Issuu on Google+

DI MAMBRO PIERO

anno

87 - n.07 - Mercoledì 20 Febbraio 2013

COPIA OMAGGIO

Imbiancatura Verniciatura Decorazioni

ACQUISTO IN CONTANTI

OrO USATO

ACQUISTO IN CONTANTI

Restauro facciate anche con ausilio di scala aerea

PIAZZA DELLA CHIESA, 4 Sesto Fiorentino (Fi) Tel 055 444153

Ristrutturazioni chiavi in mano

337 691165

pierodimambro60@gmail.com www.paginegialle.it/dimambropiero

ORO USATO

VIA BOCCHERINI, 5 Firenze cell 338 4483467

Piazza della Chiesa, 4 Sesto Fiorentino (Fi)

Tel. 055 444153 - cell.338 4483467

Settimanale di critica e attualità sportiva

orari: Lunedì 15.30 - 19.30, Sabato 09.00 - 13.00 Da Martedì a Venerdì 09.00-12.30 / 15.30 - 19.30

Fondato nel 1927

a p o r u E = 2 DDV+ADV l o g = c i j a j L + o J o J

TORNATO in cattedra L’editoriale UNA NOTTE MAGICA, UNA SPLENDIDA RESURREZIONE

di Alessandro Rialti

è

stata una splendida resurrezione. Quando la Fiorentina di Montella gioca con questa

ADESSO SERVE LA CONTINUITÀ IN TRASFERTA

intensità nessuno può mettersi di traverso. Solo la Juventus in una serata altrettanto magica, nella gara d’an-

data, riuscì a tenere in mano un punto ma a costo di snaturare il proprio gioco e di ridursi a difendersi per

quasi tutto il match. Quando la Fiorentina gioca con questa ispirazione e con questa determinazione non c’è

nessuno forse in grado di cancellare quello che la squadra riesce ad esprimere. Quando Cuadrado punta l’av-

versario e ha addosso la polvere magica è come se si trasformasse in Peter Pan volando oltre tutto e oltre tutti.

Segue in ultima

MODIGLIANI

Vi aspettiamo dal Lun. al sab. 7.30-19.30

RISTORANTE - PIZZERIA

Ogni giorno

to 10% TsTcOoRnI DEL

AI LE o Sportivo Brivid

Tel. 055 8802721 - niko.parrucchieri@gmail.com Niko s.r.l - Via C. Castracane, 49 - 50055 Lastra a Signa - FI

Via A. Modigliani, 9 - Prato - Tel. / Fax 0574.584985 www.ristorantemodigliani.it : Nuovo Modigliani

Prenotazione pane e consegna a domicilio

Pranzi e merende

Con i vostri panini e le vostre schiacciate preferite Via Risorgimento, 45/47 Poggio a Caiano - Prato

t


2

Il Brivido Sportivo - Mercoledì 20 Febbraio 2013 DIRETTORE RESPONSABILE Michela Lanza direttore@brividosportivo.it REDAZIONE redazione@brividosportivo.it CONSULENTE EDITORIALE Alessandro Rialti

Stagione Viola

EDITORE E PUBBLICITà Salvini Editore srl Via S. Quirico 167 50013 Campi B.zio (Fi) tel. 055.9334666 Fax 055.9334667 info@salvinieditore.it

GRAFICA E IMPAGINAZIONE grafica@brividosportivo.it STAMPA Centro Stampa Editoriale srl Grisignano di Zocco (Vi) DISTRIBUZIONE distribuzione@salvinieditore.it

COLLABORATORI Francesca Bandinelli, Andrea Giannattasio, Michela Lanza, Alessandro Latini, Tommaso Mattei, Ruben Lopes Pegna, Alessandro Rialti, Mario Tenerani, Giampiero Tosi. FOTO La Presse

Bellissima la risposta dei viola al ko con la Juve e alle critiche ricevute, da Jo-Jo a Ljajic una gara da incorniciare

Fiorentina, contro l’Inter è stata

LA VITTORIA DEL GRUPPO di Michela lanza

B

ellissimi! La partita contro l’Inter è stata diametralmente opposta a quella contro la Juventus, ovvero perfetta, ed ha confermato che la Fiorentina di Montella è sempre la stessa, che non si è smarrita, né tantomeno disunita ma è ancora bella, brillante e divertente. Una squadra che domenica non ha sbagliato niente, non ha fatto ragionare il team di Stramaccioni, che avrà pure dei limiti (e le assenze pesanti sono lì a dimostrarlo), ma che resta pur sempre l’Inter. Ma la Viola l’ha annientata sul campo sul profilo del gioco e del possesso palla (63% Fiorentina, 37% Inter). Perché è troppo comodo attribuire tutti i demeriti ai viola della sconfitta dello Juventus Stadium contro una ‘Signora’ Juve, e oggi passarli come fossero un testimone in una corsa tutti ai nerazzurri. Eh no… vogliamo dare i meriti di questa grande vittoria alla squadra viola? E vogliamo dire che questa vittoria è la vit-

toria di un gruppo che ha saputo reagire a sconfitte e critiche, dove sono tornati protagonisti quei giocatori che sono chiamati a fare la

differenza? Vogliamo dire che è tornato in cattedra Jovetic e che il giovane Ljajic ha finalmente dimostrato a tutti di saper vede-

re anche la porta? TORNATO IN CATTEDRA. Partiamo, come è giusto che sia, da Stevan Jovetic. Il montenegrino visto con

l’Inter rappresenta appieno tutto quello che allenatore, società e tifosi si aspettano da lui: imprevedibilità, forza fisica, velocità, classe e

gol. È stato fenomenale e decisivo, giocando da unica punta in un reparto offensivo dove aveva la possibilità di dialogare con Ljajic e Cuadrado, e dove è riuscito ad arrivare al tiro in porta ripetutamente, a partire dal 3’ minuto (a proposito, forse a Jo-Jo non piace giocare prima punta, l’ha sempre detto… ma quello visto contro l’Inter a noi è piaciuto tanto!). Ha servito un

Contattaci al numero verde E’ gratuito da rete fissa Contattaci al numero verde E’ gratuito da rete fissa

IMU

Puoi trovarci sul sito www.caafcgiltoscana.it

IMU

Contattaci al numero verde E’ gratuito da rete fissa

Numero Verde

800 730 800 per i cellulari: 199 100 730 al costo del piano tariffario del tuo gestore


3

Il Brivido Sportivo - Mercoledì 20 Febbraio 2013

Stagione Viola assist al compagno Ljajic per il gol del vantaggio, ha segnato due gol bellissimi (quello del 2-0 è stato un concentrato di potenza e precisione) ed ha fatto letteralmente ammattire la difesa dell’Inter. Questo è il giocatore che ha fatto innamorare Firenze. Questo è lo Jovetic formatoChampions che ‘ci piace’. Questo è il giocatore che voleva Montella quando parlava di un uomo che «per le qualità che ha, mi aspetto

due gol a partita». Questo è il top player che vale 35 milioni di euro e che nessuno vorrebbe vedere andare via. Quello voglioso che scalpita in campo felice di dimostrare il suo valore e non apatico e apparentemente scontento. Quello che a 13 partite dalla fine del campionato è già arrivato in doppia cifra (11 reti). Ritrovare il miglior Jovetic è stata forse la notizia più bella della serata di domenica, perché con questo Jo-Jo tutto davvero

torna ad essere possibile. Pure quel terzo posto che è ancora lì, a soli 2 punti. E quindi, un bel bravo va proprio al montenegrino che ha saputo scacciare le critiche (anche dure) coi fatti e non a parole. UN GOL ALLA DEL PIERO. Se Jovetic è stato il campione ritrovato, Adem Ljajic è stato la lieta sorpresa della serata. Il giovane serbo, che già quando entrò in campo allo Juventus Stadium dette l’impressione di

poter scardinare la difesa bianconera con il suo gioco rapido e imprevedibile, domenica sera contro l’Inter è stato perfetto ed ha chiuso le bocche a coloro che lo hanno sempre accusato di non saper fare gol segnando una doppietta ad una delle squadre più importanti della serie A. Al di là delle due reti (una da stropicciarsi gli occhi:  quella del quattro a zero è stata un’esecuzione alla Del Piero, con la palla piazzata a giro sul secon-

do palo. Il gol più bello, delizioso), Ljajic ha corso per Centro Benessere novanta minuti senza riprendere fiato, girando attorno a Jovetic come una trottola, non dando mai (in coppia Vieni a provare il con il numero 8) punti di riferimenMassaggio Romantico to, ma soprattutto è costantemente tornato indietro a dare una mano alla SU TUTTI I NOSTRI TRATTAMENTI squadra. Perfino non cumulabile nei minuti finali, lo abbiamo visto in Tel. 331 1018219 - ORARI 10.00/23.00 ripiegamento nella Via Fra Diamante 2/r - FI (zona Legnaia) trequarti viola. Da applausi. E il fatto giornate del girone di riche ancora non abbia 22 anni, dovrebbe far torno 7 punti, solamente 1 riflettere sulle qualità tec- in meno rispetto al girone niche che già possiede ma di andata, quando i punti anche sui suoi margini di furono 8. E questo, nonomiglioramento. Con Mon- stante il periodo di calo tella, Ljajic è già cresciuto sotto il profilo dei risultati. tantissimo. E se completa Da sottolineare che i viola la sua maturazione, può hanno il 4° miglior attacdiventare addirittura de- co del campionato con 45 vastante. Intanto ha già gol fatti (dietro a Juve 50, raggiunto, in 17 presenze Roma 48 e Napoli 46) e la (e con altre 13 partite a di- 5° miglior difesa con 30 reti sposizione), il suo record di subite (meglio della Fiorensegnature in campionato tina hanno fatto Juventus con la maglia viola (3 gol, 17, Napoli 21, Torino 28 e gli stessi che ha segnato Lazio 29). Infine – e quenella stagione 2010-11 in sto la dice lunga su come 26 presenze). Poi vediamo. il Franchi sia tornato ad Intanto godiamoci la dop- essere il fortino di un tempo – in casa, la squadra di pietta segnata all’Inter. 30 PUNTI AL FRANCHI…  Vincenzo Montella è quelLa Fiorentina ha ancora la (insieme al Napoli) che i numeri dalla sua parte. ha fatto più punti di tutte: Montella, intanto, con la ben 30. Juventus, Lazio e partita di domenica, ha ot- Catania hanno invece ottetenuto la sua terza vittoria nuto tra le mura amiche 29 sulla panchina viola contro punti, mentre il Milan 27. le cosiddette grandi (La- Insomma, se i viola riuscizio e Inter in casa, Milan ranno a trovare un pizzico fuori) ed ha a disposizione di continuità in più anche altri tre scontri diretti per in trasferta, magari a parmigliorare la media. Ma al tire da Bologna contro l’adi là della gioia di battere mico Pioli, allora l’Europa un’altra big, la Fiorentina (che conta) tutto diventa ha fatto nelle prime sei fuorché un’utopia.

