Page 1

Il Movimento 5 Stelle Programma Elettorale Massarosa 2014 - 2019

La Politica ai Cittadini per una Massarosa a 5 Stelle


Sommario

Il nostro metodo di lavoro - pag. 3 Democrazia Diretta e trasparenza - pag. 4 Ricambio Politica Massarosa - pag. 5/6 ViabilitĂ e Sicurezza - pag. 7 Turismo responsabile - pag. 8 Cultura come risorsa - pag.9 Economia Sostenibile - pag. 10 Pulizia e sicurezza ambientale - pag. 11 Scuola - pag. 12/13 SolidarietĂ  - Sociale - pag. 14 Sport - pag. 15 Rifiuti ZERO - pag. 16 Cemento Zero - pag. 17 Risanamento Lago Massaciuccoli - pag. 18 ConnettivitĂ  - pag.19


Il nostro metodo di lavoro

Siamo un Movimento che nasce dal basso e proprio per questa nostra caratteristica il primo passo per noi è stato quello di confrontarci con i nostri concittadini. L’ascolto è una delle fasi che caratterizzano il nostro percorso di formulazione delle proposte. Ci sono tante diverse realtà che formano la nostra società, ognuna degna di nota. Ciascuna di queste realtà ha i suoi problemi e i suoi desideri per il migliore funzionamento della comunità. Noi vogliamo raccogliere la voce di tutti, confrontarci con loro, siano essi singoli individui oppure riuniti in associazioni, gruppi, comitati. Nessuna verità calata dall’alto, ma una puntuale raccolta di quello che ci suggerisce chi ci sostiene e chi ci critica, perché spesso è proprio dalle critiche che si cresce. Abbiamo iniziato questo percorso anni fa, con la nascita del Movimento. Ci siamo trovati per strada, organizzando banchetti di raccolta rme o di divulgazione delle nostre idee, ma anche eventi e attività di vario genere. Nel frattempo abbiamo continuato a riunirci per analizzare le varie istanze che ci venivano presentate. Abbiamo costituito gruppi di studio per approfondire ogni situazione, vagliando pregi e difetti delle varie soluzioni normative e cercando di formulare le nostre proposte il più possibile aderenti alle necessità della La nostra è una Rivoluzione Culturale che deve portare tutti ad una maggiore consapevolezza dei propri diritti e doveri all’interno di una Democrazia evoluta. Conoscere è indispensabile per deliberare e quindi abbiamo organizzato una scuola politica dove approfondire tutte le tematiche del governo di una città. Nella fase pre–elettorale e abbiamo organizzato vari incontri di quartiere dove si è rinnovato l’ascolto dei cittadini, e presentato un questionario in cui è possibile dare un giudizio riguardo alle strutture e i servizi esistenti nella propria zona. Tutti i suggerimenti, le proposte e le richieste che ci sono venute dai cittadini sono state inserite in vario

modo nel nostro programma, a conferma del fatto che il nostro è realmente un Programma scritto dai cittadini per i cittadini.


Democrazia Diretta e trasparenza

Il bilancio partecipato mette in relazione le risorse e i progetti, stabilisce delle priorità, valuta la loro dimensione finanziaria in relazione alle risorse economiche disponibili. Ciò che lo caratterizza è la possibilità di creare un'amministrazione del Comune basandosi su scelte compiute e condivise da ogni cittadino. E’ una forma vera di democrazia che parte dal basso e che coinvolge tutti gli strati sociali. La realizzazione del bilancio partecipativo prevede che il comune stanzi dei fondi sufficienti per promuoverlo. Tali fondi dovranno essere impiegati per la formazione permanente dei delegati che organizzeranno la partecipazione dei cittadini alle assemblee, dei facilitatori (figure professionali esterne al comune che si occupano dell’organizzazione del territorio e delle assemblee), e dei mezzi per fare assemblee (locali, stampa ecc). Le fasi del processo: 1. EMERSIONE DEL BISOGNO (identificazione dei bisogni dei cittadini)

Circoscrizione, oltre che da un facilitatore dell’Ufficio Partecipazione (figura necessariamente esterna al comune). L’obiettivo del TPP è quello di co-progettare (progettare insieme) la realizzazione delle proposte, verificarne la fattibilità e costruire progetti il più possibile condivisi. 3. SCELTA DELLE PRIORITÀ Verranno realizzati materiali informativi relativi alle proposte elaborate dal TPP. Si svolgeranno, inoltre, Assemblee di quartiere, per illustrarle e discuterle con i Cittadini. Al termine del confronto l’assemblea voterà la priorità. Possono partecipare alla votazione tutti i residenti e lavoratori della zona interessata, indipendentemente dalla nazionalità, che abbiano compiuto 16 anni. 4. PRESA IN CARICO DELLA GIUNTA COMUNALE

Lo scopo di tale fase consiste nell’entrare in contatto con i Cittadini delle varie località di Massarosa per conoscerli, coinvolgerli e rilevare le priorità del territorio. Questa fase viene condotta nei seguenti modi:

Le indicazioni espresse dal percorso partecipativo verranno assunte e realizzate dall’Amministrazione.

