Issuu on Google+

www.rf-id.it

Rassegna Stampa 2008


La presente Rassegna Stampa espone una parte del pubblicato off line che ha interessato Softwork nell’anno 2008: nuovi prodotti, alleanze distributive e case history RFID. La proprietà intellettuale è riconducibile alla fonte specificata in testa o a piè di pagina. Il ritaglio stampa è da intendersi per uso privato, non riproducibile.


Testata Data pubblicazione Pagina Argomento:

Genn.-Febbr. 2008 62 Prodotto UHF Mid Range Reader MRU200


Testata

Data pubblicazione Pagina Argomento:

Febbraio 2008 62, 63 e 64 Tracciabilità Patate del Fucino (L’Aquila)


Testata

Data pubblicazione Pagina Argomento:

Gennaio 2008 46 intervista post QUID 2007


Testata Data pubblicazione Pagina Argomento:

Gennaio/Febbraio 2008 37 Inchiesta AIDC 2007/2008


MEDICAL/PHARMACEUTICAL HIGHLIGHT

RFID for Hospital Patient Safety In the emergency ward of the hospital in Treviglio, Italy, the patient is localized by an RFID system along the diagnostictherapeutic procedures.

The hospital at Treviglio-Caravaggio has become, in the past years, a point of reference in the low Bergamo area near Milan, recording a constant increase in the patients’ flow of 10% to 20%. The hospital staff consists of 1,000 employees (doctors, nurses, technical staff, rehabilitation and administrative personnel), while the First Aid has 55,000 admissions per year, with a mean of 3/4 performances per patient. Such growth in the amount of patients has caused new patient management issues, whose safety is always the main concern. The RFID solution powered by Siced, a certificated reseller of Softwork (www.rf-id.it), aims to ensure the immediate traceability and localization of the patient along the diagnostictherapeutic procedures within the First Aid (Emergency Room), identifying his/her presence in different departments (i.e., radiology, orthopedics, pediatrics), and the related results.

Operative procedure The application makes use of the active RFID technology by Softwork to localize the patients in the First Aid areas. At the reception area, the patient is given an active tag affixed to a badge that the patient carries on his or her neck. The tag, according to the passage sequences set at the entrance of each strategic point, allows identifying the patient’s exact position. The localization function that can occur for each patient or for each depart16 Winter 2008

ment is particularly valuable. At the reception, the patient is processed by the first aid management and given an active RFID tag to allow tracing in the First Aid area, thanks to eight RFID readers set up at passageways. There is a triage where the patients are divided into urgency classes according to the disease or injury severity. The system is able to identify where individual patients are by checking the sequences through the different passageways.

The use of active RFID allows monitoring the position of the patients without interfering with and disturbing the activities of the First Aid. When the patient is discharged, all of the his or her data are saved and recorded in the database, allowing staff to trace back the patient’s history. Meanwhile, the tag is dissociated from that patient so that it is ready to be given to a new user.

Advantages The RFID solution has many more important benefits. First of all, it allows tracing back the history of the route followed by the patient, verifying the situation of the missing patients. It is also used by the hospital staff to control selected accesses

An RFID antenna (above, circled) reads a signal from an RFID tag worn around the neck (left).

since the RFID system is also integrated with alarms and/or door opening devices. The use of active RFID allows monitoring the position of the patients without interfering with and disturbing the activities of the First Aid. This is valuable, especially when it is necessary to act promptly in order to save lives. The interaction with the First Aid management can provide the latter with the real number of patients waiting for specific treatments, avoiding the queue at the reception of every single

department. The RFID mission can be best expressed as major safety, patient identification speed, and reliable and efficient technological support.

RFID technological architecture The RFID application architecture implemented at the hospital of Treviglio is made of Reader I-port 3 and tags ID-2 of Identec Solutions, distributed in Italy by Softwork. The Reader I-port 3 belongs to the latest generation of active RFID devices by Softwork that, using advanced techwww.rfidproductnews.com


nology of UHF band radio transmission, allows continuously integrating the information contained in the Tag i-D2 with the central management system. The information is available in real-time where and when it is necessary with the possibility to record up to 2,000 messages per unit, avoiding wasting any data. The Tag i-D2 transmits and receives data from a distance of six meters and the autonomy is up to six years.

down. Subsequently, this generates another operative advantage: the patient management speed allows the hospital staff time saved so that they can focus on the patient treatment. Last but not least, the modular

open RFID technology can be used in the future also to support the patient family, giving a more human touch to the hospital structure. A monitor in the waiting room can project the identification number or the chromatic

code associated with the patient (the patient’s name will not appear in order to protect his/her privacy), allowing his/her family having immediate and reliable information about the state of their relative.

Achieved goal RFID added value is evident in terms of First Aid patient management. The main goal has been achieved: guaranteeing the patient safety in such a critical area. As well as providing the immediate localization of the patient, the other goal achieved thanks to RFID is the control of the time taken to cross the clinic area in comparison to the planned time, identifying possible procedure slow-

Awarepoint and Skytron Partner to Improve Hospital Asset Management

www.rfidproductnews.com

t $POUBJOFST

t .BUFSJBMT

t $POUSBDU 4FSWJDFT

t 1BDLBHF %FTJHO BOE 1SJOUJOH

t $VTUPN "VUPNBUJPO &RVJQNFOU BOE $PNQPOFOUT

t 3PCPUJDT

t .BDIJOFSZ BOE .BDIJOFSZ $PNQPOFOUT

t 4PGUXBSF

Explore Special-Focus Pavilions: t $POUSBDU 1BDLBHJOH BOE 0VUTPVSDJOH 4FSWJDFT t $PTNFUJD  1FSTPOBM $BSF 1BDLBHJOH $BSF1BDLBHJOH Presented by:

t (SFFO1BDLBHJOH (SFFO 1BDLBHJOH

@&@&1

Awarepoint Corporation (www.awarepoint.com) and Skytron (www.skytron.us) announce Skytron Asset Manager, the healthcare industry’s only integrated active RFID asset management and information resource solution to improve hospital patient care, enhance staff productivity, and better manage equipment capital and rental expense. While standard RTLS provide location tracking and reporting of mobile assets via a web-based search application, Skytron Asset Manager adds another critical dimension to information on-demand – incorporating operators’ instructions, maintenance manuals, and parts catalogs into the asset tracking RFID platform. Under the new partnership, Skytron’s extensive North American network of independent distributors will sell, install, and support the patented active RFID- RTLS technology, powered by Awarepoint’s exclusive ZigBee (www.zigbee.org) sensor network.

See the Full Range of Packaging and Processing Products and Services:

t .BUFSJBM )BOEMJOH  -PHJTUJDT t 1IBSNBDFVUJDBM  /VUSBDFVUJDBM 1BDLBHJOH Presented by: Sponsored by:

NEW

Please use Promo Code: AB Produced and managed by CANON COMMUNICATIONS LLCt80MZNQJD#MWEt-PT"OHFMFT $"t5FMt'BY t  8 0MZNQJD #MWE t -PT "OHFMFT $"  t 5FM  t 'BY 

Winter 2008 17


Testata Data pubblicazione Pagina Argomento:

Gennaio/Febbraio 2008 50 nuovo dispositivo MRU200


Testata

Data pubblicazione Pagina Argomento:

Marzo 2008 171 nuovo prodotto MRU200


Testata Data pubblicazione Pagina Argomento:

Data Manager Gennaio/febbraio 2008 123-126 Laboratori di Ricerca RFID


Testata

Data pubblicazione Pagina Argomento:

Marzo 2008 22 Speciale Tag Attivi: Progetto CastLE del Comune di Lecce


Testata Settimanale economico – IL CORRIERE DELLA SERA Data pubblicazione Pagina Argomento:

11 aprile 2008 78 Progetto Vision in Sabatini Calzature


Testata

Data pubblicazione Pagina Argomento:

12 aprile ’08 13 RFID, Progetto Vision in Sabatini Calzature e tracciabilità patate Fucino


Testata

Data pubblicazione Pagina Argomento:

aprile ’08 92 – Sezione “Prodotti e Servizi” nuovo dispositivo MRU200


Testata

Data pubblicazione Pagina Argomento:

