Page 51

00 Antonio Skarmeta, cileno come il poeta a cui dedicò il suo più famoso romanzo, Il postino di Neruda, rientrò in patria dopo la caduta di Pinochet a seguito del referendum dell’’88. In quel momento memorabile è ambientato I giorni dell’arcobaleno: la dittatura dal punto di vista di Nico, 18enne, della sua ragazza Patricia, dei loro coetanei. Antonio Skarmeta, I giorni dell’arcobaleno, Einaudi pp. 184, e 19

Leone e Orso, due ragazzini, si perdono tra gli stand del Salone del libro di Torino. Mentre i genitori, la tata rumena, le maestre, un’amichetta si affannano per ritrovarli, loro, incuranti di tutti, scoprono che i libri sono più pazienti degli adulti. Apologo sull’amore per la lettura. Margherita Oggero, Perduti tra le pagine, Mondadori, pp. 150, e 10

La storia romanzata del periodo parigino di Edith Wharton, già diventata famosa (L’età dell’innocenza), a partire dalla sua corrispondenza. Il matrimonio di convenienza, gli amori infelici, il legame con l’ambigua amica Anna. Jennie Fields, L’età dei desideri, Neri Pozza, pp. 324, e 18

Una partita di tennis memorabile – quella tra Arthur Ashe e Clark Graebner, la prima disputata da un tennista afroamericano agli albori dell’era open – rivissuta momento per momento dall’autore insieme ai due protagonisti. McPhee, firma del “New Yorker” scende nelle paure, nella collera, nella freddezza, nell’esaltazione dei giocatori restituendocele come fossimo nella loro testa. John McPhee, Tennis, Adelphi, pp. 222, e 15

RECENSIONI A CURA DI SILVIA BREGERO (GIORNALISTA E SCRITTRICE) http://myblog.myselfitalia.it/author/sbergero/

Magazine Savona Graffiti N° 1  
Advertisement