Issuu on Google+

SAX 13 14

CORSO PRE-ACCADEMICO

13 14 © Saint Louis College of Music


30

27

Tecnica e repertorio 1

Sezione fiati 1

13 14 © Saint Louis College of Music

226

218

224

MONTE ORE

STORIA della MUSICA 60

24

Combo e orchesta 1 (audzione)

1 annualità a scelta dello studente tra Storia del Rock, Storia Sociale del Jazz, Analisi e Pratica dei Linguaggi Musicali, Ascolti Guidati

44

Laboratorio musica d’insieme 2

MUSICA D’INSIEME

EAR TRAINING

TECNOLOGIA

36

27

Ear training 3

ARMONIA E PIANO COMPLEMENTARE

Music Technology

Laboratorio musica d’insieme 1

36

36

24

44

Analisi ritmica

Ear training 2

Armonia 3

Combo e orchesta 2 (audzione)

32

Ear training 1

Armonia applicata al piano 2

36 21

STRUMENTO

44

36

Armonia applicata al piano 1

Armonia 2

Sezione fiati 3

27

Sezione fiati 2

30 27

Tecnica e repertorio 3

ore

3° ANNO

30

ore

Tecnica e repertorio 2

2° ANNO

Laboratorio musica d’insieme 3

36 21

Armonia 1

ore

1° ANNO

Pre-accademico

PIANO DI STUDI

CORSO PRE-ACCADEMICO


CORSO PRE-ACCADEMICO

REGOLAMENTO Il corso pre-accademico prepara per l’accesso ai corsi di diploma accademico di primo livello e di diploma tradizionale. Si accede al corso pre-accademico attraverso un esame di ammissione, per valutare competenze e musicalità.

STRUTTURA Nel percorso pre-accademico, l’allievo frequenta lezioni individuali di strumento a fiato, i corsi triennali di armonia, ear training e solfeggio, laboratori di musica d’insieme, analisi ritmica, i principi della music technology per l’utilizzo dei principali software musicali, laboratorio di sezione fiati, armonia applicata al pianoforte, storia della musica jazz/rock/classica/elettronica. E’ prevista una frequenza media che va dalle 5 alle 10 ore settimanali di lezioni, ripartite in almeno 3 giorni differenti. L’allievo che non ha un’ampia disponibilità di tempo può scegliere di frequentare il corso di diploma LONG-DISTANCE (vedi sotto).

JUNIOR Il corso Pre-accademico Junior è stato pensato per offrire a chi deve ancora frequentare le scuole superiori, la possibilità di seguire il corso professionale di preparazione al corso di diploma di musica moderna Lo scopo del percorso è quello di portare lo studente a una ottimale conoscenza delle basi musicali sia teoriche che di applicazione pratica allo strumento, necessarie per l’ammissione ai corsi accademici di I livello (equivalenti a una laurea di I livello) o al bienni di diploma tradizionale. Ciascun allievo seguirà un programma personalizzato che comprende tutte le materie previste nel corso pre-accademico ma suddivise su 4 o anche 5 anni, con un piano di studi personalizzato e organizzato sulla base della disponibilità e dei tempi di studio a disposizione del ragazzo. Il piano di studi viene supervisionato da un tutor che ogni anno indicherà le materie da seguire. L’obiettivo è di condurre lo studente, una volta giunto al termine delle scuole superiori, a un livello di preparazione tale da consentirgli di iscriversi direttamente al triennio di diploma accademico di primo livello o al biennio di diploma tradizionale. Il corso pre-accademico junior richiede una frequenza minima di 2 pomeriggi a settimana per un totale di quattro-cinque ore di lezione settimanali. In alcuni casi, specialmente nei livelli più alti può essere necessario un terzo giorno settimanale di frequenza.

AMMISSIONE Ogni nuovo allievo deve sostenere l’esame di AMMISSIONE al corso Pre-accademico. L’ esame si divide in più prove: una di strumento, una di teoria musicale e una di solfeggio. Ciascuna materia segue il proprio percorso, pertanto è possibile frequentare livelli differenti di batteria, armonia e solfeggio.

LABORATORI DI MUSICA DI INSIEME Ogni anno si formano al Saint Louis più di 90 gruppi di vario stile, dal jazz al pop, dal blues al rock, dalla fusion allo swing all’heavy metal. Ciascun allievo si esibirà più volte durante l’anno accademico con il proprio laboratorio di musica d’insieme nei Lab on the road, nei Simply the best e nei Gigs di fine anno; la performance sarà valutata ai fini dell’ammissione agli esami di strumento e in sede di assegnazione del voto. E’ obbligatorio frequentare almeno un laboratorio ogni anno. L’allievo che supera le due assenze ingiustificate a quadrimestre (una sola per corsi long-distance) perde 3 crediti integrativi e a discrezione del docente può essere sostituito perdendo la possibilità di frequentare il laboratorio.

LONG-DISTANCE Per i corsi pre-accademici Long-distance, le lezioni delle materie principali OBBLIGATORIE (strumento, lettura per chitarristi, armonia, sezione ritmica, ear training, laboratorio) si tengono di sabato dalle 9 alle 18 ogni quindici giorni Alcune altre materie complementari facoltative si tengono il venerdì (precedente il sabato del proprio turno). L’allievo all’inizio dell’anno sceglie se frequentare le lezioni delle materie complementari facoltative; in tal caso è obbligato a frequentare almeno il 70 per cento delle lezioni previste.

ESAMI DI STRUMENTO Non è possibile sostenere l’esame da privatisti, è obbligatoria la frequenza alle lezioni. E’ possibile passare di livello nel proprio strumento nelle sessioni di settembre, febbraio e giugno. Non è possibile passare di due livelli nella stessa sessione d’esami. L’esame di fine 3° livello va sostenuto con il gruppo, almeno in trio. Si consiglia vivamente di prepararsi durante l’anno con un proprio gruppo. Non sono ammessi esami di 3° livello con basi o in duo. Per gli allievi Long-distance è possibile sostenere l’esame di fine terzo livello con una sezione ritmica messa a disposizione dalla Scuola. E’ necessario comunicarlo nella domanda di esame. SCADENZA DOMANDA PRENOTAZIONE ESAMI: 15 gennaio per la sessione di febbraio, 15 maggio per la sessione di giugno e 20 luglio per la sessione di settembre.

13 14 © Saint Louis College of Music

3


CORSO PRE-ACCADEMICO

CORSO PRE-ACCADEMICO

SAX ESAMI MATERIE COMPLEMENTARI Ogni materia prevede un esame di superamento del livello, incluso il Laboratorio di Musica di insieme. Gli esami delle materie collettive si tengono l’ultimo giorno di lezione nella sessione di giugno L’allievo che non supera l’esame nella sessione di giugno dovrà prenotarsi per la sessione di settembre entro il 20 luglio. Per accedere agli esami bisogna non aver superato il 30% delle assenze alle lezioni. Resta a discrezione del docente ammettere agli esami allievi con assenze comprese fra il 30 e il 40%. Gli allievi con assenze superiori al 40% non saranno ammessi in nessun caso agli esami, ma potranno sostenere il Test out di settembre previa prenotazione dell’esame.

