Page 1


Pagina Page 2 2

Gennaio Febbraio

S O M M A R I O

PAROLE IN LIBERTA’ 

Un nuovo inizio………………………………………………….4

Le tre cose da fare assolutamente nel 2013…….…..5

MODA L’uomo che verrà 

Le tendenze maschili del prossimo Autunno-Inverno 2013-14 a Pitti Immagine e Milano Moda Uomo ……….7

Moda Donna 

Voglia di primavera: i colori più cool della prossima stagione………………………10

VIAGGI 

San Valentino alla corte degli Scotti ..14

Fuga di primavera a Budapest …….16

ENOGASTRONOMIA 

Degustazioni tra ville e castelli…….22

Autoctono si nasce…….……24


Pagina Page 3 3

BEAUTY & WELLNESS 

Le novità di make up e cosmesi di Diego della Palma .. 25

Le terme sensoriali di Chianciano……….……..………………..26

EVENTI  

Dracula e il mito dei vampiri ….….30 La Fortezza di Trezzano d’Adda torna agli antichi splendori…………………. .32

RICETTE D’AUTORE 

Insalata d’astice agli agrumi……………………………...….35

Tempi Moderni Magazine — www. Tempimodernimagazine.it Periodico iscritto al Tribunale di Milano su Moda, Enogastronomia, Viaggi, Stili si vita Sede redazione: Via Ande,5—20151 Milano Anno 2013— mese Gennaio-Febbraio — Nr. 2 Editor in chief Roberta Masi - Redazione: Valsecchi Angela, Parisio Lina, Carlo Bellino, Lisa Sangioirgi—Grafica : Roberta Masi


Page 4

PAROLE IN LIBERTA’

UN NUOVO INIZIO…... Cari lettori, siamo sopravvissuti alla profezia dei Maya che vedeva nel 21 dicembre 2012 la data della fine del mondo. Il 2012 è tramontato, inghiottito dai festeggiamenti e dai bagordi di fine d’anno, mentre un nuovo anno è appena iniziato, ricco di aspettative e buoni propositi. Il mese di Gennaio è sempre un po’ particolare. E’ un momento di transito, dove vecchio e nuovo si rincorrono e convivono in paradossale armonia. Questo vale per la quotidianità, per i viaggi, come per la moda. Il 5 gennaio, per esempio, iniziano i saldi di fine anno, durante i quali negozi e boutique vendono abbigliamento e accessori della passata collezione a prezzi eccezionali. E’ tempo di fare shopping, girovagare tra le vetrine a caccia d’affari per trovare qualche accessorio stravagante o reinventare il proprio look, giocando, magari, a cogliere quelle anticipazioni delle prossime collezioni già contenute in quelle attuali. Mentre si “rottama” il passato, il “futuro” fa, però, già capolino: dal 7 all’11 gennaio a Firenze in occasione del Pitti Immagine Uomo si accendono, infatti, i riflettori sulle nuove proposte di abbigliamento e accessori per il prossimo Autunno-Inverno dedicati a Lui. Dal 12 al 16 gennaio, poi, il testimone passa a Milano, rinnovando un appuntamento che qualunque uomo di classe sicuramente non può lasciarsi scappare. Dopo le grandi abbuffate delle festività si deve tornare a regime. Si va allora alla ricerca della dieta più efficace e si riprende a prendersi cura del proprio corpo andando in palestra. Ma riprendere la tanto sospirata linea non sempre è un'operazione semplice, anzi spesso è un'impresa che esige pazienza, costanza e disciplina. Per quanto riguarda i viaggi, molti colgono l'occasione per concedersi una piccola vacanza durante le festività. Anche in questo caso Gennaio rappresenta un periodo di transito, dedicato al limite a qualche week end in montagna. Forse per questo in teoria sarebbe il periodo migliore per partir, visto che i tour operator in questo periodo considerato "morto" propongono prezzi scontatissimi per stimolare la domanda. Passato, presente e futuro convivono anche per noi di Tempi Moderni Magazine. Quest’anno abbiamo l'obiettivo di aumentare i temi trattati e il numero di lettori, cercando di attrarre molti più stranieri. Siamo consapevoli del duro lavoro che ci attende, ma abbiamo degli obiettivi da raggiungere e siamo pronti a fare tesoro di quanto abbiamo già fatto fino ad ora. Comunque vada, questo sarà sicuramente l'inizio di uno splendido anno da trascorrere insieme a voi, nostri cari e affezionati lettori. Buon inizio d’anno!

Roberta Masi


Page 5

PAROLE IN LIBERTA’

PIU’ ESCLUSIVE 1.Degustare champagne ad un evento organizzato dal Club Dom Perrignon

Pa r t e c Ku m b i p a r e a l a Mel India a in

2. Vestirsi in

costume d’epoca e festeggiare il Carnevale a Palazzo Vendramin Calergi a Venezia prendendo parte al l’esclusivo Ballo del Doge 3. Vivere le atmo-

sfere da mille e una notte all’hotel sette stelle lusso Emirates Palace a Dubai o Town

re Fa jee— g n n bu umpi j

Pa r t i r e s chi so olo con po ld alla s i in tasca c mond oper ta del o per come veder e ci si r i e s ce ad ar ran giar e

Partecipare alla tradizionale battaglia di panna montata a Olomouc nella Repubblica Ceca 

Mangiare a Tapei a Taiwan al Ristorante Toilettes seduti intorno ad un tavolo a forma di vasca da bagno circondati da sedili a forma di Water

Fare in bagno in una piscine di vino rosso ad Hakone con vista sul monte Fujii


MODA: Pitti e Milano Moda Uomo

Page 6

L’UOMO CHE VERRA’ Le tendenze maschili per il prossimo autunno inverno presentate al Pitti Immagine Uomo e a Milano Moda Uomo

Pitti Immagine Uomo torna dall'8 all'11 gennaio 2013 nella Fortezza da Basso di Firenze. All'appuntamento sono attesi oltre 1000 aziende provenienti da più parti del mondo. In primo piano vi sono collezioni, sfilate, eventi ed esposizioni riguardanti la MODA UOMO del prossimo autunno inverno e non solo. Molte le novità attese per quest’edizione 2013, che vede come leitmotiv della manifestazione internazionalità, ricerca, innovazione . Tra le principali novità e anticipazioni di questa edizione: la collezione di Adidas SLVR disegnata da Dirk Schonberger, il progetto di Allegri che torna alle proprie origini con una collezione ispirata al proprio archivio, la linea di GStar by Marc Newson, la speciale linea di Caruso presentata sotto la cura dell'eclettico Sergio Colontauoni . Nuova anche l'interpretazione dedicata allo sportswear che cambia il nome alla solita sezione

Sport&Sport al Padiglione Cavaniglia e diventa IPlay; tra i nomi presenti: Camper, Herschel, The North Face. Molto spazio, come sempre, è stato riservato ai giovani talenti e ai vincitori della scorsa edizione di Who's on next , che porteranno in scena le loro collezioni con delle performance ad hoc, sparse nei luoghi più segreti del capoluogo toscano. Segnaliamo, inoltre, l'inaugurazione della terza esposizione temporanea d’opere d'arte contemporanea appartenenti alla collezione Francois Pinault nel museo Gucci e la mostra Stolen legs di Giores alla Galleria Moretti che, in una chiave inedita, coniuga l'universo maschile e femminile, da tempo "doppia anima" della kermesse fiorentina. Ospiti d’onore Kenzo e Ermanno Scervino. Il tema scelto per questa edizione è la bookswear mania, ovvero la lettura intesa come moda intramontabile, sia su libri cartacei che su eBook.

