Page 1


4 Principi Fondamentali

INDICE

Struttura del programma della manifestazione

48 72 Organizzazione e finanziamento della manifestazione

83 Infrastrutture della cittĂ

98 Strategia di comunicazione


102 Valutazione e monitoraggio

Ulteriori Informazioni

113 Appendice A 116

Struttura del B Appendice programma della 122 manifestazione

12


Principi Fondamentali

Perché

la città desidera partecipare alla competizione per il Titolo di Capitale Europea della Cultura? Pisa aspira a divenire Capitale Europea della

i molteplici segmenti economici, culturali, so-

Cultura per fare della cultura il suo motore di

ciali che la caratterizzano possono portare ad

sviluppo integrando la sua identità di città di

una crescita complessiva creando benessere e

storia e di cultura con quella di città della ri-

ricchezza.

cerca, dell’innovazione, dell’alta tecnologia.

Pisa si propone, per il 2019, di divenire “città-

Pisa è nota universalmente per la sua Torre

laboratorio” per la sperimentazione di nuovi

pendente, monumento simbolo della città in

modelli di sviluppo in risposta ai cambia-

tutto il resto del mondo. Ma in realtà Pisa è

menti e alle sfide del mondo moderno, pun-

anche altro. Il divenire Capitale Europea della

tando alla valorizzazione delle competenze

Cultura è l’occasione per mostrare e far cono-

produttive e delle eccellenze scientifiche pre-

scere la “Pisa dell’innovazione e dei saperi” e

senti sul suo territorio. E’ l’occasione imperdi-

sperimentare come la sinergia tra il territorio,

bile per puntare sulla cultura come mezzo di


“Il divenire Capitale Europea della Cultura è l’occasione per mostrare e far conoscere la Pisa dell’innovazione e dei saperi”

5

crescita: l’occasione, per Pisa, grazie alle risor-

cittadino, le cui caratteristiche lo rendono in-

se cognitive esistenti, all’offerta di servizi

novativo e dinamico, tanto da poterne fare

avanzati, ai network operanti, al grado di

una “fabbrica della conoscenza”. La presenza

apertura che la caratterizza, di attivare proces-

di risorse giovani, l’esistenza di luoghi di in-

si virtuosi capaci di generare e diffondere idee

contro, di scambio di idee e di informazioni,

e innovazione. Mediante le reti di cui già fa

l’offerta di occupazioni ad alto contenuto

parte e di cui sarebbe al centro in qualità di

scientifico rappresentano elementi di una

Capitale Europea della Cultura, tali processi

nuova città, una “smart city”, che considererà

innovativi potrebbero circolare a livello euro-

la cultura, la creatività, l’alta tecnologia come

peo trovando nuovi campi di applicazione e

aspetti rilevanti della sua identità. Pisa è in

nuovi mercati di sbocco. Si vuole spostare l’en-

grado di raggiungere questo ambizioso tra-

fasi, dalla “città della Torre” all’intero contesto

guardo perché è una “piccola grande” città;


una città dalle piccole dimensioni ma dalle

rali, economici e politici, le ha donato un

grandi potenzialità, se si considerano i valori

patrimonio artistico e architettonico di valore

tangibili e intangibili che la caratterizzano:

inestimabile e cristallizzato una caratteristica

cultura, storia, patrimonio architettonico ed

che non ha mai perduto: quell’essere crocevia

artistico, abitanti, infrastrutture e localizza-

di popoli e culture. Ma Pisa non è stata solo

zione.

un’importante repubblica marinara, nei secoli

Pisa è legata alla Torre e alla Piazza dei Mira-

è sempre riuscita a caratterizzarsi come una

coli in maniera indissolubile; queste non esi-

“città speciale”, protagonista di primo piano di

sterebbero se nel passato non ci fosse stata una

numerosi eventi: un cantiere d’arte e d’idee.

città in grado di promuovere la costruzione e,

Tante innovazioni hanno trovato a Pisa la loro

allo stesso modo, oggi Pisa non sarebbe così

prima espressione, contaminando poi il Medi-

conosciuta se non avesse la sua Torre. Ciò rap-

terraneo e buona parte del mondo occidenta-

presenta sicuramente un punto di forza in ter-

le: si sono espresse nell’arte, ma hanno anche

mini di riconoscibilità verso l’esterno, ma an-

trovato nel corso del tempo ampio spazio nel

che un limite, se la forza di tale immagine

sapere scientifico, nello studio della natura, e

tende a nascondere le altre potenzialità insite nella città. Il turismo costituisce una fonte importante per l’economia locale ed il volto di città turistica è quello più riconosciuto sia tra la popolazione residente che all’esterno. Ciò che Pisa oggi rappresenta è il frutto di più di 2500 anni di storia. Potenza marittima, che per secoli navigò nel Mediterraneo, vanta un passato glorioso di antica repubblica marinara nata e cresciuta lungo il fiume Arno. Il suo legame con il mare è sicuramente il primo elemento che ne ha determinato i caratteri cultu-

6


nelle dottrine sociali, politiche ed economiche. Pisa

Qui sorge la Domus Mazziniana, che la città ha vo-

è la città di Fibonacci a cui l’occidente deve l’intro-

luto far diventare il memoriale delle istanze di de-

duzione dei numeri arabi, l’uso dello zero, e la ri-

mocrazia e libertà, in cui prosegue la tradizione di

scoperta del sistema decimale. E’ la città di Galileo

studi e di pensiero che ha sempre visto Pisa prota-

Galilei il padre della scienza moderna, del metodo

gonista. Sarà sede del centro internazionale di stu-

sperimentale. A Pisa ha studiato Enrico Fermi, pre-

di sulla democrazia, che vede compartecipi, con la

mio Nobel per la Fisica, che progettò e guidò la co-

sottoscrizione di un Accordo di Programma: la Re-

struzione del primo reattore nucleare a fissione.

gione Toscana, la Provincia di Pisa, il Comune di

In questa città è presente la prima stazione radio a

Pisa, la Domus Mazziniana, L’Università di Pisa, la

lunga gittata, costruita dal genio di Guglielmo Mar-

Scuola Normale Superiore, la Scuola Superiore di

coni. E’ da quell’esperienza che ha preso avvio una

Studi e Universitari e di Perfezionamento Sant’An-

tradizione di studi che non si è ancora spenta e che

na, la Fondazione Giovanni Spadolini e l’Associa-

vede Pisa tra le realtà di ricerca maggiormente rap-

zione Mazziniana Italiana. (Accordo di Programma

presentative nello studio delle telecomunicazioni e

del 20 ottobre 2011).

della tecnologia wireless. Ma il contributo di Pisa

Da sempre Pisa è stata una città laboratorio, dove si

allo sviluppo del pensiero ha trovato espressione

sono manifestati eventi che hanno dato poi forma

anche nell’evoluzione del diritto e nelle dottrine po-

al futuro, una fucina di idee e di esperienze, espor-

litiche. E’ in questa città che Pietro Leopoldo, Gran-

tabili, che hanno contaminato il mondo, trovando

duca di Toscana, promulgò il 30 novembre 1786 la

talvolta maggior sviluppo altrove, ma conoscendo

«Legge criminale», introducendo per la prima volta

in questa pur piccola città la propria culla. Pisa è da

al mondo, l’abolizione della pena di morte.

sempre una città basata sulla conoscenza con un si-

La Domus Mazziniana, che sarà sede del centro internazionale di studi sulla democrazia.

7


stema universitario e di ricerca di primissimo

chio; la sede del progetto Virgo uno degli stru-

livello. Possiede un polo universitario di fama

menti di misura più importanti al mondo nel

internazionale, con un corpo docente e di ri-

campo delle onde gravitazionali; un grande ospedale universitario orientato alla ricerca. Pisa è pertanto un luogo di apprendimento

Pisa è un luogo di apprendimento continuo, un ambiente che promuove la creatività incentivando le sperimentazioni nell’arte, nella cultura, nello spettacolo.

continuo, un ambiente che promuove la creatività incentivando le sperimentazioni nell’arte, nella cultura, nello spettacolo. E’ caratterizzata da una popolazione

dinamica

fatta di studenti, giovani creativi, innovativi e preparati in grado di garancercatori di circa 7.000 unità e con una capaci-

tire alla città un potenziale di crescita enorme

tà attrattiva pari a circa 60.000 studenti. Sul

se questa forza venisse “veicolata” opportuna-

suo territorio sono presenti: una grande e sto-

mente. La grande risorsa di Pisa, ancora da far

rica università fondata nel 1343; due rinomate

conoscere e diffondere, è l’enorme potenziale

scuole d’eccellenza, la Scuola Normale Supe-

innovativo che la contraddistingue. Pisa è ric-

riore nata per volontà di Napoleone nel 1810,

ca di antichi saperi e di moderna conoscenza

e la scuola Superiore Sant’Anna; un grande

e, il divenire Capitale Europea della Cultura,

campus della ricerca italiana costituito da

le permetterebbe di accelerare, un processo

Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR)

già in atto. Infatti, la volontà di disegnare un

con i suoi 14 Istituti e 5 Centri Studi; l’Istituto

percorso che leghi cultura, turismo, sviluppo

Nazionale per la Fisica Nucleare (INFN); l’I-

sostenibile all’economia della città è il fulcro

stituto Nazionale per la Fisica della Materia

di un disegno ben preciso, perseguito ormai

(INFM); il Centro di Ricerca Termica

da molteplici anni: quello di far divenire Pisa

dell’E.N.E.L; il Polo Tecnologico di Navac-

una città intelligente, una “smart city”, in ter-

8


mini di servizi avanzati e infrastrutture capaci

prattutto per ciò che potrà e vorrà essere in

di soddisfare i bisogni individuali e collettivi,

futuro. Il 2019 farà idealmente “coesistere” il

promuovendo la cultura come volano dello

passato, il presente e il futuro di questa città,

sviluppo economico e dell’occupazione,

per raccontarlo all’Europa.

secondo un modello di crescita virtuosa. Pisa desidera e può divenire Capitale Europea per quello che è stata, per quello che è ma so-

QUAL E’ LA SFIDA PRINCIPALE CHE TALE TITOLO COMPORTEREBBE ? QUALI SONO GLI OBIETTIVI DELLA CITTA’ PER L’ANNO 2019?

9

Il progetto si pone due “grandi sfide”:

una specifica visione di “sviluppo” e diversifi-

1) Arricchire la percezione della città affian-

cazione del ruolo che Pisa vuole darsi nel con-

cando alla rappresentazione classica di “città

testo europeo e internazionale. La ricchezza

della Torre” quella di città della scienza e

monumentale della città rappresenta, di per

dell’innovazione, del cinema e della musica,

sé, un grandioso scenario: la volontà è quella

completando l’immagine che di Pisa ha il

di promuovere attività e programmi culturali

mondo e gran parte della propria popolazio-

che completino l’offerta che il territorio è in

ne.

grado di esprimere.

2) Divenire “laboratorio di sperimentazione”

Il desiderio è quello di incrementare la visibi-

di nuovo modello di sviluppo integrato e so-

lità delle sue tradizioni culturali, incoraggiare

stenibile delle città, basato sulla cultura e l’in-

le eccellenze formatesi nei vari “luoghi della

novazione. Un modello replicabile che sia da

cultura e del sapere”, incoraggiare l’accoglien-

traino per la ripresa economica e sociale e crei

za e valorizzare l’apporto delle diverse culture

nuove opportunità per il territorio. Il ruolo

che convergono nella città. L’aspirazione è

della città come attrattore culturale è ormai

quindi quella di fare di Pisa un centro promo-

consolidato da tempo, ma la candidatura a

tore dell’arte, della cultura, e della scienza in

Capitale Europea della Cultura è motivata da

grado di valorizzare le proprie peculiarità e di


Pisa è sempre stata un’importante centro di scambi e di comunicazione con il Mediterraneo e parte dell’Europa.

accogliere le diverse anime che rappresentano

la nuova immagine della città legando la risor-

il fondamento dell’idea di “cultura europea”,

sa culturale e turistica a quella della ricerca,

grazie al ruolo che la città ha avuto e che l’ha

dell’innovazione e dell’alta tecnologia.

resa centro di scambio e di comunicazione

Per rispondere alle due sfide, sono stati indivi-

con il Mediterraneo e i porti dell’Europa. Tale

duati “dieci obiettivi”:

disegno è rivolto non solo alla città, ma al ter-

Rileggere la città in relazione alle sue

ritorio che la circonda ed all’intero territorio

tradizioni culturali, alle diverse influenze

regionale. In termini più ampi, coinvolge le

che hanno interagito con le realtà locali, al

molteplici realtà con cui la città ha costruito

comune apporto che questo “melting pot”

una rete stabile di rapporti, scambi e collabo-

di esperienze ha apportato all’ “identità

razioni invitandole ad essere protagonisti del-

culturale europea”;

le iniziative che il programma dell’evento si

Creare un nuovo modello di sviluppo

propone di promuovere. Si vuole sperimenta-

basato sulla “centralità della cultura”, che

re una visione di sviluppo integrata tramite la

metta in relazione le realtà culturali, i cen-

realizzazione di un network coeso che veicoli

tri del sapere e della ricerca, le imprese

10


produttive e turistiche, i differenti attori sociali, per i rafforzare il tessuto economico e creare nuove imprenditorialità; •

provinciale e regionale; •

Creare una nuovo prodotto turistico-cultu-

rale “ampio e diversificato” che affianchi alla vi-

Valorizzare il ruolo di centro d’incontro di

sita del patrimonio storico architettonico della

culture internazionali che Pisa ha svolto nel suo

città, l’offerta legata alle molteplici ricchezze pa-

passato e che svolge tuttora;

esaggistiche del territorio, ancora non adegua-

Rafforzare ed incrementare relazioni con

altre città, tramite la creazione di una rete per-

tamente valorizzate, e integrata da nuova programmazione culturale di alto livello;

manente di cooperazioni culturali territoriali,

• Valorizzare il patrimonio infrastrutturale

europee ed internazionali che contribuiscano a

della città, tramite il completamento, la creazio-

dare alla città una nuova posizione di centro

ne e il recupero di opere dedicate alla cultura;

promotore di progetti culturali di alto livello; •

Sviluppare e diversificare la partecipazione

alle iniziative: • - ampliandola platea culturale attraverso un programma di iniziative rivolte a differenti ti-

Rigenerare e valorizzare spazi e luoghi della

città per renderla più attrattiva, tramite una serie di opere incentrate sugli spazi comuni, alle infrastrutture di servizio e di collegamento/trasporto;

pologie di “audience”• -

incoraggiando l’accesso delle “nuove gene-

razioni” alla cultura – • - modificando la tradizionale “fruizione passiva” dello spettatore attraverso progetti partecipati dalla comunità; •

Incentivare i talenti locali, valorizzando le

competenze presenti sul territorio, per favorire la produzione di forme espressive e la creazione di progetti culturali innovativi; •

Creare un collegamento, tramite iniziative

- progetti - programmi culturali, fra Pisa e le sue aree circostanti: costa – entroterra –Parco Naturale di San Rossore - comuni del territorio

11

INCORAGGIARE L’ACCESSO DELLE NUOVE GENERAZIONI ALLA CULTURA


Qual è il concetto alla base del Progetto che verrebbe realizzato se la città venisse nominata Capitale Europea della Cultura? L’idea sulla quale si fonda la candidatura di

zioni e le proprie forme di espressione cultu-

Pisa, deriva dalla rilettura del ruolo che la cit-

rale (siano esse derivanti da un consolidato

tà, antica Repubblica Marinara, ha svolto nel

passato, che generate da nuove forme di arte e

suo lungo percorso di sviluppo. Questo “viag-

cultura). Questo processo tuttavia vuole esse-

gio” ha avuto avvio con la scoperta del sito ar-

re inclusivo muovendosi nel solco dell’incon-

cheologico delle “Antiche Navi di Pisa”, anti-

tro e del “confronto” con le forme di cultura,

che navi romane emerse durante i lavori di

arte, tradizione, innovazione, che sono espres-

realizzazione della nuova linea ferroviarie che

sione del territorio che circonda la città; quel-

collega la città con il Parco di San Rossore.

lo a lei più prossimo così come i paesi europei

Pisa sta oggi recuperando questa sua dimensione verso il mare. Da una parte, “riappropriandosi” e ricollegandosi al suo antico litorale, al quale è connessa tramite il fiume Arno; dall’altra, rilanciando la sua funzione di promozione culturale e il suo ruolo di centro di scambio di esperienze e culture nei confronti del Mediterraneo e dell’Europa. Questo processo ha comportato la rilettura delle tradizioni culturali del territorio e, contemporaneamente, l’analisi delle influenze culturali esterne con le quali la città, che ha vissuto di scambi – importazioni – esportazioni, è venuta in contatto nel suo lungo divenire storico. La volontà è quella di valorizzare le proprie tradi-

12


“Navigazione fra tradizione e innovazione” Il progetto si sviluppa lungo la direttrice di una navigazione ideale che partendo dalle radici storico-culturali si apre alle culture mediterranee ed europee, guardando al futuro.

13

e del bacino del Mediterraneo. Tale percorso mire-

(tre mari ideali della navigazione) nell’ambito dei

rà a valorizzare gli elementi comuni delle varie cul-

quali si svilupperanno le iniziative del programma:

ture, ed anche gli elementi significativi e distintivi

Cultura: intesa come l’insieme delle tradizioni cul-

di ogni singola realtà. Evidenzierà come questo in-

turali e dei costumi di un popolo. Elemento caratte-

contro, questa sintesi e questa commistione, abbia-

rizzante di una società e patrimonio da trasmettere

no prodotto quel “patrimonio” condiviso a cui pos-

alle future generazioni e anche sintesi di nuove for-

siamo dare il nome di “identità culturale europea”.

me di espressione culturale della contemporaneità;

Illustrerà come questo si sia evoluto, mutando e

Saperi: motore di molteplici forme artistiche ma

trasformandosi nel tempo, generando nuovi stru-

anche luogo di incontro e confronto di idee ed

menti – nuove modalità - nuovi paradigmi cultura-

esperienze. Il sapere “alto” delle università e dei

li. Un processo fatto quindi di aspetti consolidati,

centri di ricerca e di cultura, ma anche il sapere dif-

ma anche di nuove forme di espressione sviluppate-

fuso popolare, che rappresenta la caratteristica con-

si durante il percorso.

notativa di ogni gruppo sociale;

Il tema prescelto è “Navigazione fra tradizione ed

Innovazione: intesa come il processo di ricerca e di

innovazione”.

continuo rinnovamento. La spinta a modificare e

Il progetto che la città di Pisa vuole sviluppare si

inventare canali di espressione dell’arte, della cultu-

espande lungo la “direttrice” di questa “navigazio-

ra e della scienza. Un percorso rivolto anche alla

ne” che, partendo dalle radici storico - culturali del-

trasformazione degli strumenti della comunicazio-

la città, si apre alle culture mediterranee ed euro-

ne: il loro divenire e mutare storico, le nuove forme

pee, “ritornando” là dove il percorso di Pisa è

espressive e – al contempo – le nuove forme di im-

iniziato; approdando al “nuovo porto” dell’identità

prenditorialità e di produzione artistica;

comune europea, arricchita dalla sintesi di idee ed

Lungo i tre filoni individuati, si articoleranno le ini-

esperienze incontrate lungo la rotta.

ziative del programma. Questi non saranno dei

Sono stati quindi identificati tre filoni che rappre-

“contenitori impermeabili”, ma anzi, molte iniziati-

sentano le caratteristiche connotative della città

ve progettuali predisposte evidenzieranno le loro


connessioni funzionali. A questi tre filoni,

ta europea.

deve essere aggiunto un quarto ambito “tra-

La “navigazione” di Pisa sarà anche un per-

sversale”. Il progetto affronterà il percorso

corso di ripensamento dei suoi spazi e del suo

tracciato assumendo un’ottica “generazionale”,

territorio. Attraverso un piano di interventi, si

evidenziando il ruolo svolto dai diversi sog-

rigenereranno gli antichi spazi culturali e co-

getti che sono stati e sono attori del cambia-

muni della città, e si affiancheranno ad essi

mento di Pisa. Questo fattore ha contribuito al

nuovi ed importanti infrastrutture. Sintesi,

divenire della città, dal suo passato storico

questa, del percorso del territorio che preser-

fino ai giorni nostri: Pisa è frutto del suo pas-

va i propri aspetti caratteristici e al contempo

sato, del contributo di chi ha vissuto prima di

si dirige verso il progresso, aprendosi a nuove

noi. Ma Pisa è anche “presente”, costituito dal-

dimensioni e nuove forme di utilizzo degli

le professionalità che in molteplici ambiti co-

spazi dedicati alla cultura ed, in generale, del-

struiscono il processo di creazione della nuo-

la città.

va

città

così

come

la

percepiamo

quotidianamente, con le sue peculiarità, i suoi contrasti, le sue eccellenze. Ma Pisa è soprattutto “futuro”: da sempre città universitaria che dialoga con le altre città universitarie, è popolata da una giovane e dinamica popolazione che procede lungo il cammino della ricerca, dell’innovazione, della progettualità e delle contaminazioni culturali e artistiche. Le iniziative previste dal programma culturale si propongono di sviluppare il “percorso” illustrato precedentemente in ognuno di questi ambiti; tanto a livello locale che internazionale. Ospitando eventi ed artisti, promuovendo scambi e momenti di approfondimento, in-

“Il sito archeologico delle antiche navi di Pisa”

centivando iniziative tanto locali che di porta-

14


Il Progetto proposto potrebbe riassumersi in uno slogan? Sectempo rehendit occum event iducia con non rerum resota quodi que voluptum quost, simollo oditatum lroem ipsum space for text.

DAL MEDITERRANEO AL WEB ROTTE DI FUTURO

15


Qual è il territorio che la città intende coinvolgere nella manifestazione Capitale Europea della Cultura? Dare una spiegazione della popolazione locale. A livello storico, i per questa scelta.

legami del citato territorio sono stati sempre

L’organizzazione della Manifestazione coin-

molto forti (Livorno ad esempio ha funziona-

volgerà un ampio territorio. Oltre alla città di

to per lungo tempo come porto di Pisa sul

Pisa saranno coinvolti anche i comuni della

mar Mediterraneo). A livello culturale, le coo-

Provincia. L’idea è quella di promuovere e va-

perazioni fra le principali realtà teatrali della

lorizzare le espressioni culturali non solo della

zona sono consolidate da molti anni ( Il Tea-

città, ma di tutta l’area circostante. Questo

tro Verdi di Pisa, il Teatro Goldoni di Livorno,

perché il territorio è ricco di connessioni e

il Teatro Politeama e la Fondazione Città del

collegamenti che oltrepassano e superano le

Carnevale di Viareggio, la Fondazione Festi-

funzionali dimensioni amministrative. La cul-

val Pucciniano di Torre del Lago). Un ragio-

tura di Pisa è la cultura dell’intero suo territo-

namento analogo, giustifica la scelta di coin-

rio: la Manifestazione vuole essere anche

volgere, quanto più possibile, l’intero territorio

un’occasione per valorizzare il patrimonio co-

regionale. La Toscana rappresenta un contesto

mune di esperienze culturali ed artistiche che

socio – culturale che, tenute in conto le singo-

contribuiranno a generare l’immagine di “ter-

le peculiarità, può essere visto come frutto di

ritorio di culture e saperi” che la città vuole

una tradizione comune. Al di là delle singole

promuovere verso l’Europa. Una lettura delle

divisioni e caratterizzazioni, eredità di un pas-

connessioni culturali del territorio, spiega il

sato ricco di autonomie locali, parlare di cul-

contesto geografico su cui si sviluppa il pro-

tura in Toscana oggi vuol dire esprimere quel

getto: la costa toscana centrale con Livorno e Viareggio e, verso l’interno, Lucca. Seppur “divisa” fra tre provincie, questa area rappresenta un unico contesto di offerta culturale, turistica e naturale ma è anche “il centro gravitazionale” delle relazioni sociali ed economiche

16


ricco contesto di valori, tradizioni ed innovazioni

(anche in termini di eventi comuni) in primo luogo

che rappresentano un segno distintivo del territo-

delle altre città italiane candidatesi al ruolo di “Ca-

rio; una caratteristica di alto valore , riconoscibile

pitale Europea della Cultura”, ma più in generale di

tanto in Europa che nel mondo. C’è un ulteriore

tutte le realtà culturali nazionali. La candidatura ri-

obiettivo che l’idea di questa candidatura si propo-

serva, inoltre, particolare importanza al coinvolgi-

ne: come illustrato, uno dei concetti di fondo del

mento del territorio europeo e dell’area Mediterra-

progetto di candidatura è quello del “percorso” ver-

nea. La città, infatti, ha formalizzato \adesioni con

so e con altre realtà. Per questo motivo, l’intenzione

molte città europee ed estere e sono stati pensati ed

è quella di incoraggiare la più ampia partecipazione

incoraggiati eventi ed iniziative in collaborazione

alla definizione e alla realizzazione della Manifesta-

con queste realtà. Il programma prevede, per que-

zione. La città quindi vuole contare sull’apporto

sto, eventi svolti con la presenza di artisti prove-

dell’intero territorio nazionale: in termini di idee,

nienti da diverse città estere ed anche eventi svolti

di proposte, di partecipazione, di progettazione. Sa-

direttamente in quelle città, con la presenza di arti-

ranno quindi richiesti ed incoraggiati contribuiti

sti espressione del territorio pisano.

UN PERCORSO VERSO E CON ALTRE REALTA’ L’intenzione è quella di incoraggiare la più ampia partecipazione alla definizione e alla realizzazione della Manifestazione

Il programma prevede lo svolgimento di eventi con artisti internazionali provenienti da diverse città estere ed eventi svolti direttamente in quelle città, con la presenza di artisti del territorio pisano.

17


Si dichiari se si possiede il sostegno delle autorità politiche locali e/o regionali. La Soprintendenza per i Beni Archeologici Il sostegno delle autorità politiche alla candi-

della Toscana e la Soprintendenza per i Beni

datura della città è fortemente assicurato. La

Architettonici, Paesaggistici, Artistici, Storici

struttura organizzativa ufficiale della candida-

ed Etnoantropologici per le province di Pisa e

tura è partecipata dal Comune di Pisa (vedi

Livorno (BAPSAE) hanno formalmente ade-

Capitolo III punto 1.1). L’amministrazione co-

rito alla candidatura oltre ad essere partner

munale è quindi coinvolta nell’intero proces-

realizzativi di alcuni progetti di alto profilo.

so amministrativo; lo stesso Consiglio Comu-

Infine, ha aderito anche la Prefettura di Pisa.

nale ha votato all’unanimità una mozione per

Quindi, in considerazione delle diverse neces-

la presentazione della candidatura della città e

sità di cooperazione fra più livelli ammini-

per la realizzazione del programma ECoC,

strativi di cui necessita il programma propo-

come testimonianza dell’adesione “biparti-

sto, possiamo affermare con sicurezza di aver

san” a questa importante visione di sviluppo

ricercato ed ottenuto un sostegno capillare

di lungo periodo della città. Il sostegno e l’im-

delle autorità politico/amministrative dell’in-

pegno delle altre amministrazioni politiche

tero territorio incluso nella Manifestazione.

del territorio è stato garantito dall’adesione alla candidatura della Provincia di Pisa, dei Comuni che ne fanno parte.

18


Come s’inserisce la manifestazione nello sviluppo culturale di lungo termine della città e, se del caso, della regione? Il programma della Manifestazione, tanto in termi-

ad attività culturali, grazie al sostegno della Comu-

ni di eventi che di realizzazione di interventi infra-

nità Europea al progetto “PIUSS”;

strutturali, ha una duplice valenza: è sia un evento

-

“unico ed eccezionale” concepito per la celebrazio-

fusa, che trova un suo centro di potenziale sviluppo

ne della Manifestazione del 2019, che il completa-

in ogni luogo della città, attraverso la collaborazio-

mento di un percorso di sviluppo della program-

ne di Istituzioni e Associazioni;

mazione culturale del territorio. Finalizza quindi

-

un processo che ha avuto inizio con il rinvenimen-

nente studentesca e giovanile;

to del sito archeologico delle “Antiche Navi di Pisa”

-

avvenuto nel 1998. A partire da tale data è stata av-

za del Duomo e gli itinerari che da essa si possono

viata una politica di recupero e di valorizzazione

sviluppare, fino al litorale (con la predisposizione

delle componenti culturali del territorio che si è

di un piano di recupero dello stesso), o verso i co-

orientata su vari fronti:

muni limitrofi, legati da connessioni artistiche e

-

ambientali, e verso il Parco Regionale di San Rosso-

il recupero di spazi monumentali destinati

Pisa sta lavorando al suo rilancio con un impegno di eccezionale portata e qualità. I progetti finanziati con i «Piani Integrati di Sviluppo Sostenibile», hanno dato una prospettiva nuova alla città.

19

la definizione di un’idea di una cultura dif-

il progetto di valorizzazione della compo-

la sinergia tra il motore turistico della Piaz-


re.

orizzonti (di programmazione diretta o com-

E’ stato anche elaborato un ambizioso pro-

partecipata) si aggiunge quello europeo, in

gramma di promozione dell’arte contempora-

stretta connessione con il ruolo che Pisa vuole

nea - che ha visto come ideale avvio il recupe-

proporre nel contesto mediterraneo, europeo

ro dell’esperienza di Keith Haring tramite il

ed internazionale. Elenchiamo, a titolo esem-

restauro e la valorizzazione del murale intito-

plificativo, alcuni sviluppi progettuali previsti:

lato “Tuttomondo” - con l’individuazione di

-

uno spazio tematico ad essa dedicato, il centro

che si realizzerà d’intesa con la Regione To-

di San Michele degli Scalzi. A questo si deve

scana, prevede la realizzazione di una casa del

aggiungere la quinquennale esperienza della

Cinema. Luogo di ideazione, promozione e

Fondazione Palazzo Blu nell’organizzazione di

produzione della cinematografia, riferimento

mostre ed eventi legati all’arte contempora-

tanto locale quanto nazionale ed internazio-

nea.

nale.

