Issuu on Google+

ANNO VII - n°. 316 giovedì 18 luglio 2013

FOCUS

E ANCORA... SPORT

Molea presenta il Forum sullo sport Si è svolto questa mattina a Roma, presso l’ “Aula De Gasperi”, il Forum “sport di cittadinanza” promosso dall’on. Bruno Molea che aveva elaborato un documento preparatorio centrato su cinque punti essenziali. PAG. 3 SPORT

Tennis: Coppa delle Province Il Settore Nazionale Sport organizza, in collaborazione con il Comitato Regionale AICS Umbria, il Comitato Provinciale AICS di Perugia e la CTN AICS, la Coppa delle Province a Squadre di Tennis, che si svolgerà dal 6 all’8 settembre a Perugia. PAG. 5

Quattromila atleti partecipano all’evento multidisciplinare “Verde Azzurro”: atletica leggera dedicata a Pietro Mennea Si svolgerà dal 1° all’11 settembre 2013 il consueto appuntamento multidisciplinare “Verde Azzurro”. In programma numerosi campionati nazionali AICS cui parteciperanno oltre quattromila atleti: pallavolo under 14 femminile, under 16 femminile, open misto, open femminile, open maschile; beach volley tre per tre under 16 femminile, open misto, open femminile, open maschile; atletica leggera; pallacanestro under 13 maschile, senior open maschile; calcio a cinque maschile; pattinaggio artistico; bocce; burraco due tornei per non classificati. L’edizione 2013 di “Verde Azzurro” sarà caratterizzata da un doveroso riconoscimento alla memoria di Pietro Mennea indimenticabile icona dell’AICS e protagonista per lungo tempo sulla scena dell’atletica leggera mondiale. Fra i ricordi più significativi le prime medaglie di Mennea ai campionati nazionali AICS di atletica leggera (Bari 1968) nella categoria allievi: 3 medaglie d’oro negli 80 m., nei 300 m. e nella staffetta 4x100. PAG. 2

SPORT

Dossier: il talento nell’atletica leggera Un qualificato dossier tratto dal n° 238 della rivista "Nuova Atletica Ricerca in Scienze dello Sport", periodico bimestrale edito a cura del Centro Studi AICS Nuova Atletica dal Friuli e pubblicato in occasione del 40° della rivista. Rielaborato dall'autore. PAG. 9


PG

2

Verde Azzurro - Campionato nazionale volley La Direzione Nazionale, Settore Sport, in accordo con la Commissione Tecnica Nazionale di Pallavolo, ha programmato lo svolgimento dei Campionati Nazionali di Pallavolo Under 14 Femminile, Under 16 Femminile, Open Misto, Open Femminile e Open Maschile che si terranno nell’ambito di “Verde Azzurro”, nei giorni 6-7-8 settembre 2013 a Cervia (RA).

Verde Azzurro - Campionato nazionale beach volley La Direzione Nazionale, Settore Sport, in accordo con la Commissione Tecnica Nazionale di Beach Volley, ha programmato lo svolgimento dei Campionati Nazionali di Beach Volley 3x3 Under 16 F., Open Misto, Open Femminile e Open Maschile che si terranno nell’ambito di “Verde Azzurro”, nei giorni 67 e 8 settembre 2013 a Cervia (RA).

Verde Azzurro-Campionato nazionale atletica leggera La Direzione Nazionale AICS, Dipartimento Sport, indice ed organizza in collaborazione con il Comitato Regionale AICS Emilia Romagna, il Comitato Provinciale AICS di Ravenna, la C.T.N. di Atletica Leggera e con l'approvazione della FIDAL, il Campionato Nazionale di Atletica Leggera.

Verde Azzurro - Campionato nazionale di basket Nell’ambito del programma di attività relativo all’ edizione 2013 di “Verde Azzurro”, che si terrà a Cervia (Ra), dal 5 all’8 settembre 2013, il Dipartimento Nazionale Sport ha previsto l’organizzazione del Campionato Nazionale di Pallacanestro Categoria Under 13 M. e Categoria Senior Open M.

Verde Azzurro - Campionato nazionale di calcio a 5 Le finali del Campionato Nazionale di Calcio a 5 Maschile si svolgeranno a Cervia (Ra), dal 5 all’8 settembre 2013, nell’ambito di “VERDE AZZURRO”. Sono invitate a partecipare le squadre che hanno disputato, nel corso della stagione 2012/2013, i Campionati Prov. e Reg. di Calcio a 5 Maschile.

Verde Azzurro - Campionato nazionale di pattinaggio La Direzione Nazionale AICS, Dipartimento Sport, con l'approvazione del Settore Tecnico F.I.H.P., organizza a Misano Adriatico, dall’ 1 all’ 11 settembre 2013, la 37° Rassegna Nazionale "Memorial Giorgio Perinetti", valevole quale Campionato Nazionale AICS di Pattinaggio Artistico.

Verde Azzurro - Campionato nazionale di bocce La Direzione Nazionale, Settore Sport, organizza in collaborazione con il Comitato Regionale AICS Emilia Romagna, il Comitato Provinciale AICS di Ravenna, il Campionato Nazionale di Bocce, che si svolgerà a Cervia, presso il Bocciodromo Comunale del “Centro Sportivo Liberazione” – Via di Pinarella, 66 – dal 6 all’ 8 settembre 2013 nell’ambito di VERDE AZZURRO 2013.

Verde Azzurro - Torneo nazionale di burraco Nell’ambito del grande evento multidisciplinare “Verde Azzurro 2013”, in programma a Cervia dal 5 all’8 settembre 2013, il Settore Burraco AICS organizzerà due Tornei di Burraco (per non classificati) aperti a tutti i soci AICS. Il primo Torneo si disputerà venerdì 6 settembre, a partire dalle h. 21.15, il secondo sabato 7 settembre dalle h. 15.30, pausa per la cena alle h. 19.00, ripresa del gioco h. 21.30. Dal link http://www.aics.it/wp-content/uploads/2013/07/Regolamento-Nazionale-AICS.pdf è scaricabile il Regolamento Nazionale AICS di Burraco che è pubblicato anche sul nostro sito nazionale www.aics.info. Gli interessati potranno partecipare ad uno o ad entrambi i Tornei e dovranno inviare le iscrizioni al Dipartimento Nazionale Sport (e-mail: dnsport@aics.info, fax 06/42039434) complete di nome, cognome, n. tessera AICS, Circolo AICS di appartenenza, Torneo/i a cui intendono aderire, entro il 7 agosto 2013. TORNA INDIETRO


PG

3

OGGI A ROMA NELL’ AULA DE GASPERI

Molea presenta le linee del Forum “sport di cittadinanza” Si è svolto questa mattina, alle ore 10:30, presso l’ “Aula De Gasperi”, il Focus Sport di cittadinanza promosso dall’On. Bruno Molea che aveva elaborato un documento preparatorio centrato su cinque punti essenziali: 1. L’autorevolezza del sistema sportivo – 2. La qualità e la competitività delle associazioni sportive – 3. La formazione e la ricerca – 4. Lo sviluppo della promozione giovanile – 5. La diffusione di una cultura che esalti i valori educativi e sociali dello sport. La riunione è stata indetta allo scopo di sensibilizzare i media sull’importanza del ruolo che assume oggi lo sport nella quotidianità del nostro Paese. Come affermato dall’On. Bruno Molea, infatti, «le società sportive e le associazioni, insieme alle famiglie, alle scuole e alle istituzioni rappresentano la nuova governance sociale che deve avere un’azione sempre più congiunta ed integrata». Hanno partecipato all’incontro numerosi rappresentanti delle federazioni e degli enti di promozione sportiva; era, inoltre, presente il Sottosegretario al Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca On. Galletti, l’On. Dellai capogruppo al Parlamento di Scelta Civica, l’On. Sghirò Planeta, l’On. Galgano, l’On. Santerini, l’On. Causin e il Direttore Generale del Dipartimento di giustizia minorile Serenella Pesarin. La consulta ha preso il via con il discorso dell’On. Bruno Molea, il quale ha affermato che avvicinerà «il suo mandato parlamentare alla materia delicata dello Sport». Ha, infatti, ironicamente paragonato «la presenza dello Sport nella VII Commissione alla stregua di “Cenerentola”» spiegando che, spesso, all’attività motoria «non viene data la giusta importanza». «Si ritiene fondamentale – ha affermato ancora l’Onorevole – valorizzare maggiormente la funzione sociale che compete allo sport; ovvero mettere in risalto quell’attività motoria caratterizzata da risvolti sociali piuttosto che competitivi. È, inoltre, molto importante dare maggiore risalto alla dimensione associativa sportiva che contribuisce ad una corretta educazione dei ragazzi e ad un sano invecchiamento della popolazione, quindi ad un risparmio sulla spesa pubblica sanitaria. Il movimento sportivo non ha colori, né ideologie e per questo motivo risulta funzionale alla lotta contro il razzismo, il bullismo e l’uso di sostanze dopanti». L’Onorevole ha concluso dicendo che «è doveroso sfruttare al meglio il tempo concesso dal suo mandato parlamentare per cercare di colmare le lacune presenti nel mondo dello sport». L’On. Molea ha informato che il prossimo 2 Agosto presenterà una proposta di legge, insieme all’On. Filippo Fossati, tesa a tutelare e valorizzare lo sport di base, in sintonia con gli altri Paesi europei. Una proposta che non intende mettere in discussione il ruolo centrale del CONI e dello sport agonistico e di risultato, promosso dalle federazioni. La nostra proposta sull’associazionismo sportivo di promozione sociale vuole, invece, dare riconoscimento e valore a quella parte del mondo sportivo spesso ai margini della comunicazione mediatica, capace, però, ogni giorno di garantire socializzazione, integrazione e promozione di cittadinanza che è parte integrante del sistema di welfare. TORNA INDIETRO