DOCENTI

Michel Audisso (Coordinatore) Maurizio Giammarco Sandro Satta Emanuele Melisurgo Mauro Massei

TEST OUT E’ un esame approfondito di tutto il programma della materia complementare e si tiene esclusivamente nella sessione di settembre. Ciascun allievo non può sostenere più di due Test out ogni anno. SCADENZA DOMANDA PRENOTAZIONE TEST OUT: 20 luglio

TECNICA E REPERTORIO 1

CREDITI INTEGRATIVI (PER IL DIPLOMA TRADIZIONALE) Per sostenere l’esame di Diploma tradizionale bisogna aver conseguito almeno 15 crediti integrativi nell’arco del pre-accademico e del biennio di diploma tradizionale. Tali crediti si ottengono frequentando stage, seminari e lezioni concerto. A ciascuno stage sarà assegnato di volta in volta un valore in crediti integrativi. Fino a 7 crediti possono essere riconosciuti per stage e seminari esterni al Saint Louis, a discrezione della direzione. Si ottengono crediti integrativi accompagnando esami di altri allievi, si perdono crediti rinunciando o non presentandosi ad accompagnare l’esame di un altro allievo cui si era data la propria disponibilità. L’allievo che nei laboratori superi le due assenze ingiustificate a quadrimestre (una sola assenza per corsi long-distance) perde 3 crediti integrativi.

BORSE DI STUDIO Possono accadere alle audizioni per l’assegnazione delle borse di studio allievi che frequentano i corsi pre-accademici o di diploma da almeno 2 anni. Per accedere alle audizioni per le borse di studio si deve conseguire una votazione minima di 8 in ciascuna materia, sia principale che complementare, e un giudizio “ottimo” sulle presenze. E’ richiesto il consenso del docente per la presentazione della domanda di borsa di studio L’allievo BORSISTA che chiede la conferma della borsa per l’anno successivo non deve sostenere l’audizione ma semplicemente presentare la domanda (solo per la sessione di giugno) che sarà valutata direttamente dalla direzione sulla base dei risultati conseguiti durate l’anno di corso. E’ possibile ottenere la borsa di studio per due anni consecutivi; al termine dei due anni l’allievo dovrà attendere un anno prima di poter ripresentare la domanda e sostenere una nuova audizione. La borsa di studio viene assegnata tra il mese di giugno e quello di settembre, ma viene effettivamente “scalata” dalle rette scolastiche del successivo anno accademico, solo dopo aver verificato l’andamento scolastico nell’anno per il quale è stata concessa. L’allievo borsista deve dare disponibilità alla Scuola per contribuire al buon andamento dei laboratori con la propria presenza ove richiesto dalla Segreteria, pena la revoca della Borsa.

TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE D’ESAME STRUMENTO e CANTO: 15 gennaio per la sessione di febbraio 15 maggio per la sessione di giugno 20 luglio per la sessione di settembre

PROGRAMMA DIDATTICO PRE-REQUISITI Impostazione, emissione del suono, 6 scale maggiori e arpeggi maggiori, Lettura di studi semplici

PROGRAMMA DIDATTICO 12 Scale maggiori e relative minori a 1 ottava, Triadi magg. e min. (arpeggi), Lettura di partiture semplici (studi classici e swing), i modi.

MONTE ORE Frequenza ordinaria: 30 h Frequenza long-distance: 18 h

ESAME

Verifica del Programma

TECNICA E REPERTORIO 2 PROGRAMMA DIDATTICO Approfondimento dei modi della scala maggiore, Scale maggiori per tutta l’estensione dello strumento, triadi magg. e min. sulle scale magg. (arpeggi), Primo approccio all’improvvisazione (forma del Blues di 12 battute e scale blues nelle tonalità più comuni), Lettura di partiture poco complesse (studi classici e swing), Salti di 3^ sulle scale magg.

MONTE ORE Frequenza ordinaria: 30 h Frequenza long-distance: 18 h

MATERIE COMPLEMENTARI: Sessione di giugno: non c’è bisogno di prenotazione, l’esame si tiene al termine del corso Sessione di settembre: scadenza 20 luglio

ESAME

Verifica del Programma

ESAMI DI RIPARAZIONE E TEST OUT: 20 luglio per la sessione di settembre BORSA DI STUDIO: 15 maggio per la sessione di giugno 20 luglio per la sessione di settembre

4

13 14 © Saint Louis College of Music

13 14 © Saint Louis College of Music

5


CORSO PRE-ACCADEMICO

CORSO PRE-ACCADEMICO

TECNICA E REPERTORIO 3

ARMONIA PROGRAMMA DIDATTICO

Scale maggiori armonizzate con arpeggi di 7^, Scale pentatoniche, Scale minori melodiche e armoniche in almeno 7 tonalità, Conoscenza degli arpeggi di accordi magg.7^, min7^, dominante7^, semidimin., Salti di 4^ e 5^ sulle scale magg., Lettura di partiture più complesse (studi classici e swing), Approfondimento dell’improvvisazione sul blues e approccio ad altre forme semplici.

DOCENTI

Pierpaolo Principato Stefano Mastruzzi Claudio Ricci Antonio Solimene Andrea Avena Simone Maggio

ARMONIA 1

MONTE ORE Frequenza ordinaria: 30 h Frequenza long-distance: 18 h

ESAME IN SOLO 1° prova: Esecuzione scale maggiori e minori in tutte le tonalità con salti legati e staccati 2° prova: Arpeggi accordi maggiori e minori settima in tutte le tonalità 3° prova: 1 studio classico di media difficoltà a scelta dello studente e uno scelto dalla commissione 4° prova: 1 lettura a prima vista

1. Elementi fondamentali e costitutivi del suono: altezza, intensità e timbro

I brani delle singole prove devono essere differenti da una prova all’altra e non possono essere stati presentati in esami precedenti

SEZIONE FIATI DOCENTI

2. Il Sistema Temperato: - Ripartizione dei suoni nell’ottava - Intervalli di semitono e tono - I suoni naturali ed i simboli di alterazione (♯, ♭, ♮, ♯♯, ♭♭, ♮♮) - L’enarmonia ed i suoni omofoni - La scala cromatica e la scelta dei simboli di alterazione nei passaggi cromatici ascendenti e discendenti - La nomenclatura anglosassone 3. La Scala Maggiore: - Struttura intervallare e sistema dei tetracordi - Gradi e nomi relativi - Tonalità e modalità dal punto di vista concettuale ed acustico - Costruzione della scala in tutte le tonalità con il sistema intervallare - Gli intervalli propri della scala maggiore (perfetti o giusti e maggiori) 4. La Scala Minore Naturale: - Costruzione intervallare e confronto con la scala maggiore - Gli intervalli propri della scala minore naturale - Relazione con la scala maggiore (scale relative) - Gradi e nomi relativi 5. Intervalli: - tutti gli intervalli (diatonici e cromatici) - rivolti degli intervalli - categorie qualitative

PROGRAMMA DIDATTICO

PRE-REQUISITI

6. Il “Circolo delle Quinte” e le armature di chiave 7. La scala minore armonica

Primo livello di Sax

8. Rapporti di consonanza o tensione tra i gradi delle scale (magg. e min. nat.) e la Tonica; tendenze risolutive naturali dei gradi in tensione.

