Page 1

DICEMBRE 2008


Eterno Auriga

Dedicato all’Elevazione Morale e Spirituale dell’Umanità attraverso VERITA’ • RETTITUDINE • PACE • AMORE • NON VIOLENZA

DICEMBRE

“Dobbiamo esercitare la nostra

2008

discriminazione per sapere che cosa è buono e che cosa è cattivo. Allo stesso modo, dobbiamo accettare ciò che nella società è buono e scartare tutto quello che è cattivo. Anche se qualcuno ci ha fatto del male, dobbiamo fargli del bene. Occorre aiutare anche coloro che ci hanno danneggiato e sono stati ingiusti con noi. Essi, talvolta, possono mostrare certe cattive qualità a causa del loro egoismo, ma dobbiamo sempre pensare bene di loro.”

© Sri Sathya Sai Books and Publications Trust, Prasanthi Nilayam Pubblicato sul Sito Web della Organizzazione Srì Sathya Sai d’Italia

SOMMARIO Conducete una Vita Felice con un Sentimento di Cameratismo e Fraternità D. D. del 23 novembre 2008 - Compleanno di Bhagavan

Celebrazioni del Sahasra Poorna Chandra Darshana Shanti ................................................ 4 Cronaca

Grandiose Celebrazioni di Compleanno ........... 9 Cronaca

Bharat è il Paese della Generosità .................. 17 27a Convocazione dell’Università Srì Sathya Sai

Celebrazioni a Prasanthi Nilayam ................... 20 Cronaca

Fate il Lavoro di Dio Recitando il Suo Nome .................................... 26 Chinna Katha

Edizione

ITALIANA

Nella foto di copertina

il centro sportivo internazionale Sri Sathya Sai Sports

Siti Web ufficiali di Prasanthi Nilayam

Sri Sathya Sai Central Trust: www.srisathyasai.org.in Sri Sathya Sai Books & Publications Trust: www.sssbpt.org Radio Sai Global Harmony: www.radiosai.org


I devoti assistono alla celebrazione dello Yajna nello stadio “Hill View”.

E

sistono, nella storia del genere umano, certi eventi che lasciano per sempre il segno nelle pagine del tempo e diventano fonte d’ispirazione e gioia per tutte le generazioni future dell’umanità. Uno di tali storici eventi è stato la celebrazione di tre giorni del Sahasra Poorna Chandra Darshana Santhi (visione di mille pleniluni) dell’Avatar del Kali Yuga, Bhagavan Sri Sathya Sai Baba, per il completamento dei Suoi 82 anni di vita sulla terra e l’entrata nell’83° anno dal Suo Avvento, il 23 novembre 2008. Il luogo di questo storico evento è stato lo stadio “Hill View”, a Prasanthi Nilayam, che era stato elegantemente decorato. Bandiere di varie nazioni sventolavano sui pennoni e grandi ritratti di Bhagavan adornavano tutto il luogo. Sopra la Santhi Vedika, era allestita una sala per il rito sacrificale (Yajnashala) al centro della quale c’era una splendida statua del Signore Venkateswara. Nella sala vi erano dodici bracieri per le offerte votive (Yajna Kunda); essi servivano alla celebrazione degli Yajna per la pace e il benessere del mondo. Nello stadio erano stati predisposti due grandi schermi LED per fornire, a tutti gli spettatori, l’intera visione dell’andamento delle funzioni. Dicembre 2008 - 4

Nel Sai Kulwant Hall era presente una TV a circuito chiuso per l’utilizzo di coloro che avevano trovato difficoltà a reperire un posto allo stadio. L’intero ambiente è stato santificato e impregnato di sacre vibrazioni dal canto dei Mantra Vedici per tre giorni e la celebrazione degli Yajna, che comprendeva Maha Ganapati Homa, Sudarshana Homa, Maha Mrityunjaya Homa, Lakshmi Narayana Homa ecc. Oltre al canto dei Mantra Vedici e alla celebrazione degli Yajna nello stadio “Hill View”, tenutisi il mattino, si sono svolti il pomeriggio nel Sai Kulwant Hall programmi di musica devozionale, nel corso dei quali rinomati musicisti, in occasione della fausta ricorrenza, hanno offerto i loro tributi musicali a Bhagavan.

Gli Yajna per la Pace Mondiale Gli spazi dello stadio erano stracolmi di devoti che erano lì affluiti fin dalle prime ore del mattino del 15 novembre 2008. Per le 7,30, circa 150 Ritwik, che avevano il compito di celebrare gli Yajna, e un egual numero di studenti universitari, cantori dei Veda, con vesti color ocra, erano seduti in ogni angolo della sala.


di sacre vibrazioni. Alle 10,25, a segnare la conclusione del programma pubblico, è stato offerto l’Arati a Bhagavan. I sacerdoti, comunque, hanno continuato i canti fino alle 12,30 e, successivamente, dalle 15,30 alle 16,30 hanno condotto lo Yajna.

Gli studenti dell’università Sri Sathya Sai hanno cantato Mantra Vedici assieme ai sacerdoti durante la celebrazione degli Yajna nello Yajnashala dello stadio “Hill View”.

In questo fresco e sereno mattino, i sacerdoti alle 7,45 hanno iniziato sul palco la celebrazione dei rituali, il canto dei Mantra Vedici e l’adorazione della statua del Signore Venkateswara. Alle 8,35, il capobramino, sri Lakshminarayana Somayaji di Shringeri Sharada Peetham, ha parlato all’enorme assemblea di devoti e ha detto che questo Yajna è stato organizzato per la pace e il benessere del mondo intero.

Il programma della seconda giornata, il mattino del 16 novembre 2008, ha avuto inizio sotto una pioggia intermittente alle 7,30 nello stadio e, nonostante l’umidità, non c’è stato scoraggiamento da parte dei devoti che si sono accalcati numerosissimi ad assistere alle celebrazioni. I canti sono continuati ininterrottamente fin da quell’ora. Alle 8,50 i sacerdoti hanno dato inizio all’Abhishekam (bagno rituale) del Sayeeshwara Linga, precedentemente consacrato da Baba durante l’Ati Rudra Maha Yajna. Il bagno è stato effettuato con varie sostanze comprendenti latte, latte cagliato, ghee (burro chiarificato), zucchero, Vibhuti, acqua di cocco ecc.

Ci sono stati gioia ed esultanza quando Bhagavan è entrato nello stadio alle 8,40 fra il canto di Mantra Vedici dei sacerdoti e degli studenti. L’esultanza è stata espressa anche con l’esplosione di petardi in cima alla collina di Hanuman. Quando Bhagavan ha raggiunto lo Yajnashala, Gli è stato offerto il tradizionale benvenuto con il Poornakumbham. Subito dopo, Baba ha dato il Darshan ai devoti nello stadio dallo Yajnashala, rendendoli felici. Alle 9, ha preso posto alla sinistra della statua del Signore Venkateswara, mentre un gruppo di Il 15,16,17 novembre 2008, allo stadio “Hill View” di Prasanthi sacerdoti cominciava ad accendere il fuoco Nilayam, un’enorme folla di devoti ha preso parte alle celebrazioni in modo tradizionale, strofinando due pezzi del Sahasra Poorna Chandra Darshana Santhi. di legno, fra il canto di inni vedici di studenti Bhagavan è giunto allo stadio alle 9,30 e sacerdoti. Quando il fuoco si è acceso, alle 9,25, è stato portato a Baba in un vassoio ed e ha assistito alla celebrazione del Linga Egli lo ha benedetto. Successivamente, fra il Abhisheka compiuta dai sacerdoti fra il canto di sacri Mantra, è stato deposto nello canto di Mantra Vedici. Ha anche presenziato Yajnakunda e un gruppo di sacerdoti ha dato all’esecuzione dello Surya Namaskara (Saluto inizio allo Yajna gettando nel fuoco offerte al Sole) da parte di un gruppo di sacerdoti di ghee. Durante la cerimonia gli studenti in un angolo dello Yajnashala. Dopo di ciò, e i sacerdoti hanno continuato i canti Baba è andato in ogni angolo della sala e ha offerto il Darshan ai desiderosi devoti vedici riempiendo l’intero ambiente Dicembre 2008 - 5


che hanno sfidato la pioggia intermittente rimanendo seduti sul terreno scoperto o nei diversi settori con gli ombrelli aperti. Dopo il Linga Abhisheka, i sacerdoti hanno eseguito il Maha Mrityunjava Homa con le offerte nel fuoco dello Yajna, accompagnati da sacri canti. Bhagavan sedeva a fianco dello Yajna Kunda (braciere sacrificale) e osservava lo svolgersi della cerimonia. Sri Ganapati Sachchidananda Swami, capo di Dattapeetham (Mysore), che era giunto per partecipare alla cerimonia, ha porto i suoi saluti a Bhagavan. Alle 10,15, Baba ha benedetto il prezioso materiale che gli era stato portato in un vassoio per la celebrazione del Poornahuti del Maha Mrityumjaya Homa. Dopo le benedizioni, Baba ha materializzato una catena d’oro mettendola sul vassoio. Il materiale è stato quindi deposto nel fuoco sacrificale fra i canti vedici. Offerte di ghee sono state poi gettate nel fuoco a segnare il completamento dello Yajna. Il programma si è concluso alle 10,30 con l’offerta dell’Arati a Bhagavan. I sacerdoti hanno continuato con ulteriori Japa e Yajna.

Sfilata del Carro d’Oro e Poornahuti Lo svolgimento dell’ultimo giorno della celebrazione del Sahasra Poorna Chandra Darshana Santhi, nel piacevole soleggiato mattino del 17 novembre, allo stadio “Hill View”, è stato caratterizzato da grandezza e splendore senza eguali. Il programma è iniziato alle 7,30 con il canto di Mantra Vedici di sacerdoti e studenti. Mentre il sole del mattino diffondeva il suo calore e la sua luce nello stadio, l’ambiente veniva santificato e animato dalla diffusione di canti vedici, accompagnati da splendidi canti devozionali e dalla poetica descrizione dell’evento da parte di sri Anil Kumar e del dottor Madugula Nagaphani Sarma. Il fuoco era stato acceso in tutti i bracieri e, con il canto dei Mantra vedici dei sacerdoti, in essi era state messe le offerte, mentre gli studenti cantavano Mantra di Rama, Purusha Suktam, Narayana Suktam, Sri Suktam ecc. Dicembre 2008 - 6

Il mattino del 17 novembre 2008, quando Bhagavan è giunto allo stadio sul carro dorato, indossando una sgargiante veste gialla, si è assistito a uno spettacolo di impareggiabile grandezza e magnificenza.

