Issuu on Google+

TAMBURELLO    

 

   

Federazione Italiana Palla Tamburello

     

    •

 

2009, tra i momenti più belli dell’anno 

                          FEBBRAIO AD ORISTANO CON IL PRESIDENTE DEL CONI LE FINALI CONTINENTALI                                                                                      DELLA COPPA EUROPA INDOOR

                                                                                                                        

MARZO A LIGNANO SABBIADORO                                                                                                          L’APPUNTAMENTO  CON IL NOSTRO FUTURO  CAMPIONATI ITALIANI INDOOR A LIGNANO SABBIADORO PIOGGIA DI TRICOLORI NEI GIOVANILI SU ASTI, TRENTO E VERONA

APRILE EMILIO CROSATO CONFERMATO PER LE DSA NEL CONSIGLIO NAZIONALE DEL CONI

MAGGIO A ROVERETO SCUDETTI INDOOR A OVADA E RAGUSA                                                                  

                                                                                          

i ragazzi del Ragusa  “dedichiamo questo scudetto alla memoria di Emiliano Ottaviano,  nostro amico fraterno”.

  A FIUGGI LE FINALI NAZIONALI DEI GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI IL TAMBURELLO C’E’ ED E’ SUCCESSO! L’INTERVISTA AL MINISTRO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE RICERCA: PALLA TAMBURELLO                                                  UNA STORIA ITALIANA •

                GIUGNO AL SETTIME LO SCUDETTO 2009

                                                                                                LUGLIO A GENOVA LA “COPPA DEI 110 ANNI”   PER IL PRIMO SCUDETTO DELLA NICOLÒ BARABINO.   A POUSSAN  CALLIANETTO & SETTIME FIRMANO LA COPPA EUROPA OPEN                                                                                    

 


FEDERAZIONE ITALIANA PALLA TAMBURELLO

IN QUESTO NUMERO

Mensile – n. 8-12 2009 Anno XXIX - supplemento Direttore: Emilio Crosato

L’editoriale di Riccardo Musmeci 

pag.   5 

 

Direttore Responsabile Riccardo Musmeci Vice Direttore Giovanni Crosato Edizione, direzione, redazione, amministrazione: F.I.P.T. – C.O.N.I. Foro Italico Piazza Lauro De Bosis, 15 00194 Roma Tel. 0636854137 Tel. e Fax 0636854134 Redazione con il Consiglio Federale FIPT Giovanni Crosato, Franco Longo Gianfranco Mogliotti, Maurizio Pecora Riccardo Musmeci Nada Vallone Natascia Zantedeschi

 

Pubblicazione registrata presso il Tribunale di Mantova in data 14/4/1981 al n. 8/81 Abbonamento annuale 2009: € 12,91 – 1 copia € 2,06 Foto: Remo Mosna _______________________________________            

     

 


TAMBURELLO TV          nella nostra televisione                             il mondo del Tamburello   

                       

                                    

è tutto per te! 

 

www.federtamburello.it   


EDITORIALE di Riccardo Musmeci   

enso faccia piacere, a fine anno, poter seguire, sul  nastro  delle  nostre  pagine,  una  carrellata  di  immagini  ‐  in  gran  parte  frutto  della  grande  professionalità  dell’amico  Remo  Mosna  ‐  del  nostro  vissuto  nei  365  giorni  trascorsi:  certo  non  è  possibile  ospitarle  tutte,  ma  cercheremo  di  proporvi,  tra  le  disponibili,  le  più  cariche  di  emozioni,  quelle  che  dentro  ognuno di noi prendono vita al momento del ricordo.  Prima però uno sguardo è d’obbligo ai giorni che fino ad  oggi sono seguiti allo svolgimento delle finali della Coppa  Italia indoor nella mantovana Castel Goffredo.   Iniziamo  da  Trento  ‐  ma  è  solo  un  esempio  di  quanto  in  questo  periodo  di  febbrile  attività  avviene  in  tutti  i  Comitati – dove in una importante riunione del Comitato  Provinciale,  è  varato  un  corso  tecnico,  proposti  l’istituzione di una categoria under 8 e lo svolgimento di  un  campionato  Veterani  indoor  per  Rappresentative  di  Valle.  La notizia più importante, sul fronte agonistico, riguarda i  campionati  italiani  indoor,  la  cui  ventesima  edizione  ha  sabato  il  21  novembre  il  d‐day;  si  concluderanno  il  28  febbraio,  quando  saranno  assegnati  i  primi  scudetti  dell’anno; poi tornei, nazionali e internazionali.  Altra notizia di primo piano è sul fronte legislativo dove,  quasi  in  contemporanea,  si  à  avuta  la  presentazione  di  due proposte di legge regionali a favore del tamburello:  in  Lombardia  è  mirata  alla  “Valorizzazione  degli  sport  e  dei giochi tradizionali lombardi”, tra questi il Tamburello  (primo  firmatario  il  Consigliere  Daniele  Belotti  (Lega  Nord);  altri  firmatari  i  Consiglieri  Lorenzo  Demartini,  Edgardo  Arosio,  Stefano  Galli,  Luciana  Ruffinelli  (Lega  Nord); Enzo Lucchini e Carlo Maccari (Pdl)).  

