Page 18

44 Domattina scenderò dalla croce del verso (L.M. Panero) 45 La murena del Neckar, che è bianca come il verso (I. Pravo) 46 Schibboleth de Las Canteras il Schibboleth (I. Pravo) 47 Lallen und lallen. Laleîn, in greco (I. Pravo) 48 Le unghie lunghe, le unghie dei morti (I. Pravo) 49 Orina (I. Pravo) 50 Che cosa strana il pianto (L.M. Panero) 52 La vita è sporcizia che insudicia la morte (L.M. Panero) 53 Death you shall die (L.M. Panero) 54 I bimbi sporcano il ventre della madre (L.M. Panero) 55 Nulla ha peggior odore della speranza (L.M. Panero) 56 A-pollá, se forma di giustizia (I. Pravo) 57 Cerebrum non habet (I. Pravo) 58 La stanchezza ti ha aperto il volto (I. Pravo) 59 O ciò che non è mai stato non lo è stato (I. Pravo) 60 Oh carcere dell’è, copula del manicomio (I. Pravo) 61 Che strana cosa il poema (L.M. Panero) 62 Non so cosa voglio e cosa sia (L.M. Panero) 63 Ho sognato l’uomo che non esiste (L.M. Panero)

Profile for Società Editrice Fiorentina

Senz’arma che dia carne all’imperium  

Quella di Ianus Pravo è una poesia che ‘si svincola’. Alla lettura, si è immersi in un agone. Vi è rappresentata la lotta particolare dell’a...

Senz’arma che dia carne all’imperium  

Quella di Ianus Pravo è una poesia che ‘si svincola’. Alla lettura, si è immersi in un agone. Vi è rappresentata la lotta particolare dell’a...

Advertisement