Page 1

ROLO-NOVI-FABBRICO

COLORI IN VIAGGIO Un progetto culturale per la Stazione RFI di Rolo-Novi-Fabbrico

2008-2018



SOMMARIO #WHAT / COLORI IN VIAGGIO 4 #WHY / FINALITÀ 5 #WHERE / ROLO-NOVI-FABBRICO 7 #WHO / ROCK IN ROLO ONLUS 8 #WHO / LA CONTEA 9 #WHO / TOTART 10 #WHO / ISTITUZIONI COINVOLTE 11 #WHEN / DATE 12 #HOW / STREET ART 12 #HOW / CASA DELLE ASSOCIAZIONI 13 #HOW / EVENTI 13


#WHAT / COLORI IN VIAGGIO Nella primavera 2008 Rock in Rolo Onlus ha gestito il progetto di riqualificazione della stazione ferroviaria Rolo-Novi-Fabbrico per conto di RFI (rete ferroviaria italiana) e del Comune di Rolo. L’intervento ha previsto due fasi: la prima tecnica, di tinteggiatura con arte murale della sala, e la seconda di presentazione alla popolazione rolese. I writer, provenienti dai paesi vicini, hanno portato sulle pareti l’idea concepita insieme all’associazione; le pareti si sono quindi popolate con immagini di vita di paese, persone in viaggio e treni che uniscono queste due cose. La tematica del viaggio e dello scambio all’interno di un “non luogo” come la stazione porta quindi a pensare direttamente al problema dell’integrazione sociale. Durante l’inaugurazione dei nuovi locali, tinteggiati con arte murale, è stata presentata alla cittadinanza l’associazione ludica La Contea alla quale RFI, tramite il Comune, ha ceduto in comodato l’uso di alcuni spazi non utilizzati posti al piano terra della stazione come sede sociale. A dieci anni dalla prima edizione e visto il buon esito di “Colori in Viaggio”, Rock in Rolo Onlus e La Contea - Associazione Ludico Culturale hanno la volontà di proporre un nuovo progetto, di più ampio respiro che possa coinvolgere una rigenerazione dell’area per cercare di mantenere la socialità in un quartiere periferico. Questo progetto si inserirà all’interno di un nuovo evento denominato “Colori in Viaggio 2”, che non coinvolgerà solo la cittadinanza rolese, ma una serie di enti e soggetti legati al territorio d’interesse della tratta Modena-Mantova. Nella totalità degli interventi che caratterizzeranno la proposta di Rock in Rolo Onlus e La Contea, i principali saranno: • Creazione di un punto di aggregazione presso i locali della stazione attraverso l’organizzazione di eventi (mostre, incontri, laboratori, rassegne, ecc...); • Rivitalizzazione delle parti murarie nella zona attraverso interventi di street art, come mezzo di espressione della cultura urbana; • Creazione di una rete di soggetti che possa fornire una risposta congiunta alle necessità proprie e del quartiere stazione, in un’ottica di compartecipazione inter-comunale e superamento dei campanilismi; • Sistemazione dell’area, in collaborazione con il Comune di Rolo, attraverso interventi di riqualificazione estetica e funzionale degli spazi con nuovi arredi urbani: panchine,fioriere, deposito protetto per biciclette per aumentare sia il comfort che la sicurezza dell’area; • Utilizzo dei nuovi locali abbandonati, previo accordo con RFI, per la creazione di una piccola “casa delle associazioni” disponibile e condivisibile per tutte le realtà associative formali ed informali del territorio; Questi interventi non vogliono essere iniziative puntuali, bensì costruire le basi per un progetto che possa incentivare sviluppi futuri, reinventando e restituendo alla comunità degli spazi alla portata di tutti, nel segno della continuità che siamo riusciti ad ottenere in questi dieci anni di attività delle due associazioni promotrici.

