Issuu on Google+

Numero unico a cura degli inserzionisti

Organo Ufficiale dell’ A.C. Rimini 1912 - CENT’ANNI DI STORIA

n°17

Hurrà rimini! FC

CAMPIONATO LEGA PRO 2ª DIVISIONE GIRONE A 2011 - 2012

Rimini-Cuneo

Domenica 15 Aprile 2012 - ore 15,15

Battagliamo tutti uniti!


2


Editoriale - di Nicola Strazzacapa

Ultimi quattro giri sulle montagne russe. Vincere sempre per mettere la Prima Più che un campionato, un luna park. Un lungo andirivieni sulle montagne russe lungo otto mesi. Ogni settimana qualcuno che sale sale sale e pare involarsi, ogni settimana qualcuno che precipita e sempra dover abbandonare i sogni di gloria. Sembra, perché la vera certezza di questo Girone A è che non vi sono… certezze. Non si fa in tempo a decantare “il Casale impossibile da fermare e con un piede e mezzo già in Prima Divisione” che la macchina di Buglio grippa il motore e vede la porta avversaria con la stessa nitidezza di Ray Charles. E il Cuneo dell’attacco atomico? Più ballerino del celeberrimo San Vito… Al Rimini è toccato l’inverno, salvo poi sciogliersi come la neve di primavera, quando il testimone giusto pareva averlo abbrancato il San Marino macchina da gol e dall’Olimpiico inviolato come l’Olimpo della leggenda. Tutto vero, peccato che in trasferta i titani balbettino più di una 18enne al Ballo delle Debuttanti e dopo il fortunoso derby di Bellaria siano arrivati appena due punti sui campi di Lecco, Montichiari, Giacomense e Virtus Entella. Mica Barcellona e Manchester United… Tabelle, controtabelle, calcoli, algoritmi… tutta carta straccia. La parola d’ordine è incertezza e di verdetti già scritti nemmeno a parlarne. C’è solo da mettersi comodi e divertirsi. Da allacciare le cinture

strette strette per uno sprint a cinque in quattro atti come non se ne vedevano da tempo. 3060 minuti non sono bastati a decidere niente né in testa, ne per la zona playoff né in coda. Ne rimangono 360 da vivere in apnea, senza un attimo di sosta e con un tom tom per districarsi fra i mille incroci: Rimini, San Marino, Casale, Cuneo e Treviso hanno davanti a loro due scontri diretti e otto sfide contro le quattro che si giocano il sesto posto. Dieci fra le sedici partite complessive che mancano saranno da circoletto rosso sul calendario e già oggi ci sarà da leccarsi i baffi. Il calendario dice RiminiCuneo, San Marino-Pro Patria e Casale-Virtus Entella, sei delle prime otto l’una contro l’altra. Un antipasto niente male per apparecchiare la tavola della Prima Divisione. Per i biancorossi di Luca D’Angelo, il Cuneo e il Treviso sarebbe un doppio salto da urlo (sono tutte matricole), per il Casale e il San Marino quasi un ‘dovere’ vista la caratura dei piemontesi e la conferma dei biancazzurri, che partivano dal terzo posto dello scorso anno e con Lapadula, D’Antoni e Tarallo in più nel motore di Petrone. E’ il momento della verità, del dentro o fuori, tutto niente. La calcolatrice va messa in tasca, si può solo vincere sempre. Come nei playoff 20112012…

Tonelli Marmi snc Direzione e lavorazione: via Tonale, 47 - 47921 Rimini

Tel. 0541 740609

tm@tonellimarmi.it 3


Greco

Nome Marco Cognome Greco Età 34 Soprannome “Grecuzzo” Ruolo Preparatore atletico/vice allenatore Sei fidanzato Sposato Il tuo motto ”l’importante non è partecipare, ma vincere…il solo partecipare è per gente con scarse qualità e tanto tempo da perdere” (Andrea Bocelli). Un aggettivo per descriverti Ottimista Un aggettivo per descrivere l’altro Stakanovista Tra te e lui chi è il più preparato Lui, anche perché ha più esperienza di me Il tuo piatto preferito Le lasagne di mia mamma Sai cucinare me la cavo La tua squadra del cuore Ne ho due, Lecce e Rimini Il tuo o la tua cantante preferita Freddy Mercury Qual è l’ultimo libro che hai letto “Il profumo delle foglie di limone” di Clara Sanchez Qual è l’ultimo cd che hai ascoltato ’ultimo dei Miami and The Groovers…ti giuro un grande disco. Hai un desiderio per il futuro Ritornare con il Rimini in B!!!

PASTICCERIA CAFFETTERIA CIOCCOLATERIA

4 Via Colonna, 19 - Rimini - Tel. e Fax 0541 384160 - www.pasticceriasoriani.it - info@pasticceriasoriani.it


Intervista doppia - di Emanuele Pasini

Olivieri

HURRA RIMINI! Proprietà: AC RIMINI 1912 srl Piazza del Popolo Rimini www.riminicalcio.com Tel. 0541.785960 Omaggio degli inserzionisti Collaboratori: Tamara Antonioli

Cristiano Cerbara Carlo Fabbri Enrico Izzo Nicola Strazzacapa Giuseppe Bernabè Coordinamento: Emanuele Pasini Servizio fotografico: Gilberto Poggi Francesco Girardi Manuel Migliorini

Emanuele Pasini Distributori: B. Cavioli – E. Filippelli – F. Foschi – P. Ottaviani – O. Sarti – F. Semproli – G. Zanotti Grafica e impaginazione: R&R Servizi Grafici

Nome Maurizio Cognome Olivieri Età 57 Soprannome Non ho soprannomi Ruolo Preparatore dei portieri Sei fidanzato Sposato Il tuo motto ”Non dobbiamo mai prendere gol” Un aggettivo per descriverti Operativo Un aggettivo per descrivere l’altro Il migliore nel suo campo Tra te e lui chi è il più preparato Lui, nel suo ambito Il tuo piatto preferito La pasta asciutta in generale Sai cucinare Si La tua squadra del cuore Il Rimini Il tuo o la tua cantante preferita A me piacciono i New Trolls prima maniera Qual è l’ultimo libro che hai letto ”Son venuto per servirvi” di Don Gallo Qual è l’ultimo cd che hai ascoltato I Miami and the Groovers Hai un desiderio per il futuro Continuare a lavorare con questo gruppo!