Mappatura del territorio e delle realtà presenti attraverso interviste e/o questionari

Verranno convocate assemblee periodiche di illustrazione dello stato di avanzamento dei lavori fino alla realizzazione del progetto

Incontri con le realtà organizzate e i Cittadini della zona interessata – assemblea di quartiere per esporre il progetto ed ascoltare i bisogni e le proposte della Cittadinanza Moduli cartacei per la presentazione delle proposte, che verranno inviati ad ogni residente e attività commerciale della zona con allegato il verbale dell’assemblea di quartiere 2. TAVOLI DI PROGETTAZIONE PARTECIPATA (TPP) I Cittadini che abbiano avanzato proposte simili tra loro nomineranno uno o più portavoce che avrà il Compito di rappresentarli all’interno del Tavolo di Progettazione Partecipata. Il TPP è costituito dai portavoce (delegati) di tutte le proposte emerse, dai responsabili degli assessorati competenti, dalla

5. AGGIORNAMENTI PERIODICI

6. VERIFICA ANNUALE Verifica di ciò che è stato fatto nel bilancio annuale dell’anno precedente con valutazione degli obbiettivi raggiunti. Conclusioni: Per il comune di Massarosa la lista civica a cinque stelle propone: L’applicazione del bilancio partecipativo come strategia economica e di coinvolgimento sociale La promozione dei referendum deliberativi L’abolizione del quorum per i referendum nel comune di Massarosa (con sentenza de 2-122004 n.372 la corte di cassazione ha stabilito che l’art. 75 della costituzione, che prevede il quorum a livello nazionale, non ne prevede


Ricambio Politica Massarosa

Ricambio totale della classe politica di Massarosa, selezione per curriculum e competenze nelle nomine pubbliche a partire dagli assessori. 1. Divieto della nomina di persone condannate in via definitiva quali amministratori in società partecipate o controllate dal comune. 2. Dismissione delle auto di servizio inutili in dotazione all’Amministrazione, con conseguente vendita. Il ricavato servirà ad approntare il servizio car-sharing (condivisione delle stesso mezzo da parte di più passeggeri), per gli spostamenti del personale tutto, che è economicamente più conveniente, laddove non fossero presenti i mezzi pubblici, i quali debbono avere la priorità assoluta. 3. Ricorso a consulenze esterne solo in casi eccezionali (legge finanziaria del 2008). Valorizzazione di tutto il personale interno, con la riqualificazione continua delle professionalità, sostenuta dai risparmi dovuti alla minor esternalizzazione. 4. Determinazione del numero dei dirigenti in base all’effettiva necessità. Verranno scelti tra coloro che, oltre ad avere requisiti curriculari e di titolo idonei alla posizione che andranno a rivestire, mostreranno conoscenza e capacità organizzativa del settore di specifica competenza. Il possesso di competenze professionali andrà perciò verificato con test specifici per la mansione da svolgere. 5. Divieto di cumulo delle cariche pubbliche per gli amministratori locali. 6. Pubblicazione annuale del libro bianco del bilancio, con il confronto fra quello preventivo e quello consuntivo. Verifica costante delle spese per il controllo dei costi. 7. Referendum consultivo su tematiche di importanza rilevante. 8. Introduzione dell’Assemblea Pubblica su specifici temi riguardanti la città, richiesta da almeno 200 cittadini, con presenza obbligatoria della Giunta al completo.