14 aprile ’08 8 applicazione RFID in CM Lavelli


Testata

Data pubblicazione Pagina Argomento:

aprile ’08 47, 48 Referenza Tracciabilità Patate del Fucino (AQ)


Testata

Data pubblicazione Pagina Argomento:

aprile ’08 56 Referenza Consorzio Prosciutto San Daniele


Testata

Data pubblicazione Pagina Argomento:

28 aprile ’08 26 Softwork al BIAS 2008


Testata

Data pubblicazione Pagina Argomento:

Maggio ’08 148 new product UHF Controller PRU50


Testata

Data pubblicazione Pagina Argomento:

Aprile ’08 86 Dossier distributori: La Distribuzione Cerca Nuove Strade


Testata

Data pubblicazione Pagina Argomento:

Maggio ’08 198 Novità Prodotti: PRU50


Testata

Data pubblicazione Pagina Argomento:

Maggio ’08 6 Il mosaico RFID di Softwork


Tecnologie AUTOMAZIONE

g di E. Lissoni

RFID embedded: un nuovo approccio strategico e operativo Dall’inglese “to embed”, integrare, inglobare, nasce il nuovo modo di concepire e utilizzare l’RFID, rivolto soprattutto a progettisti e OEM: potenzialità e benefici, fattori di implementazione, scenari applicativi, considerazioni ingegneristiche e di progettazione dell’RFID embedded.

A

c r o n i m o i n g l e s e d i Ra d i o Frequency Identification, l’RFID è una tecnologia di identificazione automatica basata sulla propagazione nell’aria di onde elettromagnetiche, consentendo la rilevazione a distanza di oggetti, animali e persone sia statici che in movimento. Un sistema RFID si compone di transponder e reader, dotato di un’antenna, che legge il segnale radio e lo trasmette al processing device: in particolare, il reader può essere integrato in un prodotto, da qui l’espressione “RFID embedded” (embed = integrare, inglobare). L’RFID ha raggiunto una diffusione pervasiva, in cui i prodotti incorporano il reader e diventano intelligenti; in breve, l’RFID embedded permette ai prodotti precedentemente inanimati di interagire con il mondo: automobili, merci consumer, strumentazione medicale, mobile device e vendor machine sono alcuni esempi della nuova frontiera M2M aperta dall’RFID. È questa la premessa che ha spinto Softwork, distributore a valore aggiunto di

tecnologie RFID, a siglare un accordo distributivo con SkyeTek, il produttore americano di sistemi RFID embedded, completando così l’ampia gamma di proposte del suo catalogo.

RFID-enabled Se nella versione tradizionale dell’RFID i tag sono fissati al prodotto posizionato in un preciso raggio di lettura del reader fisso, con l’RFID embedded il concetto si capovolge, creando una nuova generazione di RFID-enabled: l’oggetto incorpora il reader, divenendo così intelligente, mentre la capacità di acquisire i dati da remoto genera una data collection d’informazioni

legate all’oggetto precise e in tempo reale, dalla sua nascita fino alle mani del consumatore. Il semplice esempio di un distributore automatico di DVD chiarisce il concetto "rivoluzionario" dell’RFID embedded e ne evidenzia la potenzialità: incorporando un modulo RFID, il distributore è in grado di accettare pagamenti tramite card RFID, rendendo quindi l’acquisto e il noleggio più rapido e funzionale per il consumatore; la maggiore convenienza porta poi ad acquisti impulsivi e, quindi, a un incremento delle vendite; oltre a questo, nel caso in cui i DVD siano dotati di tag, il distributore può gestire automaticamente il proprio stock tramite inventory, allertando l’operatore in caso di stock-out e assicurando quindi una continua disponibilità dei prodotti. Il reader M1 dalle dimensioni notevolmente contenute. Con una forma circolare e un diametro di 25mm compresa l’antenna è paragonabile a una moneta da 1 Euro.

82

maggio 2008


QUALCOSA IN PIÙ DI UN SEMPLICE DISTRIBUTORE

Le applicazioni possibili

Concentrarsi sul reader Mentre nel caso dell’RFID tradizionale l’attenzione è spesso focalizzata sul tag, nell’RFID embedded la valutazione del progettista in fase di integrazione si concentra soprattutto sul reader: dimensioni notevolmente contenute (l’M1, per esempio, ha una forma circolare con un diametro di 25mm compresa l’antenna, pari a una moneta di 1 Euro), attenzione al consumo, soprattutto per applicazioni mobili, e all’intelligenza a bordo, facile integrazione e accesso una volta installato, update del firmware, ottimizzazione prezzo/prestazione, senza intaccarne affidabilità e prestazioni, e design.

Le soluzioni RFID embedded racchiudono un potenziale elevato per applicazioni sul prodotto in molti settori industriali, tra cui aerospazio, automotive, difesa, entertainment, sanità e retail; una volta incorporato l’RFID, l’oggetto diventa intelligente e acquisisce un livello di comunicazione unico. Di seguito alcuni scenari applicativi dell’RFID embedded: • Autentificazione di prodotto: la contraffazione rappresenta in molti settori industriali la maggiore fonte di perdita: basta pensare ai prodotti farmaceutici e ai dispositivi medicali, che avvalendosi dell’autentificazione tramite l’RFID possono allertare in caso di manomissione o imitazione, garantendo così un’assistenza corretta al paziente; la prevenzione alla contraffazione nel mercato (es. entertainment, elettronica per consumer, retail e ITC) aiuta l’azienda a proteggere l’integrità del brand e recuperare le perdite.

83

maggio 2008

Distributore a valore aggiunto di Tecnologie e Soluzioni RFID attive e passive nelle varie bande di frequenza (LF, HF e UHF), Softwork ha stretto accordi di partnership distributiva con produttori attivi a livello internazionale, quali FEIG Electronic per RFID passivi, Identec Solutions per RFID attivi, SkyeTek per soluzioni embedded, Psion Teklogix per mobile computing, STMicroelectronis per la componente chip e Toshiba TEC (RFID Printer). La produzione di propri apparati, anche “customizzati”, grazie all’impulso dato al dipartimento R&D, l’esperienza maturata sul campo da un team di progettisti, sistemisti e tecnici e un network di rivenditori certificati garantiscono a Softwork una posizione privilegiata nel mondo RFId su tutto il territorio nazionale. Intensa anche l’attività educational di Softwork, con un ricco calendario di training.

• Customer management: le aziende che producono merci per il mercato consumer, così come quelle dell’hotellerie, sono costantemente alla ricerca di strumenti innovativi per rafforzare il legame con i clienti e la loyalty. In questo quadro, l’RFID può essere integrato come una feature nelle automobili, video-game, punti di accesso ai resort, chioschi, parchi a tema e divertimento; a ogni cliente/utente sono associate delle selezioni di preferenza, in modo che il prodotto o il servizio sia ritagliato su misura attorno a queste preferenze. Sabatini Calzature, storica azienda manifatturiera con sede a Spoleto, ha intuito una simile potenzialità dell’RFID, adottando il Progetto Vision nei suoi punti vendita: si tratta di un apposito chassis dal design accattivante che incorpora al suo interno reader e antenna RFID e che fa partire in automatico una video-clip sul vicino monitor non appena il cliente appoggia


Tecnologie AUTOMAZIONE

la scarpa di suo interesse, che nasconde al suo interno un tag RFID. Grazie all’RFID, quindi, Sabatini si avvale di una nota distintiva per curare ulteriormente il proprio marchio e supportare il cliente in fase di acquisto fornendo in modo divertente le informazioni desiderate. • Item-level Tracking: l’RFID è la tecnologia di data collection più potente e performante utilizzata per la gestione dell’inventory, in grado per esempio di fornire accesso in tempo reale a dettagliati dati provenienti da una situazione di stockout, così come previsioni e gestione del prodotto. Reader RFID integrati in container, cabine, chioschi e scaffali possono significativamente estendere la potenzialità dell’inventory management, raccogliendo informazioni dell’intera catena, dal produttore fino al punto di vendita.

Applicazione dell’RFID nel mondo calzaturiero. Uno chassis dal design accattivante che incorpora al suo interno reader e antenna RFID e che fa partire in automatico una video-clip sul vicino monitor non appena il cliente appoggia la scarpa di suo interesse, che nasconde al suo interno un tag RFID.