Il momento culminante, da scrivere a lettere d’oro, è stato quando Bhagavan è entrato maestosamente nello stadio su un carro dorato, avvolto in una sgargiante veste gialla, nell’aurea luce del sole del mattino, diffondendo la Sua Divina Grandezza in tutte le direzioni e riempiendo con benedizioni i cuori degli ardenti devoti. Questo grandioso corteo era condotto da due elefanti bardati, seguiti dalla banda di ottoni degli studenti universitari, l’amato elefante di Baba Sathya Geeta, musicisti di Nadaswaram e gruppi di studenti che cantavano i Veda. Mentre il corteo si muoveva verso lo Yajnashala, venivano diffuse dall’altoparlante splendide canzoni di benvenuto che preannunciavano l’arrivo di Bhagavan e, sulla collina di Hanuman, esplodevano fuochi d’artificio. Al Suo arrivo allo Yajnashala, alle 10, è stato offerto a Baba il tradizionale benvenuto con il Poornakumbham. Molti grandi asceti, provenienti da vari rinomati monasteri e Ashram, hanno salutato Bhagavan al Suo arrivo.


benedetto il Prasadam per la distribuzione. Questa grandiosa celebrazione è giunta a conclusione alle 10,55 con l’offerta a Bhagavan del Mangalarati.

Programmi di Struggente Musica Devozionale Il mattino del 17 novembre 2008, allo stadio “Hill View”, sono giunti molti grandi asceti indiani per partecipare allo Sahasra Poorna Chandra Darshana Santhi di Bhagavan.

Essi comprendevano: sri Shivakumara Swamigalu, Capo dello Sri Siddaganga Muth, Tumkur, sri Jagadguru Madhwacharya Mahasamsthana Pejawara Muthadeesha, sri Vishwesha Tirtha, sri Sushameendra Tirtha sri Padulavaru, sri Jagadguru Kanchi Kamakoti Peethathipathi sri Jayendra Saraswathi Swamigal, sri Shivarathri Deshikendra Mahaswamiji, Monastero di Suttur, sri Sri Rangapriya Mahadesika Sri Sri e sri Sakthiamma, Sripuram, Tempio d’Oro e sri Narayani Peetham.

Il pomeriggio del 15 novembre 2008, Shanmukha Priya e Hari Priya, meglio note nel mondo musicale come le Priya Sisters, hanno fatto la loro esibizione offrendola a Bhagavan nel Sai Kulwant Hall. Le rinomate cantanti hanno iniziato con “Mahaganapatim Manasasmarami”, canto di invocazione al Signore Ganesh, mandando in estasi l’enorme folla con la loro coinvolgente interpretazione di Kirtan di Annamayya e Thyagaraja, Bhajan e altre popolari canzoni che comprendevano la famosa composizione di Kabir “Jheeni Jheeni Beeni Chadariya”. Al termine del loro programma, Bhagavan le ha benedette e donato loro dei sari e degli abiti agli artisti che le avevano accompagnate con i loro strumenti.

I Malladi Brothers, Sriram Prasad e Ravu Kumar, famosi musicisti di musica carnatica, hanno rallegrato il pomeriggio del 16 novembre 2008 con la loro accurate e coinvolgenti esecuzioni di canti devozionali. Il padre, che è anche il loro Guru, si è unito a essi nell’offerta musicale a Bhagavan. Prima dell’inizio del programma, Baba ha amorevolmente distribuito il DVD “Sai Nada Jhari” inciso dai due fratelli e dal loro padre. Mentre il DVD veniva distribuito, una delle La celebrazione degli Yajna, allo stadio “Hill View”, è giunta a felice sue canzoni “Sai Namasmaranam Sada Rupa conclusione la mattina del 17 novembre 2008 con le offerte finali Dhyanam” (cantate il Nome di Sai e meditate negli Yajna Kunda. sulla Sua forma) è stata diffusa al pubblico con l’altoparlante per la gioia dell’enorme Poi Baba ha diffuso la benedizione del Suo folla di devoti. I cantori hanno iniziato la loro Divino Darshan sui sacerdoti. gli studenti presentazione con una canzone in lode di cantori dei Veda, l’enorme folla di devoti e Rama “Sri Raghuvara Sugunalaya”. Dopo sulle autorità presenti allo stadio; poi sono un paio di canti, il loro padre ha eseguito andati tutti agli Yajna Kunda per gettare in “Sahara Chandra Darshanam”, speciale essi le offerte finali. In quel momento, un canzone composta quale tributo a Bhagavan elicottero ha sorvolato lo stadio e lanciato in questa auspicale circostanza. Dopo aver tutt’intorno petali di fiori e acqua catturato l’attenzione dei presenti con sacra dello Yajna. Quindi, Baba ha Dicembre 2008 - 7


altri tre canti, alle 7,50, essi hanno concluso la loro esibizione con “Rama Naama Mantram”, dopodiché è stato offerto l’Arati a Bhagavan quale conclusione del programma del giorno. Il pomeriggio del 17 novembre 2008, giorno finale delle celebrazioni a Prasanthi Nilayam del Sahasra Poorna Chandra Darshana Santhi, ci sono stati due concerti. Il primo è stato eseguito dalla cantante classica indostana, signora Mahalakshmi Iyer e il suo gruppo. Ella ha iniziato la sua esecuzione con una canzone devozionale Marathi dedicata al Signore Ganesh e, a seguire, con una toccante interpretazione di un Bhajan di Mira. Il canto successivo, “Ganga Maiyya Mein Jab Tak Paani Rahe, Mere Baba Teri Zindagani Rahe”, è stato un tributo a Bhagavan. Sono poi state eseguite le famose canzoni “Ram Ka Guna Gaan Kariye” e “”Baaje Muraliya Baaje”. La Sua esecuzione finale, vibrante interpretazione

di “Damadam Mast Kalandar”, veniva gioiosamente accompagnata dal battito delle mani dal pubblico. Al termine, Bhagavan ha distribuito vestiti a lei e agli artisti che la accompagnavano. Dopo tale concerto, il gran finale dell’offerta musicale a Bhagavan, in questa storica celebrazione, è stato eseguito dai Malladi Brothers. Dopo che essi avevano eseguito un paio di canti dedicati al Signore Krishna, comprendenti “Rada Sameta Krishna”, Baba ha chiesto di fare un canto a loro scelta e, mentre eseguivano il brano classico di musica carnatica, tutto il pubblico ha avvertito elevazione spirituale grazie alla divina qualità musicale e alla coinvolgente interpretazione. Con ciò, la grandiosa celebrazione del Sahasra Poorna Chandra Darshana Santhi è giunta a felice conclusione. Alle 18,10, a segnare la fine del programma, è stato offerto l’Arati a Bhagavan e distribuito il Prasadam nel Sai Kulwant Hall a tutti i presenti.

Nella vita umana, l’Amore di Dio è la ricompensa più grande da ottenere. Esso è più prezioso di qualunque ricchezza al mondo. Ogni ricchezza e posizione si ottengono attraverso l’Amore e la Grazia del Divino. Il valore di Bhagavat Prema (l’Amore di Dio) può essere compreso solo se si afferra esattamente il termine Bhagavan. Brahman, Parabrahman, Iswara sono alcuni dei termini usati come appellativi di Bhagavan e Tale termine è il più dolce fra essi. – Baba Dicembre 2008 - 8


GRANDIOSE CELEBRAZIONI DI COMPLEANNO “Unità: ecco ciò di cui il nostro Paese, Bharat, ha più bisogno. Amore, Verità, Rettitudine, Giustizia sono tutti già presenti in questo Paese, ma esso manca di unità, ragion per cui la nostra vita è piena di divergenze. Le persone dovrebbero condurre una vita caratterizzata dall’unità, considerando le difficoltà degli altri come proprie”, ha osservato Bhagavan durante il Discorso Divino tenuto in occasione del Suo 83° Compleanno.

L

ETIZIA, elevatezza di sentimenti e devozione: sono questi gli elementi che hanno caratterizzato le celebrazioni dell’83° Compleanno di Bhagavan Sri Sathya Sai Baba a Prasanthi Nilayam. Centinaia di migliaia di devoti sono giunti da ogni parte del mondo per rendere omaggio a Bhagavan e partecipare alla gioiosa celebrazione del Sahasra Poorna Chandra Darshana Santhi e di altri programmi sacri, tra i quali lo Srimad Bhagavata Saptaha, il Rathotsavam, la Giornata della Donna, gli Yajna e altre rappresentazioni culturali e musicali.

che, ogni giorno, era addobbato con fiori freschi. Sette eminenti oratori si sono succeduti in sette giorni per narrare l’intera storia e ciascuno di essi, quotidianamente, si è soffermato su una singola parte del testo sacro.

SRIMAD BHAGAVATA SAPTAHA Nell’ambito delle celebrazioni del Sahasra Poorna Chandra Darshana Santhi (visione di mille plenilunī) di Bhagavan Sri Sathya Sai Baba, nella settimana dal 10 al 16 novembre 2008 si sono tenute a Prasanthi Nilayam una serie di conferenze sul Bhagavata Purana, il testo che descrive la gloria del Signore Krishna. Nel corso di tale programma, dotti oratori hanno approfondito vari aspetti di questo testo sacro alla Divina Presenza di Bhagavan. Le conferenze si sono svolte nel Sai Kulwant Hall, splendidamente decorato per il sacro evento. Bellissime statue del Signore Krishna adornavano il palco

I sacerdoti nel corso dell’adorazione della statua del Signore Krishna alla Divina Presenza di Bhagavan in occasione dello Srimad Bhagavata Saptaha.