Un laboratorio pratico specificamente dedicato ai fiati ed al loro delicato lavoro in sezione: che sia pensata come sezione di una big band, di una combo, di un gruppo dance o funk. Il corso mira ad affrontare sia aspetti tecnico-pratici legati nello specifico agli strumenti a fiato, quali l’emissione del suono, la pronuncia, gli accenti, etc., che aspetti strettamente connessi all’esecuzione, attraversando repertori e generi anche molto diversi tra loro: dal jazz al funk e alla musica moderna, attraverso i più celebri riff d’autore.

9. Gli Armonici Naturali - la triade maggiore

MONTE ORE

13. La disposizione “lata” delle triadi e dei rivolti - La tecnica del “legame armonico” per la concatenazione degli accordi - Progressioni simmetriche per salti di 3a, 4a e 5a con triadi strette e late, in posizione fondamentale e di rivolto

Frequenza Quindicinale: 15h

Verifica pratica del programma svolto e performance live finale

6

Accedono direttamente al 1° livello coloro che sono stati assegnati al 1° livello dei Corsi di strumento o di canto.

PROGRAMMA

IN GRUPPO (minimo in trio) 5° prova: 2 standard jazz a memoria scelti dalla Commissione da un elenco di 8 presentato dall’allievo, tema e improvvisazione 6° prova: 1 standard a prima vista facile, tema e improvvisazione 7° prova: 1 blues a scelta dell’allievo, tema e improvvisazione 8° prova: 1 concertino classico pianoforte e tromba

Mario Caporilli Michel Audisso Sandro Satta Mauro Massei Emanuele Melisurgo

PROGRAMMA DIDATTICO

PRE-REQUISITI

13 14 © Saint Louis College of Music

ESAME

10. Triadi: minore; aumentata; diminuita 11. Altri accordi di 3 suoni (sus4, sus2, maggiore b5) 12. I rivolti delle triadi

14. Costruzione delle triadi sui gradi della scala maggiore 15. Le principali “funzioni armoniche”: Tonica, Sottodominante e Dominante

13 14 © Saint Louis College of Music

7


CORSO PRE-ACCADEMICO

CORSO PRE-ACCADEMICO

- Ie principali (comuni) successioni armoniche: I IV V I; II V I; Giro armonico (Turn Around) nelle 2 formule I VI II V e II V I VI

e dinamismo)

16. Costruzione delle triadi sui gradi delle scale minori naturale e armonica - Confronto tra gli accordi delle 2 scale - Caratteristiche armoniche basilari della tonalità minore

ARMONIA CLASSICA

PROGRAMMA DIDATTICO

3. Disposizione delle triadi a 4 parti: - Raddoppi ed omissioni dei suoni - Distanza tra le parti - Numerica delle triadi e dei rivolti comparate con le sigle moderne

17. La scala minore melodica 18. L’accordo di settima di dominante: costruzione, caratteristiche e prerogative tonali 19. Le scale pentatoniche (maggiore e minore); scala Blues;

4. Il moto delle parti: retto, obliquo, contrario (eventuale esercitazione sulla concatenazione di bicordi su intere successioni armoniche allo scopo di ottenere la padronanza dei moti delle parti)

20. Altre scale: esatonale, maggiore armonica, minore napoletana 21. Cenni sul “Prestito Modale”, con riferimento alle triadi più comunemente utilizzate Eventuali ARGOMENTI AGGIUNTIVI, a discrezione e necessità del docente - Il “Blues” tradizionale: struttura armonica di base; struttura della frase melodica e testuale; versetti - I “Modi” della scala maggiore: tecniche costruttive e note caratteristiche - Altri accordi di settima e loro collegamento N.B.: quest’ultimo argomento può essere ampliato ai rivolti, alle posizioni più late e al loro collegamento (in stile Popular Music), a discrezione del Docente ed in base al tempo a disposizione. ARMONIA NEL REPERTORIO POPULAR - Riflessioni di carattere generale sull’armonia negli stili contemporanei (popular, rock, jazz) con particolare riferimento alla forma canzone (melodia accompagnata) - Gli accordi di settima relativi alla tonalità maggiore Costruzione degli accordi di settima sui gradi delle scale maggiori Lʼaccordo di 7sus4 Sigle moderne con eventuale riferimento alle specie della codificazione classica - Rivolti degli accordi di settima Turn Around con accordi di settima Indicazioni sul moto delle parti non rigoroso Pratica di scrittura a 4 parti su successioni armoniche in tonalità maggiore - Analisi armonica in tonalità maggiore (brani con sigle) - Costruzione degli accordi di settima sui gradi della scala minore armonica Accordi: minmaj7; maj7(#5), dim7 - Indicazioni sul moto delle parti non rigoroso Pratica di scrittura a 4 parti in tonalità minore con accordi in posizione stretta e lata

5. Condotta delle voci: aspetto verticali (armonici) ed orizzontali (melodici) dei collegamenti: - I moti delle parti: consentiti o vietati - I salti melodici: consentiti o vietati - Le risoluzioni obbligate (sensibile) 6. L’armonizzazione di un basso (corale) con triadi in stato fondamentale 7. L’uso del 1° rivolto 8. L’uso del 2° rivolto 9. L’accordo di settima di 1a specie (dominante) in stato fondamentale e rivolti - Risoluzione della settima dell’accordo nelle varie posizioni 10. Le Cadenze: perfetta; plagale; composta, consonante e dissonante; doppia; imperfetta; evitata e d’inganno 11. Le modulazioni ai toni vicini 12. Costruzione degli accordi di settima sui gradi delle scale maggiori (le specie della musica classica) 13. Costruzione degli accordi di settima sui gradi delle scale minori naturale e armonica (le specie della musica classica) 14. La settima di 2a specie: preparazione, risoluzione e principale utilizzo 15. La settima di 3a specie: preparazione, risoluzione e principale utilizzo 16. Le regole della “Scala Armonizzata” 17. Eventuali: progressioni e ritardi

BIBLIOGRAFIA

BIBLIOGRAFIA

B. Mazzotta, “Appunti per le lezioni di Armonia” J. Napoli, “Bassi per Armonia Complementare” W. Piston, “Armonia” Dispense o testi alternativi a discrezione del docente