La candidatura di Pisa a Capitale Europea del-

-

la Cultura, è quindi anche un’occasione per

promuove azioni volte ad incentivare ed at-

dare seguito a questa programmazione, all’i-

trarre, verso la città ed il suo territorio, la rea-

dea della città come “laboratorio creativo” che

lizzazione di film - documentari - spot e altre

trasformi la sua grande tradizione artistica in

forme di produzione.

un veicolo di promozione culturale e attrazio-

Entrambi i progetti recuperano e valorizzano

ne turistica.

le passate tradizioni di Pisa nella storia del ci-

Dall’analisi di alcune iniziative progettate per

nema italiano, e puntano ad essere anche un

la candidatura, si vede, come queste si innesti-

nuovo impulso per la produzione cinemato-

no nei filoni di sviluppo del programma cul-

grafica. La volontà è quella di sviluppare que-

turale del territorio a lungo termine che, per

sto filone programmatico, facendo del territo-

molti aspetti, supera l’orizzonte temporale del

rio un contesto privilegiato per tale forma

2019. Tale programmazione ha una triplice

espressiva, creando un apposito evento per la

valenza territoriale: quella dell’area vasta pisa-

Manifestazione del 2019 ( Pisa Cinema, even-

na (la città e i comuni/territori limitrofi);

to pensato per divenire un appuntamento fis-

quella regionale; quella nazionale. A questi tre

so che idealmente vorrebbe inaugurare questa

“PISA Città del Cinema”: il progetto,

“Protocollo Pisa Movie”: il progetto

20


vocazione territoriale); “Progetto PISA - Cittadella Galileiana”:

monumentale e alle sue consolidate tradizioni. E’

Sviluppato in collaborazione con il sistema delle

per questo che in occasione della celebrazione della

Università, prevede la messa a disposizione di spazi

Capitale Europea della Cultura su questi evocativi

nei quali dovrà vivere la storia dell’informatica ita-

scenari sono progettati eventi ed attività che recu-

liana (Museo delle Macchine da Calcolo) e contem-

perano l’antica cultura della città trasmettendola

poraneamente ospitare nuove iniziative culturali e

con nuovi mezzi di documentazione o creando luo-

imprenditoriali legate al settore. In occasione della

ghi di cultura che possano ospitare iniziative che

celebrazione della Capitale Europea della Cultura la

mirano al presente. Fra i tanti esempi: il progetto

volontà è quella di fare della città uno spazio per le

“Fabbrica Complesso Monumentale del Duomo e

molteplici espressioni artistiche e culturali legate

Camposanto Monumentale” da realizzarsi con tec-

alla rete ed alle nuove tecnologie. In questa filone

niche multimediali nella piazza del Duomo - Il

programmatico si inserisce- ad esempio- il proget-

progetto “Museo delle Navi Antiche di Pisa” (in

to “Navigazione nella percezione della visione

collaborazione con la Soprintendenza per i beni

dell’Arte e il web”. Tale evento (con artisti italiani e

culturali) - Il progetto luoghi danteschi (in collabo-

internazionali) si svilupperà creando un “laborato-

razione con il sistema delle Università) che apre

rio creativo diffuso, per la realizzazione di percorso

una nuova prospettiva di lettura dei luoghi della

storico-ricostruttivo, ma anche di un processo cre-

città e degli itinerari culturali e turistici che essa of-

ativo attivo, grazie alle possibilità offerte dalle nuo-

fre;

ve tecnologie;

-

-

“Pisa e l’Arte Contemporanea”. Pisa non è

“Museo della Grafica di Palazzo Lanfran-

solo frutto delle produzioni artistiche del passato.

chi”: Realizzato in collaborazione con il sistema

La città ospita e produce anche rilevanti esempi di

delle Università è destinato a creare un luogo per la

arte contemporanea. Nella programmazione cultu-

promozione e gestione delle attività culturali con-

rale, questa vocazione vuole essere valorizzata e raf-

nesse alla grafica e agli strumenti della comunica-

forzata. In particolare con il Centro di San Michele

zione. Qui per il 2019 si inserisce il progetto della

degli Scalzi, luogo di promozione, incontro e cros-

Mostra Internazionale sulla Grafica;

sover culturali. Per il 2019, coerentemente con la

-

“Pisa e il suo passato”: dalle tradizioni sto-

programmazione della Regione Toscana (Protocol-

riche che si confrontano con esperienze estere, alla

lo tra Regione Toscana e Comune di Pisa del

valorizzazione e - sotto alcune forme – rinnova-

02/04/2013), il progetto vuole sviluppare sul terri-

mento dei suoi patrimoni culturali. La programma-

torio un contesto favorevole alla permanenza e pro-

zione culturale della città non vuole limitarsi

duzione di opere - in particolare di giovani artisti

-

21

alla conservazione del suo pur notevole patrimonio


locali, europei ed internazionali – in vari settori

zione”, si succederanno in un crescendo che si fina-

dell’arte contemporanea. In questo filone si inseri-

lizzerà con l’inizio ufficiale della Manifestazione. A

sce l’organizzazione di vari eventi identificabili nel

titolo esemplificativo, illustriamo un esempio dei

progetto dedicato ai giovani artisti fra i quali le “Re-

percorsi predisposti.

sidenze di artisti”;

-

Percorso tematico “Pisa Piazza dei Mira-

“Pisa e il Teatro: danza - prosa - lirica”.

coli”. L’Opera della Primaziale Pisana è un attore

Qui si inserisce il recupero della centralità del Tea-

culturale di primaria importanza per il territorio

tro Verdi ( e delle sue reti di collaborazioni e copro-

pisano. In collaborazione con la Struttura Organiz-

duzioni) quale fulcro delle attività culturali del ter-

zativa Ufficiale e con il Centro Nazionale di Ricer-

ritorio. La visione programmatica è quella di fare

che di Pisa si partirà nel 2014 con una serie di ini-

del Teatro un catalizzatore delle produzioni cultu-

ziative che si inseriranno nell’anniversario del 950°

rali di livello tanto nazionale che internazionale. In

anno dalla posa della prima pietra della Cattedrale

questo contesto, per il 2019, si inseriscono numero-

di Santa Maria Assunta (Duomo di Pisa). L’evento

se manifestazioni previste dal programma e, giusto

proseguirà con vari appuntamenti negli anni suc-

per fare un esempio di particolare valore, si citano i

cessivi che coinvolgeranno la Torre, il Battistero e la

progetti “Festival Internazionale dell’Opera Lirica”

Piazza dei Miracoli. Questo percorso si ricongiun-

e “Festival del Teatro: Spettacolo della Scuola Euro-

gerà alla celebrazione della ricorrenza del 950°

pea per L’arte dell’attore “Prima del Teatro”.

anno dalla consacrazione della Cattedrale, nell’an-

Nell’ambito della programmazione culturale della

no 2018, e culminerà nell’evento predisposto per il

città, in vista della candidatura a Capitale Europea

programma del 2019 denominato “Fabbrica Com-

della Cultura 2019, è stata predisposta una “proce-

plesso Monumentale del Duomo e Camposanto

dura” di accompagnamento all’anno della Manife-

Monumentale”. Con tale progetto, attraverso l’ap-

stazione. E’ stato progettato un percorso di avvici-

plicazione di nuove tecnologie per la ricostruzione

namento tematico alle iniziative culturali inserite

virtuale, sarà possibile ricostruire le tappe evolutive

nel programma che, a decorrere dall’anno 2014,

e l’aspetto della Piazza e dei suoi monumenti nelle

guideranno idealmente la cittadinanza alla celebra-

varie epoche. Inoltre, tutta l’area, si configurerà

zione dell’evento. In collaborazione con molte delle

come un laboratorio permanente di sperimentazio-

realtà culturali che hanno aderito alla candidatura,

ne delle nuove tecnologie applicate alla salvaguar-

sono stati ideati percorsi e avvenimenti che nella

dia e alla valorizzazione dei beni culturali e, in ge-

logica di “navigazione dalla tradizione all’innova-

nerale, del patrimonio artistico architettonico.

-

22


In quale misura si prevede di stabilire contatti con l’altra città che sarà nominata Capitale Europea della Cultura in Bulgaria? Il programma predisposto per la candidatura della città di Pisa, prevede una duplice strategia di cooperazione con la città che verrà nominata Capitale Europea della Cultura in Bulgaria. Il “primo livello” di cooperazione riguarda direttamente le due “strutture” incaricate di gestire i programmi. Verrà creato un coordinamento permanente fra le due strutture tramite le seguenti azioni:

Una volta definita la città vincitrice per la Bulgaria, verranno siglati accordi di cooperazione fra le due strutture organizzative, coinvolgendo comunque i due “attori” con i quali sono già stati formalizzati i contatti.

Nella definizione dei progetti culturali, è stata avviata una specifica riflessione su alcuni eventi che, o per la natura dei contenuti o per quanto riguarda la provenienza delle organizzazioni partecipanti, rappresenta• Condivisione e scambio dei rispettivi program- no momenti di scambio e di confronto fra le due nami. Iniziative di promozione e diffusione. zioni. Di seguito illustriamo, a titolo esemplificativo, alcuni di questi progetti: • Scambio di eventi ed iniziative fra le due città. - Festival Internazionale del Libro. Il Festival • Elaborazione congiunta di progetti e loro inse- del libro, nell’anno 2019 vedrebbe come “paese ospite” rimento nel programma ufficiale delle due città. la Bulgaria. Prevedrà un’ampia sezione tematica dediIl “secondo” livello di cooperazione - già avviato - ri- cata ad opere e scrittori del paese ospite. Saranno inviguarda invece le reti culturali e istituzionali che la tati a partecipare scrittori provenienti dalla Bulgaria e struttura organizzativa ha attivato e che hanno aderi- predisposte iniziative di diffusione e promozione delle to alle varie iniziative che rientrano nel programma in opere letterarie. predisposizione, come ad esempio l’Istituto degli Studi Balcanici di Sofia. Per quanto riguarda gli accordi “istituzionali”, in questa fase si è scelto di non procedere tramite generiche richieste di adesione o proposte di cooperazione rivolte, indistintamente, a tutte le città candidate. Si è invece scelto di siglare un accordo di cooperazione con la città di Burgas per due specifiche ragioni: la prima, in coerenza con quanto detto, perché la città di Burgas sta già cooperando ad alcune iniziative progettuali con realtà che aderiscono alla candidatura di Pisa e che hanno partecipato alla fase di co-progettazione delle iniziative; la seconda e che la città di Burgas e la Città di Pisa condividono alcune caratteristiche simili che permetteranno di elaborare alcuni progetti comuni in stretta coerenza con il tema prescelto per la Manifestazione. Burgas è infatti un importante centro turistico culturale, ha una ricca tradizione storica con influenze dei più antichi popoli che hanno solcato il Mediterraneo e il Mar Nero; dai traci ai greci, dalla sua appartenenza all’impero Romano fino alla lunga esperienza sotto l’Impero Ottomano. E’ quindi, come Pisa, un centro di interscambio di culture e tradizioni. Entrambe hanno una stretta connessione con il mare che ha contribuito a formare le caratteristiche socioculturali del territorio e la loro identità; entrambe possiedono un aeroporto internazionale.

23

- Residenze di Artisti. All’interno di questa iniziativa verranno attivati degli specifici inviti rivolti ad artisti della città selezionata per la Bulgaria ed in generale dell’intero Paese. Questi soggiorneranno a Pisa ed avranno a disposizione un atelier per la produzione delle loro opere. - Cicli Universitari. Tramite la rete di contatti delle tre grandi Istituzioni Universitarie del territorio Pisano (Università di Pisa - Scuola Normale Superiore di Pisa - Scuola Superiore Sant’Anna), saranno attivati momenti di confronto di scambio fra le realtà culturali dei due paesi. - Eventi in cooperazione con le realtà teatrali. Tanto il Teatro Verdi di Pisa che il Teatro Era di Pontedera, stanno cooperando con la struttura organizzativa della Manifestazione e con i suoi partner europei. Nello specifico sono stante individuate tre iniziative all’interno delle quali verranno sviluppate cooperazioni tematiche con la città selezionata per la Bulgaria: il tema della danza, quello del teatro di prosa e quello del teatro di strada, in cooperazione con il festival “Accroche-Coeurs”di Angers.


Nel caso in cui la città consegua il titolo, si prevede di cooperare con le altre città candidate che hanno superato la fase di preselezione? Come detto, la candidatura della città di Pisa

realtà che si sono occupate dell’organizzazione

vuole connotarsi anche per gli aspetti di “ap-

artistica dei programmi ufficiali, verranno in-

ertura e cooperazione”. Superata la fase di se-

vitate ad integrare, con il loro contributo, il

lezione, la struttura organizzativa attiverà mo-

“Comitato Tecnico Scientifico” che support-

menti di confronto, condivisione e riflessione

erà la Struttura Organizzativa Ufficiale. Ques-

con le altre città che sono state candidate al

to permetterà di creare – anche fisicamente –

titolo di “Capitale Europea della Cultura

un luogo e dei momenti di scambio e

2019”. La volontà è quella di “mettere a valore”

condivisione. Così facendo, la città di Pisa si

lo sforzo progettuale di tutte le realtà italiane

propone di non disperdere lo sforzo proget-

che hanno lavorato alla presentazione della

tuale culturale realizzato dalle altre città e di

candidatura, anche per individuare congiun-

promuovere, tramite la sua candidatura, la

tamente delle forme di cooperazione culturali.

diffusione di iniziative delle realtà culturali

Verrà infatti creato un apposito canale di con-

del territorio italiano.

tatto fra la struttura organizzativa ufficiale e le strutture delle altre città. Sarà condiviso il tema del progetto e saranno prospettate iniziative di partenariato nella realizzazione di eventi comuni (sia nella città di Pisa che nelle altre città). L’intento è quello di creare, con l’occasione della nomina a “Capitale Europea della Cultura 2019”, una rete permanente di

“La volontà è quella di mettere a valore lo sforzo progettuale di tutte le realtà italiane che hanno lavorato alla presentazione della candidatura.”

cooperazione culturale fra le varie città che possa durare oltre l’anno dell’evento e rappresentare un’ occasione di co-progettazione. Le

24


Si spieghi come la Manifestazione può soddisfare i criteri illustrati di seguito. La risposta faccia esplicito riferimento a ciascuno dei criteri. Per quanto riguarda “la Dimensione Europea”, si spieghi in quale modo la città intende perseguire i seguenti obiettivi: a)

25

promuovere la cooperazione tra operatori

verse realtà culturali coinvolte facilitando la cir-

culturali, artisti e città dell’Italia e di altri Stati

colazione di prodotti artistici all’interno del

Membri, in qualsiasi settore culturale;

contesto europeo.

Il programma attraverso i suoi tre filoni tematici in-

-

tende promuovere la cooperazione tramite le seg-

multimediale di luoghi di rilevanza storica. Il ter-

uenti azioni:

ritorio europeo è caratterizzato da numerose strut-

-

organizzazione e produzione di eventi in

ture dal valore storico architettonico importante

partenariato tra realtà culturali italiane e realtà

che, per la loro conformazione, non consentono la

straniere. Tali eventi saranno realizzati nella città di

localizzazione di attività culturali (ad esempio Bas-

Pisa e successivamente, attraverso un percorso itin-

tioni, Torri ecc) e quindi una conseguente efficace

erante, si articoleranno fra le varie città italiane ed

valorizzazione. Tale progetto prevede il coinvolgi-

europee partner del progetto (ad esempio “Progetto

mento di attori culturali, scientifici ed istituzionali

Europa delle migrazioni di ieri e di oggi”).

che sperimenteranno e realizzeranno a Pisa una in-

In questo modo la creazione del network culturale

novativa soluzione per l’allestimento e la conseg-

necessario alla realizzazione degli eventi permet-

uente gestione del patrimonio culturale. La metod-

terà uno scambio di esperienze e competenze che

ologia e le tecnologie utilizzate saranno poi

faciliterà e stimolerà la cooperazione artistica;

esportate ed applicate a contesti che presentano le

-

organizzazione di mostre espositive di

stesse problematiche presso città italiane ed estere

opere d’arte. Questi eventi prevedono la raccolta di

(ad esempio Progetto Cave Experience Bastione del

numerose testimonianze materiali provenienti da

Parlascio). Ciò faciliterà la cooperazione in ambito

diversi territori dell’Europa e del bacino del Medi-

di valorizzazione dei beni culturali tra operatori e

terraneo. Tali iniziative verranno ospitate nella città

gestori di tali strutture.

di Pisa per poi spostarsi presso le altre città coin-

b)

volte nel progetto (ad esempio: Mostra itinerante:

turale in Europa;

la ceramica e il Mediterraneo medievale un mare di

Il programma attraverso i suoi tre filoni tematici in-

scambi e di culture). Questa tipologia di attività in-

tende valorizzare gli elementi distintivi delle varie

coraggerà e stimolerà lo scambio di opere fra le di-

culture europee tramite le seguenti azioni:

realizzazione di progetti volti all’allestimento

valorizzare la ricchezza della diversità cul-


- Organizzazione di manifestazioni di recu-

religiose hanno determinato;

pero delle tradizioni storico-culturali dei ter-

-

ritori. Questa tipologia di iniziativa prevede

sulle antiche rotte di navigazione seguite dai

l’organizzazione di eventi che mettano in

popoli del bacino del Mediterraneo e i popoli

relazione le diverse tradizioni storiche che

dell’Europa del Nord per evidenziare come

caratterizzano la maggioranza delle realtà ital-

questi aspetti abbiano influito sulla conno-

iane ed europee. Le iniziative faranno con-

tazione identitaria di tali popolazioni.

oscere tali tradizioni proponendole in contesti

Tale iniziativa verrà ospitata nel Museo delle

diversi da quelli di origine. Questo “scambio”

Antiche Navi di Pisa con il contributo di es-

sarà occasione di confronto fra le diverse mo-

perti in materia italiani e internazionali.

dalità espressive ed organizzative di cele-

Ciò permetterà di evidenziare come il percor-

brazione di aspetti tipici di ogni territorio;

rere diverse rotte e entrare in contatto con di-

- Workshop internazionali sulle diverse forme

verse popolazioni e culture influenzi la

di gestione e conservazione di monumenti

formazione dell’identità di un popolo. Ver-

dedicati alle celebrazioni religiose: incontri di

ranno messi a confronto anche i diversi mezzi

studio, scambi di competenze ed esperienze a

di navigazioni utilizzati da tali popolazioni.

Ciclo di studi e occasione di confronto

confronto. Pisa, l’Italia, il bacino del Mediterraneo e l’Europa sono caratterizzati dalla presenza di numerose strutture dedicate al culto, dalle diverse caratteristiche architettoniche (Chiese, Moschee, Templi ecc.), che testimoniano le numerose diversità religiose esistenti. Saranno organizzati a Pisa convegni con i gestori e capi delle maestranze delle principali Cattedrali Europee e degli altri luoghi di culto sui seguenti temi: Esperienze di gestione a confronto; Conservazione programmata. Queste iniziative permetteranno di evidenziare e confrontare le differenti influenze artistiche, architettoniche e culturali che le forme

c)

evidenziare gli aspetti comuni delle

culture europee. Il programma attraverso i suoi tre filoni tematici intende evidenziare gli elementi che hanno accumunato la cultura europea tramite le seguenti azioni: -

Organizzazioni di festival e iniziative

26


di spettacolo collegati al tema delle migrazioni nel

stato nazionale europeo. Con questa iniziativa si

territorio europeo. L’Europa nei secoli è stata carat-

vuole evidenziare il contributo apportato dai testi e

terizzata da un continuo flusso migratorio interno,

dai temi delle principali opere liriche allo sviluppo

dall’espansione della civiltà greco-romana fino alle

del sentimento identitario di stato nazionale alla

penetrazioni dei popoli del Nord e dell’Est europea.

base della nascita dei singoli stati che oggi fanno

Al contempo è stata destinazione di spostamenti di

parte dell’Unione Europea.

numerosi popoli che dal continente africano a

Verrà evidenziato il filo comune che dal senso di

quello asiatico si sono trasferiti all’interno del suo

appartenenza allo stato nazionale si è evoluto nel

territorio. Infine l’Europa stessa ha generato un

sentimento di appartenenza all’Unione Europea;

flusso di “migranti” che ha contribuito alla con-

-

oscenza del mondo moderno così come oggi lo in-

in collaborazione con la Domus Galileiana sul con-

tendiamo; le traiettorie verso le Indie, la “scoperta”

tributo dato da Galileo Galilei alla diffusione della

del nuovo mondo. La “migrazione” rappresenta

cultura scientifica europea e all’accettazione del

una caratteristica comune a tutti i popoli europei;

metodo scientifico da lui sperimentato.

ha formato la nostra cultura e connotato il nostro

Vogliamo evidenziare l’influenza generata dal di-

modo di vivere e tali iniziative contribuiranno ad

battito che lo ha visto protagonista assieme ad altri

evidenziarlo.

scienziati europei (ad esempio, Keplero) e come

-

questo abbia posto le basi dell’attuale comunità sci-

Organizzazione di un festival internazion-

ale di opera lirica in collaborazione della Fondazione Festival Pucciniano con approfondimento sul ruolo svolto dalla musica lirica nella creazione dello

Allestimento didattico museale, in realtà aumentata, realizzato dalla Scuola Superiore Normale

27

Organizzazione di cicli di studio e di eventi

entifica europea e internazionale;


In che modo la manifestazione potrebbe contribuire a rafforzare i legami della città con il resto d’Europa? La manifestazione rafforzerà i legami tra Pisa

ritori. Tale rete faciliterà lo scambio di idee e

e l’Europa nei seguenti modi:

progetti fra la comunità artistica culturale eu-

-

Dal punto di vista istituzionale at-

ropea;

traverso la creazione di un network tra città

-

Dal punto di vista scientifico attra-

europee. La candidatura si caratterizza per l’a-

verso la realizzazione di eventi e progetti che

desione di molteplici realtà europee che han-

vedono coinvolte le Università e i centri di ri-

no collaborato e collaboreranno in maniera

cerca italiani ed europei;

attiva all’ideazione del programma e alla rea-

-

lizzazione degli eventi e in molteplici casi

zati consentiranno uno scambio e una reci-

ospiteranno parte delle iniziative stesse.

proca conoscenza fra i cittadini europei: tra i

I temi e gli eventi che verranno realiz-

Dal punto di vista della comunità ar-

residenti, tra coloro che verranno a Pisa e nel-

tistico culturale attraverso la creazione di una

le città partner per i progetti previsti del pro-

rete di cooperazione tra realtà culturali appar-

gramma contribuendo così a rafforzare il sen-

tenenti a diversi paesi europei. I progetti inse-

timento di cittadinanza europea.

-

riti sono stati infatti realizzati con soggetti culturali provenienti da diversi contesti e ter-

28


SiSispieghi spieghicome comelalaManifestazione manifestazionepuò puòsoddisfare soddisfarei criteri i criteriillustrati illustratididiseguito. seguito.La risposta faccia esplicito riferimento a ciascuno dei criteri. Per quanto quanto riguarda riguarda “la “la Dimensione Città e i Cittadini”, si spieghi in in Per Europea”, si spieghi quale modo modo la la città città intende assicura perseguire che il Progetto proposto quale i seguenti obiettivi: per la manifestazione: - suscita l’interesse della popolazione a livello europeo Il progetto susciterà l’interesse dei cittadini europei per le seguenti motivazioni: - per la natura dei temi: gli eventi culturali inseriti nel programma saranno caratterizzati da tematiche di rilevanza internazionale che per loro natura saranno in grado di richiamare un pubblico eterogeneo e non esclusivamente appartenente al territorio locale. Per esempio è prevista l’organizzazione di un progetto internazionale sull’arte contemporanea e la “Street Art” . Nel 2019, con l’occasione del trentennale dell’opera “Tuttomondo” di Keith Haring, verranno invitati a Pisa numerosi artisti di fama internazionale per la realizzazione di opere di arte contemporanea permanenti configurando il territorio come un Museo all’aria aperta. In tal senso sono stati presi accordi con l’artista Ozmo. In questa ottica si inquadra anche l’iniziativa delle “Residenze di Artisti” . - per la rilevanza internazionale degli artisti coinvolti: molte delle iniziative previste, in particolare nell’ambito della musica e dello spettacolo dal vivo, vedranno come protagonisti artisti la cui fama oltrepassa i confini nazionali. Ad esempio è previsto la realizzazione del concerto “Bocelli and frien-

29

ds” nel Parco regionale di San Rossore; - per la rilevanza internazionale delle personalità del mondo scientifico chiamate a tenere conferenze, giornate di studio e la rilevanza di soggetti appartenenti al mondo imprenditoriale che tramite la creatività, l’innovazione e la cultura hanno realizzato efficaci modelli di business. Ad esempio sono previsti giornate seminariali con il coinvolgimento della European Cultural and Creative Industries Alliance (ECCIA); - la metodologia utilizzata nella realizzazione di molteplici eventi che prevede la coproduzione con artisti e compagnie di provenienza europea e internazionale capaci di suscitare l’interesse di un vasto pubblico proveniente da diversi contesti territoriali. Ad esempio lo spettacolo che verrà realizzato in collaborazione con il Festival Accroche – Coeurs;


- la metodologia che verrà utilizzata per se-

forte rilevanza al coinvolgimento degli artisti

lezionare le iniziative progettuali che preve-

come dimostra la scelta stessa del Direttore

de delle call rivolte anche a soggetti europei

Artistico Dario Marianelli.

che verranno a Pisa a realizzare i loro progetti.

Il coinvolgimento degli artisti è stato e sarà assicurato tramite:

- Incoraggia la partecipazione degli artisti, degli operatori del mondo socio-culturale e degli abitanti della città, dei suoi dintorni e del territorio coinvolto dal Progetto

-

la partecipazione al Comitato Tecnico

Scientifico di Supporto al Direttore Artistico della Manifestazione; -

il coinvolgimento nell’ideazione di

numerosi eventi che faranno parte del programma; -

la possibilità di presentare proposte

Il progetto delineato è un progetto di area e

progettuali in risposta a specifici inviti che

quindi coinvolge non solo gli operatori, gli ar-

verranno pubblicati dalla struttura organizza-

tisti e il mondo socio-culturale della città di

tiva;

Pisa ma anche tutto il territorio identificato

-

come sede degli eventi ed in generale è aperto

tro e confronto con la comunità degli artisti

alla partecipazione di tutto il territorio coin-

per la programmazione culturale;

volto dalla Manifestazione. Il progetto dà una

Il coinvolgimento dei principali operatori del

lo svolgimento di momenti di incon-

30


panorama socio culturale sarà assicurato tramite la

-

Azioni di animazione e sensibilizzazione

costruzione di un percorso partecipativo volto

all’interno delle scuole per promuovere il senti-

all’individuazione di progetti che verranno realiz-

mento di appartenenza e cittadinanza europea;

zati sotto la loro “diretta regia”. La motivazione di

-

questa metodologia è dettata dalla volontà di ren-

programmi di intercambio scolastico (Comenius);

dere queste realtà protagoniste e non semplici frui-

-

trici passive di iniziative di tipo ”top down”.

Fondazione garagErasmus, che ha creato il primo

L’obiettivo di coinvolgere la cittadinanza nel proces-

network professionale della Generazione Erasmus.

so di elaborazione della Manifestazione è reso per-

Tale progetto è finalizzato ad attrarre idee, talenti e

seguibile grazie al ruolo assegnato nella program-

investimenti a livello europeo e scambio di espe-

mazione ai Consigli Territoriali di Partecipazione

rienze;

(CTP), luoghi “tematici” di confronto e proposta,

-

istituiti a partire dal 2010. Grazie al ruolo a essi

mento dei CTP, di una procedura volta a registrare

assegnato nella governance del cartello “Pisa2019”,

le aspettative dei cittadini in merito alla candidatu-

al centro di ogni progetto o iniziativa prevista per il

ra. Tali dati serviranno ad attivare azioni di corre-

2019, troviamo i cittadini, le associazioni, gli opera-

zione e monitoraggio per la definizione di dettaglio

tori economici, i “quartieri” intesi come entità di-

della programmazione;

namica costituita da una pluralità di attori capaci di

-

divenire elemento catalizzatore degli interessi e dei

gistrare il grado di soddisfazione dei cittadini in

bisogni dei cittadini.

merito ai principali eventi e alla complessiva realiz-

Inoltre, per ampliare ulteriormente la partecipazio-

zazione della manifestazione;

ne dei cittadini, è stato attivato un sito dedicato e

-

una email di contatto per l’invio di suggerimenti e

della manifestazione che prevedono la partecipa-

proposte. Sono stai attivati specifici account dedi-

zione diretta del cittadino/spettatore.

Azioni volte a sostenere la partecipazione ai

Potenziamento della collaborazione con la

Predisposizione, attraverso il coinvolgi-

Attivazione ex post di un sistema volto a re-

Attivazione di specifici progetti all’interno

cati alla candidatura sui principali social media e

alizzazione di alcune attività previste dal progetto,

ha un carattere duraturo ed è parte integrante dello sviluppo culturale e sociale a lungo termine della città.

in particolare: azioni di accoglienza, informazione,

Il modello di programmazione partecipata attuato

supporto all’organizzazione degli eventi sul model-

per la candidatura a Capitale Europea della Cultura

un blog dedicato alla partecipazione. Si prevede inoltre: -

31

l’attivazione di gruppi di volontari per la re-

lo di “Londra 2012”;

-

diventerà la modalità con la quale la città program-


merà le sue politiche culturali oltre l’orizzonte

serite nel programma, molti degli eventi che

temporale del 2019.

E’ precisa volontà

verranno celebrati nel 2019 continueranno

dell’Amministrazione far si che questa meto-

nel territorio in maniera ciclica anche negli

dologia vada oltre l’ambito culturale e diventi

anni successivi alla Manifestazione. Esempli-

un modello generale di condivisione e co-pro-

ficativo in tal senso è il progetto “Pisa Cine-

gettazione delle scelte programmatiche di svi-

ma” e la realizzazione del relativo Istituto di

luppo del territorio. Quindi tale modello di

Specializzazione sulle nuove professionalità

cooperazione sarà il primo lascito duraturo di

del Cinema che sarà localizzato a Tirrenia, ne-

questa esperienza.

gli spazi che hanno ospitato la prima città del

Inoltre le professionalità e le competenze ac-

cinema d’Italia (antecedente alla creazione di

quisite, grazie a questo

Cinecittà

progetto, non saranno

1937) ormai in

disperse

al

termine

della Manifestazione. E’ infatti volontà del Comune di Pisa mantenere in piedi la struttura organizzativa cre-

“Molti degli eventi che verranno celebrati nel 2019 continueranno nel territorio in maniera ciclica anche negli anni successivi alla manifestazione”

ata composta, in parte,

nel

disuso e che saranno recuperati grazie a questo progetto. Il progetto complessivo prevede anche la realizza-

da specialisti dell’Amministrazione Comunale

zione di una serie di interventi infrastruttura-

stessa che sarà incaricata di proseguire la futu-

li che rimarranno quali patrimonio duraturo

ra programmazione culturale. Proseguirà l’o-

dell’esperienza come ad esempi:

pera di cooperazione e verranno mantenuti in

Il recupero della Stazione radiotelegrafica

essere i network creati, i collegamenti fra le

Marconi a Coltano, il restauro del Palazzo

città e fra gli operatori culturali per continua-

Lanfranchi Museo Grafica, il completamento

re il lavoro di programmazione congiunto vol-

del Museo delle Antiche Navi di Pisa e il com-

to alla realizzazione di ulteriori progetti cultu-

pletamento della Cittadella Galileiana con la

rali di respiro internazionale.

realizzazione di un grande parco urbano adia-

Per quello che riguarda le attività culturali in-

cente ai beni già in corso di recupero.

32


La Manifestazione quindi rappresenta una grande

della scienza e della ricerca” per un valore approssi-

opportunità per integrare e completare, guardando

mativo di oltre 40 milioni di euro. Con la Candida-

al futuro, la progettazione elaborata in questi anni

tura a Capitale Europea della Cultura si vuole com-

da tutti gli attori dello sviluppo di Pisa. La prima

pletare questo percorso volto a diversificare e

occasione per ripensare alla città è stata, come det-

ampliare l’offerta che la città è in grado di proporre.

to, la scoperta delle Antiche Navi di Pisa che, nel

L’obiettivo è affiancare al polo attrattivo rappresen-

2001, ha portato alla firma di un Protocollo d’Intesa

tato dalla Piazza dei Miracoli e della Torre di Pisa, il

da parte di tutte le istituzioni locali e di quelle na-

patrimonio architettonico e culturale attualmente

zionali il quale prevede interventi intersettoriali di

non sufficientemente valorizzato, le iniziative cul-

varia natura.

turali di pregio che non esprimono ancora la loro

Con il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sosteni-

piena potenzialità, il capitale rappresentato dalla

bile (2007-2013) sono stati avviati progetti di ri-

commistione di scienza ed innovazione - tratto ca-

qualificazione e “rifunzionalizzazione” di aree di

ratteristico di Pisa - non ancora percepito come ele-

cerniera, di valorizzazione dell’identità storica e

mento identificativo della città.

della nuova identità di “città avanzata nel settore

In quale modo la città intende collaborare o stabilire sinergie con le attività culturali promosse dalle Istituzioni Europee?

