Issuu on Google+

€ 0,50 COPIA OMAGGIO

Anno V - Numero 12 - 18 luglio 2012

AttuAlità

PoliticA

croNAcA turismo

culturA

EcoNomiA

www.reporternews.it

Il benessere dei giovani è in gran parte frutto del lavoro dei genitori, perché loro di lavoro ne trovano ben poco. E quando lo ottengono spesso è precario e quasi sempre sottopagato

Fiumicino festeggia 20 anni di autonomia

Oltre che disoccupati, i trentenni sono senza un mestiere

Alla manifestazione, dal 19 al 22 luglio, prenderanno parte le 12 zone che compongono il vasto territorio di Fiumicino: Aranova, Isola Sacra, Fiumicino centro, Focene, Fregene, Maccarese, Palidoro, Passoscuro, Testa di Lepre, Torre in Pietra, Tragliata e Tragliatella.

Gli artigiani, questi sconosciuti

All’estero in cerca di fortuna

Non ce ne sono più. Le piccole botteghe sono a rischio estinzione. I giovani non imparano i mestieri manuali. E quello che fino a qualche anno fa era lo sbocco naturale per migliaia di ragazzi del litorale, oggi è un tunnel senza via d’uscita. Il motivo? Una responsabilità da dividere a metà tra la crisi economica e lo spirito hi-tech dei giovani di oggi

Dal litorale romano sono sempre di più i giovani che partono in cerca di fortuna verso altri lidi. Che sia Nord Italia o estero poco importa. «Ho scelto con soddisfazione un’esperienza in Germania - racconta Federico - e devo dire che qui, soprattutto in alcune Regioni, la situazione è molto diversa rispetto all’Italia. Chi lavora viene premiato»

pagina 23

iL PuntO

straniere costrette italiane per scelta coSiMo Bove igeriane, marocchine, bulgare, ruN mene, russe, moldave. Le giovani portate in strada a prostituirsi hanno spesso nazionalità straniere, nel 95% dei casi sono sotto protezione di qualche organizzazione criminale dell’Est Europa. Questo dicono i blitz delle forze dell’ordine. Ma non ci sono solo loro. «Rispetto al passato - spiegano i Carabinieri - sono aumentate anche le presenze di donne italiane. A differenza delle loro “colleghe” straniere però, questo tipo di mestiere spesso lo fanno per scelta». pagina 2

OsservatOriO

L’ultima spiaggia prima del grande buio Mario Scagnetti ollaboriamo con i servizi sociali «C e con il centro antiviolenza racconta il parroco don Natale Fiorentino - viviamo di volontariato e provvidenza, visto che da mesi non riceviamo finanziamenti pubblici, e diamo accoglienza a tutti gli immigrati regolari». Non solo donne quindi, ma soprattutto donne: in arrivo dalla Nigeria, dall’Egitto, dall’Albania, dalla Tunisia, dal Marocco, da Cuba, dall’Iran e dal Ruanda. pagina 5

All’interno All’ospedale Grassi le assunzioni le fanno le cooperative: per cinque euro l’ora Una monorotaia condurrà verso il mare: metro leggera dall’Eur a Fiumicino Cini sul porto della Concordia: «Se non si pagano i creditori niente lavori» Il commercio risente della crisi, Capobianco ammette: «Non si vende più nulla» Nettuno si rilancia con un canile municipale Ancora in stand-by la raccolta differenziata Rabat: la città marocchina double face dove non ci si annoia tra kasbah, medina e suk


2

Primo Piano

18 luglio 2012

Aumenta la prostituzione sul litorale, ma nessuno si preoccupa di capire

iL PuntO La legge è chiara, ma allo stesso tempo facile da aggirare: ad essere punito è il reato di sfruttamento, non la prostituzione di per sé. Un’arma a doppio taglio, perché se è vero che in questo modo le ragazze possono sentirsi libere di denunciare i propri aguzzini senza incorrere in sanzioni penali, è altrettanto vero che dimostrare lo sfruttamento diventa ogni giorno più complicato. E il business si allarga. «Le ragazze hanno iniziato a denunciare la loro condizione – spiega il capitano Ugo Floccher, al comando della Compagnia dei Carabinieri di Anzio – ma sono ancora troppo poche. Quando effettuiamo i controlli, le reazioni sono le più disparate: alcune sembrano sollevate, mentre altre oppongono strenua resistenza, anche se la prostituzione di per sé non è reato». E i clienti? Quando vengono pizzicati, hanno sempre la stessa reazione. «Ci chiedono sempre – ammettono i vigili urbani di Nettuno - se è possibile pagare la multa prima che arrivi a casa. E il giorno seguente sono tutti in fila al Comando». Meglio non far conoscere certe abitudini alle mogli. (C.B.)

Schiave del sesso invisibili all’occhio Il racket non conosce crisi e le lucciole sembrano sempre più sole

di Cosimo Bove (cosimo.bove@reporternews.it)

L

e chiamano prostitute, lucciole, sex workers, e nei modi più disparati, spesso con appellativi neanche troppo gentili. Ma nella stragrande maggioranza dei casi si tratta di giovani donne costrette a stare sulla strada da aguzzini conosciuti per caso. Schiave del sesso quindi. Ragazze perlopiù straniere, ma anche qualche italiana che si mette in proprio. Per scelta. Le strade del litorale romano ne sono la testimonianza. Da Fiumicino a Nettuno sono sempre di più le ragazze costrette al marciapiede. Ce n’è per tutti i gusti e per tutte le età. E quasi nessuno che si occupi di

loro, se non alcuni sfruttatori improvvisati in cerca di soldi facili. Il giro d’affari ormai è noto: sono circa 3mila le prostitute sul litorale. Che diventano almeno il doppio se si considera anche quelle che in un modo o nell’altro non sono state censite. La mappa delle strade occupate dalle lucciole è in espansione. A Fiumicino sono sempre di più le ragazze presenti sulla via Aurelia, nelle vicinanze di Aranova, e lentamente si stanno avvicinando al centro della città. Ad Ostia il lungomare è ormai impraticabile al calare del sole, soprattutto nel tratto immediatamente a ridosso della litoranea. Così come via di Castelfusano, da sempre regno di prostitute e trans. Scendendo verso

Quartieri&Nazionalità Fiumicino

A Fiumicino sono sempre di più le ragazze presenti lungo la via Aurelia, nella zona di Aranova. Lentamente le lucciole si stanno avvicinando al centro.

Ostia

Al tramonto il lungomare è impraticabile, soprattutto nei pressi della Litoranea. Prostitute e trans sono presente anche in via di Castelfusano.

Ardea

Pomezia

Anzio

Nettuno

La zona rutula a più alta densità di prostituzione è il quartiere di Tor San Lorenzo. Qui improvvisati fuochi avvisano gli automobilisti della presenza delle donne. Le lucciole hanno invaso la strada regionale Nettunense e si stanno avvicinando al centro storico. Da segnalare la presenza di prostitute minorenni.

La via del Mare è un vero e proprio supermercato del sesso a pagamento, con ampia scelta a disposizione dei clienti. Due le principali zone della prostituzione: la Campana, per gli amanti delle donne di colore, e Sandalo di Levante, per chi predilige l’est Europa.

sud la situazione non migliora: a Pomezia la via del Mare sembra un supermercato del sesso, e lo stesso può dirsi della zona di Tor San Lorenzo, ad Ardea, dove la sera fuocherelli improvvisati avvisano gli automobilisti della presenza di prostitute. Spesso fin troppo giovani. A Nettuno gli amanti del sesso a pagamento, scelgono invece la zona della Campana, o quella di Sandalo di Levante, dove giorno e notte ragazze nigeriane o est europee, aspettano sconsolate il maniaco di turno. Così come accade sulla Nettunense, ad Anzio. Sarà poi un caso l’aumento degli incidenti nelle ore notturne? Ad ogni modo, nonostante il fenomeno sia in aumento, nessuna legge pensa a loro:

al di là delle ordinanze antiprostituzione emanate dai sindaci del litorale (che puniscono gli avventori con multe salate, ndr), e gli interventi di polizia e carabinieri, sono poche le associazioni che tentano di prestare aiuto a queste giovani donne. Alcune si rivolgono al centro Don Orione di Anzio, altre raccolgono l’invito di don Franco De Donno, responsabile della Caritas di Ostia, che fa dell’assistenza alle giovani in difficoltà il suo marchio di fabbrica. Il resto è sfruttamento, sono uomini spesso sposati e padri di famiglia in cerca di sesso con donne che non potrebbero mai avere. Costretti a pagare due volte: per la prestazione e per la multa ricevuta. Ma sempre lì. E il fenomeno cresce.

Straniere costrette, italiane per scelta Nigeriane, marocchine, bulgare, rumene, russe, moldave. Le giovani portate in strada a prostituirsi hanno spesso nazionalità straniere, e le 95% dei casi sono sotto protezione di qualche organizzazione criminale dell’Est Europa. Questo dicono i blitz delle forze dell’ordine. Ma non ci sono solo loro. «Rispetto al passato - spiegano i Carabinieri di Anzio - sono aumentate anche le presenze di donne italiane. A differenza delle loro ‘colleghe’ straniere però, questo tipo di mestiere spesso lo fanno per scelta, senza costrizione alcuna. Almeno per quanto ci è capitato di riscontrare nel corso dei controlli». L’ennesima conseguenza della crisi economica? Difficile dirlo. Certo è che questo business porta ogni anno milioni di euro nelle tasche di organizzazioni criminali internazionali. E sempre meno soldi in quelle delle protagoniste di questo giro d’affari: le ragazze costrette a vendere il proprio corpo. Perché? Per paura. Per timore di ritorsioni nei confronti delle loro famiglie all’estero, per provare a sfamare i propri figli. Nient’altro che questo. (C.B.)


Primo Piano

18 luglio 2012

3

Nella zona di Ostia procede senza sosta l’opera di assistenza di don Franco De Donno

Uscire dal giro oggi è possibile

di Marco Ciapetti A volte basta poco per sentirsi meno soli. Se qualcuno ti viene a cercare, non si abbatte di fronte alla tua reticenza, insiste e cerca di aiutarti, allora li forse capisci che puoi reagire. E’ quello che hanno capito molte prostitute del litorale, avvicinate dalla “Onlus L’alternativa” un gruppo di volontari di Ostia, guidati da Don Franco De Donno parroco

della chiesa di Santa Monica, che ha deciso di aiutare tutte le ragazze finite nel vortice dello sfruttamento. Il progetto nasce nel 2005, e diventa da subito per le ragazze un tramite per far conoscere i servizi del territorio, ai quali spesso trovano difficoltà di accesso. Costituendo una rete di assistenza sanitaria con la Asl RmD, con il consultorio e l’ospedale, per riuscire a offrire offrire tutte le informazioni possibili. Gli aiuti sono

I residenti di Fiumicino dichiarano guerra alle lavoratrici da strada

«Sempre nude davanti ai bambini»

Amministrazione sotto accusa: «Non fa niente per evitare questo scempio» di Christian Belvisi

F

iumicino assediata dalle lucciole. Lo conferma la mappa riportata in foto, lo confermano le nascite di comitati contro la prostituzione. Specialmente nel nord del comune, tra Fregene, Maccarese ed Aranova. Nessuno (clienti a parte, ndr) vuole vedere più ragazze ai lati della carreggiata. Ed il malcontento nei confronti dell’amministrazione è sempre più evidente. La più attenta e battagliera, in questa crociata antiprostituzione, è il consigliere comunale Alessandra Vona (Pd). «Sono stata duramente attaccata e definita "sceriffa" – spiega Vona perché non mi preoccupavo delle ‘povere sventurate ragazze costrette a prostituirsi’. Io credo invece che vedere il problema solo dal punto di vista delle giovani prostitute, sia un modo facile di non affrontare il problema, giro la domanda a chi mi accusa, quali risposte danno a noi cittadini residenti, ai bambini che tutti i giorni recandosi a scuola, al campo sportivo, devono convivere con lo spettacolo di donne che danno prestazioni sessuali in mezzo alla strada, quasi nude, che fanno i bisogni all'aperto, che si

Alessandra Vona lavano mentre passano con lo scuolabus, piazzole completamente coperte di preservativi, di immondizia, un degrado ambientale lungo intere vie dove prima si andava a passeggiare con i bambini, con i cani, in bicicletta». E gli interventi stentano ad arrivare. «L'impegno preso dal sindaco Canapini in aula consiliare – continua - di inviare una pattuglia dei vigili urbani all'uscita dei ragazzi da scuola, è sempre disatteso, perché la macchina spesso viene spostata per altri usi, inoltre l'orario di uscita scolastico, non coincide con il

cambio turno dei vigili, quindi nel momento in cui i ragazzi escono, la pattuglia non è mai presente». Anche i residenti hanno il dente avvelenato. «Come cittadina sono indignata da come l'amministrazione Comunale sta affrontando il gravissimo problema della prostituzione che abbiamo qua ad Aranova. Non solo non si fa nulla per contrastare il fenomeno di per sé, ma neanche per farle vestire, quindi le ragazze sono in strada praticamente nude». Il business non conosce crisi, anzi. Di recente il numero di ragazze costrette a prostituirsi in strada nella zona a nord di Fiumicino, è in crescita. La città è stata chiara: «Via le lucciole dalle strade». Le prostitute non hanno scelta. E se le associazioni di volontariato per il sostegno di queste giovani ragazze sono latitanti, e le forze dell’ordine, così come riferito dai residenti, fanno fatica a tenere sotto controllo un territorio vastissimo, una via d’uscita sembra difficile da trovare. Specie se la legge in materia presenta qualche vizio di forma. Il tempo della comprensione per i residenti ormai è terminato. Si attende una risposta dell’amministrazione.

concreti perché i ragazzi consegnano anche un volantino con il numero dello sportello mobile, attivo 24 ore su 24 e creato dal gruppo stesso, al quale ci si può rivolgere per avere un contatto. Dietro ad ognuna di loro si nasconde una vita, fatta di ricatti, estorsioni, violenze e minacce. I volontari spesso nelle gelide notti d’inverno escono in strada portando alle ragazze coperte e bevande calde. Non è molto, ma dà una speranza.

112-113

La telefonata avvertenza per i lettori: scusate la prima persona, poco giornalistica e forma d’espressione riservata esclusivamente alle grandi firme. Ma quanto segue impone questa scelta. L’una di notte di un sabato qualsiasi, percorro in auto la via Nettunense, e a pochi passi dal centro storico di Anzio scorgo una prostituta che dalle sembianze fisiche dimostra di essere giovanissima, sicuramente minorenne. Rifletto per qualche centinaia di metri sul da farsi e alla fine decido di accostare e contattare le forze dell’ordine. Prendo il cellulare e compongo il 112: «Carabinieri» recita una voce al telefono; «Salve vorrei effettuare una segnalazione ad Anzio», rispondo. La mia telefonata viene girata alla Compagnia di competenza ma nessuno risponde. Richiamo e cade la linea, riprovo e riprovo, ma il risultato è sempre lo stesso. Allora telefono al 113: «Buonasera vorrei segnalare la presenza di una prostituta in apparenza minorenne ad Anzio, lungo la Nettunense»; «E quindi?» è la scioccante risposta pronunciata dall’altro capo della linea. «Quindi, tutto qui» pronuncio esterefatto; «Grazie» mi dice il poliziotto, e la telefonata si interrompe. A voi le conclusioni. (M.S.)


Primo Piano

18 luglio 2012

5

Il centro d’accoglienza Don Orione ospita donne provenienti da ogni angolo del mondo

L’ultima spiaggia prima del grande buio Il capostipite

Don Natale Fiorentino: «Le loro condizioni sono disperate. Arrivano dopo giorni di digiuno e di violenza, di qualunque tipo»

Don Orione, canonizzato nel 2004, ha dedicato la sua esistenza a coloro che venivano definiti «i rottami della società». Disabili, donne, lavoratrici e anziani hanno goduto del suo aiuto.

Le collaborazioni L’obiettivo

«Miglioriamo la qualità della vita» Il centro Don Orione ha una percentuale di successo prossima al 100%. «Non c’è una persona - spiega don Natale Fiorentino, parroco del Sacro Cuore neroniano - che una volta uscita dalla struttura viene di nuovo risucchiata dalla strada e dalle sua varie zone d’ombra. Quello che facciamo con i nostri ospiti è cercare di far compiere un definitivo salto di qualità alla loro vita». E fino a oggi la struttura anziate è riuscita alla perfezione nella propria missione, seppur costretta a lavorare tra mille difficoltà economiche. Difficoltà che vengono superate grazie al prezioso supporto di numerose volontari, che non lasciano mai soli gli ospiti del centro di accoglienza, e alla provvidenza. (M.s.)

di Mario Scagnetti (mario.scagnetti@reporternews.it)

I

l centro di accoglienza Don Orione è l’ultima spiaggia per tutte le donne di Anzio, Nettuno, Pomezia e Aprilia che si trovano alle prese con gravi problemi. La struttura anziate, aperta nel 2000, è coordinata da Andreina Marigliana, anche presidente del Mov (Movimento orionino di volontariato), e fa capo all’istituto Don Orione, a sua volta diretto da don Natale Fiorentino, parroco del Sacro Cuore di Anzio che ospita lo stesso centro di accoglienza. «Collaboriamo con i servizi sociali e con il centro antiviolenza racconta il parroco - viviamo di volontariato e provvidenza, visto che da mesi non riceviamo finanziamenti pubblici, e diamo accoglienza a tutti gli immigrati regolari». Non solo donne quindi, ma soprattutto donne: in arrivo dalla Nigeria, dall’Egitto, dall’Albania, dalla Tunisia, dal Marocco, da Cuba, dall’Iran e dal Ruanda. «Qui arrivano donne con bambini piccoli oppure in stato di gravidanza dopo essere state violentate - continua ancora don Natale Fio-

rentino - loro età varia dai 20 ai 40 anni e le loro condizioni sono disperate.Non hanno vestiti, sono giorni che non si lavano e non mangiano e, soprattutto, sono comple-

Don Natale Fiorentino tamente sfiduciato». Una situazione davvero drammatica, acuita anche dal silenzio in cui si chiudono le stesse donne: «Inizialmente hanno poca voglia di parlare - sottolinea il parroco della chiesa Sacro Cuore di Anzio - ma la nostra struttura è gestita in maniera familiare. Chi ar-

riva qui collabora con i nostri volontari nelle faccende domestiche di tutti i giorni, mangia con loro, con i parrocchiani e con noi sacerdoti. Tutto questo serve per far sentire queste persone a casa, al sicuro. E così loro si aprono e riacquistano fiducia». A quel punto la parte più difficile diventa ascoltare i racconti di quanto hanno dovuto subire nei mesi passati: «Ogni giorno ci confrontiamo con storie di vita tremende, fatte di violenza». Eppure all’interno del centro d’accoglienza Don Orione sono accaduti episodi utili anche come punto di partenza per una nuova vita dopo tanta sofferenza. Uno su tutti, e a raccontarlo è lo stesso parroco: «Una donna, che prima di arrivare da noi era una prostituta, ha partorito qui il suo bambino, dopo essere rimasta incinta a causa delle violenze subite». Come a dire che alla fine l’amore ha trionfato sul male. Che l’arrivo di una nuova vita è servito per mettere da parte quella vecchia; mettere da parte, perché cancellare certi episodi e certi ricordi in maniera definitiva dalla propria mente e dal proprio cuore è impossibile.

