Page 1

Proposta per la presentazione dell'opera:

"Condividere lo scenario" Rivolta a:

         


Contenuto: Si tratra di un viaggio che vede come protagonisti due studenti stranieri di Economia a Firenze, uno Angolano e un'altro Ecuadoriano che partono per alcuni paesi Europei per presentare un'opera teatrale che incorpora mimica, balli tipici-etnici, e un mesaggio sull'uguaglianza. Esperienze che poi saranno raccolte in registrazioni video, foto, libro di viaggio. Tutto questo sara' possibile soltanto con l'apoggio di enti locali e associazioni e individui presenti a Firenze.

Indice  Contenuto: 1 Introduzione: 2 Obiettivi: 3 Tempi e presentazione: 4 Composizione del materiale offerto (aperto sotto richiesta e sponsorizzazione) 5 Costi: 6 Finanziamenti e partecipazione: 7 Sui partecipanti:   

       


1 Introduzione: L'idea nasce dopo l'esperienza teatrale multietnica dell'opera "Ultima cena" diretta da Virgilio Sieni e presenta a Firenze nel Cenacolo di Ognissanti di cui hanno fatto parte i due studenti suddetti. Analizzando le cose in maniera più pratica sui punti riguardanti l'integrazione infatti si riscontra che, considerando soltanto la realtà Europea, questa è già profondamente diversa per paesi. Per quanto negli anni recenti si siano avviati molti progetti d'integrazione regionale, la strada per conoscersi meglio tra cittadini che fanno parte di una simile realtà istituzionale ha ancora bisogno di iniziative d'incontro. Per questo, d'una parte esiste la volontà degli Stati per integrarsi meglio in aspetti Culturali, Economici e Politici quindi per logica c'è stato già l'avvio d'iniziative che riguardano aspetti culturali e oltre -ne sono un esempio i noti 'Fondi Europeo per l’Integrazione di cittadini di Paesi terzi'- che però può funzionare soltanto se esiste la volontà degli individui, gruppi e istituzioni appartenenti alla stessa società e che lavorano insieme per obiettivi comuni. Dall'altra però la decentralizzazione, seguendo principi di sussidarietà, -ovvero la possibilità degli enti e attori sociali e locali di portare avanti iniziative per garantire ai cittadini maggiore partecipazione-, è fondamentale che sia sostenuta per condividere esperienze di maggiore apertura con l'obiettivo di arricchire tutti dallo scambio. Per quanto in teoria questi processi siano desiderabili, in pratica c'è ancora molto da fare perche' siano una realtà scontanta. Ma anche qui ci sono già ottimi esempi d'integrazione come le borse di studio gestite dal DSU, iniziative regionali e comunali ad hoc per stranieri residenti nel territorio, ecc. Se invece teniamo conto dei rapporti Europei con i paesi extraregionali, esistono 'ulteriori complicazioni' per la condivisione di esperienze -queste potrebbero riguardare: tempi, distanze, diversità culturale e linguistica, mancanza d'iniziative e altro-. Ovviamente anche qui sapendo anche che nel quotidiano la convivenza tra popolazioni di diverse origini è una realtà, e che va tenuta presente anche per i suoi vantaggi, è importante che si vada ben oltre il buon vicinato, anche perché è nell i'nteresse di tutte le parti. Ed è proprio qui che ci troviamo. Siamo due studenti apartenenti a due culture diverse, che vogliono fare poggio su: associazioni nel territorio per appartenenze etniche, ambasciate e/o consolati, rappresentanti dei rispettivi paesi, gruppi Universitari autorganizzati ed Enti Politici locali e Regionali. Tutti i nominati vivendo la realtà fiorentina in maniera molto simile ma che potrebbero insieme, anche soltanto attraverso la conoscenza, aspirare a portare avanti più iniziative. -Queste ultime possono essere tante e non si soffermano allo spazio fisico fiorentino; ad esempio: perché non avere attraverso testimonianze dirette la 'promozione', informazioni, contatti in città come Quito,        


