Page 1


0040.fumetto01.qxd

5-04-2009

23:11

Pagina 9

il foulard Questa sono io quando avevo dieci anni. Era il 1980.

E questa è una foto di classe. Io sono seduta all'estrema sinistra, perciò non mi si vede. Da sinistra a destra: Golnaz, Mahshid, Narine, Minna.

Nel 1979 c'è stata una rivoluzione che poi hanno chiamato "la rivoluzione islamica".

Poi venne il 1980: il primo anno in cui nElle scuole il foulard diventò obbligatorio.

Prendi, figlia mia.

Ma a noi non piaceva molto portare il foulard, soprattutto perché non ne capivamo il motivo. Ridammi il mio foulard!

Fa troppo caldo!

Esecuzione per la libertà! Prima mi dovrai baciare i piedi.

Uh! Uh! Uh! uuH! Sono il mostro delle tenebre!

9


0040.fumetto01.qxd

5-04-2009

23:11

Pagina 10

dove eravamo in una classe mista, maschi e femmine insieme,

Anche perchĂŠ soltanto un anno prima, nel 1979, frequentavamo una scuola francese e laica,

finchĂŠ,improvvisamente, nel 1980...

Tutte le scuole bilingue devono chiudere i battenti.

Esse sono il simbolo del capitalismo mondiale...

della decadenza.*

Bravo!

Che saggezza!

*Questa viene chiamata "Rivoluzione culturale". Ci siamo ritrovate velate, e separate dai nostri compagni. Ed eccoci qua.

10


0040.fumetto01.qxd

5-04-2009

23:11

Pagina 11

In tutte le strade, c'erano manifestazioni anti e pro-foulard.

Mia madre fu immortalata da un reporter tedesco durante una di quelle manifestazioni.

E anche su una rivista del nostro paese. Mia madre aveva paura.

Ma hai visto?

Io ero molto fiera di lei. La sua foto fece il giro di tutta Europa.

Si tinse i capelli. E per molto...

Non è cosÏ grave, tesoro.

11

...tempo portò gli occhiali neri.


0040.fumetto01.qxd

5-04-2009

23:11

Pagina 12

Io non avevo le idee molto chiare riguardo al foulard. Ero molto credente, ma i miei genitori e io eravamo piuttosto moderni e progressisti.

Io ero nata con la religione.

A sei anni ero sicura di essere l'ultimo dei profeti. Allora mancavano pochi anni alla rivoluzione.

Prima di me, ce n'era stato qualcun altro.

Io sono l'ultima.

Volevo essere un profeta... perchĂŠ la nostra domestica non poteva mangiare con noi,

perchĂŠ mio padre aveva una cadillac...

Una donna?

e soprattutto perchĂŠ a mia nonna facevano sempre male le ginocchia. Vieni, Marji! aiutami ad alzarmi. Non preoccuparti. Presto starai meglio! Vedrai.

12


0040.fumetto01.qxd

5-04-2009

Come tutti i miei predecessori, anch'io avevo il mio libro sacro.

23:11

Pagina 13

Le prime tre regole erano di Zarathustra. Lui era stato il profeta più importante del mio paese prima dell'invasione araba. Bisognerà fondare tutto su queste tre regole: buona condotta, buone parole, buone azioni.

Volevo anche che si celebrassero le feste zoroastriane, come la festa del fuoco,

seguita dal Norduz, il capodanno persiano, che si festeggia il 21 marzo, il primo giorno di primavera.

Solo la nonna era al corrente del mio libro. ... regola n°6: tutti devono avere un'automobile,

Se fosse così, io sarei la tua prima discepola.

regola n°7: tutte le domestiche devono mangiare insieme ai loro padroni,

Davvero? regola n°8: nessuna vecchietta deve più soffrire.

Ma di' un po', come potresti fare in modo che le vecchiette non soffrano?

Beh, è semplice, sarebbe vietato.

13


0040.fumetto01.qxd

5-04-2009

23:11

Pagina 14

La sera parlavo a lungo con Dio. Ma sĂŹ, luce celeste! Tu sei la mia prescelta, la mia ultima e migliore prescelta.

Dio, concedimi ancora un po' di tempo. Non sono ancora pronta.

A parte mia nonna, io ero evidentemente l'unica a dare retta alle mie parole.

E tu cosa farai da grande?

Voglio fare il profeta.

è pazza...

I miei genitori furono convocati. Vostra figlia ha dei problemi. Dice che vuole essere un profeta!

No! affatto! E allora? Questo non vi preoccupa?

14


0040.fumetto01.qxd

5-04-2009

23:11

I miei genitori, però, cominciarono a ripensarci su.