Presidente Emilio Crosato; in Toscana grazie all’abilità di  tessitore  di  quel  grande  appassionato  che  è  Paolo  Malacarne,  nel  cui  sangue  il  dna  del  Tamburello  giunge  da un infinito numero di generazioni.  Augurando  felice  conclusione  alle  proposte  lombarda  e  toscana,  dobbiamo  sottolineare  che  si    tratta  di  importantissime  tessere  che  vanno  a  porre  le  premesse  per  la  creazione  di  un  prezioso  mosaico  per  lo  sviluppo  del nostro Sport, alla cui composizione dobbiamo sentirci  chiamati,  nelle  possibilità  di  ognuno,  in  prima  persona;  capofila  in  materia  il  Piemonte,  con  una  legge  regionale  già  operante  dalla  vigilia  di  Natale  del  2003,  sulla  “Valorizzazione  degli  sport  della  Pallapugno  e  della  Pallatamburello”.    Sul  piano  culturale,  della  conoscenza  di  pagine  importanti  delle  nostre  radici,  è  la  ricerca  storica  sulla  Palla  Tamburello,  che  la  dottoressa  Maria  Procino  conduce  ‐  su  incarico  del  Consiglio  Federale  che  ha  unanimemente  plaudito  alla  proposta  del  Presidente  Crosato – sugli anni che vanno dal 1850 al 1950.   Una  prima  parte,  molto  bella,  documentata  e  coinvolgente,  è  già  completata;  per  il  proseguimento,  dati  i  rilevanti  oneri  che  comporta,  si  attende  –  proprio  nella  considerazione  che  si  tratta  di  una  ricerca  importante sullo Sport Italiano ‐ il sostegno del CONI che,  stando  anche  agli  impegni  in  proposito  del  Presidente  Petrucci, non dovrebbe mancare. 

In prima linea anche la Regione Toscana, dove i Comuni  Chiusi,  Foiano  della  Chiana,  Monte  San  Savino,  Sinalunga  e  Torrita    di    Siena    sono  promotori  della  proposta   di Legge Regionale per la   “Tutela  e  la  valorizzazione  degli   Sport  Tradizionali   del  Tamburello  e del Pallone a Bracciale”.  

Chiudo  citando  le  parole  di  stima  che  il  Presidente  del  CONI  Giovanni  Petrucci  ha  pronunciato  lo  scorso  febbraio  ad  Oristano  nei  riguardi  dei  nostri  Dirigenti,  al  momento  dell’inaugurazione  delle  finali  continentali  della Coppa Europa indoor: “Il Tamburello, con la qualità  della  sua  dirigenza,  delle  sue  strutture,  con  il  suo  saper  operare  ai  livelli  più  alti  e  nel  delicato  terreno  della  promozione,  di  cui  è  prova  il  suo  essere  terzo  sport  di  squadra nei Giochi Sportivi Studenteschi, è senza dubbio  un realtà da guardare con ammirazione e  da tenere nella  più attenta considerazione”.  

Certo le cose non nascono da sole: in Lombardia l’incipit,  l’inizio,  è  dovuto  alla  passione  ed  alle  capacità  di  iniziativa  e  di  coinvolgimento  del  vice  Presidente  Pierangelo   Beretta   che   ha    agito   in  sintonia   con   il  

Allora  avanti,  Tamburello!  Non  ti  mancano  le  persone  entusiaste,  capaci  di  gestire  il  presente  e  di  predisporre  per  le  generazioni  che  verranno  la  strada  migliore  per  fare, fare bene, far sapere e combattere, sempre. 