Tra gli eventi collaterali sparsi nei luoghi più segreti del capoluogo toscano segnaliamo l'inaugurazione della terza esposizione temporanea di opere d'arte contemporanea appartenenti alla collezione Francois Pinault nel museo Gucci e la mostra Stolen legs di Giores alla Galleria Moretti che in una chiave inedita coniuga l'universo maschile e femminile, da tempo "doppia anima" anche della kermesse. Queste sono però solo alcune delle anticipazioni. In dettaglio alcune “chicche” della manifestazione. By Valsecchi Angela


Page 7

MODA: Pitti e Milano Moda Uomo

L’Uomo di Scervino incanta Palazzo Vecchio

Pitti Immagine Uomo — Sfilata di Ermanno Scervino a Palazzo Vecchio

La passerella di vetro fumé riflette il soffitto. Giochi di luce illuminano gli affreschi del Vasari, creando un’atmosfera magica, piena di trepidante attesa. Per un attimo Leonardo e la sua battaglia di Anghiari passano in secondo piano per fare spazio alla moda. Ermanno Scervino ha debuttato così al Pitti Immagine Uomo ieri 9 gennaio sfilando nel solenne Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio a Firenze in quello che può essere sicuramente considerato uno degli eventi clou di Pitti Immagine Uomo. Sotto i riflettori volteggiano i modelli della collezione Uomo e della Pre-collection Donna che raccontano la visione dello stilista del prossimo autunno inverno. Alta sartorialità, eleganza senza tempo e raffinata ricercatezza sono le parole d’ordine del brand che punta su rispetto delle proprie radici, charme e innovazione. Domina il desiderio di proporre qualcosa di nuovo, mantenendo, però, al tempo stesso un forte legame con la terra d’origine, la bellissima toscana, che con i suoi suggestivi paesaggi di campagna

diventa una vera e propria musa ispiratrice. Il sofisticato splendore del passato della città del Giglio, fulcro dell’Umanesimo e città di Dante e Botticelli, con i suoi fasti e la sua ricercata magnificenza, sembrano rivivere nelle creazioni dello stilista, anche se rivisitate in chiave ora moderna ora ironica. Come omaggio a Firenze, Ermanno Scervino ha scelto di siglare alcuni dei capi proprio con il Giglio fiorentino, fiero simbolo della storia,dell'arte, della bellezza e della capacità d’ispirare del capoluogo toscano. Forme rigorose e spiritose, revers assottigliati, appena accennati per le giacche, capi che scolpiscono il corpo, armature di neoprene lievemente strech, tocchi rock e uso accurato dei grigi. Revival del fascino dei primi anni '60 si ritova nelle cravatte e nella scelta delle textures. Camoscio, tessuto laccato lucido, flanella e trame occhio di pernice con cenni sportivi vanno per la maggiore. I blazer si mescolano con maglieria magistrale e tricot manuale, linfa dei pull raglan. Il cappotto di pelle nera, sottile e morbida, fa trasparire innovazione e ricercata tecnologia. La camicia, bianca, candida e otti-

tica diviene la vera protagonista del l' out f it per u n uom o dall’aspetto un po’ dandy vestito con quel suo velluto total black. di tendenza i grigi, il blu, il nero assoluto, tra i quali spunta il bordeaux. Le atmosfere di "Casablanca" si ritrovano nei feltri, avventurosi, e le scarpe, prettamente maschili, comode, dalle punte morbidamente arrotondate. Al termine della sfilata si è tenuto un dinner esclusivo per celebrare il debutto al Pitti. Tra i presenti Franca Sozzani, Suzy Menkes, Raffaello Napoleone, Matteo Renzi, Adriano Panatta, Ferruccio Ferragamo e Eva Riccobono. Lina Perniti


MODA: Pitti e Milano Moda Uomo

Page 8

“Exclusively preview” è il reality show proposto da casa Iceberg per raccontare la Collezione Uomo F/ W 13-14 dalla prima ispirazione alla sfilata. Per visionare il filmato: http://www.iceberg.com/; http:// www.facebook.com/ IcebergOfficial?fref=ts

L’Uomo Iceberg che sfila sulle passerelle milanesi del prossimo inverno ama il rigore e lo stile classico, colorito da un pizzico di stravaganza. Nei maglioni forme e colori si trasformano in opera d’arte. By C.Bellino

La scalata dell’Everest, materiali di pregio, eleganza unita a funzionalità ispirano la collezione di Bally

In occasione di Milano Moda Uomo Bally, noto marchio svizzero, ha presentato la sua nuova collezione dedicata al prossimo autunno/inverno. Il tema clou della collezione si ispira al sessantesimo anniversario della scalata dell’Everest, conseguita nel 1953 ad opera di Tenzing Norgay , che ha raggiunto la cima indossando proprio dei boots di Bally. Per rievocare quest’impresa gloriosa e sottolineare lo spirito pionieristico del brand, Graeme Findler e Micheal Herz, i due creativi, hanno ideato la “Collezione Everest” costituita da indumenti e accessori tratti dagli archivi originali custoditi in azienda, rivisitati in chiave lussuosa, moderna e contemporanea. Il fiore all’occhiello dello sportswear è costituito dalla riproduzione dei famosi boots di alta montagna indossati da

Tenzing Norway, con le stesse forniture ture dell’epoca, da abbinare ad una vasta gamma di modelli e articoli ideali per l’alta montagna, che spaziano da maglioni a giacconi con interni in cashmere, realizzati nelle tonalità del marrone. Unica eccezione nella palette cromatica è il giallo, in memoria proprio dei colori indossati durante la scalata. Per l’uomo elegante Bally propone una seria di modelli e accessori di altissima qualità. Quattro teche illuminate con faretti di luce, disposte subito all’ingresso della presentazione, sono state utilizzate per mettere in risalto gli accessori più classici e tradizionali del brand. Scarpe diplomatiche in stile inglese, prodotte interamente a mano, sono proposte nei colori avio, bordeaux , nero e in varie tonalità di marrone. Per dare una dimostrazione dell’elevato livello di artigianalità del manufatto, in esposizione vi sono alcuni strumenti utilizzati nella fase di colorazione, realizzata rigorosamente a mano in più fasi.

Una particolarità che riguarda le scarpe classiche è costituita dall’applicazione alla suola di gommini, solitamente utilizzati nelle scarpe da trekking, finalizzati ad aumentare l’aderenza sul terreno. Altra novità di quest’anno può essere considerato l’utilizzo della pelle di cervo, un materiale particolarmente pregiato famoso per la sua morbidezza, con cui sono stati realizzati eleganti giubbotti, tipo bomber, con interno in pelo e scarpe, stile clark. Per completare il look del business man Bally propone una linea di valigie, borselli, cartelle e porta ipad. Particolare è la minicartella in pelle, da utilizzare sia come portaoggetti che come portafoglio, comodo e funzionale per le sue dimensioni ridotte. By Roberta Masi


Page 9

MODA: Pitti e Milano Moda Uomo

John Varvados, stilista molto in voga in America, sfila per la prima volta a Milano nella splendida cornice della chiesa sconsacrata di S.Paolo Converso in zona Missoni . Lo stilista si ispira, per i prossimi freddi, ad un uomo sofisticato e cosmopolita, che mischia stili contrastanti, come il british dandy, il casual chic e il rock metropolitano. Per un look elegante la griffe propone completi in doppio petto, lunghi cappotti e vari modelli di gilet, spesso rivisitati in chiave moderna e con accessori casual. Caratteristiche salienti della collezione: convivenza di gusto classico e moderno, tradizione e innovazione, mescolanze insolite nei tessuti, tagli netti che mettono in risalto spalle e vita con capi di maglieria che cadono morbidi. Grandi protagonisti gli accessori: cappelli, stringate alternate a boots e stivali effetto ghetta, borsoni da viaggio e sciarpe di velluto stampato. Colori dominanti: grigi, blu, rossi vino, tocchi di nero. Tra i materiali prevalgono pelle, mohair, alpaca, lana, cashmere. By Roberta Masi

Nel cuore di Milano, all’interno delle eleganti sale del Grand Hotel et de Milan, la storica maison italiana presenta la sua collezione per i prossimi freddi. Il direttore creativo, Max Kibardin, ripropone anche quest’anno, accanto ai consueti accessori in pelle, che hanno reso il brand famoso in tutto il mondo, una Capsule Collection, un’idea proposta per la prima volta per la stagione invernale di tre anni fa iniziata con pochi pezzi, tra cui capospalla, che si è trasformata col passare del tempo in un vero e proprio total look. La linea più stravagante della collezione, totalmente realizzata in pelle, si ispira alle atmosfere surreali e futuristiche del film “ The Hunger” e al protagonista David Bowie, da cui il direttore creativo prende spunto per gli elementi più eccentrici. Sperimentazione sui pellami, effetti metallizzati e a specchio, tagli lineari contribuiscono a creare un look originale ed estroso, ma al tempo stesso equilibrato e mai eccessivo. La linea classica prevede accessori in pelle, che vanno dalle scarpe, ai portafogli, ai porta i-pad, articoli più adatti al business man proposti anche nella versione lusso con pellami prestigiosi . Must have della collezione: i mocassini in coccodrillo, realizzati e tinti a mano, proposti nei classici colori del dark brown e del blu, ma anche nei toni più caldi del cuoio e del bordeaux. By Roberta Masi


Page 10

MODA: Pitti e Milano Moda Uomo

VOGLIA DI PRIMAVERA I MUST HAVE DI STAGIONE Caption describing picture or graphic.