• Controllo accessi e opzioni di pagamento: le capacità sofisticate di cui dispongono i reader e tag RFID ne fanno una soluzione ideale per gestire il controllo degli accessi, dove l’embedded reader può essere integrato in tornelli, hand-held device e altri prodotti/metodologie usate per verificare gli accessi e i permessi. Dal controllo accessi la potenzialità dell’RFID

Reader RFID PRU50 sviluppato da Softwork.

84

maggio 2008

embedded si estende anche ai pagamenti (ticketing) con carte di credito abilitate all’RFID, che può essere integrata come uno strumento di pagamento nei parcheggi, nei distributori automatici o in altre macchine create per simulare la situazione del point-of-sale.

Peculiarità tecnologiche dell’RFID embedded by SkyeTek Le soluzioni RFID embedded di SkyeTek, distribuite in Italia da Softwork, racchiudono aspetti tecnologici che le rendono particolarmente fruibili e di facile integrazione: controller dotati di firmware per la gestione dei protocolli di comunicazione, continuamente aggiornati e di interfacce standard: il progettista dispone quindi di uno strumento facile da integrare per un rapido time-to-market (architetture: AURA, ReadWare); hardware intercambiabile tra le bande HF e UHF: firmware e hardware pin-to-pin compatibili permettono di sviluppare un solo progetto, basato su frequenze e quindi prodotti diversi; per un progetto con elevato numero di moduli, SkyeTek mette a disposizione il progetto hardware (schematici e gerber file), che consente al progettista di produrre il modulo personalizzato sulle sue specifiche esigenze; nessuna royalty per SDK e librerie. Proprio per facilitare l’uso e la comprensione di queste potenzialità, Softwork ha previsto appositi OEM Development Kit. ■


Testata

Data pubblicazione Pagina Argomento:

Luglio/Settembre 2008 34 Softwork al Bias 08, referenza Cooperativa Agricola Ortoamico


Testata

Data pubblicazione Pagina Argomento:

maggio ’08 66, 67 Supplemento tabloid Exposanità News Sistema Vision in Sabatini Calzature


Testata

Data pubblicazione Pagina Argomento:

Giugno 2008 45 e 46 Referenza Cooperativa Agricola Ortoamico


RFID-TRACCIABILITÀ E SUPPLY CHAIN NEL MANUFACTURING

IDENTIFICAZIONE IN RADIOFREQUENZA ■ Aldo Cavalcoli

RFID a supporto di un’officina meccanica L’identificazione si propone come plus tecnologico nella gestione automatizzata dei flussi operativi tipici della logistica di magazzino, garantendo più controllo ed efficienza nel carico e scarico dei prodotti.

L’

Officina Amati Carlo & C, con sede a sede a Nettuno, in provincia di Roma, è attiva sin dal 1978 nel settore della manutenzione programmata e su guasto; come dati che evidenziano la sua capacità nell’eseguire tutte le operazioni manutentive di settore, la certificazione ISO9002, la qualifica di “Officina Autorizzata” ricevuta da IVECO nel 1985, cui si sono successivamente aggiunte le qualifiche per IRISBUS e ZF, e la sua struttura operativa, che prevede 60 addetti, 15.000 mq coperti e 700 mq di magazzino. L’officina, in particolare, gestisce un magazzino in grado di garantire sia le attività interne sia la disponibilità di parti e/o complessivi sia nella sede fissa del cliente (impianto) che in quella occasionale, sia essa strada o altro ricovero momentaneo. Quest’ultimo è di fatto un servizio di soccorso, operativo 24/24 su tutto il territorio nazionale, autorizzato

Presso l’Officina Amati i magazzinieri possono effettuare le operazioni di carico e scarico leggendo i tag RFID applicati sugli scaffali con opportuni terminali palmari con integrato un lettore RFID.

L’applicazione software predisposta da Seret contente l’invio via wireless e in tempo reale, dei dati acquisiti dai magazzinieri direttamente al sistema informativo aziendale.

anche sulle autostrade. Ed è in questo background operativo che interviene la soluzione GEM di Seret, azienda di servizi nei settori dell’informatica e dell’automazione, che ha integrato l’aspetto software con la tecnologia RFID del distributore a valore aggiunto Softwork, per soddisfare l’esigenza primaria dell’Officina Amati: controllare il carico e lo scarico dei prodotti.

con una determinata causale compatibile con il sistema gestionale attualmente in uso presso l’officina. GEM si basa sul concetto di scaffale al quale viene logicamente associato un determinato prodotto: ogni scaffale è, infatti, suddiviso in sezioni contenenti una sola tipologia di prodotto, per esempio “Adattatore Tachigraf” di IVECO, “Bobina” di VOITH oppure “Cuscinetto” di ZF. In corrispondenza di ogni sezione dello scaffale è apposto un tag RFID (più precisamente una smartlabel o etichetta intellligente) che permette di identificare in modo univoco i prodotti presenti, della stessa famiglia, marca e descrizione. Detto diversamente, tramite una lettura del tag RFID è possibile risalire a tutte le informazioni che si riferiscono al prodotto, quali marca, codifiche a barre associati, descrizione, fornitore, scorta

Monitoraggio del picking & packing Questa applicazione consente di risolvere, in modo automatizzato, tutte le problematiche connesse ai flussi operativi tipici di un magazzino, gestendo sia i flussi di richiesta di materiali che quelli relativi alla loro movimentazione. Inoltre, al fine di un preciso riscontro anche contabile, ogni movimento di magazzino viene classificato

automazioneintegrata

• 92 • febbraio 2008


minima, posizione in magazzino, giacenza attuale, prezzo di acquisto e sconto. In termini riassuntivi, le fasi operative previste da GEM sono: definizione degli utenti e assegnazione di profili; definizione dell’anagrafica dei prodotti; definizioni delle causali di movimentazione; definizione degli scaffali; assegnazione e stampa di etichette RFID a scaffale; Inventario e monitoraggio giacenze; operazioni di carico e scarico della merce; gestione delle richieste di materiale redatte dai meccanici); export delle movimentazioni verso altri sistemi; export dell’elenco prodotti sotto scorta minima. Alcuni dettagli dell’applicazione I magazzinieri possono decidere se effettuare le operazioni di carico e scarico leggendo i tag RFID applicati sugli scaffali con opportuni terminali palmari con integrato un lettore RFID, oppure utilizzando direttamente dalla postazione desktop il codice a barre del prodotto che è apposto sul contenitore. Il dispositivo portatile si evidenzia molto utile nell’espletamento delle richieste dei meccanici, in quanto la spunta del materiale, a fronte di una richiesta, viene effettuata in modo automatizzato dopo la lettura del tag RFID, con successiva conferma di movimentazione del prodotto. Ogni movimentazione effettuata viene subito registrata nel sistema, permettendo così un aggiornamento in tempo reale del conteggio delle giacenze; ne consegue anche che in questo modo il magazziniere è costantemente a conoscenza della disponibilità reale dei prodotti a magazzino. Le operazioni di carico e scarico, inoltre, generano dati utili alla contabilità, quali, esemplificando, codice commessa, numero della bolla e fornitore. Tutte le informazioni di movimentazione vengono rese disponibili all’applicativo preposto alla contabilità tramite opportune procedure batch giornaliere. Per garantire la sicurezza delle operazioni di magazzino, nella gestione realizzata da GEM sono previsti anche determinati profili utente quali amministratore, magazziniere e

meccanico, in riferimento ai quali ogni utente è dotato, per poter accedere al sistema, di specifica username e password. In base al profilo utente vengono applicate opportune restrizioni d’accesso alle varie funzionalità: per esempio, un utente con profilo meccanico non può effettuare movimentazioni di magazzino. La scelta dell’identificazione in radiofrequenza Quali le motivazioni che hanno portato a scegliere l’RFID? In primis va sottolineato che una delle caratteristiche peculiari di questa tecnologia consiste nella possibilità di identificare un oggetto in modo univoco ovunque, praticamente in tutto il mondo. GEM ha sfruttato questo elemento per garantire l’identità delle sezioni di ogni scaffale e, di conseguenza, dei materiali contenuti al loro interno, utilizzando precise scelte di standard: operatività alla consolidata frequenza HF di 13.56MHz e supporto dello standard worldwide ISO 15693. Integrando questa tecnologia RFID con strumenti software di ricerca e