Ali D’oriente

SCONTO DI 5€

XboX360 / PS3

PS3 • PRENoTA E RICEVERAI IL CoDICE PER SCARICARE “LA SPADA DEL GIUDIZIo” • RICEVI L’ACCESSo ALLA DEmo DI “LAST of US”

god of war ascension

69

,99€

Viale Giannotti, 46/48R – Firenze Tel 0331 268908 FI08-giannotti@gamelife.it

PRENoTA E RICEVERAI LA STEELboX E IL fUmETTo ESCLUSIVo “ThE bEGINNING”

PC

ToMB raider sUrViVaL ediTion

sTarcrafT 2 HearT of swarM

69 39

79

,99€

,99€

Via de Sanctis, 39 – Firenze Tel 0331 268909 FI09-desanctis@gamelife.it

coLLecTor’s ediTion

Via F. Baracca, 47 – Firenze Tel 0331 268911 FI11-baracca@gamelife.it

,99€

sTandard ediTion


4

Il Brivido Sportivo - Mercoledì 20 Febbraio 2013

Appunti di viaggio

Centro Ginnastica Firenze A.S.D.

Via Isonzo, 26/A - Firenze Tel. e fax 055 6531930 centroginnastica.firenze@virgilio.it

Diego e Andrea: sono loro i bomber viola… di MARIO TENERANI

Q

ualcuno sorride quando si parla dell’importanza dei presidenti. Non buttano la palla in rete, sogghignano coloro che non credono a certe tesi. E invece la storia del pallone racconta il contrario. Le grandi squadre hanno sempre avuto al fianco presidenti-presenti. Diego e Andrea Della Valle hanno contribuito alla vittoria sull’Inter. E se tre punti sono nati attraverso una prestazione gigantesca della Fiorentina è perché i fratelli patron hanno saputo trasmettere input positivi e motivazionali. Con un’eccezione: Andrea Della Valle è sempre presente, Diego mancava da tre anni esatti allo stadio, mentre si era fatto vivo in ritiro alla vigilia di Pasqua, un anno fa, poche ore prima di Milan-Fiorentina. Un’altra partita impossibile per i viola vinta dalla

Fiorentina. Sarà un caso anche questo…? D’accordo, Diego aveva spronato i suoi giocatori pure prima della gara con la Juve due settimane fa, ma forse quella volta il

Studio Parisi

corto-circuito generale dei viola ha annullato anche i poteri taumaturgici di Mister Tod’s… Agnelli, Berlusconi, Moratti, Viola, Sensi, Mantovani e la lista è lunga,

30 Piùisdi Pi oint Par

a italia in tutt

Il PRIMO ed UNICO studio in Italia specializzato in analisi su DNA per: Intolleranze alimentari ad oltre 1000 alimenti Intolleranze alimentari pediatriche Intolleranze glutine e lattosio Test sull’infertilità Test di predisposizione al tumore al colon e seno Test di paternità Test anti-droghe Intolleranze alimentari veterinarie DIETOLOGIA PER SPORTIVI Laboratorio di analisi certificato tra i primi dieci Centri di Diagnostica Molecolare a livello Europeo Via Rabatta, 38 Borgo San Lorenzo (FI) tel. 348/0057645 - www.studioparisi.net

sedi all’estero:

Lugano (Svizzera) Malindi (Kenya) Dubai (Emirati Arabi)

hanno fortemente caratterizzato la storia dei loro club, partecipando con un carisma fuori dal comune. Talvolta è ufficiata un’occhiata sparata bene per far capire

alla squadra come stanno le cose. Ecco perché la rivoluzione estiva condotta e vinta da Andrea Della Valle e il ritorno di Diego (altra vittoria del fratello) non possono

che essere segnali molto belli per la gente viola. La proprietà è impegnata in prima linea nel riportare la Fiorentina laddove storia e blasone le impongono di stare. Non si tratta solo di quattrini, anche se sono decisivi: c’è tanto di più. È stata rimessa al centro del progetto la vicinanza alla squadra. Come se Diego e Andrea avessero voluto rimarcare il territorio. Poi una certezza: questi blitz intensificati di Diego Della Valle non possono essere solo considerati episodi sporadici. Mister Tod’s si è riavvicinato parecchio, pur nel rispetto del ruolo del fratello, presidente della Fiorentina. Uno è complementare dell’altro. I tifosi, poi, li vogliono entrambi. La tribuna autorità è larga, lo spazio non manca. E se loro saranno sempre così presenti, si allargherà presto anche la bacheca dei trofei…


5

Il Brivido Sportivo - Mercoledì 20 Febbraio 2013

Tra presente e futuro Dopo la roboante vittoria sull’Inter il tecnico viola parla del presente e del futuro della sua squadra

MONTELLA: “Lo scudetto?

Lavoriamo per inseguirlo dall’anno prossimo” di MICHELA LANZA

S

i è tornati a respirare positività, dopo un picco di pessimismo cosmico che non solo era eccessivo, ma anche ingiustificato, vista la qualità del gioco espressa dalla Fiorentina anche nelle partite in cui sono mancati i risultati, ad eccezion fatta di un’unica gara, quella contro la Juve. Poi, però, è arrivata la vittoria contro l’Inter e ha rilanciato pre-

potentemente la squadra nella lotta per l’Europa che conta che, dopo la sconfitta della Lazio a Siena, è lì, a soli 2 punti. Vincenzo Montella è senza dubbio il principale artefice di un team che diverte e si diverte, senza dimenticare l’obiettivo del risultato. Un mix di elementi che spesso e volentieri non coincidono. Così, l’Aeroplanino, sereno e soddisfatto della reazione dei suoi uomini dopo Torino contro l’Inter dell’amico Stramaccioni, è intervenuto a Coverciano in occasione della consegna della Panchina d’Oro, parlando del presente viola. Ma anche del futuro. Un futuro che si prospetta… da grande. «Ringrazio Diego Della Valle per i complimenti per il nostro modo di giocare e anche per il segnale importante, di massima trasparenza e serenità,

che ha trasmesso attraverso quello che ha detto prima della partita. Cioè di essere prima propositivi e poi vincenti: sono dettami che abbiamo dall’inizio della stagione e nella partita contro l’Inter abbiamo espresso quasi la perfezione. Mi auguro che questo non diventi un problema per noi ma che sia un monito per capire quello che dobbiamo cercare di fare sempre. Non vorrei che la prova di domenica rimanesse isolata». OBIETTIVO TERZO POSTO, POI... Insomma, la Fiorentina non si pone limiti. Non se ne è mai posti. Lo ha sempre detto anche Montella che oggi confida di avere una squadra che sta diventando importante, qualcosa di più di un gruppo di ottimi giocatori: «Questo gruppo ha un dna da grande squadra, altrimenti non si dà una risposta come quella di domenica sera in un momento in cui si erano avvertiti i primi mugugni. Abbiamo quasi sempre giocato meglio dei nostri avversari, le grandi squadre però hanno dimostrato che vincono anche quando non esprimono il massimo del proprio potenziale e a noi questo, sinceramente, ancora non è successo. Quando riusciremo a vincere anche non strameritando o non meritando particolarmente sarà lo step successivo». E dopo i tre

punti conquistati contro i nerazzurri «siamo sempre lì a lottare per l’obiettivo che ci eravamo prefissati, sempre con maggior convinzione. Guardiamo partita per partita, il terzo posto è lì, siamo in corsa. Siamo in sette a lottare e qualcuno potrebbe addirittura rimanere fuori dalle competizioni europee». Certo è che alla società, con i Della Valle in primis, e pure allo stesso Montella, le ambizioni non mancano. E allora, dopo la straordinaria prova sfoderata dalla Fiorentina contro il club di Moratti in città si torna a sentir parlare di scudetto. Non per l’immediato, è chiaro… ma dal prossimo anno. Montella non dice no: «Pensiamo a questa stagione, poi vedremo. Sicuramente l’obiettivo prossimo è quello di competere per i primi tre posti, anche se sappiamo tutti che è difficilissimo. E poi per diventare grandi davvero ci vuole continuità, e molto dipenderà anche dagli avversari e dal loro livello.

Ci sono squadre con risorse economiche differenti con le quali non si può competere, ma noi stiamo portando avanti i nostri obiettivi e siamo in linea con i nostri programmi». JO-JO, ROSSI & ‘MOMO’.  Infine, dopo le ‘polemiche’ relative a Jovetic, sul suo ruolo, sul suo rendimento altalenante, sui gol che non arrivavano e dopo la soffiata che raccontava di un Montella infuriato col montenegrino tra primo e secondo tempo nello spogliatoio dello Juventus Stadium perché non faceva su Pirlo quello che facevano gli attaccanti della Juve su Pizarro (ovvero pressing), il tecnico napoletano si mostra soddisfatto al 100% del numero 8 viola, sottolineando non tanto i gol, quanto la prestazione:

A EMPOLI LA TUA AGENZIA DI INCONTRI

PER AMICIZIE, CONVIVENZA E MATRIMONIO EMPOLI via G. da Empoli 34 (zona Stazione)

tel. 0571 711144 cell. 331 2083478

emozioni.agenzia@gmail.com

GRANdE fEbbRAIO PER LE dONNE

iL NUMERO

DELLE SiGARETTE ELETTRONiCHE !!! Vieni a troVarci nei nostri store e troVerai la soluzione che fa per te.... Viale dei Mille 42/R - Firenze - 055 5535336

«Jovetic domenica ha fatto molto bene, si è calato molto di più nella parte, è stato più vicino alla porta. Ha fatto una grande prestazione di ruolo, non soltanto di talento. Giuseppe Rossi? Mi auguro possa giocare qualche spezzone di partita da qui alla fine del campionato. Ma non ci vuole fretta, dovrà inserirsi con i tempi necessari. In questi casi, lo dico per esperienza, meglio aspettare qualche giorno in più». In conclusione una battuta su Momo Sissoko che, con l’assenza di Pizarro, potrebbe prendere subito il suo posto in cabina di regia a Bologna: «Non è ancora al top, anche se in campo la sua presenza si fa sempre notare. Il suo ruolo? Può fare il playmaker basso». 

invia una lettera o una e-mail con una tua fotografia, età, città, telefono, decrivendoti nell’aspetto, carattere, lavoro, tempo libero e situazione familiare. SPIEGA COME VORRESTI ChE fOSSE IL TuO COMPAGNO IdEALE E AVRAI

3 MESI dI

INCONTRI GRATuITI

Dopo una lunga esperienza la titolare ti accompagnerà in un percorso mirato a trovare

IL COMPAGNO O LA COMPAGNA DELLA TUA vITA Gli incontri sono mirati e selezionati in base alle tue richieste senza perdite di tempo. Chiama per un colloquio gratuito troverai serietà riservatezza e cortesia.

invia un sms

al

331 2083478

con nome, , età e la cittàRATIS RICEVERAI G informazioni di persone adatte a te!!!

www.AGENZIAMATRIMONIALEEMPOLI.COM UN TRATTAMENTO SPECIALE AI LETTORI DEL BRIvIDO SPORTIvO!!