4 / COLORI IN VIAGGIO 2008-2018


#WHY / FINALITÀ Consapevoli del mutamento delle condizioni socio-economiche, dei legami sociali e del contesto culturale che avevano generato “Colori in Viaggio”, vogliamo generare risposte in termini di cambiamento e ricercare un nuovo equilibrio all’interno degli spazi della stazione di Rolo-Novi-Fabbrico e dell’ambiente circostante. L’obiettivo ambizioso è, nel tempo, creare un substrato positivo che possa essere terreno fertile per la rinascita culturale e sociale di una comunità, portando benefici a diversi livelli: coinvolgimento della popolazione, risposta a bisogni di fasce deboli della collettività, incremento dei livelli di coesione sociale e di benessere individuale e attrattività del territorio. Il progetto si propone di concretizzare le seguenti finalità: • Valorizzare e riqualificare dei locali della stazione, impresenziata e percepita come un non luogo; • Creare e gestire un nuovo punto di aggregazione, incentivando attività che possano portare nuovo interesse verso il quartiere; • Favorire la scelta del treno come mezzo di trasporto, aumentando la vivibilità, il livello di comfort e la percezione della sicurezza in stazione; • Incentivare l’inter-mobilità bici-treno-autobus, attraverso la realizzazione nuovi stalli bici e la promozione della mobilità sostenibile. • Ampliare la rete di collaborazioni ad altri soggetti estendendo le buone pratiche di organizzazione e gestione messe in atto durante questi dieci anni di “Colori in Viaggio” tra RFI, il comune di Rolo e le associazioni promotrici; • Dare maggiore visibilità alle realtà associative ed ai soggetti promotori, attraverso l’utilizzo di un luogo identitario e ben riconoscibile. La “contaminazione” dei soggetti che si coalizzano intorno a “Colori in viaggio 2” origina legami trasversali che vanno oltre le tradizionali matrici culturali, ideologiche e appartenenze territoriali. Un approccio pragmatico in forma di comunità di progetto che, agendo sulla base di un modello ben definito, come ad esempio il riuso di un bene immobile abbandonato, riattiva il tessuto di relazioni sul territorio.

