Page 1

HEARST INTERNATIONAL MAGAZINE OF THE YEAR

Magazine internazionale di design e tendenze arredamento e stili di vita architettura e arte English text

SALONE DEL MOBILE 2019

Aprile 2019 Anno 30 n. 4 Mensile Poste Italiane S.p.A. Sped. in A.P. - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n°46) art.1, comma 1, DCB Milano

DESIGN VISION

MILANO, FIRENZE, NAPOLI, MEXICO CITY Quattro residenze dove spazio, architettura e decorazione guardano avanti MAPPAMONDO I progetti oltreconfine firmati Arad, Herkner, Deltour PEOPLE Stefano Boeri e Joseph Grima: il design che verrà IN TOUR Negli interni milanesi dei grandi maestri ELLE DECOR AT WORK A Palazzo Bovara l’ufficio di domani PREVIEW Tutte le anteprime della Design Week


Hearst Magazines Italia S.p.A. via R. Bracco 6, 20159 Milano - Tel. 02.6619.1

Direttore responsabile

Livia Peraldo Matton lperaldo@hearst.it Caporedattore centrale Filippo Romeo — fromeo@hearst.it Consulente alla direzione Rosaria Zucconi (interni e travel) — rzucconi@hearst.it Direttore artistico Valeria Settembre — vsettembre@hearst.it Redazione Francesca Benedetto (interni, travel, people) — fbenedetto@hearst.it Tamara Bianchini — tbianchini@hearst.it Murielle Bortolotto — mbortolotto@hearst.it Paola Carimati (design e tendenze) — pcarimati@hearst.it Valentina Raggi — vraggi@hearst.it Redazione grafica Mariapia Coppin (vice caporedattore) — mcoppin@hearst.it Elena Santangelo (caposervizio) — esantangelo@hearst.it Carlo D’Amico (impaginazione) — cdamico@hearst.it Photoeditor Vivetta Rozza — vrozza@hearst.it Segreteria Elena Contardi (direzione, amministrazione) — econtardi@hearst.it Roberta Salvioni (redazione, produzione) — rsalvioni@hearst.it Collaboratori Piera Belloni, Porzia Bergamasco, Sebastiano Brandolini, Flavia Giorgi, Laura Maggi, Costanza Manzoni, Elisa Ossino Studio, Bianca Scotto, Simona Silenzi Studio, Arianna Lelli Mami e Chiara Di Pinto/Studiopepe, TDR Translation Company Fotografi Simone Bossi, Federico Cedrone, Andrea Ferrari, Giovanni Gastel, Stefania Giorgi, Ivar Kvaal, Alessandro Paderni, Paola Pansini, Giorgio Possenti, Alberto Strada, Andres Valbuena, Max Zambelli Progetto grafico Designwork Digital Massimo Russo (Chief Digital Officer Western Europe) — massimo.russo@hearst.it Francesco Magnocavallo (Digital Editorial Director) — fmagnocavallo@hearst.it Luca Lanzoni (Digital Fashion Director) — llanzoni@hearst.it elledecor.it Alessandro Valenti (Digital Director) — webmanager@hearst.it Carlotta Marelli — cmarelli@hearst.ch Rita Salerno — rita.salerno@hearst.ch Direzione, redazione e amministrazione via R. Bracco 6, 20159 Milano, tel. 02.6619.3375 — 02.6619.2774, fax 02.6619.3862 e-mail segreteria di redazione: econtardi@hearst.it — rsalvioni@hearst.it Direttore responsabile: Livia Peraldo Matton Editore Hearst Magazines Italia S.p.A., via R. Bracco 6, 20159 Milano Registrazione presso il Tribunale di Milano n. 46 del 18 gennaio 1990 Elle Decoration Network 25 Edizioni Internazionali CHINA — CROATIA — DENMARK — FRANCE — GERMANY — GREECE HOLLAND — INDIA — INDONESIA — ITALY — JAPAN — KOREA — MEXICO MIDDLE EAST — PHILIPPINES — POLAND — RUSSIA — SOUTH AFRICA SPAIN — SWEDEN — TAIWAN — THAILAND — TURKEY — UK — USA ELLE DECOR ITALIA ISSN 1120-4400 is published 10 times per year (except January and August) by HEARST MAGAZINES ITALIA SPA via R. Bracco 6, 20159 Milano - Italia


Hearst Magazines Italia Spa via R. Bracco 6, 20159 Milano - tel. 02 6619 1

PUBLISHING DIRECTOR DECORATION BRANDS Roberta Battocchio, rbattocchio@hearst.it SENIOR BRAND MANAGER Francesca Scarpelli, fscarpelli@hearst.it BRAND MANAGER Luana Bescapè, lbescape@hearst.it ELLE DECOR® è un marchio di Hachette Filipacchi Presse (H.F.P.) e una testata di Hearst Magazines Italia S.p.A. Tutti i diritti riservati ©HEARST MAGAZINES ITALIA SPA P. IVA 12212110154 - via Roberto Bracco 6 - 20159 Milano - Italy HEARST MAGAZINES ITALIA SPA pubblica: Gente, Gente Enigmistica, Enigmistica Mese Gente, Gente Puzzle, Gente Speciali, Cosmopolitan, cosmopolitan.it, Elle, Elle Gourmet, Elle Kids, Elle Sfilate, Elle Spose, Elle Spose Collezioni, Very Elle Beauty & Fit, Very Elle Shopping Accessori, elle.it, Elle Decor Italia, elledecor.it HMC ITALIA SRL pubblica: Marie Claire, Marie Claire 2 Bellezza, Marie Claire Bis Sfilate, Marie Claire Enfants, Marie Claire #Likes, Marie Claire Maison, marieclaire.it GLOBAL DECORATION BUSINESS UNIT DIRETTORE GENERALE Roberta Battocchio, rbattocchio@hearst.it DIRETTORE COMMERCIALE Enrico Vecchi, evecchi@hearst.it DIRETTORE PROGETTI SPECIALI Alessandro Saibene, asaibene@hearst.it COORDINAMENTO EDITORIALE Cinzia Scacchetti, cscacchetti@hearst.it COORDINAMENTO DIGITAL & NEW BUSINESS Alessandro Tota, webarredo@hearst.it ADVERTISING ITALIA DIRETTORE GENERALE Marco Cancelliere, mcancelliere@hearst.it DIRETTORE COMMERCIALE MODA Roberta Gamba, rgamba@hearst.it DIRETTORE COMMERCIALE BEAUTY & PHARMA Claudio Brenna, cbrenna@hearst.it DIRETTORE COMMERCIALE GRANDI MERCATI E CENTRI MEDIA Alberto Vecchione, avecchione@hearst.it LOMBARDIA MODA + ESTERO DIRETTORE VENDITE Simone Silvestri, ssilvestri@hearst.it TRIVENETO E MANTOVA DIRETTORE VENDITE Massimiliano Fusi, mfusi@hearst.it. EMILIA ROMAGNA, MARCHE, ABRUZZO E MOLISE DIRETTORE VENDITE Sisto Casalini, scasalini@hearst.it CENTRO SUD DIRETTORE VENDITE Massimo Scirocco, mscirocco@hearst.it PIEMONTE, LIGURIA E VALLE D’AOSTA Adv SpazioErre Srl - Andrea Ravetta, a.ravetta@advspazioerre.it GRANDI MERCATI LOMBARDIA AGENTE COORDINATORE Daniel Davide, davideagenpubb@hearst.it INTERNATIONAL ADVERTISING Robert Schoenmaker - Tel. 02/6269.4441 HEARST MAGAZINES INTERNATIONAL Kim St. Clair Bodden (Senior Vice President, Editorial Director) HEARST MAGAZINES ITALIA SPA Troy Young (Presidente) Giacomo Moletto (Amministratore Delegato e Direttore Generale) Simon Horne, Marcello Sorrentino, Debi Chirichella (Amministratori) TRADEMARK NOTICE Elle® and Elle Decor™ are used under license from the trademark owner, Hachette Filipacchi Presse LAGARDÉRE ACTIVE Denis Olivennes (Chairman and CEO Lagardère Active) Constance Benqué (CEO ELLE France & International) François Coruzzi (CEO ELLE International Media Licenses) Sylvie De Chirée (Brand Management of Elle Decoration) Valéria Bessolo Llopiz (SVP/International Director of ELLE & Elle Decoration) Mickael Berret (SVP/Director of International Media Licenses, Digital Development & Syndication) Linda Bergmark (Editorial Executive of Elle Decoration) Flora Régibier (Marketing Executive of Elle Decoration) Audrey Schneuwly (Syndication Coordinator) INTERNATIONAL AD SALES HOUSE: LAGARDÈRE GLOBAL ADVERTISING François Coruzzi (CEO) Stéphanie Delattre (SVP/International Advertising, stephanie.delattre@Lagardere-Active.com) STAMPA E DISTRIBUZIONE Rotolito S.p.A. - via Sondrio 3 - Seggiano di Pioltello - 20096 Milano Per l’Italia: m-Dis Distribuzione Media S.p.A. - via Cazzaniga 19 - 20132 Milano - Tel. 02/2582 .1 Per l’estero: Johnsons International News Italia Srl - via Valparaiso 4 - 20144 Milano Tel. 02/43982263 - Fax 02/43976430 E-mail: info@johnsons.it. A causa di restrizioni doganali i gadget non vengono spediti in tutti i Paesi


Hearst Magazines Italia Spa via R. Bracco 6, 20159 Milano - tel. 02 6619 1

ELLE DECORATION CINA Room 2302, n. 193 Fu Jian Road (c) Shanghai P.R.C. ELLE DECORATION CROAZIA Radnicka Cesta 39 10000 Zagreb ELLE DECORATION DANIMARCA Aller Media A/S Postbox 420 DK-0900 København C ELLE DECORATION FILIPPINE Summit Media 6th Floor Robinsons Cybergate Tower 3, Robinsons Pioneer Complex, Pioneer St.Mandaluyong City, Manila, Philippines 1550 ELLE DECORATION FRANCIA 149, rue Anatole France, 92534 Levallois-Perret ELLE DECORATION GERMANIA Arabellastrasse 23, 81925 Munich ELLE DECOR GIAPPONE Minami-aoyama Tokyu Bldg 3-8-38 Minami-Aoyama Minato-ku Tokyo 107-0062 ELLE DECORATION GRECIA 5 Benaki Street 152 38 Chalandri ELLE DECOR INDIA 201, Nirman Kendra Off Dr E Moses Road Famous Studio Lane Mahalaxmi, Mumbai 400 011 ELLE DECORATION INDONESIA Grand Wijaya Center Jl Wijaya II No. E16-17, Jakarta 12160 ELLE DECORATION KOREA Hearst Joongang 5F, Contentree Bldg, 6-13 Nonhyundong, Gangnam-gu Seoul ELLE DECORATION MESSICO Grupo Expansion Av. Constituyentes 956 Col. Lomas Altas CP 11950, Mexico Df. ELLE DECORATION MIDDLE EAST Mantra Communications, Saint Joseph Street, Irani Building, 2nd Floor, 99 999 Achrafieh, Monot, Beirut, Lebanon ELLE DECORATION OLANDA Singel 468 1017 AW Amsterdam ELLE DECORATION POLONIA UL. Warecka 11A 00-034 Warszawa ELLE DECORATION RUSSIA 31 B Shabolovka str Entrance 6 Moscou 115162 ELLE DECOR SPAGNA C/Cardenal Herrera Oria 3 - 28034 Madrid ELLE DECORATION SUDAFRICA 105-107 Hatfield Street (Picasso building) Gardens, Cape Town 8001 ELLE DECORATION SVEZIA Box 27 706 115 91 Stockholm ELLE DECORATION THAILANDIA 7th Floor, Bangkok Post Building 136 Sunthomkosa Road Klong Toey Bangkok 10110 ELLE DECORATION TAIWAN Hearst Magazines Taiwan, 8F, No 90, Sec. 1, Jian Guo N. Road, Taipei 10491 ELLE DECOR TURCHIA Hurriyet Medya Towers 34212 Gunesli - Istanbul ELLE DECORATION UK 72 Broadwick Street, London W1F 9EP ELLE DECOR USA 300 West 57th Street, Floor 28, New York, NY 10019. In Canada i marchi ELLE (denominazione e logo) sono di proprietà di France Canada Editions e Publications Inc. INTERNATIONAL COMMERCIAL NETWORK: INTERNATIONAL COMMERCIAL DIRECTOR Nelly STREICHENBERGER - Mail: nelly.streichenberger@lagardere-active.com; LAGARDÈRE GLOBAL ADVERTISING, 124 rue Danton, 92300 Levallois- Perret, France. CANADA: Françoise CHALIFOUR - Mail: francoise.chalifour@publicitas.com CINA: Wendy LIN - Mail: wendy. lin@publicitas.com.cn COREA: Jung-Won SUH - Mail: sinsegi-2@sinsegimedia.info FRANCIA E BELGIO: Philippe LEONARD - Mail: philippe.leonard@lagardere-active.com GERMANIA: Vanessa NÖTZEL - Mail: vanessa.noetzel@burda.com GIAPPONE: Mayumi KAI - Mail: kai-pbi@gol. com GRECIA: Costis FRONIMOS - Mail: c.fronimos@global-media.gr INDIA: Rachna GULATI - Mail: rachna. gulati@publicitas.com ITALIA: Robert SCHOENMAKER - Mail: rschoenmaker@hearst.it MALESIA: Audrey CHEONG - Mail: audrey.cheong@publicitas.com OLANDA: Peter LANDSHEERE - Mail: peter.landsheere@ publicitas.com SCANDINAVIA: Karin SÖDERSTEN - Mail: karin.sodersten@aller.se SPAGNA: Melinda SNIDER Mail: msnider@hearst.es REGNO UNITO: Victoria JACOB LUCK - Mail: victoria.luck@hearst.co.uk STATI UNITI: Olivier BERTON - Mail: olivier.berton@publicitas.com THAILANDIA: Steven FONG - Mail: steven.fong@publicitas. com TURCHIA: Emin Tan BILGE - Mail: tanbilge@medialdt.com.tr ABBONAMENTI: Per informazioni contattare il Servizio Clienti Hearst Magazines Italia S.p.A. Ufficio Abbonamenti - c/o CMP BRESCIA - 25126 Brescia (BS) - E-mail: abbonamenti@hearst.it Fax 030.777.2387 - Telefono dall’Italia 02.75.42.90.06; dall’estero 0039.02.86.89.61.72. Servizio attivo dal lunedì al venerdì dalle h 09.00 alle h 19.00. Costo della chiamata a tariffazione base, in funzione del piano tariffario in essere con il proprio operatore telefonico. Gestione operativa: Direct Channel S.p.A., via Mondadori 1, 20090 Segrate (MI). L’abbonamento partirà dal primo numero raggiungibile. Per il rinnovo attendere l’avviso di scadenza. ARRETRATI: Per avere informazioni o per sottoscrivere/rinnovare un abbonamento visita il nostro sito www.abbonationline.it oppure puoi contattare il Servizio Clienti Hearst Magazines Italia Spa tramite: E-MAIL: abbonamenti@hearst.it; TELEFONO: dall’Italia 199.11.55.44 - dall’estero 0039.02.86.89.61.72 (servizio attivo dal lunedì al venerdì dalle h 09.00 alle h 19.00, il costo della chiamata nazionale da telefono fisso è di € 0,12 al minuto + IVA, senza scatto alla risposta e per chiamate dal cellulare i costi sono legati all’operatore utilizzato); POSTA: Servizio Clienti Hearst Magazines Italia Spa Ufficio Abbonamenti - c/o CMP BRESCIA – 25126 Brescia (BS). Gestione operativa: Press-di Abbonamenti S.p.A., Via Mondadori, 1 - 20090 Segrate (MI). L’abbonamento partirà dal primo numero raggiungibile.

FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI

ISSN 1120-4400

ACCERTAMENTI DIFFUSIONE STAMPA CERTIFICATO ADS 8412 DEL 21/12/2017


n. 4—2019

192

314 334 ATTUALITÀ+CULTURA 50 Elledecor.it Contenuti digitali del mese 53 Password Design Vision. Innovazione e futuro ispirano il progetto 55 Elle Decor likes Luoghi, eventi, oggetti. I nostri preferiti del mese 64 Crossing L’economia circolare diventa mainstream. In tutti i campi 99 Elle Decor Award EDIDA 2019: ecco i vincitori della 17ª edizione del premio 184 Anniversari/1 Gli scatti dei maestri nella

mostra per i 70 anni di Kartell 192 Anniversari/2 Un’edizione speciale per i 50 anni di Living Divani 199 Anniversari/3 Una monografia di Fulvio Irace celebra i 50 anni di UniFor 229 Tendenze Il linguaggio del corpo come guida alla scoperta della MDW 421 n.b. Mostre ed eventi di aprile DESIGN+ARCHITETTURA 77 Decorscouting Curiosità, address, mobili, accessori: tutto da scoprire

119 Art preview Al Planetario, l’installazione di Tomás Saraceno 127 Design preview Da New York, il linguaggio emozionale di Yabu Pushelberg 135 Craft preview L’ultima collezione Objets Nomades di Louis Vuitton 141 Light preview Nuove luci di Bernhardt & Vella, Cibic, Lavit, Rybakken, Sommella 166 Architettura In Norvegia, il ristorante sottomarino firmato Snøhetta 174 People Triennale, intervista a Stefano Boeri e Joseph Grima

177 Studio visit Matilde Cassani, architetto con la passione per i luoghi di culto 213 Mappamondo/1 Ron Arad e Patrizia Moroso raccontano la loro M’Afrique 221 Mappamondo/2 Tra gli artigiani colombiani insieme a Deltour e Herkner 304 Elle Decor concept L’installazione immersiva del magazine al Made Expo 385 Inside design Materiali, progetti, kitchen, wellness. E un focus speciale sul living 2019

47

ELLE DECOR


Aprile

127

258 346 TRAVEL+FOOD 253 Address/Milano Re-opening: l’Emporio Armani Caffè e Ristorante nella nuova veste ispirata agli Anni 30 258 Itinerario Tour esclusivo tra i palazzi milanesi progettati dai grandi architetti del ’900 INTERNI 314 Napoli Aperto al mare, al cielo, alla modernità il suggestivo progetto di Giuliano dell’Uva 48

ELLE DECOR

Cover 326 Still life Da avanguardia per pochi ad acclamato protagonista d’interni. Il design d’autore di ieri e oggi 334 A Firenze Materiali, colori, interventi d’artista negli interni eclettici firmati Massimo Adario 346 Città del Messico Un’architettura brutalista diventa abitazione poetica e verde 358 Still life Arredi e complementi si modellano su eleganti forme plastiche. Come sculture 366 Milano Sperimentazione, raffinate

riletture dei maestri e una vena pop a casa di Luca Bombassei ELLE DECOR AT WORK 280 La mostra Milano. A Palazzo Bovara, la nostra installazione immersiva sull’evoluzione dell’ufficio 292 L’inchiesta Da Mountain View a Tokyo, viaggio nei nuovi spazi di lavoro 427 English text

Servizio a pag. 366. Di Rosaria Zucconi e Francesca Benedetto foto di Alberto Strada


elledecor.it Elle Decor Italia è anche sul web, con news, video, gallery, focus e reportage in tempo reale

Elle Decor at Work. The Evolution of Workspace a Palazzo Bovara, durante il Fuorisalone, è la nostra mostra sull’evoluzione del mondo dell’ufficio con allestimento di DWA Design Studio. A renderla ancora più coinvolgente, la App di Pinterest, da scaricare per avere sul proprio smartphone la guida digitale della mostra e contenuti extra.

Apri con

e tocca

per trovare l’ispirazione

DIGITAL EDITION

Instagram ‘View Folly’, la psichedelica opera di Moon Hoon in Corea. In Cina, 4 colorati asili per bambini disegnati da Vudafieri Saverino Partners. Il condominio multigenerazionale di BETA ad Amsterdam.

Extra su elledecor.it Un’apposita grafica segnala i contenuti speciali. Segui il simbolo + alla fine degli articoli.

50

ELLE DECOR

Foto Kim Chang Mook - Dirk Wiblen - Ossip van Duivenbode

Puoi sfogliare Elle Decor Italia anche su tablet, smartphone e dispositivi kindle fire. Disponibile su app store, google play e amazon app-shop anche in versione full English


PASSWORD

04.19 [Design Vision]

Non sembra già passato un anno ed eccoci di nuovo al Salone del Mobile, il momento più importante per gli appassionati di design e gli addetti ai lavori, che si ritrovano a Milano per festeggiare il meglio della creatività, della perizia artigianale e di un know-how industriale che non ha eguali nel mondo. Oggi, in una stagione in cui l’economia globale influenza il quotidiano, le contaminazioni culturali arricchiscono la società e il pensiero eco si conferma necessario, anche il progetto assume una nuova consapevolezza. Che supera aspetti estetici e funzionali, ormai consolidati, per promuovere la forza delle differenze, favorire lo sviluppo dei Paesi più svantaggiati, migliorare la salute del Pianeta. Occupandosi del nostro presente, ma con una visione chiara del futuro. Ed è proprio questo pensiero che ha fatto da linea guida a un numero proiettato in avanti. Con una selezione di interni a Milano, Firenze e Napoli nei quali la sensibilità del progettista ha saputo dialogare con la qualità dell’architettura esistente, la forza della storia e il desiderio di innovare. Una volontà di aprirsi al nuovo che è la costante della settimana milanese del design, di tutte le anteprime che presentiamo nelle prossime pagine. E ovviamente della nostra mostra ‘Elle Decor at Work’, in scena a Palazzo Bovara fino al 18/4. Un percorso immersivo che invita a scoprire l’evoluzione degli spazi di lavoro di domani. Condivisi, verdi, digitali, accoglienti. 53

ELLE DECOR


ELLE DECOR LIKES

[1] L’arazzo in fibre di Pet disegnato da Jaime Hayon con Bonotto è parte dei RO Plastic-Master’s Pieces, i progetti dei big in plastica riciclata per la mostra ‘GuiltlessPlastic’ di Rossana Orlandi al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci, fino al 14/4. bonotto.biz, guiltlessplastic.com

Viva la plastica (riciclata). Il maxi progetto di Rossana Orlandi di Valentina Raggi

La plastica non ha colpa. È ferma la posizione di Rossana Orlandi, che in occasione del Fuorisalone ha messo in piedi ‘GuiltlessPlastic’, un ambizioso progetto per sensibilizzare al riciclo. “Lo spreco e l’eccessiva produzione sono i veri problemi, la plastica è un materiale interessante con prestazioni per ora insostituibili”, spiega. Così la gallerista ha lanciato una call, il RO Plastic Prize: hanno aderito da scuole materne a prestigiosi istituti, da oltre 50 Paesi. I finalisti delle 4 sezioni (packaging, tessile, design, progetti consapevoli) sono esposti in galleria, e i vincitori, votati da una giuria tra i quali Ivy Ross, Vice Presidente Hardware Design di Google, Marva Griffin, fondatrice del SaloneSatellite, e Piero Gandini, Ceo di Flos e Presidente di Design Holding, ottengono 10mila euro l’uno. A loro si affiancano i RO Plastic-Master’s Pieces, progetti realizzati ad hoc da Nacho Carbonell, Piet Hein Eek, Jaime Hayon e Max Lamb tra i vari, in mostra nel Padiglione Ferroviario del Museo della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci, con set-up di Vudafieri Saverino Partners. E poi il talk (l’11/4), eventi benefici e l’idea di creare un network online che metta tutti in contatto per migliorare la situazione. E gli occhi al futuro: “Il tema dell’anno prossimo sarà i biopolimeri, il post plastica”. Intanto questa mostra andrà poi a Parigi, Londra e New York. — 55

ELLE DECOR


ELLE DECOR LIKES

[2] OE Quasi per Louis Poulsen è l’ultimo progetto di Eliasson in mostra a Euroluce. La collaborazione con il team danese è nata due anni fa e sviluppa la ricerca di suoi precedenti lavori, tra i quali Green Light lanciata alla Biennale di Venezia. olafureliasson.net, louispoulsen.com

Olafur Eliasson rilegge Platone e trasforma la luce con effetti stellari di Paola Carimati

“Da oltre venticinque anni la luce è al centro della mia pratica. Per me è fonte di ispirazione continua, sia per la realizzazione di opere, anche site specific, sia per la mia piccola produzione di lampade solari”, dichiara l’artista danese di origine islandese. “È la luce a dare forma al mondo: determina ciò che facciamo e come lo facciamo”, quindi più è di qualità, migliore sarà la nostra vita. “OE Quasi disegnata per Louis Poulsen è frutto di questa riflessione: si preoccupa degli effetti fisici ed emotivi che esercita sul corpo umano”, racconta Eliasson. Il progetto è a dir poco spaziale: “La lampada nasce dall’integrazione di due forme geometriche complesse: l’icosaedro (poliedro a 20 facce) e il dodecaedro (a 12), due dei cinque solidi platonici che gli antichi Greci credevano rappresentassero gli elementi che compongono il mondo fisico”, l’artista ci fa volare altissimi. “Il primo rappresenta l’acqua, e costituisce la rigida cornice esterna in alluminio (al 90% riciclato), mentre il secondo, che simboleggia l’universo, dà forma alla superficie interna: queste due geometrie, combinandosi, rappresentano la vita”. Nulla da aggiungere alla poesia formale e concettuale. Se non che i Led montati dentro la struttura sfruttano la capacità riflettente del materiale per trasformare fasci luminosi in bagliori cosmici. — 57

ELLE DECOR


ELLE DECOR LIKES

[3] Lo studio giapponese Nendo, capitanato da Oki Sato, qui ritratto in un’insolita quanto divertita posa, racconta il suo Fuorisalone per Daikin: ‘Breeze of Light’, nello spazio Tenoha Milano di via Vigevano 18. È aperto al pubblico dal 10 al 14/4 nendo.jp, daikin.it

Giocare con i sensi per dare forma all’impalpabile: design is in the air di Paola Carimati

Ancora una sorprendente divagazione di Nendo sul tema dell’evanescenza. Quest’anno alla Milano Design Week lo studio del progettista giapponese Oki Sato esplora il tema dell’ombra e lo fa con Daikin, il colosso della produzione di climatizzatori. ‘Breeze of Light’ è un’installazione che ha tutte le intenzioni di divertirci: ci ingaggia per giocare con le nostre emozioni. Entrando nello spazio di Tenoha Milano, ad accoglierci un giardino di fiori sbocciati. Seguendo il sentiero che taglia da parte a parte la poetica distesa collinare, ci sembrerà di fluttuare nel bianco assoluto accarezzati da una leggera brezza. “A muoversi neppure un filo d’erba”, svela divertito il prestigiatore del design. Questione di un mix di tecnologia analogica: 115 spotlight con lenti polarizzate, sospesi al soffitto, puntano i 17.000 fiori di altezze diverse, distribuiti a terra secondo un preciso algoritmo. “La luce artificiale, ruotando di 45 gradi, colpisce i petali e a pavimento disegna sagome precise come rendering”, svela misterioso. “Ancora un movimento e tutto scompare completamente”. L’obiettivo è confondere i sensi per visualizzare l’aria. Per circa un mese più di trenta persone hanno lavorato all’allestimento di un’inedita wunderkammer in chiave jap. Per insegnarci ad allenare il corpo a godere di ciò che talvolta esiste solo nella vita reale. — 59

ELLE DECOR


ELLE DECOR LIKES

Courtesy Babylonstoren da ‘Delicious Places’, Gestalten 2019

[4] Filetto di carne bianca con fiori, frutti e ortaggi del giardino. È un piatto del ristorante Babel, nell’agriturismo Babylonstoren in Sudafrica, che lavora al motto ‘Dalla fattoria alla forchetta’. Fa parte dei 60 nuovi luoghi d’avanguardia del cibo mondiale, raccolti nel libro ‘Delicious Places. New Food Culture, Restaurants and Interiors’. gestalten.com

La new wave dell’arte culinaria. In posti e piatti deliziosi di Valentina Raggi

Dove potremmo cenare stasera? Questo l’incipit di ‘Delicious Places. New Food Culture, Restaurants and Interiors’, nuovo volume edito da Gestalten che mette in rassegna 60 tra ristoranti di design, caffetterie d’atmosfera e imprenditori illuminati, ritenuti simbolo di una nuova era della food culture. I cibi inediti che mangeremo domani, per avere uno sviluppo sostenibile, le melodie di Ryuichi Sakamoto, pensate per mescolarsi ai piatti di un ristorante giapponese a New York, il caffè viennese di grido, gestito da pensionate che fanno i biscotti a mano. E ancora, l’incubatore di start up a San Francisco, che alimenta la nuova scena food tech, la locanda organica di Tokyo, che pensa al palato e all’anima dei clienti... Luoghi e personaggi di tutto il mondo scelti per la loro idea visionaria, spaziando nei campi del design, della sostenibilità, dell’hi-tech, dell’heritage, del sociale. Raccontati ciascuno con un testo dedicato e un piccolo, patinato, reportage fotografico che invita gli occhi e l’appetito. Perché l’esperienza culinaria lega sempre più la bellezza del luogo alla qualità della materia prima, all’efficacia del business e alla sapienza nella sua preparazione. Una questione che va ben oltre il gusto. Che delizia. — 61

ELLE DECOR


ELLE DECOR LIKES

[5] Un particolare dell’iconico store Valextra, in via Alessandro Manzoni 3, riletto dall’architetto britannico John Pawson. Dalla strada si scorge l’interno del negozio caratterizzato da una palette monocromatica, giochi di luce, mensole sospese, specchi in sequenza che offrono squarci grafici degli ambienti circostanti. johnpawson.com, valextra.com

Valextra meets John Pawson. E la boutique cambia look di Murielle Bortolotto

Una storia lunga 82 anni quella di Valextra, pelletteria di lusso nel cuore di Milano e dei milanesi. Nel Dna del brand, il savoir-faire nella lavorazione dei materiali naturali, da cui prendono forma accessori senza tempo. E l’attenzione, assoluta, per la qualità dei suoi flagship, progettati in Italia e nel mondo da stelle del design internazionale come Neri & Hu, Martino Gamper, Aranda Lasch, autori delle boutique di Shanghai, Londra e Miami. Esempio emblematico è lo store milanese affidato ogni anno a un autore che lo ha interpretato, a suo modo, come installazione site specific (Snarkitecture) o spazio sospeso tra natura e artificio (Kengo Kuma). Ora è la volta di John Pawson. Con l’architetto britannico l’azienda ha lavorato a un’interpretazione destinata a durare nel tempo. Lo spazio si configura come una tela bianca, sfondo espositivo per borse & co., ma anche galleria per future mostre d’arte. L’estetica sceglie la semplicità solenne, la sobrietà di luci e di colori, in una visione che espande l’esperienza del luogo ridisegnandolo totalmente. Un palcoscenico perfetto per ammirare classici come tracolla e pochette Iside, il portamonete con doppia valuta Grip, il borsello Tric Trac, la borsa da viaggio Avietta. E apprezzare l’essenza design delle nuove collezioni. — 63

ELLE DECOR


Courtesy the artist

Ibrahim Mahama — Il giovane artista ghanese avvolge grandi spazi pubblici con materiali raccolti da ambienti urbani. Per la Fondazione Nicola Trussardi, fino al 14/4, riveste con sacchi di juta i caselli daziari di Porta Venezia a Milano. L’installazione ‘A Friend’, curata da Massimiliano Gioni, riflette sui concetti di confini, economia globale, coesistenza. In foto, ‘Fracture’, Tel Aviv Museum of Art (2016). fondazionenicolatrussardi.com


CROSSING

si crea

Nulla si distrugge. Tutto si trasforma. L’economia circolare si fa mainstream. Dall’arte alla moda, al design. Da Milano al mondo

Foto Luca Anzalone, styling Riccardo Maria Chiacchio

di Valentina Raggi

Ahluwalia Studio — Di origini indiano-nigeriane, formatasi a Londra, Priya Ahluwalia è un astro nascente della moda. La sua peculiarità? Riutilizza capi vintage, di seconda mano, materiali e lavorazioni sostenibili per le sue collezioni menswear. In foto, un outfit dal suo libro ‘Sweet Lassi’, progetto nato da viaggi nei suoi Paesi d’origine dove ha studiato l’abitudine di riusare e reinventare abiti, in un mix tra heritage e sostenibilità. ahluwaliastudio.com 65

ELLE DECOR


CROSSING

“Il cambio di atteggiamento nell’utilizzo dei materiali sintetici non è mai stato così rilevante. Riuso e riciclo sono oggi fondamentali” Barber & Osgerby, designer

Suzanne Jongmans — “Come un bimbo, riesco a vedere il diamante in ogni sasso. Amo dare nuova vita agli scarti”, dice l’artista olandese che confeziona costumi rinascimentali con materiali di imballaggio, plastiche, isolanti e scarti per poi ritrarli alla maniera dei maestri fiamminghi. In foto, l’opera ‘Sensibility’, serie ‘Kindred Spirits’. galeriewilms.com

Emeco — Si chiama On & On nell’idea che possa rigenerarsi ciclicamente. Ê la nuova collezione di sedute di Barber & Osgerby lanciata alla MDW. “Sono create con l’uso di minor materiale possibile per renderle leggere, in PET riciclabile al 100% e il cui trasporto comporta emissioni ridotte di carbonio”, ci spiega il duo. L’ambizione del brand è di poter recuperare le sedie una volta dismesse per riutilizzare il materiale e crearne delle nuove. emeco.net

66

ELLE DECOR

Courtesy Galerie Wilms

Pleasure & Treasure — Per il Fuorisalone, la Sala d’attesa dei Reali alla Stazione Centrale di Milano si trasforma in una “design-pool” riempita di palline di polistirolo 100% riciclato in cui espongono 40 brand. Il set design è degli architetti Vasku & Klug per Advantage Austria. vasku-klug. com, advantageaustria.org


CROSSING

“Il potenziale di materiali e tecniche, i risultati imprevisti degli esperimenti, la bellezza dei prodotti semilavorati”

Simone Post for Adidas — Per ora un concept, ma che dà il polso dell’impegno, necessario, di alcuni marchi in tema di upcycling. In collaborazione con l’azienda tedesca I:CO, che raccoglie e ricicla sneakers e abiti usati, Adidas ha coinvolto la textile designer olandese nel progettare tappetini utilizzando il materiale delle scarpe usate. Si chiamano Stripped Down Stripes, richiamano le strisce bianche e nere del logo del brand, ma visti da vicino sono ipercolorati. adidas.it +elledecor.it 68

ELLE DECOR

Foto Ronald Smits

Simone Post, textile designer


CROSSING

“Coscienza civica, aiuto sociale, risparmio economico e salvaguardia del Pianeta. Questi i frutti di una città circolare” Zero Waste Lab, creativi

Ruin and Redemption in Architecture — In uscita questo mese, il volume curato da Dan Barasch, fautore della Lowline di New York (un parco sotterraneo ricavato da 4 mila mq di archeologia architettonica nel sottosuolo di Manhattan), è una splendida rassegna di edifici che sono tornati a nuova vita e a nuove destinazioni d’uso. Tra questi, i milanesi Gucci Hub e Fondazione Prada. phaidon.com

70

ELLE DECOR

ecoBirdy® — Il pluripremiato brand di Anversa realizza arredi per bambini dal riciclo di giocattoli in plastica. Oltre ad aver creato la filiera, dalla raccolta alla produzione, edita libri e organizza attività e mostre per sensibilizzare i piccoli al design circolare. In foto, lampada Rhino e sedia Charlie. ecobirdy.com

Zero Waste Lab logo by Saso Studio © De Gezonde Stad - foto Ulrika Nihlen, styling Clara Daye

Zero Waste Lab — Un’immagine adv del progetto ad Amsterdam di De Gezonde Stad, società che promuove iniziative civiche dal basso. Cittadini e passanti possono portare i loro rifiuti al luogo di raccolta: per ogni sacchetto di differenziata si riceve un buono sconto a negozi e locali di zona. E i rifiuti vengono inviati a diverse aziende che li riciclano. zerowastelab.amsterdam


CROSSING

“Riusare, riciclare o riparare. È importante mettere in connessione le persone per creare una circolo virtuoso” Formafantasma, designer

Formafantasma — Lanciato alla NGV di Melbourne e ora nella mostra ‘Broken Nature’ alla Triennale di Milano (fino all’1/9), la serie Ore Streams è un manifesto sulla sostenibilità: arredi creati dal riciclo di prodotti elettronici. Oggi, la ricerca di anni fatta da Andrea Trimarchi e Simone Farresin per arrivare al progetto è online con un sito dedicato. Imperdibile. orestreams.com

Tacchini — L’upcycling entra nella produzione industriale con progetti come la nuova collezione di tavoli Joaquim di Giorgio Bonaguro. Il designer italo-brasiliano si ispira per le forme ai maestri modernisti del Brasile dagli Anni 30 ai 50, in particolare a Joaquim Tenreiro, e all’economia circolare nella produzione. I pezzi sono in metallo e scarti di lastre in marmo. tacchini.it