Il centro Don Orione lavora a stretto contatto con i servizi sociali e il centro antiviolenza di Roma, ma anche con le forze dell’ordine. Alcuni ospiti vengono tolti letteralmente dalla strada.

Il modus operandi

Venti posti letto, pensione completa e reinserimento nella società. Questa l’offerta del centro anziate, che aiuta le donne a rifarsi una vita autonoma e si occupa dell’istruzione dei loro figli.


Politica

18 luglio 2012

L’Opposizione di Anzio non parteciperà ai futuri consigli

La lettera segreta Il Pd sbatte la porta

7

In breve dai Comuni

Primarie? No grazie Franco: «Chiavetta unico candidato» Il Pd di Nettuno si stringe attorno al sindaco Alessio Chiavetta, e lo fa attraverso il consigliere comunale Gianluca Franco, che allontana la possibilità di primarie. «Nessun segretario provinciale o regionale spiega - permetterebbe mai le primarie quando si ha un sindaco uscente forte di una coalizione che ad oggi governa senza tentennamenti Nettuno. Quindi non riesco a capire come si possa continuare a parlare di primarie, soprattutto dopo che Pd, Idv, Udc e Api hanno firmato un documento che vede il sindaco Chiavetta come unico candidato per tutta la coalizione. Le primarie per il sindaco Chiavetta saranno quelle con i cittadini di Nettuno . Quattro anni fa avevamo un programma che stiamo man mano rispettando, con un abbassamento della massa debitoria, il ripristino della macchina amministrativa e nuove opere pubbliche per lo sviluppo della città».

Nomine&Polemiche «Quando si dice la meritocrazia...»

di Mario Scagnetti (mario.scagnetti@reporternews.it)

T

erremoto politico ad Anzio. Il Partito Democratico ha deciso, a maggioranza salvaguardando comunque le posizioni personali di ogni consigliere comunale, che non parteciperà più ai lavori dell’assise. E così il numero legale di ogni assemblea pubblica sarà a rischio, anche perché se qualche altro partito decidesse di seguire la strada intrapresa dal Pd la Maggioranza di Bruschini si ritroverebbe con le spalle al muro. «Il prossimo passo sarà avviare la raccolta di firme per far cadere la Maggioranza» tuona Ivano Bernardone, segretario cittadino del Pd anziate. Prima di proseguire però la domanda è più che legittima: perché il Pd ha deciso che diserterà i futuri consigli comunali? Presto detto: il motivo è da ricercare nella condanna della Corte dei Conti nei confronti di alcuni amministratori alla restituzione del denaro non entrato nelle casse comunali in seguito a decisioni prese dagli

stessi, oggi riconfermati, durante le passate amministrazioni. Decisioni che riguardano l’omessa riscossione di alcune tasse e il mancato allineamento dei canoni di locazione degli immobili comunali con il libero mercato. In ballo ci sono circa 600mila euro, la denuncia all’epoca era stata presentata dal consigliere di Centrosinistra Paride Tulli e il fatto che il debito degli amministratori nei confronti del Comune non sia stato ancora estinto rende la loro posizione incompatibile nei confronti delle cariche pubbliche che ricoprono. Tra i soggetti coinvolti nella storia ci sono l’attuale assessore Sebastiano Attoni, che ha già versato quanto dovuto nelle casse comunali, i consiglieri Zucchini e Tontini, che sono in procinto di regolarizzare la propria posizione, e il vicesindaco Patrizio Placidi, che ha scelto la strada della rateizzazione del debito di circa 160mila euro. Ma questa scelta non cancella l’incompatibilità con la carica. E qui entra in scena il Pd. «La nostra denuncia presentata al Prefetto di

Roma - spiega lo stesso Bernardone - ha fatto emergere una lettera inviata dallo stesso Prefetto al sindaco di Anzio, su richiesta esplicita di un parere da parte di Bruschini, in cui è spiegato che per eliminare l’incompatibilità con le cariche gli amministratori devono estinguere il proprio debito». Quindi i 1.200 euro al mese che Placidi si è impegnato a versare al Comune di Anzio non sono sufficienti. «La lettera è rimasta nascosta nei cassetti dell’amministrazione attacca ancora Bernardone - e sia il segretario comunale che il presidente del consiglio non hanno preso i dovuti provvedimenti per risolvere la faccenda. Noi, invece, abbiamo usato tutto il nostro bon ton perché siamo consapevoli che si tratta di cifre importanti e dal forte impatto nella vita di una persona». Ma ora basta: «Basta perché in consiglio si respira un clima di impunità, non c’è trasparenza e regna l’illegalità. Inoltre si tratta di un atto di coerenza, perché se riteniamo una Giunta illegittima non possiamo certo votare i loro atti».

Polemiche a Fiumicino sulla nomina del neo assessore al Bilancio Massmiliano Perri. Una nomina la sua, che non sarebbe totalmente condivisa dalla base politica locale del partito di Pierferdinando Casini, e che avrebbe lasciato più di qualche perplessità tra gli iscritti al partito. Il motivo? L’arrivo di Perri in una realtà territoriale differente dalla sua, la nomina quasi calata dall’alto, da quei “palazzi romani” che spesso fanno la differenza anche nelle scelte amministrative del litorale. Poi ci sono i lettori, gli elettori, coloro che questo tipo di scelte le vedono dall’esterno. Tra questi, Paola, che sul sito internet del giornale, www.reporternrws.it, ha commentato la nomina di Perri con un laconico: «Vedi quando si dice la meritocrazia». Ironia? Solo il lavoro del neo assessore potrà sciogliere ogni dubbio.

Il processo rinviato notifica fuori tempo massimo Rinviato al 13 dicembre il processo che vede coinvolti due esponenti politici di Ardea, un ex Assessore, un attuale dirigente, un ex dirigente, tecnici di vario livello e due imprenditori, uno rutulo. L’udienza è slittata perché ad alcuni imputati la notifica di presentazione non è stata consegnata nei tempi previsti dalla legge. E non si tratta del primo rinvio per questo motivo. Adesso il processo sembra andare verso la prescrizione per le persone coinvolte. Per quanto riguarda le accuse, tutte ancora dimostrare, invece in ballo ci sono i reati di concussione e di associazione a delinquere. All’epoca dei fatti, inoltre, nei confronti dei politici di Ardea non era scattata nessuna restrizione personale, bensì delle semplici perqusizioni domiciliare. Per ora, quindi, il sindaco Di Fiori e la sua Giunta possono continuare tranquillamente ad amministrare Ardea, dopo essersi conquistati tale diretto alle ultime elezioni amministrative.

Da settembre online i redditi degli eletti del XIII Municipio

Tavolo interistituzionale per tutelare i lavoratori dell’aeroporto Da Vinci

«Pagare meno tasse….se tutti le pagassero». Inizia così il manifesto-denuncia che l'Idv del XIII Municipio ha fatto affiggere nelle strade di Ostia. Autore del manifesto Antonio Ricci, consigliere municipale da sempre impegnato a favore della legalità e solidarietà sul territorio. «Il XIII – ricorda Ricci – è l’unico municipio di Roma che ha approvato un mio ordine del giorno che prevedeva l’istituzione dell’anagrafe patrimoniale degli eletti e delle elette. Nei prossimi mesi, probabilmente già a settembre, sarà possibile consultare i redditi denunciati. Ritengo che sia un atto dovuto. Soprattutto in un momento in cui l’antipolitica sta crescendo ed in Italia, secondo dati pubblici, il 93% delle imposte viene corrisposto da dipendenti e pensionati, oppure, che il 42% di proprietari di imbarcazioni superiori ai dieci metri dichiarano al fisco meno di 20 mila euro. Per questo ho invitato tutti i cittadini a collaborare e se possibile a denunciare quanti evitano di pagare il dovuto. I tagli che oggi subiamo tutti, a partire dalla sanità, nascono da qui». Tra i manifesti affissi, qualcuno è però finito in aree di divieto e lo stesso Ricci è stato accusato di non aver pagato la tassa per l’affissione. «A posizionare materialmente i manifesti – replica Ricci - è stata una cooperativa che si occupa delle affissioni. Le indicazioni erano tassativamente di rispettare la normativa. Sono stato il primo a richiamare la società di quanto accaduto dando disposizioni di rimuoverli». (e.B.)

Il consiglio comunale di Fiumicino ha approvato la mozione protocollata dal responsabile organizzativo e politico di Città Nuove, Raffaello Biselli, che impegna il sindaco «a farsi promotore con la Regione Lazio, la Provincia di Roma e i vertici Flight Care di un tavolo interistituzionale per salvaguardare i livelli occupazionali dell’azienda, centinaia dei quali residenti e cittadini di Fiumicino». «Ringrazio il sindaco e tutto il consiglio – spiega lo stesso Biselli – per essersi fatti carico di una delle tante situazioni assurde che l’aeroporto vive. Flight Care, così come Argol o la decisione di esternalizzare vari rami dei servizi AdR sono questioni che vanno prese di petto e combattute, per evitare che in nome di piani di risanamento si sacrifichino sempre e solo i lavoratori». Una situazione denunciata a più riprese da Reporter nei numeri scorsi, e che ancora non è stata risolta. Su Flight Care, Raffaello Biselli Biselli sottolinea: «L’accordo commerciale siglato tra gli handlers con la supervisione di AdR va abrogato. Accollare esclusivamente sulle spalle dei dipendenti - chiarisce - la totale mancanza di direttive che regolino il settore dell’handling e di un mercato sempre più selvaggio che mira esclusivamente al taglio dei costi del lavoro penalizzando l’occupazione, è impensabile. La clausola sociale va rispettata per intero, e la soglia del 60% come prevede l’accordo è un paletto da abbattere a tutti i costi».


8

Cronaca

18 luglio 2012

Dal 2013 con la spending review nasce Roma Città Metropolitana, ma gli sprechi continuano

Addio Provincia, ma compra una nuova sede

L’Ente presieduto da Nicola Zingaretti, cancellato da Monti, sta acquistando una struttura da circa 263 milioni all’Eur di Cosimo Bove (cosimo.bove@reporternews.it)

I

l rischio per tutti gli amministratori è quello di rimanere il braghe di tela. La spending review voluta dal premier Monti lascerà pochi soldi nelle casse delle pubbliche amministrazioni. E sono in arrivo delle vere e proprie rivoluzioni, come la tanto attesa cancellazione delle Province. Roma vive una situazione particolare. Il sindaco del dopo Alemanno infatti, ricoprirà formalmente un doppio ruolo: primo cittadino della capitale e commissario dell’area metropolitana. Una cosa è certa comunque: una volta arrivata a scadenza, cioè alle elezioni comunali del 2013, la Provincia di Roma spa-

rirà. E con essa l’intero consiglio provinciale. I consiglieri saranno in totale 16, eletti dai vari comuni di rappresentanza, per garantire una presenza omogenea. E i numeri della nuova città metropolitana fanno paura solo a leggerli: 121 comuni - da Civitavecchia ad Anzio passando per Frascati - con 4,3 milioni di abitanti e una superficie di 5.352 chilometri quadrati. Tutti sotto la guida prossimo sindaco della capitale. Un taglio ai costi con il quale le varie amministrazioni comunali si dovranno abituare a convivere. Soddisfazione sulla scelta del governo è stata espressa dall’attuale presidente della Provincia di Roma, Nicola Zingaretti. «La scelta del governo sulla Città Metropolitana - spiega - è una

clamorosa e straordinaria conferma della nostra strategia che da quattro anni punta a Roma Capitale Metropolitana come opportunità per crescere, liberare energie e migliorare la qualità della vita. Individuando nell'area metropolitana la dimensione ottimale della governance, si può ora aprire una fase di progettazione e sviluppo della nuova Capitale che finalmente guarda al futuro come le altre capitali europee». Il punto sarà riuscire a capire come la progettazione di sviluppo della capitale possa coincidere con le esigenze dei comuni dell’hinterland. E se gli sprechi saranno effettivamente evitati. Qualcosa infatti stona in questa politica di austerity varata dal Governo Monti. Entro

Cesare Morra (Cobas): «Il 20% dei malati non potrà più permettersi le cure» di Marco Ciapetti Tagli per quasi otto miliardi di euro in tre anni che andranno a ripercuotersi su acquisto di siringhe, lenzuola pulite e mense, ma anche sulle protesi, sulle valvole cardiache, e i pace-maker. Settemila posti letto in meno, più di duecento piccoli ospedali da chiudere. Tra cui il Cpo di Ostia, storica struttura nata per il recupero dei pazienti con mielolesioni, e per anni unica nel Centrosud. E' l’aspetto che riguarda i tagli alla sanità italiana compresi nella Spending Review, vera e propria manovra finanziaria

del governo Monti. Cesare Morra delegato Rsu Cobas della Asl Rmd ci spiega il suo punto di vista sulla situazione attuale della sanità nazionale e soprattutto locale. non bastava la crisi economica. Ora ci si mette anche la spending review Forse è il caso di iniziare a essere chiari da subito. Traducendo letteralmente il termine si ottiene revisione delle spese. In pratica siamo di fronte a una vera e propria manovra finanziaria, chiamata con un altro nome per difenderla dalle critiche.

nella manovra si parla di eliminare i piccoli ospedali. Come il Cpo di viale vega Quella è una storia a parte…. Prima di tutto capiamoci: se negli anni si assiste a un processo di depotenziamento strategico di una struttura è chiaro che da un giorno all’altro può essere classificata come “da eliminare”. Il Centro paraplegici Ostia è proprio questo: una struttura utilissima ma che andava potenziata negli anni. Invece pian piano si è voluto ridurlo a un fantasma. E’ stato lentamente abbandonato.. Dietro a tutto questo c’è un disegno, che non comprende

meno di un anno la Provincia di Roma verrà cancellata dalla geografia istituzionale e politica, eppure sta acquistando una nuova sede dal costo esorbitante, specie in tempi di crisi. Nello specifico si tratta di un complesso di uffici in fase di ultimazione all’Eur per un'estensione di più solo il Cpo ma la sanità italiana nella sua interezza. Questo a cosa equivale in termini concreti? Se la sanità pubblica non è accessibile, si finisce inevitabilmente con il finire sul mercato…L’esempio è calzante: esiste un altro posto sul litorale dove fare le stesse terapie che fornisce il cpo? No, a meno che non ci si rivolga a una struttura privata. E come questo ci sono migliaia di esempi, come il problema già affrontato dei mesi di attesa per le visite specialistiche. In tanti rinunciano e finiscono nelle strutture private dove spendono parecchi euro per velocizzare i tempi. Ma c’è anche chi questi soldi proprio non li ha. Un dato ufficiale fornito da recenti analisi

di 67.000 metri quadri commerciali. il tutto per la modica cifra di 219 milioni e rotti, che sommati all’iva diventano più di 263 milioni di euro. Termine dei lavori: 31 dicembre 2012, salvo poi doverne fare a meno solo pochi mesi più tardi. I misteri dello spreco pubblico. spiega che nel nostro territorio un malato su cinque rinuncia a curarsi. Perché i costi sono difficili da sostenere, i tempi di attesa enormi e molti scelgono di rinunciare. E allora se un cittadino viene privato del diritto a curarsi, (articolo 32 della Costituzione Italiana: diritto alla salute) possiamo dire con tono allarmistico che ci troviamo di fronte a un vero e proprio allarme salute. in chiusura: spending rewiew e tagli alla sanità. anche qui si favorisce il privato dunque? Ovviamente la risposta è si. Depotenziare il pubblico, eliminare strutture, figure professionali, fondi equivale a favorire la concorrenza. Basta ragionarci un attimo su e la risposta è alla portata di tutti…

Federlazio: «Ripercussioni Al Grassi le assunzioni le fanno pesanti su tutto il sistema» le cooperative: per cinque euro l’ora «La spending review elaborata dal Governo Monti rischia di essere la pietra tombale del sistema sanitario nel Lazio». Non usa mezzi termini il presidente di Federlazio, Maurizio Flammini, per definire il provvedimento adottato dal governo. «Non possiamo dimenticare - continua - che stiamo parlando di una regione la cui Sanità è già commissariata e che proprio per questo ha già dovuto adottare una serie di tagli pesantissimi, in termini di risorse finanziare, posti letto e chiusure di ospedali; iniziative che altre regioni non hanno dovuto affrontare. Applicare ulteriormente i tagli imposti dalla spending review equivarrebbe, e questo lo dobbiamo dire forte e chiaro, a far crollare l'intero sistema. E sarebbe un crollo di duplice natura. Innanzitutto, dal punto di vista del servizio offerto ai cittadini, ci troveremmo nell'impossibilità di garantire i livelli essenziali di assistenza in una regione che peraltro ospita una metropoli complessa come Roma. In secondo luogo, dal punto di vista del sistema economico e della fitta rete di imprese che forniscono prodotti e servizi al sistema sanitario. Senza dimenticare l'inevitabile contrazione dei livelli occupazionali che una manovra così drastica comporterebbe nell'ambito del comparto sanitario e delle imprese ad esso collegate».

La sanità di Ostia ha dei problemi a livello di strutture, di personale e di fondi. In pratica non è più adeguata a un quartiere così grande. Morra lo spiega bene: «Razionalizzare e ottimizzare non è un danno, se fatto bene. Ma dati alla mano posso dire che negli ultimi anni nella sanità locale i tagli ai posti letto e alle figure professionali sono stati numerosi. Sappiamo bene in che condizione si trova l’ospedale Grassi dal punto di vista degli infermieri. E le quindici assunzioni che faranno a breve non sono un rimedio». Morra si riferisce a una situazione poco nota riguardante l’ospedale Grassi: «Hanno appena assunto

quindici operatori socio sanitari. Ma la Asl non c’entra, sono dipendenti di una cooperativa che andranno a lavorare insieme agli altri dipendenti pubblici per cinque euro l’ora. Non è così che si risolve il problema. Anzi, è un ulteriore modo per creare disagi: far lavorare fianco a fianco persone

a contratto e altre sottopagate fa tremare i diritti dei lavoratori e li fa lavorare male. Di conseguenza si influisce sulla salute del lavoratore e sulla qualità del servizio offerto. Inoltre – conclude Morra - Ostia non ha strutture adeguate al suo bacino di utenza.Negli anni la popolazione è aumentata vertiginosamente, e andavano posti dei rimedi. Ho sentito lamentele sulle file al pronto soccorso da parte dei media. Giustissimo, ma andrebbero analizzati i fattori che portano a questo: taglio del personale, blocco del turnover, e soprattutto mancanza di strutture che possano fare da filtro al pronto soccorso». (M.C.)