COLORI IN VIAGGIO 2008-2018 / 5


3 comuni coinvolti

in 2 diverse province

6 / COLORI IN VIAGGIO 2008-2018

piĂš di 20.000 cittadini

230 utenti giornalieri medi

97 km linea ve-mn-mo

circa 32 treni al giorno


#WHERE / ROLO-NOVI-FABBRICO Le stazioni non sono più concepite come meri luoghi di transito, di arrivo e partenza dei viaggiatori, ma stanno acquisendo, sempre di più, una valenza commerciale e culturale, diventando luoghi d’incontro, di scambio e di relazione per tutti i cittadini. La stazione, nella nuova accezione del termine, si apre alla città circostante, al territorio, diventa agorà e si propone come polo di attrazione urbana, centro di servizi e funzioni polivalenti dedicati a tutti gli abitanti e non solo punto cardine della mobilità collettiva. Le stazioni, inoltre, corrono da sempre rischi di dequalificazione sociale e ambientale, in quanto costituiscono storicamente un polo di attrazione e un punto di concentrazione sul territorio di molte forme di disagio. Questo rischio è ancor più pressante laddove le stazioni, per l’evoluzione tecnologica, non hanno più richiesto la presenza fisica del personale ferroviario, perché gestite centralmente tramite sale operative distanti anche centinaia di chilometri. Ciò pone nuovi problemi di salvaguardia di questo patrimonio che può e deve essere affrontata tutelando le esigenze del territorio. Al contempo, la ferrovia torna ad essere infrastruttura strategica per lo sviluppo dello spazio pubblico, grazie alla promozione del trasporto ferroviario come sistema maggiormente sostenibile e alla capacità di connettere velocemente aree urbane centrali sempre più impenetrabili al mezzo privato e ai luoghi periferici come la fermata “Rolo-Novi-Fabbrico”. Il progetto vuole enfatizzare questo luogo nevralgico di interscambio, tra trasporto ferroviario (stazione), pubblico (capolinea della linea Seta) e autostradale (casello Rolo-Reggiolo). Il progetto, inoltre, coinvolgerebbe tutte le realtà dei tre paesi: Rolo (RE), Novi di Modena (MO) e Fabbrico (RE), comprendendo le comunità delle tre municipalità, l’interesse di due diverse province e un bacino di oltre duecento utenti giornalieri, lungo la linea ferroviaria che collega Verona, Mantova e Modena. Il quartiere stazione, inserito in un contesto abitativo urbano e produttivo, nel quale l’edilizia residenziale si alterna a quella industriale, ben si presta alla valorizzazione di questo patrimonio culturale condiviso: la stazione, infatti, può essere potenzialmente collegata agli altri due centri del paese: quello ricreativo (zona sportiva, area allestita per gli eventi pubblici, Circolo Arci, location di Rock in Rolo Festival) e quello culturale (centro storico, Municipio e centro culturale Jolly), prestandosi maggiormente alla creazione di rassegne ed eventi diffusi e/o itineranti. L’iniziativa sta già riscuotendo l’interesse degli abitanti dei vicinato, che spontaneamente si stanno offrendo di partecipare al progetto. Attualmente i locali della stazione, non strumentali all’attività di Rfi, sono occupati al piano terra dall’associazione ludico culturale La Contea all’interno dei quali svolge le proprie attività associative. Il piano superiore, abitato fino a metà del 2017, risulta ad oggi inutilizzato e apre alla possibilità di essere adibito a sede delle associazioni locali e ad altre iniziative rivolte alla comunità.

COLORI IN VIAGGIO 2008-2018 / 7


#WHO / ROCK IN ROLO ONLUS Il gruppo Rock in Rolo nasce a Rolo (RE) nel 2006 come risposta alle esigenze di alcuni giovani rolesi di rivolgersi ai coetanei per coinvolgerli in attività stimolanti di carattere artistico culturale ed è composto da una trentina di ragazzi e ragazze tra i 24 e i 35 anni di Rolo e paesi limitrofi. Negli anni l’associazione ha organizzato diversi eventi musicali fino ad arrivare, nel 2007, a coordinare e curare un festival dedicato alla musica emergente: Rock in Rolo Festival. La manifestazione, giunta alla sua decima edizione, è il nostro progetto più grande e ambizioso: tre giorni di musica emergente condita da arte, spazi relax, cibo locale, senza togliere spazio ad eventi collaterali su cultura, lavoro, legalità e cittadinanza attiva. Rock in Rolo dal 2009 è iscritta al registro regionale delle associazioni di volontariato ed è quindi associazione Onlus di fatto. Nel corso degli anni l’associazione ha curato molte iniziative di aggregazione giovanile nel territorio dando spazio più volte durante l’anno a tutta quella cultura che solitamente è nascosta solo perché non ha un grande potere di mercato. Tra le tante, vorremmo ricordare: • Corso di alfabetizzazione informatica. Insegnare l’uso del computer agli adulti è stato l’obiettivo di “Non è m@i troppo tardi”, partendo dal presupposto che la tecnologia possa significare molto di più, costituendo un momento di crescita culturale, di approfondimento e di aggiornamento. • Biciclettata Resistente. Organizzata in concomitanza con la commemorazione dell’Eccidio della Righetta, il progetto si pone come obiettivo quello di raccontare, conoscere e condividere le memorie della nostra terra e rivivere i luoghi che hanno fatto da scenari alle vicende dei partigiani. Il tragitto comprende ogni anno alcuni luoghi significativi per la storia della resistenza nella bassa Reggiana. • Partecipazione al “Mese della Memoria e della Legalità”. Dopo aver stretto una salda collaborazione con l’associazione ANPI di Fabbrico in occasione della “Biciclettata Resistente”, l’associazione ha voluto inserirsi all’interno del vasto programma fabbricese denominato “Mese della Memoria e della Legalità”. Riteniamo che questa cooperazione possa essere per Rock in Rolo un’opportunità per allargare i propri orizzonti ed un’importante occasione per abbattere inutili campanilismi.

