Issuu on Google+

4 | ARGOMENTI

Un frutto “mitico” Mele: di cotte e di crude

Nella mitologia greca Gaia, la Madre Terra, regalò a Zeus ed Era un albero carico di mele d’oro per il loro matrimonio. Le mele d’oro di quell’albero divennero il centro di storie d’amore, tentazione e corruzione, dal rapimento di Elena di Troia al matrimonio di Atlanta. Anche nelle bibliche vicende di Adamo ed Eva nell’Eden, il paradiso è un giardino in cui abbondano gli alberi da frutto, e la mela è la regina del giardino. Da sempre simboleggia amore, bellezza, fortuna, salute, saggezza, ma anche tentazione, sensualità, virilità e fertilità. Un frutto multiforme e multisapore: sia nella polpa sia nella buccia sono presenti eteri, tannini, alcoli, aldeidi e un elevato numero di terpeni che rendono infinitamente vario il profumo e il sapore delle mele. Anticamente le mele venivano considerate l’ideale fine pasto: avevano un gusto squisito e aiutavano la digestione. Oggi sappiamo che la mela assorbe le tossine dell’intestino e le elimina, e pulisce persino i denti per merito dell’azione della sua polpa granulosa e dei suoi componenti antiossidanti. La mela cotta è di facilissima digestione, adatta alla convalescenza di grandi e piccini. In ogni 100 grammi di prodotto commestibile sono mediamente contenuti, per un totale di circa 45-50 calorie: circa 85 grammi d’acqua, 11 grammi di zuccheri di diverso tipo, tra cui fruttosio, glucosio, e saccarosio, 2 grammi di fibre, circa 4 grammi di sali minerali tra cui potassio, zolfo, fosforo, calcio, magnesio, sodio, ferro. Abbondano anche le vitamine: C, PP, B1; B2, A. Insomma, la mela è gustosa, ricca d’acqua e vitamine, sa ridare giovinezza ai tessuti e mantenere un generale benessere fisico: che mito!

INFO Come contattare e visitare la cucina Seribo Potete contattarci via e-mail scrivendo a info@seribo.it o consultando il sito www.seribo.it che - come detto in prima pagina - diventerà il mezzo di comunicazione per eccellenza con tutti voi. Si conferma inoltre la bella novità dell’anno scorso. Le famiglie e le scuole possono venire a visitare il centro pasti Nuovo Fossolo dove un divertente percorso didattico vi guiderà in una esplorazione molto “aerea” della grande cucina Seribo. Il simpatico cuoco Petronio vi accompagnerà in questo vaggio. Nell’ambito di questa iniziativa, Seribo ha attivato un servizio navetta gratuito per venirvi a prendere e poi riaccompagnarvi a scuola.

Come iscriversi alla mailing list Ricevere il menu bimestrale è molto facile. Nella home page di www.seribo.it bisogna cliccare in basso a destra nella “pagina”, sul banner Iscriviti alla mailing list. Basterà selezionale il centro pasti di interesse e inserire il proprio nome e cognome e un indirizzo email, lo stesso a cui verrà spedito il menu.

Nutrizione in linea

Seribo in trasparenza

Un anno a porte aperte, come quello in arrivo Tra le tante novità che negli ultimi anni siamo riusciti -pur tra mille difficoltà e risorse da dosare con attenzione- a proporre alle famiglie dei bambini che mangiano nelle scuole bolognesi, il percorso di visita del centro pasti Nuovo Fossolo è quello che ci rende più orgogliosi e quello che ci regala più soddisfazioni. E i bellissimi disegni dei nostri piccoli visitatori, che abbiamo appeso nei corridoi del centro, sono lì a testimoniarlo. Tutta la struttura è stata pensata per poter preparare con efficienza e in un ambiente piacevole per i lavoratori tutti i piatti che serviamo in tante scuole, ma al contempo è stato previsto che dalle vetrate che si affacciano sull’ampia area di preparazione dei pasti si possa seguire in sicurezza e in allegria ogni passaggio della lavorazione di cibi, dal taglio al cubettamento, dalle macinature e panature che facciamo rigorosamente “in casa” e in giornata, fino alla cottura nei nostri speciali forni o sulle innovative griglie del centro. Guidati dal cuoco Petronio e da tanti personaggi amici, sono venuti a visitarci oltre 1200 bambini di 45 classi diverse da tante scuole bolognesi, accompagnati dagli insegnanti e dai genitori che si sono voluti unire. Vi aspettiamo numerosi anche nell’anno scolastico appena iniziato!

