Page 1

n. 12|2012

VALORE LEGALE DEL TITOLO DI STUDIO: MANTENERLO O ABOLIRLO? RIFORMA FORNERO, LE CRITICHE DEI SINDACALISTI

IKEA IN ABRUZZO, ATTENTATO ALLA MERITOCRAZIA

DONNE E LIBERE PROFESSIONI, BINOMIO DIFFICILE


Emagazine di  Repubblica  degli  Stagisti riprende  le  pubblicazione  del  sito   www.repubblicadeglistagisti.it ®  Repubblica  degli  stagisti   è  edita  da  Ventidue  S.r.l. Tribunale  di  Milano,  n.  171  del  08/04/09

QUESTA SETTIMANA L’EMAGAZINE VI È OFFERTO DA

Eleonora Voltolina  direttore  responsabile Hanno  scritto  per  noi:   Annalisa  Di  Palo_Valentina  Navone_Ilaria  Costantini  _Andrea  Curiat_  Alessandro  Rosina

c opertina

r ecensioni

Quanto vale  il  “pezzo  di  carta”?   Il  ministero  lo  chiede  ai  cittadini

Emergenza stage   anche  negli  Stati  Uniti  

di Andrea  Curiat

di Valentina  Navone

Donne e  libere  professioni,   ELQRPLRDQFRUDGLI¿FLOH

i nterviste

di Annalisa  Di  Palo

Riforma Fornero,  cosa  non  va   secondo  i  sindacalisti  esperti   di  precariato di  Ilaria  Costantini  

e ditoriale

s ondaggio Appello al  Parlamento:   alla  riforma  manca   il  salario  minimo storie di s tage

La raccomandazione,   attentato  alla   merito(demo)crazia Eleonora  Voltolina  e  Alessandro  Rosina

«Non solo  bamboccioni:   i  giovani  hanno  voglia  di  riscatto» di  Annalisa  Di  Palo

Torna a questo sommario Modalità d’uso  dell’Emagazine L’Emagazine  è  un  pdf  ma  permette  di  visitare  tutti  i  link  indicati  (le  parole  sottolineate)  aprendo   automaticamente  il  proprio  navigatore L’Emagazine  è  interamente  navigabile,  dalla  copertina,  passando  da  questo  sommario  e  cliccando  i  titoli   per  raggiungere  gli  articoli,  e  poi  tornando  qui  attraverso  il  logo  in  fondo  alla  pagina!


c opertina Quanto vale il

“pezzo di cartaâ€?? Il ministero lo chiede ai cittadini di  Andrea  Curiat Sul   tema   del   valore   legale   del   titolo   di   studio   il   dibattito   sembra   essere   giunto   a   una  fase  di  stallo.  C’è  chi  propone  di  abo-­ lirlo  per  liberalizzare  il  mercato  del  lavoro,   e   chi   ritiene   invece   opportuno   mantenerlo   quale   garanzia   fondamentale   del   diritto   allo   studio.   Ogni   parte   schiera   in   campo   esperti  di  rilievo  con  motivazioni  comples-­ se  e  ragionate.  Ecco  allora  che  il  governo   MontiDOODÂżQHGLJHQQDLRha  proposto  una  

Marco  Meloni

soluzione  per   uscire   dall’impasse:   indire   una   consultazione   pubblica   online   che   raccolga  spunti,  opinioni  e  pareri  diret-­ tamente  dai  cittadini.  Il  sondaggio  è  com-­ posto  da  quindici  quesiti  ed  è  stato  avviato   il  22  marzo;͞  nel  giro  dei  primi  quattro  giorni   hanno  risposto  ben  20mila  persone.   Prima  di  partecipare,  però,  è  bene  appro-­ fondire  l’oggetto  della  consultazione.  A  par-­ WLUHGDOODGH¿QL]LRQHGHOYDORUHGHOWLWROROH-­ gale  di  studi,  come  recentemente  espressa   dal  Servizio  studi  del  Senato:  si  tratta  di  un   istituto  giuridico  che  va  desunto  dal  com-­ plesso   di   disposizioni   che   ricollegano   un   qualche  effetto  al  conseguimento  di  un  cer-­ to   titolo   scolastico   o   accademico.   Cosa   vuol  dire?  Che  oggi  le  lauree  e  i  diplomi   hanno  una  rilevanza  giuridica  per  poter   accedere  ad  alcune  professioni,  per  la-­ vorare  nel  settore  pubblico  e  per  avan-­ zare  nella  carriera  accademica  all’inter-­ no  di  scuole  e  università.  Le  autorità  che   possono  emettere  titoli  di  studio  con  valo-­ re   legale,   quindi,   sono   esclusivamente   le   amministrazioni   pubbliche   incaricate   dalla  


c opertina legge o  gli  istituti  privati  riconosciuti  legal-­ mente  dal  Miur.  I  titoli  di  studio  conseguiti   all’estero  non  hanno  valore  legale  a  meno   che   non   siano   considerati   equipollenti   a   quelli   italiani   sulla   base   di   convenzioni   in-­ ternazionali  o  leggi  nazionali.  A  complicare   la  questione  vi  è  il  fatto  che  il  valore  lega-­ le  non  è  regolato  da  una  normativa  unica,   ma  da  un  insieme  di  norme  e  leggi  che  si   VRQR DQGDWH VWUDWL¿FDQGR QHO WHPSR /D consultazione,  comunque,  non  interesserà   gli   effetti   del   valore   legale   sui   percorsi   di   carriera  accademici,  ma  esclusivamente  le   ricadute  sul  mercato  del  lavoro. Quali   sono   le   principali   ragioni   di   chi   è   in   favore   dell’abolizione   del   valore   legale?   Sicuramente   instaurare   una   competizione   tra  le  università;;  ma  anche  prevenire  feno-­ meni   come   quello   dei   dipendenti   pubblici   (o  aspiranti  tali)  che,  per  poter  partecipare   ai   concorsi   che   hanno   come   prerequisito   un  determinato  titolo  di  studi,  si  rivolgono  a   università  private  compiacenti  che,  in  cam-­ bio   della   retta,   forniscono   lauree   di   dub-­ bia   qualità.   ©/D ¿QDOLWj è   bloccare   i   diplomifici»   chiarisce   in   un  intervento   Marco   Melo-­ ni,  responsa-­ bile   universi-­ tà   del   Partito   Democratico   «che   da   un   lato   morti-­ ¿FDQR LO VL-­ stema   uni-­ v e r s i t a r i o ,  

dall’altro sottraggono   impegno   al   lavoro   dei   pubblici   dipendenti   orientandoli   verso   O¶DFTXLVL]LRQH GL WLWROL GL VWXGLR ¿WWL]Lª &KL è   contrario,   invece,   ritiene   che   proprio   il   valore   legale   del   titolo   di   studio   sia   una   garanzia   imprescindibile   di   uguaglianza   per   i   cittadini,   sia   in   termini   di   diritto   alla   formazione,   sia   in   termini   di   possibilità   di   accesso  al  mondo  del  lavoro.  In  una  lettera   aperta  ai  parlamentari  abruzzesi,  il  rettore   dell’università   dell’Aquila   Ferdinando   di   Orio  commenta:  «In  un  sistema  di  generale   precarizzazione  del  mondo  lavoro,  [il  valo-­ re  legale]  rappresenta  la  migliore  ed  unica   garanzia  in  grado  di  assicurare  reali  con-­ dizioni   di   uguaglianza   per   tutti   i   cittadini   nell’accesso  al  mondo  delle  professioni.  Il   che  non  esclude  che,  oltre  il  titolo  di  studio,   possano   essere   effettuate   le   opportune   valutazioni   sul   curriculum   dei   candidati   al   concorso   e/o   alla   progressione   di   carrie-­ ra». Alla  consultazione  online  tutti  possono  par-­ tecipare   direttamente   dal   sito   web   del   mi-­ nistero   dell’I-­ struzione:   il     termine   per   rispondere   al   questio-­ nario   è   il   24   aprile,   dopo-­ dichè   i   con-­ tributi  ricevuti   verranno  resi   pubblici   (in   forma   anoni-­ ma)   e   sinte-­ tizzati   in   un   d o c u m e n t o   riepilogativo.  