6

Il Brivido Sportivo - Mercoledì 20 Febbraio 2013

MERCATO

A breve l’entourage del montenegrino e la Fiorentina torneranno a incontrarsi

Jovetic e il nuovo contratto,

IL FUTURO È GIÀ COMINCIATO di Francesca Bandinelli

L

a conferma è arrivata da Daniele Pradè. Quello che era il disegno della Fiorentina, cercare di prolungare il contratto di Stevan Jovetic oltre il 30 giugno 2016, magari anche concedendo un adeguamento economico, sta procedendo nella direzione giusta. Le parti si sono incontrate, il progetto sta andando avanti. Nel mezzo, si discuterà pure della clausola rescissoria che questa volta verrà regolarmente consegnata in Lega, superando quel gentlemen’s agreement che tanto ha fatto tribolare l’estate scorsa. L’IDEA. L’idea di base, quella a cui lo stesso patron Andrea Della Valle aveva fatto sapere ai suoi uomini, Pradè e Macía, di regolamentare i tempi di uscita dalla Fiorentina del giocatore simbolo della rinascita viola è piaciuta fin da subito. Anche perché in questo modo le tensioni che hanno accompagnato la scorsa estate non avrebbero modo di esistere. L’ultima parola, è ovvio, spetterà al giocatore, ma anche nel caso in cui Stevan dovesse decidere di scendere dalla giostra viola, la società non reciterebbe un ruolo da comparsa. Tutt’altro. Sì, perché intanto verrebbe stabilito, nero su bianco, il costo del

cartellino del giocatore. E, se la Fiorentina dovesse tornare sul mercato per sopperire la sua partenza, avrebbe comunque chiaro fin da subito il budget a disposizione. Si procederebbe su tre possibili step: partenza entro il 15 giugno (35 milioni di euro), partenza entro il 1° luglio (40 milioni di euro), partenza entro il 15 luglio (45 milioni di euro). E dopo? Jovetic resterebbe alla Fiorentina. Fermo re-

stando l’impegno dichiarato da parte della società viola a non cedere mai il montenegrino alla nemica di sempre Juventus, toccherebbe agli altri top club farsi avanti. Si tratta della stessa logica con cui è stato perfezionato il contratto di Giuseppe Rossi, lo scorso gennaio. Pure per ‘Pepito’ sono stati fatti numeri ben precisi. La Fiorentina, stavolta, si è tutelata nella maniera migliore.

I PROSSIMI PASSI. Ma cosa accadrà nei prossimi giorni? Intanto le parti, dunque l’entourage di Jovetic e la società, torneranno ad incontrarsi. Difficilmente non verrà trovato l’accordo per il prolungamento di un anno del contratto: l’interesse è reciproco e, soprattutto, capace di tutelare gli interessi di tutti. Jovetic, poi, dovrà decidere. La Fiorentina ha già in mente di costruire la squadra

del futuro attorno alla coppia dei sogni, quella composta da Jovetic e Rossi, ma l’ultima parola spetterà al giocatore. Stevan adesso è di fronte ad un bivio. Meglio restare a Firenze, da protagonista assoluto, oltretutto nell’anno che porta al Mondiale di Rio oppure meglio scommettere su un club capace magari di regalargli la vetrina dell’Europa che conta senza tuttavia garantirgli la certezza

assoluta di una maglia da titolare fissa? Toccherà a lui decidere, cercando nel frattempo a suon di gol di trascinare la sua Fiorentina in Europa. Lui, re delle notti di Champions contro Liverpool e Bayern Monaco, ha voglia di tornare protagonista assoluto. Sa bene di non potersi permettere passi falsi. Nemmeno adesso, perché senza reti, senza prestazioni maiuscole comunque saranno pochi quelli in grado di accontentare le richieste economiche importanti della società viola, a prescindere dalla volontà del giocatore. LE SOLUZIONI. Pradè e Macía, intanto, hanno già individuato i possibili sostituti in caso di addio. Il candidato ideale, vista anche la gran voglia di tornare in Italia, è Gaston Ramirez del Southampton, senza tuttavia dimenticare Pierre Emerick Aubameyang del Saint Etienne. Continuano ad essere monitorati Negredo del Siviglia e Cardozo del Benfica. Di certo c’è che la famiglia Della Valle non intende accontentarsi. Ora tocca a Jovetic rispondere sul campo. Cosa che ha già fatto domenica sera contro l’Inter con una doppietta che ha infiammato il Franchi. Poi con le parole. Restare per provare a vincere qualcosa in viola, del resto, non ha prezzo. Lo diceva pure Gabriel Omar Batistuta.

Studio Dentistico

Dr Alì Ghazinoori, Medico Chirurgo - Odontoiatra

L’impLantoLogia è La migLiore aLternativa per tornare a sorridere in un soLo giorno! Firenze: Via V. Gioberti, 107/int tel. 055 2480718 campi bisenzio: Via b. buozzi, 77 tel. 366 5384075

possibiLità di Finanziamenti

www.ildentistadelsorriso.it - info@ildentistadelsorriso.it

la tua protesi mobile diventa fissa in una soLa seduta!


8

Il Brivido Sportivo - Mercoledì 20 Febbraio 2013

AMARCORD

Tra allenatori, giocatori e ricordi speciali   

Ma quanti intrecci

tra fiorentina e bologna

di RUBEN LOPES PEGNA       

D

i intrecci di ex tra Fiorentina e Bologna ce ne sono stati tanti, sia tra gli allenatori che tra i

giocatori. Noi ricordiamo due tecnici, Fulvio Bernardini e Bruno  Pesaola, che hanno guidato entrambe le squadre oltre a Stefano Pioli,

nomeno. Uno dei migliori tecnici della storia del calcio italiano. Ed ha dalla sua un record: è l’unico allenatore ad aver vinto lo scudetto a Firenze e a Bologna, interrompendo tra l’altro l’egemonia delle formazioni di Torino e Milano che per più di vent’anni, dal 1942/43 al 1962/63, sono le uniche ad aggiudicarsi il tricolore. Solo la Fiorentina, nel 1955/56, e il Bologna, nel 1963/64 interrompono questo ciclo che poi continua fino al 1967/68 prima che i viola, nel 1968/69, conquistino il loro secondo titolo con Pesaola in panchina. Bernardini è un signore nel vero senso della parola. Una persona in-

che ha giocato in riva all’Arno e che siede attualmente sulla panchina rossoblu. E poi c’è Vincenzino Montella che di Bologna e dello stadio Dall’Ara conserverà per tutta la vita un ricordo particolare. GLI ALLENATORI DEI DUE SCUDETTI VIOLA. Hanno una cosa in comune Bernardini e Pesaola. Entrambi dopo essersi laureati campioni d’Italia con la Fiorentina hanno poi guidato il Bologna. E lo scudetto conquistato a Firenze ha regalato a tutti e due il ‘Seminatore d’oro’, uno dei premi più prestigiosi per gli allenatori. BERNARDINI. Un fe-

Spinelli Motors tte e l c i c i b vendita che elettri

telligente, colta (è laureato) ed educata. È un intenditore e un appassionato di calcio come pochi. Ama il bel gioco e predilige i giocatori dai piedi buoni, ovvero quelli dotati tecnicamente. Guida la Fiorentina dal gennaio 1953, quando si dimette dal Vicenza che milita in serie B (pagando per liberarsi dal contratto una penale maggiore dell’ingaggio percepito nei primi sei mesi a Firenze) fino al maggio del 1958. Vince lo scudetto nel 1955/56 con dodici lunghezze di vantaggio sul Milan (in un’epoca in cui le vittorie sono premiate con due punti) e subendo una sola sconfitta, all’ultima giornata

a Marassi contro il Genoa (per 3-1 dopo l’iniziale vantaggio gigliato) complice anche l’arbitraggio negativo di Jonni di Macerata. Ottiene tra l’altro due secondi posti consecutivi nel 1956/57 e nel 1957/58. Porta inoltre la Fiorentina a disputare la finale della Coppa dei Campioni nel maggio 1957, l’unica della sua storia, a Madrid contro il mitico Real. Colleziona 187 gettoni di presenza in campionato. Tra le sue tante intuizioni geniali c’è quella di inventare il primo ‘tornante’ del calcio italiano, ovvero Maurilio Prini che sostituisce l’infortunato Bizzarri, l’ala titolare, ma gioca in pratica da

Vendita e riparazione multimarche: Aprilia - Honda - Kymco - Malaguti - MBK - Piaggio

Rivestiamo selle

via San Zanobi 86R, Firenze info@spinellimotors.it tel. 055-499625 - fax. 055-5398748 Via S. Zanobi, 86/r - 50129 FIRENZE Tel. 055-499625 www.spinellimotors.it

E’stato un piacere conoscerti Mario, sei nei nostri cuori viola


9

Il Brivido Sportivo - Mercoledì 20 Febbraio 2013

AMARCORD

mediano. Avviene nel 1955/56. Ed è una delle mosse chiave per con-

quistare lo scudetto. Bernardini, dopo l’esperienza alla Lazio, va

a Bologna nel 1961/62 e vi resta per quattro stagioni, fino al 1964/65. Nel 1963/64 vince lo scudetto, battendo nello spareggio a Roma l’Inter per 2-0. Anche in occasione di questa gara Bernardini ha un’ intuizione geniale. Toglie per l’occasione un’ala, Renna, e schiera al suo posto un terzino, Capra, in marcatura su Facchetti, il forte terzino nerazzurro, abile nel gioco offensivo. È una delle chiavi tattiche vincenti. E poi il Bologna corre più dell’Inter, perché il suo allenatore porta la squadra in ritiro al mare a Fregene, dove fa molto caldo. Ma così si abitua all’afa dell’Olimpico (il match si disputa nel pomeriggio a giugno) molto meglio dei nerazzurri che vengono dal fresco di San Pellegrino Terme. PESAOLA. Il ‘Petisso’ argentino ma naturalizzato napoletano vince lo scudetto nella sua prima annata a Firenze, nel 1968/69. Come Bernardini perde solo una partita, alla quinta giornata a Firenze con il Bologna. Ma il suo titolo è più sofferto, perché i viola lo conquistano solo alla penulti-

Trattoria

Da Sergio cucina tradizionale toscana

ma giornata. Resta alla Fiorentina fino a gennaio del 1971, quando viene esonerato dopo una sconfitta casalinga con la Juve e con la squadra (per sette undicesimi è quella che ha vinto lo scudetto due anni prima) in piena lotta per non retrocedere. Pesaola vanta 75 gettoni di presenza in campionato sulla panchina gigliata. Il ‘Petisso’ guida il Bologna in due circostanze, dal 1972/73 al 1975/76 e poi dal 1977/78 al 1978/79. E nel 1973/74 conquista la Coppa Italia. PIOLI. A Firenze gioca per sei stagioni, dal 1989/90 al 1994/95, come terzino o come difensore centrale. Nella sua prima annata in viola conquista la finale di Coppa Uefa con la Juve che però non disputa per un infortunio patito nella semifinale con il Werder Brema. Pioli colleziona 124 presenze in serie A con 1 gol all’attivo e 30 in serie B ed è tra i protagonisti della promozione in A nel 1993/94. È sulla panchina del Bologna dall’ottobre del 2011. È tra i tecnici più corteggiati del nostro calcio. Grazie a lui due gioca-

tori rossoblu, gli ex viola Gilardino e Diamanti, hanno giocato insieme in Nazionale, cosa che non accadeva da tempo immemorabile. MONTELLA. L’‘Aeroplanino’ non potrà dimenticare lo stadio Dall’Ara. È il 23 febbraio del 2011 e da due giorni appena è stato nominato allenatore della Roma (di cui guida la formazione Giovanissi-

mi) in sostituzione del dimissionario Ranieri. A Bologna esordisce in serie A come tecnico nel recupero della gara sospesa il 30 gennaio al 15’ per impraticabilità del campo. E alla sua prima partita conquista un successo (per 1-0, grazie al gol di De Rossi). È insomma sotto le due torri che inizia la straordinaria carriera di Montella.

Da Sergio particolare attenzione viene data ai prodotti di stagione, garanzia di freschezza e grande attenzione al rapporto qualità/prezzo.