 

 


TRENTO  IL COMITATO PROVINCIALE INCONTRA LE SOCIETA’ In calendario un corso per Tecnici. Proposti l’istituzione di una categoria under 8 e di un campionato Veterani indoor per Rappresentative di valle. Gli adempimenti per le Società che partecipano al campionato italiano indoor. (Franco Longo) – Incontro del Comitato Provinciale, presieduto da Piero Turri con i presidenti delle Società trentine. Relatori nella serata, oltre allo stesso Turri, i componenti del Comitato Matteo De Zambotti, consigliere–segretario, Graziano Perottoni, referente dei campionati indoor, Michele Bert, addetto ai rapporti con la stampa, Urbano Corradini, referente per il campionato veterani e la Serie D; presenti anche i direttori di gara Maurizio Angeli e Sergio Bonincalzi, le giocatrici del Sabbionara Trentino Team, Ilenia Tretter e Germana Baldo, reduci dalla Coppa Italia indoor a Castel Goffredo. Tanti i temi all’ordine del giorno, preceduti dall’intervento del presidente Turri, che nel suo discorso ha voluto ricordare alcune scadenze importanti, quali il prossimo corso per aspiranti direttori tecnici che si svolgerà a Vigo di Ton nelle giornate di venerdì 20 e sabato 21 novembre, docente Quinto Leonardi, presidente della Commissione Nazionale Studi della Federtamburello.

Matteo De Zambotti, a sua volta, ha presentato alcune proposte innovative, quali la creazione di una categoria under 8, composta da tre giocatori per squadra su un campo dalle dimensioni di m 18X9. Graziano Perottoni ha reso nota la data di inizio dei campionati indoor, il 13 dicembre. foto sopra: Chiara e Luana Parodi (Ovada) in azione Da quest’ anno inoltre le società che partecipano a tali campionati hanno l’obbligo di mettere a disposizione una palestra per un numero di giornate pari al numero di squadre che prendono parte al campionato. Urbano Corradini ha presentato una proposta, ancora da definire nel dettaglio, che consiste nell’istituire un campionato per la categoria veterani con quattro rappresentative di valle (Val di Non, Val Lagarina, Valli Giudicarie e Val di Gresta, Valle dell’ Adige). Un’altra proposta dal responsabile degli arbitri Michele Vinante, che ritiene necessario incrementare il numero di arbitri federali anche per alleggerire il carico di partite ai 13 arbitri trentini, che comunque fino ad oggi sono stati in grado di ricoprire e senza affanno tutti gli incarichi ricevuti (indoor, campionati giovanili, serie C open e tornei societari). Michele Bert, in relazione al suo ruolo, cercherà di coinvolgere la stampa per cercare di dare maggiore risalto al tamburello per aumentarne la conoscenza.

CAMPIONATI PER L’INDOOR E’ IL D-DAY! foto a sin.: il Ragusa, Campione d’Italia 2009 Il campionato italiano scatta sabato 21, sipario il 28 febbraio 2010. Si inizia con il campionato maschile, il femminile in campo il 3 gennaio.


Scatta sabato 21 novembre, per concludersi il 28 febbraio 2010, la ventesima edizione dei campionati italiani indoor. Quindici, sette maschili ed otto femminili, le squadre d’eccellenz a che si contendera nno, nella massima divisione, gli scudetti – saranno i primi del nuovo anno della stagione 2009-2010; al nastro, per la parte maschile, con le siciliane Ragusa (campione d’Italia in carica) e Uisp Scicli, ragusana anch’essa, la mantovana Ennio Guerra Castellaro (campione d’Europa in carica), le ravennati Fulgur Bagnacavallo e Baracca Lugo, la calabrese Tamburello Cosenza e la partenopea Alfa Tamburello Villaricca; affrontano invece il campionato femminile le trentine Sabbionara Trentino Team, Polisportiva Tuenno e Segno; le siciliane Uisp Scicli e Ragusa, l’oristanese Polisportiva Aeden Santa Giusta, la pontina Polisportiva Itri. Alla squadra prima classificata, maschile e femmnile, sarà assegnato lo scudetto 2009-2010, mentre per l’ultima è prevista la retrocessione. L’albo d’oro (maschile) si apre nel 1987 con la vittoria del Ragusa, Società che replica altre dieci volte – nel 1992, 94, ’96, dal 2001 al 2006 ed infine nel 2009 - il successo nel massimo campionato; seguono la ravennate Fulgur Bagnacavallo con quattro (società diversa dall’attuale, che reca lo stesso nome; vince nel 1993, ’95, ’97, ’98 mantovane Ennio Castellaro (2007 e 2008), Ceresara (1988 e ’90) e la trentina Tuenno (1999 e 2000) con due; il Tamburello Cosenza con una (1989).  Anche l’Albo femminile si apre nel 1987, per la cronaca con la vittoria della ragusana Modica; il maggior numero di scudetti è però dell’Acli Luigi Bruno Cosenza, che scrive il proprio nome a

