Issuu on Google+

portfolio

S_M

sebastiano mazzaggio

sebastiano.mazzaggio@gmail.com

press CTRL+L (pc) or CMD+SHIFT+F (mac) for a better view

aprile 2013


presentazione

03

curriculum vitae

04

.a

PADIGLIONI ESPO, Valencia, Spagna progetto universitario, UPV

.b mini_MUSEO, Valencia, Spagna

8

.g RIQUALIFICAZIONE INGRESSO OSPEDALE

23

.h PIAZZA MATTEOTTI MEGLIADINO SAN VITALE

25

progetto universitario, UPV

.c .d .e .f

CASA=PONTE, Venezia, Italia

11

ART_PARK, Danzica, Polonia

13

AREA DISMESSA, Mestre, Venezia

19

Touch Fair Pavillon, Expo Riva Schuh, Riva del Garda

20

progetto universitario, IUAV

progetto universitario, IUAV progetto universitario, IUAV

Workshop universitario, IUAV

5

concorso di idee

concorso di idee .i

TESI DI LAUREA: Parco della pace, dal molin Vicenza

27


presentazione

Da quando ho iniziato l’università mi sono sempre passate per la testa due semplici domande, “PERCHE’” e “COME”; specialmente in architettura credo che un buon edificio, per essere definito tale, debba riflettere le risposte a queste domande. Cerco un lavoro interessante che permetta di confrontarsi con realtà diffferenti (europee e non), un lavoro dinamico e un’atmosfera stimolante, capace di ampliare i miei orizzonti e interessi. Ritengo che la possibilità lavorativa da voi offerta possa arricchire le mie conoscenze e aiutarmi a migliorare, sono pronto a fare del mio meglio per contribuire con la mia modesta esperienza personale. Sono curioso, preciso lavoratore in tutto quello che faccio, pieno di entusiasmo e capace di lavorare in team, infattti ritengo che un buon progetto non sia mai frutto di una sola mente ma di un connubio di più pensieri. Parlo italiano ho un buon livello di inglese e spagnolo, che sono pronto a migliorare per comunicare al meglio con il team. 03


education

personal info

nome: cognome: indirizzo: cell: e-mail: nationalità: data di nascita: sesso:

Sebastiano Mazzaggio via papa giovanni XXIII n°8 Montagnana (PD), ITALY 0039-3407729030 sebastiano.mazzaggio@gmail.com italiana 30 novembre 1987 male

personal skills

curriculum vitae

lingua:

Italiano, Spagnolo, scritto e orale buono Inglese, scritto e orale buono

capacità:

Ho un forte desiderio di migliorare le mie conoscenze in ogni campo dell’architettura e una rapida capacità di apprendimento. Ho esperienza nella gestione del progetto, in ogni sua fase, sono veloce con il computer e capace di lavorare in team anche in situazioni di stress.

computer skills:

Autocad Rhinoceros V-Ray Microsoft Office Adobe Suite (Photoshop, Illustrator, InDesign) Sketchup Windows Operating Systems Macintosh Operating Systems

sebastiano mazzaggio_sebastiano.mazzaggio@gmail.com_0039 340 7729030

2009-2012 IUAV - università di architettura - Venezia, Italia Laurea magistrale in architettura (110/110) 2008-2009 UPV - Valencia, Spagna Erasmus exchange program experience 2006-2009 IUAV - Università di Architettura - Venezia, Italia Laurea in Scienze dell’architettura (105/110) 2001-2006 maturità scientifica liceo “Jacopo da Montagnana”, Montagnana (PD) work experience e workshop

_Gennaio 2013-marzo 2013: Collaborazione con CZ studio Concorso di idee parco tecnologico Regensburg Concorso di idee per la riqualificazione del centro di Rubano. _Luglio 2010-Settembre 2010: Tirocinio presso TX Architetti, vicenza lavorato come project design, disegnatore _Maggio 2010 Concorso di idee riqualificazione di piazza Martiri d’Ungheria, di piazza Matteotti, Megliadino San vitale (PD) _Marzo 2011 Riqualificazione dell’area ingresso dell’ospedale Mater Salutis di Legnago (VR) _Marzo_Luglio 2011 workshop IUAV touch fair competition, Prof.: Raffaella Laezza _Luglio 2009 workshop IUAV villaggio ecosostenibile, Prof.: Aldo Cibic _Luglio 2008 workshop IUAV casa_ponte, Prof.: Enzo Siviero 04


