Page 1

y(7HC2D9*RRTKKM( +?!"!/!$!]

LOMBARDIA Formigoni è indagato per corruzione: «Non temo nulla, resto al mio posto» a pagina 8

QUOTIDIANO

DI CAGLIARI

Anno II Numero 205 Giovedì 26 luglio 2012 0,80 Euro

CAGLIARI Poker a Serramanna Ficcadenti: Studiamo il tridente

CONCERTO ”Un breve tour estivo” ma Battiato fa tappa a Cagliari

Virginia Saba a pagina 17

a pagina 20

PPR Approvate le linee guida l’Aula mette il primo mattone n Con 38 voti a favore il centrodestra dà il via libera alle nuove linee guida per le modifiche al Piano paesaggistico regionale ma pesa la mancata partecipazione al voto dei sardisti. Mentre nel centrosinistra (25 contrari) si registra l’astensione del consigliere dell’Upc, Massimo Mulas. Sul documento discusso in Aula incombe l’altolà del ministero: le linee guida non rispettano il

codice Urbani. Le associazioni ambientaliste minacciano il ricorso alle vie legali: la maggioranza vuole far saltare le tutele e aprire il campo alle nuove speculazioni edilizie. Vincenzo Garofalo e Francesca Ortalli alle pagine 2-3

L’ATTENTATO .

.

CRONACHE

Febbre del Nilo Primo contagio quarantenne in Rianimazione n Primo caso di contagio dell’anno: originario di San Nicolò d’Arcidano è stato ricoverato al Santissima Annunziata di Sassari. Adesso è fuori pericolo. Enrico Fresu a pagina 7

Le manovre Centrosinistra tutte le mosse per le alleanze n L’astensione sul voto del Ppr apre lo scenario con i sardisti mentre si attendono le novità dal congresso Udc di venerdì. Antonio Moro a pagina 6

Bomba sotto casa, intimidazione a un manager del porto Attentato ai danni del responsabile del personale del Cict, Andrea Scarone. Due malviventi hanno scavalcato il cancello della sua abitazione a Quartu e, utilizzando un ordigno artigiana-

le, gli hanno fatto saltare l’auto. Nessuno è rimasto ferito, nonostante le schegge e i detriti siano stati scagliati a una decina di metri. Indaga la squadra mobile. Solidarietà dall’Autorità

portuale, dai sindacati e da Confindustria della Sardegna Meridionale. Manuel Scordo a pagina 11

RICERCA VITA SULLA LUNA, LA NASA VALUTA I BREVETTI SARDI a pagina 13

Terramaini Nuovo allarme canale invaso dai pesci morti n Migliaia di carcasse affiorano lungo Mammarranca. Mentre il direttore del parco di Molentargius finisce sotto accusa. a pagina 12

Comune Abusi al Brotzu ruspe in arrivo nel parcheggio n Sono scaduti i novanta giorni concessi per liberare l’area, oggi sopralluogo decisivo. Zedda: «Pronti per la demolizione». Paolo Rapeanu a pagina 14


2

GIOVEDÌ 26 LUGLIO 2012

IL VOTO AL PIANO ENERGIA REGIONE E MINISTERO ALL’UE PER IL PROGETTO “CATTURA” CO2

ALCOA MISSIONE DEI SINDACALISTI NELLA CAPITALE: «STRAPPATO L’IMPEGNO DEI PARLAMENTARI SARDI»

n «La Regione e il ministero dello Sviluppo economico lavorano per dare a Bruxelles le ulteriori integrazioni richieste sul progetto relativo alla cattura e stoccaggio della Co2». Lo ha spiegato l’assessore regionale dell’Industria, Alessandra Zedda, al termine dell’incontro svoltosi ieri pomeriggio a Roma per approfondire il progetto integrato Ccs (Carbon capture and storage) Sulcis. «Abbiamo approfondito gli aspetti indicati dagli organismi comunitari e richiesto un intervento deciso del Governo in tempi stretti a sostegno del progetto. Il 3 agosto terremo un nuovo incontro per formulare tutti i chiarimenti richiesti dall’Europa».

n I rappresentanti della Rsu dell’Alcoa di Portovesme in missione a Roma per sollecitare una convocazione da parte del Governo hanno incontrato i parlamentari sardi: «Abbiamo avuto un incontro con gli onorevoli Letta, Sanna, Calvisi e Fadda», ha spiegato Bruno Usai della Rsu Cgil, «e abbiamo chiesto un interessamento per la nostra vertenza». Nel pomeriggio si è svolto anche un altro incontro. «Salvatore Cicu», ha detto Massimo Cara della Rsu Cisl, «e altri parlamentari ci hanno incontrato e garantito l'impegno anche atttraverso un’interrogazione».

LINEE GUIDA Ppr, il Consiglio approva ma i sardisti non votano REGIONE Via libera al documento che dà il la alle modifiche del Piano paesaggistico. Centrodestra a quota 38: il Psd’Az non ha partecipato alla conta e nel centrosinistra si astiene l’Upc n Il Consiglio regionale approva a maggioranza (38 a favore) le nuove Linee guida del Ppr, ma nel centrodestra pesa la mancata partecipazione al voto dei consiglieri del Psd’Az e nel campo del centrosinistra si sottolinea l’astensione del consigliere dell’Upc, Massimo Mulas, che ha votato in linea col gruppo “Sardegna è già domani” ma non con Pd, Sel e Idv. L’opposizione ha detto no al documento che apre la strada alla revisione del Piano paesaggistico varato nell’era di Renato Soru governatore. Sulle linee guida la Giunta viene stoppata dal ministero dei Beni culturali che ha rilevato «la non aderenza a quanto disposto dall’articolo 135 del Codice dei beni culturali e del paesaggio». IL COLPO DI SCENA A dare notizia dell’altolà del Ministero alle linee guida di revisione del Piano paesaggistico regionale, in discussione da due giorni in Consiglio regionale, è il capogruppo di Sardegna è già domani, Mario Diana. Durante il suo intervento in aula, nel pomeriggio di ieri, l’ex capogruppo del Pdl, dopo aver espresso la propria insoddisfazione e delusione per il contenuto delle linee guida presentate da Cappellacci, «si ispirano a quelle di Soru, che noi avevamo aspramente combattuto in aula», sfodera l’asso nella manica e legge il testo di una lettera che il ministero dei Beni culturali ha inviato martedì 24 luglio al presidente Cappellacci: «Questa amministrazione ha appreso in via del tutto informale della predisposizione delle linee guida di revisione del Piano. Da un primo esame è emersa la

non aderenza a quanto disposto dall’articolo 135 del D. Lgs 22 gennaio 2004 n. 42 (Codice dei beni culturali e del paesaggio) recepito all’art. 1 della L. R. 25 novembre 2004 n. 8, in base al quale è previsto un percorso tecnicoattuativo condiviso», spiega la lettera. «Le rinnoviamo pertanto la necessità di un incontro per definire tale percorso congiunto ed evitare eventuali contenziosi tra le nostre amministrazioni». Una lettera che non spaventa l’Esecutivo: «Voglio precisare che noi abbiamo avuto già numerosi incontri con il Ministero e che è nostra ferma intenzione continuare il leale e costruttivo rapporto con l’apparato ministeriale per la revisione del Ppr», preciserà a fine dibattito l’assessore all’Urbanistica, Nicola Rassu, «Successivamente alla approvazione delle linee guida da parte del Consiglio regionale si provvederà a proseguire la condivisione con il Mibac, nel rigoroso rispetto del codice urbani». BATTAGLIA IN AULA Dopo lo scontro in aula di martedì, il duello verbale fra maggioranza e opposizione prosegue per tutta la giornata. Nella seduta mattutina sono numerosi gli interventi, aperti da Nanni Campus del gruppo Sardegna è già domani: «È giusto ridiscutere del Ppr, con trasparenza e senso di responsabilità. Spesso abbiamo assistito a veri e propri sconci nei piani casa, sconci dal punto di vista edilizio e giuridico. Ed è responsabilità sua, assessore Rassu, richiamare all’interesse collettivo e non a quello particolare, persino di un singolo imprenditore». Critico anche il collega di

numeri 38

Le linee guida di revisione del Ppr sono state approvate dal Consiglio con 38 voti a favore.

25

I voti contrari al documento di indirizzo per la modifica del Ppr sono stati 25.

90

Entro 90 giorni la Giunta regionale dovrà rivedere le norme di attuazione del Ppr concordando le eventuali modifiche con il Mibac.

gruppo, Roberto Capelli: «Contro Soru ho combattuto anche aspramente, idee contro idee. Qui non si può nemmeno combattere perché non ci sono idee. E dopo la noia, il presidente Cappellacci ci ha fatto arrivare a uno stato di rassegnazione». Per il consigliere Franco Cuccureddu (Misto), «l’applicazione pratica della cultura della tutela del territorio ha mostrato divaricazioni profonde: non si possono dettare regole uguali per situazioni diverse. Questo ha provocato storture forti, forse anche irreversibili. E la speculazione in questi anni non si è fermata, e i Comuni non credono nella legislazione urbanistica perché non c’è certezza del diritto». Nel pomeriggio a scandire gli interventi sono stati i capigruppo, secondo un registro ormai collaudato in Consiglio: centrosinistra all’attacco con Giampaolo Diana (Pd), Luciano Uras (Sel) e Adriano Salis (Idv) che sfidano Rassu a ritirare il documento, e centrodestra spaccato. Mario Diana nega il sì al documento «non possiamo votare contro perché sarebbe come condividere le linee guida di Soru e non possiamo votare a favore perché non condividiamo queste linee guida che non rispondono alle richieste di cui ci siamo fatti carico in campagna elettorale, ci asteniamo». Molto critico il capogruppo del Psd’Az, Giacomo Sanna, che annuncia di non votare l’odg: «il consiglio regionale è stato finora esautorato sulla materia urbanistica. Non ci interessa discutere delle linee guida ma del Ppr. Quest’aula deve riprendere il suo ruolo trovando sistemi democratici». A favore delle linee guida l’Udc Giulio Steri e con molta più enfasi il capogruppo del Pdl, Pietro Pittalis. Cappellacci, assente durante il dibattito, arriva in aula per il voto, e la conta gli dà ragione: 38 sì, 25 no e 5 astenuti. Vincenzo Garofalo

IN DISACCORDO Giacomo Sanna (in alto) e Mario Diana, capigruppo del Psd’Az e di Sardegna è già domani


3

GIOVEDÌ 26 LUGLIO 2012

numeri 104

È il numero dei Comuni costieri della Sardegna che saranno interessati dalle modifiche al Ppr.

16

Sono i Comuni con sbocco al mare che hanno già approvato il Puc.

58

È il numero dei Comuni che hanno predisposto il Puc ma sono in attesa dell’ok della Regione.

IN TRINCEA E gli ambientalisti fanno muro LE ASSOCIAZIONI Le sigle “verdi”: pronti a ricorrere alle vie legali e le linee guida sono il grimaldello per scardinare le tutele e favorire le speculazioni. «I Puc approvati? Non è vero siano 10» n Gli ambientalisti sono pronti a salire sulle barricate per difendere il Ppr approvato dalla giunta Soru. E alla “chiamata alle armi” lanciata dal centrosinistra hanno riposto Wwf, Legambiente, Gruppo d’intervento Giuridico, Amici della Terra, Fai e Lipu che minacciano il ricorso alle vie legali. Nello specifico rischia di essere impugnata la delibera approvata dall’esecutivo che nomina l’ingegnere Alberto Piras all’interno della commissione regionale del paesaggio in rappresentanza delle associazioni a tutela dell’ambiente. «Non è regolare», tuonano a voce unica Vincenzo Tiana per Legambiente, Graziano Bullegas e Maria Paola Morittu per Italia Nostra, insieme a Stefano Deliberi (Amici della Terra e Gruppo d’intervento giuridico) con Antonello Secci del Wwf. Che raccontano, con dettagliati scambi di corrispondenza, come sia pervenuta da parte della Regione la richiesta di «indicare nostri rappresentanti, di comprovata esperienza». Le candi-

dature ci sono: Tiana e Morittu. Ma invece «viene nominato un dipendente regionale, di un’associazione che in Sardegna non esiste, legata ad esponenti di destra e che ha presentato domanda il giorno stesso in cui la delibera è stata approvata». È l’ingegnere Alberto Piras, l’incarico gli è stato concesso come esponente di “Ambiente è vita”, darà a voce a tutte le associazioni ambientaliste come previsto dall’articolo 144 codice Urbani. Peccato che: «Ci sono due diverse delibere di nomina», spiega Bullegas di Italia Nostra, «in una si citano le associazioni chiamate a partecipare, nell’altra invece c’è un generico invito a intervenire dopo che si sono accorti che “Ambiente è vita” non era nell’elenco», precisa. «Abbiamo dato mandato ai nostri legali di verificare la sua legittimità», conclude Maria Paola Morittu, «se, come riteniamo, non lo è, siamo pronti a invalidare tutti gli atti della commissione». La ricostruzione ambientalista viene contestata

info

LA DIFESA L’assessore regionale all’Urbanistica, Nicola Rassu, respinge ogni accusa degli ambientalisti: «Basta con le polemiche strumentali», replica, «le associazioni coinvolte sono tutte iscritte al registro fel ministero dell’Ambiente e operano in tutte Sardegna».

dall’assessore regionale all’Urbanistica, Nicola Rassu: «Sono polemiche infondate e pretestuose», taglia corto. «Gli atti sono stati predisposti nei tempi e nei modi previsti e nel rispetto delle norme di legge e del codice del paesaggio, attivando il coinvolgimento delle associazioni portatrici di interessi diffusi», afferma l’esponente dell’esecutivo Cappellacci. Che aggiunge: «Si ribadisce ancora una volta che le associazioni coinvolte sono tutte iscritte al registro del ministero dell’Ambiente e operano in Sardegna». Quanto poi alle candidature: erano tre, sostiene l’assessore quella di Piras compresa, a cui poi la giunta ha affidato il mandato. Ma gli ambientalisti non mollano la presa: «Le linee guida sono l’ulteriore grimaldello di questa giunta per scardinare il Ppr di Soru, nel tentativo di sostituire la conservazione con la modifica del paesaggio per fini speculativi», sostengono. Per poi contestare anche i dati forniti dalla maggioranza sull’adeguamento dei piani comunali (Puc) al Ppr: «Non è vero che lo hanno approvato solo 10. Su 104 comuni costieri, 16 hanno il Puc mentre altri 58 stanno aspettando il via libera dalla regione». Francesca Ortalli

ATTACCO «LA GIUNTA RISPETTI LE NORME»

n Sotto attacco degli ambientalisti è anche «la disinvolta interpretazione delle norme». L’affondo è di Stefano Deliperi, del Gruppo di Intervento giuridico, il caso è quello di via Gallinara vicina allo stagno di Molentargius: «Il codice Urbani impone il rispetto della fascia dei 330 m anche per le zone umide». Invece per svincolare, si decide di non rispettare la legge e «neanche la sentenza del Consiglio di stato. Impugneremo la delibera della giunta e abbiamo già inviato una segnalazione alla magistratura».


4

GIOVEDÌ 26 LUGLIO 2012

OPINIONI INTERNAZIONALE

UN PRESIDIO PER DIFENDERSI DALLE BANCHE di ANDREA FAEDDA

L

unedì scorso a Cagliari si è svolta l’assemblea pubblica del movimento Presidio piazzale Trento, organizzata proprio nel piazzale omonimo. Come relatori sono intervenuti fra gli altri, Giuseppe Carboni (Mov. artigiani e aommercianti), Lucio Sanna (Mov. Sovranità popolare), Maria Rosa Randaccio (ex intendente di finanza aggiunto) e Paola Musu, l’avvocato che il 2 aprile ha denunciato alla procura della Repubblica di Cagliari gli attuali politici italiani e tutti coloro coinvolti anche in passato per attentati contro il potere politico dei cittadini, la Costituzione e l’integrità dello Stato, mediante cospirazione e associazione sovversiva. Riprendendo alla lettera le parole del volantino che pubblicizzava l’evento, il tema del convegno era “un appello alla Sardegna contro lo strapotere delle banche, per liberarsi dalle catene di un falso debito pubblico, perché la moneta è del popolo”. Vista la crisi economica-finanziaria internazionale, i relatori hanno ribadito con vigore il concetto espresso nella locandina, contestando la classe politica rea di menefreghismo e di aver ceduto incostituzionalmente la sovranità politica e monetaria dello Stato ai banchieri. Si è affermato che per risolvere la situazione e riappropriarsi del maltolto, spetta ormai alla gente muoversi e adoperarsi direttamente in politica utilizzando tutti gli strumenti permessi dalla democrazia. Ai presenti è stato chiesto espressamente di coinvolgere più persone possibili con l’importante monito d’agire subito perché è in gioco la vita di tutti. In particolare l’avvocato Musu si è evidenziata per aver illustrato la drammaticità della fase italiana insieme al resto delle altre nazioni (in primis Grecia e Spagna), soprattutto ora che la Camera dei deputati (il 20 luglio scorso) ha ratificato il Fiscal Compact e il Mes (Meccanismo europeo di stabilità), ente sovranazionale definito come una dittatura finanziaria. Al fine di ripristinare la sovranità monetaria popolare, è stata prospettata l’idea di creare una valuta di proprietà del cittadino immessa a credito da una banca pubblica e di rifiutare monete private come l’euro perché emesse a debito da una banca privata (Bce). Sempre a Cagliari, il 27 luglio a partire dalle ore 10, il presidio sarà davanti al Banco di Sardegna di viale Bonaria e viale Diaz per un’ulteriore protesta.

il semaforo

l GEORGE CLOONEY

Star di Hollywood Il duro Mitt Romney o l’affabile Barack Obama? Le donne americane non hanno dubbi: «George Clooney for president». Lo svela una ricerca condotta nei paesi di lingua inglese: al secondo posto si piazza Tom Brady, quarterback dei New England Patriots, al terzo il rapper Jay Z. Fascino e presidenza Usa: what else?

l VITTORIO SGARBI

Critico d’arte Se non sapete cosa significa “defacciare” un sito internet, cliccate su quello di Sgarbi. Troverete (a meno che nel frattempo non sia intervenuto a porre rimedio) un esplicito «Ma vai a lavorare, coglione!», che non lascia certo spazio alla fantasia. Chi ci sarà dietro? Un rivoluzionario della prima ora o una “capra” qualunque?

l VOULA PAPACHRISTOU

Saltatrice in lungo greca Se voleva essere una battuta, ha fatto ridere poca gente: «Con tanti africani in Grecia, le zanzare che arrivano dal Nilo occidentale almeno mangiano il cibo come a casa». L’ha scritto su twitter la 23enne atleta greca. Risultato? Il comitato olimpico del suo paese l’ha esclusa dai Giochi. Più allenamento, meno cinguettii.