lettere d’oro - nel 1991, ’92, dal ’94 al 2000 e nel 2003 al 2003 – ben undici volte; seguono con tre la ravennate APT Cotignola (1988, ’89 e ’90) e la trentina Aldeno (1993, 2004 e 2006); con due l’alessandrina Paolo Campora Ovada (2005 e 2009); infine con una le bergamasche AS Bergamo (2001) e AT Curno (2002), la trentina ASD Sabbionara Trentino Team e l’oristanese Polisportiva Aeden Santa Giusta. (foto a sinistra: Ilaria Garau, dell’Aden S. Giusta) INDOOR INTERNAZIONALE IN UNGHERIA DOMINANO CASTELLARO E SABBIONARA TRENTINO TEAM CAMPIONATI ITALIANI ALLA QUARTA DI ANDATA BARACCA LUGO CADE NEL DERBY MA RESTA IN TESTA Grande tamburello al Treff Sportcentrum di Erd (Budapest) dove nel secondo week-end di dicembre le italiane Castellaro e Sabbionara si sono affermate nel I Torneo Internazionale, esordio continentale di successo del tamburello magiaro, organizzato dal Budaorsi Tamburello Sport Club, che ha invitato sei tra le migliori compagni europee. Al Torneo, per consolidare i rapporti avviati lo scorso anno con il Ministero dello Sport e con le Amministrazioni di Budapest e Budaorsi, anche il Presidente Crosato, in rappresentanza delle Federazioni internazionale ed italiana. La classifica maschile trova, alle spalle del Castellaro, Barcelona, Tamburello Dresden e Budaorsi; quella femminile, dietro alle trentine, Budaorsi, Dresden, Barcelona. In Italia è intanto in pieno svolgimento il Campionato indoor, che alla quarta di andata trova in testa il Baracco Lugo (12 punti; quattro vittorie e due sconfitte), seguito da Ragusa e Fulgur Bagnacavallo (6 punti; due incontri, due vittorie); a quota 3 poi Tamburello Cosenza (due incontri, una vittoria ed una sconfitta), Ennio Guerra Castellaro (due incontri, una vittoria ed una sconfitta); chiude lo Scicli (sei incontri, nessuna punto utile). Le ragazze della Paolo Campora Ovada con il dt Giuseppe Malaspina


FERMENTI LEGISLATIVI IN LOMBARDIA E TOSCANA PROPOSTE DI LEGGE A FAVORE DEL TAMBURELLO In Lombardia presentata la proposta di Legge Regionale per la “Valorizzazione degli sport e dei giochi tradizionali lombardi” - tra questi il Tamburello – primo firmatario il Consigliere Daniele Belotti (Lega Nord); la proposta reca inoltre le firme dei Consiglieri Lorenzo Demartini, Edgardo Arosio, Stefano Galli, Luciana Ruffinelli (Lega Nord) e dei Consiglieri Enzo Lucchini e Carlo Maccari (Pdl). In prima linea anche la Regione Toscana, dove i Comuni Chiusi, Foiano della Chiana, Monte San Savino, Sinalunga e Torrita di Siena sono promotori della proposta di Legge Regionale per la “Tutela e la valorizzazione degli Sport Tradizionali del Tamburello e del Pallone a Bracciale”. In Piemonte la legge regionale per la “Valorizzazione degli sport della Pallapugno e della Pallatamburello” è operativa dal 24 dicembre 2003 . Buone notizie e non solo perché il clima natalizio è nell’aria. Si può infatti constatare, non solo intorno e sui campi di gioco, ma in sedi di ben diverso peso, quelle legislative, un crescente fermento di interesse per il Tamburello e con il nostro anche per altri Sport e Giochi che fanno parte della Cultura sportiva più antica del nostro Paese. Certo le cose non nascono da sole ed in questo caso, come ad esempio in Lombardia, l’incipit, l’inizio, è dovuto alla passione ed alla capacità di

