Page 1

Rugby Rovigo News - Progetto ideato e ralizzato da Digital Ink srl - via Giovanni Miani, 62 - 45100 Rovigo

supplemento a RovigoOggi.it Aut. Trib. Rovigo n° 06/08 Reg. Stampa del 07/08/2008 - direttore responsabile Irene Lissandrin

n.7 - 12 gennaio 2012

Daniele Tumiatti

RUGBY ROVIGO

News Rugby Rovigo – London Wasps - 14 gennaio - 15,00

Sognando la vetta

C

entosessanta minuti a disposizione di coach Polla Roux per registrare i propri giocatori per la seconda parte di campionato. Le ultime due parentesi di Amlin Challenge Cup devono essere assolutamente da stimolo ai rossoblu per arrivare sino a fine stagione con la giusta carica. Affrontare i London Wasps prima e il Bayonne poi, deve essere la sveglia per quei giocatori che sino ad oggi non hanno ancora dimostrato le loro vere qualità. 160’ per aggiustare il tiro e poi dritti sino alla fine, l’ultimo weekend di gennaio c’è una partita da vincere, quella contro il Petrarca Padova.


Pag. 2

Rugby Rovigo News - n 7


Rugby Rovigo News - n 7

Rugby Rovigo News - Progetto ideato e ralizzato da Digital Ink srl - via Giovanni Miani, 62 - 45100 Rovigo

supplemento a RovigoOggi.it Aut. Trib. Rovigo n° 06/08 Reg. Stampa del 07/08/2008 - direttore responsabile Irene Lissandrin

ECCELLENZA Il punto sul campionato

n.7 - 12 gennaio 2012

6

RUGBY ROVIGO La rosa dei Bersaglieri

8

IL FILM Rugby Rovigo I Cavalieri Prato

10

IL FILM L’Aquila Rugby Rovigo

12

Pag. 3

IL POSTER Davide Giazzon GLI AVVERSARI Arrivano i London Wasps

16

14

RABODIRECT PRO12 Il Benetton & Aironi doppio turno

SERIE A Il Badia vince in extremis

20

18

SERIE B Impresa del Villadose a Villorba RUGBY GIOVANILE Sarà un 2012 ricco di soddisfazioni

22

RUGBY

Daniele Tumiatti

4

ROVIGO

News Rugby Rovigo – London Wasps - 14 gennaio - 15,00

Sognando la vetta

C

entosessanta minuti a disposizione di coach Polla Roux per registrare i propri giocatori per la seconda parte di campionato. Le ultime due parentesi di Amlin Challenge Cup devono essere assolutamente da stimolo ai rossoblu per arrivare sino a fine stagione con la giusta carica. Affrontare i London Wasps prima e il Bayonne poi, deve essere la sveglia per quei giocatori che sino ad oggi non hanno ancora dimostrato le loro vere qualità. 160 per aggiustare il tiro e poi dritti sino alla fine, l’ultimo weekend di gennaio c’è una partita da vincere, quella contro il Petrarca Padova.

Digital Ink è lieta di riproporre ai lettori del proprio quotidiano RovigoOggi.it il supplemento interamente dedicato al rugby giocato della provincia di Rovigo ed al panorama internazionale. Il format dell’e-Magazine, già sperimentato con successo ed esteso da quest’anno anche al calcio, è interamente sostenuto dagli inserzionisti pubblicitari a cui va il nostro più sincero ringraziamento per aver creduto nell’iniziativa capace di offrire in termini di visibilità un ritorno ben maggiore rispetto alla versione stampata. La divisione dei contenuti proposti mantiene la tradizione degli scorsi anni: in primis lo spazio dedicato ai nostri Bersaglieri, poi il rugby internazionale, la serie A con il Badia, la serie B con il Villadose, la C con il Frassinelle ed il Lendinara. In chiusura, ma con ampio spazio, il movimento giovanile dei futuri campioni di domani. Internet è la risposta alle richieste dei nostri lettori: un giornale ricco di contenuti di qualità, una visione a 360° sul movimento di tifosi e sportivi della palla ovale in Polesine, immagini capaci di raccontare azioni, passione, gioie e delusioni, fruibile sempre e comunque, 24 ore al giorno e per sempre, sfogliabile e scaricabile per la lettura off-line. Buon divertimento info: redazione@rovigooggi.it


Pag. 4

Rugby Rovigo News - n 7

ECCELLENZA

UNA TRASFERTA SPECIALE

ECCELLENZA 8 giornata 7/01/12 - 15:00 San Gregorio Catania v Mantovani Lazio L’Aquila Rugby v Femi-CZ Vea Rovigo Petrarca Padova v BancaMonteParma Crociati Estra I Cavalieri Prato v Cammi Calvisano Rugby Reggio v Marchiol Mogliano

L’Aquila ha accolto i Bersaglieri e le Posse Rossoblu con spirito di fratellanza, è proprio vero il rugby unisce!

Luke Mahoney in meta nella finale scudetto 2011 contro il Petrarca Padova

Al Fattori presente anche il neo assessore Andrea Bimbatti al fianco del presidente Zambelli

Con il regalo di Prato e Calvisano che impattano per 20-20 il Rovigo il prossimo turno si gioca la vetta

17-25 8-27 25-0 20-20 16-33

PROSSIMO TURNO 9 giornata 28/01/12 - 15:00 Cammi Calvisano - L\’Aquila Rugby 1936 Mantovani Lazio 1927 - Rugby Reggio Femi-CZ Vea R. Rovigo Delta - Petrarca Padova Banca Monte Parma Crociati - Estra I Cavalieri Prato Marchiol Mogliano - San Gregorio Catania R. CLASSIFICA CAMPIONATO DI ECCELLENZA Estra I Cavalieri Prato 27 L’Aquila 14 FemiCZ-Vea Rovigo 26 Rugby Reggio 14 Cammi Calvisano 26 Mantovani Lazio 13 Petrarca Padova 24 San Gregorio Catania 10 Marchiol Mogliano 23 Parma Crociati 3


Rugby Rovigo News - n 7

Il campionato riprederà con il derby scudetto Dopo i Wasps i Bersaglieri voleranno nella costa atlantica francese per affrontare il Bayonne. L’ultimo weekend di gennaio arriva il Petrarca Padova

