Page 1

PORTFOLIO Exhibition design

SAHEL REZAZADEH ARDEBILI


INDICE

OASI ALLESTIMENTI

INTERNSHIP

3-12

31-32

BARBERO DESIGN

UNIVERSITÀ

15-20

33-36

BSA

CONTATTI

21-24

37

TESI DI LAUREA 25-30


OASI ALLESTIMENTI Progettazione di stand e negozi Presso Oasi Allestimenti ho curato autonomamente la progettazione di oltre 50 fra negozi e corner Permaflex, gestendo la distribuzione dei pannelli grafici all’interno di ciascun negozio, impaginando di tanto in tanto anche grafiche ad hoc come insegne e totem. Ho sviluppato la progettazione di molti stand, partendo dal brief e dal budget del cliente per poi sviluppare piante e prospetti, render accattivanti, compilando la descrizione del preventivo e definendo l‘esecutivo per la falegnameria. Ho poi seguito fiere di preallestiti come Farete, Artefiera, Fiera del libro dei ragazzi e ho svolto la mansione di direzione cantiere in diverse fiere, in particolare del Cersaie e di Cosmoprof.

3


4


5


6


7


8


9


10


11


12


13


14


BARBERO DESIGN Progettazione di stand fieristici e di oggetti di industrial design Durante il tirocinio ho conosciuto il settore degli allestimenti. Ho avuto modo di affiancare il titolare dello studio progettando la grafica, il 3d, i render e gli sketch finalizzando il progetto in presentazioni powerpoint da esporre al cliente.

15

Acquerello prima variante tavolo


CONCEPT 1

CONCEPT 2

16


17 33


18


Gruppo Aturia per la fiera di Adipec è uno dei primi stand di cui ho curato il 3d ma soprattutto la proposta e l’esecutivo grafico.

19


Oltre al tema stand fieristici ho curato la progettazione di concept di oggetti di domotica. Dietro brief dell’azienda sono stati studiati svariati concept per ingentilire le forme di un innovativo strumento di purificazione dell’aria. Le proposte, ispirate al design Apple, sono state modellate in 3d e ambientate in una stanza tramite fotorender e presentate al cliente.

20


COLLABORAZIONE CON BSA Progettazione e realizzazione di Opposto, ristorante e cocktail-bar di alta gamma in centro a Torino Opposto, inaugurato il 3 maggio 2016, è entrato subito a far parte dei locali più di tendenza della città. Ogni singolo componente del locale è stato realizzato appositamente per questo progetto, rendendolo unico in molte sue parti. Il tessuto che riveste la parete principale è disegnato in funzione dell’estetica del suo rovescio, rendendo l’effetto finale materico e astratto. L’ illuminazione è garantita un sistema magnetico di snodi metallici privi di saldature, distribuendo gli impianti di illuminazione a vista in tutte le sale e correggendole acusticamente. A metà percorso progettuale si è deciso di separare la parte prettamente di design da BSA, fondando Quadrilatero, gruppo di designer di diverse formazioni, che disegna e realizza i propri oggetti per un pubblico che apprezza il design legato alle più alte lavorazioni artigianali italiane, in tiratura limitata o unica.

Una selezione degli studi compositivi del parapetto

21


Le ringhiere della scala che porta al primo piano sono dei telai in ferro tamponati da un disegno a maglie ortogonali di corde intrecciate tra loro, seguendo la tipologia delle impagliature delle vecchie sedute. Il percorso per arrivare alla soluzione finale ha visto lo studio di molte varianti compositive e cromatiche.

22


COLLABORAZIONE CON BSA Progettazione e realizzazione della lampada da bancone per Opposto La lampada da bancone, una “gabbia” di metallo nero su cui sono stati intrecciati dei fili di lana, è stata progettata e realizzata su misura per Opposto. Le piastre ad anello della struttura sono state tagliate al laser. Quindici tondini di ferro lunghi 260 cm sono stati fissati alle piastre trasversali tramite microsaldature. La struttura è stata poi portata nel laboratorio del maestro annodatore Afshin Ebrahimi. il quale, sotto indicazione dello Studio, ha avvolto la lampada con tre tonalità di fili di lana persiana rossa e tre di lana beige, impiegati usualmente per tessere o per riparare i prestigiosi tappeti persiani. L’effetto finale della lampada trasmette una sensazione piacevole di leggerezza e di artigianalità.

Studi cromatici dell’intreccio di lana

Fili di lana persiana, cardata e filata a mano, con utilizzo di pigmenti naturali come il rosso della radice di robbia

Lavorazione artigianale del maestro tessitore Afshin Ebrahimi


24


TESI DI LAUREA Interior design per la sanità di Dubai Dopo l’esperienza positiva effettuata con Studio Altieri nel cantiere dell’ospedale pediatrico Al Jalila, si è deciso di proseguire il rapporto di lavoro con lo Studio andando ad intervenire sul progetto dell’arredo dell’atrio dell’ospedale stesso. La tesi ha raccolto dapprima i principi del bambino in ospedale, oltre che al parere di esperti educatori e medici. Sono state analizzate le circostanze culturali della civiltà araba e sono stati presi come punto di riferimento gli ospedali pediatrici più all’avanguardia del mondo. Con un background solido alle spalle, sono stati individuati i tre temi da progettare: rivestimento colonne, progettazione dell’area di attesa e rivalutazione dell’area dell’aiuola interna. Sono stati sviluppati i concept per ogni tema, ispirandosi all’habitat e alle tradizioni emiratine, come le mangrovie costiere e il profilo del giardinetto della nave dhow. Infine, i concept sono stati completati da disegni costruttivi e da render di ambientazione.