PG

4

PRIMO CORSO DI ABILITAZIONE ALL’ USO DEL DEFIBRILLATORE

Nella sede dell’AICS a Torino il primo defibrillatore nel “cuore” della città A Torino presso la sede del Comitato Provinciale con l’installazione del primo defibrillatore in centro città presso la sede di un Ente di Promozione Sportiva come apparecchio salvavita messo a disposizione della Cittadinanza si è svolto il primo corso per l’uso di questo fondamentale strumento salva vita. Grazie alla collaborazione con l’associazione affiliata Aics Atlantide Diving College, Centro di formazione Accreditato dalla Regione Piemonte per l’abilitazione all’uso dei defibrillatori in ambiente extra ospedaliero, la Greco Sub e la società Iredeem sono stati formati i primi 5 provider (dirigenti e collaboratori Aics). Atlantide Diving College ASD è una Associazione Sportiva Dilettantistica affiliata all’Aics fin dalla sua fondazione nel 2009. Nasce a Torino come centro di formazione per attività subacquee da principianti a istruttori. Nell’ambito delle attività subacquee guide e istruttori sono formati obbligatoriamente al primo soccorso. Molti soci e membri dello staff, appassionati dell’ambiente marino, ma anche professionisti nei settori sanitario, tecnico, legale e formativo, hanno inteso mettere a disposizione la loro esperienza e il loro tempo libero nell’ambito di un progetto di formazione ed educazione continua al primo soccorso, alla salute e sicurezza sui luoghi di lavoro e all’utilizzo dei defibrillatori. A questa prima iniziativa nell’ambito del progetto life for life dell’ASD Atlantide e dell’iniziativa Aics salva la vita seguiranno utleriori eventi e installazioni presso gli impianti sportivi gestiti e presso le sedi delle associazioni affiliate che potranno avvalersi della convenzione nazionale con Iredeem srl distributore nazionale dei defibrillatori Philips. Il corso si è svolto presso gli uffici del Comitato Provinciale seguendo le linee guida internazionali con prove pratiche e simulazioni di scenari utilizzando diversi manichini adulti e pediatrici. Seguendo le disposizioni regionali sono state anche insegnate le utilissime manovre di disostruzione delle vie aree. www.aicstorino.it www.atlantidecollege.it SALUTE E SICUREZZA IN AMBITO SPORTIVO NEL RISPETTO DEL DLGS 81/08 Si sono conclusi a Torino presso la sede del Comitato Provinciale di Torino il primo ciclo di corsi obbligatori per le normative vigenti sulla salute e sicurezza anche a seguito dell’Accordo Stato Regioni 21/12/2011 che su incarico del Comitato Provinciale di Torino sono stati erogati dall’Associazione affiliata Atlantide Diving College Asd che è anche Centro Formazione dell’AIFOS (Associazione Italiana Formatori della Sicurezza sul Lavoro). I corsi svolti nell’ambito del Progetto Life for Life per la salute e sicurezza in ambito sportivo riguardano la figura del Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione (RSPP DDL), addetti antincendio e Primo Soccorso a basso rischio e la Formazione Generale e Specifica prevista dagli Accordi Stato e Regioni. Nei corsi particolarmente curati e adattati alle diverse realtà in ambito sportivo, culturale e ricreativo è stato presentato il nuovo modello di Documento di Valutazione dei Rischi standardizzato recentemente introdotto dai ministeri competenti. Con l’avvio dei centri estivi per i più giovani sono stati anche formati al primo soccorso e alla salute e sicurezza gli animatori che operano nell’ambito dei progetti educativi e ricreativi. I corsi si rivolgono in particolare alle associazioni sportive, culturali, di volontariato, del terzo settore più in generale ma anche a realtà pubbliche e private per la formazione di allievi e istruttori nel primo soccorso al fine di rendere le diverse strutture completamente autonome per la formazione e l’aggiornamento. Marcello Segre TORNA INDIETRO


PG

5

A PERUGIA DAL 6 ALL’ 8 SETTEMBRE 2013

Tennis: Coppa delle Province a squadre e aggiornamento tecnico per insegnanti La Direzione Nazionale AICS, Settore Sport, indice ed organizza, in collaborazione con il Comitato Regionale AICS Umbria, il Comitato Provinciale AICS di Perugia e la Commissione Tecnica Nazionale Tennis AICS: - la Coppa delle Province a Squadre di Tennis, che si svolgerà dal 6 all’8 settembre, presso la struttura del CASALE DEL GRILLO, www.casaledelgrillo.net, sita in Strada Civitella Benazzone - Morleschio, 3 - PERUGIA (PG) - Tel. 075 5941400. Al termine della disponibilità di posti letto presso il CASALE DEL GRILLO i partecipanti saranno alloggiati presso il Perugia Grand Hotel **** - Str. Ponte Pattoli Ponte Resina 1/A-22 – Ponte Pattoli (PG) - Tel. 075 5949000 - l’Aggiornamento Tecnico Nazionale per gli Insegnanti di Tennis AICS che si svolgerà nella medesima località il giorno 7 settembre 2013. Tutti i Circoli/Insegnanti AICS che intendano aderire, dovranno essere affiliati e/o regolarmente tesserati per l’anno in corso. Le iscrizioni, dovranno essere inviate, entro e non oltre il 2 settembre 2012, al Settore Nazionale Sport (e-mail: dnsport@aics.info - fax 06/42039421) ed al Coordinatore della CTN di Tennis, Mauro Marino, (e-mail: coppadelleprovince@aicstennis.it) con copia al Settore Tornei (e-mail: settore.tornei@aicstennis.it). La Coppa delle Province di Tennis è una manifestazione a squadre riservata ai giocatori in possesso della tessera Aics valida per l’anno in corso, che non siano mai stati classificati secondo le classifiche federali FIT. Il regolamento di gioco della Coppa delle Province di Tennis è il seguente: La manifestazione è riservata a squadre composte esclusivamente da giocatori MAI CLASSIFICATI. La formula adottata è: - 1 singolare maschile; - 1 singolare femminile; - 1 doppio maschile; - 1 doppio misto. Ogni giocatore potrà disputare al massimo 2 partite. Ogni provincia potrà presentare più di una squadra. Le squadre iscritte alla Coppa delle Province di Tennis 2013 saranno divise in gironi. A seconda del numero delle squadre iscritte la Direzione di Gara compilerà i gironi. Gli incontri si svolgeranno al meglio dei 2 set su 3, con tie-break sul 4 pari. Sul 40 pari sarà adottata la regola del No-Advantage. Sul risultato di un set pari sarà giocato, in sostituzione del 3° set, un tie-break a 10 punti fissi. (La Direzione di Gara si riserva di cambiare la formula degli incontri in caso di necessità organizzative, o di variare/accorpare/annullare alcune categorie/gare in programma, in caso di maltempo, inagibilità dei campi, mancato raggiungimento numero minimo partecipanti, etc..). La prima squadra (o le prime due squadre a seconda del numero degli iscritti) di ogni girone si qualificherà per il tabellone principale ad eliminazione diretta. Per determinare la classifica del girone saranno attribuiti i seguenti punti: Vittoria in 2 set: 3 punti al vincente; 0 punti al perdente. Vittoria in 3 set: 3 punti al vincente; 1 punto al perdente. Per ogni incontro perso per rinuncia, o abbandono: 3 punti al vincente; 0 punti al perdente. In caso di parità di punti, si fa il calcolo della somma games vinti in tutti gli incontri. In caso di ulteriore parità vince la squadra che ha la migliore differenza games (somma di quelli vinti, meno somma di quelli persi). In caso di ulteriore parità si qualifica la squadra che ha vinto lo scontro diretto. L’orario di inizio della manifestazione è fissato per le ore 14.00 di venerdì 6 settembre e si proseguirà fino alla fine degli incontri. AGGIORNAMENTO TECNICO NAZIONALE PER INSEGNANTI AICS Come previsto dall’Art. 5 del Regolamento Tecnico Nazionale del Settore Tennis AICS, per il mantenimento della qualifica gli insegnanti AICS devono partecipare ogni anno ad un Corso di aggiornamento. L’Aggiornamento Tecnico Nazionale si svolgerà il giorno 7 settembre a partire dalle ore 09.30, presso la struttura del CASALE DEL GRILLO, www.casaledelgrillo.net, sita in Strada Civitella Benazzone - Morleschio, 3 PERUGIA) - Tel. 075 5941400. Per la partecipazione all’Aggiornamento Tecnico Nazionale è necessario essere in regola con il pagamento della quota annuale di iscrizione all’Albo Nazionale. L’iscrizione al Corso di Aggiornamento Tecnico Nazionale (e relativo pagamento della quota) dovrà pervenire entro e non oltre il 2 settembre 2013 unitamente alla copia del bonifico intestato a: AICS Direzione Nazionale - Causale: Quota iscrizione al Corso di Aggiornamento Insegnanti di Tennis. Per informazioni rivolgersi a Mauro Marino – Coordinatore CTN Tennis, tel. 339/8270477 (e-mail: mauro.marino@aicstennis.it). Le iscrizioni dovranno essere inviate al Settore Sport Nazionale (e-mail: dnsport@aics.info) ed a Mauro Marino. TORNA INDIETRO


PG

6

SI E’ SVOLTO CON SUCCESSO A CALALZO DI CADORE (BELLUNO)

Corso nazionale di aggiornamento per operatori di karate tradizionale Si è svolto recentemente in Cadore e precisamente nei paesi di Lorenzago di Cadore e Domegge di Cadore l’annuale corso di aggiornamento estivo di karate tradizionale. Un successo senza precedenti, oltre 200 i partecipanti tra loro oltre 50 gli insegnanti tecnici e 60 gli agonisti provenienti da ogni regione Italiana. Il venerdì pomeriggio ed il sabato mattina sono stati dedicati interamente alla parte teorica, sono intervenuti : la dott.ssa Manuela Galiazzo per gli argomenti integrazione biopsicosociale della persona, sviluppo psicomotorio ed evolutivo, un metodo psicologico integrativo di approccio allo sport, elementi di psicologia applicati allo sport, il dott. Federico Calvi per l’anatomia e fisiologia dell’apparato muscolo scheletrico e nervoso e le capacità condizionali ed infine il dott. Angelo Costola per l’apparato cardio-respiratorio e defibrillazione. A queste lezioni hanno fatto seguito 3 ore di lezione teorico-pratiche di arbitraggio tenute dal M° Silvano Fontana 6° dan (arbitro Internazionale)e quindi lo stage di aggiornamento tecnico tenuto dai maestri Roberto Bacchilega 7° dan (D.T. Nazionale), Pasquale Acri 6° dan, Puntara Angelo 6° dan, Ottavio Piovesan 6° dan e Moreno Donà 6° dan. Gli atleti agonisti di kumitè hanno potuto svolgere 6 ore di allenamento con il M° Marco Bacchilega 5° dan (pluricampione mondiale) e gli atleti agonisti di kata hanno svolto 3 ore di allenamento con il M° Acri e 3 ore con il M° Piovesan. Al termine dello stage grande soddisfazione è stata espressa da parte di tutti i partecipanti sia per il livello tecnico che per l’atmosfera che si è respirato in queste giornate dedicate così interamente al karate tradizionale. Un ringraziamento particolare va alla parrocchia di Lorenzago che ha messo a disposizione il cinema che si è rivelato un posto davvero di una grande praticità dove tutti hanno potuto seguire in modo ottimale le lezioni ed i video che sono stati proiettati.