9. Riorganizzazione dei Comitati di Rappresentanza Locale. I componenti di ogni Comitato, dovranno essere eletti, attraverso consultazione elettorale, tra i residenti della propria frazione PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Elezione del difensore civico Riteniamo opportuno delegare alla Cittadinanza la scelta del difensore civico, e non, come attualmente accade, all’amministrazione entrante, in base al semplice ma spesso fuorviante principio che “non può essere il controllato a scegliere il controllore”. Efficienza degli uffici Allestire un sistema di misurazione della qualità relativa all’efficienza degli uffici comunali, anche tramite valutazioni dirette del Cittadino ove possibile, gratificando gli uffici in grado di raggiungere dei parametri qualitativi elevati. Gestione del personale Dovrà essere efficiente e trasparente; non potranno essere assunti soggetti sui quali pendano condanne per reati contro la Pubblica Amministrazione, per mafia, ecc. Trasparenza degli amministratori locali Riteniamo sia indispensabile utilizzare il portale internet per rendere assolutamente trasparente l’attività della pubblica amministrazione. Per norma statutaria dovrà essere prevista la pubblicazione mensile di tutti gli stipendi percepiti dai pubblici rappresentanti, sommando per ogni singola persona tutti i flussi di reddito di natura politica (incarichi elettivi, partecipazioni a commissioni, incarichi politici presso altre società partecipate, ecc.), nonché tutti gli incarichi in enti a partecipazione pubblica o mista??????????????????. L’obiettivo è quello di vietare il cumulo di cariche nelle aziende a partecipazione comunale. Siamo altresì fermamente convinti che occorra limitare (eliminandole laddove possibile) il ricorso a società partecipate, e che si debba progressivamente riportare all’interno del Comune la gestione dei servizi pubblici.


Ricambio Politica Massarosa

Testo suggerito: Riteniamo sia indispensabile utilizzare il portale internet per rendere assolutamente trasparente l’attività della pubblica amministrazione. Per norma statutaria dovrà essere prevista la pubblicazione mensile di tutti gli stipendi percepiti dai pubblici rappresentanti, indicando per ogni singola persona tutti i flussi di reddito di natura politica (incarichi elettivi, partecipazioni a commissioni, incarichi politici presso altre società partecipate, ecc.), nonché tutti gli incarichi in enti a partecipazione pubblica o mista. Divieto di cumulo di cariche nelle aziende a partecipazione comunale. Siamo altresì fermamente convinti che occorra limitare (eliminandole laddove possibile) il ricorso a società partecipate, e che si debba progressivamente riportare all’interno del Comune la gestione dei servizi pubblici. Aspetti economici Analisi storica e di merito dei capitoli di spesa, punto per punto, e conseguente razionalizzazione ed eliminazione degli sprechi sulla base del rapporto costi/benefici, con particolare attenzione alle consulenze (privilegiare un rapporto esclusivo con l’università) e alla qualità degli investimenti delle partecipate dal comune; minimizzazione dei possibili danni futuri da derivati (prodotti finanziari) e rifiuto categorico della gestione del debito tramite strumenti derivati, salvo che nei casi in cui essi siano obbligatori per legge. Analisi dei capitoli di entrata: contrasto all’evasione fiscale e agevolazioni alle iniziative economiche virtuose (ad alto valore aggiunto?????) e al turismo tradizionale e sostenibile. Razionalizzazione, snellimento e trasparenza (esempio appalti online) delle procedure amministrative (ma NO ad una deregulation indiscriminata). Società partecipate: riesame a 360 gradi del ruolo del Comune nelle partecipate per ridurre le clientele, gli sprechi e di conseguenza i costi per i cittadini. Spesso e volentieri infatti dette partecipazioni hanno unicamente lo scopo di agire senza i vincoli della trasparenza e regolarità nell'aggiudicazione di forniture e servizi. La programmazione e pianificazione di opere, lavori, forniture ed interventi deve quindi sempre sfociare

in una gara d’appalto chiara per evitare procedure d'urgenza spesso più onerose del necessario. Acqua pubblica: revisione del contratto di servizio con GAIA al fine di ottenere l'ammodernamento della rete di distribuzione dell’acqua ed il miglioramento della qualità dell’acqua, che è il primo Bene Comune di ogni famiglia. Le casine dell'acqua sono una soluzione corretta ma insufficiente. Bisogna eliminare i costi economici ed ambientali dell'acqua in bottiglie di plastica, perché ogni persona possa tornare a bere tranquillamente l'acqua che esce dal rubinetto.