5


Il Presidente - di Emanuele Pasini

Intervista a Biagio Amati

(vorrei farti 3/4 domande a cuore aperto)

INTERVISTA CON BIAGIO AMATI Oggi incontriamo il Presidente Amati per una chiacchierata a Cuore Aperto. Buongiorno Presidente, alla vigilia di una gara molto importante (Rimini-Cuneo) com’è il suo stato d’animo? Sicuramente una gara importante e da un punto di vista sportivo è anche bello in questo momento affrontare certe partite così delicate, comunque io sono sereno e ottimista come sempre, consapevole di avere fatto tutto quello che era necessario e con le risorse a disposizione. Certo che la partita merita un pubblico delle grandi occasioni e vediamo un po’ se la città di Rimini ha ancora voglia di vivere queste emozioni. Vorrei vedere un grande pubblico magari con la curva unita ai vari club tutti insieme come è stato a Terni nella finale dell’anno scorso… che spettacolo!!!!!!!!! Visto che proprio domenica mio figlio Giorgio passerà la cresima spero che la squadra mi faccia un bel regalo. Fino ad oggi come giudica il cammino Biancorosso? La stagione del Rimini è strepitosa siamo partiti, lo ricordo a tutti, per mantenere la categoria e oggi a quattro partite dal termine del campionato ci troviamo a lottare per la vittoria finale. La soddisfazione è che il Rimini è una squadra giovane e tanti, esattamente 10, sono cresciuti nel nostro settore giovanile. La Mission societaria, in questi due primi anni

di sua gestione, è sempre stata quella di poter “crescere” i ragazzi attraverso lo sport e il calcio in particolare. Ci può fare un piccolo bilancio sia del lavoro del settore giovanile… La mission della nostra società, fino a che ci sarò io alla guida, sarà sempre improntata sui giovani. Crescere i ragazzi nello sport come forma di educazione. Peccato che tanti imprenditori e altri non capiscano l’importanza di questo che non vedano quanto sociale c’è in questo nostro impegno, ma vedono la Rimini Calcio come squadra e basta. Se fosse veramente così per noi sarebbe molto più facile investire dei soldi sulla prima squadra lasciando perdere circa i 500 ragazzi nostri tesserati. Comunque colgo l’occasione per ringraziare tutti gli allenatori / vice/ preparatori/accompagnatori/magazziniere e coloro che operano nel settore giovanile per l’impegno la professionalità e l’amicizia che dimostrano tutti i giorni verso la nostra società. Il 2012 è l’anno del centenario del calcio a Rimini, può accennare ad attività in programma… Abbiamo programmato le attività per il centenario durante la stagione calcistica 2012-2013. Infatti, per esempio, la prossima stagione giocheremo con la maglia del centenario. Stiamo organizzando tutta una serie di eventi di avvicinamento alla data ufficiale della festa che presumibilmente sarà a settembre. Ci può svelare un desiderio di Biagio Amati

6


Il Presidente - di Emanuele Pasini

Presidente…e tifoso? Il mio desiderio da presidente è anche un desiderio da tifoso. Mi piacerebbe nell’immediato vincere il campionato in corso sarebbe una doppia vittoria dopo quella dell’anno scorso e quindi una soddisfazione enorme vincere due campionati consecutivi per me e per tutti i miei collaboratori. Esclusivamente come presidente sto cercando di creare una società economicamente solida che possa affrontare i prossimi anni con una progettualità precisa. Purtroppo in questo momento la strada è stramaledettamente lunga, anche dovuto a questa grossa crisi, ma principalmente è dovuto al fatto che la gente ha paura e sinceramente non so di cosa anche perché per entrare è sufficiente versare la somma di euro 10.000,00 per partecipare alla società ad un 1% poi l’anno seguente se uno vuole uscire non sottoscrive più la quota e ne esce. Solo arrivando ad un numero di almeno 50 soci si può pensare in grande. Un ultimo desiderio sarebbe costruire il nuovo stadio. Credo che, anche se l’ho detto per ultimo, sia il primo punto fermo di partenza per creare una vera società e poter veramente progettare qualcosa di importante per Rimini. …un ultima cosa …prego Presidente dica pure… Visto che mi avete dato l’opportunità di questa intervista, vorrei ringraziare prima di tutti la mia famiglia perché credetemi, tanto tempo va dedicato