Le sacre conferenze sul Bhagavata hanno avuto il loro momento culminante alla fine, quando si è tenuta la grandiosa cerimonia del Rukmini Kalyanam, condotta alla Divina Presenza di Bhagavan nel Sai Kulwant Hall la sera del 17 novembre 2008. Il primo intervento del programma di conferenze è stato quello del famoso dottor Madugula Nagaphani Sarma, poeta in telugu ed erudito, che ha parlato il 10 novembre 2008. Offrendo i suoi omaggi a Bhagavan tramite una splendida composizione

Dicembre 2008 - 9


poetica, l’insigne oratore ha detto che, come lo Srimad Bhagavata descrive la gloria del Signore Krishna, la partecipazione allo Srimad Bhagavata Saptaha, nell’ambito delle celebrazioni del Sahasra Poorna Chandra Darshana Santhi di Bhagavan Sri Sathya Sai Baba, Avatar del Kali Yuga, ha lo scopo di far realizzare la Sua maestà e la Sua gloria. Puttaparthi – ha proseguito – rappresenta il cielo su questa terra, dove il Signore Narayana si è incarnato nella forma di Bhagavan Sri Sathya Sai Baba in tutta la Sua gloria e il Suo splendore per diffondere pace e amore nel mondo. Gli splendidi canti eseguiti dall’oratore e accompagnati dalla musica hanno avuto l’effetto di catturare il pubblico, che lo ha ascoltato estasiato e ha espresso, con ripetuti applausi nel corso della conferenza, il proprio apprezzamento. L’intervento è stato un brillante esempio di grande arte oratoria e di splendida poesia telegu. Bhagavan ha benedetto l’oratore al termine del discorso e gli ha regalato degli abiti. Il programma si è concluso alle 19,25 con l’Arati a Bhagavan. Un altro brillante discorso è stato tenuto da sri Garikapati Narasimha Rao il giorno seguente, cioè l’11 novembre 2008. L’illustre oratore ha osservato che, tenere il Bhagavata Saptaha nell’ambito delle celebrazioni del Sahasra Poorna Chandra Darshana Santhi dell’Uno attraverso il cui fulgore risplendono la luna e tutti i corpi celesti dell’universo, rappresenta un evento di grande significato nella storia dell’umanità. Nel corso della sua conferenza, accompagnata da splendide poesie telegu, sri Narasimha Rao ha magnificamente descritto la grandezza e la maestà di Bhagavan e ha aggiunto che la Sua residenza, Puttaparthi, è il Vaikuntha (cielo) del Kali Yuga qui sulla terra e il faro spirituale del mondo. Trattando ampiamente la storia del Bhagavata, sri Narasimha Rao ha detto che la vita di Kunti, madre dei Pandava, illustra come l’uomo possa affrontare tutte le traversie con forza d’animo se ha sviluppato fede totale in Dio. Al termine della conferenza, Bhagavan gli ha donato degli abiti e ha anche materializzato per lui Dicembre 2008 - 10

una catena d’oro. Sri V. Padmakar è stato l’oratore del 12 novembre 2008, terzo giorno del programma. Il tema del suo intervento è stata la storia di Prahlada. Nel descrivere Prahlada come studente modello e supremo gioiello tra i devoti di Dio, l’insigne oratore ha osservato che Prahlada non solo afferrò il profondo significato degli insegnamenti dei precettori riguardo all’efficacia del Namasmarana, le nove forme di devozione e i quattro obiettivi della vita (Dharma, Artha, Kama e Moksha), ma li mise anche in pratica. In tal modo egli riuscì a esercitare un controllo totale sui propri sensi, a superare la paura della morte e a sviluppare profonda devozione, intenso desiderio del Signore e fede incrollabile in Lui il che, ha aggiunto sri Padmakar, gli permise di guadagnarsi la Sua grazia illimitata. Nel Kali Yuga Bhagavan si è incarnato, assumendo il ruolo di Maestro del mondo, per impartire questi Insegnamenti immortali a studenti e devoti, e redimere la loro vita, ha osservato l’insigne oratore, che ha incantato il pubblico per oltre un’ora con raffinata arte oratoria e affascinanti composizioni poetiche. Al termine dell’intervento, Bhagavan ha benedetto sri Padmakar, gli ha donato abiti e ha anche materializzato per lui una catena d’oro. Il terzo giorno del programma, iniziato alle 17,10, si è concluso alle 18,35 con l’offerta dell’Arati a Bhagavan. Il quarto intervento della serie è stato tenuto il 13 novembre 2008 da sri B. Santosh Kumar Shastry, che ha narrato la Gajendra Moksha (storia della liberazione del re degli elefanti) e di Vamana, spiegandone il profondo significato. L’insigne oratore ha esordito offrendo omaggio a Bhagavan con uno splendido componimento telegu cantato con voce melodiosa, deliziando tutti i presenti. Trattando approfonditamente la Gajendra Moksha, come descritta nel Bhagavata Purana, sri Santosh Kumar ha osservato che Dio è il solo salvatore dell’uomo; possedimenti terreni, amici e parenti non sono in grado di proteggerlo quando la fine si avvicina. L’uomo –


ha osservato - dovrebbe perciò seguire il sentiero della devozione e pregare Dio con tutto il cuore e resa totale. Descrivendo la grandezza ineguagliabile di Bhagavan Sri Sathya Sai Baba in una serie di splendidi componimenti poetici, l’insigne oratore ha osservato la grande fortuna toccata ai contemporanei di Bhagavan, in quanto Dio Stesso è venuto come salvatore in tutta la Sua gloria e maestà divine per redimere le loro vite, così come il Signore Narayana era rapidamente giunto in soccorso di Gajendra. Al termine dell’intervento, Bhagavan ha coperto di benedizioni il giovane talentuoso oratore, gli ha fatto dono di alcuni indumenti e ha anche materializzato per lui una catena d’oro. Il quarto giorno del programma, iniziato alle 17,40 dopo il Divino Darshan di Bhagavan nel Sai Kulwant Hall, si è concluso con questo brillante discorso alle 18,55, quando è stato offerto l’Arati a Bhagavan. Le storie di Dhruva e dello Kshir Sagar Mathan (sbattimento dell’oceano di latte), contemplate nel Bhagavata, sono state il tema della conferenza tenuta il 14 novembre 2008 dall’insigne studioso sri Kandadai Ramanujacharya. Narrando la storia di Dhruva, che all’età di cinque anni si sottopose a una rigorosa penitenza cantando costantemente il Mantra “Om Namo Bhagavate Vasudevaya”, il dotto oratore ha osservato che Dhruva, seppur giovanissimo, realizzò la verità secondo cui ogni cosa è Dio ed Egli è l’unico che agisce. Perciò l’uomo dovrebbe compiere tutte le azioni per compiacere Dio senza credere di essere lui ad agire. Nel descrivere la storia contenuta nel Bhagavata, relativa allo sbattimento dell’oceano di latte, il relatore ha sottolineato che gli Dei eseguirono tale compito come atto di adorazione dell’Essere Supremo, guadagnandosi la Sua grazia e il merito per il nettare che emerse. Sri Ramanujacharya ha concluso che il messaggio centrale di tali episodi è che l’uomo dovrebbe condurre una vita di soddisfazione, svolgendo tutte le azioni per compiacere Dio, con un senso di resa totale. Al termine della relazione, Bhagavan ha benedetto l’oratore

e gli ha regalato degli abiti. Inoltre ha materializzato una catena d’oro per lui. Il programma ha avuto termine alle 18,25 con l’offerta dell’Arati a Bhagavan. Il 15 novembre 2008, sesto giorno del Bhagavata Saptaha, sri V. Rajagopal Chakravarty si è rivolto al pubblico trattando le storie del re Ambarisha e di Kuchela, tratte dal Bhagavata. Narrando la storia del re Ambarisha, che il Sudarshana Chakra (disco rotante, simbolo dell’infinita potenza della Mente di Vishnu e della velocità del Suo Pensiero) del Signore Narayana salvò dalla collera del saggio Durvasa, l’insigne oratore ha sottolineato che la fede in Dio rappresenta per l’uomo la più grande protezione. Ha anche osservato che Kuchela ricevette la grazia illimitata del Signore Krishna per la fede e la devozione dimostrate. Sri Chakravarty ha esortato i devoti a santificare la loro esistenza mettendo in pratica gli insegnamenti del Bhagavata, guadagnandosi in tal modo la grazia del Signore che si è incarnato sulla terra nella forma di Bhagavan Sri Sathya Sai Baba. Al termine dell’intervento, Bhagavan ha benedetto l’oratore, gli ha donato degli abiti e ha materializzato per lui una catena d’oro. Al discorso è seguita un’eccellente rappresentazione musicale delle Priya Sisters. Il programma, cominciato alle 17,20 dopo il Darshan di Bhagavan nel Sai Kulwant Hall, si è concluso alle 18,35 con l’Arati a Bhagavan. La conferenza conclusiva sul Bhagavata è stata tenuta il 16 novembre 2008 dall’erudito studioso sri Medasani Mohan. Raccontando l’intera storia del Bhagavata, a partire dalla nascita di Krishna fino all’uccisione del re demone Kamsa, sri Mohan ha esortato il pubblico a vivere la presenza di Bhagavan nel proprio cuore e ottenere la liberazione, così come Parikshit esperì la presenza del Signore Krishna nel cuore dopo aver ascoltato per sette giorni la storia del Bhagavata narrata dal saggio Sukadeva. Ha anche aggiunto che Bhagavan Sri Sathya Sai Baba si è incarnato nel Kali Yuga in tutta la maestà e grandezza di un Poornavatar, come Krishna si era incarnato nel Dwapara Dicembre 2008 - 11


Yuga. Al termine dell’erudito intervento, questi ha ricevuto la grazia e le benedizioni di Bhagavan, Che gli donato degli abiti e ha anche materializzato per lui una catena d’oro. Il programma è giunto al termine alle 19,50 con l’Arati a Bhagavan, preceduto da una splendida rappresentazione musicale dei Malladi Brothers. Con questa conferenza, si è felicemente concluso il ciclo sul Bhagavata tenuto da dotti studiosi.

fra loro, mettendo Krishna in mezzo alle Sue due consorti Rukmini e Sathyabhama. In questo modo si è conclusa la cerimonia del Rukmini Kalyanam, dopodiché, con molteplici lampade, è stato offerto l’Arati alle statue. Al termine della cerimonia, Bhagavan ha benedetto i sacerdoti, ha distribuito loro dei ricordini e ha materializzato una catena d’oro per il capobramino.