A. Avena, “Teoria & Armonia” 1a / 2a parte Keith Wyatt & Carl Schroder, “Harmony & Theory”

MONTE ORE

MONTE ORE

Frequenza ordinaria: 36 h Frequenza long-distance: 18 h

Frequenza ordinaria: 36 h Frequenza long-distance: 18 h

ESAME

Verifica scritta del programma svolto

ESAME

Verifica scritta del programma svolto

ARMONIA 3

ARMONIA 2

1. Le progressioni armoniche (in ambito Jazz e Popular) 1. Riepilogo delle 3 funzioni armoniche principali (tonica, sottodominante, dominante) - Riconducibilità di alcuni altri accordi (II e VII) ad una o più delle 3 funzioni - Altre funzioni specifiche (III e VI)

PROGRAMMA DIDATTICO

2. Collegamenti armonici: - Caratteristiche dei collegamenti in base alla funzione degli accordi ed alla distanza tra le loro fondamentali (gradi di affinità

8

13 14 © Saint Louis College of Music

PROGRAMMA DIDATTICO

2. Introduzione di carattere generale alle estensioni degli accordi (9a, 11a, 13a) 3. Gli accordi di 9a (maggiore, minore, aumentato) - Possibilità e modalità di utilizzo in base alla qualità dell’accordo (Maj7, M6, 7, min7) - I voicings a 4 parti in stato fondamentale (distanza tra le parti, omissioni, posizionamento dell’estensione) - I voicings con “Top Note” obbligata

13 14 © Saint Louis College of Music

9


CORSO PRE-ACCADEMICO

CORSO PRE-ACCADEMICO

ARMONIA APPLICATA AL PIANO - Cenni sulle implicazioni relative a funzione e tonalità dell’accordo - Collegamenti armonici con utilizzo delle 9e: progressioni, II V I, Turn Arounds - Criteri per l’applicazione e la rinuncia al “Legame Armonico”

DOCENTI

Pierpaolo Principato Antonio Solimene Claudio Colasazza Stefano Sabatini Carlo Mezzanotte Dario Zeno Josè Fiorilli Simone Maggio

4. Gli accordi di 11a (G. e Aug.) - Vedi dettagli del punto precedente relativo alle 9e - Collegamenti armonici con l’utilizzo di 9e e 11e 5. Gli accordi di 13a (maggiore e minore) - Vedi dettagli dei punti precedenti relativi a 9e e 11e - Collegamenti armonici con l’utilizzo di 9e, 11e e 13e 6. Relazione tra i modi e l’accordo relativo: - Le estensioni compatibili (riepilogo) - Le “Avoid Notes”

TECNICA PIANISTICA di BASE

7. Le sostituzioni armoniche: - Sostituzioni diatoniche (similitudini) - La sostituzione di Tritono e la scala relativa 8. La modulazione: - Modulazione diretta - Modulazione con gli accordi in comune

PROGRAMMA DIDATTICO

PRE-REQUISITI Nessuno

9. Le dominanti secondarie (non estese): - Caratteristiche e praticabilità - Differenza tra passaggio modulante e reale modulazione

OBIETTIVI DEL CORSO

10. Cenni sulle estensioni relative alle “Dominanti Secondarie” 11. Applicazione della sostituzione di tritono alle dominanti secondarie - Elaborazione del “Turn Around” con le tecniche studiate (dominanti secondarie e sostituzioni) 12. Analisi armonica in tonalità maggiore con i contenuti fin qui studiati 13. Tecniche di armonizzazione della melodia sulla base di sigle e tema dati (4 parti complessive) in tonalità maggiore 14. Costruzione degli accordi di settima sui gradi della scala minore armonica (ripasso e approfondimento) e melodica 15. Tonalità minore: comparazione tra gli accordi di settima di tutte le scale minori e considerazioni sul loro utilizzo 16. Successioni in tonalità minore: - Turn Around in minore ed altre successioni - movimenti cromatici della 7a e della 5a sugli accordi di I e IV grado 17. Analisi armonica dei brani in tonalità minore 18. Criteri di scelta ed utilizzo delle estensioni (9a, 11a, 13a) per gli accordi della tonalità minore 19. I modi delle scale minori armoniche (tecniche costruttive) 20. I Modi delle scale minori melodiche (tecniche costruttive) 21. Il “Blues”: struttura armonica più elaborata. Le estensioni negli accordi del Blues

BIBLIOGRAFIA A. Avena, “Teoria & Armonia” 2a / 3a parte Keith Wyatt & Carl Schroder, “Harmony & Theory” Phil De Greg, “Jazz Keyboard Harmony” M. Levine, “The Jazz Theory Book”

Lo studio del pianoforte complementare ha come scopo principale quello di fornire agli studenti un importante supporto per almeno 3 ambiti: a) lo studio della teoria e dell’armonia (per l’applicazione e la verifica dei concetti teorici) b) l’accompagnamento dei brani (essenziale per i cantanti e preziosissimo per tutti gli altri strumentisti impegnati nell’accompagnamento e/o improvvisazione che il repertorio prevede) c) la composizione e l’arrangiamento

PROGRAMMA - Gli elementi di base della tecnica pianistica: postura, articolazione delle 5 dita, legato) - Esercizi per le 5 dita in tutte le tonalità ed in varie formule combinatorie -●Tecnica del passaggio del pollice -●La scala maggiore in tutte le tonalità (su 1 e poi, a discrezione del docente, su 2 ottave di estensione) - Lettura di semplici studi in partitura pianistica (doppio pentagramma) - Realizzazione degli intervalli al pianoforte - Esecuzione della successione del circolo delle quinte discendenti e ascendenti al piano (a note singole) - Esecuzione di varie successioni simmetriche di note (con intervallo costante dato) - Le triadi: maggiori, minori, aumentate e diminuite - I rivolti delle triadi - Costruzione delle triadi sui gradi delle scale maggiori (fino a 3 # e b) - Concatenazione delle triadi con la tecnica del legame armonico - Progressioni simmetriche per salti di 3a, 4a e 5a da realizzarsi con tutte le triadi - Collegamento degli accordi delle principali successioni armoniche con il legame armonico (I IV V I; II V I; giro armonico nelle 2 formule I VI II V e II V I VI) fino a 2/3 # e b - Esercizi di concatenazione estemporanea delle triadi sulla base di sigle date - Studio del repertorio per lo sviluppo delle tecniche di accompagnamento pianistico basato principalmente su triadi e rivolti - Studio di alcuni stili di accompagnamento (ritmico-armonico) in aderenza con le abilità tecniche previste dal livello del corso