Viabilità e Sicurezza

BASTA BUCHE - Adeguamento viabilità comunale per aumentare la sicurezza e prevenire gli incidenti. 1. Manutenzione costante per evitare il formarsi di crepe e buche nell'asfalto, a cura degli operatori comunali, come già avviene nel resto d'Europa. Diffusione efficace di un numero telefonico dedicato alla segnalazione di eventuali problemi da parte dei cittadini, per poter intervenire in tempi rapidi ed essere più efficienti. 2. Realizzazione della Variante da Quiesa a San Rocchino. Questa variante di cui ormai si parla da decenni, rimane ancora in sospeso. È invece un'opera di fondamentale importanza per smaltire il sempre maggior traffico veicolare sulla vecchia Sarzanese ed anche limitare al minimo l'inquinamento da traffico del centro urbano e delle frazioni (Bozzano - Piano del Quercione). Trattandosi di un'opera di notevole impatto e costo, opera che coinvolge anche Regione e Provincia, è importante intervenire presso questi Enti per verificarne la fattibilità. 3. La realizzazione o il completamento di una rete ciclabile, parallela alla Sarzanese, da Quiesa a Piano di Mommio, in attesa della intersezione da Montramito a Viareggio. Detta pista ciclabile serve a favorire ovviamente l'uso della bicicletta per spostamenti brevi o di scarso chilometraggio. Anche qui il vantaggio per l'ambiente ed anche per il singolo cittadino è evidente (minor consumo di carburanti, minore inquinamento chimico ed acustico, possibilità di fare del moto). 4. Creare una rete locale di trasporti collettivi, mediante piccoli bus, incentrata su alcune tratte molto trafficate e facilmente identificabili (dalle frazioni a Massarosa centro o Viareggio - dai limiti del territorio a Montramito o all'Ospedale Versilia) nelle ore di maggiore afflusso di persone (mattino ore 8-9 e pomeriggio ore 17-18). Detta rete può essere parzialmente finanziata con un abbonamento semestrale-annuale ed è integrativa delle autolinee che spesso hanno orari strani e poco razionali. Verificare anche la possibilità di usare gli Scuolabus per il trasporto di altri passeggeri interessati allo stesso percorso in modo da ottimizzarne l'utilizzo e

risparmiare sui costi. 5. Riqualificazione dei centri urbani, intesi come luogo di aggregazione. Va quindi prevista la possibilità di chiudere al traffico veicolare qualche porzione di Massarosa (Via Cenami) o delle sue frazioni. A titolo sperimentale ciò può essere realizzato all'inizio solo in determinati giorni per poi gradatamente allungare la chiusura man mano che il pubblico ne prende coscienza. Questo può sembrare un danno per le attività commerciali che lamenterebbero subito un calo delle vendite ma è ormai consolidato che le zone “pedonali” alla lunga vengono colonizzate appunto dai “pedoni” e quindi diventano un luogo per socializzare, fare compere in tranquillità, prendere un caffè godendosi il panorama ed il silenzio. E' dimostrato che le attività commerciali, invece di essere danneggiate, beneficiano sempre delle zone pedonali. 6. Potenziamento ed ottimizzazione del trasporto pubblico sulle principali direttrici, analisi di fattibilità di una metropolitana di superficie sulla tratta ferroviaria Massarosa – Viareggio.


Turismo responsabile

Il nostro Comune non è ancora a vocazione turistica come invece possono esserlo i vicini comuni di Viareggio, Camaiore, Pietrasanta e Forte dei Marmi; ciononostante l'offerta per il turismo, sia italiano che straniero, può essere incrementata con indubbio vantaggio per tutto l'indotto locale. In particolare: 1. Migliorare la presentabilità, il decoro e la visibilità del Comune, delle sue frazioni e delle attrattive storiche e culturali mediante interventi su siti web, sulle agenzie di settore, italiane e straniere, attivando un agenzia per l’acquisizione di nuovi flussi turistici proponendo, di concerto con le strutture ricettive, pacchetti od offerte speciali o mirate a particolari categorie comprendenti attività e prodotti caratterizzati dalla ricerca della migliore qualità, garantita attraverso un disciplinare/protocollo condiviso tra operatori e comune, per il quale l’ente farà da garante e controllore. Creare quindi con notevole anticipo un calendario annuale con tutte le manifestazioni di qualsiasi genere del territorio Massarose da divulgare attraverso i canali descritti prima. 2. La stessa agenzia si occuperà di attivare un “Albergo Diffuso” coinvolgendo i proprietari che vorranno mettere a disposizione loro locali per accogliere i turisti anche in case private secondo le recenti norme regionali; insieme a questo l’agenzia coinvolgerà coloro che svolgono attività legate alla cucina, alla pasticceria, alla pizza, alla pittura, al fitness, al trekking, al ciclismo, al parco di Massaciuccoli, all’archeologia per costituire un pacchetto di “esperienze” che stupiscano e fidelizzino il turista. 3. Intervenire direttamente nel miglioramento e nell'incremento delle manifestazioni comunali già in essere mediante pubblicità diretta ed indiretta. Favorire la presenza di attività locali o caratteristiche di zona (olio, salumi, ortaggi ecc.) mediante offerta di agevolazioni alla loro partecipazione. 4. Favorire, mediante la concessione di spazi comunali, le iniziative culturali di ogni genere (letterarie, pittoriche, scultoree, giovanili, ecc.) integrandole nell'offerta turistica in modo da aumentare il flusso anche e soprattutto durante le