72

ELLE DECOR

Courtesy Natchar Sawatdichai

Natchar Sawatdichai — Utilizzare la tradizione per salvare il futuro. Questo l’approccio della textile designer tailandese, di stanza a Londra, che utilizza la tecnica giapponese dei Kirigami per piegare un unico foglio di carta, riciclata da giornali o proveniente da produzione responsabile, creando la forma di una tenda a pacchetto. La collezione si chiama Through the Day, i fogli sono lavorati da una macchina e assemblati a mano. La sua filosofia è sprecare meno energie nella produzione ed evitare il diffuso utilizzo di materiali nocivi. natchars.myportfolio.com +elledecor.it


CROSSING

“Stiamo progettando standard circolari per tutto: materiali, energia, adattamento climatico, biodiversità, salute, economia” UNStudio, architetti

A marzo, la Commissione Europea ha messo online un report su tre anni di lavoro per l’attuazione di un ambizioso Circular Economy Action Plan. Una piattaforma per far conoscere le risorse che l’Unione offre e le opportunità di business nella produzione sostenibile. Ora occorre agire, al di là di comode e ingannevoli operazioni di greenwashing. “L’Europa si distingue per la documentazione sul tema, approfondita e con indicazioni strategiche. Noi come designer dobbiamo però trovare un’etica. Oggi che tutto è design, siamo l’intersezione tra la politica, l’estetica e il cambiamento sociale”, commentano Simone Farresin e Andrea Trimarchi, fondatori dello studio Formafantasma, che con il progetto Ore Streams ha spinto l’acceleratore sul dibattito. Si tratta di arredi frutto di riciclo di componenti elettronici, ma soprattutto di una vasta ricerca sul ciclo di vita di apparecchi come computer e cellulari. Toccato in eventi recenti, per esempio la Dutch Design Week di ottobre e l’attuale mostra ‘Broken Nature’ alla Triennale di Milano, il tema dell’economia circolare si fa caldo nella settimana meneghina del mobile. Quest’anno, per la prima volta, è affrontato in chiave mainstream. Il distretto 5vie ha anticipato alcuni scenari a marzo durante un forum con designer, studiosi, brand e imprenditori, da Adidas ad Arthur Huang, fondatore di Miniwiz (presente anche al Fuorisalone), una società che ha ingegnerizzato oltre mille materiali da scarti, riuscendo ad utilizzarli anche per costruire strutture architettoniche. E il fatto che, per fare qualche nome, Lissoni con Salvatori, Urquiola con cc-tapis, Barber & Osgerby con Emeco, Nichetto con Offect e Bonaguro con Tacchini presentino nuovi pezzi frutto di riciclo o 100% riciclabili dà il polso del salto di paradigma in atto. Varie anche le installazioni 74

ELLE DECOR

e mostre: Rossana Orlandi con ‘GuiltlessPlastic’ coinvolge molti autori nel riutilizzo creativo della plastica (vedi a pag. 55), Eileen Fisher lo fa nel campo del tessile con ‘Waste No More’ curata da Li Edelkoort, e Timberland presenta la prima scarpa in materiale di recupero, per citarne alcune. L’obiettivo è creare un circolo virtuoso in cui tutto si rigeneri dalle proprie ceneri come una Fenice. Ê un atteggiamento globale. La sensazione è di essere in una (ottimistica) fase di transizione epocale, di passaggio dall’iper-produzione al riciclo, a una nuova terza fase di messa al bando di lavorazioni con risorse inquinanti o non rinnovabili. Parliamo di design, ma il tema è trasversale, entra nel food, nell’arte, nella moda... Tra gli esempi recenti, l’opera d’arte site specific di Ibrahim Mahama che, per la Fondazione Trussardi, impacchetta i caselli daziari di Porta Venezia a Milano con sacchi di juta usati, à la Christo, ma ecosostenibile. E la storia di Priya Ahluwalia, neolaureata a Londra e già nota per le sue splendide collezioni con capi second hand e materiali sostenibili. ”Nel mondo produciamo oltre 100 miliardi di indumenti da nuove fibre ogni anno. Ma c’è qualcosa di molto poetico nell’utilizzare elementi che hanno avuto una vita precedente. Puoi creare pezzi davvero unici e incoraggiare le persone a tenerli per tutta la vita”, ci spiega la stilista. La circolarità è il nuovo modello evolutivo anche di architetture e città. L’idea atavica del riuso e le nuove tecnologie si legano in smart city dove chiunque è fautore di una più salubre vita (circolare) dell’ecosistema urbano. Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma: è il postulato della legge della conservazione della massa di Lavoisier, risale al ‘700, ma è la matrice della vita dalla nascita del mondo. Non dimentichiamolo un’altra volta. —

Copyright Plomp

Brainport Smart District — Il team di architetti UNStudio sta progettando in Olanda “il quartiere più smart al mondo”, opensource, in cui l’ecosostenibilità è data dalla tecnologia. I residenti vivono e lavorano in comunità per creare un ambiente flessibile, autosufficiente, ecosostenibile. brainportsmartdistrict.nl


Artisti e designer dalle vocazioni multiple. Echi dall’India e dalla Cina. Tappeto-mania diffusa a cura di Murielle Bortolotto

Immersione nell’arte. L’artista svizzero Roland Schär trasporta i suoi quadri su carta da parati. Magia resa possibile dalla collaborazione con il brand d’oltralpe 4Spaces, maestro nella creazione di wallpaper e tessuti ricercati. In foto, Panoramas, dipinto a mano e riprodotto in carta digitalmente su 3 pannelli. Utilizzabili in sequenza per un effetto wow. 4spaces.ch

77

ELLE DECOR


DECORSCOUTING

Codice Noten. Stampe, colori originali, composizioni astratte. È la cifra del belga Dries Van Noten, secondo il ‘New York Times’ uno degli stilisti più cerebrali della sua generazione. Emblematico della collezione S/S 2019 il trench in foto, in vendita sul sito net-a-porter.com

Colombiadi. Spicca il volo Another bird on the wall, del brand spagnolo Lladró. Elemento decorativo da posizionare sulle pareti degli interior, in porcellana finissima, sulla superficie ha un motivo mimetico sui toni del blu e dell’azzurro. Colomba, ma non troppo. lladro.com

Azioni privilegiate Negli spazi di un ex istituto bancario ha aperto a Milano il nuovo flagship di Aspesi, in via San Pietro all’Orto 24. L’opera è firmata dallo studio Dordoni Architetti, che ha trasformato 600 mq su due livelli in un negozio dalla palette sorprendente. Pvc e plexiglas sono alternati a legno e ferro, l’intonaco in calce grigia è acceso da colori che giocano a rincorrersi. aspesi.com

Spirito meditativo. Si chiama Mandala Screen il paravento firmato dal duo di designer Zanellato/Bortotto per la collezione Objets Nomades di Louis Vuitton. L’intreccio, in pelle, si ispira al Monogram floreale della Maison. Da scoprire durante la Design Week milanese a Palazzo Serbelloni, corso Venezia 16. louisvuitton.com 78

ELLE DECOR


DECORSCOUTING

Fil noir — Impalpabile, il nero si desatura nelle trame tessili e sottolinea, come un tratto d’inchiostro, il design di arredi sottili [1]

[2]

1. Una pennellata dark sul tessuto in cotone stampato Kuiskaus di Fujiwo Ishimoto, 1981, per Marimekko. marimekko.com 2. Metallo e vetro colorato per la lampada Miami di Elena Salmistraro per Torremato by Il Fanale. ilfanale.com 3. Lampada da tavolo Taffellampje di Gerrit Rietveld,1925, rieditata da Tecta in 200 pezzi firmati e in limited edition. tecta.de 4. Guglielmo Poletti disegna per Desalto la console Void, cm 170x35x80h, in lamiera curvata. desalto.it 5. In lana neozelandese e seta, il tappeto Lampuga di Fornasetti, cm 190x280, fornasetti.com

[3]

[4]

[5]

80

ELLE DECOR


DECORSCOUTING

Soft ruvido. Tai Ping, storico marchio di tappeti su misura nato a Hong Kong, sbarca anche a Milano e apre il suo primo monomarca in piazza San Simpliciano. Per l’evento presenta la collezione Raw, ideata da NoÊ DuchaufourLawrance, un omaggio alle coste della Bretagna dove il designer ha passato la sua infanzia. Cinque modelli, qui Hov III, per undici raffinati tappeti taftati a mano, in lana, seta, juta e lurex, che vedono protagonisti i minerali. taipingtent.com

82

ELLE DECOR


DECORSCOUTING

Archipedagogia. Quattro scuole per l’infanzia progettate nelle città cinesi di Shenzhen e Suzhou dallo studio milanese Vudafieri-Saverino Partners per il brand americano Gymboree Play & Music. Spazi dove forme, colori e materiali stimolano creatività e apprendimento dei più piccoli. vudafierisaverino.it

Intrecci e trame. Si conferma anche quest’anno l’appuntamento durante la Milano Design Week con il brand di moda Loewe. Presso la boutique di via Monte Napoleone 21 andrà in scena ‘Loewe Basket’, un’esplorazione dedicata all’arte del vimini, alla trapuntatura a mano e alla calligrafia. Tra i dieci artigiani/artisti che hanno riletto e utilizzato i pellami della Maison, Arko Asako Sato, in foto, che propone elaborati elementi d’arredo-scultura. loewe.com 84

ELLE DECOR

Foto Dirk Weiblen

+elledecor.it


DECORSCOUTING

Visioni forti. Lastre di marmo invisible grey, a dialogo con acciaio e ottone, danno forma autorevole al tavolo Kervan disegnato da Alessandro La Spada per Visionnaire, qui in uno scatto di Delfino Sisto Legnani tratto dal libro d’arte che verrà presentato in occasione dell’anniversario del brand. E che sarà in mostra a Milano dall’8/4 al 12/7 presso la Wunderkammer dello showroom di piazza Cavour 3. visionnaire-home.com

Avant-garde in porcellana. Il designer francese Pierre Charpin disegna per 1616/ Arita Japan una nuova collezione di piatti. Sulla superficie, motivi elastici realizzati a mano. pierrecharpin.com, 1616arita.jp 86

ELLE DECOR

Foto Delfino Sisto Legnani - Pierre Antoine

Sempre in fiore. La sua esperienza parte da Firenze con la pittura murale e si amplia a Versailles con la specializzazione in arti decorative. Oggi Gupica, alias Gunilla Zamboni, presenta con Nilufar Flora lamp. Una luce a moduli in ottone, dove i fiori si possono scegliere in pelle, tessuto o metallo. nilufar.com


DECORSCOUTING

Ombre rosse. Efficace, semplice, accessibile. Ăˆ il progetto da cui si sviluppa Rgb, la collezione di contenitori di Stefan Diez per Burgbad. Tutti sospesi a parete, tutti trasparenti. Il designer ha giocato con un arcobaleno di ombre riflesse partendo da due elementi: staffe di acciaio alle quali agganciare lastre di vetro stratificato. Vietato dimenticare le viti. diezoffice.com

88

ELLE DECOR


DECORSCOUTING

Club culture. Nel 1983 Mendini realizzò il disco ‘Architettura Sussurrante’, un “album di decori auditivi” concepiti con vari artisti tra cui i Matia Bazar. Un brano era, addirittura, un editoriale da lui scritto per la rivista ‘Modo’, messo in musica. La sua riedizione, per Lacerba, è stata uno degli ultimi progetti del maestro. Un gioiello. In lp, cd o download digitale. audioglobe.it +elledecor.it

Pink India. La città rosa del Rajasthan, Jaipur, i suoi decori e i volti degli abitanti sono stati catturati sapientemente da Matteo Cibic con l’ironia che gli è congeniale. Eccoli sulla collezione di tappeti Wunderkammer, realizzata a mano per Jaipur Rugs. jaipurrugs.com

Il bello della compagnia Rendez-vous di Sergio Bicego per Saba Italia è pensato sia per ambienti domestici sia per spazi collettivi. Una struttura in metallo nero verniciato è la base per un sistema di sedute composte da pochi elementi ma di grande flessibilità compositiva. sabaitalia.it

90

ELLE DECOR


ELLE DECOR AWARD

Please on stage! In attesa della premiazione dell’11 aprile in scena al Teatro Franco Parenti vi presentiamo i vincitori della diciasettesima edizione del premio Edida. 14 i vincitori proclamati dalle 25 edizioni internazionali del network di Elle Decor. Partner della serata MGallery styling di Simona Silenzi Studio — foto di Giovanni Gastel — testi di Paola Carimati

99

ELLE DECOR


Rayures di Ronan & Erwan Bouroullec per Glas Italia

Furniture/ Quello dei fratelli Bouroullec è un piccolo prodigio: trasformano ombre e trasparenze in diaframmi leggeri e materici. Veri e propri elementi progettuali che abbandonano il mondo dell’immaginazione per tagliare e disegnare lo spazio. Rayures è una collezione di paraventi composta da pannelli incernierati. Nelle finiture

100

ELLE DECOR

neutra e traslucida, giustapposti gli uni agli altri, creano evocativi paesaggi domestici e funzionano come elementi di separazione compositivi che circoscrivono isole di intimità. Realizzati in cristallo flutes stratificato, temperato e colorato, hanno dimensioni importanti che sembrano sfidare la forza di gravità. — glasitalia.com


Designer of the Year/ Un ingegnere con la passione per il design speculativo. Ovvero quel tipo di ricerca che rimane nel mondo del possibile senza mai diventare concreto e del quale si è nutrito negli anni trascorsi al Royal College of Art di Londra. È per arginare la forza immaginifica della sua creatività che il progettista di origine cipriota si avvicina al mondo della luce. Nel 2007 fonda il suo brand e inizia a produrre scultoree strutture luminose: oggetti veri, dall’apparente equilibrio precario, che lo obbligano a rimanere con i piedi (e la mente) per terra. Quest’anno vince il premio come designer dell’anno per la capacità di muoversi con disinvoltura in tutti gli ambiti del progetto che dal furniture tornano all’illuminazione. Il suo linguaggio si afferma a ogni sfida, procede per sottrazione per lasciare spazio alla forza espressiva dell’emozione. I suoi pezzi parlano di lui: forme geometriche pure e oneste. — michaelanastassiades.com

Michael Anastassiades

101

ELLE DECOR


N01 di Nendo per Fritz Hansen

Seating/ A distanza di più di sessant’anni, e precisamente da quando il maestro Arne Jacobsen progettò la Grand Prix nel 1957, lo studio giapponese capitanato da Oki Sato riporta la storica azienda danese al legno massello. Questo progetto rappresenta molto più di una semplice e sperimentata fusione tra estetica nordica e purezza stilistica orientale: interpreta in chiave contemporanea tutte le tecniche di lavorazione artigianale del marchio. Oltre l’eleganza formale di un oggetto che migra con facilità in tutti gli ambienti domestici e contract, la poltrona si compone di ventitré elementi in legno meticolosamente assemblati a mano. Disponibile in rovere nero, in quercia naturale e faggio, è realizzata con nove strati di impiallacciatura. Il telaio, poi, con la sua sottile inclinazione, abbraccia il corpo. — fritzhansen.com

102

ELLE DECOR


Textile/ Un tessuto 100% poliestere che nasce dal recupero di bottiglie di plastica e un pattern che ricorda errori di stampa e macchie di inchiostro prodotti da toner a fine corsa. Il processo è quello dell’upcycling che dona nuova vita a un oggetto dismesso, recuperato da un ciclo virtuoso continuo. Un prodotto industriale che si muove sulle corde della sostenibilità e del rispetto dell’ambiente e trasforma la suggestione dello scarto materiale (i fogli di carta) e creativo (il colore) in opportunità produttiva. “Mi capita spesso di riflettere su come interpretare il tema del recupero e del riuso nel mio lavoro, con l’obiettivo di dare a qualcosa che un tempo era considerato un rifiuto un nuovo valore. Ecco che allora mi sono guardata attorno e ho tradotto il disordine prodotto nel mio studio in progetto”, dichiara la graphic designer giapponese. Da qui la collezione di tende, vere e proprie tele contemporanee. — kinnasand.com

Scrap_CMYK di Rikako Nagashima per Kinnasand Lab

103

ELLE DECOR


Hepburn di Brad Ascalon per Nude

Tableware/ Omaggio dichiarato al trend imperante della mixology, l’arte del saper inventare i cocktail. La rivisitazione in chiave domestica non ha nulla da invidiare ai kit professionali che vediamo volteggiare sui banconi dei bar. Al contrario, la collezione declina vetro e ottone in un delicato arcipelago di forme e funzioni: shaker, mixing glass e bicchieri sono pezzi eleganti, giocosi, al tempo 104

ELLE DECOR

stesso comodi e facilmente maneggiabili. Anche per chi degusta nella propria cucina circondato da un manipolo di amici. Il nome scelto ci riporta poi all’eleganza dell’Audrey immortale, l’attrice britannica protagonista di ‘Vacanze romane’, ‘Colazione da Tiffany’ e ‘Sciarada’. A lei il pensiero e l’ispirazione del designer americano Brad Ascalon, stanziale a New York. — nudeglass.com


Sabine Marcelis

Young Design Talent/ Olandese, classe 1985, con un passato recente in Nuova Zelanda, terra che ha lasciato per tornare in Europa dove ha frequentato la Design Academy di Eindhoven. Qui ha imparato a esplorare il mondo dell’impalpabile e a dare forma all’impercettibile. Giocando con trasparenze e arcobaleni cromatici, in poco tempo diventa protagonista della scena internazionale della luce. I suoi pezzi sono elementi geometrici

puri che vivono interagendo con la materia, sempre fondamentale nello sviluppo del processo creativo. Vetro e resina sono superfici trasparenti che galleggiano nell’aria e le consentono di trasformare in dinamico ciò che è statico. Nelle sue mani di novella alchimista, i corpi luminosi si liberano del peso e vincono la forza di gravità. Affascina e stupisce con la magia della semplicità. — sabinemarcelis.com 105

ELLE DECOR


Kitchen/ Quando la convivialità si apre alla preparazione del cibo per favorire l’intreccio di relazioni, lì c’è innovazione. L’isola — con piano operativo in marmo calacatta e tavolo integrato Era in legno con lavorazioni in massello — nel tempo è diventata un pezzo cult dedicato alle ritualità che si consumano nell’ambiente cucina. Il progetto firmato dall’architetto milanese e nato nel 2002, in 15 anni ha contribuito a cambiare il modo di fruire lo spazio in questa parte dell’abitare domestico. Oltre al volume architettonico Closet, avvolto da una boiserie in legno, con ante a pacchetto Modus e preziosa finitura Pvd bronzo, il progetto si arricchisce di nuovi elementi: canale centrale attrezzato in acciaio inox provvisto di accessori, piano cottura con griglie in ghisa, taglieri in legno e griglie in PaperStone (prodotto ricavato da processi di riciclo della carta), scorrevoli sulla lunghezza dell’invaso. — arclinea.com

Convivium di Antonio Citterio per Arclinea 106

ELLE DECOR


Floor Covering/ Tutta la collezione di tappeti Super Fake gioca con effetti hyper e super imposti dalla velocità di comunicazione dei social media. Cosa non si fa per catturare l’attenzione dei follower digitali. I pezzi disegnati, che si ispirano a conformazioni rocciose, attraverso l’accostamento di colori psichedelici raccontano di stratificazioni e sedimenti organici. Ciò che affascina è la bellezza

con la quale, attraverso sofisticate tecniche di lavorazione tramandate nei secoli dagli artigiani tibetani, è possibile restituire la complessità di antiche ere geologiche. Wood usa la roccia per riflettere su quanto le immagini entrino nelle nostre vite quotidiane. Dinamismo cromatico e cura dei dettagli sono un buon modo per trattenerle. Il sogno è la dimensione giusta. — cc-tapis.com

Super Round di Bethan Laura Wood per cc-tapis

107

ELLE DECOR


Eclipse di Lee Broom

Lighting/ Un tributo alla volta celeste e all’universo stellato. Parte da qui il lavoro del product e interior designer inglese che dopo aver vinto lo scorso anno il premio per la categoria tableware, si aggiudica quello per la miglior luce. Ex enfant prodige del design britannico, ha conquistato i millennial. Possiamo affermare che sia la scuola di teatro, sia la passione per il mondo del fashion, sia l’amicizia con Vivienne Westwood hanno fatto di lui un creativo dall’anima eclettica, caratteristica che ha coltivato alla Central Saint Martins, la scuola dove si è formato. Il progetto ruota attorno al tema dell’intersezione di due dischi di acciaio cromato e vetro opalino. Inanellati, i due elementi dalla forma geometrica pura giocano con la forza espressiva della superficie specchiante: riflettendosi l’uno nell’altro traducono tutta la magia di un monile luminoso. — leebroom.com 108

ELLE DECOR


India Mahdavi

Interior Designer of the Year/ Tra le creative più influenti della cultura del progetto contemporaneo vince per la sua capacità di disegnare interni ricercati e coraggiosi. Esteticamente inarrivabile, la sua visione dello spazio vive di una tridimensionalità che sfida la tradizione con accostamenti cromatici e materici stranianti. Architetto per formazione e cosmopolita per attitudine, oggi stanziale a Parigi, ha vissuto a tutte

le latitudini. Ma è la cultura pop dell’America degli Anni 60 ad aver influenzato maggiormente il suo lavoro: i suoi interni ricordano a tratti il caleidoscopico mondo in technicolor dei cartoons. Lei che da grande voleva fare la filmmaker, oggi fa scuola: le sue atmosfere, come in un set cinematografico di Almodóvar, Kubrick e Fellini, sono ambienti immersivi da esplorare con il tatto. — india-mahdavi.com 109

ELLE DECOR


Giardino delle Delizie di Cristina Celestino per Fornace Brioni

Wall Covering/ Forme e superfici per ricreare le atmosfere delle grotte artificiali dei giardini ottocenteschi: nasce da qui l’ispirazione della designer italiana. Il cotto è il giusto elemento per riprodurre sedimenti calcarei e conchiglie per restituire effetti visivi e tattili immersivi. C’è Rocaille, un mosaico di fossili perduti concavi e convessi, e c’è anche Ninfeo, che ricorda una superficie bugnata: i fori si fanno regolari e il risultato è un modulo tridimensionale, ricco e materico. Delizie è un progetto che gioca sul ripetersi ritmico di sagome libere e preziose. — fornacebrioni.it 110

ELLE DECOR


Outdoor/ Ancora un progetto geniale nella sua semplicità firmato dal grande maestro del design democratico per un’azienda testimone del made in Italy che lavora da sempre sull’accessibilità della ricerca. Quello di Starck per Kartell è un tributo allo stile balneare d’antan riletto in chiave pop: leggeri e impilabili sedute da regista e lettini con poggiatesta declinano la forma universale dei mobili da piscina. Un lavoro di sottrazione che spoglia le strutture del superfluo per svelare la bellezza dell’essenzialità. Le maxi righe, i pattern e i colori della poltrona Baywatch completano poi il capolavoro. — kartell.com

Sun Tan Collection di Philippe Starck per Kartell

111

ELLE DECOR


Bedding/ Volumi che si intersecano, proporzioni invertite, dettagli preziosi, ma impercettibili. Il letto disegnato dal designer francese è un elemento architettonico nel quale la testata imbottita, dalle dimensioni maestose, diventa protagonista. La generosità delle forme è una soluzione progettuale scelta per creare attorno alla zona letto un’intimità calda

e protetta. I materiali ne sono testimoni: pelle e tessuto per i rivestimenti e inserti in metallo brunito per accentuare l’effetto ondulato raccontano una storia che sollecita la tattilità. Impunture di alta sartoria, sofisticazione artigianale e cura nella ricerca formale fanno di questo letto un’oasi per il sonno. — flexform.it

Biarritz di Samuel Accoceberry per Flexform

112

ELLE DECOR


WaterCandy di ps+a per Zucchetti Kos

Bathroom/ WaterCandy reinventa la tipologia di doccetta. Non solo, introduce un nuovo modo di vivere l’acqua: ‘water-à-porter’ è molto più di un copy, è un’esperienza unica e sartoriale. La morbida cinghia scelta da Ludovica e Roberto Palomba è dettaglio prezioso e accorgimento funzionale che consente di impugnarla facilmente per fruire liberamente dei benefici del massaggio. Quasi un naturale prolungamento della mano, l’acqua riesce così a danzare nello spazio e a seguire le linee del corpo fino ad annullarsi del tutto al contatto diretto degli ugelli sulla pelle. Un gioiello facile da indossare che favorisce il rilassamento e allo stesso tempo stimola il risveglio delle energie vitali. Rotonda, ergonomica e sensuale. — zucchettikos.it

113

ELLE DECOR


ART PREVIEW

Tra cielo e terra Cos’hanno in comune lo spazio del cosmo e l’architettura micro di una ragnatela? Ce lo spiega Tomás Saraceno, artista argentino protagonista di una spettacolare installazione nel Planetario milanese

Foto Julie Glassberg/The New York Times/Contrasto

di Filippo Romeo

Saraceno posa nel parigino Palais de Tokyo dove fino allo scorso gennaio è andata in mostra ‘On Air. Carte Blanche to Tomás Saraceno’. Dal 9 al 14/4 la sua installazione ‘Weaving the Cosmos’, presentata da Bulgari, è in scena nel Planetario Hoepli.

119

ELLE DECOR


ART PREVIEW

“Mi piace immaginare i miei progetti come qualcosa di aperto, che lasci spazio all’imprevisto. Senza avere un controllo totale sulle cose”

Sopra e a sinistra, ragnatele illuminate ad hoc mettono in evidenza le analogie con le aggregazioni del cosmo, la raffinatezza della materia e la precisione dei maestri orafi. Questo lo scenario del progetto di Saraceno nel Planetario di Milano. In alto, uno scorcio dell’installazione al Palais de Tokyo di Parigi. 120

ELLE DECOR

Dettaglio di ‘Water drops forming on a spider/web built at Studio Tomás Saraceno’, 2018, courtesy of the artist, foto Chesnot/Getty Images

Tomás Saraceno


Uno spazio total white attraversato da complesse strutture reticolari. È l’universo immaginato da Tomás Saraceno, nel quale si rivelano le analogie fra le geometrie delle architetture d’avanguardia e le forme della tela di un ragno.

122

ELLE DECOR

Foto © Studio Tomás Saraceno

ART PREVIEW


ART PREVIEW

Macro e micro, l’immensità del cosmo e le dimensioni minime di un essere a otto zampe. La struttura densa o frammentata delle galassie e la relazione tra corpi celesti, ma anche la geometria perfetta della tela di un ragno e la libera composizione nello spazio di fili che brillano come stelle. Queste le suggestioni della spettacolare installazione ‘Weaving the Cosmos’ che l’argentino Tomás Saraceno presenta, in occasione del Fuorisalone, dal 9 al 14/4, all’interno del Civico Planetario Ulrico Hoepli progettato da Piero Portaluppi nei Giardini Pubblici Indro Montanelli di Milano. Un progetto realizzato per Bulgari, brand romano che ha selezionato questo luogo iconico per sottolineare il legame con la città meneghina e l’attenzione alle sue architetture più celebri. “Entrare in relazione con un edificio come questo, che parla di cosmo, di stelle, di pianeti e di galassie è perfettamente in linea con la filosofia del mio lavoro. Qui si scopre l’universo e si studiano oggetti che sono molto lontani da noi, ma che hanno con il nostro mondo similitudini fortissime”, ci spiega Saraceno, reduce dal successo della grande personale allestita fino allo scorso gennaio nel parigino Palais de Tokyo. L’artista, da sempre attento ai nuovi modi di pensare le relazioni politiche, sociali e geografiche del Pianeta, realizza nelle sue installazioni veri e propri ecosistemi: nuove modalità di vivere e percepire lo spazio che, in questo caso specifico, accolgono strutture complesse come le ragnatele. “Ho studiato architettura, mia madre è una biologa, mio padre un ingegnere agronomo. Forse è per questo che è nata la passione per gli insetti e i ragni. Non so perché l’uomo abbia maturato la paura di creature che sono fondamentali per l’ecosistema e potrebbero insegnare moltissime cose. Così mi piacerebbe trasformare l’aracnofobia in aracnofilia”, ci racconta appassionato. Sicuramente osservando dal basso queste sorprendenti strutture naturali, l’impressione è tutt’altro che respingente, trasformata in un’esperienza affascinante: ragnatele dall’intenso colore dorato tessute dalla Nephila Senegalensis, 124

ELLE DECOR

sulle quali si innestano quelle dai riflessi cangianti della Cyrtophora Citricola. Un mondo misterioso e materico che per affinità cromatiche si lega concettualmente ai gioielli della Maison, ma anche al lavoro artigianale condotto dai maestri orafi. Il ragno dunque come una sorta di designer, anzi, un architetto in grado di costruire una vera e propria città sospesa. Continuano le analogie con il mondo del progetto, affinità delle quali Saraceno non fa mistero: fortissimi sono i riferimenti e le influenze che ritroviamo nel suo lavoro. “Prima fra tutte l’architettura dell’universo. Ma anche le costruzioni di Frei Otto, famoso per le coperture dello stadio olimpico di Monaco, le cupole geodetiche di Buckminster Fuller, gli interventi di Peter Cook e il lavoro di Yona Friedman. Mi interessa l’architettura che esprime una concezione olistica della vita”. Un’idea che ritroviamo nelle sue opere, installazioni che mettono in relazione l’infinitamente grande con l’incredibilmente piccolo e svelano connessioni imprevedibili fra le forme esistenti in natura. “Le ragnatele sono strutture complesse che rappresentano una sorta di estensione del sistema vitale di un ragno: gli consentono di procurarsi il cibo, sono fondamentali per il suo sostentamento, ma sono anche uno strumento per sentire le cose che gli succedono intorno e avvertire la presenza di insetti. Si tratta di creature con una sensibilità notevole che più studiamo e più ci stupiscono”. La mostra prosegue oltre il Planetario negli spazi di ‘Weaving Design, Art and Science - un percorso visuale su B.zero1’ allestiti da Silvia Schwarzer, Interior Design & Visual Senior Director di Bulgari. In scena le diverse interpretazioni dell’iconico anello (da Kapoor a Hadid) in occasione del 20º anniversario. “Qui rinnoviamo l’invito a mettere in connessione elementi apparentemente diversi, il cielo e la terra, l’arte con la scienza e con il design, i materiali naturali con l’ingegno e la creatività, nello spirito eclettico del brand”, conferma la progettista. Per continuare a lasciarsi trasportare dalle emozioni. — studiotomassaraceno.org, bulgari.com

Render courtesy Bulgari

Uno scorcio dell’installazione ‘Weaving Design, Art and Science - un percorso visuale su B.zero1’ allestita da Bulgari nei Giardini Pubblici accanto al Planetario Hoepli disegnato da Piero Portaluppi.


DESIGN PREVIEW

Due di due 40 anni di lavoro, insieme, in ogni scala del progetto: design, interior, architettura. E collaborazioni con i migliori brand internazionali e del made in Italy. Nozze d’oro in anticipo per Yabu Pushelberg di Filippo Romeo e Francesca Benedetto

Foto Shayan Asgharnia

Glenn Pushelberg e George Yabu (da sinistra, in foto) fondano il loro studio nel 1980 e si dedicano a tutti gli aspetti della progettazione: design, grafica, interior, architettura. Oggi, nelle due sedi di New York e Toronto, un team di 120 persone lavora di concerto all’insegna della qualità e dell’empatia. Obiettivo: realizzare oggetti e spazi che generino emozioni.

127

ELLE DECOR


DESIGN PREVIEW

“La qualità dello spazio può farci sentire meglio. La vera arte di un progetto sta nell’entrare in risonanza con l’ospite” George Yabu

Sedia Noce, Henge. Struttura in legno, seduta e schienale imbottiti in pelle nabuk definiscono un progetto avvolgente.

Divano Surf, Molteni&C. Forme organiche e personalità in un imbottito studiato per lo spazio domestico e i luoghi dedicati all’hospitality come hotel o uffici. Il sistema si compone di elementi rettilinei, chaise longue, ad angolo che consentono molteplici composizioni. Seduta, integrata con la base, e schienali avvolgenti in pelle o tessuto della collezione Molteni&C.

128

ELLE DECOR

Foto Virgile Bertrand

Giochi di opposti, tra elementi lineari e silhouette fluide per la lounge del Four Seasons Kuwait, Burj Alshaya. Lo spazio relax è caratterizzato dalla scalinata scultorea che porta al livello superiore. Materiali preziosi come il marmo a pavimento e i pannelli verticali in ottone satinato sono enfatizzati dai tagli di luce incisi nel battiscopa, nei corrimani e sulle alzate dei gradini.


Dall’alto in senso orario, Otto Collection, Lasvit, famiglia di bicchieri, decanter, caraffa e glacette. Il flagship Ports di Shanghai caratterizzato dalla sorprendente facciata composta da geometrici schermi Led. Una seduta della Taylor Collection, Stellar Works. Gli interni di un progetto residenziale contraddistinto da materiali pregiati, colori neutri e dettagli studiati ad hoc. 130

ELLE DECOR

Foto Joseph Saraceno - Michael Weber - Richard Powers

DESIGN PREVIEW


DESIGN PREVIEW

“Il progetto del nuovo Time Square Edition è un omaggio alla prima volta che ci siamo incontrati con Schrager allo Studio 54” Glenn Pushelberg

L’american bar del nuovo Times Square Edition hotel ideato da Ian Schrager in partnership con Marriott International. Yabu Pushelberg ne firmano gli interior sviluppando e aggiornando il concept di boutique hotel inventato dal guru dell’hôtellerie americano. In primo piano il bancone di cristallo si staglia sullo scenografico lightbox.

Inaugurazione con red carpet e un parterre di VIP da Notte degli Oscar per l’opening del Times Square Edition, ultima creatura di Ian Scharger firmata dallo studio Yabu Pushelberg. Incontriamo i fondatori George Yabu e Glenn Pushelberg nella loro sede newyorkese dove, in sinergia con il team di Toronto, si occupano di un numero sempre crescente di progetti a Manhattan, dal design all’architettura: gli interni del nuovo ristorante Jean-Georges al Pier 17, le camere del nuovo Moxy Chelsea hotel, un ‘condo’ nell’Upper West Side. In occasione della design week sono a Milano per presentare le ultime novità, disegnate per brand del made in Italy e marchi internazionali. Lo studio, fondato negli Anni 80, si è evoluto in due sedi, con 120 persone, tra Toronto e New York... Siamo un team di esperti in interni, illuminazione, product design, architettura, styling e grafica che lavorano insieme nei tre piani del nuovo spazio a TriBeCa, 66 White, e negli uffici canadesi. Lavorate con disinvoltura in tutte le scale del progetto. Come vi muovete tra le diverse dimensioni? Le misure non sono importanti quanto la qualità dello spazio. Un luogo particolare, per esempio, può farti sentire meglio: un terrazzo sul tetto può renderci nostalgici o confortarci. La vera arte di un progetto sta nell’entrare in risonanza con l’ospite. Forme rotonde, spazi geometrici, qualità dei materiali. Come definite il vostro linguaggio e qual è l’obiettivo che accomuna ogni intervento? Al centro c’è l’amore per le persone e per il modo in cui vivono. Nel nostro studio tutte le discipline siedono allo stesso tavolo in maniera integrata. Partiamo dall’atmosfera di una stanza al divano sul quale sedersi, dal bicchiere di vino all’account Instagram. Amiamo i dettagli perché è lì che nasce la magia. 132

ELLE DECOR

Collaborate con diversi marchi italiani, Molteni&C, Glas Italia e Henge. Modi differenti di affrontare il progetto e di sviluppare il know-how... Ogni collezione racconta la storia individuale di un’azienda, attraverso materiali e processi. E ogni volta restiamo stupiti dalla conoscenza e dall’abilità esecutiva dei nostri partner, imparando sempre cose nuove. Come è nato il divano Surf, disegnato per Molteni&C, e come avete sviluppato il concept? Volevamo allontanarci dal modello di divano costituito da moduli 90x90cm. Così, pensando ai suoni dell’oceano e al ritmo delle onde visibili dalla nostra casa di Amagansett, a un passo dagli Hamptons, abbiamo creato un sofà dalle forme organiche, perfetto per un ambiente domestico ma anche per un hotel. Come avete risposto al brief di Ian Schrager per l’ultimo Times Square Edition hotel di New York? Questa è la nostra quinta collaborazione con Ian e il quarto Edition che abbiamo disegnato per lui. L’intervento è un omaggio alla prima volta che ci siamo incontrati allo Studio 54 ma anche al Morgans, suo primo progetto alberghiero. Il nuovo hotel ne riprende l’essenza aggiungendo influenze moderne. Siete coppia nel lavoro e nella vita. Come condividete l’impegno nei diversi incarichi in campo? George è una persona estremamente creativa e precisa. Ascolta e sostiene il team in ogni fase del disegno. Glenn si dedica alla committenza, sentendone esigenze espresse e desideri tra le righe. Lavoriamo insieme da 40 anni. Condividiamo obiettivi, desideri, estetica. — yabupushelberg.com


CRAFT PREVIEW

Design nomade La collezione ispirata al viaggio, e curata da Louis Vuitton, si arricchisce di nuovi esemplari creati da Atelier Oï, Tokujin Yoshioka, Atelier Biagetti, tra i tanti. Al Fuorisalone in mostra a Palazzo Serbelloni di Filippo Romeo

SERPENTINE TABLE Disegnato dagli svizzeri Atelier Oï, ricorda la struttura smontabile di una tenda da campeggio, reinterpretata in versione luxury. Si compone di una base con gambe in legno di noce collegate da lacci-controvento in pelle tinta di blu e rivetti in ottone dorato. Il piano è in vetro temperato.