Pagina 15

Farò il medico.

Brava, tesoro, brava.

Dimmi, piccola mia. Che farai da grande? profeta...

Mi sentivo in colpa verso Dio.

Ma no, farò il profeta. Ma loro non lo devono sapere.

Dunque è vero? vuoi fare il medico? E io che m'ero illuso...

Volevo essere al tempo stesso la giustizia, l'amore e la collera divina.

15


0040.fumetto01.qxd

5-04-2009

23:11

Pagina 16

LA BIcIcLETTA La mia fede a volte vacillava.

Nell'anno della rivoluzione, il 1979, bisognava agire. Perciò per un po' misi da parte il mio destino di profeta.

Oggi mi chiamo Che Guevara. Io sono Fidel.

E io, voglio essere Trotskij.

Manifestavamo nel cortile di casa. La rivoluzione è come una bicicletta. Quando le ruote non girano più, finisce per cadere.

Abbasso il re! Abbasso il re!

Ben detto!

Quella fu la rivoluzione nel mio paese.

16


0040.fumetto01.qxd

5-04-2009

23:11

Pagina 17

"La rivoluzione ha infine svegliato il popolo dopo un lungo sonno durato 2500 anni."

"2500 anni di tirannide e di sottomissione" come diceva mio padre. Prima i nostri imperatori,

Poi l'invasione araba dell'ovest

seguita dall'invasione mongola dell'est,

e infine l'imperialismo moderno.

17


0040.fumetto01.qxd

5-04-2009

23:11

Pagina 18

Sapevo tutto sui bambini palestinesi,

su Fidel Castro,

Per svegliarmi, mi comprarono dei libri.

sui piccoli vietnamiti uccisi dagli americani,

sui rivoluzionari del mio paese...

Ma la mia lettura preferita era un libro a fumetti intitolato: "Il materialismo dialettico�. z

Vi si vedevano Marx e Cartesio. Il mondo materiale non esiste, non è che un riflesso della nostra immaginazione.

18

Ma guarda un po'!


0040.fumetto01.qxd

5-04-2009

23:11

Pagina 19

Allora questa pietra che ho in mano, tu la vedi ma non esiste perché si trova solo nella tua immaginazione.

Ahi, ahi, che fai, Karl, mi rompi la testa!

esatto.

Era divertente constatare come Dio e Marx si assomigliassero. Forse Marx era un po' più riccio.

Malgrado tutto, Dio veniva a trovarmi di tanto in tanto. Domani farà bello.

Allora, non vuoi più fare il profeta? Parliamo d'altro, va bene? Trovi davvero che io assomigli a Marx?

Ho detto, parliamo d'altro!

19


0040.fumetto01.qxd

5-04-2009

23:11

Pagina 20

FarĂ 27 gradi all'ombra...

Shh! Sta' zitto un attimo!

Stasera hanno bruciato il cinema Rex. Oh, mio Dio!

Qualche minuto prima dell'incendio, le porte erano state bloccate con le catene.

La polizia era sul posto.

Poi li hanno presi a manganellate.

20

Hanno vietato alla gente di aiutare le vittime.


0040.fumetto01.qxd

5-04-2009

23:11

Pagina 21

I pompieri arrivarono con quaranta minuti di ritardo.

La B.B.C. disse che si contarono oltre quattrocento morti. Il regime dello sciĂ sosteneva che fossero stati i fanatici religiosi a provocare l'incendio, ma il popolo sapeva bene che il vero responsabile era lo sciĂ !!!

21


0040.fumetto01.qxd

5-04-2009

23:11

Pagina 22

Domani ci sarà una manifestazione... Naturalmente! Non si può passar sopra a fatti del genere!

Anzi, forse starò anche meglio nei panni di Fidel Castro!

Ci voglio andare anch'io.

Ma dove sei ?

Non ti sembra che somigli a Che Guevara?

uh uh??

Domani voglio venire con voi!

22


0040.fumetto01.qxd

5-04-2009

23:11

Pagina 23

Ma dove? è molto pericoloso, sparano alla gente!

Beh, a manifestare per la strada! Mi sono stufata di farlo in giardino.

Perché una rivoluzione riesca, bisogna che tutto il popolo partecipi.

Mamma, per piacere! Tu parteciperai più tardi... Dio santo!

Sì, certo! Quando sarà finita...

Da brava, adesso va’ a dormire.

Dio: ma dove sei?

Per piacere per piacere per piacere per...

Ma quella sera, Lui non si fece vivo... 23

Persepolis  

Persepolis - Marjane Satrapi, Vincent Paronnaud