I PRODOTTI BIOLOGICI UN TESORO DELL’ISOLA di Fulvio Tocco

A

nche coloro che dal pensiero quotidiano avevano espunto le parole contadino e agricoltura ora ci ripensano e spostano la loro attenzione sul settore primario. Questo è il dato nuovo della politica sarda. Prende piede l’idea che il mangiare non passa mai di moda e che forse è il caso di parlare di economia domestica nel periodo della globalizzazione più spinta se si vuole evitare che l’intensità della crisi inghiotta il sistema Sardegna. Quella “fabbrica a cielo aperto” se ben considerata non chiuderà mai e non manderà i suoi lavoratori a casa, perché avere roba da offrire nel mercato globale ci mette nella condizione di non subirlo del tutto. Se invece l’economia regionale saprà caratterizzarsi per offrire cibi ecologici potrà addirittura sperare a qual cosa di più. Nel Medio Campidano, anche se a titolo sperimentale, è stato fatto. Non per niente oltre un terzo del grano duro di alta qualità che si produce nell’isola è frutto della terra nei 28 comuni delle tre terre: Marmilla, Linas e Campidano. Produrre in casa ci mette nella condizione di essere parte attiva nella tutela degli eco sistemi e del paesaggio agrario. Di quel paesaggio che incorpora i beni artistici, culturali, museali, termali, minerari e gli stessi centri urbani che non cesserà mai di essere utile ai sardi. Naturalmente se non sarà imbruttito con l’intensificazione della cementificazione. Mangiare è un atto agricolo, economico e culturale. L’identità di un popolo si distingue anche dalle sue abitudini alimentari sto-

riche. Ecco perché fa bene la politica a spostare la sua attenzione verso il settore primario. Averci pensato prima, anche quella pazza considerazione sull’inutilità delle province si sarebbe potuta evitare, soprattutto in Sardegna, dove per scelta, la dimensione provinciale non sempre coincide con gli altri (e alti) costi degli enti statali. C’è stata troppa improvvisazione di una classe politica non abituata ad occuparsi del territorio e delle sue potenzialità inespresse. Di una classe politi-

Produrre in casa ci mette in condizione di essere parte attiva nella tutela degli ecosistemi e del paesaggio agrario ca che non sta ancora valutando attentamente i costi abnormi del sistema regione, impianto che si sarebbe potuto snellire decentrando le risorse umane motivate sul territorio per renderlo fertile di idee e di innovazione. Sarebbe basta qualche norma di riordino istituzionale sulla scia della legge n. 9 e qualche delega in più. Invece siamo punto e a capo perché le cose non vengono mai affrontate nella sostanza ma sull’improvvisazione e l’incompetenza. Con le risorse umane che sono all’interno della pubblica amministrazione è possibile che si ricorra sempre all’esterno per attuare certi servizi? Qualche volta in caso di bisogno si potrebbero sperimentare strade inesplo-

IL PERSONAGGIO . Love me Tender ma il ministro la prende male di Fabio Marcello

rate, che possono sembrare antiche, ma che consentono di pagare i contadini nei tempi previsti del ciclo biologico della pianta, che equivale a dire nei tempi di mercato. La politica di questo deve occuparsi se vuole che l’economia locale torni a crescere con rapidità. La questione non è assurda visto che nel Regno Unito, così facendo, la ricchezza agricola 2011 è cresciuta del 25%. La Sardegna può ripartire con una politica che presti attenzione all’economia rurale sin dalla prossima

campagna di semina. Mentre in Italia si persegue con la politica del patto di stabilità ammazza territori, ammazza imprese, ammazza lavoro, ammazza cittadini e senza toccare i diritti acquisti dei privilegiati del sistema, nel Regno Unito è la campagna che ha dato nuovo ossigeno all’economia nazionale e così sono stati salvaguardati 10.000 posti di lavoro. Questa è la dimostrazione che l’agricoltura da una mano sostanziale all’economia se sorretta da una sana pratica del governo. Ecco perché saluto positivamente l’attenzione verso il settore primario da parte di chi ha responsabilità politiche in Sardegna. Presidente Provincia Medio Campidano

. SARDEGNA QUOTIDIANO

n Il ministro, in visita al Solar cooling System, è inquieto e pieno di dubbi. Nell’ammirare l’innovativo sistema energetico posizionato sul tetto del centro di ricerca privato Eurac di Bolzano non riesce a fare a meno di sbottare: «possibile che non avete prodotti italiani?». Ma nemmeno presta attenzione alla scontatissima risposta di circostanza che ottiene. Anzi, è lui che inizia a rispondere alle domande. Non sarà il caso che l’Italia lanci Tender europei? «Tender?», riflette il ministro. «Tender come la canzone di Elvis? Love me, tender...na na na...». Ma poi si ricorda che si tratta, banalmente, di gare d’appalto pubbliche a livello Ue, e allora s’incupisce: «Anche i tedeschi fanno i

Tender europei ma normalmente vincono sempre società tedesche, invece noi facciamo i Tender europei e siccome siamo dei coglioni vincono i giapponesi o quello che è», sbotta tutto d’un fiato lasciando interdetto l’interlocutore. Da quel momento è un fiume in piena: «Siemens si voleva fottere Angelantoni, ma siamo riusciti a fare una operazione...sa, io sono nazionalista», sibila parlando del riacquisto da parte del gruppo Angelantoni dalla tedesca Siemens delle quote societarie di Archimede Solar Energy. Montato in auto per rientrare a casa, il ministro è stressatissimo. «Ci vuole una canzoncina rilassante», mormora. Poi attacca: «Love me, tender...na na naaaa...». A squarciagola.

OPERAZIONE Corrado Clini

Direttore Fiorentino Pironti Vicedirettore Alessandro Ledda Editore Società Cooperativa Giornalisti Sardi Presidente Antonio Moro Sede legale viale Marconi 60/A 09131 Cagliari Redazione Centro Direzionale “Pittarello” ex SS 131 km 10,8, 09028 Sestu (CA) tel. 070/2330660, fax 070/2330678 Mail redazione@sardegnaquotidiano.it Stampa Grafiche Ghiani SS 131 km 17,450, 09023 Monastir (CA) Pubblicità tel. 070/2330660, fax 070/2330679 Progetto grafico Alberto Valeri Srl Registrazione Tribunale di Cagliari n. 7 del 27/04/2011


5

GIOVEDÌ 26 LUGLIO 2012

LA LETTERA

RILANCIAMO IL TURISMO E LA SARDEGNA

notizie inutili SURFISTA PER AMORE ELI E MISTER “JACKASS” INSIEME IN COSTA RICA

intanto in viale trento...

Ppr wars!

di FRANCESCO SQUINTU

N

el mio tempo libero sono un camperista (lo sono ormai da quasi un decennio) ed ho vissuto da camperista in Sardegna, in Italia e all’estero. La Sardegna, tanto decantata quale meta turistica unica e imperdibile, è un calvario per chi fa del turismo itinerante una filosofia di vita. Pochissime aree attrezzate e quando parliamo di aree attrezzate ci dobbiamo solo riferire ad aree simili a quella di Vignola o di Cala Gonone e non pseudo aree poste in un lotto di una zona artigianale lontana da ogni forma di vita o gli immancabili parcheggi adiacenti ai cimiteri. Divieti ovunque, anche per la sola sosta, in barba pure alle norme del codice della strada o vigili tanto solerti da applicare la legge anche oltre la legge stessa. I numeri del turismo itinerante sono cresciuti in maniera esponenziale in questi ultimi anni e basta anche solo girare in questi giorni nelle strade sarde e soprattutto nei camping per capire che la vacanza all’aria aperta non si fa più con la tenda a casetta o con la “canadese” ma con caravan e autocaravan. Non è un turismo “povero”, non è stanziale, è un turismo che fa economia in maniera diffusa, che ha sete di conoscenza e di cultura, che può dare nuovo slancio anche alle zone interne dell’isola, che cerca la gastronomia e l’artigianato tipico e se lo porta a casa certamente ben più del viaggiatore aereo con bagaglio da 5 Kg e non un grammo di più. La legge proposta in Consiglio regionale da Giacomo Sanna (Psd’Az) e Luciano Uras (Sel) ci porterebbe ad allinearci con realtà turistiche che sono più avanti di noi di mille passi (Francia, Austria, Svizzera). È giusto che il turismo si sviluppi attraverso direttrici che portano alla valorizzazione delle strutture ricettive, ma al fianco di queste è bene rivolgere l’occhio a forme di turismo che stanno crescendo anche nelle coscienze collettive come forme più vicine all’ambiente e più “a misura d’uomo”. Se poi vorremo davvero rifondare il settore turistico, oggi ormai asfittico e al limite del collasso, a questo primo importante passo si dovrà affiancare un rafforzamento sulla continuità territoriale estesa a chiunque, si dovrà intervenire pesantemente per regolarizzare il mercato selvaggio e incontrollato delle seconde case, si dovrà puntare a tutelare la qualità dell’offerta del nostro artigianato artistico e tradizionale o dell’offerta agro alimentare troppo spesso vilipesa in nome del facile guadagno. Associazione Camperisti sardi

n Nessuna crisi, ma un ritorno di fiamma per Elisabetta Canalis, 33 anni, e Steven Gilchrist Glover, noto al grande pubblico come Steve-O, 38enne stella di “The Jackass”. I due sono volati in Costa Rica e l’ex velina si è trasformata in provetta surfista per amore, come svelano le immagini pubblicate da Chi.

LA VAMPIRA TRADISCE KRISTEN VA COL REGISTA E PATTERSON SOFFRE n Appena qualche giorno fa si parlava di matrimonio, ora di corna. Nubi scure si addensano su Kristen Stewart e Robert Pattinson. Pare infatti che lei abbia avuto una relazione non meglio recisata con il regista di “Biancaneve e il Cacciatore”, Rupert Sanders. «Non ha avuto una vera e propria relazione con Rupert - ha dichiarato una fonte al magazine “People” - È stato solo un attimo di debolezza che non sarebbe mai dovuto succedere».

MINKA, CHE VIDEO MEZZ’ORA HOT SUL WEB PER LA GIOVANE KELLY FACEBOOK.COM/INTANTOINVIALETRENTO

BANANA@INTANTOINVIALETRENTO.IT

notizie incredibili n Secondo alcune riviste di gossip, starebbe per uscire sul web un video a luci rosse di Minka Kelly, famosa star della Tv americana. Il video durerebbe circa 30 minuti e l’attrice sarebbe stata ripresa quando la maggiore età non era ancora stata raggiunta.

OOH BALOTELLI... E LA FICO SI RIBELLA: NIENTE TEST DEL DNA n Niente test del Dna durante la gravidanza per capire se la bambina è di Mario Balotelli. Raffaella Fico dice no all'esame volto a chiarire la paternità della bimba. La showgirl al quarto mese di gravidanza - secondo “Chi”- sarebbe disposta a dare il via libera solo dopo la nascita della figlia.

IL VECCHIO NON GIOCA NONNA IN ALTALENA SI BECCA UNA MULTA

STRANI FURTI CINESI I MARITI CORNUTI GLI RUBANO IL PENE

INCIDENTI STRADALI IL PORCOSPINO FERMA UNA VELOCE FERRARI

Tornare bambini, anche solo per un giorno, può costare salato. Gli agenti della polizia locale del comune di Dorno (Pavia) l’hanno sorpresa a dondolarsi su un’altalena del parco “Sandro Pertini”. Un passatempo che - come riferisce “La Provincia Pavese” - è costato caro ad una donna di 56 anni, pensionata. La signora, che era in compagnia di un bambino, dovrà pagare una multa di 100 euro. La sanzione è prevista dal regolamento comunale di Dorno: i giochi del parco possono essere utilizzati solo da bambini di età inferiore ai 12 anni.

«Hanno messo la mia testa all’interno di un sacchetto di plastica, poi mi hanno tirato giù i pantaloni e sono scappati. Ero così choccato che non ho sentito nulla. Poi ho visto che perdevo sangue e che il mio pene era sparito». Questa la ricostruzione dei fatti di Fei Lin, l’uomo 41enne vittima di un furto quantomai “bizzarro”. La vicenda è accaduta nel villaggio di Niqiao, in prossimità di Wenling City, nella zona est della Cina. Secondo la polizia locale gli aggressori sono i mariti e fidanzati di donne che avevano una relazione nel villaggio, proprio con Fei Lin.

Cosa può fermare una rombante Ferrari che viaggia veloce sulla strada? La polizia? Una grossa buca? Un ostacolo improvviso? No, un porcospino. Il 53enne Joerg Daecher stava tornando a casa dal lavoro quando l’animale gli ha attraversato la strada. Per evitarlo, l’uomo ha sterzato di colpo, ma è finito su un tratto coperto da foglie bagnate e la Ferrari è uscita dalla carreggiata colpendo violentemente il guard rail. Secondo una prima stima, il valore dei danni subiti ammonta ad almeno 35.000 euro. Guidatore e porcospino però non hanno avuto nessun danno.


6

GIOVEDÌ 26 LUGLIO 2012

ACQUE AGITATE

CENTROSINISTRA

Alleanze, via alle grandi manovre le date 24/07

è la data della lettera di Silvio Lai ai segretari del centrosinistra che ha per tema le alleanze.

27/07

è il giorno del congresso dell’Udc che eleggerà il segretario e i vertici del partito in Sardegna.

30/07

è la data di convocazione del vertice del centrosinistra per fare il punto sulle alleanze elettorali.

SCENARI L’astensione sulle linee guida del Ppr apre il confronto con sardisti e Api mentre si aspettano novità dal congresso Udc Lai (Pd) conferma il vertice del 30 luglio per le intese elettorali n Il segretario regionale del Pd, Silvio Lai, convoca il vertice del centrosinistra per lunedì 30 luglio e anticipa le posizioni dei democratici sulle alleanze in una lettera inviata ai segretari dei partiti della coalizione. Lai conferma le aperture ai moderati, all’Api, alle forze indipendentiste e anche verso i movimenti. La lettera (spedita prima del voto in Aula sulle linee guida del Ppr) posiziona il paletto spartiacque: nessuna intesa con chi vota il Piano paesaggistico di Cappellacci. E così in serata il paletto si trasforma nel gancio su cui attaccare le astensioni in Consiglio dei sardisti e di “Sardegna è già domani”, il gruppo a cui aderisce il segretario dell’Api in Sardegna, Roberto Capelli. E sarà forse per questo che i Rossomori si affrettano a comunicare che «il tempo delle conversioni attese è scaduto» e ritornano ad attaccare Sel per le posizioni espresse dal coordinatore, Michele Piras («Basta veti e controveti per le alleanze»). La controreplica dei vendoliani segna la distanza

da Muledda e compagni: «Avendo perso la memoria dei loro comunicati contro il centrodestra ed il governo Cappellacci - attacca Piras - mi chiedo se ai rapporti di coalizione nuocciano di più le libere opinioni del sottoscritto o i gli eleganti interventi ad personam di Muledda». Il tutto mentre i consiglieri regionali dell’Idv, Adriano Salis e Giannetto Mariani, ci tengono a far sapere di aver espresso direttamente ad Antonio Di Pietro «il disagio e la non condivisione delle laceranti polemiche che caratterizzano, ormai da alcuni mesi, i rapporti tra Idv e Pd». «Abbiamo auspicato - concludono i due consiglieri regionali - il superamento delle divisioni e l’immediato ripristino del dialogo e della collaborazione tra Idv e Pd, nell’ottica della riproposizione dell’accordo politicoprogrammatico tra Pd, Idv e Sel». Ma nella nota firmata dal segretario del Pd non mancano le sottolineature negative nei confronti della condotta dei dipietristi in Regione, accusati di aver

IL VERTICE Il segretario del Pd, Silvio Lai, ha accolto la richiesta del coordinatore dell’Upc, Enrico Piras, è ha fissato l’incontro dei partiti del centrosinistra per lunedì 30 luglio. All’ordine del giorno le alleanze in vista delle Regionali e le ipotesi di allargamento della coalizione.

votato la legge elettorale-statutaria dopo che i democratici ne avevano chiesto lo stop e di mettere a rischio la riduzione dei consiglieri regionali da 80 a 60 con l’emendamento alla legge costituzionale, già approvata in prima lettura al Senato, che li riduce a quaranta. «Non si pretenda di aggredire il Pd - tuona Silvio Lai - col risultato di danneggiare gli interessi dei cittadini sardi, senza che i democratici reagiscano». La conclusione è ancora più esplicita: «Dove ci sono i democratici c’è l’alternativa al Pdl, il resto sono solo illusioni estive, anche in Sardegna». Così, con il Pd che riprende le redini del confronto per le allenze nell’Isola, il centrosinistra si ritroverà lunedì per fare il punto politico che partirà dall’astensione di Psd’Az e Api sul Ppr e dalle conclusioni del congresso dell’Udc, convocato venerdi alle 16 all’hotel Mediterraneo per eleggere il segretario regionale. Scontata la riconferma di Giorgio Oppi alla guida del partito che avrà come conseguenza politica l’addio di Oppi all’assessorato all’Ambiente. Il motivo è l’incompatibilità (stabilita nello statuto) tra le due cariche, mentre sulle altre compatibilità ci sarà un caldo agosto per valutarle. Antonio Moro

AFFAIRE TIRRENIA

Gli aiuti di Stato e la nuova Cin nel mirino dell’Ue n Il passaggio delle navi di Stato alla nuova Cin di Vinccenzo Onorato, resta sotto la lente di Bruxelles che aveva di fatto stoppato la cessione della Tirrenia alla Cin quando insieme a Onorato c’erano anche Manuel Grimaldi e Gianluigi Aponte. La privatizzazione della Tirrenia resta, infatti, all’attenzione dell’Unione europea che vuole verificare se l’operazione è stata realizzata ricorrendo ad aiuti di Stato in violazione delle norme Ue. L’indicazione arriva da Antoine Colombani, portavoce del commissario europeo per la concorrenza, Joaquin Almunia. Il quale ha anche precisato che l’indagine avviata a suo tempo sul caso resterà aperta fino a quando non saranno chiariti tutti gli aspetti dell’operazione. Alla Commissione sottolineano in particolare che deve essere accertato se ci sia effettivamente discontinità tra la nuova società (Cin) e la vecchia Tirrenia. Perché se così non fosse, e la Commissione arrivasse a stabilire che sono stati erogati aiuti di Stati illeciti che devono essere recuperati, la nuova società potrebbe essere chiamata a restituire quanto ricevuto a suo tempo da Tirrenia. Nel mirino di Bruxelles, in base all’indagine ufficializzata all’inizio di ottobre dello scorso anno, ci sono le compensazioni per obblighi di servizio pubblico corrisposte alle società dell’ex gruppo di Stato che, secondo la Commissione, potrebbero costituire un indebito vantaggio rispetto alla concorrenza. In gioco ci sarebbero centinaia di milioni di euro di aiuti che rischiano di essere giudicati non conformi alle norme comunitarie. Intanto la nuova Tirrenia si prepara a fare l’esordio sulla Cagliari-Civitavecchia, dove da lunedì viaggeranno due nuovi traghetti: Amsicora e Bonaria.


