Page 1

www.gazzetta.it

Sabato 5 dicembre 2009 1,50 e

Redazione di Milano Via Solferino 28 - Tel. 026339 Redazione di Roma Piazza Venezia 5 - Tel. 06688281

Poste Italiane Sped. in A.P. - D.L. 353/2003 conv. L. 46/2004 art. 1, c1, DCB Milano Anno 113 - Numero 288

LA PARTITISSIMA DI STASERA FERRARA: «UN PIACERE AFFRONTARE E BATTERE MOURINHO»

L’ALTRO ANTICIPO ALLE 18 LA SAMP

Juve-Inter, è qui la festa

Milan, prove di rimonta

Marchisio titolare al posto di Camoranesi. Trezegol in attacco? Mou: mistero su Balotelli. Niente Maicon, squalifica confermata Pagine 14-15-16-17 CURINO, ELEFANTE e TIMOSSI

Ciro Ferrara, 42 anni (a sinistra) e José Mourinho, 46

MONDIALE 2010 IN SUDAFRICA DALL’11 GIUGNO ALL’11 LUGLIO

Galliani avvisa Gattuso: «Attento, questo non è un albergo» Pagina 19 GRIMALDI, LAUDISA e OLIVERO

il commento E’ ANDATA DI LUSSO

LE NOSTRE AVVERSARIE

PARAGUAY 14 GIUGNO ore 20.30

NUOVA ZELANDA

ITALIA SORTEGGIO PARA...GUAI

20 GIUGNO ore 16

SLOVACCHIA 24 GIUGNO ore 16

di LUIGI GARLANDO

Era dai tempi evangelici del lago di Tiberiade che non si vedeva una pesca così felice: Paraguay, Nuova Zelanda e Slovacchia. Secondo logica, Brasile solo in finale. Ok, nei quarti rischio-Spagna, ma non possiamo pretendere sempre che i migliori si eliminino tra loro e a noi tocchi l’Australia. Ci è andata bene. Alla Spagna e all’Inghilterra di Capello pure, Al Brasile molto meno. SEGUE A PAGINA 10

L’urna di Città del Capo generosa con gli azzurri Lippi: «Gruppo da vincere, ma non è facile» Rischio Spagna o Brasile nei quarti di finale Che girone per Dunga: Portogallo e Costa d’Avorio Capello trova Stati Uniti, Algeria e Slovenia

Charlize Theron, 34 anni, madrina del sorteggio

Da pagina 2 a pagina 12 ARCHETTI, LICARI, MANCINI, NICITA e VERNAZZA

PROCESSO DI NAPOLI CASO CORDOBA

Ex guardalinee contro l’Inter: «Chiese favori»

9 771120 506000

91 2 0 5>

Pagina 18 GALDI

IL ROMPI PALLONE di Gene Gnocchi Qui Juventus. Riuscito l’intervento al naso di Chiellini. E’ tornato brutto

w

CICLISMO 11 MILIONI NON DICHIARATI

IN EDICOLA

Bettini sotto accusa per evasione fiscale

C’è Al Pacino nel «Diavolo»

Pagina 35 PERNA

A 9,99 e PIU’ IL QUOTIDIANO


2 R

SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT

SORTEGGIO MONDIALE Via il velo, ecco le avversarie: ora l’Italia conosce i nomi dei rivali sulla strada di quel sogno chiamato bis Mondiale. Suspense, come sempre, al momento delle estrazioni: la nostra Nazionale viene pescata nel gruppo F (foto 1) e poi attende le «coinquiline». Marcello Lippi (foto 2) può considerarsi soddisfatto: dall’urna escono la Nuova Zelanda del c.t. Herbert (foto 3), il Paraguay del tecnico Martino (foto 4) e la Slovacchia allenata da Weiss (foto 5), nazionale del «napoletano» Hamsik. Evitate, in un colpo solo, Francia, Portogallo e Serbia. Sì, poteva andare peggio.

Italia la ruota DAL NOSTRO INVIATO

FABIO LICARI 5 RIPRODUZIONE RISERVATA

CITTÀ DEL CAPO (Sudafrica) dPara-

guay, Nuova Zelanda e Slovacchia: gruppo non certo impossibile per cominciare. Poi un percorso da brivido: Camerun, Spagna, una tra Germania e Argentina, quindi il Brasile. Visto il sorteggio di Sudafrica 2010, è un tabellone molto probabile verso la finale: se non succedono sfracelli, cioè se qualche grande non si perde, per esempio il Brasile arrivando secondo potrebbe incrociarci già nei quarti. Da Città del Capo (debutto il 14 giugno col Paraguay) a Johannesburg (11 luglio) per l’Italia sarà un po’ più complicato che arrivare a Berlino. Almeno sembra. Percorso Italia Discorsi da sorteggio naturalmente: a giugno se ne riparlerà. Interessante, intanto, che tra il Paraguay (il 14) e la Nuova Zelanda (20 giugno a Nelspruit) ci siano 6 giorni di riposo: ideale per arrivare alla Slovacchia, 96 ore dopo a Johannesburg, magari con la classifica già a posto. Quello che poi ci riguarda è il gruppo G: se qualificati, negli ottavi Lippi dovrà vedersela con una tra Olanda, Danimarca, Giappone e Camerun. Vincendo il nostro girone, potrebbero essere i Leoni Indomabili di Eto’o gli avversari successivi. Merito, o «colpa», di John Smit, capitano degli Springboks, gloria nazionale: prende lui le palline, unico momento emozionante di uno show piuttosto noioso.

Partenza ok Poi Eto’o ci aspetta agli ottavi Doppio tabellone L’impressione è che il tabellone del Mondiale sia spaccato in due. Durissimo (da non crederci) il girone di Brasile, Portogallo e Costa d’Avorio. Equilibrato quello che oppone l’Argentina a Nigeria, Grecia e Sud Corea. Idem per la Germania: Serbia e Ghana, più Australia, non sono clienti facili. E neanche il Sudafrica è stato trattato troppo bene: ha beccato la Francia (finta «non testa di serie»), il Messico e l’Uruguay. Molto meglio la Spagna, che il Cile però l’avrebbe evitato. Fascinosa Inghilterra-Usa, ma Algeria e Slovenia sembrano comprimarie.

Spagna o Brasile nei quarti , ma se nessuno sbaglia in finale con Dunga

Niente show Sorta di autocelebrazione elettorale per sua maestà Sepp Blatter, tra l’icona Nelson Mandela in video e la sexy e fredda Charlize Teron, come in un reality, il sorteggio-show non convince. Madiba lancia un appello: «Che dopo il Mondiale resti un beneficio per la nostra gente». Jacob Zuma, il presidente, avverte: «Il mondo resterà sorpreso». Blatter si riprende la coppa dalla mani di Abete («grazie!»), la stringe e dà il meglio della sua retorica: «Il calcio in Sudafrica è una storia d’amore». Lasciando al segretario Valcke l’imbarazzante «venite! Sarà una grande coppa»: qui i biglietti sono troppo cari, saranno riclassificati, aumentati di prezzo e venduti altrove. Storie mondiali anche queste.

La squadra di Kakà è favorita nel gruppo G, dove sfida Portogallo, Costa d’Avorio e Corea del Nord. Per l’Argentina ci sono Nigeria, Grecia e Corea del Sud nel gruppo B


SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT

1

2

3

3 R

4

5

della fortuna

Per non sbagliare, regala un navigatore satellitare. Nuovo BlackBerry Bold 9700 a 49¤.

smartphone wifi fotocamera video mail instant messenger social networking musica gps

BlackBerry® Bold™ 9700 smartphone

Con Zero8 TOP, 2.000 min. di chiamate, 600 SMS, 20 GB di Internet, BlackBerry® Bold™ 9700. A 79¤ al mese.

Chi può darti di più?

Store www.tre.it OFFERTA VALIDA FINO AL 31/01/2010. CHIAMATE: FINO A 500 MIN/SETT; SMS: FINO A 150/SETT; INTERNET: FINO A 5 GB/SETT DI TRAFFICO INTERNET/MAIL SOTTO COPERTURA 3. BLACKBERRY® BOLD™ 9700 IN COMODATO D’USO CON COSTO DI ATTIVAZIONE DI 49€. PAGAMENTO CON CARTA DI CREDITO, IMPEGNO DI 23 MESI, ADDEBITO DEI COSTI PER RECESSO ANTICIPATO. PER INFO SU COPERTURA, CONDIZIONI E COSTI EXTRASOGLIA WWW.TRE.IT O I 3 STORE. © 2008 Research In Motion Limited. Tutti i diritti riservati. BlackBerry®, RIM®, Research In Motion®, SureType® e i marchi, nomi e loghi correlati sono di proprietà di Research In Motion Limited e sono registrati e/o utilizzati negli Stati Uniti e in altri Stati del mondo.


4 R

SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT

Hyundai, Partner Ufficiale Mondiali FIFA Sudafrica 2010


SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT

5 R

SORTEGGIO MONDIALE

«Un gruppo da vincere Ma non dite che è facile» Lippi: «Tre avversarie da battere, non da giudicare. Il peggio? Il Paraguay Ai quarti potrebbero capitarci squadre importanti, ma prima occorre arrivarci...»

x HA DETTO S sul Paraguay E’ stato al comando del girone sudamericano per quasi due anni. Una squadra di valore

Giancarlo Abete, 59 anni EPA

S Cioè il Paraguay.

«E’ stato al comando del Sudamerica per quasi due anni, ha ceduto il primo posto soltanto alla fine, ma era qualificato. Una squadra di valore». Poi tocca alla Nuova Zelanda.

«L’abbiamo vista in Confederations... (un 4-3 sofferto, ma con la squadra B, ndr)». Si chiude con la Slovacchia.

«Altro bel collettivo. Ha superato squadre importanti, sta crescendo, ha un giocatore come Hamsik: lo conosciamo bene. Il primo obiettivo sarà studiare queste tre squadre, conoscerle il più possibile. E batterle, non giudicarle».

sulla Slovacchia Bel collettivo. Ha superato squadre importanti, sta crescendo, e ha uno come Hamsik

S su Germania 2006 Analogie non ne vedo. Qui, sulla carta, le teste di serie dovrebbero vincere tutte: lì non era successo

«Non più. Lo è stato in Confederations: ma non eravamo preparati. Non si ripeterà». Restituendo la coppa, il presidente Abete ha detto: «Cercheremo di riprenderla»...

DAL NOSTRO INVIATO

FABIO LICARI 5 RIPRODUZIONE RISERVATA

CITTÀ DEL CAPO (Sudafrica) d«Grup-

po né difficile né facile. Gruppo da vincere. E basta». E ci mancherebbe. Paraguay, Nuova Zelanda e Slovacchia: fare meglio, almeno nella prima fase, era davvero difficile. Ma il Mondiale non è soltanto gruppi: in Germania ci capitarono Ghana, Stati Uniti e Repubblica Ceca, sembrava tremendo e invece no. Mani avanti Poi però la discesa a Berlino attraverso Australia e Ucraina. Qui in Sudafrica le probabili avversarie dell’eliminazione diretta potrebbero essere più complicate: all’oriz-

zonte Spagna, Portogallo e Brasile. Per questo Marcello Lippi mette le mani avanti e ripete «non facile» come un mantra. Si può dire che non sia malaccio come gruppo?

«Quanto più consideriamo facili le avversarie, tanto più diventano difficili. Però onestà mi impone di riconoscere una cosa». Cioè?

«Che i gruppi di Brasile e Germania sono importanti ed equilibrati. Ma non dite che il nostro è facile». La peggior rivale?

«La prima. E’ sempre la prima».

INIZIATIVA GAZZETTA

In edicola il calendario della vittoria azzurra 2006 Per celebrare ancora una volta il Mondiale vinto dagli azzurri nel 2006 in Germania è in edicola il calendario dell’Italia campione del Mondo 2006. Si può acquistare assieme alla «Gazzetta dello Sport» al costo di 7,99 euro più il prezzo del quotidiano. All’interno le foto più belle degli azzurri protagonisti dell’impresa. In edicola sono disponibili anche i calendari del Milan, del Genoa, della Fiorentina, della Nba con tutti i suoi campioni più famosi, degli All Blacks e della Ferrari con tutti i modelli della produzione di Maranello.

«Ai quarti un incrocio difficile» Abete: «Possiamo

L’altitudine è un problema?

Marcello Lippi, 61 anni, guiderà l’Italia in un Mondiale per la seconda volta. Il c.t. è tornato sulla panchina azzurra a giugno del 2008 ANSA

IL PRESIDENTE FIGC

«Certo che la vogliamo. Con tutte le nostre forze. Ma anche il presidente Zuma ha detto che non vuole più lasciarla andar via. La coppa piace». Analogie con Germania 2006?

«Non ne vedo. Qui, sulla carta, le teste di serie dovrebbero vincere tutte: lì non era successo. Ma poi ci sono ottavi, quarti e il resto...».

accontentarci, ma Spagna e Brasile...» DAL NOSTRO INVIATO 5 RIPRODUZIONE RISERVATA

CITTÀ DEL CAPO (Sudafrica) dRicon-

segnata la coppa, comincia la seconda parte della missione sudafricana: riconquistare Hotel Irene e campo d’allenamento Southdowns, quelli meglio attrezzati per il Mondiale. Quelli di Confederations. Il presidente Giancarlo Abete è in missione diplomatica. L’incontro con gli americani, che hanno la prima opzione, è stato interlocutorio: «Ci hanno detto che vogliono approfondire il loro gruppo prima di decidere». La risposta non tarderà. Intanto oggi Lippi e il suo staff volano a Pretoria per visitare l’opzione alternativa: hotel Leriba e campo Cornwell Hill. Camerun In via di definizione i dettagli per l’amichevole del 3 marzo: dovrebbe essere il Camerun. Più che il rivale, importa che quel giorno ci sia Amauri. Abete ha restituito la coppa in mondovisione dicendo a Blatter: «E’ difficile renderla, ma cercheremo di riprenderla». Sul sorteggio: «Se riuscissimo a vincere il girone avremmo una partita a Pretoria e poi di nuovo a Johannesburg. Ma questa è la logica dei "se" e dei "ma": abbiamo un gruppo alla nostra portata e un incrocio difficile ai quarti, con Spagna o Brasile. Però possiamo accontentarci».

E quindi?

«Già dai quarti potrebbe capitare qualcuno d’importante, ma dobbiamo arrivarci ai quarti». Spesso soffriamo nel primo gruppo.

«Nell’82 l’Italia non cominciò benissimo, poi però superò Argentina e Brasile con due grandi partite. In Germania abbiamo sofferto soltanto con gli Usa».

f.li.

SERIE A sab. 5 dom. 6

SEGNA ANCHE TU

IN CAMPIONATO.

orario 18.00 MILAN - SAMPDORIA 20.45 JUVENTUS - INTER 15.00 BOLOGNA - UDINESE FIORENTINA - ATALANTA GENOA - PARMA LIVORNO - CHIEVO NAPOLI - BARI PALERMO - CAGLIARI SIENA - CATANIA 20.30 ROMA - LAZIO

Le quote potrebbero subire variazioni

1 1.60 2.60 2.55 1.52 1.90 2.40 1.75 2.10 2.20 1.90

X 3.45 3.20 3.00 3.65 3.15 3.10 3.30 3.20 3.10 3.30

2 6.00 2.60 2.80 6.75 4.15 2.90 4.85 3.40 3.30 4.00


6 R

SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT

SORTEGGIO MONDIALE DUE DOMANDE A QUATTRO EX C.T. AZZURRI

Azeglio Vicini, 76 anni, c.t. dall’86 al ’91

Arrigo Sacchi, 63 anni, c.t. dal ’91 al ’96

Cesare Maldini, 77 anni, c.t. dal ’96 al ’98

Dino Zoff, 67 anni, c.t. dal ’98 al 2000

EPA

ANSA

ANSA

ANSA

di Gabriella Mancini

1 Come vede il girone F dell’Italia con Paraguay, Nuova Zelanda e Slovacchia?

2 Quali sono i gironi più difficili del Mondiale 2010?

A botta calda mi sembra un girone buono. E’ vero che ogni partita si deve giocare, è vero che non bisogna sottovalutare nessuno, ma prima del sorteggio l’avrei sottoscritto un girone con queste avversarie

C’era di peggio. Quello degli azzurri è un buon girone, quindi va bene così. Comunque occhio al Paraguay, dove sono stato recentemente. E’ una squadra solida, aggressiva, non ha una gran qualità, ma combatte, pressa e lotta

L’Italia la vedo abbastanza bene. Il Paraguay, comunque, ha fatto benissimo nel girone eliminatorio. Io l’ho allenato. E’ tosto, si fa rispettare e si porta dietro il calore incredibile di tutto il Paese. Un nome? Santa Cruz, se sta bene è fortissimo

Un sorteggio buono, accessibile. Se dovevamo scegliere un gruppo questo va benissimo. Il Paraguay è buono, le altre sono alla nostra portata. Bene così visto che, a parte Argentina’78, nei primi turni abbiamo sempre incontrato difficoltà

I gironi mi sembrano tutti ben spalmati, tranne quello del Brasile. Comunque, in un Mondiale, ci sono diverse variabili: è importante l’organizzazione che c’è dietro a una squadra, vedremo se l’avranno trovata le squadre africane

E’ difficile il girone del Brasile, che dovrà presentarsi al 100 per cento della condizione fisica. Forte il Portogallo, ma anche la Costa D’Avorio non è da sottovalutare: potrebbe anche diventare la sorpresa del Mondiale

Il girone del Sudafrica, con Messico, Uruguay e Francia, mi sembra molto combattuto. Anche quello del Brasile e della Germania. Ma al di là della storia di ogni Nazionale l’importante è essere nella condizione ottimale al momento giusto

I gironi con Germania e Brasile sono i più ostici. Anche l’Argentina se la deve giocare. Più facile quello dell’Inghilterra anche se bisognerà vedere in quale condizione arriverà: là giocano sempre, anche a Natale e a Capodanno...

«Sarà l’anno delle africane» Sacchi avvisa: «Occhio alla Costa d’Avorio», Zoff: «Il Camerun di Eto’o può sorprendere» GABRIELLA MANCINI 5 RIPRODUZIONE RISERVATA

MILANO dUn buon girone, quel-

lo dell’Italia, che al Mondiale se la vedrà con Paraguay, Nuova Zelanda e Slovacchia, un girone da sottoscrivere, ma è sempre bene non sottovalutare nessuno e ricordarsi che in un Mondiale è fondamentale essere in piena forma al momento giusto, al di là dell’avversaria, al di là della storia. In più quest’anno, con l’evento in Sudafrica, la componente sorpresa da parte di una Nazionale africana è più che mai considerata. E’ ciò che emerge dai primi commenti di quattro ex commissari tecnici: in ordine di panchina Azeglio Vicini, Arrigo Sacchi, Cesare Maldini e Dino Zoff.

Tutti d’accordo: «Il girone degli azzurri è davvero buono». Vicini: «Tante le variabili, anche clima e organizzazione»

nel 2000, anche lui uscito ai rigori contro la Francia — . Le altre squadre? Vedo bene Brasile, Spagna, Inghilterra e chissà, magari una sorpresa come il Camerun.

mo nel girone eliminatorio e che ha la tempra sudamericana e l’esperienza di tanti ragazzi che giocano nei campionati europei. Anche l’Inghilterra, come l’Italia, è inserita in un girone poco complicato. La Francia? Preferisco non parlarne. Non per i rigori del ’98, ma per come è arrivata a questo Mondiale». Zoff «Un sorteggio accessibile, positivo — è il parere di Dino Zoff, vicecampione europeo

Un momento del sorteggio del girone azzurro: a sinistra c’è Beckham EPA

PLATINI

«La televisione ha ucciso l’arbitraggio»

Vicini «Chiaro che ogni partita si deve giocare, ma un girone così va benissimo — dice Azeglio Vicini, terzo a Italia ’90 —. Le favorite? A parte l’Italia, Spagna, Germania, Inghilterra, le sudamericane e non escludo la sorpresa di una squadra africana. In ogni caso non dimentichiamoci che in un Mondiale ci sono tante variabili, a cominciare dal clima e dallo stato di forma. Quattro anni fa tutti davano il Brasile grande favorito e poi è andato male». Sacchi «Un buon girone — commenta Arrigo Sacchi, vicecampione del mondo negli Stati Uniti nel ’94 —. Le avversarie più forti? Brasile, Spagna e Inghilterra, la sorpresa la Costa D’Avorio di Drogba. Non vedo bene la Francia, mi sembra in fase calante, molto dipenderà dal recupero di Ribery». Maldini «Tutto sommato bene racconta Cesare Maldini, eliminato ai rigori dalla Francia al Mondiale ’98 — però occhio al Paraguay, che ha fatto benissi-

gazza&play GUARDA IL PARAGUAY

Inquadra* il codice oppure invia un SMS al 34 04 34 34 34 con 3001

Z

*Per le istruzioni vai nella sezione Altri mondi alla fine del giornale

Rivera Tra tanti campioni del passato, ecco l’opinione di Gianni Rivera, Pallone d’Oro, vicecampione del mondo a Messico ’70: «In genere bisogna giocarsela, ma deve andare proprio male per uscire da un girone come questo».

G E N T L E M A N D A Y D A T E Movimento automatico interamente rifinito a mano assemblato interamente nella fabbrica di Le Noirmont. FUNZIONI: Al centro: ore, minuti e lancetta cronografo - Data e giorno a ore 3 - Secondi permanenti a ore 9. Totalizzatore ore a ore 6 - Totalizzatore minuti a ore 12. Quadrante nero, blu o grigio con contatori in tinta o contrasto. Cifre arabe applique o indici superluminova. Corona a vite zigrinata e personalizzata. Vetro zaffiro sferico. Impermeabile 50 metri. Cinturino in pelle o bracciale in metallo.

CITTÀ DEL CAPO (f.li.) Il dietrofront di Blatter sui cinque arbitri non è andato giù a Platini (foto AFP). «L’arbitraggio è morto, lo dico da 10 anni, ed è stata la tv a ucciderlo. Henry è stato additato come un truffatore, ma se lo è lui lo sono tutti i calciatori. E lo sono stato anche io. Se adottassimo la moviola per Far Oer-Estonia, davanti a mille spettatori ci vorrebbero 25 telecamere al costo di 200mila euro. Il video non è sinonimo di giustizia. Il resto è solo demagogia e populismo, con la lobby delle tv che preme per vendere le tecnologie. Io sono il solo che ha provato a far qualcosa: contrariamente a coloro che parlano molto e poi non fanno nulla (Blatter, ndr). Ci sono io all’origine della regola sul passaggio all’indietro al portiere vietato, e sul rosso per fallo da ultimo uomo. E poi dicono che sono un conservatore...».

NOSTRO SITO GUARDA SUL SO RTEGGIO LO SPECIALE SS ERÀ PA I E VOTA CH O RN IL TU SERVIZIO CLIENTI MILANO - Via Gesù, 7 02 76002121 info@paulpicot.it www.paulpicot.ch

Gazzetta.it


SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT

7 R


8 R

SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT

#

ITALIA A 4 STELLE

1934 LA PRIMA VOLTA DI POZZO Il Mondiale del 1934 si disputa in Italia e si chiama Coppa Rimet. Vince la Nazionale di Vittorio Pozzo (nella foto in trionfo). In finale gli azzurri battono la Cecoslovacchia: 2-1 dopo i supplementari.

L’Italia ha vinto per quattro volte il Mondiale. Soltanto il Brasile ha fatto meglio (un titolo in più). I primi trionfi azzurri negli anni Trenta quando la Coppa del Mondo si chiamava ancora Coppa Rimet, in onore del suo fondatore, il dirigente francese Jules Rimet. Nel 1970, in Messico, questa Coppa venne definitivamente assegnata al Brasile, che per primo riuscì a vincerla per la terza volta. Curiosamente il Brasile vinse quel Mondiale battendo in finale proprio l’Italia (4-1). Dal 1974 la Coppa del Mondo si chiama Coppa Fifa e l’Italia l’ha conquistata per altre due volte.

Un Paraguay bello tosto ma Santa Cruz è di vetro La stella del Manchester City ha problemi alle articolazioni così i sudamericani si arrangiano col duo Valdes-Cabanas

DAL NOSTRO INVIATO

PIERFRANCESCO ARCHETTI 5 RIPRODUZIONE RISERVATA

CITTA' DEL CAPO (Sudafrica) dOttava partecipazione, tre volte oltre la prima fase, quarta iscrizione consecutiva. Il Paraguay è diventato un’abitudine nelle gerarchie del Mondiale. Anche la qualificazione non è stata sofferta, nonostante tre sconfitte di fila prima dello scontro con Maradona a settembre. Dopo aver steso l’Argentina, ha finito al terzo posto nel girone sudamericano e il premio promozione è stato un giorno di baldoria nazionale: il presidente della Repubblica Fernando Lugo ha dichiarato già sul campo che gli impiegati statali avrebbero avuto il giorno dopo libero: altro che Renato Brunetta.

L’allenatore Gerardo Martino, argentino di origini italiane, 47 anni, detto Tata. Ex centrocampista del Newell’s. Ha preso l’incarico nel febbraio 2007 rilevando Anibal Ruiz e dopo aver vinto sei titoli paraguaiani con Cerro Porteno e Libertad. Dice: «E’ un girone difficile per noi, però abbiamo un piccolo vantaggio: incontriamo i campioni del mondo al debutto e le partite iniziali sono sempre più complicate del previsto. L’Italia in fase calante?

I neozelandesi in Sudafrica ci hanno già spaventato Prima della Confederations Cup li avevamo affrontati in amichevole e finì 4-3. La stella? Un difensore del Blackburn

DAL NOSTRO INVIATO 5 RIPRODUZIONE RISERVATA

CITTA' DEL CAPO dMancava dal 1982, unica presenza degli All Whites, i bianchi, per distinguersi dai più famosi All Blacks, i rugbisti tutti neri orgoglio dell’isola. Favorita dal trasloco dell’Australia nella confederazione asiatica, la Nuova Zelanda, da prima in Oceania, è arrivata allo spareggio con la quinta asiatica, il Bahrain. Due gare tese, 0-0 all’andata e poi 1-0, con un rigore parato nel ritorno dal portiere Paston. Nella preparazione della Confederations Cup, il 10 giugno scorso, un’amichevole con gli azzurri è finita 4-3 e la banda di Lippi si è trovata tre volte in svantaggio: «Una buona partita: loro hanno vinto, noi abbiamo preso fiducia» dice il vice allenatore Brian Turner.

L’allenatore Ricki Herbert, 48 anni, allena anche un club, il Wellington Phoenix. Quindi è rimasto a casa perché oggi ha un’importante gara di campionato. Ha visto il sorteggio alla televisione e ha raccontato di aver avuto qualche brivido. «L’Italia è troppo forte, però con le altre ce la giochiamo». Difensore centrale leggenda-

Non credo: la Confederations Cup non è andata bene, però gli azzurri sono così potenti da farsi trovare pronti nel momento che conta». Carlos Dunga, c.t. del Brasile che lo ha affrontato nelle qualificazioni perdendo 2-0 a Asuncion, spiega: «Attenti, il Paraguay è una squadra molto solida». Martino alterna 4-4-2 e 3-5-2, dipende dagli avversari e dalle assenze. Non soggiornerà in altitudine: «Dal primo giugno saremo a Città del Capo, nostro campo base. Prima ritiro tra Svizzera e Germania». Le stelle L’Italia ha due precedenti con i biancorossi, entrambi vittoriosi: 2-0 al Mondiale '50 e 3-1 in amichevole il 22 aprile '98. Il campione più celebre è anche il più fragile: l’attaccante Roque Santa Cruz, un passato al Bayern e ora al Manchester City che lo ha pagato circa 23 milioni di euro. Ma Santa Cruz ha le articolazioni deboli (ginocchio soprattutto) e la squadra si sta arrangiando molto bene con la coppia di punte Valdez-Cabanas. A centrocampo Edgar Barreto dell'Atalanta, mentre il difensore Da Silva, ora al Sunderland, è passato anche dal Venezia. Un punto debole può essere il portiere Justo Villar, visto che ha perso il posto nella squadra di club, il Valladolid.

rio, nel suo Paese, era in campo nell’altra partecipazione (3 k.o.). Ha preso la panchina della nazionale nel 2005 e la mossa chiave negli spareggi è stato il passaggio dal 4-4-1-1 al 3-4-3. «Cercheremo delle avversarie in preparazione che somiglino agli azzurri. Tutta l’isola aspetta questo momento da 27 anni, cureremo anche il minimo dettaglio». La conquista della Coppa del Mondo da parte dei neozelandesi è quotata 1000 a uno dai bookmakers. Le stelle Ryan Nelsen, 32 anni, difensore del Blackburn, in Inghilterra, è considerato il miglior giocatore neozelandese di sempre dopo Wynton Rufer, ex attaccante del Werder Brema. Laureato in scienze politiche a Stanford, quando giocava negli Usa (Washington), è in Premier League dal 2005. L'attaccante Shane Smeltz, 28 anni, nato in Germania a Goppingen come Jurgen Klinsmann, è stato nominato miglior calciatore dell’Oceania nel 2007 e 2008. Una rete la infilò anche nell’unico precedente con gli azzurri. A centrocampo, l’esperienza di Simon Elliott emigtrato negli Usa (San Jose Earthquakes) dopo un passaggio al Fulham. Di solito è lo schermo davanti alla difesa. p.f.a.


SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT

9 R #

1938

1982

2006

IL BIS IN FRANCIA L’Italia di Pozzo bissa il trionfo del ’34. La Coppa Rimet si disputa in Francia e gli azzurri, in finale a Parigi, battono la grande Ungheria di Sarosi: 4-2. Meazza, Piola e Colaussi i giocatori-simbolo di quell’Italia.

IL TRIONFO IN SPAGNA Coppa del Mondo ’82, non più Coppa Rimet. Si gioca in Spagna. L’Italia di Bearzot parte con 3 pari, poi fa un filotto: Argentina, Brasile, Polonia e Germania Ovest. In finale (3-1 contro i tedeschi) Tardelli segna e urla.

LA NOTTE DI BERLINO Estate 2006, il Mondiale torna in Germania. E l’Italia lo vince con una grande galoppata. In finale gli azzurri battono la Francia ai rigori (1-1 dopo i supplementari). E Cannavaro alza la quarta Coppa.

Slovacchi all’antica «Italiani catenacciari» Il c.t. Weiss punge: «Il vostro sistema difensivo è incredibile» Hamsik ha un sogno: «Entrare negli ottavi assieme agli azzurri»

PIERFRANCESCO ARCHETTI MAURIZIO NICITA 5 RIPRODUZIONE RISERVATA

dL’unica debuttante alla fase finale. «L’avversaria che tutti volevano al sorteggio, insieme alla Nuova Zelanda», racconta il c.t. della Slovacchia, Weiss. «Invece siamo state estratte nello stesso girone, che così diventa molto equilibrato». Quattro anni fa la Slovacchia andò vicino alla qualificazione mondiale, uscendo al playoff contro la Spagna. Stavolta ha vinto un raggruppamento non proprio di ferro (Slovenia, Polonia, i cugini cechi, Irlanda del Nord e San Marino). Gli ultimi arrivati, però con buone tradizioni, seppur nascoste: nella Cecoslavacchia che vinse l’Europeo '76, otto giocatori erano di origine slovacca.

L’allenatore Vladimir Weiss ha 46 anni e giocò con la nazionale unita a Italia '90. Ha portato l’Artmedia in Champions prima di approdare nel 2008 in nazionale. Dice: «L’Italia non è invecchiata, anche quando ho affrontato in coppa la Juve dicevano che i giocatori erano passati, ma nei tornei conta l’esperienza. Il vostro catenaccio è incredibile, come si può affrontare? Per catenaccio intendo difesa, ma gli azzurri sono forti anche davanti. Cassano? Non so, ci pensi Lippi. Come giocatore

è fantastico». In rosa anche suo figlio, che ha lo stesso nome, come del resto il nonno, ovviamente calciatore. Hamsik felice Se Petras del Cesena è l’altro italiano, Marek Hamsik è la stella della Slovacchia (un solo precedente con l’Italia, che vinse 3-0 nel '98). Il napoletano viene confermato capitano dal suo c.t.; in teoria la fascia sarebbe di Karhan, «ma ha sempre problemi fisici e poi Marek è molto maturo per la sua età e ci parlerà degli azzurri» spiega ancora Weiss. Dall’Italia, Hamsik esprime un desiderio: «Qualificarci insieme a voi». Il goleador del Napoli è tutto sommato soddisfatto del sorteggio: «Sono contento di affrontare gli azzurri, da campioni hanno un fascino particolare. Credo che ci siano altri gironi più difficili del nostro. Sarà bello poter incontrare giocatori che conosco. Una sfida emozionante». Marek nel 2010 diventerà papà, prima di affrontare l’esperienza in Sudafrica. «Un anno straordinario, spero. Siamo debuttanti, tutte le partite saranno dure. Il Paraguay ha disputato un’ottima qualificazione e la Nuova Zelanda è un’incognita ma che potrebbe essere una rivelazione. Noi ci auguriamo di battere nella prima gara i neozelandesi così da poter avere la carica giusta. Magari ci qualifichiamo insieme all’Italia. Sarebbe bello».


10 R

SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT

SORTEGGIO MONDIALE

P IL FILM

Da Mandela alle danze africane IL MESSAGGIO

LE DANZE / 1

LE DANZE / 2

LA COPPA

Nelson Mandela L’ex presidente e Nobel per la pace in un video messaggio EPA

Canti e balli All’inizio della cerimonia, spazio a canzoni e danze tipiche del Sudafrica, «onorato» come ha detto Mandela EPA

Gli zulu Una delle canzoni era «White Zulu», un gruppo di ballerini zulu REUTERS

Abete: «È dura dar via la coppa» Giancarlo Abete ha «dovuto» consegnare la Coppa del Mondo a Blatter e al presidente sudafricano Zuma EPA

Capello dà subito una stoccatina all’Italia

ARGENTINA

Maradona bis Ancora Nigeria Nel ’94 Diego positivo per doping proprio con gli africani

Il c.t. dell’Inghilterra: «Fortuna? Sì, ma le nostre rivali sono note, la Nuova Zelanda...» DAL NOSTRO INVIATO

PIERFRANCESCO ARCHETTI CITTÀ DEL CAPO (Sudafrica) dFabio

Capello, dopo essere stato chiuso due volte all’angolo da una muta di telecamere, riesce a trovare l’uscita e sussurrare l’ultimo commento sul sorteggio, con riferimento agli azzurri. «Certo, poteva andarci peggio. Ma tutte le nostre rivali sono conosciute, non come la Nuova Zelanda». Lui dovrà preoccuparsi degli Stati Uniti al debutto, poi di Algeria e Slovenia. Non proprio dei colossi. «Eppure ho abbastanza esperienza per sapere che i gironi facili sulla carta poi non si rivelano tali. Gli Stati Uniti hanno molti giocatori in Premier League, l’Algeria ha fatto fuori l’Egitto, la Slovenia ci ha messo in difficoltà quando l’abbiamo affrontata in amichevole recentemente (2-1 per gli in-

glesi, ndr)». Anche il cammino fino ai quarti sembra agevole, perché evita Brasile, Spagna e Italia, ma questi conti sono solamente teorici in quanto a ogni torneo alcune classifiche della prima fase differiscono dai valori reali. Il derby Sono gli americani i più gasati per lo scontro con gli inglesi: «Rivedremo Beckham, era venuto da noi per propagandare il calcio, adesso sarà avversario al Mondiale», racconta il c.t. Bob Bradley. E Landon Donovan, amico-rivale di Beckham nei Galaxy appena battuti in finale del campionato Usa, fa sapere: «Gli ho mandato subito un messaggio». Potrebbe aver scritto anche degli insulti, visto il rapporto fra i due. Ma non vengono rivelati. E poi la questione è se il milanista parteciperà alla coppa da calciatore o da uomo immagine.

Usa ’94, Argentina-Nigeria 2-1: Maradona, sorteggiato all’antidoping, esce sotto la scorta di un’infermiera SEBASTIANO VERNAZZA

Beckham liscia La stella della settimana sudafricana è proprio lui; è apparso ovunque, ben retribuito. Alla presentazione della candidatura mondiale inglese per il 2018; al lancio del nuovo pallone della coppa, dove ha dovuto rispondere a domande tecniche tipo «cosa ti cucina tua moglie», oppure «la mia ragazza ama più te di me». Poi il milanista è andato sul palco per l’estrazione dei gruppi, come se fosse già un ex giocatore. Beckham è riuscito anche a parlare di calcio, con un’abbondanza di effusioni verso i suoi tecnici: «Fabio Capello è un grande allenatore e sceglie la rosa migliore

per l’Inghilterra anche se non ne farò parte. Io spero di esserci, però se non sarò in squadra verrò a vedermi le partite da turista, con la famiglia». Capitolo Milan, presente e futuro: «Sono felice che Carlo Ancelotti stia facendo bene al Chelsea. Lui è un signor allenatore e anche una bravissima persona. Al Milan c’è stato un momento di smarrimento quando se ne è andato, adesso però i rossoneri si sono ripresi. Io torno a Milano per giocarmi la possibilità di andare al Mondiale, è questo il mio scopo nei prossimi sei mesi, ma sono convinto che anche Ancelotti vincerà al Chelsea».

Fabio Capello, il leader laburista Lord Triesman e David Beckham al sorteggio in Sudafrica. Insieme sostengono la candidatura dell’Inghilterra per il Mondiale 2018 AFP

dMaradona da una Nigeria all’altra. Quando si dice il destino. Mondiale negli Usa, 25 giugno 1994. Un sabato, a Boston: Argentina-Nigeria 2-1, doppietta di Caniggia su assist di Maradona. Superlativa prestazione di un Diego dimagrito, rinato. A fine partita, però, el Diez esce scortato da un’infermiera perché sorteggiato all’antidoping. Maradona ha il sorriso tirato, forse presagisce dove si andrà a parare. Le analisi, la mazzata: Diego positivo all’efedrina e squalificato. Mondiale finito. Spiegazione della difesa: lo stimolante era contenuto in una bevanda energetica comprata negli Usa e il preparatore che ha passato la bottiglietta al Diez non sapeva che cosa ci fosse dentro. Accusa di Diego: «La Fifa ha trovato un pretesto per farmi fuori».

Anche la Grecia Sedici anni dopo, Maradona — ieri rappresentato da Bilardo perché squalificato — si riaffaccia come c.t. sulla scena di un Mondiale e ripartirà dalla Nigeria. Il 12 giugno, un altro sabato, a Johannesburg. Non solo: nel girone c’è la Grecia come a Usa ’94, quando Diego, proprio contro i greci, dopo il gol - la sua ultima rete in un Mondiale - mostrò la faccia feroce a una telecamera. Inquietanti coincidenze.

dalla prima

1

di LUIGI GARLANDO 5 RIPRODUZIONE RISERVATA

È ANDATA DI LUSSO Paraguay, Nuova Zelanda e Slovacchia. La prima, al massimo, ha raggiunto gli ottavi di un Mondiale, la seconda ci è stata una volta sola (Spagna ’82) perdendo sempre e non segnando mai, la terza debutta. Che tesoro Charlize Theron... Come da galateo da sorteggio, ogni c.t. stenta a riconoscere l’aiuto della sorte. Con valide ragioni, anche. E’ vero, l’orgoglio degli esordienti o quasi (Slovacchia, Nuova Zelanda) va preso con le molle, il Paraguay

agonisticamente presenta sempre squadre da battaglia (Dunga ci ha già messo in guardia), mettiamoci pure lo slovacco Hamsik, che un paio di scherzi a Buffon quest’anno li ha già fatti, ma per andare oltre al Portogallo di Cristiano Ronaldo e alla Costa d’Avorio di Drogba, il Brasile dovrà spendere molto di più. E nel Mondiale dell’alta quota, dove risparmiare energie è d’obbligo, non sarà problema da poco. La buona stella di Lippi è già in forma

Berlino, ora non resta che riportare la squadra ai livelli del 2006. Fabio Capello si è lisciato il gran mento con soddisfazione: girone morbido anche per l’Inghilterra (Usa, Algeria, Slovenia), col vezzo di Beckham che incrocia i suoi amici yankees. Curioso anche ciò che è toccato a Diego Maradona, c.t. dell’Argentina: Grecia e Nigeria, cioè le avversarie che affrontò nel suo ultimo Mondiale da calciatore (Usa ’94), quando segnò, urlò di rabbia nella telecamera e poi fu cacciato per doping. Il sorteggio sudafricano ha riannodato un filo. La nostalgia ce ne fa riannodare

un altro: Spagna e Honduras nello stesso gruppo, come nell’82. Un presagio? Dopo quella di Henry, la Francia ha ricevuto una mano anche dalla sorte. Poteva incrociare squadroni e invece si ritrova nel girone del Sudafrica (un po’ deluso...) a tirarsela da favorita. Come le meringhe Kakà-Cristiano Ronaldo nel gruppo G, così anche gli interisti Sneijder (Olanda) ed Eto’o (Camerun) saranno amici-nemici nel girone E. Chi arriva secondo, a rigor di logica, punterà Buffon negli ottavi di finale: ecco il ponte per Juve-Inter di questa sera, partita da vincere in campo, ma anche fuori. I protagonisti hanno

L’«Egg Man»: colori africani EPA

responsabilmente annaffiato la vigilia con dichiarazioni pacate e appelli al buon senso. Dopo aver visto il saluto di Nelson Mandela al suo Mondiale e ricordato d’istinto la sua lezione, sarebbe mortificante dover ragionare di razzismo ai margini di un nostro stadio. Ci torna in mente una scena della Confederations Cup di giugno. Stavamo seguendo gli azzurri durante la gita in uno zoo-safari e Bryan, la nostra guardia del corpo sudafricana, indicò una zebra. Poi ci chiese: «Secondo voi, è bianca con le strisce nere o nera con le strisce bianche?» Silenzio. Risposta sua: «Domanda senza senso. E’ zebra. E basta».


SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT

11 R


12 R

SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT

SORTEGGIO MONDIALE w taccuino

P

I NUMERI

34

IL FILM

Gebrselassie pesca l’Italia Diva Charlize IL CAMPIONE

LA BELLEZZA

IL NOBEL

Gebrselassie lancia l’Italia Haile Gebrselassie, record del mondo in maratona, ha pescato l’Italia EPA

Theron, bellissima madrina del sorteggio L’attrice sudafricana Charlize Theron, premio Oscar, madrina d’eccezione ha partecipato al sorteggio EPA

Tutu con l’ex presidente L’ex presidente Mbeki e l’arcivescovo Tutu, Nobel per la pace ’84 EPA

Kakà contro Ronaldo «Il gruppo della morte» Brasile e Portogallo nel girone G con la Costa d’Avorio di Drogba e la Corea del Nord. Il portoghese: «Non mi piace, ma saremo più motivati» DAL NOSTRO INVIATO

FABIO LICARI 5 RIPRODUZIONE RISERVATA

CITTÀ DEL CAPO (Sudafrica) dCon la

Francia accuratamente consegnata al gruppo del Sudafrica, restavano due minacce europee: Serbia (accoppiata alla Germania) e Portogallo. Senza niente togliere agli slavi, il fascino di Cristiano Ronaldo è tutta un'altra cosa. Figurarsi poi se il suo Mondiale comincia contro Kakà e il Brasile: il meglio del mondo, escludendo Messi. Eusebio contro Pelé nel futuro. Real Madrid contro Real Madrid: come se il Soccer City di Johannesburg il 20 giugno fosse un po’ il Bernabeu. Eusebio batte Pelè Portogallo-Brasile s’è giocata soltanto una volta al Mondiale, sempre nei gruppi. E vinse il Portogallo: 3-1, Mondiale 1966, 2 gol di Eusebio e zero di Pelè, addirittura eliminato. I portoghesi si piegarono soltanto in semifinale all’Inghilterra. L’ultimo confronto, invece, è un 6-2 per il Brasile: un anno fa esatto, amichevole ma sempre umiliante. In realtà il Portogallo sembra davvero Ronaldo-dipendente: infortunato il vice Pallone d'oro, la nazionale di Queiroz ha sofferto nei play-off contro la Bosnia. Dunga invece potrebbe schierare tre Brasile, non uno, e lascia a casa gente come Diego e Ronaldinho. Ronaldo-Kakà Da Madrid parlano i protagonisti. Kakà: «Non ci sono dubbi, è il gruppo più difficile, il gruppo della morte. La cosa però è buona: la preoccupazione farà si che si cominci il Mondiale molto concentrati». Cristiano Ronaldo è più negativo: «È un gruppo molto difficile, molto complicato: non mi piace. Sono solo contento di giocare contro compagni e amici. Ma non mi lamento: è andata così, avremo una motivazione in più». Eh già, il Brasile è virtualmente campione. Troppo Brasile E che lo sia infastidisce parecchio Dunga: «Gruppo complicato: di positivo c'è che i giocatori dovranno rimanere concentrati, riducendo la troppa euforia che ci circonda. Non siamo obbligati a

le reti realizzate dall’Inghilterra di Capello nelle 10 partite di qualificazione: in Europa nessuno ha fatto meglio

9

le reti realizzate da Luis Fabiano in 11 partite di qualificazione. Solo il cileno Suazo ha fatto meglio, con 10 gol

18

i precedenti tra Brasile e Portogallo. 12 i successi dei sudamericani, i lusitani hanno vinto 4 volte. Due i pareggi

NIGERIA

Gullit: «Io c.t.? Sono solo voci» CITTÀ DEL CAPO (Sudafrica) dNessun contatto ufficiale: Ruud Gullit ha di fatto smentito l'ipotesi che lo vorrebbe (come Roberto Mancini) in lizza per la panchina della Nigeria. «Ci sono tante voci, ma la Nigeria ha già un allenatore», ha dichiarato l'ex tecnico di Chelsea, Feyenoord e Los Angeles Galaxy, disoccupato dal 2008. La Nigeria, pur qualificatasi per il Sudafrica, sarebbe intenzionata a cacciare l'attuale c.t. Amodu Shaibu.

GALLES

Hartson festeggia il primo k.o. al cancro SWANSEA (Galles) d«Non ne sono ancora uscito del tutto ma questo è il mio giorno più bello dopo tanto tempo». John Hartson, 34enne ex attaccante di Arsenal e Celtic e della nazionale gallese, si sente sollevato dopo aver saputo che il cancro ai testicoli che gli era stato diagnosticato a luglio è stato «virtualmente sradicato». Hartson ha completato il primo ciclo di chemioterapia e nei prossimi mesi si sottoporrà a un importante intervento chirurgico per rimuovere le masse tumorali nei polmoni e al cervello.

SPAGNA

Legge Beckham Nessuno sciopero MADRID dNon ci sarà nessuno sciopero contro l’abolizione della cosiddetta «legge Beckham». Al termine dell’assemblea generale straordinaria, i club della Lfp (la Lega Calcio spagnola) hanno deciso di mettere da parte la minaccia dello stop ai campionati. Era stata questa la forma di protesta pensata contro la riforma fiscale che obbligherà i lavoratori stranieri con reddito superiore ai 600 mila euro l'anno a pagare, a partire dal 1 gennaio 2010, un'aliquota del 43% e non più del 24%.