8 / COLORI IN VIAGGIO 2008-2018


#WHO / LA CONTEA Il gruppo ludico “La Contea” nasce nel 2004 dalla volontà di una compagnia di amici di dare vita ad un progetto per la diffusione del gioco intelligente. Dal 2008, grazie al patrocinio del Comune di Rolo, l’associazione trova spazio all’interno di tre locali della stazione di Rolo-Novi-Fabbrico. La nuova sede associativa permette di allargare il bacino degli utenti delle attività associative, incrementando il numero di soci. Dal 2011, il gruppo ludico diventa a tutti gli effetti un’associazione ludica culturale, depositando lo statuto. Attualmente il programma settimanale prevede numerosi gruppi di gioco di ruolo, una lega annuale di Magic e molte attività legate al gioco da tavolo. La sede, fruibile ed aperta al pubblico, permette a chiunque voglia avvicinarsi al mondo dei giochi di ruolo, da tavolo o di società, di entrare a far parte dell’associazione e proporre nuove attività, offrendo sempre nuovi stimoli per le iniziative future. La Contea coltiva diverse collaborazioni con realtà simili nel territorio e in tutto il Nord Italia. Dal 2015, in particolare, allarga i propri orizzonti partecipando all’organizzazione della manifestazione “game - Rubiera in gioco”, evento annuale dedicato alla cultura del gioco. Nel 2017 presenta la prima edizione di “RolGame”, una due giorni ospitata all’interno del Centro Polifunzionale Jolly, dedicato al mondo ludico ed, in particolare, ad una tappa della Lega Pauper nazionale del gioco di carte collezionabili Magic. Il 2018 vedrà l’associazione presente per la prima volta a PLAY, la più grande e importante convention nazionale, che si svolgerà alle fiere di Modena dal 6 all’8 aprile prossimi.

COLORI IN VIAGGIO 2008-2018 / 9


#WHO / TOTART Negli ultimi anni, l’arte urbana e’ tornata a far parlare di sé sia all’interno del mercato istituzionale dell’arte (con ipervalutazioni da capogiro), sia sopratutto all’interno delle collettività che hanno ospitato questo tipo di interventi. Nata in strada come urlo disperato contro ogni forma di istituzione (politica, sociale e morale) la sua caratteristica è sempre stata quella di voler parlare direttamente, dalla strada, alla collettività. E’ per questo motivo che ha acquisito oggi un ruolo sempre più attivo all’interno dei programmi di rigenerazione urbana, riuscendo in molte città italiane a svolgere una funzione sociale e culturale di primo piano funzionale a tutelare l’identità del territorio, permettendo il recupero di inestetismi urbani e di luoghi degradati con metodi e approcci partecipativi. Su queste basi è nato e cresciuto TOTART Festival che, sbarcato a Novi di Modena nel 2016 e giunto alla sua seconda edizione, è in continua evoluzione, raccogliendo ogni anno più partecipazione, sia a livello artistico che sociale. L’obiettivo è la trasformazione della città in un laboratorio a cielo aperto fondato sulla coesione sociale, sulla sostenibilità economica e sulla cittadinanza attiva. Valorizzando le risorse e le conoscenze presenti sul territorio. Grazie all’esperienza acquisita con i progetti sviluppati sul territorio, ai preziosi insegnamenti di artisti e professionisti, e al supporto delle molte persone che credono nelle nostre attività, l’iniziativa si è radicata sia nell’associazione che nel territorio. Le buone riuscite delle varie edizioni del Festival, infatti, sono segno di un’idea che cresce, un percorso che sta dando buoni frutti, nuovi stimoli, e nuovi episodi di partecipazione e sostegno verso nuovi movimenti culturali. Tante realtà vicine a Novi di Modena, ed enti e strutture del mondo dell’arte e non, hanno riconosciuto un progetto concreto, in alcuni casi anche un esempio di come poter proporre cultura e diversità di visione sulle realtà sociali del territorio. Un modello attivo e partecipativo. Un festival nato dal basso, con la volontà di provare a lanciare un messaggio diverso, di creare un fermento che mancava da molti anni a causa del sisma in emilia, che ha portato alla formazione di un gruppo attivo che ha deciso di mettersi in gioco in modo ancora più concreto: così è nata “TOTART ASSOCIAZIONE CULTURALE”.