Rukmini Kalyanam La grandiosa cerimonia del Rukmini Kalyanam, svoltasi la sera del 17 novembre 2008 alla Divina Presenza di Bhagavan, ha segnato il momento conclusivo e culminante del programma di conferenze sul Bhagavata, articolatosi su sette giorni. Una gigantesca folla di devoti ha seguito la sacra cerimonia nel Sai Kulwant Hall. Sul lato orientale del salone era stato installato un enorme schermo LED per facilitare la visione delle cerimonie da parte dei devoti. Esse hanno avuto inizio alle 16,30. Mentre un gruppo di sacerdoti eseguiva l’Abhishekam (sacro bagno cerimoniale) delle statue di Krishna e delle due consorti Rukmini e Sathyabhama servendosi, tra le altre cose, di latte, latte cagliato, miele, acqua di cocco, un altro sacerdote eseguiva sul palco l’Homa (antico rituale vedico del fuoco con offerta di oggetti), in mezzo al canto di sacri Mantra eseguiti da sacerdoti e studenti. A Bhagavan è stato dato il benvenuto con il Poornakumbham quando, alle 17,25, è giunto sul palco del Sai Kulwant Hall. Subito dopo il Suo arrivo sul palco, alle 17,30 Bhagavan ha benedetto i Mangal Sutra (ornamento, simbolo indiano del matrimonio indù) da offrire alle statue di Rukmini e Sathyabhama, in mezzo a Mantra vedici intonati ad alta voce, gioiose note di musica eseguita con il Nadaswaram e l’esultante applauso dei devoti. Alla benedizione è seguita l’offerta delle ghirlande alle statue che, successivamente, sono state avvicinate Dicembre 2008 - 12

RATHOTSAVAM La sacra festa del Rathotsavam, che ogni anno si tiene il 18 novembre, è una parte importante delle celebrazioni per il Compleanno di Bhagavan. Anche quest’anno, essa si è svolta con il grande entusiasmo e la devozione che hanno caratterizzato le celebrazioni degli anni passati. Il mattino del 18 novembre 2008, nel Bhajan Mandir, sono state approntate due portantine tutte decorate per la processione del Rathotsavam. Una di queste aveva la statua del Signore Krishna e l’altra quelle di Sita, Rama, Lakshmana e Hanuman. Nel Bhajan Mandir erano presenti anche gruppi di studenti che cantavano inni vedici e Bhajan, in attesa dell’arrivo di Bhagavan. Dopo aver coperto di benedizioni i devoti nel Sai Kulwant Hall, Bhagavan è giunto nel Mandir e ha benedetto gli studenti. Al termine è stato offerto l’Arati alle statue e, alle 9,30, i palanchini sono stati portati fuori dal Bhajan Mandir, seguiti da gruppi di studenti che intonavano canti vedici e Bhajan. Quindi i palanchini sono stati fatti uscire dal Gopuram Gate (l’ingresso principale al Sai Kulwant Hall), dove era pronto un ratha (carro) ornato di raffinate decorazioni floreali.


per l’83° Compleanno. In questo giorno è toccato alle donne condurre tutti i programmi a Prasanthi Nilayam, a cominciare da Omkaram, Suprabhatam, Veda Parayana e Nagar Sankirtan che si sono svolti il mattino presto.

Un gran numero di persone è uscito dalle abitazioni per vedere il grandioso spettacolo del Rathotsavam, svoltosi il 18 novembre 2008.

La statua del Signore Krishna è stata messa sul carro, mentre l’altro palanchino è stato portato da componenti del Seva Dal e da studenti. Bhagavan è uscito dal Gopuram Gate e ha benedetto la processione, che ha preso a muoversi lentamente sulla strada principale di Puttaparthi verso lo Sri Pedda Venkama Raju Kalyana Mandapam del paese. Alla testa della processione Sathya Geeta, seguita da musicisti che suonavano il Nadaswaram e da gruppi di studenti che cantavano inni vedici e Bhajan. Mentre il corteo con il carro si snodava sinuosamente verso il villaggio di Puttaparthi, tanta gente è uscita dalle proprie abitazioni per assistere al passaggio della grande processione. Molte persone hanno compiuto atti di adorazione alle statue e rotto noci di cocco nella parte anteriore del carro. La processione ha avuto il suo culmine allo Sri Pedda Venkama Raju Kalyana Mandapam, dove è stato posizionato il carro con la statua del Signore Krishna e a questa è stato offerto l’Arati. Nel frattempo, alle 9,45, sono cominciati i Bhajan nel Sai Kulwant Hall, conclusisi alle 10,20 con l’Arati a Bhagavan.

GIORNATA DELLA DONNA Il 19 novembre 2008 è stata celebrata a Prasanthi Nilayam la Giornata della Donna, nel calendario delle celebrazioni

Nel Sai Kulwant Hall, per l’occasione decorato con notevole senso estetico, si è tenuta una grande cerimonia. Un bellissimo ritratto di Madre Easwaramma adornava il palco in mezzo a raffinate decorazioni floreali.

Interventi Tenuti da Famose Oratrici Il mattino del 19 novembre 2008, Bhagavan è giunto al Sai Kulwant Hall in una grandiosa processione guidata da un gruppo musicale e da gruppi che intonavano inni vedici e portavano il Poornakumbham, tutti composti di ragazze. Una volta raggiunto il campo, alle 9,35, Bhagavan ha acceso la lampada sacra per inaugurare la cerimonia. Due sono state le oratrici in questa importante occasione. Nel rendere i più sentiti omaggi a Madre Easwaramma nel suo discorso introduttivo, smt. Chethana Raju, amministratrice dell’Easwaramma Women’s Welfare Trust, ha sottolineato che l’uomo dovrebbe comprendere la verità del rapporto con Dio attraverso un’esperienza approfondita nel proprio cuore. La Missione di Bhagavan si sta rivelando al mondo con le Sue modalità misteriose e si sta rapidamente avvicinando il tempo in cui l’umanità vivrà in pace e armonia – ha detto smt. Raju. Al termine ha introdotto le due oratrici che hanno ricevuto da Baba la benedizione di parlare in questa importante occasione. La prima è stata la dottoressa Ankhi Mukerjee, ex studentessa del campus di Anantapur dell’Università Sri Sathya Sai e attualmente docente a contratto di lingua inglese e membro del Wadham College, Oxford University. Parlando degli anni trascorsi da studente al campus di Anantapur, la dottoressa Mukerjee ha Dicembre 2008 - 13


dichiarato di essere stata fortunata a ricevere l’Atma Vidya (la conoscenza che porta alla realizzazione del Sé) accanto all’istruzione secolare, in una istituzione dove silenzio, disciplina e Sadhana sono parte essenziale del corso di studi, Prasanthi Nilayam è la classe e Bhagavan, Protettore Universale, è il Tutore locale. Facendo riferimento alle privazioni subite dalle donne di tutto il mondo negli ambiti dell’alfabetizzazione, dell’occupazione e a livello di status sociale, l’oratrice ha detto che le donne cercano ispirazione da Bhagavan per migliorare la propria condizione. Il secondo intervento è stato tenuto da smt. Sylvia Alden, insegnante di sostegno e membro dello Sri Sathya Sai Council of America, la quale ha osservato che gli Insegnamenti di Bhagavan sono universali e rappresentano il fondamento di tutte le religioni del mondo, aggiungendo che ogni singola persona dei sei miliardi che costituiscono la popolazione mondiale riceve l’amore universale di Bhagavan. La signora Alden ha esortato tutti a seguire l’esempio di Bhagavan e la pratica “Ama Tutti, Servi Tutti”, che è il Suo Insegnamento primario. Al termine, Bhagavan ha benedetto la distribuzione di lampade a energia solare, filtri per acqua e coperte destinate a famiglie scelte di Puttaparthi e dei villaggi vicini. I beneficiari si sono avvicinati al palco uno alla volta rendendo omaggio a Bhagavan e hanno ricevuto gli utili oggetti dalle organizzatrici dell’Easwaramma Women’s Welfare Trust.

Molti articoli di uso quotidiano sono stati distribuiti a persone bisognose, in occasione della Giornata della Donna, il 19 novembre 2008.

Dicembre 2008 - 14

Dopo la distribuzione, Bhagavan è arrivato sulla veranda e ha tagliato il dolce portato dai devoti stranieri. È seguita la distribuzione del Prasadam e il programma del mattino si è concluso alle 11 con l’Arati a Bhagavan.

Programmi Musicali e Culturali Il pomeriggio, Bhagavan è arrivato nel Sai Kulwant Hall guidato da una banda di cornamuse e da gruppi di bambini e bambine della Sri Sathya Sai Primary School. Il programma ha avuto inizio alle 17,20, dopo il Darshan di Bhagavan. Le prime a esibirsi sono state tre cantanti - Sunita, Surabhi Shravani and Smita – la cui interpretazione di canti devozionali è stata davvero commovente. Esordendo con una preghiera di invocazione “Suklambaradharam Vishnum”, hanno poi eseguito famosi canti devozionali, come “Sathyam Sivam Sundaram”, “Sri Rama Chandra Kripalu”, “Allah Tero Naam”, assieme a un pezzo patriottico, una composizione classica e altre composizioni, ricevendo un forte applauso dal pubblico del Sai Kulwant Hall, che le ha molto apprezzate. Al termine del loro numero, Bhagavan ha benedetto le interpreti e ha distribuito loro dei sari, non mancando di regalare abiti anche agli artisti che le hanno accompagnate con gli strumenti musicali. Il gran finale della Giornata della Donna si è avuto con la spettacolare rappresentazione in musica e danza dal titolo “La Sua Gloria, la Sua Storia”, presentata dagli studenti della Sri Sathya Sai Primary School di Prasanthi Nilayam. Mentre 150 bambini dai costumi sgargianti conquistavano il cuore degli spettatori con la loro abilità nella recitazione e talento nella danza, il supporto video, la speciale illuminazione e la bellissima musica aggiungevano preziosità alla rappresentazione. Inoltre, la perfetta e armoniosa miscela dei vari episodi tratti dalla vita di Rama, Krishna e Bhagavan Baba è stata una meraviglia di scenografia e regia. Al termine dell’esibizione, Bhagavan ha benedetto i bambini e ha posato


Gli studenti della Sri Sathya Sai Primary School hanno messo in scena vari episodi tratti dalla vita di Rama, Krishna e Bhagavan Baba nella rappresentazione musicale del 19 novembre 2008.

con loro per delle fotografie di gruppo. La cerimonia della Giornata della Donna si è felicemente conclusa con questa eccellente rappresentazione. A tutti i devoti presenti è stato poi distribuito il Prasadam. L’offerta dell’Arati a Bhagavan alle 19,30 ha segnato la conclusione del programma.