135

ELLE DECOR


CRAFT PREVIEW

Tokujin Yoshioka

BLOSSOM VASE Firmati dal nipponico Tokujin Yoshioka, i vasi, nelle versioni black e trasparente, sembrano due boccioli nati a partire dalla forma del quadrifoglio stilizzato, cifra distintiva sulle borse icona della Maison. La silhouette floreale si sviluppa in chiave tridimensionale in un oggetto prezioso in vetro di Murano.

Oggetti preziosi da portare, idealmente, in viaggio. Una collezione che racconta Paesi e culture diversi, all’insegna del nomadismo e della fusione di linguaggi e modi di concepire il design agli antipodi. Queste le caratteristiche di Objets Nomades, progetto nato nel 2012 che ogni anno si arricchisce di nuovi pezzi di design, svelati in anteprima nella cornice di Design Miami/, la fiera internazionale dedicata al design da collezione, e mostrati al grande pubblico del Fuorisalone, dal 9 al 14/4, negli spazi del milanese Palazzo Serbelloni. Autori delle novità di quest’anno gli italiani Atelier Biagetti e Zanellato/Bortotto insieme a Tokujin Yoshioka, Atelier Oï, Raw Edges, India Mahdavi e ai fratelli Campana, progettisti con storie e attitudini differenti, che firmano per la Maison una serie di nuovi pezzi per comporre un ulteriore tassello 136

ELLE DECOR

di una collezione incentrata sulla qualità dei materiali, la perfezione esecutiva e la sfaccettatura del racconto. Consueto colpo di scena, da scoprire all’ingresso dell’allestimento, una folie architettonica. Quest’anno, dopo le sperimentazioni abitative della Maison au bord de l’eau, disegnata da Charlotte Perriand, la Futuro House simile a un ufo, di Matti Suuronen, e l’Exacube, residenza prefabbricata dalle forme cubiste progettata da Candilis + Blomstedt, il testimone passa a Shigeru Ban: il maestro nipponico è l’autore di un’architettura che risponde perfettamente al tema del nomadismo. Ma torniamo alla collezione, con il tavolo disegnato da Atelier Biagetti alla prima esperienza con Objets Nomades. “Abbiamo pensato a un modo diverso di utilizzare la pelle per comporre una base dalle forme sinuose, con una superficie esterna dalla colorazione


CRAFT PREVIEW

Atelier Biagetti

ANEMONA TABLE Dalle forme scultoree lo scenografico tavolo firmato dagli italiani Atelier Biagetti. La base è realizzata da una superficie sinuosa totalmente rivestita di pelle. All’esterno il materiale mostra il suo colore naturale, mentre l’interno, in fibra di vetro, svela un’inedita cromia blu. La struttura monolitica sostiene un piano in vetro temperato.

naturale e un’anima interna blu elettrico”. Un oggetto dalle forme scultoree, organiche, espressione dell’eclettismo progettuale del duo italiano. “La volontà è stata di affrontare l’idea di un viaggio più mentale che fisico, considerando forme fuori dal comune”, ci spiegano. Ci spostiamo a una scala minima, quella dei Blossom Vase disegnati da Tokujin Yoshioka, che dà un’interpretazione del tema facendosi affascinare dalla silhouette del quadrifoglio, cifra distintiva della Maison, che in versione tridimensionale si sviluppa in un vaso in vetro di Murano dal movimento tortile. “Di Louis Vuitton mi ha colpito l’attenzione alla qualità e all’artigianalità coltivata nella lunga storia del marchio. Così ho pensato che mi sarebbe piaciuto reinterpretarne la filosofia per creare un’opera che potesse viaggiare attraverso il tempo e nel futuro, ed esprimere un nuovo 138

ELLE DECOR

concetto di viaggio”, ci racconta il progettista giapponese. Viriamo di nuovo sulla dimensione dell’arredo con il Serpentine Table disegnato da Atelier Oï, studio svizzero che vanta la collaborazione più longeva con Objets Nomades, disegnando per il brand lampade, sgabelli, sedie, un divano-altalena e persino un’amaca. In questa occasione il viaggio è evocato da una base costituita da una struttura che sembra quella di una tenda da campeggio. “Gli elementi portanti in legno sono collegati tra loro da una controventatura fatta di lacci di cuoio”, spiegano. L’impressione è quella di un prezioso tavolo con piano in cristallo che, all’occorrenza, si può piegare e spedire in una qualsiasi località del mondo, per cenare dall’altra parte del globo. “In effetti sembra proprio così”, confermano ridendo i progettisti. E allora buon viaggio. — it.louisvuitton.com


LIGHT PREVIEW

Give me five

5 studi, giovani volti noti e new entry, firmano la luce da tenere d’occhio alla Milano Design Week: forme preziose come gioielli, da ammirare nelle gallerie, o riproducibili all’infinito, da scoprire a Euroluce di Paola Carimati — ritratti di Giovanni Gastel 141

ELLE DECOR


LIGHT PREVIEW

Marco Lavit Ha conquistato il palcoscenico del progetto internazionale con la forza espressiva di grandi e piccole architetture: nelle sue mani legno e bambĂš diventano gioielli da vivere e collezionare

143

ELLE DECOR


LIGHT PREVIEW

TRIO Design: lampada a sospensione composta da tre volumi (sfera, cilindro, cono), cavo elettrico e sorgente luminosa Led. Materiale: ebano con inserti in ottone. Come funziona: dotata di un sistema a carrucola, si allunga e si accorcia per raggiungere una estensione lineare massima di 200 cm e minima di 130.

“Sfera, cilindro e cono: il loro equilibrio, semplice come un gioco, nasconde nel movimento ludico la tecnicità del progetto” Marco Lavit

Lui è italiano, ma vive e lavora a Parigi, dove nel 2014 fonda il suo studio: a tradirlo un accento squisitamente parisien. Si laurea prima all’École Spéciale d’Architecture della capitale francese e poi si specializza al Royal Melbourne Institute of Technology di Melbourne, in Australia. Alla Milano Design Week si presenta con Trio, la collezione di lampade in legno realizzate in edizione esclusiva per Nilufar Gallery. Si tratta di un’esplorazione formale che trasforma tre solidi a rotazione — una sfera, un cilindro, un cono — in corpo luminoso. “Anche questo progetto, come altri condotti nel campo del product, sono emanazione della mia passione per la disciplina madre, 144

ELLE DECOR

l’architettura”, racconta Lavit, che ama confrontarsi con bambù ed essenze legnose con le quali realizza case-nido sospese sull’acqua. “Tutto ruota attorno al cavo elettrico, che scorre all’interno del corpo cilindrico (che fa da contrappeso) per agganciarsi in alto alla carrucola”. Il filo è un dettaglio funzionale che consente al paralume di ritirarsi e allungarsi verso ciò che la sorgente Led deve illuminare. “Ma il progetto non è solo frutto di virtuosismi tecnici”, precisa il designer. “È anche una storia di relazioni”. Quella con l’esperto tornitore italiano e lacustre che ha enfatizzato la forza espressiva dell’ebano: un massello nero, bello da accarezzare. — atelier-lavit.com


LIGHT PREVIEW

Matteo Cibic

Disegna forme vive e gioca con le sproporzioni. Una creativitĂ immaginifica che ha allenato al Politecnico di Milano. Un diploma al Kingston College di Londra e un passaggio a Fabrica completano il suo cv

147

ELLE DECOR


LIGHT PREVIEW

ALMA Design: impianto fortemente iconico per la collezione composta da cinque varianti, da una a tre sfere. Materiale: bolle di vetro borosilicato montate su aste in ottone naturale e laccate nero. Come funziona: una sorgente Led dimmerabile contribuisce a disegnare un’atmosfera soffice e immateriale.

“I miei oggetti sono racconti: questa è la storia di una lancia che sfuggita di mano trafigge il sole. O forse la luna” Matteo Cibic

Agganciarlo non è semplicissimo. E non perché il suo studio sia a Vicenza, ma perché spesso parte per l’India. I suoi non sono viaggi spirituali, ma di business creativo. Matteo Cibic esporta un mondo di forme e colori fantastici. Nelle sue mani cabinet e tappeti, come quelli firmati per Scarlet Splendour e Jaipur, assumono le sembianze di creature ultraterrene: personaggi immaginifici che abitano una domesticità eclettica e informale. Da qui il lavoro condotto per Il Fanale, marchio italiano che dal 1979 realizza lampade in ottone. A lui Tomas, il titolare, affida il compito di giocare con vetro e metallo. “Alma è uno spiedino”, ci mette alla prova. Anche se lo sviluppo a tre sfere si presta

148

ELLE DECOR

all’associazione, l’immagine è troppo semplice. Ma Matteo è un trasformista e la narrazione nasce da ben altre suggestioni. “È un sole, ma anche una luna, trafitto da una lancia”, racconta. “Il mio vocabolario è altamente iconografico. Volevo portare sulla scrivania la luce di un universo di stelle e satelliti. E così ho lavorato per sottrazione: cosa meglio di una sfera in borosilicato e un’asta in ottone può raccontarla?”. Da qui la collezione che trasforma un elemento iconico in cinque modelli, tutti a sospensione. La sorgente Led completa lo scenario disegnando un’aura immateriale. Il resto lo fanno le sproporzioni, che rendono imponente un oggetto leggero. — matteocibicstudio.com


LIGHT PREVIEW

Bernhardt & Vella Ellen Bernhardt (occhi castani) e Paola Vella (azzurri) si incontrano nel 2001 nello studio di Carlo Colombo e nel 2008 fondano il proprio. Insieme promuovono un segno morbido e femminile

151

ELLE DECOR


LIGHT PREVIEW

AMULETTE Design: la geometria pulita e tagliente del cristallo ricorda la bellezza di un gioiello. Materiale: diffusore in vetro float extra chiaro molato in superficie e sabbiato ai bordi e clip in metallo in tre finiture. Come funziona: la sorgente Led sfrutta lo spessore della lastra per diffondere una luce soffusa.

“Tutto nasce dal disegno di una struttura semplice e femminile che riporta alla ricercata eleganza di un monile”

Protagoniste discrete del progetto internazionale, Paola ed Ellen si muovono con delicatezza nel mondo del product design, per loro mai divagazione scultorea, ma interfaccia funzionale dell’individuo con il quotidiano. Una passione per i grandi numeri la loro, che esprimono con un segno gentile, fatto di trasparenze e morbidezze. È la sensibilità a guidare la creatività che con eleganza si posa negli spazi dell’abitare. Per scaldarli. “Il vetro che riflette la luce e la diffonde nell’ambiente, il metallo che come una clip incastona la lastra come fosse una pietra preziosa trasformano la lampada in un gioiello”, le designer raccontano rievocando

152

ELLE DECOR

la nascita di Amulette per Fabbian. “Ci piace giocare con i contrasti di texture materiche e stili, sperimentare luce e colore in tutte le loro sfaccettature”. Tutto nasce dalla trasparenza del vetro, un materiale tradizionalmente affascinante. “Quando iniziamo a pensare a un nuovo progetto, proviamo a proiettarlo immediatamente in un luogo”, raccontano. Dalla relazione con il contesto è nata una geometria pulita e tagliente che, unita a una dimensione contenuta, ne esalta la ricercata lavorazione delle superfici incise. Il resto lo fanno la forza espressiva del metallo e la sorgente Led. bernhardt-vella.com

Foto di Alberto Strada

Ellen Bernhardt e Paola Vella


LIGHT PREVIEW

Valerio Sommella

Pur senza disdegnare l’esplorazione one off, è la convinzione ortodossa coltivata al Politecnico di Milano e negli studi di Giovannoni e Wanders a fare di lui un designer che ama i grandi numeri

155

ELLE DECOR


LIGHT PREVIEW

ALTURA Design: un’asta in acciaio regge un secondo elemento in alluminio che scorre longitudinalmente a regolare l’aggetto del paralume. Materiale: la finitura prevista per piantana e diffusore è il nero con verniciatura gommata matt. Come funziona: tutto ruota attorno allo snodo a forma di ricciolo.

“È la passione per il fishing ad aver influenzato il progetto: la struttura utilizza il sistema di tenuta delle canne da pesca” Valerio Sommella

Preciso, preparato, con in tasca sempre la soluzione: l’atteggiamento è tipico del secchione, di chi sa e si è laureato con lode. Così è accaduto a Valerio concludendo la sua carriera universitaria al Politecnico di Milano. Toscano di origine, quasi quarantenne, fonda lo studio una decina di anni fa. Il suo Dna progettuale, coltivato lavorando per Stefano Giovannoni e Marcel Wanders, è decisamente product. Grandi numeri, serialità e processi sono il suo mondo. E lo si intuisce al primo colpo d’occhio osservando la lampada Altura disegnata per Penta Light insieme ad Anonima Luci. Si tratta di un oggetto esile, ma non fragile, dal tratto tanto essenziale quanto grafico: 156

ELLE DECOR

uno stelo di acciaio, ancorato a una piantana, regge un’asta aggettante in alluminio con diffusore a forma di cappello. “La struttura è frutto di un gioco di equilibri tra dimensioni degli elementi e peso specifico dei materiali scelti”, spiega il designer. “Questione di fisica: nulla flette”, afferma orgoglioso. Oltre i tecnicismi, la narrazione. La lampada freestanding nasce dalla passione di Sommella per la pesca d’altura (da cui il nome). “La struttura è resa statica dall’utilizzo dello stesso sistema di tenuta delle canne professionali”, ci svela. “L’elemento chiave del progetto sta tutto nel ricciolo. Non un virtuosismo decorativo, ma un dettaglio funzionale”. Very industrial. — sommella.com


LIGHT PREVIEW

Daniel Rybakken Una laurea in Architettura e un master in Fine Arts a Oslo e Göteborg, città tra le quali il pluripremiato designer norvegese si divide. Quest’anno torna alla luce per stravolgere i canoni della tipologia da tavolo

159

ELLE DECOR


LIGHT PREVIEW

FIENILE Design: archetipo in miniatura di una casa di campagna, la lampada da tavolo è composta da tre pareti sulle quali poggia il tetto. Materiale: tutti gli elementi sono in alluminio anodizzato satinato, nei colori verde, rosa, prosecco e blu. Come funziona: la luce Led scivola lungo le pareti e diffonde calore.

“La casa di campagna di mio nonno, in Norvegia, diventa una microarchitettura da tavolo. Una luce poetica e scultorea” Daniel Rybakken

Neppure trentenne, nel 2013 ha vinto l’EDIDA, il premio internazionale del network di Elle Decor per la categoria Lighting: Counterbalance per Luceplan è ancora oggi una delle lampade più apprezzate. Oggi, l’ancor giovane designer (quasi trentacinquenne), a distanza di sei anni, torna alla ribalta con una tipologia poetica e dirompente al tempo stesso. E lo fa con Luceplan per la quale disegna Fienile, un omaggio alla fattoria dove è cresciuto il nonno, in Norvegia. La forma archetipica declina una nuova idea di luce da tavolo composta da tre pareti, una centrale e due laterali, sulle quali poggia il tetto spiovente. Il designer ha scelto l’alluminio anodizzato per la sua

160

ELLE DECOR

microarchitettura: un piccolo gioiello che illumina e scalda il cuore. “Volevo disegnare qualcosa di scultoreo”, confida Rybakken. “E ho scelto questo materiale perché mi consente di avere tagli e dimensioni molto precisi”. Così la luce Led, calda e dimmerabile, scivola lungo le pareti per illuminare il piano su cui poggiano. “Volevo che questo oggetto fosse in grado di disegnare un’atmosfera morbida e accogliente”, aggiunge. “I luoghi dell’infanzia affiorano nella mia memoria fortemente legati all’idea di casa”, confida. Così Fienile non può che essere una famiglia composta da due varianti. Il tetto poi vola per diventare una sospensione. danielrybakken.com


Relazioni e contrasti tra le rocce della costa norvegese, dove l’architettura del ristorante Under è incastonata, e il mare in cui è semisommersa, tra superficie e realtà sottomarina. Il progetto di Snøhetta traduce visivamente anche il delicato equilibrio ecologico sul quale si reggono la terra e il mondo di mari e oceani.


ARCHITETTURA

Immersione nel gusto Porta la firma di Snøhetta, il ristorante Under semisommerso sulla costa della Norvegia. Per un’esperienza gourmet sottomarina, con la sensazione di cenare a bordo del Nautilus di Laura Maggi — foto di Ivar Kvaal

167

ELLE DECOR


ARCHITETTURA

Sul fondo del mare, a cinque metri sotto il livello dell’acqua, si apre l’occhio panoramico di Under. Una finestra orizzontale in acrilico, lunga 11 metri e alta 3,4 metri, ci fa immergere nelle atmosfere sconosciute del Mare del Nord.

168

ELLE DECOR


In alto a sinistra, la scala che porta al ristorante: i pannelli rivestiti in tessuto Kvadrat hanno i colori di un tramonto che si spegne nell’oceano. A destra, la finestra verticale del bar si estende dal livello dell’acqua fino al fondo del mare. In basso a destra, l’architettura sferzata dalle onde del Mare del Nord. Sopra, gli arredi della sala sono firmati Snøhetta e realizzati da Hamran.

170

ELLE DECOR

Foto Inger Marie Grini/Bo Bedre Norge

ARCHITETTURA


ARCHITETTURA

“Under offre nuove prospettive e modi di vedere il mondo, sia al di sopra, sia al di sotto del livello dell’acqua” Kjetil Trædal Thorsen, Snøhetta

Una visione sottomarina che cambia continuamente accompagna l’esperienza gastronomica degli ospiti, in una sala da pranzo protetta da muri di cemento spessi mezzo metro. Anche il menu dello chef Nicolai Ellitsgaard cambia, ma al ritmo delle stagioni.

Scese le scale, entrati nel lungo periscopio di cemento che si appoggia sul fondo del mare, si approda in una sala con un grande occhio trasparente, unico schermo tra noi e il mondo sottomarino. Siamo a Lindesnes, un paesino remoto della costa Sud della Norvegia, dove lo studio di architettura Snøhetta ha costruito il ristorante Under, nome che in norvegese significa ‘sotto’, ma anche ‘meraviglia’. E con meraviglia ci aggiriamo tra i 495 mq dello spazio pensando a ‘Ventimila leghe sotto i mari’, Capitan Nemo, il Nautilus del fantascientifico Jules Verne e le strane creature del mondo sottomarino che racconta il film di Guillermo Del Toro ‘La forma dell’acqua’. In realtà, “Under è un’evoluzione naturale della nostra sperimentazione con i confini”, afferma l’architetto Kjetil Trædal Thorsen, fondatore dello studio norvegese che nel 2008 a Oslo ha fatto affiorare dalle acque la Norwegian National Opera and Ballet. “Nuovo landmark per la costa meridionale, Under propone un linguaggio inedito, fatto di combinazioni inaspettate, e sfida la relazione fisica di una persona con il proprio ambiente. In questo edificio ti puoi trovare sott’acqua, sul fondo del mare, o tra terra e mare. Offrendo nuove prospettive e modi di vedere il mondo, sia al di sopra sia al di sotto della superficie”. La struttura è progettata per integrarsi completamente nell’ambiente marino nel corso dei prossimi anni perché la ruvidità del cemento funziona come una barriera rocciosa artificiale, accogliendo patelle e alghe. Costruita a ridosso del litorale scosceso, ha muri spessi mezzo metro progettati per resistere alla pressione e agli urti delle onde del mare in tempesta. Al comando di Under, lo chef danese Nicolai Ellitsgaard, già al famoso Måltid a Kristiansand, coadiuvato da un team internazionale di 16 elementi con esperienza nei migliori ristoranti Michelin. La sala accoglie a cena non più 172

ELLE DECOR

di 35/40 ospiti per provare il menu Immersion, fisso, ma che cambia al passare delle stagioni. “Gli ingredienti freschi e i sapori nudi e puri sono alla base della nostra cucina. Allo stesso tempo, vogliamo offrire un’esperienza culinaria unica che spinga i nostri ospiti oltre la loro normale comfort zone”, spiega Ellitsgaard. ”Proprio dietro la finestra iconica (un taglio verticale con vista sommersa) c’è il Mare del Nord, ricco di pesce fresco e di prelibati frutti di mare. La durata del viaggio dalla cucina al piatto è minima. Qui le spiagge offrono anche molti altri ingredienti interessanti come l’erba saetta, il cakile o rucola marina e il cavolo reso salato dall’acqua di mare. Inoltre, la zona è nota per le sue abbondanti varietà di funghi selvatici e bacche”, continua lo chef Nicolai. “Il nostro obiettivo è mostrare la diversità che si può trovare nel Sud della Norvegia, dove non ci sono molte cose, ma abbiamo un po’ di tutto”, conferma. I piatti hanno ingredienti introvabili altrove, da speciali patelle e vongole, cetrioli di mare fino all’agnello locale di Lindesnes. La stessa brigata della cucina è impegnata nel foraging e nella raccolta degli elementi naturali nei dintorni del ristorante, una vera avventura date le condizioni meteorologiche più o meno rigide. Un fattore altrettanto importante del progetto è l’aiuto fornito a gruppi di ricerca interdisciplinari che studiano la biologia marina e il comportamento dei pesci, grazie a telecamere e altri strumenti di misurazione installati sulla facciata del ristorante. Lo staff e i ricercatori collaborano per attirare i pesci davanti alla finestra, permettendo ai biologi di studiare da vicino le specie e, al contempo, di creare una vista mozzafiato per gli ospiti di un luogo unico. — under.no, snohetta.com +elledecor.it


PEOPLE

Stefano Boeri e Joseph Grima, ritratti da Giovanni Gastel in occasione dell’apertura al pubblico del Museo del Design Italiano. Una conversazione a braccio sul rapporto della Triennale di Milano con la città e la disciplina del progetto.

174

ELLE DECOR


Stefano Boeri Joseph Grima Il presidente della Triennale di Milano e il direttore del Museo del Design Italiano, in occasione della sua inaugurazione raccontano la loro idea di offerta culturale. Radicata nella città di Paola Carimati — ritratto di Giovanni Gastel

Senso di responsabilità, valore della conversazione e umanità sono i concetti attorno ai quali Boeri e Grima articolano visioni progettuali e precisi programmi di sviluppo per il futuro del Palazzo dell’Arte. Tre linee guida che, con lucido pragmatismo, pongono l’uomo e Milano al centro di uno scenario tanto ambizioso quanto reale. I due professionisti sono un tandem potente, colto e sinergico, che intesse rapporti su scala internazionale per agire e trasformare il cambio di scala: creare solidi legami di reciprocità fra la Triennale, il capoluogo lombardo e il sistema design. Architetto per formazione il primo, e intellettuale cosmopolita il secondo, li abbiamo incontrati in occasione del grand opening del Museo del Design Italiano. Unico a Milano e in Italia, dopo undici edizioni nella formula di ‘esposizione tematica’ si trasferisce nei 1.300 mq dell’emiciclo a piano terra dell’edificio di viale Alemagna. “Non vogliamo essere secondi a nessuno: abbiamo iniziato a costruire una collezione sempre visibile a tutti per poi lavorare a un grande ampliamento. Questo è il progetto che ho sposato accettando di diventare il presidente della Triennale”, dichiara Boeri. “Acquisizioni, comodati e mostre tematiche hanno contribuito a mettere in luce il progetto da tante angolazioni diverse: dal 1927 ai giorni nostri sono circa 1.600 gli oggetti ricevuti in eredità (dei quali 200 oggi in mostra). Una responsabilità civile e politica, la nostra, nei confronti del Paese alla quale non possiamo rinunciare”, continua lui che in Triennale è di casa. La prima volta che ne ha varcato la soglia era il 1979, per il Compasso d’Oro di mamma Cini, vinto con Strips. “Che poi ci siano altri progetti che lavorano in parallelo, a me sembra una cosa assolutamente positiva”, afferma facendo riferimento sia alla collezione permanente del SaloneSatellite a Lentate sul Seveso sia al Design Museum promosso dall’Adi che ospiterà gli oggetti individuati dal premio dal 1954 a oggi. “Il Compasso d’Oro è stato uno straordinario momento di selezione del meglio del design italiano per almeno 25/30 anni e per il museo Adi rappresenta un processo generativo che mi auguro venga rilanciato”. Non si escludono quindi sovrapposizioni, nell’ordine di qualche pezzo, ma sarà il taglio curatoriale, a vocazione storiografica, a fare la differenza. L’arco temporale mappato da Joseph Grima con il comitato scientifico copre in questa prima fase il periodo compreso fra il ’48 (l’inizio della ricostruzione avviata nel Dopoguerra) e l’81

(la nascita di Memphis, il movimento che rompe gli schemi del design tradizionale). Seguirà poi la realizzazione del museo ipogeo, che immaginiamo pronto per il 2023, quando l’istituzione compirà i suoi primi 100 anni: 4.000 mq ricavati nel giardino in grado di completare l’offerta culturale. A breve l’ufficializzazione dei dettagli. “Il mio obiettivo è creare una narrazione coinvolgente in grado di far capire che quanto è successo qui a Milano e in Italia in generale è stato vitale per la cultura moderna”, racconta Grima. “Sinora le mostre sono state incentrate sulla personalità del curatore, pensate per osservare ciascuna ogni volta una dimensione specifica del design italiano: dalla grafica al ruolo delle donne nel progetto, dall’autarchia a quella straordinaria di Alessandro Mendini sull’identità degli oggetti, tutti bellissimi. Ma la ricerca del bello non può essere esaustiva. Ciò che fa di un progetto un buon progetto non è solo la risonanza estetica, ma anche le connessioni con l’intorno”, puntualizza il direttore. Ecco allora il team lavorare anche sul tema della contestualizzazione storica: materiali, comunicazione, fatti. A parete una timeline per visualizzare la scansione temporale, a terra telefoni per ascoltare interviste geniali alla Magistretti, e pezzi iconici. Qualche esempio? La macchina per cucire Visetta di Gio Ponti per Visa, perché il design esprime prodotti per l’élite e semplice quotidianità. Il Pratone, perché ripensa l’idea di divano aprendosi alla sperimentazione, e i progetti di Nanni Strada, perché spostano il focus sul tema dell’ibridazione. “Ci piacerebbe che il museo servisse anche a far riflettere su cosa oggi è il design”, affermano. Già, ma oggi, come definirlo? Partendo dal presupposto condiviso che non possiamo replicare l’eroismo dell’epoca, dobbiamo lanciare il cuore oltre questa esperienza particolarmente milanese. Per Grima la disciplina, pur muovendosi dal nanometrico all’interplanetario, sarà sempre più umana. “Il pensiero del progetto del territorio, del futuro del pianeta, delle relazioni fra Stati sovrani: tutto questo deve essere approcciato dal designer con lo stesso impegno. Molto di più, con la stessa umanità”, afferma convinto. Per Boeri, pur convenendo sul fatto che si studino percorsi politici, protocolli e relazioni, a suo avviso, è il prodotto con la sua fisicità a restituirci la dimensione della creatività. “Per me design è la capacità di progettare utensili complessi ad alto valore simbolico”, dichiara il presidente. “Milano è il luogo giusto dove allenarla. Qui, ieri come oggi, imprenditori, giovanissimi creativi, istituzioni e società civile si incontrano, si parlano, si confrontano. Il design italiano è un sistema di conversazione continua. Di strette di mano e scontri, di questioni umane e relazioni. Vorrei che il museo della Triennale a partire dagli oggetti lo raccontasse”, chiude Boeri. “Questo è il nostro capitale, un capitale umano, sociale, non misurabile sul piano economico, ma fondamentale sul piano intellettuale”. — +elledecor.it 175

ELLE DECOR


STUDIO VISIT

Celebration lady L’opera di Matilde Cassani è un manuale di best practices scritto con il sorriso. Feste e ricorrenze religiose sono architetture che svelano condivisione e integrazione di Paola Carimati — foto di Stefania Giorgi

Architetto, una cattedra in interior design al Politecnico di Milano, ritratta con ‘Tutto’. Il drappo, realizzato lo scorso anno per Manifesta 12 Palermo, la Biennale nomade europea, è simbolo della memoria collettiva della città.

177

ELLE DECOR


STUDIO VISIT

Nello studio di Matilde Cassani, alcune opere del suo percorso di ricerca. A parete, il gonfalone per la città di Prato (2016). A cingere il segno di pace, i polsini con i colori delle bandiere italiana e cinese: simbolo di una possibile integrazione fra le due comunità. A terra, ‘Four unknown types of minbars’ per il padiglione del Bahrein (Biennale di Architettura, 2018), le sedute-scultura ispirate al ‘minbar’, l’elemento della moschea che indica il pulpito (con Leonardo Gatti).

178

ELLE DECOR


STUDIO VISIT

“Non sono una frikettona, un’anticonformista che provoca per contestare il sistema. Sono un architetto con la passione per i luoghi di culto e la decorazione espressa dalla ritualità” Matilde Cassani

In alto da sinistra: ‘It’s just not cricket’ (Arge Kunst, 2018). L’opera racconta come questo gioco di squadra, praticato dalle comunità di pakistani e afgani nelle città di confine tra Italia e Austria, possa contribuire ad annullare le distanze. Il lavoro è la risposta alla decisione del Paese confinante di annullare le regole di Schengen sulla libera circolazione in Europa. Segue un dettaglio cromatico delle impugnature da gioco e un close up di ‘Sunset’, l’installazione per Cantiere Galli a Roma (2018): un divertissement di paillettes reversibili per lasciare traccia del proprio passaggio in un luogo. Accanto, ‘A celebration Day’ (2014), l’opera che ritrae i festeggiamenti della comunità di indiani a Novellara, a Reggio Emilia.

180

ELLE DECOR


STUDIO VISIT

È l’approccio multiculturale, affinato in anni di viaggi in giro per il mondo, a consentirle di rendere accessibile la complessità

Il moodboard di Matilde è un vocabolario che raccoglie elementi della quotidianità: tessuti di tulle e paillettes, cime nautiche, aghi e tubi di plastica scelti per assonanze cromatiche definiscono una precisa idea decorativa, ricca e simbolica. Spesso riconducibile a una ritualità che si consuma in luoghi di culto riconosciuti oppure estemporanei.

182

ELLE DECOR

“Ci sono fenomeni che rimangono inosservati”, introduce così il suo lavoro, Matilde Cassani. Lei è un architetto quasi quarantenne, una laurea al Politecnico di Milano, città dove vive e lavora, e una spiccata attitudine al nomadismo che insieme fanno di lei una speleologa del contemporaneo. Tra i protagonisti della XXII Triennale, ha firmato con Studio Folder l’allestimento di Broken Nature, la grande mostra sui temi socio-ambientali in scena sino al primo settembre. “L’idea di portare allo scoperto i particolari è il mio modo per evidenziarli”, racconta svelando il metodo di indagine. Merito di una mente lucida ed elastica che le consente di spostare l’attenzione dal tutto a una sua parte. Sin qui sembrerebbe un semplice passaggio di scala che trasforma dettagli minimi come una manciata di coriandoli, una palla da cricket o un bigodino di plastica in protagonisti indiscussi. Ma non è solo questione di processo, sono i temi che tratta, gli ambiti nei quali si muove a fare la differenza. Perché Matilde racconta l’oggi. Si immerge nella quotidianità per viverla in prima persona. Storie di differenze culturali e di integrazione, di terre di frontiera e di distanze, di tradizioni religiose e contaminazioni: umanità che con delicatezza e comprensione diventano installazioni site-specific, opere temporanee, sempre interattive, oggetti simbolici e pezzi one-off. Alleggerire la complessità è la sua cifra. E lo fa partendo dall’architettura degli interni, la madre di tutte le discipline. “Mi interessano i luoghi, soprattutto quelli di culto, ma anche le piazze e gli spazi pubblici perché mi aiutano a comprendere meglio il comportamento umano”. Punto di partenza è sempre una ricorrenza, laica o religiosa, che coinvolge le comunità, un evento o avvenimento di partecipazione. Quando nel dicembre 2004 lo Sri Lanka viene colpito dallo tsunami, Matilde si reca sul posto per collaborare con l’ente per la cooperazione internazionale tedesca. Vuole contribuire a portare a compimento la fase di ‘permanent housing’: spostare le famiglie in case permanenti. “Un’esperienza che mi ha fatto scoprire quanto la cultura influenzi l’architettura”, inizia così a raccontare la complessità del lavoro che si è trovata a svolgere: studiare soluzioni abitative in grado di tenere conto delle specificità di ogni gruppo religioso. Induisti, musulmani, cattolici, buddisti, ognuno di loro aveva precise richieste. C’è chi rivendicava un piccolo tempio in casa come protezione dalle sventure, chi spazi separati per l’uomo e per la donna, chi facciate laterali prive di aperture, chi precise dimensioni e organizzazione gerarchica all’interno della casa. “Il modello proposto ha declinato infinite soluzioni per adattarsi alle differenze”, ricorda arrivando al cuore del progetto: classificare ritualità e tradizioni, individuare simboli e percorsi della memoria collettiva. “Quando nel 2014 torno a Milano, dopo un passaggio a Barcellona, dove con ‘Secret Space in Profane Building’ inizio a mappare il sacro nascosto, Ippolito Pestellini di Oma mi chiede di prendere parte a Fundamentals, la Biennale di Architettura di Rem Koolhaas, e di portare un progetto che racconta una città. Scelgo Novellara (Reggio Emilia), dove l’8 aprile si celebra la festa del raccolto. Parto e mi unisco alla folla festante di Punjabi, la comunità di indiani che qui si sono insediati negli Anni 60 e che festeggiano il Vaisakhi. E qui, nel 2000, sorge il primo tempio Sikh d’Italia”. Ecco l’opera: un’immagine che grazie alla stampa lenticolare fissa la processione prima e dopo il suo arrivo. “La festa per me è un’architettura, sintesi che svela l’integrazione vera. In modo semplice, naturale, senza conflitto”. Così è, nonostante tutto, anche in Italia. — matildecassani.com


Gabriele Basilico — Tra gli scatti d’autore esposti nella mostra ‘The Art Side of Kartell’ a Palazzo Reale (dal 10/4 al 12/5), l’autoritratto del fotografo, seduto sullo sgabello/tavolino Gnomi Attila di Philippe Starck, scattato a Porta Nuova, Milano, per un progetto di Kartell del 2011.

Pose plastiche Kartell festeggia i 70 anni con un’inedita mostra d’arte a Palazzo Reale. Per scoprire come i suoi pezzi siano stati protagonisti di opere e foto dei grandi nomi della scena contemporanea, sin dall’origine del brand di Valentina Raggi

184

ELLE DECOR


Foto dal progetto Kartell Loves Milano, 2011

ANNIVERSARIO/ 1


ANNIVERSARIO/ 1

Maurizio Galimberti — Firma l’immagine ‘Velasca Masters Metropolitanosa’ scattata nel 2011 a Milano. La torre Velasca e la sedia Masters di Philippe Starck con Eugeni Quitllet si legano in una sequenza d’autore.

Vanessa Beecroft — L’artista protagonista della sua stessa opera. In questo scatto, realizzato ad hoc per Kartell, è ritratta dal grande fotografo Armin Linke, seduta sulla sedia Ero/S/, girevole, design Philippe Starck. 186

ELLE DECOR

Foto dal progetto Kartell Loves Milano, 2011 e dal libro ‘Kartell: 150 Items, 150 Artworks’

Henrik Håkansson — L’artista svedese, noto per il suo approccio artistico e interdisciplinare alla natura, ritratto da Don Cunningham sulla scaletta Tiramisù disegnata da Andries Van Onck per Kartell.


ANNIVERSARIO/ 1

Maurizio Cattelan — Un’interpretazione ironica e d’artista delle sedie Ero/S/ trasparente di Philippe Starck e FPE (Fantastic Plastic Elastic) con seduta rossa, di Ron Arad, scelte da Cattelan per farsi ritrarre da Don Cunningham.

Helmut Newton — Foto di prodotto e ombra-autoritratto del noto fotografo di moda accanto a La Marie disegnata da Philippe Starck, prima sedia al mondo completamente trasparente. 188

ELLE DECOR

Foto dal libro ‘Kartell: 150 Items, 150 Artworks’

Francesco Vezzoli — L’artista, in uno scatto di Don Cunningham, assopito durante la realizzazione dei suoi celebri ricami a piccolo punto, sulla poltrona Bubble Club, in polietilene color giallo, progettata da Philippe Starck.


ANNIVERSARIO/ 1

“Raccontando le reciproche influenze tra il mondo dell’arte e quello del design, la mostra ripercorre la storia della società italiana negli ultimi settant’anni”

David LaChapelle — Gioca con il concetto di icona, legando in uno scatto una statua come il ‘David’ di Michelangelo, la sedia Maui di Vico Magistretti e la sua modella e musa Amanda Lepore.