Siti consigliati dal Prof. Eugenio Del Toma: • w ww.inran.it (Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione) • w ww.sinu.it (Società Italiana Nutrizione Umana) • w ww.piramideitaliana.it (a cura del Dipartimento di Fisiopatologia Medica Sezione Scienze dell’Alimentazione Università La Sapienza, Roma)

T 051 6191154 www.seribo.it info@seribo.it CPP Casteldebole: T 051 6191154 | F 051 6199402 CPP Erbosa: T 051 379190 | F 051 353820 CPP Nuovo Fossolo: T 051 2861005 | F 051 2861019 TAVOLA ROTONDA © 2012 Seribo, Bologna Progettazione e coordinamento editoriale: Kitchen Stampato su carta ecologica da Data Mec Foto reportage: Claudia Marini

tavolarotonda Dialoghi con la mensa scolastica 20/12

www.seribo.it


da g

enn

aio

201

3 so

tavolarotonda tavola rotonda © seribo bologna | anno VI | n. 20 | novembre 2012 | www.seribo.it | info@seribo.it

20/12

lo s

uw

Dialoghi con la mensa scolastica: dalla carta al www

editoriale

CONDIMENTI del Prof. Eugenio del Toma

Tavola rotonda e digitale

Verdure di velluto

Puntiamo su tecnologia ed ecologia, e il menu sarà anche quotidiano Il giornale che tenete in mano ha sempre avuto lo spirito della condivisione. Da queste poche pagine abbiamo raccontato tante fasi, ricette e curiosità sulla preparazione dei pasti dei vostri bambini. I tempi cambiano, le tecnologie evolvono e Bologna è una città molto “digitale”. Così, proprio per facilitare i dialoghi con la mensa scolastica abbiamo deciso che il momento è propizio per passare a parlare con voi sul mezzo tempestivo, aggiornato ed “ecologico” per eccellenza: internet. Il nuovo sito web www.seribo.it diventerà il mezzo privilegiato di comunicazioni alle famiglie dell’azienda di ristorazione scolastica bolognese: una evoluzione impostata da Seribo con la condivisione del Comune di Bologna. Da gennaio 2013 quindi non riceverete più a casa Tavola Rotonda con il menu stampato, ma sul sito potrete iscrivervi alla mailing list per ricevere automaticamente il menu bimestrale nella vostra casella di posta elettronica. Con una comodità in più. Su www.seribo.it avrete sempre a disposizione anche il menu del giorno, proprio quello della scuola che frequenta vostro figlio o vostra figlia. Con un agile sistema di ricerca potrete scoprire in pochi passaggi i piatti del giorno. Sul sito troverete inoltre tutte le comunicazioni ai genitori in tempo reale. Per domande personali e curiosità puntuali, la nostra linea diretta resta aperta, naturalmente. Sul sito avrete sempre a portata di mano i nostri contatti: i numeri di telefono o l’indirizzo email info@seribo.it che garantisce sempre una rapida risposta. Buona navigazione!

eb

Le nuove creme di verdure e legumi

Pochi sanno che le raccomandazioni nutrizionali fornite dagli esperti governativi di tutto il mondo hanno in comune il concetto della varietà alimentare. Anche le apposite Linee Guida italiane riportano tra i 10 capoversi basilari sia “Varia spesso le tue scelte a tavola”, sia “Più cereali, legumi, ortaggi e frutta”. La monotonia dei soliti piatti, senza varianti e con poca attenzione alla stagionalità e alle produzioni locali, non solo stanca i consumatori ma non trova il consenso dei nutrizionisti. L’uomo è un onnivoro che dall’alternanza dei cibi ricava, senza bisogno di integratori, la completezza dei tanti nutrienti, calorici o protettivi, di cui ha bisogno. Dopo questa precisazione non rimane altro che plaudire all’iniziativa di riproporre in forma genuina e più accattivante (ovvero, come creme “tecnologicamente evolute”), il patrimonio italiano di verdure, legumi e cereali. I genitori sanno, specialmente quando non sono loro stessi dei consumatori abituali di verdure, quanto sia difficile far accettare ai ragazzi minestre e contorni di verdure. Eppure, questo sforzo va fatto, tanto più oggi che la ricerca scientifica ha documentato i vantaggi per la salute di un maggior consumo giornaliero di verdure. Le creme vegetali, elaborate direttamente da Seribo, perciò senza additivi né conservanti, sono una risposta coerente per dare ai ragazzi un prodotto vegetale che sapientemente “camuffa” il tutto, dalla zucca alle carote, in una gradevole minestra cremosa.


2 | ingredienti di un dialogo

Crema delle mie brame Comode, colorate, cremose: le nuove preparazioni attese con fiducia Anno nuovo, ricette nuove. Abbiamo chiesto a mamme e papà nei primissimi giorni di scuola che previsione hanno per l’accoglienza delle salutari creme di verdure e legumi, inserite con ancora più varietà e frequenza nel menu della mensa. Con qualche dubbio su quelle verdi, i pronostici sembrano favorevoli.