This story can fit 100-150 words. The subject matter that appears in newsletters is virtually endless. You can include stories that focus on current technologies or innovations in your field.

Sales figures or earnings will show how your business is growing.

“To catch the reader's attention, place an interesting sentence or quote from the story here.”

Some newsletters include a column that is updated every issue, for instance, an advice column, a book review, a letter from the president, or an editorial. You can also profile new employees or top customers or vendors.

I COLORI PIU’ TRENDY DELLA PROSSIMA STAGIONE

You may also want to note business or economic trends, or make predictions for your customers or clients. If the newsletter is distributed internally, you might comment upon new procedures or improvements to the business.

Inside Story Headline

This story can fit 75-125 words. Selecting pictures or graphics is an important part of adding content to your newsletter. Think about your article and ask yourself if the picture supports or enhances the message you’re trying to convey. Avoid selecting images that appear to be out of context. Microsoft Publisher includes thousands of clip art images from which you can choose and import into your newsletter.

There are also several tools you can use to draw shapes and symbols. Once you have chosen an image, place it close to the article. Be sure to place the caption of the image near the image.

Caption describing picture or graphic.


Page 11

Volume Moda MODA: 1, Issue donna-Primavera-Estate 1 2013

I Inside Story Headline

This story can fit 150-200 words. One benefit of using your newsletter as a promotional tool is that you can reuse content from other marketing materials, such as press releases, market studies, and reports. While your main goal of distributing a newsletter might be to sell your product or service, the key to a successful newsletter is making it useful to your readers. A great way to add useful content to your newsletter is to develop and write your own articles, or include a calendar of upcoming events or a special offer that promotes a new product.

“filler” articles by accessing the World Wide Web. You can write about a variety of topics but try to keep your articles short. Much of the content you put in your newsletter can also be used for your Web site. Microsoft Publisher offers a simple way to convert your newsletter to a Web publication. So, when you’re finished writing your newsletter, convert it to a Web site and post it.

Caption describing picture or graphic.

Dal celeste al blu, variabile come i colori dei cieli d’estate

You can also research articles or find

tenui che spaziano dall’indaco, al celeste, all’azzurro e tinte più forti InsideTonalità Story Headline

che vanno dal bluette al blu notte sono tra le varie proposte di primaveraestate 2013 che hanno sfilato sulle passerelle di stilisti del calibro di Ralph Lauren, Blumarine, Paola Frani, Missoni, Gucci, Byblos, Ferrè, Pringle of Giorgio Westwood, Costum National, ThisScotland, story can fit 100-150Armani, words. Gucci, Vivienne Sales figures or earnings will show how solo per citarne alcuni. Colori che ricordano quelli del cielo nelle terse giornate di your business is growing. The subject matter that appears in newsprimavera o quelli dell’acqua cristallina del mare di alcune delle più esclusive letters is virtually endless. You can inSome newsletters include a column that is località balneari italiane. Nuance dalle mille e diverse sfumature che variano clude stories that focus on current techa seconda della luce del giorno e dellaupdated notte. every issue, for instance, an adnologies or innovations in your field. vice column, a book review, a letter from Per la prossima primavera abitini corti o al ginocchio ora leggeri e quasi impresident, or an editorial. You can si alternano a tute eorcaftani the lunghi e morbidi o ad abitini che evidenYoupalpabili may also want to note business also profile new employees or top cusziano trends, le siluette. Unapredictions moda dedicata ad una donna poliedrica, elegante e raffieconomic or make for tomers or vendors. che comprendere le mille sfumature di grigio dell’animo umano, si adatyournata, customers or clients. ta alle situazioni, ma che, al tempo stesso, è centrata su sé stessa e sa bene If the newsletter is distributed internally, quello che vuole.

“To catch the reader's attention, place an interesting sentence or quote from the story here.”

you might comment upon new procedures or improvements to the business.

Inside Story Headline

This story can fit 75-125 words. Selecting pictures or graphics is an important part of adding content to your newsletter. Think about your article and ask yourself if the picture supports or enhances the message you’re trying to convey. Avoid selecting images that appear to be out of context.

There are also several tools you can use to draw shapes and symbols. Once you have chosen an image, place it close to the article. Be sure to place the caption of the image near the image.

Caption describing picture or graphic.

Microsoft Publisher includes thousands of clipSfilate art images from which you can P/E 2013: Ralph Lauren, Blumarine, Burberry, Giorgio Armani, Iceberg, Pucci, Gucci, Byblos copywrite Vogue.it choose and import into your newsletter.


Page 12

MODA: Pitti e Milano Moda Uomo

.

VOGLIA DI PRIMAVERA

Dal rosa al fucsia al...

Le varie tonalità del rosa, che varia dalle sfumature più pallide e delicate al fucsia più acceso e vistoso fino al violetto e al corallo, si ritrovano tra le varie proposte di primavera-estate 2013 nelle collezioni di Moschino, Laura Biagiotti, Costume National, Blumarine, Alviero Martini, Lorenzo Riva, Frankie Morello, Dunup e Clips. Cappottini bon ton si alternano ad abiti sciancrati con eleganti coprispalla e a tute e pantaloni. Prevalgono gli abbinamenti tono su tono, anche se in molti casi , come per Burberry,, ad esempio, i colori diventano metallici e sono accostati ad altre tinte forti , come l’arancione. Il fucsia viene abbinato all’arancione negli abitini di Laura Biagiotti o al il corallo nei cappottini di Clips Cromie che sono funzionali a mettere in risalto, da una parte il lato femminile e romantico, dall’altro il carattere forte e deciso della donna del 2013, che non teme di essere al centro dell’attenzione, anzi vi si trova a suo agio, pronta ad essere sempre la protagonista principale della sua vita.

I MUST HAVE DI STAGIONE Caption describing picture or graphic.

This story can fit 100-150 words. The subject matter that appears in newsletters is virtually endless. You can include stories that focus on current technologies or innovations in your field. You may also want to note business or economic trends, or make predictions for your customers or clients.

Sales figures or earnings will show how your business is growing.

“To catch the reader's attention, place an interesting sentence or quote from the story here.”

Some newsletters include a column that is updated every issue, for instance, an advice column, a book review, a letter from the president, or an editorial. You can also profile new employees or top customers or vendors.

If the newsletter is distributed internally, you might comment upon new procedures or improvements to the business.

Inside Story Headline

This story can fit 75-125 words. Selecting pictures or graphics is an important part of adding content to your newsletter. Think about your article and ask yourself if the picture supports or enhances the message you’re trying to convey. Avoid selecting images that appear to be out of context.

There are also several tools you can use to draw shapes and symbols. Once you have chosen an image, place it close to the article. Be sure to place the caption of the image near the image.

Caption describing picture or graphic.

Microsoft Publisher includes thousands of clipSfilate art images which you can Moschino, Clips, Costume National, Burberry, Laura Biagiotti, Clips, Alviero Martini, Dior copywrite vogue.it P/E 2013: from Blumarine, Gucci, Burberry, choose and import into your newsletter.


Page 13

MODA: Moda donna-Primavera-Estate 2013

.

………….. ..bianco come i ciliegi in fiore Tra i colori di punta dei prossimi caldi domina il bianco, da sempre considerato il colore tipico della stagione estiva, proposto in tinta unita o abbinato al classico nero come nei mini-vestitini di Moschino o nelle tute e pantaloni di Luis Vuitton. Sovrapposizioni di materiali, stampe, pizzi e ricami sono protagonisti della prossima collezione primavera estate proposta da Clips . I modelli delle giacche, dei soprabiti, e degli abitini svasati sopra il ginocchio disegnati da diversi stilisti, nonché i tagli lineari che ricorrono nelle varie collezioni, rievocano gli anni ’60. Eleganza, sobrietà e portabilità , con un tocco vintage dal sapore vagamente retrò, sembrano essere, comunque, le parole d’ordine della prossima stagione.

I MUST HAVE DI STAGIONE Caption describing picture or graphic.

This story can fit 100-150 words. The subject matter that appears in newsletters is virtually endless. You can include stories that focus on current technologies or innovations in your field. You may also want to note business or economic trends, or make predictions for your customers or clients.

Sales figures or earnings will show how your business is growing.

“To catch the reader's attention, place an interesting sentence or quote from the story here.”

Some newsletters include a column that is updated every issue, for instance, an advice column, a book review, a letter from the president, or an editorial. You can also profile new employees or top customers or vendors.