33

Il progetto predisposto per la candidatura si collega

tivi che la città e la sua “rete di partner” vorrebbero

a molteplici tematiche e obiettivi delle principali

conseguire tramite le iniziative poste in essere. Tali

azioni attivate dall’Unione Europea e, in partico-

obiettivi, frutto di una riflessione collettiva sul pre-

lare, con le principali politiche poste in essere tram-

sente e sul futuro delle politiche culturali imple-

ite la Direzione Generale Educazione e Cultura.

mentate nei vari territori, hanno a loro volta fatto

Nella fase di ideazione del progetto, sono stati atti-

emergere delle connessioni con la generale pro-

vati momenti di confronto con le realtà culturali ed

grammazione

educative del territorio e, tramite la condivisione

Anche se vari interventi si connettono, per loro

dell’idea generale di progetto, anche con le reti di

natura, a molteplici azioni, possiamo individuare

partner europei ed internazionali che hanno aderi-

alcuni ambiti esemplificativi di cooperazione o sin-

to alla Manifestazione e contribuito alla definizione

ergia fra azioni del progetto e quelle delle Istituzio-

del programma. Questo processo di interscambio,

ni Europee:

ha permesso di individuare alcuni grandi obiet-

culturale

dell’Unione

Europea.


1.

Cooperazione con le priorità del

“Programma Cultura”. •

Promozione della mobilità transna-

tisti italiani ed internazionali secondo una programmazione ciclica organizzata per filoni tematici; il Progetto “Pisa Cinema”.

zionale delle persone che operano nel set-

tore culturale. Il programma prevede molte-

Questo aspetto è uno dei fili conduttori della

plici occasioni di scambio e partecipazione ad

maggioranza degli eventi prospettati dal pro-

eventi rivolti tanto ad artisti quanto ad opera-

gramma. In particolare tuttavia vogliamo seg-

tori del settore culturale. In coerenza con gli

nalare i progetti volti ad attivare “momenti di

“obiettivi specifici” elencati precedentemente,

incontro e studio”, “workshop”, “analisi e con-

sono state progettate iniziative volte ad incor-

fronto delle politiche e azioni culturali”. Tali

aggiare esperienze transnazionali. Fra queste

progetti, si terranno tanto sul territorio di Pisa

si segnala: il progetto “Residenze di Artisti”,

quanto nelle città che hanno aderito alla can-

che prospetta di ospitare artisti provenienti da

didatura e vedranno la collaborazione del net-

tutto il mondo fornendo loro un atelier per la

work universitario attivato tramite le tre is-

produzione delle opere d’arte e prevede l’invio

tituzioni

di artisti del territorio locale in contesti cul-

candidatura. Verranno coinvolte le realtà is-

turali esteri; il progetto “Pisa Cinema”, che

tituzionali, le realtà culturali, i settori econ-

prevede di attivare un centro di produzione e

omici e la cittadinanza.

di scambio di opere e di autori; i “Convegni

2.

Internazionali” con operatori e maestranze in

gramma “Europa Creativa”. Le azioni pre-

ambito culturale.

viste dal progetto di candidatura presentano

Sostegno alla circolazione transnazi-

Sostegno al dialogo interculturale.

universitarie

aderenti

alla

Cooperazione con il futuro pro-

una forte convergenza con obiettivi e priorità

onale delle opere e dei prodotti artistici e

del nuovo programma ed in particolare:

culturali. Si segnalano alcune iniziative: il

progetto “Biennale dei giovani artisti” rien-

pacità di operare a livello transnazionale”.

trante all’interno del citato progetto “Residen-

Come indicato molti progetti sono frutto di

ze di Artisti”. Questo progetto sarà localizzato

una co-progettazione fra operatori culturali e

presso il centro di Arte contemporanea San

artisti provenienti da diversi paesi del territo-

Michele degli Scalzi, che ospiterà opere di ar-

rio europeo ed internazionale. Alcuni progetti

Obiettivo specifico “Rafforzare la ca-

34


prevedono in particolare la realizzazione di eventi

specifici che il progetto di candidatura si è dato e

in co-produzione che coinvolgeranno direttamente

sono state ideate delle azioni specifiche volte a

più territori e che prevedono la “compresenza” di

perseguire tale obiettivo (ad esempio, ampliamento

artisti di varia provenienza;

delle funzioni della Cittadella Galileiana per farne

35

Obiettivo specifico “Sostenere la cooper-

un “acceleratore” di nuove imprese creative innova-

azione politica transnazionale in modo da fa-

tive – Progetto “Atelier Wearable Computing”)

vorire lo sviluppo di politiche, l’innovazione, au-

dience building e nuovi modelli di business”. Il

colazione transnazionale delle opere e degli op-

progetto prevede la creazione di un network fra

eratori e raggiungere nuovi pubblici in Europa e

numerose istituzioni politiche del territorio italiano

nel mondo. Abbiamo già menzionato gli aspetti

ed europeo. Questa rete permarrà operativa anche

relativi alla promozione delle opere e degli opera-

dopo la realizzazione dell’evento consentendo di

tori; relativamente al raggiungimento di nuovi pub-

sviluppare e coordinare politiche e progetti cultur-

blici si segnala le iniziative volte al coinvolgimento

ali dell’intero territorio europeo. L’innovazione è

diretto (in particolare grazie alle opportunità of-

uno dei tre ambiti tematici nei quali si è articolato il

ferte dalle nuove tecnologie) e attrazione di quella

programma della manifestazione e molti progetti

fascia di “pubblico” che non ha accesso alla

prevedono la sperimentazione di innovazione tec-

tradizionale offerta culturale (ad esempio tramite i

nologiche su beni culturali e sulla produzione di

progetti di eventi e mostre ospitate sul web e rese

opere culturali (ad esempio Progetto Pisa Cinema e

fruibili in spazi pubblici del territorio – eventi

Istituto di alta formazione sulle nuove professional-

“open air” in vari spazi e luoghi della città). Si seg-

ità produzione cinema/video/tv” – “Progetto Cave

nala inoltre che molte iniziative saranno realizzate

Experience”).

prevedono

in co-produzione con operatori culturali europei

un’interazione diretta da parte del pubblico con

ed internazionali e molti progetti prevedono anche

l’evento artistico al fine di modificare la tradizionale

la celebrazione dell’evento in quei territori (ad es-

forma di fruizione della cultura rendendo lo “spet-

empio, progetto “Festival Teatro Ars Navigandi” –

tatore” attore partecipe dell’evento creativo (ad es-

progetto “Pisa-China Arts Festival”).

empio Progetto “Navigazione nella Percezione

dell’Arte e del Web”). La finalità di creare nuovi

ità finanziaria dei settori culturali e creativi, in

modelli di business e di professionalità connesse

particolare delle PMI e delle organizzazioni”.

alla creatività e alla cultura è uno degli obiettivi

Questa azione di contesto sarà affidata alla Struttu-

Molti

progetti

Obiettivo specifico “Promuovere la cir-

Obiettivo specifico “Rafforzare la capac-


ra Organizzativa Ufficiale, pensata come cen-

menzionato ampiamento delle funzioni della

tro di programmazione e di facilitazione delle

“Cittadella Galileiana”) e alcuni progetti

politiche economico-culturali anche per il

prevedono azioni di “alta formazione” di

periodo successivo al 2019. Le professionalità

nuove professionalità ( i già menzionati per-

della struttura coopereranno con le realtà cul-

corsi per le nuove professionalità per la pro-

turali e produttive del territorio per la presen-

duzione cinema/video/tv – l’esperienza di

tazione di progetti finanziabili e in altre attiv-

produzione e realizzazione del progetto “Eu-

ità di fundraising. Inoltre molte azioni del

ropean School for Art of Actor).

progetto sono dirette alla creazione di contesti

3.

favorevoli alla nascita e rafforzamento di im-

le generali politiche culturali dell’Unione Eu-

prese culturali creative e innovative (il già

ropea è riscontrabile nel progetto che prevede,

Un ulteriore elemento di coerenza con

Alcune parti del Progetto proposto si rivolgono a gruppi specifici ? Il progetto non prevede l’identificazione di

clusiva”. Le strategie individuate sono due:

specifici “target group”. Questo perché

1.

nell’impostare il programma e nell’individuare

Il Comune di Pisa ha una popolazione di

le linee di azione, è stata mantenuta una vi-

92.388 abitanti. Tale popolazione è eteroge-

sione “d’insieme” della realtà sociale pisana,

neamente distribuita fra varie fasce di età le

scegliendo di agire, non tanto su specifici set-

quali esprimono, con differenti apporti, le

tori, ma puntando ad indentificare strategie

funzioni civili ed organizzative della realtà cit-

trasversali con funzione di “cornice progettu-

tadina. Per offrire una visione di tale dis-

ale” dentro cui articolare le azioni stesse.

tribuzione, abbiamo suddiviso la popolazione

Questa scelta metodologica è frutto della rif-

in quattro grandi fasce:

lessione sulle caratteristiche della popolazione

-

e della società cittadina, nonché sulle azioni di

senta il 14,39% del totale della popolazione

“coesione” che, anche grazie all’opportunità

con un valore numerico di 13.352 abitanti.

offerta dalla presentazione della candidatura,

Questa suddivisione è stata raggruppata per

l’Amministrazione vuole rafforzare per con-

semplicità di lettura del dato, mentre per le fi-

tribuire alla costruzione di una “comunità in-

nalità di cui alla presente strategia è stata real-

Strategia generazionale trasversale.

Popolazione da 0 a 19 anni. Rappre-

36


2.

Strategia di inclusione multiculturale.

Pur essendo una città medio-piccola, Pisa registra un numero di cittadini residenti “stranieri” pari a 11.574 abitanti. In termini percentuali, questo dato rappresenta il 12,52% del totale della popolazione cittadina. Se paragonato alla media provinciale (7,5%) o a quella nazionale ( 9% ), si evidenzia il fatto che nella città la componente di cittadini izzata una suddivisione di maggior dettaglio (fascia 0-5 anni; 6-13 anni; 14-19 anni); -

Popolazione da 20 a 59 anni. Rappresenta il

53% della popolazione con un valore numerico di 49.115 abitanti (le ulteriori sottocategorie sono state fascia 20-29 anni; 30-39 anni; 40-59 anni); -

Popolazione dai 60 ai 79 anni. Rappresenta

il 23,6% del totale con un valore pari a 21.790 abitanti (ulteriormente suddivisa in fascia 60-69 anni; 70-79 anni); -

Popolazione di anni 80 e oltre. Rappresenta

il 9% del totale con un valore di 8.185 abitanti. A fronte di quanto emerso da questa analisi, la programmazione degli eventi e delle iniziative della Manifestazione è stata realizzata con una duplice finalità: da una parte, quella di permettere l’accesso a contenuti e attività coerenti ed idonei alla fascia di età ed interessi di ciascuna persona; dall’altra, quella di sviluppare attività che vedano protagonisti e partecipi cittadini di differenti fasce di età, permettendo così lo scambio di contenuti ed interessi fra le varie generazioni ed aumentando la comprensione

37

e la coesione fra la popolazione.

provenienti da altre nazioni sia significativamente alta. Analizzando la composizione per area geografica, possiamo vedere come la maggior parte dei cittadini immigrati provenga da paesi europei (51.87% del totale). Seguono, per grandezza, il continente asiatico (pari al 26,5%), quello africano (pari al 14,5%), quello americano (pari al 7%) ed infine

una

marginale

presenza

proveniente

dall’Oceania (0.04% del totale). L’immigrazione più consistente proviene dall’Est Europa e, per numero di cittadini, le sette nazioni maggiormente rappresentante sono: Albania (1.581 cittadini), Romania (1.266), Ucraina (532), Polonia (470), Repubblica di Macedonia (445), Repubblica Moldova (172), Bulgaria (171). Come

dimostrano

i

dati

precedentemente

analizzati, quella rappresentata dai cittadini stranieri è, per Pisa, una componete significativa. Per questo motivo è stata elaborata la presente strategia, che integra la precedente nel completare il menzionato disegno di “comunità inclusiva e coesa”. Sono stati, infatti, predisposti eventi realizzati in collaborazione e su proposta delle


comunità di cittadini stranieri residenti sul

che oggi lega la cittadinanza; non come

territorio. Tali iniziative, permetteranno la

processo di “omologazione” forzata ma come

diffusione, la conoscenza, la comprensione, lo

percorso congiunto che, pur riconoscendo e

scambio fra culture, costumi e tradizioni

valorizzando le specifiche caratteristiche,

sociali.

variegato

incoraggia un senso comune di appartenenza.

contesto che rappresenta l’attuale tessuto

Tale strategia è inoltre coerente con la

sociale e culturale della città, sarà possibile

tradizione della città di Pisa quale luogo di

evidenziare il processo di reciproche influenze

incontro e scambio di culture.

Ricomponendo

quel

Si indichino i contatti che la città o l’organismo responsabile della preparazione della manifestazione ha avviato o intende avviare con: - gli operatori culturali della città:

ne ARPA – Fondazione Piaggio -

Soprintendenza BAPSAE di Pisa e Livorno –

Recitarcantando - Scuola Musica Buonamici

Università di Pisa – Scuola Normale Superio-

- Circolo Culturale San Francesco - Società

re – Scuola Superiore Sant’Anna – ENEA sede

Filarmonica Pisana - Teatro del Tè - I sacchi di

di Pisa (agenzia nazionale per le nuove tecno-

sabbia - Le Blatte - Acquario della Memoria –

logie, l’energia, lo sviluppo economico soste-

Ondavideo –Gruppo archeologico Pisano -

nibile) - INFN sezione di Pisa (Istituto Nazio-

Idee per Pisa - Accademia Musicale Stefano

nale di Fisica Nucleare) - CNR Pisa - Opera

Strata - Al Alif – Arcadia – Contrappunto -

della Primaziale Pisana – Comunità Ebraica

Imago - Le storie di City Gran Tour - Società

di Pisa - Fondazione Teatro Verdi – Fondazio-

Storica Pisana - Casa della Donna - Il Fortino

ne Pisa – Fondazione Palazzo Blu Museo Na-

- Movimentoinactor - Scuola musica “Litorale

zionale di San Matteo – Museo Nazionale di

Pisano” - Associazione Pisa Folk - Corte Tri-

Palazzo Reale – Domus Galileiana –Domus

poli cinematografica - Amici di Pisa – Asso-

Mazziniana - Fondazione Teseco – Fondazio-

ciazione Rosa Bianca - Associazione L’Alba –

38


39

Ass.ne Cult. Multiversum - Associazione Culturale

tola - Museo Regionale della Ceramica di Caltagi-

Textus - Associazione Cinema Ragazzi - Altredesti-

rone - Museo della Ceramica di Faenza - Museo di

nazioni Teatro - Associazione Metarock - Gli Amici

Capodimonte di Napoli

dei Musei - Il Gabbiano - Associazione Il Mosaico

Fondazione Sistema Toscana –- Fondazione Ponte-

- Associazione Culturale Mistral Moviment Art -

dera Teatro - Fondazione Sipario Toscana - Fonda-

Associazione Leopolda - Associazione Arteficium

zione Teatro Goldoni di Livorno – La Città del Tea-

- The English theatre company - Parallelo Dance &

tro e dell’Immaginario (Cascina) - Teatro del

Company - Federazione Europea Itinerari Storico

Silenzio Lajatico – Festival Volterra - Teatro Fonda-

Culturali e Turistici - Accademia dei Disuniti –

zione Festival Pucciniano di Torre del Lago Acca-

“Habanera” Associazione Culturale - Associazione

demia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio d’Ami-

Amici Gioco del Ponte - Associazione Compagnia

co” - Accademia Teatrale Veneta - Accademia

dello Stile Pisano - Gruppo Artistico Letterario “La

sull’Arte del Gesto - Compagnia Virgilio Sieni di

Soffitta” – “Austro Associazione Culturale” - Asso-

Firenze –- Scuola “la Cometa” di Roma - Scuola

ciazione Culturale “Il Mestiere di Sognare” - Asso-

Provinciale d’Arte Cinematografica “Gian Maria

ciazione Culturale “La Compagnia del Delitto” -

Volonté” di Roma – Società Italiana di Musicologia

Quieta Movere - Società Corale Pisana – Arci Pisa

- Accademia dei Filodrammatici di Milano

– ACLI Pisa – UISP Pisa - Archeclub Pisa – Pisa

Mediateca Regionale Toscana – Lucca Comics -

Musica 2000 - Teatri della Resistenza- Arsenale –

Angelo Azzurro - Fondazione Città del Carnevale

Alfea Cinematografica.

di Viareggio

- gli operatori culturali situati fuori della città:

- gli operatori culturali situati fuori dell’Italia:

Soprintendenza Archeologica per la Toscana -

Museo del Louvre di Parigi - Musée d’Orsay di

Consolato generale cinese in Italia

Parigi – Museo della Shoah di Parigi - Istituto di

Musei Vaticani Roma - Galleria degli Uffizi di Fi-

Cultura Araba di Parigi - British Museum di Londra

renze (Polo Museale) - Museo della Certosa di Cal-

- The National Gallery di Londra - Ashmolean

ci – Museo della Certosa di Serra San Bruno – Mu-

Museum of art and Archaeology di Oxford - Ruskin

seo Nazionale della Certosa di San Martino

Fundation di Lancaster - Getty Museum di Los

(Napoli) – Museo nazionale della Certosa di San

Angeles - Staatiche Museen di Berlino - Museo del

Lorenzo a Padula – Museo Nazionale della Certosa

Bardo di Tunisi - Museo Archeologico di Cartagine

di Pavia - Museo virtuale della Certosa di Bologna

- Museo di Arti Islamiche di Kairouan - Museo di

– Centro Studi Memoria Ecclesie - Museo di Mer-

Maiorca (Isole Baleari Spagna) – Museo Arte


Contemporanea Modern Instambul – Museo

York – Festival Accroche-Coeurs di Angers

de la Grand Chartreuse - Museo Archeologico

CERN di Ginevra - Universität der Künste di

di Cordoba - Museo di arte contemporanea

Berlino - Berkley University San Francisco -

Moder Instambul. Centro Culturale Espositivo

ENSATT (Ecole Nationale Superieure des

Darb 1718 di Moataz Nasr – Biennale d’Arte

Arts et Techniques du Theatre) di Lione -

Internazionale Casablanca - Guildhall School

Università di Chonqing – Istituto di Studi

of Music and Drama di Londra - GITS

Balcanici di Sofia – Istituto Confucio

(Accademia Russa di Arte Drammatica) di

Comune di Burgas. - Camera di Commercio

Mosca - l’Institut del Teatre di Barcellona -

Italiana in Cina- Biennale d’arte Internazionale

Statens Teater Skole di Copenhagen - LAMT

di Casablanca

(Lithuanian Academy of Music and Theatre) di Vilnus - Keith Haring Foundation di New

Si menzionino alcuni degli operatori con i quali si prevede di attuare una cooperazione e si indichino le I menzionati operatori e realtà culturali

Monumentale del Duomo e del Camposanto

saranno partner dei vari progetti inseriti nel

Monumentale”;

programma della Manifestazione. Solo per

-

citare alcuni esempi:

Medievale. Un mare di scambi e culture”

-

-

Progetto “Europa delle migrazioni di

Progetto “La ceramica e il Mediterraneo

Progetto “L’influenza dei pre-raffaelliti

ieri e di oggi”;

in Europa”

-

Progetto “Pisa Cinema”

-

-

Progetto “Pisa- China Arts Festival”;

del Parlascio”;

- Progetto

“Navigazione

nella

percezione dell’Arte e del Web”; - Progetto

“Fabbrica

Progetto “Cave experience. Bastione

- Progetto

“Arte

contemporanea.

Dedicated to Keith Haring”; Complesso

-

Progetto “Festival Ars Navigandi”;

40


-

Progetto “Festival del Teatro”- “Il Trionfo

Per l’approfondimento delle varie partnership di

dell’Arno” – “Retone jeux/Boccadarno;

progetto, rimandiamo alla sezione II punto 3 del

-

presente documento e all’allegato A “Programma

Progetto “Festival Internazionale dell’Opera

Lirica”.

della Manifestazione”.

In che cosa il Progetto previsto è innovativo? Il progetto è innovativo per: • Gli obiettivi perseguiti • La metodologia attuata • I contenuti proposti Nello specifico, relativamente agli obiettivi si vuole: creare un nuovo modello di sviluppo

-

basato sulla centralità della cultura che metta in relazione le eccellenze scientifiche presenti sul territorio con gli operatori culturali,

le realtà

produttive e turistiche; -

affiancare

alla

tradizionale

forma

di

fruizione passiva della cultura, una nuova modalità di partecipazione che trasformi lo spettatore in attore-creatore del proprio prodotto culturale tramite l’utilizzo delle nuove tecnologie; - creare un nuovo mercato turisticoculturale, realizzando un percorso fatto di iniziative e progetti culturali, che mette in collegamento la città, il suo entroterra e la costa, in

41

un’offerta “multiprodotto” comprendente mare,

campagna, località termali e città d’arte; Per ciò che riguarda la Metodologia il progetto è innovativo per : -

l’attuazione

di

una

progettazione

partecipata: le iniziative che comporranno il programma sono frutto di una co-progettazione che vede la partecipazione attiva di partner locali, nazionali ed esteri operanti in ambito istituzionale, culturale e scientifico; -

la presenza di iniziative bottom-up: il

programma sarà composto anche da eventi proposti e gestiti direttamente dalla comunità locale, nazionale ed estera invitata a presentare e sviluppare


proprie iniziative progettuali; -

la sperimentazione di un modello di

e l’info-mobilità sull’intero territorio coinvolto nella Manifestazione che sia in grado di

sviluppo economico volto alla creazione di

fornire

una “smart city”: una città intelligente in

geolocalizzate;

termini di servizi avanzati e infrastrutture

-

capaci di soddisfare i bisogni individuali e

che unifichi più servizi quali: biglietti di

collettivi in modo sostenibile;

accesso agli eventi culturali, ai trasporti e che

-

offra

la sperimentazione di un modello

informazioni

e

dall’attivazione di una “SmartCard”

agevolazioni

replicabile volto alla creazione di uno specifico

convenzionati;

sistema di

-

valutazione e di monitoraggio

aggiornate

con

gli

esercizi

dalla realizzazione di progetti che

dell’impatto e degli effetti a lungo termine

utilizzano le “nuove tecnologie” per la

della Manifestazione e della sua gestione

gestione, fruizione e valorizzazione dei Beni

finanziaria;

Culturali;

Per ciò che riguarda i contenuti proposti, gli

-

aspetti innovativi sono rappresentati:

alla nascita di nuove imprenditorialità e

-

professionalità nei settori della cultura, scienza

dalla realizzazione di un’infrastruttura

digitale in grado di aggregare e veicolare

dalla realizzazione di progetti volti

e creatività.

informazioni e servizi per la cultura, il turismo

42


Se la città fosse nominata Capitale Europea della Cultura

quali sarebbero gli effetti di medio e di lungo termine di tale avvenimento da un punto di vista sociale, culturale e urbano?

43

La nomina di Pisa a Capitale della Cultura Europea,

ricerca e la cultura, è una scelta vincente. Un

per il 2019, consentirebbe di valorizzare e portare a

percorso di preparazione verso l’evento Pisa2019

compimento un progetto di sviluppo della città che

consentirebbe di dare sostegno a questa spinta che

è in atto e che vede nella cultura il principale volano

la città ha intrapreso, avviando un percorso di

per la crescita economica e la riqualificazione

avvicinamento, consentendo di dare priorità e

urbana e sociale della città.

maggiori opportunità di sostegno a interventi

Nel 2015 si porteranno a compimento tutti i

strategici nel completamento della “Nuova Pisa -

progetti finanziati con i fondi PIUSS, che hanno

città d’arte, saperi e di culture”, investendo ancora

consentito di risanare “ferite” antiche, inferte al

su luoghi e infrastrutture capaci di accogliere

tessuto urbano cittadino, in taluni casi ancora dagli

eventi, ospitare esperienze di alta formazione,

eventi bellici della seconda guerra mondiale.

attrarre turismo.

Questa esperienza, avviata nel 2009, non ha

Attraverso adeguate politiche d’incentivo, e

rappresentato solo l’occasione per realizzare

campagne di comunicazione, l’obiettivo 2019

progetti importanti di riqualificazione urbana, ma

consentirebbe di favorire la nascita d’iniziative

ha consentito di ripianificare l’assetto della città

private nel settore della produzione di eventi

dopo una riflessione attenta sul suo futuro, le sue

culturali e della gestione di servizi turistici, offrendo

potenzialità, sul suo essere città della scienza, dei

nuove opportunità di lavoro, generando nuova

saperi e della cultura. Non ci si è dunque limitati a

economia.

progettare singoli interventi ma si è “reinventata la

Il 2019 rappresenterebbe sicuramente una grande

città”, individuando altri interventi necessari,

occasione di promozione turistica e culturale della

ipotesi di sviluppo, linee guida per le azioni future.

città e del suo territorio, i cui echi si lascerebbero

Con il compimento dei progetti PIUSS noi avremo

sentire negli anni successivi, consentendo alle realtà

realizzato un 30% della nuova Pisa e avremo

nate su questa spinta di divenire soggetti economici

dimostrato che la scelta di investire sulla

attivi capaci di produrre e gestire eventi che

riqualificazione del centro storico, il recupero e

manterrebbero

rilancio dei beni culturali, uno sviluppo economico

infrastrutture che la città avrà predisposto per

che ha quali direttrici principali il turismo, la

l’evento. In sintesi possiamo affermare che “Pisa

vivi,

valorizzandoli,

spazi

e


2019” rappresenta l’occasione per portare a

nuova linfa ad un tessuto produttivo

compimento un processo di trasformazione

fortemente differenziato che va dal piccolo

della città, già parzialmente in atto, che ha

artigianato artistico al commercio, dalla

utilizzato la programmazione urbanistica per

ristorazione alla recettività alberghiera, fino

ridefinire spazi idonei a far nascere opportunità

ad interessare, con ruolo primario, quelle

e centri in grado di produrre cultura (con tutti

realtà produttive dell’indotto tecnologico

i relativi benefici, dal piano occupazionale a

protagoniste dell’innovazione e della ricerca.

quello sociale) individuando proprio negli eventi culturali l’elemento capace di apportare

44


Le autorità municipali pensano di fare una dichiarazione pubblica di intenti, per quanto riguarda il periodo successivo all’anno della manifestazione? Le iniziative ed i programmi culturali hanno

questa opportunità per rilanciare e potenziare la

rappresentato negli ultimi anni una parte centrale

programmazione culturale del territorio, sono state

dell’azione politico – amministrativa della città;

inserite nel programma della Manifestazione

dagli interventi cofinanziati con i fondi strutturali

iniziative che, in previsione, diventeranno delle

alle azioni di riconoscimento da parte dell’Unesco

attività

del valore di patrimoni architettonici e tradizioni

caratterizzeranno l’offerta oltre l’anno 2019.

immateriali della città, l’attività del Comune e delle

L’Amministrazione Comunale sta predisponendo

realtà private ha individuato nella “cultura” uno

una dichiarazione pubblica di intenti volta a

degli assi fondamentali di sviluppo del territorio. Il

garantire il proseguimento dell’impegno nella

Consiglio

realizzazione di programmi culturali anche per gli

Comunale

di

Pisa

ha

adottato

all’unanimità, una mozione per la presentazione della candidatura della città a Capitale Europea della Cultura per l’anno 2019. Volendo cogliere

45

cicliche

(annuali

e

anni successivi alla Manifestazione.

biennali)

e


Come è stata ideata e preparata questa candidatura? La candidatura nasce come il naturale sviluppo

per l’intero progetto, sintetizzate nelle “sfide”

di un’opera di programmazione che la città

precedentemente illustrate. Queste sono state

porta avanti da numerosi anni. Infatti, le sfide

successivamente oggetto di approfondita

che tale candidatura comporta, sono in realtà

analisi per focalizzare una serie di obiettivi,

frutto di una lunga ed attenta analisi svolta

che permetteranno di completare il disegno

sullo sviluppo della città; non solo dal punto

che le sfide hanno delineato. In questo contesto

di vista culturale ma anche secondo una più

è emerso con forza il carattere “sovra

generale ottica di sviluppo del modello

territoriale” del progetto. Sono stati quindi

economico e sociale che il territorio mira a

avviati

promuovere. L’ideazione della candidatura

provinciale e con la costa muovendosi su due

nasce all’interno di un apposito “spazio

diversi livelli:

istituzionale”, il Tavolo Grandi Eventi .

-

All’interno del Tavolo sono rappresentate le

Comuni del territorio individuato nella

principali

economiche,

candidatura ad aderire e presentare proposte.

turistiche e culturali del territorio; è in questo

La Provincia di Pisa, la Soprintendenza per i

contesto che si sono andate delineando le idee

Beni Archeologici della Toscana e la

portanti della candidatura di Pisa. Il TGE ha

Soprintendenza BAPSAE di Pisa e Livorno.

in primo luogo provveduto a focalizzare gli

-

obiettivi a lungo termine che la città (intesa in

relazioni dei rappresentanti delle fondazioni e

questo senso come l’insieme di tutti gli attori

delle realtà presenti sul territorio.

del territorio) voleva darsi. Da questa prima

E’ stato quindi definito il tema centrale del

analisi, sono emerse alcune grandi linee guida

progetto “Pisa candidata a Capitale Europea

realtà

sociali,

contatti

con

l’intero

territorio

quello istituzionale, invitando tutti i

quello culturale, tramite i contatti e le

della Cultura 2019” e sono stati individuati 1 - Composto da: Provincia di Pisa, Università di Pisa, Scuola Normale Superiore, Soprintendenza BAPSAE di Pisa e di Livorno, Camera di Commercio di Pisa, Opera Primaziale Pisana, Fondazione Bancaria Pisa, Fondazione Palazzo Blu, Fondazione Teatro Pisa, Società aeroporto Toscana G. Galilei, Consorzio Toscana Trasporti, Pisamo Azienda per la Mobilità SpA

46


una serie di ambiti tematici per lo sviluppo del

le tematiche centrali del progetto, rielaborata la

programma. Parallelamente al lavoro svolto sul

sfida, perfezionati gli obiettivi, condiviso il tema

versante “interno” (qui inteso come gli aspetti

centrale e definiti ulteriormente i filoni di

locali, regionali e – per certi aspetti – nazionali

intervento. E’ stato infine richiesto ai partner e/o

della candidatura), è stata avviata una riflessione

collaboratori di predisporre idee progettuali da

per coinvolgere il territorio estero che rappresenta

inserire nel programma della Manifestazione.

il naturale contesto di riferimento per la città: i paesi del bacino del Mediterraneo e il territorio europeo. E’ stato quindi avviato un percorso congiunto con quelle città che per caratteristiche, storia o precedenti esperienze, hanno avuto in passato - o mantengono oggi - legami e relazioni con la città di Pisa per realizzare un percorso di progettazione comune. A livello organizzativo, l’Amministrazione Comunale ha quindi creato una struttura organizzativa “multilivello” che permette di sviluppare in parallelo le varie fasi tecnicoorganizzativo-procedurali

per

predisporre

il

Dossier di Candidatura [vedi capitolo III paragrafo 1.1]. Definiti i principali partner (esteri e nazionali) e le tematiche centrali della candidatura, l’idea di progetto che si è andata delineando è stata condivisa su più livelli: la cittadinanza locale, i principali attori provinciali e regionali, le realtà estere individuate. Sono state quindi condivise e definite

47


Struttura del Programma della manifestazione

Qual è la struttura del Progetto, che la città prevede di svolgere nel caso in cui sia nominata Capitale Europea della Cultura ? Quale durata avrà il programma ? Struttura del progetto.

sviluppo socio economico del territorio.

