Issuu on Google+

I t a l i a n

e di t i o n

of

S a na t h a n a

MAGGIO 2007 Maggio 2007 -

S a r a t hi


Dedicato all’Elevazione Morale e Spirituale dell’Umanità attraverso VERITA’ • RETTITUDINE • PACE • AMORE

• NON VIOLENZA

MAGGIO © Sri Sathya Sai Books and Publications Trust, Prasanthi Nilayam

“Chiunque vediate, porgetegli i vostri omaggi, considerandolo la forma di Rama. Swami è lodato come Sai Rama e Sai Krishna, poiché Egli incarna gli stessi princìpi di Dharma (Rettitudine), Prema (Amore) e Santhi (Pace) che Rama e Krishna personificarono.”

Edizione Italiana

SOMMARIO L’acqua è il regalo di Dio all’uomo Discorso Divino del 14.04.2007 Nuovo Anno Tamil e Vishu

Celebrazioni a Prasanthi Nilayam Cronaca

4

L’eterna grandezza del Nome di Rama Discorso Divino del 27.03.2007 Celebrazioni di Sri Rama Navami

Risveglio

Chinna Katha

7

Dio aiuta coloro che aiutano gli altri Discorso Divino del 27.01.2007 Ati Rudra Maha Yajna, Chennai

Notizie dai Centri Sai

8

Sito Web ufficiale dello Sri Sathya Sai Central Trust: www.srisathyasai.org.in Sito Web ufficiale dello Sri Sathya Sai Books & Publications Trust: www.sssbpt.org Sito Web ufficiale di Radio Sai Global Harmony: www.radiosai.org

Maggio 2007 - 2


Maggio 2007 - 3


N GRANDE NUMERO DI DEVOTI, assieme a migliaia di studenti Bal Vikas, ai loro genitori e ai loro insegnanti, provenienti

dal Kerala e dal Tamil Nadu, si sono recati a Prasanthi Nilayam per celebrare le sacre festività di Vishu e del Capodanno Tamil, in stretta vicinanza con Sri Sathya Sai Baba. Le celebrazioni sono durate tre giorni, cioè il 13, 14 e 15 aprile 2007. Bhagavan ha concesso la Sua Divina Presenza durante i programmi culturali e gli spettacoli musicali tenutisi nei tre giorni e ha dispensato le Sue benedizioni agli studenti Bal Vikas, ai loro genitori, agli insegnanti e ad altri devoti. Bhagavan li ha anche benedetti con un Discorso Divino la mattina del 14 aprile.

CELEBRAZIONE DI VISHU La celebrazione di Vishu a Prasanthi Nilayam quest’anno è cominciata nel pomeriggio del 13 aprile 2007. Dopo aver dispensato la gioia del Suo Divino Darshan ai devoti nel Sai Kulwant Hall, Bhagavan si è recato tra le file degli studenti Bal Vikas del Kerala, dei loro genitori e dei loro insegnanti, per benedirli con il Suo Darshan. Durante questo speciale Darshan, Bhagavan ha anche materializzato una catena d’oro per uno degli studenti.

Programmi musicali e culturali La prima parte del programma è stata un eccellente concerto di musica “fusion”, eseguito da sri K. Ramakrishna e il suo gruppo del Kerala, cominciato alle 16,25. Le note del violino, del flauto, del mrindangam ecc. si fondevano nelle splendide melodie di molti famosi pezzi musicali, come Vatapi Ganapatim, Endaro Mahanubhavulu, Anandasagara ecc. È seguito un altro concerto musicale di sri Kavalam Sreekumar, che comprendeva delle composizioni Malayam e Tamil in lode di Bhagavan Baba e due inni tradizionali del Kerala.

Bhajan cantati dagli studenti del Kerala nel Sai Kulwant Hall come parte della celebrazione di Vishu a Prasanthi Nilayam.

Ai tre concerti musicali hanno fatto seguito i Bhajan che sono stati guidati dagli studenti Bal Vikas del Kerala e seguiti in coro dall’intera assemblea dei devoti presenti nel Sai Kulwant Hall. Nel corso dell’esecuzione dei Bhajan, Bhagavan ha distribuito degli abiti a tutti i cantanti e a tutti i membri del gruppo Bhajan Bal Vikas. Bhagavan ha benedetto in special modo uno studente Bal Vikas, Hari, che suonava l’harmonium e ha materializzato per lui una catena d’oro, ricompensandolo ampiamente per il suo talento musicale e il suo impegno, nonostante sia portatore di un handicap visivo. A questo eccellente programma ha fatto seguito un altro programma di Bhajan, ugualmente incantevole, eseguito dagli studenti dell’Università Shri Sathya Sai, che includeva alcuni Bhajan di Mira e che ha saturato l’ambiente di vibrazioni sacre. Il programma si è chiuso alle 18,40 con l’Arati a Bhagavan. La celebrazione di Vishu è continuata il 15 aprile con molti programmi culturali e musicali. La mattina del 15 aprile, il Sai Kulwant Hall è stato splendidamente decorato con tenere foglie di cocco e fiori freschi in preparazione della celebrazione di Vishu. Posizionato proprio di fronte al palco c’era il sacro Vishukkani, che consiste di offerte tradizionali come il grano del nuovo raccolto, frutti, fiori, lampade ecc. La sala vibrava delle sacre note del Nadaswaram per sottolineare l’importanza dell’avvenimento. Ad esso ha fatto seguito l’esecuzione della musica del Panchavadyam, che ha contribuito a ricreare l’ambiente dei templi del Kerala. Il programma è cominciato alle 8,15 con la recitazione degli inni vedici da parte di un gruppo di studenti Bal Vikas del Kerala all’arrivo di Bhagavan nel Sai Kulwant Hall. La prima parte del programma consisteva in una canzone di benvenuto splendidamente eseguita dai bambini Bal Vikas del Kerala. In seguito, due studenti Bal Vikas hanno tenuto dei discorsi degni di nota. Il primo studente, Pratyush, ha parlato della gloria di Bhagavan e della magnificenza di Prasanthi Nilayam. Il secondo studente, Vishal, ha parlato di come egli abbia subito una trasformazione partecipando ai Bhajan e alla scuola Bal Vikas. Ai discorsi ha fatto seguito un avvincente concerto di musica devozionale offerto dal famoso cantante sri T.S. Radhakrishnan. Cominciando con una invocazione al Signore Ganesh, egli ha cantato il distico “Kani Kanunneram”, che ricorda l’arrivo di Vishu. Poi ha eseguito un canto che descriveva la splendida forma di Krishna. La canzone successiva era dedicata a Bhagavan Baba e descriveva la Sua infinita Compassione. Egli ha concluso il concerto con la canzone “Hey Shyama Sundara”, seguita da tutti i devoti con entusiasmo. A questo incantevole concerto musicale sono seguiti i Bhajan guidati dal gruppo Bhajan del Kerala. Cantati con profondo fervore devozionale, a cui si univa in coro l’intera assemblea di devoti, i Bhajan