L

Allenamenti serrati e l’arrivo del tecnico della mischia Joe McDonnell ha permesso ai rossoblu di ritrovare il sorriso al Fattori

a FemiCz Rugby Rovigo chiude il 2011 con una delusione, al Battaglini il Prato ottiene una vittoria inaspettata e si laurea campione d’inverno. Le vacanze di Natale però aiutano a recuperare la sconfitta. Allenamenti serrati e l’arrivo del tecnico della mischia Joe McDonnell ha permesso ai rossoblu di ritrovare il sorriso al Fattori de L’Aquila, ottengono una vittoria fondamentale ma si spreca l’occasione dei conquistare un punto di bonus che sarebbe valso la prima posizione in classica in coabitazione con lo stesso Prato. Contro L’Aquila il Rovigo deve fare i conti con i tanti errori individuali che hanno condizionato il gioco. La pausa del campionato di Eccellenza per le ultime due giornata di Amlin Challenge Cup possono essere molto utili ai Bersaglieri per sistemare gli errori emersi al Fattori per l’ultima giornata di campionato di andata che sarà contro il Pe-

trarca. I Rossoblu non devono commettere errori banali visto sia contro L’Aquila che contro il Prato, troppe leggerezze potrebbero costare caro, ma non ci sono più margini per commettere errori. Sabato arrivano al Battaglini i London Wasps. La compagine anglosassone non se la passa bene in Premiership, penultimo posto e rischio retrocessione, di sicuro la trasferta del Battaglini servirà agli inglesi per provare nuove soluzioni di gioco. Quale occasione migliore al Rovigo di poter trovare un equilibrio di gioco contro una formazione che di sicuro sarà affamata di vittoria.  Dopo i Wasps i Bersaglieri voleranno nella costa atlantica francese per affrontare il Bayonne. Sarranno due sfide impegnative ma fondamentali per trovare quella concentrazione per affrontare il Petrarca nell’ultima giornata di eccellenza e cominciare il girone di ritorno del torneo nazionale da vera protagonista. 

Pag. 5

SEI NAZIONI UNDER 20

Biglietti in vendita già da martedì Comincia la prevendita dei biglietti di Italia - Inghilterra. I locali del centro storico si affiancano con entusiasmo all’evento Ad un mese esatto dalla sfida tra Italia ed Inghilterra, valevole per il Sei Nazioni under 20, è già disponibile la prevendita dei biglietti in diversi locali cittadini. I tagliandi della sfida, che si disputerà allo stadio Mario Battaglini di Rovigo alle ore 19 del 10 febbraio, potranno essere acquistati nelle seguenti attività: Caffè Nazionale, Caffè Molinari, Bar Teatro, Caffè Miani, Engage Rugby Store Il costo del biglietto è di 10 euro, mentre l’ingresso per i ragazzi under 16 è gratuito. Per la disponibilità e la cortesia dimostrata nell’appoggiare l’importante evento, il comitato organizzatore desidera ringraziare vivamente i suddetti locali, sempre vicini alle iniziative legate al mondo del rugby. Aumenta, intanto, il numero di appassionati che seguono le varie tappe di avvicinamento alla sfida sul profilo Facebook ‘ItaliaInghilterra – 6 Nazioni U20 Rovigo’. Grazie al famoso social network è infatti possibile rimanere aggiornati circa le novità in vista dell’importante manifestazione. L’invito ad iscriversi al gruppo è rivolto a tutti, così da poter condividere assieme tutte le novità in vista della gara tra Italia ed Inghilterra.


Pag. 6

Rugby Rovigo News - n 7

Andrea Bacchetti

Marco Barion

Stefan Basson

German Bustos

Alessio Ceglie

Stefan Ciochina

Giuseppe Datola

Andrea De Marchi

Otis Lombardi

Lorenzo Lubian

Mattia Merlo

Luke Mahoney

Davide Matteo Maran

Nicola Quaglio

Massimiliano Ravalle

Tommaso Reato

Hendro Scholtz

Daniele Tumiati


Rugby Rovigo News - n 7

Polla Roux

Fabio Coppo

Giovanni Boccalon

Pag. 7

Carlo Bovolenta

Davide Duca

Edoardo Lubian

Matteo Ferro

Cristiano Filippo

Davide Giazzon

Jean Francois Montauriol

Samuele Pace

Riccardo Pavan

Roberto Pedrazzi

Ronald Aaron Persico

Joe Van Niekerk

Michael Wilson

Marco Zanirato

Michele Zanirato

Alberto Zorzi


Pag. 8

Joe Van Niekerk viene fermato dalla difesa ospite

Rugby Rovigo Delta 20 I CAVALIERI PRATO 23 Marcatori: 9’ meta Vezzosi tr. Wakarua, 23’ cp Duca, 31’ meta Basson tr. Duca, 35’ meta Tumiati tr. Duca, 40’ cp Wakarua. St 6’ cp Wakarua, 12’ meta Berryman tr. Wakarua, 22’ cp Duca, 26’ cp Wakarua, FemiCZ Vea Rugby Rovigo Delta: Basson; Pedrazzi, Pace, Van Niekerk (15’ st Bustos), Pavan; Duca, Zanirato (26’ st Wilson); Scholtz (42’ st Barion), Cristiano, Persico (26’ st Edoardo Lubian); Reato, Tumiati; Ceglie (15’ st Lombardi), Mahoney (cap., 17’ st Giazzon), Quaglio. A disposizione: Boccalon, Lubian Lorenzo. Allenatori: Polla Roux e Fabio Coppo. I Cavalieri Prato: Berryman; Ngawini, Von Grumbkow, Chiesa (cap), Vezzosi (1’ st Bocchino); Wakarua, Patelli; Saccardo, Belardo, Petillo,; Bernini, Cazzola (26’ st Boscolo); Ryan, Giovanchelli, Marino (26’ st Garfagnoli). A disposizione: Stefani, Balboni,Leonardi, Frati, Murgier. Allenatori: Filippo Frati e Andrea DeRossi.

Davide Giazzon in azione

il film

Arbitro: Penne’ (Milano), giudici di linea Serchiani (Padova), Mariotti (Ferrara) quarto uomo: Borsetto (Varese) Cartellini gialli: 33’ pt Cazzola, 38’ st Pedrazzi Man of the match: Rima Wakarua (Cavalieri Prato) FemiCZ Vea Rovigo Rugby Delta punti 1, I Cavalieri Prato punti 4.