c opertina I risultati   della   consultazione   saranno   og-­ getto   di   seminari   e   soprattutto   costituiran-­ no  il  cuore  delle  proposte  da  sottoporre  al   Consiglio   dei   Ministri   e   di   tutti   i   provvedi-­ menti   in   materia   da   parte   del   Miur.   Certo,   c’è   da   dire   che   non   si   tratta   di   un   vero   e   proprio   sondaggio   popolare:   già   la   com-­ plessità  della  tematica  e  il  fatto  che  la  con-­

sultazione sia   effettuata   esclusivamente   tramite  il  canale  online  esclude  dal  quadro   una  buona  fetta  della  popolazione  italiana.   L’obiettivo   del   governo,   comunque,   consi-­ ste   espressamente   nel   coinvolgere   nel   dibattito   in   particolar   modo   i   giovani,   che  saranno  in  fondo  i  diretti  interessati  da   un’eventuale  riforma.

LINK Quanto vale   la   laurea   nei   concorsi?   Bandi   poco   chiari   sulle   equipollenze   tra   i   titoli,   arriva   una   guida  dal  ministero Riforma  del  lavoro,  ecco  punto  per  punto  cosa  riguarda  i  giovani Università  come  agenzie  per  il  lavoro  a  costo  zero:  una  deriva  da  scongiurare Tutti  geni  i  neolaureati  italiani?  Nuovi  dati  Almalaurea:  alla  specialistica  il  voto  medio  è  108,  con   punte  di  111  per  le  facoltà  letterarie


i ntervista

Riforma Fornero, cosa non va secondo i sindacalisti precariato esperti di precariato di  Ilaria  Costantini La  promessa  della  vigilia  era  di  ampliare  le  tutele  dei  lavoratori  meno  garantiti,  distinguen-­ GRWUDEXRQDHFDWWLYDĂ€HVVLELOLWj2UDFKHODULIRUPD)RUQHURqQHURVXELDQFRalmeno  nel-­ le  sue  linee  guida,  la  Repubblica  degli  Stagisti  ha  chiesto  a  tre  sindacalisti  di  Cgil,  Cisl  e  Uil   di  commentare  il  testo  uscito  dal  tavolo  della  trattativa,  indicando  cosa  e  come  può  essere   migliorato  per  quanto  riguarda  i  contratti  piĂš  diffusi  tra  i  giovani  italiani.  La  responsabile   delle   politiche   giovanili   della   Cgil   Ilaria   Lani,   il   segretario   generale   Ivan   Guizzardi   della  Cisl-­Felsa  (Federazione  lavoratori  somministrati,  autonomi  e  atipici)  e  la  segretaria   generale  di  Uil  Temp  Magda  Maurelli  hanno  idee  piuttosto  chiare  in  proposito. ÂŤPer  la  prima  volta  dopo  10  anni  si  assiste   ad   un’inversione   di   tendenza   per   quanto   riguarda   l’attenzione   ai   giovaniÂť   ammette   Ilaria   Lani,   classe   1978.   ÂŤMa   la   riforma   non   è   cosĂŹ   incisiva   come   speravamo   e   presenta  falle  importantiÂť.  Sul  fronte  dei   contratti  è  ormai  chiaro  che  il  governo  Monti   abbia  rinunciato  all’idea  di  sfoltire  la  platea   delle   tipologie   attualmente   esistenti;Íž   ma   le   novitĂ    in   arrivo   non   sono   comunque   di   poco  conto. Â ÂŤĂˆ  probabile  che  nei  prossi-­ mi   anni   si   arrivi   ad   una   sostanziale   di-­ minuzione  dei  contratti  atipiciÂť  ipotizza  il   sindacalista   della   Cisl   Ivan   Guizzardi,   59   anni.  I  vari  strumenti  contrattuali  verranno   ÂżQDOPHQWHXWLOL]]DWLSHUODORURYDOHQ]DSUR-­

pria  e  non  piÚ  per  ragioni  legate  all’abbatti-­ mento  del  costo  del  lavoro.   Tra  i  primi  obiettivi  del  testo  Fornero  c’è  in   effetti   quello   di   contrastare   il   ricorso   alle   collaborazioni  a  progetto  che  in  troppi  casi   le   imprese   utilizzano   oggi   in   sostituzione   del  contratto  di  lavoro  dipendente.  Adesso   il   cocopro   dovrebbe   avere   non   solo   una   GH¿QL]LRQH SL VWULQJHQWH QRQ XQD ŠPHUD riproposizione   dell’oggetto   sociale   dell’im-­ presa  committente),  ma  si  prevede  anche   una  limitazione  dell’istituto  a  mansioni  non   prettamente   esecutive   e   ripetitive,   o   co-­ munque  non  identiche  a  quelle  svolte  nella   stessa  impresa  da  lavoratori  subordinati.   +R VHUL GXEEL VXOOD ULGH¿QL]LRQH GHO


i ntervista progetto,  che  resta  incerta  come  e  piÚ  di   prima  commenta  in  proposito  la  sindaca-­ lista  di  Uil  Temp  Magda  Maurelli,  42  anni,   sgombrando   anche   il   campo   da   eventuali   equivoci   rispetto   alla   stabilizzazione   del   falso   collaboratore.   Non   esiste   alcun   au-­ tomatismo:  l’onere  di  provare  che  si  svolge   un  lavoro  dipendente  resta  in  capo  al  lavo-­ ratore,  che  dovrebbe  fare  causa  all’azien-­ da.   A  detta  di  Guizzardi  per  il  datore  di  lavoro   il  vero  disincentivo  a  stipulare  un  contratto   atipico  consisterà  tuttavia  nel  previsto  in-­ nalzamento  della  quota  destinata  alla  previ-­ denza  del  lavoratore.  Da  qui  al  2018  infatti   le   aliquote   per   gli   iscritti   alla   gestione   se-­ parata  Inps  dovrebbero  salire  progressiva-­ mente  dall’attuale  28%  al  33%  e,  dato  che   per  i  collaboratori  i  2/3  della  quota  sono  a   carico  del  datore  di  lavoro,  l’attuale  conve-­ nienza  ad  assumere  un  parasubordinato  al   posto  di  un  lavoratore  subordinato  potreb-­ be  in  effetti  venire  meno.  L’idea  è  quella  di   utilizzare   il   costo   del   lavoro   come   leva   per   prevenire   gli   abusi,   consentendo   al  