Maggio 2007 - 4

(Continua a pagina 5)


(Continua da pagina 4)

hanno saturato l’ambiente di sacre vibrazioni. Il programma del mattino si è concluso alle 9,45 con l’Arati a Bhagavan e la distribuzione del Prasadam a tutta l’assemblea. Satyameva Jayate: uno spettacolo di danza Il pomeriggio del 15 aprile, gli studenti Bal Vikas del Kerala hanno presentato lo spettacolo “Satyameva Jayate” che ritraeva la storia del re Harishchandra. Nonostante prove e tribolazioni, egli non deviò mai dal sentiero della verità e superò trionfalmente la prova del Saggio Viswamitra.

Tamil Nadu, ha parlato all’assemblea. Riferendosi al progetto di sviluppo rurale annunciato da Bhagavan nel Suo Discorso di Ugadi, sri Raman ha affermato che l’Organizzazione Sri Sathya Sai del Tamil Nadu ha dato avvio al programma di sviluppo rurale in oltre 250 villaggi sparsi in più di 25 distretti del Tamil Nadu, i cui capi e presidenti dei Panchayat erano presenti nel Sai Kulwant Hall per esprimere la loro intenzione di partecipare a questo progetto. In conclusione, sri Raman ha presentato gli oratori che sono stati autorizzati da Bhagavan a parlare all’assemblea prima del Suo Divino Discorso.

Una scena dello spettacolo “Satyameva Jayate” presentato dai bambini Bal Vikas del Kerala nel Sai Kulwant Hall il 15 aprile 2007.

I bambini, vestiti con splendidi costumi, hanno descritto la storia con gesti e danze, mentre i cantanti la narravano in versi. Da tutti i punti di vista, per la dolcezza della musica, gli affascinanti movimenti dei danzatori, la perfezione della coreografia e la bravura della regia, lo spettacolo si è dimostrato un’opera d’arte perfetta. Cominciato alle 16,00, si è concluso alle 16,45. Bhagavan ha assistito all’intera rappresentazione, ha benedetto i bambini alla fine dello spettacolo e ha offerto loro la sospirata opportunità di una foto di gruppo con Lui. Ha anche materializzato una catena d’oro per il bambino che interpretava il ruolo del figlio del re Harishchandra. Dopo lo spettacolo, sono cominciati i Bhajan guidati dai devoti del Kerala e seguiti in coro, con profonda devozione, da tutti i devoti del Sai Kulwant Hall. La celebrazione di Vishu è giunta a felice conclusione alle 17,45 con l’Arati a Bhagavan.

CELEBRAZIONE DEL CAPODANNO TAMIL Il Capodanno Tamil è stato celebrato a Prasanthi Nilayam il 14 aprile 2007 alla Divina Presenza di Bhagavan. Alle 7,55 Bhagavan è giunto nel Sai Kulwant Hall riccamente decorato fra le note cariche di buon auspicio della musica del Nadaswaram e dei sacri canti vedici. Il programma è cominciato subito dopo che Bhagavan ha preso posto sul palco. Per cominciare, sri G.K. Raman, Responsabile del Sri Sathya Sai Trust del

I Presidenti dei Panchayat e i capi di oltre 250 Panchayat sono giunti a Prasanthi Nilayam e hanno espresso la loro intenzione di partecipare al progetto di sviluppo rurale lanciato da Bhagavan nel giorno di Ugadi.

Discorso Divino, altri discorsi e concerti musicali Il primo oratore è stato il dottor S.P. Thyagarajan, ex Vicerettore dell’Università di Madras. Il dotto oratore ha parlato dell’incontro pubblico tenutosi a Chennai il 21 gennaio 2007 e ha affermato che esso è la dimostrazione di come l’Amore di Bhagavan stia unendo il popolo indiano e di come tale Amore costituisca un esempio di servizio altruistico all’umanità. L’eminente oratore ha osservato che il sistema educativo di Bhagavan basato sui Valori sta trasformando la vita degli studenti e degli insegnanti. Il secondo oratore, sri K. Balachander, decano della cinematografia tamil, ha espresso gratitudine a Bhagavan per aver fornito l’acqua alla popolazione di Chennai e ha descritto come egli fosse giunto da Bhagavan che, per lui, è un personaggio divino, la realtà ultima e una istituzione vera e propria. Il terzo oratore, V. Ramasubramaniam, Giudice dell’Alta Corte di Madras, ha espresso gratitudine a Bhagavan per avergli dato l’opportunità di parlare alla Sua Divina Presenza prima come studente Bal Vikas, poi come studente universitario, in seguito come avvocato e infine come giudice. Il dotto oratore si è riferito agli istituti educativi e agli ospedali creati da Bhagavan che hanno tutti i reparti salvo la cassa (poiché sono gratuiti - N.d.T). Bhagavan, egli ha affermato, non solo fornisce “educare” e “medicare”, ma anche cura divina (“divine care”). In conclusione, egli ha detto che Bhagavan desidera che gli studenti

Maggio 2007 - 5

(Continua a pagina 6)


(Continua da pagina 5)

diventino prima buoni esseri umani e poi buoni medici, buoni avvocati, buoni professionisti ecc.