Vieni a provare, ti aspettiamo!!! La cucina fiorentina ha radici povere e nasce dall’utilizzo di ingredienti freschi e genuini, che i fiorentini uniscono insieme da secoli dando vita a piatti semplici ma gustosi. La cucina fiorentina di oggi è molto simile a quella di tanti secoli fa. Oggi come un tempo, i fiorentini puntano molto sulla qualità degli ingredienti e sul frequente uso di erbe aromatiche quali il basilico, il timo, il prezzemolo e il rosmarino. Diversi piatti tipici della cucina fiorentina sono a base di pomodoro. I fiorentini adorano la carne, in modo particolare il manzo per la cosiddetta bistecca alla “fiorentina” ma utilizzano anche il maiale, la cacciagione ( in particolare il cinghiale, il coniglb e la lepre). La trippa e il lampredotto, piatti molto amati in Toscana, hanno una tradizione che risale all’epoca in cui la carne era un cibo troppo costoso. Molto usato e di ottima qualità è l’olio extravergine di oliva di produzione locale.

Aperto tutte le sere dalle 19.15 alle 22.45 Borgo San Frediano, 145/r - Firenze tel. 055 223449 - www.trattoriadasergio.it


10

Il Brivido Sportivo - Mercoledì 20 Febbraio 2013

L'ESCLUSIVA

Intervista al doppio ex aspettando il ‘derby dell’Appennino’ da sempre molto sentito

Tarozzi: “Giusto che la Fiorentina

provi a LOTTARE PER LA CHAMPIONS” di Tommaso Mattei

U

n derby da sempre molto sentito, una gara che per tanti racchiude fascino, emozioni e adrenalina. Fiorentina-Bologna è stata una partita spesso al limite, soprattutto negli Ottanta-Novanta quando la rivalità fra le due tifoserie era veramente molto accesa. Oggi le cose fortunatamente sono cambiate e migliorate e, grazie all’intelligenza dei tifosi viola e di quelli rossoblu, il match è ‘solo calcio’. Chi la conosce bene questa sfida è Andrea Tarozzi, nato a San Giovanni in Persiceto, cresciuto nel Bologna, dove ha conosciuto la serie A e poi arrivato a Firenze, dove ha vissuto i suoi anni calcistici più belli. Un passato da terzino e un futuro da allenatore per chi ha vestito la maglia viola per ben 83 volte segnando un gol.

Tarozzi, secondo lei la Fiorentina è da Champions League? «Potrebbe essere nel senso che con Montella sono cresciuti molti giovani come Cuadrado e in più ci sono delle certezze come Pizarro e Jovetic. Dunque la Fiorentina potrebbe essere una sorpresa. Grande merito va a Montella che ha ridato entusiasmo e sopratutto gioco alla Fiorentina e quindi ci può stare che la Fiorentina si qualifichi per la Champions. È vero, ci sono squadre più attrezzate, ma la Fiorentina ci può provare». Il Bologna è da salvezza tranquilla oramai? «Il Bologna dovrà lottare fino in fondo, se la deve giocare. Credo che la battaglia sarà dura anche se Pioli è in grado di portare la squadra alla salvezza. Se saranno bravi potranno anche festeggiare la permanenza in serie A con qualche giornata di anticipo».

Concorda se diciamo che i terzini stanno un po’ sparendo? «Adesso si gioca molto con la difesa a 3 e quindi il vero terzino, quello della difesa a 4, viene usato meno. È vero il ruolo classico sta un po’ sparendo. Vedi, ad esempio, la Fiorentina ha Pasqual e Cuadrado che sono molto più esterni e quindi faticano a fare i due di una difesa in linea. Comunque sì… il terzino sta un po’ sparendo». A suo dire Roncaglia è uno che può fare il terzino o meglio magari Tomovic? «Questo non lo posso dire, non li conosco così bene per dare un giudizio definitivo. Sono buoni giocatori e mi sembrano perfetti per la difesa a tre, non li immagino in una difesa a quattro. Se Montella vuole cambiare il modulo credo che il prossimo anno vada acquistato un terzino destro, perché a sinistra

Pasqual lo potrebbe fare tranquillamente. Peccato per De Silvestri perché secondo me poteva avere più possibilità nella Fiorentina». Montella vs Pioli, una sfida fra due dei migliori allenatori emergenti. Chi le piace di più? «Mi piacciono molto entrambi gli allenatori. Li conosco anche personalmente, più Pioli che Montella, anche se contro quest’ultimo ho giocato davvero tante volte... La cosa che colpisce di questi due tecnici è che quando vedi giocare le loro squadre si vede che hanno un’identità e un carattere ben preciso. Hanno due filosofie di allenare che mi piacciono molto». Qual è il giocatore della Fiorentina che più ha impressionato?  «Pizarro è il meglio ma senza dubbio quello con più qualità è Jovetic. E poi Toni è incredibile, segna sempre».

VUOI ROMPERE IL GHIACCIO? Da noi puoi trovare PNEUMATICI di tutte le marche

massima disponibilità

2 DEVIL GOMME - Via G. Manfredi 30 - Firenze tel. 055 690011


Relax in famiglia tra le colline toscane Un soggiorno di 3 o 7 notti in pensione completa da vivere con tutta la famiglia all’Hotel Miralaghi di Chianciano Terme, città del benessere termale situata nel cuore della Val d’Orcia e a pochi km da Siena. I bambini fino a 9 anni soggiornano gratis, per i ragazzi da 10 ai 14 anni sconto 50%.

da

€ 140,00

a persona

PRENOTA ADESSO

Hotel Miralaghi | www.miralaghi.it info@miralaghi.it | Tel e Fax +39 0578 64546


Arredotex

Materassi e Tendaggi

a metà prezzo per rinnovo collezione

Via F. Baracca, 145/C - Tel. 055 41.77.00 Via F. Corridoni, 7 - Tel. 055 49.97.49 www.arredotex.it - arredotex@yahoo.it

C.G.R.

MANUTENZIONI CALDAIE A GAS

93/a Viale guidoni

O APERTA FINODA TAR TE ! NOT

panini con lampredotto, hamburger, salsiccia, bibite, birra

OFFICINA AUTORIZZATA Via Fontana 13/r Firenze Tel/fax 055 353242 Tel. 348 0928094

www.manutenzionecaldaiefirenze.com

HONDA • YAMAHA • SUZUKI • KIMCO PIAGGIO • MALAGUTI VENDITA DI TUTTE LE MARCHE viale T. Mamiani 26/a - tel.055.600166 www.centromotofirenze.com


BRILLI • I • N •T • E • R • N • I di Brilli Giulio

Sede legale: Via Doccio, 2 - Pontassieve (FI) Cellulare: 335 7142848 Sede operativa: Via Aretina 269 Firenze Tel./fax: 055 6503837

info@brilliinterni.it www.brilliinterni.it

SOLUZIONI IN CARTONGESSO CONTROSOFFITTI A PARTIRE DA

25€ al mq2

ISOLAMENTO TERMOACUSTICO (cappotti termici per pareti esterne)

CAPPOTTI TERMICI A PARTIRE DA

45€ al mq2

ADEGUAMENTI ANTINCENDIO

BRILLI INTERNI

offre numerosi servizi: rifiniture per spazi interni ed esterni di uffici, negozi e abitazioni.

TRATTORIA ‘’LA CORTECCIA’’ VIA

FIOR

di

PANE

Biscotti di Prato Pasticceria produzione propria Guanciale lievitazione naturale Bozza pratese - Pane integrale Prime macine Grassina

Via Costa al Rosso 28/32

055 640480

SARZANESE NORD 638, MASSAROSA (LU), TEL. 0584-93103

servizi i nostri TITUTIVA ione AUTO icSoOnSecessario alla riparaz

rmo tecn per il fe

TAXI SERVIZIO E ZA LEGAL ento ASSndaISTnecEesNsario tale interv ove si re ISTRO LE DEL SIN A T O T E N GESTIO arche,

i tutte le mlucidatura auto ne auto d Riparazio alli, verniciatura e ginali, ne crist ambi ori sostituzioe carene moto, ric d’epoca to u a restauro oli gno a Rip no 66 - Ba 0 a Rovezza e av 55 63242 N 0 lla x via de Tel. e Fa 5 7 2 3 0 65

Tel. 055


15

Il Brivido Sportivo - Mercoledì 20 Febbraio 2013

Il personaggio

Da eroe del Franchi a spauracchio della difesa di Montella: Alberto è rinato a Bologna ed in Nazionale

La nuova vita di Gilardino:

oltre ai gol ha ritrovato anche il sorriso di ALESSANDRO LATINI

‘G

ila e ri…gila segna sempre lui’. Si chiamava così un gruppo su Facebook dedicato ad Alberto Gilardino quando indossava la maglia viola. E quel simpatico gioco di parole torna utile anche adesso, perché il tempo scorre inesorabile, ma lui è sempre lì a combattere nel mezzo all’area di rigore ed il più delle volte riesce anche a spedire il pallone in rete. Un vizio, una terribile abitudine per le difese avversarie, perché proprio mentre pensi che non è giornata e che non la struscia mai arriva la zampata vincente. Il Gilardino che ha lasciato Firenze era profondamente diverso da quello che ha conquistato Bologna. Non che si sia risparmiato in fatto di gol, ci mancherebbe, ma quella malinconia mista a tristezza che lo avvolgeva ultimamente in maglia viola adesso sembra soltanto uno sbiadito ricordo. Alberto ha trovato un gruppo che gioca con lui e per lui ed un allenatore che ne esalta le caratteristiche. Per dire la verità ha trovato anche il mancino fatato di Alessan-

dro Diamanti, un altro ex viola che riesce spesso a fargli qualche bel regalo sotto porta. E così, all’ombra della Torre degli Asinelli, Alberto è rinato dopo l’esperienza fallimentare con la maglia del Genoa. RICORDI INDELEBILI. Impossibile non parlare bene di uno come lui. Introverso e riservato, ma soprattutto educato con i compagni e con i tifosi. A Firenze ha lasciato un ottimo ricordo, marchiato oltretutto da 59 gol in 143 presenze. Tra chi lo avrebbe visto volentieri in questa Fiorentina e chi esalta la società per averlo ceduto a 8 milioni di euro, c’è lo spazio per i sentimenti e per i ricordi. Tanti, forse troppi da tornare alla mente tutti insieme nella giornata di domenica, ma sicuramente gli correrà un brivido lungo la schiena al momento dell’ingresso in campo. La maglia viola, per Gilardino, ha la stessa importanza di quelle del Milan e della Nazionale, con le quali ha vinto tutti i trofei che un giovane calciatore sogna da bambino. Eppure, pur non vincendo niente, a Firenze è rimasto comunque particolarmente legato. Essere il punto di

riferimento e non uno dei tanti ha fatto la differenza. Avere il Franchi ai piedi nelle serate europee è un’emozione che non scorderà mai. Anche perché qualche mese fa lui stesso ha dichiarato in un’intervista che il gol più importante della sua carriera l’ha realizzato con la maglia della Fiorentina ed è stato quello contro il Liverpool, nell’indicabile notte di Anfield. Alzi la mano chi non si ricorda la sua esultanza impacciata in mezzo agli steward inglesi dopo quel tocco che prese in controtempo Cavalieri, oppure l’abbraccio commosso con i compagni di squadra sotto il settore occupato da migliaia di fiorentini increduli. Emozioni indelebili, che né lui né i tifosi potranno mai dimenticare. Gilardino è entrato dalla porta principale nella storia della Fiorentina e questo è un dato di fatto che nessuno potrà mai cancellare. PRESENTE SOLARE. Ma siccome non si vive di soli ricordi, c’è da celebrare anche il presente. Ed è proprio questo che spaventa in vista della partita di domenica. In campo non farà sconti e se gli capiterà la palla giusta