CERIMONIA PER L’83° COMPLEANNO DI BHAGAVAN In occasione del Compleanno di Bhagavan tutta Prasanthi Nilayam aveva un aspetto festoso, con bellissime decorazioni. Le illuminazioni del Sai Kulwant Hall, dello Yajur Mandir (residenza di Bhagavan) e altri edifici creavano di notte uno spettacolo incantevole. Sede della cerimonia del Compleanno è stato il Sai Kulwant Hall, dove erano stati collocati elaborati addobbi con festoni, bandierine e fiori freschi. Un gruppo di studenti che cantava inni vedici ha offerto a Bhagavan il tradizionale benvenuto con il Poornakumbham quando Egli, in un grande corteo e indossando una luminosa veste bianca, è giunto alle 9,45 del 23 novembre 2008 in un Sai

In occasione dell’83° Compleanno di Bhagavan, lo Yajur Mandir offriva un incantevole spettacolo notturno.

Kulwant Hall pieno di luci e splendidamente addobbato. Il magnifico corteo era composto di cornamuse e bande di ottoni di bambini e bambine della Scuola Primaria e di bande di ottoni di ragazzi e ragazze dell’Università, seguiti da un gruppo di studenti della Scuola Primaria che cantavano inni vedici. La gigantesca folla di devoti, riuniti nel Sai Kulwant Hall e fuori, era estasiata dalla gioia di avere il Darshan di Bhagavan in questo fausto giorno. Non appena Bhagavan è giunto al palco, tutte le bande, sia dell’Università sia della Scuola Primaria, hanno cominciato a eseguire allegre e sonore armonie per felicitarsi con Lui.

Il mattino del 23 novembre, Bhagavan è stato condotto nel Sai Kulwant Hall da un grande corteo formato di gruppi di studenti che suonavano strumenti musicali e che cantavano inni vedici.

Dopo aver assistito all’esecuzione musicale, Bhagavan è andato sulla veranda, dove ha tagliato i dolci amorevolmente portati dagli studenti delle istituzioni educative Sathya Sai e dai dipendenti Dicembre 2008 - 15


degli ospedali e degli uffici dell’Ashram. Non appena Bhagavan è tornato sul palco dopo la cerimonia del taglio delle torte, gli studenti dell’Università Sri Sathya Sai hanno offerto un magnifico insieme di canti devozionali ai Suoi Piedi di loto. Sia il testo dei canti sia la loro interpretazione hanno avuto l’effetto di elevare lo spirito, tenendo il pubblico in estasi per oltre mezz’ora. Dopo questa emozionante rappresentazione musicale, il programma del mattino si è concluso alle 11 con l’offerta dell’Arati a Bhagavan. Il pomeriggio del 23 novembre 2008, Bhagavan è giunto nel Sai Kulwant Hall alle 17,40. Dopo aver colmato di beatitudine con il Suo Divino Darshan la gigantesca folla di devoti presenti, Egli li ha benedetti con la dolcezza del Suo Discorso, preceduto da due oratori. Il primo è stato sri V. Srinivasan, presidente panindiano delle Organizzazioni Seva Sri Sathya Sai. L’insigne oratore ha cominciato il proprio intervento esprimendo gratitudine a Bhagavan per aver dato ai devoti l’opportunità unica di prendere parte ai sacri programmi del Bhagavata Saptaha e alla cerimonia del Sahasra Poorna Chandra Darshana Santhi, la cui grandezza non può essere espressa a parole. Bhagavan – ha detto – si è incarnato sulla terra come salvatore dell’umanità ed è l’unica speranza di un mondo che, attualmente, è in condizioni

disperate. Al termine, l’eminente oratore ha esortato i devoti ad avere fede incrollabile in Bhagavan e a redimere la propria esistenza. Il successivo oratore è stato sri Ajit Popat, consulente finanziario londinese e ardente devoto di Bhagavan. Sri Popat Ne ha spiegato in dettaglio i principali Insegnamenti, invitando i devoti a metterli in pratica nella loro vita. Sottolineando il valore di un servizio disinteressato, quale mezzo principale per guadagnarsi la Divina grazia di Bhagavan, sri Popat ha rilevato che il servizio dovrebbe essere fatto come offerta a Dio, senza avere la sensazione di esserne l’autore. Dopo questi due interventi, i devoti hanno vissuto la beatitudine del sublime Discorso di Bhagavan, che li ha rapiti per quasi un’ora. Sottolineando il bisogno di unità, Bhagavan ha esortato tutti a seguire il sentiero di Verità, Rettitudine, Moralità e Unità. Ha inoltre reso noto di aver deciso di istituire un altro campus dell’Università Sri Sathya Sai a Muddenahalli per aiutare i bambini poveri dei villaggi a perseguire gli studi superiori. (Il testo completo del Discorso di Bhagavan è disponibile dal sommario di questo numero). Bhagavan ha concluso il Suo Discorso con il Bhajan “Rama Rama Rama Sita …”. La splendida cerimonia del Compleanno è terminata alle 19,50 con l’Arati a Bhagavan.

Per sviluppare le capacità di concentrazione, gli sport e i giochi sono davvero essenziali. Essi servono a favorire la forma fisica e la salute mentale. Giochi e sport devono essere praticati soprattutto per tenere il corpo in buone condizioni. Sfortunatamente oggi lo spirito affaristico imperversa anche nei campi dello sport e del divertimento. Quando predomina l’idea di far soldi, la preoccupazione per la salute passa in secondo piano. Sport e arti sono divenuti obiettivi commerciali e non vengono praticati per amore della salute o del divertimento. “Art” (arte) viene da “heart” (cuore), ma oggi il cuore ha divorziato dall’arte e la base spirituale di quest’ultima viene ignorata.

– Baba Dicembre 2008 - 16


27a Convocazione dell’Università Sri Sathya Sai

barat è la terra della generosità “Oggi i genitori mandano i loro figli in Paesi stranieri semplicemente per il guadagno. Tuttavia, alla fine, essi sprecano tutti i loro soldi e ritornano in India completamente rovinati. Non c’è bisogno di andare all’estero. La munificenza presente in Bharat non si trova in nessun’altra parte del mondo”, ha affermato Bhagavan Sri Sathya Sai Baba, Magnifico Rettore dell’Università Sri Sathya Sai, mentre pronunciava il Suo Discorso inaugurale in occasione della 27a Convocazione dell’Università svoltasi il 22 novembre 2008 a Prasanthi Nilayam.

L

e GRANDi celebrazioni della 27a Convocazione Annuale dell’Università si sono svolte nel Sai Kulwant Hall, Prasanthi Nilayam, adornato riccamente e con gusto. Sul palco, erano state composte speciali decorazioni di fiori freschi fatte a forma di arco, e posti Kalasa (recipienti sacri) molto appariscenti e piacevoli. Il corteo accademico, condotto dalla banda di ottoni dell’Università, che era partito dallo Yajur Mandir (residenza di Bhagavan) alle 15,50, è stato molto applaudito dagli studenti e dai devoti quando ha raggiunto il Sai Kulwant Hall. Il Magnifico Rettore, nella Sua vistosa veste rossa, affiancato dall’ospite d’onore e dal vicerettore dell’Università, guidava il corteo seguito dai Membri del Corpo Accademico, del Trust universitario e del Consiglio Accademico. Gli eminenti ospiti, che facevano parte del corteo, comprendevano il professor Mool Chand Sharma, vicepresidente del Comitato Universitario per le Garanzie, e dal giudice P.N. Bhagwati, ex Primo Magistrato dell’India. I lavori sono cominciati alle 16 con il canto dei Veda effettuato da un gruppo di studenti universitari. Dopo ciò, su richiesta del vicerettore, il Magnifico Rettore ha dichiarato aperta la Convocazione.

Discorso Introduttivo del Vicerettore Nel suo discorso introduttivo il vicerettore, professor Vishwanath Pandit, ha dato un cordiale benvenuto a tutti e presentato l’ospite d’onore, dottor G. Venkataraman, ex vicerettore dell’Università. Descrivendo a grani linee i risultati dell’Università nell’ultimo anno, il professor Pandit ha dichiarato che numerosi studenti hanno superato il CSIR e gli esami d’ingresso, assicurandosi i massimi punteggi, e che parecchi altri studenti hanno ottenuto la Borsa di Studio Giovanile per il dottorato di ricerca. Per quanto riguarda il Grama Seva (servizio nei villaggi) compiuto con meticolosa programmazione dagli studenti, portando il Messaggio d’Amore di Bhagavan e il Prasadam a quasi tre lakh (300.000) di abitanti, il professor Pandit ha rimarcato che gli studenti non hanno raggiunto solo risultati accademici eccellenti, ma assorbito valori in questa università attraverso attività come il Grama Seva. L’eminente oratore ha aggiunto che l’integrazione dei Valori Umani con l’istruzione mondana ha reso l’Università Sri Sathya Sai “la punta di diamante del sistema universitario indiano”, come descritto dall’alto Consiglio Nazionale di Valutazione

Dicembre 2008 - 17


e Accreditamento (NAAC) del Comitato Universitario per le Garanzie. Al termine, il professor Pandit ha fornito dettagli circa la ricerca effettuata all’università e osservato che, non solo essa è stata di altissimo livello, ma anche molto significativa poiché ha trattato i problemi che l’umanità deve oggi affrontare.

Riconoscimento per i Punteggi e Medaglie Dopo il discorso di introduzione del vicerettore, i laureandi sono stati presentati al Magnifico Rettore e hanno prestato il tradizionale giuramento.

I laureandi nel Sai Kulwant Hall in occasione della 27a Convocazione dell’Università Sri Sathya Sai.