190

ELLE DECOR

La lampada Bourgie è bruciata come il resto della stanza nell’ultima scena del videoclip ‘Bad Romance’ di Lady Gaga. Cucendo una sua opera a punto croce Francesco Vezzoli si addormenta sprofondato in una poltrona Bubble Club. Per i suoi 50 anni Barbie si regala una ‘dreams house’ arredata con sedie Louis Ghost e Lou Lou Ghost, in miniatura. E Isa Genzken (una delle più influenti artiste degli ultimi trent’anni secondo il MoMA) usa prodotti Kartell nelle sue opere installative. Fantascienza? No, è ‘The Art Side of Kartell’, la mostra che, in occasione della settimana del design, apre nell’Appartamento dei Principi di Palazzo Reale a Milano, per festeggiare i 70 anni dell’azienda. Il taglio è inedito: i prodotti sono narrati attraverso le opere, multimediali, dei numerosi artisti che li hanno interpretati, sin dai primordi. A curarla, l’architetto Ferruccio Laviani, da anni art director di Kartell, assieme all’esperta d’arte Rita Selvaggio, affiancati da un comitato scientifico composto da Francesco Bonami, Philippe Daverio e Giovanni Gastel. Proprio Laviani, con il presidente Claudio Luti, ci narra la genesi del progetto: “L’idea di questa mostra nasce addirittura nel ’94, quando ho messo mano all’archivio di Kartell per farne un database. Al tempo era ancora in vita il fondatore Giulio Castelli, che è stato la nostra memoria storica nel raccontarci anche il legame che aveva con alcuni artisti, tra i quali Emilio Tadini, Lucio Fontana e Milton Glaser. Dal database è nato il museo che ho progettato nel ’99. Poi nel 2001, con Carla Sozzani e Luca Stoppini abbiamo lavorato al libro ‘kARTell’, coinvolgendo artisti e fotografi e creando una grande collezione di scatti. E con l’andare del tempo è accaduto un fenomeno interessante: trovavo arredi e complementi di Kartell in film, pubblicità, videoclip, installazioni. Ho capito che i pezzi erano diventati presenze forti nella percezione collettiva e c’era stato un ribaltamento di prospettiva: un prodotto industriale ispirava l’arte che lo rendeva oggetto culturale utilizzandolo come veicolo di un messaggio artistico”, racconta Laviani. “Quando Luti mi ha chiesto un progetto per l’anniversario ho capito che era il momento di mettere nero su bianco la presentazione di quel sogno che coltivavo da tempo. Lui un venerdì sera ha preso i fogli e li ha letti andando in montagna. Mi ha subito telefonato per confermare l’idea”. “Sì, sarebbe stato banale ripetere una mostra di arredi, c’è il museo”, continua Luti. “Il progetto mi è piaciuto immediatamente, pur non sapendo ancora quale forza e bellezza avessero queste reciproche influenze. La mostra si è trasformata in un progetto culturale, delinea la storia del design e dell’arte, dunque della società, negli ultimi 70 anni”. Oggi, e fino al 12/5, queste e nuove opere arredano l’ottocentesco Appartamento dei Principi, in un percorso onirico e immersivo di stanze tematiche che si apre con un’installazione di 7 Electric chair di Bob Wilson, passando poi al pop, alla fotografia (con un video mesh up realizzato ad hoc da Gastel), alla performance e oltre, fino a concludere il percorso con installazioni site specific commissionate a Enrico David (protagonista anche del Padiglione Italia alla prossima Biennale Arte di Venezia), Riccardo Paratore, Stefano Arienti, Heimo Zobernig, Kerstin Brätsch. Nessun catalogo, ma un libro sul ‘making of’ del progetto, una raccolta di racconti, scritta ad arte. — palazzorealemilano.it, kartell.com

Foto dal libro ‘Kartell: 150 Items, 150 Artworks’

Claudio Luti


L’eleganza Living Divani festeggia un doppio anniversario, 50 anni di vita e 30 anni di art direction di Piero Lissoni. Con una mostra, un libro, e una spiazzante collezione di arredi di Valentina Raggi — ritratto di Giovanni Gastel

del segno

192

ELLE DECOR


ANNIVERSARIO/2

Piero Lissoni in un ironico ritratto d’autore con alcuni pezzi della nuova The Uncollected Collection, ideata per celebrare la sua trentennale art direction di Living Divani e i 50 anni di fondazione dell’azienda.

193

ELLE DECOR


ANNIVERSARIO/2

“Living Divani era un’azienda che produceva magnificamente bene e che doveva essere traghettata nel contemporaneo. Desideravo lavorarci” Piero Lissoni

“Se devo definire l’azienda dico che è molto elegante. In tutti questi anni ha fatto progetti di ricerca ma ponendosi dei limiti, molto speciali: creare prodotti industriali, fruibili, senza fare i fenomeni. Ha quella rara capacità di essere straordinaria nel quotidiano”. Questo è il racconto e resoconto di trent’anni di lavoro in Living Divani fatto da Piero Lissoni come suo art director. Quest’anno il brand brianzolo di Anzano del Parco (CO) celebra un doppio anniversario: 50 anni di attività, da quando Luigi Bestetti e Renata Pozzoli la fondano nel 1969, e 30 di collaborazione con Lissoni. “Mi hanno preso giovanissimo, siamo cresciuti insieme”, dice l’architetto. Per festeggiare, stavolta si è optato per un, fugace, colpo di testa. “Abbiamo deciso di fare una linea in numeri limitatissimi, o forse pezzi unici, che potrebbe restare un gioco o avere una piccola produzione in futuro”, spiega Lissoni. La serie si chiama The Uncollected Collection, è presentata in occasione del Fuorisalone con la mostra celebrativa ‘Living Divani 50+30’ nella splendida cornice di Palazzo Crivelli. L’allestimento onirico è strutturato a cannocchiale, parte da questa collezione per sviluppare il percorso in una rassegna dei pezzi iconici del brand. Ha forme scultoree e proporzioni inedite la collezione in limited edition: si compone di due famiglie, dicotomiche, di sedute e tavoli, la prima dai volumi pieni, generosi e sinuosi in fusione di alluminio, l’altra da figure eteree e iperminimali in tondino d’acciaio e alluminio. “Tra i pezzi ci sono sedie per non stare seduti, da guardare, tavoli che hanno come matrice i troni utilizzati dai re delle tribù africane quando si riunivano: in tutti c’è una partitura estrema di sezioni, forme, materiali. Ho scelto di osare per dimostrare l’altissima qualità produttiva dell’azienda, non ho voluto fare arte, ma restare ancorato al grande know-how industriale della fabbrica. Le poltrone più generose, per esempio, legano nella realizzazione stampi in terra con l’intervento di una fresa hi-tech che rende sottilissimo il materiale, arriva a uno spessore di tre millimetri”, continua Lissoni. Suoi l’allestimento, la collezione e il logo celebrativi, 194

ELLE DECOR

Si chiama The Uncollected Collection la limited edition di tavoli e sedute progettata da Piero Lissoni per celebrare il doppio anniversario. La linea si compone di due famiglie di pezzi, una dalle forme arrotondate e generose e una dalle ardite linee filiformi, di cui fanno parte il tavolo 08 dalle molte gambe e le sedie 05, 06 e 07.


ANNIVERSARIO/2

“Silhouette precise, sofisticatezza, palette selezionate, energia e libertà. Valori con cui l’azienda ha saputo attraversare la spirale del design in continua evoluzione” Carola Bestetti

196

ELLE DECOR

come sua l’immagine a 360° del marchio in questo trentennio. Ma non finisce qui. Lissoni sta anche seguendo il restyling di un ex magazzino che amplierà gli headquarters da lui progettati nel 2007. Tornando a Milano, oltre al Fuorisalone, Living Divani è anche in fiera, dove porta novità firmate David Lopez Quincoces, Keiji Takeuchi e studio Shibuleru. Riconfermando quell’abilità nello scovare nuovi talenti che è un impulso dato soprattutto con l’ingresso di Carola Bestetti, figlia dei fondatori. “Da quando sono entrata in azienda nei primi anni 2000, abbiamo cominciato a coinvolgere numerosi giovani talenti, per creare una collezione senza limiti tipologici, geografici e di gusto, che affronta l’attuale realtà globale da punti di vista sempre diversi. Ma con uno stesso comune denominatore, il tema dell’armonia e della delicatezza delle forme, l’elogio della linearità”, ci spiega lei, direttore marketing, comunicazione e sviluppo prodotto. Un libro, a cura di Graph.X, traccerà questi 50 anni del brand, la sua ascesa di successo, l’ingresso in Altagamma, le icone. Il futuro? “L’azienda è nata con un focus preciso, i divani. Con il tempo invece la nostra proposta si è allargata. Oggi c’è un mondo Living Divani che dalla zona giorno spazia alla camera da letto, la sala da pranzo e l’outdoor. Tutti i pezzi sono portavoce di un relax più flessibile e a misura d’uomo, e di un concetto di personalizzazione come ultimo traguardo di quell’idea di comfort che per noi è valore irrinunciabile. La collezione 2019 testimonia come l’azienda abbia saputo attraversare la spirale del design in continua evoluzione, rimanendo fedele a se stessa. Questa filosofia ci ha reso estremamente riconoscibili, siamo apprezzati in ogni parte del mondo, abbiamo aperto monobrand a Dubai, in Libano e a Shenzhen. Quindi il futuro non ci spaventa: siamo solo curiosi di sapere quali saranno le prossime destinazioni del nostro viaggio”, risponde Carola. “Non so come sarà il mondo dell’arredo tra 30 anni, ma Living Divani cambia quotidianamente. E sarà sempre se stessa. Tecnologia nascosta e qualità in mostra”, conclude Lissoni.— livingdivani.it

Foto Oskar Da Riz

Gli headquarters di Living Divani ad Anzano del Parco (CO). Completati da Piero Lissoni nel 2007, sono oggi soggetti ad ampliamento con l’annessione di un ex magazzino. Presentato in occasione della settimana del mobile, sarà completato nei prossimi mesi, ricoperto con la medesima, inconfondibile, facciata vetrata.


ANNIVERSARI/3

50 anni di progetti In occasione del compleanno del brand dedicato al mondo dell’ufficio, una monografia celebra mezzo secolo di UniFor. Il curatore Fulvio Irace ce lo racconta di Porzia Bergamasco

Foto Mario Carrieri

Attraverso la facciata di vetro del New York Times a Manhattan, progettata da Renzo Piano, si intravedono gli arredi realizzati da UniFor per i grandi open space.

199

ELLE DECOR


ANNIVERSARI/3

Foto Mario Carrieri

Dall’alto, in senso orario, nella Fondazione Feltrinelli a Milano, tavoli e librerie su disegno di Herzog & de Meuron. Accanto, il sistema Cases di Jean Nouvel. La Stavros Niarchos Foundation Cultural Center ad Atene di RPBW arredata con pezzi UniFor. Gli scrittoi Secretello di De Lucchi. Tavolo LessLess disegnato da Nouvel per la Fondation Cartier di Parigi e poi entrato in produzione.

200

ELLE DECOR


ANNIVERSARI/3

Foto Gabriele Basilico

Il flagship store milanese in corso Matteotti, disegnato da Afra e Tobia Scarpa nel 1989. Il mezzanino costruito come un tavolo fuori misura e il pavimento elaborato condensavano l’idea del fare artigianale all’interno di un’industria. In alto, poltrona Parigi di Aldo Rossi.

202

ELLE DECOR


ANNIVERSARI/3

Rigore, funzionalità e qualità architettonica nel primo nucleo degli headquarters e stabilimenti produttivi UniFor a Turate (Como), progettati negli Anni 70 da Angelo Mangiarotti. Sono da considerare un manifesto dello spirito dell’azienda.

“Il tavolo Naòs di Pierluigi Cerri del 1993, i mobili Cases di Jean Nouvel del 2013, il sistema di partizione Parete RP di Renzo Piano del 2004, giusto per fare qualche esempio, non sono nati come nuovi prodotti da inserire in collezione, ma in relazione alle architetture che i progettisti stavano eseguendo in quel momento. Cioè, da un caso e un rapporto specifico e poi sono divenuti universali. Da qui deriva la loro unicità”, spiega Fulvio Irace. Inizia così l’autore della monografia ‘UniFor. Una vocazione per l’architettura’ (Skira), il racconto dei 50 anni del brand di Molteni Group che sviluppa progetti per lo spazio/ufficio. “Abbiamo voluto indicare già con il sottotitolo questa inclinazione che potremmo definire di servizio agli architetti”, continua Irace. “Io faccio le antine dei mobili”, ha dichiarato Piero Molteni, presidente di UniFor, all’inaugurazione della sede del Parlamento di Malta, firmata RPBW. Una modestia che nasconde tutto l’impegno dell’azienda al servizio degli architetti. Fondata nel ’69, può vantare la collaborazione con una cinquina di premi Pritzker: Foster, Nouvel, Rossi, Piano e Siza. Ai quali vanno aggiunti Angelo Mangiarotti e Michele De Lucchi. “Loro progettano edifici e all’interno ci vedono arredi con specificità ben precise. UniFor entra in empatia con loro e lo spazio, considera i diversi aspetti produttivi e realizza l’idea. Di fatto lavorando in una scala diversa, ma per l’architettura”, prosegue Irace con la passione di chi si è immerso 204

ELLE DECOR

nell’archivio aziendale, esaminando testi e raccogliendo aneddoti. Ad avvalorare la tesi sono i punti vendita, ai quali il libro dedica un capitolo, iniziando dai due storici: a Parigi, in Rue des Saints-Pères, e a Milano, in corso Matteotti, entrambi a firma di Afra e Tobia Scarpa. Luoghi speciali, di incontro fra le specificità artigianali, la creatività e la produzione industriale. “Concepiti non come vetrine sulla città, ma per la città. E gli allestimenti affidati ad architetti e artisti con l’idea di incidere culturalmente, più che commercialmente”. Un fenomeno radicato che si spiega anche con la grande attenzione alla comunicazione, alla direzione artistica e agli allestimenti speciali, come li indica un altro capitolo. “UniFor entra nei musei con il suo know-how: sono occasioni intese come laboratori di sperimentazione. Alla Basilica palladiana di Vicenza, per esempio, per la sua monografica del 2018 David Chipperfield ha disegnato diaframmi che non sono così distanti dalle pareti dei progetti di ufficio. Nel percorso definito da Cerri per la recente mostra ‘Picasso Metamorfosi’ nel milanese Palazzo Reale, le pedane erano assimilabili a scrivanie”. I racconti sono tanti. “È un lavoro appena incominciato, che sfocerà in un museo. Per UniFor vale la metafora del corridore, fisso sul traguardo non si preoccupa di quello che c’è dietro di sé. E agli storici tocca raccogliere il tempo”. — unifor.it, skira.net

Foto Marco Introini

50 anni dedicati all’ufficio, in compagnia delle stelle del progetto: da Angelo Mangiarotti a Michele De Lucchi, insieme ai 5 premi Pritzker, Foster, Nouvel, Rossi, Piano, Siza


MAPPAMONDO/1

La mia Africa Ron Arad e Patrizia Moroso ci raccontano in esclusiva l’ultimo progetto della linea M’Afrique, che festeggia 10 anni alla MDW di Valentina Raggi — foto di Alessandro Paderni

Il designer israeliano Ron Arad sulla Big Easy, sua poltrona iconica proposta negli anni in molte versioni. La foto è stata scattata a Dakar, in Senegal, come backstage della collezione di sedute Modou, suo ultimo progetto per la linea M’Afrique di Moroso lanciato durante questa Milano Design Week.

213

ELLE DECOR


MAPPAMONDO/1

“Sono rimasto impressionato da come si possano fare cose belle anche senza parlare la stessa lingua. Accade solo con artigiani al 100%. Come loro” Ron Arad

Alcuni momenti della produzione delle sedute disegnate da Ron Arad e realizzate da artigiani senegalesi. Sono in anteprima nello showroom meneghino di Moroso durante la settimana del design, in un set che celebra il 10° anniversario della collezione M’Afrique. La collezione, outdoor e handmade, firmata da Arad si chiama Modou, dal nome di uno degli artigiani.

214

ELLE DECOR


MAPPAMONDO/1

“Il laboratorio artigiano è pieno di vita. Passano amici e parenti, c’è un viavai di gente che viene dai campi e dalla città” Patrizia Moroso

Ron Arad nel laboratorio artigiano a Dakar, in Senegal, sede della produzione della collezione M’Afrique di Moroso, lanciata dal brand dieci anni fa. Arad ha lavorato per alcuni giorni con le maestranze locali costruendo assieme a loro una collezione outdoor in metallo e corde colorate.

216

ELLE DECOR


MAPPAMONDO/1

In alto, una fotografia scattata per le strade di Dakar. In centro città, il mercato permanente ospita le attività di artigiani diversi a seconda della via. Sopra, una seduta della nuova collezione Modou di Arad. Tutti i pezzi hanno la struttura in metallo curvato a mano secondo l’idea di una linea continua che si flette. 218

ELLE DECOR

“Ron è entusiasta del suo soggiorno a Dakar, come tanti dei designer che in questi anni hanno collaborato con noi al progetto M’Afrique. Restano legati al luogo, ci chiedono di ritornare. Quando si dice il mal d’Africa...”. Inizia così la conversazione con Patrizia Moroso, che in occasione del Fuorisalone allestisce lo showroom di via Pontaccio come scenario festoso per celebrare i 10 anni della collezione ideata da designer internazionali e realizzata da artigiani senegalesi. “Quando anni fa pensavamo di fare una collezione outdoor ho subito immaginato pezzi colorati che stessero bene tra alberi e fiori. Mi è venuto in mente il mercato di Dakar, in centro, dove ogni via è dedicata a una manifattura e i mobili rotti vengono rimessi in opera utlizzando intrecci di fili colorati delle reti da pesca”, spiega l’imprenditrice, che nella città passa molto tempo grazie al marito artista senegalese. Così con lui e l’amico designer Tord Boontje partono per l’Africa, e nasce M’Afrique. In questi anni sono moltissimi i creativi che hanno disegnato per la linea, Patricia Urquiola, Martino Gamper, Sebastian Herkner, Ron Arad, e altri coinvolti negli allestimenti, come Stephen Burks e David Adjaye. “Abbiamo iniziato con un pugno di artigiani, ora sono 40. Il laboratorio è un luogo pieno di vita, c’è un viavai di parenti e amici”, continua Moroso. Per festeggiare l’anniversario ha chiamato designer che collaboravano già con il brand, Marc Thorpe e David Weeks, e nuovi, Gala Fernández e Antonino Sciortino. E poi Ron Arad: “Prima di partire ho mandato i progetti via e-mail e WhatsApp, ci ha aiutato la tecnologia. Arrivato a Dakar ci sono state solo le mani. Il mio viaggio è durato tre giorni, ma mi è sembrato una vita, sono stati molto intensi. I pezzi nascevano facendo la spola tra il laboratorio di lavorazione del metallo e quello di tessitura. Il concept della struttura delle sedute è un tubolare che crea la forma seguendo una linea continua curva, impossibile da realizzare se non a mano, e da abilissimi esperti. Per la scelta dei colori delle corde ho detto agli artigiani: non pretendo di essere africano, non voglio imitare o fare pastiche, fate voi, ma fateli africani”, ci spiega il designer, sottolineando che il cliente avrà la possibilità di scegliere i propri colori: “Non ho fatto la Monna Lisa, ma un prodotto artigianale per un’azienda industriale. Desidero che il consumatore possa avere prodotti custom”. Arad ha chiamato la sua serie Modou, dal nome di un artigiano. Si compone di una sedia, una poltrona, una chaise longue e un day bed. Ha anche disegnato a parte una rivisitazione della poltrona Big Easy, una sua icona realizzata nel 1987 e poi prodotta da Moroso, che il designer ripropone da anni in colori e materiali diversi, stavolta intrecciata: “Un’autocitazione ci voleva, quest’ultima versione è africana”, chiosa. I nuovi pezzi sono esposti in negozio con un allestimento di Marco Viola e fotografie di Alessandro Paderni che danno l’impressione di essere dentro l’atelier e tra le strade di Dakar. “L’Africa è stata a lungo ignorata e rifiutata, oggi siamo in pieno boom, va di moda”, ci spiega Patrizia Moroso traendo le somme di questi 10 anni di incontri tra spirito local ed esigenze glocal. “C’è di buono che se ne parli, senza pregiudizio, perché è giusto che si metta l’accento su questa realtà +elledecor.it e sulla sua forza evidente”. — moroso.it


MAPPAMONDO/2

Sebastian Herkner ritratto tra i suoi pezzi disegnati per Ames: la poltroncina con scocca intrecciata Circo e il tappeto Cabuya con fibra super resistente delle Ande. Un set sofisticato per una collezione a prova di relax.

La nostra Colombia Un viaggio nel Paese del realismo magico alla scoperta di antichi saperi artigianali. Guida d’eccezione, l’inedita coppia Deltour-Herkner di Paola Carimati — foto di Andrés Valbuena

221

ELLE DECOR


MAPPAMONDO/2

“Sono una persona curiosa e uso tutti i miei sensi per entrare in contatto con una cultura e la sua storia”

Barro Rojo: accanto, i vasi in argilla tipici di Tolima, vicina al fiume Magdalena, qui si lavora la ceramica da 300 anni. Maraca: sotto, la poltroncina dalle dimensioni morbide, realizzata in plastica riciclata, la stessa usata per tessere le hamacas tradizionali. Cielo: in basso, la seggiolina realizzata a Bogotá, a 2.600 metri sopra il livello del mare

SEBASTIAN HERKNER “Ho incontrato Ana María 5 anni fa, quando mi ha invitato nella sua magione di famiglia per conoscere la bellezza della Colombia. Qui mi ha introdotto alla ricchezza della tradizione artigianale. Come ha scritto Immanuel Kant: ‘Tutta la nostra conoscenza inizia con i sensi’”, afferma il designer. E dai sensi nasce la collezione di contenitori in terracotta Barro Rojo, la seduta Cielo e la poltroncina Maraca (dalle proporzioni più abbondanti) frutto di un dialogo con le comunità di artisanos locali. “Questo Paese vive di straordinari artigiani e la maggior parte delle tecniche impiegate, sono sconosciute in Europa”, il riferimento alle ceramiche è chiaro. “Tutto nasce nella zona di Tolima, qui si produce argilla da più di 300 anni. La regione, vicina al fiume Magdalena, è un luogo magico: un profumo dolce di riso e mango riempie l’aria”, ricorda con nostalgia. sebastianherkner.com

222

ELLE DECOR


MAPPAMONDO/2

“Il mio è un lavoro di assonanze: lo stool Cana non solo ricorda un copricapo colombiano, ma anche un macaron francese”

PAULINE DELTOUR

Cesta Mirror: in alto, la collezione di specchi realizzata in merletto di Pvc riciclato e intrecciato dagli ‘urban artesanos’. Per realizzare i colori sviluppati ad hoc, sono necessarie alcune settimane. Cana: accanto, gli sgabelli intrecciati a mano in caña flecha, una fibra naturale ottenuta da un particolare tipo di palma. Struttura in acciaio verniciato a polvere.

224

ELLE DECOR

La Francia incontra la Colombia: dai viaggi condotti in quattro comunità artigianali di Bogotá e attraverso la regione del Nariño, sono nate collezioni uniche all’insegna del meticciato. “È stata un’esperienza incredibilmente stimolante. Nel Sud del Paese abbiamo visto decine di case dipinte di blu brillante, verde, rosa, rosso, colori che mi hanno guidato nella scelta della palette per gli oggetti. Guardarli mi mette allegria e freschezza“, spiega la designer. Parlando di lavorazioni, particolarmente interessante è la storia dell’intreccio in caña flecha. Si tratta di una fibra la cui tecnica può essere ricondotta agli Zenú, un popolo indigeno del Nord della Colombia. La stessa usata a Córdoba, la regione che confina con l’Oceano Atlantico, per realizzare il famoso Sombrero Vueltiao. Un cappello che nelle mani di Pauline diventa uno sgabello. paulinedeltour.com


MAPPAMONDO/2

“Ho investito tempo ed energie in questo progetto. Volevo che la collaborazione fra artigiani e designer fosse un vero dialogo” Ana María Calderón Kayser

Una veduta dall’alto del Nariño sul versante dell’Oceano Pacifico, dove Ana María Calderón Kayser si è recata con Pauline. Lo scorso anno il vulcano Galeras a Pasto è stato piuttosto attivo. Per la designer francese è stata la prima volta in Colombia. Diversa la frequentazione di Sebastian Herkner, al suo quinto tour.

In viaggio da una costa all’altra della Colombia sulle orme degli ‘artesanos’, gli artigiani locali che negli ultimi 20 anni si sono trasferiti a Bogotá, la capitale. Una bella storia la loro, di vita e di intrecci: sfuggiti a guerra e violenze, nella nuova dimensione di ‘urbanos’, si sono salvati e hanno salvato l’arte del craft tradizionale, altrimenti perduto. Questa è la cartolina che fa da sfondo al lavoro dei designer Sebastian Herkner e Pauline Deltour per Ames, brand tedesco a vocazione etnica. Sì perché i due progettisti, insieme alla titolare Ana María Calderón Kayser, si sono recati più volte in Sudamerica, nella terra natale dell’imprenditrice, per realizzare più collezioni di arredi. Tutto è frutto della curiosità per ‘El Realismo Mágico’ di quel luogo e della sua gente: un modo di vivere semplice e autentico, che si nutre di gioia, vibra di colori e celebra ogni momento della quotidianità come imperdibile. Quella di Ana Maria, Pauline e Sebastian non è la prima e unica storia di team creativo che si sposta dall’Europa verso mete più esotiche alla scoperta di autoctone manualità. Molte le esperienze raccontate anche in questa edizione della Milano Design Week: Loewe, Marni, ma anche Zanat e Moroso (vedi servizio a pag. 213) sono realtà imprenditoriali che trasformano saperi e lavoro manuale in opportunità di sviluppo e integrazione per tante piccole comunità costrette ai margini. Un fenomeno di rinascita non estemporaneo, ma anticipato già una decina di anni fa da Li Edelkoort, visionaria e autorevole trendforecaster. Era il 2010 quando, interpellata a ridosso della grande crisi, dichiarava: “Ora inizia un nuovo percorso, fatto di maggiore attenzione alle cose, un periodo in cui la parola d’ordine sarà autenticità”. L’auspicio per riprendersi da quella brutta caduta era di rallentare, diminuire la velocità. Tornando all’oggi, la squadra Ames in Colombia 226

ELLE DECOR

racconta questo cambio di rotta. “Siamo in stretto contatto con tutte le persone che lavorano con e per noi e che si trovano in regioni molto diverse del Paese, così da garantire un flusso di lavoro regolare: dalla realizzazione alla spedizione”, spiega Ana María, che con il suo racconto ci svela una precisa attitudine al collezionismo e una sana passione per il fatto a mano. Nata in Colombia, nel 2006 si trasferisce in Germania dove fonda l’azienda, per poi tornare alle origini, riscoprire le tradizioni e reinterpretarle. La creatività è la leva del riscatto, produce cultura e rilassa, come la maggior parte dei pezzi a catalogo: chaise longue e tappeti, vasi di terracotta e specchi preziosi come Panama. “La maggior parte dei colombiani sono persone molto accoglienti e conviviali, orientate alla famiglia. È questo il tipo di connessione che anche noi condividiamo con i nostri partner”. Ecco i designer quindi in visita nella regione del Nariño, affacciata sull’Oceano Pacifico, per studiare la gomma naturale Iraca e imparare la tecnica di lavorazione con la caña flecha. O ispirarsi alla biodiversità del Paese: dal magico paesaggio dell’Usiacurí, sul versante atlantico, al Departamento de Bolívar. Tra palme e piante esotiche, profumo di agrumi e sale nell’aria. Stop d’obbligo nella città portuale di Cartagena, modellata dal fascino del suo passato coloniale, per poi raggiungere le montagne e scollinare lungo le valli fino a Santander. Qui vincono colore e una miscela di stili tutti indigeni, che diventano contemporanei. E poi fibre resistenti delle Ande, perfette per i tappeti, e tessuti che si ispirano alle tradizionali hamacas. Accade proprio ciò che profetizzava la Edelkoort: “Anche se sembra paradossale, torneremo a ragionare con più calma, con più attenzione, con più serenità. Impareremo di nuovo e diversamente a fare business”. E non solo. — ames-shop.de


TENDENZE 2019

Body talk

Mani che toccano e occhi che guardano, menti che comprendono e cuori che sentono. Tutto ciò che dobbiamo fare per scoprire la Milano Design Week è parlare il linguaggio del corpo. E tornare ai fondamentali di Paola Carimati — hanno collaborato Murielle Bortolotto e Valentina Raggi 229

ELLE DECOR


TENDENZE 2019

Mani

Foto Scottie Cameron

Per esplorare, applaudire, ringraziare. Accarezzano superfici lisce, morbide o materiche di progetti di piccola e grande scala. Infallibili, sono la parte del corpo che legge il buio

Se pensiamo di essere in debito di ossitocina, l’ormone dell’attaccamento relazionale, ecco ‘Compression Cradle’ di Lucy McRae. Il letto ci aiuta a sperimentare come il nostro corpo, sottovuoto, sia in grado di rilasciarne secondo il bisogno. In ‘Broken Nature’, alla Triennale di Milano. +elledecor.it

231

ELLE DECOR


TENDENZE 2019 1. Morbidezza per la luce Mojave Moon di L’Objet Haas Brothers. Dall’incontro di menti creative e mani esperte è nata una creatura di ceramica da accarezzare. Da Dilmos, piazza S. Marco 1 2. Leggerezza apparente per le fibre riciclate di Nari Ward che con la mostra ‘We the People’ racconta i legami tra comunità e persone. Al New Museum di NY (sino al 26/5) 3. Empatia per lo stool di legno Autopsy di Carlo Massoud che racconta la fragilità. All’Oratorio della Passione con ‘Sociale, politico e culturale’ a cura di M.C. Didero, Sant’Ambrogio. +elledecor.it 4. Effetto seta per ‘Black and white people pattern’ di Henzel Studio per Olaf. Alcova, Fabbrica Sassetti 5. Fluffy mood per Rose Gold Sleeper l’opera soffice e da accarezzare dell’artista Troy Emery.

[1]

[2]

[3]

[5]

[4]

232

ELLE DECOR


TENDENZE 2019

Occhi Per puntare l’orizzonte e proiettarci oltre. Per dare forza all’immaginazione con scenografie e installazioni site specific: dove i robot respirano emozioni e ci guidano alla scoperta di tunnel luminosi

Manhattan, New York: una scultura monumentale al 159 di Ludlow Street che in diretta trasmette le immagini della Terra riprese da un satellite della NASA. Visibile giorno e notte sino alla metà di Aprile, Blu Marble di Sebastian ErraZuriz invita il pubblico a riflettere sulla presenza dell’uomo sul nostro Pianeta: visti dallo spazio, siamo davvero minuscoli. Un invito poetico all’introspezione.

235

ELLE DECOR


TENDENZE 2019

[2]

1. Navigazione Intuitiva per il Lexus Design Event a cura dello studio giapponese Rhizomatiks: un’esperienza immersiva in cui design e tecnologia amplificano le capacità sensoriali. Superstudio più. +elledecor.it 2. Earth Rotation, la rotazione della Terra produce un suono che, catturato dalla Nasa, è alla base di ‘A Piece of Sky’: il tunnel luminoso di Stephan Hürlemann per Sky-Frame. Ventura Centrale 3. Intelligenza Artificiale per ’Affinity in Autonomy’, l’installazione di Sony che esplora la relazione tra uomo e robot. Spazio Zegna, via Savona 56/A 4. Imagination per la collezione Intimate Phenomena di Gio Tirotto per Secondome Gallery. La lampada Television punta l’infinito come un telescopio. Alcova, via Popoli Uniti 11/13 5. Sfere celesti, la luce Huara di Elemental per Artemide ricorda un corpo stellare. A Euroluce.

[3]

[5]

236

ELLE DECOR


TENDENZE 2019

Mente Per muoversi nel labirinto dell’art design, ricco di pezzi super concettuali, l’intuito non è più sufficiente: occorre accendere i neuroni per sciogliere le ambiguità e distinguere ciò che è da ciò che appare. La verità è una pratica da allenare

Sous Les Etoiles Gallery

I palloncini, sempre bianchi, sono una metafora dolce e profonda al tempo stesso. Charles Pétillon, artista francese super instagrammato, con i suoi evocativi ‘Igloo Mobile’ invade luoghi abbandonati. Un modo di portare alla memoria emozioni che lentamente scompaiono: le sue opere, leggere e immersive, riempiono i vuoti per suggerire nuovi punti di vista. charlespetillon.com

239

ELLE DECOR


TENDENZE 2019

[1]

[6]

[2] [5]

[3]

[4]

240

ELLE DECOR

1. Turning or hanging on? Un neon che ricorda una maniglia: Tube Lights di Objects of Common Interest è un’opera da collezionare. Da Sight Unseen, NY 2. Davvero è un vinile? Creative Chef Studio e Jasper Udink ten Cate sfumano i confini tra cibo, design e arte e ne fanno una caramella. Ventura Future, Base Milano. +elledecor.it 3. Conchiglie domestiche per Nautilus, il tappeto di Florian Pretet e Lisa Mukhia Pretet, fondatori di Atelier Février. Galleria Bolzani, via Gerolamo Morone 2 4. Neoconcettuale Apart, la seduta di Supaform Studio si ispira ai classici dell’avanguardia russa degli Anni 30: un pezzo composto da elementi geometrici puri. Da Alcova, via Popoli Uniti 11/13 5. Mime, una sequenza di segni grafici per la luce di Zaven per Side Gallery Barcellona 6. Pixel mood non è un quadro, ma una collezione di notebook di Write Sketch &.


TENDENZE 2019

Cuore Per imparare a prendersi cura di ciò che esiste al di fuori di noi. Il design sceglie fibre naturali e riciclate in nome della sostenibilità. Rispetto e attenzione sono veri atti di guerrilla: gesti responsabili che fanno stare meglio il prossimo e il Pianeta

Justin Sutcliffe, Jason Alden, Eyevine per Studio Olafur Eliasson

24 enormi blocchi di ghiaccio che si sciolgono lentamente e inesorabilmente per ‘Ice Watch’, l’installazione dell’artista Olafur Eliasson con il geologo Minik Rosing, lo scorso marzo alla Tate Modern di Londra. Più che un’opera, rappresenta l’opportunità di riflettere sul tema della progressiva riduzione della calotta artica. Dopo avere assistito allo scioglimento degli iceberg riusciremo a prendere coscienza dell’urgenza?

243

ELLE DECOR


TENDENZE 2019 [2]

[1] [3]

[4]

1. Fibra di lino per il surf di Philippe Martens, in Belgium is Design. La collettiva con Generous Nature esplora temi sociali e risorse naturali. Opificio 31, via Tortona 31 2. Bio-plastica e stampa 3D per Conifera, l’installazione di Arthur Mamou-Mani nel giardino adiacente a Palazzo Isimbardi, corso Monforte 35 3. Natural mood per l’arazzo Girasole, esplorazione artistica di buon auspicio, di Claudio Onorato per Hands on Design, via G. Rossini 3 4. Housing innovativo Terramia di Stephanie Chaltiel e Fabio Gatti di MuDD costruito con materiali naturali grezzi (droni per l’approvvigionamento dell’acqua). Isola Design District, Palazzo Regione Lombardia +elledecor.it 5. Sintetico, ma riciclato per Menhir, la panca progettata da Dirk Vander Kooij. Ventura Future, Base Milano. 244

ELLE DECOR

[5]


ADDRESS/MILANO

Il re cambia look Giorgio Armani trasforma il suo ristorante nel Quadrilatero della moda milanese. Spazi più ampi e luminosi, concept versatile e interior ispirati agli Anni 30 di Rosaria Zucconi e Francesca Benedetto foto di Giorgio Possenti

Uno scorcio dell’Emporio Armani Caffè e Ristorante. Superfici cangianti, tessuti preziosi, giochi di specchi che riflettono la luce naturale. L’atmosfera è soffusa ed elegante, nello stile della Maison.

253

ELLE DECOR


ADDRESS/MILANO

“Il layout e la scelta cromatica creano un’atmosfera elegante e contemporanea, meno metropolitana rispetto al passato. Volevo trasmettere una sensazione di piacevole accoglienza” Giorgio Armani

In alto, il camino in marmo è il protagonista della sala più raccolta al primo piano che, grazie a un sistema di pannelli scorrevoli, può trasformarsi in esclusivo privé. A sinistra e nella pagina accanto, i tavoli piccoli, le sedute imbottite e i divanetti sono rivestiti in tessuti cangianti nei toni del grigio azzurro e del verde salvia. Le pareti in seta riprendono il verde delle lastre a pavimento che rivisitano il seminato alla veneziana. 254

ELLE DECOR


ADDRESS/MILANO

I sottili paraventi in vetro, con un decoro tessile a foglia di palma della collezione Armani/Casa, filtrano la luce naturale creando zone più intime. A soffitto, luci architetturali e lampade a sospensione su disegno.