MONTE ORE BIBLIOGRAFIA

Frequenza ordinaria: 36 h Frequenza long-distance: 18 h

ESAME

Verifica scritta del programma svolto

10

13 14 © Saint Louis College of Music

(fornita a scopo puramente indicativo e non vincolante) - Tecnica: HANON, Il pianista virtuoso e/o POZZOLI, Tecnica giornaliera del pianista Testo o dispense per le scale - Repertorio Classico: CZERNY, Czerniana 1° vol. (raccolta) e/o BEYER, la scuola preparatoria e/o LONGO. - Repertorio Moderno: Blues e Boogie HANON; O. PETERSON, Jazz Exercice; altro e dispense - Armonia Applicata e repertorio: dispense o testo a discrezione dellʼinsegnante - partiture singole

13 14 © Saint Louis College of Music

11


CORSO PRE-ACCADEMICO

CORSO PRE-ACCADEMICO

MONTE ORE

3) Accompagnamento di 2 brani che utilizzino anche accordi di settima (Repertorio Pop o Jazz Ballad) 4) Accompagnamento estemporaneo di una successione armonica basata su sigle (triadi e settime) sottoposta al momento

Frequenza ordinaria: 21h

ESAME

1) Verifica della parte tecnica (ex tecnici, scale, accordi) 2) Esecuzione di 2 brevi studi o brani di carattere moderno o classico 3) Accompagnamento di 1 brano basato principalmente su armonia triadica 4) Prova sul legame armonico estemporaneo

ARMONIA APPLICATA AL PIANO 2 PROGRAMMA DIDATTICO

ARMONIA APPLICATA AL PIANO 1 PROGRAMMA DIDATTICO

PRE-REQUISITI

Accedono direttamente al 1° livello coloro che hanno una conoscenza della tecnica pianistica di base.

PROGRAMMA - Studi tecnici in relazione agli obiettivi del programma: • Arpeggi sequenziali delle triadi (tutti i rivolti in sequenza: C E G, E G C, G C E...) • Arpeggi delle triadi late per la sola mano sinistra • Vari altri studi - Triadi a parti late, in particolare per l’arpeggio con la mano sinistra utilizzando il pedale del sustain e solo in posizione fondamentale - Le scale minori: naturale e armonica su 1 ottava di estensione (2 a discrezione del docente) - Studi classici e/o moderni in partitura pianistica (doppio pentagramma) - Gli accordi di settima relativi alla tonalità maggiore (Posizione fondamentale e rivolti in disposizione stretta) - Costruzione degli accordi di settima sui gradi delle scale maggiori (fino a 3 # e b) - Progressioni simmetriche (vedi livello precedente) con l’utilizzo degli accordi di settima - Principali successioni armoniche (II V I; Turn Around) con accordi di settima a parti strette con raddoppio della fondamentale al basso (5 parti complessive) - Studio dell’accompagnamento con utilizzo degli accordi di settima o combinato con triadi (4 parti complessive). Repertorio - Studio degli stili di accompagnamento (pop ballad; R & B) - Primi studi sull’esecuzione di un brano con esposizione della melodia (lead sheet): accordi in posizione stretta sulla mano sinistra e melodia sulla mano destra - Il “Blues” e la scala Blues - Lo “Swing” come pronuncia

- Studi tecnici in relazione agli obiettivi del programma: • Scale pentatoniche su 1 ottava di estensione (2 a discrezione del docente) • Scale maggiori e minori armoniche e melodiche su 2 ottave di estensione • Arpeggi sequenziali delle triadi con raddoppio della nota al basso • I modi delle scale maggiori in parallelo su 1 ottava di estensione partendo dalle note C, F, G, suonando il relativo accordo sulla mano sinistra • Arpeggi triadi late in rivolto con la mano sinistra - Gli accordi di settima sui gradi delle scale minori: naturale + V7 + VII°7 - Successioni armoniche con accordi di settima in stato fondamentale a 4 parti complessive, alternando, nei salti di 4a ascendente o 5a discendente delle fondamentali, posizioni complete ed incomplete per favorire il moto delle parti - Progressioni varie per la concatenazione degli accordi di settima e del II V I in tonalità minore (tenendo conto della variante del I grado: min, maj7, min7, min6) - Successioni armoniche in tonalità minore - Approfondimenti sulle tecniche di armonizzazione della melodia sulla base della Lead-Sheet - Studio del repertorio Pop/Jazz etc. (accompagnamento) - Stili di accompagnamento: Gospel, Swing con basso in 2; Reggae; Ballad ● ● NON OBBLIGATORIO: - Primi cenni sull’utilizzo delle estensioni con accordi a 4 parti complessive (omit 5a) - Successioni armoniche con accordi estesi a 4 parti: II V I; Turn Around; varie

BIBLIOGRAFIA (fornita a scopo puramente indicativo e non vincolante) - Tecnica: HANON, Il pianista virtuoso e/o POZZOLI, Tecnica giornaliera del pianista O. BERINGER, Daily Technical Studies; Testo o dispense per le scale - Repertorio Classico: CESI MARCIANO 1°/ 2° vol. raccolta; partiture o altri testi a discrezione del docente - Repertorio Moderno: O. PETERSON, Jazz Exercice; C. COREA, Childrenʼs Songs; eventuali altri testi o dispense del docente Armonia Applicata e repertorio: PHIL DE GREG, Jazz Keyboard Harmony; REAL BOOKS vari stili; partiture singole

MONTE ORE Frequenza ordinaria: 21h

BIBLIOGRAFIA (fornita a scopo puramente indicativo e non vincolante) - Tecnica: HANON, Il pianista virtuoso e/o POZZOLI, Tecnica giornaliera del pianista - Testo o dispense per le scale - Repertorio Classico: CZERNY, Czerniana 1°/ 2° vol. (raccolta); CESI MARCIANO 1° vol. raccolta; partiture a discrezione del docente - Repertorio Moderno: Blues HANON; O. PETERSON, Jazz Exercice; C. COREA, Childrenʼs Songs; eventuali altri testi o dispense del docente - Armonia Applicata e repertorio: PHIL DE GREG, Jazz Keyboard Harmony; REAL BOOKS vari stili; partiture singole.

