Page 1

ore 17.00 • Piazza del Popolo Renzo Lovisolo BOLLE DI SAPONE GIGANTI

Un viaggio tra e con le bolle di sapone, bolle di ogni forma e dimensione, da quelle giganti a quelle piccolissime. Quadri, pantomime e gags che mettono lo spettatore in una sorta di sospensione temporale, di incanto primordiale. Durata: circa 30 minuti • ingresso gratuito

Ci sono delle ostinazioni e delle relazioni. Questo lavoro nasce dall’incontro tra queste due cose. L’ostinazione riguarda un testo, un lavoro che non si vuole perdere. Le relazioni riguardano artisti che si spiano stimandosi e che si parlano attraverso i tentativi del fare. Il testo è ispirato a “Il Grande Quaderno” di Aghota Kristoff, ed è già stato testo per un altro spettacolo , “Due lupi”. La partitura musicale è di Carlo Boccadoro, scritta per Ares Tavolazzi. È un lavoro asciutto, secco direi, come l’opera da cui si origina. È una favola oscura sulle strategie per fronteggiare il dolore di due anime bambine, ma anche sulla forza abissale dello spirito. Durata 30 minuti Biglietti: posto unico con aperitivo € 10

PONTEDERA • TEATRO ERA Mercoledì 15 e giovedì 16 gennaio • ore 10.00 programma dedicato alle scuole materne Claudio Milani Latoparlato VOCI con Claudio Milani testo di Francesca Marchegiano scenografie di Elisabetta Viganò, Armando Milani musiche dei Sulutumana, Andrea Bernasconi cantante lirica Beatrice Palumbo luci di Fulvio Melli fotografie di Paolo Luppino spettacolo vincitore Festebà 2011 Ogni bambino ha dentro una voce. Ogni voce è dentro una casa. Per sapere le case dentro i bambini, bisogna sentire il silenzio che fanno, bisogna cantare la loro canzone. In questa storia c’è una Principessa buona che nutre il suo bambino con il pane e con le favole, e una Principessa cattiva, che se lo vuole mangiare. Il bambino si chiama Pietro e ha una voce magica, ma la tiene chiusa in fondo alla gola. Sarà grazie all’incontro con il bambino di carta, il bambino blu, e all’insegnamento di un padre speciale, che Pietro troverà il coraggio di salvarsi dal pericolo e crescere, cantando al mondo la sua canzone. Una magica e toccante storia che insegna ai bambini, e ricorda agli adulti, l’importanza di affrontare la vita superando gli ostacoli e accettandone i doni, esprimendo, con coraggio e senza pregiudizi, la voce che ognuno ha nel cuore. Durata 50 minuti • fascia di età consigliata: dai 3 anni Biglietti: bambini € 4 adulti € 6

Giovedì 23 e venerdì 24 gennaio • ore 10.00 programma dedicato alle scuole elementari e medie inferiori Principio Attivo Teatro LA BICICLETTA ROSSA Con Giuseppe Semeraro, Silvia Lodi, Otto Marco Mercante, Dario Cadei, Cristina Mileti drammaturgia Valentina Diana regia Giuseppe Semeraro

La famiglia di Marta per vivere mette le sorprese negli ovetti di cioccolato ma a complicare la sua vita, come la vita di un intero paese, c’è BanKomat il personaggio negativo, proprietario di tutto, della fabbrica degli ovetti, della casa ma anche della luna e delle stelle e nulla può essere fatto senza pagargli qualcosa. Il linguaggio utilizzato, ora comico, ora poetico, narra le peripezie per la sopravvivenza di questa strampalata famiglia e la forza di trasformare uno strumento di vessazione e oppressione in mezzo di liberazione, grazie a Pino, il fratello di Marta, che quasi per caso farà ritrovare dignità e riscatto a tutti. Trasformare la quotidianità in un miracolo che resiste…

Menzione speciale Festebà Festival 2013 • Ferrara • lo spettacolo ha saputo toccare le diverse corde emotive delle differenti età, bambini, adolescenti e adulti, grazie alla scelta coraggiosa di una tematica sociale rivolta all’attualità • la voce fuori campo, armoniosa e rasserenante, ha ben accompagnato lo spettatore nel corso della storia • una messinscena che attraverso una molteplicità di tecniche ha suscitato nel pubblico variegate emozioni. Durata: 55 minuti • Fascia di età consigliata: dai 6 anni Biglietti: bambini € 4 adulti € 6

PONTEDERA IL GIARDINO DEL PONTE • PONTE NAPOLEONICO sabato 25 gennaio • ore 17,30 Progetto Extra Pontem A PASSO D’UOMO Storie dimenticate fuori del ponte diretto da Anna Stigsgaard collaborazione artistica: Alice Casarosa, Alice Maestroni, Irene Rametta, Silvia Tufano, Sara Morena Zanella • in collaborazione con Consulta n. 4 - Oltrera, Filarmonica Volere è Potere, Caffè degli Artisti, Società Canottieri Pontedera, Liceo Montale. A passo d’uomo è il primo di quattro appuntamenti del progetto EXTRA PONTEM, un progetto del Comune di Pontedera e della Fondazione Pontedera Teatro nel quartiere Fuori del Ponte, che si concluderà a giugno con uno spettacolo teatrale in cui saranno protagonisti gli stessi abitanti. Ogni mese da gennaio ad aprile ci diamo un appuntamento in un luogo diverso con storie, musiche, paesaggi e passi di danza per conoscere e far conoscere il quartiere a passo d’uomo. Prenotazione obbligatoria