If the newsletter is distributed internally, Sfilate P/E 2013: Gucci, Musso, Ermanno Scervino, Moschino, Luis Vuitton, Ralph Lauren, Richmond, Ferrè ,Pucci, CelynC vogue.it you might comment upon new procedures or improvements to the business.

L’intramontabile nero e il verde completano la gamma dei colori più cool di questa primavera estate

Inside Story Headline

Dulcis in fundo altri due colori che tornano sono il Thisspesso story can fit 75-125 words. nero, evergreen Selecting pictures or graphics is an imche qualsiasi portant part of adding content to your donna deve avenewsletter. re nel proprio Think about your e article guardaroba, il and ask yourself if the picture supports or enhances the verde acido.

There are also several tools you can use to draw shapes and symbols. Once you have chosen an image, place it close to the article. Be sure to place the caption of the image near the image.

message you’re trying to convey. Avoid selecting images that appear to be out of context. describing picture or graphic. Ci attendiamo quindi per la prossima stagione tutti toni forti e decisiCaption per una

primavera estate da trascorrere all’insegna del colore e dell’allegria.

Microsoft Publisher includes thousands of clipSfilate art images fromGucci, whichMoschino, you can Gaetano Navarra, Ralph Lauren, Ferrè, Vivienne Westwood copywrite vogue.it P/E 2013: choose and import into your newsletter.


Pagina 14

VIAGGI—Dimore di charme

Atmosfere incantate, panorami mozzafiato, arredi d’epoca , cortesia e charme: questi gli ingredienti per un San Valentino indimenticabile

San Valentino è forse il giorno più romantico dell’anno. Con l’approssimarsi del 14 di febbraio gli innamorati, ogni anno, si cimentano nel trovare l’idea perfetta per fare breccia nel cuore del proprio/a amato/a. Una proposta interessante, rivolta principalmente a tutti gli inguaribili romantici, è quella di evadere dalla quotidianità per immergersi nelle atmosfere incantate d’altri tempi, circondati dal lusso e dalla storia , magari in un castello o in una dimora d’epoca. Tra le location più accattivanti situate nei pressi di Milano vi suggeriamo il Castello di Vigoleno. Situato in provincia di Piacenza, nel cuore dell’omonimo borgo medievale, l’antica fortezza è stato trasformato dal 2002 in una residenza e offre ospitalità a una clientela particolare in cerca di qualcosa di unico.


Pagina 15

VIAGGI—Dimore di charme

Gli affascinanti racconti della proprietaria sembrano quasi ridare vita a queste stanze, un tempo sede di incontri mondani e salotti culturali, che ospitarono personalità come Gabriele D'Annunzio, l'attore Douglas Fairbanks, Max Ernst, Alexandre lacovleff, Jean Cocteau, la diva del cinema Mary Pickford, la scrittrice Elsa Maxwell, il pianista Arthur Rubinstein.

Costruito su un crinale a picco sul fiume, il borgo di Vigoleno è stato certificato come uno dei più belli d’Italia e sembra proprio appena uscito da una favola antica, come sospeso tra sogno e realtà. Un tempo utilizzato come fortezza difensiva, il maniero risale al X secolo. Fu posseduto da diverse famiglie nobiliari, tra cui i Visconti, gli Sforza e gli Scotti, di cui sono ancora visibili gli stemmi. Ad accogliervi alla reception al vostro arrivo trovate un’impeccabile e distinto signore, molto british style, che ricorda vagamente i maggiordomi dei lord inglesi. Il vostro soggiorno inizia con un brindisi di benvenuto, gentilmente offerto direttamente da Barbara Facchetti, la gentilissima proprietaria del Castello.

Le stanze, tra cui alcune suggestive suite collocate nella torre della Guardia, sono dotate di tutti i confort e sono arredate in modo raffinato con gusto ed eleganza. Camminando per i giardini del castello si gode di un panorama mozzafiato, con scorci di incredi-

bile bellezza sulla campagna sottostante e sulla cinta di mura della torre ornate da merletti ghibellini.

La visita guidata al castello inizia alle 19,00. Nelle sale interne si respira la storia. Non è difficile farsi sedurre dal fascino di ciò che rimane di un glorioso passato: quadri alle pareti, soffitti in legno intagliato, pareti affrescate, arredi di pregio. Una porta socchiusa lascia intravedere preziose pareti verdi con fregi in oro e la sagoma del suggestivo teatro più piccolo d’Italia, realizzato nel 700 da Alexandre Jacovlett per un pubblico di sole 12 persone. Un autentico splendore, assolutamente da non perdere.

Le sale con il camino, i salottini per la lettura, la disponibilità di Barbara, molto attenta ad ogni dettagli e sempre pronta a coccolare i suoi ospiti, creano un’atmosfera veramente magica, intima ed accogliente, che fa sentire quasi come a “casa” propria. La serata continua con la cena che si può consumare nella Taverna del Borgo a due passi dal Castello . Per i più romantici c’è persino la possibilità di cenare nei saloni del castelli nel ristorante interno, da poco inaugurato. L’eccellente colazione può essere servita in camera o consumata in uno dei saloni. I prodotti sono tutti genuini, le torte, le marmellate sono fatte in casa e le brioche sono scaldate al momento. Aperto tutto l’anno, offre diverse tipologie di servizi : cene di gale, convention, pacchetti speciali, matrimoni. Ti aspettano ospitalità, gentilezza e charme d’altri tempi per un soggiorno veramente da non dimenticare Per informazioni e prenotazioni : www.castellodivigoleno.it

Vigoleno di Venasca 0523 895390

Tel.+39


Page 16

VIAGGI: Budapest

I mille volti della Parigi dell’est

Il fascino della capitale magiara tra terme, proposte gourmand e romantiche gite sul Danubio La primavera è alle porte e con essa la voglia di uscire dal letargo, vincere la pigrizia tipica dell'inverno e concedersi un lungo week-end all'insegna della cultura e del divertimento, in attesa delle vacanze estive. E' il momento giusto per pianificare un soggiorno in una delle capitali europee, come ad esempio Budapest. La "Parigi dell'Est" o la "Perla del Danubio", come la soprannominano in molti, ha subito negli ultimi tempi una profonda metamorfosi che l'ha resa ancora più attrattiva agli occhi del turista e meta ideale per godersi il sapore di una vacanza vera, svagandosi e divertendosi. Oggi si presenta al visitatorecome un centro ricco di fermento creativo, frizzante, intellettualmente attivo, in continua evoluzione, una meta, quindi, che ha un volto e un carattere molto diversi rispetto a quelli di "tipica città dell'Est" che la caratterizzava prima del crollo del comunismo. Suddivisa in due parti dal Danubio, Buda e

Pest, la capitale magiara, considerata patrimonio dell'Unesco, sembra possedere una doppia anima.

negozi all'ultima moda, nei raffinati locali e ristoranti e negli innumerevoli teatri e musei. L'ideale per visitare la città è alternare piacevoli camminate Buda, situata sulla sponda occidentale, è la zona più resi- nel centro storico all'utilizzo dei mezzi pubblici, tra cui la denziale ed elegante, custostorica metropolitana di origine disce il suggestivo centro ottocentesca, agevolato storico, con il Castello, il Padall'acquisto della Budapest lazzo Reale, il vicolo dei lavandai e la cittadella, superbe Card, un pass che consente l'uso illimitato di metro e bus testimonianze di un austero per 24, 48 o 72 ore e include passato. Pest, sulla sponda anche l'accesso ridotto ai orientale, è la zona più turistica e moderna, sede degli al- musei, due sightseeing guidati gratuiti, oltre a una serie di altri berghi, degli affari e dei pasconti e agevolazioni (http:// lazzi amministrativi, come il maestoso Parlamento, un au- www.budapestinfo.hu). tentico gioiello architettonico. Il E' possibile, inoltre, abbinare suo stile, molto glamour e raf- la visita dei monumenti a momenti di relax, da trascorrere, finato, lo si respira passegper esempio, nelle acque mingiando nella zona pedonale di erali di uno dei bagni storici di Via Váci e Piazza Vörösmarty, quella che era conosciuta nei suoi esclusivi caffè, nei come la "città delle terme im-


Page 17

VIAGGI: Budapest

Budapest è famosa per le sue terme, ciascuno dei molteplici complessi termali è in grado di regalare al visitatore suggestioni e sensazioni diverse e particolari per un relax intense e profondo imperiali". Un vero e proprio must, considerato che la capitale magiara è l'unica in Europa a possedere anche sorgenti termali in città.