Cronaca

18 luglio 2012

A Ostia un comitato promotore per garantire giustizia sul litorale

Un tribunale per tutti Il decreto del Governo cancella di fatto la struttura del Lido, già dal 2 settembre. L’alternativa? «Unire le realtà marinare» di Enzo Bianciardi

P

er il Tribunale di Ostia siamo oramai all’ultima spiaggia. Il decreto legislativo varato dal Governo ne prevede, infatti, la chiusura già a partire dal prossimo 2 settembre. Un taglio che rischia di far sprofondare nel caos l’amministrazione giudiziaria ed obbliga a sospendere tutti i processi in corso dinanzi al giudice di Ostia. In poche parole bisognerà ricominciare daccapo, presso il Tribunale di Roma, con gli attuali tempi tecnici ed i relativi trasferimenti di personale e pratiche, la prescrizione automatica per molti dibattimenti. Una sorta di mini “condono” non scritto ma di fatto messo in atto sull’area romana. L’idea del Tribunale del litorale diventa pertanto fondamentale. Cancellato “Roma 2” in favore di Napoli dallo schema di decreto attuativo del Consiglio dei Ministri è ora fondamentale ripartire dalla necessità di suddividere il flusso di contenzioso legale che affluisce a piazzale Clodio in una nuova struttura che raccolga l’intera area litoranea, da Fiumicino a Pomezia, sino ad Anzio e Nettuno. L’obiettivo è quello di razionalizzare il servizio di giu-

9

Braccio di ferro delle farmacie

Serrata il prossimo 26 luglio Tra le varie categorie prese di mira dalla spending review adottata dal Governo Monti, quella dei farmacisti, che il prossimo 26 luglio hanno annunciato una serrata contro i tagli. E’ la seconda volta che i farmacisti si mettono di traverso rispetto alle decisioni prese dal Premier: impossibile dimenticare il lungo braccio di ferro dello scorso gennaio sul decreto liberalizzazioni, che tanto aveva mandato su tutte le furie i rappresentanti di categoria, da Fiumicino a Nettuno. Oggi la situazione è simile, come ammesso da Annarosa Racca, presidente di Federfarma. «Non si possono fare continuamente provvedimenti sulle farmacie. Ci saranno azioni, come il sit in a piazza Montecitorio fino, se servirà, alla disdetta della convenzione. I tagli previsti dal decreto - ha aggiunto - ammontano a 40mila euro a farmacia circa, cioè il costo di un dipendente. E' stato abbassato il tetto della spesa farmaceutica territoriale dall'attuale 13,3% all'11,5%. Questo vuol dire - ha concluso - che a settembre, ottobre i soldi saranno finiti». (C.B.)

Trasporti regionali a rischio stizia a Roma, grande aree metropolitana. Per questo motivo si è costituito un Comitato promotore per il Tribunale Unico del Litorale Romano. Lo scopo è quello di sostenere e promuovere l’azione di rivendicazione dell’identità territoriale delle realtà che si affacciano sul mare di Roma. Ostia, Pomezia e Fiumicino, infatti, sono il quadrante individuato dalle varie rappresentanze di cittadini, associazioni civiche, di categoria e professionali che hanno dato vita alla nascita del Comitato. Il provvedimento del Governo infatti, non razionalizzando il servizio di giustizia nelle grandi aree metropolitane, lascia un possibile spazio di manovra.

L’Afol (L’Associazione Forense Ostia e Litorale), il Comitato civico 2013, il Pd di Fiumicino, l’Udc del XIII Municipio, Alessandro Paltoni, presidente della Commissione Trasparenza del Municipio, i sostenitori del progetto. «E’ necessario un tribunale metropolitano – sottolinea Ernesto Vetrano (Centro studi Akademos) – la cosa più importante è coprire il “buco” che si è aperto con la cancellazione di Roma 2 con il Tribunale del Litorale. Sostenere questa proposta resta un obiettivo imprescindibile per garantire legalità e giustizia ai cittadini di un territorio vasto e complesso sotto l’aspetto delle infrastrutture e dei residenti».

«I tagli creeranno disservizi» Trasporti regionali nel mirino. E poco importa che le linee del litorale romano, Nettuno-Roma e Roma-Lido in testa, siano già prese di mira dai pendolari per un servizio definito troppo spesso approssimativo e scadente. E’ di questi giorni, un’interrogazione a Renata Polverini del consigliere regionale del Pd Enzo Foschi. «I tagli previsti, potrebbero rendere ancora più disagiate le già inadeguate e difficili condizioni di viaggio delle tante persone che quotidianamente si muovono con i treni per recarsi sul luogo di lavoro o di studio. Come hanno già sottolineato i comitati dei pendolari, è necessario che la regione si confronti seriamente con loro, in particolare per i disservizi della tratta Roma-Nettuno, ma anche RomaCivitavecchia, per poi promuovere un’azione davvero incisiva su Trenitalia, valutando l’entità del contributo pubblico e a che cosa esso debba essere prioritariamente destinato, allo scopo di migliorare la qualità della vita di migliaia di cittadini del Lazio, la cui sopportazione è arrivata al limite».


Cronaca

18 luglio 2012

11

Il progetto rilanciato in questi giorni a Ostia. Costo complessivo: 2,4 miliardi

Una monorotaia condurrà verso il mare di Enzo Bianciardi

L

a metro leggera sognata per coniugare il litorale romano e la periferia dell’Eur torna d’attualità. A promuovere l’iniziativa il vicepresidente della Regione Lazio Luciano Ciocchetti: «Ad ogni legislatura è d'obbligo ripresentarla, si tratta di un’idea fondamentale per integrare lo sviluppo dell’area». Oppure, come ha ricordato lo stesso Vizzani, minisindaco del XIII Municipio: «E’ un progetto che ho affrontato e promosso sin dalla mia prima elezione all’assemblea capitolina in qualità di consigliere comunale, ma è rimasto, sino ad oggi, lettera morta». Il progetto definito “Corridoio Colombo Metro Sud Ovest” rappresenterebbe infatti un'opera strategica per lo sviluppo della città e dovrebbe congiungere con una monorotaia, che si prevede possa trasportare circa 10mila persone l'ora, il quartiere dell'Eur con la Madonnetta, la Fiera di Roma, l'Aeroporto di Fiumicino ed il nuovo Porto commerciale di Fiumicino. La novità del progetto è contenuta nella realizzazione di un nodo di interscambio all’altezza di CasalPalocco che consente di giungere fino al litorale di Ostia per connettersi con l'attuale linea della Roma-Lido, mentre nella zona dell'Eur andrebbe a connettersi con la linea B della metro. «Sono previste - spiega l’architetto Giancarlo Sapio dell’Uria - 15 nuove stazioi lungo l’asse della Colombo ed altrettanti nodi di scambio che favorirebbero la mobilità urbana verso il litorale». L’unico ostacolo, restano i costi dell’opera da realizzarsi attraverso un project financing per una spesa calcolata di circa 2 miliardi e 400 mila euro. Tempi previsti per la conclusione dei lavori: tre anni dalla posa della prima pietra.

Fiumicino

Consegnato il cantiere del nuovo Corridoio C5 È stato consegnato il cantiere del nuovo Corridoio C5, progetto della Provincia di Roma finanziato dalla Regione Lazio con i 21 milioni previsti per la realizzazione dell’opera. «I lavori - afferma il responsabile organizzativo di Città Nuove, Raffaello Biselli - sono stati appaltati a un consorzio di imprese denominato Sac Corridoio 5 che ora si sta occupando della fase preliminare del progetto: sondaggi e verifiche propedeutiche all’inizio dei lavori. Si tratta di una grande rivoluzione per il trasporto pubblico locale, un’opera che potrà aiutarci a decongestionare il traffico locale lungo la via Portuense e incrementare l’uso del trasporto pubblico locale». Soldi della Regione, ma progetto della Provincia: «Alla giunta Zingaretti va un plauso – dice il capogruppo Pd, Michela Califano -. Il C5 è una nuova corsia dedicata al trasporto pubblico locale inizialmente su gomma e poi anche su rotaia, che collegherà Fiumicino alla stazione di Parco Leonardo rendendo più agevole la tratta Fiumicino-Roma». Larga 11 metri, lunga 7 chilometri, sarà affiancata da una pista ciclabile che utilizzerà nella parte iniziale il sedime della vecchia linea ferroviaria dismessa che raggiungeva il centro di Fiumicino. «È una grande soddisfazione - dice il consigliere provinciale del Pdl, Anselmo Tomaino -. Si tratta di un’opera fondamentale per Fiumicino che in futuro, con un nuovo investimento e nuovi fondi, permetterà di riportare il trasporto su ferro, abbandonato negli anni Novanta». «Il corridoio - conclude Biselli - permetterà anche una operazione di riqualificazione urbana».

Porto della Concordia

Le ditte sono ancora in attesa di essere pagate di Christian Belvisi Buone notizie per il porto di Fiumicino. L’entrata in scena di Italia Navigando, nuovo general contractor della committente Ip, garantirà all’opera i fondi necessari ed una direzione prevalentemente pubblica. Il che equivarrà a maggiori rapporti istituzionali con il comune di Fiumicino e con la Regione Lazio, fino ad oggi alla finestra in attesa di novità, e ad un allontanamento definitivo della società Acquatirrena, del gruppo di Francesco Bellavista Caltagirone, con la quale sono in corso le trattative per la chiusura dei rapporti. Il dubbio però oggi è un altro. Come ci si comporterà con le ditte locali che vantano ancora crediti per i lavori effettuati? «Nel corso di un incontro con Ernesto Abaterusso – spiega Roberto Cini (Pd) – abbiamo consigliato di tener conto le vertenze in corso con le ditte che in gran parte hanno effettuato materialmente le prestazioni d’opera e la fornitura dei materiali e che, ancora oggi, lamentano il mancato pagamento delle spettanze». Ma Cini pone un’altra questione. «Non è nostro compito – spiega – entrare nel merito di diatribe legali tra società e ditte private, però è indubbio che pensare di riprendere i lavori senza aver sciolto in una maniera o nell’altra, questo spinoso nodo, potrebbe rappresentare un forte punto interrogativo ed una spada di Damocle, per una pronta e spedita ripresa delle attività». Se lo augurano le ditte che ancora oggi aspettano poco più di 5,5 milioni di euro, e che a causa dei debiti sono state costrette a chiudere i battenti. (C.B.)

«Aumenti ingiustificati per il Cotral» Aumentano i costi, diminuiscono i servizi. Questa la denuncia di un pendolare della linea Cotral RomaNettuno, che in questi giorni ha inviato una lettera di protesta all’Ad della società, Vincenzo Surace, al presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, ed alle associazioni di consumatori. «Recentemente la

Regione Lazio - spiega l’utente - ha stabilito un aumento del biglietto per chi usufruisce di tale servizio regionale. Però se il costo del servizio prestato è lievitato per le tasche degli utenti, non altrettanto è migliorata la qualità dello stesso, in fatto di capienza e numero di posti seduti, disponibili sulle autovetture

in servizio. E in tutti questi anni che ho usufruito di tale servizio, su dette autovetture non ho mai visto salire un controllore che verificasse se tutti i passeggeri fossero muniti di regolare biglietto». Per la gioia di chi viaggia senza pagare. «Evidentemente – conclude l’utente del servizio bus - la signora Polverini

prima di convalidare gli aumenti del biglietto sui mezzi della Cotral non ha fatto verificare l’equità di tali aumenti perché non appartiene a quelle persone che hanno responsabilità pubbliche e che svolgono il loro servizio impegnandosi al massimo per il perseguimento del bene comune».


12

Cronaca

18 luglio 2012

Proteste per gli spettacoli musicali di piazza Anco Marzio. Ma gli organizzatori si ribellano

Residenti contro la movida

A Ostia nuova querelle tra città turistica e località dormitorio approda in piazza Anco Marzio. Il braccio di ferro ha riguardato sinora solo i residenti sul lungomare, ma quest’anno si è esteso anche ad “Ostia classic”, rovinando l’esordio ad Anna Oxa e mettendo una seria ipoteca sul prosieguo della manifestazione clou dell’isola pedonale. La protesta è relegata solo ad alcuni residenti che si sono limitati ad esporre striscioni inequivocabili del loro stato d’animo, ma crea comunque fastidio ed imbarazzo tra gli organizzatori ed i commercianti della piazza.

«Ho incontrato il comitato di quartiere Centro-storico – dice Stefano Salvemme, presidente della Commissione commercio – Si tratta di una protesta non condivisa e incomprensibile perché la musica non va oltre le 22,30. Il volume è bassissimo, tanto che la stessa Oxa si è lamentata e minacciato di non cantare”» E’ stato fatto tutto il possibile, in sostanza, per ridurre qualsiasi disturbo. Anche Davide Bordoni, Assessore capitolino alle Attività produttive e al litorale è intervenuto sul caso: «L’impatto acustico di tutte le esibiioni è costan-

Barbadoro (Fiba) ridisegna il futuro balneare di Ostia, azzerando tutto

«In vacanza qui non ci verrei» «La soluzione: resort sul mare per gli stranieri e spiagge libere» di Marco Ciapetti

U

n progetto rivoluzionario, che cambierebbe per sempre il mare di Ostia. Ruggero Barbadoro, presidente della Fiba (Federazione italiana balneari) e titolare dello storico stabilimento balneare Il Venezia spiega come vede il futuro del lungomare. Totalmente diverso da ora, ma con strutture all’avanguardia e capaci di ricevere meglio i bagnanti di tutto il mondo. Anche perché quest’estate la crisi economica ha coinvolto anche l’economia balneare, inevitabilmente finita nel vortice di qualsiasi taglio fiscale. Barbadoro, partiamo dall’inizio. Che stagione è questa? La stagione figlia della crisi. Che ha colpito il ceto medio-basso, quelli che se prima andavano cinque volte al mese al mare ora, giustamente, hanno ridotto a due i giorni. D’altronde come biasimare una popolazione così ferita?

chi viene a Ostia. E i giardini che ora stanno morendo sul marciapiede di fronte a noi. Il futuro è questo.

Il discorso è ampio, certo è che io e altri colleghi avevamo fatto investimenti forti. Dunque il ritorno economico non c’è stato? Ma si, non è che ci lamentiamo, ci mancherebbe altro. Tenere in piedi una struttura del genere, però, ha dei costi notevoli, e in un momento di crisi come questo abbiamo visto che gli investimenti ci mettono un bel po’ a rientrare, anche perché di turisti a Ostia ce ne sono sempre meno. Ma lei verrebbe in vacanza a Ostia? No, e che ci vengo a fare? Non ci sono strutture ricettive, non ci sono svaghi, mostre, parchi. Vengo solo per andare al mare, e vado da un’altra parte allora. Quello che ho in mente io è tutt’altro. Bisognerebbe rivoluzionare tutto. in quale maniera? avete appena creato degli stabilimenti attrez-

zatissimi ai limiti del villaggio turistico. Buttare giù tutto. Via lo stabilimento balneare, via le cabine. Allungare la spiaggia di 400 metri e costruire dei resort all’inizio della spiaggia. Una pista ciclabile che collega La Marinella al Porto e sul marciapiede di fronte spazio a mostre, parchi, posti da visitare. Noi avremo in gestione lo sfruttamento della spiaggia, che sarà libera e attrezzata ma lunghissima. Poi invece di gestire lo stabilimento gestiremo i resort, posti letto per

Mi scusi. il titolare di uno dei più belli e storici stabilimenti del litorale propone la liberalizzazione delle spiagge? E’ inutile rimanere ancorati ai vecchi concetti. Ora i soldi per venire al mare non ci sono, allora cosa li teniamo in piedi a fare questi stabilimenti? Via, diamo il Mare di Roma al popolo romano, e facciamo in modo che chi viene dall’estero sia accolto in maniera adeguata: posti letto sul mare e svaghi” ne ha parlato con altri gestori? Qualcuno è d’accordo, ma altri non sono stati felicissimi.

temente monitorato». Gli striscioni alle ringhiere dei balconi, lenzuola con scritte inequivocabili: “Stop alla musica” e “Basta concerti” restano, comunque, al loro posto. Eppure c’erano accordi precisi, fin’ora rispettati, tra residenti e amministrazione: fine della musica doveva entro le 22.30 e smontaggio delle attrezzature entro la mezzanotte. «Sono scorretti. Accordi rispettati – conclude Giuliano Fausti, presidente del Centro Commerciale Naturale di piazza Anco Marzio – anche a costo di fare una brutta figura con gli artisti». (e.B.)

Legambiente

Allarme inquinamento Il Mare di Roma è sempre più inquinato. L’allarme arriva da Legambiente, più precisamente dalle analisi delle acque condotte dai biologici di Goletta Verde. Nel Lazio sono ben 11 i punti più a rischio, e tra questi spicca la presenza di tratti costieri del litorale romano: i valori batteriologici più alti sono stati riscontrati a Fiumicino, nella zona della foce del Tevere; a Pomezia, all’altezza del canale sulla spiaggia di Rio Torto; a Torvajanica, nei pressi del canale lungomare delle Sirene; ad Ardea, in località Pozzo Grande; e Nettuno nei pressi di Torre Astura. In pratica di tutto il Mare di Roma si è salvata solo Anzio, che legittima così sempre di più la sua ennesima bandiera blu. Ad Ostia, infine, Goletta Verde ha consegnato addirittura la temuta bandiera nera, per il tanto sbandierato progetto che riguarda il waterfront del XIII Municipio. (G.C.)


Cronaca

18 luglio 2012

13

La denuncia dell’Ascom del Lido, che attacca: «Li mascherano come eventi culturali»

Flop dei saldi: «Colpa dei mercatini» Intanto il commercio risente dell’ennesima crisi, e Capobianco ammette: «Non si vende»

Abusivismo on the beach Gli affari vanno a gonfie vele

di Enzo Bianciardi

E

state che vai…mercatino che trovi, Ostia resta terra di conquista per ambulanti, abusivi ed autorizzati che siano, con bancarelle e mercatini di bassa qualità. Contro questa abitudine si sono scagliati in più occasione i balneari, quest’anno si aggiunge anche la voce dell’Ascom che spara a zero sui mercatini, mascherati da eventi e manifestazioni culturali, del lungomare. «Sono mercati – spiega Luca Capobianco, presidente dell’Ascom – che abbassano il livello della qualità di merce che viene venduta sul nostro territorio. Il livello merceologico è assolutamente inaccettabile e di fatto, invece di offrire un servizio in più, coniugando l’attività culturale a quella commerciale, finiscono per dequalificare il territorio». L’ultimo mercatino in piazza San Gallo, dinanzi alla ex-colonia Vittorio Emanuele a meno di 300 metri dal pontile. «Sulla carta non è un mercato cerca di spiegare Stefano Salvemme, presidente della Commissione commercio del XIII - ed è stato autorizzato dalla Giunta municipale. La richiesta è per lo svolgimento di una manifestazione culturale e visto che questi eventi devono autofinanziarsi, l’aspetto culturale è af-

fiancato da quello commerciale. La questione della qualità della merce è sempre motivo di discussione, come Commissione avevamo già fissato, a partire dal mercatino di Natale che i prodotti esposti ed in vendita sui banchi dovessero essere di qualità e comunque prodotti artigianalmente». Salvemme chiama in causa anche gli avversari politici. «Quanto si può dire del mercatomanifestazione di San Gallo – ricorda Salvemme - poteva dirsi anche per la Festa dell’Unità (svoltasi a fine giugno) a piazzale Magellano. La necessità di coprire le spese spinge gli organizzatori ad accogliere anche quegli esercenti che propongono merce non di prima qualità. E’ necessario, anche alla luce di queste

ripetute esperienze, fissare certi parametri di qualità che, qualora non vengano rispettati, consentano il ritiro della concessione». Intanto il commercio è alle prese con l’ennesima crisi. «Non si vende. – denuncia Capobianco – Ad Ostia i turisti non ci sono e le vendite in saldo sono precipitate. I saldi non salveranno la stagione com’è accaduto gli altri anni, e ricominciare a settembre sarà ancora più duro, anche se non penso a chiusure nell’immediato. In genere si cerca di arrivare a Natale per risollevarsi. Il momento clou sarà però a gennaio, quando dati alla mano, bisognerà fare i conti con la crisi ed il calo incondizionato dei consumi. La ripresa? Non ci sarà in tempi brevi».