Argento per l’AICS ai campionati federali di bocce Presso il Centro Federale FIB di Roma la formazione del Circolo Bocciofilo Orbetello AICS ha conquistato il secondo posto nella finale dei Campionati Italiani per Società della 4^ categoria. Dopo aver ottenuto il pass per le finali tra le otto migliori d'Italia, il C.B.O. AICS si è arreso nel match clou alla "Oikos" di Pesaro-Urbino. Il C.B.O. AICS che negli ultimi dieci anni ha raggiunto per la sesta volta le finali nazionali, aggiunge al tricolore del 2004 questo secondo posto che consolida così la grande tradizione regionale e nazionale. La formazione del Presidente Carlo Santunione e agli ordini del tecnico Carlo Ciani era composta da Avallone Vincenzo, Calvisi Quintino, Corridori Giocondo, Mazzolai Simone, Meistro Carlo e Tonnicchi Claudio. TORNA INDIETRO


PG

7

DAL 25 LUGLIO AL 3 AGOSTO 2013 A CAGNANO VARANO (FOGGIA)

L’AICS progetta il “Festival della creatività giovanile” con numerose municipalità Si svolgerà dal 25 luglio al 3 agosto la VII edizione del Festival della Creatività Giovanile - Living Festival 2013, organizzato dall’Asso- ciazione Schiamazzi (affiliata AICS) in collaborazione con il Comitato Provinciale AICS di Foggia, il Dipartimento di Studi Umanistici dell'Università degli Studi di Foggia, l'Associazione LAB di Vico del Gargano, la Parrocchia Santa Maria della Pietà di Cagnano e il Gruppo Giovani del Museo di Ischitella con il patrocinio dei comuni di Cagnano Varano, Ischitella, Rodi Garganico, Vico del Gargano. Il festival quest'anno ha come tema l'incontro tra tradizione e innovazione e toccherà come di consueto l'arte, la letteratura, la musica e il cinema giovanile. Si parte giovedì 25 luglio alle ore 20.30 in piazza Bellavista a Cagnano, dove verrà inaugurata la mostra fotografica sull'emigrazione 'Cagnano, se fossi là' del fotoreporter Domenico D'Alessandro. Saranno presenti il Rettore dell'Unifg Giuliano Volpe, il Direttore del Dipartimento di Lettere Saverio Russo, l'Associazione Mamapulia. Domenica 28 luglio il festival si sposta nell'incantevole chiostro trecentesco del convento francescano di Ischitella, ora Museo, per la serata dedicata alla lettura con Nicoletta D'Avolio e giovani scrittori locali. Mercoledì 31 luglio il Living per la prima volta approda a Vico del Gargano, in piazza San Domenico, con Operativa_mente: serata dedicata all'arte dal vivo con intramezzi musicali, degustazioni tipiche e la presentazione del volume Terra Data (Schena Editore, 2012) di Valerio Agricola. Giovedì 1 Agosto si torna a Cagnano Varano per la serata dedicata al cinema emergente con la presentazione del Corto 'E' Nato Scemo' e la web serie 'Borders' entrambi diretti da Guido Di Paolo e prodotti dall'Associazione Dream&Life. Venerdì 2 Agosto, sempre a Cagnano, il tradizionale concorso musicale con band provenienti da ogni angolo d'Italia. Il vincitore sarà decretato dal voto online, dalla giuria giovanile e la giuria tecnica presieduta da Roberto Parisi di RTL 102.5. Domenica 4 agiosto Gran Finale nel porto Marina di Rodi Garganico con live art, letture e i dj set di Luca Afferrante (L-Ektrobeach) e il dj Joseph Creatura, sassofonista da Ibiza. Per tutte le info visitare il sito www.cagnanolivingfestival.com

A Pescara sport acquatici per i non vedenti Presso lo stabilimento “Barracuda” di Pescara si è svolta recentemente la 9^ edizione di “Risalire il vento”, manifestazione volta a promuovere l’accessibilità agli sport acquatici per non vedenti ed ipovedenti. La manifestazione è stata organizzata dal Centro Olos di Montesilvano, con il supporto della “Comunidad” (progetto interno al Centro Olos), dall’associazione “La Cala di Ulisse” di Montesiilvano, dal Comitato Regione AICS ed il Comitato AICS Provinciale di Pescara e con la partecipazione della UIC regionale e delle associazioni sportive SVAGAMENTE (vela), ERIBERTO SUB (immersioni – sub) e WAC (canoa). Dopo anni di esperienze, di riscontri positivi e di visibilità mediatica possiamo vantare l’esclusività della manifestazione a livello nazionale. E’ l’unico evento sulla costa adriatica di inclusione per il mondo della disabilità e dello sport. Il messaggio è: “NON CI SONO LIMITI PER CHI NON HA PERSO IL CORAGGIO DI SUPERARLI”. L’evento è stato anche occasione per dimostrare come si possano garantire momenti di condivisione tra persone con e senza handicap, un viatico per superare qualsiasi forma di barriere, pregiudizi e cecità mentale. TORNA INDIETRO


PG

8

IN COLLABORAZIONE CON LA COMMISSIONE NAZIONALE AMBIENTE DELL’ AICS

Le scuole subacquee AICS coniugano attività sportiva e tutela ambientale Atlantide Diving College ASD CENTRO PADI 5 STELLE E GRECO SUB ASD due scuole subacquee di Torino, in collaborazione con il Triton Club Asd Diving in Bergeggi e Io Stabilimento Balneare Stella Maris, sensibili a tutte le problematiche connesse alla tutela dell'ambiente marino, della salute ed alla sicurezza dei bagnanti e dei subacquei, in concomitanza con l’apertura della stagione hanno organizzato e portato a termine con successo il 15 Giugno 2013 “Bergeggi Naturalist Day – Dive Against Debris”. Immergiti contro i rifiuti!. Una due giorni con immersioni nell’AMP di Bergeggi e attività da riva nell’ambito del programma di raccolta dati e rifiuti della Project Aware. Non solo un clean up day (pulizia dei fondali) ma giornate e immersioni dedicate alla sensibilizzazione e tutela del mondo marino con lo scopo anche di monitorare e catalogare i rifiuti urbani cercando di ridurre l’impatto devastante dei rifiuti marini ogni volta che ci immergiamo. Subacquei di diverse località, scuole e didattiche sono state invitate alla due giorni di “Immersione contro i detriti” a Bergeggi con l’impegno a proteggere il mare, non subacquei addestrati solo a rimuovere i detriti sottomarini come sacchetti di plastica, carta, bottiglie di vetro/plastica, lenze da pesca ecc., ma anche in grado di identificare e documentare quanto visto sott'acqua. I detriti marini - o la nostra spazzatura in mare - si accumulano nei nostri ambienti subacquei a tonnellate. Con queste iniziative svolte in tutto il mondo si richiede una riduzione permanente e la prevenzione della spazzatura che creiamo che danneggia gli ecosistemi marini sensibili - anche in alcuni degli angoli più remoti del globo. I subacquei sono in una posizione unica per affrontare il problema globale dei rifiuti marini, infatti possono agire ogni giorno ed evitare che i detriti entrino nel mare. Dive Against Debris, organizzato in tutto il mondo dalla Project AWARE Foundation, è un'organizzazione non-profit che intende mobilitare i subacquei per proteggere il mare. Sono stati raccolti molti rami anche di grosse dimensioni, secchi di plastica, bottiglie, pezzi di ferro, lattine bibite. Le immersioni sono state precedute da brevi sessioni di biologia marina con particolare riferimento alla flora ed alla fauna presenti presso l’AMP di Bergeggi. Gli eventi hanno avuto il patrocinio dell'Area Marina e del Comunce di Bergeggi che hanno "RITENUTO L'ATTIVITA' DI GRANDE VALORE EDUCATIVO PER I SUBACQUEI CHE PER PRIMI ASSISTONO L'INQUINAMENTO DA RIFIUTI ED IN PARTICOLARE L'ATTIVITA' DIDATTICA INTEGRATA DI BIOLOGIA MARINA ED INQUINAMENTO ....COMPLIMENTANDOSI PER L IDEA DI AVER ORGANIZZATO L'EVENTO..." Nel corso delle giornate sono stati raccolti anche i dati delle immersioni dalla FONDAZIONE DAN per aiutare la ricerca e la sicurezza nelle immersioni. Nel corso dell'evento si sono svolte anche simulazioni di emergenze e soccorso in mare nell'ambito dell'addestramento del personale delle scuole e dei diving per il salvataggio di subacquei colpiti da incidenti o malori. Momenti formativi e di approfondimento sul soccorso anche con la partecipazione di professionisti medici, istruttori di primo soccorso e somministrazione ossigeno e l'intervento dei legali del DAN. TORNA INDIETRO


PG

9

Articolo tratto dal n° 238 della rivista "Nuova Atletica - Ricerca in Scienze dello Sport", periodico bimestrale edito a cura del Centro Studi Nuova Atletica dal Friuli e pubblicato in occasione del 40° della rivista. Rielaborato dall'autore.

Dossier: la ricerca del talento nell’atletica leggera Le società, sia quella odierna che quelle del passato, hanno sempre avuto interesse nel ricercare soggetti che per le loro caratteristiche emergessero sugli altri. Nel campo della cultura o della scienza, nell’economia come nell’arte. O nello sport. Ed è proprio questa inarrestabile ricerca a spingere ai massimi risultati ogni settore, fino ad assumere un’importanza tale da portare, nel pieno del boom economico clintoniano, siamo nel 1997, la società di consulenza McKinsey a coniare l’espressione “guerra dei talenti”. Una concorrenza che nello sport ha portato ad anticipare l’ingresso dei giovanissimi nelle diverse federazioni, oltretutto non sempre attrezzate sul piano educativo e metodologico a tale incombenza, nella speranza di poter pescare nel gran numero di tesserati l’eventuale talento. In realtà individuare in età precoce il futuro campione è compito tutt’altro che facile. Alcune statistiche elaborate a livello internazionale mostrano come, considerando tutte le edizioni dei Campionati del Mondo Juniores di Atletica sino al 2005, il numero degli atleti che ha vinto medaglie e che non ha poi saputo esprimersi ad alto livello assoluto oscilla tra il 60% e il 70%. Percentuali serie, ma che non spiegano se l’atleta fosse realmente un talento oppure se il suo fallimento sia da imputare a una cattiva gestione. Certo è che alcuni Paesi, USA in primis, introducendo forti correzioni nei loro protocolli hanno abbassato questa percentuale al 50% (fonte Coni) (1). Ma prima di entrare nello specifico del talento atletico, un paio di considerazioni possono risultare funzionali al nostro ragionamento. Partendo magari da quanto scrive Fulvio Maleville: “Vi è poi un tema che dovrebbe essere seriamente affrontato dagli organi federali ed è quello relativo alla proposta agonistica. Fino ad ora l’attività è stata svolta con peculiarità agonistiche che ricalcano in toto quelle olimpiche. Se gli adulti gareggiano nei 100 metri, ai cadetti vengono proposti gli 80 metri, i ragazzi corrono i 60 metri e gli esordienti una distanza ancora inferiore. (…). L’unica differenza riscontrabile con quella assoluta è la miniaturizzazione delle distanze percorse dagli atleti” (2). Affermazioni che sembrano fare da eco a quanto sostenuto ancora nel 1937 dallo psicologo e pedagogista svizzero Edouard Claparède: “Il bambino non è un adulto in miniatura e la sua mentalità non è solo quantitativamente, ma anche qualitativamente diversa da quella degli adulti e per questa ragione il bambino non è soltanto più piccolo ma anche diverso”. Tesi ripresa da diverse federazioni sportive, tra cui la Fidal nel volumetto “L’atletica va a scuola”, dove illustra la sua filosofia imperniata sull’apprendimento e la maturazione degli schemi motori quali fonti di arricchimento che poi torneranno utili nelle attività propedeutiche all’atletica leggera (3). Quello che manca, probabilmente, è un ponte tra le proposte elaborate per i più giovani, che giustamente favoriscono l’aspetto ludico e l’aggregazione, e l’atletica agonistica fatta di metodo, di applicazione, di passione, “ovvero se debba essere privilegiato il risultato tecnico conseguito in assoluto (…) oppure la qualità del servizio erogato, intesa come soddisfazione dei ragazzi e delle famiglie” (De Anna) (4). (continua a pagina 10) TORNA INDIETRO


PG

10

Articolo tratto dal n° 238 della rivista "Nuova Atletica - Ricerca in Scienze dello Sport", periodico bimestrale edito a cura del Centro Studi Nuova Atletica dal Friuli e pubblicato in occasione del 40° della rivista. Rielaborato dall'autore.

