Issuu on Google+

#17. FEBBRAIO

N E W S L E T T E R


Quella di Febbraio è stata un’edizione dell’RMA molto divertente. Con un gioco per capire qual è la vera natura della comunicazione. ...buona lettura!


20 02

COMUNICAZIONE INTERNA ED ESTERNA (Intervento di Flavia Fabris)

La comunicazione è uno strumento basilare, ma che può rappresentare anche un’arma a doppio taglio: è un grande aiuto ad ogni nostra attività se usata bene, ma se non la facciamo arrivare nel modo giusto diventa invece un ostacolo enorme. Se riflettiamo bene la comunicazione è quella cosa che ci avvicina alle persone, alla famiglia, ma anche al nostro lavoro, ai nostri obiettivi...e perfino alle cose! Comunicare non è mai sbagliato! Sbagliato può essere il modo di farlo, ma non l’intenzione. Ogni volta che si rompe una comunicazione il nostro desiderio naturale è quello di riparare al danno: infatti quando si crea un disaccordo, una disarmonia, si sta male da entrambe le parti. Comunicare significa anche saper ascoltare: infatti la causa principale di una comunicazione che si interrompe sta nel rifiutarsi di comprendere gli altri. Imparare ad ascoltare è infatti alla base di una buona comunicazione e rapportando ciò ad una realtà aziendale significa saper essere ricettivi e comprensivi nei confronti delle persone, del mercato, dei propri clienti, dei propri alleati, dei propri fornitori. 3


Ma ascoltare gli altri è una cosa che ci riuscirà veramente difficile, se in primo luogo non siamo in grado di ascoltare noi stessi: presupposto imprescindibile quindi per cercare di uscire dalla situazione di crisi di oggi.

Dopo le riflessioni del mattino Flavia ha dedicato l’ultima parte del pomeriggio a un gioco, volto a far comprendere in modo pratico e divertente l’effettiva importanza della comunicazione. Il gioco consiste nel raccontare una storia, in gruppo, un pezzo a ciascuno. Ognuno continua, a catena, la frase iniziata dalla persona precedente aggiungendo al massimo 5 parole, fino ad arrivare alla conclusione della storia, che toccherà all’ultimo della fila. Si ripete l’esperimento 4 volte (magari anche invertendo l’ordine della fila) seguendo questo schema: Si racconta una storia allegra e ci si aiuta nella comunicazione (vale a dire che la persona che sta parlando dice qualcosa che possa servire a chi la segue per continuare la storia). Si racconta una storia triste e ci si aiuta nella comunicazione Si racconta una storia allegra ostacolando l’intervento della persona successiva (che significa interrompere in qualche modo la comunicazione come per esempio aspettare troppo, rifiutarsi di continuare, ripetere la frase prima....etc) Si racconta una storia triste ostacolando l’intervento della persona successiva. Si potrà osservare come durante l’esperimento con la prima storia ci si diverta di più e la velocità nell’eseguire la consegna del gioco sia maggiore rispetto alle successive situazioni. Questo perché se ci sono accordo e armonia di base nessuno ama sconvolgerli, creare disarmonia nel gruppo: aiutare la comunicazione è una cosa che viene naturale. E anche la carica positiva personale ne beneficia.


07 | 03

12 | 03

Civitanova Marche

Salerno

19 | 03

25 | 03

Bologna

Roma


GIOVEDÌ

23 GENNAIO

VENERDÌ

25 LUGLIO

GIOVEDÌ

20

FEBBRAIO

GIOVEDÌ

20 MARZO

GIOVEDÌ

18

SETTEMBRE


GIOVEDÌ

VENERDÌ

VENERDÌ

17

23

20

GIOVEDÌ

GIOVEDÌ

GIOVEDÌ

APRILE

23 OTTOBRE

MAGGIO

20

NOVEMBRE

GIUGNO

18

DICEMBRE


Via Anello, 27/a - S. Angelo di Piove (PD)

049 641476

info@redway.it

www.redway.it


Newsletter Febbraio 2014