Dalla sua prima apertura — e si parla di quasi vent’anni fa — l’Emporio Armani Caffè e Ristorante è diventato un luogo simbolo per la città, frequentato dai milanesi, dai turisti e dai cultori dello shopping nel Quadrilatero della moda. Dopo qualche mese di chiusura per lavori, con i pannelli oscuranti che hanno attirato la curiosità dei passanti, si presenta oggi alla città con un nuovo look, sofisticato e accogliente. Anche la formula si è rinnovata, tanto nella divisione degli spazi, più ampi e versatili, quanto nella proposta di entertainment. L’ingresso dal dehors su via Croce Rossa 2 conduce al bar caffetteria dove, all’ora di colazione o per il tè del pomeriggio, c’è l’imbarazzo della scelta tra le freschissime proposte della pasticceria della casa e i prodotti Armani/Dolci by Guido Gobino. Lo spazio è caratterizzato da una sequenza fluida di aree delimitate da divanetti dalle linee smussate e poltroncine imbottite in tessuto blu, verde o rosso. “Mi sono ispirato ad alcuni elementi Anni 30, il periodo al quale risale l’edificio”, racconta Giorgio Armani, che ha seguito con passione il progetto insieme al team interno di architetti. Le grandi lastre a pavimento citano in chiave contemporanea il seminato alla veneziana, enfatizzato dalle fughe in metallo color champagne. Lo scenografico bancone si snoda con continuità dall’ambiente caffetteria alla zona adiacente, riservata 256

ELLE DECOR

al pranzo, all’aperitivo e al dopo cena, con la scelta di cocktail, classici ed esclusivi, e dj set. Un secondo dehors dilata lo spazio al piano terra verso il monumento-icona disegnato da Aldo Rossi, mentre il nuovo ingresso da via dei Giardini crea un piacevole luogo d’attesa per gli ospiti. La scala sinuosa in metallo dorato conduce al piano superiore. A questo livello scopriamo il ristorante formale con champagne bar. L’atmosfera è soft, gli arredi sono rivestiti in tessuti cangianti in tonalità che variano dal grigio azzurro al verde salvia. Sottili pannelli divisori in vetro, caratterizzati da un motivo tessile a foglia di palma della collezione Armani/Casa, creano angoli più intimi e filtrano la luce delle finestre che affacciano sulla piazzetta sottostante. Sul fondo, una sala più piccola con un grande camino in marmo si trasforma all’occorrenza in un ambiente più intimo e riservato grazie ad ampie pareti scorrevoli. Aperto a pranzo e a cena, propone un menu più ricercato, ma rigorosamente italiano, che mescola con sapienza tradizione e innovazione, in perfetto stile Armani. L’energia e la creatività di re Giorgio, rappresentante della nostra eccellenza nel mondo, hanno saputo colpire nel segno. Declinando un nuovo modo di concepire l’ospitalità che, ancora una volta, è punto di riferimento per fashion addicted e non solo. — armani.com/restaurant/it


ITINERARIO

Ponti e Lancia — Casa Borletti, 1927, via San Vittore. La scenografica scala interna, contraddistinta dai tipici elementi decorativi del primo Ponti, è solo uno degli infiniti dettagli di questa ‘casa all’italiana’. Costruita per la nuova borghesia imprenditoriale meneghina, è caratterizzata da una facciata nella quale nicchie si alternano a finestre fino al tetto coronato da obelischi. L’atrio d’ingresso, delimitato da colonne sormontate da urne di marmo, è il trionfo, estetico e materico, dell’elaborato linguaggio architettonico del maestro.

Milano in vista Da Ponti a Terragni, fino a Zanuso, Caccia Dominioni e Magistretti. Un secolo d’architettura e interior in un tour, esclusivo. Alla scoperta dei capolavori del Novecento che ispirano i progetti di domani di Filippo Romeo e Francesca Benedetto — foto di Paola Pansini testo di Sebastiano Brandolini


BBPR — Torre Velasca, 1950-1957, piazza Velasca. La vista unica di Milano da uno degli edifici iconici della città . Progettata da Belgiojoso, Banfi, Peressutti, Rogers, ovvero i BBPR, agli inizi degli Anni 50, rappresenta un punto di svolta nella progettazione architettonica: il simbolo del superamento dello stile internazionale a favore di un linguaggio radicato alla storia del luogo. La torre del Gruppo Unipol è destinata a uffici, nella parte bassa, mentre negli ultimi piani sono ubicate le residenze, alcune delle quali destinate ad affitti brevi.

259

ELLE DECOR


ITINERARIO

Mangiarotti e Morassutti — Edificio per abitazioni, 1956-1960, via Quadronno. Geometria e volumi si intrecciano nell’articolato disegno della facciata in cui si alternano superfici vetrate, i vuoti delle logge e i pieni dei pannelli in legno Douglas. Agli otto piani delle residenze si accede da un ingresso collocato sotto il livello stradale collegato da una sofisticata scala in travertino. La portineria, totalmente su disegno, è caratterizzata anch’essa dalla leggerezza del vetro e dalla matericità del legno e del marmo che definiscono pavimenti e arredi su disegno.

260

ELLE DECOR


Magistretti e Longoni — Torre al Parco, 1953-1956, via Revere. Massima libertà compositiva, sia nella facciata di 20 piani in intonaco grigio, sia nelle piante delle residenze con finestrature, in legno di pino e ghisa, che si affacciano su uno spettacolare panorama della città e di Parco Sempione. L’atrio è caratterizzato dalla trasparenza massima, delimitato da una superficie vetrata continua che contrasta con il rivestimento di pareti e pilastri in faggio e del pavimento in serizzo grigio.

261

ELLE DECOR


ITINERARIO

Luigi Caccia Dominioni — Complesso per residenze, uffici e negozi, 1957-1964, corso Italia. Si compone di spazi con più funzioni l’articolata architettura vicina alla storica chiesa di Santa Eufemia. Le aree comuni disegnate intorno a una corte-giardino interna sono caratterizzate dal segno fluido sulla spettacolare pavimentazione realizzata in seminato di marmo da Francesco Somaini. Nella pagina accanto, in una residenza, la geometria delle porte taglia un antico dipinto in uno spregiudicato gioco di relazioni tra passato e contemporaneità. 262

ELLE DECOR


263

ELLE DECOR


ITINERARIO

264

ELLE DECOR


Terragni e Lingeri — Casa Rustici, 1933-1935, corso Sempione. Esempio più rilevante di architettura razionalista a Milano, l’edificio è costituito da due corpi separati da un cortile interno, collegati tra loro da balconate sospese in un sorprendente gioco di vuoti e pieni. Qui, da uno degli accessi alle abitazioni si scorgono le complesse geometrie di travi, superfici in vetrocemento e frammenti di marmo. Nella pagina accanto, un dettaglio del camino su disegno di una delle residenze e della scala d’ingresso.

265

ELLE DECOR


Marco Zanuso — Edificio alla Darsena, 1946-1952, via Gorizia. Il legame fra arte e architettura si concretizza in un sofisticato progetto nel quale i due temi si fondono. A partire dal motivo grafico, firmato Giovanni Dova, che dal centro della facciata si sviluppa su tutti gli elementi della costruzione, dai pilastri strutturali alle partizioni laterali. Il prospetto è delimitato da due volumi sporgenti nei quali le linee verticali delle finestre si contrappongono all’orizzontalità dei balconi e dell’attico, ispirati alle case a ballatoio milanesi.


ITINERARIO

Asnago e Vender — Condominio XXI Aprile, 1950-1953, via Lanzone. Situato nel cuore del centro storico milanese, l’edificio si contraddistingue per la stratificazione architettonica fra i piani bassi destinati a uffici, definiti da finestre verticali, e i livelli superiori che ospitano gli appartamenti delimitati da finestre a nastro. L’atrio a doppia altezza è dominato dalla scenografica scalinata e dalla coesistenza di materiali preziosi come la quarzite a spacco, utilizzata come rivestimento delle pareti, e il marmo di Issorie della pavimentazione.

267

ELLE DECOR


ITINERARIO

Piero Bottoni — Palazzo Ina, 1953-1958, corso Sempione. La strada porticata che dall’ingresso dell’edificio conduce agli ascensori e alle scale d’accesso alle residenze. Definito dal progettista ‘grande galleria di smistamento’, avrebbe dovuto collegare corso Sempione con la vicina via Pucci. Lo spazio stupisce per l’uso del colore. Dal rivestimento della portineria in mosaico, con campiture di blu, alle colonne e alla fuga rosa intenso del pavimento composto da una varietà di tasselli in marmo bianco.

Quanto è davvero moderna oggi Milano? Ê l’amletica domanda che si fa la moltitudine di persone che popolano il centro città, soprattutto durante il Salone del Mobile, appassionati di tutto ciò che si può chiamare design. Sarà pur vero che Milano appartiene inequivocabilmente al XX secolo, ma comunque è fatta di strade e palazzi, acerrimi nemici della modernità. Com’è possibile questa discrasia? Abbiamo cercato di capire da dove nasca il fascino e lo stile unico di questa città industriale, ma borghese, che affonda le sue radici nel saper fare e nel saper vivere e che fortunatamente ha sempre attirato, senza però mai subire, il turismo. Siamo andati a curiosare e a capire i palazzi, dal punto di vista dei loro abitanti, padroni di casa o professionisti che da sempre vivono lì. Siamo entrati negli androni, abbiamo guardato come sono fatte le scale, i balconi e le facciate di edifici ai quali ci eravamo abituati e che forse non notavamo più. Ci siamo accorti della loro sobria bellezza, ma anche delle loro idiosincrasie ed eccentricità. In ogni caso, ne siamo rimasti sorpresi e affascinati. Ci sono palazzi (per esempio quelli di Piero Portaluppi, Gio Ponti, Giovanni Muzio) costruiti negli Anni 30 in pieno Fascismo, ma che non possiamo certo considerare fascisti; la loro iconografia e gravità citano piuttosto l’italianità e l’archeologia, e ci seducono portandoci 268

ELLE DECOR

indietro nel tempo, ma senza nostalgie. E poi ci sono opere (per esempio quelle di Giuseppe Terragni, Piero Bottoni, Mario Asnago e Claudio Vender) che, al posto di una figuratività metafisica e classicheggiante, privilegiano l’eleganza: è un’eleganza moderna fondata sulle proporzioni e sulla geometria, sul gioco secco delle ombre e sul ritmo della struttura. Di opere italiane degli Anni 50 che si ispiravano a quello che si stava facendo, nello stesso periodo, sulla scena internazionale, ce ne sono davvero poche. A settant’anni di distanza, possiamo dire che allora l’Italia faceva di testa sua. A Milano mancano quasi del tutto edifici d’ispirazione miesiana, corbusieriana o aaltiana; pochissimi gli edifici di vetro. Le decadi tra i 30 e i 60 rappresentano l’età dell’oro. Dopo la guerra ci fu una collegialità della ricostruzione e un riscatto dalla dittatura e dai bombardamenti alleati del 1943. Un approccio culturale che al suo interno conteneva però molteplici stili, temperature e punti di vista. Per esempio, per citarne soltanto alcuni: lo storicismo di matrice illuminista da parte dei BBPR (Belgiojoso, Banfi, Peressutti, Rogers); la passione per la razionalità dell’ingegneria da parte di Marco Zanuso, che spesso coinvolgeva bravi artisti come Fontana e Dova; il dolce vernacolo di Luigi Caccia Dominioni, che tanto deve all’improvvisazione e al pittoresco.


ITINERARIO

Piero Portaluppi — Casa Corbellini-Wassermann, 1934-1936, viale Lombardia. Aperta lo scorso marzo, dopo un attento restauro a cura dello studio Binocle con la consulenza di Antonio Citterio e la supervisione della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Milano, ospita oggi la Galleria Massimo De Carlo. In una delle sale del piano nobile dell’edificio campeggia un’opera di Luigi Ontani (in mostra fino al 18/5 nella collettiva ‘MCMXXXIV’) che dialoga con gli infiniti dettagli decorativi concepiti dal maestro milanese.

270

ELLE DECOR


ITINERARIO

Giovanni Muzio — Ca’ Brutta, 1919-1923, via Moscova. Due corpi di fabbrica separati da una via privata e collegati da un arco di travertino compongono un’architettura considerata il manifesto del Novecento. La facciata che si sviluppa da via Turati e si curva nell’angolo di via Moscova è definita da un basamento di pietra sul quale si sovrappongono un livello intermedio rivestito in cemento e un coronamento in stucco vicentino e marmo.

E infine la raffinatezza di matrice industrial design di Angelo Mangiarotti e Bruno Morassutti. A Milano, l’architettura del XX secolo la troviamo sparpagliata praticamente in ogni strada e piazza della città: si mescola discretamente alle case medievali, alle chiese rinascimentali e barocche, ai palazzi neoclassici, e alla tanta architettura ottocentesca. Si amalgama e scompare, descrivendo l’identità spazio-temporale di una città unica in tutta Europa, antica e moderna insieme. Gio Ponti disse: “Milano non ha bellezze naturali, né un fiume come Roma, Firenze o Torino, e neanche un vulcano o un golfo come Napoli. Ha soltanto le sue architetture”. Il che costituisce anche una grande responsabilità. Difficile indovinare quale sia la funzione di ciascuno degli spazi che si trovano all’interno dei palazzi di Milano. Aldo Rossi insisteva dicendo che in architettura non dev’esserci necessariamente corrispondenza tra forma e funzione. Nella sua città questa caratteristica appare del tutto evidente. Qui, quasi ogni palazzo diventa un piccolo monumento. La gente dentro ci abita, ci lavora, ci studia, si diverte, vende e compera, senza però necessariamente farlo capire. Il Fuorisalone, così vasto e onnipresente, dimostra quanto Milano sia oggi flessibile e accogliente. Gli atrii e le scale degli edifici sono (quasi sempre) emblematici, in quanto passaggi obbligati tra la vita pubblica e quella privata. 272

ELLE DECOR

Memorabile la grandiosità dell’atrio-portico del palazzo alto realizzato da Piero Bottoni in corso Sempione subito dopo la guerra: si tratta di una vera e propria galleria prospettica lunga quanto la costruzione, dove rimbombano i nostri passi e ci sentiamo importanti. Intimisti e irregolari, invece, gli ingressi progettati da Luigi Caccia Dominioni: luci soffuse, forme smussate, materiali eleganti, a rappresentare il gusto della buona borghesia meneghina che negli Anni 50 e 60 del secolo scorso si riconosceva sia nella città, sia nella campagna, nell’agricoltura come nell’industria, nella religione e nella politica. E poi l’iconico Gio Ponti in via San Vittore, che dell’ingresso fa un luogo di cultura e di rappresentanza sociale, ma a suo modo anche metafisico, cioè alla De Chirico, non senza una buona dose di ironia. Ad accomunare le opere milanesi di quegli anni, dalla prima all’ultima, il savoir-faire e la bravura degli artigiani, che dovremmo omaggiare; i falegnami, i marmisti, gli stuccatori, i fabbri, i tappezzieri, i muratori, i parquettisti, i lattonieri, i mobilieri, i vetrai e i serramentisti. Fino agli Anni 60, gli architetti, per progettare e fare, si affidavano alle capacità e all’esperienza di chi sapeva costruire e mettere insieme le cose; allora era ancora possibile una fertile simbiosi tra artigianato e architettura. Poi questo legame è saltato. Questi meravigliosi e irripetibili palazzi ci portano a riflettere anche su questo. —


SPECIALE

AT WORK Il lavoro è diventato flessibile, articolato, mobile. E l’evoluzione degli spazi dedicati è al centro di una continua sperimentazione da parte di architetti e designer. Così anche l’organizzazione del layout, che si riconfigura per offrire luoghi funzionali, produttivi, ma anche rigeneranti, per il corpo e per la mente. A partire da questa considerazione, abbiamo esplorato come sta cambiando il rapporto tra uomo e ambiente professionale, analizzando progetti e realizzazioni in tutto il mondo. Una selezione che mostriamo, raccontando i trend che guidano la progettazione, dal coworking fino al campus della digital company. Una riflessione sui cambiamenti degli stili di vita e sulla nuova relazione fra analogico e digitale negli spazi di oggi. Una ricerca che è stata anche il punto di partenza per sviluppare ‘Elle Decor at Work. The Evolution of Workspace’, la nostra mostra-installazione in scena a Palazzo Bovara fino al 18/4. Un viaggio che si articola nella sequenza di stanze al piano nobile dell’edificio per culminare nel giardino interno, raccontando le declinazioni più significative dell’ufficio contemporaneo: dalla sala riunioni virtuale al coworking green, fino a un ambiente relax anti stress. Con uno sguardo curioso rivolto al futuro. 279

ELLE DECOR


Una delle sale centrali (The Exchange) della mostra ‘Elle Decor at Work’ interpreta con tre diversi ambienti altrettante modalità di meeting, dalla più informale, The Club, arredata con sedute, poltrone e divani (qui nel rendering), alla più avanzata, The Standing Desks, con postazioni in piedi a sostegno di una corretta postura, fino alla più avveniristica, The Virtual Meeting Room, con sistemi high-end di conference call e data processing.

280

ELLE DECOR


ELLE DECOR AT WORK

Brain storming L’evoluzione degli spazi di lavoro, sempre meno convenzionali, sempre più flessibili e immaginifici, è il tema della nostra mostra-installazione dall’8 al 18/4. Dove design e digitale fanno rete

Render DWA Design Studio

di Laura Maggi


ELLE DECOR AT WORK

“Abbiamo lavorato a un allestimento immersivo che potesse restituire la complessità e la varietà dei cambiamenti che si stanno verificando nella progettazione degli spazi di lavoro“, racconta Livia Peraldo Matton, direttore di Elle Decor Italia e curatrice di Elle Decor at Work. The Evolution of Workspace. “Come testimoniano esempi eclatanti quali il nuovo Google Campus di Mountain View in California firmato da BIG and Heatherwick Studio, oppure il masterplan per il Willow Campus di Facebook nella Bay Area di San Francisco, è in corso una rivoluzione non solo progettuale, ma anche mentale, culturale e sociale. All’interno di Palazzo Bovara, lo storico palazzo nel cuore di Milano, abbiamo immaginato nuovi scenari in collaborazione con DWA Design Studio, responsabile dell’exhibition design, AKQA dell’interaction design e Marco Bay del progetto di landscape design”. Il tema della mostrainstallazione si ricollega allo studio della relazione fra analogico e digitale all’interno dello spazio abitato e all’osservazione degli stili di vita delle nuove generazioni che sono stati oggetto di precedenti esposizioni curate dal magazine, sempre in occasione della Milano Design Week: ‘Soft Home’ (2016) e ‘ONLIFE Millennials at Home’ (2018). A farci da guida lungo il percorso espositivo sono gli stessi Alberto Artesani e Frederik De Wachter, fondatori di DWA Design Studio: “Per ‘Elle Decor at Work’ abbiamo ricreato ambienti, immaginati sulla scia di ricerche su modelli, tipologie e paradigmi contemporanei, che hanno modificato – e continuano incessantemente a ridefinire – i codici degli spazi di lavoro. Codici che non tracciano più confini precisi, ma traducono l’idea di un design diffuso tanto nell’ufficio 282

ELLE DECOR

Ritratto Andrea Spotorno

A lato, The Hub, lo spazio coworking organizzato con una struttura libreria su cui si sviluppano piani di lavoro, dove i visitatori vengono coinvolti in interazioni digitali messe a punto da AKQA. Le piante sono frutto della selezione di Marco Bay, architetto paesaggista, in base alla loro capacità di migliorare il microclima ambientale e il benessere emotivo. Sotto, Alberto Artesani e Frederik De Wachter, fondatori di DWA Design Studio, autori del progetto di exhibition design.


ELLE DECOR AT WORK

A destra, il Theatre è un ambiente dove il concetto di comunicazione della sala conferenze classica viene destrutturato e trasformato in uno spazio multidirezionale con grandi schermi di proiezione e uno schema di sedute dove sedersi liberamente. Sotto, The Standing Desks, con tavoli di altezza regolabile, suggerisce una modalità di lavoro interattiva e dinamica anche durante i meeting: si lavora in piedi, stimolando il movimento e prendendosi cura del proprio benessere.

Render DWA Design Studio

Un allestimento immersivo, che restituisce la complessità e la varietà dei cambiamenti nella progettazione degli spazi di lavoro

284

ELLE DECOR


Ambienti immaginati per le nuove modalità di meeting e coworking. Spazi verdi e isole relax. Postazioni di lavoro interattive, con una tecnologia sensibile al benessere fisico ed emotivo

Nove grandi contenitori dorati identificano lo spazio dell’Archive. Da ambiente statico, in cui si sedimenta il passato, si trasforma in caveau multimediale, dove l’esperienza della classificazione (mediante tecnologie digital e social di ultima generazione come Pinterest) si affianca a quella storica, che racconta l’evoluzione dei luoghi di lavoro.

286

ELLE DECOR

quanto in contesti più domestici. Gli ambienti sono permeabili l’uno all’altro e si snodano per le sale del palazzo lungo il pattern dei colori sfumati di una moquette realizzata su nostro disegno che li unisce in un continuum di progressiva trasformazione, rafforzando l’idea cardine di una fluidità di spazi e funzioni”. Si entra dal Gate, dove il visitatore è accolto da un’installazione digitale, frutto dell’interazione tra il visual artist Karol Sudolski e i team creativi e di user experience di AKQA, che reinterpreta i processi di registrazione comunemente utilizzati dalle aziende all’ingresso trasformandoli in un’esperienza coinvolgente. Il successivo Hub sviluppa il concetto dell’ufficio come spazio coworking, dove “comfort, colori, luci, forme, suoni e qualità dell’aria sono i pilastri sui quali si regge l’intera progettazione”, ricorda DWA. Qui “il green indoor si impone come realtà di fatto per migliorare la qualità dell’ambiente di lavoro”, interviene Marco Bay, che firma il progetto verde. “Ho scelto un sottobosco di verdi diversi che entrano in rapporto con l’interior design e il Chlorophytum (Falangio) per la sua caratteristica di ossigenare l’aria, filtrando le sostanze tossiche presenti negli ambienti urbani”. I visitatori hanno la possibilità di sperimentare tre diverse interazioni. Nel caso di The Sustainable Workstation, sono invitati a posizionarsi su una pedana e a fare esercizio contribuendo al proprio benessere fisico e a generare energia a servizio dei loro device. Your Adaptive Workstation interagisce mediante una tecnologia che adatta l’ambiente di lavoro alle necessità fisiche ed emotive della persona, modificandone temperatura, luce e cromie. The Art of Working Together invita due persone per volta ad appoggiare le mani sullo schermo di un tablet per generare nuvole di colore diverso: mescolandosi in una composizione unica, diventano metafora del lavoro a quattro mani. Torna alla mente l’epopea descritta da Alessandro Baricco nel suo ultimo libro ‘The Game’, che narra la mutazione della postura da “uomo-cavallo-spada”, simbolo del passato, a quella di “uomo-tastiera-schermo” che ci identifica oggi, anche se i nuovi scenari indicano ulteriori evoluzioni. Attraverso un piccolo Café, che soppianta anonimi distributori automatici, si accede a The Exchange, dove le modalità del meeting trovano soluzioni: dalla più informale (con divani e poltrone) alla più avanzata (con postazioni standing), fino a una virtual room con sistemi high-end di conference call e data processing raccontati nell’interazione immersiva, anche qui frutto della collaborazione tra Karol Sudolski e AKQA, che arriva a chiamare in gioco avatar personali. Nel Theatre, viene “destrutturato il concetto di partecipazione a conferenze, dove la comunicazione diventa multidirezionale grazie a grandi schermi di proiezione e un adeguato schema di sedute”, ricorda DWA. Qui scorrono le video interviste agli studi di architettura BIG, Bjarke Ingels Group, e Barber & Osgerby sull’evoluzione degli spazi di lavoro, realizzate da Francesca Molteni.“Gli ultimi ambienti del percorso, Nap Room e Studio, sono riservati a un concetto di ufficio ibrido, dove alla routine vengono affiancati momenti meno ortodossi”, ammiccando a isole domestiche di decompressione e suggerendo spazi di vita-lavoro temporanei. Il luogo della memoria storica è The Archive, un vero caveau multimediale che racconta l’evoluzione dei luoghi di lavoro dagli Anni 50 a oggi attraverso i progetti degli spazi

Render DWA Design Studio

ELLE DECOR AT WORK


ELLE DECOR AT WORK

Un concetto di ufficio ibrido e design diffuso, che si ispira agli interni domestici, con spazi di vita-lavoro temporanei all’interno delle aziende

Render DWA Design Studio

Sopra, le tre nicchie ergonomiche per il relax, ricavate nella struttura delle pareti curve della Nap Room, sono ambiti di decompressione e invitano il visitatore a entrare, abbandonarsi sui morbidi materassi, cullati dalla musica e da luci rilassanti. Accanto, uno scorcio dello Studio, ambiente progettato per suggerire spazi di vita-lavoro temporanei che si ispirano all’interior design domestico.

288

ELLE DECOR


ELLE DECOR AT WORK

ELLE DECOR AT WORK. THE EVOLUTION OF WORKSPACE Exhibition Design DWA - Design Studio Interactive Design AKQA Landscape Design Marco Bay Exhibition Design Coordination Marina Cinciripini Graphic Design Designwork Main Partner Alpi, Ethimo Energized by Edison Lifestyle Partner Acqua di Parma Porcelain Surfaces Florim Outdoor Partner Corradi Official Digital Partner Pinterest Trade Fair Partner Maison&Objet Media Partner Archiproducts Technology Partner HP Architectural Lighting Partner Delta Light Restaurant&Bar Caffè Scala Official Sparkling Wine Ferrari

Official Soft Drink Royal Bliss Partner Alpes-Inox, Anonima Castelli, Arpa Industriale, Arper, Artemide, Azzurra Ceramica, Cosentino, Dedar, IComfort, Illulian, Level Office Landscape, Luceplan, NUVOcomfort, Oluce, Pedrali, Poliform, Quadro Design, Rubelli, Samsung Electronics Italia, Technogym, True Design, Unifor, Wall&Decò, WMF Partner tecnici Bellavite, Eco Contract + Eco Design, Fantin, Galimberti - Legno e Bioedilizia, Itlas, Pellini Spa, Sikkens, Sony, Vetreria F.lli Paci Special Thanks Cappellini Giardinieri, Cita - Consociazione Italiana Tappezzieri Arredatori, Krea Allestimenti Cantù

e degli arredi più rappresentativi di sempre esposti in grandi contenitori dorati, sulla base della ricerca condotta in collaborazione con la storica del design Porzia Bergamasco. La Data Room registra progressivamente il numero dei visitatori oltre a rilevare i dati ambientali (temperatura, luce, umidità). Alla convivialità è dedicato The Restaurant, un luogo dove al consumo dei pasti è riconosciuto un ruolo centrale, sia dal punto di vista spaziale sia da quello relazionale. È un contenitore ibrido e dinamico, il posto in cui ritrovarsi per parlare e mangiare insieme, aperto al pubblico durante il periodo della mostra. Il percorso, caratterizzato da profumazioni diverse in sintonia con il mood delle sale, si conclude nel cortile interno trasformato da Marco Bay, con quinte di bambù, specie esotiche e alberi fioriti di pesco selvatico, in The Orchard. Organizzato in vere e proprie stanze all’aperto, lo spazio outdoor offre zone bar, relax, wellness, per pause rigeneranti e funzionali con una smart bench dove ricaricare i propri device. Nello storytelling della mostra un ruolo importante è svolto da Pinterest, che ha scelto come partner istituzionale Elle Decor Italia e la sua piattaforma multimediale. Nelle sale sono presenti i Pincode, da scansionare con la fotocamera, per avere più info. E immergersi ancora meglio nel mondo di Elle Decor at Work. ‘Elle Decor at Work. The Evolution of Workplace’, Palazzo Bovara, corso Venezia 51, Milano, dall’8 al 18 aprile 2019. Orario: 10.00-20.00 tutti i giorni: l’8/4 dalle 15.00 alle 20.00. Ingresso gratuito. Servizio bar in giardino (prima colazione, pranzo e aperitivo), ristorante al primo piano. +elledecor.it

290

ELLE DECOR

Render DWA Design Studio

Aperto al pubblico per tutta la durata della mostra, il Restaurant mescola arredi caratteristici di una cucina con altri propri di un ambiente di lavoro, come i tavoli nati per l’ufficio. Questo ambiente è pensato come contenitore ibrido e dinamico, che trasforma l’idea classica della mensa aziendale in uno spazio piacevole multifunzionale, dove ritrovarsi per parlare, condividere idee e consumare i pasti insieme.


Lisbona, Second Home by SelgasCano — Per la sede portoghese di Second Home, il progetto di José Selgas e Lucía Cano all’interno del Mercado da Ribeira è pensato in modo da preservare il carattere dell’edificio originario fine ’800: a dominare l’open space di 1.150 mq, ben 1.000 esemplari di piante disseminate sui tavoli dalle forme organiche. Per creare aree di lavoro individuali e mantenere il senso di collettività. Come dimostrano le 100 lampade, tutte diverse, che esaltano l’eterogeneità dei membri del coworking.


FUTURE AT WORK

Lo chiamavano ufficio Nomade ed effimero. Fluido e condiviso. Multiforme e super strutturato per il tempo libero. Lo spazio di lavoro cancella i confini tra sfera privata e professionale e diventa luogo a misura di sé. Viaggio nell’ultimo ‘place to live’

Foto Iwan Baan

di Bianca Scotto

293

ELLE DECOR


FUTURE AT WORK

La rivoluzione tecnologica degli ultimi anni ha introdotto nel lavoro quotidiano nuovi strumenti, ci ha abituato a utilizzare nuove interfacce di collaborazione, ha insegnato a far uso di modalità alternative di comunicazione e condivisione. Più di tutto, ha velocemente trasformato la routine da una sequenza di operazioni prevedibili a un processo mutevole, esperienziale, in cui l’iniziativa e l’intraprendenza individuale sono diventate fattori chiave all’interno di una società basata sulla conoscenza. Una rivoluzione, quindi, prima di tutto culturale, sociale, ma anche spaziale. Infatti, in una società globale e iperconnessa, il bisogno di viaggiare per raggiungere il proprio team oppure l’esigenza di stare alla scrivania per svolgere le proprie attività risultano ormai obsoleti. Le ore di lavoro individuali spesso dipendono dalla sincronizzazione fra colleghi dislocati nel mondo, con fusi orari differenti. La tecnologia ci ha dato la libertà di lavorare non solo quando e come si vuole, ma anche dove si desidera. Un cambiamento di paradigmi così radicale da giustificare la rapida e multiforme evoluzione dei cosiddetti uffici a cui abbiamo assistito negli ultimi anni: dall’home working ai coworking pensati per la generazione dei nomadi digitali, dai campus iperattrezzati delle grandi corporate ai contenitori ibridi, in cui si lavora, si vive, si trascorre il proprio tempo libero; le tipologie di luoghi deputati si sono ampliate, così come, al loro interno, si sono moltiplicate le soluzioni spaziali. Da ambiente 294

ELLE DECOR

statico e ripetitivo, l’ufficio si è trasformato in un interno flessibile e dinamico: spazi diversificati per attività multiple e simultanee; una varietà di soluzioni progettuali per isolarsi o collaborare, sedimentare o condividere conoscenza; dotazioni tecnologiche e comfort per assecondare le esigenze di dipendenti o liberi professionisti. L’obiettivo è essere produttivi; in che modo e dove operare è in funzione delle esigenze di ciascuno di noi. Dall’ufficio al campus urbano. Se è stato Google a scardinare la concezione dell’ufficio tradizionale, con i primi scivoli e tavoli da ping-pong in sede, sono di nuovo i giganti del tech a dettare una nuova tendenza. Come dimostrano i campus iperattrezzati delle grandi compagnie del digitale, l’ufficio cambia scala e si trasforma in una sorta di micro-città: ristoranti, hotel, club per il benessere, palestre, sale per la meditazione e lo yoga, negozi, gallerie d’arte e laboratori creativi. Sono gli interessi e le attività per il tempo libero a configurare lo spazio, integrando agli ambienti di lavoro luoghi emblema per la cura del sé. In Silicon Valley, a Menlo Park, Frank Gehry prosegue l’ampliamento del campus di Facebook: un insediamento oggi composto da 21 edifici con negozi, caffè, ristoranti, strutture per lo svago e persino un laboratorio di falegnameria. Una vera e propria città, nuovo landmark urbano. E per ridurre il pendolarismo dei dipendenti di Facebook, OMA sta pensando al progetto di un villaggio residenziale: 1.500 abitazioni, 162.500 mq di spazi

Courtesy BIG

Mountain View, Google HQ by BIG + Heatherwick Studio — Un luogo permeabile verso l’esterno e interamente versatile rispetto all’evoluzione dell’azienda: BIG e Heatherwick si sono ispirati al concept degli hangar e dei terminal aeroportuali per i nuovi headquarters di Google in Silicon Valley. Un sistema di coperture trasparenti, che controllano il microclima pur lasciando passare aria e luce, identificano le aree del campus; al di sotto, una sequenza di spazi verdi e volumi, pensati come padiglioni leggeri che possono crescere in base alle necessità.


FUTURE AT WORK

Londra, Tintagel House by Universal Design Studio — ll coworking del gruppo TOG, nei pressi del Vauxhall Bridge di Londra, offre un mix fra postazioni di lavoro individuali e condivise, spazi di incontro informali e servizi per i suoi utenti. Ad armonizzare questa varietà spaziale, il progetto di interni prevede una sofisticata palette di colori e materiali, che conferisce una forte identità visiva a ogni ambiente, adattandosi all’eterogeneità e ai gusti dei suoi frequentatori.

Foto Charles Hosea - Tomooki Kengaku/Nacasa & Partners

Tokyo, DMM.com by teamLab — L’esperienza immersiva progettata per gli uffici della piattaforma digitale giapponese DMM.com culmina al 27º piano, dove lo spazio viene attraversato da un’iconica scrivania che si dispiega come un nastro unico per la lunghezza di ben un chilometro. Obiettivo: moltiplicare le traiettorie visive, stimolare l’interazione fra le persone, offrire la libertà di scegliere la propria postazione. La superficie dei tavoli, fatta di schermi Oled, trasmette grafiche digitali che cambiano in funzione dei momenti della giornata.

296

ELLE DECOR


FUTURE AT WORK

per uffici, 11.600 mq per retail e hotel. I luoghi di lavoro diventano unità autosufficienti ma anche nuovi catalizzatori urbani che puntano a relazionarsi con la città intorno. Il progetto del nuovo campus di Google a Mountain View a cura di BIG e Heatherwick Studio prevede un layout permeabile e aperto verso l’esterno: un sistema di piste ciclabili, percorsi pedonali, aree verdi lo collega all’intorno; opportunità commerciali e ricreative sono pensate per coinvolgere la comunità residente. Lavorare e condividere. Sfera privata e professionale sono ormai intersecate; il modello di ‘comunità’ sta soppiantando quello di famiglia. Questo il credo anche alla base degli spazi per il coworking, il cui numero cresce esponenzialmente ed è destinato a superare le oltre 21.000 unità entro la fine dell’anno. Pensati per startup, piccole e medie realtà, liberi professionisti e consulenti, offrono soluzioni a breve e lungo termine: dall’affitto di una sala riunioni per un giorno a una postazione in un’area condivisa, sono la risposta contemporanea alla natura nomadica del lavoro nella nostra era. A integrare il progetto degli spazi un ricco programma di eventi e attività collettive, pensate per condividere interessi e scambiare conoscenze Perché per i millennial non solo auto, case, strumenti si condividono: le idee sono la merce più preziosa da mettere a frutto insieme. “Ogni aspetto dello spazio è pensato per massimizzare gli scambi tra le varie professioni e discipline, favorendo la contaminazione fra 298

ELLE DECOR

campi differenti”, affermano Sam Aldenton e Rohan Silva, fondatori di Second Home, rete di spazi rivolti a imprese e realtà accomunate da una dichiarata vocazione etica. Per le tre sedi già completate, due a Londra e una a Lisbona, gli architetti spagnoli SelgasCano, con un’attenzione sofisticata ai caratteri di ogni luogo, hanno saputo realizzare interni a misura d’uomo, con un linguaggio informale e soluzioni spaziali intuitive che preservano la privacy quanto valorizzano il senso collettivo. Popolati da piante e alberi, gli interni sono inondati di luce naturale e dotati di soluzioni impiantistiche che mirano a ottenere il migliore microclima interno. Ma il concetto di lavoro è a 360° e include anche il proprio arricchimento sociale, culturale, fisico: oltre agli ambienti di lavoro, sono inclusi un bar, una palestra, una biblioteca, sale dedicate a film, musica dal vivo e conferenze. A Parigi è invece lo spirito imprenditoriale ad accomunare sotto lo stesso ‘tetto’ ben 1.000 startup: all’interno del vecchio deposito ferroviario Halle Freyssenet, grazie a un sapiente recupero industriale a cura dello studio Wilmotte, è nato Station F, che mira a diventare il più grande campus per startup al mondo, aperto al pubblico sette giorni su sette, ventiquattro ore al giorno. Con un layout esemplificativo del programma collettivo e dell’approccio al lavoro dei giovani imprenditori, lo spazio di 34.000 mq è articolato in tre aree: la prima, Share zone, concepita come luogo di incontro, in cui si tengono i molti

Foto Tory Williams, courtesy of The Wing

New York, The Wing by Chiara de Rege — All’interno di un edificio industriale che ospitava un tempo una cartiera, si trova a Brooklyn il terzo coworking per sole donne aperto dalla catena The Wing. A definire il layout degli spazi è l’interior designer Chiara de Rege, che ha creato in questo ambiente a doppia altezza una sequenza di aree living per lavorare, dialogare, fare networking. Pur giocando con differenti configurazioni di arredi, la palette di materiali e cromie crea un’atmosfera accogliente, e femminile, che accomuna gli spazi.