Tra i 33 stabilimenti tra cui si può scegliere, i bagni più amati sono quelli di Rudas, Széchenyi e Gellért, tre centri che evocano sensazioni e suggestioni molto diverse tra loro e che, pertanto, valgono almeno una visita (http:// www.budapestgyogyfurdoi.hu) I bagni Rudas, costruiti nel XVI secolo, i più antichi e turchi di Budapest, sono forse tra i più suggestivi e popolati della città. La cupola semisferica da cui filtra la luce sfumata del

sole, posta sopra la piscina termale centrale, a forma ottogonale, crea un'atmosfera magica, che riporta l'ospite indietro nel passato, agli hammam del periodo della dominazione turca. L'imponente e monumentale complesso architettonico delle terme di Széchenyi è, invece, relativamente recente e ospita innumerevoli piscine termali. I continui ampliamenti lo hanno reso uno dei bagni più grandi d'Europa.

E' possibile immergersi nelle vasche all'aperto, alimentate con acqua a 38 gradi, in qualsiasi stagione, anche d'inverno, con la neve. Esperienza particolarmente emozionante.

Gli ultimi, i bagni Gellért, annessi all'Hotel Gellért, un albergo a cinque stelle, sono considerati per eleganza e stile l'oasi di relax più esclusiva della capitale. Gli interni, in stile Art Nouveau, offrono la possibilità di rilassarsi in un contesto molto "chic e raffinato".

Dopo una giornata di intenso cammino un'altra sosta d'obbligo per rigenerarsi, soprattutto gradita dai buongustai, è nella famosa pasticceria Kis Gerbeaud (http:// www.gerbeaud.hu), in Piazza Vörösmarty, fondata nel 1858 da Henrik Kugler e ampliata e resa celebre da Emil Gerbeaud. Tra i vari eleganti caffè, retaggio della tradizione austroungarica, questo è il luogo d'incontro più conosciuto e prediletto dagli ungheresi, un vero e proprio simbolo della città. Qui, in un ambiente elegante e raffinato, tra candelabri, marmo, broccati e pareti elegantemente tappezzate,


VIAGGI: Budapest

Page 18

che rendono ogni sala unica, si possono gustare squisiti dolci preparati secondo le ricette originali, specialità che hanno fatto epoca e sono entrate a far parte della tradizione. L'offerta classica è stata ampliata da qualche anno con l'introduzione di una strepitosa nuova linea, più elaborata e innovativa. Un'autentica delizia per il palato, che i fanatici del mangiar bene devono assolutamente assaggiare . Originalità e innovazione hanno in genere dato, soprattutto negli ultimi anni, un forte impulso al processo di rinnovamento dell'enogastronomia ungherese, che ha contribuito alla nascita di una golosa arte culinaria, basata su rielaborazioni e rivisitazioni creative di ricette sia della tradizione che internazionali. Questa evoluzione sta facendo riacquistare all'enogastronomia d'Ungheria la fama del passato, quando era sede di stimati cuochi e pasticceri come Gungel e Bobos e produttrice di eccellenti vini, come il Tocai. Cenare in uno dei ristoranti alla moda sta diventando, quindi, un'esperienza culinaria di tutto rispetto. Anche in questo caso c'è l'imbarazzo della scelta e l'offerta in città è in grado di accontentare tutte le tasche. Una delle migliori opzioni, soprattutto per gli amanti della buona cucina sempre alla ricerca del miglior rapporto qualità prezzo, è il ristorante Bagolyvar (http:// www.bagolyvar.com). In questa graziosa trattoria a gestione familiare, ricavata all'interno del vecchio castello di Owl,

lavorano solo donne ed è possibile gustare, in un ambiente caldo e accogliente, squisiti piatti della tradizione, fatti rigorosamente a mano, come la tradizionale zuppa di Gulyás, l'anatra arrosto con cavoli rossi e patate da abbinare ad una bottiglia di ottimo vino locale, tipo il Merlot Egert 2005. Tra i dessert da provare il famoso Gundel palacsinta (frittella flambè con cioccolato e noci), dolce tipico ungherese ideato dal celebre pasticcere Gundel, che ha dato il nome ad uno dei più lussuosi ristoranti budapestini, i cui proprietari sono gli stessi del Bagolyvar. Punto forte del locale: cortesia, porzioni abbondanti e un assaggio di cucina classica ungherese di alto livello. Un altro indirizzo da inserire in agenda, particolarmente adatto per festeggiare un'occasione speciale, è l'Onyx (http:// www.onyxrestaurant.hu), più orientato a una cucina sofisticata e d'autore, piuttosto che classica. Il ristorante, dagli interni eleganti e raffinati, fa parte del gruppo Gerbeaud ed è situato nel cuore di Pest. Anche se è stato inaugurato da circa tre anni, è già annoverato tra i primi cinque migliori ristoranti ungheresi. Il menù "Hungarian Evolution", rielaborazione fusion di pietanze tradizionali e internazionali, apre le porte ad una vera e propria selezione di gourmet di eccellente livello, degno di una cucina che non ha niente da invidiare a quella francese o italiana. La presentazione è molto curata. I prezzi sono medioalti, ma l'esperienza vale la

spesa. In tema di opportunità di divertimento notturno, le possibili alternative offerte dalla città magiara sono in grado di soddisfare tutti i gusti: concerti nelle chiese, spettacoli a teatro o all'opera, una delle più belle d'Europa; stravaganti esibizioni realizzate con laser colorati o tranquilli dopo cena nei pub, nelle enoteche o nei fascinosi locali del centro con o senza life music, etc.Tutte le iniziative in corso si possono trovare nel calendario degli eventi mensili sul sito dell'Ufficio del Turismo (http:// www.culturalbudapest.com/ en) Dulcis in fundo, per rendere la permanenza nella capitale veramente memorabile non può mancare, però, una crociera notturna sul Danubio (http:// www.budapestinfo.hu). Il sottofondo musicale dei violini o delle danze folkloristiche, la cena tradizionale a lume di candela, la suggestiva bellezza dei monumenti illuminati dalle luci della notte, che sfilano davanti come in vetrina, sono elementi che sicuramente contribuiscono ad aggiungere al vostro soggiorno anche un tocco di romanticismo. Questo è fascino di Budapest, sospesa tra avanguardia e tradizione, emozionante, piena di vitalità e di sorprese, che coinvolgono tutti i sensi. Una città che ha mille volti, in costante evoluzione, tutta da scoprire e da vivere. By Roberta Masi


VIAGGI: Budapest

Ristorante Onyx

L’elegante Pasticceria Gerbaud

Il ristorante Bagolyvar

Page 19

Pietanze gourmand e piatti tradizionali sono i due volti diversi delle proposte culinaria


Page 20

VIAGGI: Budapest


B U D A P E S T H I G H L I G H T

VIAGGI: Budapest

Informazioni utili Ufficio Turistico Ungherese in Italia - Milano Tel. 02.48195434 www.turismoungherese.it www.budapestinfo.hu Bagolyvar Restaurant Owl's Castle Restaurant 1146 Budapest, Ă llatkerti Ăşt 2. Budapest. Tel: (+36-1) 468-3110 begin_of_the_skype_highlightin g (+36-1) 4683110 end_of_the_skype_ highlighting Fax: (+36-1) 363 -1917. email:bagolyvar@gundel.hu web:www.bagolyvar.com (MM). MM Hosok Tere

Pasticceria Gerbeaud Vorosmarty Square 7-8. 1051 Budapest Tel. +36-1/429 9000 begin_of_the_skype_highlightin g +36-1/429 9000 end_of_the_skype_ highlighting - e-mail: gerbeaud@gerbeaud.hu - web: www.gerbeaud.hu. MM fermata: Vorosmarty

Onyx Restaurant Vorosmarty Square 7-8. 1051 Budapest Tel.: +36 1/429-9023

Page 21


Page 22

ENOGASTRONOMIA: Tour enogastronomici:

DEGUSTAZIONI TRA VILLE E CASTELLI

Percorsi enogastronomici

Foto : Beaujolais Villages

Il fascino di antichi castelli, il piacere di degustare vini d’ottima qualità abbinati ad una cucina gourmand, lo spettacolare panorama della campagna in inverno sono gli ingredienti ideali per fuggire dalla città e ravvivare questi interminabili week end d’inverno. L’itinerario che vi proponiamo è rivolto soprattutto agli appassionati di vino, che amano gli ambienti chic e raffinati e si snoda lungo il Rodano, tra colline, vigneti e piccoli borghi medievali. Punto di partenza del tour Lione, raggiungibile facilmente da Milano con volo Ryan Air, dove si può affittare un auto. Il tour prevede come prima tappa Castello di Montmela, nel cuore della denominazione Beaujolais Villages, l’area che ha contribuito a rendere