C’era una volta il Mare di Roma. Oggi meglio conosciuto come il litorale dell’abusivismo commerciale. A confermare l’esplosione del fenomeno della vendita di capi d’abbigliamento e accessori contraffatti ci sono le ultime operazioni delle forze dell’ordine, con la Finanza che ha sequestrato, solo nell’ultima operazione di inizio luglio, oltre 12mila pezzi di merce contraffatta, tra bigiotteria, accessori per abbigliamento ed occhiali. Certo, non si tratta di una novità assoluta per le spiagge che vanno da Nettuno a Fiumicino, visto che già negli anni passati il fenomeno aveva dimostrato di essere ben radicato. Ma nell’estate 2012 i venditori e la merce si sono moltiplicati, così come gli acquirenti, che costretti a fare i conti con la crisi e la voglia perenne di sedare le proprie frustrazioni attraverso l’acquisto di oggetti nuovi, hanno optato per questa forma illegale di shopping. Il tutto calcolando

che l’estate è cominciata da poco e che il vero mese di vacanza, nel quale presumibilmente si moltiplicheranno sia i bagnanti che i venditori, è quello di agosto. Il problema principale, mettendo da parte per un istante l’illegalità del fenomeno, sta nel fato che questa forma di shopping danneggia pesantemente i commercianti e gli imprenditori regolari del Mare di Roma. Coloro che pagano le tasse, creano posti di lavori, compiono ogni giorno sacrifici per tenere aperta la propria attività. E finiscono con l’essere costretti a registrare (leggere l’articolo di apertura di questa stessa pagina di Reporter per credere) pesanti flop anche nel momento dei saldi, il periodo tanto atteso per dare respiro ai propri registratori di cassa. L’ultima speranza è riposta nelle mani e nelle menti delle forze dell’ordine, chiamate a compiere il proprio dovere oggi più che mai. (M.S.)


Cronaca

18 luglio 2012

15

Il quartiere costretto a fare i conti con sporcizia e cattivi odori nel bel mezzo della stagione estiva

Benvenuti a Focene

Focene invasa dai rifiuti. I cassonetti sembrano non bastare più, e anche i più attenti all’igiene finiscono con il gettare i rifiuti vicino al marciapiede. Qualcosa non quadra, ci si chiede come sia possibile che l’amministrazione non si attenta a una simile situazione soprattutto d’estate quando il caldo e l’afa amplificano i miasmi provenienti dall’’immondizia lasciata sulla strada e il quartiere è invaso dai

turisti che si affannano per raggiungere le spiagge. «La situazione è al tracollo – spiega Massimiliano Chiodi, presidente del Nuovo Comitato Cittadino Focene – la ditta appaltatrice incaricata dal comune di svolgere il compito di raccolta dei rifiuti non è in grado di sopperire all’emergenza che si è creata. Qualcuno dovrà rispondere. Non si può vivere in mezzo a rifiuti e cattivi odori». Qualcosa nella gestione dei

Nettuno si rilancia con un canile municipale e un parco per bambini

«Un anno per cambiare volto» A novembre poi, il via sperimentale alla raccolta differenziata porta a porta di Christian Belvisi

U

n canile comunale, l’avvio della raccolta differenziata porta a porta, un’area attrezzata per i bambini, e lo sguardo puntato verso la Bandiera Blu del 2013. Questi i progetti dell’Assessorato all’Ambiente di Nettuno, guidato da Mario Pitò. Progetti illustrati nei giorni scorsi nel corso di una conferenza stampa, alla presenza del sindaco Alessio Chiavetta e del consigliere Pd Gianluca Franco. «Si tratta di obiettivi concreti – spiega Pitò – come ad esempio nel caso del porta a porta. Già in questi giorni inizieremo ad informare la cittadinanza, che poi verrà coinvolta da una grande informazione pubblicitaria ad inizio settembre. Le basi queste, per partire con la raccolta già a partire da novembre di quest’anno». Ma non è tutto. La novità assoluta riguarderà il nuovo canile comunale: «Attualmente utilizziamo una struttura esterna per la gestione e la cura dei cani randagi – spiega il neo assessore – struttura alla quale ovviamente dobbiamo

versare un compenso. Ed è proprio in virtù del potenziale risparmio per le casse comunali e delle direttive europee in materia, che abbiamo deciso di realizzare una struttura comunale, completa di aree per i servizi veterinari, una sala operatoria, un’area destinata alla cura dei cani per chi vorrà portarli nei periodi di vacanza, e tutto il necessario per far star bene i nostri amici a quattro zampe. Entro un anno il progetto verrà

portato a compimento. Proprio in questi giorni siamo in trattativa per l’area in cui dovrà sorgere la struttura». «Il nuovo canile – aggiunge il sindaco Chiavetta – è la risposta dell’amministrazione alle richieste avanzate negli ultimi anni da quanti dovevano necessariamente rivolgersi fuori Nettuno, ed un concreto risparmio dal punto di vista economico per le casse comunali». Altro punto fermo della politica ambientale

avviata dall’amministrazione, la cura del parco Palatucci, vero polmone verde della città, troppo spesso abbandonato al proprio destino. «Lo abbiamo completamente ripulito, sia dal punto di vista botanico, con la potatura delle piante – assicura Pitò – sia da un punto di vista prettamente igienico, e con la sistemazione dell’impianto idrico, riusciremo a mantenere il verde in tutta l’area. Ogni mese comunque, verrà effettuata una pulizia, dopo decenni di indifferenza da parte di tutte le amministrazioni passate». Infine una buona notizia per i residenti di Santa Barbara: entro fine estate, di fronte al Palazzetto dello Sport, verrà realizzato un parco giochi per bambini in collaborazione con la Provincia di Roma. I giochi verranno finanziati dall’ente provinciale con circa 70mila euro, mentre il resto sarà a cura dell’amministrazione con un impegno di spesa di circa 90mila euro. Nettuno dunque, si trasformerà in un cantiere di lavori in corso per rinascere in pochi mesi come la Fenice.

rifiuti non va. A far sorgere qualche dubbio è una telefonata ricevuta da un residente di Focene: «Mi chiamo Claudio ma il cognome non lo dico. Andate a fondo, perché c’è qualcosa che va oltre la malagestione. C’è da indagare bene, sono stanco di rimetterci per far ingrassare altri». Telefonata terminata. Numero nascosto. Un dubbio sorge. Chi può guadagnarci da una situazione così? (M.C.)

Fiumicino

Diffidato Canapini Il Comitato Rifiuti Zero di Fiumicino ha diffidato, tramite i suoi legali, il sindaco Mario Canapini. Il motivo? La mancata realizzazione di un efficiente sistema di raccolta porta a porta dei rifiuti. Se non verranno raggiunti gli obiettivi percentuali previsti dalla legge «chiederemo il risarcimento dei danni subiti e subendi – spiegano dal Comitato – allo scopo di ottenere condanne specifiche nei confronti dei responsabili dei relativi inadempimenti».

Anzio

Stazioni ripulite Dalla prossima settimana, nelle sei stazioni ferroviarie di Anzio, saranno presenti due postazioni per la raccolta della plastica e dell’indifferenziato. «Inoltre – dice il vicesindaco di Anzio con delega alle Politiche Ambientali, Patrizio Placidi – avvieremo anche gli interventi di bonifica a ridosso delle stazioni ferroviarie. I primi interventi saranno il 16 luglio ad Anzio Colonia ed il 18 luglio a Villa Claudia, mentre a seguire interverremo nella zona di Lavinio e presso le altre stazioni del nostro territorio».


16

L’Inchiesta

di Cosimo Bove (cosimo.bove@reporternews.it)

«L

’Italia è una repubblica democratica, fondata sul lavoro». Recita così l’articolo 1 della Costituzione italiana. Ma sarà ancora vero? A guardare i dati degli ultimi tempi sembrerebbe di no. La crisi economica ha accentuato il problema. Le assunzioni sono bloccate, se non per conoscenza. Troppo grande l’impegno e troppo alta la spesa per permettersi nuovi lavoratori. E la disoccupazione, specie quella giovanile, la fa da padrona. Senza se e senza ma. In tutto il Paese come sul litorale ro-

mano i giovani sono in cerca di un lavoro. E il massimo che ottengono è un posto da precario. aaa CerCasi LavOrO DisPerataMente I dati diffusi in questi giorni dall’Ocse parlano chiaro: in Italia meno di un giovane su cinque (per una percentuale del 18,8%) è occupato. Altro che repubblica fondata sul lavoro, specialmente se si paragona questa percentuale agli altri paesi europei, dove la media è di quasi il doppio. E poco importa se, come segnalato da uno studio di Unindustria e Confindustria Lazio, lo scorso anno gli occupati sono

18 luglio 2012

aumentati dello 0,4%. Il Lazio viaggia in controtendenza, con una diminuzione rispetto alla media nazionale degli occupati dello 0,2%. E Roma in particolare, risulta essere la capitale d’Italia della disoccupazione giovanile, che si attesta attorno al 36,1% del totale, in aumento del 5,6% rispetto allo scorso anno. Il che, se si pensa che a Roma è localizzato il 75,6% dei lavoratori della regione, lascia l’amaro in bocca. «Sul territorio spiegano da Unindustria - si registra un tasso di occupazione del 61%, in calo di 0,3 punti percentuali, ma superiore comunque alla media regionale». Immaginiamo il resto.

Centri Per L’iMPieGO Presi D’assaLtO Una volta erano noti come uffici di collocamento. Oggi sono stati ribattezzati centri per l’impiego, sotto la supervisione della Provincia di Roma. Nati con l’obiettivo di trovare lavoro ai disoccupati di ogni età, spesso e volentieri si trasformano in semplici punti di ascolto. Perché? Semplice: oggi trovare lavoro è difficile per chiunque. «La crisi sta creando grossi problemi - ammettono - e se aziende che prima assumevano e chiedevano operai sono sull’orlo della chiusura, è evidente che le possibilità di assunzione si restringono. Basta piazzarsi

un’ora qui fuori per capire com’è la situazione». OPPOrtunità suL LitOraLe Eppure le possibilità, per i giovani del litorale compreso tra Nettuno e Fiumicino ci sarebbero, anche se rispetto a tre anni fa si sono ridotte. E non di poco. «Le richieste in queste zone – spiegano dal centro per l’impiego – sono legate prevalentemente al settore turistico, alberghiero, della ristorazione. Tutto ciò che è legato al turismo quindi. Oppure qualche opportunità nella cantieristica navale, anche se ultimamente c’è stata una flessione anche in quel settore». Poi è chiaro, ogni città appartiene ad una realtà a sé stan-


L’Inchiesta

18 luglio 2012

17

La Cgil ammette: «Mai così male da circa venti anni» Il Lazio è fuori controllo. La crisi economica, accentuata dalla chiusura di molte attività, ha sconvolto il mondo occupazionale. Solo poche settimane fa, era stata la Cgil di Roma e del Lazio a porre l’accento sulla situazione regionale. «Negli ultimi mesi il numero di disoccupati è aumentato di 60 mila unità, raggiungendo quota 274 mila, un dato che non si vedeva da oltre 20 anni». E i dati forniti dall’Istat di certo non servono a rassicurare i giovanio in cerca di occupazione e di stabilità per costruire una famiglia. «Dimostrano continua la Cgil - come anche nel Lazio gli ammortizzatori sociali non reggano più l’ondata della crisi. In sei mesi hanno

foto di Christian Di Rocco

perso il lavoro quasi 80 mila lavoratori, di cui 50 mila uomini e 29 mila donne, mentre negli ultimi tre mesi sono stati bruciati 30 mila posti di lavoro coinvolgendo 9 mila dipendenti maschi e 21 mila femmine. I settori più colpiti sono il commercio e il

turismo con 11 mila posti in meno e l’edilizia con 33 mila posti in meno. Il tasso di disoccupazione negli ultimi tre mesi del 2011 compie un balzo in avanti del 2,25% passando dal 8,74 al 10,99%, percentuale che non si registrava da 12 anni a

questa parte. C’è bisogno di rimettere al centro il tema del lavoro. Anche nel nostro territorio il pubblico è chiamato a fare un passo in avanti e a dare risposte». E le ultime riforme in materia di Lavoro adottate dal Ministro Elsa Fornero di certo non sembrano avviare una ripresa, almeno nell’immediato. Il settore sta attraversando una crisi senza precedenti. I giovani sono sempre più spesso costretti ad emigrare all’estero in cerca di fortuna. Con tutte le conseguenze del caso: mancanza di affetti, spese per il mantenimento, e difficoltà nella lingua. Ma per molti è sempre meglio che rimanere in Italia nella speranza di un posto che non arriverà mai. (C.B.)

Tre storie diverse con un destino comune

te. Se Nettuno vanta una tradizione dal punto di vista agricolo, con opportunità di lavoro per i giovani interessati a questo settore e preparati nel campo, Anzio ha maggiore dimestichezza con la cantieristica, così come Fiumicino, che nell’ultimo anno ha perso quello che era il suo pezzo da novanta: l’aeroporto Leonardo da Vinci. Lo abbiamo raccontato: la crisi economica ed occupazionale ha investito i lavoratori dello scalo romano, costretti a stare a casa dopo aver pensato di trovare il lavoro dei propri sogni. GLi artiGiani, Questi sCOnOsCiuti Non ce ne sono più. Le piccole botteghe sono a rischio estinzione. I giovani non imparano i mestieri manuali. E quello che fino a qualche anno fa era lo sbocco naturale per migliaia di ragazzi del litorale, oggi è un tunnel senza via d’uscita. Il motivo? Una responsabilità da dividere a metà tra la crisi economica e lo spirito hi-tech dei giovani di oggi. «Ormai le uniche richieste di questo genere – ammettono dal centro per l’impiego – riguardano i falegnami. Per il resto è difficile reggere i ritmi della grande distribuzione». E lo stesso vale per il settore edile. Nel primo semestre del 2012 il calo registrato è pari a circa il 30%. Troppo per potersi permettere nuove assunzioni. E nuovi stipendi. L’Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro. Ma ne siamo certi?

antonio (Biologo ricercatore) «E mi dicevano di studiare…». Antonio Speranza non è pentito, ma molto amareggiato sicuramente si. «Da piccolo mi dicevano prendi un pezzo di carta così il lavoro almeno lo trovi. E per questo sono partito da Siracusa per venire a studiare a Roma. Laureato in Biologia con il massimo dei voti, e in sei anni post laurea ho trovato solo contratti a progetto da ricercatore. Non voglio dire di essere stato sottopagato, a volte non mi pagavano proprio». Ma come tutti quelli che non si arrendono (e il suo cognome sembra un inno) Antonio si è rimboccato le maniche: «Ho fatto il cameriere, il gommista, l’aiuto fotografo ai matrimoni. Ho lavorato alla Snai, ho consegnato le pizze. E ora ho un contratto di tre mesi come scaffalista in un supermercato lontano venti chilometri dall’appartamento che ho in affitto. A saperlo rimanevo in Sicilia». (M.C.)

alba (Commessa) Alba è stanca. Commessa da una vita in negozi d’abbigliamento sparsi sul litorale. «Sette negozi in tredici anni – ci tiene a precisare - e quasi nessuno mi ha licenziata perché un indeterminato l’ho visto solo una volta». Lei che di anni ne ha 33, ormai sognerebbe un posto stabile, di quelli che aiutano a piantare le basi per il futuro, ma «come faccio a pensare al futuro se adesso non posso godermi nemmeno il presente? – ironizza lei – ora ho un contratto che scade il 31 ottobre. Non so se verrà rinnovato, magari in vista dei saldi invernali gli servirò. Ma mi sto già guardando intorno, per settembre ho dei colloqui, in fondo il curriculum è buono, parlo tre lingue e ho anche gestito un negozio da sola». E allora perché non riesce a trovare un posto migliore? «Il perché non lo so, ma non vedo l’ora che quest’incubo finisca». (M.C.)

alessio (Muratore) «Papà faceva il muratore, quello che una volta si definiva il manovale. Poi si è aperto una piccola ditta edile con mio zio e io sono cresciuto la dentro». Alessio Arcangeli ha le mani callose, nonostante i 29 anni e un volto giovanile. Il perché lo racconta lui stesso. «A 15 anni ero già sulle impalcature, a 20 gestivo sei operai. A 25 ho fatto il salto, ho rilevato la ditta di papà e zio e li ho mandati in pensione. Ma la concorrenza è assurda. Avevo dei costi e nei preventivi ovviamente dovevo tenerne conto. Ma gli stranieri hanno aperto quasi tutti una ditta individuale, lavorando al minimo dei costi e 12 ore al giorno. Prezzi bassi, tempi rapidi ma pessima qualità. La gente però chiamava loro, e io ho dovuto chiudere. Mi sono ricollocato sul mercato come manovale, ma ho lavorato in nero sei mesi, e poi a casa un anno. Ora sono disoccupato». (M.C.)

La trasformazione del Da Vinci

In cerca di fortuna all’estero

Da sogno a incubo. Questo il percorso del Leonardo da Vinci, per anni meta ideale per migliaia di giovani del territorio di Fiumicino. Qualcosa però è improvvisamente cambiato. Fabrizio il posto l’ha perso questo inverno. E’ uno dei tanti ragazzi rimasti coinvolti nel calderone dei licenziamenti delle ditte appaltatrici in Aeroporti di Roma. «Vorrei evitare sia il cognome che la fotografia, ho smosso mari e monti per essere riassunto, il sindacato mi sta dando una bella mano e se esco sul giornale questi mi lasciano a casa per sempre». E pensare che lavorava li dal 2005, sette anni trascorsi tra contratti a scadenza e mesi passati a casa. Ma poi l’indeterminato, come un miraggio. Che non ha risolto tutti i problemi. «Perché quest’anno io ed altri miei colleghi siamo stati coinvolti in un cambio d’appalto. Il posto ci spettava di diritto ma siamo rimasti tutti a casa. Ho cercato altri lavori, ma l’unica telefonata che ho ricevuto è da voi per questa intervista». (M.C.)