Ilaria  Lani

tempo  stesso  all’atipico  di  versare  una  quo-­ ta  di  contributi  che  in  futuro  potrà  garantirgli   una  pensione  piÚ  dignitosa.  Ma  Ilaria  Lani   è   meno   ottimista   del   collega   della   Cisl,   e   convinta   che   la   nuova   norma   potrebbe   avere   pesanti   ripercussioni   sulle   già   leggere   buste   paga   dei   parasubordina-­ ti.   Per   riassorbire   la   spettanza   dei   2/3,   il   datore   di   lavoro   potrebbe   semplicemente   ridurre   il   compenso   del   collaboratore.   Per   TXHVWR VDUHEEH QHFHVVDULR ¿VVDUH XQD soglia   minima   di   compenso   agganciata   ai   minimi  salariali  previsti  dai  contratti  per  pari   professionalità. A   fare   le   spese   dell’aumento   delle   ali-­ quote   saranno   a   maggior   ragione   le   partite  Iva  che,  vere  o  false  che  siano,  i   contributi  pensionistici  li  pagano  tutti  di   tasca   propria.   Per   distinguere   l’autentico   libero   professionista   da   chi   invece   potreb-­ be   essere   costretto   dal   datore   di   lavoro   a   ¿JXUDUHFRPHFROODERUDWRUHDSDUWLWD,YDLO governo  intende  tuttavia  introdurre  tre  crite-­ ri  stringenti.  Se  si  accerta  infatti  che  il  75%   dei  compensi  annuali  del  lavoratore  provie-­ ne  dalla  stessa  impresa,  che  la  prestazione   ha  avuto  una  durata  complessiva  di  piÚ  di   6  mesi  nell’arco  dell’anno  e  che  la  persona   svolge  sempre  il  suo  lavoro  presso  la  stes-­ sa  sede,  allora  il  committente  potrebbe  es-­ sere  costretto  ad  assumerla.   Resta  però  da  capire  come  e  soprattutto  chi   effettuerà  i  controlli  necessari  per  rende-­ UHHI¿FDFHODQRUPD.  Credo  che  l’Inps  e   gli   ispettorati   del   lavoro   siano   chiamati   a   svolgere   questa   funzione   afferma   Guiz-­ zardi.   Giocare   tutto   sui   controlli   ex   post   non  è  una  rivoluzione  replica  però  la  Lani,   pensando   anche   alle   carenze   di   organico   che  scontano  oggi  i  servizi  ispettivi.  Anche  


i ntervista

Ivan Guizzardi

se l’ispettore   dovesse   accertare   un’irrego-­ larità,     l’assunzione   a   tempo   indeterminato   non  scatta  certo  automaticamente,  al  limite   potrebbe   esserci   una   multa   per   il   datore   di   lavoro.   Per   questo   sarebbe   molto   meglio   prevedere  controlli  ex  ante,  ad  esempio  sul-­ la  dichiarazione  dei  redditi  del  lavoratore». Grazie   a   questo   approccio   sanzionatorio   rispetto  all’abuso  dei  contratti  atipici,  il  go-­ verno  mira  anche  a  valorizzare  l’istituto   dell’apprendistato  come  tipologia  preva-­ lente  di  ingresso  dei  giovani  sul  merca-­ to  del  lavoro,  ottenendo  su  questo  punto  il   pieno  accordo  dei  sindacati  confederali.  «Il   destino  del  lavoratore  passa  per  il  destino   dell’impresa»   osserva   Magda   Maurelli,   «e   FRQO¶DSSUHQGLVWDWRFLVDUjVLDXQVLJQL¿FDWL-­ YRYDQWDJJLR¿VFDOHSHUGDWRUHGLODYRURFKH la  possibilità  per  il  lavoratore  di  imparare  un   mestiere  spendibile  sul  mercato».  Ma  per  i   futuri  apprendisti  c’è  un  vantaggio  ulte-­ riore,  che  la  riforma  nega  invece  a  tutta   la  platea  degli  atipici:  ovvero  la  possibi-­ lità   di   accedere   alla   nuova   assicurazio-­ ne  sociale  per  l’impiego  (Aspi).  Sul  punto   si  sono  concentrate  le  critiche  più  aspre  al   progetto  di  riforma  da  parte  dei  precari,  de-­

lusi dalla  promessa  di  introdurre  un  sistema   più  universale  di  ammortizzatori.  Fatta  ec-­ cezione   per   gli   apprendisti   e   per   gli   artisti   «non  c’è  stata  nessuna  estensione,  né  per   quanto  riguarda  i  criteri  di  accesso,  né  per   quanto  riguarda  le  tipologie  contrattuali  ati-­ piche»  rileva  la  sindacalista  della  Cgil.  Per   accedere   all’Aspi   bisognerà   infatti   avere   non  solo  un  contratto  di  lavoro  subordinato,   ma  anche  due  anni  di  anzianità  contributiva   e  52  settimane  di  lavoro  nell’ultimo  biennio:   esattamente   ciò   che   serve   oggi   per   acce-­ dere   all’assegno   di   disoccupazione   che,   per  molti  giovani,  resta  appunto  un  mirag-­ gio.   Idem   per   la   mini-­Aspi,   corrispondente   grossomodo  all’attuale  disoccupazione  con   requisiti  ridotti.  «Partiamo  da  una  situazio-­ ne  in  cui  gli  ammortizzatori  sono  pressoché   LQHVLVWHQWL SHU JOL DWLSLFLª LQYLWD D ULÀHWWHUH Guizzardi,   «oggi   ci   sono   margini   maggiori   per  andare  a  costruire  nuove  tutele».  Per  il   momento   tuttavia   l’unico   paracadute   per   i  collaboratori  è  l’impegno  a  «rafforzare   e   portare   a   regime   il   meccanismo   una   tantum»  introdotto  nel  2007  dal  ministro  

Magda Maurelli


i ntervista Sacconi  e   riproposto   dalle   attuali   linee   guida.   Con   la   speranza   che   rafforzare   VLJQL¿FKLVRSUDWWXWWRSUHYHGHUHFULWHULGLDF-­ cesso  meno  rigidi  rispetto  a  quelli  richiesti   sinora:   A   fronte   di   34.185   domande   pre-­ VHQWDWH¿QRDOGDLFROODERUDWRULVROR 9mila  sono  state  accolte  fa  notare  infatti  la   Maurelli.  Che  alla  riforma  Fornero  rimprove-­ ra  anche  una  carenza  di  investimenti  sulle   politiche  attive  per  il  lavoro.  Una  perso-­ na  che  esce  dal  mercato  ha  soprattutto  l’e-­ sigenza  di  ricollocarsi  rapidamente.  Punterei   di   piÚ   sulla   creazione   di   una   rete   di   servizi   pubblico-­privato  in  grado  di  accompagnare  il   lavoratore  fuori  dalla  disoccupazione.   Resta   ora   da   vedere   come   le   norme   con-­

tenute  nella   bozza   di   riforma   verranno   tradotte   nel   disegno   di   legge   che   a   breve   approderà  in  Parlamento,  anche  per  quan-­ to  riguarda  la  parte  relativa  allo  stage.  Sul   punto,   la   previsione   di   future   linee   guida   nazionali  contenuta  nel  testo  attuale  segna   un   apparente   arretramento   rispetto   alle   intenzioni  espresse  nei  giorni  scorsi  dal   ministro  di  abolire  gli  stage  post  forma-­ zione  e  di  contrastare  quelli  gratuiti.  Il   testo   di   legge   non   potrà   riproporre   norme   cosÏ   vaghe   sullo   stage   conclude   Ilaria   /DQL ŠFRQ¿GLDPR FKH VXOOD PDWHULD VL ULD-­ pra   al   piÚ   presto   un   tavolo   con   le   Regioni   HVLDUULYL¿QDOPHQWHDGXQDVROX]LRQHGH-­ ¿QLWLYDª