Itinerario di charme lungo il Rodano, degustando vini pregiati e alloggiando in antiche dimore

Foto Roberta Masi

famoso e trendy il vino novello in tutto il mondo. Qui la contessa Delphine de Harcourt accoglie i visitatori per un tour del palazzo e una degustazione dei vini che nascono dai 54 ettari di vigne circostanti. A cinque minuti di distanza, guidando verso sud-est, si incontra un altro piccolo paese, Denicé, dove sorge il Castello di Cercy, una dimora del XVII secolo con una splendida cantina a volta, che appartiene da otto generazioni alla famiglia Picard. La tenuta è circondata da trenta ettari di vigneto e propone il Beaujolais Doc, il Beaujolais-Villages e il Beaujolais bianco e rosato,e i nuovi Brouilly e il Moulin-à-vent. Spostandosi a nord verso Odenas, si raggiunge il Castello di La Chaize, dove si possono ammirare il palazzo, i giardini

Un interessante viaggio ideale per tutti quei buongustai che amano anche mete glamour e culturali

Foto: Castello di Montmelas

e la cantina della marchesa Caroline Roussy de Sales. Una tappa d’obbligo per i bongustai è il ristorante Donjon, provvisto di terrazza panoramica sulla vallata, che vanta tra le sue specialità la faraona ruspante accompagnata da rane al prezzemolo o


Page 23

ENOGASTRONOMIA: Tour enogastronomici

l’ossobuco di coda di rospo con fonduta di porro. Potete dedicare il pomeriggio a girovagare senza una meta precisa tra i molti paesini medievali che si trovano nella zona, come Montmelas-SaintSorlin, Anse e Oingt, che prendono il nome di villaggi des pierres dorées, dalle pietre dorate, per il colore delle rocce con cui sono edificati. Un buon indirizzo molto raffinato dove pernottare è sicuramente il Clos de Pomeir, con tre deliziose camere nella maison principale e altre tre all'esterno, immerse nella natura, con la piscina e un ombreggiato cortile interno, da prenotare rigorosamente con molto anticipo.

Se si ha tempo si può partecipare a seminari e degustazioni, o fermarsi nel ristorante della maison per sperimentare una cucina d'ispirazione locale pensata ad hoc per sposarsi coi vini dell'azienda. Ai piedi della collina dell'Hermitage merita una visita anche la Cantina di Tain: mille ettari di vigne che danno vita a Cornas, 
Hermitage, Saint Péray, Crozes Hermitage e Saint Joseph, tutti da provare.

sur Isère, patria di Jaboulet, tra le etichette più rinomate dei Côtes du Rhône. Per le degustazioni si scende nelle gallerie del Vineum, antiche cave color ocra ideali per l'invecchiamento del vino e luogo suggestivo dove assaporare il miglior nettare di Bacco della maison. Scendendo ancora, alle porte della Provenza, gli appassionati hanno la possibilità di entrare all'Università del vino di Suze la Rousse. Fondata in un castello del XII secolo, ospita sale per la dePer chi ama le cose insolite, gustazione, laboratori, una binella piccola Hauterives, a mezz'ora di strada da Tain, c'è blioteca e un gradevole giardiil Palazzo Ideale del postino no. L'Ateneo organizza stage Cheval, una costruzione unica di iniziazione alla degustazionel suo genere creata nel cor- ne, approfondimenti sul mondo viticolo e corsi per diploso degli anni, senza alcuna nozione di architettura e inge- marsi sommelier. Al mattino si parte verso il sud gneria, da monsieur Cheval, del Rodano Alpi, nel dipartiLa strada che riconduce a Lioche consegnando la posta di mento della Drome, per scocasa in casa raccoglieva lungo ne dura un paio d'ore e passa prire il bouquet dei Côtes du per la cittadina di Valence, il tragitto le pietre più strane Rhône. La capitale di questi e originali. A pochi chilometri dove si possono ammirare le vini e' Tain l'Hermitage, dove, La Bretonnière di Saintrovine del Castello di Crusnella valle del Rodano, il cosol. Se si ha ancora un giorno Bonnet-de-Galaure propone una cucina classica e tradizio- a disposizione, invece, nei dinnale che offre tutti i giorni uova torni di Suze la Rousse si può trascorrere la notte nel Castelfresche e pane fatto in casa. lo di Rochegude, una magniTra le specialità la terrina di carne e legumi, il cavolo ripie- fica fortezza del XI secolo che no, lo stinco d'agnello al forno domina sui vigneti. e il maialino arrostito sotto Angela Valsecchi gli occhi dei clienti. Per la notte si può scegliere tra il soggiorno in un monolocale o Clos de Pomeir il bed & breakfast nella casa gnome Chapoutier echeggia dei proprietari, settecentesca dal 1808. La famiglia ha inizia- e rustica, con travi a vista e un to a produrre vino nel 1879 e grande camino. non si è più fermata. Oggi alla guida della tenuta c'è Michel, Il terzo giorno si segue il corso che segue i principi dell'agridel Rodano verso sud fino ad coltura biodinamica e apre i arrivare a Châteauneuf sur suoi vigneti per visite guidate. Isère, patria di Jaboulet, tra le Foto: Castello di Crussol F oto:

Caption describing picture or graphic.


ENOGASTRONOMIA: Vino

Page 24

Riprendono le degustazioni organizzate dall’ Associazione Go Wine con una serata dedicata ai vini autoctoni italiani, cioè quelli provenienti da vitigni coltivati e diffusi nella stessa zona storica di origine e non trapiantati da altre aree zone. Anche se l’interesse per i vini autoctoni è tornata di moda negli ultimi anni, l’evento trae ispirazione dal libro “Autoctono si nasce…” pubblicato da Go Wine Editore. Nelle sale dell’Hotel Michelangelo è stato presentato il 23 Gennaio un banco d’assaggio con una qualificata selezione di aziende italiane direttamente presenti e un’enoteca.Un appuntamento interessante finalizzato a valorizzare il territorio e a promuovere le eccellenze del made in Italy, in linea con la filosofia di GO WINE. Ogni vino proposto in degustazione ha una sua storia da raccontare. Tra le cantine presenti, provenienti da tutte le regioni italiane, questa volta troviamo aziende che per la prima volta vengono a Milano, realtà quindi tutte da scoprire.

Tra le varie aziende ci hanno particolarmente colpito i vini del Club del Buttafuoco Storico, dal carattere deciso e il Sagrantino di Montefalco di Dionigi. Il prossimo evento Go Wine è previsto per il 21 febbraio e sarà dedicato a Barolo e Barbaresco. Per informazioni: www.gowinet.it

WIKIPEDIA : DEFINIZIONE VITIGNO AUTOCTONO Il vitigno autoctono è una particolare varietà di vite utilizzata per la produzione di vino, coltivato e diffuso nella stessa zona storica di origine del vitigno stesso, trattasi quindi di un vitigno non trapiantato da altre aree. Ogni vitigno autoctono presenta una sua caratteristica e distintiva forma e colore del grappolo, del chicco e delle foglie e conferisce al vino, da esso ottenuto, alcune caratteristiche organolettiche ben precise e tipiche. La coltivazione e la difesa dei vitigni autoctoni, ed anche la riscoperta di vitigni quasi scomparsi dal panorama agricolo viene intrapresa nell'ambito dello sviluppo dell'industria enologia verso la creazione di prodotti di qualità, a denominazione locale, in grado di combattere l' importazione di vini provenienti dal altre regioni o aree del mondo ed anche a contrastare, se possibile, la commercializzazione dei vini commerciali a basso costo e privi di specifiche proprietà organolettiche. In Italia sono circa 350 i vitigni autoctoni registrati ufficialmente [1], e tutte le principali regioni agricole italiane, con produzione vinicola hanno un elenco di vitigni autoctoni locali.