7

GIOVEDÌ 26 LUGLIO 2012

IN CURA

L’ALLARME NELL’ISOLA La Febbre del Nilo colpisce ancora contagiato finisce in Rianimazione n La Febbre del Nilo torna a far paura. Nei giorni scorsi, ma la notizia è trapelata solo ieri, un uomo di poco più di quarant’anni, di San Nicolò d’Arcidano, è stato ricoverato in Rianimazione al Santissima Annunziata di Sassari. Anche se manca l’ultimo e definitivo riscontro, sembra ormai certo che a colpirlo sia stata la West Nile Disease, il virus trasmesso all’uomo dalle zanzare (il genere Culex soprattutto), che l’anno scorso, in pochi mesi, ha fatto registrare quattro vittime accertate in Sardegna e numerosi casi di contagio. Le condizioni del paziente sono in netto miglioramento: originario dell’Oristanese, si trovava per lavoro tra Sassari e la Gallura, quando è stato colpito da una violenta febbre. Ha perso conoscenza ed è stato ricoverato nell’ospedale turritano. Adesso è fuori pericolo. Ma l’età non avanzata, e le buoni condizioni fisiche generali precedenti al malore, hanno destato preoccupazione tra i medici: il virus, se anche l’ultimo esame dovesse confermarlo, colpisce con violenza anche persone “vigorose”, non solo anziani debilitati. Anche se bisogna dire che la macchina di pronto intervento e di soccorso ha funzionato al meglio, forse rodata dalle esperienze degli anni scorsi, quando quella che sembrava un’epidemia aveva colpito prima i cavalli e poi si era trasferita sull’uomo, costringendo la Regione ad attivare una task force sanitaria per cercare di contrastare il dilagare del contagio. L’allora ministro della salute, Ferruccio Fazio, a ottobre, aveva parlato di un «fenomeno circoscritto, anche se desta preoccupazione il giovane di 34 anni in coma senza fattori di rischio». Che dopo poco tempo aveva perso la vita, stroncato dalla febbre. A GIUGNO CAVALLO INFETTATO Risale al 30 giugno l’ultimo caso conclamato di un animale colpito dalla Wnd: contagiato un cavallo di un allevamento di Badesi. Gli esami erano stati condotti dall’istituto zooprofilattico: «Le analisi sono state eseguite nell'ambito del piano straordinario regionale di controllo della Wnd disposto dall'assessorato regionale della Sanità», aveva spiegato il direttore generale dell'Istituto, Antonello Usai, «anche se il cavallo non presentava sintomi clinici chiari , è stato sottoposto ad esame sierologico in un contesto di alta sorveglianza epidemiologica». Il verdetto: Febbre del Nilo. Il primo test positivo dopo che sulla malattia, per mesi, era sceso il silenzio. Stampa e cartelle cliniche parlano di virus del Nilo fino a febbraio: ad allora, sui cavalli, erano stati registra-

numeri 4

Le vittime della Febbre del Nilo accertate lo scorso anno in Sardegna.

6

I Comuni che erano stati oggetto della bonifica urgente decisa dalla Regione per contrastare il rischio epidemia. Tra questi anche San Nicolò d’Arcidano, paese d’origine del paziente ricoverato in gravi condizioni a Sassari.

56

I focolai di Febbre del Nilo registrati negli allevamenti di cavalli dell’Isola nella scorsa stagione.

ti circa sessanta casi, concentrati soprattutto nell’Oristanese. Uno anche a Cagliari, in un maneggio all’interno del parco di Molentargius. E in città sono stati registrati due decessi nel reparto Infettivi del Santissima Trinità: uno certamente riconducibile al contagio di Febbre del Nilo (quello che preoccupava anche il ministro), l’altro dalle cause più dubbie, anche se gli esperti non escludono la puntura della zanzara portatrice del virus. Due vittime delle quattro complessive registrate su tutto il territorio isolano. LE BONIFICHE URGENTI Adesso a riportare in alto la soglia di attenzione è il paziente ricoverato a

SANITÀ Quarantenne di San Nicolò d’Arcidano ricoverato a Sassari: ora è fuori pericolo Accertata la presenza del virus Sassari. Il suo paese d’origine, San Nicolò d’Arcidano, era tra i comuni citati nell’ordinanza urgente di bonifica, firmata il 10 ottobre dell’anno scorso dal presidente dela Regione Ugo Cappellacci. Il sindaco del paese Emaule Cera, solo allora, aveva appreso di un contagio nella sua comunità: «Avrei preferito essere informato prima», si era lamentato, «anche se mi dicono che il nominativo nonè

TRASMISSIONE Il virus è veicolato dagli uccelli migratori che vengono punti dalle zanzare, che a loro volta possono trasferirlo sull’uomo: i casi “gravi” sono solo una minima percentyuale tra coloro che contraggono la Febbre del Nilo

stato diffuso per questioni legate alla privacy. Mi sembra una mezza verità». Ora un altro suo compaesano è finito in Rianimazione per gli stessi motivi. Da mettere in atto, anche stavolta, ci saranno le prescrizioni imposte dalla Regione. L’estate è il periodo buono per le zanzare: devono essere tenuti sotto controllo acquitrini e depositi di acqua stagnante. La task force organizzata da viale Trento aveva avvertito anche sui pericoli che si possono annidare, sottoforma di larve, anche nelle fontane con i pesci rossi. Allora la bonifica è stata effettuata. C’è il rischio che si debba fare tutto daccapo. Enrico Fresu

FARMACIE CHIUSE CONTRO LA SPENDING REVIEW n Anche le 590 farmacie Federfarma della Sardegna, aderiscono allo sciopero nazionale indetto per oggi per rivendicare maggiore forza contrattuale con il governo Monti che ha contribuito ad impoverire l’intero sistema. Così recita un comunicato diramato da Federfarma: «La scure della spending review si è abbattuta sulla farmaceutica territoriale, che eroga un servizio quotidiano ai cittadini che possono approvvigionarsi dei farmaci direttamente nelle 18.000 farmacie italiane che ogni giorno svolgono un’indispensabile attività di distribuzione». «La farmacia è un servizio pubblico a tutela della salute, ma sta rischiando di dover chiudere», dichiara la presidente di Federfarma Cagliari, Maria Pia Orrù, «se un tempo il valore medio delle ricette si aggirava sui 26 euro, oggi si attesta sui 15, massimo 16 euro. Se si considera che alle farmacie rimane sempre il 20%, si comprende che tutto il sistema è a rischio con un autentico pericolo serrata. L’auspicio», conclude la Orrù, « è che la farmacia possa continuare a svolgere un importante ruolo per il cittadino».

AVVISI E COMUNICAZIONI LEGALI


8

GIOVEDÌ 26 LUGLIO 2012

TREMA IL PIRELLONE

INCHIESTA SANITÀ Formigoni è indagato «Tutto qua? Non lascio» LOMBARDIA Svolta nell’indagine che aveva portato in carcere Daccò. I pm: concorso in corruzione aggravato. Il governatore nel mirino per i “benefit” da 8,5 milioni transitati su conti svizzeri

L’ACCUSA VIAGGI, CENE, GITE IN BARCA E LO “SCONTO” PER LA VILLA DELL’AMICO n Roberto Formigoni sarebbe stato corrotto in qualità di presidente della Regione Lombardia con «utilità per un valore di circa 8,5 milioni di euro in relazione a 15 delibere regionali con cui sono stati stanziati rimborsi per la Fondazione Maugeri 2 di circa 200 milioni di euro in 10 anni». È quanto, in sostanza, viene contestato al governatore nelle due pagine e mezzo dell’invito a comparire che gli è stato notificato ieri mattina. In particolare, gli inquirenti fanno riferimento a viaggi, vacanze, cene, gite in barca e a un super-sconto per l’acquisto di una villa da parte di un amico di Comunione e Liberazione di Formigoni. Per gli inquirenti, tutti benefit che sarebbero stati elargiti a Formigoni per fare ottenere rimborsi al gruppo ospedaliero che ammontano a circa 200 milioni di euro tra il 2001 e il 2011. La Regione, in questo arco di tempo, ha approvato una quindicina di delibere sui cosiddetti rimborsi su “funzioni non tariffabili”. Rimborsi, cioè, che sono stati concessi in via discrezionale dal Pirellone. Tra i benefici che avrebbe ricavato il presidente, anche il mezzo milione di euro versato da Daccò per sostenere le spese elettorali nel 2010.

n Ora è ufficiale. Roberto Formigoni è indagato per concorso in corruzione aggravata nell’inchiesta sulla Maugeri. Sarebbe stato corrotto, questa l’ipotesi, con benefit per un valore di circa 8,5 milioni di euro dall’amico, ora in carcere, Pierangelo Daccò in cambio di una quindicina di delibere di Giunta sulle cosiddette «funzioni non tariffabili» che, nel giro di dieci anni, avrebbero incrementato i rimborsi per le prestazioni sanitarie erogate dalla Fondazione. L’iscrizione nel registro degli indagati del “Celeste” risale allo scorso 14 giugno, ma solo ieri con l’invio dell’atto è stata dissecretata e l’accusa è diventata pubblica. Attorno all’ora di pranzo quelle due paginette o poco più, nelle quali sono riassunti per sommi capi i fatti addebitati, sono state recapitate, in ufficio, al suo difensore. Formigoni - si è saputo - rimane anche iscritto per finanziamento illecito ai partiti, ma gli inquirenti al momento

hanno deciso di contestargli in concorso, tra gli altri, con Daccò, l’ex assessore Antonio Simone, il patron della Fondazione Umberto Maugeri e l’ex direttore amministrativo Costantino Passerino, solo la corruzione con l’aggravante della transnazionalità. Aggravante che sta a significare che i soldi spesi - il prezzo della presunta corruzione - per il «vasto ‘portafoglio di benefit’» che negli anni gli sarebbero stati elargiti in qualità di presidente della Lombardia, sono transitati su conti esteri, in particolare svizzeri. Stando al capo di imputazione, il presidente avrebbe «partecipato all’adozione di provvedimenti amministrativi (.) diretti a trasferire ingenti risorse pubbliche, ulteriori rispetto ai rimborsi dei drg, e comunque, a procurare alla Maugeri indebiti vantaggi». Ora Formigoni, a meno che non decida di avvalersi della facoltà di non rispondere, dovrà presentarsi davanti ai ma-

«Qual è l’atto corruttivo? Dov’è la corruzione? Io non l’ho trovata. Non è reato - ha detto - essere stato ospite a una cena insieme con altre cinquanta persone un weekend. E sulle dimissioni: io rimango al mio posto» Roberto Formigoni Governatore della Lombardia

gistrati per difendersi. L’appuntamento è per sabato prossimo, ma è probabile la richiesta di un rinvio. Istanza che verrà quasi certamente accolta. «La Regione non ha alcuna responsabilità sul controllo dei bilanci delle fondazioni San Raffaele e Maugeri», si è difeso Formigoni. «Bisogna tener presente che questi sono Irccs, enti a rilevanza nazionale. La vigilanza sui loro bilanci spetta al ministero della Salute». Nel pomeriggio Formigoni ha incontrato i giornalisti: «Ho letto le carte. E a una seconda lettura mi sono detto: tutto qua?», ha esordito. «Non ho nulla da temere dopo la lettura di questi atti». Il governatore ha poi ribadito quanto aveva espresso in mattinata via Facebook: «Esprimo le mie più vive congratulazioni alla maggioranza di voi per l’equilibrio con cui è stata trattata la notizia relativa al rinvio al giudizio del presidente della Puglia, Nichi Vendola». E poi: «Qual è l’atto corruttivo? Dov’è la corruzione? Io non l’ho trovata». «Non è reato - ha detto - essere stato ospite a una cena insieme con altre cinquanta persone». E sull’ipotesi dimissioni: «Io rimango al mio posto».


9

GIOVEDÌ 26 LUGLIO 2012

CONTINENTI

LEGGE ELETTORALE BERSANI PUNGE IL PDL: «MAI MESSAGGI CHIARI»

nel capoluogo lombardo, fa riferimento a sette episodi. L’uomo colpiva le sue vittime all'interno di ospedali e cliniche di Milano presentandosi come medico o primario. I soggetti preferiti erano anziani, che avvicinava nelle sale d’attesa delle strutture: dopo aver carpito la loro fiducia, il truffatore gli chiedeva di farsi accompagnare a recuperare l’auto della figlia coinvolta in un incidente stradale.

n Sembra allontanarsi ancora l’intesa sulla nuova legge elettorale. Il segretario del Partito democratico, Pier Luigi Bersani, ha mandato un avviso al Pdl durante una riunione con i capigruppo del partito: l’accordo sul semipresidenzialismo «non ci impedisce ancora in queste ore di discutere della legge elettorale». «Se la destra vuol far battere la palla se ne prende la responsabilità. Il chiarimento arriverà presto, ma non si dica che è colpa dei partiti», ha proseguito Bersani. Il segretario del Pdl, Angelino Alfano, ha replicato: «Ci dicano di sì sull’elezione diretta di deputati e senatori e l’intesa è potrà dirsi chiusa».

FIRENZE TRASFUSIONE ERRATA MUORE UN 60ENNE n Una trasfusione di sangue sbagliata fatta a un malato ricoverato in gravi condizioni nel reparto di chirurgia vascolare. Il 60enne dopo 2 giorni è morto. È successo all’ospedale fiorentino di Careggi. La trasfusione doveva essere fatta a un altro paziente: il gruppo sanguigno non era lo stesso e le condizioni dell’uomo, già gravi, sono precipitate. Regione e Azienda di Careggi hanno aperto un’inchiesta.

FUGA DA CASA INGLESINO SULL’AEREO: VOLEVA VEDERE ROMA n Voleva vedere Roma: un bambino inglese di 11 anni è scappato da casa, ha raggiunto a piedi l’aeroporto di Manchester dove si è imbarcato per l’Italia senza biglietto mescolandosi a un gruppo di studenti. Si sono accorti di lui quando durante il volo si è sentito male. A Fiumicino il piccolo, di cui nel frattempo i genitori avevano denunciato la scomparsa, è stato preso in consegna e subito reimbarcato per Manchester.

BRESCIA GIRO DI PROSTITUZIONE IN CELLA DUE ROMENI n I carabinieri di Brescia hanno fermato due romeni con l’accusa di sfruttamento della prostituzione, lesioni personali e sequestro di persona. Le loro vittime erano tre ragazze romene. I due sfruttatori tenevano anche in ostaggio il figlio di 4 anni di una di loro per costringerla a prostituirsi nei night e sulle strade.

TRUFFA A MILANO «SONO UN PRIMARIO» IN MANETTE UN 51ENNE n Un truffatore seriale di anziani è stato arrestato dalla polizia, a Milano, su ordine del pool antitruffe della procura di Milano. L’ordinanza di custodia cautelare ai danni di un romano di 51 anni residente

CRISI IN SIRIA ATTACCO DELL’ESERCITO SI PUNTA AD ALEPPO n L’esercito siriano ha sferrato nella notte un attacco ad al Tel, suburbio di Damasco da una settimana nelle mani dei ribelli, e si prepara ad una violenta offensiva nell’antica città di Aleppo. Residenti e attivisti riferiscono di centinaia di famiglie in fuga dall'artiglieria e dai razzi dellìesercito,deciso a riconquistare i territori in mano ai ribelli. Il generale Tlass,che ha abbandonato Assad, invita i militari a rifiutarsi di compiere «atti criminali».

Borse Spread chiude a 518, bene Milano n Chiusura positiva per Piazza Affari, che tenta il recupero dopo le ultime sedute in rosso. L’indice principale Ftse Mib ha chiuso in rialzo dell’1,17% a 12.506 punti e l’All Share a +0,83% a 13.538 punti, mettendo a segno la miglior

performance in Europa. Nonostante le incertezze sulla Grecia e la Spagna che pesano ancora sui mercati, i titoli bancari incassano guadagni: Intesa (+1,4%), Unicredit (+1,3%), Mediobanca (+0,2%), Monte dei Paschi (+0,8%). Resta tuttavia

FRANCIA CADE UN ELICOTTERO IN 6 PERDONO LA VITA

su livelli d’allarme lo spread tra Btp e Bund: il differenziale tra i due titoli di Stato decennali ha chiuso a 518 punti, dopo un’apertura da brividi a 545 punti. Si restringe - il differenziale tra Bund e Bonos spagnoli, che arretra a 614 punti. n È di sei il numero delle vittime di un incidente che ha visto un elicottero precipitare sulle rocce che costeggiano le Gole del Verdon, nella regione francese della Provenza, durante un test di volo. L’elicottero era un Cougar di medie dimensioni prodotto da Eurocopter, del consorzio aerospaziale europeo Eads, decollato dall’aeroporto di Marsiglia. Le Gole di Verdon sono un canyon profondo fino a 700 metri. Le vittime erano dipendenti della società.

STRAGE DI DENVER HOLMES IN CARCERE: «COME FINISCE IL FILM?» n «Ha visto il film? E come finisce?». Così James Holmes, autore del massacro di 12 persone durante la proiezione di “Batman - The Dark Knight Rises”, in un cinema di Aurora, in Colorado, si sarebbe rivolto ad un impiegato del carcere. A riferirlo, un altro dipendente. «Stava cercando di mostrare che era davvero curioso. Come se non ci fosse nulla di sbagliato in quello che stava dicendo. Se lo avesse detto a me, mi sarebbe stato difficile non colpirlo», ha detto il testimone.

PRESIDENZIALI USA ROMNEY: «RIPORTERÒ IL BUSTO DI CHURCHILL» n «Riporterò il busto di Churchill alla Casa Bianca»: alla vigilia di un vertice con David Cameron il candidato repubblicano, Mitt Romney, si è impegnato nel gesto simbolico di rovesciare l’ordine dato nel 2009 da Barack Obama di rimuovere quella scultura dallo Studio Ovale per metterci quella di Martin Luther King. Musica per le orecchie dell’attuale inquilino di Downing Street.


10

GIOVEDÌ 26 LUGLIO 2012


11

GIOVEDÌ 26 LUGLIO 2012

Brotzu L’ultimatum è scaduto le ruspe verso il parcheggio

Molentargius Una strage di pesci e il direttore finisce sotto accusa

San Michele I rifiuti sono in mezzo alla strada

a pagina 14

a pagina 12

a pagina 15

Attentato Bomba al manager del porto n Frammenti di vetro disseminati ovunque, un’auto quasi distrutta, due squarci aperti nella lamiera della vettura dalla violenza dirompente di un’esplosione. Un attentato ancora senza spiegazione, una pesante intimidazione messa a segno in piena notte nel quartiere dei Musicisti a Quartu. Nel mirino è finito Andrea Scarone, responsabile delle risorse umane del Cict (Cagliari international container terminal), il porto industriale di Cagliari. I malviventi sono entrati nel cortile dell’abitazione del manager, in via Gregorio Allegri e hanno fatto esplodere un ordigno artigianale che ha danneggiato la sua auto. LA RICOSTRUZIONE DEL 113 L’episodio secondo quanto ricostruito dalla squadra mobile, intervenuta sul posto insieme agli agenti della Volante, agli artificieri e agli specialisti della scientifica, è avvenuto 15 minuti dopo l’una. Via Gregorio Allegri è una strada senza uscita, i malviventi avrebbero raggiunto la zona in sella a uno scooter e senza che nessuno si accorgesse di nulla, uno dei due ha scavalcato il cancello del cortile della palazzina a tre piani in cui vive il manager. Gli attentatori sapevano come muoversi, probabilmente avevano fatto un sopralluogo qualche ora o

numeri 1,15

È l’orario in cui i malviventi hanno portato a termine l’attentato.

2

I testimoni avrebbero visto allontanarsi dalla zona due persone in sella a uno scooter. I malviventi avevano i volti coperti dai caschi.

qualche giorno prima, sapevano che Andrea Scarone parcheggiava nel cortile la sua “Ford C Max”. La vettura a quanto pare era aperta. Il criminale ha innescato l’ordigno, lo ha infilato nella vettura ed è uscito in tutta fretta dal cortile.

palazzina e un suo amico – racconta ancora Tamara Muratore – sono stati loro a svegliare il proprietario della vettura e dare l’allarme». I due giovani mentre percorrevano via Gregorio Allegri, avrebbero incrociato gli attentatori.

