Page 47

47 Più di recente il Comune di Savona ha presentato i prodotti tipici cittadini con uno stand nel centro di Alba. Un'opera di promozione diretta che mira molto in alto, alla creazione di una sorta di macroregione turistica che partendo dalle Langhe giunga fino al mare. «Il settore del turismo enogastronomico è in forte espansione – spiega l'assessore Apicella – e considerata la vicinanza geografica, storica e culturale delle Langhe con Savona, il tradizionale sbocco sul mare per gli abitanti di quelle zone, ci è parso logico cercare di unire le eccellenze savonesi e langarole in un'offerta turistica comune in grado di attirare un numero rilevante di turisti stranieri. Prodotti come il tartufo e i grandi vini piemontesi, che godono di fama internazionale, possono affiancarsi alla focaccia, alla farinata e al chinotto; il mare di Savona, che non ha nulla da invidiare a quello di località rivierasche ben più rinomate, può e deve diventare il naturale punto d'arrivo anche per chi ha scelto una vacanza in mezzo al verde. Riteniamo ci siano tutti i presupposti per creare una sinergia turistica tra Savona e le Langhe tale da elevare il profilo dell'offerta per tutti i soggetti coinvolti». L'idea è dunque quella di superare i particolarismi locali in nome di un vantaggio comune, una collaborazione, anche con gli operatori del settore, per promuovere diverse realtà turistiche, complementari e non più concorrenti, in un unico pacchetto omnicomprensivo. «È possibile riuscire a promuovere itinerari del gusto che comprendano anche una gita al mare – prosegue Apicella – e vacanze balneari che consentano di esplorare l'entroterra. Il turismo enogastronomico non è invasivo per il territorio ed è molto redditizio, specie per turisti stranieri provenienti da paesi emergenti. Sarebbe davvero un peccato non sfruttare un'occasione del genere per dare finalmente una svolta turistica di prestigio alla città di Savona».

Magazine Savona Graffiti N° 1  
Magazine Savona Graffiti N° 1  
Advertisement