Daniele Tumiati schiaccia la seconda meta rossoblu

Nicola Quaglio lanciato in percussione

Rugby Rovigo News - n 7

Rima Wakarua man of the match


Rugby Rovigo News - n 7

Stefan Basson non riesce a scappare dalla maglia difensiva pratese

Pag. 9

Roberto Pedrazzi rompe un placcaggio

Il Prato espugna il Battaglini

La maschera di Roux a fine partita

Andrea De Rossi non sta più nella pelle

LA CRONACA Bravi Cavalieri! Espugnano per la prima volta nella loro storia il “Battaglini” e interrompono l’imbattibilità casalinga del Rovigo che durava da due anni (finale a parte), conquistano quattro punti pesantissimi che valgono il primo posto in classifica di Eccellenza dopo sette giornate, dimostrano di valere quanto i propri tecnici ripetono dall’estate, cioè di essere i più forti. Vincendo meritatamente sul Rovigo nell’ultima partita del 2011 i Cavalieri si pongono di diritto i legittimi pretendenti allo scudetto, dato che un paio di mesi fa hanno battuto anche il Petrarca in trasferta e finora hanno perduto una sola volta in Italia, a Mogliano, sul terreno di quel Marchiol che guidato da Casellato e da Properzi ha messo sotto nel pomeriggio proprio i campioni d’Italia. Rovigo cade in piedi ovvero ha perso ma non è stato battuto, tuttavia i fantasmi, in tenuta nera, tanto per ricordare che il nero va sempre di moda al “Battaglini”, sono di nuovo aleggiati sulla truppa di Roux e Coppo. E come nella finale del 28 maggio anche stavolta il Rovigo stava vincendo alla fine del primo tempo, si è fatto rimontare e sul filo dell’equilibrio non è riuscito a riportare il match sui propri binari. Merito del Prato, aggressivo e reattivo più dei “bersaglieri” nei punti d’incontro tanto da conquistare qualcosa come sei punizioni a favore solo in questa situazione di gioco. I rodigini poi devono fare mea culpa una seconda volta per aver sprecato tre calci di punizione ovvero nove punti dovuti ai tantissimi offside pratesi fischiati da Pennè. Basson, Bustos e Duca non hanno avuto la stessa percentuale di Wakarua, non a caso man of the match. Nel primo tempo il Rovigo regala una meta al Prato per un errore individuale di Pavan su up&under di Wakarua, pallone recuperato da Von Grumbkov (ottimo in attacco e in difesa) e dalla ruck Vezzosi marca indisturbato. FemiCZ-Vea con calma comincia a fare gioco, ruba qualche rimessa laterale e dopo una fase di gioco con il bum bum di Van Niekerk, Basson riceve palla finge l’apertura in linea invece trova il buco e lo scarto su Vezzosi per marcare la prima meta rossoblu. Due minuti e Tumiati conquista palla in touch a due mani, Rovigo gioca quattro azioni con la mischia finchè Zanirato apre sul seconda linea che sfonda e marca la seconda meta. Il Rovigo finisce il tempo in vantaggio ma quando torna in campo commette il gravissimo errore di lasciar giocare il Prato che cambia regia (Wakarua all’ala, l’ex Bocchino apertura) e in pochi minuti assesta un parziale di 10-0 grazie alla velocità di Patelli, bravissimo a gestire la cabina di regia pratese. Ci sarebbe tutto il tempo di ribaltare il risultato, a metà del secondo tempo è pareggio con Duca che punisce l’ennesimo offside di Prato, poi però Rovigo si lascia invischiare nel gioco a terra dove Prato è bravo a contestare palloni e costringere al tenuto in attacco i rodigini che così perdono tre palloni solo negli ultimi minuti di gioco. Prato mai in affanno, Rovigo invece sì. Finalmente questo 2011 è finito per la palla ovale rossoblù: auguri “bersaglieri”, speriamo nel 2012.


Pag. 10

Stefan Basson prova la fuga

L’Aquila Rugby 1936 Rugby Rovigo Delta (pt 8 - 17)

8 27

L’Aquila Rugby 1936: Gerber; Paolucci, Lorenzetti, Di Massimo, Panetti; Crichton, Leonardi; Ceccarelli, Long, Mereghetti; Pegoretti, Cialone; Pozzi, Marchetto, Colauda. A disposizione: Brandolini, Rotilio, Mammana, Di Cicco, Dusi, Antonelli, Sebastiani, De Gioia.

Alessio Ceglie in azione

Arbitro: Bertelli (Brescia), giudice di linea: Bonacci (Roma) e Commone (Napoli), quarto uomo: Pappalardo (Roma). Cartellini gialli: 40’ pt Ferro Man of the match: Davide Duca L’Aquila Rugby 1936 p. 0; FemiCZ-Vea Rugby Rovigo Delta p. 4

il film

Riccardo Pavan abile a liberarsi dal placcaggio Fotoservizio Maurizio Stocco

Marcatori: 2’ cp Gerber, 4’ meta Duca tr. Duca, 18’ cp Duca, 29’ meta Pavan tr. Duca, 41’ meta Cialone. St 24’ cp Duca, 30’ meta Cristiano tr. Duca,

FemiCZ-Vea Rugby Rovigo Delta: Basson; Pace, Van Niekerk, Pedrazzi, Pavan; Duca, Wilson; Ferro (30’ st Persico), Cristiano, Edoardo Lubian; Tumiati (30’ st Montauriol), Reato, Lombardi (5’ st Ceglie), Giazzon, Quaglio (5’ st Boccalon). A disposizione: Boccalon, Ceglie, Montauriol, Zanirato, Bovolenta, Lorenzo Lubian, Persico.

Rugby Rovigo News - n 7

Lorenzo Lubian lanciato sul lungolinea

Tommaso Reato in percussione con Nicola Quaglio


Rugby Rovigo News - n 7

La difesa rossoblu è abile nel rubare palla a L’Aquila

Pag. 11

Riccardo Pavan schiaccia in meta LA CRONACA L’Aquila – Il Rovigo espugna il nido de L’Aquila, ma non riesce a portare a casa il punto di bonus che tanto sarebbe servito visto gli incontri concomitanti di Prato e di Calvisano. Per fortuna dei “Bersaglieri” non ne approfitta il Petrarca che batte i Crociati senza bonus alla Guizza e rimane a meno due dal Rovigo, primatista in classifica con 26 punti in attesa dei posticipi Prato-Calvisano e Reggio-Mogliano. Tre mete a una per i rossoblu e risultato mai in discussione anche se i polesani devono ancora una volta fare i conti con tanti errori individuali e tanti falli commessi. Sono i neroverdi padroni di casa a passare in vantaggio dopo 120 secondi con l’estremo Gerber su punizione. Il Rovigo però domina in mischia, il lavoro di McDonnell, presente a L’Aquila, si vede già anche se l’avversario, privo di Subrizi e Zaffiri e imbottito di giovani, certamente non era dei più quotati. Già alla prima vera azione multifase il Rovigo trova la marcatura facile con Duca lesto a trovare il buco per la meta in mezzo ai pali. Lo stesso Duca allunga poi su penalty. L’Aquila è volenterosa, ma Crichton non gestisce molto bene il possesso di palla così la pressione del Rovigo agevola i compiti difensivi e al 29’ Giazzon riesce a dare un calcetto malizioso ad un pallone perso malamente dai neroverdi nella metà campo ospite, arriva come un falco Pavan e schiaccia per il 15-3, che diventa 17-3 con la trasformazione di Duca. L’Aquila segna la meta dell’orgoglio con il seconda linea Cialone approfittando dell’ennesima scorrettezza rodigina che

costa il cartellino giallo all’esordiente Ferro, 19 anni. Nel secondo tempo il Rovigo prova ad attaccare per chiudere il match ma la netta supremazia della mischia (bene anche i nuovi entrati Boccalon e Ceglie) non basta ai rossoblu apparsi nervosi così da sciupare troppe occasioni e vedersi assegnare penalità contrarie dall’arbitro Bertelli. Ci pensa Duca con un calcio di punizione a schiodare lo 0-0 parziale del secondo tempo finchè il pack rossoblu riesce finalmente a segnare in avanzamento da mischia ordinata per il toccato di Cristiano. Ottimo il lavoro del tallonatore Giazzon estremamente positivo sia sul piano tecnico che nell’aggressività. Nel finale il Rovigo ha provato a cercare di marcare la meta del bonus ma il tentativo di Bovolenta è stato vanificato a pochi metri. Comunque il 2012 è cominciato bene, non sempre il nuovo anno ha portato fortuna ai rossoblu, ora ci sono da affrontare gli ultimi due turni di Amlin Challenge Cup cercando di fare bella figura senza però mettere a repentaglio la rosa e poi appuntamento con il Petrarca nel derby d’Italia. “I ragazzi sono stati molti bravi e hanno colto la vittoria come volevamo - afferma Alejandro Canale a fine partita - Abbiamo condotto il match per ottanta minuti con molta attenzione. Peccato non essere riusciti a cogliere la meta del bonus. Voglio ugualmente congratularmi con i ragazzi della mischia che hanno segnato la terza meta in spinta, una cosa che non mi sarei mai aspettato di vedere”.