SVEGLIATI DAL BOATO I due malviventi si sarebbero allontanati pochi istanti prima dell’esplosione: «Siamo stati svegliati dall’esplosione – racconta Tamara Muratore che abitata a una decina di metri dal palazzo in cui vive il manager - ci siamo subito affacciati per controllare cosa era successo e abbiamo visto l’auto che stava prendendo fuoco e tutti i detriti sulla strada. L’esplosione è stata violenta, per un attimo ci era sembrato che avessero esploso anche dei colpi di pistola, ma non era così». Proprio in quel momento stava facendo rientro a casa uno degli inquilini della palazzina e un amico: «Ho visto arrivare l’inquilino della

DUE MALVIVENTI IN FUGA Secondo alcune indiscrezioni trapelate avrebbero visto due persone in sella a uno scooter di grossa cilindrata allontanarsi dalla zona. I malviventi avevano i volti coperti dai caschi. Solo per puro caso, quindi, l’inquilino e l’amico non sono rimasti feriti. Se fossero arrivati a casa cinque minuti prima avrebbero visto da vicino i due attentatori fuggire e sarebbero stati investiti dall’esplosione. Per fortuna nessuno si trovava vicino alla vettura quando l’ordigno artigianale è esploso. In via Gregorio Allegri, nel giro di pochi minuti, sono arrivati i vigili del fuoco, i poliziotti della Volante, gli agenti della squadra mobile, gli specialisti della scientifica e gli artificieri. Gli investigatori hanno lavorato quasi fino all’alba per effettuare i rilievi e sentire i testimoni dell’attentato. Gli artificieri e gli uomini della scientifica hanno recuperato sul posto i frammenti dell’ordigno che saranno attentamente

ITIMIDAZIONE Fatta saltare l’auto di Andrea Scarone responsabile del personale del Cict. La vettura era sotto casa

L’ORDIGNO La bomba artigianale era stata costruita con esplosivo utilizzato per le cave. Sarebbe stata confezionata da mani esperte. La miccia era a lenta combustione.

analizzati dal gabinetto dio polizia scientifica di Roma. ESPLOSIVO DA CAVA Secondo i primi rilievi l’ordigno artigianale è stato costruito da mani esperte. All’interno c’era esplosivo da cava ad alto potenziale, non c’erano frammenti metallici. I fori nel veicolo sono stati provocati dai “tappi” del cilindro in cui era contenuto l’esplosivo, una quantità sufficiente a danneggiare solo il veicolo. I malviventi non volevano uccidere, ma lanciare un messaggio pensate, danneggiando solo l’automobile. La miccia era a lenta combustione, i criminali avrebbero avuto al massimo 4-5 minuti di tempo per allontanarsi dopo aver innescato l’ordigno. La Mobile nelle prossime ore acquisirà il video di un sistema di telecamere di sorveglianza che si trova poco distante dal luogo dell’attentato. I malviventi potrebbero essere stai ripresi. Manuel Scordo

INDAGINI Il raid è stato messo a segno nella notte da due persone fuggite su uno scooter Forse sono state riprese

La vittima «Non ho mai subito minacce o avvertimenti»

PORTO CANALE Scarone è un manager della Cict che gestisce lo scalo merci

n Si è presentato a lavoro come ogni giorno, nonostante fosse molto scosso per quanto era accaduto. Ieri mattina il manager Andrea Scarone è stato anche in ufficio come sempre. Non si sarebbe soffermato molto con i colleghi a parlare, illustrando l’episodio, con buona probabilità, solo ai più stretti collaboratori. Ha invece parlato a lungo con gli investigatori della squadra mobile che lo hanno sentito proprio in mattinata. Massimo riserbo su cosa il manager abbia detto, sulle dichiarazioni rilasciate. «Non ho mai subito minacce o intimidazioni di alcun genere», avrebbe subito dichiarato. Scarone avrebbe illustrato agli agenti della Mobile il suo lavoro, le sue funzioni come responsabile

delle risorse umane del porto industriale. Non si può infatti escludere che l’attentato sia in qualche modo collegato alla sua attività di manager. Il presidente dell’Autorità portuale, Piergiorgio Massidda, esclude questa ipotesi: «Si tratta di un lavoratore di grande valore - ha evidenziato Massidda - ho cercato di capire, attraverso “radioporto” se ci potessero essere dei collegamenti fra quanto accaduto

SOLIDARIETÀ Massidda: «L’azione non credo sia collegata alla sua attività. È lavoratore di grande valore»

e la sua attività nello scalo industriale, ma mi sento di escluderlo». Solidarietà da sindacati e Confindustria: «Esprimo a nome mio e di tutta la Cgil la condanna del vile attentato compiuto - ha detto il segretario della FiltCgil, Alessandro Bianco - Il nostro auspicio è che vengano accertate al più presto le responsabilità. Speriamo che si tratti di un atto isolato». Dello stesso avviso il segretario generale dell’Ugl, Piergiorgio Piu. Incredulo, invece, il componente direttivo territoriale e Ugl Trasporti Carlo Pirina: «Spero sia un caso isolato». Sulla stessa linea il presidente di Confindustria della Sardegna Meridionale, Alberto Scanu: «Conmdanniamo con forza il gesto».


12

GIOVEDÌ 26 LUGLIO 2012

CAGLIARI L’INIZIATIVA PER LE NOTTI COLORATE I BIMIBI DIPINGONO DI GIALLO IL CORSO

GIARDINI PUBBLICI APERITIVI D’ARTE OGGI TRA TEATRO E LETTERATURA

PROVINCIA DAL PD L’ACCUSA DI ARMENI: SU QUIRRA LA REGIONE RIMANE INERTE

n Oggi in concomitanza con “Le Notti Colorate” organizzate dal Comune le vie della città si coloreranno di giallo. I bambini della Ludoteca “La bottega dei sogni (Ex Liceo Artistico, quartiere Marina) gestita dall'Associazione Efys, adotteranno una via del centro: Corso Vittorio Emanuele. Il Corso sarà decorato e "vestito" di giallo usando solo materiale di riciclo, che si trasformerà in girasoli, farfalle, aquiloni e tante piccole creazioni.

n Oggi alle 20.30, alla Galleria Comunale d’Arte si terrà il terzo appuntamento con gli “Aperitivi ad Arte”. Fabio Marceddu proporrà una performance a metà strada tra il teatro e la letteratura, recitando passi da "Il vicino" di Milena Agus (editrice Tiligù di Cagliari), con la presenza della scrittrice. Dalla performance dell’attore prenderà avvio la visita tematica.

n «La Regione continua a non prendere alcuna posizione su Quirra», ha accusto Emanuele Armeni, Pd in consiglio provinciale, «c'è stato d recente un incontro con il Governo, in cui, secondo quanto diffuso dal Ministero della Difesa, si è registrata una comune convergenza sul piano d’azione da portare avanti in relazione al futuro del poligono. Solo parole fumose sul fatto che occorre definire un concreto progetto attuativo di bonifica».

Ambiente Immensa moria di pesci

nel giorno delle accuse al parco MOLENTARGIUS Migliaia di carcasse galleggiano in tutto il canale L’ente: «Noi non c’entriamo». Mentre tutto il centrosinistra in consiglio regionale attacca: gestione illegittima e inadeguata n Dal parco si sono affrettati a dire: i nostri tecnici, di mattina presto, si sono accorti della moria di pesci, ma noi monitoriamo tutto il resto, non Terramaini. La nota pubblicata sul sito dell’ente di gestione di Molentargius fa riferimento alle migliaia di muggini e altre specie che da ieri galleggiano nel canale di Mammarranca. Una moria che si poteva “ammirare” lungo tutto il corso d’acqua, da Ponte Vittorio fino al parco pirrese: le bianche carcasse galleggianti hanno coperto la superficie per chilometri, attirando l’attenzione dei numerosi automobilisti che si sono trovati a passare su via Mercalli. IL PARCO SI CHIAMA FUORI Non è la prima volta che succede: a ogni cambio di stagione (e quindi non sembra essere questo il caso) o in seguito a delle forti piogge, Terramaini diventa una trappola mortale per i pesci. «L’ipotesi più probabile», si legge nella nota del parco, «è legata al verificarsi di una condizione di ipossia o anossia notturna, favorita dalle condizioni climatiche degli ultimi giorni, e non all'inquinamento. Fenomeni analoghi», continuano da Molentargius, «sono noti in letteratura riferiti sia a canali artificiali che corsi d'acqua naturali in occasione di intense precipitazioni estive, come quelle che hanno interessato il territorio nei giorni scorsi. Tale ipotesi é eventualmente da confermare a seguito degli accertamenti delle autorità competenti». Poi la presa di distanza da ogni eventuale responsabilità: «L’ente tiene a comunicare che l’attività di salvaguardia del territorio e di protezione del patrimonio naturalistico viene effettuata con costanza all’interno del sito, come confermato dal direttore, Marco Loddo, ma non interessa il canale di Terramaini». Il dirigente facente funzioni sembra escludere quindi la possibilità che a causare la gigantesca moria sia stata l’immissione nel canale di acque graduate, quindi salate, la cui gestione dipende dal sistema di sollevamento.

Il fenomeno, peggiorato durante la giornata, sarà monitorato dalle autorità sanitarie: «Abbiamo mandato una comunicazione ai massimi rappresentanti sanitari del territorio, Asl, Comuni di Cagliari e Monserrato e Arpas», ha detto l’assessore provinciale alle Politiche energetiche e ambientali, Ignazio Tolu, «bisogna capire quali sono le cause della moria». Non solo: sarà necessario trovare i soldi per lo smaltimento di tutti i pesci morti. LA MOZIONE CONTRO LODDO E se si chiama fuori dal monitoraggio del canale di Terramaini, il direttore (non di ruolo) del parco, Marco Loddo, finisce lo stesso nell’occhio del ciclone. Sotto accusa, in un mozione proposta dal Pd Chicco Porcu e sottoscritta da tutto il centrosinistra in consiglio regionale, finiscono lui e la gestione disastrosa dell’oasi. In tre pagine i firmatari fanno a sale chi negli ultimi anni ha tenuto le redini del parco, che non ha mai avuto un piano di gestione e sopravvive «in costante e irreversibile stato di illegittimità gestionale e organizzativa», affidata da oltre due anni a un direttore facente funzioni. E addirittura il consiglio direttivo «che, per legge istitutiva e statuto, ha funzioni meramente esecutive ha approvato, invece, numerose deliberazioni in materia dei personale del tutto illegittime tra cui la delibera 35 del 20 dicembre 2011, che istituisce la figura del vice direttore e assume, come unica figura a tempo indeterminato nell’organico del parco, un dirigente in mobilità dal Comune di Quartu». Intanto i precari, che potrebbero rimpolpare un organico ormai ridotto all’osso, restano fuori, lasciando lettera morta un legge regionale che ne impone la riassunzione. L’oasi va a rotoli, nonostante i fondi. Il centrosinistra chiede l’intervento dell’assessore all’Ambiente, affinché il patrimonio naturalistico non venga dissipato. E.F.

TERRAMAINI I pesci galleggiano a pancia in su nel canale

ROBERTO PILI

MONDO ICHNUSA

ZEDDA CRITICO DOPO I CONCERTI SULLA SPIAGGIA n «Ho qualche dubbio sul fatto che la spiaggia possa reggere a lungo l’imaptto di decine di migliaia di persone»: i fari sul gigantesco palco di Mondo Ichnusa si sono spenti da qualche giorno ma Massimo Zedda, a margine dell’inaugurazione della nuova strada di Marina Piccola, torna sulle polemiche che si sono innescate quando sulla spiaggia, alla prima alba senza concerti, sono rimasti quintali di rifiuti abbandonati. Il sindaco precisa che la manifestazione è andata in scena sul versante quartese della spiaggia dei Centomila, quindi una porzione di litorale non di sua competenza, ma si schiera al fianco di coloro che hanno duramente criticato la scelta di organizzare un evento con una “presenza antropica” così elevata. Centomila spettatori in due giorni per ascoltare e ballare la musica di Negrite e Litfiba sparata a mille. E l’indomani i rifiuti che hanno coperto l’arenile e sono finiti in mare. Alle foto che avevano invaso i social netowork, i rappresentanti del Comune quartese hanno risposto con la pubblicazione delle immagini della spiaggia ripulita entro la serata: le squadra hanno lavorato a ritmi serratissimi per evitare che la polemica continuasse anche nelle giornate successive. Ma le parole di Zedda non si riferiscono solo ai rifiuti. Lui è il sindaco della città che ha ospitato l’evento prima che venisse trasferito a Quartu, dove l’estate scorsa è stato dato il via libera anche all’Arena, nonostante non ci fossero tutte le autorizzazioni paesaggistiche. Mondo Ichnusa godeva di tutti i via libera necessari. Restano le perplessità del sindaco sull’opportunità di autorizzare l’evento.

NELL’OASI LA DENUNCIA: SURF NELL’ACQUA DOLCE n A quanto pare nel parco di Molentargius manca il surf control. Altrimenti un gruppo di ragazzi, come è successo stando a un segnalazione arrivata alla polizia municipale ieri sera, non avrebbe potuto accedere in uno specchio d’acqua all’interno dei confini dell’oasi e dedicarsi al surf. La chiamata, giunta al centralino dei vigili urbani poco dopo le 20, è stata girata alle guardie forestali: quando una loro pattuglia è arrivato nel punto indicato, dove qualcuno si sarebbe prodigato con la tavola sull’acqua, non ha trovato nessuno. I giovani forse si sono dati alla fuga quando hanno visto il mezzo avvicinarsi. Non è la prima volta, oltre al casop degli incendi, che all’interno el parco vengono violate le regole: un gruppo di turisti si era avvicinato troppo alla colonia di fenicotteri. Beccati dagli addetti del parco? No, da un passante.

IL DOPO Quintali di rifiuti

Marina Piccola Un pezzo di città restituito ai cagliaritani

L’INAGURAZIONE La strada di Marina Piccola rimessa a nuovo

ROBERTO PILI

n Dopo sette mesi e mezzo tra reti metalliche e betoniere, arriva la parola fine ai lavori di risistemazione della strada di accesso a Marina Piccola, in anticipo di una settimana sulla data prevista. Una nuova pavimentazione in calcestruzzo architettonico colorato, fino all’inizio della strada militare, nuovi marciapiedi su entrambi i lati, recinzioni in legno all’altezza dello Yacht club e il Windsurf club. Abbattute le barriere architettoniche: a metà del marciapiede del lato parcheggi c’è un largo scivolo. Nella nuova via Marina Piccola sono state posizionate anche diverse panchine in marmo e una fontanella. Spazio anche al verde, con la messa a dimora di piante e il contemporaneo posizionamento di rotondine

salva radici in ferro. Un costo di 1,9 milioni di euro, soldi stanziati dalla Regione, ente che ha guidato il lungo periodo di lavoro degli operai. Nel progetto sono previsti anche due pontili galleggianti, ma non sono ancora stati realizzati. Negli uffici dell’assessorato regionale ai Lavori Pubblici sono arrivate richieste di particolari modifiche da parte di associazioni sportive di diversamente abili e dallo stesso Yatch

POETTO Inaugurata la strada con i nuovi arredi, mancano ancora i due pontili sul mare I ciclisti chiedono piste per bici

club. «Le varianti sono allo studio dei tecnici, i due nuovi pontili sorgeranno in brevissimo tempo. L’apertura anticipata della nuova via è un fatto positivo, tutti possono riappropriarsi di uno spazio bellissimo e incantevole, soprattutto nuovo», esordisce, subito dopo aver tagliato il nastro, l’assessore regionale ai Lavori Pubblici, Angela Nonnis. L’inaugurazione ha visto la presenza di un gruppo di ciclisti di Città Ciclabile, che hanno lamentato l’assenza di una pista ciclabile e di una bretella by-pass all’inizio del percorso militare. «Su questo punto, se dal Comune dovessero arrivare dei progetti, siamo pronti a prenderli in considerazione», aggiunge la Nonnis. P.R.


13

GIOVEDÌ 26 LUGLIO 2012

CAGLIARI

Molo Ichnusa Dopo il sultano forse Putin n Anche Putin potrebbe approdare al Molo Ichnusa. Secondo voci non confermate lo yacht del presidente della Russia potrebbe arrivare in città nei prossimi giorni. «Posso solo dire che ci stiamo muovendo da mesi per ospitare grandi e prestigiosi yacht - spiega il presidente

dell’Autorità portuale Piergiorgio Massidda - questa è la nostra strategia per rilanciare il porto di Cagliari cercando di portare in Sardegna nuovi posti di lavoro». Dal Molo Ichnusa è appena salpato il Rising Sun di Larry Ellison, uno degli uomini più ricchi del mondo, cofondatore

del colosso informatico Oracle. Sulle stesse banchine erano prima ormeggiate el due maxi-imbarcazioni del sultano dell’Oman Qaboos bin Said Al Said. E ora potrebbe arrivare il turno di un nuovo capo di Stato, Vladimir Putin, che di solito predilige la Costa Smeralda.

Ricerca Mattoni sardi per le basi lunari UNIVERSITÀ Seguiti dalla Nasa i brevetti depositati dal Crs4 per costruire nello spazio: «La fantascienza diventa realtà» n Sulla luna e su Marte potrebbero sventolare i Quattro mori. C’è anche un po’ di Sardegna nella conquista dello spazio che da fantascienza è diventata futuro prossimo. «Secondo le stime della Nasa nel 2030 potremmo già avere una stazione lunare con esseri umani», spiega il professor Giacomo Cao, docente di Ingeneria e ricercatore del Crs4. Con la sua equipe ha brevettato dei sistemi che serviranno per costruire i “mattoncini” direttamente sul suolo lunare e marziano che serviranno per costruire le basi spaziali. Mentre la politica sarda stabilisce i limiti sulle zone da edificare nell’Isola per il rilancio dell’edilizia, gli scienziati sardi guardano oltre e puntano sulle costruzioni spaziali. Il telefilm Spazio 1999 (riproposto queste notti da RaiDue) è ambientato sulla base Alpha, simile alle stazioni lunari a cui si sta lavorando adesso. Nel 1975, quando uscì la serie, lo scrittore Isaac Asimov sostenne che la da-

numeri 2

I brevetti internazionali depositati dai ricercatori sardi per le missioni spaziali.

2016

L’anno in cui partiranno i primi “lander” per gettare le basi delle stazioni sulla luna.

2030

L’anno in cui la Nasa ha previsto la presenza umana sulla luna.

VERSO IL FUTURO Una base lunare nella presentazione del progetto Cosmic

ta era troppo vicina e che il 2049 fosse un traguardo plausibile per immaginare gli uomini sulla luna. «Ha avuto ragione, ma potrebbe anche arrivare prima anche se dipende da tanti fattori, soprattutto di natura economica - spiega Cao - ma a partire dal 2016 sono previste le missioni per l’atterraggio dei “lander”, apparecchi di un metro quadro che non potranno por-

info L’IDEATORE Giacomo Cao è docente di Ingegneria e ricercatore del Crs4.

tare tanti materiali, per questo si cerca di sfruttare l’ambiente locale». E qui subentra l’intuizione dei ricercatori sardi con il progetto Cosmic, realizzato da Università di Cagliari, Crs4, Cnr, Istituto Fermi di Fuscaldo e Corem srl. «Si tratta di due tecnologie, una per la produzione in loco dei cosiddetti mattoncini - spiega Cao - l’altra per ottenere prodotti utili al so-

stentamento delle missioni spaziali permanenti come ossigeno, acqua, monossido di carbonio e ammoniaca». I brevetti internazionali sono stati depositati e le tecnologie nate nell’Isola sono le uniche italiane prese in considerazione dalla Nasa. «Che non vuol dire che saranno sfruttate al cento per cento - precisa professor Cao ma il 2016 è vicino e, a quanto ci risulta, nessun altro sta lavorando in quella direzione». La Sardegna passa così dai mattoni in “ladiri” a quelli marziani. «Quello che fino a poco tempo fa sembrava fantascienza ora è quasi realtà: tutte le agenzie spaziali, compresa quella europea, stanno accelerando molto in quella direzione». Considerando come l’uomo sta divorando il pianeta che lo ospita, sembra quasi che aumenti il bisogno di trovare nuove terre di conquista. I primi dovrebbero essere gli Stati Uniti (magari con le tecnologie sarde), poi i giapponesi e gli indiani. Tanti apparecchi partiranno da diversi Stati per raggiungere la Luna e Marte e altrettante bandiere sventoleranno nello spazio. E tra queste potrebbero esserci anche i Quattro mori. M.Z.