MONTE ORE Frequenza ordinaria: 21 h

ESAME 1) Verifica della parte tecnica (scale, accordi e rivolti, arpeggi, armonizzazioni scale in tonalità fino a 3 # e 3 b, successioni armoniche 2) Accompagnamento di 2 brani che utilizzino anche accordi di settima ed eventuali alcune estensioni (Repertorio Pop o Jazz Ballad) 3) Esecuzione di un brano comprensivo di esposizione della melodia (melodia armonizzata oppure melodia mano destra ed accompagnamento mano sinistra) 4) Accompagnamento estemporaneo di una successione armonica basata su sigle (triadi e settime) sottoposta al momento

ESAME

1) Verifica della parte tecnica (scale, accordi e rivolti, arpeggi, armonizzazioni scale in tonalità fino a 3 # e 3 b, successioni armoniche 2) Esecuzione di 1 breve studio o brano di carattere moderno (Pop, Swing o Blues) basato su partitura in doppio pentagramma

12

13 14 © Saint Louis College of Music

13 14 © Saint Louis College of Music

13


CORSO PRE-ACCADEMICO

CORSO PRE-ACCADEMICO

EAR TRAINING DOCENTI

Antonio Solimene Claudio Ricci Andre Avena Roberto Ruggeri

EAR TRAINING 1 PROGRAMMA DIDATTICO PRE-REQUISITI

Misura, stanghetta di misura, tempo Classificazione dei tempi: - tempi regolari semplici: numeratore 2-3-4 - Tempi regolari composti: numeratore 6-9-12 - Relazioni esistenti tra tempi semplici e composti Analisi dei tempi in base a: - Unità di misura (o battuta) - Unità di tempo (o di movimento o di divisione) - Unità di suddivisione (di primo e secondo grado) Le figure irregolari: la terzina e la sestina Sincope e contrattempo

MONTE ORE Frequenza ordinaria: 36 h Frequenza long-distance: 18 h

Accedono direttamente al 1° livello coloro che hanno una conoscenza di base di solfeggio e teoria musicale.

SOLFEGGIO 1. Solfeggio Parlato: C. Ricci, “Solfeggio Basic” 2. Solfeggio ritmico: D. Agostini “Solfeggio Ritmico Vol.1”, battute semplici fino al n 94 (Fine prima parte) “Vol.2”, battute composte (primi esercizi in 6-9-12) 3. Solfeggio cantato: Tutti gli intervalli diatonici nell’ambito dell’ottava in tonalità di Do maggiore – primi canti in tonalità di Fa e Sol; (inserimento di canti costruiti sulla scala pentatonica maggiore)

Prova orale: solfeggi parlati, cantati e ritmici a prima vista Prova scritta: verifica, sotto dettatura, degli argomenti di ear training esposti nel programma

EAR TRAINING 2

EAR TRAINING 1. Riconoscimento dei seguenti intervalli melodici e armonici (Bicordi): - Seconda Maggiore e minore - Terza maggiore e minore (evitare il termine seconda aumentata) - Quarta giusta e quarta aumentata (Per la quarta aumentata e la quinta diminuita si userà la dicitura tritono essendo nell’impossibilità di discriminare l’enarmonia) - Quinta giusta - Sesta maggiore e minore (il termine sesta minore, in questa fase, sarà da preferire all’enarmonia di quinta aumentata in quanto, mancando il suono intermedio discriminante, l’intervallo suonerà come consonanza imperfetta e non come dissonanza) o Settima maggiore e minore (evitare il termine sesta aumentata) - Ottava giusta 2. Dettato melodico: melodie di 8 battute (dettati di R. Ruggieri) o brevi frammenti melodici (lick) costruiti sulla scala di Do maggiore ed eventualmente in Fa e Sol; (dettato di lick costruiti su scala pentatonica maggiore) 3. Dettato Ritmico: figurazioni tratte dal testo D. Agostini “Solfeggio Ritmico Vol.1”, battute semplici fino al n. 94 (Fine prima parte); “Vol.2”, battute composte (primi esercizi in 6-9-12) 4. Dettato Armonico: riconoscimento di a. Triadi maggiori, minori, aumentate e diminuite b. Triadi sus4, sus2 e b5 c. Triadi con nota addizionata: - Maggiore add2 e add9 - Minore add2, add4 e add9 5. Dettato di funzioni armoniche: Brevi sequenze armoniche (max 4 battute) costruite con accordi maggiori di tonica, sottodominante e dominante (in varie tonalità maggiori anche più complesse). Per tale scrittura si utilizzerà la notazione slash e ritmica con le sigle degli accordi.

TEORIA Suoni, note e pentagramma Le chiavi di lettura Il doppio pentagramma Le figure musicali Punto semplice (3-6-12-parti), doppio (7 parti), triplo (15 parti) La legatura di valore Punto coronato

14

13 14 © Saint Louis College of Music

ESAME

PROGRAMMA DIDATTICO

SOLFEGGIO

1. Solfeggio Parlato: C. Ricci, “Ear training 1” 2. Solfeggio ritmico: D. Agostini “Solfeggio Ritmico Vol.1”, tutto – “Vol.2”, approfondimento dei tempi composti 3. Solfeggio cantato: Tutti gli intervalli diatonici e cromatici nell’ambito dell’ottava in tonalità fino a 4-5 alterazioni, maggiori, minori naturali, armoniche e melodiche. (testi consigliati: Pozzoli I corso, Pozzoli App. al I corso, Lazzari, Silvestri.) 4. Introduzione al Do mobile

EAR TRAINING 1. Dettato melodico: melodie di 8 battute (dettati di R. Ruggieri) o brevi frammenti melodici (lick) in stile classico e moderno (pentatonica maggiore e minore) in tonalità (maggiori e minori) fino a 4-5 alterazioni 2. Dettato ritmico: figurazioni tratte dal testo. D. Agostini “Vol.1”, tutto – “Vol.2”, approfondimento dei tempi composti 3. Riconoscimento di bicordi concatenati, in stile isoritmico (semibreve contro semibreve) e fiorito (dettato a 2 voci) 4. Dettato Armonico: a. Rivolti delle triadi su nota data b. Accordi di settima di I–II–III e IV specie. 5. Dettato di funzioni armoniche: Brevi sequenze armoniche (4-8 battute) costruite sui giri armonici più diffusi anche con uso di rivolti (in varie tonalità maggiori e minori). Per tale scrittura si utilizzerà la notazione slash e ritmica con le sigle degli accordi. Trascrizioni di facili brani con armonia triadica tratti dal repertorio pop nazionale ed internazionale con l’utilizzo della notazione slash e ritmica con siglatura degli accordi da realizzare a casa con l’utilizzo dello strumento. Nell’arco dell’anno si inviteranno gli allievi a prestare attenzione anche a groove ritmici di batteria ed eventuali riff di basso, provando a trascriverli.

TEORIA Classificazione dei Tempi: - tempi irregolari semplici: numeratore 5-7 - Tempi irregolari composti: numeratore 15-21

13 14 © Saint Louis College of Music

15


CORSO PRE-ACCADEMICO

CORSO PRE-ACCADEMICO

varie tonalità maggiori e minori). 7. Per tale scrittura si utilizzeranno tre righi: Primo rigo per la Lead voice Secondo rigo per la notazione slash e ritmica con le sigle degli accordi Terzo rigo per i bassi Trascrizioni di brani con triadi e accordi di settima (eventuali prime estensioni) tratti dal repertorio pop, funk, fusion etc. nazionale ed internazionale con l’utilizzo della notazione slash e ritmica con siglatura degli accordi, da realizzare a casa con l’utilizzo dello strumento. Sarà opportuno trascrivere anche la melodia, la ritmica di batteria e la linea di basso. (Analisi della melodia).