alla Rimini Calcio togliendolo appunto alla famiglia e se questo posso farlo è grazie alla pazienza di mia moglie e dei miei figli che mi permettono di farlo, perché sicuramente vedono l’impegno e l’entusiasmo che ci metto. Ringrazio inoltre tutto il nostro pubblico veramente speciale che ci segue ci sostiene senza polemica anche quando i risultati non sono proprio esaltanti e il motivo credo perché si vede comunque tanto impegna da parte di tutti. Non posso non ringraziare tutto lo staff nessuno escluso ed in particolare al Mister Luca D’Angelo e al suo vice Maurizio Drudi, due grandi persone sia dal punto di vista personale che sportivo, i preparatori Marco Greco e Maurizio Olivieri, lo staff medico Dott. Contento e Dott. Canè e il fisioterapista Marco Pelaccia per la loro grande competenza e dedizione, l’addetto all’arbitro Paoloni (anche ex arbitro) ché ci sopporta da tutti gli insulti che gli rivolgiamo in seguito alle decisioni appunto arbitrali, ai nostri Direttori Giovanni Sama e Paolo Bravo capaci di tenere unito il gruppo in maniera esemplare, a mio fratello Marco che garantisce sempre la presenza anche in mia mancanza. In ultimo i nostri magazzinieri Djiby e Pierone, si anche Pierone perché anche se non è più qui tra noi rimarrà sempre con noi nei nostri cuori. Un abbraccio a tutti e sempre forza Rimini!!!

LAVORI EDILI E STRADALI 7

CORIANO (RN) Via San Patrignano, 4 Tel. 0541 656166 Cell. 335 7065123


Buonocunto in d

SOCIO A.C. RIMINI 1912

SOCIO A.C. RIMINI 1912

SOCIO A.C. RIMINI 1912

SOCIO A.C.


dribbling stretto

. RIMINI 1912

SOCIO A.C. RIMINI 1912

SOCIO A.C. RIMINI 1912

SOCIO A.C. RIMINI 1912


Il centenario - a cura di Giuseppe Bernabè

LA STORIA CENTENARIA DELLA RIMINI CALCIO Capitolo 3 Nel 2012 il calcio a Rimini compie 100 anni, vogliamo ripercorrere in quattro puntate i momenti più significativi del secolo calcistico riminese. Reperimento immagini e didascalie a cura di Francesco Fanini, Raoul De Bonis, Claudio Casadei, Moreno Tombesi GLI ANNI DAL 2000 AL 2010 A fine campionato 1999/00 un giovanissimo Matteo Brighi viene ceduto alla Juventus; è un prodotto del vivaio ed è un riminese puro sangue. Nella squadra bianconera accumula 11 presenze poi andrà al Bologna, al Parma, al Brescia, dove gioca insieme a Roby Baggio, al suo ultimo anno di attività, e prende il posto che l’anno prima era stato di Josip Guardiola, “il Pep”, poi 3 anni al Chievo e 4 alla Roma. Adesso dopo 12 anni si trova ancora nel massimo campionato all’Atalanta, ed ha da poco superato le 300 presenze in serie A. I primi 4 campionati dal 2000 in poi sono eccellenti, come i due precedenti, sempre secondi o terzi. Nel 2000/01 arriva a Rimini Luciano Zecchini che dopo 9 gare lascia la panchina per due gare al vice Pietro Martini, poi a Claudio Maselli, arrivano ancora i play-off e sarà il Teramo ad eliminarci. Perdiamo per 2 a 1 a Teramo, doppietta di Myrtaj il secondo gol su rigore e gol di Favi per il Rimini, nel ritorno a Rimini è 1 a 1 gol di Tarallo su rigore per il Rimini e di Giuseppe De Amicis. In quell’anno sono arrivati a Rimini Anaclerio, Bordacconi, Consonni, Cipolli, Epifani, Favi, Civolani, Donadoni, Di Terlizzi, Tarallo, Luca Pellegrini, Vidallè e Luconi, e dal vivaio spunta Daniele Bucchi. La squadra forte di questi nuovi acquisti più i vecchi Bizzarri, Ferrari, Ballanti, Clementi e Neri, ha disputato un ottimo campionato e a fine 2000 (16° giornata) era in testa alla classifica, e dopo un periodo difficile ritorna in testa alla 31° giornata con 56 punti. La sconfitta alla 32° giornata contro il Prato 0-1, in casa gol di Pelatti, ci rimanda al terzo posto dietro Lanciano e Chieti e fa precipitare ancora il sogno di promozione diretta. Alla penultima giornata a Viareggio il grave infortunio dell’attaccante Maurizio Neri, compromette ancor più la possibilità di vincere i play-off. Di Nicola 24 gol dei quali 9 su rigore è vice cannoniere del girone dietro Myrtaj con 25. I 24 gol di Davide Di Nicola costituiscono il record in un annata per un giocatore del Rimini. Altro record è quello dei rigori a favore in una stagione ben 10 dei quali 9 realizzati da Di Nicola e uno da Maurizio Neri. Vengono promossi in serie C1 il Lanciano primo con punti 63 e il Chieti secondo, pure, con punti 63 vincitore dei play-off. Nel 2001/02 il patron Vincenzo Bellavista decide di affidare nuovamente la panchina a Franco Bonavita, questa volta dall’inizio del campionato e acquista Di Nicola, D’Angelo, Mastronicola e Micchi. Dalla 15° l’allenatore di Castrocaro dovrà passare le consegne a Claudio Foscarini, il quale si avvale subito di Di Giulio arrivato a Novembre, di Rachini e Bravo che debuttano nel Gennaio 2002 e di Ricchiuti che fa il suo esordio in Febbraio a Poggio Rusco contro la Poggese dell’attaccante Succi, risultato 0 a 0. Poi i giovani: Marco Brighi, Diego Nanni e Francesco Lunardini. Il Rimini anche in questo campionato ha tenuto la testa della classifica a 45 punti con il Teramo, poi il pareggio interno con il Gubbio 0-0 e la sconfitta a San Marino per 1 a 0 con gol di De Battisti lasciano via libera alla squadra teramana, allenata dall’ex Luciano Zecchini. Cessa invece la sua attività nel Rimini Maurizio Neri per lui 69 gare e 27 gol. E’ ancora play-off è il 5° è la Sambenedettese di Stefano Colantuono ad eliminarci nella partita di ritorno al Romeo Neri con un gol dell’ex Massimo De Amicis al 52’ minuto. Nella ripresa al 95’ c’è stata l’espulsione di Luca D’Angelo per doppia ammonizione, ma la partita era ormai finita. All’andata a Sambenedetto del Tronto era terminata 2 a 2 con gol di Criniti e Massimo De Amicis nel primo tempo e di Bordacconi e Luconi nella ripresa per il Rimini. Vengono promossi il Teramo primo con 70 punti e la Sambenedettese 5° con 65 punti vince i play-off. 2002/03 arriva Leo Acori, il Rimini lotta strenuamente con la Fiorentina, squadra che in quell’anno era finita in serie C2, fu un bel duello con i viola. Il Rimini all’andata dopo un inizio stentato riuscì a vincere proprio a Firenze allo stadio Franchi per 2 a 1, grazie ad una doppietta di Di Nicola. Nella gara di ritorno al Neri perdiamo però contro i gigliati per 2 a 0, la Fiorentina ci scavalca in classifica e il Rimini andrà ancora una volta ai play-off. E’ il sesto di serie C2, però questa volta è la volta buona, in semifinale, con un doppio 0 a 0 eliminiamo il Grosseto, in finale grazie ad un gol di Bordacconi su rigore eliminiamo il Gubbio. E’ finalmente C1 dopo 14 anni. La formazione è la seguente: Bizzarri, Mastronicola, D’Angelo, Di Fiordo, Mussoni, Trotta, Di Giulio, Rachini, Bordacconi, Ricchiuti e Di Nicola. Altri: Di Loreto, Luconi, Galliano,