LINK Riforma  del  lavoro,  ecco  punto  per  punto  cosa  riguarda  i  giovani Riforma  del  lavoro,  il  testo  apre  a  nuove  linee  guida  nazionali  sugli  stage Riforma  del  lavoro,  rilanciare  l’apprendistato  non  basta Apprendistato:  coinvolge  pochissimi  laureati  e  spesso  non  garantisce  vera  formazione

e anche Abolire  gli  stage  post  formazione:  buona  idea  ministro,  ma  a  queste  condizioni Riforma  del  lavoro,  inutile  senza  quella  degli  stage Università  come  agenzie  per  il  lavoro  a  costo  zero:  una  deriva  da  scongiurare


e ditoriale Raccomandazione dell’assessore per lavorare da Ikea: attentato alla merito(demo)crazia di Eleonora  Voltolina  e  Alessandro  Rosina Pochi   giorni   fa   Ikea,   nota   multinazionale   dell’arredamento   fai-­da-­te,   ha   denunciato   che   in   vista   dell’apertura   di   un   nuovo   punto  vendita  vicino  a  Chieti  ha  ricevuto   chiari  messaggi  da  politici  della  Regione   Abruzzo  orientati  a  caldeggiare  l’assun-­ zione  di  alcune  persone. Il  rombo  del  tuono  faceva  presagire  lo  sca-­ tenarsi  di  una  tempesta,  con  prime  pagine   GHL TXRWLGLDQL LQYHFH WXWWR q ¿QLWR LPPH-­ diatamente   nel   dimenticatoio.   Qualche  rimbal-­ zo   dai   giornali   locali   al   web,   una   –   innega-­ bile   –   pubblici-­ tà   positiva   per   il   marchio,   e   stop.   Eppure   il   problema   è   assolutamente   centrale:   l’Italia   non   può   cam-­ biare  e  cresce-­

re se  continua  ad  essere  ostaggio  di  una   politica   clientelare   e   nepotista,   pervasa   da  perverse  logiche  antimeritocratiche  che   comprimono  le  sue  reali  potenzialità  di  svi-­ luppo. Il   caso   è   indicativo.   Il   management   della   ¿OLDOHLWDOLDQDha  dichiarato  che  è  «prassi»   ricevere   pressioni   da   politici   locali   quando   apre  una  nuova  sede  sul  territorio.  Per  Chie-­ ti,  ha  fatto  sapere,  sono  arrivati  tremila  cur-­ ricula   per   220   nuovi   posti   di-­ sponibili.   Se-­ condo   le   notizie   riportate   da   vari   quotidiani,   un   assessore   re-­ gionale   avreb-­ be   inviato   su   carta   intestata   (sic!)  una  lette-­ ra  con  un  elen-­ co   di   persone   che   gli   stanno   a   cuore   per  


e ditoriale “informarsiâ€?  sull’esito   della   procedura   di   recruiting.   Come   a   dire:   ÂŤSarei   molto   contento  che  la  selezione  fosse  favorevole   a  questi  nomiÂť.  L’Ikea  ha  reso  nota  la  pres-­ sione,   assicurando   che   non   cederĂ    e   che   seguirĂ   esclusivamente  criteri  meritocratici.   Basta   cosĂŹ?   Assolutamente   no.   Le   azien-­ de   straniere   non   possono   trattare   l’Italia   come   un   paese   con   abitudini   fastidiose,   come  zanzare  da  scacciare  ogni  volta  che   si   presentano:   quello   che   serve   è   una   di-­ sinfestazione   sistematica.   Bisogna   fare   i   nomi,  costringendo  cosĂŹ  questi  poco  degni   amministratori  della  cosa  pubblica  a  rende-­ re   esplicitamente   conto   del   proprio   opera-­ to.   L’Ikea   dovrebbe   fare   un’operazione   trasparenza.   Innanzitutto   raccontando   i   dettagli   della   sua   procedura   di   recruit-­ ment VSHFLÂżFDQGR FKH WLSL GL FRQWUDWWL farĂ    ai   220   neoassunti,   e   con   quali   sti-­ pendi.   E   poi   documentando   quanto   ha   affermato,   indicando   il   nome   dell’as-­ sessore   in   questione   e   pubblicando   le   lettere   che   le   sono   arrivate.   Solo   cosĂŹ   consentirĂ   ai  cittadini  abruzzesi  e  a  tutti  gli   italiani  di  valutare  se  davvero  ci  sono  state   pressioni  per  far  assumere  amici  e  protet-­

ti,  a  scapito  di  chi  ogni  giorno  cerca  lavoro   senza   avere   santi   in   paradiso,   puntando   solo   sulle   proprie   competenze.   Solo   cosÏ   gli   elettori   potranno   decidere   se   tale   persona  potrà  rimanere  al  suo  posto  ed   essere  votata  ancora  in  futuro,  o  al  con-­ trario  chiederne  subito  le  dimissioni. Sta   crescendo   fortemente   l’insofferenza   verso   un   paese   dove   contano   piÚ   le   logi-­ che   di   appartenenza   che   le   vere   capaci-­ Wj 4XHVWR q XQR GHL PRWLYL GHOOH GLI¿FROWj del   sistema   Italia   di   crescere   e   della   fuga   di  molti  giovani  all’estero  per  veder  ricono-­ sciuto  davvero  quanto  valgono.  Un  recente   sondaggio  dell’associazione  Italents  svolto   in  collaborazione  con  il  Comune  di  Milano   ha  evidenziato  come  la  carenza  di  merito-­ crazia  sia  considerata  dai  giovani  espatriati   addirittura  il  principale  motivo  che  li  ha  spin-­ ti  ad  andarsene.  PiÚ  degli  stipendi  migliori,   piÚ  del  welfare  piÚ  generoso. Questo  caso  va  considerato  un  vero  e  pro-­ prio   attentato   alla   meritocrazia.   E   come   ogni  reato,  l’unico  comportamento  civi-­ le  e  responsabile  è  quello  di  denunciare   pubblicamente.   Per   cambiare   davvero,   ¿QRLQIRQGR

LINK Fuggi-­fuggi  dall’Italia:  sono  almeno  2  milioni  i  giovani  all’estero Sulla  Rete  i  giovani  italiani  scalpitano  per  fare  rete:  ITalents  sbarca  su  Facebook,  ed  è  boom

e anche ÊJLXVWRFKHL³¿JOLGL´VIUXWWLQRLOYDQWDJJLRFRPSHWLWLYR"


r ecensioni

Emergenza stage anche negli Stati Uniti Valentina Navone Cos’è  esattamente  uno  stage  e  che  impat-­ to   ha   sulla   nostra   vita?   Le   conseguenze   economiche  politiche  e  sociali  degli  in-­ ternship   per   chi   li   fa   e   per   tutti   gli   altri   sono   al   centro   del   libro   Intern   nation:   how   to   learn   nothing   and   earn   little   in   the   Brave   new   economy   di   Ross   Per-­ lin,   pubblicato   pochi   mesi   fa   dalla   Verso.   Perlin   è   un   giornalista   e   scrittore   newyorkese   29enne.  Dopo  aver  stu-­ diato  a  Princeton,  Tsin-­ ghua  University  e  Stan-­ ford,  sta  ora  svolgendo   in   Cina   ricerche   per   la   sua   tesi   di   dottorato   in   linguistica  alla  Universi-­ ty  of  London. Intern   nation,   un   libro   sorprendentemente   si-­ mile   a   quello   scritto   in   Italia   nel   2010   da   Ele-­ onora  Voltolina  (La  Re-­ pubblica  degli  Stagisti  –  