14

GIOVEDÌ 26 LUGLIO 2012

CAGLIARI

Carcere «Diritti negati ai clandestini» n «Rischia di avere gravi ripercussioni la decisione del Comune di non inserire i cittadini privati della libertà senza permesso di soggiorno tra gli iscritti all’anagrafe, così come richiede la circolare del dipartimento dell’amministrazione penitenziaria relativamente alla residenza dei dete-

nuti. Senza questo atto amministrativo infatti gli extracomunitari irregolari non avranno garantito il diritto alla salute». Lo afferma Maria Grazia Caligaris, presidente dell’associazione “Socialismo Diritti Riforme”, avendo appreso che «le richieste formulate in tal senso dalla direzione

di Buoncammino non hanno ottenuto risposta positiva dagli Uffici dell’amministrazione comunale. «Si tratta», sottolinea la Caligaris, «di un provvedimento che crea non pochi problemi per l’esercizio del diritto alla salute che, ovviamente, non risponde a canoni giuridici».

Brotzu Un parcheggio con le ore contate STADIO A ELMAS

COMUNE Sono scaduti i tempi dati per liberare l’area. Zedda: «Sono pronto a firmare per la demolizione degli abusi»

Il rinvio del Tar: la variante al Puc resta in vigore

n Le ruspe del Comune avanzano verso il Brotzu. I vertici di piazzale Ricchi hanno avuto novanta giorni di tempo per liberare la parte cagliaritana del parcheggio e l’ordinanza è scaduta in questi giorni. Oggi un incaricato del Comune andrà a verificare la situazione, praticamente identica a quella degli ultimi tre mesi. Lo ha annunciato in Consiglio comunale il sindaco Massimo Zedda, rispondendo a un’interrogazione urgente di Paolo Casu. «Il Brotzu compie un atto di prepotenza e arroganza, in un’area vincolata a leggi speciali. Le ruspe dovrebbero essere già in azione - afferma Casu - se la situazione non si sblocca, io e Chessa presenteremo un esposto alla Procura della Repubblica». Una denuncia che potrebbe essere evitata. ZEDDA PRONTO A FIRMARE «In caso di accertamento di inottemperanza delle regole da parte dell’azienda ospedaliera, firmerò subito un protocollo di demolizione da parte del settore edilizia privata», risponde Zedda, ricordando che «abbaimo cercato il dialogo con il direttore del Brotzu, ora stanno già costruendo tre immobili commerciali, una farmacia, un bar e una merceria, usando cubature che non sono nella loro disponibilità». Sul ricorso al Tar da parte del Brotzu, Zedda afferma che «negli uffici comunali l’atto non è mai arrivato, la diffida è partita per aver recintato una zona da adibire a parcheggi, ma nulla è mai partito». IL FUTURO DI CALAMOSCA Durante i lavori di palazzo Bacaredda, è stata votata all’unanimità una mozione del Pdl Maurizio Porcelli sulla riqualificazione di Calamosca. «Le istituzioni sono state latitanti, dunque colpevoli del degrado della zona - spiega Porcelli - dopo Marina Piccola bisogna pensare a Calamosca, dalla pulizia dell’arenile ai cedimenti del costone vicino alla caserma Ederle». Ironico l’intervento dell’Udc Gianni Chessa: «Molte coppie, giovani e mature, fanno la fila in auto per vivere momenti di intimità, si potrebbe attrezzare l’area pensando a queste loro esigenze, magari con schermi per vedere film». L’assessore ai Lavori pubblici, Luisanna Marras, aggiunge che «abbiamo già 300mila euro per i costoni rocciosi e la strada, e 100mila euro per recuperare un palazzo diroccato sul promontorio». LOTTA ALLE DISCARICHE Pulsanti verdi bipartisan anche per la mozione del Pd Fabrizio Marcello, sul monitoraggio delle discariche abusive, ma con qualche scontro. «Vanno potenziati gli uffici di controllo interno, gli anni scorsi c’era una società esterna per il controllo della gestione dell’appalto sui rifiuti - dice Davide Carta, capogruppo Pd il Comune potrebbe acquisire dal demanio regionale alcune aree incolte a Sant’Elia per fare ecocentri». Il capogruppo Pdl Giuseppe Farris, contrattacca: «Tra i maggiori fallimenti di questa giunta c’è il servizio di raccolta rifiuti, peggiorato ovunque. E sul nuovo bando di gara non c’è nessuna certezza». P.R.

VIA PERETTI L’ingresso dei parcheggi del Brotzu finiti nell’occhio del ciclone

n Il Tar ha rinviatole sue decisioni sulla variante al Puc del Comune di Elmas per Santa Caterina. Nella seduta di ieri i giudici hanno rinviato la discussione nel merito all’udienza prevista per il 26 giugno dell’anno prossimo. In accodo col presidente del Tribunale amministrativo regionale i riccorenti hanno rinunciato alle sospensive. Perché per bloccare l’atto del Comune di Elmas nella zona dove sarebbe dovuto sorgere la Karalis Arena, per motivi opposti, si sono trovati dalla stessa parte il Cagliari, l’Enac e la Camera di Commercio. Ma, in realtà, la variante dà il via libera a una serie di interventi di natura edilizia, ricettiva e sportiva ma non lo stadio in modo esplicito. Viene meno così l’urgenza di sospendere l’atto e il sindaco di Elmas può tirare un sospiro di sollievo. Sono giorni ad alta tensione nel Municipio masese perché il giorno che il Consiglio avrebbe dovuto discutere dell’accordo di programma per gli interventi a Santa Caterina e del progetto preliminare per il piano di rischio aeroportuale al primo cittadino sono mancati i numeri. Assenze tra gli asessori e, soprattutto, tra i banchi della maggioranza. Per questo ha le orecchie ai suo consiglieri e tolto le deleghe all’esecutivo. Ora Valter Piscedda sta preparando il rimpasto e se la settimana prossima non avrà i numeri lascerà l’incarico.

NEL WEEKEND

Cuccurus cottus e corso off-limits ecco tutti i divieti n Cuccurus cottu day e corso pedonale stravolgeranno la viabilità di questo fine settimana a Stampace. L’unica festa autofinanziata della città, che trasforma via Azuni in una grande piazza dove si offrono quintli di “lissa” arrosto e musica, comporterà che nelle vie Azuni, Fara, Sant'Efisio, Santa Restituta, Portoscalas e Ospedale, dalle 14 di sabato fino alle 8 di lunedì, sarà istituito il divieto di sosta con rimozione forzata su ambo i lati e il divieto di transito nel tratto interessato dai lavori, con esclusione dei mezzi dell'organizzazione. Durante gli orari di chiusura, per la contemporanea pedonalizzazione del Corso, il traffico verrà deviato nella via Sant'Ignazio verso la via Palabanda e nella via Ospedale verso la via San Giorgio. E per quanto riguarda il Corso: a seguito della prima fase di sperimentazione della pedonalizzazione, come annunciato nei giorni scorsi, si procede ad una modifica degli orari e l'eliminazione della chiusura domenicale. Nel tratto compreso tra il largo Narlo Felice e la via Caprera, comprese le traverse su ambo i lati, con decorrenza dal 26 luglio fino al 2 settembre 2012, dalle ore 21.00 alle ore 1.00 del giorno successivo, nei giorni di giovedì, venerdì e sabato, viene istituita la pedonalizzazione.


15

GIOVEDÌ 26 LUGLIO 2012

CAGLIARI

Gli arresti Invalido coltiva “erba” in casa n Invalido civile, aveva creato nella sua abitazione una serra per coltivare marijuana. I carabinieri della Stazione di Sant’Avendrace hanno arrestato Efisio Saba, 50 anni, residente a Selargius. Martedì pomeriggio, intorno alle 18, i militari hanno perquisito la sua abitazione, trovando all’interno ben 24 piante di

marijuana. L’uomo è stato arrestato per coltivazione e spaccio di stupefacenti. Sempre martedì i carabinieri ad Assemini hanno arrestato i fratelli Luciano e Paolo Mattana, rispettivamente di 45 e 38 anni. I due sono stati bloccati dai militari mentre si trovavano in un terreno in località Sa Mura, agro di Assemini,

dove stavano annaffiando 40 piante di marijuana. Sequestrate le pianete, l’innaffiatoio e l’insetticida che i due avevano portato per “prendersi cura” delle piante. Il Radiomobile, invece, ha arrestato al Quartiere del Sole, Antonio Zodio, 24 anni. Il giovane non si era fermato al posto di blocco dei carabinieri.

Via Ardenne Tarsu record

ma i rifiuti sono in strada SAN MICHELE Sono stati spostati i cassonetti e da diversi giorni non passano i mezzi per ritirare la spazzatura. «Abbiamo paura che diventi come Napoli: siamo già invasi da topi e mosche» n Cagliari è il terzo Comune in Italia per il costo dei rifiuti. Ma nel cuore di San Michele c’è una strada da cui sono spariti i cassonetti e da una decina di giorni nessuno ritira più i rifiuti. «Non vogliamo che diventi come Napoli», commentano alcuni residenti di via Ardenne di fronte a un cumulo di rifiuti ricoperto di mosche. «È una situazione invivibile - denuncia Sandra Podda, che abita al primo piano a pochi passi dalla spazzatura abbandonata per strada - prima c’erano i cassonetti e venivano regolarmente i camion per svuotarli, adesso li hanno tolti ma molti residenti di questi palazzi continuano a lasciare lì i rifiuti». In realtà i cassonetti ci sono, ma sono sotto altri palazzi. «Quelli servono già per tanti utenti e non è neanche giusto che tutti i rifiuti di

questa strada debbano finire sotto casa loro», aggiunge una vicina di casa. Il caldo peggiora la situazione e l’aria è irrespirabile per il cattivo odore che emanano i rifiuti. «È pieno di topi e fino a pochi giorni fa anche di blatte, per fortuna è arrivata l’Antinsetti che ha disinfestato i vari pozzetti e quell’emergenza sembra passata - continua la signora Podda - ma il numero di topi e mosche è allucinante e i sacchi di spazzatura ammassati qui davanti non fanno che peggiorare la situazione». Alcuni residenti di via Ardenne esasperati raccontano che qualcuno ha minacciato di dare fuoco ai rifiuti per sollevare la questione, ma è stato fermato perchè il danno dei fumi tossici sarebbe stato peggiore dalla spazzatura ammassata sotto casa. «Spiace che capiti proprio qui

da noi, che già intorno a queste case ci sono molti pregiudizi - continua la signora Podda - per fortuna ho otato che motli residenti non stanno lasciando altri rifiuti lì in mezzo perché basta poco che la situazione degeneri e non vogliamo che diventi come l’emergenza rifiuti di Napoli». Un giovane spiega che la causa del mancato ritiro dei rifiuti sia il cambio di autista del mezzo che li ritira. «La strada è stretta e prima il camion riusciva a entrare, l’autista sapeva bene che manovra fare - spiega - ma a quanto ci hanno detto ora non ci riescono più, basterebbe utilizzare uno dei camioncini più piccoli che utilizzano in altri quartieri». I residenti di via Ardenne si lamentano col Comune per esser stati abbandonati con i rifiuti davanti al portone. Ma proprio all’ingresso dei palazzi un cartello avvisa che sabato saranno distribuiti i sacchetti per la raccolta dell’umido. Anche se fare la differenziata in quelle condizioni non sembra facile. Marcello Zasso

DE’ CARROZ

INDIFFERENZIATA Mosche e topi tra i rifiuti abbandonati sotto il sole

Concessionaria Nissan:

Cagliari - Via Dei Carroz 4 Tel.070.5502.1


16

GIOVEDÌ 26 LUGLIO 2012


17

GIOVEDÌ 26 LUGLIO 2012

SPORT

SERRAMANNA Un colpo di testa di Dessena fuori misura e un’azione di Cossu

ROBERTO PILI

Cagliari Poker rossoblù, Sau e Cossu ok IL TEST Contro i Top della serie D bene anche Nainggolan. A segno Pinilla, Larrivey, il tonarese e Perico. La fatica si sente n Il Cagliari annaspa con la serie D poi la spunta nella ripresa. Finisce con un poker contro il top della serie D. Gol di Pinilla, Larrivey, Sau e Perico. La fatica inizia a sentirsi sulle gambe dei rossoblù che il meglio del meglio lo hanno dato con Cossu, Sau, e Nainggolan già in forma. Avelar decisivo nel suo assist per Pinilla, mentre dall’altra Pisano si è fatto notare per progressione in fascia, cross, e una traversa che ha entusiasmato gli spalti del campo di Serramanna strapieno per l’occasione. Dal’altra il top della serie D si è fatto valere soprattutto con la formazione del primo tempo che ben ha gestito i rossoblù. Nel primo tempo Ficcadenti stavolta salvo dalle contestazioni, schiera Agazzi tra i pali, Pisano, Rossettini, Ariaudo e Avelar in difesa. A centrocampo Dessena, Conti e Nainggolan. Attacco con Thiago Ribeiro, Pinilla e Cossu esterno sinistro del tridente. Subito buona progressione di Cossu, Avelar è propositivo nella fase d’attacco ma nelle prime azioni di gioco il suo cross per Pinilla viene anticipato da Simone Farci. Dopo 20’ Pisano nel mezzo di un’azione inventata da una interessante verticalizzazione di Cossu, con un tiro da fuori area prende la traversa strappando gli applausi del pubblico di Serramanna. Al 22’ il portiere Marco Manis nega il gol a Cossu salvando d’istinto il tiro di testa schiacciato su bel cross di Pisano. In fase difensiva il tridente si trasforma

info

FRANCESCO PISANO Nuovo look alla Kojak ma vecchie abitudini, corsa e cross. Poteva far gol ma coglie la traversa

MICHELE FINI L’ex rossoblù sarà nel Porto Torres che sabato 28 alle 18 incontrerà il Cagliari nel test a Macomer

in un 4-4-2. E proprio in contropiede nasce il vantaggio del Cagliari con Pinilla che, visto da Avelar, solo davanti al portiere mette a segno. Poco dopo ci riprova, ma Manis in uscita para di piede. Dall’altra la Rappresentativa della serie D ci prova con Silvio Fanni: il suo tiro da fuori area si abbassa sopra la traversa. Thiago Ribeiro in fascia viene chiuso bene da Matthias Meloni. Il Cagliari ferisce in contropiede, ma il brasiliano cerca il passaggio in più per Pinilla anticipato da Stefano Medda. Cossu in attacco si accentra più volte, ma il suo tiro è debole. Il ritmo inizia a calare. In fascia Mattia Cordeddu e poi Marco Farris si fanno inseguire da Nainggolan e Avelar. Pinilla cerca di superare Daniele Piselli, bravo a recuperare sul cileno. Fanni ha l’occasione del pareggio ma spara alto. Poco dopo è Cordeddu a sfiorare il palo. Il Cagliari sta a agurdare, Nainggolan fisicamente e tecnicamente è da applausi. Nella ripresa entrano Avramov, Perico, Camilleri, Rossettini (71' Del Fabro), Murru, Nainggolan (71' Piredda), Conti (55' Dessena), Eriksson, Nenè, Larrivey, Sau. Dopo 5’ arriva il 2-0 con l’uscita di Floris che regala il gol di testa a Marco Sau. Larrivey di sinistro firma al 3-0. Eriksson si muove bene, si accentra e verticalizza più volte. Sau mostra visione di gioco e buone iniziative. Dessena sostituisce Conti e manda Nainggolan in regia. La Rappresentativa ci prova con Luca Caboni che con un delizioso tacco trova Cristian Sias che non calcia bene. Passa poco tempo per il poker rossoblù firmato Perico. Marco Sau delizia con un morbido pallonetto che finisce sul lato. Va servito meglio. Dribbla divinamente. Virginia Saba

ASSENTI ASTORI E IBARBO A RIPOSO ESORDIO PER L’EX JUVE CAMILLERI n Assenti della serata ieri a Serramanna Victor Ibarbo e Davide Astori nell’amichevole contro la Rappresentativa di serie D. Il colombiano resta ancora ai box dopo aver saltato anche il test a Villamassargia, per Astori è la prima assenza della stagione. In difesa la coppia della serata è stata prima quella composta da Ariaudo e Rossettini, alla ricerca della giusta sintonia per iniziare al meglio il campionato visto che saranno la coppia alternativa a quella titolare. Nel secondo tempo spazio alla prima uscita stagionale di Camilleri, l’ex Juventus e Chelsea fisicamente imponente e alla sua prima sgambettata con i nuovi compagni di squadra. Per Astori e Ibarbo problemi muscolari che hanno portato Ficcadenti a lascarli a riposo. Prossimo appuntamento davanti al pubblico rossoblù ora sabato a Macomer (ore 18) per la gara contro il Porto Torres degli ex rossoblù Pinna e Fini.

TOP SERIE D IN EVIDENZA MANIS CON BIANCHI, CORDEDDU E FANNI n Se il Cagliari ha fatto fatica, specie al primo tempo, non è solo per i carichi di lavoro cui sono sottoposti i ragazzi di Ficcadenti ma anche per la consistenza della squadra messa in campo da Marco Cossu, tecnico del Porto Corallo. Nel primo tempo, ottima prestazione dei centrali di difesa Medda (serramannese del Tavolara e premiato prima della gara) e Piselli (Selargius, decisvo e puntali negli interventi), con gli esterni Farris (ventenne del Budoni) e Garau (mancino del Selargius) a spingere con continuità. Il portiere Manis (Olbia), reattivo e decisivo sul colpo di testa di Cossu. Bene i due mediani Farci (Selargius ed ex Cagliari) e Bianchi (Porto Torres) ottimi nel controllo di palla, Cordeddu (Sant’Elia) imprendibile per Avelar, pochi spunti per i giovani ‘93 F. Melis (Arzachena) e Meloni (Budoni), pericoloso Fanni (Sanluri) anche se impreciso in due occasioni. Nella ripresa si sono distinti Puddu (Selargius), Caredda (ex Atl Elmas) e Caboni (Selargius).

Il dopogara Ficcadenti: «Studiamo il tridente»

MASSIMO FICCADENTI

ROBERTO PILI

n Massimo Ficcadenti davanti al secondo test estivo dei suoi rossoblù tira le somme. Tra un mese ci sarà l’appuntamento in Coppa Italia e il suo Cagliari deve essere pronto per l’occasione. «È stata un'amichevole per trovare le giuste distanze. Per adesso va bene così: abbiamo chiaramente qualcosa da rivedere ma questi test sono preparatori all'impegno di Coppa Italia del 18 agosto», ha detto il tecnico del Cagliari. «In quest'inizio di stagione stiamo provando il tridente, voglio una squadra corta e aggressiva» ha speigato Ficcadenti sul nuovo modulo che sta mettendo su. «I nuovi si stanno inserendo bene, hanno solo bisogno di tempo». Avelar e Rossettini e Camilleri in di-

fesa in particolare con Sau che invece sembra già inserito. Dovranno imparare a conoscerlo meglio i suoi compagni di squadra, inutile dargli plle alte. La durezza della preparazione si fa sentire sulle gambe dei giocatori. Marco Sau, comunque tra i migliori in campo, lo ammette. «È vero, sono stanco perchè non ero più abituato a svolgere un ritiro, ma sono semplici dolorini che passeranno

ROSSOBLÙ Marco Sau: «Fatica sulle gambe, cerchiamo i meccanismi». Dessena: «Buon test in vista della Coppa»

presto. Pian piano si migliora, i meccanismi li troveremo giorno per giorno», ha detto l’attaccante nato a Tonara che si è messo in evidenza nei campionati con il Foggia e la Juve Stabia e con la serie A ora a portata di mano. In campo anche Daniele Dessena a centrocampo che sta vivendo la sua terza stagione in rossoblù, ma da questa estate per la prima volta di proprietà del Cagliari. «Quello di oggi è stato un buon test in vista della Coppa. Affrontiamo avversari entusiasti e galvanizzati che ci fanno soffrire, al momento le gambe sono pesanti ma sono sicuro che i progressi non tarderanno a vedersi sul campo», ha detto il centrocampista a fine amichevole.