GENERATION DE PROTOTIPOS ARQUITECTONICOS

PROF: Francesco Giancola

Questo corso, svolto presso il politecnico di Valencia, parte dal presupposto che si possa concepire un progetto solo mediante le applicazioni digitali, una conseguenza senz’altro è l’ aumento della complessità del design che, invece di dare luogo a forme rigide e meccanizzate, ha permesso ad alcuni architetti di avvicinarsi alla complessità delle forme biologiche e dei processi della natura. Rivalutando così nozioni come vaghezza, aleatorietà, indeterminazione, variabilità o interazione che sembravano relegate ad altri ambiti del sapere come la biologia, la sociologia o la filosofia, fino a che una nuova generazione di architetti ha visto come mediante le tecniche digitali queste nozioni rimanevano perfettamente integrate nell'architettura e gli aprivano nuovi campi di sperimentazione. Obiettivo del corso era arrivare alla creazione di un Prototipo architettonico di uno spazio espositivo da poter essere inserito in un contesto di grande scambio culturale come potrebbe essere una piazza o un parco. Attraverso tecniche di Polisurface, Folding e Morfing si è cercato di partire da un’idea, un’oggetto, un’intuizione o una sensazione, e trasformarla tramite il mezzo digitale. Il progetti esplorano le differenze tra un sguardo obiettivo ed un sguardo soggettivo. Le opere non si situano in un piano verticale, ma si impiegano in differenti posizioni secondo il movimento pittorico nel quale si iscrivono, secondo la sensazione che vogliano trasmettere. 05


Evoluzione del progetto, si può notare la pianta che si modifica e la comparsa delle sezioni e delle superfici opache e trasparenti, compongano l’edificio render.

06


A destra sviluppo, render copertura. A sinistra viste, fotomontaggi. Dalle fasi di sviluppo si può capire come da una forma comune, la trasformazione delle sue sezione possa offrire delle forme e degli spazi anticonvenzionali e capaci di offrire nuove emozioni.

07


PROYECTOS II minimuseo

PROF: Jesus Morcillo Navarrro

L’obiettivo era riflettere sui temi di maggiore interesse architettonico in un edificio pubblico destinato a museo e lavorare con gli attrezzi basilari del linguaggio architettonico. Proporre un edificio che si destini esclusivamente all'esposizione di un solo pezzo: il modellino della città di Valencia (7x7). Il "minimuseo" è quindi un edificio destinato all'esposizione. Vicino a questo oggetto principale, è possibile esporre materiale d’appoggio come rappresentazioni grafiche (piani) fotografie, rappresentazioni scritti storici allusive alla città di Valencia e che avranno forma di "striscioni" o poster. Le condizioni di partenza erano che l’oggetto si potesse riconoscere anche da lontano come un prisma rettangolare di 35 metri, 17,5 metri di largo e 7 metri di altezza. Le misure sono proporzionate per l'oggetto principale dell'esposizione. Avrebbe dovuto inoltre avere un terzo della sua superficie aperto al cielo. La disposizione e misura dei vuoti era libero, con l'unica condizione della forma finale. La mia scelta è stata quella di creare una scatola delle dimensioni richieste per poi porvi all’interno un’altra forma, alla fine sviluppai un mantello in lamiera metallica intagliata secondo le vie della città, e al suo interno una semplice scatola di calcestruzzo con il modello al suo interno, la copertura sarebbe poi stata come il padiglione di Fhen con lame per creare una luce diffusa. LA CITTà CHE CONTIENE SE STESSA. 08


2

3

3

3

4

1

Pianta copertura, pianta piano zero Legenda 1 ingresso 2 galleria 3 esposizione 4 plastico Valencia 7x7.

