezzi dell’anno precedente con anno di riferimento 2000, in grammi per franco 140 120 100 80 60 40 20 0

1991

1993

1995

1997

1999

2001

2003

2005

2007

2009

2009: valore provvisorio Fonti: Ufficio federale di statistica; Ufficio federale dell’ambiente

© UST

Altri indicatori online sull’energia e sul clima: Diminuisce tendenzialmente il consumo energetico pro capite

Cala l’intensità energetica

Costante il livello delle emissioni di CO2

≈ 35


Risorse naturali Le basi naturali della vita, la biodiversità e la qualità degli ecosistemi vanno preservate nel lungo termine. Per il benessere della generazione attuale e di quelle future sono indispensabili suoli fertili, acqua di buona qualità e aria pulita.

Aumenta l’impronta ecologica della Svizzera e contemporaneamente  cala la biocapacità mondiale disponibile Impronta ecologica svizzera e biocapacità mondiale In ettari globali pro capite 6

Impronta ecologica svizzera

5

Biocapacità mondiale

4 3 2 1 0 1961

1966

1971

1976

Fonte: Global Footprint Network

36

1981

1986

1991

1996

2001

2007 © UST


Le superfici d’insediamento aumentano

Superfici d’insediamento Aree edificate, aree industriali, superfici d'insediamento speciali, zone verdi e di riposo nonché superfici del traffico, In km2 3500 3000

2791 2464

2500 2000 1500 1000 500 0

1979/85

Anni di rilevazione

1992/97

Fonte: Ufficio federale di statistica

© UST

Diminuisce il numero di superamenti del valore limite per l’ozono

Concentrazione di ozono Numero di superamenti del valore limite (media oraria) 2000

Città (Lugano)

1800

Prealpi (Rigi)

1600 1400

Campagna (Payerne)

1200

Area suburbana (Basilea) Città (Zurigo)

1000 800 600 400 200 0

1992 1994 1996 1998 2000 2002 2004 2006 Fonte: Ufficio federale dell’ambiente

2008 2010 © UST

37


L’inquinamento da fosforo dei laghi svizzeri diminuisce

Tenore di fosforo in alcuni laghi Fosforo totale (valori medi annuali), in microgrammi per litro 300

Lago di Zugo

250

Lago Lemano Lago di Hallwil Lago di Costanza

200 150 100 50 0  1970 1974 1978 1982 1986 1990 1994 1998 2002 2006 2010 Fonte: Ufficio federale dell’ambiente

© UST

Aumentano le popolazioni di specie di uccelli che nidificano regolarmente in Svizzera

Popolazioni di uccelli nidificanti Evoluzione delle popolazioni di uccelli che nidificano regolarmente in Svizzera (171 specie) indice 1990 =100 120 110 100 90 80 70 60 1990

1992

1994

1996

1998

Fonte: Stazione ornitologica svizzera di Sempach

38

2000

2002

2004

2006

2008

2010 © UST


La qualità ecologica del bosco aumenta

Qualità ecologica del bosco Quota di superficie boschiva con biotopi di valore medio e alto 100% 80%

81,8

83,5

86,7

1993/95 Anni di rilevazione

2004/06

60% 40% 20% 0%

1983/85

Fonte: Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio

© UST

Altri indicatori online sulle risorse naturali: Le superfici d’insediamento occupate pro capite aumentano

Stabile la frammentazione del paesaggio

Invariata la superficie coltivabile (suoli coltivabili)

La concentrazione di polveri fini nell’aria diminuisce

Tenore di nitrati nelle acque sotterranee

1 valore 39


Lo sviluppo sostenibile in Svizzera in breve

Lavoro

Ricerca e tecnologia

Formazione e cultura

Collaborazione internazionale

Coesione sociale

Salute

Condizioni di vita

Indicatore

Reditto disponibile equivalente Spese per l’abitazione Soddisfazione nella vita Tasso di suicidi Reati violenti Speranza di vita in buona salute Benessere psichico Comportamento in relazione alla salute: attività fisica Sovrappeso Spese per la salute Disparità nella distribuzione dei redditi Volontariato Quota di donne nel Consiglio nazionale Competenza in lettura dei quindicenni secondo l’ambiente socioeconomico Abbandono precoce della scuola secondo la nazionalità Aiuto pubblico allo sviluppo Aiuto pubblico allo sviluppo per i Paesi meno sviluppati Atteggiamento verso l’aiuto allo sviluppo Accordi multilaterali Importazioni esenti da dazio da Paesi in via di sviluppo Investimenti diretti in Paesi in via di sviluppo Trasferimenti monetari dei migranti Competenza in lettura dei quindicenni Abbandono precoce della scuola Partecipazione ai corsi di formazione permanente Uso regolare di una seconda lingua nazionale Utilizzazione di Internet secondo il reddito Partecipazione ad attività culturali Attività svolte a livello amatoriale Domande di brevetti Risorse umane in scienza e tecnologia Spese per la ricerca e lo sviluppo Tasso di inoccupati Giovani inoccupati Differenze salariali secondo il sesso Posizione professionale secondo il sesso