Copertina della tesi.

Le zone dell’atrio oggette al restyling: la sala d’attesa, il rivestimento delle colonne e la superficie dell’aiuola.da demolire.

25

SItuazione prima dell’intervento


Proposta del concept “The Labyrinth”

Ispirazione concept Il labirinto, inteso come un luogo piacevole dove poter provare emozioni attraverso l’atto della ricerca.

Render del concept

26


Ispirazione concept: Pattern di duna e perla stilizzati, già usati come brise soleil sulle facciate dell’edificio.

Concept: Pearl and dune column

Ispirazione concept: Il grattacielo, simbolo della tipologia architettonica moderna emiratina

Concept: Mirror column

Ispirazione concept: La parete verde che infonde benessere psicologico in qualitĂ di giardino terapeutico

Concept: Green column

27


Ispirazione concept Gli Emirati sono una nazione giovane dal punto di vista demografico: il 51,1% della popolazione rientra sotto i 20 anni. L’ospedale pediatrico è un luogo frequentato da bambini, una giusta chiave di lettura è pensare con il loro punto di vista.

Render del concept

Proposta del concept “The Green door”

28


Ispirazione concept Le mangrovie fanno parte dell’habitat naturale degli Emirati Arabi. Tra le loro insenature, in passato, venivano pescate le ostriche da perla, commerciate in Europa e in India.

29

Render del concept

Proposta del concept “The Light door�


Ispirazione concept La nave Dhow veniva realizzata interamente in legno. Rappresenta la tipica imbarcazione emiratina, anticamente utilizzata per il commercio, oggi impiegata per il turismo e le regate storiche.

Render del concept

Proposta del concept “The Water door�

30


INTERNSHIP Interventi di interior design presso l’ ospedale Pediatrico Specializzato Al Jalila a Dubai (UAE) Il tirocinio curricolare si è svolto negli uffici del cantiere dell’ospedale pediatrico di Al Jalila a Dubai. Durante questo periodo ho progettato autonomamente due panchine in legno dall’aspetto childfriendly, andate in produzione e ora installate all’interno dell’ospedale. Ho rappresentato lo Studio nelle riunioni con i fornitori, controllando il progresso e la qualità di fabbricazione di infissi e del marmo da installare in cantiere. Ho inoltre svolto l’ attività di controllo in cantiere per seguire gli sviluppi dei dettagli architettonici. Ho elaborato la grafica e dei bambini mascotte per una presentazione powerpoint, usata in più occasioni dallo Studio.

Illustrazioni childfriendly e studio della grafica della prima slide

31


Realizzazioni delle panchine e fase di montaggio in cantiere

32


DISEGNO PER IL DESIGN Rappresentazione di un milkshaker L’obiettivo di questo primo esame sostenuto all’università è stato quello di fornire gli strumenti culturali e tecnici per la rappresentazione/comunicazione delle caratteristiche geometriche, funzionali, espressive e tecniche del prodotto. Sotto indicazione del docente è stato scelto un elettrodomestico presente in casa, al fine di rappresentarne la natura, le dimensioni, l’usabilità e l’espressività attraverso tecniche di rappresentazione manuali.

33


34


EXHIBIT and RETAIL DESIGN Redesign degli espositori per Aurora Penne Stilografiche L’ esame è stato redatto in collaborazione con Aurora Penne Stilografiche e Strumenti di Scrittura. Inizialmente, insieme all’azienda, sono stati evidenziati i problemi del corredo di vecchi espositori presenti negli store in tutto il mondo. Successivamente è stato redatto un intenso studio dei competitor dal punto di vista estetico e funzionale, per poi arrivare a delineare un concept che rispecchiasse l’identità dell’azienda. Parallelamente sono stati eseguiti i calcoli di statica e di illuminazione, necessari per un progetto completo a 360 gradi.

Ambientazione arredo attuale

Vecchi espositori

Concept:

35

Nuova linea espositori


CONCEPT DI ILLUMINAZIONE ESPOSITORI

COLLOCAZIONE DEGLI APPARECCHI NEGLI ESPOSITORI

APPARECCHI DI ILLUMINAZIONE

CARATTERISTICHE TECNICHE

FOTOMETRIE

CALCOLI FOTOMETRICI

36


CONTATTI sahel_rzz@yahoo.it +39 3494416740 Skype: sahel092

Autorizzo il trattamento dei miei dati personali, ai sensi del D.lgs. 196 del 30 giugno 2003

Portfolio 2018  
Portfolio 2018  
Advertisement