Bhagavan ha dispensato le Sue benedizioni ai devoti del Kerala e del Tamil Nadu nella fausta ricorrenza di Vishu e del Capodanno Tamil.

Nel Suo Discorso Divino, che ha fatto seguito, Bhagavan ha dichiarato, per la gioia dei devoti del Tamil Nadu, che Egli compirà il lavoro di riparazione della porzione rimanente del Canale Shri Sathya Sai Ganga al di là dei confini dell’Andhra Pradesh, in modo da risolvere il problema dell’acqua per Chennai in modo permanente. (Il testo completo del Discorso di Bhagavan è riportato altrove in questo numero). Dopo il Discorso di Bhagavan, i Bhajan, guidati dal Gruppo Bhajan di Sundaram, hanno coinvolto i devoti che hanno seguito in coro con profonda devozione. Il programma del mattino si è concluso alle 9,30 con l’Arati a Bhagavan.

Pancha Maha Yajnas: uno spettacolo Il pomeriggio del 14 aprile 2007, i bambini Bal Vikas del Tamil Nadu hanno presentato lo spettacolo intitolato “Pancha Maha Yajnas” (Cinque Grandi Atti di Adorazione), descrivendo il Deva Yajna, il Pitru Yajna, l’Atithi Yajna, il Bhoota Yajna e il Rishi Yajna (l’adorazione del Signore, il servizio ai genitori, il rispetto per gli ospiti, l’amore per tutti gli esseri e lo studio delle Scritture), le ingiunzioni prescritte dalle Scritture per rendere perfetta la vita umana.

Il 14 aprile 2007, in occasione del Capodanno Tamil, i bambini Bal Vikas del Tamil Nadu hanno presentato lo spettacolo “Pancha Maha Yajnas”, nel Sai Kulwant Hall.

Lo spettacolo mostrava questi cinque ideali di vita rispettivamente attraverso episodi della vita di Prahlada, Shravan Kumar, Adi Sankara, Sibi Chakravarti e della poetessa Avvaiyar. La buona recitazione dei bambini, i costumi adatti e una perfetta coreografia ne hanno fatto uno spettacolo di successo. Bhagavan ha benedetto i bambini alla fine della rappresentazione, ha posato con loro per delle foto di gruppo, e ha donato loro degli orologi. Sono seguiti i Bhajan guidati dal Gruppo Bhajan di Sundaram, la cui interpretazione ha allietato tutti. Il programma si è concluso alle 17,30 con l’Arati a Bhagavan.

Maggio 2007 - 6


OPO LA MORTE DEL RE DI DARAPUR, il figlio fu incoronato re. Dopo aver preso le redini del regno, il giovane cominciò a preoccuparsi perché non sapeva di chi potersi fidare, quali consigli ascoltare e come avrebbe dovuto condurre gli affari del regno. “Non so chi sia buono e chi non lo sia. Il mio bisnonno, mio nonno e mio padre si sono tutti guadagnati il rispetto del popolo. La gente li stimava molto. Che cosa devo fare per guadagnarmi anch’io il rispetto della gente?” Il giovane re si tormentava continuamente con questi pensieri. Un giorno egli si trovava sulla terrazza al piano superiore del palazzo. All’improvviso, nella strada che costeggiava il palazzo, vide molti gruppi di persone – uomini, donne, bambini - procedere tutti nella stessa direzione. Chiamò uno dei suoi soldati e gli chiese di scoprire dove stesse andando tutta quella gente. Il soldato ritornò e informò il re: “Un grande saggio terrà un discorso spirituale proprio fuori città. Pare che sia in grado di soddisfare le persone chiarendo i loro dubbi. Quindi, stanno andando tutti là.” “Ah, molto bene! Allora, ci andrò anch’io per chiarire i miei dubbi”, pensò il re e si recò all’incontro in incognito. Egli ascoltò il discorso del saggio con attenzione e provò una gioia illimitata. L’incontro si concluse e tutti tornarono a casa. Solo il re, sotto mentite spoglie, non si mosse dal suo posto. Il saggio si alzò per rientrare nell’Ashram, ma, nel fare ciò, lo scialle gli si strappò essendo rimasto impigliato in un chiodo della sedia. Il saggio immediatamente andò nell’Ashram, prese ago e filo, e cercò di infilare l’ago per riparare lo scialle. Vedendo ciò, il re gli disse con grande umiltà: “Lo scialle si è strappato perché è diventato vecchio. Per favore, lasciate stare questo scialle e accettate il mio che è nuovo.”

Il saggio gli rispose: “Signore, non voglio il vostro scialle nuovo. Se volete aiutarmi, infilatemi l’ago.” Senza replicare, il re gli restituì l’ago dopo averlo infilato. Dopo aver rammendato lo scialle, il saggio pronunciò queste parole di saggezza: “L’uomo non dovrebbe dipendere dagli altri. Dovrebbe affidarsi solamente a Dio. Non mi piace dipendere dagli altri in niente.”

Il saggio disse: “L’uomo non deve dipendere da nessuno. Deve affidarsi solamente a Dio.” Dopo aver ascoltato il saggio, tutti i dubbi del re scomparvero.

Dopo aver ascoltato queste parole del saggio, tutti i dubbi del re scomparvero. Egli si rese conto che è possibile realizzare qualsiasi compito se si ha fiducia in se stessi. Il grande saggio aggiunse: “Possiamo diventare uomini di grande conoscenza, ma, senza metterla in pratica, non saremo migliori dell’asino che trasporta sul dorso un carico di indumenti sporchi.” Dopo aver ascoltato gli insegnamenti del grande saggio, il re tornò a palazzo totalmente soddisfatto. Da quel giorno, egli smise di dipendere dai consigli altrui. Compì il proprio dovere seguendo ciò che la coscienza gli suggeriva.

Il soldato informò il re che tutto il popolo si stava recando al luogo dell’incontro con un grande saggio che avrebbe tenuto un discorso spirituale.