COPPA ITALIA C’È SPEZIA E PESCARA, POI LA JUVE n Sorteggio il tabellone della Tim Cup 2012-13 che parte il 5 agosto. Il Cagliari, nella parte bassa del tabellone, entrerà in scena solo al terzo turno, in gara unica in casa, per sabato 18 agosto, presumibilmente contro lo Spezia che il 12 sfiderà la vincente di SorrentoTreviso del 5 agosto. Il quarto turno, il 28 novembre, dovrebbe essere contro il Pescara che il 18 sfiderà la vincente tra il Grosseto e la vincente di Carpi-Marino del 5 agosto. Di certo c’è che, nel turno successivo, quello degli ottavi di finale (12 dicembre) ci sarà la Juventus campione d’Italia e finalista della scorsa manifestazione che ha visto trionfare il Napoli.


18

GIOVEDÌ 26 LUGLIO 2012

SPORT KAKÀ STRAPPO COL REAL, NON CONVOCATO IL MILAN LO VUOLE A INGAGGIO RIDOTTO

MILAN EL SHAARAWY HA RINNOVATO «COMPAGNO DI KAKÀ? UN SOGNO»

AMICHEVOLI C’È IL POKER DELL’UDINESE SIENA METTE LA LAZIO KO CON LARRONDO

n È strappo tra il Real Madrid e Kakà, convocato e poi depennato dalla lista dei convocati per l'amichevole di Oviedo, vinta per 5-1. E a questo punto appare difficile che il brasiliano parta per la tournée negli Usa con i merengues. Di fronte a questa situazione, il Milan resta alla finestra. «Certi amori non finiscono», ha detto Galliani, lasciando di fatto la porta aperta al ritorno del figliol prodigo. A patto che si dimezzi l'ingaggio.

n Stephan El Shaarawy ha allungato di un anno e rinnovato il suo contratto con il Milan. «Sono contento di aver rinnovato - ha commentato -. Il prossimo anno spero di fare bene, di fare meglio. Spero di avere più spazio e giocare un po' di più. Diventare compagno di squadra di Kakà al Milan sarebbe un sogno, da sempre è il mio idolo».

n Contro il Siena ad Auronzo di Cadore la Lazio cade con Larrondo che segna l’1-0. Prosegue la striscia positiva dell'Udinese: 4-0 col Portogruaro (Lega Pro). Vicenza che non t’aspetti, batte il Catania segna Minesso. Al Palermo il triangolare di Merano con Maia Alta (Eccellenza) e Sudtirol (Lega Pro). Anche l'Atalanta resta a secco e fa solo 0-0 con il Renate a Clusone. Vince 5-0 il Pescara contro una rappresentativa dell'Alto Sangro.

Mercato Juve tra Dzeko e Jovetic TRATTATIVE Il montenegrino aspetta di parlare con Della Valle. Lucas si allontana dall’Inter, Ramirez l’alternativa n La Juventus se la gioca tra tra Londra, Manchester, Firenze. In pratica stiamo parlando di Van Persie, Dzeko, Jovetic. E con in piedi la possibilità per i bianconeri di uno scambio Quagliarella-Pazzini. Beppe Marotta cerca ancora il suo top player e così riporta d'attualità i nomi di Dzeko e Pazzini. La Juventus è in attesa del colloquio tra Jovetic ed Andrea Della Valle, annunciato in queste ore nel ritiro della Fiorentina: un faccia a faccia franco, nel quale Jovetic chiederà con molta probabilità di essere ceduto e, a quel punto, potrebbero aprirsi degli spiragli per la Juve per risparmiare qualcosa sulla clausola di 30 milioni. In attesa di Jovetic, però, Marotta non è rimasto a guardare. Col Manchester si sta ragionando del futuro di Dzeko, per il quale i bianconeri puntano ad un prestito secco con diritto di riscatto. I tempi non sono ancora maturi per una soluzione del genere, attual-

STEFAN JOVETIC La Fiorentina chiede 30 milioni per la sua cessione

mente nemmeno presa in considerazione dal City. Il filo diretto continuerà. IN CASA VIOLA La Fiorentina, in attesa di decidere il futuro di Jovetic, sta mettendo a segno in queste ore un'importante operazione di mercato che porterà Matias Fernandez in viola. Centro-

campista offensivo dello Sporting Lisbona (e della Nazionale cilena) arriverà a Firenze a titolo definitivo. Lucas si allontana dall'Inter, ed è sempre più vicino allo United. Questo è il contenuto, tra le righe, delle dichiarazioni rilasciate dal suo agente, Wagner Ribeiro, a Radio Globo in Brasile. «Io e Lucas parliamo molto spesso, ed è lui che logica-

mente guida i miei pensieri, mi muovo in base a ciò che vuole lui. Il Manchester United ha fatto una grande proposta, quando gliene ho parlato mi ha detto di andare avanti e vedere di cosa si tratta. Lui è felice anche al San Paolo, se dovessero rifiutare la vita non finirebbe di certo lì». Se dovesse definitivamente sfumare, l'Inter si butterebbe su Ramirez del Bologna. L'Atalanta è sempre più vicina a Stendardo (in alternativa Natali, obiettivo anche del Bologna). Idea Napoli: nell'agenda del d.s. Bigon spunta l'esterno ucraino Konoplyanka (Dnipro). Il Parma ripensa a El Kaddouri (Brescia) ed è vicino a Rosi (Roma): se non si chiude, alternative Mesto (Genoa) e Marchionni (Fiorentina). Il Cagliari ha sondato Morrone (Parma) mentre all’Udinese davanti piace Saponara (Empoli). Dopo Mattia Destro, la Roma cerca altri rinforzi. Si intensificano i contatti col Benfica per il centrale Garay, vecchio pallino, e il centrocampista Witsel: il primo è alla portata, per il secondo è durissima. Capitolo giovani: vicino Rosseti ('94, Siena) e Di Mariano ('96, Lecce), nipote di Schillaci. Greco ha firmato all'Olympiacos: triennale.

IBRA IN RITIRO

Psg, primo giorno «Bella atmosfera non vedevo l’ora» n È iniziata la nuova avventura di Zlatan Ibrahimovic al Psg. L’ex milanista è sbarcato ieri a Newark nel New Jersey, con un volo proveniente da Stoccolma, e si è unito ai compagni di squadra nel ritiro di Princeton iniziato giovedì scorso. Dopo il pranzo con tutti i giocatori del club francese, si è messo subito a disposizione dell'allenatore Carlo Ancelotti. Primo allenamento soft, un po' di corsa e qualche esercizio con il pallone, poi una chiaccherata in italiano con il nuovo mister. Soddisfatto l'attaccante svedese: «Sono un po' stanco - ha detto l'attaccante secondo quanto riporta il sito ufficiale del Psg - perché ho viaggiato molto. Non vedevo l'ora di incontrare i miei nuovi compagni di squadra e i tifosi. L'atmosfera all'interno del gruppo sembra eccellente. Mi sento già parte di questa squadra». Ibra ora cercherà di arrivare in forma: «Vado passo dopo passo. Siamo in fase di preparazione e domani sarà un altro giorno con un'altra sessione di allenamento». Improbabile possa scendere in campo nell'amichevole di sabato col Dc United.

• CAGLIARI - Via Calamattia, 2/A - Tel.070.5505350 • ORISTANO - Via Cagliari, 67 - Tel.0783.31301 www.areadealer.alfaromeo.it/acentrosport


19

GIOVEDÌ 26 LUGLIO 2012

SPORT SCOMMESSE PALAZZI FA TREMARE LA “A” OGGI SI CONOSCERANNO I DEFERIMENTI

FIORENTINA AL COMPLEANNO DI CERCI LA CENA DEGENERA: VOLANO BICCHIERI

OLIMPIADI UNA CERIMONIA DA 27 MILIONI MISTERO ULTIMO TEDOFORO: BECKHAM?

n Trema la serie A, alle 16:45 di ieri pomeriggio sono partiti i deferimenti per il calcioscommesse. Il procuratore federale Stefano Palazzi è lapidario: «Parleranno gli atti e i fatti». Soltanto oggi, però, le parti interessate ne verranno a conoscenza. Nulla trapela sui nomi, da stamattina alle 8.30 ci saranno le notifiche per i destinatari - e i loro legali - colpiti dai rinvii a giudizio. E sarà quindi reso noto l'elenco completo.

n Si è rivelata un po' troppo allegra la cena del 25° compleanno di Alessio Cerci della Fiorentina organizzata lunedì a Moena. Alla fine qualche giocatore probabilmente alticcio si sarebbe lasciato andare: bicchieri rotti, due pernici imbalsamate portate fuori dal locale e un comportamento sopra le righe. «Tradita la fiducia di Montella, già preso i provvedimenti» ha detto il club manager viola Guerini.

n Affidata al regista Danny Boyle, la cerimonia d'apertura costerà 27 milioni di sterline. Il nome della show allo stadio Olimpico sarà “Isole della meraviglia” e avrà inizio con il suono della campana più grande d'Europa: saranno 3 ore e mezza di show. Lo stadio prenderà la forma della campagna inglese e la scena d'apertura, includerà veri animali da cortile. Mistero sull'ultimo tedoforo e Beckham annuncia: «Avrò un piccolo ruolo».

MERCATO SERIE D

PITTA TAVOLARA ADDIO VA AL PORTO ROTONDO

Arriva Valeriani nel Sant’Elia Caboni ad Aosta n Primo giorno di preparazione per il Progetto Sant’Elia che ha accolto il nuovo acquisto Luca Valeriani, centrocampista classe 1991, appena prelevato dal Chievo dopo due stagioni al Rimini (Serie D e Lega Pro). Sfuma invece l’acquisto di Alberto Usai, regista classe 1989, cresciuto nel Cagliari, un anno al Selargius e da due stagioni in Promozione con il Serramanna. Proprio il club mediocampidanese ha posto il veto alla cessione dell’ex Primavera rossoblù che così vede precludersi la possibilità di tornare in una categoria più consona al suo valore. Il diesse Roberto Ibba continua il giro di contatti per dare al tecnico Franco Giordano un attaccante a portata di budget. Con Roberto Cappai il discorso si è chiuso perché l’ex Villacidrese, l’anno scorso ad Arzachena, si è appena operato al menisco e deve stare fermo un mese. Potrebbe invece andare in porto la trattativa con Manuel Perra (1989), due anni fa nel Villasimius e poi in giro per la serie D con Santegidiese, Sapri e Union Quinto. Il 23enne di Burcei è andato a febbraio nella serie A lituana con l’Fc Tauras. Giuseppe Serao è ufficialmente il nuovo difensore del Porto Torres. Il 24enne centrale di Formia, l’anno scorso nel Progetto Sant’Elia ha firmato ieri con il club rossoblù e si è già unito ai compagni che, da lunedì, hanno iniziato la preparazione agli ordini del riconfermato tecnico Sebastiano Pinna. I fratelli Boi, entrambi difensori, tentano l’avventura oltre Tirreno. Fabio, il più giovane (1993), farà compagnia a Nicola Rais nel Campobasso in Seconda Divisione mentre Federico, il più anziano (1991), proverà con la Virtus Entella in procinto di essere ripescata in Prima Divisione. Silvio Fanni, bomber del Sanluri, non è nel mirino della Torres, la conferma arriva dal direttore generale dei sassaresi Vittorio Tossi: «Non l’abbiamo mai trattato, stiamo chiudendo con un giocatore non sardo». Un altro attaccante che lascerà la Sardegna è Luca Caboni. L’ex bomber del Selargius farà la preparazione con il Valle d’Aosta, neo promosso in Seconda Divisione. Fuori portata del Progetto Sant’Elia e Porto Torres, che ha invece ripreso Fabrizio Falchi. F.S.

SELARGIUS Nicola Rais andrà al Campobasso dopo aver firmato coi granata, Giorgio Piras non ha dato risposta e va via

Selargius Via Rais e Piras

D’Agostino oggi decide

n Tutto e il contrario di tutto quando si parla del Tavolara e del suo presidente Giovanni Antonio Pitta. Il progetto di puntare a vincere il campionato di Eccellenza con in panchina Mauro Giorico (foto) e il blocco dei giocatori che hanno portato in serie D la Torres (Deliperi, Manzini, Tedde, Sanna e Piras) è andato in fumo per la decisione del patron biancoverde di non completare l’iscrizione della squadra. Pitta avrebbe manifestato l’intenzione di far fallire il Tavolara, sul quale pendono le vertenze di due allenatori come Gianni Addis e Massimo Mariani, per entrare nell’altra società di Olbia, il Porto Rotondo, che milita in Promozione. Il 10 agosto è la data definitiva e lì si saprà che accadrà al Tavolara.

OLBIA RIPESCAGGIO? SPERANZE RIDOTTE

Quella che si aspetta da Antonino D’Agostino. A questo punto è fondamentale trattenere l’ex esterno del Cagliari, oggi ci sarà l’incontro decisivo a Terralba, a casa del presidente. «Ma D’Agostino non è affatto un ripiego - precisa Mura - e non giocherà certo a centrocampo. Lui può fare benissimo anche da attaccante, lì davanti ci serve un giocatore esperto e il D’Agostino con tanti stimoli visto nelle ultime gare di campionato può dare ancora molto alla squadra». Si cercherà di chiudere con l’ex Atalanta e Ascoli: «Ha capito che la soceità sta facendo tagli importanti, sono convinto che troveremo l’accordo». Federico Boi (1991), invece, farà la preparazione con l’Entella in odore di essere ripescata in Prima Divisione. «Non gli precludiamo questa opportunità - dice Mura - e non sarà un problema ciò che ci verrà riconosciuto economicamente per la sua cessione». In prova al Cagliari il portiere Corda del ‘94. «Non chiederemo soldi se lo prenderanno, i nostri giovani sanno che giocare al Selargius offre grandi opportunità», chiude Mura.

n La Lega Nazionale Dilettanti ha posticipato la pubblicazione della graduatoria ufficiale dei ripescaggi nella quale fa parte l’Olbia. Le speranze di ottenere la serie D sono ridotte per due motive: la decisione della Federazione di tornare a 162 squadre con 9 gironi da 18 squadre e il blocco dei ripescaggi in Lega Pro. Ad oggi risultano 163 le società iscritte alla D, alcune con riserva ma non in numero sufficiente per poter ripescare l’Olbia considerato che la LND avrà il problema di inserire quelle società fallite in Lega Pro come Taranto, Foggia, Spal e Triestina. L’unica speranza è che le società “segnalate” dalla Covisod non riescano a sanare la propria posizione entro domani.

Olimpiadi Pellegrini: cerimonia? Dal villaggio

MOTOGP ROSSI-YAMAHA LORENZO: LO ASPETTO

PELLEGRINI In acqua con Magnini

SERIE D Il presidente Mura duro coi giocatori: «Nicola aveva firmato ma va a Campobasso, Giorgio è sparito». Con l’ex Cagliari si cerca l’accordo: «In attacco farà la differenza». Non riconfermati Lai e Nurchi di Fabio Salis n Il Selargius va giù con l’accetta e sfoltisce la rosa ma in un ruolo resta scoperto per l’improvvisa defezione di Nicola Rais, chiamato dal Campobasso in Seconda Divisione. Il club granata si trova a dover sfoltire il gruppo che lunedì inizierà la preparazione col tecnico Vincenzo Fadda e perciò dà l’addio a Nicola Lai, centrocampista mancino, e Sergio Nurchi, esterno d’attacco. A loro vanno aggiunti anche il difensore Giorgio Piras e, appunto Nicola Rais. Quest’ultimo un addio non previsto, come rivela il presidente Tonio Mura: «Nicola si era già accordato con noi da settimane e aveva già firmato. A quattro giorni dall’inizio della preparazione non può dirci che rivuole la lista perché ha avuto un’offerta più importante. Questa è la dimostra-

n L'Olimpiade è iniziata anche per Federica Pellegrini. La nuotatrice veronese, stella della spedizione italiana a Londra, è sbarcata all'aeroporto di Gatwick assieme al fidanzato e collega Filippo Magnini. Da sabato l'azzurra sarà in acqua per la 4x100 stile libero, ma non vorrà perdersi la cerimonia d'apertura: «La guarderò dal villaggio e farò il tifo per la Vezzali - ha detto la Pellegrini -. Sono già chiusa nella mia bolla». La concentrazione è al top. La Pellegrini gareggerà in staffetta fino alla finale, quando lascerà il palcoscenico alle compagne per prepararsi al doppio appuntamento individuale dei 200 e 400 stile: «Rispetto le avversarie, non sono mai

zione che nel calcio non c’è gratitudine. Sa che lascia un gruppo di amici che nelle difficoltà gli sarebbero stati sempre al suo fianco». Ora a centrocampo rimane il ruolo scoperto. «Noi eravamo a posto in quel reparto e ora siamo costretti a tornare sul mercato continua il presidente granata - ma se non troviamo qualcuno alla sua altezza ci penserà il mister Fadda a scovarlo nella rosa». Il caso di Rais è diverso da quello di Caboni, che ha deciso anche lui di non rimanere: «Luca è stato corretto dicendoci per tempo che avrebbe cercato una squadra di Lega Pro e noi ci siamo mossi di conseguenza riportando a Selargius un giocatore come Emiliano Melis». Discorso chiuso anche col difensore Giorgio Piras: «Non si è fatto sentire dopo la nostra proposta, perciò lunedì ci saranno solo quei giocatori che ci hanno dato risposta».

spavalda» ha ribadito Federica al suo arrivo a Londra. La Pellegrini è giunta a Gatwick con qualche minuto d'anticipo rispetto alle previsioni, precedendo il resto dei nuotatori (c'erano anche Setterosa e Settebello). Con lei ovviamente anche un fiducioso Filippo Magnini: «Ho fatto tutto quello che dovevo, me la gioco ma non prometto nulla» ha detto il due volte campione del

MENO UNO L’azzurra: «Farò il tifo per la Vezzali, io sarò già nella mia bolla». Oggi il presidente Napolitano a Londra

mondo dei 100 sl. NAPOLITANO A LONDRA Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano sarà a Londra domani per rappresentare l'Italia alla cerimonia inaugurale delle Olimpiadi 2012. Nella stessa giornata prenderà parte al ricevimento a Buckingham Palace riservato ai rappresentanti istituzionali dei Paesi partecipanti. Napolitano raggiungerà la capitale inglese questo pomeriggio quando, accompagnato dai dirigenti del Coni, incontrerà gli atleti azzurri ospiti del villaggio olimpico. Domani mattina visiterà “Casa Italia” presso il The Queen Elisabeth II Conference Center.

n Ben Spies ha appena annunciato l'addio alla Yamaha a fine stagione, e già si parla di sostituti. «Ho sentito qualche voce che Valentino tornerà. - ha detto il leader del mondiale Jorge Lorenzo - Potrebbe essere una buona cosa per Yamaha. Siamo stati una buona coppia nel passato, ma non ci sono decisioni per il momento. Io voglio un rivale competitivo nel team». La gara di Laguna Seca dirà molto sul futuro di Rossi specie se la Ducati porterà il nuovo motore che dovrebbe portare più guidabilità alla Desmosedici di Valentino e Hayden, con più dolcezza al primo tocco uscendo dalle curve che negli Stati Uniti sono numerose e molto particolari.