Roberto Pedrazzi e Matteo Ferro si congratulano con Alessio Ceglie per l’ottima spinta in mischia chiusa che ha permesso di siglare la terza meta di giornata I tifosi abruzzesi accolgono a braccia aperte l’arrivo dei supporter rossoblu


Davide Giazzon nel match vinto contro L’Aquila (foto Stocco)

Pag. 12

Digitalink 2011

Rugby Rovigo News - n 7


Rugby Rovigo News - n 7

Pag. 13


DA TENERE D’OCCHIO

Pag. 14

E’

un periodaccio per le “vespe” londinesi, anzi è il momento più difficile della loro gloriosa storia. Mai in passato avevano subito un filotto di sei sconfitte consecutive nella Premiership inglese. Per fortuna c’è l’Amlin Challenge Cup a regalare qualche sorriso alla squadra che fu del grandissimo Lawrence Dall’Aglio. London Wasps aveva iniziato molto bene il campionato della Rosa, battendo in trasferta i Saracens e sconfiggendo nientepopodimenoche i Leicester Tigers di Martin Castrogiovanni all’Adams Park. Poi il rendimento ha cominciato ad altalenare e così l’ultimo successo nell’Aviva Premiership risale al 28 ottobre scorso quando Southwell e compagni hanno espugnato Sixways, il terreno di gioco del Worcester, per 12-14. Da allora sconfitte e ancora sconfitte (intervallate dalle vittorie in coppa Europa su Rovigo, Bordeaux e Bayonne) così come sabato scorso, quando i Tigers hanno vendicato la sconfitta dell’andata infliggendo un netto 29-11 ai Wasps. Che adesso si ritrovano al penultimo posto in graduatoria con 21 punti in 13 partite disputate, 4 vittorie, 9 sconfitte, 202 punti realizzati, 286 subiti. Solo i Falcons Newcastle stanno facendo peggio. E sì che la formazione allenata da Dai Young vanta giocatori di spessore internazionale del calibro di Thompson, Taulafo in mischia Flutey, Southwell nel reparto arretrato oltre all’esperto capitan Hart e l’ex trevigiano MarcoWentzel nel pacchetto di mischia. La squadra londinese ha in rosa anche giovani di talento come il saltatore Joe Launchbury, il numero 8 Sam Jones, il tre

STEVE THOMPSON 15/07/1978, tallonatore, 188 cm e 115 kg, ha giocato con Leeds, Northampton e in Francia nel Brive, onnipresente con la maglia della Rosa dal 2001 al 2010, campione del Mondo con la nazionale di Inghilterra nel 2003, ha partecipato al tour dei Lions britannici in Nuova Zelanda nel 2005

gli avversari quarti centro Elliot Daly e il tre quarti ala Christian Wade che sono già stati in Italia con la nazionale Under 20 d’Inghilterra nel recente mondiale di categoria. Molto meglio il rendimento in Amlin Challenge Cup dove una squadra debole del campionato inglese affronta delle squadre deboli del campionato francese e una delle migliori del campionato italiano. Risultato: attuale primo posto con 14 punti frutto dei successi per 47-14 a Begle sul Bordeaux, 38-7 sul Rovigo e 25-11 sul Bayonne. Una sola sconfitta, a Bayonne per 1911, quindi una vittoria nella trasferta rodigina potrebbe sancire la matematica qualificazione ai quarti di finale della competizione dato che rimarrebbe l’ultimo turno casalingo contro il Bordeaux, distaccato di cinque punti e già battuto con uno scarto di +33 all’andata. L’interesse inglese verso la coppa però non sembra altissimo, incombe un durissimo match di campionato contro i Saracens assetati di rivincita e quindi il Rovigo (e il Bordeaux dopo una settimana) costituisce un ostacolo fastidioso da oltrepassare senza troppi fastidi. Ma se le squadre francesi talvolta snobbano le trasferte italiane giocando con sufficienza, molto più raramente questo si verifica nelle squadre inglesi. Il Rovigo è avvisato.

Rugby Rovigo News - n 7 HUGO SOUTHWELL 14/05/1980, estremo, 188 cm e 96 kg, nazionale di Scozia con 59 caps all’attivo, ha giocato con Edimburgo, Bristol, Worcester, Stade Francais. Due mete al Rovigo JOHN HART 20/03/1982, seconda linea, 196 cm e 110 kg, capitano delle “vespe”, in forza alla squadra dal 2003 ha collezionato oltre 150 presenze

Ricky Flutey

Il pallone ufficiale dei London Wasps


CHRIS MAYOR 19/05/1982, tre quarti ala, 188 cm e 99 kg, ex Inghilterra Under 21, giocatore di Rugby XIII, è passato al Rugby a XV nel Sale Sharks, Northampton e una stagione italiana al Gran Parma

RICKY FLUTEY 10/02/1980, utility back, 178 cm e 92 kg, ha giocato con Wellington e gli Hurricanes in Nuova Zelanda, quindi Brive in Francia, London Irish e Wasps con cui ha vinto il titolo di miglior giocatore del campionato inglese nel 2008. Vanta alcuni caps con i Maori di Nuova Zelanda, 12 con l’Inghilterra e ha partecipato alla tournèe in Sudafrica dei Lions britannici nel 2009

Pag. 15

DA TENERE D’OCCHIO

Tim Payne, 29/04/1979, pilone, 185 cm e 117 kg, ex Bristol e Cardiff Blues, oltre 200 presenze, 22 caps con la nazionale di Inghilterra, e tour dei Lions britannici 2005

In Amlin Challenge Cup la squadra inglese è al primo posto con 14 punti frutto dei successi per 47-14 a Begle sul Bordeaux, 38-7 sul Rovigo e 25-11 sul Bayonne. Una sola sconfitta, a Bayonne per 19-11, quindi una vittoria nella trasferta rodigina potrebbe sancire la matematica qualificazione ai quarti di finale