Nel magazzino dell’Officina Amati in corrispondenza di ogni sezione degli scaffaliscaffale è apposta una smartlabel RFID che permette di identificare in modo univoco i prodotti presenti.

reportistica, la soluzione GEM permette di disporre in ogni momento d’informazioni affidabili e certe costituenti il core di un’efficiente logistica di magazzino: lista dei prodotti a magazzino, lista degli scaffali, lista delle movimentazioni effettuate, lista/export su file dei prodotti al di sotto della scorta minima con evidenza dei prodotti al di sotto di determinate giacenze. Altro vantaggio da sottolineare, la possibilità di gestire il magazzino con un approccio poco invasivo poiché la

automazioneintegrata

• 93 • febbraio 2008

soluzione è interfacciabile con i sistemi di contabilità già esistenti, mantiene la compatibilità con i codici a barre già applicati sui prodotti e non richiede (questo dettaglio è particolarmente importante) l’applicazione di tag RFID su ogni prodotto, il codiddetto item level tagging, in ciò favorendo un contenimento dei costi. Backstage della soluzione La rilevazione dei tag ISO 15693 apposti sugli scaffali avviene tramite il controller portatile per lettura e scittura di prossimità ID ISC.PRH100, prodotto dalla tedesca FEIG Electronic e distribuito in Italia da Softwork; il dispositivo, con classe di protezione IP30, è disponibile con interfacce RS232, USB e Bluetooth, e raggiunge una distanza di lettura e scrittura dei tag fino a 18cm; è poi in grado di supportare la funzione di anticollisione, cioè lettura multipla di etichette, funzione che, nel caso dell’Officina Amati, è risultata particolarmente vantaggiosa per la rilevazione simultanea di più tag. Per la soluzione software di Seret, sono stati adottati Microsoft SQL Server 2000, Microsoft; NET Framework 2.0, Microsoft Compact Framework. Gli obiettivi raggiunti GEM ha soddisfatto pienamente le aspettative dell’officina, tanto che da stimolare un’evoluzione che tuttora continua; per esempio, come recente estensione, la gestione delle richieste materiali. In conclusione, soluzione di Seret ha permesso un monitoraggio più sicuro dei flussi logistici di magazzino, con un impatto positivo sia nella procedura operativa dell’officina, che dispone d’informazioni aggiornate sulle giacenze e disponibilità di prodotti, che sul fronte contabile, dove si è rilevata una drastica riduzione di errori imputabili agli addetti. La soluzione consente inoltre di migliorare l’impiego delle risorse umane snellendo l’attività e velocizzando le procedure. ■


Testata Data pubblicazione Pagina Argomento:

Luglio/Agosto 2008 72 e 73 Primo Piano: Softwork al Bias 2008


Testata

Data pubblicazione Pagina Argomento:

Giugno 2008 60, 62 ASMCard in ASM Venaria Reale


La lungimiranza del management di una primaria azienda del settore, ha portato a un’applicazione RFID per l’automatizzazione del processo di lavorazione della pietra e per la logistica, con progetti di ulteriore espansione della tecnologia anche nella fase post-vendita. esigenza primaria di Antolini Luigi & C, azienda al terzo posto nel mondo come produttore e distributore della pietra naturale, era quella di quantificare il materiale presente in magazzino, informazione che era racchiusa nella memoria umana dei capi reparto, che dovevano ricordare i circa 10.000 blocchi di materiale differente in arrivo da tutti i paesi del mondo e la collocazione delle circa 900.000 lastre prodotte annualmente. Dopo un primo tentativo basato sul barcode, dagli esiti insoddisfacenti, è stata imboccata la strada dell’RFID, con un’applicazione realizzata da F.C.S. Solutions, partner certificato di Softwork, che ne ha studiato gli aspetti informatici e le relative implementazioni tecnologiche.

L'

La soluzione arriva dall’RFID L’applicazione RFID si focalizza su due scenari, inventario e controllo del processo di lavorazione delle pietre. Dopo che i blocchi di pietra sono stati tagliati in lastre per la lavorazione, su ciascuna è applicato un tag RFID dello spessore di 16 mm, inferiore a quello dello lastra stessa; in questa prima fase si è presentato il problema della colla, che è stata appositamente studiata per garantire un tempo di essiccazione rapido, in

linea con la tempistica aziendale. Successivamente, un operatore, dotato di palmare industriale Workabout Pro di Psion Teklogix integrato da Softwork con tecnologia RFID, associa al codice identificativo di ciascun tag il codice del blocco d’origine della lastra cui sono legate in chiave univoca tutte le informazioni relative al materiale, scaricate poi sul database aziendale. La lastra così “taggata” si avvia verso uno dei numerosi processi di lavorazione, quali lucidatura, levigatura e resinatura. L’automazione di processo prevede, in particolare, il posizionamento di 2 antenne custom, all’inizio e alla fine della rulliera di ogni linea di lavorazione, rilevando così automaticamente l’ingresso e l’uscita della lastra dalla linea ed evidenziando il cambio di “stato” del materiale, conseguente la lavorazione. A oggi, il progetto ha coinvolto due linee di produzione (entrambe in lucidatura), e gli esiti soddisfacenti hanno spinto la direzione a estendere la tecnologia RFID anche ad altri altri impianti, e ad affrontare le problematiche relative ai flussi lavorativi dell’etichettatura dei blocchi stessi. Alcuni dettagli tecnologici I tag RFID utilizzati nell’applicazione operano sulla frequenza 13.56 MHz,

automazioneintegrata

• 29 • giugno 2008

Nell’applicazione Antolini, l’operatore, tramite palmare industriale Workabout Pro di Psion Teklogix integrato da Softwork con tecnologia RFID, associa i codici identificativi dei tag ai codici dei blocchi d’origine della lastra.

standard ISO 15693; il sistema prevede antenne fornite da Softwork e dotate della nuova elettronica DAT (Dynamic Antenna Tuner) che ne consente la sovrapposizione (overlapping), garantendo uniformità di campo e continuità del segnale RF, anche in presenza di materiale ferroso contenuto nelle lastre di marmo. Altro elemento, il controller industriale con collegamento Ethernet (MR200), con I/O per il collegamento di sensori e multiplexer d’antenna a 8 vie (MUX). I tag RFID, basati su chip di STMicroelectronics, sono stati oggetto di attenti studi e analisi per individuare un rivestimento ad hoc che ha permesso di superare le ostilità dell’ambiente operativo. ■

IDENTIFICAZIONE IN RADIOFREQUENZA NEI PROCESSI PRODUTTIVI E NELLA LOGISTICA INTERNA

La tecnologia RFID nella lavorazione della pietra naturale

FOCUS

QUANTIFICARE IL MAGAZZINO


Testata Data pubblicazione Pagina Argomento:

15 settembre 2008 14 New Product CPR40.30


Testata

Data pubblicazione Pagina Argomento:

Settembre 2008 125, 126 Softwork e Referenza Cooperativa Agr. Ortoamico


Testata

Data pubblicazione Pagina Argomento:

Ottobre 2008 73 New Product MRU200i


identificazione automatica applicazioni

Dal campo al banco di vendita: è lunga la strada dei prodotti alimentari e la tecnologia RFID contribuisce a garantirne qualità e freschezza lungo tutta la filiera

La tracciabilità nella filiera agro-alimentare L’identificazione in radiofrequenza ha consentito la realizzazione di un progetto di tracciabilità finalizzato alla condivisione delle informazioni e al massimo grado di automazione

La Cooperativa Agricola Ortoamico ha implementato un progetto di tracciabilità che è nato dall’esigenza di mettere a disposizione dell’intera filiera un sistema innovativo, dalla produzione e trasformazione fino alla distribuzione. La prima fase del progetto ha riguardato l’informatizzazione del Quaderno di Campagna, il registro dei trattamenti subiti dalle colture, e questo attraverso l’adozione di un applicativo scaricabile su cellulare (Telefonino di Campagna) che permette di inviare i dati sui trattamenti direttamente dal campo; le informazioni dal cellulare sono trasmesse al Web e, quindi, a trattamento avvenuto, il quaderno di campagna è automaticamente compilato.

