Issuu on Google+

© RE.DE. STUDIO

WWW.REDESTUDIO.IT

Interior design

Projects

the

REDE.ZINE 2 5 3 7 9

Studio Re.De. - Corso Matteotti 30, Torino - 10121

Product design


TABLE OF

CONTENTS IN COPERTINA Particolare della Stanza Grigia del ReDe Studio. Approfondimento a pagina 3.

Attraverseremo insieme questo Regno lo

Q

STUDIO

ui lavorano due architetti: uno preciso e compunto, l’altro sempre nel delirio. Hanno trovato un accordo: il primo, sempre uguale a se stesso, tiene tutto in ordine, ben allineato. Il secondo, a volte, un po’ soprappensiero, lascia qualcosa per terra (sempre ben allineato, però). E tiene il computer sintonizzato su Jovanotti. (Ma lo gira: nessuno deve saperlo).

3


PRODUCT DESIGN

B Hands & Lighting 28

INTERIOR

INTERIOR

PROJECT

Blue bedroom

String ‘n’ Stripes

Events: DDD

9

23

35

INTERIOR

INTERIOR

PROJECT

Garden Factory

Students flat

Casa Dolce Casa

15

25

37

INTERIOR

PRODUCT DESIGN

Anni ‘70 & comics

Furniture

17

27


lo

STUDIO

- Versione Delirio con un tocco di Compunzione -

DESIGN

CREATIVITY

3

STYLE


FOTO: Stanza riunioni (a sinistra). Corridoio e entrata (nella foto accanto) e Studio Grigio (sotto).

SE PROPRIO DOBBIAMO ESSERE TECNOLOGICI , ALMENO CERCHIAMO DI ESSERLO NELLA BELLEZZA.

- Versione Compunzione con un tocco di Delirio -

4


vs Classico MODERNO

“Gentile cliente, ti informiamo che l’offerta è stata rinnovata” Che cosa vuole dire? Per l’architetto preciso, non ci sono dubbi nella logica. Per quello nel delirio, non c’è logica nei dubbi. E dietro questa porta? Girando la maniglia di sinista avrete la versione uno. Girando quella di destra avrete la versione due. Scegliete e entrate senza bussare.

5


Q

ui bisogna ammetterlo, l’anima dei due architetti si fonde e si confonde. Non lo stile: si vede chiaramente, in primo piano, la rappresentazione dell’ordine e della precisione monocolore. In secondo piano, quella del caos allegro e variopinto. L’architetto uno, per non lasciarsi fagocitare dal delirio, ogni tanto alza lo sguardo verso decorazioni appese al muro.

FOTO: Simbolo ReDe (nella pagina accanto). La sala riunioni in una giornata di lavoro. Nonchè di delirio (nella foto accanto). 6


Dalla Notte al Giorno, da Occidente a Oriente.

7


LA BELLEZZA

- approfondimento -

I

l mondo non si divide in destra e sinistra, pensiero e azione, spirito e materia, Coppi e Bartali. Il mondo si divide in persone che credono la parola sia comunicazione e persone che credono che la parola sia bellezza. Non è un aut-aut, intendiamoci: è ovvio che c’è comunicazione anche nella bellezza, meno ovvio che ci sia bellezza nella comunicazione. Chi intende la parola come bellezza sa che nel pronunciarla, nel legarla alle altre essa possiede una storia invincibile e colloca al di qua del risultato, dell’invito, del comando ad agire, a fare qualcosa, la straordinarietà di esserci e così, e non in altro modo. Roberto Vecchioni Da: L’ebrezza della libertà (La Stampa - 12 maggio 2000)

Nelle foto: Salotto e sala d’attesa dello studio 8


BLUE BEDROOM

Delirio e Compunzione (1) 9


io vorrei rivederti per fare l’amore

Qui la Compunzione e il Delirio si danno la mano: il posto giusto è questo, fra mobili antichi e sentimenti eterni 10


Un po' di follia

11


FIN DALL’INIZIO I DUE ARCHITETTI HANNO LITIGATO...

“Ti ricordi, Michel, che a me piaceva Garibaldi, e tu dicevi che era un buffone, e che senz’altro non poteva sostenere il confronto con il tuo Napoleone”.

