Page 59

6. Coordinate di viaggio geo-settoriali

Fig. 28 Esportazioni di meccanica strumentale in Brasile e Cile Brasile

Cile

2.000 1.800 1.600

Milioni EUR

1.400 1.200 1.000 800 600 400 200 0 2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

Fonte: SACE.

Prodotti in rame: le opportunità del mercato tunisino L’investimento in progetti di sviluppo in Tunisia guida le esportazioni italiane di metalli, che nel 2010 cresceranno in valore del 30%, raggiungendo circa i 400 milioni di euro. Nonostante il livello assoluto non sia molto elevato, le prospettive sono favorevoli. La dinamica positiva infatti proseguirà negli anni successivi e, seppure con tassi di crescita più contenuti rispetto al passato (9%, in media, nel periodo 2011-14) le vendite supereranno il mezzo miliardo di euro (Fig. 29). Nel settore spiccano le esportazioni di prodotti in rame, cavi in particolare, che nei primi otto mesi del 2010 hanno registrato una crescita del 134%, raggiungendo un peso del 38% dell’export italiano di metalli nel paese, dal 24% dello stesso periodo del 2009.

La domanda di rame guida l’export di metalli in Tunisia.

La domanda crescente di prodotti in rame è stimolata dai piani di ammodernamento in diversi settori dell’economia. Il governo tunisino prevede infatti, nei prossimi dieci anni, di ristrutturare la rete ferroviaria, che si estende per 2100 km, ma è tuttavia caratterizzata da scarsa efficienza operativa. Inoltre la Tunisia è coinvolta nel progetto High Speed Maghreb Rail Network, per la creazione di una ferrovia ad alta velocità che connetterà il paese con il resto del Maghreb. Nel settore delle energie rinnovabili, da dicembre 2009 è attivo un programma, Tunisian Solar Plan, che prevede di aumentare la quota di tali forniture energetiche dallo 0,4% nel 2008, al 10% nel 2020. Nel Tunisian Solar Plan,

57

SACE Rapporto export 2010-2014  

Le prospettive per le esportazioni italiane

SACE Rapporto export 2010-2014  

Le prospettive per le esportazioni italiane