(sopra a sinistra) Dettaglio delle cassette di ortaggi costituenti i pallet che confluiscono nel centro di raccolta della Cooperativa Agricola Ortoamico; in questo caso il pallet è monoprodotto (solo sedano) (sopra a destra) Nei supermercati che fanno parte della filiera gestita con questo progetto, è previsto un varco UHF che, assieme a palmari RFID in dotazione agli operatori, identifica l’ingresso del pallet nei magazzini (a destra) La Cooperativa Agricola Ortoamico riunisce 36 aziende orticole dislocate nelle province di Cuneo, Asti e Torino; nella sua offerta di ortaggi freschi: sedano, peperone, insalata e pomodori

L’intervento dell’identificazione in radiofrequenza

Presso le aziende agricole avviene l’associazione numero di identificazione univoco del tag ai riferimenti aziendali contenuti nel database della cooperativa. Un agronomo, con palmare RFID integrato, certifica il grado di maturazione dell’ortaggio e il giusto processo manutentivo, abbinando, tramite il “Telefonino di Campagna” i dati presenti sul database, con le attività di preparazione del terreno svolte in campo. In fase di raccolta l’agricoltore, sempre con palmare RFID, identifica la serra leggendone il tag abbinato e lo associa con i tag delle cassette in cui sono posti gli ortaggi raccolti. Le cassette confluiscono nel centro di raccolta, transitando attraverso appositi varchi UHF che ne rilevano automaticamente l’ingresso e procedono al riconoscimento massivo del pallet. Questa procedura avviene nel caso in cui il pallet, che prevede 70 cassette massimo, sia monoprodotto; in caso di composizione mista di più ortaggi diversi, l’identificazione delle cassette avviene manualmente, tramite un operatore che, sempre tramite palmare RFID UHF, legge il tag apposto su ciascuna cassetta. Come fase finale, le cassette vengono inserite in pallet poi spediti alla GDO, destinataria dei prodotti ortofrutticoli. Tramite il palmare UHF vengono rilevati i tag delle cassette che compongono il pallet, mentre un lettore RFID permette di associare i tag delle cassette al tag del pallet che le contiene. La fase finale di identificazione avviene al ricevimento merci dei supermercati destinatari.

L’architettura tecnologica del progetto La grande innovazione del progetto realizzato per la Cooperativa Agricola Ortoamico è diretta conseguenza dell’uso della tecnologia RFID, che è presente in 5 fondamentali punti di rilevazione: nella zona di spedizione del produttore, cioè l’azienda agricola; nella zona di ricevimento Nell’architettura RFID dell’applicazione Orto Amico, il controller MRU50 di Softwork consente di associare i tag delle cassette, denominati “tag figli” e rilevati tramite il palmare, al “tag padre” apposto sul pallet

della cooperativa; nella zona di spedizione della cooperativa; nella piattaforma di ricevimento della GDO (Grande Distribuzione Organizzata); nella zona di ricevimento del punto vendita della GDO. La struttura hardware si basa su tag RFID UHF EPC Class 1 Generation 2 di tipo passivo di Softwork, distributore a valore aggiunto tra i più attivi e competenti sul mercato

italiano. Questi tag operano nella banda di frequenze 868MHz che, pur ammessa da tempo in quasi tutti i Paesi europei, solo recentemente è stata liberalizzata anche in Italia; per cui l’applicazione si pone nel nuovo filone che si sta sempre più sviluppando, soprattutto per implementazioni in ambito logistico, laddove la tecnologia HF risultava poco adeguata o comunque non

completamente aderente alle aspettative dell’utente finale. Il varco UHF per l’identificazione automatica delle cassette di ortaggi è composto dal Controller LRU2000, collegato a 4 antenne ANTU 250x250; la rilevazione volontaria dei tag avviene tramite terminale palmare con lettore UHF, mentre il controller MRU50 provvede all’associazione dei tag delle cassette e dei pallet.

35 ottobre 2008 n. 5


PROGETTI E RICERCA

➲ Daniele Del Grande

Rfid e nuove tecnologie Presentati i risultati del progetto «HighValueShoes & Accessories» a sostegno dell’innovazione e della valorizzazione delle tipicità produttive del metadistretto calzaturiero vigevanese

N

Nella splendida cornice del Castello Sforzesco di Vigevano sono stati presentati lo scorso 30 giugno i risultati di un importante progetto finanziato dalla Regione Lombardia e realizzato da un consorzio temporaneo di soggetti pubblici e privati che ha inteso valorizzare una produzione tipica del metadistretto come quella appunto delle calzature e degli accessori. L’atmosfera solenne del castello ha fatto da scenario al progetto definito «metadistrettuale» per sottolineare e valorizzare tutte le possibili sinergie e le opportunità di innovazione che le aziende di un distretto possono avere, oltre allo sforzo di coniugare tipicità storiche con le esigenze di innovazione dei nuovi scenari di mercato.Conclusosi nel 2008 dopo due anni di lavoro, il progetto ha avuto come capofila Prometeo, società specializzata nella realizzazione di progetti mission-critical per applicazioni di controllo industriale real-time e come responsabile tecnico ITIA-CNR (Istituto di Tecnologie Industriali e Automazione). Il primo con il compito di integrare e gestire i rapporti tra le diverse aziende coinvolte mentre Itia ha coordinato la parte scientifica e svolto attività di ricerca e sviluppo di soluzioni tecnologiche orientate all’industria calzaturiera. I risultati del progetto sono stati raccolti e sintetizzati nel sito www.highvalueshoes.it, realizzato dalla società di consulenza IICS – Industrial Innovation Consulting Services, anch’essa partner del progetto. Diversi gli attori della filiera calzaturiera coinvolti in «HighValueShoes & Accessories». Dai fornitori di materiali, come la Italian Converter che ha sviluppato il nuovo tessuto Atmos® che si caratterizza per comfort e traspirabilità, al suolificio Silvy, portatore di nuove metodologie di progettazione della suola con il supporto di Cad/Cam, fino ai produttori di macchine e tecno-

68

Tecnica Calzaturiera ottobre 2008

logie, come Mec-Val che ha contributo con macchine innovative per la cucitura della suola. Un gruppo di aziende qualificato e rappresentativo che ha lavorato in stretta collaborazione con la capofila Prometeo, mirando a conseguire risultati tecnologici significativi lungo la filiera produttiva, sviluppati con i due consorzi di ricerca, ITIA–CNR e Consorzio Produzione2000. La diffusione di tali risultati – aspetto importante per la crescita del settore – è stato altresì curato dal partner IICS.

Le caratteristiche del progetto L’innovazione del progetto HighValueShoes & Accessories abbraccia il prodotto lungo tutto ciclo di vita, dalla progettazione allo smaltimento, indirizzando aspetti di innovazione tecnica e tecnologica. I materiali utilizzati – siano essi tessuti, gomma o pelle – presentano particolari caratteristiche (anallergia, antistaticità e riciclabilità) mentre i sistemi di tracking si basano su tecnologie innovative tra cui l’Rfid. Un’ampia soluzione quindi che, basandosi su specifici obiettivi di prodotto e processo – consente nuovi modelli di business in grado di valorizzare il made in Italy e renderlo competitivo a livello internazionale. In tal senso, si indirizza un nuovo concetto del punto vendita, arricchito di funzionalità a supporto del cliente fino a prevedere la gestione dello smaltimento della scarpa dimessa dal consumatore. Un processo progettuale articolato in diverse attività riconducibili a:


(In apertura) Postazione di montaggio (ITIA VIGEVANO)

(A sinistra) Cella automatizzata per il finissaggio (ITIA VIGEVANO)

(Sopra) Postazione di confezionamento (ITIA VIGEVANO)

• studio e realizzazione di nuovi materiali e componenti rispettosi della salute della persona e della sostenibilità ambientale; • sistema di tracciabilità lungo la filiera produttiva con l’uso di Rfid per automatizzare il processo produttivo. La tracciabilità in produzione avviene infatti mediante un tag Rfid inserito nella forma, che comunica in automatico le istruzioni operative alle diverse macchine; a prodotto finito, un tag inserito nella scatola consente di registrare, transitando attraverso un varco Rfid, l’uscita in fase di spedizione ai fini della logistica;

• vendita del prodotto mediante un catalogo virtuale. Nel punto vendita il consumatore accede a una vetrina virtuale per scegliere e personalizzare le scarpe prima della loro reale produzione. Il cliente ha inoltre la possibilità attraverso il «Magic Mirror», progettato e realizzato da ITIA-CNR, di specchiarsi in un grande schermo al plasma e indossare virtualmente le calzature scelte ai propri piedi, muovendosi in tempo reale; • per lo smaltimento si prevede che, una volta concluso il ciclo di vita della scarpa, questa venga restituita al negozio nella scatola dotata di tag in modo da poter risalire all’intera storia e ai materiali che la compongono per una corretta differenziazione dei rifiuti da smaltire.