20

GIOVEDÌ 26 LUGLIO 2012

CULTURA

BATTIATO Il musicista colto che ama le note ma preferisce stare in silenzio

U

n altro grande nome della musica italiana arriva a Cagliari a rimpolpare questa estate povera di eventi. E a dir la verità è un vero big, uno dei grandi della musica italiana. Franco Battiato. L’estate musicale cagliaritana 2012 è contraddistinta dall’imponente ritorno sull’Isola delle raffinate, ricercate ed esotiche musiche dell’artista siciliano nato a Jonia. Franco Battiato da sempre accolto con entusiasmo dal pubblico sardo, si ripresenta sul palcoscenico di Cagliari domenica 29 luglio 2012 alle ore 21,30 all’Arena Sant’Elia per l’unica imperdibile data in Sardegna del “Short Summer Tour”. Un ritorno molto atteso nell’Isola preceduto per numerose data nel mese di luglio, da una serie di concerti evento con la Filarmonica Arturo Toscanini che, quest’anno, celebra il decennale della propria costituzione. Punto d’eccellenza dell’attività produttiva della Fondazione intitolata al famoso direttore d’orchestra e realtà tra le più importanti del panorama sinfonico italiano, l’orchestra Toscanini con i suoi 35 elementi e Franco Battiato hanno dato vita a show densi di emozioni e dalle atmosfere coinvolgenti. Dopo le numerose date insieme all’orchestra Arturo Toscanini, Battiato fa calare il sipario sulla sua lunga tournèe estiva 2012, riportando sulla scena proprio quell'acclamato set live che l’anno scorso lo ha visto protagonista di entusiasmanti e indimenticabili performance musicali. CON LUI SUL PALCO Per la data cagliaritana che chiude ufficialmente il “Short Summer Tour” e che ha tutti i numeri per essere un’avvincente momento di grande musica, l’eclettico compositore siciliano, autore di intramontabili brani, sarà accompagnato sul palcoscenico da Carlo Guaitoli al pianoforte, tastiere e programmazione Angelo Privitera, dalla formazione d'archi “Nuovo Quartetto Italiano”: Alessandro Simoncini (violino), Luigi Mazza (violino), Duccio Beluffi (viola), Luca Simoncini (violoncello) e ancora Davide Ferrario alla chitarra, al basso Lorenzo Poli e alla batteria Giordano Colombo. Nato a Jonia un comune vicino a Catania, Franco Battiato sin dai primi anni ’70 partecipa attivamente alle correnti di ricerca e sperimentazione europee. Le sue prime incisioni discografiche escono tra il 1971 e il 1975, per l’etichetta Bla Bla: da “Fetus” (1971), a “M.elle le Gladiator” (1975). In seguito passa a Ricordi, che pubblica “Feedback” (1975), “Battiato” (1976), “Juke Box” (1977) e “L’Egitto prima delle sabbie” (1978). Nel 1979 pubblica con la Emi Italiana “L’Era del Cinghiale Bianco”, seguono “Patriots” e “La voce del Padrone” (1981) che staziona al vertice della classifica italiana per un anno vendendo oltre un milione di copie. Battiato diventa un “caso”, materia di studio per gli intellettuali e fonte d’ ispirazione per i musicisti. Gli album successivi sono: “L’arca di Noè” (1982), “Orizzonti perduti” (1983), “Mondi lontanissimi” (1985), “Echoes of sufi dances” (1985).

info

DOMENICA SANT’ELIA Franco Battiato amatissimo dal pubblico sardo, si ripresenta sul palcoscenico di Cagliari domenica 29 luglio 2012 alle ore 21,30 all’Arena Sant’Elia per l’unica imperdibile data in Sardegna del “Short Summer Tour”.

Nel 1985 avvia le edizioni L’Ottava in collaborazione con Longanesi, l’omonima etichetta discografica dedicata a musica “di frontiera” fra la composizione colta, la canzone e la musica etnica, pubblicando sei titoli tra il 1988 e il 1989. Nell’ottobre ’93 pubblica l’album “Caffé de la Paix”, nello stesso periodo debutta la “Messa Arcaica”, composizione per soli, coro e orchestra. Nel 1996 Battiato cambia casa discografica....e musica. Al suono di chitarre oniriche e rinnovati paradossi, ecco il primo capitolo della nuova era: L’imboscata, uscito il 22 ottobre 1996 in tutt’Italia. Segue, nel 1998, un album ancora più incisivo e dissonante del precedente, Gommalacca, anche se Battiato recupera la forma classica nel successivo album di cover, intitolato Fleurs e pubblicato nell'autunno del 1999. Nel 2002 Battiato pubblica Fleurs3, ideale seguito del disco del 1999, e chiusura di un trittico di cui manca volutamente la seconda puntata. La canzone di quest'ultimo, “Perduto amore” è anche quasi omonima al film che vede Battiato al debutto come regista, "Perduto amor", e al cui progetto è legata la lavorazione di Fleurs3. Battiato continuerà l’attività come regista nel 2005 con “Musikanten”, presentato (tra i fischi) a Venezia.

BIGLIETTI Per l’acquisto ci si può rivolgere al circuito Green Ticket (http://www.greenticket.it/), oppure al Box Office di Cagliari in Viale R. Margherita 43, tel. 070657428; (info@boxofficesardegna.it).

CALAGONONE Partenza con Stern e Murgia

IL SAX Nella foto Gavino Murgia

n Da Mike Stern a Gavino Murgia, passando per le radici vere dell'Isolacon i “Calagonone Trad”, per i Metrò che si rincontrano dopo 25anni, e per l’” Italian-American song book” dell’ Antonio Ciacca Quintet. Entra nel vivo il Calagonone Jazz Festival 2012, partito il 22 luglio con un’anteprima cagliaritana di due giorni a Villa Muscas. La XXV edizione della rassegna approda oggi a Calagonone dove, alle 21.30 presso il Teatro Comunale, si esibirà Mike Stern. Il chitarrista sbarca in Sardegna dallatournée di promozione del suo nuovo album “All over the place”. Stern – che vanta collaborazioni con Miles Davis e, nel 2012, un “Legend Award” assegnato dalla rivista Guitar Player

– era già stato a Calagonone. Precisamente venticinque anni fa. Il suoritorno nelle intenzione degli organizzatori (l’associazione L’Intermezzo) ha un significato preciso: quello di riscoprire e diridare valore a una storia che dura da un quarto di secolo. Non acaso il 28 luglio, sempre al Teatro Comunale alle 21.30, il pubblico ascolterà la musica dei Metrò, riuniti per l’occasione dopo la prima edizio-

LIVE Il chitarrista sbarca in Sardegna dalla tournée di promozione del suo nuovo album “All over the place”

nedella rassegna. Nessun rischio di ricadute “nostalgiche”, però: il gruppo storico della fusion in Sardegna, guidato dal leader Battista Giordano, piuttosto, misurerà con nuovi arrangiamenti l’attualità del proprio progetto musicale,dal 1988 ad oggi, ripercorrendo i temi trattati nei due dischi di maggior successo. Domani tocca ai “Calagonone Trad”: sullostesso palco interpreti che propongono, ognuno nella propria veste,le vere radici sonore dell’Isola, a partire dal canto a Tenore, le Launeddas e su Sulittu, fino ad arrivare all’Organetto e al Canto aChiterra. Il tutto commistionato e aperto ad altre sonorità. Domenica si esibisce il pianista Antonio Ciacca.


21

GIOVEDÌ 26 LUGLIO 2012

CULTURA

GIANMARIA MELIS

Un violino fra Vivaldi e Piazzolla

D

a Venezia a Buenos Aires, sulle note di Vivaldi e Piazzolla: il vitalismo barocco delle Quattro Stagioni, la malinconica eppure graffiante sensualità tanguera delle Estaciones Porteñas. Le “Otto Stagioni”. Con il violino solista di Gianmaria Melis, primo konzertmeister sardo dell’Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari, a fare da guida in questo viaggio musicale per archi. Prima tappa stasera a Bosa, all’ex convento dei Cappuccini, alle 21, nell’ambito di “Un’Isola di Musica”, l’attività in decentramento della fondazione cagliaritana. Si replica alla stessa ora domani a Oristano, sul sagrato della Basilica di Santa Giusta; sabato ci si sposta a Cagliari (ma alle 21.30) al Parco della Musica; lunedì e martedì, di nuovo alle 21, rispettivamente a Cabras e Carbonia, nella chiesa di Santa Maria Assunta e all’Arena Mirastelle; il breve tour dell’Orchestra d’archi del Lirico diretta da Cristiano Del Monte si chiude mercoledì 1 agosto, alle 21.30, all’anfiteatro di Santa Marina a Villanovaforru. Inconsueto ma non inedito l’accostamento di partiture tanto diverse, essendo stato sperimentato al Teatro alla Scala cinque anni fa: i celebri concerti vivaldiani, primi quattro dell’opera ottava, hanno ispirato Astor Piazzolla, che intorno al 1970 compone le Cuatros Estaciones Porteñas per il suo quintetto, poi trascritte per violino e archi: «Ci sono rimandi tematici a Vivaldi», spiega Melis. Che per l’occasione farà il suo debutto da solista con

info

ORCHESTRA IN TOURNÉE Il violino solista di Gianmaria Melis, primo konzertmeister sardo dell’Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari. Prima tappa stasera a Bosa alle 21. Si replica stessa ora domani a Oristano, sul sagrato della Basilica di Santa Giusta; sabato ci si sposta a Cagliari (ma alle 21.30) al Parco della Musica (La foto è di Priamo Tolu.

l’orchestra nella quale dal 2009 ricopre la posizione di primo violino di spalla: «Una delle migliori compagini italiane. Sono orgoglioso di farne parte». Prima di lui in quel ruolo si sono avvicendati musicisti provenienti dalla penisola e dall’estero. Nato a Villasimius, si è diplomato al conservatorio di Cagliari per poi perfezionarsi con Georg Mönch, Igor Volochine, Felice Cusano, Thomas Brandis (konzertmeister dei Berliner Philharmoniker nell’era Karajan) e Sergej Krylov: «Nutro immensa gratitudine per tutto quello che mi hanno insegnato». Ma sul tema della riconoscenza Melis ha un pensiero speciale per i suoi genitori: «Devo solo alla loro sensibilità se sono diventato musicista, perché a Villasimius era difficile trovare stimoli. Mi auguro che nel mio paese possa esserci in futuro più attenzione per la musica classica». Dal suo curriculum emerge chiara la vocazione per la musica d’insieme: numerose le esperienze in compagini tra cui l’Orchestra Giovanile Italiana, quelle della Rai e del Teatro Carlo Felice di Genova, dei Pomeriggi Musicali di Milano, la Filarmonica Toscanini di Parma, la “Galilei” di Firenze, ensemble nato per accompagnare i corsi di direzione orchestrale tenuti da Carlo Maria Giulini, sotto la cui guida Melis è stato primo violino: «Un uomo di grande carisma che possedeva il dono dell’umiltà. Eravamo tutti dei ragazzi, ma lui chiamava “maestro” ognuno di noi. Ed era sempre pronto al sorriso». Bruno Ghiglieri

SPECIALE GPL

IL VIOLINISTA Gianmaria Melis, primo konzertmeister sardo dell’Orchestra del Teatro Lirico

www.gruppoacentro.it

PRONTA CONSEGNA, PRONTO RISPARMIO

www.gruppoacentro.it

2 ANNI DI GARANZIA FIAT

2 ANNI DI GARANZIA FIAT

PUNTO EVO 1.3 MJT 75CV DYNAMIC 5/p

PANDA 1.2 MY LYFE Clima - Servosterzo - Radio cd mp3 Barre portatutto - Vetri elettrici Fasce paracolpi Volante regolabile

2 ANNI DI GARANZIA FIAT

CLIMA - RADIO CD MP3 - CERCHI IN LEGA FENDINEBBIA

50

0K

M .C O

4 E2

0

8

E2

Finanzia la tua auto CARBONIA - FLUMENTEPIDO - 0781.60991 CARBONIA - VIA DALMAZIA 59 - 0781.872204 IGLESIAS - VIALE VILLA DI CHIESA 2 - 0781.251459 ORISTANO - VIA CAGLIARI 67 - 0783.31301

E10.600

500 1.2 POP

2011 – KM. MEDI 15.000 CERTIFICATI FIAT Clima - Cerchi lega - Radio cd - Telecomando - Start & Stop Vernice metallizzata

BRAVO 1.6 MJT 120CV EMOTION E12.900

500 1.2 LOUNGE

500 Pop - Clima - 7 airbag Telecomando - Radio cd mp3 Servosterzo - Specchi elettrici Start & Stop 500 Lounge (in più rispetto a 500 Pop) - Cerchi lega - Blue & Me - Tetto in vetro Volante in pelle

E10.800

2011 – KM. MEDI 18.000 CERTIFICATI FIAT Clima automatico bizona - Fendinebbia - Cerchi lega - Radio cd - ESP Telecomando - Comandi radio al volante - Volante in pelle - Vetri elettrici posteriori Cruise control - Sensori parcheggio posteriori

MITO 1.6 jtdm 120cv distinctive

IDEA ACTIVE

1

Immatricolate per voi Giugno 2012

www.gruppoacentro.it

1.3 MJT 75CV ACTUAL 5/P

E 9.150

500 1.2 POP 500 1.2 LOUNGE

M .C O

E3

1.2 ACTUAL 5/P

E 9.950

K M .C O

0K

Clima - Telecomando - Servosterzo Dual Drive - Vetri elettrici Chiusura centralizzata - ABS

6

E2

prezzi escluso passaggio di proprietà, salvo il venduto. FOTO INDICATIVA. OPTIONALS NON ELECATI A PAGAMENTO

CAGLIARI - VIALE MONASTIR KM.6,000 - 070.5505.600 CAGLIARI - VIA CALAMATTIA 2 - 070.5505.200 QUARTU S.E. - VIALE COLOMBO 56 - 070.881097 MURAVERA - VIA MACHIAVELLI 1 - 070.9933004

MUSA 1.3 MJT 95CV EGO E12.900

E13.900

N

BRAVO DYNAMIC 1.4 GPL E14.600

M .C O

N

E11.400

CLIMA - RADIO CD - BARRE SU TETTO TELECOMANDO

50

CLIMA - VETRI ELETTRICI - CHIUSURA CENTRALIZZATA TELECOMANDO

0K

N

PUNTO ACTUAL 1.4 5/P GPL E10.800 IDEA ACTIVE 1.4 GPL

50

E 9.950

50

CLIMA - FENDINEBBIA - BARRE SU TETTO TELECOMANDO

E10.500 2011 – KM. MEDI 20.000 CERTIFICATI FIAT Climatizzatore - Telecomando - Radio CD Mp3 - Fendinebbia Start&Stop - Servosterzo elettrico - Vetri elettrici

GRANDE PUNTO N

PANDA CLASSIC 1.2 GPL

E 7.900

NUORO - PRATO SARDO STRADA C LOTTO 79 - 0784.290600 NUORO - PRATO SARDO STRADA D LOTTO 98 - 0784.231038 SASSARI - VIA PREDDA NIEDDA 13/B - 079.2639600 SASSARI - Z.I. PREDDA NIEDDA NORD - STRADA 2 - 079.262716 OLBIA - S.S. OLBIA/MONTI KM. 1,250 - 0789.68629

Clima - Radio cd - Telecomando Start & Stop - Vernice metallizzata Vetri elettrici - Servosterzo

IDEA ACTIVE 1.4 95CV

IDEA ACTIVE 1.3 MJT 95CV

E 9.900

E12.400

2011 – KM. MEDI 20.000 CERTIFICATI FIAT Climatizzatore - Cerchi in lega - Radio CD - Telecomando Servosterzo elettrico - Vetri elettrici

DELTA 1.6 MJT 120CV ORO E15.500

BRAVO BRAVO 1.6 MJT 105CV DYNAMIC

BRAVO 1.6 MJT 105CV EMOTION

E13.950

E14.950

DYNAMIC - Clima - Fendinebbia - Cerchi lega - Telecomando Radio cd con comandi al volante - ESP - Volante in pelle - Vernice metallizzata EMOTION (in più rispetto a Dynamic) - Blue&Me - Clima automatico bizona Cruise Control - Sensori parcheggio ant. e post. - Vetri alettrici post. - Finiture cromate

Clima - Radio cd mp3 - Cerchi lega - Telecomando - Fendinebbia - 4 vetri elettrici Comandi radio al volante - Selleria in pelle/alcantara

PREZZI ESCLUSO PASSAGGIO DI PROPRIETÀ, ALTRI EVENTUALI OPTIONALS NON ELENCATI SONO A PAGAMENTO. DISPONIBILITÀ SALVO IL VENDUTO. foto indicative.

PREZZI ESCLUSO PASSAGGIO DI PROPRIETÀ, ALTRI EVENTUALI OPTIONALS NON ELENCATI SONO A PAGAMENTO. DISPONIBILITÀ SALVO IL VENDUTO. foto indicative.