La cantieristica navale stenta, l’edilizia sta attraversando la crisi più profonda degli ultimi anni, il turismo copre solo il periodo estivo. Il Mare di Roma insomma, non può permettersi nuove assunzioni. Lo dimostra la crisi occupazionale dell’aeroporto Da Vinci, quella della Bolici di Anzio, della Sigma Tau e della Di.Ma. di Pomezia, ed il calo di presenze turistiche registrato nella zona di Ostia e di Nettuno. Trovare lavoro ormai è un’impresa per pochi coraggiosi. E dal litorale romano sono sempre di più i giovani che partono in cerca di fortuna verso altri lidi. Che sia Nord Italia o estero poco importa. E’ essenziale riuscire a vivere. «Ho scelto con soddisfazione un’esperienza in Germania - racconta Federico - e devo dire che qui, soprattutto in alcune regioni, la situazione è molto diversa rispetto all’Italia. Chi lavora viene premiato. Certo, nessuno ti regala nulla, ma almeno si riesce a portare a casa uno stipendio. Da noi ormai era diventata un’impresa impossibile». (C.B.)


Pillole di Nera

18 luglio 2012

Fiumicino

Sgominata la banda delle scarpe Le Fiamme Gialle del Gruppo di Fiumicino e i colleghi del comando provinciale di Roma hanno sgominato un’organizzazione criminale dedita alla contraffazione di scarpe. Tutte è cominciato quando i finanzieri hanno intercettato i corrieri che trasportavano calzature marcate Hogan dalla Campania al Lazio. Poi è stata la volta di riscostruire i compiti dei componenti del sodalizio: dalla produzione di suole, a quella di plantari e tomaie, fino alla stamperia in cui venivano contraffatti i loghi. Le imprese si trovavano tutte nel territorio compreso tra Caserta e Napoli e i guadagni erano davvero da capogiro, tali da giustificare misure contro i controlli delle forze dell’ordine come sofisticati sistemi di videosorveglianza e macchinari occultati dietro delle pareti scorrevoli. Al termine del blitz sono state denunciate 13 persone per associazione a delinquere finalizzata alla contraffazione e alla ricettazione, sono stati sequestrati otto siti di produzione, 3mila paia di scarpe contraffatte, 65 macchinari per la loro produzione e 54mila pezzi tra suole, plantari e tomaie.

Roberto Di Cesare si trasforma in un bagnino

Il carabiniere eroe

L’appuntato ha salvato due famiglie, compresa una ragazza di 14 anni, in difficoltà nelle acque di Ostia di Gianluca Contiero

Q

uando si è accorto del pericolo in corso non ha esitato neanche un istante. Si è lanciato in acqua mettendo a repentaglio la sua stessa vita. I fatti sono avvenuti sulla costa di Ostia, dove un Carabinieri, l’appuntato romano Roberto Di Cesare di 48 anni, ha salvato la vita a due famiglie e a una ragazza che stavano annegando. Tutto è successo all’improvviso nello specchio d’acqua antistante lo stabilimento balneare Zenith, che si trova sul lungomare Vespucci. Le due famiglie erano in mare per concedersi un bagno rinfrescante quando, tutto di un colpo, la corrente ha trascinato uomini, donne e bambini a 200 metri di distanza dal bagnasciuga, a ridosso delle boe che delimitano la zona di balneazione. L’appuntato Di Cesare, libero dal servizio e in spiaggia con la moglie, non ha avuto neppure un istante di esitazione e si è tuffato in acqua richiamando anche l’attenzione dei bagnini, che si sono subito attivati per dare il proprio con-

19

Anzio

Malore in mare Il mare è tornato a mietere le proprie vittime dell’estate. Questa volta la tragedia si è consumata ad Anzio, dove un uomo di 46 anni, originario di Roma, ha perso la vita mentre si trovava nello specchio d’acqua antistante la spiaggia libera di Anzio Colonia. L’uomo, colto da un malore, non è riuscito a raggiungere la riva nonostante l’aiuto degli altri bagnanti. Inutile l’arrivo dell’ambulanza, della Capitaneria di Porto e dei sanitari del 118, che hanno cercato invano di rianimarlo.

Ardea

Vigili vs droga tributo. Il carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Ostia, ha prima raggiunto una famiglia - madre, padre e due figli - e poi si è diretto verso una donna in difficoltà e verso sua nipote di 14 anni, che stava annegando. Entrambe le famiglie sono state tratte in salvo, anche grazie alla pronta collaborazione dei bagnini dello stabilimento balneare Zenith di ostia. E alla fine tutto si è risolto con un grande spavento e con delle, normali, successive paure di rimettere piede in mare. L’appuntato 48enne Roberto Di Ce-

sare, comunque, non è assolutamente nuovo a gesti eroici del genere, visto che già in passato si era distinto per il proprio coraggio e la propria prontezza. L’uomo ha anche ricevuto alcuni encomi, come una medaglia di bronzo al valore civile, per il coraggio delle sue azione. A titolo di esempio è sufficiente ricordare quella volta in cui ha cercato di sventare un tentativo di rapina in corso da solo ed è rimasto ferito da una coltellata, episodio che, come detto, gli è valso la medaglia di bronzo al valore civile.

I Vigili Urbani di Ardea hanno scoperto una piantagione di marijuana nell’impervia zona della Castagnola, tra via dei Peschi e via della Vite. In aiuto del maggiore Maria D’Alessandri, che ha scoperto la piantagione, e del capitano Aldo Secci, è arrivata anche la Polizia. A quel punto i rappresentanti delle forze dell’ordine hanno messo in piedi un blitz congiunto e fatto irruzione nella struttura immobiliare, arrestando i coltivatori.


20

Turismo Il Pua

Regione pronta per l’esordio Prima volta per la Regione Lazio in tema di Piano di utilizzazione delle aree del demanio marittimo. Il tema è arrivato in assise su disposizione dell’articolo 46 della legge regionale 13 del 2007, che aveva fatto proprie le disposizioni di una legge del 1993. «L’assessorato e la Giunta stanno lavorando su questo argomento fin dall’insediamento – spiega Stefano Zappalà, Assessore al Turismo, Marketing e Made in Lazio della Regione – il sistema mare è molto importante per il Lazio. Gran parte dell’impresa passa per questo settore. Si tratta di uno strumento non vincolante per i Comuni, che però hanno l’obbligo di dotarsi di un proprio Pua (Piano di utilizzo degli arenili ndr)». Il Piano del Lazio, comunque, sarà predisposto in base al lavoro svolto negli anni passati dalla Litorale Spa, che ha interessato ben 600 associazioni di categoria. Fino ad ora sono arrivata ben 158 osservazioni, gran parte delle quali già accettate, e le tavole predisposte sono 24, una per ogni città del litorale. Le stesse tavole servono per identificare in maniera univoca lo stato delle aree demaniali. Prima del via libera definitivo, infine, ci sarà un confronto anche con tutti i Sindaci dei Comuni costieri.

18 luglio 2012

Il 37% degli italiani trascorrerà i mesi estivi lontano dal mare

Niente vacanze? Colpa dello spread di Lorella Di Carlo

«S

e avevi la Ferrari fatte la Panda, se avevi la villa al mare fatte la tienda, se avevi lo yacht fatte il gommone…». Parole e musica dell’ultimo successo discografico di Checco Zalone, che ha dimostrato di essere in grado di anticipare i tempi, oltre che di far ridere a crepapelle. Secondo uno studio dell’Hrd Training Group l’estate 2012 sarà all’insegna dell’austerity, come profetizzato dal comico in tempi non sospetti. La crisi economica, infatti, costringerà gli italiani a trascorrere delle vacanze low cost, e da questo punto di vista gli abitanti del Mare di Roma possono ritenersi più fortunati, dato che hanno il mare a pochi passi da casa. La colpa, comunque, è tutta dello spread e della difficile congiuntura finanziaria: un italiano su due resterà in città anche a luglio e agosto, l’altro invece non varcherà il confine nazionale durante le ferie. La situazione, poi, è talmente grave che gli intervistati, circa 500, hanno rivelato di soffrire di stressa da vacanza, di ansia da prestazione estiva e di non essere pronti a tirare la cinghia ancora di più pur di permettersi la vacanza dei propri sogni. Ecco le risposte degli italiani alla domanda

L’esigenza di dover calcolare ogni spesa al centesimo è motivo di stress e ansia. Meglio restare a casa. Chi parte invece sceglie il campeggio

«A cosa sei disposto a rinunciare per poter trascorrere un periodo di ferie?»: alle cene fuori e alla svago in città (19%); ai saldi di stagione (21%); piuttosto che mille rinunce meglio non partire proprio oppure optare per soggiorno meno costosi, scegliendo il campeggio al posto dell’albergo (22%). Il 37% degli intervistati ha addirittura assicurato di aver deciso di astenersi dalle vacanze. La decisione, anche se sofferta, è arrivata dopo un’attenta analisi del proprio budget mensile e dall’esigenza di

dover calcolare al centesimo ogni spesa. Insomma, in un momento come quello attuale ogni spesa extra pesa davvero parecchio e soprattutto provoca stress e tensione. Due elementi che rovinerebbero la giornata a qualsiasi persona. A questo punto, quindi, invece, di spendere soldi e doversi comunque stressare per il semplice fatto di averli spesi, gli italiani hanno pensato che sia meglio restare a casa. Anche a costo di soffrire l’afa della città pure durante i caldi mesi di luglio e agosto.

I valori

Il turismo diventa etico Il Lazio diventa capofila di una vera e propria rivoluzione nei settori del turismo, dei viaggi e dell’ospitalità. Ben 14 agenzie del settore, infatti, sono state inserite nell’elenco delle agenzie sicure del turismo, pubblicato sul bollettino ufficiale della Regione. «Questo – spiega l’assessore al Turismo e al Marketing del Made in Lazio, Stefano Zappalà – è un passo significativo verso la nascita di una nuova cultura del fare turismo. Una cultura che tenga conto del rispetto dei valori umani. Le 14 imprese si assumono impegni importanti in termini etici e logistici». La rivoluzione, comunque, affonda le propria radici nell’articolo numero 37 della legge regionale del 2007, che regolamenta proprio il turismo. Tra le altre cose, le agenzie si impegnano a utilizzare nell’organizzazione dei viaggi imprese che offrono servizi e prodotti non nocivi alla salute e alla sicurezza delle persone coinvolte. Ma non è finita qui, in ballo ci sono anche strutture e trasporti compatibili con l’ambiente, in relazione alla capacità di carico turistico, alla resistenza ecologica ed economica del luogo visitato; rapporti con imprese che non impiegano i bambini di età inferiore a 14 anni e con salario minimo riconosciuto che non configuri una situazione di sfruttamento.


Turismo

18 luglio 2012

Oriente &Occidente

La kasbah

La medina

21

La necropoli di Chellah

Tra la kasbah, la medina e il suk, l’aspirazione è diventare la capitale del Marocco moderno

Rabat: la città double face dove non ci si annoia di Gianluca Contiero

R

abat non sa ancora cosa vuole fare da grande. Per ora è divisa tra l’aspirazione di diventare la capitale del Marocco moderno, affacciata vivacemente oltre il Mediterraneo, nonostante la geografia, e tra quella di trasformarsi nella sede delle istituzioni, salvaguardando la tradizione e il rapporto “speciale” con la monarchia. Per ora è una città double face che può vantare, con orgoglio, il primato di paese più aperto del mondo arabo. Nel frattempo, in attesa di sciogliere i propri dubbi esistenziali, comunque Rabat è senza dubbio una città da visitare tutta di un fiato, una delle più belle mondo, nella quale di fondono tradizione e modernità. Dove ce n’è per tutti i gusti e dove annoiarsi è praticamente impossibile. I viaggio inizia proprio dalla storia della città, come è giusto che sia si parte dalla kasbah: entrando nella Bab el Oudaya, il portone moresco che regolava l’accesso alla cittadella che doveva difendere Rabat dagli attacchi esterni, ci si imbatte in piccole case, pulitissime, dipinte di bianco e azzurro. Nei vicoli della fortezza ci si può immer-

gere nel Marocco di un tempo, attirando ancora la curiosità degli autoctoni, perché Rabat non ha ancora metabolizzato fino in fondo i flussi turistici internazionali. Per chi ama il mare, invece, ci sono l’oceano Atlantico, l’Oudaya surf club e spiagge bellissime. Appena sopra, nel santuario del Marabout, sono conservate le spoglie di un santo uomo a cui i pellegrini chiedono la grazia per guarire da una malattia oppure per sposarsi. E dopo un bel pomeriggio di mare non può certo mancare un giro tra la medina e il suq. Il centro sto-

rico si snoda attorno alla rue Mohamed V, passando anche davanti alla grande Moschea, e rappres ent a una tappa obbligata, in particolare modo per tutti coloro che amano lo shopping: sciarpe di cotone e seta, ovviamente, giubbotti di pelle, ambra grigia, sapone nero ar-

tigianale a base di olio di oliva, menta, montone arrosto. E chi più ne ha più ne metta. Infine,

per gli amanti dell’archeologia e della natura, Rabat offre la necropoli di Chellah, e cioè l’ex insediamento, forse romano o forse fenicio, di San Colonia. Oggi la necropoli si è trasformata in un rifugio perfetto per centinaia di cicogne, che nidificano e si riproducono, in tutta tranquillità, tra le mura antiche e i resti del tempio.


Cultura

18 luglio 2012

23

Il concerto di Anastacia il primo evento di Nettuno. Poi gli Stadio e Venditti

La regina dello Sprock apre le danze d’estate Anzio risponde con Emma e Samuele Bersani. A Villa Adele anche Enrico Montesano di Gianluca Contiero

Fiumicino celebra 20 anni puntando sulle eccellenze

N

ettuno ha aperto ufficialmente la grande estate del litorale con il primo botto della stagione: il concerto di Anastacia. La star si è esibita all’interno dello stadio di baseball della città, dove ha anche cantato in esclusiva per il Mare di Roma il suo nuovo singolo Deeper Love, attirando fan da ogni parte della Regione. «La scelta di Nettuno per il concerto – confessa Anastacia, regina dello Sprock, misto tra soul, pop e rock – è stata del mio promoter ma sono felice di visitare più posti possibili. Peccato che non abbia potuto girare troppo per la città, visto che il giorno prima del concerto ero molto stanca (al punto che la prima conferenza stampa è stata rinviata perché la regina dormiva, e durante la seconda qualche collega è rimasto fuori dalla porta perché arrivato due minuti dopo Anastacia). Comunque ho postato sul mio profilo Twitter qualche foto di Nettuno e la mia band se n’è innamorata». Dopo Nettuno Anastacia si sposterà a Bologna: «Sono felice – dice la star – di poter suonare davanti alle popolazioni colpite dal terremoto, perché la musica aiuta a superare i momenti più duri. Anche io uso la mia stessa musica nei momenti difficili, quando mi circondo anche di persone che mi vogliono bene e cerco sempre di sorridere per stare bene e far stare bene chi mi è vicino». L’estate nettunese, comunque, non si concluderà certo

con il concerto della regina dello Sprock, visto che sono in programma anche altri eventi di livello assoluto, come il concerto degli Stadio il 6 agosto, di Antonello Venditti il 13 e di Pino Daniele il 14 agosto. Per chi ama il cabaret, invece, l’appuntamento clou sarà quello del 2 agosto con Maurizio Battista. Tutti gli eventi si svolgeranno all’interno dello stadio di baseball. Spostandosi da Nettuno ad Anzio, poi, il livello delle manifestazioni studiate per la stagione estiva non cambia assolutamente. All’interno della città neroniana, infatti, si esibiranno artisti del livello di Emma, concerto in programma il 5 agosto a Villa Adele, e di Samuele Bersani,

Una stagione all’insegna della cultura e dei musei Non solo musica, sport e divertimento nell’estate del Mare di Roma, ma anche tanta cultura. Da Ardea ad Anzio si moltiplicano le inziative organizzate dalla Raccolta Manzù rutula e dal Museo Civico Archeologico neroniano. La prima struttura ha organizzato una tavola rotonda con i cittadini per scegliere il futuro collocamento all’interno del contesto urbano dell’Airone cinereo, attualmente nel giardino del museo ardeatino e donato dallo scultore Claudio Magnetti in occasione delle celebrazioni per i 150 anni dell’unità d’Italia. Il Museo anziate guidato da Giusy Canzonieri, invece, ha portato tutti al mare con l’iniziativa “Io tombolo, tu puncetto, noi macramè”. Si tratta di un laboratorio organizzato dal gruppo Penelope e inserito nell’ambito del progetto dei Presidi di cultura Museale. Le manifestazioni, comunque, non sono certo finite qui e perché avesse perso quelle dell’ultimo fine settimana non deve fare altro che aspettare i prossimi eventi. Senza dimenticare che nel frattempo è possibile visitare la Villa Imperiale di Anzio e il Castrum Inui di Ardea. (G.C.)

stesso palcoscenico ma data ovviamente diversa, 18 agosto. Nel mezzo ci sarà l’esibizione di Massimo Ranieri, prevista per l’11 agosto. Non solo musica ad Anzio, comunque, ma anche grandi attori, come Enrico Montesano, che il 7 agosto porterà in scena il suo “Buon Compleanno” e Vincenzo Salemme, che il 15 sarà sul palco con lo spettacolo “Il diavolo custode”. Entrambe le iniziative si svolgeranno all’interno del teatro all’aperto di Villa Adele. Ma Anzio non si ferma ancora, visto che nella location di Villa Adele andranno in scena eventi culturali come “Parole per incontrarsi” e la “II rassegna pianistica”. Insomma su tutto il Mare di Roma non ci sarà certo da annoiarsi durante la stagione estiva, tra Anzio, Nettuno, Ardea, Ostia e Fiumicino, infatti, sono in programma davvero parecchi eventi, anche studiati per soddisfare le esigenze di qualunque tipologia di pubblico.

di Gianluca Contiero Fiumicino festeggia i suoi primi 20 anni. E lo fa con un ricco calendario di iniziative, tra le quali spicca l’inedito Palio delle 12 Terre. Si tratta di una manifestazione promossa e organizzata dall’amministrazione comunale, dal circolo velico Fiumicino e dalle associazioni del territorio. Lo scopo è quello di coinvolgere ogni località del territorio, promuovendo le principali vocazioni della città, che si dividono tra mare e terra. Alla manifestazione prenderanno parte tutti e 12 le zone che compongono il vasto territorio di Fiumicino: Aranova, Isola Sacra, Fiumicino centro, Focene, Fregene, Maccarese, Palidoro, Passoscuro, Testa di Lepre, Torre in Pietra, Tragliata e Tragliatella. Ogni zona sarà rappresentata da uno chef e un’imbarcazione, perché il Palio delle 12 Terre si svolgerà sia in un cucina, con una gara gastronomica tra i migliori cuochi del

territorio, sia in mare, con una regata velica da non perdere assolutamente. Giovedì 19 la gara di cucina presso i Laboratori del Gusto della scuola Paolo Baffi, mentre domenica 22 luglio prenderà il via il Palio Marinaro, nel corso del quale si sfideranno imbarcazioni classe Este24, una delle monotipo più prestigiose del mondo velico. Le imbarcazioni sono state tutte realizzate dallo storico cantiere D’Este, una delle tante eccellenze produttive di Fiumicino riconosciuta a livello nazionale. Sempre domenica 22 luglio, infine, ci sarà la premiazioni, prevista all’interno della corte di Villa Guglielmi. per l’occasione verranno premiati i migliori tre chef della manifestazione e i vicnitori della regata velica. Alla zona che avrò ottenuto il punteggio migliore, calcolato sommando i singoli risultati ottenuti sia in mare che in cucina, verrà consegnato un premio davvero speciale, e cioè il gonfalone di Fiumicino.