Come non  farsi  sfruttare,  edizioni  Laterza)   nasce  da  un’inchiesta  durata  tre  anni  su   una  pratica  dilagante  e  non  regolamen-­ tata  che  solo  in  America  coinvolge  ogni   anno   da   uno   a   due   milioni   di   giovani.   «Ho   scritto   questo   libro   per   esplorare   un   unico  tema:  gli  stage  sono  un  nuovo  modo   di  lavorare,  una  pratica   recente  e  dinamica  con   enormi   conseguenze   per  l’istruzione  superio-­ re,   l’accesso   al   mondo   dei   colletti   bianchi,   l’i-­ neguaglianza   sociale   e   il   futuro   del   mondo   del   lavoro». L’internship   è   un   feno-­ meno   storicamente   re-­ cente  (i  primi  negli  Stati   Uniti   apparvero   all’ini-­ zio   del   secolo   scorso   ed   erano   dedicati   agli   studenti   di   medicina)   ma   utilissimo   per   le   in-­ dustrie  dato  che  fa  loro  


r ecensioni risparmiare  ogni  anno  600  milioni  di  dollari.   Infatti  per  un’azienda  mettere  in  piedi  un   SURJUDPPDGLVWDJHVLJQL¿FDŠXQDFRQ-­ tinua  fornitura  di  lavoratori  specializzati   e  non  pagare  contributi  e  costi  d’assun-­ zione.  Questo  tipo  di  internship  è  però  il-­ legale  secondo  il  Fair  labor  standars  act,  la   legge  che  regola  i  rapporti  professionali  ne-­ gli  Stati  Uniti.  Come  da  noi,  anche  in  Ame-­ rica   può   non   essere   previsto   un   rimborso   spese  a  favore  del  tirocinante,  a  patto  che   si   offra   formazione.   Ma   solo   ed   esclusiva-­ mente   formazione:   senza   insomma   che   lo   stagista   diventi   produttivo.   Il   punto   è   che   pochi   conoscono   questa   legge   e   che   non   c’è  controllo;͞  secondo  Perlin,  il  non  rinfor-­ zare  il  FLSA  da  parte  del  governo  rientra  in   un  disegno  piÚ  grande  di  lasciar  decadere   le  protezioni  del  New  deal  in  nome  della  de-­ regolamentazione  del  mercato  del  lavoro.   Il   fallimento   di   misurare   od   occuparsi   del  problema  dell’esplosione  degli  stage   è  sintomatico  continua  l’autore:  sempli-­ cemente  leggi  e  regolamenti  non  sono  al   passo   con   i   tempi.   L’indifferenza   dei   sin-­ dacati  rivela  la  loro  apatia  e  la  loro  mancan-­ za   di   una   posizione   solida   nel   mondo   dei   colletti  bianchi. Non  vigilano  neanche  le  università  ame-­ ricane,   pur   obbligando   i   propri   studenti   a   fare   internship   per   potersi   laureare   (nel   1992   solo   il   17%   dei   laureati   aveva   fatto   uno   stage,   quindici   anni   dopo   erano   già   il   50%);͞   e   ormai   sotto   questa   etichetta   si   trova  di  tutto.  L’occasione  è  troppo  ghiotta   perchÊ   le   aziende   se   la   lascino   sfuggire   -­   specie   in   periodo   di   crisi   economica.   CosÏ   Perlin  descrive  come  un  colosso  del  calibro   della  Disney  grazie  al  suo  College  program   ogni   anno   riesca   reclutare   ben   8mila   stu-­

Ross  Perlin

denti.  Questi   ragazzi   sciamano   da   tutti   gli   Stati  Uniti  verso  i  famosi  parchi  divertimenti,   dove  si  trovano  a  fare  i  commessi,  servire   hamburger  e  patatine  ai  turisti  o  raccogliere   immondizia.  La  formazione  che  si  ottiene  è   di  tale  pochezza  che  molti  abbandonano  il   SURJUDPPDSULPDGHOOD¿QHPDPLJOLDLDGL altri   continuano   a   iscriversi,   incantati   dalla   possibilità  di  mettere  nel  curriculum  il  nome   di  un’azienda  prestigiosa. Perlin   immagina   un   mondo   senza   in-­ ternshipQHJOLXI¿FLQRQFLVDUHEEHQHV-­ suno  a  fare  fotocopie,  portare  il  caffè  o   JHVWLUHODSRVWDOHDVVRFLD]LRQLQRSUR¿W dovrebbero  scegliere  se  destinare  fondi   a  un  impiegato  o  a  una  buona  causa,  i  po-­ litici  si  troverebbero  senza  portaborse‌   Se  però  è  indubbio  che  governi  e  università   devono  vigilare  e  iniziare  a  considerare  gli   stagisti  come  lavoratori,  anche  i  ragazzi  per   primi  devono  cambiare  mentalità  e  rendersi  


r ecensioni conto  della  propria  importanza.  Pretendere   gli  stessi  diritti  degli  impiegati  li  aiuterebbe   a  farsi  valere  in  tribunale  contro  ditte  scor-­ UHWWH H RWWHUUHEEHUR EHQH¿W FRPH OœDVVLFX-­ razione  medica,  fondamentale  in  un  regime   di   sanità   privata   come   quello   americano.   Cresciuti  con  l’idea  che  l’internship  sia  ne-­ cessario   per   laurearsi   e   lavorare,   spesso   si   sentono   fortunati   quando   ne   ottengono   uno   anche   senza   rimborso.   Invece   è   ne-­

cessario  non   accontentarsi   e   preten-­ dere   una   giusta   paga,   non   solo   per   sÊ   ma  anche  per  tutti  quelli  che  sono  stati   licenziati  e  sostituiti  da  stagisti  e  per  chi   l’internship  non  la  può  fare  perchÊ  deve   mantenersi.   Idealmente   riuniti   in   un’asso-­ ciazione  internazionale,  Perlin  spera  in  uno   sciopero  mondiale  che  faccia  capire  a  tutti   e  agli  stagisti  per  primi  quanto  siano  fonda-­ mentali  oggi  nell’economia.

LINK 1LFROD=DQHOODDXWRUHGHOOLEUR³,OEUDLQVWRUPLQJqXQDJUDQFD[[DWD´Š*OLVWDJHVHUYRQRDIDU lavorare  gratis  la  gente La  Repubblica  degli  stagisti  di  Eleonora  Voltolina Stage  gratuiti  o  malpagati,  ognuno  può  fare  la  sua  rivoluzione:  con  un  semplice  no


Appello al Parlamento: alla riforma manca il salario minimo 20%

RIPRISTINO REINTEGRO   ARTICOLO  18

s ondaggio

25%

ABOLIZIONE DI  ALCUNI   CONTRATTI

20%

AMPLIAMENTO ASPI

33%

INTRODUZIONE SALARIO  MINIMO

Rispetto alla   riforma   del   lavoro   proposta   dal   governo,   se   dovessi   chiedere   al   tuo   partito  politico  di  riferimento  una  battaglia   in  parlamento  su  uno  e  un  solo  punto,  cosa   sceglieresti?  A  questa  domanda,  rivolta  ai   lettori  della  Repubblica  degli  Stagisti  nella   Newsletter   della   scorsa   settimana,   è   ar-­ rivata   una   valanga   di   risposte:   quasi   tre-­ cento.  E  a  sorpresa  (ma  neanche  troppo)   quella   più   scontata,   la   difesa   a   oltranza   dell’articolo   18,   è   stata   scelta   solo   da   un   partecipante  su  cinque.  Segno  che  i  giova-­ ni  sono  ben  consapevoli  che  la  questio-­ ne  del  diritto  al  reintegro  non  è  poi  così   importante  per  loro,  e  che  ci  sono  altri   aspetti   ben   più   importanti.   In   assoluto,   infatti,   la   risposta   che   ha   ottenuto   il   mag-­ gior  numero  di  preferenze  (esattamente  un   terzo   del   totale)   è   stata   «l’introduzione   di   un  salario  minimo  che  impedisca  di  sotto-­