CAGLIARI - VIALE MONASTIR KM.6,000 - 070.5505.600 CAGLIARI - VIA CALAMATTIA 2 - 070.5505.200 QUARTU S.E. - VIALE COLOMBO 56 - 070.881097 MURAVERA - VIA MACHIAVELLI 1 - 070.9933004

SARDEGNA QUOTIDIANO

2011 – KM. MEDI 18.000 CERTIFICATI FIAT

CARBONIA - FLUMENTEPIDO - 0781.60991 CARBONIA - VIA DALMAZIA 59 - 0781.872204 IGLESIAS - VIALE VILLA DI CHIESA 2 - 0781.251459 ORISTANO - VIA CAGLIARI 67 - 0783.31301

NUORO - PRATO SARDO STRADA C LOTTO 79 - 0784.290600 NUORO - PRATO SARDO STRADA D LOTTO 98 - 0784.231038 SASSARI - VIA PREDDA NIEDDA 13/B - 079.2639600 SASSARI - Z.I. PREDDA NIEDDA NORD - STRADA 2 - 079.262716 OLBIA - S.S. OLBIA/MONTI KM. 1,250 - 0789.68629


22

GIOVEDÌ 26 LUGLIO 2012

CULTURA

FESTIVAL ALL’EXMA’

Parla bene e chiaro: avrai successo

I

n fondo, prendetela coma una grande festa della comunicazione. Una vertina, un’occasione di promozione e di formazione. Prende il via giovedì 26 luglio dalle ore 18,00 in poi “Com.unica senza frontiere - e-learning communication workshop & showcase”, il grande evento organizzato dal Corso diLaurea di Scienze della Comunicazione dell’Università di Cagliari, in collaborazione con studenti, tutor, docenti e comitato di indirizzo, che quest’anno giunge alla quarta edizione.Tante anche quest’anno le iniziative che si articoleranno tra i diversi spazi esterni e interni nei locali di via San Lucifero 71 a Cagliari e che saranno presentate e coordinate da due special guest, Vito Biolchini e Elio Turno Arthemalle, e proiettate nello schermo gigante allestito nel cortile esterno dell’Exma’. Una grande festa della comunicazione che si potrà seguire in diretta su Unica Radio, la webradio degli Studenti Universitari di Cagliari. L’ingresso è gratuito e aperto a tutti. In mattinata, nelle aule della Facoltà di Studi Umanistici (ex Scienze della Formazione - via Is Mirrionis 1 Cagliari), si terranno due workshop, dedicati rispettivamente alla comunicazione non verbale e visiva: il primo dal titolo “Il braccio e la mente: dall’idea al prodotto”, dove ai partecipanti sarà dato modo di simulare il lavoro dell’agenzia pubblicitaria con l’ausilio di due team di esperti; il secondo “La comunicazione involontaria: il linguaggio del corpo” in cui si potrà approfondire la comunicazione verbale e non verbale e il public speaking. Alle 18,00 invece si aprono i battenti all’Exma’: nella sala conferenze l’apertura ufficiale è affidata al dibattito pubblico sull’informazione e sulla comunicazione, moderata da Mario Frongia, responsabile del settore comunicazione scientifica dell’Università di Cagliari, attorno al tema “Né investimento, né costo: l’informazione è un diritto”. Tra gli ospiti previsti Antonio Rossitto caposervizio del settimanale Panorama e diversi giornalisti di testate regionali e nazionali. La conferenza sarà trasmessa in streaming sul sito istituzionale del corso di Laurea in Scienze della Comunicazione: www.com.unica.it. Alle 19,30 Elio Turno Arthemalle e Vito Biolchini coinvolgeranno docenti e tutor nella presentazione e descrizione delle proprie discipline e del profilo scientifico del corso di laurea. Con la seconda sessione dedicata alle nuove frontiere della didattica si entra nel vivo delle materie di studio con cinque workshop di approfondimento curati dai docenti del corso di Scienze della Comunicazione dell’Università di Cagliari, relativi a temi innovativi di interesse anche lavorativo nel contesto dei nuovi mercati della comunicazione, del social network e della multimedialità. Si inizia con lo spazio teorico-filosofico dal titolo “Ognuno ha la sua logica” curato dai professori Antonio Ledda e Giuseppe Sergioli. Subito dopo il laboratorio linguistico-psicologico “Identità e linguaggi: nuove forme di comunicazione” tenuto dalla professoressa Francesca Ervas; “Computer e informatica nell’era della comunicazione” è invece il workshop tecnologico-multimediale curato dai docenti Stefano Federici e Luca Didaci; curato invece dai professori Emiliano Ilardi e Alessio Ceccherelli lo spazio sociologico “Dal romanzo al videogioco: come cambiano i processi culturali”. Infine lo Spazio Ateneo dal titolo “Una finestra sull’Università di Cagliari”: partecipa la

LA FESTA Al via “Com.unica senza frontiere: una giornata fitta di eventi dedicati al mondo della comunicazione

info

BIOLCHINI ARTHEMALLE Prende il via oggi dalle 18 “Com.unica senza frontiere - e-learning communication workshop & showcase”, organizzato dal Corso di Laurea di Scienze della Comunicazione. Due ospiti d’eccezione Vito Biolchini e Elio Turno Arthemalle.

Dott.ssa Giuseppa Locci – Direzione per la didattica e l’orientamento dell’Università di Cagliari. Non solo workshop, ma anche installazioni di Informatica, Sociologia, Teoria dei linguaggi e della comunicazione, Arti e tecniche multimediali, proiezioni dei cortometraggi, progettati e realizzati da studenti e docenti con la collaborazione del Celcam, diretto da Antioco Floris e del circolo del cinema “Notorius”, postazioni pc e info-point sull’offerta formativa del corso e dell’Ateneo di Cagliari, dell’offerta e-learning, del Consorzio UnitelSardegna e del corso di laurea in Scienze della comunicazione, fruibili senza interruzione in quattro salette riservate; e ancora buffet, spazi di animazione dedicati ai bambini, curati sempre dagli allievi del corso di laurea di Scienze della Comunicazione. Gran finale con “L’angolo della metafora”, curato da Vito Biolchini ed Elio Turno Arthemalle e il concerto dei Ratapignata. Un grande live di pura energia dove risuoneranno incalzanti ritmi reggae, punk, jazz in lingua sarda tra cori tradizionali ed elettronica sulle note de “Su Bandu”, il loro ultimo disco fresco di stampa. Vi.Lu.

RATAPIGNATA Gran finale della giornata con i Ratapignata. Un grande live di pura energia dove risuoneranno incalzanti ritmi reggae, punk, jazz in lingua sarda tra cori tradizionali ed elettronica sulle note de “Su Bandu”, il loro ultimo disco. Un titolo emblematico che riconduce tra l’altro ad uno dei più antichi mestieri della comunicazione

OLD SQUARE

Cole Porter è più attuale che mai

H

USH!, la rassegna jazz di scena al noto pub cagliaritano Old Square, nella prima parte del corso Vittorio Emanuele, presenta questa sera alle 21 e 30 il Lov’n Jazz Quartet. Il programma del concerto è la rilettura in veste aggiornata del cosiddetto Great American Songbook, il quartetto ha infatti pubblicato nelle scorse settimane il suo primo Cd, “Just One Of Those Things” dedicato alla musica di Cole Porter, uno dei più significativi compositori dell'epoca d'oro della canzone e del musical le cui canzoni

sono, per rifarci a quelle più conosciute, la colonna sonora dei film di Fred Astaire e Ginger Rogers. Lucia Fodde, cantante del gruppo, presta la sua espressività a temi famosissimi come “Night and Day” o “It’s Alright with me”, accettando la sfida del confronto con la ricca tradizione interpretativa di questi temi, già cantati da tutte le protagoniste della vocalità jazz, da Ella Fitzgerald a Sarah Vaughan da Helen Merrill a Peggy Lee. Il risultato raggiunto dalla Fodde con il pianista Paolo Carrus e il bassista Massimo Tore, due artisti che sono da decenni tra

HUSH Stasera nel pub di corso Vittorio Emanuele il Lov’n Jazz Quartet. Un omaggio al grande compositore Usa i principali esponenti della scena jazz cagliaritana, e con il più giovane ma già grande batterista Roberto Migoni, è di alta qualità. I quattro sono riusciti a trovare un modo nuovo per proporre questo repertorio, costruito con i sapienti arrangiamenti di Carrus e To-

re sottolineati dall'eleganza della vocalist e dalla creativa punteggiatura ritmica di Migoni. Anche canzoni relativamente meno conosciute, come la struggente “So in Love”, trovano un modo per essere riportate al momento attuale senza restare solo un bell'esercizio di stile, ma rivelando quanto ancora hanno da raccontare, quando sono riprese con la verve e la passione che Lucia Fodde sa infondere nel suo modo di cantare, insieme raffinato e comunicativo, sia nelle incisioni che dal vivo. Una serata che gli appassionati del canto jazz potranno riascoltare con alcuni brani anche nella trasmissione che Radio Press sta dedicando alla rassegna. Stefano Fratta


23

GIOVEDÌ 26 LUGLIO 2012

VISIONI

ALCINEMA CAGLIARI ARENA VILLA MUSCAS Via Sant’Alenixedda, 2 - Tel. 070271709 Sala 1 Diaz - Non pulire questo sangue Ore 21.30 CINECLUB NAMASTE Via Ospedale, 4 Sala 1 Chiusura Estiva

h

le trame

Sala 9

The Amazing Spider-Man 3D Ore 20.40

Sala 10

The Amazing Spider-Man Ore 19.00-22.00

Sala 11

Biancaneve e il Cacciatore Ore 22.15

Sala 11

Il dittatore

Sala 12

La memoria del cuore Ore 19.55-22.25

Sala 13

L’amore dura tre anni Ore 22.05

Sala 13

Lorax - Il guardiano della foresta

❆h

CINE TEATRO NANNI LOY ❆▲ho Via Trentino, 15 - Tel. 070201691 Sala 1 Riposo CINETECA SARDA Viale Trieste, 126 - Tel. 070275271 Sala 1 Riposo

h

CINEWORLD ❆▲ho Viale Monastir, 128 - Tel. 0702086096 Sala 1 La leggenda del cacciatore di vampiri 3D Ore 18.00-20.15-22.30

Ore 19.55 UCI CINEMAS CAGLIARI ❆▲ho Via Santa Gilla, 15 - Tel. 892960 Sala 1 The Amazing Spider-Man Ore 19.30-22.30 Sala 2

Freerunner - Corri o muori Ore 20.20

Sala 2

Quell’idiota di nostro fratello Ore 22.20

Sala 2

Biancaneve e il Cacciatore Ore 18.15-19.15-20.45-21.30-22.30

Sala 3

Detachment - Il distacco Ore 18.15-20.30-22.40

Sala 4

Sala 4

The Amazing Spider-Man 3D Ore 18.30-21.30

Biancaneve e il Cacciatore Ore 19.45-22.45

Sala 5

Il dittatore

Sala 5

The Amazing Spider-Man Ore 18.00-19.30-21.00-22.30

Sala 6

Sala 6

Il dittatore Ore 18.30-20.30-22.30

The Amazing Spider-Man 3D Ore 19.45-22.45

Sala 7

Sala 7

Lorax - Il guardiano della foresta

La leggenda del cacciatore di vampiri 3D Ore 20.00-22.30

Sala 8

Benvenuti al Nord Ore 20.10-22.40

Ore 18.45 GREENWICH D’ESSAI Via Sassari, 67 - Tel. 070666859 Sala 1 Chiusura Estiva

❆h

SA ILLETTA Fattoria Sa Illetta S.S. 195 Km. 3.00 Tel. 3498328709 Sala 1 La donna che canta Ore 21.00 SPAZIO ODISSEA Viale Trieste, 84 - Tel. 070271709 Sala 1 Chiusura Estiva

❆▲h

THE SPACE CINEMA LE VELE ❆▲ho Via delle Serre (Quartucciu) - Tel. 892111 Sala 1 Marina Abramovic - The artist is present Ore 19.10-21.40 Sala 2

Contraband Ore 19.20-22.00

Sala 3

Contraband Ore 20.00-22.30

Ore 20.20-22.30

MURAVERA SPAZIO ONE WAY Localita’ Costa Rei Sala 1 Marilyn

SESTU THE SPACE CINEMA CINECITY ❆▲ho Loc. More Corraxe - C/O Centro Comm.le La Corte del Sole - Ex S.S. 131 Km 10,800 - Tel. 0702281700 Sala 1 The Amazing Spider-Man Ore 17.45-20.30 Sala 2

The Amazing Spider-Man 3D Ore 19.45-22.30

Sala 3

Freerunner - Corri o muori Ore 20.40-22.35

Sala 3

Men in Black 3 3D Ore 18.35

Sala 3

Freerunner - Corri o muori Ore 22.25

Sala 3

Quell’idiota di nostro fratello Ore 20.10

Sala 4

Quell’idiota di nostro fratello Ore 18.45

Sala 4

Chernobyl Diaries La mutazione

Sala 5

La leggenda del cacciatore di vampiri 3D Ore 18.10-20.20-22.30

Il dittatore Ore 20.40-22.30

Ore 22.30

Chernobyl Diaries La mutazione Ore 20.35-22.30

Sala 6

Lorax - Il guardiano della foresta 3D

CENTRO CULTURALE Via Veneto - Tel. 3485673199 Sala 1 Chiusura Estiva

The Amazing Spider-Man 3D Ore 18.45-21.30

SASSARI MODERNO ▲ho Viale Umberto, 18 - Tel. 079236754 Sala 1 The Amazing Spider-Man 3D Ore 18.00-21.00 QUATTRO COLONNE ❆▲ho Via Vittorio Emanuele - Tel. 079239369 Sala 1 Chiusura Estiva SASSARIESTATE CINEMA Cortile scuola media N. 2 Sala 1 Jesus Christ Superstar Ore 21.15 TEATRO VERDI Via Politeama - Tel. 079239479 Sala 1 Chiusura Estiva

▲ho

ALGHERO MIRAMARE Piazza Sulis, 1 - Tel. 079976344 Sala 1 Riposo

❆▲h

TEATRO CIVICO OZIERI ho Via Sebastiano Satta - Tel. 079758666 Sala 1 Chiusura Estiva

TORRALBA CARLO FELICE ❆▲ho Via Carlo Felice - Tel. 079847354 Sala 1 Chiusura Estiva

CARBONIA NUOVO SUPERCINEMA ❆▲ho Via Satta, 53 - Tel. 078164251 Sala 1 Biancaneve e il Cacciatore Ore 17.50-20.10-22.30 CINEWORLD ❆▲ho Localita’ Monte Figu - Tel. 078133510 Sala 1 Riposo

SANT’ANNA ARRESI MODERNO Via Cagliari, 2 - Tel. 0781966744 Sala 1 Riposo

❆▲h

GUSPINI CINETEATRO MURGIA Via pio Piras, 2 - Tel. 3290344291 Sala 1 Riposo

❆ho

LUNAMATRONA TRE CAMPANE Piazza Italia, 6 - Tel. 070939010 Sala 1 Chiusura Estiva

▲ho

SAMASSI ITALIA Piazza Italia, 4 - Tel. 0709388041 Sala 1 Chiusura Estiva

▲h

NUORO MULTIPLEX PRATO ❆▲ho Localita’ Prato Sardo - Tel. 085413000 Sala 1 Cosmopolis Ore 18.30-21.00

Sala 4

The Amazing Spider-Man Ore 19.30

Sala 6

The Amazing Spider-Man Ore 19.15-22.00

Sala 5

Biancaneve e il Cacciatore Ore 20.35

Sala 7

Biancaneve e il Cacciatore Ore 19.00-21.35

Sala 2

The Amazing Spider-Man Ore 18.20-21.10

Sala 6

The Amazing Spider-Man 3D Ore 18.40-21.40

Sala 8

Biancaneve e il Cacciatore Ore 17.25-20.00-22.35

Sala 3

Biancaneve e il Cacciatore Ore 18.00-20.30-22.50

Sala 7

Biancaneve e il Cacciatore Ore 18.40-21.35

Sala 9

Contraband Ore 18.00-20.15-22.30

Sala 4

Sala 8

La leggenda del cacciatore di vampiri 3D Ore 18.45-21.25

Sala 10

Marina Abramovic - The artist is present Ore 18.00-20.15-22.30

La leggenda del cacciatore di vampiri 3D Ore 18.20-20.40-22.50

Sala 5

Contraband Ore 18.10-20.30-22.40

ILMETEO

TORTOLI’

LA MEMORIA DEL CUORE Genere Commedia drammatica Anno 2012 Durata 104 minuti Regia Michael Sucsy Con R. McAdams, C. Tatum Trama Paige e Leo, da poco sposati, rimangono coinvolti in un incidente stradale: lui ne esce indenne mentre la giovane sposa subisce un forte trauma cranico che le fa perdere la memoria. La mente la riporta agli anni dell’università e ai suoi amori di quel periodo. Ha rimosso gli anni col marito. Leo deve fare di tutto per farla innamorare una seconda volta e riportare a casa la moglie che ama. Questa volta con la sicurezza di chi ha già visto e vissuto il loro futuro...

CONTRABAND

OZIERI

The Amazing Spider-Man 3D Ore 18.00-20.45

DORGALI

Ore 18.40

IGLESIAS Ore 21.30

Sala 4

Sala 11

Sala 12 Ore 20.05

CINE TEATRO ALKESTIS Via Loru, 31 - Tel. 3385863990 Sala 1 Riposo

Sala 11

GARIBALDI ❆▲ho Corso Umberto, 57/59 - Tel. 0782622088 Sala 1 Biancaneve e il Cacciatore Ore 20.00-22.15 Sala 2 The Amazing Spider-Man 3D Ore 20.00-22.00

OLBIA CINEMA TEATRO OLBIA ❆▲ho Viale delle Terme, 2 - Tel. 078928773 Sala 1 Riposo

TEMPIO PAUSANIA CINEMA GIORDO ▲o Via Asilo 2 - Tel. 0796391508 Sala 1 Biancaneve e il Cacciatore Ore 19.00-21.30

LA MADDALENA ARENA LA CONCHIGLIA Via Principe Amedeo - Giardini Pubblici Sala 1 Spettacolo Teatrale Ore

Genere Thriller Anno 2012 Durata 110 minuti Regia Baltasar Kormakur Con M. Wahlberg, K. Beckinsale Trama Chris, un ex marinaio, ormai lontano dal suo oscuro passato, è costretto a tornare nel giro del contrabbando di merci rubate, per pagare il debito del cognato, implicato in un brutto affare di droga. Aiutato dal suo migliore amico Sebastian, si ritroverà a dover fare i conti con pericolosissimi criminali e rischierà di mettere a repentaglio la vita della moglie e dei figli...

PRIMO LONGOBARDO Lungomare Amm. Mirabello Sala 1 Chiusura Estiva

THE AMAZING SPIDER-MAN

MULTISALA ARISTON Via Diaz, 1A - Tel. 0783212020 Sala 1 Chiusura Estiva

Genere Avventura Anno 2012 Durata 136 minuti Regia Marc Webb Con Andrew Garfield, Emma Stone Trama Peter Parker è un ragazzo introverso, frequenta il liceo ed è innamorato di una sua compagna. Non smette, però, di fare domande sulla sua vera identità e su quella dei suoi genitori. Un giorno qualche risposta sembra poterla trovare, dentro una valigetta appartenente al padre,. Si reca alla Oscorp dove spera di trovare delle spiegazioni...

PALAU ARENA EFFETTO NOTTE Via Nazionale, 113 - Loc. Montiggia Sala 1 Molto forte, incredibilmente vicino Ore 21.45

SANTA TERESA DI GALLURA CINEMA ARENA Via Capo Testa, 6 - Tel. 0789754684 Sala 1 Il re Leone Ore 21.45

ORISTANO ❆▲ho

GHILARZA JOSEPH ❆h Corso Umberto I, 211 - Tel. 078554047 Sala 1 Chiusura Estiva

SANTA GIUSTA MOVIES MULTISALA ❆▲ho Localita’ Zinnigas - Tel. 0783359945 Sala 1 Biancaneve e il Cacciatore Ore 18.30-21.10 Sala 2

Biancaneve e il Cacciatore Ore 19.50-22.30

Sala 3

Marley

BIANCANEVE E IL CACCIATORE

Sala 3

The Amazing Spider-Man Ore 18.30

Genere Fantastico Anno 2012 Durata 127 minuti Regia Rupert Sanders Con K. Stewart, C. Theron Trama La regina della foresta, defraudata del primato di “più bella del reame” da Biancaneve, è decisa a farla fuori, mandando come sicario un cacciatore. Nel rifacimento di questa favola centenaria, Biancaneve diventa una combattente, iniziata alla guerra da colui che era stato mandato per ucciderla. Con le armi e la tecnica acquisita, è pronta per sconfiggere l’odiata regina...

Sala 4

The Amazing Spider-Man 3D Ore 19.45-22.30

Sala 5

Chernobyl Diaries La mutazione Ore 18.20-20.25-22.35

Sala 6

Il dittatore Ore 18.15-20.20-22.35

Ore 22.15

LEGENDA

❆ h o ▲

Aria condizionata Acceso disabili Servizio bar Dolby sourround


24

GIOVEDÌ 26 LUGLIO 2012

SALDI

70 fino al

LA FORTUNA DEI BUONI dagna Raccogli i punti, gua e vai in vacanza

Accumula i punti, ottieni i Buoni Spesa e partecipa all’estrazione di splendidi

Soggiorni All Inclusive a Capo Verde per 2 persone

Dal 7/06 al 31/12/12 solo nei punti vendita aderenti Regolamento completo consultabile nei punti vendita CFadda e su www.cfadda.com

Pubblicità e Marketing cosimofaddacommunication.com

%

sardegnaquotidiano0726  

sardegnaquotidiano0726

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you