VIOLENZA IN SERBIA

Partizan, due gare a porte chiuse BELGRADO (Serbia) dLa Federcalcio serba ha inflitto una multa di 200 mila dinari (2.000 euro) e due partite a porte chiuse al Partizan Belgrado per gli incidenti in occasione del derby contro la Stella Rossa, punita invece con la sola ammenda anche se di 600 mila dinari (6 mila euro). Durante il derby i tifosi del Partizan hanno dato alle fiamme centinaia di seggiolini dello stadio «Marakana» della Stella Rossa, dando il via agli scontri con 8 feriti e 34 arresti.

Kakà, 27 anni, (a sinistra) e Cristiano Ronaldo, 24, ieri a Madrid. I due fuoriclasse hanno visto insieme il sorteggio e dopo la composizione dei gironi hanno scherzato così

vincere sempre. Contro la Costa d'Avorio di Drogba soffriremo». Invece col Portogallo il c.t. della Seleçao va subito in gol: «Per me sarà Brasile contro Brasile», riferendosi ai brasiliani (Deco, Pepe, Bruno Alves e Liedson) diventati portoghesi. Come dice Blatter: tra un paio di Mondiali il 50% dei giocatori sarà nato dalle parti dell'Amazzonia. Ma se non ci pensa lui a cambiare le regole...

AP

«Italia attenta» Carlos Queiroz, c.t. portoghese, anche lui Real (è un ex), più che alla Seleçao pensa alla Costa d'Avorio: «È la prima partita, quella decisiva, e abbiamo buone chance di vincere». Se lo dice lui. Da Dunga (che ha sconfitto due volte gli azzurri nel 2009 tra amichevole e Confederations) arriva un avviso a Lippi: «Non sottovalutare il Paraguay: è solido e si è qualificato bene. Il gruppo non è facile. La Spagna è stata molto più fortunata».

PER I 100 ANNI

EVACUATA LA SEDE DEL SORTEGGIO

«Nella mia valigetta ho una bomba» Scherzava: arrestato un giornalista CITTÀ DEL CAPO Uno scherzo, certo, ma di dubbio gusto. Un giornalista, la cui nazionalità non è stata resa nota, è stato arrestato ieri in Sudafrica per aver provocato un allarme bomba che nella mattina aveva costretto le forze dell’ordine a far evacuare la sede del sorteggio dei Mondiali. La notizia dell’arresto è stata data dal portavoce della polizia sudafricana Vishnu Naidoo, che ha precisato: «abbiamo fermato l’autore di questo scherzo di pessimo gusto, che però qui viene considerato un crimine grave. Ora dovrà rispondere di ciò che ha fatto: purtroppo esiste anche gente così, che vuole per forza provocare ansia

e confusione». A causa del falso allarme la sede è stata evacuata e chiusa per un’ora per permettere i controlli degli artificieri. Il giornalista avrebbe detto all’ingresso del Centro Congressi che è stato poi sede del sorteggio che la valigetta che aveva con sé era piena di esplosivo, quindi l’avrebbe lanciata oltre il metal detector, per tentare infine la fuga prima di venire bloccato. Naidoo ha rivelato che anche un’altra persona è sotto interrogatorio e rischia l’arresto: sarebbe l’autore di due telefonate con cui aveva avvisato della presenza di due bombe all’aeroporto di Città del Capo.

Notts County vuole la festa con la Juve LONDRA dPer festeggiare i suoi 100 anni, nel 2010, il Notts County vorrebbe organizzare un'amichevole con la Juventus. Lo ha detto a «Espn Soccernet» il presidente del club inglese di quarta divisione, Peter Trembling. «Le strisce bianche e nere della Juventus derivano da quelle del Notts County e, visto il collegamento romantico e l'influenza di Eriksson in Italia, speriamo di poter organizzare un incontro con la Juventus l'anno prossimo». Trembling ha poi smentito l'ipotesi di un addio di Eriksson, direttore tecnico del Notts County, per motivi economici.

Il presidente della Lega Pro Mario Macalli, i componenti il consiglio direttivo, i consiglieri federali, il segretario e le società di prima e seconda divisione formulano le più sentite condoglianze per la scomparsa di

Filippo Conti per lunghi anni apprezzato componente dell'ufficio del giudice sportivo, e si uniscono al dolore dei familiari. - Firenze, 5 dicembre 2009.


SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT

13 R


14 R

SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT

#

STASERA SUPERSFIDA

x

CIRO FERRARA 42 ANNI ALLENATORE JUVENTUS

Mi aspetto una bellissima cornice, nel nostro stile. E’ una partita sentita anche da loro, ma sarebbe simpatico usare l’ironia

8

219

10

76

GLI ANNI DALL’ULTIMO 0-0 L’ultima sfida ufficiale senza reti risale al 27 ottobre 2001. Da allora le due squadre si sono incontrate complessivamente 18 volte e sono state segnate in totale 54 reti.

I MINUTI DI DIGIUNO JUVE La Juve non segna in gare ufficiali dall’1-0 contro l’Udinese del 22 novembre. L’autore del gol fu Grosso al 6’ s.t.: da allora doppia trasferta senza reti a Bordeaux e Cagliari.

LE RETI INTER DAL 31’ AL 45’ I nerazzurri volano nel periodo che va dal 31’ fino alla fine del primo tempo. Il periodo più prolifico in casa bianconera è invece quello che va dal 76’ a fine gara: 6 reti realizzate.

LE SFIDE A TORINO Nei campionati a girone unico i padroni di casa vantano 52 vittorie (10 successi dell’Inter e 14 i pareggi). I gol bianconeri arrivano a 137, quelli nerazzurri solo a 60.

Juventus-Inter IL TECNICO BIANCONERO

Ferrara: «Mou, sarà un piacere batterti» «Ci vuole una Juve perfetta, che giochi con intensità. Loro hanno sbagliato molto meno di noi, ma ora che ho recuperato tutti possiamo ritornare al rombo» DAL NOSTRO INVIATO

LUCA CURINO

Cagliari. E’ un momento importante: vogliamo vincere».

5 RIPRODUZIONE RISERVATA

VINOVO (To) dFerrara, dopo due

Perché è l’ultima occasione per non far scappare l'Inter?

k.o. è meglio o peggio affrontare una squadra come l’Inter?

«E’ una delle due partite che abbiamo a disposizione».

«Tornare subito in campo è importante. Questa poi è una gara di altissimo livello, molto sentita e non c’è neanche bisogno di prepararla, come ho visto questa settimana in allenamento. Quindi è meglio così». Vi siete allenati a porte chiuse per provare qualcosa di speciale o per ritrovare tranquillità?

«Nessun segreto. Ho solo pensato che fosse utile per prepararci in maniera serena. E in effetti nonostante le sconfitte la squadra è tranquilla, ha lavorato bene. Sono sicuro che farà una grande prestazione, a prescindere dal risultato». Tranquillo anche lei?

«Quando perdi due partite le critiche ci stanno. Ma io non posso farmi travolgere, devo trasmettere positività e convinzione e in questi giorni ho lavorato molto sull’autostima, ottenendo risposta. E poi ho sentito la fiducia della società e dei tifosi. Quindi sì, sono tranquillo». E’ curioso di sfidare finalmente Mourinho?

«Ci siamo già incrociati al trofeo Tim e per fortuna non è una sfida fra me e lui. Però sarà comunque un enorme piacere affrontarlo e, spero, anche batterlo».

Si aspettava di arrivarci con questo distacco? Che differenza c’è fra voi e loro?

«Non faccio paragoni fra due squadre che non si somigliano in nulla. Ma ho il massimo rispetto per l’Inter: gli 8 punti in più dicono che ha sbagliato molto meno di noi». Forse perché non avete ancora trovato la vostra identità?

«E’ una critica semplicistica. Noi abbiamo cambiato solo due moduli: siamo partiti col rombo e poi lo abbiamo abbandonato per via delle assenze a centrocampo, ottenendo buoni risultati. Pure a Cagliari l’idea era questa, ma non abbiamo avuto la necessaria profondità anche perché Marchisio non è riuscito a fare certe cose. Ora che ho recuperato tutti possiamo tornare al modulo di partenza». In quel ruolo manca Nedved?

«Pavel era impossibile da sostituire e anche per questo si è deciso di cambiare modulo. Ma la storia di questa squadra è fatta di campioni che prima o poi hanno lasciato, mentre la Juventus ha continuato a vincere. La Juve deve andare avanti anche senza Nedved». Dai tifosi che cosa si aspetta?

Come conta di riuscirci?

«Ci vuole una Juve perfetta, che giochi con la stessa intensità da grande squadra che ha messo in campo nella ripresa a

«Una bellissima cornice, nel nostro stile. Questa è una partita che sentono molto anche loro, ma una volta tanto sarebbe simpatico usare l’ironia».

A CONFRONTO PRIMA SFIDA TRA I DUE ALLENATORI NEL CAMPIONATO ITALIANO

Ciro contro Josè Uguali e diversi in una sfida totale

GIAMPIERO TIMOSSI

dLa prima volta non è stato un granché divertente. Era il 5 dicembre, la stessa data di Juventus-Inter. Era la stagione 2000-2001 e per José Mourinho quella era la prima panchina fai da te. Chiamato ad allenare il Benfica, che poi è la Juve del Portogallo. Mourinho se ne andò, il campionato non era

neppure a metà strada. I biografi concordano: aveva chiesto un prolungamento di contratto, gli risposero picche, lui salutò, loro gli tolsero il saluto. Portafogli all’inverso Era il 5 dicembre, a gennaio l’uomo di Setubal già allenava l’Uniao Leira, in Portogallo si può. Forse anche Ferrara sperava che la sua prima volta fosse un po’ più


SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT

15 R #

468

4

3

2,288

LE RETI SUBITE DAI PORTIERI Gigi Buffon ha incassato 352 reti nelle 392 partite totali giocate in A (media di 0,898 a incontro); Julio Cesar arriva a 0.795 di media (116 gol subiti nelle 146 gare di A).

LE RETI DALLA PANCHINA Tra i bianconeri il solo Trezeguet è andato in gol entrando a partita iniziata (2 gol), mentre tra i nerazzurri hanno segnato da panchinari Vieira e Milito.

GLI EX NELLE DUE SQUADRE Tra i nerazzurri c’è Patrick Vieira (31 partite e 5 reti con la Juve), mentre tra i bianconeri Fabio Grosso (23 partite e 2 reti a Milano) e Fabio Cannavaro (50 gettoni e 2 centri).

LA MEDIA PUNTI DI MOU In 52 panchine finora collezionate in A Mou vola con una media super. E’ migliore di quella Ferrara che dopo 16 partite ha conquistato in media 2,063 punti.

x

JOSÈ MOURINHO 46 ANNI ALLENATORE INTER

L’anno scorso ho iniziato a capire cos’è Juve-Inter: forse è un bene avere un allenatore straniero, lontano da questa rivalità e da queste emozioni.

da non perdere IL TECNICO NERAZZURRO

Mourinho: «M’aspetto i bianconeri arrabbiati» «Sarà difficile: loro hanno esperienza e non avranno paura. L’Inter deve avere un approccio simile alle due sfide dello scorso anno. Ma in ogni caso siamo primi» DAL NOSTRO INVIATO

ANDREA ELEFANTE 5 RIPRODUZIONE RISERVATA

APPIANO GENTILE (Como) dPrevedibile non è da lui, ma questo José Mourinho versione soft era ampiamente previsto: mica si potevano predicare per giorni, tutto intorno a lui, toni bassi e poi mettersi a fare casino proprio ieri. Proprio lui. «La Juve aveva chiesto tranquillità, acqua e non benzina sul fuoco, e credo che l’Inter abbia dato una risposta positiva. Hanno parlato Moratti e Branca, io tengo un certo profilo, i giocatori sono stati in silenzio: il miglior modo per non alimentare polemiche. A questo punto non vedo ragioni perché domani non sia solo e nient’altro che una partita di calcio».

divertente. Lui il 5 dicembre 2009 non si gioca la panchina. Ma in due notti la sua Juve si gioca già la stagione, Champions compresa. Ecco, forse le cose che i due hanno in comune finiscono qua. Un’altra c’è, vero: entrambi sono prof di educazione fisica, ma del titolo si fregiava solo la buonanima del professor Scoglio. Dettagli, ma è la sostanza che cambia. Per esempio: quello che l’allenatore dell’Inter guadagna in un me-

se, il collega della Juve lo raccoglie in un anno. Ferrara ha un ingaggio di 900.000 euro. Lo Special One? Sull’argomento c’è una vasta letteratura, ma l’ultima cifra dovrebbe superare quota 10 milioni. Quel 5 nel calendario Così vicini, così lontani. Ferrara che fa la réclame per lo yogurt, prodotto genuino, tutto in famiglia. Per lui la famiglia è un architrave, anche nel pallone: Napoli, Ju-

ventus, casa Italia e stop. Mourinho che fa la pubblicità per una carta di credito. Nello spot apre l’ombrello e subito (dopo) inizia a piovere. L’uomo di Setubal prevede, corre, accelera. Arrivò al Chelsea e disse: «Se avessi voluto un lavoro facile sarei rimasto al Porto, con una bellissima sedia blu, una Champions in bacheca, Dio e dopo Dio il sottoscritto». Perché cambiare gli è sempre piaciuto. Anche quel 5 dicembre di nove anni fa.

Il tecnico dell’Inter guadagna in un mese più o meno quello che il collega della Juve raccoglie in un anno

Simpatico chi? Mourinho soft su tutto, persino quando gli viene chiesto di quel momento di tensione di domenica scorsa con il dottor Combi: «Io e lui siamo veramente amici, dunque ho potuto dire senza ipocrisie che non mi è piaciuto sapere da altri cose che dovevo sapere io per primo». O chi sia a suo parere il giocatore della Juve più simpatico: «Oggi dico nessuno: vi rispondo domenica...». Comunque primi Ma dunque soft — ovvero leggera — diventa anche la sua squadra, e proprio qui il tecnico voleva arrivare: «L’anno scorso contro la Juve abbiamo giocato due grandi partite: domani il nostro approccio sarà la stesso e i miei giocatori sanno esattamente cosa dovremo fare». E ancora: «Comunque vada, una cosa è

già certa: da Torino usciremo ancora primi in classifica. Il che ovviamente non diminuisce la nostra motivazione e fiducia di fare una buona gara e un buon risultato». E se non bastasse: «L’anno scorso ho iniziato a capire cos’è Juve-Inter e ho capito anche che forse è un bene avere un allenatore come me, straniero e dunque nato lontano da questa rivalità e dalle emozioni che comporta. E’ una partita "storica" ma per me vale solo tre punti, come le altre, e qualunque vantaggio avremo dopo aver giocato, non sarà definitivo: un campionato non è mai finito prima di finire e comunque si può iniziare a intuire come finirà solo dopo il girone di andata». Non sono bambini A ben guardare, è un modo soft anche per spostare ulteriormente il peso delle responsabilità sulla Juve, come se non bastasse già quel -8: «Se oggi la classifica dice questo è perché l’Inter ha vinto tanto: già l’anno scorso la Juve era una squadra di qualità e dopo aver speso l’estate scorsa 50 milioni, adesso è fortissima». E non si piangerà addosso, dice Mourinho: «Mi aspetto una squadra arrabbiata con se stessa, dunque più difficile da affrontare. Se penso alla Juve vedo Cannavaro, Camoranesi, Del Piero, Buffon e dunque non facce spaventate; vedo una squadra con tanta esperienza, gente passata per situazioni difficili, abituata a stare su e giù, a giocare con il morale alto o a terra. Non una squadra di bambini, non una squadra sotto pressione». Che non vuol dire soft: non quanto l’Inter, perlomeno.


16 R

SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT

STASERA SUPERSFIDA CHAMPIONS

L

Inter, Juve, Milan Ultimi 90 minuti per gli ottavi

Così l’ultima giornata della fase a gruppi di Champions (già qualificate agli ottavi di finale Bordeaux, Manchester United, Chelsea, Porto, Fiorentina, Lione, Siviglia e Arsenal) MARTEDI’ Gruppo A JUVENTUS-Bayern; Maccabi Haifa-Bordeaux Classifica Bordeaux 13;

JUVENTUS 8 (nella foto Del Piero); Bayern 7; Maccabi 0 Gruppo B Wolfsburg-Manchester United; Besiktas-Cska Mosca Classifica Manchester United 10; Wolfsburg e Cska Mosca 7; Besiktas 4. Gruppo C Zurigo-MILAN; Marsiglia-Real Madrid. Classifica Real Madrid 10; MILAN 8; Marsiglia 7; Zurigo 3

Gruppo D Chelsea-Apoel; Atletico Madrid-Porto Classifica Chelsea 13; Porto 9; Atletico Madrid 3; Apoel 2 MERCOLEDI’ Gruppo E Liverpool-FIORENTINA; Lione-Debrecen Classifica FIORENTINA 12; Lione 10; Liverpool 7; Debrecen 0. Gruppo F INTER-Rubin Kazan; mese fa per penuria di centrocampisti e col 4-2-3-1 la Juventus ha dilagato contro Samp e Atalanta. Ma nelle ultime due partite questo sistema ha denunciato i suoi limiti in assenza di un vero esterno: a Bordeaux c’era del Piero, a Cagliari Marchisio. Perciò ora che sono rientrati tutti il tecnico ha deciso di ritornare al 4-3-1-2 che dovrebbe esaltare le doti di Diego.

Juve, tocca a Marchisio E forse a Trezeguet

Fuori Camoranesi? Il problema è che, indipendentemente dal modulo, la Juve ha dimostrato di non riuscire a sostenere due attaccanti, Diego e Camoranesi: è troppo sbilanciata. Il rombo prevede il brasiliano come vertice avanzato dietro a due punte: è probabile che resti fuori Camoranesi, che pure è stato fra i bianconeri più efficaci sia come mercatore sia come rifinitore. Del resto questo è un modulo che lo penalizza un po’, riducendone la libertà di svariare sulla fascia. Con il 4-3-1-2 il gioco in teoria si sviluppa prevalentemente per vie centrali.

A centrocampo l’escluso è Camoranesi. Rebus attacco LA PILLOLA di NICOLA BRUNI

STADIO OLIMPICO Juve-Inter: lo stadio sia Olimpico.

DAL NOSTRO INVIATO

LUCA CURINO 5 RIPRODUZIONE RISERVATA

VINOVO (To) dFerrara ha annunciato che con l’Inter torna al rombo, il modulo sul quale aveva impostato la squadra in estate. Lo aveva abbandonato un

Dinamo Kiev-Barcellona Classifica Barcellona 8; INTER e Rubin kazan 6; Dinamo Kiev 5. Gruppo G Stoccarda-Unirea; Siviglia-Rangers Classifica Siviglia 10; Unirea 8; Stoccarda 6; Rangers 2 Gruppo H Olympiacos-Arsenal; Standard-Alkmaar Classifica Arsenal 13; Olympiacos 7; Standard 4; Alkmaar 3

Claudio Marchisio, 23 anni, centrocampista della Juve e della Nazionale

Più robustezza in mezzo E’ anche probabile che contro l’Inter Ferrara preferisca irrobustire il centrocampo con tre mediani

visto che sono tornati tutti a disposizione, in particolare Marchisio e Sissoko. L’incertezza riguarda semmai il centrale dei tre: Melo sta di nuovo bene e Poulsen in quella posizione ultimamente ha fatto buone cose. L’allenatore ieri ha confessato di avere ancora qualche dubbio, e questo è sicuramente uno. Un altro riguarda l’attacco: con il prodigioso recupero di Trezeguet sono in tre per due maglie. Prima del misterioso stiramento al polpaccio il francese era il più in forma e dato che è stato fermo una sola settimana non dovrebbe averla persa: ma quali sono le sue effettive condizioni muscolari? Viceversa l’ultimo Amauri è risultato un po’ pesante, o forse solo stanco, e Del Piero dopo tre mesi di stop non è ancora brillante.

DA SEGUI LA SUPERSFI DI TORINO TER TRA JUVE E IN.IT SU GAZZETTA

Gazzetta.it


SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT

17 R

STASERA SUPERSFIDA y

Bocciato il ricorso Maicon non può giocare

UN ROSSO IN PIENO RECUPERO

Sabato 21 novembre L’Inter gioca a Bologna e in pieno recupero Maicon si fa espellere per presunti insulti al guardalinee.

Il giorno dopo

Inter con il «rombo», ma Mourinho non ha scartato il tridente: Balotelli sta bene DAL NOSTRO INVIATO

ANDREA ELEFANTE 5 RIPRODUZIONE RISERVATA

APPIANO GENTILE (Como) dCon tut-

ta la fiducia possibile nei legali nerazzurri, alla fine se l’aspettavano più o meno tutti. Non solo José Mourinho, che aveva dettato il suo verdetto già un’ora abbondante prima di quello della Corte di giustizia federale, che ha respinto il reclamo Inter contro la squalifica per due giornate inflitta al brasiliano dopo Bologna-Inter: «Penso che si avrà una giustizia non giusta: sempre che questa possa essere chiamata giustizia». Un conto era quello che bisognava comun-

que fare e dunque dire: Mourinho subito dopo pranzo ha inserito Maicon fra i convocati, «perché doveva giocare questa partita e abbiamo fiducia che possa giocarla». Un conto è stato sbattere contro la realtà, un muro già messo in conto: perlomeno a Maicon è stata evitata la beffa di un viaggio a vuoto, visto che la notizia della respinta del reclamo è arrivata prima che il pullman nerazzurro partisse da Milano per Torino. Solo scelte tecniche Scontato, a questo punto, l’arretramento di Zanetti sulla linea dei difensori, mentre l’altro dubbio — se mai è esistito — è stato annullato

ASSEMBLEA SERIE A NUOVO INTROITO PER I CLUB

Supercoppa Lega Tre anni in Cina per 9,5 milioni Beretta: «E’ un’altra prova di quanto stia crescendo il calcio italiano nel mondo» ANTONELLO CAPONE 5 RIPRODUZIONE RISERVATA

MILANOdIl presidente di Lega

Maurizio Beretta annuncia l’arrivo di altri 10 milioni nelle casse dei club italiani: «L’assemblea della serie A ha accettato l’offerta giunta dalla Cina di giocare le prossime tre edizioni della Supercoppa di Lega a Pechino, Shanghai e Guangzhou. L’agenzia che ha acquistato il diritto per il 2009 con Inter e Lazio ha riscontrato ottimi risultati ed ha presentato un pacchetto a più lunga scadenza, aumentando di circa il 20% quanto versato quest’anno. E’ la dimostrazione di quanto stia crescendo il livello del calcio italiano nel panorama internazionale. E’ una grossa opportunità di espansione che avrà il nostro calcio in un paese in continua crescita di produzione e consumi. E’ anche una spinta ad agire con sempre maggiore incisività nel segno dello sviluppo della Lega e dei club, degli impianti per cui si sta lavorando tanto per la nuova legge. In questo contesto abbiamo anche scel-

to il concept della futura Lega Serie A. Presenteremo il marchio dopo gli ultimi dettagli. Saranno i club che vinceranno scudetto e coppa Italia a dividersi la somma, con una percentuale minima alla Lega per l’organizzazione. La lega cederà i diritti tv in Italia, quelli esteri saranno alla fine trattati dall’agenzia cinese». Sponsor In mattinata prima dell’assemblea Galliani ha radunato i sette grandi club: oltre al Milan, Inter, Juventus, Fiorentina, Lazio, Roma, anche se Rosella Sensi è arrivata tardi. Decisione: «Cercare l’intesa con i medio piccoli sui diritti collettivi non da tv, ma senza regalare: abbiamo già dato con la tv». Dopo tre ore di discussione in assemblea si è raggiunto l’accordo di dividere in parti eguali i proventi da Uefa e Coni. E di dividere i diritti da sponsor di campionato e pallone per metà in base alla classifica e per metà in base al bacino d’utenza, cioè all’audience. Palermo e Lazio non sono stati d’accordo. Ora i rappresentanti Blanc (Juventus), Marotta (Samp) e Giacobazzi (Atalanta) di riuniranno nuovamente. Beretta: «Dialettica costruttiva, non certo rottura. Non so se chiuderemo con l’assemblea del 17 dicembre, dedicata al bilancio e agli auguri con Crimi, Petrucci e Abete. Altrimenti lo faremo a gennaio».

In pieno recupero di Bologna-Inter, Rosetti espelle il brasiliano Maicon REUTERS

dalla lista dei convocati: niente Sneijder, «e io — ha detto Mourinho — non piango. Ci sarà mercoledì? Non ci penso adesso: oggi penso solo a quelli che ho, e mi fido di loro». Anche di Balotelli? «Mario si è allenato in maniera normale, come gli altri: per me è un opzione». E di

FISCHIA TU di Daniele Tombolini Un portiere appena sostituito si trova dietro la propria porta e rientra sul terreno per impedire con le mani un gol. Che fai? RISPOSTA nella pagina delle lettere

sicuro, quando scriverà la formazione — se non l’ha già fatto — o prenderà decisioni a partita in corso, Mourinho non ripenserà ai tanti discorsi dei giorni scorsi, cori e saltelli, partite da interrompere, razzismo e dintorni: «Le mie scelte non saranno condizionate da tutto questo: se Balotelli giocherà, sarà una scelta esclusivamente tecnica». Al momento meno probabile di quella del «rombo» con Stankovic alle spalle di Eto’o e Milito: ma Mario sta bene, Mourinho non ha escluso nulla, non sempre quanto provato in settimana è stato il vangelo recitato poi in partita e hai visto mai che...

Ventiquattro ore dopo, l’Inter annuncia il ricorso. «Non ho detto fuck you al signor Ayroldi - spiega Maicon -. Lui mi invitava ad andarmene e io gli ho detto "vai tu" due volte»

MERCATO

Contatti per Makengo del Monaco MILANO Il giovane attaccante congolese Terence Makengo, noto per aver firmato il primo contratto professionistico (un triennale) con il Monaco a soli 16 anni e 4 mesi nel 2008, potrebbe presto lasciare il Principato. Secondo quanto scrive «L'Equipe», infatti, Makengo piace molto all'Inter, che sarebbe pronta a investire 2 milioni di euro nel mercato di gennaio o, al massimo, in quello estivo. Ma il club nerazzurro non pare di quest’avviso, nonostante in effetti ci siano stati alcuni contatti con il suo agente. In compenso sulle tracce del giocatore ci sarebbe anche il Chelsea di Roman Abramovich. Sempre ieri il «Mail» è tornato sul futuro di Mario Balotelli, ipotizzando un duello tra l’Arsenal e il Chelsea per l’attaccante nerazzurro che Massimo Moratti ha dichiarato incedibile nei giorni scorsi. Intanto in Brasile si parla anche del passaggio del difensore André Dias alla Fiorentina già al mercato di gennaio. Ma per il trentenne centrale del San Paolo il club viola ha fatto solo un sondaggio a novembre. L’obiettivo resta Munoz del Boca Juniors.


18 R

SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT

fNapoli, sorpresa al processo su Calcio-caos.

SERIE A

I nerazzurri per la prima volta tirati in ballo

Un guardalinee accusa l’Inter Coppola: «Pressioni per salvare Cordoba dalla squalifica. Non lo feci, così dimenticai la A» DAL NOSTRO INVIATO

MAURIZIO GALDI 5 RIPRODUZIONE RISERVATA

NAPOLIdIl processo per lo scan-

dalo del calcio del 2006 non risparmia mai sorprese. Ieri è toccato a Rosario Coppola, bancario salernitano ed ex assistente della Can, aggiungere la sua. Per la partita Inter-Venezia, girone di ritorno del campionato 2001-02, anche l’Inter avrebbe chiesto favori, in particolare un «aggiustamento» del referto che era costato due giornate di squalifica a Cordoba reo di aver dato una manata a Bettarini. «Io non modificai la mia versione e per questo non andai più in serie A». Il racconto Coppola è preciso. «Mi telefonò Mazzei (all’epoca designatore dei guardalinee, ndr) e mi disse che mi avrebbero chiamato da Milano (la Disciplinare alla quale aveva fatto ricorso l’Inter, ndr) e che avrei dovuto dire che non era un cazzotto ma il giocatore stava solo tentando di divincolarsi». Poi ricorda anche che «il presidente Facchetti era già venuto negli spogliatoi per dirmi

x

IVAN RAMIRO CORDOBA Difensore Inter «Non mi preoccupo»

Repliche L’Inter non replica, Cordoba a Telenova spiega: «No, non ricordo nemmeno quella giornata, come era successo. Se sono stato squalificato, avrò pagato la squalifica no? Cosa altro?». E Materazzi è caustico parlando dell’ex guardalinee: «Dopo 8 anni di coma si è svegliato…».

«Non ricordo neanche quell’episodio. Ho scontato le due giornate di squalifica e non ho nulla da preoccuparmi. Non vedo proprio il problema» la stessa cosa». Ma chi aveva fatto la telefonata? «Mazzei mi telefonò, ma capii che erano stati Bergamo e Pairetto a fargliela fare». Su questo sembra non avere dubbi Coppola: «Erano loro che gestivano anche gli assistenti. Mazzei era un prestanome, una figura modesta». Soprattutto per quanto riguardava le «raccomandazione dei segnalinee», a cui tutti ricorrevano per avere visibilità. Auricchio Questa dichiarazione è una sorpresa, non se ne trova traccia nei verbali dei carabinieri. «Io dopo l’appello di Borrelli (era capo della Procura federa-

le, ndr) andai spontaneamente a raccontare la mia storia ai carabinieri di Roma, ma quando la raccontai mi dissero che non interessava perché non avevano intercettazioni dell’Inter». Immediata la reazione delle difese e delle parti civili. Prioreschi (difesa Moggi) chiede i nomi dei carabinieri che lo avevano interrogato: «Usarono degli pseudonimi», spiega Coppola, ma il verbale è firmato da Auricchio e da Di Laroni. Catalanotti (parti civili per il Brescia) domanda perché non avesse fatto comunque mettere a verbale la cosa. «Non interessava...».

L CLIC

INTER-VENEZIA 2001 ROSSO PER REAZIONE

s AGGREDITI

CAVANI Edinson Cavani, 22 anni, attaccante uruguayano, arrivato a Palermo nel 2007

BERTOLO Nicolas Santiago Bertolo, 23 anni, centrocampista argentino, primo anno a Palermo

Ivan Ramiro Cordoba viene espulso in Inter-Venezia (2-1) del 16 settembre 2001: va fuori per gioco violento (reazione su Bettarini) al 34’ del primo tempo. Il colombiano si becca due giornate di squalifica e salta Torino-Inter 0-1 e Inter-Bologna 1-0

L’AGGRESSIONE

Zamparini: «Se si tratta di tifosi, lascerò Palermo» «Ma per me sono teppisti. Magari Cavani e Bertolo hanno fatto il filo a una ragazza...» PALERMO dIn casa rosanero continua a tenere

banco l’aggressione subita giovedì sera da Edinson Cavani e Nicolas Bertolo. Smaltito lo shock i due sono tornati già ieri ad allenarsi e l'amministratore delegato del Palermo Rinaldo Sagramola assicura che sono integri fisicamente e pronti a giocare contro il Cagliari. Ma in città non si parla d’altro e lo stesso Maurizio Zamparini, è tornato sul violento assalto all'auto dei due sudamericani da parte di due balordi in scooter: «Se si dovesse scoprire che sono stati dei tifosi io me ne vado da Palermo ma per me è teppismo gratuito, non una contestazione verso la squadra. Un gesto da condannare che fa tornare Palermo indietro di cento anni e che mi fa vergognare. Se ce l’hanno con la società che se la prendano con me, io mi so difendere». Per l'imprenditore friulano ci sta che «in una città di un milione di abitanti ci siano due teppisti deficenti» e suggerisce una chiave di lettura: «Magari hanno fatto il filo a qualche ragazza». Ipotesi smentita dal procuratore di Cavani, Pierpaolo Triulzi: «Conosco Edinson da dieci anni, nessuno può mettere in dubbio la sua integrità morale». Anche l'Aic e i gruppi ultrà organizzati della curva Nord hanno espresso solidarietà e sostegno alle due vittime. Una buona notizia arriva dalla Corte di giustizia federale che ha ridotto da due ad una le giornate di squalifica a capitan Miccoli (rientrerà col Milan).

Ivan Ramiro Cordoba, 33 PEGASO

a.c.

NON ABBASSARE LA GUARDIA, FAI IL TEST. L’AIDS c’è ancora, il contagio con il virus dell’HIV è sempre possibile, ma oggi si può prevenire e curare. Se pensi di aver avuto comportamenti a rischio, fai il test. È una semplice analisi ed è un gesto di rispetto e responsabilità verso se stessi e gli altri.

AIDS. La sua forza finisce dove comincia la tua. Per saperne di più 800861061

www.ministerosalute.it


SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT

fLa seconda in classifica è divisa tra

SERIE A

l’inseguimento all’Inter e voci di mercato

IL CASO

Galliani avvisa Gattuso: «Questo non è un albergo» Il vicepresidente in pressing: aspetta in tempi brevi il rinnovo di Ringhio CARLO LAUDISA claudisa@gazzetta.it 5 RIPRODUZIONE RISERVATA

MILANO dLa notte non ha portato consiglio. Dopo il colloquio di giovedì sera sembrava proprio che Adriano Galliani e Gennaro Gattuso potessero ritrovarsi a breve per stendere e contro-firmare il nuovo contratto sino al 2012. Invece ieri sono stati chiari i segnali di un nuovo rinvio. Ed evidente-

19 R

mente questo nuovo slittamento non è piaciuto all’a.d. rossonero che ieri all’ora di pranzo, all’arrivo in Lega, ha parlato chiaro. O, se preferite, ha ringhiato: «Il Milan non è un albergo. Comunque a me non risulta che Rino abbia accordi con nessuno. Anche perché Gattuso è vincolato al contratto e non è che il Milan sia un albergo dove ognuno fa quel che vuole, paga il conto ed esce». Poi, svela un retroscena: «Con Gattuso ho parlato anche giovedì. Adesso deve preoccuparsi di guarire e di essere a disposizione, tutto il resto arriverà dopo». L’a.d. rossonero in ogni caso esclude che Gattuso possa piacere al Chelsea e svela un’altra curio-

sità: «Carlo Ancelotti mi ha detto che il Chelsea non è interessato - ha detto Adriano Galliani - e quindi eventualmente ci sarebbe la pista del Manchester City. Ma lo stesso Rino mi dice che assolutamente non esiste». Nuova firma Piuttosto il vice-presidente del Milan preme per i rinnovo del contratto di Gattuso che ora scade nel 2011. Gli ha già proposto la spalmatura sino al 2012. «Rino lo sa, lui vuole guarire. Poi ha due strade: o allungare con il Milan o partire e quindi prendere una decisione tra la fine di dicembre e i primi giorni di gennaio». Ma è chiaro che preme per una soluzio-

Un abbraccio tra Adriano Galliani e Rino Gattuso dopo una vittoria

ne-lampo. Intanto Gattuso utilizzerà questo weekend per un'iniziativa benefica nella sua Schiavonea, in provincia di Cosenza. Domani pomeriggio, infatti, presenzierà all’inaugurazione del nuovo impianto di calcio che ha contribuito a ristrutturare. Niente calcoli Galliani ha risposto in Lega anche sul campionato: «Dobbiamo solo a pensare a vincere con la Samp. Certo che siamo interessati a cosa succede dopo, ma non ho voglia di parlare di Juve-Inter. I calcoli non convengono e non servono. L'importante è vincere con la Sampdoria e dopo Juventus e Inter possono fare qualunque tipo di risultato», Gli chiedono un giudizio sugli outing di tifo rossonero. L'ultimo in ordine di tempo è stato il difensore del Bari, Andrea Ranocchia. «Mi fa molto piacere». Poi risponde con un «Sì, esatto» a chi gli fa notare che bella squadra si potrebbe fare con tutti questi eccellenti tifosi.

Il Milan si fa in 4 per la rimonta Dalle motivazioni mondiali a Beckham: i rossoneri ci credono. Leo: «A Juve-Inter non penso, contiamo noi»

s

PERCHE’ VEDERE

Milan-Sampdoria Il Milan vuole sfruttare eventuali buone notizie in arrivo da Torino. La Sampdoria è in calo e non può perdere ancora. San Siro, ore 18

I BLUCERCHIATI DOPO IL DOPPIO K.O.

LE MOSSE

DAL NOSTRO INVIATO

G.B. OLIVERO

V

5 RIPRODUZIONE RISERVATA

Il calendario Fino a Natale quello del Milan è più facile di quello dell’Inter

MILANELLO (Varese) dDice Leonar-

do che non pensa tanto a Juve-Inter. «Sinceramente (l’avverbio che usa nel 90% delle sue risposte, ndr) per me conta il nostro gioco». E altrettanto sinceramente noi gli crediamo solo in parte perché è vero che l’allenatore del Milan deve curarsi principalmente della prestazione della sua squadra, ma è ovvio che il risultato di Juve-Inter può aprire scenari magari esageratamente ottimistici, ma comunque impensabili fino a un mese fa. Eppure Leonardo sembra non interessarsi della classifica: «Noi dobbiamo mantenere l’atteggiamento delle ultime partite. In questi anni l’Inter non ha mai avuto cali, ma il Milan è sempre andato meglio in primavera che in inverno. La sfida di Torino non sarà determinante. Ovviamente, però, Juve e Inter non giocano solo per i tre punti, ma anche per dare un segnale forte. Comunque io penso solo a noi». Ma quale fortuna E pensa soprattutto alle partite con Sampdoria e Zurigo: «Non abbiamo le alternative per fare turnover». Oggi dovrebbero giocare i soliti titolari con l’eccezione di Antonini probabilmente preferito ad Abate come terzino destro. Leonardo non si preoccupa delle assenze e nemmeno di chi sottolinea le sue... doti nascoste: «Sono fortunato? E’ difficile definire la fortuna, però non ho niente da dimostrare e mi godo le emozioni che sto vivendo». L’avversario di giornata è soprattutto Antonio Cassano:

Luigi Delneri, 59 anni, al primo anno sulla panchina della Sampdoria AP

V I recuperi Sono ormai pronti Bonera e Jankulovski. Abbiati attende

Delneri ordina «Samp, esci dallo stato di choc» DAL NOSTRO INVIATO

FILIPPO GRIMALDI

«Vero, ma bisogna dimenticare sia quella partita, sia lo stesso derby. Serve realismo contro un Milan che ha trovato una soluzione tattica adatta alle sue qualità». E’ cautamente ottimista.

«Io dico solo che del doman non v’è certezza. Vedo cosa c’è nel mio passato, ma non so leggere il futuro».

5 RIPRODUZIONE RISERVATA

BOGLIASCO (Genova) d Signor Del-

Leonardo, 40 anni, tornato al Milan come allenatore dopo le esperienze da calciatore dal 1997 al 2001 e nella stagione 2002-03. Dopo un incerto avvio, ora la sua squadra è seconda AP

«Chiunque vorrebbe avere in rosa giocatori con la sua qualità. Però una cosa è averlo a disposizione tutto l’anno e altra cosa è inserirlo in un gruppo che deve dare il massimo in un mese». Nessun consiglio a Lippi, quindi, ma parlare di Nazionale stuzzica Leonardo: «Se penso al Mondiale in Brasile nel 2014, è chiaro che mi piacerebbe viverlo in panchina. Però credo che il mio contributo al mio Paese avverrà in modo diverso. Ci penserò al momento giusto: ho imparato a non fare programmi». Rimonta in quattro mosse Qualche programma può farlo, però, sul Milan i cui propositi di rimonta, esplicitati in settimana da Ambrosini, poggiano su quattro punti fondamentali. Il primo, immediato negli sviluppi, è un calendario più facile di quello dell’Inter fino a Natale: in ca-

sa contro Samp e Palermo e trasferta a Firenze per i rossoneri, Juve e Atalanta fuori e Lazio a San Siro per i nerazzurri. Il secondo punto è il recupero degli infortunati che consentirà una migliore gestione delle forze: Bonera e Jankulovski sono ormai pronti, Gattuso migliora (anche se sulla data del rientro non ci sono certezze, al di là dei problemi contrattuali). Il terzo punto è l’effetto Beckham: «Può giocare in tanti ruoli — concede Leonardo — magari non terzino destro, ma lì vicino». In attesa di scoprire cosa vuole inventare il tecnico per Beckham, resta il punto numero quattro: le motivazioni dei giocatori che devono ancora meritarsi la convocazione per il Mondiale giocando alla grande nel Milan. E’ un discorso che riguarda Thiago Silva, Pato, Ronaldinho e Borriello. E una garanzia in più per Leonardo.

V

neri, la sua Sampdoria è il paradosso del calcio. Si può essere infelici da quarti in classifica e con ventiquattro punti?

Fattore B L’arrivo a gennaio di Beckham darà qualità e classe

«Effettivamente una cosa del genere non si verifica spesso. Può capitare a chi deve vincere il campionato, ma non abbiamo questo problema». La sua diagnosi?

«Un momento di appannamento proprio nel periodo del derby, che ha avuto una forte presa emotiva».

V Motivazioni Alcuni giocatori del Milan non sono sicuri del Mondiale

Lei ha già centrato l’impresa con l’Atalanta.

«Ma da allora è cambiato tutto. Sia il Milan, sia la squadra che alleno io. Il calcio insegna però che tutti possono ambire a qualcosa di importante». Avete archiviato questa settimana terribile?

«Ci siamo parlati. E’ giusto anche fare tesoro di un momento difficile. Però non sarebbe giusto buttare al vento quanto di buono è stato fatto prima per colpa di quattro giorni solari, non di quattro partite».

Dopo il k.o. con il Genoa, però, è arrivata pure l’eliminazione in Coppa Italia.

Altrimenti...

«Anche la sconfitta con il Livorno è un riflesso della precedente. Ora dobbiamo riprendere il nostro cammino».

Ammetterà che lo choc per il derby è stato forte per tutti.

Per ritrovare la vera Sampdoria, che quest’anno ha già battuto l’Inter in campionato.

«Ci taglieremmo le gambe».

«Cerchiamo di riconquistare la fiducia nei nostri mezzi. Più lentamente del solito, ma si assorbirà anche questa botta. L’ho detto: noi non siamo quelli di una settimana fa».


20 R

SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT

SERIE A DOMANI IL DERBY Palazzo di vetro di RUGGIERO PALOMBO 5 RIPRODUZIONE RISERVATA

Calcio, buchi e videotape E’ di 13 milioni e mezzo di euro il «buco» nel budget della Federcalcio per il 2010. Che cosa è successo? Bizzarrie del contratto sottoscritto a suo tempo per i diritti televisivi della Nazionale campione del mondo 2006. Prime undici partite da due milioni 450 mila euro l’una, partite successive da 600 mila euro l’una. Più cicale che formiche, in Figc si sono accorti tardi che si era ormai entrati in zona 600 mila, e voilà il «buco». Le menti finanziarie della Federcalcio avrebbero però già individuato la soluzione: 10 dei 40 milioni di euro destinati annualmente a Lega di Milano (24) e Lega Pro (16), che si versano abitualmente in due rate semestrali, finiranno nelle casse delle Leghe solo nel 2011. Uno scivolamento del «buco», insomma, che in teoria potrebbe anche durare all’infinito. Quanto ai 3,5 milioni di euro residui, 2 dovrebbero uscire fuori dalle pieghe del Mondiale, e il resto da risparmi e sponsorizzazioni in itinere. Morale: i prossimi contratti (televisivi e no) spalmateli un po’ meglio.

«Non vedo ancora l’emendamento per quei 24 milioni di euro stanziati ad inizio anno». Così continua a dire il presidente del Coni Petrucci, incurante dell’incidente diplomatico più che sfiorato col sottosegretario allo Sport Rocco Crimi mercoledì scorso (chez ministro Gelmini). Il grande freddo sembra nuovamente calato tra i due e dev’essere un fenomeno stagionale, visto quel che accadde proprio un anno fa. Per un emendamento che si fa attendere, altri che invece vengono posti e riproposti con encomiabile stoicismo. Obiettivo, evitare che i Mondiali di nuoto Roma 2009 affoghino nei debiti (ci sono da trovare almeno 6 dei 9,5 milioni di «buco»): un primo emendamento da 6 milioni, presentato il 2 novembre, è naufragato. Un secondo da 8 milioni, presentato il 2 dicembre, è naufragato. Un terzo di freschissima presentazione e del valore di circa 6 milioni, è stato ritirato proprio ieri sera dall’onorevole Toccafondi che lo aveva presentato. Non c’è due senza tre, insomma. A quando il quarto tentativo?

Qui Roma Vucinic prepara il bis «Segno io»

Una scena del derby di un anno fa: Tommaso Rocchi, a destra, va al tiro contrastato da Philippe Mexes AFP

La punta: «Vorrei essere ancora protagonista». Ranieri: «La città merita una sfida da scudetto» MASSIMO CECCHINI 5 RIPRODUZIONE RISERVATA

ROMAdCampidoglio, interno giorno. Scorrono immagini e dati proposti dal Programma Alimentare Mondiale, l’agenzia Onu che è il primo fornitore al mondo di pasti scolastici nei Paesi in via di sviluppo. In sintesi: milioni di bambini hanno fame. È l’unico momento in cui il sorriso di Mirko Vucinic si appanna. Dinanzi a questa attualità i problemi dell’attaccante sono messi davvero in un angolo. Ma Mirko è lì per fare qualcosa, così come i rappresentanti di Lazio e Lottomatica convenuti dal sindaco Ale-

manno per coniugare beneficenza e sport. Il derby? Per ora un pensiero sfocato, finché Ranieri non regala un auspicio ottimista: «Roma merita due squadre al vertice e spero che nei prossimi anni possa valere come sfida-scudetto». Promessa Possibile, no? Per il momento, comunque, Vucinic preferisce volare basso. Non vorrebbe parlare di calcio, ma regala un paio di concetti: «Al Basilea abbiamo segnato un gol tipo quella della Roma di Spalletti. Si vede che ora sto meglio». Vero. Dopo l’astinenza che in campionato si era protratto fino al primo novembre,

nelle ultime 5 partite (fra serie A e Europa League) ha segnato 4 gol. E tutti pesanti. Può bastare come viatico in vista del derby? «Sì, sogno di fare un altro gol alla Lazio», ammette. Un altro, perché quello dell’ottobre 2007 (concluso 3-2 per i giallorossi) è già entrato nell’epopea della stracittadina romana. Baptista & Sensi Una cosa più o meno simile a quella successa a Baptista un anno fa, quando grazie al suo gol-partita nel derby il brasiliano riuscì a ottenere una luna di miele con i tifosi giallorossi durata fino all’estate. Adesso, invece, l’ipotesi del divorzio sarebbe gradita

a tanti. Per questo ieri l’attaccante, ai microfoni di Punto Radio, ha detto: «L’interesse dell’Atletico Madrid per me è un onore. Se un giorno dovessi cambiare squadra sarei felice di andarci, anche se vorrei rimanere a Roma». Per farlo, la scorciatoia sarebbe quella di rifare ancora gol nel derby, ma in questo momento per questo tipo di sogni c’è la fila in casa giallorossa. Impressioni? Dopo capitan De Rossi e Totti (a proposito, ieri Rosella Sensi ha detto: «Francesco al Mondiale? Deciderà lui»), guida il gruppo proprio Vucinic. Ovvio: dopo il lungo digiuno la fame è ancora tanta.


SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT

Qui Lazio Serve Rocchi per salvare Ballardini Il capitano: «Possiamo farcela» Caso Pandev: Lotito ricusa il presidente del collegio arbitrale STEFANO CIERI CARLO LAUDISA 5 RIPRODUZIONE RISERVATA

dIl derby come ultima spiaggia per uscire dalla crisi. La Lazio più brutta degli ultimi anni si tuffa sulla stracittadina di domani sera con lo stesso animo di chi, sommerso dai debiti, compra il biglietto della lotteria che può cambiargli la vita.