Maggio 2007 - 7


ENTRE SI APPROSSIMA LA CONFERENZA Mondiale dei Giovani Sri Sathya Sai, in programma per luglio 2007, la Gioventù Sai di tutto il mondo si prepara a questo evento molto atteso alla Divina Presenza di Bhagavan Sri Sathya Sai Baba con varie preconferenze. Questi convegni servono a preparare e motivare la Gioventù Sai ad armonizzare la propria vita con la pratica del servizio disinteressato e della disciplina spirituale. Tali iniziative sono state sin qui organizzate in Nepal, Mauritius, Russia e Repubblica Dominicana.

NEPAL Oltre 1200 giovani della Gioventù Sai hanno preso parte alla Preconferenza Mondiale dei Giovani tenuta a Katmandu il 24 marzo 2007 e organizzata con grande zelo e devozione. La sede della manifestazione è stato il magnifico Centro Sri Sathya Sai di Narayanchaur.

“Trasformazione dei Giovani attraverso la Sadhana”. Nelle sue relazioni, il dottor Ravindran ha riassunto alcuni degli Insegnamenti di Bhagavan destinati ai giovani, ai quali ha ricordato che essi tutti possiedono una fonte di ispirazione divina al proprio interno da poter sfruttare a beneficio della società. L’intervento successivo, dal titolo “Giovani: i Prescelti per il Risveglio Spirituale”, è stato fatto da sri Amar B. Karki, Coordinatore Centrale dell’Organizzazione Sathya Sai nepalese. Una relazione con motivi ispiratori è stata quella del dottor Narottam Upadhyay, Presidente del Consiglio Centrale Sri Sathya Sai del Nepal, sul “Ruolo della Gioventù Sai nella Società Contemporanea”. Più avanti, nel corso del convegno, i partecipanti si sono divisi in quattro gruppi per trattare in maniera approfondita argomenti specifici quali “Vivere all’Altezza delle Aspettative di Swami”, “Giovani per il Risveglio Spirituale”, “Partecipazione alle Attività dell’Organizzazione” e “Partecipazione alla Conferenza Mondiale dei Giovani”. Al termine dello stimolante convegno, i giovani erano ancor più risoluti ad attuare le Sadhana quotidiane in attesa della Conferenza Mondiale dei Giovani Sri Sathya Sai.

MAURITIUS L’Organizzazione Sai del bellissimo Paese insulare di Mauritius ha organizzato una Preconferenza Mondiale dei Giovani svoltasi al Wooton Sai Centre di Curepipe il 25 marzo 2007.

Oltre 1200 giovani della Gioventù Sai hanno preso parte a una conferenza tenutasi a Katmandu il 24 marzo 2007, quale anticipazione della Conferenza Mondiale dei Giovani Sri Sathya Sai in programma per luglio 2007.

La devozione e la tenacia di questi giovani sono risultate evidenti nella loro sfida alla chiusura delle strade e dei trasporti nazionali per raggiungere Katmandu e ascoltare insigni devoti che parlavano del Messaggio d’Amore, Devozione e Servizio disinteressato di Bhagavan. Il programma ha avuto inizio nelle prime ore del mattino con la recita dell’Omkaram, della Suprabhatam e del Nagar Sankirtan. Le manifestazioni della giornata sono state aperte dall’intervento inaugurale del dottor Ram Sharan Mahat, Ministro delle Finanze del governo nepalese, il quale ha celebrato la Divinità di Sri Sathya Sai Baba e ha esortato la gioventù a seguire con fermezza il Suo cammino. L’oratore successivo è stato il dottor V.K. Ravindran, Presidente della Zona 4 dell’Organizzazione Internazionale Sri Sathya Sai, il quale ha fatto due presentazioni dal titolo “Le Aspettative di Bhagavan Riguardo ai Giovani” e

I Giovani Sai di Mauritius hanno tenuto una conferenza al Wooton Sai Centre, Curepipe, il 25 marzo 2007, per discutere sul tema della prossima Conferenza Mondiale “ Giovani Sai Ideali Messaggeri dell’ Amore Sai”.

Maggio 2007 - 8

(Continua a pagina 9)


(Continua da pagina 8)

Alla conferenza hanno preso parte circa 270 Giovani Sai e 30 adulti. Il programma è iniziato al mattino con la meditazione sulla luce (jyoti), seduti in silenzio e con l’accensione di una lampada accompagnata dal vibrante Bhajan “Akhanda Jyoti Jalao”. Uno dei giovani, per conto di tutta la Gioventù Sai di Mauritius, ha dato lettura di una dichiarazione di impegno “Il Mio Dio Vivente – l’Amato Bhagavan”. A seguire, i discorsi inaugurali del Coordinatore Nazionale dei Giovani e del Presidente Nazionale dell’Organizzazione Sathya Sai. È stata fatta una presentazione che ha tracciato la storia dell’Ala Giovani a partire dalla sua nascita nel 1997. C’è stata inoltre una relazione su “Dharma per i Giovani”, seguita da una presentazione intitolata “Verso una Società Libera dalla Corruzione”. Anche V.K. Heerea, Coordinatore Nazionale Giovani, ha tenuto una presentazione su “Le Sfide della Gioventù”. Egli ha precisato che ci sono tre cose che i giovani Sai ideali devono evitare, e cioè il pettegolezzo, la critica e la politica. Quindi si è tenuto un workshop sul tema della prossima Conferenza Mondiale “Giovani Sai Ideali Messaggeri dell’ Amore Sai”, nel quale i giovani hanno dibattuto sulle sfide per l’adozione degli Insegnamenti di Bhagavan nella società moderna.

proprie regioni. Al termine della giornata, i giovani hanno fatto interessanti giochi che si basavano sul fondamentale interrogativo spirituale: Chi sono io? Il secondo giorno la conferenza è iniziata con bellissimi Bhajan, per poi affrontare tre tematiche principali: 1) La trasformazione individuale porta a cambiare il mondo, 2) Mettere in pratica prima di predicare, 3) L’unità è forza. Ciascun tema è stato seguito da un gioco di ruoli per illustrarlo in dettaglio. Quindi Mathan Aruvlel, Coordinatore dell’Ala Giovani del Regno Unito, ha mostrato alcuni progetti e video dei giovani, che hanno toccato il cuore di tutti. Al termine della giornata, si è svolto un programma di carattere culturale. Il terzo giorno ha avuto luogo un circolo di studio sulle tre ali e cioè, Educazione, Devozione e Servizio. I Coordinatori hanno condotto una sessione di domande e risposte. Alla fine della giornata, sono stati distribuiti, a tutti i giovani, segnalibri con stimolanti citazioni di Bhagavan sul tema “La Vostra Vita è il Mio Messaggio”.