Il progetto è stato realizzato secondo un’ottica

Ciascuna attività ricompresa nelle macro

unitaria ma è suddivisibile, a livello logico, in

tipologie concorrerà a realizzare uno o più

quattro macro tipologie di attività che saranno

obiettivi

realizzate, o portate a compimento, durante

comporre il “disegno complessivo” delineato.

l’anno

di

Pertanto tale suddivisione ha uno scopo

identificare ciascuna di esse, è necessario

puramente esplicativo e non deve essere vista

tuttavia sottolineare le forti interconnessioni

come una separazione funzionale di attività

che legano l’una alle altre. Il progetto, infatti, è

autonome e slegate.

sostenuto da una visione unitaria di sviluppo,

• Eventi e manifestazioni culturali. Questa

sia come “idea artistica” che come strategia di

tipologia include, solo per fornire alcuni

della

Manifestazione.

Prima

del

progetto,

contribuendo

a


esempi, “iniziative” di carattere culturale quali

il suo schema emozionale, a “agente attivo” del

manifestazioni, eventi, spettacoli, produzioni,

processo culturale e creativo stesso. Non più

festival, mostre. Al suo interno è possibile

solo “pubblico” ma anche “attore” del processo

identificare due sub-livelli di strutturazione: A)

creativo.

Eventi culturali il cui sviluppo coinvolge direttamente

49

la

Organizzativa

workshop. Questa tipologia ricomprende tutte

Ufficiale e il suo partenariato. Sono quelle

quelle iniziative che riguarderanno occasioni di

iniziative che per la loro complessità e per la

riflessioni e approfondimento delle tematiche

molteplicità degli attori coinvolti (tanto locali

del progetto. Uno dei punti di “forza” della

che esteri), vedranno una regia diretta del

proposta di candidatura predisposta è la

Direttore Artistico della Manifestazione e del

partecipazione alla partnership di progetto di

Comitato Tecnico Scientifico di supporto. B)

alcune realtà di alto valore accademico:

Iniziative culturali selezionate dalla Struttura

l’Università degli Studi di Pisa, la Scuola

Organizzative Ufficiale, in coerenza con la

Normale Superiore di Pisa, la Scuola Superiore

tematica generale del progetto, ma la cui

Sant’Anna

proposizione e realizzazione è affidata alle realtà

perfezionamento, il Centro Nazionale di

del territorio. Saranno predisposti appositi

Ricerche, le Soprintendenze del territorio.

inviti per presentare proposte e progetti che

Queste realtà, congiuntamente alle loro reti

verranno

della

nazionali ed internazionali, organizzeranno e

Manifestazione. Questo è il frutto della scelta

animeranno questi eventi che non dovranno

strategica di coinvolgere le realtà locali e la

essere solo una cornice del programma. Il tema

popolazione nella realizzazione dell’evento.

del progetto, fa infatti specifico riferimento alla

Infatti, uno degli obiettivi del progetto è quello

“navigazione”; secondo questa declinazione

di incoraggiare la partecipazione attiva e la

specifica, la navigazione è intesa come un

produzione di iniziative culturali, favorendo lo

percorso, un processo di conoscenza, di

sviluppo di proposte secondo una logica

scambio e di riflessione. E’ quindi necessario

“bottom-up”. In questo modo si vuole

affiancare al percorso tracciato dagli eventi,

incoraggiare una diversa modalità di fruizione

anche un processo riflessivo e cognitivo, un

della cultura: il passaggio da spettatore passivo,

processo che contribuisca al confronto che

che osserva l’azione artistica filtrandola secondo

l’evento predisposto vuole suscitare fra i

inclusi

Struttura

• Conferenze, cicli di studio, incontri,

nel

programma

di

studi

universitari

e


partecipanti

locali,

europei

ed

essere in grado di ideare, gestire e portate

internazionali. Anche per questa macro

a

tipologia, come per il programma degli

progettazione che ha visto la partecipazione

eventi,

workshop

di innumerevoli attori (dalle istituzioni

specifici, volti a coinvolgere non solo

alla cittadinanza). Il Piano ha permesso di

“operatori

l’intera

avviare questo percorso che sarà concluso

cittadinanza e coloro che si recheranno sul

grazie alla sfida rappresentata dalla

territorio

candidatura a Capitale Europea della

saranno

progettati

specializzati”

in

ma

occasione

della

Manifestazione. •

compimento

un’importante

Cultura; nonostante l’efficacia dimostrata

Opere infrastrutturali. Come illustrato

nel gestire i finanziamenti messi a

precedentemente, la navigazione di Pisa

disposizione dall’Unione Europea e dalla

sarà

al

Regione Toscana ( dal 2007 ad oggi circa

completamento e al recupero delle sue

l’80% dei progetti è stato completato e

dotazioni infrastrutturali, dei suoi spazi

entro il 2016 entreranno in funzione le

pubblici e di accoglienza. Sarà un processo

rimanenti opere in via di conclusione) c’è

che porterà al ripensamento degli spazi

ancora molto da fare. Per questo il

della città (non solo quelli specificamente

programma ha identificato una serie di

collegati alla “cultura”), permetterà una

opere infrastrutturali, la cui realizzazione

riqualificazione del territorio, garantirà la

permetterà di raggiungere gli obiettivi

possibilità

che, con questa candidatura, il territorio si

anche

un

di

percorso

“ricucire”

la

volto

naturale

direttrice rappresentata dalla costa e dal

è posto.

nuovo porto. Questo processo parte da

• Iniziative di Marketing territoriale e altre

lontano. Negli ultimi anni la città ha

attività. Per completare l’architettura

lavorato su questa nuova immagine di se;

strutturale del progetto, sono state ideate

con i progetti del Piano Integrato di

alcune attività in collaborazione con le

Sviluppo Urbano Sostenibile “Pisa2: Pisa x

categorie economiche del territorio. Il

Patrimonio culturale, Innovazione, Saperi

partenariato economico è stato fin da

e Accoglienza” (cofinanziati tramite i

subito

fondi FESR) la città ha già dimostrato di

preparazione della candidatura e la

protagonista

nell’ideazione

e

50


Struttura Organizzativa Ufficiale ha potuto

alla nomina di Capitale Europea della Cultura.

contare sul suo apporto. Come “dichiarato”

Dall’altra, il programma si propone di attivare,

dagli

la

grazie al richiamo del titolo di “Capitale Europea

candidatura la città di Pisa si propone di creare

della Cultura”, un importante sviluppo dell’indotto

un nuovo volano di sviluppo economico.

rappresentato dal settore dell’accoglienza, del

obiettivi

del

progetto,

tramite

Da una parte, molte iniziative che fanno parte delle

turismo e del commercio in generale. Per questo

precedenti macro tipologie mirano a creare nuove

motivo, tramite accordi presi con le associazioni

opportunità lavorative tramite:

degli albergatori, i ristoratori, i principali vettori

- l’incentivazione

di

imprenditorialità

creativa in ambito culturale;

sono stati progettati eventi di promozione delle

-

eccellenze territoriali, sono state studiate forme di

la creazione di nuovi ed importanti eventi

che offriranno opportunità di lavoro;

agevolazione di pacchetti per il soggiorno,

-

la creazione di un network culturale che

l’accoglienza e i trasferimenti. Sono state inoltre

faciliterà l’acquisizione ed “internazionalizzazione”

pianificate ulteriori iniziative promozionali che

delle competenze degli operatori della cultura e

consentiranno

garantirà loro l’accesso ad un mercato più ampio ed

dell’importante

un miglior “posizionamento lavorativo” grazie alle

rappresentata dal conseguimento del titolo e dalla

nuove capacità acquisite;

realizzazione dell’evento.

-

l’attrazione di capitali esteri che vorranno

investire sul territorio per le opportunità connesse

Si vuole incentivare un diverso approccio all’usufruizione della cultura,

51

aerei con scalo a Pisa, le varie categorie economiche,

al

settore “vetrina

di

beneficiare

internazionale”


Rappresentazione grafica della struttura del progetto. Titolo, linee di orientamento e trama

differenti “porti”; per questo motivo gran

tematica della manifestazione.

parte degli eventi ipotizzati non saranno

Il titolo prescelto per il progetto di candidatura

realizzati come uno sforzo autonomo di

è “Pisa: dal fiume, al mare, all’Europa.

singole realtà, ma vedranno la cooperazione

Navigazione fra Tradizione ed Innovazione”.

di una molteplicità di attori, territori, paesi.

La riflessione che ha guidato la scelta di questo

Così che la navigazione tracci simbolicamente

“tema portante” è stata dettata dai molteplici

delle traiettorie su cui intessere una fitta rete

significati che questo concetto incarna.

di cooperazioni permanenti e di proficui

Navigare è prima di tutto il concetto di

scambi. La navigazione sarà quindi un

percorso; vuole mostrare come il progetto che

procedere verso la cooperazione fra le realtà

è stato predisposto voglia configurarsi come

della città ed anche un procedere di apertura

un permanente divenire. Gli eventi prospettati

verso il territorio che la circonda nonché verso

vogliono evidenziare come l’idea del progetto

le altre realtà del nostro paese e del territorio

deposita il suo valore nel dirigersi, aprirsi,

europeo. Il concetto di navigazione sarà anche

confrontarsi, sintetizzarsi con le diverse realtà

il percorso di riappropriazione da parte della

della città, con il territorio che la circonda,

città di quella che era la sua principale via di

con le altre popolazioni. E’ per questo che la

comunicazione: il fiume che la connette

nostra navigazione prevede molteplici tappe e

direttamente al mare, e da lì ai popoli del

52


53

Mediterraneo, dell’Europa e del mondo. Ecco

eredità della storia di Pisa, il cantiere delle Antiche

perché molti eventi verranno sviluppati lungo e

Navi, offrirà lo spunto per trasformare un luogo del

sopra il fiume Arno, verso il suo porto e il litorale

passato in un centro vivo ed aperto alla popolazione;

della

vuole

offrirà l’occasione di organizzare eventi artistici di

rappresentare il simbolico percorso di apertura e

scambio di opere e di testimonianze fra Pisa e altri

confronto fra persone, città, tradizioni e culture. Il

“antichi porti” dell’Europa e del mondo. Mostrerà

concetto utilizzato ha voluto recuperare un aspetto

come le rotte che hanno ricevuto ed inviato le

costitutivo dell’identità di Pisa: la sua connessione

testimonianze artistiche e culturali del passato,

con il mare; le origini etrusche e il suo primo

possano oggi ricevere ed inviare “scambi culturali e

affacciarsi alle rotte mediterranee; il suo successivo

artistici della contemporaneità”. Le città protagoniste

affermarsi nel ruolo di Repubblica Marinara. Da

di allora verranno invitate a confrontarsi insieme a

questo aspetto si è deciso di ripartire per

Pisa su forme e prodotti artistici presenti e futuri: le

intraprendere un nuovo percorso che, oggi come

“Residenze di artisti” che creeranno un circuito di

allora, metterà in contatto Pisa con altre realtà, la

confronto permanente; gli spettacoli del Festival

porterà a scambiarsi esperienze e sensazioni, tratti

Europeo del Teatro itinerante, che permetteranno

caratteristici e aspetti comuni, a produrre infine

di vedere e confrontare oggi, modi e forme di

nuove identità condivise.

celebrazioni di spazi e tradizioni comuni, ma

Navigare per Pisa è però anche percorso nel tempo.

caratterizzate dalle proprie peculiarità; i progetti

Un viaggio che dal suo passato si dirige, attraverso

sull’arte contemporanea, sulla nuova produzione

il presente, verso il futuro. Si è voluto qui recuperare

cinematografica e le nuove professionalità ad essa

quelle

altre

legate; il progetto sul nuovo festival di arte e

“immateriali”) che formano parte dell’identità della

sull’attrazione di imprese innovative creative.

città. Queste caratteristiche o tradizioni, questi

Perché Pisa non vuole solo vivere di ciò che ha

patrimoni

essere

prodotto nel passato, ma caratterizzarsi per ciò che

reinterpretati con un simbolico viaggio fra epoche

produce oggi e che produrrà nel futuro. Così la

e tempi diversi. Per questo alcuni dei principali

nostra navigazione ci condurrà attraverso questo

eventi progettati prenderanno spunto da elementi

percorso temporale per accompagnarci verso il

caratterizzanti del passato, ma saranno proiettati

domani.

verso

e

Navigare infine è anche un percorso fra “settori”

funzionale. Ad esempio, il recupero di un’importante

che solo apparentemente sembrano scollegati. E’

costa

toscana.

caratteristiche

una

culturali

nuova

Questa

(alcune

vogliono

dimensione

scelta

“fisiche”,

però

temporale


una navigazione fra gli ambiti dell’arte, della

dagli esperimenti della Radio di Marconi a

cultura, della scienza e delle professionalità. E’

Coltano fino ai recenti esperimenti con

un percorso volto a suscitare una riflessione

l’interferometro Virgo. Non navighiamo più

sul processo che ha creato e generato l’identità

solo sul fiume o sul mare, oggi “navighiamo”

di Pisa, ma anche del territorio che la circonda

nella rete, e comunichiamo e ci esprimiamo

e – in un senso più ampio – dell’Europa.

(negli ambiti quotidiani, lavorativi e artistici)

Sappiamo molto del passato e del valore

attraverso nuove tecnologie. Strumenti, mezzi,

artistico che oggi ammiriamo. Però tali opere

competenze che nascono in un settore e si

non sono solo il frutto di un “genio artistico”

trasferiscono verso altri. E così facendo si

disconnesso dalla realtà che lo circondava.

generano nuove forme e nuovi strumenti

Parlando di Pisa, solo per fare un esempio,

espressivi; così ciò che era un mezzo o un

ricordiamo

metodo diviene al contempo strumento

come

Theodor

Mommsen,

teorizzò che “in Pisa e nelle forme e nei

funzionale

linguaggi del romanico pisano, si dovevano

dell’atto artistico e, in un’ottica retrospettiva,

individuare i prodromi di quel “rinascimento”

testimonianza culturale del processo creativo.

che si manifesterà poi, nelle sue forme più

Seguendo questo filo logico, una particolare

compiute, nella città di Firenze contaminando

attenzione

tutta Europa e rappresentando una tappa

“navigazione” ai concetti di produzione e di

fondamentale nell’evoluzione della cultura

professionalità applicate alla cultura e all’arte.

occidentale”. Queste produzioni sono state il

Per la nuova immagine di “città della cultura,

frutto di quelle fucine di artigiani, architetti,

innovazione e dei saperi” che Pisa stà

commercianti, studiosi, scienziati che hanno

perseguendo, è di fondamentale importanza

adattato i loro strumenti, il loro “modus

la realizzazione di un percorso legato alle

operandi”, i loro processi logici, i materiali da

professionalità

loro utilizzati. Questo aspetto ha implicato

opportunità lavorative negli ambiti creativi e

anche

culturali, alla potenzialità offerta da un

nuove

matematiche,

conoscenze tecnologiche.

scientifiche, Processo

territorio

all’azione

è

che

espressiva,

riservata

specializzate,

vuole

dalla

alle

supportare

oggetto

nostra

nuove

nuove

ininterrotto che, sul nostro territorio, richiama

produzioni. E’ per questo che molte delle

illustri esempi: da Fibonacci a Galileo Galilei;

iniziative inserite nel programma si prefissano

54


55

di incentivare e incoraggiare queste opportunità.

innovazioni e ridefinito dalle influenze e dai contatti

Esempi in tal senso sono: il percorso di creazione di

con l’esterno; se la cultura di un popolo definisce la

professionalità specializzate nei nuovi mezzi di

sua identità, le culture dei popoli europei

produzione cinematografica (percorso connesso al

definiscono l’identità dell’Europa.

progetto “Pisa Cinema” e alle azioni di sviluppo

Sono state progettate molte iniziative (ed altre sono

della vocazione territoriale di “Pisa territorio delle

ancora in elaborazione) che realizzeranno questo

produzioni cinematografiche”); il progetto che

percorso, a titolo puramente esemplificativo

verrà sviluppato nella Cittadella Galileiana di

vengano elencati:

ampliamento delle sue funzioni, quale centro

-

attrattore di imprese creative innovative, (processo

diventano evento di celebrazione dello spazio e del

connesso alla realizzazione di eventi relativi all’arte

territorio, e che si confrontano con altre tradizioni

digitale e delle nuove forme espressive che vedrà

ideando spettacoli culturali comuni. Verranno

nella cittadella la sua “cabina di regia”).

creati anche nuovi spazi e disegni urbani (ad

Tenendo presente la logica del percorso di

esempio il progetto “Architetture di Luce” che,

“navigazione” la Manifestazione si articolerà

pensato come un’ideale continuazione della

secondo i tre filoni prescelti - i tre mari – che

Luminara di San Ranieri, disegnerà un quadro fatto

rappresentano tre elementi identificativi della città:

di illuminazione urbana lunga la via che collega i

Cultura. Il percorso permetterà al progetto di

Lungarni a Piazza dei Miracoli);

illustrare il rapporto fra la città di Pisa, le sue

-

tradizioni, le espressioni artistiche del suo territorio

culturali. Le influenze del passato sulle produzioni

che rappresentano il suo presente ed il suo futuro.

di manufatti o sui movimenti pittorici, ma anche

Le iniziative rientranti in questo filone metteranno

della contemporaneità andando dalla Street Art

in relazione queste caratteristiche con quelle degli

alla Web Art;

altri territori, nazionali ed internazionali. Faranno

-

emergere le particolarità di ciascuna realtà così

culturale. L’evoluzione che, della passata esperienza

come gli aspetti comuni. Illustreranno come la

dell’antica “Città del Cinema di Tirrenia”, porta oggi

cultura e l’identità rappresentino un binomio

alle nuove forme di produzione cinematografica e

inscindibile per ogni territorio: binomio che non è

sposta lo spazio delle riprese dagli “studi” verso la

un elemento statico nel tempo e chiuso su se stesso,

città ed il territorio che la circonda.

bensì un “processo dinamico” marcato dalle

Saperi. Il percorso permetterà di sviluppare un’altra

progetti sulle tradizioni storiche, che

progetti sugli interscambi di influenze

progetti sui nuovi metodi di produzione


delle caratteristiche peculiari che la città di

componenti, a titolo esemplificativo si

Pisa, grazie alla candidatura, vorrebbe

illustrano di seguito alcuni esempi per

valorizzare ed arricchire con l’apporto di una

ciascuna delle realtà coinvolte:

cooperazione generale fra tutte le realtà

-

coinvolte nella Manifestazione. Si tratterà di

Formazione. Progetti riguardanti cicli di

mettere a sistema il variegato panorama di

approfondimento e di confronto (I cicli su

realtà presenti nel territorio coinvolto: di far

Mazzini, la Democrazia e l’Europa con la regia

dialogare le componenti scientifiche e l’alta

della

formazione, gli operatori culturali, le realtà

Normale Superiore – Gli eventi di divulgazione

economiche e produttive, la società civile. Le

scientifica “la Scienza raccontata in diretta dai

iniziative rientranti in questo filone, di

laboratori. Science Cafè”, con la regia della

illustreranno come il sistema di sapere diffuso,

Scuola Superiore Sant’Anna);

rappresenta l’elemento “legante” che permette

-

di creare un sentimento di comunità. I “saperi”

formazione e produzione finale di uno

di un territorio sono, l’altro aspetto tramite cui

spettacolo fra più compagnie internazionali

la società si identifica: grazie ai quali agisce

sotto la regia del network internazionale della

sulla realtà, dialoga fra i suoi componenti, si

“European School for the Art of Actor - Prima

riconosce appartenente ad un sistema comune.

del Teatro”;

I progetti previsti dalla Manifestazione

-

incoraggeranno lo scambio di esperienze e

Iniziative di marketing territoriale organizzate

offriranno occasioni di approfondimento

con la collaborazione delle realtà economiche

all’interno del territorio locale e nazionale, ma

del territorio e il progetto legato allo studio,

anche al suo esterno. Perché se il “sistema dei

sviluppo e produzione di accessori e

“saperi” è un fattore che contribuisce a

componenti che siano al contempo strumento

“costruire” l’identità di un popolo, il confronto

di interazione con l’ambiente circostante

e lo scambio di “saperi” fra vari popoli

–“Wearable computing”;

contribuisce

-

a

“costruire”

l’identità

Università e Centri del Sapere e di Alta

Domus

Mazziniana

Operatori

Realtà

culturali.

economiche

della

Scuola

Percorso

e

di

produttive.

Società civile. Progetti riguardanti le

dell’Europa.

comunità locali e i cittadini dei vari territori

Le iniziative di questo percorso si declineranno

(La comunità locale che si racconta con i

su più livelli e tramite la regia di differenti

progetti di “Story Telling” – L’Europa delle

56


57

migrazioni con i cicli di approfondimento, i progetti

Questo percorso investe tutti gli ambiti della

cinematografici, i progetti delle comunità di

società: il mondo della ricerca e dello studio -

cittadini stranieri).

ovviamente - ma anche quello dell’industria e

Innovazione. Il percorso sarà un viaggio volto a

dell’arte. I progetti rientranti in questo filone

evidenziare, più che un aspetto specifico, un

mireranno a creare un canale permanente per il

processo di sintesi e di evoluzione. Collegherà vari

trasferimento di queste innovazioni: fra i diversi

aspetti della vita del territorio e mostrerà come

settori della realtà scientifica, economica e culturale;

un’idea, uno strumento, un metodo - sviluppati in

fra il territorio locale e quello nazionale; tra i diversi

un determinato contesto – siano

partner e territori europei ed internazionali

in grado di

passare da un ambito ad un altro; di far dialogare

coinvolti

dalla

Manifestazione.

settori della società che si percepiscono come

l’innovazione che caratterizza il territorio ha

“estranei”; di mutare il loro aspetto tecnico-pratico

contribuito al divenire della Pisa del presente,

e di divenire altro da ciò che erano in origine. Pisa

l’innovazione del territorio europeo contribuirà al

ed il suo territorio sono stati e vogliono essere

divenire

anche questo: dalle botteghe dell’artigiano ai centri

esemplificativo:

di ricerca scientifici, dai laboratori per le produzioni

-

commerciali alle forme di espressione e di

ai beni culturali (Le esperienze di mostre virtuali –

produzione culturale. E’ stato questo il motore del

L’allestimento di spazi di difficile gestione ai fini di

divenire della città, e sarà questa la “spinta” verso

un loro miglior utilizzo e valorizzazione “La Cave

ciò che Pisa vorrà essere in futuro. Le iniziative

Experience nel Bastione del Parlascio” );

rientranti in questo filone evidenzieranno questo

-

aspetto di territorio di piccole e grandi innovazioni.

(“L’orchestra invisibile” concerti “polistrumentali”

Mostreranno ad esempio- come un oggetto

con musicisti che suonano in contemporanea da

utilizzato per osservare e comprendere la realtà,

luoghi geograficamente distanti. Ascolto armonico

diventi un mezzo per interagire e modificare lo

ospitato da un ambiente in Rete).

spazio che lo circonda, e come quindi da strumento

La durata del programma sarà di 1 anno e 6 mesi

di studio divenga strumento di realizzazione di un

poiché abbiamo scelto di far iniziare idealmente la

proprio “universo creativo”; come da metodo

Manifestazione con la celebrazione della Luminara

scientifico si trasformi in processo artistico (es.

di San Ranieri il 16 giugno 2018.Si tratta di una

progetto sperimentazione sugli strumenti ottici).

Manifestazione Storica di grande valore, candidata

dell’Europa

del

Perché

futuro.

A

se

titolo

Progetti di applicazioni di nuove tecnologie

Progetti

relativi

a

spettacoli

virtuali


all’iscrizione nella Lista dei Beni Culturali

tema della Manifestazione. Nel 2018 si concluderà

Immateriali UNESCO. Uno dei più spettacolari

il previsto “percorso di avvicinamento” all’anno

eventi della tradizione cittadina pisana che ogni

della Manifestazione (precedentemente illustrato) e

anno, ormai da tre secoli, richiama sui Lungarni

la celebrazione della Luminara segnerà l’avvio delle

decine di migliaia di cittadini e turisti. E’ stata fatta

nuove iniziative ideate appositamente per la

questa scelta poiché la Luminara di San Ranieri

candidatura.

rappresenta la tradizione storica della città di Pisa e, svolgendosi sui Lungarni, illustra idealmente il

Quali sono gli eventi principali che segneranno l’anno 2019? - descrizione dell’avvenimento:

esposizioni. Sarà caratterizzato da una forte

“MUSEO delle NAVI ANTICHE di PISA e

sperimentazione di nuove tecnologie applicate

CENTRO DI RESTAURO DEL LEGNO

ai beni culturali: analisi con microfotopiani,

BAGNATO DI PISA”. Il progetto prevede il

scansioni in 3D, ricostruzione virtuale del

completamento e la “musealizzazione” (al fine

contesto del rinvenimento, dei materiali e

di una piena potenzialità e fruibilità) del

completamento delle Navi nelle loro parti

museo e dell’annesso centro. Il museo, sarà

mancanti, prototipazione degli oggetti per

localizzato sul sito del cantiere delle Navi

l’esposizione museale e creazione di appositi

Antiche e sarà inquadrato (oltre che per i suoi

software per la gestione, conservazione,

aspetti tecnico espositivi riguardanti i reperti

ricostruzione dei rinvenimenti. Sarà possibile

rinvenuti) anche come museo sulla storia

una piena connessione con le attività del

dell’area Pisana e della Città di Pisa, da sempre

Centro di Restauro del Legno Bagnato creando

volta verso il mare. Un percorso sull’archeologia

un polo di specializzazione sul restauro del

ed anche sull’ambiente e sulle risorse

materiale ligneo imbibiti e di altri materiali

produttive,

“romana”.

reperiti in tali contesti. Il progetto prevede

Rappresenterà un nuovo spazio di rilevanza

anche la creazione di un Istituto di formazione/

scientifica internazionale (quasi un unicum

specializzazione per operatori specializzati,

per l’Europa) ma anche un nuovo spazio

assistenti tecnici restauratori che servirà a

aperto alla cittadinanza che ospiterà mostre e

formare nuove professionalità operative e

fino

alla

fase

58


tecniche nel restauro del “legno bagnato”.

- descrizione dell’avvenimento:

- data e luogo: Museo e Centro Restauro -Pisa (a

“FABBRICA COMPLESSO MONUMENTALE

partire dal 2014 per le opere e l’allestimento) entro

DEL DUOMO E CAMPOSANTO

il 2019. Istituto - Pisa a partire dall’anno 2019

MONUMENTALE”.

(ipotesi di primo anno di corso). - partner del Progetto: Comune di Pisa; Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana; Soprintendenza Patrimonio (SBAPSAE) di Pisa e Livorno; Unione Internazionale degli Istituti di Archeologia, Storia e Storia dell’Arte (Accademia Nazionale dei Lincei - Giunta Centrale

Il progetto prevede, attraverso l’applicazione di

per gli Studi Storici - Istituto Italiano di Numismatica

nuove tecnologie per la ricostruzione virtuale, di

- Istituto Italiano per la Storia Antica - Istituto

creare un percorso visivo che ricostruisca le tappe

Nazionale di Archeologia e Storia dell’Arte - Istituto

evolutive e l’aspetto della Piazza e dei suoi

Nazionale di Studi Romani Onlus - Istituto per la

monumenti (Cattedrale – Torre – Camposanto

Storia del Risorgimento Italiano e Museo Centrale

Monumentale) nelle varie epoche storiche. Un

del Risorgimento - Istituto Storico Austriaco -

sistema informativo basato su di un Data Base

Academia Belgica - Pontificia Accademia Romana

Multimediale che si interfaccerà con il modello 3D

di Archeologia - Det Danske Institut for Videnskab

della fabbrica, sarà in grado di produrre e gestire la

og Kunst i Rom - Institutum Romanum Finlandiae

rappresentazione tridimensionale del complesso,

- Académie de France); Rete dei Musei ed Enti di

dei monumenti, dei lavori, degli oggetti e delle

Ricerca e Tutela del patrimonio culturale marino

opere contenute. L’intera area si configurerà come

del Mediterraneo. Per L’istituto di formazione

un laboratorio permanente di sperimentazione

specializzate: Comune di Pisa, Soprintendenza per

delle nuove tecnologie applicate alla salvaguardia e

i Beni Archeologici della Toscana, Accademia d’arte

alla valorizzazione dei beni culturali e, in generale,

di Carrara

del patrimonio artistico architettonico nonché

- finanziamento: €. 2.120.000. Risorse Pubbliche,

delle applicazioni nel campo della chimica per

Fondi Europei, Risorse Private, Sponsor.

l’aspetto

più

propriamente

“conservativo”

relativamente al recupero delle opere pittoriche. Il progetto

59

prevede

anche

il

restauro

e

il


riposizionamento

degli

affreschi

del

articolandosi in vari sezione tematiche.

Camposanto Monumentale

L’evento prevede di ospitare la mostra a Pisa e

- data e luogo: il progetto si realizzerà durante

anche di attivare delle retrospettive su temi

tutto l’anno del 2019. Piazza dei Miracoli e

analoghi nelle città partner dell’iniziativa, con

Camposanto Monumentale.

scambio di studiosi e opere.

- partner del progetto: Opera della Primaziale

- data e luogo: Settembre 2019 – Novembre

Pisana, Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa,

2019. Museo Nazionale di San Matteo Pisa - partner del progetto: Soprintendenza Patrimonio

Storico-Artistico-

Etnoantropologico-Beni

Architettonici-

Paesaggio (SBAPSAE di Pisa e Livorno – Ministero dei Beni Culturali); Museo del Louvre di Parigi; Istituto di Cultura Araba di Parigi; British Museum di Londra; Ashmolean Soprintendenza BAPSAE di Pisa e Livorno.

Museum of art and Archeology di Oxford;

- finanziamento: €. 5.000.000 – Risorse

Museo

Pubbliche, Risorse Private, Sponsor.

Archeologico di Cartagine; Museo di Arti

- descrizione dell’avvenimento:

Islamiche di Kairouan; Museo di Maiorca

MOSTRA ITINERANTE “LA CERAMICA E

(Isole Baleari Spagna); Museo Archeologico

IL MEDITERRANEO MEDIEVALE: UN

di Cordoba; Museo di Mertola; Museo della

MARE DI SCAMBI DI CULTURE”.