classiche “stagioni morte” (primavera, autunno, inverno). 5. Incentivare la presenza sul territorio di manifestazioni sportive a carattere sia dilettantistico che competitivo, promuovendo anche attività sportive minori ma non per questo meno seguite da appassionati (tiro con l'arco/canottaggio/canoa/corse podistiche). 6. Valorizzare in maniera mirata il Lago di Massaciuccoli per quello che è, una oasi naturalistica unica in Toscana. Studiare quindi un programma di escursioni mirate, percorsinatura, manifestazioni legate a flora e fauna del lago. 7. Individuazione di un’area da riqualificare, dove realizzare i primi interventi per un polo di attrazione che all’inizio vedrà realizzati un’area di parcheggio con una parte attrezzata destinata alla sosta dei camper, una piccola area ombreggiata dove sia possibile campeggiare per il cicloturisti, un RistoMercato dove sia possibile commerciare e degustare i prodotti agricoli locali dando la possibilità ai produttori di entrare direttamente in contatto con i consumatori e di trasformare i loro prodotti nelle ricette tipiche massarosesi. Compatibilmente con le capacità finanziarie disponibili, nello stesso polo sarà realizzata una piscina olimpica all’aperto, non riscaldata, con una ampia area dedicata la relax ed al gioco dei bambini.


Cultura come risorsa

Cultura come risorsa: alfabetizzazione informatica, recupero delle tradizioni locali verso le nuove generazioni, diffusione di una sana educazione civica, incentivazione del confronto culturale tra gruppi e persone. Per molti anni, la cultura è stata sostituita con varie forme di intrattenimento, che non avevano affatto l'obiettivo di far crescere la persona, bensì quello, molto più sordido, di inebetire e deviare la coscienza critica delle persone. Inoltre, malgrado l'informatizzazione sia ormai onnipresente, nessuno ha provveduto ad educare le generazioni di cittadini adulti all'uso delle nuove tecnologie. Per questi motivi, il Movimento 5 Stelle intende lavorare su: 1. Alfabetizzazione informatica attraverso corsi di apprendimento gratuiti o a basso costo, rivolti sopratutto ai cittadini anziani, ma più in generale a chiunque desideri imparare ad usare correttamente un computer, internet, e tutti i dispositivi per i quali è indispensabile un minimo di conoscenza tecnica. Recupero di tradizioni e mestieri artigianali che in questi anni stanno rischiando di scomparire, perché possano essere apprezzati e rivitalizzati dalle nuove generazioni. Diffusione di una nuova educazione civica basata sul rispetto e sulla solidarietà tra generazioni; fondamento di una società più sana e solida. 2. Incentivazione del confronto culturale tra gruppi e persone, perché possano nascerne nuove forme di collaborazione artistica ed umana. Ciò anche a vantaggio del turismo a Massarosa, che potrebbe essere attratto efficacemente da un ricco calendario di attività e manifestazioni di ogni genere: musicali, pittoriche, fotografiche, teatrali, letterarie, sportive. La promozione di un artista o di un gruppo di artisti non deve più misurarsi solo sul successo commerciale, come accade ora, bensì sull'oggettiva qualità di lavori realizzati. 3. Supporto alla creazione di un portale internet per la cultura ed il turismo che permetta di aggregare qualunque attività artistica, sia per favorire le relazioni tra artisti, professionisti o dilettanti, sia per informare cittadini e turisti sulle opportunità culturali offerte nel nostro territorio.