Occhio, hanno fame di vittoria

John Hart

Rugby Rovigo News - n 7


Pag. 16

RaboDirect PRO12

Trasferta insidiosa

per il Benetton

E’

ultimo doppio turno di Heineken Cup per le franchigie italiane di RaboProdirect12 quello che va in scena a partire da venerdì sera quando il Benetton Treviso scenderà in campo a Swansea per disputare il match di ritorno con gli Ospreys (alle 20 locali, le 21 in Italia, arbitro Doyle, diretta Sky Sport3), mentre per gli Aironi sarà l’ultimo episodio allo stadio Brianteo di Monza (ore 14,30, arbitro Hodges, diretta Sky Sport) con avversario il Clermont Auvergne. La squadra allenata da Phillips è reduce da due vittorie su tre incontri in Celtic e quindi spera di chiudere l’avventura in Heineken riscattando il pesante cappotto subito in Francia all’andata. Difficile la trasferta gallese del Benetton anche se il XV di Franco Smith non ha mai sfigurato al cospetto degli Ospreys, pareggiando nel match casalingo di RaboProdirect12. Trevigiani che giocheranno quindi domenica 22 gennaio a Monigo (alle 14, arbitro Rolland) con i Saracens nell’ultimo turno, mentre i mantovani anticiperanno (sabato 21 ore 15,40 locale, le 16,40 in Italia) in trasferta nella tana del fortissimo Leicester Tigers. Classifica della pool 4: Ulster p. 14, Leicester p. 13, Clermont p. 12, Aironi p. 0. Classifica della pool 5: Saracens p. 14, Biarritz p. 12, Ospreys p. 8, Benetton p. 6. Vale la pena ricordare che i sei vincitori dei gironi e le due migliori seconde si qualificheranno per la fase ad eliminazione diretta, e altri tre club della Heineken Cup si qualificheranno per i quarti di finale dell’Amlin Challenge Cup. Le due franchigie italiane nei giorni scorsi hanno disputato il doppio derby di fine anno e il tredicesimo turno di RaboProdirect12: 1-1 nel derby italiano, quindi vittoria casalinga degli Aironi (con l’ex rossoblu Gabriel Pizarro man of the match) sul Connacht e sconfitta a Limerick contro i mostri sacri di Munster per il Benetton Treviso. Nel derby prenatalizio dello “Zaffanella” gli Aironi non hanno marcato alcuna meta, sfruttando con Orquera al piede le tante penalità concesse dall’arbitro Damasco agli indisciplinati biancoverdi. Nove calci di punizione sono bastati per spegnere le velleità di Pavanello e soci e gli Aironi, in cui ha esordito a dieci minuti dalla fine il flanker azzurro Mauro Bergamasco, hanno potuto gioire per la prima volta in due anni contro il Be-

Rugby Rovigo News - n 7

Alberto De Marchi

Nel derby prenatalizio dello “Zaffanella” gli Aironi sfruttando con Orquera al piede le tante penalità concesse dall’arbitro Damasco hanno spento le velleità di Pavanello e soci

I biancoverdi venerdì sera scenderanno in campo per disputare il match di ritorno con gli Ospreys, arbitro Doyle


Rugby Rovigo News - n 7

Pag. 17

A sinistra Tito Tebaldi (Aironi) In basso Alessandro Zani (Benetton)

Franco Smith tecnico del Benetton Treviso

netton. A Monigo, nel derby di S.Silvestro, rivincita netta e senza discussioni del XV di Smith sugli Aironi con tanto di bonus offensivo, in una partita guastata da un arbitraggio inadeguato di Pennè, reduce dall’altra infelice direzione di Rovigo-Prato in Eccellenza. A Treviso bocche cucite in merito, ma la sostituzione dell’arbitro designato Raynal della federazione francese (aveva arbitrato Petrarca-Rovigo nell’aprile scorso), resosi indisponibile all’ultim’ora, è apparsa infelice. Nel tredicesimo turno emozionante partita a Limerick dove il Munster fa la partita ma il Benetton difende bene e ribatte colpo su colpo alla franchigia irlandese, dimostrandosi molto competitiva con la mischia chiusa dove Rizzo e Cittadini dimostrano di essere atleti di valore internazionale (se ne accorgerà Brunel?), fino alla meta di Coughlan che chiude i giochi nell’ultimo quarto di gara. A Viadana gli Aironi sfruttano con la precisione di Orquera tre calci di punizione e si

Dall’inizio di gennaio in edicola Allrugby 55 L’Italia di domani e quella di...ieri Rugby XV e XIII percorsi paralleli

portano a condurre per 9-0 in sdoli venti minuti. Il match è equilibrato, Connacht controlla di più l’ovale, domina territorialmente, ma mostra molti limiti nel trovare gli spazi, mentre gli Aironi fanno un gioco più veloce, sfruttando le individualità per risalire lungo il campo, anche se soffrono l’intraprendenza degli irlandesi. La meta di Sinoti in avvio di ripresa scava il solco sufficiente a Bortolami e compagni (ancora in campo nella ripresa Mauro Bergamasco) per evitare la rimonta del Connacht. Con questo successo gli Aironi si portano a tre vittorie esattamente come Connacht e Dragons (i gallesi con una gara in meno); restano sempre all’ultimo posto ma penultima e terzultima sono a soli tre punti. Classifica RaboProdirect12: Leinster punti 48, Ospreys p. 39, Munster p. 38, Glasgow Warriors p. 35, Llanelly Scarlets p. 34, Ulster e Cardiff Blues p. 31, Benetton Treviso p. 28, Edimburgh p. 22, Newport Dragons e Connacht p. 17, Aironi p. 14.

L’head coach degli Aironi Rowland Phillips

Sulla home page di www.allrugby.it potrete sfogliare la rivista e abbonarvi in tempo reale. Allrugby punta sempre più sugli abbonamenti. Abbonarsi è il modo più sicuro e conveniente di avere Allrugby in tutte le località.  Ricordate che Allrugby è anche su iPad Potete acquistare la rivista in APP store. http://itunes.apple.com/it/app/allrugby/id434986139?mt=8


Pag. 18

I

l Badia targato Zhermack è riuscito a mantenere imbattuto il terreno di gioco di via dei Martiri di Villamarzana ma ha sofferto tantissimo ed è stato sospinto da quel pizzico di fortuna che a volte fa la differenza nello sport come nella vita. Fortuna che si è materializzata quando il neoacquisto del Badia, il sudafricano Charl Kitching, a partita conclusa, è riuscito a trasformare la meta in bandierina del compagno De Gaspari aggiungendo i due punti per il sorpasso-beffa ai danni dell’Avezzano al sesto minuto di recupero. Avezzano che avrebbe vinto senza rubare nulla, anzi gli abruzzesi possono certamente recriminare per troppi punti sciupati dalla giornata infelice dell’estremo Thomsen e per una pessima gestione dell’ovale nei momenti clou della partita. A caldo il tecnico abruzzese Santucci era furibondo: “Abbiamo avuto l’opportunità di chiudere la gara più volte, invece siamo incappati in un’altra immeritata sconfitta. Due facili calci piazzati sbagliati e una touche gestita male gridano ancora vendetta. Per il gioco espresso in campo avremmo meritato ampiamente la vittoria, ma non abbiamo concretizzano facili finalizzazioni ed ora dobbiamo digerire questo amaro boccone” Naturalmente di ben altro umore Stefano Bordon, allenatore del Badia: “Siamo stati fortunati, non abbiamo giocato bene, ma l’importante era vincere. Non era facile per il nuovo arrivato, Kitching, che si era allenato per tutta la settimana come estremo e ha poi dovuto giocare mediano d’apertura. C’è molto da lavorare per migliorare l’attitudine, ascoltare le indicazioni tecniche, aumentare la disciplina”. Eh già, di lavoro ne dovrà fare parecchio il pacchetto di mischia, apparso meno tonico soprattutto nei primi cinque giocatori. I biancazzurri possono quindi gioire solo per il risultato, per il gioco voluto dal proprio allenatore bisognerà attendere le prossime decisive partite di gennaio e in particolare quella di domenica prossima quando a Badia arriverà l’Amatori Capoterra, squadra seconda in classifica con sei punti in più dei polesani, e con il dente avvelenato per aver perduto in casa con la rivelazione Rugby Romagna. I sardi sono una formazione imbottita di giocatori esperti di campionati superiori, capaci di fare un sol boccone di un avversario che non giocasse all’altezza dei propri valori.