PONTEDERA • TEATRO ERA

ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria

50 SPETTATORI DA ADOTTARE viaggio dietro le quinte del teatro progetto diretto da Roberto Bacci

50 spettatori da adottare è un progetto di educazione e formazione dello spettatore, organizzato dalla Fondazione Pontedera Teatro e diretto da Roberto Bacci, che nasce dal desiderio di avvicinare, di accompagnare e guidare gli spettatori lungo il cammino del teatro. Che cosa significa un’azione teatrale? Come si costruisce una scena? Come si pensa e si crea una scenografia o uno spazio per lo spettacolo? Come si creano le musiche o le sonorità? Come si lavora sul testo? Come si pensa e si realizza una drammaturgia? Come si guarda uno o più spettacoli? Come si prepara un attore prima di uno spettacolo? Sono queste alcune delle domande che costituiscono il viaggio dello spettatore nel campo del teatro, articolato in venti incontri da gennaio ad aprile, in cui attori e registi saranno le guide ed i compagni di questa nuova avventura. Questa esperienza, giunta al secondo anno, si propone di far riscoprire ai 50 spettatori il piacere di frequentare il teatro insieme, e di offrire una forma di scambio di idee e di opinioni con registi e attori che faranno da guide in questa esperienza. I 50 spettatori saranno loro stessi protagonisti di una storia da raccontare, non più solo “pubblico”, ma testimoni diretti. Il percorso inizierà martedì 7 gennaio alle ore 21 e proseguirà fino ad aprile ogni martedì alle ore 21. Quota di iscrizione € 30

PONTEDERA TEATRO ERA

TEATRO ERA Domenica 12 gennaio • ore 19. 00 • sala Cieslak Silvia Pasello e Ares Tavolazzi DELL’AMORE IMMORTALE voce Silvia Pasello contrabbasso Ares Tavolazzi frammenti Luisa Pasello Carlo Boccadoro musiche

PONTEDERA TEATRO ERA

Spettacolo di clown e giocoleria, con magie e amenità varie, allegretto ma non troppo, comunque andante. Dedicato a bambini e adulti rimbambititi Due clown estremamente diversi, uno, Cocò, logorroico, gioca con le parole mentre si appresta ad eseguire le sue magie comiche trattando i bambini da adulti e gli adulti da bambini. L’altro, Mr Capone, clown muto, stralunato e imbambolato come nella migliore tradizione, sembra uscito da un film di Fellini ma non appena comincia a giocare con palline e clave diventa l’uomo più elegante del mondo. Eredi contemporanei della nobile arte degli imbonitori e giullari di strada, Cocò e Mr Capone mettono in scena un susseguirsi contagioso e vorticoso di magie, giocoleria, comicità, allegra follia e folle allegria e, attraverso il coinvolgimento diretto dei piccoli spettatori creano un clima di complicità e gioco tanto da coinvolgere progressivamente anche gli adulti riuscendo, grazie alla loro comicità semplice ed immediata, a farli tornare bambini. Durata: circa 60 minuti • ingresso gratuito

PONTEDERA

PECCIOLI “11 LUNE D’INVERNO. C’ERA UNA VOLTA A... PECCIOLI” a cura della Fondazione Pontedera Teatro per Fondazione Peccioliper Lunedì 6 gennaio 2014 • Piazza del Popolo • ore 16 Cocò & Mr Capone AMBARABACÌCCÌ.... QUALCOSA DI PERICOLOSO

Venerdì 31 gennaio • sabato 1 febbraio • ore 21.00 • sala Cieslak Fratelli Dalla Via VENETI FAIR scritto e interpretato da Marta Dalla Via regia Angela Malfitano video Roberto Di Fresco drammaturgia Marta Dalla Via e Angela Malfitano produzione TRA UN ATTO E L’ALTRO e MINIMALIMMORALIA Compagnia Fratelli Dalla Via

Sul palco, il volto e la voce di Marta Dalla Via si trasformano e danno corpo a tanti personaggi grotteschi. Miss Polenta, il Morto di Biancosarti, la Pettegola Bigotta, il Professore Emigrato.... Una fiera della “venetità” comica e tragica al tempo stesso, popolata di maschere che l’attrice-autrice mostra di amare – pur detestandone l’ideologia - e che dichiara di aver costruito partendo da persone realmente esistenti, che ha incontrato e continua ad incontrare. Durata 50 minuti a seguire

MIO FIGLIO ERA COME UN PADRE PER ME di e con Marta Dalla Via e Diego Dalla Via aiuto regia Veronica Schiavone partitura fisica Annalisa Ferlini scene Diego Dalla Via costumi Marta Dalla Via Produzione Fratelli Dalla Via Vincitore Premio Scenario 2013

“Il modo migliore per uccidere un genitore è ammazzargli i figli e lasciarlo poi morire di crepacuore: era il nostro piano perfetto, ma papà e mamma ci hanno preceduto e si sono suicidati per primi. Ora ci tocca seppellirli, vestirli, rispettare le ultime volontà di due cadaveri. Hanno vinto loro, di nuovo. I morti sono i padroni di questa epoca. Quanto dura un’epoca ai tempi della polenta istantanea? Un anno, un mese, forse meno. Quella che raccontiamo dura 24 ore ed è fatta di euforia e depressione, di business class e low cost, di obesi e denutriti, nello stesso corpo. I protagonisti sono simbolo di una popolazione intera che soffre di ansia da prestazione, il benessere li condanna alla competizione ma il traguardo gli viene sottratto, è diventato una barriera generazionale, sociale, culturale. Per costruire un futuro all’altezza di questo nome bisognerebbe vomitare il proprio passato. Siamo nati per riscrivere le nostre ultime volontà. Noi, in fondo, viviamo per questo: per arrivare primi, e negare di aver vinto.” Marta e Diego Dalla Via Durata 50 minuti Biglietti: intero € 15 ridotto € 10 studenti € 8

Teatro Era Calendario gennaio schede informative