La scelta degli Rfid Nell’applicazione HighValueShoes & Accessories i transponder Rfid, forniti da Softwork società coinvolta come fornitrice di hardware, sono stati impiegati per identificare le forme utilizzate nel processo produttivo della scarpa. Tracciando la forma, mediante un software appositamente sviluppato da Itia, è stato possibile monitorare lo stato di avanzamento della produzione. Al termine, le scatole contenenti le calzature, dotate di Rfid, hanno consentito di controllare lo spostamento dei singoli prodotti da un reparto all’altro fino alla fase di consegna della merce. Utilizzando un reader Rfid e un software ad hoc, è inoltre possibile interrogare, in qualunque momento, il sistema informatico del

Tecnica Calzaturiera ottobre 2008

69


PROGETTI E RICERCA

(A sinistra) Schermata del sistema di controllo dei prodotti nel punto vendita (ITIA VIGEVANO)

(A sinistra) Scatole dotate di Tag RFID e varco automatizzato di controllo in uscita (ITIA VIGEVANO)

(A destra) La forma attrezzata per la movimentazione robotizzata e il tag con le istruzioni per le macchine operatrici (ITIA VIGEVANO)

produttore, per ottenere informazioni sullo storico del prodotto, sulla sua originalità e ottenere altri servizi, tra cui le informazioni per un corretto smaltimento del prodotto al termine del suo ciclo di vita. L’impiego del Rfid ha consentito di offrire una soluzione più adatta all’ambiente di fabbrica e alle fasi di lavorazione cui il prodotto è sottoposto: a differenza di altre tecnologie di identificazione, infatti, l’Rfid garantisce la rilevazione anche in contesti polverosi e sporchi. Altro plus da non sottovalutare è il codice ID univoco presente nel transponder inserito nelle scatole, che consente un controllo affidabile ai fini dell’anticontraffazione. L’architettura Rfid implementata nel corso del progetto è basata sull’impiego di dispositivi reader , che operano nella banda di frequenza UHF associati all’impiego di antenne a polarizzazione lineare lungo la catena produttiva, in corrispondenza delle postazioni di lavorazione, e a una antenna a polarizzazione circolare con lo scopo di realizzare un varco Rfid, così da permettere una efficace rilevazione dei colli in transito. Per permettere il tracking delle forme, lungo le diverse fasi di lavorazione di una calzatura, sono stati impiegati transponder delle dimensioni di 2.54x2.54 mm mentre per il tracciamento del prodotto finito sono stati applicati alle scatole dei tag delle dimensioni di 97 mm X 15 mm, tutti conformi allo standard ISO/IEC 18000-6C(EPC Class 1 Gen 2).

Il catalogo virtuale Il Magic Mirror può essere considerato a ragione il secondo aspetto rilevante del sistema che colpisce l’interlocutore. Concepito e sviluppato interamente in ITIA-CNR, Il Virtual Catalogue

70

Tecnica Calzaturiera ottobre 2008

per il cliente è un’interfaccia grafica per la scelta e personalizzazione del prodotto, e viene affiancato da un secondo sistema «Virtual ShoeRoom» per gestione degli ordini di produzione. Quindi il Virtual Catalogue rende disponibili al consumatore i dati dei modelli base con relative opzioni e personalizzazioni possibili. Il cliente può scegliere e personalizzare quel modello di scarpa che intende acquistare e quindi provarlo virtualmente con il Magic Mirror direttamente nel punto vendita. Il sistema si compone di uno specchio virtuale, costituito da uno schermo che elabora le informazioni di catalogo secondo gli input del cliente. Il cliente indossa delle calze appositamente sviluppate, con sensori di movimento che servono a rilevare i suoi movimenti e replicarli sul display, e viene ripreso da una webcam posta sulla sommità del display. In questo modo la persona potrà specchiarsi o meglio vedere la sua immagine riprodotta in questo grande schermo, indossando in tempo reale le scarpe appena scelte e personalizzate. Il Magic Mirror consente inoltre di provare più modelli, anche simultaneamente, per valutazioni comparate. Dopo la prova, tramite il Virtual Catalogne, l’ordine viene mandato al centro di produzione per la realizzazione della calzatura. Il Virtual Catalogue unisce all’interfaccia grafica per la scelta del prodotto, un sistema per gestione degli ordini, che mette in contatto il cliente e il punto vendita con il “centro di produzione”. In futuro si pensa già a una versione client da consultare direttamente da casa, per poi passare in negozio semplicemente per ritirare la propria scarpa preferita, unica al mondo e rigorosamente made in Italy.


Testata

Data pubblicazione Pagina Argomento:

Ottobre 2008 53 – Sezione “Offerta” New Product CPR40.30


20_parola_504

20

ok:Layout 1

10-11-2008

11:48

Pagina 20

PAROLA ALLE AZIENDE EONEWS n. 504 - 25 NOVEMBRE 2008

ANTONELLA CATTANEO

D: Quali sono gli standard wireless emergenti e i loro vantaggi e svantaggi? R: Con riferimento a un particolare ambito del wireless, ossia l’Rfid (Radio Frequency Identification) intesa come comunicazione wireless ‘dell’ultimo metro’, il tema standard costituisce un punto cruciale: i 2 principali soggetti preposti a codificare gli standard di architettura e protocollo per lo scambio dei dati (Iso ed EPCglobal, il primo è un ente pubblico di normativa, mentre il secondo è un consorzio privato) stanno giungendo a una convergenza a livello internazionale delle rispettive direttive e questo si traduce, in termini pratici, in un puzzle normativo sullo scacchiere globale che si sta sempre più componendo. Lo standard Iso per la banda HF (13,56 MHz) è Iso 18000-3, mentre quello per la banda Uhf (865-928 MHz) è Iso 18000-6, entrambi utilizzati negli scenari più comuni dell’Rfid, tra cui l’identificazione di persone e veicoli, la logistica e il monitoraggio del processo di produzione nel settore manifatturiero. Detto standard Iso definisce, in particolare, l’interfaccia radio, i protocolli di anticollisione e di comunicazione dei tag operativi nelle varie bande di frequenza, offrendo quindi un sistema d‘informazione distribuito dai chiari vantaggi. I due standard menzionati fanno poi parte della normativa Iso 18000, che regola le varie gamme di frequenza dell’Rfid. Per quanto riguarda invece l’Epc, da evidenziare che nel dicembre 2004 è stato rilasciato il nuovo standard Gen 2 per la banda Uhf, inteso ad armonizzare la produzione dei tag a livello mondiale: il grande interesse attorno al Gen2 si spiega con la possibile applicazione massiva di tag passivi G2, quantificabile in centinaia di migliaia o addirittura milioni di tag Rfid apposti sul singolo item (es. retail, Gdo). A conferma dell’importanza del G2, l’Iso ha recentemente creato lo standard Iso/Iec 18000 che incorpora al suo interno gli standard Epcglobal e le specifiche G2. Al nuovo standard Gen2, dedicato all’Rfid passivo Uhf con 10 canali a disposizione in Europa e fino a 2 W di potenza, hanno poi risposto prontamente i produttori di controller, con modifiche tecniche ai dispositivi in modo da renderli idonei a supportare lo standard

Nuovi scenari nella comunicazione Massimo Damiani, amministratore di Softwork, sostiene che anche i cellulari potranno comportarsi come dei controller Rfid, come dei transponder fungendo da tessere oppure sistemi di scambio dati tra due dispositivi Nfc D: Come ci si comporta a livello internazionale?