Dossier: la ricerca del talento nell’atletica leggera E’ qui che qualcosa si è inceppato, ed è da qui che l’atletica dovrebbe ricominciare: dalla necessità di mettere a punto una proposta pedagogica e tecnica che costituisca un legame tra lo sport dei piccoli e quello degli adulti. Lo slittamento verso una di queste due polarità porta a uno sbilanciamento che crea l’innesco alle difficoltà in cui si dibatte il settore assoluto della Fidal. Il disagio di cadetti e allievi, che rappresentano le categorie cerniera tra i due mondi, si può leggere nel turn-over in saldo negativo e nel fenomeno del drop-out, l’abbandono precoce dell’attività, su livelli elevati. Bisognerà, probabilmente, ripensare al ruolo dei settori giovanili, distinguendone la funzione di serbatoio per il settore agonistico da quella educativa, differenziando cioè il reclutamento dall’atletica intesa quale scuola di movimento, o perlomeno integrando con una maggiore sensibilità queste due realtà. Ma questo sarà possibile solo rimuovendo in molti tra dirigenti e tecnici l’errata convinzione che l’atletica sia un unicum dagli esordienti all’atleta olimpico dove a variare siano soltanto la frequenza e l’intensità degli allenamenti. C’è da chiedersi se l’inizio precoce di un allenamento sistematico, con l’annesso rischio di perdere “finestre di allenabilità”, corrisponda agli interessi e alle necessità dell’organismo del preadolescente e se serva al suo sviluppo fisico, psichico e motorio. E’ un problema di natura etica, dove la motivazione del sistema non sempre sembra quella di promuovere la crescita del piccolo atleta, ma quella di “trasformare la carne in oro” (5). Già nel 1981 Peter Tschiene, allora docente di metodologia dell’allenamento sportivo all’Università di Darmstadt (D) e consulente tecnico-scientifico della Fidal avvertiva: “Tutti i provvedimenti per la ricerca e la promozione dei talenti sono spesso collegati – in maniera velata o inconsapevole – a una crescente anticipazione dell’inizio dell’allenamento all’età infantile con la cosiddetta specializzazione precoce” (6). Timore ribadito nel 2004 da Wlodzimierz Starosta dell’Istituto per lo Sport di Varsavia e presidente dell’International Association of Sport Kinetics: “La tendenza ad abbassare continuamente l’età d’inizio dell’allenamento non viene confermata, né giustificata, dai risultati. Questa tendenza non trova giustificazione neppure in fattori biosociali” (7). Vox clamantis in deserto. In questo quadro contraddittorio si inserisce l’interesse che un po’ in tutto il mondo, con l’acronimo TID, Talent Identification and Development, è maturato sull’identificazione, il reclutamento e lo sviluppo del talento. La prima domanda da affrontare è, dunque, il concetto stesso di talento. (segue a pagina 11) TORNA INDIETRO


PG

11

Articolo tratto dal n° 238 della rivista "Nuova Atletica - Ricerca in Scienze dello Sport", periodico bimestrale edito a cura del Centro Studi Nuova Atletica dal Friuli e pubblicato in occasione del 40° della rivista. Rielaborato dall'autore.

Dossier: la ricerca del talento nell’atletica leggera DEFINIZIONE DI TALENTO SPORTIVO Abbandonata ormai da tempo l’idea che il talento sia riconducibile esclusivamente a ereditarietà genetica, si preferisce riportarlo all’interrelazione tra fattori endogeni e fattori esogeni. A titolo di esempio si possono ricordare tra i fattori endogeni le capacità motorie (quali la forza e la coordinazione, cioè quei presupposti funzionali presenti in misura differente in ogni individuo e che gli consentono l'esecuzione di azioni fisico-sportive, …), le caratteristiche antropometriche, i sistemi e gli apparati fisiologici e funzionali. Il fattore esogeno che più influenza la prestazione sportiva è, ovviamente, l’allenamento e quindi le caratteristiche ambientali che lo rendono possibile e lo condizionano (Nàdori) (8). L’orientamento futuro va in direzione dell’ingegneria genetica e della diagnostica molecolare che sembra permettere l’ottenimento di informazioni sugli aspetti genotipici e fenotipici della prestazione sportiva (Breitbach) (9). Più praticabile per i nostri scopi la tesi del canadese Fronçoys Gagnè (10) riportata da Roel Vaeyens al Seminario Internazionale sul Talento organizzato a Roma nel 2011 dal Coni, che definisce il talento come l’abilità di un individuo di saper utilizzare delle capacità, sviluppate in modo sistematico, a un livello tale da posizionarlo su un 10% migliore rispetto agli altri partecipanti. Mette, cioè, in evidenza la popolazione di riferimento, che è rappresentata da “altri individui della stessa età già coinvolti nella disciplina specifica” e non dalla popolazione potenziale. Quindi quando si parla di identificazione del talento ci si riferisce a quel processo di selezione tra atleti della stessa età o categoria già praticanti. Mentre il termine “reclutamento del talento” viene riservato alla selezione nella popolazione dei non praticanti (11). Ma forse la sintesi migliore di convinzioni ampiamente condivise l’ha fornita Angelo Zamperin, già capo settore salti della Fidal, al convegno di San Vincenzo (LI) del 2012: “il concetto di talento è istintivo e facilmente associabile alla prestazione. Sarebbe invece auspicabile e molto più corretto e funzionale, associarlo a una prospettiva di prestazione, considerando oltre che le qualità fisiche e strutturali, le abilità e le qualità psicologiche fondamentali in un percorso di medio e lungo termine. Le probabilità di maturazione e salvaguardia delle caratteristiche emerse o latenti di un talento, sono fortemente condizionate dal percorso educativo-metodologico del piano organizzativo dell’allenamento” (12). Il talento, quindi, non più concepito come un concetto statico legato a una prestazione, ma con un significato dinamico, rapportato a un insieme di parametri che proiettano la prestazione nel futuro, in un procedimento finalizzato a una trasformazione nella quale è coinvolta tutta la personalità dell’atleta, in quello che Winfried Joch definisce processo di “specificazione” (13). IDENTIFICAZIONE DEL TALENTO SPORTIVO Pur non esistendo a tutt’oggi una teoria scientificamente valida per elaborare un pronostico delle capacità potenziali di un atleta, diventa comunque importante capire quali debbano essere i prerequisiti necessari a diventare un atleta d’élite, vale a dire quali possano essere i parametri diagnostici atti a sviluppare previsioni con ragionevoli probabilità di successo. Al riguardo, i tanti studi effettuati sull’argomento sembrano convergere su alcuni, pochi, indicatori. Prestazione - Essendo l’atletica leggera, insieme al nuoto, lo sport di prestazione per eccellenza, non si può prescindere dall’individuare nel risultato conseguito uno di questi indicatori, anche se diverse indagini su altri sport, specie giochi di squadra, tenderebbero a escluderlo. Infatti l’efficacia predittiva di tale parametro viene inficiata da almeno due fattori: dalla maturazione precoce di qualche elemento fisiologico che può falsare l’attendibilità della prestazione e dalla poca stabilità di alcuni altri valori destinati a cambiare durante la pubertà e l’adolescenza. Si ipotizza che nell’età giovanile l’autentico talento non abbia bisogno di sfruttare al massimo una o più delle abilità di base, come la forza o la resistenza, ma, al contrario, eccella semplicemente utilizzando al meglio le proprie momentanee risorse (Hohmann) (14). (continua a pagina 12)


PG

Articolo tratto dal n° 238 della rivista "Nuova Atletica - Ricerca in Scienze dello Sport", periodico bimestrale edito a cura del Centro Studi Nuova Atletica dal Friuli e pubblicato in occasione del 40° della rivista. Rielaborato dall'autore.

Dossier: la ricerca del talento nell’atletica leggera A condizionare la prestazione concorre, poi, la specializzazione precoce. Alcuni studi hanno dimostrato che soggetti specializzati tardi possono raggiungere livelli di prestazione più elevati rispetto ad atleti specializzati prematuramente, la cui carriera presenta un forte incremento iniziale della prestazione, una breve fase di prestazioni altissime e, infine, una rapida caduta dei risultati e una fine anticipata (il burn-out anglosassone). Ad esempio, i velocisti che si sono specializzati in età precoce ottengono prestazioni chiaramente superiori fino al 19° anno di età, per poi subire un rapido calo e cedere il passo ad atleti che hanno ricevuto una preparazione conforme al proprio sviluppo (Feige) (15). Allenabilità - Un ruolo ben più importante ma spesso trascurato nel pronostico delle possibilità potenziali di un atleta viene attribuito al ritmo di crescita delle abilità motorie. Già nel ’73 il sovietico Siris (16) metteva in relazione le prestazioni dell’età adulta al ritmo di crescita delle qualità motorie di base, dove importante non è il livello iniziale di dette capacità ma il rapporto tra questo livello e il loro ritmo di crescita, cioè la loro allenabilità. Nella stessa direzione, quello della velocità di sviluppo della performance, vanno il già citato Hohmann e le ricerche di Bouchard, Malina e Pérusse (17) che indicano nella capacità di risposta all’allenamento il fattore innato più importante. Coltivare il proprio talento finisce per essere fondamentale al pari dell’ereditarietà, e il ruolo della pratica intenzionale risulta dominate. La pratica deliberata, o deliberate practice, è un termine coniato dallo psicologo svedese Anders Ericsson (18) per sottolineare l’influsso della qualità della pratica anziché la sua quantità, avendo riscontrato che i miglioramenti non sono la semplice conseguenza di un alto numero di ripetizioni di un determinato gesto, ma piuttosto del modo in cui questo è stato realizzato.Teoria confermata da Regnier, Salmela e Russell che verificarono come l'influenza della pratica deliberata avesse un effetto molto più elevato sulle prestazioni atletiche di quanto ipotizzato fino ad allora (19). Due gli elementi chiave: l’individuazione di quelle competenze che una volta acquisite e perfezionate permetteranno di gareggiare ai massimi livelli e la volontà di sfidare continuamente i propri limiti. Tolleranza ai carichi di lavoro - “Risolvere il complesso problema dell’attività fisico educativa di un giovane nell’età dello sviluppo, pensando che una semplice riduzione delle intensità e dei volumi di lavoro (…) rispetto a quelle di un campione adulto, mettendo così al riparo la struttura in crescita, possa essere sufficiente, è una distorsione impropria e pericolosa, che purtroppo non è infrequente, considerata la mancanza di contenuti mirati all’attività sportiva nelle fasce dello sviluppo che si è reiterata nei nostri Corsi per tecnici di primo livello. Non ci si può contentare di non aver provocato danni fisici…”. Così Carlo Vittori (20) riguardo la strategia del carico di lavoro per giovani talenti. In effetti, il presupposto essenziale per il miglioramento della prestazione nel medio/lungo periodo è la stabilità della salute e dell’integrità fisica che deriva dalla conoscenza della “capacità di carico” di ogni singolo atleta. La capacità di carico è una funzione dei diversi sistemi e tessuti dell’organismo e della loro tolleranza verso i carichi e le richieste di prestazione sportiva, nonché la base per ulteriori adattamenti di carattere globale, cioè la capacità di un atleta di tollerare carichi di lavoro elevati senza finire sovrallenato o subire infortuni. Tre le categorie essenziali che individuano la capacità di carico: quella generale dell’organismo, quella meccanica e quella dei sistemi che sono determinanti per la prestazione (Fröhner) (21). Mentre i metodi per la valutazione della capacità dei sistemi che determinano la prestazione possono venire applicati dall’allenatore, per valutare quale sia la capacità di carico generale dell’organismo e quella meccanica si deve ricorrere a diagnosi medicosportive e fisioterapiche con la conclusione che, se si vuole garantire la capacità di carico nell’allenamento giovanile di alto livello, è inevitabile un lavoro di gruppo tra allenatore, medico, fisioterapista, e che coinvolga anche i genitori (22). (continua a pagina 13)