BEAUTY

Page 25

Nasce la terza dimensione della cosmesi Per la prossima primavera, Diego dalla Palma Milano propone alle sue clienti un’edizione limitata con colori accesi e vivaci. La tavolozza spazia dalle tonalità dei marroni, caldi e freddi, ai rosa, dal cipria al lampone, agli aranci, più o meno intensi. Per un look naturale il brand lancia la Palette Nude Look, a base di colori neutri, i nudi, facili e utili per creare dei look semplici ma d’effetto. Sono otto cialde, opache, racchiuse, insieme ad un doppio pennello, in una custodia nera, rettangolare: elegante e sofisticata. Per un look invidiabile il laboratorio di ricerca nella cosmesi firmato Diego della Palma ha dato vita ad una serie di prodotti per viso e corpo semplicemente innovativi, che si dividono in due programmi principali: Programma Lenitivo per Pelli Sensibili e

con Couperose e Programma Corpo. Il primo è dedicato alle pelli che soffrono particolarmente in questo periodo invernale, sensibili agli agenti esterni, e soggetti ai segni del tempo. L’esclusivo 51+3 HYALU Complextm, che contiene un quantitativo potenziato di Vitamina E, F e Ceramidi, agisce per rinforzare la barriera cutanea contro aggressioni di agenti esterni, contrasta le rughe e reintegra il livello ottimale degli elementi essenziali per la comunicazione cellulare, rendendo la pelle riequilibrata e rigenerata. I neuropeptidi anti-irritazione, inoltre, riequilibrano la risposta del sistema di difesa e sensitivo della pelle sensibile, riducendo la percezione del dolore. Gli ingredienti sono stati selezionati al meglio per ridurre al minimo i rischi di allergie e ogni prodotto viene

sottoposto a controlli per garantire un contenuto di nickel, cromo e piombo inferiore a 0,00001%. Per ridefinire le forme, contrastare l’adiposità e la pelle a buccia d’arancia la maison propone il Progetto Corpo Armonico, suddiviso in sei diversi trattamenti (esfoliante, benessere, anticellulite, snellente, rassodante, rassodante seno) da fare singolarmente o insieme. La forza dei trattamenti nasce dall’unione di due sostanze chiave nella regolazione della comunicazione cellulare fra le cellule dei tessuti, glaucina e glicani: HD Bodyfittm è l’attivo di nuova generazione, colui che contrasta ritenzione idrica, adiposità e pelle la buccia d’arancia. Tutti i prodotti sono dermatologicamente e clinicamente testati per garantire a tutte le donne una bellezza senza tempo.


Page 26

WELLNESS: Terme

Le Ter me sensoriali di Chianciano Percorsi benessere

Un’esperienza multisensoriale tra eventi, design e coccole orientali

Foto © Terme Sensoriali di Chianciano— Sala relax con musica

Dopo secoli, il concept mens sana in corpore sano è tornato a essere di “moda”, complice probabilmente anche l'influenza delle discipline orientali, adesso tanto in voga. Molti istituti termali, pertanto, si stanno trasformando da luoghi di cura di malesseri specifici a veri e propri centri di benessere , dove potersi rilassarsi. E' il caso, per esempio, delle Terme Sensoriali di Chianciano Terme, località situata in Toscana a pochi passi dal confine con l'Umbria e il Lazio, già

dai tempi antichi rinomata per il potere delle sue acque minerali per la cura del fegato e dell'apparato gastroenterico. Le Terme Sensoriali , inaugurate nel 2006, sono un esclusivo centro benessere che coniuga le moderne tecnologie per la remise en forme ed il rilassamento psico-fisico con l'estetica classica, le discipline occidentali con le tecniche derivate dalla saggezza orientale. L'elegante stabilimento, che sorge all'interno del parco ter-

male dell'Acqua Santa, permette all'ospite di vivere un'esperienza multisensoriale completa e unica nel suo genere: al momento è il solo in Italia a basarsi interamente su un approccio olistico e sui criteri della naturopatia. Per garantire l'armonia e la bellezza anche dal punto di vista dell’estetica, la progettazione del centro è stata affidata all'architetto Paolo Bodega, già noto per le sue ricerche delle strutture naturali e per essere stato membro del de-


Page 27

WELLNESS: Terme

Foto

©

T erm e Sens oriali di Chia ncian o

sign team di Renzo Piano Building Workshop di Genova. Allestimento, design, oggetti e colori presenti in ogni stanza, quindi, non sono mai casuali, ma frutto di uno studio molto accurato sul design, mosso dall'intento di combinare soluzioni architettoniche modernissime con le esigenze dei chakra, i centri energetici dell'individuo secondo la disciplina indiana. Punto forte del centro termale, oltre alla piacevole atmosfera, è l'attenzione rivolta a tutti i cinque sensi: vista, tatto, gusto, olfatto e udito, realizzata integrando i normali trattamenti termali con profumi e suoni, sapientemente selezionati. Il complesso si estende per 1300 metri quadri ed è suddiviso in tre piani: il primo, dove ci sono le piscine idromassaggio e le saune, il secondo dedicato alla terra con l'area per i fanghi e il terzo riservato ai trattamenti estetici. Sono proposti quattro percorsi differenti (energizzante, drenante, rilassante, depurante)

nante, rilassante, depurante) ideati per riequilibrare l'energia, basandosi sull'armonizzazione dei cinque elementi: Acqua, Fuoco, Terra, Aria, Etere, che costituiscono l'uomo e compongono tutto il cosmo. L'ospite ha a disposizione tre ore e mezzo di tempo, durante il quale può scegliere se seguire un itinerario specifico o sperimentare in modo casuale i venti trattamenti a disposizione. Il punto di partenza di ogni variante proposta è la camminata nel fiume, presa in prestito dalla natura, che alterna gettiti d'acqua fredda a calda. A seguire sono previste immersioni in vasche con idromassaggio, di cui due sono all'aperto (tra cui quella di acqua salina), e soste nel bagno turco o nelle saune (una tradizionale e una etrusca, aromatizzata coi profumi toscani). A queste si alternano docce fredde dal grande impatto, come quella dell'ice crash, che consiste in un mix tra nebbia fredda e doccia ghiacciata.

Per accrescere lo stato di rilassamento sono utilizzate vasche, docce e stanze cosiddette "emozionali", dotate di musica subacquea e basate sui principi di cromoterapia, aromaterapia, musicoterapia. E' possibile, inoltre, sperimentare la stanza del silenzio interiore o ricaricarsi nella piramide energetica, costruita rispettando le proporzioni di quella di Cheope. Un'ampia area relax interna è a disposizione degli ospiti, dove si possono sorseggiare tisane depurative e rilassanti. Nel melmarium, nome non a caso di origine latina, è possibile diversi tipi di fango termalevasche, docce e stanze cosiddette diversi tipi di fango termale.

Foto

©

T erm e Sens oriali di Chia ncian o

Negli eleganti camerini del Centro Benessere delle Terme sensoriali, esperti operatori eseguono trattamenti estetici e massaggi con prodotti termali e tecniche orientali tra le più disparate, dallo stone massage a quello ayurvedico, dalla riflessologia plantare ai trattamenti di Shiatzu, solo per citarne alcuni. Per rendere il servizio ancora


Page 28

Fot o

©

WELLNESS: terme

Ro ber ta Mas i— Vis ta di Ch ian cia no

più esclusivo, le Terme di Chianciano spesso organizzano al loro interno degli eventi, quali ad esempio "la notte dei sensi", durante la quale è possibile vivere un'esperienza sensoriale notturna dalle 21,30 fino alle 2 di notte, con Light dinner di mezzanotte. Le terme Sensoriali introducono a un breve viaggio attraverso i sensi, dove corpo e mente sono protagonisti e dove è possibile muoversi, rilassarsi, concentrarsi o liberare la propria mente per armonizzare e rivitalizzare tutte le percezioni. Da non trascurare, inoltre, il fatto che Chianciano è collocata nel cuore della Val d'Orcia e quindi offre la possibilità di unire la cura della salute alla visita del territorio circostante, ricco di siti d'interesse

storico, artistico, culturale (basti pensare a Perugia, Montepulciano, Pienza o Siena, solo per citarne alcuni). Un'esperienza, quindi, che può essere consigliata non solo agli amanti del benessere, ma anche a tutti coloro che desiderano staccare la spina

Fot o

©

Ter m e Se ns or iali di C hia ncia n o—Pisci ne co n i dr om as sag gi o c on vis ta e ster na

ed evadere dallo stress, concedendosi sani momenti di svago, divertimento e relax, in un posto incantevole e davvero pieno d'atmosfera. Roberta Masi


WELLNESS: terme

Fot o

©

Page 29

Ter m e Se ns or iali di C hia ncia n o—Pisci ne co n i dr om as sag gi o

Per informazioni: Terme Sensoriali di Chianciano - www.termesensoriali.it Piazza Martiri Perugini Parco Acqua Santa, 53042 Chianciano Terme, Siena, Italia Call center: 848800243 Tel.: +39 057868480