La nobile arte fa il pieno di consensi La grande boxe non tradisce mai Come tutti gli anni l'Asd Pugilistica Nettunese ha organizzato in Piazza Cesare Battisti, una riunione di Boxe di alto livello pugilistico. La serata è stata intitolata alla memoria del vecchio presidente Salvatore Lombardi, che dal 1950 ha cresciuto generazioni di giovani boxeur di Nettuno, nella storica sede sotto il municipio. Commovente la consegna della targa ai parenti in una piazza gremita di spettatori, che come ogni anni, hanno dimostrato di aver apprezzato il lavoro svolto dall’associazione. Molti gli sportivi presenti: il Maestro Antonio Taurelli, Nando Onori, Mauro Conti, Antonello De Luca, Carel Sandon, Silvio Federico, Carlo Grassi e gli organizzatori,

Emiliano Cugini ed Arianna Onori. «Con i nostri cinque pugili - spiega Emiliano Cugini - abbiamo portato a casa tre vittorie, un pareggio ed una sola sconfitta, oltre la vittoria del 7 luglio, ad Aprilia con il nostro Santo Arnone. Prossimo appuntamento per gli appassionati il 20 luglio nella parrocchia di Don Raimondo, a Pocacqua, per ricordare Giulio Rinaldi». In quell’occasione si potrà anche ammirare una mostra fotografica a lui intitolata, per poi concludere la stagione estiva con la serata che si terra al coperto il 27 settembre al ristorante il Golosone a Nettuno, dove avranno luogo 10 match di alto spessore agonistico.


Il Personaggio

18 luglio 2012

25

Famosa per la serie “Tutti pazzi per amore” in estate si dividerà tra il set e il palco del teatro

Marina Rocco è il volto dolce del cinema «Sono nata e cresciuta a Milano ma amo il mare. A patto che sia fuori stagione» Cosa sapevi della legge Merlin? Internet è una fonte inesauribile di notizie, molti libri sull’argomento non esistono più. Marco Turco ci ha fatto vedere dei film, lettere di prostitute scritte alla Merlin. Mi ha incuriosito il fatto che ci fossero pareri e idee contrastanti tra le prostitute. Alcune erano a favore altre conto.

di Lorella Di Carlo

D

olce volto del nuovo cinema italiano, nota al gran pubblico per l'amata serie “Tutti pazzi per amore”, dove interpreta una frizzante mamma un po’ sopra le righe. Dopo un anno ricco di progetti, la vedremo in tv prossimamente in una nuova miniserie ambientata negli anni '50 e dedicata alla questione delle case chiuse di cui ci ha parlato. Nonostante i numerosi film e le fiction, Marina Rocco non dimentica l'amore per l'odore della polvere del palcoscenico e torna a teatro con “Il popolo non ha il pane? Diamogli le brioche” con l'amico Filippo Timi.  

Ho notato che hai sempre dei look molto curati e ricercati, da dove trai ispirazione? Ho dei gusti abbastanza precisi su quello che mi piace e mi appassiono a certi capi che mi fanno sentire a mio agio e mi fanno stare bene. Tengo molto al parere degli altri, chiedo consiglio a qualcuno perché a volte si rischia di piacere solo a se stessi.

tutti pazzi per amore è la serie che ti portato alla notorietà, qual è il segreto di questo successo? Dico quello che è piaciuto a me della serie. Penso che sia una serie che osa, molto coraggiosa per il modo in cui vengono raccontate le storie. E il rischio, si sa, è una parte essenziale della vita. Quanto ti riconosci nel tuo personaggio?  Si finisce per entrare molto in simbiosi con un personaggio che si interpreta per così tanto tempo. Io e Stefania siamo due persone che si somigliano, anche se in condizioni di vita diverse.  Per quanto ci siano dei cambiamenti, lei è eternamente fidanzata, ogni tanto sembra che voglia fuggire, ma è sempre accanto al suo Giulio, anche se sembra che stiano per lasciarsi. In questo forse mi

Dove andrai in vacanza quest’estate? Sarà un’estate lavorativa, ma tra un set e una prova troverò sicuramente il tempo per andare a Viareggio dai miei genitori.  reporter viene distribuito sul litorale romano, conosci queste zone? Che rapporto hai con il mare? Adoro il mare, sono nata e cresciuta a Milano per cui l’ho sempre concepito come un posto dove andare per qualche giorno. Da quando mi sono trasferita a Roma lo vivo più frequentemente, mi è capitato di andare a passeggiare lungo la riva in periodi e orari poco affollati. Ecco mi piace andarci fuori stagione, non sono un’appassionata di tintarella e del grande caldo.

La scheda

piacerebbe assomigliare più a lei. Sarebbe un successo meraviglioso creare una famiglia, per il momento sono sempre scappata. Cosa c’è nel tuo futuro, cinema, teatro, fiction? Sto girando un film in due puntate per la Rai, “Altri Tempi” di Marco Turco, ambientato negli anni Cinquanta, che ha come

tema le case chiuse e la legge Merlin. È un’esperienza molto ricca di umanità perché ci stiamo immergendo in un’altra epoca. Sto riprendendo uno spettacolo con Filippo Timi “Il popolo non ha il pane? Diamogli le brioche”. Che andrà in scena a Milano in estate e arriverà all’Ambra Jovinelli di Roma dal 15 al 25 novembre. 

Marina Rocco inizia la sua carriera di attrice al teatro e in televisione, nella sit-com “Due per tre” di Canale 5 con Jonny Dorelli. Nel 2002 altra sit-com, “Ugo”, questa volta con Marco Columbo e Barbara D’Urso. Tra il 2002 e il 2004 invece è Nina Corteccia nella Melevisione di Rai 3. Nel 2007 è nel cast de “La giusta distanza” di Carlo Mazzacurati, nel ruolo di Eva, e di “Valzer” di Salvatore Maira, nel ruolo di Lucia. Nello stesso anno gira “Penso che un sogno così”, diretto da Marco De Luca, film costato solamente 9.000 euro. Il film, dopo aver vinto dei premi ed esser stato presentato a Hollywood, arriva nelle sale romane nel 2010. Il 2008, poi, è un anno parecchio impegnativo, nel quale sbarca sui set di “Amore, bugie e calcetto”, dove interpreta il ruolo di Martina, “Riprendimi” di Anna Negri, nel ruolo di Tiziana, e “Sanguepazzo” di Marco Tullio Giordana. Inoltre è coprotagonista della miniserie tv di Rai Uno, “Rex”, regia di Marco Serafini. E poi ancora è nel cast della serie tv di Rai Uno, “Tutti pazzi per amore”, interpretando il ruolo di Stefania Del Fiore, ruolo che interpreta anche nella seconda e terza stagione e che la porta alla notorietà. Tra i riconoscimenti conquistati il premio come migliore interprete femminili di “Tutti pazzi per amore 2”, assegnato dalla giuria L.A.R.A. del Roma Fiction Fest 2010.


26

Economia

18 luglio 2012

I distributori esclusi dalle offerte del weekend minacciano lo sciopero

La benzina scontata è un problema

Intanto i prezzi infrasettimanali continuano a crescere per permettere alle compagnie di coprire i mancati introiti delle promozioni previste dal venerdì alla domenica niente più sondaggi per l’istat di Francesco Pastoressa (francesco.pastoressa@reporternews.it)

S

alassi durante i giorni lavorativi e megasconti nel fine settimana. La doppia identità dei distributori di benzina andrà avanti per tutta l’estate, ma potrebbe anche causare gravi problemi agli stessi automobilisti, come la serrata di alcune impianti. Ma procediamo con ordine: Eni ha alzato di 2,6 centesimi al litro il prezzo della benzina e di 2,5 centesimi quello del diesel, mentre Totalerg ha fatto salire il costo di un litro di entrambi i prodotti di 0,4 centesimi di euro. I prezzi del carburante alle pompe in cui è assicurato il servizio degli addetti ai lavori, comunque, sono mediamente in aumento in tutte le stazioni, sia per effetto delle quotazioni internazionali sia pareggiare le offerte che vengono proposte durante il fine settimana. I prezzi medi durante la settimana, infatti, si aggirano intorno a

1.831 euro al litro per la benzina e 1.721 euro per il diesel, con punte massime di 1.900 per il primo tipo di carburante e di 1.721 per il secondo. Ma durante il week-end, quando avviene il più grande spettacolo (citando Jovanotti) per chi ha una macchina, è tutta un’altra storia: Esso ripeterà ancora la campagna promozionale, così come Eni replicherà la propria offerta, che resterà in vigore addirittura fino al prossimo 3 settembre. Gli sconti si aggirano mediamente intorno ai 21 centesimi di euro e scattano, almeno per la Esso, dall’ora di pranzo di venerdì per concludersi soltanto alla riapertura della stazione di servizio del lunedì successivo. Ovviamente sono erogati attraverso gli accettatori automatici self pre-pay. Ma questa aggressività delle compagnie leader, che senza dubbio nel breve periodo porta dei vantaggia per i consumatori, potrebbe avere pesanti ripercussioni proprio sugli stessi automobilisti. I

L’Istat rischia di essere costretto a interrompere le rilevazioni statistiche. Il problema riguarda il taglio ai finanziamenti che nel 2013 scenderà dai 176 milioni del 2011 a una cifra che oscillerà tra i 150-160 milioni: metà delle risorse di cui dispongono i collegi francesi e un terzo di quelle dei paesi nordici. «Dal primo gennaio del 2013 non effettueremo più sondaggi, ma continueremo a pagare gli stipendi» è il grido d’allarme del presidente Enrico Giovannini, che guida l’Istat dal 2009.. A colpire l’Istituto nazionale sono state prima la legge di Stabilità dello scorso novembre e ora il pacchetto della spending review, che hanno fatto venire meno rispettivamente 29 milioni in tre anni e tre milioni. Da gennaio, quindi, niente più dati su inflazione, contabilità, condizione di vita delle famiglie e forza lavoro, tanto per citare alcuni esempi. Ma il pericolo più grande è un altro, e cioè le sanzioni dell’Ue. (F.P.) gestori delle stazioni di servizio che si trovano lungo le tangenziali d’Italia, tagliati fuori dalle campagne promozionali, sono pronti a scioperare. La protesta si è alzata forte sulla tangenziali di Milano, dove la rete di distributori eroga 11o milioni di litri di carburante ogni anno, ma prestl

potrebbe arrivare anche a Roma e avere forti ripercussioni sulla mobilità del litorale. I benzinai delle tangenziali infatti, ora devono vedersela anche con le campagne delle compagnie petroliferi, accusate di vendere sottocosto e danneggiare gli stessi distributori.

Mutui

Erogazioni in calo

Drastico calo per le erogazioni dei mutui da parte delle banche relativi all’acquisto delle case. Nel primo trimestre del 2012 la quota è scesa del 47%; in calo anche le erogazioni di credito al consumo. Per quanto riguarda il motivo del calo, invece, questo è a metà strada tra le ristrettezze economiche delle banche e la prudenza mostrata dalle famiglie italiane, che hanno limitato i consumi. A influire sul crollo delle accensioni dei mutui anche il ritorno in auge della tasse sugli immobili, l’Imu. In forte contrazione, secondo la trentaduesima edizione dell’Osservatorio sul credito al dettaglio (studio realizzato da Assofin, Crif e Prometeia), poi, ci sono anche i finanziamenti solitamente richiesti dalle famiglie dello Stivale per l’acquisto di beni durevoli. Resistono come prodotto core per gli operatori, infine, i prestiti personali, anche se neppure questi sono sfuggiti al calo. Dopo aver chiuso il 2011 in rialzo rispetto all’anno precedente, +4,3%, nel primo trimestre del 2012 è arrivata la contrazione, che ha fatto registrare una percentuale negativa del 12,3%. (F.P.)


Curiosità dal mondo

18 luglio 2012

India

Stati Uniti

Ninja cannabinoidi

Cucciolo d’uomo

West Covina, California: la polizia ha ricevuto la chiamata di un fattorino che denunciava il furto della marijuana che stava consegnando a uso medico, da parte di due rapinatori travestiti da ninja.

Chotu Kumar, un ragazzino indiano di 6 anni di famiglia poverissima, sfamato da una cagnolina: «Mi tratta come uno dei suoi cuccioli, dandomi il suo latte che mi placa lo stomaco».

Tutti rischiano il posto, anche i grandi Bahar e Galliano

Genio e sregolatezza Un mondo di precari

27

Brevi dall’Europa

Triberg Parcheggi difficili e in retromarcia ritorna di moda la guerra dei sessi Un garage dove ci sono posti per soli uomini. Questa, l’iniziativa di Gallus Strobel, sindaco della cittadina tedesca di Triberg, nel cuore della Foresta Nera. «In quei posti si può accedere esclusivamente in retromarcia – dice il sindaco – e in questo le donne sono meno brave». Ma c’è un altro aspetto, che sicuramente merita lo stesso tipo di considerazione: all’interno del garage ci sono anche 13 posti riservati alle signore, un vero e proprio “atto di galanteria”, ammette Strobel. Una giornalista del Bild, però, non ha digerito il provvedimento del primo cittadino di Triberg, ed è andata personalmente sul posto. La giornalista, ha parcheggiato in 13 secondi, Strobel, invece ci ha impiegato 2 secondi in più.

Londra Medaglia d’oro per Mc Donald’s apre il ristorante ecocompatibile di Cinzia Pagliaroli

È

tempo di crisi e ultimamente non passa giorno in cui non si senta parlare a più riprese della recessione economica e dei suoi effetti sul mondo del lavoro. Il precariato avanza a discapito del posto fisso. Ora più che mai è proprio il caso di dire che tutti sono utili e nessuno indispensabile. Ultimamente Dany Bahar, chief operating officer del gruppo malese Lotus è stato licenziato con effetto immediato. Bahar è stato l’uomo che ha avuto e realizzato l’idea di cambiare il vecchio team Renault con il glorioso logo Team Lotus. La decisione è stata presa dal consiglio di Group Lotus Plc a seguito di un’indagine su una denuncia presentata nei confronti di Bahar, per cause comportamentali, anche se molti vociferano che Bahar ha perso il posto a causa degli scarsi risultati. Nel caso di Ste-

ve Jobs, fondatore di Apple, invece, non si può certo parlare di insuccessi eppure fu licenziato dalla sua stessa società. L’autore di tale scelta, che rimarrà nella storia come chi ha fatto la peggior scelta di business possibile, è John Sculley. Scelto da Apple per sovraintendere dal punto di vista aziendale il lavoro geniale di tecnici, designer e dello stesso Jobs, non riuscì, però, a mettere ordine nel caos creativo, creato proprio da Jobs e decise di licenziarlo. E pensare che fu Jobs a convincere Sculley, che era alla Pepsi, a entrare nell’Apple, nel 1983. Quella del licenziamento, per lui che amava seguire il cuore e l’intuizione fu la cosa migliore che potesse capitargli. Libero e nuovamente senza più certezze su niente ha vissuto uno dei periodi, da lui stesso definito, tra i più creativi della sua vita. Infatti, nei cinque anni seguenti ha fondato la NeXT e poi la Pixar,

e si è innamorato di quella che sarebbe diventata sua moglie. Jobs poi è tornato all’Apple e tutto il resto è storia nota. Nel caso di John Galliano, altro “scaricato” geniale, si può sicuramente dire che genio e sregolatezza vanno sì di pari passo, ma l’eccedere fa poi saltare il posto. Il genio di casa Dior – il ragazzo terribile dai molti eccessi sulle passerelle e fuori, della Collezione clochard ispirata ai senza tetto – l’ha combinata grossa, al punto tale da costringere Bernard Arnault a licenziarlo. Il video diffuso dal Sun, mentre offende con insulti fortemente razzisti dei clienti, ha fatto sì che scattasse il divorzio tra lui e la casa d’alta moda. Per lui, il re degli eccentrici, che con vanto diceva che quando è arrivato a Parigi dormiva in strada per terra, il patron, Bernard Arnault più volte aveva chiuso un occhio, ma alla fine l’ha scaricato.

In occasione delle ormai prossime Olimpiadi londinesi il colosso americano dei fast-food è tornato a far parlare di sé. All’interno dell'Olympic Park realizzato a Londra in occasione dei giochi e a ridosso dello Stadio Olimpico, sta per aprire un enorme ristorante Mc Donald's. Il più grande al mondo, misurerà circa 3 chilometri quadrati e avrà 1.200 posti a sedere. A settembre, sarà smantellato e il materiale e le attrezzature saranno riciclati.

Bruxelles L’ue predica bene e razzola male La casta del vecchio Continente L’Europa continua a chiedere tagli ai bilanci pubblici dei singoli Stati, laddove si annidano sprechi e privilegi. Tutto giusto, salvo il dettaglio di non applicarle a casa propria, tra Bruxelles e Strasburgo, dove da anni si gonfia, senza pause e senza correzioni, la bolla degli euro-burocrati che tra stipendio e benefit vanno a prendere dagli 11 a 20 mila euro netti al mese. Nella fiera europea dei privilegi ci sono anche tanti altri privilegiati, come uscieri, segretarie e impiegate che portano a casa circa 6mila euro netti al mese e vari benefit.

Parigi Computer contro umani a tris e Forza 4 non c’è partita I ricercatori dell'Università Diderot di Parigi hanno messo a punto un software che è in grado di battere un qualsiasi avversario umano. Il software, programmato per apprendere osservando qualcuno mentre gioca, è in grado di analizzare video di persone che giocano a Forza 4 o a Tris, comprendere tutte le mosse possibili e sfruttarle contro un avversario vero. Il software, però, non è ancora in grado di comprendere i giochi in cui le regole della vittoria sono legate a quelle del movimento, come succede negli scacchi.