Economia Sostenibile

Sviluppo di una economia sostenibile e rilancio del nostro settore agricolo e dei vecchi mestieri artigianali. Recupero delle tradizionali attività produttive e artigianali massarosesi, per ricostruire una crescita economica condivisa, legata al territorio ed alle eccellenze locali (coltivazione del riso, calzaturifici, mobilifici, restauratori, produzione di olio di oliva D.O.P.). Tutto questo è un patrimonio dal lasciare in eredità alle nuove generazioni, perché quando il lavoro non c’è , si crea. “Mobilitazione contro il gioco di azzardo” Promuovendo una regolamentazione più severa della materia, il contenimento dell’accesso soprattutto per i minori, e la cura dei giocatori patologici per prevenire i disastri economici familiari. Perché le finanze dello stato non possono essere risanate distruggendo le famiglie e le persone. Fiscalità equa e semplificata per cittadini e imprese. Bisogna rendere il più facile possibile iniziare qualsiasi attività commerciale o produttiva, in modo di attrarre risorse e creare nuovi posti di lavoro. L'informatizzazione delle pratiche dev'essere fattibile da parte degli utenti, senza perdite di tempo né bisogno di ulteriori interventi burocratici. Bisogna rendere più facile richiedere qualsiasi tipo di documentazione da parte dei cittadini, per ogni pratica amministrativa, rispondendo chiaramente alla domanda: “cosa devo fare per ottenere questo?”. Stop a Equitalia. Bisogna scegliere un ente di riscossione capace di comprendere i problemi del debitore e sopratutto di concordare con lui un piano di pagamento accettabile. Non deve più succedere che per un mancato pagamento di pochi euro una persona si veda sequestrare l'auto o la casa


Pulizia e sicurezza ambientale

Pulizia, decoro e sicurezza contro i dissesti ambientali di Massarosa e delle frazioni. Aumentare la sicurezza ambientale, pulizia, decoro e manutenzione costante contro i dissesti ambientali di Massarosa e delle frazioni. Riduzione del rischio frane o alluvioni: difesa dell'ambiente, salvaguardia del territorio e piano di protezione civile. Per essere sempre preparati a qualsiasi emergenza. L'incuria dei terreni non deve più essere causa o concausa di disastri che poi andrebbero a danno di tutti. Proprio per questo saranno incentivati i proprietari virtuosi attraverso i fondi europei già esistenti e mai utilizzati. Per la parte boscosa e collinare, prevediamo interventi mirati a limitare il degrado attuale, dovuto prevalentemente alla scarsa remuneratività dei luoghi boscosi, anche se si tratta del “polmone verde” del Comune. Pertanto va incentivata qualsiasi forma di recupero di detti terreni al fine di ripulire i territori abbandonati e recuperarne legna da convertire in combustibile (pellet-cippato). Similmente va incoraggiata la formazione di aziende agricole, cooperative, società di volontariato interessate al recupero degli oliveti incolti ed abbandonati, una risorsa preziosa per Massarosa.


Scuola

Solidarietà e Sicurezza Sociale, Scuola. Installazione in vari punti strategici (stazione di Bozzano, punti di interesse pubblico….) del territorio comunale di telecamere di videosorveglianza, collegate h24 con la stazione dei Carabinieri di Massarosa. Aumentare la sicurezza sul territorio anche con il riassetto amministrativo -organizzativo degli agenti di Polizia Municipale, finalizzato inoltre alla copertura dei turni notturni di vigilanza. Il m5s di massarosa considera la persona come il primo mattone di una comunità solida e sana. In quanto membro della sua sfera sociale,, ogni persona si sentirà libera di sviluppare le sue potenzialità, ed agirà facendo prevalere gli obiettivi condivisi e la solidarietà. Fondamentale, quindi, e' sostegno alle nuove famiglie in emergenza economica improvvisa, attraverso uno scambio di competenze professionali o di manodopera, il comune potrà avvalersi dei suoi cittadini, membri della comunità per migliorare il territorio e di contro sostenerle attraverso agevolazioni o sgravi (buoni servizi, voucher, card per l'acquisto di beni primari, ecc...) In questo modo l'individuo potrà sentirsi utile al suo territorio e non vivere di assistenzialismo. Sostegno al reddito dei cittadini meno abbienti, banca del tempo per trasformare il tempo libero in tempo utile a noi ed agli altri. Gruppi di acquisto per abbassare i costi familiari e favorire le imprese agricole locali, moneta complementare alternativa al contante, creazione di gruppi di aiuto ai nuovi poveri. Creazione di una rete tra Istituzioni e Associazioni di volontariato per contrastare le varie forme di disagio ed esclusione sociale. Potenziamento dell’assistenza domiciliare e dei servizi socioassistenziali. Mappatura ed assegnazione dei terreni incolti di proprietà comunale, sviluppo di filiere e produzioni locali che li rendano produttivi a vantaggio di tutti. La scuola e' il luogo in cui l'elemento fondamentale