Quindi, 21 studenti che avevano vinto medaglie d’oro per gli eccellenti risultati accademici in varie discipline sono stati benedetti dal Magnifico Rettore.

Discorso di Convocazione dell’Ospite d’Onore Citando una dichiarazione del primo vicerettore dell’Università, professor V. K. Gokak, l’ospite d’onore, dottor G. Venkataraman, si è congratulato con gli studenti universitari avendo essi l’enorme fortuna di avere, come rettore universitario, il Rettore dell’universo. L’eminente oratore ha poi dettagliatamente spiegato Dicembre 2008 - 18

come il Magnifico Rettore stia plasmando il carattere degli studenti oltre a fornire loro istruzione universitaria gratuita. Descrivendo l’Università Sri Sathya Sai come il moderno Gurukula (dimora del Guru) e riferendosi al Magnifico Rettore come al Sadguru del Gurukula, egli ha narrato molti episodi per descrivere come Bhagavan stia forgiando la vita degli studenti. Traendo citazioni dal Discorso di Bhagavan in occasione dell’inaugurazione del College Femminile di Arti e Scienze, ad Anantapur, nel 1968, ha poi sottolineato come il seme allora gettato da Bhagavan sia germogliato e fiorito nell’Università Sri Sathya Sai, fornendo al mondo un sistema educativo che, di fatto, ha integrato l’eccellenza accademica con i valori e forgiato il carattere degli studenti oltre a impartire loro un’istruzione mondana. L’eminente oratore ha ricordato, agli studenti che hanno terminato i corsi, la loro responsabilità citando le Parole di Bhagavan: “L’intensità del Mio Amore sarà avvertito in tutto il mondo. Voi siete i Miei strumenti da cui questo amore si irradierà. Vi ho preparato a ciò e vi ho attratto a Me. La Mia opera è incessante e lo è anche la vostra.” Al termine, egli ha augurato loro successo nell’impegno di portare a termine il compito assegnato dal Sadguru e Magnifico Rettore.

Discorso di Apertura del Magnifico Rettore Nel Suo Discorso di Apertura, il Magnifico Rettore, Bhagavan Sri Sathya Sai Baba, ha affermato che molto presto l’intero pianeta sarà unito, l’India acquisirà grande nome e fama, e tutti saranno orgogliosi di definirsi Indiani. Sottolineando il valore dell’amore come forza unificante, Bhagavan ha detto che è la politica la causa delle divisioni. Egli ha affermato: “Noi non abbiamo niente a che fare con qualsiasi partito politico. Il nostro è il partito dell’amore. Se avete amore nel vostro cuore, sarete rispettati ovunque andiate.” Bhagavan ha concluso il Suo Discorso con il Bhajan “Hari Bhajan


Bina Sukha Santhi Nahin...” La cerimonia della Convocazione è giunta al termine alle 18,15 con il canto dell’Inno Nazionale da parte di tutti.

Divya Premashrayam: Rappresentazione Teatrale della Convocazione Dopo la conclusione dei programmi della 27a Convocazione dell’Università Sri Sathya Sai nel Sai Kulwant Hall, gli studenti universitari hanno presentato una commedia nell’Auditorium Poornachandra sul tema del servizio disinteressato, come viene insegnato da Bhagavan ai Suoi studenti e ai devoti. La commedia è iniziata subito dopo l’arrivo di Baba nel Poornachandra. Attraverso la storia di uno studente Sai, Anand, che si incarica di fare servizio in un villaggio come solo scopo della sua vita dopo aver ottenuto l’M.B.A. all’Università Sri Sathya Sai, l’opera ha descritto come uno studente di Bhagavan possa generare amore, pace, progresso e felicità nel villaggio instillando fra gli abitanti i valori di fratellanza, amicizia e senso di sacrificio.

Un episodio del Ramayana ha illustrato come i fratelli debbano condurre la vita con amore e senso di sacrificio.

Tuttavia, il sentiero del servizio disinteressato non è agevole e semplice.

Il 22 novembre 2008, gli studenti dell’Università Sri Sathya Sai hanno messo in scena la commedia “Divya Premashrayam” che ha descritto come Dio aiuti coloro che seguono il sentiero del servizio disinteressato.

Avviene una totale perdita di valori quando un’inondazione devasta il villaggio e lascia gli abitanti senza tetto e cibo. Trovandosi di fronte al dilemma se dedicarsi nuovamente al difficile cammino del servizio o condurre una vita agiata e confortevole, come consigliato dai suoi genitori, Anand rivolge una fervida preghiera a Swami ed Egli gli indica il cammino quando il ragazzo legge un Suo Discorso in cui Baba esorta i devoti a compiere servizio disinteressato senza sentirsene protagonisti. La speranza si genera subito nel villaggio quando l’Organizzazione Sai giunge in aiuto delle persone colpite dall’inondazione per costruire case per chi ne è rimasto privo. Il tema realistico, la buona regia e l’ottima recitazione degli studenti hanno reso la rappresentazione di alto livello. Due episodi introdotti nell’opera, uno di Rama e Bharata e l’altro di Shivaji e Samartha Guru Ramdas, hanno fornito alla storia un significativo sostegno. Anche appropriati filmati di supporto hanno incrementato la validità dell’opera. Al termine, Baba è salito sul palco, ha benedetto gli studenti e posato con loro per delle fotografie di gruppo. Il tutto è terminato alle 20,10 con l’Arati a Bhagavan.

Dicembre 2008 - 19


D

CAMPO GIOVANI DEL KERALA

al 20 al 22 ottobre 2008, l’Organizzazione Seva Sri Sathya Sai del Kerala ha organizzato un campo per i giovani a Prasanthi Nilayam, al quale hanno partecipato più di 2000 ragazzi e ragazze provenienti da tutte le zone del Kerala. Durante il campo, i giovani si sono sottoposti alle pratiche spirituali, cominciando la giornata alle 5,30 con l’Omkaram, la Suprabhatam, la Sai Gayatri e i Bhajan. Nel corso della giornata, essi hanno partecipato al Darshan e ai Bhajan nel Sai Kulwant Hall e ascoltato i discorsi di eruditi oratori sotto un tendone allestito per l’occasione.

Sivashtakam (una poesia di 8 strofe dedicata al Signore Shiva). La danza era intramezzata anche dalle storie di Markandeya (che ebbe un surplus di vita adorando Shiva) e del Kamadahana (distruzione di Cupido da parte di Shiva). Il vivace balletto, accompagnato da una intensa musica, è stato apprezzato da tutti. Alla danza ha fatto seguito un eccellente concerto di musica classica presentato da due artisti in erba, Prasanna Venkataram e Lakshmi, scelti tra i Giovani Sai del Kerala. L’esecuzione da parte dei giovani artisti di Bhajan e di poesie di grandi compositori come Thyagaraja, Purandaradasa e Swathi Tirunal era colma di teneri sentimenti e ha mostrato le loro grandi capacità musicali. A conclusione del programma, Bhagavan ha benedetto i danzatori e i cantanti, e ha donato loro, con le Sue Divine Mani, indumenti e Vibhuti. Ha anche concesso loro l’agognata opportunità di scattare delle fotografie di gruppo con Lui e ha materializzato un anello d’oro per il protagonista. Dopo una breve sessione di Bhajan guidati dagli studenti dell’Università e la distribuzione di Prasadam benedetto all’intera assemblea, alle 18,10 è stato offerto l’Arati a Bhagavan: ciò ha segnato la conclusione del programma.

CAMPO GIOVANI DELL’ASSAM E DEL MANIPUR Il 21 ottobre 2008, durante il campo giovani organizzato dall’Organizzazione Sai del Kerala a Prasanthi Nilayam, i giovani del Kerala hanno presentato un’eccellente danza classica.

Il 21 ottobre 2008, i giovani hanno presentato anche un programma musicale e culturale nel Sai Kulwant Hall alla Divina Presenza di Bhagavan. Lo spettacolo è iniziato con una danza classica eseguita da un gruppo di 25 ragazzi avente per tema lo Dicembre 2008 - 20

Dal 22 al 26 ottobre 2008 più di 450 giovani dell’Assam e del Manipur sono giunti a Prasanthi Nilayam per partecipare a un campo giovani organizzato congiuntamente dall’Organizzazione Sai di questi due Stati. In questi giorni i giovani hanno partecipato al Darshan e alle sessioni di Bhajan nel Sai Kulwant Hall e hanno ascoltato gli illuminanti discorsi degli oratori nella Sala delle Conferenze. Il 24 ottobre 2008


essi hanno presentato un programma culturale alla Divina Presenza di Bhagavan che comprendeva due danze devozionali eseguite dai giovani dell’Assam e dai giovani del Manipur. Il programma è iniziato alle 17 dopo il Divino Darshan di Bhagavan nel Sai Kulwant Hall. La prima danza eseguita dalle Giovani Sai è stata presentata sotto forma di Guru Vandana (adorazione del Guru). Grazie a sublimi movimenti lenti e ritmici, accompagnati da una dolce musica, le danzatrici hanno offerto i loro omaggi a Bhagavan. Ha fatto seguito una danza eseguita dai giovani dell’Assam presentata sotto forma di Krishna Vandana (adorazione del Signore Krishna). Entrambe le danze ritraevano la ricca eredità culturale dell’Assam e hanno generato negli astanti alti sentimenti di sacralità e devozione. Dopo queste due danze dei giovani dell’Assam, i giovani del Manipur hanno presentato la loro famosa danza di festa detta “Thougal Jagoi”.

degli indumenti. Dopo la distribuzione del Prasadam nel Sai Kulwant Hall, alle 18,15 è stato offerto l’Arati a Bhagavan a segnare la conclusione del programma presentato dai Giovani Sai dell’Assam e del Manipur.

CAMPO GIOVANI DEL GUJARAT E CELEBRAZIONI DEL CAPODANNO DEL GUJARAT Dal 27 al 31 ottobre 2008, l’Organizzazione Seva Sri Sathya Sai del Gujarat ha organizzato un campo giovani a Prasanthi Nilayam al quale hanno partecipato più di 1000 giovani provenienti da tutti i distretti del Gujarat. Poiché anche le allegre festività di Deepavali e del Capodanno del Gujarat cadevano in quel periodo, sono giunti a Prasanthi Nilayam circa 3000 devoti dal Gujarat per celebrare queste giornate alla Divina Presenza di Bhagavan. Una molteplicità di programmi musicali e culturali presentati dai bambini Bal Vikas e dai Giovani Sai del Gujarat ha segnato questi fausti eventi.