10 / COLORI IN VIAGGIO 2008-2018


#WHO / ISTITUZIONI COINVOLTE

#WHEN / DATE

A fronte delle considerazioni sull’importanza della stazione di Rolo-Novi-Fabbrico nel territorio, la nostra volontà è di coinvolgere quante più istituzioni ed enti possibili. Durante i mesi di programmazione, vorremmo poter interagire con: • Comune di Rolo (RE) • Comune di Fabbrico (RE) • Comune di Novi di Modena (MO) • Unione dei comuni della pianura reggiana • Provincia di Reggio Emilia • Regione Emilia Romagna • RFI • Coop Alleanza 3.0

• Gennaio - Marzo:

• SETA Durante il periodo di “incubazione” del progetto, inoltre, si è consolidata la partecipazione di alcune associazioni della zona che per fini ed interessi si stanno avvicinando al progetto, portando ognuno il proprio contributo: • Associazione Il Tiglio / Rolo (RE) • Seguendo i principi che si sono tracciati finora, la volontà è di interessare tutta la popolazione del comprensorio Rolo-Novi-Fabbrico, avvalendosi della centralità della stazione per allargarci nelle due province.

coinvolgimento delle autorità, degli enti, delle associazioni, e dei partners; partecipazione al bando “Giovani per il territorio” per progetti innovativi di valorizzazione e gestione dei beni culturali in Emilia-Romagna;

• Marzo - Giugno: presentazione del progetto alla comunità; organizzazione degli eventi di promozione (tra i quali, Rock in Rolo Festival);

• Giugno - Settembre: realizzazione degli interventi di arte muraria; interazione con l’istituto comprensivo di Rolo-Fabbrico per una proposta di progetto da inserire nel P.O.F. 2018/2019; organizzazione di laboratori durante l’autunno, per un più ampio coinvolgimento della comunità;

Mano a mano che si delineerà il progetto, infatti, verranno chiamate a partecipare altre realtà di provenienza, matrice e target differente, per sfruttare le potenzialità del progetto ed abbattere ogni barriera culturale.