R: In tema di standard di confor-

Gen2: Feig Electronic, ad esempio, ha migliorato i controller Rfid dell’ultima generazione apportandovi la modalità operativa Dense Reader Mode che permette a più reader di gestire automaticamente e quindi utilizzare i canali liberi all’interno della banda di frequenza Uhf secondo la logica ‘listen before talk’, senza disturbarsi vicendevolmente. Si tratta quindi di un meccanismo di sincronizzazione dei processi che coin volge più controller nello stesso ambiente operativo, rivolto a ottimizzarne il funzionamento e dagli sbocchi applicativi soprattutto nel settore del commercio e dalla logistica item-level-tagging. Senza dimenticare che le prestazioni di un sistema Rfid dipendono da più variabili, tra cui la potenza di emissione irradiata, il tipo di tag utilizzato e le peculiarità del contesto operativo, lo standard Gen2 si concretizza in soluzioni più efficienti: maggiore velocità e affidabilità di lettura del tag, capacità di memoria da 96 a 512 bit, aumentata sicurezza per proteggere i tag da manomissione e rendere i loro dati inaccessibili, costi contenuti per fa- MASSIMO DAMIANI, cilitarne l’immissione nelle amministratore di Softwork catene distributive.

mità alle radioemissioni, evitando così di occupare bande di frequenza già allocate per altri usi (es. telefonia mobile), la situazione è variegata e composita a livello internazionale: Europa, Usa e Giappone adottano infatti norme differenti sulla potenza della radioemissione. L’unica eccezione a questa realtà è la frequenza HF, unificata su scala mondiale a 13,56 MHz. Una simile diversificazione può rappresentare un freno agli scambi globali e, quindi, all’implementazione di filiera aperta dell’Rfid che, in un mondo globalizzato com’è il nostro, rappresenta la regola (e non l’eccezione) della vita economica e dell’interoperabilità fra i diversi attori. Ad oggi, quindi, è in atto un processo di armonizzazione della normativa, con l’obiettivo di adottare standard globali validi su scala internazionale. Tra le ripercussioni che l’evoluzione degli standard ha generato figura anche l’applicazione Rfid da circuito ‘closed loop’, dove cioè il tag Rfid è riusato per identificare gli oggetti, a un ‘open loop’, dove il tag accompagna l’oggetto lungo la sua vita, nel caso manifatturiero, quindi, anche dal plant di produzione attraverso la distribuzione fino al suo consumo; rendere le informazioni del singolo prodotto disponibili a tutti gli attori coinvolti nella catena distributiva (supply chain management), oltre a rispettare la legislazione europea del 2005 che sancisce l’obbligatorietà della tracciabilità delle merci, genera a cascata indiscussi benefit ripartiti fino al consumatore finale.

D: Quali standard per l’alimentare? R: Altro standard in fase di definizione è rappresentato dall’HF Gen2: unendo i pregi della banda HF, ossia la minor sensibilità ai disturbi dell’ambiente fisico (es. metallo, acqua etc.) a quelli tipici

dell’Uhf, ossia una maggiore velocità di trasmissione dati, il nuovo standard sarà particolarmente adatto per le applicazioni item-level-tagging nel food&beverage.

D: E se parliamo di cellulari e della possibilità di condividere contenuti, accedere a servizi e informazioni o pagare e/o acquistare ticket? R: L’Nfc (Near field communication) merita una menzione tra le novità recentemente affacciatesi nel mondo Rfid: si tratta di una comunicazione wireless a breve distanza tra due dispositivi per lo scambio di dati e arricchita da due nuove specifiche rilasciate nel 2008 per un ulteriore impulso a questa tecnologia in termini di semplicità di utilizzo, potenzialità e funzionalità. L’Nfc è basata sullo standard Iso 14443 (chip card contactless, opera alla frequenza 13,56MHz), consentendo così uno scambio criptato e quindi sicuro di dati e pagamenti elettronici: l’utente può così effettuare micropagamenti con il proprio cellulare, avvicinandolo a un’obliteratrice o totem abilitato all’Nfc. Considerando che ad oggi colossi della telefonia mobile quali Nokia e Samsung stanno investendo in questa direzione, si può prevedere una massiva presenza dell’Nfc nel mercato consumer, dove ogni cellulare sarà dotato di dispositivo Nfc a bordo; quest’ultimo, in particolare, può comportarsi come un controller Rfid, come un transponder fungendo da tessera oppure come un sistema di scambio dati tra due dispositivi Nfc, aprendo in ogni caso nuovi scenari nella comunicazione uomo/macchina. Anche sul versante dei produttori di dispositivi Rfid, si registrano novità tecnologiche. Il nuovo Proximity Desktop Reader ID CPR40.30 di Feig, distribuito da Softwork, è un esempio concreto di questa capacità: il reader supporta infatti anche l’Nfc, abilitando una serie di applicazioni tra cui ePayment e rilevazione Loyalty card nei punti vendita, ticketing e lettura/scrittura di ePassports. Una simile carica tecnologica nel punto vendita potrebbe contribuire al successo del brand, soprattutto alla luce della recente ricerca di Gfk-Eurisko, secondo la quale negli ultimi tre anni il tempo passato dagli italiani nel punto vendita è aumentato del 10% e dove la decisione dell’a cquisto è influenzata dagli stimoli e novità del punto vendita. readerservice.it - Softwork n. 23


Testata

Data pubblicazione Pagina Argomento:

Novembre 2008 34 Referenza ASM Venaria


Testata

DATACollection

Data pubblicazione Pagina Argomento:

Novembre 2008 46 e 47 Referenza Sabatini Calzature


Testata

DATACollection

Data pubblicazione Pagina Argomento:

Novembre 2008 50 New Product Dual Frequency Handheld Reader PRHD102


Testata

Euromerci

Data pubblicazione Pagina Argomento:

Novembre 2008 70 New Product PRHD102 Dual Frequency


Testata Data pubblicazione Pagina Argomento:

Dicembre 2008 41, 42 e 43 – Sezione in field Referenza CM Lavelli


ffff


Testata Data pubblicazione Pagina Argomento:

Dicembre 2008 121 – Sezione Novità & Soluzioni New Product Dual Frequency Handheld Reader


Testata

Data pubblicazione Pagina Argomento:

Nov./Dic. 2008 78 – Sezione Macchine & Tecnologie New Product Dual Frequency Handheld Reader


Testata Data pubblicazione Pagina Argomento:

Dicembre 2008 51 – Sezione Offerta New Product CPR02.10 Wall Mount


Testata

Data pubblicazione Pagina Argomento:

Dic. 2008 60 – Sezione Prodotti New Product Dual Frequency Handheld Reader


Attualità Partnership

Annuncio di collaborazione tra PIAB e SKF Logistics Services

P

IAB, azienda attiva nel settore della tecnologia del vuoto industriale, annuncia una partnership con SKF Logistics Services firmando un contratto ufficiale durante la cerimonia a Täby, in Svezia il 20 novembre 2007. Ora la PIAB sarà in grado di distribuire grandi volumi di prodotti fornendo un servizio di alto livello dal magazzino centrale di SKF situato a Tongeren, in Belgio. Grazie alla posizione strategica del magazzino, PIAB potrà consegnare i propri prodotti in tutta Europa entro 24 ore. Questa partnership permetterà a PIAB di avere un’estensione di consegna globale grazie a un unico partner di logistica. Phil Knights, Presidente della SKF Service

Division ha commentato: «SKF Logistic Service è estremamente entusiasta di questa collaborazione con PIAB. Siamo orgogliosi che PIAB abbia scelto di lavorare con noi e aspettiamo con impazienza di poter supportare la sua crescita in tutta Europa e oltreoceano. Lo spirito di PIAB di offrire il massimo della qualità, prodotti innovativi e il miglior servizio all’industria manifatturiera corrisponde esattamente all’ottica di SKF. Il nostro polo logistico europeo situato a Tongeren, al centro del nostro sistema di trasporto europeo è un’eccellente base per fornire ai clienti di PIAB un servizio di consegna rapido e affidabile a un costo competitivo». ■