Guayaquil, Cuenca, oppure in Luanda, Benguela, Huila, allo stesso modo come a Firenze, Prato o Pistoia; conoscere i bandi e/o iniziative del comune di Firenze per l'integrazione di stranieri e farne parte; rendere la diffusione dell'informazione sui servizi e borse di studi dell'Università degli Studi di Firenze accessibile attraverso anche la testimonianza diretta di chi ci è già passato; far partecipe a istituzioni formali come le Ambasciate e/o Consolati che potrebbero integrarsi meglio con i suoi cittadini fornendo più informazioni, iniziative, e/o rendendo i rapporti più vicini e accessibili dentro e fuori città; promueve l'uso di spazi pubblici e non attraverso l'utilizzo diretto e agevolato; per nominare un paio che non vanno sull'utopia ma sulla vere possibilità e voglia di fare. Per quanto profondo, vogliamo fare parte di una società in cui non solo siamo presenti, ma dove siamo anche capaci di fare e dare nuovi impulsi attraverso l'iniziativa. Noi proponiamo un' iniziativa appunto nata da idee, lavoro e convinzioni, su cose che si possono concrettizzare tenendo

conto le nostre possibilità oltre che dell'imprescindibile

partecipazione di più soggetti. Si tratta di un sostegno/finanziamento per un viaggio in alcuni paesi Europei per la presentazione dell'opera "Condividere lo scenario" che è semplice, concreta e ha come mesaggio l'integrazione come punto di forza dei popoli; quest 'ultima incorpora: mimica, ballo e teatro.

2 Obiettivi: -Rinforzare e/o avvicinare il raporto tra istituzioni, gruppo e individui locali per la maggiore integrazione e conoscenze di punti oportunità. -Visita ad alcuni paesi

e importanti città dell'Unione Europea presentando ove possibile

l'opera "Condividere lo scenario". -Arrichimento culturale con la presentazione della opera sudetta attraverso l'uso di fotografia, video registrazioni per un film documentario, e racconti scritti sulle esperienze trovate nei luoghi visitati. -Approfondire direttamente e interpretare il meglio possibile la visione dell'Unione Europea da parte di cittadini provenienti da Paesi Terzi che ci abitano in questi paesi. -Migliorare il rapporto e la conoscenza dei soggetti coinvolti. -Promuovere luoghi turistici es esperienze di scambio culturale.        


3 Tempi e presentazione: -Presentazioni dell'opera "Condividere lo scenario": Dai primi di Junio fino ai primi giorni di Settembre, sotto richiesta e a titolo gratuito. -Registrazioni e foto: 1 mese (aperto) a partire dal 30 luglio, si dara priorità alle città tra parentesi: Norveggia (Oslo, Fredrikstad), Svezia (Stoccolma, Goteborg), Danimarca (Copenaghen, Aahus, Kiel), Germania (Berlino, Frankfurt) Belgio (Bruxelles) Francia (Parigi, Dijon) Svizzera (Zurich, Solothurn), Italia (Genova, Milano, Firenze).

4 Composizione del materiale offerto (aperto sotto richiesta e sponsorizzazione):

-Film Documentario e Foto: IL formato del film documentario è quello di presentare la città nella sua fisicità, raccogliere testimonianze dai passanti, specialmente stranieri e la loro visione sull'europa,

includere

percezioni e commentari personali dei partecipanti, registrare le diverse performance della opera "insieme per Europa". Tutte queste seguendo il filo logico del viaggio, l'ironia, la riflessione, l'umore; tenendo in conto l'importanza del marketing e la buona informazione. Le foto sono libere. -Performance della opera "insieme per Europa" Si tratta di una commedia composta di 4 scene, ogn'una delle qualli ha una durata di 5-7 minuti il cui messaggio finale è la condivisione come punto di forza.        