coinvolgimento del vice Presidente Pierangelo Beretta che nella sua azione ha agito in sintonia operativa e di intenti con il Presidente Emilio Crosato. Le manifestazioni servono e specie quando riescono perfettamente sono indice non solo di capacità organizzativa, ma anche di seguito, di popolarità, di partecipazione, di rappresentatività, di presenza ai diversi livelli; ed in Lombardia di manifestazione di questo genere, ad occhio ne vengono subito in mente alcune, ma subito tante altre se ne aggiungono all’elenco aldilà dei campionati di più alto livello, come le finali nazionali della Coppa Italia indoor a Castel Goffredo, gli incontri internazionali con la Francia a Bonate Sotto nel primo week-end di agosto, le finali dei campionati italiani giovanili indoor a Guidizzolo, ma l’elenco potrebbe continuare con le finali scudetto e tricolore in quel di Cavriana e così via in una lista che si confonde con tutti i giorni e le settimane di una anno trascorso per e con uno sport che cresce ed appassiona. Il progetto di legge, mirato alla “Tutela e valorizzazione dei giochi e sport tradizionali e popolari lombardi”, fra cui il tamburello, è stato presentato giovedì 19 al Pirellone dai Consiglieri regionali Daniele Belotti, bergamasco e Carlo Maccari, mantovano di Volta Mantovana, che abbiamo avuto il piacere di vedere – ultima a Castel Goffredo – in occasione di molte manifestazioni tamburellistiche. La popolarità del Tamburello è sottolineata da Belotti, che ne mette in risalto l’attività " in foto: il Callianetto, campione d’Italia open 2009, tra Emilio Crosato ed il Sindaco Mario Benhur Tondini


campionati regolari, che vedono la partecipazione di migliaia di appassionati. Il tamburello ha un’attività agonistica molto intensa e campionati di serie (A, B, C, D) e di categoria (giovanili, amatori e veterani). Si sta inoltre affermando la specialità indoor ... Queste attività – continua - sono un patrimonio della nostra cultura popolare che non deve assolutamente andare perduto. Si tratta di discipline antiche che animavano le sagre di paese e le feste delle nostre comunità e che devono essere quindi riconosciute come un valore identitario da salvaguardare e da tramandare. La proposta di legge impegna Regione Lombardia a valorizzare le discipline sportive tradizionali e a incentivarne la diffusione e l’incremento della pratica. Provvedimenti analoghi sono già in vigore in altre Regioni , come ad esempio in Piemonte, ed esiste anche un Federazione Italiana di sport e giochi tradizionali”. Il riferimento alla Regione Piemonte, dove la legge regionale per la “Valorizzazione degli sport della Pallapugno e della Pallatamburello” è operativa dal 24 dicembre 2003, è importante non solo perché costituisce un precedente di assoluto rilievo, ma in quanto in quella sede la Regione sottolinea di compiere un’azione statutaria “La Regione – si legge nell’art. 1 della Legge Regionale n. 36 del 24 dicembre 2003 - in attuazione degli articoli 4 e 5 dello Statuto, riconosce e valorizza le discipline sportive della pallapugno, nelle forme tradizionali e della pantalera, e della pallatamburello e ne incentiva la diffusione e l'incremento della pratica a tutela e salvaguardia delle tradizioni locali “. In prima linea intanto, grazie alla capacità di Paolo Malacarne, anche la Regione Toscana, dove i Comuni Chiusi, Foiano della Chiana, Monte San Savino, Sinalunga e Torrita di Siena sono promotori della proposta di Legge Regionale per la “Tutela e la valorizzazione degli Sport Tradizionali Bracciale”.

del Tamburello e del Pallone a

  FEDERTAMBURELLO DA OGGI UN SITO TUTTO NUOVO nasce grazie alla collaborazione della Federazione con la ConiNet S.p.A..

Non siamo a Cape Canaveral e neppure sulla plancia di comando di un'astronave, ma più modestamente sui tavoli di lavoro della Segreteria federale, che comunque ha sede in un luogo di grande prestigio, il Foro Italico, cuore e centro nevralgico dello Sport italiano; qui, a far da levatrice alla nuova creatura, il nuovo sito federale, Nada Vallone e Maurizio Pecora, che ne hanno più direttamente, a fianco al Presidente Emilio Crosato, seguito la gestazione; lontano cinquecento chilometri da qui, nell'ufficio di Mantova ma presente nel collegamento, nella partecipazione e nella tensione del momento, Giovanni Crosato, al quale dobbiamo l'aggiornamento del sito sino ad oggi. Sito che ora possiede molto più di un look nuovo, di una veste rinnovata: nasce possedendo la qualità avanzata di un servizio di comunicazione, attraverso cui viene proiettata una parte importante del'immagine della Federazione. E' il mezzo più diretto ed immediato di informazione e ci adopereremo in ogni modo perché possa esserlo in modo continuo, vero, comunicando fatti ed avvenimenti, notizie in tempo reale; a questo fine, anzi, Vi preghiamo di dare il Vostro contributo con suggerimenti, idee, perché questa nostra piattaforma sia la migliore possibile; da parte nostra cercheremo di curare il miglior risultato con la nostra professionalità e con il nostro impegno. Perché i risultati possano essere validi, positivi, ci siamo avvalsi della collaborazione di ConiNet, principale partner in materia del CONI e delle Federazioni; nel contesto esprimiamo anche gratitudine a Marco Ventura, che ha messo a disposizione della Federazione la sua professionalità. Alla ConiNet, come a quanti vorranno dare il proprio contributo va la gratitudine della federtamburello, innanzitutto di uomini di Sport che sanno quanto per la crescita umana e civile sia importante l'informazione e a tutto campo la disponibilità dei sussidi a questa connessi.