FUTURE AT WORK

Parigi, Station F by Wilmotte & Associés — Nel convertire un deposito ferroviario Anni 20, realizzato con una innovativa tecnica d’uso del cemento armato, in un moderno campus per startup, lo studio francese si misura con l’esistente e lega il vecchio al nuovo attraverso uno schema chiaro. Le tre navate originarie sono mantenute; la struttura in cemento restaurata e resa visibile sia all’interno sia all’esterno. All’interno aree collettive e box per momenti di lavoro più riservati. Ferro e vetro, bianco e nero e accenni di colore definiscono gli spazi architettonici.

Foto Patrick Tourneboeuf - Hiroyuki Oki

Ho Chi Minh, Evolable Asia by 07BEACH + Studio Happ — In Vietnam, negli uffici di Evolable Asia, una realtà del settore IT in rapida crescita, il verde è il vero protagonista, capace di interpretare l’atmosfera dinamica e informale del brand. Ai cinque piani di lavoro, un morbido manto erboso dai contorni organici identifica lungo il perimetro dell’edificio uno spazio di evasione e relax dedicato ai dipendenti; nelle aree comuni, le oasi verdi diventano luoghi per l’incontro o per riflettere e riposare in solitudine.

300

ELLE DECOR


FUTURE AT WORK

Menlo Park, Facebook Campus by Frank O. Gehry — Sostenibilità ambientale e benessere dei dipendenti: questi i principi che hanno guidato l’ampliamento del campus di Facebook in Silicon Valley. Ultimo aggiunto, realizzato in soli 18 mesi, è l’edificio MPK 21, che vanta un tetto verde di 15.000 mq, un sistema per il riciclo delle acque, pannelli solari per integrare la richiesta di energia. L’impiego di pareti in vetro punta a ridurre l’uso della luce artificiale, mentre lo spazio all’interno offre una varietà di opzioni per lavorare al meglio.

eventi in programma e le presentazioni delle startup a imprenditori e investitori; la Create zone, riservata agli spazi di lavoro; infine la Chill zone, che include un ristorante di 3.500 mq. L’ultima aggiunta al campus sarà un’area residenziale pensata per ospitare 600 persone in 100 appartamenti condivisi: dotata di una struttura sportiva, un bar, un caffè, avrà un collegamento diretto a Station F per ottimizzare gli spostamenti. Sentirsi a casa. Non solo coworking, ma anche coliving. Come accade a Londra, dove, all’ultimo piano dell’edificio che ospita gli spazi per lavorare insieme di Tintagel House, sorge una penthouse pensata per affitti di breve termine, o da utilizzare come ampia sala per meeting ed eventi privati, a qualche piano di distanza dagli ambienti di lavoro. Se il mondo degli uffici sta mettendo in discussione i limiti fra pubblico e privato, in termini di linguaggio la ricerca di domesticità si sta facendo strada in molti progetti recenti. Basti pensare agli uffici di Fjord a Helsinki, dove la progettista Joanna Laajisto ha lavorato con materiali locali, colori caldi e tattilità morbide per realizzare aree relax che sembrano living e ambienti cucina curati in ogni dettaglio: il concetto di ospitalità diventa meno rigido, più informale. Se ci spostiamo oltreoceano, lo stesso tema si fa prettamente femminile negli spazi di The Wing, catena di coworking pensati per sole donne. Pareti, pavimenti, imbottiti: tutto è avvolto in un rosa soave, battezzato ‘the Wing pink’, che oltre a contraddistinguere 302

ELLE DECOR

l’estetica del brand, è l’elemento chiave per rendere lo spazio caldo e avvolgente. L’ufficio come manifesto del brand. Nell’ambiente di lavoro contemporaneo, il linguaggio degli spazi diventa elemento identificativo, potente strumento di comunicazione dei valori del brand. Accanto a questa tendenza, sempre più aziende utilizzano il digitale per innovare la loro identità visiva o consolidare il Dna del marchio. Lo Studio O+A, insieme a IA Interior Architects, ha disegnato gli interni del nuovo headquarters di McDonald’s a Chicago, trasformando i nove piani dell’edificio in un percorso narrativo attraverso la storia del colosso del fast food, dalla cucina ai sapori, alle persone. Con un approccio al digitale più esperienziale, lo studio teamLab affronta il progetto di uffici del brand giapponese DMM.com, sperimentando il limite fra reale e virtuale: il visitatore si trova immerso in un contesto di ispirazione vegetale, in cui vere piante si mescolano a lussureggianti animazioni digitali. La natura irrompe negli uffici non solo in forma virtuale: a Ho Chi Minh, in Vietnam, negli spazi di un’azienda IT, i progettisti di Studio Happ e 07BEACH riproducono un manto erboso lungo il perimetro dell’ambiente di lavoro principale: un’oasi verde in cui socializzare, rilassarsi, trovare ispirazione, proprio come sdraiati su un prato. Perché la grande conquista del luogo di lavoro, oggi, si esprime nella libertà di esistere, innanzitutto, come essere umano. — +elledecor.it


Un ingresso del padiglione ideato da Calvi Brambilla evocando una grande lanterna per ospitare diverse ‘folie’, stanze a sorpresa in cui sperimentare materiali e finiture in maniera suggestiva.

304

ELLE DECOR


ELLE DECOR CONCEPT

Fantasia al cubo A Made Expo, l’installazione immersiva di Elle Decor Italia firmata Calvi Brambilla per raccontare materiali, superfici ed elementi d’architettura. Esperimento riuscito di Tamara Bianchini — testo di Valentina Raggi — foto di Simone Bossi

305

ELLE DECOR


ELLE DECOR CONCEPT

306

ELLE DECOR


Trasformare temi tecnici in poesia. Mettere in dialogo superfici, materiali e colori in maniera suggestiva. Creare entertainment e cultura del progetto in un unico allestimento

In queste pagine, alcuni angoli della Design Box di Elle Decor Italia, firmata da Calvi Brambilla a Made Expo, realizzata con le aziende partner: Agoprofil, Arteferro, Besana Carpet Lab, BTicino, Bagattini, Cadorin Group, Convex S.A., Déco, Effeitalia, Emilgroup, Eterno Ivica, Fantoni, Faraone, Fimet Maniglie, Garofoli, Giovanardi, Novowood by Iperwood, Lamitex Ideal Laminates, Mapei, Metropolis by Ivas, Moose Design, Pimar, Porcelanosa Grupo, Syntarqui, TTM Rossi, Wall&Decò. E i partner tecnici: Baxter, Flos, Pedrali e Zanotta.

Oltre 90.000 presenze, 900 espositori, tema portante la ‘Qualità dell’abitare’. Questi in estrema sintesi i tratti distintivi dell’ultima edizione di Made Expo, la principale manifestazione in Italia dedicata all’edilizia e all’architettura che si è svolta su quasi 48.000 mq della Fiera Milano Rho lo scorso marzo. Novità di quest’anno, la partecipazione della nostra testata, invitata a creare un percorso immersivo e multisensoriale per narrare il mondo di materiali, superfici ed elementi strutturali che stanno alla base di ogni progetto d’architettura. “Il nostro è il lato ‘hardware’ della progettazione, ma le aziende hanno risposto con qualità di proposte e di allestimenti”, ci racconta Giovanni Grassi, direttore generale di Made Expo. “L’idea, un po’ folle, di coinvolgere Elle Decor Italia è nata due anni fa, perché desideravo una mostra in fiera che rendesse appealing il settore, che svelasse in maniera concreta, di altissimo profilo, le possibilità espressive dei prodotti. La testata ha coraggiosamente accettato la sfida di creare un sofisticato set design in una manifestazione così tecnica. E il risultato è stato un palcoscenico inedito”, conclude Grassi. “Il nostro linguaggio è passato dalla carta alla dimensione 3D”, spiega Livia Peraldo Matton, direttore di Elle Decor Italia. “Abbiamo coinvolto lo studio Calvi Brambilla, di cui apprezziamo la visione, per raccontare in maniera immersiva il valore di materiali e finiture nel progetto d’architettura”. Il concept ‘Design Box’, firmato dallo studio milanese, è stato quello di una lanterna, un oggetto architettonico che fosse un punto di riferimento nello spazio espositivo, con all’interno stanze-installazioni dedicate alle azioni che si svolgono negli interni. Una serie di ambienti a scatola denominati ‘Attraversare’, ‘Spostare’, ‘Aprire’, ‘Ruotare’, ‘Salire’, che hanno coinvolto i visitatori a toccare con mano, aprire una porta e udire suoni, esplorare pattern e panorami domestici. Accanto, un’area dedicata alla socialità, con una caffetteria e un palco per talk e approfondimenti ai quali hanno partecipato anche Calvi Brambilla e Federico Saralvo, dello studio di Shanghai Neri & Hu. “Gli stand accanto a quello di Elle Decor si sono messi l’abito buono”, chiosa con un sorriso Grassi. Attorno, grandi nomi dell’architettura, dibattiti sui temi della riqualificazione e delle città green, protagonisti di tutta la filiera produttiva, personalità istituzionali. Per contribuire, tutti, al progresso e alla bellezza dell’architettura. — madeexpo.it +elledecor.it

307

ELLE DECOR


VIEW [Aprile 2019]

314 NAPOLI RI-VELATA. Il panorama di Posillipo ha ispirato artisti, scrittori e registi. L’architetto Giuliano dell’Uva lo guarda con occhi nuovi filtrati dall’arte. E lo conquista dalla nuova terrazza. 326 EVOLUZIONE DELLA SPECIE. Da sorprendenti avanguardie a evergreen del progetto d’interni. Pezzi che hanno fatto la storia del design dialogano con arredi di oggi. Per un mood che lascia il segno. 334 FIRENZE INASPETTATA. Viste sulla città come quadri naturali o disegnate nella polvere da artisti. In un progetto calibrato e dirompente firmato Massimo Adario. 346 LA GRANDE SFIDA. Mexico City. Un’architettura brutalista in stato d’abbandono si trasforma nell’abitazione poetica e verde di un collezionista. 358 LEZIONI DI SCULTURA. Forza espressiva e anima leggera, quasi meditativa, per arredi e complementi dall’intensità speciale, dove la vocazione punta al protagonismo. Ispirando eleganti forme plastiche. 366 MILANO POP. Colori, riflessi, materiali. Tanto spazio all’arte, al design di Sottsass e di Mangiarotti. Luca Bombassei dirige e domina il tutto con creatività da designer e piglio da architetto. 313

ELLE DECOR


314

ELLE DECOR


NAPOLI RI-VELATA Il panorama di Posillipo ha ispirato artisti, scrittori e registi. L’architetto Giuliano dell’Uva lo guarda con occhi nuovi filtrati dall’arte. E lo conquista dalla nuova terrazza di Rosaria Zucconi — foto di Max Zambelli

Nel soggiorno divano Anni 70 Cityscape di Paul Evans, designer e scultore americano, accanto a quello modulare DS-600 in pelle nera, de Sede. A parete ‘Looking at the volcano’, foto in bianco e nero di Marina Abramovic (Galleria Lia Rumma). Tube Chandelier di Michael Anastassiades. Sulla mensola, vaso Trionfo delle Amazzoni di Gio Ponti, del 1928.


Ai lati del balcone, specchiera napoletana in bronzo Luigi XV e l’opera ‘Persona che guarda lontano’ di Michelangelo Pistoletto (Galleria Lia Rumma). Sul tavolino Fascia Specchiata, design Caccia Dominioni per Azucena, oggi rieditato da B&B Italia, coppa in marmo di Angelo Mangiarotti. Pagina accanto, l’architetto Giuliano dell’Uva.


317

ELLE DECOR


Nella sala da pranzo, al centro del living, il lampadario-mobile di Michael Anastassiades partecipa al gioco degli archi dipinti a parete, richiamo al vicino Palazzo Donn’Anna. Sul tavolo di Emmemobili, design Ferruccio Laviani, zuppiere dell’antica fabbrica Giustiniani. Sedie di Porro, design GamFratesi.

318

ELLE DECOR


320

ELLE DECOR


In terrazza pedane di legno e pavimento in cotto dipinto a mano su disegno (Galleria Elena Superfici). Sedie e tavolo Locus Solus, Anni 60, di Gae Aulenti. Poltroncine bianche, design Giuliano dell’Uva, cuscini di Livio de Simone. Pagina accanto, la cucina con isola in Corian su disegno, mobili contenitori in rovere nero di Boffi, vetrina in alluminio di Modulnova.


La sala-biblioteca, con il soffitto-lucernario, è il nuovo centro della casa. Un ascensore trasparente si confonde tra le librerie e conduce direttamente in terrazza

A Napoli il rapporto con il paesaggio è sempre il punto di partenza di un progetto, soprattutto qui, lungo la costa di Posillipo, già vissuta dai Romani in ville magnifiche, come quella di Publio Vedio Pollione che Ovidio paragonò, per l’estensione, a una città. Alla fine del ’700 è l’aristocrazia napoletana a scegliere Posillipo come luogo di vacanza, lontano (per l’epoca) dal centro storico, punteggiando il golfo di architetture eclettiche immerse in parchi a picco sul mare. Qui, in un palazzo ottocentesco, l’intervento dell’architetto Giuliano dell’Uva intreccia e moltiplica profondi legami con il contesto. “Certamente l’esterno è l’elemento protagonista, ma l’ampiezza e l’altezza degli ambienti meritavano più attenzione. Il primo, determinante intervento si è concentrato sull’ingresso. Un ambiente buio e anche poco definito in cui, nella parte centrale, ho ritagliato una sala-biblioteca dal soffitto vetrato”. La luce zenitale, la vista del cielo, la palma gigantesca, i toni caldi delle pareti, i riflessi dell’ottone creano una speciale, intima atmosfera. Un raffinato ascensore-montacarichi trasparente si confonde tra le librerie e mette in comunicazione diretta la casa con la terrazza. “La biblioteca è la stanza che preferisco”, rivela il proprietario Carmine Colella che, con la moglie Rita Milano e i figli più giovani Anna ed Emanuele, da via Orazio si è avvicinato ancora di più al mare. ”Tutto è cambiato in questa nuova casa. Negli anni abbiamo collezionato tele seicentesche e oggetti testimoni del gusto alla corte di Ferdinando di Borbone. Oggi, con entusiasmo, ci apriamo al design e all’arte contemporanea. Per carattere e per lavoro, come imprenditore nella moda, sono allenato a cambiamenti continui. Nuovi orizzonti e conoscenze mi danno energia”. L’architetto dell’Uva ha immaginato un delicato dialogo tra culture ed epoche, le porcellane Giustiniani con i marmi di Mangiarotti, i dipinti barocchi di Micco Spadaro con opere di Marina Abramovic. Continua il progettista: “Il loggiato immaginario dipinto lungo le pareti, richiamo al vicino Palazzo Donn’Anna, disegna la sala da pranzo e sottolinea i passaggi tra gli ambienti. Portali in legno dal taglio asimmetrico indirizzano la vista delle stanze da un punto prospettico. Accanto al blu del mare, l’opera di Joseph Kosuth ‘Yes, it is so’ ci esorta a pensare che oltre quelle finestre c’è tutto: una città amante dell’arte contemporanea, che mette al servizio di tutti nella metropolitana, e gode di bellezze uniche, storiche e naturali. Come in questa casa. La musica napoletana aleggia nelle stanze e l’opera ‘Persona che guarda lontano’ di Michelangelo Pistoletto osserva, forse, la vicina Capri. —

322

ELLE DECOR


La biblioteca vista dalla zona pranzo. In primo piano la console, su progetto di Michele Iodice, richiama la carena di una barca. Coppia di candelieri in bronzo, di epoca Impero. Tutti i pavimenti sono in pietra grigia egiziana tagliata come un parquet a spina di pesce francese (realizzati su disegno da Galleria Elena Superfici).


324

ELLE DECOR


Oltre la vetrata dell’ingresso lo sguardo è catturato dal neon rosa ‘Yes, it is so’ di Joseph Kosuth (Galleria Lia Rumma). Mobile bar Anni 70 design Paul Evans. Pagina accanto, la libreria in ferro e ottone su disegno. Poltrone di Gio Ponti per l’hotel Royal di Napoli, 1955 (da Esprit Nouveau). Opera di Giulio Paolini, Galleria Alfonso Artiaco.


EVOLUZIONE DELLA SPECIE DA SORPRENDENTI AVANGUARDIE A EVERGREEN DEL PROGETTO D’INTERNI. PEZZI CHE HANNO FATTO LA STORIA DEL DESIGN DIALOGANO CON ARREDI DI OGGI. PER UN MOOD CHE LASCIA IL SEGNO di Arianna Lelli Mami e Chiara Di Pinto/Studiopepe — foto di Andrea Ferrari testo di Piera Belloni — ha collaborato Costanza Manzoni

326

ELLE DECOR


Stili in contrapposizione per angoli relax fuori schema. Da sinistra, love seat Brigitte firmato Fendi Casa, in acciaio con seduta a motivi grafici (luxurylivinggroup.com), in giallo la panca imbottita Este di Antonio Citterio, rivestita in velluto, visivamente leggera grazie alla base in metallo, Flexform (flexform. it); sopra, luce Papilio di Bruno e Torres per Masiero (masierogroup. com). Ăˆ un omaggio alla musica Anni 70 la poltrona, al centro, Roxanne di Gufram, disegnata da Michael Young (gufram.it). Tavolino in cristallo Hub di Piero Lissoni per Glas Italia (glasitalia. com) e vaso in argento Gropius di De Vecchi (devecchi.com), sgabello, a destra, Key di Färg & Blanche (fargblanche.com). A terra, e in tutto il servizio, moquette Nexus nella tonalitĂ Pervinca di Radici (radici.it).


Electric white d’autore: è proposta da Knoll nell’edizione Bauhaus 100th Anniversary, la chaise longue, a sinistra, firmata Mies van der Rohe, 1929, in tubolare cromo e pelle (knoll-int.com); accanto, pouf Anel di Toni Grilo per Riluc (riluc.com) e luce da tavolo Liberty/P di Rugiano (rugiano.com). Al centro, scrittoio Raymond disegnato da Rodolfo Dordoni per Minotti, su base ellittica rivestita da una lamina specchiante (minotti.com); in vetro portalume e vaso bianco di Paola C. (paolac.com), in celeste Guadalupe di Bitossi (bitossiceramiche.it). Intorno al tavolo, luce Gioia di Esperia, in vendita da Raimondo Garau (raimondogarau.com), pouf in pelle DS 5050 di Kai Stania per De Sede (desede.ch), poltroncina Pastilles, rivestita in pelliccia, di Studiopepe per Tacchini (tacchini.it). A destra, a terra, vaso C di Arik Levy per Bitossi, dietro Fiori Futuristi Nuvolo 58 by Giacomo Balla, di Paradiso Terrestre (paradisoterrestre.it).


329

ELLE DECOR


330

ELLE DECOR


Su una lunghezza d’onda Seventies, la poltrona Bardot di Draga & Aurel per Baxter, con seduta in pelle Kashmir Cognac (baxter.it), e la libreria Sixty, dietro, in alluminio nero e vetro, firmata Giuseppe Bavuso per Rimadesio (rimadesio.it); sullo scalino di sinistra, vaso con decor geometrico di Aldo Londi per Bitossi (bitossiceramiche.it) e portalume Happy Planet di Paola C. (paolac. com), dietro, luce a sospensione Arrangements disegnata da Michael Anastassiades per Flos (flos.com). Al centro, spicca sui gradini la lampada cult Pipistrello di Martinelli Luce, firmata Gae Aulenti 1965 (martinelliluce.it); vaso Quadro XL di De Vecchi (devecchi.com). In primo piano coffee table Liberty di Rugiano, in marmo Patagonia (rugiano.com), a destra, console Marty ideata da Marco Piva per Visionnaire, realizzata in vetro e metallo (visionnaire-home.com).


Fuochi d’artificio per i 50 anni della poltrona Up disegnata da Gaetano Pesce per B&B Italia, qui rivestita in tessuto elasticizzato giallo brillante, sorta di accogliente grande madre e icona pop del design, con annesso pouf sferico (bebitalia. com); accanto, tavolino-contenitore Raymond firmato Rodolfo Dordoni per Minotti (minotti.com), lampada Kumo di no-made per Pulpo con base in limestone (pulpoproducts. com). A sinistra, un altro pezzo storico, di poco piÚ giovane, la poltrona rossa Sofa with arms di Cappellini, design Shiro Kuramata 1982, in tubolare metallico cromato con rivestimento fisso (cappellini.it), qui accostata al tavolino Echino di Sebastian Herkner per Zanotta (zanotta.it): sul piano, il vaso di Chiara Andreatti per Paola C. (paolac.com); dietro, lampada Bonhomme, in metallo verniciato e vetro, firmata da Atelier Areti (atelierareti.com). Moquette Nexus color Pervinca di Radici (radici.it).


333

ELLE DECOR


FIRENZE INASPET TATA Viste sulla città come quadri naturali o disegnate nella polvere da artisti. In un progetto calibrato e dirompente firmato Massimo Adario di Rosaria Zucconi — foto di Andrea Ferrari

334

ELLE DECOR


L’architetto Massimo Adario tra portali in marmo verde Alpi che evocano gli Anni 30 e 40. A sorpresa, pagina accanto, l’elegante corridoio introduce direttamente all’appartamento. Rivestito in legno di noce nazionale, lavorato a parete con scanalature verticali, è interrotto da una panca sospesa dentro una nicchia vetrata, in asse con la cucina.


Al centro della casa, la cucina con l’importante isola in acciaio, su progetto. Sullo sfondo l’opera di Francesco Ardini sui pannelli che celano l’armadiatura. L’artista ha ricoperto delle piastrelle con smalto nero e uno strato di polvere di porcellana su cui ha disegnato con un dito paesaggi di Firenze volutamente ingenui. L’azione lascia una traccia leggera del presente sul passato delle cose. Sul tavolo ceramica di Salvatore Arancio, dalla Galleria Federica Schiavo.

337

ELLE DECOR


Oltre le finestre, impreziosite da un sistema di doppi vetri, il paesaggio della Firenze storica. Sul pavimento in linoleum tappeti marocchini Anni 50, tavolini impilabili, design Gianfranco Frattini (da Raimondo Garau). Coppia di poltrone in pelle design Ingmar Relling. Poltrona in paglia di Vienna prodotta da Thonet, 1972, design Jan Bocan per l’ambasciata ceca in Svezia.


339

ELLE DECOR


Le vedute iconiche di Firenze, così vicine, non rubano la scena in un progetto che vive di interventi artistici e insolite connessioni In questo periodo mai fare un viaggio in treno con l’architetto Massimo Adario, normalmente un compagno piacevole, interessante, brioso. Perché lui tira fuori uno dei suoi libri, i quaderni fitti di appunti e si immerge nello studio, in vista della seconda laurea in Storia dell’arte. “Le connessioni tra arte e architettura mi hanno sempre affascinato, l’esigenza di approfondire il tema mi ha riportato al ruolo di studente. Il senso di disciplina e di rigore che lo studio accademico esige è per me una spinta fondamentale. Quello che mi incuriosisce di più è il modo di pensare degli artisti, mosso da un’iniziale libertà piuttosto insolita per noi architetti. Questa ‘semplice’ scoperta mi sta insegnando molto. Sempre più spesso interagisco con artisti all’interno dei miei interventi, un fattore sorpresa che aumenta le possibili letture di uno spazio”. In questo progetto fiorentino, in cui Massimo disegna molti arredi, affronta e vince con sicurezza il tema colore, il dialogo è con l’artista Francesco Ardini, scelto per il suo sguardo speciale sulla ceramica. Sui pannelli apribili che nascondono le attrezzature della cucina, l’artista ha lavorato su una base di tradizionali piastrelle. Smaltandole di nero, spargendo polvere di porcellana come stratificata nel tempo, su cui, ancora umide, con un dito ha tracciato disegni, plasmato bassorilievi. Affiora una Firenze immaginata con vivace spontaneità, traccia leggera del presente sul passato delle cose. L’edificio affaccia direttamente sull’Arno, quasi di fronte alla facciata degli Uffizi. Le ampie porte-finestre che si susseguono sulla terrazza inquadrano viste su monumenti, chiese e colline della città. Con un unico sguardo si può percorrere il corso del fiume quasi a scorgere la sua fonte, con la successione dei ponti che lo attraversano. Questi quadri e le loro vedute entrano prepotenti all’interno e ne determinano la logica distributiva. Il progetto non segue una strada facile e prevedibile: il lungo corridoio d’ingresso, rivestito in legno, è interrotto, anzi perforato, da tre massicci portali di marmo verde Alpi che evocano l’eleganza degli Anni 30 e 40. Questi portali collegano corridoio, cucina e living, provocando una compenetrazione spaziale plastica fra gli ambienti. La palette ha colori decisi, ben mixati, i materiali ricercati, come i marmi e il legno di noce nazionale, si legano con quelli poveri come il linoleum, che lavorato con intarsi di legno massello diventa prezioso. La scelta degli arredi è volutamente incoerente, tappeti marocchini Anni 50, un tavolo in vetro di FontanaArte del 1934, design Pietro Chiesa, sedie vintage di Breuer. E la paglia di Vienna delle poltrone disegnate da Jan Bocan nel 1972 ripresa nei divani progettati dell’architetto Adario. Una rivoluzione, rispetto allo stereotipo delle case eclettiche fiorentine narrato da E.M. Forster. —

340

ELLE DECOR


Nel living l’attenzione si ferma sul linoleum impreziosito da un intarsio in legno massello che disegna le pavimentazioni di ciascun ambiente. Di spalle il divano (anche nella pagina precedente) su disegno dell’architetto Adario. Un sistema modulare fatto di tubolari in metallo laccati lucidi, piegati curvi negli angoli, sostiene una struttura in massello di noce nazionale. Sugli schienali in paglia di Vienna si appoggiano i cuscini. Lampada vintage svedese, da Jackson Design.


Attorno al massiccio tavolo da pranzo in vetro, disegnato da Pietro Chiesa nel 1934 per FontanaArte (da Fragile, Milano), sedie vintage Cesca design Marcel Breuer. Sul fondo una credenza piccola ma davvero originale disegnata alla fine degli Anni 20 da Otto Schulz. Pagina accanto, nel corridoio della zona notte, a parete l’opera in graniglia di Andrea Sala.


343

ELLE DECOR


Nella camera padronale la boiserie, con angoli curvati, in linoleum giallo senape è sospesa e allineata alle scatole in legno che inquadrano le finestre. CosÏ da formare una fascia continua che include e nasconde gli armadi, impreziositi da maniglie in ceramica di Francesco Ardini. Letto-scrivania a isola e tavolino su disegno dell’architetto Massimo Adario.


345

ELLE DECOR


LA

Nel soggiorno, le piante oltre la vetrata disegnano pattern tropicali sul pavimento in cemento. In primo piano, coffee table in ottone e vetro e poltrone rivestite in tessuto, di design italiano Anni 50. Tavolo e sedia di Pierre Jeanneret, sgabello e tavolino ad angolo di Luis Barragรกn.

346

ELLE DECOR

GRANDE


SFIDA

Mexico City. Un’architettura brutalista in stato d’abbandono si trasforma nella residenza poetica e verde di un collezionista testo di Francesca Benedetto — foto di Giorgio Possenti

347

ELLE DECOR


348

ELLE DECOR


Nell’ampio soggiorno, gli imbottiti in pelle nera di Living Divani definiscono la zona conversazione insieme alle poltrone Anni 50, di design italiano, come il coffee table centrale. Sedia in teak di Pierre Jeanneret, tavolo basso di Luis Barragán. A parete, da sinistra, opere di Gavin Perry, Emanuel Tovar e Abraham Cruzvillegas. Pagina accanto, lo specchio d’acqua all’ingresso con l’opera in acciaio ‘The Couple’ di Terence Gower.


Uno scorcio della cucina con parete e isola in marmo arabescato, su disegno. In primo piano, ‘Unfolding/ Flip Chair’ di Damián Ortega e, a parete, opera di Gabriel Orozco. Pagina accanto, il padrone di casa, Moisés Micha, immerso nella lettura. Appassionato d’arte e grande collezionista, è il cofondatore di Grupo Habita, una catena di esclusivi boutique hotel diffusi in Messico e negli States. Sul fondo, opera di Jose Dávila, ‘Le Corbusier Schematic Chart’.


351

ELLE DECOR


La vetrata sul retro del building convoglia la luce naturale all’interno dei vari ambienti. In primo piano, l’opera ‘Unfolding/Flip Chair’ di Damián Ortega, 2004. Sul fondo, in cucina, sgabelli vintage, in legno e metallo, e opera di Jose Dávila, ‘Le Corbusier Schematic Chart’. Pagina accanto, il tavolo da pranzo in legno locale e la lampada a sospensione sono stati disegnati da Nicolas Schuybroek e Marc Merckx.

352

ELLE DECOR

Las Lomas è il quartiere verde di Città del Messico, un labirinto di stradine tortuose e viali alberati intorno al monte Chapultepec dove, accanto a ville esclusive e sedi di ambasciate, sono sorti building ultramoderni. Quando l’architetto belga Nicolas Schuybroek viene invitato a fare un sopralluogo da Moisés Micha, cofondatore del brand di boutique hotel Grupo Habita, non crede ai suoi occhi. “Era un edificio brutalista dei primi Anni 70, piuttosto anomalo per quella zona della città. Un volume su quattro livelli in totale abbandono, senza un giardino e con pochissima luce filtrante dalle vetrate scure. Ero scioccato, ho pensato fosse un’impresa impossibile”, ammette il progettista. Ma come spesso accade, le sfide più difficili anticipano risultati sorprendenti. La ristrutturazione vera e propria, condivisa con l’architetto e paesaggista messicano Alberto Kalach, è iniziata con un primo e fondamentale intervento, l’apertura dell’edificio sul retro. Questa modifica strutturale ha cambiato radicalmente la percezione degli spazi, dando respiro all’architettura. “La luce, che originariamente proveniva dalle finestre della facciata, oggi si diffonde nei vari ambienti interni attraverso le vetrate sul nuovo patio che crea anche una connessione visiva tra i quattro piani”, prosegue Schuybroek, autore insieme


a Marc Merckx del progetto di interni. Il padrone di casa è un grande collezionista d’arte, vive da solo e desiderava una residenza funzionale ma al tempo stesso elegante. “Per integrare le importanti opere nella casa evitando l’effetto museale, abbiamo scelto una tavolozza essenziale di materiali naturali che, invecchiando, acquistano una patina speciale e creano un’armonia complessiva”. Il cemento lucido corre sui pavimenti, il calcestruzzo sulle pareti e a soffitto, il marmo arabescato riveste i bagni e la cucina. E il legno tropicale di parota, di provenienza locale, è stato utilizzato per gli arredi custom. La divisione degli ambienti è lineare e razionale. Al primo piano, il soggiorno affaccia su una piccola giungla domestica, mentre l’ampia zona pranzo e la cucina adiacente si snodano intorno alle vetrate del cortile interno. Il livello superiore è destinato alla zona notte, dal terzo piano con studio, zona lettura e biblioteca si raggiunge la spettacolare terrazza sul tetto che domina il paesaggio urbano. La scala leggera e grafica, in acciaio nero, segna il percorso in altezza lungo i quattro piani. La scelta degli arredi? “Un mix di pezzi vintage, noti e più ricercati, mobili contemporanei e arredi su disegno: il risultato di un percorso attento di acquisti effettuati in Messico, a Chicago,

ma anche a Parigi e in Belgio. Ci è voluto del tempo”, spiega l’architetto. L’effetto finale, di sobria eleganza, racconta molto dello stile progettuale di Nicolas Schuybroek e delle sue fonti d’ispirazione. “Sono nato e mi sono formato a Bruxelles, ho sempre ammirato l’architettura brutalista di Juliaan Lampens e il lavoro del monaco benedettino Dom Hans van der Laan, autore di tanti edifici iconici in Belgio. Ma amo anche i progetti di Luis Barragán, Geoffrey Bawa, Studio Mumbai e Peter Zumthor”. Dopo una prima esperienza a Montreal, ritorna in Belgio come capo progetto nello studio di Vincent Van Duysen e nel 2011 apre il suo studio a Bruxelles. Dalle architetture agli interni per residenze, hotel, uffici e retail, fino al disegno di arredi e piccoli oggetti, i suoi interventi sono caratterizzati da un’attenzione estrema per il dettaglio. L’essenza del suo lavoro sta nella capacità di creare spazi apparentemente minimali e monastici, in realtà molto sofisticati e con un’anima forte. Anche in questa residenza di Mexico City, ogni singolo elemento è in perfetto equilibrio e tutto concorre a creare un’atmosfera serena. Al piano terra, oltre il patio d’ingresso, un poetico specchio d’acqua riflette la scultura ‘The Couple’ di Terence Gower diventando un nuovo punto prospettico. O, meglio, il cuore pulsante della casa. —


354

ELLE DECOR


In un gioco di riflessi, la biblioteca con zona lettura adiacente allo studio, al terzo piano. Poltroncina Diamond in cuoio di Harry Bertoia per Knoll e sedie di Hans J. Wegner. Pagina accanto, una scala grafica in acciaio nero collega i vari livelli dell’edificio. Al piano superiore, sideboard francese vintage, a sinistra opera di Jack Pierson. Sotto, sedia Anni 50 di Roland Rainer, opere di Gabriel Serra e Mathias Goeritz.


La stanza da bagno è impreziosita dal marmo arabescato. Utilizzato per la vasca e il mobile contenitore, su disegno, riveste la lunga parete che prosegue con il vano doccia. Sgabello vintage, design Roger Tallon, rubinetteria Vola. Pagina accanto, nella camera, letto su disegno e boiserie realizzati in legno locale. Sedia di Roland Rainer, Anni 50, opera fotografica a parete ‘Acapulco 79’ di Miguel Calderón.


357

ELLE DECOR


LEZIONI DI SCULTURA FORZA ESPRESSIVA E ANIMA LEGGERA, QUASI MEDITATIVA, PER ARREDI E COMPLEMENTI DALL’INTENSITÀ SPECIALE, DOVE LA VOCAZIONE PUNTA AL PROTAGONISMO. ISPIRANDO ELEGANTI FORME PLASTICHE di Elisa Ossino Studio — foto di Federico Cedrone testo di Piera Belloni

358

ELLE DECOR


Volumi importanti ma leggeri, a sinistra, per il divano Sydney di Jean-Marie Massaud per Poliform (poliform.it); è accostato al tavolino Primitive di Massimo Castagna per Henge, con top in pietra di Ostuni (henge07.com), che ospita i vasi Nuage by Bouroullec per Vitra (vitra.com), Paper Clay di Paola Paronetto (paola-paronetto.com) e Artifex by Charlotte Juillard di Ligne Roset (ligne-roset.com); tappeto Composizione 74 di Manlio Rho per Amini, in lana e seta (amini.it). A destra, la libreria Primordial di Raphael Navot per Roche Bobois, in poliuretano lavorato a mano dal profilo irregolare (roche-bobois.com); ai suoi lati, il pouf Round di Ferm Living in velluto (fermliving.com) e il tavolino Mila High di Sebastian Herkner per Pulpo (pulpoproducts. com). Sul fondo, la lampada Coassiale di Vittorio Venezia per Martinelli (martinelliluce.it).


360

ELLE DECOR


Minimal shaping, da sinistra, per la seduta Sitar di Enzo Berti, Saba, in frassino e corda nautica (sabaitalia. it), in dialogo con la Chief Chair da meditazione di Cara\Davide (caradavide.com); in mezzo, tavolino Match Point di Omri Revesz per Baleri Italia (baleriitalia.it) e low table 080 firmato DimoreStudio, rivestito in Alcantara (dimorestudio.eu), luce Journey di Signe Hytte per &Tradition (andtradition.com). Dietro, specchio Stilla di Serena Confalonieri per Potocco (potoccospa.com). Fluido,

il tavolo a tre gambe Table en forme libre di Charlotte Perriand 1938, Cassina I Maestri, in rovere laccato nero (cassina.com); sopra, ciotola Pura di Angelo Mangiarotti per Poltrona Frau (poltronafrau. com) e vaso Magnetico di Sem (sem-milano.com); accanto, poltrona Noce di Yabu Pushelberg per Henge (henge07.com) e sedia Spade di Faye Toogood per Please Wait to be Seated (pleasewaittobeseated.dk). Luce North/Floor di Arik Levy per Vibia (vibia.com).


Mobili dallo spirito architettonico, da sinistra, il tavolo Arc firmato Foster & Partners per Molteni&C, con base in cemento leggero e top in cristallo (molteni.it), sopra, i vasi Paco di Federica Bubani (federicabubani.it), Speckled Clay di HK Living (hkliving.nl) e alzata Tellina di Paola C. (paolac.com); le sedute abbinate sono Botolo disegnata da Cini Boeri, in tessuto smeraldo, per Arflex (arflex.it) e Immacolata di Henry Timi in olmo naturale brunito (henrytimi.com), sgabello Torii ideato da G. Carollo

per Porada (porada.it). Articolato lo chandelier Dewdrops 07, in ottone di Giopato & Coombes (giopatocoombes.com). A destra, tributo alle forme organiche per la libreria Wooden Cloud di Ronan e Erwan Bouroullec per Cappellini, in frassino (cappellini.it), e poltrona Dos Ă Dos progettata da Pierre Paulin per le sale del Louvre, 1967, con rivestimento stretch, editata da La Cividina (lacividina.com). Tappeto Ultimate Bliss di Mae Engelgeer per cc-tapis (cc-tapis.com).