2%

VOTARE LA  RIFORMA   COSÌ  COM’È

pagare i  lavori  non  inquadrabili  attraverso  i   contratti  nazionali».  Segno  che  il  dramma   delle   sottoretribuzioni,   dei   contratti   a   progetto   full   time   pagati   7-­800   euro   al   PHVHHGHOOH¿QWHFROODERUD]LRQLDSDU-­ tita  Iva,  dei  mille  sotterfugi  utilizzati  dai   datori   di   lavoro   pubblici   e   privati   per   sfuggire   alle   prescrizioni   dei   contratti   nazionali,   è   di   gran   lunga   l’aspetto   più   sentito.   E   sul   quale   i   lettori   della   Repub-­ blica   degli   Stagisti   chiedono   a   gran   voce   ai   parlamentari   di   lavorare:   aggiungere   questo   aspetto   alla   riforma   vorrebbe   dire   andare  a  sanare  una  parte  oscura  e  mala-­ ta  di  mercato  del  lavoro.  Al  secondo  posto,   con  il  25%  delle  preferenze,  chi  ha  parte-­ cipato  al  sondaggio    ha  indicato  in  ordine   di  importanza  «l’abolizione  totale  di  alcune   WLSRORJLH FRQWUDWWXDOL ÀHVVLELOL FRPH LO OD-­ voro  a  chiamata)».  Insomma,  venti  e  più  ti-­


s ondaggio pologie  contrattuali  -­  che  combinate  tra  loro   diventano  addirittura  46  -­  sono  troppe:  e  il   governo  ha  avuto  poco  coraggio,  non  ne  ha   eliminata  praticamente  nessuna.  Riusciran-­ no  a  rimediare  gli  onorevoli   deputati  e  se-­ natori?  Al  terzo  posto,  al  20%  a  pari  merito   con  l’articolo  18,  si  posiziona  l’ampliamento   dell’Aspi  anche  ai  lavoratori  parasubordina-­ ti  e  autonomi.    Una  richiesta  che  nasce  dal   fatto   che   il   nuovo   modello   del   sussidio   di   disoccupazione,  cosÏ  come  immaginato  dal   ministro   Fornero,   andrà   a   coprire   solo   chi   perderà   un   contratto   a   tempo   determinato   (avendo  lavorato,  inquadrato  con  questa  ti-­ pologia,  almeno  52  settimane  nei  due  anni   precedenti)  ma  taglierà  fuori  tutti  coloro  che   perderanno  contratti  a  progetto,  contratti  di   associazione   in   partecipazione,   contratti  

di  somministrazione.   Insomma,   il   grande   XQLYHUVR GHL SUHFDUL H GHL ¿QWL DXWRQR-­ mi   continuerà   anche   dopo   la   riforma   a   non  poter  accedere  al  welfare  statale,  e   dovrà  come  sempre  ripiegare  su  quello   familiare:  il  solito  sostegno  di  mamma  e   papà  tra  un  lavoro  e  l’altro,Q¿QHIDQDOLQR di  coda,  c’è  un  2%  di  lettori  che  invita  il  Par-­ lamento   a   votare   la   riforma   cosÏ   com’è.   Ma   il   98%   pensa   che   sia   migliorabile:   la   Repubblica   degli   Stagisti   si   augura   che   in   Parlamento  ci  siano  occhi  e  orecchie  attenti   a  questi  suggerimenti.  E  che  gli  onorevoli   la   smettano   di   pensare   solo   all’articolo   18:  perchÊ  questo  tema  nell’agenda  di  pri-­ orità   dei   giovani   -­   che   dovrebbe   diventare   l’agenda  di  priorità  di  tutti  i  leader  politici  -­   sta  innegabilmente  nella  parte  bassa.


r ecensioni Donne e libere professioni, binomio ancora difficile di Annalisa  Di  Palo Correva  l’anno  1919  e  per  la  prima  volta   le   donne   venivano   ammesse   all’eserci-­ zio   delle   libere   professioni   e   al   pubbli-­ co  impiego.  È  passato  quasi  un  secolo  -­  e   che  secolo  -­  eppure  la  strada  per  la  piena   affermazione   lavorativa   della   donna   è   an-­ cora  lunga.  Tra  i  dieci  ordini   nazionali   con   più   iscritti,   nel   2011   solo   uno   -­   quello   dei   consulenti  per  il  lavoro  -­  è  stato  presieduto   da   una   donna,   Marina   Calderone:   con   un   consiglio,  però,  tutto  al  maschile.   Il   testo   di     riforma   sulle   libere   profes-­ sioni,   parte   della   più   ampia   legge   di   con-­ versione   sulle   liberalizzazioni GH¿QLWLYD-­ mente   approvata   la   settimana   scorsa   dal   Parlamento,   del   resto   non   apre   spiragli   di   cambiamento:  nessuna  misura  ad  hoc  per   incentivare   il   lavoro   delle   libere   professio-­ niste.   Una   buona   occasione   per   riparlare,   a  dispetto  del  principio  dell’ubi  maior  minor   cessat,   di   una   questione   nella   questione:   «Libere  professioni  al  femminile»  (Palo-­ mar,  78  pagine)  di  Letizia  Carrera,  42  anni,   da   dieci   ricercatrice   in   Sociologia   all’uni-­ versità   di   Bari,   che   zooma   nel   mondo   del  

lavoro femminile  alla  ricognizione  dei  punti   di  criticità  e  dei  mutamenti  nel  mondo  delle   partite  iva  in  rosa.  Avvocate  (perché  «inter-­ venire  sul  “sessismo  linguistico”VLJQL¿-­ ca   incidere   sulla   realtà   stessa»),   commer-­ cialiste,   architette,   consulenti   per   il   lavoro,   giornaliste,  ingegnere,  psicologhe:  oggi  le   giovani   donne   italiane   in   teoria   posso   fare   il   mestiere   che   vogliono.   Sì,   ma   a   quale  prezzo?

Marina Calderone


r ecensioni Š+RVHPSUHOD¿JXUDGLXQD moneta,  che  gira  e  gira  su   se   stessa,   e   bisogna   solo   sperare   che   non   cada,   perchÊ  da  una  parte  c’è  la   carriera   e   dall’altra   la   vita   familiare:   cosÏ   racconta   un’avvocata,   una   delle   ot-­ tanta   voci   femminili   rac-­ colte   nel   libro.   Che   è   ap-­ punto   frutto   di   una   ricerca   sul   campo,   commissionata   al  comitato  Pari  opportunità   dell’università   di   Bari   dalla   consigliera   regionale   di   parità   Serenella   Molendi-­ ni   e   condotta   in   Puglia   tra   il   2010   e   il   2011.   La   Carrera,   membro   del   comitato  ed  esperta  di  questioni  di  genere   KD¿UPDWRDQFKHŠDonne  e  lavoro  e  Le   donne  distanti.  Tempi  luoghi  modi  della  par-­ tecipazione   politica)   incrocia   dati   teorici   e  dati  empirici  di  prima  mano  per  eviden-­ ziare  i  maggiori  freni  all’affermazione  delle   donne   in   questo   particolare   segmento   del   settore  autonomo.   Come  per  tutto  il  mondo  del  lavoro,  il  ses-­ VR WXWWœRJJL LQÀXHQ]D OH VFHOWH IRUPDWL-­ ve,  scrive  Carrera.  Se  tra  gli  iscritti  all’albo   nazionale   degli   psicologi   oltre   l’80%   sono   donne   (ma   a   presiedere   il   consiglio   è   un   uomo,   e   uomini   sono   anche   vicepresiden-­ te,  tesoriere  e  segretario),  tra  gli  ingegneri   la  percentuale  crolla  al  12.  Poco  meglio  le   avvocate,  solo  il  19%  del  totale,  e  le  com-­ mercialiste,  meno  di  un  terzo.  Insomma,  le   donne   continuano   a   studiare   per   fare   mestieri   da   donna,   piÚ   compatibili   con   l’immagine  sociale  di  caregiver,  titolare   del  lavoro  di  cura  e  dell’assistenza,  che  