- Relazioni esistenti tra tempi irregolari semplici e composti Analisi dei tempi in base a: - Unità di misura (o battuta) - Unità di tempo (o di movimento o di divisione) - Unità di suddivisione ( di primo e secondo grado) Le figure irregolari: - Terzine in due e quattro tempi o Sestine - Duine - Quartine - Quintine (in un tempo) - Settimine (in un tempo) Abbreviature e segni convenzionali Abbellimenti (cenni) Andamenti Musicali Tempi derivati e subordinati Segni dinamici e d’espressione

DISCORSO MUSICALE - Ritmica e metrica - Inciso, semifrase, frase e periodo o Ictus iniziali e finali, note di approccio diatonico (Diatonic approach note) Note di approccio cromatico (Chromatic approach note) Nota di approccio cromatico doppio (Double chromatic approach note) Note di circondamento (Delayed resolution) Nota di tensione con risoluzione verso una nota cordale (Hi-Lo) Note di estensione dell’accordo (Unresolved tension) La modulazione nella melodia Analisi delle cadenze melodiche

MONTE ORE Frequenza ordinaria: 36 h Frequenza long-distance: 18 h

MONTE ORE

Prova orale: solfeggi parlati, cantati e ritmici a prima vista Prova scritta: verifica, sotto dettatura, degli argomenti di ear training esposti nel programma

ESAME

Frequenza ordinaria: 36 h Frequenza long-distance: 18 h

Prova orale: solfeggi parlati, cantati e ritmici a prima vista Prova scritta: verifica, sotto dettatura, degli argomenti di ear training esposti nel programma

EAR TRAINING 3

ANALISI RITMICA PROGRAMMA DIDATTICO

SOLFEGGIO 1. Solfeggio Parlato: N. Poltronieri, “Vol.II” 2. Solfeggio ritmico: D. Agostini, “Solfeggi sincopati Vol.I” 3. Solfeggio cantato: A.Solimene, “Solfeggi cantati in stile classico e moderno” (prima metà) 4. Solfeggi cantati con il metodo del DO mobile Ear training

DOCENTI

Claudio Mastracci Gianni Di Renzo

PRE-REQUISITI

EAR TRAINING

Esame di teoria e solfeggio (corso preparatorio) o esame di ammissione

1. Riconoscimento dei seguenti intervalli melodici e armonici (Bicordi): - Nona maggiore e minore - Decima maggiore e minore - Undicesima giusta e aumentata o Dodicesima giusta - Tredicesima maggiore e minore 2. Dettato melodico: melodie di 8 battute con modulazioni ai toni vicini (dettati di R. Ruggieri) o brevi frammenti melodici (lick) in stile classico e moderno (pentatonica maggiore e minore, scala blues e modi) in tutte le tonalità 3. Dettato modale Tutti i modi della scala maggiore - la scala ottofonica (ST e TS) e esatonale 4. Dettato ritmico: figurazioni tratte dal testo di D. Agostini, “Solfeggi sincopati Vol.I” 5. Dettato Armonico: a. Rivolti degli accordi di settima di I – II – III e IV specie su nota data b. Tutti gli accordi di settima 6. Dettato di funzioni armoniche con lead voice e basso: Brevi sequenze armoniche (4-8 battute) costruite sui giri armonici più diffusi con accordi di settima anche con uso di rivolti (in

PROGRAMMA - Studio della Pulsazione, Mini-Pulse e Macro-Pulse - Tavola dei Valori Musicali - Studio della Coordinazione e Rappresentazione della Pulsazione e delle Mini-Pulsazioni - Pratica della Scrittura e Lettura Musicale in Tempi Semplici e in Tempo Tagliato - Suddivisioni Semplici (Binarie) e Composte (Ternarie) - Simboli Musicali - Lettura della Partitura - Conversione Swing (Forma Ternaria) delle Notazioni Musicali Binarie - Lettura ed Interpretazione Swing della Partitura.

MONTE ORE Frequenza ordinaria: 36 h

ESAME

Verifica del Programma

16

13 14 © Saint Louis College of Music

ESAME

13 14 © Saint Louis College of Music

17


CORSO PRE-ACCADEMICO

CORSO PRE-ACCADEMICO

LABORATORIO DI MUSICA D’INSIEME

COMBO E ORCHESTRA DOCENTI

Antonio Affrunti Annamaria Angelucci Giacomo Anselmi Elisabetta Antonini Michel Audisso Diego Caravano Claudio Colasazza Stefania Del Prete Gianni Di Renzo Lorenzo Feliciati José Fiorilli Cristiano Mastroianni Eddy Palermo Alessandra Piroddi Daniele Pomo Andrea Rosatelli Stefano Sabatini Antonio Solimene William Stravato Nico Stufano Franco Ventura Federica Zammarchi

DOCENTI

Antonio Solimene

COMBO E ORCHESTRA 1 PROGRAMMA DIDATTICO PRE-REQUISITI Tecnica e Repertorio 2, Sezione Fiati 2 Ammissione su audizione

PROGRAMMA Un percorso pratico professionalizzante, in cui la sezione fiati incontra la ritmica e la voce, confrontandosi con un repertorio variegato e sempre più impegnativo. Dalla creazione dell’ensemble e del suo suono d’insieme alla messa a punto del repertorio, fino alla performance sul palco, lo studente si confronta con ogni singolo aspetto di questi ensemble di stampo classico, che lasciano però spazio a un repertorio originale e innovativo, a arrangiamenti proposti dagli studenti stessi, a collaborazioni interdisciplinari con gli altri dipartimenti della scuola.

I docenti disponibili variano di anno in anno

PROGRAMMA DIDATTICO

PRE-REQUISITI

Le formazioni: Saint Louis Combo: 3 Sax, 2 trombe, 1 trombone, ritmica (pianoforte, chitarra, basso e batteria), 1/2 voci Saint Louis Big Band (Orchestra): 5 Sax, 5 trombe, 4 tromboni, Ritmica (pianoforte, chitarra, basso e batteria), 1/2 voci

Si accede ai Laboratori di Musica d’Insieme tramite Audizione, nel mese di ottobre.  Le audizioni si suddividono in due ampie categorie: Jazz e Pop/Rock.

Le due formazioni vengono spesso coinvolte in performance professionali di ambito nazionale, in prestigiosi club o festival.