12


PG

13

Articolo tratto dal n° 238 della rivista "Nuova Atletica - Ricerca in Scienze dello Sport", periodico bimestrale edito a cura del Centro Studi Nuova Atletica dal Friuli e pubblicato in occasione del 40° della rivista. Rielaborato dall'autore.

Dossier: la ricerca del talento nell’atletica leggera SOSTEGNO AL TALENTO SPORTIVO Il coinvolgimento di figure professionali esterne al mondo sportivo propriamente inteso ci introduce direttamente all’argomento del sostegno al talento sportivo, che trova tra i principali fondamenti la sorveglianza medica, in un concetto di tutela della salute che non si limita all’intervento postinfortunio, ma, in una visione più ampia, ne riconosce la funzione di tutela dell’atleta con interventi che permettono di poter tarare in maniera personalizzata i carchi di allenamento, i recuperi, la rigenerazione e l’alimentazione. Quasi ad anticipare la ‘Dichiarazione di Gand’ del 2004 sull’etica nello sport che, al punto 3, riconosce come lo sport possa anche produrre effetti negativi e che misure preventive sono necessarie per proteggere i giovani (23). L’importanza di mantenere l’atleta in condizioni di buona salute ed efficienza fisica si può comprendere meglio se andiamo a calcolare il lasso di tempo che separa l’inizio dell’attività agonistica dal raggiungimento delle massime prestazioni. Sembra siano dieci anni, a sentire il già citato psicologo Ericsson, autore, tra gli altri lavori, della “teoria delle 10 mila ore” (24). Tante, infatti, ne servono di addestramento per arrivare a eccellere nei diversi settori della vita. E nella realtà sportiva questa teoria sembra trovare conferma negli studi statistici sui medagliati olimpici. Un fondamentale contributo al sostegno del talento deriva, poi, dall’ambiente dove l’atleta si forma. Se appare banale sottolineare l’importanza della facilità di accesso e di fruizione di strutture sportive adeguate e di quelle complementari all’allenamento (assistenza tecnologica, università, centri medici e di riabilitazione fisioterapica, terme e saune, …) e del ruolo della scuola sia come elemento formativo che incentivante, i sociologi individuano soprattutto nella famiglia un elemento basilare. Il ruolo decisivo dei genitori non è di mero supporto economico, pur fondamentale, o logistico come il trasporto agli allenamenti e alle trasferte, ma consiste nel sostenere i figli in termini di stabilità psicologica e nel farli proseguire negli studi. Fino ad arrivare a rappresentare un vero e proprio contributo alla performance, come emerge dai risultati descritti da Poppleton e Salmoni (25) studiando le differenze in età giovanile tra nuotatori di talento, altri atleti di minor successo e soggetti non praticanti nuoto agonistico. Ebbene, lo scarto tra i tre gruppi è risultato tanto maggiore in funzione dell’incoraggiamento e delle aspettative dei genitori. In quel lungo processo che è il percorso di crescita di un atleta, vi sono alcune tappe significative che tutti attraversano e che favoriscono lo sviluppo del talento. C’è chi, come il CS4L, il Canadian Sport for Life, ha pensato di strutturare questo iter e con la denominazione di Sviluppo a Lungo Termine dell’Atleta (26) ha elaborato un progetto adottato poi anche da altre importanti organizzazioni sportive, fra cui lo stesso comitato olimpico inglese in preparazione delle passate Olimpiadi del 2012. Per l’adolescenza prevede tre fasi: Fase dell’Allenarsi all’Allenamento, 12/16 anni; Fase dell’Allenarsi a Competere, 16/18 anni; Fase dell’Allenarsi a Vincere, + di 18 anni. Ognuna di queste fasi, con proprie caratteristiche tecniche e pedagogiche, dovrebbe prevedere allenatori con competenze diverse in funzione dei soggetti seguiti e degli obiettivi da raggiungere. Ne consegue che gli atleti di talento dovrebbero avere tecnici di livello nonostante la loro giovane età in considerazione del ruolo centrale che riveste la figura dell’allenatore, presupposto per ogni ulteriore sviluppo. Investire in direzione della crescita culturale dell’istruttore sta diventando imperativo categorico per le federazioni e per le società sportive tanto da spingere Bernard Barth (27) ad affermare che nello sport di alto livello ha un futuro solo chi è in grado di formare allenatori idonei a operare con giovani talenti. E, in quest’ottica, preconizza la figura dell’“allenatore di talenti”. (continua a pagina 14) TORNA INDIETRO


PG

14

Articolo tratto dal n° 238 della rivista "Nuova Atletica - Ricerca in Scienze dello Sport", periodico bimestrale edito a cura del Centro Studi Nuova Atletica dal Friuli e pubblicato in occasione del 40° della rivista. Rielaborato dall'autore.

Dossier: la ricerca del talento nell’atletica leggera La selezione degli atleti in funzione delle loro capacità è un processo delicato e difficile, una materia complessa che è trasversale a diverse discipline, anche perché il più delle volte una prestazione è la risultante di una combinazione di fattori. Complesso è portare a maturazione un atleta che dimostri buone attitudini come altrettanto difficile è il contenere il fenomeno del drop-out, molte volte conseguenza proprio della mancanza di risultati. I tre fondamenti proposti in queste pagine, definizione, individuazione e sostegno del talento, pur se appena accennati, indicano delle coordinate comunque utili per procedere in un problema che rimane aperto e che potrà trovare forse soluzione solo nella collaborazione e nell’apporto delle diverse componenti del movimento atletico. Magari riflettendo intorno all'affermazione di Oliviero Beha: “Una nazione che non ha una forte cultura dell’atletica non ha un futuro sportivo”. Mario Gasparetto

Bibliografia: 1 Pagnozzi Raffaele, Segretario Generale Coni, Seminario sul Talento, Roma 5 aprile 2011 2 Maleville Fulvio: “La specializzazione (precoce). Siamo riusciti a trasformare un obiettivo in un problema”. Nuova Atletica, n° 233/234. 3 Cfr. http://www.fidal.it/upload/old_files/atleticavaascuola.pdf 4 De Anna Elio “Nuove linee di intervento della Fidal per la promozione, il reclutamento e la ricerca dei talenti” Atleticastudi 2/94 5 Lloyd B., Blinded by science, Inside sport, 1995 6 Tschiene Peter “Riflessioni critiche sulla ricerca e la promozione dei talenti” Atleticastudi 2/81 7 Wlodzimierz Starosta: Il sistema moderno di ricerca del talento nello sport competitivo. SdS, Scuola dello Sport, Rivista di cultura sportiva n° 62-63 2004 8 Nàdori László, Il talento e la sua selezione,1985 9 Breitbach, Sarah, Johannes Gutenberg - Universität Mainz (DE), Talentidentifikation im Sport: Chancen und Probleme der Sichtung, genetischen Selektion und molekularen Diagnostik. Leistungssport 2011 10 Gagné Francoys, My convinction about nature of human abilities, gifts and talent, Journal for the Education of the Gifted, 1999 11 Vaeyens Roel: Talent identification and development programmes in sport: current models and future directions. Department of Movement and Sports Sciences, Faculty of Medicine and Health Sciences, Ghent University, Ghent, Belgium. 2008 12 Zamperin Angelo, Dall’attività giovanile all’alta prestazione, quale allenamento? 13 Joch Winfried, Institut für Bewegungswissenschaft der Westfälischen Wilhelms-Universität Münster: Das sportliche Talent (1986) 14 Hohmann Andreas, Potsdam, Germania, 2003 15 Feige Karl, Leistungsentwicklung und Hochstleistungsalter von Spitzenlaufern, 1978, e Leistungsentwicklung und Höchstleistungsalter als empirische Basis für Optimierung der Talentförderung 1981 16 Siris P.S., Teorija I praktika fisitscheskoi Kulturi, Mosca 1973 17 Bouchard Claude, Malina Robert M., Pérusse Louis, Genetics of Fitness and Physical Performance, 1997 18 Ericsson K. Anders,The Road to Excellence:The Acquisition of Expert Performance in the Arts and Sciences, Sports and Games, 1996 19 Regnier, G., Salmela, J. H. & Russell, S. L., Talent detection and development in sport, 1993 20 Vittori Carlo, Alcuni fondamenti dell'allenamento sportivo giovanile, Atleticastudi 1/2006 21 Fröhner Gudrun, Sportmedizin: Ratgeber für die Prävention, Mineralreport 1996 22 SdS,Scuola dello Sport, Rivista di cultura sportiva, Anno XX n°51 23 “Panathlon Declaration on Ethics in Youth Sport” - Ghent, 24 September 2004 24 Cfr: Gladwell Malcolm, Fuoriclasse, storia naturale del successo, Mondadori 2009 25 Poppleton W.l. & Salmoni A.W., Talent identification in swimming, 1991 26 http://www.canadiansportforlife.ca, CS4L Canadian Sport for Life, LTAD, Long Term Athlete Development 27 Barth Bernard, Il profilo atteso di un allenatore di talenti, SdS, Scuola dello Sport, Rivista di cultura sportiva n° 89 2011 TORNA INDIETRO