non esiterà un istante a buttarla dentro. I dieci gol messi a segno fin qui in questo campionato sono un motivo sufficiente per creare qualche apprensione ai difensori della Fiorentina, che ultimamente non se la passano troppo bene. Per una difesa che si lecca le ferite, trovare  Alberto Gilardino (uno che ha fatto 156 gol in serie A, uno più di Inzaghi e tanti quanti Gigi Riva e Roberto Mancini per intendersi, ndd) sulla propria strada non è il massimo della vita. Il fiuto del gol e l’istinto del killer ce li ha sempre avuti, adesso però gioca con il sor-

riso sulle labbra e spinto da un grande entusiasmo. Non solo Pioli vede in lui un riferimento, ma addirittura Cesare Prandelli è dovuto tornare sui suoi passi e ricominciare a convocarlo in Nazionale (tra l’altro il Gila è il bomber ancora in attività con più reti segnate in Nazionale, ben 17, ndd). Gilardino non è più il titolare di una volta, ma nel gruppo azzurro sta che è una meraviglia. Esperienza da vendere al servizio dei compagni più giovani, zero polemiche se non gioca e quando capita di mettere piede in campo dimostra ancora di poter fare

meglio di qualche compagno più blasonato, come è successo recentemente nell’amichevole che l’Italia ha disputato in Olanda e nella quale il pareggio di Verratti è arrivato dopo il suo ingresso in campo e grazie ad un suo pregevole assist. Il Gila dunque, a trent’anni suonati, è calcisticamente rinato ed ha ritrovato il piacere di segnare. Il suo percorso, d’altra parte, continuerà comunque dopo la partita di domenica e per questo ci perdonerà se gli auguriamo di tenere per una volta il suo celebre violino all’interno della custodia.

a GRASSINA

Via chiantigiana, 106 - 108 Grassina Bagno a Ripoli 50015 Tel. e Fax 055 - 6461239 e-mail: edicolandia@virgilio.it Logo_Balloon_emotion.pdf

1

10/03/11

16.31

C

M

Y

CM

MY

CY

CMY

K

METALLI PREZIOSI S.r.l. Via Baccio da Montelupo, 15 Loc. Casellina Scandicci (Fi) Tel. e Fax 055 7356742 www.mporo.it - info@mporo.it

ORARIO

Dal lunedì al Venerdì 9:30 – 12:30 15:30 – 19:00 Sabato 9:30 – 12:30

dia

Edicolan

Cartoleria - Libri scolastici - Edicola PALLONCINI per le vostre feste e BOMBONIERE vieni a trovarci...!!!


16

Il Brivido Sportivo - Mercoledì 20 Febbraio 2013

i'nonno pilade

Centro Ginnastica Firenze A.S.D.

Via Isonzo, 26/A - Firenze Tel. e fax 055 6531930 centroginnastica.firenze@virgilio.it

Battuto Strafarcioni,

DA STRoPICCIASSI GLI OCCHI L

’avea detto i’nonno. Battiamo Strafarcioni e s’è fatto, alla fin de’ sarmi, sortanto un punto meno dell’andata, 7 ‘nvece che 8, bada lie, e siam sempre a tempo a fanne artri trentacinque anche a i’ ritorno! Se si gioha così poi e se ne fa anche di più! Da stropicciassi gli occhi! Ma che s’era noi? E medesimi che il sabato prima e sembravano una banda di zombi nello stadio de’ gobbi? E si son mangiai vivi que’ pori strisciati che gli aveano anche perso le strisce e s’ eran tutti tinti di bianco. Artro che Barça: ricami, ritocchi, passaggi, corse senza palla (queste poi le s’eran viste di rado davvero insino a ora). Undici tiri tra ‘pali contro uno della banda di Strafarcioni, Andanovicce e parea

l’orso delle giostre! E gni ha fatto du’ go’anche Nutellicce che oggi gli ha capito all’improv-

viso ‘ndo gli è la porta (speriamo che un se lo riscordi e che ci troi gusto abuttagnene ni’

baugigi!). E Jo-Jo? Ora qui’ settanta per cento di fenomeni che l’arebben messo ‘n panca

Referenziata, Competente e Affidabile Assistenza Domiciliare e Ospedaliera 24 h con Personale Qualificato

NUOVO PUNTO OPERATIVO VALDARNO INFERIORE Studi Medici Farmacia Guandalini Referenziata, Referenziata, Via Dante Alighieri, 10 - 50055 Lastra a Signa (FI) Competente e Affidabile Competente e Affidabile Assistenza Domiciliare e Orario ricevimento: Assistenza Domiciliare e Martedì Ospedaliera 24 he Venerdì dalle ore 9.30 alle ore 12.30 Ospedaliera 24 h con Personale Qualificato con Personale VialeQualificato De Amicis, 87 Firenze

NUOVO PUNTO OPERATIVO A FIRENZE

Studi Medici Farmacia MARUCELLI

055 8495975

r.a.

NUOVO PUNTO OPERATIVO INFERIORE 055 5277407 - VALDARNO e-mail: segreteria@toscana.2mcentroservizi.it - www.2mcentroservizi.it dal 1° marzo 2013 NUOVO PUNTO OPERATIVO Fax VALDARNO INFERIORE

Studi Medici Farmacia Guandalini Studi Medici Farmacia Guandalini Orario SedeLastra Legale Via Belluno, 7a - Roma Via Dante Alighieri, 10 ricevimento: - 50055 Signa (FI) Cod. Fisc. e P. IVA: 11788551007 Via Dante Alighieri,lunedì 10 - 50055 Lastra a Signa (FI) pomeriggio dalle 15,00 alle 18,30 REA (4) 1327892 ®

s.r.l.

ricevimento: venerdì Orario mattina dalle 09,30 alle12,30

Orario ricevimento: Martedì e Venerdì dalle ore 9.30 alle ore 12.30 Martedì e Venerdì dalle ore 9.30 alle ore 12.30

055 8495975r.a.r.a. 055 8495975

055 8495975

Fax 055 5277407 - segreteria@toscana.2mcentroservizi.it - www.2mcentroservizi.it r.a. Fax 055 5277407 - e-mail: segreteria@toscana.2mcentroservizi.it - www.2mcentroservizi.it

Fax 055 5277407 - e-mail: segreteria@toscana.2mcentroservizi.it - www.2mcentroservizi.it ® Sede Legale Via Belluno, 7 - Roma Sede Legale Via Belluno, 7 - Roma Cod. Fisc. e P. IVA: 11788551007 Cod. Fisc. e P. IVA: 11788551007 s.r.l. REA (4) 1327892 s.r.l. REA (4) 1327892

®

Punto Operativo Toscana Punto Operativo Toscana autorizzazione concessa autorizzazione concessa dal Ministero del Lavoro dal Ministero del Lavoro il 29/05/2009 - Prot. 13/1/0007620 il 29/05/2009 - Prot. 13/1/0007620

Punto Operativo Toscana autorizzazione concessa dal Ministero del Lavoro il 29/05/2009 - Prot. 13/1/0007620

icche dihano? Che son andai ‘n pellegrinaggio co’ ceci sotto e ginocchi? E gli ha fatto du’ go’ da centravanti, anche se un gli piace i’ruolo, fa’ e go’ e gni garba, ma se un ci va ‘n area e ne fa meno! Due, a coppiola, così gli è di già‘n sehonda cifra, come e si dice, che gli è di già un be’ traguardo, però se si convince a gioha’ così e gli arria a venti! Aquila poi e gni ha dao una palla di tacco da cineteha, insomma i’ 2013 e pa’ pentito di tutti e dispetti che ci ha fatto fino a ora e ci ha fatto vede’ la partia perfetta. Meglio di così nemmeno a ordinalla su i menù come a i’ ristorante. Alla fine un gouccio e gni s’è fatto fare anche a loro, per fer plei, perché gli erano ospiti e mandalli via sorbati e basta e sonava male. In tribuna,

cramoroso a i’Franchi, e gli è tornao Diego! O che lo potei saluta’ meglio di così? Dopo tre anni! L’artra vorta se n’era dai tre a i’Bayerne, ma ci avean buttao fori pe’ i’ furto d’Ovrebo, nonostante du’ go’ di Jo-Jo. Questa vorta artri du’go’ di JoJo (che gni pagherà la benzina a Diego perché e venga sempre, magari anche fori) e le busse a Denti Gialli che i’nostro e l’arebbe pagao di tasca pe’ dagnene! ‘Nsomma e sembra d’esse’ a i’ lieto fine. Tutti felici e contenti anche ‘n quest’anno che gli era cominciao così male. Ora c’è sortanto da seguitare. Domeniha tortellini e quella dopo i’Pandoro! Se’ punti, pochi discorsi, ora che s’è ripreso l’aire o che ti vo’ rifermare? E chi ci ferma se si gioha così? Forza Violaaaaaaaaaaaa!


17

Il Brivido Sportivo - Mercoledì 20 Febbraio 2013

BRIVIDOSPORTIVO.IT

IL PUNGIGLIONE

24 O SU 2RE 4!

TUTTE LE NOTIZIE VIOLA

MEGLIO APPLAUDIRE

che cercare sempre di pungere B

isogna ripigliarsela un’altra volta con i media. Questa volta quelli nazionali, respirino sollevati i locali. Co-

minciamo con Sky che dopo una vittoria così eclatante dei viola, parte con Stramaccioni e parla per venti minuti dell’Inter e dei suoi pro-

blemi. Da ultimo e per forza tocca a Montella. Conta più chi perde che chi vince nei palinsesti TV, o meglio, contano sempre di più loro, che

perdano o che vincano è uguale (ovviamente meglio se perdono, che li intervistino pure). Quando finalmente arriva Montella qual è la domanda di Marocchi? “Ora che hai Sissoko al 100% chi lascerai in panchina?”. Insomma il tentativo è sempre quello di metter zizzania. C’è una macchina perfetta, come si fa a mettergli il granellino nell’ingranaggio per cercar di rompere tutto? Montella se la cava bene dicendo che il maliano non è ancora al 100% e che comunque l’abbondanza non è mai un problema, però… Sulla Rai Zazzaroni ha detto che la Fiorentina era troppo bella per essere vera e che probabilmente era l’Inter ad essere stata troppo brutta, che è una scoperta dell’acqua calda che si applica anche alla partita di Torino

del sabato precedente. Quando uno stravince, l’altro straperde, dove cominciano meriti e colpe è sempre difficile a dirsi. Peggio fa Collovati che si inventa una dichiarazione polemica di Montella contro la stampa e gliela rinfaccia: “Hai detto che avresti voluto vincere soprattutto per la stampa,

perché?” Insomma si vince, anzi si stravince, perché cercare sempre di pungere invece che, semplicemente, applaudire? E allora vi pungiamo anche noi, Sky e Rai, con le nostre api giustiziere, anche se ci auguriamo che vada avanti così, noi felicissimi, voi, apparentemente, un po’ meno.

Crazy Sport i gio sc noleg rponi a e sca

zi i Praetz B i t il imB

Nel nostro negozio troverai un’officina per riparazioni e preparazioni settore sci

Noleggio sci e scarponi per una settimana 50€

Possibilità di affitto stagionale per bambini altezza massima sci cm.140.