REPUBBLICA DOMINICANA L’Isola caraibica della Repubblica Dominicana ha tenuto una Preconferenza Mondiale Giovani a Santiago il 1° aprile 2007.

RUSSIA La Preconferenza Mondiale dei Giovani, a livello di zona dei Paesi di lingua russa, si è svolta a San Pietroburgo dall’8 al 10 marzo 2007. Il tema della conferenza era “La Vostra Vita è il Mio Messaggio” e il motto “Mani che Aiutano sono più Sante di Labbra che Pregano”. Cinquantasei membri provenienti da sei regioni della Russia, tra le quali Bielorussia, Ucraina e Kazakistan, hanno preso parte alla conferenza per condividere la propria esperienza e l’amore per Bhagavan. Il primo giorno i Giovani Sai hanno iniziato il convegno cantando “Alleluia” e accendendo candele per l’amato Signore Sai.

I Giovani Sai della Repubblica Dominicana hanno tenuto a Santiago, il 1° aprile 2007, una conferenza sul tema: “Sfide per la Gioventù”.

Tema della conferenza è stato “Sfide per i Giovani”. All’evento hanno partecipato 40 Giovani Sai. Il signor Faustano Fernandez, Coordinatore Nazionale Giovani, ha tenuto il discorso di benvenuto. Le sessioni della conferenza hanno previsto gruppi di discussione e proiezioni di video basati su singole tematiche di sfide per i Giovani Sai come individui ideali, cittadini ideali e membri dell’Organizzazione Sathya Sai. Una conferenza di tre giorni dei Giovani Sai si è svolta a San Pietroburgo, Russia, dall’8 al 10 marzo 2007, per discutere il programma della prossima Conferenza Mondiale Giovani.

Il Coordinatore della Zona 8 ha poi narrato di molte attività, da cui trarre ispirazione, svolte dai giovani nelle

PORTO RICO L’Istituto Sathya Sai per i Valori Umani di Porto Rico è stato fondato nell’anno 2000 e il Direttore, Raul

Maggio 2007 - 9

(Continua a pagina 10)


(Continua da pagina 9)

Rodriguez, è impegnato nella formazione degli insegnanti sul programma Sathya Sai per i Valori Umani attraverso l’organizzazione di seminari e corsi con diploma. Tale formazione viene fornita gratuitamente e tutti gli insegnanti che vi prendono parte lo fanno su base volontaria. Essi provengono da scuole diverse, pubbliche e private, per conoscere Swami e il Suo Messaggio. Il 23 marzo 2007 è stato organizzato a Porto Rico uno spettacolo musicale sui Valori Umani Sathya Sai, al quale hanno partecipato insegnanti di 28 scuole (25 pubbliche e 3 private). Gli autobus hanno cominciato ad arrivare all’Università di Turabo di Caguas, Porto Rico, alle 7,30 del mattino e ai 686 partecipanti è stata servita la colazione dai devoti Sai che hanno aiutato a organizzare la manifestazione.

Il 23 marzo 2007 è stato organizzato a Caguas, Porto Rico, uno spettacolo musicale cui hanno preso parte delegati provenienti da 28 scuole.

Ciascuna scuola ha presentato una propria canzone sui Valori Umani. Le canzoni erano stato scritte dagli studenti o dagli insegnanti e in alcuni casi sono state utilizzate canzoni di altri Paesi dell’America Latina. Molte di esse sono state accompagnate da strumenti suonati dagli studenti. Insegnanti e discenti erano pieni di gioia nell’ascoltare tante belle canzoni sui Valori Umani. Il programma sui Valori Umani di Bhagavan sta toccando molti cuori a Porto Rico. Ciascuno dei partecipanti attende con impazienza eventi futuri simili a quello appena organizzato.

SRI LANKA

Zona 3 dell’Organizzazione Internazionale Sathya Sai, hanno fatto visita al Sai Cancer Hospice di Colombo. L’hospice fornisce alloggio, pasti e cure amorevoli e compassionevoli ai malati terminali di cancro. I dettagli sull’hospice sono stati pubblicati sul numero di novembre 2005 del “Sanathana Sarathi”. Il Ministro si è complimentato con l’Organizzazione Sri Sathya Sai per il servizio disinteressato che svolge a favore della società. Lo stesso giorno si è tenuto un programma di carattere culturale, in cui i bambini Bal Vikas hanno fatto un gioco e tenuto discorsi capaci di ispirare. Il 2 febbraio è stata trasmessa alla televisione nazionale una tavola rotonda di trenta minuti sul tema Educare. Lo stesso giorno, il dottor Pal Dhall ha condotto un workshop sull’“essere genitori”. Il 3 febbraio 2007 è stato organizzato, per i responsabili anziani dell’Organizzazione Sri Sathya Sai, un workshop su “Un Domani Positivo”, presieduto da sri Karu Jayasuriya, Ministro per l’Energia.

Dall’1 al 4 febbraio si sono tenute a Colombo, Sri Lanka, una serie di cerimonie per celebrare il 15° anniversario dell’inaugurazione del Sai Mandir a Colombo. La foto mostra il dibattito avvenuto nel corso del convegno su “Un Domani Positivo”, svoltosi il 3 febbraio 2007.

Il 4 febbraio si è tenuto al Sai Mandir un incontro pubblico, al quale hanno partecipato oltre 900 persone. Il meeting è stato presieduto da sri Karu Jayasuriya, Ministro per l’Energia, mentre ospite d’onore è stato sri Vishnu Nambodiri, Primo Segretario dell’Alta Commissione Indiana in Sri Lanka. Nel corso dell’incontro è stata fatta una presentazione video delle attività dell’Ala Giovani dell’Organizzazione Sathya Sai cingalese, riguardante il Cancer Hospice, la Scuola Sathya Sai a Jaffna e l’orfanotrofio di Vavunia.