PG

15

IL NUMERO VERDE 8 0 0 2 8 3 1 1 0 DEL “SALVABEBE’”

Intesa AICS - “Salvabebè Salvamamme” per i diritti civili e per le pari opportunità Istituito presso il reparto di Patologia Neonatale, è stato attivato il 5 aprile 2002 il numero verde 800283110, recepito e sostenuto dai vari Direttori Sanitari che si sono succeduti a capo dell’Azienda Ospedaliera. Il riferimento è da sempre il dott. Maurizio Gente. All’800283110 rispondono ostetriche e medici qualificati, i quali riferiscono che negli anni il numero di chiamate è cresciuto progressivamente fino ad arrivare attualmente fino a 2 telefonate al giorno pertinenti (più molte altre che non La Presidente dell’Associazione “Salvamamme” Maria Grazia Passeri vengono conteggiate perché non strettamente riguardanti la gravidanza). Attraverso il numero verde si forniscono informazioni relative al parto in anonimato, si raccolgono richieste di gestanti in condizioni di difficoltà sia materiale sia psicologica, con gravidanze a rischio, si ascoltano donne che non sanno dove e come partorire, come affrontare la maternità o come accudire i propri figli neonati che manifestano sintomi preoccupanti. L’organizzazione dell’U.O.C. (Unità Operativa Complessa) di Terapia Intensiva Neonatale, comprende anche il Servizio di Trasporto di Emergenza Neonatale (STEN), che opera con tempestività nei casi di urgenza neonatale. La collocazione del numero verde in tale contesto si è rivelata particolarmente adeguata soprattutto nei casi di telefonate a contenuto di estrema urgenza; in tali casi, infatti, lo STEN viene attivato subito, senza filtri intermedi, e l’intervento dei sanitari é immediato. Per tutti gli altri casi di chiamate, è difficile avere un riscontro a posteriori dell’esito, positivo o meno, dell’intervento telefonico. Infatti per ovvi motivi di riservatezza, non è prevista la registrazione dei dati delle donne che si rivolgono al Numero Verde, anche al fine di non vanificare l’efficacia di questo strumento di aiuto alla donna che è utilizzato in quanto viene garantito l’anonimato dell’interlocutore. Salvamamme grazie a segnalazioni provenienti dal Numero Verde, che ha inviato mamme in condizione di estrema disperazione e pericolo alle nostre operatrici, ha potuto salvare non solo alcuni bambini, ma anche le loro mamme vittime della depressione post partum o in condizione di emergenza estrema. TORNA INDIETRO


PG PG

16

PUBBLICHIAMO UN PRIMO ELENCO CHE SARA’ COSTANTEMENTE AGGIORNATO

Le proposte dell’AICS per le vacanze ecosportive Il fenomeno dello sport sociale Lo sport non è più solo agonismo o esibizione di abilità, bensì supporto indispensabile in una nuova visione della qualità della vita che ha “contagiato” milioni di proseliti di ogni età determinando un fenomeno di costume e di massa. Il 52,2% dei praticanti svolge un'attività sportiva nelle palestre o in altri impianti al chiuso. La percentuale è la media fra le preferenze femminili (72%) e maschili (43%). La maggioranza del pubblico che frequenta le palestre è senza dubbio femminile. Ma con alcune importanti variabili che riguardano le fasce di età: oggi il concetto di sport coincide sempre più con una molteplicità di attività sportive che trova i suoi punti di forza nella ricerca del benessere psicofisico, nel miglioramento della propria salute e nell’esigenza di relazionarsi con il prossimo. Un interessante dato statistico conferma il cambiamento radicale intervenuto in questi ultimi anni. Gli uomini over 60 che frequentano le palestre sono il 9,3% dei praticanti mentre le donne over 60 rappresentano il 69,8%. Soffermiamoci su queste rilevazioni per una riflessione sul ruolo sociale che svolgono gli Enti di Promozione Sportiva. Lo “sport per tutti” ha consentito la partecipazione all’attività motoria superando anacronistiche barriere di censo e di età. Nella graduatoria delle "buone abitudini" la pratica sportiva registra un’escalation ormai inarrestabile: giovanissimi, donne, anziani, sacche tradizionalmente emarginate (fra cui la disabilità fisica e psichica) costituiscono la punta più avanzata della nuova domanda sociale. Quest’analisi, sebbene telegrafica, è indispensabile per comprendere come le proposte estive dell’AICS siano sempre più settorializzate con la conseguente specificità dell’orientamento formativo per gli operatori: si è ormai consolidato il tandem sportvacanza. In questi ultimi anni si sono moltiplicate le proposte estive per dare risposte adeguate alla crescente domanda di salutismo, di sport nel verde, di ecoturismo. Alle tradizionali fasce di utenza si è aggiunta la terza età in forte espansione.

Le settimane azzurre Le settimane azzurre in località marinare propongono attività sportive (nuoto - sub - vela - windsurf, ecc.), itinerari ecoturistici e seminari sulle tematiche dall’ambiente marino. Fra le proposte più interessanti: Ancona "Andar per mare" ed "Adotta un litorale", Marina di Gonnesa - Cagliari (progetto “Campo Robinson”), Forlì "Estate insieme", Lignano Sabbiadoro (Udine) organizzata dal Comitato di Belluno (progetto “AICS Azzurro”), “Settimana Azzurra” a Cesenatico organizzata dal Comitato di Modena, Marina di Pisa (Pisa), Porto Turistico di Ostia Lido (Roma) “Sport Village For You”. TORNA INDIETRO

14


PG

17

PUBBLICHIAMO UN PRIMO ELENCO CHE SARA’ COSTANTEMENTE AGGIORNATO

Le proposte dell’AICS per le vacanze ecosportive Le settimane verdi Le settimane verdi per i giovanissimi, strutturate in campus, coniugano insieme sport, ambiente e tempo libero. La formula standard prevede attività sportive, escursioni naturalistiche, animazioni ludico-ricreative, laboratorio artistico e giochi tradizionali. Quest’anno, sulla spinta di una crescente etica ecologica, saranno realizzati corsi di educazione ambientale (propedeutici alle nuove professioni verdi) e corsi di prevenzione anti-incendio per tutelare il grande patrimonio delle oasi naturalistiche nel nostro Paese. Fra le proposte più interessanti: Ampezzo Carnico (Udine), Chieti "Abruzzo Camp", Padola (Belluno), Perugia "La collina del sole e del vento",Vicenza "Festa del solstizio d'estate".

I soggiorni estivi I soggiorni estivi - organizzati in collaborazione con gli enti locali - registrano una crescita considerevole. Si utilizzano gli impianti sportivi comunali e le palestre scolastiche. I ragazzi sono seguiti da animatori sportivi, maestre di asilo e di scuola elementare, assistenti bagnanti ed altri operatori qualificati. Alcune proposte dell'AICS sono aperte anche ai disabili come "Estate per tutti" a Piacenza. Fra le proposte più interessanti: Agrigento "D'estate con noi", Alessandria “Centro estivo AICS-Wildtrack”, Bologna "Estate in città", Catania “La città dei ragazzi Village”, Catanzaro, Cuneo “Camp estivo di judo”, Firenze “Il paese dei balocchi”, Grosseto, Isernia “Meeting del Bosco Fruscio”, Lucca "E…state in compagnia" e “Un’estate di giochi e di sport”, Modena “Centro estivo wu shu”, Napoli "Ragazzi in città" e “Summer Camp” (il più grande campo estivo in Italia), Novara “Street Camp 2013”, Padova, Pistoia "Giochestate", Roma "Villaggio del benessere" e “Centri estivi AICSTeatro Sette”, Salerno "Giochi senza quartiere", Siracusa "Sport e solidarietà",Torino "Cogli l'estate" e “Centro estivo Massari”,Treviso, Udine “Centro estivo Tavagnacco”, Verona "Viviamo insieme le nostre età", Vicenza “Campus estivo di arti marziali Shaolin”.

Sport e turismo per la terza età In costante ascesa lo sport per la terza età (abbinato a pacchetti estivi di turismo sociale). L'AICS ha formato operatori specializzati per ottimizzare i servizi associativi a favore dell'utenza anziana. Le proposte comprendono attività motoria con l’assistenza di geriatri ed osteopati, seminari su tematiche relative alla qualità della vita, momenti di socialità, escursioni turistiche e culturali, ecc. Fra le proposte più interessanti in questo settore segnaliamo Brescia, Firenze, Lucca, Maiori (Salerno), Modena, Novara, Palermo, Parma, Siracusa e Trapani. TORNA INDIETRO


PG

18

FINESTRA CONOSCITIVA SUI COMITATI REGIONALI E PROVINCIALI DELL’ AICS

Intervista al Presidente del C.P. AICS di Cosenza Lorenzo Trotta In questo numero di “AICS On Line” intervistiamo il Presidente del Comitato Provinciale di Cosenza, Lorenzo Trotta. D.: Quali attività propone il vostro Comitato? R.: In sintonia con le linee guida dell’Associazione, il nostro Comitato offre momenti formativi, di svago ed, in alcune circostanze, anche di avviamento al lavoro. Le varie attività messe a disposizione dal nostro Comitato, infatti, danno la possibilità ai tesserati di svolgere il proprio compito in piena autonomia, andando a ricercare le soluzioni migliori per un’azione qualificata, apprezzata all’interno del territorio ed, in tante occasioni, anche all’esterno. D.: Quanti circoli conta il Comitato Provinciale di Cosenza? R.: Il Comitato conta circa 39 circoli. D.: In quali settori è suddivisa l’attività del Comitato? R.: I maggiori settori di cui ci occupiamo sono quelli riguardanti lo Sport, la Gastronomia, il Turismo, la Cultura e le Politiche Sociali. D.: Quali sono gli eventi riguardanti il settore sportivo? R.: Nel campo dello sport, un’iniziativa che tutti i nostri circoli inseriscono fra le attività da svolgere è quella organizzata dalla Polisportiva Arvo Lorica da Lorica (CS): ogni anno viene programmata una manifestazione interregionale di sci sempre apprezzata tanto dagli atleti quanto dal numeroso pubblico che assiste alle gare. Inoltre il Campionato Provinciale di calcetto, curato dalla Polisportiva “Domanico di Domanico”, raduna giovani di diverse età nei tornei di questa disciplina sportiva. La manifestazione consente di vivere non solo momenti sportivi, ma anche momenti di pausa per ammirare le bellezze del luogo. Abbiamo, ancora, 8 scuole di ballo che organizzano tante attività. Fra queste, in particolare, l’asd Aurora di Amantea e With Use da Longobardi si ritrovano insieme alle altre e partecipano alla grande manifestazione “Scuole di ballo in Festival”, organizzata dal Comitato Provinciale di Cosenza, che conta oltre 150 atleti. D.: Quali circoli si occupano, invece, del settore gastronomico? R.: I circoli che si occupano di questo settore sono 7, tutti ben organizzati e capaci di svolgere la loro attività con entusiasmo e conoscenza della materia. Tra questi, in particolare, il Circolo Obladi di Domanico, il Circolo il Calice da Lago e il Number One da Cariati organizzano vere e proprie sagre di prodotti gastronomici locali molto graditi ai tanti spettatori presenti. D.: Chi si occupa del settore turistico e culturale? R.: In campo turistico, i Circoli Cinquestelle da Domanico e il Number One da Lago sono fra gli organizzatori di gite turistiche che offrono la possibilità ai propri tesserati di conoscere le bellezze dell’Italia. In campo culturale, invece, le molteplici iniziative sono organizzate da 6 circoli.Tra le più importanti annoveriamo quella promossa dal Circolo Kermesse e Cultura da Acri, promotore dell’evento dal nome “Palio di Acri”. Inoltre, il Circolo Officina della musica si occupa di una scuola che vede 25 giovani impegnarsi nel canto. D.: Il Comitato è anche impegnato sul campo delle Politiche Sociali? R.: Il settore delle Politiche Sociali è affidato al circolo Fisiodinamic e al Club Rojal da Lago da Castrovillari che organizzano la manifestazione dal nome “Uniamoci”. L’evento consente ai ragazzi svantaggiati e provenienti da altre nazioni di ritrovarsi fra di loro, conoscersi e scambiarsi momenti di vita nella loro terra. Vittoria Degli Angioli TORNA INDIETRO