09


In Alto: vista aerea A fianco: vista notturna In basso: vista interna sul plastico

10


Ws 09

PROF: Enzo Siviero

Alcuni edifici nodali dell’epoca moderna mettono in scena emblematicamente le nozioni di “scavalcare” e di “congiungere,” intrinseche a quel particolare manufatto che è il ponte. Il Bauhaus di Gropius, la Kunsthal di Koolhaas o il progetto per il Palazzo dei Congressi a Venezia di Kahn, per citarne alcuni, sono certamente edifici-ponte. La casa-ponte, costituisce il tema di questo workshop, pur appartenendo a questa categoria di edifici, se ne differenzia poiché, in quanto spazio privato, introduce problematicamente la tematica dell’”attraversare” all’interno dello spazio domestico. La nozioni di “congiungere”, “scavalcare”,“attraversare,” quando riportate nel “domestico” e nel “piccolo” della casa unifamiliare, assumono inusitate e stimolanti diversificazioni. Il workshop ha gestito queste variazioni progettando delle case-ponte con attenzione alle variazioni tipologiche e distributive indotte nello spazio e nella composizione della casa da questa specificità. La casa-ponte è, quasi sempre, una casa binucleare. È, cioè, secondo il termine coniato da Marcel Breuer (binuclear house), una casa che separa in due nuclei distinti le sue funzioni, per poi riconnetterle con un passaggio orizzontale. Le case-ponte svolgono esattamente questo tema, operando però la ricongiunzione dei due nuclei attraverso il ponte. FACENDO DELL’”OSTACOLO” UNA RISORSA. 11


6

5

6

2 4

7 8

1

5

5

6

Piante del piano terra e del primo piano. Legenda 1 ingresso 2 soggiorno 3 cucina 4 cucina 5 bagno 6 camera 7 living 8 orto. Sotto: render

12


Laboratorio integrato paesaggio 1 PROF: PROF: PROF: PROF:

Laura Zampieri Chiara Tosi Piotr Barbarewich Vladimiro Valerio

Parco per le arti della città polacca di Danzica, il sito è quello di una tra le più importanti aree di produzione navale d’europa, la dismissione di quest’area ha permesso la creazione di un’enorme spazio a reazione artistica per la popolazione, uno spazio infrastrutturizzato per eventi e mostre, semplicemente si è cercato di riutilazzare la tecnologia e le attrezzature industriali esistenti, come le gru o i binari per i vari delle navi, appoggiandoci sopra delle piattaforme mobili e configurabili a seconda delle necessità, collegando il tutto con un sottopassaggio monumentale che facilita e velocizza l’accesso all’area.

13


A

B

B

14 A


APERTO

CHIUSO

15


+5

APERTO

CHIUSO A

A

16


APERTO

CHIUSO

B

B

17


Laboratorio integrato paesaggio 2 PROF: PROF: PROF: PROF:

Paolo Ceccon Bruno Dolcetta Imma Jansana Ferrer Franco Panzini

Il corso si sviluppa essenzialmente sul recupero di aree dismesse a Mestre, gran parte del tempo è stato dedicato a un’analisi minuziona della città, fino a trovare in un’area vicino alla stazione Fs il fulcro di una possibile rivoluzione verde, il progetto quindi cerca di collegare l’ambiente urbano degradato con il centro e i servizi essenziali di mestre, creando anche un edificio dispositivo che permetta un più agevole accesso al parco.

18


A sinistra: pianta piano terra e prima dell’edificio dispositivo A destra viste In basso sezione longitudinale

19


TOUCH FAIR ARCHITECTURE exibition

PROF: Raffaella Laezza

Il programma del Workshop Touch Fair Architecture proposto nell'ambito accademico veneziano dello IUAV, intende approfondire ed estendere la grande tradizione architettonica italiana e internazionale attraverso temi di radicale rinnovamento. Il Workshop ha offero apertura alla sperimentazione progettuale di nuovi modelli di padiglioni, spazi espositivi fieristici e d'arte alla scala architettonica all'interno del continuo evolversi dei processi culturali contemporanei. Il tema, che per tradizione ha sempre espresso gli esempi pi첫 aperti alla sperimentazione di nuovi linguaggi, materiali, strutture risulta essere una scala di realizzazione agile e adatta al panorama economico attuale.

