Issuu on Google+

COLLETTIVO LETTERE E GRUPPI FACEBOOK IN MEMORIA DI NORMAN ZARCONE

LA MEMORIA DI NORMAN E’ PATRIMONIO COLLETTIVO E NON VA MORTIFICATA Vorremmo ricordare al Magnifico Rettore dell’Ateneo di Palermo, Roberto Lagalla, il quale con le sue dichiarazioni espresse a mezzo stampa e sulle news dell’Ateneo (qui sotto riportate), è stato il primo fautore della proposta di intitolazione dell’Aula a Norman Zarcone, nonché del dottorato alla memoria, di portare avanti il suo impegno nei termini da lui espressi come massima istituzione dell’Ateneo palermitano. Per tale motivo, lo invitiamo a risolvere la questione nella prima riunione utile del Senato Accademico, nonostante l’immotivata avversione emersa negli ultimi Consigli Facoltà e in particolare in quello del 21 dicembre scorso. Lo invitiamo altresì a rimanere estraneo allo sterile accanimento espresso da “certi” docenti, i quali, non si capisce bene la ragione, stanno dimostrando ancora una volta di voler mantenere le loro rendite di posizione. Diversamente, non si capisce, come mai l’intestazione di un’Aula ad un giovane studioso scomparso tragicamente, possa rappresentare una minaccia all’intera Università come agenzia formativa. E’ evidente che c’è chi sta tentando con tutte le sue forze di avvelenare una discussione, che diversamente, dovrebbe essere unanime sulla memoria di Norman Zarcone, colpevole forse di aver ricordato che l’Università è primariamente degli studenti, e, involontariamente, di aver rimosso dalla sua latenza un problema che è su scala nazionale? Vorremmo ricordare a tutti, in particolar modo agli organi di informazione, che Norman ormai rappresenta tutti i Norman d’Italia e che sul web, da Lugano a Taranto, da Bologna a Foggia, passando per Catania e Palermo, egli è diventato il simbolo di una intera generazione di studenti, laureati e precari di ogni categoria. E vorremmo ricordare la figura non certo eccellente che tale accanimento immotivato sta producendo nell’immaginario collettivo della stampa nazionale e nell’opinione pubblica. Ma non secondariamente sulle matricole che si accingono ad entrare per la prima volta nella nostra Università, che nessuno, ribadiamo, ha mai offeso come totalità o come organismo complessivo. INFO STAMPA: MARCO CANZONERI 333 722 0379 ALESSANDRO DI MAIO 329 43 31 921 --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------News Ateneo n.67 del 17 settembre 2010 3. La manifestazione in ricordo di Norman Zarcone. Il rettore: “Proporrò di intestargli un’aula alla facoltà

di

Lettere”

Un’aula di Lettere intestata a Norman Zarcone, il dottorando di ricerca che si è suicidato gettandosi da una finestra della facoltà. Lo proporrà lunedì in Senato accademico il rettore dell’Università di Palermo Roberto Lagalla, che – seppur personalmente impossibilitato a partecipare per impegni istituzionali - ha voluto che l’Ateneo fosse rappresentato con i massimi vertici alla manifestazione indetta in ricordo del giovane, con la presenza del prorettore vicario Ennio Cardona e del direttore amministrativo Antonio Valenti. “Un giovane impegnato nella ricerca che perde la vita così deve essere ricordato in modo costante – dice Lagalla - non


soltanto

con

il

titolo

di

dottore

di

ricerca

ad

honorem

che

pure

l’Ateneo

gli

conferirà”.

Continua Lagalla: “Ho apprezzato la compostezza degli studenti, la presenza di rappresentanti istituzionali e ho massimo rispetto per la rabbia del padre, al quale esprimo un cordoglio sentito, presente, non formale, rinviando un confronto a un incontro privato e riservato. Le autorità accademiche vigilano su correttezza e trasparenza di atti e procedure, ma purtroppo, come ogni altra realtà che fa parte della società, l’Università non può essere considerata in ogni sua parte del tutto impermeabile a sollecitazioni e pressioni. Questo, al netto di ogni facile strumentalizzazione, deve essere occasione di riflessione per tutti”.


COMUNICATI STAMPA