...ha vinto Napoleone

FOTO: scrittoi del periodo napoleonico. 12


ARCHITETTO UNO: accostamento perfetto di oggetti d’epoca. ARCHITETTO DUE: inventario di suppellettili.

13


E se passate fate piano chè fata dorme dal mattino che l’uomo per la guerra le partì...

...e dietro la collina le sparì.

FOTO: particolare della cassettiera (accanto) Perticolari dello scrittoio (sopra) 14


GARDEN FACTORY

Da un’ex officina interno cortile in corso Regio Parco ... Per trascorrere giorni interi senza dire una parola.

15


IN QUESTA CUCINA JACK NICOLSON E JESSICA LANGE SAREBBERO STATI FELICI

... e i buchi per nascondersi

16


Anni '70 & COMICS

17


“...le trappole, gli scorni di chi crede che la realtà sia quella che si vede...” FOTO: carte da parati anni ‘70 (pagina accanto). 18


... e ti ricordi chi voleva al potere la fantasia?

Omaggio a Claudio Chiaverotti

19


OMAGGIO A FRANK MILLER E ALAN MOORE

UN RIFUGIO ACCOGLIENTE PER UN APPASSIONATO DI ARREDAMENTO ANNI 70 E IL MONDO DEI COMICS

FOTO: salotto in stile anni ‘70. I colori arancione, nero e bianco sono tipici di quel decennio (sopra). Kotobukiya Batman The Killing Joke (accanto) 20


AVANTI TUTTI AL BAR! A parlare insieme dell’ultima festa, e sempre di quella ragazza...

OMAGGIO A PASQUALE RUJU E A MICHELE MEDDA

21


“E quando dodici anni fa, dal bagno, gli disse: E’ TARDI, DEVO ANDARE, pensò che si trattasse di un impegno, non dodici anni senza ritornare”

22


Strings ‘n’

STRIPES

LA QUIETE, FINALMENTE.

FOTO: Open space dai tagli inaspettati, accentuati dalle geometrie degli elementi di arredo e dagli accessori decorativi. 23


La mia casa nuova. Piccola, lontana, nascosta, solo la mia. Il tavolo, le sedie, le luci, il buio, i dettagli dei dettagli e i dettagli nei dettagli.

IL LETTO COME UN’OASI DI QUIETE E LA QUIETE IN UN’OASI DI LUCE.

“La quiete è indecifrabile non meno dell’orrore, lo è forse di più. L’orrore può affiorare in superficie ed esplodere (...) Ma la quiete è essa stessa la superficie tranquilla, appena ondeggiante... Come potrebbe erompere da se stessa? Non si sfugge alla quiete.”

24


"Ma ti ricordi a scuola? una parola sola e all'improvviso un nodo in gola andava via..."

STUDENTS

FLAT 25


LA PRIMA VOLTA CHE PORTÒ UNA RAGAZZA A STUDIARE NEL SUO NUOVO ALLOGGIO DA STUDENTE GRATIFICATO, LEI ENTRÒ, OSSERVÒ IL DIVANO ROSSO, QUELLO VIOLA, I PAVIMENTI E I TAPPETI, PASSÒ IL DITO SUL BORDO DEL TAVOLO A CAVALLETTO E GLI CHIESE: “COM’È POSSIBILE FARE L’AMORE CON TUTTA QUESTA LUCE?”

"...Pensa che avevamo fretta con la prima sigaretta al bar."

26


PRODUCT DESIGN Tondini e lastre di acciaio dentro armature di cemento armato ------tutto il resto E’ vita

27


28


Delirio e Compunzione (2)

FURNITURE

Un tondino di ferro, una pallina del pallottoliere.,.

29


...l'Amore conta

...c'è chi fa le tacchette sui muri...

30


“Lui era l’acrobata, lui avrebbe vinto (...) Lei l’odiava (...) e ogni notte gli cuciva un piombino nella calzamaglia per farlo precipitare (...) Lei voleva che perdesse o morisse: meglio le due cose insieme.”