e' l' Educazione alla convivenza civile. Il movimento 5 Stelle di Massarosa si pone come punto principale l'art. 3 della costituzione, che afferma quanto segue: "«Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali». Lo scopo delle istituzioni scolastiche e' partire da questo fondamento, offrendo una chance a tutti, senza alcuna differenza di trattamento. La formazione degli educatori e degli insegnanti non si dovrà limitare al semplice funzionamento burocratico dell'organizzazione scolastica ma dovrà essere estesa a moltissimi campi. Temi come la genitorialita', il bullismo, la differenza di genere, la disabilità, i legami familiari, la crisi adolescenziale, ecc... devono essere inseriti come argomenti di corsi formativi per le insegnanti/educatori. Inoltre, chiederemo l'obbligo per tutte le insegnanti o addette all'infanzia di effettuare corsi di primo soccorso per la disocclusione delle vie aeree e l'utilizzo dei defibrillatori. Tutte le strutture scolastiche/educative dovranno essere messe a norma, sia da un punto di vista antisismico sia da un punto di vista antincendio, sia per la salute (vedi eternit, la potabilità dell'acqua, ecc...) Anche qui, è indispensabile il superamento delle barriere architettoniche all'interno delle strutture educative sia per migliorare il servizio all'utenza sia per garantire facile accesso a genitori con disabilità. Assicureremo la continuità educativa almeno per tutto l'anno educativo e per i bambini/ragazzi con disabilità/handicap ci impegniamo ad assicurare la continuità educativa per tutto il percorso formativo/educativo del bambino. Controlleremo la sicurezza nel trasporto scolastico (che il trasporto sia idoneo ai vari tipi di disabilità, che disponga di cinture di


Scuola

sicurezza, ecc), migliorandola laddove possibile. Data la grande importanza di una corretta alimentazione all'interno dei servizi educativi, per una crescita sana dei nostri figli, aumenteremo l'offerta di cibi biologici e a km zero. Sostegno scolastico efficace attraverso la corretta funzionalitĂ di associazioni che se ne occupano. Dialogo con le famiglie dei bambini e ragazzi utenti dei servizi educativi, elemento fondamentale per rendere le istituzioni educative ed utili alla comunitĂ .


SolidarietĂ - Sociale


Sport


Rifiuti ZERO

RIFIUTI ZERO Piano di riduzione dei rifiuti e riorganizzazione funzionale della raccolta differenziata porta a porta su tutta Massarosa, con tariffa puntuale per cittadini e commercianti per ridurre le tariffe a carico di tutti e salvaguardare salute e ambiente nel nostro territorio. Si tratta di risolvere un problema spinoso legato a decenni di cattiva amministrazione dell'oggetto “spazzatura”. Proprio per questo le tariffe TARSU a Massarosa ed in Versilia in generale sono fra le più alte d'Italia. Quindi è obbligatorio far scendere le tariffe e, al momento, ciò è possibile solamente incrementando la Raccolta differenziata. Due i motivi: il fatto che la Comunità Europea sanzioni pesantemente le amministrazioni che non hanno raggiunto determinati obbiettivi (e Massarosa è fra queste) ed il fatto che una Raccolta differenziata superiore al 65 % crea ricchezza anziché costi. 1. Revisione completa dei rapporti con ERSU e Pioppogatto per far scendere i relativi costi. È fondamentale arrivare a prezzi competitivi sia per la gestione che per lo smaltimento dei rifiuti. Ciò attualmente non è possibile proprio perché ERSU è una partecipata del Comune stesso mentre Pioppogatto lavora in regime di monopolio. In particolare l'impianto di Pioppogatto deve essere modificato per il trattamento COMPLETO dei rifiuti conferiti onde ottenerne un vantaggio economico che attualmente va completamente perduto. 2. Creazione di una filiera intermedia fra il conferimento dei rifiuti e lo smaltimento. In pratica resuscitare la figura del “Robivecchi” che provvedeva a recuperare quanto più possibile dagli scarti della popolazione. In dettaglio acquisire manodopera (vedi lavori socialmente utili) che provveda a selezionare dalla raccolta indifferenziata ed ingombrante quanto ancora sia recuperabile (da conferire ad eventuali mercatini dell'usato) e smantellare nei componenti riciclabili (legno, ferro, alluminio, plastica, vetro) quanto invece sia

irrecuperabile. Ciò può essere realizzato direttamente nello stesso luogo del conferimento o nelle sue vicinanze. 3. Attivazione di una concreta vigilanza su tutto il territorio per sanzionare e disincentivare l'abbandono di rifiuti di qualsiasi genere. A tale scopo si possono utilizzare sia i VV.UU. sia gli Ispettori Ambientali volontari.