28

Cucina

18 luglio 2012

Gli obiettivi principali dell’estate sono reintegrare i liquidi e combattere la disidratazione

Il gran caldo si combatte a tavola Niente è meglio di frutta e verdura di stagione. Indicati anche pesce, spremute e carni magre. Da evitare, invece, bevande alcoliche e fritti di Paola Bernieri

I

l grande caldo di quest’anno si combatte anche a tavola. Per avere la meglio sulle temperature letteralmente infernali, come testimoniato dai nomi dei vari anticicloni africani, è necessario puntare su cibi in grado di combattere la disidratazione e reintegrare i liquidi. Secondo i principali esperti comunque «non bisogna variare di troppo la propria alimentazione, anche se ci sono alcune regole d’oro da seguire». E allora spazio a frutta e verdura di

Un pasto completo antipasto La caprese è un classico della tradizione mediterranea, ma vanno bene anche un carpaccio di salmone condito con il limone oppure un’insalata di mare a base di cozze, gamberi, calamari e limone. Primo Insalata di riso e pasta fredda sono un must dell’estate. Per i più audaci ci sono anche pasta integrale condita con pomodorini e feta e timballo di farfalle con pomodoro, basilico e pepe nero. stagione che sono maggiormente ricche di acqua e carotenoidi, particolarmente importante per proteggere la pelle dai possibili danni del sole. Per quanto riguarda le bevande, invece, oltre all’acqua ogni tanto è possibile concedersi una bibita analcolica. Gli altri nemici da combattere sono il calo dell’appetito e la digestione più faticosa: per questi motivi insalate, pasta fredda e macedonie riscuotono enorme successo durante l’estate. Perché sono leggere e appetitose. Al bando, invece, fritti, insaccati e piatti elaborati. Per

tutti coloro che non amano particolarmente frutta e verdura, comunque, non c’è nessun problema, visto che possono andare bene, in alternativa, anche carni magre, pesce, passati di legumi, minestre tiepide, spremute di agrumi e latte. Da non sottovalutare, poi, neanche il grande dispendio di minerali, espulsi dal corpo attraverso il sudore, che devono essere reintegrati nel migliore dei modi. Per farlo, però, non sono necessari integratori da farmacia, ma possono andare bene anche bibite con o senza zucchero; quelle zuccherate in

particolare aiutano, insieme a tutta una serie di altri accorgimenti, a rinfrescare il corpo, recuperare i liquidi persi e ricaricare le pile. Infine, sempre in tema di bevande, meglio evitare quelle alcoliche, anche se un cocktail con gli amici, bevuto passeggiando sul lungomare oppure in un locale sulla spiaggia, è davvero una tentazione difficile da sfuggire in estate. Una tentazione alla quale, con moderazione e attenzione, ma questo vale sempre quando si parla di alcol e non solo in estate, si può anche cedere di tanto in tanto.

secondo Spiedini di pesce spada, con pomodorini da cuocere al forno e servire freddi sono una vera leccornia. Poi ci sono anche verdure grigliate e insalata di pollo. Dolce Il gelato è il grande protagonista della stagione. ma per risparmiare e scegliere liberamente i propri gusti si può puntare anche sui ghiaccioli fatti in casa.


annunci@reporternews.it La redazione prenderà in considerazione esclusivamente gli annunci inviati all’indirizzo mail annunci@reporternews.it. tutte le richieste inviate agli altri indirizzi verranno cestinate preventivamente per esigenze organizzative. vendo o affitto terreno edificabile metri quadrati 1.096, B4, sito a Lavinio, in via Giove. recintato, cancello, capanno per attrezzi, pozzo. allaccio enel, fognature e acqua di carano. Diversi alberi da frutta. Prezzo vendita euro 150mila trattabili. Prezzo affitto 300 euro mensili. telefono 06/9874192, Paola affittasi appartamento via san Giacomo 20, nettuno, 90 metri quadrati, 2 stanze, cucina e bagno ampi. Balconatissimo. secondo piano. Parcheggio interno. Telefono 329/4076560 nettuno (centro distante circa 8 km, in zona abitata dopo tre Cancelli). Privato vende panoramico e luminoso appartamento di 85 mq. al 1° piano unico con entrata e scala indipendente al piano terra (no condominio): Salone, cucina abitabile con terrazzino, 2 camere da letto, bagno con vasca. Box auto attrezzato e piccolo giardino. Risc.autonomo. Ottime condizioni interne. Euro 115mila  Tel.3472940707.No agenzie. Lavinio Cinque Miglia porzione villino ottimo soggiorno/pranzo, camino, angolo cottura, wc, portico, posto macchina, giardino mq.200 paino terra; camera, cameretta, bagno primo piano. Mobiliato, termoautonomo, doppi vetri. E.148.000 tratt. Senza condominio. No agenzia. 3480105080. Classe energetica “G”. affittasi locale-cantinato per deposito merci varie, mq 300, sito a tor san Lorenzo (ardea) via Arno s.n.c. Euro 400,00  . Telefono 33876474759 affittasi ufficio  mq 40 : 2 vani + servizio + posto auto all’aperto, sito a Pomezia via Dei Castelli romani 41. Euro 450,00 . Telefono 338/6474759 vendesi parte di una bifamiliare, soggiorno, cucinotto, 1 camera,1 cameretta, bagno, grande giardino, terrazzo. ( Lido dei Pini- TorSanLorenzo) Euro 145,000-Trattabili. Telef. 3898371651- 06 92903229. acilia alta traversa Malafede, zona Giardino di roma, affittasi box con finestra, 14 metri quadrati, asciutto, utile anche uso magazzino. euro 150 al mese. Telefono e segreteria 06/5672815 Box e cantina adiacente, 20mq +4mq, soppalcabili, all’interno di condominio con cancello elettrico esterno, 17.000 euro. Possibile anche vendita separata, in NETTUNO zona San Giacomo. Telefono 3489382994. Francesco. anzio, villa Claudia, villino multilivello indipendente in quadrifamiliare,fine 2008,composto da; PT ingresso -giardino; piano primo: patio,ingresso-salone,cucina muratura,due camere matrimoniali, bagno con doccia; piano secondo:bagno con vasca e mansarda, terrazzo-solarium . Vista mare da ogni piano, a 50 mt dal mare, semiarredata.termoautonomo, tende antisole,aria condizionata,impianti irrigazione automatica,doccia calda in giardino per rientro mare. VERO AFFARE,costo 255.000 euro, si vende a 195.000 euro. tel 348/9382994 e 380/3494874. Francesco No agenzie acilia alta, quartiere Giardino di roma, traversa Malafede, proprietario affitta con contratto annuale, Box 14mq. asciutto con finestra ottimo per auto o deposito materiali non infiammabili,Euro 150\m. (due mesi deposito richiesti). Rivolgersi: Telef.\segr. 065672815 affittasi locale cantinato per deposito merci varie, metri quadrati 300, sito a Tor San Lorenzo, Ardea, via Arno snc. Euro 400. Telefono 338/6474759

affittasi ufficio metri quadrati 40: due vani + servizio + posto auto all’aperto, sito a Pomezia via dei Castelli romani 41. Euro 450. Telefono 338/6474759 nuova Florida ardea, affittasi in villa confortevoli camere ammobiliate, dotate di bagno privato, friogrifero, tv. In comune cucina attrezzata e lavatoio. A partire da 340 euro al mese + deposito cauzionale + 25 euro pulizia finale. Nel costo sono inclusi Adsl 24 ore, consumi acqua, luce, gas, pulizie bisettimanali degli spazi comuni. Telefono 329/4159036 e 328/6578356 nettuno, affittasi appartamento in via dell’Olmo, zona Poligono, 300 metri dal mare, primo piano, composto da due camere matrimoniali, cameretta, doppi serivzi, salone, cucina abitabile, balconi, cantina. Termoautonomo, arredato. Telefono 334/6963149 affittasi appartamento ammobiliato largo santa Barbara nettuno. Cucina abitabile, ampio bagno, camera da letto grande, riscaldamento autonomo, senza condominio. Posto macchina. Solo ragazza referenziata. No agenzia. Telefono 338/4934823 affittasi casa in sardegna, località La Maddalena, monocamera, angolo cottura, giardino di 40 metri quadrati, casa già arredata. Si affitta per i mesi di giugno, luglio, agosto e settembre. Luce e acqua escluse. Telefono 333/6800995 Fiumicino affitto negozio di due piani, in tutto 85 metri quadrati, zona centrale di grande passaggio, ampio parcheggio, climatizzato, vetrina. Adatto a studio commerciale e professionale, salone di bellezza o parrucchiere, solarium, lavanderia, gelateria. Euro 1.100 al mese. Telefono 338/8734828 e 342/5534555 tor san Lorenzo: villino piano terra 100 metri quadrati in villaggio residenziale con piscina, soggiorno e angolo cottura, camino, bagno, cucina, due camere, giardino barbecue, docca esterna. Euro 700.ò telefono 334/8108879 vendesi parte di una bifamiliare, soggiorno, cucinotto, una camera, una cameretta, bagno, grande giardino, terrazzo. Lido dei Pini – tor san Lorenzo. Euro 145mila trattabili. Telefono 389/8371651 e 06/92903229 Lavinio, Cinque Miglia, porzione villino ottimo soggiorno/pranzo, camino, angolo cottura, wc, portico, posto macchina, giardino di 200 metri quadrati piano terra; camera, cameretta, bagno primo piano. Mobiliato, termoautonomo, doppi vetri. Euro 158mila trattabili. Senza condominio. No agenzie. Classe energetica G. telefono 348/0105080 affittasi appartamento Casalpalocco centro adiacente terrazze ristrutturato e arredato. Salone, camera da letto, cucina, bagno con vasca, aria condizionata, giaridno privato. Euro 850 al mese. Telefono 339/7946831 infernetto adiacente Parchi della Colombo affittasi appartamento bilivello in condimonio ristrutturato e arredato. Salone, due camere, cucina, bagno, aria condizionata, giaridno privato. Euro 750 al mese + spese. Telefono 339/7946831 nettuno, zona abitata situata oltre tre Cancelli. Privato vende luminoso appartamento

di 85 metri quadrati al primo piano unico con entrata indipendente al pian terreno composto da: ampio salone, cucina abitabile con terrazzino, bagno, 2 ampie camere da letto. Riscaldamento autonomo. Ottime condizioni interne. Box auto. Euro 125mila trattabili. No agenzie. Telefono 347/2940707 Privato vende villino Liberty primi ‘900 di otto locali, doppi servizi e giardino di circa 400 metri quadrati. si tratta di un fabbricato vincolato in area archeoloogica a Ostia antica, quindi con tutti i benefici notarili e fiscali previswti dalla legge. Il costo è di 875mila euro. Si trova a 50 metri dalla metro e a 100 metri dall’entrata degli scavi. Le agenzie non sono gradite. Per ogni info telefono 328/0824360, mail vferrara@ostiaantica.net affittasi ad anzio, Lido delle sirene villa su tre livelli, 5 camere da letto, salone con termocamino, cucina abitabile con camino, 3 bagni, ampi balconi vista mare, attico adibito a solarium dotato di attrezzatture per un completo relax. Distanza dal mare 150 metri. Tutte le camere e i bagni sono forniti di termosifoni, collegamento predisposto per metano, bombolone gpl interrato in giardino da 400 metri quadrati, pozzo romano per irrigazione automatica programmabile, locali uso magazzino, legnaia, centrale servizi con caldaia doccia, wc, due passi carrabili con cancello automatico, ampio parcheggio interno, vicinanza a supermercato, bar, tabacchi, fermata Cotral, stazione ferroviaria, facilmente raggiungibile. La villa può essere adibita ad attività di B&B, residenza protetta, alta rappresentanza per istituzioni pubbliche e società. Affitto mensile 1.750 euro. La villa è elegantemente arredata e ristrutturata da poco. Maurizio. Telefono 339/2749197 e 347/4093384 nettuno, tre Cancelli, affittasi appartamento piano terra in villa, ingresso indipendente, salone, camino e angolo cottura, grande camera, cameretta, 85 metri quadrati più patio da 15 metri quadrati. euro 550 al mese. Se piccola collaborazione domestica euro 450 al mese. Telefono 329/9752743 nettuno, nuda proprietà, 80enne, attico con salone, angolo cottura, camera, bagno, ripostiglio, ampio balcone, 60 metri quadrati, completo servizi. Telefono 320/4021196 Cerco locale piano terra a C1, 40-50 metri quadrati, zona Madonetta-Casalpalocco. Chiamare solo dopo ore 20. Telefono 392/8090500 Lavinio, prossimità Lido di enea, porzione villino, ottimo soggiorno-pranzo, camino, angolo cottura, wc, portico, posto macchina, giardino 200 metri quadrati piano terra; camera, cameretta, bagno primo piano. Mobiliato, termoautonomo, infissi in legno massello, doppi vetri. Euro 158mila trattabili. No condominio. No agenzia. Classe energetica G. Telefono 348/0105080 tor san lorenzo in pregiato villaggio Club Bounganville, in quadrifamiliare ristrutturati e rifini otto vani metri quadrati 170 su tre livelli, camino, termoautonomo, giardino 260 metri quadrati, due posti macchina. Piscina, calcetto, tennis, parco condominiali. Euro 258mila trattabili. No agenzie. Classe energetica G. telefono 348/0105080 vendesi nel verde della campagna viliterna villetta ben collegata, completamente ristrutturata, disposta su un unico livello, con circostante giardino di 1.000 metri quadrati circa. Ampia sala con camino, cucina,

due camere da letto, doppio servizio e porticato. Ottime rifiniture e materiale di pregio. Euro 250mila trattabili telefono 392/9306907 affittasi box zona Ostia in via Forgiarini 34, lato passo carrabile Carabinieri. Circa 22 metri quadrati anche uso deposito, con finestra con inferriata, asciuttissimo, apertura cancello automatico. Euro 170 al mese. Telefono 06/5611682 e 338/7938579 affittasi box zona Ostia in via Forgiarini 34, lato passo carrabile Carabinieri, anche uso deposito, circa 23 metri quadrati con apertura con cancello automatico. Euro 160 al mese. Telefono 06/52352951 e 347/9359365 vendesi posto auto coperto. nuova costruzione, cancello automatico, 15 metri quadrati, sito in via Franco Faraone 1, nettuno. euro 9mila. Gianluca. Telefono 339/6047704 affittasi casa zona Cascia-norcia, Provincia di Perugia, 70 metri quadrati, 2 camere, cucina con caminetto, bagno, riscaldamenti autonomi. Euro 250 al mese, 2 mesi di deposito, no condominio, luce, acqua, tarsu escluse. Foto a disposizione. Telefono 335/7821882 e 333/3783348 affittasi Ostia centro, Duca di Genova 24. Proprietario affitta box di 14 metri quadrati con finestra e soppalco. Euro 160 al mese. Telefono/Segreteria 06/5672815. Lasciare un messaggio per essere richiamati. vendesi box Ostia centro, Duca di Genova 24. Proprietario vende box di 14 metri quadrati. euro 55mila. Telefono/Segreteria 06/5672815. Lasciare un messaggio per essere richiamati anzio Lido di enea in villino trifamiliare vendo: ottimo soggiorno/pranzo, camino, angolo cottura, wc, porticato, posto macchina, giardino di 200 metri quadrati piano terra; camera, cameretta, bagno primo piano. Mobiliato, termoautonomo, infissi in legno massello, doppi vetri. Euro 158mila trattabili. No condominio. No agenzia. Classe energetica E. Telefono 348/0105080 tor san Lorenzo in pregiato villaggio Club Buganvile, in quadrifamiliari ristrutturati e rifiniti otto vani metri quadrati 170 su tre livelli, camino, termoautonomo, giardino di 260 metri quadrati, due posti macchina. Piscina, calcetto, tennis, parco condominiali. Classe energetica D. Euro 258mila trattaibili. No agenzie. Telefono 348/0105080 Dragona vendo terreno edificabile metri quadrati 882 a 200 metri da via dei romagnoli comprensivo di monolocale condonato, pozzo, piante da frutta. Giuseppina. Telefono 06/5666126 affittasi casa indipendente di 65 metri quadrati a tor san Lorenzo, 2 camere, bagno, cucina e giardino. Euro 650. Telefono 349/3831678 vendesi casa indipendente di 65 metri quadrati a tor san Lorenzo, a 500 metri dal mare, 2 camere, bagno, cucina, garage e giardino di 450 metri quadrati. Trattativa riservata. Telefono 349/3831678 affitto depandance a tor san Lorenzo (camera, angolo cottura, bagno) massimo due persone. Euro 400 al mese (compreso luce e gas). Telefono 349/3831678 affittasi cantina 10 metri quadrati, via dei Fabbri Navali 66 Ostia. Telefono 06/50934569 Cercasi monolocale, bilocale affitto, 40 o 45 metri quadrati. Masismo 450 euro. Zona Casal Bernocchi, Vitinia, Acilia. Telefono 348/7608074


annunci@reporternews.it La redazione prenderà in considerazione esclusivamente gli annunci inviati all’indirizzo mail annunci@reporternews.it. tutte le richieste inviate agli altri indirizzi verranno cestinate preventivamente per esigenze organizzative. impartisco lezioni individuali e di gruppo dalle elementari alle superiori di francese, economia aziendale, italiano e diritto. Prezzo dai 7 ai 10 euro l’ora. Per informazioni telefono 328/7886537, ida aprilia. vendo tenda a casetta Ferrino mod. saturno 5 con camere separate. Ottimo stato, usata una volta sola per una vacanza di 15 giorni. La tenda ha deu camere seperate. Si sta comodamente in piedi. È munita di sacca tenda + sacca paleria. Euro 200. Telefono 338/4745415. Cellulare smartphone samsung C3520 a conchiglia, leggero ed elegante. Nuovo imballato, aperto solo x fare la foto. Modello Samsung GT-C3520, quad-band, 2,4” di schermo LCD a colori, fotocamera 1,3 Mpixel, Mp3 player con micro SD, 3,5mm di jack audio, micro USB 2.0 (veloce), Bluetooth e Samsung Apps!!! Vendo a 40 euro. Preferenza a consegna di persona su Anzio o su Velletri (RM). Telefono: 349-6305278, è Wind. Capi di abbigliamento firmati delle seguenti marche: Paciotti, Lacoste, Guru, nero Giardini, Cult, Pollini, jeans vari e Bear surf (provati o usati appena) ma perfetti!!! Preferenza a consegna di persona su Anzio o su Velletri (RM) Telefono: 349-6305278, è Wind. Bermuda cioè pantaloncini da mare della Bear surf, colore arancio con decorazioni floreali di ibuscus sui lati in nero taglia us-36 pari a it-50 . solo 25€ e sono perfetti!!! Preferenza a consegna di persona su Anzio o su Velletri (RM) Telefono: 349-6305278, è Wind. scarpe originali sneaker Cesare Paciotti 4us bianche di pelle #43 a 59euro tratt + altro paio di sneaker in pelle lucida nera della Cult #44 a 39euro tratt. Consegna su anzio o velletri. Telefono: 349-6305278, è Wind. Fujifilm Fujika editor e55, da collezione, tenuto gelosamente, ottimo stato! 50 euro, con preferenza a consegna di persona su Anzio o su Velletri (RM) Telefono: 3496305278, è Wind. smartphone BlackBerry 9520 in ottime condizioni con protezione trasparente plastic-skin. schermo touch da 3.2 pollici a 360x480 con fotocamera e videocamera. Preferenza a consegne a mano su Anzio. Solo 200€, trattabili. Telefono: 389-4269313, è Wind. telefono fisso a disco vintage siemens auso della siP funzionante. serie s62, vero oggetto di modernariato vintage. Prezzo = 40 euro. Preferenza a consegna di persona su Anzio o su Velletri (RM), Telefono: 3496305278, è Wind. Capi firmati originali: Lacoste nera L =15 euro, lacoste blu sport XL =10 euro, berretti Guru panna o sabbia = 6 euro, polo Converse L =17 euro, jeans Nero Giardini 34 =20 euro, jeans elasticizzati e stretch taglia 31 =15 euro! Jeans nero Giardini originali: nero uomo taglia 34, pari a 48. Massimo comfort e vestibilità; indossati solo 3 volte, soltanto 20 euro. Giacca in pelle/Giaccone in pelle da uomo, taglia 52-54 (XL). Il giaccone è privo di difetti e dall’aspetto vintage caratteristico della pelle artigianale. Prezzo 50 euro. Preferenza consegna a mano zona Anzio/Velletri (RM). Telefono: 349-63.05.278, è Wind. Lampada design moderno da tavolo luce alogena. Stilosissima x tavolo da lavoro o