www.eurodiffusione.com

Micchi, Floccari, Ballanti, Nanni, Lunardini e Bravo. I marcatori del Rimini sono stati: Di Nicola 14, Bordacconi e Luconi 5, Ricchiuti 4, Floccari e Rachini 2, Di Giulio, Micchi e D’Angelo 1. In quell’anno il Rimini acquista Trotta, Di Fiordo e da febbraio 2003 dal Genoa arriva Sergio Floccari, il quale debutta con il Savona in casa 1 a 1 sostituendo nella ripresa Di Nicola. Vengono promossi la Fiorentina prima con 70 punti e come detto sopra il Rimini secondo con 59 punti vince i play-off. 2003/04 serie C1 girona A, il Rimini disputa un ottimo campionato conclusosi al 4° posto ma nei play-off siamo sconfitti dal Cesena e dobbiamo rimandare la conquista della serie B all’anno successivo. Il 2 novembre 2003 il Rimini batte per 1 a 0 il Cesena con un gol di Rachini è una vittoria che avviene dopo quasi 40 anni, l’ultima vittoria con la squadra bianco e nera era avvenuta il 19 aprile 1964 sempre per 1 a 0 con un gol di Morelli. Sfortunato invece il Rimini nella gara di ritorno con i cesenati dove veniamo sconfitti per 3 a 2 e dopo un vantaggio di 2 gol, i loro 3 gol vengono realizzati sul finire della gara al 75’, al 78’ e 80’ con gol di Biserni, Confalone e Cavalli. La formazione era la seguente: Aldegani, Mastronicola, D’Angelo, Danilo Zini e Bravo, Trotta, Tasso, Di Giulio, Ricchiuti, Docente e Floccari. Gli altri giocatori: Bizzarri secondo portiere, Rachini, Bordacconi, Di Fiordo, Mussoni, Di Loreto, Di Nicola, Bonura, Ballanti, Pederzoli, Ambrosini, Semprini, Setaro. Miglor marcatore Floccari con 10 gol, Docente 7, Trotta 5 con 4 rigori. Gli arrivi sono quelli di Aldegani, Zini, Tasso, Docente ed altri. Termina invece la sua carriera nel Rimini Alessio Ballanti con un bottino di 151 gare e un gol, e primatista con la squadra biancorossa di gare disputate nei play-off ben 14. Vengono promossi in serie B l’Arezzo primo con 67 punti e il Cesena terzo con 58 punti ai play-off. 2004/05 dopo 23 anni il Rimini ritorna in serie B, vincendo il campionato con 70 punti. L’Avellino è secondo con 64, il Napoli terzo con 61, nei play-off sarà l’Avellino ad andare in serie B con il Rimini, per il Napoli ci vuole un altro anno di C1 per ritornare nella serie cadetta, il Rimini dall’undicesima giornata guadagna in solitudine la vetta della classifica e non è più raggiunto. La formazione: Dei, Mastronicola, D’Angelo, Milone, Bravo, Trotta, Di Giulio, Tasso, Ricchiuti, Muslimovic, Floccari. Altri giocatori: il secondo portiere Pugliesi, Baccin, Docente, Russo, Di Fiordo, Caracciolo, Di Loreto, Federici, Aubameyang e Ferraro. I marcatori del Rimini: Muslimovic 15, Ricchiuti 13, Floccari 7, Trotta 7, Docente 5. Gli acquisti del Rimini: Milone, Muslimovic, Pugliesi, Baccin e Giuseppe Russo. 2005/06 il Rimini è nuovamente in serie B disputa un campionato abbastanza soddisfacente nel girone di andata, ma trova grandi difficoltà in quello di ritorno; per ben 14 giornate non vince, (9 sono i pareggi e 5 sconfitte). Raggiunge comunque la salvezza con il 17° posto in classifica. La formazione era la seguente: Dei, Mastronicola, D’Angelo, Porchia, Bravo, Baccin, Di Giulio, Cascione, Valiani, Ricchiuti, Moscardelli, il secondo portiere Pugliesi, Di Fiordo, Milone, Peccarisi, Manfredini, Trotta, Fabrizio Caracciolo, Tasso, Rabito, Simone Motta, Floccari, Digao, Di Loreto, Ambrosini, Ricchiuti miglior marcatore con 11, Simone Motta con 8, Moscardelli 6. Arrivano a Rimini Porchia, Manfredini, Cascione e Valiani dalla Pistoiese, Moscardelli e Peccarisi dalla Triestina, Rabito e Motta. Vengono promossi l’Atalanta con 81, il Catania con 78 e il Torino terzo con 76 ai play-off. La serie B durerà 4 anni e nel secondo di questi nel 2006/07 troveremo anche la Juventus retrocessa causa calciopoli. L’incontro con la Juventus viene posto in calendario alla prima giornata, è un grande evento la prima volta della Juventus in serie B, proprio, al Romeo Neri. Sarà un 1 a 1 indimenticabile in un finale in inferiorità numerica dieci contro undici, il Rimini con Ricchiuti riuscirà a pareggiare il gol realizzato poco prima dallo juventino Paro. Non era una Juventus di serie B, perché comprendeva tra gli altri Buffon, Nedved e Del Piero, Camoranesi e Trezeguet, quest’ultimo assente nella gara di Rimini. Il campionato 2006/07 è sicuramente il più importante nella storia del Rimini; la squadra era stata attrezzata molto bene, sono arrivati giocatori importantissimi che in seguito avranno fortuna nel massimo campionato. La formazione base di quell’anno è la seguente: Handanovic, Baccin, Vitiello, Porchia, Regonesi, Pagano, Cristiano, Cascione, Valiani, Ricchiuti e Jeda, altri giocatori: Pugliesi, Tasso, Moscardelli, Matri, Peccarisi, Digao, Milone, Bravo, Cardinale, Barusso, Bischeri, Ambrosini. Miglior marcatore Jeda 13, Moscardelli 9, Ricchiuti 8. In questa stagione il Rimini fa la campagna acquisti più sontuosa della sua storia; arrivano Handanovic, Vitiello, Regonesi, Pagano, Cristiano, Jeda, Matri, Barusso e Cardinale (gioca ancora nel Rimini e ha superato le 150 partite con la

