Page 1

TEMATICA

Non c’è più neanche un posto per pregare

Oltre a San Benedetto, il sisma ha danneggiato tutte le altre chiese di Norcia Da due anni i fedeli si riuniscono in un centro polifunzionale fuori città

Riccardo Annibali

La statua di San Giacomo di Norcia, l’unica rimasta in piedi sulla facciata della chiesa della Madonna Addolorata

I

l terremoto non ha solo obbligato le famiglie a Per alcune chiese la certificazione di inagibilità lasciare le proprie abitazioni: delle undici chie- è meno grave: San Giovanni, struttura del tardo se dentro le mura di Norcia, non ce ne è più Trecento, può essere riaperta in breve tempo. I una aperta, inclusa Santa Maria Argentea, la con- motivi che impediscono l’inizio dei lavori sono cattedrale della diocesi di Norcia-Spoleto. Quasi molti, primo fra tutti che le chiese sono beni cultututto il patrimonio religioso e artistico del cratere, rali e non possono seguire le regole della ricostruin totale 350 chiese, è stato gravemente danneggia- zione privata. La Cei e il Governo stanno cercando to. I riflettori sono puntati solo sulla ricostruzione un’intesa per velocizzare le procedure, evitando le di San Benedetto, ma c’è molto altro. lungaggini delle gare d’appalto. Il nuovo centro della Madonna delle Grazie, a Sul tema dei “disservizi spirituali” abbiamo Norcia, è l’unico luogo che i fedeli sentito Don Giampiero Ceccahanno attualmente a disposizione. responsabile di tutta la rico«Va organizzata relli, Si tratta di un salone polifunziostruzione per la conferenza epinale, inaugurato nel giugno del una resistenza scopale umbra: «Va organizzata 2017 dal cardinale Gualtiero Basuna resistenza spirituale e ci vorrà spirituale» setti, e progettato per essere anche molta pazienza», ha detto. «Come un centro di accoglienza in caso Diocesi, vogliamo la certezza che di calamità. Questa chiesa, però, si trova fuori dal gli edifici siano davvero sicuri prima di riaprirli centro di Norcia, ed è difficile da raggiungere a al pubblico; dopo il terremoto del 1979» ricorda piedi, specialmente per gli anziani. il prelato, «c’era voglia di ripartire. Questa volta Molti fedeli intervistati a Norcia ci dicono: vedo più rassegnazione». Don Ceccarelli è stato «Dobbiamo andare a Spoleto per qualsiasi cosa l’ultimo abate di Sant’Eutizio a Preci, monastero che non sia una semplice messa. Anche per i pranzi fondato da eremiti siriani nel V secolo d.C. e condelle cerimonie, per comodità, finiamo per rima- siderato uno dei complessi religiosi più importanti nere lì, quando vorremmo aiutare i ristoranti di di tutto l’Occidente. Anche Sant’Eutizio è stato Norcia». irrimediabilmente danneggiato dal sisma. Q

16

quattrocolonne-news.it

di RICCARDO ANNIBALI @riccahan

GIOVANNI MARIA GAMBINI

@Giovann52275958

gennaio 2019

Profile for Riccardo Annibali

Non c'è più neanche un posto per pregare  

Oltre a San Benedetto, il sisma ha danneggiato tutte le altre chiese di Norcia Da due anni i fedeli si riuniscono in un centro polifunzional...

Non c'è più neanche un posto per pregare  

Oltre a San Benedetto, il sisma ha danneggiato tutte le altre chiese di Norcia Da due anni i fedeli si riuniscono in un centro polifunzional...

Advertisement