Ceramica di Faenza; Museo Regionale della

Il vasellame ceramico è fortemente legato ai

Ceramica di Caltagirone.

costumi umani, offrono uno spaccato della

- finanziamento: €. 1.200.000, Risorse

vita quotidiana in varie epoche e sono

Pubbliche, Sponsor.

testimonianza di una serie di aspetti

-

importanti per conoscere le società, i contatti

“NAVIGAZIONE

economici, politici e culturali. La mostra

DELLA VISIONE DELL’ARTE E IL WEB”.

ripercorrerà questo “momento” nella storia

L’evento pensato nasce da una riflessione

degli

sull’influenza dell’evoluzione degli strumenti

scambi

commerciali

e

culturali,

del

Bardo

descrizione

di

Tunisi;

Museo

dell’avvenimento: NELLA

PERCEZIONE

60


61

utilizzati per la percezione visiva sugli aspetti della

città e del territorio che ha aderito al progetto, città

vita e quindi anche sulla creazione e fruizione

partner del progetto.

dell’arte. E’ stato immaginato come un percorso,

- partner del progetto: Università degli Studi di

una navigazione che non è solo un percorso storico-

Pisa, Istituto Superiore Sant’Anna, Soprintendenza

ricostruttivo, ma è anche un processo creativo

Patrimonio Storico-Artistico-Etnoantropologico-

attivo, grazie alle possibilità offerte dalle nuove

Beni; Fondazione Apple; Fondazione Packard.

tecnologie; una navigazione anche sul web. Prevede

- finanziamento: €. 1.300.000. Risorse Pubbliche,

un

Risorse Private, Sponsor.

evento

creativo

(con

artisti

italiani

e

internazionali) che si svilupperà in “laboratorio

- descrizione dell’avvenimento:

creativo diffuso”. Partendo dagli antichi strumenti

“FESTIVAL DEL TEATRO: ARS NAVIGANDI”.

di percezione (dalla camera oscura al diorama al

Il progetto prevede la realizzazione di un festival di

caleidoscopio) si arriverà fino alla web art con

teatro di strada itinerante che si svolgerà nel 2019

creazione e scambi di opere e performance. Grazie

nella città di Pisa e in altre città partner della

a schermi tattili istallati nella città e sul territorio

candidatura. L’idea è stata sviluppata in stretto

limitrofo (oltre che nelle città partner del progetto)

accordo con la città partner di Angers e in

si creerà una “galleria diffusa” la cui localizzazione

rispondenza ad uno degli elementi centrali del

ultima sarà la rete. Il progetto prevede però anche

motivo

una forte parte di interazione con il “pubblico”:

connessione della città, tramite il fiume, verso la

tanto

principale

costa e il mare. Con l’organizzazione artistica del

dell’avvenimento (con la possibilità di interazione

festival “Accroche-Coeurs”, le due città hanno

con modelli ricostruiti di strumenti, con le

lavorato sulla redazione di un programma collegato

sperimentazioni

appositamente

alla stretta dimensione che entrambe hanno

adattati “CAVE”, con la possibilità di creare il

rispettivamente al loro fiume (l’Arno a Pisa, La

proprio “prodotto artistico”) quanto tramite gli

Maine a Angers). Il programma prevede una serie

schermi tattili installati in vari luoghi. La

di eventi e spettacoli che si articoleranno lungo il

piattaforma web consentirà di svolgere eventi simili

fiume Arno, lungo il canale dei Navicelli e le via

nelle città partner con partecipazione della

d’acqua interne, lungo la città storica e costruiranno

cittadinanza locale e degli artisti.

un percorso che “sfocerà nel mare” fino al nuovo

- data e luogo: Ottobre 2019 – Dicembre 2019.

porto di Marina di Pisa. Verranno utilizzati spazi

Cittadella della Scienze Galileiana, vari spazi della

sulle rive dell’Arno, palcoscenici disposti sull’acqua,

nella

localizzazione

dentro

spazi

artistico

della

manifestazione:

la


piattaforme

galleggianti

e

imbarcazioni

- descrizione dell’avvenimento:

tipiche, spazi sui viali lungo il fiume,

“FESTIVAL DEL TEATRO: IL TRIONFO

piattaforme aeree. Questi aspetti sono pensati

DELL’ARNO”.

anche per creare un incontro-confronto fra

Il progetto, elaborato dalla compagnia teatrale

tradizione storico - culturali delle due città (e

Virgilio

di quelle che saranno poi coinvolte nel

ritrovamento dello spartito originale del

festival).

che

“Trionfo dell’Arno”, festa teatrale in due atti

coinvolgeranno direttamente il pubblico e la

per cinque voci e orchestra, commissionata a

cittadinanza.

la

Giovanni Gualberto Brunetti in occasione

partecipazione di numerose compagnie e

della visita di Pietro Leopoldo d’Asburgo a

performers tanto locali che internazionali, si

Pisa nel maggio del 1766. Il libretto è

concluderà con un grande evento localizzato

caratterizzato da un suggestiva allegoria

nel nuovo porto della città. Il festival sarà

fluviale e per la sua rappresentazione fu

itinerante anche all’interno del territorio della

allestito il più grande apparato scenico del

manifestazione; sarà realizzata una “tappa” ad

tempo; l’iniziativa fu “aperta” da un’edizione

Angers e in altre città Europee e del

particolarmente imponente della Luminara di

Mediterraneo

San Ranieri. Questo testo racchiude in sé

- data e luogo: Agosto-Settembre 2019 a Pisa

elementi caratteristici delle tradizioni di Pisa e

(sono poi previste altre tappe in altre città).

del suo legame con il fiume Arno. Il progetto

- partner del Progetto: Città di Pisa e Angers,

si propone di mettere in scena, all’interno

il Teatro Verdi di Pisa, il Teatro Era di

delle iniziative del Festival, il maggior evento

Pontedera, la direzione del Festival Accroche

musicale del Settecento pisano recuperandone

Coeurs, Acquaviva production, Teatro di Pisa,

l’originale contesto artistico, storico politico e

Fondazione Pontedera Teatro, Fondazione

sociale. Con il coordinamento del musicologo

Sipario Toscana, associazioni culturali e

Francesco Zimei, si provvederà a: - pubblicare

teatrali cittadine e del territorio coinvolto

facsimile dell’opera con accluso un volume di

dalla Manifestazione.

studi e commenti (in più lingue) – allestire lo

- finanziamento: €. 1.578.500. Risorse

spettacolo Il Trionfo dell’Arno ricostruendone

Pubbliche, Risorse Private, Sponsor.

le scene e i costumi sulla base dei bozzetti

Sono

Il

previste

festival,

iniziative

che

vedrà

Sieni,

nasce

dall’occasione

del

originali e ad affidare a prestigiosi interpreti

62


l’esecuzione del complesso di musica barocca con

- data e luogo: Pisa, Teatro Verdi. Settembre-Maggio

strumenti originali. La rappresentazione sarà

2019.

quindi inserita in un circuito teatrale toscano,

- partner del progetto: Il Teatro Verdi di Pisa, la

nazionale e estero, oltre ad essere registrata su

Scuola Prima del Teatro, L’Accademia Nazionale

adeguati supporti multimediali

d’Arte Drammatica “Silvio d’Amico”, la Guildhall

- data e luogo: Pisa, Maggio 2019.

School of Music and Drama di Londra, il GITS

- partner del progetto: la Compagnia Teatrale

(Accademia Russa di Arte Drammatica) di Mosca,

Virgilio Sieni, il musicologo Francesco Zimei e la

l’Institut del Teatre di Barcellona, l’Accademia dei

Società Italiana di Musicologia, il Teatro Verdi di

Filodrammatici di Milano, l’Universität der Künste

Pisa, Il Comune di Pisa.

di Berlino, l’ENSATT (Ecole Nationale Superieure

- finanziamento: €. 200.000. Risorse Pubbliche,

des Arts et Techniques du Theatre) di Lione, la

Sponsor.

Statens Teater Skole di Copenhagen, la Scuola “la

- descrizione dell’avvenimento:

Cometa” di Roma, l’Ecole du Teatre National di

“FESTIVAL

DEL

TEATRO:

SPETTACOLO

Strasburgo, l’Accademia Teatrale Veneta, la LAMT

DELLA EUROPEAN SCHOOL FOR ART OF

(Lithuanian Academy of Music and Theatre) di

ACTOR”.

Vilnus, la Scuola Provinciale d’Arte Cinematografica

Il progetto, in stretta connessione con la scuola

63

“Gian Maria Volonté” di Roma.

“Prima del Teatro”, prevede la produzione di uno

- finanziamento: €. 100.000, Risorse Pubbliche,

spettacolo teatrale che veda in scena giovani attori

Risorse Private.

di numerosi paesi con il coinvolgimento di varie

- descrizione dell’avvenimento:

scuole di teatro (italiane e internazionali). I

PROGETTO“PISA CINEMA”.

partecipanti saranno coinvolti in ogni fase della

Il progetto è legato alla cinematografia e in

realizzazione: dal testo, all’allestimento, alla regia.

particolare alle nuove modalità di produzione

Verrà quindi prodotto uno spettacolo multilingue

cinematografica e televisive. Si comporrà di vari

di giovani artisti europei che debutterebbe in prima

eventi, iniziative, aspetti legati alla produzione

mondiale a Pisa nel 2019 in occasione degli

cinematografica (come ad esempio tutti gli elementi

spettacoli del festival, per poi “circuitare” nei vari

che compongono il prodotto “video”: musiche,

paesi coinvolti. L’iniziativa include dunque aspetti

tecnologie, scenografie e altre componenti), cicli di

formativi e aspetti legati alla produzione e messa in

proiezione. Vista la vocazione territoriale che la

scena dello spettacolo.

città vorrebbe rafforzare, il progetto “Pisa Cinema”


si collega direttamente ad altri progetti ed

Fondazione Arpa, Associazione “Recitar

iniziative previste nel programma (vedi

Cantando-Amici

allegato A Programma della Manifestazione).

Foundation, Fondazione Pisa, Professionisti

Verranno

free lance produttori consulenti RAI.

coinvolte

realtà

locali

ed

del

-

nuove tecnologie sperimenteranno nuove

Pubbliche, Risorse Private, Sponsor.

tipologie di produzione. Sotto la regia del

-

Direttore Artistico della Manifestazione,

“ARCHITETTURE DI LUCE”.

Dario Marianelli, una specifica sezione sarà

Il progetto prevede un intervento che

dedicata alle “musiche da film” ed alle colonne

ridisegnerà, in chiave artistica ma anche fisica,

sonore. In collegamento con il progetto,

l’illuminazione di parti della città di Pisa. E’

verranno attivati percorsi di alta formazione

pensato come un’ideale continuazione della

specialistica per le nuove professionalità

Luminaria di San Ranieri. Durante questa

collegate alla trasformazione del settore

manifestazione storica, le vie della città di Pisa

cinema/audio/video/televisione.

vengono illuminate tramite l’apposizione di

- data e luogo: Pisa presso gli ex studi

piccole candele (i “lumini” appunto) sulle

cinematografici Cosmopolitan di Tirrenia, e

facciate degli edifici storici che cingono l’Arno.

altri spazi del territorio coinvolto. Durata

Su

Rassegne-proiezioni

giorni

realizzazione di una “cornice vivente” di parte

(durata media); workshop, durante tutto il

della città, è stato pensato il progetto di

mese di gennaio 2019; iniziative rientranti nel

illuminazione

progetto, durante l’intero anno 2019; iniziative

“Architetture di Luce”, che si svilupperà lungo

in collegamento con altri specifici progetti

le vie che collegano i lungarni con Piazza dei

della manifestazione, in concomitanza con il

Miracoli. La scelta dell’illuminazione e il

periodo della realizzazione di ogni specifico

“progetto tecnico-artistico” saranno affidati

progetto; percorso di alta specializzazione,

ad alcuni autorevoli maestri della fotografia in

durante tutto l’anno 2019 (ipotizzato come

campo cinematografico e delle produzioni

primo avvio del ciclo di formazione).

audiovisive che, in cooperazione con il

-

partner

del

progetto:

5

Comin.

S.r.l.,

€.

Gunter

internazionali che attraverso l’utilizzo delle

tematiche,

finanziamento:

Teatro”,

descrizione

ispirazione

progettista

ed

300.000.

dell’avvenimento:

di

questa

urbana

il

Risorse

direttore

suggestiva

permanente

dei

lavori,

64


realizzeranno l’opera (Giuseppe Rotunno, Dante

confronti e scambi di opere fra musei italiani ed

Spinetti, Vittorio Storaro). Questa valorizzazione

europei si evidenzierà l’influenza di tale “corrente

di tipo artistico, rappresenterà tanto un omaggio e

artistica” con la sua concezione estetizzante che

una continuazione di una tradizione storico

richiamava

culturale della città, che un collegamento con quel

connessioni con il neo gotico e il recupero del

filone progettuale che vorrebbe fare di Pisa una

romanico. Verrà anche attivato un percorso

città vocata a rappresentare un suggestivo “set

tematico di confronto con la Pittura dei così detti

naturale all’aria aperta”.

“primitivi” (Beato Angelico – Gentile da Fabriano).

- data e luogo: Pisa, durante l’anno 2019.

Opere di: Dante Gabriele Rossetti; John Ruskin;

- partner del progetto: Comune di Pisa, i direttori

Frederic Leighton; Edward Burne-Jones; John

artistici della fotografia in campo cinematografico.

Everett Millais.

- finanziamento: €: 2.500.000. Risorse Pubbliche.

- data e luogo: Febbraio 2019 – Giugno 2019. Sala

- descrizione dell’avvenimento:

Espositiva del Palazzo Blu e sala espositiva

MOSTRA INTERNAZIONALE – “L’INFLUENZA

dell’Opera della Primaziale Pisana - Pisa

DEI PRERAFFAELLITI IN EUROPA”.

- partner del progetto: Direzione del Museo

l’arte

italiana

ottocentesca,

le

Nazionale di Palazzo Reale, Soprintendenza Patrimonio Storico-Artistico-EtnoantropologicoBeni Architettonici-Paesaggio (SBAPSAE di Pisa e Livorno – Ministero dei Beni Culturali); Opera della Primaziale Pisana; Fondazione Palazzo Blu; Musei Vaticani Roma; Galleria degli Uffizi (Soprintendenza Patrimonio Storico, ArtisticoEtnoantropologico-Polo Museale – Ministero dei Beni Culturali); The National Gallery Londra; Il progetto prevede l’organizzazione per il 2019 di

Ashmolean Museum of art and Archaeology di

una grande mostra internazionale a Pisa che offrirà

Oxford; Ruskin Fundation Lancaster; Musée

un percorso sull’esperienza dei “preraffaelliti”. Sarà

d’Orsay Parigi.

una riflessione sul cenacolo di artisti che ispirandosi

- finanziamento: €. 1.700.000, Risorse Pubbliche,

all’Italia trovarono in Pisa e nel suo Camposanto

Risorse Private, Sponsor.

Monumentale una fonte di ispirazione. Con

65


- descrizione dell’avvenimento:

presente e futuro. La città sarà ridisegnata

PROGETTO“ARTE CONTEMPORANEA.

sulle sue, mura, piazze, palazzi, giardini

DEDICATED TO KEITH HARING”.

tramite la realizzazione di murales, dipinti, sculture, opere permanenti ed installazioni di Artisti contemporanei provenienti dall’intero territorio coinvolto dalla manifestazione. Saranno invitati a Pisa numerosi artisti di fama internazionale per la realizzazione di opere di arte contemporanea permanenti configurando il territorio come un Museo all’aria aperta.

Tale evento è prospettato per l’anno 2019. In

- data e luogo: Tale iniziativa si realizzerà nel

quell’anno si celebrerà il trentennale della

corso dell’anno 2019. Vari spazi della città.

realizzazione

del

murale

intitolato

- partner del progetto: Comune di Pisa tramite

“TUTTOMONDO”,

realizzato

dall’artista

il Centro San Michele degli Scalzi, Keith

americano Keith Haring. Pisa ricorderà

Haring Foundation di New York, Fondazione

l’artista con una grande retrospettiva di

Palazzo Blu, Caparol Italia.

quadri, disegni e sculture provenienti da

-

collezioni pubbliche e private di tutto il

Pubbliche, Risorse Private, Sponsor.

mondo. Un evento che lo ricorderà come

- descrizione dell’avvenimento:

artista globale e che, in omaggio al suo rifiuto

PROGETTO ARTE CONTEMPORANEA

di “vivere” solamente nelle gallerie d’arte, si

“RESIDENZE DI ARTISTI”.

snoderà con l’esposizione delle sue sculture

Il progetto è finalizzato alla realizzazione di

dislocate in varie piazze cittadine (Piazza V.

residenze e laboratori per artisti di provenienza

Emanuele, Piazza Dei Cavalieri, Piazza dei

internazionale nell’area del San Michele degli

Miracoli) con un continuo raffronto tra

Scalzi. La volontà è quella di fare di questo

“l’antico

L’evento

spazio non solo un centro espositivo ma anche

permetterà di riproporre la tradizione dei

un polo di produzione artistica che favorisca

tempi passati, facendo incontrare passato,

lo scambio di esperienze e culture. Le opere

e

il

contemporaneo”.

finanziamento:

€.

800.000.

Risorse

66


realizzate andranno a far parte della collezione

(Pittura; Scultura; Cinema; Fotografia; Video arte).

permanente del San Michele.

Ogni sezione vedrà la partecipazione di artisti

- data e luogo: Pisa Centro San Michele degli Scalzi

cinesi, italiani, del bacino mediterraneo e europei.

a partire da gennaio 2019

Questi illustreranno le loro opere attraverso mostre/

- partner del progetto: Centro Culturale ed

proiezioni condivise e workshop aperti alla

Espostivo Darb “1718” del Cairo di Moataz Nasr .

partecipazione di artisti, pubblico, studenti. I

Biennale d’arte Internazionale di Casablanca,

workshop avranno una durata settimanale (full-

Museo di arte contemporanea Moder Instambul

immersion) mentre proiezioni e mostre una durata

- finanziamento: €. 810.000,00 Risorse Pubbliche.

mensile.

- descrizione dell’avvenimento:

- data e luogo: Ottobre 2019, Pisa: Stazione Leopolda

“PISA-CHINA ARTS FESTIVAL”.

Centro San Michele degli Scalzi, Liceo Artistico di

Il progetto nasce dalla spinta ad indagare i mutamenti sociali e culturali della società cinese e

- partner del progetto: Comune di Pisa, Comune di

il suo “confronto-influsso” sulle società occidentali

Angers, Consolato Cinese, Comune di Hangzou,

(con particolare riferimento al contesto della città

Università di Chonqing, Università di Pisa, Scuola

di Pisa e del territorio coinvolto dalla manifestazione)

Superiore Sant’Anna, Istituto Confucio, Polis srl.

attraverso l’arte figurativa contemporanea (pittura,

- finanziamento: €. 183.000, Risorse Pubbliche,

scultura, fotografia, cinema, video arte). Il passaggio

Risorse Private.

dalla modernità alla post-modernità è segnato da

- descrizione dell’avvenimento:

una sempre maggior “immersione” nel contesto

67

Pisa, Università di Pisa, Cine Multisala Odeon.

“PROGETTO FESTIVAL INTERNAZIONALE

visivo, al punto che le immagini sono diventate

DELL’OPERA LIRICA”

“cruciali” per la costruzione dei significati e delle

Il progetto prevede l’organizzazione di un festival di

relazioni sociali. La particolare dimensione scelta

livello internazionale dedicato all’opera lirica ed in

dal progetto, quella visuale appunto, deve essere

particolate al “ruolo svolto” dalla musica lirica e

vista come un fenomeno sociale totale, rilevatore di

dalle opere ed al loro contributo al lungo percorso

quella rete di interconnessioni che costituisce il

di “creazione” del concetto di stato nazionale. Verrà

sistema “socio-culturale” o, più semplicemente, la

inoltre inquadrato, in prospettiva storica con

“società umana”. Il progetto vuole approfondire

iniziative collegate al festival, l’ulteriore sviluppo di

questo aspetto tramite l’organizzazione di un

tale percorso che ha portato allo sviluppo

festival di arti figurative organizzato in 5 sezioni

dell’Europa delle nazioni e del successivo cammino


per la creazione dell’Unione Europea.

- descrizione dell’avvenimento:

- data e luogo: Teatro Puccini di Torre del

“PROGETTO L’ORCHESTRA INVISIBILE”

Lago e Teatro Verdi di Pisa in varie date tra il

Il progetto si propone di sperimentare un

mese di giugno e il mese di dicembre 2019.

possibile connubio tra potenzialità

- partner del progetto: Fondazione Festival

tecnologiche offerte dalla WEB e dalla RETE

Pucciniano e il suo network nazionale ed

e le forme di espressione artistica e culturale

internazionale

(in questo caso la musica polistrumentale).

- finanziamento: €. 400.000,00. Risorse

L’idea base del progetto è quella di collegare,

Pubbliche, Risorse Private, Sponsor.

in uno spazio immateriale, artisti che

- descrizione dell’avvenimento:

suonano in differenti luoghi. Verrà realizzato

“BOCELLI & FRIENDS”.

un concerto polistrumentale con vari musicisti che suoneranno in contemporanea da luoghi geograficamente diversi e distanti. L’elevata tecnologia della RETE consentirà un ascolto armonico come se il concerto fosse eseguito in un unico ambiente. - data e luogo: Pisa e città (italiane e estere) coinvolte nella manifestazione. Dicembre

Concerto con la direzione artistica e la partecipazione di Andrea Bocelli e altri artisti italiani ed esteri di fama internazionale - data e luogo: giugno 2019, Parco di San Rossore. - partner del progetto: Comune di Pisa, Fondazione Arpa, Fondazione Teseco. - finanziamento: €. 300.000,00, Risorse Private e Sponsor.

2019. - partner del Progetto: Scuola Normale Superiore di Pisa; Scuola Superiore Sant’Anna, Dario

Marianelli,

Hitachi,

Intel,

Cisco

Systems. - finanziamento: €. 200.000,00- Risorse Pubbliche, Risorse Private, Sponsor. - descrizione dell’avvenimento: “CAVE EXPERIENCE, BASTIONE DEL PARLASCIO – LA MOSTRA INTOCCABILE”. Il progetto, grazie all’applicazione delle nuove tecnologie ai beni culturali e alla loro influenza

68


sulla percezione e la fruizione dell’arte e dei

- descrizione dell’avvenimento:

contenuti

“ATELIER WEAREABLE COMPUTING”.

culturali

generali,

permetterà

di

organizzare e gestire degli spazi “atipici” (ad

Nell’era del weareable computing, indumenti,

esempio, luoghi di rilevanza storico culturale come

scarpe, occhiali, braccialetti, orologi, pantaloni che

i “bastioni delle mura antiche”) permettendo, senza

indossiamo diventano un amplificatore ricettivo di

interventi infrastrutturali o allestimenti tramite

stimolazioni ambientale e un elemento di

forniture removibili, di potervi localizzare eventi/

condizionamento

mostre/altre

proiezione

interazioni impensabili fino a qualche anno fa.

tridimensionale di opere d’arte esportabili ed

Qualsiasi contenitore culturale, anche organizzato

interattive

acquisire

in forme tradizionali, si ridisegna in funzione del

informazioni multimediali tramite l’utilizzo di

fruitore che può a sua volta ricollocare al centro di

applicativi di realtà aumentata. Questa forma di

community più ampie la propria percezione

“musealizzazione” e di erogazione di contenuti e

dell’Arte, rimodulandola ed interagendo con essa in

attività culturali, sarà ripetuta presso altre città e

tempo reale. Il progetto prevede di sperimentare la

territorio coinvolti dalla manifestazione che

creazione di un laboratorio di alto artigianato per la

abbiano strutture di valore storico culturale con

produzione di oggettistica e accessori indossabili

caratteristiche simili in merito alle problematiche

che permettano di interagire con la realtà che

di “gestione”. Sarà così possibile sperimentare e

circonda la persona. In appositi spazi della

condividere un’innovativa modalità di utilizzo e

“Cittadella

valorizzazione di beni storico culturali e di valore

localizzazione di aziende operanti in tale settore

architettonico.

- data e luogo: Pisa Cittadella Galileiana anno 2019

- data e luogo: Bastione del Parlascio di Pisa e altre

- partner del progetto: Comune di Pisa, Scuola

città aderenti alla manifestazione; settembre –

Superiore Sant’Anna, Scuola Normale, Berkley

agosto 2019

University San Francisco, Start up Italia e Ace Farm,

- partner del progetto: Comune di Pisa, Scuola

Nana Bianca, 360°, Camera di Commercio Italiana

Superiore Sant’Anna di Pisa, Scuola Normale

in Cina

Superiore, Bill Viola, Angelo Azzurro, Fantastichini,

- finanziamento: € 250.000,00 Risorse Pubbliche,

Derrick de Kerckhove, IBM, Trilogic Pisa

Risorse Private, Sponsor.

attività

con

la

grazie

alla

possibilità

di

- finanziamento: €. 150.000,00. Risorse Private, Sponsor.

69

dell’ambiente

Galileiana”

verrà

consentendo

favorita

la


- descrizione dell’avvenimento:

Rossore, verranno sviluppate una serie di

“CENTRO INTERNAZIONALE DI STUDIO

iniziative, incontri, cicli tematici riguardanti

SULLA DEMOCRAZIA”.

le tematiche del rispetto dei diritti umani, dei valori fondamentali dell’individuo, e di memoria storica della Shoah. - data e luogo: Pisa - Domus Mazziniana. A partire del 2019. - partner del progetto: Comune di Pisa, Regione

Toscana,

Provincia

di

Pisa,

Associazione Mazziniana Italiana, Fondazione Il progetto vuole istituire all’interno della “Domus Mazziniana” un centro internazionale permanente di studi sulla democrazia e sui diritti umani. L’iniziativa si inserisce in un filone di sviluppo programmatico che l’Amministrazione di Pisa e la Regione Toscana stanno elaborando e che ha portato alla sigla del protocollo firmato in data 20 ottobre 2011. La volontà è di istituire un

Centro

Internazionale

che,

permanentemente sul territorio, vedrà il coinvolgimento di numerose realtà (locali ed internazionali) del mondo della cultura, dell’Università, delle Istituzioni, delle scuole di ogni grado e genere, delle associazioni e della cittadinanza in generale. All’interno di questa iniziativa, in collegamento con la ricorrenza della firma delle “Leggi razziali del 1938”avvenuta nel Parco Regionale di San

Giovanni Spadolini, Università di Pisa, Scuola Sant’Anna,

Scuola

Normale

Superiore,

Comunità Ebraica di Pisa, Museo e Centro di Documentazione “Mémorial de la Shoah” di Parigi, Ente Parco Regionale di San Rossore. - finanziamento: €. 300.000 – Risorse Pubbliche. - descrizione dell’avvenimento: “PREMIO EUROPA PER IL TEATRO” All’interno

degli

eventi

è

previsto

la

celebrazione del premio Europa per il Teatro il più

importante

riconoscimento

teatrale

europeo. Una manifestazione articolata in diverse giornate, dedicate ai premiati, dense di spettacoli, workshop, anteprime, convegni, mostre, video, stage e la pubblicazione successiva degli atti - data e luogo: Teatro Verdi di Pisa e in altre strutture idonee del territorio nel mese di marzo 2019.

70


- partner del progetto: Comune di Pisa, Direzione

-

finanziamento:

€.

900.000,00-

Artistica della Manifestazione, Fondazione Teatro

Pubbliche, Risorse Private, Sponsor.

Risorse

Verdi, e rete partner dei progetti Festival del Teatro

Come la città intende scegliere i progetti/gli eventi che andranno a costituire il Programma del 2019?

71

Il Programma del 2019 sarà costituito da progetti

attraverso “call” aperte per la presentazione di

artistici-culturali di varia natura programmati

eventi che andranno a completare il programma

sulla base di un quadro logico, di obiettivi e

della Manifestazione. Tali progetti verranno

strumenti i cui effetti dovranno mantenersi e

valutati e selezionati sulla base della loro qualità

prodursi anche al termine del 2019. Gli eventi già

artistica,

individuati rispondo infatti ai precisi obiettivi,

comunicazione.

generali e specifici, di medio e lungo termine

Le proposte progettuali dovranno innanzitutto

indicati nella prima parte del presente formulario

essere attinenti al tema della Manifestazione

che costituisce la cornice entro la quale dovranno

“Pisa: dal fiume, al mare, all’Europa. Navigazione

essere selezionati anche gli ulteriori progetti che

fra Tradizione ed Innovazione”. Inoltre dovranno

verranno proposti dal basso.

caratterizzarsi per:

Il Programma della Manifestazione sarà infatti

-

costituito da due ordini di eventi. Un primo

di un evento reiterabile e riproponibile;

ordine composto da progetti direttamente ideati,

-

dinamicità, innovatività e originalità;

definiti e gestititi dalla Struttura Organizzativa

-

capacità di incidere sul territorio dal

Ufficiale in un ottica di programmazione

punto di vista identitario, nelle strategie di

negoziata. Un secondo ordine di eventi costituito

promozione e di valorizzazione;

invece da progetti che verranno selezionati con

-

un approccio di tipo “bottom up” che permetterà

intellettuale ed artistica;

di

-

recepire le istanze del contesto locale,

capacità

organizzativa

e

di

unicità ed irripetibilità anche se si tratterà

presenza

di

processi

di

creazione

coinvolgimento delle moderne tecnologie,

nazionale e internazionale. E’ intenzione infatti

in particolare digitali, virtuali e multimediali nei

dell’organizzazione stimolare la partecipazione

tradizionali processi espressivi;

dell’intero

-

territorio

nazionale

e

europeo

elevato contenuto di professionalità,


competenze e specializzazioni diverse;

degli obiettivi a cui il progetto si dovrà

-

collegare, la strategia alla base della

molteplicità di culture e di discipline

coinvolte;

Manifestazione,

-

lavoro in team;

soggetti a cui l’evento dovrà essere destinato.

-

fattibilità

organizzativa,

tecnico

l’identificazione

Verrà inoltre assicurato

dei

il supporto

logistica, economico-finanziaria;

necessario per il buon esito del progetto

A tal fine verrà fornita una chiara indicazione

stesso.

Organizzazione e finanziamento della manifestazione: 1. Struttura organizzativa

Comunale con gli altri Enti locali del territorio

1.1 Che tipo di struttura sarà quella incaricata

coinvolto, con le realtà economiche, sociali e

dell’organizzazione e della realizzazione del

culturali, è stata predisposta una struttura

Progetto? Quali saranno le sue relazioni con le

organizzativa “multilivello” per presidiare

autorità della città?

tutti gli aspetti necessari alla preparazione e

(questa risposta dovrà essere approfondita

presentazione

nella fase di selezione finale, in particolare

realizzazione del programma. Mutuando

allegando

esperienze già collaudate con successo nella

lo

statuto

dell’organizzazione,

della

principali referenti, le indicazioni riguardanti

programmazione e pianificazione, come ad

la sua capacità finanziaria nonché gestionale,

esempio il Piano Integrato di Sviluppo Urbano

oltre a un grafico della struttura, corredato da

Sostenibile che è stato realizzato con una

informazioni

logica

rispettive

“bottom

up”

interventi

alla

realizzazione

le

vasti

e

l’organigramma, i curriculum vitae dei

riguardanti

di

candidatura

prevedendo

di

la

responsabilità dei diversi livelli)

partecipazione di tutti i livelli della società,

Il Progetto “Pisa candidata a Capitale Europea

per l’attuale fase di sviluppo progettuale è stata

della Cultura 2019” ha visto vari livelli di

creata una struttura che consente:

ideazione ed organizzazione. Data la natura

di integrare le “diversificate” realtà coinvolte

partecipativa del progetto, che ha visto la

nell’operazione,

cooperazione

di garantire i “presidi” di livello istituzionale e

dell’Amministrazione

72


73

“decisionale”,

1 rappresentante del Comune, 1 rappresentante

di assicurare un nucleo operativo in grado di

espressione

rispondere agli adempimenti relativi tanto alla fase

Rappresentante espressione delle realtà culturali

di presentazione del “dossier” che alle fasi “tecnico-

del territorio, Il Direttore Generale e il Direttore

amministrative”.

Artistico della Manifestazione. La Struttura

Tale struttura prevede più livelli di composizione:

Organizzativa Ufficiale sarà quindi dotata di una

Organismo di Regia Territoriale – Tavolo

forte connessione con l’Amministrazione Comunale

Grandi Eventi (T.G.E.). Ne fanno parte il Comune e

ma, contemporaneamente, godrà di una buona

le principali realtà sociali, economiche, e culturali

autonomia operativa ed indipendenza garantita

del territorio. La sua funzione è quella di “cabina di

dallo Statuto. Al presente momento di definizione

regia territoriale” dell’evento e organo di diffusione

del progetto, il Livello Tecnico Operativo è stato

e raccolta di espressioni delle realtà presenti sul

costituito con apposita atto interno. Questa

territorio. In questo contesto è stata sviluppata la

decisione è stata presa per dare una garanzia di

“decisone partecipata” di presentazione della

“immediata operatività” della struttura nella fase di

candidatura della città di Pisa. Il T.G.E. affiancherà

presentazione del dossier di candidatura e per poter

la struttura organizzativa durante tutte le fasi di

assegnare un prima dotazione finanziaria volta a

presentazione e realizzazione del progetto. Si

coprire i costi organizzativi.* Ad oggi è composta

riunirà a cadenza settimanale o ogni qual volta sia

da un gruppo ristretto di specialisti espressione

necessario, garantendo la funzione di strumento di

dell’Amministrazione Comunale (2 Rappresentanti

collegamento fra la società e la Struttura

dell’Ufficio

Organizzativa Ufficiale del progetto.