www.kosmosimmobiliare.it 10

www.ristorantelacasetta.it.it


1

2

4

3

5

6

1. Matteo Brighi, il primo della dinastia. Nato a Rimini il 14.2.1981, è legatissimo alla sua città ed alla maglia a scacchi. Per lui tanta serie A e un pizzico di Nazionale. 2. Stagione 2002-2003: liberi dalla C2! Al sesto tentativo, la maledizione dei playoff è sfatata. Dopo gli scontri con Grosseto e Gubbio il Rimini ritorna dopo 14 anni in C1. 3. Nel 2004-2005 il Rimini di Leo Acori ottiene un’altra promozione e riconquista la B. La stagione trionfale è completata dal successo nella Supercoppa di C1. 4. Luca D’Angelo, ieri capitano, oggi guida tecnica. Personalità e carisma. Per ora, l’unico capitano biancorosso ad aver alzato una coppa. 5. Il Rimini del 2006-2007, quinto in serie B: il miglior piazzamento dei cento anni di storia biancorossa. E’ un Rimini stellare, con tanti giocatori destinati alla massima serie. 6. Adrian Ricchiuti ( 278 presenze e 54 gol nel Rimini) in azione contro il Cesena al Manuzzi (12.4.2008) : un’immagine indelebile per i tifosi biancorossi.

maglia biancorossa). Quel campionato fu anche l’ultimo che vide Vincenzo Bellavista a capo della società, in quanto ancor prima della conclusione, il 21/05/2007 improvvisamente muore. Due giorni prima il Rimini aveva ottenuto una vittoria per 4 a 3, in quel di La Spezia, Vincenzo Bellavista ci aveva fatto sognare la serie A, che allora sembrava abbastanza vicina. Nel suo periodo il Rimini disputò 6 play-off di C2, un play-off di C1, vince un campionato di C2 ai Play-off in finale con il Gubbio, e un campionato di C1, che portò al Rimini la terza promozione in serie B della nostra storia, e nel 2005 anche una super coppa di Lega di serie C, il Rimini alla 18° gara di andata dopo la vittoria sullo Spezia per 2 a 1 è in testa alla classifica in quota 33 in coabitazione con il Piacenza, la Juventus si trova a 32 con una partita in meno non avendo giocato la gara con il Cesena per la morte di due giovani giocatori della primavera juventina annegati a Vinovo, avevano 17 anni i loro nomi sono: Riccardo Neri ed Ettore Fieramosca. <Mai il Rimini aveva toccato un punto così alto nella sua storia>. Vengono promossi la Juventus con 85 (94 meno 9 di penalizzazione causa Calciopoli) secondo il Napoli 79 e terzo il Genova 78, il Rimini è quinto con 67 punti è il miglior piazzamento della sua storia. Nel 2007/08 disputiamo ancora un grandissimo campionato classificandoci al 7°posto e migliorando il bottino dei punti, passando dai 67 dell’anno precedente a 69. E’ il 6° ed ultimo anno di Acori a Rimini. La formazione è la seguente: Consigli, Vitiello, Milone, Porchia e Regonesi, Cardinale, Paraschiv, Cristiano, Pagano, Ricchiuti e Vantaggiato. Il secondo portiere è Pugliesi, Peccarisi, La Camera, Valiani, Lunardini, Catacchini, Jeda, Bravo, Docente, Giuseppe Greco, Michele Rinaldi e Basha. Il miglior marcatore è Vantaggiato con 12 poi Jeda e Ricchiuti con 11. I nuovi arrivati sono Consigli, Paraschiv, Vantaggiato, Catacchini, Greco, Basha e Rinaldi. Vengono promossi il Chievo 85, il Bologna 84 e il Lecce 83 ai play-off. 2008/09 la società decide di alleggerire ancora di più il costo relativo alla squadra di calcio tenuto conto della crisi incombente punta sui giovani e alla guida mette il professor Elvio Selighini proveniente dal settore giovanile. Il campionato dopo un brutto inizio che trova il suo apice nel 5 a 0 subito ad Ancona diventa migliore, piano piano e anche il prof. Elvio Selighini riesce a trovare un gioco apprezzabile che lo porta ad ottenere qualche risultato di un certo prestigio. L’1 a 1 in casa contro il Livorno di Acori avrebbe meritato miglior sorte. Le cessioni di gennaio di Vantaggiato e Lunardini indebolirono ancor più la squadra che ritornò in una posizione difficile di classifica tanto è vero che la dirigenza riminese lo sostituisce alla 38°, con Guido