Cemento ZERO

Cemento Zero: incentivazione REALE per il recupero del patrimonio edilizio esistente, riqualificazione energetica degli edifici, semplificazione degli iter burocratici, eliminazione totale dell'eternit su tutto il comune di Massarosa. ogni intervento edilizio di una certa entità influisce sull'ambiente rendendo il paesaggio monotono e “Urbanizzato”. Pur essendo Massarosa un comune agricolo e collinare, la sproporzione fra il verde e le zone abitate ha ormai raggiunto livelli eccessivi. Poichè è abbastanza certo che nei prossimi anni la popolazione rimarrà stabile (natalità in calo e crisi economica) il Movimento non reputa interessante nè prioritario procedere ad estesi programmi di urbanizzazione selvaggia. Al contrario il programma verte prevalentemente sui seguenti punti: 1. Limitare il più possibile le nuove costruzioni, sia nell'ambito residenziale che commerciale. In particolar modo vanno evitate le lottizzazioni con grandi volumetrie costruttive, utili al costruttore per il risparmio sui costi, ma di impatto negativo sul paesaggio, sul traffico e sulla qualità della vita. È invece auspicabile confrontarsi con l'edilizia manifatturiera (medie industrie ed artigianato) favorendone l'attività,seppur limitatamente alle zone ad essa dedicate. 2. Importante è favorire il recupero edilizio dell'esistente, la riqualificazione energetica, il restauro e la ristrutturazione. Fondamentale anche una revisione completa delle possibilità di mutamento di destinazione, favorendone l'utilizzo entro il limiti delle Leggi attuali. Questo può evitare la necessità di nuove costruzioni ed essere di aiuto concreto a coloro che hanno necessità di variare l'utilizzo dei propri immobili, non costringendoli a costose operazioni di acquisto/vendita sul mercato.


Risanamento Lago Massaciuccoli

Risanamento del Massaciuccoli: rivitalizzazione del lago affinché torni ad essere una risorsa fruibile a tutti ed economicamente vantaggiosa. Per creare una vocazione turistica al paese di Massarosa è fondamentale valorizzare in maniera mirata il Lago di Massaciuccoli per quello che è, una oasi naturalistica unica in Toscana. Studiare quindi un programma di escursioni mirate, percorsi-natura, manifestazioni legate a flora e fauna del lago. Per questo, il problema più grave da risolvere è l’eutrofizzazione delle acque che ha degradato ormai da decenni la zona lacustre. Pertanto noi proponiamo di intervenire favorendo il più possibile l'agricoltura biologica con incentivi alle aziende che la praticano e vincoli stringenti per coloro che utilizzano il metodo tradizionale. Vanno incentivate anche coltivazioni particolari che non necessitano di grandi cure colturali, tipo la canapa, in grado di ripristinare lo stato iniziale dei terreni e di irrobustirne la struttura.


Connettività

Piano di connettività wi-fi gratuita progressivamente estesa a tutti i luoghi di interesse pubblico nei centri e nelle periferie di ogni frazione comunale. Cittadinanza digitale. . Saranno attivati diversi Hot spot gratuiti (accessi internet gratuiti) ed ad accesso libero nelle piazze e nei luoghi di ritrovo principali del territori. Progetto “Cittadino Digitale” per l’accesso gratuito ai sistemi informatici del Comune (dare la possibilità ai cittadini, mediante password, di accedere al portale unico del Comune ai vari servizi), potenziando anche la PEC (posta elettronica certificata) e firma digitale. Impegno del Comune ad utilizzare software “open source” in alternativa ai costosi software in licenza, ogni qualvolta una valida alternativa sia disponibile. Adozione completa del protocollo “VOIP” per la telefonia comunale con gateway verso skype. Adesione al progetto “Decorourbano.org” (progetto completamente gratuito) in modo di dare la possibilità ad ogni cittadino di fare segnalazione dei vari problemi (buca stradale, albero pericolante, lampione guasto, ecc.) legati al territorio comunale, attraverso pc o app per smartphone/tablet. Pubblicazione sul sito web del Comune, dell’elenco di tutte le forniture di prodotti e servizi all’Amministrazione, con i relativi contratti e i fornitori. Tracciabilità totale. Trasmissione video in streaming multipiattaforma delle sedute del consiglio comunale e delle commissioni. Pubblicazione di un’applicazione gratuita, per smartphone e tablet, con gli eventi culturali e tutte le iniziative che si terranno sul territorio.


Programma Elettorale

Bozza programma m5s massarosa rev 1