363

ELLE DECOR


Comfort d’autore, da sinistra, per l’iconica poltrona Sanluca, di Achille & Piergiacomo Castiglioni per Poltrona Frau, in ed. limitata con tessuto by Max Huber (poltronafrau.com), a dialogo con la seduta Pause di Verter Turroni per ImperfettoLab, in vetroresina rivestita in pelle (imperfettolab. com). Tavolini Tenco di C. Ballabio per Porada in noce e metallo (porada.it) e Insert di Ferm Living (fermliving.com), luce WireRing di Formafantasma per Flos (flos.com). Al centro, tappeti di Nanimarquina

Cal 3 e Stone 1 (nanimarquina. com) e tavolo basso Ring di Nendo per Minotti, in ottone e marmo Calacatta (minotti.com); sopra, vaso bianco Eucaliptus & Acacia di Serax (serax.com), in terracotta Edge di Skagerak (skagerak.dk) e piatto Gallery Object di Louise Roe (louiseroe.dk). A destra, dalla forma ellittica il divano Floyd di Piero Lissoni per Living Divani, su gambe in acciaio e ottone (livingdivani.it), in sintonia con la luce Akari di Vitra, design Isamu Noguchi (vitra.com).


365

ELLE DECOR


L’architetto Luca Bombassei ha disegnato il sinuoso tavolo in marmo e ottone ispirandosi a forme e colori della laguna veneziana. Testa in ceramica di Vanessa Beecroft. Pagina accanto, nell’ingresso, sul tavolo di Angelo Mangiarotti per Skipper degli Anni 60, lampada in vetro rosso di Ettore Sottsass, Venini. In primo piano, totem in sassi impilati e verniciati fluo di Ugo Rondinone. A parete, ‘Bullet’, di Paul McCarthy e tondi di Nalini Malani. 366

ELLE DECOR


MILANO POP

Colori, riflessi, materiali. Tanto spazio all’arte, al design di Sottsass e di Mangiarotti. Luca Bombassei dirige e domina il tutto con creatività da designer e piglio da architetto di Rosaria Zucconi e Francesca Benedetto foto di Alberto Strada


Nel living, oltre la grande vetrata affacciata sul parco scorrono le stagioni. La struttura in metallo originaria del ’58, con le aperture a ghigliottina, è stata volutamente riportata al colore naturale e al crudo del ferro. Le finestre sono arredate, nello stile di Gio Ponti, con mensole per oggetti come l’uccellino di Vitra e l’opera ‘Concetto spaziale, Attese’ di Fontana, 1965. Coppia di lampade al neon di Ettore Sottsass. Poltrona di Stokke, Anni 70, pavimento in marmo rosso Levanto.


369

ELLE DECOR


Tra le colonne originali dell’edificio, in metallo e lacca serigrafate da Fornasetti, installazione di Monica Bonvicini. Divano vintage in velluto azzurro polvere, design Mario Bellini, tavolino con tondo di Minotti, disegnato da Rodolfo Dordoni, e, ad angolo, in ottone e lacca nera, su disegno di Luca Bombassei. Vaso con pendenti bianchi di Ettore Sottsass per Memphis. A destra del divano, lampada Taccia di Flos. Sul fondo, trittico rosa di Alex Israel, a lato opera site specific di Daniel Buren composta da un semicerchio nero che si riflette nei 25 specchi rigati (Galleria Massimo Minini, Brescia).


371

ELLE DECOR


Su disegno di Luca Bombassei i divani in velluto su slitte in ottone. Tappeto cinese art dÊco. Il soffitto, trattato con gesso naturale cerato a sapone, rifrange la luce. Sui tavolini in marmo bianco e nero, di Minotti, vasi-fiore in vetro di Raffaella Mangiarotti. Pagina accanto, tra le tende, l’orso con pelo di piume di Paola Pivi, 2016. Su disegno anche la pannellatura in ottone che nasconde contenitori, tv, bar e camino.


373

ELLE DECOR


374

ELLE DECOR


Una parete del soggiorno è rivestita con tessuto di raso di Dedar, blu notte, per compensare le superfici brillanti dell’ottone e dei marmi. La pannellatura nasconde anche la porta foderata in metallo dorato che introduce alla zona notte. Sulla parete grande opera di Peter Halley. Poltrone in vetro con rulli in pelle nera di Fabio Lenci, per Comfort Line, Anni 70. Sui tavolini, a destra, neon blu ‘Asteroide’ di Ettore Sottsass, del ’68, a sinistra, lampada Biagio, in marmo di Carrara, di Tobia Scarpa per Flos.


Nel bagno padronale rivestimenti in marmo Malachite, originali come le armadiature in acciaio cromato e specchio restaurate dall’azienda Arco. L’opera che raffigura Natalie Wood è di Francesco Vezzoli. Nell’ingresso la foto di David LaChapelle si riflette nel soffitto a specchi. Sulla porta del guardaroba, maniglia in ceramica dorata di Gio Ponti. Nella pagina accanto, anche in cucina, un’opera di Vezzoli.

Siamo in un edificio luminoso che si affaccia sul giardino di un palazzo settecentesco con alberi secolari, progettato negli Anni 50, a due passi da piazza Duse e via dei Cappuccini. Nel periodo di passaggio tra il razionalismo di Terragni e Lingeri, che hanno costruito la Milano moderna, e gli anni in cui stanno per arrivare Gardella e Caccia Dominioni che liberano e svincolano la distribuzione degli spazi interni. Il progetto di dieci appartamenti, uno per piano, interpreta lo spirito di quegli anni, attualissimo ancora oggi. L’architetto Luca Bombassei, dalla classica casa milanese borghese di inizi Novecento, ha fatto un salto temporale di 50, 60 anni scegliendo questa architettura piena di luce che rappresenta il periodo esaltante del boom economico. Racconta Luca: “In ogni piano c’era una presenza artistica, da Burri a Fontana, a me è toccato il piano di Fornasetti, con due pilastri rivestiti di metallo e lacca decorata dall’anticonformista designer milanese, davanti alla parete completamente vetrata, originale del ’58, che strizza l’occhio alle finestre arredate di Gio Ponti. La maglia strutturale a pilastri mi ha permesso di eliminare le superfetazioni del passato e di aprire ancora di più lo spazio per seguire i flussi tra un ambiente e l’altro, moltiplicando le aperture con specchi, partizioni e tende che creano e disfano gli ambienti”. Anche il pavimento in marmo rosso Levanto riflette e amplia il panorama e fa da specchio alle opere e agli arredi della casa. Le piante sulle fioriere dei balconi e del delizioso terrazzo si fondono con il verde degli alberi di fronte, in quello che un tempo veniva chiamato il Quadrilatero del Silenzio, forse per contrapporsi a quello della moda, che lo lambisce. Il sole che generoso illumina Milano negli ultimi anni e il nuovo attrattivo skyline penetrano liberamente negli ambienti. Da bravo architetto Luca Bombassei ha disegnato la sua casa come un abito su misura. Il suo gusto, la sua cultura, il culto del dettaglio perfetto, la voglia di sperimentarsi nel design, la passione per il collezionismo in diversi ambiti, le sue idiosincrasie e le passioni sono la colonna sonora di un film d’azione ben riuscito. “Ho cercato di fare mia la lezione di Caccia Dominioni relativa agli spazi della casa destinati non più necessariamente a una sola funzione ma con possibilità infinite di sequenze, dilatazioni e compressioni. Gli architetti italiani hanno più di altri la fortuna di misurarsi in campi diversi, il design, 376

ELLE DECOR


“Ho rielaborato in applique fogli di vetro di Carlo Scarpa, smontati da una grande installazione. A parete e accanto alle finestre mi ricordano la luce di Venezia” Luca Bombassei

l’interazione con valorosi artigiani, la varietà di materiali e lavorazioni preziose. E ancora l’esempio di architetti-designer che hanno lasciato un segno eterno nella storia dell’architettura. Nelle nostre città d’arte, anche il dettaglio più piccolo guardato con occhi attenti può essere una traccia su cui lavorare”. Il disegno del tavolo Laguna, nel controluce della grande vetrata, è ispirato per forme e colori alla natura veneziana, all’acqua e ai lunghi pali tipici della città che servono, infilati nel fondo dei canali, ad attraccare le barche e le gondole. Il piano in fogli di marmo verde Malachite, bianco Calacatta e ottone, super sottili grazie all’innovativa tecnologia Bislapis di Marmi Remuzzi, è sostenuto da ‘bricole’ massicce che non affiorano dalla laguna, ma si riflettono sul pavimento. “Ho ristrutturato edifici storici a Venezia, masserie in Puglia, interni di yacht per Ferretti, ho disegnato oggetti e arredi. Ma nella mia casa ho sperimentato di più, permettendomi azzardi e diversi tentativi fino ad arrivare a una miscellanea che questo appartamento racconta molto bene. Mi diverte la presenza a sorpresa del grande orso di sofficissime piume di Paola Pivi ‘Why I am so worried’ del 2016, tra i tendaggi bianco ghiaccio che scorrono circolarmente dalle vetrate al centro dei due salotti. Come mi diverte dormire nel letto in resina e fibra di vetro grigio, un pezzo speciale e unico, della serie dei Mobili Grigi di Ettore Sottsass Elledue del 1970, con la testata che si illumina attraverso i neon posti nelle due lampade che lo sovrastano. Desideravo una casa fluida, duttile, con un po’ di storia e un po’ di più contemporaneo, di scelte artistiche a conferma della mia adorazione per gli Anni 80. Aperta all’ospitalità, informale e destrutturata come la città che vorrei. Segna certamente un nuovo percorso e un diverso rapporto con l’arte. Che c’è, non è un inizio né una fine, non vincola più i miei progetti e la ricerca di muri bianchi. Oggi provo a immaginare gli interni con le opere anziché per le opere, presenze dinamiche, amiche, che possono cambiare come l’umore, le relazioni, i bisogni, come la vita insomma. Certo, non è un elemento che si può scegliere con l’architetto insieme all’arredamento!”. A breve, in Puglia, Luca Bombassei aprirà un luogo dedicato a ospitare artisti e appassionati d’arte in una masseria fortificata fine ’500, vicino a Nardò, che sta ristrutturando da tempo. Un laboratorio per ulteriori, grandi sperimentazioni. — lucabombassei.com 377

ELLE DECOR


Pareti e soffitto, in smalto cerato blu, disegnano la camera padronale dove troneggia il letto Elledue in resina e fibra di vetro, pezzo speciale e unico della serie Mobili Grigi di Sottsass, 1970. Sui tavolini in marmo bianco di Mangiarotti, lampada di Flos. A parete ‘Substract’, opera fotografica di Thomas Ruff e dittico di Roni Horn. Totem in ceramica di Sottsass per Bitossi. Tra la camera e la doccia un setto, ocra e oro, composto da formelle in vetro di Murano recuperate da un soffitto di un negozio veneziano degli Anni 60.


379

ELLE DECOR


ELEGANZA À LA TABLE Dall’incontro tra WMF ed Elle Decoration, nasce una collezione di posate leggere dall’estetica ultra femminile, da usare ogni giorno. Per una nuova mise en place

Quando il mondo dell’interior design firmato Elle Decoration – magazine internazionale con venticinque edizioni e dieci milioni di lettori nel globo – sposa il saper fare di WMF, nasce una collezione speciale di posate in acciaio disegnate da forme allungate, morbide che regalano una perfetta ergonomia. Realizzata dal brand tedesco specializzato in prodotti ideali per la preparazione e cottura del cibo, ha un look moderno dalla finitura opaca superficiale, brevettata Cromargan protect®, che garantisce, giorno dopo giorno, l’assenza di graffi anche dopo numerosi lavaggi in lavastoviglie. Un set di trenta pezzi, dal cucchiaino per il caffè alla forchetta per i dolci, custodito all’interno di una pochette in pelle creata ad hoc, per gli amanti di un’estetica senza tempo. Le posate, disponibili in tutti i punti vendita WMF, sono un must-have dei design addicted come tutti i prodotti del marchio che vanta una tradizione lunga 160 anni e un’ampia gamma di piccoli elettrodomestici pensati per la prima colazione: cuociuovo, bollitori, tostapane, macchine per il caffè. Mentre per gli appassionati dei cibi light e del mangiar sano, vaporiere, cuociriso con lunch box da asporto e una confezionatrice sottovuoto da abbinare al sistema cottura sous-vide completano la collezione per provetti gourmet. wmf.com


ELLE DECOR PER WMF

Un set di 30 pezzi compone la collezione di posate in acciaio opaco firmate WMF con Elle Decoration. Disegnate da linee morbide, arrotondate, per un’ergonomia perfetta, sono caratterizzate dalla finitura opaca Cromargan protectŽ.


MATERIA EVOLUTA Un approccio creativo interessante per raccontare e per interpretare le superfici ceramiche, con una visione sperimentale del progetto in linea con la filosofia di Mutina. I britannici Edward Barber & Jay Osgerby, noti per lavori multidisciplinari che sfidano i limiti del design, dell’architettura e dell’arte, firmano per Mutina le collezioni Primavera e Lane. La prima, disponibile in tre formati (da cm 40x120 a cm 120x240), è pensata sia per pavimenti sia per rivestimenti, in una palette di cinque colori base. “Abbiamo tentato di creare una piastrella che ricordasse un materiale naturale. Primavera rappresenta il contrasto tra la natura e il mondo artificiale.

Attraverso un’attenta ricerca, abbiamo capito che per catturare questa essenza di autenticità si doveva trovare il modo di sfruttare la manifattura per creare imperfezioni, piuttosto che per riprodurre un disegno”, raccontano i due progettisti. La collezione Lane, in grès porcellanato smaltato in tinta unita, è invece frutto di un’analisi concettuale sul colore, interpretato attraverso lo studio dettagliato dei quartieri e delle architetture londinesi. Ogni zona della City si connota con nuance dominanti, le cui variazioni di tono sono il ventaglio cromatico della collezione. Per un’ampia possibilità di combinazioni personali. mutina.it

Foto Matteo Pastorio - Gerhardt Kellerman

Nuovi progetti firmati Barber & Osgerby per il brand emiliano che trasforma la ceramica da semplice rivestimento a protagonista degli interior. Tecnologia, ricerca e alta qualità del prodotto sono l’anima di Mutina


ELLE DECOR PER MUTINA

Un ambiente bagno rivestito con la collezione Primavera. Gettando piccoli inserti ceramici colorati in maniera casuale su una lastra, si creano volute, piacevoli imperfezioni. Per una texture unica, autentica e sempre diversa. Pagina accanto, i designer Barber & Osgerby ritratti sulla sfondo di alcune piastrelle della serie Lane. Frutto di un’analisi concettuale sul colore, interpretato attraverso lo studio dei quartieri londinesi.


La casa come laboratorio di idee. Progetti per ogni ambiente, tra note poetiche e soluzioni smart a cura di Tamara Bianchini e Murielle Bortolotto — testi di Piera Belloni

Foto Ana Cuba

Una purezza estrema di linee definisce le caraffe e i bicchieri di R+D Lab, studio di progettazione e ricerca fondato dal design consultant Jay F. Vosoghi, che coinvolge artigiani e piccole manifatture. Creando oggetti funzionali, che si richiamano a un saper fare tradizionale con un tocco di poetica eleganza. Due, per ora, le collezioni proposte: una di vetri per la tavola (nella foto, caraffe Luisa in versione millerighe e Bonne nuit in blu, bicchiere da vino Nini) e una tessile che ha come protagonisti i plaid. researchanddesignlab.com

385

ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/MATERIALI

Porte aperte alla natura. Con maniglie dalle radici moderniste, pareti trasparenti e mosaici effetto giungla

Tropico d’interni Una foresta lussureggiante è il soggetto di Trinidad, mosaico di Sicis, collezione Colibrì, in tessere di vetro con alta percentuale di minerali preziosi. È montato a pannelli sopra una struttura in Vetrite, lastra vetrosa di maxi dimensioni. Per un sofisticato e luminoso decoro, in toni rilassanti. sicis.com

Open mind. Ha un’anima Bauhaus la maniglia Timeless 1927 di Formani, che si ispira ai progetti modernisti del designer tedesco Wilhelm Wagenfeld. In finitura nickel satinato, anche in versione lucida o in ottone. formani.nl

Luce e paesaggio entrano in relazione con gli ambienti grazie alle pareti vetrate scorrevoli ASE 67 Panorama di Schüco. In alluminio, con telaio a scomparsa, anche in dimensioni extralarge (fino a m 3,2x3). schueco.com

Come un segno grafico luminoso, taglia il buio O di Elemental per Artemide. Luce outdoor e indoor, oggi in dimensioni più contenute. In alluminio, diam. cm 90 o 45, e in finitura bianca o nera. artemide.com

386

ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/PROGETTI

Linee rigorose, abbinamenti innovativi tra materiali pregiati e finiture hi-tech. L’ultima evoluzione di una cucina sofisticata

La semplicità e lo stile disegnano Hi-Line 6 Frame Door di Dada, dove il telaio in alluminio incornicia i rivestimenti di ante e cassetti dalle finiture materiche. Come il legno di eucalipto che caratterizza l’isola con lavello e piano cottura integrati (qui in foto), sottolineato da profili in alluminio peltro e abbinato all’acciaio del top. Oltre alle 10 essenze presenti in collezione, i rivestimenti propongono le super prestazioni tech del Fenix® e la luminosa eleganza del vetro verniciato. dada-kitchens.com

388

ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/KITCHEN

La suggestione del mobile di memoria sposa l’efficienza smagliante della cucina industriale. Il risultato, a sorpresa, si gusta nel piatto [2]

[1]

[3]

[4]

1. Buffet Chinois, carta da parati in stile orientale di Wall&Decò, collezione Contemporary Wallpaper. In vinile, viene realizzata su misura. wallanddeco. com 2. Hamsa, collezione di piatti disegnata da Studiopepe per Les Ottomans. Toni a contrasto ed esprit indiano. les-ottomans.com 3. Aqua, ideato dalla designer Anna Badur per Kahla, è il piatto effetto acquerello. annabadur.de 4. Herbariae di Christian Lacroix per Vista Alegre con delicato motivo floreale. vistaalegre.com 5. Liberi in cucina, un blocco in metallo scintillante per il banco di Alpes Inox che unisce zona lavaggio e cottura, compresi il forno e la lavastoviglie. La collezione, in acciaio al nichel cromo finitura argento, è realizzata a moduli per creare configurazioni tailor-made. alpesinox.com 390

ELLE DECOR

[5]


INSIDE DESIGN/PROGETTI

Visioni cross-over. Una collezione di arredi in&out che unisce il Nord e il Sud del mondo. Nel segno comune della ricerca estetica e della funzionalità

Nasce da una collaborazione speciale la collezione Överallt di Ikea, avviata dal brand con Design Indaba, piattaforma sudafricana che riunisce creativi da tutto il mondo. Una selezione di progettisti africani ha lavorato con cinque designer in-house dell’azienda svedese per creare pezzi che sottolineano l’idea comune di bellezza e comfort: qui la panca in eucalipto dalle linee sinuose disegnata da Bethan Rayner & Naeem Biviji di Nairobi con M. Axelsson, coordinabile al tavolo rotondo. La linea, in edizione limitata, comprende arredi e complementi tessili, in vetro, grès, ghisa e una borsa eco-friendly. ikea.today/search/indaba +elledecor.it

392

ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/PROGETTI

Hot design. Extrapiatti o dai volumi importanti, lineari o inusuali, gli ultimi radiatori con forte vocazione d’arredo [1]

[2]

[3]

[4]

1. Supersottile, solo 8 mm di spessore, Oni di Vasco è definito da un profilo morbido, privo di spigoli. In alluminio, con motivi forati portasalviette o liscio, in tre misure, anche in versione elettrica. vasco.eu 2. Gioca su motivi paralleli in verticale Groove di Mariano Moroni per Cordivari. In acciaio al carbonio verniciato, in una palette di 88 colori e in due altezze. cordivaridesign.it 3. Effetto plissé per Step-by-Step di Alberto Meda per Tubes. Moduli in alluminio ed elementi ellittici inclinati verso destra o verso sinistra. tubesradiatori. com 4. Una linea continua ispirata alla forma delle molle a torsione definisce Clip, di Danilo Reale per Brem, da posizionare in verticale o in orizzontale. brem.it 5. Slanciato con una leggera piegatura a un’estremità, Book di Marco Piva per Caleido è in acciaio verniciato, con o senza barre portasciugamani. caleido.it [5]

394

ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/WELLNESS

Dinamismo light. Nel bagno, il box doccia minimal, gli adesivi waterproof, il lavabo extra slim, la cyclette hi-tech

Temporary decor. Sono di Boubouki gli sticker idrorepellenti della collezione Poster (soggetto, Cavaliere). Il brand tedesco propone innumerevoli adesivi per pareti e piastrelle. boubouki.de

Si inserisce con discrezione negli ambienti il box doccia minimal-chic Hi-Line di Agha. Profili in acciaio inox lucido dalla saldatura invisibile, qui in versione a nicchia con porta a bilico, disponibile in varie configurazioni ad angolo e con porte scorrevoli, in vetro temperato satinato o trasparente. agha.it

Pedalare in connessione. L’ultima nata della collezione disegnata da Antonio Citterio è Bike Personal di Technogym, cyclette dedicata al wellness domestico, ma dotata di caratteristiche professionali. Come la console digitale Unity che permette di accedere a programmi di allenamento personalizzati, social e piattaforme quali Netflix e YouTube. technogym.com

396

ELLE DECOR

Ha uno spessore minimo ed è il traguardo di una ricerca che esplora i limiti della materia ceramica, il lavabo Veil di Massimiliano Braconi per Scarabeo. Simile a un foglio sospeso e sagomato dall’acqua, in due misure, cm 46x46 e cm 60x46, e con portaasciugamani coordinato. scarabeosrl.com


INSIDE DESIGN/LIVING

La zona comfort come spazio creativo, da arredare con proposte nuovissime e pezzi cult. Dalle sedute agli accessori irrinunciabili a cura di Tamara Bianchini e Murielle Bortolotto — testi di Piera Belloni

Foto Gabriele Basilico

Un progetto evergreen Disegnato nel 1982 da Antonio Citterio e Paolo Nava, qui interpretato da uno scatto storico di Gabriele Basilico, Magister di Flexform si distingue per un’eleganza senza tempo. Un divano caratterizzato dall’equilibrio fra linee nette, d’ispirazione razionalista, comfort e dettagli innovativi, come l’asola a due fori che nella versione in pelle sostituisce il classico bottone della trapuntatura o la mensola in metallo traforato posta dietro lo schienale, che consente alla seduta di trasformarsi in letto singolo con un semplice movimento. flexform.it

399

ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/LIVING

[1]

[2]

[3]

[4]

[5]

[6]

400

ELLE DECOR

1. Animaux CamouflÊs, carta da parati di Jan Bajtlik per la collezione Maison di Hermès. hermes.it 2. Moon, specchio firmato Shake, diametro cm 120, in legno dipinto bronzo chiaro. shake-design.it 3. Narciso di Dario Gaudio per Torremato, luce da terra in ottone e metallo verniciato. torremato.com 4. Wam, divanetto di Marco Zito per Bross con schienale a due elementi personalizzabili in colori differenti. bross-italy.com 5. Free, sistema destrutturato di Twils Lounge da comporre su misura, con sedute da cm 105 a cm 240. twilslounge.it 6. Maseen A-X disegnati da Samer Alameen per JCP, tavolini in metallo con finiture satinate ottone, cromo o rame, in tre altezze. jcpuniverse.com


INSIDE DESIGN/LIVING

Keiji Takeuchi/Light with a Table

Nicola Gallizia/Lull Jean-Marie Massaud/Jay Lounge

Jan Ekselius/Etcetera

402

ELLE DECOR

Lull firmata da Nicola Gallizia per Porro, la poltroncina lounge dalle forme inconsuete, con braccioli-gambe in legno, rivestimento in panno di lana e particolare inclinazione della seduta. porro.com Light with a Table di Keiji Takeuchi per Living Divani, lampadatavolino che coniuga il classico diffusore a globo con una silhouette innovativa, con piano collegato allo stelo metallico grazie a un inserto snodabile a 180°. livingdivani.it Jay Lounge progettata da Jean-Marie Massaud per Poliform, elegante dal look extraleggero, con imbottitura rivestita in cuoio e struttura in metallo verniciato brown, anche nickel o acciaio inox satinato, e nella versione intrecciata in corda grey o naturale. poliform.it Etcetera disegnata da Jan Ekselius, 1970, rieditata da Artilleriet. Lounge chair icona che torna in produzione insieme alla poltrona e al pouf. Con struttura in acciaio e bande elastiche, rivestimento in velour di cotone organico, in nove colori tendenza. artilleriet.se


INSIDE DESIGN/LIVING

[1]

[2]

[3]

1. Isaac, tappeto dal motivo grafico di Rug’Society, realizzato a mano in lana e seta, da scegliere in quattro misure a partire da cm 200x300 e in un’unica variante colore. rugsociety.eu 2. Charlotte di Carlo Colombo per Giorgetti. Sideboard con ante definite da un’elegante filettatura in legno. giorgettimeda. com 3. Essential, divano dalle dimensioni contenute con cuscinatura che si modella ai diversi usi, inclinabile a piacere con una lieve pressione. Un progetto di Francesco Binfaré per Edra. edra.com 4. Motif di Analogia Project per Frag. Tavolini con struttura in tondino di metallo e piano in cuoio intarsiato con pattern. frag.it 5. Lucia disegnata da Federica Biasi per Ditre Italia. Poltrona dalle forme curve, rivestita in velluto su gambe in metallo. ditreitalia.com

[4]

[5]

404

ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/LIVING

Foto Omar Sartor

Dialoghi sul comfort. “Ho disegnato Santa Monica per arredare spazi anche piccoli. Una sorta di nido accogliente che si può vestire in maniera diversa in base alle stagioni, allo stile del proprietario e all’atmosfera della casa”: così Jean-Marie Massaud racconta la genesi di una poltrona fra i prodotti di punta di Poliform. Una seduta dalle linee morbide e semplici, arricchita da dettagli ricercati, come il movimento delle pieghe al centro dello schienale o le cuciture-profilo, che nelle versioni in tessuto sono ton sur ton o a contrasto. poliform.it

406

ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/LIVING

[1]

[2]

[5]

[3]

[4] [5]

1. Xequer, collezione di tappeti disegnata da Martino Gamper per cc-tapis, in lana himalaiana e seta hand-knotted, a motivi effetto optical ipercolorati. cc-tapis.com 2. Gregor progettato da Vincent Van Duysen per Molteni&C, sistema di sedute modulari composto da elementi rettilinei, ad angolo e a penisola, con braccioli trapezoidali imbottiti oppure ad ala, sottili e rivestiti in pelle, cuciture in rilievo. molteni.it 3. Vine firmata da Frank Jiang per Turri, poltroncina imbottita su una struttura sottile in legno. turri.it 4. Trame, collezione di pouf e tavoli bassi di Angeletti Ruzza per Da a Italia, in metallo lavorato effetto trafori e tessuto. daaitalia.com 5. Roche, pouf della collezione di sedute di Daria Zinovatnaya per Adrenalina, che comprende divano due posti e poltrona con rivestimento in tessuto Field 2 di Kvadrat, anche in blu. adrenalina.it

408

ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/LIVING [2]

[1]

[3]

[4]

[5]

[6]

410

ELLE DECOR

Foto Massimo Gardone

[7]

1. Brick, madia della collezione di contenitori modulari di Caccaro, con ribalta e cassetto. caccaro.it 2. Applique con braccio rotante di Editions Serge Mouille, design 1954 . serge-mouille.com 3. Fire Forest, wallpaper con pattern sfumato di Gianluigi Landoni per Texturae. texturae.it 4. Shift firmata Marcello Ziliani per Alf DaFrè, poltroncina lounge in frassino con seduta e schienale imbottiti. alfdafre.it 5. High Line, luce da terra di Josep Lluís Xuclà per Marset, in quercia su base in metallo. marset.com 6. T33, divano in acciaio e pelle disegnato da Franco Albini, prototipo per la V Triennale del 1933, rieditato da Officina della Scala. officinadellascala.it 7. Vinnie, tavolino di Alessandro Stabile per My home, in frassino. myhomecollection.it


INSIDE DESIGN/LIVING

[1]

[2]

[3]

[4]

[5]

1. Magic View della collezione Jungle di Jan Kath, tappeto hand-knotted in lana e seta. jan-kath.de 2. Self bold firmata Giuseppe Bavuso per Rimadesio, in alluminio finitura bronzo spazzolato con ante in vetro acidato e vani a giorno in noce. rimadesio.it 3. Stay di Storagemilano per Potocco, poltrona in tondino metallico con soffici imbottiture dai volumi squadrati. potoccospa.com 4. Budapestair di Paola Navone per Baxter, piedini in vetro e rivestimento in pelle Kashmir Plomb. baxter.it 5. Bombom di Infiniti, linee morbide su base in tubo d’acciaio. infinitidesign.it 6. Bam disegnato da Archirivolto per Calligaris con top bi-materico, ceramica o specchio e legno su una struttura in legno di frassino con gambe a sezione semi-ellittica. calligaris.com

412

ELLE DECOR

[6]


INSIDE DESIGN/LIVING Composizioni fluide. È un sistema versatile Alexander di Rodolfo Dordoni per Minotti, costituito da sedute modulari di tipologie diverse. Da combinare in modalità classica, con elementi lineari o in varianti creative aggiungendo le forme curve dei terminali e della chaise longue ‘Drop’. Gli elementi possono avere schienali bassi o alti per creare zone raccolte. Nonostante i volumi importanti, il divano si esprime con grande leggerezza grazie alla base, a barre in alluminio, che lo mantengono sospeso da terra. minotti.com

414

ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/LIVING

[1]

[2]

[3]

[5]

[4]

1. Bâtons sombres, Points suspendus, Grand Paon de nuit, composizione di decorazioni tessili da parete dell’Atelier Mélanie Clénet, realizzate su misura in corda di cotone e juta. melanieclenet.com 2. Nomos, bar cabinet di Roberto Lazzeroni per Visionnaire dai fianchi arrotondati, in legno laccato lucido con top in marmo. visionnaire-home.com 3. Bow, coffee table disegnato da Guilherme Torres per Classicon, in marmo nero Marquina, anche in bianco Carrara, cm 70x70x23h. classicon.com 4. Alanda ‘18, tavolo basso di Paolo Piva 1980 e rieditato da B&B Italia, struttura in tondino d’acciaio e piano in cristallo. bebitalia.com 5. Caesar Tailor di Fendi Casa, caratterizzato da un segno grafico al centro dello schienale con rivestimento in tessuto o pelle sfoderabile. luxurylivinggroup.com 6. Boè firmato da Jai Jalan per Désirée by Euromobil, volumi importanti di linea asimmetrica, su piedini in metallo, da usare anche come chaise longue. gruppoeuromobil.com 416

ELLE DECOR

Foto Adeline Praud

[6]


INSIDE DESIGN/LIVING

1. Village, tappeto di Ritva Puotila per Woodnotes, in filato di carta a strisce, da scegliere anche in altre combinazioni di colore. woodnotes.fi 2. Lexington di Bontempi, libreria in metallo laccato in una palette di dieci tonalità , i ripiani esistono in varie finiture dall’acciaio alla pelle. bontempi.it 3. Argo, divano componibile di David Dolcini per Porada, sei diverse strutture abbinabili a sedute di due larghezze, con base in noce canaletto e accessori in legno massello e marmo. porada.it 4. Cannes, poltrona da lettura e conversazione di Paolo Castelli, in rovere cotto con schienale rifinito a cordini in cuoio. paolocastelli.com 5. Atenae di StudioMEMO per Cantori, in metallo o legno con top in marmo, in tre misure. cantori.it 6. Kathryn di Giuseppe Viganò per Longhi, in metallo champagne Gold con cuscini in tessuto. longhi.it 7. Silk, lampada di Frandsen, in ottone anticato con diffusore in vetro. frandsenretail.dk

[1]

[2]

[4] [3]

[5]

[6]

418

ELLE DECOR

[7]


ELLE DECOR PER HP

SMART WORKING

Design funzionale e sofisticato, prestazioni eccezionali e altissimi livelli di sicurezza per prodotti innovativi. Le workstation HP di ultima generazione sono pensate per i professionisti e i creativi di oggi In pochi anni la tecnologia ha trasformato radicalmente gli spazi e le modalità di lavoro, soprattutto in ambito creativo. E i professionisti del settore richiedono massima efficienza e standard sempre più alti. Le workstation della gamma HP ZBook, tra le più potenti e sicure al mondo, sono pensate per offrire agli utenti che lavorano in maniera più fluida e mobile una versatilità e un design unici. Il display è ultrasottile, il corpo in alluminio migliora la resistenza, riducendone il peso. “Oggi chi si confronta quotidianamente con la tecnologia ha l’esigenza di spostarsi utilizzando strumenti pratici e affidabili di collaborazione

La workstation HP ZBook Studio X360 G5 è un prodotto versatile e potente, pensato per attività come il disegno, l’editing, la definizione del colore e il ritocco. Il tutto con un unico dispositivo.

remota”, spiega Rossella Campaniello, Personal System Business Director di HP Italy. “Ci piace pensare che i nostri prodotti, innovativi e dal segno sofisticato, possano contribuire a ispirare questa nuova generazione di professionisti e di creativi. Assicurando un alto livello di sicurezza e prestazioni per proteggere le informazioni e implementare i flussi di lavoro”. Della famiglia fa parte la workstation convertibile HP ZBook Studio X360 G5, con cerniere HP a 360° che assicurano il comfort di un portatile e la praticità di un tablet, mentre l’input con penna di precisione si rivela l’alleato perfetto in ogni occasione. hp.com


Doppio progetto — Nella rinnovata sede milanese di Galleria Farsetti apre il 5/4 ‘Unstable’, in partnership con Fabio e Paolo Gori, che il 13/4 inaugurano con ‘Environments’ lo spazio culturale Arte in Fabbrica, dentro l’azienda (Gori Tessuti) di Calenzano, Firenze. Trait d’union le opere di Vittorio Corsini, a Milano con sculture e un intervento sulla porta d’ingresso, fino all’11/5, e in Toscana con una serie di installazioni, fino al 30/9. In foto, ‘meno270’, 2002. galleriafredianofarsetti.it

n.b.