Visti i diversi possibili scenari questa opera può suddividersi ed essere presentata in singole scene, la sua integrità è programmata per una durata di 20 - 30 minuti. Per quanto riguarda la parte audio; l'opera può essere presentata con l'aiuto di questo ultimo il che renderebbe meglio l'idea, ma è pensato anche alle possibilità di non contare con gli strumenti adatti, il che lascia a discrezione il suo uso d'accordo all'esigenze. -Prima scena: utilizza tecniche di mimo la cui idea è riproporre la vita quotidiana di un'artista straniero e di un presentatore prima di una presentazione teatrale standard, questa incorpora l'umore espresso soltanto con la gestualità, la cui scena finisce il punto stesso in sui si apre il telone. -Seconda scena: è costituita di ballo etnico e moderno la cui trama è la conoscenza di essi interpretati da due soggetti, che però ironizado e rifiutano i diversi ritmi presentati come background artistico e culturale, tutto finisce quando però questi finiscono gli argomenti -ballie sono pronti a scontrarsi. -Terza scena: La terza scena usa tecniche teatrali per interpretare il confronto fisico tra i soggetti nato proprio dal rifiuto uniziale, il che viene amorbidito da scene mimiche di umore; la scena conclude con la fine dello scontro che vede ai due sogetti aterrati proprio dal litigio. -Quarta Scena: Vede l'alzarsi di due soggetti stessi terra attraverso l'aiuto mutuo; già in piedi, prima di continuare per le loro strade, mutuamente s'imparano movimenti di ballo che divengono sincronizzati e integrano più ritmi, in gesto di condivisione. -Scritto Si raccoglierà per scritto il viaggio in sè; le situazioni, i consigli sui luoghi, le percezioni ecc., per essere dopo 'formalizzata' in un file PDF in maniera semplice, concreta e attrativa per il suo uso turistico, diffusivo e altro; tutto ovviamente supporto da materiale video montato ad hoc d'accordo all'esigenze.

 

       


5 Costi: Trasporti: - Aereo: 120 Euro x 2: Volo di andata: Pisa-Oslo, Ryair. - Treno: 422 Euro x 2: Global Pass per un mese di durazione, Trenitalia. Vito e Alloggio -25-40 Euro x 2 Euro (30 giorni) Altri - Camera Canon EDS1100D, HD, prezzo Euronics: 499 Euro - Costumi e accessori= 200 Euro *Totale = 3.283 - 4.183 Euro

6 Finanziamenti e partecipazione:  Abbiamo stesso l'invito a più soggetti, dovuto sia alla praticità di contare con più fonti, sia al ritenere opportuno, per una maggiore partecipazione a iniziative d'interesse comune, l'integrazione di più enti e/o persone. Tenendo in conto l'ammontare della spesa e i partecipanti proponiamo rispettivamente: -Al CIS (Capponeto Intercultural Students); la partecipazione per una serata a tema "Condividere lo Scenario"- per promuovere il coinvolgimento all'iniziativa. Teniamo in conto la difficoltà di importanti finanziamenti su questa fonte, proporremo l'opera con l'obiettivo primordiale di raffermare e coinvolgere più persone a questa opera culturale. -Al Comune di Firenze; il finanziamento diretto al progetto, e/o la collaborazione per poter usare spazi pubblici per la presentazione dell'opera "Condividere lo Scenario" a partire del mese di Junio. -All'UE; Attraverso i suoi rappresentanti, il finanziamento diretto del progetto, in concorde con le iniziative proposte attraverso Il Fondo Europeo per l’Integrazione di cittadini di Paesi terzi oltre che le sovvenzioni per la cultura, turismo e gioventù. -Al DSU; finanziamento e/o uso di spazi, in concorde con le iniziative di progetti autogestiti oltre che la promozione dei servizi da questo ente offerto.        