Cogli l’occasione dei saldi con prezzi di vero realizzo su tutti gli sci e scarponi per CaMBiO TOTalE del magazzino. inoltre nei nostri negozi troverai i veri

Esempio

Sci + attacchi da 120€ Scarponi da 90€ Crazy Sport Via Senese, 210 Rosso Galluzzo (Fi) Tel. 055.2049086

Crazy Sport Via Roma, 140 Tavarnelle VP (Fi)

saldi di fine stagione su adidas, nike, new Balance, everlast, napapijri, Pepe Jeans ed altro... Napapijri Store Castiglioncello Piazza della Vittoria, 3 Castiglioncello (Li)

Diventa nostro fans su Facebook!!


18

Il Brivido Sportivo - Mercoledì 20 Febbraio 2013

Torneo di Viareggio

Centro Ginnastica Firenze A.S.D.

Via Isonzo, 26/A - Firenze Tel. e fax 055 6531930 centroginnastica.firenze@virgilio.it

VIAREGGIO CUP:

ancora una volta rigori fatali per la Fiorentina di Semplici di Andrea Giannattasio

U

n inizio col botto ed un lento finale in agonia. Si può riassumere purtroppo così la triste esperienza in questa

65ª edizione del Torneo di Viareggio della Fiorentina Primavera, che proprio ieri è stata eliminata agli ottavi di finale ai calci di rigore dal Parma al termine di una partita bloccata che i ragazzi di Semplici hanno tentato di portare a casa fino alla fine. Non sono bastati i guizzi del solito Bernardeschi in attacco, né tantomeno i proverbiali tiri da fuori di Costanzo e Capezzi. Gli errori dal dischetto di Gondo - in lacrime a fine partita - e dello stesso Bernardeschi (il giocatore forse più in luce di questa breve avventura dei viola) sono stati fatali. Viola a casa, Parma ai quarti. Non con merito, però.  E dire che la Coppa Carnevale - dove i gigliati hanno storicamente un’ottima tradizione - si era aperta nel migliore dei modi per la Fiorentina che, che al di là dei primi 20 minuti della

sfida d’esordio contro i danesi del Copenaghen (dove i gigliati si sono ritrovati casualmente sotto di 2-0 tra l’incredulità di tutti) aveva poi rispettato le aspettati-

ve iniziali, travolgendo gli scandinavi con un rotondo 8-2 (con tripletta di Bernardeschi ed i gol di Empereur, Zohore, Madrigali, Fossati e Gondo), sbattendo

poi contro il muro difensivo (e la traversa) del Padova, nello scialbo 0-0 del 14 febbraio a Scandicci prima di surclassare infine gli uruguaiani del Club Na-

cional per 2-0 (grazie alle reti di Gondo e del solito bomber Bernardeschi, in gol con un pregevole cucchiaio da calcio di rigore). Sette punti in cascina e la bellezza di dieci gol segnati che sembravano aver aperto la strada ad un grande ‘Viareggio’ per gli uomini di Semplici, che però - così come nella passata edizione - hanno dovuto prematuramente abbandonare il torneo per colpa della lotteria del ‘dannato’ dischetto. Una fine che peraltro era toccata ai viola l’anno scorso anche nei play-off di campionato, quando la Fiorentina fu sconfitta dal Varese per 4-3 in virtù anche degli errori di Panatti ed Agyei. Una sfortuna mostruosa. Non c’è tempo però per piangersi addosso: il campionato per i viola è alle porte e sabato 23 febbraio al ‘Poggioloni’ sarà ospite la Sampdoria.


19

Il Brivido Sportivo - Mercoledì 20 Febbraio 2013

BOXE

il ricordo

Se n’è andato Mario Ciuffi. Il saluto del Brivido Sportivo di MICHELA LANZA

U

n cuore viola se n’è andato. Anzi, più corretto dire ‘il’ cuore viola. Perché Mario Ciuffi era amico di tutti, anche di chi non l’ha mai conosciuto. Era il simbolo sportivo di una città, Firenze, orgogliosa e ironica quanto basta per essere considerata unica non solo per le sue bellezze artistiche e culturali, bensì per la sua vivacità umana, per il suo becerare, per il suo gesticolare. Prendersi un po’ sul serio e un po’ in giro, questo era il suo più grande pregio. E lo faceva con la semplicità di un buono, com’era i’ Ciuffi, chiamato ormai da tutti ‘Pontefice Massimo’ per la sua ‘Cattedra’ all’Università del Calcio al Bar Marisa. Chiamato e benvoluto anche oltre le mura. Perché il nome di Mario aveva oltrepassato i confini della città. Il nostro tifoso per eccellenza, ormai era conosciuto (e stimato, mai odiato né deriso) da tutti. 18 FEBBRAIO. S’è n’è andato lunedì, il giorno del compleanno di Roberto Baggio, il più grande giocatore italiano di tutti i tempi che lui ha amato e ‘scoperto’ quando giovanissimo indossava la maglia viola, la stessa maglia che gli ha permesso di prendere il volo. E forse anche morire in questa data, il 18 febbraio, è stato un po’ un segno del destino. Come a volersi far ricordare in eterno in contemporanea col Divin Codino, uno dei grandi numeri 10 della storia viola. Perché a Ciuffi, piace-

A

IL CUORE VIOLA PER ECCELLENZA

vano i numeri 10. Ma soprattutto piaceva la Fiorentina. Ne era completamente innamorato, estasiato, affascinato. La amava con tutto se stesso. La amava e non riusciva ad contestarla, non riusciva a ‘brontolarla’, né a bacchettarla. Non riusciva mai ad arrabbiarsi seriamente davanti ad una prestazione o un’annata incolori. Anche nei momenti peggiori, la sua fede ed il suo amore non hanno mai barcollato. Al massimo qualche critica benevola, qualche ‘frustata’ mai violenta , mai pe-

sante, mai cattiva né maligna. Come un padre che sgrida il figlio dispiacendosi di averlo fatto nel momento stesso in cui lo sta facendo… Per Ciuffi la Fiorentina era una figlia, un’amica, un’amante da accarezzare, da ammirare, da vivere. Vivere fino all’ultimo dei suoi giorni, fino alla conquista del terzo scudetto. Perché il sogno era (e sarà ancora) quello. È quello che chiedeva, implorava a tutti gli allenatori ai quali metteva la sciarpa al collo, anche a Vincenzo Montella. E chissà che

proprio l’Aeroplanino non gli regali l’immensa soddisfazione di vedere, magari seduto su una stella o su una soffice nuvola, la ‘sua’ Viola vincere presto il terzo tricolore. Perché non dovrà temere niente, Mario: il tecnico napoletano ce la metterà tutta per regalare questa gioia immensa a Firenze. E lui, Ciuffi, sarà in prima fila a festeggiarlo, perché non è vero che non è più tra di noi. Perché esiste eccome, in ogni tifoso viola che in lui si è sempre rappresentato. Perché lui è un pezzo di storia

viola. E che nessuno provi a prendere il suo posto… non è cosa! UN RICORDO INDELEBILE. “Ce l’ho ancora negli occhi quando lo vedevo, mito su di un Ring (dei Tifosi) a frustare qualcuno. Lo vedevo da bambina e da semplice tifosa viola, quando mi avvicinavo al mondo magico del calcio. Io seduta tra il pubblico che, facendo curiosare le telecamere sulle pagine dei miei diari ricche di icone e idoli viola, intimidita ponevo le mie prime domande a Batistuta e Rui Costa, aspettando il momento in cui Mario saliva e diventava protagonista delle mie risate. Mi divertiva con le sue battute. La sua fiorentinità pulita e genuina, mai banale né tantomeno volgare, la trovavo geniale già da allora. E lo ammiravo, così come lui, come fosse un nonno, ammirava questa sedicenne che senza paura ma allo stesso tempo arrossendo, si lanciava in questa pseudo carriera nella giungla del giornalismo sportivo. Poi gli anni sono passati. Io che ho fatto la mia piccola-grande strada, lui che continuava ad essere idolo di generazione in generazione. Il rispetto, ecco quello che avvertivo quando

O T T A MA R A D O R T E? U

da autodemolizioni

LEPORATTI LAMPORECCHIO

ci incontravamo e ci salutavamo scambiando due battute. Mario Ciuffi è il simbolo della Fiorentina, lo era per me, lo era per tutti. E non lo dimenticherò mai con la sua gentilezza e quel suo modo signorile di dire qualcosa che sulla bocca di altri sarebbe apparso rozzo e sgarbato. Quel suo semplice «La Michela l’è brava e l’è sana» era un po’ il suo saluto. E non lo diceva solo a me, ma a tutte le colleghe, come fosse il suo ‘ciao’, il suo complimento all’universo femminile. Pensare che oggi non c’è più fa male, perché persone come i’ Ciuffi sono rare, insostituibili. Incancellabili. Non lo dimenticherò, non TI dimenticherò”. Mario Ciuffi non c’è più. Le testimonianze d’affetto nei suoi confronti sono arrivate da chiunque e da dovunque. Istituzioni (dal sindaco Renzi al vicesindaco Nardella, fino al presidente del Consiglio Comunale, Eugenio Giani), presidenti (con Della Valle in primis), dirigenti e allenatori (da Mazzone a Prandelli, da Corvino a Mencucci), giocatori (dalla bandiera Antognoni al portiere Viviano), fino alla gente comune. Tutti amavano il personaggio Ciuffi. E anche il Brivido Sportivo si unisce al dolore della famiglia mandando l’ultimo saluto al tifoso per eccellenza, e non mancherà questa mattina, alle ore 10, alle esequie del ‘Pontefice Massimo’ che si svolgeranno presso la Chiesa di San Piero in Palco, in piazza Elia Dalla Costa a Firenze. Al viola numero 1, per sempre. Ciao Mario. 

soci ACI

sCOnTO dEL 20o% rto sul trasp

a m e l Prob ! ! o t l Riso AuTORICAMbI usATI RACCOLTA METALLI

dEMOLIzIOnE MOTO CAMPER AuTOCARRI AuTO

V. CEPPETO 30 - LAMPORECCHIO (PT) TEL. 0573 81952 - 333 2045447 www.AuTOdEMOLIzIOnELEPORATTI.COM


20

Il Brivido Sportivo - Mercoledì 20 Febbraio 2013

GINNASTICA

Centro Ginnastica Firenze A.S.D.

Via Isonzo, 26/A - Firenze Tel. e fax 055 6531930 centroginnastica.firenze@virgilio.it

Il CGF vola nella prima prova regionale a squadre; argento per la seconda squadra di serie C e per le ginnaste della GpT

Doppietta d’oro in serie B e serie C maschile di Maria Consiglia Grieco

PODIO DELLA SERIE C MASCHILE

U

na domenica indimenticabile, quella appena trascorsa, per la sezione maschile del Centro Ginnastica Firenze. Dopo aver ospitato nella giornata di sabato le riunioni tecniche regionali delle sezioni maschile, femminile e ginnastica per tutti – oltre ad un aggiornamento tecnico e di giuria del settore GpT con la direttrice tecnica nazionale, prof.ssa Emiliana Polini – la palestra di Sorgane è stata la sede della prima prova dei campionati regionali di serie B e serie C di ginnastica artistica maschile. Venti i team partecipanti al torneo di serie C, riservato ad atleti allievi, di cui ben quattro schierati dai padroni di casa. Non c’è stata storia: a fine gara è arrivata una perentoria doppietta oro-argento, conquistata dalla squadra A, prima classificata, con Jacopo Gaito, Nicola Poeta e Niccolò Vannucchi, e dalla squadra B, seconda, formata da Daniele Bedini, Riccardo Chiti e Sovann Vitellozzi. Una buona prova anche da parte della terza e quarta squadra, composte rispettivamente dai giovanissimi ginnasti Elia Awad, Bartoloni Niccolò, Edoardo Lompi, Pietro Venni (dodicesimi) e Matteo Casella, Andrea Curia, Marco Silei (tredicesimi).