MUSP

Tiriamo le somme

N

ato all’inizio del 2006, MUSP, il laboratorio di ricerca applicata nel settore dei beni strumentali, dopo un primo anno nel quale si è dedicato al potenziamento dell’organico e al consolidamento dell’infrastruttura tecnica, nel corso del 2007 ha focalizzato le sue attività in particolare sullo studio delle schiume metalliche, materiali rivoluzionari per la produzione industriale in comparti quali automotive e biomedicale, in grado di migliorare la vita di tutti, permettendo, per esempio, la costruzione di veicoli meno inquinanti o di protesi più leggere. Oltre a essere il primo polo italiano per la ricerca applicata nell’ambito delle schiume metalliche (in collaborazione con la rete dei laboratori tedeschi Fraunhofer), in questi due anni MUSP si è confermato un’opportunità per i giovani ricercatori di fare esperienza e ottenere riconoscimenti per il loro lavoro, anche grazie alla stretta collaborazione con il Politecnico di Milano. Lo testimoniano i numerosi successi conseguiti in diversi ambiti dai giovani ricercatori. Due dei 12 ricercatori che collaborano con il laboratorio – gli ingegneri Andrea Polato e Paolo Moriggi – si sono aggiudicati il premio di laurea AITEM (Associazione Italiana di Tecnologia Meccanica ), vincendo anche il premio UCIMU 2007 per il miglior lavoro di tesi nel settore dei sistemi di produzione. Lo stesso riconoscimento è andato all’ingegner Paolo Cobianchi, grazie alla migliore tesi, che è stata svolta in collaborazione con MCM, una delle aziende consorziate con MUSP. Analogo riconoscimento, nel 2006, era andato all’ingegner Paolo Albertelli. In chiusura d’anno, un altro riconoscimento significativo, questa volta da parte di Aster, è andato alla dottoressa Maria Francesca Grillo e al dottor Matteo Tirotto per aver presentato i due migliori progetti nel percorso M-Aster, l’iniziativa creata da Aster per potenziare le competenze e l’identità professionale dei giovani ricercatori della regione Emilia Romagna impegnati nella ricerca industriale e nel trasferimento tecnologico. Oltre a questi riconoscimenti a livello nazionale, il laboratorio MUSP ha svolto anche l’importante funzione di «incubatore di talenti» portando due ricercatori a entrare stabilmente nel mondo del lavoro: dopo aver iniziato la collaborazione con MUSP, sviluppando progetti di ricerca con le aziende partner del laboratorio – Jobs, Lafer, Mandelli, MCM, Samputensili, Sandvik, Working Process – gli ingegneri Federico Spotti e Raffaele Lefemine sono stati assunti proprio da due di queste (rispettivamente, la Jobs e la MCM). ■

22

Maggio 2008

FLUID Trasmissioni di Potenza

Anniversari

1987 – 2007: Venti di tecnologia

S

oftwork ha compiuto lo scorso ottobre vent’anni, traguardo significativo raggiunto anche attraverso radicali svolte, fino alla tappa chiamata RFID. Proprio nell’ottobre del 1987, nasceva a Brescia Softwork, società improntata nella struttura e nello spirito a Software House: dedita al gestionale d’impresa con una vocazione territoriale, l’azienda si è consolidata con un simile profilo nei suoi primi 10 anni di vita, sposando nel contempo anche altri input tecnologici che il mercato lanciava, tra cui internet e l’AIDC. Sul finire degli anni 90, alla ricerca di un equilibrio in un mercato che si stava assestando su nuove regole, giunge la svolta forte e coraggiosa, che fa cambiare pelle a Softwork, con la nuova qualifica di Distributore a valore aggiunto e una nuova proposta tecnologica, l’RFID. Al timone di una simile virata, Massimo Damiani,

Amministratore e Cesare Ferro, Direttore Generale di Softwork che, da una concreta esperienza applicativa nella logistica, hanno intravisto nell’RFID una tecnologia vincente sulla quale focalizzare la propria attività: una visione premonitrice, quindi, e una sfida avvincente quando l’RFID si stava affacciando sullo scenario italiano dell’auto-ID technology. Chiara e precisa fin dall’inizio la strategia sia di marketing che commerciale adottata dall’azienda: focalizzarsi sul layer fisico dell’RFID con una forte specializzazione, individuare nello scacchiere worldwide i prodotti migliori, in termini sia di performance che di varietà di dispositivi, per poter così rispondere a ogni esigenza applicativa, e infine operare attraverso il canale del trade che, integrando i dispositivi hardware di Softwork nei propri progetti, interagisce con il cliente finale per

una soluzione chiavi-in-mano. Da questo tracciato strategico si sono compiuti i primi passi che hanno portato alla distribuzione esclusiva in Italia dei dispositivi RFID passivi di FEIG Electronic, il vendor tedesco produttore di reader e antenne nelle diverse bande di frequenza (LF, HF e UHF); il network di Softwork conta invece a oggi quasi 200 rivenditori in tutt’Italia tra software house, system integrator e società di ICT. Le referenze, ossia le concrete applicazioni realizzate dai rivenditori basate su tecnologia RFID di Softwork, spaziano in svariati scenari applicativi: dall’Ospedale di Treviglio (Bg) per il monitoraggio e localizzazione del paziente ad Antolini Luigi per la logistica, controllo e automazione di processo del marmo, da ASMCard adottata da ASM di Venaria Reale per migliorare la fruizione dei servizi erogati

al Consorzio del Prosciutto di San Daniele per la tracciabilità del prodotto e la tutela del marchio DOP. Ma sono continue le novità in casa Softwork, dovute anche agli stimoli di un mercato sempre frizzante e in evoluzione: sulla scia del nuovo quadro normativo italiano in tema UHF (Decreto Gentiloni di luglio 2007), Softwork per esempio ha dato un ulteriore impulso alla sua linea UHF, acquisendo la distribuzione dei prodotti SkyeTek, tra cui i moduli per soluzioni RFID embedded. Particolare attenzione, poi, è stata posta ai due dipartimenti che rappresentano il fiore all’occhiello dell’azienda: Dipartimento Ricerca&Sviluppo, attivo nell’analisi di soluzioni taylormade, e il nuovissimo RFID Testing Center, dove vengono testati i dispositivi e le soluzioni studiate. ■

Aumentare le prestazioni H3c sceglie Idt per sviluppare nuove soluzioni di network search IDT(Integrated Device Technology, Inc.), fornitore di soluzioni essenziali a semiconduttore per arricchire la “digital media experience”, annuncia che H3C Technologies Co., Limited - uno dei maggiori fornitori globali di soluzioni e di tecnologie IP – ha scelto le sue soluzioni di network search per i propri prodotti correnti e futuri di networking, wireless e storage. I network search engine e gli search

accelerator di IDT metteranno a disposizione i livelli superiori di banda e di intelligenza di rete necessari per offrire servizi di convergenza voce, dati e video nell’ambito dei vari prodotti H3C, garantendo contemporaneamente la combinazione più vantaggiosa tra prestazioni elevate e consumi più bassi per singolo entry ricercato. La capacità dei dispositivi IDT di assumersi le attività critiche di elaborazione degli header di pacchetto rendono i prodotti particolarmente adatti per le applicazioni di convergenza di rete di H3C. Fornitore di so-

luzioni per architetture di rete IP-based, H3C intende assicurare ai propri clienti e ai propri partner in tutto il mondo il massimo del valore, garantendo loro dei servizi eccellenti e dei prodotti di qualità caratterizzati da un elevato rapporto tra prestazioni e costo. H3C ha dato vita al concetto architetturale IToIP, destinato a favorire lo sviluppo di infrastrutture di rete di convergenza - capaci di integrare comunicazioni multimedia, storage, sicurezza e networking – che rendono possibili le applicazioni service-oriented.


Testata

Data pubblicazione Pagina Argomento:

Settembre 2008 96 Referenza CartaFarma in ASM Venaria


Testata

DATACollection

Data pubblicazione Pagina Argomento:

Novembre 2008 18 RFID Embedded secondo Softwork



2008 - Rassegna Stampa Softwork