P

PG

19

OSSERVATORIO PER LE PARI OPPORTUNITA’

Essere o apparire: la dicotomia amletica dell’emancipazione muliebre Essere o apparire? “Questo è il problema”. È stata definita “Moderna e Civile” la scelta della Rai di non mandare in onda Miss Italia. Con queste parole, la Presidente della Camera Laura Boldrini ha sposato la decisione, presa da parte della televisione di Stato, di rinunciare allo storico concorso di bellezza. “I tempi sono maturi per pensare a una legge.” – ha dichiarato la Boldrini e per farlo ha scelto un convegno sui femminicidi – “Sono state già presentate alla Camera due proposte, una sulla pubblicità ingannevole e una sulla tutela della dignità della donna, nella pubblicità e nella comunicazione”. Infatti, la grande scatola televisiva, oggi, ha finito per proporre un unico modello di femminilità, vuoto ed inconsistente, basato solo sull’apparenza. Sono, quindi, rimaste ai margini quelle figure di donne che, pur non avendo fisici perfetti da esibire, hanno scelto di “essere”. Il piccolo schermo mostra una realtà distorta, in cui la donna-icona è retrocessa ad oggetto a disposizione di un uomo che – affidabile e assennato – si sente in dovere di occupare gli schermi con la parola di cui la donna, molto spesso, è privata. In televisione, ha espresso la presidente Boldrini, “c’è una par condicio che viene violata assai più frequentemente di quella politica, ed è quella tra i generi e la loro rappresentazione. Solo il 2 per cento delle donne in tv esprime un parere, parla. Il resto è muto, spesso svestito e non ha modo di esprimere un’opinione”. Così, stando anche ai dati AlmaLaurea (nel rapporto sulla condizione occupazionale dei laureati italiani), le donne risultano ancora penalizzate nel mondo del lavoro (così come in televisione) e, a tal proposito, Andrea Cammelli direttore di AlmaLaurea afferma che siamo di fronte “ad un ritardo culturale e civile del Paese”. Ma per modificare il ruolo che la donna viene ad assumere, oggi, nell’immaginario collettivo, è necessario intervenire, non solo con proposte giuridiche, ma anche con progetti educativi. Il fenomeno che sta prendendo piede nella nostra epoca ha, infatti, il nome di “colpo di coda del patriarcato” e rappresenta la difficoltà di alcuni uomini di accettare l’ultima parte del cammino verso una reale emancipazione femminile. Vittoria Degli Angioli TORNA INDIETRO


PG

22 PG PG

20

DISCIPLINE EMERGENTI

Movimenti antigravitazionali con il queenax modular training system Il queenax modular training system è un allenamento più che funzionale in quanto si serve di una struttura che permette numerosi tipi di allenamento in sospensione: fa lavorare il corpo in modo globale sfruttando il proprio peso corporeo e la forza di gravità per sviluppare forza, equilibrio, flessibilità e coordinazione. Questo training permette di lavorare a 360° per mezzo di esercizi che rendono i muscoli più “intelligenti” e il corpo più agile: tutto ciò svilupperà l’equilibrio muscolare, rafforzerà il core, garantendo l’ottimizzazione della performance e della vita quotidiana, il miglioramento dell’estetica, ma soprattutto la prevenzione di possibili infortuni. Ed è un ottimo allenamento per tutti. La QMTS 1.0, struttura nuova nel suo genere, specifica per l’allenamento funzionale e in sospensione, è nata nel 2010. L’anno successivo, con la presentazione della QMTS 2.0, struttura patent pending, Queenax ha vinto l’Innovation Award 2011, e a FIBO 2013 tantissima curiosità e grande attesa per la presentazione del nuovo modello Queenax Multy Training System 3.0. Un prodotto dal design futuristico con delle logiche di produzione rivolte a processi di industrializzazione tali da consentire un montaggio più agevole, facilitandone anche il trasporto, aspetto di rilievo per un’azienda che sta conquistando il mondo. E in quest’ultimo anno Queenax è riuscita ad essere presente nei cinque continenti. Non è un attrezzo, è un’innovazione strutturale . Soffitto, pavimento, pareti e colonne diventano interattivi. Queenax offre infinite applicazioni per ogni tipologia di attività e di allenamento funzionale. L’unico, originale al mondo, in grado di far oscillare, sospendere, far fare trazioni e non solo, eliminare o moderare l’effetto della legge di gravità. Attraverso il Queenax Modular Training System, una struttura multifunzione, la palestra può facilmente e velocemente trasformarsi ed ospitare differenti tipi di corsi, come quelli in sospensione pensiamo all’Antigravity, o al trapezio e al cerchio, è adatta anche per l’allenamento funzionale per il Crossfit e per utilizzare il TRX, si possono agganciare i sacchi per la boxe, e naturalmente anche i pali per la pole dance. Se il problema nell’aprire uno studio di pole dance è l’altezza dei soffitti, Queenax lo risolve ma non solo. I pali da pole dance si tirano giù nel momento del bisogno e si ritirano su quando non servono. In questo modo oltre a non essere vincolati dall’altezza del soffitto non dovrete più preoccuparvi di smontare i pali finita la lezione e rimontarli il giorno dopo. Una soluzione tecnologica, pratica e funzionale. Luca Di Gregorio TORNA INDIETRO


PG

PG

21

L’avv. prof. Michele Di Cesare è docente di Politiche Comunitarie presso la Megatrend University di Belgrado. Ricopre incarichi di esperto a Bruxelles presso il CESE (Comitato Economico Sociale Europeo). Sulle tematiche europee ha pubblicato numerosi libri fra cui “Piccole e medie imprese in Europa”, “Il sistema Europa”. E’ Direttore Scientifico dell’ASFE (Alta Scuola Formazione Europea) e della Scuola Europea AICCRE.

Indagine della Commissione europea sul trend del consumismo alimentare La Commissione europea ha pubblicato il 15 luglio scorso un comunicato con il quale ha avviato una consultazione pubblica su “ambiente e cibo: quale futuro per il nostro sistema alimentare?”. Il dato fornito dalla Commissione sono che in Europa ogni anno sprechiamo circa 89 milioni di tonnellate di cibo, nonché la “tabella di marcia per un’Europa efficiente nell’impiego delle risorse” pubblicata il 20 settembre 2011 dalla stessa Commissione che raccomanda misure per produzione e consumi alimentari più sostenibili e sani, e di dimezzare in UE, entro il 2020, rifiuti alimentari ancora sicuri da mangiare. La tabella di marcia indica che la Commissione valuterà il modo migliore per ridurre i rifiuti in tutta la catena di approvvigionamento alimentare e di esplorare le opportunità per ridurre l'impatto ambientale dei modelli di produzione e consumo di cibo. Mr. Janez Potočn ik, membro della Commissione europea responsabile per l'ambiente, ha riferito che: "Da un punto di vista morale ed economico, questa situazione è inaccettabile e diventa ancora più scioccante se si considera il volume effettivo delle risorse utilizzate per produrre gli 89 milioni di tonnellate, e come facciamo anche a sprecare tutte queste risorse. E’ qualcosa di sbagliato con il sistema". Il cibo è essenziale per la vita. E 'una parte essenziale della nostra identità culturale e svolge un ruolo importante per l'economia, ma un numero crescente di studi mettono in discussione la sostenibilità delle attuali tendenze nella produzione e nel consumo di alimenti. Il sistema alimentare ha un impatto significativo sull'ambiente, in particolare a causa delle emissioni di gas a effetto serra, l'uso delle risorse del suolo e dell'acqua, l'inquinamento, l'esaurimento di fosforo ed effetti chimici come erbicidi e pesticidi. Per questo motivo la Commissione europea chiede l’opinione dei suoi cittadini sul sistema europeo di produzione e consumo del cibo. La consultazione si rivolge a soggetti interessati, cittadini, imprese, ONG e autorità pubbliche che hanno idee sulle misure immediate che potrebbero essere adottate per ridurre i rifiuti alimentari e, più in generale, su come garantire un uso efficiente risorse nel nostro sistema alimentare. Queste idee contribuiscono allo sviluppo di una comunicazione sul cibo sostenibile, che sarà pubblicata entro la fine dell'anno. La consultazione si concluderà il 1° Ottobre 2013. Ai partecipanti viene chiesto di specificare quali dovrebbero essere i settori prioritari, come misurare gli effetti della produzione di cibo, i modi migliori per promuovere catene di produzione e di approvvigionamento più sostenibile, come evitare e ridurre i rifiuti alimentari e ridurre lo spreco di risorse di tutta la catena alimentare, e quali possono essere le politiche più adatte per affrontare queste sfide. Quanti intendono partecipare alla consultazione possono farlo inviando la propria opinione ad uno dei seguenti indirizzi: E-mail: ENV-SUSTAINABLE-FOOD @ec.europa.eu Indirizzo postale: European Commission, DG Environment, Unit A1, 'Public consultation on Sustainable Food' B-1049 Brussels (Belgium) Avv. Michele Di Cesare TORNA INDIETRO