TONDINI IN ACCIAIO “L’altra l’amava (...) e ogni giorno gli scuciva un piombino dalla calzamaglia. L’altra sarebbe morta se lui non avesse vinto, o forse avrebbe preso i voti. Meglio le due cose insieme.”

FOTO: dettagli dei mobili costruiti in tondini di acciaio 31


B HANDS & LIGHTING

Da Prometeo in poi...

FOTO: Lampada in gesso realizzata a mano dallo studio ReDe. 32


1

2 3

4 33


FOTO: Lampade realizzate a mano dallo studio ReDe.

5

6

“Tre fiammiferi accesi uno per uno nella notte. Il primo per vederti tutto il viso. Il secondo per vederti gli occhi. L’ultimo per vedere la tua bocca. E tutto il buio per ricordarmi queste cose mentre ti stringo fra le braccia.�

7 34


EVENTS PROJECTS

DESIGN SUL

TERRITORIO 35


DESIGN a Torino MUSICA e PAROLE

“E da solo andrai verso il mio domani con i tuoi occhi e con i mie occhiali..”

FOTO: Dagli eventi DDD: Occhiali Ocjai (in alto a destra), Stampante FelFil (sopra) e intervista radio, con Radio Banda Larga e Pangramma (accanto). 36


VISUAL

MERCHANDISING CASA DOLCE CASA 37


"Casa nuova, casa mia, dove forse qualcuno sta aspettando, noi due faremo un viaggio grande intorno al mondo"

LA MIA CASA, LA MIA. FINALMENTE GRANDE, FINALMENTE BELLA: LE LUCI, I COLORI, GLI ACCESSORI, GLI AMORI. SI MANGIANO LE MANI QUELLI CHE NON CE L’HANNO. MA POSSONO COMPRARSELA: È LA VETRINA DI UN CENTRO COMMERCIALE. IO L’HO ARREDATA PER L’INAUGURAZIONE. TUTTO INTORNO LA CAVERNA. 38


39


DROGBAZAR

IN QUESTE VETRINE ARTISTI TORINESI ESPONGONO PER UN MESE LE PROPRIE OPERE, SPESSO VENDUTE IN PACCHETTI TRA MUSICA E PAROLE.

"Io e i miei cassetti di ricordi e di indirizzi che ho perduto"

40


IL

TEAM

"Che tra demonio e santità è lo stesso, Basta che ci sia posto." Designer

architetto

Rossana Debernardis Interior e product design

Emanuele Re Rebaudengo Cavallo Restauro e antiquariato

20% delirio 80% compunzione

60% delirio 40% compunzione 41


MUSICA Marco Mengoni: Guerriero Marco Mengoni: Guerriero Roberto Vecchioni: Vorrei Claudio Lolli: Michel Roberto Vecchioni: Esodo Roberto Vecchioni: Il Castello Marco Mengoni: Ti ho voluto bene veramente Roberto Vecchioni: L’ultimo spettacolo Vasco Rossi: Stupendo Antonello Venditti: Compagno di scuola Roberto Vecchioni: Mi manchi Enrico Ruggeri: La prima sigaretta Antonello Venditti: Peppino Roberto Vecchioni: Casa dolce casa Roberto Vecchioni: La mia ragazza Claudio Baglioni: Strada facendo Vasco Rossi: Siamo solo noi

pagina pagina pagina pagina pagina pagina pagina pagina pagina pagina pagina pagina pagina pagina pagina pagina pagina

01 07 10 12 13 14 15 16 19 21 22 25 36 38 38 40 41

PAROLE Eugenio Montale: Ho sceso dandoti il braccio Edoardo Albinati: La scuola cattolica Roberto Vecchioni: Storia per Misha sul tertium Datur (Viaggi del tempo immobile) Jacques PrĂŠvert: Tre fiammiferi

Un ringraziamento speciale a: Nella Re Rebaudengo per i testi Alessandro Santi e Paola Di Salvo per le fotografie 42

pagina 18 pagina 24 pagina 31 pagina 34


WWW.REDESTUDIO.IT

REDE STUDIO

Corso Matteotti 30, Torino rede.studiodesign@gmail.com


Redezine