PROGRAMMA

Maggiori informazioni su: http://www.slmc.it/it/scuola-di-musica-jazz-e-pop/orchestre-residenti/sl-big-band

I laboratori di Musica d’Insieme si svolgono in piccoli gruppi di studenti, formati dalla Commissione sulla base della prova di ammisione, per costituire una band completa affidata alla guida di un docente. I gruppi formati si esibiranno durante l’anno, con il proprio repertorio, negli eventi organizzati dal Saint Louis nei maggiori club e festival di Roma:  - Lab on the Road - appuntamento settimanale, da gennaio a giugno - Gigs e Simply the Best - rassegne di metà e fine anno

MONTE ORE Frequenza ordinaria: 24 h

ESAME

Performance live in itinere e finale

MONTE ORE Frequenza Ordinaria: 40 h Frequenza Long-distance: min. 32 h

ESAME Performance live in itinere e finale all’interno degli eventi Saint Louis con votazione finale a far media sul percorso generale dello studente. Lo studente che non viene giudicato idoneo o supera il numero massimo di assenze consentite dovrà ripetere lo stesso livello l’anno successivo.

18

13 14 © Saint Louis College of Music

13 14 © Saint Louis College of Music

19


CORSO PRE-ACCADEMICO

CORSO PRE-ACCADEMICO

MUSIC TECHNOLOGY

STORIA DELLA MUSICA 1 ANNUALITA’ A SCELTA TRA STORIA DEL ROCK - STORIA SOCIALE DEL JAZZ - ANALISI E PRATICA DEI LINGUAGGI MUSICALI - ASCOLTI GUIDATI

DOCENTI

Luigi Zaccheo Luca Spagnoletti

STORIA DEL ROCK MUSIC TECHNOLOGY

PROGRAMMA DIDATTICO DOCENTI Marco Manusso

PROGRAMMA DIDATTICO PROGRAMMA DIDATTICO

PRE-REQUISITI Esame di ammissione

PRE-REQUISITI Nessuno

PROGRAMMA - caratteristiche specifiche del protocollo MIDI - utilizzazione esperta del protocollo MIDI - conoscenza ed uso dei software di sequencer CUBASE - analisi strutturale di un brano musicale MIDI - programmazione di tracce ritmiche - programmazione di strumento guida - programmazione step by step e real time - arrangiamento di un brano musicale MIDI - pratica con midi mixer - creazione e arrangiamento di un brano musicale MIDI - tecniche di sintesi del suono con l’ausilio di software di editing per sintetizzatori e campionatori - sistemi di registrazione audio - codici di sincronismo - nozioni teoriche di Hard Disk Recording - come si registra l’audio digitale - software hardware - sistemi software - editing di forma d’onda attraverso software di wave editors - editing distruttivo e non distruttivo - i plug-in - intero ciclo produttivo: dalla creazione alla masterizzazione

PROGRAMMA Il blues, Robert Johnson, il padre del blues, Il rhythm & blues, Il boogie-woogie, Il country-western, le classifiche dal 1946 al 1969. Approfondimenti: Nascita del rock’n’roll; il fenomeno Elvis Presley; gli imitatori; i gruppi vocali; Ray Charles; i Beatles; i Rolling Stones; la “guerra” sonora tra Beatles e Beach Boys; il 1967; le uscite discografiche mese per mese; il fenomeno Sgt. Pepper’s brano per brano; Psichedelia; Jimi Hendrix (R&B + psichedelia); il ’67 in Italia: i complessi; il White Album brano per brano; il festival di Woodstock. Video: Robert Johnson, Documentari di Martin Scorsese sul blues, Estratti dal film “Ray” (biografia di Ray Charles), Woodstock il film.

MONTE ORE Frequenza ordinaria: 40 h

ESAME

Verifica scritta del programma svolto

STORIA SOCIALE DEL JAZZ PROGRAMMA DIDATTICO DOCENTI

MONTE ORE Frequenza ordinaria: 16 h

Adriano Mazzoletti

PROGRAMMA DIDATTICO

ESAME

Verifica del Programma

PRE-REQUISITI Nessuno

PROGRAMMA Fra Africa ed Europa Nel Nuovo Mondo Voci nere nell’America bianca L’era del Ragtime I giorni del Blues New Orleans fra Fanfare, Marchin’ Bands e Jazz Bands Nasce l’era del Jazz Dal South Side di Chicago a Broadway Harlem

20

13 14 © Saint Louis College of Music

13 14 © Saint Louis College of Music

21


CORSO PRE-ACCADEMICO

CORSO PRE-ACCADEMICO

ASCOLTI GUIDATI L’ARTE DELLA COMPOSIZIONE

Le grandi orchestre Inizia l’era dello Swing Il jazz conquista il mondo Termina la Swing Era

DOCENTI Gianluca Podio

MONTE ORE PROGRAMMA DIDATTICO

Frequenza ordinaria: 45 h

ESAME

Verifica del Programma

PRE-REQUISITI Nessuno

PROGRAMMA

ANALISI E PRATICA DEI LINGUAGGI MUSICALI DAL CANTO GREGORIANO A SCHOENBERG DOCENTI Alessandro Cusatelli

PROGRAMMA DIDATTICO

La polifonia La musica strumentale ed il repertorio sinfonico L’Opera ossia il testo in musica Il novecento storico Musica d’oggi Analisi delle più importanti opere dei grandi maestri della composizione alla luce dei concetti principali dell’elaborazione creativa e della composizione musicale. Con contributi audio e video.

MONTE ORE Frequenza ordinaria: 30 h

PRE-REQUISITI Nessuno

ESAME

Verifica scritta del programma svolto

PROGRAMMA Un viaggio nella musica colta attraverso più di un millennio, in cui ogni tappa è caratterizzata da un linguaggio, dal protagonista di un’epoca e dalle forme musicali emergenti nel periodo storico di riferimento. Sedici lezioni/ascolti, in cui le informazioni teoriche e storiche sono la chiave per accedere e comprendere un’evoluzione di pensiero costante e in continua trasformazione: un’esperienza formativa indispensabile – e stimolante – per chi non voglia più considerarsi estraneo ad uno dei bagagli culturali più importanti della nostra civiltà. Modi gregoriani ed ars antiqua Il Cinquecento: Mottetto palestriniano e Madrigale Bach il Corale e la Fuga alla fine del sec. XVII Origini della forma sonata: le suites strumentali, la sonata scarlattiana Haydn e il classicismo Evoluzione della forma sonata: Mozart La Sinfonia ed il Concerto solista Beethoven 1: due sonate a confronto; Beethoven 2: due sinfonie a confronto Nascita del Romanticismo: Schubert e il Lied Il pianoforte protagonista di un epoca: F. Chopin Sviluppo dell’ideale romantico: Robert Schumann La restaurazione conflittuale di J. Brahms L’ ottocento in Italia: Verdi e il melodramma R. Wagner, l’epilogo del romanticismo e il Dramma musicale Debussy e il superamento del sistema tonale Il Novecento come espressione del nuovo: Igor Stravinskij La seconda scuola di Vienna: Schönberg e il sistema dodecafonico

MONTE ORE Frequenza ordinaria: 24 h

ESAME

Verifica scritta del programma svolto

22

13 14 © Saint Louis College of Music

13 14 © Saint Louis College of Music

23


Pre accademico%20 %20sax