20


SUPERFICIE ESPOSITIVA

SULLA SKIN TOTALE CARTESIANA + VETTORIALE

MQ 1000

SPAZIO STARE: N_STAND

N. 26+1

STAND TOTALI

MQ 550

SPAZIO ATTRAVERSARE TOTALE ESTERNO + INTERNO TOUCH FAIR ROOM TOTALE

MQ 1150 MQ 60 MQ 1250

21


vista complessiva del padiglione

Particolare dell’ingresso

22


CONCORSO DI IDEE RIQUALIFICAZIONE DELL’AREA DI INGRESSO DELL’OSPEDALE MATER SALUTIS DI LEGNAGO SPACE-FRAME Abbiamo deciso di interpretare e concretizzare la progettazione inerente la riqualificazione dell’area esterna e di ingresso con un' idea che passasse attraverso la Flessibilità e l’Integrazione. Questi due concetti all’esterno sono stati resi concretamente, per raggiungere l’obiettivo dell’integrazione vicendevole tra gli spazi esterni contigui all’area di competenza ed il corpo centrale dell’ospedale. Questo è stato attuato attraverso un elemento di copertura che si dirama da un punto centrale di fronte all’ingresso dell’edificio fino a toccare, creando una serie di doppi percorsi chiusi ed aperti, i confini dell’area di intervento oltre i quali risiedono spazi con funzioni specifiche quali quelle di sosta delle auto ed uffici amministrativi

23


24


BANDO CONCORSO DI IDEE RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA MARTIRI D’UNGHERIA, DI PIAZZA MATTEOTTI E DEGLI SPAZI ATTIGUI LA CHIESA Il progetto si realizzare uno spazio di aggregazione che si contestualizza e relaziona con l’esistente. L’idea si è così sviluppata con l’intento di valorizzare Piazza Matteotti, un punto nevralgico tra il Municipio, la Chiesa e il ristorante: creare un luogo che suscitasse interesse e stupore, che fosse un moderno ed innovativo punto di forza del Comune di Megliadino San Vitale, consci di compiere un gesto ed un intervento forte per una realtà così piccola ma convinti che sia un modo per rilanciarla all’interno dell’ambito provinciale e regionale.

25


26


TESI DI LAUREA Parco della pace dal molin, vicenza PROF: Paolo Ceccon, Laura Zampieri

Renato Bocchi

LAUREANDI: Sebastiano Mazzaggio

Alessandro Carollo

La riflessione prende in analisi due eventi che riguardano il territorio a nord della città di Vicenza. Il primo evento considerato è l’aumento dell’occupazione militare statunitense sul suolo vicentino. Alla necessità dell’esercito americano di riunificare alcuni battaglioni con quelli stanziati a Vicenza, il governo italiano, sulla scorta anche di un voto favorevole del consiglio comunale e provinciale individua nell’aeroporto cittadino "Tomaso Dal Molin" il sito per la costruzione di un’ulteriore base militare USA, andando ad aggiungersi alla Caserma Ederle e al supporto abitativo “Villaggio della Pace”. Il secondo evento preso in considerazione è l’alluvione del primo novembre 2010, che ha interessato la regione Veneto ed in particolare la provincia e la città di Vicenza. Il 20% della città è stato invaso dall'acqua dei due fiumi cittadini, in particolare il Bacchiglione è inoltre esondato in più punti anche nell'hinterland di Vicenza, a Caldogno, nelle frazioni di Rettorgole e di Cresole, che è stata interamente sommersa e dove si è registrata la prima vittima delle tre vittime di questo sciagurato evento. Passata la fase emergenziale si è palesata la necessità di procedere urgentemente con la messa a punto di una serie di opere idrauliche maggiori, come il bacino di laminazione del torrente Timonchio, affluente principale del Bacchioglione e la previsione di nuovi ulteriori interventi come la possibilità di usare come cassa di espansione ed ultimo baluardo a difesa della città dalle acque, alcuni suoli immediatamente a nord di viale Diaz, attuale circonvallazione di Vicenza. 27


alcune viste del parco 28


Portfolio cv sebastiano mazzaggio