Gennaio Tempo di riunioni, di incontri, di programmazione, di organizzazione ..

 

  Febbraio Tempo di grande Sport

Oristano, finali continentali Coppa Europa indoor, da sinistra nella foto:   Oliver Tringham vice Presidente fibt, Antonello Figus Sindaco di Santa Giusta, Raimondo Cadoni Assessore  allo  Sport  di  Santa  Giusta,  Emilio  Crosato  Presidente  fipt  e  fibt,  Francesco  Pinna  Assessore  allo  Sport  di  Oristano,  Angela  Nonnis  Sindaco  di  Oristano,  Giorgio  Sangalli  Presidente  cag  fipt,  Giovanni  Petrucci  Presidente del CONI, Serafino Corrias Assessore allo Sport della Provincia di Oristano, Riccardo Agabio vice  Presidente  vicario  del  CONI,  Gianfranco  Fara  Presidente  del  Comitato  Regionale  CONI  Sardegna,  Marco  Zedda Assessore allo Sport di San Nicolò d’Arcidano, Cosimo Pusateri Consigliere Nazionale fipt, Cosetta Iriu  vice Presidente nazionale fipt. 


L’Ennio Guerra Castellaro, Campione d’Europa


Oristano, Coppa Europa indoor             Oristano, Coppa Europa indoor  La formazione del Sabbionara Trentino Team                        la formazione dell’Ennio Guerra Castellaro                                               

                                                                                  Coppa Europa indoor, assalto ai campioni a San Nicolò d’Arcidano     


Giovanni Petrucci con il Presidente Crosato ed il Sindaco di Santa Giusta Antonello Figus 

Coppa Europa indoor, Germana Baldo e Paola Daldoss in azione 

 

 

  L’Assessore  allo  Sport  della  Provincia  di  Oristano,  Serafino  Corrias,  consegna una medaglia ricordo al vice Presidente del CONI Riccardo Agabio 


Coppa Europa: un momento dell’incontro di finale Castellaro‐Les Pennes Mirabeau 

    Coppa Europa:   le formazioni finaliste del Castellaro e Les Pennes  Mirabeau con il team arbitrale     Coppa Europa indoor 2009 ‐ classifica finale   maschile:  1°  Castellaro  (Italia),  2°  Les  Pennes  Mirabeau  (Francia),  3°  INEF  Barcelona  (Catalogna),  4°Tam  Granada Pande (Spagna), 5° Tamburello London (Inghilterra), 6° Tamburello Dresden (Germania), 7° Scottish  Gallovidians (Scozia), 8° Tamburello Mandal (Norvegia).     femminile:  1°  Poussan  (Francia),  2°  Sabbionara  (Italia),  3°  Budaorsi  Tamburello  Sporting  Club  (Ungheria),  4°  INEF  Barcelona  (Catalogna),  5°  Tamburello  Dresden  (Germania),  6°  Scottish  Gallovidians  (Scozia),  7°  Tam  Granada  Pande  (Spagna), 8° Tamburello London (Inghilterra).  


Marzo A Lignano Sabbiadoro l’appuntamento con il nostro futuro.

da sinistra: Cosimo Pusateri, Cosetta Iriu, Emilio Crosato, Sergio Zantedeschi, Giovanni Crosato,   Pierangelo Beretta Nada Vallone, Fausto Bruno    Nel  tamburello  “dal  9  dicembre  1978  sei  la  nostra  forza,  il  nostro  orgoglio;  11037  giorni  vissuti  da  leone,  senza sosta con un manipolo di guerrieri sempre al servizio dello Sport più bello, il nostro Tamburello”.  Da quel Manipolo di Guerrieri           

        Tutto pronto per i momenti di premiazione e di gratitudine 

 


Il  nuovo  Consiglio,  di  sinistra  in  alto:  Pierangelo  Beretta,  Jessica  Gozzelino,  Cosetta  Iriu,  Emilio  Crosato,  Andrea  Fiorini;  da  sinistra  in  primo  piano:  Fausto  Bruno,  Giuseppe  Bonanate,  Sergio  Zantedeschi,  Alvaro  Ioppi, Cosimo Pusateri, Luca Baldini.   