ARMANDO TESTA

Rocchi carica Impresa difficile, ma la squadra ci crede. «È vero, il momento è quello che è. Ma il derby è una sfida diversa dalle altre. Possiamo farcela. E, in ogni caso, sono sicuro che giocheremo una grande parti-

ta» è la promessa del capitano Tommaso Rocchi. Che spera di sbloccarsi proprio nella sfida più importante. In campionato, infatti, non segna da tre mesi e mezzo (23 agosto contro l’Atalanta alla prima giornata). Un digiuno decisamente insolito per il quinto capocannoniere di sempre della storia laziale. Degli 87 gol segnati da Rocchi in biancoceleste, ce ne sono anche 4 realizzati alla Roma. Il derby, quindi, solitamente gli porta bene. Balla trema Ballardini ci conta per ritrovare quella vittoria che in campionato manca da 12 turni. Per il tecnico la stra-

cittadina è lo snodo fondamentale della stagione. Dopo il pari interno col Bologna, Lotito gli ha concesso un’altra settimana. In caso di k.o. nel derby potrebbe scattare immediatamente l’esonero. Per la sostituzione, cade la candidatura di Mihajlovic, resiste quella di De Biasi e spunta quella di Camolese. Con quest’ultimo ci sarebbe stato anche un contatto nelle ultime ore. Caso Pandev Intanto continua a tenere banco il lodo-Pandev. La Lazio ha deciso di ricusare il presidente Mario Fezzi e bisognerà aspettare mercoledì 9 per conoscere il verdetto del presidente anziano del collegio arbitrale, il consigliere Caputo, sulla questione. Se l’istanza del club di Lotito verrà rigettata, la causa prenderà il via venerdì 11 nei tempi previsti. In caso contrario è chiaro che i tempi del giudizio s’allungherebbero di molto. Anche perché la Lazio, tramite il legale Gian Michele Gentile, ha ricusato Fezzi, non giudicandolo sereno nel giudizio, perché di nomina Aic. Una mancanza di serenità che, secondo la Lazio, deriva dal fatto che l’Aic in questo periodo s’è esposta per Pandev, minacciando anche uno sciopero. Un sillogismo che non tiene conto del regolamento. In tutte le controversie il presidente viene sorteggiato tra gli arbitri di nomina Aic e quelli dei club. Non può essere, quindi, che i membri indicati dall’Asso-calciatori pecchino di equilibrio. In ogni caso il legale di Pandev, Mattia Grassani, ha tempo sino a lunedì per le contro-deduzioni.

21 R

taccuino SIENA

Cambia la proprietà? Offerta di Mezzaroma SIENA d(a.l.) L’imprenditore romano Massimo Mezzaroma è in trattativa per l’acquisto del Siena: l’operazione con l’advisor, la banca Monte dei Paschi, sarebbe ben avviata. L’azionista di maggioranza, l'avvocato romano Giovanni Lombardi Stronati, non ha ancora incontrato l’imprenditore edile e ha ribadito di «non aver intenzione di vendere». Ieri, però, Stronati ha ammesso di voler «lasciare la presidenza a un senese che possa meglio relazionarsi con la città». Circola già un nome: Alberto Parri, attuale socio di minoranza.

PRIMAVERA

Alle 14.30 in campo Così nell’11a giornata dGIRONE A Cagliari-Sampdoria (Assemini), Empoli-Juventus (Monteboro), Fiorentina-Grosseto (Caldine), Genoa-Livorno (Cogoleto), Piacenza-Parma (Bertocchi), Siena-Modena (Monteroni Diarbia), Torino-Sassuolo (Agnelli). Class.: Sampdoria* 25; Juventus* 22; Empoli** e Siena* 18; Piacenza 16; Fiorentina*** 15; Sassuolo 14; Cagliari e Parma** 11; Genoa*** 8; Torino e Modena* 7; Livorno 4; Grosseto 0. GIRONE B AlbinoLeffe-Brescia (Zanica), Bologna-Atalanta (S. Lazzaro di Savena), Chievo-Mantova (Desenzano), Inter-Triestina (Facchetti), Padova-Cittadella (Bresseo di Teolo), Udinese-Milan (Remanzacco), Vicenza-Cesena (Piovene Rocchette). Class.: Milan* e Atalanta 20; Brescia 19;

Inter** e AlbinoLeffe 18; Mantova 16; Udinese 14; Chievo* 13; Cesena e Triestina 12; Bologna 8; Vicenza 7; Cittadella e Padova 5. GIRONE C Ancona-Lecce (Osimo), Ascoli-Crotone (ore 11, Città di Ascoli), Lazio-Bari (Formello), Napoli-Catania (Palma Campania), Palermo-Gallipoli (Universitario), Reggina-Roma (S. Agata), Salernitana-Frosinone (Dirceu-Eboli). Class.: Roma 28; Palermo 23; Bari 18; Lazio 17 e Salernitana 17; Napoli e Catania 16; Reggina* e Ascoli* 13; Reggina* 12; Frosinone 10; Ancona 9; Lecce 8; Crotone 5; Gallipoli 2. (ogni * una partita in meno).

CALCIO A 5

C’è il derby veneto Arzignano-Luparense d(g.l.g.) La 10a giornata è incentrata sul derby veneto tra Arzignano e Luparense. Progr.: Bisceglie-Montesilvano (diff. 22.25 RaiSport Più), Marca-Augusta, Luparense-Arzignano, Atiesse-Napoli Vesevo, Pescara-Lazio, Kaos Bologna-Cagliari, Napoli Barrese-Napoli.

DONNE

La leader Bardolino ospita la Lazio d(g.l.g.) La 6a giornata (ore 14.30) non pare difficile per le capoliste Bardolino e Tavagnacco. Programma: Bardolino-Lazio, Brescia-Tavagnacco, Fiammamonza-Torres, Reggiana-Atalanta, Roma-Torino, Venezia Chiasiellis. Class.: Bardolino e Tavagnacco 15, Torres 13, Reggiana e Roma 9, Lazio 7, Venezia 5, Torino 4, Brescia e Chiasiellis 3, Atalanta 2, Fiammamonza 0.


22 R

SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT


SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT

23 R #

SERIE A a

15

ATA N R GIO

fOggi Milan-Samp e l’attesissima Juve-Inter

Domani sera il derby Roma-Lazio all’Olimpico

MILAN (4-2-1-3) SAMPDORIA (4-4-2) OGGI ORE 18 PREZZI da 16 a 275 euro. TV Premium Calcio, Dahlia tv, Sky Calcio 1 Hd 1 77

ANTONINI

La guida CLASSIFICA

33

NESTA

T. SILVA

SQUADRE

PT G

PARTITE V N P

RETI F S

INTER

35 14 11 2 1 33 11

MILAN

28 14 8 4 2 20 15

JUVENTUS

27 14 8 3 3 26 15

SAMPDORIA 24 14 7 3 4 20 19 PARMA

24 14 7 3 4 18 17

GENOA

23 14 7 2 5 26 24

CAGLIARI

22 14 7 1 6 21 16

BARI

21 14 5 6 3 14 11

ROMA

21 14 6 3 5 24 22

FIORENTINA 21 14 6 3 5 15 13 NAPOLI

20 14 5 5 4 18 19

UDINESE

18 14 5 3 6 17 17

CHIEVO

18 14 5 3 6 16 16

PALERMO

17 14 4 5 5 17 19

LAZIO

13 14 2 7 5 9 14

BOLOGNA

13 14 3 4 7 14 21

LIVORNO

12 14 3 3 8 6 16

ATALANTA

12 14 3 3 8 14 22

CATANIA

9 14 1 6 7 12 21

SIENA

6 14 1 3 10 12 24

■ CHAMPIONS ■ PRELIMINARI CHAMPIONS ■ EUROPA LEAGUE ■ RETROCESSIONE A parità di partite giocate, la nostra classifica tiene conto nell'ordine di 1) punti negli scontri diretti; 2) differenza reti negli scontri diretti; 3) differenza reti globale; 4) gol segnati; 5) ordine alfabetico.

PROSSIMO TURNO Sabato 12 dicembre CAGLIARI-NAPOLI (ore 18) BARI-JUVENTUS (ore 20.45) Domenica 13 dicembre (ore 15) ATALANTA-INTER CATANIA-LIVORNO CHIEVO-FIORENTINA LAZIO-GENOA MILAN-PALERMO PARMA-BOLOGNA SIENA-UDINESE SAMPDORIA-ROMA (ore 20.45)

10 RETI Di Natale (2) (Udinese) 9 RETI Milito (2) (Inter); Totti (3) (Roma) 8 RETI Pazzini (Sampdoria) 7 RETI Hamsik (Napoli) 6 RETI Matri (1) e Nené (1) (Cagliari); Gilardino (Fiorentina); Eto'o (2) (Inter); Trezeguet (Juventus); Pato (Milan) 5 RETI Tiribocchi (Atalanta); Miccoli (1) (Palermo); Mannini (Sampdoria); Floro Flores (Udinese) 4 RETI Adailton (Bologna); Mascara (3) (Catania); Marcolini (1) e Pellissier (Chievo); Crespo, Floccari (2) e Mesto (Genoa); Balotelli (Inter); Amauri (Juventus); Bojinov e Paloschi (Parma); Maccarone (Siena) 3 RETI Valdes (1) (Atalanta); Di Vaio (1), Osvaldo e Zalayeta (Bologna); Jeda (2) (Cagliari); Martinez e Morimoto (Catania); Palladino (1) (Genoa); Jovetic (1) e Marchionni (Fiorentina); Maicon e Stankovic (Inter); Camoranesi, Diego e Iaquinta (Juventus); Cruz (1) (Lazio); Borriello e Ronaldinho (2) (Milan); Quagliarella (Napoli); Cavani (Palermo); Amoruso (2) (Parma); De Rossi e Vucinic (Roma); Calaiò (Siena)

SUL NOSTRO SIDTOEO, COMMENTI, VISULLA STATISTICHE SERIE A

Gazzetta.it

ZAMBROTTA

AMBROSINI 10

2

5

6

21

13

18

GROSSO

ZENONI

PORTANOVA

MELO

MARCHISIO

CASARINI

GUANA

MUDINGAYI

AMAURI

12 TISSONE

20 PADALINO

5 28 23 ACCARDI GASTALDELLO STANKEVICIUS

85

DIEGO

RONALDINHO

16 POLI

22 MILITO

9 ETO’O

ADAILTON

10

9

DEL PIERO

DI VAIO

5 STANKOVIC 8 19 11 T. MOTTA CAMBIASSO MUNTARI 26 25 6 4 CHIVU SAMUEL LUCIO ZANETTI

1 CASTELLAZZI

25

COMOTTO

10 DI NATALE

80 DOMIZZI

88 INLER

13 CODA

8 BASTA

2 ZAPATA

2

NATALI

KROLDRUP

23

PASQUAL

18

DONADEL

MONTOLIVO

24

8

6

SANTANA

JOVETIC

VARGAS

11

GILARDINO

90 TIRIBOCCHI 70 CERAVOLO 13 PELUSO

40

24

26

TOMOVIC

MORETTI

BOCCHETTI

7

77

28

4

ROSSI

MILANETTO

JURIC

CRISCITO

20

14

10

MESTO

SCULLI

PALLADINO

9 ACQUAFRESCA

17 GUARENTE

15 DE ASCENTIS

9 LANZAFAME

22 PADOIN

5 2 MANFREDINI TALAMONTI

22 HANDANOVIC

ARBITRO Saccani di Mantova (Rossomando-Lanciano /Peruzzo)

32 AMELIA

14

25

24 20 21 LUKOVIC ASAMOAH D’AGOSTINO

FREY

4

ZALAYETA 83 FLORO FLORES

12 JULIO CESAR

ARBITRO Rocchi di Firenze (Romagnoli-Nicoletti/Pierpaoli)

LANNA

SISSOKO

BORRIELLO 10 PAZZINI

MORAS

26

28

99 CASSANO

23

14

PATO

3 ZIEGLER

3

32

11

DOMANI ORE 15 PREZZI Da 25 a 150 euro. TV Premium Calcio 2, Sky Calcio 3

8

80

DOMANI ore 15 PREZZI da 10 a 145 euro. TV Sky Calcio 2 HD, Dahlia 1 Calcio 1

4

22

GENOA (3-4-3) PARMA (5-3-2)

TV Sky Sport 1 HD, Sky Calcio 6.

22

SEEDORF

FIORENTINA (4-2-3-1) ATALANTA (4-4-2)

1 VIVIANO

CACERES CANNAVARO CHIELLINI

7

8 GARICS

4 MORRONE

23 AMORUSO

14 GALLOPPA

7 6 2 CASTELLINI LUCARELLI PANUCCI

1 CONSIGLI

ARBITRO Giannoccaro di Lecce (Bianchi-Giallatini/Tommasi)

10 DZEMALI 24 PACI

5 ZACCARDO

83 MIRANTE

ARBITRO Celi di Campobasso (Costa-Manzini/Candussio)

ARBITRO Brighi di Cesena (Carrer-Passeri/Gallione)

MILAN

JUVENTUS

BOLOGNA

FIORENTINA

GENOA

Diciannove convocati, c’è anche Zigoni. Thiago Silva e Huntelaar recuperati, PANCHINA 30 Storari, 20 Abate, 4 Kaladze, 19 Favalli, 16 Flamini, 49 Di Gennaro, 11 Huntelaar. All. Leonardo. BALLOTTAGGI Antonini-Abate 60-40%. SQUALIFICATI Inzaghi (1). DIFFIDATI Flamini. INDISPONIBILI Jankulovski, Oddo, Onyewu, Gattuso. ALTRI Abbiati, Bonera.

Ferrara torna al rombo per rinforzare il centrocampo. Davanti 3 per 2 maglie. PANCHINA 13 Manninger, 21 Grygera, 33 Legrottaglie, 16 Camoranesi, 18 Poulsen, 20 Giovinco, 17 Trezeguet. All. Ferrara. BALLOTTAGGI Melo-Poulsen 60-40%, Marchisio-Camoranesi 60-40%, SQUALIFICATI Nessuno. DIFFIDATI Legrottaglie, Poulsen, Sissoko, Camoranesi e Grygera. INDISPONIBILI Salihamidzic, Iaquinta. ALTRI Chimenti, Molinaro, De Ceglie, Tiago, Zebina.

Raggi ha la febbre, gioca Zenoni. PANCHINA 15 Colombo, 6 Britos, 7 Valiani, 10 Bombardini, 11 Vigiani, 22 Osvaldo, 41 Marazzina. All. Colomba. BALLOTTAGGI Casarini-Valiani 60-40%. SQUALIFICATI Mingazzini (1). DIFFIDATI Britos, Portanova, Valiani. INDISPONIBILI Mutarelli, Appiah, Raggi. ALTRI Spitoni, Pasi, Gimenez, Santos, Vigiani, Lavecchia

Jovetic pronto: manca dal 28 ottobre. Dainelli in forse, problemi muscolari. PANCHINA 35 Avramov, 29 De Silvestri, 19 Gobbi, 3 Dainelli, 20 Jorgensen, 9 Castillo, 21 Babacar All. Prandelli. BALLOTTAGGI Pasqual-Gobbi 60-40%, Natali-Dainelli 70-30% . SQUALIFICATI (1) Zanetti. DIFFIDATI Comotto. INDISPONIBILI Mutu, Gamberini, Marchionni. ALTRI Seculin, Savio, Masi, Agyei

Difesa da inventare per le squalifiche. Possibile l'arretramento di Tomovic, oppure quello di Marco Rossi. PANCHINA 73 Scarpi, 16 Esposito, 21 Zapater, 23 Modesto, 8 Palacio, 33 Floccari, 9 Crespo. All. Gasperini. BALLOTTAGGI nessuno. SQUALIFICATI Biava (1) e Papastathopoulos (1). DIFFIDATI Rossi. INDISPONIBILI Jankovic, Kharja. ALTRI Grea, Cofie, Perin, Fatic, Russo, Figueroa, El Shaarawy.

SAMPDORIA

INTER

UDINESE

ATALANTA

PARMA

Delneri recupera Semioli, forse va in panchina. Probabili i ritorni dall’inizio di Stankevicius, Accardi e Tissone. Soriano si gioca la panchina con Pozzi. PANCHINA 90 Fiorillo, 6 Lucchini, 8 Zauri, 19 Franceschini, 77 Semioli, 11 Bellucci, 9 Pozzi. All. Delneri. BALLOTTAGGI nessuno SQUALIFICATI Cacciatore (1), M. Rossi (1) e Palombo (1). DIFFIDATI Cassano. INDISPONIBILI nessuno. ALTRI Guardalben, Foti, Regini.

Per tutta la settimana Mourinho ha provato il «rombo». PANCHINA 1 Toldo, 2 Cordoba, 23 Materazzi, 14 Vieira, 15 Krhin, 30 Mancini, 45 Balotelli. All. Mourinho. BALLOTTAGGI Thiago Motta-Balotelli 60-40%. SQUALIFICATI Maicon (1). DIFFIDATI Muntari, Samuel, Stankovic, Thiago Motta. INDISPONIBILI Quaresma, Santon e Sneijder. ALTRI Suazo, Arnautovic, Obi.

Marino, senza Pepe e Sanchez, infortunati. sembra orientato a confermare il modulo 3-5-2 con Floro Flores e Di Natale in attacco. PANCHINA 6 Belardi, 19 Felipe, 4 Cuadrado, 3 Isla, 14 Sammarco, 84 Lodi, 9 Corradi. All. Marino. BALLOTTAGGI Inler-Isla 60-40% INDISPONIBILI Obodo, Ferronetti, Pasquale, Zimling, Pepe, Sanchez SQUALIFICATI nessuno DIFFIDATI Lukovic, Coda, Pepe ALTRI Berisa, Romero, Kikoto

Non convocato Doni (affaticato), recuperati Bianco e Tiribocchi: il difensore se la gioca con Talamonti. PANCHINA 32 Coppola, 77 Bianco, 7 Madonna, 18 Caserta, 19 Layun, 79 Ferreira Pinto, 20 Valdes. All. Conte. BALLOTTAGGI Ceravolo-Valdes 55-45%, Talamonti-Bianco 55-45% SQUALIFICATI: Bellini (1) DIFFIDATI: Bianco, Pellegrino INDISPONIBILI: Barreto, Doni, Tiboni, ALTRI: Costinha, Pellegrino, Radovanovic, Bonaventura.

Bojinov dalla panchina. Paloschi e Mariga ancora a parte. PANCHINA 1 Pavarini, 19 Zenoni, 24 Paci, 3 Antonelli, 8 Lunardini, 20 Biabiany, 86 Bojinov. All Guidolin. BALLOTTAGGI Dellafiore-Paci 60-40%;

LIVORNO (3-4-2-1) CHIEVO (4-3-1-2)

NAPOLI (3-4-2-1) BARI (4-4-2)

PALERMO (4-3-1-2) CAGLIARI (4-3-1-2)

DOMANI ORE 15 PREZZI Da 18 a 80 euro TV Premium Calcio 1, Sky Calcio 1 HD, Premium Calcio 1.

DOMANI ORE 15 PREZZI da 16 a 80 euro. TV Sky Calcio 7, Dahlia 2 Calcio 1 DE LUCIA 4

13

14

PERTICONE

RIVAS

KNEZEVIC

28

GRAVA

3

21

24

8

11

23

5

6

FILIPPINI

MORO

MOZART

BERGVOLD

MAGGIO

GARGANO

PAZIENZA

ARONICA

7 99

85

17

TV Sky Calcio 4, Dahlia Sport.

TV Sky Calcio 5, Dahlia 4 Calcio.

CANDREVA

HAMSIK

LUCARELLI

31 PELLISSIER 9 BENTIVOGLIO

7 16 6 MARCOLINI RIGONI PINZI 4 33 5 20 MANTOVANI YEPES MANDELLI SARDO

10 BARRETO

69 MEGGIORINI

11 KOMAN

4 ALMIRON

21 PARISI

19 13 5 BONUCCI RANOCCHIA A. MASIELLO

28 SORRENTINO

ARBITRO Gava di Conegliano (Altomare-Conti/De Marco)

5

42

CASSANI

KJAER

BOVO

BALZARETTI

8

9

30

MIGLIACCIO

NOCERINO

SIMPLICIO

6

LAVEZZI

27

QUAGLIARELLA

22 ABBRUSCATO

24

16 DONATI

90 ALVAREZ

PASTORE

7

CAVANI 27 JEDA 10 LAZZARI 31 AGOSTINI

20

BUDAN 32 MATRI

5 CONTI 13 ASTORI

1 GILLET

ARBITRO Romeo di Verona (Alessandroni-D’Agostini/Ciampi)

7 COSSU

DOMANI ORE 20.45 PREZZI Da 75 a 120 euro, Curve esaurite. TV Premium Calcio HD, Sky Sport 1 HD, Sky Calcio 1.

85 CURCI

16

7

SQUALIFICATI Nessuno. DIFFIDATI Zaccardo, Lucarelli, Paloschi, e Morrone. INDISPONIBILI Paloschi, Mariga. ALTRI Russo, Traore, Pisanu, Budel, Fontanello, Manzoni, Cordova.

ROMA (4-2-3-1) LAZIO (3-4-1-2)

DOMANI ORE 15 PREZZI Da 25 a 150 euro.

46 SIRIGU 2

CAMPAGNARO P. CANNAVARO

SIENA (4-3-3) CATANIA (4-3-2-1)

DOMANI ORE 15 PREZZI Da 40 a 350 euro.

26 DE SANCTIS

2

PULZETTI

MARCATORI

15 23

7 MANNINI

DOMANI ORE 15 PREZZI Da 20 a 90 euro

1 BUFFON

13

PIRLO

BOLOGNA (4-3-1-2) UDINESE (3-5-2)

OGGI ORE 20.45 PREZZI Tutto esaurito TV Sky Sport 1 HD, Sky Calcio HD, Premium Calcio HD

DIDA

21

SERIE A

JUVENTUS (4-3-1-2) INTER (4-3-1-2)

8 BIONDINI 6 LOPEZ

14 PISANO

21

6

ROSSI

TERZI

3

BRANDAO DEL GROSSO

8

2

23

VERGASSOLA

GENEVIER

JAROLIM

17

32

18

FINI

MACCARONE 15 MORIMOTO

GHEZZAL

7 25 MASCARA MARTINEZ 11 5 27 LLAMA CARBONI BIAGIANTI 22 3 6 14 ALVAREZ SPOLLI SILVESTRE BELLUSCI

24 LUPATELLI

ARBITRO Orsato di Schio (Rubino-Dobosz/Gervasoni)

27 JULIO SERGIO

15

29

5

4

17

BURDISSO

MEXES

JUAN

RIISE

16

DE ROSSI 20

94

9

PERROTTA

MENEZ

VUCINIC

10

10 ZARATE 11 KOLAROV 13 SIVIGLIA

21 ANDUJAR

ARBITRO Tagliavento di Terni Vicinanza-Fittante/Giancola

7

PIZARRO

TOTTI 8 MATUZALEM

33 BARONIO

9 ROCCHI

32 2 BROCCHI LICHTSTEINER

28 STENDARDO

87 DIAKITE

86 MUSLERA

ARBITRO Rizzoli di Bologna (Maggiani-Pirondini/Damato)

LIVORNO

NAPOLI

PALERMO

SIENA

ROMA

Cosmi recupera sia Mozart che Rivas. Candreva ha recuperato. PANCHINA 11 Benussi, 59 Diniz, 17 Miglionico, 5 Marchini, 77 Raimondi, 46 Pieri, 9 Danilevicius. All. Cosmi. BALLOTTAGGI Bergvold-Pieri 60-40%; Filippini-Raimondi 60-40%; Knezevic-Miglionico 80-20% SQUALIFICATI nessuno. DIFFIDATI Pulzetti. INDISPONIBILI Tavano, Galante ALTRI Dionisi, Cellerino, Vitale,

Distorsione alla caviglia per De Sanctis, in preallarme Iezzo. Campagnaro recuperato, come Lavezzi. PANCHINA 1 Iezzo, 13 Santacroce, 16 Zuniga, 15 Datolo, 21 Cigarini, 9 Hoffer,19 Denis. All. Mazzarri. BALLOTTAGGI De Sanctis-Iezzo 55-45%, Campagnaro-Zuniga 70-30%. SQUALIFICATI Contini e Rinaudo (2) DIFFIDATI Cannavaro, Rinaudo. INDISPONIBILI Pià. ALTRI Gianello, Amodio, Bogliacino, Rullo, De Zerbi.

Rossi pensa a Nocerino davanti alla difesa e Pastore trequartista. PANCHINA 83 Rubinho, 3 Goian, 21 Melinte, 88 Blasi, 14 Bertolo, 90 Hernandez, 99 Mchedlidze. All. Rossi. BALLOTTAGGI Nocerino-Blasi 60-40%. SQUALIFICATI Carrozzieri (fino al 5-4-2011), Liverani (1), Miccoli (1). DIFFIDATI Cavani, Migliaccio, Simplicio. INDISPONIBILI Bresciano. ALTRI Brichetto, Adamo, Conti, Davì, Morganella, Tedesco, Succi.

Concluso il ritiro alla Borghesiana, oggi niente allenamento. Malesani dovrebbe confermare il 4-3-3. PANCHINA 31 Pegolo, 19 Garofalo, 12 Ekdal, 10 Codrea, 11 Calaiò, 7 Reginaldo, 9 Paolucci. All, Malesani. BALLOTTAGGI nessuno. SQUALIFICATI Ficagna e Rosi (1) DIFFIDATI Codrea, Del Grosso, Terzi INDISPONIBILI Rossettini, Parravicini ALTRI Jaakkola, Ivanov, Filipe, Larrondo, Guadalupi, Jajalo

Dubbio Burdisso-Cassetti-Motta. Uno va in tribuna. Dubbio tridente per Ranieri. PANCHINA 32 Doni, 3 Andreolli, 13 Motta, 33 Brighi, 21 Guberti, 19 Baptista, 89 Okaka. All. Ranieri BALLOTTAGGI Burdisso-Cassetti-Motta 40%-30%-30%. Menez-Taddei 70-30% SQUALIFICATI nessuno DIFFIDATI Perrotta e Menez INDISPONIBILI: Tonetto ALTRI Cassetti, Cerci Lobont, Antunes, Esposito, Artur, Cicinho

CHIEVO

BARI

CAGLIARI

CATANIA

LAZIO

Di Carlo recupera Yepes e Luciano creando abbondanza in difesa e a centrocampo; niente da fare per Frey. PANCHINA 18 Squizzi, 2 Morero, 3 Scardina, 10 Luciano, 19 Ariatti, 11 Granoche, 23 Bogdani. All. Di Carlo BALLOTTAGGI Pinzi-Luciano 51-49%, Mandelli-Morero 55-45%. SQUALIFICATI nessuno. DIFFIDATI Marcolini. INDISPONIBILI Frey, Moro. ALTRI Miskiewicz, Hanine, Piccolo, De Paula, Malagò, Iori, Gasparetto

Meggiorini per Kutuzov. Ranocchia sì. PANCHINA 25 Padelli, 30 Allegretti, 9 De Vezze, 27 Stellini, 88 Kamata, 8 Antonelli, 18 Greco. All. Ventura. BALLOTTAGGI: Koman-Allegretti 60-40%, Alvarez-Kamata 70-30%. SQUALIFICATI: nessuno. DIFFIDATI: Donati. INDISPONIBILI: Donda, Paro, S. Masiello, Kutuzov, Belmonte. ALTRI: Lamberti, Sforzini, Rivas, Gazzi, Bellomo, Visconti, Diamoutene, Langella, Yago.

A casa il portiere Marchetti (botta al fianco). Nené ha recuperato. Nel gruppo Larrivey (4 punti in testa per una botta). PANCHINA 12 Vigorito, 21 Canini, 4 Dessena, 18 Parola, 20 Barone, 23 Larrivey, 9 Nené. All. Allegri BALLOTTAGGI Lazzari-Dessena 60-40% Matri-Nenè 70-30%. INDISPONIBILI Marchetti, Marzoratti. SQUALIFICATI nessuno. DIFFIDATI Canini, Conti. ALTRI Cotza, Carta, Sivakov, Brkljaca, Ragatzu, Di Laura, Gallon.

Dubbi in difesa tra Bellusci e Potenza e in mezzo con Llama e Izco in lotta. PANCHINA 30 Campagnolo, 2 Potenza, 33 Capuano, 8 Ledesma, 13 Izco, 19 Ricchiuti, 9 Plasmati. All. Atzori. BALLOTTAGGI Alvarez-Capuano 60-40%, Llama-Izco 70-30%, Bellusci- Potenza 80-20% SQUALIFICATI nessuno DIFFIDATI Delvecchio, Andujar, Spolli, Carboni, Martinez. INDISPONIBILI Barrientos, Sciacca, Delvecchio, Marchese, Pesce. ALTRI Augustyn, Kosicky, Moretti, Terlizzi

Radu in dubbio, ma può farcela. PANCHINA 1 Bizzarri, 25 Cribari, 6 Dabo, 5 Mauri, 23 Meghni, 17 Foggia, 18 Makinwa. All. Ballardini. BALLOTTAGGI Lichtsteiner-Mauri 70-30 %. SQUALIFICATI Cruz (2). DIFFIDATI Baronio, Foggia, Kolarov, Mauri, Zarate. INDIS. Manfredini, Perpetuini, Radu. ALTRI Artipoli, Berni, Bonetto, Del Nero, Eliseu, Firmani, Inzaghi, Ledesma, Pandev, Scaloni.


24 R

SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT


SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT

fBUNDESLIGA/Vittoria di misura per

MONDO

il prossimo avversario della Juve

OGGI

IN TV

f

Tutte le partite del weekend internazionale

13.45 Scottish Premier League Falkirk-Rangers (Sky Sport 3 HD, SuperCalcio HD e Calcio 3) 13.45 Premier League Portsmouth-Burnley (Sky Sport 1 HD e Calcio 2 HD) 15.30 Bundesliga Amburgo-Hoffenheim (Sky Sport 3 HD e Calcio 1 HD)

16 Premier League West Ham-Manchester United (Sky Sport 1 HD e Calcio 2 HD) 16 Premier League Arsenal-Stoke City (SuperCalcio HD e Calcio 4) 16 Premier League Blackburn-Liverpool (Calcio 3) 18.30 Premier League Manchester City-Chelsea (Sky Sport 3 HD e Calcio 2 HD )

Rilancio Bayern con Badstuber gol Butt ferma il Borussia Moenchengladbach Decisiva una punizione del terzino a 15’ dalla fine BAYERN BORUSSIA MOENC.

2 1

PRIMO TEMPO 1-1 MARCATORI Gomez (Ba) al 19’, Brouwers (Bo) al 28’ p.t.; Badstuber (Ba), al 30’ s.t. BAYERN (4-2-3-1) Butt; Lahm, Van Buyten, Demichelis (dal 26’ s.t. Breno), Badstuber; Van Bommel, Schweinsteiger; Mueller, Olic (dal 15’ s.t. Robben), Prnajic (dal 33’ s.t Tymoschuk); Gomez. ALLENATORE Van Gaal. BORUSSIA MOENCH. (4-4-1-1) Bailly; Levels, Brouwers, Dante, Juares; Marx, Bradley (dal 33’ s.t Bobadilla), Reus, Arango; Matmour (dal 42’ s.t. Neuville), Friend. ALLENATORE Frontzeck. ARBITRO Weiner. AMMONITI Bradley (Bo), Van Bommel (Ba). Tymoschuk (Ba), Gomez (Ba), Levels (Bo).

A destra Holger Budstuber, 20 anni, festeggiato dopo il gol del 2-1 AFP

5 RIPRODUZIONE RISERVATA

dUna prodezza su calcio piazzato del giovanissimo Holger Badstuber permette al Bayern di agganciare momentaneamente il Werder Brema al secondo posto in classifica, oltre a regalare al tecnico Louis van Gaal un pizzico di serenità in più in attesa della sfida di

Champions di martedì, contro la Juventus, nella quale solo la vittoria permetterebbe ai bavaresi di centrare il passaggio agli ottavi. La gara Il Bayern parte forte, con un tiro di Pranjic che chiama subito al primo intervento Bailly. Il Borussia Moenchengladbach è squadra in salute e prova a ribattere subito alle ini-

INGHILTERRA ITALIANI CONTRO MANCHESTER

Ancelotti sfida il City Zola ospita lo United GIANCARLO GALAVOTTI 5 RIPRODUZIONE RISERVATA

LONDRA dNel giorno del sorteg-

gio del Mondiale, Carlo Ancelotti prenota un posto da c.t. «Il Mondiale è un’esperienza fantastica — assicura il tecnico del Chelsea —. Ho giocato a Messico ’86 e Italia ’90, ero assistente di Sacchi a Usa ’94. Voglio fare poker, in futuro, sulla panchina di una nazionale». Dopo Liverpool, Manchester United e Arsenal, oggi vuole lo scalpo del Manchester City per continuare in testa alla Premier con 5 punti di scarto. «Il City è reduce da 7 pari di fila e scalpita per una vittoria. Ha giocatori molto tecnici e pericolosi». Il Chelsea ha vinto 10 trasferte su 12 sul campo del City, prima della cascata di milioni di Abu Dhabi sulla squadra di Hughes.

20 Liga Real Madrid-Almeria (Calcio 3) 22 Liga Deportivo La Coruna-Barcellona (Sky Sport 3 HD e Calcio 2 HD)

Le altre Lo United conta di restare in scia a Upton Park, con un dispiacere del West Ham di Zola. Ma Diamanti è pronto a rientrare, dopo 2 partite di stop. Torres non sarà col Liverpool a Blackburn. L’Arsenal riparte all’Emirates con lo Stoke. 15ª GIORNATA Oggi Portsmouth-Burnley, Arsenal-Stoke City, Aston Villa-Hull City, Blackburn-Liverpool, West Ham-Manchester United, Wigan-Birmingham, Wolverhampton-Bolton, Manchester City-Chelsea. Domani Fulham-Sunderland, Everton-Tottenham. CLASSIFICA Chelsea 36; Manchester United 31; Tottenham 26; Arsenal 25; Liverpool e Aston Villa 23; Manchester City 22; Sunderland e Stoke City 20; Fulham 19; Birmingham 18; Burnley, Blackburn e Wigan 17; Hull City 16; Everton 15; West Ham 14; Bolton 12; Wolverhampton 10; Portsmouth 7.

ziative bavaresi, trovando sulla propria strada un Butt in serata straordinaria. Il Bayern passa al 19’ grazie a Mario Gomez. L’ex attaccante dello Stoccarda riceve palla spalle alla porta, fuori area: si gira e calcia di sinistro rasoterra sul primo palo, trovando il vantaggio grazie anche alla complicità del portiere avversario. Sembra il preludio per una sfida in

s IL RIVALE

V

REUTERS

17 Premier League Everton-Tottenham (Sky Sport 3 HD, SuperCalcio HD) discesa per il collettivo di Van Gaal, e invece il Borussia reagisce da grande squadra, trascinata dal sinistro velenoso del venezuelano Arango. L’esterno ex Maiorca chiama Butt al grande intervento con una conclusione potente al 27’. Sul seguente calcio d’angolo, la difesa del Bayern allontana la minaccia ma sale male; Badstuber tiene in gioco Brouwers, che freddo davanti alla porta insacca di piatto il meritato 1-1. Prima dell’intervallo ancora show di Butt, che compie un miracolo, neanche a dirlo, sul sinistro dalla distanza di Arango.

15ª GIORNATA Ieri Bayern-Borussia Moenc. 2-1. Oggi Wolfsburg-Friburgo; Stoccarda-Bochum; Amburgo-Hoffenheim; Borussia Do.-Norimberga; Hannover-Leverkusen; Eintracht-Mainz. Domani Colonia-Werder; Schalke 04-Hertha. CLASSIFICA Leverkusen 30; Werder e Bayern 27; Schalke 04 25; Amburgo; Hoffenheim, Mainz 23; Wolfsburg 22; Borussia Do. 21; Eintracht 19; Borussia Moenc. 18; Hannover, Friburgo 16; Colonia 13; Norimberga, Bochum 12; Stoccarda 11; Hertha 5.

w I NUMERI

6

i gol di Mario Gomez in Bundesliga in questa stagione. L’attaccante è arrivato dallo Stoccarda

SPAGNA LE GRANDI IN CAMPO

Hugo Sanchez contro il Real Il Madrid decimato stasera con l’Almeria del grande ex Il Barcellona a La Coruna, Guardiola chiede bel gioco FILIPPO MARIA RICCI

3

i punti che dividono ora la squadra di Louis van Gaal dal Bayer Leverkusen, primo in classifica

5 RIPRODUZIONE RISERVATA

MADRID dNon ha tutti i torti, Manuel Pellegrini: «Non capisco — ha detto ieri — abbiamo ricevuto più elogi per la sconfitta col Barcellona che per le 12 vittorie precedenti. Si analizzavano con un certo disprezzo le cose che andavano male senza dar peso a tutto quanto di positivo stavamo ottenendo». È parso contrariato il tecnico del Madrid che questa sera affronta l’Almeria di Hugo Sanchez, uno che ha il Real nel cuore e che continua a sperare di poter arrivare alla panchina bianca. Il cileno è senza Kakà, Guti, Metzelder e Van Nistelrooy, infortunati, e Lass Diarra, squalificato ma la partita sulla carta è semplice, l’Almeria fuori casa ha perso 4 volte su 6.

Trasferta insidiosa Decisamente più complicata la trasferta del Barça a La Coruña, quinto in classifica: «Giocheremo meglio che a Jerez» ha garantito Guardiola. Due notizie: dopo 4 maschi Raul ha allargato la sua famiglia con una bambina, nata ieri mattina, mentre la Lega spagnola ha accantonato definitivamente l’idea di scioperare per protestare contro l’aumento della tassazione sui contratti dei giocatori stranieri.

Hugo Sanchez, 51 anni OMEGA

13ª GIORNATA Oggi Siviglia-Valladolid, Xerez-Atletico Madrid, Real Madrid-Almeria, Deportivo-Barcellona. Domani Tenerife-Sporting Gijon, Espanyol-Racing Santander, Maiorca-Saragozza, Malaga-Osasuna, Villarreal-Getafe, Athletic Bilbao-Valencia. CLASSIFICA Barcellona* 33, Real Madrid 28, Siviglia 26, Valencia, Deportivo 25, Maiorca 21, Sporting Gijon, Athletic Bilbao 20, Getafe 18, Osasuna 15, Espanyol 13, Villarreal, Almeria Saragozza 12, Valladolid, Tenerife 11, Atletico Madrid 10, Malaga, Racing Santander, Xerez* 7. *Una partita in più.

FRANCIA MARSIGLIA ATTESO DAL DERBY A NIZZA

INCIDENTI IN EUROPA LEAGUE

C’è Bordeaux-Psg Il Lione vola a Lilla

Austria Vienna: in arrivo sanzioni

ALESSANDRO GRANDESSO

Ferguson, 68 anni, tecnico del Manchester United dal 1986: ha vinto 11 scudetti e 2 Champions

17.30 Bundesliga Schalke 04-Hertha Berlino (Sky Sport Extra e Calcio 10) 19 Liga Villarreal-Getafe (Sky Sport 3 HD, SuperCalcio HD e Calcio 9) 20 Campionato Brasiliano Flamengo Grmio (SportItalia) 21 Liga Athletic Bilbao-Valencia SuperCalcio HD e Calcio 2 HD

Carlo Ancelotti

DOMANI

La chiave Il Bayern va a riposo sotto i fischi dell’Allianz Arena. Van Gaal non corregge l’undici iniziale al rientro, ma manda subito a scaldarsi Arjen Robben. L’olandese ex Chelsea e Real entra al 15’ e da lì il Bayern diventa padrone della partita, con l’ala che asfalta gli avversari in velocità partendo dalla destra. Prima azione e subito un brivido: Robben entra palla al piede in area, arriva sul fondo e serve rasoterra Gomez, anticipato a un passo dalla porta da Bailly. Il minuto chiave è il 29’: l’olandese prende palla sulla trequarti e salta in velocità tre avversari, prima di essere steso al limite: il sinistro di Badstuber si finisce all’incrocio dei: un gol, il primo in Bundesliga, che rilancia le ambizioni di titolo del Bayern.

GIUDIZIO 777

VINCENZO D’ANGELO

25 R

5 RIPRODUZIONE RISERVATA

PARIGI dNon è uno scontro al vertice, ma un test di rango. Il Bordeaux stasera ospita il Paris Saint Germain, rilanciato da due vittorie consecutive. Il Marsiglia di Deschamps è impegnato nel derby con il Nizza, mentre domani, il Lione chiude il turno in casa del Lilla. Per il duello con i parigini, Blanc ritrova Gourcuff. L’ex rossonero è rimasto fuori due settimane dopo l’infortunio agli adduttori rimediato in nazionale. Il Psg non vince in Gironda dal 2006 e ha rimediato sette reti negli ultimi due confronti, ma si presenta galvanizzato dalla netta vittoria a Boulogne (2-5), nel recupero di mercoledì. Domenica, il club della capitale aveva imposto

l’1-0 all’Auxerre, agganciando in classifica il Marsiglia. Derby La squadra di Deschamps però ha una partita in meno. Per il Marsiglia la vittoria è d’obbligo a Nizza per non perdere la scia. Domani il Lione è atteso a Lilla, dove perse l’anno scorso. Il Grenoble cerca la prima vittoria con il Tolosa. 16a GIORNATA Oggi Montpellier-Le Mans; Nizza-Marsiglia; Rennes-Lorient; St Etienne-Sochaux; Valenciennes-Monaco; Bordeaux-Psg. Domani Auxerre-Nancy; Boulogne-Lens; Grenoble-Tolosa; Lilla-Lione. CLASSIFICA Bordeaux 28; Lione, Auxerre 26; Lorient 25; Montpellier 24; Valenciennes 23; Psg, Marsiglia, Monaco 22; Tolosa 21; Rennes, Nizza 20; Lilla 19; Sochaux, Lens 18; Nancy 17; St Etienne 14; Le Mans, Boulogne 9; Grenoble 3.

Lo choc della Spagna, l’indignazione della Uefa, l’assurda comprensione dell’Austria. Queste le reazioni ai gravi incidenti che giovedì sera hanno turbato lo svolgimento della gara di Europa League Austria Vienna-Athletic Bilbao. Gli ultrà della squadra di casa hanno invaso il campo costringendo l’arbitro a uno stop di circa mezz’ora, il secondo della sera dopo il primo, di 4 minuti, causato dalla nebbia creata dai fumogeni accesi nell’intervallo. I baschi hanno vinto 3-0 conquistando la qualificazione. L’arbitro, il norvegese Moen, ha dichiarato in patria di non aver mai vissuto nulla del genere, mentre la Uefa ha definito «gravi» gli incidenti promettendo mano dura: probabile multa e chiusura dello stadio. Secondo quanto riportato dal Pais, al Franz Horr Stadion si sono dati appuntamento ultra non solo austriaci ma anche italiani e bulgari. Nessun dubbio sull’ideologia: uno striscione che inneggiava a Franco ha fatto bella mostra di sé per tutta la gara. Gli ultra sono rimasti a lungo in campo dedicandosi poi alla caccia al basco in tribuna, ma ieri alcuni giornali austriaci hanno incredibilmente giustificato l’accaduto dando la colpa all’arbitro che aveva concesso all’Athletic una rete in fuorigioco. f.m.r.


26 R

SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT

SERIE B LA 17a GIORNATA

Stop dai medici per Beretta Niente debutto Il tecnico del Torino non passa le visite Contro il Gallipoli va in panchina Zoratto FABRIZIO TURCO 5 RIPRODUZIONE RISERVATA

TORINO dNon c'è proprio fee-

ling fra il Toro e gli allenatori. Nella settimana in cui è stato messo alla porta Colantuono, il suo sostituto Mario Beretta parte dalla tribuna. Perché? Perché il nuovo tecnico non ha l'idoneità agonistica. In settimana Beretta si è sottoposto alle consuete visite mediche al Centro di medicina sportiva, ma evidentemente qualcosa non è andato nel verso giusto: «Abbiamo fatto le visite e ritenuto necessario fare un accertamento — svela l'arcano il medico sociale granata Gianluca Stesina - il risultato non è ancora arrivato, lo avremo soltanto lunedì, quindi l'allenatore non ha l'idoneità agonistica senza la quale non può andare in panchina». Tensione Beretta quindi passa il testimone al suo vice Daniele

Mario Beretta, 50 anni, la scorsa stagione a Lecce. Ha sostituito Colantuono sulla panchina del Torino OMEGA

Zoratto («nessun problema, lavoriamo sempre fianco a fianco») e cerca di stemperare la tensione: «Vabbè, vorrà dire che non sbaglierò panchina», allarga le braccia facendo riferimento ai suoi freschi trascorsi leccesi. Meglio pensare al Toro,

quindi: «I primi allenamenti mi dicono che questa è una squadra che ha grandi qualità individuali e voglia di fare. E questi sono presupposti importanti per lavorare bene. Se poi vinciamo ci si sblocca anche dal punto di vista psicologico». Quattro giorni dopo il suo arrivo, Beretta ringrazia Colantuono ma aspetta l'esito del campo: «Sotto l'aspetto atletico la squadra sta bene, segno del buon lavoro che ha fatto il mio collega». Ribaltone Nessuna rivoluzione, è la filosofia dell'allenatore: «No, perché non ce n'è alcun bisogno. E poi nei primi giorni si mandano input e si cerca di farsi capire. Ma il lavoro è sul lungo tempo». Ossia su quello che dovrà essere il Toro del futuro. E qui Beretta potrebbe anche ipotizzare di varare il ribaltone della difesa, passando da quella a quattro, perno del calcio di Colantuono, a quella a tre. Una soluzione che permetterebbe a Beretta di trovare forse la quadra anche al reparto che più ha patito, il centrocampo. Con due cursori laterali e tre centrocampisti centrali, il Toro potrebbe trovare quegli equilibri che si erano visti solo in avvio di stagione. Ma che Toro vuol vedere oggi? «Una squadra di personalità, che cerchi di giocare il più possibile. Se facciamo una buona prestazione sotto l'aspetto del gioco, del temperamento e della tattica sono contento. Ma se vinciamo lo sono ancor di più». Intanto allena la squadra a porte spalancate anche nella rifinitura: «Mai fatto un allenamento a porte chiuse in vita mia: per me il calcio è di tutti».

PREPARATI IL NATALE È VICINO! DA MEDIMAX NON SBAGLI MAI.

WINDOWS 7

NATALE DA SOGNO!

NATALE DA SOGNO!

NATALE DA SOGNO!

CHE INCROCIO

Pillon e Iaconi L’ex si sdoppia I tecnici di Ascoli e Reggina sfidano anche il loro passato

Giuseppe Pillon, 53 anni, guida l’Ascoli GRAZIANERI

Ivo Iaconi, 53 anni, allena la Reggina OMEGA

PEPPE ERCOLI 5 RIPRODUZIONE RISERVATA

ASCOLI PICENO dÈ una storia di incroci quella fra

Ascoli e Reggina che si affrontano oggi al Del Duca. L’incrocio di due squadre in difficoltà e di due allenatori che si sono seduti su entrambe le panchine: Bepi Pillon e Ivo Iaconi. Pillon è tornato ad Ascoli da due settimane, reduce dalla brutta esperienza in Calabria lo scorso campionato in serie A. Alla Reggina invece c’è Iaconi, subentrato a Novellino (anche lui un ex dell’Ascoli), dopo aver allenato i bianconeri nel 2007-08 in serie B. La loro dunque è una sfida nella sfida, tutta da gustare. «Visto l’organico, non m’aspettavo una Reggina in questa situazione — commenta Pillon — sarà dura, ma non possiamo sbagliare». «L’Ascoli ha voglia di riscatto e questo è un problema: il Del Duca sa trascinare la squadra» replica Iaconi, che ricorda: «Ad Ascoli sono stato bene, volevo restare, ma la società ha fatto scelte diverse. Peccato».


SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT

27 R

SERIE B L’ANTICIPO DELLA 17a GIORNATA

Il Lecce piazza lo scatto E’ Corvia l’uomo in più L’attaccante e un gol fantasma di Giuliatto stendono l’AlbinoLeffe DAL NOSTRO INVIATO

LUCA TAIDELLI 5 RIPRODUZIONE RISERVATA

BERGAMOdSindrome giallorossa a Bergamo. Domenica scorsa l’Atalanta si era arresa alla Roma. Ieri l’AlbinoLeffe ha visto sfrecciare il Lecce di De Canio, che ora spera nell’aiuto del Grosseto, avversario oggi dell’Ancona, per andare in fuga. E sempre in Toscana, nel recupero di martedì, il gruppo di Mondonico cercherà di smuovere una classifica che inizia a farsi preoccupante. Troppa roba il duo Marilungo-Corvia per una squadra con evidenti lacune e pure un po’ depressa.

La chiave La partita gira attorno a due non gol. Uno se lo

PT

PARTITE

Il tiro di Giuliatto finisce sulla riga: non è gol, ma l’arbitro convalida SKY

RETI

G

V

N

P

F

LECCE

33 17

10

3

4

30 20

ANCONA

30 16

9

3

4

27

EMPOLI

27 15

8

3

4

24 18

CESENA

26 16

6

8

2

18

9

MODENA

26 16

8

2

6

17

16

TORINO

23 16

6

5

5

22

15

VICENZA

23 16

5

8

3

18

15

TRIESTINA

23 16

6

5

5

18

18

SASSUOLO

22 15

5

7

3

23 16

FROSINONE

22 15

6

4

5

22

21

PADOVA

22 16

5

7

4

21

17

GALLIPOLI

22 16

5

7

4

15

17

BRESCIA

21 15

6

3

6

18

19

CITTADELLA

20 16

5

5

6

21

20

CROTONE (-2)

20 16

5

7

4

15

17

GROSSETO

19 15

4

7

4

21

23

REGGINA

16 15

4

4

7

17

22

PIACENZA

16 16

4

4

8

14 22

ASCOLI

15 16

3

6

7

19 28

ALBINOLEFFE

15 16

3

6

7

18

MANTOVA

13 16

2

7

7

15

21

SALERNITANA

6

1

3

11

12

29

15

Regista cercasi Mondonico preferisce Luoni a Foglio per sostituire a sinistra lo squalificato Piccinni. Davanti a lui c’è Cristiano, con Laner sulla fascia opposta. I problemi però sono

Inno alla concretezza Il contrasto di autostima con il Lecce è evidente soprattutto là davanti. L’assenza di Baclet e Defendi infatti non si sente, perché Corvia e Marilungo si completano alla perfezione. L’under 21 di Casiraghi svaria su tutto il fronte d’attacco, mentre l’ex Siena dà profondità e fa salire la squadra. Ecco che a De Canio basta abbassare Vives, partito come trequartista, sulla linea di centrocampo per ristabilire la parità numerica e prendere in mano il match. Un concentrato di solidità e concretezza che minaccia di ammazzare il campionato.

Così oggi (ore 15.30) f Cesena, prima volta da titolare per Bucchi

CLASSIFICA SQUADRE

mangia al 18’ Cellini, che sullo 0-0 scatta sul filo del fuorigioco ma telefona un destro a Rosati. L’altro se lo inventa al 43’ il guardalinee Melloni, l’unico a vedere il pallone oltrepassare la linea sul tap-in a colpo sicuro di Giuliatto, dopo il miracolo di Pelizzoli su Munari. Già sotto per la stoccata di Corvia, l’AlbinoLeffe pare al tappeto ancora prima del gong dell’intervallo. Rialza sì la testa a inizio ripresa, ma ancora Corvia (all’ottavo sigillo stagionale) chiude i conti.

in difesa (Serafini e Sala sono legnosi) e in mezzo al campo. Passoni ne ha viste tante, in carriera. Forse troppe, visto che oramai cammina. Previtali invece ha corsa e tiro, ma non i tempi per prendere in mano gioco e squadra. Senza regista, la scenografia diventa approssimativa e il film si trasforma in un horror. Soprattutto per le due punte, con Ruopolo che si sbatte, ma ha la lucidità della carta vetrata e un Cellini lontano parente dell’attaccante che due stagioni fa segnò 23 reti.

S

15

27

PROSSIMO TURNO 18ª giornata Sabato 12, ore 15.30 Ancona-Brescia, Crotone-Gallipoli, Empoli-Vicenza, Frosinone-Cittadella, Lecce-Ascoli, Modena-Mantova, Padova-Cesena (venerdì 11, ore 20.45), Piacenza-Grosseto, Reggina-Triestina (lunedì 14, ore 20.45), Salernitana-AlbinoLeffe, Torino-Sassuolo

GALLIPOLI

ASCOLI

BRESCIA

CESENA

CITTADELLA

REGGINA

EMPOLI

FROSINONE

MODENA

ASCOLI (4-4-2) 78 FREZZOLINI 23 GAZZOLA 4 PORTIN 6 SILVESTRI 11 GIALLOMBARDO 10 SOMMESE 21 LUCI 14 AMOROSO 5 GIORGI 7 ANTENUCCI 82 BERNACCI All. PILLON

REGGINA (3-4-3) 1 CASSANO 2 ADEJO 16 VALDEZ 3 COSTA 25 MOROSINI 14 CARMONA 17 BARILLÀ 23 RIZZATO 7 PAGANO 9 BONAZZOLI 70 MISSIROLI All. IACONI

BRESCIA (4-4-2) 1 ARCARI 15 ZAMBELLI 16 MARECO 21 DE MAIO 23 DALLAMANO 33 RISPOLI 20 PAGHERA 17 BAIOCCO 3 LOPEZ 18 POSSANZINI 9 CARACCIOLO All. IACHINI

EMPOLI (4-3-1-2) 1 BASSI 19 VINCI 16 ANGELLA 21 STOVINI 36 GULAN 8 MARIANINI 10 VANNUCCHI 6 VALDIFIORI 34 PASQUATO 7 EDER 99 CORALLI All. CAMPILONGO

CESENA (4-3-3) 1 ANTONIOLI 27 PETRAS 14 VOLTA 33 FRANCESCHINI 5 LAURO 16 SEGARELLI 19 DE FEUDIS 44 PIANGERELLI 10 DO PRADO 8 BUCCHI 23 GIACCHERINI All. BISOLI

FROSINONE (4-2-3-1) 1 SICIGNANO 77 SEMENZATO 22 MAIETTA 23 GIUBILATO 25 BOCCHETTI 4 BASHA 7 BISO 18 TROIANIELLO 83 MAZZEO 17 BASSO 16 TAVARES All. MORIERO

CITTADELLA (4-4-2) 23 VILLANOVA 15 PISANI 22 PESOLI 3 CHERUBIN 6 TEOLDI 20 OLIVEIRA 14 CARTERI 21 DALLA BONA 27 PETTINARI 63 ARDEMAGNI 9 CURIALE All. FOSCARINI

MODENA (3-4-1-2) 27 NARCISO 13 GOZZI 5 RICKLER 23 TAMBURINI 7 GIAMPÀ 20 COLUCCI 10 TROIANO 19 CORTELLINI 8 PINARDI 9 BRUNO 33 CATELLANI All. APOLLONI

PANCHINA 1 Guarna, 17 Jaager, 55 Marino, 8 Di Donato, 89 Mattila, 77 Potenza, 9 Lupoli.

PANCHINA 26 Marino, 6 Camilleri, 27 Capelli, 33 Santos, 24 Buscè, 20 A. Viola, 99 Brienza.

PANCHINA 22 Viotti, 28 Berardi, 7 Della Rocca, 8 Vass, 27 Varga, 11 Taddei, 32 Kozak.

PANCHINA 23 Dossena, 3 Kokoszka, 9 Antonazzo, 17 Musacci, 59 De Giorgio, 31 Fabbrini, 20 Cesaretti.

PANCHINA 27 Tardioli, 4 Giunchi, 7 Schelotto, 30 Bonura, 32 Pedrelli, 77 Ceccarelli, 9 Sinigaglia.

PANCHINA 26 Frattali, 40 Guidi, 19 Ascoli, 20 Gucher, 10 Caetano, 21 Aurelio, 24 La Mantia

PANCHINA 1 Pierobon, 4 Gorini, 24 Marchesan, 81 Volpe, 16 Bellazzini, 10 De Gasperi, 31 Castiglia

PANCHINA 88 Alfonso, 21 Ricchi, 4 Bianco 39 Spezzani, 14 Gilioli, 11 Napoli, 37 Girardi

ARBITRO Pinzani di Empoli GUARDALINEE Bagnoli-Segna PREZZI da 14 a 90 euro TV Sky Calcio 10 e Dahlia Calcio 1

ARBITRO Valeri di Roma GUARDALINEE De Luca-Stallone PREZZI da 10 a 80 euro TV Sky Calcio 7 e Dahlia Calcio 2

ARBITRO Stefanini di Prato GUARDALINEE De Pinto-Calcagno PREZZI da 15 a 65 euro TV Sky Calcio 9 e Dahlia Calcio 3

ARBITRO Guida di Torre Annunziata GUARDALINEE Evangelista-Angrisani PREZZI da 13 a 45 euro TV Sky Calcio 14

ASCOLI Bernacci gioca titolare, ma Lupoli è in preallarme. Probabile la conferma della squadra con Amoroso e Sommese in appoggio alle punte. Squalificati Micolucci. Diffidati Bernacci, Gazzola, Giallombardo, Luci, Silvestri e Sommese. REGGINA Iaconi decide solo all’ultimo a chi affidare tra Adejo, Capelli e Santos la maglia di titolare come centrale difensivo. Brienza va in panchina; ballottaggio Morosini-Buscè a centrocampo. Squalificati Cacia, Cascione e Volpi. Diffidati Barillà.

BRESCIA Iachini schiera ancora titolare Mareco (per lo squalificato Bega), con Della Rocca in panchina. Salgono le quotazioni di Taddei, pronto a subentrare nella ripresa. Squalificati Bega. Diffidati Caracciolo, Possanzini e Zambelli. EMPOLI Vannucchi è confermato in cabina di regia. Musacci è rientrato, ma va in panchina. Tornano tra i titolari Bassi e Vinci, mentre c’è Gulan per Tosto. In avanti Pasquato, Eder e Coralli. Squalificati nessuno. Diffidati Angella, Antonazzo, Musacci, Saudati e Vinci.

CESENA Viste le assenze di Schelotto, che va in panchina, Malonga e Parolo, Bisoli cambia modulo e passa al 4-3-3. Prima stagionale di Bucchi titolare. In difesa rientra Volta. Sempre fuori Biasi, Djuric e Matute. Squalificati Parolo. Diffidati Djuric, Giaccherini e Lauro. FROSINONE Fuori Santoruvo (squalificato) e Stellone (infortunato), dal primo minuto dovrebbe giocare Tavares. Sulla trequarti Mazzeo dovrebbe rilevare Caetano. Squalificati Santoruvo. Diffidati Basha, Sicignano e Troianiello.

CITTADELLA Foscarini recupera Pesoli in difesa. Pisani va a destra per Manucci (squalificato), a centrocampo ballottaggio Carteri-Castiglia. Senza Iunco, con Ardemagni c’è Curiale. Squalificati Iunco e Maucci. Diffidati Dalla Bona, Oliveira, Pettinari e Pisani. MODENA Pinardi dovrebbe giocare dall’inizio alle spalle di Bruno e Catellani. Escono Gilioli e probabilmente Bianco, che è in ballottaggio con Colucci. Problemi in difesa. Squalificati Diagouraga e Perna. Diffidati Diagouraga, Colucci, Gozzi e Luisi.

GROSSETO

TORINO

MANTOVA

ANCONA

SASSUOLO

SALERNITANA

TRIESTINA

PADOVA

CROTONE

GALLIPOLI (3-5-2) 1 SCIARRONE 22 ABBATE 77 GRANDONI 3 PALLANTE 19 SOSA 8 MANCINI 4 PEDERZOLI 11 MOUNARD 25 SCAGLIA 10 GINESTRA 7 DI CARMINE All. GIANNINI

TORINO (4-3-1-2) 1 SERENI 32 COLOMBO 15 LORIA 6 OGBONNA 3 RUBIN 7 ZANETTI 19 GOROBSOV 24 SAUMEL 14 GASBARRONI 9 BIANCHI 10 DI MICHELE All. ZORATTO

GROSSETO (4-4-2) 1 ACERBIS 26 TURATI 15 MELUCCI 2 CONTEH 33 MORA 22 VITOFRANCESCO 9 CAROBBIO 10 CONSONNI 27 JOB 8 JOELSON 51 PINILLA All. GUSTINETTI

ANCONA (4-4-2) 1 DA COSTA 22 MILANI 17 PISACANE 13 COSENZA 16 ZAVAGNO 3 SURRACO 4 CATINALI 21 DE FALCO 19 MIRAMONTES 8 COLACONE 9 MASTRONUNZIO All. SALVIONI

MANTOVA (4-3-1-2) 1 BELLODI 77 SALVIATO 71 GERVASONI 5 NOTARI 44 LAMBRUGHI 14 GRAUSO 4 SPINALE 16 CARRUS 10 CARIDI 9 CAVALLI 91 NASSI All. SERENA

SALERNITANA (4-4-2) 16 POLITO 7 GALASSO 6 STENDARDO 5 FUSCO 14 RUSSO 39 SOLIGO 44 MONTERVINO 4 TRICARICO 11 STATELLA 31 FAVA 9 FERRARO All. GRASSADONIA

SASSUOLO (4-3-3) 32 BRESSAN 15 POLENGHI 30 MINELLI 89 ROSSINI 83 BIANCO 14 GORZEGNO 4 MAGNANELLI 8 RICCIO 23 TITONE 7 MASUCCI 21 QUADRINI All. PIOLI

PADOVA (4-3-1-2) 26 AGLIARDI 36 DARMIAN 3 TREVISAN 14 GIOVANNINI 33 RENZETTI 8 BOVO 77 ITALIANO 84 JIDAYI 88 CUFFA 99 SONCIN 10 DI NARDO All. SABATINI

TRIESTINA (4-2-3-1) 22 AGAZZI 6 NEF 16 COTTAFAVA 5 SCURTO 3 SABATO 9 GORGONE 91 PANI 17 STANKOVIC 21 TESTINI 20 SEDIVEC 99 GODEAS All. SOMMA

CROTONE (4-2-3-1) 99 CONCETTI 22 GALEOTO 13 LEGATI 36 ABRUZZESE 3 MORLEO 29 DE MARTINO 4 GALARDO 11 PETRILLI 8 MAZZARANI 9 GABIONETTA 85 BONVISSUTO All. LERDA

PANCHINA 84 Garavano, 33 Tagliani, 2 Daino, 17 Moro, 6 D'aversa, 5 Viana, 9 Di Gennaro

PANCHINA 27 Calderoni, 2 Zoboli, 26 Pisano, 5 Loviso, 23 Diana, 11 Leon, 8 Vantaggiato.

PANCHINA 12 Caparco, 38 Federici, 37 Crescenzi, 16 Papini, 91 D'Alessandro, 11 Pichlmann, 21 Alfageme.

PANCHINA 23 Schena, 90 Castracani, 25 Camillucci, 7 Schiattarella, 14 Mustacchio, 20 Gerbo, 99 Gerardi.

PANCHINA 31 Handanovic, 22 Lanzoni, 28 Pizzuti, 18 Mendy, 8 Nicco, 7 Marchesetti, 64 Coppiardi.

PANCHINA 1 Iuliano, 23 E. Pepe, 28 Carcuro, 20 V. Pepe, 8 Pestrin, 10 Merino, 18 Caputo.

PANCHINA 17 Pomini, 6 Piccioni, 19 Salvetti, 57 Romano, 27 Consolini, 26 Falcinelli, 92 Costa Ferreira.

PANCHINA 1 Cano, 18 Ben Djemia, 16 Baccolo, 7 Rabito, 17 Filippini, 21 Lazzari, 19 Cani.

PANCHINA 90 Durandi, 8 Magliocchetti, 44 Brosco, 25 Cossu, 30 Gissi, 7 Volpe, 23 Della Rocca.

PANCHINA 1 Farelli, 30 Grillo, 5 Scognamiglio, 10 Coresi, 6 Beati, 20 Cutolo, 90 Mendicino.

ARBITRO Baracani di Firenze GUARDALINEE Iori-Meli PREZZI da 12 a 45 euro TV Sky Calcio 6 e Dahlia Calcio 4

ARBITRO Calvarese di Teramo GUARDALINEE Musolino-Chiocchi PREZZI da 14 a 80 euro TV Sky Calcio 8

ARBITRO Mazzoleni di Bergamo GUARDALINEE Marrazzo-Conca PREZZI da 15 a 60 euro TV Sky Calcio 11

ARBITRO Doveri di Roma GUARDALINEE Ponzia-Italiani PREZZI da 10 a 60 euro TV Sky Calcio 13

ARBITRO Nasca di Bari GUARDALINEE Franzi-Riviello PREZZI da 15 a 26 euro TV Sky Calcio 12

GALLIPOLI E’ probabile la conferma dell'undici vittorioso a Salerno. Giannini ha deciso per i due fantasisti Mancini e Mounard nel centrocampo a cinque. Di Carmine è sempre favorito su Di Gennaro. Squalificati nessuno. Diffidati Abbate e Mounard. TORINO Tanti ballottaggi, Rubin e Pisano si giocano la corsia mancina mentre, dietro le punte, Leon insidia Gasbarroni. Probabile il rientro di Loria e il rilancio di Di Michele. Squalificati nessuno. Diffidati Bianchi, Zanetti e Zoboli.

GROSSETO Gustinetti rischia Pinilla dal primo minuto, al fianco di Joelson. Papini ha recuperato e va in panchina. Vitofrancesco si gioca una maglia con D’Alessandro. Tornano Mora e Melucci. Squalificati Freddi. Diffidati Consonni, Mora, Pinilla e Turati. ANCONA Cristante non ce la fa e Salvioni dà fiducia ancora a Pisacane. Catinali non è al top, ma comunque è al suo posto. In panchina va il giovane difensore Castracani. Squalificati nessuno. Diffidati Catinali, Colacone e Zavagno.

MANTOVA Serena recupera Cavalli e annuncia le due punte. Mancano Locatelli e Fissore, probabile l’utilizzo di Caridi come trequartista nel 4-3-1-2. Dall’inizio anche Salviato e Notari. Squalificati Tarana. Diffidati Bellodi, Carrus, Fissore, Spinale e Rizzi. SALERNITANA Oltre a Fusco (squalifica ridotta), tornano anche Fava e Montervino. Merino, non ancora al top, parte dalla panchina. Infortunati Jadid, Cozza e Millesi. Squalificati Kyriazis. Diffidati Bastrini, Galasso, Pestrin, Polito, Soligo e Stendardo.

SASSUOLO Ancora emergenza: oltre a Rea, Donazzan, Zampagna, Filkor e Martinetti, già fuori per infortunio, Pioli perde anche Noselli (problemi a un ginocchio). Squalificati Fusani. Diffidati Consolini, Fusani, Gorzegno e Minelli. PADOVA Scelte obbligate per le squalifiche di Cesar e Faisca e gli infortuni di Petrassi e Cotroneo: dentro Darmian e Giovannini. Sulla trequarti ballottaggio Rabito-Cuffa, in attacco Cani-Soncin. Squalificati Cesar e Faisca. Diffidati Italiano, Cani, Cuffa e Faisca.

TRIESTINA Le incertezze riguardano la panchina: confermata infatti la formazione già annunciata con la disponibilità di Agazzi e il rientro della coppia Gorgone-Pani. Squalificati nessuno. Diffidati Cossu, Gissi, Nef, Princivalli e Sabato. CROTONE Un solo dubbio per Lerda: Gabionetta ha problemi alla schiena. Sono venti i convocati ed è più che certo che saranno riconfermati gli stessi che hanno battuto il Torino all’Olimpico. Squalificati nessuno. Diffidati Galeoto, Legati, Galardo e Zito.

ALBINOLEFFE LECCE

1 3

GIUDIZIO 777 PRIMO TEMPO 0-2 MARCATORI Corvia (L) al 31’, Giuliatto (L) al 43’ p.t.; Perico (A) al 9’, Corvia (L) al 25’ s.t. ALBINOLEFFE (4-4-2) Pelizzoli 6; Perico 6, Serafini 5, Sala 5, Luoni 5 (dal 15’ s.t. Foglio 6); Laner 6 (dal 29’ s.t. Cia s.v.), Previtali 6, Passoni 5, Cristiano 5,5 (dal 25’ s.t. Grossi s.v.); Cellini 5, Ruopolo 5,5. PANCHINA Branduani, Bergamelli, Torri, Hetemaj. ALLENATORE Mondonico 5,5. LECCE (4-3-1-2) Rosati 6; Angelo 6,5 (dal 38’ s.t. Belleri s.v.), Schiavi 6,5, Fabiano 6, Giuliatto 6,5; Munari 6, Edinho 6,5, Giacomazzi 6; Vives 6 (dal 31’ s.t. Terranova s.v.); Marilungo 7,5 (dal 44’ s.t. Bergougnoux s.v.), Corvia 7,5. PANCHINA Petrachi, Mesbah, Lepore, Mazzotta. ALLENATORE De Canio 7. ARBITRO Russo di Nola 6. GUARDALINEE Coriolato 6 - Melloni 4. ESPULSI nessuno. AMMONITI Previtali (A) e Fabiano (L) per gioco scorretto. NOTE paganti 801, incasso di 5.324 euro; abbonati 2.512, quota di 3.436 euro. Tiri in porta 4-7 (con due pali). Tiri fuori 7-5. In fuorigioco 10-2. Angoli 10-2. Recuperi: p.t. 0’, s.t. 5’.

A GROSSETO

E ora l’Ancona deve tentare l’operazione aggancio MATTEO MASSI 5 RIPRODUZIONE RISERVATA

ANCONA dSalvioni sperava che l’anticipo finisse in un altro modo e invece la vittoria del Lecce costringe il suo Ancona a vincere a Grosseto per tornare al comando, anche se in condominio. «Complimenti a De Canio, anche se quel secondo gol farà sicuramente discutere». Oggi ritrova Gustinetti, un amico. Hanno giocato insieme nel Foggia, trent’anni fa, poi sono stati vicini di casa a Gorlago (vicino a Bergamo).

Senza Cristante Salvato l’Ancona la scorsa stagione, Salvioni spera di chiudere il 2009 in testa. Ma Gustinetti non se la sta passando bene: il presidente Camilli, si sta già guardando attorno. Nell’Ancona manca Cristante e senza di lui sabato il Sassuolo ha segnato due gol al Conero: non era mai successo in questa stagione. Ma Salvioni non si scompone: «La difesa non mi è dispiaciuta». Davanti la solita coppia Mastronunzio-Colacone. Il primo ha un conto aperto col Grosseto: è una delle poche squadre contro cui non ha segnato la scorsa stagione. Oggi può rifarsi.

IL POSTICIPO

Lunedì Tozzi arbitra a Vicenza Il programma della 17ª giornata sarà completato lunedì (20.45) dal posticipo Vicenza-Piacenza (arbitro Tozzi di Ostia). Martedì 8 (ore 15) si giocheranno i quattro recuperi della 14ª: GrossetoAlbinoLeffe, RegginaSassuolo, Frosinone-Brescia e Salernitana-Empoli.


28 R

SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT


SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT

PRIMA DIVISIONE

fScopriamo i segreti delle capolista, che

hanno molti punti in comune in campo e fuori

Novara e Verona come due gemelli Dai costi alle difese d’oro, dai sindaci ai manager Il volo parallelo verso la B non conosce sconfitte NICOLA BINDA 5 RIPRODUZIONE RISERVATA

d Novara chiama Verona. Nord-Ovest e Nord-Est. Città ricche, gente che lavora, squadre che vincono. Il passato incombe come la nebbia, un radioso presente sembra diradarla. Due squadre in vetta alla Prima divisione, con tanti punti in comune, in campo e fuori, a 200 km di distanza, dandosi la mano sull’autostrada per la B.

La storia e le città Il Novara ha 101 anni di storia ininterrotta, l’Hellas nei suoi 106 ha il vanto dello scudetto del 1985 e la macchia del fallimento nel 1991. Verona è avanti per anni

L CLIC

CITTA’ LEGATE DALLA STESSA BANCA Novara e Verona, oltre a quello sportivo, hanno un forte feeling anche a livello economico, che s’è concretizzato grazie ai principali istituti bancari cittadini. Nel 2002 è nata la holding Banco Popolare di Novara e Verona (poi nel 2007 diventata solo Banco Popolare), che ha mantenuto le banche di riferimento.

29 R

in A (24 a 12) e B (49 a 28) ma non ha più Veronello, il centro sportivo che negli anni Settanta era d’avanguardia, mentre il Novara oggi ha Novarello, che più all’avanguardia non potrebbe essere. Verona ha 265mila abitanti contro i 104mila di Novara; a guidare le due città ci sono quarantenni leghisti rampanti, eletti entrambi con il 61% dei voti: Massimo Giordano è sindaco di Novara dal 2006 e va spesso in tribuna, Flavio Tosi dopo anni in curva è sindaco di Verona dal 2007. Come popolarità, forse oggi se la giocano con Massimo De Salvo, a.d. del Novara, e Giovanni Martinelli, da pochi mesi presidente del Verona.

NOVARA GIRONE A

VERONA GIRONE B

0

0

Le sconfitte Il Novara è l’unica squadra imbattuta tra campionato e Coppa Italia.

Le sconfitte Il Verona è l’altra squadra imbattuta in campionato: ha perso solo in Coppa Italia.

7

4

I gol subiti Miglior difesa del girone, solo il Verona ha preso meno gol: anche la Cisco (2a) è a 7.

I gol subiti Miglior difesa tra i pro, record di C1 eguagliato nell’era dei 3 punti. Tutti i gol incassati in casa.

35

29

I punti Dopo 15 giornate, nella storia di questo torneo, hanno fatto meglio solo Spal (1994-95) e Arezzo (2003-04) con 36.

I punti Quasi come la somma dei due precedenti tornei di C1, dopo 15 giornate: 10 punti il primo anno, 20 punti il secondo.

5.100.000

6.000.000

Il costo del campionato Questo campionato costa poco più di 5 milioni al Novara, dei quali 3,9 per gli emolumenti.

Il costo del campionato Questo campionato costa al Verona quasi 6 milioni, dei quali 4,2 per gli emolumenti.

GIRONE A f Il Benevento festeggia il ritorno del presidente, la Pro Patria prolunga il contratto a Cosco

(16a, domani, 14.30)

ALESSANDRIA

COMO

FIGLINE

PERGOCREMA

IL POSTICIPO

BENEVENTO

CREMONESE

FOLIGNO

LUMEZZANE

ALESSANDRIA Buglio deve rinunciare a Signorini (squalificato), mentre è ancora in dubbio il recupero di Chiazzolino. Mateos potrebbe recuperare partendo comunque dalla panchina, in avanti dubbi sull’utilizzo di Rodriguez. BENEVENTO Acori sembra non avere dubbi e conferma la formazione che lunedì ha battuto il Perugia. Il ritorno del presidente Oreste Vigorito è stato salutato con fuochi d’artificio e fumogeni da parte dei calciatori, dei tecnici e dei tifosi. ARBITRO Manera di Castelfranco V.

COMO Facchetti è tornato ad allenarsi dopo la lunga sosta per l’intervento di ernia inguinale. Rispetto a domenica Strano e Brevi dovrebbero recuperare Ardito; ancora fuori Kalambay e Bretti. CREMONESE Dubbi sulla presenza di Cremonesi, che ha subito una botta alla caviglia destra. Il medico dovrebbe dare l’ok solo questa mattina. Vista la squalifica di Rossi, se Cremonesi non dovesse farcela, è pronto Sales per la fascia. Gli altri sono tutti disponibili. ARBITRO Giacomelli di Trieste.

FIGLINE Pardini e Ghinassi hanno ripreso ad allenarsi, ma non sono ancora pronti. Oltre a Chiesa e Arnulfo (infortunati), manca Campolattano (squalificato): al suo posto c’è Cosentini. In attacco, con Fioretti è probabile D’Antoni. FOLIGNO Guastalvino e Turchi rientrano dalla squalifica, mentre Gallozzi ha smaltito l’infortunio e torna titolare a centrocampo. In attacco il tridente è formato da Giacomelli, Turchi e Cavagna; in difesa Lispi a sinistra e Gregori centrale. ARBITRO Fabbri di Ravenna.

PERGOCREMA Qualche problema per la coppia Scanziani-Bonazzi, che deve rinunciare agli infortunati Marconi, Brighenti, Gherardi e Rossi. Tornano a disposizione Cazzola, Bonfanti e Le Noci. Tra i convocati c’è anche Zaninelli. LUMEZZANE Formiconi, Pini e Nicola si contendono due posti in difesa; a centrocampo possibile l’impiego di Bradaschia dall’inizio, mentre Scaglia è candidato a far da spalla a Marconi in attacco. Sempre assenti Pesenti, Zanardini e Grippo. ARBITRO Pasqua di Tivoli.

Lunedì la capolista è in tv con l’Arezzo

PERUGIA

PRO PATRIA

VARESE

VIAREGGIO

PAGANESE

MONZA

LECCO

SORRENTO

PERUGIA Raimondi e Paponi non recuperano: al loro posto Pagani ed Ercolano. C’è Zoppetti che a Benevento si era infortunato al naso. Da verificare le condizioni di Perra (problemi a un polpaccio). Zaffaroni ridà fiducia al 4-4-2. PAGANESE Palumbo in emergenza per le assenze di Castaldo, Monticciolo e Rana (squalificati) e Bacis (infortunato). In difesa rientra Esposito, ma Grimaldi non è al top. In attacco spazio a Ibekwe-Lasagna, preferiti a Tortori-Zarineh. ARBITRO Pizzi di Saronno.

PRO PATRIA Cosco, confermato in settimana anche per la prossima stagione, deve verificare le condizioni di Aquilanti e Passiglia (problemi muscolari). Dopo un mese, in attacco, torna disponibile Ripa che potrebbe partire dalla panchina. MONZA Cevoli deve rinunciare ancora a Zebi, Mosca, Oualembo e Kyeremateng (infortunati). Acciacchi anche per Barjie, Cudini e Chianese, ma dovrebbero esserci. Campinoti e Dimas si giocano il posto con Anghileri e Russo. ARBITRO Benassi di Bologna.

VARESE Sannino deve fare a meno di Carrozza (infortunato) e di Osuji (squalificato), oltre che di Corti. A centrocampo Tripoli a destra, Dos Santos e Buzzegoli al centro e Zecchin a sinistra. In attacco spazio al tandem Ebagua-Momentè. LECCO Magoni rischia di perdere Mateo, Ciano e Antonioni, oltre a Francini, assente certo. Corrent recupera e va in panchina. I dubbi riguardano l’attacco: se Ciano non ce la fa, l’alternativa è tra Giannone, Maiorino e Parodi. ARBITRO Pagano di Torre Annunziata.

VIAREGGIO Rossi recupera Marolda, ma ha dubbi su Reccolani: in preallarme c’è Fommei che potrebbe giocare sostituendo Pizza (squalificato). Se il tecnico sceglie il 4-2-3-1, è probabile l’utilizzo di Costantino. SORRENTO Novelli conferma il 4-2-3-1, ma deve fare a meno di Di Nunzio e Nicodemo (squalificati). Per la difesa il tecnico si affida al rientro di Gambuzza; per il posto accanto a Greco a centrocampo, invece, ballottaggio Niang-Feussi. ARBITRO Barbiero di Vicenza.

Il programma della giornata sarà completato lunedì sera dal posticipo tra il Novara capolista e l’Arezzo, che sta cercando di recuperare posizioni verso la vetta. La gara inizia alle ore 20.45 e va su RaiSport Più: arbitra Paparazzo di Catanzaro.

Le società e le squadre De Salvo, brianzolo con una clinica a Novara, ha costruito Novarello e stanziato un budget di circa 5 milioni per questo campionato; il Novara spende 3,9 milioni di stipendi, poco meno del Verona, che però ha costi più elevati e arriva a 6. Martinelli è della provincia (Castelnuovo del Garda) e s’è affidato a un manager veronese purosangue come Nereo Bonato, ex portiere e già architetto del Sassuolo; il suo alter ego piemontese è Pasquale Sensibile, ex centrocampista e con trascorsi proprio a Verona. Due d.s. dalla faccia pulita e dal cervello fino, con la stessa filosofia calcistica, che hanno lavorato a stretto contatto con Attilio Tesser e Gianmarco Remondina per allestire questi squadroni. Difese toste, grande solidità a centrocampo, attaccanti di grande qualità. Novara e Verona sono imbattuti, il Novara è vergine anche in Coppa Italia e farà una serata di gala a San Siro con il Milan, dopo aver vinto a Parma e Siena. Mai in C1, nell’era dei tre punti, s’è vista una difesa come quella dell’Hellas: 4 gol presi in 15 partite, nessuno in casa. Nomi e numeri da urlo. Qua la mano. Si va sull’autostrada?

IL CASO

Il Lumezzane rischia il crac LUMEZZANE (Bs) In una conferenza stampa, il Lumezzane ha annunciato di opporsi all’ingiunzione di pagamento di 880mila euro presentata da parte degli ex proprietari (Aldo Bonomi & C.): se il giudice la respingerà, ci sarà un pignoramento dei beni e il club rischierà il fallimento. Il sindaco si sarebbe interessato per fare da mediatore con la vecchia società, che lamenta l’escussione di alcune fideiussioni.

LA SITUAZIONE La classifica del girone A dopo 15 giornate: Novara p. 35; Cremonese e Varese 30; Arezzo 27; Benevento 26; Perugia (-1) 22; Lumezzane 21; Foligno e Alessandria 20; Lecco 19; Monza 18; Pro Patria, Viareggio, Pergocrema e Como 15; Figline (-1) e Sorrento 14; Paganese 11. Così domenica 13 (ore 14.30): Arezzo-Alessandria; Benevento-Viareggio; Cremonese-Varese; Foligno-Perugia; Lecco-Como; Lumezzane-Pro Patria; Monza-Figline; Paganese-Novara; Sorrento-Pergocrema.

GIRONE B f Papagni (Andria) e Pagliari (Lanciano), domenica da ex. Cavese: fiocco rosa per Stringara

(16a, domani, 14.30)

ANDRIA

COSENZA

FOGGIA

GIULIANOVA

LANCIANO

TARANTO

PORTOGRUARO

CAVESE

TERNANA

RAVENNA

ANDRIA Papagni, ex di turno, deve rinunciare in attacco agli infortunati Dionigi, Maccan e Mastrolilli: riconfermato quindi il tandem Anaclerio-Sy. Intanto la società ha sollevato Antonio Berardino dall’incarico di direttore generale. TARANTO Manca solo Migliaccio (squalificato) e così Brucato medita di spostare Prosperi al centro della difesa con il rientro di Bolzan a sinistra. Probabile la conferma del 4-4-2 con Corona affiancato da uno tra Russo e Berretti. ARBITRO Ostinelli di Como.

COSENZA Di Bari è in dubbio: l’alternativa è Fanucci. A centrocampo torna De Rose e contende la maglia da titolare a Roselli; a destra c’è Virga per Bernardi (squalificato). In avanti probabile De Pascalis al posto di Caccavallo. PORTOGRUARO Puccio è out (contrattura), ma Calori recupera Madaschi dopo la squalifica. Un solo dubbio per il tecnico: ballottaggio tra Marchi e Bocalon per un posto in attacco, a fianco del confermato Altinier. ARBITRO Tidona di Torino.

FOGGIA Mancano solo Torta e D’Agostino; in avanti al fianco di Salgado si sceglie tra Ferrari, Caraccio e Quadrini. Per il resto la coppia Porta-Pecchia dovrebbe confermare la squadra che domenica ha pareggiato a Pescara. CAVESE Stringara, fresco papà (lunedì è nata Vittoria), deve fare a meno dello squalificato Farina e di Rapino: al centro va Nocerino, che lascia la fascia a Bacchi, pur non al meglio. Ballottaggio Scartozzi-Maiorano a centrocampo. ARBITRO Ruini di Reggio Emilia.

GIULIANOVA Campagnacci ha superato i problemi alla caviglia e gioca. Potrebbe mancare Migliore, che è alle prese con problemi muscolari: in settimana non si è allenato, ma non è escluso un recupero all’ultimo minuto (l’alternativa è Lieti). TERNANA Costantini è convocato, mentre Ricca resta a casa. Confalone insegue la prima maglia da titolare mentre in avanti Tozzi Borsoi è favorito su Perna. Nel gruppo ci sono anche Di Dio e Concas, che hanno smaltito gli infortuni. ARBITRO D’Alesio di Forlì.

LANCIANO L’ex Pagliari deve ridisegnare la difesa: Mammarella è squalificato, mentre Vastola è infortunato. Probabile l’utilizzo di Coppini con Colombaretti a sinistra. In avanti Sansone e Masini (recuperati) potrebbero giocare dall’inizio. RAVENNA Esposito ritrova Ciuffetelli e Fonjock, ma perde Giordano e Toledo, oltre a Rizzo (a rischio d’intervento alla caviglia). Probabile la riconferma del modulo e della squadra (Giordano escluso) che ha vinto contro il Cosenza. ARBITRO Soricaro di Barletta.

MARCIANISE

POTENZA

REGGIANA

VERONA

LA SITUAZIONE

SPAL

PESCARA

PESCINA

RIMINI

MARCIANISE Boccolini potrebbe confermare la squadra che ha vinto con la Ternana, nonostante abbia tutta la squadra a disposizione. Nella partitella infrasettimanale, Tedesco ha confermato il suo momento positivo. SPAL Bazzani è squalificato e Cipriani è l’unica punta, con alle spalle la coppia Rossi-Quintavalla. In difesa prevedibili i rientri di Lorenzi e Licata. Ha recuperato Migliorini, destinato alla panchina. Sempre indisponibili Centi e Meloni. ARBITRO Del Giovane di Albano Laziale.

POTENZA Capuano deve risolvere l’assenza di Catania e Polani (squalificati). A centrocampo spazio per Giannusa, mentre rimane il solito dilemma per gli esterni: sono in 4 a contendersi 2 posti. PESCARA Cuccureddu cambia ancora modulo e sceglie il 4-3-3 senza trequartista. Tornano Medda e Mengoni, mentre restano fuori Zizzari, Tognozzi, Bonanni e Gessa. La novità è Artistico a destra del tridente con Sansovini al centro e Carboni a sinistra. ARBITRO Viti di Campobasso.

REGGIANA Alessi (squalificato), lascia il posto a Rossi che in attacco fa coppia con Ingari. In difesa ballottaggio Girelli-D’Alessandro. A centrocampo confermato Viapiana. Mercoledì sarà sciolta Iniziativa Tricolore, proprietaria del club: Coop e industriali confluiranno come singoli azionisti. PESCINA I problemi riguardano la difesa per la squalifica di Di Berardino e l’infortunio di Petitto e Blanchard. Al fianco di Molinari dovrebbe esserci Pomponi. Probabile anche il forfait di Censori. ARBITRO Ros di Pordenone.

VERONA Remondina recupera Selva, tornato ad allenarsi in gruppo: potrebbe giocare uno spezzone di gara. Torna anche Comazzi dopo la squalifica. In attacco Ciotola recupera posizioni su Rantier e potrebbe partire titolare. RIMINI L’unica incertezza di Melotti, che ha tutti a disposizione, è Docente (problema muscolare). A centrocampo rientrano Frara e Cardinale; in attacco, se Docente non ce la fa, ballottaggio Longobardi-Tulli con il primo favorito. ARBITRO Borriello di Mantova.

La classifica del girone B dopo 15 giornate: Verona p. 29; Ternana 27; Portogruaro 26; Pescara 25; Ravenna 24; Cosenza 21; Reggiana, Taranto e Rimini 20; Giulianova e Lanciano 18; Spal e Pescina 17; Foggia (-1) 16; Marcianise e Potenza 15; Cavese e Andria 14. Così domenica 13 (ore 14.30): Cavese-Lanciano; Pescara-Marcianise; Pescina-Potenza; Portogruaro-Verona; Ravenna-Andria; Rimini-Giulianova; Spal-Foggia; Taranto-Cosenza (lunedì 14, ore 20.45, diretta su RaiSport Più); Ternana-Reggiana.

SECONDA DIVISIONE

Derby a Sesto con il Legnano Si gioca oggi nel girone A un anticipo per la 16a giornata di Seconda divisione (ore 14.30). Pro Sesto-Legnano: arbitro Costantini di Perugia. Questa la classifica: Alghero (-1) e Pavia p. 25; Rodengo (-1) e Legnano (-1) 24; Spezia, Sambonifacese, Alto Adige e Canavese 23; Pro Vercelli 22; Mezzocorona e Carpenedolo 21; Feralpi Salò 20; Crociati Noceto 19; Olbia 17; Valenzana 15; Villacidrese 12; Pro Belvedere 9; Pro Sesto (-1) 7.

SERIE D

Oggi due anticipi nei gironi A e D Oggi in serie D si giocano due anticipi: ecco gli arbitri (ore 14.30). GIRONE A Sestrese-Borgorosso: Pellegrini di Roma. Classifica: Savona p. 36; Entella 31; Casale (-1) 26; Albese e Rivoli 24; Aquanera 20; Sarzanese e Acqui 19; Sestrese 17; Vigevano e Settimo 15; Borgorosso 14; Derthona 12; Cuneo e Chieri 11; Valle d'Aosta 9; Lavagnese 8; Pro Settimo 6. GIRONE D PonsaccoFossombrone: Caso di Verona. Class.: Pisa p. 31; Fossombrone 29; Chioggia 28; Santarcangelo e Cecina 26; Rovigo 24; Russi 23; Mezzolara, Boca Pietri e Rosignano 20; Castelfranco e Adriese 19; Carpi e Castellana 18; Borgo a Bugg. 17; Ponsacco 16; Pontedera 14; Riccione e Castellarano 13; Castel S. Pietro 7.


30 R

SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT

SCOMMESSE

fAl San Paolo un incontro tutto da vedere

I pugliesi hanno, con l’Inter, la miglior difesa

Napoli-Bari, l’«X» ingolosisce: 3,25

taccuino a cura di

SCOZIA

I Rangers sono attesi a una vittoria larga dI Rangers Glasgow, disastrosi in Champions, in campionato sono secondi dietro il Celtic, ma con una gara in meno. Il successo sul campo del fanalino di coda Falkirk, dato a 1,38, pare agevole. Visto lo score dei padroni di casa, si può tentare anche il segno «2» con handicap offerto a 2,00.

C’è la sfida del Sud, gli azzurri vengono da tre pari di fila In Premier il Blackburn cerca il colpaccio col Liverpool 5 RIPRODUZIONE RISERVATA

dDopo due k.o. di fila la Fiorentina affronta in casa un’Atalanta in difficoltà. È l’occasione per riprendere la corsa verso la Champions. Sfida salvezza tra Siena e Catania, le ultime due della serie A, e anche in questo caso il pronostico parla toscano. Spazio ai campionati esteri nella seconda multipla: Liverpool e Real Madrid chiamano l'Over.

PRIMA MULTIPLA Fiorentina favorita Stuzzica l’Over Due sconfitte consecutive per la Fiorentina, che ora non può fallire contro un’Atalanta in difficoltà. Al Franchi il segno «1» vale 1,50.

2,75

L’«1» DEL GENOA DOPO 45’ Quota interessante per la squadra di Gasperini in vantaggio al riposo

Siena-Catania, «1» e «2» piacciono davvero poco Sfida salvezza tra Siena e Catania. Solo un successo in campionato per entrambe e sono altissime le quote per i segni «1» e «2». Convince più il primo, a quota 2,25. L'alternativa è il No Goal, offerta a 1,83.

Genoa-Parma al Ferraris è sfida da tanti gol: Over Undici Over in quattordici giornate per il Genoa, che sfida al Ferraris il Parma. La partita dovrebbe concludersi con almeno tre gol: la scommessa si gioca a 1,78.

Napoli in casa col Bari L’Under attrae moltissimo Tre pari di fila per il Napoli, che questa settimana sfida il Ba-

w I NUMERI

2,25

Il successo del Siena Nella sfida salvezza col Catania, i toscani cercano la seconda vittoria stagionale

1,63

Il «2» Anderlecht La squadra belga viene da sei vittorie di fila, ed è in arrivo anche la settima col Bruges

ri, squadra da «X» in trasferta. L'esito su Snai è offerto a 3,25. Il Bari ha la migliore difesa della serie A: l'Under vale 1,70.

gol da cinque giornate. Ma il Manchester City, in casa ha sempre segnato: il Goal è offerto a 1,70.

SECONDA MULTIPLA Il successo del Blackburn sul Liverpool quotato a 5

Anderlecht senza rivali Il «2» sembra scontato

Il Blackburn ha ottenuto 13 punti nelle ultime 5 gare interne e in casa col Liverpool potrebbe vincere: la quota è 5, l'alternativa è l'Over offerto a 1,83.

Chelsea difesa di ferro Ma col Manchester è dura Il vero punto di forza del Chelsea è la difesa, che non prende

PORTOGALLO

La capolista Braga verso un altro «2»

Sei vittorie di fila dell’Anderlecht con un solo gol subito consigliano il «2» (1,63) nel posticipo in casa del Club Bruges.

dLo Sporting Braga, in testa al campionato portoghese, fa visita al non irresistibile Leixoes, terzultimo. Il segno «2», offerto a 1,75, è un buon investimento.

Real Madrid, conviene posizionarsi sull’Over

SVIZZERA / 1

Sette reti subite dall'Almeria nelle ultime due partite di Liga: scontato il segno «1» a 1,18, l'Over è altrettanto valido e si gioca a 1,45.

Grasshoppers-Zurigo è un derby da Over Jean François Gillet, 30 anni, portiere del Bari: con Julio Cesar dell’Inter ha subito solo 11 gol LAPRESSE

dDerby in equilibrio in Svizzera tra Grasshoppers e Zurigo, appaiate al quinto posto. Segno «1» a 2,45, «X» a 3,25, «2» a 2,60. Per un pronostico più facile, meglio affidarsi al Goal o all'Over, dati appena a 1,30 e 1,50, rispettivamente.

SVIZZERA / 2

Young Boys favorito Piace il Goal a 1,55 dYoung Boys dominatore del campionato elvetico contro il Neuchatel Xamax, terzo in classifica. Assoluta preferenza per l'«1», dato a 1,47. Più o meno la stessa quota per l'Over, giocabile a 1,45, mentre l'Under è alto, a 2,40. Da considerare anche il Goal, offerto a 1,55.

OLANDA

Psv Eindhoven facile Il «2» si quota a 1,25 dIn Rkc Waalwijk-Psv Eindhoven è d'obbligo il segno «2», esito bancato appena a 1,25. Nella gara tra secondi e ultimi, conviene anche il «2» con handicap, dato a 1,60. Buono pure l'Over, che si gioca a 1,47.