Carboni. Disputiamo per la prima volta nella nostra storia i play-out con l’Ancona, arrivando al 18° posto con 50 punti, l’Ancona è 19° con 49. La quintultima e la quartultima devono spareggiare. Dopo il buon pareggio di Ancona nella gara di andata finita 1 a 1 con i gol al 16° di Pagano e all’86° di Mastronunzio, nella gara di ritorno lo stesso Mastronunzio ci darà il colpo di grazia, a 10 minuti dalla fine e per il Rimini è di nuovo retrocessione in serie C1. La formazione è la seguente: Pugliesi, Vitiello, Sottil, Milone e Regonesi, Catacchini, Cardinale, Frara e Basha, Ricchiuti, Docente. Il secondo portiere Agliardi, La Camera, Pagano, Cipriani, Rinaldi, Vantaggiato, Paraschiv, Paponi, Lunardini, Matteini, Bravo, Mancosu, Augustyn, Mattia Marchi, Alessandro Marchi, Pezzi e Ferretti. Il miglior marcatore Vantaggiato con 13 gol. I nuovi arrivati sono: Agliardi, Sottil, Frara, Cipriani, Matteini, Paponi, Mancosu e Augustyn, dal vivaio spuntano Mattia e Marcello Marchi ed Enrico Pezzi. Vengono promossi il Bari con 80, il Parma con 76 e il Livorno con 68 ai play-off. Nel 2009/10 disputiamo un campionato di serie C1 alquanto modesto sul piano del gioco, ma nonostante ciò riusciamo a disputare ancora i play-off, per l’ottava volta. Nella semifinale affrontiamo il Verona che ci impedisce la finale battendoci nella gara di andata al Romeo Neri per 1 a 0 con un gol realizzato al 62’ da Samuele Dalla Bona. Nella gara di ritorno allo stadio Bentegodi non andremo oltre lo 0 a 0. La formazione è la seguente: Pugliesi, Catacchini, Vitiello, Lebran, Regonesi, Cardinale, D’Antoni, Frara, Nolè, Longobardi, Tulli, il secondo portiere è Tornaghi, Giacomini, Matteini, Rinaldi, Baccin, Ischia, Alessandro Marchi, Docente, Di Piazza, Morante, Kirilov, Christensen, Malaccari, Temperino, Mattia Marchi. I migliori marcatori sono: Tulli e Nolè con 8 gol segue Longobardi con 6. L’allenatore è Mauro Melotti, che torna a Rimini, dopo 10 anni, aveva lasciato alla 24° giornata del campionato 1998/99; era il 14 di febbraio 1999 il Rimini perse in casa con il San Donà per 1 a 0 con un gol realizzato da Ciullo e Melotti veniva allora esonerato. I nuovi arrivati sono: Lebran, D’Antoni, Nolè, Tulli, Longobardi, Giacomini, Ischia, Morante ed altri. Vengono promossi il Portoguaro con 59 e il Pescara secondo con 58 punti ai play-off. La Cocif che aveva preannunciato nell’aprile 2010 di volersi disimpegnare con il calcio, in mancanza di aiuti sostanziali, con la mancata promozione in serie B conferma definitivamente questo proposito. Nessuna trattativa intrapresa per la vendita della società ha sortito esito felice. Al 30/06/2010 la squadra non viene iscritta e Rimini rimane senza calcio.

www.vivaifabbri.it 11


I Partners - di Emanuele Pasini

REN AUTO

Continua il nostro viaggio alla scoperta dei partner che hanno scelto A.C. Rimini 1912 come opportunità di comunicazione e sviluppo. Oggi i riflettori sono accesi su Ren Auto, storica concessionaria Renault e Nissan di Rimini. Abbiamo incontrato il responsabile marketing di Ren Auto, Angelo Pesaresi. Ren Auto è una realtà consolidata del territorio, come è nata: Nel 1964 Paolo Piraccini incontrò una Casa Automobilistica “francese” con un fascino a cui non si poteva resistere. Da quel momento l’unione Piraccini - Re-