GINNASTI DI SERIE C CON GLI ALLENATORI

LA SQUADRA DI SERIE B SUL PODIO Hanno vinto decisamente in scioltezza anche i ragazzi della serie B, medaglia d’oro nel primo appuntamento regionale. In pedana Lorenzo Brandini, Jacopo Desolati, Gabriele Fibbi, Lorenzo Gabrielli, Alessandro Gori, che al termine della gara hanno rifilato ben otto punti di distacco alla seconda squadra

LA SQUADRA DI MINIPRIMA 4 ATTREZZI classificata, chiudendo in bellezza la mattinata di gare. Un’altra medaglia, d’argento, è arrivata dalle ginnaste della sezione GpT, impegnate nella seconda prova regionale del campionato UISP di Miniprima 4 attrezzi di artistica femminile. Le esordienti Alessia Burberi, Sara Campolmi e Martina Marazzini, alla

IL GRUPPO DEGLI ALLIEVI

prima esperienza in gare del calendario agonistico UISP, hanno portato a casa da Montelupo un bel secondo posto di squadra. Ufficialmente aperte, intanto, le prenotazioni per i biglietti per assistere alla finale del campionato nazionale di serie A1 e A2 di ginnastica artistica maschile e femminile, in programma il prossimo

• PORTICATI E PERGOLE • CASE E CASETTE • MOBILI DA GIARDINO • GAZEBO • TENDE • LAMPADE • PISCINEACCESSORI • PRODOTTI CHIMICI - I prezzi sono iva inclusa

6 aprile 2013 al Nelson Mandela Forum di Firenze, tappa conclusiva del massimo torneo italiano a squadre che il Centro Ginnastica Firenze A.S.D. avrà – per il quarto anno consecutivo – l’onore di organizzare. Tutte le informazioni e il modulo di prenotazione sono reperibili su www.centroginnasticafirenze.it.

800-989967

www.svitavvita.it - svitavvita@svitavvita.it

Capottina in alluminio e poliCarbonato Mensole con riccioli. Gronda con scarichi laterali ESEMPIO: 240x130 cm, colore a scelta

€ 1.900,00 Anticipo: € 0,00 + 18 Rate da € 113,00 (1° rata a 3 mesi) Tutte le misure

portiCato in legno, Con Copertura ombreggiante in CanniCCio

ESEMPIO: 380x296 cm

€ 968,00 Anticipo: € 68,00 + 12 Rate da € 79,00 (1° rata a 3 mesi) Tutte le misure

VaSCa idromaSSaggio per Combattere lo StreSS

e ristabilire l’equilibrio tra mente e corpo, cromoterapia con illuminazione a led, energicamente efficiente e rispettosa dell’ambiente. Consumo elettrico “casalingo” con spunto massimo soltanto durante il riscaldamento di 1,4 Kw. Entro Marzo, trasporto ed installazione incluse nelle provincie di Firenze, Prato e Pistoia

portiCato Con Copertura in telo pVC ignifugo per Bar, Ristoranti e non solo....ESEMPIO: 750x450 cm. Legno Lamellare e Telo PVC ignifugo, con colore a scelta

SVITAVVITA ESEMPIO: Ø 180 cm

€ 6.490,00 Anticipo € 490,00+36 rate da € 187,50

€ 3.870,00 Anticipo: € 370,00 + 24 Rate da € 158,50 (1° rata a 3 mesi) Tutte le misure

Copriporta in legno, Con menSole CuVilinee.

Copertura in perlinato e tegole CanadeSi

ESEMPIO: 350x125 cm, colore a scelta

€ 890,00 Anticipo: € 90,00 + 12 Rate da € 70,00 (1° rata a 3 mesi) Tutte le misure

Una Stagione piena di offerte .....ci aspetta!

tende in alluminio e CriStal traSparente a SCorrimento VertiCale per chiudere d’inverno ed aprire d’estate ESEMPIO: 300x225 cm, colore a scelta. Copertura garantita alla pioggia ed al vento € 890,00 Anticipo: € 90,00 + 12 Rate da € 70,00 (1° rata a 3 mesi) Tutte le misure

Struttura in legno prediSpoSta per ChiuSure laterali a scelta

CaSetta Con inCaStro bloCkbau, SpeSSore 28 mm

ESEMPIO: 540x300 cm Verniciata con Impregnante color Castagno, completa di Timpani e Tamponi in Legno

€ 2.400,00 Anticipo: € 400,00 + 24 Rate da € 90,50 (1° rata a 3 mesi) Tutte le misure

ESEMPIO: 300x200 cm. Verniciata con Impregnante color Castagno, 1 Porta a singolo battente, 1 Finestra con scuretti. Copertura con Guaina Ardesiata

il piacere di vivere il giardino!!

€ 1.990,00 Anticipo: € 90,00 + 18 Rate da € 113,00 (1° rata a 3 mesi)

CaSetta Con ViSta mare o montagna! ESEMPIO: 600x400 cm Struttura in Legno ad incastro Blockbau, spessore 43 mm, con n° 2 vetrate scorrevoli in Alluminio e vetro antinfortunistico, 220x110 cm e n° 1 Porta con vetro antinfortunistico, 80x190 cm. Copertura Guaina Ardesiata € 9.900,00 Anticipo: € 1.900,00 + 48 Rate da € 193,50 (1° rata a 3 mesi) Tutte le misure

taVolo alungabile +8 poltrone

Alluminio e Resina, perfetto connubio tra resistenza e eleganza ESEMPIO: Tavolo 144/210x100 cm + 8 Poltrone € 1.089,00 Anticipo € 89,00 +12 rate da € 87,50


21

Il Brivido Sportivo - Mercoledì 20 Febbraio 2013

Midland è lo sport a 360°

MIDLAND

Eventi di ogni tipo inerenti al calcio a 5, calcio 7, calcio a 11, femminile e bambini, tennis e altri sport, ma anche vendita di materiale sportivo (forniture a società) e inoltre trasmissinone TV e redazione internet.

Via G. Pagnini 16 - Fi - Tel. 055 4630649 fax 055 4631816 - info@midlandeuropa.com

LE ATTUALI REGINE DEL C5 L di Nicola Cecconi

’eredità dei fortissimi Spartani KS nel girone SVEZIA è stata raccolta dalla corazzata Campone UTD, che ha saputo inanellare ben 14 successi consecutivi, candidandosi come una delle formazioni migliori nell’ambito Midland. Con ben 9 punti di vantaggio sulla Seleçao 2001 si avvia verso il successo nel proprio girone. Nel girone SPAGNA, la regina del 2011/12 Mara Canà ha trovato pane per i suoi denti: l’A-Team (2) sembra infatti candidarsi a sua erede, con ben 7 punti di vantaggio, ed anche i Tortellini Ninja stanno incalzando il gruppo di bomber Grassi e compagni. Sarà lotta fino all’ultima giornata per vedere chi sarà la più forte. Ancora meno vicino alla vetta l’Euroflorence Futsal, che dopo la vittoria del girone MONTECARLO 2011/12, si ritrova a 4 punti dalla capolista  VC Alfa Cure, vogliosa di vittoria, ma con altre due squadre davanti: gli ormai noti Galacticos e la sorpresa Fortis C5. Sulle ceneri di Sturmtruppen è invece nata la capoclassifica del girone AUSTRIA-TURCHIA:  Unmimovo è la formazione più in forma del girone, come testimoniano le 12 vittorie in 14 gare disputate. La nuova squadra ha preso il posto dei campioni uscenti dell’Ellessedì, passati al girone ITALIA, dove la vetta è ormai molto lontana.

AUTOSCUOLA CHITI

Nel girone RUSSIA continua la sfida tra il Mostodolce (pluricampione uscente) e l’Autoscuola Chiti. I nero-arancio dell’Autoscuola si sono portati davanti agli avversari, anche se in mezzo alle due contendenti si sono inserite Le Merengues, che daranno battaglia fino alla fine alla coppia delle più forti. Anche nel girone LUSSEMBURGOCROAZIA, i campioni uscenti Cinquestelle sono protagonisti di una lotta apertissima, anche se nelle ultime giornate il -6 dal Pinos Team e il -8 dalla capolista Stella Fortuna rischiano di costare caro alla formazione biancoblu. Proprio la giovane squadra Stella Fortuna sta dimostrando di meritare l’attuale leadership del girone. A queste si aggiungono quelle ‘regine’ che hanno saputo mantenere anche quest’anno la propria supremazia nel campionato: I Puka (unitisi quest’anno alla forte Cartoleria A.M.U.) nel girone ITALIA continuano la lotta sempre avvincente con il Ciclone Viola campione uscente di Top League. Sono 4 i punti che distaccano le due formazioni, destinati a rendere ancor più avvincente il finale di stagione. Nel girone DANIMARCA i Back In Black proseguono la striscia impressionante di successi, con ben 12 vittorie e quasi 120 reti messe a segno, avviandosi verso il secondo titolo consecutivo.

BACK IN BLACK

A-TEAM PUKA2

UNMIMOVO

CAMPONE UTD

VC ALFA CURE

Info e Prenotazioni Firenze Via Circondaria 36/r Tel. 055.3247046 Fax 055.3217922 email lupinbistrot@gmail.com www.lupinbistrot.it

Grassina

Via Costa al Rosso 28/32

055 640480

Con la Tessera Amico Di Lupin Bistrot Eccezionale Offerta 20% di SCONTO con una spesa pari a €30,00

Biscotti di Prato Pasticceria produzione propria Guanciale lievitazione naturale Bozza pratese - Pane integrale Prime macine

r

Il coupon dà diritto ad un lavaggio esterno a mano e accurata pulizia interna

€ 14,90 anzichè € 25 ,90 medie/sw € 19 anzichè € 30 ,90 suv € 24 anzichè € 35 piccole

