Page 23

Indicazioni positive provengono dai processi di internazionalizzazione “più attiva”. I flussi netti di investimenti diretti all’estero (IDE) italiani si sono infatti attestati, nel 2009, oltre i 31 miliardi di euro, un livello più alto di quello dell’anno precedente. Il dato è in controtendenza con quello globale. Gli IDE mondiali in uscita hanno subito una riduzione del 43% a 790 miliardi di euro. La flessione è stata generalizzata nei paesi sviluppati. La performance italiana va contestualizzata in rapporto alla dimensione delle nostre imprese più bassa di quella dei paesi competitor6. Le previsioni sono tuttavia in aumento, con investimenti italiani all’estero su livelli superiori a 33 miliardi di euro fino al 2014. Questo consentirà un’ulteriore diversificazione degli sbocchi nei mercati più lontani. Vi saranno cambiamenti anche nella struttura settoriale delle esportazioni. Si prevedono dinamiche di crescita differenziate per i raggruppamenti principali di industrie, con i beni intermedi – che guidano l’attuale ripresa – a registrare la dinamica più veloce, seppure con previsioni di graduale frenata negli anni successivi (Fig. 6). Anche la crescita dell’export dei beni di investimento, in valore, sarà intensa, pur non raggiungendo i ritmi a due cifre registrati nel biennio 2006-2007; tale crescita sarà compresa tra il 9% e il 10%, in media, nel biennio 2010-2011 per poi livellarsi al 7%. L’evoluzione sarà, invece, inferiore per le merci agricole con tassi di crescita di poco inferiori (5,5% circa in media) a quelli medi storici e caratterizzati da una bassa variabilità. Per i beni di consumo lo sviluppo dell’export difficilmente supererà tassi del 5% nell’orizzonte previsivo. Tali dinamiche implicano l’aumento del peso dei beni di investimento e intermedi (rispettivamente al 41,5% e 29,9% nel 2014), compensate per lo più da una riduzione nella quota sulle esportazioni totali dei beni di consumo.

6

Buone le prospettive per gli IDE italiani in crescita.

Cresce il peso di beni di investimento e intermedi.

Cfr., in particolare, Barba Navaretti, Bugamelli et alii (2010).

21

SACE Rapporto export 2010-2014  

Le prospettive per le esportazioni italiane

SACE Rapporto export 2010-2014  

Le prospettive per le esportazioni italiane