Rugby Rovigo News - n 7

Stefano Bordon, allenatore del Badia: “Siamo stati fortunati, non abbiamo giocato bene, ma l’importante era vincere. Non era facile per il nuovo arrivato, Kitching, che si era allenato per tutta la settimana come estremo e ha poi dovuto giocare mediano d’apertura.

De Gaspari eroe di giornata I biancazzurri possono quindi gioire solo per il risultato, per il gioco voluto dal proprio allenatore bisognerà attendere le prossime decisive partite di gennaio e in particolare quella di domenica prossima quando a Badia arriverà l’Amatori Capoterra, squadra seconda in classifica con sei punti in più dei polesani


Rugby Rovigo News - n 7

Pag. 19

SERIE A

Emanuele Brancalion avanti del Rugby Badia

Mattia De Gaspari al 46’ del secondo tempo ha siglato la meta che ha permesso la trasformazione vittoria di Kitching

SERIE A 11 giornata 8/01/12 - 14:30 Amatori Catania - Padana Paese Asd Milano - Novaco Alghero Valpolicella - Rubano Zhermack Badia - Autosonia Avezzano Amatori Capoterra - Romagna RFC UR Capitolina - Gladiatori Sanniti

18 – 12 16 – 20 28 – 18 14 – 13 18 – 22 31 – 03

PROSSIMO TURNO 12 giornata 15/01/12 - 14:30 Amatori Catania - Romagna RFC Novaco Alghero - Rubano Rugby Valpolicella - Unione R. Capitolina Zhermack Badia - Amatori R. Capoterra Autosonia Avezzano - Gladiatori Sanniti ASD Rugby Milano - Gruppo Padana Paese CLASSIFICA CAMPIONATO SERIE A Unione Capitolina 37 Am. Capoterra 32 Romagna 31 Rubano 31 Paese 28 Valpolicella 28

Badia 26 Amatori Alghero 26 Avezzano 25 Amatori Catania 23 Asr Milano 9 Gladiatori Sanniti 6

ZHERMACK BADIA 14 AUTOSONIA AVEZZANO RUGBY 13 (07-13) Zhermack Badia: Zarattini, Tinazzo (St 35’ Avanzi), Rosi, Aretusini, Pagliarini (St 1’ Boscolo), Kitching, Baracco (St 4’ Sgarbi), Daher Comoglio, Anouer, Bonini (St 10’ Colognesi), De Gaspari, Brizzante (St 1’ Munerato), Brancalion, Fanchin (St 25’ Bonini), Colombo (St 1’ Tellarini). All Stefano Bordon. Autosonia Avezzano: Thomsen, Sisso, Sorge, Mari (St 13’ Lanciotti), Pallotta, Maurizio Babbo, Fidanza, Farina (St 13’ Porrini), Angeloni, Passalacqua, Cofini, Mancinelli, Bocchini, Comperti (St 31’ Di Cintio), Mario Babbo (St 31’ Burca). All Alberto Santucci. Marcatori: 7’ m Mari - tf Thomsen (0-7); 9’ m Anouer - tf Kitching (7-7); 19’ e 38’ ct Thomsen (7-13). St 46’ m De Gaspari - tf Kitching (14-13) Arbitro: Claudio Castagnoli di Livorno Note: GdL Francesco Pulpo e Salvatore D’Amico di Brescia. Cartellini gialli: Pt 34’ Daher Comoglio, 37’ Baracco; St: 1’ Pallotta, 15’ Maurizio Babbo.


Pag. 20

Rugby Rovigo News - n 7

SERIE B

C

Federico Masiero

he vittoria per il Fulvia Tour Rugby Villadose 1976 sul terreno di Villorba, squadra 5a in classifica ma battuta nettamente sia nel risultato (4 mete a 1) sia sul piano del gioco. I gialloblù padroni di casa sono stati in vantaggio solo nel primo quarto di gara grazie ad un calcio di punizione di Girardi ma non sono mai entrati in partita. Merito del XV di Lodi entrato in campo convinto dei propri mezzi e deciso a giocare tutti i palloni disponibili al largo o utilizzando Paluello (2 mete personali) come ariete. Se poi ci mettiamo un dominio assoluto nelle fasi statiche con una prova superlativa del pack, schierato da Lodi con quattro prime linee, allora il successo esterno del Villadose diventa limpido e corroborante per il morale della squadra. Una squadra falcidiata dalle assenze, ben 12 già da sabato, a cui si è aggiunta quella dell’esperto Cappellini, febbricitante, ma che si è stretta at-

torno ai propri leader Melotto, Legora e Pellegrini nel reparto arretrato e a Alberto Previato e Ruzza in prima linea, che insieme ad un tonico Zanardi hanno schiantato le velleità dei primi otto uomini del Villorba, rendendoli innocui. Nel primo quarto i neroverdi polesani attaccano ma commettono tanti errori nei passaggi vanificando il buon possesso, finchè Legora recupera un pallone da up&under, apre in corridoio, il pack ripulisce il pallone, seconda apertura a sinistra e buco di Paluello che semina il panico nella retroguardia trevigiana e marca in mezzo ai pali. In chiusura di primo tempo ancora Legora gioca con gli avanti a ridosso della linea di meta avversaria lanciando con astuzia nell’incrocio interno Previato che marca per il 14-6 con cui si va al riposo. Nella ripresa il Villadose forza i tempi per sfruttare la superiorità numerica, Legora scatta dalla mischia ai cinque metri, supera la guardia gialloblu e in riciclo spiana la strada alla seconda meta di Paluello. Tre minuti e ancora Legora guida il pack neroverde alla rolling maul che plana oltre la linea per il toccato a terra del mediano argentino, valido per il bonus. A questo punto il Villadose si limita a difendere la preziosissima vittoria e non molla quasi niente all’avversario che marca la meta della bandiera e niente altro. E’ ancora il Villadose nel finale ad attaccare e a sfiorare la marcatura: con metà errori all’attivo il Villadose avrebbe inferto una umiliante lezione al Villorba.