con  quella  maschile  di  bre-­ adwinner:   chi,   letteralmen-­ te,  porta  il  pane  a  casa.  Del   resto,   meno   tempo   per   il   lavoro  vuol  dire  meno  gua-­ dagni,   e   anche   nel   settore   autonomo   il   gender   pay   gap   -­   il   differenziale   sala-­ riale  tra  uomini  e  donne  -­  è   una   realtà.   La   libera   pro-­ fessione   ti   occupa   tutta   la   giornata,   non   stacchi   mai.   Appena   ho   avuto   l’op-­ portunità   sono   passata   in   azienda   racconta   una   programmatrice,   che   si   è   cosÏ  sollevata  anche  dall’o-­ nere  di  costruire  e  mantenere  un  pacchetto   clienti,   elemento   cruciale   di   una   qualsiasi   OLEHUDSURIHVVLRQH3HULOTXDOHODGLI¿GHQ]D maschile  è  tutt’altro  che  un  lontano  ricordo:   Mi   chiedono   di   fare   un   lavoro   ma   poi   QRQORSRVVR¿UPDUHSHUFKpPLGLFRQR che  il  committente  vuole  un  uomo  affer-­ ma  un’ingegnera. Non   mancano   comunque   le   voci   fuori   dal   coro,  come  quella  di  una  giornalista  (nubi-­ le)   secondo   cui   è   solo   una   questione   di   volontà.   Se   uno   vuole   farcela   ce   la   fa!   A   volte  penso  che  questa  cosa  delle  don-­ ne  sia  un  alibi.  Se  però  il  cliente  scappa   durante  un’astensione  obbligata  per  mater-­ nità  (obbligata  dalle  circostanze,  non  certo   dalla  legge),  altro  che  alibi.,QIDWWRGL¿JOL sono  le  libere  professioniste  piÚ  di  tutte   ad  autoimporsi  un  aut  aut:  Le  donne  si   trovano  a  dover  scegliere  e  quindi  scelgo-­ no.  Se  ci  tieni  al  lavoro  non  c’è  spazio  per   DOWUR¿JXUDWLSHUL¿JOL5LVFKLVRORGLHVVHUH una  cattiva  madre  e  di  non  riuscire  neanche  


r ecensioni bene  nel   lavoroÂť   riassume   un’ingegnera   45enne.   O,   di   rinvio   in   rinvio,   il   “momento   JLXVWR´ SDVVD Š1RQ FÂśHUD WHPSR DOORUD H ora  ovviamente  è  tardi!Âť  esclama  una  psi-­ cologa  48enne).  Ma  quanti  neo  papĂ ,  ad   esempio,   chiedono   il   congedo?   Il   ddl   di   riforma  del  mercato  del  lavoro  approntato  lo   scorso  venerdĂŹ  dal  ministro  Fornero  -­  o  me-­ glio,  ministra  -­  lo  prevede  in  maniera  obbli-­ gatoria  per  tutti  i  padri  lavoratori  al  capitolo   7   (“Interventi   per   una   maggiore   inclusione   GHOOH GRQQH QHOOD YLWD HFRQRPLFD´  SHU ÂŤfavorire  una  cultura  di  maggiore  condivi-­ VLRQH GHL FRPSLWL GL FXUD GHL ÂżJOL   all’in-­ tero  della  coppiaÂť.  Congedo  obbligatorio,   GXQTXHPDĂ€DVKVRORWUHJLRUQL,  contro   il   suggerimento   dell’Europa   che   in   piĂš   oc-­ casioni  ha  ipotizzato  due  settimane.  Meglio  

poco  che  niente?  In  questo  caso  forse  sĂŹ. La   paritĂ    è   sicuramente   lontana   ma,   del   resto,   è   solo   parte   della   soluzione.   Come   sottolinea  la  consigliera  Molendini,  bisogna   andare  oltre:  rivoluzionare  il  modello  stesso   di   lavoratore   e   lavoratrice.   Lavoro   di   cura   e  lavoro  retribuito  per  il  mercato  non  sono   UHDOWjFRQĂ€LWWXDOLGDWHQHUHLQHTXLOLEULRPD parte   di   un   tutto,   per   entrambi   i   sessi.   Un   “doppio  sĂŹâ€?  è  possibile  -­  sĂŹ  alla  maternitĂ    e   alla   paternitĂ ,   sĂŹ   al   lavoro   -­   ma   solo   a   patto   che   lo   Stato   si   faccia   carico   di   serie   misure   di   welfare,   perchĂŠ   le   esigenze   di   una   nuova   famiglia   devono   poter   trovare   risposta   anche   al   di   fuori   delle  vecchie   fa-­ miglie,  quelle  d’origine  dei  genitori.  Un  aiuto   prezioso,  che  non  tutti  però  hanno  la  fortu-­ na  di  avere.    

LINK Per  risollevare  l’economia  bisogna  ripartire  dalle  donne L’apartheid  del  lavoro  italiano  al  vaglio  della  Commissione  europea:  le  ragioni  di  una  denuncia 6HPSUHSLQXPHURVLLJLRYDQLFKHDSURQRODSDUWLWD,YDLFRQVLJOLGHOOœHVSHUWR'DULR%DQ¿DWXWWL gli  aspiranti  freelance


storie di s tage

ÂŤNon solo bamboccioni: i giovani hanno voglia di riscattoÂť di  Annalisa  Di  Palo Per  raccontare  dal  di  dentroÂť  l’iniziativa  Bollino  OK  Stage,  attraverso  cui  la  Repubblica   degli  Stagisti  LQFHQWLYDOHLPSUHVHDJDUDQWLUHDLJLRYDQLSHUFRUVLÂłSURWHWWL´HGLTXDOLWjVH-­ condo  i  principi  della  Carta  dei  diritti  dello  stagista,  la  redazione  raccoglie  le  testimonianze   degli  ex  stagisti  delle  aziende  che  hanno  aderito  al  Bollino.  Di  seguito  quella  di  Krizia  Pa-­ lazzolo,  adesso  nel  team  Risorse  umane  di  Chiesi  Farmaceutici,  a  Parma.   Ho   26   anni   e   vengo   da   un   paesino   della   provincia  di  Bari.  Dopo  la  maturitĂ   scienti-­ ÂżFDQHOPLVRQRLVFULWWDDGiurispru-­ denza  d’impresa  all’universitĂ   della  mia   cittĂ ,  attratta  dalle  applicazioni  pratiche  del   diritto,   al   mondo   dell’impresa   ad   esempio.   Durante   il   secondo   anno   ho   sentito   il   bi-­ sogno  di  recidere  il  cordone  ombelicale   e  ho  fatto  domanda  per  un  Erasmus  alla   Universitat   Abat   Oliba   Ceu   di   Barcello-­ na:  cosĂŹ  nell’autunno  2005  sono  partita  per   i  sei  mesi  piĂš  belli  della  mia  vita. Â Ăˆ  stata   un’esperienza  che  mi  ha  aperto  la  mente  e   ha   stimolato   il   mio   spirito   di   adattamento.   Ho   imparato   una   nuova   lingua,   sperimen-­ tato   un’impostazione   universitaria   diversa   -­   molto   piĂš   orientata   al   mondo   lavorativo.   Ho   anche   imparato   a   gestire   le   mie   risor-­ VH ÂżQDQ]LDULH FRQWDQGR SUHYDOHQWHPHQWH


