Page 1

Questo è il 107° articolo postato. Leggi i 106 precedenti.

03/07/2010 “Contributo alla Salute” PAG 3 vidimazione (in questo modo si assicura che l'utente usufruisca della visita/esami ENTRO un tempo ragionevole, altrimenti è inutile attendere oltre un mese perdipiù concedendo il contributo). Ecco che negli anni successivi possono essere incrementati nuove tipologie di soggetti beneficiari dei contributi. Questa è la prima parte del progetto, che naturalmente andrà sviluppato a dovere e che può essere di per se operativo e facente capo al Comune. La seconda parte del progetto è quella di poter evadere i contributi, in parte, con degli Sponsor locali o Main Sponsor. Laddove ci siano degli sponsor o Sponsor Istituzionali, i contributi possono aumentare o si può estendere il "range" ad altre tipologie di utenti. Vediamo come. Abbiamo inteso e "confermato" che erogheremo per il 2011 una "certa" somma a favore di una "certa" categoria che comprende 16 persone di Sant'Andrea di Conza. Ora il Comune può prevedere che il 10% di tale "somma" potrà essere raccolto da sponsorizzazioni, ovvero da quelle attività commerciali che intendono partecipare al progetto. Se il 10% del totale è, diciamo, 200,00 (duecento) Euro si possono fare decine e decine di possibili operazioni per far partecipare gli esercizi di Sant'Andrea di Conza: (Naturalmente, se entro 15 gg "non si vendono" dette quote agli "sponsor", li mette INTERAMENTE il Comune) 1) possibilità di acquistare 8 quote da 25,00 (venticinque) Euro ciascuna al fine di "accontentare" diversi sponsor; 2) possibilità di avere uno "Sponsor Istituzionale" che acquisti la quota primaria da 125,00 (centoventicinque) Euro, mentre le restanti 3 quote da 25,00 (venticinque) saranno per gli "sponsor minori"; 3) possibilità di incrementare la percentuale degli sponsor; ecc. ecc. ecc. Ma quale sarà il "ritorno" per gli esercizi commerciali di Sant'Andrea di Conza in questo progetto, e dei Main Sponsor? Prima di tutto, il Comune "utilizzerà", per qualsiasi operazione inerente il progetto, della carta appositamente preparata con i "loghi" degli sponsor: comunicazioni alle categorie interessate al contributo, comunicazione inerente il progetto da apporre al Comune, cartellette, ecc. ecc. Inoltre, all'atto del pagamento della "quota" spettante all'utente, si potrà emettere un "assegno circolare" qualsiasi, ma la cosa bella ed innovativa sta nel poter emettere, la prima volta, una "carta di credito" ricaricabile, senza necessità di conto corrente (tipo quella su www.italcard.it) personalizzata, dove si accrediteranno anche i successivi importi di contributo. Ecco che la "carta di credito" personalizzata appositamente dal Comune e con i loghi e nominativi degli sponsor, sarà un sicuro riscontro pubblicitario. Inoltre, potrà essere usata "personalmente" caricandoci sopra "propri" soldi. Ma, il Comune se intende evadere in ESCLUSIVA il servizio, potrà comunque avvalersi di dette "carte di credito personalizzate", con logo comunale e dell'iniziativa, potendo "avere" dette carte personalizzate addirittura gratuitamente in quanto se nel primo anno si "attendono" 10 persone, il "fornitore" delle carte di credito ne stamperà solo 10 magari ponendo il suo nome. Se nell'anno successivo si aggiungerà una nuova categoria (i bambini, le donne, ecc. ecc.) formata potenzialmente da 16 persone ecco che si forniranno altre 16 carte che in verità possono essere anche di meno se nell'anno precedente non sono state utilizzate tutte. Dunque, il "controllo" delle categorie (sapendo a priori quante persone sono interessate) permette di gestire la "quantità" di carte da evadere, che l'Istituto di Credito "regalerà" molto volentieri. Concludendo. Queste semplici idee da sviluppare possono rappresentare per Sant'Andrea di Conza una reale opportunità per farsi conoscere ulteriormente nel panorama nazionale, potendo arrivare - in un futuro - ad essere un punto di riferimento per gli altri Comuni circa il Contributo alla Salute al fine di consentire a determinate categorie di persone di poter accedere in maniera più rapida alle visite/esami, essendo queste state individuate sia a livello di "necessità economiche" sia a livello di "età anagrafica", es.: un signore di 78anni, con SOF ++, che "dovrebbe" fare una colonscopia programmata con la mutua a oltre 3 mesi, rientra certamente nel progetto Contributo alla Salute.

Contr. a. Salute PAG 3  

Contributo alla Salute PAG 3

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you