nault non si è più dissolta ed ha dato vita a RENAUTO, la Concessionaria RENAULT che, almeno una volta, tutti i riminesi hanno visitato. Negli anni REN-AUTO si è ulteriormente consolidata acquisendo nel 2007 il marchio NISSAN ed aprendo (l’anno dopo) la FILIALE di MISANO ADRIATICO in qualità di unica concessionaria dei 3 Brand Renault, Dacia e Nissan per la provincia di Rimini e Repubblica di San Marino . Per quale motivo Ren Auto ha scelto A.C. Rimini come partnership Da sempre attenta alle vicende sportive del territorio

www.vici.it

Tel. 0541 782140 - www.tiraferri.com

12


I Partners - di Emanuele Pasini

Degano, Valeriani, Perazzini e Pesaresi con la nuova Renault elettrica

Riminese, REN- AUTO ha voluto approfittare dell’ opportunità offerta dalla A.C. RIMINI di entrare a far parte della schiera dei partner sostenitori associando il proprio nome e marchio ad una realtà in continua evoluzione sia in termini di risultati sul campo che a livello di struttura societaria. Ren Auto ha scelto di sostenere gli esordienti per posizionare il proprio marchio, come mai tanta attenzione ai giovani Proprio per quell’ attenzione a cui accennavamo prima, REN- AUTO ha voluto fortemente che il proprio nome e marchio fossero associati e veicolati da quelle

che saranno le risorse del futuro in ambito sportivo, culturale e sociale per la città di Rimini. E quale migliore realtà se non quella rappresentata dagli esordienti dell’ A.C. Rimini ?! Un desiderio per il futuro... Sicuramente la possibilità (sempre che le condizioni di mercato ce lo consentano …) di proseguire nel tempo il percorso iniziato quest’ anno che ci auguriamo possa portare A.C. Rimini e REN-AUTO nel prossimo futuro a raggiungere insieme traguardi sempre più importanti e ambiziosi.

www.technokolla.com 13


La squadra ospite e Le Statistiche - di Cristiano Cerbara

Il Cuneo

Le statistiche dei giocatori

Scontro diretto in piena regola al Romeo Neri. Il Cuneo scende a Rimini con lo scudetto sul petto (quello Dilettanti conquistato l’anno scorso in finale con il Perugia) e soprattutto due punti di vantaggio (58 contro 56) sui biancorossi di D’Angelo, bottino che al momento significherebbe promozione diretta in Prima Divisione visto che il Cuneo è alla pari con il Casale ma in vantaggio nello scontro diretto. Prima di Pasqua i piemontesi allenati da Ezio Rossi si sono infatti aggiudicati il derby casalingo con i nerostellati (2-0 con gol di Fantini e Ferrario) che avevano già battuto all’andata. Il Cuneo era già stato in C2 per tre stagioni dal 2005-’06 (quando perse la semifinale play-off con il Carpenedolo) al 2007-’08 e ora punta alla seconda promozione consecutiva, trascinato da due attaccanti di fama come Varricchio e Fantini, terminali offensivi di una squadra dal gol facile (in 14 sono andati a segno, un giocatore in meno rispetto al Rimini) visto che il fatturato offensivo (53 gol) è il secondo del girone dietro al San Marino. Max Varricchio (36 anni) è il cannoniere con 12 centri e per la seconda volta in carriera gioca in C2 (la prima fu l’anno scorso a Prato con 7 gol in 10 presenze) dopo aver confezionato l’ultima grande annata nel 2007-’08 (18 gol nel Padova in C1). Non da meno Enrico Fantini, ex Fiorentina e Torino, che l’anno scorso ha

letteralmente portato il Cuneo in C2 segnando 31 gol in 32 partite (l’ultima volta in B fu nel 2008-’09 a Modena, tra l’altro avversario del Rimini nella lotta salvezza). Il vice-bomber però è l’esterno Marco Cristini (27 anni, tornato al Cuneo dove già era stato per 5 anni) con 9 bersagli mentre a 6 c’è il difensore-goleador Davide Sentinelli (33 anni). I biancorossi piemontesi vincono tanto (17 successi, primato nel girone alla pari con il San Marino) ma non sono affatto imbattibili. Sono infatti ben 10 i ko incassati (come il Rimini) ma va sottolineato come 4 delle ultime 6 sconfitte siano maturate tra le mura amiche del “Fratelli Paschiero”, fortino inespugnabile per quasi due anni prima di cadere proprio contro il Rimini nella gara di andata (decise un colpo di testa di Zanigni allo scadere). Se in casa ha scialacquato spesso punti preziosi, in trasferta invece il Cuneo viaggia forte (27 punti sui 58 in totale) anche se proprio in occasione dell’ultimo match esterno è arrivato un imprevisto stop a Mantova (2-1) per di più in rimonta. Prima del “Martelli”, gli uomini di Ezio Rossi avevano alzato bandiera bianca alla prima giornata di ritorno a Borgo a Buggiano (3-2) mentre tra le recenti affermazioni spiccano il largo 5-2 al “Mazzola” di Santarcangelo e il colpaccio a Chiavari contro l’Entella (1-0).