studio, color bianco opaco, 2 luminosità = 20 euro. Preferenza a consegne su Anzio Velletri (RM). Telefono: 349-6305278, è Wind. scuola, tutto per la scuola!!! Ho Vocabolari e dizionari professionali di tutto, tra cui 2 di Italiano (35 e 40 euro), Greco (45 euro), Latino tascabile (8 euro), Inglese (35 euro) e Francese (30 euro)... Sono stati usati pochissimo!! Ho anche i tascabili, libri di narrativa e vario materiale scolastico e strumenti, basta chiedere!! Cartellina scolastica da disegno, educazione tecnica, geografia, geometria, cartografia di livello avanzato con 3 squadre, goniometro, carte millimetrata e carta da lucido. Compresa valigetta solo 10 euro. Preferenza a consegna di persona su Anzio o su Velletri (RM) Telefono: 349-6305278, è Wind. Guide turistiche ed atlanti storici e geografici (anche tci touring club italiano). Tutto economico e in ottimo stato vendesi prefer. consegna di persona su anzio o velletri (Rm). enciclopedia Motta di scienze naturali, 3 volumi sulla Botanica a 59 euro. Preferenza a consegna di persona su Anzio o su Velletri (RM) Telefono: 349-6305278, è Wind. atlanti storici e geografici del touring club italiano (tCi). Preferenza a consegna di persona su Anzio o su Velletri (RM) Telefono: 349-6305278, è Wind. strumenti antichi 3 diversi tipi tutti in elegante cofanetti di legno - Strumenti enologici cofanetto completo a solo 29E- Strumenti enologici cofanetto minore a solo 19 euro Compasso in cofanetto di legno 15 euro. Anzio o Velletri (RM) Telefono: 349-6305278, è Wind. vasta gamma di libri e testi professionali, tra cui: dizionari, vocabolari, atlanti ed enciclopedie (anche del tCi touring club italiano). Chiedetemi cosa vi serve e controllerò se ce l’ho ancora preferenza a consegna di persona su Anzio o su Velletri (RM). Telefono: 349-6305278, è Wind. Carte di Magic (MTG), Vendo BOX di carte miste delle vecchie edizioni. Zona Anzio (RM) e dintorni. Telefono: 347-4710159. roulotte  “KiP” , senza targa, frigo trivalente, riscaldamento, cucina adue fuochi , accessori tutto perfettamente funzionante, in ottime condizioni, vendo a 1.600 euro, compreso trasporto entro 50 km. Immatricolata anno 2000. Francesco. Telefono 348/9382994 vendo canoa in ottimo stato. Euro 350.00 trattabili. Telefono 3343861074 vendesi Peugeot 2006 3 porte euro 3000 tel 3397850207 vendesi Yaris ben tenuta euro 3.000 tel 3397850207. vendo YaMaHa da Enduro TT600 E (600 cc e avviamento elettrico), immatricolata alla fine del 1996, in ottimo stato, parcheggiata sempre in garage, gommata e revisionata, 2.000 euro. Angelo. Telefono 320/7111426 Computer completo di CPu tastiera e schermo piatto ottime condizioni vendo cusa poco utilizzo. Euro 110. Telefono 339/2499587. Umberto televisore Philips 29 pollici a tubo catodico avanzato e di qualità audio e video. Dotato di telecomando e dolby digital (DD) per le

casse acustiche. Vendo per inutilizzo a solo 75 euro. Se volete con altri 15 euro vi aggiungo il lettore Dvd. Preferenza a ritiro a domicilio su Anzio (Rm). (Segnalo solo difetto puramente estetico sulla scocca esterno all’area dello schermo) Ripeto, solo 75 euro. Fujifilm Fujika editor e55, da collezione, tenuto gelosamente, ottimo stato! 50€, con preferenza a consegna di persona su Anzio o su Velletri (Rm). telefono fisso a disco vintage siemens auso della sip funzionante. Serie S62, vero oggetto di modernariato vintage. Prezzo 40 euro Preferenza a consegna di persona su Anzio o su Velletri (Rm). Pelliccia di tipo Montgomery shearling da donna, color crema e taglia 44/46. Montone fuori e calda pelliccia dentro. Usato ma in ottimo stato, non ha difetti! Preferenze a consegna a mano su Anzio (RM) o Velletri (RM). Prezzo 60 euro. Giacca in pelle / Giaccone in pelle da uomo, taglia 52-54 (Xl). Il giaccone è privo di difetti e dall’aspetto vintage caratteristico della pelle artigianale. Prezzo 50 euro. Zona AnzioVelletri (Rm). Lampada design moderno da tavolo luce alogena. Stilosissima x tavolo da lavoro o studio, color bianco opaco, 2 luminosità . Euro 20. Preferenza a consegne su Anzio Velletri (Rm). Telefono 349/6305278 sCuOLa, tutto per la scuola!!! Ho vocabolari e dizionari professionali di tutto, tra cui 2 di Italiano (35 e 40 euro), Greco (45 euro), Latino tascabile (8 euro), Inglese (35 euro) e Francese (30 euro). Sono stati usati pochissimo!! Ho anche i tascabili, libri di narrativa e vario materiale scolastico e strumenti, basta chiedere!! Preferenza a consegna di persona su Anzio o su Velletri (RM). Cartellina scolastica x disegno, educazione tecnica, geografia, geometria, cartografia di livello avanzato con 3 squadre, goniometro, carte millimetrata e carta da lucido. Compresa valigetta solo 10 euro. Zona Anzio/Velletri (Rm). Guide turistiche ed atlanti storici e geografici (anche tci touring club italiano). Tutto economico e in ottimo stato vendesi prefer, consegna di persona su Anzio o Velletri (Rm). enciclopedia Mondadori, 12 volumi del 1968 a 59 euro, meno di 5 euro a volume, preferenza a consegna di persona su Anzio o su Velletri (Rm). enciclopedia Motta di scienze naturali, 3 volumi sulla Botanica a 59€. Preferenza a consegna di persona su Anzio o su Velletri (Rm). atlanti storici e geografici del touring club italiano (TCI). Preferenza a consegna di persona su Anzio o su Velletri (Rm). Telefono 349/6305278. strumenti antichi 3 diversi tipi tutti in elegante cofanetti di legno. Strumenti enologici cofanetto completo a solo 29E- Strumenti enologici cofanetto minore a solo 19 euro. Compasso in cofanetto di legno 15 euro. Anzio o Velletri (Rm). Vasta gamma di libri e testi professionali, tra cui: dizionari, vocabolari, atlanti ed enciclopedie (anche del TCI touring club italiano). Chiedetemi cosa vi serve e controllerò se ce l’ho ancora preferenza a consegna di persona su Anzio o su Velletri (Rm). Carte di Magic (MTG), Vendo BOX di carte miste delle vecchie edizioni. Zona Anzio (Rm) e dintorni. Telefono 347/4710159. vendo in blocco pezzi di ricambio per autocarro magirus deutz d26/310 - 330/30 iveco 330: 2 balestre posteriori, 2 alberi trasmissione, 1 barra dello sterzo, 2 differenziali

posteriori, e 1 anteriore, vari semiblocchi,€ 5000 tratt. per info sig.giampaolo 06/9851348 ore pasti opp. Telefono 3386251311 vendesi finestre in Pvc, 250 euro al metro quadrato. telefono 333/4306158 Lancia Dedra 1600/B, colore bianco, unico proprietario, clima automatico e manuale, alzacristalli elettrici, autoradio. Revisionata luglio 2011. Sempre garage. Euro 550 trattabili. Telefono 338/4934823 in seta, organza e raso, nuovo, bellissimo, vera Wang, la stilista giapponese più importante a Hollywood, cedo a 250 euro. Valore 1.500 sollari. Telefono 340/4509184 Libro “il matrimonio perfetto” imballato a 6 euro + sposabella a 3 euro + annate complete di Glamour, Club 3, Grazia e altri giornali anche degli anni ‘80 e ‘90 a 1 euro, anche singole copie. Telefono 338/7916756

Quindicinale di attualità, cronaca, economia, turismo e cultura Autorizzazione del Tribunale di Velletri n° 7/08 del 25 febbraio 2008

Direttore responsabile: Cosimo Bove cosimo.bove@reporternews.it vice direttore: Mario Scagnetti mario.scagnetti@reporternews.it editore:

Associazione Reporter News Europa sede legale e redazione: Via dei Mughetti, 9 00048 Nettuno - Roma Tel. 06 97846775 - Fax 06 97846746 Pubblicità: pubblicita@reporternews.it sito internet: www.reporternews.it info@reporternews.it Grafica e videoimpaginazione: Paolo Guerra Garante del lettore: dott. Carlo Giovanni Michieletto stampa: Beta Tipografica Via Casilina Vecchia, 119/b 00182 Roma L'editore garantisce la riservatezza dei dati offrendo la possibilità di rettifica ai sensi dell'art. 7 del DL 196/2003. Le foto e gli articoli pubblicati non possono essere utilizzati senza citarne la fonte. Il materiale inviato alla redazione non verrà restituito, non ne viene garantita la pubblicazione, e diventa di esclusiva proprietà del giornale. La collaborazione è da ritenersi gratuita e non retribuita salvo diversi accordi contrattuali. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare il materiale pervenuto e di effettuare gli opportunoi tagli redazionali. Gli articoli pubblicati esprimono le opinioni degli autori e non della redazione. Associazione Reporter News Europa, via dei Mughetti, 9 - 00048 Nettuno (Roma) – fax 06 97846746 e-mail info@reporternews.it


FIUMICINO Aeroporto Leonardo da Vinci Terminal partenze a arrivi Stazione ferroviaria Bar torre uffici Via Portuense Supermercato Eurospin Andreucci Gomme Frimm Bar Bar +39 Edicola Bar Mach 2 Comune di Fiumicino Jazz Cafè Bar benzinaio Agip Via delle Ombrine Supermercato Emmepiù Studio commerciale Michieletto Bar Noccioli Gioia Due Je.Ga. Bar Tabaccheria Bar Il Peperoncino Gran Caffè Conti Via Torre Clementina Supermario Bar Parrucchiere Farmacia S.Maria della Salute Pizza a taglio Ge.Pa.Gi. Tabaccheria Pizzeria Sancho Mini Bar Porchetta da Tonino Tabaccheria Bar paninoteca I Gabbiani Bar Fronte del Porto Pizza Rustica Marina Bar Torre Clementina Bar Sonia Edicola Via del Canale Bar del Canale Laura Via Foce Micina Risparmio Casa Tabacchi… e non solo Taxi Bar Bar Carlo Supermercato Todis Erboristeria Hair Space Pizzeria Edicola Bar gastronomia della Foce Via dei Mitili Bar il Gatto e la Volpe Via Orbetello – Torre Clementina Bar caffetteria Patrizi Viale Traiano

Gelateria Rustichelli Bar Bandiera Blu Via Fiumara Pizza rustica Nonno Carlo Via Giorgio Giorgis Bar Rustichelli Regali tabacchi profumi Edicola Bar gelateria Marcellino Zanzi Bar A Tutta Pizza M&D parrucchieri Bar Bazzana Via delle Meduse Bar L’Aliante Non ci resta che pizza Non Solo Bar Via del Faro Alimar Conad Via Coni Zugna Caffè et Cafè Gianni Supermercato Todis F&V Bar Via della Scafa Cross Conad Bar Carlo Il signor 15 palle Via Antonio Angeloni Supermercato Gros L.mare della Salute Bar Bellavista mare Bar Baffo Bar Hemingway Via Trincea delle Frasche Bar La Dolce Sosta Bar Frovalschi Bar – ristorante La Lanterna Bar Canova Parco Leonardo Cinema Stazione ferroviaria LIDO DI OSTIA Corso Duca di Genova Bar Remondi Duca Bar Bar L’Angoletto Bar Amigos Caffè del Mare Tabacchi Selvi King Bar Sport Bar Centro Anziani Sommergibile Via dei Panfili Caffè Luna Forno Causio Via delle Aleutine

Arlecchino Bar Via Aldobrandini Edicola Bar Raffaele Via della Stazione Vecchia Bar Maffei Piazza Anco Marzio Edicola Bar Sisto Bar Casina Fiorita Piazzale della Stazione del Lido Bar Europa Stazione ferroviaria Pro Loco Piazza di Castelfusano Bar Al Dollaro Via Cardinal Ginnasi Bar Polo Nord Via V. De Gama Ringo Bar Caffetteria Millennium Bar Scacco Matto Tabacchi Regalomania Bar – tabacchi Raphael Via Capitan Consalvo Snack Bar Budapest Via delle Gondole Supermercato Pam Bar Big Bar Tabacchi Forno Briciole di Pane Piazza di S. Monica Bar Prestige Via dell’Idroscalo Caffè Il Castoro Via Pucci Boncambi Forno Causio Bar La Parigina Via dell’Appagliatore Supermercato Panorama Multistore Gli Aquiloni Caffè Cavalieri Via delle Ebridi Supermercato Iperfresco Via della Martinica Caffè Martinica Porto Turistico Nabil Gelateria 24 Karati Bar Mare Mosso Via delle Azzorre Bar delle Azzorre Via Isole del Capoverde Andrew’s Bar Bar Il Girasole Via Piola Caselli Bar Paradise Carrefour Express

Bar Dany Via Capo Spartivento Dual Caffè Via C. Laurenti Bar Sole di Ostia Via E. Carlotto Bar Jolly Centro anziani Via Pietro Rosa Bar Scala Paradiso Corso Regina Maria Pia Bar Millevoglie Piazza Stazione Vecchia XIII Municipio Via Claudio Bar Greco Anagrafe XIII municipio Viale della Marina Bar Diamante L.mare Toscanelli Viceré Bar Olivieri L.mare Vespucci Bar Venezia

CASALPALOCCO

APRILIA

Via di Casapalocco Centro commerciale Vecchio Supermercato Di per Di Edicola Centro comm. Le Terrazze Bar Elite La bottega del fornaio Bar bisteccheria Gola Ristorante La Locanda Bar Paradiso

Centro Comm. Aprilia 2

INFERNETTO Supermercato Map Crai Bottega del Fornaio TORVAJANICA

L.mare delle Sirene Solymar bar Bar Nico Luxor Bar Bar Luna Rossa Viale Spagna Planet Cafè Viale Danimarca OSTIA ANTICA Caffè centrale Viale Francia Viale dei Romagnoli Forno Antica Panetteria Bar Tharro’s Cafè del Mar Dolce caffè L.mare degli Ardeatini Bar Il Gelataio Bar la Veranda Tabacchi Di Mequio Ambulatorio Asl TOR SAN LORENZO Centro anziani Viale E. Ortolani L.mare di TS Lorenzo Caffè d’Arte Bar Me Ce Porti Centro commerciale Valeria ACILIA Viale San Lorenzo Caffè degli artisti Via di Macchia Saponara Supermercato Todis Ale&Tony bar Orange Bar Bar Domino Supermercato Eurospin Sma Supermercato Supermercato Sisa Il mio fornaio Giacinti Bar Trovato Saluini tabacchi Mail bar Bar Piersanti Fratelli di pizza ARDEA Blockbuster Supermercato Conad Piazza del Popolo Supermercato Tuodì Comune Piazza San Bar dei Rutuli Leonardo da Porto Golden bar Gran caffè Laura Via Niso Via Acilia Supermercato Conad Pizza Biagio Albachiara Bar Marika Bar Martina Bar Cianfarelli Gas Caffè

Per la tua pubblicità su Reporter chiama lo oppure scrivi a info@reporternews.it

ANZIO Santa Teresa Edicola Viale Mencacci Edicola stazione ferroviaria Piazza C. Battisti Comune di Anzio Via Ambrosini Villa Sarsina Via Filibeck Bar Marotta Marcatissimo Via G.Matteotti Cinema Astoria Bar Astoria Piazza Pia Bar Grand’Italia Bar L’Imbarcadero Tabacchi Pizzeria Bar Graziosi Mucho Macho Riviera Mallozzi Bar Lido di Nerone Tabacchi Biondi Trattoria Diavoletto 25 Zazà kebab Via Porto Innocenziano Cornetto notte Tabaccheria Mingiacchi Bar del Porto Corso del Popolo Gelateria Mennella Riviera Zanardelli Bar Malaga Via Gramsci Edicola Viale Marconi Edicola Supermercato Sidis Bar Nolfi Compagnia Carabinieri Bar Edicola Anzio Colonia Via Ardeatina Pizzeria Le Sirene Tutto x Tutti Tabacchi Green bar Hotel Beauty Raphael Edicola Bombe calde Forno Cameli Bar Portioli Piazza Lavinia Pizzeria Boccione Garden bar Bar

Via di Valle Schioia Bar Machiavelli Bar Scarcella Bar Cianfanelli Bar Harmony Supermercato One Price Tabacchi Bar stazione ferroviaria Via Nettunense New Effetto Bellezza Bar Pit Stop Mc Donald’s Pasticceria Stampeggioni Bar Il Papero Rosa Tweety caffè Edicola Falasche Via della Cannuccia Centro commerciale Tontini Bar Viale Antium Centro commerciale Anteo Bar Fashion Golosità e tabacchi Bar lotto e tabacchi Supermercato Gusto Di Via Goldoni Europlanet Bar Via Villa Claudia Edicola Bar Gemma Forno Angolo del pane Via della Fonderia Centro comm. Lo Zodiaco NETTUNO Via delle Sterlizie Edicola Bar delle Sterlizie Via Santa Barbara Edicola Supermercato Todis Bar Las Vegas Piazza Cavalieri di V.Veneto Chiosco bar L.mare Matteotti Caffè del Mar Edicola Caffè Volpi Bar della Posta Nanarì Gran caffè Italiano Comune L.mare Giovanni Paolo II Porto Marina di Nettuno Via Cavour Edicola Centro Spesa Gec Bar

Stazione ferroviaria Caffè Latino Pizzeria della stazione Tabacchi Via de Gasperi Master cafè Piazza Berlinguer Chiosco bar Via Romana Fantasy bar Edicola Giuliana Caffè New Garden Fantasy on the road Olivetti Ecofiorenz Forno Lola Via San Giacomo L’angolo del Pane Caffè Celani Antica Hosteria Pasticceria Adamo Forno civico n°40 Via Diaz Delizie del forno Planet Baseball trattoria Bar Amapola Via V.Veneto L’angolo del Pane Tabacchi Non solo fumo Controventooligata Bar dei Mille Farmacia Barone Venere Spa Piazza 11 settembre Il Bar dei Desideri Via della Vittoria Comando Polizia Municipale Via Don T.Signori Bar 7 Bello Via Aldo Moro Bar De Felici Via della Liberazione Bar Badini Bar Marcuccio Antico Forno dell’Archetto Bar Blues Tabacchi Lotto ed Enalotto Edicola Bar Scacciapensieri Deposito Cotral Via Traunreut Supermercato Conad Strada provinciale Nettuno-Cisterna Supermercato Rossana Cantina Bacco Centro commerciale Le Vele Ipersidis Karibù Cafè Via Nettuno-Velletri Bar Tony

06.97846775



Reporter 12_2012