OLANDA / 2

Nec Nijmegen, l’«1» viene bancato a 5 dNec Nijmegen-Twente è gara da «2». Il successo della squadra di Enschede, prima nel torneo olandese, è dato a 1,60. Per il Nec penultimo, già il pari, offerto a 3,60, appare un' impresa. L'«1», a 5,00, è a quota sorpresissima. Buono l'Over, a 1,73, da provare anche il Goal, a 1,68.


SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT

fLa favorita per lo scudetto all’esame più duro

SCOMMESSE

I bianconeri puntano tutto sull’orgoglio

Inter, impresa possibile Il colpo all’Olimpico è quotato 2,55, la vittoria della Juventus 2,75, il pari a 3,20 PAOLO GIANNACE BARTOLOMEO RUGGIERO 5 RIPRODUZIONE RISERVATA

dFavorita assoluta per lo scudetto, preferita (seppur di poco) nelle quote nella sfida di stasera. L’Inter si presenta in campo per il «derby d’Italia» con un doppio obiettivo: sbarazzarsi di un nemico (la Juventus, appunto) e «ammazzare» il campionato (Milan permettendo, però) a neanche metà percorso. Impresa possibile per i bookmaker, visto che il segno «2» nella gara dell’Olimpico di Torino vale 2,55. Meno dell’«1» per la squadra di Ciro Ferrara, offerto a 2,75, ancor meno del pari, in lavagna a 3,20. Del resto, un nuovo tricolore dei nerazzurri è un fatto che i quotisti danno quasi per scontato, a 1,25, contro il 9,00 della Juve, preceduta dal Milan a 7,00.

L’orgoglio Anche nel testa a testa (chi si piazza prima nella graduatoria finale) tra le due

squadre, non ci sarebbe partita visto che le quote Snai dicono 1,13 Inter e 4,60 Juventus. Per la classifica marcatori, il discorso non cambia: primo è il nerazzurro Milito, a 3,50. Per trovare un bianconero bisogna risalire a quota 66, dove si colloca Amauri. Ma invece di correre

1,85

LA VITTORIA DELLA ROMA Nel derby della capitale giallorossi favoriti, la Lazio quotata a 4,25

troppo avanti, anche nelle scommesse, meglio concentrarsi sul match di questa sera. Perché c’è da fare i conti con l’orgoglio della Vecchia Signora, reduce dai due brutti stop di Bordeaux e di Cagliari. E perché di fronte trova pure un’Inter incerottata (certe le assenze di Mai-

La scommessa impossibile di CARLO PELLEGATTI*

Chandra, fascino di una tiranna dChi sarà il tiranno della Città di Siracusa? Il

più famoso, nel passato, è stato Dionisio, ma domani, nell’avvincente Handicap Principale, sui 1600 metri, alle ore 16, non è facile decifrare il dominatore della corsa. La qualità non mi sembra eccelsa e questo contribuisce alla incertezza della prova. La scelta dei Botti è andata su Pak Ice, fresco vincitore della Tris a Livorno il 26 novembre, ma io preferisco puntare su Chandra, una femmina siciliana ardente e positiva, dall’affascinante mantello castano. L’allieva di Stracquadanio mi sembra preparata per questo handicap. Le mancate vittorie nelle due ultime corse, dopo 4 successi consecutivi, le hanno poi permesso di guadagnare qualche chilo su Fine Island e Kurt, i rivali più accreditati. Dopo la crudeltà di Dioniso, il fascino, dunque, di una tiranna come Chandra, dalla lunga coda di... cavalla. * Giornalista Mediaset

31 R

con per squalifica e di Sneijder non ancora recuperato) e forse distratta dal pensiero «tremendo» del tabù Champions (mercoledì c’è la gara decisiva a San Siro contro il Rubin Kazan).

Bordeaux Il Bordeaux capolista mira ai 3 punti contro il Paris Saint Germain. Il segno «1» della squadra di Laurent Blanc è dato a 1,70. Ma occhio a possibili exploit dei parigini, in netta ripresa: il pari è a 3,50, il «2» a 5,00

Mantova Per il Mantova penultimo, dopo il k.o. interno col Cittadella, c’è assoluto bisogno della vittoria. Impresa più che probabile contro la derelitta Salernitana, ultima staccata. L’«1» per Carrus e compagni è dato a 1,85

2,30 Torino Il Torino del nuovo corso Beretta prova a ripartire da Lecce contro il Gallipoli. Il successo granata contro i salentini (sinora meglio in trasferta che in casa), vale 2,30. Ci può stare anche la «X», a 2,85 Diego Milito, 30 anni, attaccante dell’Inter, 12 presenze e 9 gol in questo campionato, quotato 3,50 nella classifica marcatori AFP

WEEKEND LUNGO DOMENICA AL GALOPPO

Nel Criterium di Siracusa Matura sfida Train Seal Lunedì c’è il Premio Inverno a Milano Martedì il classico Allevatori a Roma 5 RIPRODUZIONE RISERVATA

d Week-end ippico «lungo» con le giornate di lunedì a San Siro e martedì a Roma. A santificare la domenica pensa l’ippodromo del Mediterraneo di Siracusa, che offre una delle sue giornate più importanti con il «Criterium Aretuseo». Una listed riservata alle femmine di due anni sulla distanza dei 1600 metri.

Rivincita Uno dei motivi tecnici sarà quello legato alla rivin-

1,70

1,85

Tutti in gol Allora non è proprio un azzardo sbilanciarsi in giocate «pro Diego» e compagni: non male il parziale/finale di «1/1» che i bookie valutano da 5,00, oppure l’«X/1» dato a 6,00. E se l’Inter resta favorita nell’1X2, il risultato esatto più probabile è ritenuto l’1-1, bancato a 6,00. Prevista, in ogni caso, una gara con reti da entrambe le parti (il Goal è a 1,73, il No Goal a 1,90), ma l’Under è più basso (1,73) dell’Over (1,90). Derby romano Se Juve-Inter è il derby d'Italia, il 15o turno prevede anche il derby di Roma. Le quote dicono «povera Lazio»: giallorossi a 1,85, biancocelesti a 4,25 e pari a 3,40. Ma un derby è l’occasione per provare e trovare sorprese.

quote

A Siracusa ha corso e vinto pure Frankie Dettori GRASSO

cita tra la «bottiana» Matura, accompagnata dalla scudiera Shinicamon, e Train Seal, portacolori di una scuderia locale col sostegno del pubblico. Vittoria Med e Super Motiva «guastatrici», ma attenzione anche a Maggy Cove che avrà in sella Sebastiano Guerrieri, il «reuccio» tra i fantini della pista. Maratona Lunedì festa di Sant’Ambrogio a Milano con il premio Inverno, classica Maratona sui 2640 metri su due nastri con 19 cavalli al via. Ghiaccio del Nord è impegnato in una risalita complessa, anche perché davanti ci sono specialisti come Liliana Simoni, e allo stesso nastro ci sono Libeccio Grif, Fitzgerald Bigi e Irambo Jet. Martedì si va a Roma con il classico premio «Allevatori», un gruppo 1 per i puledri di due anni. Noak Lb e Nancy’s Treb cercano la rivincita dopo un Gran Criterium sfortunato. Nieves Vl vuole confermarsi, Nemon Winner è pronto a sfruttare le evenienze e poi ci sono gli altri. In tutto 18. Scommettiamo che ci sarà qualche sorpresa.

2,20 Brescia Spicca l’alta quota dell’«1» (2,20) in Brescia-Empoli. I lombardi dell’«airone» Caracciolo inseguono la zona playoff, ma occhio alla forma dei toscani, reduci da tre vittorie di fila: in agguato la «X», a 2,90

4,75 Frosinone Il Frosinone di Moriero va a caccia del riscatto (non vince da cinque turni) sul campo del Cesena, al quarto posto in classifica. Il colpo dei ciociari si gioca a 4,75, rispetto all’1,90 dell’«1» romagnolo. Il pareggio è a 3,00

1,75 Villarreal Il Villarreal di Giuseppe Rossi affronta in casa il Getafe. Piace il segno «1» a 1.75. Quasi la stessa quota per un probabile Over (1,70). Sale la posta scegliendo l’opzione dell’«1» a fine primo tempo, esito dato a 2,40


32 R

SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT

Vagary. Il tempo dei tuoi desideri.

€ 79,00

€ 129,00

www.vagary.it Prodotto e garantito da

®

- Lo trovi nelle migliori orologerie della tua città.


SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT

33 R

fÈ ufficiale: un anno di contratto con la

MOTORI

Citroën. Makinen consigliere di fiducia

Raikkonen non sarà un bluff Munari: «Nei rally andrà più forte di Rossi». Anche Loeb lo promuove. Debutto a gennaio nell’Artic ANDREA CREMONESI

LA SCHEDA

5 RIPRODUZIONE RISERVATA

O

d«Se un pilota sa guidare una F.1, è in grado di farlo anche nei rally». Così domenica scorsa, quando ormai le trattative sembravano a buon punto, Sebastien Loeb, l’alsaziano da sei anni sul trono del Mondiale Rally, aveva dato il benvenuto nel proprio regno a Kimi Raikkonen.

Salto Chiuse le porte della McLaren, che gli ha preferito Jenson Button, il finlandese ha mantenuto fede alle promesse sussurrate nei fine settimana dei gran premi, dopo che il divorzio da Maranello era diventato di dominio pubblico: «Se non trovo un team competitivo, magari corro in altre discipline». E così è stato: complice la Red Bull, che ha accompagnato la sua carriera sin dalla F. Renault (la sua borraccia è sempre griffata con il marchio della nota bevanda energetica), il finlandese ha compiuto il grande salto, diventando il primo campione del mondo di F.1 a cimentarsi a tempo pieno nei rally. Kimi ci entra dalla porta principale perché guiderà una Citroën C4 identica a quella di Loeb e avrà al suo fianco Kaj Lindström, già navigatore del 4 volte iridato Tommi Makinen (che dovrebbe diventare suo consigliere personale). Inoltre poter correre nello junior team (quello di Ogier) gli consentirà di godere di un trattamento di prim’ordine, senza l’assillo di andare subito forte, come saranno obbligati invece a fare Loeb e Sordo. Radici Nato in una terra di rallisti, dove il controsterzo si impara guidando d’inverno su neve e ghiaccio, con un fratello (Rami) tra i protagonisti del campionato nazionale (miglior piazzamento un 2˚ posto 5 an-

KIMI RAIKKONEN

x taccuino HANNO A MONTECARLO DETTO Hirvonen sulla Fiesta

30 anni - Finlandia Citroën - Mondiale Rally

Ha conquistato un titolo iridato con la rossa Kimi Raikkonen è nato il 17 ottobre 1979 a Espoo (Finlandia), è sposato dal 2004 con Jenni Dahlman. Vive in Svizzera.

CARRIERA E’ arrivato in F.1 nel 2001 direttamente dalla F. Renault: ha disputato 156 GP con Sauber, McLaren, Ferrari. È stato campione del mondo 2007 con la rossa. Ha vinto 18 gare e centrato 16 pole. HOBBY Da ragazzo giocava a hockey ghiaccio, è un abile sciatore (ma preferisce lo snowboard) e ama le barche. Kimi Raikkonen (sinistra), 30 anni, e Sebastien Loeb, 35, al galà della Fia di Montecarlo nel 2007: il finlandese vinse il Mondiale di F.1 e il francese il Mondiale Rally AFP

ni fa), Kimi non poteva non essere contagiato dall’amore per una specialità che sta facendo proseliti tra le due (Valentino Rossi) e 4 ruote (Robert Kubica). E la Ferrari, forse per indorare la pillola di un divorzio già pianificato, quest’anno ha gettato benzina sul fuoco della passione consentendogli di correre saltuariamente con una Grande Punto Abarth, finita sfasciata nelle foreste della gara di casa, che ha rappresentato il suo debutto iridato. «Ho sempre desiderato correre i rally, in special modo il Mondiale a un certo punto della mia carriera — ha detto ieri Kimi —. E grazie alla Red Bull posso

farlo con la Citroën che è la miglior macchina in circolazione. E’ una sfida nuova ed eccitante. Per il momento ho un anno solo di contratto, poi vedremo cosa fare». Preparazione I test inizieranno a metà gennaio, il 21 il debutto in gara all’Artic Rally, già disputato un anno fa (finì 13˚) poi il 10 febbraio il via del Mondiale sulle strade innevate della Svezia. Delle 13 gare iridate, Kimi salterà soltanto la Nuova Zelanda, che non è nei programmi Citroën. Ma come se la caverà l’ex ferrarista? «Arrivare al top non sarà facile — pronostica Loeb — an-

che se è più semplice prendere confidenza con le note che con una F.1». Sandro Munari, che ha corso anche in pista coi Prototipi Ferrari, è convinto che «possa andare forte. Ma sarà tutta una questione di testa. E comunque andrà più forte di Rossi, non fosse altro perché ha più esperienza». Lindström, che gli ha corso a fianco, aggiunge: «Ha un talento naturale che gli ha consentito di lottare ad armi pari con gente che ha più esperienza di lui». Infine i soldi: l’ingaggio è segreto ma c’è chi giura che Kimi non prenda più di 1,5-2 milioni di euro. D’altro canto ne ha già incassati 15 dalla Ferrari!

R QUESNEL (d.s. Citroën) «Siamo orgogliosi che Kimi abbia scelto noi per questa avventura nei rally»

dIl finlandese Mikko Hirvonen farà debuttare la nuova Ford Fiesta S2000 al Rally di Montecarlo (19-23 gennaio). La prima manche del Challenge Intercontinental Rally (IRC) servirà al vicecampione del mondo per preparare la nuova sfida a Sebastien Loeb quando, a febbraio 2010, tornerà al volante della Ford Focus Wrc.

RITIRO DALLA F.1

Toyota: 500 a casa dIl ritiro della Toyota dalla F.1 costerà il posto a 500 persone: lo ha annunciato ieri un portavoce. Nel frattempo Peter Sauber ha confermato che motori e cambio del suo team saranno forniti dalla Ferrari e che punta a ingaggiare un pilota di esperienza e a uno giovane.

R 500 MIGLIA DI KART Massa sfida Rubens

P. SOLBERG (iridato 2003) «Una volta che avrà imparato le cose basilari, come le note, sarà una sorpresa per molti»

dFelipe Massa e Rubens Barrichello sono le stelle della 500 Miglia di Granja Viana, gara di kart a squadre che si corre oggi (11 ore per 644 giri). Per Felipe è la prima gara da quando è diventato papà. Rubens qui ha vinto 8 volte. ALESI AZIONISTA Jean è entrato nel cda delle storiche penne «Montegrappa»: ha il 10% delle azioni.

ENDURO INDOOR

R FIORIO Mondiale a Genova «Bel colpo pubblicitario. Ma per vincere dovrà fare tanta gavetta. E se si ferma un solo anno...»

d(d.a.) Si corre stasera alle 20 al Palasport di Genova la 2ª prova del Mondiale Indoor Enduro. Al via tutti i migliori con il leader della classifica Taddy Blazusiak (Ktm) che dovrà vedersela col campione in carica Ivan Cervantes (Ktm) e l’ex iridato trial Dougie Lampkin (Beta). Tra gli italiani Simone Albergoni (Ktm) e Alessandro Botturi (Ktm).

MOTOR SHOW È PARTITA A BOLOGNA LA RASSEGNA CON LA NUOVA FORMULA

Fisichella: «Sono nella lista Sauber» «L’importante è stare nel mondo Ferrari» Mercato auto: ci vogliono gli incentivi DAL NOSTRO INVIATO

MARIO VICENTINI 5 RIPRODUZIONE RISERVATA

BOLOGNA d La Ferrari, il Motor Show che torna alla tradizione di gare e spettacolo, Giancarlo Fisichella. Sono gli elementi che hanno attirato l’attenzione dei visitatori nella giornata di apertura.

Rossa Fisichella non c’era per il taglio del nastro, bloccato a Roma da un incidente sul Grande Raccordo, mentre andava in aeroporto, ma si è rifatto nel pomeriggio firmando autografi nel portico centrale, un salotto al coperto con un enorme tappeto rosso e 5 Ferrari esposte: due 430 GT — col numero 50

la vincitrice della coppa Fia GT2, con l’82, la regina dell’American Le Mans — una 430 Scuderia, la 599XX prototipo e la F60 di F.1. Dopo un’annata storta, le domande a Fisichella erano tutte sul futuro. «Che è sinonimo di vittoria. Sono pilota collaudatore Ferrari, spero di contribuire allo sviluppo di una vettura vincente. Quest’anno correre con la Ferrari è stato il coronamento di un sogno. Contavo di fare meglio, ma la F60 era difficile da guidare. Se correrò con la Sauber? L’importante è stare nel mondo Ferrari. Non sono stato contattato, ma so che sono nella lista dei piloti». Premi Il Motor Show è anche occasione per premiare i piloti. Ieri a Monte del Re, presso Imola, Mirko Bortolotti ha ricevuto dal settimanale Autosprint il Casco d’Oro tricolore come miglior italiano per la stagione in F.2 e il test in Ferrari. Premiato anche Gabriele Tarquini, iridato Turismo.

Convegni Al Motor Show si è parlato anche di incidenti, oltre che del futuro elettrico dell’auto. Ieri c’era l’assessorato al Traffico dell’Emilia che offriva un happy hour analcolico a chi si sottoponeva all’alcol test. «Sulle nostre strade muoiono ogni giorno 13 persone — ha detto il presidente dell’Aci, Enrico Gelpi —: una guerra non dichiarata che costa all’Italia 4 miliardi». Una Finanziaria. Incentivi Intanto, secondo il Centro Studi Promotor, l’arresto delle caduta delle immatricolazione in questo secondo semestre sarà seguito da un consolidamento nel 2010, mentre dal 2011 dovrebbe delinearsi una ripresa che due anni più tardi porterebbero le vendite a 2.350.000. Ma perché ciò accada, occorre, secondo l’Anfia, che gli incentivi vengano riconfermati anche nel prossimo anno. Quest’anno ad esempio hanno permesso di chiudere con 2.160.000 immatricolazioni.

s MADRINA

R CLAUDIA GALANTI Di origini paraguaiane, 27 anni, modella. Andrà all’Isola dei Famosi

Giancarlo Fisichella, 36 anni, firma autografi ai tifosi Ferrari nel giorno d’inaugurazione del Motor Show

LA GUIDA Oggi esibizione con la F60 e cambio gomme Il Motor Show è in programma alla Fiera di Bologna fino all’8 dicembre. PROGRAMMA Oggi giornata Ferrari con l’esibizione in pista dalle 13.30 della F60 guidata da Luca Badoer e cambio gomme con i meccanici. ORARI E BIGLIETTI Tutti i giorni dalle 9 alle 18. Gli ingressi: Aldo Moro, Costituzione e Michelino. Biglietto intero: 15 euro, prevendita sul sito www.motorshow.it 12,60 e, donne 12 e, ragazzi da 7 a 13 anni 12 e (gratis i bambini fino a 6 anni). RISULTATI Le gare di ieri. Nella Porsche Carrera Cup Italia trionfo del campione italiano Alessandro Balzan. Sul podio anche Alessandro Bonacini, 2˚, e Massimiliano Fantini, 3˚. La sfida della Renault Clio Cup Italia è andata al genovese Emanuele Balestrero. Secondo Francesco Iorio davanti a Ezio Muccio. Infine il bresciano Enrico Garbelli ha vinto la F.2000 Light battendo sul bagnato Simone Patrinicola.


34 R

SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT

Scopri ogni giorno un nuovo mondo.


SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT

35 R

CICLISMO IL CASO y

Bettini in fuga dal fisco «Ha evaso 11 milioni»

I REATI DAL 2003 AL 2008

L’indagine è svolta dalla Guardia di Finanza di Cecina e Livorno, e dall’Agenzia delle entrate di Pisa

Omessa denuncia

La Finanza accusa: residenza fittizia a Montecarlo, gli interessi sempre in Italia LUIGI PERNA 5 RIPRODUZIONE RISERVATA

d Nei momenti difficili, ha sempre tirato fuori il carattere. Come in quella vigilia tremenda del Mondiale di Stoccarda 2007, quando reagì alle accuse doping di Sinkewitz con parole di fuoco e querele che sono ancora in tribunale, per poi conquistare alla domenica la sua seconda maglia arcobaleno mimando uno sparo verso i contestatori tedeschi.

Replica Oggi Paolo Bettini sceglie invece l’ironia, per rispondere all’accusa di evasione fiscale da 11 milioni di euro che arriva dalla Agenzia delle Entrate, secondo cui il campione

livornese avrebbe avuto una residenza «fittizia» nel Principato di Monaco, paese a fiscalità privilegiata, tra il 2003 e il 2008. «Undici milioni? Mi viene da sorridere, perché la cifra è un po’ alta...». L’indagine, durata quasi un anno e coordinata da Antonio Giaconi, sostituto procuratore di Livorno, è stata svolta dalla Guardia di Finanza in collaborazione con il nucleo anti fro-

«Mi viene da sorridere, la cifra è un po’ alta...» Si indaga da un anno: dovrà versare 4 milioni di imposte

de dell’Agenzia delle Entrate direzione provinciale di Pisa. Nel corso degli accertamenti, gli investigatori hanno ricondotto in Italia il centro delle attività economiche e familiari di Bettini, che è risultato proprietario di immobili in provincia di Livorno (oltre che di un casale ristrutturato a Riparbella, sulle colline pisane) e titolare di società che gestiva personalmente. Tra l’altro, è stato controllato anche dove fosse iscritta la figlia a scuola. «E’ da circa un anno che va avanti questo accertamento fiscale — conferma Bettini, 35 anni, che si è ritirato dopo il Mondiale di Varese 2008 —. Gli inquirenti stanno facendo il loro lavoro: sono disponibile

Due volte iridato e olimpionico Paolo Bettini, 35 anni, ha vinto 12 classiche, tra cui Sanremo, 2 Liegi, 2 Lombardia, 2 Zurigo, San Sebastian; iridato 2006 e 2007, olimpionico nel 2004 (ANSA)

a incontrarli per far valere le mie ragioni e chiarire tutto nelle sedi opportune. Spero al più presto. Intanto vado avanti con serenità, a testa alta, pronto ad affrontare la situazione, come ho sempre fatto nella mia vita. Rimangono le fatiche e i sacrifici, non solo in bicicletta, fra cui la scelta di andare a vivere là». Penale Il due volte iridato e olimpionico (Atene 2004) dovrà rispondere dei reati penali di «omessa» e «infedele» dichiarazione dei redditi. «L’accusa di omessa dichiarazione riguarda il 2003 e il 2005, per le restanti annualità (2004, 2006, 2007, 2008) il reato contestato è di infedele dichiara-

Secondo la Gdf, Bettini è responsabile di «omessa dichiarazione» nel 2003 e 2005

Dichiarazione infedele E’ accusato di «dichiarazione infedele» nel 2004, 2006, 2007 e 2008, per aver indicato solo i redditi da immobili

I PRECEDENTI

Valentino Rossi ne pagò 35 Bettini è l’ultimo big di una lista molto ricca ad aver problemi con il Fisco. Due anni fa, il caso di Valentino Rossi: a fronte di una contestazione di 112 milioni di euro per il periodo 2001-2006, il pilota di Tavullia ha chiuso il procedimento pagando 35 milioni. Alberto Tomba versò 4,8 milioni per un’evasione di 11,8 milioni dal 1993 al ’95, il tenore Luciano Pavarotti pagò 12,5 milioni nel 2000 per sanare 10 anni. E poi Fisichella, Cipollini (1 milione), Van Basten, Rebellin, Maradona, Cappellini, Van Basten.

zione, per avere indicato i soli redditi degli immobili posseduti. Il volume di reddito nascosto — spiega l’Agenzia delle Entrate — è di circa 11 milioni di euro, corrispondenti a un’imposta da versare da oltre 4 milioni». Che cosa farà ora Bettini? Cercherà un accordo per saldare il debito, come Valentino Rossi, Alberto Tomba e tanti altri sportivi di una lista lunghissima? «Intanto devo capire che cosa mi viene contestato, perché ho appreso la notizia alla radio, anche la cifra: non c’è niente di ufficiale. Spero che le mie imprese non siano offuscate da ciò che sta succedendo. Credo che le grandi vittorie rimangano comunque».

p

la visita

Ecco Horrillo: si salvò al Giro L’intervista-video è su Gazzetta.it Pedro Horrillo di nuovo in Italia. Lo spagnolo, 35 anni, è venuto a trovarci in Gazzetta (foto IPP). Il 16 maggio al Giro, dopo un volo di 80 metri, si è schiantato sulle rocce. Il suo salvataggio fu un capolavoro (a sinistra, foto BETTINI). Ieri ha voluto andare sulla discesa dal Culmine di San Pietro, dove volò. Da un mese e mezzo pedala. Guarda il video su Gazzetta.it

taccuino IN BELGIO CON BALLAN

Pozzato, cross per i bambini disabili

chiesto una squalifica di due anni per Maurizio Biondo, positivo all' Epo in un controllo a sorpresa il 12 agosto. Decisione il 25 gennaio.

dIl tricolore Filippo Pozzato disputa oggi a Mol (Belgio) un cross per beneficenza a sostegno di bambini disabili. La gara è stata ideata da Tom Boonen, che abita a Mol: ci saranno Ballan, all’ultima uscita con la maglia Lampre, e Tosatto. DOPING: 2 ANNI PER BIONDO — La Procura antidoping del Coni ha

IRIDATO PARACICLISMO

Festa Pittacolo d(al. fr.) Oggi Porpetto (Ud) festeggia Michele Pittacolo, tre volte iridato di paraciclismo. In una cornice natalizia a lui dedicata, sarà possibile ricevere e spedire gratuitamente cartoline d’auguri.

Tecnologia giapponese per una vista migliore


36 R

SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT


SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT

37 R

TENNIS FINALE DI COPPA DAVIS

Nadal risorge e la Spagna vola Rafa sull’amata terra domina Berdych, poi Ferrer rimonta due set a Stepanek e vince dopo oltre 4 ore

y

DAL NOSTRO INVIATO

VINCENZO MARTUCCI 5 RIPRODUZIONE RISERVATA

OGGI IL DOPPIO DALLE 16

BARCELLONA (Spagna) dDue a ze-

ro. La Spagna è vicinissima al quarto trionfo di coppa Davis ed esulta, insieme ai 16.500 posti del Palau Sant Jordi di Barcellona (esclusi i 1500, orgogliosissimi, tifosi ospiti). Ma la prima giornata è il successo del tennis, non a caso sulla madre terra (rossa), perché esalta la forza mentale dell’eroe di casa, Rafa Nadal, e il talento tecnico di Radek Stepanek, che pure s’inchina, d’un soffio alla resistenza/abnegazione di David Ferrer. Difesa Non è facile, questa Davis, per il re della terra rossa, Nadal, indebolito nella fiducia dal digiuno di successi da Roma, dai due infortuni (ginocchia e addominali) e dalle ultime 4 sconfitte di fila (come non gli era mai capitato). Infatti parte con le orecchie basse, nervosissimo, si trincera in una difesa arcigna, sputando sangue, spingendo di rabbia la palla che proprio non gli cammina, aggrappandosi più che mai al dritto: «Devo spingere con quello, perché ora col rovescio il mio gioco è troppo comune». Mentre il bel picchiatore Tomas Berdych, esempio di talento incompiuto, spara servizi, dritti e rovesci con facilità e incoscienza per un’oretta, fino al 5-4 di un primo set equilibratissimo.

BARCELLONA

Un rovescio di Rafael Nadal, 23 anni: è numero 2 al mondo. Lo spagnolo è nato a Manacor, sull’isola di Maiorca REUTERS

Svolta Il pubblico non basta, l’altoparlante canta «Besame, besame mucho», l’atmosfera è quella calda, di Davis, Rafa è sotto 0-30 al servizio e lotta come un disperato, corre, le prova tutte, anche se sembra lì lì

per crollare. Ma, per sua fortuna, il ceco senz’anima sfugge (ancora) dalla lotta: «Avessi preso le mie occasioni magari il match sarebbe andato in tutt’altro modo. Sul 5-5, ho sbagliato perché ho servito male,

GUARDA SUL SITO IL NUOVO SPOT DELLO SPAGNOLO VERDASCO

(Palau Sant Jordi, terra rossa indoor): Spagna-Repubblica Ceca 2-0 Ieri: Nadal (Spa) b. Berdych (Cec) 7-5 6-0 6-2; Ferrer (Spa) b. Stepanek (Cec) 1-6 2-6 6-4 6-4 8-6. OGGI, dalle 16 (le formazioni si possono cambiare fino a un’ora prima): Lopez-Verdasco (Spa) c. BerdychStepanek (Cec) DOMANI, dalle 12: Nadal (Spa) c. Stepanek (Cec), prec. 4-0 (2-0 terra); Ferrer (Spa) c. Berdych (Cec), prec. 4-2 (3-2 terra). IN TV Diretta RaiSport Più

Gazzetta.it

ma poi Rafa ha cominciato a giocare in modo incredibile, e qualsiasi cosa provassi non c’era niente da fare». Nemmeno la fidanzata/collega, però, carina e incompiuta come lui, Lucie Safarova, avrebbe perso 13 games di fila, fino al 7-6 6-0 4-0. Uscendo dal campo prima mentalmente, poi fisicamente («Non sapevo più che fare, sono andato alla toilette, giusto per cambiare qualcosa»), e tornando per il 6-2 finale, in due ore e mezza. Braccio Sull’1-0 Spagna, la scena se la prende Radek Stepanek dal gioco vecchio, e cioé classico e diverso, d’attacco. Il figliol prodigo della squadra ceca, il doppista riciclato da Korda (e, ultimamente, da Lendl), il brutto che conquista — le colleghe Martina Hingis e Nicole Vaidisova, e chi ama il gioco di tocco — fa impazzire per due set (6-1 6-2) piè veloce David Ferrer. Lungolinea, smorzate e discese a rete ubriacano Ferrer, ma il ceco non sfrutta le occasioni (10/25 sulle palle-break), non vince in 3 set, come potrebbe, ne perde due 6-4 6-4, è cede in 5, per 8-6 dopo 4 ore 18 minuti. Lui che, contro Karlovic, aveva resistito a 77 ace, e l’aveva spuntata per 16-14 al quinto in quasi 6 ore. Con Nadal capo-popolo: «Che pubblico, che atmosfera, qui a Barcellona non perdo dal 2003, sono più un uomo-squadra che un singolarista, insieme agli amici, è bello vincere e anche perdere».

BOXE Donne: mosca Wbc

Galassi, una lezione Mondiale Domina ai punti la Oubaita

C’E’ LA CONFERMA

Pacquiao e Mayweather il 13 marzo

In Austria la romagnola dà un saggio di tecnica alla rivale francese: decisivo il sinistro. L’iridata ora sogna: «Sono contentissima, voglio la riunificazione» RICCARDO CRIVELLI 5 RIPRODUZIONE RISERVATA

dUn grande poster del ghiacciaio del Rettenbach dietro al ring, pubblico (pochino) svagato, un po’ per l’ora decisamente insolita per un match (le sette di sera) e un po’ perché da quelle parti sono più abituati a veder schivare paletti da slalom che diretti o ganci al volto.

Simo regina Insomma, l’atmosfera di Soelden, una delle perle sciistiche austriache, non sembrava idonea a scaldare una serata di pugni, ma è bastato il talento di Simona Galassi per illuminare la scena con una rappresentazione degna di una regina: la Regina di Romagna, appunto, come da azzeccatissimo soprannome. La campionessa di Bertinoro, che difendeva per la terza volta la corona iridata Wbc dei mosca conquistata il 29 marzo 2008, ha dato una lezione di

stile, di scherma, di tattica alla scorbutica francese Oubaita, cui non è bastato avanzare con coraggio per 10 riprese per colmare un divario tecnico troppo grande: per due giudici, Simo ha vinto nove riprese su dieci. Che sinistro Un dominio assoluto, costruito grazie al miglior allungo e soprattutto a un sinistro magistrale, che la Galassi ha saputo portare in tutte le salse (particolarmente ficcante il diretto scagliato con impressionante velocità d’esecuzione) soprattutto quando l’avversaria cercava di accorciare la distanza per trovare il corpo a corpo, la soluzione più congeniale per una piccola guerriera come lei. Un’esibizione che ha riempito gli occhi e il cuore di Valerio Nati, tigre di antico pelo che conduce l’iridata dall’angolo: «Simona è migliorata ancora — gongola soddisfatto il mae-

Simona Galassi, a ds., entra con il destro nella guardia della Oubaita REUTERS

Simona Galassi ha 37 anni REUTERS

Futuro E invece è arrivata quasi in scioltezza la 12ª vittoria in carriera (un pari e un no contest), che adesso, con l’appoggio del manager Cherchi, potrebbe schiuderle prospettive enormi: «Sono contentissima — sorride Simona — anche perché quest’anno avevo combattuto solo due volte: ora si parla di una riunificazione con la tedesca Kentikian, ci sareb-

bero in ballo un bel po’ di soldi, credo di essermi meritata una chance del genere, sarebbe un match bellissimo e molto tirato». Nel primo incontro della riunione rapido successo per il welter Moscatiello, nipote di Fragomeni, che ha messo ko dopo 90" l’ungherese Molnar.

stro forlivese — e quel sinistro è frutto dell’abilità di muoversi lateralmente che ha costruito negli allenamenti per questo match: prima tendeva ad andare dritto per dritto e si esponeva alle testate delle rivali, una situazione che contro la francese, che avanzava come un ariete, avrebbe potuto costarle caro se non si fosse preparata al meglio».

Mosca, Mondiale Wbc: Galassi (camp., 12-0-1) b. Oubaita (Fra, 9-2-1) p. 12 (99-91, 99-91, 98-92)

Manny Pacquiao contro Floyd Mayweather si farà il 13 marzo: ad annunciarlo è stato Michael Koncz, responsabile della società che promuove gli incontri del 30enne filippino. (r.g.) Grande serata a KHAN-SALITA Gran serata a Newcastle (Gb) imperniata sulla prima difesa della cintura Wba superleggeri di Amir Khan (21-1) di origine pakistana e musulmano praticante, contro l’ucraino di stanza negli Usa, Dmitri Salita (30-0-1) ebreo ortodosso. Entrambi hanno rilasciato dichiarazioni concilianti nel rispetto dell’altra fede religiosa. Sul ring si prevede battaglia aspra. HUCK (r.g.) A Ludwigsburg (Ger) per il locale Marco Huck (26-1), vincitore di Aurino e Tuiach, prima difesa del mondiale massimi leggeri Wbo, contro l’inglese Ola Afolabi (14-1-3) residente negli Usa, campione a interim. Sul ring, il massimo Francesco Pianeta (19) sugli 8 round contro il russo Orlov (10-5-1). PICARDI (r.g.) Un solo italiano, il mosca Vincenzo Picardi nella squadra Europa 1, impegnato nella President Cup, torneo a squadre a Baku (Azerbajan) da domani.


38 R

SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT

fLa coppa del mondo sbarca a Cesana: oggi il

BOB

bob a 2 e le donne, domani il bob a quattro

y taccuino

LA SCHEDA

O

Skeleton: ieri male SLITTINO: AD ALTENBERG gli azzurri Zoeggeler per il tris Debutta Obkircher

SERGIO RIVA 26 ANNI FRENATORE

Personale di 10"52 sui 100

Oggi A Cesana il bob a 2 (ore 14.30): per l’Italia Bertazzo-Turri e Tosini-Riva. Donne dalle 18: Gillarduzzi-Curione e Iossi-Mollica.

Nato a Bergamo, 177 cm per 92 kg, prima di passare al bob nel 2006 ha fatto 14 anni di atletica: nei 100 vanta un personale di 10"52. In Coppa ha come miglior piazzamento l’8˚ posto di Park City 2009 con Bertazzo.

Il bob a 4 azzurro, guidato da Bertazzo. Riva è l’ultimo uomo EPA

«Ho corso contro Bolt ora voglio Vancouver» Riva sfidò Usain con la 4x100 quinta ai Mondiali juniores del 2002. Oggi è frenatore di Italia 2: «Qui mi sembra di essere l’omino Michelin» SIMONE BATTAGGIA 5 RIPRODUZIONE RISERVATA

dDi quella finale della 4x100 ai Mondiali juniores 2002 in Giamaica, Sergio Riva mantiene un bel ricordo. «C’era lo stadio pieno, chi era fuori saliva sugli alberi per scavalcare ed entrare. Dentro era una festa unica, tantissimi avevano i bonghi, la gente ballava. Io ero l’ultimo frazionista, presi il testimone da Andrew Howe e riuscii a tener dietro Germania e Francia. Finimmo quinti, migliori tra gli Europei. Usain Bolt però non lo vidi: i giamaicani erano più avanti di noi, con Trinidad e Usa fecero un’altra gara...».

Velocista frenatore Oggi Sergio Riva sarà di nuovo in pista, ma sotto i suoi piedi ci sarà il ghiaccio di Cesana e non il tartan di Kingston, e di gradi ce ne saranno una trentina in meno. Da velocista a frenatore: il destino negli opposti. «L’atletica è stata il mio primo sport,

l’ho praticata per 14 anni e ancora oggi mi viene la voglia di riprovarci. Nelle gare regionali non sfigurerei, anche se da 78 chili sono passato a 92. L’alto livello però non fa per me. Da noi chi è forte scrive comunque la propria storia in Italia, non fuori. In quei Mondiali noi sembravamo bambini, mentre i giamaicani dimostravano 7-8 anni in più. Bolt non era l’unico fenomeno». Meglio di Gardaland Così, tre anni fa, Riva si è avvicinato al bob. «Quasi per scherzo. Fui invitato ad alcune prove a Cesana, ma presto mi fecero capire che in spinta avrei potuto essere competitivo. Nel giro di un mese e mezzo ero in coppa del mondo e ora sogno Vancouver 2010». Riva dice che il balzo da uno sport e l’altro non è stato affatto facile. «All’inizio tutti hanno paura. La

Sergio Riva, 26 anni. Vanta anche due titoli italiani nel bob a 2, conquistati nel 2008 a Cortina e nel 2009 a Cesana, sempre con Bertazzo FISI

sensazione della discesa è troppo forte, nemmeno sull’ottovolante di Gardaland provi le stesse cose. E poi col freddo è più difficile mettersi in moto. A -20 sei vestito come l’omino Michelin, altro che stretching...». In più c’è il passaggio da uno sport individuale al far parte di una squadra. La borsa «Non è vero che conta solo il pilota e che il frenatore non faccia altro che spingere alla partenza, farsela sotto in pista e sperare di arrivare vivo. Ognuno deve fare il suo, prima durante e dopo. Io ad esempio prima di una discesa porto la borsa del pilota in spogliatoio, come è tradizione, ma in più gli tiro fuori il casco e glielo metto sopra l’armadietto, come per dirgli "guarda che io ci sono". Nell’atleti-

Ieri Così nello skeleton. Uomini: 1. Montgomery (Can) 1’55"54 (57"62/1˚+57"92/3˚); 2. Dukurs (Let) a 0"47; Pain (Can) a 0"51; 24. OIOLI 59"51. Donne: 1. Rudman (Gb) 1’57"46 (58"75/1˚58"71/1˚); 2. Trott (Ger) a 0"35; 3. Hollingsworth (Can) a 0"67; 21. ZANOLETTI 1’00"80.

ca ero abituato a gestirmi da solo, mentre qui c’è il giorno che tu sei scazzato, e magari il pilota è carico a mille, eppure si scende insieme». Fiducia Orfana della pista di Cortina, per l’Italia del bob non sono più i tempi di Eugenio Monti, e anche l’oro di Guenther Huber e Antonio Tartaglia a Nagano 1998 sembra distante secoli. Quest’anno nel «due» Riva ha fatto da frenatore a Simone Bertazzo, ma sono arrivati solo un 14˚ e un 13˚ posto. Eppure due anni fa, proprio a Cesana, il pilota cadorino trionfò con Romanini. Riva è fiducioso. «Quando siamo andati a provare la pista di Vancouver 2010, abbiamo vissuto per due settimane fianco a fianco, in sei in un appartamento. L’affiatamento c’è: so che qui posso avere delle ambizioni, a differenza di quando facevo atletica». I giamaicani ci sono anche nel bob, ma Usain Bolt per fortuna ha scelto un’altra strada...

Dopo le vittorie di Calgary (Can) e Igls (Aut), Armin Zoeggeler cerca il tris oggi ad Altenberg, terza tappa di coppa del Mondo. Prima discesa alle 8.30, seconda alle 10.10, differita su Eurosport 2 alle 11.15. Oltre al biolimpionico, a Willy Huber e a Reinhold Rainer, in pista anche gli altri azzurri David Mair, ieri secondo in Nations Cup, e per la prima volta anche il 20enne Achim Obkircher, qualificato con il 16˚ tempo. A seguire il doppio (11.45 e 12.45, diretta Eurosport 2): scendono Plankensteiner-Haselrieder, Fischnaller-Schwienbacher, ieri primi e secondi in Nations Cup, oltre a Oberstolz-Gruber.

SCI DI FONDO

A Dusseldorf con la Follis A Dusseldorf (Ger), torna la Coppa del Mondo con due giornate dedicate allo sprint a tecnica libera. L’Italia propone l’iridata della specialità, Arianna Follis, e gli ex iridati a coppie, Cristian Zorzi (già sul podio nel 2004 in questa pista tedesca) e Renato Pasini, all’esordio stagionale dopo i problemi alla spalla. Ci sarà anche Fabio Pasini, sul podio nella scorsa stagione. Debutta anche l’emergente Gaia Vuerich, figlia di Stefano. Domani test per la Follis e Magda Genuin. Fulvio Scola gareggia da testimonial di Dolomiti stars. Oggi. Sprint tl. Ore 12.45: fase finale diretta Rai Sport Più ed Eurosport. Uomini: Zorzi, Hofer, Scola, F. Pasini, R. Pasini. Donne: Follis, Genuin, Moroder, Brocard, Vuerich.

BIATHLON

Lo sprint in Svezia Oggi a Oestersund (Sve) le sprint, donne di 7,5 km (11.30, Ponza, Fiandino e Perathoner) e uomini di 10 km (14.30, De Lorenzi, Vuillermoz, Windisch, Hover e Cola. Dir. Eurosport.

SALTO E COMBINATA

Morassi in Norvegia Oggi a Lillehammer (Nor) alle 16 (dir. Eurosport) la 3ª tappa della Coppa di salto, con Morassi in gara dopo aver chiuso 21˚ le qualifiche di ieri, Fuori Colloredo (42˚) e R. Dellasega (51˚). Sempre a Lillehammer, Pittin è 31˚ nella Gundersen di combinata nordica dopo la prova di salto. Michielli 60˚, Runggaldier 64˚. Intanto sono stati cancellati per assenza di neve salto e combinata del 12 e 13 dicembre ad Harrachov (R. Ceca).

PALLAVOLO Il ritorno

Rinaldi, libero di riprovarci Dopo l’addio a Modena, pronto con Piacenza: «Non volevo finire così» MATTEO MARCHETTI 5 RIPRODUZIONE RISERVATA

PIACENZA dNon si è mai sentito un ex giocatore Pietro Rinaldi. «Quando ho chiuso con Modena non ero ancora finito». Eppure, dopo 18 anni, il campionato è partito senza di lui. Ma il libero non si è seduto su una poltrona a ripensare a Champions, Supercoppe e Coppe Cev in bacheca. Subito a Roma ad allenarsi un paio di volte alla settimana con una squadra di B. «La pallavolo — spiega — è la mia vita.

Non volevo lasciare così». Così quando è squillato il telefono e dall’altra parte ha sentito la voce di Lorenzetti, sono tornati anche gli stimoli. «Mi ha chiesto se potevo dare una mano a Piacenza, non ci ho pensato due volte e sono salito in macchina. Avevo avuto contatti con un’altra squadra, ma non era il massimo per la mia famiglia che vive a Modena». In prova Il CoprAtlantide deve trovare un sostituto per Durante, che rimarrà fuori un mese a causa della rottura del legamento di un polso. Ci sono i primi esami senza appello della stagione e i biancorossi non possono affidarsi a soluzioni improvvisate. Ufficialmente Rinaldi non è ancora piacentino, sul suo tesseramento si deciderà a

Pietro Rinaldi, 37 anni TARANTINI

breve. Ma in allenamento i compagni lo trattano già come uno del gruppo. «Bravo Rino» gli urla Meoni dopo una ricezione in tuffo su una bomba di Zlatanov, che il “velox” valuta a quasi 120 all’ora. «Da tempo non mi allenavo a questi livelli, mi manca il tocco di palla, ma quando ti prepari con grandi campioni è tutto più facile». L’incognita più grande è sulle condizioni fisiche. «Sto bene, in questi mesi ho proseguito il lavoro in piscina che svolgo da vent’anni e fino a ora mi ha permesso di evitare infortuni seri». Non fa progetti a lunga scadenza Rinaldi. Quando rientrerà Durante i due si giocheranno il posto da titolare. «Sono a Piacenza per dare una mano, ce la metterò tutta e poi vedremo cosa deciderà la società».

A-1 UOMINI 14a GIORNATA

Modena: Meszaros va in Turchia Oggi anticipo a Forlì alle 15.30 La Trenkwalder Modena ha risolto il contratto con Domotor Meszaros. L’italo ungherese andrà in Turchia (Izmir?). Modena per ora non interverrà sul mercato (interessava Martino, ma la Lube non molla). Intanto oggi nella trasferta di Forlì torna a disposizione Piscopo, dubbio Kooy-Casoli. Gli altri: Dennis-Esko, Kooistra-Pagni, Diaz-Casoli o Kooy, Manià libero. Solito sestetto per la Yoga: Coscione-Carroll, Stancu-Loglisci, Maric-Popp, De Pandis (L). A disposizione anche il neo acquisto Gotch, che indosserà la maglia n. 18. Si gioca: alle 15.30, differita Rai 3 alle 17. Arbitri: Cipolla e Castagna.

A-2 (f.c.) Mantova ha chiesto la non omologa, accordata dal Guf, del match perso 3-1 a Ravenna per errore tecnico degli arbitri. Se ci sarà l’ammissione di errore, la partita sarà ripetuta. Oggi, 11o turno (ore 18): Padova-Isernia; Crema -Bologna; S. Croce-Città di Castello; Bassano-Ravenna; Sora-M.Roma; CastellanaCavriago; Mantova-Massa (20.30 dir. Snai Sat). Rip.: Gioia. Classifica: Roma 22; Castellana 21; Bologna 20; Sora, Ravenna 19; Crema 15; Bassano, Padova, S. Croce, Città di Castello 13; Cavriago 11; Gioia 10; Isernia 8; Mantova 7; Massa 6. A-2 DONNE (m.l.) Oggi (17.30) anticipo 10a giornata: Linkem Club Italia–Edilcost Ancona.


SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT

SCI

COPPA DEL MONDO Palestra E così la dolce Lindsey, ormai da un po’ di anni, si è messa in testa un’idea meravigliosa: «I ragazzi riescono a fare in pista linee più dirette e veloci perché hanno più potenza, così ogni estate passo ore e ore in palestra». E si vede: cosce che farebbero invidia a qualche calciatore. Confida: «In discesa e superG sono in rimonta sui miei colleghi, in slalom me la cavo niente male, in gigante, invece, è molto più complicato. Faccio fatica a trovare le giuste traiettorie. Ma non mi arrendo: sono sicura che prima o poi vincerò anche lì». Il gigante è l’unica disciplina in cui non è mai salita sul podio (miglior piazzamento: 4a). Spiega: «Sono in difficoltà sul ripido, per questo amo Maribor: pista piatta come il mare dei Caraibi». Pure spiritosa, la Vonn. Avere l’attenzione dei media la diver-

Lindsey Vonn, 25 anni, nelle ultime 14 gare disputate sulla pista di Lake Louise ha raccolto 6 vittorie, due secondi e un terzo posto REUTERS

Discesa: superVonn «Copio gli uomini» Lindsey domina a Lake Louise ma finisce sanguinante alla lingua «Mi alleno con loro per imparare: ho quasi battuto Bode Miller...» MASSIMO LOPES PEGNA 5 RIPRODUZIONE RISERVATA

dStupiti che Lindsey Vonn domini le sue rivali e stravinca la prima discesa di stagione a Lake Louise? Beh, se l’aveste ascoltata parlare l’altro giorno ad Aspen, non sareste così sorpresi. La bella Lindsey ha un sogno sigillato nel cassetto: chiudere il gap con gli uomini. Sorride: «Per il momento, mi metto dietro mio marito. Un giorno chissà...». L’aria da dura ce l’ha. Per dire: ieri ha vinto la discesa (la sesta a Lake Louise) dopo aver rischiato di cadere e

Vittoria numero 23 Lindsey Vonn, 25 anni, al traguardo con la bocca sanguinante per un taglio sulla lingua. Per l’americana è la 23a vittoria in carriera, la sesta a Lake Louise REUTERS

LAKE LOUISE

Azzurre k.o.: solo la Merighetti a punti

A fondo Ma quella di ieri è stata anche fra le giornate più nere per le discesiste azzurre. Un quarto d’ora prima del via un

s

dopo essere arrivata sul traguardo con la bocca sanguinante per un taglio alla lingua. All’inizio dell’inverno si è allenata per quasi una settimana con Bode Miller e soci. Sbotta: «Ma lo sapete che una volta ho quasi battuto Bode in superG. Mamma mia quanto è bravo, ha un ritmo superiore a tutti: in allenamento è sempre davanti agli altri. Il modo in cui attacca è pazzesco. C’è un sacco da imparare. Anzi, sono convinta che sciare con i maschi mi permetta di arrivare più vicina ai loro tempi e mi faccia comunque migliorare».

DONNE LA GARA

dA guardare il podio, questa prima discesa della stagione femminile è stata una sfilata di pesi massimi: fra le prime 9 solo la canadese Britt Janyk è sotto i 70 chili. I chili servivano per scivolare veloci sotto la nevicata e su un tracciato che, rallentato dai fiocchi freschi, non presentava particolari difficoltà. Comunque i distacchi che la Vonn ha inflitto sono stati significativi se si pensa che con la partenza abbassata (1’23"13 il tempo vincente) ha messo 52/100 di secondo fra sé e la canadese Brydon e 80/100 alla tedesca Riesch. Tutte le altre a oltre un secondo. Un altro pianeta.

39 R

tecnico esperto come Alberto Ghidoni sussurrava: «Se rinviassero la gara per la nevicata non mi dispiacerebbe. Gli ultimi buoni allenamenti li abbiamo fatti a Panorama oltre 10 giorni fa». Una profezia prontamente avverata. Sola Una sola azzurra è entrata fra le prime 30, Daniela Merighetti, diciassettesima a 1"86. Le altre tutte lontane con distacchi abissali. Non siamo mai stati fulmini di guerra con la visibilità bassa, solo Nadia Fanchini ha mostrato la scorsa stagione di vincerla, ma ieri pure lei è apparsa abulica e si è piazzata 35ª. Si sperava nella sorella Elena, buona nelle prove, invece si è piazzata 39ª a 3"01. Oggi seconda discesa: è necessario tirare fuori almeno l’orgoglio. pa. m.

Oggi 2a discesa Su Eurosport alle ore 20.30 Oggi a Lake Louise (Canada) è in programma la seconda discesa della Coppa femminile che verrà trasmessa in diretta su Eurosport e RaiSport Più alle ore 20.30. Domani invece è in programma il primo superG stagionale. PRIMA DISCESA: 1. Vonn (Usa) 1’26"13; 2. Brydon (Can) a 52/100; 3. Riesch (Ger) 80/100; 4. Janyk (Can) 1"09; 5. Holaus (Aut) 1"31; 6. Gisin (Svi) e Paerson (Sve) 1"41; 8. Aufdenblatten (Svi) 1"44; 9. Revillet (Fra) 1"51; 10. Mancuso (Usa) 1"65: 11. Maze (Slo) 1"70; 12. Fischbacher (Aut) 1"74; 13. Styger (Svi) e Vanderbeek (Can) 1"76; 15. Rolland (Fra) e Kamer (Svi) 1"86; 17. MERIGHETTI 1"86; 35. N. Fanchini 2"78; 36. Recchia 2"87; 39. E. Fanchini 3"01; 41. Mazzotti 3"14; 47. Ceccarelli 3"59; 55. Siorpaes 4"41; 56. Cipriani 4"58; 58. Marsaglia 4"71. Coppa del Mondo (5 prove): 1. Riesch (Ger) p. 236; 2. Zettell (Aut) 220; 3. Vonn (Usa) 209; 13. KARBON 89.

Sesto successo sulla pista canadese. «Adesso mi manca soltanto un podio in gigante» te, al contrario di altri celebri colleghi: «Non dico mai di no a un autografo. Mica mi scordo le peripezie per incontrare il mio idolo Picabo Street: nella cameretta, in Minnesota, ho ancora il suo poster con la firma. Conservo gelosamente anche un tovagliolino di carta con la dedica di Hermann Maier». Federer Quest’estate ha coronato un altro sogno: conoscere Roger Federer. Dice: «Ero a Wimbledon a vedere la finale con Roddick. Che emozione! Poi sono andata al party dopo il match e l’ho conosciuto insieme alla sua famiglia. Che sballo». Ha un’amicizia fraterna con l’acerrima rivale Maria Riesch e niente sembra scalfire le sue sicurezze. Neppure cambiare i materiali con cui aveva conquistato le ultime due coppe generali. Dice: «Fa parte del business. E con i nuovi sci sono felicissima». Nona a Soelden in gigante al debutto stagionale, 2a a Levi in slalom, bucati gigante e slalom ad Aspen, la sua rincorsa al tris di Coppa è appena partita con il primo trionfo dell’anno.

Il trionfo di Janka Heel il migliore: 12o 5 RIPRODUZIONE RISERVATA

BEAVER CREEK (Usa) dDopo la discesa, sembrava il campionato nazionale svizzero. Un poker di elvetici nei primi quattro posti racchiusi in 66/100: Defago, Cuche, Janka, Kueng. Dietro il resto del gruppo, con l’americano Weibrecht, sceso con il pettorale 48, a interrompere quella monotonia. I nostri non sfiguravano: il migliore era Werner Heel, 8o a 1"07, poi Stefan Thanei 10o a 1"31, Patrick Staudacher 11o a 1"33 e Christof Innerhofer 13 o a 1"35. Niente male.

Sfida Scherzava Heel: «Il giovane Werner si sarebbe battuto bene anche nello slalom. Ma ora non vado più così forte. Sono molto soddisfatto di questa

A Vancouver Casa Italia si fa in due ROMA (t.bot.) A meno 68 giorni dall’Olimpiade invernale, presentazione ufficiale al Coni di Casa Italia Vancouver 2010, il quartier generale degli azzurri ai Giochi. La struttura sarà ospitata nella Roundhouse di Yaletown, esempio di archeologia industriale situato nel cuore pulsante delle città canadese. A Whistler, dove si svolgeranno le attività alpine, la seconda location di Casa Italia è stata individuata dal Coni presso l'Hilton Whistler Resort & Spa. Presentato anche il portabandiera azzurro Giorgio Di Centa (nella foto tra Pagnozzi, a sinistra, e Petrucci): «Un’emozione ancora più grande della vittoria di una medaglia olimpica — ha sottolineato il fondista azzurro, oro della 50 km a Torino 2006 — con la mia premiazione ho chiuso l’Olimpiade di Torino 2006, sventolando il tricolore aprirò quella di Vancouver: una continuità che segnerà la mia vita». Di Centa ha poi confidato che puntare a un altro oro gli sembra eccessivo: «A Torino avevo 33 anni, ora sono a quota 37, forse troppi. Ma rientrare in zona medaglia non è impossibile». Per Di Centa sarà l’ultima Olimpiade, ma non l’ultima stagione: «Deciderò dopo Vancouver».

COPPA EUROPA (s.f.) La 18enne tedesca Lena Duerr ha vinto ieri il gigante di Kvitfjell (Nor) con 18/100 su Lene Loeseth (Nor) e 32/100 sulla Hector (Sve). Settima l’azzurrina Lisa Agerer a 1"22 dalla tedesca. Oggi supercombinata (superG + sl), domani superG.

BEAVER CREEK

UOMINI LA PRIMA SUPERCOMBINATA

DAL NOSTRO INVIATO

OLIMPIADE 2010

Oggi la discesa Su Eurosport alle ore 19

discesa, perché hai a disposizione una prova che invece è una gara. Insomma, fai sul serio e hai dei paragoni precisi. Domani (oggi, ndr) punto a stare nei primi otto. Considerando che il mio miglior piazzamento qui è 14o...». Innerhofer si autoincitava con i cerotti gialli appiccicati sulla faccia per ripararsi dalle temperature glaciali di -18: «Go Inner Go!». Staudacher si lamentava per alcuni errori e poi usciva nello slalom. Proprio lo slalom rimette a posto le gerarchie di questa stravagante disciplina. Del poker di svizzeri rimangono in classifica in due: il vincitore Carlo Janka, attuale detentore di questa coppa, davanti al suo connazionale Defago, 2oa 75/100 e al croato Zrncic-Dim a 65/100; 12o e 13o Heel e Innerhofer. m.l.p.

Oggi a Beaver Creek (Stati Uniti) è in programma la discesa (ore 19) che sarà trasmessa in diretta da Eurosport e RaiSport Più. Domani invece andrà in scena il gigante. SUPERCOMBINATA: 1. Janka (Svi) 2’32"26; 2. Defago (Svi) a 43/100; 3. Zrndic-Dim (Cro) 49/100; 4. Grange (Fra) 57/100; 5. Baumann (Aut) 66/100; 6. Svindal (Nor) 70/100; 7. Raich (Aut) 78/100; 8. Lizeroux (Fra) 93/100; 9. Myhre (Nor) 1"35; 10. Viletta (Svi) 1"63; 11. Jansrud (Nor) 1"64; 12. HEEL 1"83; 13. INNERHOFER 1"97; 14. Mermillod Blondin (Fra) 2"05; 15. Theaux (Fra) 2"22; 24. THANEI 3"45; 25. MOELGG 3"63; 27. PARIS 4"99. Rit.: Staudacher Coppa del Mondo (5 prove): 1. Janka (Svi) 260; 2. Cuche (Svi) 226; 3. Raich (Aut) 201; 8. HEEL 116. Coppa supercombinata (1 prova): 1. Janka (Svi) p. 100; 2. Defago (Svi) 80; 3. Znrdic-Dim (Cro) 60.


40 R

SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT


SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT

41 R

BASKET IL CASO

P LE INTERCETTAZIONI TELEFONICHE

«Aiutiamoli che si mangia pesce gratis»

dGli investigatori hanno intercettato una telefonata (tra le molte pubblicate dal quotidiano «Calabria Ora») tra l’ex presidente del comitato arbitri, Giovanni Garibotti, e il figlio Matteo, arbitro, del 15 maggio 2008, il giorno dopo Cecina-Montevarchi, finale playout che ha decretato la salvezza in B2 per il Cecina e la retrocessione in C1 per il Montevarchi. Giovanni Garibotti: «Vabbè, allora ieri sera non ti sembra di aver arbitrato bene». Matteo Garibotti: «No, normale, casalingo, quando arbitri casalingo non puoi arbitrare bene se fischi a favore di uno. Anche perché al Cecina, non gli ho fischiato un passi contro a morire, ogni volta che c’era un contatto, che perdevano il pallone gli fischiavo fallo a

favore. Siamo stati ipercasalinghi, io sono stato ipercasalingo e son tornato tardi, perché siamo andati a mangiare nel ristorante del presidente del Cecina e ha pagato tutto il presidente». Altra intercettazione riguarda una telefonata tra Garibotti e il designatore di B2, Cuomo. Cuomo: «Tocca dare una mano, Già, a coso a quello de... ti ricordi quando siamo andati a mangiare il pesce lì a Porto Empedocle in C1? Sono terz’ultimi in C1, questi retrocedono. Gliel’ho detto, mi fai sapere, mandiamo due laziali». G: «Si si, però... ci invita giù». C: «Si, a mangiare il pesce spada sparato». Telefonata che prosegue due giorni più tardi. C: «Volevamo mandare Ciccodico-

Scandalo arbitri La Fip si smuove Petrucci: «Chi ha la responsabilità ora deve intervenire» Federazione: «Chiediamo l’intero fascicolo penale» PAOLO BARTEZZAGHI 5 RIPRODUZIONE RISERVATA

dMessa alle corde da una situazione che ha assunto negli ultimi giorni contorni sempre più maleodoranti, ieri la Federazione s’è desta. Le intercettazioni pubblicate da «Calabria Ora», nei giorni successivi all’emissione dei 41 avvisi di conclusione d’indagine penale da parte della Procura di Reggio Calabria sullo scandalo arbitrale emerso nella scorsa primavera, hanno offerto uno spaccato sconfortante (vedere articolo sopra). E le 27 condanne emesse dalla giustizia sportiva lo scorso luglio, dalla radiazione per l’ex designatore dei commissari Alessandro Campera a una serie di squalifiche per dirigenti, altri commissari e arbitri, rischiano di non aver chiuso il capitolo.

Petrucci Ancora ieri il presidente del Coni Gianni Petrucci, alla presentazione dell’Olimpiade invernale di Vancouver, ha ribadito la propria posizione con chiarezza inequivocabile: «Non devono esistere ombre

Dino Meneghin (a sinistra) 59 anni, presidente Fip e Gianni Petrucci, 64, presidente Coni CIAMILLO-CASTORIA

nemmeno in serie C. Su questa vicenda chi ha la responsabilità, intervenga». Il presidente Fip Dino Meneghin ha preferito non esprimersi e far parlare i legali con un comunicato: «La Federazione avendo deciso di costituirsi parte offesa nel procedimento penale, richiederà copia dell’intero fascicolo e lo

metterà a disposizione degli organi di giustizia e in particolare della Procura federale. Quest’ultima dovrà valutare tutte le posizioni, sia quelle eventualmente archiviate sia quelle che allo stato degli atti non apparivano in violazione dei regolamenti federali». Quindi quali documenti della Procura di

la con l’altro amico suo insomma, Santella, per quella di Porto Empedocle». G: «Si si si, va bene va bene». Garibotti chiude e chiama il designatore degli arbitri di serie C1, Villemari. Garibotti: «Sta a sentire, il 14 mi sembra ci sia Porto Empedocle con Messina. Il Porto Empedocle è quello che ci aveva ospitato al raduno due anni fa. E’ nella merda più totale, capisci». Villemari: «Uhm». G: «In quella settimana fa una partita importante con un’altra che potrebbe retrocedere, guarda un po’ se gli mandi due, o gli mandi Ciccodicola e Santella. O due con cui gli puoi parlare, capisci, ci ha ospitato, ci ha dato da mangiare, almeno proviamo a dargli una ma-

Reggio Calabria erano arrivati al procuratore Roberto Alabiso, che aveva prosciolto 21 tesserati e ne aveva deferiti 28? Non è l’unico punto oscuro della vicenda. Tutto l’iter federale è rimasto avvolto nel mistero: per scelta la Fip ha deciso di non emettere comunicati, tanto meno di condividere con l’opinione pubblica i documenti che solo ora, grazie a un giornale calabrese, tutti possono leggere. Documenti L’inchiesta federale si era basata su quanto acquisito a Reggio Calabria a fine aprile da Meneghin quando si recò dal sostituto procuratore Maria Luisa Miranda, e sugli interrogatori ai tesserati. Che documenti erano? C’erano le intercettazioni riguardanti i due arbitri tuttora in attività? Dieci commissari e tre arbitri, a suo tempo prosciolti, non sono stati sospesi: oggi Federico Ciccodicola arbitrerà Latina-Bari in B femminile, domani Guglielmo Santella Monopoli-Termoli per la C dilettanti. Di loro parlano l’ex presidente degli arbitri Giovanni Garibotti, non giudicato dalla Fip perché dimessosi prima dell’apertura dell’inchiesta, Carmelo Villemari (squalificato per 3 anni e 4 mesi) e l’allora designatore di categoria Massimo Cuomo (4 anni). E così i club: per ora nessun esponente delle squadre coinvolte compare negli avvisi di fine indagine a Reggio Calabria e nei provvedimenti della Procura Fip. L’inchiesta penale è a un bivio: rinvii a giudizio per associazione a delinquere finalizzata all’abuso d’ufficio e alla frode sportiva o archiviazione. L’inchiesta della Fip uscirà dagli archivi? Difficile che lo comunichino.

no, se poi non ce la fa, vada a fan... Per restituirgli il favore, poi oh... se ne prende venti che cazzo...» V: «Va bene». Porto Empedocle-Messina finisce 92-78. Arbitri Ciccodicola e Santella. Con gli ospiti che si lamentano per un numero spropositato di falli contro. La sera stessa di domenica 15 febbraio 2009, si commentavano i risultati delle partite. Cuomo: «Aù a Già, allora, a cernia sparata c’avemo mangiata a Porto Empedocle». Garibotti: «A si». C: «Si Cicco è una sicurezza, guarda veramente è una.... è da incorniciare proprio guarda. Quel ragazzo veramente è d’oro, e poi Cecina ha vinto». G: «Il Cecina ha vinto? Meno male».

y l’analisi 1

I NOMI SOTTO INCHIESTA

Giovanni Garibotti Ex presidente del Comitato Italiano Arbitri. Si è dimesso prima del via dell’inchiesta. G.B. Montella Responsabile del Settore Commissari Speciali. Anche lui si è dimesso prima dell’inchiesta. Alessandro Campera Designatore dei commissari speciali. Radiato. Graziano Monteleone Commissario. Cinque anni di squalifica. Massimo Cuomo Designatore dilettanti. Quattro anni di squalifica. Matteo Garibotti, Alessandro Rosi e Federico Bondi Arbitri. Quattro anni di squalifica.

di FRANCO ARTURI 5 RIPRODUZIONE RISERVATA

Non c’è proprio nulla da incorniciare Queste intercettazioni avrebbero potuto diventare un manifesto di intenti politico-sportivo. La nuova federazione di Dino Meneghin avrebbe avuto buon gioco, nei mesi scorsi, a fare un discorso del genere all’opinione pubblica: «Guardate come eravamo ridotti. Ecco, da qui ripartiamo per ricostruire uno sport, soprattutto dal punto di vista etico». Non è accaduto. Se abbiamo piena consapevolezza di queste porcherie lo dobbiamo al lavoro di «Calabria Ora», che per primo ha pubblicato il materiale. Lo scandalo investe campionati minori ma ha coinvolto anche i massimi dirigenti arbitrali, insomma non era una cosetta di periferia. E tuttora fischiano in giro per l’Italia direttori di gara a suo tempo richiesti per una sporca «missione speciale». Uno, a risultato ottenuto, viene ironicamente definito, nelle parole intercettate dall’allora presidente degli arbitri Giovanni Garibotti, «una sicurezza... da incorniciare...». Serve altro per «incorniciare» questi arbitri, questa indagine e questa sentenza?

NBA LUNEDÌ IL DEBUTTO CONTRO DENVER

taccuino

Iverson, rientro in lacrime

SERIE A: SU SKY SPORT 2

LEGADUE

Alle 20 Biella-Treviso

C’è Jesi-Pavia

(a.m.-ga.p.) Stasera anticipo della 9a giornata, Biella-Treviso (arbitri Cerebuch, Lo Guzzo, Martolini, diretta Sky Sport 2). Per Vitucci, out Renzi, rientra De Nicolao. L’ecografia alla mano ha dato esito positivo: sarà nei 12, ma non giocherà. Biella con Coleman, ma senza Jones e Plisnic. Niente Best per Napoli, domani al Palalido contro Milano. perché il tesseramento non è stato formalizzato in tempo. Domani (18.15): Montegranaro-Roma (ore 12); Siena-Varese; Milano-Napoli; Teramo-Avellino; Pesaro-Cremona; Ferrara-Bologna; Caserta-Cantù. Classifica: Siena 16; Avellino, Caserta 12; Milano, Biella, Treviso, Bologna, Cantù 10; Cremona, Varese 8; Teramo, Roma, Montegranaro 6; Ferrara 6; Pesaro 0; Napoli -2 (2 punti di penalizzazione).

Stasera (20.30, differita RaiSport Più 22.15), anticipo della 10a giornata, Fileni Jesi-Pavia. Veroli ha messo sotto contratto Mario Gigena che ha lasciato Napoli. Riccardo Truccolo (Udine) è stato trovato positivo (Thc metabolita), il 14 novembre 2009 a Udine dopo Snaidero-Sassari.

Il ritorno ai Sixers commuove Allen Boston passa in casa degli Spurs dAllen Iverson non è riuscito a trattenere le lacrime. L’emozione per il ritorno ai suoi 76ers è stata troppo forte. The Answer si è presentato giovedì alla stampa con un messaggio chiaro: «Voglio ritirarmi da giocatore di Philadelphia». Il tempestoso autunno di Iverson pare aver finalmente trovato una degna conclusione, nella città dove era iniziata la sua carriera e che per dieci an-

ni lo ha visto ascendere ai massimi livelli, con una finale Nba raggiunta nel 2001. «Sono felice, l’unica cosa a cui riuscivo a pensare in questi giorni era tornare con la gente che mi ha reso quello che sono oggi». Iverson aveva annunciato il ritiro dopo aver lasciato Memphis, con cui aveva firmato in estate. Il miglior marcatore nella storia dei Sixers (19.583 punti) debutterà lunedì, in casa contro Denver.

sin dalla palla a due, nonostante subiscano pesantemente a rimbalzo (55-32, con 20 d’attacco per gli Spurs). Ottima prova di Garnett (20 punti con 9/15) e Rondo (12 punti, 12 assist, 6 rimbalzi). Strepitoso il rookie di San Antonio, DeJuan Blair: 18 punti con 9/11 e 11 rimbalzi. Ma non basta. Per Boston si tratta della 6a vittoria consecutiva e della 4a in fila in casa degli Spurs.

Celtics Nelle gare di giovedì, grande prova difensiva dei Boston Celtics, che tengono San Antonio al 42% dal campo e, soprattutto, forzano 18 palle perse dei texani, dominando

San Antonio-Boston 83-90 (Blair 18, Parker 17, Duncan 16; Garnett 20, R.Allen 15, R.Wallace 13); Denver-Miami 114-96 (Anthony 22, Afflalo 17; Wade 25, Beasley 17); Golden State-Houston 109-111 (Ellis 24, Morris 21, Radmanovic 20; Brooks 25, Landry 22).

RISULTATI

Allen Iverson, 34 anni REUTERS

TURCHIA

Markovski all’Ulker? Torna in discussione la panchina del Fenerbahce Ulker di Boscia Tanjevic. Dopo la sconfitta per 34 punti a Barcellona, il giornale sportivo turco «Fanatik Spor» ha scritto che al posto dell’ex c.t. italiano arriverà Zare Markovski, l’ex Avellino già in Turchia al Darussafaka nel 1998-99.


42 R

SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT


SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT

43 R #

TUTTENOTIZIE & RISULTATI MOTONAUTICA: F.1

HOCKEY GHIACCIO: NEL VALPELLICE

Kowalski storico Un portiere fa gol

Cappellini vince E’ leader del Mondiale

MARCO LOTTAROLI

dNon solo la grande rimonta del Valpellice, sotto 0-4 e poi vittorioso 7-4 contro il Pontebba, ma soprattutto il gol, sigillo finale, del portiere biancorosso Craig Kowalski, già sotto contratto con i Carolina Hurricanes e vincitore della Stanley Cup 2006

Guido Cappellini in azione REUTERS

come terzo portiere pur non avendo mai esordito in Nhl. E’ il 18’16" del terzo periodo quando il goalie americano inventa una rete storica. Kowalski infila la gabbia sguarnita delle Aquile friulane con un tiro perfetto, una conclusione da porta a porta. Kowalski, nato nel Michigan, dopo una lunga esperienza

nelle leghe minori nordamericane è alla prima stagione in Europa. Nelle statistiche della Lihg figura in 7ª posizione con una percentuale dell’88.9 in 16 partite. Adesso nello score c’è anche un gol. Serie A. Stasera la 19ª (secondo girone d’andata). Ore 20: Bolzano-Pontebba; 20.30: Alleghe-Fassa; Brunico-Asiago; Valpellice-Renon. Riposa Cortina. Così il 18˚ turno (giocato giovedì): Alleghe-Asiago 1-2 ai rig.; Bolzano-Cortina 4-2; Brunico-Renon 4-1; Valpellice-Pontebba 7-4. Rip. Fassa. Classifica: Brunico 37; Asiago 32; Bolzano 29; Fassa 24; Renon 23; Pontebba 20; Valpellice 18; Alleghe 17; Cortina 16.

(r.m.) Un Cappellini lucido, grintoso, determinato ha sfruttato il momento d'oro, andando a vincere ad Abu Dhabi la 13ª prova del Mondiale di F.1. Con questo successo, il 3˚ consecutivo dopo la doppietta in Qatar, ha portato a termine l'inseguimento al primo posto in classifica, scavalcando di slancio il leader Al Qamzi, ieri solo 5˚. Non è stata una vittoria semplice, perché a Cappellini premeva soprattutto tenersi alle spalle Al Qamzi senza prendersi eccessivi rischi. Partito in 2ª posizione alle spalle di Selio, si è deciso ad attaccarlo dopo una decina di minuti. Oggi si gareggia di nuovo.

GOLF

IPPICA ROMA QUINTE’ NON VINTO (m 2040): 1 Grigalco Bs (M. Minopoli) 1.17.9; 2 Dandy Om; 3 Imon; 4 Frankie Gar; 5 Irvillac; Tot.: 19,62; 6,59, 4,58, 3,80 (135,06). Quintè 5-2-20-14-12 n.v.: Quarté e 25.208,29. Tris e 1786,99. PADOVA 2ª TRIS (m 1640): 1 Desiderio Rex (R. Andreghetti) 1.16.2; 2 Iacopo Duke; 3 Gulliver Grif; Tot.: 6,29; 3,05, 2,73, 4,00 (49,34) Tris 12-18-15 e 248,13.

Nelle immagini tratte da RaiSport Più, la sequenza del gol di Kowalski e poi i festeggiamenti dei compagni

GHIACCIO

GOLF

RUGBY

IPPICA: OGGI E DOMANI

Cappellini-Lanotte Woods e la moglie quinti a Tokyo terapia di coppia

Super 10: in tv c’è Treviso-L’Aquila

Dettori si esibisce all’isola Mauritius

Anna Cappellini-Luca Lanotte chiudono al 5˚ posto la gara di danza della finale del Grand Prix di figura a Tokyo, confermando col loro «Addiction» il risultato dell’originale. Sorpresa tra le donne: dopo il corto Yu-Na Kim è seconda (flip semplice).

(e.sp.) Oggi torna il Super 10 con la nona di andata, ultimo appuntamento del 2009 (si riprende il 6 gennaio). Il Petrarca, con Millroy estremo, va a Viadana, senza Woodrow ma con Alonso. Nel Treviso che anticipa alle 14 in tv con l’Aquila, i soli azzurri in campo sono Antonio Pavanello e Picone. Ancora fermo Marcato: tornerà a gennaio. Rovigo, con Bocchino apertura, ospita Prato.

Per la terza volta in carriera Lanfranco Dettori prende parte alla sfida internazionale di fantini all’ippodromo dell’isola Mauritius. Oggi e domani il miglior fantino del mondo animerà un torneo a punteggio articolato in 8 corse spalmate in due giorni. Tra i suoi avversari Johnny Murtagh, Tom Queally, Stephane Pasquier, Olivier Peslier e il suo compagno di team (Godolphin) Ahmed Ajtebi. Frankie vuol ripetere il successo del 2000. Senza fortuna invece il tentativo del 2007.

Una «totale riscrittura» degli accordi matrimoniali: la bufera non è ancora passata in casa Woods, nonostante le scuse del numero 1 del golf mondiale alla moglie per le sue «trasgressioni». Elin tra le tante indiscrezioni vorrebbe una cifra importante per non divorziare da Woods. Secondo quanto riporta il «Chicago Sun-Times», infatti, Tiger ed Elin Nordegren si sono rivolti a un consulente matrimoniale per cercare di risolvere, attraverso una «terapia intensiva», i loro problemi di coppia. Tiger ed Elin, sposati dal 2004 e genitori di due figli Sam e Charlie, accolgono il terapista nella loro casa «per diverse volte al giorno», assicura il quotidiano americano.

Uomini. Corto: 1. Takahashi (Giap) 89.95; 2. Lysacek (Usa) 89.85; 3. Oda (Giap) 87.65. Donne. Corto: 1. Ando (Giap) 66.20; 2. Yu-Na Kim (S.Cor) 65.64; 3. Leonova (Rus) 61.60. Danza. Finale: 1. (1.2.) Davis-White (Usa) 169.44; 2. (2.1.) Virtue-Moir (Can) 168.22; 3. (3.3.) Pechalat-Bourzat (Fra) 147.62; 4. (4.4.) Kerr-Kerr (Gb) 145.33; 5. (5.5.) Cappellini-Lanotte 139.21; 6. (6.6.) Crone-Poirier (Can) 135.99. Oggi: libero coppie, U e D. In tv: diretta RaiSport Più ore 8.15.

Bollettino della neve VALLE D'AOSTA 2/4 2/3 4 / 16 8/9 n.p. / 7 n.p. / 4 3 / 18 6/8 2/3 4 / 38 6 / 12 2/5

0,6 3 7 27 n.p. n.p. 2 23 7 10 n.p. 1,5

PIEMONTE ALAGNA VALSESIA M.SKI ARTESINA MONDOL» SKI BARDONECCHIA DOMOBIANCA FORMAZZA LIMONE

50 / 90 3 / 4 15 / 30 2 / 13 25 / 45 6 / 21 40 / 130 6 / 6 100 / 120 n.p. / 4 10 / 30 7 / 15

GHIACCIO DELLA MONICA-KOCON Oggi, all’Nrw Trophy di Dortmund (figura), corto maschile con Contesti, Bacchini e Zelenka e femminile con Marchei e Rodeghiero. Intanto nel corto delle coppie, ottimo 1˚ posto con primato italiano di Nicole Della Monica-Yannick Kocon (57.15) e 2˚ di Stefania Berton-Ondrej Hotarek (53.57), a loro volta al personale (ieri sera il libero).

LUNA IN ATTESA Diana Luna aspetta una bimba. «Non poteva chiudersi in modo migliore questa mia bellissima stagione», ha confidato felice la miglior golfista italiana reduce da due vittorie e la partecipazione alla Solhein Cup. «Il massimo sarebbe chiudere con una vittoria a Firenze», ha aggiunto Diana, al quarto mese e in ottima forma, alla presentazione della 10˚ edizione del Ponte Vecchio Golf Challenge (18-20 dicembre) che la golfista romana affronta per l’ottava volta.

Arrivo: 1 Cappellini, 51'46" 2. Price (Usa) a 1"14, 3. Selio (Fin) a 3'59", 4. Cantando a 24"45, 5. Al Qamzi (Eau) a 26"84. Mondiale (13 p.): 1. Cappellini 129, 2. Al Qamzi119, 3. Andersson (Sve) 104.

ANTAGNOD MONTEROSA SKI 30 / 40 BRUSSON MONTEROSA SKI 30 / 40 25 / 100 CERVINIA CHAMPOLUC MONTEROSA SKI 40 / 90 CHAMPOCHER 45 / 50 COGNE 30 / 60 COURMAYEUR 20 / 160 GRESSONEY LA TRINITÈ M.SKI 55 / 90 GRESSONEY ST.JEAN M.SKI 30 / 40 LA THUILE 10 / 20 PILA n.p. / n.p. TORGNON 20 / 40

ATLETICA ITALIA EUROCROSS (w.b.) Saranno 33 gli azzurri per l’Eurocross di Dublino (13 dicembre). La formazione comprende il campione europeo under 23 Andrea Lalli che gareggerà tra i senior, la finalista di Berlino nei 5000 Silvia Weissteiner e il campione mondiale di corsa in montagna junior Chèvrier. Uomini. Senior: Buttazzo, Lalli, M. De Matteis, De Nard, La Rosa, Meucci. Under 23: Casagrande, Garavello, Nasti, Sterni, Turroni. Juniores: Campagna, Chèvrier, Fontana, Marzetta, Santoro, Uccellari. Donne. Senior: Dal Ri, Facciani, Maraoui, Quaglia, Romagnolo, Weissteiner: Under 23: Costanza, Epis, Samiri, Vasari. Juniores: Bevilacqua, Bottini, Colì, Inglese, Renso, Rubino

10 4 7 21 n.p. 15

MACUGNAGA MOTTARONE PRATO NEVOSO MONDOLÈ SKI SAN DOMENICO S. GIACOMO DI ROBURENT VALLE VIGEZZO VIA LATTEA

Oggi. Ore 14: Treviso-L’Aquila (dir. RaiSport Più). Ore 14.30: Roma-Gran Parma, Viadana-Padova, Rovigo-Prato, Rugby Parma-Venezia. Classifica: Treviso 29; Viadana 25; Padova 24; Banca Monte Parma 21; Rovigo 20; Prato 19; Roma 18; L’Aquila 14; Gran Parma 11; Venezia 8.

GLENO KO Ieri a Vincenens non piazzato il nostro Gleno Dei (una vittoria a Parigi nel 2008) nel Prix Menkalinan (m 2850). A segno Panda du Lys (Nivard) in 1.14.1 sfruttando l’errore di Bowling Inferno a corsa vinta.

OGGI SAN SIRO TRIS In 20 (ore 19) sul miglio di Milano trotto. Indichiamo Luxor dei Greppi (17), Martin Prav (20), Legionario (16), Lastar di Casei (7), Lofty Stra (49, Magicmar (19), PISA 2ª TRIS A S. Rossore (ore 14) in 18 sui 2000 m. Indichiamo Muhtarib (11), Puntero Triste (1), Tutino (10), Mar del Plata (13), Ombra del Vento (2), Porta Volta (14). ANCHE Gal.: Roma (14.40). Tr.: Montecatini (11.24), Aversa (15.10), Bologna (15.10), Trieste (15.20).

NUOTO FRATELLINO MANAUDOU (al.f.) A Chartres (25 m), Florent Manaudou ('90) è secondo nei 100 misti dietro al sudafricano Townsend. Uomini: 50 sl Leveaux 21”55; 1500 sl Rouault 14'40”35; 200 do Stasiulis 1'51”96; 100 fa Bousquet 51”76; 100 mx Townsend (S.Af.) 54”30, F. Manaudou 54”52. Donne: 50 sl Mongel 25”11; 200 do Castel 2'03”92; 100 ra De Ronchi 1'07”40. AMERICANI FERMI (al.f.) Senza i costumoni, nessun record americano migliorato ai campionati in vasca da 25 y di Federal Way. Oggi in gara il bicampione olimpico Kitajima che si allena a Los Angeles. Uomini: 50 sl Nathan 19”08; 200 mx Shanteau 1'44”05. Donne: 50 sl Weir 21”90; 200 mx Kukors 1'55”40.

PALLANUOTO

Nell’anticipo finisce pari tra Roma e Florentia ROMA (g.s.) Tante emozioni nell’anticipo della settima giornata: pareggio toscano di Ninfa a 3” dalla fine.

Roma-Florentia 10-10 (3-3, 3-2, 1-3, 3-2). Roma: Gerini, Onida, Tafuro, Mas.Mirarchi, Oliverio, Primorac 1, C.Mirarchi 1, Krstonosic 3, Leporale 1, Gatto, Africano 1, Botto 3, Maddaluno. All. Mau.Mirarchi. Florentia: Minetti, Radu 1, Ninfa 2, Pagani 1, Rauzino, B.Popovic 1, Di Fulvio, Mugelli, F. Lapenna 1, Bruschini, Sottani 4 (1 rig.), Gobbi, Bini. All. D. Popovic. Arbitri: De Chiara e Pascucci. Note: sup. num. Roma 11 (8), Florentia 10 (4). Usc 3 f.. Gatto 29’15”. Oggi: Lazio-Ellevi Nervi (sintesi su Rai 3 alle 16.40), Latina-Florentia, Savona-Carige Imperia (ore 14.45), Sori-Pro Recco (16, a Torino), Posillipo-Bogliasco (19). Class.: Pro Recco 18; Savona 14; Brescia 13; Posillipo, Florentia* 10; Roma 8; Latina, Imperia, Lazio 7; Bogliasco, Sori 6; Nervi 1. (*una partita in più). A-2 AL VIA Scatta la serie A-2 con due promozioni in palio. Così la prima giornata, girone Nord: Padova-Trieste, Quinto-President Bologna, Torino-Chiavari, Como-Brescia, Camogli-Vigevano, Bergamo-Modena. Girone Sud: Ortigia-R.N.Salerno, Civitavecchia-Muri Antichi, Roma Vis Nova-Cagliari, Acquachiara-C.N. Salerno, Acicastello-Can.Napoli. Riposa il Catania che avrebbe dovuto affrontare la Water Polis Pescara, ritiratasi ieri da tutti i campionati. SETTEROSA Nella seconda giornata del Quattro nazioni femminile, a Montreal (Can), Australia-Italia 14-9 (4 gol di Abbate) e Canada-Usa 3-12.

RUGBY

Barbarians-All Blacks alle 15.30 su La 7 Oggi a Twickenham (ore 15, diretta La7) i Barbarians, guidati da Nick Mallett e con tre azzurri nei 22, sfidano la Nuova Zelanda. Il pilone Perugini e il 2ª Del Fava titolari (Geldenhuys in panchina) in un XV stellare, con mediana Giteau-Du Preez, Matfield e Burger in mischia, Habana ala e Jamie Roberts centro. SERIE A Inversione di campo per Amatori Milano-Colorno, prevista inizialmente al Giuriati: si gioca alle 14.30 in Emilia. Il ritorno, il 18 aprile, si giocherà all’Arena di Milano. Oggi alle 15 anticipo Badia-San Donà. PER IL BATTAGLINI (i.m.) Nuovo contributo della regione Veneto (500 mila euro) per il Battaglini di Rovigo. Si aggiunge ai precedenti 496 mila euro e a una cifra simile stanziata da Comune e Fondazione Cassa di Risparmio.

TENNIS SERIE A-1 Da oggi all’8 dicembre final four di A-1 a Bra (Cn). Le semifinali maschili sono Bassano-Sarnico (oggi) e Aniene-Capri (domani). Lunedì è in programma la finale femminile tra il Tc Viterbo di Schiavone e Garbin contro il Veneto Banca Vicenza della Brianti. Tutte le sfide saranno trasmesse in diretta da SuperTennis.

TUFFI MARCONI E CHIARANDINI (fe.pas.) L’azzurro dei tuffi Nicola Marconi si sposerà oggi a Roma. L’azzurro, che in coppia col fratello Tommaso ha sfiorato di un soffio il podio ai Mondiali di Roma ’09 nel sincro, dopo il matrimonio deciderà il suo futuro agonistico. Ieri invece a Montreal successo di Chiarabini (categoria Boy’s B) dalla piattaforma 10 metri nel torneo internazionale Camo.

VARIE SCACCHI TRICOLORI (r.m.) Lexy Ortega, cubano naturalizzato italiano, ha vinto a Sarre i 69˚ campionati italiani. Assente Caruana, vincitore delle ultime 2 edizioni, impegnato nella Coppa del Mondo, la lotta per il titolo si è risolta in un duello tra Ortega e Godena che sono finiti a pari punti, ma la vittoria è andata al primo per spareggio tecnico. Classifica: 1. Ortega 7,5, 2. Godena 7,5, 3. Bruno 6,5, 4. D. Rombaldoni 6,5, 5. D'Amore 6,5.

Dati neve di

www.skiinfo.it

Sponsored by 70 / 110 5 / 25 15 / 30 100 / 160 30 / 120 20 / 80 40 / 50

2/2 n.p. / 7 1 / 11 n.p. / 6 n.p. / 8 4/5 11 / 51

7,5 n.p. 2 n.p. n.p. 15 50

LOMBARDIA APRICA 20 / 100 7 / 18 BOBBIO VALTORTA 30 / 50 n.p. / 8 BORMIO 30 / 190 4 / 16 BORNO 10 / 30 n.p. / 6 CHIESA-VALMALENCO 50 / 100 n.p. / 9 COLERE 50 / 150 6 / 6 FOPPOLO n.p. / n.p. n.p. / 9 LIVIGNO 60 / 131 7 / 32 MADESIMO 100 / 140 n.p. / 12 MONTECAMPIONE 120 / 140 n.p. / 11 PESCEGALLO-VALGEROLA 20 / 30 1 / 3 PONTE DI LEGNO 20 / 25 n.p. / 6

25 n.p. 10 n.p. n.p. n.p. n.p. 2 n.p. n.p. 1 n.p.

SAN SIMONE SANTA CATERINA

TRENTINO ALBA - CIAMPAC ALPE CERMIS ANDALO - F. PAGANELLA CAMPITELLO/MAZZIN CANAZEI - BELVEDERE FOLGARIA FOLGARIDA - MARILLEVA GHIACCIAIO PRESENA LAVARONE-RIVETTA MADONNA DI CAMPIGLIO MOENA - ALPE LUSIA MONTE BONDONE PAMPEAGO-PREDAZZO-OB. PANAROTTA 2002 PASSO DEL TONALE PASSO ROLLE S. PELLEGRINO-FALCADE

n.p. / n.p. n.p. / 7 n.p. PEJO n.p. / n.p. n.p. / 12 n.p. PINZOLO

POZZA-ALOCH-BUFFAURE PRIMIERO - PASSO CEREDA 25 / 100 n.p. / 6 n.p. S. MARTINO DI CASTROZZA 20 / 60 n.p. / 8 n.p. VIGO-PERA-CIAMPEDIE

30 / 60 20 / 100 25 / 100 30 / 50 30 / 100 270 / 280 n.p. / n.p. 30 / 126 10 / 60 30 / 70 10 / 35 10 / 30 110 / 120 15 / 60 30 / 100

6 / 14 n.p. / 10 n.p. / 13 5 / 25 17 / 26 3/3 n.p. / 14 19 / 20 n.p. / 8 3/5 6 / 21 3/8 1 / 30 2/6 n.p. / 19

15 n.p. n.p. 10 28 4 n.p. 40 n.p. 10 12 8 1 n.p. n.p.

ALTO ADIGE

ALPE DI SIUSI ALTA BADIA ALTA PUSTERIA BELPIANO CAREZZA CORNO DEL RENON FUNIVIE SPEIKBODEN KLAUSBERG LADURNS MALGA DI TARRES MALGA SAN VALENTINO MERANO 2000 OBEREGGEN

PLAN - VAL PASSIRIA PLAN DE CORONES RACINES SOLDA TRAFOI VAL D'ULTIMO VAL GARDENA VAL SENALES 20 / 100 13 / 20 n.p. VALLE ISARCO 30 / 100 34 / 51 9 VALLELUNGA 10 / 80 1 / 28 1 WATLES

40 / 100 3 / 6 8 10 / 60 6 / 10 14 15 / 90 n.p. / 7 n.p. 15 / 60 n.p. / 1 n.p. 15 / 60 6 / 20 5 15 / 70 n.p. / 7 n.p.

10 / 80 15 / 50 5 / 35 n.p. / n.p. n.p. / n.p. 50 / 100 n.p. / n.p. 10 / 50 25 / 40 30 / 65

1 / 6 58 n.p. / 16 n.p. n.p. / 3 n.p. n.p. / 7 n.p. n.p. / 8 n.p. n.p. / n.p. n.p. n.p. / n.p. n.p. 5 / 5 27 n.p. / 7 81 3 / 18 9

20 / 100 2 / 80 50 / 160 35 / 80 n.p. / n.p. 30 / 130 20 / 100 50 / 100 30 / 50 10 / 20 n.p. / n.p.

n.p. / 4 n.p. 8 / 30 9 n.p. / n.p. n.p. 3 / 10 40 1 / 4 16 n.p. / 6 n.p. 5 / 56 20 8 / 12 60 n.p. / 29 n.p. n.p. / 2 20 1 / 3 n.p.

n.p. / n.p. n.p. / n.p. n.p. n.p. / n.p. n.p. / n.p. n.p. 30 40 n.p. 12 n.p.

FRIULI VENEZIA G. FORNI DI SOPRA PIANCAVALLO RAVASCLETTO/ZONCOLAN SELLA NEVEA TARVISIO

5/5 10 / 10 45 / 45 40 / 40 40 / 40

n.p. / 8 n.p. / 11 n.p. / 13 n.p. / 13 n.p. / 11

n.p. n.p. n.p. n.p. n.p.

APPENNINO

VENETO ALTOPIANO DI ASIAGO ARABBA MARMOLADA AURONZO MISURINA COMPRENSORIO CIVETTA CORTINA D'AMPEZZO FALCADE LESSINIA MONTE BALDO

NEVEGAL SAN VITO DI CADORE SAPPADA

n.p. / n.p. 10 / 35 n.p. / n.p. 5 / 100 15 / 110 30 / 100 20 / 20 n.p. / n.p.

n.p. / 8 n.p. n.p. / 29 n.p. n.p. / 4 n.p. n.p. / 25 n.p. 6 / 37 15 17 / 19 40 n.p. / 4 n.p. n.p. / n.p. n.p.

15 / 15 ABETONE C. FELICE-ROCCA DI CAMBIO n.p. / n.p. n.p. / n.p. CIMONE n.p. / n.p. CORNO ALLE SCALE n.p. / n.p. MONTE AMIATA n.p. / n.p. OVINDOLI n.p. / n.p. PASSO LANCIANO n.p. / n.p. ROCCARASO n.p. / n.p. TERMINILLO

n.p. / 21 n.p. n.p. / 13 n.p. n.p. / n.p. n.p. n.p. / n.p. n.p. n.p. / n.p. n.p. n.p. / n.p. n.p. n.p. / n.p. n.p. n.p. / n.p. n.p. n.p. / n.p. n.p.


44 R

SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT

L’INIZIATIVA

P

DOVE SIAMO

E’ aperto fino al 22 dicembre dalle 12 alle 21: in piazza San Carlo Il temporary shop della Gazzetta è in piazza San Carlo a Milano, a due passi da piazza San Babila, ed è aperto fino al 22 dicembre dalle 12 alle 21. Sono in vendita i prodotti di marchio Gazzetta

CIMELI SPORTIVI La Vezzali e Maradona Al Gazzetta Store si possono ammirare pezzi di storia sportiva tra cui il fioretto di Valentina Vezzali con la dedica a Candido Cannavò e la maglia numero 10 dell’Argentina con l’autografo di Diego Maradona.