storie di s tage sulla  borsa  di  studio,  non  proprio  cospi-­ FXDFLUFDPLODHXURLQWXWWRVXI¿FLHQ-­ WLDPDODSHQD D SDJDUH OœDI¿WWR   mensile   dell’appartamento  che  condividevo.  Se  non   ci  fossero  stati  i  miei  genitori  a  supportarmi   economicamente  avrei  cercato  un  lavoretto   serale...   Duran-­ te   il   giorno   ero   imp egnat is s i-­ ma:   l’università   che  ho  frequen-­ tato  era  privata,   con   frequenza   o b b l i g a t o r i a   e   test   scritti   e   orali   ogni   set-­ timana. In   generale   sono   sempre   stata   una   stu-­ dentessa  costante  e  rigorosa.  Ho  dedicato   molto   tempo   allo   studio   e   questo   non   PL KD FRQVHQWLWR GL DYHUH VLJQL¿FDWLYH esperienze  di  lavoro.  Tra  un  esame  e  l’al-­ tro  ho  svolto  piÚ  che  altro  lavori  come  pro-­ moter   e   hostess,   pagati   pochissimo,   che   però  mi  consentivano  un  minimo  di  indipen-­ denza   economica.   +R ¿QLWR OœXQLYHUVLWj ad   aprile   2010,   discutendo   una   tesi   in   diritto   penale   sul   reato   d’immigrazione   clandestina   e   l’autunno   successivo   ho   iniziato   un   master   in   General   manage-­ ment   e   sviluppo   imprenditoriale   orga-­ nizzato  da  Spegea,  una  business  school  di   Bari.  Aveva  un  costo  di  10mila  euro,  ma  ho   SRWXWRULFKLHGHUHXQ¿QDQ]LDPHQWRSDU]LD-­ le,  che  sto  coprendo  ora.   Il  master  prevedeva  lo  studio  delle  diverse   aree  funzionali  di  un’azienda.  Abbiamo  stu-­ GLDWRPDUNHWLQJDPPLQLVWUD]LRQH¿QDQ]DH

controllo,  legal  business,  business  english.   E  risorse  umane:  per  me,  amore  a  prima   YLVWD$OODÂżQHGHLVHLPHVLGLOH]LRQHKR deciso  di  fare  in  questo  ambito  lo  stage   semestrale   previsto   dal   corso.   Sentivo   che  quella  era  la  mia  strada  e  cosĂŹ  è  stato.   Ăˆ   in   quell’occa-­ sione   che   sono   entrata   in   con-­ tatto  con  Chiesi   Farmaceutici.   Aveva   posizioni   aperte   di   stage   in  Risorse  uma-­ ne   e   mi   sono   candidata.   Ri-­ cordo   bene   il   giorno   delle   selezioni,   un   a s s e s s m e n t   con  tredici  candidati;Íž  ero  molto  motivata   e  ho  tirato  fuori  tutta  la  grinta  che  avevo.   La  risposta  è  arrivata  dopo  un  paio  di  gior-­ QLHGqVWDWDXQVu(UDÂżQHPDJJLR e   avrei   avuto   due   settimane   di   tempo   per   organizzare   il   mio   trasferimento   da   Bari   a   Parma.  Le  mie  future  colleghe  mi  hanno   persino  aiutato  a  trovare  alloggio! L’accoglienza   è   stata   perfetta   e,   in   gene-­ rale,   la   prima   esperienza   lavorativa   che   GHÂżQLUHLSRVLWLYDLQWXWWRHSHUWXWWR.  Sin   da   subito   mi   sono   sentita   parte   integrante   della   squadra   e   sono   stata   coinvolta   nelle   loro  attivitĂ .  La  formazione  è  stata  costante:   supportavo  le  colleghe  nello  screening  dei   FYQHLFROORTXLGLVHOH]LRQHQHOODGHFRGLÂż-­ ca  dei  questionari  di  gradimento.  Dopo  tre   PHVLPLqVWDWDDIÂżGDWDODSULPDVHOH]LR-­ ne   da   svolgere   in   completa   autonomia.   Un’emozione.   La   selezione   è   andata   a  


storie di s tage EXRQ¿QHHGDTXHOPRPHQWRLQSRLPHQH VRQRVWDWHDI¿GDWHDOWUHDOFXQHLQFRPSOHWD autonomia.  E  arriviamo  ad  oggi.  Quando  ho  sostenuto   il   colloquio   mi   avevano   detto   che   si   trat-­ WDYDGLXQRVWDJHQRQ¿QDOL]]DWRDOOœDV-­ sunzione.  Questo  non  mi  ha  demotivato,   anche   perchÊ   il   mio   obiettivo   era   fare   esperienza  e  il  rimborso  spese  era  piut-­ WRVWREXRQRHXUR$OOD¿QHSHUzVL è   presentata   l’occasione   di   rimanere   in   azienda,   sempre   nella   direzione   Risorse   Umane,  con  un  contratto  a  tempo  deter-­ minato  di  sei  mesi  da  27mila  euro  lordi   all’anno,   e   adesso   ricopro   il   ruolo   di   HR   assistant.  Mi    ritengo  davvero  fortunata  per-­

chÊ,  se  mi  guardo  attorno,  la  realtà  è  sco-­ raggiante.   Chiesi   invece   è   un’isola   felice   che  mi  sta  dando  la  possibilità  di  imparare   e  di  crescere.  Credo  proprio  di  aver  trovato   la  mia  strada,  per  cui  per  il  momento  il  mio   obiettivo  è  quello  di  accrescere  le  mie  com-­ petenze  in  ambito  HR.  Non  escludo  anche   di   fare   un’esperienza   all’estero   ma   il   mio   futuro   lo   vedo   in   Italia:   anzi   un   domani   vorrei   tornare   nella   mia   Puglia!   Quello   che  noto  parlando  con  i  miei  amici  è  che  la   mia  generazione  ha  davvero  voglia  di  fare,   ha   voglia   di   imparare   e   di   realizzarsi.   Ha   voglia  di  riscattarsi  dall’etichetta  di  bam-­ boccioni  che  in  piÚ  occasioni  ci  è  stata   attribuita.  Ingiustamente.

LINK Leggi  tutte  le  altre  testimonianze  degli  Stagisti  col  Bollino Scopri  a  questo  link  quali  sono  le  aziende  che  hanno  aderito  al  Bollino  OK  Stage,  sottoscrivendo  la   Carta  dei  diritti  dello  Stagista Vai  alla  sezione  Annunci  per  vedere  se  qualcuna  di  queste  aziende  sta  cercando  uno  stagista!

Valore legale del titolo di studio: mantenerlo o abolirlo?  

[Copertina] Quanto vale il "pezzo di carta"? Il ministero lo chiede ai cittadini. [Interviste] Riforma Fornero, cosa non va secondo i sindac...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you