Page 9

Cronaca

15 maggio 2011

9

Terranova e Labrador veglieranno sulla sicurezza dei bagnanti del litorale durante l’estate

Baywatch a quattro zampe sulla riva I cani delle associazioni di salvataggio pronti a recuperare turisti in difficoltà

vamento, sezione di Anzio e Nettuno, della Protezione civile, che lo scorso anno avevano vigilato sulla zona di Cretarossa (la più a rischio), garantendo la loro presenza ai bagnanti con una torretta di avvistamento, un pattino di salvataggio, un primo pronto soccorso con il defibrillatore semiautomatico. Insomma quest’anno, se un bagnino a quattro zampe vi verrà incontro sulla spiaggia, non scappate. Potrebbe salvarvi la vita.

Lido di Ostia

Ambulanze e presidi salva vita Estate sicura in anticipo. Il XIII Municipio in un summit con la Asl Rm D ha delineato le linee guida del servizio. Dell’argomento si è discusso nel corso della riunione dell’Osservatorio socio-sanitario del XIII, dove si sono stabilite le fasi principale del nuovo piano di sicurezza. Il servizio “Estate sicura” partirà il prossimo 1 giugno, con la dislocazione sul lungomare di quattro ambulanze (con a bordo un medico, un infermiere e l’apparato per la rianimazione) e individuazione delle postazioni fisse nelle aree di Ostia Ponente, Levante, Capocotta e Castelporziano. A riguardo, è stata raggiunta l’intesa tra amministrazione municipale e la Asl RmD per la riapertura dei presidi sanitari sulla spiaggia di Castelporziano. Ambulatori attrezzati per un primo soccorso, nei cui pressi sarà posizionata anche un ambulanza a disposizione degli oltre diecimila utenti di Castelporziano e Capocotta. La ripresa del dialogo con la Asl poi, diviene un tema da sviluppare. «E’un’ intesa che mira alla garanzia della salute dei cittadini. - affermano i consigliere municipali Marinelli e Zaccaria - Nei prossimi giorni sarà pronto un vademecum per i cittadini che saranno informati sui presidi sanitari posizionati sul territorio, un vademecum che sarà reso noto alla stampa, distribuito negli alberghi e negli stabilimenti». (E.B.)

Tassa di soggiorno

Aumenti dei costi sulla riva di Cosimo Bove (cosimo.bove@reporternews.it)

B

agnini a quattro zampe a difesa del litorale romano. Da Nettuno a Fiumicino una schiera di cani Terranova e Labrador vigilerà anche quest’anno sulla sicurezza dei bagnanti in vacanza sulle spiagge romane. Angeli custodi che assieme ai volontari delle associazioni si riverseranno sulla sabbia per la gioia dei più piccoli. Tra coloro che da circa 12 anni si occupano della sicurezza dei bagnanti, i componenti dell’associazione K9 Rescue, Nucleo emergenza costiera unità cinofile. «In totale lavorano con noi 23 cani – racconta Marco Negri, presidente della K9 Rescue – soprattutto Terranova e Labrador, ma anche un Boxer ed un Rottweiler. L’importante è che si tratti di cani con un peso minimo di 30 chili, ma è chia-

ro che alcune razze rispetto ad altre sono più portate per questo genere di attività». E nel corso della sua esperienza, Marco Negri ha provato sulla sua pelle la bontà del lavoro svolto da questi bagnini a quattro zampe. «E’ vero, circa quattro anni fa – racconta – ho avuto dei problemi in acqua e sono stato salvato da uno dei miei cani. Ma non ho mai dubitato delle loro capacità». Mancano ormai solo dei dettagli alla definizione di un accordo tra la Regione Lazio e le associazioni per la partenza del progetto “Mare Sicuro”, che già lo scorso anno aveva visto la partecipazione di circa 400 volontari appartenenti alle 72 associazioni presenti sul territorio. Nella zona di Ostia ancora una volta, sorvegliata speciale sarà la zona antistante la pineta di Castelfusano, dove cani e conduttori brevettati come assistenti bagnanti pattuglieranno l’area per evi-

tare problemi. Le unità cinofile avranno una postazione in spiaggia, e saranno in costante contatto con le motovedette in pattugliamento delle capitanerie di porto, che potranno, in caso di necessità, imbarcarle per prestare soccorsi in cui si rende necessario il loro operato. Ogni unità, formata da una coppia uomo/cane, è infatti in grado da sola di trainare a riva, anche a grandi distanze, fino a 3 persone contemporaneamente, entrando in azione da qualsiasi mezzo, inclusi gli elicotteri e le motovedette della Guardia Costiera. Stesso discorso nella zona compresa tra Torvajanica ed Anzio, dove i volontari dell’associazione K9 Rescue faranno del loro meglio per evitare sorprese poco gradite ai bagnanti. Verrà infine replicato, con tutta probabilità, il lavoro svolto nella zona del litorale sud dai componenti della Società nazionale di sal-

Paura per aumenti di costo sulle spiagge di Ostia a causa della tassa di soggiorno imposta ai turisti dal sindaco Alemanno. I 50 mila euro che dovrebbero venire da questa nuova tassa verranno versati dagli imprenditori balneari: 641 euro per ognuno dei 78 impianti presenti. E qualche perplessità è stata sollevata in queste ore dagli esponenti del Pd di Ostia. «Temiamo - spiega Antonio Caliendo, vice capogruppo del XIII Municipio - che la cifra sarà assorbita nel corso della stagione con aumenti delle tariffe sui servizi offerti, facendo pagare così ai bagnanti la scelta di fare cassa proprio nel settore del turismo, che dovrebbe essere il volano dell’economia della Capitale e della stagione estiva del territorio».

Reporter News 8  

La Voce del Mare di Roma. Attualità, cronaca, politica, inchieste, approfondimenti, turismo, cultura, economia, cucina, curiosità

Advertisement