20 PG


G

18 PG

INVIA I TUOI QUESITI A

22

aics@confconsumatori.it

AICS & Confconsumatori: dalla parte del cittadino Wind Jet: come votare no al concordato “beffa” «Sono uno dei tanti che un anno fa avevano comprato un biglietto Wind Jet e sono rimasti a terra. Ho saputo che è stato proposto un rimborso irrisorio del 5%. Posso oppormi?» Nei giorni scorsi Confconsumatori ha espresso la propria contrarietà al concordato “beffa” Wind Jet, che prevede per i passeggeri danneggiati l’irrisoria offerta del 5% di rimborso e nessun risarcimento.I passeggeri, dunque creditori, possono esprimere il proprio voto contrario alla proposta nella procedura di concordato preventivo; chi non voterà è come se votasse a favore del piano. Per dare la possibilità a tutti i passeggeri di poter esprimere il proprio voto, anche a distanza, sul sito www.confconsumatori.it, nell’area dedicata al caso Wind Jet, è stata inserita una lettera tipo, con istruzioni complete per la compilazione e l’invio, che potrà essere effettuato direttamente o per tramite dell’associazione che si è messa a disposizione dei passeggeri. COME VOTARE? Il voto contrario si può esprimere: 1) Personalmente a distanza: inviando il modello di lettera per posta con raccomandata a.r., oppure a mezzo di posta certificata,all’indirizzo: concordato.windjet@pec.it; la raccomandata potrà, invece, essere inviata a scelta direttamente al Tribunale (Tribunale di Catania, Piazza Verga, Sezione Fallimentare, Giudice Delegato Dott. A. Caruso, Concordato Preventivo Wind Jet S.p.A.) oppure al Commissario Giudiziale (Avv. Prof. Mario Libertini, Commissario Giudiziale Concordato Preventivo Wind Jet S.p.A., Viale XX Settembre, n. 70, 95100 CATANIA). È consigliabile inviare per conoscenza una copia della lettera di voto contrario a Confconsumatori via fax (0521/285217), via mail (disservizi.aerei@confconsumatori.it) o all’indirizzo Confconsumatori Nazionale, via Mazzini 43 - 43121 Parma. 2) Personalmente all’udienza: presentandosi all'udienza di giorno 19 Luglio 2013, che avrà luogo innanzi al Tribunale di Catania, Sezione Fallimentare. 3) Tramite Confconsumatori: conferendo procura speciale ai legali di Confconsumatori da inviare (in originale) a mezzo posta a: Confconsumatori Sicilia, Viale Libertà, n. 221, Catania. É consigliabile indicare anche un proprio indirizzo di posta elettronica, per ricevere aggiornamenti successivi. In questo caso sarà richiesto di associarsi a Confconsumatori al costo di 2,00 €, corrispondente alla quota del socio “simpatizzante”. A tal fine dovranno compilare il modulo di iscrizione e provvedere al pagamento dell'importo di due euro a mezzo conto corrente postale c/c 14680433 o bonifico bancario IBAN IT66T0623012700000080583841 intestati a Confconsumatori, via Mazzini 43 - 43121 Parma.

---------------------------------------------------------------Fondiaria Sai: massima tutela per i risparmiatori Alla luce dei recenti arresti dei membri della famiglia Ligresti nell’ambito dell’inchiesta Fonsai, la Confconsumatori ribadisce il proprio impegno nella tutela dei risparmiatori. L’associazione sta seguendo il caso dallo scorso ottobre, quando le Procure di Milano e di Torino hanno dato il via a una maxi inchiesta in occasione della fusione Unipol – Fonsai per le condotte di aggiotaggio, falso in bilancio ed ostacolo agli organi di vigilanza che coinvolgevano la compagnia assicurativa Fondiaria Sai, anche attraverso la Holding Premafin. Chi ha investito in titoli Fondiaria Sai, Premafin s.p.a. e Milano Assicurazioni S.p.a., può contattare Confconsumatori, per avviare la battaglia legale, volta alla successiva costituzione di parte civile nei procedimenti penali, per ottenere il risarcimento dei danni. Rubrica a cura di Bianca Maria Sarti Ufficio Stampa Confconsumatori TORNA INDIETRO


PG

23

Terzo Settore: la web tv edita dall’AICS di Foggia per i Comitati e per i Circoli Il Terzo Settore è il terreno su cui si muovono i soggetti di volontariato, è il campo della cooperazione sociale che interpreta l'impegno della cittadinanza organizzata in diversi ambiti. In Italia attualmente vi sono circa 5 milioni di cittadini associati nel Terzo Settore, 400.000 occupati a tempo pieno (pari al numero di lavoratori del settore del credito e delle assicurazioni), più di 300.000 volontari a tempo pieno e il fatturato è pari all'1,8% del Prodotto Interno Lordo. Numeri che testimoniano l’importanza del Terzo Settore, il quale tuttavia è costituito da associazioni ed enti a volte “invisibili” nel tessuto della società civile. Tant’è che spesso ci si interroga addirittura sul significato delle parole “Terzo Settore”. E’ qui che si inserisce il progetto di creare una webtv che dia voce a tutte queste realtà e che sia da supporto per le loro molteplici attività. Ciò viene fatto sfruttando le potenzialità di internet, la più grande rete telematica mondiale, il mezzo di comunicazione che ha dato vita al “villaggio globale” del terzo millennio, la vera “rete globale” in grado di collegare diversi milioni di computer. Terzo Settore.Tv, web tv edita dall’AICS di Foggia, è nata con lo scopo di informare su tutte le realtà presenti in questo variegato mondo, con notizie e contenuti video sull’Associazionismo, noprofit, volontariato, economia sociale, fundraising e tutto ciò che gravita attorno al Terzo Settore. Fu inaugurata il 30 aprile 2011 a Foggia in una cerimonia cui prese parte anche il vice Presidente del Parlamento Europeo, Gianni Pittella. Da quel momento sono stati compiuti grandi passi in avanti, che hanno permesso alla web tv di porsi come punto di riferimento per le realtà no profit sparse sul territorio italiano. Terzo Settore Tv offre servizi di comunicazione integrata, che vanno dallo sviluppo Piani di Comunicazione ad attività di Ufficio Stampa, organizzazione eventi (convegni, seminari, workshop) e Corsi di formazione, anche in modalità E-learning. Terzo Settore Tv offre inoltre SERVIZI STREAMING, con dirette sul proprio sito (www.terzosettore.tv) ed i propri contatti Facebook (http://www.facebook.com/TerzoSettore.TV) e Youtube (http://www.youtube.com/user/tvterzosettore). La web tv edita dall’AICS Foggia è a disposizione per seguire come media partner gli eventi, effettuando registrazioni di trasmissioni, produzioni video, interviste, offrendo un prodotto di alta qualità che si avvale di professionisti della comunicazione. Attraverso delle convenzioni, c’è la possibilità di avere servizi di qualità a contributi spese vantaggiosi per i circoli affiliati AICS.

COLOPHON ”AICS ON LINE” - newsletter settimanale - Anno VII - N. 316 - giovedì 18 luglio 2013 Direttore editoriale: Bruno Molea Direttore responsabile: Ezio Dema Comitato di redazione: Bruno Molea, Luciano Cavandoli, Giancarlo Ciofini, Pietro Corrias, Ezio Dema, Mario Gregorio, Nicola Lamia, Gianfranco Marzana, Elio Rigotto, Maurizio Toccafondi, Ciro Turco, Aneta Zajaczkowska, Massimo Zibellini. Enrico Fora (coordinamento redazionale) - Roberto Vecchione (webmaster) Progetto grafico: Integra Solutions srl Tel. 06/42.03.941 - Fax 06/42.03.94.21 - E-mail: dn@aics.info - Internet: www.aics.info Autorizzazione del Tribunale Civile di Roma n. 302/09 del 18 settembre 2009

I partners istituzionali dell’AICS

La testata “AICS Oggi” ed il relativo supporto elettronico “AICS On Line” sono associati all’USPI (Unione Stam pa Periodica Italiana).

In ottemperanza alle disposizioni sulla privacy (Legge 675 del 31/12/96 modificata dal d.l.196 del 30/06/2003) coloro che non gradiscono ricevere questa newsletter possono comunicare via e-mail o fax e saranno tempestivamente depennati dalla nostra mailing list. TORNA INDIETRO


PG

PGPG 22

27 PG

24

Attività dei Comitati Agrigento – Pugilato Domenica 21 Luglio si svolgerà una manifestazione regionale di pugilato indetta dal C.P. AICS in collaborazione con la Federazione Regionale Pugilistica e l’Asd Iron Klub Akragas di Agrigento. Ancona – Ecopodistica Sabato 27 Luglio si terrà la prima edizione di “Ecopodistica” della Staziò, prestigiosa manifestazione sportiva non agonistica di 10 Km. che sarà seguita dai media nazionali e locali. Ancona – Premiazione Giorgio Sartini, ideatore ed animatore della festa della marchigianità, ha premiato Linda Rossi, la giovane campionessa di pattinaggio, salita sul podio di Portonovo. Arezzo – Gara podistica Domenica 21 Luglio a San Clemente in Valle di Loro Ciuffenna, si terrà la “32^ Scarpinata dei 5 Ponti”, gara podistica per categorie adulti e giovanili, organizzata dalla Pol. Rinascita Montevarchi. Asti – Calcio a 5 Recentemente si è conclusa l’edizione numero cinque del Memorial “Orazio Berlinghieri” di calcio a 5, il Trofeo “Piemonte Carni”. Cresce considerevolmente l’adesione a questo importante evento. Belluno – Evento musicale Sabato 27 Luglio, alle ore 20:45, “La compagnia del Bel Bambin” si cimenterà nello spettacolo “Di fiore in fiore”, un viaggio nelle canzoni popolari d’Europa. Evento folk di alto livello culturale. Lecce - Nuoto in acque libere Si svolgerà domenica 21 luglio 2013 in località Torre dell’Orso la manifestazione natatoria in acque libere articolata in 2.5 km amatoriale e 5.0 km FIN. Un evento di alto livello che polarizzerà i media. Messina – Calcio giovanile La manifestazione di calcio giovanile “XIII Memorial Gulisano”, organizzata dall’AICS di Messina, ha in programma venerdì e sabato le sfide ad eliminazione diretta che determineranno le otto finaliste. Roma – Brazilian Jiu Jitsu No-Gi La due giorni dedicata al Brazilian Jiu Jitsu, che ha avuto come teatro il Palazzetto dello Sport di Roma, ha visto protagonisti oltre 1000 atleti e più di 1500 spettatori sugli spalti. Torino – Spettacoli estivi all’Ippopotamo Per tutti i lunedì sino alla fine di settembre appuntamento all'Ippopotamo di Corso Casale n.17 per la stagione di spettacoli ad ingresso gratuito di “E...State a Torino”, organizzata dall'Opera Rinata. Trapani – Calcio a 5 Recentemente ha preso il via, presso i campi sportivi Forese, il 7° Memorial “Antonio VIA”, torneo di calcio a 5 organizzato dal settore sport del Comitato Provinciale AICS di Trapani. Viterbo – Mostra artistica Il Comitato Provinciale AICS di Viterbo propone la visita alla mostra personale delle ultime opere di Rinaldo Capaldi. La mostra si terrà a Ronciglione per tutto il mese di luglio. Vicenza - Aikido Summer Camp “Sensei Piero Savegnago” Le Associazioni Aikido Wago Dojo ed Aikido Kobayashi Ryu, con il patrocinio del Comune di Cornedo Vicentino, organizzeranno dal 22 al 28 luglio 2013 l’Aikido Camp “Sensei Piero Savegnago” TORNA INDIETRO


Aics on line 316 layout 1