Le creme di...

Debora Bussolari Mamma di Giada Scuola Dozza Mia figlia qualcosa di “passato” lo mangia già. Non che le verdure siano il suo piatto preferito, ma alla fine le mangia. Certo, meglio lavorate che a pezzi interi, quindi benissimo i brodini e tutte le preparazioni simili. Per il resto, non ho altre curiosità perché ho guardato il menu e l’ho trovato vario; lei dice sempre che mangia tutto tutto, quindi sono soddisfatta.

PISELLI

•p  atate •p  iselli •p  armigiano reggiano o emmenthal • latte •b  urro • c ipolla •o  lio di oliva • c rostini

PARMANTIER

•p  atate •e  mmenthal • latte •b  urro •o  lio di oliva • c ipolla • c rostini

Tania Balboni Mamma di Sofia scuola Gida Rossi Se togliamo il verde come colore di base, le creme verranno certo accolte meglio! Quindi punto molto su quella di carote, ma quelle verdi... In ogni caso zuppe e creme sono benvenute, e credo che generalmente i bimbi le mangino. Leggo invece dal menu che c’è un po’ troppo spesso la pasciasciutta. Lo so che poi ai bambini la pasta in bianco piace, però qualche pasta e fagioli in più, o qualche condimento che non sia il pomodoro... Anche i ceci, per esempio, che non sono verdi! E pure il cous cous, certo: promosso! Maria Scorza Mamma di Luca scuola Gida Rossi Io le creme le faccio spesso, anche per stasera ho preparato vellutata di carote e zucchine, Luca ne va matto. Hanno un doppio vantaggio: tanti nutrienti pre-

zucca e carote

• patate • zucca • carote • parmigiano reggiano o emmenthal • latte • burro • cipolla • olio di oliva • crostini

CAROTE

• patate • carote • emmenthal • latte • burro • cipolla • olio di oliva • crostini

ziosi senza grassi e una estrema praticità. E poi sono coloratissime: arancioni, verdi... Quindi la mia previsione è che verranno accettate con favore. Non mi vengono altre curiosità sulla mensa perché come tante mamme tra lavoro, casa e due bimbi è una sfida continua! Però vedo il menu molto equilibrato e sono tranquilla. E queste creme di verdure mi sembrano una botta di salute! Stefano Schiavina papà di Chiara Scuola Dozza Le creme mi vanno benissimo, perché mia figlia le ha provate anche a casa ed è andata bene. Le abbiamo introdotte più per variare che per dare delle verdure, visto che Chiara le magia lo stesso. In cucina io sono un po’ limitato, per me una volta che la pancia è piena sono a posto. E anche mia figlia fa davvero poche storie. Se proprio la pappa non è stracotta, scondita o troppo condita non ci sono problemi. Una mia foto? No, per favore, non mi piace apparire! Basta il nome...

CANNELLINI CON BROCCOli

• patate • cannellini secchi • broccoli • olio di oliva • cipolla • sedano • crostini

spinaci

• patate • spinaci • emmenthal • latte • burro • cipolla • olio di oliva • crostini

tavolarotonda Dialoghi con la mensa scolastica 20/12

LEGUMI CON FARRO E LENTICCHIE

• fagioli secchi • ceci secchi • farro • lenticchie secche • olio di oliva • carota • sedano • cipolla • prezzemolo

pomodoro

• patate • pomodoro S. Marzano • emmenthal • latte • burro • cipolla • sedano • olio di oliva • crostini

www.seribo.it


REPORTAGE | 3

Cous cous, verdure e fantasia Dalla tradizione mediterranea un piatto gustoso e colorato

Le verdure fresche sono lavate

Le verdure vengono cotte

e cubettate in pezzi omogenei con una delle macchine della grande cucina Seribo, con lo stesso risultato che ha ottenuto il nostro cuoco nell’immagine.

nei nostri forni speciali per garantire il perfetto equilibrio tra morbidezza e croccantezza, e per conservare vividi i colori di ogni ortaggio.

Il cous cous viene cotto

Verdure e cous cous

con acqua bollente e poi sgranato con delicatezza una volta che tutta l’acqua è stata assorbita, per fare in modo che ogni chicco sia staccato dall’altro.

vengono amalgamati e così sono serviti nelle scuole per un piatto che ha i colori, i sapori e i profumi del nostro mediterraneo.

www.seribo.it

Dialoghi con la mensa scolastica 20/12

tavolarotonda


TavolaRotonda - n 20