Rappresentante dell’Ufficio per il Turismo – 1

Struttura Organizzativa Ufficiale (S.O.U). E’

Rappresentante dello Sportello Unico per le Attività

la struttura ufficialmente incaricata di dirigere e

Produttive – 1 Rappresentate del Servizio

organizzare la Manifestazione, l’interfaccia con la

Ragioneria – 1 Rappresentante del Servizio Fund

Commissione

come

raising – 2 Rappresentanti incaricati della

“organismo indipendente”, pur mantenendo uno

comunicazione e marketing – 1 Rappresentante del

stretto collegamento con le realtà delle quali è

servizio Opere Infrastrutturali e Lavori Pubblici),

espressione. La sua organizzazione interna è

coadiuvato da un rappresentante del Comitato

articolata in un “livello Direzionale” e in un “livello

Tecnico Scientifico e dal Direttore Artistico.

Tecnico – Operativo”. Il Livello Direzionale include:

Ognuno dei menzionati rappresentanti presidia il

Europea.

Si

costituirà

del

Tavolo

Grandi

Programmazione

Eventi,

Culturale

1

1


relativo ambito di azione garantendo una

quindi essere garantito dalla natura stessa

“expertise” professionale già collaudata che

della struttura. Lo statuto e il relativo

rimarrà all’interno della struttura per tutta

regolamento garantiranno al contempo la sua

l’organizzazione dell’evento e per le successive

necessaria

programmazioni culturali (anche dopo il

indipendenza, in particolare:

2019). Potranno, qualora si ritenga necessario,

-

essere attivate specifiche consulenze esterne a

nomina di un Direttore Artistico indipendente,

supporto della struttura. Attualmente è stato

individuato in base alle sue competenze,

individuato un budget operativo di €. 160.000

supportato

per la copertura delle spese operative relative

Scientifico;

alla prima fase di presentazione della “pre-

-

candidatura” e definizione del programma.

nomina di un Direttore Generale

-

Comitato Tecnico Scientifico (C.T.S.).

autonomia

funzionale

ed

dal punto di vista artistico, con la

da

un

Comitato

Tecnico

dal punto di vista organizzativo con la

dal punto di vista gestionale con la

E’ un comitato di supporto alla Struttura

disponibilità di un budget finanziario, gestito

Organizzativa Ufficiale (S.O.U). ed è costituito

direttamente dalla struttura .

da membri espressione delle realtà culturali ed artistiche del territorio. Esprime un

1.2 Qualora l’area circostante fosse coinvolta

rappresentante operativo che è incluso nella

nella manifestazione, come sarà organizzato il

S.O.U. e, in stretta collaborazione con essa e

coordinamento fra le autorità locali e

con il Direttore Artistico e gli esperti culturali,

regionali?

contribuisce alla definizione dell’idea artistica

Come già illustrato precedentemente il

sottostante alla Manifestazione e del relativo

progetto si configura come una candidatura

programma. Il C.T.S. quindi coopererà nella

della città di Pisa che vuole coinvolgere il

definizione

artistico,

territorio dell’intera provincia e la costa della

nell’attivazione di reti e progetti di eventi

Toscana centrale (Livorno/Viareggio e Lucca).

culturali (locali, europei e transnazionali),

Il coordinamento con le autorità locali è

nella definizione dei contenuti progettuali

garantito dall’adesione di tutti i Comuni del

degli eventi del “programma” supportando la

territorio coinvolto, della Provincia di Pisa,

S.O.U.

della Prefettura della Soprintendenza dei Beni

Il rapporto con le autorità della Città risulta

Archeologica

del

programma

della

Toscana,

e

della

74


Soprintendenza

75

per

i

Beni

Architettonici,

riflessione

sulle

caratteristiche

del

progetto

Paesaggistici, Artistici, Storici ed Etnoantropologici

proposto per la candidatura di Pisa. Il programma

per le Province di Pisa e Livorno.

della Manifestazione si caratterizza per la varietà

A seconda della localizzazione dell’iniziativa

delle discipline culturali previste. Il tema centrale

prevista nel Programma verrà attivato uno specifico

dell’evento si snoda lungo i percorsi delle tradizioni

Tavolo di Coordinamento costituito dalla Struttura

locali e internazionali. La fase di programmazione

Organizzativa Ufficiale della Manifestazione, dalla

e quella di realizzazione, vedranno il coinvolgimento

Provincia

Prefettura

diretto di una pluralità di “attori e soggetti”

competente per territorio, dall’Amministrazione

estremamente variegati per origine, storia e

Comunale

coinvolta e da ogni altra Autorità

contesto socio culturale. Per queste ragioni, le

eventualmente necessaria per la realizzazione dello

caratteristiche della figura professionale selezionata,

specifico evento.

dovevano garantire non solo una adeguata capacità

I vari Tavoli attivati dovranno assicurare la corretta

di “visione artistica”, ma anche assicurare la capacità

cooperazione per la realizzazione degli eventi e

di

presidiare

multidisciplinari

di

riferimento,

l’ottenimento

dalla

delle

necessarie

operare

in

contesti e

di

molto

variegati

coordinare

e

operatori

autorizzazioni. Il coordinamento con le autorità

provenienti da differenti realtà territoriali, culturali

regionali sarà concretizzato da futuri accordi che

ed anche linguistiche. Sono state quindi esaminate

verranno siglati superata questa fase di preselezione

figure professionali di alto livello che rispondessero

e che dettaglieranno una specifica forma di

a questo insieme di caratteristiche. I criteri di

collaborazione tra Struttura Organizzativa Ufficiale

selezione utilizzati:

e l’Amministrazione Regionale.

-

Profilo artistico di levatura internazionale;

-

Profonda conoscenza della realtà culturale

1.3 Quali sono i criteri e le modalità in base ai quali

e sociale della città di Pisa e del territorio circostante;

è stato/sarà scelto il direttore/la direttrice artistico/a

-

della manifestazione? Qual è o quale sarà il suo

cultura regionale e nazionale;

profilo? Quando entrerà in carica? Quale sarà il suo

-

campo d’azione?

internazionali;

(questa risposta dovrà essere approfondita in fase

-

di selezione finale)

“multidisciplinari” e “multilinguistici”;

La scelta del Direttore Artistico è frutto di una

Sulla base tali criteri è stata selezionata la

Conoscenza degli aspetti caratteristici della

Esperienze e conoscenze di realtà culturali

Esperienze di studio e lavoro in contesti


professionalità più idonea a ricoprire questo

Creatore e compositore di fama internazionale,

delicato incarico. La scelta è ricaduta su Dario

fra gli altri lavori ricordiamo in particolare: la

Marianelli al quale è stato proposto di

colonna sonora per il film “Espiazione” (per la

assumere la direzione artistica del “progetto”.

quale ha ricevuto il Golden Globe ed il premio

Dario Marianelli è nato a Pisa e in questa città

Oscar nel 2008), la colonna sonora per il film

ha

anche

“Anna Karenina” (per la quale ha ricevuto una

esperienze di studio in altre importanti città

candidatura all’Oscar nel 2013) ed il recente

toscane (fra cui Firenze). Nel 1990 si trasferisce

lavoro per la preparazione della colonna

a Londra e si iscrive al corso postlaurea alla

sonora del film che ha segnato l’esordio alla

Guildhall School of Music and Drama. Dopo

regia di Dustin Hoffman (“Quartet”-2013). La

il diploma, ottiene una borsa di studio che gli

Città di Pisa ha, nel corso degli anni, stretto

permette di seguire i corsi di coreografia e

un forte rapporto con l’artista che è stato

composizione del Bretton University College

protagonista di numerose iniziative (fra

diretti da Judith Weir e Lloyd Newson. In

queste: il concerto-tributo dell’agosto 2008

seguito trascorre tre anni alla National Film

diretto dal maestro Giampaolo Mazzini, il

and Television School a Beaconsfield, poco

concerto dell’aprile 2009, la “lezione aperta”

fuori Londra. Sempre a Londra compone

da lui tenuta nel 2011 assieme a Maurizio

brani per il teatro di avanguardia e viene

Baglini). Dario Marianelli pur cooperando già

contattato dalla regista irlandese Paddy

con la preparazione della Manifestazione, sarà

Breathnach per comporre la colonna sonora

nominato ufficialmente a fine di settembre

dei film Ailsa e I Went Down. Nel 2002 realizza

2013, anche per impegni internazionali.

la colonna sonora di Cose di questo mondo di

Il Direttore Artistico è incaricato della

Michael Winterbottom, vincitore dell’Orso

supervisione generale della Manifestazione.

d’Oro al festival di Berlino. Nel 2004 compone

Supportato dal C.T.S e dai vari esperti tecnici

per Terry Gilliam le musiche di I fratelli

della struttura:

Grimm e l’incantevole strega. Ha scritto le

-

colonne sonore di V per Vendetta di James

della Manifestazione occupandosi di apportare

McTeigue, Il colore della libertà di Bille

gli aggiornamenti e le correzioni necessarie;

August, Il buio nell’anima di Neil Jordan.

-

studiato

pianoforte,

avendo

definirà nel dettaglio il programma

parteciperà

alla

selezione

delle

76


iniziative e dei progetti da inserire nel programma; -

coordinerà e garantirà la coerenza tematica

e la qualità culturale della progettazione delle iniziative; -

coopererà nella realizzazione di particolari

“eventi complessi” a livello anche internazionale.

Finanziamento dell’evento: 2.1. Quale è il bilancio annuo che la città ha destinato alla cultura negli ultimi 5 anni (escludendo le spese sostenute per la presente candidatura ECoC)? Si prega di compilare la tabella sottostante.

2.2 Si prega di compilare le seguenti tabelle con le informazioni riguardanti il budget complessivo relativo al Progetto Capitale Europea della Cultura (ovvero specificare l’entità dei fondi destinati al Progetto).

[Qualora la città stia pianificando di avvalersi di fondi provenienti dall’usuale bilancio annuale per la cultura al fine di co-finanziare il Progetto ECoC, si prega di indicare l’importo (in euro) che verrà prelevato dall’usuale bilancio annuale per la cultura, a partire dall’anno di presentazione della candidatura (2013) fino all’anno ECoC incluso (2019)].

77


2.3. Si prega di compilare le seguenti tabelle, al fine di illustrare il budget operativo per il Progetto ECoC.

a) Spese operative complessive:

78


b) Calendario previsto per effettuare le spese operative: 2.4. Spese complessive in conto capitale:

2.5. Gli enti pubblici finanziatori (città, regione, Stato) hanno assunto un impegno formale a corrispondere il finanziamento? In caso di risposta negativa, quando lo faranno? L’Amministrazione Comunale ha approvato il

l’Amministrazione statale e regionale. Tali accordi

dossier di Candidatura con Deliberazione di G.C.

staranno attivati una volta superata tale fase di

n. 136 del 10 settembre 2013. Alcune infrastrutture,

preselezione. L’Amministrazione Comunale è

che verranno realizzate nei prossimi anni, sono già

inoltre intenzionata a partecipare a tutti i bandi

totalmente finanziate con risorse del Comune di

volti al cofinanziamento di attività e infrastrutture

Pisa, Regione Toscana, Comunità Europea, Stato e

che

partner privati. Per il cofinanziamento delle

programmazione comunitaria, nazionale, regionale

ulteriori iniziative, data la presente fase di

2014-2020.

preselezione della candidatura, ad oggi non è stato possibile

79

definire

accordi

formali

con

si

apriranno

nel

corso

della

nuova


Quale piano è stato predisposto per assicurare la partecipazione di sponsor all’evento? Il ricorso alla sponsorizzazione è un’azione

beni/servizi, in cambio della possibilità di

promossa dall’Amministrazione Comunale di

sfruttare il potenziale commerciale dell’Evento.

Pisa da diversi anni. Ha consentito di ottener

Per ottenere il sostegno di ulteriori soggetti,

risorse

la

fortemente radicati sul territorio, ma ancora

promozione di iniziative culturali e, in

estranei a questo tipo di impegno, sono state

particolare

delle

contattate le varie associazioni di categoria

Manifestazioni Storiche della città, realizzate

presenti nella provincia. Con esse è stato

grazie al sostegno di una fitta rete di aziende,

avviato un confronto affinché si facessero

istituzioni ed associazioni locali. Pisa è riuscita

promotrici,

negli ultimi anni ad andare oltre il territorio

dell’’importanza

locale

evidenziando i benefici economici, culturali e

economiche

per

importanti

la

coinvolgendo

importante

(ENI

per

realizzazione

una

che,

propri

della

associati, candidatura

sociali che questa comporta. Ciò ha consentito

ha

di entrare in contatto anche con attori

contribuito al successo delle ultime due edizioni

economici che fino ad oggi erano rimasti fuori

della

dal circuito delle sponsorizzazioni e che, grazie

economica

Manifestazione

con

i

una

partecipazione

spa)

multinazionale

verso

rilevante,

storica

denominata

“Luminara di San Ranieri”, candidata per la sua

alla

bellezza all’iscrizione a Patrimonio Immateriale

mostrato interesse ad essere coinvolti in qualità

dell’UNESCO.

dell’esperienza

di partner della Manifestazione. Attraverso la

maturata e del forte legame già esistente con la

SAT (Società Aeroporto Toscano Galileo

rete imprenditoriale del territorio, per la

Galilei S.p.A.) che gestisce l’Aeroporto di Pisa,

candidatura di Pisa a Capitale Europea della

sono stati intrapresi contatti con i principali

Cultura, è stato predisposto un piano di

vettori aerei per avviare un percorso di

sponsorizzazione che conta sul coinvolgimento

coinvolgimento attivo durante la Manifestazione

di tali realtà. Queste, parteciperanno in maniera

e nel periodo che la precede. Ciò sia in termini

attiva all’organizzazione della Manifestazione

finanziari che tramite la predisposizione di

con

o

agevolazioni nel trasporto nel periodo della

sponsorizzazioni di natura tecnica, fornendo

Manifestazione. Sono state inoltre contattate

Sulla

sponsorizzazioni

base

in

denaro

rilevanza

della

candidatura,

hanno

80


81

numerose banche presenti sul territorio e diverse di

Sponsor, Sponsor di Prima Fascia, Sponsor di

queste hanno dato la disponibilità a sostenere la

Seconda Fascia e Sponsor di terza fascia. Vista la

candidatura e a sponsorizzare la Manifestazione

molteplicità, varietà e ambiti artistico-culturali

qualora la città di Pisa fosse nominata Capitale

degli eventi che verranno realizzati nel corso della

Europea della Cultura. Si prevede di coinvolgere i

Manifestazione, ciò consentirà ai vari sponsor di

numerosi soggetti che hanno mostrato interesse, in

supportare quegli “spettacoli” cui si sentono più

maniera articolata con proposte multilivello a

“vicini” valorizzando di volta in volta, aspetti

secondo del grado di partecipazione.

tradizionali oppure più originali e innovativi.

In particolare si prevede l’individuazione di un :

L’obiettivo, al di la della tipologia

-

“Main Sponsor” della Manifestazione che

individuato, sarà quello di costruire un piano di

sarà individuato tra quei soggetti caratterizzati da

sponsorizzazione congiunta con partner tramite

un elevato coinvolgimento, da forti capacità

proposte che verranno personalizzate alle esigenze

d’investimento e che intendono attivare un’ampia

dei vari sponsor. Si intende inoltre monitorare

comunicazione sia sul mercato nazionale che

l’andamento delle sponsorizzazioni organizzando

internazionale.

incontri con gli sponsor per valutare congiuntamente

-

Sponsor di prima fascia (Gold sponsor)

i risultati e i benefit raggiunti. La sponsorizzazione

rappresentati da quei soggetti di medie-grandi

di Pisa Capitale Europea della Cultura, verrà

dimensioni

buon

promossa principalmente come ulteriore strumento

coinvolgimento e da buone capacità di investimento.

di comunicazione aziendale. Per le aziende che

-

aderiranno, investire nella cultura potrà divenire

caratterizzati

da

un

Sponsor di secondo fascia (Silver sponsor)

costituiti da soggetti di piccole-medie dimensioni

mezzo

dotate di medie capacità di investimento.

alternativo a quello rappresentato dai media

-

Sponsor di terza fascia costituito da tutti

tradizionali. L’intenzione è offrire alle aziende

quei

soggetti

alla

sponsor quei vantaggi che non potranno trovare in

Manifestazione ma caratterizzati da una moderata

altre forme di comunicazione. In particolare

capacità di spesa.

consentire di caratterizzare la propria immagine

Si prevede di articolare con proposte multilivello

aziendale ed associarla ad un evento culturale di

anche la sponsorizzazione dei singoli eventi della

portata internazionale, consentendo di arrivare a

Manifestazione, offrendo la possibilità di aderire ad

target altrimenti difficilmente raggiungibili. Questo

uno o più eventi assumendo il ruolo di Main

tipo di sponsorizzazione dovrà fare

interessati

ad

aderire

di

comunicazione

di sponsor

complementare

o

leva sul


prestigio, la relazionalità, il riferimento ai valori

Capitale Europea della Cultura verranno formalizzati

della tradizione e dell’identità, ponendo in evidenza

i contatti con un soggetto esterno qualificato dotato

le radici della “cultura d’impresa”. Data la complessità

di specifiche competenze e maturata esperienza nel

del tema e la volontà/necessità di ricercare

campo del found- raising internazionale.

sponsorizzazioni sull’intero territorio nazionale e internazionale, nell’eventualità che Pisa divenga

Qualora la città candidata venga nominata Capitale Europea della Cultura

secondo quale calendario la città e/o l’ente responsabile per la preparazione e l’implementazione del Progetto ECoC riceverà i fondi previsti? a) Entrate destinate alla copertura delle spese operative

* Specificare l’anno appropriato b) Entrate destinate alla copertura delle spese in conto capitale

82


Quale quota dell’usuale bilancio annuale complessivo la città intende spendere per la cultura dopo la conclusione dell’anno ECoC (2019) (in euro e in % del bilancio annuale complessivo)?

La città intende destinare al settore cultura una quota pari al 10% del bilancio annuale complessivo pari a Euro 14.000.000,00.

IV. Infrastrutture della città

1. Quale è la condizione della città in termini di accessibilità (trasporti regionali, nazionali e internazionali)? La posizione geografica della città di Pisa è

per la competitività turistica, economica e culturale

potenzialmente

e Pisa, consapevole di questo ha e sta investendo

molto

favorevole,

poiché

baricentrica rispetto ai mercati di sbocco sia

molto nel settore.

dell’area mediterranea che dell’Europa del Nord e

Alcuni studi dimostrano, infatti, che le diverse

perché al centro di un sistema di infrastrutture di

infrastrutture

collegamento molto importante e diversificato. Tale

un’attrattiva talmente forte da indurre e condizionare

sistema è costituito da linea ferroviaria, autostrada,

nella scelta di una determinata località. L’attrattività

strada

aeroporto

di un territorio si misura anche dalla percezione

internazionale, porto turistico, cui si aggiunge la

della sua accessibilità nel momento della città.

di

grande

comunicazione,

presenza di un canale navigabile di collegamento al porto di Livorno e all’interporto logistico di Guasticce. L’accessibilità di una città è una risorsa di grandissimo valore. Le dimensioni e l’efficienza dell’offerta dei mezzi di trasporto sono determinanti

83

sono

in

grado

di

costituire


84


La città, come detto, detiene una dotazione

dell’Italia centrale dopo Fiumicino di Roma. E’ per

infrastrutturale di trasporto decisamente rilevante

questo motivo, oltre che per la qualità delle

che consente facilitazioni:

infrastrutture, che Pisa è stata selezionata da molte

-

nell’accesso ai turisti stranieri;

compagnie intercontinentali come scalo alternativo

-

nella mobilità all’interno della regione;

in caso di inagibilità dell’hub romano. Nel 2012

-

nell’accessibilità al centro della città favorendo

la mobilità urbana;

4.494.915, si è collocato al 6° posto nella classifica

Aeroporto internazionale:

degli aeroporti regionali (sistemi aeroportuali di

L’Aeroporto Internazionale Galileo Galilei è

Roma e Milano esclusi) per traffico passeggeri e

localizzato a 1 Km dalla città. E’ dotato di una

all’8° posto nella classifica generale degli aeroporti

propria stazione ferroviaria, “Pisa Aeroporto”, ed è

nazionali. L’Aeroporto di Pisa è servito da 17

in corso di realizzazione il progetto “People Mover”

compagnie aeree di linea che gestiscono un network

finanziato, in qualità di “Grande Progetto” dalla

di 78 destinazioni (di cui 63 internazionali ) e 446

Regione Toscana e dall’Unione Europea. Questo

frequenze

progetto

collegamento

internazionali (dati estate 2012). Pisa è praticamente

ferroviario tra l’Aeroporto Galileo Galilei e la

collegata a tutta Europa: la Spagna (Barcellona

Stazione di Pisa centrale in una connessione ad

Girona, Ibiza, Siviglia e Valencia, Madrid),

altissima frequenza con standard di servizio

Portogallo (Porto), la Gran Bretagna (Londra

Europei contribuendo a migliorare anche la

Gatwick, Londra Luton e Bristol, Londra Stansted,

mobilità cittadina con l’introduzione di una fermata

Birmingham,

in corrispondenza dei Parcheggi scambiatori di

Liverpool, Edimburgo e Glasgow-Prestwick Belfast,

Pisa Sud. Inoltre lo scalo pisano è inserito in una

Edimburgo, Manchester, Newcastle e Leeds

trasformerà

l’attuale

maglia stradale che ne rende facile l’accessibilità da ogni direzione, e che sarà ulteriormente migliorata con gli interventi previsti sull’autostrada A11 in direzione Livorno-Civitavecchia, sull’autostrada A12 (3° corsia e collegamento con Viareggio) e sulla strada di grande comunicazione “FirenzePisa-Livorno”. Il Galilei è l’aeroporto con il miglior sistema di piste

85

l’Aeroporto di Pisa, con un traffico passeggeri pari a

settimanali

di

linea

Bournemouth,

East

nazionali

e

Midlands,


Bradford),

paesi

struttura fino ad una capacità di 6-8 milioni di

Oslo-

passeggeri l’anno con l’obiettivo di rendere

Sandefjord Airport Torp e Billund, Helsinki),

l’aeroporto di Pisa una realtà di punta

il Belgio (Bruxelles Charleroi, Eindhoven e

nell’ambito degli aeroporti regionali europei.

Maastricht/Aachen) Olanda (Amsterdam),

Sono in atto accordi per l’attivazione di un

Danimarca (Copenhagen);

la Germania

volo diretto Pisa-Shangay che collegherà la

((Berlino Schönefeld , Francoforte Hahn,

Toscana con la Cina, uno dei mercati più

Memmingen, Weeze-Niederrhein e Amburgo-

grandi e complessi del mondo. Per l’anno

Lubecca, Colonia-Bonn, Monaco di Baviera ),

2019, è infine ipotizzabile la realizzazione di

la Francia (Parigi Beauvais e Lille, Parigi Orly,

un volo diretto Pisa-Sofia.

Parigi Charles de Gaulle, Lione), la Croazia

La rete ferroviaria

(Zara), la Romania (Constanta), la Slovacchia

La stazione ferroviaria si trova nel centro della

(Bratislava), l’Albania (Tirana), la Russia

città. Ospita 15 milioni di passeggeri ogni

(Mosca)

Stati Uniti (New York) Romania

anno tra pendolari e turisti, ed è pertanto una

(Bucarest); la Malta (La Valletta), il Marocco

delle più frequentate delle regione e d’Italia.

(Marrakesh). E naturalmente anche l’Italia

La stazione rappresenta un biglietto da visita

Alghero, Bari, Cagliari, Lamezia Terme,

importante per Pisa ed è uno dei principali

Palermo e Trapani, Olbia e Roma Fiumicino.

nodi ferroviari della Toscana: nella stazione

Dispone inoltre di voli che collegano Pisa

infatti

all’Isola d’Elba. Recentemente

importanza

scandinavi

l’Irlanda

(Dublino),

(Stoccolma

Skavsta,

i

è stato

confluiscono

diverse

nazionale.

Le

linee

di

principali

approvato il Master Plan per lo sviluppo

destinazioni sono Firenze, Genova, Roma,

dell’aeroporto, che prevede l’espansione della

Napoli, Livorno, Pisa Aeroporto, Lucca e La

86


Spezia, Torino. La stazione è servita da tutti i treni a

“Milano-Napoli”.

lunga percorrenza, come gli Espressi, gli InterCity

-

ed Eurostar, ed è capolinea delle linee regionali

costituita dall’autostrada A12 Genova-Rosignano e

provenienti da Firenze, Genova e Lucca. La RFI ha

dalla Strada di Grande Comunicazione “Variante

sviluppato un sistema di classificazione che tiene

Aurelia”.

conto di fattori quali il numero di frequentatori, i

E’ importante sottolineare come Pisa, da sempre

servizi offerti alle imprese ferroviarie, l’importanza

attenta allo sviluppo ecosostenibile, si è

del contesto urbanistico. Le stazioni sono state

confermata

suddivise tra le categorie PLATINUM, GOLD,

mobilità elettrica. Nel 2010 da questa città è stato

SILVER, BRONZE. Nella classe PLATINUM

lanciato il progetto e-mobility Italy, la prima

(grandi impianti) rientrano in Toscana le soli

iniziativa nazionale per la sperimentazione di

stazioni di Pisa centrale e Firenze Santa Maria

una infrastruttura intelligente dedicata alla

Novella caratterizzate da una frequentazione

ricarica di veicoli elettrici. E’ stata realizzata nelle

superiore ai 6.000 viagg. medi/giorno ed un alto

strade cittadine una rete di 46 stazioni di ricarica

numero di treni medi/giorno con elevata incidenza

pubblica. In progetto ha coinvolto la cittadinanza e

di treni di qualità. La città sede di questi impianti,

anche le locali “flotte elettriche” di “Poste Italian”

ha un’elevata importanza dal punto di vista turistico,

ed “Enel spa”. Nel 2013 la città è stata sede della

culturale, istituzionale ed architettonico e presenta,

prima sperimentazione di “ricarica veloce” per i

inoltre, un’elevata potenzialità commerciale.

veicoli elettrici, che ha riguardato inizialmente le

La rete stradale

attività Enel nelle diverse sedi dell’azienda presenti

Il territorio della Provincia di Pisa è caratterizzato

a Pisa, e che sarà poi estesa a tutti i cittadini pisani.

da due grandi direttrici di traffico d’importanza fondamentale per l’intero sistema nazionale dei trasporti su strada: -

la Strada di Grande Comunicazione

Firenze-Pisa-Livorno:

importante

superstrada

completata all’inizio degli anni Novanta che collega Pisa alle due maggiori città toscane, Firenze e Livorno.

Il tracciato costituisce una valida

alternativa alle autostrade A11 “Firenze-Mare” e A1

87

la direttrice lungo il Corridoio Tirrenico,

negli

anni

protagonista

della


Mobilità ciclabile

ed estesa rete ciclabile. La diffusione della rete

Data la conformazione e le dimensioni della

ciclabile, dai tessuti urbani al territorio aperto,

città, Pisa si presta benissimo alla mobilità

l’interconnessione con i principali itinerari

ciclabile che è economica, salutare, ed

cicloturistici, lungo l’Arno e il Serchio fino al

ecologica. Pertanto al fine di favorirne la

congiungimento con il Parco, potranno offrire

diffusione è stato attivato da pochi mesi un

un’alternativa modale per visitare e conoscere

sistema di bike sharing costituito da 14

il territorio e arricchirne l’offerta.

Stazioni dotate di sistema di lettura “Rfid” e comunicazione “Gsm”, collocate nei punti

Il Porto di Pisa

maggiormente frequentati della città per un

Il 30 giugno 2013 è stato inaugurato il nuovo

totale di 200 biciclette, 270 “agganci” per il

Porto turistico di Pisa, che dal punto di vista

rilascio delle stesse, tremila tessere magnetiche

simbolico ha restituito alla città, nata come

dotate di sistema “Rfid” e software con relativa

città fluviale, il suo mare, e al contempo l’ha

licenza per la gestione on line del sistema. La

dotata

rete ciclabile urbana attuale è di 32 Km ma, il

estremamente importante per lo sviluppo

Piano Urbano della Mobilità, prevede una

economico, turistico e culturale. Nel nuovo

estensione fino a 70 Km, poiché l’Area Pisana,

Porto turistico di Boccadarno confluiscono il

date

orografiche

Parco, l’acqua del Tirreno e quella dell’Arno.

essenzialmente pianeggianti del territorio,

Luogo d’incontro di acqua dolce e salata,

può trovare un efficace alternativa all’uso

diverrà nel corso dei prossimi anni elemento

dell’auto attraverso lo sviluppo di una capillare

qualificante e orta di accesso alla città. Va

le

caratteristiche

di

un

ulteriore

infrastruttura

88


sottolineata inoltre la vicinanza (18 Km) della città

attraverso nuovi collegamenti internazionali;

di Pisa dal Porto di Livorno, il principale porto

-

della Toscana ed uno dei più importanti porti

che dovrà garantire un incremento delle capacità di

italiani e dell’intero Mar Mediterraneo, sia per il

trasporto, tempi rapidi di trasferimento, migliore

traffico passeggeri che, soprattutto, per quello

connessione del nodo di Pisa centrale con le altre

merci.

tratte regionali e i servizi di lunga percorrenza;

Infine risulta strategica la prossimità di Pisa (12

-

Km) con l’Interporto “A. Vespucci”, che rappresenta

viario attraverso un miglioramento dell’Aurelia e

una delle aree più interessanti a livello europeo per

della Tangenziale Nord Est;

la logistica di avanguardia. Situato al centro della

-

piattaforma costiera toscana, è collegato alle

intelligente, leggera e elettrica favorendo la mobilità

principali reti viarie nazionali ed internazionali ed

collettiva a basso impatto ambientale e l’estensione

è un polo di enorme potenzialità per le merci in

delle piste ciclabili;

partenza ed in arrivo dall’Europa, dall’Asia,

-

dall’America. Un polo logistico unico per unire

collegherà il Porto di Livorno, lo Scolmatore, il

l’Italia con i mercati di tutto il mondo.