USA Dall’1 al 4 febbraio 2007, l’Organizzazione Sri Sathya Sai dello Sri Lanka ha condotto una serie di cerimonie che sono culminate nella celebrazione del 15° anniversario dell’inaugurazione del magnifico Sai Mandir a Colombo. Il 1° febbraio sri Prasana Ranathunge, Ministro della Sanità del Western Provincial Council, e il dottor Pal Dhall, Presidente della

Il 7 ottobre 2006 un gruppo di 16 persone, comprendenti giovani adulti e membri senior del Centro

Maggio 2007 - 10

(Continua a pagina 11)


(Continua da pagina 10)

Sai di Buffalo, New York, ha contribuito alla costruzione di abitazioni per i bisognosi.

organizzata dal Gruppo Ambiente degli Emirati (EEG) di Dubai. Hanno preso parte a questa enorme campagna circa 17.000 volontari provenienti da tutti gli Emirati: da singole famiglie a istituzioni per l’educazione a organizzazioni governative e private. Era presente in loco anche smt. Habiba Al Marashi, presidente dell’EEG. Alle 6,45 circa del mattino, i volontari Sai hanno intrapreso il loro viaggio per raggiungere la località su uno speciale minibus.

Volontari del Centro Sai di Buffalo, New York, hanno contribuito alla costruzione di abitazioni per i bisognosi a Niagara Falls il 7 ottobre 2006.

Due case sono state costruite nella città di Niagara Falls e il gruppo Sai ha partecipato alla parte finale dell’edificazione. Con la grazia di Bhagavan, il progetto ha preceduto la devastante tempesta di neve del 13 ottobre 2006. Il gruppo ha installato i dispositivi, dipinto i cortili con motivi paesaggistici ed eliminati tutti i detriti della costruzione. Gli uomini hanno lavorato a una casa, e le donna all’altra. Le volontarie hanno provveduto agli elettrodomestici nuovi per la famiglia che avrebbe ricevuto l’alloggio. Mentre le donne aiutavano a spazzare, strofinare, pulire con lo straccio e aspirare i detriti, gli uomini prestavano assistenza all’installazione sul soffitto di dispositivi per il risparmio energetico. Il progetto ha non solo superato le aspettative del gruppo, ma ha anche portato apprezzamento ed espressioni di gratitudine dal Supervisore Locale del Progetto di Habitat per l’Umanità.

GRECIA L’antica metropoli di Atene ha un Centro Sathya Sai che si è dimostrato attivo. Nel febbraio del 2007, ogni settimana, i volontari hanno fatto visita a molte famiglie, fornendo assistenza, consulenze mediche e vaccinazioni per i bambini. Essi hanno anche distribuito 60 borse di alimenti, 40 scatole di latte evaporato, abbigliamento e utensili per le famiglie senza tetto. Altre attività di servizio hanno previsto visite a un istituto per le malattie croniche e a una casa per disabili.

25 volontari del gruppo Sai di Dubai hanno partecipato a una campagna di pulizia organizzata dal Gruppo Ambiente degli Emirati a Dubai per promuovere un ambiente salubre e pulito in quella città.

Appena arrivati, i volontari Sai hanno aiutato il gruppo EEG nella distribuzione di magliette, guanti, cappellini e sacchi ai volontari di altre organizzazioni. Quindi, ciascuno si è dedicato alla pulizia del sito con grande zelo ed entusiasmo. I volontari provenivano da contesti e Paesi diversi. Essi si sono riuniti e hanno lavorato insieme, portando un messaggio di unità nella diversità. I volontari Sai sono stati felici di partecipare a una manifestazione che promuove un ambiente pulito e salubre. Eid Ul Adha è una delle feste più celebrate e benauguranti degli Emirati Arabi Uniti, che riunisce famiglie e amici. Il 30 dicembre 2006, 22 bambini, compresi fra i 5 e gli 8 anni, che partecipano al programma Sri Sathya Sai sui Valori Umani nell’Educazione, sono stati condotti alla Casa per Anziani di Sharjah per effettuare un programma di danza. Appena giunti sul posto, i bambini sono stati accolti dal personale. I loro costumi erano molto belli e colorati e le coreografie delle danze si basavano su quattro canzoni arabe. Gli ospiti della casa hanno molto apprezzato il programma di danze eseguito dai bambini Sai. - Fondazione Mondiale Sri Sathya Sai

INDIA

EMIRATI ARABI UNITI Il 12 dicembre 2006, 25 volontari del Gruppo Sai di Dubai hanno preso parte a una campagna di pulizia

Andhra Pradesh – Nel villaggio di Nayanavari, il distretto di Anantapur ha diretto un ospedale da campo gratuito

Maggio 2007 - 11

(Continua a pagina 12)


(Continua da pagina 11)

curando 497 pazienti e un ospedale da campo veterinario curando 437 animali. Il distretto sta gestendo, ad Anantapur, corsi d’inglese corrente cui prendono parte 76 ragazze. In occasione di Sivarathri (16 febbraio 2007), il distretto del Godavari Orientale ha compiuto, su larga scala, attività di servizio in sei famosi centri di pellegrinaggio, che comprendevano il mantenere ordinate le file, distribuire acqua da bere, occuparsi dei servizi sanitari e dei guardaroba, sorvegliare le calzature, compiere Narayana Seva (distribuire cibo ai poveri) ecc. Il distretto ha distribuito sari, dhoti e coperte a 150 persone malate di lebbra in tre diversi centri e servito loro del cibo. Il distretto ha diretto ospedali da campo in 18 villaggi, curando 830 pazienti e fornendo loro gratuitamente farmaci.