Aprile — Mostre, fiere, appuntamenti e opening. Il meglio dell’arte contemporanea e dei nuovi linguaggi, in Italia e nel mondo

Foto Paolo Emilio Sfriso

a cura di Piera Belloni

421

ELLE DECOR


N.B. MILANO

Lygia Pape, ‘Livro do Tempo’, medium sculptures, 1965, vista dell’esposizione alla Galeria Thomas Cohn, Rio de Janeiro

Giorgio Armani e Tadao Ando

Courtesy Sheela Gowda and Pérez Art Museum Miami, foto Oriol Tarridas - © Projeto Lygia Pape - foto Roger Hutchings © 2018 Estate of Dan Flavin Artists Rights Society (ARS), New York, courtesy David Zwirner & Cardi Gallery

Sheela Gowda, ‘And that is no lie’, 2015, vista dell’installazione al Pérez Art Museum di Miami

Arte fra due culture — S’intitola ‘Remains’ la prima personale in Italia di Sheela Gowda, al Pirelli HangarBicocca fino al 15/9. L’artista, con base a Bangalore, concepisce la sua pratica in dialogo con le tradizioni locali indiane e le espressioni creative internazionali, utilizzando materiali e oggetti del quotidiano. In mostra, alcune installazioni dal 1996 a oggi, e lavori figurativi. hangarbicocca.org Retrospettiva di un’autrice eclettica — Si è confrontata con una molteplicità di mezzi Lygia Pape, brasiliana esponente del Neoconcretismo che nei 45 anni di carriera ha realizzato dipinti, sculture, video, balletti, installazioni. A 15 anni dalla sua scomparsa, la Fondazione Carriero le dedica una mostra che riunisce tutta la sua produzione: compresi ‘Livro Noite e Dia’ e ‘Livro do Tempo’, dove i libri sono oggetti che condensano esperienze mentali e sensoriali. Fino al 21/7, fondazionecarriero.org Il progetto secondo un maestro — “Mi piacerebbe realizzare architetture che possano durare per sempre, non nella sostanza o nella forma, ma come un ricordo indelebile nel cuore degli uomini”: il concept creativo che guida Tadao Ando sta tutto in questa frase. E per chi volesse esplorarne i risultati apre il 9/4 all’Armani/Silos ‘The Challenge’, un viaggio attraverso 50 progetti, ideato dallo stesso autore in collaborazione con il Centre Pompidou, e declinato in 4 temi: Forme primitive dello spazio, Una sfida urbana, Genesi del paesaggio, Dialoghi con la storia. Fino al 28/7, armani. com/silos/it/ Creazioni di luce — 14 opere realizzate con neon da fine Anni 60 agli Anni 90 costituiscono il corpus della mostra dedicata a Dan Flavin alla Galleria Cardi, fino al 28/6. Un’occasione per ripercorrere gli step della ricerca dell’artista sull’idea di colore, luce e spazio scultoreo, e nella città che ospita la sua ultima opera site specific, del 1996, Santa Maria Annunciata in Chiesa Rossa. cardigallery.com

Dan Flavin, ‘Untitled (for Frederika and Ian) 3’, 1987, ed. 2 di 5

423

ELLE DECOR


N.B. MONDO Thomas Struth, ‘Cappa chimica’, Università di Edimburgo, 2010

© Thomas Struth - Courtesy Italian Council/Mibact e Patrick Tuttofuoco - © Mary Quant Archive - © Martin Creed, DACS / VEGAP 2019, foto Geneviève Hudson

Patrick Tuttofuoco, ‘Zero’ (weak fist), 2018

Modella con borsa griffata Bazaar, lo shop di Mary Quant,1959

Martin Creed, ‘Work n. 1781’, 2013

Fotografia a Bologna — Alla Fondazione MAST è in scena ‘Thomas Struth: Nature & Politics’, una selezione di grandi foto a colori che sono il risultato di un’indagine realizzata dall’autore tedesco su luoghi industriali e di ricerca in tutto il mondo. Sono laboratori spaziali, impianti nucleari, sale operatorie, spazi di solito accessibili solo agli addetti ai lavori, svelati dall’occhio sensibile del fotografo. Fino al 22/4, mast.org Un nuovo museo a Serra S. Quirico (An) — In occasione dei 20 anni dalla nascita del Premio Ermanno Casoli, intitolato al fondatore dell’azienda Elica, l’omonima fondazione apre uno spazio espositivo nel complesso monumentale di Santa Lucia, che riunisce le opere acquisite dal premio. Special guest Patrick Tuttofuoco, che ha creato ‘The Relay’, installazione luminosa site specific posta nel corridoio d’ingresso: protagoniste le mani, come metafora dello scambio e del dono. fondazionecasoli.org Icona fashion a Londra — Mary Quant, o l’invenzione della minigonna: ma anche dei collant colorati e dei pantaloni sartoriali, che hanno rivoluzionato il look delle donne tra il 1955 e il 1975. A questa grande fashion designer della swinging London il Victoria and Albert dedica un’ampia retrospettiva, con 120 abiti, accessori, disegni e fotografie recuperati dall’archivio Quant e attraverso una call-out pubblica lanciata nel 2008 per rintracciare capi rari e oggetti. Dal 6/4 al 16/2/2020, vam.ac.uk Installazioni e Performance a Santander — Martin Creed sbarca al Centro Botín, location d’arte privata realizzata da Renzo Piano, con un progetto multidisciplinare che travalica il senso classico di esposizione. Fra visuale, musicale e performativo, consiste di pitture monumentali, una composizione musicale eseguita negli spazi della mostra, con una coreografia precisa, e perfino nuove divise per il personale del centro, che coinvolge il pubblico in un’esperienza immersiva spazio-temporale. Dal 6/4 al 9/6, centrobotin.org

425

ELLE DECOR


Elle Decor Italia International subscription Starting from today, you can finally subscribe to Elle Decor Italia and bring italian style & design into your home wherever you are... 5 good reasons to make your choice... 1. Every month you will receive your favourite magazine. 2. It will be despatched directly to your home. 3. No more distances; wherever you live, hundreds or thousands kilometers away, any place becomes easy to reach. 4. You can take a glance at Italian style, color and warmth. 5. You are constantly informed on ideas, trends, curiosities, news about design and interior design. But there is more: new life-styles, famous people and emerging personalities, art and whatever is related to interiors. NEW! The subscription also includes browsable digital edition. So you can now read Elle Decor Italia, including back issues and enclosures, even online on PCs, MACs and tablets

The unique Elle Decor Italia style has no boundaries 35%

discount if you subscribe to Elle Decor italia online Starting from today, you can simply click on the Elle Decor Italia cover on the site www.abbonamentionline.com and you can easily subscribe online.

35% discount: 1 year 10 issues for only â‚Ź 29,25 plus shipping charges.


APRIL 2019

The cover by Rosaria Zucconi and Francesca Benedetto photos by Alberto Strada Inside the milanese apartment of the architect Luca Bombassei. Vintage sofa in powder blue velvet, designed by Mario Bellini. Original column of the building, in metal with silk screen lacquer by Fornasetti. In the background, a pink triptych by Alex Israel. On the side table, vase with white stepped sides by Ettore Sottsass for Memphis.

English text 64 Nothing is created. 99 Elle Deco International Design Awards. 119 Between earth and sky. 127 Two out of two. 135 Nomadic design. 141 Give me five. 166 Taste diving. 174 Stefano Boeri and Joseph Grima. 177 Celebration lady. 184 Plastic attitudes. 192 The elegance of the sight. 199 50 years of design. 213 My Africa. 221 Our Colombia. 253 The king gets a new look. 258 Milan in our sights. 280 Brain storming. 292 They called it office. 304 Thinking inside the box. 314 Napoli revealed. 334 An unexpected Florence. 346 The big challenge. 366 Milano pop 427

ELLE DECOR


CONTENTS OF THE ISSUE p. 64 NOTHING IS CREATED by Valentina Raggi Nothing is destroyed. Everything is transformed. The circular economy goes mainstream. From art, to fashion, to design. From Milan to the world p. 99 ELLE DECO INTERNATIONAL DESIGN AWARDS styling Simona Silenzi Studio photos by Giovanni Gastel words by Paola Carimati On stage please! On the run-up to the award ceremony to be staged on 11 April at Teatro Franco Parenti, introducing the winners of the 17th edition of the Edida award. A total of 14 winners are proclaimed by the 25 editions of the ELLE DECORATION international network. Partner of the event MGallery p. 119 BETWEEN EARTH AND SKY by Filippo Romeo What do the space of the cosmos and the micro-architecture of a spider’s web have in common? Tomás Saraceno, the Argentine artist who is creating a spectacular installation in the Milan Planetarium, explains p. 127 TWO OUT OF TWO by Filippo Romeo and Francesca Benedetto 40 years working together, on projects of all types of scale: design, interiors, architecture. And collaborations with the best international and Italian brands. An early golden wedding anniversary for Yabu Pushelberg p. 135 NOMADIC DESIGN by Filippo Romeo The collection inspired to travel, curated by Louis Vuitton is enriched with new pieces created for the Maison by Atelier Oï, Tokujin Yoshioka and Atelier Biagetti among many others. At Fuorisalone on exhibition in Palazzo Serbelloni p. 141 GIVE ME FIVE by Paola Carimati portraits by Giovanni Gastel 5 studies, young well-known faces and new entries have designed the lighting to keep one’s eye on at Milano Design Week: shapes as precious as jewels, to be admired in galleries or, mass-produced, to discover at Euroluce.

428

ELLE DECOR

p. 166 TASTE DIVING by Laura Maggi photos by Ivar Kvaal

who tell us about their latest project for the M’Afrique line, now celebrating its 10th anniversary at MDW

Calvi Brambilla to illustrate materials, surfaces and architectural elements. Mission accomplished

The semi-submerged Under restaurant on the Norwegian coast bears the Snøhetta stamp. For a gourmet underwater experience, that feels like dining aboard the Nautilus

p. 221 OUR COLOMBIA by Paola Carimati photos by Andres Valbuena

p. 314 NAPOLI REVEALED by Rosaria Zucconi photos by Max Zambelli

A journey through the country of magical realism, discovering the ancient know how of artisan craftsmen, with two exceptional guides: the all-new design duo, Deltour-Herkner

The view of Posillipo has inspired artists, writers, and directors. The architect Giuliano dell’Uva looks at it with new eyes, filtered through art, and seduces it from this new terrace

p. 253 THE KING GETS A NEW LOOK by Rosaria Zucconi and Francesca Benedetto photos by Giorgio Possenti

p. 326 EVOLUTION OF THE SPECIES by Arianna Lelli Mami and Chiara Di Pinto/Studiopepe photos by Andrea Ferrari words by Piera Belloni in collaboration with Costanza Manzoni

p. 174 STEFANO BOERI AND JOSEPH GRIMA by Paola Carimati portrait by Giovanni Gastel The president of the Triennale and the director of the Museo del Design Italiano, in occasion of its opening, discuss their cultural programme plans. Rooted in Milan p. 177 CELEBRATION LADY by Paola Carimati photos by Stefania Giorgi Matilde Cassani’s works form a manual of best practices written with a smile. Religious feast days and festivals are architectures that reveal sharing and inclusion p. 184 PLASTIC ATTITUDES by Valentina Raggi Kartell is celebrating its 70th anniversary with a new art exhibition at Palazzo Reale. To explore how its pieces have featured in the works and photographs of some of the big names on the contemporary design scene, right from the start of the brand p. 192 THE ELEGANCE OF THE SIGHT by Valentina Raggi portrait by Giovanni Gastel Living Divani celebrates a double anniversary, 50 years in business and 30 years under the art direction of Piero Lissoni. With an exhibition, a book and a dazzling array of furnishings p. 199 50 YEARS OF DESIGN by Porzia Begamasco On the occasion of UniFor’s 50th anniversary, a monograph celebrates the office furniture brand’s half century. The curator, Fulvio Irace, tells us about it

Giorgio Armani transforms his restaurant and cafe into the Milan fashion district. Larger and more luminous spaces, versatile concepts and a new 1930s- inspired look. p. 258 MILAN IN OUR SIGHTS by Filippo Romeo and Francesca Benedetto photos by Paola Pansini words by Sebastiano Brandolini From Ponti to Terragni, through to Zanuso, Caccia Dominioni and Magistretti. A century of architecture and interior design in an exclusive tour. Exploring the masterpieces from the twentieth century that inspire the projects of tomorrow p. 280 BRAIN STORMING by Laura Maggi The evolution of the workplace, increasingly less conventional, increasingly more flexible and more imaginative is the theme for our installation-exhibition from 8 to 18 April. where design and digital are a network p. 292 THEY CALLED IT OFFICE by Bianca Scotto Nomadic and ephemeral. Fluid and shared. Multi-faceted and wellstructured for free time. The work space obliterates the boundaries between the private and professional spheres and becomes a place unto itself. A journey through the last ‘place to live’.

p. 213 MY AFRICA by Valentina Raggi photos by Alessandro Paderni

p. 304 THINKING INSIDE THE BOX by Tamara Bianchini words by Valentina Raggi photos by Simone Bossi

An exclusive interview with Ron Arad and Patrizia Moroso,

At Made Expo fair the immersive installation of Elle Decor Italia by

From surprising avant-garde pieces to classics of interior design. Objects that have created the history of design in dialogue with contemporary furnishings. For a mood that leaves its mark. p. 334 AN UNEXPECTED FLORENCE by Rosaria Zucconi photos by Andrea Ferrari Views over the city like natural paintings or drawn by artists in the dust. A calculated, sensational project signed Massimo Adario p. 346 THE BIG CHALLENGE words by Francesca Benedetto photos by Giorgio Possenti Mexico city. An abandoned brutalist structure transforms into the poetic and green residence of a great collector. p. 358 LESSONS IN SCULPTURE by Elisa Ossino Studio photos by Federico Cedrone words by Piera Belloni Expressive power and a light, almost meditative spirit for furnishings and accessories with a special intensity, where the intention is to be in the limelight. Inspiring elegant plastic shapes. p. 366 MILANO POP by Rosaria Zucconi and Francesca Benedetto photos by Alberto Strada Colours, reflections, materials. Plenty of room for the art and design of Sottsass and Mangiarotti. Luca Bombassei takes charge with a designer’s creativity and an architect’s approach


ENGLISH TEXT

Nothing is created — p. 64 by Valentina Raggi

Nothing is destroyed. Everything is transformed. The circular economy goes mainstream. From art, to fashion, to design. From Milan to the world As touched on in recent events such as October’s Dutch Design Week and the current ‘Broken Nature’ exhibition at the Triennale di Milano, the circular economy is the hot topic at Milan Design Week. This year, for the first time, a mainstream approach is being taken. That Lissoni with Salvatori, Urquiola with cc-tapis, Barber & Osgerby with Emeco, Nichetto with Offect and Bonaguro with Tacchini are presenting new pieces which are either entirely recycled or 100% recyclable gives some idea of the leap in standards currently underway. Not forgetting the wide variety of installations and exhibitions. The aim is to create a virtuous circle in which everything is regenerated from its own ashes. The impression is that of being in an (optimistic) phase of historic change.

ELLE DECO INTERNATIONAL DESIGN AWARDS — p. 99 styling Simona Silenzi Studio — photos by Giovanni Gastel words by Paola Carimati

On stage please! On the run-up to the award ceremony to be staged on 11 April at Teatro Franco Parenti, introducing the winners of the 17th edition of the Edida award. A total of 14 winners are proclaimed by the 25 editors-in-chief of the ELLE DECORATION international network. Partner of the event MGallery DESIGNER OF THE YEAR/ Michael Anastassiades It was his desire to stem the imaginative strength of his creativity that led designer Michael Anastassiades, born and raised in Cyprus, to the world of lighting. In 2007 he established his own brand and began producing sculptural luminous structures. This year he has won the award for Designer of the Year for his ability to effortlessly operate in all the fields of design, from furniture to lighting. — michaelanastassiades.com YOUNG DESIGN TALENT OF THE YEAR/ Sabine Marcelis Sabine Marcelis is Dutch and was born in 1985. Playing around with transparencies and chromatic rainbows, before long, she became a star of the international lighting scene. Her pieces are pure geometric elements that exist by interacting with the material, always a fundamental element for the development of the creative process. In the hands of the designer, a new alchemist, luminous bodies are stripped of their weight and overcome the force of gravity. — sabinemarcelis.com INTERIOR DESIGNER OF THE YEAR/ India Mahdavi Of all the most influential creative minds, she stands out for her ability to produce bold, stylish interiors. Her vision of space

is driven by a three-dimensionality that challenges tradition with perplexing colour and texture combinations. Today she lives and works in Paris, having travelled extensively and set up home at all latitudes. But the pop culture of 1960s America is the element that has had the biggest influence on her work. — indiamahdavi.com FURNITURE/ Rayures by Ronan & Erwan Bouroullec for Glas Italia The gift of the Bouroullec brothers is nothing but a small wonder: they use it to transform shadows and transparencies into lightweight, textured partitions. True design elements that abandon the world of the imagination to cut and outline the spaces they inhabit. Rayures is a collection of screens made of hinged panels. It features neutral, translucent finishes and, juxtaposed to create striking domestic landscapes, the items serve as compositional partitions. — glasitalia.com SEATING/ N01 by Nendo for Fritz Hansen Many years later, precisely 60 years since the master of design Arne Jacobsen created the Grand Prix in 1957, the Japanese studio captained by Oki Sato is bringing the historic Danish company back to solid wood. This process is much more than a simple attempt to fuse Nordic aesthetics with oriental stylistic purity: it provides a modern take on all of the brand’s artisan processing techniques. The armchair is also comprised of twenty-three wooden elements, meticulously assembled by hand. — fritzhansen.com TEXTILE/ Scrap_cmyk by Rikako Nagashima for Kinnasand Lab A 100% polyester fabric made by recycling plastic bottles and a pattern reminiscent of printing errors and ink stains. The process in question is upcycling, which brings an abandoned object back to life. An industrial product fuelled by the values of sustainability and respect for the environment, transforming the ideas provided by the waste material (sheets of paper) and creative inspiration (colour) into production opportunities. — kinnasand.com TABLEWARE/ Hepburn by Brad Ascalon for Nude A self-confessed tribute to the reigning trend of mixology. The new home version sports glass and brass in a delicate archipelago of forms and function. It includes shakers, mixing glasses and serving glasses, all elegant, fun pieces but also convenient and easy to handle. Then, the name chosen takes us back to the elegance of Audrey Hepburn. She was the source of inspiration for the American designer Brad Ascalon, who lives and works in New York. — nudeglass.com KITCHEN/ Convivium by Antonio Citterio for Arclinea Over time, the island has become a cult piece dedicated to the rituals practised in the kitchen environment. The design by the Milanese architect was created in 2002, and it has helped change the way space is used in this part of the home environment. The design is now enhanced by new elements: stainless steel channel in the centre with storage compartments and accessories, hob with cast iron grills, wooden cutting boards and sliding grills in PaperStone. — arclinea.com FLOORCOVERING/ Super Round by Bethan Laura Wood for cc-Tapis The entire collection of Super Fake rugs plays around with the hyper and super effects required due to the speed of communication in the world of social media. The designs, inspired by rock formations, combine psychedelic colours to portray 429

ELLE DECOR


Between earth and sky — p. 119 by Filippo Romeo

Two out of two — p. 127

430

ELLE DECOR

What do the space of the cosmos and the micro-architecture of a spider’s web have in common? Tomás Saraceno, the Argentine artist who is creating a spectacular installation in the Milan Planetarium, explains

Photo Ivar Kvaal - Shayan Asgharnia

Taste diving — p. 166

organic layers and sediments. Wood uses rock to invite reflection on just how frequently images enter our daily lives. Chromatic dynamism and attention to detail are a good way of retaining them. — cc-tapis.com LIGHTING/ Eclipse by Lee Broom A tribute to the celestial vault and the starry universe provide the inspiration for the work of the English product and interior designer who won the award for the tableware category last year and has now won the one for best light. The design revolves round the theme of the intersection of two chrome-covered steel and opalescent glass discs. Linked as if in a chain, the two elements of pure geometric form playfully interact with the expressive strength of the reflective surfaces. — leebroom.com WALLCOVERING/ Giardino delle Delizie by Cristina Celestino for Fornace Brioni Forms and surfaces to recreate the atmospheres of the artificial grottoes of 19th century gardens: this was Italian designer Cristina Celestino’s source of inspiration. Introducing Rocaille, a mosaic of concave and convex lost fossils, and Nifeo, reminiscent of a rusticated surface. Instead Delizie is a design based on the playful rhythmic repetition of free, precious silhouettes. — fornacebrioni.it OUTDOOR/ Sun Tan Collection by Philippe Starck for Kartell Starck’s design for Kartell is a tribute to the vintage seaside style reinterpreted with a pop vibe: lightweight, stackable directors’ chairs and sun loungers with headrest flaunt the universal shape of the poolside furniture. A “less is more” effect that strips the frames of the superfluous to reveal the beauty of simplicity. The maxi stripes, patterns and shades of the Baywatch armchair then complete the masterpiece. — kartell.com BEDDING/ Biarritz by Samuel Accoceberry for Flexform The bed by the French designer is an architectural element in which the huge upholstered headboard takes centre stage. The generous dimensions of the shapes are part of a design solution chosen to build a warm and protective sense of intimacy around the sleeping area. The materials confirm and enhance this: leather and fabric are used for the coverings and dark metal patterns accentuate the wavy effect. — flexform.it BATHROOM/ Watercandy by ps+a for Zucchetti Kos Watercandy re-invents the hand shower and introduces a new way of experiencing water. The soft strap chosen by Ludovica and Roberto Palomba is a precious detail and functional feature that allows the user to grip it easily and so freely enjoy the benefits of its massaging action. A jewel that is easy to wear, favouring relaxation and at the same time stimulating the reawakening of the vital energies. Round, ergonomic and sensual. — zucchettikos.it


ENGLISH TEXT

‘Weaving the Cosmos’ is the project that Argentine artist Tomàs Saraceno is presenting on the occasion of Fuorisalone, inside the Civico Planetario (City Planetarium) Ulrico Hoepli, created for Bulgari, the Rome jewellery brand that has chosen this iconic place to emphasize its bond with the city of Milan. The artist, who has always been attentive to new ways of thinking about political, social and geographical relationships on our planet, creates genuine ecosystems in his installations, linking together the infinitely grand with the incredibly small. The exhibition continues in the spaces of ‘Weaving Design, Art and Science – a visual itinerary on B.zero1’, focusing on different interpretations of this iconic ring. — studiotomassaraceno.org, bulgari.com

Two out of two — p. 127 by Filippo Romeo and Francesca Benedetto

40 years working together, on projects of all types of scale: design, interiors, architecture. And collaborations with the best international and Italian brands. An early golden wedding anniversary for Yabu Pushelberg It was a red carpet opening for the Times Square Edition, Ian Scharger’s latest venture, designed by the Yabu Pushelberg studio. We meet the founders George Yabu and Glenn Pushelberg in their New York offices. The studio was founded in the 1980s and has evolved into two offices in Toronto and New York, employing 120 staff between them... “We are a team of experts in interiors, product design and architecture”. How would you define your language and what is the common objective for each project? “In our studio, all the disciplines sit at the same table in an integrated way”. You collaborate with several Italian brands. “Every collection tells the individual story of a company, through materials and processes”. — yabupushelberg.com

Nomadic design — p. 135 by Filippo Romeo

The collection inspired to travel, curated by Louis Vuitton, is enriched with new pieces created for the Maison by Atelier Oï, Tokujin Yoshioka and Atelier Biagetti among many others. At Fuorisalone on exhibition in Palazzo Serbelloni A collection portraying different cultures, dedicated to nomadism and the fusion of languages and ways of understanding design in the antipodes. These are the characteristics of Objets Nomades, the project launched in 2012. Shigeru Ban is the creator of an architecture that responds perfectly to the theme of nomadism. The table designed by Atelier Biagetti shows a natural-coloured external surface and an electric blue inner core. The Blossom Vase by Tokujin Yoshioka offers an interpretation of the theme that is fascinated with the silhouette of the four-leaf clover. The Serpentine Table designed by Atelier Oï evokes travel, with a base made up of a tent-like structure. — it.louisvuitton.com

Give me five — p. 141 by Paola Carimati — portraits by Giovanni Gastel

5 studies, young well-known faces and new entries have designed the lighting to keep one’s eye on at Milano Design Week: shapes as precious as jewels, to be admired in galleries or, mass-produced, to discover at Euroluce. He’s Italian, but works in Paris where, in 2014, he opened his studio. During Milano Design Week, Marco Lavit will present Trio, a collection of wooden lamps produced exclusively for Nilufar Gallery. — atelier-lavit.com Matteo Cibic, who travels frequently to India, exports a world of fantastic shapes and colours. In his hands cabinets and rugs take on the appearance of otherworldly creatures. This is the basis of his work for Il Finale, an Italian brand that has been producing brass lamps since 1979. — matteocibicstudio.com Understated protagonists of international design, Paola Vella and Ellen Bernhardt delicately navigate the world of product design. “We like to play with contrasting tactile textures and styles, to experiment with all the varying aspects of light and colour.” — bernhardt-vella.com Meticulous, prepared, always with a solution up his sleeve: Valerio Sommella presents the Altura lamp designed for Penta Light together with Anonima Luci. “The key element of the project is definitely the curl. Not a decorative embellishment, but a functional detail.” Very industrial. — sommella.com The still-young designer (almost 35 years old) returns with a style that is both poetic and explosive, and he does so with Luceplan, for whom he has designed Fienile. “I wanted to create something sculptural,” confides Daniel Rybakken. — danielrybakken.com

Taste diving — p. 166 by Laura Maggi — photos by Ivar Kvaal

The semi-submerged Under restaurant on the Norwegian coast bears the Snøhetta stamp. For a gourmet underwater experience, that feels like dining aboard the Nautilus The Under restaurant, whose name in Norwegian means both under and wonder, was designed by the Snøhetta architecture firm. “A new landmark for the south coast, Under proposes a brand new language, based on unexpected combinations of pronouns and prepositions, challenging the physical relationship between a person and their environment. In this building you might find yourself underwater, at the bottom of the sea, or between earth and sea”, says architect Kjetil Trædal Thorsen, founder of the Norwegian firm. At the helm, Danish chef Nicolai Ellitsgaard, previously at the renowned Måltid at Kristiansand, assisted by an international team of 16, all with experience in the best Michelin restaurants. The voyage from kitchen to plate is a short one. — under.no, snohetta.com 431

ELLE DECOR


Stefano Boeri and Joseph Grima — p. 174 by Paola Carimati — portrait by Giovanni Gastel

The president of the Triennale and the director of the Museo del Design Italiano, in occasion of its opening, discuss their cultural programme plans. Rooted in Milan Boeri and Grima’s envisioned projects and exact development plans for the future of the Palazzo dell’Arte are built around the concepts of a sense of responsibility, the value of dialogue, and humanity. We met them on the occasion of the grand opening of the Museo del Design Italiano. The only one of its kind in Milan and Italy, after twelve editions as an ever-changing display it is moving to the Viale Alemagna building. “My aim is to create an engaging narrative that will get the message across that what has happened here in Milan, and in Italy in general, has been vital for modern culture”, says Grima. “This is our capital, human, social capital; it can’t be measured economically, but it is crucial on an intellectual level and in terms of value”.

Celebration lady — p. 177 by Paola Carimati — photos by Stefania Giorgi

Matilde Cassani’s works form a manual of best practices written with a smile. Religious feast days and festivals are architectures that reveal sharing and inclusion The almost forty-year-old architect Matilde Cassani is one of the main players at the XXII Triennale and she worked on the Broken Nature installation with Studio Folder. Matilde tells the story of today. She immerses herself in everyday life to feel it personally. When the tsunami hit Sri Lanka in December 2004, Matilde went out there. “I am interested in places, especially religious ones, but also in public squares and spaces, because they give me a better understanding of human behaviour. Festivals are architecture for me, a synthesis that reveals real inclusion. Simply, naturally and without conflict.” — matildecassani.com

Plastic attitudes — p. 184 by Valentina Raggi

Kartell is celebrating its 70th anniversary with a new art exhibition at Palazzo Reale. To explore how its pieces have featured in the works and photographs of some of the big names on the contemporary design scene, right from the start of the brand ‘The Art Side of Kartell’ is the title of the exhibition to celebrate the company’s 70th anniversary. It is curated by architect 432

ELLE DECOR

Ferruccio Laviani, who has been art director at Kartell for many years: “The idea for this exhibition began in 1994, when I got hold of the Kartell archives to create a database. Something very interesting happened: I found Kartell furniture and objects in films, advertisements, videoclips and installations. It completely overturned my perspective: an industrial product had inspired art, which made it a cultural object.” For Kartell CEO Claudio Luti: “The exhibition turned into a cultural project, sketching the history of design, art and society, during the last 70 years”.

The elegance of the sight — p. 192 by Valentina Raggi — portrait by Giovanni Gastel

Living Divani celebrates a double anniversary, 50 years in business and 30 years under the art direction of Piero Lissoni. With an exhibition, a book and a dazzling array of furnishings “If I had to describe Living Divani, I would say it is very elegant.” This is the story tracing thirty years of work in this company, as told by Piero Lissoni in the role of art director. The brand in the province of Como, is this year celebrating 50 years in business, since it was founded by Luigi Bestetti and Renata Pozzoli in 1969. To mark this anniversary, “we decided to produce a line of very limited edition, almost unique, pieces, which may become a small series production in the future,” explains Lissoni. The series is called The Uncollected Collection. Future plans? The 2019 collection is proof of how this company has followed the continually evolving spiral of design without ever betraying itself. — livingdivani.it

50 years of design — p. 199 by Porzia Begamasco

On the occasion of UniFor’s 50th anniversary, a monograph celebrates the office furniture brand’s half century. The curator, Fulvio Irace, tells us about it “Products created not to be part of a collection, but in relation to the architecture that the architects were carrying at that moment”, explains Fulvio Irace, as he tells us about the 50 years of this office furniture brand that is part of the Molteni group. UniFor feels an empathy with the space, considers the different production aspects and brings the idea to reality. This point is corroborated by the sales outlets, starting with the two historical ones in Paris and Milan. They are special places, where specific artisan skills, creativity and industrial production come together. “For UniFor, we can apply the metaphor of a runner in a race: with his eyes fixed on the finishing line, he doesn’t bother about what’s behind him. It’s up to the historians to take account of time.” — unifor.it, skira.net


ENGLISH TEXT

My Africa — p. 213 by Valentina Raggi — photos by Alessandro Paderni

An exclusive interview with Ron Arad and Patrizia Moroso, who tell us about their latest project for the M’Afrique line, now celebrating its 10th anniversary at MDW On the occasion of Fuorisalone, Patrizia Moroso is setting up the showroom in Via Pontaccio as a party scene to celebrate the 10th anniversary of the collection conceived by international designers and created by Senegalese artisans. “When we thought about creating an outdoor collection years ago, I immediately thought about the street market in Dakar, and that’s how M’Afrique came about.” And Ron Arad adds that, as regards the choice of colours for the braids, he said to the artisans: “I don’t pretend to be African: you do it, but make them African”. “Africa has long been ignored and rejected; now we’re in the midst of a boom and it’s trendy. It’s right that the focus is now on this scene and on its evident power.”

Our Colombia — p. 221 by Paola Carimati — photos by Andres Valbuena

A journey through the country of magical realism, discovering the ancient know how of artisan craftsmen, with two exceptional guides: the all-new design duo, Deltour-Herkner

and dinner, its menu is now more refined, yet rigorously Italian, skilfully combining tradition and innovation, in perfect Armani style. The energy and creativity of King Giorgio, an emblem of Italian excellence worldwide, have hit the nail on the head. — armani.com/restaurant/it

Milan in our sights — p. 258 by Filippo Romeo and Francesca Benedetto — photos by Paola Pansini words by Sebastiano Brandolini

From Ponti to Terragni, through to Zanuso, Caccia Dominioni and Magistretti. A century of architecture and interior design in an exclusive tour. Exploring the masterpieces from the twentieth century that inspire the projects of tomorrow How modern is Milan really, today? We took a closer look, to learn more about its buildings. We noted all their understated beauty, but also their idiosyncrasies. Here, nearly every building becomes a small monument. Huge and all-pervading, the Fuorisalone shows just how flexible and welcoming Milan is today. Until the sixties, architects put themselves into the capable, experienced hands of those who knew how to build and put things together; in those days a fertile symbiosis between craftsmanship and architecture was still possible. This is no longer the case. These amazing, unrepeatable palazzos also lead us to reflect also on this point.

Brain storming — p. 280 by Laura Maggi

Travelling from one coast of Colombia to the other in the footsteps of the ‘artesanos’, the local artisan craftsmen who, over the past twenty years, have moved to Bogotà, the capital. This is the image that serves as a backdrop to the work of designers Sebastian Herkner and Pauline Deltour for Ames, a brand with an ethnic flare. The owner Ana Maria Calderon Kayser, born in Colombia, moved to Germany in 2006, where she established the company, before bringing her work back to her roots. Creativity is the key to liberation, it creates culture and relaxes, like most of the pieces in the catalogue: chaise longues and rugs, terracotta vases and precious mirrors like Panama.

The king gets a new look — p. 253 by Rosaria Zucconi and Francesca Benedetto photos by Giorgio Possenti

Giorgio Armani transforms his restaurant and cafe into the Milan fashion district. Larger and more luminous spaces, versatile concepts and a new 1930s - inspired look

The evolution of the workplace, increasingly less conventional, increasingly more flexible and more imaginative is the theme for our installation-exhibition from 8 to 18 April. Where design and digital are a network “We have worked on an immersive installation that illustrated the complexity and variety of changes in workspace design,” explains Livia Peraldo Matton, editor-in-chief of Elle Decor Italia and curator of Elle Decor at Work. “We imagined new scenarios in Palazzo Bovara.” The theme of the installation-exhibition relates to observation of the new generations’ lifestyles. The rooms are linked by a seamless progressive transformation, in this way strengthening the “idea of spatial flow”. An important role in the storytelling of this exhibition is played by Pinterest, which has chosen Elle Decor Italia as its official partner. The ‘Evolution of Workplace’, from 8 to 19 April 2019.

They called it office — p. 292 by Bianca Scotto

Ever since it first opened, the Emporio Armani Cafè and Restaurant has been one of the Milan’s symbolic locations, frequented by residents, tourists, and those devoted to shopping. It now unveils its new sophisticated and homey look to the city. Its formula has also been renovated, as much in the division of its spaces, as in the entertainment that it offers. Open for lunch

Nomadic and ephemeral. Fluid and shared. Multi-faceted and well-structured for free time. The work space obliterates the boundaries between the private and professional spheres and becomes a place unto itself. A journey through the last ‘place to live’ 433

ELLE DECOR


ENGLISH TEXT

Technology has given us the freedom to work not only when and how we want, but also where we want. Once a static and repetitive environment, the office has transformed into a flexible and dynamic space. From office to urban campus. The office changes scale and transforms into a sort of micro-city with restaurants, hotels, wellness clubs, gyms, meditation and yoga rooms, shops, art galleries, and creative laboratories. Working and sharing. This is the credo at the foundation of co-working spaces, the number of which is growing exponentially. The office as a manifesto of the brand. In the modern work environment, the language of the spaces becomes an effective tool for communicating the brand’s values.

the dust. A calculated, sensational project, signed Massimo Adario

by Tamara Bianchini — words by Valentina Raggi photos by Simone Bossi

Massimo Adario designs a number of furnishings for this project, successfully tackling the colour scheme with confidence. The building directly overlooks the Arno river, almost opposite the façade of the Uffizi. The project does not take an easy, predictable route: the long wood-panelled entrance hall is marked by three massive doorways in green marble, evoking the elegance of the 30s and 40s. These doorways connect hall, kitchen and living area in a fluid interpenetration between the spaces. The palette uses strong colours, skilfully combined, while prized materials such as marble and Italian walnut blend with more lowly ones, such as linoleum. There is deliberate contradiction in the choice of furnishings. A revolution compared to the stereotypical eclectic Florentine house as described by E M Forster.

At the Made Expo the immersive installation of Elle Decor Italia by Calvi Brambilla to illustrate materials, surfaces and architectural elements. Mission accomplished

words by Francesca Benedetto — photos by Giorgio Possenti

Thinking inside the box — p. 304

“Quality of living” was the pivotal theme for the latest Made Expo, Italy’s major building and architecture fair. And our magazine took part for the very first time this year. Giovanni Grassi, General Director of Made Expo told us: “I wanted a display at the fair that lent appeal to this sector.” “Our language shifted from paper to a 3D dimension,” explains Livia Peraldo Matton, editor-in-chief of Elle Decor Italia. A lantern concept was adopted for ‘Design Box’, a series of rooms in boxes called ‘Passing through’, ‘Moving’, ‘Opening’, ‘Rotating’, and ‘Rising’ that invited proactive visits.

Napoli revealed — p. 314 by Rosaria Zucconi — photography by Max Zambelli

The view of Posillipo has inspired artists, writers, and directors. The architect Giuliano dell’Uva, who looks at it with new eyes, filtered through art. And seduces it from this new terrace.

The big challenge — p. 346 Mexic City. An abandoned brutalist structure transformed into the poetic and green residence of a great collector When architect Nicolas Schuybroek was invited to survey the site, he couldn’t believe his eyes. “It was a brutalist building dating from the early 1970s, unusual in that area of the city,” admits the designer. But as often happens, the greatest challenges give way to surprising results. The true renovation began with the opening of the rear of the building. The owner of the home is a great art collector. How did he choose to furnish it? “A combination of vintage pieces, modern furniture, and custommade décor.” The final effect is very representative of Nicola Schuybroek’s design style. The essence of his work is in his ability to create seemingly minimalist and monastic spaces, that are actually quite sophisticated and boast a strong identity.

Milano pop — p. 366 by Rosaria Zucconi and Francesca Benedetto — photos by Alberto Strada

Architect Giuliano Andrea dell’Uva’s project weaves together and creates new profound connexctions with the landscape. “The outside is certainly the most striking element, but the breadth and height of the environments deserved more attention.” The natural overhead lighting, the view of the sky, the gigantic palm tree, the warm shades of the walls, and the reflections of the brass create a special, intimate atmosphere. Dell’Uva envisioned a delicate dialogue between culture and eras. Alongside the blue of the sea, the piece by Joseph Kosuth ‘Yes, it is so’ encourages us to imagine that beyond those windows lies everything: a city that loves contemporary art and boasts unique, historic, and natural beauty.

An unexpected Florence — p. 334 by Rosaria Zucconi — photos by Andrea Ferrari

Views over the city like natural paintings or drawn by artists in 434

ELLE DECOR

Colours, reflections, materials. Plenty of room for the art and design of Sottsass and Mangiarotti. Luca Bombassei takes charge with a designer’s creativity and an architect’s approach We are in a light-filled building designed in the 50s, overlooking the garden of an eighteenth century building and its ancient trees, close to Piazza Duse and Via dei Cappuccini. Architect Luca Bombassei took a leap of 50 - 60 years forward from the classic Milanese house of the early 1900s in choosing this light-filled architecture which typifies the exciting times of the economic boom, with an eye to the pop that was about to take off. Like any good architect, he has designed his house like a bespoke suit. “I wanted a fluid, flexible house, with a little history and a little modernity, with artistic choices that reflect my adoration of the 80s. Welcoming, informal, and unstructured, like my ideal city”. — lucabombassei.com


Profile for ryueunjeong

Elle_Decor_Italia_-_Aprile_2019  

Elle_Decor_Italia_-_Aprile_2019  

Advertisement