Canale dei Navicelli con la Darsena Pisana, l’Arno,

Molto è ancora da fare e il divenire capitale europea

il Porto Turistico di Marina di Pisa, creando

della cultura potrebbe consentire a Pisa di fare un

importanti sinergie e un polo infrastrutturale unico

ulteriore salto di qualità. Per questo nei prossimi

(Aeroporto, Ferrovia, Interporto, Autostrada,

anni sono in cantiere numerosi progetti che

Superstrada, People Mover, ecc.).

puntano: -

ad un ulteriore sviluppo dell’aeroporto

Galilei quale

guida di un sistema regionale

competitivo e volano per l’intera regione toscana,

89

al miglioramento del servizio ferroviario

al potenziamento del sistema infrastrutturale

alla promozione della mobilità urbana

alla realizzazione di una via d’acqua che


Quale è la capacità di assorbimento della città in termini di alloggi turistici? Nel descrivere la capacità di assorbimento

Motel,Villaggi,albergo, Residence turistico-

della Città di Pisa, Città d’Arte, a livello di

alberghieri

strutture ricettive ci siamo attenuti a quanto

Strutture extra alberghiere: Villaggi turistici,

previsto dalla normativa regionale toscana

campeggi e aree di sosta, Parchi di

vigente che descrive, con estrema precisione,

vacanza,Case per ferie e rifugi escursionistici,

le caratteristiche e i servizi che devono essere

Ostelli per la gioventù, Case e appartamenti

svolti dalle strutture che danno ospitalità al

per vacanze, Residenze d’epoca, Residence,

turista. A livello statistico vengono raggruppati

Affittacamere, Agriturismo

tra strutture alberghiere ed extra alberghiere: Strutture

alberghiere:

Alberghi,

90


Fonte: Dati Provincia di Pisa in attesa di validazione 2012 ISTAT

Le

tabelle

sopra

riportate

evidenziano,

nonostante la crisi, una tendenziale crescita delle infrastrutture per il turismo. Nel 2012 si registrano n. 33 strutture di tipo extra alberghiero e n. 288 posti letto in più rispetto al 2011, soprattutto per il proliferare

di

numerose

nuove

attività

di

affittacamere. L’offerta ricettiva della città di Pisa è caratterizzata da una netta prevalenza del comparto extra-alberghiero su quello alberghiero. A livello di ripartizione Pisa ha circa il 35% di strutture alberghiere e il restante 65% è costituito da strutture

91

extra-alberghiere, ciò in linea con il dato Toscano. Prevalgono gli alberghi a 3 stelle mentre ancora poco significativo è il numero dei Resort e degli Alberghi a 5 stelle. Tale dato è però destinato a crescere nel medio periodo. La città sta, infatti, investendo per raggiungere più elevati standard di ricettività turistica. Sono stati approvati piani attuativi che prevedano nuovi investimenti privati in ricettività alberghiera di elevato livello qualitativo e sono state avviate nuove attività come Resorts, in particolare nella zona Costiera di Calabrone. E’ in


atto da alcuni anni il recupero delle numerose

oggi adibite a resort, residence e appartamenti.

ex Colonie di Calambrone costruite negli anni

Le sette ex colonie hanno un grande valore

Trenta in epoca fascista, quale progetto di città

urbanistico e storico-architettonico.

elioterapica. Tali colonie, abbandonate negli anni Sessanta, sono quasi tutte recuperate e

Nel complesso, Pisa e Provincia dispongono

extra-alberghiere e il 43% dei posti letti in

di un totale di 1.290 strutture ricettive per un

strutture

extra-alberghiere

dell’intera

totale di 35.711 letti. La tabella sopra riportata

provincia.

Nella

dell’offerta

mostra come la presenza alberghiera sia

ricettiva della città di Pisa, infine, un accenno

maggiore nella città rispetto al resto della

a parte riguarda gli stabilimenti balneari, che

provincia

rappresentano un settore chiave nello sviluppo

dove

dominano

le

strutture

valutazione

extralberghiere.

dell’offerta

Toscana. Nella regione sono

La città di Pisa possiede il 39% delle strutture

presenti 918 stabilimenti balneari per un

alberghiere e il 51% dei posti letto in strutture

complesso di quasi centomila ombrelloni ed

alberghiere dell’intera provincia, mentre

una superficie occupata di oltre 7 milioni di

detiene solo il 27% delle strutture ricettive

mq (708 ettari).

92


L’analisi delle strutture ricettive è stata rivolta alla

facilmente raggiungibili. La valutazione delle

città di Pisa e alla sua provincia, ma come più volte

potenziali strutture ricettive va pertanto estesa

sottolineato, Pisa si trova in una posizione

anche a queste due città anche perché incluse nel

geografica baricentrica nella toscana costiera ed

territorio interessato dalla candidatura.

estremamente vicina a varie città come Luca e Livorno che distano poco più di 20 Km e che sono

Fonte: Dati Provincia di Livorno in attesa di validazione 2012 ISTAT

Fonte: Dati Provincia di Livorno in attesa di validazione 2012 ISTAT

93


Quali progetti concernenti le infrastrutture urbane e turistiche, ivi compresi gli interventi di ristrutturazione, si prevede di realizzare da oggi Si prevede di realizzare i seguenti interventi

del Centro è l’interazione anche attraverso

infrastrutturali:

mostre e manifestazioni che trasformano la

Cittadella Galileiana:

scienza in spettacolo. Al centro del progetto

Lo Science Center “Cittadella Galileiana”,

della Cittadella vi è l’impegno nei confronti

diverrà luogo di attrazione del turismo

della centralità dell’attività umana, e della

culturale e scientifico a seguito del recupero di

scienza, della tecnologia e dell’arte come

una vasta area a ridosso del centro storico.

espressioni della nostra umanità.

Verranno integrate le funzioni esistenti

E’ inoltre previsto il completamento del

(Museo del Calcolo e degli strumenti

recupero dell’area della Cittadella con la

scientifici) con gli spazi per l’insediamento

realizzazione di un grande parco urbano

d’imprese innovative e creative, della Ludoteca

adiacente alle strutture già oggetto di

ed un parco urbano che valorizzerà anche il

intervento ( Protocollo d’Intesa con la Regione

percorso lungo le mura.L’obiettivo principale

Toscana siglato in data 2 aprile 2013).

La Cittadella Galileiana. Riqualificazione ex macelli pubblici in sedi d’impresa, Ludoteca scientifica e Museo del calcolo.

94


95

Percorsi Turistici: Il progetto si pone l’obbiettivo di

turistici aumentandone la domanda di fruizione,

creare una rete di percorsi pedonali con valenza

ma anche di creare un rapporto diretto fra le mura

storica ed artistica a partire dai punti di accesso alla

stesse e gli altri monumenti e servizi della città,

città che verranno dotati di strutture multimediali

attraverso il recupero e l’apertura dei varchi,

interattive in grado di fornire ai turisti informazioni

permettendo così una “relazione fisica e visiva” con

sull’accoglienza, i servizi e i beni storici ed artistici

essi.

della città. Lo scopo è quello di far interagire i

Recupero Stazione Marconi:

percorsi turistici, attrezzati con arredi e strutture

Il progetto prevede il recupero e riutilizzo della

multimediali, con il sistema museale ed economico

Stazione Radio Telegrafica Marconi (la prima

della città, come alberghi, ristoranti, negozi, etc.

stazione radiografica). L’obiettivo è la realizzazione

Progetto Mura: restauro e valorizzazione del

di un prestigioso centro delle comunicazioni di

sistema

della

livello internazionale, che preveda attività espositive

“promenade architecturale”:Il progetto prevede il

e ludiche nonché di ricerca e di formazione,

ripristino del camminamento delle mura dall’area

compatibilmente ad un intervento conservativo

di Piazza del Duomo alla Piazza del Rosso in

che si configura quale operazione di restauro del

prossimità del fiume Arno. L’intervento prevede

sistema architettonico-ambientale relativo all’ex

pertanto non solo l’utilizzo delle mura in termini

centro radiotelegrafico “Guglielmo Marconi”. Si

fortificato

e

valorizzazione


prevede quindi la realizzazione di un luogo

in corrispondenza dei Parcheggi scambiatori

che rappresenti un riferimento per il mondo

di Pisa Sud e la realizzazione di due ulteriori

delle telecomunicazioni, non un semplice

parcheggi scambiatori.

“museo” inteso come contenitore di memorie,

Recupero

ma uno spazio vivo, nel quale chiamare a

Parlascio:

raccolta giovani, studiosi, ricercatori. Un

il progetto si inserisce nell’ambito del

centro di “cultura viva”.

Progetto Mura avviato con il PIUSS relativo

People Mover:

al

il progetto, in parte finanziato, in qualità di

valorizzazione del sistema fortificato e della

“Grande Progetto” dalla Regione Toscana e

Promenade Architecturale.

dall’Unione Europea e in parte finanziato

Recupero del Bastione del Barbagianni e

tramite project finance trasformerà l’attuale

della Torre di Sant’Agnese: si tratta di

collegamento ferroviario tra l’Aeroporto

interventi volti a completare il recupero

Galileo Galilei e la Stazione di Pisa centrale

Mura Urbane;

in una connessione ad altissima frequenza

Chiesa di San Zeno: restauro e recupero

con

Europei

funzionale: Il progetto prevede il recupero

contribuendo a migliorare anche la mobilità

del complesso monumentale dell’Abbazia di

cittadina con l’introduzione di una fermata

San Zeno per lo svolgimento di spettacoli e

standard

di

servizio

Mura

completamento

tratto

del

Stampace

restauro

e

e

attività espositive.

Rendering foto realistico del People Mover che collegherà l’Aeroporto con la Stazione e il centro storico

96


Palazzo Lanfranchi Museo Grafica: Il progetto

di S. Piero a Grado: Interseca il percorso

prevede

l’adeguamento

“trammino” di collegamento Pisa—Marina di Pisa-

funzionale e la musealizzazione della sede che

Tirrenia. Calambrone sul cui tracciato, si proseguirà

ospiterà il Museo della Grafica;

tramite la realizzazione di una pista ciclabile fino al

Progetto Incile:

litorale (di cui è attualmente in corso la redazione

Il progetto prevede la realizzazione di una via

del progetto di recupero).

d’acqua che colleghi il Porto di Livorno, lo

Cittadella areoportuale: il progetto prevede la

Scolmatore, il Canale dei Navicelli con la Darsena

realizzazione di un nuovo centro congressuale per

Pisana, l’Arno, il Porto Turistico di Marina di Pisa,

ampliare l’offerta recettiva e turistica del territorio. (

creando importanti sinergie per la nautica ed il

Protocollo d’Intesa con la Regione Toscana siglato

turismo, e realizzando un nodo infrastrutturale

in data 2 aprile 2013).

unico (Aeroporto, Ferrovia, Interporto, Autostrada,

Recupero del Teatro Rossi: il progetto prevede il

Superstrada, People Mover, ecc.).

recupero e l’adeguamento funzionale del Teatro

Pista Ciclabile Via Livornese: il progetto prevede la

Rossi, edificio settecentesco di grande rilevanza.

la

ristrutturazione,

realizzazione di una pista che colleghi il tratto iniziale di Via Livornese (area Incile d’Arno-Porta a Mare) con l’abitato di La Vettola fino in prossimità

97

del


Strategia di comunicazione

Quale strategia di comunicazione la città intende attuare per quanto riguarda la manifestazione Capitale Europea della Cultura? Il piano di comunicazione relativo a “ Pisa

avvicinamento e di coinvolgimento dei

Capitale della Cultura europea” si articolerà in

cittadini

momenti che prevedono una strategia del

dibattiti, sondaggi con questionari ( cartacei e

breve periodo ed una del medio/lungo periodo

via web). Tutti i maggiori eventi fino al 2019

in modo da rendere trasparente, imparziale e

saranno caratterizzati dalla finalità di Pisa

condiviso il percorso che porterà alla

Capitale della Cultura.

realizzazione del progetto complessivo.

Tutto il materiale raccolto verrà analizzato e

L’obiettivo principale resta la diffusione della

finalizzato alla creazione del programma

conoscenza del progetto, e delle iniziative ad

definitivo.

esso correlate, che si svolgeranno fino al 2019

Si prevede dunque di coinvolgere, nell’ambito

e poi specificamente nel 2019.

delle attività di informazione e pubblicità, un

Il progetto prevede infatti un percorso di

vasto pubblico individuato tra gli operatori

attraverso

iniziative,

incontri,


coinvolti a vario titolo nel progetto in modo diretto

Nello specifico le azioni previste coinvolgono i

ed indiretto, in particolare:

seguenti strumenti:

fondamentale sarà il coinvolgimento di

MATERIALE

produzione

E

PROMOZIONALE:

soggetti partecipanti (come Istituzioni Pubbliche ,

contraddistinta da un logo comune riconoscibile.

Università, Associazioni di Categoria ) e negli stessi

Sono già in produzione opuscoli informativi sui

cittadini che saranno chiamati a prendere parte al

primi stadi del progetto e il materiale cartaceo

processo introduttivo del percorso che porterà al

seguirà le varie fasi di realizzazione. I materiali

2019 e a diventare essi stessi Opinion Leaders del

divulgativi prodotti per la comunicazione diretta

progetto.

verranno distribuiti in occasione di tutti gli eventi

di avvicinamento e durante manifestazioni e

Destinatario il grande pubblico ( inteso

Ogni

INFORMATIVO

stakeholders e shareholders individuabili in tutti i

sarà

come cittadino europeo) verso il quale saranno

occasioni di incontro in Italia ed all’estero.

indirizzati i messaggi di comunicazione e

Verranno inoltre predisposte pubblicazioni ad hoc

informazione globale sul progetto e sulle politiche

da inserire in allegato ai principali quotidiani a

culturali dell’Unione Europea.

diffusione nazionale. Manifesti e istallazioni

Il progetto che presentiamo propone anche

multimediali potranno essere distribuite negli scali

una visione transgenerazionale per la quale saranno

aeroportuali direttamente collegati con l’Aeroporto

individuati specifici target verso i quali differenziare

G. Galilei di Pisa così come verranno curate

i messaggi e gli strumenti di diffusione.

rubriche sulle pubblicazioni delle compagnie aeree

Per quanto riguarda i canali e gli strumenti delle

99

IL

afferenti alla nostra città.

attività di comunicazione le iniziative di cui si

IL WEB: Il Piano di comunicazione prevede

compone il progetto creano la necessità di fare

l’utilizzo prioritario di un sito web dedicato con

ricorso a strumenti differenziati e ad azioni

sezioni che illustrano il progetto Pisa 2019 e che

articolate, al fine di raggiungere più efficacemente

spaziano su tutti i campi della nostra proposta con

gli obiettivi prefissati. La progettazione delle azioni

uno sguardo a ciò che è in corso di attuazione ed

e degli strumenti da utilizzare prende inoltre in

una panoramica sulle possibilità di partecipazione

considerazione fattori collegati alla tipologia di

attiva ( intesa come partecipazione ad eventi in

destinatari, al tipo di relazione da instaurare tra

corso in versione - live o on line).

emittente e ricevente e le caratteristiche specifiche

L’interazione sarà ampiamente incoraggiata anche

dello stile comunicativo.

attraverso la trasmissione in streaming dei


gram , Video, Flickr, Blogspot, Wordpress, Livejournal. •

TOTEM

MULTIMEDIALI:

Sarà

inoltre possibile l’utilizzo e la diffusione di informazioni in loco attraverso una rete di totem multimediali di cui la città si sta dotando all’interno di uno dei progetti PIUSS finanziati e che riguarda la fruibilità dei perprincipali eventi di avvicinamento ( iniziative , inaugurazioni , conferenze etc). •

LE PRODUZIONI AUDIOVISIVE:

La comunicazione avverrà inoltre attraverso l’ausilio di produzioni audiovisive che avranno un duplice scopo: - la creazione e la diffusione ( su web, tv tradizionali e canali tematici) di documentari come veri e propri deliverables di Progetto. - la creazione di un archivio del percorso e degli eventi. •

I SOCIAL MEDIA: La comunicazio-

ne con i target individuati avverrà anche attraverso la realizzazione di una pagina facebook ufficiale, una pagina Twitter ed un canale Youtube e per un coinvolgimento più

corsi turistici. •

GLI EVENTI: Ogni evento tematico

che si svolgerà in città fino al 2019 e durante il 2019 sarà caratterizzato da informazioni, distribuzione di materiali, incontri e dibattiti volti a raggiungere tutti i pubblici. •

PUNTI INFORMATIVI: Saranno

predisposti appositi punti informativi con distribuzione di materiale per la partecipazione agli eventi e per la distribuzione di questionari ai cittadini tendenti a coinvolgere i cittadini con proposte attive ed in preparazione del programma definitivo. Gli stessi punti informativi diventeranno riferimento per i partecipanti agli eventi del 2019.

diretto canali dedicati a blogger. Saranno inoltre utilizzati tutti i canali disponibili attualmente o ipotizzabili nel futuro come : MySpace, Google+, LinkedIn, Pinterest, Formspring, Friendster, Tagged, Insta-

100


In quale modo la città intende dare visibilità all’Unione Europea, che assegna il titolo di Capitale Europea della Cultura? Durante il percorso di avvicinamento unitamente

europea. Seguendo poi il tema prescelto si

alle iniziative ed ai materiali verranno proposte

focalizzerà l’attenzione sul ruolo dell’identità

schede e approfondimenti sulle politiche culturali

culturale europea nel bacino del mediterraneo.

europee. In attuazione del Protocollo di Intesa

Saranno inoltre coinvolti gli studenti pisani che già

siglato nel marzo 2013 con MFE – Movimento

partecipano a numerosi progetti comunitari e di

Federalista Europeo per promuovere la cultura

sensibilizzazione sulla cittadinanza europea.

europea ed europeista verranno create occasioni di

Verranno inoltre coinvolte tutte le città europee

incontro e confronto. Verranno inoltre promossi

gemellate con Pisa che hanno già aderito come

dibattiti su specifiche tematiche di respiro europeo

sostenitrici alla Candidatura. Il logo dell’Unione

e saranno previste iniziative che coinvolgeranno gli

Europea sarà presente in tutti i materiali prodotti

studiosi delle tre Università al fine di rafforzare il

ed i colori della bandiera europea saranno i colori

senso di appartenenza e dell’identità culturale

portanti degli allestimenti del 2019.

101


Valutazione e Monitoraggio

La città ha intenzione di stabilire un sistema

specifico di monitoraggio e di valutazione per quanto riguarda: - l’impatto del Progetto e i suoi effetti a lungo termine? Come nell’ordinaria gestione delle attività di una città, anche nell’ambito del progetto ECoC, il sistema di monitoraggio rappresenta una componente fondamentale che affianca le proposte di sviluppo culturale, sociale ed economico.Quello che viene proposto, in linea con i requisiti di una Future Smart City, è l’istallazione di uno Smart Observatory in grado di monitorare vari aspetti e di fornire parametri per una valutazione degli impatti

socio-economici

legati

alle

iniziative

proposte nell’ambito del progetto ECoC. Lo Smart Observatory si configura quindi come uno strumento altamente innovativo e multifunzionale che affianca, a metodi tradizionali di rilevamento, sistemi di City Sensing

alternativi e propone indicatori

sintetizzati a partire da Big Data e Social Media data. I grandi dati provenienti dalle attività digitali umane, percepite come un


sottoprodotto dei sistemi ICT che usiamo nella vita

edifici, e i sistemi di traffico, ma nel modo in cui è

quotidiana, hanno la potenzialità di farci osservare

possibile monitorare, comprendere, analizzare e

il comportamento individuale e collettivo in un

pianificare la città per migliorarne l’efficienza,

dettaglio senza precedenti.

l’equità e la qualità della vita per i suoi cittadini in

L’Osservatorio rappresenta quindi anche un il

tempo reale. L’idea di base è quella di realizzare una

punto di partenza per lo sviluppo di una serie di

piattaforma in grado di gestire dati provenienti da

servizi di raccomandazione e orientamento

sorgenti

indirizzati alla “popolazione insistente” (cittadini e

informativi per gli operatori dei settori di interesse

visitatori), con l’obiettivo di suggerire come vivere

e per i cittadini. L’aspetto innovativo non riguarda

esperienze culturali in una città con spiccata

solo la tecnologia utilizzata per realizzare la

vocazione

L’istallazione

piattaforma ma soprattutto l’idea di sfruttare i

dell’Osservatorio rappresenta anche una grande

moderni sistemi ICT e l’enorme diffusione delle

opportunità per la raccolta di feedback degli utenti,

tecnologie wireless e di posizionamento satellitare,

opinioni e sentiment espressi nelle tracce digitali.

per ottenere dati e trasformarli in informazioni utili

Per la candidatura di Pisa Capitale Europea 2019, è

e sistematicamente aggiornate. L’opportunità di

stata pianificata la realizzazione di uno Smart

osservare e misurare la vita pulsante di una città

Observatory: un sistema di monitoraggio e

deriva dai big data prodotti dalle attività digitali

valutazione delle attività prima, durante e dopo la

delle persone. I desideri e le opinioni lasciano tracce

Manifestazione. L’osservatorio, definito “Smart”,

nei sociali media, nei motori di ricerca .Le relazioni

risponde alle esigenze di una smart city e si propone

e i legami sociali emergono dalle reti dei contatti

di effettuare il monitoraggio dei fenomeni legati a

telefonici o quelle multimediali dei social network.

turismo, mobilità e impatti socio-economici,

I movimenti possono essere rilevati attraverso i dati

introducendo una modalità innovativa di raccolta e

di telefonia mobile o le tracce GPS dei sistemi di

di analisi dei dati in linea con le più moderne ed

navigazione satellitare. I recenti progressi nelle

attuali tecnologie. L’utilizzo delle tecnologie ICT sta

tecniche di analisi di dati, di apprendimento

producendo ambienti urbani che sono molto

automatico e nelle tecnologie sul linguaggio umano,

diversi da quelli vissuti fino ad oggi. Le città stanno

fanno sì che esse possano essere oggi applicate alla

diventando intelligenti non solo per quanto

mole di informazioni digitali per consentire di

riguarda il modo in cui sono in grado di

trasformare questi dati in una risorsa di utilizzo

automatizzare i servizi per le singole persone, gli

pratico. L’idea dell’osservatorio di tipo Smart e

103

Green

&

Smart.

eterogenee,

e

realizzare

cruscotti


multifunzionale

nasce

dall’esperienza

sociale.

congiunta dell’Amministrazione Comunale

L’OTD ha il compito supportare in modo

della città e il CNR di Pisa, nella realizzazione

continuativo

dell’Osservatorio Turistico di Destinazione

Operatori privati nella valutazione della

(OTD), aderendo al progetto regionale

qualità complessiva del sistema di accoglienza

“Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva”.

territoriale

L’OTD si inserisce all’interno della rete

l’individuazione e l’utilizzo di un sistema

Europea NECSTour che si propone come

funzionale di indicatori. Gli indicatori di

laboratorio

dibattito,

tipo tradizionale, raccolti sul territorio, sono

piattaforma di condivisione di “buone

affiancati da indicatori calcolati attraverso

pratiche”,

l’utilizzo di sorgenti alternative quali i dati di

permanente

scambi

o

di

di

esperienze,

sperimentazione di modelli condivisi di

l’Amministrazione

misurato

e

gli

attraverso

telefonia mobile.

misurazione dei fenomeni e di dialogo

104


Sulla base di questa esperienza, lo smart observatory

suddivisi per alta e bassa stagione. I Giorni di

si propone di estendere l’OTD identificando

permanenza dei turisti presso le strutture ricettive.

indicatori specifici legati ai fenomeni turistici, di

Numero di vetture noleggiate presso il car rental

mobilità e dell’impatto socio-economico legati

dell’aeroporto come indicatore dell’importanza

dall’evento ECoC e in grado di disegnare un quadro

della città quale “Porta di accesso per la Toscana”.

conoscitivo dell’andamento, dello sviluppo e degli

-

effetti delle attività promosse e realizzate. Come

descritto in termini di mobilità sistematica ed

abbiamo detto i dati utilizzati saranno una sintesi di

occasionale, per misurare gli spostamenti con

quelli tradizionali disponibili sul territorio e raccolti

mezzo privato all’interno della città.

dai vari enti, e dati provenienti da sorgenti

Eventi: Un insieme di indicatori mirati a valorizzare

alternative. In particolare verranno utilizzati:

il ruolo di Pisa come centro di incontro di culture

-

Dati di telefonia mobile;

internazionali, a misurare l’entità delle relazioni che

-

Dati GPS;

Pisa è in grado di stabilire con altre città Europee e

-

Dati provenienti dai sociali media;

i collegamenti con le aree circostanti. Un insieme di

A partire da questi dati vengono sintetizzati

indicatori per misurare il successo di attività rivolte

opportuni indicatori che confluiscono in un data

alla promozione di iniziative da parte dei giovani e

warehourse e che contribuiscono alla creazione di

per i giovani.

cruscotti informativi su una serie di dimensioni di

Alcuni esempi sono:

interesse: Flussi, Eventi, Opinioni, Impatti. :Per

-

ognuno dei dieci obiettivi che il progetto si propone

eventi culturali (incontri, manifestazioni) effettuate

di conseguire è possibile identificare degli indicatori

sul territorio.

di base che confluiscono nelle quattro dimensioni

-

sopra citate.

provenienza: misura il numero dei partecipanti

Flussi: Un insieme di indicatori per misurare le

agli eventi.

presenze turistiche e monitorare la mobilità urbana

-

privata e gli effetti prodotti dal “nuovo mercato

il numero di accordi siglati e cooperazioni rese

turistico”

stabili tra vari soggetti all’interno della città al fine

per

il

territorio,

dal

piano

di

diversificazione dell’offerta turistica. -

Flussi turistici: Indicatore di presenze che

Mobilità urbana: L’indicatore di mobilità,

Numero di iniziative: misura il numero di

Numero

di

partecipanti

divisi

per

Numero di accordi di cooperazione: misura

di realizzare attività ed eventi. -

Numero di progetti di giovani artisti,

misura i flussi turistici in città durante il periodo di

numero di attività culturali promosse da giovani

osservazione. Il numero di spettatori ad eventi

artisti: misura la capacità di attrarre giovani talenti.

105


-

Investimenti: misura l’investimento

-

Numero di opere infrastrutturali

monetario per le varie attività.

create.

Opinioni: Un insieme di indicatori per

-

catturare le opinioni degli utenti e in grado

Questa visione smart del sistema di

di fornire un feedback agli operatori in

monitoraggio

merito alle proposte, iniziative, attività

fondamentali nella proposta: innovatività,

realizzate ed offerte.

rilevanza scientifica e flessibilità. Il sistema

-

Numero di commenti sui social

proposto si dimostra altamente innovativo

media, numero di tweet per catturare i

perché fa uso di grandi dati provenienti da

giudizi degli utenti.

sorgenti alternative. La rilevanza scientifica è

-

garantita dall’esperienza e la collaborazione

Estrazione di contenuti dai social

Investimenti sul territorio.

mutamenti negli orientamenti culturali delle

l’infrastruttura del sistema è totalmente

persone.

replicabile e in grado di essere riutilizzata in

Impatti: Un insieme di indicatori per valutare

altri contesti. E’ inoltre in grado di continuare

l’impatto socio-economico di tutte le

a funzionare come sistema di valutazione e

iniziative e i programmi previsti nella

pianificazione per la futura programmazione

proposta ECoC e soprattutto legati alla

della città.

creazione e sviluppo di nuove realtà culturali

Il modello di rilevamento si propone di

sul territorio. Un insieme di indicatori atti ad

coprire un periodo temporale che inizia con

evidenziare

l’anno 2014 e proseguirà almeno nei due

economico

e

anni

l’entità

Manifestazione quindi si prevede che

investimenti

per

servizi,

al

Infine,

produttivo diretto e indotto e misurare degli

successivi

CNR.

aspetti

dell’ente

sviluppo

ricerca

tre

media, per intercettare le preferenze e

lo

di

introduce

termine

della

infrastrutture e trasporti.

terminerà nel 2021 quando sarà possibile

Alcuni esempi sono:

valutare i primi effetti dell’evento sulla città e

-

Numero di aziende dell’indotto.

le sue attività.

-

Fatturato delle imprese.

- la gestione finanziaria?

-

Numero di operatori specializzati del

Il sistema di monitoraggio e valutazione

settore.

della gestione finanziaria è stato impostato

106


sulla base della struttura del Programma stesso.

Organizzativa Ufficiale (che si raffronterà con il

Come detto, esso sarà composto da quattro macro

settore

tipologie di iniziative:

Comunale). Il quadro economico del progetto, sarà

1-Eventi e Manifestazioni Culturali;

quindi suddiviso secondo specifiche voci di costo.

2-Conferenze, Cicli di Studio, Workshop;

Tale quadro sarà inoltre suddiviso in base alla

3-Opere Infrastrutturali;

provenienza di ogni fonte di copertura finanziaria

4-Marketing Territoriale ed altre iniziative.

individuata (Fondi Europei, Nazionali, Regionali,

Con l’eccezione delle opere infrastrutturali, la cui

Risorse provenienti da privati, risorse proprie del

gestione e realizzazione ricadrà esclusivamente

soggetto attuatore o dei partner). Su base mensile

nella competenza della Struttura Organizzativa

per le iniziative di cui alle macro tipologie 1, 2 e 4 e

Ufficiale, le sopra menzionate tipologie di iniziative

su base trimestrale per le iniziative di cui alla macro

si suddividano in:

tipologia 3, saranno registrati gli aggiornamenti e le

A.

Iniziative in gestione diretta della Struttura

variazioni ai budget nonché gli avanzamenti della

Organizzativa Ufficiale o dei partner ufficiali della

spesa effettuati. Particolare attenzione sarà riservata

candidatura;

agli eventuali aumenti delle voci di costo in

B.

relazione

Iniziative gestite da una “regia locale”,

finanziario

alla

dell’Amministrazione

necessità

di

provvedere

rientranti nel programma ma non organizzate

all’individuazione di nuove e maggiori fonti di

direttamente dalla Struttura Organizzativa Ufficiale.

copertura finanziaria. Rilievo sarà dato alle

Sulla base di questa struttura, è stato predisposto il

eventuali economie così da permettere alla Struttura

sistema di monitoraggio e valutazione finanziaria.

Organizzativa

Esso riguarderà tanto il livello del Programma nel

riprogrammazione delle risorse finanziare a sua

suo complesso (sommatoria delle azioni di

disposizione in favore di ulteriori progetti qualora

monitoraggio e valutazione delle iniziative A e B),

si ritenesse necessario. Alla conclusione di ogni

quanto il livello relativo ad ogni singolo progetto o

singolo progetto, verranno quindi registrati i costi

iniziativa.

totali finali sostenuti, la relativa liquidazione di

TIPOLOGIA A – livello di progetto. Una volta

tutte le spese, le eventuali economie verificatesi.

definito l’elenco completo delle iniziative, ogni

L’attività di monitoraggio riserverà particolare

progetto identificato vedrà la registrazione del costo

attenzione al rispetto dei massimali di spesa previsti.

totale prospettato e tale dato sarà inserito in un

Sono state individuate tre procedure quali set

sistema generale di contabilità gestito dalla Struttura

minimo per il monitoraggio e la valutazione di ogni

107

una

efficace

e

pronta


singolo progetto:

mera registrazione delle spese sostenute), verrà

-

Livello di avanzamento della spesa in

monitorata e registrata l’effettiva realizzazione di

relazione alla temporalità prevista per le varie fasi

tutte le attività previste all’interno di ogni progetto.

di attuazione e completamento dell’iniziativa.