GAZZETTA STORE

Un igloo rosa firmato Gazzetta In centro a Milano tutti i nostri prodotti per i regali di Natale: dall’abbigliamento ai giochi di società Giovanni Parisi, la racchetta di Flavia Pennetta, la sacca da golf dei fratelli Molinari e le maglie autografate di moltissimi calciatori. Da Diego Armando Maradona a Dino Zoff, da Roberto Baggio ai campioni di oggi.

GABRIELLA MANCINI 5 RIPRODUZIONE RISERVATA

MILANO dDavanti alla chiesa neoclassica di San Carlo al Corso, nel centro di Milano, c’è un «igloo» rosa: è il temporary shop della Gazzetta dello Sport, il primo realizzato da una testata in Italia. La struttura semisferica riprende l’idea della nuova campagna stampa, «Scopri ogni giorno un altro mondo», quello positivo della Gazzetta, riassunto dall’illustratore spagnolo Jerico Santander in un’esplosione di

Tempo libero Gli oggetti cult si alternano ai prodotti in vendita col marchio Gazzetta. Non soltanto per praticare sport, ma anche per il tempo libero, dalle felpe ai berrettini, dai piumini alle borse da palestra e da passeggio.

LA FELPA Abbigliamento Tra gli articoli in vendita al Gazzetta Store la felpa blu con il cappuccio e la scritta Gazzetta dello Sport a 69e. Le felpe sono disponibili anche in altri colori e anche nella taglia bambino al prezzo di 39 euro.

C’è anche un piccolo museo dello sport con la maglia di Roby Baggio e la racchetta della Pennetta

Generatore microeolico Tra le curiosità un buffo quanto utile generatore microeolico che sfrutta l’energia del vento: se ve lo portate in bici o in moto ricaricherete automaticamente telefonini, Mp3 e ogni mobile device. Ingegnoso anche il minipannello solare: se siete in spiaggia con il cellulare ve lo ricarica!

colori. Accanto al mondo dello sport, quindi, anche quello della moda, della musica, della televisione, dell’attualità. Un mondo rosa, ma non solo. Fioretto e guantoni Nel temporary shop, aperto fino al 22 dicembre in piazza San Carlo, curato dall’agenzia Momentum, troverete un’atmosfera magica con giochi di colori magici e un’esposizione di oggetti mitici legati allo sport, le memorabilia del mondo Gazzetta. Molti sono stati donati dagli atleti a Candido Cannavò, lo storico direttore della Rosea scomparso quest’anno. Un piccolo museo dello sport dove spiccano il fioretto di Valentina Vezzali, autografato, la tuta Ferrari di Kimi Raikkonen, la maglia del Siena basket autografata, i guantoni dell’indimenticato campione di boxe

Divertente il gioco Gazza Quiz, una sorta di Trivial Pursuit totalmente sportivo

BOMBER

PER IL BAGNO

IN MOTO

LE T-SHIRT

Imbottiti Il bomber della Gazzetta dello Sport firmato Kejo, qui nella versione donna, in colore rosa costa 310 euro. C’è anche nella versione gilet da uomo a 270 e e da bambino al costo di 250. Al Gazzetta store anche cappellini e cuffie in lana.

Gel doccia e rinfrescanti Diversi set da bagno firmati Gazzetta dello Sport. Shower gel corpo - capelli rinfrescante (8e), ma anche gel doccia esfoliante e rivitalizzante a 8 euro. Per l’uomo anche set con schiuma da barba (26e) e after shave (34).

Il casco Per chi si sposta in moto o in scooter il gazzetta Store propone il casco da moto patchwork dal fondo rosa Gazzetta. Costa 139 euro. Nello store della Gazzetta sono in vendita anche snowboard, skateboard e biciclette.

Pagine di storia Una serie di T-shirt dedicate alle pagine storiche della Gazzetta dello Sport, quelle che hanno celebrato i momenti sportvi più importanti della storia di tutti gli sport. Ogni maglietta costa 19,90 euro. Nella foto la T-shirt dedicata allo scudetto dell’Inter.

Che bici Un pezzo da novanta è la bicicletta a scatto fisso realizzata a mano. Divertente il gioco Gazza Quiz, una sorta di Trivial Pursuit totalmente sportivo per verificare e sviluppare le vostre conoscenze e per divertirsi con gli amici. Tra gli oggetti più venduti, con profumi, shampoo e dopobarba, c’è anche la T-Shirt con la scritta «Inter, uno tituli». Copiright di José Mourinho.


SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT

45 R #

ALTRI MONDI

dalle 14 a San Giovanni, a Roma, il No B-Day, nato fOggi su Facebook per protestare contro Berlusconi. Attesi 700 pullman. Presente anche Rosy Bindi, presidente del Pd

s

il fatto del giorno / 5 domande 5 risposte

Il pentito di mafia

Lavoratore chiedeva lo stipendio Ucciso dal capo con 9 coltellate

S

Ha deposto a Torino e ha ribadito che ci fu un patto tra Stato e clan, coinvolgendo Berlusconi gda@gazzetta.it

Ieri nell’aula prima del Tribunale di Torino, il pentito Gaspare Spatuzza ha parlato, sostanzialmente ripetendo quanto era contenuto nei verbali degli ultimi interrogatori già pubblicati dai giornali. È entrato in aula intorno a mezzogiorno (foto AP in alto) e ha deposto protetto da due paraventi. Ieri sera era già finito tutto: il processo d’appello contro Dell’Utri, che in primo grado è già stato condannato a nove anni per concorso esterno in associazione mafiosa, riprenderà la settimana prossima a Palermo.

1Vogliamo raccontare, per filo e per segno, questa deposizione tanto attesa?

Certo, compatibilmente con lo spazio disponibile. Spatuzza ha cominciato ammettendo «di aver fatto parte dagli anni Ottanta al Duemila di un’associazione terroristico-mafiosa denominata Cosa Nostra».

2 Come sarebbe “terroristica”? Lo ha spiegato subito lui stesso: «Dico terroristica per quello che mi consta personalmente, perché dopo gli attentati di via D’Amelio e Capaci, ci siamo spinti oltre, come l’attentato al dottor Costanzo (Maurizio,

ndr) e quello a Firenze dove morì la piccola Nadia». Come dirà poco dopo, questa nuova forma terroristica della mafia lo angosciava, perché i morti provocati col sistema di metter bombe non li sentiva come «nostri». Ma vediamo in dettaglio: alla vigilia degli attentati del 1993 (a Roma nella Chiesa di San Giovanni in Laterano e al Verano; a Milano ai giardini di via Palestro) Spatuzza fu incaricato di fare il postino, cioè di spedire cinque lettere, alcune delle quali indirizzate ai giornali. «Queste lettere provenivano dal boss Giuseppe Graviano. Il fatto che prima di fare un attentato mi dicessero di informare qualcuno con delle lettere è un’anomalia che mi ha fatto capire che c’era qualcosa sul versante politico». Alla fine del 1993, a Campo Felice di Roccella, Graviano ordina a Spatuzza di compiere un’azione «in cui moriranno un bel po’ di carabinieri». Si trattava dell’attentato allo Stadio Olimpico in occasione di Roma-Udinese (23 gennaio 1994). Spatuzza: «Utilizzammo una tecnica che nemmeno i talebani hanno mai usato. Mettemmo del tondino di ferro per rendere più devastante l’effetto della deflagrazione». Ma l’attentato fallì perché l’ordigno non funzionò: «Io e Benigno (un picciotto di mafia, ndr) ci spostammo a Monte Mario. Benigno diede l’impulso al telecomando, ma grazie a Dio l’esplosione non avvenne».

NOTIZIE TASCABILI

PROCESSO MILLS RINVIATO VITTIMA UN SENEGALESE A VERCELLI

Ma ci sono delle prove per le accuse di Spatuzza? GIORGIO DELL’ARTI

ROSY BINDI PRESIDENTE DEL PD

3 Che senso avevano queste stragi?

Se lo chiese anche Spatuzza. «Dissi a Graviano che ci stavamo portando un po’ di morti che non ci appartenevano, ma lui mi disse che era bene che ci portassimo dietro questi morti, così “chi si deve muovere si dà una mossa”».

4 Questo qualcuno erano Berlusconi e Dell’Utri?

Spatuzza incontrò Graviano (è sempre il suo racconto di ieri) al bar Doney in via Veneto a Roma. Il boss «aveva un atteggiamento gioioso. Ci siamo seduti e disse che avevamo chiuso tutto e ottenuto quello che cercavamo grazie alla serietà delle persone che avevano portato avanti quella storia e non come quei quattro "crasti" socialisti che avevano preso i voti nel 1988 e 1989 e poi ci avevano fatto la guerra. Mi vennero fatti due nomi tra cui quello di Berlusconi. Io chiesi se era quello di Canale 5 e mi disse: sì. C’era pure un altro nostro paesano. Graviano disse che grazie alla serietà di queste persone ci avevano messo il Paese nelle mani». Successivamente Spatuzza si trovò nel carcere di Tolmezzo con Filippo Graviano, il fratello del boss Giuseppe: «Nel 2004 lui stava malissimo, io gli parlavo

dei nostri figli, di non fargli fare la nostra fine... ho avuto la sensazione che stava crollando. Mi disse di far sapere a suo fratello Giuseppe che se non arrivava qualcosa da dove doveva arrivare, allora bisognava parlare ai magistrati». Il pm ha chiesto spiegazioni sulla frase «da dove doveva arrivare» e qui Spatuzza ha nuovamente nominato Berlusconi e Dell’Utri. «I timori di parlare del presidente del Consiglio erano e sono tanti».

5 Che cosa dobbiamo dedurre da questa testimonianza?

Siamo alle cose che ci siamo detti ieri. Senza riscontri, sono chiacchiere. E finora sono chiacchiere. Berlusconi e Dell’Utri hanno fortissimamente criticato la testimonianza e il battage che le è stato costruito attorno. Ma la presa di posizione più significativa è di Castelli, che fu ministro della Giustizia durante la legislatura 2001-2006 (secondo e terzo governo Berlusconi): «Sulla partita di Spatuzza la magistratura si gioca la propria credibilità. Se ci fossero riscontri oggettivi, è chiaro che si aprirebbe un fronte preoccupante per il governo. Ma se questi riscontri oggettivi non ci fossero, allora si aprirebbe uno scenario sul modo di agire di alcune parti della magistratura che sarebbe ancora più preoccupante».

Accolto il legittimo impedimento I giudici della 10ª sezione penale del Tribunale di Milano hanno accolto l’istanza di Silvio Berlusconi, assente per legittimo impedimento, rinviando il processo per la presunta corruzione dell’avvocato Mills al 15 gennaio. Nell’ordinanza, però, affermano che solo il consiglio dei ministri costituisce impedimento assoluto, non la cerimonia per l’inaugurazione di un tratto dell’autostrada Salerno-Reggio Calabria, a cui Berlusconi ha rinunciato a partecipare

Ibrahim M’Bodi, senegalese di 25 anni, è stato ucciso con 9 coltellate ad Arborio (Vercelli) dal suo datore di lavoro. La lite sarebbe nata perché la vittima chiedeva di essere pagato. A Milano l’arcivescovo, Tettamanzi, nel tradizione discorso alla città ha criticato lo sgombero di un campo rom: «La risposta non può essere la forza».

RICHIAMATE LE VETTURE DELLA FIAT

Controlli a 500 mila Grande Punto «Si rischia la rottura dello sterzo» Circa 500 mila Grande Punto della Fiat sono state richiamate per controlli al piantone dello sterzo, che potrebbe presentare difetti strutturali e quindi rischia di rompersi. Il Lingotto ha invitato i proprietari dei veicoli, fabbricati nel 2008 e nel 2009 e venduti per metà in Italia, ad andare subito nei centri di assistenza per i controlli.

IERI NOTTE A PERM, NEGLI URALI

Esplosione in un caffè Cento morti in Russia

Un’esplosione in un locale notturno di Perm, negli Urali, ha ucciso ieri sera attorno alle 20.15 ora italiana almeno 100 persone e ne ha ferite un centinaio. Secondo una ricostruzione ufficiosa, l’esplosione sarebbe stata accidentale, causata dall’uso di fuochi d’artificio. In un primo tempo si era diffusa l’ipotesi di un attentato, in qualche modo collegabile a quello che ha fatto 26 morti lungo la ferrovia Mosca-San Pietroburgo, ma è stata poi smentita.

SULLA COSTA DI ROSETTA, DELTA DEL NILO

Egitto, collisione fra due traghetti Almeno 5 vittime, circa 60 dispersi Ci sono almeno 40 dispersi per la collisione avvenuta ieri sera tra due traghetti sulla costa di Rosetta, nel delta del Nilo (Egitto). Cinque corpi recuperati, una dozzina i sopravvissuti. Secondo le prime fonti, uno dei due traghetti trasportava circa 60 persone, l’altro era vuoto. La Farnesina ha subito verificato la presenza di italiani.


46 R

SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT

AUTISTA direzionale patente D + Cap referenziato, affidabile, valuta proposte. 366.43.02.260. Questi avvisi si ricevono tutti i giorni 24 ore su 24 all'indirizzo internet:

www.piccoliannunci.rcs.it

CITROËN C-ZERO: UNA SOLUZIONE 100 % ELETTRICA Zero litri di benzina, zero emissioni di CO2, zero rumorosita?! Con C-ZERO, CITROËN arricchisce la propria offerta sul segmento delle vetture compatte con una soluzione 100% elettrica. Una nuova city car studiata per gli spostamenti urbani: piccole dimensioni, ricarica veloce e autonomia sufficiente a coprire tutti i tragitti quotidiani, in un silenzio che fa dimenticare il rumore della città. Un vero e proprio concentrato di tecnologia e creatività, per vincere ora le sfide di domani!

oppure tutti i giorni feriali a: MILANO : tel.02/6282.7555 02/6282.7422, fax 02/6552.436. BOLOGNA : tel. 051/42.01.711, fax 051/42.01.028. FIRENZE : tel. 055/55.23.41, fax 055/55.23.42.34. BARI : tel. 080/57.60.111, fax 080/57.60.126. NAPOLI : tel. 081/497.7711, fax 081/497.7712. BERGAMO : SPM Essepiemme s.r.l. tel. 035/35.87.77, fax 035/35.88.77. BRESCIA : BRESCIA IN s.r.l. tel. 030/37.72.609, fax 030/37.72.629. COMO : tel. 031/24.34.64, fax 031/30.33.26. CREMONA : Uggeri Pubblicità s.r.l. tel. 0372/20.586, fax 0372/26.610. GENOVA : Promospazio tel. 010/36.22.525, fax 010/31.69.58. MONZA : Pubblicità Battistoni tel. 039/32.21.40 — 039/38.07.32, fax 039/32.19.75. OSIMO-AN : tel. 071/72.76.077 071/72.76.084. PADOVA : tel. 049/69.96.311, fax 049/78.11.380. PALERMO : tel. 091/30.67.56, fax 091/34.27.63. PARMA : Publiedi srl tel. 0521/46.41.11, fax 0521/22.97.72. RIMINI : Adrias Pubblicità di Rimini tel. 0541/56.207, fax 0541/24.003. TORINO : telefono 011/50.21.16, fax 011/50.36.09. UDINE : SKL Communication s.r.l. tel. 0432/502652 VERONA : telefono 045/80.11.449, fax 045/80.10.375. Per la piccola pubblicità all’estero telefono 02/72.25.11 Le richieste di pubblicazione possono essere inoltrate da fuori Milano anche per telefax e corrispondenza a Rcs Pubblicità agli indirizzi di Milano sopra riportati.

Con più di 5500 veicoli elettrici già prodotti, CITROËN dispone di un’esperienza unica, e avrà un ruolo da protagonista in un mercato destinato a crescere enormemente negli anni a venire. Commercializzata nell’ultimo trimestre 2010, CITROËN C-ZERO, sviluppata in collaborazione con Mitsubishi Motors Corporation (MMC), sarà la seconda offerta della Marca in materia di veicoli elettrici, assieme a Berlingo First Electrique, realizzato con Venturi. Sul mercato italiano, questi due modelli beneficiano di un incentivo statale fino a 5.000 euro. Impegnata da molti anni in una strategia di riduzione dei consumi di carburante e dei gas ad effetto sera, CITROËN, leader in ambito ambientale, aggiunge CZERO alla sua già ricca gamma di modelli concepiti nel massimo rispetto dell’ambiente. CITROËN C-ZERO, veicolo totalmente elettrico, prevede un motore sincrono a magnete permanente che fornisce 47 kW o 64 cv CEE da 3 000 a 6 000 giri/min. La coppia massima raggiunge 180 Nm, da 0 a 2000 giri/min, e la potenza viene trasmessa alle ruote posteriori attraverso un riduttore monovelocità. Il motore è alimentato con batterie di ultima generazione, agli ioni di litio, poste al centro del veicolo: composte da 88 celle da 50 Ah (energia imbarcata: 16 kW/h), forniscono alimentazione a 330V. A parità di prestazioni, rispetto alle tecnologie tradizionali, la tecnologia con ioni di litio permette di limitare la massa delle batterie; consente inoltre ricariche parziali, che non compromettono la durata delle batterie.

TARIFFE PER PAROLA Rubriche in abbinata obbligatoria: Corriere della Sera - Gazzetta dello Sport: n. 0: euro 4,80; n. 1: euro 2,50; n. 2 - 3 14 : euro 9,50; n. 5 - 6 7 - 8 - 9 - 12 - 20: euro 5,60; n. 10: euro 3,50; n. 11: euro 3,90; n. 13: euro 11,00; n. 15: euro 5,00; n. 17: euro 5,50; n. 18 - 19: euro 4,00; n. 21: euro 6,00; n. 24: euro 6,50. Rubriche in abbinata facoltativa: n. 4: euro 5,30 sul Corriere della Sera; euro 2,00 sulla Gazzetta dello Sport; euro 6,00 sulle due testate. n. 22: euro 4,90 sul Corriere della Sera; euro 3,50 sulla Gazzetta dello Sport; euro 5,60 sulle due testate. n. 23: euro 4,90 sul Corriere della Sera; euro 3,50 sulla Gazzetta dello Sport; euro 6,00 sulle due testate. Gli importi sopracitati sono comprensivi di I.V.A. SERVIZIO CASSETTE POSTALI Le lettere indirizzate alle cassette dovranno essere conformi alle vigenti disposizioni postali e saranno respinte se assicurate o raccomandate. Non si assume responsabilità per quanto allegato alla corrispondenza. Si precisa che tutte le inserzioni relative a ricerche di personale debbono intendersi riferite a personale sia maschile sia femminile, essendo vietata ai sensi dell’ art. 1 della legge 9/12/77 n.903, qualsiasi discriminazione fondata sul sesso per quanto riguarda l’accesso al lavoro, indipendentemente dalle modalità di assunzione e quale che sia il settore o ramo di attività. L’inserzionista è impegnato ad osservare tale legge.

1 OFFERTE DI COLLABORAZIONE

Ingegnere esperto settore energia •PENSIONATO elettrica generazione distribuzione prove offre collaborazione part/full time. 339.26.71.983.

IMPIEGATI

AGENTI RAPPRESENTANTI

Ricaricare le batterie di CITROËN C-ZERO è facile: basta collegare il cavo d’alimentazione ad una presa 220 V. Una ricarica completa richiede 6 ore, ma è anche possibile effettuare una ricarica all’80 % in soli 30 minuti, con collegamento a una presa dedicata che fornisce corrente monofase da 125 A, 400 V, per una potenza massima di 50 kW. Anche utilizzare la vettura è semplice: basta girare la chiave di accensione (un segnale sonoro conferma l’avvenuto avviamento) e CITROËN C-ZERO si guida come un qualunque veicolo con cambio automatico; al posto del tradizionale indicatore di livello del carburante troveremo un indicatore di carica della batteria. CITROËN C-ZERO offre 4 posti effettivi e un bagagliaio di 166 litri di capacità; è incredibilmente silenziosa e propone molteplici equipaggiamenti di confort e sicurezza: servosterzo, ABS, ASR, ESP, vetri elettrici, 6 Airbag, sistema telematico autonomo per chiamate d’emergenza e climatizzazione sono i più significativi. Con la sua lunghezza di 3,48 m e un diametro di sterzata di 9 m si destreggia con disinvoltura nel traffico cittadino. Le prestazioni (velocità massima di 130 km/h, da 0 a 100 km/h in circa 15 secondi e riprese da 60 a 90 km/h in 6 secondi) e un’autonomia di quasi 130 km (secondo il ciclo misto normalizzato) le permettono anche di avventurarsi senza problemi fuori città. a cura di RCS Pubblicità

1.1

A Milano, offresi per lavori di segreteria/redazione anche part-time. Ottimo curriculum. kenzia02@tiscali.it ABILE impiegata commerciale, inglese, francese, capacità organizzative, problem solving, Pc. aleziaale@yahoo.it ABILE impiegata 36enne, inglese, francese, spagnolo, esperienza pluriennale, acquisti, offresi anche come segretaria receptionist. Mobilità. 329.88.17.148. ABILE impiegata 48 anni, pluriennale esperienza, inglese, Pc, anche per altro mansionario serio qualificato. 335.54.08.562. ACQUISTI commerciale esperta 48enne inglese tedesco offresi Milano est / Segrate. Tel. 331.15.07.558. RESPONSABILE produzione/fabbrica ingegnere ventennale esperienza conduzione aziendale, gestione personale, riduzione costi, qualità logistica. 340.36.31.431. TECNICO commerciale macchinari industriali, vendite, preventivi, marketing, inglese, trasferte Italia estero. Milano sud 339.46.13.622. TECNICO commerciale 35enne settore impianti offresi a società di management general contractor. 331.80.19.604.

1.2

AGENTE alimentari vini Italia - estero ricerca produttori interessati apertura nuovi mercati. www.verialweb.com 02.96.70.39.35 AGENTE commercio, perito meccanico introdotto settore meccanica fine valuterebbe incarichi. Milano 335.80.05.083. AGENTE di commercio con deposito e distribuzione (Co - Va - Mi) esaminerebbe proposte collaborazione. 348.16.07.359. AGENTE enasarco 46enne, ventennale esperienza vendita climatizzatori esamina proposte collaborazione. 335.68.19.952.

VENDITORI E PROMOTORI

1.5

ADDETTO alla vendita, esperienza di prestigio, valuta interessanti proposte. No abbigliamento. 328.06.13.561. CAMERIERE buone capacità, referenziato, buona conoscenza vini, offresi, Milano centro. Disponibilità immediata. 347.28.44.234. CAMERIERE 29enne italo-romeno ottima presenza carattere, disponibilità, affidabilità offresi anche autista Milano. 328.37.73.349. CAPORICEVIMENTO vastissima esperienza presso rinomata compagnia alberghiera, conoscenza varie lingue, disponibile per Italia o estero. 333.12.85.197. COMMESSA abbigliamento e gestione tintoria, 48enne, bella presenza, esperienza pluriennale, offresi. Tel 339.44.11.183. 02.38.10.12.49. EXECUTIVE chef toscano, consulente gastronomico trentennale esperienza, cucina marinara e mediterranea, menù personalizzati valuta proposte adeguate con alloggio escluso estero. 349.54.56.832.

COLLABORATORI FAMILIARI

PRESTAZIONI TEMPORANEE

1.7

AMMINISTRATORE di sostegno, con esperienza pratiche relative, accetta nuovi incarichi. 335.58.76.481. ATTENDIBILE autista auto privato, pensionato, disponibile. Prego contattare, se interessati 333.93.21.539. DINAMICO bella presenza cultura tecnico commerciale, ottime referenze controllabili, offresi per varie mansioni di fiducia, anche in strutture commerciali. Milano/hinterland. Tel. 338.84.33.920. DISEGNATORE meccanico e di carpenteria metallica uso del Cad pensionato offresi. 02.82.65.377. EX-TASSISTA referenziato, ottima conoscenza Milano/provincia, uomo fiducia, trasporto plichi/documenti, automunito S.W. GPL valuta proposte. 349.28.60.144.

BABY SITTER

OPERAI

2.4

PERFORATORE con esperienza cercasi per impresa di trivellazione micropali. Erba Fondazioni Srl. Tel. 031.64.50.52 ore ufficio. Cell. 348.80.53.396.

ADDETTI PUBBLICI ESERCIZI

3 DIRIGENTI PROFESSIONISTI

OFFERTE

3.1

DIRETTORE produzione offre collaborazione miglioramento organizzazione, controllo produzione, pianificazione, metodi, tempi. Serietà, referenze. 347.30.10.117. DIRETTORE produzione, competenza ambito operations, ingegnere meccanico, solida esperienza, multinazionali, pmi. 366.45.34.552. DIRETTORE produzione, operations, ingegnere meccanico, consolidata esperienza, multinazionali, pmi. 366.45.34.552. DIRETTORE vendite esperienze diversificate B2B realizzazione, sviluppo, gestione reti commericali esamina proposte consulenze/progetti. 333.99.77.708.

IMMOBILI RESIDENZIALI COMPRAVENDITA

VENDITA MILANO CITTA'

BADANTI

1.9

AFFIDABILE, referenziata, cerco impiego come badante, vitto/alloggio fisso, disponibile subito, anche colf. Cell. 389.18.47.320. BABY SITTER signora russa, regolare, referenziata, esperienza, laureata, bella presenza offresi anche badante. Disponibilità trasferte. 329.34.91.58. BADANTE conoscenza inglese, offresi, pulizia, stiro anche colf. No perditempo. 349.76.45.496. BADANTE equadoregna 42enne, esperta, referenziata offresi assistenza anziani giornata/part-time. 338.92.53.074. OTTIMA predisposizione assistenza anziani 47enne beneducato cortese elevata moralità libero impegni offresi tempo pieno automunito patente B. 340.35.97.790. SIGNORA esperta e referenziata offresi come badante, dama di compagnia anche baby-sitter. 348.53.03.989.

2 RICERCHE DI COLLABORATORI

IMPIEGATI

2.1

AMMINISTRAZIONE front-office, gestione clienti a Milano azienda ricerca tre ambosessi. Tel. 02.20.40.31.09. ASSICURAZIONI società di brokeraggio ricerca esperta rami elementari. Curriculum al fax 02.91.39.08.85. AZIENDA operante nel settore farmaceutico sede Milano centro ricerca assistente di direzione generale. Disponibilità immediata.Tel: 02.67.00.499 E-mail: laura.pilo@partnerinbusiness.it CERCASI impiegata libera subito, preferibilmente già a conoscenza di amministrazione gestione condominiale. Tel. 02.73.89.491. ESPERTO disegno 3D autocad inventor SpA, componenti RF microonde per l’elettronica, ricerca. Fax 02.35.71.631 - mail: borgonovo@cpeitalia.it PICCOLA impresa in Milano zona Fiera ricerca impiegata/o logistica trasporti e magazzino, richiesta buona conoscenza lingue tedesco e inglese. Titolo preferenziale francese. Inviare cv fax 02.43.91.98.54. STUDIO commercialisti Milano centro cerca ragioniere/a commercialista esperto/a bilanci, dichiarazioni, consulenza fiscale. Inviare curriculum a: cv@studiozanetti.it STUDIO notarile assume dipendente esperto/anell’invio telematico degli atti con modello unico e Fedra. Corriere 597-XZ 20138 Milano.

1.4

AIUTO MAGAZZINIERE autista, esperienza ventennale, uomo di fiducia. Tel 02.58.30.93.48 - cell. 328.68.61.363. ANTENNISTA elettricista ventenne, diplomato scuola italiana, esperto, madrelingua araba, offresi anche come impiegato. 327.69.23.947. AUTISTA con patente C, anche fattorino offresi zona Milano e Hinterland. 02.45.81.297 - 392.81.20.676.

5.1

7 IMMOBILI TURISTICI

COMPRAVENDITA

10 VACANZE E TURISMO

ALBERGHI-STAZ. CLIMATICHE

7.1

ALASSIO impresa vende direttamente 100 metri mare, nuova ristrutturazione bi-trilocali, finiture lusso, vista mare, box-terrazzi, consegna gennaio 2010. 0182.66.29.27 335.63.55.540. www.appartamenti-alassio.it ASSOLUTAMENTE irripetibile. Lago Garda, vista mozzafiato. Da 119.000,00 villini. Giardino, piscina. 035.56.58.50.

11 ARTIGIANATO TRASPORTI

ARTIGIANATO

AFFITTI

7.2

BEVER Engadina affittasi appartamento per vacanze 7 posti letto, garage. 0039.335.68.21.576. ENGADINA Samaden affitto annualmente/ stagionalmente appartamento posizione panoramica 3 camere doppie, 3 bagni, bagno cortesia, cucina abitabile, camino, giardino, posto automobile. quadrellas@webjump.it SILS MARIA Engadina, in casa storica privato affitta appartamento 2 camere, soggiorno, 2 bagni, cucina. Da vedere. Tel. 366.37.53.925.

IMMOBILI COMMERCIALI E INDUSTRIALI

8

Svendiamo 138 Box P.ZZA PAPA GIOVANNI. • SENAGO Semifiniti, 380.000.00 Euro. 335.21.85.03 - 030.22.40.90 - gruppor.it.

OFFERTA

8.1

NUOVO polo della moda ufficio 235 mq. open-space 765.000,00 Euro. Compagnia delle Indie 335.56.01.782. 02.76.00.41.01.

RICHIESTA

11.1

APPRENDISTA orafo 20enne maturità artistica, scuola orafa, offresi. Tel. 333.25.73.706. FALEGNAME con esperienza pluriennale, offresi per restauro, lavorazione legno, riparazione, manutenzione e lavori di falegnameria. 339.40.62.235. Preferenza Lombardia. IMPAGLIATURE artigianali su sedie chiavarine d’epoca e moderne eseguite con trafilati d’alta qualità. Genova. 338.77.91.548. IMPRESA offresi per pulizie uffici, stabili, show-room. cgmservizi@libero.it 338.75.80.859.

TRASPORTI E TRASLOCHI

8.2

A Milano e provincia ricerchiamo per importanti clienti muri negozi acquisto/locazione mq. 150/400 garantiamo riservatezza serietà. Falco Immobiliare Srl 02.48.02.20.69.

11.2

AUTOTRASPORTATORE provincia Bergamo con due mezzi portata 2500/5500 kg, copriscopri, in possesso di patentino ADR cerca trasporti. 335.271829

AZIENDE CESSIONI E RILIEVI

12

ABBIAMO gruppi acquirenti interessati ad investire tutti i settori ovunque. Siae Srl telefono 02.89.28.06.00. GRANDE discoteca zona Vercelli cerca gestore o acquirente qualificato con garanzie. Scrivere a casella: Corriere 596-XZ - 20138 Milano

VENDITE ACQUISTI E SCAMBI

GIOIELLI ORO ARGENTO

18 18.2

ACQUISTIAMO brillanti, oro, monete, supervalutazione, pagamento contanti. Gioielleria Curtini, via Unione 6. 02.72.02.27.36. ACQUISTIAMO gioielli grandi firme, orologi prestigiosi, monete epoca, argenti. 02.86.46.37.85. BOUTIQUE acquista oro, gioielli, pagamento contanti, permute. Milano via Torino 18/5 - 02.86.46.17.26. PUNTO D’ORO compriamo contanti, supervalutazione gioielli antichi, moderni, orologi, oro, diamanti. Sabotino 14 - Milano. 02.58.30.40.26.

PROPOSTE VARIE

18.3

DISPONGO procedimento da brevettare per stampare l’alluminiocome si stampa la plastica lasciare messaggio al 346.73.97.986.

19

C

HAMONIX pronta consegna alloggi chalets di nuova costruzione, ottimo investimento +39.349.30.77.385 www.chamonixchalets-cvi.com COSTA AZZURRA Eze bord-de-mer, proprio sul mare, affarissimo monolocale di 30 mq. in residence con piscina, solo 149.000 Euro. 035.24.18.34. SARDEGNA Punta Molara, Cala Ginepro villa di 310 mq con vista panoramica. www.euroinvest-immobiliare.com 0789.66.575. VARAZZE centro, vendesi immobile possibilità 6 appartamenti, 100 metri mare. Tel. 335.61.98.264.

10.1

FINALE LIGURE Appartamentini attrezzati, Residence Olivotti, centralissimo, tranquillo, 100 metri mare, vacanza ideale con bambini, anziani, prezzi modici, 019.69.05.32 , www.olivotti.it SETTIMANA Benessere dal 10 gennaio al 21 marzo pensione completa bevande incluse, piscina coperta termoriscaldata, idromassaggio, 1 lezione acquagym, animazione, in doppia standard: 7 notti Euro 350,00 a persona - 14 notti Euro 630,00 a persona. Riduzioni bambini 3º - 4º letto. 335.30.18.49 www.riohotel.it Finale Ligure.

5

LORETO adiacenze signorile, piano alto mq. 165. Euro 555.000,00. Compagnia delle Indie 335.56.01.782. - 02.76.00.41.01. LORETO adiacenze, mansarda mq. 150. open-space Euro 255.000,00. Compagnia delle Indie 335.56.01.782. 02.76.00.41.01. NUOVO polo della moda mq. 110 completamente ristrutturato signorile 395.000,00 Euro. Compagnia delle Indie 335.56.01.782. - 02.76.00.41.01. NUOVO polo moda bilocale ristrutturato 233.000,00 Euro. Compagnia delle Indie 335.56.01.782. - 02.76.00.41.01.

1.8

BABY SITTER italiana referenziata esperienza, offresi anche come badante a Milano. Tel. 328.55.60.460. BABY-SITTER offresi signora italiana seria esperienza decennale anche bimbi di pochi mesi, referenze controllabili, zone Cusano Milanino/Sesto San Giovanni/Cinisello Balsamo/Monza/Milano. Telefonare dopo le ore 19,00 cell. 333.72.11.603. LIBERA pomeriggio, da concordare, affidabilissima baby sitter offresi. Cell. 392.56.09.997. RAGAZZA srilanchese offresi come baby sitter, domestica fissa giornata. Ottime referenze. 392.57.32.204.

2.5

A Milano per apertura nuovo punto commerciale selezioniamo due addette/i alla clientela full-time. 02.24.00.177. CERCASI estetista professionale per centro estetico. Massima serietà. Milano 2. 02.26.41.31.11 - 329.80.39.395. STUDIO MEDICO Milano centro, cerca estetista ottima presenza, professionalità, flessibilità orari. Fax 035.27.13.85.

1.6

ASSISTENTE personale, italiano referenziato di fiducia, amministrativo, autista/custode anche incarichi temporanei. Varie esperienze. Rispettoso, affidabile, polivalente. Residente a Roma. Disponibilità immediata, richiedere c.v. marcoceccon53@alice.it tel. 338.16.53.594. AUTISTA assistente personale con referenze controllabili, offresi a professionisti e manager. Disponibile a spostamenti Italia. Richieste: fisso, vitto alloggio. 320.74.60.706. AUTISTA assistente personale e familiare, 32 enne, italiano, full time. In Emilia Romagna, max serietà, valuto lavoro fuori regione. 349.11.93.730 AUTISTA patente B kb collaboratore di fiducia diploma superiore uso pc esperto toponomastica Milano/ hinterland offresi part/ full-time. 331.99.94.384. DOMESTICA ucraina regolare referenziata con esperienza anziani, bambini, cucina e servizio offresi in Milano. 340.51.46.649. DOMESTICO custode srilankese referenziato, esperienza, tuttofare, patente D offresi anche part-time. 338.61.49.433.

2.3

ASSUNZIONE offresi, come venditore zona Milano, Como, Lecco, Varese, in azienda fabbricante beni strumentali. Offriamo stipendio fisso, premi, auto, telefono aziendale, carburante. Richiesta disponibilità immediata, età 25/45 anni. Telefonare 035.45.22.041 oppure inviare curriculum e-mail cv@grizzly.it o fax 035.52.50.12.

AUTOVEICOLI

AUTOVETTURE

19.2

ACQUISTANSI automobili e fuoristrada, qualsiasi cilindrata, pagamento contanti. Autogiolli, Milano. 02.89.50.41.33 02.89.51.11.14. ACQUISTIAMO autovetture, fuoristrada, pagamento e trasferimento immediato. www.procarmilano.it - 02.89.40.21.39. CONCESSIONARIE Fiat professional in Lombardia, leaders vendita e distribuzione veicoli commerciali nuovi Fiat offrono intera gamma pronta consegna comprese versioni GPL e Metano ad esclusione di fiorini metano. Disponiamo inoltre pronta consegna di veicoli frigoriferi. Consegna gratuita Lombardia, Piemonte, Trentino Alto Adige, Liguria, Valle d’Aosta, Emilia Romagna, Marche, Toscana. Per preventivi e disponibilità numero verde 800.230.382. PORSCHE 911 (997) cabrio 4, full optional, interni tutta pelle cocoa, capote cocoa, perfetta anno 2006 vendesi. 348.51.69.419. ore ufficio.

PALESTRE SAUNE E MASSAGGI

21

ABBANDONATI a massaggi antistress, ayurvedici rilassanti, thaylandesi, shiatsu, idromassaggi. Relax. 02.29.40.17.01 366.33.93.110. ABBIAMO massaggi shiatsu, relax. Promozioni un’ora 50. Aperti domenica/festivi. 02.39.66.66.13. ABBIAMO nuove promozioni. Massaggi rilassanti antistress. Ambiente elegante, raffinato. Anche domenica. 02.39.56.67.75. ACCURATI massaggi, shiatsu, relax. Continuano promozioni 50 un’ ora. Aperto domenica. 02.26.68.33.77. CENTRO benessere, ambiente raffinato, massaggi antistress. 50,00 Euro un’ora.Milano 02.27.08.03.72. ELEGANTE studio olistico, zona Fiera. Promozioni massaggi antistress, orientali, anche domenica. 02.33.49.79.25. SAN BABILA elegantissimo centro benessere, massaggi ayurvedici. Ambiente esclusivo, professionalità, classe. 02.39.68.01.02. SAUNA bagno turco in ambiente raffinato. Massaggi rilassanti olistici. Serietà, professionalità. Milano 02.66.71.67.80.

22 CHIROMANZIA

1.3

CINQUANTENNE direzione vendite gestione agenti - capi area, contratti nazionali GDO, canale Net Work Horeca settore alimentare Beverage. Inglese francese parlato scritto. Residente Milano. Tel. 338.68.41.624. COMMERCIALE italo-cinese con affermata esperienza, residente Cina, con disponibilità ufficio e magazzino, cerca azienda italiana interessata a promuovere e vendere prodotti propri sul mercato cinese. venditecina75@yahoo.it COMMERCIALE settore illuminazione, esperienza di vendita presso show room, 36 anni, preparazione tecnica, capacità gestionale, trattative commerciali, pacchetto Office, buone doti relazionali, disponibilità immediata a Milano offresi. Cell 347.32.22.976. ESPERTO settore carni bovine con esperienza trentennale, disponibilità immediata offresi controllo qualità acquisti, vendite, collaudo merce Italia/estero. Disponibilità immediata, offresi. Tel. 348.65.16.499. ESPERTO settore carni bovine esperienza trentennale, disponibile per controlli qualità acquisti, vendite, collaudo merce Italia/estero. Tel. 348.65.16.499.

OPERAI

ADDETTI PUBBLICI ESERCIZI

VENDITORI E PROMOTORI

ASTROCARTOMANTE Adriana riceve a Verona telefonare allo 346.59.41.150.

23 MATRIMONIALI

Si informa la gentile Clientela che l’Agenzia di Milano

Via Solferino, 22 “Piccoli Annunci”

AGENZIE MATRIMONIALI

24

effettuerà l’apertura straordinaria nei giorni

• • • • •

SABATO LUNEDI’ MARTEDI’ SABATO SABATO

5 dicembre 7 dicembre 8 dicembre 12 dicembre 19 dicembre

dalle 10,00 alle 13,00 e dalle 14,00 alle 17,00

Si informa inoltre che nelle giornate del 24 e 31 dicembre l’orario d’apertura sarà dalle 9,00 alle 12,30

23.2

JET SET STUDIO Erica, stupenda 28enne interprete parlamentare. Alta, snella, mora, appassionata viaggi, arte, musica. Scopo convivenza. 02.48.01.59.57.

CLUB E ASSOCIAZIONI A MILANO distinta agenzia presenta eleganti accompagnatrici, affascinanti modelle ed interessanti hostess. In tutta Italia. 335.17.63.121. ACCOMPAGNATRICE Sara, alta classe, stupenda, solare per pomeriggi, serate, viaggi, cene. 320.94.23.309. ADESSO ardo 899.40.20.35 Medio Blasi 161 Palermo. Solo adulti. Euro 0,54 min. ivato. AGENZIA accompagnatrici alta classe, bella presenza, fotomodelle, in tutta Italia. Milano. 333.49.59.762. CASALINGHE esibizioniste 899.00.41.86. Autoritaria 899.11.14.54. Euro 1,80 min./Ivato. Solo Adulti. Mediaservizi, Gobetti 54 - Arezzo. GAYCHAT. 899.888.960 da Euro 0,60 min/ ivato VM 18. MCI Marcona 3 Milano. VENIAMO al dunque 899.933.933 da Euro 0,60 min/ivato. VM 18. MCI Marcona 3 Milano.


SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT

47 R #

ALTRI MONDI

Si chiama «Spose in viaggio» la mostra di Pippa Bacca, fl’artista uccisa in Turchia nell’aprile 2008 mentre faceva l’autostop vestita da sposa: sarà a Milano da mercoledì

Omicidio Meredith, Amanda e Raffaele sono colpevoli A mezzanotte la sentenza dei giudici di Perugia: la studentessa americana condannata a 26 anni, il suo ex fidanzato barese a 25 Corte esaminerà scrupolosamente tutta la nostra ricostruzione»), la dinamica dell’omicidio era chiara: «Mez è stata uccisa da tre furie scatenate». I tre, per i pm, arrivarono nella casa di via della Pergola (che Amanda divideva con Meredith e altre ragazze) e, forse dopo un bisticcio, cercarono di coinvolgere la studentessa inglese in un gioco sessuale: l’aggressione degenerò e Amanda finì per accoltellare la coinquilina, mentre Raffaele la teneva ferma. A conferma di questa tesi, il Dna di Amanda e Mez individuato su un coltello ritrovato a casa di Raffaele e quello del venticinquenne pugliese sui gancetti del reggiseno di Meredith.

CARLO ANGIONI 5 RIPRODUZIONE RISERVATA

dCondannati, ma non all’ergastolo. I due ex fidanzati Amanda Knox, 22 anni, e Raffaele Sollecito, 25 anni, hanno ammazzato insieme all’ivoriano Rudy Guede la studentessa inglese Meredith Kercher, la notte del 1˚ novembre 2007, nella sua casa di Perugia: l’americana di Seattle è stata condannata a 26 anni di carcere, il pugliese di Giovinazzo (Ba) a 25. Ieri, due anni, un mese e qualche giorno dopo la notte dell’omicidio, il fermo, e l’ingresso in carcere, hanno aspettato tutto il giorno di conoscere il loro destino. I giudici della corte d’Assise sono entrati in camera di consiglio verso le 10, e ne sono usciti solo pochi minuti dopo la mezzanotte, con il verdetto di primo grado, che ha riconosciuto loro le attenuanti generiche. Amanda ha pianto e ha sussurrato «No, no» al suo avvocato. Raffaele è rimasto impassibile, e uscendo dall’aula, la sorella gli ha urlato: «Forza, forza».

Condanna Dopo la condanna a 30 anni di Rudy (col rito abbreviato), che spera in una riduzione della pena in appello, ecco la punizione per Amanda e Raffae-

Amanda Knox e Raffaele Sollecito: colpevoli come Rudy Guede ANSA

le. Per loro, finiti in carcere il 6 novembre di due anni fa con Patrick Lumumba (poi scagionato), i pm Mignini e Comodi avevano chiesto l’ergastolo per concorso in omicidio, porto ingiustificato di coltello, violenza sessuale, furto e simulazione di reato (Amanda era accusata anche di aver calunniato Lumumba: per questo è stata condannata a un anno in più). Secondo i magistrati (che ieri avevano detto: «Siamo convinti che la

La Knox ha pianto e ha sussurrato al suo avvocato «No, no». Sollecito impassibile, ma la sorella gli urla: «Forza, forza Raffaele»

Difesa Gli ex fidanzatini, in questi due anni, avevano sempre «urlato» la propria innocenza. Sino all’ultima udienza, due giorni fa. Amanda, che ha spesso fatto discutere per il suo look (celebre la maglietta con la scritta extra large All you need is love, in onore dei Beatles) aveva detto: «Ho paura di avere una maschera di assassina forzata sulla mia pelle». Raffaele, che nel frattempo in carcere è diventato dottore in ingegneria informatica, si era appellato ai giudici: «Restituitemi la mia vita». Per adesso, non è bastato.

L’ASILO NIDO DI PISTOIA LE IMMAGINI DELLA POLIZIA TRASMESSE IERI DAL TG1

42 MORTI E 80 FERITI

Negano le maestre streghe

Pakistan, strage in una moschea Ancora Al Qaeda

Chiesta la conferma degli arresti per le due donne: il video degli orrori le inchioda dUn bimbo preso a ceffoni sulla testa; una bambina tirata per i capelli, costretta a mangiare e poi colpita con un giocattolo; un bimbo che piange trascinato dalla maestra e picchiato. Dopo essere state mostrate ai genitori dei piccoli, le tremende immagini girate dalla polizia nell’asilo nido «Cip e Ciop» di Pistoia, fatte vedere ieri dal Tg1 in esclusiva e poi rimbalzate su tutti i siti, sembrano inchiodare

Anna Laura Scuderi, 41 anni, ed Elena Pesce, 28 anni, titolare e collaboratrice dell’asilo. Le donne, accusate di maltrattamento di minori, sono rinchiuse insieme, in isolamento, nel carcere di Sollicciano (Fi), e sono state interrogate dal gip per la convalida dell’arresto: si sono difese, hanno detto i legali, e aspettano la decisione del giudice (che potrebbe arrivare oggi). La pm ha chiesto la custodia cautelare in carcere, l’avvocato della Scuderi gli arresti domiciliari, quello della Dini la scarcerazione. Sui video choc, invece, è intervenuto il Garante per la privacy, che ha chiesto a tiggì e siti di «oscurare in modo adeguato i volti dei bambini».

Un’immagine dei video girati dalla polizia nell’asilo nido di Pistoia ANSA

Mentre si riaffaccia l’ombra di Bin Laden, avvistato in Afghanistan da un talebano, il Pakistan torna ostaggio del terrorismo di matrice islamica. Un commando accompagnato da due kamikaze, eludendo le pesanti misure di sicurezza, ha fatto irruzione in una moschea di Rawalpindi, piena di fedeli: almeno 42 morti e 80 feriti. Alcuni testimoni hanno raccontato che i terroristi «hanno ucciso alcune persone riverse al suolo». L’azione del gruppo legato ad Al Qaeda è una risposta all’offensiva contro i talebani portata avanti dal Pakistan al confine.

w

L’ANALISI L’ULTIMO RAPPORTO CENSIS

I NUMERI

19,8

I milioni sui social network Secondo il Rapporto del Censis, 19,8 milioni di italiani hanno confidenza con i social network: il 22,9% è iscritto a Facebook

760

Le migliaia di posti di lavoro Come scrive il Censis, sono 763 mila le persone che a causa della crisi sono rimaste senza lavoro: più della metà, il 56,4%, erano uomini

71,5

Le famiglie non a rischio Per il 71,5% delle famiglie il reddito mensile è sufficiente a coprire le spese. Il dato sale al 78,9% al Nord-Est, ma al Sud scende al 63,5%

Un’anziana conta i centesimi al supermercato ANSA

L’Italia all’antica resiste alla crisi Ma resta divisa MARCO IARIA 5 RIPRODUZIONE RISERVATA

dLa crisi globale ha svelato quello che siamo veramente. Una società «replicante», che guarda al passato più che al futuro, riottosa ai cambiamenti. Proprio questo, però, ha fatto da paraurti contro lo tsunami finanziario, consentendo all’Italia di resistervi. È la fotografia scattata dal Censis nel rapporto 2009 sulla situazione sociale del Paese. Il primato dell’economia reale sulla finanza, la territorialità delle banche, le piccole imprese, l’elasticità (grazie anche al sommerso...) del mercato del lavoro, la capacità di risparmio delle famiglie: tutte carte vincenti negli ultimi difficilissimi 12 mesi.