!! telefona il tuo ..per fissare appuntamento e ricordati di consegnare il coupon alla cassa

di

nuovo

toia u a a u t a l itaglia e risparm

PANE

offerta valida fino al 28/02/13

FIOR

metti a

con omaggio igienizzazione

GARAGE DELFINO

via Novelli, 17 - Firenze Tel. 055 6541076


22

Il Brivido Sportivo - Mercoledì 20 Febbraio 2013

calcio toscana

I gironi a, b, c e d dei campionati di

CALCIO A 5 MASCHILE di Steto Girone A - Grazie alla vittoria nello scontro diretto l’Amico Pane (37 punti) ha operato il sorpasso in classifica ai danni del FC Barrettino ed ora comanda il girone con un punto di vantaggio sui diretti rivali: sarà una di queste due formazioni a conquistare la vittoria del campionato, dal momento che la terza in classifica è distante ben 12 lunghezze dal secondo posto. Molto equilibrata invece è la lotta per le altre posizioni: Ciabatte Sguaiate (24 punti) e Real Cerveza (23 punti) si contendono il terzo posto, anche se può succedere ancora di tutto. Cinque squadre sono infatti divise da tre soli punti: si va dai 20 della coppia formata da Italcerniere Vieusseux ed AC Reale, passando dai 19 di Tiki Taka e The Kevin Prince, per finire con i 17 punti del GS Tedalda. Infine, dopo il ritiro dal campionato dei Cloghendantes, occupa ora l’ultimo posto della classifica l’AC Giglio (9 punti). Girone B - Lotta a due anche in questo raggruppamento: il St. Donato Park Rangers (SPR) è in vetta con 31 punti, ma ad una sola lunghezza segue sempre La Seleste. Continua pertanto la battaglia fra queste due compagini per la vittoria del campionato. Sono poi ben 9 i punti che separano i The Doctors (22 punti) dalla cima della classifica. Ad un solo punto dalla terza piazza ci sono due squadre, FC Fuoriforma e Dinamo Rifredi, che non mollano la presa, ma anche l’AS Tronzi (19 punti) è in piena corsa per giocarsi il terzo posto. Nella parte bassa della classifica il Real Prosekko (12 punti) guida il gruppetto di tre squadre (formato poi da I Loffi, con 9 punti e dal Ral Raccattati con 8 punti) che si contendo-

PRANZO o CENA

€17

no il settimo posto. All’ultimo posto della classifica troviamo sempre il Deportivo La Carogna (1 punto). Girone C - I Prevedibili continuano a primeggiare il gruppo C ancora da imbattuti: 32 punti in 12 gare disputate. Una lotta a due anche per la vittoria di questo girone, dove alle spalle della capolista ci sono sempre gli Stempiaz FC C5 (28 punti, ma con una partita da recuperare). Al terzo posto (ma staccato 7 lunghezze dalla vetta) c’è l’Auto Atelier, unica formazione in questo momento in grado di poter portare un po’ di apprensione alle prime due forze del campionato. Più aperta la lotta per il quarto posto, con 5 squadre divise da soli 4 punti: comandano il gruppetto Boca Seniros FC 2010 e Gnù Team (16 punti), seguiti dall’Atletico Stenterello (13 punti) che precede a sua volta di una sola lunghezza la coppia formata da Sporting Pampero e Firenze Sud. In fon-

do alla classifica i Galli Neri (9 punti) precedono di sole tre lunghezze il Real Bellariva. Girone D - Grande lotta in questo girone: il Marraddotta comanda sempre il raggruppamento (28 punti), ma le due sconfitte nelle ultime tre gare ne hanno frenato la corsa. Ne hanno approfittato DC Tullosai e Stella Rossa C5 che adesso sono ad una sola lunghezza dalla capolista. Inoltre si tiene in corsa anche la squadra de I’Real (24 punti). Lotta a quattro anche per la quinta posizione: in soli due punti infatti combattono strenuamente F.C.T. Firenze Che Trinca (15 punti), AC Fiorucci (15 punti), Atl. Poggio La Sughera (14 punti) e Polis Multietnic C5 (13 punti). Il Mojito Team (10 punti) si mantiene comunque a ridosso del gruppetto, mentre I Sorelli (3 punti) chiudono solitari (e staccati dalle altre formazioni) la classifica del girone.

REAL CERVEZA

POLIS MULTIETNIC

PER SEMPRE AMARSI Agenzia Per Single

nno Un nuovo am re un nuovo a o

DEPORTIVO LA CAROGNA

X2

,90 zichè an

€ 40

• Tagliere bike • Pizza illimitata a testa • Dessert e lattina • Caffè

parucchiere unisex il Coupon

Ritaglia e Risparmia

da diritto a

colore+ taglio+ piega

€ 24,90 anzichè

€ 39,00

COPERTO INCLUSO

Via Ponte alle Mosse 127/r - Fi Tel. 055 5386263 www.pizzabike.it

GRANDE OFFERTA

o quest ti con everai a t n e c pres ndo e ri taglia ste Fissa il tuo appuntamento dicendo di avere il COUPON del Brivido Sportivo e ricordati di consegnarlo alla cassa il giorno dell’appuntamento VIA COMPARETTI, 34/36 FIRENZE -TEL. 055 672135

28-02-2013

Affidati a noi con fiducia sarà come entrare in una grande famiglia, fatta di persone serie, motivate e intenzionate a creare qualcosa di importante nella vita sentimentale, proprio come te.

ACCO NCIATO RI

Offerta valida fino al 28/02/2013

opo 3 pr er te p

Firenze Via Orti Oricellari, n°3 Tel. 055.2399079 - Cell. 392.2160908 firenze@amarsipersempre.it - www.amarsipersempre.it


PRAGOS Lavorazione PLeXiGLaSS e materie PLaStiche

Realizziamo prodotti interamente in plexiglass su misura e su particolare richiesta o disegno del cliente. Anche piccole quantitĂ .

ESPOSITORI - TECHE VETRINE - CONTENITORI PraGoS via BaStianeLLi, 2 teL. 055 4220425 info@pragos.it - www.pragos.it


Segue dalla prima Quando Jovetic sente di avere il pieno di benzina e accanto una squadra che lo supporta in tutto e per tutto, non soltanto diventa un top, ma addirittura un super top. Segna gol fantastici, il montenegrino, di potenza o di precisione, regala assist da campione assoluto e, cosa ancora più importante, si prende per intero sulle spalle l’intera squadra trasportandola oltre qualsiasi guado. Quando un ragazzino impertinente e talvolta un po’ antipatico come Ljajic entra in campo con la voglia di divertirsi e di divertire state sicuri che succederà sempre qualcosa di importante. Quando il ‘triangolo delle Bermude’ formato da Pizarro, Aquilani e Borja Valero si stringe attorno al centrocampo altrui il gioco sparisce dai piedi e dalle mani dell’avversario di turno e diventa un divertimento per i tre centrocampisti viola. E quando la linea difensiva, tutta, magari arricchita da quel bel giocatore che è Pasqual, decide di non eccedere in preziosismi e di non rischiare niente allora anche per i grandi attaccanti tutto si fa più difficile. Bellissima la notte contro l’Inter, con il ritorno di Diego Della Valle, con lo stadio che applaudiva ogni minuto, a tutto questo può diventare un formidabile ricordo oppure il grande amplificatore per sostenere le prossime battaglie europee della Fiorentina. Occorre però la continuità, quella che potrebbe permettere a Montella di trasferire anche a Bologna quella rabbia e quella determinazione che si è vista contro l’Inter. Bisogna che al Dall’Ara venga trasferita tutta la maglia del Franchi e allora, solo allora, davvero la Fiorentina potrà davvero diventare una ‘maledizione’ per tutte quelle che sognano Champions o, in subordine, l’Europa League.

Fuorigioco

TECNOLOGIA

VALORE

SOLO A FEBBRAIO

RAV4 CONNECT DIESEL A NAVIGATORE, SISTEMA MULTIMEDIALE TOYOTA TOUCH&GO®, INTERNI IN PELLE E ALCANTARA® DI SERIE. SESTO FIORENTINO via S. Morese 9 T 055 4210736 .com/biautospa

FIRENZE NORD viale Guidoni 91 T 055 4377180

FIRENZE SUD via Ambrosoli 68 T 055 6503299

BORGO S. LORENZO via Grassi - Loc. Rabatta T 055 8455015 www.biauto.it

.com/biautospa

RAV4 Connect 4X2 2.2 D-4D Lounge € 23.900. Prezzo promozionale chiavi in mano (esclusa I.P.T. e Contributo Pneumatici Fuori Uso, PFU, ex DM n. 82/2011 € 5,25 +IVA) con il contributo della casa e dei concessionari Toyota. Offerta valida fino al 28/02/2013 in caso di ritiro dell’usato con l’obbligo di possesso di almeno 6 mesi. Immagine vettura indicativa. Valori massimi: consumo combinato 13,1 km/l, emissioni CO2 189 g/km.

Panchina d’Oro a Conte. Ma Montella si è piazzato subito dietro...

di Michela Lanza

L

QUALITÀ

unedì scorso a Coverciano, come accade ormai ogni anno da quando i premi sono stati istituiti dal Settore Tecnico della F.I.G.C. nella stagione 1990-91, sono state assegnate la Panchina d’Oro e la Panchina d’Argento relative alla stagione sportiva 2011-12 di serie A e B. E, come da pronostico, hanno trionfato gli allenatori che hanno vinto i rispettivi campionati sbaragliando la concorrenza degli avversari: stiamo ovviamente parlando dell’allenatore del-

la Juventus, Antonio Conte (che nel 2010 aveva già vinto la Panchina d’Argento per la stagione 2008-09 per l’ottimo lavoro svolto alla guida del Bari) e del tecnico boemo Zdenek Zeman, protagonista assoluto col suo Pescara di un’annata (quella passata) da incorniciare. Ma come sono arrivati alla vittoria dell’ambitissimo premio i due allenatori che, loro malgrado e nonostante la poca simpatia che corre tra il boemo e i colori bianconeri, si sono ritrovati a doversi stringere la mano e sorridere insieme davanti a flash e tv?

Per quanto riguarda la graduatoria relativa alla Panchina d’Oro, 62 sono stati i votanti: ben 32 preferenze le ha ricevute Conte, 11 l’ex tecnico del Catania (attualmente viola!) Vincenzo Montella e 8 l’allenatore dell’Udinese, Francesco Guidolin. Supremazia assoluta dunque per il bianconero, meritevole di aver vinto lo scudetto al primo anno di Juventus non incappando mai in una sconfitta. Ma onorevole e ragguardevole (e forse pure inaspettato) il secondo gradino del podio di Montella che, evidentemente, è stato

apprezzato (e quindi votato) per il gioco spettacolare che era riuscito a cucire addosso al suo Catania ma anche per l’eccelsa stagione che sta disputando, quest’anno, la sua Fiorentina. Forse, però, la sorpresa più grande… è quella di non veder comparire sul podio il tecnico del Napoli, Walter Mazzarri che, pur non avendo centrato l'obiettivo Champions per la seconda volta consecutiva, è stato protagonista nell’Europa che conta vincendo gare importanti come quelle contro Manchester City e Villarreal, arrendendosi solo davanti al

team che sarebbe diventato campione, il Chelsea, e non contento, si è poi portato a casa la Coppa Italia, vinta contro i Campioni d’Italia della Juve di Conte. Forse Mazzarri è stato penalizzato dalla febbre che lo ha messo ko e non gli ha permesso di essere presente alla cerimonia. Tornando ai premi, anche per quanto riguarda la graduatoria relativa alla Panchina d’Argento, è stato plebiscito quasi assoluto con ben 42 voti per Zeman, 7 per Giampiero Ventura (Torino) e 5 per Rolando Maran (lo scorso

anno al Varese). Per la Lega Pro, infine, Panchina d’Oro a Domenico Toscano (Ternana) e Panchina d’Argento a Pierfrancesco Battistini (Perugia). Ci preme sottolineare, per concludere, che la cerimonia si è aperta con un minuto di raccoglimento in ricordo del prematuramente scomparso tecnico del Benevento, Carmelo Imbriani. E chissà a chi avrebbe concesso lui la sua preferenza...…Forse proprio al viola Montella, prima calciatore, poi allenatore (ma pure uomo) che Carmelo ha sempre stimato e ammirato.


Il Brivido Sportivo n.7 del 20.02.2013