Scotti Semprini

Pres. 32 0

Minuti 2.880 0

Sost. fatte 0 0

Sost. subite 0 0

Gol 0 0

Assist 0 0

Pali 0 0

Rig. proc. 0 0

Rig. caus. 0 0

Rig. tirati Amm. Esp. 0/0 2 0 0/0 0 0

Giorn. squal. 0 0

Mastronicola Palazzi Rosini Signorini Vittori Zanetti

27 27 25 2 18 15

1.962 1.963 1.876 39 1.406 885

5 3 4 2 3 4

5 8 3 1 1 3

1 3 0 0 2 1

0 2 0 0 0 0

0 1 0 0 0 0

0 0 0 0 0 0

1 1 0 0 0 0

0/0 0/0 0/0 0/0 0/0 0/0

5 7 3 0 6 4

0 0 0 0 0 2

1 1 0 0 1 4

Brighi M. Buonocunto Cardinale Favero Gasperoni Onescu Spighi Valeriani

29 30 20 6 21 28 28 25

2.374 1.884 1.421 208 1.499 1.822 1.893 2.029

1 11 5 3 4 7 4 3

6 9 1 3 7 6 15 1

2 6 0 0 0 3 2 4

1 3 0 1 0 0 2 0

0 0 0 0 1 0 3 1

0 0 0 0 0 0 2 0

0 0 0 0 0 0 0 0

2/2 3/4 0/0 0/0 0/0 0/0 0/0 0/0

8 4 3 1 5 7 1 4

1 0 0 0 0 2 1 1

3* 1 0 0 1 4 1 2

Baldazzi 32 2.636 Bufalo 1 11 Degano 10 701 Gerbino Polo 25 1.324 Monac 5 89 Zanigni 28 1.338 Gerbino Polo 23 1.305 Monac 5 89 Zanigni 26 1.260 * giocatore assente per squalifica

2 1 2 12 5 11 10 5 11

12 0 4 5 0 9 5 0 8

2 0 2 2 0 7 2 0 5

12 0 0 2 0 0 2 0 0

2 0 1 0 0 1 0 0 1

3 0 0 1 0 0 1 0 0

0 0 0 0 0 0 0 0 0

0/0 0/0 0/0 0/0 0/0 0/0 0/0 0/0 0/0

5 0 2 3 0 2 3 0 1

0 0 0 0 0 0 0 0 0

1 0 1 0 0 0 0 0 0

Prevendite ufficiali Biglietti partite casalinghe A.C. Rimini 1912

V.e Vespucci, 69 Tel. 0541 27656 Rimini Bus Stop 12

14


Calendario e classifica - Lega Pro 2a Divisione Girone A 2011-2012 3-0 2-1

andata 4 Set 2011 - ritorno 8 Gen 2012

RIMINI - SAMBONIFACESE

andata 11 Set 2011 - ritorno 15 Gen 2012

BORGO BUGGIANO - RIMINI

0-1

andata 18 Set 2011 - ritorno 22 Gen 2012

0-2

andata 28 Set 2011 - ritorno 5 Feb 2012

1-0

andata 9 Ott 2011 - ritorno 19 Feb 2012

RIMINI - SANTARCANGELO

0-1

andata 25 Set 2011 - ritorno 29 Gen 2012

0-1

andata 2 Ott 2011 - ritorno 14 Mar 2012

2-1

andata 16 Ott 2011 - ritorno 26 Feb 2012

2-1

andata 26 Ott 2011 - ritorno 7 Mar 2012

1-1

VALENZANA - RIMINI RIMINI - CASALE

POGGIBONSI - RIMINI

RIMINI - ALESSANDRIA

RIMINI - BELLARIA IGEAM. andata 23 Ott 2011 - ritorno 4 Mar 2012

SAVONA - RIMINI

RIMINI - SANMARINO

2-2

andata 30 Ott 2011 - ritorno 11 Mar 2012

0-1

andata 13 Nov 2011 - ritorno 25 Mar 2012

2-0

andata 20 Nov 2011 - ritorno 4 Apr 2012

2-1

TREVISO - RIMINI

andata 6 Nov 2011 - ritorno 18 Mar 2012

RIMINI - RENATE

MANTOVA - RIMINI

3-0

andata 16 Nov 2011 - ritorno 31 Mar 2012

0-1

andata 27 Nov 2011 - ritorno 15 Apr 2012

0-0

andata 11 Dic 2011 - ritorno 29 Apr 2012

1-2 2-1

PRO PATRIA - RIMINI RIMINI - LECCO

Il cammino del Rimini

2-1

0-2

TURNO ODIERNO 35ª Giornata 15 Aprile 2012 ALESSANDRIA - VALENZANA BELLARIA-IGEA MARINA - LECCO CASALE - ENTELLA MANTOVA - MONTICHIARI POGGIBONSI - BORGO A BUGGIANO RENATE - GIACOMENSE RIMINI - CUNEO SAN MARINO - PRO PATRIA SAVONA - SANTARCANGELO TREVISO - SAMBONIFACESE

0-3 0-1

0-0 0-3 1-2

1-1

2-2 0-1 2-0

PROSSIMO TURNO 36ª Giornata 22 Aprile 2012 BORGO A BUGGIANO - SAVONA CUNEO - TREVISO GIACOMENSE - BELLARIA-IGEA MARINA LECCO - MANTOVA MONTICHIARI - RIMINI PRO PATRIA - CASALE SAMBONIFACESE - ALESSANDRIA SANTARCANGELO - SAN MARINO VALENZANA - POGGIBONSI ENTELLA - RENATE

1-1 0-0 3-2

2-1

CUNEO - RIMINI

andata 4 Dic 2011 - ritorno 22 Apr 2012

RIMINI - MONTICHIARI GIACOMENSE - RIMINI

andata 18 Dic 2011 - ritorno 6 Mag 2012

RIMINI - V.ENTELLA

NOI SIAMO GIÀ PASSATI A WIND. SCOPRI LE NOSTRE OFFERTE A RIMINI E TU COSA ASPETTI? Piazza Ferrari, 2 - Via Iv Novembre, 8 - Viale Vespucci, 85 WCL_VIARIA_ RIMINI_5X1 .indd 2

25/11/11 10.06

15



Hurrà Rimini!