    Renzo Tondo, Presidente della Regione Friuli V. G. porge il saluto all’Assemblea    Due, tra i premiati per i servizi resi al Tamburello   

  

 Dario Andreoli riceve da Cosetta Iriu,  per lo scomparso papà Giuseppe, una  targa di benemerenza   

 Flora Giacopuzzi premiata da Giorgio Sangalli 

 


Maggio  A Rovereto, nella gioia del successo il ricordo di un Amico che era parte di loro  i ragazzi del Ragusa  

“dedichiamo questo scudetto alla memoria di Emiliano Ottaviano, nostro Amico fraterno” Rovereto, sopra, da sinistra: Elio Sisino, Giuseppe Digrandi, Sergio Battaglia, Marco Accardo, Salvatore Occhipinti,Stefano Iurato con il Presidente Claudio Farruggio.

                           Rovereto  (sopra)  foto  ricordo  delle  finali  dei  XXII  Campionati Italia indoor .  (sotto) Jessica Gozzelino alza la coppa dell’Ovada,   Campione d’Italia 2009. Alla sua sinistra Ilaria Ratto,  Luana    e  Sara  Parodi,  Sara  Scapolan,  il  dt  Giuseppe  Malaspina, il Consigliere Fausto Bruno   e Giorgio Torgler, Presidente del C.P. CONI di Trento. 


A Fiuggi le finali nazionali dei Giochi Sportivi Studenteschi        “La pallatamburello secondo me è uno sport   dove esprimi tutta la tua forza nel colpire quella pallina,   che in aria sale e l’avversario la colpisce anch’esso con tanta forza e determinazione.  Nel mio caso, invece, credo che sia un po’ diverso,   io quando gioco a palla tamburello ci metto la mia forza e la mia buona volontà,   quel cerchio grosso che tengo in mano ed un pezzo di tela,   mi permette, con una forte schiacciata,di colpire la pallina senza perderla,   e cercare di fare punto, pensare a quel maledetto risultato   che mi tiene in ansia per tutto lo scorrere del gioco,   e quelle mani, ricche di sapienza per me fanno ciò che stringa  il tamburello   in attesa “dell’angelo volontà”, la pallina, che nell’aria si disperde   e con una velocità incredibile va a colpire la tela,   il cuore è a ,mille, senti il sangue scorrere, e i piedi bollenti dall’emozione,   ora scrivendo questo testo mi viene la pelle d’oca,   perché in certi casi penso a giocare a palla tamburello, ma il altri no.  Ciò che mi esce fuori dal cuore è questo “ la pallina è il mondo,   il tamburello le persone, ricchi e poveri, senza distinzione di razza e di sesso,   e tutto quello che si sente ogni giorno d’oggi è che il mondo non è più libero,   invaso dalle persecuzioni del mondo, una violenza che va avanti e indietro,   “la pallina” e tutti con un obbiettivo da raggiungere, la pace, “il tamburello”.   … tutti gli sport come la palla tamburello ci aiutano a crescere ..    da un tema di Alessandro Ariu, II A, Istituto Comprensivo di  Santa Giusta (Oristano)                                                       


Lo  staff  arbitrale  a  Fiuggi,  da  sinistra    (prima  riga):  Vincenzo  Sisca  (KR),  Chiarella  Fazzino  (SR),  Cosetta  Iriu  (OR), Donatella Tidona (GE), Elinda Papi (PG), Filippo Cantarella (CT); II riga: Cinzia Langiano (FR), Simonetta  Agostinelli e Danilo Mesaglio (UD), Daniela Marchetti (SI), Nunzio Smaldore (PZ); III riga: Virgilia Bernardini  (BR), Giovanni Di Raimondo (SR), Giorgio Romio, Pasquale Borriello (NA), Giovanni Falessi (CA), Alberto Grassi  (PZ), Vincenzo Scarparo, Raffella Garotta (BG). 


Giugno  Al Settime lo scudetto 2009   

L’ASD Settime, Campione d’Italia 2009 

 

        Luglio  A Genova, con la Coppa dei 110 anni, le celebrazioni per il primo scudetto della Nicolò Barabino     

Emilio Crosato, Giuseppe Rosso, Roberta Bergamini 

  


Da luglio ad ottobre  per il Callianetto, nell’open,  la gioia di tanti successi  Coppa Europa, Coppa Italia Memorial Walter Toschi, Supercoppa,   Scudetto           


Daniele Ferrero, del Cremolino 


Tante gioie, a Poussan resta azzurro il cielo d’Europa con Callianetto & Settime Callianetto (maschile) e Settime (femminile) sul trono continentale le italiane Solferino e Sabbionara Trentino Team nelle piazze d’onore.

Germana Baldo, del Sabbionara Trentino Team.