Sviluppo auspicato*

        

                         

Sviluppo osservato

Sintesi

             

≈  ≈        ≈   

            

  ≈ ≈ ≈      ≈ ≈ 

1 valore 1 valore

1 valore 1 valore

      

      

* Principi dello sviluppo sostenibile e strategia per uno sviluppo sostenibile 2012–2015

40


Risorse naturali

Energia e clima

Mobilità e trasporti

Produzione e consumo

Sistema economico

Indicatore

Quota del PIL per gli investimenti Produttività del lavoro Tasso d’indebitamento delle amministrazioni pubbliche Quota fiscale delle amministrazioni pubbliche Imposte ambientali Fabbisogno totale di materiale Intensità di materiale Fabbisogno di materiale all’estero per le importazioni Consumo di prodotti bio Commercio equo Rifiuti urbani Tasso di riciclaggio dei rifiuti Consumo finale di energia dei trasporti Ripartizione modale del traffico passeggeri Intensità di CO2 nel traffico individuale motorizzato Ripartizione modale del traffico merci Intensità del traffico merci Atterraggi e decolli Persone esposte al rumore Consumo finale di energia Intensità energetica Dipendenza energetica Energie rinnovabili Emissioni di gas a effetto serra Emissioni di CO2 Intensità di CO2 Impronta ecologica svizzera e biocapacità mondiale Superfici d’insediamento (totale) Superfici d’insediamento pro capite Frammentazione del paesaggio Suoli coltivabili Concentrazione di polveri fini Concentrazione di ozono Tenore di nitrati nelle acque sotterranee Tenore di fosforo in alcuni laghi Popolazioni di uccelli nidificanti Qualità ecologica del bosco

Sviluppo auspicato*

    –

                     

 

       

Sviluppo osservato

                                

Sintesi

  ≈  –

    ≈   ≈           ≈ ≈     ≈ ≈  

1 valore

1 valore

  

   41


Informazioni Maggiori informazioni su MONET sono disponibili all’indirizzo www.monet.admin.ch:  Tutti gli indicatori presentati dettagliatamente con il loro significato riferito allo sviluppo sostenibile e ulteriori informazioni.  16 indicatori chiave che illustrano lo sviluppo sostenibile in modo compatto e facilmente comprensibile.  I 45 principi dello sviluppo sostenibile che indicano la direzione da seguire per andare verso uno sviluppo sostenibile.  Il cruscotto dello sviluppo sostenibile con 55 indicatori del sistema di indicatori MONET. Il sistema misura i progressi registrati nella strategia dello sviluppo sostenibile 2012–2015 del Consiglio federale mediante uno strumento Internet che permette una raccolta trasparente di informazioni.  Informazioni su KLARTEXT, il gioco di carte con informazioni avvincenti sulla Svizzera in base agli indicatori MONET (in tedesco).

Ampie informazioni sulla politica dello sviluppo sostenibile in Svizzera sono disponibili all’indirizzo www.are.admin.ch/svilupposostenibile

42


La Statistica tascabile 2012 sullo sviluppo sostenibile è una pubblicazione congiunta dell’Ufficio federale di statistica (UST), dell’Ufficio federale dello sviluppo territoriale (ARE), dell’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM) e della Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC). www.statistica.admin.ch www.dsc.admin.ch

www.are.admin.ch www.ambiente-svizzera.ch

Impressum Editore: Ufficio federale di statistica (UST) Concezione e redazione: Jana Wachtl Grafica/layout: Sezione DIAM, Prepress / Print, UST Traduzione: Servizi linguistici UST, disponibile in formato pdf oppure in forma stampata in tedesco, francese, italiano e inglese Illustrazione di copertina: UST; concezione: Netthoevel & Gaberthüel, Bienne; Foto: © Anetta – Fotolia.com Informazioni: Ufficio federale di statistica, Sezione Ambiente, sviluppo sostenibile, territorio, Jana Wachtl, tel.: 032 713 67 45, e-mail: monet@bfs.admin.ch Ordinazioni: Numero di ordinazione: 736-1200, gratuito. Tel.: 032 713 60 60, e-mail: order@bfs.admin.ch, fax: 032 713 60 61

43


Sviluppo sostenibile. Statistica tascabile 2012  

La statistica tascabile 2012 mostra attraverso degli indicatori quanta strada ha fatto la Svizzera sulla via dello sviluppo sostenibile. Gli...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you