Page 1

 

La conquista  del  presente:     Il  portiere  e  lo  straniero.   Camus:  dalla  voce  al  suono  nella  scrittura     mercoledì  7  maggio  ore  18.00   Incontro  con  Emanuele  Santi,   Annio  Gioacchino  Stasi  e  Mery  Tortolini  

"Per la   mano   che   scrive,   è   forte   il   richiamo   della   linea   d’un   altro   che   lontano   scrive.   E’   distanza,   è   solitudine,   è   silenzio   ?   E’   forse   il   suono,   senza   suono   che   distingue   ogni   voce   ?   Ci   siamo   chiesti   questo   e   altro   ancora   una   sera   guardandoci   negli   occhi.   Giocavamo   in   campo   aperto,   nelle   posizioni   d’   attacco   e   difesa  che  hanno  forte  in  petto  il  barbaro  coraggio  del  cuore  adolescente.  Chissà  chi  avrebbe  raccolto  la   traiettoria  d’un  lungo  lancio  da  campione:  la  testa  o  il  piede  ?  Gonfiare  quella  rete  silenziosa  fa  urlare  gioia   e  canto  alla  folla  mormorante:  Camus,  lo  straniero,  la  porta  vuota,  il  volto  di  lei,  l’attesa;  e  noi,  sospesi  nel   tuffo  della  mano  dormiente.”   Annio  Gioacchino  Stasi  e  Mery  Tortolini     Classe   1970,   lavoratore   aeroportuale   turnista,   Emanuele   Santi   è   a   un   solo   esame   dalla   laurea   in   Giurisprudenza.   Ha   pubblicato   due   brevi   romanzi:  Memorie   di   un   pony  express  (Ibiskos,   2007)   e  L’Attore  (MJM,   2010).   Dal   2008   cura   la   rubrica   Calcio   mancino   sul   settimanale   “left”   e   fino   al   2010   è   stato  collaboratore  del  quotidiano  ecologista  “Terra”,  organo  d’informazione  della  Federazione  dei  Verdi.   Vive  tra  Roma  e  Barcellona  dove,  appena  può,  vola  da  suo  figlio  Valerio.       Se   in   campo   con   la   maglia   numero   uno   c’è   Albert   Camus,   è   il   caso   di   dire   che   quello   del   portiere   è   il   ruolo   più  letterario  del  calcio.  E  non  banalmente  perché  vinse  il  premio  Nobel  per  la  letteratura,  ma  perché  chi   gioca   tra   i   pali   sviluppa   la   capacità   di   osservare   da   un   punto   di   vista   diverso:   da   dietro,   dall’alto   di   un   volo   sotto  la  traversa,  strisciando  sui  gomiti  o  raggomitolato  con  la  terra  in  bocca.  Il  portiere,  come  lo  scrittore,   è  l’estremo  difensore,  è  solo,  e  la  sua  visione  del  mondo  è  quella  di  chi  si  oppone,  lotta  e  si  arrende  per   ultimo.   Attraverso   una   scrittura   mai   scontata,   Emanuele   Santi   intreccia   la   storia   del   calcio   e   quella   dell’Algeria   ancora   colonia   francese   con   gli   anni   dell’infanzia   e   dell’adolescenza   di   Camus,   mostrando   come  proprio  le  memorie  vive  di  portiere  abbiano  favorito,  se  non  determinato,  la  scrittura  di  un  romanzo   dirompente  e  immortale  come  Lo  straniero.     L’incontro  è  parte  delle  attività  del  laboratorio  di  scrittura  creativa  condotto  da  Annio  Gioacchino  Stasi  e   Mery  Tortolini  presso  il  Bibliocaffè  Letterario.  

Nel     successo  del  romanzo  Ferro  bel  mezzo  di  un’invidiabile   carriera  in  una  multinazionale  farmaceutica,   cambia  vita  eL  etterario   si  dedica  alla  -­‐  Via  Ostiense,95  -­‐  Tel.  06  45460710  -­‐  bibliocaffe@bibliotechediroma.it   Bibliocaffè   scrittura  e  alla  traduzione.  Nel  2012   ha  pubblicato  la  raccolta  di  racconti  

Approfondimento 7 maggio  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you