__MAIN_TEXT__
feature-image

Page 11

le università   e  i   centri  di  ricerca  italiani  più   capaci   di   competere  con   successo   per  i   fondi  di  ricerca  europei,  sulla  scorta  del  lavoro  avviato  nei  mesi  passa). Italia  2.0:  l’Agenda  digitale Nel   corso   dell’ul)mo   anno   sono   state   messe   in   campo   varie   misure   per  colmare   il   ritardo   accumulato  dall’Italia  nello   sfru<are  le   opportunità  offerte    dalle  tecnologie   ICT.   Sono   state   introdo<e   misure   per   favorire   la   più   rapida   digitalizzazione   della   pubblica   amministrazione,   in   modo   da   ampliare   il   numero   di   ci<adini   che   interagiscono   con   gli   uffici   pubblici   a<raverso   internet,   ad   esempio   per   o<enere   fa<urazioni,   cer)fica)   o   procedure   anagrafiche   o   per   pagare   servizi   come   i   )cket   sanitari.   So<o   la   guida   della   Cabina   di   regia   is)tuita   dal   Governo   si   sono   faF   progressi  nell’a<uazione   dell’Agenda  digitale  italiana,  che  fissa  una  serie  di  obieFvi   e   di   azioni   da  a<uare  entro   il  2020.  Occorre  con)nuare  il   lavoro   avviato   e   rafforzarlo   lungo  i  qua<ro  assi  delle  connessioni  infrastru<urali  a  banda  larga  e  ultra  larga,  delle   smart   communi5es/smart   ci5es,   della   introduzione   dell’approccio   “open   data”   rendendo  tuF  i   da)  della  pubblica  amministrazione  accessibili  e  scambiabili  on  line,   la  diffusione  del   “cloud   compu)ng”,  la  nuvola  dei  da),  per  unire  e   condividere   da)   provenien)   da   più   is)tuzioni   e   dell’e-­‐government,   rafforzando   gli   incen)vi   per   l’u)lizzo   di   tecnologie   digitali   nei   processi   amministra)vi   per   fornire   servizi   ai   ci<adini. SfruSare  tuSo  il  potenziale  dell’economia  verde La  tutela   dell’ambiente  è  inves)mento  per  il   futuro  e  presupposto  per  vivere  meglio   il   presente.  Lavoro   e   salute   non   devono   più   essere   alterna)vi,   ma  complementari.   Per   questa   ragione  l’economia   verde  non  può  essere  “altro”   dall’economia,  ma  è   parte   integrante   dell’economia.   L’industria,   i   traspor),   l’agricoltura,   gli   edifici   devono  riorientarsi  secondo   i   criteri  dell’efficienza,  del  contenimento   delle  emissioni   nocive,  dell’impiego   di   materiali   riciclabili   e   di   tecnologie   intelligen)  per  smal)re   i   rifiu),   bonificare   i   terreni,   oFmizzare   il   ciclo   dell’acqua,   me<ere   in   sicurezza   il   territorio,  incen)vare  la  mobilità  a  basso  impa<o   ambientale.  Programmi   forma)vi   e   incen)vi  devono  facilitare  le  scelte  “verdi”. Le   regole   devono   essere   chiare   e   ragionevoli   -­‐   e   la   semplificazione   operata   dal   Governo,   ad   esempio   a<raverso   la   nuova   Autorizzazione   unica   ambientale,   è   un   esempio  di  come  ciò  possa  essere  fa<o  –,  ma   bisogna  essere  intransigenF   verso  chi   le  viola.   11

Profile for Scelta Civica per l'Italia

Agenda monti  

Programma Agenda Monti, di Scelta civica-Con Monti per l'Italia

Agenda monti  

Programma Agenda Monti, di Scelta civica-Con Monti per l'Italia

Advertisement