Fot o

©

Ter m e Se ns or iali di C hia ncia n o


EVENTI: mostre

Page 30

Dracula e il mito dei Vampiri Il fascino inquietante e seducente del Principe delle Tenebre tra leggende, letteratura, arte, cinema, moda in mostra alla Triennale di Milano Da oltre due secoli la moda del “vampiro” non accenna ad attenuarsi. Milano celebra il centenario della scomparsa del celebre scrittore irlandese Bram Stoker, che nel 1897 pubblicò il romanzo “Dracula”, con una mostra dedicata al vampiro più famoso di tutti i tempi, che si terrà alla Triennale di Milano dal 23 novembre al 24 marzo. La mostra, inaugurata proprio mentre nei cinema esce l'ultimo lavoro di Dario Argento, Dracula 3D, è stata ideata, prodotta e organizzata da Alef -cultural project management in partnership con La Triennale di Milano e in collaborazione con il Kunsthistorisches Museum di Vienna. Quest’anniversario ricorre tra l’altro in un periodo in cui il mito dei vampiri è particolarmente in voga. Il successo riscosso dalla saga di Twilight, che vede come protagonisti un giovane e affascinante vampiro “gentiluomo” e Bella, l’adolescente che s’ innamora di lui, ha portato, infatti, alla ribalta ancora di più il mito dei vampiri, generando una sorta di“vampiromania”che continua a sedurre adolescenti e non solo. La mostra rappresenta, quindi, un’occasione sia per rendere

omaggio alla creatura letteraria del romanziere irlandese, sia per cercare di capire i motivi per cui questo sinistro e oscuro cacciatore del sangue di giovani vittime, mostro demoniaco dalle fattezze seducenti, protagonista imprescindibile del genere horrror, continui ad affascinare e a fare tendenza. In esposizione vi sono 100 opere tra dipinti, incisioni, disegni, documenti che svelano il mondo inquietante e seducente del Principe delle Tenebre, tra cinema, moda, arte e fumetto e mostrano i miti e le leggende legate a quest’affascinante personaggio, sia prima che dopo l’uscita del romanzo. Oggetti storici, costumi di scena e video passano in rassegna le leggende più antiche e mettono a nudo la figura del vampiro nel corso dei secoli, vista secondo diverse sfaccettature, che vanno dalla dimensione storica sino alla trasposizione letteraria e cinematografica, per arrivare a trattare persino le implicazioni sociologiche del mito. La mostra si articola in tre sezioni principali: “La realtà dentro il mito” dedicata alla storicità di Dracula, “Bram Stoker: Dracula” , chesi concentra in-

vece sull’opera dello scrittore, “Morire di luce: il cinema e i vampiri”, dove manifesti originali e videoproiezioni introducono il visitatore attraverso un secolo di cinema vampiristico, dal celeberrimo Nosferatu di Murnau a Dracula di Bram Stoker alle numerosissime versioni di Dracula. Dulcis in fundo uno spazio a parte è destinato alla figura della donna vampiro, dalle sue incarnazioni storiche (Elizabeth Bathory) e letterarie (Carmilla) al concetto di donna vamp, mentre un’altra area si propone di illustrare il “Design del Vampiro” con un racconto per immagini delle dimore e dei luoghi vampireschi. In omaggio al grande Guido Crepax, vengono proposti, inoltre, 18 disegni inediti che illustrano l’incontro tra Dracula e la sensuale Valentina. Una mostra davvero da far venire i brividi!. Roberta Masi


Page 31


EVENTI:dimore di charme

Page 32

LA FORTEZZA DI TREZZANO D’ADDA TORNA AGLI ANTICHI SPLENDORI La dimora storica di Cassano d’Adda si trasforma in albergo di charme e riacquista il suo fascino originale di prestigiosa residenza di nobili, dame e cavalieri

Nella suggestiva cornice di Cassano d’Adda, a circa 30 km da Milano, torna al suo antico splendore la Fortezza Viscontea, dimora storica che risale al 1200. Oggi di proprietà della famiglia Laboni, il castello ha recuperato, infatti, grazie a imponenti lavori di ristrutturazione architettonica, durati 10 anni ( di cui 6 solo di progettazione), tutto il suo fascino originale ed è stato di recente trasformato in prestigioso hotel a quattro stelle, aperto alla clientela da meno di

un anno. La struttura dispone di 20 camere, 9 suite, un ristorante, operativo dal mese di ottobre. Si compone di piano terra con corte e primo piano, dove si trovano le camere e una sala congressi in grado di ospitare 350 persone, da cui si gode uno strepitoso panorama sull’Adda. Le suite disposte su due piani sono arredate a tema e ospitano all’interno una piccola sala che può essere utilizzata per piccole riunioni d’affari o consigli

d’amministrazione. Entrando nelle sale dell’hotel si respira la storia. Gli affreschi, le carte geografiche degli avi, le mura in pietra perfettamente conservate e gli archi a tutto sesto che ornano gli interni ricordano le atmosfere medievali di un tempo ormai perduto, fatto di dame e cavalieri, ma il cui fascino rimane sempre vivo e intramontabile. Il maniero fu eretto nel 1200, probabilmente sopra una rocca preesistente risalente al periodo ca-


rolingio. Fu adibito originariamente a fortezza militare. Raggiunse il suo massimo splendore sotto i Visconti, quando l’arciduca di Milano Giovanni Visconti lo utilizzò come residenza estiva e contribuì a farlo fiorire . Nel corso dei secoli il maniero fu protagonista di alterne vicende, che videro alternarsi nobili famiglie milanesi, quali gli Sforza e i Visconti, spagnoli, francesi e austriaci, con esse sfarzo e rovina. Il castello continuò a prosperare per tutto il medioevo Passò nelle mani degli spagnoli, che affittavano il titolo di marchesi e lo abitarono per svariati anni. Fu poi vittima di sorti avverse: fu distrutto dai francesi e adibito a deposito armi e munizioni dagli austriaci.

I lavori di ristruttura-

Nel Novecento cadde in disgrazia fino a diventare quasi irriconoscibile, prima della sua attuale ristrutturazione: fu, infatti, utilizzato come carcere, cinema, discoteca, la torre fu persino impiegata come in acquedotto.

Di recente è stato acquistato dalla famiglia Laboni, che ha deciso di riportarlo al suo aspetto originario, recuperando così gli spazi del 1200 e 1300 e gli affreschi originali.

zione, realizzati in collaborazione con le belle arti, sono riusciti nel loro intento ed hanno riportato in vita l’antica fortezza in tutto il suo splendore, rendendola un vero e proprio gioiello architettonico incastonato in un territorio di gran fascino e suggestione, tutto da scoprire.


Page 34

La Fortezza di Cassano D’Adda rappresenta una dei pochi ambienti così ben conservati ad avere spazi così grandi attualmente esistente nei pressi di

EVENTI : DIMORE DI CHARME

Milano. Ubicato in una posizione logistica favorevole, vicina all’autostrada e a poca distanza da Bergamo e Milano,

il castello rappresenta la location ideale per matrimoni, eventi. celebrazioni. Roberta Masi


RICETTE D’AUTORE

Page 35

i m u r g a i li m g u r a g e a ic li t g s a a e ’ d ic t InInssaalalattaa d ’ a s Ingredienti -1/2 astice e gamberi

-2 arance e un limone -bustine di gelatina (o agar-agar e aggiunta farina di riso per un effetto più denso) -basilico fresco -fumetto di pesce -olio -insalata soncino o valeriana

P r e p a r a z io n e

-

succo di il e er g n iu g g a i di pesce, a cu to et m eri.Facendo u b f m il a e g r a i r n a u lc a Prep o n llire all’inter o b i v o d na. Versate en ti c a a f el , g ia c la n e a et r g ’a n n u inuto, aggiu m e h lc a u q er p a eri e disponeb m a g i te a el cuocere ancor p s itori rotondi, n te n o c e u d o tr frigorifero. in e il tutto den r o 2 1 er p e r a ate poi ripos con acqua, o c es r f o ic il s a b teli all’interno. F o frullando il ic il s a b l a a ls pezzi. Prena s li o c ic p in lo te Preparare la a li ire l’astice e tag ll o b io bicr p a F m . a o n li o u e o tr ia c en n d a r a a e riponetela n ti a el g la o er if r i sopra alcuni ev et n o p is d dete dal frigo e o e del soncin er g n iu g g A . o ilico e pinoli. in s a b l a a ls chiere da v a s la e il tutto con it r p o C e. c ti s ’a d pezzetti

Tempi moderni magazine - gennaio/febbraio 2013  

Magazine su moda, viaggi, wellness, tendenze e stili di vita

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you