Tante gioie, ancora

       Cavaion e Malavicina, protagoniste della finale della Coppa Italia di B, vinta dal Malavicina. 

       Monale e Palazzolo, protagoniste della Coppa Italia di B, vinta dal Palazzolo. 


Tante gioie, ancora  

Trentino e Piemonte, tra le protagoniste del Trofeo Spezia        con Aristide Cassullo e (ultimo a destra) Giorgio Marchiò. 

Le ragazze del San Paolo d’Argon con il Consigliere Federale Andrea Fiorini 


La gioia continua

l e r a g a z z e d e l S e t t i m e , v Le ragazze del Settime, vincitrici della Coppa Italia e della Supercoppa.

A Cavalcaselle le superbe finali nazionali dei campionati italiani giovanili open


Ăˆ la volta del Tambeach prima a Ragusa, poi a Mondragone (Caserta) una pioggia di scudetti pieni di luce, di sole.

(foto di Angelo Cattolico)


Apprendere per saper insegnare Tanti, negli anni, i corsi di aggiornamento per insegnanti di Educazione Fisica,   realizzati a livello provinciale, regionale e nazionale;   migliaia gli insegnanti che attraverso questi corsi hanno conosciuto   e preso confidenza con il Tamburello;   centinaia di migliaia i ragazzi   che hanno avuto così modo di confrontarsi   con l’armonia di uno strumento spesso a loro sconosciuto.  Il successo del Tamburello ai Giochi Sportivi Studenteschi   è sotto gli occhi di tutti, terzo com’è, dopo calcio e pallavolo, tra gli Sport di squadra.  Un’affermazione, questa, della Federazione, che porta,   prima tra le altre, la firma della Commissione Scuola.  Undici, nel 2009, i corsi – tutti organizzati in collaborazione con il CONI ed i CSA ‐ che registrano successo di  partecipazione,  da  Napoli  ad  Ancona,  a  Campobasso,  a  Terni,  a  Pescara,  Cagliari,  Perugia,  Roma  (nazionale),  Frosinone, Palermo, Agrigento. 

sinistra: Daniela Marchetti, Daniela Boscato, Nunzio Smaldore

sotto: Roma, i partecipanti al corso nazionale.    


Indoor, Coppa Italia e il via! alla stagione 2009-2010 dei Campionati Italiani

“Il Tamburello, con la qualità della sua dirigenza, delle sue strutture, con il suo saper operare ai livelli più alti e nel delicato terreno della promozione, è senza dubbio un realtà da guardare con ammirazione e da tenere nella più attenta considerazione”.                                                                     

                                                                    Giovanni Petrucci, Presidente del Comitato Olimpico Nazionale Italiano 


Salvatore Occhipinti, del Ragusa, squadra Campione d’Italia 2009, vincirice della Coppa Italia indoor a Castel Goffredo (Mantova)

                 


TAMBURELLO TAMBURELLO

                

 

Federazione Italiana Palla Tamburello      • 

  2009, tra i momenti di un anno straordinario 

 

AGOSTO PIU’ SUCCESSI CHE AMAREZZE NELLE AMICHEVOLI CON LA FRANCIA

 

SI BRINDA NELLE COPPA ITALIA E NELLA SUPERCOPPA DONNE A CAVALCASELLE LE SUPERBE FINALI NAZIONALI DEI CAMPIONATI ITALIANI GIOVANILI OPEN

     

SETTEMBRE SCATTANO I PLAY-OFF SIPARIO SUI CAMPIONATI ITALIANI DI TAMBEACH

OTTOBRE FEDERAZIONE INTERNAZIONALE EMILIO CROSATO ACCLAMATO PRÉSIDENT D’HONNEUR

         

 

IL CALLIANETTO CONQUISTA IL SUO VII SCUDETTO IL XCVII PER LA FEDERAZIONE!

 

ANCORA SUPERCOPPA, FELICITAZIONI, CALLIANETTO!

 

APPRENDERE PER SAPER INSEGNARE

 

 

 

NOVEMBRE COPPA ITALIA INDOOR A CASTEL GOFFREDO ANCORA RAGUSA E OVADA! IN LOMBARDIA E TOSCANA PROPOSTE DI LEGGE PER IL TAMBURELLO

 

SCATTANO I CAMPIONATI INDOOR LA STAFFETTA PER IL NUOVO ANNO PER UN’ATTIVITA’ CHE NON TRAMONTA •

DICEMBRE TUTTO NUOVO IL SITO INTERNET FIPT! IN UNGHERIA IL I TORNEO INTERNAZIONALE E’ TEMPO DI FESTA, AUGURI!


TAMBURELLO, supplemento rivista n.8-12 2009