COLORI IN VIAGGIO 2008-2018 / 11


#HOW / STREET ART Graffiti e altre forme di street art raccontano i nostri tempi. L’ambiente, la gente, la natura possono essere alcuni esempi di temi di graffiti prestati al servizio della cultura, nei quali negli anni si sono cimentati diversi artisti. Provocatori, divertenti ed emozionanti, prendono spunto dai luoghi circostanti e cercano di alzare la consapevolezza grazie alla loro potenza immaginifica. A partire dal celebre e misterioso Banksy, in tutto il pianeta molti street artist usano le loro opere come riflessioni sui nostri tempi e strumenti di ispirazione per un vita migliore. Grazie alla collaborazione con l’Associazione TOTART, che da anni si muove per diffondere la cultura della street art, vogliamo raccontare la storia e i valori del territorio sui muri del quartiere stazione e delle zone circostanti. Ci confrontiamo con uno degli ultimi grandi movimenti del ‘900, che oggi è tra i più in voga, in termini di successo commerciale, attenzione dei media e popolarità tra il pubblico, per attirare l’attenzione della comunità ed implementare il coinvolgimento dei giovani. L’arte di strada, inoltre, seduce un numero crescente di collezionisti e ha un ruolo sempre meno trascurabile nelle valutazioni real estate. Quest’ultimo fenomeno, già consolidato all’estero se si pensa a città come New York, Londra, Berlino, Parigi e alle rivalutazioni immobiliari registrate negli angoli prescelti dagli artisti di strada (come i quartieri di Tribeca e Brooklyn a New York, a Camden a Londra, a Le Marais e Vitry Sur Seine a Parigi o Kreuzberg, Friedrichshain e in generale a tutto l’Eastside di Berlino), inizia a manifestarsi – sebbene con un marcato ritardo rispetto alle sopracitate esperienze internazionali – anche in Italia. Anche nel nostro bel paese, infatti, si inizia a registrare un interesse del mercato immobiliare in palazzi con opere di street art (Lapo Elkann aveva scelto per esempio di insediare la sua agenzia creativa streetart1Independent Ideas in un immobile in Via Pestalozzi al cui interno si trova un “Obey” di Shepard Fairey). Sono addirittura gli stessi proprietari ora a richiedere agli artisti di strada di decorare i propri muri con le loro opere. Pensiamo, quindi, possa essere nell’interesse di tutti sfruttare questa possibilità. Durante la redazione del progetto abbiamo individuato alcuni punti significativi in paese, che potessero ospitare delle opere di street art, tra le quali: • Muri della stazione ferroviaria (previa approvazione dalla società in gestione) • Muri prospicenti alla fermata degli autobus Seta • Muri nella zona dei campi sportivi di Rolo • Muri adiacenti al centro per il recupero e il riuso di oggetti e materiali di scarto, gestito dall’Associazione “Il Tiglio”

12 / COLORI IN VIAGGIO 2008-2018


#HOW / CASA DELLE ASSOCIAZIONI Il solo comune di Rolo (RE) registra una ventina di associazioni attive nella comunità, organizzate autonomamente per riunioni, eventi e deposito di materiale. Un’idea cardine dello sviluppo di questo progetto è riqualificare la sede della stazione ferroviaria “abitandola” di realtà virtuose, quali le associazioni di volontariato. L’esperimento cominciato nel 2008 con l’insediamento dell’associazione ludica La Contea (ancora presente nei locali al piano terra) fa ben sperare che lo scopo possa essere raggiunto, attraverso la presenza di persone che possano segnalare disguidi o situazioni poco gradevoli per gli utenti della stazione. La proposta è quella di creare una Casa delle Associazioni nei locali liberi della stazione, al piano primo e al piano terra, adeguatamente risistemati e messi a norma, in cui i gruppi di volontariato del comprensorio Rolo-Novi-Fabbrico possano svolgere le proprie iniziative consuete (riunioni settimanali, incontri) o straordinarie (rassegne, eventi, mostre, ecc..), con la possibilità di essere aperte al pubblico.

#HOW / EVENTI Il prossimo 29 giugno, 30 giugno e 1 luglio si svolgerà l’undicesimo Rock in Rolo Festival, la kermesse di musica emergente che ogni anno si arricchiesce di eventi culturali, performance artistiche e mostre di nuove arti visive. Riteniamo che questa manifestazione possa essere un buon trampolino di lancio per il progetto “Colori in Viaggio”, in un momento di presentazione dell’iniziativa al pubblico e con il coinvolgimento dello stesso attraverso la realizzazione di alcune opere di street art nella zona prospicente al festival. L’evento è gratuito e si svolge, quasi ogni anno, all’interno di un’area accogliente nella zona sportiva, rappresentando ormai un appuntamento fisso dell’estate della bassa emiliana. A questo primo appuntamento, potranno seguire altre iniziative che già vengono organizzate dalle associazioni promotrici del progetto: rassegne, mostre, conferenze, sessioni di giochi da tavolo e di ruolo, ecc...

COLORI IN VIAGGIO 2008-2018 / 13


Millions discover their favorite reads on issuu every month.

Give your content the digital home it deserves. Get it to any device in seconds.