Page 1

La piccola Lamparita e le ghirlande luminose ○

I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER ○

WWW.RISPARMIOLANDIA.IT


La piccola Lamparita e le ghirlande luminose Dovete sapere, bambini, che i cuccioli del Bosco delle Venti Querce, prima di andare a dormire, ascoltano ogni sera tutti la stessa fiaba! Eccone un’altra ancora... Un bel giorno nel Bosco delle Venti Querce accadde quello che non avrebbe dovuto succedere: la Luna si mise in sciopero! Eh sì, caro miei: la Luna si stancò di lavorare senza che nessuno le dicesse almeno “grazie” e quindi senza preavviso spense i suoi raggi, scese dietro l’orizzonte e non si fece più vedere! «Nulla di grave, per carità: si può benissimo vivere anche nel buio più assoluto», si disse la civetta Brigida, che di notte ci vede bene come se fosse giorno. Non altrettanto però dissero gli altri animali, che... SBADABÀMMM! Il povero cavallo Clopp, tornando a casa in piena notte, era andato a sbattere contro il tronco di una quercia. SPATASPLÀSHHH!! Mamma Orsa, dopo aver messo a nanna i suoi tre orsacchiotti, decise di andar a far visita ad Asty, la volpe, ma per il troppo buio cadde nell’acqua del laghetto di Sognidoro. PATATRÀCCC! La volpe Asty, che aveva sentito l’urlo di mamma Orsa, uscì dalla tana per vedere cos’era successo, ma precipitò in una buca nascosta sotto alle foglie del sottobosco. ROONNNN… BZZZZ… ROONNNN… BZZZZ! Lo scoiattolo Gellindo Ghiandedoro, di rientro dal Villaggio degli Spaventapasseri, si trovò circondato da un buio così fitto, da un nero così nero, che non riuscì a trovare la vecchia quercia nella quale

abitava e quindi fu costretto a dormire all’aperto, al riparo d’un cespuglio di nespole. TABOINNNNGG! Tinca Pertinca, il pesciolino che viveva nel ruscello del Bosco delle Venti Querce, senza più il riferimento della Luna perse l’orientamento e, pensando di saltar fuori dall’acqua, andò a sbattere sul fondo, facendosi un bernoccolo sulla punta del naso! Insomma, tutti si resero conto che, senza un briciolo di luce, senza un raggio di Luna, senza il colore di quell’argento che viene dal cielo, di notte le cose potevano mettersi veramente male. Provarono ad accendere dei gran falò, ma drago Casimiro dovette accorrere a spegnere gli incendi, spruzzando sulle fiamme l’acqua bevuta nel laghetto poco prima. Imprigionare perfino la luce del Sole in una cassa: al tramonto chiusero il coperchio e lo riaprirono solo a mezzanotte, ma fu inutile. Buio era e buio rimaneva! – Perché non proviamo ad accendere delle candele? – propose Pistacchio, che sarà stato sì un asinello, ma aveva un bel po’ di sale in zucca… Solo che si alzò un soffio di vento e le fiammelle si spensero una dopo l’altra, lasciando il bosco nel buio assoluto. – Chissà perché Mamma Natura non ci ha fatti nascere con il naso luminoso! – esclamò Gellindo, che camminava all’oscuro dando la zampa alla civetta Brigida. – Ecco la soluzione! – strillò Brigida lasciando andare Gellindo, che non fece un passo in più, per timore di sbattere da qualche parte. – Aspettatemi qui: vado a chiamare Lamparita… Solo lei può darci

WWW.RISPARMIOLANDIA.IT


La piccola Lamparita e le ghirlande luminose una mano, anzi… un po’ di luce! Lamparita? E chi è questa Lamparita? È una minuscola lucciola che vive ai margini del Bosco delle Venti Querce, portando in giro orgogliosa il suo pancino luminoso. E Lamparita chiamò a raccolta le migliaia e migliaia di sue amiche: si presero tutte per mano creando lunghi festoni di lucciole, che attraversarono il

Bosco portando finalmente la luce in quell’oscurità. E fu gran festa, perché tutti finalmente potevano muoversi senza farsi male. Una festa alla quale prese parte anche la Luna, che si scusò per essersi arrabbiata senza motivo e riprese tranquilla il suo lavoro, a partire da quella stessa notte!

WWW.RISPARMIOLANDIA.IT

La piccola Lamparita e le ghirlande luminose  

I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you