Questo permetterà inoltre un monitoraggio ed una

Questo aspetto riveste una particolare importanza

valutazione sulla capacità di programmazione e di

non solo perché permette di rilevare il costante

gestione del budget di progetto da parte del soggetto

grado di avanzamento della gestione finanziaria,

attuatore. Sarà infatti possibile mettere in relazione

ma anche perché alcune risorse (principalmente

l’eventuale variazione dei costi a fronte della

quelle provenienti dai fondi europei, da alcuni

realizzazione delle attività previste e l’eventuale

fondi nazionali e regionali) vincolano al rispetto

variazione dei dati finanziari dalla previsione

della temporalità prevista per il sostenimento delle

iniziale fino al consuntivo finale.

spese, la loro effettiva erogazione da parte dei

TIPOLOGIA B – livello di progetto. Per le iniziative

soggetti finanziatori;

affidate direttamente alla “regia locale”, si prevede

- Riprogrammazione

delle

risorse

un sistema di monitoraggio più snello poiché i

economiche e reperimento di ulteriori risorse in

soggetti attuatori non sarebbero in grado di

caso di variazione dei costi del progetto. Questo

realizzare un monitoraggio “di dettaglio” come

aspetto è cruciale nell’assicurare la corretta

quello previsto per la tipologia A. Inoltre tali

realizzazione di ogni iniziativa. La capacità di

iniziative, nel loro insieme, avranno una portata

riprogrammare velocemente le risorse economiche

economica

e quella di reperire ulteriori fonti di copertura (o

rappresentano “l’ossatura centrale” del Programma.

attribuire maggiori risorse liberatesi a particolare

Per ogni singolo progetto si prevede la registrazione

iniziative) garantirà alla Struttura Ufficiale la

del costo iniziale previsto, suddiviso in specifiche

possibilità di assicurare l’effettiva realizzazione dei

categorie di spesa (budget di progetto). Essendo

progetti previsti evitando che alcuni di essi non

iniziative che, nella quasi totalità, si svolgeranno

vengano realizzati per tempo a causa della

durante l’anno della Manifestazione è stato previsto

mancanza dei fondi necessari per le attività previste.

solo un’ulteriore livello di registrazione dei dati: alla

-

Raggiungimento dell’obiettivo prefissato in

conclusione del progetto, il soggetto locale attuatore

relazione al budget di progetto. Al fine di evitare un

invierà alla Struttura Organizzativa Ufficiale, il

controllo esclusivamente economico (ovvero la

totale dei costi effettivamente sostenuti per la

inferiore

rispetto

a

quelle

che

108


realizzazione

del

valutazione finanziaria di tutte le attività poste in

progetto). Questo dato, debitamente analizzato,

essere. Sarà quindi attivo un sistema di monitoraggio

confluirà all’interno della struttura di contabilità

e valutazione che invierà un flusso continuo di dati

generale venendo a completare il sistema di

verso la Struttura Organizzativa. Tale flusso inizierà

monitoraggio dell’intero Programma.

indicativamente a partire dal 2014 con i primi

A queste due tipologie, vanno sommati i costi

interventi infrastrutturali e seguirà fino al 2020

relativi

Struttura

quando saranno disponibili i dati finali relativi agli

Organizzativa Ufficiale. La registrazione di tali

interventi di entrambe le tipologie. Tali dati

costi, che verrà effettuata mensilmente, confluirà

confluiranno nel sistema generale di monitoraggio

nella contabilità generale del programma.

e

al

LIVELLO

delle

attività

funzionamento

DI

(consuntivo

della

PROGRAMMA.

Oggetto

valutazione

finanziaria

della

Struttura

di

Organizzativa consentendo la registrazione e la

monitoraggio e valutazione finanziaria sarà il

valutazione finale della “performance” finanziaria

Programma nel suo complesso. I dati provenienti

dell’intero Programma.

dai singoli progetti, unitamente a quelli relativi al funzionamento della struttura, permetteranno una

1. Quali sono i punti forti della candidatura della città e i parametri che giustificherebbero un suo successo come Capitale Europea della Cultura? Quali sono invece i punti deboli? Al fine di strutturale una riflessione sui punti di forza e di debolezza è stata svolta una analisi secondo il sistema metodologico Swot:

Punti di forza Elevata notorietà grazie alla Torre Pendente e a Piazza dei Miracoli, e quindi forte riconoscibilità verso l’estero;

Patrimonio storico, artistico, culturale della città di grande valore; Ricchezza culturale, scientifica e tecnologica (Scuola Normale Superiore di Pisa, Scuola Superiore Sant’Anna, CNR, Polo tecnologico di Navacchio…).

109

Punti di debolezza La potenza della loro immagine tende a nascondere le altre potenzialità insite nella città. Limitate relazioni tra i flussi turistici principali ed il resto del Centro storico; Limitata valorizzazione e comunicazione del restante patrimonio culturale, altrettanto unico e straordinario, distribuito in città e in buona parte del territorio provinciale; Livello di integrazione tra mondo accademico scientifico e tecnologico e le imprese non ottimale;


Punti di forza Presenza di un numero molto elevato di studenti universitari e quindi di risorse giovanili e talenti portatori di nuove idee; Città di eccellenza, della conoscenza e dell’innovazione

Sviluppo di nuove attività legate alla ricerca scientifica e alle nuove tecnologie, in stretta connessione con l’Università

Ampia varietà delle attrazioni del territorio: Borghi e città d’arte (San Miniato, Volterra, Lucca…);

Enogastronomia (Strada dell’olio, Vino, Tartufo…); Mare (Marina di Pisa, Tirrenia, Calambrone, Marina di Vecchiano, Versilia);

Terme e benessere (Uliveto, San Giuliano Terme, Casciana Terme…) Golf; (Tirrenia)

Natura (Parco naturale di San Rossore e riserve naturali) Posizione geografica: Vicinanza al mare

Grande facilità di spostamento, per la centralità geografica (Livorno, Lucca, Versilia, Firenze, Volterra, San Gimignano, sono facilmente e velocemente raggiungibili); Centralità nel sistema dei trasporti toscani (portuali, aeroportuali e stradali); Pisa in circa 2 ore è raggiungibile da tutta Europa.

Punti di debolezza Sebbene la città sia capace di attrarre giovani nella fase della formazione, non mostra una altrettanto efficace abilità nel trattenere nel proprio territorio i laureati, che spesso non trovano lavori corrispondenti alla preparazione universitaria conseguita. Pluralità delle immagini legate alla città e della difficile integrazione tra visioni di sviluppo diverse Difficoltà di accesso al credito o ai finanziamenti da parte di nuove imprese create da giovani post laurea, problema presente anche a livello nazionale;

I flussi turistici non sono sufficientemente indirizzati a visitare il ricco patrimonio architettonico, museale della Provincia di PISA: es. Romanico Pisano, musei della Valdera e Val di Cecina, strutture termali ecc.

Rischio che Pisa diventi più un punto di partenza per ulteriori mete che punto di arrivo Presenza di significativi flussi di mobilità di persone all’interno della città, sbilanciata verso il trasporto su gomma L’ottimo collegamento con l’aeroporto favorisce il flusso di turisti che da altre località della Toscana transita verso l’aeroporto passando per la stazione di Pisa, ma non sufficientemente intercettato dall’offerta del territorio provinciale.

110


Punti di forza Presenza di parcheggi gratuiti scambiatori e a pagamento per autobus granturismo Presenza di piste ciclabili e di un servizio di bike sharing Esistenza di una rete di pubblica lettura e

offerta libraria diversificata (Biblioteca Comunale, Biblioteca Provinciale, Biblioteche Universitarie) Spazi verdi e aperti a disposizione dei cittadini, da fruire anche per manifestazioni ed eventi temporanei Connubio fra patrimonio storico – artistico e utilizzo delle tecnologie ai fini della loro valorizzazione Mostre di Palazzo Blu Presenza di varie strutture teatrali con offerta diversificata

Presenza di numerose compagnie teatrali

Presenza di musei con offerta diversificata

Forte identità della città legata alle tradizioni storiche (Luminara, Gioco del Ponte, Regate storiche);

Punti di debolezza Oltre 50.000 autobus arrivano a Pisa al parcheggio di Via Pietrasantina e rappresentano una grande fetta del turismo mordi e fuggi che non entra quasi in città rimanendo confinato alla periferia nord; Il bike sharing non è ancora esteso fuori dalla città; Il coordinamento delle iniziative non è a livelli ottimali;

Elevati costi di manutenzione costante e programmata;

Collaborazione fra settore culturale e industrie limitata soltanto ad alcuni progetti; Offre mostre di grandissimo valore e attrattività che aiutano a rafforzare il ruolo

culturale della città ma l’integrazione con la comunicazione dell’offerta culturale della città nel suo insieme non è ottimale ; Elevati costi gestionali

Le Manifestazioni culturali e/o di intrattenimento non sempre coinvolgono in maniera adeguata i residenti; Difficoltà nel reperire adeguate risorse per il mantenimento del sistema; L’interazione tra l’associazionismo culturale legato alla tradizione e l’associazionismo culturale in senso lato non è adeguata;

Diversificazione degli assi attrattori turistici grazie Comunicazione e segnaletica da innovare agli interventi PIUSS; ulteriormente; Gli investimenti stabili e continuativi da Elevato numero di associazioni culturali parte dei privati nel mondo della cultura sono limitati; Elevata risposta del pubblico alle iniziative Potenziamento dei servizi di trasporto culturali; pubblico Offerta musicale diversificata e continuativa nel Difficoltà nella promozione di campagne di corso di tutto l’anno; comunicazione integrata

111


Opportunità

Minacce

Ritrovamento navi romane Recupero dell’area di Santa Chiara secondo il masterplan proposto dall’Arch Chipperfield, che restituirà alla città un’area a ridosso della Piazza dei Miracoli che mantiene intatta la naturale vocazione di Pisa come città aperta al mondo, città d’arte, di cultura e di sapere; Porto turistico Completamento del centro culturale SMS

Nelle politiche locali la cultura viene

troppo spesso identificata con il turismo e non come un fattore di sviluppo della

qualità della vita e del benessere economico

e della nuova biblioteca adiacente;

La città prevede di sviluppare progetti culturali particolari negli anni prossimi, indipendentemente dall’esito della sua candidatura al titolo di Capitale Europea della Cultura? Come già detto in precedenza, la città ha

-

individuato nel settore culturale uno dei

cinematografica del territorio della città: si

principali “asset” per lo sviluppo socio

prevede, tramite la sottoscrizione di accordi

economico del territorio. La presentazione

con realtà istituzionali e culturali di

della candidatura è stata l’occasione per

incoraggiare tale settore;

coordinare e mettere a sistema una rete di

-

contatti

che

produzione culturale del Teatro Verdi di Pisa

rappresenteranno la base per la futura

e la sua rete partenariale territoriale: si vuole

programmazione di medio e lungo termine.

realizzare un coordinamento tra i vari teatri

Ciò ha portato all’individuazione di alcuni

presenti sul territorio cittadino e limitrofo

temi che Pisa svilupperà nei prossimi anni:

per offrire un cartellone integrato e

-

diversificato.

e

relazioni

culturali

realizzazione del “sistema museale

recupero e sviluppo della vocazione

rafforzamento

del

di

diffuso della città”: si prevede il recupero e

- L’impegno

l’attivazione

di

all’estensione e alla concretizzazione del

particolare rilevanza storico artistica per la

ruolo centrale per il territorio del Polo di

creazione di un’offerta museale integrata e di

Produzione Lirica.

di

strutture

culturali

al

ruolo

rafforzamento,

nuovi spazi per la realizzazione di mostre ed eventi.

112


Aggiungere di seguito ogni ulteriore commento si reputi necessario al fine di sostenere la candidatura. Oltre a quanto descritto in precedenza si vogliono

dimostrato, negli ultimi anni di ben saper gestire le

sottolineare altri tre aspetti che caratterizzano la

risorse dell’Ue, rispettando i tempi di spesa e di

città di Pisa e che possono avere notevole rilevanza

rendicontazione.

per una buona riuscita della Manifestazione e il

-

successo della Capitale Europea della Cultura:

internazionali: Pisa ha, nel tempo, stretto contatti e

estesa

rete

di

contatti

nazionali

e

solidità finanziaria dell’Amministrazione

relazioni con numerose città ed enti nazionali ed

Comunale di Pisa: Pisa è Comune virtuoso, con i

internazionali, molti dei quali sono stati coinvolti

conti in regola e certificato anche dalle agenzie

nella predisposizione della candidatura. Offriamo,

internazionali (Fitch Rating e Bureau Van Dijk di

a livello sintetico un elenco delle principali

Bruxelles che nel gennaio scorso lo hanno collocato

istituzioni e città con cui sono stati predisposti

nella “fascia A” che raggruppa il 5% dei migliori

accordi di cooperazione culturale tramite la

enti locali d’Italia). Per tutto il 2012 è stato in regola

richiesta e l’ottenimento dell’adesione formale alla

con i pagamenti per le imprese e i molteplici cantieri

candidatura della città, agli atti presso gli uffici

pubblici aperti in città hanno lavorato a pieno

comunali.

ritmo.

Comuni ed Istituzioni Italiane: Provincia di Pisa e

-

capacità nella gestione dei finanziamenti

i comuni del territorio provinciale –- Prefettura di

pubblici e privati: Pisa ha dimostrato negli ultimi

Pisa – Soprintendenza per i Beni Archeologici della

anni una notevole capacità nell’intercettare e

Toscana e BAPSAE di Pisa e Livorno. Ente Parco

utilizzare i fondi europei per il recupero e la

San Rossore

riqualificazione del centro storico e dei siti di

Città ed Istituzioni Internazionali: Comune di

particolare interesse storico-culturale. Una capacità

Burgas (Bulgaria), Angers (Francia) Niles, (USA),

sottolineata anche da un’inchiesta del settimanale

Meridian (USA), Bethlehem (Palestina), Saint-

l’Espresso in cui viene descritta Pisa come «Uno

Tropez (Francia), Unna ( Germania), Rodi (Grecia),

dei pochissimi casi positivi che l’Italia può vantare

Kolding

a Bruxelles poiché i 40 milioni di euro (24 dall’Ue)

Ceca), Hanghzou ( Cina), Akko ( Israele), Santiago

destinati alla cultura sono stati investiti per

de Compostela ( Spagna), Gerico (Palestina), Ocala

rinnovare la città nel suo complesso” >>. Pisa ha

(USA), Regione di Murcia.

-

113

(

Danimarca),Olomouc

(Repubblica


Realtà Universitarie, scientifiche e di ricerca:

della ricchezza prodotta viene proprio dalle attività

Università di Pisa –Scuola Normale Superiore –

culturali, una filiera che vale 724 milioni di euro e

Scuola Sant’Anna – CNR Pisa. Accademia delle

conta su 15 mila addetti. Pisa risulta ancora al 6°

Scienze di Sofia. E’ in corso il lavoro di preparazione

posto nella classifica nazionale delle città italiane

per la sottoscrizione di un protocollo di

per qualità del tempo libero e, come emerge dalla

cooperazione culturale con la città di Sofia.

relazione annuale di Italia Oggi, questo grazie

Realtà economiche: Fondazione Piaggio, S.A.T.

all’alto numero di sale cinematografiche, librerie,

(Società Aeroporto Toscano Galileo Galilei), CTT

associazioni culturali e ricreative. Dalla classifica

(Compagnia Toscana Trasporti), Boccadarno Porto

annuale del Sole 24 Ore sulla qualità della vita nelle

spa, Navicelli spa, Pisamo spa, Fondazione Teseco.

province italiane, si rileva inoltre che Pisa nel 2013

Realtà e Fondazioni Bancarie: Banca di Credito

è al 10° posto per numero e qualità delle sue librerie

Cooperativo di Fornacette – Fondazione Pisa della

e al 16° posto per attività di spettacolo e

Cassa di Risparmio di Pisa.

intrattenimento culturale; dati questi ultimi che

Numerose indagini e ricerche dimostrano come la

devono essere letti tenendo presente la dimensione

città, nonostante le dimensioni limitate, si trovi

della città che si trova a competere in classifica con

spesso ai primi posti nelle classifiche nazionali.

metropoli della dimensione di Milano e di Roma.

Pisa,

dalla

Analizzando il dato tenendo conto della proporzione

Fondazione Symbola per Unioncamere , si colloca

tra offerta culturale e densità di popolazione, il

al 9° posto tra le migliori province italiane per

posizionamento

ricchezza prodotta dalla cultura e seconda in

ulteriormente avanti, occupando i primissimi posti.

secondo

uno

studio

realizzato

in

classifica

vedrebbe

Pisa

Toscana nella classifica nazionale. La cultura è uno dei motori primari dello sviluppo della città, lo studio evidenzia come a Pisa e provincia il 6,8%

6- Inchiesta firmata da Francesca Sironi, con la collaborazione di Mario Lancisi, intitolata “Un miliardo buttato” e dedicata all’incapacità dell’Italia di sfruttare l’opportunità dei finanziamenti europei per valorizzare il proprio patrimonio culturale.

114


APPENDICI

115


ALLEGATO A DOSSIER DI CANDIDATURA “Pisa dal fiume, al mare, all’Europa. Navigazione fra tradizione e innovazione”. PROGRAMMA DELLA MANIFESTAZIONE - descrizione dell’avvenimento: “MUSEO delle NAVI ANTICHE di PISA e CENTRO DI RESTAURO DEL LEGNO BAGNATO DI PISA”. Vedi descrizione nel Dossier di candidatura (pagina n…..); - descrizione dell’avvenimento: “FABBRICA COMPLESSO MONUMENTALE DEL DUOMO E CAMPOSANTO MONUMENTALE”. Vedi descrizione nel Dossier di candidatura (pagina n…..);

- descrizione dell’avvenimento: MOSTRA ITINERANTE “LA CERAMICA E IL MEDITERRANEO MEDIEVALE: UN MARE DI SCAMBI DI CULTURE Vedi descrizione nel Dossier di candidatura (pagina n…..);. - descrizione dell’avvenimento: “NAVIGAZIONE NELLA PERCEZIONE DELLA VISIONE DELL’ARTE E IL WEB”. Vedi descrizione nel Dossier di candidatura (pagina n…..);

- descrizione dell’avvenimento: “LA VOCE DELLA LUNA”. Vedi descrizione nel Dossier di candidatura (pagina n…..);

- descrizione dell’avvenimento: “FESTIVAL DEL TEATRO: ARS NAVIGANDI”. Vedi descrizione nel Dossier di candidatura (pagina n…..); - descrizione dell’avvenimento: “FESTIVAL DEL TEATRO: IL TRIONFO DELL’ARNO”. Vedi descrizione nel Dossier di candidatura (pagina n…..);

- descrizione dell’avvenimento: “FESTIVAL DEL TEATRO: RETONE JEUX/BOCCADARNO”. Vedi descrizione nel Dossier di candidatura (pagina n…..);

- descrizione dell’avvenimento: “FESTIVAL DEL TEATRO: SPETTACOLO DELLA EUROPEAN SCHOOL FOR ART OF ACTOR”. Vedi descrizione nel Dossier di candidatura (pagina n…..);

- descrizione dell’avvenimento: PROGETTO“PISA CINEMA”. Vedi descrizione nel Dossier di candidatura (pagina n…..);

- descrizione dell’avvenimento: PROGETTO “EUROPA DELLE MIGRAZIONI DI IERI E DI OGGI” Cicli cinematografici, proiezioni, retrospettive, spettacoli. Il progetto prevede di organizzare a Pisa un festival e iniziative di spettacolo collegati al tema delle migrazioni nel territorio europeo. L’Europa nei secoli è stata caratterizzata da un continuo flusso migratorio interno: dall’espansione della civiltà greco - romana fino alle pene-

116


trazioni dei popoli del Nord e dell’Est europea. Al contempo è stata destinazione di spostamenti di numerosi popoli che dal continente africano a quello asiatico si sono trasferiti all’interno del suo territorio. Infine l’Europa stessa ha generato un flusso di “migranti” che ha contribuito alla conoscenza del mondo moderno così come oggi lo intendiamo: le traiettorie verso le indie; la “scoperta” del nuovo mondo. L’iniziativa si realizzerà durante tutto l’anno 2019 in varie località a seconda del tipo di iniziativa prevista: spettacoli di teatro – proiezioni cinematografiche – spettacoli musicali -momenti di approfondimento. Tale iniziativa vedrà la collaborazione di realtà locali e di tutto il territorio coinvolto nella manifestazione. - data e luogo: Pisa in varie strutture, durante l’anno 2019.

- partner del progetto: Comune di Pisa, Studio Comin srl, Associazione Arsenale;

- finanziamento: €. 30.000,00- Risorse Pubbliche.

- descrizione dell’avvenimento: “ARCHITETTURE DI LUCE”. Vedi descrizione nel Dossier di candidatura (pagina n…..);

- descrizione dell’avvenimento: MOSTRA INTERNAZIONALE“L’INFLUENZA DEI PRE RAFFAELLITI IN EUROPA”. Vedi descrizione nel Dossier di candidatura (pagina n…..);

- descrizione dell’avvenimento: PROGETTO “MASACCIO”. Si tratta di un’iniziativa di alto valore culturale che si vuole realizzare per la celebrazione della nomina di Pisa a Capitale Europea della Cultura 2019. Il progetto, in connessione con quello relativo alle mostre e localizzazione su Pisa di spazi espositivi diffusi sul territorio, vorrebbe portare al completamento (per il possibile) del Polittico del Masaccio grazie ad una collaborazione fra il Museo di San Matteo di Pisa, lo Statiche Museen di Berlino, il Museo di Capodimonte a Napoli, la National Gallery di Londra, il Getty Museum di Los Angeles. - data e luogo: Pisa, entro il 2019.

- partner del progetto: Comune di Pisa Soprintendenza BAPSAE di Pisa e Livorno, Museo di San Matteo di Pisa, Statiche Museen di Berlino, Museo di Capodimonte a Napoli, National Gallery di Londra, Getty Museum di Los Angeles.

- finanziamento: Il progetto, di eccezionale complessità e delicatezza è ancora in fase di definizione. Risorse Pubbliche, Risorse Private, Sponsor.

117

- descrizione dell’avvenimento: PROGETTO “GALLERIA VIRTUALE DELLE SCULTURE DI GIOVANNI E NICOLA PISANO”. Il progetto, spinto dal filone che riconnette la “cultura del passato alle innovazioni tecnologiche legate alla fruizione culturale di ogni tempo, è ideato in collaborazione fra Opera della Primaziale Pisana e Scuola Superiore Sant’Anna (TeCIP, Istituto di Tecnologie della Comunicazione, dell’Informazione e della Percezione). Si propone di creare un sistema di visualizzazione “immersivo” per la fruizione di modelli digitali della scultura degli artisti Nicola e Giovanni Pisano. Prevede la scansione in 3D delle opere dei due scultori conservate presso l’Opera Pisana e di quelle conservate presso altre istituzioni europee (come simbolico legame e numero-


se città dell’Europa, a livello culturale e artistico). Sarà realizzato uno “spazio espositivo” dotato di un particolare sistema di visualizzazione realizzato dal Laboratorio PERCRO, al quale potranno accedere i cittadini e i visitatori della manifestazione; tale localizzazione offrirà un’ulteriore elemento qualificante dell’esperienza tramite il suo “carattere di scenario” suggestivo e altamente conoscitivo. Questa tecnologia e tipologia di progetto saranno replicabili in altri spazi e città coinvolte nella manifestazione. - data e luogo: Pisa, febbraio – aprile 2019.

- partner del progetto: Comune di Pisa, Scuola Superiore Sant’Anna e Opera della Primaziale Pisana. - finanziamento: €. 55.000- Risorse Private, Sponsor.

- descrizione dell’avvenimento: “PERCORSO DI ANIMAZIONE MURA STORICHE”. Il progetto rappresenta, dal punto di vista delle attività e dei contenuti, l’ideale completamento dell’operazione infrastrutturale di recupero dell’antica cinta muraria della città di Pisa. In un’ottica di “percorso” che recupera le testimonianze del passato collegandoli alle contemporanee forme di fruizione artistica, compagnie di giovani artisti animeranno il circuito murario con racconti e piccoli spettacoli negli spazi dei bastioni, in più lingue e con sussidi audiovisivi nei vari punti di sosta. - data e luogo: Pisa maggio – settembre 2019, la cinta delle Mura della Città di Pisa. - partner del progetto: Comune di Pisa

- finanziamento: €. 30.000- Risorse Pubbliche.

- descrizione dell’avvenimento: PROGETTO“ARTE CONTEMPORANEA. DEDICATED TO KEITH HARING”. Vedi descrizione nel Dossier di candidatura (pagina n…..);

- descrizione dell’avvenimento: PROGETTO ARTE CONTEMPORANEA“RESIDENZE DI ARTISTI”. Vedi descrizione nel Dossier di candidatura (pagina n…..); - descrizione dell’avvenimento: “PISA-CHINA ARTS FESTIVAL”. Vedi descrizione nel Dossier di candidatura (pagina n…..);

- descrizione dell’avvenimento: “PROGETTO FESTIVAL INTERNAZIONALE DELL’OPERA LIRICA” Vedi descrizione nel Dossier di candidatura (pagina n…..); - descrizione dell’avvenimento: “BOCELLI & FRIENDS”. Vedi descrizione nel Dossier di candidatura (pagina n…..);

- descrizione dell’avvenimento: “FESTIVAL DEL MEDITERRANEO”. Vedi descrizione nel Dossier di candidatura (pagina n…..);

118


- descrizione dell’avvenimento: “PROGETTO L’ORCHESTRA INVISIBILE” Vedi descrizione nel Dossier di candidatura (pagina n…..); - descrizione dell’avvenimento: “CAVE EXPERIENCE, BASTIONE DEL PARLASCIO – LA MOSTRA INTOCCABILE”. Vedi descrizione nel Dossier di candidatura (pagina n…..);

- descrizione dell’avvenimento: “ATELIER WEAREABLE COMPUTING”. Vedi descrizione nel Dossier di candidatura (pagina n…..); - descrizione dell’avvenimento: “MOSTRA INTERNAZIONALE SULLA GRAFICA E SUL FUMETTO”. Il Palazzo Lanfranchi (sede del Museo della Grafica) ed altri luoghi del territorio coinvolto nella manifestazione, ospiteranno questo evento rivolto all’approfondimento e la conoscenza delle tematiche relative alla grafica e alle forme di comunicazione ed espressione artistica ad esse connessa. In particolare, in stretta connessione con la direzione del “Lucca Comics”, è previsto un approfondimento tematico relativo all’arte del fumetto e alle sue espressioni nazionali, europee ed internazionali. - data e luogo: Pisa, le prime due settimane di ottobre 2019 in vari spazi della città e del territorio coinvolto dalla Manifestazione; - partner del progetto: Comune di Pisa, Comune di Lucca, Lucca Comics. - finanziamento: €. 70.000,00- Risorse Pubbliche, Sponsor.

- descrizione dell’avvenimento: “FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL LIBRO”. L’evento prevede la realizzazione nella città di Pisa di un grande festival internazionale del libro. L’iniziativa prevede: la presentazione di opere ed autori locali ed internazionali, momenti di incontro e approfondimento, premiazione di opere distinte in varie sezioni. L’iniziativa è pensata come un appuntamento a cadenza annuale. In particolare il 2019 vedrà come paese ospite la Bulgaria e prevede l’invito di autori provenienti da quel paese che presenteranno le loro opere. Analogamente, è prevista un’iniziativa di diffusione di autori e opere italiane presso la città che sarà selezionata come Capitale Europea della Cultura per il 2019 in Bulgaria. All’interno dell’evento è programmata una apposita sezione tematica che vedrà la presentazione di opere di giovani autori provenienti dalle varie città partner della manifestazione. - data e luogo: Pisa, Palazzo dei Congressi nella prima settimana di novembre 2019. - partner del progetto: Fondazione Pisa, Comune di Pisa. - finanziamento: €. 30.000- Risorse Private.

- descrizione dell’avvenimento: “CENTRO INTERNAZIONALE DI STUDIO SULLA DEMOCRAZIA”. Vedi descrizione nel Dossier di candidatura (pagina n…..);

119

- descrizione dell’avvenimento: “CONVEGNI E WORKSHOP INTERNAZIONALI “LE FORME DI GESTIONE E CONSERVAZIONE DEI MONUMETI LEGATI ALLE CELEBRAZIONI RELIGIOSE”. Pisa, l’Italia, il bacino del Mediterraneo e l’Europa sono caratterizzati dalla presenza di numerose strut-


ture dedicate al culto, dalle diverse caratteristiche architettoniche (Chiese, Moschee, Templi ecc.), che testimoniano le numerose diversità religiose esistenti. L’Opera della Primaziale Pisana è la capofila dell’”Associazione Fabbricerie d’Italia” (che racchiude le più importanti realtà del paese come per fare alcuni esempi: Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano- Procuratoria di San Marco a Venezia- Fabbrica del Duomo di Monreale ecc) e fa parte del network europeo che riunisce le più importanti realtà internazionali (come ad esempio il Sacro Cuore di Parigi). L’iniziativa prevede di organizzare a Pisa convegni con i gestori e capi delle maestranze delle principali Cattedrali Europee e degli altri luoghi di culto sui seguenti temi: Esperienze di gestione a confronto; Conservazione programmata. - data e luogo: Pisa, Febbraio 2019.

- partner del progetto: Comune di Pisa, Opera Primaziale di Pisa, Associazione Fabbricerie d’Italia, Sacro Cuore di Parigi, Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano, procuratoria di san marco a Venezia, santa Croce di Firenze.

- finanziamento: €. 100.000,00- Risorse Pubbliche.

- descrizione dell’avvenimento: “CICLO DI STUDI ED INIZIATIVE “GALILEO E IL METODO SCIENTIFICO SPERIMENTALE”. Una serie di eventi dedicati a Galilelo Galiei, alla diffusione della cultura scientifica europea e all’accettazione del metodo scientifico da lui sperimentato. Si approfondirà la figura di Galileo al fine di ricavare un modello per la comparazione e lo sviluppo di una ricerca scientifica internazionale. Sarà evidenziata Vogliamo evidenziata l’influenza generata dal dibattito che lo ha visto protagonista assieme ad altri scienziati europei e come questo abbia posto le basi dell’attuale comunità scientifica europea e internazionale.

- data e luogo: Le iniziative previste da questo progetto si svolgeranno nel corso dei mesi di settembre-ottobre-novembre 2013. L’iniziativa si svolgerà negli spazi della Domus Galileiana ed in quelli della Cittadella delle Scienze. - partner del progetto: Scuola Normale Superiore di Pisa e il suo network di università europee ed internazionali, e la Domus Galileiana. - finanziamento: €. 100.000 Risorse Pubbliche.

- descrizione dell’avvenimento: “PREMIO EUROPA PER IL TEATRO” Vedi descrizione nel Dossier di candidatura (pagina n…..);

120


ALLEGATO “B” DOSSIER DI CANDIDATURA “Pisa dal fiume, al mare, all’Europa. Navigazione fra tradizione e innovazione”. DETTAGLIO SULLA SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA Elenco delle realtà che hanno aderito alla candidatura: Realtà economiche: Fondazione Piaggio, S.A.T. (Società Aeroporto Toscano Galileo Galilei), CTT (Compagnia Toscana Trasporti), Boccadarno Porto spa, Navicelli spa, Pisamo spa, Fondazione Teseco. Realtà e Fondazioni Bancarie: Banca di Credito Cooperativo di Fornacette – Fondazione Pisa della Cassa di Risparmio di Pisa. Comuni ed Istituzioni Italiane: Provincia di Pisa e Comuni del territorio provinciale – Prefettura di Pisa – Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana e BAPSAE di Pisa e Livorno - Ente Parco San Rossore Città ed Istituzioni Internazionali: Comune di Burgas (Bulgaria), Angers (Francia) Niles, (USA), Meridian (USA), Bethlehem (Palestina), Saint-Tropez (Francia), Unna ( Germania), Rodi (Grecia), Kolding ( Danimarca),Olomouc (Repubblica Ceca), Hanghzou ( Cina), Akko ( Israele), Santiago de Compostela ( Spagna), Gerico (Palestina), Ocala (USA), Regione di Murcia. E’ in corso il lavoro di preparazione per la sottoscrizione di un protocollo di cooperazione culturale con la città di Sofia Realtà Universitarie, scientifiche e di ricerca: Università di Pisa –Scuola Normale Superiore – Scuola Sant’Anna – CNR Pisa - Accademia delle Scienze di Sofia..

121


Progetto di candidatura di Pisa a Capitale Europea della Cultura - versione definitiva  

La navigazione fra tradizione e innovazione è il titolo prescelto per indicare il tema del progetto di candidatura di Pisa a capitale Europe...

Advertisement