Assam, Manipur e Stati Nord-Est – Per far conoscere alla popolazione collinare del distretto di Karbi Anglong la Missione di Bhagavan Baba, il 24 marzo 2007 si è tenuto a Diphu un incontro interreligioso, cui hanno partecipato esponenti delle religioni induista, cristiana, mussulmana, jainista e buddista, oltre a molte autorità che comprendevano il Vicecommissario di Karbi Anglang, dottor M. Angamuthu e il Membro dell’Esecutivo del Consiglio Distrettuale Autonomo, signor K. Ranghangpi. I partecipanti hanno svolto dibattiti sugli Insegnamenti di Bhagavan, che costituiscono la sintesi di tutti i pensieri nobili. In tale circostanza, 62 cittadini anziani e 12 studenti che risiedono al locale Ashram Kalyan, hanno ricevuto aiuti. Karnataka – Dal 28 al 31 gennaio 2007 è stato organizzato, al Sathya Sai Vihar di Alike, un ospedale da campo gratuito di quattro giorni con varie specialità mediche.

BHAGAVAN PARTE PER KODAIKANAL Il mattino del 26 aprile 2007, Bhagavan è partito per Kodaikanal assieme a un gruppo selezionato di devoti e studenti. Baba è giunto nel Sai Kulwant Hall alle 9,35 e ha profuso le sue benedizioni su una vasta assemblea di devoti che Lo hanno salutato con mani giunte e labbra oranti. Dopo aver ricevuto l’Arati, alle 9,40, Bhagavan si è diretto dal Sai Kulwant Hall all’aeroporto Sri Sathya Sai, Puttaparthi, luogo da cui l’aereo è partito per Madurai con Bhagavan e il Suo “entourage”. Da lì, Baba è ripartito in macchina per Kodaikanal con i Suoi accompagnatori e, alle 15,45, ha raggiunto la Sai Sruthi, Sua Dimora a Kodaikanal, dove una gigantesca folla di devoti Gli ha porto un reverenziale saluto di benvenuto.

Dal 28 al 31 gennaio 2007 è stato organizzato, al Sathya Sai Vihar di Alike, un ospedale da campo gratuito di quattro giorni con varie specialità mediche, di cui hanno beneficiato migliaia di persone. La foto ritrae alcuni pazienti in attesa del proprio turno.

Vi hanno preso parte, animati da generosità ed entusiasmo, eminenti medici e specialisti provenienti da Inghilterra, Canada, Australia e anche India, che hanno praticato varie branche della medicina, come pediatria, otorinolaringoiatria (ENT), ortopedia, dermatologia, odontoiatria, ginecologia e oftalmologia, oltre a numerosi esponenti del personale paramedico. Il dottor Suresh Kadapal, neurochirurgo dell’Ospedale di Alta Specializzazione di Whitefield, e il professor S.K. Upadhyaya, chirurgo oftalmico di Londra, che gode di fama internazionale, hanno svolto un lavoro preponderante nell’organizzare l’ospedale da campo. Prerogativa dell’evento, unica nel suo genere, è stata che tutte le attività di servizio, come registrazione, consulti, mantenimento dell’ordine, distribuzione del cibo ecc., sono state effettuate dagli studenti e dai componenti del Sathya Sai Vihar di Alike. Anche gli ex studenti dell’Istituto Educativo Sri Sathya Sai hanno fatto servizio all’ospedale da campo in qualità di medici e volontari. In tutte e quattro le giornate di attività del campo medico è stato distribuito gratuitamente cibo a tutti i pazienti e a coloro che li accompagnavano. (Continua a pagina 13)

Maggio 2007 - 12


(Continua da pagina 12)

L’équipe medica ha visitato 11.148 pazienti e distribuito medicine gratuitamente. Sono stati selezionati 1012 pazienti per trattamenti supplementari, che avrebbero effettuato i medici dell’Ospedale Generale Sri Sathya Sai di Alike. Sono stati individuati 421 pazienti per vari tipi di chirurgia e 75 per operazioni di cataratta. Gli interventi saranno eseguiti suddividendo i pazienti in gruppi, presso i famosi ospedali di Mangalore. Sono stati registrati circa 4000 pazienti solo per il reparto di oftalmologia e sono stati distribuiti gratuitamente ai bisognosi 3000 occhiali. Dato che il numero di pazienti per il dipartimento di oftalmologia era molto alto, il campo medico è stato prolungato per parecchie future domeniche. Durante tutte e quattro le giornate, la sera, gli Giovani Sai e volontari Seva Dal del Kerala forniscono acqua potabile in appositi recipienti agli abitanti del villaggio. studenti dell’Istituto Sri Sathya Sai Loka Seva hanno presentato programmi culturali che comprendevano una spumeggiante miscellanea di varie composizioni come Bhajan, canti devozionali di gruppo, danza Complessivamente, nella succitata data, 1052 classica, danza popolare, scenette a sfondo morale, Giovani Sai e 1387 volontari Seva Dal si sono recati in Yakshagana (arte popolare), musica bandistica ecc. 1923 case disseminate in 755 villaggi dei 14 distretti È stato uno spettacolo di grande effetto che ha dello Stato e hanno raccolto dati relativi alle necessità piacevolmente intrattenuto il pubblico per circa un’ora e degli abitanti, suddividendoli in tre ampie categorie, mezza ogni sera. ovvero necessità di acqua potabile, necessità di prender coscienza delle norme igieniche, sia individuali sia Dal 2 al 4 febbraio 2007, ad Alike, l’Organizzazione ambientali (anche per quanto riguarda gli animali Sri Sathya Sai Seva del Karnataka ha organizzato un domestici), e necessità di educazione ai Valori Umani. programma su Educare di tre giorni, cui hanno preso parte insegnanti degli istituti educativi Sathya Sai di Nella prima fase del progetto, i giovani hanno fatto tutto il Katnataka. C’erano, complessivamente, 322 enormi progressi nella fornitura di acqua potabile agli delegati, che sono stati formati da persone valide e abitanti di questi villaggi. Ciò è stato compiuto ripulendo altamente qualificate. i pozzi del villaggio, sia privati sia appartenenti alla comunità, e anche scavando nuovi pozzi ovunque ce ne Kerala – Secondo le direttive di Bhagavan Sri Sathya fosse bisogno. Hanno altresì sistemato gli impianti di Sai Baba, l’Organizzazione Sri Sathya Sai Seva del distribuzione dell’acqua di alcuni villaggi che erano Kerala ha intrapreso un programma di sviluppo rurale esistenti, ma non in funzione. Inoltre, essi hanno usato per promuovere uno sviluppo a tuttotondo dei villaggi. recipienti mobili per rifornire d’acqua potabile gli abitanti dei villaggi che ne avevano necessità.