Kali Yuga Ramayana : una Commedia Musicale Il 28 ottobre 2008, nella fausta giornata di Deepavali, le studentesse Bal Vikas di Navsari hanno presentato, nel Sai Kulwant Il 24 ottobre 2008, durante il campo giovani dell’Assam e del Manipur Hall alla Divina Presenza di Bhagavan, una tenutosi a Prasanthi Nilayam, un gruppo di giovani del Manipur ha bella commedia musicale dal titolo “Kali presentato la famosa danza di festa del Manipur detta “Thougal Jagoi”. Yuga Ramayana” (il Ramayana del Kali Yuga). La prima metà della commedia raccontava di come Rama, con il Suo esercito di scimmie, I danzatori, nei loro pittoreschi abiti avesse costruito un ponte sull’oceano e tradizionali completati da un copricapo salvato Sita dalla prigione di Ravana, il re di piume di pavone, hanno catturato demone di Lanka. La seconda parte della l’attenzione dei presenti grazie ai loro commedia paragonava questo episodio movimenti aggraziati e ritmici. Alla danza del Ramayana con la Divina Missione di hanno fatto seguito i Bhajan anch’essi Bhagavan il Quale, in questo Kali Yuga, sta guidati dai giovani dell’Assam e del Manipur, salvando l’umanità dalle forze demoniache maschi e femmine. Alla fine del programma, usando la forza lavoro dell’Organizzazione Bhagavan ha dispensato le Sue benedizioni Sai. sui giovani, ha posato con loro per delle fotografie di gruppo e ha donato loro Il nobile tema, la buona regia, Dicembre 2008 - 21


La commedia musicale “Kali Yuga Ramayana”, rappresentata dalle studentesse Bal Vikas di Navsari nel Gujarat il 28 ottobre 2008, ha raccontato di come Bhagavan Sri Sathya Sai Baba stia salvando l’umanità dalle forze demoniache del Kali Yuga nello stesso modo in cui lo fece Rama nel Treta Yuga.

l’eccellente recitazione dei bambini e le loro splendide danze hanno ulteriormente valorizzato la commedia musicale.

Le Grandi Anime si Incontrano: una Drammatizzazione A conclusione della commedia “Kali Yuga Ramayana”, gli studenti maschi Bal Vikas di Surat hanno messo in scena la rappresentazione “Le Grandi Anime si Incontrano”. Essa dipingeva una scena in paradiso in cui il Mahatma Gandhi e Abramo Lincoln discutono con grandi anime, come Buddha, Confucio, Zoroastro, Gesù, Swami Vivekananda ecc., e delle attuali disastrose condizioni del mondo. A seguito delle loro riflessioni, essi assicurano all’umanità che Bhagavan salverà il mondo diffondendo il Suo Messaggio di

recitazione ed eccellente presentazione dei dialoghi hanno fatto della rappresentazione uno spettacolo di successo. Dopo questi due spettacoli, i cantori del Gujarat, maschi e femmine, hanno colmato l’ambiente di sacre vibrazioni guidando i Bhajan nel Sai Kulwant Hall. Al termine, Bhagavan ha benedetto gli attori delle due rappresentazioni e posato con loro per delle fotografie di gruppo. Il programma, iniziato alle 17, è giunto a conclusione alle 18,15 con l’offerta dell’Arati a Bhagavan.

Nuovo Anno Gujarat Alle 16,40 del 29 ottobre 2008 è iniziata a Prasanthi Nilayam la celebrazione del Capodanno del Gujarat con l’accensione, da parte di Bhagavan, della lampada sacra sul palco del Sai Kulwant Hall. Come inizio, le cantanti appartenenti ai Giovani Sai del Gujarat hanno fatto un’offerta musicale a Bhagavan. Dopo di ciò, gli studenti Bal Vikas e i Giovani Sai (maschi) di Vadodara hanno presentato una drammatizzazione molto toccante e illuminante dal titolo “Prema Jyothi” (Luce di Amore Puro) basata sulla loro effettiva esperienza di aver organizzato, a gennaio 2008, a Vadodara, una mostra fotografica avente lo stesso titolo.

Una scena della rappresentazione teatrale “Le Grandi Anime si Incontrano” presentata dagli studenti Bal Vikas di Surat, Gujarat, nel Sai Kulwant Hall.

Sathya, Dharma, Santhi, Prema e Ahimsa tramite i volontari Sai e gli studenti. Costumi e trucco appropriati, buona Dicembre 2008 - 22

Gli studenti Bal Vikas e i Giovani Sai di Vadodara, Gujarat, hanno presentato una commedia toccante e illuminante dal titolo “Prema Jyothi” basata sull’esperienza di aver organizzato una mostra fotografica con lo stesso titolo.


La rappresentazione raccontava di come gli organizzatori abbiano sperimentato la grazia di Bhagavan durante l’allestimento della mostra e di come i visitatori provenienti da tutti gli strati della società siano rimasti toccati dalla Vita, dalle Opere e dagli Insegnamenti di Bhagavan. La drammatizzazione ha lasciato un’impressione, sul pubblico, destinata a durare come è stato per la mostra a Vadodara. Arricchita di dolci canzoni e splendide danze dei bambini Bal Vikas, la rappresentazione è risultata un’opera altamente educativa e illuminante sulla Vita e gli Insegnamenti di Bhagavan.

portato maggior consapevolezza agli abitanti dei villaggi analfabeti e superstiziosi che credono ancora agli stregoni, organizzando, in queste sperdute aree tribali, degli ambulatori oftalmici. Non solo la storia era basata su avvenimenti realmente accaduti, ma il ritratto era così realistico che pareva non di assistere a una commedia, ma ad avvenimenti reali in un villaggio tribale. Naturalmente, la drammatizzazione ha toccato i cuori degli astanti al punto che, quando ha raggiunto il culmine, non c’era un occhio asciutto fra le migliaia di spettatori del Sai Kulwant Hall.

Concerto di Musica Classica Indostana Dopo la drammatizzazione, l’assemblea del Sai Kulwant Hall ha assistito a uno splendido concerto di musica classica indostana offerto da smt. Piu Sarkhel, Preside del College di Musica di Rajkot. L’interpretazione dell’artista dei canti devozionali e dei Bhajan di Mira ha avuto un effetto magico sul pubblico. Alla fine del concerto Bhagavan ha benedetto la cantante e gli artisti che l’hanno accompagnata, le ha donato un sari e ha distribuito degli indumenti agli altri artisti. Dopo di ciò, si è svolta una breve sessione di Bhajan guidata dai devoti del Gujarat, maschi e femmine. Infine, è stato distribuito il Prasadam benedetto da Baba a tutti i devoti presenti nel Sai Kulwant Hall. Il programma si è concluso alle 18,30 con l’offerta dell’Arati a Bhagavan.

Alla fine della commedia, Bhagavan ha dispensato le Sue benedizioni sugli attori e ha anche materializzato una catena d’oro per il protagonista che aveva impersonato il ruolo di un anziano cieco di un villaggio tribale che, grazie all’operazione alla cataratta organizzata dai Giovani Sai, aveva recuperato la vista.

Visione di Dio: una Drammatizzazione

Un Concerto Musicale Devozionale

Il 30 ottobre 2008, i Giovani Sai del Gujarat hanno presentato una toccante drammatizzazione dal titolo “Visione di Dio” basata sul lavoro da essi svolto nel campo delle cure oftalmiche in un’area tribale del distretto di Navsari, nel Gujarat, nel corso degli ultimi 12 anni. La commedia è iniziata alle 17,20 e si è conclusa alle 17,45. In soli 25 minuti, la commedia ha ripercorso e illustrato l’intera storia di come i volontari del Seva Dal dell’Organizzazione Sai abbiamo

A conclusione della commedia, sri Devesh Dave di Bharuch (Gujarat) ha allietato tutti con canti devozionali e Bhajan eseguiti con voce dolcissima, caricando l’intero ambiente di fervore. Alla fine del concerto Baba ha benedetto l’artista e ha donato degli indumenti a lui e ai musicisti che l’hanno accompagnato. Dopo di ciò, è stato distribuito a tutti i devoti presenti nel Sai Kulwant Hall il Prasadam benedetto. Il programma si è concluso alle 18,25 con

La drammatizzazione “Visione di Dio” presentata dai Giovani Sai del Gujarat il 30 ottobre 2008 ha ripercorso la vera storia del lavoro da essi svolto nei villaggi tribali del Gujarat nel campo delle cure oftalmiche.

Dicembre 2008 - 23


l’Arati a Bhagavan. Questo ha anche segnato il gran finale delle celebrazioni, a Prasanthi Nilayam, del Capodanno del Gujarat e del campo giovani di quello Stato.