-All'Associazione Angolana Njinga Mbande; la collaborazione per il supporto logistico per l'organizzazione di una o più serate che vedano come tema centrale l'integrazione culturale di cittadini Angolani e non, residenti a Firenze e non. Teniamo in conto la difficoltà diretta di finanziamenti dall'Associazione, per questo l'obiettivo centrale anche qui è il coinvolgimento di più persone per la condivisione dell'esperienze; che è solo un modo con cui integrare di più al di là di qualsiasi vincolo economico. -Alle representanze Consolari e/o Ambasciate di Angola ed Ecuador; Finanziamento diretto e/o sostegno per il progetto, oltre che contatti con le rappresenze dei rispettivi paesi nei paesi da visitare, e per quanto possibile, l'organizzazione di una o più serata a tema. Teniamo in conto la difficoltà di quanto richiesto ma consideriamo opportuno la condivisione di più iniziative culturali per la meglior convivenza tra paesi fratelli. Tenendo conto dell'importanza d'iniziative culturali per una

migliore convivenza e

arricchimento, vogliamo far parte ai soggetti partecipanti del materiale da noi raccolto (foto, video, materiale scritto ed elaborato sulle testimonianze) oltre che la nostra disponibilità per presenzazioni sotto richiesta dal mese di Junio a titolo gratuito.

7 Sui partecipanti: -Ramiro E. Sevilla Reyes: "Sono uno studente di 2do anno nella laurea Magistrale in Economia dello Sviluppo Avanzata presso l'Università degli Studi di Firenze, e se tutto va come vorrei, spero finire i miei studi l'anno prossimo. Sono originario di Quito-Ecuador, ho 25 anni, e sono in Italia dal 2006 -la prima esperienza l'ho vissuta in Sicilia ma da più di un'anno sto vivendo quella fiorentina-. Come molti, (al di là delle motivazioni), avevo molte aspettative prima di venire; imparare la lingua, conoscere le sue città, i suoi modi, la sua gente, ma anche lavorare, studiare, viaggiare, e tanto altro. Tutto ciò non sempre è stato possibile, sià per le mie priorità, l'oportunità, ma anche per la mia mancanza d'iniziativa e idee; insomma una storia tra tante, con momenti di difficoltà e gratificazioni fuori 'casa'. Ora però dopo un pò d'esperienze, di chiarezza, e più consapevole del mio intorno, voglio far parte di questa iniziativa, per qualcuno semplice, ma per me significativa. Anche adesso ho molte aspettative per questo progetto, che al di là di sentirmi capace di portarlo avanti e di volerlo far bene, voglio sentirmi parte della realtà in cui vivo, testare l'effettiva partecipazione a iniziative di vera

       


integrazione; cominciando dai miei compagni d'Università fino a istituzioni su cui potrei contare potenzialmente per progetti come questo, che considero opportuno."

-Daniel dos Prazeres Brinco "Sono studente del corso di laurea triennale di Economia e Commercio, al 2°anno di Economia e Diritto, preso l’Università di Firenze. Mi trovo in Italia da due anni per formarmi nel corso sopra detto. Vengo dall’Angola, un paese con cultura diversa rispetto a quella Italiana. Da bambino avevo l’idea di far qualcosa di diverso per il cambiamento del mondo, ciò nonostante le differenze, perche siamo ’diversi’in vari aspetti, pensavo a quanto essendo appartenti allo stesso mondo volgiamo molte cose uguali. Tramite il teatro, danza, scherzi e tante altro voglio far conoscere la cultura del mio paese e imparare anche le altrui, poiché con vari scambi si imparano delle cose, a volte mai pensate nelle nostre vite. Spero che un domani quando finiro l’Università qui in Italia, di trovarmi un lavoro, ed essere pronto ad affrontare un mondo in cambiamento, e anche essere capace di formare delle convinzioni e idee portandole avanti. L’iniziativa che abbiamo pensato penso che sia bella, ed spero che un domani altri giovani come noi abbiamo anche la voglia di creare, crederci e fare nuove cose per il cambiamento in bene di questo bello mondo, che ci appartiene."

a) Video promozionale:  

           


b) Contatti Utili: 













    

  

      ’ –   

          





























       


















°



 

 

 °    

     



       

Condividere lo Scenario  

Si tratra di una iniziativa culturale

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you