Il 25 marzo 2007, 1052 Giovani Sai e 1387 volontari Seva Dal del Kerala hanno intrapreso un programma di sviluppo rurale per promuovere lo sviluppo a tuttotondo dei villaggi. Le fotografie ritraggono il pozzo di un villaggio prima e dopo esser stato ripulito dai Giovani Sai e dai volontari del Seva Dal.

Il 25 marzo 2007, Giovani Sai (maschi e femmine) e volontari Seva Dal dei Samithi hanno avviato il loro servizio nei 14 distretti dello Stato secondo un nuovo programma di lavoro simultaneo.

Si sono tenute, per gli abitanti dei villaggi, numerose ore di lezione informali riguardanti le necessità di norme igieniche, individuali e ambientali, sia per esseri umani sia per animali domestici. (Continua a pagina 14)

Maggio 2007 - 13


(Continua da pagina 13)

I giovani hanno svolto un’enorme mole di lavoro per quanto riguarda la pulizia dei dintorni. Hanno aggiustato case e strade, e ripulito strade e ristagni d’acqua compresi i laghetti del tempio. Hanno anche pulito i locali di fabbricati governativi come ospedali e scuole. Sono state costruite latrine per le case che ne erano sprovviste. Si sono anche svolti, nelle aree rurali, Bal Vikas e programmi “Madre e Figlio” per provvedere ai bisogni sanitari e spirituali degli abitanti dei villaggi.

per aiutarli nella crescita, sono stati messi a punto numerosi progetti. Sono stati identificati circa 4500 nuclei familiari dentro e intorno ai villaggi per i quali far crescere piante ad uso alimentare. Per mitigare la malnutrizione, si è proposto di creare piantagioni composte da piante con alto valore nutritivo, quali coriandolo, papaya ecc. Per le succitate famiglie, si è pensato anche di creare piantagioni di cocchi. Ciò porterà loro ulteriori introiti.

Tamil Nadu – Entro 25 giorni dalla dichiarazione di Bhagavan nel Discorso di Ugadi del 20 marzo 2007, riguardante il programma di sviluppo rurale, l’Organizzazione Sri Sathya Sai Seva del Tamil Nadu è entrata in azione e ha identificato un minimo di 10 villaggi dello Stato per distretto, per attuare il suddetto programma. Ben 259 Presidenti dei Panchayat dei villaggi e i capivillaggio si sono recati a Prasanthi Nilayam, in occasione del Capodanno tamil del 14 aprile 2007, al fine di ottenere le benedizioni di Bhagavan per la felice attuazione di questo storico programma.

L’Organizzazione Sai sta promuovendo corsi di cucito, formazione al computer, battitura al computer, riparazione automobili, idraulica ecc. affinché i giovani dei villaggi possano trovarsi dei posti di lavoro.

Per promuovere la formazione dei giovani, vengono organizzati nei villaggi corsi di guida, riparazioni elettriche, idraulica, riavvolgimento di motori, riparazione di automobili, lavori al computer, cucito, manufatti domestici, come creazione di bambole, candele, incensini e altri lavori artigianali.

L’Organizzazione Sai del Tamil Nadu ha fornito acqua potabile a nove villaggi installandovi impianti di depurazione. La fotografia ritrae un filtro per l’acqua installato nella scuola di un villaggio.

La maggior parte dei capivillaggio non avevano ricevuto, precedentemente, il Darshan di Bhagavan. Dopo aver avuto il Darshan e udito il Suo Divino Messaggio in quella sacra occasione, essi si sono sentiti estremamente motivati e hanno espresso la decisione di compiere questo programma senza attendere l’assistenza dell’Organizzazione Sai. Essa ha già fornito acqua potabile a nove villaggi installando impianti di depurazione a Sriperumbudur taluk, nel distretto di Kancheepuram. Sono stati individuati alcuni villaggi economicamente arretrati che mancano di attrezzature fondamentali e,

Maggio 2007 - 14


OSPEDALE GENERALE SRI SATHYA SAI Prasanthi Nilayam, Puttaparthi, Anantapur District 515 134 E-mail: sssgh_psn@rediffmail.com, Fax: 08555-289409, Tel: 08555-287256

Si invita a fare richiesta per i seguiti incarichi 1. Ufficiale Medico: Grado d’istruzione: M.B.B.S. Esperienza minima di 2 anni e oltre in un istituto riconosciuto. Livelli retributivi: Rs. 8,000-275-13,500. 2. Giovane Medico Interno – Chirurgia Generale. Grado d’istruzione: M.B.B.S. Retribuzione fissa: 1° anno - Rs 9,000; 2° anno – Rs 10,000, 3° anno - Rs 11,000. 3. Consulente in Anestesia: Grado d’istruzione: Medico Anestesista. Livelli retributivi: Rs. 14,300-400-18,300 (Retribuzione concessa come da tariffe stabilite dal Governo Centrale in Paga Base + DP + NPA per chi rientra nei livelli retribuitivi) Fare al più presto richiesta al Sovrintendente Medico con i dati anagrafici completi e fotografie a mezzo corriere / posta celere all’indirizzo soprindicato.

Il Sovrintendente Medico

Maggio 2007 - 15


Il Segreto dell’Autorealizzazione La consapevolezza dell’Uno, essendo il solo Testimone di tutto, è il segreto dell’autorealizzazione. Essa consiste sia nel sapere che “io sono la Verità di me stesso”, sia “io ho conosciuto me stesso”, sia “tutti sono l’unico Atma”, sia “ho sperimentato che l’individuo e l’universale non sono distinti”. Questo è ciò che ogni persona deve scoprire per se stessa; il mero ascetismo, senza di ciò, è pura perdita di tempo e di energia. L’uomo non è un semplice animale. Egli racchiude in sé la scintilla del Divino e non dovrebbe permettere che essa si spenga. - Baba

Maggio 2007 - 16


Eterno Auriga - Maggio 2007