Page 33

3. Geografie nuove e di sempre

Fig. 13 Evoluzione della domanda privata nei paesi dell’Europa Emergente 2010

2009

15

2011

Tassi di var. %

10 5 0 -5 -10 -15 -20

Ungheria

Bulgaria

Romania

Rep.Ceca

Polonia

Slovacchia

Media Europa Emergente

Russia

Turchia

Fonte: FMI.

Nell’area si registra una forte eterogeneità nella ripresa, con Turchia e Russia best performer del 2010. In entrambi il sistema bancario ha tenuto, seppure in modo differente. Se la Turchia ha beneficiato di un settore finanziario solido, grazie all’intervento del FMI dopo la crisi del 2001, la Russia ha evitato il crollo del sistema con l’intervento statale10, a salvataggio del deterioramento della qualità degli asset11 detenuti dalle banche. I flussi di investimenti netti sono ripresi in entrambi i paesi, grazie alla ritrovata fiducia dei mercati. La ripresa tra i paesi emergenti dell’UE riflette invece il diverso impatto della recessione e la “maturità” delle economie: Polonia, Repubblica Ceca e Slovacchia hanno subito ripercussioni meno profonde e stanno mostrando tassi di crescita del PIL sostenuti rispetto al resto dell’area. Bulgaria, Romania e Ungheria hanno risentito dei forti squilibri macroeconomici di base e dell’incapacità delle autorità di intervenire in modo incisivo in fase di crisi. Il consolidamento della ripresa non è previsto prima del 2011 e dipenderà dalla capacità dei governi di apportare cambiamenti strutturali alle proprie economie12.

Russia e Turchia sul podio degli emergenti per l’export italiano.

La dinamica dell’export italiano in Europa Emergente riflette l’andamento complessivo dell’economia dell’area. A fronte di una contrazione delle esportazioni totali di beni in valore di oltre il 30% nel 2009, la stima per il 2010 è di un aumento dell’8,4% (Fig. 14) con previsioni simili per il 2011 (8,7%). Si tratta del nostro secondo mercato di sbocco, grazie alla vicinanza geografica e culturale, con una quota media del 12%, invariata tra il 2009 e fino al 2011 sul totale Lo Stato è intervenuto iniettando liquidità nell’economia attraverso le maggiori banche pubbliche. Elevata quota dei non-performing loans (9% dei total loans) e bassa redditività (ROE 4,9%). 12 La media di crescita del PIL per Polonia, Repubblica Ceca e Slovacchia è -2,4% nel 2009 e 3,2% nel 2010, mentre la media di crescita del PIL per Bulgaria, Romania e Ungheria è -6,1% nel 2009 e -0,4% nel 2010. 10 11

31

SACE Rapporto export 2010-2014  

Le prospettive per le esportazioni italiane

SACE Rapporto export 2010-2014  

Le prospettive per le esportazioni italiane