Impresa neroverde

Rugby Villorba: 13 Fulvia Tour Rugby Cvilladose 1976: 34 (pt 6-14)

Marcatori: 3’ cp Girardi, 18’ meta Paluello tr. Melotto, 24’ cp Girardi, 41’ meta Alberto Previato tr. Melotto. St 6’ meta Paluello tr. Melotto, 12’ cp Melotto, 15’ meta Legora tr. Melotto, 27’ meta Corazza tr. Girardi, 30’ cp Ozzarini. Rugby Villorba: Corazza; Padoan, Girardi, Nardelli, Schiavon; Tonetto, Ferraro (13’ st Ceccato); Simionato (cap.), Toffanello, Grippo; Gasparini, Quaggia; Bonazza (22’ st Scapol), Brunello, Sordi. Allenatore: Alessio Dal Pont Fulvia Tour Rugby Villadose 1976: Melotto (cap.); Ozzarini (32’ st Pasello), Melarato, Paluello, Baccaro (17’ st Franchin); Pellegrini, Legora; Pietro Aggio, Masiero (6’ st Visentin), Agustin Ramirez; Battilana, Barbujani (36’ st Castello); Zanardi (32’ Ceccolin), Alberto Previato (17’ Simone Borsetto), Ruzza. Allenatore: Alessandro Lodi cartellini gialli: 39’ pt Sordi, 25’ st Melotto, 31’ Scapol, 41’ st Toffanello Arbitro: Savio di Torino

SERIE B 11 giornata 8/01/12 - 14:30 TXT CUS FERRARA - DOPLA RUGBY CASALE 03 – 17 VILLORBA RUGBY - FULVIA TOUR R. VILLADOSE   13 – 34  RUGBY MIRANO 1957-  VALSUGANA R. PADOVA  20 – 17 RUGGERS TARVISIUM - DAK RUGBY MANTOVA  45 – 07  RANGERS RUGBY VICENZA - JESOLO RUGBY   45 – 12  CUS PADOVA - RUGBY BELLUNO  4 6 – 14  PROSSIMO TURNO 12 giornata 15/01/12 - 14:30 Villorba Rugby - TXT CUS Ferrara Rugby Volteco Ruggers Tarvisium - Valsugana Padova Mirano 1957 - Fulvia Tour Rugby Villadose CUS PadovaASD -mDopla Rugby Casale DAK Rugby Mantova - AS Jesolo Rugby Rangers Rugby Vicenza - Rugby Belluno CLASSIFICA CAMPIONATO SERIE B Rugger Tarvisium 44 Vicenza 43 Casale 42 Cus Padova 38 Villorba 28 Villadose 22

Mirano Cus Ferrara Valsugana Jesolo Belluno Mantova

21 19 17 13 12 8


Rugby Rovigo News - n 7

Pag. 21

Importante vittoria per il Fulvia Tour Rugby Villadose 1976 sul terreno di Villorba per 34 a 13. Quattro mete di Paluello (2), Previato e Legora regalano una prestazione da incorniciare

IL POST PARTITA

Soddisfazione in casa Villadose per il secondo successo esterno

Edoardo Paluello autore di due mete a Villorba

L’ex rossoblu Legora autore di una prestazione maiuscola

Con la splendida vittoria di Villorba, dove rappresenti un bel esame di maturità sunon vinceva da molti anni, il Fulvia Tour perato a pieni voti dalla mia squadra”. Vale Rugby Villadose 1976 ha colto la seconda la pena ricordare che in panchina c’era vittoria esterna con il bonus, ha scavalca- persino Juan Cruz Ramirez, infortunato e to nuovamente il Cus Ferrara e allungato il rientrante Christian Visentin, assente dai sul Rugby Mirano 1957, avversario do- campi da un anno e mezzo e con qualche menica prossima, raggiungendo la sesta settimana di allenamento sulle gambe: posizione del girone C della serie B con Visentin è dovuto entrare in campo al 5’ 22 punti. I ragazzi allenati da Alessandro del secondo tempo per sostituire Masiero, Lodi e Moreno Gnani hanno letteralmen- era visibilmente sofferente dopo un quarto te surclassato gli avversari trevigiani che d’ora ma è rimasto in campo fino alla fine. I pure godevano di buona salute grazie a neroverdi hanno sopportato le scomposte sette vittorie e appena tre sconfitte (una reazioni nervose finali degli avversari (tre sola in casa con la capoespulsi) e più di qualcuno lista Tarvisium per 6-15, ha incassato colpi proibiti a Padova contro il Cus e non rilevati dall’arbitro. a Casale sul Sile), oltre Tra questi il mediano aralla miglior difesa del gigentino Legora, autore di rone. A sbloccare il match una partita eccelsa nella è stato Edoardo Paluello distribuzione del gioco, autore della prima entunei palloni recuperati e siasmante meta della parnelle chiusure difensive, tita giunta provvidenziale nelle astuzie attorno al a concretizzare la mole pack e nella qualità dei di gioco che il Fulvia Tour passaggi: proprio all’ultiaveva costruito sprecanmo contrattacco, Legora do malamente per errori è stato messo ko da un Alessandro Lodi placcaggio al collo: “Io nei passaggi. Fino al 18 minuto infatti sembrava la classica partita non l’ho neanche sentito, quando ho visto del “vorrei ma non posso”, occasioni da l’arbitro che segnava il fallo ho capito cosa meta sfiorate, persino un penalty in mez- era successo – sorride “Juanchi” - sento zo ai pali sciupato cercando la giocata a male al polpaccio perchè il campo era pesorpresa. “Abbiamo sprecato tanto perchè sante ma passerà”. Causa infortunio Leabbiamo provato tanto – giustifica i suoi gora era rimasto inoperoso per sei mesi, giocatori il tecnico neroverde Alessandro nello scorso campionato di Eccellenza con Lodi – io non ho mai perso la fiducia e la maglia del Rovigo, giocando spiccioli sono contento soprattutto perchè questa delle ultime partite e della semifinale di vittoria ha fatto capire ai miei ragazzi l’im- ritorno con i Crociati. portanza di provare le giocate al massimo A Villadose sta tornando il giocatore magain allenamento per riuscire poi a metterle ri non bello stilisticamente ma essenziale, in pratica in partita”. In effetti sono stati chirurgico, determinante. “L’avevo detto molto più numerosi gli errori commessi che potevamo venire a Villorba, giocare che le giocate andate a buon fine, per così e vincere - conclude Legora - questa fortuna quanto fatto è stato ampiamente squadra ha grande potenzialità, può fare sufficiente a portare a casa cinque punti bene”. Domenica ancora una trasferta, preziosi per la classifica e il Villorba ha terra veneziana questa volta, il Mirano evitato di incassare un passivo storico. 1957, battuto con un drop di capitan MeProsegue Lodi: “Faccio i complimenti a lotto in pieno overtime all’andata, seguirà tutti i giocatori scesi in campo, molti dei la partita interna con la capolista Ruggers quali fuori ruolo e anche a quelli che non Tarvisium, quindi ancora fuori casa, a Belerano pronti a farlo perchè reduci da pe- luno, prima della pausa per il Sei Nazioni: santi infortuni ma si sono sacrificati per gennaio senz’altro un mese decisivo per il la maglia. Credo che la vittoria di Villorba destino del Fulvia Tour.