SRI SATHYA SAI GRAMA SEVA 2008

Gli studenti e gli insegnanti degli istituti educativi Sri Sathya Sai anche quest’anno, come gli anni precedenti, si sono dedicati al Grama Seva (servizio ai villaggi) e hanno distribuito il Prasadam di Bhagavan a quasi 300.000 abitanti di 153 villaggi di Puttaparthi, Bukkapatnam e il circondario di Kothacheruvu. Quest’anno il Grama Seva è stato compiuto dal 1° al 7 e dall’11 al 13 novembre. Dopo i Bhajan del mattino nel Sai Kulwant Hall il 1° novembre 2008, Bhagavan ha benedetto il Prasadam per il Grama Seva, dopodiché gli studenti e gli insegnanti impegnati nel Grama Seva hanno girato intorno al Mandir dei Bhajan, recitando inni vedici e cantando i Bhajan, e, ricevute le benedizioni di Bhagavan, sono partiti per i villaggi designati per il Grama Seva con più di 50 veicoli carichi di pacchi di cibo e indumenti da distribuire agli abitanti dei villaggi. Seguendo lo stesso schema ogni giorno, più di 2000 studenti assieme agli insegnanti degli istituti educativi di Bhagavan, hanno eseguito questo stesso stupendo compito con una pianificazione meticolosa e l’hanno completato in dieci giorni. Hanno portato il Messaggio d’Amore di Bhagavan con il cibo e gli indumenti sulla porta di casa di ogni abitante del villaggio e hanno offerto loro questi beni con umiltà e amore. Il giorno del Grama Seva, gli abitanti dei villaggi hanno pulito e decorato le case e le strade, e offerto un caldo benvenuto agli studenti e agli insegnanti al loro arrivo nel villaggio. Prima di iniziare la Dicembre 2008 - 24

Gli studenti degli istituti educativi Sri Sathya Sai hanno portato di casa in casa il Messaggio d’Amore di Bhagavan e il Prasadam a circa 300.000 abitanti dei villaggi durante lo Sri Sathya Sai Grama Seva 2008.

distribuzione del Prasadam di Bhagavan agli abitanti, gli studenti e gli insegnanti hanno guidato il Nagar Sankirtan in ogni villaggio. Invariabilmente, gli abitanti si sono uniti al Nagar Sankirtan, che ha diffuso ovunque pace, armonia e sacralità. Successivamente, gli studenti e gli insegnanti sono andati di casa in casa e hanno distribuito cibo e vestiti agli abitanti, che hanno accettato i doni con grande rispetto come Prasadam di Bhagavan. L’intero ambiente dei villaggi era così vivificato dal Suo Amore che era difficile stabilire chi fosse più felice, gli insegnanti e gli studenti che distribuivano il Prasadam o gli abitanti che lo ricevevano.

AKHANDA BHAJAN MONDIALE

L’Akhanda Bhajan Mondiale, che si svolge simultaneamente in ogni parte del mondo il secondo sabato di novembre di ogni anno, è un’attività spirituale di grande significato dell’Organizzazione Sai atta a diffondere vibrazioni sacre nel mondo. A Prasanthi Nilayam, esso ha un significato speciale


perché si tiene alla Divina Presenza di Bhagavan Sri Sathya Sai Baba Stesso che l’ha iniziato più di 50 anni fa. Il pomeriggio dell’8 novembre 2008, il Sai Kulwant Hall, sede di questa importante attività spirituale, era pieno in ogni ordine di posti di devoti provenienti da tutto il mondo e desiderosi di prendervi parte. Bhagavan è giunto nel Sai Kulwant Hall alle 16,30 accompagnato dalla recitazione degli inni vedici da parte degli studenti della Scuola Elementare, della Scuola Superiore e dell’Università Sri Sathya Sai. Mentre gli studenti continuavano la recitazione vedica, Bhagavan si è seduto sul palco, colmando i cuori dei devoti della beatitudine del Suo Divino Darshan. La recitazione vedica è continuata per quasi un’ora e mezza. Alle 18 Bhagavan è andato nel Mandir dei Bhajan dove ha acceso la lampada sacra per dare il via all’Akhanda Bhajan. Gli studenti dell’Università Sri Sathya Sai hanno poi iniziato l’Akhanda Bhajan con un verso di invocazione rivolto al Signore Ganesh. I Bhajan sono continuati ininterrotti per l’intera notte dell’8 novembre. I gruppi di cantanti maschi e femmine hanno fatto a turno per guidare i Bhajan e i devoti presenti in gran numero li hanno seguiti con grande devozione. Fra i cantanti, vi erano gli studenti della Scuola Secondaria Sri Sathya Sai, dell’Università Sri Sathya Sai, del Mirpuri College di Musica Sathya Sai, della scuola Deenajanodharana Pathakam, gruppi di devoti indiani e stranieri, personale degli uffici dell’Ashram, dell’ospedale ecc. La mattina del 9 novembre, alle 5, è stata recitata la Suprabhatam, dopodiché sono ricominciati i Bhajan. Durante il giorno, Bhagavan si è recato nel Sai Kulwant Hall alle 9,30 e alle 11,30, e ha dispensato la beatitudine del Suo Divino Darshan ai devoti. Il pomeriggio, Egli è giunto nel Sai Kulwant Hall alle 16,30. Subito dopo essere entrato nel salone, si è recato vicino al cancello settentrionale e ha benedetto il Prasadam lì posto aspergendolo di acqua benedetta. Poi, si è trasferito nel Mandir dei Bhajan dove è rimasto fino alle 18 quando Gli è

stato offerto l’Arati a segnare la conclusione dell’Akhanda Bhajan. Il Prasadam di pulihora (riso al tamarindo) e i laddu sono stati distribuiti a tutti i devoti presenti nel Sai Kulwant Hall.

BHAGAVAN INAUGURA LA NUOVA ALA DELL’EDIFICIO DEL BOOK TRUST

Il 30 novembre 2008, Bhagavan ha inaugurato e santificato la nuova ala dell’edificio dello Sri Sathya Sai Books and Publications Trust. Alle 10,30, al Suo arrivo nella sede della nuova costruzione, Gli è stato offerto il tradizionale benvenuto con il Poornakumbham. Dopo di ciò, Egli ha premuto l’interruttore per scoprire la targa, ha tagliato il nastro e acceso la lampada sacra a indicare l’inaugurazione dell’edificio. Infine Gli è stato offerto l’Arati ed è stato distribuito il Prasadam.

Dicembre 2008 - 25


Chinna Katha

Fate il Lavoro di Dio Recitando il Suo Nome

Q

UANDO Hanuman andò a Lanka in cerca di Sita, vi incontrò Vibhishana che era, egli pure, devoto di Rama. Esprimendo il suo tormento ad Hanuman, Vibhishana gli disse: “Caro Hanuman! Sei molto fortunato a fare il lavoro di Rama cantando il Suo Nome e sei perciò destinatario della Sua grazia. Anch’io, da lungo tempo, recito il Nome di Rama, ma, finora, non sono ancora riuscito ad avere il Suo Darshan.” Udendo ciò, Hanuman disse a Vibhishana: “Tu reciti il Nome di Rama, ma hai “Fai il lavoro di Rama recitando il Suo Nome”, consigliò Hanuman a mai fatto qualcosa per Lui? Come Vibhishana. puoi ricevere la grazia di Rama Non è così? Come puoi, dunque, se non fai alcun lavoro per Lui? Madre ricevere la grazia di Rama? Io sto vivendo Sita è a Lanka da dieci mesi: le hai mai l’esistenza al Suo servizio, cantando detto qualcosa che potesse calmarla e incessantemente il Suo Nome.” rasserenarla? Sei mai andato, almeno una volta, a ricevere il suo Darshan? Il semplice canto dei Mantra o la Hai mai pensato a qualche sistema per recitazione del Nome di Dio danno scarsi alleviare le sue sofferenze? Eseguire benefici. Bisognerebbe fare il lavoro di qualcuno di questi compiti, equivarrebbe Dio. Ecco perché Swami dice sempre: a servire Rama. Tu, però, non hai fatto “Dil Mein Ram, Hath Mein Kaam” (Rama nulla del genere. nel cuore, mani nel lavoro).

Per ottenere i benefici che l’istruzione può conferire, essa deve essere indirizzata alla purificazione dell’Antahkarana, lo strumento interiore del pensiero e del sentimento. Esso deve promuovere e proteggere il piacere dell’apprendimento spirituale. – Baba Dicembre 2008 - 26


Istituto Superiore Sri Sathya Sai di Scienze Mediche (Accreditato dalla Commissione Nazionale dì Esami) Prasanthigram – 515 134, Anantapur Dist. (A.P.) India Tel.: 08555-287388 int.: 513 Fax: 08555-287544 Email: adminpg@sssihms.org.in

Si sollecitano richieste di candidati idonei per partecipare alla formazione triennale DNB nelle seguenti specializzazioni che inizierà da gennaio 2009 Specialità Alte Specialità Cardiologia

Qualifica Minima MD/DNB (Medicina Gen. o Pediatria) e Test Principale d’Ammissione della ommissione Nazionale di Esami.

Chirurgia Cardiovascolare e Toracica MS/DNB (Chirurgia Gen.) e Test Principale Urologia d’Ammissione della Commissione Nazionale di Esami Specializzazioni Varie Ortopedia MBBS e Test d’Ammissione della Commissione Oftalmologia Nazionale di Esami. Anestesiologia Condizioni: L’Istituto offre stipendio come previsto dalla Commissione Nazionale di Esami e alloggio in camera singola su pagamento dell’affitto corrente. La selezione si baserà sul test di valutazione oggettiva per Specialità Varie e sul punteggio ottenuto nel CET della Commissione Nazionale di Esami per Specializzazioni Varie. Le richieste possono essere inviate accludendo copie dei diplomi summenzionati assieme al documento di registrazione presso rispettivo Consiglio Medico di Stato e una fotografia formato tessera. L’ultima data utile per il ricevimento delle richieste è il 15 gennaio 2009 relativamente alle Specialità Varie e una settimana dopo tale data per la comunicazione dei risultati del CET per Alte Specialità. Valutazione Attitudinale: La prova di valutazione attitudinale per Specialità Varie avverrà il 24 gennaio 2009. Sarà indicata la data relativa alla Consultazione per le Alte Specialità. I candidati selezionati dovranno presentarsi immediatamente dopo l’annuncio dei risultati. - il Direttore Dicembre 2008 - 27


Rinunciate ai Vizi La gente dovrebbe vivere in mezzo agli altri con amore e rispetto. Che benefici può mai portare la Sadhana se viene fatta senza controllare la gelosia, l’invidia, l’orgoglio, l’ira e la malignità? Per quanto a lungo possiate vivere nell’Ashram, tali vizi mineranno qualunque merito acquisiate. La prova che ha piovuto è il terreno bagnato. La prova della Sadhana è aver soggiogato i sensi. Rinunciate alle parole e alle attività non pertinenti e irriguardose. Coltivate l’introspezione, la scoperta di voi stessi; sviluppate l’occhio interiore, la disciplina interiore. Fate il miglior uso di questa possibilità acquisita come risultato del bene compiuto in molte vite passate.

– Baba

Italian edition of Sanathana Sarathi

Eterno Auriga - Dicembre 2008  

traduzione italiana del Sanathana Sarathi dell'Organizzazione Sathya Sai Italiana

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you