Prospettive Ma non è che, in Italia, si fronteggi la recessione con il sorriso tra i denti. Viviamo «in apnea», e c’è il rischio che nei primi mesi del 2010, se il mercato non riparte e le nostre indu-

x

GIUSEPPE DE RITA PRESIDENTE CENSIS

Dobbiamo tornare a fare comunità, a credere nei partiti e nelle associazioni strie non si rilanciano, questa strategia non possa bastare più. La ricetta? La spiega il presidente del Censis, Giuseppe De Rita: «Per 15-20 anni non si è più fatta vita collettiva, dobbiamo tornare a fare comunità, nel piccolo comune, nel quartiere, nel condominio, ricominciare a credere nel sindacato, nel partito, nelle associazioni». Disagi Per il Censis il 28,5% delle famiglie arriva a stento a fine mese ed è costretto a chiedere prestiti e pagamenti a rate, a sposare il low cost (anche per la casa, dai pannelli solari all’uso di materiali riciclati). Oltre un milione di famiglie vive in condizione di «povertà alimentare»: la media nazionale è del 4,4%, ma in Calabria e Basilicata si arriva al 10%. Altro motivo di preoccupazione è lo scarso appeal della scuola, «con tassi di abbandono e di dispersione patologici in tutti i segmenti educativi». L’80% dei ragazzi tra i 15 e i 18 anni si è domandato, almeno una volta, che senso abbia stare tra i banchi. Per fortuna che ci sono gli istituti d’eccellenza, sempre più richiesti.

gazza&play

le notizie che non lo erano di LUCA SOFRI 5 RIPRODUZIONE RISERVATA

I killer dei ciccioni in Perù sono una leggenda andina Il nuovo sindaco di Atlanta è ormai quasi certamente (il distacco è minimo, si farà un riconteggio) il candidato nero Kasim Reed. Sono state quindi un po’ avventate alcune previsioni, come quella

PIPPA BACCA UCCISA IN TURCHIA

che si legge ancora su Corriere.it: «Atlanta si appresta a eleggere per la prima volta dal 1972 un sindaco bianco e donna». La settimana scorsa tutti i

giornali del mondo hanno dato ampio spazio alla storia di una gang di assassini che in Perù uccideva ciccioni per vendere all’industria cosmetica il grasso dei loro corpi. Era una storia macabra e suggestiva, ma falsa. È stato rimosso l’ufficiale di polizia che l’aveva annunciata, lasciandosi ingannare da una leggenda andina ed esagerando una più ordinaria faida tra trafficanti di droga. Diversi giornali hanno segnalato le polemiche nate da un concerto tedesco in cui il cantante inglese Pete Doherty avrebbe intonato «un vec-

chio inno nazista». In realtà i versi ritenuti tali, e da allora rimossi, appartengono a quello che è ancora oggi l’inno nazionale tedesco.

Gazza&Play ti permette di vedere sul tuo telefonino multimediale approfondimenti e aggiornamenti delle notizie con foto e video.

Cosa devi fare Codici bidimensionali

Cosa devi fare Sms

Repubblica.it ha dato molto spazio alla commovente lettera di un «giovane ciclista veneto» che annuncia di abbandonare lo sport perché disgustato dall’abuso del doping. La lettera è bella e forse vera, ma circola in Rete almeno da un anno e non è mai stata firmata né circostanziata: bisognerebbe indicare di più la differenza tra un racconto vecchio e una notizia verificata.

1. Questa operazione la farai una volta sola. Scarica e installa gratuitamente il software (sui modelli più recenti potrebbe esserci un lettore preinstallato): invia un Sms con la scritta 3000 al numero 34 04 34 34 34, oppure digita sul browser del tuo telefonino gazzetta.i-nigma.mobi e segui le istruzioni che ti verranno fornite

Se non vuoi o non puoi installare il software, manda un Sms al numero 34 04 34 34 34 scrivendo sul messaggio il numerino che trovi sul giornale. Riceverai un Sms di risposta con il link che ti porterà al contenuto richiesto.

2. Clicca l'icona i-nigma o il lettore preinstallato sul tuo telefonino

Il servizio è gratuito a meno dei costi di connessione e di invio di Sms previsti dal tuo piano tariffario. Parla con il tuo operatore per usufruire della migliore tariffa dati disponibile. Tim numero 119. Vodafone 190. Wind 155. H3g 133. Se sei Vodafone attiva la tariffa “tutto incluso” a soli 2 Euro alla settimana inviando un SMS con scritto G al numero gratuito 422461, la prima settimana è gratis! Info su www.vodafone.it

Per maggiori informazioni visita www.gazzetta.it/gazza-and-play

3. Inquadra il codice e segui le istruzioni del software di lettura 4. Il telefono si collega al sito mobile e vedrai i contenuti annunciati


48 R

SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT

ALTRI MONDI

a X Factor e già 1˚ su iTunes. Uscito ieri, «Dove si fPrimo vola», l’Ep d’esordio di Marco con cinque cover e 2 inediti, è in testa alle classifiche dei singoli e degli album

s

La Carmen è giovane Così la Scala diventa rock Ovazioni da stadio per Barenboim alla prova generale per under 30 MAURO BALESTRAZZI 5 RIPRODUZIONE RISERVATA

MILANOdPer il secondo anno

consecutivo, il rito di Sant’Ambrogio alla Scala dà la precedenza a quello di Santa Barbara. Non si allarmino i presenzialisti del 7 dicembre: lunedì avranno come sempre la loro serata di gala. Ma i primi a togliere i veli alla tanto attesa Carmen inaugurale sono stati ieri 1760 giovani sotto i trent’anni che avevano bruciato in meno di un’ora tutti i biglietti disponibili da 10 euro. Comunicatore In teatro c’era un clima diverso. Un’ovazione più da concerto rock che da tempio del melodramma ha ac-

colto il maestro Daniel Barenboim. Straordinario comunicatore, come si è visto anche giovedì sera in televisione (a proposito: complimenti a Fazio per la trasmissione e per aver anticipato il ritorno di Abbado con l’Orchestra della Scala), Barenboim si è divertito a «dirigere» gli applausi, salutando il pubblico e presentando i due protagonisti, pure loro under 30 da poco usciti dall’Accademia della Scala: il mezzosoprano Anita Rachvelishvili (Carmen) e il tenore Riccardo Massi (Don José), che ieri ha sostituito l’indisposto Jonas Kaufmann, titolare del ruolo. Poi, via alla musica: con l’Inno di Mameli (lunedì sera ci sarà anche il presidente

MARCO MENGONI VINCITORE DI X FACTOR

CINEMA UNA SCELTA D’AUTORE

ITALIANE ALL’ESTERO

S

La georgiana Anita Rachvelishvili, 25 anni: è la Carmen del 2009 REUTERS

Napolitano) a introdurre l’opera di Bizet. Happy hour La «prima» per i giovani si è confermata idea di grande successo. «Con questa iniziativa — spiega il sovrintendente Stéphane Lissner —, vogliamo intercettare il pubblico di domani attraverso i canali di comunicazione dei giovani e con il loro linguaggio. Da qui sono nati la card, il sito e la community di Facebook, che conta ormai 15 mila iscritti. Tutto coordinato da under 30 di questo teatro». Alla Scala pensano proprio a tutto: agli abbonati della speciale stagione per i giovani (per ora 1400, ma la campagna è ancora aperta) sarà offerto anche l’aperitivo in teatro prima delle recite.

IN 12 SALE ITALIANE

Bellucci incinta? L’attrice 45enne starebbe aspettando il secondo figlio da Vincent Cassell. La mamma ha detto «preferisco ne parli lei, non lo voglio dire per prima». L’agente: «È troppo presto per dirlo»

La «prima» si vede anche nei cinema La Prima della Scala ma vista dalla platea di un cinema. La «strana» visione sarà possibile in 12 sale sparse per l’Italia del neonato gruppo The Space (frutto dell’unione tra i multisala Medusa e Warner). Lunedì alle 17.30, l’attesa Carmen diretta da Barenboim sarà visibile in diretta. I biglietti per lo spettacolo sono già acquistabili anche online e agli spettatori sarà distribuito anche il libretto dell’opera.

S Loren al cinema «Nine», l’attesissimo film ispirato a «8 1/2» di Federico Fellini, ha debuttato giovedì sera a Londra: nel cast ci sono Daniel Day Lewis, Nicole Kidman, Penelope Cruz e Sophia Loren

Sergio Rubini, regista e interprete, con il piccolo Guido Giaquinto, protagonisti di L’uomo nero, nelle sale da oggi

Bellissimo e corale Quell’«Uomo nero» è un vero gioiello SANDRO VERONESI* 5 RIPRODUZIONE RISERVATA

dC’è qualcosa, nelle piccole stazioni, che orienta Sergio Rubini verso il suo cinema più felice. Malgrado siano passati ormai quasi vent’anni, ancora ricordiamo con stupore il suo splendido film d’esordio — La stazione, appunto — e adesso, alla sua decima regia, maturo quanto allora era incosciente, ma ugualmente ispirato e sicuro, ci regala questo nuovo gioiello «ferroviario». L’uomo nero, infatti, è un film bellissimo, completo, corale, ricco di ambienti e di tematiche, ma punta anch’esso il suo centro su una piccola stazione ferroviaria della provincia pugliese, che ne è il serbatoio drammaturgico. Lì dentro è prigioniero il capostazione Ernesto Rossetti, pittore sacrificato dal padre all’arido abbraccio delle FF.SS. — e lì dentro egli avvampa di passione per Cézanne, incendiando la vita di chi gli vuol bene.

Protagonista della storia, come in molti dei nostri migliori film, da Amarcord a Nuovo Cinema Paradiso, è un bambino — suo figlio Gabriele: ed è proprio attraverso gli occhi del figlio che Ernesto, buon uomo, buon marito, buon padre e buon cittadino del boom economico, ma divorato dal fuoco della frustrazione artistica, viene trasformato nell’uomo nero del titolo. È questo sguardo la grande forza del film: non ci fosse il bambino il nostro pittore della domenica susciterebbe in noi tutta la solidarietà possibile — ma il bambino c’è, e vede e vive accanto al padre la sua tragicomica epopea, e noi siamo solidali con lui, e con lui condividiamo quel rifiuto del padre che ne farà una persona libera e migliore. Magistralmente — bisogna dirlo — interpretato da Rubini stesso, da Valeria Golino (fantastica) nel ruolo della moglie, da Riccardo Scamarcio, Fabrizio Gifuni e dal piccolo Guido Giaquinto, L’uomo nero è una leggera, spietata parabola sull’amore male indirizzato — come Sant’Agostino definisce il male: ma è soprattutto lo zenit espressivo di uno dei più versatili talenti del nostro cinema, e anche solo per questo è importante vederlo. * Scrittore, vincitore del Premio Strega 2006

PROGRAMMI GRATIS PER 7 GIORNI

La7 sbarca su Internet: una tv on demand gratis (man) Il mouse usato come un telecomando: ha debuttato ieri La7.tv, la prima tv on demand, gratuita, sul web. Per vederla ci vuole una connessione Internet a banda larga (anche una chiavetta), si potranno seguire così i programmi per una settimana dal giorno della messa in onda. Per le puntate più belle dalla seconda settimana ci sarà un archivio cult. Per il vicepresidente di Telecom Italia Media, Gianluca Stella, la nuova La7 «si colloca nella logica di trasformare la tv da uno strumento passivo ad uno in cui si possa dominare la tv». Mentre si stanno trattando i diritti del rugby, tra una settimana gli appassionati potranno rivedere il test match Italia-All Blacks. Secondo dati aggiornati, 30 milioni di italiani accedono a Internet e guardano in media 30 minuti al giorno di contenuti video.


SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT

GAZZALOOK

49 R

fAlla scoperta del 29enne altoatesino protagonista in Coppa del Mondo

Fischnaller

Roland, il cavaliere della tavola L’azzurro fidanzato con la sciatrice Karbon: «Lo snowboard è la mia passione, mi carico scalando» MARISA POLI 5 RIPRODUZIONE RISERVATA

dTavola, montagna e Denise. Le passioni di Roland Fischnaller, altoatesino della Val di Funes come Reinhold Messner. Azzurro dello snowboard, arrampicatore su vie alpine nel tempo libero, e da 7 anni fidanzato della Karbon («L’ho conosciuta a un corso maestri nel 2002, mi ha subito preso con il suo sorriso»), è l’uomo tranquillo che va contro i luoghi comuni del suo sport. «Perché lo snowboard non è lo sport di chi è un po’ folle, ma solo un bello sport. E io l’ho scelto perché mia sorella Cristina mi ha portato in pista, avevo 10 anni. Ho visto scendere Eric Pramsholer, che ora è il mio allenatore, disegnava le curve sulla neve, ho pensato: "Io voglio fare questo"».

Professione Per qualche anno lo snowboard è stato un hobby. A 18 anni, dopo qualche stagione da carpentiere in legno, Fi-

x

IL SEGRETO DI ROLAND

Mi piace arrampicare, ma anche fare sci alpinismo. Mi dà l’energia per le gare e penso che sia così anche per Denise

LA SCHEDA

O In carriera

ROLAND FISCHNALLER

29 ANNI SNOWBOARDER

sei podi di Coppa e due tricolori Roland Fischnaller è nato il 19 settembre 1980 e vive in Val di Funes (Bz). Ha esordito in Coppa del Mondo nel 1999 e ha ottenuto 6 podi (4 volte secondo e 2 volte terzo). Sesto in slalom parallelo ai Mondiali 2007, è stato due volte tricolore nello slalom parallelo. Tesserato per il Cs Esercito. E’ fidanzato con Denise Karbon.

schnaller ne ha fatto una professione. Sono arrivati sei podi in Coppa del Mondo nel gigante e slalom parallelo, un paio di titoli tricolori, buoni piazzamenti all’Olimpiade. Quella di Vancouver, a febbraio, sarà la terza in carriera. «Penso di avere l’esperienza giusta per rendere al meglio e le piste olimpiche mi piacciono molto, in più sono uno tranquillo, di solito in gara faccio meglio che in allenamento».

perché con tutta la famiglia ha trascorso tutte le estati alla malga Dusler, a quota 2000. «C’era una parete di arrampicata vicino a casa e io salivo senza imbragatura». Ora le scalate sono una passione di coppia e Roland, che ha salito la parete Rossa del Catinaccio, si porta anche Denise. «E’ un passatempo che ci piace, come lo sci alpinismo. Mi dà l’energia per le gare e penso che sia così anche per Denise». Con lei, prima di Natale, cucinerà il pane da regalare ai parenti. «Il tempo libero, quando c’è, lo passiamo insieme. Ci piace andare in sauna, fare passeggiate, stare a giocare a carte e a chiacchierare con i nonni, ad ascoltare le storie dei vecchi tempi». Prima ci sono gli impegni di Coppa del Mondo (fra 10 giorni a Telluride, negli Usa). Poi, in primavera, Roland si dedicherà alle api, arte imparata da papà. «Lo snowboard non è per pazzi. E lo sport è sempre una scuola per la vita».

A cura di Fabrizio Sclavi gazzalook@rcs.it

Montagna Per uno nato all’ombra delle Odle, la montagna è un destino. Per Roland di più,

UOMO

DONNA

TAVOLE DI COLORE PER LA MODA SEMPRE IN PISTA

DALLE SNEAKER ALL’OROLOGIO LA DISCESA E’ FASHION

TECNOLOGICI Guanti compatibili con iPod e iPhone, di North Face a 30 e

MULTICOLORS Casco millerighe di Carrera by Safilo Group a 115 e

FLUO Maschera con lente specchiata, di Salice a 79 e

SNOW PASS Orologio con cinturino in silicone, di Swatch a 60 e

D’AVANGUARDIA Pantaloni in tessuto waterproof, di Oakley a 175 e

TRAPUNTATO Piumino in nylon lucido con collo in lana, di Geospirit a 395 e

TECNICO Scarpone da freestyle, di Salomon a 329 e

MASCHILE Tavola in legno con struttura a nido d’ape, di Head a 500 e

SFUMATA Tuta da snowboard, di Roxy a 369 e

DIPINTA Giaccone fantasia con cappuccio, di Burton a 230 e

ECCENTRICO Cappellino in pile con applicazioni colorate, di Barts a 25 e SCOZZESE Piumino stampato, di 4810 a 429 e FEMMINILE Tavola da snow di Rip Curl a 400 e

FASHION Sneaker con pelliccia e pon pon, di Onitsuka Tiger a 139 e


50 R

SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LETTERE

dite la vostra

Non Solo Calcio

INDIRIZZO Via Solferino 28, 20121 Milano Fax 02.62.82.79.17. Email: gol@rcs.it

A cura di Fausto Narducci

Judo, miracolo in provincia

Perché il rugby non diventa nostro sport nazionale? Ho letto che il rugby potrà contare su un numero crescente di appassionati ma non diventerà mai uno sport nazionale. Ma, secondo voi non è possibile che il rugby diventi uno degli sport nazionali? Non è un’eresia ciò che sto scrivendo perché è una realtà nei Paesi anglosassoni e in Francia dove il rugby si affianca al calcio come sport nazionale. Tranne qui. In Italia aumenta il numero degli appassionati di rugby, ma dal punto di vista mediatico non gli si dà visibilità. Io ho la fortuna di avere Sky, quindi posso seguire e guardare il mio sport preferito. Mi metto però nei panni di un bambino o un adulto appassionati di rugby che non possono permettersi Sky oppure una linea internet Adsl: notizie di rugby per loro manco l'ombra. Nelle tv non a pagamento il rugby non esiste (eccezion fatta per Sportitalia e Raisport Più che trasmette qualche partita), in Gazzetta un trafiletto giusto per i risultati e classifiche il lunedì. Nei Paesi Anglosassoni o in Francia ci

IL TEMPO

sono trasmissioni tv e pagine di quotidiani dedicate a questo sport. Mi ricordo che da bambino durante «Tutto il calcio minuto per minuto», c’erano sempre due o tre inviati dai campi di rugby per gli aggiornamenti. Ora nemmeno quelli. In Italia mi sembra chiaro che il rugby non diventerà mai uno sport nazionale, perché voi media non avete interesse che lo diventi! Nel rugby non ci sono ingaggi multimilionari, non ci sono polemiche, non ci sono interessi politici, non ci sono i grandi sponsor che ci girano attorno, non ci sono gossip, non c'è nulla che riguardi le astrusità o le indecenze del calcio di oggi. Si parla solo e unicamente di sport, il vero sport. C’è grande fair play nonostante il gioco sia molto ruvido e fisico, ci sono tifosi

che applaudono beniamini ed avversari, ci sono giocatori che non polemizzano con l'arbitro per una decisione sbagliata, c'è grande aria di festa intorno allo stadio prima e dopo la partita, non ci sono tifosi violenti e deficienti. Alessandro Vignotto Un’analisi un po’ da tifoso, visto che mai come quest’anno il rugby ha trovato spazio sia sulla Gazzetta sia su tutti i giornali. E poi perchè la Gazzetta, che oltretutto ha organizzato i tre test match da tutto esaurito (nella foto Staccioli il nostro pacchetto di mischia ad Ascoli) dovrebbe impedire al rugby di diventare sport nazionale? Diciamo che al momento i numeri del suo sport preferito sono inferiori a quelli del calcio.

Sono atleta e Presidente dell’A.S.D. Judo Club Camerano ed è proprio la favola di questa piccolissima società che volevo raccontare. Il club con oltre 40 anni di storia, risiede nella piccolissima Camerano (5000 abitanti) nella riviera del Conero provincia di Ancona. Sabato scorso a Prato siamo arrivati nuovamente (come nel 2008) al quinto posto agli Assolutib a squadre subito dietro i gruppi sportivi militari e precedendo tutti i club delle maggiori città d’Italia. Da presidente pago abitualmente la mia quota mensile, e con me tutti gli atleti, dirigenti e tecnici. Ci alleniamo tantissimo: 2 ore al giorno tutte le sere, Abbiamo la fortuna di schierare nelle nostre file un fortissimo atleta cubano (tre volte olimpico) e per gli Assoluti abbiamo invitato dalla Spagna due ragazzi di 18 e 20 anni a gareggiare con i nostri colori: solo per amicizia (ci conosciamo da anni) hanno accettato. Marco Montanari (Camerano)

Veramente un piccolo miracolo, come solo la nostra provincia sa realizzare. La passione non può compensare i mezzi dei club militari ma può arrivarci vicino.

Testimonial sbagliati A proposito della marca di di rasoi Gillette. Allora, avevano tre testimonial nella pubblici-

tà. Il piu famoso, Tiger Woods, fa le corna alla moglie e pare che lei per vendetta le dia un colpo di mazza da golf in testa. Il secondo, Thierry Henry, tocca con la mano il pallone nella partita decisiva ed elimina l’Irlanda dai Mondiali. Il terzo Roger Federer per adesso sembra pulito, ma do fiducia ai giornalisti per trovarci una bella notizia. Allora, il mercato del rasoio per la Gillette mi sembra un po’ difficile in Irlanda e nell’America moralista che inneggia alla libertà non dovrebbe andare meglio. Ben Pinieri

Complimenti per il suo sarcasmo. In effetti due dei tre testimonial della Gillette non se la passano bene, ma su Federer (almeno per il momento) possiamo mettere la mano sul fuoco. E in alcune campagne pubblicitarie Henry ha tolto la mano dal pallone e l’ha messa in tasca. Poi sa come si dice: la popolarità (anche negativa) può far bene alla pubblicità. E infatti nessuno degli sponsor di Woods finora ha stracciato il contratto.

Ciclismo 2010 in sei domande Quella del 2009 per il ciclismo italiano è stata un’annata magra. Ecco le mie domande per un 2010 migliore. 1) Si riuscirà a cambiare rotta? 2) Come vedete il ritorno di Riccò? 3) Cunego punterà ancora ai grandi giri? 4) Ivan Basso può essere protagonista al Tour contro mostri come Contador, Schleck e, perché no, Armstrong? 5) Tra i nostri giovani

Giorgio Demurtas (Campegine, Reggio Emilia)

Risponde Luca Gialanella: 1) L’Italia sta attraversando un periodo di transizione, tra ritiri di campioni come Bettini, casi di doping e giovani non ancora esplosi. 2) Il primo obiettivo di Riccò, al di là del rientro alle corse, dovrà essere uno solo: convincere tutti che il passato di doping sia stato completamente abbandonato. 3) Cunego correrà ancora i grandi giri, ma senza pensare alla classifica: punterà alle tappe. 4) Nel 2009, dopo quasi tre anni di inattività, Basso ha dimostrato di essere ancora competitivo. Ma Contador è fuori categoria per tutti. 5) Premesso che dobbiamo dare tempo ai giovani di crescere, atleti come Malori, Balloni, Magazzini, Ulissi, Brambilla, Caruso, Ratto e Viviani sono da seguire con attenzione. 6) Sì, perché nessuno, da Boonen a Petacchi, è al suo livello. Anche per l’età: tra lui e Petacchi ci sono 11 anni di differenza. A parte Ale-jet e Bennati, occhio a Jacopo Guarnieri: ha solo 22 anni.

FISCHIA TU di Daniele Tombolini LA RISPOSTA Fischi una punizione indiretta agli avversari ed espelli il portiere.

www.meteo.it

a cura del Col. Giuliacci

LEGENDA

Oggi

Domani

Il Sole oggi

In Europa

Milano

Sole

Sorge

-1

Aosta

Rovesci

-5 Coperto

8

-2

Pioggia

8

Trieste

Milano

7 10

9

Londra Berlino

5 10

Neve

Firenze

Perugia

7 13

4 10

Madrid

ROMA

VENTI:

5 14

Deboli

Lisbona

Dopodomani

Campobasso

Bari

5 10

7 12

Potenza

7 16

6

9

Forti Molto forti

Tramonta

7.22

16.41

Milano

Roma

Sorge

Tramonta

7.48

16.41

Sorge

Tramonta

7.22

16.41

Ultimo quarto

Atene

9 Dicembre

Nuova 16 Dicembre

Primo quarto

Piena

24 Dicembre

31 Dicembre

6

Napoli

Moderati

Istanbul Roma

3

Sorge

La luna

6 11

L’Aquila

Nebbia

16.41

Parigi

Ancona

7 13

Roma Tramonta

Il Sole domani Mosca

Bologna Genova

Temporali

Stoccolma

7 12

Venezia

1 10

Torino

7.47

Oslo

Trento

Nuvoloso

Te

passati pro chi sembra il più promettente? 6) Nelle volate sarà dittatura Cavendish?

Cagliari

Catanzaro

8 16

Le temperature ieri in Italia Alghero Ancona Aosta Bari Bologna Cagliari

min

max

12 2 -1 3 4 11

15 11 9 14 5 17

Campobasso Catania Firenze Genova L’Aquila Milano Napoli Palermo

min

max

4 7 6 3 0 4 6 13

6 15 8 8 7 5 13 17

Perugia Potenza Reggio Calabria Roma Torino Trento Trieste Venezia

min

max

2 5 9 7 2 0 5 3

10 9 16 13 6 4 9 8

7 14

MARI:

Reggio Calabria

Palermo

Calmi

10 16

12 17

Catania

Mossi

8 19 Agitati

S.p.A. DIRETTORE RESPONSABILE CARLO VERDELLI VICEDIRETTORI Franco Arturi farturi@gazzetta.it Stefano Cazzetta scazzetta@gazzetta.it Ruggiero Palombo rpalombo@gazzetta.it Gianni Valenti gvalenti@gazzetta.it Umberto Zapelloni uzapelloni@gazzetta.it SEGRETARIO DI REDAZIONE Daniele Redaelli dredaelli@gazzetta.it Testata di proprietà de "La Gazzetta dello Sport s.r.l." - A. Bonacossa © 2009

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE PRESIDENTE Piergaetano Marchetti AMMINISTRATORE DELEGATO Antonello Perricone AMMINISTRATORE DELEGATO SETTORE QUOTIDIANI ITALIA Giorgio Valerio CONSIGLIERI Anna Maria Artoni, Giulio Ballio, Maurizio Barracco, Vittorio Coda, Antonio Fernández-Galiano, Angelo Ferro, Valerio Onida, Gianfelice Rocca e Riccardo Stilli

RCS Quotidiani S.p.A. Sede Legale: Via A. Rizzoli, 8 - Milano Responsabile del trattamento dati (D. Lgs. 196/2003): Carlo Verdelli privacy.gasport@rcs.it - fax 02.62051000 © COPYRIGHT RCS QUOTIDIANI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo quotidiano può essere riprodotta con mezzi grafici, meccanici, elettronici o digitali. Ogni violazione sarà perseguita a norma di legge DIREZIONE, REDAZIONE E TIPOGRAFIA Via Solferino, 28 - 20121 Milano - Tel. 02.6339 DISTRIBUZIONE m-dis Distribuzione Media S.p.A. Via Cazzaniga, 1 - 20132 Milano Tel. 02.25821 - Fax 02.25825306 SERVIZIO CLIENTI Casella Postale 10601 - 20110 Milano CP Isola Tel. 02.63798511 - email: gazzetta.it@rcsdigital.it PUBBLICITÀ RCS PUBBLICITÀ S.p.A. Via Mecenate, 91 - 20138 Milano Tel. 02.50951 - Fax 02.50956848

EDIZIONI TELETRASMESSE Tipografia RCS QUOTIDIANI S.p.A. - Via R. Luxemburg - 20060 PESSANO CON BORNAGO (MI) Tel. 02.95743585 S RCS PRODUZIONI S.p.A. - Via Ciamarra 351/353 - 00169 ROMA - Tel. 06.68828917 S SEPAD S.p.A. - Corso Stati Uniti, 23 - 35100 PADOVA - Tel. 049.8700073 S Tipografia SEDIT - Servizi Editoriali S.r.l. - Via delle Orchidee, 1 Z.I. - 70026 MODUGNO (BA) - Tel. 080.5857439 S Società Tipografica Siciliana S.p.A. - Zona Industriale Strada 5ª n. 35 - 95030 CATANIA - Tel. 095.591303 S Centro Stampa Unione Sarda S.p.A. - Via Omodeo - 09034 ELMAS (CA) - Tel. 070.60131 S BEA printing bvba Maanstraat 13 - 2800 - MECHELEN (Belgio) S J.R.J. Printing Corporation - 18 Industrial Park Drive - Port Washington - NEW YORK 11050 S CTC Coslada - Avenida de Alemania, 12 - 28820 COSLADA (MADRID) S La Nación - Bouchard 557 1106 BUENOS AIRES S Taiga Gráfica e Editora Ltda - Av. Dr. Alberto Jackson Byington n. 1808 - OSASCO - SÃO PAULO - Brasile.

PREZZI D’ABBONAMENTO C/C Postale n. 4267 intestato a: RCS QUOTIDIANI S.p.A. ITALIA 7 numeri 6 numeri 5 numeri Anno: e 299,40 e 258,90 e 209,10 Per i prezzi degli abbonamenti all’estero telefonare all’Ufficio Abbonamenti 02.63798520 INFO PRODOTTI COLLATERALI E PROMOZIONI Tel. 02.63798511 - email: linea.aperta@rcs.it Testata registrata presso il tribunale di Milano n. 419 dell’1 settembre 1948 ISSN 1120-5067 CERTIFICATO ADS N. 6558 DEL 4-12-2008

La tiratura di venerdì 4 dicembre è stata di 400.007 copie

COLLATERALI * La Gazzetta dello Sport e 1,00 più Sportweek e 0,50 non vendibili separatamente - con Sergio Leone e il Grande Western all’italiana N. 42 e 11,49 - con Supereroi N. 37 e 11,49 - con Ferrari F1 Collection N. 37 e 11,49 - con Il Grande Cinema di Clint Eastwood N. 25 e 11,49 - con Transformers N. 21 e 11,49 - con Magic Campionato Card e 21,49 - con Magic Libro e 9,49 - con Magic Manager 9.0 e 11,49 - con Il Grande Cinema di Verdone N. 14 e 11,49 - con Motomondiale Story N. 14 e 12,49 - con 100 Anni di Fumetto Italiano N. 10 e 11,49 - con Le Storie che hanno fatto la Storia N. 9 e 12,49 - con I Love NBA 2 N. 6 e 12,49 - con Calendario Ufficiale 14 mesi (Milan, Genoa, Fiorentina, Nazionale 2006) e 9,49 - con Calendario Ufficiale 14 mesi (NBA, All Blacks, Ferrari GT, Giro) e 10,49 con Nintendo DS N. 3 e 4 e 21,49 - con Il Grande Cinema di Al Pacino N. 4 e 11,49 - 300 Luoghi N. 2 e 12,49 PROMOZIONI

ARRETRATI Richiedeteli al vostro edicolante oppure ad A.S.E. Agenzia Servizi Editoriali - Tel. 02.99049970. Internet: www.aseweb.it c/c p. n. 36248201. Il costo di un arretrato è pari al doppio del prezzo di copertina per l’Italia; il triplo per l’estero.

PREZZI ALL’ESTERO: Albania e 2,00; Argentina $ 2,00; Austria e 2,00; Belgio e 2,00; Brasile R$ 7,00; Canada CAD 3,50; Cz Kcs. 60; Cipro e 2,50; Croazia Hrk 15; Danimarca Kr. 18; Egitto e 2,00; Finlandia e 2,50; Francia e 1,85; Germania e 1,85; Grecia e 1,85; Irlanda e 2,00; Israele e 2,00; Lux e 2,00; Malta e 1,85; Marocco g 2,20; Monaco P. e 1,85; Nigeria e 2,50; Norvegia Kr. 22; Olanda e 2,00; Polonia Pln. 9,00; Portogallo/Isole e 2,00; Romania e 2,00; SK Slov. e 2,20/Kr. 80; Slovenia e 1,85; Spagna/Isole e 1,85; Svezia Sek 25; Svizzera Fr. 2,60; Svizzera Tic. (con Sportweek Fr. 2,80); Tunisia TD 3,50; Turchia e 2,00; Ungheria Huf. 550; UK Lg. 1,60; U.S.A. USD 3,00.


SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT

51 R

TV E RADIO I FILM DI STASERA

Alien vs. Predator

The Hours

L’altra donna del re 21 grammi

The Code

I Tenenbaum

sDi P. Anderson, con R. Bova

sDi S. Daldry, con N. Kidman

sDi J. Chadwick, con N. Portman

sDi A. Inarritu, con S. Penn

sDi M. Leder, con A. Banderas

sDi W. Anderson, con A. Huston

(Usa, 2004) Una spedizione di scienziati va in Antartide per indagare su una cosa misteriosa...

(Usa, 2002) La storia di tre donne legate dal romanzo Mrs Dalloway, scritto da Virginia Woolf

(Usa, 2008) Enrico VIII regna sull’Inghilterra e adesso desidera un figlio maschio che non arriva

(Usa, 2003) L’ex malavitoso Jack Jordan investe e uccide un padre con le sue due bambine...

(Usa, 2009) Keith è un ladro vicino alla pensione che vuole compiere un ultimo, grande colpo...

(Usa, 2001) Royal ed Etheline Tenenbaum, newyorkesi dell’upper class, hanno avuto tre figli...

FANTASCIENZA Italia 1, alle 23.40

DRAMMATICO Rai 4, alle 21.10

DRAMMATICO Premium Cinema, alle 21

DRAMMATICO Sky Cinema Mania, alle 21

AZIONE Sky Cinema 1, alle 21

COMMEDIA Sky Cinema Hits, alle 23.10

RADIO

IN CHIARO RAIUNO

RAIDUE

RAITRE

UNOMATTINA SETTEGIORNI APRIRAI OCCHIO ALLA SPESA LA PROVA DEL CUOCO TG1 EASY DRIVER LINEABLU DREAMS ROAD TG1 PASSAGGIO A NORD... L'EREDITÀ TG1 - RAI TG SPORT AFFARI TUOI SPECIALE PER DUE 23.05 TG1 23.10 MA L'AMORE.. SI'! 0.45 TG1 - NOTTE 1.00 ESTRAZIONI DEL LOTTO 1.05 CINEMATOGRAFO

6.45 7.00 10.25 10.55 11.35 13.00 14.00 17.10 18.10 19.00 19.50 20.25 20.30 21.05

MATTINA IN FAMIGLIA TG2 MATTINA SULLA VIA DI DAMASCO QUELLO CHE MEZZOGIORNO IN... TG2 - RAI SPORT X FACTOR SERENO VARIABILE PRIMEVAL LAW & ORDER CLASSICI DISNEY ESTRAZIONI DEL LOTTO TG2 - 20.30 CLOSE TO HOME Telefilm 22.40 RAI SPORT SABATO SPRINT 23.30 TG2 2.15 RAINOTTE 3.15 CERCANDO CERCANDO

7.00 8.15 9.00 11.00 14.00 16.25 16.40

FILM SUL DIGITALE TERRESTRE

LO SPORT IN CHIARO, SUL SATELLITE E SUL DIGITALE TERRESTRE

PREMIUM

IN DIRETTA

14.55 DERAILED - PUNTO D'IMPATTO. STEEL 15.42 INNAMORATI CRONICI. MYA 16.25 ATTO DI FORZA. STEEL 17.24 DUETS. MYA 19.17 CINDERELLA STORY. MYA 21.00 36 - QUAI DES ORFEVRES. STEEL 21.00 L' ALTRA DONNA DEL RE. PREMIUM CINEMA 21.00 LA TEMPESTA PERFETTA. JOI 23.00 THE COMMANDER. STEEL 23.20 MICHAEL COLLINS. JOI

CALCIO

6.30 9.35 10.25 11.30 12.00 13.30 14.00 14.30 16.15 17.00 17.45 18.50 20.00 20.35

13.45 FALKIRK RANGERS GLASGOW Scottish Premier League. Sky Sport 3, Sky Calcio 3 e Sky SuperCalcio

13.45 PORTSMOUTH BURNLEY Premier League. Sky Sport 1 e Sky Calcio 2

15.30 ASCOLI - REGGINA

17.05 18.10 19.00 20.10 21.30 23.25 23.45 1.10 1.25

15.30 MANTOVA SALERNITANA

Serie B. Sky Calcio 9 e Dahlia 3 Calcio

15.30 CITTADELLA MODENA

23.45 0.15 1.30 2.00

20.00 REAL MADRID ALMERIA 20.45 JUVENTUS - INTER Serie A. Sky Sport 1, Sky Calcio 1 e MP Calcio

Serie B. Sky Calcio 13

15.30 TRIESTINA - CROTONE Serie B. Sky Calcio 12

15.30 AMBURGO HOFFENHEIM 16.00 WEST HAM MANCHESTER UNITED Premier League. Sky Sport 1 e Sky Calcio 2

Liga. Sky Sport 3 e Sky Calcio 2

BASKET 20.00 ANGELICO BIELLA BENETTON TREVISO Serie A maschile. Sky Sport 2

16.00 ARSENAL - STOKE CITY Premier League. Sky SuperCalcio e Sky Calcio 4

16.00 BLACKBURN LIVERPOOL

18.30 MANCHESTER CITY CHELSEA

Serie B. Sky Calcio 8

14.05 16.10 18.30 19.00 19.25 21.10 23.40 1.20 2.00

CARTONI ANIMATI TV MODA STUDIO APERTO STUDIO SPORT TIL DEATH PER TUTTA LA VITA KARATE KID 4 ROBIN HOOD: UN UOMO IN CALZAMAGLIA STUDIO APERTO MR BEAN BABE: MAIALINO CORAGGIOSO LA MUMMIA Film ALIEN VS PREDATOR POKER1MANIA OKTAGON: ROAD TO K1 TOKYO

LA 7

Radio 105

TELEFILM CUOCHI SENZA... TG4 - TELEGIORNALE CUOCHI SENZA... DETECTIVE IN CORSIA TG4 - TELEGIORNALE FORUM PERRY MASON PSYCH PIANETA MARE TG4 - TELEGIORNALE TEMPESTA D'AMORE WALKER TEXAS RANGER BONES Telefilm 23.15 THE UNIT 0.00 GUIDA AL CAMPIONATO 0.30 PASSWOR*D IL MONDO IN CASA

7.00 OMNIBUS - WEEK END 10.10 L'INTERVISTA 10.45 LE INCHIESTE DI PADRE DOWLING 11.45 INNOVATION 12.30 TG LA7 - SPORT 7 13.00 UN AMERICANO A... 15.05 RUGBY: BARBARIANS NUOVA ZELANDA 17.15 LA7 DOC 18.00 I MAGNIFICI SETTE 20.00 TG LA7 20.30 CHEF PER UN GIORNO 21.35 L'ISPETTORE BARNABY Telefilm 23.30 VICTOR VICTORIA SENZA FILTRO 0.30 TG LA7 0.55 M.O.D.A. 1.30 LA 25ª ORA IL CINEMA...

105 Sport

7.30 11.00 11.30 11.40 12.30 13.30 14.05 15.10 17.00 17.55 18.55 19.35 20.30 21.30

COMBINATA NORDICA

PATTINAGGIO SU GHIACCIO

10.00 COPPA DEL MONDO

8.15

Da Lillehammer, Norvegia Eurosport 2

14.00 COPPA DEL MONDO Gundersen. Da Lillehammer, Norvegia. Eurosport 2

FOOTBALL 18.00 PITTSBURGH CINCINNATI NCAA. ESPN America

22.00 ALABAMA - FLORIDA

SLITTINO

14.00 BENETTON TREVISO L'AQUILA RUGBY

11.45 COPPA DEL MONDO

15.05 BARBARIANS NUOVA ZELANDA La 7

2.00

TEXAS - NEBRASKA

11.30 COPPA DEL MONDO Sprint femminile. Eurosport

1.00

Doppio, 2ª manche. Eurosport 2

TENNIS 13.00 BASSANO - SARNICO Final four. Serie A1 maschile. SuperTennis

16.00 SPAGNA REPUBBLICA CECA

14.15 COPPA DEL MONDO Sprint maschile. Eurosport

NHL. ESPN America

4.00

Discesa maschile. Eurosport e Raisport Più

20.30 COPPA DEL MONDO

SAN JOSE SHARKS CALGARY FLAMES

BOXE 4.30

SCI DI FONDO

WILLIAMS - MARTINEZ

PALLANUOTO

Incontro pesi medi. Dahlia 2 Sport

16.40 LAZIO - NERVI

VELA 8.00

Discesa femminile. Eurosport e Raisport Più

NHL. ESPN America

Premier League. Sky Sport 3 e Sky Calcio 2

Finale Coppa Davis. Raisport Più

19.00 COPPA DEL MONDO

BOSTON BRUINS TORONTO MAPLE LEAFS

12.40 COPPA DEL MONDO

Serie A1 maschile. Raitre

Sprint maschile e femminile Raisport Più

Alle 20.20, Patty ospita Sergio Rubini (nella foto) e il duo Golino-Scamarcio, regista e interpreti di L’uomo nero

Doppio, 1ª manche. Eurosport 2

SCI ALPINO HOCKEY GHIACCIO

Serata Rmc

12.45 COPPA DEL MONDO

18.30 SARACENS SALE SHARKS Guinness Premiership. Sky Sport Extra

Radio Monte Carlo

Sprint Freestyle, maschile e femminile. Eurosport

RUGBY Super 10. Raisport Più

Alle 12, all’interno di 105 Sport, Fabiana ospita Checco Zalone (nella foto), primo al cinema con Cado dalle nubi

13.00 COPPA DEL MONDO

ISU GRAN PRIX Raisport Più

NCAA. ESPN America

BIATHLON

Serie A. Sky Calcio 1, Dahlia Sport e MP Calcio

15.30 GROSSETO - ANCONA

7.00 11.35 12.25 13.00 13.40

RETE 4

NCAA. Sky Sport 2

Premier League. Sky Calcio 3

18.00 MILAN - SAMPDORIA

ITALIA 1

22.00 DEPORTIVO LA CORUÑA - BARCELLONA

Bundesliga. Sky Sport 3 e Sky Calcio 1

Serie B. Sky Calcio 14

OROSCOPO

20.00 20.30 21.10

15.30 SASSUOLO - PADOVA

15.30 GALLIPOLI - TORINO Serie B. Sky Calcio 6 e Dahlia 4 Calcio

13.00 13.40 14.00 16.00 18.50

TRAFFICO TG5 - MATTINA LOGGIONE MAURIZIO COSTANZO SHOW 25 ANNI TG5 GRANDE FRATELLO AMICI VERISSIMO CHI VUOL ESSERE MILIONARIO TG5 STRISCIA LA NOTIZIA CHI HA INCASTRATO PETER PAN? Varietà RIASSUNTO GRANDE FRATELLO MISSING TG5 NOTTE STRISCIA LA NOTIZIA

Liga. Sky Calcio 3

Serie B. Sky Calcio 7 e Dahlia 2 Calcio

15.30 CESENA - FROSINONE

7.55 8.00 8.50 9.30

Serie B. Sky Calcio 11

Serie B. Sky Calcio 10 e Dahlia 1 Calcio

15.30 BRESCIA - EMPOLI

I GIORNI DELL'AVVENTO IL VIDEOGIORNALE... TV TALK TGR - TG3 - RAI SPORT TG REGIONE - TG3 SPORTABILIA PALLANUOTO: LAZIO - NERVI PALLAVOLO: FORLÌ - MODENA 90° MINUTO SERIE B TG3 - TG REGIONE - BLOB CHE TEMPO CHE FA NATI LIBERI Documenti TG3 - TG REGIONE UN GIORNO IN PRETURA TG3 SABATO NOTTE APP. AL CINEMA

CANALE 5

Virgin Radio Virgin Chart Alle 15, c’è la classifica di Virgin: la scorsa settimana, 21st Century Breakdown dei Green Day (nella foto) era prima

WORLD MATCH RACING TOUR Monsoon Cup. Eurosport

VOLLEY 17.05 YOGA FORLÌ TRENKWALDER MODENA Serie A1 maschile. Raitre

21/3 - 20/4

21/4 - 20/5

21/5 - 21/6

22/6 - 22/7

23/7 - 23/8

Ariete 6-

Toro 7

Gemelli 6+

Cancro 7+

Leone 6+

Pesci 8

Sabato opaco, come le vostre facoltà di giudizio: le scelte sarebbe preferibile farle domani. Fisico e sudombelico reggono bene, però…

Sabato pieno di stimoli intellettuali e creativi. Anche in tema d’amor fornicatorio, muy vivace. Lavoro, viaggi e forma fisica alla grande…

La concentrazione è scarsa, il vigore fisico più che sufficiente. Ma agire senza pensare equivale a tagliarsi gli zebedei, spesso. Rifletteteci…

Certe malinconie non sono motivate: tutto è incanalato sui binari giusti. Anche se avete la lingua sui piedi per la fatica. Ormoni pazzi e sazi…

Ci sono prove da affrontare, impicci da dribblare, pretese da tamponare. Ma ve la caverete bene, con un filo di faccia di glutei. Forma okay.

IL MIGLIORE. Potete incanalare proficuamente entusiasmi ed energie. Il lavoro ringrazia e premia, viaggi e trasferte ricompensano. Rentrée suine…

24/8 - 22/9

23/9 - 22/10

23/10 - 22/11

23/11 - 21/12

22/12 - 20/1

21/1 - 19/2

Vergine 7

Bilancia 6

Scorpione 7+

Sagittario 6-

Capricorno 5,5

Acquario 6+

RODRIGO TADDEI

Sabato allegro e pieno di progetti, magari con amici. Shopping e sport appagano, voi spaccate le montagne e non più gli zebedei altrui: bene…

La compagine stellare lavora per portarvi sempre più in alto. Ma l’umore oggi è un tantino sfigopendulo: ripigliatevi. E non correte in auto.

Potete permettervi praticamente tutto. Meno che organizzare un tifo troppo «energico». Viaggi alla grande, anche nella perdizione suina…

Il malumore ostacola vita sociale e sport. Ma domani migliorerà. Sesso avvincente come un documentario sulla pera spadona. Ussignùr…

Confrontarvi con gli altri sarà utile. Purché siate disposti a mediare, senza lasciar spazio al diktatore che giace in voi. Forma fisica loffia…

Sabato utile al disbrigo di minuzie, facezie e arretrati. Oltre che a fitness e wellness. La fortuna vi sorveglia, ma l’ormone non si sveglia…

Il centrocampista brasiliano della Roma, giallorosso dal 2005, è nato a San Paolo il 6 marzo 1980

LE PAGELLE DI ANTONIO CAPITANI

20/2 - 20/3


52 R

SABATO 5 DICEMBRE 2009

LA GAZZETTA DELLO SPORT

il grande negozio per

shop ping palloni inter museo

regali amicizia

natale emozioni

sorrisi

passioni

scarpe area giochi

ricordi maxischermo

curiositĂ

maglie bar de santis interclub point

interchannel live

fino al 20 febbraio

10am8pm 7 giorni su 7

in piazza san babila 5, milano

Gazzetta  

Gazzetta dello Sport

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you