Pag. 22

Rugby Rovigo News - n 7

RUGBY GIOVANILE

tutto per il rugby

foto STOCCO

official rugby rovigo merchandising

Sarà un 2012

ricco di soddisfazioni U nder 16. Dopo un inizio di campionato un po’ incerto le due squadre under16 hanno ingranato la quarta, grazie al buon lavoro degli allenatori Antonio Romeo, Massimiliano Marzanati e German Bustos. L’ultima giornata del campionato, giocata il 18 dicembre, si è conclusa con una vittoria per la formazione A contro il Belluno e una sconfitta per la B contro il Cus Verona. Il miglior marcatore per questa categoria è Massimiliano Pellegrini con 31 punti messi a segno. I prossimi appuntamenti: l’Under16A sfiderà il Leonorso Udine nell’ultima giornata di andata il 15 gennaio, la squadra B riprenderà il 29 gennaio contro il Valpolicella. Classifica del girone 1: Benetton 33, Petrarca 31, Rangers Vicenza 30, Valsugana 28, Ruggers Tarvisium 25, Rugby Educativo S.Donà 15, Rugby Rovigo Junior A 15, Belluno 10, Roccia Rubano 5, Leonorso Udine 0. Classifica del girone 3: Bbm Bassano 39, Cus Verona 35, Petrarca B 29, Valpolicella 19, Altovicentino 16, Trento 10, West Verona 2, Rugby Rovigo Junior B 1. Under20.  Due squadre vincenti sin dall’inizio del campionato. La formazione A, allenata da Maurizio Bordin e Lallo Capitozzo è imbattuta. Il 18 dicembre, ultima giornata del 2011, i bersaglieri hanno vinto contro il Valpolicella. La squadra B, allenata da Golfetti e Pedrazzi, conduce bene i giochi, quarta in classifica ma in costante ascesa. L’ultima giornata,

sempre del 18 dicembre, non è stata giocata a causa del campo ghiacciato in quel di Trento e sarà riprogrammata dal Civ. Il miglior marcatore per questa categoria è Davide Pasini con 79 punti messi a segno. Belle soddisfazioni per gli atleti Enrico Lucchin, Marco Ferro e Davide Pasini: frequentanti l’Accademia Fir di Mogliano, sono stati convocati per il raduno dell’Italia under17 del 7 gennaio a Roma. Prossimi appuntamenti il 15 gennaio: Under20A contro Mirano e Under20B contro Bassano. Classifica girone 2: Rugby Rovigo Junior 37, Badia 29, Rubano 27, Cus Padova 24, Petrarca B 20, Valpolicella 9, Mirano 8, Ercole Monselice -2. Classifica girone 5: Riviera 33, The Monsters 31, Rangers Vicenza 30, Rugby Rovigo Junior 20, BBM Bassano 18, Altovicentino 12, Asd Rugby Trento 6, Valpolicella n2 -12. Under23. Solo due partite perse dall’inizio del campionato, una stagione eccellente per dei bersaglieri che si impegnano al 100% per raggiungere la prima squadra. L’ultima giornata del 2011 ha confermato il Rovigo con una bella vittoria contro l’Udine, il campionato riprenderà il 29 gennaio con l’ultima partita del girone di ritorno. Il miglio marcatore per questa categoria è Cristiano Giolo con 46 punti messi a segno. La classifica per la formazione allenata da Fabio Coppo e Vladimiro Peliello è: Mthree Rugby S.Donà 40, Petrarca 36, FemiCz Vea Rugby Rovigo 33,  Mogliano 10, Rubano 9, Udine 6.


Giuseppe Datola (foto Stocco)

Rugby Rovigo News - n 7

Pag. 23

tutto per il rugby official rugby rovigo merchandising

GOOD NEWS

Nuova linfa per gli avanti rossoblu La FemiCz Vea Rovigo ha presentato ufficialmente il nuovo consulente della mischia rossoblu, è Joe McDonnell ex All Blacks che vanta otto caps con la maglia dei tuttineri. Seguirà la prima squadra e tutto il settore giovanile

IL TORNEO

“Era un anno che cercavamo una collaborazione di prestigio - esordisce così il direttore sportivo della Rugby Rovigo Delta Alejandro Canale - la persona giusta è Joe McDonnell, il suo palmares parla chiaro, la sua esperienza è una garanzia, almeno quella sul campo”. La società rossoblu ci stava lavorando da mesi alla fine il consulente della mischia è arrivato, meglio tardi che mai si direbbe, ma con un tempismo perfetto visto l’incidente dell’assistant coach Fabio Coppo (leggi articolo).  Joe McDonnell (foto a lato con Alejandro Canale) ex All Blacks con otto presenze con la maglia dei tuttineri (contro Italia, Fiji, Inghilterra, Francia, Irlanda (2), Australia e Sudafrica, ndr) forse qualcosa da dire ce l’avrà, infatti esordisce subito con un

mo componendo, intanto rimarrà con noi fino al termine della stagione poi vedremo, di fatto il suo sarà un lavoro che darà i frutti nei prossimi mesi e non nell’immediato, tutto è subito è impossibile”. Joe McDonnell capo allenatore del Gubbio (campionato di serie C Elite) ex pilone dei Newcastle Falcons (Premiership inglese) e Higlanders di Otago, Hurricanes di Wellington (Super 14) oltre che degli All Blacks è in Italia per motivi di studio e nella primavera del 2010 aveva fatto pervenire a varie società del mondo ovale italiano il proprio importante curriculum internazionale, da qui l’ingaggio del club umbro dallo scorso campionato. “E’ per me

Il Milani scalda i motori per 2012

L’appuntamento con il torneo giovanile più importante d’Italia si avvicina, la macchina organizzativa del Torneo Aldo Milani giunto alla 37° edizione è già a buon punto. Saranno ben 18 le formazioni impegnate sui tre campi dello stadio Mario Battaglini per contendersi il 21 e 22 aprile prossimo l’ambito trofeo.

Alejandro Canale dà il benvenuto a Joe McDonnell

italiano stentato ma efficace “C’è da lavorare duramente”. A lui spetterà il compito di seguire non solo la prima squadra ma anche le giovanili fino all’Under 14, un giorno alla settimana sarà a disposizione dei Bersaglieri per regalare la sua esperienza, correggere e migliorare gli avanti, 24 ore sembrano un pò poche anche per un All Blacks ma il maori ha già un impegno con il Gubbio, formazione che milita nel campionato di serie C e di cui è l’allenatore, onde per cui non ci sono molte alternative in tal senso almeno fino a fine stagione. “Un programma ben definito della società Alejandro Canale ci tiene a sottolinearlo - McDonnell è una pedina di un mosaico che stia-

una grande opportunità - ha dichiarato McDonnell - allenare qui anche solo per un giorno, mi farà crescere, la mia esperienza maggiore ovviamente è sul campo ma penso che posso dare molto, certo il campionato di Eccellenza è diverso ma lavorando duro cresceremo insieme”. Intanto il maori questo pomeriggio ha avuto modo di familiarizzare con i tecnici delle giovanili, un lavoro che produrrà i suoi frutti nel tempo con un occhio al presente, c’è un campionato d’Eccellenza da vincere e senza appello, lo sa anche l’ultimo arrivato: “Il Rovigo ha perso una grande opportunità - commenta McDonnell - contro il Petrarca”, speriamo non sia l’ultima.


FOR RUGBY

Rugby Rovigo News 7  

Rugby Rovigo News 7

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you